Sei sulla pagina 1di 8

Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n.

649004 Copia € 1,00 Copia arretrata € 2,00

L’OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO


Unicuique suum Non praevalebunt
Anno CLIII n. 53 (46.297) Città del Vaticano lunedì-martedì 4-5 marzo 2013
.
Nella mattina del 4 marzo Cinque morti in violenti disordini a Port Said

Iniziate le congregazioni generali Da Kerry aiuti a Mursi


in cambio di riforme
dei cardinali IL CAIRO, 4. Il segretario di Stato
americano, John Kerry, dopo due
Mubarak: il nuovo processo contro
di lui, i due figli Gamal e Alaa, il
giorni al Cairo e colloqui con il suo ministro dell’Interno, Habib El
presidente, Mohammed Mursi, ha Adli, e sei consiglieri comincerà il
concluso la sua visita promettendo prossimo 13 aprile. In prima istanza
aiuti e invitando le autorità egizia- l’ex presidente Mubarak, 84 anni, è
ne ad avviare le riforme. stato condannato all’ergastolo e at-
Nella capitale sono arrivati solo tualmente è ricoverato in un ospe-
echi limitati degli scontri tra la po- dale militare.
polazione e la polizia che nel fine L’attenzione si è comunque con-
settimana hanno sconvolto Port centrata quasi esclusivamente su
Said (nord-est): il bilancio dei vio- Kerry e sul suo primo viaggio in-
lenti disordini è di cinque morti, ternazionale che lo ha già portato
tra i quali due agenti. Lo riferisco- in sette Paesi. L’Egitto è, secondo
no fonti mediche e della sicurezza. gli osservatori, di particolare im-
I feriti sono 586. Le violenze sono portanza essendo stato per
divampate in seguito alle decisioni trent’anni, con Mubarak, il più im-
delle autorità locali di trasferire al- portante alleato di Washington nel-
trove i 39 detenuti in attesa di sen- la regione. Nel suo comunicato
tenza sul massacro avvenuto intor- Kerry ha definito «franchi e co-
no allo stadio cittadino il 1º feb- struttivi» i colloqui con Mursi, in-
braio del 2012 quando rimasero uc- centrati — ha detto — «sulla rifor-
cise 74 persone. ma della polizia, la protezione del-
Prima di partire per l’Arabia
le organizzazioni non governative,
Saudita, Kerry ha confermato gli
l’importanza di fare progressi
aiuti statunitensi all’Egitto per dare
nell’ambito dei diritti e delle libertà
una mano al Paese a uscire dalla
di tutti gli egiziani». Ciò premesso,
profonda crisi economica che lo sta
ha riferito di aver ottenuto «rassi-
mettendo in ginocchio. Nel con-
tempo ha però chiesto a Mursi, il curazioni dal presidente Mursi»
leader islamico dei Fratelli musul- sulle riforme e ha comunicato che
mani diventato capo di Stato, di gli Stati Uniti daranno all’Egitto
fare «più sforzi e più compromes- un primo prestito da 250 milioni di
si» per riportare stabilità nel Paese. dollari per aiutarlo a superare la
Dichiarazioni affidate a un co- crisi economica in cui si dibatte.
municato mentre il volo per Riad Nel dettaglio, sarà consegnata
veniva ritardato a causa della pre- una prima tranche di 190 milioni di
senza, sulla strada che porta all’ae- dollari (dei 450 di cui si sta discu-
roporto del Cairo, di centinaia di tendo in Congresso) più 60 milioni
Si è svolta nella mattina di lunedì 4 marzo, Alla preghiera iniziale ha fatto seguito un inter- Quindi sono stati sorteggiati i nomi dei tre por- tifosi ultras della squadra di calcio supplementari previsti da un fondo
nell’Aula del Sinodo, in Vaticano, la prima con- vento del cardinale Sodano. Dopo aver invitato i porati assistenti che, con il camerlengo, compon- della capitale Al Ahly. per le imprese. Già sabato Kerry
gregazione generale dei cardinali, presieduta dal porporati alla riflessione e alla preghiera, il deca- gono la congregazione particolare: si tratta del Ma la folla nella capitale egizia- aveva collegato la crisi economica
decano Angelo Sodano, alla presenza del camer- no ha proposto di inviare un messaggio a Bene- cardinale Re, per l’ordine dei vescovi, del cardina- na aveva già ricevuto due impor- dell’Egitto all’instabile situazione
lengo Tarcisio Bertone e del segretario del colle- detto XVI — proposta approvata dal collegio cardi- tanti notizie. La prima riguarda la politica venutasi a creare dopo la
le Sepe, per l’ordine dei presbiteri, e del cardinale
gio cardinalizio, arcivescovo Lorenzo Baldisseri. nalizio — e ha sottolineato l’importanza dell’assise controversa nuova Costituzione in caduta, due anni fa, del regime di
Rodé, per l’ordine dei diaconi. Sono seguiti 13 in- Hosni Mubarak. Di ciò, benché uf-
Ai lavori, iniziati intorno alle ore 9.30, hanno per la conoscenza della situazione della Chiesa e vigore da dicembre: l’Alta corte ha
terventi. ficialmente i temi all’ordine del
partecipato 142 porporati, tra i quali 103 dei 117 del mondo, nonché la necessità di individuare la fatto sapere di aver respinto la
elettori: non erano presenti infatti i cardinali figura ideale di un Pontefice che meglio possa Durante la seconda congregazione generale, maggior parte dei ricorsi sulla lega- giorno siano solo la Siria e l’Iran,
Darmaatmadja, O’Brien, Naguib, Raï, Meisner, corrispondere a tale situazione. che si svolge nel pomeriggio di lunedì 4, il lità della commissione, dominata Kerry parlerà sicuramente anche in
Rouco Varela, Grocholewski, Lehmann, Pham Ha avuto luogo poi il giuramento dei cardinali, cappuccino Raniero Cantalamessa, predicatore dai fondamentalisti islamici, che Arabia Saudita (dove è arrivato ieri
Minh Mân, Sarr, Nycz, Duka, Woelki e Tong secondo quanto previsto dal paragrafo 12 della della Casa Pontificia, tiene una meditazione ai l’ha redatta. La seconda riporta in sera) e nelle ultime due tappe del
Hon. costituzione apostolica Universi dominici gregis. cardinali. primo piano l’ex presidente Hosni suo viaggio: Abu Dhabi e il Qatar.

