Sei sulla pagina 1di 71

FONDAZIONI DIRETTE O SUPERFICIALI

Le fondazioni servono a trasmettere il carico di una costruzione al terreno. Vengono distinte in base al rapporto D/B (profondit del piano di posa della fondazione D e larghezza della fondazione B) in: - fondazioni dirette o superficiali quando il rapporto D/B risulta non molto maggiore dell dellunit; unit; - fondazioni profonde quando il rapporto D/B risulta molto maggiore dellunit. Difatti la vera distinzione riguarda il modo in cui viene trasmesso il carico i al l terreno. Le fondazioni f d i i superficiali fi i li trasmettono il carico i direttamente sotto di loro, le fondazioni profonde, ad esempio i pali, trasmettono il carico sotto la superficie della punta e lungo la superficie laterale (lungo il fusto del palo).

Fondazione diretta: il carico trasmesso in f forma di pressione i sotto tt il piano di posa; nullo o trascurabile lapporto l apporto dellattrito laterale. rapporto profondit/larghezza (D/B) < 4 (Terzaghi) (D/B) < 1 (EC (EC-2) 2)

FONDAZIONI SUPERFICIALI
SCELTA DEL PIANO DI POSA. La profondit f di del d l piano i di posa deve d essere tale l da: d Superare lo strato di terreno vegetale, eventuali stratificazioni di detriti e comunque strati di terreno scadente; Superare lo strato di terreno soggetto allazione del gelo o variazioni stagionali del contenuto di acqua (in Italia 1-2 m); Mettersi al sicuro delle acque superficiali; Con una falda freatica opportuno che il piano di posa sia lontano dalla zona di oscillazione del pelo libero cio alcuni decimetri sopra il massimo livello o, o meglio, sotto del suo minimo. E consigliabile g che tutti g gli elementi di una fondazione siano allo stesso livello.

E consigliabile i li bil che h tutti t tti gli li elementi l ti di una fondazione f d i siano i allo ll stesso t livello. Se non fosse possibile opportuno rispettare alcune indicazioni come in Figura.

b a

Su terreni sciolti Su rocce lapidee

_ a/2; b< _ a. b<

La scelta L lt del d l piano i di posa determina d t i quindi i di la l distanza di t che h si i viene i a creare fra fondazione e il primo piano calpestabile (piani interrati o piano terra), ), e quindi q anche il sistema di protezione p dallumidit del solaio p pi basso.

Quale fondazione utilizzare? La funzione delle fondazioni quella di trasferire i carichi provenienti d ll struttura dalla t tt in i elevazione l i al l terreno t sul quale ledificio poggia. La scelta della tipologia di fondazione dipende da una serie di parametri, che sinteticamente possono essere riassunti cos: entit dei carichi da trasferire caratteristiche del terreno profondit di interramento della fondazione presenza di falda acquifera forma dell dellarea area oggetto dell delledificazione edificazione forma delledificio andamento planimetrico del terreno, sia in assoluto che in relazione alla geometria delledificio

FONDAZIONI SUPERFICIALI Esistono pi tipi di fondazioni superficiali: plinti isolati; travi rovesce: i singoli elementi verticali che trasmettono il carico al terreno sono raccordati, alla quota di contatto con il terreno, in una trave a T rovesciata i (quindi ( i di con la l parte pi i larga l i basso, in b per avere una maggiore superficie di ripartizione del carico); platee di fondazione: platea sotto tutto il fabbricato, in modo da distribuire al massimo il carico.

F d i i su plinti Fondazioni li ti Le strutture di fondazione vengono realizzate quasi sempre in c.a., anche per strutture in elevazione in muratura o in acciaio. Il plinto ha generalmente forma in pianta isometrica (quadrata, poligonale, circolare); in presenza di significative eccentricit dovute a carichi permanenti, pu avere forma rettangolare. p g Un sottoplinto in conglomerato a basso dosaggio di cemento (calcestruzzo "magro"), oltre a consentire un miglior getto del cemento armato strutturale costituendo il fondo della cassaforma per quest'ultimo, realizza una diffusione del carico che allarga 1'effettiva base di appoggio sul terreno. terreno Per una efficace ripartizione 1'aggetto del sottoplinto deve essere non maggiore dello spessore, in modo che h 1'angolo 1' l di diffusione diff i risulti i l i minore i di 45. 45

In passato passato, i plinti venivano tipicamente sagomati con 1 1' estradosso a tronco di piramide in modo che l'altezza delle sezioni resistenti seguisse 1'andamento dei momenti flettenti. Tale accorgimento oggi seguito molto di rado, rado preferendosi la forma a parallelepipedo che consente un onere assai minore di lavorazione dellarmatura e della cassaforma. La forma troncopiramidale i id l viene i adottata d solo l per plinti li i di grandi di dimensioni, quando essa consente un significativo risparmio di materiale e di diminuzione di peso; in questi casi pu anche risultare conveniente ricorrere alla soluzione con nervature. I plinti vengono generalmente collegati fra di loro nelle due direzioni da travi di collegamento, g , alle q quali si affida anche il compito di portare le murature dei tompagni e dei divisori al piano terra. Secondo la normativa italiana, in zona sismica questi collegamenti sono obbligatori e a essere proporzionati per resistere ad uno sforzo normale di trazione o di compressione pari ad un decimo del carico verticale agente sul pi caricato dei due plinti collegati collegati.

