Sei sulla pagina 1di 13

http://www.astro.

com/astrology/tma_article170
306_e.htm
Ceres e Plutone
di Shirley Soffer

© Shirley Soffer - prima pubblicato da The Mountain Astrologer, 2008 / 06.03.2017


Condividere
Tweet
e-mail

Nell'agosto del 2006, l'Unione Astronomica


Internazionale ha annunciato che Ceres (a destra) è stato aggiornato dall'asteroide al pianeta nano e
Plutone (a sinistra) è stato abbattuto dal pianeta al nano1. Improvvisamente, questi due diversi corpi
celesti sono stati spinti insieme nel nostro coscienza collettiva. Nonostante i dubbi degli astrologi
circa il loro cambiamento di stato (in particolare il downgrade di Plutone), entrambi i corpi saranno
ora designati come pianeti nani nei futuri testi scolastici, periodici principali, enciclopedie, libri di
riferimento e simili; è così che il collettivo pensa a loro. Anche se Eris è stato incluso come il nuovo
nano infante sul blocco, solo in questo articolo saranno affrontati solo Ceres e Plutone, perché sono
stati in giro con noi, astrologicamente, per qualche tempo.

Ora che Ceres e Pluto saranno collegati nella mente pubblica come nani nuovamente tirato,
possiamo dover cambiare le nostre percezioni in modo appropriato, vale a dire, ri-immaginare
questo spostamento nella categoria simbolicamente, vedendo ciò che possiamo scoprire di recente
su questi due pianeti archetipi, non tanto singolarmente, ma come una coppia planetaria in un
aspetto l'uno all'altro. Nelle nostre interpretazioni astrologiche, abbiamo lavorato con Plutone come
un'unica entità e quelli di noi che usano gli asteroidi hanno lavorato con Ceres. Ma finora molti di
noi non hanno esplorato i loro temi - sia in astrologia che in mitologia - in un modo che mostra le
loro relazioni tra loro.
Nella mitologia, Ceres e Pluto si oppongono alle figure della vita
del Persephone ("Proserpina" in versione romana), quindi hanno già una connessione storica
attraverso il loro simbolismo inerente nella storia greca e romana. Ceres è descritta in entrambe le
culture come una dea vegetazione: il suo nome in greco era Demeter, che significa letteralmente
"Madre Terra" o Madre Terra. Fu conosciuta come fornitore e sovrintendente della bontà della
Terra; ha governato tutto ciò che cresce dal suolo e da cui otteniamo la nostra alimentazione, il
nostro cibo. Nell'antico rituale romano fu particolarmente onorata quando il grano e il grano
venivano raccolti (la parola "cereale" deriva dal suo nome romano). Le statue di Ceres di solito la
ritraggono indossando una ghirlanda di grano e tenendo un cesto pieno di fiori o frutta. In alcune
rappresentazioni, porta un grano di grano, simile all'immaginario della costellazione Vergine.
Possiamo effettivamente associare Ceres a molte delle parole chiave astrologiche che usiamo per la
Vergine, in particolare i termini che coinvolgono cibo e nutrizione, e alcuni astrologi considerano
Ceres per regolare il segno della Vergine.

Plutone, d'altra parte, era governatore dell'Interno nella sua mitologia e fu signore di tutto ciò che
appartiene sotto la Terra. Anche se pensiamo al grano, al frumento e alle verdure come prodotti
visibili della Terra - cosa possiamo realmente vedere crescere - sappiamo anche che il cibo che
otteniamo dalla Terra inizia nel sistema radicale sotto il suolo. Infatti, il seme che Ceres provvede
spende diversi periodi sotterranei, nel regno di Plutone, prima che germini e germoglia.

Se ci riflettiamo ulteriormente, altre risorse vitali da cui dipendiamo hanno anche i loro inizii sotto
il suolo, nel regno di Plutone: non solo le sorgenti sotterranee che irrigano la terra e aiutano colture
a crescere, ma anche combustibili fossili, minerali, minerali di ferro , diamanti, oro e argento -
praticamente tutti i tesori del mondo che rendono la vita ricca e abbondante sulla terra. Plutone era
conosciuto dagli antichi come il Signore della ricchezza nascosta; il suo nome deriva da Plouton in
greco, il che significa "il ricco", o Ploutos, che significa "ricchezza".

