Sei sulla pagina 1di 35

ECONOMIA POLITICA II

Riassunti Libro
Scoprire la macroeconomia 1,
Olivier Blanchard,
Il Mulino















CAPITOLO 1 UN VIAGGIO INTORNO AL MONDO

PRESENTAZIONE: La responsabilit delle scelte di politica economica spetta ai ministri delle
Finanze e governatori delle banche centrali. I principali fenomeni verificatisi nellultimo periodo
sono la crisi economica degli Stati Uniti che ha coinvolto gli altri paesi e il prezzo altissimo del
petrolio. Tali fenomeni illustrano come i paesi siano dipendenti tra loro.

LE ORIGINI DELLA CRISI FINANZIARIA DEL 2007-2008, DI CHI E LA COLPA?
I consumi degli americani pagati dai cinesi?: Alla base della crisi finanziaria che ha colpito gli USA vi
il grave squilibrio delleconomia mondiale. Gli USA spendono molto di pi di quanto producono
mentre la Cina fa il contrario, tuttavia in uneconomia chiusa tutti questi flussi si compensano e il
paese in pareggio col resto del mondo. Questo si ottiene perch alcuni paesi spendono pi di
quanto producono indebitandosi nei confronti dei paesi che risparmiano. I paesi che si indebitano
sono quelli che riescono a convincere gli altri paesi che pagheranno i debiti. Il trasferimento di
risparmio tra paesi consente di non sprecare il risparmio stesso in progetti poco redditizi. I cinesi
grazie alle loro esportazioni accumulavano risparmi e li investivano in America e in Europa perch
non avevano opportunit di investimento nel loro paese. La svalutazione della moneta facilitando
le esportazioni aiuta a ridurre laccumulo di debiti esteri e quindi a limitare la crescita economica e
a livellare gli squilibri. Tuttavia la separazione tra risparmio e investimento tra paesi non
costituisce da sola la causa della crisi.
La liberalizzazione finanziaria?: Dal 2007 al settembre 2008 le perdite subite dalle banche
americane ammontano a 500miliardi di dollari e equivalgono ad una caduta del 3% dei prezzi delle
azioni quotate in borsa, tuttavia questa perdita notevole non pu provocare una crisi tanto grave.
Fino agli anni 70 le
banche di investimento detenevano il monopolio dei titoli e le banche commerciali non potevano
muoversi
oltre i confini statali. Entrambe avevano scarsa concorrenza che rendeva i servizi delle banche
molto costosi. Le banche erano anche di dimensione molto piccole e quindi erano fragili ed esposti
a shock negativi del luogo in cui operavano. Negli anni 80 e 90 il mercato finanziario fu aperto e
le banche commerciali e di investimento poterono unirsi e oltrepassare i confini statali grazie alla
crescente rapidit e alla riduzione dei costi di comunicazione. La liberalizzazione ebbe effetti
positivi in quanto il mercato si concentr eliminando le banche piccole che vennero assorbite dai
colossi meno esposti ai rischi e pi stabili grazie anche alla tecnologia. Si ebbe unaccelerazione
della crescita a causa della frequenza e dellentit delle fluttuazioni che si attenuarono e della
liberalizzazione dei mercati finanziari. Gli investitori audaci comprarono aziende a debito e le
smontarono per poi rivenderle lasciando che il mercato le rimontasse in modo pi efficiente. Le
banche di investimento finanziarono aziende operanti attraverso internet.
Piramidi invertite?: Ci che determin la crisi del 2008 una regolamentazione assente o sbagliata
soprattutto in materia finanziaria (capitale sociale bancario). Da quando persero il monopolio del
commercio dei titoli, queste si misero a commerciare in proprio. Tali investimenti sono tanto pi
redditizi quanto minore il capitale che deve essere impiegato per farlo (pi elevata leva
finanziaria), ci comporta di usare debiti e non capitale sociale in quanto gli azionisti pretendono
rendite elevate. Finche le cose vanno bene si hanno rendimenti straordinari ma quando vi una
perdita sullinvestimento la banca che non ha abbastanza capitale per assorbire tale perdita entra
in crisi. I rischi per le banche di investimento sono ancora pi gravi perch non possono prendere a
prestito liquidit dalla banca centrale. Tale esempio si diffuse sul mercato e anche altre istituzioni
come le assicurazioni cominciarono ad esporsi a grandi rischi
con poco capitale tuttavia il mercato smise di crescere e le istituzioni si dimostrarono molto
fragile. Quando il mercato immobiliare croll, il valore dei mutui in cui avevano investito sceso e
hanno cominciato a perdere senza avere capitali sufficienti a farvi fronte. La responsabilit di chi
ha concesso di correre rischi cos elevati con un capitale tanto scarso ossia la mancanza di
regolamentazione.
I mutui sub-prime: La met delle obbligazioni americane consiste in mutui immobiliari di cui circa
la met di essi detenuti dalle istituzioni indebitate. I mutui sub-prime sono circa il 10% e sono stati
concessi a famiglie
che avevano una probabilit elevata di non riuscire a pagare le rate, tali mutui sono stati venduti
dalle banche ad altri investitori. La parte che finita nei bilanci delle banche risultata una perdita
in quanto acquistati indebitandosi. Le banche sono fallite perch avevano un capitale insufficiente
a coprirli.

LE PROSPETTIVE ECONOMICHE DEGLI STATI UNITI:
Le variabili macroeconomiche sono la produzione (livello complessivo e tasso di crescita), la
disoccupazione (proporzione tra lavoratori che non sono occupati e stanno cercando lavoro) e il
tasso di inflazione (tasso al quale il prezzo medio dei beni nelleconomia cresce nel tempo).
Lultimo decennio stato uno dei migliori periodi economici ma la crescita non stata elevata in
ogni singolo anno in quanto leconomia americana ha vissuto una breve recessione (riduzione
produttiva) e negli ultimi anni ha rallentato. Ci accaduto perch le famiglie americane sono
state colpite da quattro shock economici avvenuti a breve distanza luno dallaltro e si tratta
dellaumento del prezzo del petrolio, della diminuzione del prezzo delle case, della caduta della
borsa (meno valore investimenti in azioni) e della restituzione del credito che ha reso difficile e
costoso indebitarsi. In pratica la ricchezza delle famiglie diminuita: in condizioni normali i
consumi di una famiglia ammontano al prodotto del tasso di interesse reale moltiplicato per il
valore della ricchezza quindi leffetto una riduzione dei consumi in condizioni di crisi. Laumento
del prezzo del petrolio si traduce in un maggior trasferimento di denaro ad altri paesi e quindi a
una riduzione dei consumi. Se i paesi produttori di petrolio hanno una propensione al consumo pi
bassa, il totale dei consumi mondiale scende e si entra in recessione. La politica economica
americana ha reagito con una riduzione delle imposte e dei tassi di interesse senza successo in
quanto i consumi delle famiglie sono scesi. Laumento del prezzo del petrolio ha anche aumentato
linflazione. Le importazioni statunitensi hanno superato le esportazioni verso il resto del mondo
(disavanzo commerciale). Quindi la spesa eccede il reddito e la differenza va presa a prestito dal
resto del mondo. Finch i creditori sono disposti a concedere prestiti si pu continuare tuttavia
non saggio farlo in quanto significa dover restituire pi denaro e non averne disponibile in
futuro. Dal momento che si arresta la volont di concedere prestiti, il paese indebitato deve
colmare in blocco il disavanzo finanziario trovandosi in crisi. I disavanzi pubblici portano ad un
accumulo di debito pubblico e si richiedono maggiori imposte in future. necessario quindi una
riduzione del debito pubblico e un aumento del tasso di risparmio privato in modo da assicurarsi
una vecchiaia.

I PAESI DELLEURO:
Nel 1957 sei paesi europei decisero di formare un mercato comune in Europa dove beni e persone
potessero muoversi liberamente, da allora altri 21 paesi hanno aderito. Tale gruppo composto
oggi da 27 pesi si chiama Unione Europea e ha un notevole potere economico in quanto la loro
produzione complessiva supera quella degli USA. Tuttavia la performance economica dei pi
importanti paesi dellUE non stata soddisfacente nellultimo decennio come quella degli USA in
quanto si ha avuta una bassa crescita di produzione accompagnata da una disoccupazione elevata.
Linflazione per meno alta rispetto a quella USA. I problemi economici europei sono dunque la
crescita del reddito procapite, lelevata disoccupazione e lintroduzione della moneta unica euro.
Perch il reddito procapite in Europa diminuito relativamente agli Stati Uniti?: Il reddito
procapite indica il tasso di partecipazione alla forza lavoro, quante ore lavora ciascun lavoratore e
la produttivit oraria. Il reddito procapite pu scendere perch poche persone lavorano; perch
chi lavora, lavora poche ore e perch chi lavora quando lavora produce poco. Dunque in base al
motivo del basso reddito procapite bisogna potenziare una di queste tre cause.
Come ridurre la disoccupazione europea?: Negli anni 70 si parlava di miracolo europeo della
disoccupazione in quanto vi era un tasso molto basso ma alla fine del decennio il tasso inizio a
salire superando quello degli stati uniti. i politici sostengono che la politica monetaria seguita dalla
BCE ha mantenuto tassi di interessi troppo alti provocando calo della domanda e disoccupazione, il
rimedio sarebbe ridurre i tassi di interesse. Gli economisti credono che le istituzioni del mercato
del lavoro siano il problema in quanto una politica economica restrittiva non pu mantenere una
disoccupazione cos elevata per troppo tempo come sta accadendo quindi vi un intoppo altrove.
Altri economisti pensano che il problema principale sia lelevata protezione che i paesi europei
accordano ai lavoratori tutelandoli e rendendo costoso per le imprese il licenziamento provocando
un disincentivo ad assumere, inoltre vi un livello troppo alto di sussidi riducendo lincentivo a
cercare lavoro, il rimedio consiste nel rimuovere le
rigidit del mercato del lavoro. Tuttavia la disoccupazione elevata nei quattro maggiori paesi
dellEuropa
rivolgendo il problema al modo in cui viene effettuata la protezione ai lavoratori.
Cosa ha fatto leuro allEuropa? : Nel 1999 lUE ha iniziato il processo di conversione delle
monete nelleuro. Non tutti hanno aderito ma possono farlo in futuro. La transizione avvenuta in
fasi successive, fissando prima il valore da attribuire alla moneta nazionale, per un periodo poi i
prezzi erano quotati in entrambe le valute ma leuro non era ancora circolante fino al 1 gennaio
2002. I sostenitori delleuro sottolineano limportanza simbolica di unione dopo un passato di
guerre i vantaggi economici che consistono in nessuna variazione dei tassi di cambio, nessuna
necessit di cambiare moneta per viaggiare e la creazione di una potenza economica. Altri
ritengono che il valore simbolico delleuro pu portare a costi economici: moneta comune significa
politica monetaria comune e quindi stesso tasso di interesse per tutti i paesi della Eurozone, ci
significa non poter intervenire su fasi di recessione o espansione.

CINA: La Cina uno dei maggiori economici mondiali con una popolazione enorme ma il suo
output basso e il suo Pil anche rispetto ad altri paesi. tuttavia un paese povero dove il tasso di
cambio permette un potere dacquisto maggiore in Cina piuttosto che in latri paesi. Per quanto
riguarda il tenore di vita bisogna tenere conto delle misure in parit di poteri dacquisto che
molto inferiore rispetto a quello di altri paesi ricchi ma molto maggiore rispetto ai dati suggeriti
dal Pil procapite. La Cina cresciuta molto rapidamente in due decenni. Tale crescita deriva da una
rapidissima accumulazione di capitale e dal rapido progresso tecnologico incoraggiando le imprese
a investire e a unirsi con imprese estere imparando nuove tecniche. Vi una pianificazione
centralizzata delleconomia di mercato e una transazione pi lenta che ha stabilizzato la situazione
e una stabilit politica consolidata nel tempo che ha favorito la transazione economica tramite
stretto controllo e miglior protezione dei diritti di propriet incentivando gli investimenti. Gli
squilibri delleconomia cinese legati alla crescita si avvertano fra le province collocate
lungo la costa e quelle interne, fra i lavoratori con diversa qualifica, fra settori e inoltre la
protezione sociale assicurata dal partito comunista scomparsa e il saldo delle partite correnti
continua ad essere squilibrato (troppo risparmio rispetto agli investimenti). La crescita punta sulle
esportazioni dei beni manifatturieri e
ha sviluppato lindustria a discapito dei servizi come la sanit e lassenza di assistenza pubblica. la
Cina non
ha debito pubblico avendo la possibilit di far crescere la spesa pubblica per finanziare tali servizi
ma tuttavia, non ancora successo un potenziamento di tali servizi. La spesa interna cinese
potrebbe rappresentare un nuovo motore economico mondiale a fronte della recessione.

