Sei sulla pagina 1di 53

Verifiche geotecniche

FONDAZIONI SUPERFICIALI

Verifiche agli stati limite ultimi (SLU)


Gli stati limite ultimi determinati dal raggiungimento della resistenza del terreno interagente con le fondazioni (GEO) riguardano il collasso per carico limite nei terreni di fondazione e per scorrimento sul piano di posa. Lazione di progetto la componente della risultante delle forze in direzione normale al piano di posa. La resistenza di progetto il valore della forza normale al piano di posa cui corrisponde il raggiungimento del carico limite nei terreni in fondazione. Nello stato limite di collasso (SLC) per scorrimento, lazione di progetto data dalla componente della risultante delle forze in direzione parallela al piano di scorrimento della fondazione mentre la resistenza di progetto il valore fondazione, della forza parallela allo stesso piano cui corrisponde lo scorrimento della fondazione. Per fondazioni massicce (pozzi blocchi di ancoraggio ecc ) a diretto contatto (pozzi, ancoraggio, ecc.) con le pareti di scavo, nella verifica allo scorrimento si pu tenere conto della resistenza al taglio mobilitata lungo le pareti parallele allazione di progetto, oltre che d ll spinta attiva e d ll resistenza passiva parallele alla stessa lt h della i t tti della i t i ll l ll t azione. 74

Fondazioni
FONDAZIONISUPERFICIALI FONDAZIONI SUPERFICIALI
Verificheaglistatilimiteultimi(SLU) Le fondazioni superficiali devono essere verificate almeno con riferimento a meccanismi di rottura per carico limite , scorrimento sul piano di posa e stabilit globale. Laverificadellacondizione(6.2.1)Rd>Ed puessereeffettuata,tenendocontodeivaloridei coefficientiparzialiTabellediriferimento:CoefficientiA(6.2.I),M(6.2.II), R(6.4.I) seguendo: d

perla verificaarotturapercaricolimitee perscorrimentoalmenounodeidue approcci,:


Approccio1: Combinazione1(A1+M1+R1) Combinazione2(A2+M2+R2) bi i ( ) Approccio2: (A1+M1+R3) (A1+M1+R3) SesisceglielApproccio1 considerareentrambeleCombinazioni riferiterispettivamente alleverifichestrutturali(STR)ealle geotecniche(GEO) NellApproccio2 perGEOR3, perSTRR1=1

L verifica di stabilit globale d La ifi t bilit l b l deve essere effettuata secondo ff tt t d Approccio 1:
-Combinazione 2: (A2+M2+R2)

Fondazioni superficiali

SLU(STR) A Approccio1 i 1Combinazione1(A1+M1+R1) bi i (A1 M1 R1)


(DA1-1) dimensionamento strutturale (STR) In questo caso non si utilizza il coefficiente R del gruppo R1, poich = 1 R1

76

I valori di progetto dei parametri di resistenza (cd, d) devono essere impiegati sia per la determinazione dei fattori di capacit portante, Nc, Nq, N, sia per la determinazione dei coefficienti correttivi ove tali coefficienti intervengano correttivi, intervengano.

77

Fondazioni superficiali

SLU(GEO)Approccio1 Combinazione2(A2+M2+R2)
(DA1-2) dimensionamento geotecnico (GEO)

78

I valori di progetto dei parametri di resistenza (cd, d) devono essere impiegati sia per la determinazione dei fattori di capacit portante Nc Nq N portante, Nc, Nq, N, sia per la determinazione dei coefficienti correttivi, ove tali coefficienti intervengano.

79

Fondazioni superficiali

SLU(GEO) Approccio 2 Combinazione 1 (A1+M1+R3) Approccio2Combinazione1


(DA2-1) La L resistenza globale del sistema ridotta t i t l b l d l i t id tt tramite i coefficienti R d l gruppo R3 it ffi i ti del R3.

SLU(STR) Approccio 2 Combinazione bi i


(DA2-1)

(A1 M1 R3) A1+M1+R3)

Nelle verifiche effettuate con lapproccio 2 che siano finalizzate al dimensionamento strutturale (STR), il coefficiente R non deve essere portato in conto, ossia R3 = R1 = 1.
80

Resistenza alla Resistenza alla R compressione compressione uniassiale uniassiale

qu

qu

1,0

1,6

Per gli ammassi rocciosi e per i terreni a struttura complessa, nella valutazione della resistenza caratteristica occorre tener conto della natura e delle caratteristiche geometriche e di resistenza delle discontinuit strutturali. strutturali.

