Sei sulla pagina 1di 33

ARIA DE LI CASTELLI

Poesie in versi locali, tra il romano dei castelli e o ricciarlo Poesie di Antonio DAL MUTO
SECONDO VOLUME

Edizioni CASAMIA

Questa la seconda raccolta di poesie dialettali, un po con il dialetto di Ariccia e un po in romanesco. Come gi ribadito in precedenza, il dialetto rappresenta il veicolo migliore per esprimere i propri pensieri e i propri stati danimo, ma senza drammatizzare, anzi, il pi delle volte per sorridere seguendo delle macchiette in versi. Daltronde i grandi della poesia dialettale romanesca ci hanno insegnato a sorridere in versi anche se questi raccontavano situazioni serie. Buona lettura

dalmuto_antonio@tin.it

Poesie Velletri e li Castelli Ma che robba!! Er depuratore a Valle Marciana Na vorta O callo E che ve tengo da d Ammazza che tengo da sent Tramonto sopre o Lago dArbano E doppo o petrojio Ammazza che callo! Er teremoto A coscienza do cittadino Er Governo Monti Lomert Che tempo!! A quistione morale Arbalonga A solidariet Estate da ricord O Lago dArbano Roma, quanneri bella na vorta

VELLETRI E LI CASTELLI
Che te devo da d: na vorta ann a Velletri era no spasso: la citt taccojieva cor soriso, m nvece, pare cupa come nmasso. N grande centro urbano Mmalato de disorganizzazione Si lacqua a casa nun ce lhai corpa d lamministrazzione E nun tanto cos p critic Ma si laria che respiri nun s pi de bbosco, che puro ce ne mmacello, te vi da penz che c der losco Nun te vi er sospetto Che n sacco cambiato drento a sta citt? Che nun pi tempo de le velletranelle che se metteno a cant? Che si er brutto trova spazzio su li ggiornali Vor d solo na cosa? Che Velletri nun ce pi nun c sta E rimasto, de essa, solo n ricordo luntano assai che nun te poi scord Voi ved che li Castelli Stanno a divent n ricordo dartri tempi? Si cos, nun resta sbrigasse a raccontalli a lartri fin a che campi. Cera na vorta. 13 giugno 2012

MA CHE ROBBA!!
Aho, Velletri proprio nun se sarva, e che ccazzo! Che tte leggo su Castellinotizie? Che pe ff li sordi, nfabbro e mmacellaro, nsieme a n tizie Che se fa taji n dito, sto poraccio, tutto p riscote quarche sppiccio che solo m pazzo Dicheno, potrebbe f. Vabb chen fonno un p de sordi tarinfrescano la panza, che de sti tempi de crisi nun se p bad ar capello Anche si m c sta uno che se ritrova n dito tajiato dar cortello E gi tanto che nun jhanno chiesto de tajiasse puro luscello Che nun me pare proprio, questa, possa esse na cosa ganza. Morale della favela Levenno quilli c arubbeno p mestiere Si rubbeno puro n fabbro e n macellaro, che er mestiere ce lhanno ma no lidee chiare Allora vor d che ce semo ridotti a nun av gnente da magn n tavela Solo che m, er fabbro er macellaro P fa le corna alla disgrazia ce tenno ancora tutte le deta Mentre nvece er poveraccio, ortre a rimanette cojionato a vita P grattasse le palle nun ti pi le mane m paro.

13 giugno 2012

ER DEPURATORE A VALLE MARCIANA


Doppo linceneritore dArbano Mo lora do depuratore marciano: Vasche circolari messe m bella vista P restituitte lacqua pulita, quella p cocete la pasta. E fino qui semo daccordo Perch ora che o culo imparamo a puliccelo da soli senza che continuamo a butta la zozzeria c li scoli da li cessi e da le cucine.. robba dammorbo. Per na cosa me la dovete f da d: e mai possibile che tutte ste modernit utili a facce vive co pi serenit lamministrazzioni le devono da piazz laddove la storia un giorno sort facenno grandi li Castelli, onoranno la memoria dellavi nostri de grandi avvenimenti? E nvece che te vavo a fa? Strumentazzioni cassicureno li svenimenti a ommemi de curtura e furastieri che realizzeno comme semo poverelli. Er rispetto pe la storia Nun c pi, moriammazzata Valle Marciana Chissenefrega se l li Romani qui battereno li sordati della lega Latina Vaffanculo si dar Tuscolo vederemo li vasconi c la scoria Dellacque ripulite che se ne anderanno Ormai nun ce rimasto che da d: la Storia Storia: tutto passato M conta o presente, co tutte le situazzioni de paese tartassato

