Sei sulla pagina 1di 18

Cap.

1 Concetti di base La microeconomia si occupa del comportamento di singoli agenti economici: consumatori, lavoratori, investitori, proprietari terrieri, imprese; ogni individuo o entit che abbia un ruolo nel funzionamento della nostra economia. La microeconomia spiega come questi agenti compiono scelte economiche per esempio descrive il modo in cui i consumatori prendono decisioni di acquisto e come le variazioni dei prezzi e dei redditi influenzino le loro scelte; in quanto i produttori come scegliamo quanto produrre. La microeconomia studia i mercati, cio il comportamento e l'interazione di imprese e consumatori, la microeconomia rivela il funzionamento e la evoluzione dei settori produttivi e dei mercati. La macroeconomia studia le grandezze economiche aggregate, quali il livello e il tasso di crescita del prodotto interno lordo, dei tassi d'interesse, della disoccupazione e dell'inflazione 1.1 I temi della microeconomia. Nelle economie pianificate come quelle di Cuba, Corea del nord, le decisioni relative alla allocazione di risorse sono presse dai governi. Le imprese ricevono indicazioni di cosa e come produrre; i lavoratori godono di poca flessibilit nella scelta della professione, i consumatori dispongono di una gamma molto limitata di beni tra cui scegliere, di conseguenza i concetti della microeconomia hanno scarsa rilevanza in questi paesi. Trade-off. Nelle moderne economie di mercato, consumatore, lavoratori, e imprese godono di flessibilit e possibilit di scelta molto maggiore nell'allocazione di risorse scarse. La microeconomia descrive il trade-off (scelte tra alternative) che i consumatori, i lavoratori e le imprese devono affrontare e mostra come individuare il trade -off ottimale. Quindi la microeconomia e trade off ottimale per: Consumatori, La teoria del consumatore descrive il modo in cui i consumatori, in base alle loro preferenze, massimizzano il proprio benessere mediante un trade-off ta l'acquisto di una maggiore quantit di alcuni beni e l'acquisto di una minore quantit di altri beni. Lavoratori, anche i lavoratori devono affrontare vincoli di trade off. In primo luogo le persone devono decidere se e quando entrare a fare parte del mondo del lavoro. Imprese, anche le imprese devono affrontare limitazioni relative ai tipi di beni che possono produrre e alle risorse disponibili per produrli. Prezzi e mercati. Un secondo tema importante della microeconomia il ruolo dei prezzi, la microeconomia descrive anche il modo in cui vengono determinati i prezzi. In un'economia pianificata, i prezzi sono stabiliti dai governi. In un'economia di mercato i prezzi sono determinati della interazione tra consumatori, lavoratori e imprese. Queste interazioni hanno luogo nei mercati , insieme di acquirenti e venditori che determinano il prezzo di un bene. Teorie e modelli. Nellanalisi microeconomica le teorie, sono utilizzate per spiegare i fenomeni osservati sulla base di regole e di ipotesi fondamentali. esempio la teoria dell'impresa(le imprese puntano a massimizzare i profitti), la teoria del consumatore. La teoria spiega come queste scelte dipendono dai prezzi dei fattori produttivi, quali il capitale, il lavoro e le MP, e dai prezzi ai quali le imprese riescono a vendere i loro prodotti. Le teorie economiche costituiscono la base per la formulazione di previsioni. Esempio La teoria dell'impresa consente di stabilire se il livello di produzione di un'impresa aumenter o diminuir a seguito di un aumento del livello di salari o di una diminuzione del prezzo delle MP. Un modello una rappresentazione matematica di una teoria basata sulla teoria economica, di un'impresa di un mercato o di un'altra entit, allo scopo di formulare previsioni. Nessuna teoria, in economia o in qualunque altra scienza perfetta. Analisi positiva e analisi normativa. La microeconomia affronta questioni di natura positiva ,riguardano spiegazioni e previsioni, e di natura normativa, riguardano ci che dovrebbe essere. L'analisi positiva, descrivono relazioni di causa effetto. E luso delle teorie o dei modelli per valutare gli effetti di una scelta. L'analisi normativa, volta a individuare le scelte migliori, L'analisi normativa e spesso integrata da giudizi di valore. Considera interrogativi del tipo che cosa meglio... (efficienza economica vs equit). 1.2 Che cos' un mercato? Esistono due grandi gruppi: acquirenti (consumatori che acquistano beni e servi, le imprese acquistano lavoro, il capitale e le MP) venditori ( imprese che vendono i loro prodotti e servizi). Un mercato l'insieme degli acquirenti e venditori che, attraverso le loro interazione effettive o potenziali, determinano il prezzo di un prodotto o un gruppo di prodotti. Un'industria un insieme di imprese che vendono lo stesso prodotto, o prodotti strettamente correlati. Un'industria costituisce il lato dell'offerta del mercato. Definizione del mercato, ovvero individuazione degli acquirenti, dei venditori e della gamma di prodotti da includere in un particolare mercato. Differenze significative nel prezzo di una merce creano opportunit di Arbitraggio: pratica che consiste nell'acquistare a prezzo basso in un luogo per i venderlo a prezzo pi alto altrove. Mercati concorrenziale e mercati non concorrenziali.

In un mercato perfettamente concorrenziale gli acquirenti e venditori sono totalmente numerosi che nessuno di essi pu influenzare il prezzo. Esempio mercato agricolo. In un mercato non concorrenziale i produttori, individualmente o congiuntamente, sono in grado di influenzare il prezzo. Esempio il mercato mondiale del petrolio. Prezzo di mercato: I mercati rendono possibili le transazioni tra acquirenti e venditori. Determinate quantit di un bene vengono vendute a determinati prezzi. In un mercato perfettamente concorrenziale si impone normalmente un unico prezzo, che il prezzo di mercato. Nei mercati non perfettamente concorrenziali le diverse imprese potrebbero praticare prezzi differenti per lo stesso prodotto. Ci pu accadere per che uno dei produttori tenta di sottrarre clienti ai concorrenti oppure perch i consumatori sono fedeli al marchio (il che consente ad alcune aziende di praticare prezzi pi alti) ecc. Definizione ed estensione del mercato. La definizione del mercato identifica gli acquirenti e venditori da includere in determinato mercato. La definizione di mercato importante per due ragioni: le imprese devono sapere quali sonno i loro concorrenti effettivi e potenziali per i vari prodotti che esse vendono o potrebbero vendere in futuro importante per le decisioni di politica pubblica. L'estensione di mercato, i confini di un mercato, intesi sia in termini geografici(mercato immobiliare) sia in termini della gamma di beni prodotti e venduti. 1.3 Prezzi reali e prezzi nominali. Il prezzo nominale, il suo prezzo assoluto di un bene non rivalutato secondo la inflazione. Il prezzo reale, prezzo rapportato di un bene a una misura aggregata dei prezzi; prezzo rivalutato in base all'inflazione(CPI). Prezzo reale = CPI riferimento x PREZZO anno corrente CPI anno corrente Cap.2 DOMANDA E OFFERTA: CONCETTI BASE. Le curve di domanda e offerta sono utilizzate per descrivere il meccanismo di mercato 2.1 Domanda e offerta. Il modello di domanda e offerta lo strumento che ci aiuta a comprendere perch e come i prezzi variano, e che cosa accade quando il governo interviene in un mercato. Questo modello unisce due importanti concetti: la curva di domanda e la curva di offerta. La curva di offerta. La curva di offerta mostra la quantit di un bene che i produttori sono disposti a vendere a un dato prezzo, tenendo costante ogni altro fattore che possa influire sulla quantit offerta. La curva d'offerta e crescente, e inclinata positivamente e pi alto e il prezzo e pi le imprese sono in grado e desiderano produrre e vendere. La curva d'offerta rappresenta una relazione tra la quantit offerta e il prezzo. Formula: Qo= Qo(P). le variabili che influiscono sull'offerta: la quantit offerta pu dipendere da altre variabili oltre al prezzo, per esempio i costi della produzione(lavoro, capitale, MP, salari). Una variazione di uno o di pi di questi fattori si traduce in un spostamento della curva di offerta. La reazione della quantit offerta alle variazioni del prezzo pu essere rappresentata da spostamenti lungo la curva di offerta. La reazione dell'offerta alle fluttuazione di altre variabili che influiscono si rappresenta con un spostamento della curva d'offerta stessa.(grafico2.1) La curva di domanda. La curva di domanda mostra la quantit di un bene che i consumatori sono disposti ad acquistare al variare del prezzo fermo restando tutti gli altri fattori che potrebbero influenzare la quantit domandata. E decrescete, ha pendenza negativa: i consumatori sono inclini ad acquistare di pi se il prezzo pi basso cio quando i prodotti sono meno costosi i di conseguenza il reddito reale dei consumatori aumenta. Formula Qd = Qd (P). Le variabili che influiscono sulla domanda: la quantit di un bene che i consumatori sono disposti ad acquistare pu dipendere anche da altri fattori, oltre che dal prezzo. Tra questi: reddito, gusti (preferenze) dei consumatori, prezzi di beni collegati (beni sostituti, beni complementari). Spostamento della curva di domanda: (grafico 2.2) Beni sostituti e beni complementari: la domanda influenzata anche dalle variazioni dei prezzi di beni affini. Due beni si dicono sostituti quando l'aumento del prezzo dell'uno comporta all'aumento della quantit domandata dell'altro. esempio: burro e margherina. Due beni si dicono complementari quando l'aumento del prezzo dell'uno determina la diminuzione della quantit domandata dell'altro. esempio l'automobile e la benzina. 2.2 Il meccanismo di mercato. Equilibrio: le due curve si intersecano in corrispondenza del prezzo e la quantit di equilibrio, a questo Qd=Qo (prezzo di equilibrio). Il meccanismo di mercato, la tendenza di un mercato libero a spingere il prezzo verso il livello di equilibrio, ovvero verso il punto in cui la Qd=Qo si equivalgono. In questo punto, dato che non esiste eccesso di domanda n di offerta non si hanno pressioni affinch il prezzo cambi. Eccedenza: quantit offerta supera la quantit domandata. Per vendere le quantit in eccesso i produttori inizieranno a ridurre i

