Sei sulla pagina 1di 27

Prima parte

Alla soglia

Siamo alle soglie di un nuovo ordine mondiale. Il prossimo passo nell'evoluzione umana sta davanti
a noi. Conduce l'umanità fuori da un'epoca dominata dall'egoismo, dall'individualismo e
dall'edonismo a livello individuale e dall'orgoglio culturale, dal nazionalismo e dall'imperialismo a
livello collettivo. Se tutto andrà bene, alla fine condurrà l'umanità in una società planetaria,
un'epoca di armonia e pienezza globale.
È un passo molto difficile. E tutto potrebbe non andare bene. Nell'oscurità dell'orgoglio,
dell'ignoranza e della paura, potremmo inciampare e cadere a metà conscia attraverso la soglia, solo
per ritrovarci in un nuovo ordine mondiale oppressivo e totalitario - una società di unanimità
imposta, il tipo di mondo che molti immaginavano nell'udire il leader di una vasta e potente nazione
guerriera pronuncia le parole "nuovo ordine mondiale" nello stesso respiro di un annuncio di guerra.
Oppure potremmo semplicemente andare avanti come al solito, esitando sulla soglia, alla ricerca di
una fuga confortevole mentre speriamo che la miriade di problemi veramente globali che ci stanno
di fronte scompariranno in qualche modo magicamente quando invocano le divinità gemelle della
nostra era moderna - Scienza empirica e alta tecnologia - dai loro sommi sacerdoti
Abbiamo già esitato a lungo sulla soglia, aggrappandoci disperatamente al nostro pregiato senso di
separazione, affidandoci troppo alla mentalità atomistica e classica che dovremmo avere ormai
superata e impegnandoci in modi e mezzi comodi e redditizi. Ma se esitiamo troppo a lungo,
agiranno forze più grandi dell'ego degli uomini, superiori alla sovranità obsoleta delle nazioni, e più
potenti dell'influenza economica delle multinazionali.
La totalità agirà, e qualunque cosa e chiunque si opporrà, perirà sicuramente.
Ora è il momento per individui, gruppi e nazioni di dare un'occhiata a se stessi. Dobbiamo porci
domande difficili. Potremmo parlare disinvoltamente di una nuova era e consumare avidamente
prodotti new age, ma ci stiamo davvero adattando per vivere nella società globale di una vera età
nuova? Siamo pronti e disposti a partecipare creativamente alla trasformazione della nostra caotica
situazione mondiale in una società planetaria in cui la pienezza sostituirà la fame di fronte al
cospicuo consumo, in cui la cooperazione sostituirà la concorrenza, e dove l'armonia soppianterà lo
sfruttamento e la guerra. O stiamo evitando la sfida tenendoci stretti al nostro senso di egoismo
separato e sovranità nazionale, e tentando di forzare i bisogni di una nuova umanità globale nelle
menti e nei modelli di comportamento inadeguati che sono responsabili per il nostro attuale sociale,
economico e crisi ecologiche.
A coloro che sono pronti e disposti a partecipare alla costruzione di una società planetaria di
armonia e pienezza, l'astrologia fornisce un'abbondanza di simboli che possono contribuire alla
comprensione di entrambi, dove ci si trova come individui e cosa è in gioco per l'umanità nel suo
insieme durante questo cruciale l'ultimo decennio del 20 ° secolo.

Nei loro sforzi per fornire simboli di trasformazione, gli astrologi si sono recentemente concentrati
sulla serie di congiunzioni di Urano e Nettuno avvenuta nel 1993. Ora infuria la febbre del
millennio. Per comprendere il vero significato di qualsiasi evento celeste o umano, tuttavia,
abbiamo bisogno di vederlo su uno sfondo più ampio di cui è un momento.
Oltre ai cicli di 20 anni Giove-Saturno, i costituenti più significativi della più ampia immagine
celeste del nostro tempo sono elencati di seguito. Aiutano a collocare le sfide della nostra era
all'interno di un vasto contesto storico ed evolutivo.
1. Un cosiddetto "lungo sestile" che collega Nettuno e Plutone. Dato un arco di dieci gradi, si
estende per circa 90 anni ed è operativo dagli anni '40 fino al 2030. Il fenomeno è prodotto
dall'orbita estremamente allungata di Plutone. È importante notare che, come vedremo nella terza
parte , i due pianeti oscilleranno dentro e fuori dal setto del 2001 fino al 2011. Nettuno e Plutone
formarono precedentemente setti cerati durante la fine degli anni '30.

2. La congiunzione di Urano e Plutone nel 1965-66, e il sestile Urano-Nettuno (aspetto 60 °) del


1968. Essi rappresentano il preludio di cose che verranno alla fine del secolo e, in un senso diverso,
del passato sfide non soddisfatte che indubbiamente aggravano la situazione mondiale di oggi.

3. La penetrazione di Plutone dell'orbita di Nettuno dal 1979 al 1999 e il perielio di Plutone il 4


settembre 1989 a 12 ° 52 'Scorpione.

4. L'ammassamento di cinque e sei pianeti - specialmente Saturno, Urano e Nettuno - in Capricorno


tra la fine del 1989 e l'inizio del 1990, e il loro coinvolgimento durante quel periodo in un sestile
con Plutone in Scorpione e un'opposizione con Giove.

5. Nel 1993, una serie di tre congiunzioni geocentriche di Urano e Nettuno nei gradi del
diciannovesimo (18 ° 33 'e 18 ° 48'R) e del ventesimo (19 ° 34') del Capricorno.

6. Il ciclo di 493 anni di Nettuno e Plutone. I due pianeti si riunirono l'ultima volta in congiunzione
durante il 1891-92 nel nono grado dei Gemelli.

7. Il ciclo molto lungo di congiunzioni triple vicine tra i tre pianeti trans-Saturno-Urano, Nettuno e
Plutone. Questi pianeti si riunirono per ultimi in congiunzione durante il 577-574 aC, quando erano
spesso da uno a tre gradi zodiacali, attorno al 10 ° Toro.

8. Un ciclo di 10.000 anni in cui i cicli di Urano, Nettuno e Plutone sono ampiamente rappresentati.

9. L'Anno Siderale di circa 25.920 anni, e l'inizio intorno al 1990 dell'ultimo grado (o periodo di 72
anni) dell'Era dei Pesci. Da un'altra prospettiva, il 1990 segna l'inizio dell'ultima delle tre fasi che
portano all'età dell'Acquario, che molti prevedono di iniziare intorno al 2062. Il primo dei tre passi
iniziò intorno al 1846, il secondo intorno al 1918. ( 1 )

10. Indù e teosofi aggiungono che siamo nel Kali Yuga indo-europeo (ciclo oscuro) iniziato nel
3102 aC.

Con l'aiuto di questa vasta serie di simboli astrologici, cercheremo di delineare le sfide e le
opportunità che determinano gli anni '90 e il primo decennio del nuovo secolo. Ma prima dovremo
dare uno sguardo più da vicino ai tre pianeti trans-Saturniani che svolgono i ruoli principali nel
dramma in evoluzione del tardo 20 ° secolo, e al loro posto speciale nell'eliosmo, il sistema solare
nel suo complesso.

Urano, Nettuno e Plutone


come simboli di trasformazione
La caratteristica ovvia dei tre pianeti esterni è che le loro orbite giacciono al di fuori della portata
della visione umana. Parliamo di Urano, Nettuno e Plutone come pianeti trans-Saturno, come
pianeti oltre Saturno. Operano al di là del regno mondano fortificato che Saturno simboleggia. I
pianeti trans-Saturno rappresentano forze rivoluzionarie, trasformative e trascendenti che
infrangono le barriere di Saturno. . . e il nostro senso di egoismo separato.
L'orbita di Saturno segna la portata esterna dei venti solari (la corrente elettromagnetica del sole),
che fornisce un forte indizio della simbologia astrologica di Urano, Nettuno e Plutone. Un secolo fa
HP Blavatsky scrisse che Urano e Nettuno sono dentro ma non del sistema solare. Più
recentemente, Rudhyar ha sottolineato che i pianeti esterni, che ha chiamato Ambasciatori Galattici,
sono soggetti all'attrazione del centro galattico.
Urano, Nettuno e Plutone ci sfidano a spostare la nostra lealtà verso un centro più alto, per
realizzare un nuovo senso di relazione più inclusivo a tutto ciò che è. In poche parole, i tre pianeti
esterni rappresentano il processo di modulazione a un'ottava superiore di essere, attività e
coscienza. In termini spirituali o teosofici, tale processo è chiamato il Sentiero. Come discuteremo
presto, ciascuno dei tre pianeti esterni simboleggia un particolare passo lungo il percorso verso il
centro galattico e il tipo di test e insegnanti che l'aspirante incontrerà lungo il cammino.
Allo stesso modo, i tre pianeti rappresentano ancora per lo più delle facoltà sottosviluppate latenti in
tutti noi, passi evolutivi che ora stiamo cercando di realizzare.
I pianeti trans-Saturno sono di scoperta relativamente recente: Urano nel XVIII secolo, Nettuno nel
XIX secolo e Plutone nel XX secolo. L'evento della loro scoperta corrisponde ai primi diffusi
stimoli delle facoltà umane latenti che simboleggiano.
Urano è il primo pianeta oltre l'orbita di Saturno. Fu scoperto nel 1781 e porta il carattere
fondamentale di quel secolo di invenzione e rivoluzione. Ha un'orbita di 84 anni, che è tre volte la
lunghezza dell'orbita di Saturno.
Urano è il grande Awakener, che simboleggia la voglia di andare oltre. Poiché sfida l'autorità di
Saturno e delle sue mura sicure, Urano rappresenta le rivoluzioni interne ed esterne. In senso
negativo, Urano simboleggia la ribellione senza direzioni. Il pianeta della tecnologia e
dell'invenzione, Urano rappresenta il tecnocrate e la tecnologia fine a se stessa. . . e oggi sappiamo
fin troppo bene dove porta!
Urano colpisce le fortificazioni di Saturno, siano esse le mura dell'ego o i confini nazionali. Abbatte
vecchi schemi a sostegno dell'ego e del privilegio sociale. Urano ci aiuta a capire che possiamo
essere di più, che un passo successivo nell'evoluzione umana è possibile e ci ispira a fare quel passo
verso l'ignoto. Apre e tiene aperto il cammino verso il centro galattico, verso la comunità unanime
delle stelle, i cui membri ci esortano a unirsi a loro.
Nettuno ha un ciclo di 165 anni, il doppio di quello di Urano. Fu scoperto nel 1846 e simboleggia i
movimenti di massa e il glamour. Alcuni dei movimenti di massa fondati intorno al periodo della
sua scoperta includono lo spiritismo, il comunismo e lo scientismo: il dogma secondo cui il
materialismo scientifico è l'unica e vera strada verso la conoscenza e che le sue scoperte da sole
costituiscono la verità e la realtà.
Scoperto quando la rivoluzione industriale e il colonialismo erano all'ordine del giorno, Nettuno
rappresenta anche la schiavitù salariale e lo sfruttamento del capitalismo e dell'imperialismo. Ma
Nettuno simboleggia anche la dissoluzione delle barriere che Urano ha rotto. Le sue note chiave
sono il distacco, la non violenza e l'universalità.
Su un'ottava superiore, Nettuno simboleggia la compagnia universale e il senso di "unità". È il
pianeta più connesso con il misticismo e la spinta del mistico verso lo stato unitivo. Ma il lato
negativo di Nettuno è visto nel glamour, nella decadenza, nell'ubriachezza (sia con l'alcol o la
televisione), il sensazionalismo, il falso nirvana del buddha privato, la paura, il sadismo, la schiavitù
e il fanatismo.
In poche parole, Nettuno ci offre il decondizionamento e la liberazione dal passato da una parte, e
una fuga onirica e affascinante dall'altra.
Plutone fu avvistato per la prima volta nel 1930, proprio mentre la Grande Depressione e il
fascismo stavano producendo il loro impatto. È anche collegato alla bomba atomica e all'LSD. Ha
un ciclo di 246 anni, che è tre volte la lunghezza dell'orbita di Urano.
Mentre Nettuno è il pianeta del misticismo, Plutone è il pianeta del vero occultista e il suo lavoro
con forze invisibili. Plutone è il grande riduttore, che spoglia tutto ciò che non è essenziale, non
lasciando altro che ciò che è semplicemente. Plutone distrugge spietatamente ogni fascino, è il
potere che permette di gettare via tutto tranne il proprio dharma essenziale, la propria verità
fondamentale dell'essere. Così facendo, presenta la possibilità di rinascere e produce le condizioni
che portano al reinserimento attorno a un nuovo centro dell'essere.
In altre parole, dopo che Urano e Nettuno hanno fatto il loro lavoro, Plutone fornisce un nuovo
centro di integrazione e i mezzi per raggiungerlo.
Sul lato negativo, Plutone rappresenta il caos, i dittatori, il totalitarismo e gli olocausti, nonché la
spinta verso il potere supremo e il controllo sugli altri. Quando a Urano ea Nettuno non è stato
permesso di lavorare in modo costruttivo, Plutone assume un aspetto estremo, spietato e distruttivo.
Uno dei simboli più potenti dell'astrologia e del nostro tempo è dato dall'estrema allungamento
dell'orbita di Plutone, che gli consente di trascorrere 20 anni della sua orbita di 246 anni nell'orbita
di Nettuno, durante la quale è più vicino al Sole di Nettuno. Siamo oggi in mezzo a un tale periodo
di fecondazione spirituale.

