Sei sulla pagina 1di 6

ALBERT EINSTEIN ESCURSIONISTA

Albert Einstein nel luglio 1895 fa unescursione da Pistorile di Casteggio a Nervi ove fa visita allo zio materno Caesar Kock. Intorno al 1879-80 a Genova ma in genere nel nord ovest, esplode la passione della montagna, naturalmente trattandosi di uno sport per quel tempo costoso e che necessitava tempi lunghi, interessa il ceto benestante. Lo sport non ancora sviluppato, qualcuno si limitava a percorrere i crinali in bella stagione soprattutto a scopo di caccia, gli alpinisti che affrontavano i pericoli della montagna venivano guardati con commiserazione. 1/1/1880 si costituisce la Sezione Ligure del CAI, le prime montagne interessate sono quelle che avrebbe percorso il giovane Einstein. 1881 grande spedizione sul Monte Antola, 1885 Monte Carmo, a luglio Monte Chiappo, agosto il Lesima, nel 1885 Antola. Di pari passo ci fu chi si occup delle AlpiBreithorn, Jungfrau,Monviso, Monte Rosa. 29/6/1894 il CAI apre il Rifugio Osteria di Capanne di Carrega 25/6/1895 - il CAI apre il Rifugio Osteria del Monte Antola 14/6/1900 il CAI apre il Rifugio a Capanne di Cosola. La Genova bene partecipa, personaggi importanti si contano nelle file del CAI Ligure : Ing.L.M.De Albertis, Ing.Cesare Gamba, Arturo Issel, Antonio Berlingieri, Raffaele Bombrini, Carlo Bright, Damiano Marinelli,Conte Roberto Biscaretti di Ruffia, Conte Giacomo Ponza di S.Martino, Prof.Anton Giulio Barrili, Giovanni DellePiane, Pasquale Veronese, Evan Mackenzieecc. Torriglia,Crocefieschi, Varzi diventano le basi logistiche per le escursioni, si affittano muli per le Signore, allinaugurazione del rifugio dellAntola, dove si stava formando anche un nucleo di nuove abitazioni, molte erano le appassionate femminili (15)! Tutto si fece per mettere in valore quel tratto del nostro Appennino.

Ora vado a scorrere lAnnuario della Sezione, Ligure del CAI - che conta 489 soci. Cerco di evidenziare gli appassionati che possono aver influenzato la scelta dei due giovani, quelli appartenenti alla zona del Pavese,(abitazione degli Einstein) e quelli del Levante di Genova (Lo zio abitata a Nervi) Varzi - Dott.Attilio Venzoni Varzi - Giacobone Avv.Ambrogio, Deputato Provinciale Varzi - Muzio Alfonso Farmacista Pavia - Civoli Avv.Cesare , P.zza Castello 12 Soriasco(Stradella) - Faravelli Ing.Claudio Casteggio - Avv Venco Giovanni Deputato Provinciale . Genova Sturla - Dodero Agostino, Via Torre dellamore Genova Quinto al Mare - Avegno Erasmo, Villa Rosa Genova S.Francesco dAlbaro - Gattorno Avv.Michele, Villa Bozano Ricordo anche che nel 1896 si tenne un Congresso Nazionale a Genova e partecip anche il rappresentante del Club Alpino Ticinese Breve storia del percorso La strada di crinale da Stradella a Nervi ricalcava la mulattiera medievale che dagli approdi della riviera del levante permise alle famiglie crociate e mercanti genovesi di portare fino nel nord Europa le merci dalla Terra Santa. Prima ancora i monaci di S.Colombano di Bobbio la avevano percorsa continuamente quale collegamento con le proprie Celle di Riviera, verso sud e verso Nord verso la pianura (S.Colombano al Lambro). Non solo, durante i secoli successivi ancora le armate dei Fieschi da Torriglia e Carrega verso il mare, da quelle dei Visconti da Milano a Genova, poi da quelle degli Sforza per conquistare e tenere le Rocche appenniniche di Torriglia, Roccatagliata, Carrega e Montoggio.

Continui i contatti di nostri valligiani verso Vigevano e a Lomellina, lOltrep, il Milanesato per lavoro o verso Tortona Sede di Diocesi delle Parrocchie montane. Carovane di muli verso il Nord nellOltrePo carichi di sale poi ritornano carichi di grano e riso per fornire i mercati di S.Sebastiano, Torriglia, Monleone. Le armate del Generale Suvarov durante le guerre Napoleoniche. Gli Zuavi che combatterono a Montebello sbarcarono a Genova . Infine i Partigiani durante la guerra di Resistenza dallAntola al Chiappo, al Penice. Nel 1895 era ancora una direttrice importante appena sostituita dal traffico carrabile che fruiva del nuovo percorso di fondo valle. A Torriglia la Nazionale carrabile arriv nel 1870, lungo la Trebbia penso molto pi tardi. E quasi certo che i due ragazzi volessero fare unescursione e perci seguirono questo percorso. La lettera parla di osservazione del cielo stellato, se avessero seguito la strada di fondo valle, ammesso che ci fosse gi e considerato che la Trebbia una valle molto infossata non avrebbero certo potuto osservare le stelle. Se poi consideriamo la gi valutata ipotesi sulla osservazione della precessione del perielio del pianeta Mercurio che sorge e tramonta vicino al sole e che nel luglio 1895 dallAntola si poteva ben osservare non avrei dubbi. Voglio ancora finire dicendo che allepoca chi voleva andare a Nervi da Torriglia doveva fare la strada di crinale,chi conosce il percorso potr dare conferma di una amplia mulattiera esistente ancor oggi. Ipotesi di contatti relativi al lavoro del padre Einstein e del socio Garrone che fra laltro si stavano occupando dellinstallazione della pubblica illuminazione nellOltrep. Torriglia si dota di pubblica illuminazione nel 1901 su iniziativa della famiglia Bevilacqua. Una mia ricerca sul Registro degli ospiti dellAlbergo Cacciatori di Torriglia evidenzia la frequentazione di personale Tedesco specializzato in elettricit.

Il 13/2/1897 certo SCHINDLER LUIGI DI CARLO elettricista di Berlino, accompagnato da GIO BONO AGENO di Quinto al Mare alloggia in Albergo. Erisaputo che Albert Einstein ha intrattenuto rapporti con appartenenti alla Famiglia Schindler.

Torriglia primi anni del 900

Registro degli ospiti Albergo Cacciatori Torriglia 1897