Sei sulla pagina 1di 3

Àrma virùmque canò, Troiaè qui prìmus ab òris 1

Ìtaliàm, fatò 2 profugùs, Lavinìaque vènit 3


lìtora, mùlt(um) ill(e) èt terrìs iactàtus et àlto
vì 4 superùm 5 saevaè memorèm Iunònis ob ìram 6;
mùlta quoqu(e) èt bellò passùs, dum cònderet ùrbem,
ìnferrètque 7 deòs 8 Latiò, genus ùnde Latìnum 9
Àlbanìque patrès 10, atqu(e) àltae moènia Ròmae.
Mùsa, mihì causàs memorà 11, quo nùmine laèso 12,
quìdve dolèns, regìna deùm 13 tot vòlvere càsus
ìnsignèm pietàte 14 virùm, tot adìre labòres 15
ìmpulerìt 16. Tantaèn(e) 17 animìs caelèstibus ìrae 18?
Ùrbs antìqua fuìt, Tyriì tenuère 19 colòni 20,
Kàrthag(o), ìtaliàm contrà Tiberìnaque lònge
òstia, divès opùm studiìsqu(e) aspèrrima 21 bèlli;
quàm 22 Iunò fertùr 23 terrìs magis òmnibus ùnam
pòsthabità coluìsse Samò 24; hic ìllius àrma,
hìc currùs 25 fuit; hòc regnùm dea gèntibus èsse,
sì qua 26 fàta sinànt 27, iam tùm tendìtque fovètque.
Prògenièm sed enìm Troiàn(o) a sànguine dùci 28
àudieràt, Tyriàs olìm quae vèrteret àrces;
hìnc populùm latè 29 regèm bellòque supèrbum
vèntur(um) 30èxcidiò Libyaè 31: sic vòlvere Pàrcas.
Ìd metuèns, veterìsque memòr 32 Satùrnia 33 bèlli,
prìma quod àd Troiàm pro càris gèsserat àrgis
nècd(um) etiàm caus(ae) ìrarùm saevìque dolòres
èxciderànt animò: manet àlta mènte 34 repòstum
iùdiciùm Paridìs 35 spretaèqu(e) iniùria fòrmae,
èt genus ìnvis(um), èt raptì Ganymèdis 36 honòres.
Hìs accènsa supèr, iactàtos aèquore tòto
Tròas, rèliquiàs 37 Dana(um) àtqu(e) immìtis 38Achìlli,
àrcebàt longè Latiò, multòsque per ànnos
èrrabànt, actì fatìs, mari(a) òmnia cìrcum 39.
Tàntae mòlis eràt Romànam còndere gèntem 40!

TRADUZIONE

Io canto le armi e l’uomo che per primo dalle coste di Troia


giunse in Italia, profugo per il fato, e giunse alle spiagge
di Lavinio, molto sballottato per terra e per mare dalla forza
degli dei supremi, per l’ira implacabile della crudele Giunone;
e subì anche molte cose in guerra, finché non fondò la città
e portò gli dei nel Lazio, da dove derivò la stirpe latina,
i padri albani e le mura dell’alta Roma.
Musa, ricordami le cause, per quale offesa divina,
o dolendosi per che motivo la regina degli dei condannò l’uomo
insigne per la pietà a passare tante disgrazie e ad affrontare
tante fatiche. Così grandi sono le ire nelle anime dei celesti?
Ci fu una antica città, la abitarono dei coloni di Tiro,
Cartagine, opposta da lontano all’Italia e alla foce del Tevere,
ricca di mezzi e durissima per la passione della guerra;
si dice che Giunone abbia frequentato questa sola più di tutte
le terre, essendo stata trascurata Samo; qui le sue armi,
qui fu il suo carro; già allora la dea intende e pensa che,
se il destino lo conceda, questo sia il governo dei popoli.
Eppure aveva sentito che dal sangue troiano sarebbe nata
una stirpe, che un giorno avrebbe distrutto le rocche di Tiro;
da lì un popolo, re di molte terre e superbo in guerra, sarebbe
giunto per la distruzione della Libia: così filavano le Parche.
Temendo ciò, la figlia di Saturno, memore dell’antica guerra,
che aveva compiuto presso Troia per i cari argivi
(non si erano ancora allontanati dall’animo le cause delle ire
e i crudeli dolori: rimane fisso nell’alta mente il giudizio
di Paride, l’oltraggio della bellezza disprezzata, e la stirpe
odiata e gli onori attribuiti a Ganimede che era stato rapito),
adirata per queste cose, teneva lontano dal Lazio
i troiani sballottati in tutto il mare, sopravvissuti ai Danai
e allo spietato Achille, e questi erravano per molti anni,
spinti dal destino, intorno a tutti i mari.
Era una così grande fatica fondare la stirpe romana!