Sei sulla pagina 1di 272

Marco Pasetto - David Conati

Guida per
CORSO DI il docente
MUSICA
INDICE

PARTE Risorse didattiche


1 Introduzione ............................................................................................................................................................................................................................. 6
Presentazione dell’opera ...................................................................................................................................................................................... 7
Composizione dell’opera ....................................................................................................................................................................................... 8
Indicazioni nazionali e competenze .................................................................................................................................................. 10
Le otto competenze chiave per la cittadinanza e l’apprendimento permanente ........................ 10
Traguardi per lo sviluppo delle competenze ............................................................................................................................... 12
Valutazione delle competenze ......................................................................................................................................................................... 14
Certificazione delle competenze ................................................................................................................................................................. 15
Programmazione didattica ............................................................................................................................................................................. 23
Conoscenze e competenze ................................................................................................................................................................................ 26
Volume A ....................................................................................................................................................................................................................................... 26
Volume B ....................................................................................................................................................................................................................................... 28
Proposta di piano di lavoro ............................................................................................................................................................................. 29
Classe prima ........................................................................................................................................................................................................................... 29
Classe seconda .................................................................................................................................................................................................................... 31
Classe terza ............................................................................................................................................................................................................................ 33
Suggerimenti didattici e operativi ....................................................................................................................................................... 36
Volume A ...................................................................................................................................................................................................................................... 36
Volume B ....................................................................................................................................................................................................................................... 37
Esempio di lezione ....................................................................................................................................................................................................... 40
L’Unità di Apprendimento .................................................................................................................................................................................. 44
Esempio di Unità di Apprendimento ....................................................................................................................................................... 46
Griglie di valutazione per i compiti di realtà ........................................................................................................................ 49
Flipped classroom ......................................................................................................................................................................................................... 54
Progetto CLIL ......................................................................................................................................................................................................................... 62
Due esempi di UdA CLIL ......................................................................................................................................................................................... 64
Progetto CLIL – Inglese ............................................................................................................................................................................................ 65
Progetto CLIL – Tedesco ........................................................................................................................................................................................ 80
Cooperative learning ................................................................................................................................................................................................. 90
L’Educazione civica nell’ora di Musica ........................................................................................................................................... 92
Competenze in rete, uno strumento didattico ................................................................................................................... 93
Guida al libro digitale .............................................................................................................................................................................................. 94
Piano digitale dell’opera ..................................................................................................................................................................................... 95
Risorse digitali del Volume A ............................................................................................................................................................................ 95
Risorse digitali del Volume B ............................................................................................................................................................................ 97
Risorse digitali del Volume C ............................................................................................................................................................................ 97
Software digitali musicali ................................................................................................................................................................................. 99
Indice degli autori dei brani dei volumi A, B e C .......................................................................................................... 101

2
INDICE

PARTE Materiali
2 Prove d’ingresso .......................................................................................................................................................................................................... 108
Verifiche sommative – Volume A ........................................................................................................................................................... 112
Verifiche sommative – Volume B .......................................................................................................................................................... 150
Verifica delle competenze ............................................................................................................................................................................ 158
Classe prima ....................................................................................................................................................................................................................... 158
Classe seconda ................................................................................................................................................................................................................ 159
Classe terza .......................................................................................................................................................................................................................... 161

PARTE Soluzioni
3 Esercizi In ascolto e Nota dopo nota – Volume A .......................................................................................................... 164
Ripasso operativo (Didattica inclusiva) – Volume A ................................................................................................. 167
Verifiche – Volume A .............................................................................................................................................................................................. 186
Music & CLIL – Volume C .................................................................................................................................................................................... 205
Esercizi – Volume semplificato .............................................................................................................................................................. 207
Verifiche sommative della Guida ........................................................................................................................................................ 209

PARTE Repertorio
4 Lettura ritmica e melodica ........................................................................................................................................................................... 214
Antologia musicale ................................................................................................................................................................................................... 222
01. Dona nobis pacem .............................................................................................................................................................................................. 222
02. Dip, dip and swing ............................................................................................................................................................................................. 223
03. La bella caprettina ........................................................................................................................................................................................... 224
04. Din don boogie ........................................................................................................................................................................................................ 225
05. Ta pum ............................................................................................................................................................................................................................... 226
06. Jingle bell rock ...................................................................................................................................................................................................... 227
07. Musica in tempo di pace ............................................................................................................................................................................ 228
08. Heart and soul ........................................................................................................................................................................................................ 229
09. La macchina del capo ................................................................................................................................................................................... 230
10. Il clown ............................................................................................................................................................................................................................. 231
11. Yankee Doodle ......................................................................................................................................................................................................... 232
12. Skip to my Lou ........................................................................................................................................................................................................ 233
13. Kuna mtu shambani ........................................................................................................................................................................................ 234
14. Sakura ............................................................................................................................................................................................................................... 235
15. Toloka ................................................................................................................................................................................................................................. 236
16. Mustapha ....................................................................................................................................................................................................................... 238
17. Hava Nagila ................................................................................................................................................................................................................. 239

3
INDICE

18. El Rey de España ................................................................................................................................................................................................. 240


19. Herr Wirt, uns dürstet ................................................................................................................................................................................. 241
20. Rogiero ............................................................................................................................................................................................................................. 242
21. Rogiero (variazione) ........................................................................................................................................................................................ 242
22. Une jeune fillette ................................................................................................................................................................................................ 243
23. Douce dame jolie ................................................................................................................................................................................................ 244
24. Scottish ............................................................................................................................................................................................................................ 245
25. Il mattino ........................................................................................................................................................................................................................ 246
26. It ain’t necessarily so .................................................................................................................................................................................... 247
27. Le canzoni della radio (medley) ...................................................................................................................................................... 248
28. Se telefonando ....................................................................................................................................................................................................... 251
29. Il pescatore ................................................................................................................................................................................................................. 252
30. Ai se eu te pego! ................................................................................................................................................................................................... 254
31. Rebel rebel .................................................................................................................................................................................................................. 256
32. No particular place to go ......................................................................................................................................................................... 257
33. Watermelon man ................................................................................................................................................................................................ 258
34. Cantaloupe island ............................................................................................................................................................................................. 260
35. He comes from the North ....................................................................................................................................................................... 261
36. Don’t worry, be happy .................................................................................................................................................................................. 264
37. La funtanella ............................................................................................................................................................................................................. 267
38. The lion sleeps tonight ............................................................................................................................................................................... 268

Gli audio dei brani della presente Guida sono disponibili nei CD del cofanetto per il docente.

4
1
PA R T E

Risorse didattiche
Introduzione
Presentazione dell’opera
Composizione dell’opera
Indicazioni nazionali e competenze
Programmazione didattica
Conoscenze e competenze
Proposta di piano di lavoro
Suggerimenti didattici e operativi
Esempio di lezione
L’Unità di Apprendimento
Griglie di valutazione per i compiti di realtà
Flipped classroom
Progetto CLIL
Cooperative learning
L’Educazione civica nell’ora di Musica
Competenze in rete, uno strumento didattico
Guida al libro digitale
Piano digitale dell’opera
Software digitali musicali
Indice degli autori dei brani dei volumi A, B e C
1
PARTE

Risorse
didattiche
Introduzione
Nell’era della multidisciplinarietà e con lo sviluppo della metodologia della classe capovolta, il do-
cente di musica spesso si ritrova a dover «incarnare» molteplici professionalità. I nuovi bisogni edu-
cativi e le classi sempre più complesse richiedono di essere educatore, direttore di coro, arrangiatore,
musicologo, compositore, docente di flauto, chitarra, tastiera e ogni sorta di strumento, quando non
addirittura animatore sociale, psicologo, psicoterapeuta e mediatore culturale.
Nell’impossibilità di concentrare in sé tutte queste facoltà e abilità, un insegnante sceglie nel tempo
i propri punti di forza, utilizzandoli per educare con la musica, partendo dall’affermazione di Ezio
Bosso secondo il quale «la musica insegna la cosa più importante: ascoltare» e da qui cercando di pro-
muovere un pensiero divergente che permetta all’alunno di rielaborare attivamente quanto appreso.
Per ottenere questo risultato a volte privilegia la teoria, a volte la pratica, ma pochissime volte la cre-
atività e l’improvvisazione.
Al fine di rendere più semplice l’approccio a una disciplina che in sé ne racchiude molte altre ̵ e molti
altri linguaggi ̵ abbiamo pensato, attraverso questa Guida, di fornire ai docenti diversi spunti operativi
pratici e originali, frutto di laboratori svolti con gli alunni della scuola di ogni ordine e grado.
La nostra proposta editoriale cerca di combinare le molteplici e complesse componenti della materia
musicale attraverso proposte di lavoro creativo, viste come pratica di «musicalità», fantasia e riela-
borazione graduale dei materiali sonori.
Nelle indicazioni ministeriali vi sono dei chiari riferimenti all’aspetto inventivo e operativo della mu-
sica: cantare, suonare e improvvisare devono essere apprendimenti «comunicanti». Per questo mo-
tivo, fin dalla prima lezione, i ragazzi e l’insegnante si devono mettere in gioco con la musica anche
appresa a memoria, approccio che tiene conto del normalissimo processo evolutivo della conoscenza
del codice linguistico. Partendo dall’ascolto consapevole, abbiamo cercato di mettere in pratica ciò
che sostiene Auguste Chapuis, ossia che «il bambino deve cantare prima di conoscere la scrittura mu-
sicale, come parla prima di saper leggere» o abituarsi a fare per sentire, come afferma Alfred Colling:
«occorre innanzitutto abituare il ragazzo a cantare, suonare e sentire “giusto”». A sostegno di ciò, anche
Ernst Ferand afferma che «l’intera storia dello sviluppo musicale è accompagnata da manifestazioni
dell’impulso a improvvisare»: abbiamo dunque privilegiato in senso metodologico la creatività, la ri-
elaborazione, la produzione di materiali sonori attraverso procedimenti operativi. Un po’ come suc-
cedeva nelle botteghe degli artigiani, dove si «imparava facendo», cosa che sottolinea anche Jerome
Bruner: «i campi della conoscenza non si trovano, si creano».
«Suonare a memoria» è sempre stata una metodologia pratica diffusa e anche nella musica pop, rock
e jazz i musicisti utilizzano spartiti semplici e schematici per poi rielaborare e improvvisare libera-
mente ciò che suonano a memoria. Per questo nel nostro approccio alla disciplina abbiamo dato molto
spazio all’esperienza pratica partendo dal concetto «suonare a memoria prima di leggere».
In questo corso sono state inserite molte partiture con funzioni ripetitive e varie forme di «ostinati»,
parti ritmiche melodiche o armoniche sempre uguali, elementi musicali semplici facilmente memo-
rizzabili e pensati anche per gli alunni in difficoltà (con BES o DSA) e un intero capitolo specifico sui
giri armonici e il loro utilizzo immediato, per favorire una pratica musicale inclusiva.

Marco Pasetto e David Conati

6
Presentazione dell’opera

Presentazione dell’opera
I contenuti del corso di musica Quinto rigo sono stati elaborati tenendo conto delle competenze chiave
raccomandate dal Parlamento Europeo (22/5/2018) e delle indicazioni nazionali.
Seguendo queste raccomandazioni, i contenuti del corso possono essere riassunti come segue.

Competenza alfabetica funzionale: i contenuti sono stati sviluppati in un linguaggio moderno e ac-

RISORSE DIDATTICHE
cessibile. Sono presenti molti esercizi che richiedono confronto, collaborazione e discussione aperta
tra gli studenti e con i docenti.

Competenza multilinguistica: i progetti CLIL (Content Language Integrated Learning) fanno parte di
una metodologia didattica che prevede l’apprendimento di discipline non linguistiche (DNL) in lingua
straniera (LS). Nella presente Guida sono stati inseriti due progetti CLIL per apprendere la musica at-
traverso la lingua veicolare inglese e tedesca. Nei volumi, invece, si trovano pagine con testi e semplici
esercizi in lingua inglese.

Competenza matematica e competenza in scienze, tecnologie e ingegneria: all’interno del corso


sono numerosi i collegamenti con le materie curricolari, tra le quali quelle scientifiche. Offrono spunti
di approfondimento su aspetti che si collegano alle nozioni musicali. Un compito di realtà prevede la co-

MATERIALI
struzione del monocordo pitagorico, strumento utile per comprendere i legami tra musica e matematica.

Competenza digitale: in Quinto rigo sono stati inseriti suggerimenti e confronti tra ascolti proposti dal
volume e ricerca in rete, per favorire la conoscenza aperta alle commistioni di tutti i repertori musica-
li, senza preclusione di epoca o stile o cultura. Inoltre sono presenti attività che prevedono la ricerca
in rete di programmi free di scrittura musicale e sequencer liberi per realizzare basi musicali originali.

Competenza personale, sociale e capacità di imparare a imparare: in tutto il corso sono presenti
momenti di confronto e di attività cooperative, per modellare il proprio gusto personale, esprimerlo e
imparare a comprendere e rispettare quello altrui. Inoltre, nei compiti di realtà sono presenti tabelle
autovalutative per prendere coscienza del proprio processo di apprendimento.

SOLUZIONI
Competenza imprenditoriale: puntando su questo aspetto importante dello sviluppo cognitivo, sono
presenti sistematiche proposte di lavoro creativo per la rielaborazione dei materiali sonori collegati alle
epoche e agli stili. Inoltre il corso è ricco di spunti per far lavorare i ragazzi anche fornendo indicazioni
per realizzare un proprio video e materiale multimediale. I compiti di realtà offrono occasioni per met-
tere in pratica le conoscenze acquisite attraverso attività in cui è necessario organizzarsi, coordinarsi,
collaborare.

Competenza in materia di consapevolezza ed espressione culturali: tutte le proposte inserite nel-


le Unità del volume A permettono di realizzare percorsi interdisciplinari collegati con altre materie,
REPERTORIO

come Storia, Italiano, Arte e immagine, Tecnologia e così via. Per facilitare questo processo sono state
inserite linee del tempo e mappe interattive che tengono conto non solo dell’ambito musicale, ma di
tutti i principali avvenimenti storici, culturali, artistici e letterari del periodo di riferimento.

Didattica inclusiva e verticale: alla fine di ciascuna Unità sono previste delle schede riassuntive
semplificate per gli alunni con BES e con DSA. Per facilitare la conoscenza dei principali strumenti
musicali, questi sono presentati in video da un musicista. Inoltre, con un cast di attori, sono stati rea-
lizzati dei video in cui i grandi personaggi della storia della musica raccontano alcuni episodi salienti
del loro periodo storico. Per sviluppare, all’interno dell’Istituto comprensivo, progetti di verticalità e
continuità didattica che coinvolgano i ragazzi della scuola secondaria in esperienze musicali insieme
agli alunni della scuola primaria o della scuola dell’infanzia, sono state inserite diverse partiture di
facile esecuzione vocale per i bambini e di media difficoltà strumentale per i ragazzi.

7
PARTE 1 Risorse didattiche

Composizione dell’opera
Il corso Quinto rigo è composto da:

Volume A – Formazioni, strumenti e storia della musica


• Prima di cominciare: sezione propedeutica allo studio della disciplina, con attività di accoglienza da svolgere
insieme ai compagni di classe.
• Parte 1 – Il suono e gli strumenti musicali: approfondisce le caratteristiche
del suono e dell’acustica, e illustra le formazioni musicali e le famiglie
strumentali, con schede di approfondimento per ciascuno strumento.
• Parte 2 – Storia della musica: è dedicata alla storia della musica, dal
Medioevo alla musica contemporanea ed etnica, con approfondimenti sulle
biografie dei compositori principali di ciascun periodo.
Il testo è accompagnato da 170 brani da ascoltare per misurare e sviluppare
la propria capacità di ascolto, anche grazie agli esercizi e ad alcuni ascolti
guidati. L’opera è ricca di spunti di collegamento con le altre materie e di
attività individuali e cooperative che permettono di mettere in pratica le
competenze e sviluppare una propria creatività musicale.
Il volume contiene anche tre percorsi per l’esame che possono costituire
una traccia utile per impostare il colloquio orale dell’esame di Stato,
scegliendo come punto di partenza un evento musicale.

Volume B – Linguaggio musicale, metodi e improvvisazione


• Parte 1 – Iniziamo cantando: unità dedicate alla grammatica musicale,
all’apprendimento della scrittura e della lettura musicale.
• Parte 2 – Suoniamo con gli strumenti: per l’apprendimento dei metodi per
suonare strumenti a percussione, tastiera, chitarra e flauto dolce.
• Parte 3 – Suonare e improvvisare insieme: percorsi per arrivare
progressivamente a suonare insieme brani musicali e, attraverso
l’apprendimento delle scale pentatoniche, a sviluppare la capacità di
improvvisare su giri armonici con semplicità e naturalezza.
Il volume contiene anche alcuni compiti di realtà, che permettono di costruire
attività didattiche creative e stimolanti da svolgere in gruppo e che costituiscono
un’occasione di incontro tra la musica e le altre discipline scolastiche.

Volume C – Antologia di brani


per suonare insieme
Il volume raccoglie 204 spartiti di brani vocali e strumentali tratti da vari
repertori tematici e da diversi generi musicali. La raccolta è rilegata con una
spirale metallica che rende agevole la sistemazione dell’antologia sul leggio.
Gli spartiti sono accompagnati da basi per cantare e per suonare, e da una serie
di indicazioni utili per la pratica strumentale e vocale.
Nel volume sono state inserite molte partiture con funzioni ripetitive, elementi
musicali semplici facilmente memorizzabili da tutti e pensati anche per gli alunni
in difficoltà, o con BES o con DSA, per favorire una pratica musicale inclusiva.

8
Composizione dell’opera

Guida per il docente

RISORSE DIDATTICHE
Un ricco repertorio di risorse didattiche a disposizione dei docenti, con le soluzioni
di tutte le proposte di ascolto, delle proposte di ascolto guidato e delle verifiche
dei volumi, con ulteriori verifiche sommative e le relative soluzioni, verifiche delle
competenze, proposte didattiche per realizzare delle Unità di Apprendimento,
progetti CLIL, esempi di lezione, flipped classroom, educazione civica, ulteriori
spartiti musicali e altri approfondimenti.
La guida è accompagnata da un cofanetto con 5 CD audio MP3 contenenti tutti gli
ascolti dell’opera.

MATERIALI
Libro digitale
Il corso si sviluppa inoltre sul Libro digitale, la versione multimediale,
interattiva e aperta dell’opera, che offre i testi in versione ad alta leggibilità
e in versione audio (anche scandita e lenta per facilitare la comprensione).
Attraverso il Libro digitale si accede a tutti i brani del corso, con la possibilità di
modificare la velocità delle tracce audio.
L’opera è inoltre ricca di integrazioni digitali e multimediali, che favoriscono una
esperienza accessibile e facilmente utilizzabile da studenti e docenti:
- v ideo per approfondire gli argomenti trattati nel testo, utili anche per la
flipped classroom;

SOLUZIONI
- risorse aggiuntive con ulteriori approfondimenti, curiosità e informazioni;
- esercizi interattivi di diverse tipologie, con autocorrezione;
- spartiti interattivi per facilitare la lettura dello spartito e l’esercitazione;
- linee del tempo per comprendere meglio gli avvenimenti nel corso dei secoli.

REPERTORIO

Volume semplificato
Contiene tutte le Unità semplificate, stampate con carattere
di scrittura ad alta leggibilità e verifiche semplificate.
Il CD allegato contiene la versione audio delle Unità, lette
in modalità specifica per gli studenti con Disturbi Specifici
di Apprendimento. Completa il volume un essenziale
glossario multilingue (inglese, spagnolo, francese,
romeno, cinese, arabo) della disciplina.

9
PARTE 1 Risorse didattiche

Indicazioni nazionali e competenze


La musica, componente fondamentale e universale dell’esperienza umana, offre uno spazio simbolico
e relazionale propizio all’attivazione di processi di cooperazione e socializzazione, all’acquisizione di
strumenti di conoscenza, alla valorizzazione della creatività e della partecipazione, allo sviluppo del
senso di appartenenza a una comunità, nonché all’interazione fra culture diverse.
L’apprendimento della musica consta di pratiche e di conoscenze, e nella scuola si articola su due
dimensioni: a) produzione, mediante l’azione diretta (esplorativa, compositiva, esecutiva) con e sui
materiali sonori, in particolare attraverso l’attività corale e di musica d’insieme; b) fruizione consa-
pevole, che implica la costruzione e l’elaborazione di significati personali, sociali e culturali, relativa-
mente a fatti, eventi, opere del presente e del passato.
Il canto, la pratica degli strumenti musicali, la produzione creativa, l’ascolto, la comprensione e la ri-
flessione critica favoriscono lo sviluppo della musicalità che è in ciascuno; promuovono l’integrazione
delle componenti percettivo-motorie, cognitive e affettivo-sociali della personalità; contribuiscono al
benessere psicofisico in una prospettiva di prevenzione del disagio, dando risposta a bisogni, deside-
ri, domande, caratteristiche delle diverse fasce d’età. In particolare, attraverso l’esperienza del far
musica insieme, ognuno potrà cominciare a leggere e a scrivere musica, a produrla anche attraverso
l’improvvisazione, intesa come gesto e pensiero che si scopre nell’attimo in cui avviene: improvvisare
vuol dire comporre nell’istante.
L’apprendimento della musica esplica specifiche funzioni formative, tra loro interdipendenti. Median-
te la funzione cognitivo-culturale gli alunni esercitano la capacità di rappresentazione simbolica del-
la realtà, sviluppano un pensiero flessibile, intuitivo, creativo e partecipano al patrimonio di diverse
culture musicali; utilizzano le competenze specifiche della disciplina per cogliere significati, mentali-
tà, modi di vita e valori della comunità a cui fanno riferimento. Mediante la funzione linguistico-co-
municativa la musica educa gli alunni all’espressione e alla comunicazione attraverso gli strumenti e
le tecniche specifiche del proprio linguaggio. Mediante la funzione emotivo-affettiva gli alunni, nel
rapporto con l’opera d’arte, sviluppano la riflessione sulla formalizzazione simbolica delle emozioni.
Mediante le funzioni identitaria e interculturale la musica induce gli alunni a prendere coscienza
della loro appartenenza a una tradizione culturale e nel contempo fornisce loro gli strumenti per la
conoscenza, il confronto e il rispetto di altre tradizioni culturali e religiose. Mediante la funzione
relazionale essa instaura relazioni interpersonali e di gruppo, fondate su pratiche compartecipate e
sull’ascolto condiviso. Mediante la funzione critico-estetica essa sviluppa negli alunni una sensibilità
artistica basata sull’interpretazione sia di messaggi sonori sia di opere d’arte, eleva la loro autonomia
di giudizio e il livello di fruizione estetica del patrimonio culturale.
In quanto mezzo di espressione e di comunicazione, la musica interagisce costantemente con le altre
arti ed è aperta agli scambi e alle interazioni con i vari ambiti del sapere.

Le otto competenze chiave per la cittadinanza


e l’apprendimento permanente
Il 22 maggio 2018 il Consiglio dell’Unione europea ha adottato una nuova Raccomandazione sulle com-
petenze chiave per l’apprendimento permanente, che dovrebbe sostituire la precedente del 18 dicembre
2006. Il documento, tenendo conto delle profonde trasformazioni economiche, sociali e culturali degli
ultimi anni, punta all’aggiornamento delle competenze che gli studenti dovrebbero avere in uscita dal
mondo della scuola.
In attesa di una precisa e puntuale programmazione della sua applicazione, si riporta di seguito la de-
finizione delle otto competenze chiave come descritte nel documento, preceduta da uno schema sinte-
tico con le nuove denominazioni delle otto competenze chiave e il confronto con quelle precedenti.

10
Indicazioni nazionali e competenze

Raccomandazione 2018 Raccomandazione 2006


Competenza alfabetica funzionale Comunicazione nella madrelingua
Competenza multilinguistica Comunicazione nelle lingue straniere
Competenza matematica e competenza in scienze, Competenza matematica e competenze di base
tecnologie e ingegneria in scienza e tecnologia
Competenza digitale Competenza digitale

RISORSE DIDATTICHE
Competenza personale, sociale e capacità Imparare a imparare
di imparare a imparare
Competenza in materia di cittadinanza Competenze sociali e civiche
Competenza imprenditoriale Spirito di iniziativa e imprenditorialità
Competenza in materia di consapevolezza Consapevolezza ed espressione culturale
ed espressione culturali

Competenza alfabetica funzionale


La competenza alfabetica funzionale indica la capacità di individuare, comprendere, esprimere, creare e interpretare
concetti, sentimenti, fatti e opinioni, in forma sia orale sia scritta, utilizzando materiali visivi, sonori e digitali attingendo
a varie discipline e contesti. Essa implica l’abilità di comunicare e relazionarsi efficacemente con gli altri in modo
opportuno e creativo.
Il suo sviluppo costituisce la base per l’apprendimento successivo e l’ulteriore interazione linguistica. A seconda del

MATERIALI
contesto, la competenza alfabetica funzionale può essere sviluppata nella lingua madre, nella lingua dell’istruzione
scolastica e/o nella lingua ufficiale di un paese o di una regione.

Competenza multilinguistica
Tale competenza definisce la capacità di utilizzare diverse lingue in modo appropriato ed efficace allo scopo di
comunicare. In linea di massima essa condivide le abilità principali con la competenza alfabetica: si basa sulla
capacità di comprendere, esprimere e interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni in forma sia orale
sia scritta (comprensione orale, espressione orale, comprensione scritta ed espressione scritta) in una gamma
appropriata di contesti sociali e culturali a seconda dei desideri o delle esigenze individuali. Le competenze linguistiche
comprendono una dimensione storica e competenze interculturali. Tale competenza si basa sulla capacità di mediare
tra diverse lingue e mezzi di comunicazione, come indicato nel quadro comune europeo di riferimento. Secondo le

SOLUZIONI
circostanze, essa può comprendere il mantenimento e l’ulteriore sviluppo delle competenze relative alla lingua
madre, nonché l’acquisizione della lingua ufficiale o delle lingue ufficiali di un paese.

Competenza matematica e competenza in scienze, tecnologie e ingegneria


La competenza matematica è la capacità di sviluppare e applicare il pensiero e la comprensione matematici per
risolvere una serie di problemi in situazioni quotidiane. Partendo da una solida padronanza della competenza
aritmetico-matematica, l’accento è posto sugli aspetti del processo e dell’attività oltre che sulla conoscenza. La
competenza matematica comporta, a differenti livelli, la capacità di usare modelli matematici di pensiero e di
presentazione (formule, modelli, costrutti, grafici, diagrammi) e la disponibilità a farlo.
La competenza in scienze si riferisce alla capacità di spiegare il mondo che ci circonda usando l’insieme delle
REPERTORIO

conoscenze e delle metodologie, comprese l’osservazione e la sperimentazione, per identificare le problematiche


e trarre conclusioni che siano basate su fatti empirici, e alla disponibilità a farlo. Le competenze in tecnologie e
ingegneria sono applicazioni di tali conoscenze e metodologie per dare risposta ai desideri o ai bisogni avvertiti
dagli esseri umani. La competenza in scienze, tecnologie e ingegneria implica la comprensione dei cambiamenti
determinati dall’attività umana e della responsabilità individuale del cittadino.

11
PARTE 1 Risorse didattiche

Competenza digitale
La competenza digitale presuppone l’interesse per le tecnologie digitali e il loro utilizzo con dimestichezza e spirito
critico, oltre che responsabile, per apprendere, lavorare e partecipare alla società. Essa comprende l’alfabetizzazione
informatica e digitale, la comunicazione e la collaborazione, l’alfabetizzazione mediatica, la creazione di contenuti
digitali (inclusa la programmazione), la sicurezza (compreso l’essere a proprio agio nel mondo digitale e possedere
competenze relative alla cibersicurezza), le questioni legate alla proprietà intellettuale, la risoluzione di problemi e
il pensiero critico.

Competenza personale, sociale e capacità di imparare a imparare


La competenza personale, sociale e la capacità di imparare a imparare consiste nella capacità di riflettere su
sé stessi, di gestire efficacemente il tempo e le informazioni, di lavorare con gli altri in maniera costruttiva, di
mantenersi resilienti e di gestire il proprio apprendimento e la propria carriera. Comprende la capacità di far fronte
all’incertezza e alla complessità, di imparare a imparare, di favorire il proprio benessere fisico ed emotivo, di
mantenere la salute fisica e mentale, nonché di essere in grado di condurre una vita attenta alla salute e orientata al
futuro, di empatizzare e di gestire il conflitto in un contesto inclusivo.

Competenza in materia di cittadinanza


La competenza in materia di cittadinanza si riferisce alla capacità di agire da cittadini responsabili e di partecipare
pienamente alla vita civica e sociale, in base alla comprensione delle strutture e dei concetti sociali, economici,
giuridici e politici oltre che dell’evoluzione a livello globale e della sostenibilità.

Competenza imprenditoriale
La competenza imprenditoriale si riferisce alla capacità di agire sulla base di idee e opportunità e di trasformarle in
valori per gli altri. Si fonda sulla creatività, sul pensiero critico e sulla risoluzione di problemi, sull’iniziativa e sulla
perseveranza, nonché sulla capacità di lavorare in modalità collaborativa al fine di programmare e gestire progetti
che hanno un valore culturale, sociale o finanziario.

Competenza in materia di consapevolezza ed espressione culturali


La competenza in materia di consapevolezza ed espressione culturali implica la comprensione e il rispetto di come
le idee e i significati vengono espressi creativamente e comunicati in diverse culture, tramite le varie forme artistiche
e culturali. Presuppone l’impegno di capire, sviluppare ed esprimere le proprie idee e il senso della propria funzione
o del proprio ruolo nella società attraverso una serie di modalità e contesti.

Esse sono da conseguire all’interno dei seguenti assi culturali:


1. Comunicare
2. Progettare
3. Collaborare e partecipare
4. Agire in modo autonomo e responsabile
5. Risolvere problemi
6. Individuare collegamenti e relazioni
7. Acquisire e interpretare l’informazione
Secondo le indicazioni nazionali, le scuole hanno la libertà e la responsabilità di organizzarsi e di
scegliere l’itinerario più opportuno per consentire agli studenti il miglior conseguimento dei risultati.

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


Le indicazioni nazionali formulano i traguardi per raggiungere le competenze: una sorta di criteri
per la valutazione delle competenze culturali e di conseguenza le competenze chiave. Per ogni singola
disciplina vengono formulati degli obiettivi. Concentriamoci sui traguardi di musica confrontando il
percorso della scuola primaria e secondaria di primo grado.

12
Indicazioni nazionali e competenze

Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria


– L’alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in riferimento alla loro
fonte.
– Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali, imparando ad ascoltare se
stesso e gli altri; fa uso di forme di notazione analogiche o codificate.
– Articola combinazioni timbriche, ritmiche e melodiche, applicando schemi elementari; le esegue con la voce, il corpo
e gli strumenti, ivi compresi quelli della tecnologia informatica.

RISORSE DIDATTICHE
– Improvvisa liberamente e in modo creativo, imparando gradualmente a dominare tecniche e materiali, suoni e silenzi.
– E segue, da solo e in gruppo, semplici brani vocali o strumentali, appartenenti a generi e culture differenti,
utilizzando anche strumenti didattici e auto-costruiti.
– Riconosce gli elementi costitutivi di un semplice brano musicale, utilizzandoli nella pratica.
– Ascolta, interpreta e descrive brani musicali di diverso genere.

Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta della scuola primaria


– Utilizzare voce, strumenti e nuove tecnologie sonore in modo creativo e consapevole, ampliando con gradualità le
proprie capacità di invenzione e improvvisazione.
– E seguire collettivamente e individualmente brani vocali/strumentali anche polifonici, curando l’intonazione,
l’espressività e l’interpretazione.
– Valutare aspetti funzionali ed estetici in brani musicali di vario genere e stile, in relazione al riconoscimento di
culture, di tempi e luoghi diversi.

MATERIALI
– Riconoscere e classificare gli elementi costitutivi basilari del linguaggio musicale all’interno di brani di vario
genere e provenienza.
– Rappresentare gli elementi basilari di brani musicali e di eventi sonori attraverso sistemi simbolici convenzionali
e non convenzionali.
– Riconoscere gli usi, le funzioni e i contesti della musica e dei suoni nella realtà multimediale (cinema, televisione,
computer).

Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria


di primo grado (*)
– L’alunno partecipa in modo attivo alla realizzazione di esperienze musicali attraverso l’esecuzione e l’interpretazione
di brani strumentali e vocali appartenenti a generi e culture differenti.

SOLUZIONI
– Usa diversi sistemi di notazione funzionali alla lettura, all’analisi e alla produzione di brani musicali.
– È in grado di ideare e realizzare, anche attraverso l’improvvisazione o partecipando a processi di elaborazione
collettiva, messaggi musicali e multimediali, nel confronto critico con modelli appartenenti al patrimonio musicale,
utilizzando anche sistemi informatici.
– Comprende e valuta eventi, materiali, opere musicali riconoscendone i significati, anche in relazione alla propria
esperienza musicale e ai diversi contesti storico-culturali.
– Integra con altri saperi e altre pratiche artistiche le proprie esperienze musicali, servendosi anche di appropriati
codici e sistemi di codifica.
(*) Per il quadro delle competenze specifiche connesse allo studio dello strumento musicale, si rinvia alle specifiche
norme di settore.
REPERTORIO

Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria


di primo grado
– E seguire in modo espressivo, collettivamente e individualmente, brani vocali e strumentali di diversi generi e stili,
anche avvalendosi di strumentazioni elettroniche.
– Improvvisare, rielaborare, comporre brani musicali vocali e strumentali, utilizzando sia strutture aperte, sia
semplici schemi ritmico-melodici.
– Riconoscere e classificare anche stilisticamente i più importanti elementi costitutivi del linguaggio musicale.
– Conoscere, descrivere e interpretare in modo critico opere d’arte musicali e progettare/realizzare eventi sonori
che integrino altre forme artistiche, quali danza, teatro, arti visive e multimediali.
– Decodificare e utilizzare la notazione tradizionale e altri sistemi di scrittura.
– Orientare la costruzione della propria identità musicale, ampliarne l’orizzonte valorizzando le proprie esperienze,
il percorso svolto e le opportunità offerte dal contesto.
– Accedere alle risorse musicali presenti in rete e utilizzare software specifici per elaborazioni sonore e musicali.

13
PARTE 1 Risorse didattiche

Valutazione delle competenze


Le Linee guida per la certificazione delle competenze nel primo ciclo di istruzione allegate alla Nota Mi-
nisteriale n. 312 del 9 gennaio 2018 chiariscono quali siano le attività didattiche indicate per valutare
le competenze degli studenti e quali aspetti il docente debba osservare in modo sistematico durante
le fasi di lavoro.

2.4. Gli strumenti per valutare le competenze


L’apprezzamento di una competenza, in uno studente come in un qualsiasi soggetto, non è impresa facile. Preliminar-
mente occorre assumere la consapevolezza che le prove utilizzate per la valutazione degli apprendimenti non siano
affatto adatte per la valutazione delle competenze.
È ormai condiviso a livello teorico che la competenza si possa accertare facendo ricorso a compiti di realtà (prove
autentiche, prove esperte, ecc.), osservazioni sistematiche e autobiografie cognitive. I compiti di realtà si identificano
nella richiesta rivolta allo studente di risolvere una situazione problematica, complessa e nuova, quanto più
possibile vicina al mondo reale, utilizzando conoscenze e abilità già acquisite e trasferendo procedure e condotte
cognitive in contesti e ambiti di riferimento moderatamente diversi da quelli resi familiari dalla pratica didattica.
Pur non escludendo prove che chiamino in causa una sola disciplina, si ritiene opportuno privilegiare prove per
la cui risoluzione l’alunno debba richiamare in forma integrata, componendoli autonomamente, più apprendimenti
acquisiti. La risoluzione della situazione-problema (compito di realtà) viene a costituire il prodotto finale degli alunni
su cui si basa la valutazione dell’insegnante. Tali tipologie di prove non risultano completamente estranee alla pratica
valutativa degli insegnanti in quanto venivano in parte già utilizzate nel passato. È da considerare oltretutto che i vari
progetti presenti nelle scuole (teatro, coro, ambiente, legalità, intercultura, ecc.) rappresentano significativi percorsi
di realtà e prove autentiche aventi caratteristiche di complessità e di trasversalità. I progetti svolti dalle scuole
entrano dunque a pieno titolo nel ventaglio delle prove autentiche e le prestazioni e i comportamenti (ad es. più o
meno collaborativi) degli alunni al loro interno sono elementi su cui basare la valutazione delle competenze.
Compiti di realtà e progetti però hanno dei limiti in quanto per il loro tramite noi possiamo cogliere la manifestazione
esterna della competenza, ossia la capacità dell’allievo di portare a termine il compito assegnato con la presentazione
del prodotto finale, ma veniamo ad ignorare tutto il processo che compie l’alunno per arrivare a dare prova della
sua competenza. Per questi motivi, per verificare il possesso di una competenza è necessario fare ricorso anche ad
osservazioni sistematiche che permettono agli insegnanti di rilevare il processo, ossia le operazioni che compie
l’alunno per interpretare correttamente il compito, per coordinare conoscenze e abilità già possedute, per ricercarne
altre, qualora necessarie, e per valorizzare risorse esterne (libri, tecnologie, sussidi vari) e interne (impegno,
determinazione, collaborazioni dell’insegnante e dei compagni).
Gli strumenti attraverso cui effettuare le osservazioni sistematiche possono essere diversi – griglie o protocolli
strutturati, semistrutturati o non strutturati e partecipati, questionari e interviste – ma devono riferirsi ad aspetti
specifici che caratterizzano la prestazione (indicatori di competenza) quali:
- autonomia: è capace di reperire da solo strumenti o materiali necessari e di usarli in modo efficace;
- relazione: interagisce con i compagni, sa esprimere e infondere fiducia, sa creare un clima propositivo;
- partecipazione: collabora, formula richieste di aiuto, offre il proprio contributo;
- responsabilità: rispetta i temi assegnati e le fasi previste del lavoro, porta a termine la consegna ricevuta;
- fl
 essibilità, resilienza e creatività: reagisce a situazioni o esigenze non previste con proposte e soluzioni funzionali
e all’occorrenza divergenti, con utilizzo originale di materiali ecc.;
- consapevolezza: è consapevole degli effetti delle sue scelte e delle sue azioni.
Le osservazioni sistematiche, in quanto condotte dall’insegnante, non consentono di cogliere interamente altri
aspetti che caratterizzano il processo: il senso o il significato attribuito dall’alunno al proprio lavoro, le intenzioni
che lo hanno guidato nello svolgere l’attività, le emozioni o gli stati affettivi provati. Questo mondo interiore può
essere esplicitato dall’alunno mediante la narrazione del percorso cognitivo compiuto. Si tratta di far raccontare
allo stesso alunno quali siano stati gli aspetti più interessanti per lui e perché, quali siano state le difficoltà che ha
incontrato e in che modo le abbia superate, fargli descrivere la successione delle operazioni compiute evidenziando
gli errori più frequenti e i possibili miglioramenti e, infine, far esprimere l’autovalutazione non solo del prodotto, ma
anche del processo produttivo adottato. La valutazione attraverso la narrazione assume una funzione riflessiva
e metacognitiva nel senso che guida il soggetto ad assumere la consapevolezza di come avviene l’apprendimento.
Una volta compiute nel corso degli anni le operazioni di valutazione delle competenze con gli strumenti indicati, al
termine del percorso di studio – primario e secondario di primo grado – si potrà procedere alla loro certificazione
mediante gli appositi modelli ministeriali.

14
Indicazioni nazionali e competenze

Certificazione delle competenze


Il Decreto Ministeriale n. 742/2017 definisce e fornisce indicazioni sull’adozione dei nuovi modelli
nazionali di certificazione delle competenze nelle scuole del primo ciclo di istruzione.
La certificazione, come previsto dal Decreto Legislativo n. 62/2017 e dal Decreto Ministeriale n.
741/2017, avviene al termine della scuola primaria e al termine di quella secondaria di primo grado.
Riproduciamo il testo integrale del Decreto ministeriale n. 741/2017.

RISORSE DIDATTICHE
Articolo 1
(Finalità della certificazione delle competenze)
1. L
 e istituzioni scolastiche statali e paritarie del primo ciclo di istruzione certificano l’acquisizione delle competenze
progressivamente acquisite dalle alunne e dagli alunni.
2. L a certificazione descrive il progressivo sviluppo dei livelli delle competenze chiave e delle competenze di
cittadinanza, a cui l’intero processo di insegnamento-apprendimento è mirato, anche sostenendo e orientando le
alunne e gli alunni verso la scuola del secondo ciclo di istruzione.
3. L a certificazione delle competenze descrive i risultati del processo formativo al termine della scuola primaria
e secondaria di primo grado, secondo una valutazione complessiva in ordine alla capacità di utilizzare i saperi
acquisiti per affrontare compiti e problemi, complessi e nuovi, reali o simulati.

Articolo 2
(Tempi e modalità di compilazione della certificazione)

MATERIALI
1. L
 a certificazione delle competenze è rilasciata al termine della classe quinta di scuola primaria e al termine del
primo ciclo di istruzione alle alunne e agli alunni che superano l’esame di Stato, di cui all’articolo 8 del decreto
legislativo 13 aprile 2017, n. 62.
2. I l documento, redatto durante lo scrutinio finale dai docenti di classe per la scuola primaria e dal consiglio di
classe per la scuola secondaria di primo grado, è consegnato alla famiglia dell’alunna e dell’alunno e, in copia,
all’istituzione scolastica o formativa del ciclo successivo.

Articolo 3
(Modello nazionale di certificazione delle competenze al termine della scuola primaria)
1. T
 enuto conto dei criteri indicati dall’articolo 9, comma 3, del decreto legislativo n. 62/2017, è adottato il modello
nazionale di certificazione delle competenze al termine della scuola primaria, di cui all’allegato A.
2. P
 er le alunne e gli alunni con disabilità, certificata ai sensi della legge n. 104/1992, il modello nazionale può essere

SOLUZIONI
accompagnato, ove necessario, da una nota esplicativa che rapporti il significato degli enunciati di competenza agli
obiettivi specifici del piano educativo individualizzato.

Articolo 4
(Modello nazionale di certificazione delle competenze al termine del primo ciclo di istruzione)
1. T
 enuto conto dei criteri indicati dall’articolo 9, comma 3, del decreto legislativo n. 62/2017, è adottato il modello
nazionale di certificazione delle competenze al termine del primo ciclo di istruzione, di cui all’allegato B.
2. I l modello di cui al comma 1 è integrato da una sezione, predisposta e redatta a cura di INVALSI che descrive i livelli
conseguiti dall’alunna e dall’alunno nelle prove nazionali di italiano e matematica.
3. Il modello è, altresì, integrato da una ulteriore sezione, predisposta e redatta a cura di INVALSI che certifica le
abilità di comprensione e uso della lingua inglese ad esito della prova scritta nazionale, di cui all’articolo 7, comma
REPERTORIO

3, del decreto legislativo n. 62/2017.


4. Il repertorio dei descrittori relativi alle prove nazionali è predisposto da INVALSI e comunicato annualmente alle
istituzioni scolastiche.
5. Per le alunne e gli alunni con disabilità, certificata ai sensi della legge n. 104/1992, il modello nazionale può
essere accompagnato, ove necessario, da una nota esplicativa che rapporti il significato degli enunciati relativi
alle competenze del profilo dello studente agli obiettivi specifici del piano educativo individualizzato.
6. Il modello nazionale di certificazione delle competenze di cui al comma 1 è adottato anche per le scuole italiane
all’estero di cui al decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 64, fatti salvi eventuali adattamenti alle situazioni locali e
senza riferimenti agli indicatori di italiano e matematica della prova nazionale.

15
PARTE 1 Risorse didattiche

Articolo 5
(Regioni a Statuto speciale e Province autonome di Trento e Bolzano)
1. N
 ell’ambito delle competenze attribuite in materia alle Regioni a statuto speciale e alle Province autonome di Trento
e di Bolzano, secondo i rispettivi statuti e le relative norme di attuazione, possono essere previsti adattamenti ai
modelli di certificazione delle competenze di cui agli articoli 3 e 4.
2. P er le scuole con lingua di insegnamento slovena e bilingue sloveno-italiano - l’Ufficio per l’istruzione in lingua
slovena presso l’Ufficio scolastico regionale del Friuli Venezia Giulia, può adattare le sezioni del modello di
certificazione delle competenze di cui all’articolo 4, commi 2 e 3, alle specifiche esigenze linguisti che anche
avvalendosi del supporto di INVALSI.
3. L’INVALSI provvede, d’intesa con gli Uffici competenti delle Regioni a statuto speciale e delle Province autonome
di Trento e Bolzano, all’adattamento in lingua tedesca, ladina e slovena degli indicatori di cui all’articolo 4, commi
2 e 3.

Articolo 6
(Norme finali)
1. I l Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca si riserva di apportare eventuali modifiche e/o integrazioni
ai modelli nazionali di certificazione di cui agli articoli 3 e 4 a seguito di innovazioni ordinamentali.

Le Linee guida rilasciate dal Ministero nel gennaio 2018 esplicitano le finalità della certificazione delle
competenze, ponendo l’attenzione in particolare sulla dimensione orientativa alla fine del primo ciclo
di istruzione.

2.5. Finalità della certificazione


Con riferimento a quanto previsto a conclusione dell’obbligo di istruzione ed in continuità tra scuola primaria e
scuola secondaria di primo grado, la certificazione pone attenzione non solo alla dimensione educativa, ma anche a
quella orientativa della scuola del primo ciclo. Pertanto nella redazione del documento sono assunti quali principi
di riferimento:
- la prospettiva orientativa (cfr. Linee guida in materia di orientamento lungo tutto l’arco della vita, di cui alla CM n.
43/2009, e Linee guida nazionali per l’orientamento permanente, di cui alla nota 19/2/2014, prot. 4232), da cui deriva
la scelta di certificare le competenze, nell’ottica della valutazione autentica basata sul criterio dell’attendibilità,
ovvero su prestazioni reali ed adeguate che possano orientare l’alunno nel suo percorso scolastico e soprattutto
contribuire alla conoscenza di sé, delle proprie attitudini, talenti e qualità personali. La prospettiva orientativa
considera implicitamente ed esplicitamente l’apprendimento disciplinare, l’apprendimento formale, informale,
non formale;
- l a prospettiva di continuità, da cui consegue la scelta di mantenere l’impianto strutturale della certificazione
all’interno del primo ciclo, in vista di una opportuna connessione anche con le prescrizioni in materia di adempi-
mento dell’obbligo di istruzione, come previsto dal DM n. 139/2007.

Il MIUR, dopo alcuni anni di sperimentazione, con il Decreto Ministeriale n. 742 del 3/10/2017 e le succes-
sive Linee guida per la certificazione delle competenze nel primo ciclo di istruzione del 9/01/2018, ha adot-
tato i nuovi modelli nazionali per la certificazione delle competenze che le singole istituzioni scolastiche
devono rilasciare al termine della scuola primaria e al termine del primo ciclo di istruzione.
Tale Decreto Ministeriale è diretta conseguenza del Decreto Legislativo n. 62/2017 che, nell’art. 9 com-
ma 3, stabilisce che il modello nazionale per la certificazione delle competenze debba essere emanato
con decreto ministeriale.

Art. 9 comma 3 del Decreto Legislativo n. 62/2017


3. I modelli nazionali per la certificazione delle competenze sono emanati con decreto del Ministro dell’istruzione,
dell’università e della ricerca sulla base dei seguenti principi:
a) riferimento al profilo dello studente nelle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del
primo ciclo di istruzione;
b) ancoraggio alle competenze chiave individuate dall’Unione europea, così come recepite nell’ordinamento
italiano;
c) definizione, mediante enunciati descrittivi, dei diversi livelli di acquisizione delle competenze;

16
Indicazioni nazionali e competenze

d) valorizzazione delle eventuali competenze significative, sviluppate anche in situazioni di apprendimento non
formale e informale;
e) coerenza con il piano educativo individualizzato per le alunne e gli alunni con disabilità;
f) indicazione, in forma descrittiva, del livello raggiunto nelle prove a carattere nazionale di cui all’articolo 7,
distintamente per ciascuna disciplina oggetto della rilevazione e certificazione sulle abilità di comprensione e
uso della lingua inglese.

RISORSE DIDATTICHE
Gli allegati al Decreto Ministeriale n. 742 del 3/10/2017, distinti con le lettere A e B e validi rispettiva-
mente per la scuola primaria e per la scuola secondaria di primo grado, rappresentano i modelli che le
singole istituzioni scolastiche devono compilare per certificate i livelli di competenza raggiunti dagli
studenti.
Per la scuola secondaria di primo grado il modello di certificazione delle competenze (Allegato B) è
integrato da una sezione, predisposta e redatta a cura dell’INVALSI, che descrive i livelli conseguiti
nelle Prove nazionali di Italiano e Matematica e certifica le abilità di comprensione e di uso della lin-
gua inglese.
Il repertorio dei descrittori relativi alle Prove nazionali, come chiarisce l’art. 4 comma 3 del Decreto
Ministeriale n. 742/2017 e come ribadito in una nota esplicativa inserita nello stesso Allegato B, è co-
municato annualmente alle istituzioni scolastiche.
Il livello di competenza conseguito deve essere espresso mediante precisi indicatori esplicativi, pre-

MATERIALI
senti anch’essi nel suddetto modello, contraddistinti con le lettere A – B – C – D.

A – Avanzato L’alunno/a svolge compiti e risolve problemi complessi, mostrando padronanza nell’uso delle
conoscenze e delle abilità; propone e sostiene le proprie opinioni e assume in modo responsabile
decisioni consapevoli.
B – Intermedio L’alunno/a svolge compiti e risolve problemi in situazioni nuove, compie scelte consapevoli,
mostrando di saper utilizzare le conoscenze e le abilità acquisite.
C – Base L’alunno/a svolge compiti semplici anche in situazioni nuove, mostrando di possedere conoscenze
e abilità fondamentali e di saper applicare basilari regole e procedure apprese.
D – Iniziale L’alunno/a, se opportunamente guidato/a, svolge compiti semplici in situazioni note.

SOLUZIONI
Viene confermata la mancanza di un livello negativo, scelta questa che sottolinea la natura della cer-
tificazione: non misurazione di apprendimenti, bensì valutazione di un percorso, di un cammino
nell’ambito del quale la conclusione del primo ciclo di istruzione è solamente una tappa.
I docenti in fase di compilazione hanno, inoltre, la possibilità di indicare e valorizzare ulteriori com-
petenze ritenute significative, specificando il relativo ambito disciplinare (punto 9 della tabella).

Di seguito riproduciamo il modello per la certificazione delle competenze al termine del primo ciclo
di istruzione predisposto dal MIUR.
REPERTORIO

17
PARTE 1 Risorse didattiche

18
Indicazioni nazionali e competenze

19
REPERTORIO SOLUZIONI MATERIALI RISORSE DIDATTICHE
PARTE 1 Risorse didattiche

20
Indicazioni nazionali e competenze

21
REPERTORIO SOLUZIONI MATERIALI RISORSE DIDATTICHE
PARTE 1 Risorse didattiche

22
Programmazione didattica

Programmazione didattica
Traguardi per lo sviluppo Obiettivi di
Volume A Argomenti
delle competenze apprendimento
Parte 1 • Comprendere e valutare • Riconoscere e classificare Unità 1 - Suoni, rumori e
Il suono e gli eventi, materiali, opere anche stilisticamente i più musica

RISORSE DIDATTICHE
strumenti musicali riconoscendone i importanti elementi costitu- Unità 2 - Strumenti in
musicali significati, anche in relazio- tivi del linguaggio musicale. formazione
ne alla propria esperienza Unità 3 - Gli strumenti a corde
• Orientare la costruzione
musicale e ai diversi contesti Unità 4 - Gli strumenti a fiato
della propria identità musi-
storico-culturali. e a mantice
cale, ampliarne l’orizzonte
Unità 5 - Gli strumenti a
• Integrare con altri saperi e valorizzando le proprie espe-
percussione
altre pratiche artistiche le rienze, il percorso svolto e
Unità 6 - Gli strumenti
proprie esperienze musicali, le opportunità offerte dal
elettronici ed
servendosi anche di appro- contesto.
elettromeccanici
priati codici e sistemi di
• Accedere alle risorse
codifica.
musicali presenti in rete e
• Saper riconoscere all’ascol- utilizzare software specifici
to la forma, lo stile e gli per elaborazioni sonore e

MATERIALI
strumenti musicali di una musicali.
composizione.

Parte 2 • Essere in grado di ideare e • Improvvisare, rielaborare, Unità 1 - Il Medioevo


Storia della realizzare, anche attraverso comporre brani musicali Unità 2 - Umanesimo e
musica l’improvvisazione o parteci- vocali e strumentali, utiliz- Rinascimento
pando a processi di elabo- zando sia strutture aperte, Unità 3 - Il Barocco
razione collettiva, messaggi sia semplici schemi ritmi- Unità 4 - Il Classicismo
musicali e multimediali, nel co-melodici. Unità 5 - Il Romanticismo
confronto critico con modelli Unità 6 - L’opera in Europa
• Riconoscere e classificare
appartenenti al patrimonio Unità 7 - Le scuole nazionali
anche stilisticamente i più
musicale, utilizzando anche Unità 8 - Il Novecento
importanti elementi costitu-
sistemi informatici. Unità 9 - La musica classica

SOLUZIONI
tivi del linguaggio musicale.
contemporanea
• Comprendere e valutare
• Conoscere, descrivere e Unità 10 - Sotto le stelle del
eventi, materiali, opere
interpretare in modo critico jazz
musicali riconoscendone i
opere d’arte musicali e Unità 11 - Musical e colonne
significati, anche in relazio-
progettare/realizzare eventi sonore
ne alla propria esperienza
sonori che integrino altre Unità 12 - La musica pop
musicale e ai diversi contesti
forme artistiche, quali danza, Unità 13 - La musica etnica
storico-culturali.
teatro, arti visive e multime-
• Integrare con altri saperi e diali.
altre pratiche artistiche le
• Decodificare e utilizzare la
proprie esperienze musicali,
notazione tradizionale e altri
servendosi anche di appro-
REPERTORIO

sistemi di scrittura.
priati codici e sistemi di
codifica. • Orientare la costruzione
della propria identità musi-
cale, ampliarne l’orizzonte
valorizzando le proprie espe-
rienze, il percorso svolto e
le opportunità offerte dal
contesto.
• Accedere alle risorse
musicali presenti in rete e
utilizzare software specifici
per elaborazioni sonore e
musicali.

23
PARTE 1 Risorse didattiche

Traguardi per lo sviluppo Obiettivi di


Volume B Argomenti
delle competenze apprendimento
Parte 1 • Usare diversi sistemi di nota- • Eseguire in modo espressivo, Unità 1 - D
 alla voce al canto
Iniziamo zione funzionali alla lettura, collettivamente e indivi- Unità 2 - C
 onoscere e leggere
cantando all’analisi e alla produzione dualmente, brani vocali e le note
di brani musicali. strumentali di diversi generi Unità 3 - N
 on solo note
e stili, anche avvalendosi di Unità 4 - Cantare per
strumentazioni elettroniche. imparare a suonare
• Improvvisare, rielaborare,
comporre brani musicali
vocali e strumentali, utiliz-
zando sia strutture aperte,
sia semplici schemi ritmi-
co-melodici.