Contro la comunità sciita Nonostante l’estrema tensione l’affluenza si profila molto elevata

Duplice attentato Il Kenya alle urne nel segno della violenza


a Karachi NAIROBI, 4. È salito ad almeno 17
morti il bilancio delle violenze delle
ultime ore in Kenya, dove oggi si
ISLAMABAD, 4. È salito a 52 morti e e 127 sono state ferite» ha detto an- vota per le elezioni presidenziali: lo
almeno 127 feriti il bilancio di un cora Hussain. ha reso noto il comandante della po-
duplice attentato che ha colpito ie- Al momento l’attentato non è lizia nazionale, David Kimaiyo. Tut-
ri sera il sobborgo di Abbas Town stato rivendicato, ma il quotidiano te le vittime si sono registrate già
a maggioranza sciita di Karachi, «The News International» ha cita- qualche ora prima che si aprissero i
città portuale nel sud-est del Paki- to il capo della polizia della pro- seggi. A Mombasa, seconda città del
stan. Lo riferisce una fonte della vincia di Sind secondo cui i re- Paese, la notte scorsa una pattuglia
polizia, precisando che i feriti re- sponsabili sono i talebani e il grup- di agenti era caduta in un’imboscata
stano tutti ricoverati in ospedale. po estremista sunnita Lashkar-e- nel sobborgo di Changamwe, tesa
L’esplosione è stata causata da Jhangvi. La città portuale — dopo loro da oltre duecento giovani arma-
un’autobomba e da una motoci- la strage di ieri — osserva oggi una ti: sei le persone uccise su ciascun
cletta caricate con 150 chilogrammi giornata di sciopero e di lutto in fronte. Si sospetta che gli assalitori
di esplosivo e saltate in aria grazie gran parte rispettata. Lo riferiscono appartengano all’Mrc, il Consiglio
a un comando a distanza, ha spie- i media pakistani. Karachi ha ac- repubblicano di Mombasa, movi-
mento separatista che si batte per la
gato il funzionario di polizia Kha- colto nel corso dei passati decenni
secessione della fascia costiera dal
lid Hussain contattato via telefono esponenti di tutte le etnie del Pae-
resto del territorio keniano.
dalla Dpa. «Stando alle prime in- se, creando però una situazione let-
Ancora prima altre cinque persone
dagini di polizia, 52 persone, tra le teralmente esplosiva: dall’inizio erano state uccise a Kilifi, altra loca-
quali donne e bambini, sono morte dell’anno ci sono stati 12 attentati. lità del litorale situata una cinquanti-
na di chilometri più a nord, dove in-
torno all’una del mattino locale mili-
ziani avevano attaccato un seggio
nel quartiere di Chumani: a perdere
la vita erano stati due agenti, altret-
tanti civili e una guardia forestale.
All’estremità nord-orientale del Pae- Un uomo sulla tomba di un congiunto ucciso durante le violenze seguite alle elezioni del 2007 (The New York Times)
se una bomba è stata fatta detonare
a distanza a Mandera, città situata a
ridosso della frontiera con la Soma- fluenza alle urne: verso l’alba si era- vinse di poco. Dopo mesi di scontri que il rischio che il Kenya, nel caso
lia: in questo caso nessuno ha subito no infatti già formate lunghe file di fra i kikuyu e altre etnie, per la mag- in cui venga eletto Kenyatta, resti
danni fisici, e le operazioni di voto persone in attesa di entrare nei seggi gior parte kalenjin, che rivendicava- senza presidente per diversi mesi, in
sono proseguite senza particolari in- per votare. Potranno farlo fino alle no la vittoria di Odinga, intervenne attesa che si svolga il processo
toppi, dopo essere iniziate con 17 ora del Kenya, le 15 italiane. An- l’Onu e fu raggiunto un accordo che all’Aja. Oltre a questo, sul voto pe-
mezz’ora di ritardo un po’ ovunque che le ultime elezioni presidenziali vide Kibaki diventare presidente sano gli scontri etnici e tribali per il
a causa di un improvviso black-out. finirono in un bagno di sangue a mentre a Odinga fu affidata la cari- controllo dei pascoli e delle coltiva-
Malgrado l’atmosfera di estrema causa di violenti scontri etnici, nati ca, creata appositamente, di premier. zioni, che nelle regioni interne del
tensione, si profila molto elevata l’af- dal sospetto di brogli, che termina- Uhuru Kenyatta è figlio del primo Paese non sono mai cessati.
rono con 1.500 morti e oltre 300.000 presidente del Kenya indipendente e
rifugiati. Sono 8 i candidati alla pre- nelle interviste che ha rilasciato nei
y(7HA3J1*QSSKKM( +@!"!%!"!\

sidenza ma gli occhi sono puntati su mesi scorsi si è sempre detto speran-
Oltre duecento morti per il controllo Raila Odinga, attuale primo mini- zoso di poter rivestire il ruolo che fu La libertà religiosa
dell’accademia di polizia stro, di etnia Luo, e il principale sfi- del padre. Su di lui però pesa l’in- davanti al relativismo laicista
dante Uhuru Kenyatta, di etnia chiesta dell’Aja, che lo accusa di
Combattimenti kikuyu, sotto inchiesta della Corte aver organizzato e pianificato la rap- Religione
dell’Aja per crimini contro l’umani- presaglia dei kikuyu contro i gruppi
ad Aleppo tà. Odinga è stato candidato anche etnici che li avevano attaccati nei e spazio pubblico
alle presidenziali del 2007 contro giorni successivi alle elezioni. Il
Donne sul luogo dell’attacco terroristico (LaPresse/Ap) PAGINA 3 Mwai Kibaki (kikuyu anche lui) che dubbio di molti diplomatici è dun- JORGE FERNÁNDEZ DÍAZ A PAGINA 4
pagina 2 L’OSSERVATORE ROMANO lunedì-martedì 4-5 marzo 2013