Urano, Nettuno e Plutone


e il percorso verso il centro galattico
Urano, Nettuno e Plutone possono essere visti come tre passi lungo il sentiero della trasformazione,
dove rappresentano il tipo di esperienze e insegnanti che l'aspirante incontrerà lungo il percorso
verso la comunità galattica.
Con il passo dell'uranio l'aspirante emerge dalla sicurezza del grembo culturale che fino ad ora ha
controllato e condizionato ogni aspetto della sua vita e della sua mente. Il neofita è guidato lungo il
percorso di trasformazione da una crescente facoltà di visualizzazione, un tipo simbolico di mente e
una crescente capacità di vedere tutte le situazioni come interi.
Le sfide possono venire nella forma di una fame insaziabile per sempre esperienze di
trasformazione intensiva, e l'aspirante può essere attratto dagli insegnanti promettendo potenti
tecniche e un costante rifornimento di occulti bit di informazione.
In senso positivo, l'esperienza dell'uranio fornisce all'aspirante l'impulso e il potere di continuare
inesorabilmente. Ma il ricercatore può essere portato fuori strada cercando indipendenza e
intensamente nuove esperienze per il loro stesso interesse.
Con il passo nettuniano l'aspirante inizia a realizzare la natura della vera compassione, inclusività
totale e compagnia universale.
Mentre le qualità positive di Nettuniano si rafforzano nell'aspirante, aumenta anche il senso di
Compagnia e Unanimità; e questo movimento compensa il forte senso dell'individualismo che si ha
bisogno di emergere dalle matrici biopsichiche e culturali e di entrare nella fase uraniana.
In questa fase le sfide arrivano in una molteplicità di forme. La prima sfida spesso assume la forma
di paura, confusione e insicurezza, insieme a un'ondata di materiale psichico inconscio e represso.
Queste esperienze possono alternarsi con sentimenti di esaltazione psichica e un senso illusorio di
unità, che è illusorio perché non dura.
Ciò che è necessario nella fase di Nettuno è un quadro di riferimento più inclusivo attraverso il
quale l'aspirante può reinterpretare e rivalutare tutto ciò che è essenziale e vitale. È necessario un
quadro di riferimento più inclusivo per facilitare lo spostamento del proprio orientamento
dall'atomismo all'olismo, dalla linea al ciclo, da un sole a una stella galattica, da un sistema solare a
una galassia.
Ma i test lungo la strada sono numerosi e difficili. L'aspirante a questo stadio deve sempre guardarsi
dal glamour, dallo psichismo, dalla devozione mal riposta e dall'illusione di sé; di scambiare
semplici riflessioni distorte di realtà metafisiche per la cosa reale; e del desiderio dell'ego difficile
da riconoscere di essere così santo, così devoto e così altruista.
Nella fase di Nettuno l'aspirante deve guardarsi dall'essere sedotto dalle affermazioni affascinanti
dei guru e dei falsi guru, dallo psichismo, dal glamour e dal sensazionalismo, accettando un credo
quia absurdum dall'insicurezza spirituale e parlando con scioltezza di coscienza superiore e unicità
- tutto di cui sono dispensati come sostituti facili per la trasformazione autentica.
Nello stadio di Plutone , l'aspirante sincero e risoluto può trovarsi alla soglia ultima. Lì attende la
prova finale di purezza che neutralizza tutte le emozioni, i pensieri e le azioni non necessarie. In
questa fase l'aspirante è chiamato a mettere in discussione tutto.
Con il culmine della fase di Plutone arriva la facoltà di risuonare pienamente nella stella interiore -
il marchio della vera iniziazione nella comunità galattica. Con esso arriva una preoccupazione
ultima per tutto ciò che è, e una preoccupazione per i principi ultimi alla base dell'esistenza. Con
esso viene il vero potere: il diritto e la responsabilità di agire come una lente che porta nel fuoco
esistenziale parte del potere trascendente del Tutto.
Plutone è l'ultimo tester, perché richiede di abbandonare per sempre anche il pensiero di mantenere
il potere e l'autorità sugli altri, e anche il minimo desiderio di essere un sole radioso per un gruppo
di pianeti oscuri. Perché questa è la prova del vero iniziatore, che è più un amico spirituale e un
compagno più anziano di un insegnante nel senso convenzionale.
Perché alla fine dello stadio di Plutone l'iniziato diventa una stella in compagnia delle stelle, il suo
dovere verso i compagni più giovani è di aiutarli e incoraggiarli verso l'autosufficienza, verso
l'esercizio di uno sforzo auto-elaborato, auto-indotto che conduce alla realizzazione della loro stella
interiore. Un tale amico non chiede mai, si aspetta o richiede sottomissione e obbedienza, come
fanno i guru e gli insegnanti di Nettuno. Un vero amico spirituale in questa fase non agirà, non può
agire, come un sole per un gruppo di pianeti oscuri che dipendono dalla sua radianza. Questi amici
vogliono solo che ci uniamo a loro nella Comunità delle stelle galattiche.

Il regno trans-saturniano
Forse la prima cosa da capire quando si tenta di interpretare i lunghi cicli esistenti tra i pianeti trans-
saturniani è che questi cicli non riguardano direttamente gli individui che vivono vite personali
per il loro stesso interesse. Trattano con fattori collettivi, planetari e cosmici - con l'umanità, la
terra, il sistema solare e la galassia come interi.
L'effusione di forze planetarie e galattiche che questi grandi cicli rappresentano può avere un
impatto sulle nostre vite in tre modi diversi.
La stragrande maggioranza degli esseri umani non può o non vuole rispondere alla chiamata alla
trasformazione suonata dall'effusione di un nuovo impulso evolutivo. La maggior parte, che se ne
rendano conto o no, vuole essere e può solo immaginare se stessi come membri o campioni di una
particolare cultura. Non sono ancora riusciti a emergere come veri individui fuori dalla matrice
culturale che li racchiude come l'utero di una madre. Le loro emozioni e sentimenti-risposte,
atteggiamenti e pensieri personali, comportamenti e preferenze, sistemi di credenze e affiliazioni
politico-religiose sono quasi interamente condizionati dalla loro particolare classe socio-economica,
nazione e cultura (o sub-cultura o contro-cultura) e le sue correnti superficiali di moda. Inclusi in
questa maggioranza, sebbene gradualmente emergendo da esso, vi sono "pseudo-individui" o
"individui in divenire" che reagiscono o si ribellano contro i valori e le istituzioni della loro cultura.
I grandi cicli di Urano, Nettuno e Plutone si riferiscono ai membri di questi due gruppi in massa o
attraverso fattori collettivi.
Durante certe fasi del ciclo di vita di una cultura, si può (anche se poche scelgono con fervore e
coerenza) di partecipare in modo creativo alla fioritura di una cultura ancora vitale. Le forze
trascendenti simboleggiate dai cicli trans-saturniani spesso lavorano attraverso la "minoranza
creativa", ma la persona creativa di solito è più o meno inconsapevole della fonte trascendente delle
nuove immagini e degli ideali che fluiscono attraverso di lui.
Durante la chiusura del ciclo di vita di una cultura, si può scegliere la via del seme. Gruppi di semi
composti da veri individui che, avendo più o meno separato se stessi (nella mente e nello spirito, se
non nel corpo) dalla loro cultura nativa o adottiva disintegrante, rappresentano la raccolta di sementi
di una cultura. Tali gruppi di semi lavorano per far sì che i suoi membri agiscano come una lente
traslucida portando in una concreta ed esistenziale messa a fuoco una nuova variazione sul tema
dell'archetipo Anthropos e un nuovo aspetto più inclusivo della Saggezza divina della Mente
universale. ( 2 )
Come discusso in Una nuova immagine di Cosmo e Anthropos, l' umanità e la civiltà avanzano
attraverso una lunga serie di culture. Ogni cultura fornisce la matrice per una nuova qualità della
personalità e una nuova, più inclusiva incarnazione dell'archetipo Anthropos, e ciascuno
contribuisce nella sua fase "autunnale" a un raccolto-seme trasferibile che alla fine genera una
nuova cultura. ( 3 )
I cicli di Urano, Nettuno e Plutone corrispondono al flusso e riflusso, ai battiti del polso e ai punti di
svolta, dell'evoluzione umana.
La trasformazione fondamentale che rappresenta il prossimo passo avanti nell'evoluzione umana
non dovrebbe essere confusa con il tipo di cambiamento alla moda e superficiale degli
atteggiamenti personali mascherati sotto le etichette "trasformazione" e "trasformazione". Il tipo di
autentica trasformazione che comprende il nostro prossimo passo evolutivo comporta un lungo e
difficile processo di ripolarizzazione del proprio senso di identità e centro di coscienza dal livello
del condizionamento biopsichico e dei desideri, reazioni e complessi psicomentali al livello
spirituale-mentale di tutto-incluso Compassione, dove l'individualità individuale e l'unanimità di
gruppo si compenetrano.
Trasformazione autentica non implica necessariamente tecniche sviluppate nel passato per
soddisfare i bisogni unici di un particolare tipo di personalità generata da una particolare cultura in
una particolare fase del suo sviluppo. Ciò non significa che le antiche tecniche di meditazione, i riti
sciamanici, i riti religiosi e le cerimonie culturali non abbiano il loro posto e il loro scopo. Ma le
molte tecniche antiche, i rituali e le pratiche sono state sviluppate nel passato - sono basate in gran
parte su basi biopsichiche e sviluppate per soddisfare i bisogni dei membri delle culture pre-
individuali . L'umanità ora deve fare il prossimo passo avanti; non un ritorno a un passato tribale
o arcaico. Il prossimo passo avanti per l'umanità è transpersonale e transindividuale: caratterizza
lo sviluppo delle facoltà spirituali ancora largamente latenti dell'umanità e una mente di totalità (
4 ).
Una mente di interezza comprende il luogo, lo scopo e la funzione dell'umanità nel suo complesso
(detto da Blavatsky e Rudhyar come quello di incarnare la Mente planetaria), così come la relazione
di ogni cosa all'interno della biosfera della Terra (e, per estensione, all'interno della sistema solare e
galassia) a tutto il resto. Nella sua pienezza, una mente di totalità è una mente eonica che
comprende l'intero ciclo, e comprende olistico il significato, lo scopo e l'interrelazione di tutto ciò
che è, era e sarà.
Antiche pratiche pre-individuali, pratiche biopsichiche e rituali, prodotti new age, seminari di
formazione e stili di vita, i tipi di psicologia e psicoterapia pop auto-indulgenti e auto-coinvolti
praticati oggi, e persino un tipo psicologico di astrologia non aiuterà molto l'umanità incontrare le
crisi e le sfide che ci aspettano sulla soglia del nuovo millennio. Possono fare ben poco per
promuovere un'autentica ripolarizzazione della mente e del senso dell'identità o per fornire il senso
chiaro e significativo di direzione e scopo di cui l'umanità ha bisogno ora. Né i dibattiti infiniti, le
dimostrazioni e l'attivismo socio-politico-ecologico risolveranno davvero le questioni che
affrontano. Serve ancora qualcosa per "disinnescare le bombe a orologeria alla fine del secolo".
Ciò che è necessario non è un vestito nuovo di abiti su misura in un nuovo stile da tessuti naturali in
una tonalità fresca e alla moda. Il cambiamento di superficie, che va e viene con la stessa rapidità
della moda, non è sufficiente. Ciò che è necessario è una trasmutazione in una nuova specie - o,
forse più precisamente, per diventare pienamente umani - una metamorfosi caratterizzata dallo
sviluppo di una mente di totalità e una nuova qualità di volontà, identità ed essere.

600 aC e il suo messaggio di seme


Per comprendere il vero significato delle crisi e delle sfide odierne, dobbiamo renderci conto che
ogni momento o evento degli ultimi 2500 anni non è semplicemente un frammento non correlato e
sostanzialmente priva di significato in un paesaggio storico altrettanto privo di scopo. Dobbiamo
vedere le situazioni in una prospettiva più ampia, come parte integrante e propositiva della lunga e
graduale assimilazione di ciò che Rudhyar chiama "un nuovo messaggio cosmico-galattico" di
universalizzazione che è stato avviato da un "grande momento di impregnazione cosmico-galattica
venticinque" secoli fa. ( 5 ) Il nuovo messaggio cosmico di universalizzazione fu seminato durante
il sesto secolo aC dai saggi che costituivano la raccolta seminale mutante di un vasto ciclo che
portava la coltivazione chiave .
Secondo le attuali formule, vi fu una congiunzione quasi tripla di Urano, Nettuno e Plutone durante
il 577-574 aC a metà del Toro, un segno fortemente legato a Gautama il Buddha. La loro prossima
prossima congiunzione avverrà nel 2874-2878. ( 6 )
Il sesto secolo aC fu il secolo dei grandi saggi e delle riforme religiose. Era il secolo di Gautama il
Buddha e la fondazione del Giainismo in India; di Pitagora in Grecia e l'ultimo di una lunga serie di
Zoroaster in Persia, Confucio e Lao-Tze in Cina, e dell'inizio della civiltà Maya in Messico. Il sesto
secolo aC fu un secolo di invenzioni - della Vina (uno strumento a corde ritenuto il corpo di un dio)
in India, della meridiana in Cina e in Grecia, dei Giardini pensili di Babilonia e l'uso di alta
precisione calcoli astronomici in India, Persia, Grecia e America Centrale. Fu anche il secolo di
Ciro e Dario di Persia, che sviluppò l'ordine amministrativo adottato da Alessandro Magno e
copiato da Roma.
Secondo la tradizione esoterica, le epoche arcaiche si chiudono nel 602 aC e questa data figura 2500
anni dopo l'inizio del Kali Yuga indo-europeo (3102 aC) - l'era oscura della gestazione che precede
la nascita di un nuovo tipo di umanità.
La fine dell'età arcaica nel 602 aC e la tripla congiunzione del 577-574 aC segnarono l'inizio di un
periodo di transizione di 500 anni. Collega le età arcaiche della coltivazione (dove la mente e il
senso dell'essere e l'identità degli esseri umani sono stati interamente modellati da una particolare
cultura tribale e dal suo animismo e vitalismo) con una nuova era che porta il potenziale di un
nuovo senso di volontà individuale e di individualità e, una nuova qualità della mente in grado di
affrontare principi universali e archetipici, con numero, rapporto, forma e proporzione puri. L'opera
dei grandi saggi del sesto secolo aC, in particolare di Gautama il Buddha e Pitagora, si concentrava
sull'attualizzazione - almeno tra i pochi individui che costituivano le loro comunità spirituali -
questa nuova qualità della mente e un nuovo senso della volontà individuale e dell'individualità, e i
nuovi tipi di organizzazione sociale che tali progressi hanno reso possibile.
All'inizio l'umanità utilizza quasi inevitabilmente qualsiasi nuovo potere, scoperta o situazione in un
modo negativo e infine distruttivo. Il messaggio di Buddha fu presto distorto e usato come scusa per
l'egoismo spirituale (che fu compensato intorno al 100 aC dalla nascita della filosofia Mahayana e
del suo ideale di Bodhisattva). E l'uso del monocordo da parte di Pitagora per dimostrare il valore e
il significato della relazione di tono fu abusato da una mente formalistica ipnotizzata dalla ragione,
dalla misurazione esatta, dall'analisi quantitativa e dalla matematica astratta. Molti dei problemi e
delle sfide odierne hanno radici nella stretta angusta, formalistica ed esclusivamente quantitativa
presa dalla mente mediterranea post-arcaica.

