Sei sulla pagina 1di 91

LA GRANDE PIRAMIDE CASA DELLA CONOSCENZA NASCOSTA

DI VINCENZO PISCIUNERI

ISTITUTO CINTAMANI Via S. Giovanni in Fiore, 24 00178 Roma Tel. 067180832 www.istitutocintamani.org info@istitutocintamani.org

SOMMARIO
PREMESSA ...........................................................................................................................................................4 LENIGMA DI PIETRA ....................................................................................................................................4 CRONACHE PREDILUVIANE........................................................................................................................6 DISTRUZIONE DALLO SPAZIO ....................................................................................................................6 PARTE PRIMA....................................................................................................................................................10 SCIENZA DELLA FORMA E SCIENZA DELLO SPIRITO ........................................................................10 LA COSMOGONIA DI ELIOPOLIS ..............................................................................................................11 LA GRANDE ENNEADE, LE NOVE ENERGIE ......................................................................................11 LA COLLINA-PIRAMIDE PRIMORDIALE .............................................................................................12 PER-AA-SA-R ............................................................................................................................................16 SAPIENZA MISTERICA ................................................................................................................................18 ERODOTO NARRA UNA STORIA VELATA..............................................................................................20 IL NUMERO DALLIDEA ALLA FORMA ...............................................................................................23 SIMBOLISMO DEL TRIANGOLO CHE CADE NEL QUADRATO...................................................25 LA TETRADE IL MODELLO CELESTE ..............................................................................................25 LA TETRADE CELA LARMONIA ..................................................................................................27 LA TETRADE CELA LA LEGGE DEL CICLO................................................................................29 LA TETRADE CELA LA SCALA PLANETARIA ...........................................................................30 LA SUPREMA TETRADE DELLO GNOSTICO MARCO ..............................................................32 LA TOMBA DI THOTH .........................................................................................................................33 I POTERI CREATORI.....................................................................................................................................34 LA DIVINA MISURA.....................................................................................................................................37 RITUALE DELLA FONDAZIONE DEL TEMPIO ...................................................................................39 LA SCELTA DELLINCLINAZIONE .......................................................................................................40 LA GEOMETRIA ARCHITETTONICA ........................................................................................................41 PIRAMIDI, STRUTTURE MATEMATICHE ................................................................................................43 I SEGMENTI INCOMMENSURABILI..................................................................................................43 DISPOSIZIONE DELLE TRE PIRAMIDI DI GIZA..................................................................................45 I SEGRETI DEL PENTAGONO REGOLARE.......................................................................................46 IL PASSAGGIO ATTRAVERSO LA PORTA...............................................................................................48 RELAZIONI FRA IL E IL ....................................................................................................................49 PARTE SECONDA .............................................................................................................................................50 IL SENTIERO DEI MORTI E LE CAMERE DI RESURREZIONE .............................................................50 IL CAMMINO NELLE VISCERE DELLA MATERIA.................................................................................51 I PASSAGGI DEI SERPENTI.....................................................................................................................51 IL PASSAGGIO DISCENDENTE ..............................................................................................................53 LA CAMERA SOTTERRANEA.................................................................................................................54 LA DISCESA NELLA CRIPTA..................................................................................................................54 LA DISCESA NEL POZZO ........................................................................................................................55 IL PASSAGGIO NELLA PELLE................................................................................................................57 IL SENTIERO DELLINIZIATO....................................................................................................................59 IL PASSAGGIO ASCENDENTE ...............................................................................................................59 IL POZZO ASCENDENTE .........................................................................................................................59 IL PASSAGGIO ORIZZONTALE, LA VIA DELLAVANZAMENTO .......................................................60 LA CAMERA DELLA REGINA ....................................................................................................................61 GEOMETRIA ARCHITETTONICA ..........................................................................................................61 RITO DELLAPERTURA DELLA BOCCA ..............................................................................................62 LA GRANDE GALLERIA ..............................................................................................................................65 LA STANZA DEL TEMPO ............................................................................................................................65 IL TEMPO DI OSIRIDE..............................................................................................................................67 IL NUMERO DELLA TRAVERSATA ......................................................................................................68 IL PASSAGGIO VERSO LA CAMERA DEL RE .........................................................................................69 LA CAMERA DEL RE....................................................................................................................................70 IL TRIANGOLO SACRO EGIZIO .............................................................................................................71 IL PAVIMENTO..........................................................................................................................................73 SUPERFICIE LATERALE MINORE .........................................................................................................75 SUPERFICIE LATERALE MAGGIORE ...................................................................................................76

LARCA (BARA) DI OSIRIDE ......................................................................................................................77 RITI DI MORTE E DI RESURREZIONE ......................................................................................................79 IL DJED NASCOSTO .....................................................................................................................................81 IL SOSPETTO DI FALSIFICAZIONE .......................................................................................................83 APPENDICE ........................................................................................................................................................85 I NUMERI DEL MITO DI OSIRIDE..........................................................................................................85

PREMESSA
LENIGMA DI PIETRA
Da quando Erodoto scrisse la storia del Faraone Cheope e della sua famiglia, cio di Chephren e Micerino e delle tre tombe a forma di piramidi da loro costruite, le piramidi sono state considerate il prodotto eccentrico di potenti della terra per conservare nel tempo i loro nomi e le loro spoglie. Erodoto vide quei monumenti nel quinto secolo a.C. sotto la dominazione persiana, circa duemila anni dopo la loro presunta costruzione, e rifer notizie trasmessegli dai sacerdoti, i custodi del sapere egizio, ma di questo si discuter successivamente. Nel nono secolo il Califfo governatore del Cairo decise di impossessarsi dei tesori1 nascosti nella Grande Piramide e pertanto assunse una squadra di cavapietre con lordine di praticare una galleria nella facciata settentrionale della piramide, con la speranza di trovare le camere sepolcrali e tutti i tesori annessi. Lingresso della piramide era stato occultato, ma ai tempi del geografo greco-romano Strabone, durante loccupazione romana, la porta di pietra provvista di cardini sul lato nord era visibile, e la parte sotterranea della Grande Piramide era visitata, tanto che nella camera sotterranea furono trovati graffiti romanici, proprio come alcuni continuano a fare oggigiorno, visitano un posto e lasciano scritto il proprio nome o delle frasi idiote! Al tempo del Califfo mussulmano non cera pi traccia dellingresso che era perfettamente occultato. La fortuna baci il Califfo perch il tunnel scavato dai suoi operai conflu nel corridoio discendente che partiva dallingresso nascosto nella facciata settentrionale.

FIGURA 1. GIZA2
1

Si diceva che allinterno della Grande Piramide oltre a pietre preziose vi erano mappe stellari e globi terrestri estremamente precisi, che facevano gola al Califfo che era anche un cultore di scienza, tanto che mise in discussione il risultato di Tolomeo riguardante la circonferenza terrestre. Nellanno 820 giunse in Egitto con un grande seguito di studiosi e architetti. 2 Questa immagine stata rilasciata nel pubblico dominio dal detentore del copyright, il copyright scaduto o non possiede i requisiti per essere soggetta ad un copyright. http://it.wikipedia.org. 4

Il corridoio portava a quella camera sotterranea descritta da Strabone, priva di lucroso interesse. La fortuna continu ad essere vicina al Califfo, perch la vibrazione degli arieti contro le pareti fece staccare un blocco di pietra calcarea dal soffitto del corridoio discendente, svelando unaltra via, che saliva inoltrandosi nel cuore della piramide. Gli operai scoprirono lesistenza di un corridoio ascendente bloccato da enormi tappi di durissimo granito, impossibile da frantumare. Si prefer scavare nel calcare una galleria che aggirasse lostacolo, creando cos lattuale strada percorsa dai turisti per imboccare il corridoio ascendente. Il Califfo entusiasta dei risultati ottenuti pregustava la vista dimmensi tesori che lo avrebbero ripagato del molto denaro speso nellopera di scavo. Si scopr una prima camera alla fine del corridoio ascendente, chiamata dagli Arabi Camera della Regina, perch essi seppellivano le donne in tombe dal soffitto a due spioventi, che si rivel completamente vuota, ma stranamente con i muri ricoperti di uno spesso strato di sale. Dopo la prima delusione si esplor la Grande Galleria, che stranamente aveva il pavimento a forma di un canale incassato, e alla sua sommit si esplor la Camera del Re che apparve desolatamente spoglia, ad eccezione di un sarcofago di granito vuoto, privo di mummia regale, privo discrizioni e senza coperchio. Al-Mamun contrariato fece distruggere il pavimento e il granito in un angolo della stanza, ma non trov nulla. Si racconta che Al-Mamun per calmare la rabbia dei suoi uomini abbia fatto trasportare di notte in segreto dentro la Piramide un tesoro affinch gli operai lo ritrovassero il giorno dopo. Il Califfo invest una parte dei suoi averi affinch i posteri potessero ammirarne gli interni di questa costruzione classificata come una delle sette meraviglie del mondo antico. Gli egittologi, per spiegare il mistero della mummia mancante, continuano a sentenziare che la piramide sepolcrale stata spogliata cinquecento anni dopo la morte di Cheope. La prima contestazione dei fatti parte dal coperchio del sarcofago mancante, perch se cera doveva avere dimensioni tali che non poter passare dal corridoio che portava alla camera, e poi che senso logico ha frantumare un coperchio di granito per portarsi via i cocci. Ammesso che i ladri abbiano voluto portarsi via i cocci, essendo la via ascendente bloccata, lunico passaggio possibile, era un budello stretto, un pozzo quasi verticale, lungo cinquanta metri, che partiva dalla Grande Galleria e che finiva sessanta metri pi in basso, dallingresso del corridoio ascendente. Questo pozzo non fu scoperto dagli operai del Califfo perch troppo impegnati nella battaglia contro i tappi di granito che bloccavano la galleria ascendente. Il pozzo era bloccato da sabbia e pietre che furono asportati solo nel secolo scorso da un avventuriero italiano, Giovanni Battista Caviglia, dopo diversi giorni di scavi in condizioni al limite del possibile. Da questo pozzo stretto e verticale, per giunta bloccato dovevano per forza essere passati dei ladri con i tesori, stranamente senza lasciare anche una piccolissima traccia: non un frammento di vasellame rotto, non un brandello di stoffa. Contrariamente alle usanze egizie, questo monumento funebre completamente privo di iscrizioni, pitture, e di riferimenti al defunto: il potentissimo Faraone Cheope! vero sono stati ritrovate delle scritture, dei marchi di fabbrica che si riferivano a Cheope nelle camere di scarico situate sopra la Camera del Re, ma come si vedr in seguito, hanno tutta laria di essere dei falsi grossolani risalenti al secolo scorso. La camera sepolcrale della Seconda Piramide quella di Chephren, quando fu aperta nel 1818 da Giovanni Belzoni fu trovata spoglia, il sepolcro di granito era anchesso vuoto con il coperchio spaccato in due a fianco. La Terza Piramide quella di Micerino esplorata da Howard Vyse nel 1837 conteneva una camera sepolcrale con il coperchio di legno e la bara di basalto senza mummia ma con delle ossa allinterno che furono attribuite al Faraone. In tempi pi recenti le ossa allesame del carbonio 14 si sono rivelate appartenenti ad un intruso della prima epoca cristiana, non erano quelle di Micerino. Il sarcofago, nel suo trasporto in Inghilterra, and poi perduto in un naufragio in mare.

Le tre piramidi furono tutte trovate senza mummie al loro interno, i ladri, secondo gli esperti trafugarono tutto, anche i corpi regali. Non chiaro quale fosse la funzione delle piramidi e non chiaro quando sono state costruite da quei tre faraoni che gli egittologi collocano nella quarta dinastia e che si ostinano a dichiarare che esse sono tombe e solo tombe. La Piramide a Gradoni di Saqquara, aperta per la prima volta nel 1954, pi antica per gli egittologi di quella di Cheope conteneva un sarcofago rimasto sigillato e inviolato, che quando fu aperto risult vuoto. Poich lingresso era ancora sigillato, i profanatori non erano entrati e non avevano violato la tomba, e per tanto, per assurdo, la mummia, come nei tre casi precedenti, la devono aver trafugata gli stessi sacerdoti. Le altre piramidi come quella crollata di Meidum non contenevano nemmeno un sarcofago. Con buona pace della casta dei custodi di un sapere costruito su errori precedenti e mai ammessi, non un segno di sepoltura mai stato scoperto in queste piramidi! Le sepolture furono sempre fatte dagli Egizi nelle profondit, nelle viscere della Terra, mai ad un livello superiore del terreno che rappresentava lorizzonte, la linea di separazione fra il Cielo e la Terra.

CRONACHE PREDILUVIANE DISTRUZIONE DALLO SPAZIO


Il custode degli archivi sacri del tempio di Eliopoli, Manetho (III sec. a.C.) ci ha lasciato un resoconto della storia egiziana, attinto dalle incisioni che comparivano sulle colonne dei templi e dei sotterranei segreti vicino Tebe, in cui si afferma che la Grande Piramide non fu costruita dagli Egiziani. Eusebio (265-340 d.C.) scrive che Manetho aveva studiato la storia sulle iscrizioni che Thoth3 aveva inciso sulle colonne dei templi. Dopo il diluvio, Agatodaemon, secondo figlio di Thoth, tradusse queste iscrizioni su dei rotoli che in seguito furono depositati nei sotterranei. Secondo Giorgio Sincelle (morto nel 886 d.C.) gli Egiziani avevano custodito cronache di 30 dinastie per 36.525 anni, arco di tempo ben pi lungo di quello citato da Erodoto che si riferiva alle 341 statue dei re-sacerdoti. Diogene Laerzio, nelle sue Vite, fa risalire i calcoli astronomici degli Egiziani a un periodo di 48.863 anni prima di Alessandro Magno. Simplicio, vissuto nel sesto secolo, scrisse che gli Egizi conservavano registrazioni risalenti a 630.000 anni prima. Una versione copta conservata nella Biblioteca Bodleiana di Oxford scritta dal copto Abul Hassan Masudi che afferma che le due piramidi pi grandi furono costruite 300 anni prima del diluvio dal re prediluviano Surid, che avrebbe sognato che un enorme asteroide sarebbe caduto sulla terra quando il cuore del Leone4 avrebbe raggiunto il primo grado del Cancro. Nel Libro dei Morti scritto che il movimento del Sole nel cielo custodito da due divinit leoni, i guardiani del mattino e della sera. Il Sovrano le fece edificare secondo i disegni dei saggi e ordin ai sacerdoti di depositarvi i segreti delle loro scienze e i precetti della loro saggezza. Ibn Abd Hokm, uno storiografo arabo (IX sec), ha scritto a proposito delle piramidi. La maggior parte degli storiografi daccordo nellattribuire la costruzione delle piramidi a Sarib Ibn Salhouk, re egiziano, che visse tre secoli prima del Diluvio... essendosi svegliato pieno di paure, radun i gran sacerdoti delle
3

Thoth, porta in testa un disco solare con Sette Raggi, divenendo cos Thoth-Lunus, il Dio settenario, custode della settimana, cio del tempo. Thot identificato con Ermete, anchegli patrono del numero sette, e con Enoch, il settimo Patriarca. 4 La Sfinge dalla forma leonina vuole alludere allevento astronomico avvenuto nel segno del Leone. 6

centotrenta province dEgitto, guidati da Aclimone, e disse loro dei suoi presagi. I sacerdoti misurarono laltezza delle stelle e predissero il Diluvio. Il re chiese. Colpir anche il nostro paese?. I sacerdoti risposero: S, e lo distrugger. Ma poich dovevano passare un certo numero di anni, il re dette ordine che nel frattempo si costruissero delle piramidi con dei sotterranei a volta, e li riemp di talismani, oggetti strani, ricchezze, tesori e molte altre cose: poi fece preparare nella piramide occidentale trenta tesorerie in cui ammass ricchezze e utensili, proiettili fatti di pietre preziose, strumenti di ferro, modelli di navi in argilla, armi che non arrugginivano e vetrerie che si piegavano senza rompersi. Il passaggio riguardante le armi che non arrugginivano e i vetri che si piegavano senza rompersi molto significativo. Nel IX secolo d.C. lacciaio o la plastica non erano pensabili. evidente che questo manoscritto arabo affonda le sue radici in documenti ben pi antichi5. Il papiro copto di Abou Hormeis, tradotto in arabo nel IX secolo afferma che il cataclisma avvenne quando il cuore del Leone entr nella testa del Cancro. Lo studioso Makrizi (XV secolo) scrive che il fuoco sarebbe giunto dal segno del Leone e avrebbe consumato il mondo6. Ecco le parole dette a Solone, il legislatore greco, da Psonchis, il sacerdote egiziano di Sais: Molti e molti modi sono stati e saranno gli stermini degli uomini: i pi grandi per il fuoco e lacqua, altri minori per moltissime altre ragioni. Perch quello che anche presso di voi si racconta, che una volta Fetonte, il figlio del Sole, avendo aggiogato il carro del padre, bruci tutto sulla terra ed egli stesso mor fulminato; questo ha lapparenza di una favola, ma la verit la deviazione dei corpi che si muovono intorno alla terra e nel cielo e la distruzione per molto fuoco e a lunghi intervalli di tempo di tutto quello che sulla terra.7 Un mito greco racconta che Selene, la Luna, venne sedotta da Zeus, e dallincontro nacque un Leone che precipit sulla Terra destinato a vagare, terrorizzandola, in una valle dellArgolide. Il Leone chiamato Nemeo venne ucciso da Ercole. Per alcuni il Leone Nemeo era figlio di Tifone, la forza distruttrice. La chiave per interpretare i miti, gli scritti misterici, deve essere girata sette volte, pertanto Ercole al pari di tutti i personaggi della mitologia misterica si presta a sette rappresentazioni distinte, fra le quali oltre ad essere un Eroe il Sole8 serbatoio di forza magnetica. La parola magnetismo trae origine da magh, magnus, grande. Magnesia9, il magnete, era nota come la Pietra di Ercole. Il Leone potrebbe essere un corpo celeste proveniente dalla Costellazione del Leone che viene catturato dal campo magnetico del Sole e della Luna, per poi schiantarsi sulla Terra. Il sacerdote Psonchis, maestro di Pitagora, ci parla di registri sacri in cui si menziona in tempi remoti, la collisione della terra con un gigantesco asteroide. Il papiro della XII dinastia conservato allErmitage di Leningrado, descrive la caduta di una stella (un meteorite) sulla terra. Il papiro di Harris e il papiro di Ipuwer descrivono il capovolgimento della terra in seguito ad un cataclisma. I sacerdoti egizi avevano a disposizione archivi antichissimi che narravano una storia dellumanit diversa da quella ora insegnata nei libri di storia.
5 6

A. Tomas, I segreti dellAtlantide, pag.118, Oscar Mondadori. A. Tomas, I segreti dellAtlantide, Oscar Mondadori, pag.121. 7 Platone, Timeo, 22-23. 8 Il poeta Nonno designa Ercole come il Dio Sole adorato dagli abitanti di Tiro, i Fenici. LInno orfico XII designa Ercole come il Sole, valoroso Titano. 9 Platone, Ione, dialogo di Socrate. 7

Dello storico arabo Abu Zeyd el Balkhy si cita uniscrizione secondo la quale la Piramide di Cheope sarebbe stata innalzata nel tempo in cui la costellazione della Lira si trovava nel segno del Cancro. Si sarebbe inteso che il periodo fosse due volte 36.000 anni prima dellEgira10. Ouspensky11, il pi famoso discepolo di Gurdjieff12 scrivendo del suo maestro afferma che aveva avuto fra le mani una pergamena antichissima, di propriet da generazioni, di un prete del Caucaso, che raffigurava lEgitto prima delle sabbie. A proposito della Sfinge e delle Piramidi Gurdjieff affermava che erano state costruite dagli abitanti di Atlantide13. Secondo larabo Ibn Battuta (XIV secolo), la costruzione delle Grandi Piramidi risalirebbero ad Ermete Trismegisto che avrebbe maturato il progetto in base a considerazioni sugli spostamenti delle costellazioni che annunciavano un diluvio. Ermete Trismegisto Thoth, il custode della conoscenza, divenuto Enoch presso gli Ebrei. Unaltra versione araba, afferma che la Grande Piramide sarebbe la tomba di Seydna Idris. Il Corano chiama Idris gli Istruttori ed Enoch uno di Essi. Da questa precisazione si capisce che ci che fu sepolto nella Piramide non fu il corpo fisico di Idris, ma la sua Scienza arcana. Abd el-Latif, uno scrittore arabo, rifer di migliaia di geroglifici riportati sul rivestimento di lucente roccia calcarea delle piramidi, rimossi perch il materiale fu usato per costruire le case del Cairo oltre mille anni fa. Balkhi un astronomo (VIII secolo), scrisse che sullesterno delle piramidi era scolpita ogni rarit e meraviglia della fisica. Anche la Sfinge, il Padre del Terrore, il custode del Luogo del Principio di ogni Tempo, di origine prediluviana, anche se viene attribuita dagli egittologi a Chephren14. Plinio15 scrive la Sfinge di Giza pareva dipinta di rosso (il colore degli atlantidei), e che sul capo della stessa era sistemato un grande piatto doro che rifletteva i raggi del sole e in quel preciso istante i sacerdoti si inginocchiavano ai suoi piedi per pregare. Poich la Sfinge perfettamente orientata verso est, si trova di fronte al sorgere del sole nei due giorni equinoziali dellanno, la cerimonia descritta da Plinio doveva avvenire in forma solenne nei giorni equinoziali. Archeologi statunitensi trovarono nella roccia della Sfinge delle erosioni causate da un lunghi periodi di pioggia che non vi furono ai tempi della IV Dinastia. La tradizione copta, tramite Masondi (X secolo), afferma che nei sotterranei delle piramidi sono depositati tesori segreti fra cui del ferro che non arrugginisce e vetro pieghevole. Secondo lautore, le gallerie di queste piramidi sono sorvegliate da statue meccaniche che distruggono tutto, tranne coloro che per la loro condotta meritano di essere ammessi. La Grande Piramide una tomba, dove sepolta la scienza antidiluviana, la sua storia e i suoi segreti16 gelosamente custoditi al riparo dellopera distruttrice sia di fanatici di
10 11

Citato da P. Krassa e R. Habeck nel libro La Luce dei Faraoni, pag. 21, ECIG. G. I. Gurdjieff, Incontri con uomini straordinari, pag.147, Gli Adelphi. 12 Gurdjieff un maestro russo di questo secolo che ha appreso il suo sapere da confraternite orientali che vantano un antichissimo passato e che affermano di custodire un insegnamento (apparentemente) perduto per gli uomini. 13 Si discute molto se la Piramide di Cheope possa essere stata costruita ben 12.500 anni fa, ma le confraternite esoteriche di Oriente dicono che la Grande Piramide ha 205.000 anni ed ha visto ben due grandi inondazioni o diluvi. Il primo cataclisma avvenne 200.000 anni fa quando lAfrica e lEuropa si separarono, come attestato nel mito di Ercole (il Sole, la Forza Magnetica) quando egli separ lAfrica dallEuropa e a ricordo dellevento piant le omonime colonne; il secondo cataclisma avvenne 70.000 anni fa. 14 In realt Chephren avrebbe solo restaurato la Sfinge come aveva gi dichiarato legittologo Maspero. Larcheologo ed egittologo ortodosso Selim Hassan nel suo libro Gli Scavi di Giza afferma che il cartiglio sul fianco della Sfinge rivendica il diritto di propriet e non di costruzione. 15 Plinio, Historia Naturalis, Libro XXXVI-XVIII. 16 La tradizione orale, narra di stanze segrete, situate sotto il livello del suolo dove sono custoditi documenti ed oggetti che provano lesistenza di un passato glorioso. In una di queste stanze dovrebbero trovare riposo le spoglie dei Re Divini. 8

scienza e di religione, e sia del tempo che riduce ogni cosa in polvere. Furono i discendenti dei giganti prediluviani citati nel sesto capitolo della Genesi e nel Popol Vuh che tradizionalmente vengono denominati Atlantidei che costruirono la Grande Piramide e la Sfinge, salvaguardando cos il loro sapere dalle convulsioni della terra e degli uomini, lasciando messaggi esterni nella geometria sacra, e interni nelle camere sotterranee ancora da scoprire. I sacerdoti Egizi con cui parl Erodoto erano i custodi di un segreto millenario che non poteva essere rivelato se non attraverso allegorie e racconti mitici a coloro che il loro sapere lo avevano appreso nel segreto dei templi. Il Grande Drago non rispett che i Serpenti di Saggezza, i Serpenti le cui tane sono sotto le Pietre Triangolari.17 Il Commentario alle Stanze di Dzyan, commentando lultima grande distruzione planetaria, afferma che: Il Grande Drago, rispett solo le tane triangolari dei Serpenti di Saggezza. Questi Serpenti erano gli Iniziati della generazione antidiluviana. Le tane triangolari, sono le piramidi poste ai quattro angoli del mondo. Per lo storico messicano Ixtlilxochitl, i Toltechi costruirono le loro piramidi per rifugiarsi nel caso che anche il secondo mondo fosse distrutto. Se in Europa non si trovano pi vere piramidi geometricamente corrette, molte delle supposte caverne neolitiche primitive, dei colossali menhir, conici e piramidali, di Morbihan e della Bretagna in genere, molti tumuli danesi e anche tombe dei giganti della Sardegna coi loro inseparabili nuraghi, sono altrettante copie, pi o meno riuscite delle piramidi.18 I libri della conoscenza indiani, noti come i Veda, furono scritti da Sette Saggi dopo il Diluvio per salvaguardare la conoscenza. In Egitto i Testi della costruzione di Edfu descrivono la conoscenza di Sette Saggi attraverso la quale si intendeva ricostruire, in questa terra, il mondo come era allepoca del Primo Tempo, quando regnavano gli Di. I testi di Edfu ci narrano anche che il metodo usato da quei saggi consisteva nella creazione delle sacre colline, le piramidi nei luoghi ritenuti consacrati alla divinit.