Dallincuria, da le costruzzioni, da li depuratori che fanno danno Alla memoria, allocchio e a la Storia... Li Castelli che sempre pi lanima loro perderanno P divent na grande periferia de la Roma sullo scranno Do turismo e da vivacit. E a noi, desse stati, ce rimarr solo la boria.

14 giugno 2012

Parte dell Abbazia di San Nilo Grottaferrata - che si affaccia sulla Vale Marciana

NA VORTA Ancora c sta storia? na vorta qua na vorta l Ma ce lo volemo mette n testa cher passato nun ritorner inutile piagnese addosso pe li ricordi de tanta gloria. M c er presente Che si ce guardi bbene s fijo de la modernit, Ma puro vero ch er passato j parente E si la voji sap ancora mejio, la fija questa qua M p nvadente Assai gaudente Irrispettosa de la ggente E lamichi? Nun so pi er sarvaggente Che te caggrappavi quanno lacqua te cchiappava n gola. M so solo cazzi tua: Si chai li probblemi te poi rivorge solo alla mutua Fai la fila, che come lacqua che nun scola, Sempre ntoppata. Nun score pi gnente via liscio Ce guardamo n cagnesco pronti sempre a fa na scazzottata Eppure semo stati fiji de cera na vorta

Evidentemente quarcosa ce la semo scordata Si semo sempre pronti allincazzata E nun ce ricordamo pi de fasse na sana risata, De na manata su la spalla anche pe na stronzata E allora, si ce ricordamo sempre der passato Aricordamoce puro de quarche bona maniera Pe vive meijo la giornata su sta tera E forse cos potremo d: cher passato aritornato!!

15 giugno 2012

O CALLO
E rivato finalmente Finalmente n cazzo! Sto a sud che me paro m pazzo Me sto a sciojie lentamente Si na vorta cera o Generale Inverno M arivato Scipione lafricano Che pi che Generale me pare o guardiano de linferno Che se diverte a rintuzz o carbone drento a o forno e co mmano Mica o forcone, ma na paletta p sventolatte laria Che sempre pi calla tariva n faccia Tabbrucia la gola e te costringe a respir stariaccia Co o risurtato de fatte d: si sapessi n d me nannara. Ma nun era mejio na gelata? Nun era mejio na sana nevicata che si da o freddo tremevi Quarcosa la potevi f: na cosa da mettete addosso la tenevi Ma c sto callo a che penzi? A na spelata? Armeno fosse nsubbarterno arivato ncolonnello, che tavesse reso laria respirabbile Nun cera bisogno de scommod larti gradi cavemo gi er politico insopportabbile. E io che sto ad abbit drento a sta citt come si fussi n galera condannato Pi che lestate me pare na cologna Ma no quille che stanno a o mare co a sabbia Quilla penale, ndo chai solo na cosa da fa: schiopp p la rabbia, Pe nun pot strill Evviva linverno! senza che quarcuno te consideri na rogna. 17 giugno 2012

