Sei sulla pagina 1di 12

COMUNE DI LARCIANO

Medaglia dOro al Merito Civile

Periodico dinformazione dell Istituto FERRUCCI di Larciano Fondato da Adriano Disperati Diretto da C. Niccolai

2011/12

Anno XXVI

N. 3

Ciao Ragazzi!
siamo contenti che vi interessiate del giornalino, avendo messo a disposizione di tutti la cassetta critiche e suggerimenti, ma siamo stati proprio delusi dalle varie critiche, per lo pi secondo noi, non vere !! Comunque noi abbiamo deciso (e ci sembra giusto!) rispondervi, ma a modo nostrotramite giornalino !! Per cominciare luscita ritardata del giornalino, non stata colpa nostra !! Non avevamo chi ci stampasse i fogli !! Abbiamo finalmente risolto questo piccolo problema e ora cercheremo di essere pi puntuali. Un altra critica dice che alcuni articoli non hanno senso, guardate che non mica facile scrivere tanti articoli su tanti argomenti!! visto che li scriviamo NOI ALUNNI e non professori..e NON li scarichiamo da InterneT! Inoltre se chi ha scritto la critica intendeva dire che non ha senso il contenuto, invece di lasciare la critica vaga piuttosto faccia delle proposte che valuteremo. Per i giochi poi..INVENTIAMO tutto noi.qualche errore pu scappare, no??! A parte tutto questo, siccome teniamo alle vostre opinioni, cercheremo di stare pi attenti. Poi dite che volete una rubrica sui giochi della play station, se questo vuol dire rubrica-fissa, non ci sembra giusto, infatti c stato un articolo nel primo numero e altri seguiranno, ma in tutti i numeri del giornalino non ci pu essere, perch NOI vogliamo scrivere per TUTTI gli alunni, non solo per gli appassionati della play (i quali tra lalto sanno sicuramente dove documentarsi: riviste, internet). E cos scriviamo un po di tutti gli argomenti che interessano a tutti: Sport, Musica, Moda, Videogiochi, Fumetti ecc Infine riguardo alle critiche sugli argomenti, sullo stile di scrittura, sui giochi facili ricordiamoci che ci sono anche tanti abbonati alla scuola elementare e il nostro stile vogliamo che sia PER tutti!! AS2B

Fondazione T.I.A.M.O. : posata la prima pietra !


Sabato 26 novembre 2011 stata posata la prima pietra della Fondazione TIAMO, Tutti Insieme Associazione Malattie Orfane, per la realizzazione di una struttura che dovr ospitare i genitori di bambini affetti da malattie rare per periodi di ospedalizzazione dei loro figli. Il Dr Giorgio Fazzini, commosso, ha fatto gli onori di casa, in rappresentanza della Fondazione TIAMO patrocinata dal Comune di Viareggio, che raggruppa le Associazioni Toscane Lalbero delle bimbe e SuXfragile Essere affetto da una malattia che colpisce un paziente su 10000 o anche su 100000 persone, infatti, significa che in queste condizioni una famiglia non potr giovarsi delle esperienze dellaltra, n di trovare un azienda farmaceutica che investa in ricerca ... >> continua a pag. 2 >>

SALUTARE IL 2012 ALLINSEGNA DELLA SOLIDARIETA


Gli alunni dell'Istituto Ferrucci di Larciano hanno scelto di portare il loro saluto e i loro auguri di un buon 2012 agli anziati ricoverati a Spicchio. Pu sembrare un gesto banale ma niente deve essere scontato nella crescita armonica e responsabile dei ragazzi: un semplice gesto di solidariet pu insegnare molto sul senso della vita, sul rispetto degli altri e sull'amore gratuito. Ci sono molti modi per chiudere l'anno in bellezza e i ragazzi della scuola media di Larciano hanno scelto questo, per dare un segnale anche ai grandi che nell'attenzione verso I deboli, i malati e gli anziani si pu trovare la gioia e la speranza per un futuro migliore. Con un piccolo banco sistemato in piazza a Larciano nel mese di dicembre durante il mercatino di Natale, hanno venduto oggettini costruiti da loro e hanno realizzato un po' di soldi per comprare panettoni e spumante da portare a Spicchio. >> continua a pag.2 >> Vedi anche pag. 2, 3 e 4