Parte 2 • Partecipare in modo attivo • Eseguire in modo espressivo, Unità 1 - M


 etodo per
Suoniamo con alla realizzazione di espe- collettivamente e indivi- strumentario ritmico
gli strumenti rienze musicali attraverso dualmente, brani vocali e Unità 2 - Metodo per tastiera
l’esecuzione e l’interpreta- strumentali di diversi generi Unità 3 - Metodo per chitarra
zione di brani strumentali e e stili, anche avvalendosi di Unità 4 - M
 etodo per flauto
vocali appartenenti a generi strumentazioni elettroniche. dolce
e culture differenti.
• Riconoscere e classificare
• Usare diversi sistemi di nota- anche stilisticamente i più
zione funzionali alla lettura, importanti elementi costitu-
all’analisi e alla produzione tivi del linguaggio musicale.
di brani musicali.
• Decodificare e utilizzare la
notazione tradizionale e altri
sistemi di scrittura.

Parte 3 • Partecipare in modo attivo • Eseguire in modo espressivo, Unità 1 - P


 ercorso step by
Suonare e alla realizzazione di espe- collettivamente e indivi- step
improvvisare rienze musicali attraverso dualmente, brani vocali e Unità 2 - La scala pentatonica
insieme l’esecuzione e l’interpreta- strumentali di diversi generi Unità 3 - C
 ircle song e giri
zione di brani strumentali e e stili, anche avvalendosi di armonici
vocali appartenenti a generi strumentazioni elettroniche. Unità 4 - L
 ’arte dell’improvvi-
e culture differenti. sazione
• Improvvisare, rielaborare,
• Usare diversi sistemi di nota- comporre brani musicali
zione funzionali alla lettura, vocali e strumentali, utiliz-
all’analisi e alla produzione zando sia strutture aperte,
di brani musicali. sia semplici schemi ritmico-
melodici.
• Ideare e realizzare, anche
attraverso l’improvvisazione • Decodificare e utilizzare la
o partecipando a processi notazione tradizionale e altri
di elaborazione collettiva, sistemi di scrittura.
messaggi musicali e multi-
mediali, nel confronto critico
con modelli appartenenti
al patrimonio musicale,
utilizzando anche sistemi
informatici.

24
Programmazione didattica

Traguardi per lo sviluppo Obiettivi di


Volume C Argomenti
delle competenze apprendimento
Antologia • Partecipare in modo attivo • Eseguire in modo espressivo, Canoni
alla realizzazione di espe- collettivamente e indivi- Canzoni verticali
rienze musicali attraverso dualmente, brani vocali e Canti popolari
l’esecuzione e l’interpreta- strumentali di diversi generi Inni nazionali

RISORSE DIDATTICHE
zione di brani strumentali e e stili, anche avvalendosi di Canti natalizi
vocali appartenenti a generi strumentazioni elettroniche. Canti per il Giorno della
e culture differenti. Memoria
• Improvvisare, rielaborare,
Canzoni del buonumore
• Usare diversi sistemi di nota- comporre brani musicali
Beatlemania
zione funzionali alla lettura, vocali e strumentali, utiliz-
Canzoni in lingua inglese
all’analisi e alla produzione zando sia strutture aperte,
Orchestra multietnica
di brani musicali. sia semplici schemi ritmi-
Repertorio classico
co-melodici.
Colonne sonore
• Conoscere, descrivere e Canzoniere italiano
interpretare in modo critico Canzoni pop
opere musicali e progettare/ Canzoni rock
realizzare eventi sonori che Rock ’n’ roll e soul
integrino altre forme artisti- Standard jazz & etno latin funk
che, quali danza, teatro, arti

MATERIALI
visive e multimediali.
• Decodificare e utilizzare la
notazione tradizionale e altri
sistemi di scrittura.
• Orientare la costruzione
della propria identità musi-
cale, ampliarne l’orizzonte
valorizzando le proprie espe-
rienze, il percorso svolto e
le opportunità offerte dal
contesto.

SOLUZIONI
•Accedere alle risorse
musicali presenti in rete e
utilizzare software specifici
per elaborazioni sonore e
musicali.

REPERTORIO

25
PARTE 1 Risorse didattiche

Conoscenze e competenze
Volume A
Parte - Unità Titolo Conoscenze e competenze
Parte 1 Suoni, rumori e • Riconoscere e classificare anche stilisticamente i più importanti elementi del
Unità 1 musica linguaggio musicale.
• Saper utilizzare internet per la ricerca musicale.
• Valutare in modo funzionale ed estetico un brano musicale.
• Orientare la costruzione della propria identità musicale.

Parte 1 Strumenti in • Conoscere le principali formazioni strumentali.


Unità 2 formazione • Distinguere gli strumenti che fanno parte di una formazione strumentale.
• Acquisire un gusto musicale personale.

Parte 1 Gli strumenti a • Saper classificare i cordofoni.


Unità 3 corde • Saper conoscere le parti principali dei cordofoni.
• Capire la tecnica di produzione del suono.
• Riconoscere un cordofono in base alla forma/aspetto.
• Riconoscere un cordofono in base al suono/timbro.

Parte 1 Gli strumenti a • Saper classificare gli aerofoni.


Unità 4 fiato e a mantice • Saper conoscere le parti principali degli aerofoni.
• Capire la tecnica di produzione del suono.
• Riconoscere un aerofono in base alla forma/aspetto.
• Riconoscere un aerofono in base al suono/timbro.

Parte 1 Gli strumenti a • Saper classificare gli strumenti a percussione.


Unità 5 percussione • Saper conoscere le parti principali degli strumenti a percussione.
• Capire la tecnica di produzione del suono.
• Riconoscere uno strumento a percussione in base alla forma/aspetto.
• Riconoscere uno strumento a percussione in base al suono/timbro.

Parte 1 Gli strumenti • Saper classificare gli elettrofoni.


Unità 6 elettronici ed • Saper conoscere le parti principali degli elettrofoni.
elettromeccanici • Capire la tecnica di produzione del suono.
• Riconoscere un elettrofono in base alla forma/aspetto.
• Riconoscere un elettrofono in base al suono/timbro.

Parte 2 Il Medioevo • Conoscere le origini della musica medievale.


Unità 1 • Conoscere le principali forme della musica medievale sacra e profana.
• Acquisire la terminologia specifica.
• Saper distinguere tra Ars antiqua e Ars nova.
• Saper riconoscere e suonare alcuni frammenti di brani della musica medievale.

Parte 2 Umanesimo e • Conoscere le origini della musica rinascimentale.


Unità 2 Rinascimento • Conoscere le forme principali della musica sacra e profana del Cinquecento.
• Saper riconoscere e suonare alcuni frammenti di brani della musica rinascimentale.

Parte 2 Il Barocco • Conoscere le origini della musica barocca.


Unità 3 • Conoscere le forme principali della musica sacra e profana del Seicento e del
primo Settecento.
• Saper riconoscere e suonare alcuni frammenti di brani di musica barocca.

26
Conoscenze e competenze

Parte 2 Il Classicismo • Conoscere le origini della musica del Settecento.


Unità 4 • Conoscere le forme principali del Classicismo.
• Saper riconoscere e suonare alcuni frammenti di brani della musica classica del
Settecento.
• Rielaborare in modo creativo un tema in stile classico.

Parte 2 Il Romanticismo • Conoscere le origini della musica del Romanticismo.

RISORSE DIDATTICHE
Unità 5 • Conoscere le forme principali del primo Romanticismo.
• Saper riconoscere e suonare alcuni frammenti di brani della musica classica
dell’Ottocento.
• Rielaborare in modo creativo un tema in stile romantico.

Parte 2 L’opera in Europa • Conoscere le origini della musica del melodramma.


Unità 6 • Conoscere i principali compositori di musica lirica.
• Saper riconoscere e suonare alcuni frammenti di brani della musica operistica.
• Rielaborare in modo creativo un’aria in stile operistico.

Parte 2 Le scuole • Conoscere le principali scuole nazionali europee.


Unità 7 nazionali • Conoscere i principali compositori del tardo Romanticismo.
•S aper riconoscere e suonare alcuni frammenti di brani della musica tardo-romantica.
• Rielaborare in modo creativo un balletto folcloristico.

MATERIALI
Parte 2 Il Novecento • Conoscere le innovazioni musicali del Novecento.
Unità 8 • Conoscere alcuni compositori del Novecento.
• Inventare una scrittura musicale non convenzionale.
• Saper riconoscere e suonare alcuni frammenti di brani della musica del XX secolo.
• Rielaborare in modo creativo un brano ispirandosi a una composizione di Erik Satie.

Parte 2 La musica • Conoscere le innovazioni della musica classica contemporanea.


Unità 9 classica • Conoscere alcuni compositori della seconda metà del Novecento.
contemporanea • Inventare una scrittura musicale non convenzionale.
• Saper riconoscere e suonare alcuni frammenti di brani della musica del XX secolo.
• Rielaborare in modo creativo un brano minimalista con scrittura non
convenzionale.

SOLUZIONI
Parte 2 Sotto le stelle del • Conoscere la musica afroamericana.
Unità 10 jazz • Conoscere alcuni interpreti e compositori di jazz.
• Saper riconoscere e suonare alcuni frammenti di brani della musica jazz.
• Rielaborare in modo creativo un brano ispirandosi al blues classico.

Parte 2 Musical e • Conoscere l’origine del musical e della commedia musicale.


Unità 11 colonne sonore • Conoscere alcuni compositori di teatro musicale: operetta, musical, commedia
musicale.
• Saper riconoscere e suonare alcuni frammenti di brani di musical.
• Rielaborare in modo creativo un’opera rap.

Parte 2 La musica pop • Conoscere gli stili e le origini della musica pop.
REPERTORIO

Unità 12 • Conoscere alcuni compositori di musica pop.


• Saper riconoscere e suonare alcuni frammenti di brani di musica leggera.
• Saper scrivere il testo di una canzone su una melodia data.

Parte 2 La musica etnica • Conoscere elementi di musica popolare e folclorica dei cinque continenti.
Unità 13 • Conoscere alcuni strumenti tipici e alcuni importanti esecutori.
• Saper riconoscere e suonare alcuni frammenti di brani della musica etnica.
• Rielaborare in modo creativo un brano ispirandosi a una composizione etnica.

27
PARTE 1 Risorse didattiche

Volume B
Parte - Unità Titolo Conoscenze e competenze
Parte 1 Dalla voce al • Apprendere e sperimentare i concetti di intensità, durata e altezza.
Unità 1 canto • Apprendere e sperimentare i concetti di timbro e colore.
• Acquisire capacità di utilizzare la voce sperimentando letture espressive e
solfeggio cantato.
• Riconoscere il proprio corpo come fonte sonora.
• Riconoscere e classificare, anche stilisticamente, i diversi tipi di voce.
• Riconoscere e classificare, anche stilisticamente, i più importanti elementi
costitutivi del linguaggio musicale.
• Saper utilizzare internet per la ricerca musicale.
• Orientare la costruzione della propria identità musicale.

Parte 1 Conoscere e • Apprendere e utilizzare gli elementi di base della scrittura musicale.
Unità 2 leggere le note • Acquisire l’uso del pentagramma e della chiave di violino.
• Comprendere e riconoscere intervalli, alterazioni, scala cromatica e tagli addizionali.

Parte 1 Non solo note • Consolidare le conoscenze teoriche della grammatica musicale.
Unità 3 • Comprendere e decodificare la notazione tradizionale e altri sistemi di scrittura.
• Utilizzare la notazione tradizionale e altri sistemi di scrittura.

Parte 1 Cantare per • Acquisire autonomia nella lettura di uno spartito musicale.
Unità 4 imparare a • Sperimentare praticamente le conoscenze teoriche acquisite.
suonare • Orientare la costruzione della propria identità musicale valorizzando le proprie
esperienze.

Parte 2 Metodo per • Conoscere gli strumenti a piastre e a percussione dello strumentario.
Unità 1 strumentario • Imparare a suonare correttamente gli strumenti a piastre.
ritmico • Riuscire a coordinare mano destra e mano sinistra con xilofoni e metallofoni.
• Acquisire la conoscenza di una semplice partitura ritmica per strumentario.
• Sperimentare un modo creativo di suonare le piastre.

Parte 2 Metodo per • Saper riconoscere tutti i Do della tastiera.


Unità 2 tastiera • Apprendere elementi di diteggiatura (le cinque dita).
• Riuscire a coordinare mano destra e mano sinistra con semplici esercizi.
• Acquisire la conoscenza tecnica per l’esecuzione di alcuni accordi.

Parte 2 Metodo per • Conoscere la posizione delle note sulla tastiera.


Unità 3 chitarra • Apprendere elementi di diteggiatura.
• Riuscire a coordinare mano destra e mano sinistra con semplici esercizi.
• Acquisire la conoscenza tecnica per l’esecuzione di alcuni accordi.

Parte 2 Metodo per • Conoscere l’imboccatura del flauto dolce soprano e le posizioni delle dita.
Unità 4 flauto dolce • Imparare a suonare semplici passaggi e nuove note.
• Acquisire la conoscenza di alcune semplici partiture per flauto dolce.

Parte 3 Percorso • Consolidare le conoscenze teoriche e le abilità acquisite.


Unità 1 step by step • Esercitare e sperimentare gradualmente le conoscenze e le abilità acquisite.
• Saper suonare e cantare in gruppo.

Parte 3 La scala • Apprendere e saper utilizzare la scala pentatonica.


Unità 2 pentatonica • Conoscere i cinque modi della scala pentatonica.
• Sviluppare i principali elementi di rielaborazione personale dei materiali sonori.

Parte 3 Circle song e • Sviluppare i principali elementi della lettura ritmica, melodica e delle sigle.
Unità 3 giri armonici • Sviluppare e acquisire gradualmente il linguaggio musicale moderno.
• Acquisire capacità di rielaborazione personale dei materiali sonori.

Parte 3 L’arte dell’im- • Apprendere in modo espressivo e creativo la semplice forma domanda-risposta.
Unità 4 provvisazione • Riconoscere e sviluppare le proprie potenzialità ritmiche e melodiche.
• Sviluppare ed esercitare le proprie capacità espressive musicali.

28
Proposta di piano di lavoro

Proposta di piano di lavoro


Classe prima
1. Analisi della situazione di partenza

RISORSE DIDATTICHE
Si consiglia di richiamare in sintesi la presentazione della classe da parte del coordinatore.

2. Integrazioni al curricolo
Come stabilito dal Consiglio di classe ci si accorda per lavorare sui bisogni rilevati: acquisire un me-
todo di studio; acquisire un patrimonio organico di conoscenze, imparare a procurarsi nuove infor-
mazioni e impegnarsi in nuovi apprendimenti anche in maniera autonoma; rafforzare le capacità
relazionali, di inclusione, di lavorare in gruppo.
Nella tabella sottostante vengono indicati i bisogni, le competenze chiave, i traguardi, le abilità e le
conoscenze.

Conoscenze Abilità Traguardi Competenza Bisogni rilevati

MATERIALI
Pentagramma, Orientare la Usare la notazione Competenza personale, Acquisire un metodo di
note, valori mu- propria abilità musicale e l’im- sociale e capacità di studio.
sicali. musicale. provvisazione. imparare a imparare.

Conoscere gli Utilizzare software Padroneggiare Competenza personale, Acquisire un patrimonio


elementi princi- musicali e il libro metodi di appren- sociale e capacità di organico di conoscenze,
pali: suono, voce, digitale. dimento efficaci. imparare a imparare. imparare a procurarsi nuove
strumenti. informazioni e impegnarsi in
nuovi apprendimenti anche
in maniera autonoma.

Comunicare, Relazionarsi con Partecipare in Competenza in materia Rafforzare le capacità


cominciare a co- gli altri. modo attivo e di cittadinanza. relazionali, di inclusione, di

SOLUZIONI
noscere l’aspetto creativo. lavorare in gruppo.
educativo del fare
musica insieme.

Sarà dedicato del tempo per la spiegazione su come sintetizzare, schematizzare e presentare un argo-
mento utilizzando Raffaello Player. L’obiettivo è l’acquisizione della capacità di organizzare contenuti
per facilitarne l’apprendimento.

3. Attività
REPERTORIO

Bisogni della classe Attività/situazioni di disciplina


Acquisire un metodo di studio. Volume A, Parte 1, Unità 1-2-3-4-5-6
Volume A, Parte 2, Unità 1-2
Volume B, Parte 1, Unità 1-2-3-4

Acquisire un patrimonio organico di conoscenze, imparare a procurarsi Ascolto


nuove informazioni e impegnarsi in nuovi apprendimenti anche in maniera Produzione
autonoma. Lettoscrittura

Rafforzare le capacità relazionali, di inclusione, di lavorare in gruppo. Musica d’insieme


10 brani circa scelti dall’antologia
Compito di realtà a scelta

29
PARTE 1 Risorse didattiche

Musica, ascolto e comprensione: sarà utilizzato il volume A per acquisire il linguaggio musicale e le
terminologie specifiche, verranno effettuati ascolti sul suono, la voce, gli strumenti musicali e i primi
argomenti di storia della musica: Civiltà antiche, Medioevo, Umanesimo e Rinascimento.
Musica, esercitazioni vocali, strumentali (Produzione e lettoscrittura): sarà privilegiato l’utilizzo di
strumenti in dotazione nel laboratorio. Gli studenti che frequentano l’indirizzo musicale potranno
suonare con il loro strumento o altro a scelta.
La musica d’insieme sarà l’attività inerente al volume B per mezzo di letture, improvvisazioni, canoni,
canzoni, partiture musicali graduali da acquisire nel corso dell’anno.

4. Metodologia didattica
1 – Lavoro musicale di insieme (metodo induttivo, pratica vocale e strumentale)
2 – Ascolto e comprensione (ascoltare, analizzare, rielaborare nel laboratorio)
3 – Notazione intuitiva e tradizionale, scrittura e lettura musicale (pentagramma)
4 – Libro digitale Quinto rigo (utilizzo dei link multimediali e linea del tempo)
5 – Ricerca in rete, libro digitale, giochi e attività

Verrà privilegiato il metodo induttivo per la produzione (esercitazioni vocali e strumentali), il metodo
deduttivo per la fruizione consapevole (ascolto e comprensione). Gli studenti verranno incoraggiati
nei momenti «difficili» facendogli capire che hanno il diritto di sbagliare e di poter recuperare il pic-
colo errore, la verifica, l’argomento non capito.
Ogni argomento potrà essere affrontato attraverso collegamenti con le altre materie, al fine di permet-
tere all’alunno di cogliere interrelazioni tra diverse aree ed effettuare eventuali collegamenti. Dopo
ogni test, se necessario, verrà fatto un breve recupero per coloro che hanno riportato una valutazione
insufficiente.
In alcune lezioni saranno utilizzate le seguenti metodologie didattiche: apprendimento cooperativo
(cooperative learning), classe capovolta (flipped classroom).

5. Strumenti e spazi utilizzati


Si farà uso degli strumenti didattici e dei materiali presenti a scuola (laboratorio di musica, videoregi-
strazioni, CD) e si incentiverà i ragazzi a produrre musica, costruire e ricercare mezzi utili alla miglio-
re comprensione degli argomenti trattati. Sarà soprattutto l’atmosfera d’insieme a favorire il migliore
risultato educativo e motivante per gli studenti.

6. Modalità di valutazione
1 – Utilizzo del registro elettronico
2 – Esercitazioni ritmiche e melodiche con strumentario (partiture dall’antologia)
3 – Esercitazioni vocali e strumentali
4 – Verifiche sommative e test sul libro
5 – Verifiche collettive di partiture con voto condiviso
6 – Prove orali (collegamenti)

30
Proposta di piano di lavoro

Voto Descrittore
10 Conoscenza completa, esposizione chiara e organica, lessico appropriato e ricco.
Ascolto, produzione e lettoscrittura eccellenti.
9 Conoscenza completa, esposizione chiara, lessico appropriato.
Ascolto, produzione e lettoscrittura molto buoni.
8 Conoscenza generalmente completa, esposizione chiara, lessico corretto.

RISORSE DIDATTICHE
Ascolto, produzione e lettoscrittura buoni.
7 Conoscenza non del tutto completa, esposizione corretta, lessico essenziale.
Ascolto, produzione e lettoscrittura discreti.
6 Conoscenza dei contenuti basilari, esposizione comprensibile, lessico non sempre appropriato.
Ascolto, produzione e lettoscrittura sufficienti.
5 Conoscenza parziale, esposizione incerta, lessico povero.
Ascolto, produzione e lettoscrittura non sufficienti.
4 Conoscenza limitata, esposizione frammentaria, lessico approssimativo.
Ascolto, produzione e lettoscrittura scarsi.

MATERIALI
Proposta di piano di lavoro
Classe seconda
1. Analisi della situazione di partenza
Si consiglia di richiamare in sintesi la presentazione della classe da parte del coordinatore.

SOLUZIONI
2. Integrazioni al curricolo
Come stabilito dal Consiglio di classe ci si accorda per lavorare sui bisogni rilevati: migliorare l’or-
ganizzazione dello studio, acquisire metodi di apprendimento; maggior rispetto delle regole sociali;
migliorare la partecipazione responsabile e costruttiva alle attività di classe.
Nella tabella sottostante vengono indicati i bisogni, le competenze chiave, i traguardi, le abilità e le
conoscenze.

Conoscenze Abilità Traguardi Competenza Bisogni rilevati


Conoscenza dei Orientare la Usare la nota- Competenza personale, Migliorare l’organizzazione
REPERTORIO

diversi modi di propria abilità zione musicale e sociale e capacità di dello studio, acquisire metodi
fare musica. musicale. l’improvvisazione. imparare a imparare. di apprendimento.

Comunicare, Relazionarsi con Partecipare in Competenza in materia Maggior rispetto delle regole
cominciare a co- gli altri. modo attivo e di cittadinanza. sociali.
noscere l’aspetto creativo. Migliorare la partecipazione
educativo del fare responsabile e costruttiva alle
musica insieme. attività di classe.

Sarà dedicato del tempo per la spiegazione su come sintetizzare, schematizzare e presentare un argo-
mento utilizzando Raffaello Player. L’obiettivo è l’acquisizione della capacità di organizzare contenuti
per facilitare l’apprendimento.

31
PARTE 1 Risorse didattiche

3. Attività
Bisogni della classe Attività/situazioni di disciplina
Migliorare l’organizzazione dello studio, acquisire metodi di apprendimento. Volume A, Parte 2, Unità 3-4-5-6-7
Volume B, Parte 2, Unità 1-2-3-4
Volume B, Parte 3, Unità 1-2

Maggior rispetto delle regole sociali. Musica d’insieme


Migliorare la partecipazione responsabile e costruttiva alle attività di classe. 10-15 brani scelti dall’antologia
Ascolto
Produzione
Lettoscrittura
Compito di realtà a scelta

Musica, ascolto e comprensione: sarà utilizzato il volume A per acquisire il linguaggio musicale e le
terminologie specifiche, verranno effettuati ascolti sul suono, la voce, gli strumenti musicali e i primi
argomenti di storia della musica: Barocco, Classicismo, Romanticismo, Opera lirica.
Musica, esercitazioni vocali, strumentali (Produzione e lettoscrittura): sarà privilegiato l’utilizzo di
strumenti in dotazione nel laboratorio. Gli studenti che frequentano l’indirizzo musicale potranno
suonare con il loro strumento o altro a scelta.
La musica d’insieme sarà l’attività inerente al volume B per mezzo di letture, improvvisazioni, canoni,
canzoni, partiture musicali graduali da acquisire nel corso dell’anno.

4. Metodologia didattica
1 – Lavoro musicale di insieme (metodo induttivo, pratica vocale e strumentale)
2 – Ascolto e comprensione (ascoltare, analizzare, rielaborare nel laboratorio)
3 – Notazione intuitiva e tradizionale, scrittura e lettura musicale (pentagramma)
4 – Libro digitale Quinto rigo (utilizzo dei link multimediali e linea del tempo)
5 – Ricerca in rete, libro digitale, giochi e attività

Verrà privilegiato il metodo induttivo per la produzione (esercitazioni vocali e strumentali), il metodo
deduttivo per la fruizione consapevole (ascolto e comprensione). Gli studenti verranno incoraggiati
nei momenti «difficili» facendogli capire che hanno il diritto di sbagliare e di poter recuperare il pic-
colo errore, la verifica, l’argomento non capito.
Ogni argomento potrà essere affrontato attraverso collegamenti con le altre materie, al fine di permet-
tere all’alunno di cogliere interrelazioni tra diverse aree ed effettuare eventuali collegamenti. Dopo
ogni test, se necessario, verrà fatto un breve recupero per coloro che hanno riportato una valutazione
insufficiente.
In alcune lezioni saranno utilizzate le seguenti metodologie didattiche: apprendimento cooperativo
(cooperative learning), classe capovolta (flipped classroom).

5. Strumenti e spazi utilizzati


Si farà uso degli strumenti didattici e dei materiali presenti a scuola (laboratorio di musica, videoregi-
strazioni, CD) e si incentiverà i ragazzi a produrre musica, costruire e ricercare mezzi utili alla miglio-
re comprensione degli argomenti trattati. Sarà soprattutto l’atmosfera d’insieme a favorire il migliore
risultato educativo e motivante per gli studenti.

32
Proposta di piano di lavoro

6. Modalità di valutazione
1 – Utilizzo del registro elettronico
2 – Esercitazioni ritmiche e melodiche con strumentario (partiture dall’antologia)
3 – Esercitazioni vocali e strumentali
4 – Verifiche sommative e test sul libro

RISORSE DIDATTICHE
5 – Verifiche collettive di partiture con voto condiviso
6 – Prove orali (collegamenti)

Voto Descrittore
10 Conoscenza completa, esposizione chiara e organica, lessico appropriato e ricco.
Ascolto, produzione e lettoscrittura eccellenti.
9 Conoscenza completa, esposizione chiara, lessico appropriato.
Ascolto, produzione e lettoscrittura molto buoni.
8 Conoscenza generalmente completa, esposizione chiara, lessico corretto.
Ascolto, produzione e lettoscrittura buoni.
7 Conoscenza non del tutto completa, esposizione corretta, lessico essenziale.
Ascolto, produzione e lettoscrittura discreti.

MATERIALI
6 Conoscenza dei contenuti basilari, esposizione comprensibile, lessico non sempre appropriato.
Ascolto, produzione e lettoscrittura sufficienti.
5 Conoscenza parziale, esposizione incerta, lessico povero.
Ascolto, produzione e lettoscrittura non sufficienti.
4 Conoscenza limitata, esposizione frammentaria, lessico approssimativo.
Ascolto, produzione e lettoscrittura scarsi.

SOLUZIONI
Proposta di piano di lavoro
Classe terza
1. Analisi della situazione di partenza
Si consiglia di richiamare in sintesi la presentazione della classe da parte del coordinatore.
REPERTORIO

2. Integrazioni al curricolo
Come stabilito dal Consiglio di classe ci si accorda per lavorare sui bisogni rilevati: utilizzo di strategie
di autovalutazione e autocorrezione; individuazione di problemi e di criticità; problem-solving; orga-
nizzazione di tempi, spazi e strumenti su un compito assegnato; confronto costruttivo con compagni
e insegnanti; partecipare in modo responsabile, efficace e costruttivo alla vita sociale della classe, nel
rispetto degli altri e nella consapevolezza delle conseguenze dei propri comportamenti.

33
PARTE 1 Risorse didattiche

Nella tabella sottostante vengono indicati i bisogni, le competenze chiave, i traguardi, le abilità e le
conoscenze.

Conoscenze Abilità Traguardi Competenza Bisogni rilevati


Conoscenza dei Utilizzare software Padroneggiare Competenza personale, Utilizzo di strategie di
diversi modi di musicali e il libro metodi di appren- sociale e capacità di autovalutazione e auto-
fare musica. digitale. dimento efficaci. imparare a imparare. correzione; individuazione
di problemi e di criticità;
problem-solving; organiz-
zazione di tempi, spazi e
strumenti su un compi-
to assegnato; confronto
costruttivo con compagni e
insegnanti.

Comunicare, Relazionarsi con Partecipare in Competenza in materia Partecipare in modo respon-


cominciare a co- gli altri. modo attivo e di cittadinanza. sabile, efficace e costruttivo
noscere l’aspetto creativo. alla vita sociale della classe,
educativo nel fare nel rispetto degli altri e nella
musica insieme. consapevolezza delle conse-
guenze dei propri compor-
tamenti.

Sarà dedicato del tempo per la spiegazione su come sintetizzare, schematizzare e presentare un argo-
mento utilizzando Raffaello Player. L’obiettivo è l’acquisizione della capacità di organizzare contenuti
per facilitarne l’apprendimento.

3. Attività
Bisogni della classe Attività/situazioni di disciplina
Utilizzo di strategie di autovalutazione e autocorrezione; Volume A, Parte 2, Unità 8-9-10-11-12-13
individuazione di problemi e di criticità; problem-solving; Volume B, Parte 2, Unità 1-2-3-4
organizzazione di tempi, spazi e strumenti su un compito assegnato; Volume B, Parte 3, Unità 3-4
confronto costruttivo con compagni e insegnanti. Ascolto
Produzione
Lettoscrittura

Partecipare in modo responsabile, efficace e costruttivo alla vita sociale Musica d’insieme
della classe, nel rispetto degli altri e nella consapevolezza delle conse- 10-15 brani scelti dall’antologia
guenze dei propri comportamenti. Compito di realtà a scelta

Musica, ascolto e comprensione: sarà utilizzato il volume A per acquisire il linguaggio musicale e le
terminologie specifiche, verranno effettuati ascolti sul suono, la voce, gli strumenti musicali e argo-
menti di storia della musica: Novecento, musica classica contemporanea, jazz, musica etnica, musica
leggera, colonne sonore.
Musica, esercitazioni vocali, strumentali (Produzione e lettoscrittura): sarà privilegiato l’utilizzo di
strumenti in dotazione nel laboratorio. Gli studenti che frequentano l’indirizzo musicale potranno
suonare con il loro strumento o altro a scelta.
La musica d’insieme sarà l’attività inerente al volume B per mezzo di letture, improvvisazioni, canoni,
canzoni, partiture musicali graduali da acquisire nel corso dell’anno.

34
Proposta di piano di lavoro

4. Metodologia didattica
1 – Lavoro musicale di insieme (metodo induttivo, pratica vocale e strumentale)
2 – Ascolto e comprensione (ascoltare, analizzare, rielaborare nel laboratorio)
3 – Notazione intuitiva e tradizionale, scrittura e lettura musicale (pentagramma)
4 – Libro digitale Quinto rigo (utilizzo dei link multimediali e linea del tempo)

RISORSE DIDATTICHE
5 – Ricerca in rete, PowerPoint, Prezi

Verrà privilegiato il metodo induttivo per la produzione (esercitazioni vocali e strumentali), il metodo
deduttivo per la fruizione consapevole (ascolto e comprensione). Gli studenti verranno incoraggiati
nei momenti «difficili» facendogli capire che hanno il diritto di sbagliare e di poter recuperare il pic-
colo errore, la verifica, l’argomento non capito.
Ogni argomento potrà essere affrontato attraverso collegamenti con le altre materie, al fine di permet-
tere all’alunno di cogliere interrelazioni tra diverse aree ed effettuare eventuali collegamenti. Dopo
ogni test, se necessario, verrà fatto un breve recupero per coloro che hanno riportato una valutazione
insufficiente.
In alcune lezioni saranno utilizzate le seguenti metodologie didattiche: apprendimento cooperativo
(cooperative learning), classe capovolta (flipped classroom).

MATERIALI
5. Strumenti e spazi utilizzati
Si farà uso degli strumenti didattici e dei materiali presenti a scuola (laboratorio di musica, videoregi-
strazioni, CD) e si incentiverà i ragazzi a produrre musica, costruire e ricercare mezzi utili alla miglio-
re comprensione degli argomenti trattati. Sarà soprattutto l’atmosfera d’insieme a favorire il migliore
risultato educativo e motivante per gli studenti.

6. Modalità di valutazione
1 – Utilizzo del registro elettronico

SOLUZIONI
2 – Esercitazioni ritmiche e melodiche con strumentario (partiture dall’antologia)
3 – Esercitazioni vocali e strumentali
4 – Verifiche sommative e test sul libro
5 – Verifiche collettive di partiture con voto condiviso
6 – Prove orali (collegamenti)

Voto Descrittore
10 Conoscenza completa, esposizione chiara e organica, lessico appropriato e ricco.
Ascolto, produzione e lettoscrittura eccellenti.
REPERTORIO

9 Conoscenza completa, esposizione chiara, lessico appropriato.


Ascolto, produzione e lettoscrittura molto buoni.
8 Conoscenza generalmente completa, esposizione chiara, lessico corretto.
Ascolto, produzione e lettoscrittura buoni.
7 Conoscenza non del tutto completa, esposizione corretta, lessico essenziale.
Ascolto, produzione e lettoscrittura discreti.
6 Conoscenza dei contenuti basilari, esposizione comprensibile, lessico non sempre appropriato.
Ascolto, produzione e lettoscrittura sufficienti.
5 Conoscenza parziale, esposizione incerta, lessico povero.
Ascolto, produzione e lettoscrittura non sufficienti.
4 Conoscenza limitata, esposizione frammentaria, lessico approssimativo.
Ascolto, produzione e lettoscrittura scarsi.

35
PARTE 1 Risorse didattiche

Suggerimenti didattici e operativi


Volume A
Prima di cominciare
A inizio anno della classe prima queste attività di accoglienza possono aiutare il gruppo a instaurare
un sereno e reciproco scambio: la sezione infatti è volutamente aperta ai diversi punti di vista, al pen-
siero divergente e creativo, alle impressioni degli studenti che si aprono in un confronto costruttivo.
Parlare apertamente di musica, di canzoni, di colonne sonore, di strumenti musicali, di mestieri della
musica risulta accogliente e inclusivo. L’approccio consigliato è quello del cooperative learning: il do-
cente assiste alla discussione e interviene come moderatore, annotando le dinamiche del gruppo clas-
se, individuando i leader positivi, i critici, gli studenti in difficoltà. L’obiettivo è quello di far interveni-
re il più possibile tutti gli elementi del gruppo, affinché ognuno possa esprimere il proprio pensiero.

Parte 1, Unità 1
Fin dalla prima Unità è importante chiarire agli studenti che cosa impareranno e le modalità di lavo-
ro: ravvivare la lezione con esempi pratici, attività di ricerca in rete (Competenze in rete) e stimolare
la curiosità degli studenti attraverso gli approfondimenti interdisciplinari; far notare le parole chiave
(scritte in grassetto) per memorizzare meglio i concetti di base; utilizzare il libro digitale per la lettura
alla LIM ma far leggere anche i ragazzi a voce alta.
Ascoltare i brani proposti e svolgere sinteticamente le attività proposte (In pratica) in modo di evitare
la lezione frontale prolungata. Analizzare con cura il ripasso operativo che si troverà alla fine di ogni
Unità e utilizzarlo come spunto per una sintetica controprova orale per la verifica delle competenze.
A ogni fine Unità il docente può decidere se effettuare la verifica sul libro, la verifica sommativa pre-
sente nella Guida e/o alternare con le stesse verifiche prove orali singole e anche collettive. Alla fine di
ogni verifica sul libro è stata inserita una domanda aperta dove il docente può esprimere una iniziale
valutazione sul grado di senso critico e maturazione dello studente.

Parte 1, Unità 2
L’Unità affronta, prima degli strumenti musicali, lo studio e la comprensione delle formazioni strumen-
tali. Si tratta di un’Unità importante e trasversale che introduce un po’ tutte le famiglie strumentali e gli
stili, pertanto si consiglia di porre attenzione ai contenuti per impostare le basi delle lezioni successive.

Parte 1, Unità 3-4-5-6


Nei confronti di queste Unità dedicate agli strumenti musicali gli studenti dimostrano molto interesse
e motivazione. Qualora qualche studente già suoni uno strumento, suggeriamo di farlo portare nel
laboratorio e far seguire una dimostrazione pratica: l’interesse dei ragazzi aumenta quando vi sono
dei coetanei che possono essere da esempio. Anche lo stesso docente può portare il proprio strumento
e analizzarlo nella forma, nell’uso e nel suono.
Oltre agli esempi di ascolto audio, è in particolar modo utile far vedere i video in cui i diversi professio-
nisti spiegano in modo semplice, diretto e pratico le potenzialità degli strumenti. Anche qui le verifiche
potranno essere svolte in modo diversificato:
• verifica test scritta, sul libro (più semplice), individuale;
• verifica sommativa scritta, dalla Guida per il docente (un po’ più complessa), individuale;
• verifica scritta di gruppo (suggeriamo la sommativa con 2/3 alunni);
• prova orale individuale;
• presentazione da parte di un piccolo gruppo dell’argomento affrontato.

36
Suggerimenti didattici e operativi

Parte 2, Unità 1- 2
Nelle Unità della parte seconda, dedicate alla storia della musica, inizia un percorso teorico ma anche
pratico che può partire dalla classe prima con le Unità 1 e 2, ovvero il Medioevo e il Rinascimento. Può
essere stimolante elaborare a casa o in classe l’esercizio creativo presente, anche utilizzando la base
audio a disposizione nel digitale. Vi suggeriamo di seguire gli ascolti audio del libro e di confrontarli
con le proposte Competenze in rete, per approfondire i diversi stili che si possono affrontare con la

RISORSE DIDATTICHE
medesima composizione.
Può essere stimolante e divertente utilizzare i fumetti come storyboard per mettere in scena con la
classe l’episodio narrato o realizzare persino dei video.

Parte 2, Unità 3-4-5-6-7


In queste Unità il lavoro di ascolto si fa più impegnativo ma allo stesso tempo gratificante, per la quan-
tità di capolavori da affrontare, sia nell’ascolto che nell’analisi delle forme. L’approccio dovrà sempre
essere vario per stimolare maggiormente la curiosità degli studenti. I contenuti potranno essere ap-
profonditi attraverso la visione e il commento delle linee del tempo, per meglio affrontare l’Unità at-
traverso una visione storica interdisciplinare. Si suggerisce sempre di diversificare le verifiche di fine
Unità come descritto precedentemente, anche per testare l’acquisizione delle competenze. Le video
sintesi realizzate sui periodi potranno essere lo stimolo per realizzare lezioni con modalità Flipped

MATERIALI
classroom (per maggiori informazioni e suggerimenti si veda pp. 54-61 di questa Guida).

Parte 2, Unità 8-9-10-11-12-13


Per gli alunni di classe terza si suggerisce di stimolare la preparazione al colloquio pluridisciplinare
mediante i video e le linee del tempo presenti nel libro digitale. Le Unità che partono dal Novecento
racchiudono molti spunti per rendere ogni argomento attuale, per mezzo di discussioni (debate) e con-
fronti. Nella seconda parte dell’anno scolastico si consiglia di abituare gli studenti alle prove orali e a
presentazioni di argomenti collegati con altre materie, con attività in piccoli gruppi o individualmen-
te: nel volume vi sono molteplici collegamenti con tutte le materie e una sezione dedicata all’esame di
Stato propone tre percorsi che possono essere sviluppati seguendo le indicazioni. Anche le esperienze

SOLUZIONI
pratiche svolte nel laboratorio potranno essere un argomento di analisi e discussione durante il collo-
quio d’esame. Le pagine speciali denominate Musica in scena potrebbero essere da spunto per parlare
dei luoghi della musica nei vari periodi storici.

Volume B
Parte 1, Unità 1
REPERTORIO

Questa Unità vuole preparare teoricamente gli studenti verso una conoscenza consapevole dell’uso
della voce, della respirazione, dell’acquisizione delle varie tipologie di voci e di registri vocali. Il ca-
pitolo è corredato di esempi pratici e link utili per scoprire l’universo della voce-strumento, partico-
larmente attuale e vicino agli interessi dei giovani. L’esperienza del canto può essere accompagnata
dall’utilizzo del cartofono, lo strumento muto che aiuta a utilizzare la voce per intonare le note.

Parte1, Unità 2
L’Unità riguarda la grammatica musicale, in particolare la conoscenza delle note: si suggerisce di in-
sistere sulla memorizzazione della posizione delle note attraverso l’uso della mano: le cinque dita e i
quattro spazi sono una rappresentazione del pentagramma sempre… a portata di mano.

37
PARTE 1 Risorse didattiche

Parte 1, Unità 3
I valori delle note, la lettura ritmica e i simboli vengono sempre trattati in modo pratico con esercizi
dedicati. Si consiglia di insistere sulla lettura e sul definire bene gli accenti metrici dei vari tempi; spes-
so le classi suonano fuori tempo perché non differenziano gli accenti all’interno di ogni misura. Le pri-
me tre Unità si concludono con una verifica sommativa, da svolgere con una delle seguenti modalità:
• verifica sommativa scritta, dalla Guida per il docente (un po’ più complessa), individuale;
• verifica scritta di gruppo (suggeriamo la sommativa con 2/3 alunni);
• prova orale individuale;
• presentazione da parte di un piccolo gruppo dell’argomento affrontato.

Parte 1, Unità 4
Il ritmo, la melodia e l’accompagnamento sono tre aspetti che vengono eserciti nelle schede Cantando
con ritmo; la finalità è interiorizzare i valori musicali e metterli subito in pratica suonando melodie
accompagnate da semplici ostinati. Si suggerisce di far ascoltare le letture dal libro digitale ed eseguire
subito dopo lo schema ritmico e melodico.
Solitamente le classi prime arrivano alle letture delle pagine 50-53, passando da partiture dell’antolo-
gia e dal percorso graduale. In classe seconda si inizia ad acquisire, da pagina 54 in poi, la semicroma,
la croma col punto, la terzina di crome, i tempi composti. Naturalmente si possono eseguire le parti-
ture relative con le difficoltà affini. Per le classi terze, da pagina 62, inizia l’acquisizione del sistema
tonale. La scala maggiore, minore, il circolo delle quinte, gli intervalli, gli accordi. Si suggerisce di
affrontare questi argomenti con «leggerezza», essendo piuttosto complessi.

Parte 2, Unità 1-2-3-4


Vengono presentati i metodi per suonare, in modo chiaro e semplice. La teoria è accompagnata da
esercizi o brevi brani da suonare e ripetere per acquisire le tecniche di base dello strumento. Natural-
mente sono dei semplici prontuari introduttivi, utili per ottenere i primi suoni corretti e non incappa-
re in errori di impostazione.

Parte 3, Unità 1
In questa Unità si muovono i primi passi (step by step) verso la musica d’insieme, pertanto è richiesta
una conoscenza base nell’uso degli strumenti (appresa con gli esercizi della Parte 2). Si lavora appro-
fondendo piccoli gruppi di note, ripassando le posizioni delle note e provando (e riprovando) un pic-
colo spartito (Esercitati con le note). Poi si passa a uno spartito orchestrale più complesso.
Questo repertorio è molto utile per creare un «senso orchestrale» all’interno della classe, un’idea di
musica d’insieme dove le individualità talentuose spiccano e portano il gruppo a «suonare bene».
Nelle partiture si suggerisce di affidare le parti singole a seconda delle capacità. Nell’insieme ogni
funzione avrà la sua importanza, l’obiettivo sarà quello di condividere un migliore e soddisfacente
risultato d’assieme.

Parte 3, Unità 2
Questa Unità sulla scala pentatonica è propedeutica al lavoro sull’improvvisazione delle Unità succes-
sive. Per motivi stilistici e ritmici nel libro sono proposte work song, spiritual e gospel, materiali ritmi-
camente ricchi di sincopi, utili a far acquisire un linguaggio moderno, vicino alla realtà pop e rock degli
studenti. Si suggerisce di soffermarsi sulla lettura ritmica prima di eseguire con le note l’intero tema.
Sono state inserite tre tonalità maggiori e tre minori con le medesime cinque note della scala pentato-
nica e i modi relativi. I modi, in questo caso, non sono altro che tipi di scale che a seconda della nota
di partenza cambiano totalmente il senso melodico del brano, pur utilizzando le medesime note: suo-
nare Do-Re-Mi-Sol-La è completamente diverso che suonare La-Do-Re-Mi-Sol.

38
Suggerimenti didattici e operativi

Parte 3, Unità 3
I percorsi presenti nelle ultime due Unità del volume permettono di acquisire familiarità e sicurezza
nei confronti della creatività e dell’improvvisazione musicale, aspetti che rientrano nelle competenze
e nei traguardi delle Indicazioni nazionali. Il metodo proposto permette di raggiungere questi obietti-
vi, partendo con la formula domanda-risposta, con l’emulazione, con la ripetizione immediata, anche

RISORSE DIDATTICHE
senza spiegare molto in teoria. Si suggerisce di iniziare con poche note e ripeterle con un ritmo (anche
quello suggerito) sincopato: gli studenti scopriranno subito le infinite possibilità creative dell’improv-
visazione.
L’approccio può essere affrontato attraverso molteplici strategie didattiche: ogni alunno esegue la
propria breve frase originale e tutta la classe insieme risponde con un tema concordato. È possibile,
gradatamente, realizzare un’improvvisazione collettiva, purché si proceda in modo graduale, uno alla
volta. In questa fase improvvisativa si potrà far suonare a tutti la stessa frase ritmica ma con note di-
verse della scala.
È opportuno che il docente riveda le improvvisazioni scritte da ciascun alunno, che le corregga e le
faccia poi eseguire singolarmente agli studenti. Se la base musicale fosse troppo veloce, si consiglia di
suonare senza base fino a quando si acquisisce sicurezza.
Oltre a seguire le indicazioni del testo, ciascun insegnante può proporre un esempio originale, facen-
dolo poi eseguire a tutta la classe.

MATERIALI
Parte 3, Unità 4
Con l’utilizzo delle basi, ma anche visionando il video, si parte con la solita formula domanda-risposta
per acquisire le note da utilizzare nell’improvvisazione. Si parte da tre semplici note per aggiungere
gradatamente altri suoni e completare la serie della scala. Successivamente si spazia in altre tonalità
ma con la stessa idea di percorso. I sedici riffs sul giro armonico blues possono essere letti come sem-
plici temi, oppure si possono utilizzare alternandoli a delle improvvisazioni o a temi scritti.

Compiti di realtà

SOLUZIONI
I compiti di realtà sono dei percorsi interdisciplinari che trattano diverse aree tematiche e permettono
di sperimentare in modo pratico l’utilizzo della musica in ambiti diversi proprio per capire come si
può arrivare a utilizzare «praticamente» le conoscenze e le abilità acquisite in ambito musicale colle-
gandole ad altre discipline e situazioni: cittadinanza attiva, arte e immagine, tecnologia, lingua italia-
na e persino matematica. Una serie di compiti originali e divertenti che punta a stimolare la creatività
degli studenti in modo semplice ma altrettanto efficace, interagendo con discipline diverse.

REPERTORIO

39
PARTE 1 Risorse didattiche

Esempio di lezione
Di seguito si propone un esempio di lezione da svolgere in classe prima, per la quale si considera un
modulo di due ore unite.

Test d’ingresso
Pagine 108-111 della presente Guida.

Si canta subito
In un tempo non molto lontano cantare non era solo un modo per passare il tempo. Il canto serviva
per dare il ritmo al lavoro, per stemperare la fatica, per vincere la paura, per creare unità. Oggi è sem-
pre più difficile sentir cantare per strada e quando i ragazzi sono invitati a farlo si vergognano.
Iniziare la prima lezione cantando a memoria un brano presuppone qualcosa di «memorabile» e di
memorizzabile, che si possa ricordare nel tempo, in modo da permettere agli alunni di fissare nella
memoria l’esperienza appena vissuta. Se accompagnata da un percorso strutturato questa pratica po-
trà abituare il ragazzo a un approccio meno rigido e «scolastico» alla materia.
Cantare a memoria significa anche concentrarsi su una corretta impostazione vocale e, più semplice-
mente, imparare una canzone, un piccolo tassello del nostro futuro repertorio.
A ogni canzone dedichiamo al massimo 30 minuti di lezione. Non è assolutamente funzionale né utile
volersi «incaponire» se una cosa non riesce alla perfezione.
Prima di cominciare è importante rivedere alcune semplici indicazioni: potrebbe essere utile ripassa-
re il decalogo per cantanti a pagina 8 del volume B.
La prima canzone che proponiamo, quindi, deve essere una canzone «positiva» o del «buon umore»:
l’esempio che segue fa riferimento al brano All together now dei The Beatles (a pagina 84 del volume
C); in alternativa si può scegliere qualsiasi altro brano inserito nel capitolo «Canzoni del buon umore»
dell’antologia presente nel volume C.

In pratica
Per far memorizzare bene il testo ai ragazzi, partite voi stessi a recitare il primo verso scandendo chia-
ramente le parole, quindi fatelo ripetere a tempo come un coro parlato, ovvero senza l’intonazione.

Esempio
Insegnante: ONE, TWO, THREE, FOUR, CAN I HAVE A LITTLE MORE,
FIVE, SIX, SEVEN, EIGHT, NINE, TEN I LOVE YOU.
Classe: ONE, TWO, THREE, FOUR, CAN I HAVE A LITTLE MORE,
FIVE, SIX, SEVEN, EIGHT, NINE, TEN I LOVE YOU.

Procedete separatamente con gli altri versi fino a quando sarete sicuri che gli alunni li abbiano impa-
rati tutti. A volte potrebbe essere d’aiuto abbinare ogni verso a un gesto che aiuti a memorizzare la
scansione del brano, nel caso specifico potrebbero essere i numeri.
Una volta appreso il testo ripetete il procedimento intonando le note della canzone. Quando i ragazzi
avranno appreso il brano fate ascoltare loro la versione cantata.

A questo punto sarete pronti per eseguire All together now con l’aiuto della base o con l’accompagna-
mento di uno strumento.

40
Esempio di lezione

Esercitiamoci con il cartofono


Il cartofono non è altro che una rappresentazione bidimensionale della tastiera dello xilofono, realiz-
zata dai ragazzi su cartoncino A4 o A3 e costruita con lo scopo di imparare a discriminare le altezze
dei suoni.
L’uso di questo supporto permette ai ragazzi di acquisire una capacità intuitiva di lettura ed esecu-
zione delle altezze dei suoni. Con il cartofono lo studente può esercitarsi anche a casa «pensando» ai

RISORSE DIDATTICHE
suoni e cantandoli prima ancora di eseguirli con uno strumento, cosa che poi faciliterà la successiva
esecuzione con la tastiera o con un metallofono.
Imparare a coordinare il movimento/suono con lo stratagemma del cartofono è una lezione prepara-
toria alla lettura e all’esecuzione di qualsiasi tema o rielaborazione (a volte può essere utile preparare
prima tutta la lezione «sulla carta» e poi passare in laboratorio e suonare con gli strumenti).
Sono disponibili due versioni del cartofono: quella diatonica, con le sole note naturali oppure quella
cromatica, con le note naturali e alterate (entrambi disponibili nei contenuti digitali del volume B).

MATERIALI
SOLUZIONI

Tema e variazioni a memoria


REPERTORIO

Riuscire a suonare un brano nell’arco di un’ora crea nella classe e nell’insegnante autostima reciproca
e senso di appartenenza al gruppo; condividere un risultato d’insieme fin dalle prime lezioni favorisce
la consapevolezza del potenziale musicale collettivo e individuale.
Con le piastre (xilofoni, metallofoni e glockenspiel) il risultato è più immediato rispetto al flauto dolce,
dato che per il flauto nel brano proposto c’è lo scoglio del Do basso. Anche la tastiera può essere più
istintiva, magari aiutando i ragazzi a ricordare la posizione del Do, prima dei 2 tasti neri, e del Fa, pri-
ma dei tre tasti neri (per ripassare vedere pagina 84 del volume B).
La chitarra la prenderemo in considerazione in seguito come strumento iniziale di accompagnamento
(bassi e accordi). Le percussioni saranno il coronamento ideale che completerà l’orchestra-classe, ma
anche queste le prenderemo in considerazione successivamente.
In questa prima lezione tutti suonano il tema e le successive variazioni (per approfondire vedere pa-
gina 155 del volume A).

41
PARTE 1 Risorse didattiche

Prima fase
Una melodia così semplice la può suonare anche un bambino molto piccolo! Il nostro primo obiettivo
è però far suonare a memoria l’intero tema con la struttura AABA (rallentando alla fine del B) come
nell’esposizione della versione di Mozart. Si consiglia di ripetere più volte il tema completo, magari
cambiando intensità, velocità e timbri strumentali a seconda dei mezzi in uso del laboratorio.

Ah! Vous dirai-je, Maman


Tema

Seconda fase
Improvvisare non è da tutti…
Anche se la cosa può spaventare chi è restio a «buttarsi» senza la parte scritta, variare il ritmo di
questo tema è sorprendentemente semplice. La nota ribattuta ci permette di modulare un primo cam-
biamento e adattarlo a tutto il tema. Qui abbiamo inserito alcune proposte di variazione scritte. Sono
da eseguire, a memoria, insieme ai ragazzi. In questo caso sarà l’insegnante a proporre le prime varia-
zioni cercando sempre di rispettare la struttura e cambiando solo il ritmo, mantenendo le stesse note.

Esempio n. 1 Ah! Vous dirai-je, Maman


Semplice variazione

Esempio n. 2 Ah! Vous dirai-je, Maman


Variazione ritmica semplice

42
Esempio di lezione

Terza fase
Ora saranno i ragazzi a proporre il brano, ovvero la loro variazione.
Ogni studente suona la propria variazione, ripresa successivamente da tutta la classe.
Qui di seguito riportiamo alcuni esempi di variazioni al tema scritti dagli studenti.

Esempio n. 1 Ah! Vous dirai-je, Maman

RISORSE DIDATTICHE
Variazione proposta da uno studente

Esempio n. 2 Ah! Vous dirai-je, Maman


Variazione proposta da uno studente

MATERIALI
Quarta fase

SOLUZIONI
Giunti a questo punto, si può azzardare a cambiare leggermente anche qualche nota come negli esem-
pi scritti. Attenzione a non strafare: inserendo troppi cambi si potrebbe rendere l’esecuzione troppo
complessa o si potrebbe perdere il senso del tema. In questa fase i ragazzi il più delle volte sorprendo-
no per abilità e assimilazione.

Quinta fase
Infine si può far ascoltare alla classe alcune o tutte le variazioni di Mozart su questo tema.
I valori e la lettura delle note saranno spiegati dopo che gli alunni le avranno già suonate a memoria.
REPERTORIO

Ah! Vous dirai-je, Maman


Variazione ritmica e melodica

43
PARTE 1 Risorse didattiche

L’Unità di Apprendimento
Di Claudia Ferri, docente

Perché le Unità di Apprendimento?


L’idea di frazionare la programmazione annuale in sotto-unità in sé compiute appartiene al mondo
anglosassone e nasce da considerazioni meramente pratiche, dalla constatazione, cioè, che è impos-
sibile, per un insegnante, tenere contemporaneamente e costantemente sott’occhio tutti gli obiettivi;
è invece molto più semplice stabilire su quale «pacchetto» di obiettivi concentrarsi di volta in volta,
suddividendo quindi il corso in tanti segmenti o mini-corsi.
Per sgomberare il campo dal pregiudizio che la nostra scuola voglia imitare passivamente e pedis-
sequamente quella anglosassone, va aggiunto che sono stati poi gli italiani a costruire l’involucro
teorico attorno a questa prassi, definendo le caratteristiche che ogni Unità di Apprendimento deve
avere. L’UdA deve motivare gli alunni mettendoli di fronte a situazioni problematiche, dissonanze
cognitive, analogie e differenze; attivare le loro risorse cognitive e personali, coinvolgerli mediante
metodologie diverse e stimolanti. In ultima analisi, le UdA spingono l’insegnante a rivedere l’approc-
cio con la classe e con la disciplina e, in conformità con le Indicazioni nazionali, pongono il discente
in una posizione centrale. L’alunno non è meno importante della disciplina insegnata, anzi, le sue esi-
genze sono prioritarie, vanno sempre tenute presenti e costantemente mediate con le esigenze della
programmazione.

