Sei sulla pagina 1di 14

Capitolo 15

Comprendere
Formattare
e calcolare date
come Excel registra
date e ore 435

e ore
Inserire date e ore 436

Formattare
date e ore 440

Calcoli con date


e ore 444

Lavorare con
le funzioni
per date e ore 445
Puoi usare valori di data e ora per inserire la data nei documenti o
eseguire calcoli aritmetici con date e orari. Con Microsoft Excel è
semplice realizzare un piano di produzione o un sistema di fattu-
razione mensile. Anche se Excel usa valori numerici per contare
ogni nanosecondo dall’inizio del ventesimo secolo, puoi usare la
formattazione per visualizzare i numeri nel formato che preferisci.

Comprendere come Excel


registra date e ore
Excel assegna valori seriali a giorni, ore, minuti e secondi, con-
sentendoti di eseguire calcoli sofisticati con date e ore. In Excel,
l’unità di tempo fondamentale è il giorno. Ogni giorno è rap-
presentato da un valore di data seriale. La data fondamentale,
rappresentata dal valore seriale 1, è domenica 1 gennaio 1900.
Quando inserisci una data in un foglio di lavoro, Excel la regi-
stra come valore seriale che rappresenta il numero di giorni
trascorsi dalla data fondamentale a quella specificata. Per esem-
pio, la data 1 gennaio 2004 è rappresentata dal valore seriale
37.987, poiché tali sono i giorni di differenza tra la data di base
– 1 gennaio 1900 – e 1 gennaio 2004.
Le ore del giorno sono espresse in valori decimali, che rappresen-
tano la porzione di un giorno trascorsa dal suo inizio – le ore 0.00
– all’ora specificata. Le ore 12.00, per esempio, sono rappresen-
tate dal valore 0,5, poiché il tempo trascorso dalla mezzanotte a
mezzogiorno equivale alla metà esatta di un giorno. La combi-
nazione ora/data 14.09.03, 23 ottobre 2004, è rappresentata dal
valore seriale 38283,5896180556 in quanto il giorno 23 ottobre
2004 è il giorno 38.283 (considerando il giorno 1 gennaio 1900
come giorno 1), e l’intervallo tra mezzanotte e le ore 14.09.03
corrisponde a 0,5896180556 in rapporto a un giorno.
435
Parte 5: Creare formule ed eseguire l'analisi dei dati

suggerimento Visualizzar
isualizzaree il valor
valoree seriale della data
Puoi visualizzare il valore seriale di una data formattata, selezionando la cella che contiene la data
e premendo CTRL+MAIUSC+~ (tilde). Per riportare la cella al formato data, premi CTRL+Z.

Utilizzare l’opzione Sistema data 1904


Se trasferisci documenti Excel tra sistemi Macintosh e Windows, viene selezionato automaticamente
il sistema di data adeguato per il tuo foglio di lavoro. Quando il sistema di data cambia, i valori seriali
della data visualizzano date diverse ma i valori sottostanti non cambiano. Se modifichi i sistemi di
data dopo aver iniziato l’inserimento di date in un foglio di lavoro, tutte le date saranno errate con
uno scarto di quattro anni.
Puoi modificare la data fondamentale (quella corrispondente al valore seriale 1) da 1 gennaio 1900
(utilizzata da Excel per Windows) a 2 gennaio 1904 (utilizzata da Excel per Macintosh). Seleziona
Strumenti, Opzioni, fai clic sulla scheda Calcolo e seleziona l’opzione Sistema data 1904.
Capitolo 15

Quando selezioni questa opzione, i valori seriali delle date del tuo foglio di lavoro rimangono in-
variati, ma ne viene modificata la visualizzazione in modo che i valori seriali delle date di Excel per
Windows corrispondano a quelli dei fogli di lavoro di Excel per Macintosh. Se trasferisci informa-
zioni in Excel per Windows da un foglio di lavoro creato in Excel per Macintosh, la selezione di questa
opzione assicura che Excel eseguirà una corretta valutazione dei valori seriali delle date. In questo
libro, è stato utilizzato il sistema di data 1900.

Inserire date e ore


Anche se Excel registra date e ore come valori data seriali, non devi inserirli necessariamente in questo
modo. Puoi manipolare date e ore nelle formule del tuo foglio di lavoro, proprio come se si trattas-
se di altri tipi di valori. È sufficiente digitare i valori data in uno dei formati applicati automatica-
mente da Excel. Per digitare valori data in questo modo, digita la data in uno dei formati seguenti:
g/m/aa, g-mmm-aa, g-mmm oppure mmm-aa. Per ogni formato puoi anche digitare quattro cifre
per l’anno.

suggerimento Regolar
Regolaree le impostazioni inter nazionali
internazionali
Puoi modificare le impostazioni predefinite di data, ora, valuta e numeri tramite il controllo Data,
ora, lingua e opzioni internazionali disponibile nel Pannello di controllo di Windows. Queste
Chapter 12

impostazioni determineranno le modalità di interpretazione delle date. Per esempio, con l’impo-
stazione Italiano (Italia), l’immissione di una data in formato g/m/aa darà luogo a una data
visualizzata in modo corretto, ma se inserisci la stessa data con l’impostazione Inglese, tale immis-
sione verrà interpretata come testo.