82

Verifiche agli stati limite di esercizio (SLE) I terreni subiscono deformazioni che provocano spostamenti del piano di posa (cedimenti). I valori delle propriet meccaniche da adoperare nellanalisi sono quelli caratteristici* fk e i coefficienti parziali sulle azioni A e sui parametri di resistenza R sono sempre unitari: Nessuna riduzione per , c, cu A n = 1 Mn = 1 ossia Rn = 1

fk = fd

*Per i moduli

caratteristici Ek si rimanda a quanto gi detto alla pag. 72.

83

lostrutturista

di particolare

attenzione

Geotecnica.

84

Gli approcci progettuali


Approccio 1 pp Combinazione 1 (STR) A1 + M1 + R1 Approccio 1 pp Combinazione 2 (GEO) (M1 per i pali) A2 + M2 + R2

A>1

G=1 Q>1

M=1

M>1

R=1
Si amplificano (tutte) le azioni in condizioni statiche. In condizioni sismiche F=1

R1
Si amplificano le sole azioni variabili solo i lifi l l i i i bili l in condizioni statiche. In cond. sismiche no. Si riducono sia i parametri del terreno, sia le resistenze caratteristiche

Gli approcci progettuali


Approccio 2 A i Combinazione unica(STR-GEO) A1 + M1 + R3
F>1

Neldimensionamentostrutturale(STR) R3=R1 R=1 R3 = R1 R= 1

M=1

Si amplificano tutte le azioni in condizioni statiche. In condizioni sismiche F=1 ;

1.4

R>1

non si riducono i parametri del terreno ma le resistenze caratteristiche

I coefficienti parziali F sulle azioni sfavorevoli


Azioni sfavorevoli Approccio Tipo SLU STR (A1) GEO (A2) STR-GEO (A1) EQU UPL HYD Permanenti Strutturali G1 1.30 1.00 1 00 1.30 1.10 1.10 1.30 1.50 1.50 Non strutturali G2 1.50 1.30 1 30 1.50 Variabili Qi 1.50 1.30 1 30 1.50

Approccio 1-C1 Approccio 1-C2 A i 1 C2 Approccio 2 Eq. corpo rigido Sollevamento Sifonamento

Le azioni del terreno (DA3 in EC7) sono comprese tra quelle strutturali Per EQU si intendono le condizioni tipo ribaltamento dei muri Negli SLU tipo UPL si deve verificare Vinst,d = Ginst,d + Qinst,d Gstb,d + Rd Negli SLU tipo HYD si deve verificare uinst,d stb,d

A1 pi cautelativo di A2 perch: - amplifica anche le azioni permanenti - amplifica maggiormente le azioni variabili
In condizioni sismiche i coefficienti sulle azioni F sono tutti unitari

I coefficienti parziali F sulle azioni favorevoli


Azioni favorevoli Approccio Tipo SLU STR (A1) GEO (A2) STR-GEO (A1) EQU UPL HYD 0.90 0 0 1.00 1 00 0 0 Permanenti Strutturali G1 Non strutturali G2 Variabili Qi

Approccio 1-C1 Approccio 1 C2 1-C2 Approccio 2 Eq. corpo rigido Sollevamento Sifonamento

Le azioni del terreno sono comprese tra quelle strutturali Per EQU si intendono le condizioni tipo ribaltamento dei muri Negli SLU tipo UPL si deve verificare Vinst,d = Ginst,d + Qinst,d Gstb,d + Rd Negli SLU tipo HYD si deve verificare uinst,d stb,d

In condizioni sismiche i coefficienti sulle azioni F sono tutti unitari

I coefficienti parziali M sui parametri geotecnici


Approccio 1 Parametro Combinazione 1 STR (M1) 1.00 1.00 1.00 1.00 Combinazione 2 GEO (M2) 1.00 1.25 1.25 1.40 Approccio 2 STR-GEO (M1) 1.00 1.00 1.00 1.00

k
ck tan(k) cuk

I valori indicati valgono per tutte le opere con leccezione dei pali e degli ancoraggi, per i quali sono tutti unitari (M1)