2011/12

Anno XXVI

N. 3

Vita Scolastica
>> segue da pag.1 >> (scoprire il farmaco che allevia i sintomi per una strettissima minoranza di possibili acquirenti non un buon affare...). Inoltre sar difficile incontrare specialisti esperti non di una, ma di 7-8000 malattie diverse, ovvero quante sono quelle censite dall Istituto Superiore di Sanit.Questi pazienti spesso non conoscono la storia naturale della malattia n facile mettere insieme le esperienze per capire quali tra i possibili interventi siano pi efficaci. Una malattia considerata Rara o Orfana quando colpisce non pi di 5 persone ogni 10.000 abitanti. Si potrebbe quindi pensare che il fenomeno non ha un interesse sociale, tuttavia se consideriamo che il numero di Malattie Rare conosciute e diagnosticate oscilla tra le 7000 e le 8000 si desume che ci sono milioni di persone in Italia e addirittura decine di milioni in tutta Europa ad essere interessate dal fenomeno. Lobiettivo della Fondazione TIAMO la creazione di un centro studi nazionale sulle malattie rare con collegamenti tra i centri che si occupano specificatamente delle singole malattie rare. Un altro obiettivo che la Fondazione cercher di concretizzare, sar quello della realizzazione di una foresteria che permetta alle famiglie di soggiornare durante il ricovero di un loro congiunto allospedale Versilia. Verr anche realizzata una piscina (lacqua elemento indispensabile per la cura di molte di queste patologie) e, successivamente, un dopo di noi. Le aree verdi saranno desti-

Questanno il periodo prenatalizio stato caratterizzato da una nuova mission da parte del gruppo teen coop: il DONAGIOCO! Si trattato di raccogliere in scatoloni, collocati in ogni classe, tutti i giochi vecchi, ma in buono stato, che si trovano nelle nostre case e che, causa et, non sono pi utilizzati per il loro scopo: il gioco! Perch allora non passarli a qualcuno che magari non ne ha e a cui farebbe sicuramente piacere riceverli! E stato un successo! Giorno dopo giorno gli scatoloni si sono riempiti di pupazzi, macchinine, camioncini insomma..il cuore generoso si fatto concreto! E pensare che si era appena concluso il DONACIBO ANIMALE per i nostri amici a 4Zampe! E anche in quel caso gli scatoloni portati via dagli operatori del canile Hermada sono stati veramente tanti!
>> segue da pag. 1>> Poi hanno messo in scena con la band della scuola un piccolo spettacolo musicale di canti e musiche natalizie e sono andati dagli anziani. Il pomeriggio passato in loro compagnia, cantando e ascoltando le storie della loro vita e, al momento della partenza, non sono mancati pianti e abbracci con la promessa di tornare presto a trovarli. Durante il viaggio di ritorno verso la scuola, sul pulmino messo a disposizione dal Comune, un ragazzino ha detto a voce alta:<<Io non sapevo che esistesse quel centro per gli anziani qui vicino!>>. Ma quanti come lui non lo sanno oppure lo hanno dimenticato? Buon 2012.

nate ad attivit ludiche e di svago, e potranno trovarvi spazi adeguati anche attivit come la pet therapy, lorto e la fattoria. Vogliamo ricordare che anche noi, nel nostro piccolo, abbiamo contribuito donando 1000 euro raccolti durante La partita per la vita e lasta di beneficenza organizzate dalla Teen Coop e consegnati al Dr Fazzini in occasione della festa di fine anno scolastico.

2011/12

Anno XXVI

N. 3

Vita Scolastica
Riflessioni dei ragazzi sulla Carta etica dello Sport
Gioved 17 novembre le tre classi prime della secondaria di primo grado si sono recate a Lucca per partecipare ad un incontro il cui tema stato: Riflessioni dei ragazzi sulla Carta etica dello sport. Si parlato di etica e di sport e del diritto di tutti a fare sport per star bene. La pratica dello sport componente essenziale nel processo educativo cos come la lealt (fair play), fondamentale in ogni disciplina sportiva sia a livello dilettantistico che professionistico. Un giornalista sportivo, Massimo Sandrelli, girava per la Sala Arcobaleno e poneva domande a ragazzi e professori. Significativi sono stati gli interventi di personaggi del mondo dello sport come larbitro Trefolone , Fino Fini, direttore della Fondazione Museo del Calcio e della legalit come Pier Luigi Vigna gi procuratore nazionale antimafia. Lincontro precede il progetto Ultr Corretto, realizzato con gli operatori UISP, in atto da anni nella nostra scuola e che coinvolger, a partire da gennaio, le tre classi primIO GIOCO, nazionale antimafia. Lincontro precede il progetto Ultr Corretto, realizzato con gli operatori UISP, in atto da anni nella nostra scuola e che coinvolger, a partire da gennaio, le tre classi prime.