Il ciclo di 10.000 anni


Le figure del ciclo di 10.000 anni nel nostro studio perché portano la firma della triade di Urano,
Nettuno e Plutone. A causa del rapporto 1: 2: 3 delle loro orbite, sul livello archetipo 120 cicli di
Urano, 60 cicli di Nettuno e 40 cicli di Plutone sono tutti uguali a 10.000 anni. Sul piano
esistenziale la lunghezza di 120 cicli di Urano è di 10.050 anni, 60 cicli di Nettuno ammontano a
9,825 anni e 40 cicli di Plutone si estende su 9,815 anni. L'attuale ciclo di 10.000 anni iniziò
durante la congiunzione Urano-Nettuno-Plutone del 577-574 aC. Gli insegnanti di Blavatsky
affermano che il ciclo di 10.000 anni è legato alle manifestazioni periodiche del principio del
Buddha universale ( 7 ).
Il ciclo di 10.000 anni funziona a livello archetipico . Tali cicli e le loro sottocicli si occupano non
tanto di eventi esistenziali quanto di versioni successive dei molti aspetti o variazioni nel tema
dell'archetipo Anthropos e della Saggezza divina. Gli eventi esistenziali sono in gran parte
condizionati dalla risposta umana individuale e collettiva a nuove situazioni rese possibili dal
rilascio di un nuovo aspetto di Archetype. Inoltre, i fattori esistenziali e umani colorano e, in misura
maggiore o minore, distorcono e pervertono il potenziale archetipico liberato dall'impulso creativo.
I cicli archetipici, quindi, trattano i principi di numero, rapporto, forma e potenzialità puri piuttosto
che con fenomeni misurabili e concretamente concreti e situazioni esistenziali. La grande
molteplicità di fattori centrifughi operanti a livello esistenziale introduce sempre un vasto numero di
variazioni e distorsioni in situazioni e relazioni reali basate su principi archetipici di parentela e
forme di organizzazione esistenti nella Mente universale creativa. Questo spiega perché la durata
effettiva di ogni ciclo o periodo celeste coinvolge sempre i decimali e perché il nostro anno equivale
a 365,24 giorni piuttosto che all'archetipo 360.
1. Vedi Il tempo astrologico di Dane Rudhyar : La transizione verso la nuova era (New York:
Harper & Row, 1972), originariamente pubblicato con il titolo Nascita di modelli per una nuova
umanità (Olanda: Servire Publications, 1969), per uno studio di il passaggio all'età dell'Acquario.
Ritorno

2. Secondo la visione del mondo olistico-ciclocosmica su cui è fondata questa opera, gli Archetipi
sono principi "precosmici" di parentela e forme di organizzazione. Essi sono formulati nella Mente
universale e divina dalle "gerarchie creative" durante la metà prevalentemente soggettiva del ciclo
dell'essere. (vedi il libretto di accompagnamento, Una nuova immagine di Cosmos e Anthropos ).

C'è, tuttavia, davvero solo un archetipo universale. Ha molti aspetti, proprio come l'unica Parola
Creativa (Logos) è un'unità di innumerevoli Lettere. L'Archetipo universale è infuso di un quanto di
potenza adeguata per la sua attualizzazione. Dopo l'alba dell'universo obiettivo, gli archetipi (o
aspetti successivi dell'archetipo universale) sono gradualmente rilasciati dall'impulso creativo,
fornendo la molteplicità di forme esistenziali (cosmiche, materiali, biologiche, culturali, sociali e
così via).

Gli archetipi non sono forme fisse o rigide ma sistemi aperti interagenti o campi guida. Nel
documento pubblicato privatamente, Beyond Personhood, Rudhyar scrive che le Qualità spirituali
(uniche "Lettere" della Parola Creativa, ciascuna infusa di un quanto della divina Compassione,
intonate all'alba dell'universo manifesto, Atma-Buddhi o Monade spirituale nel Formulazione
ottocentesca della Teosofia) cerca-
manifestazione concreta, esistenziale attraverso forme archetipiche. Queste forme non
sono modelli rigidi da imitare o riprodurre esattamente in sostanze materiali. Sono
piuttosto campi guida che pervadono tutti gli interi esistenziali, dagli atomi agli esseri
umani alle galassie. Ogni insieme ha un campo guida, una rete di energie formative, di
mantenimento della forma e di espansione della forma (o di replica della forma)
secondo i principi della relazione. (pagina 32)

Bisogna ricordare che CG Jung attribuiva alla parola archetipo un significato molto diverso da
quello dell'esoterismo e della filosofia di Totalità. Di solito, Jung definiva gli archetipi come
accumulazioni o concentrati di esperienza prodotta da generazioni successive di esseri umani ed
esistenti in ciò che definiva "inconscio collettivo". L'esistenza di tali accumuli e la loro influenza
non è contestata. Ma non sono Archetipi esistenti nella Mente divina. Sono modelli psichici,
emotivi e mentali piuttosto resistenti esistenti in ciò che HP Blavatsky chiama la "Luce Astrale".

In The Magic of Tone and Art of Music (Boulder, Colorado: Shambhala Publications, 1982)
Rudhyar scrive:
per Pitagora, Platone e filosofi, mistici e cosmologi di epoche antiche, gli archetipi
appartenevano a un regno superiore a e (in termini di tempo ciclico) che precede il
pensiero umano. Gli archetipi erano generalmente considerati i risultati dell'attività
creativa della mente divina. Costituivano il fondamento su cui si costruivano tutte le
forme concrete o le modalità dell'esistenza; eppure il termine fondazione non è del tutto
corretto perché solitamente si pensa alle fondamenta fatte di materiali solidi e resistenti,
mentre gli archetipi sono più simili a semi intrisi del potere latente della vita: il potere di
trasformarsi in piante e alberi attraverso la germinazione. Gli archetipi quindi non erano
originariamente considerati astrazioni da una moltitudine di particolari simili o
analoghi. Ogni archetipo era inteso come l'origine seme di una moltitudine di forme e
modi di esistenza che possedevano caratteristiche identiche. . .un archetipo è un
concentrato di energia creativa e una struttura ideale che stabilisce un insieme definito
di relazioni tra le sue componenti. La struttura verbale nel suo senso non materiale è una
disposizione speciale o un modello di organizzazione attraverso il quale le entità
materiali costituiscono le molte parti di un tutto onnicomprensivo. (pp. 34-35)

Inoltre, negli ultimi due o tre decenni il termine archetipo è stato usato in modo promiscuo. Viene
spesso utilizzato per designare ciò che è in realtà un prototipo. Un prototipo è la prima incarnazione
di un particolare insieme di qualità archetipiche. Un Avatar, per esempio, è il prototipo perfetto di
una nuova variazione sul tema dell'archetipo Anthropos. Ritorno

3. Cfr. Rudhyar's Culture, Crises and Creativity (Wheaton, Illinois: Theosophical Publishing House,
1977) per una spiegazione dei cicli di cultura e civiltà. Ritorno

4. Nella filosofia di Totalità, il termine transpersonale è usato in un senso molto specifico. La parola
è un neologismo nato negli anni '20 da Dane Rudhyar.

La parola "transpersonale" è qui usata nel senso di "attraverso e oltre la persona". Si riferisce a una
qualità molto specifica dell'essere, dell'attività e della coscienza. La ripolarizzazione radicale
dell'identità e della coscienza dal livello biologico e psicologico a quello spirituale-mentale fornisce
le basi necessarie per l'attività transpersonale. Attraverso un processo di ripolarizzazione o
modulazione, la propria personalità viene purificata e la mente viene ristrutturata e trasformata in
una mente di Totalità. Insieme, la personalità e la mente possono quindi agire come una lente
traslucida portando nella messa a fuoco esistenziale un flusso discendente di potere, attività e
coscienza trascendenti. Come afferma Rudhyar in Beyond Personhood, l' attività transpersonale è
essenzialmente una rivelazione graduale di
archetipi e soprattutto quegli archetipi che è il destino dell'individuo (dharma) a
concretizzarsi nella sostanza della vita quotidiana. Oggi la "vita di tutti i giorni" di solito
significa vivere in una società i cui paradigmi culturali devono essere radicalmente
trasformati perché la fase attuale del ciclo (o della durata della vita) della cultura
richiede una tale trasformazione. (pp. 37-38) Ritorno

5. Cultura, crisi e creatività, p. 116. Ritorno

6. Il ciclo di Nettuno-Plutone inaugurato nel 575BC si sovrappone agli ultimi 500 anni dell'età
ariana di 2160 anni. È importante rendersi conto che i due - il ciclo di Nettuno e Plutone e la
chiusura dell'età ariana - operano a livelli diversi.

I cicli dei tre pianeti trans-Saturno sono eventi concreti nel sistema solare. La precessione degli
equinozi, d'altra parte, è un fenomeno prodotto da uno dei tre movimenti ciclici del pianeta terra: il
Grande Ciclo Polare creato dall'oscillazione superiore del nostro pianeta sul suo asse polare. Senza
addentrarci in lunghe spiegazioni, il seguente dovrebbe essere sufficiente per le nostre attuali
esigenze.

I cicli di Urano, Nettuno e Plutone si riferiscono al vasto processo della civiltà. D'altra parte, la
precessione degli equinozi - la cui lunghezza presumibilmente varia molto da un ciclo all'altro -
riguarda i cicli della cultura, l'onda portante della civiltà.

Il principio simbolo prodotto dalla rotazione dell'asse terrestre è fornito da particolari stelle
galattiche a cui il Polo Nord è periodicamente orientato. È indubbiamente significativo che subito
dopo l'inizio dell'Era dell'Acquario, il Polo Nord indicherà il più vicino possibile durante questo
Grande Anno Polare alla stella Polaris. È un simbolo forse più potente e significativo della grande
apertura pubblicizzata dell'Era dell'Acquario.
Il fenomeno equatoriale prodotto dalla rotazione della Terra sul suo asse - la precessione degli
equinozi - è quindi un simbolo secondario e ampiamente condizionato dalla cultura. Le
costellazioni zodiacali sono prodotti di una particolare cultura: sono simboli "creati dall'uomo". I
totem costellari esistono solo nella mente umana, condizionata dalla cultura e i gruppi stellari (le
stesse costellazioni), le cui singole stelle descrivono forme animali, esistono solo dalla nostra
prospettiva particolare. In altre parole, dal punto di vista di qualche altro pianeta in qualche altro
sistema solare in un'altra parte della nostra galassia, le stesse stelle che compongono le nostre
costellazioni zodiacali comprenderanno una forma o un modello molto diverso.

Come afferma Rudhyar in Culture, Crisis and Creativity -


Abbiamo a che fare con due processi: un vasto processo planetario di civilizzazione e lo
sviluppo organico di diversi interi di cultura che si verificano entro confini geografici
più o meno chiaramente definiti e organizzano la vita collettiva di scorte razziali più o
meno chiaramente differenziabili. Ognuno di questi processi obbedisce al proprio ritmo.
Poiché lo sviluppo di interi culturali è fondamentalmente legato e profondamente
condizionato (se non determinato) dallo stato tellurico e climatico della biosfera in certi
periodi, obbedisce a un tipo di ciclo essenzialmente derivato da uno dei tre movimenti
fondamentali della Terra -globe: la precessione degli equinozi, il ciclo del giorno della
rotazione assiale e la rivoluzione annuale della Terra attorno al Sole. D'altra parte, il
ciclo della civiltà, poiché trascende il livello della biologia e dei determinanti fisici, può
essere significativamente misurato in termini di concetti archetipici che si riferiscono
essenzialmente al numero e ai rapporti, ma si riflette anche nel ciclo di relazioni tra le
rivoluzioni del pianeti più grandi del sistema solare. Il ciclo determinato dalle
successive congiunzioni di Nettuno e Plutone che si verificano quasi ogni 500 anni è il
più caratteristico di questi cicli. (Pag. 110) Ritorno

7. cf. The Mahatma Letters (Pasadena, California: Theosophical University Press, Second Edition,
1926), p. 117. Ritorno
Seconda parte
I cicli di Urano, Nettuno e Plutone
e la spazzata dell'evoluzione umana

Ora per dare un'occhiata al ciclo di 171 anni di Urano e Nettuno, il ciclo di quasi 500 anni di
Nettuno e Plutone, e in che modo essi corrispondono all'ampiezza dell'evoluzione umana dal 600
aC.

Il ciclo di Urano e Nettuno


Le congiunzioni Urano-Nettuno si verificano a intervalli di 171 anni. Marciano attraverso lo
zodiaco con passi di circa sedici gradi ciascuno. La caratteristica fondamentale di una congiunzione
Urano-Nettuno è che segnala una parziale rottura delle strutture e dei vincoli di Saturno,
creando un'apertura attraverso cui nuove forze trasformative possono fluire e infine
integrarsi nel tessuto sociale e collettivo dell'epoca.
I due pianeti si incontrarono nel 1821 nei primi gradi del Capricorno e prima nel 1650 a metà del
Sagittario. Lo studio dei due cicli è rivelatore. Il periodo di 171 anni tra il 1650 e il 1821 contiene la
rottura dell'era classica e la nascita dell'età rivoluzionaria. La congiunzione del 1650 coincise con la
nascita della scienza empirica e la colonizzazione su larga scala del Nord America. Il ciclo chiuso di
recente del 1821-1993 ha visto l'ascesa della rivoluzione industriale, l'era della macchina, la
rivoluzione elettronica e l'era atomica. Ha caratterizzato la diffusione dell'ideale repubblicano,
dell'individualismo, del capitalismo e dell'imperialismo.
I progressi scientifici e tecnologici degli ultimi due cicli Urano-Nettuno hanno reso una società
globale non solo possibile ma necessaria, necessaria perché il genere di potere che la scienza e la
tecnologia moderne hanno messo nelle mani di uomini ancora sottosviluppati moralmente e
spiritualmente ha prodotto i problemi. La mentalità locale e le soluzioni locali non sono adeguate,
invece di risolvere i problemi che le compongono. Il problema è che la nostra attuale scienza e
tecnologia, e in particolare la mentalità che la nostra società materialista e tecnocratica genera, sono
ancora radicate in un passato classico. Sembrano legati al ciclo di Nettuno-Plutone del 1399-1892,
durante il quale sono state concepite la nostra attuale scienza e tecnologia e il suo complesso
politico-militare-industriale.