17 18

H. Blavatsky, Antropogenesi stamp. Stanza XII p. 231, scaricabile da istitutocintamani.org/downloadLibri.jsp H. P. Blavatsky, idem. 9

PARTE PRIMA
SCIENZA DELLA FORMA E SCIENZA DELLO SPIRITO

10

LA COSMOGONIA DI ELIOPOLIS
La cosmogonia dei sacerdoti di Heliopolis, narra che dapprima esisteva un Oceano di Energia immobile, lo Spazio senza confini, il Num. Improvvisamente si produsse una vibrazione, un punto di luce, che prese il nome di Atum colui che , e Colui che non . Atum-R descritto, nel Libro dei Morti, radiante nel suo Uovo. Io sono lAnima Creatrice dellAbisso Celeste. Nessuno vede il mio nido, nessuno pu spezzare il mio Uovo. Io sono il Signore.19 Nella Notte Cosmica, simbolizzata da un Cerchio in perfetto riposo, la Materia Spaziale conosciuta come la Vergine Cosmica in uno stato indifferenziato. Quando giunge il Giorno della manifestazione, il Soffio agisce sulle Acque della Materia Cosmica polarizzandola e differenziandola: la Vergine Cosmica diviene la Madre Universale, partorisce i suoi Figli e resta sempre Vergine. Vi una Materia Primordiale, Indifferenziata, chiamata Sostanza, ci che essa emana non nasce da Essa, ma attraverso Essa, pertanto questa Materia resta Vergine, infecondata e asessuata. Come lo Spirito o Vita, si differenzia in Tre Aspetti, cos pure la Materia si differenzia in Tre Attributi: ad una Trinit Maschile fa equilibrio una Trinit Femminile. La filosofia Ind paragona i Tre stati della Materia a corde musicali, associate a Tre vibrazioni fondamentali. Nei Veda scritto che nel Caos primordiale, prima della formazione dei Sapta Samudra, i Sette Oceani di materia, Tutto era Tamas( prima che avesse origine la manifestazione), Esso ordin un mutamento e Tamas prese il colore di Rajas, e Rajas ricevuto un nuovo ordine, rivest la natura di Sattva. I Tre attributi della Materia, in oriente vengono detti Guna. Tamas linerzia la stabilit o la base della materia, la contrazione, il perfetto riposo. Rajas, il movimento, lespansione: lattivit della materia, la forza centrifuga, lopposto dellinerzia che rappresenta la forza centripeta. Sattva lequilibrio fra le Due Polarit, la causa del movimento rotatorio, la forza che rende possibile la formazione di nuclei di materia.

LA GRANDE ENNEADE, LE NOVE ENERGIE Il Mistero di Eliopoli narra la creazione della Grande Enneade, i Nove Dei o Principi, emersi dal Num, la divinit astratta, lOceano freddo e oscuro, le Acque dello Spazio stellare. Atum (Tum) aprendo la bocca (scissione dellUovo Cosmico) vomita, Shu, e Tefnut, la Forza Duale. Atum Shu e Tefnut, formano la Triade (Triangolo) Primordiale. Questa coppia genera Nut e Geb, il Cielo e la Terra che vengono separati da Shu. Il mito narra che Shu sollev Nut affinch formasse larco del firmamento lasciando Geb sdraiato sulla schiena in modo che diventasse la Terra, separando cos il Cielo dalla Terra. Questa seconda coppia cre altre due coppie Osiride e Iside, Seth e Neftis. Le Nove energie uscite dal Num, lo spazio celeste, i cui nomi sono Atum, Shu, Tefnut, Nut, Geb, Osiride, Iside, Seth, Neftis, sono i principi che compongono la Grande Enneade.

19

Libro dei Morti cap. XVII, 50-51. 11

FIGURA 2. LA GENERAZIONE DEI DIECI DEI


ATUM

Shu

Tefnut

Geb

Nut

Osiride

Iside Horos

Seth

Neftis

Il mito racconta che Iside si accoppi gi nel ventre materno con Osiride e da questa unione nacque Horos, portando cos il numero degli dei a dieci. Il numero sacro attribuito ad Horos in effetti il dieci20 il cui simbolo nellantica scrittura visualizza un ritorno allinizio simboleggiato dal numero Uno. La Triade Atum, Shu, Tefnut, genera sempre un Settenario. Dal punto di vista matematico i Tre Principi si combinano in Sette Gruppi, cio: 2N 1, per N = 3 sia ha: 8 -1 = 7. Il primo sviluppo del Caos primordiale sono i Sapta Samudra, i N 1 N 10 Sette Tipi di Materia, indicati come i Sette Oceani21 o i Sette Piani o Stati di Manifestazione. I Sapta Samudra rappresentano il primo sviluppo del Caos primordiale e sono il simbolo dei sette Guna, o qualit condizionate. LA COLLINA-PIRAMIDE PRIMORDIALE Atum uscendo dal suo Uovo Cosmico, prese forma ed emerse dallOceano dEnergia su una Collina primordiale, a forma di piramide, sulla cui cima era posta la pietra piramidale detta Benben direttamente associato ad Atum-R, su cui si posava il Bennu, la Fenice, le cui apparizioni e scomparse erano legate ai cicli planetari di distruzione e rinascita delle epoche del mondo. Atum decise di creare la prima coppia Shu e Tefnut, la Forza Duale, aprendo la bocca, cio spezzando in due lUovo Cosmico.
20 21

Jeremy Naydler, Il Tempio del Cosmo, Neri Pozzi Editore, pag. 68. I Sette Oceani che poi vengono sbattuti o frullati dagli Dei. 12

Le informazioni fondamentali che si traggono dal mito egizio sono le seguenti: 1. La Forma o la creazione Primordiale rappresentata tramite una Piramide. 2. In cima alla piramide si posa la Fenice, simbolo di ci che rinasce dopo una distruzione di un continente o di una generazione di uomini. 3. La Piramide individua nello spazio Cinque punti. 4. La Collina Primordiale esprime sette stati di materia che nella Piramide di Zozer sono visualizzati in sei gradini e sette livelli.
FIGURA 3. COSMOGONIA DI HELIOPOLIS

La prima forma geometrica, la piramide primordiale, composta da quattro superfici triangolari. Come Pitagora dimostr, il Cosmo non fu prodotto ATUM attraverso nessun numero, ma geometricamente. Nel Timeo di Platone, il principio armonico e la ragione LA COLLINA matematica alla base della PRIMORDIALE teoria dei quattro elementi la I SETTE STATI DI MATERIA proporzione, e il principio geometrico, gli oggetti del sensibile sono formati da triangoli che si compongono in figure geometriche. La minima superficie individuata da tre punti, i vertici di un Triangolo. Proclo, scriveva che i Pitagorici dicevano che il Triangolo il principio della generazione. Per i Pitagorici e per Platone, il Triangolo rappresentava latomo, la parte ultima e indivisibile di una superficie, perch un poligono sempre suddividibile in triangoli. Se si uniscono tre punti nello spazio si ha la prima figura piana, la prima elementare manifestazione razionale, si ha il primo stadio della realizzazione di qualsiasi progetto. Lo sanno bene i matematici e gli ingegneri che il sistema della triangolazione alla base di tutti i problemi di calcolo e di misurazioni perfino in astrofisica e geodesia. UOVO COSMICO NUM, OCEANO CELESTE
FIGURA 4. GEOMETRIE DEL TIMEO

La base della piramide un perfetto Quadrato, che il Timeo descrive composto di quattro triangoli isosceli, uniti nel centro: ci che appare la vista dallalto della piramide. Inoltre la piramide esattamente la met della figura del secondo elemento cosmico del Timeo, la forma dellAria.

13

Per quanto riguarda la seconda affermazione, fondandoci su un passo di Diodoro, in cui si legge che la Grande Piramide terminava con una piattaforma larga sei cubiti, si deduce che il Pyramidion aveva sei cubiti come dimensione di base. Questo Pyramidion o Benben si trovava posto non solo sulle piramidi ma anche sugli obelischi ed era identificato con la sacra pietra conica dei Greci e dei Siriani, lOmphalos22 e il Betilo. Si affermava che la sacra pietra era dorigine celeste, perch caduta dal cielo, un meteorite dunque. Il colore di questa pietra nero, come quello della sacra pietra dei Mussulmani. In Siria, ad Emessa sorgeva il santuario del dio Eliogabalo dove si trovava una sacra pietra conica e nera. La pietra piramidale Benben della piramide di Amenemhet III che si trova al Museo del Cairo nera.

FIGURA 5. BENBEN MUSEO DEL CAIRO

Le grandi piramidi non rappresentano dei sepolcri di monarchi com inteso dagli studiosi, forviati dal sibillino racconto dErodoto che doveva mantenere fede al giuramento che impone il silenzio iniziatico, ma esse sono dei libri di pietra ai quali era affidata la trasmissione della conoscenza alle generazioni successive. La costruzione del Tempio era prerogativa del Faraone che dopo aver effettuato il rituale della fondazione del tempio, affidava la realizzazione dellopera agli amici unici, i custodi della Conoscenza Sacra che facevano capo alla Casa della Vita23. CERCHIO CELESTE N
1

2 BENBEN 5

FIGURA 6. LA CASA-TEMPIO NEL CERCHIO CELESTE

22 23

LOmphalos erta noto anche come lombelico del mondo. Quando Flavio Clemente fond verso lanno 200 una comunit di sapienti ad Alessandria dEgitto, utilizz 42 libri segreti provenienti dalla biblioteca della Casa della Vita. 14

La Casa della Vita rievoca anchessa la Collina-Piramide originaria. Essa definita dai quattro punti cardinali e dal vertice, il quinto punto, e come per le piramidi e il tempio, rappresenta uno spazio sacro, un quadrato nel cerchio celeste. La piramide a gradini di Saqquara opera del geniale architetto e astronomo Imhotep, particolarmente significativa perch costruita con Sei gradoni24, in modo da formare Sette Livelli. Questo tipo darchitettura sacra era noto anche ai vicini Babilonesi, dove la ziggurat di Borsippa riparata da Nabuconodosor era chiamata il tempio delle sette sfere del mondo.

FIGURA 7. PIRAMIDE A SEI GRADONI

I sette livelli, corrispondenti alle sette sfere planetarie, rappresentano i vari stadi dellascesa attraverso cui lanima deve passare dopo la morte. Larcheologo Petrie ha scoperto che la piramide di Medun fu costruita in sette spezzoni prima che le applicassero una copertura esterna continua25. LEgitto unimmagine del Cielo, un trasferimento di tutto quello che esercitato nel Cielo. Il nostro paese il Tempio del mondo intero.(Ermete Trismegisto) Il Nilo Celeste, Nen-naou, la Via Lattea la Madre di mille stelle e per ultimo del nostro piccolo sistema solare. In alto nel cielo, le stelle luminose, in basso sulla terra i Re di Luce, i Faraoni, alla cui morte si ritrasformavano, come Osiride, in stelle. Osiride era identificato con Orione, Iside, la sua sposa, con Sirio. Guardate egli diventato come Orione, guardate Osiride diventato come OrioneO re, il Cielo ti concepisce con Orione26 Il Re una stella che illumina il Cielo27 Io sono unanima io sono una stella doro28 Il Nilo che scorre orientato sud-nord sulla terra dEgitto, al pari del modello celeste, divide la terra in due parti uguali, una ad est, laltra ad ovest. Il Sole, R sorge ad oriente,
24 25

I sei gradoni decrescono in altezza dai 9,40 metri del primo fino ai 7,70 dellultimo. Citato da R. Bauval e A. Gilbert nel Il Mistero Di Orione, pag. 29, Corbaccio. 26 Testi delle Piramidi, 820. 27 Ib.,362. 28 Ib., 886, 889. 15

attraversa il Nilo, invecchia e muore ad occidente. Lest e lovest, non sono semplici punti cardinali, bens direzioni metafisiche: cos il lato occidentale della valle del Nilo diviene il luogo dei processi di morte con i suoi complessi funebri, mentre oriente il luogo della rinascita, della nuova vita che inizia ad ogni nuovo giorno. Il sud la direzione che guarda la terra degli Etiopi, da cui vennero i primi Faraoni, e da cui giunge il Nilo, la direzione delle sorgenti dellacqua di vita. Gli Egizi affermavano che il Nilo arrivasse sulla terra dalle regioni della Duat, tradotta come oltretomba, ma in realt la zona di confine fra la terra materiale e il cielo spirituale. Osiride, il Nilo, il Signore della Duat con la piena del flusso fecondatore irrorava la terra arida dandole vita vegetativa. Guardando verso sud, Osiride appariva come Orione nellepoca immediatamente precedente linondazione, che veniva annunciata da Iside Sirio, la stella delle acque, che seguiva Orione sulla linea dellorizzonte meridionale. A nord, in contrapposizione, si hanno le stelle polari che non tramontano mai. PER-AA-SA-R Il Faraone, che secondo gli egittologi il cui sepolcro doveva trovarsi allinterno delle piramidi, da un punto di vista sacerdotale il costruttore di piramidi, in quanto considerato il figlio di Nut e di Geb (il Cielo e la Terra) e al pari di Osiride egli regna sulla terra di Egitto sgorgata dallOceano o Nilo Celeste, da cui gli stessi Dei sono nati. La terra dEgitto, fin dal tempo degli Dei, lunica figlia della Luce, il cui figlio colui che siede sul trono del Dio Shu.29 Il trono di Shu quello del Faraone, questo Re, Sa-R figlio della Luce o di R, regna fin dallUovo le cui due met sono aperte allinizio della manifestazione. Il faraone definito con chiarezza come limmagine del Signore dellUniverso. Il nome egizio di Re Pra, che significa la Grande Casa, il Faraone dunque Per-aa ossia la Grande Dimora e come figlio di R il suo nome diviene Per-aa-Sa-R. Quale essere collettivo dellEgitto riuniva in s tutta la collettivit in una Grande Casa, costruita con le leggi dellequilibrio e dellarmonia, che come si vedr in seguito sono tutte riportate nella Grande Piramide. Il Re ha unito i Cieli, il Re costruisce la Citt di Dio.30 Il mito racconta che quando gli Dei regnavano sullEgitto utilizzavano unopera intitolata Libro di fondazione dei templi per gli Dei della prima Enneade, questopera era poi stata redatta in linguaggio sacro e misterico da Imhotep, grande Architetto e grande sacerdote di Ptah. Il Re era anche noto come il Maestro dei Costruttori, egli costruisce il Tempio il Set-ib, o il posto nel cuore, secondo le proporzioni originarie stabilite nel Libro della Fondazione. I testi delle piramidi affermano che il Re ha unito i Cieli e ha costruito la citt di Dio intesa come mezzo di comunicazione fra il Cielo e la Terra. In Egitto, il Faraone rappresentava la Grande Casa, in altre parole lEssere Comunitario, il ricettacolo di tutte le energie del Cielo e della Terra31. Egli come il suo simbolo, la Grande Piramide, ha come segno di riconoscimento il numero cinque, il numero dei vertici della Grande Casa, la Piramide, e dei nomi del Re. I cinque nomi del Faraone che componevano la sua titolatura, erano incisi su ogni monumento, su ogni stele, su ogni tempio, perch sono i nomi della Grande Casa e nel
29 30

Stele di Israele. Shu, il padre di Geb e di Nut, lenergia solare. Piramidi, 514. 31 Christian Jacq, Potere e sapienza nellantico Egitto. 16

simbolismo della Grande Piramide, rappresentano i quattro vertici di base, simbolo dei quattro elementi sintetizzati dal quinto vertice, la Luce divina o R. Il Faraone come il suo Dio R egli scende dal vertice della Grande Casa sulla terra per unificare le Due Terre che rappresentano i due opposti, che se lasciati liberi si combatterebbero continuamente, come Horos e Seth gli acerrimi nemici, portando disordine e rovina. I cinque vertici della piramide, al pari dei cinque nomi del Faraone, sono unimmagine degli elementi con i quali creato il mondo materiale. Il vertice non visibile della piramide, la pietra dangolo discesa dal cielo, il Benben, detto Pyramidion, rappresenta il Dio Atum-R che discende sulla terra, simboleggia il quinto elemento, lEtere luminoso, che sovrasta i quattro elementi densi di base, cio Fuoco, Aria, Acqua, Terra. In Grecia Zeus, il Padre Etere, e in India Brahm sono rappresentati quadruplici, cio padroni dei quattro elementi.

17

SAPIENZA MISTERICA
Il Grande Sacerdote di Ptah, Imhotep, ideatore della piramide a gradoni di Saqquara, architetto, astronomo32, primo scrutatore delle stelle, sommo guaritore, ritenuto il pi grande rappresentante delle Scuole di Sapienza Misterica, Iniziato ai Misteri del Cielo e della Terra a cui nessuna conoscenza era preclusa. Le Scuole di Sapienza in passato sidentificavano completamente con le Scuole Misteriche. Da queste antiche Scuole usc lopera di architettura dellepoca augusta di Vitruvio Pollione contenente le regole e le proporzioni insegnate solo durante le iniziazioni. Questopera fu divulgata solo per errore in quanto doveva rimanere segreta. Secondo queste proporzioni armoniche furono costruiti i templi dellEgitto, dellIndia, della Grecia. Rapporti armonici e allineamenti astronomici si ritrovano nelle disposizioni delle pietre megalitiche del Nord Europa, una piramide a gradoni celata sotto una collina a Silbury Hill. Il padre della medicina moderna, Ippocrate, era sacerdote di Asclepio33, e come tale era un Iniziato al culto di Esculapio. Il giuramento di Ippocrate34 fatto dai medici, un giuramento sodale, da sod o mistero, e nellantichit veniva fatto dal candidato istruito nelle Scuole Misteriche. Voltaire35 scrisse che nel caos delle superstizioni popolari sempre esistita unistituzione che ha impedito alluomo di cadere nella brutalit pi assoluta: quella dei Misteri. Platone, nel Fedone scrive che coloro che hanno istituito i Misteri o i segreti raduni degli Iniziati, non erano persone mediocri ma possenti Geni che dai primi secoli hanno cercato di farci capire le cose sotto forma di enigmi. Platone stesso usa anchegli un linguaggio simbolico e a volte enigmatico, quando descrivendo lEt dellOro36, afferma che molto prima che gli uomini costruissero le citt regnava Saturno che per impedire forme di ingiustizia a capo del genere umano descritto come un gregge, mise in Pastore, un Essere appartenente ad una specie diversa da loro, i Pastori successivi erano possenti Geni di natura pi divina delluomo, della natura di semidei. Erodoto parla delle Dinastie Divine seguite dai Semidei, dagli Eroi e poi dai Re umani. Diodoro, Eratostene, Manete, Platone, ripetono la stessa storia, che per i critici moderni solo un esercizio di pura fantasia. Nei racconti mitici Osiride viene descritto in modo duplice, come un dio, figlio di Nut (il Cielo) e di Geb (la Terra), e sia come Re Divino che regn in Egitto apportando civilt. Si dice che Osiride costru citt, invent lastronomia, insegn lagricoltura, luso del vino, la geometria, la musica: Iside la sua consorte insegn agli uomini il segreto del frumento. A secondo del significato dato alla terra, Osiride diviene il Signore dello Spazio celeste se la terra lo spazio stellare, diviene il Signore dellEgitto se la terra quella del Nord Africa, diviene il Signore del nostro corpo, se la terra la nostra personalit, campo di battaglia fra due forze opposte rappresentate da Osiride e dal suo fratello Seth, il principio oscuro. La conoscenza misterica fu dunque trasmessa ai Re Divini e poi ai Re umani Iniziati. I Faraoni egizi, frequentatori della Casa della Vita, erano Re e contemporaneamente Sacerdoti Iniziati ai misteri della medicina e potevano curare gli ammalati, erano guaritori per privilegio37 ed erano assistiti nellarte di guarire da altri Iniziati conoscitori dei poteri della natura, detentori del potere di sanare i corpi malati.
32

Astronomo, era il titolo dato allIniziato che conseguiva il Settimo grado, dopo di che egli riceveva il Tau, divenendo oltre che Astronomo anche Guaritore. La grande Iniziazione aveva luogo a Tebe in Egitto. 33 Imhotep fu divinizzato alla sua morte e per i Greci divenne tuttuno con Esculapio, il dio della medicina. 34 Ippocrate aveva una tale fede nellinfluenza delle stelle sugli esseri umani, e sulle loro malattie, che esplicitamente raccomandava di diffidare dei medici che fossero ignoranti di astronomia (Arago). 35 Voltaire, Saggio sui costumi, Misteri di Cerere. 36 Platone, IV Libro delle Leggi. 37 Questo privilegio di guarire rimasto ai re della nostra era. Si diceva che Pirro poteva guarire gli ammalati toccandoli con un piede, Vespasiano e Adriano potevano ridare la vista ai ciechi dopo aver pronunciato alcune 18

I Sapienti non sono soltanto liberi, ma anche Re, perch regnare un dominio non soggetto a rendiconti, che pu sussistere solo se retto da sapienti e il capo deve avere una chiara scienza del bene e del male.38 Nellantico Egitto i Misteri a cui capo erano i Grandi Ierofanti, erano noti fin dal tempo di Menes. I Misteri furono spesso sinonimo di Magia, parola che oggigiorno ha assunto il significato di illusione, imbroglio e di superstizione. La parola magia anticamente significava Grande Via, la radice magh, che si trasforma in latino in Magnus, in greco Megas, in sanscrito Mahat, in zend la lingua degli antichi Parsi in Maz, tutti significanti Grande. Magia nel senso dato nei Misteri significa Grande Via o Grande Vita divina, la Via dello Spirito Creatore: nel capitolo riguardante le misure, ottenute attraverso luso del cubito, questa parola assumer nuovi significati. In Egitto le sedi dellistruzione segreta erano situate a Tebe, a Menfi, a Sais, ed a Eliopoli. In queste sedi vennero formate le migliori menti della Grecia classica. A Menfi, Orfeo concret lastrusa metafisica appresa in India. Ad Eliopoli, Platone ed Eudosso, appresero rispettivamente lEtica e la matematica. A Menfi, Pitagora and a perfezionarsi dal suo ritorno dallIndia. A Sais, Solone e Licurgo, appresero larte di governare e di legiferare. Diogene Laerzio scrive che Democrito, il padre dellatomo, studi la magia per un tempo considerevole presso i sacerdoti egiziani. I Sapienti sono gli unici sacerdoti, perch essi si sono fatte idee chiare sui sacrifici divini, sulle costruzioni dei templi, sulle purificazioni e su tutti i riti divini.39 Nellantichit accanto alladorazione popolare degli Dei nelle loro forme, ogni nazione aveva i suoi culti segreti o Misteri, i quali erano anche delle Scuole di Sapienza, dei Collegi, dove venivano insegnate le scienze naturali, letica, le leggi, la medicina e larte sacra. Si narra che Pitagora trascorse ventidue anni a studiare nei templi egizi. Diogene Laerzio scrisse che Pitagora dopo essere stato Iniziato in Grecia, and in Egitto, visit la Caldea e frequent i Magi. La condizione affinch venisse impartito il Sapere era la totale segretezza. Il profano, colui che stava fuori del Tempio non doveva conoscere la Scienza della Vita che in mani sbagliate diveniva la Scienza della Morte, cio il sapere finalizzato a scopi egoistici e distruttivi. Per evitare che persone deboli nello spirito potessero dopo aver conosciuto i segreti del tempio divulgarne i contenuti cedendo alle lusinghe delloro, del sesso, dellambizione, prove durissime, con il rischio della morte fisica, o della pi completa pazzia, attendevano i candidati allIniziazione. Chi non era padrone della propria integrit morale e la cui mente non era completamente cristallina, falliva e spariva senza lasciare traccia. La Conoscenza era paragonata al volto velato dIside, una Pura Luce capace di stroncare il candidato se il suo cuore non era preparato a riceverla. Quando Mos, il Sommo Sacerdote di Israele chiese al Signore di mostrargli il suo volto, Egli rispose che non poteva vederlo e

parole sacre. I re di Ungheria sostenevano di poter guarire litterizia; i Duchi di Borgogna potevano proteggere dalla peste; i Re di Spagna e dInghilterra vantavano e continuano a vantare poteri di guarigione. 38 Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, VII, 122. 39 Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, VII, 119. 19

pertanto lo avrebbe coperto con la propria mano quando Egli passava40. E quando Mos ritorn dal Monte del Signore la pelle del suo viso era diventata raggianteed egli si mise un velo sulla sua faccia41 e mise il velo sulla faccia del Pentateuco oscurando la Rivelazione ai profani.