biamo rivolto alcune domande alla prof. Innocenti Serena: Quale oggetto stato piu difficile da produrre? E lei ci ha risposto: glii oggetti in FIMO! ( una speciale pastamodellabile che si cuoce in forno) Abbiamo continuato chiedendole se per i raggazzi sono stati difficili questi lavori, lei ci hai Il laboratorio Riciclo iniziato i primi di novembre. risposto che alcuni si, in particolare hanno trovaaLo scopo stato da subito chiaro: allestire il to pi difficolt con le palline in patchwork. Le mercatino di Natale che per trafdizione viene idee di questi spettacolari oggettini sono state fatto davanti alla sala professori ormai da diversi scelte insieme agli alunni navigando su internet anni. tramite la LIM. I lavori li abbiamo fatti noi ragazzi, un gruppo di Dalla vendita degli oggetti sono stati raccolti cirseconda, con degli oggetti riciclati; le idee dei ca 300 euro. Alle vendite si sono alternati ogni manufatti sono venute dalla professoressa Innogiorno due ragazzi per ogni classe delle seconde centi Serena, ma la lavorazione stata fatta e delle terze, dalle 10:30 alle 10:50. Cogliamo locdagli alunni: Giada Nela E.V.,Giulia P.,Chiara casione per ringraziare i ragazzi e i prof. che hanC.,Elena C., Daphne M., che poi stata sostituito no concesso agli alunni di perdere un po di lezioPaolo L. In questi primi mesi del laboratorio siamo ne . stati aiutati da un gruppo di ragazzi della 3^B por- Speriamo che questo mercatino vi sia piaciuto e tati dalla prof. Piatelli Donatella, perche avevache lanno prossimo participeranno anche quelli mo tanto da produrre in poco tempo in vista che questanno non hanno potuto!! del Natale . A proposito di questo laboratorio abAO2B e DM2A

2011/12

Anno XXVI

N. 3

Vita Scolastica

Vogliamo raccontarvi la nostra esperienza in qualit di partecipanti al Premio letterario nazionale Elisabetta e Maria Chiara Casini , bandito gi da 7 anni dalla presidentessa del omonima fondazione , Doretta Boretti . quando linsegnante di lettere ci ha spiegato le motivazioni che sottendono tale concorso , abbiamo accolto con entusiasmo lidea di impegnarci per trasmettere , con i nostri racconti , poesie e lettere , quellamore per la vita che la signora Boretti va testimoniando da quando ha perduto le uniche due figlie ventenni in un tragico incidente stradale avvenuto a Firenze nel novembre 2004 . la storia ci ha toccato profondamente e soprattutto il coraggio di questa madre che ha trovato la forza di combattere l insensatezza delle morti su strada , con le parole : le parole sue e quelli degli altri , dei giovani e dei meno giovani. Ognuno di noi, con un filo invisibile si legato a tristi ricordi di persone prematuramente scomparse, ma anche alle gioie inattese, ai regali che la vita, ogni tanto, dispensa; ha guardato con occhi diversi ci che

ha intorno e ha fatto fluire i pensieri sulla carta con partecipazione , a volte rabbia e con la voglia di reagire e dire basta a tanto dolore. Alcuni dei nostri elaborati hanno incontrato il favore della giuria e 5 di noi sono stati premiati insieme alla nostra scuola per lalto numero di riconoscimenti avuti . la premiazione avvenuta a Firenze, il 27 novembre , nel salone dei cinquecento a palazzo Pitti , in un atmosfera di festa composta alla quale era presente anche la scrittrice Dacia Maraini . il bello di questa concorso e che tutti hanno ricevuto un premio,anche chi non entrato nella rosa dei prescelti ha comunque ricevuto il dono di poter riflettere su quanto la vita,nostra e degli altri,sia un bene prezioso e sul rispetto che le dobbiamo. Gli alunni premiati sono: Federica Girolami, Emilia Monti, Alice Cutsodontis, Matteo Castelli (della classe 3A dello scorso anno) e Stefano Cojacarescu (della 3B) che non compare purtroppo nella foto.