Riduzione dei dipendenti statali e lotta all’evasione fiscale i principali temi affrontati nella nuova missione Massicce manifestazioni in trentaquattro città

Per la Grecia gli esami Proteste


contro l’austerità
della troika non finiscono mai in Portogallo
ATENE, 4. Sono stati giudicati positi- che la stessa Banca centrale ha indi-
vi i colloqui, ieri ad Atene, fra il mi- cato che una seppur timida ripresa LISBONA, 4. Massicce manifestazio- condo gli ultimi dati ufficiali, la di-
nistro delle Finanze greco, Yannis dovrebbe cominciare nel 2014. «Non ni hanno avuto luogo, ieri, in nu- soccupazione sia aumentata dall’11
Stournaras, e i rappresentanti della c’è dubbio che il 2013 sarà un anno merose città del Portogallo per al 17,6 per cento, il pil sia sceso del
troika (Unione europea, Fondo mo- difficile a causa della perdurante fa- protestare contro la politica di au- 3,2 per cento. E un altro dato certo
netario internazionale, Banca centra- se di recessione e della disoccupazio- sterità e per chiedere le dimissioni poco confortante rivela che un
le europea): Matthias Mors in rap- ne elevata» ha affermato il governa- del Governo del premier Pedro quarto dei 10,6 milioni di porto-
presentanza dell’Unione europea; tore della Banca di Grecia, George Passos Coelho. Secondo le stime ghesi vive in condizioni di povertà.
Claus Mazuch della Banca centrale Provopoulos, in occasione della riu- fornite dagli organizzatori della Le previsioni, poi, non sono con-
europea, e Bob Traa, in sostituzione nione degli azionisti della Banca protesta, sono stati circa un milione fortanti. Il pil di quest’anno, infat-
di Paul Tomsen, che ha rappresenta- centrale. e mezzo i portoghesi che sono sce- ti, dovrebbe contrarsi dell’1,9 per
to il Fondo monetario internaziona- Se il problema legato a eventuali si in piazza in trentaquattro città. cento. Come pure si teme, rilevano
le. Fonti diplomatiche hanno riferito tagli dei dipendenti nel settore pub- A Lisbona, secondo varie fonti, dai gli osservatori, che altre piccole e
che i colloqui si sono svolti «in una blico rappresenta un elemento chia- 200.000 ai 500.000 dimostranti si medie imprese possano fallire.
buona atmosfera». Sono state af- ve nei colloqui tra la troika e il Go- sono affollati nella centrale Piazza Le manifestazioni di protesta
frontate le questioni più delicate, che verno greco, non riveste meno im- del Commercio per scandire slogan contro le misure di austerità non
riguardano la riduzione del numero portanza la questione della disoccu- contro la compagine governativa. sono nuove in Portogallo. Una
dei dipendenti statali, l’accelerazione pazione: si stima, infatti, secondo gli Riferisce l’agenzia Ansa che a chia- protesta analoga, organizzata a Li-
delle privatizzazioni, la lotta contro ultimi dati, che il tasso di disoccupa-
mare la gente a raccolta è stato un sbona lo scorso settembre, aveva
l’evasione fiscale e il processo di ri- zione è salito al livello record del
movimento che si organizza in rete, portato in piazza più di un milione
capitalizzazione delle banche. ventisette per cento. E a questo sce-
indipendente dai partiti e dai sin- di persone.
La visita dei rappresentanti della nario si legano le continue proteste