E CHE VE TENGO DA DI
Cari arbanesi Nun ve la dovete pij co mi Si li sordi po lago hanno deciso de spenneli qui Pe restruttur casema.. Du misure e du pesi Direte voi, ma dovete puro da cap Che o lago e o bosco nun che se rovina si cos se lascia Cos comme s, ma casema che de pietra rischia che se sfascia Ma o sapete quantanni so che sto cos? Sto m piedi da li tempi de Costantino mperatore Na botta de conti? So circa 1700 anni E ve pare poco si pensate a quanti danni Casema ha subbito. Vabbcasema prima era der Battezzatore Si, Giovanni era pi piccola Ma era sacra, perch sta ter conobbe li passi de Pietro e Paolo Lapostoli che portarono la Sacra Parola su sto pargolo De paese, appiccicato qua comme na sola, E si a Pancrazio fatto Santo Janno poi ntetolato sta casa Io penzo che p voi arbanesi dovera esse n vanto E ve dovreste pur da preoccup se na aggiustatina je damo ogni tanto

Channo penzato pure li papi romani A scuc li sordi pe mettece, a casema, na toppa E si m a voi, spenne li sordi do lago ve pare na cosa troppa Me vera da penz che su la mia santit nun ce mettete pi le mani Ve sete scordati de San Pancrazzio Che ner silenzio v sarvato da lutto e pianti Sulle cui pietra do freddo pavimento hanno pregato avi e parenti E m che ve chiede n cenico de spazzio Voi ca risponnete? Che li sordi so po Lago Che San Pancrazzio po spett ha spettato tanto Che nun cambia gnente se nun je ridamo o vanto Desse stato er protettore de sto pago. Speramo bbene, cari arbanesi, io st commodo su no scragno, M paradiso. Che ce st da tanto E nun me preoccupo si casca quarche pietra pi de tanto Me dispiacerebbe solo, si cascanno, ve sfonnasse quarche cragnio Pace et bene.

17 giugno 2012

AMMAZZA CHE TENGO DA SENTI E chi mavesse mai ditto Che n giorno de quisti vengo a sap Che p li Castelli nun basta pi o dialetto, ma me tengo da ten m mente che linglese chi da mpar si voi esse n dritto. Nfatti, drento a Castelli Notizzie che tengo da vedene? Na rubbrica de dialetto inglese, n certo slanghe Che pretende de datte artre parole: infiltte, comme vanghe ne la tera, artre espressioni strane che, a leggele, pareno marziane. Certo che o monno sta cambianno E sta cambianno assai, si n ricciarolo, n velletrano o n genzanese Pijeno laeroprano pe issene n America, pe staccie armeno n mese Nun ja bbasta litaliano, o dialetto, m chi da ten o slanghe mmano Si te voi fa cap. Ma questo me nsegna puro nantra cosa Che tutto o monno paese e che tutto o monno se basa Su o dialetto. Ogni paese chi o sio slanghe pann avanti, pe . E allora o sa che te tengo da d? Tenemese stretti o slanghe nostrano Armeno tra de noi ce capimo, nun c bbisogno de no slanghe strano Cos che ogni vorta evitemo da dimand: Ma sta parola che vor d?

19 giugno 2012

TRAMONTO SOPRE O LAGO DARBANO

Sabbassa o sole allorizzonte Tajia o profilo da collina do Papa c li raggi Pe rinfrangese sopre londe vispe e su li paraggi Mentre sallunga lombra che pare n ponte. Scenne o silenzio nella valle de li Curiazzi Che qua ce tennero dimora millanni e millanni f Saccenneno e luci de li palazzi Comme fussero diamanti, sopre o cratere, de na corona messa l Saddormenta o Lago. Se distenne a natura p godesse o silenzio, Luntano da li strilli de li munelli n cerca de fresco e de m po de svago E quilla pace senza la quale tutto sarebbe strazzio O tramonto sopre o Lago E na cosa assai profonna Te pija o core che pare mai pago P lemozione che te arza e poi taffonna.