LA REDAZIONE pubblica volentieri LO SCRITTO INVIATOCI da Sindrome di Martin Bell. dal Sig. PAOLO, babbo di una BAMBINA DAGLI OCCHI BEL- La localit sulla quale verr edificato il centro Bicchio, a met LI e lo ringrazia. strada tra Viareggio e Torre del Lago. Si tratta di un vecchio cascinale con chiesetta annessa (la chiesina di Don Sirio) che La sindrome di Rett una malattia rara che colpisce una bimba diverr, prendendo ad esempio strutture gi esistenti in Sveogni 10000 nate; per i maschi mortale fin da subito ed per zia, il primo centro Rett dove verranno realizzate palestre, una questo che viene anche detta sindrome delle bambine dagli piscina, aree ludiche e di verde (compreso l'orto!) il tutto occhi belli. La sindrome di Rett un disturbo dello sviluppo stato pensato, in sede progettuale, per le esigenze delle bamneurologico di origine genetica (il gene stato isolato soltanto bine. Il centro verr gestito da personale con preparazione di nel 1999)che progredisce a stadi. Della malattia fanno parte i alto livello e specifico per le malattie in questione. E prevista disturbi generalizzati tipo autismo ed interessa molti organi ed anche una foresteria per accogliere i genitori dei bambini che apparati del sistema nervoso centrale in special modo epiles- verranno ricoverati e per ospitare anche le famiglie meno absia e ritardo mentale, quello autonomo tipo disturbi respiratori, bienti che qui potranno trascorrere periodi di vacanza. circolatori e cardiaci, fino a quello scheletrico tipo osteoporosi Il giorno 26 Novembre 2011 stata posta in opera, dal Sindaco precoci o scoliosi. Una caratteristica fortemente invalidante la di Viareggio, la prima pietra di quello che fino a pochi anni fa disprasia manuale che rende questo disturbo particolarmente era soltanto un' idea della famiglia Fazzini e del Dott. Pini. complesso e grave. All'evento hanno partecipato, tra gli altri, rappresentanti dei La fondazione T.i.a.m.o. si prefigge la costruzione di un cen- Lyons e del Rotary di Viareggio, Marcello Lippi, testimonial tro specializzato dove si possa dare alle piccole pazienti soste- affezionatissimo, vari esponenti del Comune di Viareggio, gegno e cure psicomotorie specifiche. Nasce dalla collaborazione netisti provenienti dal nord Italia e dall'America , esponenti tra due fondazioni "L'albero delle bimbe" (che prende il nome dello sport viareggino ma , soprattutto, anche se non eravate da un libro scritto a scopo benefico dal Dott. Giorgio Pini prima- fisicamente presenti, all'evento avete partecipato tutti voi piccorio di neuropsichiatria infantile dell'Ospedale Versilia e figura di li ma sensibilissimi sostenitori ed ambasciatori di questo partiprimissimo rilievo in Italia per la conoscenza della malattia e colarissimo, fragilissimo ma importantissimo progetto che speper l'umanit quasi paterna con la quale si dedica alle piccole ro continuerete a seguire nel tempo proprio come quel piccolo pazienti) e SuX-fragile , che si occupano rispettivamente orto previsto, come quel bellissimo giardino delle bimbe dagli delle bambine affette da Sindrome di Rett e dei ragazzi affetti occhi belli che spero continuerete ad innaffiare.

2011/12

Anno XXVI

N. 3

controllo vincite sabatino migliorini cau giovacchini bianco michelotti chimento ciervo

hostess pici ndoci buglione iolucci hoxa mucciacito

consegna premi meozzi fedi volpi tesi

cassieri volpi boschi

Domenica 18 dicembre si svolta la seconda edizione di tombola in famiglia. I soci si erano organizzati in modo eccellente:addetti al controllo vincite,hostess,addetti alla consegna premi,cassieri,presidente e vice presidente che si sono occupati dellestrazione di numeri, tutti provvisti di cartellino di riconoscimento e di cappello di Babbo Natale. Sono stati effettuati sei turni costituiti da 6 giocate per un totale 36 premi ed in pi, questanno, il TOMBOLONE FINALE! (chi voleva giocare doveva pagare 1 euro). I premi, sono stati apprezzati Terno > cavallucci; Quaterna > confezione gianduiotti; 1 cinquina > panettone; 2 cinquina > cantucci e vinsanto; 1 tombola > confezione Sapori; 2 tombola > confezione Blocco; tombolone > cassetta di vini; Tra una vincita e laltra i partecipanti si sono divertiti apprezzando molto i premi,soprattutto i fortunati vincitori,mentre durante le estrazioni dei numeri,un silenzio surreale calava tra i tavoli. Il

settore di gioco il pi fortunato stato quello della classe 3 A che ha vinto 7 vini pregiati nel tombolone. Numerose le vincite consegnate ai genitori che si trovavano in quella zona, costantemente accompagnate da simpatici disappunti di coloro che erano prossimi alla vincita. In totale sono stati raccolti 826 euro che verranno utilizzati per lacquisto di attrezzature per la scuola. Dalle prime impressioni sia dei genitori sia degli alunni lesperienza sicuramente da ripetere, abbiamo trascorso una domenica diversa da le altre, in un lungo incubo per alcuni studenti ma che si trasformato come per magia in un divertente spazio, dove abbiamo trascorso in compagnia di amici e parenti una giornata indimenticabile. Un ringraziamento speciale ai collaboratori Caterina, Mara , Paola e Gallo che ci hanno aiutato a sistemare l'area adibita al gioco.