436
Capitolo 15: Formattare e calcolare date e ore

Se l’inserimento non corrisponde esattamente ad alcun formato di data e ora incorporato, Excel
applica quello più simile ai dati. Per esempio, se digiti 1 dic, nella cella comparirà la data formattata
01-dic. Sulla barra della formula, l’inserimento appare come 01/12/04 (se 2004 è l’anno corrente)
permettendoti di eseguire qualsiasi modifica in modo più semplice.
Puoi inoltre inserire le ore applicando un formato Ora. Seleziona una cella e digita l’ora in una del-
le seguenti forme: h.mm AM/PM, h.mm.ss AM/PM, h.mm, h.mm.ss o nel formato data/ora misto
g/m/aa h.mm. Osserva che devi separare ore, minuti e secondi con i punti.

Per ulteriori infor mazioni sui for


informazioni mati personalizzati, vedi “Cr
formati ear
“Crear e for
eare mati di data e ora personalizzati” a
formati
pagina 441.

Se non includi AM, PM, A o P nell’ora, Excel utilizza l’orario di 24 ore. In altre parole, Excel inter-
preta le ore 3.00 come 3.00 AM, a meno che tu inserisca PM.

suggerimento Inserir
Inseriree data e ora cor
corrrenti
Digita la data corrente in una cella o formula premendo CTRL+MAIUSC+; (punto e virgola). La data

Capitolo 15
corrente viene visualizzata nel formato abbreviato, come impostato nel Pannello di controllo. In-
serisci l’ora corrente in una cella o formula premendo CTRL+MAIUSC+: (due punti). L’ora corren-
te viene visualizzata nel formato h.mm.

InsideOut
Modificar
Modificaree la data magica di Excel

31 dicembre 2029 è la data magica di Excel, data che corrisponde all’ultimo giorno riconosciuto
da Windows come futuro, se inserisci solo due cifre come elemento dell’anno. Per esempio, se digiti
31/12/29 in una cella, Microsoft Windows presuppone che l’anno in questione sia il 2029. Se,
tuttavia, digiti 1/1/30 in una cella, Windows valuterà tale data come 1 gennaio 1930.
Puoi cambiare questa data magica modificando le impostazioni nella scheda Data tramite il con-
trollo Data, ora, lingua e opzioni internazionali, cui puoi accedere attraverso il Pannello di control-
lo di Windows. Devi comunque limitarti a un intervallo di 100 anni: se modifichi l’ultima data che
Windows riconosce come futuro, la corrispondente data di inizio, il 1 gennaio 1900, viene modi-
ficata di conseguenza. Per evitare spiacevoli sorprese, quando devi inserire date riferite al nostro
secolo, abituati a scrivere tutte le quattro cifre che compongono il numero. Chapter 12

Inserire una serie di date


Inserire
Esistono diversi modi per realizzare serie di date a intervalli regolari in una riga o in una colonna,
ma tale operazione diventa particolarmente semplice con l’utilizzo del quadratino di riempimen-
to. Supponi di voler creare una sequenza di date nella riga 1. La prima sarà 1 marzo 2004 e le date
dovranno ricorrere a distanza di un mese.

437
Parte 5: Creare formule ed eseguire l'analisi dei dati

Se digiti 1/3/2004 nella cella A1 e trascini il quadratino di riempimento verso destra, Excel estende
le sequenze di date procedendo giorno per giorno, come mostrato in figura 15-1. Terminato il
trascinamento, Excel visualizza uno smart tag adiacente alla selezione. Fai clic sullo smart tag per
visualizzare il menu delle azioni dello smart tag mostrato in figura 15-1, che visualizza diverse op-
zioni di riempimento automatico; seleziona Ricopia mesi per convertire la sequenza giornaliera estesa
in una sequenza mensile.

Per ulteriori informazioni sugli smart tag, vedi “Smart tag” a pagina 920.

Quadratino di riempimento
Capitolo 15

Figura 15-1. Dopo aver trascinato il quadratino di riempimento per estendere una serie di date, puoi
usare il menu delle azioni dello smart tag per modificare la serie.