Il ciclo di Nettuno e Plutone


Il ciclo dei due pianeti più esterni conosciuti ha una lunghezza esistenziale di 492-493 anni, circa
una ventina di cui Plutone spende seminando il suo seme cosmico entro l'orbita di Nettuno. Le
ultime congiunzioni geocentriche di Nettuno-Plutone si sono svolte durante il 1891-92, nell'ottavo
(7 ° 44 ') e nel nono (8 ° 25' retrogrado e 8 ° 38 ') gradi di Gemelli. La loro unica congiunzione
eliocentrica avvenne il 29 gennaio 1892 all'8 ° 01 'Gemelli. Le precedenti congiunzioni
geocentriche si sono verificate durante il periodo 1399-98, 905, 411-12, 82-83 aC e 575 aC. Queste
date rappresentano momenti di semi, ognuno dei quali dà origine a una mentalità più inclusiva e ad
un approccio più universale all'organizzazione sociale.
Il tempo astrologico di Rudhyar affronta in modo estensivo e accurato la sfida degli anni '90. In esso
Rudhyar descrive l'importanza del ciclo Nettuno-Plutone in queste parole:

Il periodo [storico] più elementare. . . è uno che approssima 500 anni; e sembra che
proprio come il ritmo delle congiunzioni e delle opposizioni di Giove e Saturno
scandaglia il flusso melodico della storia in quanto riguarda i destini delle più piccole
comunità tribali e nazionali, il ritmo del ciclo di relazioni tra Nettuno e Plutone
stabilisce il modello di sviluppo nello sforzo incessante dell'uomo di emergere dalle
unità sociali minori e maggiori. Questo sforzo è davvero la sostanza stessa della
civiltà come processo di universalizzazione dei valori. (Pag. 73)

La marcia ritmica dell'evoluzione umana nei passi di 500 anni è così inconfondibile che persino gli
scettici più duri lo riconoscono. Nel recente libro, The Big Bang Never Happened! , lo scrittore di
scienze Eric Lerner - che disprezza l'astrologia - descrive l'avanzata dell'umanità in atti di 500 anni,
facendo del 600 aC l'inizio di una nuova direzione nella mentalità umana e nell'organizzazione
sociale.
Solo in una società che ha completamente ripudiato la ciclicità è possibile per un uomo molto
istruito scrivere a lungo su una serie di periodi di 500 anni che iniziano intorno al 600 aC, e non
rendersi conto che corrispondono ai cicli planetari. Il risultato è un'opera che è molto importante
per sostenere l'astrologia: uno degli agenti oscuri dell'ignoranza, il signor Lerner è responsabile
della stagnazione dell'umanità.
Il processo di universalizzazione opera passo a passo attraverso una lunga serie di culture che
incarnano variazioni successive e più inclusive sul tema dell'archetipo Anthropos. Ogni nuova
cultura dovrebbe presentare nuove forme più universali di organizzazione sociale, avanzamenti
nella mentalità collettiva umana e una nuova qualità della personalità - il prodotto della cultura.
Proprio come nella teosofia di Blavatsky si dice che un certo numero di ritmi o di impulsi evolutivi
si compenetrano l'un l'altro, ognuno operando ad un particolare livello di attività, coscienza ed
essere, ci sono diversi approcci validi per interpretare i periodi di circa 500 anni o passi ciascuno
Nettuno- La congiunzione di Plutone inaugura.
I pianeti trans-Saturno simboleggiano fattori trascendenti che operano dietro e attraverso
l'evoluzione umana e i cicli della cultura. E poiché questi pianeti possono essere intesi come
"emissari galattici" o "messaggeri cosmici", un settuplo sistema rivela al meglio il loro profondo
ritmo cosmico mentre opera attraverso la civiltà. Lo schema settenario, naturalmente, è largamente
presente nello studio di Rudhyar della cultura e della civiltà delineato in Cultura, Crisi e Creatività,
che ha le sue radici nello schema settenario dell'evoluzione umana rappresentato nella Dottrina
Segreta di Blavatsky.
La struttura interna di qualsiasi schema settenario è composta da tre fasi involutive (1-3), un quarto
passo chiave e tre fasi evolutive (5-7). Lo schema settenario si riflette anche nella struttura del vasto
ciclo di Urano, Nettuno e Plutone. ( 8 ) Useremo lo schema per ottenere una nuova visione delle
crisi e delle sfide uniche fornite durante ogni periodo di 500 anni dal 600 aC.
L'attuale serie di sette passi, che iniziò intorno al 600 aC, porta una nota chiave di
individualizzazione delle matrici culturali e lo sviluppo graduale di una mente di totalità.
Il processo di individualizzazione fornisce una necessaria fase di transizione nel processo di
universalizzazione. Una volontà e una mente individualizzate sono lo stato di transizione tra
l'attaccamento agli imperativi biologici e culturali e la condizione transindividuale del Pleroma (la
loggia bianca dell'esoterismo) in cui l'individualità individuale e l'unanimità di gruppo si
compenetrano armoniosamente. La volontà individualizzata, tuttavia, consente agli esseri umani di
agire con o contro la direzione del flusso evolutivo.
L'individualità può essere scambiata per un fine in sé, glorificata e venerata per il suo stesso
interesse. L'individualismo è caratterizzato da un senso di individualità completamente separata. Dà
un valore assoluto all'individuo e all'individualità. Una società di "individui robusti" presenta
l'ambizione e l'avidità scatenate. È una società di ego, per ego, per la glorificazione dell'ego.
Vedremo il keynote essenziale o il messaggio seme dell'individuazione dalle matrici culturali e lo
sviluppo graduale di una mente di interezza si svolgerà nella seguente rappresentazione dei primi
sei passi nel processo iniziato nel VI secolo aC. Va tenuto presente, tuttavia, che qui non stiamo
cercando o tentando di prevedere gli eventi. La nostra è una ricerca di significato, per lo sviluppo
graduale di un messaggio seme.

PASSO UNO (575 aC - 83 aC): il rilascio di un impulso creativo allo scopo di attualizzare un
nuovo aspetto o variazione più inclusivo sul tema dell'archetipo Anthropos.

Gautama Buddha, nato all'inizio di questo ciclo, non solo ha incarnato una nuova qualità della
mente e ha annunciato un'età in cui gli individui potrebbero potenzialmente emergere dalla loro
matrice culturale, ha anche iniziato (come ha fatto il suo contemporaneo, Vardhamana Mahavira, il
fondatore del Giainismo) un nuovo tipo di organizzazione sociale che ripudia il rigido sistema indù
di caste. Secondo HP Blavatsky, Gautama Buddha inasprì ulteriormente la orgogliosa, potente ed
esclusiva casta sacerdotale, i Brahmini, divulgando alcune delle loro antiche dottrine segrete.
Durante il VI secolo aC in Occidente, Pitagora si preoccupava di sviluppare nei membri della sua
comunità spirituale una mente archetipica capace di trattare direttamente i principi del numero puro
e della forma proporzionale. Tale sviluppo era necessario perché forniva una facoltà che consentiva
agli esseri umani di superare un attaccamento arcaico a culti, simboli e miti che personificavano le
forze naturali e i processi cosmici. In breve, Pitagora tentò di sostituire gli dei e le dee dell'età
arcaica con principi, numeri e forme.
All'inizio solo una piccola minoranza era in grado di rispondere alle nuove formulazioni mentali e
ideali sociali - idee-seme orientate al futuro - diffuse dai saggi del sesto secolo aC. Infatti, molto più
probabile di una risposta relativamente pura a nuove possibilità è la tendenza umana a distorcerle.
Pitagora tentò di mostrare alla mente mediterranea pre-classica che l'aspetto formativo di tutte le
cose deriva da principi, numeri, proporzioni e proporzioni universali, archetipici; una fondamentale
facilmente dimostrata e applicata dall'atto di misurare. Ma questo approccio diventa negativo,
Rudhyar sottolinea in The Magic of Tone quando
tende a sostituire concetti e pratiche quantitativi per valori qualitativi. [Questo
approccio] tende anche a sottolineare l'importanza della materia e dei corpi materiali
perché questi possono essere facilmente misurati, mentre le realtà psico-spirituali non si
prestano all'analisi quantitativa. Nella musica una trasformazione dei toni sacromagici
in note astratte che sono solo i margini degli intervalli diventa probabile una volta che il
produttore di toni diventa un teorico o un tecnico quasi matematico ossessionato dalla
precisione e dalla perfezione meccanica (cioè misurabile). (pagina 37)
Molti dei problemi del nostro secolo, quindi, hanno radici nell'enfasi squilibrata della mente
mediterranea post-arcaica posta su operazioni formalistiche, intellettuali ed esclusivamente
quantitative. Questa particolare inclinazione della mente fu notevolmente rafforzata durante il
quinto passo: 1399-1891 d.C.
Il sesto secolo aC segna anche la prigionia degli ebrei in Babilonia (dove acquistarono la Kabbalah)
e lo sviluppo dell'ordine amministrativo in Persia sotto Dario. Alexander prese in prestito l'ordine di
amministrazione persiano e lo applicò alla gestione del suo impero "mondiale". Successivamente è
stato copiato da Roma. A Roma, l'ideale della repubblica e della cittadinanza divenne una forza
vivente. Le potenzialità e le sfide caratteristiche dell'intera serie di sette fasi sono condensate nel
primo passaggio di 500 anni.

FASE SECONDA (83 aC al 411 d.C.): la progressiva tensione verso l'incarnazione iniziale
degli ideali spirituali essenziali, le formulazioni mentali, i concetti sociali e le qualità di un
nuovo ordine.

Questo è il tempo della guerra civile abortita a Roma (90 aC), la rivolta ateniese contro il dominio
romano (71 aC) e la rivolta infruttuosa di schiavi e gladiatori romani sotto Spartius (71 aC). A
Roma, i sentimenti per una vera repubblica erano alti. Ma l'ideale romano della repubblica era
ancora essenzialmente esclusivo - una repubblica per i cittadini, ma sostenuta e resa possibile dalla
sottomissione di una massa di schiavi.
In Asia, la congiunzione coincide con la diffusione del Buddhismo Mahayana (il Grande Veicolo) e
il suo ideale di Bodhisattva. Gli occultisti sostengono che Gesù visse in realtà intorno al 100 aC. (
9 ) E secondo la tradizione esoterica, Gesù era un membro di una comunità influenzata dal
buddismo - probabilmente l'ebionita o "i poveri" - fondata dai missionari sponsorizzati dal grande
imperatore buddista dell'India, Asoka (272-232 aC).
Il Mahayana, in un certo senso, compensava l'egoismo spirituale e altre distorsioni che nascevano
dal primo buddhismo. Nel Mahayana, l'egoismo spirituale è caratterizzato dal Buddha Pratyeka
("privato"). Il raggiungimento della pace, del riposo e della felicità nirvanici per se stesso
costituisce il fine ultimo e l'unica preoccupazione del Buddha Pratyeka. Mahayana, tuttavia,
generalmente considera il nirvana del Buddha privato un falso nirvana di inaffidabilità di cui il
nirvana deve alla fine emergere - senza realizzare il "progresso" spirituale durante il suo lungo
riposo.
Autentici discepoli del Mahayana calpestano il Sentiero della Compassione esemplificato dal
Bodhisattva che, avendo raggiunto la liberazione, sacrifica la sua pace, il suo riposo e la sua
beatitudine per rimanere in uno stato di relazione con l'umanità per aiutare gli individui ricettivi
lungo il sentiero di illuminazione. Secondo gli aspetti più avanzati della filosofia Mahayana, il
Nirvana non è un "luogo" separato e non si risparmiano i crediti del "buon karma", per così dire, per
comprare un biglietto di sola andata. Il Nirvana è invece uno stato di essere illuminato dalla
Compassione e una mente eonica di interezza.
Una facoltà fondamentale di una mente eonica di interezza è la capacità di comprendere
direttamente l'interrelazione di qualsiasi cosa con qualsiasi altra cosa - per realizzare il significato, il
luogo e la funzione di ogni momento dell'intero ciclo (o eone). Il Samsara, quindi, è una condizione
dell'essere e della mente ancorata nell'ignoranza che, non riuscendo a realizzare ovunque la Totalità
e le interrelazioni, vede invece solo un caos privo di significato, privo di scopo e non correlato. In
altre parole, la Luce di Totalità e Compassione trasforma il samsara in Nirvana.

PASSO TRE (412 AD - 904 AD): La fase finale dell'arco involutivo distrugge entrambi gli
elementi che non possono essere assimilati nel nuovo ordine e polarizza le forze che ha
incorporato con successo.

La terza congiunzione Nettuno-Plutone nella serie segnò la fine della lunga caduta dell'Impero
Romano (Alarico catturato e saccheggiato Roma nel 410 aC). Era un'epoca caratterizzata da turni di
potere, riallineamenti politici e la delineazione geografica dei primi regni europei. Durante il quinto
secolo, il cristianesimo è emerso come la forza principale che integra l'intera Europa. Fu introdotto
in Irlanda poco dopo la congiunzione Nettuno-Plutone del 412 e Cloris fu battezzato verso la fine
del secolo. Gli gnostici ei neoplatonici hanno sofferto una sconfitta ideologica, condizionando il
futuro corso dello sviluppo mentale in Occidente.
Il Concilio di Costantinopoli del 385 sigillò il mito e il dogma del cristianesimo, inclusa la
designazione del giorno e dell'anno della nascita di Gesù. Un altro importante motto del Concilio,
che comportava conseguenze di vasta portata per lo sviluppo mentale della mente post-cristiana, fu
la completa e totale condanna della dottrina dei cicli e, per estensione, della reincarnazione.
Evidentemente il detto era inteso a sostenere e sostenere il dogma della Chiesa, rendendo l'evento di
Cristo assolutamente unico (l'unico e unico Figlio dell'unico e unico Dio), senza mai ripetersi che
accadesse quella storia fustigata (prima e dopo Cristo) e l'umanità ( i cristiani salvati ei dannati non
cristiani) per sempre in due epoche e comunità separate.
Durante questo periodo e la prima parte del periodo seguente, si cristallizzò una situazione che
avrebbe resistito per mille anni o più. Ha visto la polarizzazione del cristianesimo e dell'islam (un
altro movimento teocratico esclusivo e "universale"), dell'Europa orientale e occidentale,
dell'Europa meridionale e settentrionale, della Gran Bretagna e del continente.

PASSO QUATTRO (905 AD - 1398 DC): Realizzazione dell'impulso creativo come cultura in
fiore e la sua molteplicità di prodotti culturali limitati e caratteristici.