Travi rovesce Quando i pilastri della sovrastruttura sono disposti con interasse relativamente ridotto lungo un allineamento allineamento, e le caratteristiche del terreno sono tali che eventuali plinti di fondazione risultano molto prossimi 1'uno allaltro o addirittura sovrapposti, sovrapposti si ricorre alla trave di fondazione. fondazione Questa ha in genere sezione a T, con la soletta disposta a contatto con il terreno e al di sopra di essa 1'anima, sulla quale l poggiano i pilastri; il i per tale l motivo i essa risulta i l una sorta di immagine speculare delle normali travi da solaio, e pertanto viene detta trave rovescia. Le travi rovesce possono essere collegate trasversalmente da cordoli o, in taluni casi, da vere e proprie travi simili a quelle principali; q p p ; in tal caso si parla p di reticolo di travi rovesce.

Dal punto di vista statico, la disposizione del pilastro all'estremit trave rovescia non molto conveniente. Se possibile, pertanto, buona norma che la trave abbia all' estremit un tratto a sbalzo. Un particolare tipo di trave di fondazione, adottata talvolta per alcuni tipi strutturali, , la trave anulare.

FONDAZIONI SUPERFICIALI -- Trave rovescia

FONDAZIONI SUPERFICIALI -- Trave rovescia

FONDAZIONI SUPERFICIALI -- Trave rovescia

Platee Quando 1'area di impronta del reticolo di travi rovesce eccede il 50 50-60% 60% dell dell'area area di impronta delledificio risulta conveniente adottare una fondazione a platea in modo da distribuire al massimo il carico. carico Questultima una piastra che raccoglie e trasmette al terreno i carichi di numerosi pilastri il i disposti di i su diverse di fil e colonne; file l pu occupare 1'intera impronta di un edificio o parte di essa, o addirittura debordare oltre limpronta in pianta delledificio in elevazione. Quando sufficientemente rigida g preserva p maggiormente il fabbricato dal rischio di cedimenti differenziati.

Tipi strutturali di platee di fondazione: a) Piastra a spessore costante, b) piastra con spessore incrementato sotto i pilastri, c) piastra nervata inferiormente, d) piastra nervata superiormente, e) piastra a fungo, f) piastra scatolare.

La platea risulta spesso conveniente nel caso siano stati adottati uno o pi piani interrati, particolarmente se il piano di posa risulta al di sotto del livello della falda; in questo caso, infatti, la platea ha anche una funzione di impermeabilizzazione Sempre nel caso di piani interrati spesso si ricorre ad impermeabilizzazione. una struttura scatolare costituita dalla platea di fondazione, dal solaio sovrastante e da setti in c.a. perimetrali ed interni. Le platee l possono avere spessore variabile i bil e sbalzi b l i perimetrali. i li In genere, se ledificio ha altezza uniforme o comunque disposizione simmetrica, la condizione che il baricentro della platea coincida con il punto di applicazione della risultante dei carichi risulta automaticamente soddisfatta; piccole correzioni possono essere appunto apportate adottando sbalzi perimetrali di adeguata g entit. Se invece 1' altezza delledificio o i carichi agenti g risultano molto variabili, occorrer prendere in considerazione 1opportunit di separare i corpi di fabbrica e la platea con giunti o di adottare piani di posa a diverse profondit, profondit per ottenere la compensazione parziale o totale. totale In presenza di strutture a pianta circolare, quali serbatoi, ciminiere, torri, si adotta spesso la platea di forma circolare.

FONDAZIONI SUPERFICIALI -- Platea

FONDAZIONI SUPERFICIALI -- Platea

Caratteristiche meccaniche del terreno


Prova di taglio diretto Sono qui rappresentati lo schema della prova di taglio diretto e la modalit di rottura tt del d l provino. i

Rottura g generale di una fondazione infinita La rottura di una fondazione secondo il meccanismo indicato come rottura generale pu essere analizzata modellando il terreno come un mezzo rigido rigidoperfettamente plastico. Assumiamo che la fondazione sia di forma rettangolare allungata (B L), in modo da poter trattare il problema in condizioni di deformazione piana; il piano di posa della fondazione e la superficie del terreno siano orizzontali ed i carichi agenti verticali e centrati.

II terreno compreso fra il piano di posa della fondazione e la superficie esterna t viene i considerato id t come un mero sovraccarico i pari i a l D, D e pertanto t t interessa solo conoscerne il peso dell' unit di volume. Il terreno sottostante il piano di posa invece caratterizzato, oltre che da un peso dellunit di volume 2 , da una coesione c e da un angolo di attrito .