Se trascini il quadratino di riempimento facendo clic con il pulsante destro del mouse, appare un
menu di scelta rapida simile al menu delle azioni dello smart tag. Puoi utilizzare questo menu di scelta
rapida per selezionare un’opzione di riempimento prima di eseguire qualsiasi azione di riempimento.
Se l’operazione che intendi eseguire non è presente nel menu, fai clic sul comando Serie nella parte
inferiore del menu di scelta rapida per visualizzare la finestra di dialogo Serie.
Puoi usare il comando Serie per inserire una sequenza di date con maggiore flessibilità rispetto al-
l’utilizzo del quadratino di riempimento. Per usare questa procedura, digita la data iniziale, seleziona
l’intervallo di celle che desideri riempire (compresa la data iniziale), quindi seleziona Modifica,
Riempimento, Serie per visualizzare la finestra di dialogo Serie, mostrata in figura 15-2.
Chapter 12

Figura 15-2. Puoi usare la finestra di dialogo Serie per creare serie di date.

438
Capitolo 15: Formattare e calcolare date e ore

Quando estendi una serie di date, ricorda queste indicazioni:


● Puoi usare le opzioni del riquadro Serie in per indicare se estendere la data selezionata nella
riga o nella colonna corrente.
● Puoi usare l’opzione Valore di incremento per specificare l’intervallo tra le celle. Per esempio,
digitando 2 nella casella Valore di incremento e selezionando Mese nel riquadro Unità di data,
puoi creare una sequenza di date che ricorrono mensilmente. Digitando un numero negativo
nella casella di modifica Valore di incremento, puoi creare una serie che procede in ordine
inverso (vale a dire che va indietro nel tempo).
● Puoi usare la casella Valore limite per impostare una data finale per la serie. Con questo me-
todo, puoi usare il comando Serie senza conoscere in anticipo il numero di celle da selezio-
nare. Per esempio, per inserire una serie di date che comprende l’intervallo da 01/01/04 a 31/
12/06, digita 01/01/04 in una cella. Quindi seleziona la cella, apri la finestra di dialogo Serie,
seleziona il pulsante di opzione Colonne e digita 31/12/06 nella casella Valore limite. Excel
estende una serie di date seguenti alla cella originale.

Per ulteriori infor mazioni sul riempimento automatico e sul comando Serie, vedi “Riempir
informazioni “Riempiree e cr ear
crear
earee se-

Capitolo 15
rie di dati” a pagina 172.

Estendere una serie di date esistente


Estendere
Il riempimento automatico utilizza le celle selezionate per determinare il tipo di serie che intendi
creare quando trascini il quadratino di riempimento. Il riempimento automatico copia testo e va-
lori non sequenziali, incrementando automaticamente i valori numerici. Poiché le date sono con-
servate sotto forma di valori seriali, il riempimento automatico le estende in modo sequenziale, come
mostrato in figura 15-3.

Figura 15-3. Partendo dai valori nell’area Valori selezionati, sono stati creati i valori a destra trasci-
nando il quadratino di riempimento.

Quando usi il quadratino di riempimento per estendere il valore in una singola cella selezionata, Excel
Chapter 12

presuppone che tu intenda incrementare il valore numerico di ogni cella. Se invece intendi copiare
la cella, tieni premuto CTRL mentre trascini il quadratino di riempimento. Osserva che, in figura
15-3, i dati dalla riga 7 alla riga 11 contengono valori di testo. Il riempimento automatico riconosce
inserimenti di testo corrispondenti a giorni e mesi, e li estende come se si trattasse di valori nume-
rici. Inoltre, quando una cella contiene valori sia di testo sia numerici (per esempio la riga 10), il
riempimento automatico copia la porzione di testo (se non è il nome di un mese o di un giorno) ed
estende la porzione numerica, se essa si trova agli estremi dell’inserimento.

439
Parte 5: Creare formule ed eseguire l'analisi dei dati

Spreadsheet Assistant
Sul CD allegato al libro, troverai la versione demo di un componente aggiuntivo chiamato
sul CD
Spreadsheet Assistant, che fornisce decine di funzionalità utili per risparmiare tempo. Installando-
lo, vengono aggiunti comandi come Months, Years nella parte inferiore del menu Inserisci. Que-
sto comando fornisce un metodo efficace per inserire una serie di date. Di seguito, è mostrata la
finestra di dialogo che appare quando scegli il comando Months, Years.
Capitolo 15

Per installare Spreadsheet Assistant, fai riferimento alla finestra che appare inserendo il CD allega-
to al libro nel lettore e segui le istruzioni visualizzate.