Custodi della Terra


Per comprendere la terra e la vegetazione nel senso più pieno,
perciò è quello di essere consapevoli di ciò che appare sulla superficie del terreno ed è visibile
(regno di Ceres) e ciò che è sotto il terreno e nascosto (regno di Plutone). Come fornitori della vasta
offerta del terreno, sopra e sotto il terreno, Ceres e Plutone sono quindi inesorabilmente intrecciati e
interdipendenti; hanno una relazione simbiotica. Ciò è particolarmente importante in questi giorni,
perché troviamo una connessione collettiva tra quel simbolismo di Ceres, Madre Terra e fornitore
della nostra alimentazione alimentare, e Plutone, Dio dell'Interno e la sua ricchezza nascosta - i due
nuovi pianeti nani. Come sappiamo, oggi c'è una crescente preoccupazione nel mondo scientifico e
politico sul potenziale esaurimento delle risorse terrestri, cioè come usiamo le riserve sotterranee di
Pluto sotto forma di acqua, gas, petrolio e carbone e come questo sarà in ultima analisi impatto sulla
nostra alimentazione alimentare.

L'umanità ora si trova ad affrontare problemi come la fame nel mondo, la siccità, la carestia e, più
urgentemente, gli effetti del riscaldamento globale derivanti dall'uso, dall'uso abusivo e dall'uso
eccessivo di combustibili fossili. Nella nostra coscienza collettiva, stiamo ora affrontando la stessa
Madre Terra e scoprendo che tipo di madri siamo sul pianeta in cui abitiamo.

Nel 2007 il Pannello intergovernativo sul cambiamento climatico, sotto gli auspici delle Nazioni
Unite, ha emesso un terribile avvertimento per il mondo in generale: gli esseri umani stanno
surriscaldando pericolosamente il pianeta attraverso la combustione dei combustibili fossili
(carbone, gas e petrolio), rilasciando troppo l'anidride carbonica nell'aria e provocando così
cambiamenti climatici che avranno un impatto su tutto, dall'agricoltura alla zoologia. Gli scienziati
ci dicono che quasi tutto congelato sulla Terra sta sciogliendo. I ricercatori prevedono che il
conseguente aumento del livello del mare inondera alcune zone a bassa quota, che influenzeranno
negativamente le colture, la produzione di cibo, l'ecologia delle coste e l'animale, il pesce e la vita
degli uccelli.3 Gli scienziati affermano anche che il polare le regioni potrebbero essere praticamente
esenti da ghiaccio durante i mesi estivi entro l'anno 2070 a causa di queste temperature in
aumento.4
Secondo i risultati della relazione, alcune parti del mondo, soprattutto nelle regioni meridionali,
avranno una grave siccità e carestie e alcune specie di animali e di uccelli si estinguono. I modelli di
tempo sono già spostati in tutto il mondo, causando un aumento di morti, malattie, onde di calore,
inondazioni, valanghe, tempeste, deforestazioni, ecc. Anche se le regioni settentrionali saranno più
amichevoli per l'agricoltura, gli scienziati prevedono che ci sarà un aumento di erbacce, funghi ,
insetti di insetti e anche incendi nei settori settentrionali a causa del cambiamento climatico.

L'ex vice presidente Al Gore, nel suo film Un Inconvenient Truth e nei suoi scritti e discorsi, ha
usato mezzi più popolari e comprensibili per richiamare l'attenzione su questi risultati scientifici sul
cambiamento climatico. La consapevolezza del pubblico è ulteriormente aumentata quando Gore e
il gruppo intergovernativo hanno ricevuto un premio Nobel per la Pace per i loro sforzi.

Il 12 ottobre 2007, il giorno Gore è stato assegnato il premio Nobel, transitare Ceres era tornato (al
suo secondo passaggio) alla sua natalità Ceres. Il posizionamento prominente del 10esimo posto di
Ceres (con il North Node e la Venere in Taurus che forniscono librerie robuste) ha ampliato il suo
lavoro sul riscaldamento globale nel mondo esterno. Il transito di Plutone ha anche congiunto il suo
Giove di natale, aggiungendo una forza maggiore alla quinconica di Giove a Ceres; Plutone
natalizio di Gore ampiamente piazza anche Ceres.

Per quanto riguarda la consapevolezza del riscaldamento globale,


attraverso Gore e altri, credo che non sia un caso che entrambi Ceres, il fornitore della bontà
terrestre, e Plutone, dio dei tesori sotterranei come i combustibili fossili - così come la morte e la
distruzione - sono stati accoppiati come due nuovi nani a livello collettivo. Come noi, Ceres e Pluto
sono simbolicamente i custodi, ciascuno a loro modo, della nostra alimentazione alimentare e, in
ultima analisi, di tutte le risorse ricche della Terra. La giuria è ancora in questo modo, quindi rimane
da vedere se la forza distruttiva di Plutone o la capacità di Madre Terra di produrre e sostenere la
vita prevarranno - se il naturale rapporto simbiotico tra Ceres (Terra Madre) e Plutone (Lord of
l'Underworld) continuerà in modo utile e produttivo.