L' espressione i d l carico del i limite li it unitario it i la l seguente: t qLIM=c Nc + D Nq 1 + N 2 B/2 . I coefficienti Nq , Nc ed N sono funzioni dell' angolo di attrito . Nelle ipotesi assunte, il coefficiente Nq stato ricavato da Prandtl nel 1911 ed ha 1' espressione: Il coefficiente Nc ha 1' espressione: Nc = (Nq 1) cotg . Il coefficiente N non suscettibile di un' espressione in forma analitica chiusa ed stato calcolato per via numerica da diversi Autori. chiusa, Autori I valori dei coefficienti di carico limite sono riportati, in funzione dell' angolo di attrito, nella Tabella seguente.

TABELLA: Coefficienti di capacit portante.

Propriet meccaniche di diversi tipi di terreno

Peso specifico di diversi tipi di terreno

Come si C i detto, d tt la l formula f l precedente d t valida lid solo l nelle ll ipotesi i t i assunte t di rottura generale (stato di deformazione piana, carichi verticali e centrati, piano di posa e piano di campagna orizzontali, terreno omogeneo). Nelle applicazioni queste limitazioni vengono rimosse moltiplicando i tre termini a secondo membro per adatti coefficienti correttivi, ottenuti per via analitica o semiempirica. In via approssimata, coefficienti diversi possono essere usati contemporaneamente per tener conto di pi di un fattore. E' infine da ricordare che si fatta 1ipotesi di terreno omogeneo. Tale ipotesi si presenta assai di rado nella realt; tuttavia, di norma, ad essa ci si riconduce, semplificando la situazione reale con criteri cautelativi (eventualmente, (eventualmente analizzando in alternativa diverse possibili schematizzazioni ed adottando i risultati meno favorevoli).

Per fondazioni con forma in pianta diversa dalla striscia indefinita occorre applicare delle correzioni con dei coefficienti di forma q c . Di tali coefficienti esistono varie espressioni, ricavate da prove su modello in scala ridotta. id tt Quelle Q ll pi i accreditate dit t sono riportate i t t in i Tabella. T b ll

Lespressione del carico limite unitario nitario diventa di enta la seguente: seg ente: qLIM=c c Nc + D q Nq 1 + N 2 B/2 . Come si pu osservare q e c sono maggiori dellunit mentre minore.

Se la risultante dei carichi applicati alla fondazione non passa per il baricentro O dell'area di impronta della fondazione stessa, ma per un punto C con eccentricit eB, eL rispetto al baricentro, si tiene conto di tale eccentricit considerando una fondazione di dimensioni ridotte (area ( tratteggiata di figura) della quale il punto C sia il baricentro. Nel caso assai frequente di fondazione rettangolare le dimensioni della fondazione ridotta valgono: B = B -2eB; L = L 2eL.

INTERAZIONE TERRENO - FONDAZIONE Quando la finalit dell'analisi lo studio delle caratteristiche della sollecitazione nella struttura di fondazione, il problema generale dellinterazione viene semplificato in uno studio dell'interazione fra due sole componenti: il terreno di fondazione e la struttura di fondazione. La sovrastruttura non viene cio inclusa esplicitamente nellanalisi, ma i carichi da essa trasmessi alla fondazione vengono determinati assumendo che essi non siano influenzati dai cedimenti della fondazione, , e sono q quindi calcolati con un'analisi della sovrastruttura supposta a vincoli fissi, oppure con una semplice analisi dei carichi per aree di influenza. E' appena il caso di osservare che queste assunzioni sono valide, E valide a rigore, rigore solo nel caso di sovrastruttura staticamente determinata, oppure se la sovrastruttura caratterizzata da una rigidezza molto inferiore a quella delle strutture di fondazione Negli altri casi esse sono da considerare delle approssimazioni. fondazione. approssimazioni

Altre ipotesi di carattere generale che vengono fatte quasi sempre nello studio d ll' interazione dell' i t i t terreno-fondazione f d i sono: - le sollecitazioni al contatto fra fondazione e terremo sono solo tensioni normali (fondazione liscia). liscia) In effetti sulla superficie di contatto fra fondazione e terreno si generano anche tensioni tangenziali, come conseguenza di spostamenti orizzontali sia del terreno che della fondazione; tuttavia i numerose ricerche i h in i materia i hanno h mostrato che h la l mancata considerazione di tali azioni comporta un errore sulle caratteristiche della sollecitazione di qualche unit per cento, ed a vantaggio di sicurezza. - il contatto fra fondazione e terreno viene assimilato ad un vincolo bilaterale, e cio, capace di resistere a trazione oltre che a compressione. Questa ipotesi, chiaramente hi i f d infondata d l punto di vista dal i fisico, fi i non a rilievo ili pratico i perch, h nella stragrande maggioranza dei casi, per fondazioni correttamente progettate le sollecitazioni di contatto sono di compressione. In linea di principio non vi sono particolari difficolt a trattare il problema nelle ipotesi di vincolo unilaterale: il fenomeno, per, diviene in questo caso non lineare con tutte le complicazioni p che ne derivano ( (necessit di approccio pp incrementale, , inapplicabilit del principio di sovrapposizione degli effetti).