Formattare date e ore


Dopo aver inserito una data o un ora in una cella, puoi selezionare Formato, Celle e fare clic sulla
scheda Numero per modificarne il formato usando uno dei formati incorporati di Excel. Seleziona
Data oppure Ora nella casella Categoria per visualizzare l’elenco dei formati disponibili nella casel-
la Tipo. Un’anteprima del formato appare nel riquadro Esempio, nell’angolo in alto a destra, come
mostrato in figura 15-4.

nota Nella parte superiore degli elenchi dei formati Data e Ora appaiono diversi formati che iniziano con
il simbolo asterisco (*). Questi formati rispondono alle modifiche delle impostazioni disponibili nelle
schede Data e Ora della finestra di dialogo Impostazioni internazionali del Pannello di controllo di
Chapter 12

Windows. Tutti gli altri formati non vengono influenzati da queste impostazioni del Pannello di
controllo.

440
Capitolo 15: Formattare e calcolare date e ore

La maggior parte dei formati Data e Ora è semplice da interpretare, ma esistono alcuni formati spe-
ciali:
● I formati Ora 13.30 e 13.30.55 usano orari di 24 ore.
● Il formato Ora 30.55,2 visualizza solo minuti e secondi; le frazioni di secondo sono visualizzate
come valore decimale.
● Il formato ora 37.30.55 visualizza l’ora come tempo trascorso.

Capitolo 15
Figura 15-4. Utilizza la scheda Numero della finestra di dialogo Formato celle per applicare
formati di data e ora alle celle.

Crear
Crear e for
eare mati di data e ora personalizzati
formati
Per aggiungere formati a quelli standard per date e ore, puoi creare formati personalizzati usando
la tecnica utilizzata per la creazione di formati numerici personalizzati.

Per ulteriori infor mazioni sui for


informazioni mati numerici personalizzati, vedi “Cr
formati ear
“Crear e for
eare mati personalizzati” a pagina
formati
211.

Per esempio, puoi creare un formato che visualizza tutte le informazioni disponibili su data e ora.
L’inserimento 24/02/04 potrebbe essere visualizzato come “martedì 24 febbraio 2004 0.00.00,0”. Per
creare questo formato, esegui questi passaggi:
1 Seleziona la cella che contiene la data.
2 Seleziona Formato, Celle (o premi CTRL+1) e fai clic sulla scheda Numero.
Chapter 12

3 Seleziona la categoria Personalizzato.

441
Parte 5: Creare formule ed eseguire l'analisi dei dati

4 Evidenzia il testo contenuto nella casella Tipo e digita il seguente codice di formato personaliz-
zato: gggg gg mmmm aaaa h.mm.ss,0
h.mm.ss,0.

5 Fai clic su OK. Excel memorizza il nuovo formato nell’elenco Tipo per la categoria Personalizza-
to, quindi visualizza la data nella cella selezionata usando il nuovo formato.

Puoi utilizzare la medesima procedura per visualizzare solo una parte delle informazioni disponi-
bili su data e ora. Per esempio, se crei il formato mmmm, Excel visualizzerà la data 24/02/04 con la
sola parola febbraio.
La tabella 15-1 mostra i codici di formattazione che puoi utilizzare per creare formati Data e Ora
personalizzati. Non dimenticare queste due cose. Primo, Excel presuppone che m significhi mesi. Se,
d’altra parte, digiti il codice m subito dopo il codice h, o il codice mm subito dopo hh, Excel visua-
lizza i minuti e non più i mesi. Secondo, se inserisci uno dei codici AM/PM, am/pm, A/P o a/p in
un formato Ora, Excel usa la convenzione con orari di 12 ore; omettendo questi codici, Excel usa la
convenzione con orari di 24 ore.
Dopo aver aggiunto un formato Ora o Data personalizzato all’elenco Tipo, puoi applicarlo a qual-
siasi inserimento di data e ora. Seleziona la categoria Personalizzato e seleziona il formato inserito
Capitolo 15

dall’elenco Tipo (i nuovi formati personalizzati appaiono in fondo all’elenco), quindi fai clic su OK
per applicare il formato.

Calcolare il tempo trascorso


Calcolare
Puoi racchiudere i codici di ora tra parentesi quadre, come indicato nella parte inferiore della ta-
bella 15-1, per visualizzare più di 24 ore, più di 60 minuti o più di 60 secondi in un valore tempo-
rale. Le parentesi quadre devono sempre racchiudere il primo codice nel formato. Excel offre un
codice incorporato relativo al tempo trascorso ([h].mm.ss), disponibile solo nell’elenco Tipo della
categoria Personalizzato. Altri codici validi per il calcolo del tempo trascorso includono [mm].ss e
[ss].
Tali codici tra parentesi non hanno alcun effetto se utilizzati nel formato in posizioni diverse dalla
prima. Per esempio, se usi il codice h.[mm].ss, Excel ignora le parentesi quadre e visualizza il tem-
po usando il formato normale h.mm.ss.

nota Un formato nella categoria Ora della scheda Numero (finestra di dialogo Formato celle) rappresenta
il tempo trascorso: 37.30.55. Si tratta dello stesso formato [h].mm.ss della categoria Personalizzato.