troika ad Atene coincide con l’asse- dei cittadini, con annessi scioperi ge- dacati, nato nella metà del 2012.
Un negozio nel centro di Atene (Ansa) Questo movimento è riuscito a
gnazione delle due tranche del pre- nerali nei vari settori che negli ultimi
stito accordate alla Grecia per uscire mesi hanno creato non pochi disagi mobilitare persone di tutte le età e
dalla crisi. La prima, da sei miliardi alla vita quotidiana del Paese. orientamenti politici con il comun
che i rappresentati della troika sem- rapporto in base a cui si darà o me-
di euro, riguarda il primo trimestre bra ritengano che un «taglio» dei no il via libera all’assegnazione delle Nei giorni scorsi il primo ministro denominatore delle critiche alle du-
re misure di austerità prese dal Go-
Cresce
del 2013, e la seconda, da 2,8 miliar- greco era tornato a ribadire che, no-
di, è quella del mese di marzo 2013.
dipendenti pubblici potrebbe costi-
tuire un passo essenziale nell’ambito
due tranche, i funzionari della troika
avranno un incontro con il primo nostante le obiettive difficoltà che verno e imposte dalla troika (Ban- il malcontento
ca centrale europea, Fondo mone-
Oggi è previsto un incontro tra i
rappresentanti della troika e il mini-
del processo di ristrutturazione del
Paese.
ministro, Antonis Samaras.
La missione della troika avviene
sta affrontando, il Paese è sempre in
grado di rappresentare un interlocu- tario internazionale, Unione euro- in Bulgaria
stro della Riforma amministrativa, tore credibile sulla scena internazio- pea). Le massicce manifestazioni in
Antonis Manitakis: in agenda la spi- È stato poi fissato un incontro poco dopo che la Banca centrale nale. E, al riguardo, è significativo il tutto il Paese sono coincise con la SOFIA, 4. Il malcontento popo-
nosa questione dei licenziamenti nel con il ministro del Lavoro greco, greca ha ribadito ciò che i più pa- fatto che in occasione della sua re- presenza dei rappresentanti della lare in Bulgaria contro povertà e
settore pubblico. E proprio su que- Yannis Vroutsis, durante il quale ver- ventavano: ovvero che il 2013 sarà cente visita ad Atene, il presidente troika, impegnati nella settima va- corruzione ha occupato ieri le
sto fronte, sottolinea «The New York rà discusso il problema della disoc- per il Paese un anno di recessione. francese, François Hollande, ha esor- lutazione del programma di assi- piazze di tutto il Paese. Dallo
Times», le divergenze potrebbero es- cupazione. Prima di lasciare Atene, Un contesto dunque molto delicato, tato gli imprenditori francesi a inve- stenza finanziaria da settantotto scorso 20 febbraio senza Gover-
sere forti, in considerazione del fatto domenica prossima, per stilare il sebbene una nota positiva c’è, visto stire con fiducia nella Grecia. miliardi di euro. Si stima che, se- no e alle prese con una grave
crisi economica e sociale, il Pae-
se è in stallo politico istituziona-
le, avviato a elezioni anticipate
dalle quale si prevede non uscirà
Rehn sul rischio In un referendum il 67,9 per cento dei votanti si schiera contro retribuzioni e liquidazioni eccessive alcun vincitore. E per la seconda
volta in una settimana, il pre-
di un’uscita La Svizzera boccia mier conservatore dimissionario,
Boiko Borissov, è stato ieri co-
di Cipro stretto al ricovero in ospedale a