La struttura L t tt di fondazione f d i (t (trave, piastra) i t ) , in i genere, un elemento l t strutturale relativamente semplice e per il quale il modello di trave o piastra elastica inflessa senzaltro adeguato, e ben conosciuto e studiato. Il problema si pone quindi essenzialmente nella modellazione del terreno. L' equazione differenziale che descrive il comportamento del componente fondazione la ben nota equazione della trave (o piastra) inflessa: Ef J wIV = q(x) - p(x) ,
_

per la trave,

D V4 w = q( x,y) p(x,y), per la piastra.

nelle ll quali li w lo l spostamento t t verticale ti l (cedimento) ( di t ) di un punto t dell' d ll' asse della trave, considerato coincidente con 1' interfaccia trave-terreno; Ef il modulo di Young del materiale (quasi sempre calcestruzzo) costituente la trave o piastra di fondazione; J il momento di inerzia della sezione della trave di fondazione; D = Ef h3/12(12) la rigidezza flessionale della piastra di fondazione; h lo spessore della piastra; il coefficiente di Poisson del materiale costituente la piastra. A queste deve essere associata una ulteriore equazione che descriva il comportamento p del terreno ed in p particolare esprima p gli spostamenti g p dell' interfaccia fondazione-terreno in funzione della distribuzione delle pressioni di contatto: w (x) = f { q( x ) }, } per la trave, trave w(x,y) = f { q( x.y) }, per la piastra. Assunto un determinato modello di sottosuolo, ne risulta determinata questa equazione Essa pu essere un'equazione algebrica (ad esempio una equazione. relazione lineare q = a + bw), un equazione differenziale (ad esempio, q = a + bw + c(dw/dx) + d (d2w/dx2)) o un' equazione integrale.

Il modello elastico pi elementare di suolo sotto le fondazioni quello di Winkler. Tale modello interpreta il terreno come un letto di molle elastiche indipendenti trascurando cos la coesione. In q questo caso lequazione q che descrive il comportamento p del terreno risulta: q( x ) = k w (x) per la trave, q( x.y) = k w(x.y) per la piastra, dove k la costante elastica del terreno. terreno

Metodo del trapezio delle tensioni Il metodo del trapezio delle tensioni (traduzione del termine tedesco Spannungstrapezvezrfahren) impone al sistema terreno-fondazione le sole condizioni di equilibrio, trascurando completamente la congruenza. Come ovvio, essendo d il sistema it staticamente t ti t indeterminato, i d t i t questo t comporta t i necessit it di alcune l assunzioni arbitrarie. Nelle condizioni in esame (soli carichi verticali), le equazioni disponibili sono due per il caso della trave di fondazione (equilibrio alla traslazione verticale ed equilibrio alla rotazione nel piano verticale contenente lasse della trave) e tre per il caso della piastra. Per poter determinare la distribuzione delle reazioni del terreno, occorre dunque q che q questa sia caratterizzata da due sole incognite nel caso della trave, da tre incognite nel caso della piastra, ci si verifica con una distribuzione lineare delle reazioni. Nel caso della trave di impronta B ed L si perviene alle seguenti espressioni della tensione di contatto p:
+ -

Metodo del trapezio delle tensioni

CRITERI DI DIMENSIONAMENTO Verranno fornite alcune indicazioni per il dimensionamento strutturale delle pi semplici strutture di fondazione: i plinti diretti e su pali, pali le travi, travi le platee. Plinti Come detto, la distribuzione delle tensioni contatto fra una fondazione diretta ed il terreno di fondazione dipende da numerosi fattori, fra i quali predomina la rigidezza p g relativa della fondazione rispetto p al terreno. Nel dimensionamento strutturale dei plinti di fondazione, tuttavia, considerate le incertezze dellanalisi statica connesse alla forma tozza della struttura stessa, si ritiene accettabile assumere la distribuzione delle tensioni di contatto che si ottiene con il metodo del trapezio delle tensioni, e cio una distribuzione costante o linearmente variabile che faccia equilibrio al carico applicato.

Come conseguenza di questa ipotesi il peso proprio della struttura di fondazione e del terreno di rinterro devono essere considerati nel calcolo della reazione del terreno e delle caratteristiche della sollecitazione sul terreno che deve essere valutata rispetto alla sollecitazione ammissibile (qamm=qlim/R). Da questa verifica si ricavano le p dimensioni dellarea di base del plinto. Nel caso di plinto sollecitato da sola azione assiale Q si ha: LBq L B qamm > Q Q. Laltezza H del plinto si ottiene, invece, con la verifica a punzonamento.