Supponi di voler determinare il tempo trascorso tra due date. Digita le seguenti formule, rispetti-
vamente nelle celle A1, A2 e A3: 23/11/04 13.32, 25/11/04 23.59 e =A2-A1.
Chapter 12

Se applichi il formato incorporato [h].mm.ss alla cella A3, il risultato della formula sarà 58.27.00,
vale a dire il tempo trascorso tra le due date. Se, invece, applichi il formato standard h.mm.ss alla
cella A3, il risultato sarà 10.27.00, vale a dire la differenza tra le due ore. Senza il codice relativo al
tempo trascorso, Excel ignora la differenza tra le date.

442
Capitolo 15: Formattare e calcolare date e ore

Tabella 15-1. Codici per formati di data e ora personalizzati


Codice Visualizzazione
Generale Numero nel formato standard (valore seriale)

g Numero del giorno senza zero iniziale (1-31)

gg Numero del giorno con lo zero iniziale (01-31)

ggg Abbreviazione del giorno della settimana (dom-sab)

gggg Nome completo del giorno della settimana (domenica-sabato)

m Numero del mese senza zero iniziale (1-12)


mm Numero del mese con lo zero iniziale (01-12)

mmm Abbreviazione del nome del mese (gen-dic)

mmmm Nome completo del mese (gennaio-dicembre)

aa Ultime due cifre del numero dell’anno (00-99)

Capitolo 15
aaaa Numero completo dell’anno a quattro cifre (1900-2078)

h Ora senza zero iniziale (0-23)

hh Ora con lo zero iniziale (00-23)

m Minuto senza zero iniziale (0-59)

mm Minuto con lo zero iniziale (00-59)

s Secondo senza zero iniziale (0-59)

ss Secondo con lo zero iniziale (00-59)

s,0 Secondi e decimi di secondo senza zero iniziale

s,00 Secondi senza zero iniziale e centesimi di secondo senza zero iniziale

ss,0 Secondi senza zero iniziale e decimi di secondo con zero iniziale

ss,00 Secondi e centesimi di secondo con lo zero iniziale

AM/PM Ora nella notazione AM/PM

am/pm Ora nella notazione am/pm

A/P Ora nella notazione A/P

a/p Ora nella notazione a/p


Chapter 12

[] Le parentesi visualizzano il tempo assoluto trascorso quando sono utilizzate per


racchiudere un codice di ora, per esempio [h].

443
Parte 5: Creare formule ed eseguire l'analisi dei dati

Non riesco a inserire un numer


inserire numeroo di or
oree superiore a 9999!
superiore
Supponi di disporre di un foglio di lavoro che calcola il totale delle ore di volo di un pilota, usando
i formati Ora di Excel. Ogni volta che provi a inserire un numero di ore superiore a 9999 (opera-
zione non insolita), Excel considera l’inserimento come testo. Che cosa c’è di sbagliato?
Niente, è solo un limite di Excel. Ecco un paio di modi per lavorare nonostante questo limite:
Prima di tutto, usa un formato che indichi il tempo trascorso. Seleziona Formato, Celle, fai clic sulla
scheda Numero, seleziona la categoria Personalizzato e seleziona [h].mm.ss dall’elenco Tipo per
applicare un formato incorporato relativo al tempo trascorso. Se non ti interessa registrare anche
i secondi, puoi eliminare .ss. I formati relativi al tempo trascorso possono memorizzare e visualizzare
un numero illimitato di ore.
Secondo, se devi inserire più di 9999 ore in un’unica operazione, dovrai dividere il numero in due
gruppi ridotti e inserirlo in due celle.
Devi inoltre sapere che, quando inserisci un’ora che supera le 24 ore (per esempio 24.01), Excel
Capitolo 15

aggiunge una data nella barra della formula. A meno che il numero di ore inserite superi la durata
di un anno, la data aggiunta viene spesso indicata come 1900; dovrai imparare a conviverci. For-
tunatamente, questa data non viene visualizzata nella cella se non la formatti.