dalla zona euro i salari d’oro dei top manager causa di una crisi di ipertensio-
ne arteriosa.
A Sofia sono state pratica-
NICOSIA, 4. Il commissario agli Af- BERNA, 4. Il referendum in Svizzera e per vietare liquidazioni dorate per mente disertate le celebrazioni
fari economici e monetari dell’Unio- contro i megastipendi e i bonus mi- i vertici delle aziende quotate in per la Festa nazionale bulgara,
ne europea, Olli Rehn, ha messo ieri lionari ha vinto con un netto margi- Borsa. Il cinquantaduenne Thomas con il presidente Plevneliev,
in guardia dal rischio di un’uscita di ne. Schierandosi contro i top mana- Minder, “padre” del referendum, ci- mentre gran parte della popola-
Cipro dall’eurozona «Anche un ger che hanno incassato somme de- tato dall’agenzia Ansa ha dichiarato: zione è scesa in strada in alme-
grande Paese dell’Ue dovrebbe esse- finite astronomiche, gli svizzeri han- «Sono orgoglioso del popolo elveti- no dieci città. Fra pochi giorni è
re consapevole che ogni membro no lanciato ieri un segnale chiarissi- co. È stata una bella dimostrazione previsto lo scioglimento delle
dell’eurozona è sistematicamente ri- mo sostenendo con il 67,9 per cento di democrazia. Si tratta di una vitto- Camere in vista del voto del 12
levante» ha affermato Rehn repli- di voti l’iniziativa popolare lanciata maggio. Ma il movimento di
ria contro avversari potenti che han-
cando così al ministro delle Finanze da un piccolo imprenditore per por- protesta, che manifesterà merco-
no paventato terribili conseguenze
tedesco, Wolfgang Schäuble, il quale re un freno a quelle che sono state ledì davanti al Parlamento, chie-
economiche e occupazionali con
si è posto la questione se considerare definite come «retribuzioni abusive» de accesso ai media e che prima
campagne di stampa aggressive e
delle elezioni venga cambiata la
o meno una piccola isola come Ci- tendenziose». legge elettorale, sostituendo il
pro un Paese di «rilevanza sistemi- Il chiaro verdetto delle urne è vigente sistema proporzionale
ca». Rehn ha quindi dichiarato: «Se giunto al termine di una campagna col maggioritario, per garantire
Cipro dovesse diventare insolvente, è intensa, che ha visto i partiti di cen-
molto probabile che questo lo porte- Le banche trodestra, e soprattutto la Federazio-
trasparenza e governabilità.
rebbe a uscire dall’area euro». Oggi
pomeriggio a Bruxelles l’Eurogrup- spagnole ne svizzera delle imprese, investire
milioni per tappezzare il Paese con
po discute, tra l’altro, degli aiuti a
restituiranno manifesti per mettere in guardia dal
Cipro. Il Paese ha bisogno di 8-10 pericolo di licenziamenti e dalla
Risultati
miliardi di euro per la ricapitalizza-
gli aiuti morte del modello svizzero provoca-
zione delle banche e di sette miliardi
per continuare a finanziare le sue at-
ti da un’eventuale approvazione
dell’iniziativa lanciata dal piccolo
delle regionali
MADRID, 4. Le banche spagnole
tività.
Certamente l’attenzione della co- che hanno ricevuto gli aiuti pub-
imprenditore. Per i fautori del no, la
proposta approvata ieri doterà la
in Austria
munità internazionale sulla situazio- blici e sono state nazionalizzate Svizzera del «diritto degli azionisti
ne di Cipro non viene meno. Lo te- restituiranno i fondi. È quanto ha VIENNA, 4. Pesante battuta d’ar-
più restrittivo al mondo». I dati, co- resto della estrema destra au-
stimonia, tra l’altro, il fatto che le affermato ieri in una nota ufficia- munque, parlano chiaro: tutti i ven-
cancellerie hanno seguito con parte- le il ministro dell’Economia e striaca nelle elezioni regionali di
tisei cantoni hanno detto sì all’ini-
cipazione le recenti elezioni presi- della Competitività di Madrid, ieri. In Carinzia, il più meridio-
ziativa: un’unanimità che si riscon-
denziali che hanno portato alla no- Luis De Guindos. nale dei nove Stati del Paese,
tra raramente, osservano gli analisti,
mina di Nicos Anastasiades. E Fran- Secondo il titolare del dicaste- governato per anni da Jörg
in un Paese di otto milioni di abi-
cia e Germania, in particolare, han- ro economico, il gruppo Bankia Haider, il leader ultranazionali-
tanti, dove convivono lingue e cul-
no invitato il Paese a condurre nego- (ma anche CatalunyaBanc e ture diverse. Nel cantone di Giura, sta morto nel 2008, il Partito
ziati rapidi sugli aiuti finanziari Nova Caixa Galicia) sarà infatti per esempio, l’iniziativa dell’impren- della libertà ha visto più che di-