In Europa, questo periodo iniziò con la situazione frammentata dopo la morte di Carlo Magno e la
divisione del suo impero, dando luogo a piccole guerre da parte di piccoli re che affermavano il loro
"diritto divino" di governare. La Chiesa controllava fermamente le vite e i pensieri di quasi tutti gli
europei. La diffusione del potere islamico e le sue usurpazioni sugli avamposti europei e cristiani
fanno del X secolo un preludio alle crociate, che unirono tutti i re europei contro un nemico
religioso comune. Il decimo secolo fu "l'era oscura del papato", la "pornocrazia" inaugurata da Papa
Sergio II e dalla sua amante Marozia.
L'alba del nuovo millennio presentava un senso universale di rovina imminente generata dalla
convinzione che il 1000 dC avrebbe portato la fine del mondo e la "Seconda venuta di Cristo".
L'undicesimo secolo, tuttavia, inaugurò una nuova fase di attività - compresa la Battaglia di
Normandia nel 1066 e le prime Crociate nel 1096 - che culminò nel fiore del rinascimento,
nell'ideale della nazione e in un crescente senso di autosufficienza. individualità assertiva.
Il rinascimento è stato reso possibile dalle nuove condizioni sociali, politiche e intellettuali
realizzate durante la prima metà di questo passo. Incorporò elementi del pensiero mediterraneo
durante il primo passo (575 aC-83 dC), ma perse, dimenticate o soppresse nel corso della seconda e
terza fase. Il rinascimento è emerso per la prima volta come forza sociale e intellettuale durante la
prima metà del XII secolo, proprio dove ci si aspetterebbe, nel punto centrale dei sette gradini, al
punto più basso, il fulcro dell'intera serie.

PASSO CINQUE (1399 AD - 1891 DC): L'espulsione e l'eliminazione spesso violenta di fattori
centrifughi che operano all'interno di una cultura particolare, limitata e orientata al passato,
ora sta superando il suo nadir e l'inevitabile perversione dell'impulso creativo che opera
attraverso di essa.

Il quinto passo è il primo sull'arco evolutivo o ascendente. È stato un periodo di conflitto tra
istituzioni sociali, intellettuali e religiose inerti o effimere, gradualmente costruite durante le fasi
precedenti e forze creative evolutive che lavorano per purificare il processo di civilizzazione degli
elementi perversi.
Ogni volta che è possibile, le forze correttive tentano di operare durante questa fase per riallineare
la forma e la qualità date all'impulso creativo, consentendo alla tendenza evolutiva di avanzare il
più vicino possibile secondo il piano precosmico delineato nella Mente divina. Ma è anche un'era in
cui le forze corrotte che operano attraverso istituzioni religiose e politiche si oppongono
spietatamente e cercano di eliminare qualsiasi tentativo di riforma, rigenerazione e avanzamento. In
poche parole, questo periodo presenta un intenso e spesso violento incontro tra forze inerti che
operano in cerchi chiusi e forze creative e trasformative che tentano di spostare l'evoluzione lungo
un percorso a spirale . In Europa e nelle Americhe, quindi, questo periodo ha caratterizzato
fortemente le riforme e le inquisizioni.
Questo periodo di 500 anni ha visto la scoperta di nuovi mondi da conquistare, colonizzare e
sfruttare; e con esso arrivò lo spietato asservimento e lo sterminio delle razze non europee. Fu anche
un periodo di intensa attività mentale, formulazione e controllo, simboleggiato dalla congiunzione
Nettuno-Plutone del 1399 che si verifica nei primi gradi del segno mentale Gemini - opposto ad
Urano. Inoltre, il quinto passo di ogni serie settenaria rappresenta sempre il culmine dell'aspetto
analitico della mente - secondo la tradizione esoterica il Numero 5 è correlato alla mente concreta.
Ma l'attività mentale descritta durante questo passaggio era altamente esclusiva e contaminata da
distorsioni e perversioni radicate nei fallimenti del passato. Ha generato quella specie di zelo
dogmatico e fanatico che richiede vittime sacrificali, espulsioni, inquisizioni e cacce alle streghe.
Riguardo a questo periodo di 500 anni, Rudhyar scrive in The Sun is Also a Star che ha visto
il trionfo del razionalismo, dell'empirismo, del meccanismo e del materialismo. Il
numero 5 è il simbolo della mente, ma quando la mente si sviluppa sul fondamento di
un approccio formalistico, personale e rigido alla spiritualità, è costretta a diventare
ugualmente dogmatica nei suoi tentativi di affrontare qualsiasi cosa il patrimonio
religioso ancora potente sia stato declassato e lasciato incolto. Diventa quindi la mente
empirica e razionalista, così intenta a trattare esclusivamente con il mondo materiale che
diventa plasmata dai ritmi della materia. (P.120)

La congiunzione Nettuno-Plutone del 1399 segna il tempo dell'eresia di Giovanni Hus (scomunicato
nel 1413 e bruciato nel 1418), di Giovanna d'Arco (bruciato nel 1431) e l'ascesa dell'ideale della
nazione in Occidente (l'assedio di Orleans si è verificato nel 1428). Gli alchimisti lavorarono
sottoterra e l'autentico movimento rosacrociano e altre società segrete furono fondate per la
conservazione e la continuazione della "conoscenza esclusa".
In Asia, il 1399 fu l'era di Tsongkapa (1357-1419), il grande riformatore del buddismo tibetano e
fondatore dell'Ordine Gelukpa (Virtuous Ones) che conquistò il controllo politico del Tibet nel XVI
secolo e lo mantenne fino all'invasione cinese del Tibet 1950. Blavatsky e le sue insegnanti
riportano che Tsongkapa ha fondato la tradizione secondo cui verso la fine di ogni secolo
(occidentale), i membri della sua più intima compagnia dovrebbero compiere speciali tentativi di
elevare l'umanità pur rilasciando aspetti successivi del loro insegnamento esoterico. Sebbene i
tentativi siano stati fatti per il bene dell'umanità nel suo complesso, si dice che fossero diretti
specialmente verso le menti occidentali.
L'inclinazione formalistica e quantitativa presa dalla mente occidentale dopo il VI secolo aC fu
notevolmente rafforzata (e infine fornita un'esclusiva sanzione culturale) durante l'era post-
baconiana delle indagini scientifiche. Lo spirito della ricerca scientifica Baconiana era
originariamente evolutivo, mirando a liberare la mente umana dalle catene della superstizione e del
dogma religioso. Ma la scienza si è sviluppata lungo linee strettamente meccanicistiche, materiali
ed empiriche durante e dopo il XVII secolo, in gran parte perché la Chiesa ancora potente deteneva
"diritti esclusivi" nei campi della metafisica, della cosmologia e della psicologia. Proibendo
severamente l'inchiesta in questi campi, la Chiesa ha ristretto il campo aperto all'inchiesta
scientifica a livello puramente materiale, meccanico e matematico. Concentrandosi su indagini
empiriche, la scienza ha dato vita a meravigliose conquiste tecnologiche. . . e disastri.

PASSO SESTO (1892 d.C. - 2385 d.C.): La graduale armonizzazione e reintegrazione di una
molteplicità di fattori esistenziali e la purificazione, la ripolarizzazione radicale e la
trasmutazione essenziale dell'essere attraverso la spinta verso la completezza e l'inclusività.
Questo periodo iniziò proprio mentre il lungo sviluppo dei sistemi intellettuali caratterizzati da
misurazione esatta e analisi quantitativa, e la loro corollaria scienza e tecnologia empirica,
cominciarono a mostrare punti deboli molto precisi.
Blavatsky e Bahá'u'lláh - due personaggi principali del diciannovesimo secolo - morirono durante il
1891 e il 1892. Blavatsky, che sosteneva di essere il messaggero di una Compagnia occulta trans-
himalayana incaricato della missione "di cambiare la mente del 20 ° secolo ", è morto a Londra l'8
maggio 1891. Il moderno movimento teosofico da lei fondato ha visto la Universal Brotherhood
come il suo primo oggetto. Blavatsky è ritenuto da molti un personaggio Avatarico. Bahá'u'lláh,
l'Avatar o Manifestazione divina della Fede Bahai, morì nel maggio 1892. Il Movimento Bahai
iniziò nel 1844 quando il Bab (la Porta) - martirizzato a Tabriz, in Iran il 9 luglio 1850 - proclamò la
fine del Era islamica e la venuta di un avatar che avrebbe preannunciato una nuova dispensazione.
Durante la sua lunga prigionia, Bahá'u'lláh (la Gloria di Dio) formulò dodici principi per la
fondazione di un Nuovo Ordine Mondiale.
Blavatsky e Bahá'u'lláh (e i movimenti che hanno fondato) possono essere visti come un seme
seminato alla fine del ciclo di Nettuno-Plutone di 500 anni che si concluse al momento della loro
morte.
Sebbene il ciclo cinquantennale di Nettuno-Plutone fosse sconosciuto durante la vita di Blavatsky,
in diverse occasioni sottolineò che molti cicli importanti dovevano essere chiusi durante la fine del
XIX secolo. Sottolineò in particolare, senza molte spiegazioni, che la chiusura dei primi 5.000 anni
del Kali Yuga indoeuropeo nel 1897-98 avrebbe portato a importanti scoperte che avrebbero segnato
la fine di un approccio esclusivamente scientifico ed empirico alla scienza. Nel suo opus magnum
del 1888, The Secret Doctrine, scrive Blavatsky-
Siamo al punto più vicino del ciclo di 5000 anni dell'attuale Aryan Kaliyuga; e tra
questo tempo e il 1897 ci sarà una grande rendita fatta nel Velo della Natura, e la
scienza materialistica riceverà un colpo mortale. (Vol. I, pp. 611-612) ( 10 )

Abbastanza sicuro, i pochi anni intorno al 1897-98 furono testimoni della "smaterializzazione"
dell'atomo e di altre importanti scoperte che rivoluzionarono la visione scientifica mondiale. È
ironico, tuttavia, che oggi anche la maggior parte delle persone istruite sembra a malapena
consapevole delle implicazioni più profonde delle scoperte epocali del tardo XIX secolo. Freud
pubblicò i suoi Studi sull'isteria nel 1895, lo stesso anno in cui furono scoperti i raggi X. L'anno
seguente Rutherford rilevò le onde elettriche e Becquerel scoprì la radioattività. L'elettrone fu
scoperto nel 1897, facendo esplodere il modello di palla da biliardo dell'atomo (Blavatsky scrisse
che l'atomo era divisibile e che la materia non era come gli scienziati della sua epoca l'avevano
concepita). Le onde alfa e beta furono scoperte nel 1899, così come le onde radio. Il 1899 fu anche
l'anno in cui Max Planck formulò per la prima volta la teoria quantistica, sconvolgendo
completamente la visione del mondo della fisica classica.
Riguardo alla qualità del sesto e attuale passo, Rudhyar scrive in Cultura, Crisi e Creatività -
Questo nuovo periodo di 500 anni vibra al numero 6 perché 6 è il simbolo
dell'armonizzazione, dell'unione degli opposti e dell'amore che sincronizza le polarità a
tutti i livelli, e sincronizzandoli rende possibile l'emergere del 7 - il Bambino divino.
Senza l'operazione di questo vibratore 6 il processo pentaritmico della civiltà potrebbe
solo provocare disastri e diventare autodistruttivo attraverso l'atomizzazione e il totale
coinvolgimento personale; e un tale coinvolgimento personale, a livello cosmico, prende
la forma di un "buco nero" e a livello personale conduce al "mago nero" che, alla fine,
dopo una serie di vite da incubo, diventa un centro totalmente autistico dell'ego
-consapevolezza assolutamente indifferente a qualsiasi cosa, perché assolutamente
estranea.

Questo è il motivo per cui, dietro tutti gli impulsi creativi spirituali che vibrano verso il
5 della civiltà, deve sopportare la sconfinata compassione di un essere che irradia il
potere di 6: un Buddha, un Cristo, un Bodhisattva, un San Francesco. (p 122)

Abbiamo più volte menzionato il Kali Yuga (Dark Cycle) che iniziò nel 3102 aC e questo potrebbe
essere il luogo per spiegare più pienamente come si inserisce nella foto qui presentata. Senza entrare
nell'intero sistema hindu di Yuga, che il lettore interessato può trovare altrove, è necessario
semplicemente affermare che il sistema si basa su un Mahayuga (grande ciclo) estremamente
grande di quattro età e che le loro lunghezze sono basate sul rapporto 4 : 3: 2: 1. Il Kali Yuga è
l'ultimo e il più corto dei quattro. Ha una lunghezza exoterica di 432.000 anni. È quindi il più
condensato e intenso dei quattro. È il periodo di gestazione che conduce a una nuova "specie" (e un
nuovo Mahayuga) di umanità. Tutto è accelerato e intensificato nel Kali Yuga. Il successo spirituale
e il fallimento spirituale sono entrambi più rapidi. Il Kali Yuga è l'età in cui i maghi neri, i buchi
neri umani, sono cresciuti. Raccoglie un oscuro raccolto di fallimenti umani. Un secolo fa, il grande
teosofo William Q. Judge scrisse:
Tutti noi abbiamo dentro di noi potenziali maghi neri che si trovano nella parte inferiore
e più forte della nostra natura, e che è importante vedere che non forniremo
l'opportunità a quella potenzialità di manifestarsi nelle vite future attraverso il modo di
dare ora all'egoismo in nessuna delle sue forme. Il mago nero, quindi, ci interessa
davvero è in noi stessi. . . . [Nel Kali Yuga] il Karma montato per far emergere Black
Adepts inizia ad agire, e i semi seminati tempo fa spuntano sempre di più con il passare
degli anni di Kali Yuga. Ora che l'era oscura ha 432.000 anni, e solo 5.000 sono passati,
non c'è ancora stato il tempo di evolvere il vero mago nero. Ma questa civiltà mostra in
modo preminente che i semi stanno germogliando, e da nessuna parte con un potere
maggiore che in America. Qui la caratteristica nazionale è l'individualismo, e che
esistendo come una tendenza della natura differenzierà un giorno l'individualismo
concentrato in alcuni pochi uomini. Immagina che questa concentrazione si verifichi in
un secolo futuro quando saranno compiute meravigliose scoperte nella conoscenza delle
grandi forze della natura, e puoi facilmente vedere senza alcun bisogno di prescienza il
futuro mago nero. ( 11 )

Il XX secolo apparentemente presenta polarizzazione e ripolarizzazione come primi passi verso


l'armonizzazione e il reinserimento. È simboleggiato nel grafico del 20 ° secolo in cui Nettuno e
Plutone sono opposti da Urano e da tutti gli altri pianeti. È mostrato esistenzialmente dalle guerre
mondiali di questo secolo seguite da una lunga guerra fredda polarizzata che abbiamo appena
superato. Questo secolo è stato giustamente chiamato "Civil War of Man", e Blavatsky, Rudhyar e
altri parlano di una "Guerra delle idee". La sua battaglia decisiva può essere giocata durante questo
e il prossimo decennio, e il campo di battaglia è dentro di noi.
La volontà e la mente individualizzate possono agire o come schiave dell'ego e delle sue voglie
egoistiche o come una lente che dà forma esistenziale e significato a un vero Sé Superiore superiore
alla Qualità spirituale - che è un aspetto inseparabile di un tutto cosmico onnicomprensivo. Il
processo di ripolarizzazione del proprio centro di coscienza e del senso della volontà e dell'identità
dal livello di pulsioni bio-psichiche, compulsioni e condizionamenti e desideri, reazioni e complessi
psico-mentali al livello spirituale-mentale onnicomprensivo è noto nella tradizione esoterica come
"il sentiero." Coloro che hanno familiarità con la teoria quantistica e il suo modello di luce, sia
come flusso di particelle discrete (fotoni) che come onda unificata, possono pensare a questa
ripolarizzazione come uno spostamento del proprio senso dell'essere da quello di una particella tra
altre particelle apparentemente separate a quello dello stato d'onda, di una condizione quantistica di
multi-unità.
Oltre un secolo fa, HP Blavatsky scrisse in La Voce del Silenzio: "Può esserci felicità quando tutto
ciò che vive deve soffrire? Sarai salvato e sentirai piangere tutto il mondo?" Questa è una domanda
che ogni individuo e ogni gruppo ha bisogno di chiedere. Dobbiamo renderci conto che finché un
essere umano è affamato, privato e senzatetto, l'umanità è affamata, privata e senzatetto; che quando
un individuo o un gruppo ne sfruttano un altro, sfrutta l'umanità, un'umanità in cui lo sfruttatore e lo
sfruttato sono inseparabili e sempre interconnessi.
Le soluzioni autentiche ai problemi che affrontiamo oggi, sia come individui che come umanità nel
suo complesso, non si possono trovare attraverso la psicologia del pop e la psicoterapia
autoindulgente, o attraverso interminabili cicli di dibattito, definizione delle politiche, attivismo,
legislazione e applicazione. I veri problemi che affrontiamo oggi - non solo i loro effetti -
potrebbero non avere soluzioni semplicemente perché non hanno bisogno di essere semplicemente
risolti ma trascesi attraverso lo sviluppo di una nuova qualità dell'essere, attraverso un nuovo
senso di identità, e attraverso un "cambiamento mentale" che può essere realizzato solo
attraverso un quadro di riferimento più inclusivo.
Questo è il messaggio-seme seminato da Blavatsky e altri alla congiunzione Nettuno-Plutone del
1891-92. Un messaggio-seme ora nella sua prima fase di crescita oggettiva.