La grande questione per il XXI secolo ha a che fare con il nostro pianeta stesso: come si usano le
risorse che si trovano sotto il terreno, nel regno di Plutone? Perché come usiamo queste risorse ha a
che fare con la sostanza stessa della vita, la nostra alimentazione alimentare, il regno di Ceres. Con
l'elevazione collettiva di Ceres al pianeta nano, spero di avere un maggior riconoscimento globale
dell'archetipo di Madre Terra e della nostra grata consapevolezza di lei e dei suoi doni abbondanti.

Su un argomento correlato, c'è anche una risonanza simbolica riguardo alla strana scomparsa della
popolazione delle api in alcune regioni del mondo, dove le api abbandonano le loro orticelle,
distruggendo essenzialmente le proprie colonie. Un terzo della nostra offerta alimentare dipende
dalle attività delle api, poiché impollinano i nostri raccolti; infatti, Albert Einstein affermava che, se
le api scompaiono mai, gli esseri umani avrebbero solo quattro anni di vita. [5] Interessante, l'ape è
stata associata alla religione greca con Demeter / Ceres stessa; spesso è raffigurata a trasportare fiori
nel suo cesto e frutta, suggerendo la sua connessione all'impollinazione. Le api rappresentavano
anche la discesa dell'anima al mondo sotterraneo di Plutone, in quanto le api non uscirono dalle loro
alveari in inverno.

Più cibo per pensare al cibo

Un'altra associazione tra Ceres e Pluto comporta una delle parole chiave di Pluto in astrologia:
trasformazione. Quando lavoriamo con Plutone, abbiamo principalmente applicato il termine
trasformazione come processo psicologico, che è certamente valido. Per quanto riguarda la
connessione di Pluto a Ceres, tuttavia, la trasformazione ha anche molto a che fare con
l'elaborazione del cibo stesso: ciò che prendiamo come cibo è trasformato nei nostri corpi in
carburante ed energia.

Il segno della Vergine viene di nuovo in gioco, poiché la Vergine è associata a processi quali la
masticazione, la digestione e l'assimilazione: la rottura del cibo in piccole particelle in modo che
possa essere trasformata in carburante ed energia. In questo senso, sia Ceres che Plutone sono
collegati con la forza vitale vitale stessa, con l'energia nel senso più completo del termine, sia che
sia energia attraverso cibo o energia attraverso il combustibile. Ceres e Pluto forniscono la forza e le
risorse che la vita dipende dalla sopravvivenza.

Certamente Alberto Einstein, che aveva coniugato Pluto Ceres in


Taurus nell'ottava casa, capì la trasformazione dell'energia (Ceres-Pluto) in materia (Toro) come
verità universale per l'umanità (11a casa). Portando in qualche modo un concetto più alto di
Einstein a terra, possiamo forse anche applicare l'espressione "trasformazione dell'energia"
all'agricoltura: quando la vegetazione muore e decade nel suo ciclo di crescita, si torna nel terreno e,
infine, la arricchisce , fornendo le sostanze nutritive essenziali per una nuova crescita. Così, nulla in
natura è mai sprecato; è conservato, riciclato e rivitalizzato. Sia l'energia che la materia sono
ricostituite in qualche modo per essere trasformate negli ingredienti vitali necessari per nascere la
nuova vita.

Nel mondo naturale, Ceres, come la Madre Terra simbolica, fornisce il terreno per il seme che
cresce il nostro cibo; che il seme è spesso contenuto nella pianta stessa. Quando la pianta muore, il
suo seme viene rilasciato verso il basso, sia come una spora o un altro tipo di propagatore. In questa
forma selvaggia, incolta, la natura ha un modo organico di ricostituire se stesso attraverso il
processo infinito di nascita, morte e rinascita. Nell'agricoltura, ovviamente, questo processo è
controllato e organizzato attraverso la coltivazione umana. In entrambi i casi possiamo vedere la
connessione simbiotica tra il processo di vita di Ceres e il processo di trasformazione e di morte di
Plutone sul posto di lavoro, in cui la pianta vivente e morente sono entrambe parte del ciclo
crescente.
Per affermare un altro modo, Ceres e Pluto, intesi come coppia, significano le diverse stazioni o le
stagioni della vita che definiscono l'esistenza stessa, dove la morte è parte dell'equazione: dalla
nascita dell'anima attraverso la crescita, il declino, la morte, la trasformazione , e rinascita, più e più
volte. Ceres e Pluto, in combinazione, mostrano che la forza vitale stessa non muore; è trasformata
attraverso i vari processi naturali nei regni umani, vegetali e animali. La fertilità stessa, il regno di
Ceres, è generata da una forma di libido sessuale, una forza che possiamo associare con Plutone
anche in astrologia.