nell’ambito delle operazioni di salva- in grado di rimettere in ordine i ditore è stata sostenuta al 77,1 per mezzati i voti rispetto alle ele-
taggio. «Accogliamo con favore il ri- conti in rosso senza alcuna inter- cento dei voti. Il promotore del referendum, a sinistra, dopo la diffusione dei risultati (Afp) zioni del 2009 (in quell’occasio-
sultato del voto cipriota, che consen- ferenza della politica. ne sotto la sigla Bzö, Alleanza
tirà la formazione di un Governo Il sistema bancario spagnolo per il futuro), dal 44,9 al 17,4
che proseguirà rapidamente i nego- ha ricevuto dall’Unione europea per cento dei consensi.
ziati per il programma di assistenza quaranta miliardi di euro a tassi Al contrario, a sostegno della
finanziaria per il Paese» hanno di-
chiarato i ministri delle Finanze di
molto favorevoli per avviare una Mobilitazione per salvare Elisabetta 11 sempre più che probabile vitto-
ria del cancelliere federale,
profonda ristrutturazione.
Parigi e Berlino, Pierre Moscovici e
Wolfgang Schäuble.
L’obiettivo è quello di fare parti- un tratto del muro di Berlino annulla la visita Werner Faymann, nelle elezioni
re la Sareb (Sociedad de Gestión generali del prossimo autunno, i
Intanto il nuovo ministro delle Fi-
nanze cipriota, Michalis Sarris, rife-
de Activos Procedentes de la BERLINO, 4. Non accenna a spe- pinto murales ormai entrati nella a Roma socialdemocratici sono destinati
Reestructuración bancaria), la gnersi la mobilitazione per salvare storia. Molti i cartelli issati dai ma- ad andare alla guida della Ca-
risce «The New York Times», ha af- un pezzo del muro di Berlino dalla nifestanti con scritte come «indi- LONDRA, 4. La regina Elisabetta II
bad bank dove verranno confluiti rinzia per la prima volta dal
fermato ieri di essere «determinato» speculazione edilizia. Anzi, con il gnatevi» o «i soldi abbattono il mu- è stata costretta ad annullare la vi-
gli attivi tossici, specie quelli del 1999. La formazione partner nel-
a raggiungere un accordo stabile, passare delle ore sta decisamente ro» oppure, capovolto, lo slogan sita a Roma prevista a partire da
mercato immobiliare iberico. la coalizione di Faymanm, il
con i creditori internazionali, sugli aumentando di intensità. delle manifestazioni del 1989 nell’al- mercoledì. La sovrana è stata in-
aiuti finanziari. Nello stesso tempo Lo scorso anno, Bankia (la Partito popolare, di centro de-
quarta banca del Paese, diventata Se venerdì erano stati duecento i lora Rdt che portarono al crollo del fatti ricoverata al King Edward stra, ha invece mantenuto la
Sarris ha sottolineato che questo dimostranti a darsi appuntamento simbolo della guerra fredda: da «il VII Hospital, a causa di una lieve
eventuale accordo non deve «dan- il simbolo del collasso del siste- maggioranza nello Stato più
per impedire i lavori di smantella- muro deve cadere» all’attuale «il indisposizione. Le sue condizioni
neggiare» gli sforzi del Paese nel ma creditizio e nazionalizzata a grande del Paese, la Bassa Au-
mento di un ampio tratto del muro, muro deve restare». non sono preoccupanti, hanno
tentare di riavviare il processo di cre- maggio) ha avviato una profonda ieri almeno 6.000 persone si sono La distruzione parziale della East rassicurato fonti di Buckingham stria (51 per cento dei voti).
scita. Ricorda «The New York Ti- pulizia nel bilancio, che ha chiu- radunate davanti all’East Side Side Gallery è stata decisa dal co- Palace. La regina, 87 anni, sarebbe Interessante il risultato otte-
mes» che Cipro, prima di avviare so con una maxi perdita di oltre Gallery, lungo il fiume Sprea, per mune di Berlino per consentire la dovuta giungere in Italia insieme nuto dal debuttante politico, il
colloqui con la troika (Unione euro- diciannove miliardi di euro. L’in- chiedere che venga risparmiata la costruzione di un edifico di appar- al consorte, il principe Filippo di miliardario euroscettico austro-
pea, Fondo monetario internaziona- tero gruppo Bankia ha invece striscia di cemento lunga 1,3 chilo- tamenti di lusso di ben quattordici Edimburgo. In agenda vi era l’in- canadese Frank Stronach, che,
le, Banca centrale europea), aveva chiuso il 2012 con perdite a 21,2 metri, sui cui nel 1990 artisti prove- piani con vista sul fiume, in vendita contro con il presidente della Re- alla sua prima elezione, ha otte-
chiesto sostegno alla Russia. miliardi di euro. nienti da tutto il mondo hanno di- a 8.000 euro al metro quadro. pubblica, Giorgio Napolitano. nuto il 9 per cento dei voti.