Calcoli con date e ore


Poiché Excel registra le date come valori seriali, puoi usare le date in formule e funzioni come se si
trattasse di qualsiasi altro valore. Supponi di voler calcolare la data che cade 200 giorni dopo il 4 luglio
2004. Se la cella A1 contiene la voce 04/07/04, puoi utilizzare la formula seguente per calcolare la data
di 200 giorni dopo, che corrisponderà al giorno 20/01/05 (o 38.372): =A1+200.
Oppure, supponi di voler trovare il numero di settimane tra il 31 ottobre 2003 e il 13 maggio 2004.
Utilizza la formula =((“13/05/04”)-(“31/10/03”))/7, che restituisce circa 27,9 settimane.
Puoi utilizzare anche le ore in formule e funzioni, tuttavia i risultati dei calcoli aritmetici sulle ore
non sono così semplici da comprendere come quelli dei calcoli con le date. Per esempio, puoi de-
terminare il tempo trascorso tra le 8.22 e le 22.45 applicando la formula =“22.45”-“8.22”. Il risulta-
to è 0,599306 che, una volta formattato con un formato a 24 ore (che non include la notazione AM/
PM), corrisponde a 14.23. Excel visualizza il risultato in riferimento alla mezzanotte.
Supponi che siano le 12.35.23 e che tu voglia determinare che ore saranno tra 2 ore, 23 minuti e 17
Chapter 12

secondi. La formula =(“12.35.23”)+(“2.23.17”) restituisce la risposta corretta, 0,624074, che può


essere formattata come 14.58.40. In questa formula, 2.23.17 non rappresenta un tempo assoluto (le
ore 2.23.17) ma un intervallo di tempo (2 ore, 23 minuti e 17 secondi). Questo formato è perfetta-
mente ammesso da Excel.

444
Capitolo 15: Formattare e calcolare date e ore

Excel visualizza l’ora come #####!

Excel non può visualizzare numeri negativi come ore o date. Se il risultato di un calcolo effettuato
con una data o un’ora è negativo e tenti di visualizzare questo risultato in un formato di data op-
pure ora, vedrai una serie di simboli di cancelletto, indipendentemente dalla larghezza della cella.
Questo si verifica solitamente quando sottrai un’ora del giorno da un’ora precedente. Puoi aggi-
rare il problema convertendo il risultato in ore trascorse. A tal fine, moltiplica il risultato per 24 e
visualizzalo in un formato numerico, non in formato Ora o Data.

Lavorare con le funzioni per date e ore


Utilizzando le funzioni per date e ore di Excel, puoi eseguire in modo veloce e accurato i calcoli nel
tuo foglio di lavoro. Per esempio, se utilizzi il tuo foglio di lavoro per calcolare gli stipendi mensili
per la tua società, potresti utilizzare la funzione ORA per determinare il numero di ore lavorate ogni

Capitolo 15
giorno, e la funzione GIORNO.SETTIMANA per calcolare se gli impiegati devono essere pagati con
il compenso standard (da lunedì a venerdì) o con il compenso straordinario (per sabati e domeni-
che). In questa sezione, analizzeremo in dettaglio alcune funzioni per date e ore di Excel. Per un elenco
completo delle funzioni disponibili in Excel, vedi l’appendice D “Riferimento alle funzioni”.

Utilizzare le funzioni OGGI e ADESSO


Utilizzare
Puoi digitare =OGGI() in una cella o in una formula per inserire il valore seriale della data corren-
te. Se inserisci la funzione in una cella con il formato predefinito, il risultato sarà visualizzato in
formato gg/mm/aaaa. Anche se questa funzione non richiede argomenti, devi sempre inserire le
parentesi vuote. Ricorderai che gli argomenti sono variabili che forniscono i valori necessari alla
funzione per eseguire i calcoli. Gli argomenti vengono inseriti tra le parentesi delle funzioni che li
richiedono.
In modo analogo puoi inserire la funzione =ADESSO() in una cella o formula per inserire l’ora e la
data corrente. Anche questa funzione non richiede argomenti. Il risultato della funzione è un valo-
re seriale di data e ora che comprende un intero (la data) e un valore decimale (l’ora). Excel non
aggiorna il valore della funzione ADESSO in modo continuo. Se il valore di una cella che contiene
la funzione ADESSO non è aggiornato, puoi ricalcolare il foglio di lavoro. Puoi eseguire l’operazio-
ne effettuando un nuovo inserimento o premendo F9). Excel aggiorna la funzione ADESSO anche
ogni volta che apri o stampi il foglio di lavoro.
La funzione ADESSO è un esempio di funzione volatile, vale a dire una funzione il cui valore calcolato
Chapter 12

è soggetto a modifiche. Ogni volta che apri un foglio di lavoro contenente una o più funzioni ADES-
SO e poi lo chiudi immediatamente, Excel ti chiederà se desideri salvare le modifiche apportate al fo-
glio di lavoro, anche se non ne hai eseguita alcuna, poiché il valore corrente di ADESSO è cambiato
dall’ultima volta che hai usato il foglio di lavoro. Un altro esempio di funzione volatile è CASUALE.

Per ulteriori informazioni sulla funzione CASUALE, vedi “Le funzioni CASUALE e CASUALE.TRA” a pa-
gina 414.