prezzi, fino al raggiungimento del prezzo di equilibrio. Scarsit: la domanda supera la quantit offerta e i consumatori non hanno la possibilit di acquistare quanto vorrebbero. Ci spinge il prezzo a salire, dal momento che i consumatori cercano di ottenere la quantit disponibile offrendo ciascuno pi degli altri, e i produttori reagiscono incrementando il prezzo e la produzione.(Grafico 2,3). In quali casi si pu utilizzare il modello domanda- offerta? Questa ipotesi ha senso solo quando un mercato almeno approssimativamente concorrenziale. Con ci si intende che tanto i venditori quanto i compratori non possono influenzare il prezzo individualmente. 2.3 Variazioni dell'equilibrio di mercato. Il prezzi di equilibrio sono determinati dalle curve di offerta e di domanda (livelli di d. e o. per ogni prezzo) Livelli a loro volta dipendenti dai valori delle variabili che determinano le due curve Cambiamenti in una o pi di quelle variabili determinano cambiamenti del prezzo e della quantit di equilibrio (Grafico 2.4; 2.5; 2.6) 2.4 Elasticit della domanda e dell'offerta. Elasticit: misura il grado sensibilit di una variabile rispetto a un'altra. Si tratta della variazione percentuale di una variabile prodotta dall'incremento di un punto percentuale di un'altra variabile.. Elasticit della domanda rispetto al prezzo: Essa indica di quanto varia in percentuale la quantit domandata di un bene al seguito di un aumento dell'1% del prezzo del bene. Ep= Q/Q = P Q P/P Q P L'elasticit della domanda rispetto al prezzo un valore negativo. Quando il prezzo di un bene aumenta, la quantit domandata di solito diminuisce; perci, Q/P negativo cos come Ep. Interpretazione dei valori dellelasticit se Ep > 1 il cambiamento percentuale della quantit maggiore del cambiamento percentuale del prezzo; la domanda elastica rispetto al prezzo se Ep < 1 il cambiamento percentuale della quantit minore del cambiamento percentuale del prezzo; la domanda anelastica (o rigida) rispetto al prezzo. bene sostituto, un aumento del prezzo fa si che i consumatori acquistino una minore quantit del bene e una maggiore quantit del sostituto. La domanda e altamente elastica rispetto al prezzo. Quando non esistono beni sostituti la domanda tende ad essere anelastica rispetto al prezzo. Curva di domanda lineare. Curva domanda costituita da una retta. Ovvero della forma : Q= a bP. (Grafico2.11) Domanda infinitamente elastica: situazione in cui i consumatori acquistano la maggior quantit possibile di un bene a un determinato prezzo ma per ogni prezzo superiore la domanda scende a zero e per ogni prezzo inferiore la quantit domandata sale senza limite. (Grafico2.12 a) Domanda completamente anelastica: situazione in cui i consumatori una quantit fissa di un bene indipendentemente dal prezzo. (Grafico2.12 b) Altri tipi di elasticit della domanda: per esempio, l'elasticit della domanda rispetto al reddito, la variazione percentuale della quantit domandata prodotta da un incremento di un punto percentuale del reddito. E = Q /Q = RD Q RD/RD Q RD La domanda di alcuni beni influenzata anche dei prezzi di altri beni. L'elasticit incrociata della domanda, la variazione percentuale della quantit domandata di un bene dovuta all'aumento di un punto percentuale del prezzo di un altro bene. espressa come: E = Qb/Qb = Pm Qb Pm/Pm Qb Pm l'elasticit incrociata e negativa per i beni complementari e positiva per i beni sostitutivi. Elasticit dell'offerta: L'elasticit dell'offerta rispetto al prezzo: la variazione percentuale della quantit offerta prodotta da un incremento di un punto percentuale del prezzo. Questa elasticit normalmente positiva, perch il maggior prezzo costituisce un incentivo all'aumento della produzione (offerta e prezzi sono in proporzione diretta). Elasticit puntuale: se conosciamo la curva di domanda possiamo calcolare, l'elasticit puntuale della domanda, che misura lelasticit in un punto specifico della curva di domanda, per esempio, l'elasticit della domanda rispetto al prezzo in un particolare punto della curva di domanda, formula: Ep= (P/Q) (1/pendenza); ovvero p=a-bp=pendenza ma in effetti la relazione causale, con quei parametri, q= a/b 1/bp la formula : Ep= (P/Q)(1/pendenza). Se non conosciamo la curva di domanda, ma disponiamo di dati puntuali e di variazioni, possiamo comunque calcolare le elasticit puntuali ma con un problema di scelta nei risultati. Ep= Q/Q = Q / P P/P Q / P Elasticit d'arco della domanda: ovvero elasticit al prezzo calcolata su un intervallo di prezzi. Invece di scegliere tra il prezzo iniziale e quello finale, si utilizza la loro media, P Q Elasticit d'arco : Ep=( Q/P)(P/Q), per esempio: prezzo medio e di 9 mentre la quantit media di 5 unita.

L'elasticit calcolata su questo arco quindi: Ep=(-2 /2$)($9/5)= -1,8, l'elasticit d'arco si colloca tra l'elasticit puntuali calcolate al prezzo pi basso e al prezzo pi alto.( elasticit = elasticit puntuale)vedi esercizio slide 65 pagina 33. 2.5 Elasticit di breve e di lungo periodo. Quando si analizza la domanda e l'offerta, occorre distinguere tra breve periodo e lungo periodo. Breve periodo intervallo minore di un anno, lungo periodo si considera un intervallo temporale sufficiente lungo da far s che consumatori e produttori reagiscano alla variazione di prezzo. In generale, le curve di domanda e di offerta di breve periodo sono diverse delle curve di lungo periodo. Domanda: per molti beni la domanda molto pi elastica rispetto al prezzo nel lungo periodo che nel breve periodo. Per esempio, se il prezzo del caff aumentasse rapidamente, la quantit domandata diminuirebbe solo gradualmente. (Grafico2.13 a) Domanda e durabilit: per alcuni beni vale esattamente l'opposto: la domanda pi elastica nel breve periodo che nel lungo periodo. Poich si tratta di beni durevoli (automobili, frigoriferi,ecc). (Grafico 2.13 b). Elasticit rispetto al reddito: anche l'elasticit rispetto al reddito e diversa nel lungo e nel breve periodo. Per la maggior parte di beni e servizi (alimentari, bevande,ECC)l'elasticit di lungo periodo della domanda rispetto al reddito maggiore di quella di breve periodo. Beni durevoli: L'elasticit di breve periodo della domanda rispetto al reddito e molto maggiore di quella di lungo periodo. Offerta: per la maggior parte dei prodotti, l'offerta di lungo periodo e molto pi elastica rispetto al prezzo di quella di breve periodo. (Grafico 2.16). per i beni durevoli la domanda e pi elastica nel breve periodo rispetto al lungo periodo. Beni di 1 qualit la domanda e pi elastica nel lungo periodo rispetto al breve periodo. 2.6 Comprendere e prevedere gli effetti di cambiamento delle condizioni di mercato. (grafico 2.19).slide pag 41 dalla 81 alla 90. 2.7 Gli effetti dell'intervento pubblico: controllo dei prezzi.. (grafico 2.24) pagina 31 appunti. Cap. 3 Il comportamento del consumatore. Teoria del comportamento del consumatore: descrive come i consumatori distribuiscono i propri redditi tra differenti beni e servizi per massimizzare il proprio benessere. Per comprendere il comportamento del consumatore si procedono in tre passaggi: 1.preferenze del consumatore, descrivere le ragioni per cui le persone preferiscono un bene a un altro. 2.Vincolo di bilancio, ovviamente i consumatori valutano il prezzo. I consumatori dispongono di redditi limitati che pongono un tetto alla quantit di beni che essi possono acquistare. 3.Scelte del consumatore, date le loro preferenze i loro redditi limitati, i consumatori scelgono di acquistare combinazioni di beni che massimizzano la loro soddisfazione 3.1 Le preferenze del consumatore. Paniere di mercato: un insieme di uno o pi beni. In che modo i consumatori scelgono i panieri di mercato? Di solito i consumatori scelgono i panieri che li soddisfano maggiormente cio il consumatore e in grado di esprimere preferenze tra panieri diversi. La teoria ipotizza che le preferenze dei consumatori siano coerenti e sensate. La teoria del comportamento del consumatore si sviluppa da tre ipotesi fondamentali sulle preferenze delle persone . Completezza, ovvero che i consumatori siano in grado di confrontare e valutare tutti i possibili panieri. Quindi per qualsiasi coppia di panieri A e B un consumatore preferir A a B, preferir b ad A, oppure sar indifferente tra i due. Con il termine indifferenza, si intende indicare che una persona ugualmente soddisfatta dai due panieri. Queste preferenze sono indipendenti dai costi. Transitivit, Ci significa che, se un consumatore preferisce il paniere A al panieri B e il panieri B al paniere C allora preferir A a C. esempio se una ford e preferita a una fiat, e una fiat e preferita a una lancia allora la ford sar preferita alla lancia. La transitivit e di solito considerata necessaria per la coerenza del consumatore. Di pi meglio che di meno, i consumatori preferiranno sempre avere una maggiore quantit di un bene piuttosto che una minore dello stesso bene. Inoltre i consumatori non sono mai soddisfatti o sazi, di pi e sempre meglio anche se solo di poco. (grafico 3.1) Curve di indifferenza, rappresentano tutte le combinazioni di panieri di mercato che procurano lo stesso livello di soddisfazione ad un consumatore. La persona considerata quindi indifferente rispetto ai panieri rappresentati dai punti che giacciono sulla curva. le preferenze di un consumatore possono essere rappresentate graficamente utilizzando le curve di indifferenza. (grafico3.2). Le curve di indifferenza sono inclinate negativamente da sinistra verso destra. altrimenti violerebbero la terza delle ipotesi fondamentali, cio pi (di tutto) meglio di meno Ogni paniere di mercato che sta sopra (e a destra) di una curva di indifferenza preferito a quelli che le appartengono. Ogni paniere che si trova al di sotto della curva di indifferenza non preferito del consumatore. Mappe di indifferenza, grafico contente un insieme di curve di indifferenza che rappresentano i panieri rispetto ai quali il consumatore indifferente. Le curve di indifferenza non possono intersecarsi. Se non violarebero la 2 e 3 regola.(GRAFICO 3.3 E 3.4)

