Sei sulla pagina 1di 2

DATO PER SPACCIATO DALLA MEDICINA

E' VISSUTO 120 ANNI - Mangiando solo frutta


possibile vivere solo di frutta come sostiene Fry e la sua scuola del movimento igienista? La storia che qui sotto scriviamo prova che possibile. Il capitano Diamond fu condannato dalla medicina all'et di 79 anni: da allora si aliment di sola frutta e visse fino a 120 anni. Le malattie di cui soffriva sparirono una dopo l'altra, come vedremo nell'articolo qui sotto. (A. Mosser, Les Hyginistes, n. 2) Il capitano Goddarg E.D. Diamond era nato a Plymouh, Mass. Mor di polmonite all'et di 120 anni, il l maggio 1916. Non mor di vecchiaia, n di cause naturali. Contrariamente a quanto sostiene la medicina, l'et non mai la causa della morte, anche se molto avanzata. La morte non mai l'effetto di cause naturali. Il capitano mor semplicemente a causa dell'intossicazione subita nell'incendio della sua casa. Nel 1915, un certo Dr. Thresheld aveva pubblicato un libro dal titolo Una lunga vita in California, nel quale scrive: Il capitano Diamond vive ora nella casa di riposo di S. Francisco. Lo conosco personalmente da 23 anni, dall'et di 96 anni, oggi ne ha 119 e non d l'impressione di essere pi vecchio. Lo stesso capitano aveva scritto un libro dal titolo: Il segreto per vivere a lungo felicemente. Questo libro del 1906 e tra le altre cose dice: Da 80 anni non mangio pi carne. Ma, e le proteine, direte voi? Questa domanda ci stata posta tante di quelle volte che ora, al sentirla, ci fa sussultare. Le proteine che mangiamo non si trasformano mai in proteine che servono al nostro corpo. Se fosse possibile, allora chi mangia carne di maiale, col tempo, diventerebbe egli stesso un maiale. Il corpo costruisce le proprie proteine, come lo fanno i frutti e i vegetali. (Col concorso della flora intestinale che fa la sintesi delle proteine a partire dagli aminoacidi contenuti nei frutti e vegetali. [A. Mosseri]). Il cap. Diamond riusc a ringiovanire proprio all'et in cui la medicina ritiene questo impossibile. All'et di 79 anni era un invalido cronico colpito da sclerosi, un processo lento di indurimento dei tessuti dei vasi sanguigni, e da rigidit delle giunture. I muscoli delle gambe e della schiena erano talmente duri che a malapena riusciva a sedersi e alzarsi. Aveva bisogno di continua assistenza. La carne delle mani e delle braccia era talmente rigida che non riusciva a tenere le posate per mangiare. E dire che era vegetariano gi da 30 anni! Le medicina lo dichiar incurabile. I medici gli facevano capire che non gli restava molto da vivere. Tutto questo lo fece riflettere e lo port ad adottare un regime che gli restitu la salute al punto da sopravvivere a tutti i medici che l'avevano dato per spacciato. Potessero, tutti i malati, fare altrettanto e contare di meno sui medici... Nelle ricerche per rimediare al proprio stato, il capitano trov la maniera di

dissolvere ed eliminare i depositi calcarei che gli pietrificavano il corpo. Applic scrupolosamente i principi scoperti e i risultati furono che all'et di 90. anni and ad insegnate cultura fisica ad una classe di studenti. Mentre a 90 anni quasi tutta medici erano gi morti!... A 100 anni faceva ginnastica in un club di atleti. A 108 faceva 30 km al giorno in bici. Partecipava a numerose manifestazioni sociali e a 110 anni danzava per buona parte della serata con una ragazza atleta di 16 anni. Come ha fatto a ritrovare la salute? Non aspettiamoci che sia la medicina a scoprirlo e a riferircelo. Noi sappiamo che per ottenere la salute non c' bisogno n di medici n di medicine. Il capitano modific semplicemente il suo regime alimentare: si cib unicamente di frutta cruda e senza condimenti. Rifiut i semi, i cereali e i tuberi perch proprio questi erano stati la causa del proprio stato. Beveva solo acqua distillata e acqua piovana fresca. Questo caso dimostra che il vegetarismo non basta, cos come lo si pratica non la panacea che si crede che sia; in pi, prova che la sclerosi non malattia incurabile come sostiene la medicina.
George Clemens (Estratto da Dr. Shelton s Hygienic Riview, n.12, vol.14 - tradotto da Santo Paini).