Un approccio diverso con la classe


Tradizionalmente, la scuola era il luogo dove si «tramandavano» i saperi: in questa ottica la lezione
frontale, dove chi sa, parla e chi ancora non sa, ascolta, era la metodologia dominante. Le UdA im-
pongono, con la prescrittiva presenza di differenti metodologie, di ridurre lo spazio destinato alla
lezione frontale. Quindi l’insegnante è spinto a ripensarsi, a progettare costantemente la sua azione
didattica, a registrare in modo analitico l’efficacia di una prassi rispetto a un’altra. Lavorare per UdA
significa, per un insegnante, porsi nella stessa condizione in cui dovrebbe mettere i suoi alunni: pro-
blematica, attiva, flessibile, sperimentale, creativa. Questo ovviamente non implica che le UdA abbia-
no un carattere improvvisato ed estemporaneo: al contrario, la loro efficacia è strettamente legata alla
qualità della progettazione.
In questa fase è infatti necessario che l’insegnante abbia una visione chiara della situazione di parten-
za della classe rispetto ai traguardi di competenza, in modo da definire con chiarezza:
- gli obiettivi da raggiungere, strettamente legati ai traguardi di competenza e alle competenze tra-
sversali;
- le metodologie di cui avvalersi;
- i tempi e gli spazi;
- le fasi attraverso cui articolare l’UdA;
- gli strumenti per la verifica degli apprendimenti;
- gli strumenti per la valutazione delle competenze.
In questa cornice apparentemente rigida e inflessibile, occorre prevedere dei margini per «aggiustare
il tiro» strada facendo. Si tratta, come si può ben vedere, di un’operazione piuttosto complessa, ma
l’attenzione dedicata a una buona progettazione sarà ampiamente ripagata dai risultati.
Il primo corollario di una progettazione di questo tipo è che l’insegnante non deve avere fretta. Si ca-
pisce bene, infatti, che lavorare con le UdA richiede una dilatazione del tempo rispetto alla pratica
trasmissiva della lezione frontale. Questo implica un recupero dell’epistemologia della disciplina per
estrapolarne i nuclei fondanti e su questi insistere. Non si tratta di una diminutio, ma di uno sposta-
mento di attenzione dalla quantità alla qualità, traslazione necessaria se si considera che la scuola
non detiene più il monopolio della cultura ma può ancora (e deve) fare molto sulla formazione della
persona intesa in senso più profondo.

44
L’Unità di Apprendimento

Una valutazione globale


Nell’arco dell’UdA si presentano diversi momenti di valutazione. In itinere, mediante l’osservazione
diretta del docente, è possibile valutare il processo, cioè come agiscono gli alunni durante il lavo-
ro. Le evidenze più topiche in questa fase sono: puntualità, impegno, creatività, disponibilità a colla-
borare, capacità di risolvere i problemi.
Lo strumento più agile per effettuare un’osservazione puntuale e precisa è senz’altro la griglia. Il do-

RISORSE DIDATTICHE
cente dovrà quindi, in fase di progettazione, fissare le evidenze che intende osservare durante il
processo e costruire un’apposita griglia da compilare strada facendo. Normalmente, le evidenze legate
al processo sono riconducibili a competenze trasversali quali «Competenza personale, sociale e capa-
cità di imparare a imparare» o «Competenza in materia di cittadinanza».
Al termine dell’UdA, o al termine di singole fasi della stessa, si deve valutare il prodotto (o i prodotti).
Le dimensioni variano a seconda del prodotto stesso (pertinenza, efficacia, completezza, correttezza
ecc.) e possono portare a una valutazione di tipo disciplinare legata agli obiettivi di apprendimento e
a una relativa ai traguardi di competenza (le evidenze o gli atteggiamenti che mostrano come l’allievo
mobiliti le sue risorse per risolvere un problema o eseguire un compito in situazione). Per questo,
specialmente se l’UdA prevede un solo prodotto, questo deve essere tale da richiedere all’alunno di
mobilitare le sue risorse e «agirle».
C’è poi un terzo aspetto connesso alla valutazione: il processo autovalutativo che l’alunno deve
condurre su se stesso e sul suo lavoro. Questo favorisce la dimensione metacognitiva e consente

MATERIALI
di riflettere sul percorso svolto in modo da interiorizzarlo. Lo strumento più adatto a questa fase è
la relazione individuale da redigere seguendo un apposito
schema predisposto dal docente. In alternativa, il docente Modello per la relazione individuale
può preparare una griglia precompilata, affiancata alla sua e
1. Descrivi il percorso dell’attività indi-
con i medesimi criteri di valutazione, a ciascuno dei quali l’a-
cando le varie fasi.
lunno dovrà assegnare un livello. Questo strumento è senza 2. Racconta come si è svolto il lavoro di
dubbio più agile della relazione e ha il pregio di consentire gruppo e che cosa hai fatto tu.
una facile tabulazione dei risultati che renda evidente il qua- 3. Racconta come hai svolto il lavoro
dro della classe, rendendo gli alunni consapevoli dei criteri individuale.
utilizzati dall’insegnante. Tuttavia è di solito meno profondo 4. Indica quali difficoltà hai incontrato e

SOLUZIONI
come le hai superate.
della relazione e, poiché le UdA solitamente privilegiano il
5. Spiega che cosa hai imparato e che
lavoro di gruppo, la relazione dà all’insegnante la possibili- cosa hai imparato a fare.
tà di esprimere una valutazione individuale dell’alunno in 6. Ipotizza un paio di situazioni in cui ciò
modo più ponderato. che hai imparato ti potrà essere utile.
Qui a fianco proponiamo un modello per la relazione indi- 7. Indica che cosa, secondo te, devi anco-
viduale. Negli strumenti di valutazione delle singole UdA si ra imparare.
8. Valuta il lavoro da te svolto rispetto ai
può invece trovare il modello a griglia. Si possono anche uti-
criteri indicati dall’insegnante.
lizzare entrambi, insieme o alternandoli.
REPERTORIO

UdA e Compiti di realtà


Solitamente, al termine di ogni Unità di Apprendimento, è previsto un prodotto la cui realizzazione
può configurarsi come un Compito di realtà. Quest’ultimo, tuttavia, può avere anche una sua dimen-
sione autonoma. In questo corso, infatti, si possono trovare, nel manuale dello studente, dei compiti di
realtà da svolgere a prescindere dalle Unità di Apprendimento. D’altro canto, le seguenti Unità di Ap-
prendimento, in quanto prevedono la realizzazione di un prodotto finale, possono essere considerate
autonome rispetto ai compiti di realtà. Tuttavia, per assicurare maggiore organicità e completezza, si
è pensato di progettare delle UdA che vertano soprattutto sullo sviluppo di metodologie funziona-
li all’apprendimento (nello spirito generale del corso). Questo le rende particolarmente versatili: si
possono somministrare in qualsiasi momento dell’anno e non necessariamente in concomitanza con il
volume del corso suggerito; si possono abbinare ai compiti di realtà a esse associati, ma anche agli altri.

45
PARTE 1 Risorse didattiche

Esempio di Unità di Apprendimento


Descrizione dell’Unità di Apprendimento
Denominazione Leggo e mi informo. Il giornale in classe.

Prodotti • Scheda individuale interdisciplinare sul giornale in vista del colloquio pluridisciplinare.
• Cartellone per ogni classe terza sugli articoli discussi mensilmente per ogni materia e per
più materie.
• Vademecum utile per la lettura del quotidiano.
• Creazione di un sito ad hoc per l’analisi e il confronto degli articoli o pubblicazione nel sito
web della scuola.

Competenze Competenza alfabetica funzionale


• Leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo.
• Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi.
• Riflettere sulla lingua e sulle sue regole di funzionamento.

Competenza digitale
• Utilizzare con dimestichezza le più comuni tecnologie dell’informazione e della comunica-
zione, individuando le soluzioni potenzialmente utili a un dato contesto applicativo, a partire
dall’attività di studio.
• Comprendere frasi ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza
(ad esempio informazioni di base sulla persona e sulla famiglia, acquisti, geografia locale,
lavoro), da interazioni comunicative o dalla visione di contenuti multimediali, dalla lettura di
testi.

Competenza in materia di cittadinanza


• A partire dall’ambito scolastico, assumere responsabilmente atteggiamenti, ruoli e
comportamenti di partecipazione attiva e comunitaria.

Abilità • Riconoscere le diverse parti del quotidiano.


• Utilizzare le tecniche di lettura con diverso obiettivo.
• Riconoscere e produrre testi appartenenti alle principali tipologie.
• Applicare strategie per la comprensione globale e selettiva di testi e messaggi semplici e
chiari, scritti, orali e multimediali, su argomenti noti inerenti al sociale e all’attualità.
• Raccogliere, organizzare e rappresentare informazioni.
• Utilizzare gli strumenti informatici nelle applicazioni d’interesse, nelle discipline di area
generale e di indirizzo.
• Leggere ad alta voce in modo espressivo testi noti raggruppando le parole legate dal signifi-
cato e usando pause e intonazioni per seguire lo sviluppo del testo e permettere a chi ascolta
di capire.
• Utilizzare testi funzionali di vario tipo per affrontare situazioni della vita quotidiana.

Conoscenze • Struttura del quotidiano.


• Tecniche di lettura.
• Tipologia di testi e di linguaggi.
• Strutture essenziali dei testi descrittivi, espositivi, narrativi, espressivi, valutativi-interpreta-
tivi, regolativi.
• Tecniche di rappresentazione di testi e di dati.
• Distribuzione di frequenze e rappresentazioni grafiche.
• Contesto, scopo, destinatario della comunicazione.
• Tecniche di lettura analitica e sintetica.

Utenti destinatari • Studenti di classe terza della scuola secondaria di primo grado.

Prerequisiti • Leggere e comprendere semplici testi.

Tempi • Primo e secondo quadrimestre: ottobre-giugno.

Esperienze • Attività di progetto «Leggo e mi informo»


da attivare • Incontro con giornalisti
• Film (da definire) e dibattito
• Testimonianze e interviste
• Visita al giornale

Metodologia • Brainstorming
• Lezione frontale
• Lavoro di gruppo per ricerca informazioni/raccolta dati e apprendimento cooperativo
• Interviste
• Analisi degli articoli

46
L’Unità di Apprendimento

Risorse umane • Docenti dell’Istituto


interne ed esterne • Referenti di classe per il progetto
• Docenti di classe
• Incontro con il giornalista

Strumenti • LIM
• PC e laboratorio informatica
• Pannelli e cartelloni
• Materiale per disegno

RISORSE DIDATTICHE
• Spazi per allestimento mostra degli elaborati

Valutazione • La valutazione di processo sarà realizzata mediante osservazione diretta dei docenti in merito
ai comportamenti e agli atteggiamenti manifestati dagli studenti con riferimento alle compe-
tenze stimolate.
• La valutazione di prodotto sarà realizzata in base alle caratteristiche dei materiali presentati
in funzione della significatività, dell’efficacia comunicativa, della completezza degli argomen-
ti proposti e della correttezza formale dei testi elaborati, dell’estetica della realizzazione,
dell’adeguatezza al target.
• I livelli di competenza sono fissati in funzione del grado di autonomia e responsabilità con cui
lo studente compie le azioni individuate come evidenze/descrittori della competenza stessa.

Consegna agli studenti


Titolo UdA: LEGGO E MI INFORMO. IL GIORNALE IN CLASSE.

MATERIALI
Cosa si chiede di fare: in questo percorso verrà approfondito il tema dell’analisi del quotidiano; affrontiamo questo
argomento, che riteniamo importante nell’adolescenza, per aiutarti a comprendere meglio l’attualità attraverso la
lettura e l’informazione.
Gli argomenti che servono saranno proposti attraverso lezioni frontali, con l’aiuto dei tuoi insegnanti, ma ci sarà
spazio anche per lavori di gruppo e momenti di discussione e di presentazione del proprio lavoro alla classe. Sarai
protagonista di questo percorso.
Quali prodotti: in maggio allestiremo una piccola mostra che rappresenti e riassuma gli aspetti più significativi del
percorso e il risultato dei vostri approfondimenti.
Che senso ha (a cosa serve, per quali apprendimenti): con questa Unità di Apprendimento si vuole dimostrare che
la scuola fornisce i mezzi per diventare consapevoli dei problemi che si incontrano nella quotidianità per affrontarli e
anche risolverli. Tutto ciò che puoi apprendere a scuola è uno strumento utile per comprendere la realtà e fare scelte
consapevoli.

SOLUZIONI
Tempi: il lavoro si svolgerà da ottobre fino alla fine dell’anno scolastico (i quotidiani arriveranno il martedì, il giovedì e
il venerdì).
Risorse (strumenti, consulenze, opportunità…): oltre alle attività didattiche, ci sarà un incontro con esperti esterni,
guarderemo assieme un film che tratta dell’argomento, faremo ricerche su internet. Soprattutto analizzeremo gli
articoli di varie pagine con più insegnanti, confrontando linguaggi, punti di vista, idee e pensieri.
Criteri di valutazione: in questo percorso valuteremo il vostro comportamento, la collaborazione nel gruppo, il ri-
spetto per i compagni, la puntualità nel portare a termine le consegne. Sarà valutata anche la capacità comunicativa,
intesa come uso corretto dei linguaggi necessari per raccogliere i dati e realizzare il prodotto. Prepareremo articoli
analizzati nel corso dell’anno nelle varie discipline da portare come lavoro interdisciplinare per il colloquio dell’esa-
me di stato.
REPERTORIO

L’UdA sarà anche un’occasione di valutazione del profitto nelle materie coinvolte.

Piano di lavoro

Unità di Apprendimento: Leggo e mi informo. Il giornale in classe.

Coordinatore: ........................................................................................................................................................................................................................................................................

Collaboratori: italiano, scienze, musica, tecnologia, educazione fisica, arte e immagine, religione, inglese, altra lingua.

47
PARTE 1 Risorse didattiche

Specificazione delle fasi


Fasi Attività Strumenti Esiti Tempi

1 Presentazione dell’unità Consegna della scheda Consapevolezza delle Ottobre


di apprendimento di presentazione (conse- finalità da raggiungere e
gna agli studenti) del percorso da svolgere

2 Struttura del giornale, Presentazione Consapevolezza del Novembre-dicembre


analisi dei primi articoli problema

3 Analisi e confronti degli Lezioni frontali, ricerca Acquisizione di cono- Gennaio-febbraio


articoli nelle varie disci- del materiale, presenta- scenze e abilità nelle di-
pline zione dei singoli gruppi verse discipline coinvolte
alla classe

4 Raccolta di articoli Vademecum, schede, Acquisizione di espe- Marzo


esemplari (per il cartel- sito rienza nell’uso degli
lone): impostazione strumenti necessari

5 Realizzazione di mate- PC, aula informatica, Cartelloni, disegni, im- Aprile


riali (cartelloni, impo- materiali da cancelleria magini assemblate se-
stazione del sito, scheda per i cartelloni condo un percorso logico
per l’esame di stato) e significativo, funzionale
alla trasmissione del
messaggio

6 Presentazione dei mate- Materiali prodotti Diffusione e pubblicazio- Maggio-giugno


riali in occasione del col- (scheda, cartelloni, sito) ne dei risultati di lavoro
loquio pluridisciplinare

Tempi
Fasi Ottobre Novembre Dicembre Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno
1
2
3
4
5
6

Schema della relazione individuale dello studente


Descrivi il percorso generale dell’attività: .................................................................................................................................................................................................................................................
...................................................................................................................................................................................................................................................................

Indica come avete svolto il compito e cosa hai fatto tu: ........................................................................................................................................................................................................
............................................................................................................................................................................................................................................................................

Indica quali crisi hai dovuto affrontare e come le hai risolte: .......................................................................................................................................................................................
..............................................................................................................................................................................................................................................................................

Che cosa hai imparato da questa Unità di Apprendimento? ...........................................................................................................................................................................................


..............................................................................................................................................................................................................................................................................

Cosa devi ancora imparare? ..........................................................................................................................................................................................................................................................................................


.............................................................................................................................................................................................................................................................

Come valuti il lavoro da te svolto? .........................................................................................................................................................................................................................................................................


...............................................................................................................................................................................................................................................................

48
Griglie di valutazione per i compiti di realtà

Griglie di valutazione per i compiti di realtà


Compito di realtà 1 - Musica e... Arte e immagine
Esprimere emozioni con musica, linee e colori
MUSICA

RISORSE DIDATTICHE
RUBRICA DI VALUTAZIONE COMPETENZA MUSICA
Musicalità nell’esecuzione d’insieme (ascoltarsi, condividere il ritmo, le dinamiche e l’espressione).

LIVELLO EVIDENZE
A - AVANZATO Guida con musicalità il brano utilizzando consapevolmente le abilità musicali acquisite.
B - INTERMEDIO Segue con musicalità il brano utilizzando le abilità musicali acquisite.
C - BASE Segue il gruppo eseguendo semplici figure musicali.
D - INIZIALE Se guidato, segue il gruppo mantenendo una pulsazione base.

RUBRICA DI VALUTAZIONE DI GRUPPO COMPETENZA MUSICA


Scrittura del brano.

MATERIALI
LIVELLO EVIDENZE
A - AVANZATO Utilizza consapevolmente le proprie idee musicali e produce un tema originale.
B - INTERMEDIO Utilizza le conoscenze e rielabora idee musicali compiute.
C - BASE Produce un tema semplice ma funzionale applicando alcune conoscenze.
D - INIZIALE Se guidato, compone un semplice tema.

ARTE E IMMAGINE
RUBRICA DI VALUTAZIONE DI GRUPPO COMPETENZA ARTE E IMMAGINE
Realizzazione di una composizione astratta a tema musicale.

SOLUZIONI
LIVELLO EVIDENZE
A - AVANZATO Padroneggia le proprie conoscenze e sperimenta autonomamente e consapevolmente nuove
tecniche, realizzando una composizione originale ed efficace.
B - INTERMEDIO Utilizza le conoscenze e sperimenta autonomamente nuove tecniche realizzando una composi-
zione personale ed efficace.
C - BASE Realizza una composizione semplice ma efficace, applicando alcune conoscenze sul linguag-
gio visivo e sulle tecniche.
D - INIZIALE Se guidato, realizza una semplice composizione, scegliendo tecniche e materiali.

Compito di realtà 2 - Musica e... Tecnologia


REPERTORIO

Un dado per creare musica... a caso!


MUSICA
RUBRICA DI VALUTAZIONE COMPETENZA MUSICA
Musicalità nell’esecuzione d’insieme (ascoltarsi, condividere il ritmo, le dinamiche e l’espressione).

LIVELLO EVIDENZE
A - AVANZATO Guida con musicalità il brano utilizzando consapevolmente le abilità musicali acquisite.
B - INTERMEDIO Segue con musicalità il brano utilizzando le abilità musicali acquisite.
C - BASE Segue il gruppo eseguendo semplici figure musicali.
D - INIZIALE Se guidato, segue il gruppo mantenendo una pulsazione base.

49
PARTE 1 Risorse didattiche

RUBRICA DI VALUTAZIONE DI GRUPPO COMPETENZA MUSICA


Riscrittura del brano.

LIVELLO EVIDENZE
A - AVANZATO Utilizza consapevolmente le proprie idee musicali e rielabora il tema in modo originale.
B - INTERMEDIO Utilizza le conoscenze e rielabora idee musicali compiute.
C - BASE Trasforma un tema semplice applicando alcune conoscenze.
D - INIZIALE Se guidato, è in grado di distinguere l’accompagnamento dalla melodia.

TECNOLOGIA
RUBRICA DI VALUTAZIONE DI GRUPPO COMPETENZA TECNOLOGIA
Realizzazione di un cubo di carta o di cartoncino.

LIVELLO EVIDENZE
A - AVANZATO In autonomia e in modo originale analizza e interpreta la realizzazione di figure geometriche
tridimensionali.
B - INTERMEDIO In autonomia, realizza figure geometriche tridimensionali.
C - BASE In situazioni semplici, realizza figure geometriche tridimensionali.
D - INIZIALE In situazioni semplici e note, realizza, se guidato, figure geometriche tridimensionali.

Compito di realtà 3 - Musica e... Lingua straniera


Role playing in music
MUSICA
RUBRICA DI VALUTAZIONE COMPETENZA MUSICA
Progettare e realizzare eventi che integrino storia della musica e lingua straniera.

LIVELLO EVIDENZE
A - AVANZATO Organizza con abilità e originalità la realizzazione dell’evento utilizzando consapevolmente le
abilità acquisite.
B - INTERMEDIO Apporta delle idee creative utilizzando le abilità acquisite.
C - BASE Partecipa alla progettualità e collabora all’allestimento.
D - INIZIALE Se guidato, partecipa alla progettualità eseguendo un compito semplice.

LINGUA STRANIERA
RUBRICA DI VALUTAZIONE DI GRUPPO COMPETENZA LINGUA STRANIERA
Elaborare un testo in lingua straniera ed esporlo in modo espressivo.

LIVELLO EVIDENZE
A - AVANZATO Elabora ed espone il testo in lingua straniera interpretandolo in modo espressivo, originale ed
efficace.
B - INTERMEDIO Elabora ed espone il testo in lingua straniera autonomamente.
C - BASE Espone il testo in lingua straniera in modo autonomo.
D - INIZIALE Se guidato, elabora ed espone un semplice testo in lingua straniera.

50
Griglie di valutazione per i compiti di realtà

Compito di realtà 4 - Musica e... Matematica


Costruiamo il monocordo pitagorico
MUSICA
RUBRICA DI VALUTAZIONE COMPETENZA MUSICA
Integrare con altri saperi le proprie esperienze musicali, servendosi anche di appropriati codici e si-

RISORSE DIDATTICHE
stemi di codifica.

LIVELLO EVIDENZE
A - AVANZATO Integra autonomamente con altri saperi le proprie esperienze musicali, padroneggiando anche
appropriati codici e sistemi di codifica.
B - INTERMEDIO Integra con altri saperi le proprie esperienze musicali, servendosi anche di appropriati codici e
sistemi di codifica.
C - BASE Effettua collegamenti tra le proprie esperienze musicali e altri saperi, applicando sistemi di
codifica basilari.
D - INIZIALE Se guidato, riconosce collegamenti tra le proprie esperienze musicali e altri saperi e pratiche.

MATEMATICA

MATERIALI
RUBRICA DI VALUTAZIONE DI GRUPPO COMPETENZA MATEMATICA
Analizzare e interpretare rappresentazioni di dati per ricavarne misure di variabilità e prendere de-
cisioni.

LIVELLO EVIDENZE
A - AVANZATO Analizza e interpreta in autonomia e in modo originale rappresentazioni di dati per ricavarne
misure di variabilità e prendere decisioni.
B - INTERMEDIO Analizza e interpreta in autonomia rappresentazioni di dati per ricavarne misure di variabilità e
prendere decisioni.
C - BASE Analizza e interpreta in autonomia rappresentazioni di dati in situazioni semplici, per ricavarne
misure di variabilità e prendere decisioni.

SOLUZIONI
D - INIZIALE In situazioni semplici e note, se guidato, legge e interpreta rappresentazioni di dati per pren-
dere decisioni.

Compito di realtà 5 - Musica e... Italiano


Un giorno per far conoscere la vostra scuola
MUSICA
REPERTORIO

RUBRICA DI VALUTAZIONE DI GRUPPO COMPETENZA MUSICA


Riscrittura del brano.

LIVELLO EVIDENZE
A - AVANZATO Utilizza consapevolmente le proprie idee musicali e produce un tema originale.
B - INTERMEDIO Utilizza le conoscenze e rielabora idee musicali compiute.
C - BASE Produce un tema semplice ma funzionale applicando alcune conoscenze.
D - INIZIALE Se guidato, compone un tema semplice.

51
PARTE 1 Risorse didattiche

ITALIANO
RUBRICA DI VALUTAZIONE DI GRUPPO COMPETENZA ITALIANO
Produrre testi multimediali utilizzando in modo efficace l’accostamento dei linguaggi verbali con
quelli iconici e sonori.

LIVELLO EVIDENZE
A - AVANZATO Produce in modo efficace e originale testi multimediali adeguati alle varie richieste.
B - INTERMEDIO Produce testi multimediali adeguati alle varie richieste.
C - BASE Produce semplici testi multimediali sostanzialmente adeguati alle varie richieste, seguendo
procedure basilari.
D - INIZIALE Se guidato, produce semplici testi multimediali sostanzialmente adeguati alle varie richieste,
seguendo procedure basilari.

Compito di realtà 6 - Musica e... Educazione civica


Il rap della Costituzione
MUSICA
RUBRICA DI VALUTAZIONE COMPETENZA MUSICA
Musicalità nell’esecuzione d’insieme (ascoltarsi, condividere il ritmo, le dinamiche e l’espressione).

LIVELLO EVIDENZE
A - AVANZATO Guida con musicalità il brano utilizzando consapevolmente le abilità musicali acquisite.
B - INTERMEDIO Segue con musicalità il brano utilizzando le abilità musicali acquisite.
C - BASE Segue il gruppo eseguendo semplici figure musicali.
D - INIZIALE Se guidato, segue il gruppo mantenendo una pulsazione base.

RUBRICA DI VALUTAZIONE DI GRUPPO COMPETENZA MUSICA


Musicare i testi delle canzoni.

LIVELLO EVIDENZE
A - AVANZATO Utilizza consapevolmente le proprie idee musicali e produce un tema originale.
B - INTERMEDIO Utilizza le conoscenze e rielabora idee musicali compiute.
C - BASE Produce un tema semplice ma funzionale applicando alcune conoscenze.
D - INIZIALE Se guidato, compone un semplice tema.

EDUCAZIONE CIVICA
RUBRICA DI VALUTAZIONE DI GRUPPO COMPETENZA EDUCAZIONE CIVICA

LIVELLO EVIDENZE
A - AVANZATO Propone e sostiene le proprie opinioni e assume in modo responsabile decisioni consapevoli.
B - INTERMEDIO Compie scelte consapevoli, mostrando di saper utilizzare le conoscenze e le abilità acquisite.
C - BASE Sa applicare basilari regole e procedure apprese.
D - INIZIALE Se guidato svolge compiti semplici in situazioni note.

52
Griglie di valutazione per i compiti di realtà

Compito di realtà 7 - Musica e... Tecnologia


Le disavventure di Tina la lattina (operina musicale)
MUSICA
RUBRICA DI VALUTAZIONE COMPETENZA MUSICA
Musicalità nell’esecuzione d’insieme (ascoltarsi, condividere il ritmo, le dinamiche e l’espressione).

RISORSE DIDATTICHE
LIVELLO EVIDENZE
A - AVANZATO Guida con musicalità il brano utilizzando consapevolmente le abilità musicali acquisite.
B - INTERMEDIO Segue con musicalità il brano utilizzando le abilità musicali acquisite.
C - BASE Segue il gruppo eseguendo semplici figure musicali.
D - INIZIALE Se guidato, segue il gruppo mantenendo una pulsazione base.

RUBRICA DI VALUTAZIONE DI GRUPPO COMPETENZA MUSICA


Musicare i testi delle canzoni.

LIVELLO EVIDENZE
A - AVANZATO Utilizza consapevolmente le proprie idee musicali e produce un tema originale.

MATERIALI
B - INTERMEDIO Utilizza le conoscenze e rielabora idee musicali compiute.
C - BASE Produce un tema semplice ma funzionale applicando alcune conoscenze.
D - INIZIALE Se guidato, compone un tema semplice.

TECNOLOGIA
RUBRICA DI VALUTAZIONE DI GRUPPO COMPETENZA TECNOLOGIA
Realizzazione di strumenti musicali con oggetti di recupero.

LIVELLO EVIDENZE
A - AVANZATO Padroneggia le proprie conoscenze e utilizza autonomamente e consapevolmente gli strumen-

SOLUZIONI
ti a disposizione, realizzando strumenti musicali originali ed efficaci.
B - INTERMEDIO Utilizza le conoscenze e sperimenta autonomamente gli strumenti tecnologici a disposizione
seguendo precisamente le indicazioni del progetto.
C - BASE Realizza semplici strumenti musicali in modo autonomo.
D - INIZIALE Se guidato, realizza semplici strumenti, scegliendo tecniche e materiali.

REPERTORIO

53
PARTE 1 Risorse didattiche

Flipped classroom
Di Katia Buccelli, docente

Che cos’è la classe capovolta


Nel panorama educativo, oggi si parla con sempre maggiore insistenza di flipped classroom, ovvero
di classe capovolta, una metodologia sorta a metà degli anni 2000 negli Stati Uniti nella Woodland
Park High School, in Colorado, dove due docenti di scienze (Jonathan Bergmann e Aaron Sams) co-
minciarono a registrare su video le loro lezioni, a supporto degli studenti assenti. Quando anche gli
studenti presenti in classe cominciarono a seguire i video, ritenendoli una risorsa per il loro studio
a casa, quei docenti intuirono che i ragazzi avevano più bisogno di loro per dialogare e discutere ri-
guardo alle difficoltà che incontravano nella comprensione e nell’elaborazione dei contenuti proposti,
piuttosto che di un insegnante che trasmettesse concetti e argomenti attraverso una lezione frontale.
In questo modo la videolezione cominciò a essere ritenuta uno strumento particolarmente efficace
per scavalcare la lezione frontale, riservando tempo e risorse alla relazione con gli studenti. Ma cosa
significa, nel concreto, applicare strategie educative e metodologie didattiche della flipped classroom?
Nella nostra esperienza di studenti e, molto spesso, nella nostra quotidianità di insegnanti, il processo
di insegnamento-apprendimento si è esplicato, e si continua molto spesso a tradurre, tramite un per-
corso per così dire lineare:
• gli alunni ascoltano in classe la lezione dell’insegnante che in cattedra e/o alla lavagna (oggi anche
alla LIM) espone ciò che è scritto nel libro;
• a casa i ragazzi studiano sul libro quanto assegnato dall’insegnante e svolgono esercizi di approfon-
dimento e applicazione dello studio;
• successivamente, in classe, tramite interrogazioni o verifiche scritte l’insegnante verifica gli esiti
dello studio.
Sperimentare la metodologia della flipped classroom significa capovolgere i tempi e i modi della di-
dattica: le attività tradizionalmente svolte a scuola (ovvero la lezione) vengono fruite a casa, mentre
il lavoro comunemente assegnato per compito a casa (ad esempio esercitazioni e problemi da risol-
vere) viene eseguito a scuola, in modo collaborativo con i compagni, sotto la guida e la supervisione
dell’insegnante. Gli insegnanti «capovolti» realizzano e propongono ai loro studenti video o supporti
didattici digitali che ogni allievo deve rivedere e utilizzare a casa, in biblioteca o in altri luoghi, senza
un tempo predefinito, secondo il proprio ritmo di apprendimento.
In questo modo il docente, nel tempo-classe, privilegia le dimostrazioni pratiche in laboratorio e la
ricerca divergente, coinvolge quotidianamente gli alunni in spazi aperti di discussione che mirano a
costruire gradualmente comprensione e apprendimento attivo, e annota come essi interagiscono con
lo studio e tra di loro.

La didattica capovolta e gli stili di apprendimento


«Ogni studente suona il suo strumento, non c’è niente da fare. La cosa difficile è conoscere bene i nostri
musicisti e trovare l’armonia. Una buona classe non è un reggimento che marcia al passo, è un’orchestra
che prova la stessa sinfonia» (D. Pennac).
Parafrasando ciò che scrive Daniel Pennac nel suo Diario di scuola (Feltrinelli Editore, 2008), ogni
classe è un gruppo eterogeneo di studenti e ognuno di loro possiede caratteristiche uniche, oltre che
fisiche, culturali e sociali, anche per ciò che riguarda l’impegno nello studio, nello svolgimento dei
compiti o nella soluzione di problemi cognitivi. Ogni studente apprende in maniera personale, possie-
de cioè un proprio stile di apprendimento che lo caratterizza e lo distingue dai compagni.
Per trovare «l’armonia», per fare cioè in modo che ogni studente abbia un ruolo attivo nella classe,
è quindi necessario prima conoscere le modalità con cui egli apprende e poi valorizzare le sue in-
clinazioni, analizzare i diversi stili di apprendimento che ognuno utilizza in maniera preferenziale,
compreso lo stile di chi insegna, in quanto riflessione sul proprio metodo di insegnamento. Solo con-

54
Flipped classroom

siderando le differenze individuali, il metodo di insegnamento potrà tener conto delle attitudini dei
singoli, valorizzarle e adattarle a contesti in cui tali attitudini potrebbero arrecare problematicità.

La flipped classroom potrebbe essere erroneamente confusa con le modalità di insegnamento e-lear-
ning, ovvero l’istruzione a distanza, nella quale il ruolo dell’insegnante è sostanzialmente marginale.
Al contrario, poiché uno dei concetti chiave della didattica capovolta è la personalizzazione, questa
metodologia consente di facilitare e potenziare la relazione educativa tra docenti e studenti con l’o-

RISORSE DIDATTICHE
biettivo di valorizzare i talenti e le attitudini dei singoli allievi. Al docente spetta il compito di struttu-
rare attività personalizzate affinché ciascuno raggiunga il massimo obiettivo possibile dettato dalle
proprie caratteristiche.
Inoltre, uno dei principali vantaggi di questa metodologia è costituito dal tempo più «disteso» per l’ap-
prendimento: poter rivedere o ascoltare più volte i materiali di studio facilita quegli alunni per i quali
è più difficoltoso comprendere le informazioni in tempi rapidi o in situazioni di «sovraffollamento»
delle informazioni. Il fattore tempo gioca a favore anche dell’insegnante, che avrà più tempo per
l’osservazione degli stili di apprendimento e potrà così mettere a fuoco nel modo migliore interventi
didattici mirati a supportare anche chi presenta Bisogni Educativi Speciali.

Processi di personalizzazione degli apprendimenti


La videolezione, strumento imprescindibile per la classe capovolta, diventa una risorsa per l’appren-

MATERIALI
dimento alla quale ogni alunno accede nei modi e nei tempi che desidera, secondo il proprio ritmo e
in stretta connessione con gli obiettivi di apprendimento del proprio Piano Didattico Personalizzato.
Gli studenti, in una situazione di apprendimento rovesciato, riescono a interagire con i compagni con
modalità di peer education e apprendimento collaborativo: la condivisione della conoscenza fra pari
stimola percorsi di responsabilizzazione rendendo gli studenti soggetti attivi e consapevoli del pro-
prio apprendimento poiché viene stimolato un processo spontaneo di passaggio di conoscenze. L’espe-
rienza e le conoscenze del singolo divengono un’occasione di autoformazione condivisa dal gruppo e
nel gruppo, che non solo acquisisce nuove informazioni, ma rafforza anche la sua capacità creativa di
rispondere ai problemi, di agire in modo positivo ed efficace, di interagire tramite il lavoro di gruppo
in cui vengono suddivise le responsabilità. In questo contesto pertanto il docente assume il ruolo di

SOLUZIONI
promotore di responsabilità e di partecipazione individuale e collettiva.

Linguaggio digitale per la costruzione collaborativa dei saperi


Le continue trasformazioni in atto nell’odierna società digitale impongono alla scuola, e a chi vi opera,
un rinnovamento della metodologia didattica che tenga conto delle attitudini e della familiarità verso
le tecnologie, propria delle nuove generazioni di studenti, nati e cresciuti tra computer, videogiochi,
telefoni cellulari, apparecchi per riprodurre musica digitale, videocamere, fino a giungere alle tecno-
logie domotiche di uso quotidiano. Infatti, il linguaggio digitale, nella sua dimensione interattiva, de-
termina un nuovo modello di elaborazione mentale, rafforza un atteggiamento mentale dinamico,
REPERTORIO

favorisce un’azione di organizzazione e strutturazione del sapere.


Un impiego didattico che si avvale di più codici espressivi, tramite una dimensione multimediale ac-
cattivante, stimola la curiosità e l’interesse e può più facilmente promuovere la motivazione, l’atten-
zione e l’impegno di tutti gli studenti, oltre che rappresentare un valido supporto per soggetti con
difficoltà di apprendimento e/o disabilità. Nello stesso tempo la scuola ha però anche il compito di far
acquisire agli alunni la capacità di riflettere sui propri processi cognitivi, sostenendoli affinché svilup-
pino una graduale consapevolezza e capacità di scelta, nonché un controllo critico delle informazioni
e dei media.
Il valore delle tecnologie non è connesso ai contenuti, ma ai processi che vengono attivati e il supera-
mento di una trasmissione lineare e sequenziale dei saperi, in favore di un’azione didattica mediata
dalle TIC (Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione), rappresenta un grosso stimolo ad
«apprendere facendo», in un rapporto di interazione sia con l’insegnante che con i compagni: non solo

55
PARTE 1 Risorse didattiche

learning by doing, ma anche learning by thinking, cioè «apprendere pensando», riflettendo e discuten-
do con gli altri (cooperative learning).
L’approccio esplorativo, insito nel linguaggio multimediale, privilegia la visione di un sapere costruito
e implica un apprendimento dove smontare, ricostruire, rielaborare diviene un processo di costruzio-
ne di conoscenze da elaborare in gruppo e da condividere. Questo approccio collaborativo, il cui punto
di forza è la motivazione, favorisce e promuove corresponsabilità, accresce sicurezza, rafforza il valo-
re della scoperta e incita alla riflessione critica. Il gruppo sperimenta situazioni di problem solving in
modo creativo, discute, analizza: la rielaborazione e l’assunzione di responsabilità individuali e collet-
tive consente agli studenti di sviluppare anche competenze socio-relazionali. Pensare e organizzare la
classe come un ambiente in cui gli allievi ricercano, collaborano e condividono, consente al docente di
assumere la regia di un processo che promuove la responsabilità cognitiva tramite la sperimentazione
dell’apprendimento collaborativo.
In questa prospettiva al docente spetta anche la responsabilità di organizzare in modo attento la for-
mazione dei gruppi, assegnando ruoli e attività in funzione delle peculiarità dei singoli componenti,
tenendo come punto fermo la creazione di un clima impostato sulla fiducia, l’aiuto reciproco e la cor-
responsabilità.

La progettazione e l’organizzazione di una flipped classroom


Per impostare una didattica capovolta il primo punto fondamentale è la scelta degli obiettivi di ap-
prendimento, intesi come competenze, conoscenze e abilità che ogni studente deve poter raggiungere:
è opportuno, quindi, stabilire quali sono le discipline, le singole unità didattiche o gli argomenti che si
intendono sviluppare tramite questa metodologia, nonché quanto tempo investire e quale strumento
utilizzare per la comunicazione online. Molte scuole ormai hanno adottato piattaforme di condivi-
sione come Moodle, Google Classroom, Edmodo ecc., veri e propri spazi virtuali protetti pensati per
la didattica che consentono di comunicare notizie e informazioni, assegnare compiti, correggerli e
inviare feedback, condividere materiali.
Se la scuola non avesse adottato nessuno di questi strumenti si può creare un proprio spazio personale
di condivisione con Google sites, un modo facile e gratuito per creare e condividere pagine web, con
una buona leggibilità su qualunque device e con tutti i sistemi operativi. Si tratta di uno strumento
che in pochi e semplici passaggi guidati consente di scegliere le pagine da creare e di inserire in esse
i contenuti che si vogliono condividere, tramite un editor molto intuitivo. In rete si trovano numerosi
tutorial che indicano in modo semplice e chiaro i singoli passaggi per la realizzazione di un sito web
con questo strumento.
Una volta impostata la parte progettuale e tecnica si devono rendere partecipi gli studenti e le loro fa-
miglie circa la nuova modalità di lavoro che si intende adottare. È infatti fondamentale fornire spiega-
zioni chiare (anche scritte) sul metodo capovolto, chiedendo alle famiglie un consenso scritto, affinché
tutti comprendano che il web diventa uno strumento di studio. Si dovrà informare anche il Dirigente
Scolastico circa l’intenzione di sperimentare la didattica capovolta ed esplicitare in modo chiaro le
modalità della progettazione. Sarebbe ottimale condividere il percorso anche con uno o più docenti.
Successivamente, è opportuno raccogliere informazioni precise per rilevare se tutti gli allievi, a casa,
dispongono di connessione internet e se, di conseguenza, possono utilizzare un dispositivo (uno smar-
tphone, un pc, un tablet) e come/quanto possono accedervi. Può essere utile formulare un questiona-
rio scritto così da raccogliere tutti i dati e poter risolvere eventuali problemi di accesso alla rete.
Per sperimentare la classe capovolta, inoltre, anche i docenti devono disporre di dispositivi adeguati
(meglio un pc portatile piuttosto che lo smartphone) e di una connessione efficace.

L’ambiente di apprendimento e la comunicazione interattiva


Prima di avviare l’esperienza della flipped classroom, l’insegnante deve coinvolgere gli studenti nella
visione di alcune videolezioni, gli strumenti tramite cui si snodano i percorsi della classe capovolta.
Ciò è indispensabile per educare gli allievi ad avvalersi di un video in modo autonomo ed efficace,

56
Flipped classroom

incoraggiandone la fruizione libera e diversificata, per impostare un ritmo personale della lezione. In
termini pratici, questo si traduce nell’uso libero di pause e riavvolgimenti del video che consentono
un approccio personalizzato ai contenuti, così da comprendere meglio i concetti presentati. Questa
procedura non sarebbe ovviamente possibile nella lezione frontale, dove l’insegnante deve impostare
un ritmo standard che gli consenta di coinvolgere tutti senza però annoiare chi è più capace e facen-
dosi seguire anche da chi si trova in difficoltà.
Superata questa fase preliminare potrà prendere il via la sperimentazione della didattica capovolta.

RISORSE DIDATTICHE
Sul piano operativo, l’insegnante deve predisporre i diversi materiali didattici sui quali far studiare
gli studenti a casa e, successivamente, il suo ruolo in classe consisterà nel promuovere la discussione
e proporre ulteriori percorsi di approfondimento.
L’utilizzo di video didattici da parte degli studenti dovrà essere integrato e supportato da altri stru-
menti basati prevalentemente sull’utilizzo delle tecnologie digitali, il cui linguaggio favorisce la co-
struzione collaborativa dei saperi.
Affinché una lezione interattiva risulti efficace devono essere tenuti in considerazione alcuni elementi:
• innanzitutto va curata la scelta dei sussidi multimediali, che devono essere facilmente fruibili e pre-
sentare un’esplicita introduzione dell’argomento trattato;
• la durata deve essere contenuta entro i 5 o 6 minuti e l’esposizione deve comprendere esempi espli-
cativi al fine di favorire domande e osservazioni da parte degli studenti;
• i concetti vanno esposti in modo chiaro e conciso, suddividendo l’esposizione in sequenze significa-

MATERIALI
tive;
• può risultare inoltre particolarmente proficuo inserire una serie di domande a scelta multipla lungo
la timeline di un video, per far riflettere gli studenti sui contenuti proposti in modo da attivare un
processo di verifica e autoverifica delle conoscenze acquisite.
La rete offre diverse applicazioni liberamente utilizzabili per trasformare la visione di un video in
un’esperienza condivisa e di interazione comunicativa. Si tratta di strumenti non particolarmente
complessi, il cui utilizzo è spesso semplice e intuitivo e dei quali è possibile trovare dettagliati tutorial
online.

Apprendimento cooperativo e compiti autentici

SOLUZIONI
La metodologia dell’apprendimento cooperativo coinvolge gli studenti nel lavoro di gruppo e si fonda
sull’interazione e la corresponsabilità dei componenti del gruppo per raggiungere un fine comune
tramite un lavoro collaborativo di approfondimento, che porterà al raggiungimento di obiettivi attra-
verso il contributo personale di ognuno e, quindi, alla costruzione di nuova conoscenza. In questo con-
testo l’insegnante ha il compito di organizzare un ambiente per l’apprendimento in grado di favorire
un clima relazionale positivo, in cui assumere il ruolo di facilitatore e mediatore.
Grant Wiggins, pedagogista statunitense, chiarisce in un suo saggio del 1998 che un compito, un pro-
blema, un progetto è autentico quando:
• è realistico, cioè riflette il modo nel quale l’informazione o l’abilità dovrebbero essere usati nel mon-
do reale;
REPERTORIO

• richiede giudizio e innovazione, ossia è basato sulla soluzione di problemi non strutturati che po-
trebbero avere più di una risposta giusta e, quindi, richiedono al soggetto che apprende di compiere
delle scelte consapevoli;
• chiede allo studente di «costruire» la disciplina, nel senso di impadronirsi delle procedure proprie
delle discipline, che le formano nei significati e nei processi;
• replica o simula contesti diversi (lavoro, vita sociale, vita personale) nei quali solitamente gli adulti
sono «controllati» e valutati; chiede quindi di realizzarsi in contesti o situazioni specifiche che hanno
particolari restrizioni, proposte o spettatori (compiti complessi);
• sollecita l’impiego di un repertorio di conoscenze e di abilità per negoziare altri compiti complessi;
• permette appropriate opportunità di ripetere, praticare, consultare risorse, avere feedback e perfe-
zionare la prestazione, i prodotti e gli apprendimenti; permette quindi di focalizzare l’apprendimen-
to attraverso il ciclo di performance-feedback-revisione-performance.

57
PARTE 1 Risorse didattiche

La progettazione di un compito autentico ha lo scopo di valutare l’abilità degli studenti nell’applicare


competenze e conoscenze in attività reali (Mueller, 2003) quindi, nella sua formulazione, necessita
di indicazioni e caratteristiche ben definite a partire dall’esplicitazione chiara dell’obiettivo che si
intende perseguire. Affinché sia chiaro agli studenti il percorso da seguire, vanno loro fornite esplici-
te indicazioni circa i contenuti, il tipo di prestazione da svolgere, per quale scopo, quali dovrebbero
essere le caratteristiche del prodotto atteso, quali sono i tempi richiesti e le fasi del lavoro, quali sono
le risorse a disposizione.
Gli studenti, oltre ad avere chiaro il percorso da seguire, devono conoscere le modalità di valutazione
che contemplano anche l’autovalutazione del proprio prodotto.
L’attività che si propone di realizzare deve inoltre essere stimolante e motivante, deve consentire la
condivisione e la collaborazione dei membri del gruppo che sono chiamati a rielaborare e riorganiz-
zare in una situazione problematica, strettamente ancorata a contesti reali, ciò che hanno appreso.
Appare chiaro quindi come l’obiettivo finale miri alla costruzione di competenze chiave mediante
compiti significativi che si esplicitano nella realizzazione di un prodotto finale completo, in cui la pro-
blematizzazione e la contestualizzazione del sapere vengono calati in contesti reali. In quest’ottica,
l’azione didattica che si esplica tramite la metodologia flipped consente agli studenti di sperimentare
varie soluzioni operative e di acquisire, utilizzare e consolidare competenze, attraverso l’esperienza,
la riflessione, lo scambio e la collaborazione tra pari.

La valutazione nella flipped classroom


Le Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola per l’infanzia e del primo ciclo di istruzione intro-
ducono il principio di certificazione delle competenze, delineano i traguardi formativi da conseguire
al termine dei diversi gradi dell’istruzione primaria e focalizzano l’attenzione su una nuova cultura
didattica, dove la scuola non è più il principale agente educativo.
La certificazione delle competenze non sostituisce la valutazione disciplinare, ma la integra poiché
esprime una valutazione trasversale della capacità degli allievi di utilizzare in modo efficace i saperi
acquisiti in contesti nuovi e complessi, siano essi reali o simulati.
Il decreto MIUR 3 ottobre 2017, prot. n. 742, disciplina la certificazione delle competenze al termine
della scuola primaria e del primo ciclo di istruzione e trasmette i relativi modelli unici nazionali di
certificazione nei quali si sancisce l’obbligo di delineare il «Profilo dello studente al termine del primo
ciclo di istruzione» in base ai livelli di competenza raggiunti, in riferimento alle 8 competenze chiave
europee.
Tradizionalmente, la valutazione del profitto scolastico scaturisce dal confronto dei risultati ottenuti
dagli studenti, con i risultati attesi. Questa modalità implica però l’utilizzo di criteri di classificazione
e selezione perché non indaga la «costruzione» e lo «sviluppo» della conoscenza né prende in conside-
razione la capacità di applicare in contesti reali quanto si conosce.
La valutazione delle competenze analizza il «sapere agito» e considera ciò che gli alunni sanno e
«come sanno fare» applicando le loro conoscenze, abilità, capacità e predisposizioni personali, nell’af-
frontare un compito significativo che preveda la soluzione di un problema e/o la realizzazione di un
prodotto.
Quanto fin qui esposto in merito alla didattica capovolta converge in un processo di valutazione delle
competenze strettamente connesso al compito autentico, pilastro della flipped classroom e principale
momento di valutazione dello studente da parte del docente, che osserva in itinere processi, interazio-
ne, coinvolgimento, strategie di studio impiegate, proprio nel momento operativo, in classe, mentre gli
studenti lavorano in gruppo alla soluzione del compito assegnato. In questo modo, azione didattica
e azione valutativa si intersecano poiché l’insegnante misura i progressi dello studente durante il
percorso di apprendimento analizzando non tanto la conoscenza, quanto piuttosto la competenza,
dal momento che vengono monitorate la sua capacità organizzativa ed espressiva, la sua abilità nel
reperire e gestire il materiale, le strategie adottate nel risolvere il problema e giungere all’esito atteso.

58
Flipped classroom

Nella classe capovolta un altro aspetto di basilare importanza è il momento di autovalutazione che
consiste nella richiesta di redigere una rubrica, cioè una griglia strutturata in cui ciascuno studente
è chiamato a esprimersi sul suo ruolo nel gruppo, e il gruppo, a sua volta, è chiamato a valutare l’effi-
cacia del proprio lavoro con riferimento ai livelli di giudizio che vengono riportati sul documento di
certificazione delle competenze (livello avanzato, intermedio, base, iniziale).
Tramite questo percorso di autovalutazione gli allievi riflettono sulla propria esperienza di apprendi-
mento, esaminano i punti forti e i punti deboli del loro lavoro cooperativo, riflettono sia sul prodotto

RISORSE DIDATTICHE
della loro attività, sia sui processi che li hanno condotti a conseguire un dato risultato.
Il metodo di valutazione dell’insegnante che valuta il processo, le competenze trasversali e quelle
disciplinari, il cui fulcro è il compito complesso, così come l’autovalutazione degli studenti, hanno
sempre come punto di riferimento alcune delle competenze individuate tra le 8 competenze chia-
ve cui mirava l’attività progettata, rilevabili con questa modalità proprio per il carattere trasversale
dell’approccio didattico capovolto.
Per concludere, adottare una metodologia di lavoro che si basi sulla classe capovolta può contribuire
a favorire la costruzione di quelle competenze necessarie per la formazione della persona in modo
unitario, sia nella dimensione personale, che nella dimensione relazionale.
Una scuola efficace per tutti i suoi studenti include e valorizza, ricerca e sperimenta, rielabora e rap-
presenta nuove forme di conoscenze. Non si tratta tanto di andare contro una scuola tradizionale,
quanto piuttosto di integrare spazi e modalità didattiche con nuovi scenari educativi al passo coi

MATERIALI
tempi.

Quinto rigo: esempi di utilizzo della flipped classroom


Nelle pagine seguenti sono proposti alcuni percorsi didattici realizzabili utilizzando la metodologia
della flipped classroom. Le schede forniscono al docente alcune indicazioni guidate all’utilizzo della
flipped classroom per sviluppare un determinato argomento. Il tema trattato è corredato da informa-
zioni utili per usare nel miglior modo le sollecitazioni contenute nei volumi cartacei e nella parte mul-
timediale del corso Quinto rigo. A queste, dovranno necessariamente seguire personali integrazioni
fornite dal docente e/o individuate dagli studenti con una loro autonoma ricerca.

SOLUZIONI
REPERTORIO

59
PARTE 1 Risorse didattiche

Titolo L’organo, uno strumento millenario

Descrizione del lavoro Documentatevi sulle origini dell’organo e sul suo sviluppo e utilizzo. Fate attenzione
da svolgere al contributo apportato da questo strumento in tutti i generi musicali grazie alle sue
caratteristiche tecniche e timbriche.

Obiettivi di apprendimento Uso delle fonti


coinvolti - Usare fonti di diverso tipo (documentarie, iconografiche, narrative, materiali, orali,
digitali ecc.) per produrre conoscenze su temi definiti.
Organizzazione delle informazioni
- Selezionare e organizzare le informazioni con mappe, schemi, tabelle, grafici e risor-
se digitali.
- Costruire grafici e mappe spazio-temporali, per organizzare le conoscenze studiate.
Strumenti concettuali
- Usare le conoscenze apprese per comprendere problemi tecnici e di struttura.
Produzione scritta e orale
- Produrre testi, utilizzando conoscenze selezionate da fonti di informazione diverse,
manualistiche e non, cartacee e digitali.
- Argomentare su conoscenze e concetti appresi usando il linguaggio specifico della
disciplina proponendo ascolti comparati in cui lo strumento viene utilizzato nelle
diverse epoche e stili musicali.

Argomenti da sviluppare - L’organo, uno strumento completo e versatile.


- Caratteristiche dell’organo ed esempi di strumenti monumentali.
- L’utilizzo dell’organo nella musica classica.
- L’utilizzo dell’organo nella musical sacra.
- L’utilizzo dell’organo nella musica jazz.
- L’utilizzo dell’organo nella musica pop.
- L’utilizzo dell’organo nella musica rock.
- L’utilizzo dell’organo nelle colonne sonore.
- Le opere per organo di J.S. Bach.
- Spiegazione del lavoro svolto alla classe.

Fase iniziale: svolta sia in Docente, in classe Studente, in classe


classe sia a casa Dopo aver selezionato risorse multime- Ascolta le indicazioni, visiona le risorse
diali, facilmente fruibili, inerenti all’ar- indicate dal docente, organizza i gruppi di
gomento da trattare, il docente spiega lavoro.
brevemente ai ragazzi, in modo chiaro Studente, a casa
e conciso, l’obiettivo e la metodologia Consulta e studia i materiali assegnati
di lavoro e assegna i compiti. A questo dal docente. Guarda i video, annotando
riguardo, è possibile stimolare la curio- concetti chiave e domande sull’argomen-
sità degli studenti rispetto all’argomento to. Confronta e fa ricerche autonome,
formulando un brainstorming iniziale alla svolgendo opportuni esercizi di approfon-
LIM. dimento.

Fase operativa: in classe Docente Studente


Svolge la funzione di tutor, regista delle È consapevole del percorso da svolgere.
attività svolte dai ragazzi. Guida e coor- Pone domande e riceve chiarimenti su
dina gli studenti nelle varie fasi di lavoro eventuali dubbi emersi durante il lavoro a
delle attività. Chiarisce eventuali dubbi. casa. Realizza progetti, esercizi e attività
di gruppo.

Fase conclusiva: in classe Docente Studente


Fa una sintesi finale. Presenta i prodotti finali della ricerca.
Valuta. Si autovaluta.

Strumenti online - Piattaforme di condivisione adottate dalla scuola: Moodle, Google Classroom, Edmodo...
- Spazio personale e gratuito di condivisione: Google sites…

Contenuti digitali del corso Videolezioni: video sul funzionamento dell’organo con esempi di utilizzo.
Competenze in rete: colonna sonora originale del film Profondo rosso.
Ascolti: Brano A029.