26 giugno 2012

E DOPPO O PETROIJO
E doppo o petroijo? Che tenemo da fne? Io a penz de rimanecce a secco proprio nun ce tengo e nun lo vojio, ma pare che quarchiduno gi c ha ncominciato a lavorne sur fatto che n dimane da la pompa de benzina tescer solo aria fritta e senza farina, perch, prima o poi de petroijo manco na goccia ce rimane. E p fforza Gira de qua, gira de l o serbatoio fenisce che se svota E noi comme ce tenemo da comportne c sta dolente nota? Chi solo da allAriccia n Transizzione che te fa cap quillo che poi rimedine puro da na scorza. Gnente paura areg! Ce penza o Traininghe c li Mayors a spiegatte Comme se far: basta mp de fantasia, comme mparo de pignatte Sopre o tetto p scallatte lacqua e mpiatto de pasta nun te mancher; Ma non solo: affanculo lEuro, mo se semo nventati puro o Totnesse na sorta de moneta da spenne ma la vorr lOVIESSE? Chissenefrega si nun la vole, tanto da magnne famo comme o porco de z Piero Ariciclemo puro a monnezza Nze butter via gnente basta mparne larte culinaria E vedrai che quillo che butti m, n dimane, far nvidia a puro a z Maria Che tanto brava a cucinne, Ma ancora fissata co lamatriciana e co pollo c li peperoni P nun parl da porchetta e de le cotiche c li fascioli e li pagnottoni Doppo o petrojio doppo o petrojio che ce resta da fne?

De divent comme li majiali Che nun scarteno via gnente de o magnane Butteremo via le machine e li motorini e jiamo tutti a piedi pe a lavorne Tanto, doppo o petrojio ce rimane solo na cosa da fne pregne Pe nun fen tutti comme ncazzate orde d affamati vandali. Eh, doppo o petrojio

27 giugno 2012

AMMAZZA CHE CALLO! E m basta!! Prima cera venuto a trovane n certo Scipione lAfricano c lintenzione De facce addivent tutti comme na porchetta n festa

3 luglio 2012

Ma siccome era troppo poco callo Lanno mannato via p fa venine isso, Caronte, o traghettatore dellInferno, che rivato e se messo fisso Isso che c callo ce sa fane to dirigge comme fusse m ballo. E noi, poveracci, stemo quane a rosicacce P cercne mp de fresco, puro c le zampe drento a la fontana Artro che mare, qua ce vone o frigorifero appresso pe b a canna Sinn nun te rimane che lombra da cercne pe sopra spiaccicattece Pe fortuna che stemo alla Riccia, Boccheggianno de giorno comme vacche, aspettemo a sera sopra a piazza Pe respirane laria che v da o mare, quilla de bona razza Che te scioie e te rilassa, sorseggianno, na bira fresca e spiccia Ma si ce penzi bbene, nun ce stane gnentatro da fane Bisogna accontentasse puro do callo, speranno, magara, che cammazzi quarche malanno Che collanni sannida drento a lossa che dinverno fanno male, m male cane. Ogni staggione sona li ritornelli sua Guai a lamentasse allora si fa freddo o si fa callo Tanto m motivo pe piagne o trovamo sempre. O lamento ormai comme m ballo Danzamo tutti i ggiorni co le rogne: io cho le mia e tu chai le tua E allora, p conclude sta faccenna: Si rivato o callo, penzamo a o freddo che t darivne stinverno E quanno far freddo aricordamece do callo, quillo dellanticamera dellinferno E allora, forse ce goderemo ogni giorno che domineddio ce manna.

ER TEREMOTO

Leggenno li giornali sotto ar sole Che te scopro? Che li Castelli so fiji der teremoto nfatti nella storia so state tante le smandrappate che lanno messi in moto, Che lhanno rivortati comme pedalini, da Velletri a Santa Maria de le Mole Ner 1806 Velletri venne rasa ar solo Doppo che trecentanni prima laveva gi assaggiato; Ner 1810 ce fu puro pArbano lo scrollamento, senza parl de Marino ner 1899 cann gi comme no scolo E si penzate che Genzano o Lanuvio lhanno scampata Allora leggeteve la cronaca der 1892 E ve potrete immaggin comme labbitanti scapporno comme m bue Da li palazzi ballerini, dalle casette, allimpazzata. Ariccia nun fu de meno San Nicola venne gi comme na canna ar vento Era er 1806, e la scacarcia prese chi fu lento A scapp da la strada tanto che, se cera, sara sartato sopra n treno. Nzomma, lavete capito che dovete da st carmi... voi castellani state sopra a m pentolone che sibbene cha er coperchio siggillato, sotto sta m pressione. Per cui, nun li fate ncazz li Colli Arbani Co ste stronzate der cemento, co li politici e l'accrocchi, Co le discariche, linceneritore, linquinamento in tutte e zone Sai quanto ce metteno poco a scrollavvese dar groppone? Teneteveli bboni, altrimenti fenite acciaccati comme li pidocchi.