GUARDANDO AVANTI: LIndia un paese povero e grande che cresce molto velocemente. Il
Giappone aveva una crescita economica che nellultimo decennio scemata tramite crolli di borsa
e stagnazione. LAmerica Latina ha ridotto linflazione ma vi squilibrio tra i paesi stessi del
continente, vi stato il crollo del tasso di cambio e una grave crisi bancaria che ha causato un calo
della produzione. LEuropa centrale e orientale passata dalla pianificazione centralizzata al
sistema di mercato ma non vi stato aumento della produzione. LAfrica era in stagnazione ma ora
cresce.












CAPITOLO 2 UN VIAGGIO ATTRAVERSO IL LIBRO


LA PRODUZIONE AGGREGATA: La parola aggregato per gli economisti significa totale. Solo dopo
la fine della seconda guerra mondiale i paesi iniziarono a tenere un sistema di contabilit nazionali.
Vi un sistema contabile unificato elaborato dallEurostat per i paesi dellUE. In Italia lIstat
(statistiche) ricostruisce le serie storiche disaggregate dei conti economici nazionali. La contabilit
nazionale definisce i concetti utilizzati e indica come costruire le misure corrispondenti.
Pil, produzione e reddito: La misura della produzione aggregata nella contabilit nazionale
chiamata prodotto interno lordo o Pil. Il Pil il valore dei beni e dei servizi finali prodotti
nelleconomia in un dato periodo. Il Pil pu essere considerato anche come la somma del valore
aggiunto nelleconomia in un dato periodo di tempo. Il valore aggiunto da unimpresa nel processo
produttivo definito come il valore della sua produzione meno il valore dei beni intermedi
utilizzati nella produzione stessa. Il valore dei beni e dei servizi finali pu essere considerato anche
come la somma del valore aggiunto da tutte le imprese lungo la catena produttiva di quei beni
finali. Finora il Pil stato analizzato riguardo al lato della produzione, ma se
lo si analizza dal lato del reddito esso va diviso fra reddito da lavoro e reddito da capitale (o
profitto che rimane allinterno dellimpresa). Il Pil in questo caso la somma dei redditi
delleconomia in un dato periodo di tempo. Quindi dal lato della produzione il Pil uguale al valore
dei beni e servizi finali prodotti nelleconomia in un dato periodo di tempo ed la somma del
valore aggiunto nelleconomia in un dato periodo di tempo, dal lato del reddito il Pil la somma
dei redditi percepiti nelleconomia in un dato periodo di tempo. Produzione aggregata e reddito
aggregato sono sempre uguali.
La composizione del Pil in Italia: Il Pil definito ai prezzi di mercato in quanto il risultato finale
dellattivit produttiva delle unit produttive residenti che misurato ai prezzi base di vendita. I
consumi sono valutati ai prezzi dacquisto comprensivi del carico fiscale. Per calcolare il Pil occorre
aggiungere alla produzione il flusso di imposte indirette sui prodotti. Il Pil indica il valore della
produzione al netto dei consumi
intermedi. Il Pil pu essere calcolato come somma della produzione di beni finali (produzione,
imposte e consumi intermedi), come somma del valore aggiunto nelleconomia (agricoltura,
industria, servizi e imposte indirette), o come somma dei redditi percepiti nelleconomia (reddito
da lavoro, da capitale e imposte indirette).
Pil nominale e Pil reale: Da un anno per laltro gran parte dellaumento del Pil riflette variazioni di
prezzi e
non di quantit quindi necessario distinguere tra Pil nominale e reale. Il Pil nominale (o a valori o
a prezzi correnti) la somma delle quantit dei beni finali valutati al loro prezzo corrente e pu
crescere perch la produzione cresce nel tempo o perch il prezzo cresce nel tempo. Se si vuole
misurare la produzione bisogna eliminare leffetto dei prezzi quindi viene costituito il Pil reale (o a
prezzi costanti o intermini di beni o aggiustato per linflazione o ai prezzi del 2000) come somma
delle quantit di beni finali valutati a prezzi costanti invece che correnti. Per costruire il Pil reale
bisogna moltiplicare in numero di beni prodotti in ogni anno per lo stesso prezzo di un anno base.
Se si costruisce il Pil reale sulla base di prezzo di un altro anno, esso risulterebbe diverso ma il suo
tasso di variazione sarebbe lo stesso. Il Pil reale deve essere definito come media ponderata della
produzione di tutti i beni finali. La misura del Pil reale tiene conto della variazione dei prezzi
relativi nel tempo ed chiamata Pil reale a valori concatenati a prezzi del 2000 (anno in cui le due
costruzioni di Pil risultano uguali).
Pil o tasso di crescita?: Il livello del Pil reale misura la dimensione economica di un paese, il Pil
reale procapite il Pil reale diviso per la popolazione di un paese e misura il tenore di vita di quel
paese. Per valutare landamento economico negli anni si considera il tasso di crescita del Pil reale, i
periodi positivi sono chiamati espansioni, quelli negativi recessioni (economia registra almeno due
trimestri consecutivi di crescita negativa). La crescita del Pil nellanno t costruita come (Yt-Yt-
1)/Yt-1. Dove Yt indica il Pil reale nellanno t.

LE ALTRE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE:
Leconomia per essere in buona salute deve avere alta crescita, bassa disoccupazione e bassa
inflazione.
Il tasso di disoccupazione: Loccupazione data dal numero di persone che hanno un lavoro. La
disoccupazione costituita dal numero di persone che non hanno un lavoro ma lo stanno
cercando. La forza lavoro (L) la somma delle persone occupate (N) e di quelle disoccupate (U). il
tasso di disoccupazione il rapporto tra il numero dei disoccupati (U) e la forza lavoro (L). Il calcolo
del tasso di disoccupazione si basa su indagini sulle famiglie, ogni persona viene classificata come
occupata se nella settimana che precede quella in cui viene condotto il sondaggio ha svolto
almeno unora di lavoro retribuito. Tali informazioni vengono raccolte dallIstat intervistando ogni
trimestre un campione di famiglie. Solo chi in cerca di un lavoro considerato disoccupato, chi
invece non lavora e non lo cerca
considerato fuori dalla forza lavoro. Quando la disoccupazione alta alcune persone disoccupate
smettono di cercare e quindi prendono il nome di lavoratori scoraggiati. Nella pratica quando
leconomia rallenta si osserva un aumento della disoccupazione e un aumento del numero di
persone che escono dalla forza lavoro, analogamente un aumento del tasso di disoccupazione di
solito associato a una riduzione del
tasso di partecipazione (rapporto della forza lavoro sul totale della popolazione in et lavorativa),
quindi una variabile poco affidabile. Gli economisti si preoccupano della disoccupazione per i
suoi effetti diretti sul benessere delle persone disoccupate (disoccupazione associata a disagi
finanziari e psicologici) e perch essa segnala che leconomia potrebbe non utilizzare in modo
efficiente le sue risorse. Anche un tasso di disoccupazione molto basso pu essere un problema in
quanto potrebbe a sovrautilizzare le sue risorse umane e incorrere in carenze di forza lavoro.
Il tasso di inflazione: Linflazione un aumento sostenuto dal livello generale dei prezzi o
semplicemente
del livello dei prezzi. Il tasso di inflazione il tasso a cui il livello dei prezzi aumenta nel tempo. La
deflazione una riduzione sostenuta dal livello dei prezzi e corrisponde a un tasso di inflazione
negativo. Per calcolare
il livello dei prezzi si considerano gli indici dei prezzi ossia il deflatore del Pil e lindice dei prezzi al
consumo.
- Il deflatore del Pil definito come rapporto tra il Pil nominale e il Pil reale nellanno t e indica il
prezzo medio dei beni inclusi nel Pil ossia dei beni finali prodotti nelleconomia. Se il Pil nominale
aumenta pi velocemente del Pil reale la differenza dovuta allaumento dei prezzi. Il deflatore
del Pil un numero indice ed uguale a 1 nel 2000. Il tasso di variazione del deflatore da un anno
allaltro indica il tasso al quale cresce il livello dei prezzi nel tempo ossia il tasso di inflazione. Il Pil
nominale (Yt) uguale al Pil reale (P) moltiplicato per il deflatore (Yt), in altri termini il tasso di
crescita del Pil nominale uguale al tasso di inflazione pi il tasso di crescita del Pil reale.
- Lindice dei prezzi al consumo interessa i consumatori perch indica i prezzi dei beni che essi
consumano. I beni prodotti nelleconomia non coincidono necessariamente con i beni acquistati
dai consumatori in quanto alcuni dei beni nel Pil non sono venduti ai consumatori ma ad altri
soggetti e alcuni dei beni acquistati dai consumatori non sono prodotti allinterno delleconomia
ma
importati. Per misurare il prezzo medio al consumo o costo della vita si usa lIPC. Lindice dei prezzi
al consumo esprime il costo in euro di un dato paniere di beni e servizi nel corso del tempo. Il
paniere tenta di rappresentare il consumo di un tipico soggetto urbano. LIstat svolge indagini sui
prezzi e costruisce lindice dei prezzi al consumo che un numero indice pari a 100 nel 2000. In
Europa viene utilizzato anche lindice armonizzato dei prezzi al consumo che d misure
comparabili dellinflazione nellarea delleuro.
I due tassi di inflazione differiscono dell1% quindi si muovono quasi insieme e il tasso non
differisce a seconda che si usi uno o laltro indice quindi si indicano entrambi come livello dei
prezzi Pt. Se linflazione significasse solo un incremento proporzionale di tutti i prezzi e salari
(inflazione pura), essa non influenzerebbe i prezzi relativi. Il salario reale misurato in termini di
beni e non di moneta. Tuttavia linflazione pura non esiste: durante le fasi inflattive non tutti i
salari e i prezzi aumentano proporzionalmente. Linflazione influenza la distribuzione del reddito e
quindi si perde potere dacquisto. Le variazioni dei prezzi relativi generano anche maggiore
incertezza rendendo difficili le future decisioni e il sistema fiscale deve tenere conto dellinflazione
per gli scaglioni. Una deflazione elevata crea molti degli stessi problemi creati da unelevata
inflazione in quanto aumenta lincertezza e riduce la capacit della politica monetaria di
influenzare il livello di produzione. Il tasso ottimale dellinflazione quello compreso tra lo 0 e il
3%.

BREVE, MEDIO E LUNGO PERIODO:
La produzione aggregata di uneconomia e precisamente il livello della produzione dipende dalla
domanda dei beni. Ci che conta per la produzione aggregata per il lato dellofferta ossia
quanto leconomia pu effettivamente produrre. Ci dipende a sua volta dalla tecnologia
disponibile in quelleconomia, da quanto capitale utilizzato e dalle capacit dei lavoratori
impiegati. Tali fattori sono fondamentali nel livello di produzione. Il livello tecnologico di un paese
dipende dalla sua abilit di innovare e di introdurre nuove tecnologie. La quantit del suo capitale
dipende da quanto le persone risparmiano. La capacit dei lavoratori dipende dalla qualit del
sistema educativo. Le vere determinanti della produzione sono il sistema educativo, il tasso di
risparmio e la qualit di governo (regolamentazione e rispetto delle leggi). Ognuna di tali
determinanti vale su un orizzonte temporale diverso. Nel breve periodo (pochi anni) le variazioni
annuali della domanda possono derivare da cambiamenti nella fiducia dei consumatori o da altre
fonti e possono portare a recessione o espansione. Nel medio periodo (decennio) leconomia
tende al livello di produzione determinato da fattori relativi allofferta ossia il capitale, la
tecnologia e la dimensione della forza lavoro. Nel lungo periodo (un secolo) le determinanti del
livello di produzione sono il sistema di istruzione, il tasso di risparmio e il ruolo del governo.