Laltezza H del p plinto si ottiene con una verifica a p punzonamento p ponendo che:

Q 0.5 p f H f ctd
dove pf il perimetro della sezione di rottura definito in figura, figura H l laltezza altezza del plinto e fctd la resistenza a trazione del calcestruzzo

Nel caso in cui la verifica a punzonamento non risulti soddisfatta necessario disporre d spo e u unadeguata adeguata a armatura. atu a. Essa ssa cost costituita tu ta da ba barre ep piegate, egate, o ortogonali togo a a alla a superficie di rottura ed efficacemente ancorate nella zona superiore del plinto. Il quantitativo complessivo di armatura, Asp, si ottiene dallequilibrio in direzione verticale:

A sp

sp 2

dove sp la tensione di lavoro adottata per il calcolo delle armature.

Verifiche a punzonamento utilizzare par. 6.4 dell'EC2.

I plinti vengono distinti in base al rapporto tra laltezza e le dimensioni di base in plinti alti (quando = arctg (2 H/(B b)) > 45) e plinti bassi (quando = arctg (2 H/(B b)) < 45 45) ). Per > 60, il plinto pu essere addirittura un dado di calcestruzzo non armato. Tale soluzione viene adottata p per p piccole fondazioni di opere p di modesta importanza p nelle quali comunque consigliabile disporre una debole armatura. Plinti bassi P < 45 il plinto Per li viene i calcolato l l a flessione. fl i A tal l fine fi si i considera id il plinto li stesso suddiviso in quattro parti a pianta trapezia mediante tagli lungo le diagonali: ciascuna di queste parti viene considerata una mensola incastrata nel pilastro e sollecitata dalla reazione del terreno. Per un plinto rettangolare di lati B ed L, con carico centrato Q e quindi reazione del terreno uniformemente distribuita con intensit costante p = Q Q/(BL), ( ), i momenti flettenti nelle due sezioni di incastro valgono: ML = (p/24) (2B + b) (L l)2 , MB = (p/24) (2L + l) (B b)2 . Per diverse distribuzioni della pressione, quali possono schematicamente conseguire a diverse rigidezze della fondazione e natura dei terreni, espressioni analoghe possono essere ricavate (vedi figura seguente). seguente) Espressioni dello stesso tipo possono essere ottenute per carichi eccentrici.

Le armature sono disposte al lembo inferiore teso; 1area di armatura necessaria nelle due direzioni vale:

dove AL l'area delle armature disposte parallelamente al lato lungo L e f la tensione ammissibile nelle armature. Le armature si dispongono con un certo addensamento nella zona centrale al di sotto del pilastro.

Un diverso U di metodo t d di progetto tt a flessione quello suggerito dall'ACI (American Concrete Institute). Secondo tale suggerimento tutta la parte di plinto al di l della sezione X-X (o Y-Y) a filo del pilastro viene assimilata ad una mensola; i relativi momenti flettenti valgono allora: MB = (pB/8) ( B/8) (L 1)2, ML = (pL/8) (B - b)2. Le armature conseguenti a tali momenti flettenti, calcolate con le relazioni p precedenti vengono g distribuite uniformemente su tutta la larghezza della mensola. Le stesse norme prevedono anche una verifica a punzonamento.

p p

PLINTI ALTI: metodo delle bielle Per >_ 45 (p (plinti alti) ) si p preferisce eseguire g il calcolo dell'armatura con il cosiddetto metodo delle bielle. Esso consiste nell'immaginare all'interno della struttura un sistema resistente di tipo reticolare formato da bielle compresse di calcestruzzo ed elementi tesi costituiti dall'armatura dall armatura metallica. metallica Si considera divisa in quattro parti sia la sezione di base del pilastro, sia quella del plinto, e si applica nei relativi baricentri g e G una forza pari ad un quarto del carico Q agente sul pilastro pilastro. Per l l'equilibrio equilibrio deve aversi:

PLINTI ALTI: metodo delle bielle

Nel caso di plinto molto allungato in una direzione si puo puo procedere come illustrato in figura:

Armatura minima
La formula prescritta dallEC2 (punto 4.4.2.2)

min s

kc k Act f ct ,eff

In questa formula Act area di calcestruzzo nella zona tesa, kc un coefficiente che tiene conto del tipo di distribuzione di tensioni nella sezione subito prima della fessurazione (kc=1 per trazione pura, kc=0.4 per flessione semplice). fct.,eff la resistenza a trazione del calcestruzzo al momento della fessurazione (lEC2 suggerisce il valore di 3MPa). 3MPa) La tensione nell nellacciaio acciaio invece secondo le norme italiane non deve superare il valore di 0.9 fyk. Il valore di k compreso tra 0.5 ed 1 tiene conto degli effetti di tensioni auto-equilibrate non uniformi.