I coefficienti M sono d ti ti a ridurre i valori caratteristici ffi i ti destinati id l i tt i ti i dei parametri di resistenza al taglio del terreno. In realt M1 = 1, mentre solo M2 li riduce. 1 riduce

Esempio di calcolo per fondazione superficiale


Sollecitazioneverticaleebaricentrica S ll it i ti l b i t i Caricopermanentesfavorevole Caricoaccidentalesfavorevole Carico accidentale sfavorevole Fondazionesuperficiale:plintoquadrato profonditpianodiposa Sabbia mediamenteaddensata pesodivolume angolodattritocaratteristico l d tt it tt i ti assenzadifalda 1)-Verifiche alle Tensioni Ammissibili FS=3 ) 2)-Verifiche agli SLU Ed < Rd Approccio 1 (DA1.1) -Combinazione 1: (A1+M1+R1) (dimensionamento strutturale -STRU) (DA1.2) -Combinazione 2: (A2+M2+R2) (dimensionamento geotecnico -GEO) Approccio 2 2: (DA2(DA2-1) -Combinazione 1 :(A1+M1+R3).
90

G =2500kN Q 300 kN Q =300kN B=2,5m D=1,5m = 19 kN/mc k 34 k=34

Condizioni statiche

METODO ALLE TENSIONI AMMISSIBILI (D.M.11.03.88)

Modificato da R.Meriggi, (2008)

91

METODO ALLE TENSIONI AMMISSIBILI (D.M.11.03.88)

Qlim = 1944 kN/m2 x 6,25 m2 = 12.150 kN

Qamm = 1944/3 = 648 kN/m2

92

NormeTecnicheperleCostruzioniNTC DM 14.01.2008 NTC


(SLU SLU) APPROCCIO1Combinazione1(STR) (A1+M1+R1)
Tre steps

1 step
Ancora da dividere per R1 p

93

APPROCCIO1Combinazione1(STR) (A1+M1+R1) ( ) ( )
2 step

Ed < Rd
(diviso R1)

3 step

94

95

APPROCCIO 1 Combinazione 2 (GEO) - (A2+M2+R2) ( ) ( ) Tre steps

1 step

k=34 ;
(Ancora da dividere per R2)

*
96

APPROCCIO 1 Combinazione 2 (GEO) - (A2+M2+R2) 2 step p

Ed < Rd
(diviso R2)

3 step
97

APPROCCIO 2 Combinazione 1 (GEO) (A1+M1+R3) Quattro t Q tt steps

1 step

(Ancora da dividere per R3)

*
98

APPROCCIO 2 Combinazione 1 (GEO) (A1+M1+R3) 2 step

Ed < Rd
3 step p

(diviso R3)

*
99

APPROCCIO 2 Combinazione 1 (STR) (A1+M1+R3) 4 step - STR (con R3 = R1 = 1,0)

100

Ricordiamoci : Stati Limite di Esercizio (SLE)


Le verifiche relative alle deformazioni (cedimenti) e agli spostamenti si effettuano adoperando i valori caratteristici dei parametri ti fk k. Pertanto, si assegnano valori unitari ai P t t i l i it i i coefficienti delle azioni (A) e dei parametri di resistenza (M).
G1 + G2 +P+ 11Qk1 + 22Qk2 + 23Qk3 + Combinazione frequente q G1 + G2 + P + 21Qk1 + 22Qk2 + 23Qk3 + Combinazione quasi permanente

fk = fd
Deve essere verificato che

Ed < Cd
Ed = valore di progetto dellazione o degli effetti dellazione (nostro calcolo) p g g ( ) Cd = valore limite delleffetto delle azioni ( spostamenti e deformazioni che possano compromettere la funzionalit di una struttura)

101

102

Valori ammissibili dei cedimenti di fondazione

103

ESEMPIO DI CALCOLO DI CAPACITA PORTANTE Rd in i condizioni statiche e sismiche di i i t ti h i i h

104

DH (m)

Gam Gams (kN/m) (kN/m)

Fi ()

Fi Corr. c c Corr. cu Ey Ed () (kN/m) (kN/m) (kN/m) (kN/m) (kN/m)

Ni

Cv (cmq/s)