Forma delle curve di indifferenza: le curve di indifferenza sono tutte decrescenti (hanno pendenza negativa).il fatto che le curve di indifferenza siano decrescenti conferma la 3 regola. Se una curva di indifferenza fosse crescete, il consumatore sarebbe indifferente nella scelta tra due panieri nonostante uno di essi contenga maggiori quantit di entrambi beni. La forma di una curva di indifferenza descrive il modo in cui il consumatore disposto a scambiare un bene con l'altro. (GRAFICO 3.5). Il saggio marginale di sostituzione: (SMS) quantit massima di un bene a cui un consumatore disposto a rinunciare per ottenere in cambio un'unit in pi di un altro bene. Quindi l'SMS misura il valore che l'individuo attribuisce a 1 unit in pi di un bene espresso nei termini dell'altro SMS= - V/C, si aggiunge il segno meno per fare in modo che il SMS di sostituzione sia positivo( V sempre negativo) (grafico 3.5) slide 15 pagina 8 Convessit: Le curve di indifferenza sono convesse perch quanto pi un bene consumato, tanto minore la quantit di un altro bene che si disposti a scambiare per ottenere una unit in pi del primo bene. I consumatori preferiscono panieri di mercato bilanciati. Aggiungeremo un'ipotesi alle tre gi discusse precedente mente: Saggio marginale di sostituzione decrescete, le curve di indifferenza sono solitamente convesse. Ci significa che la pendenza della curva aumenta (ovvero, diventa meno negativa) mentre si scende lungo la curva stessa. In altre parole la curva di indifferenza convessa se l'SMS decrescente. (GRAFICO3.5) Sostituti perfetti e complementi perfetti: Sostituti perfetti, due beni tali per cui il SMS dell'uno rispetto all'altro costante. Le curve di indifferenza che descrivono il trade-off tra i consumi dei due beni sono linee rette. La pendenza delle curve di indifferenza non deve necessariamente essere -1, nel caso dei sostituti perfetti. (Grafico 3.6) Complimenti perfetti, due beni per i quali l'SMS zero oppure infinito, le curve di indifferenza sono ad angolo retto (scarpe). Mali: I mali sono prodotti di cui preferita una quantit minore rispetto ad una quantit maggiore (inquinamento, amianto in un edificio, ) hanno inclinazione positiva. Utilit: valore numerico che rappresenta la soddisfazione che un consumatore ricava da un determinato paniere. L'utilit uno strumento utilizzato per semplificare la classificazione dei panieri. Funzione di utilit: una formula che assegna un livello di utilit ai singoli panieri. Esempio, u(C,V)=C+2V Panieri di mercato Unita di C Unita di B u(C,V)= C+2V A B 8 6 3 4 8+ 2x3= 14 6+ 2x4= 14

C 4 4 4+ 2x4= 12 Il consumatore e indifferente tra A e B, ma preferisce A e B a C. (grafico 3.8) la funzione di utilit, quindi fornisce le stesse informazioni sule preferenze ricavabili da una mappa di indifferenza: entrambi gli strumenti ordinano le scelte del consumatore in termini di livelli di soddisfazione. Utilit ordinale e utilit cardinale: funzione di utilit ordinale, classifica i panieri dal pi al meno desiderato. Tuttavia non indica di quanto l'uno sia preferito all'altro. Funzione di utilit cardinale, descrive di quanto un paniere preferito a un altro. Libro pag 73 3.2 I vincoli di Bilancio. Vincolo che i consumatori affrontano a causa dei redditi limitati. Limita le scelte possibili a seconda dei prezzi dei beni. La retta di bilancio: indica tutte le combinazioni di beni per le quali la somma totale uguale al reddito(spessa complessiva). La pendenza della retta di bilancio data dal rapporto tra i prezzi, con segno negativo il suo valore assoluto indica il saggio al quale i due beni possono essere sostituiti senza modificare la spesa totale lintercetta verticale indica la massima quantit di un bene acquistabile con quel reddito. lintercetta orizzontale d la stessa indicazione per laltro bene. La retta di bilancio (tabella 3.2) (grafico 3.10) Pc.C +Pv.V =R V= (RD/Pv)-(Pc/Pv)C Effetti della variazione del reddito e dei prezzi: abbiamo visto che il vincolo di bilancio dipende sia del reddito sia dei prezzi dei beni,Pc e Pv, ma ovviamente i prezzi e il reddito possono variare.

Variazione del reddito: Se il reddito raddoppia da (80 a 160 ) la retta di bilancio si sposta verso destra. se il reddito si dimezza da (80 a 40) la retta di bilancio si sposta verso sinistra.(grafico 3.11). variazione dei prezzi: se il prezzo Pc diminuisce la retta di bilancio si inchina a destra (consumo pi beni). Se il prezzo di Pc aumenta la retta di bilancio si inchina a sinistra. (Grafico 3.12), la retta di bilancio si spoosta reagendo alle variazioni del prezzo. 3.3 La scelta de consumatore. I consumatori scelgano i beni in modo da massimizzare la soddisfazione, dato il reddito limitato di cui dispongono. Il paniere selezionato deve soddisfare 2 condizioni: Deve trovarsi sulla retta di bilancio. Deve fornire al consumatore la combinazione pi gradita di beni e servizi. Il paniere che massimizza la soddisfazione deve trovarsi sulla curva di indifferenza pi alta che tocca la retta di bilancio. Questo e il punto di tangenza tra la curva di indifferenza e il vincolo di bilancio. La soddisfazione massimizzata (dato il vincolo di bilancio) nel punto in cui: SMS= Pc/Pv. (max beneficio o condiz. Ottimo) Beneficio marginale: beneficio derivante dal consumo di un'unita in pi di un bene. Ovvero il beneficio associato al consumo di un'unit in pi di cibo e uguale al costo marginale il beneficio marginale e misurato del sms. Costo marginale: costo di un'unit in pi di un bene. Quando l'SMS inferiore o superiore al rapporto tra i prezzi la soddisfazione del consumatore non massima. (grafico 3.13) Soluzione d 'angolo: si da quando uno dei beni non viene consumato, cio si presenta quando un consumatore acquista esclusivamente un bene, il paniere scelto si trova nell'angolo del grafico ovvero il punto di massima soddisfazione. Quando si presenta una soluzione d'angolo, l'SMS del consumatore non necessariamente uguale Pc/Pv. In una soluzione d'angolo la condizione necessaria per massimizzare la soddisfazione di una scelta tra un bene e SMS> Pg/Py. (grafico 3.15) 3.5 Utilit marginale e scelte del consumatore. Si deve distinguere tra l'utilit totale generata dal consumo e la soddisfazione ricavata del l'ultimo oggetto consumato. L'utilit marginale (U'): misura l'incremento di soddisfazione del consumatore in presenza di una unit addizionale di un bene. Lutilit marginale (U), sempre positiva, ha andamento decrescente con la quantit posseduta di un bene. Utilit marginale decrescente: principio secondo cui maggiore e la quantit consumata di un bene, minore l'incremento dell'utilit procurato dal consumo di quantit aggiuntive. Per esempio il consumo di televisione: l'utilit marginale potrebbe diminuire dopo la seconda o terza ora e divenire molto ridotta dopo la quarta e quinta ora di visione. Formalmente :0 =U'c C+U'v V che pu essere espresso: - (V/C)= U'c / U'V sapendo (V/C)= SMS di C per V si ha SMS= U'c/ U'v. Nel punto in cui il consumatore massimizza la soddisfazione SMS= Pc /Pv sapendo SMS= U'c/ U'v, si ha U'c/U'v = Pc/Pv, che da come risultato l'eguaglianza delle utilita marginali per euro di spesa nel punto in cui il consumatore massimizza la soddisfazione: U'c / Pc = U'v / Pv, questa equazione il principio di uguaglianza delle utilit marginali ponderate (condizione di max utilita). Principio di uguaglianza delle utilit marginali ponderate: principio secondo cui l'utilit e massimizzata quando il consumatore uguaglia l'utilit marginale per euro di spesa per tutti i beni. Cap. 4 Domanda individuale e di mercato. 4.1 Domanda individuale Le curve di domanda individuale hanno pendenza negativa e normalmente sono linee rette. Conoscendo il modo in cui le variazioni di prezzo e di reddito influiscono sul vincolo di bilancio di una persona, possiamo determinare la loro influenza sulla scelta di consumo. Variazioni di prezzo: ( p3.2,la retta di bilancio si sposta reagendo alle variazioni del prezzo) (grafico 4.1) La curva di domanda individuale: esprime la relazione tra la quantit di un bene acquistata da un singolo consumatore e il suo prezzo. Questa curva di domanda a 2 importanti propriet: il livello di utilit raggiungibile varia mentre ci si sposta lungo a curva, minore il prezzo del prodotto, pi alto il livello di utilit, quindi quando il prezzo di un prodotto scende il potere dacquisto del consumatore aumenta. In ogni punto della curva di domanda, il consumatore massimizza la sua utilit in quanto il SMS tra il bene 1 e il bene 2 sia uguale al rapporto tra i prezzi dei due beni, quando il

prezzo del cibo diminuisce diminuiscono anche il rapporto tra i prezzi e l'SMS. La curva prezzo-consumo, formata dalle combinazioni di due beni che massimizzano l'utilit al variare di uno dei prezzi. Per Questo modello e valido in quasi tutti i casi. (grafico4.1) Variazione del reddito: qui varia il reddito. Gli effetti d i una variazione del reddito appaiono come spostamenti della retta di bilancio. La curva di redditto al consumo, formata della combinazione di due beni che massimizzano l'utilit al variare del reddito del consumatore.(grafico 4.2). la curva di reddito al consumo ha inclinazione positiva perch sia il consumo di un bene o dell'altro bene aumenta all'aumentare del reddito. Qui ciascuna curva di domanda si riferisce a un particolare livello di reddito, ogni variazione di reddito deve determinare uno spostamento della curva di domanda stessa. un aumento del reddito sposta il vincolo di bilancio verso destra, aumentando il consumo lungo la curva reddito-consumo, al tempo stesso, laumento del reddito sposta a destra la curva di domanda. Beni normali e beni inferiori: (grafico 4.3) quando la curva reddito-consumo ha pendenza positiva: la domanda aumenta con il reddito lelasticit della domanda rispetto al reddito positiva al spostarsi verso destra. il bene normale i consumatori desiderano acquistare quantit maggiori quando il loro reddito aumenta. quando la curva reddito-consumo ha pendenza negativa: la domanda diminuisce con laumento reddito lelasticit della domanda rispetto al reddito negativa il bene inferiore. Quando allaumentare del reddito diminuisce la quantit acquistata. Le curve di Engel: le curve reddito-consumo si possono utilizzare per costruire le curve di Engel. Le curve di Engel esprimono la relazione tra la quantit consumata di un bene e il reddito di un individuo. se il bene normale, la curva di Engel ha pendenza positiva ( curva crescente) se il bene inferiore, la curva di Engel ha pendenza negativa. (inclinata negativamente).(grafico 4.4) Beni sostituiti e complementari: 1) Due beni sono sostitutivi se un aumento (diminuzione) del prezzo di uno di essi porta a un aumento (diminuzione) della quantit domandata dellaltro bene Esempio: biglietti del cinema e video a noleggio 2) Due beni sono complementari se un aumento (diminuzione) del prezzo di uno di essi porta a una diminuzione (aumento) della quantit domandata dellaltro bene Esempio: benzina e olio per motore 3) Due beni sono indipendenti se una variazione del prezzo di uno di essi non ha effetti sulla quantit domandata dellaltro bene. se la curva prezzo-consumo ha inclinazione negativa, i due beni sono sostitutivi (da A a B) se la curva prezzo consumo ha inclinazione positiva, i due beni sono complementari (daB a D) potrebbero essere entrambe le cose (non contemporaneamente). 4.2 Effetto di reddito ed effetto di sostituzione. La diminuzione del prezzo di un bene ha due effetti: 1.effetto di sostituzione: i consumatori tendono ad acquistare una maggiore quantit del bene divenuto pi economico e una minore quantit dei beni divenuti relativamente pi costosi. 2.Effetto di reddito: quando il prezzo di uno dei beni diminuisce, il consumatore vede aumentare i suo potere d'acquisto. I consumatori si trovano in una situazione pi favorevole perch possono acquistare la stessa quantit del bene spendendo meno e hanno perci pi denaro a disposizione per altri acquisti. L'effetto di sostituzione: la variazione nel consumo di un bene conseguente ad una variazione del suo prezzo, mantenendo costante lutilit del consumatore,(una diminuzione del prezzo determina un aumento del consumo del bene) (grafico slide 25). L'effetto di reddito: la variazione nel consumo di un bene conseguente a una variazione del potere di acquisto del consumatore, mantenendo costante il prezzo del bene, leffetto reddito misura la variazione del potere dacquisto del consumatore. (grafico 4.6). Un bene inferiore: quando l'effetto di reddito e negativo: all'aumento del reddito il consumo diminuisce. Di conseguenza quando il prezzo di un bene inferiore diminuisce, il suo consumo quasi sempre aumenta. (grafico4.7). Un caso speciale: i beni di Giffen: Bene la cui curva di domanda inclinata positivamente perch l'effetto del reddito (negativo) maggiore dell'effetto di sostituzione. Questo caso accade raramente. (grafico 4.8) 4.3 La domanda di mercato. Ha pendenza negativa e non necessariamente una curva retta. Curva di domanda di mercato: curva che esprime la relazione tra la quantit di un bene che tutti i consumatori di un mercato acquistano e il prezzo del bene. Pu essere ricavata come somma delle