Anche per questanno gli addetti alla Lotteria della Teen Coop hanno ricevuto i blocchetti e si sono messi subito a lavoro!!! Hanno venduto i biglietti, oltre che ai propri compagni, anche a genitori e parenti, professori e personale ATA. Sono riusciti a raccogliere 782,00 che saranno interamente devoluti al Progetto Nairobi. I ragazzi della Teen Coop vogliono esprimere il loro pi sentito ringraziamento alle famiglie, agli alunni ed al personale della secondaria di primo grado per il contributo che ha reso possibile la realizzazione della lotteria di Natale per la raccolta fondi a scopo benefico. Il nostro sforzo di aiutare quella scuola ad autofinanziarsi,

per sopravvivere e continuare ad offrire ai bambini poveri unopportunit di riscatto nella vita, grazie al vostro prezioso aiuto sta andando a buon fine. E quindi vogliamo ringraziare le Ditte che hanno generosamente contribuito alla realizzazione delliniziativa: * Enoteca Bonfanti - * Neri - *Ciclo Bazar *Tani Home.

2011/12

Anno XXVI N. 3

Vita scolastica
Il 25 dicembre 2011 noi ragazzi della classe 3 A, accompagnati dalle Prof. Mori, Pierazzoli e Venturini, siamo andati a Firenze a visitare la galleria darte degli Uffizi e il Museo Galileo. Alle 8,15 ci siamo ritrovati alla stazione di Montecatini attesi dalle nostre prof. Dopo pochi minuti siamo saliti sul treno (di quelli un po vecchi) e dopo un confortevole viaggio siamo arrivati a Santa Maria Novella. Subito in cammino, verso gli Uffizi, siamo passati anche dal Duomo dove la prof. Pierazzoli ci ha fatto da guida (che guida!!!) e ci ha spiegato chi l aveva costruito e ci ha fatto vedere le porte. Una volta che le nostre professoresse sono andate a fare i biglietti siamo entrati agli Uffizi dove ci hanno fatto lasciare fuori borse, macchine fotografiche e bibite per la sicurezza delle opere. Abbiamo visitato la sala delle tavole di Cimabue e Buoninsegna dove la Pierazzoli ci ha spiegato gli elementi chiave dei dipinti. Splendida anche la sala dove cera la Nascita di Venere e La Primavera del Botticelli dove si nota bene la ricerca della perfezione rinascimentale. Con un po di fretta (ci attendevano al museo Galileo) abbiamo ammirato alcune opere di Leonardo e del Verrocchio tra cui una incompleta e in ristrutturazione (lAdorazione dei Magi). Usciti dagli Uffizi siamo entrati nel Museo Galileo dove, anche l, ci hanno fatto lasciare le borse. Qui da Storia dellArte siamo passati a Scienze e la guida ci ha illustrato i molteplici strumenti pi che altro astronomici con cui si potevano misurare le ore o orientarsi. Ci hanno spiegato come fece Galileo a costruire il telescopio e abbiamo visto le sue reliquie: il suo dito medio e lindice (chi sa perch!!!). Al piano superiore abbiamo visto alcuni strumenti per produrre elettricit e allepoca questa energia era proprio un fenomeno da baraccone. Poi siamo scesi al piano terra dove ci hanno fatto provare gli strumenti in esposizione: uno che girando una manovella, con dei feltri dalluminio, immagazzinava lelettricit e faceva delle scintille o faceva muovere le palline. Un altro sulla forza centrifuga e lultimo che aveva un impalcatura di ottone dove, sempre girando una manovella, si produceva o un suono o si faceva respingere due linguette metalliche. Purtroppo avevamo finito e dopo una rapida occhiata ai souvenir ci siamo diretti alla stazione e dopo unoretta siamo arrivati a Montecatini dove i nostri genitori ci aspettavano.
Cl. 3^A