ERODOTO NARRA UNA STORIA VELATA


Erodoto, narra ci che i sacerdoti egizi volevano che lui scrivesse, riguardo la loro storia antica42, infatti egli inizia sempre con le parole: narravano, dicevano, ci che la sapienza popolare ha codificato nella frase cera una volta. Cheope regnando su di loro (gli Egizi) li ridusse nella pi estrema miseria E lavorarono a centomila uomini per volta continuamente, ciascuno per gruppo di tre mesi. E passarono per il popolo dieci anni di stenti nella costruzione della strada..(e) per la costruzione delle stanze sotterranee sullaltura su cui sorgono le piramidi per la piramide stessa passarono venti anni, finch non fu costruita Narrano che Cheope giunse a tal punto di malvagit che, avendo bisogno di denari, posta la sua figlia in un postribolo le ordin di esigere una certa somma di denaro e a ognuno che veniva presso di lei chiedeva di donare una pietra (per i suoi lavori): E con queste pietre fu costruita la piramide che sorge in mezzo alle tre, dinanzi alla grande piramide. Dicevano gli Egiziani che questo Cheope regn per 50 anni e che morto lui regn il suo fratello Chephren regn per 56 anni. Questi 106 anni li computano come quelli in cui gli Egiziani ebbero a soffrire di ogni sorta di mali Per odio, questi re, gli Egiziani, non vogliono nemmeno nominarli, anzi anche le piramidi le chiamano del pastore Filizio che in quel periodo pascolava i greggi in quei luoghi. Dopo di questi regn Micerino figlio di Cheopeche era mite verso i cittadini Il racconto una strana mescolanza di storia e di mito, tipica della mentalit dei sacerdoti egizi che dovevano ripettare il giuramento misterico che imponeva loro di tacere su determinati argomenti, pena la morte. Erodoto, scrive di aver assistito a Sais ad una cerimonia misterica notturna, su cui doveva tenere un sacro silenzio. Dietro la cappella la tomba di Uno del quale considero empio divulgare il nome... nel recinto sacro si trovano grandi obelischi di pietra, e vicino c un lago su questo lago celebrano di notte le rappresentazioni della passione di questo personaggio, che gli egiziani chiamano Misteri. Ma su questo soggetto, bench io conosca tutti i particolari devo osservare un sacro silenzio.43 Questo era il lago di Osiride, dove i sacerdoti facevano di notte la rappresentazione della sua vita. I sacerdoti erano circoncisi, e il neofita non poteva essere Iniziato se non aveva presenziato ai solenni Misteri del Lago44.
40 41

Esodo, XXX III, 22. Esodo XXXIV, 29-35. 42 Quanto a me nei confronti di ogni racconto, vale come norma fondamentale che io scrivo ci che da ciascuno viene narrato secondo come lho sentito dire. Erodoto, Le Storie, II, 123, 1. 43 Erodoto, Le Storie, II, 170, 171. 44 Questi luoghi di acqua consacrata o bagni cerimoniali si trovano presso tutti i principali templi di ogni popolo. In India fuori del tempio vi un lago, un fiume, un serbatoio di acqua sacra dove gli Ind si bagnano continuamente. Un Inno Orfico cita lacqua come la massima purificatrice degli uomini e degli Dei. 20

Erodoto descrivendo lepisodio osserva un discreto silenzio sui particolari del rito, non perch come affermano alcuni studiosi, per rispetto, ma perch era un Iniziato e come tale era vincolato al silenzio su certi argomenti, che potevano essere divulgati solo sotto forma velata attraverso il racconto mitico, le favole di cera una volta della tradizione popolare. Se non era un Iniziato, non poteva assistere al rito45. Questa premessa necessaria per comprendere ci che si va ad indagare, il mistero delle piramidi, del loro scopo e della loro costruzione. Il primo punto anomalo della narrazione fatta da Erodoto, che la Grande Piramide, il simbolo per eccellenza dellEgitto dei Faraoni, sia opera di un uomo malvagio, materialista che aveva chiuso tutti i templi, un simile uomo dovrebbe essere un obbrobrio per la mentalit sacerdotale che col tempo avrebbe cercato di cancellarne il suo nome, anzich tramandarlo ai posteri. Il secondo punto che non convince che il Faraone abbia indotto la figlia alla prostituzione per pagare i lavori necessari alla costruzione della Grande Piramide. Un uomo potente e crudele non aveva bisogno di far prostituire la figlia, il denaro se lo procurava con la forza e la violenza. Il terzo fatto curioso che ogni uomo che si univa con la principessa, doveva portare oltre al denaro una pietra che doveva servire alla costruzione di unaltra piramide. Erodoto in questo racconto prende in giro gli storici e gli studiosi in genere, che non hanno nulla da ribattere a questo strano racconto. Nelle cerimonie misteriche dEleusi, in Grecia, veniva mimata lunione del Grande Sacerdote con la Sacerdotessa46 e da questunione veniva generato il mistero della spiga di grano, simbolo di Dioniso, sotto forma di futuro pane, smembrato poi dai Titani in 14 (Quattordici)47 pezzi. Questa vicenda ricorda quella di un altro figlio del Cielo, Osiride che fu tagliato in 14 pezzi da Seth, le forze della materia. La Sapienza Arcana era sempre raffigurata sotto forma di una bellissima fanciulla, il cui nome greco era Sophia. Lunione fra il maschile, la conoscenza di questa terra, e il femminile, la Conoscenza Arcana o Divina, rappresentava la meta, la perfezione per chi seguiva la via misterica. Ogni uomo che si univa con la figlia del faraone doveva donarle una pietra che doveva servire per costruire una piccola piramide in mezzo alle tre di Cheope, di Chephren e di Micerino. Il simbolismo della pietra e del Maestro Costruttore o Architetto, molto profondo, in quanto al capo degli Iniziati, egizi veniva dato un copricapo a forma quadrata e una squadra senza la quale egli non poteva mai uscire e come tale si qualificava come Maestro Costruttore. Questo simbolismo conservato anche nel Cristianesimo dove S. Paolo si definisce Maestro Costruttore. Il nome di pietra o di Petra ha subito varie trasformazioni in Patar, Phtah, Pethr, ma significa sempre roccia e fondamento, non per niente Ges cambi il nome di Simone in quello di Pietro. Ges Cristo, in altri brani viene paragonato ad una pietra, la pietra che i costruttori avevano scartato e che diventata principale pietra dangolo. Nel gergo delliniziazione, la pietra rappresenta luomo che deve essere sgrossato e poi squadrato ed infine levigato per poi poter essere inserito nelle mura della comunit, in altre parole nel Tempio dellumanit. Con le pietre portate alla Figlia del Faraone, fu costruita unaltra piramide ad imitazione di quella costruita secondo il modello cosmico. Per odio, scrive Erodoto, questi re, gli Egiziani, non vogliono nemmeno nominarli, anzi anche le piramidi le chiamano del pastore Filizio che in quel periodo pascolava i greggi in quei luoghi. Si ritorna al concetto spiegato da Platone: allinizio prima che gli uomini
45

I culti misterici rimasero segreti perch la pena di morte era la punizione che attendeva colui che avesse osato divulgarne anche solo in parte i contenuti. Il pi grave delitto era il tradimento del giuramento tramite la rivelazione a persone non iniziate di pari grado, il traditore veniva punito con la morte e con la confisca dei beni. 46 Erodoto, cita le Hierodules, le sacerdotesse vergini dedicate al culto di Zeus Tebano, che in genere erano figlie dei Faraoni. Secondo gli orientalisti la moglie di Chephren era una sacerdotessa di Thoth, lo scriba celeste, il dio della Sapienza Arcana. Il grande costruttore del Tempio di YHWH, Salomone, spos una figlia del Faraone. 47 I Titani dilaniarono il bimbo Dioniso in Sette parti, cucinarono la sua carne e la mangiarono. Il numero di questi Titani o Cureti, esplicitamente precisato in Due (Nonni Dionysiaca, 48, 29), in totale 14 pezzi mangiati. 21

costruissero le citt regnava Saturno, il quale, per impedire forme di ingiustizia, a capo del genere umano descritto come un gregge, mise in Pastore, un Essere appartenente ad una specie diversa da loro. Ad Eleusi48, in Grecia, lIniziatore Supremo era chiamato il Buon Pastore, e la dimora degli Iniziati, lOvile. Nel Cristianesimo, Ges raffigurato come il Buon Pastore49 che si cura della pecora smarrita. Queste premesse per quanto noiose possano apparire sono necessarie, per affermare che lo storico Erodoto in questi brani si trasforma nel narratore di miti, vincolato dal giuramento di non dire pi di quanto concesso. Viene raccontata una storia di una creazione materiale, di cui la piramide, il simbolo della collina primordiale, la prima terra solida, collina che dagli Architetti o Maestri Costruttori poi stata costruita come si vedr in seguito, con una precisione, un linguaggio matematico e mistico che ha sfidato la forza distruttiva dei secoli, per poter tramandare fino a noi una conoscenza impressa nella pietra, non pi grezza, ma squadrata e levigata. Chephren (Khafra), dopo 50 anni di regno di Cheope (Khufu), regn al suo posto, anchegli in modo malvagio per altri 56 anni, costruendo per vizio di famiglia, una piramide, pi piccola. Dicono i sacerdoti che, questi 106 anni furono considerati dagli Egizi come quelli in cui ebbero pi da soffrire. Cattivi e longevi, questi due fratelli con lidea fissa di costruire enormi piramidi. Il numero 50 degli anni del regno di Cheope molto significativo, tutta la mitologia greca fa largo uso di questo numero, possiamo affermare che esso in relazione con il conteggio del tempo. Questo numero formato da sette cicli di sette unit pi il numero Uno che rappresenta il Principio: 50 = 7x7 + 1. Il Santo dei Santi il cinquantesimo anno, chiamato anche la Voce che emana dal Pensiero. Il numero 50 sacro per gli Ebrei, e per i Cristiani rappresenta il numero del Giubileo e si riferisce anche al Regno dello Spirito Santo. I 56 anni di regno di Chephren coincidono con due cicli lunari di 28 giorni e con il numero dei pollici contenuti in due cubiti (la dualit), la larghezza dei cunicoli nella Grande Piramide. Il numero 28 (sette volte quattro) fondamentale per il calcolo del tempo. Il Faraone Chephren maschera il Signore del Tempo, crudele e inflessibile che al pari di Kronos alla fine di ogni ciclo distrugger ogni opera. Al regno di questi due segu il regno di Micerino (Menkaura), figlio di Cheope, che a differenza dei due predecessori era di temperamento mite. Dicono che egli non solo giudicava bene, ma a chi si lamentava del suo giudizio dava qualcosa del suo per placarne lira cominci a morirgli la figlia che egli aveva unica fece costruire una vacca di legno, cava, poi, fattola indorare, dentro di essa seppell questa sua figlia morta. Questa vacca non fu sepolta sotto terra, ma ancora ai miei tempi era visibile nella citt di Sais La vacca in mezzo alle corna c il disco del sole imitato in oro Viene portata fuori ogni anno, quando gli Egiziani piangono il dio che non viene da me nominato in siffatta circostanza. Questa vacca sacra, la figlia del buon Micerino senza dubbio una forma di Hathor, la vacca cosmica anchessa simbolo di una dea, Iside, la sposa dOsiride, il dio smembrato in 14 pezzi. Cheope, Chephren, Micerino, la figlia di questultimo, celano delle divinit, un mito cosmogonico: per incominciare a dipanare questa matassa imbrogliata, sinizier dal mito egizio della creazione, perch di questo si tratta.

48 49

Eleusi era il centro dei sacri riti misterici della Grecia. Stranamente, per pura combinazione, il gregge formato da 100 (2x50) pecorelle. 22

IL NUMERO DALLIDEA ALLA FORMA


SEZIONE VERTICALE PIRAMIDE

H=R

BASE

SEZIONE ORIZZONTALE SFERA

Quando re Zozer consulta il suo visir e architetto Imhotep per conoscere lubicazione delle sorgenti del Nilo, questi va a consultare alla Casa della Via i Libri Sacri. Il Saggio Khaefsnofru, grande sacerdote di Ptah, per la costruzione della piramide di Cheope, dopo aver consultato nella Casa della Vita il Libro della Fondazione dei Templi dichiara50: La piramide sar costruita in maniera tale che, se un cerchio possiede una circonferenza uguale al perimetro di base della piramide, il raggio di questo cerchio costituir la misura della sua altezza. Il monumento sar posto sotto la protezione di Horus, signore di Khem. o Circonferenza= 2 R = perimetro quadrato di base o Diametro Cerchio = 2R = Circonferenza/ o Semidiametro = Altezza della Piramide = R Larchitetto che progett la Piramide volle concretare la quadratura del cerchio, il passaggio dallIdea alla Forma.
FIGURA 8. IL

NELLA PROGETTAZIONE DELLA GRANDE PIRAMIDE

I sacerdoti egizi insegnarono ad Erodoto, che il rapporto tra il lato di base e laltezza tale che il quadrato costruito sullaltezza verticale equivale esattamente alla superficie di ciascuna delle facce triangolari. Inoltre, il rapporto fra la superficie di base e quella laterale uguale a quello fra la superficie laterale e quella totale. Se si effettua la sezione verticale passante per il vertice, si ottiene un Triangolo isoscele con angolo di base 5151 che rapportato al Quadrato di base fornisce ancora la relazione:

50

G. Goyon (egittologo francese), Il segreto delle Grandi Piramidi, pag. 57 ed. Newton tascabili. 23

Come il rapporto Diametro Cerchio vale 1/, cos il rapporto Triangolo (simbolo della Divinit, il mondo delle idee, 3) su Quadrato (simbolo del mondo materiale, il mondo della forma, 4) vale ancora 1/. AREA TRIANGOLO 1 = = AREA QUADRATO
FIGURA 9. SEZIONE VERTICALE GRANDE PIRAMIDE

Lo stesso rapporto costruttivo viene riscontrato nellAmerica Centrale, in Messico, con la Piramide del Sole di Teotihuacn, con unaltezza dimezzata rispetto alla piramide egizia. Teotihuacn la Citt degli Dei era nota perch coloro che ivi erano sepolti si trasformavano in di. Le piramidi divengono metafisicamente il luogo dove avveniva la trasformazione da uomini a di, prerogativa questa di tutti i sistemi iniziatici e misterici del passato. Come a Giza anche a Teotihuacn erano state erette tre grandi piramidi. La Piramide di Quetzalcatl, la Piramide del Sole e la Piramide della Luna. A Giza le cime della Grande Piramide e della Piramide di Chephren si trovano allo stesso livello, anche se la prima pi alta della seconda, analogamente a Teotihuacn le cime delle piramidi del Sole e della Luna sono allo stesso livello anche se la prima pi alta della seconda51. La stessa coincidenza sia in America che in Egitto, si trova anche nellallineamento delle tre piramidi, due edifici allineati, il terzo disposto di proposito da un lato.
FIGURA 10. LA PIRAMIDE DI CHEOPE E LA PIRAMIDE DEL SOLE SIMBOLI DEL

PIRAMIDE DI CHEOPE

H=R

D BASE

PIRAMIDE DEL SOLE

51

G. Hancock, Impronte degli Dei, Corbaccio pag. 217. 24

SIMBOLISMO DEL TRIANGOLO CHE CADE NEL QUADRATO


E questi Tre racchiusi entro il sono i sacri Quattro , i Dieci dellUniverso Arupa (senza Forma)52 I Tre nel Cerchio rappresentano la Trinit astratta (al di fuori della forma), i Tre aspetti divini racchiusi nel cerchio della materia spaziale. I Tre Logos, nel Cerchio della Materia Primordiale, formano i Sacri quattro, il Quadrato aformale. Quando il Quadrato cade nella manifestazione, diventa volume, Cubo, il cui facce visibili sono in numero di Sei, sintetizzate nel Settimo, il Figlio di Dio sacrificato, alla creazione dei mondi. In totale si ha: 3 + 7 = 10. Dieci il numero sacro dellUniverso, la compiutezza, esso in rapporto tanto con il Sacro Cerchio, quanto con lUno. La Divina Essenza Unica, non manifestata, genera un Secondo S Androgino nella sua natura. Questo Secondo S, lUomo Archetipo, lAdam Kadmon. dellinsegnamento della Cabala, d origine a tutte le cose di questo Universo. Limmagine un Cerchio con il Diametro verticale, il numero Uno. Il Dieci il simbolo dellUno emanato dallo Zero. = 10 Il simbolo della Circonferenza tagliata in due da Diametro, indica dualit, la polarit della manifestazione visibile, per i Pitagorici Dieci il simbolo dellUniverso. Afferma Filolao: Il 10 responsabile di tutte le cose, fondamento e guida sia della vita divina e celeste, sia di quella umana. Come numero (qualit) 1 astratto e diventa concreto solo quando 10, e 10 l1 concreto. 10 la prima potenza di 1! La seconda potenza di 1 100 (100 = 1, 101 = 10, 102 = 100).

Il Dieci Due volte Cinque, come i Dieci Comandamenti riportati sulle due Tavole della Legge da Mos. Il 10 anche considerato simbolo di unione e di fratellanza, infatti scambiandosi una stretta di mano, due persone uniscono fra loro le dieci dita.

LA TETRADE IL MODELLO CELESTE


La Tetrade Astratta di Pitagora, secondo la Raffigurazione fatta da Theone di Smirne e da Nicomaco da Cerasa, consiste in Dieci Punti53 ( 1 + 2+ 3 + 4 = 10) inscritti in un Triangolo Equilatero di lato Quattro, Nove Punti lungo i Tre lati, ma in ogni lato si contano Quattro Punti (la Divina Misura), infine Un Punto, il Decimo, nel Baricentro della figura del Triangolo Equilatero che coincide con il centro del Cerchio che lo circoscrive54. Nove unit raggruppate attorno allUnit divina e incomprensibile. Nel Mistero egizio di Eliopoli, viene narrata la creazione della grande Enneade (i Nove Principi55), emessa dal Num, le Acque Primordiali. Guarda, quelli che tu credi quattro sono Dieci, ed il Triangolo perfetto ed il nostro giuramento.56
52 53

Stanze di Dzyan, IV, 5. Il punto per i pitagorici era definito come lUnita avente posizione, mentre per Euclide era solo ci che non ha parti. 54 In questo caso la Circonferenza vale Nove che sommata con lUno forma il Dieci. Nove il numero della circonferenza divisa in 360 = 3 + 6+ 0 = 9. 55 La Cabala ebraica descrive Nove legioni di Angeli che circondano il trono del Dio il cui nome ignoto. 56 Luciano, Vita auct., 4. 25

FIGURA 11. LA TETRADE

Per Pitagora, il Primo Punto rappresenta la Monade lUno, lUnit non un numero, e il Principio57, larchetipo di tutti i numeri. Soltanto laddizione permette il passaggio dallunit alla dualit, la Diade, raffigurata dai Due Punti; il Due per i Pitagorici non era un numero, ma il Principio dei numeri pari. Il Tre, la sintesi dellunit e della Diade considerato come il principio dei numeri dispari. La base del Triangolo formata da un lato con Quattro Punti, la Misura. Il Quattro, il quadrato perfetto, considerato il simbolo della giustizia morale e dellequit divina geometricamente espresse, la Divina Misura. Il Nome i di Colui che non avrebbe nome pronunciabile era sostituito da questo sacro numero Quattro.

Pitagora, dopo aver appreso linsegnamento in India e in Egitto, lo port in Europa gettando un velo sul Cerchio e il punto che nessun uomo vivente pu definire, se non con astrazioni incomprensibili, pose nella base del triangolo lorigine della Materia cosmica differenziata. Cos questultima divenne la prima delle figure geometriche. Il punto in alto al vertice rappresenta lUnit, la Monade: lUnico non procrea, Egli ; i due punti rappresentano una linea: la Dualit, lUno che guarda Se Stesso; i tre punti successivi la superficie idealizzata in un Triangolo equilatero: la base creatrice, in quanto per poter procreare occorrono Tre Principi in Uno. Con il Triangolo si crea la prima superficie astratta, il Primo Spazio chiuso cio il mondo delle idee. i quattro punti della base un solido, il tetraedro, la piramide a base triangolare, che combina in s i principi di lunghezza, larghezza e spessore58. La Monade (lUno) il principio di tutte le cose. Dalla Monade e dalla Duade indeterminata (il Caos), i Numeri; dai Numeri i Punti, le Linee; dalle Linee, la
57 58

Il numero Uno la Monade lorigine di tutto e si ritira nel Silenzio dopo aver creato la Duade. Come viene espresso da Diogene Laerzio, autore di una vita di 84 filosofi, tra cui Pitagora. 26

Superficie; dalle Superficie, i Solidi; i Corpi solidi, i cui elementi sono Quattro; il Fuoco, lAcqua, lAria, la Terra; dei quali tutti, trasmutati (combinati) e totalmente cambiati, costituitoli Mondo.59 LUno, il Padre-Madre indiviso. LUnit, essendo indivisibile, non un numero. Il Due, la Polarit, lAndrogino. Il Primo dei numeri Pari. Il Tre il numero Bisessuato, nato dalla somma dellUno con la Duade. Il primo dei numeri Dispari. Cos come si verifica nei numeri, questa funzione esiste ovunque, ed quella che fa le razze dei minerali, dei vegetali, degli animali e degli uomini. Infatti, sola alla Terza razza radice avvenne per gli uomini la separazione dei sessi. LAddizione, secondo Pitagora, permette di passare dallunit alla molteplicit: la creazione. Sommando riga per riga si ottiene la progressione dei numeri triangolari: 1, 1+2=3, 1+2+3=6, 1+2+3+4=10. La Moltiplicazione, procrea: due volte due, il quadrato la prima forma procreata. La Divisione, il Rapporto, manifesta la Vita. LA TETRADE CELA LARMONIA La Tetrade cela il segreto delle proporzioni e dellArmonia Il Mondo era stato tratto dal Caos, mediante il Suono o Armonia, e costruito secondo i principi dei rapporti musicali. Qual la cosa pi bella? Larmonia rispondeva un pitagorico60. Armonia, nel mito greco era la figlia del dio della guerra e della dea dellamore, larmonia61 che si consegue tramite il conflitto. Il Triangolo la Tetrade, racchiude larmonia del suono: Infatti se partendo dallalto effettuiamo i rapporti secondo la rappresentazione triangolare si ottiene: 1. 1:1 PRIMA o Fondamentale DO 2. 1:2 OTTAVA o Armonia, Diapason DO 3. 2:3 QUINTA o Diapente SOL 4. 3:4 QUARTA o Diatessaron, Sillaba FA Inoltre: OTTAVA = QUINTA x QUARTA 1/2 = 2/3 x 3/4 TONO, 9/8 (SECONDA), intervallo fra la Quinta e la Quarta 3/2 : 4/3 = 9/8

59 60

Diogene Laerzio, Vita di Pitagora. Giamblico, Vita pitagorica. 61 Armonia tramite conflitto, il nome del Quarto Raggio, che ci viene detto governa lumanit 27

1/1 UNISONO

1/2 OTTAVA

2/3 QUINTA

3/4 QUARTA

FIGURA 12. LARMONIA

Il diapason, o 1:2, manifesta il rapporto tra il principio immobile o Il Dio il cui Nome Ignoto e la Diade Infinita ovvero tra lUno e il molteplice. Nel diapente, o 2:3, la materia, o archetipo femminile, rapportata o correlata al Tre, larchetipo maschile, principio manifesto corrispondente al nous, o intelletto. Nel diatessaron, o 3:4, il principio manifesto saccorda con la materia formata,cio la forma entra in relazione con il solido.

Il catechismo degli Acusmatici, i non iniziati alla dottrina pitagorica a cui era concesso eccezionalmente di attingere alla fonte della conoscenza chiede e risponde: Che cosa vi nel santuario di Delfo? La Tetractis, poich in essa larmonia, nella quale sono le sirene. Sia per Pitagora che per Platone (Rep. X, 617), le Sirene personificavano lArmonia. Platone spiega che vi una sirena o suono in ogni Sfera che fa sentire la sua voce, e larmonia delle Sfere la voce delle (sette) Sirene, in altri termini linsieme dei Sette Suoni62 Primordiali. Avvicinatevi al pianoforte ed eseguite in chiave bassa le sette note dellottava inferiore, su e gi. Incominciate pianissimo crescendo dalla prima chiave, ed avendo suonato fortissimo lultima nota inferiore, ritornate diminuendo, producendo con lultima nota un suono quasi impercettibilericordate che sul pianoforte dovete invertire lordine: iniziate con la settima nota, non con la prima. Ecco il significato delle sette vocali che i sacerdoti egizi cantavano ai sette raggi del sole nascente e a cui rispondeva Memnone.63

62

Lo Gnostico Marco parla di una rivelazione che gli fu data dai Sette Cieli, che pronunciavano i sette nomi delle sette gerarchie angeliche, emettendo ciascuno una vocale. 63 Lettere dei Mahatma ad A. P. Sinnett, lettera n. 13, Sirio Editore. 28

La Legge della Tetractis una legge di quinta che vela i segreti del cosmo, come il quinto solido di Platone64 vela il modello del nostro universo che per gli Egizi era rappresentato dalla grande Piramide a Cinque vertici. Le tre consonanze quindi descrivono nel loro sviluppo geometrico e musicale lemanazione che dallUno procede sino al molteplice. Sono il canto di un organismo vivente, il canto delluniverso. Secondo Pitagora, il mondo era stato tratto dal Caos, tramite il Suono e lArmonia, e costruito secondo i principi dei rapporti musicali. Nella Roma del terzo e quarto secolo sar Porfirio, in Armonia tolemaica, a descrivere natura e qualit delle consonanze armoniche. Non causale che Vitruvio, il famoso architetto dellantica Roma (certamente un Iniziato), dedichi allarmonia un intero capitolo del suo trattato sullarchitettura, e indichi nel rapporto 1:2 lideale pianta del Tempio. Pitagora considerava la Divinit come sorgente di Armonia, pertanto i candidati alla Scuola Pitagorica dovevano studiare le quattro divisioni della Matematica: lAritmetica, la Geometria, la Musica, lAstronomia. LA TETRADE CELA LA LEGGE DEL CICLO La Tetrade cela il calcolo segreto dei Cicli o degli anni che compongono i Quattro Yuga (Et): 1. 2. 3. 4. 5. Satya Yuga Tetra Yuga Dvapara Yuga Kali Yuga Maha Yuga a. b. Numero base x 4 Numero base x 3 Numero base x 2 Numero base x 1 Numero basex10 = 4.320.000

c. d. e.

Numero base = 432x1.000 = 432.000 anni. Ciascun Yuga preceduto da un periodo di transizione chiamato, nei Purana, Sandhya o crepuscolo, ed seguito da un altro periodo di eguale durata chiamato Sandhyansa o porzione del crepuscolo. Ciascun periodo equivale a un decimo dello Yuga. Il cerchio celeste, simbolo della vita ciclica, formato da 360, aggiungendo i due periodi di transizione: 360 + 36 + 36 = 432. 432 x 60 = 25.920 (Anno precessionale platonico) 60 = numero di Anu il Cielo, unit di misura del tempo. Fra i Caldei 120 Saros valevano 432.000 anni.

6. 1000 + 1000 Maha Yuga formano un Kalpa: un Giorno e una Notte, o 24 Ore di Brahma. 7. La fine del mondo si compie dopo 72 milioni di Maha Yuga, o 100 Anni di Brahma65. 432:60 = 72, numero dei congiurati che uccisero Osiride, la Luce; numero dei nomi cabalistici della divinit; valore numerico triangolare66 del Tetragramma ebraico HVHI, che la maschera posta sul nome ineffabile, pertanto il nome essoterico per le masse, della divinit celata. La vera pronuncia del nome sconosciuta. La scrittura ebraica come quella sanscrita si legge da destra verso sinistra: Iod(10) H(5) Vau(6) H(5).