In questo contesto, la sezione successiva si sposta in primo piano con una discussione sulla
complessa situazione astrologica del tardo 20 ° e dell'inizio del XXI secolo.

8. Una congiunzione quasi tripla di Urano, Nettuno e Plutone è una situazione in cui Urano e
Nettuno congiungono Plutone in una successione relativamente rapida. È sconosciuto, e altamente
improbabile, se i tre pianeti formassero una congiunzione tripla precisa e esatta. Ma durante il 577
aC-575 aC i tre pianeti erano molto vicini l'un l'altro, spesso entro due o tre gradi zodiacali, circa 10
Toro. Ritorno

9. Cfr. GRS Mead, Did Jesus Live 100 BC (1903).

10. La parola "Aryan", che viene usata da Blavatsky e dai suoi maestri per designare l'attuale ondata
di evoluzione umana, è una sfortunata vittima del nazismo e molte persone oggi, immediatamente e
senza molti pensieri, la collegano al razzismo.

La parola è sanscrito per nobile, degno e santo. È di grande antichità. L'antica parola sanscrita per
l'India è Aryavarta. Gli equivalenti persiani ad Arya e Aryan sono Iran e Iraniano.

La parola Aryan in realtà non ha molto a che fare con ciò che oggi chiamiamo "razza" o "tipi
razziali" come con un tipo di umanità (secondo la teosofia di Blavatsky, il tipo di Quinto)
caratterizzata da un certo tipo di mente. Lo sviluppo di questo tipo mentale raggiunse il suo apice
nella mente euroamericana americana, concretizzante, analitica, il quinto sottotipo del quinto tipo
fondamentale. Quasi il mondo intero è diventato "arianizzato".

Blavatsky ha fatto molto della tradizione secondo cui un sesto sottotipo sta ora esaltando la Quinta.
Aggiunge a esso la compassione e la mente della totalità. Il sesto sottotipo, il seme del sesto tipo
fondamentale, alla fine si separerà dal Quinto, germina e forma la radice di un nuovo tipo di
umanità. Come il sesto sottotipo della Quinta separa dal Quinto, si sviluppa secondo il proprio ritmo
ciclico. Inizia un nuovo Satya Yuga (Age of Truth, la prima era di un nuovo Mahayuga) mentre il
Quinto continua più a fondo nel suo ciclo oscuro.

Il nuovo sesto sottotipo non sarà composto da membri di nessuna particolare cultura, nazione,
classe, credo, sesso o razza, ma sarà (e anche ora lo sarà) composto da individui di tutte le nazioni e
razze. Saranno unificati e identificati non dalle comuni caratteristiche regionali, culturali, religiose,
politiche o razziali ma da una facoltà che consentirà loro di entrare in risonanza con le qualità
spirituale-mentali dei Sei Fondamentali. Ritorno

11. William Q. Judge, Echoes from the Orient: Volume Two (San Diego, California, Pt. Loma
Publications, 1980), p. 244. Ritorno
Parte terza
Il teso e complesso astrologico
Situazione della fine del XX secolo

La sezione precedente ha toccato le principali sfide e opportunità poste dall'attuale ciclo Nettuno-
Plutone e ha delineato alcune delle importanti trasformazioni sociali e intellettuali che hanno avuto
luogo intorno all'ultima congiunzione dei due pianeti nel 1891-92. Ora diamo un'occhiata a come il
ciclo si è sviluppato nel corso del 20 ° secolo.
La Grande Guerra, come la prima guerra mondiale era conosciuta ai suoi tempi, si è verificata
durante la fase semisestile crescente (30 gradi) del nostro attuale ciclo di Nettuno-Plutone. La
guerra scioccò l'Europa e il mondo con la consapevolezza che l'umanità moderna non aveva ancora
superato il suo passato barbarico. Eppure la sua pace ha portato per alcuni anni una visione di ciò
che potrebbe essere.
L'inerzia del ciclo passato e i problemi irrisolti che agivano durante la prima guerra mondiale
sfidarono l'impulso creativo in espansione del nuovo ciclo durante la fase semisquare (45 gradi) di
Nettuno e Plutone, che durò dalla fine degli anni '20 alla metà degli anni '30. . Vide un fiorire di
nuove idee e atteggiamenti in tutti i campi dello sforzo umano vinti dalla Grande Depressione, e
l'ascesa del fascismo e il suo corollario nelle arti e nelle scienze, "neoclassicismo".
Nettuno e Plutone si spostarono nella loro fase settale (51 ° 25 'arco, basata sulla divisione del
cerchio per sette) durante la fine degli anni '30.
Gli aspetti settili rappresentano gli elementi compulsivi e irrazionali dell'esistenza, e il suo arco di
51.428571 ... è un numero irrazionale. Inoltre simboleggiano l'azione del fato o del destino. Un
settamento ceroso, che si verifica dopo l'apertura di un nuovo ciclo di relazioni, rappresenta l'azione
del karma e la pressione duratura di schemi antichi. Durante questa fase ci troviamo di fronte alla
sfida di neutralizzare i fallimenti e gli affari incompiuti del ciclo passato, che possono tornare a
tormentare il presente. Se i residui tossici del ciclo precedente non vengono eliminati con successo
durante il cerettamento del setto, essi tossiranno e contamineranno il processo che si svolge durante
il ciclo corrente.
Il destino e il destino sono collegati, ma gli opposti polari. Il destino fornisce le esperienze e le
condizioni attraverso le quali possiamo realizzare e adempiere ciò per cui siamo nati, il nostro
dharma o la verità dell'essere. L'umanità oggi ha bisogno di fare un passo nella prossima fase della
sua evoluzione e di realizzare una nuova forma armoniosa di organizzazione sociale globale. Se la
sfida viene accettata, il destino apre la strada.
Ognuno di noi ha una funzione da soddisfare nel trasformare un'età veramente nuova in una realtà, e
se accettiamo che la funzione - che deve riconoscere per se stessi - fornisce le condizioni che
consentono il suo adempimento entro la gamma resa possibile da fattori collettivi, dal successo o
fallimento dell'umanità nel suo insieme.
Mentre il destino implica un'accettazione positiva e volontaria del dharma individuale e collettivo, il
destino è il risultato solitamente spiacevole e compulsivo di un fallimento nell'accettare il proprio
dharma o di un rifiuto di compiere un atto orientato al futuro quando necessario.
L'esistenza del ciclo di 500 anni di Nettuno e Plutone era sconosciuta prima della scoperta del
pianeta Plutone nel 1930. La sua scoperta segnò il primo sviluppo diffuso di nuove capacità umane,
e diede nuova potenza al ciclo di Nettuno-Plutone, allora sconosciuto. Nuove facoltà e capacità
umane sembrano sempre essere abusate in un primo momento, e le prime fasi dell'attuale ciclo di
Nettuno-Plutone hanno prodotto ampi esempi di tale abuso e hanno mostrato al mondo il destino in
attesa di personaggi e movimenti che resistono alla direzione dell'evoluzione umana e planetaria.
Dalla semisquadra sfacciata e dalle fatali fasi settarie, che hanno assistito agli anni più oscuri e
terrificanti di questo o qualsiasi secolo, sono cresciuti gli anni, spero costruttivamente, della fase
sestile, dalla metà degli anni '40 alla metà degli anni '30. Il "lungo sestile" di Plutone e Nettuno è
forse il fattore più ottimistico della nostra complessa situazione celeste e mondana. Può essere
significativo il fatto che la sua durata di circa 90 anni è circa quella di una vita umana lunga e
completa. Cominciò a metà degli anni '40 - gli anni della nascita di molti controcultura e precursori
new age. È una firma appropriata di una generazione. Ma come Mosè a cui era proibito entrare nella
Terra Promessa, quelli nati negli anni '40 possono completare i loro cicli di vita poco prima
dell'inizio concreto ed esistenziale dell'Era dell'Acquario, che dovrebbe accadere intorno al 2062.
Rudhyar scrive in Tempistica Astrologica, che il così chiamato "lungo sestile"

costituisce, per così dire, la profonda nota di basso che supporta l'accordo di relazioni
planetarie in rapido cambiamento. Come il sestile è un aspetto costruttivo e costante,
questo "lungo-sestile" di Nettuno e Plutone. . . dovrebbe segnare l'inizio di un nuovo
ordine, forse di una civiltà globale e una vera Federazione Mondiale. (74)

