Sei sulla pagina 1di 8

GLOBALIZZAZIONE

GLOBALIZZAZIONE è un processo di
interconnessione tra individui di tutto il mondo
dovuto a 2 cambiamenti: rivoluzione dei trasporti; la
tecnologia.
trasporti e tecnologia hanno permesso agli individui di
avvicinarsi. (Rivoluzione delle tecnologie fine 1900 1989
WEB, Rivoluzione dei trasporti 1900)—>
ALLARGAMENTO DEGLI ORIZZONTI.
NON RIGUARDA SOLO L’ECONOMIA ma tutti gli
aspetti della vita la globalizzazione.
In se la globalizzazione è un FENOMENO
NEUTRALE=FATTO SOCIALE che modifica totalmente
la società.
CONSEGUENZE: SPERSONALIZZAZIONE, LAVORO,
ECONOMIA, INFORMAZIONE/CULTURA, RELAZIONI
SPERSONALIZZATE.

3 TIPI DI SOCIETÀ:
PRE -INDUSTRIALE
INDUSTRIALE POST-INDUSTRIALE
PRE-MODERNA MODERNA
POST-MODERNA
(mito del progresso,
fiducia (Lyotard crisi delle certezze; Mozzanica)
nell’uomo)
“Fine delle meta-narrazioni”
SIMBOLO:
VILLAGGIO (comunità locale)
CITTÀ
METROPOLI

(vivere insieme, LEGAMI AFFETTIVI PROFONDI)


(con la RIV. INDUSTRIALE che segna il passaggio
(SOCIETÀ GLOBALE) perché cerca di
FORTE COESIONE
dalla campagna alla città)
unire le persone come nelle comunità
INTIMITÀ TRA I SOGGETTI
SOCIETÀ al centro il soggetto
“villaggio globale” McLuhan ma i rapporti sono
IMPEGNO RECIPROCO
RAPPORTI SONO SECONDARI
più prossimi ma spersonalizzati
DURKHAIM=solidarietà meccanica TANTI IO,
FRENETICI e che usano strumentalmente gli altri
FORTE INDIVIDUALISMO
LEGAMI
LEGATI ALL’UTILITÀ
SOCIETÀ DI MASSA altra OMOLOGAZIONE
Tonnies “villaggio/città” Weber:
RAZIONALIZZAZ.(agire) RISPETTO ALLO SCOPO
SOCIETÀ DEI DIRITTI
DURKHAIM=solidarietà
organica(diversità) servono gli altri x completarmi
RELATIVISMO CULTURALE

SECOLARIZZAZIONE= allontanamento della religione


dalla vita, fatto privato. ognuno ha la sua verità.

CITTÀ=“bombardamento di stimoli” Simmel.


Se ho un problema
mi rivolgo alle istituzioni xk i “legami più stretti”si sono
EROSI
Tonnies
“EROSIONE DEL LEGAMI”

OGGI “SECONDA SECOLAZIZZAZIONE” Taylor si


creano tante credenze senza ragione

SOCIETÀ DEL TEATRO (mettere in scena i


personaggi) Goffman.

SPERSONALIZZAZIONE= Bauman

GLOBALIZZAZIONE
DELL’INFORMAZIONE: (tv, computer) le estese
reti di comunicazione con le quali si diffondono le notizie
permeano la concezione del mondo e dei rapporti
sociali.
GLOBALIZZAZIONE DELL’ECONOMIA:
nessuna economia nazionale può considerarsi
autonoma. Globalizzazione del commercio=
attraverso le politiche internazionali di abolizione dei
dazi tra stati si favoriscono i commerci mondiali;
Globalizzazione del lavoro= si sfrutta la manodopera
di paesi in via di sviluppo, ma non solo; Flussi
finanziari legati al denaro elettronico (es. se fallisce una
panca cinese ne risente anche l’economia di altri stati)
GLOBALIZZAZIONE POLITICA: perdita di
potere dello stato nazionale (guerre sono di interesse
mondiale). Le Relazioni internazionali non sono più solo
geopolitiche ma riguardano tutti gli stati (inquinamento,
droga, terrorismo).
GLOBALIZZAZIONE ECOLOGICA: la
conservazione di risorse del pianeta è pertinente a tutte
le nazioni.
GLOBALIZZAZIONE CULTURALE:
omogenizzazione delle diverse tradizioni.