64 65

Rimaneva, ancora una costruzione, la quinta, e il Dio la us per il Tutto. Platone, Timeo,, 53c, 55c. Cos, unet di Brahma, o 100 dei suoi Anni Divini, equivalgono a 311.040.000.000.000 dei nostri anni mortali. 66 Kircher Oedipus Aegyptiacus Vol II, pag 267. 29

Iod 10 Iod H - Vau 10 + 5 + 6 Iod H Vau - H 10 + 5 + 6 + 5 Valore Totale delle 10 lettere 72

Iod - H

10 + 5

LA TETRADE CELA LA SCALA PLANETARIA Secondo i calcoli di Livio Catullo Stecchini, professore americano di Storia della Scienza ed esperto di misure antiche, lEgitto aveva una conoscenza astronomica e matematica fuori del comune. A proposito delle dimensioni della Grande Piramide in relazione al pianeta Terra afferma: Lidea di fondo della Grande Piramide era che doveva essere una rappresentazione dellemisfero settentrionale della terra, una semisfera proiettata su superfici piatte come si fa in cartografia La Grande Piramide era una proiezione su quattro superfici triangolari. Lapice rappresentava il polo e il perimetro, lequatore. Questo il motivo perci il perimetro in rapporto di 2 rispetto allaltezza. La Grande Piramide rappresenta lemisfero settentrionale in una scala 1:43.200. 67 Non pu ancora essere una coincidenza se in una scala 1:43.200 la Grande Piramide serve da modello, da proiezione cartografica dellemisfero settentrionale o boreale della terra. Il perimetro della Grande Piramide pari a 1:43.200 della circonferenza equatoriale terrestre e altrettanto si dica dellaltezza della costruzione che risulta 1:43.200 del raggio polare della terra.
FIGURA 13. LA GRANDE PIRAMIDE, RAPPRESENTAZIONE DELLEMISFERO SETTENTRIONALE

Nulla casuale in questo monumento, perch il numero 432 e 2 tutti i suoi multipli sono i numeri della Fenice, il Bennu, la chiave dei 1 H=R cicli di creazione e di distruzione del 2 nostro sistema solare secondo 5 lastronomia arcaica. 4 3 La piramide di Cheope situata proprio nel punto dove si incrociano il 30meridiano ed il 4 3 30parallelo, cos che essa potrebbe essere definita come il centro del mondo. Dividendo la massa terrestre in parti uguali, il parallelo est-ovest e il meridiano nord-sud, si incrociano esattamente in un punto, sulla Grande Piramide. una coincidenza il fatto che la Grande Piramide di Giza si trovi nel centro di gravit dei continenti? Questo particolare unito al fatto dellesatto orientamento secondo gli assi Nord-Sud, ha fatto pensare a Livio Catullo Stecchini che tale costruzione sia una sorta di strumento topografico, come ad una bussola accuratamente orientata che avrebbe potuto essere usata come un punto di riferimento geodetico per la costruzione di strutture nel mondo antico.
5
67

EMISFERO SETTENTRIONALE 1

Stecchini, Secrets of the Pyramid, citato da Graham Hancock, Impronte degli Dei, pag 231, Corbaccio. 30

Inoltre, laltezza originale della Grande Piramide un miliardesimo della distanza media della Terra dal Sole. Si pu a questo punto tranquillamente affermare che le piramidi egizie, caldee, maya, la stessa Arca dellAlleanza erano documenti metrici fatti per conservare oltre ad ogni catastrofe i rapporti fondamentali fra luomo e il divino.

31

LA SUPREMA TETRADE DELLO GNOSTICO MARCO Marco, uno Gnostico Pitagorico68, insegn che la divinit doveva essere considerata sotto il simbolo di Quattro sillabe. H.P. Blavatsky afferma69 che Marco, rivel al pubblic pi verit esoteriche di qualsiasi altro Gnostico, ma che anche lui non fu mai ben compreso, poich soltanto alla superficie o alla lettera morta della sua Rivelazione che Dio appare quale un Quaternario, e cio lIneffabile, il Silenzio, il Padre e la Verit, ma in realt tutto erroneo e divulga soltanto un enigma esoterico in pi. Marco nella sua Rivelazione narra come la Suprema Tetrade discese fino a lui dalla regione che non pu essere n vista e n nominata, sotto forma femminile, perch il mondo sarebbe stato incapace di sopportare la sua apparizione sotto forma maschile70 e gli rivel la generazione delluniverso fino allora mai rivelata n agli angeli n agli uomini. 1. Marco attribuisce alla Divinit il numero 30 elementi in quattro sillabe, che significa un Triangolo (30 = 3 + 0 = 3) ed un Quadrato (4), in tutto triangolo pi quadrato, 3 + 4 = 7 (Sette), che sul piano della manifestazione costituiscono le Sette Lettere segrete divine, delle quali composto il nome di Dio. Lelemento pu significare una nota musicale, o una lettera dellalfabeto greco. 2. La Tetractys pitagorica, si esprime in uno spazio astratto bidimensionale con un Triangolo di lato Quattro contenente Dieci Punti: 1 + 2 + 3 + 4 = 10. 3. La Tetractys pitagorica, espressa nel mondo della forma, in uno spazio tridimensionale si esprime con una piramide a base quadrata di lato Quattro contenente Trenta punti: 12 + 22 + 32 + 42 = 30.

FIGURA 14. LA TETRADE TRIDIMENSIONALE

68 69

Secondo S. Gerolamo, Marco era egizio, secondo altri insegnava in Asia Minore. H.P. Blavatsky, D.S. Cosmogenesi II, pag. 72, 73. 70 La Sapienza Segreta simboleggiata da una forma femminile velata: Iside, Sofia, Elena ecc., mentre la forma maschile rappresentava il Mistero svelato. Quindi il mondo non essendo pronto a riceverlo, non poteva sopportarlo e la rivelazione di Marco doveva essere data velata o allegorica. Quando Mos discese dal monte sacro con la Legge, il suo volto era raggiante tanto da coprirlo con un velo: alla rivelazione data al popolo eletto fu posto un velo. 32

LA TOMBA DI THOTH
Tutte queste informazioni escludono che la Grande Piramide fosse un sepolcro, ma un edificio molto particolare. Gli egittologi sono convinti che Cheope o Khufu fu sepolto nella Camera del Re. Stranamente, dimenticano gli esperti che nessuna sepoltura fu praticata sopra il livello del suolo da alcuna dinastia faraonica, in quanto il corpo appartiene allelemento terra e deve essere seppellito al di otto il livello del terreno. Erodoto e Diodoro Siculo affermano che il Re Cheope non fu sepolto nella piramide. Quando il Califfo Al-Mamun nellanno 820 d.C. viol le camere superiori, non trov alcun corpo, il sarcofago71 era vuoto e privo discrizioni e di coperchio. Gli Arabi raccontano che la Grande Piramide sarebbe la tomba di Seyidna Idris, cio di Enoch, Thoth, ma non il corpo dIdris fu sepolto nella Piramide, bens la sua scienza. Questo monumento era destinato ad assicurare la conservazione del sapere primordiale, in previsione di un cataclisma. Questo racconto si accorda molto bene col mito della collinetta primordiale della creazione egizia su cui discese il Creatore dei mondi materiali. Il nome greco di Cheope un adattamento fonetico di KHUFU o HWUFW, nome senza vocali che si pronuncia KWUFW, simile al nome del Dio degli Ebrei svelato da Mos, cio YHWH. I sacerdoti egizi mascherarono il loro segreto affermando che questo Faraone era molto odiato dai propri sudditi.

71

Sarcofago e coperchio risultano pi grandi del passaggio che porta nella Camera del Re, e pertanto sempre secondo gli esperti egittologi, i ladri si portarono via tutto: mummia coperchio, rivestimenti, lasciando sigillati i passaggi. 33

I POTERI CREATORI
Il Pentateuco, i Cinque libri sacri, formati da 72 rotoli, sono tradizionalmente attribuiti alla sapienza mosaica. Mos secondo quanto afferma S. Freud era un nobile egizio, e secondo Manetho il sacerdote egizio, Mos72 era un sacerdote egiziano di nome Osarsiph73 del tempio dEliopoli. I punti in comune fra gli Egizi e gli Ebrei sono molti di pi di quelli che normalmente simmagina, gli Egizi sono diventati odiati74 per ragioni politiche, in quanto gli antenati degli Ebrei, gli Habiru delle cronache egizie, erano secondo le affermazioni dello storico Giuseppe Ebreo gli Hyksos, i nemici degli Egiziani. La versione ebraica della creazione, quella della Genesi, afferma: In Principio Dio cre il Cielo e la Terra (Brashit bar Elohim) le Tenebre ricoprivano lAbisso e lo Spirito di Dio aleggiava sulle Acque. Dio la traduzione al singolare di un nome plurale, gli Elohim, i Poteri Creatori che vengono menzionati prima della Causa che li ha creati: lo Spirito di Dio, menzionato nel secondo versetto. I primi due versetti sono stati scambiati di posto dai successivi compilatori75 del Libro Sacro. Lo Spirito di Dio che si muoveva sulla superficie delle acque del Caos al Causa che muove la Materia dello Spazio, il Nous dei Greci. Secondo Origene, Clemente Alessandrino, Calcidio, Metodio e Maimonide, in base al Targum di Gerusalemme76 la parola Brashit significa Saggezza, Principio. Pertanto la traduzione diviene Il Principio (il Verbo), (per mezzo degli) Elohim fece il cielo e la terra. In (Il) Principio era il Verbo, il Verbo era presso Dio tutto stato fatto per mezzo di lui77 Questo uno dei Misteri meglio custoditi sulla creazione del mondo. I Poteri Creatori, gli Elohim, gli Arcangeli, sono gli esecutori del volere divino. Elohim come Angeli creatori sono anche gli Alhim78 il cui nome, formato da cinque lettere, cela il mistico (31415 = 14 = 2x7), il rapporto fra Cerchio del creato e il Diametro, simbolo del Primogenito, del Principio. Nella Cabala, il 10 un moltiplicatore e i numeri possono essere ridotti da uno a nove e pertanto: A=1 L=30=3 H=5 I=10=1 M=40=4 Leggendo in senso inverso a partire da L si ha:
72

Il nome di Mos lequivalente di bambino, termine che designa gli Iniziati che rinascendo a nuova vita ridivengono bambini. Nei nomi dei Faraoni si riscontra Thut-Moses, Ra-Moses. Gli Ebrei trasformarono il nome Moses in Moshe. 73 Sacerdote del Dio Osiride? 74 Anche il Faraone costruttore della Grande Piramide era odiato dai propri sudditi. 75 Alle origini, lInsegnamento veniva impartito solo oralmente, ad esempio da Mos ai 70 Anziani, gli scritti non erano di dominio pubblico. 76 La maggior autorit ortodossa in campo ebraico. 77 Vangelo di Giovanni 1, 1-3. 78 In Oriente, nellHimalaya, il nome dei Poteri Creatori Ah-hi, gli Alhim degli Ebrei. 34

3 + 1 + 4 + 1 + 5 = 14 = 2x7 Cerchio/Diametro = 3.1415/1 = Elohim/Primogenito


FIGURA 15. ELOHIM

M=40

A=1

CIELO TERRA I=10 H=5 I Poteri Creatori, la Forza Duale, sono rappresentati dal numero 2x7, e presiedono come Arcangeli i Sette Cieli superiori e le Sette Terre. Nel primo giorno della creazione essi separano la Luce dalle Tenebre della Materia, e fu Luce. Nel secondo giorno Dio separ le acque che sono sopra da quelle che sono sotto il firmamento. Il firmamento lAria intesa come elemento di base: prima la Luce o lEtere, poi lAria o vento Divino, poi luniverso materiale, le acque inferiori. Alla fine dogni creazione gli Elohim videro che quanto fatto era buono e ripetono per cinque volte la frase E Dio vide che era buono, una per ogni giorno della creazione. Nel sesto giorno la frase79 ripetuta due volte e precisamente una settima volta dopo la creazione di Adamo. La Tradizione Himalayana attraverso i suoi scritti segreti afferma: La Grande Madre sta con il (3), e la I (1), e il (4), la seconda I (1), e la (5), nel suo seno, pronta a partorirli, i valorosi figli del (4) (3) II (2), i cui antenati sono il (lUovo Cosmico) ed il (il Punto nellUovo).80 La Grande Madre o lo Spazio Stellare, sta col 31415, la sintesi, la Legione dei Costruttori unificata nel Primogenito, nel Verbo, pronta a partorirli i valorosi figli del 432 o il Ciclo del tempo di 4.320.000 anni, il Maha Yuga. Allinizio di ciascun ciclo di manifestazione i 2x7 Costruttori o Dei, o Arcangeli, discendono per formare un nuovo ordine di cose. La Grande Piramide dunque la rappresentazione di tale mistero. Plutarco scrive: Osiride il Nilo che si congiunge alla Terra simboleggiata da Iside, e Tifone il mare in cui il Nilo si getta e si disperde.81 Il valore numerico della parola Neilos o Nilo appunto 365, e lo scorrere del Nilo equivale allo scorrere del Tempo ciclico Inoltre il numero 365 e uguale a 3 + 6 + 5 = 14 = 2x7 il numero che cela il il numero dei due volte L=30

79 80

I versetti del primo capitolo sono il 4, 10, 12, 18, 21, 25, 27. Le Stanze di Dzyan, 81 Plutarco, Iside e Osiride, 363, D, E. 35

sette costruttori. Fu dunque con la generazione del Figlio della Luce82 che inizi il Tempo. Dividendo il cerchio celeste di 360 per 5, cio il numero dei figli generati dalla dea Nut, si ottengono 72 gradi, numero che coincide con quello dei congiurati che uccisero Osiride. Moltiplicando il numero dei congiurati 72 o anni impiegati dal sole equinoziale per completare uno spostamento precessionale di un grado, per i gradi di ogni settore zodiacale si ottengono gli anni corrispondenti ad un segno zodiacale, o ad unera di 72x30 = 2.160 anni, che diventano 4.320 anni per due costellazioni zodiacali.

82

Il primo giorno della nascita degli dei Plutarco riferisce di un voce misteriosa che diceva. Ecco il Signore di tutte le cose che viene alla Luce. 36

LA DIVINA MISURA
Nel 1792, in Francia, lo spirito illuminista che guidava la Rivoluzione francese convinse il governo rivoluzionario ad incaricare la comunit degli scienziati, attraverso lAccademia delle Scienze, della definizione di un sistema di unit di misura universale, ricavato da parametri non soggetti allarbitrio umano. Dopo ampie discussioni, per la lunghezza fu deciso che lunit base, il metro, sarebbe stata pari alla decimilionesima parte dellarco di meridiano compreso fra il Polo Nord e lEquatore e passante per Parigi83. La Misura Base nellantico Egitto era il Cubito Reale o Faraonico, non un numero intero secondo il nostro Sistema Internazionale di misura, ma in relazione geometrica esatta / 6 con il nostro metro. Non possibile che coloro che hanno ideata questunit di misura non sapessero. Ed inoltre ancora casuale che il vertice della Grande Piramide sia situato al 30 grado di latitudine? Nel mito cosmogonico, al Caos sostituita la creazione ordinata, rappresentata dalla Collinetta Primordiale, la Piramide. Da questo luogo R si manifesta dopo aver messo la dea Maat l dove prima era il Caos. Il simbolo geometrico del nuovo ordine cosmico un rettangolo, da cui sorge la testa della dea sormontata da una piuma di struzzo84, simbolo di peso preciso sulla bilancia. Nella composizione del vocabolo egizio maat appare il simbolo del cubito, o regolo, lo strumento usato sia per le misure lineari e sia per la lunghezza unitaria del flauto.
FIGURA 16. SIMBOLO DELLA DEA MAAT

Si tracci un cerchio di diametro unitario cio di 1 metro, di raggio OA uguale a 0,5 metri, dopo di che si tracci un arco di 60, la corda AB definita dal lato di un esagono regolare inscritto nella circonferenza, rappresenta il valore esatto del cubito. Il cubito reale a sua volta diviso in 7 palmi, a sua volta ognuno diviso in 4 pollici: 1 CUBITO = / 6 m = 0,5236 m = 7 PALMI = 28 POLLICI = 100 n 1/n = / 600 m = 0,005236 m 1 PALMO = / 42 m 1 POLLICE = / 168 m Questa figura quella vista quando si sono definiti numericamente i Poteri Creatori cio il , la circonferenza la cui esistenza in relazione con il Diametro, immagine del Primogenito, il Verbo di Dio. Il cubito la sesta parte di questa circonferenza, che individua un perfetto triangolo Equilatero, simbolo dellequilibrio e dellarmonia, prerogative di Maat. Il cubito dunque la sesta parte di una circonferenza di diametro un metro, parte che divisa in Sette parti ottenendo cos Sette palmi. Gli Egizi hanno per primi in occidente, almeno per quanto sappiamo realizzato un sistema di misura settenario, del tempo e dello spazio. Dividendo un palmo per Quattro, la Base di ogni Misura, si ottiene un pollice. Un cubito risulta uguale a 28 pollici, ventotto un numero legato al ciclo lunare, la creazione nel

83 84

http://www.torinoscienza.it. Figura riportata nel papiro della regina Kamara (Museo del Cairo). 37

ventre materno di un essere umano avviene in 10 mesi di 28 giorni, cio in 280 giorni, il numero di cubiti dellaltezza della Grande Piramide.
FIGURA 17. DETERMINAZIONE DEL CUBITO FARAONICO

AB = 1 Cubito

Diametro = 1

38

RITUALE DELLA FONDAZIONE DEL TEMPIO Questo rituale attribuito allArchitetto Imhotep85, Iniziato alla conoscenza del Libro Divino per costruire la dimora di Dio, ed era riportato nel Libro della Fondazione attribuito al Dio Thoth, la personificazione della Sapienza. Prima di applicare le prescrizioni del Libro della Fondazione, il Re quale Capo dei Maestri Costruttori, teneva consiglio: agli amici unici, frequentatori della Casa della Vita, poneva domande affinch i custodi del Sigillo di Dio dessero il loro parere. La cerimonia del tendere la fune era presenziata dal Faraone in persona che nel giorno stabilito, al crepuscolo indossando labito cerimoniale, si presentava nel luogo prescelto accompagnato dagli amici unici della Casa della Vita. Le operazioni avevano inizio di notte affinch il tempio potesse essere orientato fissando esattamente il Nord, osservando la stella polare. Il procedimento del rituale e della Misura riportato in una descrizione dellepoca tolemaica nel Tempio di Edfu, dedicato a Horos, procedimento che trasse la sua origine dalle regole di Imhotep. Ho afferrato il piolo. Prendo la corda di misurazione Il mio occhio fisso sulla Grande Orsa86. Io conto il tempo, verifico, lorologio, stabilisco gli angoli del mio santuario87 Dopo aver individuato lOrsa Maggiore, il Faraone il cui nome Per-aa, la Grande Casa, servendosi della clessidra calcolava i tempi necessari e con uno strumento detto merkhet88 determinava lorientamento dei quattro angoli del luogo sacro. Il giorno successivo, il Re tendeva la fune ai quattro angoli dopo aver piantato i picchetti servendosi di un mazzuolo doro, dopo di che scavava il primo solco quattro volte con la zappa, poi posava il primo mattone quattro volte per i quattro angoli del tempio: Infine egli purificava quattro volte la cinta del tempio. Il Tempio delimitato dal solco perimetrale rappresenta il cosmo manifestato sorto dalle Acque dello Spazio. Akhet lo spazio cosmico dove nasce la prima collinetta, di cui la piramide un simbolo. Questo Tempio, delimitato dal solco sacro tracciato dal Faraone fatto ad immagine delluniverso.

85

Imhotep, visir del Faraone Zozer, ideatore della piramide a gradoni di Saqquara, fatta con pietre estratte dalle cave e gi squadrate, alto sacerdote in Eliopoli (On la citt della colonna su cui si pos la Fenice), astronomo generale Capo degli Osservatori celesti, esperto in medicina tanto da essere identificato dai Greci con il dio della medicina Asceplio. stato in seguito deificato, quale Sommo fra i Sommi Iniziati. 86 La Grande Orsa era nota dagli Egizi col nome di Coscia di Bue. 87 Rituale egizio pronunciato dal Faraone nellatto di delimitare le fondamenta di un Tempio. 88 Il merkhet era uno strumento composto di una livella alla cui estremit e collegato un filo a piombo. Unito ad un cerchio graduato di pietra o di rame, costituiva il mezzo per realizzare il giusto allineamento. Gli astronomi egiziani puntando al centro dellellissi formato dalla variazione massima della polare, erano in grado di stabilire esattamente il nord. 39

LA SCELTA DELLINCLINAZIONE Il calcolo assicurato: la porta daccesso alla conoscenza di tutte le cose e agli oscuri misteri.89 La determinazione dei profili, cio delle pendenze delle piramidi era un compito non solo matematico ma anche religioso Da un punto di vista matematico si trattava di scegliere una figura geometrica che possedeva un rapporto semplice con angoli facili da controllare; da un punto di vista religioso, mistico e occulto, i numeri scelti per tali calcoli rivestivano una grande importanza. Un rapporto importante era quello del Re Huni a Meidum il cui profilo sullapotema era pari a 14/11 con un angolo di 51 50 35. La dualit della manifestazione espressa dal rapporto 14/22 dellaltezza con la base, cio due volte sette e due volte undici. 14 palmi 11 palmi = 2 cubiti 1 cubito + 4 palmi

Il numero 14 o due volte sette nasconde il numero , che richiama la circonferenza, mentre il numero 11 composto da un cubito di sette palmi pi quattro palmi, richiama il quadrato di base in relazione con il numero lunare sette che per gli antichi era oggetto di venerazione. La grande Piramide stata appunto realizzata con questo profilo mistico e matematico. NellAntico Regno gli architetti, che inizialmente portavano il semplice titolo di falegname90, e i muratori erano alle dirette dipendenze dei due grandi Sommi Sacerdoti di Menfi i quali portavano il titolo di Gran Maestro dArte91.

14 22

= 51 50 35 14 11 tan = 14/11 = 1,2727


FIGURA 18. SCELTA DELLINCLINAZIONE

1 cubito = 7 palmi

89 90

Papiro Rhind. Nellantica India, Vishvakarman, lArchitetto dellUniverso, il costruttore degli Dei, considerato un takshata, un intagliatore di legno, un falegname. Il termine architetto deriva da archi-tekton, lantico capomastro della confraternita dei muratori. Il padre di Ges era un falegname, nel testo greco dei Vangeli il termine tekon, che Lutero traduce come carpentiere. Secondo Vitruvio, larchitetto della Roma dei Cesari, il tekon doveva conoscere la matematica, la geometria, lottica e lastronomia. 91 G. Goyon, il segreto delle grandi piramidi, p.63, Newton. 40

LA GEOMETRIA ARCHITETTONICA
La Camera del Re situata ad un livello pari ad un terzo dellaltezza teorica. La superficie orizzontale a questo livello risulta la met esatta, in rapporto di ottava, rispetto alla superficie di base della piramide il cui lato uguale al lato di base diviso la radice quadrata di due, che un numero irrazionale o incommensurabile, sconosciuto secondo gli esperti, agli antichi. La Camera della Regina, esattamente centrata sullasse verticale della piramide, mentre il livello del suo pavimento si trova posto ad un settimo dellaltezza della piramide pi un cubito.
FIGURA 19. LIVELLI PRINCIPALI DELLA GRANDE PIRAMIDE B = 440 CUBITI H = 280 CUBITI C = 1/7 H + 1 CUB. LIVELLO CAMERA DEL RE LIVELLO CAMERA DELLA REGINA

2/3 H H

1/3 H

B I livelli dei pavimenti delle due camere sono in relazione con il numero cinque, il numero chiave della Grande Piramide, in quanto il pavimento della Camera della Regina si trova in corrispondenza con la venticinquesima (5x5) fila di gradinate, mentre quello della Camera del Re si trova in corrispondenza della cinquantesima (5x10) di gradinate esterne. La Camera della Regina rispetto alla Camera del Re, si trova ad un rapporto di ottava (1/2) rispetto alla numerazione delle file di gradinate esterne, stranamente lo stesso rapporto armonico92 si ritrova fra la superficie del livello della Camera del Re rispetto al livello di base. I cosiddetti canali di areazione della Camera superiore o del Re individuano un quadrato di lato 440/2,2 = 200 cubiti di cui una diagonale, individua la direzione del canale sud93, mentre il canale nord serve la diagonale di un rettangolo che circoscrive la sezione di unaltra piramide ridotta di 2,2 volte: infatti, ha come base 200 e come altezza 280/2,2 =127.2727 cubiti, cio 100 volte il valore della tangente dellangolo di base e come lato 94 inclinato 161,85 cubiti, 100 volte il numero aureo = 1,61803. La dimensione laterale della nuova piramide serve ad individuare i passaggi dei canali di areazione della Camera della Regina come visualizzato in figura. In definitiva i canali di
92

Si prenda una corda di lunghezza unitaria 1 e la si divida in due parti uguali di lunghezza , il suono ottenuto dalla corda di lunghezza di unottava superiore o armonia, diapason, rispetto a quello della lunghezza unitaria. 93 Riportato in appendice 5 del libro Il Mistero di Orione di R. Bauval e A. Gilbert. 94 Il numero aureo, il cui valore dipende dalla radice quadrata di cinque, stato descritto da Leonardo da Vinci nel trattato De la Divina proporzione del suo amico frate Luca Paccioli. Il numero irrazionale, di cui 0,618 una approssimazione, noto con il nome di numero Aureo, o piccola sezione aurea, e grande sezione aurea, cio = 1 + = 1,618. 41

areazione sono gli invisibili canali che collegano il modello delluniverso, la Grande Piramide, alluniverso stesso.
200 Canali di areazione Sud

127,27

280 200

79 21

21

200 440 FIGURA 20. RAPPORTI GEOMETRICI DELLA GRANDE PIRAMIDE

La Grande Piramide ha ciascuna faccia laterale formata da due mezzi triangoli aurei e la cui superficie proporzionale a . Se si costruisce il quadrato sullaltezza verticale della piramide, si ottiene esattamente la superficie di ognuna delle facce triangolari, il cui valore proporzionale a . Inoltre, eseguendo il rapporto fra le quattro superfici triangolari laterali della piramide e la superficie quadrata della base, si ritrova ancora il numero aureo .
FIGURA 21. RAPPORTI AUREI Rettangolo Aureo Area = = Area = 2 2 tan = 1,6185 = tan = 1,2727 = 1