Cs

30,0 30 0

19,61 19 61

21,57 21 57

17,0 17 0

17

24,0 24 0

24,0 24 0

150,0 150 0

0,0 3500,0 0 0 3500 0

0,0 00

0,003 0 003

0,0 00

STRATIGRAFIA TERRENO Corr: Parametri con fattore di correzione (TERZAGHI) DH: Spessore dello strato; Gam: Peso unit di volume; Gams:Peso unit di volume saturo; Fi: Angolo di attrito; Ficorr: Angolo di attrito corretto secondo Terzaghi; c: Coesione; c Corr: Coesione corretta secondo Terzaghi; Ey: Modulo Elastico; Ed: Modulo Edometrico; Ni: Poisson; Cv: Coeff. consolidaz. primaria; Cs: Coeff. consolidazione secondaria; cu: Coesione non drenata

Dati forniti dallo strutturista Plinto di fondazione B = L = 2 3 m 2,3 Profondit piano posa = 1.5 m Carichi permanenti G1 = 870 KN variabili Qk1= 150 KN Qk1 variabili Qk2 =1,6 kN (neve < 1000 m slm) permanenti orizz. H G2 =3.7 kN

----------------D = 1.5 m ---------------B = L = 2,3 m


105

Con l'entrata in vigore del D.M. 14 gennaio 2008 la stima della pericolosit sismica viene definita mediante un approccio sito dipendente e non pi tramite un criterio zona dipendente. Lazione sismica di progetto in base alla quale valutare il rispetto dei diversi stati limite presi in considerazione viene definita partendo dalla pericolosit di base del sito di costruzione, che lelemento essenziale di conoscenza per la determinazione d ll i d t i i dellazione sismica. i i Le misure sismiche con tecnica Down-Hole hanno consentito seguenti valori : Sondaggio S2
ANALISI DEL TERRENO

di ottenere i

S 30 = 330 m/sec

Poich la velocit media delle onde di taglio nei primi trenta metri, partendo dalla g p ,p profondit di -1.50m da piano campagna, quota dellintradosso della fondazione di progetto, risultata pari a 330 m/sec e congruente con la descrizione stratigrafica secondo la tab. 3.2.II delle NTC 2008, il sito in esame ricade, quindi, nella categoria di sottosuolo C.
106

Cc = coeff. f(Categ.sottosuolo)

107

STIMADELLAPERICOLOSITSISMICA Il primo passo consiste nella determinazione di ag (accelerazione orizzontale massima attesa su sito di riferimento rigido). Per tale determinazione necessario conoscere le coordinate geografiche decimali dell'opera da verificare.
Le coordinate geografiche sono state trasformate da gradi sessagesimali in decimali. Non va bene, quindi, Google Earth, a meno che non lo si predisponga appositamente. ,q , g , p p g pp

Lat.43.47

Long. 11.15

Lat.43.47Long.

108

Sul sito www.geostru.it con un click

si trova gratuitamente: GeoStru PS Parametri sismici

Inserire nella griglia : -Le coordinate geografiche decimali individuate come detto in precedenza -La Classe dUso -La Vita Nominale Calcolo dei coefficienti sismici Scegliere - Opere di sostegno - Stabilit dei pendii - fondazioni (inquestocaso) Paratie Inserire La categoria di sottosuolo ( downhole o similia) ( = C nel nostro caso) (da ) ) La categoria topografica Tn (T1 nel nostro caso)

--------------In alternativa al programma Geostru - programma gratuito del CSLP, S.T.A. DATA o Programma commerciale : P. Rugarli Nuove NTC - EPC libri109

Otteniamotrevalori: ag(g/10),F0 eTc*definisconoleformespettrali Ilpassosuccessivoconsiste nella valutazione diAmax ((accelerazionemassimaattesaalsito) ((accelerazione massima attesa al sito) Amax=Ss*ST*ag tralidefinisconoleformespettralidefiniscono

leformespettralidefinisconoleforme le forme spettrali definiscono le forme spettrali. definisconoleformespettrali.