Ceres e Pluto sono collegati in un altro modo che parla a una condizione di base della vita nel suo
senso più radicale: mangiare, dobbiamo ridurre o uccidere qualcosa di vivente - questo vale per i
vegetariani ei carnivori. Facciamo la maggior parte delle cose per mangiarle, siano essi verdure o
animali. Mangiare è una condizione implacabile di sopravvivenza, indipendentemente dalla specie.
La vita alimenta la vita - questa è la dura verità di essere viva. Così è con Ceres e Plutone, che
significano la connessione tra vita e morte come geni esistenziali. Qualunque sia la vita deve morire
e tornare sia alla Madre Terra che al Signore dell'Interno. E qualunque cosa debba vivere di nuovo
in un'altra forma, poiché l'energia, o la forza vitale, non è mai perduto; è conservata, trasformata e
rigenerata.

Come custodi delle risorse terrestri, noi umani abbiamo la


responsabilità di preservare la vita vegetale e animale il più possibile - non solo come atto di
altruismo, ma anche per preservare la nostra alimentazione per la sopravvivenza della nostra specie.
La lezione da imparare con una coscienza superiore è quella di coniugare le nostre risorse, di
limitare il nostro taglio e di uccidere, utilizzare solo ciò che è necessario per il nostro benessere e
non sprecare i doni della Terra, siano essi cibo, carburante o altre risorse.

Questa connessione simbolica tra il fornitore di Ceres e il cacciatorpedone Plutone può essere
trovata nella maggior parte delle religioni, in cui sia l'atto di mangiare e l'uccisione necessaria che
viene con il territorio sono riverentemente riconosciuti: C'è di solito una sorta di benedizione o di
grazie a Dio eseguita prima di mangiare , e un qualche tipo di rito sacro spesso accompagna la
macellazione degli animali. Vediamo i resti di questo in tempi moderni, con il detto di grazia prima
dei pasti nel cristianesimo e nella Messa cattolica, dove il mangiare della fetta è simile all'ingestione
del corpo vivo di Cristo. Nell'osservanza ebraica, una preghiera di ringraziamento viene affermata
prima del consumo, e ci sono prospettive religiose molto precise circa la macellazione di un
animale. Anche le culture nativi benedicono l'animale e lo ringraziano per aver fatto l'ultimo
sacrificio agli esseri umani, sia prima che la caccia e l'uccisione stessa.

Non ho familiarità con i riti nell'Islam e nelle altre religioni del mondo, ma vorrei dire che c'è una
comprensione di base in tutte le religioni che il cibo è un dono di un dio e una complicità silenziosa
con quel dio nell'uccisione che ha comportato . Ceres, Madre Terra e Fornitore di cibo e Plutone,
Signore della Morte, sono entrambi coinvolti nell'atto di mangiare, dove i significanti della vita e
della morte sono necessariamente intrecciati. Allo stesso modo, Saturno, che in epoca romana era
anche un dio agricolo, è stato spesso ritratto con la falce o la falce, simile a colui che abbandona il
grano e il Grim Reaper, la morte stessa.

Questo rapporto universalmente complesso con il cibo - e la sua


intricata connessione con la vita e la morte - può essere visto talvolta nei grafici delle persone con
disturbi alimentari. Il cantante Karen Carpenter ha sofferto di anoressia, una malattia che alla fine
ha preso la sua vita6. Aveva una trincea tra Ceres e Plutone. Una trina può essere spesso paragonata
alla Luna: corriamo alla nostra trina, come facciamo alla nostra Luna, quando i chip sono in discesa,
quando abbiamo bisogno di comfort e sollievo. Purtroppo, la luna nel diagramma di Karen
Carpenter è congiunta Plutone, che ha complicato notevolmente i suoi problemi alimentari e nutre, e
la sua Ceres nella 6a casa di abitudini nutrizionali è congiunto Chiron, il planetoide simbolicamente
associato a una ferita permanente.

