Sei sulla pagina 1di 1

Renoir:

Considera la pittura un divertimento. Dipingere non ha senso senza gioia e questo lo vediamo in
tutti i suoi dipinti che cerca di raffigurarla attraverso i suoi personaggi. In momenti di vita quotidiana
attraverso la resa di questi personaggi.
Nella sua prima parte della sua vita è impressionista, assenza di disegno preparatoria (all'area

aperta). Alla fine della sua vita si discosta un po', inizia a fare i disegni che non sono proprio
disegni preparatori ma sono così accurati che vengono considerati opere d'arti.

-la grenouillere:

-moulin de la galette:

In questo dipinto si nota un aspetto


importante. Ovvero sembra che questo
dipinto ha una sonorità, sembra vivo
questo perché l'artista ci metteva tutto se
stesso nella raffigurazione.

Post impressionismo:
La problematica della luce Diventa studio scientifico. Chevreul fa una studio sulla cromatica teoria
empirica che fissa la classificazione dei colori. Definisce la tinta (colore), tono (grado di intensità)
e luminosità (lucentezza). Parla di contrasto simultaneo: se si accostano due colori
complementari le qualità di luminosità vengono esaltate. Essendo uno studio scientifico definisce il
cerchio cromatico: un cerchio, divisio in 72 parti, che comprende tutta una gomma di colori, dove i
colori primari sono opposti da quelli secondari.
Con lui inizia il post impressionismo con una serie di tecniche utilizzate che per questo assume
una serie di diverse definizioni: neoimpressionismo; impressionismo scientifico; cromoluminismo;
puntinismo o divisionismo.