UN VIAGGIO ATTRAVERSO IL LIBRO:
Il libro diviso in due volumi. Il primo volume diviso in due parti oltre lintroduzione vi sono i
fondamenti e gli assaggi. I fondamenti si dividono in tre parti ossia il breve, il medio e il lungo
periodo. Il breve periodo si concentra sul ruolo della domanda ignorando i vincoli dal lato
dellofferta; descrive il mercato dei beni e quello finanziario e si uniscono. Ne risulta il modello IS-
LM sviluppato alla fine degli anni 30 e fornisce un modo semplice per pensare alle determinanti
della produzione e un primo studio di come la politica fiscale e monetaria possono influenzare la
produzione. Il medio periodo prende in considerazione il lato dellofferta concentrandosi sul
mercato del lavoro, dei beni
e finanziario concretizzandosi nel modello AS-AD ossia nel modello di domanda e offerta
aggregata. Il lungo periodo mostra come tale modello pu essere utilizzato per pensare alla
relazione tra produzione i inflazione, al ruolo della politica monetaria e fiscale; vengono introdotti i
fatti relativi alle differenze nella crescita della produzione tra paesi nel corso del tempo e come
laccumulazione di capitale e il progresso tecnologico determinano la crescita. Tale parte illustra
leconomia chiusa ignorando il resto del mondo, tuttavia la vera economia aperta perch
caratterizzata da scambi. Nella parte riguardante leconomia aperta si illustra cosa accade quando
si interagisce e come tenere conto nello studio dei mercati dei beni e delle attivit finanziarie.
Viene considerato poi il modello IS-LM in economia aperta. I fondamenti
insegnano un modo per pensare alla determinazione della produzione, della disoccupazione e
dellinflazione ignorando il ruolo delle aspettative. La parte degli assaggi introduce le aspettative
come ruolo cruciale per le decisione economiche illustrando la politica fiscale e monetaria. La
politica economica (fiscale e monetaria) interessa lultima parte del libro che valuta appunto il
ruolo di tale disciplina.













CAPITOLO 3 IL MERCATO DEI BENI


PRESENTAZIONE:
Per studiare landamento dellattivit economica nel breve periodo bisogna concentrarsi sulle
interazioni tra produzione, reddito e domanda. Le variazioni della domanda provocano variazioni
della produzione. Le variazioni della produzione comportano variazioni di reddito. Le variazioni del
reddito portano a variazioni della domanda.
LA COMPOSIZIONE DEL PIL:
Per capire cosa determina la domanda di beni bisogna scomporre il Pil dal punto di vista dei vari
beni prodotti e dal punto di vista degli acquirenti. La prima componente del Pil il consumo (C)
ossia dei beni e servizi acquistati dai consumatori. La seconda componente linvestimento (I) ove
linvestimento fisso si distingue dalle scorte. Linvestimento la somma dellinvestimento non
residenziale da parte delle imprese e dellinvestimento residenziale da parte degli individui.
Entrambi i soggetti acquistano in relazione ai servizi che questi beni daranno in futuro. La terza
componente del Pil la spesa pubblica (G) in beni e servizi acquistati dallo stato (inclusi gli stipendi
dei dipendenti pubblici ed
esclusi i trasferimenti n gli interessi sul debito pubblico). La somma di tali componenti
rappresenta la
spesa in beni e servizi da parte dei residenti. Per ottenere la spesa totale in beni nazionali bisogna
includere le importazioni (IM) e le esportazioni (S). La differenza tra esportazioni e importazioni
rappresenta le importazioni nette o saldo commerciale. Se le esportazioni sono inferiori alle
importazioni si presenta un disavanzo commerciale, viceversa un avanzo commerciale. La
differenza tra produzione e vendite in un
dato anno prende il nome di investimento in scorte, se la produzione maggiore delle vendite
linvestimento in scorte positivo (pi scorte in magazzino) viceversa negativo.

LA DOMANDA DI BENI:
La domanda totale di beni si indica con Z ed espressione della scomposizione del Pil ossia
Z=C+I+G+(X-IM) che rappresenta unidentit. Per determinare Z assumiamo che tutte le imprese
producano lo stesso bene che pu essere usato indifferentemente dai consumatori, dalle imprese
e dal governo quindi vi un solo mercato. assumiamo inoltre che le imprese siano disposte a
fornire qualsiasi quantit del bene a un dato prezzo P. assumiamo anche che leconomia sia chiusa
ossia non commercia con il resto del mondo annullando esportazioni e importazioni. Si ha dunque
che la domanda di beni data da Z=C+I+G.
Consumo (C): La determinante principale del consumo il reddito disponibile Yd (reddito al netto
delle imposte), se esso aumenta le persone comprano di pi, viceversa comprano di meno. Quindi
si ha che il consumo una funzione del reddito disponibile (funzione del consumo). La relazione
tra consumo e reddito data da C=c0+c1Yd in quanto la funzione del consumo una relazione
lineare caratterizzata dai parametri
c1 (propensione al consumo , esprime leffetto sul consumo di un euro aggiuntivo di reddito
disponibile, un
aumento del reddito fa aumentare il consumo quindi il parametro positivo, inoltre minore di 1
in
quanto i consumatori vogliono consumare solo una parte del loro reddito e non lintero per
risparmiare in
futuro) e c0 (consumo desiderato in corrispondenza di un reddito disponibile nullo ossia se Yd=0
allora C=c0; tale parametro sempre positivo in quanto si attinge dai risparmi o prendendo a
prestito). La relazione tra consumo e reddito lineare ed rappresentata da una retta con
intercetta verticale pari a c0 e pendenza uguale a c1. Il reddito disponibile dato da Yd=Y-T dove Y
il reddito e T le imposte al netto dei trasferimenti. Il consumo C una funzione del reddito e
delle imposte in quanto un reddito pi alto fa aumentare il consumo meno che proporzionalmente
e imposte pi elevate fanno diminuire il consumo meno che proporzionalmente, tale funzione si
esprime con C=c0+c1(Y-T).
Investimento (I): Le variabili endogene dipendono dal modello economico e ne derivano
internamente (consumo), le variabili esogene vengono prese come date e non sono spiegate
allinterno del modello (investimento).
Spesa pubblica (G): La spesa pubblica descrive la politica fiscale del governo. Si considerino G e T
come esogene in quanto il governo non presenta regolarit di comportamento come i
consumatori e le imprese e tali variabili devono essere di scelta del governo sulla base delle
conseguenze che si possono riportare in futuro.

LA DETERMINAZIONE DELLA PRODUZIONE DI EQUILIBRIO:
Se le imprese tengono scorte, la produzione non deve essere necessariamente uguale alla
domanda in quanto esse possono rispondere a un aumento della domanda attingendo dalle scorte
oppure possono rispondere a una diminuzione della domanda continuando a produrre
accumulando scorte. Assumendo che le imprese non abbiano scorte di magazzino, linvestimento
in scorte nullo e lequilibrio del mercato dei beni richiede che la produzione sia uguale alla
domanda ossia Y=Z (equazione di equilibrio). I modelli economici sono composti dalle equazioni di
comportamento (descrivono comportamenti degli operatori economici), dalle identit e dalle
equazioni di equilibrio. Sostituendo a Z la sua espressione si ottiene Y=c0+c1(Y-T)+I+G e tale
equazione esprime che in equilibrio, la produzione Y uguale alla domanda e che la domanda
dipende dal reddito Y che uguale alla produzione. Y esprime sia la produzione che il reddito ed
entrambi esprimono il Pil da due punti di vista diversi. Risolvere il modello economico significa
capire il significato dei risultati e si pu risolvere graficamente, algebricamente e a parole.
Lalgebra assicura la coerenza logica del modello, i grafici lintuizione e le parole spiegano i
risultati.
L algebra: Se si risolve lequazione di equilibrio Y=c0+c1(Y-T)+I+G spostando a sinistra il termine
c1Y si ottiene (1-c1)Y=c0+I+G+c1T e se tale equazione si divide per (1-c1) si ottiene Y=[1/(1-
c1)](c0+I+G+c1T) che esprime il livello di produzione tale per cui la produzione uguale alla
domanda (produzione di equilibrio). Analizzandone le componenti si ha che il termine
(c0+I+G+c1T) rappresenta la componente della domanda che non dipende dal livello di produzione
ossia la spesa autonoma. La spesa autonoma in generale positiva ma nel caso il governo avesse
imposte superiori alla spesa, questa sarebbe negativa. Considerando il fattore 1/(1-c1) e
considerando che la propensione al consumo c1 compreso tra 0 e 1 allora tutto il fattore un
numero maggiore di uno che moltiplica leffetto della spesa autonoma (moltiplicatore), quanto pi
c1 si avvicina a 1 tanto pi maggiore sar il moltiplicatore. Per effetto del moltiplicatore, qualsiasi
aumento della spesa autonoma influenzer la produzione in misura superiore alleffetto diretto
sulla spesa autonoma. Un incremento di c0 fa aumentare la produzione e ci porta a un aumento
del reddito dello stesso ammontare che a sua volta aumenta il consumo che si ripercuote sulla
domanda.
Un grafico: Graficamente bisogna rappresentare la produzione (assi ordinate) in funzione del
reddito (asse ascisse) tramite una retta a 45 con pendenza uguale a 1 in quanto le due grandezze
coincidono sempre. Dopodich bisogna disegnare la domanda come funzione del reddito nello
stesso grafico secondo lequazione Z=(c0+I+G-c1T)+c1Y dove la spesa autonoma tra parentesi. La
domanda dipende dalla spesa autonoma e dal reddito ed rappresentata dalla linea ZZ. Si ha che il
valore della domanda quando il reddito nullo pari alla spesa autonoma e linclinazione uguale
alla propensione al consumo c1. In equilibrio la produzione uguale alla domanda e cio nel punto
in cui la retta elastica, alla sinistra di tale
punto la domanda eccede la produzione e viceversa alla destra. Se c0 aumenta, aumentano anche
i consumi e quindi la domanda e la retta ZZ si sposta parallelamente in alto traslando anche il
punto di equilibrio. Lincremento della produzione pu essere misurato su entrambi gli assi ed
maggiore dellaumento iniziale del reddito esplicando leffetto del moltiplicatore. Lincremento
iniziale del consumo fa aumentare la domanda, al livello iniziale di reddito la domanda pi alta e
per soddisfare tale livello le imprese aumentano la produzione della stessa misura implicando che
il reddito aumenta. Sia produzione che
reddito sono pi alti della stessa misura ma laumento del reddito induce un ulteriore aumento
della domanda e quindi della produzione finch non si raggiunge il punto di equilibrio sulla retta
parallela dove produzione e domanda sono uguali. Il primo aumento della domanda porta a un
aumento equivalente della produzione che porta a un aumento equivalente del reddito. Il secondo
aumento della domanda uguale al primo aumento di reddito moltiplicato per la propensione al
consumo c1, tale secondo aumento della domanda porta a un aumento di pari ammontare della
produzione e a un pari aumento del reddito. Il terzo aumento della domanda uguale a c1 (ossia il
secondo aumento del reddito) moltiplicato per c1 (propensione marginale al consumo) e cos via.
Laumento totale della produzione dopo n passaggi uguale 2 n allammontare dellaumento
moltiplicato per la somma 1+c1+c1 ++c1
(serie geometrica). Quando c1
inferiore a 1, allaumentare di n la somma continua ad aumentare ma si avvicina al limite cosicch
laumento finale della produzione pari a 1/(1-c1) ossia il moltiplicatore. Laumento iniziale della
domanda scatena aumenti successivi della produzione ciascuno dei quali fa aumentare il reddito,
che a sua volta fa aumentare la domanda e cosi via; il moltiplicatore la somma di tutti questi
aumenti successivi della produzione. Il meccanismo risulta simmetrico anche per le riduzioni della
domanda che fanno diminuire la produzione.
A parole: La produzione dipende dalla domanda, che a sua volta dipende dal reddito che uguale
alla produzione. Un incremento della domanda fa aumentare la produzione e il reddito. Laumento
del reddito fa a sua volta aumentare la domanda e quindi la produzione. Il risultato finale un
aumento della produzione superiore allincremento iniziale della domanda, di un fattore pari al
moltiplicatore. La dimensione del moltiplicatore collegata direttamente al valore della
propensione al consumo. Per stimare le equazioni di comportamento gli economisti usano
leconometria (statistica economica).
Quanto dura laggiust amento? : Assumendo che la produzione sia uguale alla domanda significa
che essa reagisce istantaneamente a variazioni della domanda. Nella funzione del consumo
abbiamo assunto che il consumo rispondesse istantaneamente a variazioni del reddito disponibile.
Laumento della domanda provoca un aumento immediato della domanda. Tuttavia nella realt
laggiustamento istantaneo non plausibile, la dinamica dellaggiustamento molto complicata. In
seguito a un aumento della spesa per i consumi, la produzione non raggiunge subito il nuovo
equilibrio ma aumenta progressivamente. La durata dellaggiustamento dipende dal modo e dalla
frequenza con cui le imprese rivedono i loro piani di produzione.