Un altro grafico che rivela i problemi alimentari è quello di Sarah


Ferguson, ex duchessa di York, che dall'adolescenza ha lottato con l'eccesso di peso e con l'aumento
di peso. Ha una piazza tra Ceres e Plutone; molto spesso i quadrati in un grafico, a differenza delle
trine, cercheranno la risoluzione di un problema. In questo caso, Sarah Ferguson è riuscito a
risolvere i suoi problemi di peso e continuare a diventare portavoce di Weight Watchers
International; svolge anche attività caritatevoli nell'ambito dell'obesità infantile. (È interessante che
Al Gore, con la sua piazza Ceres-Pluto, si sia anche lottato con il suo peso in ritardo.)
Edie Sedgwick era un'altra persona con una piazza Ceres-Pluto. Era
membro dell'alloro di Andy Warhol negli anni '60 e soffriva di anoressia aggravata da gravi
tossicodipendenze. La sua piazza Ceres-Pluto è in realtà parte di un t-square con la Luna in
Scorpione governata da Plutone, e la t-square si svuota nella sua ottava casa di comportamenti
compulsivi e spesso distruttivi. La sua Ceres nel Toro amorevole di cibo era drasticamente
migliorata, persino sopraffatta, dalla rivincita plutone / scorpione / ottava casa.

Amore, perdita e lasciarsi andare

C'è anche un legame tra Ceres e Plutone che ha a che fare con il rapporto psicologico tra madre e
figlia, che si connette con l'avvento sessuale del fanciullo. Questa dinamica costituisce la base per il
famoso mito Persefone, in cui la neonata è stata rapita da Plutone, mentre ha strappato un narciso
dal suolo e fu portato forzatamente nel sottosuolo. La madre Ceres, nel suo dolore, non avrebbe
permesso a nessuna vita vegetale di crescere se non avesse ritirata sua figlia. Senza cose crescere, ci
sarebbe la carestia e l'eventuale eliminazione degli esseri umani dal volto della Terra. Questo ha
minacciato Zeus e gli altri olimpici, che erano dipendenti dall'adorazione e dai sacrifici dagli esseri
umani per il proprio potere e sostentamento.

Quindi un accordo è stato colpito: Persefone è stato restituito a Ceres per due terzi dell'anno, mentre
la Terra fioriva; l'altro un terzo dell'anno - nei venti dell'inverno - Persefone tornerebbe al mondo
sotterraneo, dove regnò come regina con Plutone. Era costretta a tornare a Plutone in inverno perché
aveva mangiato un seme di melograno che Pluto le aveva dato. Così, mangiando il seme del
melograno, Persefone aveva infranto una legge del mondo sotterraneo: chi mangiava qualcosa non
poteva tornare nella terra dei vivi. Fu solo per l'intervento divino che un'eccezione venne fatta per
lei.

La Terra durante l'inverno sarebbe sterile, tuttavia i semi della ricrescita sarebbero nascosti sotto il
terreno, come indicato dal melograno, un emblema di fertilità e rinnovamento poiché il frutto è
pungente e pieno di semi. Analogamente, il narciso, che il Persefone ha strappato, è stato associato
alla morte e alla rinascita tra i primi Greci e Romani; fu piantato sulle tombe e faceva parte delle
cerimonie di iniziazione usate nel culto di Demeter / Ceres così come con vari culti dell'Interworld.

Ci sono molte versioni e interpretazioni della storia del Persefone, ma i temi dei cicli riproduttivi
della natura; del cibo, della nutrimento e della trasformazione dell'energia; e delle stagioni e climi
dell'anno, così come la morte e la rinascita - tutti risonano con il tema di Ceres e Plutone come
coppia simbolica. Possiamo anche dire che se, a livello psicologico, Ceres rappresenta un tempo di
fioritura, di crescita, di fertilità e di creazione, allora Plutone può essere visto come un momento in
cui dobbiamo andare dentro, ripristinare e trasformare le nostre energie, nell'oscurità per un po ', per
rinnovarci e tornare in una forma ricostituita e rivitalizzata. Questo vale per la vegetazione e per le
api che rimangono nelle loro alveare in inverno nel mondo naturale, e si applica anche all'attività
umana.
La storia di Persefone rispecchia anche con i temi di
attaccamento, separazione e perdita - e come questi stati psicologici sono mediati negli affari umani.
Quando Persephone fu rapito, Ceres si preoccupò per lei e fu inconsolabile. Infatti, molte statue di
Ceres lo ritraggono non solo di vari frutti, verdure, fiori e grani, ma anche una torcia, che significa
la sua ricerca imperturbabile del Persefone. Nello sviluppo di una religione e delle storie che lo
circondano, le divinità stesse crescono, si sviluppano e si trasformano; sono creature psicologiche a
loro modo e soffrono attraverso l'esperienza proprio come fanno i mortali. In questo caso, Ceres
dovette infine accettare di essere separata dalla figlia per una parte dell'anno. E anche Plutone
doveva sapere che in ogni momento non poteva possedere l'oggetto del suo desiderio. Nell'amore,
sia materno che sessuale, spesso sperimentiamo una qualche forma di separazione e perdita e
l'inevitabile dolore che viene con attaccamento. Siamo anche venuti a comprendere e accettare,
spesso attraverso il nostro desiderio, che la nostra amata sarà alla fine separata da noi in qualche
forma e in qualche tempo.