5 luglio 2012

A COSCIENZA DO CITTADINO

13 luglio 2012

Nun chai scampo Caro Arbanese, Genzanese, fussanche Ricciarolo perch si nun pij coscienza der tuo rolo s fregato: te rivortano comme m pedalino, e te pijieno po culo che nun te naccorgi manco. A cosa pubblica puro tua; fatta de regole da rispett Ma si nun le conosci, si te ne freghi perch si abbituato a deleg Allora vaffanculo e nun te lament si poi te stanno a freg. A o teritorio, a natura, a o paese storico, lambiente nd si nato e si vissuto ma che tte credi che solo latri ce tenno da penz comme fusse dovuto mentre tu ca capoccia comme li struzzi, te ne stai a guard quillo channo fatto pe po lamentatte si quarcosa nun te v Ma arivffanculo! E to dico solo pe svejiatte, pe fatte realizz che so feniti i tempi che tutto pareva che stesse aspett carivasse quillo che rimetteva a posto e cose, a restitu lidentit De li Castelli, bella e antica So feniti qui tempi, te chi da svejiane Mo chi pi lesto a fregane ce mette mane, fregannosene Si la cosa cosa pubblica, limportante i cazzi propri fane Tanto p li Castelli ce n de gente Che ncapisce n cazzo. Che je poi fane quillo che te pare, me pare matto, Che je va tutto bene, anzi penza puro a ringrazziatte p quillo che s fatto Senza realizz che lhai fatto belle coijonato. E fino a che sta ggente Co la testa sotto tera, nun capisce na mazza Noi semo libberi de f li padroni, de agg comme bona razza, o monno de chi se lo pija si nun trovi la ggente che se ncazza!

O BBILANCIO DE PREVISIONE

16 luglio 2010

Mo, quisto o tempo de li bbilanci Ogni commune ti da fa li conti Ogni cosa ti da ritornne senza tanti sbilanci Perch li sordi nun te li d pi o signore Monti. Ma cche vor d o bbilancio de previsione? Vor d solo na cosa: c da strigne a cinta Ma ancora nun se sa quale cinta conviene che se stringa, in quanto tutto ligato alla cunta. Mancheno li sordi a o commune? O mancheno li sordi de la ggente? Certo che o rebusse nun te d na mane P capine comme stavo le cose veramente Ma na cosa aa fine pare certa: si se ti da strigne na cinta certo nun quilla da ggiunta communale, issa ce st accorta a nun fasse manc gnente.. e po se vanta che li conti so tornati!! E te credo. Cazzo!! Ma c na bella trovata. Nfatti la cinta lavo stretta, ma quilla dellabbitanti Che m tra IRPEF, IMU e tasse varie lavo trasformati in limonata A forza de spreme a destra e a manca So feniti li bbuchi sopra a la cinta, Ma so feniti pure li sordi pe d da magn a sta specie de banca Che ncassa sempre e desse sazia, comme a o solito, fa solo finta. Morale della favela: ma si invece De ine n giro co la cinta, addoperessimo e bretelle? Nun sarebbe mejio, nun sarebbe pi veloce?

Forse sine, ma comme a giri a giri, co isse ce frusterebbero n cambio de d carammelle!