INVESTIMENTO = RISPARMIO, UN MODO ALTERNATIVO DI PENSARE ALLEQUILIBRIO SUL
MERCATO DEI BENI:
Lequilibrio pu essere rappresentato in termini di risparmio e investimento sulla base
dellapproccio di Keynes nel suo modello della Teoria Generale. Il risparmio la somma di
risparmio privato e pubblico. Il risparmio privato (S) dei consumatori uguale al loro reddito
disponibile al netto dei consumi ossia S=Yd-C. Usando la definizione di reddito disponibile si pu
scrivere il risparmio come reddito al netto di imposte e di consumi ossia S=Y-T-C. Il risparmio
pubblico uguale alle imposte al netto dei trasferimenti meno la spesa pubblica ossia T-G. Se le
imposte eccedono la spesa, il governo ha un avanzo di bilancio (risparmio positivo) viceversa ha un
disavanzo di bilancio (risparmio negativo). Stando allequazione di equilibrio nel mercato
dei beni, la produzione deve essere uguale alla domanda che a sua volta la somma di consumo,
investimento e spesa pubblica quindi Y=C+I+G, se si sottraggono le imposte da entrambi i membri
si ottiene Y-T-C=I+G-T ossia S=I+G-T dal lato del risparmio e I=S+(T-G) dal lato dellinvestimento. Il
risparmio la somma di risparmio privato e pubblico. Affinch ci sia equilibrio linvestimento deve
essere uguale al risparmio. Tale modo di definire lequilibrio spiega perch la condizione di
equilibrio nel mercato dei beni chiamata curva IS che sta per investimento e risparmio ed esplica
il principio secondo cui le imprese devono investire quanto i consumatori e il governo vogliono
risparmiare. Ci sono dunque due modi per esprimere la condizioni di equilibrio sul mercato dei
beni ossia leguaglianza tra produzione e domanda o quella tra investimento e risparmio. Una
volta deciso quanto consumare, il risparmio determinato per differenza e viceversa quindi si ha
che il risparmio sia dato da S=Y-T-C=Y-T-c0-c1(Y-T) ossia S=-c0+(1-c1)(Y-T). La propensione al
risparmio data da (1-c1) ed esplica quanto viene risparmiato di un incremento unitario di
reddito, un parametro compreso tra 0 e 1 e quindi significa che il risparmio privato aumenta
allaumentare del reddito disponibile ma meno che proporzionalmente. In equilibrio
linvestimento deve essere uguale al risparmio (somma tra pubblico e privato) se si sostituisce il
risparmio privato si ottiene I=- c0+(1-c1)(Y-T)+(T-G) e risolvendo si ottiene Y=[1/(1-c1)](c0+I+G-
c1T).


IL GOVERNO E DAVVERO ONNIPOTENTE? UN AVVERTIMENTO:
Il governo pu influenzare la produzione scegliendo il livello di spesa G e il gettito fiscale T .
Se il governo vuole aumentare la produzione tutto ci che deve fare aumentare G di (1-c1) euro.
Tale effetto sulla spesa far aumentare la produzione della stessa cifra per il livello del
moltiplicatore. Ci sono molti aspetti della realt che non sono incorporati nel modello e che
complicano il compito del governo. Cambiare la spesa pubblica o le imposte potrebbe richiedere
molto tempo per approvare nuove leggi. Linvestimento tende a reagire come le importazioni
provocando effetti dinamici non valutabili dal governo con certezza. Le aspettative contano e
riguardano la risposta dei consumatori alle variazioni fiscali in base al tempo. Mantenere il livello
di produzione desiderato pu produrre effetti collaterali come linflazione ed essere insostenibile
nel lungo periodo. Ridurre le imposte o aumentare la spesa pubblica pu generare disavanzi di
bilancio e debito pubblico.






























CAPITOLO 4 I MERCATI FINANZIARI


LA DOMANDA DI MONETA:
La moneta pu essere usata per transazioni ma non paga interessi. La moneta pu essere
circolante (metallica e banconote) o sottoforma di depositi bancari a fronte dei quali possibile
emettere assegni. I titoli pagano un interesse positivo i ma non possono essere usati per le
transazioni, tuttavia alcuni tipi di titoli sono associati a un proprio tasso di interesse. Tenere tutta
la ricchezza sottoforma di moneta comodo ma significa anche non percepire alcun interesse sulla
ricchezza accumulata, tuttavia tenere tutto in titoli rende interessi ma scomodo per gestire la
vita quotidiana. La scelta migliore tenere sia moneta che in titoli e la ,proporzione dipende dal
livello delle transazioni e dal tasso di interesse sui titoli (quanto maggiore il tasso di interesse pi
si sopportano i costi della compravendita di titoli e tanto maggiore sar la parte di ricchezza in
titoli). Alcune persone, pur non possedendo titoli li posseggono indirettamente attraverso i fondi
comuni monetari, questi ricevono fondi da individui e da imprese e li usano per acquistare titoli,
tipicamente titoli di stato che fruttano un tasso di interesse inferiore a quello percepito sui titoli (la
differenza serve per coprire i costi e ottenere un margine di profitto). La domanda di moneta MD
la somma di tutte le domande di moneta individuali e dipende dal livello totale delle transazioni
nelleconomia e dal tasso di interesse. Il livello totale delle transazioni pi o
meno proporzionale al reddito nominale (in moneta). Quindi la relazione MD=YL(i). tale
equazione indica
che la domanda di moneta uguale al reddito nominale Y moltiplicano per una funzione del tasso
di
interesse i indicata con L(i). Il tasso di interesse ha un effetto negativo sulla domanda di moneta in
quanto se aumenta riduce la domanda poich gli individui investono in titoli. La domanda di
moneta aumenta proporzionalmente al reddito nominale e dipende negativamente dal tasso di
interesse. Tale relazione tra domanda di moneta e tasso di interesse, per un dato livello di reddito
nominale rappresentata dalla curva inclinata negativamente (minore i maggiore la quantit
di moneta M). A ogni livello del tasso di
interesse un aumento del reddito nominale sposta la domanda di moneta verso destra perch
aumenta. Per un dato livello di reddito nominale la domanda di moneta una funzione
decrescente al tasso di interesse.

LA DETERMINAZIONE DEL TASSO DI INTERESSEI (I):
Assumiamo che non esistono depositi ma solo moneta circolante.
Domanda di moneta, offerta di moneta e tasso di interesse di equilibrio: Si suppone che la banca
centrale decide di offrire un ammontare di moneta uguale M ossia MS=M. Lequilibrio nei mercati
finanziari richiede che lofferta di moneta sia uguale alla domanda di moneta quindi MS=MD.
Utilizzando tali parametri si ha che M=YL(i) e tale equazione esplica che il tasso di interesse deve
essere tale da indurre gli individui a tenere una quantit di moneta pari allofferta di moneta M e
questa relazione chiamata curva LM (dove L sta per liquidit). Graficamente la domanda di
moneta disegnata per un dato livello di reddito nominale
inclinata negativamente in quanto un tasso di interesse pi elevato induce una minore domanda di
moneta. Lofferta di moneta rappresentata dalla retta verticale in quanto lofferta di moneta
uguale a ; e non dipende dal tasso di interesse. Lequilibrio si ha nel punto di intersezione di
domanda e offerta. Se aumenta il reddito nominale, aumentano anche il livello delle transazioni e
la domanda di moneta per ogni livello di tasso di interesse spostando la curva di domanda verso
destra e quindi anche il tasso di interesse. In
sostanza un aumento del reddito nominale provoca un aumento del tasso di interesse in quanto al
tasso iniziale la domanda eccede lofferta e per indurre gli individui a tenere meno moneta
necessario aumentare il tasso di interesse. Un aum ento dello fferta di moneta sposta verso
destra la curva di offerta e quindi anche il punto di equilibrio facendo diminuire il tasso di
interesse. In sostanza un aumento dellofferta di moneta provoca una riduzione del tasso di
interesse per far aumentare la domanda di liquidit.
Politica monetaria e operazioni di mercato aperto: La banca centrale varia lofferta di moneta
nelleconomia attraverso lacquisto e la vendita di titoli sul mercato dei titoli. Se desidera
aumentare la quantit di moneta la banca centrale compra titoli e li paga con moneta creando in
tal modo nuova moneta. Se invece vuole diminuire la quantit di moneta vende titoli e rimuove
dalla circolazione la moneta che riceva in pagamento (operazioni di mercato aperto). Nel bilancio
della banca centrale le attivit sono costituite dai titoli che
tiene in portafoglio e le passivit dallo stock di moneta nelleconomia le operazioni di mercato
aperto comportano variazioni in bilancio. Lintervento espansivo di mercato aperto si ha quando la
banca entrale aumenta lofferta di moneta, viceversa si ha un intervento restrittivo di mercato
aperto.
Assumiamo che il mercato dei titoli determina il tasso di interesse di equilibrio sui titoli stessi in
relazione al
prezzo dei titoli. I titoli emessi dallo stato sono titoli del Tesoro e il loro prezzo viene espresso da
PT(itolo). Si ha che il tasso di interesse su un titolo annuale dato da i=(100-PT)/PT. Quanto
pi elevato il prezzo del titolo, tanto minore sar il tasso di interesse pagato dal titolo stesso. Se
si conosce il tasso di interesse il prezzo si ricava con PT=100/(1+i). Se il tasso di interesse
positivo il prezzo del titolo inferiore al valore di rimborso. Quanto maggiore il tasso di interesse
tanto minore sar il prezzo del titolo oggi. Quando il mercato dei titoli sale significa che il prezzo
dei titoli aumentano e i tassi scendono.
Nella pratica il tasso di interesse determinato dalluguaglianza tra offerta e domanda di moneta,
variando lofferta di monete la banca pu influenzare il tasso di interesse; la banca centrale
cambia lofferta di moneta con operazioni di mercato aperto (acquisti o vendite di titoli contro
moneta); tali operazioni se espansive fanno aumentare il prezzo dei titoli e riducono il tasso di
interesse, le operazioni di mercato restrittive fanno diminuire il prezzo dei titoli e aumentano il
tasso di interesse.
La banca centrale pu scegliere il tasso di interesse e aggiustare lo fferta di mo neta in modo tale
da raggiungere quel tasso di interesse e graficamente si attua spostando il livello di interesse i e
aggiustando lofferta di moneta ad un altro livello per raggiungere lequilibrio.
Il tasso di interesse fin qui descritto a breve termine in quanto determinato tra equilibrio tra
offerta e
domanda di moneta ed totalmente controllato dalla banca centrale facendo variare la moneta.