445
Parte 5: Creare formule ed eseguire l'analisi dei dati

Utilizzare la funzione GIORNO.SETTIMANA


Utilizzare
La funzione GIORNO.SETTIMANA restituisce il giorno della settimana corrispondente a una data
specifica e richiede gli argomenti (num_seriale;tipo_restituito). L’argomento num_seriale può esse-
re un valore di data seriale, un riferimento a una cella che contiene una funzione data o un valore
di data seriale, o un testo, come 27/01/03 o 27 gennaio 2003. Se utilizzi il testo, assicurati di racchiu-
derlo tra virgolette. La funzione restituisce un numero che rappresenta il giorno della settimana
relativo a tale data. L’argomento opzionale tipo_restituito determina il metodo di visualizzazione del
risultato. La tabella 15-2 elenca i tipi restituiti disponibili.

Tabella 15-2. Codici per il tipo restituito


Se tipo_r estituito è
tipo_restituito GIORNO.SETTIMANA rrestituisce
estituisce
1 oppure è omesso Un numero da 1 a 7, dove 1 corrisponde a domenica e 7 a sabato

2 Un numero da 1 a 7, dove 1 corrisponde a lunedì e 7 a domenica

3 Un numero da 0 a 6, dove 0 corrisponde a lunedì e 6 a domenica


Capitolo 15

suggerimento Utilizzar
Utilizzaree un for mato personalizzato per il gior
formato no della settimana
giorno
Potresti voler formattare una cella contenente la funzione GIORNO.SETTIMANA con un formato
personalizzato per il giorno della settimana, come gggg. Applicando questo formato personaliz-
zato, puoi usare il risultato della funzione GIORNO.SETTIMANA in altre funzioni, mantenendo una
visualizzazione chiara sullo schermo.

Utilizzare le funzioni ANNO, MESE e GIORNO


Utilizzare
Le funzioni ANNO, MESE e GIORNO restituiscono il valore delle porzioni di anno, mese e giorno
di un valore di data seriale. Le tre funzioni richiedono un singolo argomento, che può essere un valore
di data seriale, un riferimento a una cella contenente una funzione data o un valore di data seriale,
o un testo racchiuso tra virgolette. Per esempio, se la cella A1 contiene la data 25/3/2002, la formula
=ANNO(A1) restituisce il valore 2002; la formula =MESE(A1) restituisce il valore 3 e la formula
=GIORNO(A1) restituisce 25.

Utilizzare le funzioni ORA, MINUTO e SECONDO


Utilizzare
Come le funzioni precedenti estraggono i valori di anno, mese e giorno di un valore di data seriale,
le funzioni ORA, MINUTO e SECONDO ti permettono di estrarre i valori di ora, minuti e secondi
di un valore di ora seriale. Per esempio, se la cella B1 contiene l’ora 12.15.35 PM, la formula
=ORA(B1) restituisce il valore 12, la formula =MINUTO(B1) restituisce il valore 15 e la formula
Chapter 12

=SECONDO(B1) restituisce 35.

446
Capitolo 15: Formattare e calcolare date e ore

Utilizzare le funzioni DA
Utilizzare TA.V
DAT ALORE e ORARIO.V
A.VALORE ALORE
ORARIO.VALORE
La funzione DATA.VALORE di Excel converte una data in un valore seriale. Devi inserire l’argomento
come testo, usando una data compresa tra 1/1/1900 e 31/12/9999, aggiungendo le virgolette intorno
al testo. Puoi inserire l’argomento usando uno dei formati di data incorporati in Excel; tuttavia, se
inserisci la data senza l’anno, Excel inserisce l’anno corrente in base all’orologio interno del computer.
Per esempio, la formula =DATA.VALORE(“31 dicembre 2010”) restituisce il valore seriale 40.543.
Analogamente, la funzione ORARIO.VALORE converte un orario in valore decimale. Devi inserire
l’argomento come testo. Puoi usare uno dei formati di ora incorporati in Excel, aggiungendo le vir-
golette intorno al testo. Per esempio, la formula =ORARIO.VALORE(“16.30”) restituisce il valore
seriale 0,6875.

Lavorare con funzioni di data specializzate


Lavorare
Excel comprende una serie di funzioni di data specializzate che eseguono operazioni di calcolo per
le date di scadenza dei titoli, per stipendi e per piani lavorativi. Le funzioni descritte in questa se-
zione sono disponibili solo se installi Strumenti di analisi.

Capitolo 15
Per infor mazioni sull’installazione del componente aggiuntivo Str
informazioni umenti di analisi, vedi “Installar
Strumenti “Installaree Str u-
Stru-
menti di analisi” a pagina 404.