ER GOVERNO MONTI

17 luglio 2012

Lhanno chiamato da nun zo ddove, Lhanno chiamato p fa torn li conti, er Governo tecnico der dottor Monti er fatto positivo che nun poi d che ladro quanno piove. Eh gi, nun er solito Governo Uno de quelli channo sempre fatto li cazzi loro Questo, dicheno, cha le palle doro C sti signori, dicheno, p noi presto se far giorno. Dicheno ma li mortacci sua! Io fino ad ora nun ho visto artro che taji e sforbiciate, gnente pi penzione allesodati e masse doperai licenziate, crisi ogniddove a casa mia e in quella tua, sarvo che a casa de li spendaccioni de Stato, de li magnaccia, puttane e intrallazzatori. Er poraccio sempre pi poraccio er panzapiena sempre pi panza piena, mentre io a fine mese nun ja caccio me tocca, cor bottegaro, arimettece la faccia. E pe fortuna che se tratta d manipolo de tecnici, gente darti studi e grande esperienza, amichi de la gente che conta nellarta finanza sarvo che mpratica li risurtati so uguali a quelli de li politici: Che penzi che te sia cambiato? T aumentata la benzina, la corente, er gasse La spesa lievitata, er tichette s arzato Sto Governo tha svotato le casse Comme hanno fatto, riffe e raffe, tutti lantri channo governato.

Pe finilla qua: tecnico o politico votato Che ssia, er Governo finisce sempre l, aumentatte le tasse, pe fa torn li conti. Potevamo, a sto punto f a meno de sto Monti E ce tenevamo Berlusconi. Moriammazzato!!

LOMERTA Nun taricordi quanno uno arzannose diceva; Qua, quarcuno ha scureggiato! chi sto fetente? E, er solito saccente arisponneva: Chi la sente je parente! Nisuno che fiatava, tutti sorisetti, ma nisuno carisponneva. E questo p fatte cap Che gi ner puzzolente monno delle fetecchie Cera labbitudine a lomert, na sorta de vecchie Tradizzioni, ormai incallite e cementate, che ereno, e so, assai dure a mor. Ma si p na scureggia Nun trovi chi cha er coraggio de d So stato io che lho fatta. Comme te po ven m mente che quarcuno confessi na grossa malefatta Cor rischio, no de na figuraccia, ma de fen dritto n gabbia? Nun te meravij si vieni a conosce Da li ggiornali o dalla televisione Che er solito politico, quello c la faccia dangelo, m chiede compassione Solo perch lhanno beccato c li sordi der malloppo tra le cosce. Nisuno sapeva, nisuno realizzava E ntanto er furbo ne la cassa cantigneva a pi non posso E m che lhanno preso co m bocca losso Tutti se defileno, scandalizzannose der cojione che, zitto zitto, intrallazzava. E che d questa se non farsit, Na cosa che se sposa cogni robba che sa d arubberia Nun importa si se lega pure a na semprice scureggia, che v che ssia, basta sap che nd c maleodore e tanta puzza ce sempre silenzio e omert.

20 luglio 2012

CHE TEMPO!! Nun ce la faccio pi. Sto callo mha mmazzato, ma steso Boccheggio da la matina a sera io ormai me so areso Nun p lamentasse, ma na semplice quistione de, de gris. E s, perch che differenza Trovi tra minatore che scava er carbone E tu che sudi e soffochi sventolannote su le poltrone Cercanno aria che nun c? Proprio comme m mignera. Ce vorr pazzienza E noi la portamo Boccheggianno fino a sera, speranno che la notte Porti la frescura. Po, verso mezzanotte, te senti de gran botte Che pareno cariole che ruzzolano sur serciato. Ce semo? Che famo? Ariva er temporale? Finarmente! Escenno sur barcone, me lavo c stacqazzone Che tra furmini e saette me pare na benedizzione. Domani tutti ar mare. E domenica e se sente Ma porca troia Ma doppo tanto solleone, er temporale proprio er finesettimana doveva da ven? Nun poteva scejie n giorno tra er luned e er venerd? Cos semo stato cojionati d vorte. Metereologgia boia!!!