LA DETERMINAZIONE DEL TASSO DI INTERESSE:
Il ruolo delle banche: Leconomia ha molti tipi di intermediari finanziari (istituzioni che ricevono
fondi e accordano prestiti e acquistano titoli come le banche). In bilancio le loro attivit sono le
azioni e le obbligazioni oltre i prestiti, le loro passivit sono i fondi che ricevono. Ci che
caratterizza le banche che le loro passivit sono moneta in quanto gli individui possono pagare le
transazioni emettendo assegni fino al massimo ammontare dei depositi bancari. Le banche
ricevono fondi che li depositano, in qualunque momento i soggetti possono emettere assegni o
prelevare fino allammontare del loro saldo di c/c. Le passivit delle banche sono parti al valore dei
depositi in c/c. Le banche tengono da parte dei fondi ricevuti sottoforma di riserve di moneta
contante o su conto presso la banca centrale dalle quali possono prelevare in caso di bisogno. Le
banche tengono riserve perch alcuni correntisti prelevano nei loro conti e versano
nei loro conti quindi necessario avere contante a disposizione, inoltre i correntisti emettono
assegni a favore di correntisti di altre banche. Vi sono anche riserve obbligatorie proporzionali ai
depositi in conto corrente o in relazione a parte del suo bilancio. I prestiti costituiscono attivit
tuttavia si assume che le banche abbiano solo riserve e titoli per semplicit. Quindi le attivit sono
costituite dai titoli e le passivit dalla moneta emessa dalla banca centrale anche sottoforma di
riserve.
Offerta e domanda di moneta emessa dalla banca centrale: La domanda di moneta emessa dalla
banca centrale uguale alla domanda di circolante da parte degli individui pi la domanda di
riserve da parte delle banche. Lofferta di moneta emessa dalla banca centrale sotto il controllo
diretto della banca centrale. Il tasso di interesse di equilibrio tale per cui domanda e offerta di
moneta emessa dalla banca centrale sono uguali. La domanda di moneta da parte degli individui
una domanda sia di circolante che di depositi in c/c. La domanda dei depositi genera una domanda
di riserve da parte delle banche quindi la
domanda di moneta emessa dalla banca centrale uguale alla domanda di riserve da parte delle
banche pi la domanda di circolante da parte degli individui. Il tasso di interesse deve essere tale
per cui domanda e offerta di moneta emessa dalla banca centrale si eguaglino.
- La domanda di moneta implica due decisioni ossia quanta tenerne e quanta tenerne sottoforma
di circolante o depositi. Gli individui terranno tanta pi moneta quanto maggiore sar il livello
delle transazione e quanto minore il tasso di interesse su titoli. Il circolante pi conveniente per
le piccole transazione, gli assegni per le grandi transazione, il c/c pi sicuro che il contante.
Assumendo che gli individui tengano una proporzione fissa della loro moneta circolante (c) e una
proporzione fissa (1-c) i depositi. La domanda di circolante CID da parte del pubblico data da
CID=cMD e la domanda di depositi DD data da DD=(1-c)MD. La domanda di depositi genera una
domanda di riserve da parte delle banche.
- La domanda di riserve direttamente proporzionale allammontare dei depositi, sia per
precauzioni sia per ragioni legali. Il coefficiente di riserva indica lammontare di riserve R che le
banche tengono per ogni euro di depositi D, e implica la relazione R=D. La domanda di riserve da
parte delle banche data da RD=(1-c)MD.
- La domanda di moneta emessa dalla banca centrale HD uguale alla somma della domanda di
circolante CID e della domanda di riserve RD se ad esse si sostituiscono le loro espressioni si
ottiene HD=[c+(1-c)]YL(i).
- La determinazione del tasso di interesse si attua ponendo H come offerta di moneta emessa e
controllata dalla banca centrale e variabile attraverso operazioni di mercato aperto, in condizione
di equilibrio con la domanda di moneta emessa dalla banca centrale ossia H=HD oppure si esprime
come H=[c+(1-c)]YL(i). In sostanza lofferta di moneta emessa dalla banca centrale uguale alla
domanda di moneta emessa dalla banca centrale che a sua volta uguale al termine tra parentesi
moltiplicato per la domanda di moneta. Se gli individui tengono solo circolante c=1,le banche non
hanno ruoli nellofferta di moneta, se tengono solo depositi c=0 e la domanda di moneta emessa
dalla banca centrale un decimo dellintera domanda di moneta. Finch gli individui tengono
depositi il termine tra parentesi minore di 1 quindi la domanda di moneta emessa inferiore alla
domanda aggregata di moneta. Graficamente la domanda di moneta emessa dalla banca centrale
disegnata per un dato livello di reddito nominale, un maggior tasso di interesse comporta una
minor domanda perch la domanda di circolante e depositi scende facendo scendere la domanda
di riserve. Lofferta di moneta fissa ed rappresentata da una linea verticale. Lequilibrio nel
punto di intersezione. Un aumento dellofferta sposta verso destra la curva di offerta verticale
riducendo il tasso di interesse, un aumento della moneta emessa fa diminuire il tasso di interesse
e viceversa lo fa aumentare.

DUE MODI ALTERNATIVI DI PENSARE ALLEQUILIBRIO:
Il mercato interbancario delle riserve e il tasso di interesse overnight: Pensando in termini di
domanda e offerta di riserve si ha che lofferta di riserve uguale allofferta di moneta emessa
dalla banca centrale H, meno la domanda di circolante da parte del pubblico CID e che la domanda
di riserve da parte delle banche RD. La condizione di equilibrio implica che la domanda e lofferta
sono uguali quindi H-CID=RD. Guardare allequazione in termini di domanda e offerta di riserve
equivale a guardare allequazione intermini di domanda e offerta di moneta emessa dalla banca
centrale. Il mercato in cui si incontrano domanda e offerta di riserve non libero in quanto le
banche centrali intervengono per influenzare il tasso di interesse in quanto collegato al tasso di
interesse sulle riserve. La banca centrale influenza il mercato interbancario e il tasso di interesse
attraverso operazioni di mercato aperto e una politica monetaria espansiva. Le banche possono
acquistare riserve anche da altre banche commerciali, quando una banca prende a prestito riserve
dalla banca centrale deve dare in garanzia titoli mentre se si fa prestito con altre banche
commerciali non necessaria la garanzia.
Offerta di moneta, domanda di moneta e moltiplicatore della moneta: Si pu pensare allequilibrio
in
termini di uguaglianza tra domanda aggregata e offerta aggregata di moneta. Lofferta di moneta
emessa dalla banca centrale deve essere uguale alla domanda di moneta della banca centrale,
dividendo entrambi i lati per [c+(1-c)] si ottiene 1/[c+(1-c)]H=YL(i). Lofferta aggregata di
moneta uguale alla moneta
emessa dalla banca centrale moltiplicata per il termine costante 1/[c+(1-c)] che detto
moltiplicatore della moneta ed minore di 1 mentre il suo inverso maggiore di 1. Quindi lofferta
aggregata di moneta uguale alla moneta emessa dalla banca centrale moltiplicata per il
moltiplicatore della moneta. Lofferta aggregata di moneta dipende dalla quantit di moneta
emessa dalla banca centrale indica che questultima si denomina base monetaria (analisi in base
della quantit di moneta emessa dalla banca centrale). La presenza del moltiplicatore
nellequazione implica che una variazione della moneta emessa dalla banca centrale ha un effetto
pi ambio sullofferta di moneta e sul tasso di interesse.
Significato del moltiplicatore monetario: Si pu pensare allaumento finale dellofferta di moneta
come al risultato finale di una serie di acquisti di titoli dei quali il primo eseguito dalla banca
centrale e gli altri dalla diverse banche coinvolte. Ogni operazione provoca un incremento
dellofferta di moneta. Alla fine, laumento dellofferta pari a dieci volte lincremento iniziale
della base monetaria.































CAPITOLO 5 I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI, IL MODELLO IS-LM


PRESENTAZIONE: Nel 1936 Keynes pubblic la Teoria Generale per analizzare la determinazione
congiunta della produzione e del tasso di interesse nel breve periodo. Tale opera difficilmente
comprensibile e anim dibattiti circa il vero intento dellautore. Nel 1937 Hicks sintetizz la
descrizione congiunta del mercato dei beni e dei mercati finanziari. La sua analisi fu poi estesa da
Hansen. Questi economisti chiamarono la loro formalizzazione modello IS-LM.

IL MERCATO DEI BENI E LA CURVA IS:
Lequilibrio sul mercato dei beni si ha attraverso la condizione di uguaglianza tra produzione Y e
domanda Z (relazione IS). La domanda la somma di consumo C, investimento I e spesa pubblica
G, esso dipende dalla funzione di reddito Y al netto delle imposte T. Si considerano linvestimento,
la spesa pubblica e le imposte come dati e si ha quindi lequazione della domanda dei beni Z=C(Y-
T)+I+G quindi la condizione di equilibrio data da Y=C(Y-T)+I+G.
Investimento, vendite e tasso di interesse: Linvestimento dipende dal livello delle vendite
(produzione) e dal tasso di interesse (pi alto il tasso di interesse meno conveniente la
prospettiva di indebitarsi per fare il nuovo investimento. Linvestimento dipende dunque dalla
produzione Y e dal tasso di interesse i considerando che linvestimento in scorte sia nullo, a un
aumento della produzione si ha un aumento delle vendite, un aumento del tasso di interesse
provoca una riduzione degli investimenti. La funzione di investimento data da I=I(Y,i)
Come si determina la produzione: la condizione di equilibrio del mercato dei beni integrata
dellequazione dellinvestimento si ottiene Y=C(Y-T)+I(Y,i)+G e si chiama relazione IS estesa. Essa
esplica che la produzione deve essere uguale alla domanda dei beni. Per un dato valore del tasso
di interesse i, la domanda
funzione crescente della produzione in quanto un aumento della produzione fa aumentare il
reddito e quindi il reddito disponibile, questultimo fa aumentare il consumo; inoltre un aumento
della produzione fa aumentare linvestimento. Quindi si ha che un aumento della produzione fa
aumentare la domanda dei
beni che graficamente rappresentata dalla curva ZZ. La curva ZZ una curva a meno che le
equazioni di
consumo e investimento siano lineari e allora si ha una retta, inoltre si assume che un aumento
della produzione conduca a un incremento meno che proporzionale della domanda (<45).
Quando la produzione aumenta, la somma degli incrementi del consumo e dellinvestimento
potrebbe eccedere laumento iniziale della produzione tuttavia non si verifica nella realt.
Lequilibrio si ha nel punto di intersezione tra domanda e produzione e il livello di equilibrio della
produzione Y.
La curva IS: Se il tasso di interesse cambia, cambia anche la curva di domanda ZZ e lequilibrio. Se il
tasso di interesse aumenta, per ogni livello della produzione si riduce linvestimento e la domanda
quindi la curva di domanda ZZ si sposta in basso spostando anche il punto di equilibrio. Quindi un
aumento del tasso di interesse riduce linvestimento e la riduzione dellinvestimento fa diminuire
la produzione, che a sua voltar riduce il consumo e linvestimento attraverso leffetto del
moltiplicatore. In sostanza un maggior tasso di interesse associato a un livello inferiore di
produzione e tale relazione rappresentata dalla curva negativamente inclinata chiamata curva IS
(livello di equilibrio della produzione in funzione del tasso di interesse).
Spostamenti della curva IS: Anche le variazioni di imposte T e spesa pubblica G faranno spostare la
curva IS nel piano. Se si considera un aumento delle imposte e un dato tasso di interesse si ha che
il reddito disponibile diminuisce e anche il consumo quindi anche la domanda e attraverso il
moltiplicatore anche la produzione di equilibrio. La curva IS si sposta verso sinistra. Lo stesso
effetto si produce quando vi una riduzione della spesa pubblica o del grado di fiducia dei
consumatori. Al contrario dato il tasso di interesse, ogni fattore che fa aumentare il livello di
equilibrio della produzione (riduzione imposte, aumento spesa pubblica, aumento fiducia) fa
spostare la curva IS verso destra.

I MERCATI FINANZIARI E LA CURVA LM:
Si analizzano ora i mercati finanziari. Il tasso di interesse determinato dalleguaglianza tra
domanda e offerta di moneta M=YL(i) dove M la moneta e si assume sia controllata
direttamente dalla banca centrale. Il lato destro dellequazione indica la domanda di moneta in
funzione del reddito nominale Y e dal tasso di interesse. Un aumento del reddito aumenta la
domanda di moneta e un aumento del tasso di interesse diminuisce la domanda di moneta.
Lequilibrio richiede che lofferta di moneta sia uguale alla domanda.
Moneta reale, reddito reale e tasso di interesse: La relazione tra moneta reale (in termini di beni
acquistabili), reddito reale (in termini di beni acquistabili) e tasso di interesse si pu scrivere come
lequazione LM che data da (M/P)=YL(i) tenendo conto che il reddito nominale diviso per il
livello dei prezzi P e entrambi i membri sono divisi per P. si ha dunque una condizione di equilibrio
come eguaglianza tra offerta reale di moneta e domanda reale di moneta che dipende dal reddito
e dal tasso di interesse. Entrambi i membri indicano valori reali ossia offerta reale e domanda reale
di moneta.
La curva LM: Graficamente si misura il tasso di interesse sullasse delle ordinate e la moneta reale
sullasse delle ascisse. Lofferta reale di moneta data dalla retta verticale M/P indicata con MS.
Per un dato livello di reddito Y, la domanda reale di moneta una funzione decrescente del tasso
di interesse. Lequilibrio si ha nel punto di intersezione tra domanda e offerta di moneta. Se si
incrementa il reddito, si ha un aumento della domanda di moneta per ogni tasso di interesse e
quindi la domanda si sposta verso lalto insieme allequilibrio. Quando il reddito aumenta, cresce
anche la domanda di moneta e lofferta data, il tasso di interesse deve aumentare fino a quando
i due effetti opposti sulla domanda di moneta (aumento reddito e tasso di interesse) si
compensano. A tal punto la domanda di moneta uguale allofferta. Lequilibrio nei mercati
finanziari comporta che quanto maggiore il livello della produzione, tanto maggiore sar la
domanda di moneta e quindi tanto pi alto sar il tasso di interesse di equilibrio. La relazione tra
tasso di interesse e produzione rappresentata dalla curva positivamente inclinata chiamata curva
LM.
Spostamenti della curva LM: Variazioni di M/P provengono da variazioni dello stock nominale di
moneta M o da variazioni del livello dei prezzi P che spostano la curva LM. Per una data offerta
reale di moneta, un aumento del livello di reddito fa aumentare la domanda di moneta e il tasso di
interesse, tale relazione rappresentata dalla curva crescente LM. Un aumento dello stock di
moneta sposta la curva verso il basso, viceversa verso lalto.