Disposizione delle armature calcolate:

Esempio delle armature di un plinto

Trave di fondazione Per ottenere una trave di fondazione di sufficiente rigidezza si pone in genere: H l/4, dove l l'interesse fra i pilastri collegati dalla trave; h=m( (B - b) ) > 30 cm, , dove il coefficiente m dell'ordine di 0,25 , per p ridotte pressioni sul terreno (p 100 kPa) e si giunge fino a 0,6 per p = 250 kPa; h' h/3.

La ricerca L i d ll tensioni delle t i i di contatto t tt fra f il terreno t e la l trave t di fondazione f d i e delle caratteristiche della sollecitazione nella trave viene condotta con i metodi per l'analisi dell'interazione trave-terreno illustrati precedentemente. Le verifiche di resistenza ed il progetto delle armature metalliche vengono condotti con gli usuali metodi della tecnica delle costruzioni in c.a. La combinazione di pi travi, di solito mutuamente ortogonali, intersecantisi in corrispondenza dei pilastri, d luogo alla fondazione a reticolo o graticcio di travi rovesce. Il dimensionamento di questo tipo di fondazione prende le mosse dal metodo del trapezio p delle tensioni; ; una volta determinata in tal modo la reazione del terreno si potr poi verificare separatamente ciascuna trave considerata come isolata, o tenere conto (generalmente con metodi numerici) del funzionamento a graticcio. graticcio

Platea di fondazione Berardi (1972) suggerisce di procedere in prima approssimazione calcolando la pressione di contatto con il metodo del trapezio delle tensioni, e procedere poi al l calcolo l l distinguendo di i d il caso di platea l nervata da quello di platea a spessore costante o a fungo. Nel primo caso si tratta di dimensionare un doppio sistema di travi con solette di collegamento, sottoposte p ad un carico p( p(x,y) ,y) noto. Per ciascun campo di area axb si considera agente il valore medio della pressione nel campo stesso; la distribuzione delle reazioni sulle travi discende dalle usuali soluzioni statiche per le solette viste come piastre vincolate alle travi. travi

Nel secondo caso si dimensiona un solaio a fungo sottoposto sempre al carico noto p( p(x, y) y). Per la valutazione delle caratteristiche di sollecitazione nella direzione x si considera una trave costituita dalla striscia di platea, larga quanto l'interasse b dei pilastri in senso ortogonale, sottoposta all'intero all intero carico p(x, p(x y)b. y)b Si ricavano quindi le sollecitazioni per tale striscia; queste evidentemente non possono essere considerate id t come uniformemente ripartite sulla larghezza b, per la diversa rigidezza della zona corrente fra i pilastri e di quella situata in mezzeria.

La larghezza b viene allora suddivisa in tre parti: una centrale detta striscia di corrente, larga b/2, e due laterali dette strisce di campo, ciascuna di larghezza b/4. I momenti di campata vengono assegnati per il 55% alla striscia di corrente e per il rimanente 45% alla due strisce di campo; i momenti in corrispondenza dei vincoli costituiti dai pilastri vengono attribuiti per il 75% alla striscia di corrente e per il rimanente 25 % alle due strisce di campo. Il calcolo viene poi ripetuto per la ricerca delle sollecitazioni nella direzione ortogonale, scomponendo questa volta la platea in strisce di larghezza a, soggette al carico p(x,y)a, p(x y)a a loro volta ancora suddivise nella striscia di corrente di larghezza a/2 e nelle due strisce di campo di larghezza a/4.

Nel caso che: la p pressione di contatto p sia costante; ; gli g interassi a e b non siano troppo dissimili (0,8 < b/a < 1); l'espansione del pilastro abbia la forma di fig. precedente; i momenti flettenti nelle due direzioni possono essere valutati con le formule seguenti, seguenti nelle quali q = pb/2. pb/2 - per la striscia di corrente nella direzione x:

- per l'insieme delle due strisce di campo, sempre nella direzione x:

Analoga valutazione viene fatta per le strisce nella direzione y, sostituendo a con b e viceversa. Secondo alcuni Autori possibile apportare una riduzione del 20% alle sollecitazioni per tener conto delleffetto mutuo delle strisce ortogonali.

Le tensioni di taglio non sono in genere particolarmente elevate nelle platee di fondazione; tuttavia necessaria una verifica a taglio. Lo sforzo che si considera quello che agisce sul perimetro critico del pilastro effettuando la verifica al p punzonamento ( (EC2 6.4) )

Norme Tecniche (DM 14/01/2008)


6.2.3 VERIFICHE DELLA SICUREZZA E DELLE PRESTAZIONI Conseguentemente ai principi generali enunciati nelle NTC, la progettazione geotecnica si basa sul metodo degli g g stati limite e sullimpiego p g dei coefficienti parziali di sicurezza. Nel metodo degli stati limite, ultimi e di esercizio, i coefficienti parziali sono applicati alle azioni, agli effetti delle azioni, alle caratteristiche dei materiali e alle resistenze. I coefficienti parziali possono essere diversamente raggruppati e combinati tra loro in funzione del tipo e delle finalit delle verifiche verifiche, nei diversi stati limite considerati. 6.2.3.1 6 231V Verifiche ifi h nei i confronti f ti d degli li stati t ti li limite it ultimi lti i (SLU) Si considerano cinque stati limite ultimi che, mantenendo la denominazione abbreviata degli eurocodici, sono cos identificati:

Norme Tecniche (DM 14/01/2008)


EQU perdita di equilibrio della struttura, del terreno o dellinsieme terrenostruttura, considerati come corpi rigidi; STR raggiungimento della resistenza degli elementi strutturali, compresi gli elementi di fondazione; GEO raggiungimento della resistenza del terreno interagente con la struttura con sviluppo di meccanismi di collasso dellinsieme terreno-struttura; UPL perdita di equilibrio della struttura o del terreno, dovuta alla sottospinta dellacqua (galleggiamento); HYD erosione e sifonamento del terreno dovuta a gradienti idraulici.

Norme Tecniche (DM 14/01/2008)


Gli stati limite STR e GEO sono gli unici che prevedono il raggiungimento della resistenza delle strutture o del terreno, rispettivamente. Con riferimento agli stati limite GEO, si possono menzionare, a mero titolo di esempio, gli stati limite che riguardano il raggiungimento del carico limite nei terreni di fondazione e lo scorrimento sul piano di posa di fondazioni superficiali e muri di sostegno, la rotazione intorno a un punto di una paratia a sbalzo o con un livello di vincolo, ecc. In questi casi, si esegue, di fatto, una verifica del sistema geotecnico nei confronti di un meccanismo di collasso che, che in alcuni casi, casi pu implicare anche la plasticizzazione degli elementi strutturali. Al contrario, t i nelle ll verifiche ifi h rispetto i tt agli li stati t ti limite li it STR, ci i si i riferisce if i in i genere al l raggiungimento della crisi di una delle sezioni della struttura, senza pervenire necessariamente alla determinazione di un meccanismo di collasso, o alla valutazione di una distanza da esso.

Norme Tecniche (DM 14/01/2008)


Nelle verifiche di sicurezza rispetto agli stati limite ultimi, pu essere utilizzato lApproccio 1 o lApproccio 2 per le verifiche di sicurezza rispetto agli stati limite di tipo p strutturale, STR, e di tipo p g geotecnico, GEO. Le combinazioni dei coefficienti parziali da utilizzare per le diverse tipologie di opere e sistemi geotecnici sono indicati nel paragrafo 6.4.2 per le fondazioni superficiali. Gli stati limite EQU, UPL e HYD non prevedono il raggiungimento della resistenza degli elementi strutturali. Se si porta in conto la resistenza del terreno, si devono utilizzare per essa i coefficienti parziali del gruppo M2 (Tabella 6.2.II NTC). NTC) Con riferimento ad opere e sistemi geotecnici, lo stato limite di ribaltamento di un muro di sostegno, ad esempio, deve essere trattato come uno stato limite di equilibrio ilib i di corpo rigido, i id EQU. EQU Gli stati limite UPL e HYD si riferiscono a stati limite ultimi di tipo idraulico (6.2.3.2). Ad esempio, gli stati limite di sollevamento per galleggiamento di strutture interrate (parcheggi sotterranei, stazioni metropolitane, ecc.) o di opere marittime devono essere trattati come stati limite di equilibrio UPL. Al contrario, lo stato limite di sifonamento al quale corrisponde lannullamento delle tensioni efficaci e che pu essere prodotto da moti di filtrazione diretti dal basso verso lalto, devono essere trattati come stati limite HYD.

Norme Tecniche (DM 14/01/2008)


6.4.2 FONDAZIONI SUPERFICIALI 6.4.2.1 Verifiche agli g stati limite ultimi (SLU) ( ) Gli stati limite ultimi per sviluppo di meccanismi di collasso determinati dal raggiungimento della resistenza del terreno interagente con le fondazioni (GEO) riguardano il collasso per carico limite nei terreni di fondazione e per scorrimento sul piano di posa. Tutte le azioni su un elemento di fondazione possono essere ricondotte a una forza risultante applicata al piano di posa. Nello stato limite di collasso per raggiungimento del carico limite della fondazione, fondazione lazione di progetto la componente della risultante delle forze in direzione nomale al piano di posa. La resistenza di progetto il valore della forza normale al piano di posa cui i corrisponde i d il raggiungimento i i t del d l carico i limite li it nei i terreni t i in i fondazione. f d i

Norme Tecniche (DM 14/01/2008)