42

PIRAMIDI, STRUTTURE MATEMATICHE


I SEGMENTI INCOMMENSURABILI
Nel capitolo precedente il lato del livello della Camera del Re rispetto al corrispondente lato di base radice due volte inferiore, e come lato inclinato un valore proporzionale al numero doro che a sua volta in relazione con la radice quadrata di cinque. Si vedr in seguito che nella costruzione della Grande Piramide segmenti incommensurabili che dovrebbero essere sconosciuti agli antichi egizi, viceversa erano da loro conosciuti ed utilizzati. I Pitagorici definivano due segmenti commensurabili se il loro rapporto fosse sempre esprimibile con un numero che oggi chiamiamo razionale, ad esempio un segmento lungo quattro unit rapportato con un segmento lungo cinque unit fornisce il valore finito 4/5. Ad esempio il lato e la diagonale del quadrato non sono fra loro commensurabili, non esiste alcuna parte del lato contenuta nella diagonale. Gli storici, i matematici moderni mal compresero i Pitagorici che vengono descritti in gravi difficolt quando scoprirono lesistenza di tali segmenti che avrebbero dovuto segnare il crollo delle loro convinzioni. Le severe punizioni, la morte, per chi come Ippaso, avesse rivelato i loro segreti vista come un espediente per nascondere il loro fallimento dottrinale. Il Neoplatonico Proco afferm enigmaticamente a questo proposito: I Pitagorici narrano che il primo divulgatore(Ippaso) di questa teoria (degli irrazionali) fu vittima di un naufragio; e parimenti si riferivano alla credenza secondo la quale tutto ci che irrazionale, completamente inesprimibile e informe, ama rimanere nascosto; e se qualche anima si rivolge ad un tale aspetto della vita, rendendolo accessibile e manifesto, viene trasportata nel mare delle origini, ed ivi flagellata dalle onde senza pace. La verit che i numeri irrazionali appartenevano ai segreti dellIniziazione, in quanto erano in relazione con lazione del divino nel mondo materiale. Secondo la leggenda, fu proibito ai Pitagorici di rivelare ad altri i segreti dellInsegnamento. Il traditore fu il pitagorico Ippaso di Metaponto che divulg il segreto. Ippaso discepolo di Pitagora, si schier a capo degli Acusmatici95, con i ribelli, quando questi cacciarono i pitagorici da Crotone. Per il suo tradimento, Ippaso venne messo al bando dai Pitagorici che, si racconta, gli innalzarono un monumento funebre, perch fosse chiaro che per loro era morto. Proclo narra che, lo stesso Giove, adirato contro di lui, lo fece perire in un naufragio. Altri segmenti incommensurabili sono il rapporto fra il diametro e la circonferenza, che come si visto nasconde la gerarchia degli angeli costruttori, il lato del decagono regolare con lapotema, il lato del pentagono regolare con lapotema, ed infine il lato del cubo con la diagonale. La conoscenza di tali segmenti era dovuta alluso intelligente del compasso e della squadra. A questo proposito si tracci una circonferenza di raggio unitario e in questa sinscriva una quadrato e poi un triangolo equilatero, due figure che rappresentano rispettivamente lo spazio regolare e la Divinit astratta. Il lato del quadrato assume il valore
95

Nella scuola pitagorica, gli Acusmatici ( = sento, ascolto) erano uditori. Essi assistevano alle discussioni, ai lavori della scuola, senza per potervi intervenire attivamente, questo essendo privilegio esclusivo dei membri della scuola. L'Acusmatico era, dunque, un non iniziato cui era concesso eccezionalmente di attingere alla fonte della conoscenza. I Matematici, gli Iniziati, invece avevano la facolt di parlare liberamente con il Maestro e quindi di formare unopinione personale, 43

radice quadrata di due, mentre il lato del triangolo la radice quadrata di tre. Entrambi i numeri risultano irrazionali, incommensurabili con il segmento unitario.
FIGURA 22. COSTRUZIONE PRINCIPALI SEGMENTI INCOMMENSURABILI

R =1 L= 2 L= 3

R =1

Si disegnino quattro quadrati di lato unitario accostati in modo da formare un quadrato maggiore di lato pari a due unit. Da un vertice del quadrato maggiore si tracci una circonferenza di raggio uguale al lato del quadrato considerato. Sindividuano con la squadra i punti per creare un triangolo equilatero di lato pari al raggio e tre numeri irrazionali, rispettivamente la radice quadrata di due, di tre, e di cinque, non calcolabili esattamente, ma costruibili come si visto con la squadra e il compasso. C 1 B D

1 O A

FIGURA 23. ANTICO UTILIZZO DEL COMPASSO E DELLA SQUADRA

44

DISPOSIZIONE DELLE TRE PIRAMIDI DI GIZA John Legon dimostr che le tre piramidi di Giza si inscrivono in un rettangolo con il lato maggiore di 1732 cubiti e con il lato minore di 1432 cubiti e che la diagonale di questo rettangolo pu essere espressa con la radice quadrata di cinque96. I due lati del rettangolo sono mille volte la radice quadrata di tre e di due, la diagonale risulta dunque mille volte la radice quadrata di cinque. La radice quadrata di cinque segna dunque i rapporti costruttivi interni ed esterni del complesso architettonico di Giza.
FIGURA 24. DISPOSIZIONE DELLE TRE PIRAMIDI DELLA PIANA DI GIZA

Micerino

Chephren 1732 Cheope 1432 Cook osserv che era possibile dimostrare come un sistema geometrico assiale unisse la piramide centrale di Khafra (Chephren) alle pi piccole piramidi satelliti vicina alla prima e alla terza piramide. I principali angoli cos determinati misuravano 60 e 26,5 gradi. Ora il primo langolo del triangolo equilatero, mentre il secondo determinato dalla diagonale del doppio quadrato. Ma lo stesso angolo di 26,5 gradi si ripresenta nei passaggi principali della Grande Piramide e nel doppio quadrato della Camera del Re, di nuovo sfidando i limiti della coincidenza Le piramidi di Giza rappresentano unaffermazione simbolica scritta nella pietra e il linguaggio di una filosofia matematica.97 R. Bauval e A. Gilbert, nel loro libro il Il mistero di Orione hanno fatto notare che la disposizione delle tre piramidi rispetta la posizione celeste delle tre stelle della cintura di Orione.
96 97

Citato da R. Bauval e A. Gilbert, in Il mistero di Orione, p. 62, Corbaccio. Ib., p. 63. 45

I SEGRETI DEL PENTAGONO REGOLARE


La radice quadrata di cinque, oltre ad essere collegata alla diagonale del doppio quadrato di lato unitario, connessa con la divisione della circonferenza in cinque e in dieci parti. Si pu dimostrare che il lato di un decagono regolare la parte aurea del raggio unitario che circoscrive la figura. Un decagono divide la circonferenza in Dieci triangoli Isosceli, la cui base un lato del decagono: sindividuano dieci triangoli isosceli con angolo al vertice superiore di 36 e angoli di base di 72. Questi triangoli isosceli, denominati sublimi98, si ritrovano in numero di cinque, con base coincidente ai lati di un pentagono regolare e con i lati maggiori che disegnano una stella a Cinque punte i cui vertici coincidono con quelli del pentagono. Il simbolo di riconoscimento dei Pitagorici era una stella a cinque punte denominata Pentalfa. Il numero 36 che individua langolo al vertice, rappresenta la cosiddetta Tetractis, ossia: La forma pi alta di giuramento, come stato rivelato, ed ha avuto il nome di mondo perch formata dalla somma dei primi quattro numeri pari e dei quattro dispari.99 Laltro angolo, quello di base uguale a 72, coincide con il numero dei congiurati che uccisero Osiride, rinchiudendolo nella Bara, precipitandolo nel mare della manifestazione, nel Mondo del creato. La Tradizione Cristiana pone a 72 il numero delle spine (simboli dei coltelli) della corona che fu posta prima di morire sul capo di Ges, e a 5 il numero delle ferite mortali. Come i Pontefici di Iside, anche quelli di IHVH per ordine di Mos dovevano indossare sopra la veste bianca unaltra chiamata piviale attorno alla quale erano attaccati 72 campanelli doro. Il sacro nome di IHVH combinato nella forma della Tetrade pitagorica vale 72, come il numero dei suoi ineffabili nomi.
FIGURA 25. IL SUBLIME TRIANGOLO ISOSCELE

1 R=1

36
72 72 = 0,618

= 0,618

Il lato del pentagono risulta essere la parte aurea del lato della Stella del Pentalfa. I lati del Pentalfa intersecandosi individuano un pentagono pi piccolo con il vertice rivolto verso il basso; allinterno di questa figura si pu tracciare una nuova stella a cinque punti, e cos via allinfinito. La prima considerazione da fare che la base del triangolo isoscele, misura 0,618 volte il raggio o il lato maggiore del triangolo. Assumendo un valore unitario per il raggio del cerchio che circoscrive il decagono, si ha il rapporto raggio - lato, o lato maggiore - lato minore uguale a 1/0,618 = 1,618 che si pu scrivere: 1/ = .
98 99

Il triangolo isoscele con gli angoli di base di 36 e langolo al vertice di 108 chiamati il Delta luminoso. Plutarco, De Iside, A, 232. 46

Con = 0,618 si intende il numero Aureo, o piccola sezione aurea, mentre sintende per grande sezione aurea, il numero = 1 + = 1,618. Tale rapporto 1/ = = , stato considerato, sin dalla sua scoperta, come la rappresentazione della legge universale dellarmonia.
1

FIGURA 26. ARMONIE DEL PENTALFA

P P

Prendendo in esame un lato della stella del Pentalfa si nota che si ottengono quattro segmenti a, b, c, d, ognuno dei quali la parte aurea del primo. Il Pentalfa in grado di generare una serie infinita di pentagoni e di stelle a dimensioni via via decrescenti accompagnati da una serie infinita di rettangoli aurei S, P, L, come visualizzato nella figura seguente.
FIGURA 27. PENTALFA E RETTANGOLI AUREI

RETTANGOLI AUREI [a b] - [b c] - [c d] a=c+b b=d+c

a = s5 = lato stella 5 punte b = l5 = lato pentagono esterno d = l5 = lato pentagono interno 47

IL PASSAGGIO ATTRAVERSO LA PORTA


La porta raffigurata con due pilastri uniti da una terza trave o architrave, il simbolo della lettera . Il geroglifico che indica la porta si legge sba il cui significato stella e Insegnamento. La porta rappresenta un passaggio fra due ambienti, luno appartenente alla forma, alla manifestazione, laltro al mondo dello Spirito.
FIGURA 28. PORTA CON PROPORZIONI

In una tomba tebana100, sulla parete nord, raffigurato il defunto che da Est va verso Ovest, verso LAmenti101, colui che tramonta. Il rapporto fra laltezza e lapertura della porta uguale a . La facciata del terzo pilone del grande tempio di Ammon a Karnak disegnata sulle pareti del Tempio di Luxor ci mostra cos comera ai tempi di Amenofi III.
FIGURA 29. PORTA DEL TEMPIO DI KARNAK SCALA 1: 6 CUBITI

B 1 2x10/12 B 1

Il tempio di Karnak, il grande santuario di Tebe, afferma R.A. Schwaller de Lubicz, era noto come ledificio il pi calcolato dei luoghi, tanto che i minimi dettagli della costruzione possono essere considerati come il risultato di unoperazione matematica e geometrica lungamente meditata. Questo Tempio stato misurato in tutti i suoi particolari da R. A. Schwaller de Lubicz e commentato nel suo libro Il Tempio dellUomo e in parte nel La Scienza Sacra dei Faraoni102 nel capitolo luomo e le misure. Se si prende come unit lapertura della porta principale del Tempio di Karnak, laltezza della stessa apertura uguale a , cio la base del rettangolo coincide col diametro di una circonferenza, mentre laltezza ne rappresenta il suo sviluppo.

100

Pittura parete Nord, Tomba di Amen-Hotep-Si-Se, Tebe (XVIII dinastia) riportato da R.A. Schwaller de Lubicz La Scienza Sacra dei Faraoni ed. Mediterranee, pag 105. 101 LAmenti il mondo dei Morti, o meglio della morte della forma. 102 R. A. Schwaller de Lubicz, La Scienza Sacra dei Faraoni, Edizioni Mediterranee. 48

H = B

H = 2B

RELAZIONI FRA IL E IL

La porta contiene in s due rapporti fondamentali: 1. Lapertura interna realizzata con rapporto /1, simbolo dellInfinito. 2. Le dimensioni esterne sono realizzate nel rapporto 2/1, il rapporto delle dimensioni del pavimento della Camera del Re, che come si visto, mostra il modo di calcolare il segmento aureo. Inoltre il rapporto 2/1 quello che viene definito rapporto di ottava, lArmonia. Schwaller de Lubicz, ha trovato nellapertura della porta la relazione che lega il numero e il numero aureo. Schwaller de Lubicz103, ha trovato, la relazione che lega il numero e il numero aureo. Laltezza del Faraone di 5 cubiti reali104, con il braccio sollevato laltezza diviene 6 cubiti, come rappresentato nel corridoio di accesso della tomba di Ramsete IX105. Sappiamo che laltezza totale delluomo divisa dallombelico in due grandezze che sono fra loro come 1 e . Laltezza delluomo dunque proporzionale a 1 + = = 2,618. La posizione corrispondente allombelico infatti ritenuta il baricentro del corpo umano. Botticelli rappresent la sezione aurea ne La Venere. Infatti misurando laltezza da terra dellombelico e laltezza complessiva il loro rapporto risulter 1,618; cos anche il rapporto tra la distanza tra il collo del femore e il ginocchio e la lunghezza dellintera gamba o anche il rapporto tra il gomito e la punta del dito medio e la lunghezza del braccio. Laltezza del Faraone di 5 cubiti, con il braccio sollevato laltezza diviene 6 cubiti, come rappresentato nel corridoio di accesso della tomba di Ramsete IX. Laltezza del Faraone riportata allUnit, pi la sua Quinta Parte dovuta al braccio alzato vale: (1 + 1/5) = 6/5 di Cubito Reale associata alla sezione aurea 2 d il numero , infatti:
2

. Altezza delluomo Altezza del Faraone, lUomo Dio = 2,618 = 3,1415


2

Prendendo in esame la relazione anzich con 6/5, con 12/10, il valore di associato alla divisione per 12 del cerchio celeste, e come scrive Schwaller de Lubicz: Cos dodici Uomini Reali misurano il ciclo del cielo Da un punto di vista geometrico, attraverso il regolo e il compasso si realizza la lunghezza del numero irrazionale attraverso la funzione del Numero dOro.
103 104

Il Tempio dellUomo e in parte nel La Scienza Sacra dei Faraoni, capitolo luomo e le misure. Il Faraone, Horos in terra, limmagine dellUomo Celeste, pertanto rappresentato simbolicamente alto 5 cubiti reali, mentre luomo comune 4 cubiti. 105 Questo dipinto, situato nella Valle dei Re di Tebe, ci d le misure del cubito reale, cio di 0,5236 = /6 m. La mummia reale disegnata inclinata sullipotenusa del triangolo rettangolo sacro di dimensione 3, 4, 5 cubiti. 49

PARTE SECONDA

IL SENTIERO DEI MORTI E LE CAMERE DI RESURREZIONE

50

IL CAMMINO NELLE VISCERE DELLA MATERIA


I PASSAGGI DEI SERPENTI Nel Libro dei Morti106 Egiziano, il progresso dellanima attraverso il mondo sotterraneo raffigurato in termini di un sistema di sale e di passaggi che ricorda quelli della Grande Piramide. Il sistema interno di passaggi della grande Piramide simbolizzava le prove che il Defunto doveva sostenere nel mondo sotterraneo, nelle viscere della materia. Il sistema di passaggi della Piramide, era una specie di mappa per lanima, un addestramento al mortale gioco di scale e di serpenti che avrebbe costituito il suo futuro passaggio attraverso il mondo sotterraneo verso una eventuale rinascita.107 Gli stretti passaggi, erano in realt dei cunicoli che bisognava attraversare camminando sulle ginocchia o strisciando come un serpente. Nei tempi antichi, il Serpente rappresentava la Saggezza Divina e la Perfezione, fondamento della Rigenerazione e dellImmortalit. I sacerdoti del dio Sole si chiamavano Serpenti, assumevano sempre il nome del loro dio. I Celti affermavano: Io sono un Serpente io sono un Druido. Fra i Maya il dio istruttore era Cuculcn era rappresentato simbolicamente come un Serpente, ed era un grande organizzatore, un fondatore di citt, un legislatore, un esperto in astronomia. Presso i QuetzoCohuatl, i sacerdoti chiamavano s stessi Hivim e Serpenti. Le caverne dei Rishi Ind, le dimore di Tiresia e dei veggenti greci, erano modellate a imitazione delle tane dei serpenti ind, quelle dei Naga. Lantica cripta egizia era chiamata la tana del serpente, identico nome con il quale, nellantico Messico, si chiamava il passaggio sotterraneo che, si diceva, terminasse alle radici del cielo. I cunicoli della Piramide erano i passaggi destinati ai Serpenti di Saggezza. Ges disse: Siate saggi108 come serpenti Nella mitologia greca, Zeus rappresentato come un Serpente, il tentatore intellettuale delluomo che, nel corso della sua evoluzione ciclica, genera Bacco, il Dioniso solare, che sar poi il Salvatore delluomo. Il Grande Drago, il Grande Diluvio, non rispett che i Serpenti di Saggezza, le cui tane sono sotto le Pietre Triangolari109. Il Commentario alle Stanze di Dzyan afferma che le dimore dei Serpenti di Saggezza erano le tane triangolari, cio le piramidi. I passaggi principali risultano ampi 2 Cubiti, numero che indica la dualit. Questa la via facile di coloro che nascendo sono imprigionati o sepolti nel corpo fisico, e che coscienti di questa verit dopo la discesa ricercano la via per risalire o per risorgere conquistando limmortalit dal sarcofago senza coperchio posto nella camera pi elevata, quella del Re. Il Faraone e i frequentatori della Casa della Vita, ripetevano le gesta del Loro Dio e come Osiride vincevano la morte, diventando i due volte nati. Nellantico Egitto la conquista dellimmortalit era riferita a tre distinte categorie:

106 107

Il vero titolo dell'opera (Dell) Uscire verso (la Luce del) Giorno. Peter Lemesurier , Scritto nella Pietra, Parte I, Armenia. 108 I pii compilatori cristiani, non comprendendo il perch di questa affermazione di Ges, hanno preferito sostituire prudenti al posto di saggi. 109 Commentario alle Stanze di Dzyan. 51

1. Il Faraone, che con i riti dellincoronazione diveniva il Mediatore fra il Cielo e la Terra, e in virt di questi riti salendo sul trono assumeva il nome di Horos. 2. Gli Iniziati, i frequentatori della Casa della Vita, coloro che hanno vinto la morte durante la propria esistenza terrena. 3. Il popolo che dopo la rivoluzione democratica, per il quale il rituale funerario con limbalsamazione diveniva la condizione necessaria per conseguire limmortalit. Il mistero della Grande Piramide era precluso alla terza categoria, che legato alla forma, si accontentava dellesteriorit del rituale svolto dal clero. La circostanza che Faraone oltre ad essere Re fosse anche Iniziato confermato da Plutarco110. E quando il Re era scelto nella classe dei guerrieri, automaticamente passava a far parte di quella de sacerdoti e veniva Iniziato alla loro filosofia ed senzaltro per indicare questa caratteristica della loro filosofia che davanti ai templi i sacerdoti collocavano le sfingi, a significare ci che la loro teologia intessuta di sapienza enigmatica.111 Il Faraone, il rappresentante del Sole in Terra, rappresenta il Maestro Costruttore che realizza, nella Piramide, il modello celeste. La seconda categoria era rappresentata dai discepoli del Maestro Costruttore, i frequentatori della Casa della Vita, la cerchia degli Iniziati, noti come i Giustificati, coloro che si cingevano della fascia della conoscenza. Sono colui che cinge la fascia della conoscenza, la fascia del Num. brillante e risplendente,attorno alla sua fronte,quella che rischiara le tenebre, e che riunisce i due Urei.112 Nel Libro dei Morti, il candidato lascia la terra profana per dirigersi verso la necropoli con lintento di scoprire le vie della saggezza. Il sarcofago, la bara113, al pari della piramide la prigione della divinit nella forma. Accanto al sarcofago dellIniziato erano posti i simboli di chi aveva vinto la morte in vita. o Il primo simbolo era la corona della giustificazione, simbolo della conoscenza. o Il secondo simbolo era locchio della conoscenza spirituale o di Horos. o Il terzo simbolo era quello delle due piume, limmagine degli opposto equilibrati. o Gli ultimi simboli erano quelli del Maestro Costruttore, quali la squadra, simbolo di Maat, lOrdine Cosmico, la livella, la scala e un sole che sorge dallorizzonte.

110

Plutarco era un Iniziato e il suo maestro Ammonio Sacca era di origine egiziana ed perci molto probabile che fosse molto istruito intorno ai Misteri Egiziani. 111 Plutarco de Iside, 354 c. 112 Libro dei Morti, LXXX 113 Osiride fu posto da 72 congiurati in una bara che poi fu sigillata. 52

IL PASSAGGIO DISCENDENTE Il passaggio discendente di ampiezza 2 Cubiti la via dei morti. Lingresso della Grande Piramide114 situato alla diciannovesima fila di gradinate esterne, pertanto collegato col numero 19, il quale associato con il ciclo di eclissi lunari. Il significato chiaro: la morte periodica del Sole e del Faraone il suo rappresentante sulla terra. La condizione di chi si preparava allIniziazione, era paragonata con quella di chi si preparava alla morte: il termine greco di morire teleutai, quello di Iniziato teleisthai, che evidentemente sono simili. Raggiunta la morte, lanima sente una sensazione simile a quella degli Iniziati ai Grandi Misteri.115 Per quanto riguarda il destino dellAnima, i Maestri diedero i seguenti insegnamenti: 1. LAnima divina, mentre il corpo la tomba che la imprigiona. 2. La nascita fisica la caduta o morte nella materia. 3. La morte cosciente nel corpo fisico, la seconda morte quella della personalit, equivaleva alla riconquista della coscienza originale, quella divina. 4. LIniziato spogliatosi della personalit si univa con lelemento spirituale per ridiventare ci che era e assumeva il nome del suo dio, Osiride. Lingresso nella Grande Piramide equivale ad una caduta nella materia, una morte per lo spirito che al pari di Osiride sigillato in una bara dai 72 congiurati capeggiati da Seth, il lato oscuro della forza. Il passaggio ascendente che doveva portare il Candidato vero le camere superiori bloccato da tre tappi di granito, della lunghezza di 10 cubiti reali, ostacoli che non potevano essere abbattuti, pertanto era dobbligo procedere ancora verso il basso verso il sistema sotterraneo. I tre ostacoli di granito erano riferiti alle imperfezioni del corpo fisico, del corpo emozionale e del corpo mentale.
FIGURA 30. IL PASSAGGIO DISCENDENTE LATO NORD gradinate esterne Tappo di granito 261810 515114 261810 Attuale passaggio forzato Passaggio discendente Ingresso 19a fila

Passaggio ascendente

114

Lo storico Strabone cinforma che nei tempi antichi si poteva entrare facilmente nella parte inferiore della piramide, semplicemente facendo ruotare una porta di pietra, che per gli Arabi non riuscirono a ritrovare e dovettero effettuare degli scavi a caso. 115 Plutarco, fr. 178. 53

LA CAMERA SOTTERRANEA LA DISCESA NELLA CRIPTA Il viaggio nelloltretomba del Defunto, il candidato egizio allIniziazione nella tenebra, nelloffuscamento di tutto ci che prima dava conforto e sicurezza. Il candidato, inchinandosi sulle ginocchia imboccava il tunnel dei morti, il passaggio discendente della piramide di larghezza due cubiti reali, 56 pollici pari a 1,048 metri e di altezza 1,20 metri, cio 64 pollici = 2 cubiti e 2 palmi. Laltezza di un uomo secondo il canone egizio di 4 cubiti, piegandosi per entrare, si dimezza laltezza a 2 cubiti, aggiungendo 2 palmi si ottiene laltezza del cunicolo. Il numero Due, la dualit, caratterizza le dimensioni del tunnel discendente nel ventre della materia.
FIGURA 31. MISURE DEL PASSAGGIO DISCENDENTE

2 CB + 2
Palmi

2 CB

I tappi di gradito, gli ostacoli della personalit impediscono lascesa, occorre proseguire per la via dei morti e far morire quei corpi che ostacolano lazione dello spirito. Proseguendo nella buia discesa il Candidato (Defunto), imbocca un tratto orizzontale ove si ha un restringimento per lato di quasi 10 cm (5,23 pollici) del cunicolo sia in larghezza che in altezza. Il restringimento causa un ulteriore senso di soffocamento.
FIGURA 32. LIMBOCCO AL PASSAGGIO ORIZZONTALE

Dopo aver imboccato il pi stretto cunicolo si giunge ad una Piccola Camera116 a sezione quadrata di lato 3,5 CB. Giungendo in un luogo tenebroso, il Defunto dice:

116

Le misure delle stanze, dei cunicoli sono riportate nel libro di Peter Lemesurier, Scritto nella Pietra, ed. Armenia. 54

Che razza di luogo questo in cui sono arrivato? Non ha acqua, non ha aria; di profondit insondabile, nero come la notte pi nera117 Perch nella Camera Sotterranea Minore il pavimento e le pareti sono state rifinite e il soffitto lasciato basso e grezzo? A meno che, questi particolari siano simbolici. Il soffitto rappresenta lo spirito, il pavimento la parte fisica, le pareti la parte psichica. La via verso lalto ancora preclusa, occorre procedere, per poi giungere ad una Camera Maggiore rettangolare il cui sviluppo perpendicolare al condotto in direzione ovest. La Grande Camera sotterranea118 scavata nella roccia, la stanza situata nel punto pi basso della Piramide, il fondo della caduta nella materia e potrebbe essere la cosiddetta Camera del Fuoco Centrale (trasformato in Inferno dalle teologie successive) di cui si parla nel Libro dei Morti.
FIGURA 33. LE CAMERE SOTTERRNEE E I RELATIVI PASSAGGI Camera Maggiore Camera Minore S - 2 RC Corridoio cieco Pozzo 2 RC N 261810

Secondo la teoria corrente, questa Camera Maggiore fu lasciata incompiuta, per via delle irregolarit sul pavimento. In compenso le pareti e il soffitto sono state levigate. Di fronte al corridoio, allinterno della Camera vi una specie di pozzo profondo di circa 277 cm (5 CB + 8 pollici; due cubiti nella parte regolare pi fonda). Proseguendo verso Sud oltre la Grande camera sotterranea, il Defunto imbocca un altro cunicolo a forma quadrata con un ulteriore restringimento si sezione di dimensioni poco meno di 1,5 CR (75 cm). Questultimo corridoio situato pi in basso di altri due cubiti rispetto al corridoio di ingresso alla camera. Si ha ulteriore discesa nella materia, il restringimento del tunnel obbliga a strisciare per giungere al fondo del corridoio cieco. A meno di una camera segreta oltre la parete rocciosa non possibile procedere oltre. Tornando indietro il Defunto si trova di fronte un pozzo dai contorni irregolare, come del resto ogni particolare della pavimentazione. LA DISCESA NEL POZZO La discesa nella cripta buia e tenebrosa, equivale alla discesa degli Inferi o dellAde. Gli Inferi sono descritti come un Abisso, un luogo dove regna loscurit, un pozzo profondo, una tomba, un luogo di morte, la Porta degli Inferi. La discesa e la risalita dagli Inferi facevano dellIniziato un Soter, un Salvatore. Lanaloga condizione ebraica era quella del Messiah,
117