Contenuti nel Volume A Parte 1, Unità 4, pp. 64-65.

60
Flipped classroom

Titolo Il Classicismo in musica

Descrizione del lavoro Il Classicismo è stato un periodo musicale segnato da grandi cambiamenti anche
da svolgere in ambito musicale grazie al contributo di compositori che hanno segnato in modo
indelebile la storia della musica. Individuate le spinte culturali e sociali che portarono
a questi cambiamenti e quali ne furono gli artefici. Riflettete sulle trasformazioni
prodotte dalle riforme in ambito musicale, sociale e anche politico.

RISORSE DIDATTICHE
Obiettivi di apprendimento Uso delle fonti
coinvolti - Usare fonti di diverso tipo (documentarie, iconografiche, narrative, materiali, orali,
digitali ecc.) per produrre conoscenze su temi definiti.
Organizzazione delle informazioni
- Selezionare e organizzare le informazioni con mappe, schemi, tabelle, grafici, risorse
digitali e ascolti comparati.
- Collocare la storia locale in relazione con la storia italiana, europea, mondiale.
Strumenti concettuali
- Comprendere aspetti e strutture dei processi storici italiani, europei e mondiali.
- Usare le conoscenze apprese per comprendere problemi economici, interculturali e
di convivenza civile.
Produzione scritta e orale
- Produrre testi, utilizzando conoscenze selezionate da fonti di informazione diverse,
manualistiche e non, cartacee e digitali.
- Argomentare su conoscenze e concetti appresi usando il linguaggio specifico della
disciplina.

MATERIALI
- Presentare esempi musicali legati al periodo, sia multimediali sia esecuzioni dal vivo.

Argomenti da sviluppare - Il Classicismo, un periodo che ha influito sulla cultura dell’epoca e non solo.
- La riforma di Gluck, lo stile galante, tema e variazioni.
- La forma sonata, sinfonia, quartetto e concerto, il singspiel.
- La musica sacra.
- Haydn, Mozart, Beethoven.
- Gli strumenti musicali, l’orchestra, il direttore.

Fase iniziale: svolta sia in Docente, in classe Studente, in classe


classe sia a casa Dopo aver selezionato risorse multime- Ascolta le indicazioni, visiona le risorse
diali, facilmente fruibili, inerenti all’ar- indicate dal docente, organizza i gruppi di
gomento da trattare, il docente spiega lavoro.

SOLUZIONI
brevemente ai ragazzi, in modo chiaro Studente, a casa
e conciso, l’obiettivo e la metodologia Consulta e studia i materiali assegnati
di lavoro e assegna i compiti. A questo dal docente. Guarda i video, annotando
riguardo, è possibile stimolare la curio- concetti chiave e domande sull’argomen-
sità degli studenti rispetto all’argomento to. Confronta e fa ricerche autonome,
formulando un brainstorming iniziale alla svolgendo opportuni esercizi di approfon-
LIM. dimento.

Fase operativa: in classe Docente Studente


Svolge la funzione di tutor, regista delle È consapevole del percorso da svolgere.
attività svolte dai ragazzi. Guida e coor- Pone domande e riceve chiarimenti su
dina gli studenti nelle varie fasi di lavoro eventuali dubbi emersi durante il lavoro a
delle attività. Chiarisce eventuali dubbi. casa. Realizza progetti, esercizi e attività
REPERTORIO

di gruppo.

Fase conclusiva: in classe Docente Studente


Fa una sintesi finale. Presenta i prodotti finali della ricerca.
Valuta. Si autovaluta.

Strumenti online - Piattaforme di condivisione adottate dalla scuola: Moodle, Google Classroom, Edmodo...
- Spazio personale e gratuito di condivisione: Google sites…

Contenuti digitali del corso Videolezioni: video sul Classicismo.


Approfondimenti: linea del tempo digitale.
Ascolti: Brani da A068 a A082.

Contenuti nel Volume A Parte 2, Unità 4, pp. 145-168.

61
PARTE 1 Risorse didattiche

Progetto CLIL
Di Isabella Previto, docente

L’inglese come lingua veicolare


L’insegnamento della lingua straniera nella scuola secondaria di primo grado si colloca all’interno di
un ampio percorso di apprendimento e costituisce un sistema di organizzazione delle conoscenze. È
quindi di fondamentale importanza che il processo di apprendimento della lingua straniera non sia,
né venga percepito, come un’esperienza a sé stante. È importante invece che venga contestualizzato,
valorizzandone così la sua essenza interdisciplinare.
L’apprendimento dell’inglese risulta quindi un’ulteriore occasione per mettere in campo quelle com-
petenze trasversali comuni alle altre discipline. Nel campo della didattica della lingua straniera, a
questo proposito, esiste una metodologia, denominata CLIL, che ben si presta a favorire e a valorizza-
re l’apprendimento della lingua.
Il termine CLIL (Content and Language Integrated Learning = apprendimento integrato di lingua e
contenuti), si riferisce a una modalità di insegnamento in cui la lingua straniera viene utilizzata in
modo veicolare, ovvero una modalità di insegnamento di contenuti non linguistici per mezzo di una
lingua straniera.
L’utilizzo di questa metodologia risulta coerente con gli obiettivi generali individuati dagli organismi
comunitari.
Attraverso l’utilizzo della metodologia CLIL, l’insegnante ha modo di:
• potenziare l’efficacia dell’apprendimento della lingua straniera;
• favorire l’integrazione dei curricoli e l’acquisizione della lingua mediante la sperimentazione di si-
tuazioni di vita reale, integrando in modo naturale le abilità di ricezione, produzione e interazione;
• favorire l’utilizzo da parte degli alunni di abilità, conoscenze e competenze proprie di altre discipli-
ne, in modo che la lingua non risulti solo oggetto di studio ma strumento funzionale all’apprendi-
mento di nozioni e di competenze;
• realizzare un’economia di tempo contestualizzando l’apprendimento e concentrando, nello stesso
insegnamento, porzioni di curricoli diversi;
• permettere all’alunno una maggior esposizione alla lingua straniera.

L’analisi del contesto


La progettazione di un percorso CLIL deve iniziare da un’attenta analisi del contesto scuola per quan-
to concerne le linee di indirizzo formative e la disponibilità di risorse umane e materiali, dall’analisi
del contesto classe per quanto concerne i bisogni formativi e le caratteristiche degli alunni.
Uno dei punti di forza dell’utilizzo di questa metodologia risiede nel valore aggiunto che questa moda-
lità operativa offre all’istituzione scolastica. Il CLIL promuove una modalità di lavoro tra i docenti in
sinergia e permette di uscire dalla logica disciplinaristica presente in molte realtà, per arrivare a un
modello formativo globale condiviso.

La scelta della disciplina e le modalità organizzative


La scelta della disciplina nell’ambito della progettazione di un percorso CLIL riveste un ruolo fonda-
mentale. Occorre, infatti, analizzare attentamente le caratteristiche peculiari delle singole discipline
e preferibilmente indirizzare la scelta verso quelle discipline che prevedono un approccio di tipo
pratico esperienziale e che maggiormente si prestano a essere veicolate in lingua inglese.
Un altro aspetto su cui occorrerà riflettere attentamente è la scelta della modalità organizzativa in
base alle risorse umane disponibili. Sarà possibile organizzare il percorso sia prevedendo la cogestio-
ne da parte di un insegnante di lingua straniera e di un insegnante di disciplina non linguistica, sia
prevedendo la gestione da parte del solo insegnante di disciplina non linguistica il quale abbia una
conoscenza della lingua straniera.

62
Progetto CLIL

La definizione degli obiettivi


Una volta individuata la disciplina, selezionato l’argomento e identificate le finalità educative del per-
corso, l’insegnante o il team di insegnanti provvederà alla definizione delle conoscenze pregresse
necessarie all’attivazione del percorso e alla definizione degli obiettivi dal punto di vista del contenu-
to disciplinare, della lingua veicolare e delle competenze trasversali.
Dal punto di vista della definizione degli obiettivi linguistici occorrerà prestare particolare attenzio-

RISORSE DIDATTICHE
ne all’individuazione del linguaggio attivo, ossia quello richiesto agli studenti, e del linguaggio passi-
vo, ossia quello utilizzato dall’insegnante, così come alla definizione delle competenze trasversali
da acquisire, quali quelle per classificare, comparare, descrivere, definire ed esporre in sequenza.
Sarà molto importante prestare attenzione anche all’individuazione del lessico e delle strutture lin-
guistiche adatte alla classe.

La scelta metodologica
La scelta metodologica andrà effettuata prediligendo gli approcci metodologici che promuovono un
apprendimento di tipo esperienziale e multisensoriale e che pongono lo studente come protago-
nista attivo del processo di apprendimento e l’insegnante come facilitatore e animatore di esperienze
reali significative dal punto di vista dell’apprendimento di lingua e contenuti. Le possibili tecniche
da utilizzare sono le seguenti: lezione partecipata, approccio ludico, task based approach, problem

MATERIALI
solving, pair work, group work, didattica multimediale, scaffolding, lexical approach, brainstorming,
pratica riflessiva, osservazione, interazione orale studente-insegnante e studente-studente.
Una volta delineati gli indirizzi metodologici, l’attenzione si sposterà sul processo e sulla definizione
delle fasi di attuazione e sulla scelta delle attività, tenendo presenti i due soggetti del processo di in-
segnamento-apprendimento, ovvero il docente e lo studente. In fase di programmazione del percorso
andranno quindi definite nel dettaglio le attività dal punto di vista dell’insegnante e dal punto di vi-
sta dell’alunno e individuati gli strumenti necessari allo svolgimento delle attività, gli spazi e i tempi
dell’azione didattica.

CLIL nel corso Quinto rigo

SOLUZIONI
Volume A
• Musical instruments (pp. 83-84)
• Swinging London (pp. 362-363)
• Music in movies (pp. 364-365)

Volume B
• A music lesson (pp. 195-196)

Volume C – Antologia
• Music & CLIL (pp. 42, 43, 59, 76, 83, 88, 140, 201, 209, 215, 231)
REPERTORIO

63
PARTE 1 Risorse didattiche

Due esempi di UdA CLIL


Nella presente Guida si propongono due Unità di Apprendimento di musica: una in lingua inglese e
una in lingua tedesca.

Destinatari: classi terze della scuola secondaria di primo grado.

Obiettivi:
• acquisire i contenuti disciplinari;
• migliorare la comprensione della comunicazione veicolare in LS;
• utilizzare la LS come strumento per apprendere;
• imparare nuovo lessico;
• esercitarsi nell’ascolto, nel canto e nella pratica musicale;
• lavorare proficuamente a livello individuale, di piccolo e grande gruppo;
• fare una ricerca mirata in un sito internet.

Durata:
• Inglese: 20 ore (complessive per le Unit previste e la prova finale);
• Tedesco: 6 ore (inclusa un’ora per la messa in scena dei Singspiel prodotti).

Metodologia e approccio: metodologia pratica, fare musica nel laboratorio, metodologia teorica, ana-
lisi, ascolto del materiale musicale in lingua veicolare straniera.

Strumentazione necessaria:
• lavagna tradizionale o LIM;
• computer connesso alla rete internet (possibilmente uno ogni tre studenti);
• impianto audio o LIM con casse acustiche;
• strumentario musicale didattico;
• dizionari di inglese e tedesco.

Valutazione: i docenti coinvolti potranno valutare le prove CLIL come riterranno più opportuno.
Di seguito una possibile traccia, a titolo indicativo.

Descrizione dei livelli


Indicatori
Ottimo Buono Sufficiente Scarso Insufficiente

Comprensione

Correttezza

Conoscenza linguistica

Capacità di comunicazione

Comportamento individuale

Comportamento in gruppo

64
Progetto CLIL – Inglese

Progetto CLIL – Inglese


Let’s sing American folk songs
UNIT 1
Stage 1 – Ten little Indians

A. What do you know about Native Americans or Indians? Like a brainstorming write at the

RISORSE DIDATTICHE
board all the words that come to your mind about them and discuss.
Example
1) Westerns 2) Reservations 3) Powwow 4) White men

B1. First read the song aloud with the help of your English teacher.
One little, two little, three little Indians,
Four little, five little, six little Indians,
Seven little, eight little, nine little Indians,
Ten little Indian boys.
Ten little, nine little, eight little Indians,
Seven little, six little, five little Indians,

MATERIALI
Four little, three little, two little Indians,
One little Indian boy.

B2. Now learn the text by heart.


1. Listen to the English teacher and repeat each line.
2. Go on like this with the other lines. If you are in trouble, combine the repetition of each
line with a movement of hands (clapping, snapping and so on).
3. After memorizing all the lines, you are ready to sing Ten little Indians.

C. Now let’s sing Ten little Indians all together while the music teacher will play the guitar.

SOLUZIONI
Stage 2 – I’m on my way

A. I ’m on my way is a spiritual. Here is a brief definition of spiritual. Read it then list on the
board as many key words or key expressions as possible. Finally order them into a spider
diagram on your music exercise-book.
A spiritual is an African-American song with a religious text. Spirituals came before blues. Spi-
rituals were sung by slaves to express their religion, pain and boredom of their work in cotton,
tobacco or sugar plantations. Spirituals express the freedom of human beings whose bodies are
in chains. A famous spiritual is called Swing low, sweet chariot.
REPERTORIO

B. Listen to the English teacher reading the song and pay attention to the pronunciation.
I’m on my way and I won’t turn back,
I’m on my way and I won’t turn back,
I’m on my way and I won’t turn back,
I’m on my way, great God, I’m on my way.

I’ll ask my brother come and go with me,


I’ll ask my brother come and go with me,
I’ll ask my brother come and go with me,
I’m on my way, great God, I’m on my way.

65
PARTE 1 Risorse didattiche

I’m on my way to the Freedom Land,


I’m on my way to the Freedom Land,
I’m on my way to the Freedom Land,
I’m on my way, great God, I’m on my way.
I’m on my way and I won’t turn back,
I’m on my way and I won’t turn back,
I’m on my way and I won’t turn back,
I’m on my way, great God, I’m on my way.

C. Let’s memorize the text of the song and have fun with the music activity: let’s swing.
1. Listen to the teachers while they are singing I’m on my way.
2. At the same time start walking round the classroom slowly, swinging on your knees and lightly
turning your pelvis at each step.
3. Go on walking like this but now try to clap your hands or snap your fingers at each step.
4. Memorize the text and sing the song while you are rhythmically coordinating your movements
and merrily swinging.

Stage 3 – When the saints go marching in

A. Listen to the famous jazz song When the saints go marching in then answer the questions.
1. Have you heard this song before? If yes, can you say where and when?
.......................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

2. Can you say who is the famous black singer that is usually associated with this song?
.......................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

3. What is the Italian translation of the title?


.......................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

4. In your opinion what is the title referred to?


.......................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

5. Do you like this song? Give reasons.


.......................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

6. Give marks out of ten to every feature then compare with your friends.

WHEN THE SAINTS GO MARCHING IN


Lyrics ............. / 10

Singer ............. / 10

Music ............. / 10

Beat / Rhythm ............. / 10

Topic ............. / 10

Total ............. / 50

66
Progetto CLIL – Inglese

B1. 
A student should close his/her eyes and try to recognize the identity of a fellow student by
the tone of his/her voice.
Student A says: «Oh when the moon turns red with blood,
oh when the moon turns red with blood!»
Student B recognizes his friend: «It’s Luigi!»
Student A answers: «Ok, it’s me!»

RISORSE DIDATTICHE
B2. Repeat this activity for a few times so that the students can understand that everybody’s
voice has a peculiar tone.

C1. It’s time to memorize the text of the song. Listen to the English teacher and pay attention to
the pronunciation.
Oh when the saints go marching in,
Oh when the saints go marching in,
Lord I want to be in that number,
When the saints go marching in.
Oh when the sun refuse to shine,
Oh when the sun refuse to shine,
Lord I want to be in that number,

MATERIALI
When the sun refuse to shine.
Oh when the moon turns red with blood,
Oh when the moon turns red with blood,
Lord I want to be in that number,
When the moon turns red with blood.
Oh when the saints go marching in,
Oh when the saints go marching in,
Lord I want to be in that number,
When the saints go marching in.

SOLUZIONI
C2. After memorizing all the lines, sing the song with different tones of voice.
Student A sings: «Oh when the saints go marching in…» (with a hoarse tone of voice)
Student B sings: «Oh when the sun refuse to shine…» (with a nasal voice)
Student C sings: «Oh when the moon turns red with blood…» (whispering)

Stage 4 – John Brown’s body

A. T
 he song you are going to learn is entitled John Brown’s body and is about the famous Ame-
rican abolitionist John Brown. Prepare an oral presentation about The Slave Trade, Aboli-
REPERTORIO

tionism and John Brown with the help of the topics at the end of each passage.

THE SLAVE TRADE


At the end of the 14th century Europeans started to take people from Africa to America against their
will. Initially they were used as servants for rich people. The Europeans justified the taking of sla-
ves by saying that it was an opportunity for Africans to become Christians. By the 17th century the
taking of slaves from Africa became a holy cause that had the full support of the Christian Church.
The Europeans needed labour to exploit the natural resources of the colonial land so they came up
with a solution: the importation of slaves from Africa. By 1540, about 10,000 slaves a year were
brought from Africa. British merchants became involved in the trade and dominated the market.

67
PARTE 1 Risorse didattiche

They built forts in Africa where they kept the captured Africans until the arrival of the slave-ships.
The merchants obtained the slaves from African chiefs by giving them goods from Europe.
• The historical period.
• The most involved country.
• The reason for the importation of slaves.
• The initial justification for the importation of slaves.
• The means of transport from Africa to America.
ABOLITIONISM
Abolitionism was a political movement that wanted to abolish slavery and the slave trade.
Antislavery sentiment in the United States began in colonial times but in the thirty years before
the Civil War (1861-1865), both blacks and whites began demanding the immediate abolition
of slavery. Abolitionist organizations promoted the emancipation of slaves and helped fugitive
slaves. Abolitionist publications attacked slavery as a moral and political evil, trying to raise the
consciousness of northern whites.
• The aim of abolitionism.
• When it started.
• How abolitionists tried to help slaves.
THE ABOLITIONIST JOHN BROWN
John Brown was an American abolitionist, born in Connecticut in 1800 and raised in Ohio. He
felt that he had to fight to end slavery. He started to practice guerrilla warfare as a means to
the abolition of slavery. On October 16th, 1859 Brown and 21 followers captured the US arsenal
at Harpers Ferry. Brown planned to free the slaves, but it was taken the next morning by federal
forces. Brown was hanged on December 2nd, 1859 after a trial for treason to the state of Virginia.
He became a martyr for many because of the dignity and sincerity that he showed during his po-
pular trial.
• The aim of abolitionism.
• What John Brown desired to stop.
• His means to the abolition of slavery.
• His most famous raid.
• His death.

B1. L
 et’s play an ostinato! Ostinatos are music patterns which are constantly repeated. Dance
music for example is based on different repeated ostinatos. Now let’s sing John Brown’s
body with the help of ostinatos.
1. In a big ring in the middle of the classroom the music teacher suggests an ostinato: he beats his
chest with his hands, then he claps his hands, finally he lifts his finger to be silent.
2. Everybody should repeat the teacher’s rhythmic ostinato for a few times.
3. Now each student is asked to create his/her own rhythmic ostinato that should be repeated
together.
4. Students can choose the best ostinatos and sing John Brown’s body with the help of rhythmic
gestures.

B2. Here is the text of the song.


John Brown’s body lies a-mould’ring in the grave,
John Brown’s body lies a-mould’ring in the grave,
John Brown’s body lies a-mould’ring in the grave
But his soul goes marching on.

68
Progetto CLIL – Inglese

CHORUS:
Glory, glory, hallelujah,
Glory, glory, hallelujah,
Glory, glory, hallelujah,
His soul goes marching on.
He’s gone to be a soldier in the army of the Lord,

RISORSE DIDATTICHE
He’s gone to be a soldier in the army of the Lord,
He’s gone to be a soldier in the army of the Lord,
His soul goes marching on.
CHORUS
Stage 5 – Kumbaya
A. On YouTube you can watch Georgia Geechee Gullah Ring Shouters, Part 2 (from 1,06 to 2,26).
The big ladies in the video are singing a traditional song in Gullah. Gullah, also called Sea Island
Creole English and Geechee, is a creole language spoken by the Gullah people, or Geechees, who
were the former slaves living on the Sea Islands and the coastal region of the US states of North
Carolina, South Carolina, Georgia and northeast Florida. The Gullah language is based on English
with strong influences from West and Central African languages. The Gullah phrase kumbayah,

MATERIALI
meaning «come by here» became famous in the United States thanks to the spiritual song of the
same name, Kumbaya. The song was first recorded in the 1920s. The lyrics are like a prayer to a
deity to come and help those in need.

B1. Read the text of the song and list the verbs at the -ing form.
Kumbaya my Lord, kumbaya,
Kumbaya my Lord, kumbaya,
Kumbaya my Lord, kumbaya,
Oh Lord, kumbaya, oh Lord, kumbaya.
Someone’s sleeping Lord, kumbaya,

SOLUZIONI
Someone’s sleeping Lord, kumbaya,
Someone’s sleeping Lord, kumbaya,
Oh Lord, kumbaya, oh Lord, kumbaya.
Someone’s singing Lord, kumbaya,
Someone’s singing Lord, kumbaya,
Someone’s singing Lord, kumbaya,
Oh Lord, kumbaya, oh Lord, kumbaya.

.......................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................
REPERTORIO

.......................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

B2. Can you think of any other verbs at the -ing form?
Student A says: crying
Student B says: laughing
Student C says: jumping
Student D says: dreaming
Student E says: playing
Student F says: studying
Student G says: swinging
Student H says: running
Student I says: drinking
Student J says: eating

69
PARTE 1 Risorse didattiche

B3. Now you can sing Kumbaya with the verbs that you have found out.
Students sing together: Someone’s crying Lord, kumbaya,
Someone’s crying Lord, kumbaya,
Someone’s crying Lord, kumbaya,
Oh Lord, kumbaya, oh Lord, kumbaya.

UNIT 2
Stage 1 – Tom Dooley

A1. With the help of your voice and hands repeat the rhythm invented by the music teacher (it
must be an 8-beat rhythm).
Music teacher claps his hands and says: YOUR, YOUR, YOU, YOU, YOUR
Student A claps his hands and repeats: YOUR, YOUR, YOU, YOU, YOUR
Music teacher claps his hands and says: YOUR, YOUR, YOU, YOU, YOUR
Student B claps his hands and repeats: YOUR, YOUR, YOU, YOU, YOUR
Music teacher claps his hands and says: YOUR, YOUR, YOU, YOU, YOUR
Student C claps his hands and repeats: YOUR, YOUR, YOU, YOU, YOUR

A2. 
With the help of your voice and hands invent your own rhythm after listening to the music
teacher (it must always be an 8-beat rhythm).
Music teacher claps his hands and says: BLUE, BLUE, BROWN, BLUE, BLUE, BROWN
Student A claps his hands and says: BLUE, BLUE, BLUE, BLUE, BLUE, BROWN
Music teacher claps his hands and says: BLUE, BLUE, BROWN, BLUE, BLUE, BROWN
Student B claps his hands and says: BROWN, BROWN, BLUE, BLUE, BLUE, BLUE

A3. Select the most interesting rhythmic creations that could be used for the final performance of
Tom Dooley: some students will sing the text while others will perform the rhythmic patterns
one at a time.

B. Listen to the English teacher. Memorize the pronunciation and the text of the song. Then read it.
Hang down your head Tom Dooley,
Hang down your head and cry.
Hang down your head Tom Dooley,
Poor boy you’re bound to die.

’Bout this time tomorrow


Reckon where I’ll be.
If it hadn’t been for Grayson,
I’d a-been in Tennessee.
’Bout this time tomorrow,
Reckon where I’ll be.
Down in some lonesome valley,
Hangin’ from a white oak tree.

70
Progetto CLIL – Inglese

Hang down your head Tom Dooley,


Hang down your head and cry.
Hang down your head Tom Dooley,
Poor boy you’re bound to die.

Stage 2 – Pick a bale of cotton

RISORSE DIDATTICHE
A1. Listen carefully to the English teacher. She/he will read a text about work songs.
A work song is a typically acoustic rhythmic song sung by people who are working. Work son-
gs are probably intended to reduce feelings of boredom and to increase feelings of euphoria.
Rhythms of work songs can also synchronize physical movement in a group of people. The origin
of many American work songs is from African slaves. These songs were typically in a call-and-an-
swer format, where a leader would sing a verse or verses and the other workers would respond
with a chorus. Lyrics were often of religious content. Slave music in America used folk tales and
folk patterns, and made use of homemade instruments. In later years drums were banned for
fear that black slaves would use them to communicate. Anyway slaves managed to generate per-
cussive sounds using work tools or their own bodies.

A2. 
Now fill in the chart with the information required about work songs.

MATERIALI
WORK SONGS
Who invented and usually sang them

Where work songs were invented

The roots

Typical format

Typical instruments

Typical texts

SOLUZIONI
B1. P
 ick a bale of cotton, a famous work song, tells the story of two little black slaves who spent
their lives picking cotton in their master’s plantation. Read the text of the song and learn it.

Gonna jump down, turn around and pick a bale o’ cotton,


Jump down, turn around and pick a bale a day,
Jump down, turn around and pick a bale o’ cotton,
Jump down, turn around and pick a bale a day.
CHORUS:
Oh Lordy, pick a bale of cotton, oh Lordy, pick a bale a day,
REPERTORIO

Oh Lordy, pick a bale of cotton, oh Lordy, pick a bale a day.


Pick a, pick a, pick a, pick a, pick a bale o’ cotton,
Pick a, pick a, pick a, pick a, pick a bale a day,
Pick a, pick a, pick a, pick a, pick a bale o’ cotton,
Pick a, pick a, pick a, pick a, pick a bale a day.
CHORUS
Me and my friend gonna pick a bale o’ cotton,
Me and my friend gonna pick a bale a day.
Me and my friend gonna pick a bale o’ cotton,
Me and my friend gonna pick a bale a day.
CHORUS

71
PARTE 1 Risorse didattiche

B2. After memorizing the text of the song, get ready for the music activity.
1. In a big circle start singing Pick a bale of cotton.
2. While singing, take four steps forwards pretending you are picking cotton.
3. Now take four steps backwards.
4. Take four steps forwards again.
5. Then four steps backwards.
6. While you are singing the chorus, take your friends’ hands and turn round in time.
7. Repeat steps 2. and 3. till the end of the song.

Stage 3 – Down by the riverside


A1. 
Let’s concentrate on the definition of gospel. Complete the text given below. Put a word
from the box into each space. The words must be used once.

to for by in from of on with

GOSPEL MUSIC
It’s an American religious musical form that owes much ........................................... its origin ........................................... the
Christian conversion of West Africans enslaved ........................................... the American South. Gospel music
partly took origin ........................................... the songs that slaves sang ........................................... plantations (work songs)
and from the Protestant hymns sung in church. Gospel music, emotional and jubilant, also took
origin from the call-and-response singing between preacher and congregation, which became
common in black churches. Gospel lyrics often call ........................................... obedience to God and avoidance
of sin in order to obtain the reward of heaven’s kingdom; they also celebrate God’s love. Gospel style
makes use of choral singing in unison or harmony often led ........................................... a leading singer or singers.
The songs are performed ........................................... fervent enthusiasm, energy and spiritual inspiration.

A2. Now read the text of Down by the riverside and memorize it.
Gonna lay down my sword and shield
Down by the riverside,
Down by the riverside,
Down by the riverside.
Gonna lay down my sword and shield
Down by the riverside,
Gonna study war no more.
CHORUS:
I ain’t gonna study war no more,
I ain’t gonna study war no more,
I ain’t gonna study war no more,
I ain’t gonna study war no more,
I ain’t gonna study war no more,
I ain’t gonna study war no more.
Gonna put on my long white robe
Down by the riverside,
Down by the riverside,
Down by the riverside.
Gonna put on my long white robe
Down by the riverside,
Gonna study war no more.
CHORUS

72
Progetto CLIL – Inglese

B. C
 an you recognize upbeats and downbeats while you are listening to a song? Can you clap
hands on the upbeat or on the downbeat?
1. To clap your hands on the downbeat start clapping when you sing the word «lay».
«Gonna lày down my sword and shield...»
2. To clap your hands on the upbeat start clapping when you sing the word «down».
«Gonna lay dòwn my sword and shield...»

RISORSE DIDATTICHE
Stage 4 – Skip to my Lou

A. I n groups write a short story using the given frame. The story should not be longer than 50
words. When it’s ready, read it to your friends.

Where When Characters What Why Conclusion

B. Listen to the English teacher to memorize the correct pronunciation of the lyrics. Then le-
arn all the lines and the chorus of Skip to my Lou.

Fly’s in the buttermilk, shoo fly shoo!


Fly’s in the buttermilk, shoo fly shoo!
Fly’s in the buttermilk, shoo fly shoo!

MATERIALI
Skip to my Lou, my darlin’.
CHORUS:
Lou Lou, skip to my Lou,
Lou Lou, skip to my Lou,
Lou Lou, skip to my Lou,
Skip to my Lou, my darlin’.
CHORUS
Lost my partner, what’ll I do?
Lost my partner, what’ll I do?

SOLUZIONI
Lost my partner, what’ll I do?
Skip to my Lou, my darlin’.
CHORUS
I’ll get another one prettier than you,
I’ll get another one prettier than you,
I’ll get another one prettier than you,
Skip to my Lou, my darlin’.
CHORUS
REPERTORIO

Fly’s in the buttermilk, shoo fly shoo!


Fly’s in the buttermilk, shoo fly shoo!
Fly’s in the buttermilk, shoo fly shoo!
Skip to my Lou, my darlin’.

73
PARTE 1 Risorse didattiche

C. Are your ready to dance Skip to my Lou?


1. In a big circle, take your friends’ hands and turn round clockwise while singing the first verse.
Turn hopping in time till the end of the first 4 lines.
Fly’s in the buttermilk, shoo fly shoo!
Fly’s in the buttermilk, shoo fly shoo!
Fly’s in the buttermilk, shoo fly shoo!
Skip to my Lou, my darlin’.
2. Stop turning while singing the chorus.
Lou Lou, skip to my Lou,
Lou Lou, skip to my Lou,
Lou Lou, skip to my Lou,
Skip to my Lou, my darlin’.
3. At the end of the chorus find a partner and dance while singing the second verse.
Lost my partner, what’ll I do?
Lost my partner, what’ll I do?
Lost my partner, what’ll I do?
Skip to my Lou, my darlin’.
4. Repeat step 2.
5. In a circle take your friends’ hands and turn hopping in time anticlockwise.
I’ll get another one prettier than you,
I’ll get another one prettier than you,
I’ll get another one prettier than you,
Skip to my Lou, my darlin’.
6. Repeat step 2.

UNIT 3
Stage 1 – Yankee Doodle

A. Listen to the English teacher and take notes in the given chart.
YANKEE, THE HISTORY OF THE WORD
The origin of the word Yankee has been the subject of discussion, but the most likely source is the
Dutch name Janke, meaning «little Jan» or «little John», a nickname that dates back to the 1680s.
Perhaps because it was used as the name of pirates, the name Yankee came to be used as a term of
contempt. It was used this way in the 1750s by General James Wolfe, the British general who secu-
red British domination of North America by defeating the French at Quebec. The name may have
been applied to New Englanders as an extension of an original use referring to Dutch settlers li-
ving along the Hudson River. Whatever the reason, Yankee is first recorded in 1765 as a name for
an inhabitant of New England. The first recorded use of the term by the British to refer to Ame-
ricans in general appears in the 1780s, in a letter by Lord Horatio Nelson. Around the same time
it began to be abbreviated to Yank. During the American Revolution, American soldiers adopted
this term of derision as a term of national pride. The derisive use nonetheless remained alive and
even intensified in the South during the Civil War, when it referred not to all Americans but to
those loyal to the Union. Now the term carries less emotion, except of course for baseball fans.

74
Progetto CLIL – Inglese

THE WORD YANKEE AND ITS ORIGIN


From the Dutch name ....................................................................................................

Meaning .................................................................................................... dating back to the ....................................................................................................

Used as a term of ....................................................................................................

Used in the 1750s by ................................................................... at the time of the war against ......................................................................................................

RISORSE DIDATTICHE
in ............................................................................

In 1765 it became a name for ....................................................................................................

Used during the ................................................................................................. by soldiers, and during the ................................................................................................


in the South referring to ............................................................................

B. Read the text about colonial America and complete the timeline (from 1620 to 1783).
In the 17th century some English Protestants called «The Puritans» decided to found a «New
England» in the newly discovered continent of America. In 1620 a group of them sailed across
the Atlantic on a small ship called The Mayflower and settled in New Plymouth, on the coast near
today’s Boston. They called themeselves «The Pilgrim Fathers».
More Puritans came to America in the following years and founded colonies and towns along

MATERIALI
the coast. In 1643 the Puritans created the New England Confederation, a union of their four
colonies (Massachusetts, Rhode Island, New Hampshire, Connecticut). Modern America grew
from that small beginning.
In the 18th century England had 13 colonies along the Atlantic Coast of North America. The En-
glish colonies attracted immigrants from Europe in search of land and freedom from religious
and political persecution. Settlers in the northern and middle colonies were mostly small far-
mers in factories. Southern colonies developed an economy based on plantation of cotton, rice,
tobacco. Plantation economy was based on slave work.
At the end of 18th century the 13 colonies were angry about the unjust laws introduced by the
British king, so fights started to break out. In 1775 the American Revolution began with the fa-
mous episode of the «Boston Tea Party». On July 4th, 1776 congressmen signed the Declaration

SOLUZIONI
of Independence written by Thomas Jefferson. The war of independence was long and hard. In
1783, Americans won and Britain officially recognized the 13 colonies as an independent na-
tion. George Washington was the first president of the new republic.

1620 1643 1775 1776 1783


The Pilgrim Fathers
arrived in America

C1. 
Listen to the English teacher reading the text of Yankee Doodle and repeat each line. Yan-
REPERTORIO

kee Doodle was a popular song at the time of the war of independence and was used by the
British who intended to insult the American colonials.
Yankee Doodle went to town, riding on a pony,
Stuck a feather in his cap and called it macaroni.
CHORUS:
Yankee Doodle keep it up, Yankee Doodle dandy.
Mind the music and the step and with the girls be handy.
Father and I went to camp along with captain Gooding,
There we saw the men and boys as thick as hasty pudding.
CHORUS

75
PARTE 1 Risorse didattiche

Yankee Doodle went to town, riding on a pony,


Stuck a feather in his cap and called it macaroni.
CHORUS

C2. Now you can rap Yankee Doodle.


1. As a rhythmic pattern, snap your fingers and stamp your feet while rapping the text of the
song.
2. Go on like this till you have perfectly learnt the whole song.

Stage 2 – Joshua fit the battle of Jericho

A. J oshua fit the battle of Jericho is a gospel song. As to revise, put the given texts about gospel,
spiritual and work songs into the correct order.
A. They were first sung by slaves on Southern plantations as work songs, sometimes with hidden
messages of a slave owner’s unexpected return, rebellion or escape. Singing spirituals someti-
mes provided comfort for pain and eased the boredom of daily tasks.
B. A work song is a typically acoustic rhythmic song sung by people who are working. Work son-
gs are probably intended to reduce feelings of boredom and to increase feelings of euphoria.
Rhythms of work songs also synchronize physical movement in a group of people.
C. Above all, they are an expression of the inner freedom of human beings whose bodies were in
bondage. A well known example of a spiritual is Swing low, sweet chariot.
D. In later years drums were banned for fear that black slaves would use them to communicate
in a rebellion. Anyway slaves managed to generate percussion and percussive sounds, using
other instruments or their own bodies.
E. However, gospel music did not derive as much from Protestant hymns as did spirituals. Gospel
music, more emotional and jubilant, also stemmed from the call-and-response singing between
preacher and congregation, which became common in black churches.
F. Gospel lyrics often call for obedience to God and avoidance of sin in order to obtain the reward
of heaven’s kingdom; they also celebrate God’s love. Gospel style makes use of choral singing in
unison or harmony, often, but not always, led by a leading singer or singers. The songs are per-
formed with fervent enthusiasm, energy and spiritual inspiration, with much ornamentation
in the solo vocal lines.
G. Gospel music is an American religious musical form that owes much of its origin to the Christian
conversion of West Africans enslaved in the American South. Gospel music partly evolved from
the songs slaves sang on plantations, notably work songs and from the Protestant hymns they
sang in church.
H. The origin of many American work songs comes from African slaves. These songs were typi-
cally in a call-and-answer format, where a leader would sing a verse or verses and the other
workers would respond with a chorus. Spirituals were rooted deeply in Christianity, to which
many slaves were fervent converts. Slave music in America used folk tales and folk motifs, and
made use of homemade instruments.
I. 
A spiritual is an African-American song with a religious text. Originally monophonic and a cap-
pella, these songs are antecedents of the blues. Spirituals were songs sung by enslaved people
to express their religion.

Gospel: Spiritual: Work songs:


76
Progetto CLIL – Inglese

B. Listen to the English teacher who reads the text of the song then repeat each line.
CHORUS:
Joshua fit the battle of Jericho, Jericho, Jericho,
Joshua fit the battle of Jericho,
and the walls come tumblin’ down.
You can talk about your kings of Gideon,

RISORSE DIDATTICHE
You can talk about your men of Saul,
there’s none like good old Joshua
at the battle of Jericho at morning.
CHORUS
You can talk about your kings of Gideon,
you can talk about your men of Saul,
there’s none like good old Joshua
at the battle of Jericho at morning.
CHORUS

C. Let’s improvise!

MATERIALI
1. In a big circle invent an ostinato, a rhythmic pattern that can be used as a base for your impro-
visations (for example: first stamp your feet, second beat your hands on the knees, third clap
your hands, fourth be silent). It must be four beats: the time of each improvisation.
2. Go on practising your ostinato.
3. The music teacher will start with his improvisation first. He/She can play with the words of the
text and invent his own line (for example: 1) Battle, battle, battle of Jericho; 2) Men of Saul, kings
of Gideon; and so on) or use other English words freely (the days of the week, the months of the
year and so on).
4. Repeat the teacher’s vocal improvisation then a volunteer will improvise in his/her turn.
5. To make things easier, repeat each improvisation. After practising, you can avoid repetition.

SOLUZIONI
Stage 3 – Green, green rocky road

A. 
Green, green rocky road was generally used by children in New Orleans to inform people in
bars, gambling houses and brothels that the police was arriving. When they started singing
it, everybody knew that it was time to stop all illegal activities.
Now read the text about New Orleans then answer the questions.
NEW ORLEANS
New Orleans is an unusual city. It was founded by the French in 1718 but its rich port drew sett-
lers from all over the world.
REPERTORIO

The French Quarter was the original city of New Orleans. It is famous for its ornate wrought-iron
balconies, for its French and Spanish architecture and also for its joyous atmosphere. Known as
the Vieux Carre, meaning old Square, the historic district of New Orleans offers interesting book-
shops, record stores, museums and shops. New Orleans is also the place where jazz was born and
there are still many jazz clubs in the French Quarter.
But you can also listen to a jazz band playing in the open air if you have a «café au lait» (coffee
with milk) at the «Café du Monde». There you can also try a beignet, a light pastry covered with
sugar. Or you can queue to get a seat in the «Preservation Hall», where old jazz musicians per-
form every night.
You will find a lot of restaurants in New Orleans. The Spanish, Italians, Slaves and Native Americans
have all contributed to the hot and spicy style of Cajun cuisine (descendents of the French-Cana-
dians are called Cajuns). You can find Jambalaya – a jumble of rice, shrimp, oysters and ham or

77
PARTE 1 Risorse didattiche

chicken mixed with spices – and the African gumbo – a soup with meat or fish and vegetables – in
practically every menu in New Orleans. If you don’t mind trying unusual dishes you can even
have alligator soup.
If you go to New Orleans in February there’s no escaping the celebration of Mardi Gras (Fat Tue-
sday). This is the city’s most famous festival and there are many parades and balls and recently
also a costume contest.
Finally, you will certainly like to have a boat trip on the Mississippi on the «Nanchez», one of the
few paddle steamers still in use. This is a steamship which is pushed forward by a pair of large
wheels at the sides. While sailing along the river, a band plays jazz numbers: When the saints go
marching in is always a favourite.

1. Why is the French Quarter in New Orleans famous?


2. What can you find there?
3. Where can you listen to jazz bands playing?
4. What is the Café du Monde’s speciality?
5. Who are the Cajuns?
6. What are the specialities of the Cajun cuisine?
7. When is the most famous festival?
8. Where can you have a boat trip?

B. 
Here is the text of the song Green, green rocky road. Read it after listening to the English
teacher.
Hooka dooka soda cracker,
Does your Mama chew tabacca?
If your Mama chew tabacca,
Well, hooka dooka dooka now soda cracker.
CHORUS:
Green, green rocky road, promenading green,
Tell me who yo’all love, tell me who yo’ll love.
Why don’t you tell me, tell me, tell me who yo’all love,
Tell me, tell me, tell me who yo’all love,
Tell me, tell me, tell me who yo’all love,
Tell me, tell me, tell me who yo’all love.

78
Progetto CLIL – Inglese

I’m goin’ down to Baltimore,


If you ain’t got a carpet of your floor.
You ain’t got a carpet on your floor,
I’m goin’ down to Baltimore.
CHORUS
Come along and go with me,

RISORSE DIDATTICHE
If you wanna, wanna be free.
Baby if you wanna, wanna, wanna be free,
Come on take my hand and go with me.
CHORUS

C. It’s time to play with sound intensity and speed.


1. After memorizing the text, sing the line Tell me who yo’all love, tell me who yo’ll love.
2. When everybody has acquired the right rhythm and pitch, the music teacher will sing another
line with different sound intensity (pp = pianissimo, p = piano, mp = mezzo piano, mf = mezzo forte,
f = forte, < = crescendo, > = diminuendo) and speed (slow, medium slow, moderato, allegro,
presto, getting faster, slowing down).
3. Sing all the lines changing sound intensity and speed every time so that you can understand

MATERIALI
dynamic and interpretative characteristics of music, acquire musicality and have fun.

FINAL STAGE
A. W
 ith the help of the music teacher at the guitar sing all the songs you have learnt and get
ready for the final show. Here is the list of titles.
1. Ten little Indians
2. I’m on my way
3. When the saints go marching in
4. John Brown’s body

SOLUZIONI
5. Kumbaya
6. Tom Dooley
7. Pick a bale of cotton
8. Down by the riverside
9. Skip to my Lou
10. Yankee Doodle
11. Joshua fit the battle of Jericho
12. Green, green rocky road

B. 
The English teacher will write a title on the blackboard and everybody should sing the
REPERTORIO

song without reading the text.

79
PARTE 1 Risorse didattiche

Progetto CLIL – Tedesco


Mozartlexikon
1. Lies die Sätze und ergänze die Tabelle mit den gegebenen Gefühlen.

die Rache – die Traurigkeit – die Liebe –


das Erstaunen – der Zorn –
der Neid – das Glück

Sätze Gefühle

Auge um Auge – Zahn um Zahn. die Rache

Du bist so schön. Ich bin in dich verliebt. Ich liebe dich.


........................................................

Das ist super! Ich bin voll erstaunt.


........................................................

O nein! Mein Hund ist tot. Ich bin so traurig.


........................................................

Ich habe im Lotto gewonnen! Prima! Ich bin glücklich.


........................................................

Was? Keine Schokolade mehr? Ich bin zornig.


........................................................

Du hast einen roten Ferrari und ich habe keinen? Ich beneide dich!
........................................................

2. Verbinde jedes Wort mit der richtigen Bedeutung.


a. das Wunderkind 1. z. B. die Gitarre, das Klavier, der Bass
b. das Instrument 2. ein Teil einer Oper
c. das Musikstück 3. ein Musikstück, in dem man spricht
d. die Arie 4. die Frau des Königs, sie trägt eine Krone
e. das Rezitativ 5. eine singende Gruppe
f. der Chor 6. zwei Personen, die zusammen singen
g. das Duett 7. ein geniales Kind
h. die Königin 8. ein Musikstück, in dem man singt
i. das Libretto 9. das Buch von Opern
j. das Netz 10. um Tiere zu fangen brauchst du es

80
Progetto CLIL – Tedesco

3. Ergänze das Kreuzworträtsel mit den Wörtern der Übungen 1 und 2 (Pass auf: Ä = AE; Ö = OE;
Ü = UE; β = SS).

1 2

RISORSE DIDATTICHE
3

4 5

6 7

9 10

11 12

MATERIALI
M O Z A R T
13

14

15

16

17 18

SOLUZIONI
19

20

1. Teil einer Oper. 11. Gesungenes Stück einer Oper.


REPERTORIO

2. Unglück. 12. Familienname von Wolfgang Amadeus.


3. Ein Keyboard ist ein... 13. Das WOW-Gefühl.
4. Gegenteil von Traurigkeit. 14. Substantiv aus «ZORNIG».
5. Ein gesprochenes Stück in einer Oper. 15. Textbuch von Opern.
6. Auge um Auge, Zahn um Zahn. 16. Du hast eine 1 in Mathe und ich keine?
7. Singende Gruppe. 17. Erster Vorname Mozarts.
8. Ein Genie im Kindergarten. 18. «LOVE» auf Deutsch.
9. Sie trägt eine Krone. 19. Robert und Katja singen zusammen.
10. Wolfgang ... Mozart. 20. Das brauchst du, um Tiere zu fangen.

81
PARTE 1 Risorse didattiche

Wolfgang Amadeus Mozart


Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791) war ein Wunderkind, er konnte schon mit 3 Jahren instru-
mente spielen und mit 4 komponieren: nicht schlecht, oder?

4. Bist du auch ein Genie? Mal sehen: finde den Schlüssel.

Ha551!
Ich h8iß8 6152ga3g Amad8u4 M17art.
Ich bi3 i3 4a57burg g8b1r83.
Da4 5i8gt i3 Ö4t8rr8ich.
M8i3 Vat8r h8ißt 581p15d.
M8i38 Mutte8r h8ißt A33a Maria.
Ich bi3 8i3 6u3d8rki3d.
Ich 4pi858 4pi38tt, Org85, C8mba51 u3d G8ig8.
M8i38 H1bby4 4i3d 4tück8 4chr8ib83 u3d 4ch8r78 mach83.
Ich hab8 48ch4hu3d8rt48ch4u3d76a37ig 4tück8 g84chri8b83!

.........................................................................................................................................................................................................................................................................................

.........................................................................................................................................................................................................................................................................................

.........................................................................................................................................................................................................................................................................................

.........................................................................................................................................................................................................................................................................................

.........................................................................................................................................................................................................................................................................................

.........................................................................................................................................................................................................................................................................................

.........................................................................................................................................................................................................................................................................................

.........................................................................................................................................................................................................................................................................................

.........................................................................................................................................................................................................................................................................................

.........................................................................................................................................................................................................................................................................................

1 = ........... ; 2 = ........... ; 3 = ........... ; 4 = ........... ; 5 = ........... ; 6 = ........... ; 7 = ........... ; 8 = ........... .

5. Erkennst du diese Instrumente? Verbinde.

die Orgel die Flöte das Spinett das Cembalo die Geige das Glockenspiel

Welche Instrumente kennst du noch? .......................................................................................................................................................................................................................

82
Progetto CLIL – Tedesco

Die Zauberflöte (1791)


Die Zauberflöte ist ein Singspiel, das heißt…

6. Entziffre das mit den Schlüssel (Übung 4) und finde was ein Singspiel ist.

8i3 4tück mit g84pr1ch8383 Dia51g83 u3d g8su3g8383 T8i583

RISORSE DIDATTICHE
.......................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Die Zauberflöte ist aber ein Rekord-Singspiel:


A. sie ist eine der ersten Oper mit Libretto in der deutschen Sprache;
B. sie ist die letzte Mozarts;
C. viele Experten behaupten, sie ist die bedeutendste deutsche Oper.
Darum geht es: der wunderbare Prinz Tamino ist in Gefahr. Drei Damen der Königin der Nacht hel-
fen ihm. Doch der Vogelfänger Papageno sagt dem Prinzen, dass er ihn gerettet hat und wird für diese
Lüge bestraft. Die drei Frauen zeigen Tamino ein Bild von Pamina, die Tochter der Königin, und Tami-
no verliebt sich sofort in sie. Als er erfährt, dass Pamina beim bösen Herrscher Sarastro gefangen ist,
will er sie befreien. Tamino und Papageno bekommen Zauberinstrumente, eine Zauberflöte und ein
Glockenspiel, und gehen ab. Tamino und Papageno wollen Pamina befreien, aber es ist sehr schwierig:

MATERIALI
sie müssen einige Prüfungen bestehen. Als Pamina das erste Mal Tamino sieht, verliebt sie sich auch
in ihn. Als Tamino und Papageno alle Prüfungen bestanden haben, kann Tamino Pamina befreien.
Und auch Papageno ist wieder glücklich: er lernt Papagena kennen und sie lieben einander sofort.

7. Wer sagt was? Füge die richtigen Namen ein.

Tamino Königin der Nacht Papageno Pamina Sarastro Papagena

Der Vogelfänger bin

SOLUZIONI
Ich bin .............................................................. ,
ich ja… ich heiße
ich will Pamina heiraten.
........................................................................

Der Böse der Geschichte


bin ich, mein Vorname?
...............................................................................
Ich bin die Mutter von
Pamina, ich bin die
REPERTORIO

Pa-pa-pa-pa singt
........................................................................
mein Mann, ich heiße
........................................................................

Ich liebe dich, Tamino!


Hier bin ich, deine
........................................................................

83
PARTE 1 Risorse didattiche

8.  ähle eine Figur der Zauberflöte und schreib ein Elfchen (ein Gedicht aus 11 Wörtern)
W
darüber. Hier ist ein Beispiel.

................................. 1 Wort Tamino

................................. ................................. 2 Wörter Ein Held

................................. ................................. ................................. 3 Wörter In Pamina verliebt

................................. ................................. ................................. ................................. 4 Wörter Wird er sie befreien?

................................. 1 Wort Ja!

Die Uraufführung (erste Präsentation) der Zauberflöte war 1791 in Wien.


Heute kann man die Geschichte dieses Singspieles von Mozart im wichtigsten Theater in Wien ansehen:
in der Wiener Staatsoper gibt es die Zauberflöte-Fresken.

9.  o sind diese Bilder? Besichtige die Webseite www.wiener-staatsoper.at


W
Auf dem Link «Opernhaus» ist eine 360° Panoramatour, mal sehen ob du die Büste Mozarts
findest!

10. L
 ies jeden Satz mit allen diesen Gefühlen. Zuerst leise, dann lies einen Satz mit einem
Gefühl vor, die Klasse soll das Gefühl erraten.

Gefühle:

Sätze: Hallo, mein lieber Freund! / Wie bitte? Was hast du gesagt? / Das Essen im Restaurant ist
super. / Ich habe dich lieb. / Ich heiße Rudolf, R-U-D-O-L-F. / Das ist sehr interessant. / Das ist meine
Schwester. / Tschüss! / Schokokreme mag ich. / Mozart ist prima.

84
Progetto CLIL – Tedesco

Arie von Papageno (1. Aufzug, 2. Auftritt)


Papageno stellt sich vor. Er ist Vogelfänger von Beruf. Er ist in seinem Land sehr bekannt. Er hat einen
großen Traum: Mädchen auch fangen zu können, um die richtige Frau zu finden.

11. Hör zu und sing nach!


Der Vogelfänger bin ich ja, Il cacciatore di uccelli sono io,

RISORSE DIDATTICHE
Stets lustig heissa hopsasa! sempre allegro, heissa hopsasa!
Ich Vogelfänger bin bekannt Io, cacciatore di uccelli, sono conosciuto
bei Alt und Jung im ganzen Land. dai vecchi e dai giovani in tutto il paese.
Weiß mit dem Locken umzugehn So come fare i richiami
und mich aufs Pfeifen zu verstehen! e farmi capire fischiando.
Drum kann ich froh und lustig sein, Per questo me ne posso stare felice e contento,
Denn alle Vögel sind ja mein. perché tutti gli uccelli sono miei.

Der Vogelfänger bin ich ja, Il cacciatore di uccelli sono io,


Stets lustig heissa hopsasa! sempre allegro, heissa hopsasa!
Ich Vogelfänger bin bekannt Io, cacciatore di uccelli, sono conosciuto
Bei Alt und Jung im ganzen Land. dai vecchi e dai giovani in tutto il paese.

MATERIALI
Ein Netz für Mädchen möchte ich; Una rete per ragazze vorrei;
Ich fing sie dutzendweis für mich! ne acchiapperei a dozzine per me!
Dann sperrte ich sie bei mir ein Poi le chiuderei in una delle mie gabbie
Und alle Mädchen wären mein. e tutte le ragazze sarebbero mie.

Wenn alle Mädchen wären mein, Se tutte le ragazze fossero mie,


So tauschte ich brav Zucker ein. allora mi metterei a commerciare lo zucchero.
Die welche mir am liebsten wär, E alla ragazza a me più cara,
der gäb ich gleich den Zucker her. regalerei subito lo zucchero.
Und küsste sie mich zärtlich dann, E lei mi bacerebbe così dolcemente,

SOLUZIONI
Wär’ sie mein Weib und ich ihr Mann. che diventerebbe la mia donna e io il suo uomo.
Sie schlief an meiner Seite ein; Si addormenterebbe al mio fianco;
ich wiegte wie ein Kind sie ein. io la cullerei come se fosse un bimbo.

12. Welcher Titel passt am besten? Verbinde.


a. Zeilen 1-4 1. Mann und Frau
b. Zeilen 5-8 2. Mädchennetz
c. Zeilen 9-12 3. Zucker für das liebste Mädchen
d. Zeilen 13-16 4. Vorstellung als Vogelfänger (1)
e. Zeilen 17-20 5. Vorstellung als Vogelfänger (2)
f. Zeilen 21-24 6. Die Arbeit des Vogelfängers
REPERTORIO

13. Teste dich!


A. Wer singt diese Arie? C. Wie fühlt er sich? E. Was möchte er kaufen?
A Der König der Nacht A Zornig
A Süßigkeiten

B Sarastro B Verliebt
B Vögel

C Papageno C Lustig
C Zucker

B. Was ist er von Beruf? D. Was möchte er haben? F. Was bedeutet «dutzendweis»?
A Sänger natürlich A Ein Netz für Mädchen
A Viele

B Vogelfänger B Ein Land für sich selbst
B Ein bisschen

C Mädchenfänger C Viel Geld
C Pfeifen

85
PARTE 1 Risorse didattiche

Hast du 6 oder 5 Fragen richtig beantwortet? Super! Der Vogelfänger bist du auch!
Hast du 4 oder 3 Fragen richtig beantwortet? Nicht schlecht… aber nächstes mal hör besser zu.
Hast du 2 oder 1 Fragen richtig beantwortet? Zu viele Fehler, heissa hopsasa!

14. Ergänze mit den gegebenen Worten und sing nach!

Lehrern gute Schüler gute Noten hefte guter Schüler

Der Schuldirektor bin ich ja,


Stets lustig heissa hopsasa!
Ich Schuldirektor bin bekannt
bei Alt und Jung im ganzen Land.
Weiß mit dem Schreiben umzugehn
und mich aufs Sprechen zu verstehen!
Drum kann ich froh und lustig sein,
Denn alle Zeugnisse sind ja mein.