curve di domanda dei consumatori in un determinato mercato. Dalla domanda individuale a quella di mercato: le curve di domanda individuale hanno pendenza negativa, anche la curva di domanda di mercato ha pendenza negativa. 1.la curva di domanda di mercato si sposta verso destra all'ingresso di nuovi consumatori nel mercato. 2.I fattori che influiscono sulla domanda di molti consumatori influiscono anche sulla domanda di mercato.(grafico 4.10) Elasticit della domanda: l'elasticit della domanda rispetto al prezzo misura la variazione percentuale della quantit domandata corrispondente a un aumento del prezzo pari a un punto percentuale. Ep= Q/Q = P Q P/P Q P ( nel 2.4 l'elasticit della domanda rispetto al prezzo descrive la reattivit delle domande dei consumatori alle variazioni di prezzo). Domanda anelastica: quando la domanda anelastica (cio e minore di 1 in valore assoluto) la quantit domandata poco reattiva alle variazioni del prezzo. Di conseguenza la spessa complessiva sul prodotto aumenta all'aumentare del prezzo. ( nel 2.4 poich la dimensione dell'elasticit data dal suo valore assoluto, un'elasticit di -0,5 pi piccola di una di -0,1). Domanda elastica: quando la domanda elastica ( Ep maggiore di 1 in valore assoluto) la spessa complessiva sul prodotto diminuisce all'aumentare del prezzo. Domanda isoelastica: quando l'elasticit della domanda rispetto al prezzo costante lungo tutta la curva di domanda. Questa curva di domanda e concava. Un caso speciale di curva isoelastica la curva di domanda con elasticit unitaria: una curva di domanda per la quale l'elasticit rispetto al prezzo e sempre uguale a -1. un aumento del prezzo conduce a ua diminuzione della quantit domandata che lascia invariata la spesa totale sul bene.(grafico 4.11) 4.4 Il surplus del consumatore. Differenza tra ci che un consumatore disposto a pagare per un bene e la somma che effettivamente paga. Per esempio, supponiamo che uno studente sia disposto a spendere 13 per il biglietto di un concerto. Ma che il biglietto costi solamente 12. la differenza di 1 euro il surplus. Quando si sommano i surplus di tutti i consumatori che acquistano un bene si ottiene la misura del surplus aggregato del consumatore. Sp= b * A / 2 Surplus del consumatore e domanda: (grafico 4.14). Cap. 6 Produzione. Le decisioni di produzione delle imprese: sono analoghe alle decisioni di acquisto dei consumatori e si possono studiare anch'esse in tre fasi: 1.tecnologia della produzione: l'impresa pu raggiungere un determinato livello di produzione utilizzando diverse combinazioni di fattori produttivi, per ottenere un certo livello di produzione. 2.Vincoli di costo: le imprese devono tenere conto dei prezzi del lavoro, del capitale e degli altri fattori produttivi. Cos come i consumatori sono vincolati da un budget limitato, le imprese devono considerare i costi di produzione. 3.Scelta dei fattori produttivi (o input): data una tecnologia della produzione e dati e prezzi del lavoro capitale e altri fattori, l'impresa deve scegliere le quantit di ciascun fattore da utilizzare per la produzione. Questi tre elementi compongono le basi per la Teoria dell'impresa: teoria che spiega il modo in cui le imprese prendono decisioni di produzione che minimizzano i costi e di come i costi variano al variare del livello di produzione. 6.1 Tecnologia della produzione. E linsieme delle conoscenze necessarie per sapere produrre in modo efficiente. Produrre con efficienza: dato un ammontare di fattori della produzione ottenere il massimo prodotto possibile. Un fattore produttivo: qualsiasi cosa l'impresa debba utilizzare nel processo di produzione. I fattori produttivi possono essere suddivisi nelle ampie categorie: Lavoro: l'opera dei lavoratori qualificati ( tecnici), e personale non qualificato, cosi come i dirigenti. Materie prime: acciaio, plastica e ogni altro bene che l'impresa acquisti e trasformi per di realizzare un prodotto finale. Capitale, comprende terreni, edifici, attrezzature, oltre alle scorte di magazzino. La funzione produzione: funzione che indica il pi elevato livello di produzione che unimpresa pu produrre per ogni data combinazione dei fattori di produzione, con una data tecnologia, mostra che cosa tecnicamente possibile quando limpresa opera in maniera efficiente. Funzione di produzione per due fattori produttivi: Q = F(K,L) Q = Produzione, K = Capitale, L = Lavoro breve periodo: periodo di tempo durante il quale le quantit dei fattori di produzione (almeno di uno) non possono essere variate questi fattori di produzione sono detti fattori di produzione fissi: fattore di produzione la cui quantita non pu variare. lungo periodo periodo di tempo nel cui ambito tutti i fattori di produzione sono variabili

6.2 Produzione con un unico fattore variabile: Lavoro (breve periodo) Quando il capitale fisso mentre il lavoro e variabile, l'unico modo per incrementare la produzione consiste nel incrementare la quantit di lavoro. Prodotto medio e prodotto marginale: il contributo del lavoro alla produzione pu essere descritto sia in termini di media, sia in termini marginali (ovvero incrementale). Prodotto medio del lavoro (PML): quantit prodotta per unit di un determinato fattore. Formula: q / L. dove q la quantit totale, L fattore lavoro. Questa misura la produttivit della forza lavoro dell'impresa in termini di quantit prodotta in media da ciascun lavoratore. Prodotto marginale del lavoro (P'L): ovvero la quantit aggiuntiva prodotta grazie all'incremento di una unita di un fattore (lavoro). Il prodotto marginale del lavoro pu essere espresso come q / L: la variazione della produzione q determinata da un incremento unitario del fattore lavoro L. Esempio quando il capitale fisso e uguale a 10 unit del fattore lavoro aumenta da 2 a 3, la produzione totale aumenta da 30 a 60 quindi l'incremento unitario di 30 unit (60-30). si aumenta di 3a 4 la produzione totale aumenta da 60 a 80 quindi l'incremento della produzione di 20 unit (80-60) il Pl dipende della quantit di capitale usato. Inclinazione della curva del prodotto: (grafico6.1). La curva del prodotto medio del lavoro: il prodotto medio del lavoro dato della produzione totale divisa per la quantit di lavoro. In generale il prodotto medio del lavoro dato dall'inclinazione della retta passante per l'origine e per il punto considerato sulla curva del prodotto totale.(grafico 6.1 a) La curva del prodotto marginale del lavoro: il prodotto marginale del lavoro la variazione della produzione totale determinata da un aumento unitario del lavoro. In A, per esempio, il prodotto marinale 20 perch la tangente alla curva del prodotto totale ha inclinazione 20. In generale, il prodotto marginale del lavoro in un punto dato dall'inclinazione dalla curva del prodotto totale nel medesimo punto.(grafico 6.1 b) La legge dei rendimenti marginali decrescenti: principio secondo cui all'aumentare dell'impiego di un fattore produttivo a parit degli altri fattori, gli incrementi di produzione sono destinati a decrescere (diminuiscono). La legge dei rendimenti marginali decrescenti si applica a una tecnologia data. Nel tempo linnovazione e il progresso tecnologico possono favorire un spostamento verso lalto della curva di produttivit totale consentendo un pi elevato livello di produzione con gli stessi fattori produttivi.(grafico 6.2). Produttivit del lavoro: lo stesso per un'intera industria o per l'economia nel suo complesso. La produttivit particolarmente importante perch determina il reale tenore di vita che un paese pu effettivamente garantire ai propri cittadini. 6.3 Produzione con due fattori variabili (lungo periodo). Entrambi fattori sono variabili. L'impresa pu realizzare il proprio prodotto in una variet di modi combinando quantit diverse di lavoro e di capitale. Isoquanti: una curva formata da tutte le possibili combinazioni di fattori che consentono un determinato livello di produzione.(grafico 6.4) si ci spostiamo di un isoquanto ad un altro cambiano tutti i valori. Questa informazione permette allimpresa di rispondere in maniera efficiente a cambiamenti nei mercati dei fattori di produzione. Mappa d isoquanti: un altro modo per descrivere la funzione di produzione, cosi come una mappa di indifferenza un modo per descrivere una funzione di utilit. Ogni isoquanto corrisponde a un diverso livello di produzione, e la produzione aumenta quando ci si sposta verso l'alto e verso destra. Flessibilit dei fattori: gli isoquanti descrivono la flessibilit di cui le imprese godono nel prendere le decisioni di produzione: normalmente possono ottenere un determinato livello di produzione sostituendo una certa quantit di un fattore con un altro fattore. Per limpresa e importante comprendere la natura di questa flessibilit. Rendimenti marginali decrescenti: i rendimenti marginali del lavoro sono decrescenti sia nel breve periodo, sia nel lungo periodo. Poich l'incremento di un fattore a parit dell'altro conduce a incrementi dei produzione sempre minori, l'inclinazione dell'isoquanto deve aumentare quando si sostituisce lavoro con capitale e diminuire quando si opera la sostituzione opposta. Anche il capitale a rendimenti marginali decrescenti. A parit di lavoro il prodotto marginale del capitale diminuisce all'aumentare del capitale. Chiamiamo la pendenza dell'isoquanto saggio marginale di sostituzione tecnica (SMST). SMST: la quantit di cui possibile ridurre uno dei fattori produttivi mantenendo invariato il livello di produzione quando viene utilizzata una unit aggiuntiva di un altro fattore. Il concetto analogo all'SMS della teoria del consumatore. (SMS descrive il modo in cui un consumatore pu sostituire due beni mantenendo costante il livello di soddisfazione. Come l'SMS, l'SMST sempre misurato come una quantit positiva: SMST = - variazione quantit impiegata di capitale / variazione quantit impiegata di lavoro = - K / L (per un dato livello di q) (grafico6.5) SMST decrescente: ipotizziamo che l'SMST sia decrescente ovvero che diminuisca quando si ci sposta verso il basso lungo un isoquanto, ci implica che gli isoquanti siano convessi ovvero incurvati verso il basso. Ci avviene nella maggior parte delle tecnologie di produzione. Il fatto che l'SMST sia decrescente indica che la produttivit di qualsiasi fattore limitata (P' L)( L)+ (P' K)( K) = 0 (P' L)/(P' K) +- (K/L) =SMST (3.1 sono sostituti perfetti se il SMS di uno rispetto