Libro dei Morti Egizio, citato da J. Naydler, Il Tempio del Cosmo, Religione magia e miti nellantico Egitto, p. 285. 118 In questa camera sono state trovate iscrizioni romane fatte col fumo, a conferma di quanto scriveva Strabone sul fatto che la parte inferiore della Piramide era visitabile. 55

parola che deriva da Mashiac. In ebraico, shiac, anche usato come verbo che significa discendere nel pozzo, se viene usato come nome significa rovo di spine. Il participio di questa parola Messiach, che significa Colui che causa la discesa nel pozzo. La discesa o la caduta nel pozzo tale che un uomo che si trova nel pozzo a testa in gi guardando verso i propri piedi: limmagine che si riceve quella di entrare con la testa nelle acque, nel ventre liquido della Madre Terra. Nel Libro di Giobbe, lIniziatore porge le seguenti domande alluomo del dolore: Ti sono state aperte le Porte della Morte, hai veduto le Porte dellombra della morte?... Sei tu giunto fino alle sorgenti del Mare? Hai tu passeggiato nella profondit dellAbisso?\ Le sorgenti del Mare, sono quelle del Mare dello Spazio, gli elementi con cui sono fatte tutte le cose. Il passeggiare nelle profondit dellAbisso avviarsi verso loscurit della materia grossolana per essere inghiottiti nel luogo delle Tenebre, nella bara. Il Defunto, nome del candidato allIniziazione, passa nel grembo della madre terra, nella placenta della Madre Terra, dove viene avvolto dagli elementi e ricoperto di pelle! Apuleio dice di aver raggiunto il confine della morte posto nellemisfero celeste che sta al di sotto dellorizzonte ovvero a Occidente (Ovest). La direzione verso Occidente situata a destra entrando nella Camera un corridoio, un specie di letto di un fiume, fra rocce che formano delle pseudo gradinate. Sulla parete Ovest, risalendo verso destra, un piccolo recesso, contro il soffitto, simbolo di un punto di fuga verso lalto, il cosiddetto Pozzo dei ladri, la via che passa oltre gli ostacoli di gradito e che conduce
Ovest

Pozzo

al sentiero ascendente.
FIGURA 34. VISTA VERTICALE CAMERA SOTTERRANEA

Il Candidato, ha navigato attraverso tutti gli elementi, diventando un marinaio particolare. Iside (Demetra), era sia la patrona degli Iniziati, che dei marinai. LIniziando simmerge negli elementi del grande mare, nuotando come un pesce. Si ricorda che i pesci nel

56

santuario di Apollo in Licia erano chiamati Orphoi, e che Orfeo era paragonato ad un pesce, al pari di Bacco denominato IKY, e di Ges denominato IH, il Pesce. Gli elementi che Apuleio attraversa, sono quelli del nostro globo: egli passa nel grembo della madre terra, nella placenta della Madre Terra, dove viene avvolto dagli elementi e ricoperto di pelle! Questo era lo stadio della rinascita in un nuovo e possente corpo fisico e psichico. Questo rito descritto nei Testi delle Piramidi119 come addormentati su un giaciglio rivestiti di pelle o da una stoffa che la sostituisca. La pelle, la stoffa, il lenzuolo sostituivano nel rito le bende che viceversa venivano usate nel rito dellimbalsamazione. Io sono Osiride io mi sono cinto della pelle. Questo rito doveva svolgersi nella parte occidentale della Grande Camera Sotterranea. IL PASSAGGIO NELLA PELLE Il rito funerario che doveva portare al risveglio nella via della luce era caratterizzato dal passaggio nella pelle, simile ad un lenzuolo funerario che protegge le trasformazioni che si riproducono nel passaggio dalla morte alla vita. Io sono Osiride io mi sono cinto di pelle. Io sono colui che passa nella pelle.120 Sei tu (Horos) figlio mio che passi nella pelle (meskhent) Ed esci dal Num, tu non muori pi.121 Horos uscendo dallo spazio indifferenziato sindividualizza passando nella pelle. In Egitto il vocabolo meskhent deriva da mes o nascere e da Kha corpo vitale, ed il determinativo di pelle animale, Meskhent era il nome della divinit che presiedeva alle nascite. Nel Libro dei Morti il Dio Anubis, il patrono dellimbalsamazione ha il titolo di colui che nelle bende, come quelle che avvolgono il corpo di Osiride morto. Anubis la divinit che presiede il mistero della rinascita animale afferma di essere passato nella meskhent. Il passaggio nella pelle la nascita animale, il passaggio attraverso la placenta, la matrice. In India, lIniziazione avveniva attraverso il passaggio nella matrice di una mucca. In Egitto solo le vittime animali sacre fornivano la pelle per il rito del passaggio. Colui che passava nella pelle veniva raffigurato sulle tombe rivestito di una pelle di pantera con i capelli raccolti a treccia come un fanciullo, per indicare che egli rinato.
FIGURA 35. SACERDOTE DI OSIRIDE, RIVESTITO CON PELLE DI PANTERA

I sacerdoti di Osiride a differenza di quelli di Iside non si radevano mai la chioma, al pari degli Ind e dei misteriosi Nazorei122 di cui Sansone dalle sette trecce faceva parte.
119 120

Boris de Rachewiltz op. citata, pag 124. Testi dei sarcofagi. 121 Stele di Metternich. 122 La setta dei Nazorei descritta nel Libro di Numeri. Nella Genesi (XLIX, 26) Giuseppe, colui che divenne il visir del faraone era chiamato il sommo Nazar tra i suoi confratelli. I Nazorei, gli appartati non permettevano che il rasoio toccasse la loro testa (Giudici, XIII, 5). Sansone era anchegli un Nazar, con i capelli divisi in sette ciocche. 57

Il candidato varcata la Porta khons caratterizzata dalla dualit, effettua un passaggio a carponi, nel ventre della materia, mediante la riproduzione dello stato embrionale. La placenta fu chiamata in tarda et khons, il duplice toro, due animali che spingono in direzione opposta, simbolo di due forze opposte fra loro. Khons come parola significa anche traversare. Il passaggio nellAmenti o nella pelle attestato da una conversazione fra il Defunto e i Guardiani della Porta: Apritemi! Chi sei? Dove vai? Qual il tuo nome? Io sono uno di voi. Chi che ti accompagna? Le due Dee Serpenti Merti. Separati da loro, testa a testa, quando entri nella divina pelle.123 La condizione preliminare quella di separarsi dal potere dei due serpenti che nel linguaggio simbolico rappresentano gli opposti poteri nella materia, che devono essere equilibrati. La pelle pure il determinativo del Dio Bes che appare nel rituale della nascita del Faraone. Bes raffigurato come un nano grottesco che porta una maschera tipica dei Misteri Orfici nellantica Grecia, maschera dietro cui si celava liniziatore124. spesso raffigurato sotto forma felina che fronteggia il Defunto armato di coltello. Nel suo aspetto benefico era rappresentato come un pesce munito di due gambe umane. Il simbolo del pesce lo ritroviamo nelle tradizioni misteriche tra cui nel Cristianesimo. Bes come divinit veniva rappresentato come bifronte, in modo duale, per significare che egli era il Signore dei due poteri, rappresentati dai due serpenti.
FIGURA 36. SIMBOLISMO DI BES

Bes bifronte, come il dio Giano dei Misteri dellantica Roma, il Guardiano delle Due Porte, colui che apriva e chiudeva la porta (Janua). Janua Coeli, la Porta di mezzanotte, nel simbolismo cristiano la Porta stretta come la cruna di un ago, mentre in quello strettamente misterico paragonata una bocca che divora lindegno non permettendogli di passare oltre. Giano in una mano tiene una chiave, nellaltra mano un bastone o una sferza che colpisce.

123 124

Libro dei Morti, LVIII. In Egitto, mistero reso con la parola bes-shete. 58

IL SENTIERO DELLINIZIATO
IL PASSAGGIO ASCENDENTE Nascosto da una lastra di calcare125, un tappo di granito, composto da tre blocchi di granito rosa per una lunghezza di 10 cubiti sigilla lingresso della via ascendente che ha la stessa inclinazione del passaggio discendente. Questi tre blocchi di granito non possono essere rimossi e indicano un blocco che sbarra la via di ascesa alla moltitudine. Il passaggio termina su un pianerottolo dal quale si diparte un passaggio orizzontale verso la Camera della Regina e la Grande Galleria come continuazione della via ascendente. IL POZZO ASCENDENTE Il Defunto (candidato) non potendo proseguire oltre la camera inferiore, in quanto imbocca un passaggio chiuso, ritorna indietro, lasciandosi alle spalle la Camera Sotterranea, scopre in alto un tunnel un Pozzo rozzo e mal definito che terminava allinizio della Grande Galleria. La salita attraverso questo pozzo lungo circa 80 metri ardua e pericolosa, un caduta rovinosa pu causare la morte. Lentrata di questo pozzo fu lasciata sigillata ed era ignorata dai visitatori romani. Lunico passaggio possibile diviene cos il cunicolo ascendente. C chi chiama questo cunicolo il condotto dei ladri perch si pensa che sia stato fatto per aggirare il corridoio che noi abbiamo appena percorso e che in origine era completamente ostruita da enormi blocchi di granito. Ma scavare dal basso verso lalto, in verticale, non operazione semplice e lo smaltimento dei detriti , oltretutto, molto complicato.

Pozzo
Grotta Camera sotterranea

Tappo

Passaggio senza sbocco FIGURA 37. CAMERA SOTTERRANEA E POZZO

Secondo la teoria storica accettata dopo che Cheope fu sepolto nella Camera del Re, il passaggio ascendente fu bloccato facendo scivolare tre blocchi di granito che fino allora erano tenuti su una piattaforma nella Grande Galleria. Si afferma che gli operai a cui era stato affidato questo compito se ne andarono attraverso il Pozzo che venne sigillato dietro di essi. veramente minima la possibilit che i blocchi di granito possano essere stati fatti scivolare dopo la ipotetica sepoltura, in quanto fra le pietre non vi alcun gioco verticale. Il pozzo assume pi connotazioni, ma in ogni caso la via per collegare il Cielo (la Camera del Re), lUomo e la Terra (la Camera Sotterranea).

125

LArchitrave Nascosto del Libro dei Morti. 59

IL PASSAGGIO ORIZZONTALE, LA VIA DELLAVANZAMENTO


Uscito dal Pozzo, il Candidato si ritrovava alla oltre il cunicolo ascendente, allinizio della Grande Galleria e allinizio di un passaggio orizzontale.

GRANDE GALLERIA

PASSAGGIO ORIZZONTALE POZZO

PRIMO PASSAGGIO ASCENDENTE

FIGURA 38. USCITA DAL POZZO

Proseguendo orizzontalmente verso Sud, il Candidato, entra in un tunnel largo i soliti due cubiti faraonici e alto circa quanto gli altri tunnel, poco pi di due cubiti (2 cubiti pi 2 palmi). Procedendo verso la Camera della Regina percorre un tratto fino a trovare un gradino che scende di un cubito, portando cos laltezza del passaggio a poco pi di 3 cubiti. A differenza di quanto accadeva nel tunnel orizzontale sotterraneo ove il condotto di restringe, qui ad un livello superiore accade la cosa opposta. Il candidato simbolicamente e materialmente si eleva per tre quarti della sua altezza ed pronto per ricevere qualcosa di elevato alla fine del tunnel. Il livello cos raggiunto coincide con quello della venticinquesima fila (5x5) delle gradinate esterne della piramide.
ALLA CAMERA DELLA REGINA

N
25^ FILA

Gradino = 1 Cubito
FIGURA 39. GRADINO NEL PASSAGGIO ORIZZONTALE

60

LA CAMERA DELLA REGINA


Questa camera con un pavimento di 10 per 11 cubiti, composta da Sette superfici e sormontata da un soffitto perfetto inclinato di 30 realizzato con 12 pietre di calcare la prima camera dove si celebra il Mistero di cui il numero Sette lemblema. Il candidato ai Misteri entra in un volume racchiuso dal numero sette, alza gli occhi e vede due volte sei (12) lastre. Il numero del Mistero, sette, compare anche nellaltezza cui situata la camera: un settimo pi un cubito dellaltezza totale. Laltezza BC della Camera della Regina in relazione con la radice quadrata di cinque, infatti, uguale alla misura di base diviso la radice quadrata di cinque diviso due (1,118). Questo valore vale anche quattro volte la radice di cinque. Un uomo alto quattro cubiti, elevandosi spiritualmente la sua altezza quella della camera, quattro volte la radice quadrata di cinque. Se misuriamo laltezza della Camera superiore o del Re troviamo cinque volte la radice quadrata di cinque. Cinque cubiti laltezza simbolica del Faraone il figlio della Luce. Sembrerebbe che i costruttori abbiamo voluto indicarci che quello che iniziava in questa camera si completava in quella superiore dove liniziato si ergeva a cinque volte la radice quadrata di cinque. Il calcolo in cubiti del volume della camera esclusa la parte del sotto tetto di 31,3672, circa (10)2, con unapprossimazione di un decimillesimo126 mancano (7/100)2 affinch il risultato sia giusto. La lunghezza del pavimento in direzione Est Ovest di 10 + 1 cubiti, vuole indicare un avanzamento di ununit127. Il pavimento, privo di lastroni, rozzamente rifinito di calcare incrostato di sale, indica che simbolicamente ci troviamo in una matrice, la regione acquea dove dimora lessere. Entrati nella camera, volgendosi verso Est si osserva sulla parete frontale una nicchia formata da cinque sezioni e profonda Due cubiti. GEOMETRIA ARCHITETTONICA
Asse centrale della Piramide D 30 A C 10 1,118 11 H 10 S N B 10

FIGURA 40. SEZIONE VERTICALE CAMERA DELLA REGINA

126 127

La differenza 48,93/10.000, circa 49/10.000. Lo stesso concetto vale per lavanzamento verticale: la Camera si trova ad 1/7 dellaltezza pi Un cubito. 61

Il numero cinque qui compare come meta in quanto solo le quattro sezioni superiori sono duguale altezza, mentre la sezione di base alta quanto il passaggio, poco pi di tre cubiti, per un totale di quattro volte la radice quadrata di cinque. Il numero quattro regna nella nicchia perch le sezioni si restringono verso lalto ogni volta di un quarto di cubito.
FIGURA 41. NICCHIA NELLA CAMERA DELLA REGINA

ASSE DELLA PIRAMIDE

NICCHIA

CANALE DI AREAZIONE

S 1/4 5/4 3 10

La distanza fra lasse centrale della piramide e lasse della nicchia di 5/4 di cubito piramidale, valore che coincide con il cubito sacro128 usato nei calcoli da molti piramidologi: in questo luogo scritto il sistema di conversione fra le due misure. La Camera della Regina come la Camera del Re sono provviste di due canali dareazione, scoperti solo nel secolo scorso in quanto linizio e la fine dei condotti erano stati occultati. Se sono solo camere mortuarie ci si chiede che cosa importa ad un morto disporre un ricambio daria in quanto solo i viventi hanno bisogno di respirare, lipotesi di un sepolcro per mummie deve essere scartata, laria serviva per coloro che partecipavano ai rituali delliniziazione. A livello spirituale il concetto di respiro legato al Pneuma, lo Spirito, lAtman degli Ind. Questa la Camera della Rinascita, o nascita nel mondo dello Spirito. RITO DELLAPERTURA DELLA BOCCA Sia le illustrazioni del Libro dei Morti e sia le pitture murali nelle tombe mostrano la mummia sollevata, in piedi, di fronte alla quale sta Horos o un sacerdote che munito della sacra ascia di ferro pronto ad eseguire il rito dellapertura della bocca: Ti ho aperto la bocca con lo strumento di Anubis, con lutensile di ferro con cui furono aperte le bocche degli di129. La bocca era considerata come lingresso e luscita della vita e le cerimonie che riguardavano lanimazione di una statua avevano come oggetto la bocca. La bocca rappresentava il confine tra la vita e la morte, e nel nostro caso tra la morte e la rinascita. I canali di areazione rappresentano le narici della camera, che portano laria di vita, che
128 129

Un Cubito Sacro uguale a 25 pollici sacri, un pollice sacro circa uguale ad un pollice inglese. Citato da J. Naydler, Il Tempio del Cosmo, p.235, Neri Pozzi Ed. 62

collegano la camera al cielo stellato. Verosimilmente il defunto nel mondo della materia, liniziando, era posto nella nicchia misteriosa, segnata dal numero cinque, sulla parete est della Camera della Regina o della Resurrezione. R.Bauval e A.Gilbert130 scrivono che quando lastronomo Piazzi Smyth nel secolo scorso individu i canali di areazione nella Camera della Regina, abilmente celati, trov nel canale nord dei reperti misteriosi.
FIGURA 42. RAMPINO PER CERIMONIA APERTURA DELLA BOCCA

Rampino ritrovato nel canale di ventilazione

Apertura della bocca

Furono trovati perfettamente conservati in quanto il canale era sigillato, un piccolo rampino di bronzo con manico di legno attaccato, un pezzo di legno di cedro, apparentemente una misura, e una sfera di granito grigio, o pietra verde del peso di 0,85 kg. Nella rappresentazione situata a destra131 si osserva il sacerdote indossante una pelle di leopardo132, che tiene nelle mani un oggetto simile a quello ritrovato nel condotto della piramide. Gli astronomi egizi per orientare i loro monumenti sacri usavano uno strumento detto merkhet il quale era composto di due elementi: una livella allestremit della quale era appeso un filo a piombo e uno stelo con una fenditura allestremit, al centro di un cerchio graduato miravano verso nord (la direzione del cunicolo dove sono stati ritrovati gli oggetti) a una delle stelle della costellazione dellOrsa Maggiore, la Coscia di Bue per gli antichi egizi. lecito domandarsi se la scelta del luogo per la costruzione della piramide di Cheope sia stata determinata non soltanto da un fattore astronomico mistico, ma anche da qualche altro motivo di natura geofisica o matematica un dato certo che lasse nord della piramide passa per la citt di Letopoli, luogo in cui il geografo Strabone (XVIII, 1,30) segnala la presenza del celebre osservatorio frequentato da studiosi greci quali Eudosso e Platone.133 Letopoli era situata sul lato ovest del Nilo, mentre Eliopoli era situata sul lato opposto o lato est, entrambe le citt, menzionate nei Testi delle piramidi, erano importanti centri religiosi. Letopoli era chiamata la Citt del Tuono, perch era associata al culto delle pietre cadute dal cielo come il Benben. Il ferro usato nelle cerimonie misteriche sia in oriente sia in occidente sempre stellare o di origine meteoritica. Il ferro era chiamato lOsso di Seth che veniva attirato dal magnete che era chiamato lOsso di Horos. Il principale Apritore della Bocca risiedeva in Letopoli la citt del ferro meteorico.
130 131

Il Mistero di Orione, epilogo, opera citata. Illustrazione riportata da boris de Rachewiltz Egitto magico religioso, pag. 115 Fratelli Melita Editori. 132 I sacerdoti di Osiride indossavano una pelle di leopardo. 133 G. Goyon, opera citata, Il segreto delle Piramidi p. 60. 63

La cerimonia dellapertura della bocca raffigurata eseguita da Horos accompagnato dai sui quattro figli che simboleggiano i quattro punti cardinali. Horos con uno strumento tagliente disegnato come lascia curva del falegname e simile ad un serpente apriva la bocca della mummia, mentre i suoi quattro figli compivano lo stesso rituale usando le loro dita fatte di ferro celeste. Questa cerimonia doveva avvenire due volte, la prima volta quando il figlio del Cielo veniva Iniziato, la seconda volta con la mummia regale, cio dopo leffettiva morte fisica. In tutti due i casi il rituale avveniva solo in determinati momenti con particolari allineamenti stellari. Le scoperte relative alla Camera della Regina non finiscono con gli egittologi del secolo scorso, in quanto in questo fine secolo la tecnologia porge strumenti sempre pi complicati al ricercatore. Rudolf Gantenbrink un ingegnere specializzato in robotica ha realizzato per conto del governo egiziano un piccolo robot con telecamera chiamato UPUAUT 2 che doveva essere utilizzato per liberare i detriti che ostruivano il canale di areazione della Camera del Re. Il piccolo robot UPUAUT134 in un secondo tempo, nel marzo del 1993, fu inviato ad esplorare il canale su della camera della Regina e con sorpresa si scopr alla fine del corridoio una porta di pietra calcarea con tanto di rifiniture di metallo che apparentemente si apriva su una camera segreta.

134

Upuaut era una divinit dalla testa di sciacallo, il cui nome significa Colui che apre le Vie, identico al dio Anubis, lo sciacallo che fece da guida ad Osiride nel regno dei morti. 64

LA GRANDE GALLERIA LA STANZA DEL TEMPO


Il Libro di ci che nel Duat illustra il viaggio nel mondo dei morti sia di R che del suo rappresentante in terra, il Faraone. Il percorso diviso come lo zodiaco in dodici ore, si trova riprodotto sulle pareti della tomba di Tutmosi III.
FIGURA 43. LIBRO DI CIO CHE CE NEL DUAT, CUNICOLO ASCENDENTE135

I primi tre livelli del tragitto sono collegati fra loro da un tunnel, ben visibile negli affreschi, che viene chiamato Re-stau, il sentiero delle Porte Nascoste, oppure la Via delle cose segrete di Rostau. Con lo stesso nome viene chiamata anche la Grande Galleria situata allinterno della Piramide di Cheope. Unillustrazione tratta dal Libro di ci che nel Duat visualizza nella parte inferiore la Barca del Sole su cui trovano posto Cinque divinit, mentre nella parte superiore rappresentato un percorso che ricorda in modo impressionante quello della Grande Galleria136. La Grande Galleria, con un angolo di inclinazione di 261810, lunga 89 cubiti, misura alla base in larghezza, secondo il modulo egiziano, 4 cubiti, mentre nella parte superiore termina restringendosi con 7 assise di blocchi ciascuna con un aggetto di 4 pollici, terminando con 2 cubiti. La prima cosa che si nota sono le doppie file di assise di blocchi che vanno restringendosi dal basso verso lalto, formando due volte sette file, cio 14. Poich questo numero legato al mistico , lo ritroveremo certamente in qualche rapporto costruttivo. Prendendo in esame la parte della galleria interessata dalle 14 file di blocchi, si individua un rettangolo con lato minore pari al restringimento superiore della galleria, e lato maggiore laltezza totale delle file.

135 136

Illustrazione tratta da Edicolaweb - Mauro Poletti, Rostau. Edicolaweb - Mauro Poletti, Rostau il Sentiero delle Porte nascoste. 65

ALTEZZA: assise di blocchi = 12 cubiti = 2 metri LARGHEZZA: parte superiore della galleria = 2 cubiti. Laltezza di 12 cubiti lo sviluppo lineare di una circonferenza di raggio pari ad un metro e pertanto esprime esattamente il doppio del numero . Si pu affermare che il numero 12 legato alla misura del tempo manifesta il . La misura in numeri egiziani dei gradini riserva ulteriori sorprese.
48 POLLICI

12 CB 2 metri Scanalatura 8 POLLICI

Apertura corridoio ascendente Alla Camera della Regina

4 POLLICI 120 POLLICI

1 CB 2 CB

FIGURA 44. SEZIONE VERTICALE GRANDE GALLERIA

1 GRADINO = 12/7 di CUBITI = 12 PALMI = 12 x 4 = 48 POLLICI AGGETTO = 4 POLLICI PENDENZA = 48/4 = 12 La parte sottostante ai gradini ha unaltezza complessiva di 120 pollici, cio 12 x 10, mentre la base nella parte pi alta misura 4 cubiti e in quella pi bassa 2 cubiti come la volta. Due scanalature di 8 pollici dividono le sette file di blocchi in 2 + 5, individuando cos nella parte centrale 5 + 5 = 10 file e 2 + 2 = 4 file. Il numero 14 che caratterizza le due file risulta caratterizzato dai numeri 4 e 10.