Der Musiklehrer bin ich ja,


Stets lustig heissa hopsasa!
Ich Musiklehrer bin bekannt
bei Alt und Jung im ganzen Land.
Weiß mit den Stunden umzugehn
und mich aufs Singen zu verstehen!
Drum kann ich froh und lustig sein,
Denn alle Choren sind ja mein.

Der große Popstar bin ich ja,


Stets lustig heissa hopsasa!
Ich großer Popstar bin bekannt
bei Alt und Jung im ganzen Land.
Weiß mit den Stücken umzugehn
und mich auf Konzerte zu verstehen!
Drum kann ich froh und lustig sein,
Denn alle Fans hier sind ja mein.

Der ........................................... bin ich ja,


Stets lustig heissa hopsasa!
Ich ........................................... bin bekannt
bei Alt und Jung im ganzen Land.
Weiß mit den ........................................... umzugehn
und mich auf ........................................... zu verstehen!
Drum kann ich froh und lustig sein,
Denn ........................................... sind ja mein.

15. Schreib deine Vorstellung nach dem gleichen Modell.


z.B.: der Superluca bin ich ja, / die schöne Sonja bin ich ja… / die Elisabetta bin ich ja…
..............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

..............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

..............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

86
Progetto CLIL – Tedesco

Arie der Königin der Nacht (2. Aufzug, 8. Auftritt)


In dieser Arie singt die Königin der Nacht. Sie hat mit ihrer Tochter Pamina gerade gesprochen und
hat etwas Schreckliches erfahren: Pamina will nicht Sarastro töten.
Die Königin ist zornig: Sarastro ist der Königin «Todesfeind».

16. Hör zu. Du wirst den Text dreimal hören. Welche Verse wiederholen sich? Unterstreiche sie.

RISORSE DIDATTICHE
Der Hölle Rache kocht in meinem Herzen, La vendetta dell’inferno ribolle nel mio cuore,
Tod und Verzweiflung flammet um mich her! morte e disperazione fiammeggiano intorno a
me!
Fühlt nicht durch dich Sarastro Todesschmerzen, Se tramite te Sarastro non patirà le pene
della morte,
So bist du meine Tochter nimmermehr. non sarai mai più mia figlia.
Verstossen sei auf ewig, Ripudiata sii per sempre,
Verlassen sei auf ewig, abbandonata sii per sempre,
Zertrümmert sei’n auf ewig distrutti siano per sempre
Alle Bande der Natur tutti i legami della Natura
Wenn nicht durch dich Sarastro wird erblassen! se Sarastro non impallidirà tramite te!
Hört, Rachegötter, hört der Mutter Schwur! Ascoltate, dèi della vendetta, ascoltate il giura-

MATERIALI
mento di una madre!

17. Teste dich!


A. Wer singt diese Arie? D. Was fühlt sie?
A Die Königin der Nacht A Neid und Glück

B
Sarastro und Papageno B Rache und Zorn
C Papagena C Liebe und Erstaunen

B. Wo gibt es Virtuosismen? E. Wer muss sie hören?
A Nach «nimmermehr» und «ewig» A Die Rachegötter
B
Nach «nimmermehr» und «Schwur» B Die Familie

SOLUZIONI
C
Nach «nimmermehr» und «Natur» C Die Todesschmerzen
C. Wen spricht siean? F. Was bedeutet «auf ewig»?
A An ihren Feind Sarastro A Für mich
B An ihre Tochter Pamina B Für immer
C An ihre Mutter Schwur C Für uns

Hast du 6 oder 5 Fragen richtig beantwortet? Echt klasse! Du bist der König der Nacht, oder?
REPERTORIO

Hast du 4 oder 3 Fragen richtig beantwortet? Na ja… nicht schlecht…


Hast du 2 oder 1 Fragen richtig beantwortet? Mit einem Zauber… kuli wäre es einfacher gewesen!

87
PARTE 1 Risorse didattiche

Duetto Papageno und Papagena (2. Aufzug, 29. Auftritt)


Papageno hat seine Mission beendet, jetzt ist Tamino glücklich mit Pamina, aber Papageno? Er fühlt
sich allein. Sein Traum besteht darin, die richtige Frau kennen zu lernen. Er spielt das magische
Glockenspiel und… Papagena kommt an. Sie sind beide erstaunt und es ist love at first sight!

18. P
 aararbeit. Ihr werdet den Text in Teilen bekommen, hört zu und setzt die Teile in die richti-
ge Reihenfolge. Dann hört zu und singt nach.
Pa-pa-pa, pa-pa-pa, Papageno
pa-pa-pa, pa-pa-pa, Papagena
PAPAGENO
Bist du mir nun ganz ergeben, Voli tra le mie braccia ora?
PAPAGENA
Nun bin ich dir ganz ergeben. Ora sono volata tra le tue braccia.
PAPAGENO
Nun, so sei mein liebes Weibchen! Allora, che tu sia la mia cara mogliettina.
PAPAGENA
Nun, so sei mein Herzenstäubchen, Allora, che tu sia il colombino del mio cuore,
Mein Herzenstäubchen! il colombino del mio cuore!
PAPAGENO UND PAPAGENA
Mein liebes Weibchen, Mia cara mogliettina,
mein Herzenstäubchen, colombino del mio cuore,
Welche Freude wird das sein, Che gioia sarà
Wenn die Götter uns bedenken, quando gli dei ci penseranno,
Unsrer Liebe Kinder schenken e ci regaleranno dei figli del nostro amore
Unsrer Liebe Kinder schenken e ci regaleranno dei figli del nostro amore
So liebe kleine Kinderlein, Kinderlein, dei cari bambini,
Kinderlein, Kinderlein, bambini, bambini,
So liebe kleine Kinderlein. dei cari bambini.
Erst einen kleinen Papageno Prima un piccolo Papageno,
Dann eine kleine Papagena, poi una piccola Papagena,
Dann wieder einen Papageno poi di nuovo un Papageno,
Dann wieder eine Papagena, poi di nuovo una Papagena,
Papageno, Papagena, Papageno… Papageno, Papagena, Papageno…
Es ist das höchste der Gefühle, Questo è il sentimento più alto
Wenn viele, viele, Pa-pa-pageno(a) se tanti, tanti Papageno/a
Der Eltern Segen werden sein. saranno la felicità dei genitori
Wenn viele, viele, Pa-pa-pageno(a) se tanti, tanti Papageno/a
Der Eltern Segen werden sein. saranno la felicità dei genitori.

19. Welche Silbe wird hier mehrmals wiederholt?


Wofür steht das PA-PA-PA am Anfang? Tipp: Es ist ein Gefühl…

RETSAUENN =
Papageno und Papagena sind sehr überrascht und sie können nicht sprechen.

88
Progetto CLIL – Tedesco

20. Teste dich!


A. Was für ein Stück ist das? D. Was fühlen sie?
A Eine Arie A Erstauen und Zorn

B
Ein Rezitativ B Glück und Rache
C Ein Duetto C Erstaunen und Liebe

B. Wer singt hier? E. Was ist «mein Herzenstäubchen»?

RISORSE DIDATTICHE
A Ganz leicht: Tamino und Pamina A Ein Spitzname für Papageno
B Pamina und Papageno B Taminos Lieblingstier
C Papageno und Papagena C Ein Synonym für «Singspiel»

C. Worum geht’s? F. Welche sind Synonyme?


A Um die Schule ihrer Kinder A Segen und Eltern
B Um ihre Traumfamilie B Segen und Kinder

C Um Pamina und ihre Geschwister C Segen und Glück

Hast du 6 oder 5 Fragen richtig beantwortet? Toll! Es war ein Kinderspiel!


Hast du 4 oder 3 Fragen richtig beantwortet? Pa… pa… pa… pa… noch einmal zuhören.
Hast du 2 oder 1 Fragen richtig beantwortet? Brauchst du Hilfe? Hier ist ein Zauberglockenspiel!

MATERIALI
Projekte
21. G
 ruppenarbeit 1. Schreibt ein Mini-Singspiel über eure Gruppe. Benutzt das Modell von
Papageno (erste Arie). Ihr könnt auch bekannte Lieder benutzen.

Beispiel: Gruppe Mario, Lucia, Simonetta, Giovanni.

Arie: Mario stellt sich nach dem Modell vor (er singt «der gute Mario bin ich ja»…).

Rezitativ: Lucia stellt Simonetta Fragen über Mario, Simonetta beantwortet. Sie beschreibt Ma-
rios Charakter und seine Hobbys. Sie beendet das Stück mit dem Satz: «Mario und sein Freund

SOLUZIONI
Giovanni sind Fußballfanatiker».

Duett: Giovanni und Mario singen «Holly und Benji».

22. G
 ruppenarbeit 2. Wählt ein Gefühl und eine Situation und schreibt ein Mini-Singspiel (mit
gesprochenen und gesungenen Teilen) darüber. Ihr könnt auch bekannte Lieder benutzen.

REPERTORIO

die Rache die Liebe das Erstaunen die Traurigkeit das Glück der Zorn der Neid

Situationen:
• dein erstes Treffen mit einem Freund / einer Freundin…
• eine gute / schlechte Note
• ein Fußballspiel
• einmal in der Pizzeria / auf dem Park…
• ein Streit mit…
• ein schöner Tag zu Hause / mit den Freunden / in der Schule / im Sommer
• eine Überraschung

89
PARTE 1 Risorse didattiche

Cooperative learning
Il Cooperative learning è un insieme di tecniche di conduzione della classe, grazie alle quali gli studen-
ti apprendono attraverso attività in piccoli gruppi. Questi sono generalmente eterogenei e in alcune
modalità è prevista una distribuzione di ruoli, senza che però un membro assuma mai una posizione
di superiorità rispetto a un altro; nel Cooperative learning infatti la leadership è distribuita.
I principi base di questa metodologia che la differenziano rispetto al tradizionale lavoro di gruppo sono:
• l’interdipendenza positiva;
• l’interazione promozionale faccia a faccia;
• la responsabilità individuale e di gruppo;
• l’insegnamento e l’uso di competenze sociali all’interno di gruppi eterogenei;
• la revisione costante e la valutazione individuale e di gruppo.
Il principio dell’interdipendenza positiva implica un rapporto di impegno reciproco, in cui ogni mem-
bro del gruppo accetta e sente di essere responsabile non solo del proprio rendimento, ma anche di
quello dei suoi compagni.
La riflessione continua sull’attività svolta è un altro elemento di grande importanza didattica che con-
duce il gruppo verso l’autoapprendimento e il miglioramento costante del proprio metodo di lavoro. Il
docente può, attraverso opportuni interventi o con la predisposizione di appositi strumenti di lavoro,
stimolare questa attività metacognitiva e offrire suggerimenti per il miglioramento. Esistono numero-
si modelli di Cooperative learning, i più famosi tra i quali sono: learning together, jigsaw, co-op-co-op,
group investigation.
Il jigsaw (puzzle), per esempio, è una tecnica utilizzata nell’ambito del Cooperative learning e ideata ne-
gli anni Settanta del secolo scorso dal dottor Elliot Aronson e i suoi collaboratori. Si sviluppa in tre fasi.
Nella prima fase, la classe viene suddivisa in piccoli gruppi (gruppi base), a ognuno dei quali viene as-
segnata un’attività relativa a una parte dell’intero argomento da trattare; al tempo stesso, all’interno
di ciascun gruppo base, ai diversi alunni verrà assegnata una specifica competenza (es. Alunno A: rac-
colta dati, Alunno B: compilazione scheda, Alunno C: disegno, ecc.) relativa all’argomento assegnato.
Nella seconda fase, i gruppi base si scompongono e si formano dei gruppi tecnici omogenei, formati
da tutti gli alunni dei diversi gruppi base a cui è stata assegnata una specifica competenza (gruppo
tecnico A, gruppo tecnico B, C, e così via). In questa fase, ciascun membro A, B, C, del gruppo base avrà
acquisito dati e informazioni nel suo specifico settore relativamente a tutte le parti dell’argomento
trattate dai diversi gruppi.
Nella terza fase si ricompongono i gruppi base, all’interno dei quali ciascun membro sarà portatore
di un più ampio bagaglio di conoscenze da condividere con il resto del gruppo. Gli studenti all’interno
dei gruppi assumono il ruolo di esperti e devono trovare modalità efficaci per condividere la loro co-
noscenza con gli altri membri.

Nell’apprendimento cooperativo si è soliti distinguere tra modalità formale e modalità informale.


Il Cooperative learning informale si rivolge a piccoli gruppi di 2 o massimo 4 studenti; il docente
propone una domanda o una riflessione che possa essere elaborata ed esposta nel corso di pochi mi-
nuti, permettendo così uno scambio di conoscenze, di approccio alla problematica e di soluzione.
Il Cooperative learning formale concerne attività più ampie e strutturate che coinvolgono gruppi di
studenti per un periodo di tempo maggiore. Il Compito di realtà rientra in questa modalità, poiché gli
studenti lavorano seguendo i ruoli assegnati dal docente e le fasi previste dal lavoro richiesto. Anche
la fase conclusiva di esposizione e di confronto è un aspetto molto importante, che permetterà al do-
cente di valutare le azioni e le interazioni di ogni studente in tutto il processo didattico.

Il Cooperative learning può rappresentare una risposta ai nuovi bisogni educativi, permettendo lo
sviluppo delle abilità relazionali, rinforzando il rispetto reciproco tra i componenti della classe e rico-
noscendo il gruppo come strumento di crescita e di sostegno.

90
Cooperative learning

Apprendimento cooperativo nel corso Quinto rigo


Volume A
- nelle attività «A tu per tu» della sezione propedeutica «Prima di cominciare»;
- in molte attività «In pratica» presenti in tutto il volume;
- nelle pagine «Ouverture» della Parte 2;

RISORSE DIDATTICHE
- nelle attività «Scambio di impressioni con i tuoi compagni» delle pagine di ascolto guidato «Nota
dopo nota».

Volume B
- nei compiti di realtà.

MATERIALI
SOLUZIONI
REPERTORIO

91
PARTE 1 Risorse didattiche

L’Educazione civica nell’ora di Musica


Come sancito dalla Legge 20 agosto 2019 n° 19, a partire da settembre 2020 l’Educazione civica diventa
materia curricolare. La musica può aiutare a capire meglio il valore dell’educazione civica; quando si
suona insieme le capacità di relazione, il rispetto dei tempi e dei ruoli, e l’ascolto reciproco sono indi-
spensabili e favoriscono la conoscenza degli altri.
Nella conoscenza nessuno è straniero. Mentre l’ignoranza genera diffidenza, paura, indifferenza, in-
tolleranza e razzismo, la conoscenza aiuta a gettare ponti. Per aiutare a conoscersi in modo pacifico
e creativo, da sempre la musica è considerata il linguaggio universale ideale, capace di mediare ar-
monicamente tra culture diverse e forse addirittura tra umani ed extraterrestri, come immaginato da
Spielberg nel film Incontri ravvicinati del terzo tipo.

Un’orchestra multietnica
Come può la musica diventare collante per un’integrazione attiva a scuola?
Per esempio creando un’orchestra multietnica o un coro della scuola. Oggi molte classi sono formate
da studenti provenienti da diverse aree geografiche del mondo e che quindi portano nel proprio baga-
glio culturale differenti influenze musicali.
Un’esperienza musicale interessante, che incoraggi la conoscenza e l’accettazione dell’altro, potrebbe
essere quella di realizzare un «giro del mondo musicale» attraverso alcuni brani significativi dei cin-
que continenti.
Quinto rigo offre una varietà di brani da tutto il mondo da suonare in classe; è possibile trovare una
playlist esemplificativa all’interno del Volume C – Antologia di brani per suonare insieme, nella sezione
Orchestra multietnica (pp. 100-126).
Inoltre, si suggerisce di aggiungere i seguenti brani:
• Volume B, pp. 71-73: Hepa (canto dei nativi americani);
• Volume C, p. 5: Ma ke tu me (canto africano);
• Volume C, pp. 24-39: un canto popolare italiano a scelta nella sezione Canti popolari;
• Volume C, pp. 66-67: Tumbalalaika (canto yiddish);
• Volume C, p. 93: John Brown’s body (inno contro la schiavitù).

Cittadinanza e Costituzione
Uno spunto interessante per trattare temi di Cittadinanza e Costituzione durante l’ora di Musica po-
trebbe essere quello di analizzare i testi di alcuni brani, anche in compresenza con l’insegnante di
Italiano, e poi eseguirli insieme.
Per poter discutere di legalità e di libertà si suggerisce l’ascolto e l’analisi dei seguenti brani:
• Volume B, p. 66: Pensa di Fabrizio Moro;
• Volume C, pp. 196-197: Viva la libertà di Jovanotti.
Un’altra attività da svolgere in classe potrebbe essere l’analisi del testo dell’inno nazionale italiano,
operando un confronto con gli inni di altri Paesi, per scoprirne le somiglianze e le differenze (Volu-
me C, pp. 40-49: sezione Inni nazionali).

Percorsi più strutturati di Educazione civica e Musica si trovano nel Volume B, nella sezione finale dei
Compiti di realtà:
• pp. 218-221: Il rap della Costituzione;
• pp. 222-227: Le disavventure di Tina la lattina (operina musicale).

92
Competenze in rete, uno strumento didattico

Competenze in rete, uno strumento didattico


I box denominati Competenze in rete permettono allo studente di ampliare le proprie conoscenze
su ambiti collegati agli argomenti affrontati nelle Unità. Lo scopo del box è quello di fornire spunti
interessanti da ricercare su internet attraverso chiavi di ricerca ben evidenziate, aiutando lo studente
a sviluppare e consolidare la competenza digitale, una delle otto competenze chiave di cittadinanza
indicate dall’Unione Europea.

RISORSE DIDATTICHE
I box Competenze in rete possono essere anche un ottimo strumento per impostare una lezione didat-
ticamente più interessante e stimolante. È possibile, infatti, iniziare la lezione in classe introducendo
l’argomento dalla proposta nel box, invitando uno o più studenti a ricercare il contenuto digitale e a
visionarlo o sperimentarlo insieme al resto della classe. Il docente potrà poi spiegare l’argomento del-
la lezione utilizzando la teoria esposta nel libro di testo e concludendo con le proposte di ascolto (box
In ascolto) e, dove sono presenti, con i box In pratica e Musica e…
Proviamo a vedere un esempio di questa impostazione.

ARGOMENTO: Le caratteristiche del suono (Volume A – Parte 1 – Unità 1)

COMPETENZE IN RETE

MATERIALI
L’orecchio umano percepisce so-
lo una limitata gamma di suoni
in base alla loro altezza. Cerca
in rete l’ Ultimate Sound Test
[10 000 Hz – 1 Hz]. Tu fino a che al-
tezza riesci a percepire il suono?

1) Il docente inviterà uno o più studenti a compiere sulla LIM la ricerca indicata nel box Competenze
in rete di pagina 15: gli studenti dovranno cimentarsi nell’Ultimate Sound Test verificando quali suoni

SOLUZIONI
riescono a percepire e quali no.
N.B.: non disponendo di una LIM o di una connessione internet in classe, la ricerca può essere affidata
come compito a casa, singolarmente o in gruppi. Gli studenti esporranno poi i loro commenti e risul-
tati in classe.
2) Il docente continuerà la lezione spiegando le varie caratteristiche del suono: intensità, durata, altez-
za, timbro ecc. utilizzando anche le illustrazioni e gli ascolti presenti nel libro.
3) Per concludere la lezione si potrà leggere e commentare insieme a pagina 4 e seguenti del volume B
in cui si spiega come si possano produrre suoni acuti o gravi con la voce lavorando su registri diversi.
Questa impostazione didattica ha qualche affinità con la metodologia della Flipped classroom (vedere
pagine 54-61 della presente Guida).
REPERTORIO

93
PARTE 1 Risorse didattiche

Guida al libro digitale


L’innovativo libro di testo in formato digitale rappresenta l’evoluzione del volume cartaceo tradi-
zionale. L’interattività e l’ampia disponibilità di risorse multimediali integrate potenziano gli aspetti
comunicativi del libro di testo, facilitando la comprensione dei contenuti e il conseguente sviluppo
delle competenze individuali. Segna l’avvento di una nuova era della didattica, con la creazione di un
ambiente educativo virtuale nel quale insegnanti e studenti possono cooperare al fine di realizzare un
percorso di studi personalizzato, stimolante e dinamico.

Testo sfogliabile multimediale


Contenuti
Personalizzabile nella sua totalità, contiene già i materiali multimediali, costantemente aggiornati, di
supporto alla didattica e all’apprendimento e in linea con le direttive ministeriali.

Strumentazione
Il libro digitale è in costante aggiornamento…

…collegandoti all’indirizzo
raff.link/libro-digitale
troverai la descrizione dettagliata di tutti
gli strumenti e di tutte le funzionalità.

Didattica inclusiva
Oltre al testo sfogliabile multimediale, il libro digitale è disponibile nei formati audiolibro e alta
leggibilità.

Audiolibro
I volumi principali vengono letti da speaker professionisti.
L’audiolibro è identificato dall’apposita icona nella barra degli strumenti situata in alto nel Raffaello
Player.
L’audiolibro in formato MP3 è anche disponibile nei CD Audio allegati alla Guida per il docente dall’a-
rea download.

Alta leggibilità
All’interno del libro digitale il testo viene fornito anche nella modalità ad «alta leggibilità»: grazie al
formato ePub l’utente ha la possibilità di modificare la dimensione, il colore, lo sfondo e anche il ca-
rattere del testo (compreso il carattere leggimi © Sinnos editrice indicato per BES/DSA).

Supporto
Collegandoti al sito supporto.raffaellodigitale.it potrai accedere al nostro servizio di supporto.
All’interno troverai anche la sezione F.A.Q. (risposte alle domande più comuni).

94
Piano digitale dell’opera

Piano digitale dell’opera


Quinto rigo ha una ricca dotazione di risorse digitali, disponibili sia per il docente sia per gli studenti
tramite la piattaforma libro digitale. Di seguito riportiamo l’elenco dei contenuti multimediali che in-
tegrano e ampliano il testo cartaceo e formano il piano digitale dell’opera. Ogni contenuto è associato
a un’icona cliccabile. Per i volumi principali del corso è inoltre disponibile sul libro digitale l’audioli-
bro integrale, realizzato da speaker professionisti.

RISORSE DIDATTICHE
Video: filmati di approfondimento, utili anche Esercizi interattivi: esercizi in versione
per la flipped classroom, ed esecuzioni interattiva e autocorrettiva.
orchestrali fatte in classe da studenti della
scuola secondaria di primo grado.
Linee del tempo: aiutano a comprendere gli Spartiti animati: brani con animazione dello
avvenimenti nel corso dei secoli. spartito per facilitare la lettura e l’esercitazione.

Risorse aggiuntive: approfondimenti, curiosità


e materiale di supporto alle attività di pratica
musicale.

MATERIALI
Risorse digitali del Volume A
Video (flipped classroom)
Il violino p. 36 Il fagotto p. 57 La chitarra elettrica p. 80
La viola p. 38 La tromba p. 58 Il basso elettrico p. 80
La viola da gamba p. 39 Il flicorno p. 58 Il Medioevo p. 92
Il violoncello p. 40 Il trombone p. 60 Umanesimo e Rinascimento p. 108
Il contrabbasso p. 41 Il corno p. 61 Il Barocco p. 124
La chitarra classica p. 42 Il basso tuba p. 62 Il Classicismo p. 148
L’arpa p. 44 L’eufonio p. 62 Il Romanticismo p. 172

SOLUZIONI
Il clavicembalo p. 45 L’oficleide p. 62 L’opera in Europa p. 194
Il pianoforte p. 46 La fisarmonica p. 63 Le scuole nazionali p. 222
Il flauto dolce p. 52 Il bandoneón p. 63 Il Novecento p. 244
Il flauto traverso p. 53 L’organo p. 64 La musica classica contemporanea p. 268
Il clarinetto p. 54 La marimba p. 70 Sotto le stelle del jazz p. 282
Il clarinetto basso p. 54 Il vibrafono p. 70 Musical e colonne sonore p. 304
Il sax contralto p. 55 I timpani p. 72 La musica pop p. 320
Il sax soprano p. 55 La batteria p. 73 La musica etnica p. 348
REPERTORIO

L’oboe p. 56 Il sintetizzatore p. 78

Video (approfondimento)
Improvvisazione trio p. 23 Leopold Mozart p. 154
Guido d’Arezzo p. 94 Gioachino Rossini p. 195
Isabella d’Este p. 111 Inseguimento a Venezia p. 308
Antonio Vivaldi p. 133

95
PARTE 1 Risorse didattiche

Linee del tempo


Il Medioevo p. 90 Il Novecento p. 242
Umanesimo e Rinascimento p. 106 La musica classica contemporanea p. 266
Il Barocco p. 122 Sotto le stelle del jazz p. 280
Il Classicismo p. 146 Musical e colonne sonore p. 302
Il Romanticismo p. 170 La musica pop p. 318
L’opera in Europa p. 192 La musica etnica p. 346
Le scuole nazionali p. 220

Risorse aggiuntive
Con ritmo p. 17 Aria della Regina della notte p. 157
Come si realizza una cover p. 19 Confutatis p. 157
Cordofoni a corde strofinate p. 35 Paganini non ripete p. 175
Cordofoni a corde pizzicate p. 35 Il pastore sulla roccia p. 179
Il violino p. 36 L’amore è un uccello ribelle p. 209
L’ottobasso p. 41 Una te fallan p. 259
Aerofoni a serbatoio p. 51 Diggin’ my potatoes p. 286
Aerofoni a imboccatura diretta p. 51 Aggiungi un posto a tavola p. 305
Aerofoni a imboccatura ad ancia p. 51 Over the rainbow p. 307
Il sousaphone p. 62 Alegría p. 312
L’armonica a bocca p. 64 Cacao Meravigliao p. 313
Il primo libro cantato p. 87 Funiculì funiculà p. 320
In taberna quando sumus p. 99 La classe degli asini p. 321
Ardita zanzaretta p. 117 Rock around the clock p. 325
Thy hand, Belinda p. 124 Hit the road Jack p. 329
Lascia ch’io pianga p. 141 Strategie oblique p. 337
Il tema con variazioni p. 155

96
Piano digitale dell’opera

Risorse digitali del Volume B


Video (esecuzioni orchestrali in classe)
Mi Sol p. 35 Circle song p. 156
Middle beat p. 46 Cadenza Do-Sol p. 159
Hepa p. 71 Esercizio Sol La Do p. 179

RISORSE DIDATTICHE
Volta la carta p. 109

Risorse aggiuntive
Il cartofono p. 11 Croma col punto p. 56
La semicroma p. 54 Terzina di crome p. 57
Croma e semicroma p. 55 Pensa p. 66

Esercizi interattivi
Leggi la nota p. 14 Leggi la figura p. 23
La scala musicale p. 15 Cerca la melodia p. 33

MATERIALI
Toni e semitoni p. 15 Gli accordi p. 65
Componi il ritmo p. 21

Risorse digitali del Volume C


Video (esecuzioni orchestrali in classe)
Angels p. 3
Trotta trotta p. 12

SOLUZIONI
Am stram gram p. 18

Spartiti interattivi
Angels p. 3 Fra’ Martino p. 72
Ma ke tu me p. 5 I’m on my way (and I won’t turn back) p. 88
Heigh-ho! Anybody home p. 8 Fatu ye si ndialalalo p. 106
Occhio bello p. 20 Tanamdenata p. 117
L’uva fogarina p. 25 Aria sulla quarta corda p. 145
REPERTORIO

Merica Merica p. 32 Habanera p. 156


Il canto degli italiani p. 40 Il suonatore Jones p. 176
We wish you a merry Christmas p. 54 Generale p. 184
Happy Xmas (war is over) p. 55 Love me tender p. 198
Gam gam p. 60 The final countdown p. 224
Tumbalalaika p. 66 Creep p. 230
If you are happy and you know it p. 70 Be-bop-a-lula p. 233
Movin’ cruisin’ p. 71 Spiritual p. 248

97
PARTE 1 Risorse didattiche

Risorse aggiuntive
Il vino dei castelli p. 28 La gatta p. 173
Le fontanelle p. 28 La canzone del sole p. 178
Quant’è bello lu primm’ammore p. 30 Gli ostacoli del cuore p. 179
Non potho reposare p. 30 Jesahel p. 180
Dormi mia bella dormi p. 34 Questo piccolo grande amore p. 181
Canto delle mondine p. 34 Io vagabondo p. 182
La bella Gigogin p. 38 Gianna p. 183
La leggenda del Piave p. 39 La mia banda suona il rock p. 188
Kimi ga yo p. 46 Di sole e d’azzurro p. 189
Jana Gana Mana p. 47 La solitudine p. 190
Inno alla gioia p. 49 Hanno ucciso l’uomo ragno p. 191
Jingle bells p. 51 Come un pittore p. 192
Stille Nacht p. 53 La notte p. 193
Happy Xmas (war is over) p. 55 Esseri umani p. 194
Jolly old St. Nicholas p. 59 Love me tender p. 198
Auschwitz p. 63 Every breath you take p. 199
If you are happy and you know it p. 70 Pumped up kicks p. 218
While my guitar gently weeps p. 77 Cocaine p. 219
All together now p. 84 Knockin’ on heaven’s door p. 220
Molly Malone (Cockles and mussels) p. 90 Eyes on fire p. 221
It’s a long way to Tipperary p. 99 Walk on the wild side p. 226
Uskudara gideriken p. 114 Wake me up when September ends p. 229
Ojos azules p. 119 Hit the road Jack p. 232
In taberna quando sumus p. 128 Stand by me p. 240
Sinfonia per ragazzi in stile classico p. 147 Isn’t she lovely? p. 241

98
Software digitali musicali

Software digitali musicali


In questi ultimi anni le possibilità di imparare a suonare, cantare con tutorial di ogni tipo, comporre,
scrivere, editare musica si sono diffuse in rete in modo esponenziale. Le applicazioni che attualmente
vanno per la maggiore tra i ragazzi e gli appassionati di musica elettronica, e che possono essere utiliz-
zate e installate gratuitamente anche su tablet e smartphone, sono: GarageBand, Playground, Figure,
Ninja Jamm e Chordana Composer.

RISORSE DIDATTICHE
Come strumento didattico noi suggeriamo inoltre alcuni programmi, brevemente spiegati di seguito,
che rappresentano un ottimo supporto per il lavoro dei docenti e che offrono agli studenti, oggi sem-
pre più «digitali», stimolanti possibilità di creare e divertirsi con la musica.

Musicbus
Musicbus.it è una piattaforma didattica sviluppata per permettere l’apprendimento dei contenuti mu-
sicali a distanza. È uno strumento che consente di verificare le proprie abilità musicali a scuola o a
casa attraverso un repertorio didattico specifico, il più possibile adatto (in termini di contenuti e diffi-
coltà tecniche) alle possibilità vocali e strumentali degli studenti della scuola del primo ciclo.
L’applicazione offre vari esercizi per imparare a leggere l’altezza delle note sul pentagramma e per
impostare la diteggiatura di base del flauto dolce, oltre a giochi musicali e attività creative. Per il canto

MATERIALI
è disponibile una serie di esercizi facili e progressivi per cantare in coro.
Dal 2009 Musicbus è stata adottata dal Gruppo Regionale Attività Musicali – costituito dall’USR per il
Veneto – per sperimentare la condivisione dei contenuti e la formazione a distanza.

MuseScore
MuseScore è un programma di scrittura musicale compatibile con tutte le piattaforme. È un software
libero e gratuito, creato da Nicolas Froment, Thomas Bonte e Werner Schweer.
MuseScore offre una serie di prestazioni complete per scrivere sul pentagramma partiture semplici
e più complesse. Si può ascoltare quanto trascritto e condividere moltissime partiture insieme alla
comunità di persone che utilizza questo software. Il file si può salvare come pdf o midi e xlm.

SOLUZIONI
Essendo un programma open source, molte scuole hanno adottato MuseScore come strumento didatti-
co. Le ultime versioni hanno migliorato notevolmente le sue possibilità e la sua compatibilità.
Per scaricare il programma: https://musescore.org/it

Soundation
Soundation è una pagina web che contiene un’applicazione che permette di creare le proprie can-
zoni senza installare alcun software sul computer. La gestione è molto intuitiva e dà la possibilità di
comporre canzoni attraverso una miscela di diversi loop (ritmi che si ripetono a intervalli per tutto il
tempo che vogliamo), raggruppati in diversi stili e ritmi.
Questi «cicli» (loop) possono essere modificati in qualsiasi momento; durante tutto il processo di crea-
REPERTORIO

zione, è possibile regolare il volume, applicare effetti (come il riverbero, la distorsione, il tremolo…) e
ascoltare la traccia per controllare ciò che si sta realizzando. Una volta conclusa una sessione di lavoro
è possibile salvare il progetto nella propria pagina del sito.
Per creare il proprio profilo basta seguire alcune semplici indicazioni: accedere al sito Soundation,
cliccare sul link «In Studio» e quindi su «Iscriversi» compilando tutti i campi (verranno richiesti un
indirizzo mail valido e una password). Una volta completata l’iscrizione si riceverà una mail di con-
ferma con un link che darà accesso alle funzioni di editor del programma.
I controlli di base dell’editor funzionano come quelli di un qualsiasi registratore audio digitale.

99
PARTE 1 Risorse didattiche

Altri programmi liberi e gratuiti che si possono reperire online, per poter fare didattica musicale in
modo digitale, sono:
• www.therhythmtrainer.com, ottimo per acquisire il ritmo;
• www.earbeater.com, per lo sviluppo dell’orecchio musicale, per scale, intervalli e accordi;
• www.musictechteacher.com, sito open di un insegnante statunitense dove ci sono decine di giochi
e quiz musicali di vario genere;
• www.audacityteam.org, programma per fare editing che consente di tagliare brani audio, alzarne o
abbassarne la tonalità e la velocità e molte altre funzioni.

100
Indice degli autori dei brani dei volumi A, B e C

Indice degli autori dei brani dei volumi A, B e C


0-9 Borodin A.P., Nelle steppe dell’Asia centrale,
883, Hanno ucciso l’uomo ragno, vol. C, p. 191 vol. A, p. 228
Bosi C., Addio mia bella addio, vol. C, p. 36
A Botbol E. – Pilato M., Gam gam, vol. C, p. 60

RISORSE DIDATTICHE
Albèniz I., Asturias da Suite spagnola op. 47 Brahms J., Ninna nanna, vol. C, p. 157
trascr. di Segovia, vol. A, p. 43 Sinfonia n° 3, vol. A, p. 186
Alzate R. – Pasetto M., Rosa Omaira, vol. C, p. 126 Brant H., Bach goes to town, vol. A, p. 135
Amiran – Pugatchov, Mayim Mayim, vol. C, p. 112
Arisa, La notte, vol. C, p. 193 C
Arolas E., Comme il faut, vol. A, p. 358 Caccini G., Amor ch’attendi, vol. A, p. 125
Arroyo Á.G.V., El choclo, vol. A, p. 63 Čajkovskij P.I., Danza della fata confetto da Lo
schiaccianoci op. 71a, vol. A, p. 71
B Danza russa (Trepak) da Lo schiaccianoci op. 71a,
Bach J.S., Aria sulla quarta corda, vol. C, p. 145 vol. A, p. 232

MATERIALI
Concerto brandeburghese n° 2, vol. A, p. 137 Marcia da Lo schiaccianoci op. 71a, vol. A, p. 232
Contrapunctus 1 da L’arte della fuga, vol. A, p. 135 Ouverture da Lo schiaccianoci op. 71a, vol. A, p. 232
Herz und Mund und Tat und Leben, vol. A, p. 137 Valzer dei fiori da Lo schiaccianoci op. 71a, vol. A,
Minuetto, vol. C, p. 146 p. 232
Preludio in Do maggiore da Il clavicembalo Charles R., Hit the road Jack, vol. C, p. 232
ben temperato, vol. A, p. 137 Chopin F., Valzer op. 64 n° 2, vol. A, p. 182
Suite per orchestra n° 2 in Si minore, vol. A, p. 53 Clapton E., Cocaine, vol. C, p. 219
Toccata e fuga in Re minore, vol. A, p. 64 Clementi M., Tema e variazione, vol. C, p. 154

SOLUZIONI
Baglioni C. – Coggio A., Questo piccolo Cohen S., Hatikvah, vol. C, p. 48
grande amore, vol. C, p. 181 Coldplay, Viva la vida, vol. C, p. 208
Bartók B., Allegro barbaro, vol. A, p. 254 Colonna M., Dance, vol. A, p. 42
Battisti L. – Mogol, La canzone del sole, vol. C, Conati D. – Pasetto M., Arcobaleno rock, vol. B,
p. 178 p. 19
Beethoven L. van, Écossaise, vol. C, p. 152 Corelli A., Sonata per violino e basso
Inno alla gioia, vol. B p. 83; vol. C, p. 49 continuo op. 5, vol. A, p. 131
Per Elisa, vol. A, p. 164
D
REPERTORIO

Sinfonia n° 5 in Do minore op. 67, vol. A, p. 162


Sinfonia n° 6 op. 68, vol. A, p. 162 Da Palestrina P., Missa hodie Christus
Sonata per pianoforte n° 14 in Do# minore op. 27 natus est: Agnus Dei, vol. A, p. 116
n° 2, vol. A, p. 161 Da Venosa C.G., Ardita zanzaretta, vol. A, p. 117
Bellini V., Casta Diva da Norma, vol. A, p. 200 Davis M., Jean-Pierre, vol. C, p. 245
Bernstein L. – Sondheim S., America, vol. C, p. 164 De André F. – Bentivoglio G. – Piovani N.,
Bizet G., Habanera, vol. C, p. 156 Il suonatore Jones, vol. C, p. 176
L’amore è un uccello ribelle da Carmen, vol. A, Debussy C., Clair de lune da Suite bergamasque,
p. 209 vol. A, p. 237
L’arlésienne, Suite n° 2 Farandole, vol. A, p. 208 Prélude à l’après-midi d’un faune, vol. A, p. 237
Blue Foundation, Eyes on fire, vol. C, p. 221 Rêverie, vol. C, p. 160
101
PARTE 1 Risorse didattiche

Deep Purple, Smoke on the water, vol. C, p. 222 I loves you, Porgy da Porgy and Bess, vol. A, p. 60
De Falla M., La danza rituale del fuoco da L’amore Rhapsody in blue, vol. A, p. 260
stregone, vol. A, p. 254 Summertime da Porgy and Bess, vol. A, p. 59
De Gregori F., Generale, vol. C, p. 184 Gershwin G. – Gershwin I., Summertime, vol. C,
De’ Liguori S.A.M., Tu scendi dalle stelle, vol. C, p. 242
p. 50 Giorgia, Di sole e d’azzurro, vol. C, p. 189
Delirium, Jesahel, vol. C, p. 180 Giorza P., La bella Gigogin, vol. C, p. 38
De Machault G., Douce dame jolie, vol. A, p. 101 Glick E. – King B.E. – Leiber J. – Nelson B.E. –
De Vaqueiras R., Kalenda maya, vol. A, p. 97, Stoller M., Stand by me, vol. C, p. 240
vol. C, p. 131 Green Day, Wake me up when September ends,
Di Burgundia W., Victimae paschali laudes, vol. A, vol. C, p. 229
p. 93 Grieg E., Il mattino, vol. A, p. 226
Dowland J., Flow, my tears, vol. A, p. 117 Nell’antro del re della montagna da Suite Peer
Dufay G., Vergene bella, vol. A, p. 108 Gynt op. 46, vol. A, p. 13
Dvořák A., Sinfonia n° 9 in Mi minore, vol. A, p. 224 Gruber F.X. – Mohr J.F., Stille Nacht, vol. C, p. 53
Dylan B., Knockin’ on heaven’s door, vol. C, p. 220 Guccini F., Auschwitz, vol. B p. 10; vol. C, p. 63

E H
Elgar E.W., Pomp and circumstance, march n° 1, Haden J., Spiritual, vol. C, p. 248
vol. C, p. 163 Händel G.F., Hallelujah da Messiah, vol. A, p. 138
Elisa, Gli ostacoli del cuore, vol. C, p. 179 La réjouissance da Musica per i reali fuochi
Europe, The final countdown, vol. C, p. 224 d’artificio, vol. A, p. 139
Lascia ch’io pianga, vol. A, p. 140
F Sarabande, vol. C, p. 144
Faul & Wad Ad, Changes (Baby), vol. C, p. 212 Harvey E., Ship without a rudder, vol. C, p. 244
Feliciano J., Feliz Navidad, vol. C, p. 57 Haydn F.J., Quartetto op. 64 n° 5 in Re maggiore,
Fernández Díaz J., Guantanamera, vol. A p. 359, «L’allodola», vol. A, p. 151
vol. C, p. 120 Sinfonia n° 45 in Fa# minore, «Sinfonia degli addii»,
Fossati I., La mia banda suona il rock, vol. C, p. 188 vol. A, p. 152
Foster The People, Pumped up kicks, vol. C, p. 218 Hoffmann A.H. – Haydn F.J., Das Lied der
Freedman M.C. – De Knight J., Rock around the Deutschen, vol. C, p. 44
clock, vol. A, p. 324
J
G Jackson M.J., Billie Jean, vol. C, p. 206
Gabilondo Soler F., Buenas noches, vol. C, p. 104 Jobim A.C. – Mendonça N., Samba de uma
Gabrieli G., Magnificat, vol. A, p. 115 nota só, vol. A, p. 358
Gaetano R., Gianna, vol. C, p. 183 Johnson R.L., Sweet home Chicago, vol. C, p. 234
Garbarek J., Molde canticle, vol. C, p. 246 Joplin S., Maple leaf rag, vol. A, p. 287
Gaynor G., I will survive, vol. C, p. 236 Jovanotti, Viva la libertà, vol. C, p. 196
Gershwin G., I got rhythm da Girl crazy, vol. A, Judge J. – Williams H., It’s a long way to
p. 47 Tipperary, vol. C, p. 99

102
Indice degli autori dei brani dei volumi A, B e C

K Morandi G., C’era un ragazzo che come me amava


Korn S., Sinfonia per ragazzi in stile classico, i Beatles e i Rolling Stones, vol. C, p. 174
vol. C, p. 147 Moro F., Pensa, vol. B, p. 66
Kremling B., Cambiamenti, vol. A, p. 272 Morricone E., Gabriel’s oboe, vol. A, p. 56
Playing love, vol. A, p. 310
L The crisis, vol. C, p. 172

RISORSE DIDATTICHE
La Bionda A. – La Bionda C., Movin’ cruisin’, Mozart L., Burlesque, vol. C, p. 150
vol. C, p. 71 Mozart W.A., Ah! Vous dirai-je, Maman, vol. A
Lady Gaga, Always remember us this way, vol. C, p. 155
p. 216 Concerto n° 21, vol. A, p. 153
Landino F., Ecco la primavera, vol. A p. 101, vol. C, Concerto per corno e orchestra n° 2, vol. A, p. 61
p. 133 Confutatis da Messa di Requiem, vol. A, p. 157
Lee B., Mo’ better blues, vol. C, p. 170 Là ci darem la mano da Don Giovanni, vol. A,
Lennon J., Imagine, vol. C, p. 200 p. 156
Lennon J. – Ono Y., Happy Xmas (war is over), Non più andrai, farfallone amoroso da Le nozze
vol. C, p. 55 di Figaro, vol. A, p. 150

MATERIALI
Li Causi F., Vitti ’na crozza, vol. C, p. 31 Regina della notte da Il flauto magico, vol. A,
Liszt F., Consolazione n° 3, vol. A, p. 180 p. 157
Loes H.D., This little light of mine, vol. C, p. 92 Sonata per pianoforte in La maggiore n° 11,
vol. A, p. 153
M Musorgskij M., Balletto dei pulcini nei loro gusci
Mahler G., Sinfonia n° 5, vol. A, p. 187 da Quadri di un’esposizione, vol. A, p. 229
Mainerio G., Schiarazula marazula, vol. C, p. 139 Bydlo da Quadri di un’esposizione, vol. A, p. 62
Mameli G. – Novaro M., Il canto degli italiani, La grande porta di Kiev da Quadri di
un’esposizione, vol. A, p. 229

SOLUZIONI
vol. C, p. 40
Marais M., Pezzi per viola da gamba, Lo gnomo da Quadri di un’esposizione, vol. A,
libro secondo da Le voci umane, vol. A, p. 39 p. 229
Sonnerie de Sainte Geneviève du Mont de Paris, Promenade da Quadri di un’esposizione, vol. A,
vol. A, p. 134 pp. 16, 229
Mario E.A., La leggenda del Piave, vol. C, p. 39
Marley B., No woman, no cry, vol. C, p. 204 N
Mascagni P., Viva il vino spumeggiante da Newton J., Amazing grace, vol. A, p. 352
Cavalleria rusticana, vol. A, p. 213 Nirvana, Smells like teen spirit, vol. C, p. 228
REPERTORIO

Mendelssohn F., Ouverture op. 21 da Sogno di una Nomadi, Io vagabondo (che non sono altro), vol. C
notte di mezza estate, vol. A, p. 173 p. 182
Memphis M., Diggin’ my potatoes, vol. A, p. 286
Mengoni M., Esseri umani, vol. C, p. 194 O
Merula T., Capriccio, vol. A, p. 45 Offenbach J., Infernal galop da Orfeo all’inferno,
Mingus C., Canon, vol. C, p. 243 vol. A, p. 236
Modà, Come un pittore, vol. C, p. 192
Monteverdi C., Il combattimento di Tancredi e P
Clorinda, vol. A, p. 126 Pachelbel J., Canone e giga in Re maggiore,
vol. A, p. 130
103
PARTE 1 Risorse didattiche

Paganini N., Capriccio n° 1, vol. A, p. 176 Bydlo da Quadri di un’esposizione, vol. A, p. 62


Capriccio n° 24 in La minore, vol. A, p. 37 La grande porta di Kiev da Quadri di
Paoli G., La gatta, vol. C, p. 173 un’esposizione, vol. A, p. 229
Pasetto M., Blues in Do minore, vol. B, p. 145 Lo gnomo da Quadri di un’esposizione, vol. A,
Habanera light, vol. B, p. 48 p. 229
Middle beat, vol. B, p. 46 Ravenscroft T., Heigh-ho! Anybody home, vol. C,
Mitteleuropa, vol. A, p. 297 p. 8
S-cianco march, vol. A, p. 28 Reed L., Walk on the wild side, vol. C, p. 226
Swing, vol. B, p. 38 Rimskij-Korsakov N.A., Primo movimento
Pasetto M. – Birro P., Cedars house blues, vol. A, da Shéhérazade, vol. A, p. 231
p. 27 Shéhérazade, vol. A, p. 57
Pausini L., La solitudine, vol. C, p. 190 Rossi V. – Ferro T., Vita spericolata, vol. C,
Pergolesi G.B., Stizzoso, mio stizzoso da La serva p. 186
padrona, vol. A, p. 127 Rossini G., Largo al factotum da Il barbiere di
Petit J.C., Si Re Si Re Si Mi Si Mi, vol. B, p. 7 Siviglia, vol. A, p. 196; vol. B, p. 10
Pierpont J., Jingle bells, vol. C, p. 51 Ouverture da Guglielmo Tell, vol. A, p. 198
Police, Every breath you take, vol. C, p. 199 Ouverture da Il barbiere di Siviglia, vol. A, p. 197
Ponchielli A., Danza delle ore, vol. C, p. 155 Ouverture da La gazza ladra, vol. A, p. 198
Praetorius M., Es ist ein Ros entsprungen, vol. A, Rota G. – Rota N., La dolce vita, vol. C, p. 167
p. 112 Rota N., Love theme from Romeo and Juliet,
Presley E. – Matson V., Love me tender, vol. C, vol. C, p. 171
p. 198 Rouget de Lisle C.J., La Marsigliese, vol. C, p. 45
Prokof’ev S., Danza dei cavalieri da Romeo e Ruiz P.B., Quién será, vol. C, p. 122
Giulietta, vol. A, p. 259
Puccini G., Coro a bocca chiusa da Madama S
Butterfly, vol. A, p. 215; vol. C, p. 165 Sakamoto R., Merry Christmas Mr. Lawrence,
O mio babbino caro da Gianni Schicchi, vol. A, vol. C, p. 168
p. 215 Santagata T., Quant’è bello lu primm’ammore,
Puente E.T., Oye como va, vol. C, p. 124 vol. C, p. 30
Purcell H., Thy hand, Belinda da Didone ed Enea, Satie E., Gnossienne n° 1, vol. A, p. 248

b
vol. A, p. 124 Schubert F., Il pastore sulla roccia, vol. A, p. 179
Trio n° 2 in Mi maggiore, vol. A, p. 178
Q Schumann R., Concerto in La minore op. 54,
Queen, We will rock you, vol. C, p. 227 vol. A, p. 181
Il cavaliere selvaggio, vol. C, p. 158
R Sheeran E., Thinking out loud, vol. C, p. 214
Rachel G. – Sini S., Non potho reposare, vol. C, p. 30 Sibelius J., Valse triste da Kuolema, vol. A, p. 223
Radiohead, Creep, vol. C, p. 230 Sinclair M., Kookaburra, vol. C, p. 117
Rameau J.P., Fra’ Martino, vol. C, p. 72 Smetana B., La Moldava da La mia patria, vol. A,
Ravel M., Balletto dei pulcini nei loro gusci da p. 224
Quadri di un’esposizione, vol. A, p. 229 Smith J.S. – Key F.S., Star-Spangled Banner,
Boléro, vol. A, p. 246; vol. C, p. 162 vol. C, p. 42

104
Indice degli autori dei brani dei volumi A, B e C

Stevens C., Father and son, vol. C, p. 202 Wham!, Last Christmas, vol. C, p. 56
Strauss J., Sul bel Danubio blu, vol. A, p. 234 Williams J.T., Schindler’s list theme, vol. C, p. 166
Stravinskij I., Andantino da Les cinq doigts, vol. C, Williams P., Happy, vol. C, p. 210
p. 161 Wolkenstein O. von, Frölich geschray so well wir
La sagra della primavera, vol. A, p. 258 machen, vol. A, p. 97
Una te fallan da Pulcinella, vol. A, p. 259 Wonder S., Isn’t she lovely?, vol. C, p. 241

RISORSE DIDATTICHE
T Z
Tagore R., Jana Gana Mana, vol. C, p. 47 Zeitlin A. – Kevess A. – Secunda S. – Secunda S. –
Telemann G.P., Quartetto per flauto, oboe, violino Schwarts T., Donna donna, vol. C, p. 68
e basso continuo in Sol maggiore, vol. A, p. 149
The Beatles, All together now, vol. C, p. 84
Here comes the sun, vol. C, p. 78
Let it be, vol. C, p. 87
Tomorrow never knows, vol. C, p. 80
While my guitar gently weeps, vol. C, p. 77

MATERIALI
Yellow submarine, vol. C, p. 82
Yesterday, vol. C, p. 86
The Blues Brothers, Everybody needs somebody
to love, vol. C, p. 238
Tromboncino B., Su, su, leva, alza le ciglia, vol. A,
p. 111; vol. C, p. 138
Turco G. – Denza L., Funiculì funiculà, vol. A, p. 320
Türik D., Eco e richiami, vol. C, p. 148

SOLUZIONI
V
Verdi G., Dies irae da Messa da Requiem, vol. A,
p. 205
Libiamo ne’ lieti calici da La traviata, vol. A, p. 203
Preludio da Aida, vol. A, p. 204
Va, pensiero, vol. A, p. 206
Vincent G. – Sheriff T.D. – Manfredi G. – Gianco R.,
Be-bop-a-lula, vol. C, p. 233
REPERTORIO

Vivaldi A., Inverno, I movimento da Le quattro


stagioni, vol. A, p. 132
Primavera, vol. C, p. 143

W
Wagner R., Cavalcata delle Valchirie da La
Valchiria, vol. A, p. 210
Dall’alba tinto da I maestri cantori di Norimberga,
vol. A, p. 212

105
2
PA R T E

Materiali
Prove d’ingresso
Verifiche sommative
Verifica delle competenze
2
PARTE

Materiali
Prove d’ingresso
Prova d’ingresso 1
1 I tuoi genitori ascoltano musica?
Sì No

2 Se sì, che genere di musica ascoltano?

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

3 A te piace ascoltare musica? Perché?

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

4 Che genere di musica ascolti?


Classica Jazz Pop Rock Canzone d’autore Altro

5 In quale situazione preferisci ascoltare musica?


A casa Al parco Mentre studi Facendo sport Altro

6 Preferisci ascoltare musica da solo o in compagnia?

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

7 Hai un artista o un gruppo musicale preferito? Se sì, chi?

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

8 Ricordi il titolo di una canzone che ti piace?

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

9 E il testo?

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

10 Di che cosa parla la canzone?

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

108
Prove d’ingresso

Prova d’ingresso 2
1 Hai mai assistito a qualche concerto? Di quale genere musicale?
Classica Jazz Pop Rock Altro

2 Ricordi il nome dell’artista o del gruppo che si è esibito?

RISORSE DIDATTICHE
...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

3 Dove si è esibito?
Teatro Palasport Piazza Stadio Pub Altro

4 Ti piace cantare?
Sì No

5 Hai mai fatto parte di un coro?


Sì No

MATERIALI
6 Ti piacerebbe provare a farne parte?
Sì No

7 Nella tua famiglia c’è qualcuno che sa suonare uno strumento musicale? Se sì, quale?

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

SOLUZIONI
8 Suoni uno strumento musicale? Se sì, quale?

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

9 A che livello ritieni di saperlo suonare?


Sufficiente Buono Ottimo

10 Dove hai imparato a suonare uno strumento musicale? REPERTORIO

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

11 Quale strumento ti piacerebbe suonare (o quale altro strumento ti piacerebbe suonare)?

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

12 Ti piacerebbe far parte di una band?

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

109
PARTE 2 Materiali

Prova d’ingresso 3
1 Sai riconoscere gli strumenti raffigurati? Scrivi il loro nome sotto l’immagine.

............................................................. ............................................................. ............................................................. .............................................................

2 Prova a disegnare sul pentagramma alcune chiavi di violino.

3 Sapresti scrivere sotto alle seguenti note il loro nome?

& q q q q
............................................... ............................................... ............................................... ...............................................

4 Quale tra le seguenti note ha il valore di 4/4?

5 Prova a disegnare sul pentagramma alcune crome.

6 Sapresti indicare quale tra i seguenti tempi corrisponde a quello del valzer?
2/4
6/8
3/4
4/4

7 Sapresti indicare quale tra i seguenti tempi corrisponde a quello della marcia?
2/4
6/8
3/4
4/4

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

110
Prove d’ingresso

Prova d’ingresso 4
1 Che cosa delimitano le stanghette verticali?
Le battute o misure La fine della pagina La fine del pentagramma

2 Come si chiama la figura che dura la metà di una minima?


Croma Semibreve Semiminima

RISORSE DIDATTICHE
3 Quale funzione ha il punto di valore?
Prolunga la durata di un suono
Dimezza la durata di un suono
Spegne il suono

4 A che cosa servono i tagli addizionali?


A scrivere le note che avanzano
A scrivere le note sopra e sotto il rigo
Si usano se la somma delle note non corrisponde

MATERIALI
5 Scrivi sul pentagramma la chiave di sol e poi colloca le seguenti note:
La - Si - Do - Fa - Mi - Re - Sol - Si - La

6 Nelle seguenti affermazioni cancella la parola sbagliata.


a. Il bemolle alza/abbassa di un semitono l’altezza della nota.
b. Il diesis alza/abbassa di un semitono l’altezza della nota.