Determinamo,infine,icoefficientisismici orizzontaleeverticaleKh=s*amax/g Kv=0.5Kh

110

Azioni sfavorevoli Approccio Tipo SLU Permanenti Strutturali G1 1.30 1.00 1.30 1.10 1.10 1.30
1.50 1.50 Non strutturali G2 1.50 1.30 1.50 Variabili Qi 1.50 1.30 1.50

Approccio 1-C1 Approccio 1-C2 Approccio 2 Eq. corpo rigido Sollevamento Sifonamento

STR (A1) GEO (A2) STR-GEO (A1) EQU UPL HYD

111

AZIONE SISMICA : EFFETTO CINEMATICO ED INERZIALE

112

Applicando il metodo pseudostatico, lazione sismica si traduce in accelerazioni del sottosuolo (effetto cinematico khk) e nella fondazione (effetto inerziale khi) per le azioni delle forze di inerzia prodotte nella struttura in elevazione. Per unazione sismica, modellata attraverso la sola componente orizzontale, tali effetti si esprimono tramite i coefficienti sismici khk e khi, non necessariamente di egual valore. Leffetto inerziale produce l variazioni di t tti i coefficienti di carico li it N N e N i L ff tt i i l d le i i i tutti ffi i ti i limite Nc Nq N in funzione del coefficiente sismico khi (interviene nella formula trinomia operando direttamente sui coefficienti correttivi iq,ic,i che tengono conto dellinclinazione del carico). carico) Leffetto cinematico modifica solo il coefficiente N in funzione del coefficiente sismico khk. Per considerare separatamente entrambi gli effetti si introducono due coefficienti correttivi che operano sul solo N e k = (1-khk/tan )^0 45 (1 khk/tan ) 0,45 e i = (1-0,7*khi)^5 Nc ed Nq vengono trattati con i coefficienti inerziale. ic e iq, tenuto conto del solo effetto
113

Come si trovano khi e khk


con Sd(T) ordinata dello spettro di progetto. Per trovarla necessario avere dallo strutturista q (fattore di struttura), che consente di ricavare dallo spettro elastico quello di progetto, e T1(periodo fondamentale ), che il valore da inserire nella f d i i ll formula, oppure l l lascissa per t i trovare l di t Sd(T) nello lordinata ll spettro(7.3.3.2 NTC 2008). Le NTC impongono che khi > 0 2 * ag 0.2 Se si hanno difficolt nel reperire il suo valore si potr utilizzare in prima approssimazione la relazione khi = H/Nd khi i f tti uguale al rapporto t componente orizzontale (H o Vd o T) e verticale , infatti, l l t tra t i t l ti l (Nd o W) del carico trasmesso in fondazione (C.7.11.5.3.1). I valori di khk possono essere desunti dai valori di normativa specificati per le fondazioni ed i pendii ( il normale kh ) khk = kh _____________________ 114 Foglio di calcolo Spettri del CSLP

khi = Sd(T)

TAGLIO SISMICO H
Il calcolo del valore di H (taglio sismico alla base della fondazione) si ottiene da: H= Nd *Sd(T1) ossia H= Nd * khi

Dove, Nd (o W) il carico verticale e Sd (T1) lordinata dello spettro di progetto (SLU SLV) in corrispondenza di T1 (periodo fondamentale) corrispondente a khi. Il valore di T1 deve essere comunicato, insieme con quello di q, dallo strutturista. In caso di difficolt T1 pu essere stimato tramite la relazione: T1=C1 x h3/4
dove C1= 0.085 per strutture a telaio in acciaio, 0.075 per strutture in c.a., 0.05 per altri tipi di struttura, mentre h laltezza delledificio dal piano di fondazione.

115

Componente orizzontale

khi T1

116

qlim in condizioni sismiche


Metodi di Richard et al.(1993) e Paolucci e Pecker (1997)

117

k = arctan h 1 kv
1.2 1 e q , e c, e 0.8 0.6 06 0.4 0.2 02 0 0 0.1

Nk Tk

Richards et al. (1993)

khW

Nlim

B N lim = eq iq sq N q D + e i s N B 2 2
(1kvW)
(terreno privo di coesione)

Dall espressione Dallespressione generale di Brinch Hansen vari autori hanno sviluppato procedure in grado di valutare il qlim o Nlim in condizioni sismiche, estendendo la formula trinomia al caso di presenza di forze di inerzia. Richards et al. (1993) ipotizzano al di sotto di una fondazione di tipo lineare una superficie di rottura che permette di valutare i f f fattori di capacit portante Nc Nq e N in condizioni sismiche in funzione dei coefficienti di spinta attiva e passiva e degli angoli di inclinazione della superficie di rottura del terreno .