Ma, come esploreremo più dettagliatamente, il "lungo sestile" si restringe a una serie di precisi
septiles durante i primi anni del nuovo millennio, quando l'attrazione compulsiva di schemi antichi
può portare l'umanità a un momento di scelta ardente.
Un preludio alla trasformazione globale
Verso la metà degli anni '60 videro ancora immature vibrazioni sotterranee del messaggio-seme
seminato alla congiunzione Nettuno-Plutone del 1891-92. Due fattori figurano in gran parte nella
situazione celeste degli anni '60.
La prima è la congiunzione Urano-Plutone del 1965-66. Si è verificato nel diciassettesimo (16 ° 06
'e 16 ° 28'R) e nel diciottesimo (17 ° 10') gradi della Vergine. Saturno in opposizione a queste
congiunzioni significa una situazione polarizzata tra un establishment di Saturnia e una varietà di
elementi di scontento che cercano integrazione o rivoluzione. La metà degli anni '60 segnò la rapida
diffusione a livello mondiale di manifestazioni di pace e di diritti civili, proteste di giovani su larga
scala, l'uso di droghe psichedeliche e, infine, cambiamenti sociali e ideologici.
Le influenze che trasformano la mente delle congiunzioni Urano-Plutone del 1965-66 ci hanno
costretti a realizzare che stiamo vivendo in una situazione che richiede un cambiamento mentale
molto profondo e completo. Qualsiasi cambiamento profondo ed essenziale, tuttavia, richiede tempo
e comporta la ripetizione della sua nota chiave a vari livelli.
La potente, rivoluzionaria congiunzione Urano-Plutone fu seguita nel 1968 da un sestile calante tra
Urano e Nettuno.
Il 1968 fu la caduta che seguì la famosa Summer of Love. Una caduta esemplificata dall'assalto
della polizia ai manifestanti riuniti a Chicago durante la Convention nazionale democratica del
1968. L'incidente e il suo epilogo - un processo molto pubblicizzato e controverso - hanno
provocato una reazione temporanea all'opinione pubblica nei confronti dell'establishment. È
culminato nell'incidente di Watergate e nelle dimissioni del presidente Nixon.
La controcultura degli anni '60 sopravvisse e gli anni '70 assistettero a un'ampia diffusione dei
cambiamenti sociali e ideologici in molti modi invertiti durante gli anni '80. Il terreno bonificato
dall'esterno e obsoleto establishment sociale, politico ed economico americano, tuttavia, potrebbe
essere simile all'ultimo disperato tentativo dell'organismo morente di riconsolidare forza e potere.
Le pareti scendono
Uno dei simboli più potenti del tardo XX secolo è fornito dalla penetrazione di Plutone dell'orbita di
Nettuno dal 1979 al 1999 e dal suo perielio (quando è più vicino al Sole) durante il 1989.
Il passaggio dalla vergine all'amante avviene in una notte e, trasformando il passato, dà luogo a
nuove possibilità. Allo stesso modo, il dinamismo e il puro potere fecondante di Plutone che si
muove all'interno dell'orbita di Nettuno distrugge ogni barriera che si staglia contro il futuro che
catalizza. Testimone della distruzione notturna del Muro di Berlino e della cortina di ferro durante il
periodo del perielio di Plutone - 4 settembre 1989 al 12 ° 52 'Scorpione (il segno che governa).
L'ondata di cambiamenti sociali, politici e ideologici nell'Europa orientale e in Russia si è verificata
anche intorno a: 1) una congiunzione di Saturno e Nettuno il 13 novembre 1989 al 10 22
'Capricorno - la notte del 9-10 novembre è stata testimone della distruzione simbolica del Muro di
Berlino; 2) l'ammassamento di cinque e sei pianeti, specialmente Saturno, Urano e Nettuno, in
Capricorno tra la fine del 1989 e l'inizio del 1990; e 3) una congiunzione di Saturno e Urano nel
1988 nel tardo Sagittario.
L'eclissi solare del 15 gennaio 1991 a 25 ° 20 'Capricorno, vicino a Saturno a 27 ° 26' Capricorno,
ha fatto la storia. Ore dopo che si è verificato, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno iniziato a
bombardare Bagdad. L'eclissi del gennaio 1991 fu completata o polarizzata da un'altra avvenuta l'11
luglio 1991 a 18 ° 59 'Cancro. Avvenuto sul nodo nord di Plutone e opposto al grado zodiacale della
congiunzione Urano-Nettuno del 1993, fu presto seguito dal fallito colpo di Stato dei duri elettori
sovietici e dalla successiva accelerazione delle riforme in Russia e nelle repubbliche dell'ex Unione
Sovietica.
Alla ricerca di un nuovo principio di integrazione
Durante la fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90, sembra che siano operative cinque tendenze
sociali di base, a volte sovrapposte. uno è caratterizzato dalla spinta europea verso l' integrazione e
l'unificazione. Molte repubbliche sovietiche ed ex-repubbliche meridionali potrebbero seguire
gradualmente questa tendenza, a modo loro. Se l'integrazione è fondata su piattaforme di
esclusione fondate su regione e religione, tuttavia, il movimento verso l'unificazione è fortemente
limitato e alla fine produce solo un'altra grande nazione in competizione con altre grandi nazioni.
La seconda tendenza disintegra monolitici "blocchi" sociali e politici messi insieme da un'ideologia
spesso brutalmente imposta. Sebbene in apparenza questo movimento possa sembrare che si stia
muovendo verso entità politiche piccole, indipendenti e del tutto sovrare, preoccupate solo del
proprio benessere, prosperità ed integrità etnica, potrebbe essere il primo stadio di una
reintegrazione volontaria e mirata in cui ogni "unità" partecipa liberamente alla realizzazione di un
nuovo senso di unione e unanimità. In altre parole, sia gli individui che i collettivi devono prima
sentirsi liberi e interi indipendenti prima che possano identificarsi in modo significativo e
partecipare creativamente a un grande insieme. La tendenza potrebbe anche caratterizzare la ripresa
di vecchi conflitti e vendette, come si vede oggi in Bosnia. Nel suo significato più ampio, è un
processo di decondizionamento che porta al reinserimento.
La terza tendenza è caratterizzata da nazioni, classi, gruppi sociali e religiosi, nonché da individui
alienati, incapaci o riluttanti a partecipare a un insieme più ampio in cui non possono svolgere il
ruolo di maestro. In termini di nazioni, la mentalità collettiva è chiusa in una ipnotica stretta mortale
dalla convinzione che deve competere con tutte le altre nazioni; o che la sua particolare ideologia e
il suo modo di vita rappresentano l'Unico e unico modo vero; o che è in qualche modo qualificato in
modo univoco per governare o sorvegliare il mondo.
Questo è il percorso di una cultura morente e spaventosa che ha perso la capacità di visualizzare un
futuro creativo. Sostituisce la vitalità e la creatività perdute con strutture rigide e controllanti che
sostengono le sue istituzioni e il modo di vivere che stanno lentamente crollando. È la via del
fascismo. Una nazione che segue questa tendenza potrebbe desiderare un ritorno ai suoi "Glory
Days", un ritorno al boom del dopoguerra quando i soldi erano abbondanti e il futuro appariva
sempre brillante, per i "bei vecchi tempi" quando la società e la cultura erano ancora "puro", non
inquinato da elementi centrifughi, come "ebrei" o "immigrati illegali". È una mentalità collettiva
che vuole essere ammirata da altre nazioni. Vuole mantenere la supremazia sulle altre nazioni.
La quarta tendenza è caratterizzata dal desiderio nazionale delle nazioni del terzo mondo di
emulare (a modo loro) gli stili di vita della classe media che immaginano siano vissuti dai cittadini
degli Stati Uniti e dell'Europa. Le nazioni che un tempo erano colonie dell'Europa o colonie
americane de facto hanno progressivamente perseguito questo percorso di emulazione per secoli,
spesso sotto una sottile e non così sottile coercizione. I cittadini di queste nazioni stanno diventando
rapidamente colpiti da un'avarizia per oggetti costosi importati: automobili e motorini sportivi, TV e
videoregistratori, cucine moderne e alta tecnologia.
Il lavoro di avarizia può essere visto nella recente "inflazione della dote" e negli "omicidi di dote"
indiani. Per trarre il massimo da una rara opportunità di acquistare rapidamente oggetti costosi
importati, le famiglie dei giovani indiani ora pretendono doti esuberanti e gli omicidi della sposa (la
liberazione dello sposo per sposarsi di nuovo, quindi l'opportunità di ottenere un'altra dote
generosa) stanno aumentando a una velocità allarmante.
Sebbene queste nazioni emulino, hanno bisogno di rigenerarsi. Nel caso di una grave battuta
d'arresto mondiale, tuttavia, queste nazioni potrebbero andare molto meglio delle nazioni che
seguono il terzo corso.
La quinta tendenza può essere vista in un movimento ancora mal definito per riconoscere la
necessità di una società globale e facilitarne la graduale realizzazione. I membri di tutte le nazioni si
sintonizzano e risuonano con il tono creativo e il potere alla base del movimento, tuttavia è difficile
identificare gruppi e nazioni veramente esemplari. Nella comunità europea, forse l'Olanda e la
Danimarca arrivano più vicine, con la Gran Bretagna che occupa il polo opposto. La quinta
tendenza differisce dal primo al grado in cui presenta una spinta consapevole verso una società
globale armoniosa e onnicomprensiva.
La congiunzione Urano-Nettuno del 1993
e la sua chiamata alla trasformazione
Le congiunzioni Urano-Nettuno avvengono ad intervalli di circa 171 anni. Marciano attraverso lo
zodiaco a passi di sedici gradi.
Urano e Nettuno si incontrarono per l'ultima volta nel 1821 nei primi gradi del Capricorno e prima
nel 1650 a metà del Sagittario. La congiunzione del 1650 coincise con l'ascesa della scienza
empirica e la colonizzazione su larga scala del Nord America. Il periodo tra il 1650 e il 1821 vide la
rottura dell'era classica e la nascita dell'età rivoluzionaria. Il ciclo di chiusura del 1821-1993 ha
caratterizzato il crescente potere dell'individualismo, del capitalismo e dell'imperialismo. Ha
assistito al movimento romantico, alla rivoluzione industriale, all'età della macchina, all'età atomica,
alla rivoluzione sessuale, alla rivoluzione elettronica e all'assunzione di nuovi ruoli da parte delle
donne. Durante questa fase l'umanità ha vissuto due guerre mondiali devastanti, una depressione
economica mondiale e l'ascesa e la caduta del fascismo, del nazismo e del comunismo.
A causa dei progressi scientifici e tecnologici fatti durante gli ultimi due cicli Urano-Nettuno, una
società globale non è solo possibile ma necessaria. È necessario perché il tipo di potere che la
scienza e la tecnologia moderne hanno messo a disposizione degli uomini ancora moralmente e
spiritualmente sottosviluppati hanno prodotto problemi globali. Ad esempio, l'esistenza stessa e la
proliferazione del plutonio non sono solo una preoccupazione locale o nazionale, ma pone problemi
globali che devono essere affrontati a livello globale.
La mentalità locale e le soluzioni locali non sono più adeguate, invece di risolvere i problemi che le
compongono. In un certo senso è così perché gran parte della nostra attuale scienza e tecnologia, e
in particolare delle nostre attuali mentalità scientifiche e tecnologiche, sono ancora radicate in un
passato classico. Nel migliore dei casi sembrano legati al ciclo di Nettuno-Plutone del 1399-1892.
Fu durante quel ciclo che furono concepite la nostra attuale scienza e tecnologia, così come il
complesso politico-militare-industriale.
Le recenti congiunzioni geocentriche di Urano e Nettuno si sono verificate il 3 febbraio 1993 al 19 °
34 'Capricorno, il 20 agosto 1993 al 18 ° 48' Capricorno e il 18 ° 33 'Capricorno il 25 ottobre 1993.
La loro singola congiunzione eliocentrica avvenne il 21 Aprile 1993 al 19 ° 16 'Capricorno.
Sembravano una chiamata alla trasformazione attiva, una chiamata per sintonizzarsi e attualizzare il
messaggio seme di questo ciclo di Nettuno-Plutone.
La sfida posta dalla congiunzione Urano-Nettuno del 1993 è chiara e semplice: fare un passo oltre
la sovranità nazionale e l'orgoglio culturale - trasformare o perire.
Ovunque i segni dei tempi sembrano risuonare nel messaggio: Prendi il prossimo passo evolutivo
(diventare un seme mutante, un agente di trasformazione) o perire (sii una foglia, tra le
innumerevoli altre foglie sul pavimento autunnale della foresta, che alla fine si disintegra in humus).

Tuttavia ci vuole del tempo perché il seme germini, e ci vorrà del tempo perché il messaggio
suonato dalla congiunzione Urano-Nettuno sia ascoltato. Ciò che ci preoccupa non sono tanto i
grandi eventi accaduti nel periodo della recente congiunzione di Urano e Nettuno, ma il quadro più
ampio e gradualmente lo sviluppo di opportunità e movimenti dietro sviluppi ed eventi visibili.
Significato e significato in realtà non stanno tanto negli eventi, ma nella nostra risposta a loro. Ed è
la nostra risposta alle crescenti esigenze odierne che porteranno il corso per i prossimi decenni.
Potrebbe essere troppo tardi per evitare una situazione più o meno drastica e, dal punto di vista delle
istituzioni e delle mentalità obsolete, aggiustamenti distruttivi. Facendo e dando troppo poco in
ritardo, l'umanità potrebbe forzare (o polarizzare) un intervento dell'essere-Terra-il nostro Tutto
Superiore. La carestia globale, l'esaurimento dell'ozono, l'attività tellurica, il tempo drasticamente
alterato, lo spostamento dei poli, la pestilenza e uno qualsiasi degli innumerevoli altri cataclismi
possono essere interpretati come la Totalità che agisce per dissolvere le foglie di un ciclo di
chiusura. Ma almeno alcuni semi sopravvivono anche durante l'inverno più rigido. ( 12 )
È, naturalmente, degno di nota il fatto che la prima fase dell'unificazione europea sia stata realizzata
molto vicino alla prima delle tre congiunzioni geocentriche tra Urano e Nettuno che si sono
verificate nel 1993.
L'integrazione europea, tuttavia, non è una nuova idea. Durante l'ultima congiunzione Urano-
Nettuno, avvenuta nel 1821, i Saint-Simoniani erano impegnati a formulare e promuovere un piano
per l'unificazione europea ( 13 ).
Ma la domanda è: il popolo europeo e i collettivi desiderano sinceramente unirsi a tutte le nazioni e
tutti i popoli in una società globale di armonia e pienezza, o è la spinta verso l'unificazione
realmente autosufficiente - un mezzo per competere meglio contro il Giappone, il Stati Uniti e il
resto del mondo? E che dire dell'Europa dell'Est e dell'Europa dell'Est?
Gli Stati Uniti videro l'inaugurazione del presidente Clinton pochi giorni prima della congiunzione
Urano-Nettuno del 3 febbraio 1993. Il primo democratico ad occupare la Casa Bianca dal 1980, e il
primo presidente giovanile da quando John Kennedy negli anni '60, Clinton sembrava un pozzo
agente -suited delle forze trans-saturniane. Eppure le riforme proposte dalla sua amministrazione
hanno incontrato una resistenza senza precedenti nella legislatura. Alla fine del suo secondo anno in
carica, tuttavia, l'accordo GATT che ha portato gli Stati Uniti nel mercato globale è passato con una
maggioranza schiacciante. Eppure può gettare una lunga ombra.
In Russia, pochi giorni dopo la congiunzione, Eltsin sconfisse con successo l'opposizione sulla linea
dura. E il 12 febbraio 1993 fu firmato un patto storico che prometteva la fine della dominazione
bianca in Sud Africa nell'aprile 1994.
Intorno al tempo della singola congiunzione eliocentrica di Urano e Nettuno il 21 aprile 1993, gli
Stati Uniti hanno sperimentato il battito di Rodney King e il Waco Standoff. Il 24 aprile, un grande
bombardamento dell'IRA ha scosso Londra.
Quindi, poco prima della congiunzione geocentrica finale, Yeltsin ha messo a segno un'ulteriore
rivolta da parte degli intransigenti. Una settimana dopo la congiunzione, il 1 ° novembre 1993,
entrò in vigore il trattato di Maastricht finalizzato all'unificazione europea. È stata seguita da una
devastante tempesta di fuoco nella California meridionale e dal controverso accordo di libero
scambio nordamericano
Nel gennaio 1994, Los Angeles subì un grave terremoto, portando "California Dreaming" a una
brusca fine. Un brutale omicidio e il suo ben pubblicizzato procedimento giudiziario hanno attirato
l'attenzione della nazione durante l'estate del 1994. Quell'autunno importanti campagne politiche
portarono l'arte del lancio di fango a un nuovo minimo e, sempre in California, emerse
un'importante affermazione anti-immigrazione vittoriosa nei sondaggi.
Se ci aspettavamo la congiunzione Urano-Nettuno del 1993 per portare cambiamenti improvvisi e
radicali, siamo rimasti delusi. Ma niente succede tutto in una volta. In effetti, potremmo non vedere
cambiamenti decisivi e irrevocabili fino alla fine del secolo o ai primi anni del nuovo millennio.
Attraversando la soglia
Esaminati sullo sfondo del ciclo di 500 anni di Nettuno e Plutone iniziata durante il 1891-92, gli
anni 1994-2017 promettono di essere una fase difficile che porta l'umanità in un'epoca di armonia
globale e pienezza o una società globale di imposizione e forzata all'unanimità, in un'altra epoca
oscura del fascismo.
A partire dalla fine del 1994, e continuando per più di 20 anni, ogni anno, nei mesi di dicembre e
gennaio, i pianeti Nettuno e Plutone disegnano insieme formando una nuova serie di settili o quasi
settili. I due pianeti realizzano prima un esatto aspetto settale durante l'ultima settimana del 2001 e
la prima settimana del 2002. I settili esatti vengono ripetuti ogni anno fino al 7 febbraio 2011, ma i
due si trovano spesso entro l'orbita del settetto fino al 2017 circa. una congiunzione Giove-Saturno
nel 2020, all'incirca quando Nettuno-Plutone entra nell'orbita sestile. Poi, nel 2025, Nettuno e
Plutone si incontrarono di nuovo in sestile esatto, che potrebbe costituire un preludio a una vera età
nuova.
In vista degli sviluppi successivi ai sepliti di Nettuno-Plutone del 1937-1939, la domanda chiede:
"La nuova serie di sepolture di Nettuno-Plutone porterà un olocausto della magnitudine testimoniata
negli anni '40?"
La risposta dipende da come rispondiamo alla chiamata alla trasformazione.
Ormai, tuttavia, sembra chiaro che l'establishment e le cricche di potere che regolano la nostra vita
aziendale e nazionale non si lasceranno benevolmente da parte e permettano al futuro di agire sul
presente. Un confronto finale può essere inevitabile. Eppure è impossibile, e di uso molto poco
costruttivo, conoscere il suo volto preciso. Può assumere l'ovvia forma di un confronto sociale,
politico o militare. Può assumere le sembianze di una "Guerra delle idee". Un intero più grande -
l'essere-Terra - può agire, dando vita a disastri naturali.
Il clima sociale e politico che circonda la prima della nuova serie Nettuno-Plutone vicino a Septiles,
dal dicembre 1994 al gennaio 1995, è tutt'altro che ottimistico. La cosa più inquietante è la feroce
repressione della Russia del movimento indipendentista in Cecenia. Mosca ha inviato decine di
migliaia di truppe nella regione l'11 dicembre per ristabilire il controllo sulla repubblica
prevalentemente musulmana situata nelle montagne del Caucaso, un centro di potere chiave in
Occidente secondo la tradizione esoterica. Il conflitto armato tra forze russe e ribelli ha avuto inizio
a New Years Eve e nelle due settimane successive si ritiene che siano state uccise migliaia di
persone.
Gli Stati Uniti sembrano muoversi verso la destra. I sentimenti anti-immigrati corrono in quella che
sembra un'eco del nazismo. Le elezioni generali del 1996 possono impostare la rotta del Paese verso
l'estrema destra.
I due numeri drammatizzati oggi in Russia e negli Stati Uniti incarnano le questioni chiave del
nostro tempo. Entrambe non sono solo questioni locali, ma questioni globali, ed entrambe sono più
armoniosamente risolte o superate se vogliamo evitare una nuova era oscura di oppressione sociale
e conformità forzata. E ogni indicazione conferma che devono essere risolti entro i prossimi anni.
Anche le forze naturali hanno dato un contributo al quasi settabile quando un devastante terremoto
ha colpito Kobe, in Giappone, la mattina del 17 gennaio 1995. Potrebbe essere significativo che sia
successo esattamente un anno dopo il devastante terremoto di Los Angeles del gennaio 1994.
Epitomizzando gli ultimi anni del XX secolo, durante le elezioni generali americane del 1996, il
presidente Clinton si promosse come un "ponte per il futuro", mentre il suo principale avversario si
offriva come "un ponte verso il passato". Il 9 gennaio 1997, appena dopo l'inizio del secondo
mandato del presidente Clinton, Giove e Nettuno si incontreranno insieme. La congiunzione si
verifica nel 28 ° grado del Capricorno-Plutone, occupando lo stesso grado il 4 luglio 1776. Anche
nel gennaio 1997, Nettuno e Plutone sperimentano un quasi settimo.
Molta pubblicità è stata data alla prossima congiunzione di Giove e Urano, che si verifica il 15
febbraio 1997, nel sesto grado dell'Acquario. I pianeti congiunti formano un sestile ceroso con
Plutone nel sesto grado del Sagittario, un altro sestile con Saturno nel sesto grado dell'Ariete e un
trigono calante con Marte retrogrado nel sesto grado della Bilancia, che a sua volta è sestile Plutone
e opposto Saturno . Un modello più ampio emerge quando tutti i pianeti menzionati sono collegati
insieme. Con l'eccezione di Marte di fronte a Saturno, i corpi sono collegati da sestili o trine,
suggerendo una risposta impegnativa sebbene per lo più costruttiva alla congiunzione Giove-Urano.
Tuttavia, il carattere della congiunzione Giove-Urano sarà molto condizionato dalla precedente
congiunzione Giove-Nettuno. Il primo può essere visto come l'attuazione dei più ampi ideali sociali,
valori e visioni di quest'ultimo. In considerazione di ciò, all'inizio del 1997 possono essere i primi
segnali di un nuovo approccio trasformato alla nostra situazione economica e sociale travagliata.
Forse un'accettazione e un'applicazione di un "nuovo paradigma sociale".
Entro il 1998, sia Urano che Nettuno saranno in Acquario, un segno "governato" da Urano. La loro
fondamentale congiunzione del 1993 sarà cresciuta fino a un arco di 10 gradi, indicativo di qualcosa
di definito che cresce dai semi seminati alla sua congiunzione. Nel 1999 ci sarà una serie di quadrati
tesi (90 aspetti) tra Giove e Saturno (i pianeti che simboleggiano le nostre istituzioni sociali,
economiche, politiche e religiose - il loro potere, influenza e leader) accoppiati nel segno saldo Toro
e Urano e Nettuno accoppiati in Acquario. Nel settembre 1999, tutti e quattro saranno retrogradi,
offrendo un'opportunità per l'introspezione, per andare oltre il vecchio terreno per riparare i danni
fatti, o per ri-impegnare le linee di abbandonamento delle attività, nel bene e nel male.