SOLUZIONI
c. Il bequadro annulla/moltiplica le alterazioni all’inizio del rigo.
7 Scrivi il nome delle seguenti figure.

............................................... ............................................... ............................................... ...............................................

8 Tenendo conto degli esempi dati, prova a completare le seguenti equivalenze.


REPERTORIO

a. ...................... ......................

b. ...................... ...................... ...................... ......................

c. ......................

d. ...................... ......................

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

111
PARTE 2 Materiali

Verifiche sommative – Volume A

Parte 1 - Unità 1

1 Quale tra le definizioni di suono è quella corretta?

A Ciascuno dei tre segmenti che congiungono i vertici di un triangolo con il punto di mezzo
dei lati a essi opposti.
B Sensazione acustica che presenta, ben individuabili, i caratteri di altezza, intensità e timbro;
è determinata dalle onde sonore emesse da una sorgente che, propagandosi nell’aria, nei
liquidi o nei solidi, giungono all’orecchio.
C Linea di canto che l’orecchio percepisce al di sopra dell’intreccio delle voci.
D Tutti i rumori che un orecchio riesce a percepire.
Punti .........../1

2 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


a. L’intensità indica se un suono è lungo o breve. V F
b. Un luogo privo di qualsiasi rumore e suono è detto anecoico. V F
c. Negli strumenti musicali, più la cassa armonica è grande e più il suono è acuto. V F
d. Il timbro di uno strumento dipende dal materiale e dal modo in cui produce il suono. V F
e. Il labirinto, il martello, l’incudine e la staffa fanno parte dell’orecchio. V F
f. L’altezza di un suono indica a quale altitudine viene emesso. V F
g. Un suono grave è un suono prodotto male. V F
h. I decibel misurano l’ampiezza della vibrazione, il volume sonoro. V F
i. Gli hertz sono l’unità di misura della temperatura di uno strumento. V F
Punti .........../9

3 Definisci con qualche aggettivo che cosa si intende per timbro di uno strumento.

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../3

4 Completa il testo con le parole date.


contaminazione sonora – decibel – suoni e rumori – fonometro – inquinamento acustico
L’eccessiva esposizione a .......................................................................................................... di elevata intensità può provocare fa-
stidio o disturbo ed essere persino causa di malattie. Questa esposizione viene comunemente
definita ...................................................................................................................... . Si tratta di una forma di ......................................................................................
che, se protratta per lungo tempo, può causare nelle persone problemi psicologici, neurologici,
di pressione e stress nonché arrecare danni agli edifici. Per valutare il grado di inquinamento
acustico si ricorre a un .............................................................................................................. , strumento che rileva l’intensità sono-
ra emessa, espressa convenzionalmente in ......................................................................................................................... .
Punti .........../5

112
Verifiche sommative – Volume A

5 Indica con una crocetta quali tra i seguenti parametri sono legati al suono (2 risposte).
Hertz
Km/h
dB
Pixel
Gradi centigradi
Punti .........../2

RISORSE DIDATTICHE
dB
100 Grande
6 Nel seguente grafico, colora in rosso ampiezza
80
l’onda sonora con intensità minore, in 60 Media
ampiezza
verde quella del suono con intensità 40
20 Piccola
media, in blu quella del suono con 0
ampiezza

intensità maggiore. –20


–40
–60
–80
–100

Punti .........../1

MATERIALI
7 L’unità di misura della velocità si esprime con la sigla BPM; che cosa indica?

A Il numero di battute nel brano.


B Il numero di giri per minuto.
C Il numero di pulsazioni per minuto.
D Il numero di salti per minuto.
Punti .........../1

SOLUZIONI
8 Quale tra le seguenti definizioni di armonia è quella corretta?

A L’armonia è un elemento della fisica armonica.


B L’armonia è un accordo che riunisce sovente in maniera melodica più idee.
C L’armonia riguarda l’organizzazione dei suoni e la concatenazione degli accordi.
D L’armonia è una successione di suoni di diversa altezza, durata, intensità e timbro.
Punti .........../1

9 Quale tra le seguenti definizioni di melodia è quella corretta?


REPERTORIO

A La melodia è una successione di suoni di senso compiuto.


B La melodia è il contrario di armonia.
C La melodia genera accordi consonanti.
D La melodia è il colore del suono.
Punti .........../1
Totale punteggio .........../24

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 9 da 10 a 12 da 13 a 15 da 16 a 18 da 19 a 20 da 21 a 22 da 23 a 24
Voto 4 5 6 7 8 9 10

113
PARTE 2 Materiali

Parte 1 - Unità 2
1 Quale tra le definizioni di gruppo musicale è corretta?

A Gruppo di persone che suona insieme, ciascuno il suo strumento.


B Gruppo di persone che ascolta musica insieme.
C Gruppo di persone che balla e canta insieme.
D Gruppo di persone che recita insieme.
Punti .........../1

2 Completa le frasi sulle formazioni strumentali con le parole date.


polifonico – trio – quartetto d’archi – unico – melodico – tre – duo – quartetto di fiati – solo
a. Il ................................................................................................................... è composto da un ........................................................................................... elemento.
b. Il ................................................................................................................... è generalmente composto da un flauto, un clarinetto, un
oboe e un fagotto.
c. Il ................................................................................................................... a volte può essere formato da .......................................................................................
strumenti melodici che si alternano nell’accompagnamento.
d. Uno strumento ................................................................................................................... e uno .........................................................................................................................
generalmente formano un ............................................................................................................................. .
e. Se una formazione è composta da due violini, una viola e un violoncello si chiama ....................................
........................................................................................ .

Punti .........../9

3 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


a. La big band è composta da una sezione melodica, una ritmica e un corpo di ballo. V F
b. Qualsiasi formazione strumentale composta da un numero consistente di
elementi diversi si chiama orchestra barocca. V F
c. I gruppi jazz nacquero agli inizi del Novecento dall’aggregazione di musicisti
afroamericani. V F
d. La banda è formata da aerofoni e percussioni. V F
e. L’orchestra sinfonica moderna può comprendere fino a 7000 archi. V F
f. La sezione ritmica dei gruppi pop e rock solitamente è composta da chitarra,
basso e batteria. V F
g. La New Orleans band si è formata a Chicago. V F
h. Nell’orchestra multietnica sono presenti strumenti tipici di altre culture. V F
Punti .........../8

4 Inserisci almeno due strumenti nella famiglia corrispondente.

Cordofoni Aerofoni Idiofoni Membranofoni Elettrofoni

Punti .........../5

114
Verifiche sommative – Volume A

5 Quale di queste formazioni si esibisce marciando?

A Orchestra barocca
B Orchestra romantica
C Complesso rock
D Banda
Punti .........../1

RISORSE DIDATTICHE
6 Quali di queste formazioni utilizzano tradizionalmente il basso tuba (2 risposte)?

A Complesso beat
B Orchestra da camera
C Fanfara
D New Orleans band
Punti .........../2

7 Inserisci i seguenti strumenti nella formazione giusta.


batteria – contrabbasso – viola da gamba – chitarra elettrica – tastiere – clavicembalo – violino

MATERIALI
Orchestra barocca Complesso pop

SOLUZIONI
Punti .........../7
Totale punteggio .........../33
REPERTORIO

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 17 da 18 a 21 da 22 a 24 da 25 a 27 da 28 a 30 da 31 a 33
Voto 4 5 6 7 8 9 10

115
PARTE 2 Materiali

Parte 1 - Unità 3
1 Scrivi sotto a ciascuno strumento il nome corrispondente.
violoncello – chitarra – arpa – contrabbasso – violino

............................................................. ............................................................. .............................................................

............................................................. .............................................................

Punti .........../5

2 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


a. La viola è più grande del violino. V F
b. Il contrabbasso ha un suono più grave del violoncello. V F
c. Il clavicordo è un cordofono a corde percosse. V F
d. La chitarra ha le corde di vetroresina. V F
e. La viola da gamba si suona in piedi. V F
f. Il pianoforte è un cordofono a corde pizzicate. V F
g. Il violino può essere suonato a corde strofinate e pizzicate. V F
h. Il clavicembalo ha un timbro metallico. V F
i. Il liuto fu importato dalle Americhe. V F
Punti .........../9

3 Completa le frasi sulla chitarra con le parole date.


manico – paletta – rosone – tastiera – cordiera
a. La parte del manico dove si trovano i piroli si chiama ..............................................................................................
b. La parte del manico che si trova dietro le corde si chiama ..............................................................................................
c. Il foro di risonanza si chiama ..............................................................................................
d. La chitarra folk rispetto alla classica ha il .............................................................................................. più stretto.
e. Il dispositivo sulla cassa sul quale si fissano le corde si chiama ..............................................................................................
Punti .........../5

116
Verifiche sommative – Volume A

4 Indica con una crocetta quali affermazioni sono riferite al pianoforte e quali al clavicembalo.

Pianoforte Clavicembalo
a. La tastiera comprende 88 tasti bianchi e neri.
b. È dotato di salterelli.
c. È uno strumento tipico del periodo barocco.
d. È dotato di martelletti.

RISORSE DIDATTICHE
e. La sua invenzione è attribuita a Bartolomeo Cristofori.
Punti .........../5

5 Scrivi come si suonano i seguenti tipi di cordofoni.

a. A corde percosse: .....................................................................................................................................................................................................................................................


...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

b. A corde strofinate: ....................................................................................................................................................................................................................................................


...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

c. A corde pizzicate: .......................................................................................................................................................................................................................................................

MATERIALI
...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../6

6 Leggi le seguenti frasi che descrivono il violino e cancella la parola sbagliata.


a. Le corde sono cinque/quattro.
b. Le chiavette per accordarlo si chiamano ponticelli/piroli.
c. Sulla cassa armonica ci sono due effe/emme di risonanza.
d. La barra su cui poggiano le corde si chiama verricello/ponticello.

SOLUZIONI
e. Deriva da strumenti ad arco di origine araba/cubana.
Punti .........../5

7 Considerando i tasti bianchi e neri, quanti tasti ha normalmente un pianoforte?


A 77 B 88 C 111 D 99

Punti .........../1
Totale punteggio .........../36
REPERTORIO

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 18 da 19 a 22 da 23 a 26 da 27 a 30 da 31 a 34 da 35 a 36
Voto 4 5 6 7 8 9 10

117
PARTE 2 Materiali

Parte 1 - Unità 4
1 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.
a. L’oboe è uno strumento ad ancia doppia. V F
b. Il saxofono è stato inventato da Adolphe Sax. V F
c. Il clarinetto è stato inventato da Pierre Chalumeau. V F
d. Il basso tuba è l’ottone dal suono più acuto. V F
e. Il bandoneón è uno strumento a mantice. V F
f. La tromba è dotata di nove pistoni. V F
g. Il flauto dolce è uno strumento a imboccatura diretta. V F
h. Il fagotto si suona solo stando seduti. V F
i. Il sax è dotato di due coulisse. V F
j. Il trombone si può suonare glissando. V F
Punti .........../10

2 Dividi gli aerofoni a seconda di come viene immessa l’aria nello strumento.
flauto traverso – trombone – tromba – clarinetto – fisarmonica – saxofono – flauto dolce – oboe –
organo – bandoneón – corno – flauto contralto

Mantice Ancia Imboccatura diretta Bocchino


semplice/doppia

Punti .........../6

3 Indica con una crocetta la risposta corretta.


a. Tra i seguenti aerofoni ha un’ancia doppia:
Bandoneón Flauto dolce Tromba Oboe
b. È il più recente:
Fisarmonica Organo Saxofono Corno
c. È munito di pistoni:
Cornamusa Tromba Flauto traverso Fagotto
d. È dotato di coulisse:
Trombone Basso tuba Armonica a bocca Eufonio
Punti .........../4

4 Quale tra i seguenti strumenti NON è un aerofono?


Basso tuba
A
B Chitarra
C Clarinetto
D Flauto

Punti .........../1

118
Verifiche sommative – Volume A

5 Leggi il testo e cancella le parole sbagliate.


L’organo è lo strumento musicale con la maggior massa/estensione e varietà di suoni/ritmi. Nel
Settecento/Cinquecento si decise di diminuire/aumentare il numero dei tubi/registri e delle tastie-
re/canne; ciò conferì allo strumento maggiori possibilità espressive.
Punti .........../6

RISORSE DIDATTICHE
6 Collega ciascun ottone alla descrizione corretta.
a. Corno 1. Tra gli ottoni è lo strumento dal suono più grave.
b. Trombone 2. È ispirato ad antichi strumenti ricavati da corna
c. Tromba di animali, zanne o grosse conchiglie.
d. Basso tuba 3. Con la coulisse può eseguire il caratteristico
effetto «glissando».
4. I pistoni furono aggiunti dai tedeschi Heinrich
Stölzel e Friedrich Blühmel nel 1830.
Punti .........../4

7 A cosa serve la sordina?

MATERIALI
A Ad amplificare il suono.
B Ad attenuare il suono.
C A spostare il suono.
D A distorcere il suono.

Punti .........../1

8 Prova a descrivere come si suona il flauto traverso.

SOLUZIONI
...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../4
Totale punteggio .........../36
REPERTORIO

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 18 da 19 a 22 da 23 a 26 da 27 a 30 da 31 a 34 da 35 a 36
Voto 4 5 6 7 8 9 10

119
PARTE 2 Materiali

Parte 1 - Unità 5
1 Completa la tabella assegnando gli idiofoni alla categoria corrispondente.
xilofono – guiro – glockenspiel – campane tubolari – nacchere – maracas – piatti – triangolo – celesta
– bastone della pioggia – charleston – vibrafono

A suono determinato A suono indeterminato

Punti .........../6

2 Completa il testo con le parole date.


altezza non classificabile – determinato – idiofoni – altezza specifica – indeterminato –
membranofoni – melodie – tenere il ritmo
In base al materiale con cui sono costruiti, gli strumenti a percussione si suddividono in ....................
e ......................................................................................................... . In entrambe le categorie
....................................................................................................................

esiste un’ulteriore distinzione tra strumenti a suono ........................................................................................................................................... e


strumenti a suono .............................................................................................................................................. : i primi sono in grado di produrre
suoni con un’................................................................................................................................................................. , corrispondenti alle note musi-
cali, e si usano per le ................................................................................................................................................... ; i secondi producono suoni
di ........................................................................................................................................ e si usano per ............................................................................................................................
Punti .........../8

3 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


a. Il suono di un idiofono è ottenuto dalla vibrazione del corpo dello strumento. V F
b. Lo xilofono è uno strumento a percussione di origine europea. V F
c. Negli strumenti a concussione parti dello strumento vengono percosse tra loro. V F
d. La celesta assomiglia a un pianoforte verticale. V F
e. Negli strumenti a percussione lo strumento viene pizzicato. V F
f. I timpani sono muniti di pedali. V F
g. Negli strumenti a sfregamento lo strumento viene colpito con un battente. V F
h. Nei membranofoni il suono è prodotto dalla vibrazione di una membrana. V F
i. Il tamburo è un membranofono a suono determinato. V F
j. Le tavolette dello xilofono si chiamano piastre sonore. V F
Punti .........../10

120
Verifiche sommative – Volume A

4 Quali note si possono produrre con gli strumenti a suono determinato?


A Note di diverso colore.
B Note di diverso spessore.
C Note di diversa altezza.
D Note di diversa forma.

Punti .........../1

RISORSE DIDATTICHE
5 Quale tra le seguenti affermazioni sul glockenspiel è corretta?
A È uno strumento a imboccatura diretta.
B È un idiofono a suono indeterminato.
C È un idiofono a suono determinato.
D È un idiofono a corde percosse.

Punti .........../1

6 Nella seguente immagine, inserisci i nomi degli elementi indicati.

MATERIALI
..............................................
..............................................

.....................................................................

..............................................
.....................................................................

SOLUZIONI
..............................................
..............................................

Punti .........../7
Totale punteggio .........../33

REPERTORIO

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 17 da 18 a 21 da 22 a 24 da 25 a 27 da 28 a 30 da 31 a 33
Voto 4 5 6 7 8 9 10

121
PARTE 2 Materiali

Parte 1 - Unità 6
1 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.
a. Gli elettrofoni sono strumenti che producono suoni per mezzo di impulsi elettrici. V F
b. Gli elettrofoni si dividono in strumenti a concussione e ad ancia doppia. V F
c. Gli elettrofoni possono essere elettronici o elettromeccanici. V F
d. Gli elettrofoni funzionano senza corrente elettrica. V F
e. Negli strumenti elettromeccanici le vibrazioni dello strumento (o di una sua parte)
producono onde sonore. V F
f. I dispositivi elettronici possono essere monosodici o polisodici. V F
g. I dispositivi polifonici possono riprodurre solo le note della scala pentatonica. V F
h. L’amplificatore aumenta l’ampiezza dei segnali sonori. V F
i. Il computer mediante un software apposito permette di digitalizzare i brani musicali. V F
Punti .........../9

2 Indica con una crocetta quali tra i seguenti strumenti sono considerati elettrofoni
(6 risposte).

Eufonio Theremin
Chitarra elettrica Flauto dolce
Bandoneón Organo Hammond
Sintetizzatore Clarinetto
Marimba Tastiera
Ocarina Trombone
Basso elettrico
Punti .........../6

3 Indica se le seguenti affermazioni si riferiscono alla chitarra classica (C) o alla chitarra
elettrica (E).
a. Monta corde in nylon, tre delle quali rivestite di metallo. C E
b. Sulla cassa armonica vi è il rosone. C E
c. È dotata di pick-up che trasforma le vibrazioni in impulsi elettrici. C E
d. Monta corde in metallo. C E
e. Il suono è amplificato dalla cassa armonica in modo naturale. C E
f. Fu ideata nel 1931 da Adolph Rickenbacker. C E
g. Per suonare deve essere collegata a un amplificatore. C E
h. Sulla paletta i piroli sono sempre disposti tre per lato. C E
i. È dotata di manopole che consentono di regolare il tono e il volume dei suoni. C E
Punti .........../9

122
Verifiche sommative – Volume A

4 Collega ciascun termine relativo al sintetizzatore alla sua descrizione.


a. Tastiera 1. È il nome del primo sintetizzatore, realizzato
b. Centraline dei comandi nel 1940.
c. Novachord 2. È una leva che permette di alzare e abbassare
b. Bender l’altezza dei suoni.
3. Permette di riprodurre i suoni a diverse altezze.
4. Permettono di riprodurre il timbro di molti stru-

RISORSE DIDATTICHE
menti musicali, di creare effetti speciali e di re-
alizzare basi ritmiche di accompagnamento.
Punti .........../4

5 Completa il testo con le parole date.


strumento musicale – programmi – virtuale – orecchio esperto – sintetizzatore – computer
Il .................................................................................................................................... collegato al .................................................................................................................................... è
in grado di riprodurre i suoni e i timbri di qualsiasi ........................................................................................................................... suonato
in ambienti diversi. I più recenti .................................................................................................................................... per suonare con il com-
puter, inoltre, ricreano la perfezione stilistica degli esecutori, tanto che anche un .............................................

MATERIALI
....................................................................................... non è più in grado di distinguere se la fonte sonora della musica che

sta ascoltando è reale o ......................................................................................................................................... .


Punti .........../6

6 Come si chiama la musica prodotta con computer e sintetizzatore?


A Digitale B S
 intetica
C Computabile D A
 nalogica
Punti .........../1

SOLUZIONI
Totale punteggio .........../35

REPERTORIO

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 18 da 19 a 22 da 23 a 26 da 27 a 30 da 31 a 33 da 34 a 35
Voto 4 5 6 7 8 9 10

123
PARTE 2 Materiali

Parte 2 - Unità 1
1 Scegli il nome giusto per ciascuna affermazione.
a. Il Papa che intorno al 600 d.C. decise di raccogliere gli inni sacri nell’Antifonario.
Carlo Gregorio Bonifacio
b. I canti gregoriani che prevedono la variazione melodica di una vocale su più note.
Numismatici Melismatici Monosodici
c. Gli antichi cantautori che giravano per paesi e castelli, raccontando in musica e in lingua
d’oc storie di cavalieri, di battaglie e di amori.
Trovatori Trovarobe Giullari
d. Una delle prime forme polifoniche che mescola elementi sacri e profani.
Fagotto Lunotto Mottetto
e. Il canto monodico in lingua volgare che si diffuse in Umbria intorno alla metà del Duecento.
Lauda Stornello Righello
f. Il periodo storico tra il X e il XIV secolo in cui si cercò di sviluppare la scrittura polifonica.
Ars nova Ars medievalica Ars antiqua
g. La voce che nel canto gregoriano esegue la melodia di base.
Vox principalis Vox melodica Vox vocalis
h. La forma d’arte profana che si sviluppò in Francia a partire dal XIV secolo.
Francofonia Ars nova Ars gratia artis
Punti .........../8

2 Scrivi una tua definizione di discantus.

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../4

3 Completa il testo con le parole date.


cantori liturgici – altezza – chironomici – Gregorio Magno – Antifonario – Schola Cantorum
Al fine di eseguire vocalmente i brani dell’................................................................................................................................................................................. ,
la Chiesa di ......................................................................................................................................................................................... istituisce la ..................................................
....................................................................................................................................... , nella quale si istruiscono giovani .....................................................................

.................................................................................................................... accuratamente selezionati. Il maestro cantore, tramite pochi

e precisi gesti della mano, detti ......................................................................................................................................................................................... , indica


agli studenti verso quale ......................................................................................................................................................................................... indirizzare la
voce, se verso l’acuto o verso il grave.
Punti .........../6

4 A chi si deve l’invenzione delle sette note musicali?


A Gregorio Magno B S
 an Francesco d’Assisi
C Jacopone da Todi D G
 uido d’Arezzo
Punti .........../1

124
Verifiche sommative – Volume A

5 Leggi il testo e cancella le parole sbagliate.


La novella/lauda più antica è il Cantico delle creature/Cantico dei cantici scritta da san Francesco
d’Assisi/san Benedetto nel 1224. Un altro importantissimo autore di novelle/laude fu Giorgione da
Norcia/Jacopone da Todi che ne scrisse oltre 93. Le raccolte di laude/novelle prendevano il nome
di novellari/laudari; il Laudario di Cortona/Novellario di Tortona, del XIII secolo, è il più famoso.
Punti .........../6

RISORSE DIDATTICHE
6 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.
a. Nell’Ars antiqua nasce il mottetto, una forma polifonica più evoluta. V F
b. Nell’Ars nova gli strumenti musicali sostituiscono alcune parti vocali. V F
c. I primi giullari erano analfabeti. V F
d. La viella è un tipico strumento del Medioevo. V F
e. Nel discantus la melodia principale era spesso affidata al violoncello. V F
f. La messa è una composizione che comprende tutte le parti del rito liturgico. V F
g. Il canone si basa sul principio canonico. V F
Punti .........../7
Totale punteggio .........../32

MATERIALI
SOLUZIONI
REPERTORIO

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 17 da 18 a 21 da 22 a 24 da 25 a 27 da 28 a 30 da 31 a 32
Voto 4 5 6 7 8 9 10

125
PARTE 2 Materiali

Parte 2 - Unità 2
1 In Italia nel Cinquecento si sono sviluppate due scuole musicali, quella romana e quella
veneziana; colloca la caratteristica relativa a una o all’altra riportando le lettere nel
riquadro corrispondente.
A Non prevede l’accompagnamento di strumenti musicali.
B Sfrutta l’effetto stereofonico.
C I cori si posizionano su due cantorie.
D Si canta «a cappella».
E La linea melodica è chiara e nitida.
F Le composizioni sono accompagnate da moltissimi strumenti ad arco e a fiato.

Scuola romana Scuola veneziana

Punti .........../6

2 Indica se le seguenti affermazioni si riferiscono al madrigale (M) o alla villanella (V).


a. Brano polifonico che varia da tre a sei voci. M V
b. Brano solitamente scritto per tre voci. M V
c. La polifonia prevede spesso dei passaggi cromatici e dissonanti. M V
d. La struttura è libera, ovvero non tiene conto dell’alternanza strofa/ritornello. M V
e. Secondo gli esperti risale al canto napoletano. M V
f. La polifonia è semplice. M V
g. Spesso i testi venivano presi dal repertorio di alcuni poeti. M V
h. I testi possono essere anche in dialetto. M V
Punti .........../8

3 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


a. Pierluigi da Palestrina fu maestro della scuola veneziana. V
F
b. Giovanni Gabrieli fu maestro della scuola romana. V
F
c. Lutero fu autore di numerosi canti liturgici. V F
d. Lutero puntava a rendere più complessa la liturgia. V F
e. I Maestri di cappella potevano mantenersi grazie alla musica. V F
f. Il madrigale è una forma di canzone con strofa e ritornello. V
F
g. Nella commedia all’improvviso gli attori eseguivano canti melismatici. V F
h. La frottola è una composizione a quattro voci. V F
i. I canti carnascialeschi venivano eseguiti durante il Natale. V F
Punti .........../9

126
Verifiche sommative – Volume A

4 Completa il testo con le parole date.


franco-fiamminga – musicisti – corti – diffusione – compositori – italiani
Per dare maggior impulso alla ....................................................................................................................................................................................... della
musica e della cultura, nei territori delle Fiandre viene fondata una vera e propria scuola di
............................................................................................................................................................... , la scuola ...........................................................................................................................

.......................................................... , che si diffonde in Belgio, in parte della Francia e in una parte dei Paesi Bassi.

Questa scuola riprenderà anche riferimenti e stimoli culturali ........................................................................................................

RISORSE DIDATTICHE
............................................................................. . Ai ..................................................................................................................................................................................... della scuola

franco-fiamminga viene riconosciuta una grande abilità nella polifonia e sono perciò richiesti
dalle ..................................................................................................................................................................................... di tutta Europa.
Punti .........../6

5 In quali abilità eccelleva John Dowland?


A Clavicembalista e compositore
B Trapezista e funambolo
C Cantante e liutaio
D Compositore e liutista

MATERIALI
Punti .........../1

6 I madrigali erano testi di elevato contenuto poetico, le liriche di quali autori venivano
utilizzate maggiormente?
A Manzoni, Leopardi, Quasimodo
B Petrarca, Ariosto, Tasso
C Dante, Virgilio, Plauto
D Eschilo, Euripide, Sofocle

SOLUZIONI
Punti .........../1
Totale punteggio .........../31

REPERTORIO

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 17 da 18 a 21 da 22 a 24 da 25 a 27 da 28 a 29 da 30 a 31
Voto 4 5 6 7 8 9 10

127
PARTE 2 Materiali

Parte 2 - Unità 3
1 Colloca i termini nel riquadro corrispondente.
oratorio – suite – aria cantata – concerto solista – concerto grosso – opera buffa – folia –
sonata da chiesa – comédie-ballet

Musica solo strumentale Musica vocale e strumentale

Punti .........../9

2 Come definiresti il Barocco?


A Epoca in cui si cerca di stupire con ogni mezzo.
B Epoca in cui fioriscono nuove forme musicali come la lauda, il sonetto, la villotta e la giga.
C Epoca in cui si prediligono le forme classiche rispetto alle innovazioni.
D Epoca in cui si producono melodie più lineari.

Punti .........../1

3 Quali dei seguenti strumenti fanno parte del periodo barocco (4 risposte)?

Viola da gamba
Saxofono
Basso elettrico
Organo
Clavicembalo
Violino
Fisarmonica
Punti .........../4

4 Definisci con parole tue che cos’è il concerto grosso.

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../3

128
Verifiche sommative – Volume A

5 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


a. Nel periodo barocco ci fu un ritorno al Medioevo. V F
b. Henry Purcell scrisse Didone ed Enea. V F
c. La Camerata fiorentina riuniva fornai, panettieri e musicisti. V F
d. Gli oratori sono opere buffe, lontane dai temi sacri. V F
e. Monteverdi aiutò l’opera a muovere i suoi primi passi. V F
f. Monteverdi scrisse il Rinaldo. V F

RISORSE DIDATTICHE
g. Bach scrisse L’arte della fuga. V F
h. Vivaldi suonava il contrabbasso. V F
i. A Napoli si sviluppò l’opera buffa. V F
j. Händel scrisse Musica per i reali fuochi d’artificio. V F
Punti .........../10

6 Completa il testo con le parole date.


primi violini – liutai italiani – nuovi gruppi strumentali – viole da gamba – violino
Tra la fine del Cinquecento e il Settecento i ................................................................................................................................................................... ,
trasformando le .................................................................................................................................................................................................................... , costruiscono

MATERIALI
i ............................................................................................................................................................................... . Tra i più famosi produttori del tempo vi
sono i cremonesi Amati, Guarneri e Stradivari, ancora oggi ritenuti i più pregevoli. L’introduzione
del ......................................................................................................................................................................... , capace di emettere suoni con un’elevata
intensità, dà l’impulso alla formazione di ................................................................................................................................................................................
di archi.
Punti .........../5

7 Indica se le seguenti affermazioni sul compositore Claudio Monteverdi sono vere o false.

SOLUZIONI
a. Nato a Cremona, morì a Venezia. V F
b. Fu maestro della musica alla corte dei Gonzaga. V F
c. Inventò il clavicembalo. V F
d. Scrisse esclusivamente musica da camera. V F
e. A 15 anni pubblicò la sua prima raccolta vocale. V F
Punti .........../5
Totale punteggio .........../37 REPERTORIO

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 18 da 19 a 23 da 24 a 27 da 28 a 31 da 32 a 35 da 36 a 37
Voto 4 5 6 7 8 9 10

129
PARTE 2 Materiali

Parte 2 - Unità 4
1 Attribuisci le seguenti affermazioni al compositore corrispondente.
A Ha composto quello che poi diventerà l’inno nazionale tedesco.
B Il padre Leopold era un famoso violinista.
C Diventò sordo.
D Nacque a Salisburgo.
E Fu maestro di cappella alla corte degli Esterházy.
F Ha scritto la musica dell’Inno alla gioia.
G Scrisse le Sinfonie londinesi.
H Scrisse i celebri «Quaderni di conversazione».
I Ha scritto l’aria della Regina della notte.
J Scrisse l’opera Don Giovanni.
K Si guadagnò il titolo di «padre del quartetto d’archi».
L Scrisse la Sonata al chiaro di luna.

Mozart Haydn Beethoven

Punti .........../12

2 Com’è strutturata la forma-sonata?

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../4

3 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


a. Il tema con variazioni è un vero e proprio esercizio di stile musicale. V F
b. Il singspiel è una forma teatrale comica in cui si alternano parti recitate e cantate. V F
c. Le formazioni di musica da camera si esibivano nelle camere da letto dei nobili. V F
d. Mozart aveva un fratello gemello. V F
e. Il primo direttore d’orchestra della scuola di Mannheim fu Johann Stamitz. V F
f. Il fautore della riforma del teatro fu Carlo Magno. V F
g. Il basso albertino è un arpeggio di accompagnamento. V F
h. Beethoven scrisse nove sinfonie. V F
i. Johann Christian Bach scrisse la sinfonia I fiori. V F
j. Luigi Boccherini era un violoncellista e compositore lucchese. V F
Punti .........../10

130
Verifiche sommative – Volume A

4 Trova gli strumenti musicali del Settecento in mezzo agli intrusi (4 risposte).

Fortepiano
Saxofono
Basso elettrico
Batteria
Organo Hammond
Pianoforte

RISORSE DIDATTICHE
Theremin
Clarinetto
Violino
Sintetizzatore
Punti .........../4

5 In quanti movimenti è generalmente articolata una sonata?


A Tre o quattro
B Quattro o cinque
C Due o tre

MATERIALI
D Cinque o sei

Punti .........../1

6 Indica quale tra le seguenti affermazioni descrive correttamente il rondò.


A È una forma musicale basata sul principio dell’imitazione dei temi.
B È una forma musicale nella quale un ritornello viene alternato a temi differenti chiamati
episodi.
C È una forma musicale che alterna in modo sferico il modo maggiore e il modo minore.

SOLUZIONI
D È una forma musicale che prevede tre parti: esposizione, sviluppo e ripresa.

Punti .........../1

7 In quanti tempi è diviso generalmente il concerto per solista e orchestra?


A Tre tempi
B Quattro tempi
REPERTORIO

C Cinque tempi
D Un tempo

Punti .........../1
Totale punteggio .........../33

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 17 da 18 a 21 da 22 a 24 da 25 a 27 da 28 a 30 da 31 a 33
Voto 4 5 6 7 8 9 10

131
PARTE 2 Materiali

Parte 2 - Unità 5
1 Quale tra le seguenti descrizioni riassume il pensiero romantico?

A Si punta a stupire lo spettatore con ogni mezzo.


B Si afferma la dignità degli esseri umani.
C Si esaltano i temi della libera espressione, dei sentimenti e del patriottismo.
D Si ritorna al classico.
Punti .........../1

2 Completa la definizione di Lied con le parole date.


poetico-musicale – chanson – romanza – lingua tedesca – pianoforte – lirico-narrativo – song
Il Lied è l’equivalente tedesco della ............................................................................................................................................... francese, della
............................................................................................................................................ inglese e della ............................................................................................................................

italiana. Si tratta di un brano ....................................................................................................................................................................................... di carattere


............................................................................................................................................ scritto in ................................................................................................................................... per

voce e accompagnamento prevalentemente per ....................................................................................................................................................... .


Punti .........../7

3 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


a. A Mendelsshon è da attribuire la riscoperta di J.S. Bach. V F
b. Paganini era un virtuoso del violoncello. V F
c. Per capriccio si intende una composizione musicale bizzarra. V F
d. Il pianoforte è lo strumento musicale romantico per eccellenza. V F
e. Schubert scrisse ventiquattro Capricci per violino solo. V F
f. Il Lied è il brano poetico musicale tipico del Romanticismo tedesco. V F
g. Il pedale destro del pianoforte è detto pedale di risonanza. V F
h. Il notturno è una composizione che si suona sottovoce. V F
i. Lo studio è un brano vocale o strumentale che ha una funzione didattica. V F
j. Lo scherzo è una composizione strumentale che prevede l’uso delle maschere. V F
k. L’improvviso è una composizione estemporanea, breve e impulsiva. V F
l. La ballata si ispira ai movimenti del mimo. V F
Punti .........../12

4 Completa il testo con le parole date.


pomeriggio fisso – vita sociale – pianoforte – politica e cultura – salotto
Nell’Ottocento le case della borghesia hanno il loro cuore nel ................................................................................................................. ,
lo spazio dove si svolge la ........................................................................................................................................................ e si accolgono gli invitati.
Qui le signore della buona società ricevono gli ospiti un .....................................................................................................................................
alla settimana, ascoltando musica e conversando di ............................................................................................................................................ .
Lo strumento che meglio riesce a rappresentare musicalmente i sentimenti del Romanticismo
è il ................................................................................................................................. : in ogni salotto che si rispetti non può mancarne uno.
Punti .........../5

132
Verifiche sommative – Volume A

5 Gli piaceva la compagnia e scrisse numerose composizioni legate all’amicizia e al


sentimento.
A Niccolò Paganini
B Gustav Mahler
C Robert Schumann
D Franz Schubert

RISORSE DIDATTICHE
Punti .........../1

6 Collega ciascun compositore all’affermazione giusta.


a. Gustav Mahler 1. Celebre è la sua Ave Maria.
b. Fryderyk Chopin 2. A 21 anni diresse La passione secondo Matteo
c. Johannes Brahms di J.S. Bach.
d. Franz Liszt 3. Trascrisse per pianoforte il Capriccio n° 1 di
e. Felix Mendelsshon Paganini.
f. Franz Schubert 4. Scrisse 21 Notturni e 24 Preludi per pianoforte.
5. Tra le sue opere spiccano le dieci Sinfonie, di

MATERIALI
cui l’ultima rimasta incompiuta.
6. Celebre è la sua ninna nanna, Guten Abend,
gute Nacht.
Punti .........../6

7 Descrivi con parole tue il poema sinfonico.

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

SOLUZIONI
...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../4
Totale punteggio .........../36

REPERTORIO

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 18 da 19 a 22 da 23 a 26 da 27 a 30 da 31 a 34 da 35 a 36
Voto 4 5 6 7 8 9 10

133
PARTE 2 Materiali

Parte 2 - Unità 6
1 Che cos’è il melodramma?

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../4

2 Scrivi accanto a ciascuna descrizione il termine corrispondente.


duetto – cavatina – aria – romanza
a. Brano melodico cantato da un solo personaggio. ...............................................................................................................................................
b. Aria da opera con cui il personaggio principale si presenta; è composta da una o due parti
che non si ripetono ed è senza ritornello. ...............................................................................................................................................
c. Aria eseguita da due voci. ...............................................................................................................................................
d. Brano cantato, in origine per voce e pianoforte; nel Romanticismo diventa elemento dell’o-
pera di contenuto sentimentale. ...............................................................................................................................................
Punti .........../4

3 Indica con una crocetta il compositore a cui è riferita ciascuna frase.

Rossini Verdi Bizet Wagner Puccini


a. Scrisse un’opera ispirandosi a La signora
delle camelie di Alexandre Dumas.

b. Puntava all’opera totale.

c. Uno dei suoi personaggi si chiama


Cio-Cio-San.

d. Scrisse L’amour est un oiseau rebelle.

e. Disse: «Datemi una lista della lavanderia


e io ve la metterò in musica».

f. Scrisse La bohème e la Turandot.

g. Il re Ludwig II era il suo principale


sostenitore.
h. Da molti è considerato il capostipite del
melodramma italiano internazionale.
i. Era considerato uno degli ispiratori del
Risorgimento.

j. Scrisse la Carmen.

Punti .........../10

134
Verifiche sommative – Volume A

4 Indica se le affermazioni sono vere o false.


a. Gli ammiratori di Paisiello disturbarono la prima de Il barbiere di Siviglia. V F
b. In un’opera lirica il personaggio principale si presenta cantando una cabaletta. V F
c. La tromba egiziana è stata inventata da Wagner. V F
d. Quando andò in scena, la Carmen fece scalpore per la scelta del soggetto. V F
e. Le sigaraie della Carmen alla prima dell’opera entrarono in scena fumando. V F
f. Il leitmotiv è il tipico ritornello che Bizet inseriva nelle sue composizioni. V F

RISORSE DIDATTICHE
g. La traviata, insieme a Rigoletto e Trovatore, fa parte della cosiddetta Trilogia popolare. V F
h. Richard Wagner inaugurò il teatro di Bayacuth. V F
i. Vincenzo Bellini scrisse l’opera La regola. V F
j. Gaetano Donizetti scrisse L’elisir d’amore. V F
Punti .........../10

5 Leggi il testo e cancella le parole sbagliate.

Nella mitologia nordica/iberica le Valchirie, divinità femminili fate/guerriere, scendono sulla


luna/terra a recuperare gli eroi/i cavalli morti in battaglia/di vecchiaia per accompagnarli nel
Lohengrin /Valhalla, il paradiso nel quale sono chiamati a difendere gli dèi/eroi.

MATERIALI
Punti .........../7

6 Indica con una crocetta quali tra i seguenti compositori fanno parte della scuola verista
italiana (2 risposte).
Verdi
Mascagni
Bellini
Leoncavallo
Donizetti

SOLUZIONI
Punti .........../2
Totale punteggio .........../37

REPERTORIO

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 18 da 19 a 23 da 24 a 27 da 28 a 31 da 32 a 35 da 36 a 37
Voto 4 5 6 7 8 9 10

135
PARTE 2 Materiali

Parte 2 - Unità 7
1 Spiega con parole tue qual è l’intento delle scuole nazionali.

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../3

2 Scrivi accanto a ciascun compositore la nazione di appartenenza.


a. Grieg ...................................................................................................................

b. Sibelius ...................................................................................................................

c. Smetana ...................................................................................................................

d. Dvořák ..................................................................................................................

e. Albéniz ...................................................................................................................

f. Borodin ...................................................................................................................

g. Musorgskij ...................................................................................................................

h. Rimskij-Korsakov ...................................................................................................................
i. De Falla ...................................................................................................................

Punti .........../9

3 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


a. Peer Gynt viaggia per il mondo con la sua famiglia. V F
b. La Moldava descrive l’andamento del fiume Elba. V F
c. Il Gruppo dei Cinque si riferisce alla scuola russa. V F
d. Musorgskij compose Quadri di un’esposizione sui dipinti di Hartmann. V F
e. Čajkovskij è considerato il padre dei balletti russi. V F
f. Lo schiaccianoci è il titolo di un’opera di Borodin. V F
g. Sul bel Danubio blu è una marcetta di Strauss. V F
h. Il vero titolo del Can-can è Infernal galop. V F
i. Debussy vinse il Prix de Rome. V F
j. Johann Strauss fa parte della scuola russa. V F
Punti .........../10

4 Indica quali tra le seguenti affermazioni si riferiscono a Jean Sibelius (4 risposte).

A Compose Lo schiaccianoci.
B Compose brani ispirati al poema epico finlandese Kalevala.
C Elaborò la sua scrittura attraverso scale esatonali.
D Nacque in Finlandia.
E Scrisse Valse triste.
F Morì a Parigi.
G Compose l’opera Kuolema.
Punti .........../4

136
Verifiche sommative – Volume A

5 Attribuisci le caratteristiche al compositore giusto riportandole nel riquadro corrispondente.

A Compose Lo schiaccianoci.
B Era di nazionalità francese.
C Morì a San Pietroburgo.
D È considerato il padre dei balletti russi.
E Le sue composizioni sono spesso correlate con la pittura impressionista.
F Era di nazionalità francese.

RISORSE DIDATTICHE
Claude Debussy Pëtr Il’ič Čajkovskij

Punti .........../6

6 Quale tra i seguenti compositori ha scritto l’operetta Orfeo all’inferno?

A Johann Strauss
B Franz Lehár
C Jacques Offenbach

MATERIALI
D Claude Debussy
Punti .........../1

7 Quale tra i seguenti titoli è un valzer famoso di Johann Strauss?

A Sulla Moldava blu


B Sul bel Volga blu
C Sul bel Danubio blu
D Sul bel Tevere blu

SOLUZIONI
Punti .........../1

8 Quale tra i seguenti compositori ha scritto Il volo del calabrone?

A Pëtr Il’ič Čajkovskij


B Modest Musorgskij
C Aleksandr Borodin
D Nikolaj Rimskij-Korsakov
REPERTORIO

Punti .........../1
Totale punteggio .........../35

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 18 da 19 a 22 da 23 a 26 da 27 a 30 da 31 a 33 da 34 a 35
Voto 4 5 6 7 8 9 10

137
PARTE 2 Materiali

Parte 2 - Unità 8
1 Cancella dall’elenco i termini che non hanno alcuna correlazione con la pittura e la musica
del Novecento.
Cubismo – Patriottismo – Astrattismo – Futurismo – Qualunquismo – Politeismo – Espressionismo
– Romanticismo – Manierismo – Relativismo
Punti .........../3

2 Riassumi con parole tue il concetto di Neoclassicismo musicale.

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../4

3 Indica quale tra le seguenti definizioni descrive meglio la musica dodecafonica.

A Viene scritta in Do maggiore.


B Utilizza le dodici note dell’ottava più acuta in una successione variabile.
C Abbandona completamente il centro tonale.
D Non usa semicrome.
Punti .........../1

4 Completa il testo con le parole date.


espressionista – miti greci e latini – pure e pulite – rinascimentali e barocchi – Neoclassicismo –
atonali o pantonali
Tra il 1920 e il 1930, in opposizione alle sperimentazioni .............................................................................................................................
............................................................................................................... ,
nasce una corrente musicale che si ispira ai grandi modelli
sonori ................................................................................................................................................................................... e del Classicismo. Nella scrittura
dei libretti si trae spunto dai ................................................................................................................................................................................... , medievali o
rinascimentali. Il ................................................................................................................................................................................... musicale si caratterizza
per il recupero degli elementi tradizionali e del rapporto col pubblico, spesso volutamente «in-
fastidito» dalla musica ................................................................................................................................................................................ . Si punta a forme
musicali ................................................................................................................................................................................... , in cui ci sia più equilibrio tra
forma e razionalità.
Punti .........../6

5 Descrivi con parole tue gli intonarumori di Luigi Russolo.

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../4

138
Verifiche sommative – Volume A

6 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


a. Ravel compose il balletto Romeo e Giulietta. V F
b. Prokof’ev era un compositore americano. V F
c. Stravinskij compose il balletto La sagra della primavera. V F
d. Ravel era un compositore francese. V F
e. Schönberg scrisse canzoni, musiche da film e musical. V F
f. Gershwin compose Rhapsody in blue. V F

RISORSE DIDATTICHE
g. Schönberg inventò la dodecafonia. V F
h. Prokof’ev scrisse l’Histoire du soldat. V F
i. Gershwin musicò molte fiabe tra cui Pierino e il lupo. V F
j. Stravinskij riscrisse diverse composizioni ispirandosi al Classicismo. V F
k. Gershwin fu un abile pianista jazz. V F
l. Ravel scrisse colonne sonore per film sovietici. V F
Punti .........../12

7 Indica quale tra i seguenti compositori fu un precursore dell’avanguardia musicale.

A George Gershwin
B Erik Satie

MATERIALI
C Edvard Grieg
D Maurice Ravel
Punti .........../1

8 Indica con una crocetta quali tra i seguenti compositori furono considerati pionieri
dell’etnomusicologia (2 risposte).
Luigi Russolo
Béla Bartók

SOLUZIONI
Giacomo Balla
Manuel de Falla
Zoltán Kodály
Isaac Albéniz
Punti .........../2
Totale punteggio .........../33
REPERTORIO

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 17 da 18 a 21 da 22 a 24 da 25 a 27 da 28 a 30 da 31 a 33
Voto 4 5 6 7 8 9 10

139
PARTE 2 Materiali

Parte 2 - Unità 9
1 Indica con una crocetta se le affermazioni sulla musica classica contemporanea sono vere
o false.
a. Le nuove tendenze artistiche prendono il nome di Neoavanguardie. V F
b. Viene riscoperto il quartetto d’archi. V F
c. Nascono la musica aleatoria, elettronica e minimalista. V F
d. Le orchestre si esibiscono prevalentemente nei club. V F
e. Si sperimentano contaminazioni tra generi. V F
f. Si modificano gli strumenti classici per ottenere nuove sonorità. V F
g. Si sperimenta una forma di scrittura non convenzionale. V F
h. Si inserisce il concetto di cacofonia musicale. V F
i. Folk songs è una raccolta di canti popolari riorchestrati da Luciano Berio. V F
j. La musica minimalista ricorda le musiche tribali. V F

Punti .........../10

2 Definisci con parole tue il concetto di musica aleatoria.

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../3

3 Leggi il testo, trova gli errori e sottolineali.

Nel 1969 il violoncellista austriaco Bruno Maderna, in occasione del lancio del satellite euro-
peo ESTRO, scrive Serenata per un satellite, dedicandola al fisico italiano Umberto Montalenti.
La partitura della serenata può essere eseguita da un solo strumento e ciascun musicista può
partire da dove preferisce, procedendo in modo preciso, scegliendo liberamente il punto di par-
tenza e di arrivo della lettura. L’esecuzione risulterà così sempre uguale e precisa.
Punti .........../4

4 Quale dei seguenti strumenti, detto «preparato», è stato modificato inserendo al suo interno
oggetti che ne cambiano il suono?
A Il contrabbasso
B L’organo
C Il pianoforte
D Il trombone
Punti .........../1

140
Verifiche sommative – Volume A

5 Quali delle affermazioni su Luciano Berio sono vere (4 risposte)?

A Era un compositore umbro.


B Si è ferito alla mano e non è potuto diventare un pianista.
C Ha scritto un finale diverso per La bohème.
D Ha fondato lo Studio di fonologia della Rai.
E Era un collega di Bruno Maderna.
F Ha vinto il Giro d’Italia.

RISORSE DIDATTICHE
G Era affascinato dalla musica reggae.
H Ha pubblicato Folk songs.
Punti .........../4

6 Indica quale tra le seguenti affermazioni si riferisce al compositore John Cage.

A Fu un esponente del punk rock melodico inglese.


B È stato uno dei principali rappresentanti della musica aleatoria.
C Fu un abile clarinettista.
D Diresse Rhapsody in blue al Metropolitan di New York.

MATERIALI
Punti .........../1

7 Definisci con parole tue il concetto di scrittura musicale non convenzionale.

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../3

SOLUZIONI
8 Attribuisci le seguenti composizioni agli autori corrispondenti.

Titolo Pärt Varèse Berio Cage Ligeti Maderna


a. Serenata per un satellite
b. Sonata n° 1
c. Poema elettronico
d. Spiegel im spiegel
REPERTORIO

e. Mysteries of the macabre


f. Sinfonia
Punti .........../6
Totale punteggio .........../32

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 17 da 18 a 21 da 22 a 24 da 25 a 27 da 28 a 30 da 31 a 32
Voto 4 5 6 7 8 9 10

141
PARTE 2 Materiali

Parte 2 - Unità 10
1 Cancella dall’elenco tutti i generi musicali che non derivano dalla musica afroamericana.
flamenco – jazz – polka – blues – tango – ragtime – fado – bebop – tarantella – fandango – spiritual
– swing – work song – valzer
Punti .........../7

2 Completa il testo con le parole date.


schiavi – africani – solista – work song – ritmici
I canti di lavoro, o .......................................................................................................................................... , alleviano la fatica e rendono il la-
voro più produttivo. Sono canti ricchi di elementi musicali ........................................................................................... , eseguiti
da un ............................................................................................................................... che si alterna a un gruppo di voci. Vengono accom-
pagnati dal movimento e talvolta dal suono di strumenti ............................................................................................................................ ,
realizzati con materiali di fortuna. In questo modo, gli .....................................................................................................................................
scandiscono il ritmo della raccolta del cotone, del lavoro nelle ferrovie e nei porti, della fatica
dei vogatori su barche e navi.
Punti .........../5

3 Definisci con parole tue che cos’è il ragtime.

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../3

4 Come si chiamano le prime forme di musica sacra che avvicinarono gli afroamericani alle
religioni europee?
A Preachers
B Christmas song
C Spiritual
D Church song
Punti .........../1

142
Verifiche sommative – Volume A

5 Indica con una crocetta il compositore a cui è riferita ciascuna delle seguenti frasi.

Armstrong Ellington Parker Davis


a. Compositore e pianista jazz.
b. È stato anche trombettista rock jazz e funky jazz.
c. La sua formazione iniziò in riformatorio.
d. Saxofonista.

RISORSE DIDATTICHE
e. È considerato il primo re del jazz.
f. Ha composto Ornithology.
g. Naque a New Orleans.
h. È considerato uno dei fondatori del bebop.
i. La sua orchestra suonava un brano ispirato alla
metropolitana di New York.
j. Nella sua carriera ha percorso molti stili del jazz.
k. Il suo brano Jean Pierre si sviluppa su un unico
accordo.

MATERIALI
l. Quando componeva prendeva spunto da rumori
e ricordi.
Punti .........../12

6 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


a. Dal genere spiritual nacquero i work song. V F
b. Il gospel è impostato sullo schema domanda-risposta tra solista e coro. V F
c. Blues significa pace e armonia con se stessi e il mondo. V F
d. I gruppi dixieland erano formazioni jazz composte esclusivamente da bianchi. V F

SOLUZIONI
e. Lo stride piano è una tecnica pianistica che prevede movimenti rapidi delle mani. V F
f. Billie Holiday era una famosa cantante jazz. V F
Punti .........../6
Totale punteggio .........../34

REPERTORIO

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 17 da 18 a 21 da 22 a 25 da 26 a 29 da 30 a 32 da 33 a 34
Voto 4 5 6 7 8 9 10

143
PARTE 2 Materiali

Parte 2 - Unità 11
1 Collega ciascun genere all’autore (o autori) corrispondente.
a. Colonna sonora cinematografica 1. Jacques Offenbach
b. Operetta viennese 2. Ennio Morricone
c. Musical 3. Andrew Lloyd Webber
d. Commedia musicale 4. Franz Lehár
e. Operetta francese 5. Leonard Bernstein
6. John Williams
7. Sandro Giovannini, Pietro Garinei
Punti .........../7

2 Indica con una crocetta il genere a cui appartiene ciascuna opera.

Opera Commedia Musical Operetta Film


rock musicale musicale
a. Cats
b. Il mago di Oz
c. Rugantino
d. Notre Dame de Paris
e. La vedova allegra
f. West Side story
g. The Wall
h. Aggiungi un posto a tavola
Punti .........../8

3 Definisci con parole tue che cos’è un concept album.

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../3

4 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


a. L’operetta è caratterizzata da dialoghi vivaci, comici e brillanti. V F
b. Nella rivista canzoni, scenette e danze si susseguono senza un filo conduttore. V F
c. La commedia musicale è un’evoluzione dell’operetta. V F
d. Negli anni Settanta il musical diventa opera lirica. V F
e. Nel cinema musicale la colonna sonora non conta. V F
f. Over the rainbow fa parte della colonna sonora del film Il mago di Oz. V F
g. La colonna sonora di Star wars è di Henry Mancini. V F
h. Prima del 1927 il commento sonoro dei film era affidato a un trombettista. V F
i. Il jingle è il motivetto associato allo spot pubblicitario. V F
j. Il Cirque du Soleil produce musical circensi. V F
Punti .........../10

144
Verifiche sommative – Volume A

5 Quali delle seguenti descrizioni si riferiscono a Ennio Morricone (3 risposte)?

A Ha composto la colonna sonora di Star wars.


B Nel 1965 ha vinto il Festival di Sanremo.
C Ha collaborato con il regista Sergio Leone.
D Ha composto la colonna sonora di Mission.
E Ha vinto il premio Oscar alla carriera.
Punti .........../3

RISORSE DIDATTICHE
6 Quali delle seguenti descrizioni si riferiscono a Andrew Lloyd Webber (3 risposte)?

A Ha composto la colonna sonora dei Giochi Olimpici di Londra.


B A nove anni ha composto la sua prima suite.
C Dal 1965 collabora con il paroliere Tim Rice.
D Ha scritto le musiche di Rugantino.
E Ha composto le musiche di Cats.
Punti .........../3

7 Descrivi con parole tue che cos’è la colonna sonora.

MATERIALI
...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../3
Totale punteggio .........../37

SOLUZIONI
REPERTORIO

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 18 da 19 a 23 da 24 a 27 da 28 a 31 da 32 a 35 da 36 a 37
Voto 4 5 6 7 8 9 10

145
PARTE 2 Materiali

Parte 2 - Unità 12
1 Collega ciascun genere alla definizione corretta.
a. Rock ’n’ roll 1. Nacque negli Stati Uniti dalla fusione tra musica gospel, blues
b. Reggae e rhythm and blues.
c. Canzone d’autore 2. I suoi brani sono di breve durata e con contenuti prevalente-
d. Soul mente provocatori e politici.
e. Punk 3. Racchiude in modo ampio tutta la musica leggera occidentale.
f. Musica pop 4. Genere musicale popolare contemporaneo orientato a far bal-
g. Musica beat lare nelle discoteche.
h. Musica dance 5. Nacque negli anni Cinquanta dalla fusione tra blues, gospel e
boogie-woogie.
6. Si sviluppò in Inghilterra dal blues e dal rock ’n’ roll.
7. Nacque in Giamaica dal soul, dal rhythm and blues e dallo ska.
8. Forma di canzone impegnata, i cui esponenti sono autori dei
testi e delle musiche.
Punti .........../8

2 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


a. Fred Buscaglione fu un artista che riscosse successo «sincopando all’italiana». V F
b. La musica leggera italiana cominciò a diffondersi grazie a internet. V F
c. Il vero titolo di Volare è Salirò ancora più su. V F
d. La musica beat nacque a Manchester. V F
e. I primi interpreti della musica soul erano esclusivamente artisti giamaicani. V F
f. Il festival di Woodstock si svolse a Bethel nel 1969. V F
g. Rapper, breakdancer e writer sono figure che fanno capo all’hip hop. V F
h. Lo Stato Sociale è un gruppo punk rock italiano. V F
i. Per crossover si intende un genere musicale adatto all’ascolto in automobile. V F
Punti .........../9

3 Definisci con parole tue che cos’è la musica new wave.

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../3

4 In quale città degli Stati Uniti ebbe origine il grunge?

A San Francisco
B Los Angeles
C New York
D Seattle
Punti .........../1

146
Verifiche sommative – Volume A

5 Quale genere musicale è caratterizzato da un ritmo rallentato e tranquillo?

A Gospel
B Reggae
C Ska
D Rock ’n’ roll
Punti .........../1

RISORSE DIDATTICHE
6 Definisci con parole tue il concetto di musica rock.