GIOVANNI MARIA VIAN TIPO GRAFIA VATICANA Aziende promotrici della diffusione de
L’OSSERVATORE ROMANO direttore responsabile EDITRICE L’OSSERVATORE ROMANO
Servizio vaticano: vaticano@ossrom.va Tariffe di abbonamento
Vaticano e Italia: semestrale € 99; annuale € 198
Concessionaria di pubblicità
«L’Osservatore Romano»
Servizio internazionale: internazionale@ossrom.va Il Sole 24 Ore S.p.A
Europa: € 410; $ 605 System Comunicazione Pubblicitaria
GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO Carlo Di Cicco don Sergio Pellini S.D.B. Africa, Asia, America Latina: € 450; $ 665 Intesa San Paolo
vicedirettore direttore generale Servizio culturale: cultura@ossrom.va America Nord, Oceania: € 500; $ 740 Alfonso Dell’Erario, direttore generale
Unicuique suum Non praevalebunt Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Romano Ruosi, vicedirettore generale
Piero Di Domenicantonio Servizio religioso: religione@ossrom.va Ufficio diffusione: telefono 06 698 99470, fax 06 698 82818,
00120 Città del Vaticano Segreteria di redazione ufficiodiffusione@ossrom.va Sede legale Banca Carige
caporedattore Via Monte Rosa 91, 20149 Milano
telefono 06 698 83461, 06 698 84442 Ufficio abbonamenti (dalle 8 alle 15.30): telefono 06 698 99480, Società Cattolica di Assicurazione
fax 06 698 85164, info@ossrom.va telefono 02 30221/3003, fax 02 30223214
ornet@ossrom.va Gaetano Vallini fax 06 698 83675 Servizio fotografico: telefono 06 698 84797, fax 06 698 84998
http://www.osservatoreromano.va segretario di redazione segreteria@ossrom.va photo@ossrom.va www.photo.va Necrologie: telefono 06 698 83461, fax 06 698 83675 segreteriadirezionesystem@ilsole24ore.com Credito Valtellinese
lunedì-martedì 4-5 marzo 2013 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 3