6 4 2 FONDAZIONI SUPERFICIALI 6.4.2 6.4.2.1 Verifiche agli stati limite ultimi (SLU) Nello stato limite di collasso per scorrimento, scorrimento lazione di progetto data dalla componente della risultante delle forze in direzione parallela al piano di scorrimento della fondazione, mentre la resistenza di progetto il valore della forza parallela allo stesso piano i cui i corrisponde i d lo l scorrimento i della d ll fondazione. f d i Per fondazioni f d i i massicce i (pozzi, blocchi di ancoraggio, ecc.) a diretto contatto con le pareti di scavo, eventualmente sostenute da paratie o palancolate, nella verifica allo scorrimento si pu tenere conto della resistenza al taglio mobilitata lungo le pareti parallele allazione di progetto, oltre che della spinta attiva e della resistenza passiva parallele alla stessa azione. Nellimpiego p g dellespressione p trinomia p per la valutazione del carico limite, i valori di progetto dei parametri di resistenza (cd, d) devono essere impiegati sia per la determinazione dei fattori di capacit portante, Nc, Nq, N, sia per la determinazione dei coefficienti correttivi, correttivi ove tali coefficienti intervengano. intervengano Il progetto delle fondazioni superficiali deve prevedere anche lanalisi degli stati limite ultimi per raggiungimento della resistenza degli elementi che compongono la fondazione stessa (STR) (STR). In questo caso l lazione azione di progetto costituita dalla sollecitazione nellelemento e la resistenza di progetto il valore della sollecitazione che produce la crisi nellelemento esaminato.

Norme Tecniche (DM 14/01/2008)


6.4.2 6 4 2 FONDAZIONI SUPERFICIALI Approccio 2 Nelle verifiche effettuate seguendo lapproccio progettuale 2, le azioni di progetto in fondazione derivano da ununica analisi strutturale svolta impiegando i coefficienti parziali del gruppo A1. Nelle verifiche agli stati limite ultimi per il dimensionamento geotecnico delle fondazioni (GEO), si considera lo sviluppo di meccanismi i i di collasso ll determinati d i i dal d l raggiungimento i i della d ll resistenza i del d l terreno interagente con le fondazioni. Lanalisi pu essere condotta con la Combinazione (A1+M1+R3), nella quale i coefficienti parziali sui parametri di resistenza del terreno (M1) sono unitari e la resistenza globale del sistema ridotta tramite i coefficienti R del gruppo R3. Tali coefficienti si applicano solo alla globale del terreno, , che costituita, , a seconda dello stato limite resistenza g considerato, dalla forza normale alla fondazione che produce il collasso per carico limite, o dalla forza parallela al piano di scorrimento della fondazione che ne produce il collasso per scorrimento scorrimento. Essi vengono quindi utilizzati solo nell nellanalisi analisi degli stati limite GEO. Nelle verifiche agli stati limite ultimi finalizzate al dimensionamento strutturale (STR) si considerano gli stati limite ultimi per raggiungimento della resistenza (STR), negli elementi di fondazione. Per tale analisi non si utilizza il coefficiente R e si procede perci come nella Combinazione 1 dellApproccio 1.

Norme Tecniche (DM 14/01/2008)

Plinti su pali Si assume che h la l piastra i collegante ll i pali li (plinto, ( li zattera, platea) sia rigida; in prima approssimazione viene assunto uno spessore pari a circa la met dell'interasse i fra i pali. Deve inoltre essere soddisfatta la verifica a punzonamento sia nei confronti del p palo maggiormente gg sollecitato, , sia nei confronti del pilastro se non vi sono pali direttamente sotto la sua proiezione. Si assume inoltre che sia noto il carico assorbito da ciascun palo. palo Per piastre di forma qualsiasi, quando sia possibile individuare chiaramente la sezione maggiormente sollecitata a flessione (nel caso di figura questa la sezione a-a) a a) si esegue per essa la verifica, calcolando il momento a partire dalle forze nei pali. L'armatura cos calcolata l l t viene i di t ib it su tutta distribuita t tt la l larghezza l h B B, addensandola in strisce di larghezza 1,5 D correnti secondo gli allineamenti dei pali; in direzione ortogonale viene disposta un'armatura di ripartizione pari ad 1/3 di quella principale.

Q Quando la distribuzione p planimetrica dei p pali non d luogo g a sezioni p preferenziali per le verifiche di resistenza, si considerano delle bielle, correnti nello spessore della piastra, secondo allineamenti staticamente plausibili sulle teste dei pali; tali bielle vengono caricate in modo da trasmettere al pali reazioni uguali ai carichi che i pali effettivamente sopportano. Alcuni esempi per i pi comuni plinti su pali sono riportati in figura.

Per un plinto a due pali, con il metodo delle bielle (consigliabile per h > i/2) lo sforzo di trazione che deve essere assorbito dall dall'armatura armatura vale:

Se h < i/2, consigliabile il calcolo a flessione; l'armatura a flessione avr una sezione:

Per un p plinto a tre pali, p , con il metodo delle bielle si ottiene una forza radiale:

ed una forza diretta secondo i lati:

Con il calcolo a flessione l l'area area di ferro si ottiene moltiplicando il valore ottenuto per il plinto a due pali per 1/3. 3 A1 solito, solito il primo calcolo consigliabile per plinti alti, il secondo per plinti bassi.