Il 4 maggio 2000, tutti i sette pianeti classici (Sole, Luna, Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno
- tutti tranne i pianeti trans-Saturno - saranno nel segno Toro. Quindi, il 28 maggio 2000, Giove e
Saturno iniziano un nuovo ciclo di 20 anni mentre forma una quadratura contrapposta a Urano, il
pianeta della rivoluzione e della trasformazione sociale. ( 14 )
Ciò che viene deciso allora, tra la congiunzione Giove-Saturno del maggio 2000 e la prima della
nuova serie di esatti septi di Nettuno-Plutone nel dicembre 2001, condizionerà profondamente i
decenni futuri. Deciderà come ci muoviamo attraverso la fase settale, dove affronteremo l'azione del
karma. Quindi accetteremo un movimento più o meno pacifico verso un'età globale di armonia,
pienezza o forza. La totalità ostacolata ad assumere un aspetto distruttivo per aprire la strada a un
futuro creativo.
Negli ultimi 100 anni la triade trans-Saturno di Urano, Nettuno e Plutone ha battuto le mura di
Saturno. Tre volte questi agenti galattici si sono accoppiati per sfidare le mentalità eliocentriche,
nazionalistiche e materialistiche che rappresentano il fiore dell'età classica. L'ultima congiunzione
tra Nettuno e Plutone ha seminato il seme. Il germe si mosse per la prima volta durante la
congiunzione Urano-Nettuno del 1965-66 e il sestile calante di Nettuno e Plutone nel 1968. Questi
anni possono essere visti come un preludio di cose a venire e, in un altro senso, le sfide del passato
incontrate inadeguatamente contribuiscono molto alla situazione mondiale esacerbata di oggi. Se
avessimo affrontato con coraggio, con costanza e con serietà le sfide degli anni '60 quando furono
presentate per la prima volta, avremmo potuto sviluppare strumenti sociali alternativi e fonti di
energia, e ormai avremmo potuto eliminare la nostra mentalità antiquata.
Fortunatamente, ci sono stati forniti i tanto necessari quadri di riferimento più ampi e una visione
del mondo onnicomprensiva su cui potrebbe essere alla fine fondata un'età globale di armonia e
pienezza. Con il terzo di tre Urano in congiunzione con Nettuno, dietro di noi, dovremmo prepararci
per una svolta irrevocabile, per le sfide più formidabili, un ultimo momento di scelta.
E quindi la domanda è: come stiamo incontrando la soglia che segna la pericolosa transizione verso
una società globale? Ci stiamo rendendo in forma per vivere in una nuova era? Siamo pronti e
desiderosi di fare il prossimo passo avanti che trasformerà la nostra caotica situazione mondiale in
una società planetaria in cui la pienezza sostituirà la fame di fronte al cospicuo consumo, in cui la
cooperazione sostituirà la concorrenza e dove l'armonia soppianterà il conflitto e la guerra.
Il momento si avvicina. Faremo il prossimo passo avanti? Non per noi stessi, ma per l'umanità nel
suo insieme.

12. In Timing Astrolologico , Rudhyar ha avuto questo da dire riguardo agli ultimi anni cruciali del
20 ° secolo-
L'attuale potere (1969) delle grandi imprese e del militarismo negli Stati Uniti e in tutto
il mondo occidentale, e anche la dittatura del Partito Comunista (sostenuta dall'Esercito)
sono fenomeni che rappresentano la fine dell'Era dei Pesci. Resta da vedere se saranno
lasciati in eredità alla nuova era dell'Acquario del prossimo secolo. Non è necessario
essere così; almeno non in nulla come la loro forma attuale. Presumibilmente non lo
sarà se, come si può benissimo prevedere o immaginare, qualche evento di
trasformazione radicale si verifichi intorno al 1990 su scala planetaria. Un cambiamento
nell'asse polare della terra potrebbe persino alterare la lunghezza del ciclo precessionale.
Un contatto con esseri superintelligenti provenienti da qualche altro pianeta o sistema
solare avrebbe senza dubbio influenzato profondamente e radicalmente la mentalità
dell'uomo e presumibilmente l'intero modello della società umana, che sarebbe poi quasi
inevitabilmente integrato in opposizione a, o in contrasto con i nuovi arrivati dallo
spazio E, ovviamente, potrebbe esserci una devastante guerra mondiale nucleare che
uccide forse metà dell'umanità e rende abitabili interi continenti per almeno mezzo
secolo, forse intorno al 2062 d.C., la data che ho dato per l'inizio concreto e fisico
dell'Era dell'Acquario .

Certamente non credo nella distruzione totale della razza umana e nella soppressione di
tutte le possibilità di vita all'interno della biosfera terrestre. Sento tuttavia che è
probabile che sviluppi drastici si verifichino intorno al 1990 e dopo; e questi potrebbero
assomigliare, in un certo senso, alla famosa battaglia di Kurukshetra, che è
rappresentata nella grande epopea indù, il Mahabharata. A questa vasta epopea
appartiene la ben nota Bhagavat Gita in cui la Divinità incarnata, Krishna, parla al suo
discepolo, Arjuna. In questa battaglia di Kurukshetra che, secondo la tradizione, vide
uno scontro tra due eserciti egualmente abbinati, il dominio della casta guerriera
nell'antica India fu spezzato.Questo aprì la porta al dominio della Casta Bramini [che
divenne corrotta e alla fine fu sfidata da Gautama Buddha 2500 anni dopo] e alla grande
"Era della Filosofia" indù. Ha segnato anche l'apertura del ciclo molto vasto del Kali
Yuga; e, come abbiamo già visto, si dice che si sia verificato nel 3102 aC nel mese di
febbraio. L'Avatar, Krishna, era un grande statista, almeno un aspetto del cui lavoro era
la stessa distruzione della Casta dei Guerrieri.

Per molti anni ho sentito che questo era ciò che è in serbo per l'umanità proprio ora -
anzi dal 1918. Ma ovviamente non dobbiamo aspettarci un altro Kurukshetra. . .Il fuoco
può bruciare, ma purifica anche. (pp. 155-157) Ritorno

13. Il movimento Saint-Simonian iniziò nel 1821 con la pubblicazione del libro di Henri Saint-
Simon, Du Systèm Industriel. È apparso quando in Europa e in America la rivoluzione industriale
e il capitalismo cominciavano a farsi sentire in un modo molto grande.

Saint-Simon era un massone francese che ha combattuto nella guerra d'indipendenza americana e
nel suo libro ha delineato una società tecnocratica-socialista governata da tecnici ed esperti nel
settore industriale e bancario. Ha dato un valore molto alto alla produzione e ha promosso
energicamente la scienza e la tecnologia, che Saint-Simon avrebbe risolto per risolvere tutti i
problemi futuri.

Dopo la morte di Saint-Simon, nel 1825, i suoi seguaci di Parigi allargarono notevolmente la portata
della sua visione piuttosto limitata, conferendole una dimensione radicale. Hanno formulato un
ampio sistema socio-filosofico-religioso che ha attirato un seguito ampio e influente. La nuova
dottrina di Saint-Simonian ha dato una posizione particolarmente alta agli artisti e ai musicisti, e
alle donne è stato dato un ruolo di liberazione. Inoltre, i Saint-Simoniani lavorarono verso la
fratellanza universale e l'integrazione mondiale, immaginando un'Europa unita. Per contribuire a
realizzare l'unificazione a livello pratico, elaborarono piani per una vasta rete di canali che
collegava le capitali europee, gli Stati baltici con l'Europa centrale e persino un piano iniziale per un
canale di Suez.

Nel settembre del 1831, Barthélemy Enfantin (8 febbraio 1796-1 settembre 1864), il movimento
père suprême (padre supremo), fu in qualche modo ispirato dall'idea che una donna misteriosa ed
"eterna" dell'Est apparirebbe e guidasse il movimento. a nuovi orizzonti. Poiché la nozione divenne
rapidamente un'ossessione, la donna attesa di Enfantin assunse dei tratti precisi e le furono assegnati
dei grandi epiteti: Révélatrice (Lady Revealer), mère suprême (madre suprema) e Femme-Messie
(Messia femminile).
Il 21 e il 28 novembre 1831, BarthÚlemy proclamò la venuta della Femme-Messie, aggiungendo
che il movimento non poteva avanzare senza di lei. Due anni dopo, il 10 ottobre 1833, una piccola
banda di Saint-Simonian si mise in viaggio per il Vicino Oriente alla ricerca della donna attesa. Ma i
Saint-Simoniani non hanno mai trovato il loro messia femminile e il loro movimento è crollato
durante la fine degli anni '30.

Nella notte tra l'11 e il 12 agosto 1831, in una parte della Russia a nord dell'Iran, Helena Petronva
Blavatsky nacque dalla figlia di una principessa, una romanziera nota come George Sand of Russia.
Ritorno

14. Nell'astrologia classica, il ciclo ventennale di Giove e Saturno era il più grande ciclo planetario
conosciuto. È strettamente identificato con le istituzioni politiche e religiose e l'ascesa e la caduta
dei loro capi-re e pontefici, principi e vescovi. Viene anche usato come un indice per gli affari
economici e sociali.

Il ciclo ha svolto un ruolo famoso nel destino degli Stati Uniti. Con una eccezione, a cominciare da
Lincoln ogni presidente eletto in carica nell'anno di congiunzione Giove-Saturno è stato assassinato.
L'unica eccezione è l'ex presidente Reagan, sopravvissuto a un tentativo di omicidio. Reagan
sopravvisse non tanto perché lui e sua moglie hanno un'avidità per l'astrologia, ma perché ogni
congiunzione dal 1860 al 1960 è avvenuta in un segno di terra, mentre la congiunzione del 1980 è
avvenuta nel segno d'aria Bilancia.

La congiunzione di maggio 2000 di Giove e Saturno si verificherà nel segno della terra Toro, e sarà
seguita da una serie che si manifesta in segni d'aria. Ritorno