all'altro costante). Funzione di produzione: due casi speciali: 1.i fattori di produzione sono perfettamente sostituibili l'uno con l'altro. L'SMST e costante in tutti i punti di un isoquanto quindi un determinato livello di produzione pu essere ottenuto utilizzando principalmente capitale, principalmente lavoro oppure una combinazione bilanciata dei fattori. Strumenti musicali possono essere costruiti dalle macchine e anche delle persone.(graf6.6). 2.Il caso opposto, quello della funzione di produzione a proporzioni fisse, chiamata anche funzione di produzione di leontief. Funzione di produzione cui corrispondono isoquanti ad angolo retto in modo che per ottenere un determinato livello di produzione possibile utilizzare una combinazione di lavoro e capitale.(3.1 2 beni sono complementi perfetti quando le curve di indifferenza relative a essi sono ad angolo retto). In questo caso e impossibile qualsiasi sostituzione dei fattori, martello neumatico.(grafico 6.7) 6.4 Rendimenti di scala. Tasso al quale la produzione aumenta quando vengono incrementati proporzionalmente i fattori produttivi. Rendimenti di scala crescenti: la produzione (ad esempio) pi che raddoppia quando limpiego di tutti i fattori di produzione raddoppia. La possibilit dei rendimenti di scala crescenti importante dal punto di vista dell'amministrazione pubblica. In presenza di rendimenti crescenti economicamente vantaggioso avere un'unica grande impresa (con costi relativamente bassi) piuttosto che molte piccoli imprese (con costi relativamente alti). Poich le grandi imprese sono in grado di controllare i prezzi, pu essere necessario regolamentarne l'attivit. (grafico 6.9b) maggior produzione corrisponde a minor costo unitario (settore auto) una singola impresa pi efficiente di molte (utility) gli isoquanti si avvicinano allaumentare della produzione Rendimenti di scala costanti: situazione in cui la produzione raddoppia quando tutti i fattori produttivi vengono raddoppiato. Le dimensioni dell'impresa non influiscono sulla produttivit dei fattori utilizzati: essendo possibile replicare facilmente un impianto che utilizza un determinato processo produttivo, due impianti uguali produrranno una quantit doppia. (grafico 6.9 a) la scala non influenza la produttivit possibile avere pi imprese nello stesso mercato gli isoquanti sono equidistanti Rendimenti a scala decrescenti: situazione in cui la produzione aumenta diventando meno che doppia quando tutti i fattori produttivi vengono raddoppiati. Questo rendimento e spesso associato a problemi di coordinamento e di efficienza del sistema di comunicazione tra direzione e impresa. La produttivit diminuisce con la produzione gli isoquanti si allontanano allaumentare della produzione. Cap. 7 I costi di produzione. La tecnologia di produzione determina la relazione tra fattori di produzione e prodotti. Sulla base della tecnologia di produzione, i manager devono scegliere come produrre Per determinare il livello ottimo di produzione e la combinazione dei fattore di produzione, dobbiamo passare da unit di misura fisiche a unit di misura monetarie (cio espresse in euro), ovvero ai costi. 7.1 Misurazione dei costi. Di quali costi tenere conto? il costo contabile: quello misurato dai contabili, sono la somma di spesse effettive + gli ammortamenti di beni capitali costo economico: costo che unimpresa sostiene utilizzando risorse economiche nella produzione, compreso il costo-opportunit. Costo opportunit: il costo associato alle opportunit che si perdono se non si utilizzano le risorse di un'impresa non sono destinate a un miglior impiego alternativo. Esempio una impresa possiede il proprio edificio e non paga affitto per i suoi uffici. Costi sommersi: (o irrecuperabile) ovvero per una spesa che stata effettuata e non pu essere recuperata. Un costo sommerso generalmente visibile, ma una volta sostenuto, dovrebbe essere sempre ignorato quando si prendono decisioni economiche future. Poich un costo sommerso non recuperabile, non dovrebbe influenzare le decisioni dell'impresa. Esempio: una impresa paga 500 mila euro per una opzione che d il diritto di comprare uno stabile; il costo dello stabile di 5 milioni, per un totale di 5,5 milioni. limpresa trova un altro stabile che costa 5,25 milioni. quale sarebbe la decisione corretta? La prima perch lo stabile costa solo 5 milioni. La seconda opzione e buona solo ne caso che questa costi meno di 5 milioni, solo in questo momento si potr lasciare il vecchio investimento. Costi fissi e costi variabili: suddividiamo il ,costo totale (CT o C) : costo economico della produzione, costituito da costi fissi e variabili, in due componenti: costo fisso (CF): un costo che non varia con il livello di produzione e pu essere eliminato soltanto cessando l' attivit. Costo che deve essere pagato anche se non viene prodotto nulla.

Costo variabile (CV): un costo che varia con il variare della produzione. Cessare l'attivit: cessare l'attivit non significa necessariamente chiudere l'impresa. Una societ pu avere diversi stabilimenti, se questa subisce un calo della domanda e voglia ridurre il pi possibile la produzione e i costi per uno stabilimento. L'impresa deve eliminare tali costi fissi chiudendo fisicamente gli ingressi, disattivare la fornitura di enel, ecc. la societ rimarrebbe ancora attiva e potrebbe gestire gli altri stabilimenti potrebbe per fino essere in grado di riaprire lo stabilimento chiuso, anche se ci risulterebbe costoso. Come si fa a distinguere un costo fisso di uno variabile? Breve periodo = fisso; lungo periodo = variabile. Costi fissi e costi sommersi a confronto: costi fissi costi sostenuti da una impresa per il fatto di essere attiva; non variano al variare del livello di produzione costi sommersi o irrecuperabili costi sostenuti e non pi recuperabili A che scopo si distingue tra costi fissi e costi sommersi? Perch i costi fissi influenzano le decisioni che riguardano il futuro dell'impresa, mentre i corsi sommersi no. CF levati rispetto ai ricavi possono portare alla chiusura dell'impresa: eliminar tali costi e azzerare i profitti potrebbe essere preferibile a sostenere continue perdite. Un costo sommerso elevato potrebbe rivelarsi una cattiva scelta ma la spessa stata sostenuta e non pu essere recuperata con la chiusura dell'attivit. Costo marginale e costo medio: (costi di breve periodo)esempio (Tabella 7.1) costo marginale (C'): chiamato anche costo incrementale, l'incremento di costo che risulta dalla produzione di una unit di prodotta in pi. Poich il CF non cambia al variare del livello di produzione dell'impresa, il costo marginale uguale all'incremento di costo variabile o di costo totale causato da una unit di prodotto in pi. C' = CV/ q = CT /q Costo medio totale (CMT): costo totale dell'impresa diviso per il livello della produzione. In sostanza il costo medio totale ci indica il costo di produzione unitario. CM = costo medio economico. CMT = CT / q Costo medio fisso (CMF): il costo fisso diviso per livello di produzione. Poich il CF costante il CMF diminuisce all'aumentare del livello di produzione(q). CMF = CF / q Costo medio variabile (CMV): il costo variabile diviso per il livello di produzione (q). CMV = CV / q 7.2 I costi nel breve periodo. I determinanti del costo di breve periodo:La relazione tra i costi e la funzione di produzione pu essere esemplificata facendo riferimento al prodotto marginale del fattore variabile, es. lavoro. (6.2 i rendimenti marginali decrescenti si verificano quando un aumento nell'uso di un fattore di produzione genera aumenti sempre minori del prodotto). Esempio: C' = CV / q ; CV = wL Quindi: CV= W L ; C'= W L / q Continuando: PL =q / L; L/ q = 1/ P'L In conclusione: C'= W /P'L un basso prodotto marginale (PL) causa un alto costo marginale (C) e viceversa. Rendimenti marginali decrescenti e costo marginale: i rendimenti marginali decrescenti indicano che il prodotto marginale del lavoro diminuisce al crescere della quantit del lavoro impiegata. Di conseguenza il costo marginale aumenta al crescere della produzione. Le forme di curve di costo.(grafico 7.1) 7.3 I costi nel lungo periodo. Nel lungo periodo un'impresa pu agire in modo molto pi flessibile Il costo d'uso del capitale: il costo annuo sostenuto per possedere e utilizzare un bene di capitale pari alla somma di deprezzamento economico e interesse perduto Formalmente: Costo d'uso del capitale = Deprezzamento economico +(Tasso di interessi)(valore del capitale) esempio: Delta compra un Boeing 737, che ha una vita attesa di 30 anni, per 150 milioni Il deprezzamento economico annuale dato da 150/30 = 5 milioni Il tasso di interesse del 10% costo d'uso del capitale: 5 + (0,10)(150 deprezzamento) Anno 1 = 5 + (0,10)(150) = 20 milioni Anno 10 = 5 + (0,10)(100) = 15 milioni possiamo anche esprimere il canone d'uso capitale: r = Tasso di deprezzamento + Tasso di interesse. Esempio: Tasso di deprezzamento = 1/30 = 3,33% per anno Tasso di interesse = 10% per anno canone d'uso del capitale r = 3,33% + 10% = 13.33% per anno La scelta dei fattori di produzione che minimizza i costi: Ipotesi Due fattori di produzione: lavoro (L) e capitale (K) Prezzo del fattore lavoro: il salario (w) Prezzo del capitale: costo di utilizzo per (r = tasso di deprezzamento + tasso di interesse) La linea di isocosto C = wL + rK Isocosto: linea che mostra tutte le combinazioni di L e K che generano il medesimo costo Riscrivendo la relazione come equazione di una retta: K = C/r (w/r)L La pendenza dellisocosto: K/ L= ( w/r)