IL MODELLO IS-LM, EQUILIBRIO:
La curva IS deriva dalla condizione che lofferta di beni sia uguale alla domanda di beni e ci dice
come il tasso di interesse influenza la produzione. La curva LM deriva dalla condizione che lofferta
di moneta sia uguale alla domanda di moneta e ci dice come la produzione
influenza il tasso di interesse. Se si mettono insieme le due curve in ogni momento la domanda e
lofferta di beni devono essere uguali e idem per domanda e offerta di moneta, insieme
determinano la produzione e il tasso indi interesse. Ogni punto della curva IS (inclinata
negativamente) corrisponde allequilibrio sul mercato dei beni, ogni punto della curva LM
(inclinata positivamente) corrisponde allequilibrio suli mercati finanziari. Solo nel punto di
intersezione le due condizioni di equilibrio sono soddisfatte (mercato beni e finanziario). Le
relazioni delle curve contengono informazioni circa il consumo, linvestimento, la domanda
di moneta e le condizioni di equilibrio.
Politica fiscale, produzione e tasso di interesse: Se si suppone che il governo decide di ridurre il
disavanzo di bilancio attraverso un aumento delle imposte mantenendo invariata la spesa pubblica
si ha una politica di contrazione fiscale, al contrario una politica di espansione fiscale. Il primo
problema da considerare come lincremento delle imposte influenza lequilibrio sul mercato dei
beni, ossia come si muove la curva IS: dato che gli individui hanno meno reddito disponibile,
laumento delle imposte fa diminuire il consumo e attraverso il moltiplicatore fa diminuire anche
la produzione. In generale per ogni livello del tasso di
interesse, imposte pi elevate provocano una riduzione della produzione e la curva IS si sposta
verso sinistra. La curva LM invece non si sposta poich le imposte non compaiono nellequazione
della curva stessa. La curva si sposta in relazione a una variazione di una variabile esogena solo se
tale variabile appare direttamente nellequazione della curva. Il secondo passo si traduce nella
determinazione dellequilibrio, dopo lincremento delle imposte il nuovo equilibrio si trova in
corrispondenza dellintersezione della nuova IS con la LM invariata: quando la IS si sposta,
leconomia si muove lungo la LM in quanto produzione e tasso di equilibrio diminuiscono.
Lincremento delle imposte provoca dunque una riduzione del reddito disponibile, che a sua volta
induce gli individui a consumare di meno. Il risultato una diminuzione della produzione e del
reddito che riduce la domanda e quindi anche il tasso di interesse che non riesce a compensare del
tutto laumento delle imposte. Da un lato una produzione inferiore significa meno vendite
e investimenti pi bassi, dallaltro lato un tasso di interesse inferiore stimola linvestimento (se
linvestimento dipende solo dal tasso di interesse esso aumenta, se dipende solo dalle vendite
diminuisce, tuttavia dipende da entrambe le variabili e vi un effetto ambiguo). Una riduzione del
disavanzo di bilancio non conduce a un aumento degli investimenti e nel breve periodo conduce
ad una riduzione.
Politica monetaria, produzione e tasso di interesse: Un aum ento dello fferta di mo net a
chiamato
espansione monetaria viceversa contrazione monetaria. Si suppone che la banca centrale aumenti
lo stock di moneta M attraverso unoperazione di mercato aperto, essa provoca un incremento
dello stesso ammontare di moneta reale M/P in quanto i prezzi sono costanti. Graficamente nella
curva IS lofferta di moneta non influenza direttamente n la domanda n lofferta di beni e quindi
non si sposta. Tuttavia rientra nellequazione della curva LM che si sposta verso il basso perch
scende il tasso di interesse. Leconomia si muove lungo la curva IS e lequilibrio si sposta. Quindi si
ha che laumento dellofferta di moneta porta a un tasso di interesse inferiore che stimola gli
investimenti e attraverso il moltiplicatore fa aumentare la domanda e la produzione. Con un
reddito pi alto e imposte invariate, il reddito disponibile pi alto e il consumo aumenta; con
vendite maggiori e un tasso di interesse minore linvestimento aumenta, quindi unespansione
monetaria stimola gli investimenti pi di unespansione fiscale.
Un mix di politica economica: La combinazione tra politica monetaria e fiscale prende il nome di
mix di politica economica. Essa talvolta prevede che politica fiscale e monetaria vada in direzione
uguale e talvolta in direzione opposta. Si prevede la combinazione di una stretta fiscale per ridurre
il disavanzo e di unespansione monetaria per accertarsi che la domanda e la produzione restino
elevate.

IL MODELLO IS-LM IN FORMULE:
La curva IS: Tale curva si presenta graficamente come linsieme delle combinazione di produzione
e tasso di interesse per le quali il mercato dei beni in equilibrio (domanda aggregata =
produzione aggregata). La formula della curva IS Y=C(Y-T)+I(Y,i)+G. La forma funzionale per il
consumo data da C=c0+c1(Y-T) dove c0>0 e 0<c1<1. La forma funzionale per linvestimento
data da I=I+d1Y-d2i dove d1,d2>0. Per linvestimento I una componente esogena mentre d1 e d2
misurano la sensibilit dellinvestimento al reddito e al tasso di interesse. Linvestimento dipende
positivamente dal livello della produzione (+vendite +produzione
+investimento) e negativamente dal tasso di interesse (+interesse debiti investimenti).
Sostituendo nella formula della curva IS le funzioni di consumo e investimento si ottiene
Y=[c0+c1(Y-T)]+ [I+d1Y-d2]+G e se si risolve si ricava il livello di equilibrio della produzione come
funzione del tasso di interesse Y=[1/(1-c1-d1)]A- [(1-c1-d1)/d2]i. Per rappresentare la curva nel
piano si ha i=(1/d2)A-[(1-c1-d1)/d2]Y.
La posizione della curva IS: La posizione della curva IS determinata dallintercetta (1/d2)A ovvero
dal livello
della componente autonoma della domanda aggregata (variazioni nella spesa autonoma spostano
la curva).
La variazione misurata con Y=[1/(1-c1-d1)]A e il termine 1/(1-c1-d1) il moltiplicatore della
domanda aggregata nel caso in cui anche linvestimento e non solo il consumo dipende dal
reddito. Un aumento della spesa autonoma sposta la curva IS orizzontalmente verso destra
viceversa verso sinistra. A seguito della variazione si ha solo uno spostamento della curva IS e non
uno spostamento lungo la curva.
L inclinazione della cur va IS
La curva IS inclinata negativamente poich un pi alto livello del tasso di
interesse riduce linvestimento quindi la domanda e il livello di equilibrio. linclinazione della curva
dipende dalla misura in cui la produzione di equilibrio varia al variare del tasso di interesse e la
variazione misurata da Y=-[d2/(1-c1-d1)]i. Quanto pi grande d2 (sensibilit della domanda
di investimento alt asso di interesse) tanto maggiore Y. Graficamente pi elevato d2, pi
elevato il moltiplicatore e la curva IS sar piatta e maggiore sar la risposta della produzione alle
variazioni del tasso di interesse viceversa sar
pi inclinata. Dal punto di vista economico quanto maggiore la sensibilit dellinvestimento al
tasso di interesse d2 tanto pi grande sar leffetto diretto del tasso di interesse sulla domanda
aggregata. Questo effetto diretto poi amplificato dal moltiplicatore. Leffetto totale di una
variazione del tasso di interesse sulla produzione dipende dunque dalla sensibilit
dellinvestimento al tasso di interesse e dal moltiplicatore della domanda.
La curva LM: Tale curva rappresenta linsieme delle combinazioni di produzione e tasso di
interesse per le quali il mercato monetario in equilibrio (domanda moneta = offerta moneta). La
forma funzionale M/P=L(Y,i) e si considera ora la relazione lineare tra moneta, produzione e
tasso di interesse e si ottiene M/P=f1Y-f2i dove f1,f2>0 e indicano la risposta della domanda di
saldi monetari reali a variazioni nel reddito e nel tasso di interesse. Il livello di equilibrio di Y in
funzione di i Y=(1/f1)(M/P)+(f2/f1)i. Lintercetta (1/f1)(M/P) e linclinazione f2/f1.
La posizione della curva LM: La posizione della curva LM dipende dallintercetta ossia dellofferta
reale di
moneta. Se si varia lofferta di moneta in ipotesi di prezzi costanti varia anche lofferta reale di
moneta quindi per un dato tasso di interesse la variazione di M/P far variare la produzione di
Y=(1/f1)(M/P). Quindi se aumenta lofferta nominale di moneta, la curva si sposta
orizzontalmente verso destra perch per un dato tasso di interesse il livello del reddito deve
aumentare per far crescere la domanda di moneta sufficientemente ad assorbire leccesso di
offerta viceversa si sposta verso sinistra. Quanto pi bassa la sensibilit della domanda di
moneta al reddito f1 tanto pi ambia deve essere la variazione del reddito per ogni variazione di M
per riequilibrare il mercato finanziario.
L inclinazione della cur va LM : La curva LM tanto pi piatta quando a seguito di una piccola
variazione del
tasso di interesse la produzione deve crescere tanto per riportare in equilibrio il mercato
monetario
Y=(f2/f1)i da cui risulta che leffetto totale di una variazione del tasso di interesse sulla
produzione dipende dal rapporto f2/f1. Se tale rapporto alto la curva si appiattisce e viceversa si
inclina.
L equilibr io IS -LM: Lequilibrio simultaneo dei mercati si ottiene nel punto di intersezione delle
curve IS e
LM. Per calcolare i valori di Y e di i va risolta congiuntamente IS e LM ossia Y=[c0+c1(Y-T)]+[I+d1Y-
d2i]+G e da M/P=f1Y-f2i. Entrambe le equazioni mostrano che sia Y che i sono funzioni delle
variabili esogene e sono funzioni lineari delle variabili esogene inoltre i coefficienti dellofferta di
moneta e della spesa autonoma sono funzioni complicate di tutti i parametri delle equazioni IS e
LM e consentono di ricavare i moltiplicatori della politica fiscale e monetaria.
Il moltiplicatore della politica fiscale: Leffetto sul reddito di una variazione della spesa autonoma
quando
lofferta reale di moneta data Y={1/[(1-c1-d1)+d2(f1/f2)]}A. Leffetto sul tasso di interesse di
una variazione della spesa autonoma quando lofferta reale di moneta data i={1/[(1-c1-
d1)(f2/f1)+d2]}A e si hanno effetti positivi ad un aumento della spesa autonoma perch la curva
IS si sposta in alto a destre
lungo la curva LM provocando aumento del tasso di interesse e della produzione. Il moltiplicatore
della politica fiscale dato da Y/A=1/[(1-c1-d1)+d2(f1/f2)] e misura di quanto una variazione
della spesa autonoma fa variare la produzione di equilibrio; quanto pi elevato il moltiplicatore
della domanda aggregata tanto pi grande la variazione della produzione; la risposta di Y ad A
forte se d2 e f1 sono piccoli ed f2 grande. Per riportare allequilibrio il mercato monetario si deve
calcolare la variazione del tasso di interesse dato da i/A=1/[(1-c1-d1)(f2/f1)+d2].
Il moltiplicatore della politica monetaria: Si considera cosa accade a Y e i quando varia lofferta
reale di
moneta e si pu calcolare come varia i a seguito di una variazione di M/P per un dato livello di A
e si calcola con i/(M/P)=-1/{f2+[(d2f1)/(1-c1-d1)]}. Il moltiplicatore della politica monetaria ossia
la risposta della produzione ad una variazione dellofferta di moneta dato da Y/(M/P)=1/[(1-
c1-d1)(f2/d2)+f1].

IL MODELLO IS-LM DESCRIVE DAVVERO QUELLO CHE SUCCEDE NELLECONOMIA?:
Tale modello non realistico in quanto per gli aggiustamenti della produzione c bisogno di
tempo e per questo va introdotta la dinamica. Ai consumatori servir del tempo per aggiustare il
loro consumo in seguito a una variazione del reddito disponibile, alle imprese servir del tempo
per aggiustare la spesa per investimento in seguito a una variazione delle vendite, alle imprese
servir del tempo per aggiustare la spesa per investimento in seguito
a una variazione del tasso di interesse, alle imprese servir del tempo per aggiustare la produzione
in
seguito a una variazione delle vendite. Ci vuole dunque tempo prima che la produzione si aggiusti
in seguito a variazioni della politica fiscale e monetaria. Il modello IS-LM pu funzionare nel breve
periodo in merito
agli aggiustamenti ma diventa meno affidabile quando guardiamo al medio periodo in quanto
vano
considerate le aspettative e le implicazione dellapertura dei mercati.
