22 luglio 2012

A QUISTIONE MORALE Ma ricordo da munello Che basteva strignese la mano p ann daccordo Ereno tempi in cui ce se guardeva nfaccia e nisuno che facesse o n gordo Perch lonore veneva prima: era o solito antico ritornello. E passato n sacco de tempo E quillo che posso vede che lonore nun se sa pi a n do st de casa Ar punto tale che m se parla de quistione morale, ma tutta na farsa Perch la faccia nun te la guarda pi nisuno e da quanno campo Me s mparato che lomo cha d culi: Uno mbasso pe sedesse e uno in arto p guardasse n torno, p pesca er poraccio da freg, strignendojie la mano tuttattorno come fosse na biscia che pi che dumano s de animali pronti a sbranatte a la faccia de lonore e da promessa. Artro che quistione, qua se tratta de caccia grossa Perch becc tutti sti fetenti, posizzionati n do se mbrojia puro de notte, nun ce v la discussione, ma la tecnica der cacciatore auspicannose de stanalli p consegnalli ar questore. Co sti stronzi nun basteno le parole, ma er carcere e senza compassione. La vera quistione morale una sola: Sarva lonesti da li prepotenti, pijianno questurtimi p la gola Sbattennoli n galera e eh, gi. Ma c sta giustizia che ce trovemo Li soliti fetenti co la faccia da culo sai quante vorte li ncontreremo?

22 luglio 2012

ARBALONGA Ma li mortacci proprio o caso da dne Arbalonga, la patria dellarbani popoli de sangue fiero Che o monno avo conquistato, co o o pugno e o fero Avo fondato Roma, stirpe nobbile latina, c Enea prencipio e fine. M, n do so iti a fenine sti latini sempre fieri e incazzati ? Lamministrazzione lha mannati p li servizzietti: a pul li cessi A sforbici li prati, a parcheggi le machine c tutti lannessi e li connessi De lommeni de fatica. E solo p restruttur li debbiti ammucchiati! Arbalonga, comme te si ridotta, Nemmanco tanno destinato o corso principale o la stazzione Solo n vicolo anonimo comme anonima ad diventata sta popolazzione Che mille e millanni fa se impose, comme nimprovvisa botta, Su li sabbini, sullequi e su li volsci. Furono partoriti lArbani da li dei, fieri no core e gonfio o petto co le braccia toste e lermo fisso, la lancia brandeveno ne o getto ma m co la politica ner mezzo, lArbani so addiventati tutti mosci E che penzeno solo a le funtane, alle pulizzie Forse solo la viggilanza ce restituisce unantico vezzo Ma voi, dando comme nome Arbalonga a sta societ, nun avete capito n cazzo perch avete offeso la sacra gloria, la memoria e la storia de le milizzie che profondi sorchi avo scavato lungo la strada de la romana storia. Ve posso chiede solo na cosa? Ariponete la vostra tracotanza e boria E ribattezzate sta societ, che s La castellana cos, armeno lonore ver sarvato!!

22 luglio 2012

LA SOLIDARIETA Che bella cosa la solidariet Segnifica che si chai de bisogno sicuramente qurcheduno te busser a la porta Che nun te devi da preoccup si quarcosa t annata storta Trovi certamente quarcuno che prover piet P la situazzione in cui te trovi. Questo er canto damore dellumanit Quella vera, quella che se d pace per f a gara p aiut Quelli che ner bisogno chiedeno aiuto a me, a te, a noi Pare vero! M pi facile incontr Chi se commove pe n cane abbandonato Pe n sorcio malannato Ma nun se sposta se na donna violentata stata lasciata l. So tante le storie de tutti li ggioni Che macinano vite e anime, gioie e dolori Le puttane che sorideno, ma ner core nun channo de lamori li bollori Solo paure e angosce, quelle che proveno li schiavi ne le priggioni La solidariet si la piji sur serio te po lasci mmutande Mejio dalla a nanimale ch a n cristiano Troppo complicato impelagasse con numano Mejio er cane, che nun chiede e nun f domande.