1.corrisponde al rapporto tra salario e canone duso del capitale 2.mostra la proporzione secondo cui il capitale pu essere sostituto al lavoro senza variare il costo di produzione. La retta isocosto: (a volte chiamata anche linea o curva di isocosto) retta che mostra tutte le possibili combinazioni di lavoro e capitale che si possono acquistare per un costo totale dato, per minimizzare i costi si deve scegliere la retta di isocosto pi bassa. (grafico 7.3). C = wl +rK per ogni diverso livelli di costo totale, l'equazione descrive una diversa retta di isocosto. Scelta dei fattori produttivi: dall'isoquanto : SMST = - K/ L = P'L /P'K pendenza dell'isocosto = K/ L = - w/r P'L / P'K = wr La combinazione di fattori che minimizza il costo pu anche essere scritta: P'L /w = P'K / r Il costo minimo di produzione si ha quando un euro addizionale speso in ciascun fattore ha un uguale effetto in termini di prodotto aggiuntivo. La minimizzazione dei costi con livelli di produzione variabile Il sentiero di espansione dellimpresa mostra le combinazioni di lavoro e capitale che minimizzano il costo per ogni livello di produzione. Sentiero di espansione: curva che passa per i punti di tangenza tra le rette di isocosto di un'impresa e suoi isoquanti. Descrive la combinazione di lavoro e capitale che l'impresa sceglier per minimizzare i costi a ciascun livello di produzione. Finch l'utilizzo di lavoro e capitale aumenta al crescere della produzione la curva ha inclinazione positiva. (grafico 7.6). 7.4 Curve di costo nel lungo e nel breve periodo a confronto. Le curve di costo medio nel breve periodo hanno una forma a U. anche le curve di costo medio nel lungo periodo possono avere forma a U, ma tale forma si spiega per fattori economici diversi. La produzione nel breve periodo: assenza di flessibilit: nel lungo periodo l'orizzonte di pianificazione dell'impresa sufficientemente esteso da consentire la modifica della dimensione degli impianti. Questa flessibilit consente all'impresa di produrre a un costo medio inferiore rispetto al breve periodo. (grafico 7.7) Costo medio di lungo periodo: nel lungo periodo la possibilit di variare il capitale consente all'impresa di ridurre i costi. Rendimenti costanti di scala se i fattori di produzione raddoppiano, la produzione raddoppia; il costo medio costante Rendimenti crescenti di scala se i fattori di produzione raddoppiano, la produzione pi che raddoppia; il costo medio decrescente Rendimenti decrescenti di scala se i fattori di produzione raddoppiano, la produzione meno che raddoppia; il costo medio crescente. Curva del costo medio di lungo periodo (CMLP): curva che esprime la relazione tra il costo medio di produzione e il livello di produzione quando tutti i fattori produttivi incluso il capitale sono variabili. Il costo marginale di lungo periodo (CLP) e il costo medio di lungo periodo (CMLP) presentano le seguenti relazioni: se CMLP > CLP, CMLP decresce se CMLP < CLP, CMLP cresce Quindi CLP = CMLP nel punto di minimo di CMLP (grafico 7.8) Curva del costo medio di breve periodo (CMBP): curva che esprime la relazione tra il costo medio di produzione e il livello di produzione quando il capitale e fisso. Curva del costo marginale di lungo periodo (C'LP): curva che mostra la variazione del costo totale di lungo periodo quando si aumenta la produzione di 'unit. Economie a scala: situazione in cui e possibile raddoppiare la produzione senza raddoppiare i costi. Diseconomie di scala: situazione in cui per raddoppiare la produzione necessario aumentare i costi di pi del doppio. Rendimenti di scala crescenti: la produzione aumenta di pi del doppio quando si raddoppiano tutti i fattori produttivi. (grafico7.9) Qual la curva di costo di lungo periodo dellimpresa? La curva di costo di lungo periodo la parte delle curve di costo medio di breve periodo che consentono allimpresa di operare a costo minimo per ogni livello di produzione. Produzione con due prodotti: le economie di scopo o diversificazione Si hanno economie di diversificazione (o scopo) quando la produzione totale di una impresa che produce due beni maggiore della produzione di due imprese separate che producono ciascuna uno solo dei due prodotti. Produzione con due prodotti: le economie di diversificazione Produzione: Limpresa deve decidere quanto produrre dei due beni Le combinazioni delle quantit possono essere illustrate attraverso la curva delle possibilit produttive. Cap 8. Massimizzazione del profitto e offerta concorrenziale. Nel breve periodo le imprese di un'industria scelgono il livello di produzione in modo di massimizzare il profitto; nel lungo periodo non solo decidono quanto produrre ma anche se entrano o escono di un determinato mercato.

8.1 Mercati perfettamente concorrenziali. Il modello di concorrenza perfetta ha tre caratteristiche: 1) price taking, 2) omogeneit dei prodotti; 3) libert di entrata e uscita. Price taking: (i prezzi sono dati) ogni impresa vende una porzione relativamente piccola della produzione complessiva del mercato le sue scelte non hanno un effetto sul prezzo di mercato. Di conseguenza assume il prezzo dato dal mercato. Impresa che non ha il potere di influire sul prezzo di mercato a che perci lo assume come dato. Vale anche per i consumatori. In un mercato perfettamente concorrenziale ciascun consumatore acquista una porzione molto piccola della produzione complessiva e non ha di conseguenza potere sul prezzo di mercato; considera il prezzo come dato. Omogeneit dei prodotti: le imprese producono beni identici o quasi identici. Quando i prodotti di tutte le imprese del mercato sono perfettamente sostituibili gli uni con gli altri, cio sono omogenei, nessuna delle imprese pu aumentare il prezzo del proprio prodotto al di sopra di quello praticato dalle altre senza perdere buona parte o la totalit dei propri clienti. Quando i prodotti sono eterogenei, ciascuna impresa ha l'opportunit di praticare prezzi superiori a quelli correnti senza perdere tutto il proprio fatturato. Questa ipotesi della omogeneit del prodotto molto importante perch garantisce un mercato unico compatibile con l'analisi domanda e offerta. Entrata e uscita libere: situazione nella quale non vi sono costi particolari che rendano difficile l'entrata di un'impresa in una determinata industria o la sua uscita da essa. Questa ipotesi implica di conseguenza che gli acquirenti possano facilmente passare da un produttore all'altro e che i produttori possano facilmente entrare in un mercato o uscirne. La condizione di libert di entrata e uscita importante ai fini di un'efficace concorrenza. Essa implica che i consumatori possano passare alla concorrenza quando il loro fornitore aumenti i prezzi. 8.2 Massimizzazione del profitto. improbabile che le imprese che non perseguono il profitto sopravvivano. 8.3 ricavo marginale, costo marinale, e massimizzazione del profitto. Profitto: differenza tra ricavo totale costo totale, individuare Produzione = q ; Ricavo=R; Prezzo =P; R= P.Q (q) = R(q) C(q) (grafico 8.1 e slide.) Ricavo marginale: e il ricavo addizionale che si ottiene producendo ununit in pi di un prodotto. La regola cui il profitto e massimo quando il R' uguale al C' vale per tutte le imprese concorrenziali o meno. R'(q)=C'(q) Domanda e ricavo marginale per un'impresa concorrenziale: poich ogni impresa che opera in una industria concorrenziale partecipa solo per una piccola frazione alla produzione complessiva dell'industria il livello di produzione scelto della impresa non ha effetto sul prezzo di mercato prodotto. Il prezzo di mercato determinato dalle curve di domanda e di offerta dell'industria quindi l'impresa concorrenziale un price taker. Domanda di mercato Q e D, domanda di impresa q e d. Poich acquisisce il prezzo come dato la singola impresa concorrenziale deve considerare una curva di domanda d costituita da una retta orizzontale.(grafico 8.2) La curva di domanda d con cui una singola impresa deve confrontarsi in un mercato concorrenziale rappresenta per l'impresa anche la curva di ricavo medio e quella del ricavo marginale: il ricavo marinale, il ricavo medio e il prezzo sono uguali. Massimizzazione del profitto per un'impresa concorrenziale: una impresa perfettamente concorrenziale deve scegliere il livello di produzione in corrispondenza del quale il costo marginale uguale al prezzo: C'(q)= R'=P. P=C Questa regola consente di stabilire la produzione, non il prezzo, dal momento che per le imprese concorrenziali il prezzo dato. 8.4 La scelta di produzione di breve periodo. Massimizzazione del profitto di breve periodo per un'impresa concorrenziale: l'impresa opera con una quantit fissa di capitale e deve scegliere i livelli dei fattori variabili in modo di massimizzare il profitto. (Grafico 8.3). Regola della produzione: se un'impresa produce, deve farlo a un livello per cui il R=C. Il profilo di breve periodo per un'impresa concorrenziale: nel breve periodo l'impresa non deve necessariamente realizzare un profitto. Un'impresa che perde denaro pu decidere di non uscire dal mercato e di operare in perdita nel breve periodo perch si aspetta di realizzare profitti in futuro, grazie a un aumento del prezzo del prodotto o a una diminuzione dei costi di produzione, e perch cessare la produzione per riprenderla in seguito sarebbe costoso. Nel breve periodo l'impresa pu scegliere tra due alternative: produrre oppure cessare temporaneamente l'attivit. P>CMT si continua a produrre; CMT >P>CMT minimizza la perdita. Regola per la cessazione dell'attivit: l'impresa deve cessare l'attivit se, il prezzo del prodotto inferiore al Costo medio variabile. P<CMT (grafico 8.4) 8.5 La curva di offerta di breve periodo per un'impresa concorrenziale. (P=C si produce). La curva di offerta di un'impresa indica la quantit che l'impresa produce a ogni prezzo possibile. Abbiamo visto che le imprese concorrenziale scelgono il livello di produzione in corrispondenza del quale il prezzo uguale al costo marginale, e che interrompono la produzione quando il prezzo inferiore al costo medio variabile. La curva di offerta dell'impresa quindi la porzione della curva del costo marginale nel tratto in cui il costo marginale superiore al costo medio variabile. (grafico 8.6). Per l'impresa concorrenziali, la curva di offerta di breve periodo ha inclinazione positiva per la stessa ragione per cui il costo marginale crescente: la presenza di rendimenti marginali decrescenti per uno o pi fattori produttivi. Reazione dell'impresa alla variazione del prezzo di un fattore produttivo: quando il prezzo del prodotto varia l'impresa cambia il proprio livello di produzione fino al punto in cui il costo marginale uguale al prezzo. Spesso il prezzo del prodotto cambia nello stesso momento in cui cambiano i prezzi dei fattori. P=R; R=C; P=C(grafico 8.7). 8.6 La curva di offerta di mercato di breve periodo. (grafico 8.9) La curva di offerta di breve periodo indica la quantit che l'industria produce nel breve periodo per ogni prezzo possibile. La produzione dell'industria la somma delle quantit prodotte delle singole imprese quindi la curva di offerta di mercato pu essere ricavata sommando le curve di offerta delle imprese. Elasticit dell'offerta de mercato: I maggiori prezzi dei fattori produttivi determinano uno spostamento verso l'alto delle curve