In quest'ultimo senso, Ceres significa la madre che deve lasciar andare il suo attaccamento al suo
bambino maturo, poiché il bambino deve essere avviato nel processo della sessualità, un processo
che richiede la separazione dalla madre. Durante il tempo lontano da sua madre, Persefone fu regina
dell'Interno, possessore di un regno distinto di potere e di autorità.

Una variante del mito del Persefone esalta questo tema della maturazione e dello sviluppo sessuale
di Persefone. In quella versione, Venus e suo figlio Eros osservarono Persefone, innocentemente
raccogliendo fiori in un campo e vivendo troppo strettamente con la madre. Questa immagine di una
fanciulla non penetrata o iniziata in vita sessuale e la pienezza della sua femminilità non siedono
bene con la Dea Amore. Quindi, chiese a Eros di sparare una freccia nel cuore di Plutone in modo
che fosse pieno di desiderio per Persefone. Così, quando Persephone pizzicò il narciso, il terreno si
aprì, e Plutone, indossato un casco che lo rendeva invisibile, lo trascinò nell'Interworld, dove fu
iniziata forzatamente nel sesso.

A livello psicologico, possiamo anche dire che quando non siamo consapevoli dei passaggi
necessari alla vita, come il persephone virginico innocente, siamo spesso spinti in modo
involontario da una specie di forza invisibile sotto forma di potere, persona, o un evento che ci
sorprende - ciò che noi astrologi chiamiamo un'esperienza "Plutone". Tuttavia, come ribadito nei
miti e nelle storie di tutto il mondo, è necessario, per il nostro più grande sviluppo, lasciare la
sicurezza del regno della madre e impegnarsi nella vita sfide. Dobbiamo farlo, in definitiva,
volontariamente o con forza.

La vita chiede di essere estromessi dal Paradiso in qualche forma o altro, che è una metafora del
processo di nascita stesso. È il nostro imperativo umano, che le divinità insistono, impegnarsi nei
processi intrinseci della vita, partecipare alle separazioni e alle perdite così come alle connessioni e
scoperte che si evolvono dall'esperienza vissuta. Come Persefone, si alternano, in una sorta di ritmo
ciclico, tra il mondo fertile e nutrito di Ceres e il mondo oscuro e trasformatore di Plutone nello
sviluppo continuo della vita.

C'è un tempo nei nostri primi anni quando rimaniamo nel petto della casa e della famiglia,
apparentemente ignari delle preoccupazioni del mondo. Ma allora siamo chiamati a lasciare la casa
- letteralmente o psicologicamente. Come nella storia di Parsifal e di altri racconti di eroi raccontati
ovunque, dobbiamo lasciare l'ambiente tribale e partire sul nostro cammino, individuare, cercare,
trovare la nostra tazza di vita o il sacro gracchio. Persefone non poteva uscire dalla vita
volontariamente e nello sviluppo; rimase in una sorta di paradiso, intatto e insolito. Le divinità,
tuttavia, chiesero di non incontrare solo il lato più oscuro della vita, ma anche di mangiare il
melograno in modo da poter digerire i semi della creatività, della fertilità e della crescita e quindi
soddisfare i cicli ei ritmi dei processi ininterrotti della vita.

Per quanto riguarda Ceres stessa, come aspetto dell'archetipo materno, si è resa conto con i suoi
traumi che, sebbene fosse il sostenitore e il nutrito del suo bambino amato, avverrà inevitabilmente
un giorno quando il bambino avrà bisogno di una vita di la propria. C'è il dono e la liberazione in
maternità; il lasciare-andare è spesso il più difficile dei due.