CAPITOLO 13 I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA
PRESENTAZIONE: Il concetto di economia aperta ha tre dimensioni ossia lapertura dei mercati dei
beni (opportunit per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e beni esteri e pu
essere vincolata da dazi sui beni importati e quote ossia restrizioni sulle quantit di beni che
possono essere importati), apertura dei mercati finanziari (opportunit per gli investitori finanziari
di scegliere tra attivit finanziarie nazionali ed estere, vi sono sempre meno controlli ai movimenti
di capitali) e apertura dei mercati dei fattori (opportunit per le imprese di scegliere dove
localizzare unattivit produttivit e per i lavoratori di scegliere dove lavorare, le imprese
multinazionali gestiscono impianti in molti paesi e spostano le loro attivit in giro per il mondo per
sfruttare i possibili vantaggi di costo).

I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA: Il tasso di cambio reale esprime il ruolo del prezzo
relativo ai beni nazionali in termini di beni esteri.
Esportazioni e importazioni: Leconomia statunitense diventata sempre pi aperta con il passare
del tempo. Le importazioni e le esportazioni pur seguendo approssimativamente lo stesso trend
hanno manifestato una tendenza divergente per periodi di tempo lunghi generando avanzi e
disavanzi commerciali. Il saldo commerciale uguale alla differenza tra esportazioni e importazioni
(avanzo quando esportazioni maggiori delle importazioni e viceversa disavanzo). Il volume di
scambi il rapporto tra la media di esportazioni e importazioni e il livello del Pil e non un buon
indice del grado di apertura di uneconomia. Infatti le imprese esposte alla concorrenza estera
senza aumentare le importazioni tengono bassi i prezzi per reggere la concorrenza mantenendo la
quota di mercato. Un indice di apertura migliore la proporzione di prodotto aggregato composta
dai beni commerciabili (beni che competono con i beni esteri sia sul mercato interno sia sui
mercati esteri). possibile che un paese registri esportazioni superiori al Pil e presenti quindi un
rapporto esportazioni/Pil maggiore di 1 e ci dipende dalle dimensioni geografiche del paese e
dalla distanza con i mercati.
La scelta tra beni nazionali e beni esteri: Quando i mercati dei beni sono aperti, i consumatori
devono scegliere se comprare beni nazionali o esteri e tale decisione ha un effetto diretto sulla
produzione nazionale in quanto se decidono di acquistare beni nazionali la domanda per tali beni
aumenta insieme alla produzione e viceversa se si decide di acquistare beni esteri. La variabile per
condurre tale scelta il prezzo dei beni nazionali in termini di beni esteri ossia il tasso di cambio
reale.
Tassi di cambio nominali: I tassi di cambio nominali tra valute possono essere quotati in due modi
ossia
come il prezzo della valuta nazionale in termini di valuta estera o come il prezzo della valuta estera
in termini di valuta nazionale. Entrambe le definizioni sono corrette ma bisogna essere coerenti e
verr applicato il tasso di cambio nominale come prezzo della moneta nazionale in termini di
moneta estera e si denoter con E3. I tassi di cambio tra monete cambiano in ogni momento e tali
variazioni sono chiamate apprezzamenti nominali (aumento del prezzo della moneta nazionale in
termini di moneta estera e quindi aumento del tasso di cambio) o deprezzamenti nominali
(riduzione del prezzo della moneta nazionale in termini di moneta estera e quindi diminuzione del
tasso di cambio). Per indicare movimenti dei tassi di cambio si usano le espressioni rivalutazione e
svalutazione quando un paese opera in regime di cambi fissi (due o pi paesi mantengono un tasso
di cambio costante tra le loro valute).
Dai tassi di cambio nominali ai tassi di cambio reali: Per costruire il tasso di cambio tra due paesi si
suppone
che entrambi producano solo un bene e diversi. Bisogna esprimere entrambi i beni nella stessa
valuta e calcolarne il prezzo relativo. Bisogna convertire uno dei due beni nella valuta scelta e
calcolare il rapporto tra il prezzo del bene del paese della valuta e il prezzo del bene del paese che
ha convertito la valuta. Quindi si deve costruire un tasso di cambio reale che rifletta il prezzo
relativo di tutti i beni prodotti in un paese in termini di tutti i beni prodotti negli stati uniti. Va
utilizzato un indice dei prezzi di tutti i beni prodotti in un paese e di tutti i beni prodotti nellaltro
paese. Quindi c bisogno del deflatore del Pil che indica appunto lindice dei prezzi dei beni e
servizi finali prodotti in uneconomia. Il tasso di cambio reale
costruito moltiplicando il prezzo nazionale P per il tasso di cambio nominale E e dividendo poi per
il livello dei prezzi esteri P* ossia =EP/P*. Il tasso di cambio reale un numero indice in quanto il
suo in quanto il suo livello arbitrario e non informativo, i deflatori del Pil usati per costruire il
tasso di cambio reale sono anchessi dei numeri indici. Tuttavia anche se il tasso di cambio reale
non informativo, il tasso di variazione del tasso di cambio reale lo . Anche i tassi di cambio
reale come quelli nominali si muovono nel tempo e tali variazioni sono chiamate apprezzamenti
reali (aumento del tasso di cambio reale ossia aumento del prezzo nazionale in termini di beni
esteri) o deprezzamenti reali (riduzione del tasso di cambio reale ossia riduzione del prezzo
nazionale in termini di beni esteri). Le fluttuazioni del tasso di cambio nominale si manifestano
anche nel tasso di cambio reale poich i sono correlate.
Dai tassi di cambio bilaterali ai tassi di cambio multilaterali: Se si vuole misurare il prezzo medio
dei beni
nazionali rispetto a quello di tutti i partner commerciali bisogna usare come pesi le quote dei flussi
commerciali nazionali con gli altri paesi. Usando le quote delle esportazioni si costruisce il tasso di
cambio reale allesportazione e usando le quote delle importazioni si costruisce il tasso di cambio
reale allimportazione. Si usa la media delle quote di esportazioni e importazioni e si ottiene il
tasso di cambio reale multilaterale che un numero indice (100 nel 2000).
I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA:
Lapertura dei mercati finanziari consente agli investitori di tenere attivit finanziarie sia nazionali
sia estere e quindi di diversificare il loro portafoglio e di speculare sulle fluttuazione dei tassi di
interesse e di cambio. Lacquisto o la vendita di attivit finanziarie estere comporta lacquisto o la
vendita di moneta estera o valuta. La dimensione delle transazioni sul mercato delle valute un
indicatore dellimportanza delle transazioni finanziarie internazionali. La maggior parte delle
transazioni in valuta non associata al commercio internazionale ma alla compravendita di attivit
finanziarie. Lapertura dei mercati finanziari permette al paese di registrare avanzi o disavanzi
commerciali. Un paese in disavanzo commerciale compra allestero pi di quanto non venda al
resto del mondo, deve prendere a prestito la differenza tra il valore delle sue importazioni e il
valore delle sue esportazioni, tuttavia riesce a farlo rendendo conveniente per gli investitori esteri
aumentare la loro quantit di attivit finanziarie nazionali, il che equivale a prestare denaro al
paese.
La bilancia dei pagamenti: Le transazioni di un paese con il resto del mondo sono riassunte in una
serie di conti chiamati bilancia dei pagamenti. Le transazioni di conto corrente sono quelle che
registrano tutti i pagamenti da e verso il mondo tra cui esportazioni e importazioni. I residenti
ricevono un reddito da investimento delle attivit finanziarie estere che possiedono e i cittadini
residenti allestero ricevono un reddito da investimento dalle attivit finanziarie nazionali incluse
nel loro portafoglio. I paesi danno e ricevono aiuti dallestero e il valore netto di tali aiuti
registrato sotto la voce trasferimenti netti ricevuti. La somma dei pagamenti netti da e verso il
resto del mondo chiamato saldo di conto corrente e se positivo il paese in avanzo di conto
corrente, viceversa in disavanzo di conto corrente. La somma dei pagamenti da e verso il mondo
d il valore dei pagamenti netti. I flussi netti di capitale sono dati dallaumento netto
dellindebitamento della nazione con lestero (saldo del conto capitale, se positivo avanzo del
conto capitale, se negativo disavanzo). Il conto finanziario riguarda le misure delle transazioni del
conto corrente e del conto capitale che hanno origine da fonti diverse. La differenza tra i due conti
chiamata discrepanza statistica. La somma dei disavanzi di conto corrente di tutti i paesi del
mondo dovrebbe essere nulla ma se sommiamo i disavanzi di conto corrente di tutti i paesi del
mondo sembra che il mondo registri un disavanzo dovuto a errori di misurazione.
La scelta tra attivit finanziarie nazionali ed estere: Lapertura dei mercati finanziari consente agli
investitori di scegliere tra attivit finanziarie nazionali ed estere. Va effettuata la scelta tra moneta
nazionale ed estera e la scelta tra attivit finanziarie fruttifere nazionali e estere. Le persone che
vivono in Europa hanno pi convenienza a tenere moneta in euro mentre chi vuole tenere attivit
estere necessario tenere moneta estera per il tasso di interesse. Per valutare la redditivit dei
tassi nazionali non basta guardare ai tassi di interesse dei due paesi ma bisogna formulare
unaspettativa sullandamento del tasso di cambio tra questanno e il prossimo. Relativamente alla
scelta fra titoli a breve o lungo termine o tra obbligazioni e azioni, necessario che vi sia lo stesso
tasso di rendimento atteso per tenere entrambi i titoli ossia deve valere la condizione di
arbitraggio data da 1+it=(1+it*)(Et/Eet+1). Tale equazione chiamato parit scoperta dei tassi di
interesse. Lipotesi che gli investitori finanziari tengano solo i titoli con tasso di
interesse atteso pi elevato troppo restrittiva in quanto ignora i costi di transazione e lesistenza
del
rischio.
Tassi di interesse e tassi di cambio: Vi una relazione fra il tasso di interesse nominale nazionale, il
tasso di interesse nominale estero e il tasso di apprezzamento atteso. Un aumento di E
corrisponde ad un apprezzamento. Larbitraggio fa s che il tasso di interesse interno sia uguale al
tasso di interesse estero meno il tasso di apprezzamento atteso della moneta interna. Il tasso di
apprezzamento atteso della moneta nazionale anche il tasso di deprezzamento atteso della
moneta estera. Quindi il tasso di interesse nazionale deve essere uguale al tasso di interesse
estero meno il tasso di deprezzamento atteso della moneta estera. A meno che i mercati valutari
non si aspettino forti deprezzamenti o apprezzamenti, i tassi
di interessi interno ed esterno si muoveranno insieme. Per mantenere i tassi costanti i paesi
raggiungono
accordi vincolanti alle fluttuazioni.

CONCLUSIONI:
Considerare i mercati dei beni in economia aperta introduce la scelta tra beni nazionali ed esteri e
dipende dal tasso di cambio reale. Lapertura dei mercati finanziari consente di scegliere tra
attivit finanziarie nazionali ed estere e dipende dal tasso di rendimento relativo (tasso di
interesse interno e estero) e dal tasso atteso di deprezzamento della valuta interna.