del costo marginale delle imprese. Questo spostamento fa s che le imprese scelgano di produrre quantit minori (per ogni dato prezzo di mercato) e che la curva di offerta di mercato sia quindi meno reattiva alle variazioni del prezzo del prodotto di quando potrebbe essere altrimenti. Laumento dei prezzi dei fattori produttivi sposta verso lalto la curva C della impresa. Eo di Bp sempre positiva Eo di Bp prodotti aumentano rapidamente lelasticit e bassa. Eo e relativa quando la produzione aumenta lentamente. Anaelastica: quando si produce al massimo e per aumentare la produzione bisogna costruire nuovi impianti. Surplus del produttore nel breve periodo: la somma delle differenze tra il prezzo di mercato di un bene e il costo marginale di ciascuna unit prodotta esclusa lultima. Il surplus del produttore dato dall'area al di sopra della curva di offerta dell'impresa e al di sotto del prezzo di mercato. Il surplus del produttore quindi la somma dei surplus unitari corrispondenti a ciascuna unit prodotta dei singoli produttori. Il surplus del produttore pu quindi essere definito anche come la differenza tra il ricavo dell'impresa e il costo variabile totale. Surplus del produttore e profitto :Nel breve periodo il surplus del produttore uguale alla differenza tra il ricavo e il costo variabile, ovvero al profitto variabile. Il profitto totale uguale alla differenza tra il ricavo e tutti i costi variabili e fissi: surplus del produttore: SP= R-CV (Bp) Profitto = = R-CV-CF in presenza di costi fissi SP > Ne segue, nel breve periodo, quando il costo fisso positivo, il surplus del produttore maggiore del profitto 8.7 La scelta di produzione di lungo periodo. Il profitto di lungo periodo maggiore del profitto del breve periodo. Nel lungo periodo l'impresa pu variare tutti i fattori compresa la dimensione degli impianti. Pu decidere di cessare l'attivit (uscire dal mercato). Il livello di produzione di lungo periodo di un'impresa concorrenziale che massimizza il profitto individuato dal punto in cui il costo marginale di lungo periodo uguale al prezzo. Equilibrio concorrenziale di ungo periodo: le imprese presenti nel mercato non devono essere incentivate a uscirne e quelle non presenti non devono essere incoraggiate a entrare. Profitto contabile: rK: = R wL rK Equilibrio concorrenziale di lungo periodo Profitti pari a zero se R > wL + rK, il profitto economico positivo se R = wL + rK, il profitto economico pari a zero, ma le imprese ottengono un tasso di rendimento normale, indicando che il settore competitivo se R < wL + rK, si considera la possibilit di uscire dal mercato Equilibrio concorrenziale di lungo periodo (grafico 8.14) Entrata e uscita La risposta di lungo periodo a profitti di breve lincremento della produzione e dei profitti I profitti attraggono nuovi produttori Pi produttori aumentano lofferta del settore e quindi il prezzo si riduce 8.8 La curva di offerta di lungo periodo dell'industria. Industrie a costi costanti: industria la cui curva di offerta di lungo periodo orizzontale. (grafico 8.16) Piccoli aumenti nel prezzo producono un grande aumento della produzione Lelasticit dellofferta di lungo periodo infinita I fattori produttivi sono disponibili. Industrie a costi crescenti: industria per cui la curva di offerta di lungo periodo ha inclinazione positiva.(grafico 8.17) e lelasticit positiva Linclinazione (elasticit) dipende dal tasso di aumento del costo dei fattori produttivi Lelasticit dellofferta sar in generale maggiore nel lungo periodo che nel breve periodo. Industria a costi decrescente: la curva di offerta dell'industria pu anche avere inclinazione negativa. L'aumento inatteso della domanda determina l'espansione della produzione ma quando questo avviene le imprese possono sfruttare la situazione per procurarsi alcuni dei fattori produttivi a costi minori. Effetti di un'imposta: l'imposta sulla produzione ha 2 possibili effetti. Se dopo la sua introduzione l'impresa pu comunque realizzare un profitto economico positivo o nullo, massimizza il profitto scegliendo il livello di produzione al quale la somma del costo marginale e dell'imposta uguale al prezzo del prodotto. Se l'impresa non pi in grado di realizzare un profitto economico non negativo dopo l'introduzione dell'imposta sceglier di uscire dal mercato.(GRAFICO 8.18 e 8.19)Lp C=CM Cap. 9 Analisi dei mercati concorrenziali. Un'applicazione dei concetti dei concetti di surplus del consumatore e del produttore: con il surplus del consumatore e del produttore, possiamo valutare gli effetti di benessere guadagni e perdite per consumatori e produttori. Variazione del surplus del consumatore: alcuni consumatori subiscono un danno dalla regolamentazione, altri ne traggano vantaggio. Subisce un danno chi subisce un razionamento a causa della contrazione della produzione e delle vendite da Qo a Q1. Altri consumatori possono acquistare ancora il bene a un prezzo inferiore a Pmax invece Po. Variazione del surplus del produttore: con regolamentazione dei prezzi alcuni produttori rimarranno nel mercato ma riceveranno un prezzo inferiore per la loro offerta mentre altri produttori saranno costretti ad abbandonare il mercato. Perdita secca: perdita netta di surplus totale (del consumatore e del produttori insieme).(grafico 9.2 e 9.3). 9.2 Efficienza di un mercato concorrenziale.

l'efficienza economica, ovvero la massimizzazione del surplus aggregato del consumatore e del produttore. Situazioni in cui i mercati concorrenziali producono una assegnazione inefficiente delle risorse o un fallimento di un mercato. Effetti sul benessere collettivo: guadagni o perdite dei vari gruppi di consumatori e produttori derivanti dallintervento dalla politica economica nei mercati concorrenziali. Fallimento del mercato: situazioni in cui mercato concorrenziale non regolamentato inefficiente perch i prezzi non forniscono segnali adeguati a consumatori e produttori. Vi sono 2 casi in cui pu verificarsi il fallimento del mercato: esternalit, azione intrapresa da un produttore o da un consumatore che influenza alti produttori o consumatori ma che non influenza il prezzo di mercato. Mancanza di informazione: relative alla qualit o alla natura di un prodotto e quindi i consumatori non sono in grado di prendere decisioni di acquisto che ne massimizzano l'utilit. In assenza di esternalit o di mancanza di informazione un mercato concorrenziale non regolamentato conduce a un livello di produzione economicamente efficiente. (grafico 9.5) 9.3 Prezzi minimi. Il Pmin va al di sopra Po. (il Pmax va al di sotto di Po). Talvolta le politiche pubbliche tentano di aumentare i prezzi al di sopra del prezzo di equilibrio del mercato, piuttosto che abbassarli. (Grafico 9.7 9.8). SC = -A -B SP = A -C-D 9.4 Sostegno dei prezzi e quote di produzione. Sostegno del prezzo: prezzo imposto dal governo al di sopra del livello di equilibrio e mantenuto attraverso l'acquisto dell'offerta in eccesso. Il governo pu anche intervenire sui prezzi limitando la produzione inalterato quel prezzo.(grafico 9.10) SC = -A-B; SP = A+B+C; SC+SP- Costo per il governo= D -(Q2-Q1)Ps Quote di produzione: il governo pu anche provocare l'aumento del prezzo di un bene riducendo l'offerta. Fissando delle quote limite per la produzione di ogni impresa. Introducendo quote adeguate, possibile fare aumentare il prezzo a qualsiasi livello. (GRAFICO9.11). 9.5 Quote e dazi doganali. In molti paesi si applicano: quote di importazione ( o contingentamento): limiti sulla la quantit che pu essere importata di un dato prodotto. Dazio doganale: imposta su un prodotto di importazione. Queste si applicano per mantenere i prezzi interni di un prodotto al di sopra dei livelli mondiali e quindi consentire all'industria locale di ottenere un margine di profitto superiore rispetto a quello che otterrebbero in un mercato libero. Senza quote e dazi un paese importer un prodotto qualora il suo prezzo mondiale sia inferiore al prezzo interno che risulterebbe prevalente se non ci fossero importazioni. In libero mercato il prezzo interno e = al prezzo mondiale.(grafico 9.14 9.15) . SC= -A-B-C SP= A 9.6 L'impatto di un'imposta o di un sussidio. L'onore di un'imposta ricade in parte sul consumatore e in parte sul produttore, (dipendendo dalle forme delle curve di domanda e di offerta. Effetti di un'imposta specifica: ovvero un'imposta espressa come un determinato ammontare per unit venduta. L'introduzione dell'imposta dipende dal soddisfacimento di quattro condizioni: Queste condizioni possono essere riassunte dalle 4 equazioni seguenti: (grafico 9.17 9.18) QD = QD (Pd) QO = QO (Po) QD = QO Pd Po = t In genere un'imposta grava maggiormente sul compratore se il rapporto Ed / Eo piccolo, sul venditore se Ed/Eo grande. Se la domanda e molto anaelastica rispetto allofferta lonere della tassa ricade prevalentemente sui consumatori. Si la domanda e molto elastica rispetto allofferta lonere della tassa ricade prevalentemente sui produttori. Gli effetti di un sussidio: pu essere esaminato come un'imposta; lo si pu considerare come un'imposta negativa. Il prezzo di vendita supera il prezzo di acquisto e la differenza tra i due l'ammontare del sussidio stesso, esattamente l'opposto dell'effetto di un'imposta: la quantit aumenter. Il beneficio del sussidio viene ripartito pi o meno equamente tra compratore e venditore. Il beneficio di un sussidio si concentra maggiormente sui compratori se il rapporto Ed/Eo grande e maggiormente sui venditori se Ed/Eo piccolo. (grafico 9.19) QD = QD (Pd) Pd: prezzo domanda ; Po: prezzo offerta QO = QO (Po) QD = QO Pd Po = s Cap 10. Potere di mercato: monopolio