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../3

7 Indica con una crocetta quali affermazioni si riferiscono al punk (P) e quali alla disco music (D).
a. È caratterizzato da ritmiche veloci e suoni duri. P D

MATERIALI
b. Si impone negli Stati Uniti come alternativa al predominio del rock. P D
c. I contenuti sono prevalentemente provocatori e politici. P D
d. La struttura musicale è semplice: tempi quadrati, basso sincopato
e un ritmo incalzante di cassa, rullante e charleston. P D
e. Si ispira anche ai ritmi caraibici. P D
f. A esso sono legati uno stile di vita e un particolare modo di vestire. P D
Punti .........../6

8 Quale tra i seguenti brani fa parte del repertorio dei Beatles?

SOLUZIONI
A Knockin’ on heaven’s door
B Hey Jude
C Hit the road Jack
D Mamma mia!
Punti .........../1
Totale punteggio .........../32
REPERTORIO

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 17 da 18 a 21 da 22 a 24 da 25 a 27 da 28 a 30 da 31 a 32
Voto 4 5 6 7 8 9 10

147
PARTE 2 Materiali

Parte 2 - Unità 13
1 Scrivi sotto ciascuno strumento il suo nome.
bodhrán – nacchere – ocarina – didgeridoo

............................................................. .............................................................

............................................................. .............................................................

Punti .........../4

2 Leggi le seguenti frasi sulla musica popolare e cancella la parola sbagliata.


a. Gli autori sono spesso anonimi/famosissimi e suonano a orecchio.
b. Le prime forme venivano trasmesse via radio/oralmente.
c. Si usano strumenti musicali tradizionali/innovativi.
d. La struttura delle canzoni è articolata/semplice.
e. Molti canti popolari narrano la vita quotidiana/storie galattiche.
Punti .........../5

3 Prova a elencare le caratteristiche del canto popolare.

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../3

4 Collega gli strumenti musicali popolari alla regione corrispondente.


a. Arpa celtica, whistle, bodhrán 1. Area balcanica
b. Cajon, castañuelas, chitarra 2. Irlanda, Scozia, Bretagna e Galizia
c. Violino, fisarmonica, clarinetto 3. Medio Oriente
d. Darbuka, rebab, oud 4. Penisola Iberica
Punti .........../4

148
Verifiche sommative – Volume A

5 Completa il testo con le parole date.


religiosa – strumentale – ritmi sincopati – africana – brani popolari
La musica ................................................................................................................................. possiede un repertorio vario e fin dalle sue
origini ha avuto una funzione ................................................................................................................................. , cerimoniale e rituale. Tra-
dizionalmente qui la popolazione ama cantare e ballare, e i ................................................................................................................... e
ossessivi che caratterizzano molti ................................................................................................................................. facilitano l’improvvi-
sazione ................................................................................................................................. e vocale.

RISORSE DIDATTICHE
Punti .........../5

6 Quale delle seguenti affermazioni relative alla musica asiatica è vera?

A Uno degli strumenti simbolo è il berimbau.


B Tra le civiltà più importanti che hanno influenzato la musica del continente vi è quella
nepalese.
C Alcuni strumenti musicali impiegati nella musica etnica sono elettrofoni e sintetizzatori.
D Una leggenda racconta che gli strumenti musicali siano stati inviati sulla Terra dalle divinità.
Punti .........../1

MATERIALI
7 Indica con una crocetta il genere musicale in cui si usano i seguenti strumenti.

Mambo Tango Samba


a. Pandeiro
b. Congas
c. Bandoneón
d. Berimbau

SOLUZIONI
e. Timbales
Punti .........../5

8 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


a. Compay Segundo è un compositore e musicista cubano. V F
b. Peter Gabriel ha fatto conoscere i Tenores di Bitti in tutto il mondo. V F
c. Ravi Shankar è un fisarmonicista inglese. V F
d. Miriam Makeba è nota con lo pseudonimo di Mama Afrika. V F
REPERTORIO

e. Fabrizio De André era un virtuoso delle launeddas. V F


f. Youssou N’Dour è un chitarrista rock inglese. V F
Punti .........../6
Totale punteggio .........../33

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 17 da 18 a 21 da 22 a 24 da 25 a 27 da 28 a 30 da 31 a 33
Voto 4 5 6 7 8 9 10

149
PARTE 2 Materiali

Verifiche sommative – Volume B

Parte 1 - Unità 1

1 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


a. Il diaframma non è un organo importante per la corretta fonazione. V F
b. Il primo mezzo di cui disponiamo per produrre suoni è il corpo. V F
c. La voce viene prodotta attraverso un fenomeno che viene chiamato areazione. V F
d. Degli organi fonatori fanno parte la laringe, i polmoni, le cavità nasali e la bocca. V F
e. L’intensità della voce dipende dalla forza con la quale si emette l’aria. V F
f. L’intensità della voce dipende da quanto si corre. V F
g. La voce si emette durante la fase espiratoria. V F
h. Un esercizio utile per rinforzare il muscolo diaframmatico è quello di fare le flessioni. V F
i. Tutti possono cantare in modo intonato. V F
j. La voce può avere un registro medio, grave o acuto. V F
Punti .........../10

2 Completa il testo con le parole date.


diaframma – intensità – respirare – soffiare – espiratoria – inspirare
Dato che la voce si emette durante la fase ......................................................................................................................... , per usarla bene
è necessario prima di tutto imparare a ......................................................................................................................... correttamente. Per
imparare ad appoggiare la voce sul ......................................................................................................................... uno degli esercizi più
semplici è quello di ................................................................................................................................ normalmente, senza mai alzare le
spalle e poi ............................................................................................................... con forza come per spegnere le candeline su una
torta. Più sono lontane le candeline più si dovrà aumentare l’ .................................................................................................................
del soffio emesso.
Punti .........../6

3 Definisci con parole tue che cos’è una prosodìa.

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../3

4 Completa le frasi inserendo le voci maschili e femminili corrette.


tenore – basso – baritono – contralto – mezzosoprano – soprano
a. La voce maschile più bassa si chiama .........................................................................................
b. La voce femminile più bassa si chiama .....................................................................................
c. La voce maschile che si estende in una tonalità media si chiama .........................................................................................
d. La voce femminile che si estende in una tonalità media si chiama ......................................................................................
e. La voce maschile che si muove sulla tonalità più acuta si chiama ........................................................................................
f. La voce femminile che si muove sulla tonalità più acuta si chiama .....................................................................................
Punti .........../6

150
Verifiche sommative – Volume B

5 Quale tra le seguenti definizioni corrisponde a quella di «coro parlato»?

A È un coro polifonico.
B È un coro maschile che canta note sovracute.
C È un gruppo di persone che insieme scandisce uno slogan.
D È un coro femminile di soprani e contralti.

Punti .........../1

RISORSE DIDATTICHE
6 Come si chiama il tipo di voce tra i 6 e i 13 anni?

A Voci arcobaleno
B Voci sopranine
C Voci liquide
D Voci bianche

Punti .........../1

7 Quali tra le seguenti affermazioni fanno parte delle regole d’oro del canto (6 risposte)?

MATERIALI
A Quando inspiri non alzare mai le spalle.
B Quando inspiri non abbassare mai lo sguardo.
C Ricorda che cantare significa gridare forte.
D Pensa a ogni suono prima di emetterlo.
E Quando espiri sgonfia gradatamente i polmoni.
F Quando espiri gonfia bene le guance.
G Quando pronunci le parole fondile bene insieme.
H Cerca di essere rilassato, non avere tensioni nel viso e nel corpo.
I Quando emetti un suono stringi la bocca.

SOLUZIONI
J Il respiro che prendi tra una frase e l’altra deve essere esteso, ampio e naturale.
K Quando emetti un suono con la voce, apri la gola come quando sbadigli.
Punti .........../6
Totale punteggio .........../33

REPERTORIO

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 17 da 18 a 21 da 22 a 24 da 25 a 27 da 28 a 30 da 31 a 33
Voto 4 5 6 7 8 9 10

151
PARTE 2 Materiali

Parte 1 - Unità 2
1 Da che cosa è formato il pentagramma?

A Da quattro angoli e quattro spazi


B Da cinque spazi e cinque linee
C Da cinque angoli e quattro linee
D Da cinque linee e quattro spazi
Punti .........../1

2 Scrivi le note corrispondenti al sistema alfabetico.


A = La
G = ...............
F = ...............
C = ...............
E = ...............
D = ...............
B = ...............
Punti .........../6

3 Spiega con parole tue che cos’è la chiave di basso o di Fa.

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../3

4 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.


a. La successione ordinata di un certo numero di suoni è detta scala musicale. V F
b. Si parla di scala ascendente quando le note scendono. V F
c. La differenza di altezza tra due suoni si chiama intervallo. V F
d. Il diesis si può chiamare anche hashtag. V F
e. Il bequadro ha la stessa funzione del bemolle. V F
f. Il doppio diesis alza di un tono la nota. V F
g. Il doppio bemolle alza di un tono la nota. V F
h. La scala cromatica si sviluppa partendo dai colori caldi ai colori freddi. V F
i. Le note fuori dal pentagramma si chiamano fuori note. V F
j. Il semitono corrisponde alla metà di un tono. V F
Punti .........../10

152
Verifiche sommative – Volume B

5 Scrivi quali sono le note scritte sugli spazi del pentagramma e quali quelle sui righi.

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../9

RISORSE DIDATTICHE
6 Completa il testo con le parole date.
grave – acuto – nota musicale – cinque righi – pentagramma – quattro spazi – basso
Per misurare l’altezza delle note si usa una serie di righi e di spazi, il ................................................................................. ,
composto da ........................................................................................................................ e .......................................................................................................................... . A ogni
riga e a ogni spazio corrisponde una ................................................................................................................. . Più in alto è posizionata
la nota, più il suono è ....................................................................................................................... . Più in ..................................................................................................
è collocata la nota, più il suo suono è ...................................................................................................... .
Punti .........../7
Totale punteggio .........../36

MATERIALI
SOLUZIONI
REPERTORIO

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 18 da 19 a 22 da 23 a 26 da 27 a 30 da 31 a 34 da 35 a 36
Voto 4 5 6 7 8 9 10

153
PARTE 2 Materiali

Parte 1 - Unità 3
1 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.
a. La semibreve vale quattro pulsazioni. V F
b. La minima vale quattro pulsazioni. V F
c. La semiminima vale una pulsazione. V F
d. La croma non vale. V F
e. Le pause sono le figure del silenzio. V F
f. Il punto aumenta la nota o la pausa di metà del suo valore. V F
g. La legatura di valore separa le note della stessa altezza. V F
h. Il ritmo è il susseguirsi regolare di una serie di movimenti. V F
i. Il movimento ritmico viene detto anche ellittico. V F
j. L’indicazione del tempo compare una sola volta, nella prima battuta. V F
Punti .........../10

2 Definisci con parole tue il segno di ripetizione.

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../4

3 Indica con una crocetta quale tra le seguenti definizioni di sincope è quella corretta.

A Si tratta di un battito irregolare di suoni acuti.


B Si tratta di uno spostamento di accenti.
C Si tratta di un susseguirsi di melodie trasversali.
D Si tratta di un susseguirsi di divergenze parallele.
Punti .........../1

4 Completa il testo con le parole date.


battere – accenti forti e deboli – pulsazione ritmica – frase musicale – prima pulsazione – levare –
accento metrico – misure o battute
In una .................................................................................................................................................................... l’accento è il maggior rilievo che alcuni
suoni hanno rispetto ad altri. Il movimento ritmico musicale viene detto ............................................................................
........................................... poiché si ripete regolarmente con ....................................................................................................................... .
I suoni e le pause sono contenuti nelle ....................................................................................................................... . L’..........................................................
............................................................... , o di misura, è quello che cade sulla ........................................................................................................................ di
ogni misura. Generalmente, gli accenti forti sono chiamati « ............................................................................................................. »
e gli accenti deboli « ............................................................................................................. » .
Punti .........../8

154
Verifiche sommative – Volume B

5 Come si scrive il ritmo binario?

A 3/4
B 5/4
C 2/4
D 1/4
Punti .........../1

RISORSE DIDATTICHE
6 Come si scrive il ritmo ternario?

A 3/4
B 4/4
C 2/4
D 1/4
Punti .........../1

7 Come si scrive il ritmo quaternario?

A 3/4

MATERIALI
B 4/4
C 2/4
D 1/4
Punti .........../1

8 Completa la descrizione dei simboli della dinamica musicale.


ff = .................................................................................................................. mp = ..................................................................................................................
f = .................................................................................................................. p = ..................................................................................................................

SOLUZIONI
mf = mezzo forte pp = pianissimo
Punti .........../4
Totale punteggio .........../30

REPERTORIO

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 16 da 17 a 20 da 21 a 23 da 24 a 26 da 27 a 28 da 29 a 30
Voto 4 5 6 7 8 9 10

155
PARTE 2 Materiali

Parte 1 - Unità 4
1 Indica se le seguenti affermazioni sono vere o false.
a. Tra il Mi e il Fa c’è un tono di distanza. V F
b. Tra il Si e il Do c’è un semitono di distanza. V F
c. Il primo grado della scala si chiama tonica.
La sequenza dei # (diesis) segue l’ordine Fa Do Sol Re La Mi Si.
V F

La sequenza dei b (bemolle) segue l’ordine inverso Si Mi La Re Sol Do Fa.


d. V F
e. V F
f. Alzando di un semitono la tonica Sol l’accordo diventa effervescente. V F
g. La simultanea esecuzione di più suoni si chiama accordo. V F
h. L’accordo è composto da una sola nota. V F
i. Do Mi Sol è l’accordo maggiore. V F
Punti .........../9

2 Completa il testo con le parole date.


intervallo – semitono – otto note – intervallo di ottava – toni – semitoni
La differenza di altezza tra due suoni si chiama ........................................................................................................................................................... .
La distanza tra due note con lo stesso nome si definisce .............................................................................................................................. ,
poiché tra una e l’altra vi sono ............................................................................................................................ (Do Re Mi Fa Sol La Si Do).
Le unità di misura dell’ampiezza degli intervalli sono i .................................................................................................................................. e
i ............................................................................................................................ . Il .......................................................................................................................... corrisponde alla
metà di un tono ed è l’intervallo più piccolo tra un suono e il successivo.
Punti .........../6

3 Completa la tabella con i gradi del sistema tonale.

1° grado
2° grado sopratonica
3° grado
4° grado
5° grado dominante
6°󠄓 grado
7° grado
Punti .........../5

4 Scrivi una definizione di intervallo musicale.

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Punti .........../3

156
Verifiche sommative – Volume B

5 Completa la tabella di intervalli della scala maggiore.

Do-Re seconda maggiore


Do-Sol
Do-Si
Do-Fa
Do-Mi

RISORSE DIDATTICHE
Do-La
Do³-Do4 ottava giusta
Punti .........../5

6 Completa specificando il tipo di accordo.


a. maj = .........................................................................................................................................................
b. m = ...............................................................................................................................................................
c. ° = diminuito
d. b 5 = quinta .......................................................................................................................................
e. # 5 = quinta ....................................................................................................................................... o eccedente

MATERIALI

f. min7 = .....................................................................................................................................................
g. maj7 = .....................................................................................................................................................
Punti .........../6
Totale punteggio .........../34

SOLUZIONI
REPERTORIO

Nome ...................................................................................................................................................................... Classe ................................................... Data ..................................................

Punteggio da 0 a 11 da 12 a 17 da 18 a 21 da 22 a 25 da 26 a 29 da 30 a 32 da 33 a 34
Voto 4 5 6 7 8 9 10

157
PARTE 2 Materiali

Verifica delle competenze


Classe prima
Titolo
CONOSCO GLI STILI MUSICALI?

Competenze chiave
• Competenza alfabetica funzionale
• Competenza digitale
• Competenza in materia di consapevolezza ed espressione culturali

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


• L’alunno partecipa in modo attivo alla realizzazione di esperienze musicali attraverso l’esecuzione
e l’interpretazione di brani strumentali e vocali appartenenti a generi e culture differenti.
• Usa diversi sistemi di notazione funzionali alla lettura, all’analisi e alla produzione di brani musicali.
• Comprende e valuta eventi, materiali, opere musicali riconoscendone i significati, anche in relazio-
ne alla propria esperienza musicale e ai diversi contesti storico-culturali.

Obiettivi di apprendimento
• Riconoscere e classificare anche stilisticamente i più importanti elementi costitutivi del linguaggio
musicale.
• Eseguire in modo espressivo, collettivamente e individualmente, brani vocali e strumentali di diver-
si generi e stili, anche avvalendosi di strumentazioni elettroniche.

Spunti di lavoro
L’idea di partire da una domanda/sfida serve a stimolare nei ragazzi un’iniziale capacità di distinguere
i principali stili musicali. Dal confronto possono nascere la conoscenza, la scoperta e la competenza.

Consegna di lavoro
1. Ascoltare diversi esempi tra quelli proposti nella scheda che segue: musica colta, jazz, pop, etnica ecc.
2. Confrontare gli stili e ascoltare alcune commistioni: classica/pop (David Garrett, Rondò Veneziano);
jazz/rock (Weather Report, Miles Davis); etno/dance (Shakira, Gloria Estefan); etno/pop (Miriam
Makeba, Youssou N’Dour) e trovare altri esempi per ciascuno stile.
3. Suonare e/o cantare insieme in classe uno dei brani analizzati.
4. Caricare il lavoro svolto sulla pagina web della classe o sul libro digitale.

Scheda: Gli stili musicali

Gli stili musicali Gli stili musicali sono principalmente 4 (etnica, colta, jazz, pop)
anche se è riduttivo imbrigliare i generi in una sola parola.

Le commistioni tra gli stili Molti musicisti sono riusciti a superare le barriere di un unico
e prevedibile genere attraverso una compenetrazione di diversi
linguaggi e sonorità realizzando interessanti commistioni tra gli
stili: etno-jazz, folk-rock ecc.

158
Verifica delle competenze

La musica etnica È la musica tradizionale di un popolo o di una nazione. Ogni regio-


[ascolta la traccia Italia bella mo- ne ha un suo canto popolare. Gli autori restano anonimi e trovia-
strati gentile, volume A, p. 349] mo trasformazioni dello stesso canto con molteplici variazioni in
diverse zone anche lontane. Si tramandava oralmente.

La musica jazz Il jazz è uno stile musicale nato negli Stati Uniti dalla fusione della
[ascolta la traccia When the saints musica africana con la musica europea.
go marching in, volume A, p. 284]

RISORSE DIDATTICHE
La musica leggera La musica leggera o pop è un genere musicale che mescola diver-
[ascolta la traccia Auschwitz, volu- si stili. Spesso è di facile ascolto e orecchiabile per poter arrivare
me B, p. 10] a un pubblico vasto.

La musica classica Per musica classica si intende un genere musicale che ha radici
[ascolta le tracce: Confutatis, volu- antiche; può essere ulteriormente suddivisa in musica sacra, mu-
me A, p. 157; Trio n° 2 in Mi b mag- sica da camera, musica sinfonica, musica operistica.
giore, volume A, p. 178; Largo al
factotum, volume A, p. 196]

MATERIALI
Classe seconda
Titolo
COMPONIAMO UNA SUITE

Competenze chiave

SOLUZIONI
• Competenza digitale
• Competenza personale, sociale e capacità di imparare a imparare
• Competenza in materia di consapevolezza ed espressione culturali

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


• L’alunno partecipa in modo attivo alla realizzazione di esperienze musicali attraverso l’esecuzione
e l’interpretazione di brani strumentali e vocali appartenenti a generi e culture differenti.
• Usa diversi sistemi di notazione funzionali alla lettura, all’analisi e alla produzione di brani musicali.
• È in grado di ideare e realizzare, anche attraverso l’improvvisazione o partecipando a processi di
REPERTORIO

elaborazione collettiva, messaggi musicali e multimediali, nel confronto critico con modelli appar-
tenenti al patrimonio musicale, utilizzando anche sistemi informatici.
• Comprende e valuta eventi, materiali, opere musicali riconoscendone i significati, anche in relazio-
ne alla propria esperienza musicale e ai diversi contesti storico-culturali.

Obiettivi di apprendimento
• Riconoscere e classificare anche stilisticamente i più importanti elementi costitutivi del linguaggio
musicale.
• Eseguire in modo espressivo, collettivamente e individualmente, brani vocali e strumentali di diver-
si generi e stili, anche avvalendosi di strumentazioni elettroniche.
• Improvvisare, rielaborare, comporre brani musicali vocali e strumentali, utilizzando sia strutture
aperte sia semplici schemi ritmico-melodici.

159
PARTE 2 Materiali

Spunti di lavoro
La forma musicale è l’organizzazione e la struttura di una composizione. La forma più ascoltata dai
ragazzi è la canzone, che però non è l’unica forma possibile. Gli alunni ascoltano alcune delle princi-
pali forme musicali e provano a cimentarsi nella composizione di una suite.

Consegna di lavoro
1. Ascoltare le forme proposte dalla scheda che segue attraverso vari esempi.
2. Confrontare le forme e gli stili.
3. Seguendo lo spartito di partenza, scrivere una breve suite. Completare le frasi musicali proposte sul
ritmo della sarabanda, della gavotta e del minuetto finale utilizzando le note: Do, Re, Mi, Fa, Sol.
4. Suonare la composizione.
5. Condividerla in rete o sul libro digitale.

Scheda: Le forme musicali

Le forme musicali Le forme musicali sono l’organizzazione e la struttura di un brano.


Suite Insieme di composizioni, solitamente a tempo di danza, che mantengono la
stessa tonalità.
Sarabanda Antica danza solitamente in tempo 3/4.
Gavotta Danza popolare di origine francese con un tempo vivace.
Minuetto Venne introdotto alla corte di Francia nel periodo barocco.

160
Verifica delle competenze

Classe terza
Titolo
ANALISI DI UNA CANZONE

Competenze chiave
• Competenza multilinguistica
• Competenza in materia di consapevolezza ed espressione culturali

RISORSE DIDATTICHE
Traguardi per lo sviluppo delle competenze
• L’alunno comprende e valuta eventi, materiali, opere musicali riconoscendone i significati, anche in
relazione alla propria esperienza musicale e ai diversi contesti storico-culturali.
• Integra con altri saperi e altre pratiche artistiche le proprie esperienze musicali, servendosi anche
di appropriati codici e sistemi di codifica.

Obiettivi di apprendimento
• Conoscere, descrivere e interpretare in modo critico opere d’arte musicali e progettare/realizzare
eventi sonori che integrino altre forme artistiche, quali danza, teatro, arti visive e multimediali.
• Orientare la costruzione della propria identità musicale, ampliarne l’orizzonte valorizzando le pro-
prie esperienze, il percorso svolto e le opportunità offerte dal contesto.

MATERIALI
Spunti di lavoro
Generalmente, quando si ascolta un brano musicale ci si limita soltanto a dire se è bello o brutto, sor-
volando su tutti i molteplici aspetti tecnici, strumentali, vocali ed espressivi dell’interprete, per non
parlare del lavoro del compositore, dell’autore, dell’arrangiatore, dell’editore e di tutte le altre figure
che collaborano al successo di una composizione (vedere volume A, Prima di cominciare).
Lo scopo di questo lavoro è quello di imparare ad analizzare tutti gli aspetti di un brano musicale,
seguendo la griglia esemplificativa proposta.
Il lavoro può essere svolto su qualsiasi brano purché sia edito.

SOLUZIONI
Per un progetto trasversale di collegamento con la lingua straniera, abbiamo inserito la scheda in lin-
gua inglese: nulla vieta ovviamente di tradurre la scheda e di elaborarla in italiano.

Consegna di lavoro
1. Scegliere un brano musicale pop/rock/etno/funk/dance cantato.
2. Trascrivere il testo, tradurlo e comprenderne il significato.
3. Completare la scheda di analisi che segue.

Scheda: Guided analysis of a pop song (Analisi guidata di una canzone)


REPERTORIO

Title of the song: ...................................................................................................................................................................................................

Style of the song ....................................................................................................................................................................................................

Lyrics by ....................................................................................................................................................................................................

Music by ....................................................................................................................................................................................................

Label ....................................................................................................................................................................................................

Year of composition ....................................................................................................................................................................................................

Played and sung by ....................................................................................................................................................................................................

Nationality of the group ....................................................................................................................................................................................................

161
PARTE 2 Materiali

Meaning of the text ....................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................

How many people sing the song? ....................................................................................................................................................................................................


Do you know their names? ....................................................................................................................................................................................................
Is there a background choir? ....................................................................................................................................................................................................
How many instruments are there? ....................................................................................................................................................................................................
Can you recognize them? ....................................................................................................................................................................................................
Do you hear any special sound effects? ....................................................................................................................................................................................................
If yes, name the effects you hear.

Structure of the song

Is there an introduction? ....................................................................................................................................................................................................


Is it only played or also sung? ....................................................................................................................................................................................................
How many verses are there? ....................................................................................................................................................................................................
How many choruses are there? ....................................................................................................................................................................................................

What do you think about the song? ....................................................................................................................................................................................................


Give your opinion.
....................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................

What feelings does this song evoke? ....................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................

VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DELLO STUDENTE ..................................................................................................................................................


A avanzato B intermedio C base D iniziale
Classe Competenze chiave Livello
• Competenza alfabetica funzionale A B C D
1 a
• Competenza digitale A B C D
• Competenza in materia di consapevolezza ed espressione culturali A B C D

• Competenza digitale A B C D
2 a
• Competenza personale, sociale e capacità di imparare a imparare A B C D
• Competenza in materia di consapevolezza ed espressione culturali A B C D

• Competenza multilinguistica A B C D
3a
• Competenza in materia di consapevolezza ed espressione culturali A B C D

162
3
PA R T E

Soluzioni
Esercizi In ascolto e Nota dopo nota – Volume A
Ripasso operativo (Didattica inclusiva) – Volume A
Verifiche – Volume A
Music & CLIL – Volume C
Esercizi – Volume semplificato
Verifiche sommative della Guida
3
PARTE

Soluzioni
Esercizi In ascolto e Nota dopo nota – Volume A
A027. b. Esegue un tema cantabile
Parte 1 A028. a. Bandoneón
A029. c. Sembra improvvisare su un tempo libero
UNITÀ 1 Suoni, rumori e musica
A001. pp – pp – pp – p – mf – ff UNITÀ 5 Gli strumenti a percussione
A002. Traccia 1: il primo – Traccia 2: il secondo – A030. b. È accompagnato da percussioni e contrabbasso
Traccia 3: il secondo – Traccia 4: il primo – A031. c. È lo strumento solista
Traccia 5: il secondo – Traccia 6: il primo
A003. Traccia 1: Chitarra – Traccia 2: Metallofono –
Traccia 3: Clarinetto
A004. Possibili risposte: squillante, potente, sonoro,
chiaro ecc.
Parte 2
A005. Possibili risposte: acuto, leggero, delicato, limpi-
do ecc.
UNITÀ 1 Il Medioevo
A006. Accelerando a poco a poco A032. Esercizio creativo
A033.  . c. Voci femminili
1
2. b. Calma e tranquillità
UNITÀ 2 Strumenti in formazione A034 1. c. Il canto non è accompagnato da strumenti
A007. B asso, batteria, chitarra, pianoforte, flauti, clari- 2. b. Libero
netti, trombe, tromboni, sax A035. 1. c. Il canto si muove con un ritmo libero
A008. Tromboni, tuba, corni, trombe, flauti, clarinetti, 2. c. Quattro
sax, cassa, rullante, Glockenspiel A036. 1. b. Cornamusa
A009. Pianoforte, chitarra, contrabbasso, violino 2. Cornamusa, percussioni, viella
A010. Tuba, corno, tromba, ottavino A037. 1. c. Marcato e ritmico
A011. Timpani, rullante, congas 2. Viella, liuto
A012. Maracas, cembalo, marimba (xilofono), campane A038. 1. C. Voci femminili e maschili alternandosi
tubolari 2. Cornamusa, flauto, percussioni
3. B. Irregolare
UNITÀ 3 Gli strumenti a corde A039. 1. Ocarina, marimba, chitarra, contrabbasso e .
A013. Giocoso, virtuosistico, sorprendente, estremo percussioni
A014. c. La viola da gamba suona da sola con l’arco 2. c. La velocità
utilizzando più corde A040. 1. a. Voce maschile
A015. b. Con passaggi rapidi e virtuosistici 2. Risposta libera
A016. b. Con un arpeggio rapido A041. 1. c. Nessuno
A017. Risposta libera 2. a. Due
A018. Risposta libera
A019. a. Improvvisando UNITÀ 2 Umanesimo e Rinascimento
A042. 1. È una preghiera e una supplica alla Vergine.
UNITÀ 4 Gli strumenti a fiato e a mantice 2. a. Voce maschile
A020. b. Con il flauto e l’orchestra insieme A043. 1. c. Flauto dolce, clavicembalo e viola da gamba
A021. b. Esegue un tema con note gravi 2. b. Voce femminile
A022. c. Organo A044. 1. L’organo
A023. a. Espone un tema arabeggiante 2. Polifonicamente
A024. a. Con un fraseggio jazzistico e improvvisando 3. A. Lento e suggestivo
A025. b. Inizia il trombone con dei passaggi solistici A045. 1. b. Con una voce solista
A026. b. Con il corno e l’orchestra 2. Risposta libera

164
Esercizi In ascolto e Nota dopo nota – Volume A

A046. 1 . Lento e solenne A074. P ossibile risposta: Nella Settima variazione il


2. a. Voci miste pianoforte esegue scale molto veloci e note stac-
A047. b. Con continui cambi di tempo e atmosfera, per cate. Nell’Ottava variazione il tema diventa più
sottolineare ogni parola lento e malinconico (passa in modo minore). Nella
A048. 1. c. Liuto Nona variazione una voce insegue l’altra come
2. b. L’ultima in un canone. Nella Decima variazione il tema
A049. 1. b. Moderato diventa molto vivace. Nell’Undicesima variazione il
2. Violone, flauto dolce, liuto, arpa tema assume un’aria meditativa e lenta e diventa
A050. Esercizio creativo quasi irriconoscibile (ironizzando sul suo stesso
stile). Nella Dodicesima variazione conclude il

RISORSE DIDATTICHE
brano in modo virtuosistico e brillante.
UNITÀ 3 Il Barocco A075. 1. a. Voce maschile
A051. 1. Violoncello, viola, violino 2. b. Moderato
2. a. Lento e malinconico A076. 1. c. alternano passaggi di note acute brevi
A052. 1. c. Con il clarinetto e il pianoforte staccate e note acute legate
2. b. Tre 2. b. Drammatica
A053. 1. b. Moto del cavallo A077. b. La prima parte è veloce
2. a. Archi e clavicembalo A078. Esercizio creativo
A054. 1. c. Ironico e deciso A079. Risposta libera
2. Archi e basso continuo A080. 1. Due volte
A055. 1. a. 4/4 2. a. che utilizza contrasti tra il piano e il forte
2. a. Mantiene lo stesso tempo A081. c. Archi
A056. Esercizio creativo A082. 1. B. ABACA

MATERIALI
A057. 1. b. Sette 2. C. Moderato
2. Risposta libera
A058. 1. a. Deciso e marcato
2. c. Uno strumento a corde pizzicate UNITÀ 5 Il Romanticismo
A059. 1. Ostinato e vigoroso A083. c. Gli archi
2. b. Su una serie di variazioni che si alternano A084. 1. C. 1817
con un cambio di tonalità 2. B. Mi maggiore
A060. 1. b. Quartetto d’archi 3. Andante
2. a. Si susseguono una a una A085. b. Il pianoforte
A061. 1. a. Charleston A086. c. Con il clarinetto e il pianoforte
2. c. Clarinetto A087. Risposta libera

SOLUZIONI
A062. 1. b. Gli strumenti a fiato A088. Risposta libera
2. c. Brillante e vivace A089. b. Il tempo in cui suona il pianoforte a volte ral-
A063. 1. c. Clavicembalo lenta le frasi musicali
2. a. Su un arpeggio continuo A090. Esercizio creativo
A064. 1. a. Tromba A091. b. Con un rallentato finale
2. b. Sereno e pacato A092. Arpa, primi violini, secondi violini, viole, violon-
A065. 1. a. Dalla più grave alla più acuta celli e contrabbassi
2. c. Iniziano gli archi
A066. 1. b. Solenne
2. a. La tromba
UNITÀ 6 L’opera in Europa
A067. 1. Archi e clavicembalo A093. 1. Come persona capace di soddisfare ogni richiesta
REPERTORIO

2. Soprano 2. Risposta libera


3. C. 3/4 A094. Esercizio creativo
4. B. Tra 01:34 e 02:08 A095. 1. 1:56
2. 2:40
A096. b. Tamburo rullante
UNITÀ 4 Il Classicismo A097. 1. c. Il violoncello
A068. a. Galante 2. 8:27
A069. 1. a. Accompagna il cantante A098. 1. b. Il flauto traverso
2. a. Per prenderlo in giro 2. a. Archi
A070. 1. b. Violino 1, violino 2, viola e violoncello A099. 1. Alfredo e Violetta
2. a. Il violino 2. c. 3/4
A071. Due violini A100. c. In crescendo
A072. b. Inizia l’orchestra e il tema è affidato ai primi A101. Archi, grancassa, tromboni, trombe, ottavino
violini
A073. 1. Due volte
2. ABAC

165
PARTE 3 Soluzioni

A102. 1 . clivi: collinette, pendii; olezzano: che emanano


un odore gradevole; vati: profeti; membranza:
UNITÀ 9 La musica classica contemporanea
rimembranza, ricordo; favella: facoltà di parlare; A142. 1
 . Bastone della pioggia, woodblock, gong,
concento: armonia che risulta dall’accordo di più legnetti, maracas, tamburi/congas, cowbell/cam-
voci o suoni. panaccio, campane tubolari, timpani, marimba,
2. Il flauto traverso piatto, charleston
A103. Inizialmente autorevole, dinamico, poi giocoso, 2. Bach, Preludio in Do maggiore; Bach, Cantata
sfrenato, vorticoso 147; Mozart, Marcia alla turca; Liszt, Rapsodia
A104. a. 2/4 ungherese; Nella vecchia fattoria
A105. b. Archi e legni
A106. Risposta libera UNITÀ 10 Sotto le stelle del jazz
A107. Risposta libera A143. B anjo, contrabbasso, tamburo, piatto oscillante,
A108. b. A una sola voce chitarra acustica
A109. Firenze. Vorrebbe comprare l’anello nuziale e A144. a. 2/4
dichiara che, se non le fosse concesso, si gette- A145. Risposta libera
rebbe nel fiume per dimostrare il suo amore. A146. 1. Due volte
2. Batteria
UNITÀ 7 Le scuole nazionali 3. Tromba, trombone, sax tenore, banjo, tuba,
A110. c. 4 batteria
A111. Risposta libera A147. 6
A112. Archi, timpani, trombe, fagotti, clarinetti A148. Esercizio creativo
A113. 1. Il flauto traverso e l’oboe A149. Tromba, trombone, clarinetto, sax, banjo,
2. A. Il risveglio nell’alba africana basso tuba, batteria
A114. a. Canzone russa A150. b. Sax soprano
A115-A116. b. Moderato
A117-A118. c. Accordi dissonanti alternati in forte, UNITÀ 11 Musical e colonne sonore
pianissimo e fortissimo A151. 1. c. Il tema principale
A119-A120. a. Strumentazione leggera con archi, legni 2. b. I tromboni
e piccole percussioni
A121-A122. a. Lento e maestoso
UNITÀ 12 La musica pop
A123. Parte 2: Tema della principessa – Parte 5: Tema
del sultano – Parte 7: Tema del sultano – Parte 8: A152. b. Accelera gradatamente
Tema della principessa A153. 1. c. 4/4
A124. a. Clarinetto, oboe e flauto 2. c. Voce femminile
A125. c. 4/4 A154. Esercizio creativo
A126. Tamburello basco e cassa, corni, trombe
A127. a. Ottoni UNITÀ 13 La musica etnica
A128. b. Ottoni
A155. I l testo racconta la storia della crisi economica
A129. Esercizio creativo
italiana e degli emigranti che partono per il Bra-
A130. c. Da 120 a 200 (allegro/presto)
sile in cerca di fortuna.
A131. Sognante, sfumata, colorata...
A156. Esercizio creativo
A132. a. Esitante/Pianissimo
A157. 1. Ocarina, chitarra, batteria, percussioni, con-
trabbasso
UNITÀ 8 Il Novecento 2. L’ocarina
A133. 1
 . Tema A – 2. Tema A – 3. Tema B – 4. Tema B – 3. Festosa
5. Tema A – 6. Tema A – 7. Tema B – 8. Tema B – A158. Arpa celtica, flauto irlandese, percussioni
9. Tema A – 10. Tema A – 11. Tema B – 12. Tema A159. Arpa, tin whistle (flauto irlandese), cornamusa
B – 13. Tema A – 14. Tema A – 15. Tema B – 16. A160. Clarinetto, due chitarre
Tema B – 17. Tema A – 18. Tema B A161. Saxofono contralto, saxofono soprano, contrab-
A134. Esercizio creativo basso, percussioni
A135. 1. c. 4/4 A162. Accelerando
2. Tema 1: Piano – Tema 2: Piano – Tema 3: Forte A163. La voce si alterna al coro
A136. b. Inizia con un tremolo degli archi A164. b. Sax soprano
A137. c. In modo percussivo e fortemente ritmico A165. Flauto cinese, tabla
A138. b. Fagotto A166. a. 2/4
A139. b. Allegro A167. Tamburo, maracas, flauto di pan, charango, quena
A140. a. 2/4 A168. Clarinetto, chitarra, contrabbasso
A141. b. Glissato A169. b. Big band
A170. Con il ritornello

166
Ripasso operativo (Didattica inclusiva) – Volume A

Ripasso operativo (Didattica inclusiva) – Volume A


Parte 1 – Unità 1

RISORSE DIDATTICHE
MATERIALI
SOLUZIONI
durata onde
sonore

REPERTORIO
timbro solidi

velocità

impulsi nervosi

167
PARTE 3 Soluzioni

Parte 1 – Unità 2

camera

accostamenti

etnici

classici

a fiato

168
Ripasso operativo (Didattica inclusiva) – Volume A

Parte 1 – Unità 3

RISORSE DIDATTICHE
MATERIALI
corde archetto

SOLUZIONI
REPERTORIO

pizzicando

plettro

martelletti

169
PARTE 3 Soluzioni

Parte 1 – Unità 4

ancia
dolce tromba

aria

tastiera

170
Ripasso operativo (Didattica inclusiva) – Volume A

Parte 1 – Unità 5

RISORSE DIDATTICHE
MATERIALI
vibrazioni

SOLUZIONI
determinato indeterminato

REPERTORIO

timpano

membrana

171
PARTE 3 Soluzioni

Parte 1 – Unità 6

oscillatori suoni

il sintetizzatore

sonore
la chitarra elettrica

elettromagnetiche

172
Ripasso operativo (Didattica inclusiva) – Volume A

Parte 2 – Unità 1

RISORSE DIDATTICHE
MATERIALI
latina

SOLUZIONI
monodico volgare

REPERTORIO

antiqua nova

polifoniche

173
PARTE 3 Soluzioni

Parte 2 – Unità 2

canti polifonici
profana

canto vocale

forma
in dialetto poetico-musicale ad arco

174
Ripasso operativo (Didattica inclusiva) – Volume A

Parte 2 – Unità 3

RISORSE DIDATTICHE
MATERIALI
poetico rappresentativa

SOLUZIONI
musicale

sacro
REPERTORIO

solistico grosso

175
PARTE 3 Soluzioni

Parte 2 – Unità 4

personaggi

Messa
da Requiem

parti cantate sinfonia


compositori l’orchestra europea

176
Ripasso operativo (Didattica inclusiva) – Volume A

Parte 2 – Unità 5

RISORSE DIDATTICHE
MATERIALI
libertà varietà notturno

SOLUZIONI
REPERTORIO

per orchestra tedesca

Romanticismo

177
PARTE 3 Soluzioni

Parte 2 – Unità 6

buffa seria

con
imprese eroiche di vita quotidiana

178
Ripasso operativo (Didattica inclusiva) – Volume A

Parte 2 – Unità 7

RISORSE DIDATTICHE
MATERIALI
le atmosfere

SOLUZIONI
REPERTORIO

De Falla Smetana influenze occidentali

179
PARTE 3 Soluzioni

Parte 2 – Unità 8

l’effetto dei
suoni
la velocità

orecchiabile

il metodo
le forme musicali
Kodály
classiche

graduale

180
Ripasso operativo (Didattica inclusiva) – Volume A

Parte 2 – Unità 9

RISORSE DIDATTICHE
MATERIALI
SOLUZIONI
ritmo casualità nuove
apparecchiature
melodia

REPERTORIO

musica classica poche note


sequenza (loop)

181
PARTE 3 Soluzioni

Parte 2 – Unità 10

i canti di lavoro forme musicali


degli schiavi sacre

protesta
urbano

rilassato jazz da dondolante


ascolto

182
Ripasso operativo (Didattica inclusiva) – Volume A

Parte 2 – Unità 11

RISORSE DIDATTICHE
MATERIALI
danze
leggere

SOLUZIONI
operetta

REPERTORIO

un teatro musicale
orecchiabili

uno spettacolo

brani di repertorio

183
PARTE 3 Soluzioni

Parte 2 – Unità 12

Festival di del melodramma


Sanremo jazz

frenetico

pop
melodie
orecchiabili

184
Ripasso operativo (Didattica inclusiva) – Volume A

Parte 2 – Unità 13

RISORSE DIDATTICHE
MATERIALI
vita quotidiana flamenco
ballate e fado

SOLUZIONI
REPERTORIO

klezmer

balli
sonorità diverse

185
PARTE 3 Soluzioni

Verifiche – Volume A
Parte 1 – Unità 1

lento

melodia
composizione
strofa
ritornello
accompagnamento musicale
arrangiamento

Risposta libera.

186
Verifiche – Volume A

Parte 1 – Unità 2

RISORSE DIDATTICHE
MATERIALI
SOLUZIONI
batteria, banjo, clarinetto, violino, arpa, clarinetto,
basso tuba, tromba, trombone basso tuba, tromba, trombone,
contrabbasso, pianoforte, timpani

REPERTORIO

Risposta libera.

187
PARTE 3 Soluzioni

Parte 1 – Unità 3

Il suono viene prodotto sfregando le


corde per mezzo di un archetto.
ll suono viene prodotto pizzicando le
corde con le dita o con il plettro.
Il suono viene emesso per effetto di un martelletto
che colpisce le corde facendole vibrare.

arco musicale

Egizi
glissando arpeggiando
pizzicandole

Risposta libera.

188
Verifiche – Volume A

Parte 1 – Unità 4

RISORSE DIDATTICHE
flauto dolce, flauto traverso

clarinetto, sax

oboe, corno inglese, fagotto, controfagotto

fisarmonica, harmonium, organo

MATERIALI
SOLUZIONI
REPERTORIO

Risposta libera.

189
PARTE 3 Soluzioni

Parte 1 – Unità 5

piatti bacchette

charleston
timpano
rullante

tom
grancassa

Risposta libera.

190
Verifiche – Volume A

Parte 1 – Unità 6

RISORSE DIDATTICHE
MATERIALI
SOLUZIONI
chitarra elettrica
chitarra
pick-up
amplificatore
cassa armonica REPERTORIO

Risposta libera.

191
PARTE 3 Soluzioni

Parte 2 – Unità 1

Risposta libera.

192
Verifiche – Volume A

Parte 2 – Unità 2

RISORSE DIDATTICHE
MATERIALI
SOLUZIONI
REPERTORIO

Risposta libera.

193
PARTE 3 Soluzioni

Parte 2 – Unità 3

A, H, J B, F, I

E, G, L C, D, K

La suite è una composizione strumentale tipica del Barocco che si ispira alla danza
ed è formata da un insieme di movimenti da suonare in sequenza.

Risposta libera.

194
Verifiche – Volume A

Parte 2 – Unità 4

RISORSE DIDATTICHE
MATERIALI
SOLUZIONI
REPERTORIO

Risposta libera.

195
PARTE 3 Soluzioni

Parte 2 – Unità 5

Risposta libera.

196
Verifiche – Volume A

Parte 2 – Unità 6

RISORSE DIDATTICHE
MATERIALI
SOLUZIONI
REPERTORIO

Cavalleria rusticana

Risposta libera.

197
PARTE 3 Soluzioni

Parte 2 – Unità 7

G I D C E H F A B

Risposta libera.

198
Verifiche – Volume A

Parte 2 – Unità 8

RISORSE DIDATTICHE
MATERIALI
SOLUZIONI
Sulla scia del movimento futurista di inizio Novecento, il Futurismo musicale esalta il rumore, la
velocità, i suoni delle attività dell’uomo eliminando gli schemi imposti. I musicisti di questo periodo
sperimentarono tutte le tipologie timbriche che potevano esaltare i rumori delle macchine.

REPERTORIO

Risposta libera.

199
PARTE 3 Soluzioni

Parte 2 – Unità 9

Risposta libera.

200
Verifiche – Volume A

Parte 2 – Unità 10

RISORSE DIDATTICHE
MATERIALI
SOLUZIONI
terre
schiavi città

malessere sociale
blues
tristezza e malinconia
REPERTORIO

Risposta libera.

201
PARTE 3 Soluzioni

Parte 2 – Unità 11

Risposta libera.

Risposta libera.

202
Verifiche – Volume A

Parte 2 – Unità 12

RISORSE DIDATTICHE
MATERIALI
SOLUZIONI
REPERTORIO

Risposta libera.

203
PARTE 3 Soluzioni

Parte 2 – Unità 13

orientale
divinità
civiltà

sitar
etnica gamelan

Risposta libera.

204
Music & CLIL – Volume C

Music & CLIL – Volume C


Pagina 42

RISORSE DIDATTICHE
United States

stars white

stripes

Pagina 43
King

Pagina 59

MATERIALI
pair – dolly – book – brain – Santa – right

Pagina 76

SOLUZIONI
D A

B C REPERTORIO

Pagina 83
green – waves – yellow – friends – door – band – life – blue – submarine

Pagina 88
B

Pagina 140
A. sea foam
B. acre of land
C. parsley, sage, rosemary and thyme
D. cambric skirt

Pagina 201
C

205
PARTE 3 Soluzioni

Pagina 209

C A

B D

Pagina 215

AIR YES

HEEKS
AND
OUTH

RMS
EART

EGS

EET

Pagina 231
body – soul – around – special – belong – happy – very

Pagina 235
A

206
Esercizi – Volume semplificato

Esercizi – Volume semplificato


PARTE 1 Unità 1 PARTE 2 Unità 1 PARTE 2 Unità 8
1. Esercizio libero 1. D 1. D
2. B 2. A 2. B
3. C 3. Esercizio libero 3. Esercizio libero
4. Esercizio libero 4. Esercizio libero 4. Esercizio libero
5. Esercizio libero 5. Esercizio libero 5. Esercizio libero

RISORSE DIDATTICHE
PARTE 1 Unità 2 PARTE 2 Unità 2 PARTE 2 Unità 9
1. A 1. C 1. B
2. B 2. D 2. D
3. Esercizio libero 3. Esercizio libero 3. Esercizio libero
4. Esercizio libero 4. Esercizio libero 4. Esercizio libero
5. Esercizio libero 5. B 5. Esercizio libero

PARTE 1 Unità 3 PARTE 2 Unità 3 PARTE 2 Unità 10


1. B 1. Clavicembalo – Violino 1. B
2. A 2. B 2. Esercizio libero
3. Esercizio libero 3. Esercizio libero 3. C
4. Anno di inizio produzione: 1715 4. Esercizio libero 4. Esercizio libero

MATERIALI
Diffusione: Dalla città di Cremona 5. Esercizio libero 5. Esercizio libero
in tutta l’Europa
Caratteristiche principali: Costruito
con abete rosso proveniente dalle
PARTE 2 Unità 4 PARTE 2 Unità 11
1. C 1. A
Alpi; i cerchi delle decorazioni 2. A 2. B
bianche sono in avorio ecc. 3. D 3. Esercizio libero
5. Esercizio libero 4. Esercizio libero 4. Esercizio libero
6. Esercizio libero 5. «Dio ti lodiamo» – Viene tradizional- 5. Esercizio libero
mente recitato al termine delle let-
PARTE 1 Unità 4 ture della domenica e viene cantato PARTE 2 Unità 12

SOLUZIONI
1. C durante alcuni eventi importanti (ad 1. D
2. C es. l’elezione di un nuovo pontefice) 2. B
3. B – Viene cantato dal coro 3. Esercizio libero
4. Esercizio libero 6. Esercizio libero 4. Esercizio libero
5. Esercizio libero 5. Esercizio libero
6. Esercizio libero PARTE 2 Unità 5
1. B PARTE 2 Unità 13
PARTE 1 Unità 5 2. A 1. B
1. D 3. Esercizio libero 2. Esercizio libero
2. Idiofoni a suono determinato: 4. Esercizio libero 3. Esercizio libero
REPERTORIO
xilofono, vibrafono, glockenspiel, 5. Esercizio libero 4. D
campane tubolari, celesta 5. Esercizio libero
Idiofoni a suono indeterminato:
piatti, charleston, triangolo,
PARTE 2 Unità 6
1. B
maracas, nacchere 2. A
3. Timpano – Tom – Rullante – Bac- 3. Esercizio libero
chette – Charleston – Grancassa 4. Esercizio libero
4. Esercizio libero 5. Esercizio libero

PARTE 1 Unità 6 PARTE 2 Unità 7


1. B 1. C
2. D 2. B
3. Esercizio libero 3. Esercizio libero
4. Esercizio libero 4. Esercizio libero
5. Esercizio libero 5. Esercizio libero

207
PARTE 3 Soluzioni

COMPENDIO DI TEORIA MUSICALE


1. Esercizio libero
2.

Do Re Mi Fa Sol La Si Do1

Do1 Si La Sol Fa Mi Re Do

Si Do Re Mi La Sol Fa Do1

Do1 Fa Sol Re Si La Mi Do

3.

4. Esercizio libero

208
Verifiche sommative della Guida

Verifiche sommative della Guida


PARTE 1 Unità 3
Volume A – Parte 1 1. 
PARTE 1 Unità 1
1. B
2. a. F; b. V; c. F; d. V; e. V; f. F; g. F; h. V; i. F

RISORSE DIDATTICHE
3. Possibile risposta: Il timbro è la qualità, il colore del
suono.
4. suoni e rumori – contaminazione sonora − violoncello
......................................... arpa
........................................ contrabbasso
.........................................
inquinamento acustico – fonometro − decibel
5. Hertz − dB
6. dB
100 (blu)
80
60 (verde)
40
20 (rosso)
0 chitarra
......................................... violino
.........................................
–20
–40
–60
2. a. V; b. V; c. V; d. F; e. F; f. F; g. V; h. V; i. F
–80 3. a. paletta; b. tastiera; c. rosone; d. manico; e. cordiera

MATERIALI
–100 4. a. P; b. C; c. C; d. P; e. P
7. C 5. Possibili risposte: a. Percuotendo le corde con un
8. C martelletto; b. strofinando le corde con un archetto;
9. A c. Pizzicando le corde con un plettro o con le dita
6. Parole da cancellare: a. cinque; b. ponticelli; c. emme;
d. verricello; e. cubana
PARTE 1 Unità 2 7. B
1. A
2. a. solo – unico; b. quartetto di fiati; c. trio – tre;
d. polifonico – melodico – duo; e. quartetto d’archi PARTE 1 Unità 4
3. a. F; b. F; c. V; d. V; e. F; f. V; g. F; h. V 1. a. V; b. V; c. F; d. F; e. V; f. F; g. V; h. F; i. F; j. V

SOLUZIONI
4. Cordofoni: cetre, mandole, liuto, arpe, chitarre, violino, 2. Mantice: fisarmonica, organo, bandoneón
viola, violoncello ecc. Ancia semplice/doppia: clarinetto, saxofono, oboe
Aerofoni: armonica a bocca, fisarmonica, flauti, Imboccatura diretta: flauto traverso, flauto dolce,
clarinetti, oboi, corni, sax ecc. flauto contralto
Idiofoni: triangolo, xilofono, campane tubolari, Bocchino: trombone, tromba, corno
maracas, scacciapensieri ecc. 3. a. Oboe; b. Saxofono; c. Tromba; d. Trombone
Membranofoni: timpani, tamburi, grancassa ecc. 4. B
Elettrofoni: organo Hammond, tastiere, chitarre elet- 5. Parole da cancellare: massa – ritmi – Cinquecento –
triche, piano elettrico ecc. diminuire – tubi – canne
5. D 6. a-2; b-3; c-4; d-1
6. C – D 7. B
REPERTORIO

7. Orchestra barocca: contrabbasso, viola da gamba, 8. Possibile risposta: Il flauto traverso si suona soffiando
clavicembalo, violino di traverso nel foro dell’imboccatura e azionando le
Complesso pop: batteria, chitarra elettrica, tastiere chiavi con le dita.

PARTE 1 Unità 5
1. A suono determinato: xilofono, glockenspiel, campane
tubolari, celesta, vibrafono
A suono indeterminato: guiro, nacchere, maracas,
piatti, triangolo, bastone della pioggia, charleston
2. idiofoni – membranofoni – determinato – indeter-
minato – altezza specifica – melodie – altezza non
classificabile – tenere il ritmo
3. a. V; b. F; c. V; d. V; e. F; f. V; g. F; h. V; i. F; j. V
4. C
5. C

209
PARTE 3 Soluzioni

6.  4. Possibile risposta: Il concerto grosso (o tutti) è la


piatti
................................... bacchette
.................................. sezione in cui si esibisce l’orchestra intera, alternata
al concertino.
charleston
......................................... 5. a. F; b. V; c. F; d. F; e. V; f. F; g. V; h. F; i. V; j. V
timpano
................................... 6. liutai italiani – viole da gamba – primi violini – violino
rullante
.........................................
– nuovi gruppi strumentali
tom 7. a. V; b. V; c. F; d. F; e. V
............................
grancassa
...................................