Il tema della separazione da un figlio o dai figli può essere trovato


talvolta nei grafici di persone impegnate in battaglie intense di custodia. Un esempio recente è visto
nel grafico di Britney Spears, che ha coniugato Ceres e Pluto in Bilancia - quadrando Venus-South
Node nella quarta casa, per una buona misura. La congiunzione di Ceres e Plutone può spesso
abbracciare sia impulsi materni che distruttivi. Con questi due pianeti in Libra (piazza Venere) nella
tabella di Britney, la rottura del suo matrimonio con Kevin Federline sembrava innescare il
compulsivo (Sud Nodo) che agiva da questi impulsi contrastanti.
Un altro esempio di una complicata battaglia di custodia può essere
visto nel grafico di Mia Farrow. Ha una piazza tra Ceres in Scorpione e Plutone in Leo, così come
una trincea tra Plutone e Venere, con Venere nella 12ª casa dietro le quinte. Il suo triangolo con
Woody Allen e Soon-Yi Previn evocò una serie di temi Ceres-Pluto: incesto (nel mito, Plutone era
lo zio di Persefone, aggiungendo un'altra dimensione alla sua storia multistrato), dinamiche madre-
figlia, segreti sessuali, separazioni, perdite, attaccamenti, e avanti e indietro.

Un grafico che rispecchia anche con il tema Ceres-Pluto di


attaccamento, separazione e perdita è quello del poeta Sylvia Plath. Questa madre di due figli ha
commesso suicidio, mentre disperava la maternità, la sua carriera e la rottura del matrimonio con il
suo poeta Ted Hughes. Aveva un'opposizione di Ceres-Pluto, forse l'aspetto più difficile di Ceres-
Pluto, dal momento che il nativo può sentirsi sopraffatto da forze esterne forti oltre il suo controllo.
Oppure la persona può alternarsi tra periodi di intensa creatività (Ceres) e depressione debilitante
(Plutone), come è avvenuto in genere con Sylvia Plath.

Conclusione

Quando guardiamo Ceres e Plutone nei nostri grafici, natalmente o attraverso transiti e progressioni,
potrebbe essere utile esplorare alcuni dei temi che ho già citato. Possiamo anche osservare gli effetti
variabili di un ritorno di Ceres, che avviene ogni quattro o cinque anni. Ad esempio, Al Gore è
entrato in una sorta di posto oscuro di auto-trasformazione intorno al periodo del suo ritorno a Ceres
nel 2003, cresceva una barba e si allontana dalla politica - alla fine uscendo dal suo luogo
Underworld (Plutone) per dedicarsi ad un questione che ha curato profondamente, la
preoccupazione per la nostra terra (Ceres). Attraverso le nostre dinamiche Ceres-Pluto possiamo
altresì affrontare i nostri atteggiamenti verso il mondo naturale in cui abitiamo e dipendiamo dalla
sopravvivenza. Viviamo, mangiamo e valorizziamo il nostro ambiente in modo positivo e
sostenibile, attraverso i processi di nutrimento di Ceres? O ci comportiamo essenzialmente con un
desiderio di morte silenzioso, facciamoci cadere nel regno più scuro di Plutone, sia come individui
o come specie?
Ceres e Pluto in combinazione ci permettono anche di esplorare temi pertinenti per la crescita
personale psicologica e lo sviluppo di sé. Quanto noi accettiamo e ci adoperiamo ai cambiamenti
nelle stagioni della nostra vita, e quanto ci sforziamo di tenere in considerazione quella preziosa
stagione della nostra gioventù? Ci permettiamo di invecchiare graziosamente e naturalmente, in
armonia con i cicli, i ritmi e i processi naturali della natura, lasciando andare dove dobbiamo
lasciare andare, pur mantenendo ciò che è sano, vitale e migliorando la vita?

A proposito di Ceres e Plutone, possiamo anche esaminare il nostro rapporto con il cibo e le nostre
pratiche alimentari. Come facciamo a selezionare, digerire e assimilare il cibo che mangiamo? E
come cultura, come crescere, produrre e commercializzare il nostro cibo? Dove siamo, come esseri
umani, inseriti nell'ecosistema globale? Cosa, se del caso, è la nostra responsabilità reciproca
all'interno della famiglia umana?

All'interno della nostra struttura familiare, come ci interessiamo con il bisogno dei nostri figli di
indipendenza e di separazione? Per il bisogno del nostro partner per lo stesso?

E come rapportiamo ai nostri genitori, ai nostri partner e ai nostri


amici in età e cambiamenti? Queste sono solo alcune delle domande che possono essere portate alla
consapevolezza attraverso i temi di Ceres e Plutone, in quanto emergono sempre più nella nostra
coscienza collettiva come una coppia planetaria.