Concorrenza Perfetta Principali caratteristiche P = CLP = CMLP Profitti uguali a zero nel lungo periodo Elevato numero di acquirenti e di venditori, Prodotto omogeneo; Informazione perfetta; Limpresa price taker Il monopolio, un mercato in cui opera un solo venditore in presenza di molti acquirenti. Il comportamento di un monopolista, si analizza poich questi l'unico produttore di un bene, la curva della domanda con cui si confronta quella dell'intero mercato, che esprime la relazione tra il prezzo che il monopolista percepisce e la quantit che offre in vendita. Il monopolista pu trarre vantaggio dal potere che esercita sul prezzo e come il prezzo e la quantit che massimizzano il profitto siano differenti da quelli che prevarrebbero in un mercato concorrenziale. P>C Monopsonio: mercato con un solo acquirente in presenza di alcuni venditori. P=C'LP = CMLP Potere di mercato: la capacit del venditore o dell'acquirente di influire sul prezzo di un bene. 10.1 Il monopolio. Il monopolista ha il controllo totale sulla quantit di prodotto offerto alla vendita. Ci non significa che il monopolista possa praticare qualsiasi prezzo desideri quantomeno se desidera massimizzare il profitto. Il profitto e massimo quando R=C . Dopo di che sceglie quanto produrre e vendere unico venditore tanti acquirenti unico prodotto (assenza di sostituti) Ricavo medio e ricavo marginale: il ricavo medio del monopolista ossia il prezzo che egli percepisce per unit venduta, precisamente la curva di domanda del mercato. Per scegliere il livello di produzione massimizza il profitto, il monopolista deve conoscere anche il proprio ricavo marginale, ovvero la variazione del ricavo risultante da una variazione unitaria della produzione. Quando il ricavo marginale positivo il ricavo crescente con la quantit, quando il ricavo marinale negativo, il ricavo decrescente. Quando la curva di domanda ha inclinazione negativa, il prezzo (ricavo medio) maggiore del ricavo marginale poich tutte le unit sono vendute allo stesso prezzo. (grafico 10.1) Decisione ottima del monopolista Profitti massimi se si produce una quantit tale per cui R = C(vedi slide 10 alla 19) Monopolio e concorrenza perfetta a confronto: (GRAFICO 10.3) Nel Monopolio, siccome P > C, limpresa gode di potere di mercato Tanto pi la domanda elastica, quanto pi il prezzo si avvicina al costo marginale ed essere monopolista non risulta tanto vantaggioso; in concorrenza perfetta P=C' 10.4 I costi sociali del potere monopolistico. In regime di monopolio, il prezzo e pi elevato e i consumatori acquistano di meno. E anche i consumatore che acquistano a un prezzo pi elevato perdono surplus. (grafico 10.10) Lincentivo a praticare tali attivit dato dal profitto monopolistico ottenibile nel futuro. Pi grande il trasferimento dai consumatori alle imprese (area A), pi elevato il costo sociale del monopolio La regolamentazione in pratica complicata in quanto difficile stimare le funzioni di costo e di domanda delle imprese perch cambiano con il cambiamento delle condizioni di mercato Maggiore il trasferimento dai consumatori all'impresa maggiore il costo sociale del monopolio. Regolamentazione dei prezzi: le normative antitrust impediscono alle imprese di accumulare un eccessivo potere monopolistico a causa del costo sociale di quest'ultimo. Il governo pu limitare il monopolio con la regolamentazione dei prezzi, in un mercato concorrenziale la regolamentazione dei prezzi determina una perdita secca. Pmax implica una perdita secca.La regolamentazione dei prezzi pu eliminare la perdita secca derivante dal potere monopolistico. (Grafico 10.11) Monopolio naturale: la regolamentazione del prezzo viene spesso adottata per i monopoli naturali, come quelli relative alle imprese dei servizi pubblici locali. Un monopolio naturale: un'impresa in grado di generare l'intera produzione del mercato a un costo inferiore a quello che sarebbe praticato in presenza di diverse imprese. Se un'impresa un monopolio naturale pi efficiente lasciare che sia questa a servire l'intero mercato invece di avere diverse imprese in concorrenza. Un monopolio naturale si instaura solitamente in presenza di forti economie di scala. (grafico10.11) Monopolio bilaterale: mercato con un unico venditore e un unico acquirente. 10.7 LE leggi antitrust. Regole e normative che vietano azioni che limitino o che possono limitare la concorrenza. Promuovono la concorrenza: (fissazioni del prezzo, restrizioni della quantit, restrizioni verticali) Limitando le strutture di mercato ammissibili (vietando le fusioni e le acquisizioni, contrastando la formazione di monopoli) Condotta parallela: forma di collusione implicita nella quale un'impresa segue coerentemente le azioni di un'altra. Prezzi predatori: pratica di determinazione dei prezzi che spinge i concorrenti fuori del mercato e scoraggia l'ingresso di nuovi soggetti in modo che l'impresa possa godere di profitti futuri pi elevati. Cap. 12

Concorrenza mono polistica e oligopolio. I mercati caratterizzati dalla concorrenza monopolistica sono simili a quelli perfettamente concorrenziale sotto due aspetti: la presenza di mote imprese e libert di entrata e uscita; ne differiscono, invece, per il fatto che il prodotto differenziato: ogni impresa vende una diversa versione o marca dello stesso prodotto, che si distingue dalle altre per qualit, aspetto o reputazione e che prodotta esclusivamente dall'impresa proprietaria del marchio. Il grado di potere monopolistico di cui gode l'impresa dipende della sua capacit di differenziare il proprio prodotto da quello dei concorrenti, esempio dentifrici. L'oligopolio: un mercato in cui concorrono solo poche imprese e caratterizzato da barriere che ostacolano l'entrata di nuove. I prodotti delle imprese possono essere differenziati, come nel mercato automobilistico, o indifferenziati come nell'industria dell'acciaio. Il potere monopolistico e la redditivit di un'industria oligopolistica dipendono in parte dall'interazione tra le imprese: quando l'interazione pi cooperativa che concorrenziale, le imprese possono praticare prezzi ben al di sopra del costo marginale e ottenere profitti consistenti. In alcune industrie oligopolistiche le imprese cooperano, in altri concorrono in modo aggressivo nonostante ci comporti profitti minori. 12.1 Concorrenza monopolistica. Il potere di mercato (dovuto alla differenziazione) conduce ad un prezzo superiore al costo marginale. Se il prezzo si riducesse al livello per cui C = D, la rendita totale aumenterebbe Le caratteristiche chiave della concorrenza monopolistica: i mercati di concorrenza monopolistica hanno due caratteristiche fondamentali: le imprese concorrono vendono prodotti differenziati che sono altamente sostituibili, ma non perfetti sostituti. In altre parole l'elasticit incrociata della domanda rispetto al prezzo grande ma non infinita. Esiste libert di entrata e di uscita: relativamente semplice per una nuova impresa entrare nel mercato con il proprio marchio, e per le imprese gi presenti abbandonare il mercato quando il prodotto non pi redditizio. Equilibrio di breve e di lungo periodo: nella concorrenza monopolistica le imprese affrontano curve di domanda con inclinazione negativa, quindi dispongono di un certo grado di potere monopolistico. Ci significa che le imprese di queste industrie realizzano alti profitti. La concorrenza monopolistica somiglia anche alla concorrenza perfetta: dato che l'entrata nel mercato e libera, la possibilit di realizzare profitti attrae a nuove imprese e spinge verso il basso i profitti economici. Osservazioni (breve periodo) Domanda inclinata negativamente (prodotto differenziato) e relativamente elastica (sostituibile) Nel punto di massimizzazione dei profitti (R = C) limpresa beneficia di un profitto Osservazioni (lungo-periodo) I profitti attraggono nuove imprese (assenza barriere allentrata) La domanda dellimpresa scende a DLP , la quantit aumenta e il prezzo si riduce I profitti scendono a zero (P = CM) P > C in quanto esiste potere monopolistico (GRAFICO 12.1 12.2 12.3 12.4 12.5) Un beneficio concorrenza monopolistica: la diversificazione dei prodotti. 12.2 Oligopolio. Produzione ripartite in poche imprese. Concorrenza perfetta Qd=Qo ; Monopolio= R'=C'; oligopolio= aspetto quanto produc concorrenti. Poche imprese Prodotti omogenei oppure differenziati Barriere allentrata naturali o innocenti: economie di scala, pubblicit, ricerca e sviluppo, brevetti strategiche: controllo di input essenziali, capacit produttiva in eccesso Esempi: auto, petrolchimica, acciaio, computer, apparecchiature elettriche Equilibrio in un mercato oligopolistico: i produttori in oligopolio devono considerare la risposta dei rivali prima di decidere la quantit da produrre e il prezzo di vendita. Definizione di equilibrio Le imprese ottengono il meglio che possono e non hanno incentivo a cambiare prezzo o quantit. Tutte le imprese tengono conto delle decisioni dei rivali e presumono che i rivali facciano lo stesso. Equilibrio di Nash: ogni impresa massimizza il proprio obiettivo date le azioni delle imprese rivali. Critiche al modello di Bertrand: Nel caso di beni omogenei, pi naturale che la quantit venga scelta come variabile strategica, non il prezzo. Duopolio: mercato dove concorro due imprese. Il modello di Cournot (1801-1877): modello di oligopolio nel quale le imprese producono un bene

omogeneo, ciascuna impresa considera fisso il livello di produzione del concorrente e le due imprese scelgono simultaneamente i rispettivi livelli di produzione. Curva di reazione: la quantit che massimizza il profitto dellimpresa una funzione decrescente della quantit attesa prodotta dalla rivale. Equilibrio di cournot: punto di equilibrio del modello di Cournot nel quale ciascuna impresa ipotizza correttamente la quantit prodotta dal concorrente e sceglie coerentemente il proprio livello produzione. Il modello di Stackelberg: modello di oligopolio nel quale una delle imprese decide il proprio livello di produzione prima delle altre. Il modello di Bertrand: modello di oligopolio nelle quali le imprese producono un bene omogeneo ogni impresa considera fisso il prezzo scelto dai concorrenti e tutte le imprese decidono simultaneamente quale prezzo praticare.( con beni omogenei). Conclusioni su prezzi e collusione La collusione, che pu essere implicita o esplicita, conduce a maggiori profitti Tuttavia, una volta raggiunto un accordo collusivo, lincentivo a rompere laccordo e abbassare i prezzi molto forte In alcuni mercati oligopolistici il comportamento di prezzo nel corso del tempo prevedibile e la collusione implicita risulta agevole, mentre in altri contesti le imprese sono aggressive, la collusione non praticabile e non si modificano di frequente i prezzi per timore di scatenare le reazioni dei rivali Le conseguenze del dilemma del prigioniero per la fissazione del prezzo di oligopolio Segnalazione di prezzo: collusione implicita quando una impresa annuncia un aumento di prezzo nella speranza di essere imitata dalle rivali Leadership di prezzo: modello di comportamento nel quale una impresa regolarmente annuncia variazioni di prezzo che saranno imitate dalle altre imprese.