Venerd 11-11-11 noi della classe 2c , siamo andati a visitare Siena . Ci siamo riuniti , alla stazione di Empoli alle 8:50 e siamo saliti sul treno , accompagnati dalla prof. Sandroni , prof. Sorini e prof. Calugi. Sul treno abbiamo atteso circa un'ora ... Arrivati , non eravamo vicino al centro, ma si doveva camminare all'incirca per 2 km e cos abbiamo fatto . Non stato molto faticoso , perch a met del percorso ci siamo fermati a fare merenda , poi siamo ripartiti e la prima tappa stata Santa Caterina da Siena. Siamo entrati e dopo 10 minuti siamo usciti . Dopo abbiamo ripreso a camminare , siamo arrivati a Piazza del Campo, la piazza principale di Siena ed era molto bella. In centro alla piazza si trova la Fonte Gaia. Nonostante fosse venerd c'era molti Turisti. Poco dopo, siamo saliti sulla Torre del Magnia, erano 420 scalini!!! Eravamo davvero affiatati, ma arrivati in cima era uno spettacolo, 88 metri, c'era una vista stupenda, scesi, abbiamo pranzato su Piazza del Campo, alcuni non avendo sono andati a pranzo da Spizzichino, un ristorante molto conosciuto in Piazza del Campo. Siamo andati a vedere il Duomo, era bellissimo!! Sopratutto la parte davanti, con molte sculture e particolare. Verso le 16.20 siamo ripartiti a piedi per alla stazione, alle 17.00 siamo saliti sul treno e alle 18.00 eravamo "alla stazione di empoli"e i genitori sono venuti a riprenderci. stata una delle gite pi curiose e fantastiche che abbiamo mai fatto.. CC2C , RC2C

2011/12

Anno XXVI

N. 3

Scuola Primaria

2011/12

Anno XXVI

N. 3

Scuola Primaria
I PARTE
Mi chiamo Howard Carter e sono un archeologo inglese, un egittologo, da sempre appassionato del mio lavoro. Studiando la civilt degli antichi Egizi sono rimasto molto affascinato dalla loro cultura, dal loro modo di vivere; cos, per saperne di pi, ho deciso di andare alla ricerca di qualche reperto particolarmente interessante (ammesso che ne sia rimasto qualcuno da scoprire). Ho organizzato una squadra di validi e coraggiosi collaboratori, amanti della storia antica: i miei colleghi, i giovanissimi studenti di archeologia delle classi quarte di Larciano. Siamo partiti allavventura. Chiss cosa ci riserber questo lungo viaggio in luoghi ancora avvolti dal mistero. Ecco, lascio ai posteri la mia storia. Mi trovavo con la mia squadra di scavatori nella Valle dei Re, un luogo torrido e desertico, infestato da serpenti e da scorpioni. Dan Hilo, il nostro geografo di fiducia, nonch nostra guida, ci aveva condotti l consultando una vecchia mappa del luogo. Intorno a noi cerano decine di tombe scavate nella roccia; esse appartenevano a diversi faraoni del Nuovo Regno. Io sapevo che quasi tutte le tombe egizie erano state depredate dai ladri gi nellantichit. Per noi archeologi moderni rimane ben poco dei tesori che vi erano custoditi, ma il nostro desiderio di andare alla ricerca di sempre nuove scoperte e di eccitanti emozioni ci spinge spesso ad affrontare limpossibile. Dopo giorni e giorni di viaggio fra dune interminabili, sotto il sole cocente, senza aver trovato niente di interessante, i miei aiutanti cominciavano a dare segni di stanchezza e di scoraggiamento. Edward Bik, il biondino, mi chiedeva se ci potevamo accampare per la notte sotto alcune rocce, che formavano una collinetta, l nelle vicinanze. Aveva la febbre alta, dovuta al morso di un mega-scorpione che giorni prima aveva avuto la sfortuna di incontrare. Lantidoto somministrato aveva fatto effetto ma quel febbrone non voleva scendere. La scorta di acqua stava per finire (per forza, Jan Luch beveva pi del suo cammello!). Molti miei collaboratori sarebbero volentieri tornati indietro, soprattutto Franch Cesko, che sudava come una mucca tibetana, nonch Matthias, che aveva gi finito i suoi viveri, per non parlare di Nik Hol che ogni cinque minuti si fermava a far pip, rischiando la disidratazione; ma io, noncurante di tutto, ho dato ordine di proseguire. Allimprovviso il forte vento del deserto ci ha investiti con tutta la sua forza ricoprendoci di sabbia. Abbiamo iniziato a scappare incespicando tra le dune, accecati, senza respiro, tossendo, sputando e imprecandoLa tempesta di sabbia ci avrebbe ben presto soffocati. Ho cos ordinato alla squadra di ripararci sotto quella collinetta rocciosa e aspettare l il mattino. Tutta la compagnia ha tirato un sospiro di sollievo: ormai eravamo completamente privi di energie e i nostri occhi diventavano sempre pi pesanti L, nelloscurit, una visione spettrale: il dio Anubi si era materializzato davanti a noi, con in mano la sua bilancia e la sua piuma, nellattesa di pesare il nostro cuore che qualcuno ci stava strappando. Vicino a lui il dio del Regno dei Morti, Osiride, mi stava guardando intensamente con occhi di ghiaccio e mi dettava la sentenza: Carter, il tuo cuore pesa pi della piuma, sei un peccatore e non potrai passare a nuova vita nellaldil, sarai divorato dal terribile mostro Una forte fitta al cuore mi ha fatto svegliare di soprassalto: la punta di una roccia mi stava lacerando una costola. Ah, che sollievo, lincubo atroce si era dissolto. Incurante del dolore ho esultato dalla felicit: mi trovavo ancora nel regno dei vivi !. Mi sono messo ad osservare quella roccia aguzza, sulla quale mi ero addormentato, era lo spigolo di un gradino di pietra, seminascosto dalla sabbia, che portava incisi dei segni incomprensibili: erano geroglifici, chiss cosa cera scritto!