MOVIMENTO NO GLOBAL movimenti eterogenei tra di


loro ma che hanno l’obiettivo di sensibilizzare i politici e
opinione pubblica sulle problematiche della
globalizzazione. Molta violenza raggiunta a volte.
G8 8 PAESI PIÚ SVILUPPATI.
SPAZIO e TEMPO inesistenti con la globalizzazione.
NON LUOGO di AUGÈ pag.530 luoghi simbolo della
società contemporanea dove non si creano relazioni ma
solo interazioni (supermercati, stadi…)
In realtà anche i CENTRI CITTÀ stanno diventando dei
NON LUOGHI perché sono spersonalizzati. (es. Mac,
Coca Cola simbolo della globalizzazione siccome lo
puoi trovare ovunque)
RAPPORTO GLOBALISMO - REGIONALIZZAZIONE/
LOCALISMO due tendenze: eliminazione delle proprie
tradizioni per omologarsi al globo, oppure alcuni
enfatizzano i propri aspetti locali per evitare di essere
mangiati dalla globalizzazione.
GLOBALIZZAZIONE NÈ
NEGATIVA NÈ POSITIVA È
UN FATTO SOCIALE.
È la GESTIONE DELLA GLOBALIZZ. l’aspetto negativo.
-BANCA MONDIALE ha fatto delle statistiche sulla
povertà che aumenta fino al 1920 POVERTÀ
DIMINUISCE per la globalizzazione.
POVERTÀ= persone che vivono a meno di un dollaro al
giorno. Ma è molto basso.
-DISUGUAGLIANZE(diverso accesso alle risorse
potere, cultura, istruzione e prestigio) RICOMINCIANO
CON LA GLOBALIZZAZIONE. Alcuni paesi si
arricchiscono molto altri fanno molta fatica. In un interno
paese c’e un divario tra chi aumenta e chi rimane
indietro.
NUOVI PAESI GLOBALIZZATORI che grazie alla
globali. si sono arricchiti moltissimo (INDIA, CINA,
BRASILE, RUSSIA, SUD AFRICA= BRICS) ma ci sono
PESANTI DISUGUAGLIANZE. PIL è cresciuto però. La
POVERTÀ ASSOLUTA è minore.

LETTURA BAUMAN:
VISIONE NEGATIVA DELLA GLOBALIZZAZIONE.
NESSUNO SOTTO CONTROLLO.
MONDO SENZA VINCOLI.
UNIVERSALIZZAZIONE crea ordine e uno ha le
possibilità di tutto non è sinonimo della globalizzazione ,
la GLOBALIZZAZIONE non crea ordine.

VIAGGIATORE COSMOPOLITA MODERNO colui che


sceglie di viaggiare, PROFUGO colui che è mandato via
dagli altri.
GLOBALIZZAZIONE + MOBILITÀ. SÍ! però x alcuni
accade per scelta per altri avviene per una costrizione.
Lo SPAZIO non vincolante per il primo mondo, per il
secondo si.
TEMPO vive il PRESENTE il primo mondo il secondo lo
subisce.
TESI BAUMAN GLOBALIZ. : concezione negativa
perché essa elimina vincoli e aumenta la mobilità ma
per questo è comunque negativa perché chi usufruisce
di questi aspetti sono solo alcuni e quindi c’e un
aumento delle disuguaglianze.
Riprende la Scuola di Francoforte.
CENSIS ha pubblicato una ricerca dove dice che c’e un
aumento eccessivo delle DISUGUAGLIANZE SOCIALI
alcuni prendono uno stipendio 3 volte più alto di altri.
Ci ricorda SALZA “ sifone del gabinetto” antropologo
che vive in Africa con le popolazioni povere
(osservazione partecipante). Si sta creando una nuova
specie umana l’HOMO NIL. Per Bauman chi non è al
passo con i consumi è il povero per lui.

AUTORI GLOBALIZZAZIONE: BAUMAN, SEEN (mondo


globale= mondo frammentato) MC LUHAN (società
dell’info) AUGÈ (non luoghi simbolo della globaliz.)
DOMINICK SALVATORE
(prof di economia)
GLOBALIZ. come aspetto economico.
GLOBALIZ. = RIVOLUZIONE quella precedente è stata
quella industriale, francese e inglese. RIVOLUZIONE
che cambia l’ordine tradizionale.
TRANSNAZIONALI le industrie.
CONSEGUENZE:1omologazione, 2competizione, 3
interdipendenza tra le economie (visibile dalla crisi
attuale), 4 crescita commercio internazionale + capitali
finanziari, 5 flussi migratori aumentano anche tra paesi
(fuga di cervelli) non solo da paesi poveri a ricchi,6
diminuzione povertà da 300 milioni di persone sono
diventati 150 milioni.
GLOBALIZ. non è solo un processo economico ma
anche sociale.
Serve un CONTROLLO SULLA GLOBALIZ.
INTERNAZIONALI.

VITTADINI
Ci sono 2 visioni contrastanti: SI GLOB. XK
DIMINUISCE LA POVERTÀ, NO GLOB. XK
Lui si mette nel mezzo.
STATO DEVE PORRE VINCOLI (padre dello statalismo
Hobbes “uomo lupo contro gli altri lupi”) contrario è il
LIBERIAMO (padre liberismo Smith “mano invisibile”)
non deve essere governata né dallo statalismo né dal
liberismo, ma dalla SUSSIDIARIETÀ.