B N lim = eq iq sq N q D + e i s N B 2 Rottura 2 del complesso terreno + fondazione

0.2 tan ( ) ()

0.3

0.4

per carico limite

Un altro metodo che tiene conto degli effetti inerziali indotti dal sisma sulla determinazione dellRd o qlim o Nlim adottato da Paolucci & Pecker(1997) con lintroduzione dei fattori correttivi z:

z= zq=(1kh/tg)^0.35 zc=1 0.32kh


kh=coeff.sismicoorizzontale

Paolucci&Pecker(1997) Paolucci & Pecker(1997)

Verifiche allo SLE di fondazioni superficiali


VerifichealloStatoLimitediEsercizio(SLE) StatoLimitediSalvaguardiadalDanno

(SLD) Glispostamentipermanentiindottidalsismanondevonoalteraresignificativamentela Gli spostamenti permanenti indotti dal sisma non devono alterare significativamente la resistenzadellafondazioneedevonoesserecompatibiliconlafunzionalitdellopera. NOTA Durante un sisma la resistenza portante di una fondazione su terreno incoerente si riduce, mentre non esistono studi e dati relativi che mettano in evidenza una riduzione della capacit portante in terreni coesivi. p p Le verifiche sismiche effettuate con lEC8 evidenziano per terre coesive riduzioni non significative. 119

SISMA ====================================================== Accelerazione massima (ag/g) 0,207 Coefficiente sismico orizzontale 0,0497 Coefficiente sismico verticale 0,0248 0 0248 ====================================================== Coefficienti sismici [N.T.C.] ======================================================================== Dati generali Descrizione: Latitudine: 43,47 Longitudine: 11,15 Tipo opera: 2 - Opere ordinarie Classe d'uso: Classe II Vita nominale: 50,0 [anni] Vita di riferimento: 50,0 [anni] Parametri sismici su sito di riferimento P ti i i i it if i t Categoria sottosuolo: Categoria topografica:
ag [ [m/s] ] 0,45 0,57 1,36 1,72 F0 [] [-] 2,53 2,54 2,49 2,51

Scelto Approccio 1

C T1
TC* [ ] [sec] 0,25 0,25 0,28 0,28

S.L. Stato limite S.L.O. S.L.D. S.L.V. S.L.C.

TR Tempo ritorno p [anni] 30,0 50,0 475,0 975,0

Coefficienti sismici orizzontali e verticali


S.L. Stato limite S.L.O. S.L.D. S.L.V. S.L.C. amax [m/s] 0,675 0,855 2,0302 2,4697 beta [-] []

Opera:
kh [-] [] 0,2 0,2 0,24 0,24

Stabilit dei pendii - fondazioni


kv [sec] 0,0138 0,0174 0,0497 0,0604 0,0069 0,0087 0,0248 0,0302

120

*Combinazione fondamentale statica per gli stati limite ultimi (SLU): Ed =G1G1 + G2G2 + Q1Qk1 + Q202Qk2 =G1 G2 Q1 Q2 02 Per P SLU si preparano i carichi i i hi
Carichi permanenti G1 = 870 KN variabili Qk1= 150 KN variabili Qk2 =1,6 kN G1 Q1 Q 2

A1
1.3 1.5 1.5

A2
1.0 1.3 1.3

Ed = 1.3x 870 +1.5x150 +1.2 Ed = 1131+225 + 1.2 N = 1358.0 kN

02 = 0.5

superficie fondazione (2,3 x 2,3)m=5.29 mq qd = 256.71kN/mq d 256 71kN/

Pressione normale di progetto qd = 1358.0/ 5.29 P i l tt d 1358 0/ 5 29

si preparano i carichi A2 Ed = 1 0x 870 +1 3x150+ 1 04 1.0x +1.3x150+ 1.04 Ed = 1066kN qd = 1066/5.29kN/mq G1 + G2 + P + 21Qk1 + 22Qk2 870+45.48 kN qd =915.48/5.29 kN/mq qd= 173kN/mq (kN) qd= 201.51 kN/mq *Combinazione quasi permanente per stati limite di esercizio statici(SLE), (cedimenti a l.t.)
21 = 0,3