Utilizzare le funzioni DA
Utilizzare TA.MESE e FINE.MESE
DAT
Puoi utilizzare la funzione DATA.MESE per calcolare la data esatta relativa a un determinato numero
di mesi prima o dopo una data specifica. Richiede gli argomenti (data_iniziale;mesi), dove
data_iniziale corrisponde alla data usata come valore di partenza, mentre mesi equivale a un valore
intero che indica il numero di mesi prima o dopo la data iniziale. Se mesi è un valore positivo, la
funzione restituisce una data successiva alla data iniziale; se il valore di mesi è negativo, la funzione
restituisce una data precedente a quella iniziale. Per esempio, per trovare la data relativa a 23 mesi
dopo il 12 giugno 2003, inserisci la formula =DATA.MESE(“12/6/03”;23), che restituisce il valore
38484, vale a dire 12 maggio 2005.
La funzione FINE.MESE restituisce una data successiva o precedente di un determinato numero di
mesi. Anche se le funzioni DATA.MESE e FINE.MESE sono simili e richiedono gli stessi argomen-
ti, il valore restituito è sempre arrotondato all’ultimo giorno del mese. Per esempio, per calcolare il
valore di data seriale dell’ultimo giorno del mese di 23 mesi successivo al 12 giugno 2003, inserisci
la formula =FINE.MESE(“12/06/03”;23), che restituisce il valore 38503, vale a dire 31 maggio 2005.

Utilizzare la funzione FRAZIONE.ANNO


Utilizzare
Chapter 12

La funzione FRAZIONE.ANNO calcola un numero decimale che rappresenta la porzione di un anno


che è compreso tra due date specificate. Questa funzione richiede gli argomenti
(data_iniziale;data_finale;base), dove data_iniziale e data_finale specificano il periodo da converti-
re in una frazione dell’anno. L’argomento base corrisponde al tipo di conteggio dei giorni utilizza-
to, come descritto nella tabella 15-3.

447
Parte 5: Creare formule ed eseguire l'analisi dei dati

Tabella 15-3. Codici per base


Se base è FRAZIONE.ANNO rrestituisce
estituisce
0 (oppure omesso) 30/360, oppure 30 giorni per mese e 360 giorni per anno, come stabilito
negli Stati Uniti dalla National Association of Security Dealers (NASD)

1 Effettiva/effettiva, oppure il numero effettivo di giorni nei mesi/giorni


effettivi dell’anno

2 Effettiva/360

3 Effettiva/365

4 Europea 30/360

Per esempio, per determinare la frazione dell’anno che cade tra il 12/04/04 e il 15/12/04, puoi digitare
la formula =FRAZIONE.ANNO(“12/4/04”;“15/12/04”). Questa formula restituisce il valore 0,675,
basandosi sull’impostazione predefinita di 30 giorni per mese e 360 giorni per anno.

Utilizzare le funzioni GIORNO.LA


Utilizzare VORA
GIORNO.LAVORATIVO e GIORNI.LA
VORATIVO VORA
GIORNI.LAVORATIVI.TOT
VORATIVI.TOT
Capitolo 15

Le funzioni GIORNO.LAVORATIVO e GIORNI.LAVORATIVI.TOT sono indispensabili per chiun-


que desideri calcolare stipendi e risarcimenti oppure pianificare orari lavorativi. Entrambe le fun-
zioni restituiscono valori basati sui giorni lavorativi, escludendo i fine settimana. Inoltre, puoi anche
stabilire se includere o meno le festività specificando le date esatte.
La funzione GIORNO.LAVORATIVO restituisce una data successiva o precedente di un determinato
numero di giorni lavorativi. Questa funzione richiede gli argomenti (data_iniziale;giorni;vacanze),
dove data_iniziale corrisponde alla data dalla quale iniziare il conteggio e giorni al numero di gior-
ni lavorativi prima o dopo tale data, escludendo fine settimana e festività. Utilizza un valore positi-
vo per i giorni per ottenere un conteggio in avanti a partire dalla data iniziale; usa un valore negativo
per un conteggio all’indietro. L’argomento facoltativo vacanze può essere costituito da una matrice
o un riferimento a un intervallo di celle che contiene le date che desideri escludere dal calcolo.
Se non determini l’argomento vacanze, la funzione eseguirà il conteggio di tutti i giorni della
settimana a partire dalla data iniziale. Per esempio, per determinare la data successiva a 100 giorni
lavorativi, vacanze escluse, a partire dalla data corrente, puoi utilizzare la formula
=GIORNO.LAVORATIVO(ADESSO();100).
Allo stesso modo, la funzione GIORNI.LAVORATIVI.TOT calcola il numero di giorni lavorativi tra
due date specificate. Richiede gli argomenti (data_iniziale;data_finale;vacanze). Per esempio, per
determinare il numero di giorni lavorativi tra il 15 gennaio 2004 e il 30 giugno 2004, utilizza la for-
mula =GIORNI.LAVORATIVI.TOT(“15/1/04”;“30/6/04”), che restituisce il valore 120.
Chapter 12

448