66

Pozzo

Rampa

Passaggio Blocco della rampa rimosso per il passaggio

IL TEMPO DI OSIRIDE Osiride secondo quanto riferito da Plutarco fu smembrato in 14 parti da Seth e il suo regno dur 28 (2x14) anni. Tutti i corridoi sono larghi due cubiti, per indicare il percorso nella dualit: bene-male, positivo-negativo, maschio-femmina, ecc. Il corridoio di ascesa della Grande Galleria, formato da una parte centrale larga due cubiti, pi due rampe di larghezza ciascuna un cubito, per un totale di quattro cubiti. Su ciscuna di queste rampe si trovano 28 fori rettangolari ciascuno di ampiezza 8 pollici di lunghezza un cubito. Questo numero risulta dallo sviluppo triangolare del numero sette, infatti: 1+2+3+4+5+6+7 = 28. La dea Kep delle Sette stelle dellOrsa Maggiore era per gli egizi la Madre del Tempo e della sua divisione settenaria. Le parole Kepti e Sebti erano usate per designare il tempo e il numero sette. Il figlio della dea Sevekh (Kronos) era chiamato settimo o sette, il cui simbolo era il Coccodrillo Celeste. Osiride era chiamato il Doppio Coccodrillo137, il doppio principio Spirito e Materia, Nene e Male, e come tale era il Sole del giorno e quello della Notte, il divino e il mortale. Secondo Eusebio, gli Egizi rappresentavano il Sole come pilotato su un vascello o unarca trainata da un coccodrillo. LAqua nella quale il Coccodrillo nuota la Materia resa liquida, lo Spazio, il vascello lArca, un cosmo in cui tutto contenuto. Il Defunto veniva mistericamente trasformato in un Coccodrillo Sebekh o Sevekh. Legittologo Gerald Massey dimostra che il Coccodrillo era la Settima anima, la suprema. Le sette stelle Dellorsa maggiore durante la loro rivoluzione annua descrivono un cerchio nel cielo superiore e in quello inferiore. Quando poi il tutto fu spezzato in qattro parti si ebbe lo zodiaco lunare di 28 segni. Nel mese lunare di 28138 giorni, ogni settimana ha un suo carattere occulto. Il Defunto, liniziato che diventava un Coccodrillo (Drago, Serpente) acquisiva ventotto facolt o poteri. Il Cubito il fondamento delle misure egizie: dapprima diviso in sette parti, un palmo che anzich dividere per cinque divide per sette, ad immagine delle sette stelle, e poi per determinare i pollici segu la divisione per quattro ad immagine dei quattro punti cardinali 7x4 = 28. I fori teorici dovrebbero essere ventotto per rampa cio 56, uguali sia al numero di pollici contenuti in due cubiti, e sia agli anni di regno di Chephren, lodiato fratello di Cheope. Mancando il blocco che doveva chiudere il tunnel verso il basso, i fori sono 55, numero importantissimo sia in Occidente che in Oriente in quanto indica il compimento, ed il decimo numero triangolare: 1+2+3+4+5+6+7+8+9+10 = 55, ma anche la somma di primi cinque numeri quadratici 1+4+9+16+25.= 55. Secondo Il Libro cinese I King o Libro dei Mutamenti 55 la somma dei numeri del Cielo 25 pi quelli della Terra 30. Il numero 30 la somma quadratica dei primi quattro numeri e rappresenta una piramide. Marco lo gnostico capo dei Marcosiani rivel nella sua Rivelazioneun segreto dellIniziazione misterica, insegn che Il Verbo manifestandosi nella forma di Uno pronunci la Prima Parola del suo Nome che era un simbolo di Quattro Elementi (Sillabe). La pronuncia del nome intero consisteva di Trenta elementi e di Quattro combinazioni. La Tetractis disegnata come una piramide a base quadrata assume il valore numerico 30 La parete Nord, quella di ingresso, anzich presentare sette gradinature, presenta solo sei gradinature, perch? Sei sono le direzioni dello spazio che aggiunte allunico punto da cui originano, la loro sintesi, formano il mistico sette. Il numero Sei che rappresenta la forma non permeata dallo Spirito, era scritto nella pietra dal lato del cunicolo dal quale proveniva il
137 138

Libro dei Morti, CXLII; 8,17. La rotazione del sole sul suo asse viene osservata dalla terra in un ciclo di 28 giorni, in modo tale che il nostro pianeta riceve una pioggia di particelle ionizzate positivamente e negativamente con unalternanza di 7 giorni.. 67

candidato alliniziazione139, il Defunto, che uscendo dalla prigione del cunicolo, simboleggiante le viscere della materia, sottoposto alle forze della nature simboleggiate dal numero sei, si rialzava per assimilare il mistero del due volte sette, il Mistero di Osiride tagliato in 14 pezzi per dare vita al creato, la quadratura del cerchio, la discesa dello Spirito nella manifestazione. Salendo contava sulla rampa di sinistra 28 fori, il numero di anni di regno di Osiride, il ciclo lunare140 della gestazione. Guardava in alto, il Defunto, liniziando, vedeva un soffitto formato da lastre non allineate e ne contava 40, il numero della traversata. IL NUMERO DELLA TRAVERSATA Il soffitto composto da 40 lastre di calcare, chiaramente definite e sistemate in modo da formare una dentellatura, a voler rimarcare la loro presenza o il loro significato. Il numero 40 = 10x4 uno dei numeri fortemente usati negli insegnamenti misterici del popolo di Israele. Il passaggio attraverso loscurit dellutero fino alla luce allesistenza cosciente avviene in 40 settimane di 7 giorni ciascuna per un totale di 280 giorni, visualizzati nei 280 cubiti dellaltezza della piramide. Il numero quaranta indica il periodo della costruzione del Tempio interiore che deve essere trascorso fra prove e solitudini prima che si possa varcare la porta che conduce alla Camera del Re. Per 40 anni Mos rimase o attravers il deserto, per 40 giorni dura la quaresima cristiana, ecc. Quaranta il numero della traversata prima di giungera alla Terra Promessa, che non di natura terrena ma celeste. In cima alla Grande Galleria vi era il grande gradino, di 0,909 metri, un cubito per la radice quadrata di tre, una salita verticale incommensurabile, per raggiungere un pianerottolo che faceva da atrio al cunicolo che portava alla Camera del Re.

Il cui nome misterico era nel Libro dei Morti o Libro per uscire alla Luce , il Defunto. La gestazione umana si compie in 10 mesi di 28 giorni. Il mito racconta chelo smembramento di Osiride per opera di Seth avvenne in una notte di luna piena.
139 140

68

IL PASSAGGIO VERSO LA CAMERA DEL RE


Il passaggio, per la prima volta, ha unaltezza di 2 cubiti reali (56 pollici), esattamente quanto lampiezza. Dopo un breve tratto il soffitto sinnalza di 5 cubiti e sette pollici e si entra nellAnticamera alta 203 pollici, cio di sette cubiti e sette pollici. Unasse di granito obbliga ancora a chinarsi dopo di che ci si rialza nellAnticamera vera e propria e si calca un pavimento di granito lungo cinque cubiti e si osservano sulla parete laterale tre scanalature, mentre una quarta nascosta in quanto in essa inserito lasse di granito. Il soffitto anchesso di granito, simbolo dello Spirito, composto da tre lastre, numero della perfezione spirituale.
FIGURA 45. USCITA GRANDE GALLERIA Asse della Piramide

La parete est ha un rivestimento in pannelli per unaltezza di cinque cubiti, mentre la parete ovest ha un rivestimento di cinque cubiti e dodici pollici. La parete sud quella che porta alla Camera del Re contrassegnata da quattro scanalature da saracinesca che dividono la parete in cinque sezioni.
FIGURA 46. CORRIDOIO CAMERA DEL RE

N 40 Lastre

Calcare N 3 Scan alatu ALLA CAMERA re DEL RE


Granito 5 CB

Asse di granito Grande Scalino

5 CB
CAMERA DEL RE

Granito 5 CB D =Diametro Circonferenza 5 5 = R

Il rivestimento della parete est e il pavimento in granito delimitano un quadrato di lato 5 cubiti e di superficie 25 cubiti quadrati. La circonferenza di diametro pari alla lunghezza della camera, anchessa presenta una superficie di 25 cubiti quadrati. E stata in definitiva fatta la quadratura del cerchio: Spirito e Materia sono in perfetto equilibrio. La relazione con il numero cinque viene visualizzata sia nel livello del corridoio e sia nel livello della Camera del Re che sono situati in corrispondenza con la cinquantesima (5x10) fila di gradinate esterne. La lunghezza della circonferenza misurata in cubiti sacri anzich faraonici vale 365,25 cio la durata dellanno solare.

69

LA CAMERA DEL RE
La Camera del Re ha un pavimento che un perfetto rettangolo di rapporto 1/2, a cui musicalmente corrisponde unottava. Laltezza della camera, esattamente la met della diagonale del pavimento, anchessa in rapporto di ottava o di armonia con la diagonale di base. Le misure in cubiti reali della Camera del Re risultano: 10 x 20x 11,18. Le dimensioni della Camera del Re rispettano il teorema di Pitagora relativo ai solidi, cio una quaterna141 pitagorica: a2 + b2 + c2 = d2.
FIGURA 47. DIMENSIONI DELLA CAMERA DEL RE

d = 25 c=5 5 a = 20 b = 10 a2 + b2 + c2 = d2

Nel parallelepipedo che racchiude il volume della Camera del Re, uguale a 1000 volte la radice di cinque, troviamo amplificato di cinque volte il triangolo rettangolo sacro, formato dal lato maggiore di base (20 cubiti), dalla diagonale laterale minore e dalla diagonale interna (rispettivamente di 15 e di 25 cubiti).

FIGURA 48. TRIANGOLO SACRO NELLA CAMERA DEL RE

25 5 5 15 20 10 25 (5)

15 (3 )

20 (4)
141

La terna pitagorica riferita al triangolo rettangolo: a2 + b2 = c2 70

IL TRIANGOLO SACRO EGIZIO Il triangolo rettangolo egizio o divino, le cui propriet matematiche sono state divulgate dallIniziato ai Misteri Egizi, Pitagora, ha un significato mistico come cinforma Plutarco in De Iside. Questo triangolo i cui lati misuravano 3, 4, 5 cubiti, era noto anche ai Babilonesi 2.000 a. C.

5 3 1

3 36 52 4
FIGURA 49. IL TRIANGOLO SACRO

Plutarco descrivendo il Triangolo Sacro afferma che la Base di Quattro rappresenta la Materia, Iside, laltezza di Tre rappresenta lo Spirito Osiride, lIpotenusa di Cinque rappresenta il Figlio Oro, la manifestazione. Il perimetro di tale Triangolo vale 12, le Ore della Creazione, i Segni dello Zodiaco. In talune antiche Chiese, come quella di S. Maria sopra Minerva in Roma, il suono che annuncia la Luce che sorge da Est fatto con 12 rintocchi di campana, prima tre, poi quattro e infine cinque. Se raddoppiamo il Triangolo Sacro otteniamo un perimetro uguale a 14, due volte sette, la somma dei primi cinque numeri che compongono il numero . I numeri di base del sistema decimale, ad eccezione dellUno e del Due che compaiono nascosti nel cerchio inscritto nel triangolo, sono generati dalla figura. Uno il raggio, Due il diametro, Tre e Quattro sono i cateti, cinque lipotenusa, Sei larea, Sette Otto e Nove si ottengono sommando a due a due i tre lati. Gli antichi Egizi avevano un metodo per tracciare sul terreno angoli retti per costruire una casa o un tempio, tale compito era affidato agli agrimensori, raffigurati con in mano una corda sormontata da una testa di ariete adorna del serpente aureo, che ne sottolinea il carattere divino.

71

Si prende una corda divisa da nodi in 12 parti142, lunghe ciascuna un cubito. Si lascia libera unestremit lunga tre parti, laltra parte si fissa con un piolo. Con un altro piolo si fissa una lunghezza di quattro parti e si lascia libera la rimanente parte lunga cinque unit. Si ribattono le due estremit libere e si forma il Triangolo rettangolo Sacro. Si stende la corda svolgendo 3 unit, si fissa il primo picchetto 1, poi si svolgono altre 4 unit e si fissa un altro picchetto 1, lasciando libere 5 unit, in definitiva: 3 + 1 + 4 + 1 +5 = 14 = 2x7. La corda da agrimensura evoca il numero , cio 3,1415. Ci non deve stupire perch la misura del cubito faraonico vale /6 = 0,5236 metri, valore che in relazione con la

circonferenza e con i mistici costruttori i cui nome .


FIGURA 50. CORDA DI AGRIMENSURA

Le sorprese non finiscono mai, dopo aver ritrovato una piramide a gradoni come quella di Saqquara nel complesso megalitico di Silbury Hill, in una delle strutture megalitiche di Carnac in Britannia, grazie al professor Alexander Thom, scopriamo lesistenza del doppio triangolo 3:4:5 in una forma rettangolare orientata secondo i punti cardinali e con lati che misurano 3 e 4 iarde megalitiche. La diagonale di 5 iarde rivolta in direzione di 36 52 verso nord est, la direzione dai cui sorge il sole nel solstizio destate a Carnac. E proprio una coincidenza il fatto che il pi famoso tempio egizio quello di Karnac a Luxor NE caratterizzato da grandi viali di pilastri in Alba Solstizio pietra. Il professor Thom studi i circoli di destate pietra megalitici, essendo certo di trovarsi di fronte al lavoro di uomini intelligenti della preistoria. Alcuni cerchi erano degli ovali, altri con forma di semplice semicerchio, ma tutti erano costruiti sulla base dei triangoli pitagorici di 3, 4, 5 unit. Come per 5 Iarde Stonehenge anche per le altre costruzioni megalitiche di sempre trovato un rapporto fra geometria ed astronomia.
FIGURA 51. TRIANGOLO SACRO A CARNAC

4 Iarde
142

La corda con 12 nodi oltre che dagli Egizi era usata anche dai Druidi. 72

3 Iarde

IL PAVIMENTO
FIGURA 52. I RAPPORTI DIMENSIONALI

20 CUBITI B 10 CUBITI

D A

Il pavimento o la superficie di base della Camera del Re, fornisce il metodo pratico per determinare il numero aureo , conosciuto dai Pitagorici143 e servito poi nella sezione aurea per la costruzione del Partenone di Atene e di altri monumenti. Sembra che i costruttori della piramide, ad un visitatore a loro posteriore avessero voluto lasciargli il seguente messaggio: Costruisci due quadrati di lato unitario, accostali per formare un rettangolo di base il doppio dellaltezza, poi traccia una diagonale che interseca il lato centrale del quadrato. Da quel punto traccia una circonferenza di diametro unitario, il punto di intersezione con la diagonale ti fornir il valore del segmento aureo, cio 1,61803. 144 . Il rapporto fra i due lati del rettangolo di 10 (5x2) e di 20 (5x4) cubiti reali 1:2, pertanto il valore della diagonale AB vale la radice quadrata di Cinque. La diagonale tagliata esattamente nel punto di mezzo dal lato interno del quadrato aggiungendo il segmento CD che uguale al raggio cio un mezzo si ottiene il valore di:

Per quanto riguarda la restante parte della diagonale cio AD, si dimostra, che questa la parte aurea del segmento AE = 1, cio del lato del quadrato unitario. Calcolando la pendenza della piramide 280 / 220 = 14 / 11 si ricava un angolo di 51,8427 a cui corrisponde trigonometricamente un coseno di 0,61782 fornito anche dal rapporto lato esterno piramide (di 356 cubiti) su met lato di base (di 220 cubiti). Questo valore numerico a meno di un errore dello 0,2 per mille uguale al valore aureo di AD = 1 = 0,61803. Il rapporto AE/AD ancora uguale a e pertanto il rettangolo di lato 1 e risulta ancora un rettangolo aureo.
143 144

Pitagora al suo ritorno dallIndia and a Menfi in Egitto. Il numero 1,618, compare nella successione di Fibonacci, dove ciascun valore ottenuto sommando tra loro i due numeri precedenti. In questa successione il rapporto tra un numero e quello che lo precede tende a 1,681 Gli Egizi conoscevano questa successione e la utilizzavano per calcolare il valore del rapporto aureo. 73

Le pareti laterali alte 11,18 cubiti, cio 10 per radice quadrata di cinque diviso due, sono realizzate con 100 pietre145 suddivise in 5 ordini o file; il soffitto realizzato con 9 travi146, simbolo della Grande Enneade, le Nove Luci.

145

Il numero 100 indica pienezza, conseguimento numericamente pu essere espresso come il risultato della Tetractis al cubo: 13 +.23 +. 33 +.43. = 102 = 100. Nei calcoli segreti, il ciclo del tempo suddiviso in due semicicli di 50 anni divini, non umani. 146 Nove lultimo numero elementare considerato perfetto perch costruito sul quadrato del numero Tre. 74

SUPERFICIE LATERALE MINORE Se si studia la superficie laterale pi piccola, alta 11,18 cubiti reali e larga 10 cubiti, si ritrova nuovamente il numero aureo . Nel triangolo rettangolo contenuto in met superficie laterale ritroviamo tutti i numeri che concorrono a formare il segmento aureo: un mezzo, la met di radice quadrata di cinque come cateti di un triangolo rettangolo la cui ipotenusa .
FIGURA 53. SUPERFICIE LATERALE MINORE CAMERA DEL RE

11,18 CUBITI

10

10 1,118

5 C. 10 CUBITI 1

1/2

La superficie laterale di base 20 cubiti reali, ospita lingresso alla Camera del Re e risulta formata da cinque ordini di travature di granito rosa, composti da 100 pietre, sovrapposte e levigate con cura. Nuovamente ritroviamo il numero cinque che fondamentale per il calcolo della parte aurea.

75

SUPERFICIE LATERALE MAGGIORE


FIGURA 54. SUPERFICIE PARETE NORD CAMERA DEL RE

11,18 CUBITI

5 20 CUBITI Il volume della stanza risulta 10 x 20 x 11,1803 =2236,06 cubiti, che a parte la posizione della virgola 2,23606 (il valore in cubiti di una delle travature) cio la radice quadrata di cinque moltiplicata per 1.000, che stranamente il valore della diagonale del rettangolo su cui sono poste le tre piramidi di Giza. Sopra la stanza, come si vedr in seguito, vi sono cinque camere che secondo gli esperti servono per scaricare le enormi forze che gravano sulla camera vuota. Si pu tranquillamente affermare che la Camera del Re nasconde il numero Cinque e il suo agente, il numero aureo , e non certamente per un caso che il livello del pavimento coincide con quello dellestremit superiore della cinquantesima (5x10) fila di gradinate della piramide.

76

LARCA (BARA) DI OSIRIDE


Il sarcofago di granito rosa ed ha una lunghezza pari alla differenza dellampiezza della Camera del Re meno la lunghezza dellanticamera, pertanto in relazione con (2x7) il numero della creazione. Simbolicamente il sarcofago situato in mezzo a due semicirconferenze come se fosse sorvegliato da due schiere angeliche, sette per lato, in totale quattordici. Il sarcofago con i due angeli accanto ricorda limmagine dellArca dellAlleanza del popolo ebraico.
FIGURA 55. SARCOFAGO

Canale di areazione S 10 cubiti

Canale di areazione N

Laltezza pari a due cubiti reali, la dualit. La somma delle tre dimensioni del sarcofago sono uguali a quelle della camera divise per cinque. Il volume interno del sarcofago risulta esattamente la met del volume esterno, in modo che il rapporto sia quello di unottava musicale, larmonia. La camera del Re dunque stata costruita basandosi sulle regole di Pitagora, che servono ad ottenere proporzioni armoniche in grado di produrre note musicali. Quanto riportato in seguito conferma sperimentalmente quanto prima affermato. L archeologo Flinders Petrie sostiene che per ottenere questi risultati fosse necessaria una sega circolare in bronzo tempestata di diamanti, che poteva essere fatta ruotare tramite dei lacci attorno ad un albero di trasmissione. L ingegnere Christopher Dunn, esperto nella lavorazione del granito, sostiene invece che per realizzare questo sarcofago (ricavato da un unico blocco scavato allinterno) senza che le pareti sottili subissero fratture, fosse necessario un trapano 500 volte pi veloce di quelli moderni. Sir William Flinders Petrie, nel 1881, nella ricerca di una camera segreta decise di far sollevare il sarcofago di granito. Loperazione, pur con molti sforzi, riusc e il blocco fu sollevato di venti centimetri. Quando Petrie lo percosse, come lui stesso afferm, produsse un suono profondo di una bellezza straordinaria e soprannaturale. Indubbiamente le sue dimensioni e il suo volume erano fondamentali per ottenere la migliore risonanza armonica. Anche Cristopher Dunn fece qualcosa di simile. Percosse il sarcofago per identificare il suono prodotto e pi tardi riprodusse con la voce quella nota, scoprendo che la risonanza aumentava quando raggiungeva la nota superiore di unottava. Si accorse cos che le parole pronunciate nellAnticamera avevano trapassato le spesse mura della costruzione, rimanendo

77

registrate nellapparecchio situato nella Camera del Re, come fossero state proferite in quel punto.147 Questo oggetto di granito rosso era stato ricavato da un sol blocco con una precisione impensabile per la preistoria. Per tagliare il granito non potevano usare le seghe di bronzo, lunico metallo ammesso dagli studiosi per quellepoca. Le pietre dure sono lunica apparente soluzione, il calcolo della pressione minima necessaria per poter effettuare un taglio o una trivellazione di almeno una tonnellata. Gli egittologi preferiscono non parlare di questo spinoso argomento perch dovrebbero ammettere lesistenza di unavanzata tecnologia. Su numerose coppe di diorite trovate a Giza sono stati incisi geroglifici, ma poich la diorite una delle pietre pi dure del mondo come sono state fatte le incisioni? Questo sarcofago senza coperchio e senza decorazioni era destinato alla celebrazione dei Misteri Maggiori, che tanto in Egitto quanto in Grecia, duravano sette giorni. Nei primi quattro giorni, il candidato doveva purificarsi e doveva resistere ad ogni genere di tentazioni, nei tre giorni successivi, nelloscurit della cripta, doveva assoggettarsi completamente allo Spirito e per far ci il suo io personale doveva morire.

147

Edicolaweb, Mauro Poletti, Monumenti e risonanze acustiche. 78

RITI DI MORTE E DI RESURREZIONE


Nella Camera della Morte e Resurrezione, il candidato si sdraiava nel sarcofago, rimaneva in uno stadio di morte apparente per due giorni e il terzo giorno148 risorgeva a nuova vita, avendo egli vinto la morte, assumeva nuovo nome e veniva considerato un fanciullo149. Nel Libro del Morti egizio, questo locale la Camera della Tomba Aperta, la camera di resurrezione. Le pareti di questa camera hanno conosciuto i riti segreti delliniziazione faraonica, dove solo i membri delle famiglie reali e i frequentatori della Casa della Vita venivano ammessi. Nei Testi delle Piramidi, la resurrezione avviene allorch ci si addormenta sul letto rivestiti da una pelle150 o da una stoffa che la sostituisca151. Il candidato alliniziazione misterica riproduce in se stesso, nella simbolica terra di trasformazione le prove di Osiride e, come questi, deve vincere la morte. Ci presuppone il passaggio attraverso lo stato di letargo, dato dalla comunione con i fluidi della terra e soggetto allinflusso lunare, passaggio che avviene in forma autocosciente mediante la riproduzione dello stato embrionale nella pelle che simboleggia la placenta.152 Lo stato di letargo era uno stato di catalessi, di morte apparente, in cui il corpo era messo in uno stato passivo o ricettivo, il sistema nervoso doveva sopportare una stimolazione energetica di grande entit. Se gli stadi di purificazione preliminari non erano stato effettuati completamente, il candidato moriva definitivamente, stroncato da un potere che egli non poteva sopportare. Limmagine che si pu dare per spiegare questo fenomeno quella di un conduttore attraversato da una forte intensit di corrente: se la resistenza del conduttore piccolissima, allora lenergia sviluppata in calare per fenomeni molecolari bassa, in caso contrario se la resistenza alta, il conduttore si incendia e fonde. La resistenza elettrica tanto pi grande quanto pi vi sono impurit nel conduttore. Si comprende il perch dellimportanza data da tutte le religioni e gli ordini mistici alla purificazione, al digiuno. La Grande Galleria con le sue 40 lastre sul soffitto, ricordava al candidato la permanenza nel deserto per 40 unit di tempo, necessarie alla purificazione prima di accedere alla Terra Promessa, quella celeste. Superata la prova finale, avendo vinto la morte in vita lIniziato si elevava, ergeva la propria colonna dorsale dal sarcofago, risorgeva e assumeva il nome del proprio Dio, cio Osiride NN. Alzati Osiride, tu hai la tua colonna vertebrale, tu hai i legamenti del tuo collo sulla schiena. Poniti sulla tua base, Io verso acqua innanzi a te e ti reco il Djed dOro affinch tu possa essere soddisfatto.
148

Questo rito era conosciuto e praticato anche dagli Ebrei, lesperienza di Giona ingoiato per tre giorni nel ventre della balena viene considerata dai Cristiani come una premonizione di quanto poi accadr a Ges. Giona afferma: LAbisso mi ha avvolto la Terra con le sue sbarre mi ha rinchiuso per sempre. 149 Fra gli Ind, lo stato dinfanzia o blya considerato in senso spirituale, e gli Iniziati sono chiamati i due volte nati. Nella Bibbia scritto che Saul incominci a regnare quando era un bambino di un anno, i commentatori non comprendendo ci scrissero che i compilatori si erano sbagliati, Saul aveva trentanni, in realt era passato un anno dalla sua unzione nella quale, parole della Bibbia, fu trasformato in un altro uomo (I Samuele, 10,6). 150 La pelle sostituita nei riti dalle bende o dal bianco lenzuolo. 151 Boris de Rachewiltz, Egitto magico e religioso, Fratelli Melita Editori, p.124. 152 Ib., p. 175. 79

Una vignetta del Libro dei Morti, incisa sui sarcofagi del Nuovo impero, mostra il Ded situato alle spalle di Osiride, nel punto corrispondente alla sua colonna vertebrale.153
FIGURA 56. OSIRIDE - DJED

Il Djed (Ded o Zed) una colonna, simbolicamente quella di Osiride, generalmente segnata da cinque strisce e sormontata da quattro capitelli sovrapposti. Il simbolo richiama i numeri del modello matematico della Grande Piramide, un Quattro, la forma, sormontato dal Quinto elemento, lo Spirito, simboleggiato dal Disco Solare, e come tale rappresenta luomo unito con il suo spirito. Il simbolo diviene lequivalente della croce ansata, il mistico Tau con luovo della vita, simboleggiato dal cerchio o dallocchiello. Dopo la nuova nascita, la colonna vertebrale sede dei fasci di comunicazione nervosa, si alza portando in s una nuova potenzialit. A partire dal Medio Impero compare il rito dellerezione del ma i caratteri arcaici del rito rendono assai presumibilmente la sua applicazione anche durante lAntico Impero e il silenzio dei testi menzionati potrebbe riferirsi al carattere di segretezza che accompagnava tutte le cerimonie faraoniche dellepoca pi antica. 154 Lerezione della colonna Djed cadeva nel giorno della luna nuova nel quinto mese e nonostante ci veniva considerata come un altro Capodanno, in quanto era legata alla resurrezione di Osiride. Lidentificazione di questo simbolo con Osiride assoluta e la cerimonia del raddrizzamento equivale a quella della resurrezione espressa dalla posizione verticale.

153 154

Ib., p.152. Ib., p.149. 80

IL DJED NASCOSTO
Una struttura molto particolare sovrasta la Camera del Re, la cui sezione richiama quella del Djed, completo del suo quinto elemento. Questa struttura nota dagli archeologi sotto il nome di camere di scarico. La soffittatura orizzontale della Camera del Re si presenta sormontata da unopera architettonica straordinaria. Si tratta per gli egittologi, di cinque camere sovrapposte e destinate a scaricare la camera dal peso dei materiali sovrastanti. Lultima camera presenta un soffitto con travi disposte a capriate, come visto per la Camera della Regina. Le travi che costituiscono la copertura a capriata si suppone che siano dei monoliti con un peso medio di quaranta tonnellate.
FIGURA 57. IL DJED ALLINTERNO DELLA PIRAMIDE

Il messaggio numerico di questa camera si basa indubbiamente sul significato segreto del numero Cinque, la chiave di volta dei costruttori. Come stato spiegato la struttura si identifica con il pilastro Djed155, simbolo della colonna vertebrale di Osiride: la suddivisione della colonna vertebrale in cinque tratti visualizzata dalla cinque camere superiori, mentre i cinque tratti orizzontali sono visualizzati nei cinque ordini di lastroni di granito sulle pareti laterali. La rimanente parte del Djed, la colonna portante non visibile, in quanto facente parte della struttura della Grande Piramide. Il Faraone assimilato al figlio di Osiride, Horos, pertanto la spina dorsale del Faraone assimilabile alla spina dorsale del suo dio, Osiride. Le ossa dei faraoni, nei Testi delle Piramidi sono descritte come fossero di ferro (bja), non di ferro terrestre ma di un ferro meteorico, stellare. Le mie ossa sono di ferro e le mie membra sono le stelle imperiture.156 Il Benben, la pietra nera caduta dal cielo era un meteorite carico di ferro stellare, tutti i sacri strumenti rituali egiziani erano di ferro stellare157. La struttura ossea di Seth era di ferro,
155

Il Djed viene identificato anche con lAlbero della Vita, lAsse del Mondo, la rappresentazione di Osiride avvolto nelle bende come se avesse ununica gamba che un tuttuno con la sua colonna vertebrale limmagine dellAsse del Mondo, immobile centro su cui ruotano i corpi sferici. 156 Testi delle Piramidi 1454. 81

che appunto veniva chiamato lOsso di Seth. Il magnete che attira a s il ferro era chiamato lOsso di Horos158. per mezzo dellOsso di Horos, raffigurato in piedi di fronte alla mummia, che avviene la sollevazione magnetica del Djed: in questa parte della Grande Piramide era celato il mistero del Djed e dei suoi rapporti con la colonna vertebrale delluomo, che in questa cerimonia sacra veniva elettricamente caricata e magnetizzata.