2011/12

Anno XXVI

N. 3

Rubrica MultiMedia
Nello scorso mese stato esposto un questionario per scoprire quanti di voi preferiscono questo videogioco rispetto a Battelfield 3. La vittoria stata assegnata a Revelations. Mi sembrata quindi una buona idea far conoscere questo videogioco a chi non lo ha votato o a chi non lo conosce. Desmond Miles, il ragazzo che tramite l'Animus riesce a rivivere le gesta dei suoi antenati Altar Ibn-La'Ahad e Ezio Auditore da Firenze, in un grande pasticcio: stato per troppo tempo nell' Animus e ora non vi pu pi uscire. In questo capitolo sta sempre ricordando Ezio. Il gioco narra appunto di quest' ultimo assassino che,nel 1511, dopo aver vinto tutte le sue battaglie, cerca risposte e rivelazioni (da cui deriva appunto il titolo del gioco) su una strana lettera scritta un anno prima della sua nascita. Dovr quindi ripercorrere la strada fino a Masyaf, la terra natale della confraternita degli assassini. Ad attenderlo ci sono i mercenari piu temibili. Questa battaglia si pu ben vedere su trailer di lancio. Con questa ennesima vittoria, egli ha libero accesso al castello di Masyaf. Ci che lui cerca in quel posto la saggezza della libreria sotterranea in cui Altar, a quel tempo mentore di tutti gli assassini, si fatto rinchiudere per conludere con gloria la sua vita.

L'oramai 50enne Ezio potr anche contare sull'aiuto di confratelli assassini e su una nuova arma celata: la lama uncinata che gli permetter di compiere assassinii innovativi e di raggiungere quelle parti dei tetti che, nei primi capitoli, faceva arrabbiare i giocatori perch Altar o Ezio cascavano, perdevono vita, e bisognava fare il giro di un intero castello e prendere le scale. Era noioso vero? Provate ora. La grafica migliorata "paurosamente"mentre la modalit di gioco simile a quella del terzo capitolo. Di s per s la storia non molto lunga rispetto agli altri capitoli, ma se si giocano anche le missioni facoltative dovrebbe allungarsi di un po'. Consiglierei a molti appassionati di acquistarlo con il cofanetto contenente anche il cortometraggio Assassin's Creed Embers per far vedere come il grande assassino finisce la sua vita, mentre a coloro che gli fosse venuta la volgia di cimentarsi in questo gioco, consiglio prima di acquistare i precedenti 3 capitoli e seguire la storia completa: il modo migliore per appossionarcisi nel migliore dei modi! Lauro Rossi 3A

Rubrica Alimentazione
.Segue dal giornalino N.2. 30 gr DI PISTACCHI SONO IL 9% DI FOLATI E IL 5% DI VITAMINA B6 RACCOMANDATI* AL GIORNO I folati e la vitamina B6 sono fondamentali per mantenere normali nel sangue i livelli di omocisteina (fattore di rischio per le malattie cardiovascolari) 30 gr DI ANACARDI SONO IL 7% DI SELENIO, IL 18% DI ZINCO E IL 50% DI RAME DELLE QUANTIT RACCOMANDATE* AL GIORNO Sono minerali antiossidanti, cio servono a proteggere le nostre cellule dallinvecchiamento. 30 gr DI PINOLI SONO IL 13% DELLA QUANTIT DI PROTEINE RACCOMANDATA* Contengono molte proteine, fondamentali per la struttura del nostro organismo, in particolare durante l'accrescimento, in gravidanza e allattamento, e in chi pratica sport. Continua... PN2A , RC2C *=
La dose per un adulto (Fonte: IEO e SINU-LARN 1996)......per bambini e ragazzi ...fate voi la dose!!!