PARTE 2 Unità 4
PARTE 1 Unità 6 1. Mozart: B – D – I – J
1. a. V; b. F; c. V; d. F; e. V; f. F; g. F; h. V; i. V Haydn: A – E – G – K
2. Chitarra elettrica – Sintetizzatore – Basso elettrico – Beethoven: C – F – H – L
Theremin – Organo Hammond – Tastiera 2. Possibile risposta: La struttura della forma-sonata
3. a. C; b. C; c. E; d. E; e. C; f. E; g. E; h. C; i. E; j. C prevede tre parti: l’esposizione, lo sviluppo e la ripresa.
4. a-3; b-4; c-1; d-2 3. a. V; b. V; c. F; d. F; e. V; f. F; g. V; h. V; i. F; j. V
5. sintetizzatore – computer – strumento musicale – 4. Fortepiano – Pianoforte – Clarinetto – Violino
programmi – orecchio esperto – virtuale 5. A
6. A 6. B
7. A

PARTE 2 Unità 5
1. C
2. chanson – song – romanza – poetico-musicale –
Volume A – Parte 2 lirico-narrativo – lingua tedesca – pianoforte
3. a. V; b. F; c. V; d. V; e. F; f. V; g. V; h. F; i. V; j. F; k. V; l. F
PARTE 2 Unità 1 4. salotto – vita sociale – pomeriggio fisso – politica e
1. a. Gregorio; b. Melismatici; c. Trovatori; d. Mottetto; cultura – pianoforte
e. Lauda; f. Ars antiqua; g. Vox principalis; h. Ars nova 5. D
2. Possibile risposta: Il discantus è una prima forma di 6. a-5; b-4; c-6; d-3; e-2; f-1
canto polifonico nella quale una voce sale e l’altra 7. Possibile risposta: Il poema sinfonico è una composi-
scende. zione per orchestra che prende ispirazione dalla lette-
3. Antifonario – Gregorio Magno – Schola Cantorum – ratura, dalla pittura e dall’osservazione della natura.
cantori liturgici – chironomici – altezza
4. D
5. Parole da cancellare: novella – Cantico dei cantici –
PARTE 2 Unità 6
1. Possibile risposta: Genere musicale, di solito di conte-
San Benedetto – novelle – Giorgione da Norcia –
nuto serio, in cui confluiscono teatro, musica e canto.
novelle – novellari – Novellario di Tortona
2. a. aria; b. cavatina; c. duetto; d. romanza
6. a. V; b. V; c. F; d. V; e. F; f. V; g. F
3. a. Verdi; b. Wagner; c. Puccini; d. Bizet; e. Rossini;
f. Puccini; g. Wagner; h. Rossini; i. Verdi; j. Bizet
PARTE 2 Unità 2 4. a. V; b. F; c. F; d. V; e. V; f. F; g. V; h. V; i. F; j. V
1. Scuola romana: A – D – E 5. Parole da cancellare: iberica – fate – luna – i cavalli –
Scuola veneziana: B – C – F di vecchiaia – Lohengrin – eroi
2. a. M; b. V; c. M; d. M; e. V; f. V; g. M; h. V 6. Mascagni – Leoncavallo
3. a. F; b. F; c. V; d. F; e. V; f. F; g. F; h. V; i. F
4. diffusione – musicisti – franco-fiamminga – italiani –
compositori – corti
PARTE 2 Unità 7
1. P
 ossibile risposta: L’intento delle scuole nazionali è
5. D quello di recuperare le tradizioni locali, in particolare
6. B la musica popolare.
2. a. Norvegia; b. Finlandia; c. Boemia; d. Boemia;
PARTE 2 Unità 3 e. Spagna; f. Russia; g. Russia; h. Russia; i. Spagna
3. a. F; b. F; c. V; d. V; e. V; f. F; g. F; h. V; i. V; j. F
1. Musica solo strumentale: suite – concerto solista –
4. B – D – E – G
concerto grosso – folia – sonata da chiesa
5. Claude Debussy: B – E – F
M  usica vocale e strumentale: oratorio – aria cantata –
Pëtr Il’ič Čajkovskij: A – C – D
opera buffa – comédie-ballet
6. C
2. A
7. C
3. Viola da gamba – Organo – Clavicembalo – Violino
8. D

210
Verifiche sommative della Guida

4. a. V; b. V; c. V; d. F; e. F; f. V; g. F; h. F; i. V; j. V
PARTE 2 Unità 8 5. C – D – E
1. Parole da cancellare: Patriottismo – Qualunquismo – 6. B – C – E
Politeismo – Romanticismo – Manierismo – Relativismo 7. Possibile risposta: La colonna sonora è la musica che
2. Possibile risposta: Una corrente musicale che prende accompagna le immagini del film e aiuta a definire la
ispirazione dai modelli sonori rinascimentali, barocchi situazione e l’ambientazione.
e del Classicismo.
3. C
4. atonali o pantonali – rinascimentali e barocchi – miti PARTE 2 Unità 12
greci e latini – Neoclassicismo – espressionista – pure 1. a-5; b-7; c-8; d-1; e-2; f-3; g-6; h-4

RISORSE DIDATTICHE
e pulite 2. a. V; b. F; c. F; d. F; e. F; f. V; g. V; h. F; i. F
5. Possibile risposta: Gli intonarumori sono strumenti 3. Possibile risposta: La new wave, letteralmente «nuova
musicali costituiti da una scatola di legno che inter- onda», racchiude stili diversi influenzati dal rock, dal
namente dispone di un ingranaggio a manovella o punk e dalla musica elettronica.
elettrico, grazie al quale produce un rumore caratteri- 4. D
stico di diversa intensità. 5. B
6. a. F; b. F; c. V; d. V; e. F; f. V; g. V; h. F; i. F; j. V; k. V; l. F 6. Possibile risposta: Per musica rock si intende quel
7. B genere musicale con sonorità aggressive e testi pro-
8. Béla Bartók – Zoltán Kodály vocatori nato negli anni ’60 come espressione della
rivolta giovanile.
7. a. P; b. D; c. P; d. D; e. D; f. P
PARTE 2 Unità 9 8. B
1. a. V; b. F; c. V; d. F; e. V; f. V; g. V; h. F; i. V; j. V
2. Possibile risposta: La musica aleatoria è una tecnica

MATERIALI
di composizione che si basa sulla casualità. Il musici- PARTE 2 Unità 13
sta sperimenta nuove sonorità interpretando libera- 1.
mente la partitura.
3. violoncellista austriaco – da un solo strumento – in
modo preciso – uguale e precisa
4. C ocarina
..................................... bodhrán
.....................................

5. B – D – E – H
6. B
7. Possibile risposta: Si tratta di segni originali e fanta-
siosi, che traducono il suono in immagine o viceversa.
didgeridoo nacchere

SOLUZIONI
8. a. Maderna; b. Cage; c. Varèse; d. Pärt; e. Ligeti; ..................................... .....................................
f. Berio
2. Parole da cancellare: a. famosissimi; b. radio;
c. innovativi; d. articolata; e. storie galattiche
PARTE 2 Unità 10 3. Possibile risposta: Il brano di musica popolare è
1. Parole da cancellare: flamenco – polka – tango – fado semplice e orecchiabile, la melodia e il testo spesso
– tarantella – fandango – valzer nascono simultaneamente e vengono tramandati
2. work song – africani – solista – ritmici – schiavi oralmente.
3. Possibile risposta: Il ragtime, letteralmente 4. a-2; b-4; c-1; d-3
«tempo strappato», rappresenta una forma di jazz 5. africane – religiosa – ritmi sincopati – brani popolari –
che non prevede l’improvvisazione. Viene eseguito strumentale
REPERTORIO

dal pianoforte. 6. D
4. C 7. a. Samba; b. Mambo; c. Tango; d. Samba; e. Mambo
5. a. Ellington; b. Davis; c. Armstrong; d. Parker; 8. a. V; b. V; c. F; d. V; e. F; f. F
e. Armstrong; f. Parker; g. Armstrong; h. Parker;
i. Ellington; j. Davis; k. Davis; l. Ellington
6. a. F; b. V; c. F; d. V; e. V; f. V

PARTE 2 Unità 11
1. a-2, 6; b-4; c-3, 5; d-7; e-1
2. a. musical; b. film musicale; c. commedia musicale;
d. musical; e. operetta; f. musical; g. opera rock;
h. commedia musicale
3. Possibile risposta: Con questo termine si indica un
album discografico in cui tutte le canzoni ruotano
attorno a un unico tema o sviluppano una storia.

211
PARTE 3 Soluzioni

PARTE 1 Unità 3
Volume B – Parte 1 1. a. V; b. F; c. V; d. F; e. V; f. V; g. F; h. V; i. F; j. V
2. Possibile risposta: Il segno di ripetizione indica che è
PARTE 1 Unità 1 necessario ritornare all’inizio dello spartito e suonare
1. a. F; b. V; c. F; d. V; e. V; f. F; g. V; h. F; i. V; j. V tutto ancora una volta.
2. espiratoria – respirare – diaframma – inspirare – 3. B
soffiare – intensità 4. accento – pulsazione ritmica – accenti forti e deboli –
3. Possibile risposta: La prosodìa è la melodia della misure o battute – accento metrico – prima pulsazio-
prosa. ne – battere – levare
4. a. basso; b. contralto; c. baritono; d. mezzosoprano; 5. C
e. tenore; f. soprano 6. A
5. C 7. B
6. D 8. ff = fortissimo; f = forte; mp= mezzo piano; p = piano
7. A – D – E – H – J – K
PARTE 1 Unità 4
PARTE 1 Unità 2 1. a. F; b. V; c. V; d. V; e. V; f. F; g. V; h. F; i. V
1. D 2. intervallo – intervallo di ottava – otto note – toni
2. G = Sol; F = Fa; C = Do; E = Mi; D = Re; B = Si – semitoni – semitono
3. Possibile risposta: La chiave di basso o chiave di Fa 3. 1°󠄓 grado = tonica; 3°󠄓 grado = modale o mediante;
fissa la posizione del Fa sul quarto rigo. 4°󠄓 grado = sottodominante; 6°󠄓 grado = sopradominante;
4. a. V; b. F; c. V; d. F; e. F; f. V; g. F; h. F; i. F; j. V 7°󠄓 grado = sensibile
5. Spazi: Fa La Do Mi; Righi: Mi Sol Si Re Fa 4. Possibile risposta: Per intervallo musicale si intende
6. pentagramma – cinque righi – quattro spazi – la distanza tra due note.
nota musicale – acuto – basso – grave 5. Do-Sol = quinta giusta; Do-Si = settima maggiore;
Do-Fa = quarta giusta; Do-Mi = terza maggiore;
Do-La = sesta maggiore
6. a. maggiore; b. minore; d. abbassata; e. alterata;
f. settima minore; g. settima maggiore

212
4
PA R T E

Repertorio
Lettura ritmica e melodica
Antologia musicale
4
PARTE

Repertorio
Lettura ritmica e melodica
Per acquisire con una certa sicurezza il linguaggio della musica moderna, ti proponiamo un percorso
graduale di sette letture ritmiche e melodiche, e delle sigle.
In ogni esercizio:
• la lettura ritmica va eseguita tenendo il tempo con la matita sul banco o battendo le mani;
• la lettura melodica utilizza lo stesso ritmo della prima parte, aggiungendo una serie di note;
• la lettura delle sigle consiste nello scegliere di suonare una o più note degli accordi eseguiti dal pianista.
Per cominciare ascolta la base e impara gli esempi di fraseggio swing e latin, imitando il saxofono che
esegue per primo il tema.
In seguito ripeti la frase con lo strumento o con la voce.

214
> ^ ^ ^
& c .
. | Û Œ Û- Û Ó Û- Û- Û- Û- -
| Û Œ ..

> ^ ^ ^ ^
.
& Û
. Œ Œ Û Û Œ Œ Û Œ Û- Û- - -
Û ritmica
Lettura | eÛmelodica
Û - ..
1. Lettura ritmica
^ ^ ^
& c.. Û^BRANO Û Û^ Œ Lettura
.. |> > G001 Œ Û- 1Û^ Û ÓÓ
-
Û- Û
^-
ÛÛ
-
Û-Û
^-
ÛÛ
>-
Û| ŒÛ ÓŒ ..
.
& |
1. Lettura ritmica
^ ^ ^ ^
.. >Û. > Œ
LETTURA RITMICA
^
ÛŒ ÛŒ Û Û- Œ Û^ Œ ÛÓ Œ Û- Û-Û- Û-Û- Û-Û- -
||- Û-Û^ ÛŒ .
&
&c . | ..

^ > ^^ ^ - ^ - ^ >
.
. >
Û Û ŒÛ^ Û Ó ^ Û Û
- ÛÛ- ÛÛ- Û- ÛŒ-
^
ÛÓ
.
& . Û
& Œ| Œ Û Œ Œ1. Lettura
Û melodica
Œ Û | ..

RISORSE DIDATTICHE
^. > ^ œÛ^ œ ^œ œ ^ >˙
ۜ
Do Lam Rem Sol7 Do Lam Rem Sol7

& c.. Û. ˙
& | œÛ Œ Œœ ÓÓ Û- Û Û- Û Œ œ ÓŒ ....

Fa Rem Solm 1. Lettura


Do7 melodica
Fa Rem Solm Do7

& b . MELODICA
LETTURA Œ Œ
. œ Œ Œ Œ œ ˙
..
œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ
Do Lam Rem Sol7 Do Lam Rem Sol7

& c .. Sol˙ œ Œ œ Ó ˙ œ Œ ..
# .
Mim Lam Re7
1. Lettura Sol
melodica Mim Lam Re7

& . FaDo ˙ œ Œ œ Ó œ œ œ Œ Ó ..

MATERIALI
œ Rem Solm Do7 Fa Rem
œ œ
Solm Do7

b ... Œ Œ Œœ ŒÓ Œœ œ œ .
œ ..
Lam Rem Sol7 Do Lam Rem Sol7

&
&c . œ˙ œ œŒ œœ œ œ œ œ ˙ œ œŒ
#
Sol Mim Lam Re7 Sol Mim Lam Re7

. Π.
.. œ Œœ ŒÓ Œœ œ Œ Ó
..
Fa Rem Solm Do7 Fa Rem Solm Do7
&
&b Œ˙ Œ œ œ œ œ˙
œ œ œ œ œ œ œ œ œ
1. Lettura sigle
#
Sol Mim Lam Re7 Sol Mim Lam Re7

.. Do ..
LETTURA SIGLE
& œ Œ œ Ó œDo œ œ Œ Ó

SOLUZIONI
œ ˙ Sol7
œ œSol7
& .. ..
1. Lettura sigle
Fa Si b 6 Si b 6 Fa

. ...
& b .. .
Do Sol7 Do Sol7

&
1. Lettura sigle
b6 b6
#b ..
Sol
Fa Re7
Si Sol
Si Re7
Fa

....
& .. .
.
REPERTORIO
Do Sol7 Do Sol7

&
& .

# Si b 6 Si b 6
Sol Re7 Sol Re7

. .
.. ..
Fa Fa
&
&b

#
Sol Re7 Sol Re7

& .. ..
IN PRATICA ESERCIZIO CREATIVO
1. Leggi il ritmo, la melodia e le sigle. 3. Per la lettura delle sigle inizia leggendo la tonica
2. Ascolta la versione audio e ripeti la frase musicale. mentre ascolti la base.

215
PARTE 4 Repertorio
2. Lettura ritmica

.. Û- Û̈ ŒG002Û- Û̈ Lettura> - Û̈ Œ - Û̈ Œ >


& c BRANO Œ |2 Û̈ Œ Û
2. Lettura ritmica
Û | Û̈ Œ ..
In questo caso la lettura ritmica e quella melodica hanno gli stessi valori mu-
F > >
- - - Û- Û̈ Œ
sicali.
& c. Œ.. Û >Û̈ Œ Û̈ Û Û̈Û- ŒÛ- Û- Û-| Û̈ 2.Œ Û̈Lettura
Œ
Û
Û Û̈ Œ
Û Û Û Û Û Û Û ||
> Û̈
Û̈
Œ
Œ
..
..
.
ritmica
&
LETTURA |RITMICA
F- > >
& .. Û >Û̈ Œ
c Û- Û̈ Œ | Û̈ Œ Û- Û̈ Œ Û- Û̈ Œ |> Û̈ Œ ..
. - - - - ..
& .. Œ | > Û̈ Û Û Û Û Û̈ Œ Û Û Û Û Û Û Û Û | Û̈ Œ
..
& . Û̈F Œ | Û̈ Œ Û̈ Û̈ Û Û Û̈ Û Û Û̈ Û Û Û Û̈ Ó
> >
& .. Œ | > Û̈ Û- Û- Û- Û- Û̈ Œ Û Û Û Û Û Û Û Û | Û̈ Œ ..
& . . Û̈ Œ | Û̈ Œ Û̈ Û̈ Û Û Û̈ Û Û Û̈ Û Û Û Û̈ Ó ..

>
& .. Û̈ Œ | Û̈ Œ Û̈ 2.Û̈LetturaÛ melodica
Û Û̈ Û Û Û̈ Û Û Û Û̈ Ó ..

˙ œ Œ melodica
Lam Sim Mi7 Lam Sim Mi7

& c .. œ œ Œ œ œ Œ 2. Lettura œ œ Œ œ œ Œ œ Œ ..
LETTURA MELODICA ˙
˙ œ Œ melodica Œ
Lam Sim Mi7 Lam Sim Mi7

&c .. œ œ Œ œ œ Œ 2. Lettura
œ œ Œ Œ ..
œ œ œ œ œ œ œœ ˙ œœ
Solm Rem La7

&b .. ΠΠΠ..
Lam ˙ œ œ œ œ Simœ œ œ œ Sim˙
˙ œ
Mi7 Lam Mi7

&c ..Solm
œ œ Œ Rem œ œ Œ Œ œ œ Œ Œ Œ ..
œ œ Mim ˙ œ
La7

& b# .. Œ Œ œ œ œ œ Lamœ œ Œ ..
˙Œ ˙ œ œ œœ œ Œ œ œ œ œ ˙
œ œ œœ
Mim Lam Mim
.. œ Ó ..
& œ
Solm Rem
œ œ œ œ œ œ œ œ La7
& b# .. Mim Œ Œ œ œ œ œ Lamœ œ œ Œ ..
˙Œ ˙ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙
Lam Mim Mim
.. œ Œ œ Ó ..
& œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

#
Mim Lam Mim Lam Mim

& .. œ Œ ˙ œ Œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ Ó
..
2. Lettura sigle
LETTURA SIGLE
Do Lam Do Lam

& .. 2. Lettura sigle ..


Do Fa Lam Do Lam

& b .. .. ..
Rem Fa Rem
2. Lettura sigle

Do Lam Do Lam

# .. . ...
Fa Rem Fa Rem

&
&b .
Sol Mim Sol Mim

#b .
Fa Rem Fa Rem
..
& ..
Sol Mim Sol Mim

& .

#
Sol Mim Sol Mim

& ..
IN PRATICA ESERCIZIO CREATIVO
..

1. Utilizzando l’idea ritmica prova a cambiare la linea 2. C


 anta, nella lettura delle sigle, le tre note della
melodica. triade.

216
Lettura ritmica e melodica
3. Lettura ritmica
BRANO G003
.
Lettura 3 >
c Û Û Û Û̈ Œ Û Û Û Û Û̈ Û Û Û Û Û Û̈ Û̈ Û Û | Û Û̈ ..
3. Lettura ritmica
& .
J J 3. Lettura ritmica J J >
& c .. Û RITMICA
LETTURA Û Û Û̈ Œ Û Û Û Û Û̈ Û Û Û Û Û Û̈ Û̈ Û Û | Û Û̈ ..
J J J Û̈ÛJ Û̈ Œ Û̈ Û- Û Û Û̈> Œ
& c.. Û̈.. Û ÛŒ Û ÛÛ̈ Û Œ Û Û Û̈ Û ŒÛ
& Û Œ Û̈ Û̈ Û ÛÛ Û Û Û Û | ÛÛ̈ Û̈ ...
J JJ J J J J J
.
& . Û̈ Œ Û Û Û Û̈ Œ Œ Û̈ Û Û Û Û̈ Œ Û- Û̈ Œ Û̈ ..
.. ÛÛ̈ Û Œ Û |Û Û> J J Û̈ J J > >
& . Û Û̈ Û Œ Û Œ Û Û̈Û̈ ÛÛ ÛÛ Û ÛÛ |
Û̈ Œ Û̈Û- | Û̈ Œ ÛÛ̈ Û̈ ...
& J

RISORSE DIDATTICHE
J >J J J J J J > >
& .. Û Û Û | Û̈ Û Û Û Û̈ Û Û Û Û | Û̈ | Û Û̈ ..
J J > J J > >
& .. Û Û Û | Û̈ Û Û Û Û̈ Û Û Û Û | Û̈ | Û Û̈ ..
J J J J
3. Lettura melodica
Esempio fraseggio latin
LETTURA
Fa MELODICA 3. Lettura melodicaFa
.. j latinœj œ Œ œ œ œ œ j œ œj œ œ œ œ ˙ œ œ ..
Do7 Do7 Fa
b c fraseggio
&Esempio œ 3.œLettura
œ melodica
Faœ
œ œ
j
& b cDo ..Faœj œ œ œ Œ Do7 œLamœ œ œ œ œ œRemœ Faœj œ œj œ œ
œ œ ˙ œ Faœ ..
Do7 Fa Do7 Fa

MATERIALI
Esempio fraseggio latin

. œ œ œ œœ œ œ œ œ œœ œ ˙œ Œ œ ...
Sol7

Œ Œ Œ œ œ j œ œœj œ Œ œ
& b . cDoœ .. œj œ œjœ œ Œ
Do7
& œ œ œ œ œ œ
œ Rem œ
œ
œ œMimœ œLamLam œ œ œ œ œ œ œ
& .. Doœ Sol Œ Œ œSol ..
Lam Sol7
Œ Re7Œ Œ
# . j œ
œ œ œ œ œ œ œ ˙œ œ ˙œ
œ Œ œ œ œ ...
Sol Mim Lam Re7

j j
& .. œ. Solœ œ Œ œ ˙œ œMimœ œLam Œœ Œ œ œ
Rem Sol7
& J œ œ œ œ Mim Œ
# .
œ Re7 œj œ ˙ ..
Re7 Sol Lam Re7 Sol

& . Solœj œ œj ˙ Mim Lam œ œ


J ˙
œ œ œ œ Mim
œ œ œ
# . j ˙ ..
Sol Lam Re7 Sol

& . œj œ œj ˙ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙
œ œ œ

SOLUZIONI
J

LETTURA SIGLE 3. Lettura sigle

3. Lettura sigle
& b .. ..
Do Fa Sol7 Do

3. Lettura sigle
& b .. Fa Do ..
Do Fa Sol7 Do

Si b
. ..
Do7 Fa
REPERTORIO

& b . .. Fa
Fa Sol7 Do
& .
Si b

& .. Fa Sol ..
Do7 Fa

# . Si b
Do Re7 Sol
..
& .. . Sol
Do7 Fa
& .
#
& .. Sol ..
Do Re7 Sol

# . Do Re7 Sol
..
.
& IN PRATICA ESERCIZIO CREATIVO
1. E
 sercitati ripetendo più volte la lettura ritmica. 3. U
 tilizza la sincope della lettura ritmica per leggere
2. L
 a lettura melodica utilizza la scala pentatonica. in modo più interessante le sigle.
Prova a rielaborarla.

217
PARTE 4 Repertorio

4. Lettura ritmica

- > > > >


BRANO G004 Lettura 4
& c .. Û Û | . Û̈ Û Û 4.Û Lettura Û̈ Û-ritmica
Û Û Û- Û Û Û̈ Û- Û | ..
J J
- >RITMICA Û- Û Û
4. Lettura ritmica >
Û-
> >
Û- Û> |
& c .. Û Û | . - > Û̈ Û Û > Û Û̈ Û Û Û̈ ..
LETTURA
. Û̈ - >Û̈ - > - > >
& c. .. Û Û | .
& Û Û Û Û̈Û̈ ÛJ Û Û Û Û JÛ Û̈ Œ Û- Û̈ Û ÛÛ Û Û- ÛÛ Û̈ Û Û Û̈Û Û Û-Û Û | | ..
.
J > J J J
> >
& .. Û̈ Û̈ Û- Û Û Û̈ -
Û >Û Û Œ> Û̈ Û- Û >. Û Û̈ Û Û> Û Û | ..
.Π>
Û̈ Û ÛÛ- ÛÛ ÛÛ Û̈ Û̈ Û-Û- Û>Û. Û Û- ŒÛ . Û̈ Û̈ JÛ- ÛÛ Û ÛJ Û̈ Û̈
-
Û Û Û Û .Û
> ..
& .. Û̈
&
J J J J
Û || .
> > J >. J >
.. Œ Û Û Û Û Û̈ -
Û Û. -
Û Û. Û̈ Û Û Û̈ Û- Û . ..
& |
.. Π>
JÛ- Û . >
JÛ- Û . JÛ >. JÛ- >Û . ..
& Û Û Û Û Û̈ Û̈ Û Û̈ |
J J J J
4. Lettura melodica
Esempio fraseggio swing
4. Lettura Lam
melodica
œ œ œ œ œ
LETTURA
Lam MELODICA
œ ˙ . swing œ œ 4. œLettura œ œ œ ˙
Lam/Sol Mi7 Lam/Sol Fa Mi7

c .. œfraseggio
& Esempio œ J œ œ ..
J
melodica

œ ˙ . Solm œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ Mi7
Lamfraseggio swing
Lam/Sol Mi7 Lam Lam/Sol Fa Mi7
œ ˙
Esempio

& c Rem..Lam
œ J ..
. œ ˙ . œ œœ œ Jœ œŒ œ œ œ œœj œ œ jœ œ
œ œœ œ œœ œ˙ ˙ ..
Lam/Sol Mi7 Lam Lam/Sol Fa

& c. Rem
& œ.. œ œ œ œ œ œœ J J œ œ .
j
Solm

& .. Rem
œ
Sol
œ Solm œ œ œ œ
Lam
œ œ œ j Œ œ
Mim
œ œ Lamœj œ Mim
œ œ œ ˙ ..
.
. Œ œ œœ . jœ œ œ j œ œ œj œœ . œ ˙ ˙
..
&
& . Solœ œœ œ œ œœ œœ œ œ J œ œ œ œŒ. œœ œ œ Lamœ œ œ .
j
Lam Mim Mim

& .. SolŒ œ œ œ œ œ œ œ.
J œ œ. œ œ œ Lam
œ œ
j
œ œ. ˙
..
j
Lam Mim Mim

& .. Œ œ œ œ œ œ œ œ.
J œ œ. œ œ œ œ œ j
œ œ. ˙
..
4. Lettura sigle
LETTURA SIGLE
Rem7 Sol7 4. Lettura sigle
Do Lam

& .. 4. Lettura sigle ..


Rem7 Sol7 Do Lam

& .. Solm7 Do7 Fa Rem


..
& .. Rem7 Sol7 Do Lam
..
& .. ..
Solm7 Do7 Fa Rem

& .. Lam7 Rem7 Sol Mim


..
& .. Solm7 Do7 Fa Rem
..
& .. Lam7 Rem7 Sol Mim
..
& .. Lam7 Rem7 Sol Mim
..
& .. ..
IN PRATICA ESERCIZIO CREATIVO
1. L
 eggi insieme ai tuoi compagni la frase ritmica con 3. P
 rova a leggere le sigle utilizzando il pattern 1-2-3-5
un solista alternato al gruppo classe. per ogni misura.
2. C
 anta insieme ai tuoi compagni le toniche delle
sigle della lettura melodica. Poi leggete a due voci
l’esercizio.

218
Lettura ritmica e melodica
5. Lettura ritmica

> G005 - Lettura > >.


& c .. |
BRANO
‰ Û Û̈ |
5 5.‰ Lettura
Û Û.
ritmica Û- Û̈ Û̈ Û̈ Û- Û Û Û Û̈ ..
J J
> - > >
Û- Û̈> -
5. Lettura ritmica
& c. >.. | ‰- Û Û̈ |- ‰ Û. Û.- Û̈ Û̈ -ÛÛ ÛÛ- Û>Û Û Û̈
..
LETTURA RITMICA
& c. |. > ‰ Û J-Û̈ ‰ > Û Û̈ Û̈ > Û̈ Û Û J- Û Û Œ ..
& . | ‰J Û Û̈ |J ‰ Û. Û.J Û Û̈J Û̈ Û̈ Û- Û Û |Û Û̈ ..
> J J > >
. -
‰ Û Û̈ ‰- Û- -Û̈ Û̈ Û̈ Û- . Û - Û Û Œ Û- Û- Û | ..
& .. | > . ..
& .. ‰
> Û Û̈ J Û̈ Û J Û Û̈ Ó ‰ J- Û Û >JÛ̈ Û̈ Û -Û Û - Û̈ > Ó
& .| ‰ Û- Û̈ ‰ Û- Û̈ Û̈ Û̈ Û Û JÛ Û Œ Û Û Û | ..

RISORSE DIDATTICHE
>. J J J J
. ‰ Û Û̈ Û̈ Û- Û- Û̈ Ó ‰ Û. Û- Û̈ Û̈ Û Û Û Û̈ Ó ..
& .
>. J
& .
. ‰ Û Û̈ Û̈ Û- Û- Û̈ Ó ‰ Û. Û- Û̈ Û̈ Û Û Û Û̈ Ó ..
J
5. Lettura melodica
Esempio fraseggio latin
b Si b
b c .˙
. fraseggio latin‰ œJ œ œ
LETTURASiMELODICA Fa7

& b Esempio ˙ ‰ œ. œ.
5. Lettura melodica
œ œ œ œ œ œ œ œ ..
5. Lettura melodica J
Si b Si b
b EsempioRefraseggio latin

MATERIALI
œ œ
Fa7

& b# # c ... Si˙b


Sim œ œ. œ œ œ œ œ œ La7 ..
‰ J ˙ ‰ œ. œ œ
‰ œJ œ œ J œj
Mim La7 Re Sim Mim

c
& b b c .. ˙ ˙ ‰ œ œ œ Si b
Œœ ..
œœ ˙ J œ œ. J œ œ œœ œ
œ œ œœ ˙
Fa7

& . ‰ œJ ‰ œ. J Sim œ œ
..
## j
‰ œJ œSolmœ
Re Sim Mim La7 Re Mim La7
.
& b c .. Re˙ œ . œ ‰ œ œ La7 œ œ œ œ Œ ..
J
‰œ œ œ œ œ La7
˙
Solm Do7 Do7

& b# # cc .. ‰˙ œ œ œ‰ œJ œ œ Ó œ
J œjœ œ œ œ œ Ó ..
œ œ œŒ
Sim Mim Re Sim Mim

& . ‰ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙ ..
J Do7 J
JSolm
b ‰ œ. œ
Solm Do7

& b c ..Solm œ œ œ œ œ Ó ‰ Solm œ œ


J œ œ œ œ œ Ó ..
b œ. ‰ œ
Do7 Do7

& b c .. ‰ œ œ œ œ œ Ó œ œ œ œ œ œ Ó ..

SOLUZIONI
J œ
5. Lettura sigle
LETTURA SIGLE
Si b Si b
b
Dom7 Fa7 Dom Fa7

& b .. ..
5. Lettura sigle
5. Lettura sigle
Si b Si b

#b b# ... Sib
Dom7 Fa7 Dom Fa7

&
Re Mim7 La7 Re
...
& b . Si b .
REPERTORIO

Dom7 Fa7 Dom Fa7

& b .. Re ..
# # . Solm
Mim7 La7 Re

& b .
Do7 Fa Mim La7 Re
...
& b# .. Re Mim7 La7 Re .
& # .. Solm ..
b
Do7 Fa Mim La7 Re

& b .. Solm ..
b b PRATICA
Do7 Fa Mim La7 Re

& IN .. ESERCIZIO CREATIVO ..


1. Presta
 attenzione e interpreta gli accenti della 3. Leggi le sigle utilizzando una frase ritmica a tuo
lettura ritmica. piacere.
2. Ripeti più volte la lettura melodica cambiando,
di volta in volta, una o più note.

219
PARTE 4 Repertorio

BRANO G006 Lettura 6

LETTURA RITMICA 06.


06. Lettura
Lettura ritmica
ritmica
3 ... ÛÛ ÛÛ .. >> >>Û .. >> ..
& 443 | .. ÛÛ ..
06. Lettura ritmica
& ÛÛ | Û |
JJÛ >. >. >| .
& 43 .. Û Û. |. Û Û |
J
- . - - .
&
& ÛÛ- ÛÛ. ‰‰ ÛÛ- Û̈Û̈ Û̈Û̈ Û̈Û̈ ÛÛ ÛÛ ÛÛ ÛÛ Û̈Û̈ Û̈Û̈ Û̈Û̈ ÛÛ- ÛÛ. Û̈Û̈ ...
& Û- Û. ‰ JÛJ- Û̈ Û̈ Û̈ Û Û Û Û Û̈ Û̈ Û̈ Û- Û. Û̈ ..
J
>>
& 4433
& ... ÛÛ ÛÛ ÛÛ ÛÛ ÛÛ ÛÛ ÛÛ ÛÛ ÛÛ ‰‰ ÛÛ .. Û̈Û̈ ‰‰ ÛÛ ÛÛ ÛÛ Û̈Û̈
JÛJ Û JÛJ Û > JÛJ Û Û Û̈
& 43 .. Û Û Û Û Û ‰ Û. Û̈ ‰
J J J
& ŒŒ
& ‰‰ ÛÛ-- Û̈Û̈ ÛÛ ÛÛ ÛÛ ÛÛ ÛÛ ÛÛ |
| ÛÛ ÛÛ ÛÛ ÛÛ ...
& Œ ‰ ÛJJ- Û̈ Û JJÛ Û JJÛ Û Û | ÛJJ Û Û JJÛ ..
J J J J J

LETTURA MELODICA 06.


06. Lettura
Lettura melodica
melodica
Esempio
Esempio fraseggio
fraseggio swing
swing 06. Lettura melodica
bb ˙˙ ..
jj Dom7
4433
Solm7 Dom7 Re7 Solm7

b ...Solm7 œœ .. œœ .. œœ ..
Solm7 swing Re7 Solm7

˙˙ ..
Esempio fraseggio
& b
& b œœ œœ Dom7
j .
43 œ ˙
Re7 Solm7

&b .. œ œ. œ. œ. ˙.
bb --œ œœ.. >
‰‰ >œœ œœ..
Dom7 Rem7 Dom7 Solm7

œ œœ ...
& bb b œœ œœ œœ œœ
Dom7 Rem7 Dom7 Solm7

& œœ œœ œœ œœ œœ
-œ œ. > J --œœ œœ.
œJ œ. v
œ œ vœ
Dom7 Rem7 Dom7 Solm7

&b ‰ œ œ œ . œ œ œ
œ ..
J -œ œ. b b v
Si b77 Mi b77
bb
4433 ‰‰ œjj
Dom7 Fam7 Si Mi
...Dom7 jj
& bb b bb ‰‰
Dom7 Fam7

& jj œ œ œœ œœ œœ œœ œœ Si b7 Mi b7
œj œœ œœ œœ
œ œ
œ >>j œ
œ œœ .. œœ v
43 .. --œj .. >> œv
Fam7

&bb œ œ œ œ œ ‰ > ËË ‰ œ
b -œ .
œ œ œ
> > œ>. œ œ œ v
La b > Ë
bb j
La Fam7 Sol7 Dom7
j j ...
& bb b bb ŒŒ b ‰‰ jj œœ-j œœ
Fam7 Sol7 Dom7

& œ œ œœ. œœ-j œœ.. œœ-j œœ- œ ˙ œœ. j


nn œœ-j
‰ --œj œvv -j -j - >>œ ˙ -j ..
La Fam7 Sol7 Dom7

&bb Π. . -j ..
-œ œv œ. œ- œ. œ- œ- œ ˙ œ- œ
. œ. n œ-
>
06.
06. Lettura
Lettura sigle
sigle
06. Lettura sigle
b La b77
LETTURA
Fam SIGLE Solm7 La Solm7 Fam7
...
Fam Solm7 Solm7 Fam7

&
& Fam Solm7 La b7 Solm7 Fam7

& ..
Fam7 Si b
Si b77 Mi b
Mi b77 La b
La b77
b
Re b77
Re Sol7 Do7
...
Fam7 Sol7 Do7

&
& Fam7 Si b7 Mi b7 La b7 Re b7 Sol7 Do7

& ..

220
Lettura ritmica e melodica

BRANO G007 Lettura 7

LETTURA RITMICA 07. Lettura ritmica


07. Lettura ritmica
3
.... | ÛÛ ÛÛ
.
ÛÛ . ÛÛJ ÛÛ
.
07. Lettura ritmica
& 4433
& | |
| |
|.
&4 .. | Û | Û Û. JÛ Û |.
J
& Û | | ÛÛ ÛÛ ÛÛ .. Û Û ÛÛ .. Û ÛÛ
& Û JJÛ Û JJÛ

RISORSE DIDATTICHE
| |
& Û | | Û Û Û. Û Û Û. Û Û
J J
& Û ÛÛ ÛÛ ÛÛ ÛÛ ÛÛ ÛÛ ÛÛ ÛÛ | ÛÛ ÛÛ ÛÛ ÛÛ
& Û |
& Û Û Û Û Û Û Û Û Û | Û Û Û Û

& Û. ÛÛ ÛÛ | . | . | . ...
& Û. J |. |. |. .
& Û. ÛJ Û |. |. |. ..
J

MATERIALI
LETTURA MELODICA 07. Lettura melodica
07. Lettura melodica
Esempio fraseggio swing
Esempio fraseggio swing 07. Lettura melodica
33 œœ .. j
Lam7 Mim7 Lam7 Mim7

˙˙ ..
Esempio
Lam7fraseggio swing
& 4 œœj œœ
Mim7 Lam7 Mim7

& 43 Lam7 ˙ œœ ˙˙ œœ
œ. j
Mim7 Lam7 Mim7

&4 ˙ ˙ œ œ œ ˙.
Rem7˙
œ
j j
Mi7

& œ œœj œ œœ .. œœj œ


Rem7 Mi7

& Rem7 ˙ ˙˙ œœ œ œœ ..

SOLUZIONI
--œ >>˙ œ
Mi7
j œ j œ
& œ ˙ ˙ œ œ œ. œ œ œ. œ œ
-
Rem7 > Sol7 Do7 Fa7

& œœ œœ œœ œœ œœ
Rem7 Sol7 Do7 Fa7

& Rem7 œœ œœ œœ œœ ˙˙ œœ
œ œ œœ
& œ œ
Sol7 Do7 Fa7

œ œ œ ˙ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ
j ...
Sim7 Mi7 Lam7

& œœ .. œœj œ ˙˙ ..
Sim7 Mi7 Lam7

& Sim7 ˙˙ .. ˙˙ .. .
j œ ..
Mi7 Lam7

& œ. ˙. >
REPERTORIO

œ œ
˙>. ˙.
>
07. Lettura sigle
07. Lettura sigle
07. Lettura sigle
...
LETTURA
Do7 SIGLE Rem7 Mim7 Sol7

&
Do7 Rem7 Mim7 Sol7

& .
..
Do7 Rem7 Mim7 Sol7

&
...
Do7 Sim7 Mi7 Lam Re7 Dom7

&
Do7 Sim7 Mi7 Lam Re7 Dom7

& .
..
Do7 Sim7 Mi7 Lam Re7 Dom7

&

221
PARTE 4 Repertorio

Antologia musicale
Per arricchire ulteriormente l’Antologia di spartiti di brani vocali e strumentali presente nel volume C,
sono di seguito inseriti altri spartiti tratti da vari repertori e generi musicali.

CANONI – Vol. C, pp. 2-9

01 Dona nobis pacem


AUTORE ANONIMO - XVIII SECOLO

Lento

43 œ G008œ ˙ œ
1
SUONARE DIFFICOLTÀ ESTENSIONE TONALITÀ ALTERAZIONI SEQUENZA

& bBRANO œ œ Si˙b -Re œ Fa maggiore


œ b œ œ œ œ
œ œ1 ˙
canone
2 4

Do - na no - bis pa - cem, pa - cem. Do - na


3 click
6 Lento 2

&b œ. œ œ œ œ œ œ ˙. ˙. œ œ
3
4no œ - œJ bis˙ ˙ ˙. œ œ œ œ œ ˙œ œ
1

&b pa
œ -œ cem.
œ
Do
œ -
œ na
œ ˙ no - bis pa - cem.
Do - na no - bis pa - cem, pa - cem. Do - na
13

œ ˙
3

& b œ. œ ˙ œ œ œ
˙. œ ˙ .˙ . œ˙ . œ ˙œ.
6
2

& b Do -
œ œ
J
na
œ no œ - œ bis œ ˙ . pa - cem. Do -
œ na
˙
no - bis pa - cem. Do - na no - bis pa - cem.

j
19

& b œ. œ œ œ ˙ 3 œ
˙œ œ œ ˙ œ œ ˙.
13

& b no œ ˙˙ œ œ œ œ ˙bis. œ
- bis pa - cem. Do - na no - pa ˙ . - .
˙cem.
Do - na no - bis pa - cem. Do - na

j
19

& b œ. œ œ œ œ œ ˙ œ ˙ œ
˙ œ œ œ ˙.
no - bis pa - cem. Do - na no - bis pa - cem.

Ostinato
Ostinato

& b ˙. ˙.
˙. œ ˙ œ ˙ ˙. ˙. œ œ œ
Do - na no - bis pa - cem. Do - na no - bis pa - cem.

Ostinato

& b ˙. ˙.
˙. œ ˙ œ ˙ ˙. ˙. œ œ œ
Do - na no - bis pa - cem. Do - na no - bis pa - cem.

222
Antologia musicale

CANONI – Vol. C, pp. 2-9

02 Dip, dip and swing


MARGARET EMBERS MCGEE - 1918
Moderato

b 44 .. œj j j j œSEQUENZA
1 2

& ASCOLTARE œ
SUONARE/CANTAREœ œ
DIFFICOLTÀ
œ œ ESTENSIONE œ œ
TONALITÀ œ
œ ALTERAZIONI
b

RISORSE DIDATTICHE
BRANO G009 Re minore
- G010
pad BRANO bright,La -Do 1 sil canone
2 4
My dle’s keen and flash - ing with - ver.

j j
3

& b Moderato
œ
4 click
œ œ j j ..
œ œ œ œ2 œ œ ˙
Fol - jlow j j
& b 44 .. œ
j œ
1

œ œ œ œ œ œ œ
the wild goose flight, dip, dip and swing.

œ œ
My pad - dle’s keen and bright, flash - ing with sil - ver.

j j
3

&b œ œ œ j j ..
œ œ œ œ œ œ ˙

MATERIALI
Fol - low the wild goose flight, dip, dip and swing.

Ostinato
Ostinato

j j
3

& b .. œœ œœ œ ˙˙ ..
œ
Dip, dip and swing.
Ostinato

SOLUZIONI
j j
3

& b .. œœ œ
œ œ ˙
˙
..
Dip, dip and swing her back,œ
flashing
Dip, withdip
silver. and swing.
Swift as the wild goose flies,
dip, dip and swing.
REPERTORIO

223
PARTE 4 Repertorio

CANZONI VERTICALI – Vol. C, pp. 10-23

03 La bella caprettina
AUTORE ANONIMO

ASCOLTARE SUONARE/CANTARE DIFFICOLTÀ ESTENSIONE TONALITÀ SEQUENZA


BRANO G011 BRANO G012 Do -Mi
3 4 Do maggiore A (x 6)

4 click

& 44 ..
Moderato
Flauto
Glockenspiel

4
Metallofono
soprano & 4 .. ww ˙˙ ˙
˙
w
w
˙˙ ˙
˙
4
Metallofono
alto V 4 .. w
w
˙˙ ˙
˙
4 œ ˙ œ ˙
Xilofono
soprano & 4 .. œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
4
Xilofono
alto V 4 .. œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙
4 ..
Do Sol Do simili

&4 œ œ œ œ œ œ œ œ œ
Chitarra
Basso
œ ˙ œ œ ˙
4 x Ó Ó
ã 4 .. ˙
x x x x x x x x x x x x x x x
˙ ˙ ˙ œ Œ œ Œ œ œ œ Œ
Percussioni

œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
5

œ
Fl.
Glk. & œ œ œ œ Œ ˙ ..
Ec - co che pas - sa la bel - la ca- pret - ti - na, men - tre cam-mi - na fa: «Bee!».

M.S. & ww ˙˙ ˙
˙
..

V w ˙˙ ˙ ..
M.A.
w ˙
X.S. & œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
œ ˙ ..

V œ ..
X.A.
œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙
Chit.
& œ œ œ œ œ œ œ œ œ ..
B.
œ ˙ œ œ ˙
x x Ó x x Ó x x x x x x x x x x x x ..
Perc. ã ˙ ˙ ˙ ˙ œ Œ œ Œ œ œ œ Œ

224
Antologia musicale

CANZONI VERTICALI – Vol. C, pp. 10-23

04 Din don boogie


MARCO PASETTO - 2015

ASCOLTARE SUONARE/CANTARE DIFFICOLTÀ ESTENSIONE TONALITÀ SEQUENZA

RISORSE DIDATTICHE
BRANO G013 BRANO G014 Do -Re
3 4 Do maggiore ABACA

2 click
Moderato
A
Do
Canto
Flauto &c œ œ œ œ œ œ œ œ œœœ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
Din don cam-pa-non le cam-pa - ne di San Si-mon le suo-na-van tan - to for - te de-mo - li - va - no le por-te

5
Fa Do

&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

MATERIALI
e le por - teIe - ran di fer - ro vol - ta la car - ta c’éIun cap - pel - lo il cap - pel - loIè pien di pa - ne

8
Sol Fa Do Sol

&œ œœœ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œœ œ œ œ œ œ
vol - ta la car - ta c’èIun bel ca - ne ques - to can ti mor-deIun di - to vol - ta la car - ta è fi - ni - to.
B
13

& bœ bœ œ œ œ œ Œ bœ bœ œ œ œ œ Œ œ œ œ œ œ œ œ œ
Do7 Fa7
œ œ œ œ
œ œ

SOLUZIONI
18

&œ œ œ œ œ Œ bœ bœ œ œ œ œ Œ œ œ œ œ œ œ Œ
Do7 Sol7

œ œ œ
22
C

&œ œ œ œ œ œ Œ bœ ‰ œ œ œ œ œ œ œ
Fa7 Do7 Sol7

œ œ œ œ œ œ œ
œ œ REPERTORIO

26

& œj œ . Œ Œ œ œ œ œ œ œ j
œ œ. Œ Œ œ œ œ œ œ bœ

30

& œj œ . Œ Œ œ œ œ œ nœ j
œ œ. Œ Œ œ œ œ œ œj œ .
œ
34

&Œ Œ Œ Œ ‰ œ œ œ œ œ œ œ œ Œ Ó
œ œ bœ œ œ nœ œ œ

225
PARTE 4 Repertorio

CANTI POPOLARI – Vol. C, pp. 24-39

05 Ta pum
ANTONIO PICCINELLI - CANTO DI TRINCEA

CANTARE DIFFICOLTÀ ESTENSIONE TONALITÀ SEQUENZA


BRANO G015 Do -Mi
3 4 Do maggiore AB (x 6)

Ta pum è una famosa canzone della prima guerra mondiale, ispirata probabilmente a un canto di lavoro
dei minatori nato durante lo scavo del traforo del San Gottardo. Il canto fa rivivere in senso onomatopei-
co il terribile rumore del cecchino austriaco durante la guerra di trincea.

Intro 4 misure
Andante
j œ.
& 68 Π.
Do

‰ œ .. œ œ œ œ œ j ‰ œ.
œ œ œ œ œ. œ.
Ven - ti gior - ni sul - l’Or - ti - ga - ra sen - zaIil

j j
œ œ œ œ œ
5 Sol7

œ œ œ œœ ‰ œœ œœ ‰ œœ œœ ‰ œœ œœ œœ ‰ œœ
&œ œ œ œ œ œ œ œ œœ
cam - bio per di - smon - tà; ta - pum ta - pum ta - pu - m ta -

j j
9

.. œ œ j
Do

& œœ ‰ œœ œœ ‰ œœ œœ œœ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

pum ta - pum ta - pu - m. Con la tes - ta pien de pe - o - ci

œ. œ œ œ œ
13 Sol7

œ œ œ œ
& œœ .. œ. œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ
œ
‰ œœ œœ ‰ œœ œœ ‰ œœ
sen - za ran - cio da con - su - ma - r ta - pum ta - pum ta -

j j
17

˙. œ œ ‰
Do

& œœ œœ œœ ‰ œœ œœ ‰ œœ œœ ‰ œœ œ
˙. œ œ œ
pu - m ta - pum ta - pum ta - pum. Quan - do

Quando poi ti discendi al piano Quando sei dietro a quel muretto


battaglione non hai più soldà; soldatino non puoi più parlar;
ta pum ta pum ta pum. (x 2) ta pum ta pum ta pum. (x 2)

Dietro al ponte c’è un cimitero Cimitero di noi soldati


cimitero di noi soldà; forse un giorno ti vengo a trovà;
ta pum ta pum ta pum. (x 2) ta pum ta pum ta pum. (x 2)

226
Antologia musicale

CANTI NATALIZI – Vol. C, pp. 50-59

06 Jingle bell rock


BOBBY HELMS - 1957

ASCOLTARE SUONARE/CANTARE DIFFICOLTÀ ESTENSIONE TONALITÀ SEQUENZA

RISORSE DIDATTICHE
BRANO G016 BRANO G017 Re -Re
3 4 Do maggiore AABA

4 click
Moderato swing
Do # dim

& c .. œ œ œ
Do

œ œ œ œ œ œ œ ˙ œ œ œ œ œ
A

Voce œ
Jin - gle bell jin - gle bell jin - gle bell rock, jin - gle bell swing and

j j
4

j
Rem7 Sol7 Rem7 Sol7 Rem7 Sol7

& œ œ œ ˙ j œ œ œ œ œ œ œ ˙
œ œ

MATERIALI
jin - gle bell ring. Snow - in’ and blow - in’ up bush - els of fun,

7 2 volta vai al
a
%
œ œ œ
Rem7 Sol7+5 Do Do

& Œ œ #œ œ œ œ œ #œ œ ˙ œ œ œ œ œ œ œ ˙
now the jin - gle hop has be - gun. Jin - gle bell jin - gle bell jin - gle bell rock,

Do # dim
j j j
11
Do Rem7 Sol7 Rem7 Sol7 Rem7 Sol7

& œ œ œ œ œ œ œ œ ˙ j
œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙
jin - gle bell chime in jin - gle bell time. Danc - in’ and pranc - in’ in Jin - gle Bell Square

SOLUZIONI
Fa # dim
15

œ ˙. œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ. œ
Rem7 Sol7 Do B Fa

&Œ œ œ œJ œ J J J J J J
in the frost - y air. What a bright time it’s the right time to

œ.
19

&œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙
Do/Sol Do Lam7 Re7 Lam7 Re7

œ œ œ ˙. J J J
rock the night a - way. Jin - gle bell time is a swell time

% Do
REPERTORIO

1.

j j
23

.. w ˙.
Sol7 Rem7 Sol7

&‰ œ Œ
D.C.

œ œ œ œ œ œ œ œ ˙
J
to go glid - in’ in a one - horse sleigh.

227
PARTE 4 Repertorio

CANTI PER IL GIORNO DELLA MEMORIA – Vol. C, pp. 60-68

07 Musica in tempo di pace


M. ONGARO, E. BREANZA, M. PASETTO - 2000

1I
ASCOLTARE/CANTARE DIFFICOLTÀ ESTENSIONE TONALITÀ ALTERAZIONI SEQUENZA
Mi minore/ intro AAB (x 2)
BRANO G018 Do -Re 3 4
Do maggiore coda B

Moderato

#
& 68
Mim7

j j j j j j j j
œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
Intro chitarra œ œ œ œ
#
A 5 Mim7

& œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ. œ ˙.
J
La ban - da se - gue la stra - da del pa - e - se vi - ci - no

#
9

œ
Mim7

& œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ. œ ˙.
J
si bal - la fi - noIal mat - ti - no co - mun - que si va - da

Fa # m7
#
13 Mim7 Do

& œ œ œ œ œ œ œ j
œ œ œ œ #œ œ œ. œ ˙.
la ban - da se - gueIil cam - mi - no con fa - re vi - va - ce

Fa # m7
# .. n C
17 Mim7 Do Fa

& œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ j
œ #œ œ œ. œ ˙.
il cla - ri - net - to ca - pa - ceIil flau - toIe l’ot - ta - vi - no.
Allegro
B 21 Do Lam7 Do Lam7 Do Do/Si

& C .. ˙ ˙ œ œ œ œ ˙ ˙ ˙ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ
Ah - len me - lek fel sa - mech ah - len a - gi - da - har he - dra he - dra he - dra ia

26 Lam7 Fa Do Do/Si Lam7 Fa

..
D.C.

& œ œ œ œ œ œ œ œ
œ œ œ œ œ œ œ œ œ
ah - na a - sdi kaé he - dra he - dra he - dra ia ah - na a - sdi kaé.

La banda in mezzo alle mine, ma senza paura Musica in tempo di pace nazioni vicine
farà una bella figura suonando fino alla fine in guerra fino al confine dove la musica tace.
la banda in mezzo alla gente grancassa e trombone
la voce delle persone risuoni per sempre. Ahlen melek fel samech
ahlen agidahar
Musica in tempo di pace tenendo presente hedra hedra hedra ia
ch’è una conquista recente di tono fugace. ahna asdi kaé.

Musica in tempo di pace - Testo e musica di Marco Pasetto, Enrico Breanza, Marco Ongaro

228
Antologia musicale

CANZONI DEL BUONUMORE – Vol. C, pp. 69-76

08 Heart and soul


HOAGY CARMICHAEL, FRANK LOESSER - 1938

1b/ 1I
SUONARE DIFFICOLTÀ ESTENSIONE TONALITÀ ALTERAZIONI SEQUENZA

RISORSE DIDATTICHE
BRANO G019 Do -La
3 4 Fa maggiore/ AAA
Do maggiore/
Sol maggiore

4 click
Moderato swing

& b 44 .. œ ‰ œj ‰ œj œ œ œ œ œ
Fa Rem7 Solm7 Do simili

œ ˙ œ œ œ œ œ œ œ ˙

œ œ œ œ œ œ
5

&b ˙ ˙ ‰ œJ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ

MATERIALI
œ œ ˙
9

‰ œJ œ œ œ œ œ
Fa Sol7 Do Lam7 Rem7 Sol7

n œ œ ˙
simili

&b ˙ Ó

œ œ œ ˙ œ œ œ œ œ #
13

&‰ J œ œ œ
Fa Re7
˙ ‰ J œ œ œ œ œ œ œ œ œ œ ˙ Ó
œ œ œ ˙

SOLUZIONI
#
‰ œj œ œ œ œ œ
19 Sol Mim Lam7 Re7 simili

& œ œ ˙ œ œ ˙ ‰ œ œ œ œ œ œ
J

# œ œ œ œ œ œ
‰ œJ œ œ œ œ
23

& ˙ œ œ œ œ œ œ
Sol

˙ œ ˙ Ó
REPERTORIO

Heart and soul - Testo e musica di Hoagy Carmichael e Frank Loesser Copyright © Curci Edizioni -
Editore per l’Italia: Hal Leonard Europe S.R.L Italia

229
PARTE 4 Repertorio

CANZONI DEL BUONUMORE – Vol. C, pp. 69-76

09 La macchina del capo


AUTORE ANONIMO

1I
ASCOLTARE SUONARE/CANTARE DIFFICOLTÀ ESTENSIONE TONALITÀ ALTERAZIONI SEQUENZA
BRANO G020 BRANO G021 Sol -Sol
2 4 Sol maggiore A (x 5)

Moderato

#