Canale di areazione
FIGURA 58. IL DJED DELLINIZIATO IDENTIFICATO CON IL DJED DELLA PIRAMIDE

157

158

Anche in oriente i pugnali sacri, gli specchi opachi sacri e altri oggetti sono fatti con ferro meteorico. La guerra fra Horos e Seth assume un nuovo significato. 82

IL SOSPETTO DI FALSIFICAZIONE La certezza, la prova incontrovertibile, per gli archeologi che questa piramide fu fatta costruire da Cheope si trova scritta in geroglifici apposti nelle camere di scarico, miracolosamente scoperti dal colonnello H. Vyse durante linconcludente campagna di scavi nel 1837. Furono trovati dei marchi di cava e delle scritte che si riferivano a Cheope. Nonostante una serie di incongruenze e di sospetti di falsificazione da parte dellarcheologo scopritore, lopinione ortodossa che la Grande Piramide fu costruita come tomba di un Faraone di nome Cheope ebbe il sopravvento. La ragion di esistenza di una casta di studiosi, si fondava e si fonda tuttora su determinati pilastri che non possono essere rimossi. 1. Era strano che i marchi fossero gli unici segni del nome di Cheope mai trovati allinterno di tutta la Grande Piramide. 2. Era strano che fossero stati ritrovati in un angolo tanto oscuro, fuori mano 3. Era strano il fatto stesso che fossero stati ritrovati in un monumento per il resto privo di iscrizioni di qualsiasi genere. 4. Ed era estremamente strano che fossero stati ritrovati solo nelle quattro camere di scarico superiori delle cinque esistenti 5. In ultimo, ma non meno importante, era strano che numerosi geroglifici dei marchi di fabbrica fossero stati dipinti capovolti e altri scritti in modo sbagliato Inoltre esistevano prove geroglifiche alternative,, probabilmente di provenienza pi pura, le quali sembrano indicare che Cheope non poteva aver costruito la grande piramideincisi su pietra calcarea rettangolare ora custoditi nel Museo del Cairo. La Stele dellInventario159, comera chiamata, era stata scoperta dallarcheologo francese Auguste Mariette. Fu una vera bomba perch il suo testo indicava chiaramente che sia la Sfinge sia la Grande Piramide (e anche gli altri edifici dellaltopiano) esistevano gi molto tempo prima dellascesa al trono di Cheope. Liscrizione faceva riferimento a Iside come alla Signora della Piramide, sottintendendo che il monumento era dedicato alla dea della magia e non a Cheope160 La ragione per la quale possibile affermare che si tratta di un falso insita nella scrittura dello pseudo geroglifico. I geroglifici, la scrittura al tempo di Cheope sono simboli sacri che non possono essere per nessuna ragione tracciati a caso come una scrittura corsiva tipica delle epoche posteriori, inoltre il tipo di vernice rosso ocra era come quello usato dagli arabi in quel periodo. I segni sacri scolpiti sui monumenti egizi sono detti geroglifici, da hieros o sacro e glupho o disegno, cio segni sacri. I geroglifici nellantico Egitto erano le registrazioni velate degli insegnamenti misterici161. con la decadenza, con la secolarizzazione dei simboli sacri e del linguaggio ieratico, che avvenuto lo svuotamento di significato del linguaggio originario. I saggi Egizi, per comunicare la loro sapienza, non si servono dei caratteri scritti, per esprimere le loro dottrine, come se imitassero la voce e il discorso, essi nei
159

La Stele era stata scolpita millecinquecento anni dopo il regno di Cheope, sotto la XXI dinastia, ma molto probabilmente si rifaceva a uniscrizione pi antica, risalente alla quarta dinastia.. 160 Graham Hancock, Impronte degli Dei, Corbaccio, p. 382-383. 161 Gli alfabeti misterici e i cifrari segreti sono lo sviluppo delle antiche opere ieratiche egizie, la cui chiave era posseduta dagli Ierogrammatici, o antichi sacerdoti Iniziati alla sapienza sacra. 83

loro templi disegnano figure nei cui contorni racchiuso il pensiero di ogni cosa.162 Il fatto curioso che in queste camere venivano menzionati due Faraoni, Khufu e Khnem-Khuf. Sappiamo dalle annotazioni di Howard Vyse che di giorno mandava Hill nelle sale ad iscrivere i nomi del Duca di Wellington e dellAmmiraglio Nelson, che avevano sconfitto Napoleone. Probabilmente Hill tornava di notte per battezzare la piramide con i cartigli contenenti i nomi dei presunti edificatori Quello che aveva iscritto Hill nella camera inferiore non era il nome del faraone. Si affrettarono a correggere quel grossolano errore nella Camera di Campbell, da poco scoperta, dove appare la versione corretta di Khufu.163

162 163

Plotino, Enneadi, 8, 6. Colin Wilson, Da Atlantide alla Sfinge, Piemme, p. 72. 84

APPENDICE
I NUMERI DEL MITO DI OSIRIDE Plutarco164 in De Iside, ci fornisce una dettagliata versione del mito di Osiride. Geb, il Saturno egizio, se ne stava nascosto e abbracciato con Nut, la Materia ancora caotica. Il Sole, cio R, accortosi di tale unione lanci contro Nut una maledizione, di non poter generare figli n in un mese n in un anno. Thoth, innamoratosi della Dea si un con lei giocando a dama con la Luna, riuscendo a vincere la settantesima parte di ogni lunazione, con questa mise da parte Cinque giorni, intercalandoli allanno di 360 giorni. Questi cinque giorni sono festeggiati come la nascita degli Dei: il primo giorno nacque Osiride, il secondo giorno nacque Arureris detto Horos il Vecchio, Apollo per i Greci; il terzo giorno nacque Seth squarciando il ventre della madre, il quarto giorno nacque Iside e il quinto giorno nacque Neftys165 detta Afrodite o Fine. Per spiegare che il Tempo non era ancora iniziato, il mito ci informa dellordine alla Materia di non generare n in un mese n in un anno. Thoth si un con la Dea, in quanto essa era facile e scorrevole: era la Materia Fluida! Gioca a dama con la Luna, un gioco fatto di riquadri bianchi e neri, come le fasi lunari. Il numero dei riquadri 64 = 82, il quadrato di otto, il numero che simboleggia linfinito. Questo numero coincide con gli esagrammi dei I King, il Libro dei Mutamenti dellantica Cina, dove il numero del mutamento guarda caso Cinque. In ogni caso la Luna il simbolo della generazione senza la quale non possibile alcuna manifestazione. Plutarco166 ci informa che la Luna era doppia, era androgina, essa il mistero dei misteri, un potere senza sesso in quanto li contiene tutti due. In Grecia, Diana, la Luna era raffigurata barbuta munita di arco e frecce. Gli Egizi indicavano la Luna con IO o Ioh, proprio come la fanciulla amata da Zeus e poi trasformata in vacca. Il nome Io limmagine del numero 10, il numero perfetto contenuto nella Tetractis, tale numero 2x5, ovvero doppio, androgino. Thoth un Dio lunare e la sua compagna Sifix tiene in una mano unasta con cinque raggi o una stella a cinque punte. Thoth il pi misterioso e il meno compreso fra gli dei, rappresenta la Sapienza e viene sempre raffigurato vicino ad Iside come suo Ministro. il cancelliere di Osiride nellAmenti quando viene fatto il Giudizio al Defunto. Egli il messaggero incaricato di computare la durata dei periodi solari e lunari, e come tale ha sulla sua testa un disco con Sette Raggi. Giamblico dice che la croce ansata, il Tau che Thoth regge in mano il monogramma del suo nome. Plutarco considera lanno lunare167 di 350 giorni che divisi per 70, la settantesima parte di ogni lunazione, danno i cinque giorni intercalari, che sommati ai 360 dellanno egizio danno 365 giorni. Per merito di Thoth o meglio del collegio dei sacerdoti di Thoth fu stabilito lanno solare di 365 giorni. Il calendario mobile civile era costituito da 36 periodi di 10 giorni, pi i 5 giorni intercalari. Tale numero composto da 13 cicli di 28 giorni pi uno, cio 13x28 + 1 = 364 + 1 = 365. I 364 = 52x7 giorni costituiscono lanno solare di 52 settimane o di 364 giorni, a cui va aggiunto il numero Uno, simbolicamente il centro del cerchio, linizio. Il numero 365 il numero di Osiride, perch Plutarco scrive:

164

Plutarco oltre che un Iniziato e come tale poteva consultare documenti non accessibili ai profani, era un discepolo del maestro Ammonio Sacca che era di origine egiziana. 165 Neftys veniva anche identificata con la dea Hathor. 166 Plutarco, De Iside, 368, C. 167 Lanno composto da 12 mesi lunari dura 354 giorni, ma Plutarco ne esclude quattro portando il totale a 350. 85

Osiride il Nilo che si congiunge alla Terra simboleggiata da Iside, e Tifone il mare in cui il Nilo si getta e si disperde.168 Il valore numerico della parola Neilos o Nilo appunto 365, e lo scorrere del Nilo equivale allo scorrere del Tempo ciclico Inoltre il numero 365 e uguale a 3 + 6 + 5 = 14 = 2x7 il numero che cela il il numero de due volte sette costruttori. Fu dunque con la generazione del Figlio della Luce169 che inizi il Tempo. Dividendo il cerchio celeste di 360 per 5, cio il numero dei figli generati da Nut, si ottengono 72 gradi, numero che coincide con quello dei congiurati che uccisero Osiride, facendolo entrare in una bara, in un sarcofago. I sacerdoti egizi sapevano che lanno solare non esattamente di 365 giorni, ma superiore di un quarto di giorno170, cio di 365,25, essi facevano i loro calcoli sulla levata eliaca della stella Sirio detta Sothis in greco, e pertanto ogni 1461 anni si verificava, la coincidenza dellanno sothiaco con lanno civile. Il racconto mitico narra che Seth o Tifone prese di nascosto le misure del corpo di Osiride e costru un Bara, Barca o Arca di quelle dimensioni, abbellendola di splendidi ornamenti, promettendola in dono a colui che ci stesse di misura. Tutti provarono, ma nessuno entrava esattamente nella bara, eccetto Osiride che una volta sdraiato, i 72 congiurati con la collaborazione della regina dEtiopia chiusero il sarcofago con un coperchio e gli versarono sopra del piombo fuso. I congiurati trasportarono la Bara o Barca al fiume e labbandonarono in modo che arrivasse al mare attraverso la bocca di Tanitica, considerata dagli Egizi odiosa e abominevole. I sacerdoti egizi consideravano il mare come contenente qualcosa di impuro, del sangue e sperma. Il Principio Vitale viene chiuso in una bara con la quale viene indissolubilmente fuso (con il Piombo alchemico) per descrivere lunione dellAnima con il corpo. La nascita fisica la morte per lo Spirito che viene addormentato nella materia. La morte di Osiride il suo sacrificio per vitalizzare la materia, il sacrificio che in tutte le sacre scritture compiuto agli inizi del Mondo. I 72 congiurati sono in relazione con la divisione del cerchio celeste e del tempo ciclico. Il numero sacro del ciclo 432 = 6x72 composto da sei periodi di 72. La presenza femminile della Regina dEtiopia essenziale in ogni opera che riguarda la materia. La bocca abominevole richiama limmagine dellorgano genitale femminile. Plutarco scrive che Osiride fu ucciso il giorno 17 del mese di Athyr171, nel segno zodiacale di morte dello Scorpione (il nemico del Sole), quando si compiva il plenilunio. Il plenilunio segna linizio del periodo di magra del Nilo, il simbolo di Osiride. Il numero 17 era molto inviso ai Pitagorici172 tanto che era considerato un ostacolo. Il numero 17 in relazione ad un ciclo basato fra la coincidenza delle fasi della Luna con la levata eliaca di Sirio. Ad esempio se oggi la levata eliaca di Sirio avviene in congiunzione con la luna nuova, dopo 17 anni coincider con il quarto di luna, dopo 34 anni con la luna piena. Questi fatti avvennero al ventottesimo anno del regno di Osiride. Gli anni di Osiride, 28, coincidono col ciclo lunare di 7x4 = 28 giorni. Osiride era identificato oltre che con la costellazione di Orione, anche con la Luna, con la quale condivide i cicli. Iside informata della morte di Osiride indoss una veste nera da lutto e vag in cerca del marito, finch venne a sapere che una volta Osiride si era unito a sua sorella Neftys
168 169

Ib., 363, D, E. Il primo giorno della nascita degli dei Plutarco riferisce di un voce misteriosa che diceva. Ecco il Signore di tutte le cose che viene alla Luce. 170 Ogni quattro anni si perde un giorno che portano ad un ciclo di 365,25x4 = 1460 anni. 171 Plutarco, De Iside, 367, F , a conoscenza della filosofia pitagorica fornisce una spiegazione: il numero 17 cade fra il numero 16, un quadrato 4x4, e il numero 18, un rettangolo 6x3, i soli numeri che formano figure piane la cui area uguale al perimetro. Il numero 17 si pone come un ostacolo e spezza la proporzione di uno e un ottavo in intervalli disuguali, 18 =16 + 16/8 oppure 17 =8 + (8 + 1). 172 Questa lorigine della credenza che il 17 porti sfortuna. 86

credendola Iside. Iside cerc il bimbo per salvarlo dalle ire di Seth, il marito di Neftys e lo trov guidata da una muta di cani. Iside viene chiamata Cane dai Greci e Sothis dagli Egizi, questa stella Sirio, detta Cane di Iside perch annunciava linondazione del Nilo. Neftys la terra che sta sotto lorizzonte fecondata dal Nilo che rappresenta lemissione seminale di Osiride. Il figlio del Cielo e della Terra diviene cos lorizzonte. Dal nascere eliaco della stella del Cane, la Canicola, gli Egiziani cominciavano il loro anno civile. Iside allev il figlio di Osiride e di Neftys che fu chiamato Anubis, divenendo cos ila sua guardia, il suo fedele compagno, e per tale motivo era raffigurato con il corpo di uomo e la testa di sciacallo o cane, perch la vista del cane uguale sia di giorno che di notte Da Plutarco viene collegato con la dea Ecate, seguita sempre da una muta di cani, la sovrana del regno dei morti. Anubis, lorizzonte, diviene il guardiano che sta sulla soglia che separa la terra dal cielo, le tenebre dalla luce Il culto di Anubis in Egitto era di natura misterica, il dio veniva rappresentato con un caduceo in mano e delle catene attaccate alla bocca, per indicare la proibizione di parlare degli argomenti misterici. Anubis viene identificato con Sirio che come noto una stella doppia. Anubis un nume che indica una nube o Nubis, che negli scritti sacri sempre stata considerata come simbolo di protezione. Uscendo dallEgitto gli Ebrei erano protetti da una Nube173, gli Argonauti erano stati avvolti e protetti dalla medesima nube come Enea. LArca con il corpo di Osiride giunse a Byblos approdando in un prato di erica, Dopo aver navigato nelle acque del Caos, la barca o bara di Osiride si arrest in un posto asciutto: linizio di un nuovo ciclo, dove Osiride rivestito dallerica divenne un albero, una colonna che sorregge il tetto della casa del Re di Biblo174, lasse centrale che sostiene ledificio del creato, lAlbero del Mondo. Iside trov la bara di Osiride nascosta dallerica e la port via. In una notte di luna piena mentre Seth andava a caccia vide illuminata dalla Luna la bara con il corpo di Osiride, dilani il corpo del figlio del Cielo in 14 pezzi e li disperse. Lallusione dello smembramento di Osiride con la complicit della Luna al ciclo di manifestazione retto dai 2x7 = 14 costruttori, di cui Osiride, rappresenta la sintesi delle due schiere, lAsse del Mondo.

173 174

Esodo, XIII, 22; Numeri, XIV, 14; I Corinti, X, 1: Il nome del Re Malcandro, forma letterale del dio Fenicio Melcarth, mentre il nome della regina Astarte, forma di Ishtar, dea dellAmore e della fecondit. 87

Numero di Osiride, il Nilo celeste. Lanno solare di 52 settimane pi un giorno Numero degli anni di Osiride Numero del giorno della morte di Osiride Numero dei pezzi del corpo di Osiride

365 = 3 + 6 + 5 = 14 = 2x7 28 = 7x4

il numero delle due schiere di divini costruttori il numero del ciclo lunare, che indica la generazione Per i Pitagorici era lOstacolo il numero : 3 + 1 + 4 + 5 = 14 scritto in modo diverso La divisione del cerchio celeste di 360 per 72 d il numero 5, il numero dei vertici della piramide e del pentalfa il numero degli Dei generati da Nut e Geb, di cui Osiride il maggiore, il vertice superiore della Piramide. lunit di misura per il tempo, 60 secondi, 60 minuti ecc.

17

14 = 2x7

Numero dei congiurati contro Osiride

72

Numero dei giorni intercalari

Numero del Coccodrillo o di Seth

60

Il cerchio celeste di 360 diviso in 12 settori lungo leclittica o costellazioni di 30 ciascuno. La divisione per cinque del cerchio celeste individua i cinque vertici del pentalfa, la stella a cinque punti contenente cinque triangoli isosceli con angolo di base di 72, questi triangoli hanno i lati, il cui rapporto aureo. Moltiplicando il numero dei congiurati 72 o anni impiegati dal sole equinoziale per completare uno spostamento precessionale di un grado, per i gradi di ogni settore si ottengono gli anni corrispondenti ad un segno zodiacale, o ad unera di 72x30 = 2.160 anni, che diventano 4320 anni per due costellazioni zodiacali. Il passaggio del sole equinoziale nei 12 segni dura 12x2.160 = 25.920 anni che corrispondono al Grande Anno platonico. Il periodo di 432.000 anni del Kali Yuga e dei 10 Re Divini di Berosso, dura dunque 100 + 100 ere zodiacali. LUniverso, viene raffigurato come una sfera, e Ippaso175 fu scomunicato per aver divulgato un segreto dei Misteri affermando che la sfera si costruisce con 12 pentagoni: dietro un 12 si nasconde sempre un 5, il pentalfa176 simbolo di riconoscimento dei Pitagorici. La dea Neftys, nata il quinto giorno era per i Greci Venere, che come luminoso pianeta del mattino, disegna con il suo sorgere eliaci in cielo un pentagramma fiammeggiante nel corso di otto anni. Venere e Sirio sono le stelle pi luminose del cielo.

175

La leggenda vuole che Ippaso, un discepolo di Pitagora, che venne a meno del giuramento di segretezza, sia morto in un naufragio per aver pubblicato liscrizione del dodecaedro nella sfera. 176 Plutarco afferma che il vocabolo pente (cinque), deriva da panta che significa tutto. 88

Se costruiamo la sfera con dodici pentagoni, effettuiamo loperazione 12x5 = 60, lunit fondamentale, la misura del Cielo del Caldei, il numero assegnato da Giamblico177, un Neoplatonico, al coccodrillo, assimilato a Seth, che trascina il carro solare di Osiride. I dodici pentagoni costituiscono il dodecaedro la quinta delle figure cosmiche di Platone, quella che rappresentava il Tutto. Questa figura ha venti vertici e trenta spigoli che vengono a formare 360 triangoli178 rettangoli, come attesta Plutarco, contemporaneamente il dodecaedro si scompone in 360 tetraedri179 (elemento fuoco), che li hanno per base e hanno per vertice il centro del dodecaedro. Sul mistero del dodecaedro e sulla riserva di Platone di non discutere oltre di questo argomento, si arresta questo studio, ricordando quanto egli affermava: impossibile arrivare ad una vera fede in Dio se non si conosce la matematica e lintimo legame di questultima con la musica.

177

Giamblico, De Mysteriis, V, 8. Agli occhi di Pitagora e di Platone il triangolo rappresenta latomo superficiale, il numero minimo di lati necessario a formare una figura piana. 179 Il tetraedro, una piramide a base triangolare, un solido formato da quattro superfici triangolari uguali e regolari.
178

89

INDICE DELLE FIGURE


FIGURA 1. GIZA......................................................................................................................................4 FIGURA 2. LA GENERAZIONE DEI DIECI DEI .................................................................................12 FIGURA 3. COSMOGONIA DI HELIOPOLIS......................................................................................13 FIGURA 4. GEOMETRIE DEL TIMEO ................................................................................................13 FIGURA 5. BENBEN MUSEO DEL CAIRO .........................................................................................14 FIGURA 6. LA CASA-TEMPIO NEL CERCHIO CELESTE ..........Errore. Il segnalibro non definito. FIGURA 7. PIRAMIDE A SEI GRADONI .............................................................................................15 FIGURA 8. IL NELLA PROGETTAZIONE DELLA GRANDE PIRAMIDE ......................................23 FIGURA 9. SEZIONE VERTICALE GRANDE PIRAMIDE ..................................................................24 FIGURA 10. LA PIRAMIDE DI CHEOPE E LA PIRAMIDE DEL SOLE SIMBOLI DEL ...............24 FIGURA 11. LA TETRADE....................................................................................................................26 FIGURA 12. LARMONIA .....................................................................................................................28 FIGURA 13. LA GRANDE PIRAMIDE, RAPPRESENTAZIONE DELLEMISFERO SETTENTRIONALE 30 FIGURA 14. LA TETRADE TRIDIMENSIONALE ................................................................................32 FIGURA 15. ELOHIM ...........................................................................................................................35 FIGURA 16. SIMBOLO DELLA DEA MAAT ........................................................................................37 FIGURA 17.DETERMINAZIONE DEL CUBITO FARAONICO ..........................................................38 FIGURA 18. SCELTA DELLINCLINAZIONE .....................................................................................40 FIGURA 19. LIVELLI PRINCIPALI DELLA GRANDE PIRAMIDE ...................................................41 FIGURA 20. RAPPORTI GEOMETRICI DELLA GRANDE PIRAMIDE .............................................42 FIGURA 21. RAPPORTI AUREI ...........................................................................................................42 FIGURA 22. COSTRUZIONE PRINCIPALI SEGMENTI INCOMMENSURABILI..............................44 FIGURA 23. ANTICO UTILIZZO DEL COMPASSO E DELLA SQUADRA ........................................44 FIGURA 24. DISPOSIZIONE DELLE TRE PIRAMIDI DELLA PIANA DI GIZA ...............................45 FIGURA 25. IL SUBLIME TRIANGOLO ISOSCELE ...........................................................................46 FIGURA 26. ARMONIE DEL PENTALFA ............................................................................................47 FIGURA 27. PENTALFA E RETTANGOLI AUREI ..............................................................................47 FIGURA 28. PORTA CON PROPORZIONI ......................................................................................48 FIGURA 29. PORTA DEL TEMPIO DI KARNAK ................................................................................48 FIGURA 30. IL PASSAGGIO DISCENDENTE .....................................................................................53 FIGURA 31. MISURE DEL PASSAGGIO DISCENDENTE .................................................................54 FIGURA 32. LIMBOCCO AL PASSAGGIO ORIZZONTALE..............................................................54 FIGURA 33. LE CAMERE SOTTERRNEE E I RELATIVI PASSAGGI.................................................55 FIGURA 34. VISTA VERTICALE CAMERA SOTTERRANEA ..............................................................56 FIGURA 35. SACERDOTE DI OSIRIDE, RIVESTITO CON PELLE DI PANTERA............................57 FIGURA 36. SIMBOLISMO DI BES......................................................................................................58 FIGURA 37. CAMERA SOTTERRANEA E POZZO ..............................................................................59 FIGURA 38. USCITA DAL POZZO.......................................................................................................60 FIGURA 39. GRADINO NEL PASSAGGIO ORIZZONTALE ...............................................................60 FIGURA 40. SEZIONE VERTICALE CAMERA DELLA REGINA........................................................61 FIGURA 41. NICCHIA NELLA CAMERA DELLA REGINA ................................................................62 FIGURA 42. RAMPINO PER CERIMONIA APERTURA DELLA BOCCA ..........................................63 FIGURA 43. LIBRO DI CIO CHE CE NEL DUAT, CUNICOLO ASCENDENTE ............................65 FIGURA 44. SEZIONE VERTICALE GRANDE GALLERIA.................................................................66 FIGURA 45. USCITA GRANDE GALLERIA.........................................................................................69 FIGURA 46. CORRIDOIO CAMERA DEL RE .....................................................................................69 FIGURA 47. DIMENSIONI DELLA CAMERA DEL RE .......................................................................70 FIGURA 48.TRIANGOLO SACRO NELLA CAMERA DEL RE............................................................70 FIGURA 49. IL TRIANGOLO SACRO ..................................................................................................71 FIGURA 50. CORDA DI AGRIMENSURA............................................................................................72 FIGURA 51. TRIANGOLO SACRO A CARNAC ...................................................................................72 FIGURA 52. I RAPPORTI DIMENSIONALI .........................................................................................73 FIGURA 53. SUPERFICIE LATERALE MINORE CAMERA DEL RE.................................................75 FIGURA 54. SUPERFICIE PARETE NORD CAMERA DEL RE .........................................................76 FIGURA 55. SARCOFAGO ...................................................................................................................77 FIGURA 56. OSIRIDE - DJED..............................................................................................................80 FIGURA 57. IL DJED ALLINTERNO DELLA PIRAMIDE .................................................................81 FIGURA 58. IL DJED DELLINIZIATO IDENTIFICATO CON IL DJED DELLA PIRAMIDE..........82

90

91