2011/12

Anno XXVI

N. 3

Ragazzi quest anno abbiamo una lei ci ha risposto di s e ha anche nuova professoressa di religione si una figlia di sei anni che va in chiama Simona Baroncini, nata il prima elementare. 18 dicembre 1963 ; viene da -Cosa le piace fare nel temSan Miniato , laureata in po libero ? E lei ci ha rireligione prima, di venire sposto che molto impegnata a Larciano insegnava alla con la sua figlia,quando ha scuola di Santacroce .Alla del tempo libero le piace scuola di Santacroce non si leggere e poi da cosa ci trovava molto bene perch racconta in classe sembra aveva dei problemi con i che la sua figlia sia il suo ragazzi e un altro piccolo ossigeno. particolare che le piace Alla domanda : perch ha qui perche quando viene scelto di insegnare questa qui trova subito il parmateria lei ci ha risposto cheggio e perche le piace semplicemente : perch mi la campagna. piace . Le abbiamo chiesto: Ragazzi questa la nostra -in che classi insegna ? nuova professoressa speriamo lei ci ha risposto : che vi piaccia! -in tutte le classi. ME2B e AO2B Le abbiamo chiesto se sposata e
Disegno AS2B

Rubrica della Moda


Cari ragazzi e ragazze, purtroppo anche questanno arrivato linverno, che sicuramente il periodo pi triste e cupo dellanno. Come combatterlo? Vestirsi alla moda ma con colori accesi, che diano quel tocco in pi per migliorare il cattivo umore che linverno sfortunatamente ci ha portato. Ad esempio, i colori pi cupi come il nero, lasceranno il posto a quelli pi allegri come il turchese, il celeste, il viola, ma ce ne sono anche molti altri. Gli stilisti propongono, infatti, abiti colorati, dando anche un tocco di strass per far capire che il nostro mood raggiante e allegro. La moda ogni anno propone stili diversi anche in questo campo, ma chi si accinge ha comprare la cintura, gli orecchini ma anche altri accessori, che vi accompagneranno per le lunghe mattinate di scuola, farete bene a scegliere non solo ci che la moda invernale propone a prescindere, ma a saper vedere quali modelli si addicano di pi ai propri tratti somatici e alla propria personalit. La moda invernale ricca di proposte e idee che, ognuno, vorr fare sua dando un tocco personale e unico al proprio abbigliamento. Novit!! Sono tornate di moda le cinture con borchie. Tutte cinture carine ma anche molto vistose. E anche foulard o sciarpe molto ampie girate pi volte intorno al collo..ora si chiamano kefiah. I colori che questanno vanno molto di moda sono: il viola, soprattutto nelle sfumature che danno sul blu elettrico; il Rosa cipria per un look ultra-chic e molto femminile.; lAzzurro e il Turchese per dimenticare i rigori invernali e dare una spruzzata di primavera anzitempo. Newentry.. il color senape, in abbinamento col nero molto vintage (cio ricorda gli anni 6070). E poi come dimenticare il blu? Colore che di solito fa capolino a primavera invece di gran moda questinverno 2012le grandi firme lo propongono abbinato al nero; voi che ne pensate? SA2C , AF2A

10

2011/12

Anno XXVI N. 3

Giochi e Curiosit
Completa in modo corretto lo schema...tra le caselle apparir il nome di uno sport.

1 uno sport rilassante...ma non per le trote ! 2 si usa un cesto...ma non della spesa ! 3 bisogna far cadere...la palla nel campo degli avversari ! 4 senza neve...non si adoperano ! 5 Coppi era un grande del 6 si fa nellacqua...ma non si usa il bagnoschiuma !
Idea di PN2A

Elaborazione DM2A

FRASE ( 3; 4; 2; 6; 6; 2; 6; 2; 5 ): ..
Una volta individuate le parole descritte dalle immagini, sottrai e aggiungi le lettere indicate.come in unespressione. Otterrai un proverbio. CC2C , FC2B

FRASE ( 7; 9 ) : .
FC2B

11

2011/12

Anno XXVI N. 3

Humour
.. dal Laboratorio di Fumetto della 3A con la prof. AnnaRita Pistoia..

Vignetta: Federica Febbraro. Faccine (dallalto): Lucrezia Nardi; Giada Conte; Martina Arfaioli; Niccol Spizzichino.

- Come sta andando col tuo nuovo fidanzato alpinista? - Ha tagliato la corda! > Cosa fanno due pulci sulla testa di un calvo? > Ballano il liscio ! G.Vignati2C

> Qual il colmo per un marziano ? > Avere lernia al disco > Qual il colmo per una maestra ? > Non avere classe DM2A

Ringraziamo sentitamente i nostri sponsor: la ditta LINEA MOP s.r.l. (Larciano) E La Societ Montalbano Calcio