Sei sulla pagina 1di 2

1 Esercizi sulla natura dei punti critici (o stazionari)

Determinare i punti critici dei seguenti campi scalari e studiarne la natura:


1. f(x, y) = 2x
3
+y
3
3x
2
3y;
2. f(x, y, z) = x
2
2x +y
2
+ log(1 +z
2
);
3. f(x, y, z) = arctan(x
2
+z
2
) (y 1)
3
;
4. f(x, y) = xlog(x + 4y
2
).
Soluzione.
1. Osserviamo che f C
1
(R
2
). I punti stazionari sono i punti (x, y) R
2
tali che f(x, y) = (0, 0).
Essi sono quindi le soluzioni del sistema
_

x
f(x, y) = 6x
2
6x = 0

y
f(x, y) = 3y
2
3 = 0.
I punti stazionari sono: A = (0, 1), B = (0, 1), C = (1, 1), D = (1, 1).
La matrice Hessiana di f in (x, y) `e:
H(x, y) =
_
12x 6 0
0 6y
_
da cui ricaviamo che A e D sono punti di sella, B `e un punto di massimo relativo, C `e un punto di
minimo relativo.
2. La funzione f C
1
(R
3
) ha un unico punto stazionario: A = (1, 0, 0).
La matrice Hessiana di f valutata in A `e
H =
_
_
2 0 0
0 2 0
0 0 2
_
_
Avendo la matrice Hessiana un unico autovalore = 2 positivo (di molteplicit`a 3), il punto A risulta
essere punto di minimo relativo.
Osserviamo che A `e anche un punto di minimo assoluto per f. Infatti
f(x, y, z) = x
2
2x + 1 +y
2
+ log(1 +z
2
) 1 = (x 1)
2
+y
2
+ log(1 +z
2
) 1 1,
per ogni (x, y, z) R
3
, e inoltre f(A) = 1.
3. La funzione f C
1
(R
3
) ha un unico punto stazionario: A = (0, 1, 0).
La matrice Hessiana di f valutata in A `e:
H =
_
_
2 0 0
0 0 0
0 0 2
_
_
Essendo la matrice Hessiana solo semidenita positiva, non si pu`o concludere nulla con il test della
matrice Hessiana. Pertanto studiamo il comportamento della funzione in un intorno del punto
stazionario, valutando il segno della dierenza
f(x, y, z) f(0, 1, 0) = f(x, y, z).
Restringendo alla retta x = z = 0 (facendo variare y R) consideriamo la funzione: y f(0, y, 0) =
(y 1)
3
; questa cambia segno in un intorno di y = 1.
Dunque A `e un punto di sella.
1
4. Osserviamo che A = domf = {(x, y) R
2
: x + 4y
2
> 0} `e aperto. Inoltre f C
1
(A). Cerco i
punti critici di f (che ovviamente devono appartenere ad A). Risolvo il sistema:
_

x
f(x, y) = log(x + 4y
2
) +
x
x+4y
2
= 0

y
f(x, y) =
8xy
x+4y
2
= 0.
La seconda equazione ha soluzioni x = 0 e y = 0, che inserite nella prima equazione, danno
_
x = 0
log 4y
2
= 0
;
_
y = 0
log(x) + 1 = 0.
I punti stazionari sono: P
0
= (0, 1/2), P
1
= (0, 1/2), P
2
= (1/e, 0). La matrice Hessiana di f in
(x, y) `e:
H(x, y) =
_
x+8y
2
(x+4y
2
)
2
32y
3
(x+4y
2
)
2
32y
3
(x+4y
2
)
2
8x(x4y
2
)
(x+4y
2
)
2
_
da cui ricaviamo che
H(P
0
) =
_
2 4
4 0
_
; H(P
1
) =
_
2 4
4 0
_
; H(P
2
) =
_
e 0
0 8
_
.
Segue che P
0
e P
1
sono punti di sella, mentre P
2
`e un punto di minimo relativo.
Esercizio (di approfondimento) Siano assegnati n punti nel piano: P
1
= (x
1
, y
1
), . . . , P
n
= (x
n
, y
n
).
Si determini P = (x, y) tale che la somma dei quadrati delle distanze di P da ciascuno degli n punti,
P
1
= (x
1
, y
1
), . . . , P
n
= (x
n
, y
n
), sia minima.
Sol. Poich`e la distanza di P da P
i
`e P P
i
=
_
(x x
i
)
2
+ (y y
i
)
2
, per i = 1, . . . , n, si deve
minimizzare il campo scalare
f(x, y) =
n

i=1
[(x x
i
)
2
+ (y y
i
)
2
], (x, y) R
2
.
Cerchiamo i punti critici per f:
_

x
f(x, y) = 2

n
i=1
(x x
i
) = 2

n
i=1
(x) 2

n
i=1
x
i
= 2nx 2

n
i=1
x
i
= 0 = x =
1
n

n
i=1
x
i

y
f(x, y) = 2

n
i=1
(y y
i
) = 2

n
i=1
(y) 2

n
i=1
y
i
= 2ny 2

n
i=1
y
i
= 0 = y =
1
n

n
i=1
y
i
.
C`e quindi un solo punto critico:

P =
_
1
n

n
i=1
x
i
,
1
n

n
i=1
y
i
_
. Per studiarne la natura considero la matrice
Hessiana di f:
H(x, y) =
_
2n 0
0 2n
_
= H(

P) =
_
2n 0
0 2n
_
.
Dunque

P `e un punto di minimo locale per f; si potrebbe provare anche che `e lunico punto di minimo
assoluto. Quindi

P = P.
Abbiamo trovato che la posizione del punto che minimizza la somma dei quadrati delle distanze dagli
n punti assegnati `e il baricentro dei punti (supponendo che ciascun punto abbia massa unitaria).
2