28 luglio 2012

ESTATE DA RICORDA Ammazza che callo! Mo me butto a letto Me ggiro, ma rivorto e me chiedo: Mo comme me metto? Aho, questo nun n sonno, ma m ballo. A sent mi madre, che dice er vero, E che danni sur groppone ce nha assai, ma assai parecchi, N callo cos nun saricorda, manco ne li racconti de li vecchi. Ma ce tocca a noi m, beccaccelo tutto intero Chiedennose da che dipende. Uno te dice che sto callo africano; nantro nun ce va liscio e dice che essendo stronzi ce lo meritamo mentre la scienza a cerc raggione nun sarende. Forse saremo puro stronzi E nun ce meritamo gnente de bono. Questa de ddio na romanza! Ma si pensi a la storia nun poi nun realizz che lumanit sempre stata stronza Da na parte li forti e li prepotenti, dallartra li poracci e li gonzi, Ergo: stronzi o nun stronzi che semo Tenemece sto callo, che male che vada te fa sta drento casa, e c sti chiari de luna arisparagn senza ggir nun marvaggia cosa anche perch, laria fresca de li Monti, pare, che fa male e te f divent scemo.

29 luglio 2012

ER LAGO DARBANO E c rintogna! Esclama labbusivo che dellacqua der lago Nha fatto na cosa privata der tipoTanto nun pago. E te credo che je d fastidio se er giornale ne parla alla bisogna. Quello do lago, si se po d, e come er giro da Ntogna che cammina cammina se ritrovava sempre na medesima fogna, e s perch sto probblema, lacqua che sparisce, nun de quache d Ma e na storia ormai assai longa ma tarmente longa che te vi da d: Poraccia stArbalonga. Corpa dellAmministrazzione? Beh, si cos se chiama e bisogna che se lo ponga Na vorta p tutte sto probblema, fissandoselo ne la capoccia comme na vanga. Nun se po pi ved sto spettacolo: La riva che sallunga e lacqua che saccorcia Mentre lAmministrazzione se vanta - ma nun ce vede manco c na torciaDe le bellezze naturali che sarebbero dietro ognangolo. A Sindacoo ma che aspetti a scojie li guardiani, Mannalli n giro a fa mp de controlli, ma mica perch devi esse bravo, ma solo perch er lago pure de li munelli che stanno aspett laggi ner futuro, speranno de godesse tutti sti beni, prima cher menefreghismo diventi pazzo, la faccia da padrona, fregannose de tutti sti gioielli; prima che la situazione sia senza soluzzione, p corpa de li cavilli de la burocrazia, che si se chiama cos solo perch nun je ne frega n cazzo!

30 luglio 2012

ROMA, QUANNERI BBELLA NA VORTA E chi se scorda, amichi cari, er vorto de Roma de na vorta ma mica de tantanni Pe falla corta st a parl solo de cinquantanni f, de lartro ieri.

31 luglio 2012

Potevi gir c la rigazza drento Villa Borghese a le due de notte senza e rischio desse caricato de botte da di balordi spinellati che, oggi, alla tu donna je riserverebbero la mazza; Via Veneto era gajiarda, era accesa, Ma che tto dico a fa? Ma marea de personaggi Quelli famosi, quelli de li lungometraggi Che tanti sogni te faceveno f, te faceveno vive avventure a josa; Er Colosseo, Fontana de Trevi senza tante merde, Er Foro Romano e quello de Trajano Ereno zone de libbero accesso e se rimorchiava la stragnera chiavi in mano E lungotevere? Annavamo via come la porvere quanno scattava londa verde, er traffico nun era pazzo e si annavi a Campo de fiori sentivi parl romano lo stesso a Piazza Navona, che m st mano a lo stragnero comme Via de li Fori Mperiali che puzza de piscio e de scagazzo Comme eri bella na vorta Roma mia Solo Romani, Marchisciani e furastieri, che venivano p godesse tutti sti beni M tutto cambiato, c li Cinesi, li Filippini, larabbi e li Rumeni Roma addiventata m mercato allaria aperta, na bancarella in ogni via Senza parl der puzzo e da monnezza Che fanno da corona allantica bellezza De na Roma che rimasta solo n cartolina Grazie a quelli che stanno commodi, commodi nella sala capitolina

FINE