*Combinazione sismica SLV e SLD: E + G1 + G2 + P + 21Qk1 + 22Qk2 + E = (G1+G2+ 2j*Qkj) * kv

Ed = (G1+G2+ 2j*Qkj) + [(G1+G2+ 2j*Qkj) * k ] Kv ( ff sismico vert. da spettri di progetto) 2j*Qk 2j*Qk kv (coeff. ) Ed= 22.82+915.48 qd = 938.3/5.29 kN/mq qd = 177.37kN/mq (SLV) kv = 0.0249 Ed =8+915.48 kN qd = 923.48/5.29 kN/mq qd = 174.57kN/mq (SLD) kv =0.0087

121

122

DATI GENERALI ====================================================== Larghezza fondazione 2,3 m Lunghezza fondazione 2,3 23 m Profondit piano di posa 1,5 m Profondit falda 20,0 ====================================================== STRATIGRAFIA TERRENO Corr: Parametri con fattore di correzione (TERZAGHI) DH: Spessore dello strato; Gam: Peso unit di volume; Gams:Peso unit di volume saturo; Fi: Angolo di attrito; Ficorr: Angolo di attrito corretto secondo Terzaghi; c: Coesione; c Corr: Coesione corretta secondo Terzaghi; Ey: Modulo Elastico; Ed: Modulo Edometrico; Ni: Poisson; Cv: Coeff. consolidaz. primaria; Cs: Coeff. consolidazione secondaria; cu: Coesione non drenata DH Gam Gams (m) (kN/m) (kN/m) 30,0 19,61 21,57 Fi Fi Corr. c c Corr. cu Ey Ed () () (kN/m) (kN/m) (kN/m) (kN/m) (kN/m) 17,0 17 24,0 24,0 150,0 0,0 3500,0 Ni Cv (cmq/s) 0,0 0,003 Cs 0,0

Carichi di progetto agenti sulla fondazione Nr. Nome Pressione N combinazio normale di (kN) ne progetto (kN/m) 1 A1+M1+R1 256,71 1358,00 2 A2+M2+R2 201,51 1066,00 3 SLV sisma 177,37 938,30 4 SLE 173,00 915,48 5 SLD 174,57 923,48

Nds

Mx (kNm)

My (kN)m

Hx (kN)

Hy (kN)

Tipo

0,00 6,45 6,45 0,00 0,00

0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

4,81 3,70 3,70 0,00 0,00

0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

Progetto Progetto Progetto Esercizio Esercizio

Sisma + Coeff. parziali parametri geotecnici terreno + Resistenze Nr Correzione Sismica Tangente g Coesione Coesione Peso Unit Peso unit Coef. Rid. Coef.Rid.C apacit efficace non drenata volume in volume Capacit angolo di portante fondazione copertura portante resistenza al verticale orizzontale taglio 1 1 1 1 1 1 1 1,25 1,25 1,4 1 1 1,8 1,1 1,25 1,25 1,4 1 1 1,8 1,1 1 1 0 0 0 0 1 1 1 0 0 0 0 1

1 2 3 4 5

No No Si No No

123

CARICO LIMITE FONDAZIONE COMBINAZIONE...SLV sisma Autore: HANSEN (1970) Pressione limite 372,02 kN/m COEFFICIENTE DI SOTTOFONDAZIONE BOWLES (1982) Costante di Winkler 14880,73 kN/m Autore: HANSEN (1970) (Condizione drenata) A1+M1+R1 ====================================================== Fattore [Nq] 4,77 Fattore [Nc] 12,34 Fattore [Ng] 1,73 Fattore forma [Sc] 1,0 Fattore profondit [Dc] 1,26 Fattore inclinazione carichi [Ic] 0,99 Fattore inclinazione pendio [Gc] 1,0 Fattore inclinazione base [Bc] 1,0 Fattore forma [Sq] F tt f [S ] 1,0 10 Fattore profondit [Dq] 1,2 Fattore inclinazione carichi [Iq] 0,99 Fattore inclinazione pendio [Gq] 1,0 Fattore inclinazione base [Bq] 1,0 Fattore forma [Sg] 1,0 Fattore profondit [Dg] 1,0 Fattore inclinazione carichi [Ig] 0,99 Fattore inclinazione pendio [Gg] 1,0 Fattore inclinazione base [Bg] 1,0 Fattore correzione sismico inerziale [zq] 1,0 Fattore correzione sismico inerziale [zg] 1,0 10 Fattore correzione sismico inerziale [zc] 1,0 ====================================================== Carico limite 576,0 kN/m Resistenza di progetto 576,0 kN/m Fattore sicurezza 2,24 ====================================================== VERIFICA A SCORRIMENTO (A1+M1+R1) ====================================================== Adesione terreno fondazione 19,2kN/m Angolo di attrito terreno fondazione g 13,6 , Frazione spinta passiva 0 % Resistenza di progetto 430,1 kN Sollecitazione di progetto Vsd 4,81 kN Fattore sicurezza 89 Verificata