CAPITOLO 14 IL MERCATO DEI BENI IN ECONOMIA APERTA


LA CURVA IS IN ECONOMIA APERTA: Parte della domanda nazionale dei beni rivolta a beni esteri
e parte della domanda di beni nazionali proviene dallestero quindi bisogna distinguere.
La domanda di beni nazionali: In uneconomia aperta la domanda di beni nazionali data da
Z=C+I+G- (IM/)+X ed composta dalla domanda nazionale di beni in economia chiusa e da degli
aggiustamenti ossia bisogna sottrarre le importazioni (parte domanda nazionale rivolta allestero e
bisogna esprimere il valore delle importazioni in termini di beni nazionali) e bisogna aggiungere le
esportazioni (domanda di beni nazionali da parte dellestero).
Le determinanti di C, I e G: In ipotesi di economia aperta non dobbiamo apportare grandi
modifiche alla descrizione di consumo, investimento e spesa pubblica. La spesa dei consumatori
dipende dal reddito e
dalla ricchezza. Il tasso di cambio reale influenza la composizione della spesa per consumi tra beni
nazionale e estero ma non c alcuna ragione perch esso debba influenzare il livello, idem per
linvestimento. Quindi la domanda nazionale data da C+I+G=C(Y-T)+I(Y,r)+G dove r rappresenta
linteresse reale e G un dato esogeno.
Le determinanti dell importazioni: Le importazioni sono la parte di domanda nazionale rivolta ai
beni esteri e la quantit di importazioni dipende dal livello aggregato della domanda nazionale
(tanto maggiore la domanda interna tanto pi elevata sar la domanda di tutti i beni) e dal tasso
di cambio reale (prezzo dei beni nazionali in termini di beni esteri, maggiore il tasso maggiori
sono le importazioni).
Le determinanti delle esportazioni: Le esportazioni sono la parte di domanda estera rivolta ai beni
nazionali perci dipendono dal reddito estero. Un maggior reddito estero fa aumentare le
esportazioni. Esse dipendono anche dal tasso di cambio reale, maggiore il tasso minori sono le
importazioni.
Uniamo tutte le determinanti della domanda di beni nazionali: Bisogna unire le varie componenti
della
domanda di beni nazionali in funzione della produzione tenendo costanti tutte le altre variabili che
influenzano la domanda. Graficamente la retta DD rappresenta la domanda nazionale C+I+G come
funzione della produzione e la sua inclinazione positiva ma minore di 1. Per ottenere la domanda
di beni nazionali bisogna sottrarre le importazioni e la distanza tra DD e AA uguale al valore delle
importazioni. La retta AA pi piatta della retta DD perch allaumentare del reddito, la domanda
interna di beni nazionali aumenta meno della domanda interna totale. La retta AA positivamente
inclinata in quanto un incremento del reddito fa aumentare la domanda interna di beni nazionali.
Aggiungendo le esportazioni si arriva alla retta ZZ che sta sopra la AA e la distanza fra le due
rappresenta le esportazioni, la distanza costante e le due rette sono parallele quindi anche la ZZ
sar pi piatta della DD. La relazione tra esportazioni nette e produzione rappresentata dalla
retta NX e sono funzione decrescente della produzione in quanto allaumentare della produzione
le importazioni aumentano e le esportazioni rimangono invariate facendo diminuire le
esportazioni nette. Se le esportazioni sono pi elevate del livello di produzione in cui vi
equilibrio tra importazioni e esportazioni si ha un disavanzo commerciale viceversa un avanzo. In
funzione della produzione esportazioni nette sinonimo di bilancia commerciale, quando vi un
valore positivo delle esportazioni nette vi un avanzo commerciale viceversa un disavanzo.

PRODUZIONE DI EQUILIBRIO E BILANCIA DEI PAGAMENTI: Il mercato dei beni in equilibrio
quando la produzione interna uguale alla domanda di beni nazionali Y=Z e usando le relazioni per
le componenti di Z si ottiene Y=C(Y-T)+I(Y,r)+G-IM(Y,)/+X(Y*,) dove Y* rappresenta la
produzione estera. Tale condizione di equilibrio determina la produzione in funzione di tutte le
variabili esogene. Graficamente la retta ZZ disegna la domanda in funzione della produzione ed
inclinata positivamente con pendenza minore di 1. La produzione di equilibrio il punto dove la
domanda uguale alla produzione (intersezione). Disegnando le esportazioni nette come funzione
decrescente della produzione non vi alcuna ragione per cui il livello di equilibrio della produzione
Y sia lo stesso livello che pareggia la bilancia commerciale ma vi un disavanzo.

AUMENTI DELLA DOMANDA INTERNA O ESTERA:
Un aumento della domanda interna: Se il governo decide di aumentare la spesa pubblica vi
saranno effetti sulla produzione e sulla bilancia commerciale. Ad ogni livello della produzione, la
domanda aumenta di G per cui la retta che rappresenta la domanda si sposta verso lalto in
misura pari alla variazione della spesa spostando anche lequilibrio. Lincremento della produzione
maggiore dellaumento della spesa pubblica per effetto del moltiplicatore. Vi un effetto sul
saldo commerciale poich la spesa pubblica non rientra direttamente nelle equazioni di
importazioni e esportazioni esse non si spostano generando un disavanzo commerciale a seguito
dellincremento. Leffetto della spesa pubblica sulla produzione inferiore rispetto a quello
registrato in economia chiusa in quanto in economia aperta il moltiplicatore ha un valore minore.
Un aumento della domanda interna incide sulla produzione in misura inferiore rispetto al caso di
economia chiusa e inoltre ha un effetto negativo sulla bilancia commerciale. Quanto pi aperta
leconomia tanto minore sar leffetto sulla produzione e tanto maggiore leffetto negativo sulla
bilancia commerciale.
Un aumento della domanda estera: Se si considera un aumento della produzione estera Y* tramite
un aumento della produzione estera Y* si avr un incremento di un certo ammontare (X) delle
esportazioni nazionali. Laumento delle esportazioni induce un incremento della domanda di beni
nazionali pari a X per cui la retta che rappresenta la domanda di beni nazionali si sposta verso
lalto in misura pari a X. Allaumentare delle esportazioni la retta che rappresenta le esportazioni
nette si sposta anchessa verso lalto in pari misura. Un maggior livello di produzione estera genera
maggiori esportazioni di beni nazionali che a loro volta fanno aumentare la produzione interna e la
domanda nazionale di beni attraverso il moltiplicatore. La bilancia commerciale migliora in quanto
la retta DD (domanda nazionale) non si sposta, quindi le importazioni aumentano ma non
compensano lincremento delle esportazioni.
Un riesame della politica fiscale: Un aumento della domanda nazionale provoca un incremento
della produzione ma un peggioramento del saldo commerciale. Un aumento della domanda estera
provoca un incremento della produzione nazionale e un miglioramento del salto commerciale. Tali
risultati implicano che gli shock di domanda in un paese hanno effetti anche in tutti gli altri paesi in
base ai legami commerciali e avranno andamenti economici simili. Tali interazioni complicano il
compito delle autorit di politica economica nel caso della politica fiscale. I governi non vogliono
incorrere in disavanzi commerciali perch si accumula debito nei confronti del resto del mondo e
devono pagare interessi sempre pi alti e quindi si predilige un aumento della domanda estera
piuttosto che nazionale. In caso di recessione la soluzione si avrebbe se tutti i paesi coordinassero
le loro politiche macroeconomiche in modo da aumentare la
domanda interna simultaneamente, potrebbero aumentare la produzione senza generare
maggiori disavanzi commerciali tra loro in quanto laumento della domanda genererebbe aumenti
di importazioni e esportazioni per ogni paese ottenendo una compensazione. Il coordinamento
potrebbe richiedere ad alcuni paesi di intervenire pi di altri e non detto che essi siano disposti a
farlo, hanno un forte incentivo a promettere di aderire al coordinamento per poi rinnegare la loro
promessa non raggiungendo gli effetti di uscita dalla recessione.

DEPREZZAMENTO, BILANCIA COMMERCIALE E PRODUZIONE:
Si suppone che il governo intraprenda misure di politica economica che portino a un
deprezzamento della valuta nazionale ossia a una riduzione del tasso di cambio nominale. Il tasso
di cambio reale =EP/P*. poich si analizza il breve periodo si ipotizza
che i prezzi siano costanti quindi un deprezzamento nominale si riflette in un deprezzamento reale
di pari ammontare.
Deprezzamento e bilancia commerciale, la condizione di Marshall-Lerner: La definizione di
esportazioni nette NX=X-(IM/), sostituendo X e IM con le loro espressioni si ottiene NX=X(y*,)-
[IM(Y,)/]. Siccome il tasso di cambio reale entra nellespressione delle esportazioni nette tre
volte, il deprezzamento reale influenza la bilancia commerciale attraverso tre canali in quanto le
esportazioni X aumentano (il deprezzamento reale rende i beni nazionali meno costosi allestero
provocando un aumento della domanda estera di beni nazionali e quindi un incremento delle
esportazioni), le importazioni IM diminuiscono (deprezzamento reale che rendi i beni esteri pi
costosi provoca un aumento della domanda interna e una riduzione delle importazioni), il prezzo
re lativo dei beni est eri in term ini di beni nazio nali 1/ aum enta (aumenta il valore delle
importazioni e quindi la stessa quantit di importazioni ora costa di pi in termini di beni
nazionali). Affinch la bilancia commerciale migliori a seguito di un deprezzamento, le esportazioni
devono aumentare in misura sufficiente e le importazioni devono diminuire abbastanza da
compensare laumento del prezzo dei beni importati. La condizione in base alla quale un
deprezzamento reale genera un aumento delle esportazioni nette nota come condizione di
Marshall-Lerner.
Gli effetti di un deprezzamento: La variazione delle esportazioni nette fa variare la produzione
nazionale influenzando ulteriormente le esportazioni nette. Un deprezzamento comporta ad ogni
livello di reddito un aumento delle esportazioni nette quindi tutte le curve ZZ, NX si spostano verso
lalto insieme allequilibrio. La bilancia commerciale migliora perch laumento delle importazioni
indotto da un incremento della produzione inferiore al miglioramento della bilancia commerciale
indotto direttamente dal deprezzamento, quindi il deprezzamento provoca una variazione della
domanda estera ed interna a favore dei beni nazionali che genera un aumento della produzione
interna e un miglioramento della bilancia commerciale. Un deprezzamento agisce rendendo i beni
esteri relativamente pi costosi riducendo il
tenore di vita suscitando tensioni sociali.
La combinazione di politiche fiscali e di cambio: Nel caso in cui il paese sia in disavanzo
commerciale bisogna attuare una giusta combinazione di deprezzamento e stretta fiscale. Bisogna
generare un deprezzamento sufficiente a eliminare il disavanzo commerciale al livello iniziale di
produzione. Per evitare leffetto espansivo il governo deve ridurre la spesa pubblica attuando una
stretta fiscale che lascia invariato il livello di produzione e migliora la bilancia commerciale.
Bisogna usare la politica fiscale insieme a quella del tasso di cambio. La combinazione suddetta
non garantisce che il deprezzamento riesca a generare un incremento sufficiente di prodotto a
eliminare il disavanzo commerciale e quindi bisogna accompagnare il deprezzamento con un
aumento o diminuzione di spesa pubblica.

UNO SGUARDO ALLA DINAMICA, LA CURVA J:
Un deprezzamento genera un aumento delle esportazioni e una riduzione delle importazioni ma
tali effetti richiedono tempo in quanto nei primi mesi dopo il deprezzamento leffetto si riflette pi
sui prezzi che sulle quantit e queste si aggiusteranno lentamente. dunque impossibile che un
deprezzamento causi un peggioramento iniziale della bilancia commerciale. Con il passare del
tempo le esportazioni aumentano e le importazioni diminuiscono fino a diventare pi forte
delleffetto negativo sui prezzi migliorando la bilancia commerciale riducendo il disavanzo
commerciale. Il processo di aggiustamento definito come graficamente come curva J perch la
curva assomiglia appunto
a una J che prima scende e poi sale. Le variazioni del tasso di cambio reale si riflettono in
movimenti paralleli delle esportazioni nette e lapprezzamento stato associato a un ampio
miglioramento della bilancia commerciale e il successivo deprezzamento stato accompagnato da
un miglioramento della bilancia commerciale. Tuttavia si osservano ritardi nella risposta della
bilancia commerciale a variazioni del tasso di cambio reale e tali ritardi hanno conseguenze sugli
effetti di un deprezzamento non solo sulla bilancia commerciale ma anche sulla produzione. Se un
deprezzamento riduce inizialmente le esportazioni nette esso esercita anche un effetto recessivo
sulla produzione quindi per migliorare la bilancia commerciale e per espandere la produzione
nazionale si deve tenere conto che inizialmente gli effetti andranno in direzione opposta.

RISPARMIO, INVESTIMENTO E DISAVANZO COMMERCIALE:
In condizione di equilibrio la bilancia commerciale NX deve essere uguale al risparmio (privato S e
pubblico T-G) meno linvestimento I quindi NX=S+(T-G)-I. Un avanzo commerciale corrisponde a un
eccesso di risparmio sullinvestimento mentre un
disavanzo corrisponde a un eccesso di investimento sul risparmio. Un avanzo commerciale
comporta un prestito netto al resto del mondo mentre un disavanzo comporta un debito netto nei
confronti del mondo. Un aum ento dellinv estim ento deve riflettersi in un aumento del
risparmio privato, del risparmio pubblico o in un peggioramento del saldo commerciale. Un
aumento del disavanzo di bilancio si riflette in un aumento del risparmio privato, in una riduzione
dellinvestimento o in un peggioramento del saldo commerciale. Un paese con alto tasso di
risparmio pubblico e privato deve avere un elevato tasso di investimento o un significativo avanzo
commerciale. Il deprezzamento incide sul risparmio e sullinvestimento attraverso la domanda di
beni nazionali e attraverso un aumento della produzione in quanto una produzione pi elevata fa
aumentare il risparmio rispetto allinvestimento oppure riduce il disavanzo commerciale.