C'è un grafico finale che vorrei presentare - quello di Elvis Presley. La sua stretta congiunzione
Ceres-Pluto in Cancro nell'ottava casa si oppone a Venere e piazza Uranus erratica. Un bambino
virtuale del manifesto per l'accoppiamento simbolico di Ceres e Plutone, Elvis aveva molti problemi
alimentari, insieme a dosi pesanti di sesso di 8ª casa, droghe e rock'n'roll. Ma più in tono, come
Persefone stesso, ritornò dai morti regolarmente.

Dati e fonti del grafico:


(in ordine alfabetico)
Karen Carpenter, 2 marzo 1950; 11:45 EST; New Haven, CT, Stati Uniti d'America (41 ° N18 ',
72 ° W56'); AA: record di nascita in mano, da Edwin C. Steinbrecher.
Albert Einstein, 14 marzo 1879; 11:30 am LMT (-0: 40); Ulm, Germania (48 ° N24 ', 10 ° E00');
AA: Reinhold Ebertin, da una copia del natalizio.
Mia Farrow, 9 febbraio 1945; 11:27 am PWT; Los Angeles, CA, Stati Uniti d'America (34 ° N03 ',
118 ° W15'); AA: certificato di nascita in mano.
Sarah Ferguson, 15 ottobre 1959; 9:03 GMT; Londra, Inghilterra (51 ° N30 ', 00 ° W10'); A:
David Fisher in Quarterly Astrological cita dati da un portavoce del Buckingham Palace il 2 aprile
1986.
Al Gore, 31 marzo 1948; 12:53 EST; Washington, DC, Stati Uniti (38 ° N54 ', 77 ° W02'); AA:
certificato di nascita in mano, da Marion March.
Sylvia Plath, 27 ottobre 1932; 2:10 EST; Boston, MA, Stati Uniti d'America (42 ° N22 ', 71 °
W04'); Ruth Hale Oliver cita la madre nella rivista americana Astrologia , ottobre 1977.
Elvis Presley, 8 gennaio 1935; 4:35 am CST; Tupelo, MS, USA (34 ° N15 ', 88 ° W 42'); AA:
certificato di nascita in mano, da Eugene Moore.
Edie Sedgwick, 20 aprile 1943; 9:47 am PWT; Santa Barbara, CA, Stati Uniti d'America (34 ° N25
', 119 ° W42'); AA: record di nascita in mano, da Edwin C. Steinbrecher.
Britney Spears, 2 dicembre 1981; 1:30 CST; McComb, MS, USA (31 ° N15 ', 90 ° W 27'); A: dati
dati da Britney e sua madre ad un astrologo britannico.

Riferimenti e note:
1. Risoluzione 5A e 5B, Unione Astronomica Internazionale (IAU), all'Assemblea Generale di
Praga, Repubblica Ceca, il 24 agosto 2006. Sito web: www.iau.org/iau0602.423.0.htm
2. Pannello intergovernativo sul cambiamento climatico, Quarta relazione di valutazione IPCC
(AR4), 17 novembre 2007, Valencia, Spagna. Sito web: www.ipcc.ch/
3. John M. Broder e Andrew C. Revkin, "Il riscaldamento può cancellare la maggior parte degli orsi
polari, lo studio dice," nel New York Times, 8 settembre 2007, p. A11.
4. Jamey Keaten, "Arctic Ice Melt apre il passaggio nord-ovest", America Online News (Associated
Press), 15 settembre 2007.
5. Seth Borenstein, "L'uccisione di Honeybee minaccia l'approvvigionamento alimentare
statunitense", America Online News (Associated Press), 5 maggio 2007.
6. Abbreviato materiale biografico su Carpenter e tutte le altre persone usate come esempi qui sono
stati raccolti da varie fonti generali e popolari troppo numerose da menzionare.

Riferimenti e note:
Chevalier, Jean e Alain Cheerbrant (John Buchanan-Brown, trans.). Il dizionario pinguino dei
simboli. Pinguino, 1996.
Il dizionario Chiron della mitologia greca e romana: Dei e dee, eroi, luoghi e eventi dell'antichità
(Elizabeth Burr, trans.) . Chiron Publications, 1994.
George, Demetra, con Douglas Bloch. Dee degli asteroidi: la mitologia, la psicologia e l'astrologia
del femminile riemergente. ACS Publications, 1986.
Guttman, Ariel e Kenneth Johnson. Astrologia mitica: Poteri archetipici nell'oroscopo. Llewellyn
Publications, 1993.
McCabe, Eileen, LMSW. "La Madre Madre Ceres", in The Ingress, la newsletter del NCGR (New
York City Chapter), primavera 2007.
Sasportas, Howard. Gli Dei del cambiamento: dolore, crisi e transiti di Urano, Nettuno e Plutone.
Pinguino, 1989.