124

Autore: HANSEN (1970) (Condizione drenata) A2+M2+R2 ====================================================== Fattore [Nq] 3,5 Fattore [Nc] 10,22 Fattore [Ng] 0,92 Fattore forma [Sc] 1,0 Fattore profondit [Dc] 1,26 Fattore inclinazione carichi [Ic] 0,99 Fattore inclinazione pendio [ ] p [Gc] 1,0 , Fattore inclinazione base [Bc] 1,0 Fattore forma [Sq] 1,0 Fattore profondit [Dq] 1,19 Fattore inclinazione carichi [Iq] 0,99 Fattore inclinazione pendio [Gq] 1,0 10 Fattore inclinazione base [Bq] 1,0 Fattore forma [Sg] 1,0 Fattore profondit [Dg] 1,0 Fattore inclinazione carichi [Ig] 0,99 Fattore inclinazione pendio [Gg] 1,0 Fattore inclinazione base [Bg] 1,0 Fattore correzione sismico inerziale [zq] 1,0 Fattore correzione sismico inerziale [zg] 1,0 Fattore correzione sismico inerziale [zc] 1,0 [ ] , ====================================================== Carico limite 387,05 kN/m Resistenza di progetto 215,03 kN/m Fattore sicurezza 1,89 ====================================================== VERIFICA A SCORRIMENTO (A2+M2+R2) ====================================================== Adesione terreno fondazione 19,2kN/m Angolo di attrito terreno fondazione 13,6 Frazione spinta passiva F i i t i 0 % Resistenza di progetto 358,93 kN Sollecitazione di progetto Vsd 3,7 kN Fattore sicurezza 97 Verificata

125

Autore: HANSEN (1970) (Condizione drenata) SLV sisma ====================================================== Fattore [Nq] 3,5 Fattore [Nc] 10,22 Fattore [Ng] 0 92 0,92 Fattore forma [Sc] 1,0 Fattore profondit [Dc] 1,26 Fattore inclinazione carichi [Ic] 0,99 Fattore inclinazione pendio [Gc] 1,0 Fattore inclinazione base [Bc] 1,0 Fattore forma [Sq] 1,0 Fattore profondit [Dq] 1,19 Fattore inclinazione carichi [Iq] 0,99 Fattore inclinazione pe d o [Gq] atto e c a o e pendio 1,0 ,0 Fattore inclinazione base [Bq] 1,0 Fattore forma [Sg] 1,0 Fattore profondit [Dg] 1,0 Fattore inclinazione carichi [Ig] 0,99 Fattore inclinazione pendio [Gg] 1,0 10 Fattore inclinazione base [Bg] 1,0 Fattore correzione sismico inerziale [zq] 0,92 Fattore correzione sismico inerziale [zg] 0,92 CEDIMENTI PER OGNI STRATO Fattore correzione sismico inerziale [zc] 0,98 Cedimento *Cedimento edometrico calcolato con: Metodo ====================================================== consolidazione monodimensionale di Terzaghi Carico limite 372,02 kN/m Resistenza di progetto 206,68 kN/m Pressione normale di progetto 174,57 kN/m Fattore sicurezza 2,06 Cedimento dopo T anni 15,0 ====================================================== Cedimento totale 1,45 1 45 cm VERIFICA A SCORRIMENTO (SLV sisma) ====================================================== Adesione terreno fondazione 19,2kN/m Angolo di attrito terreno fondazione 13,6 Frazione spinta passiva 0 % Resistenza di progetto 327,96 kN Sollecitazione di progetto Vsd 3,7 kN 126 Fattore sicurezza 89 Verificata