Vittime durante Oltre duecento morti per il controllo dell’accademia di polizia


Scontri
lo sciopero tra milizie
generale Violenti combattimenti ad Aleppo rivali
in Bangladesh in Libia
DHAKA, 4. Come ampiamente TRIPOLI, 4. La Libia torna a fare i
previsto, lo sciopero generale in- conti con la propria instabilità: gli
detto in Bangladesh dai fonda- scontri tra milizie rivali divampati
mentalisti islamici si è trasformato nei pressi dello stabilimento Eni a
in un bagno di sangue. Mellitah hanno costretto alla so-
La prima giornata dello sciope- spensione nell’export del gas ver-
ro — organizzato ieri dal partito so Gela. La mediazione delle au-
fondamentalista musulmano Ja- torità di Tripoli ha portato a un
maat-e-Islami, con il sostegno del cessate il fuoco, con le forze di si-
Partito nazionalista bengalese, per curezza del ministero della Difesa
protestare contro le condanne a che hanno preso il controllo
morte di due suoi leader per i cri- dell’impianto. A breve la produ-
mini di guerra commessi durante zione di gas dovrebbe riprendere,
la lotta per l’indipendenza del anche se non è chiaro quanto
1971 — è stata infatti contraddi- tempo ci vorrà.
stinta da violenti scontri tra mani- La chiusura dei rubinetti, spie-
festanti e polizia, con un bilancio gano alti funzionari libici, ha cau-
ancora provvisorio di 23 morti. sato difficoltà anche a Wafa, dove
Queste vittime si aggiungono sorge un altro importante campo
alle oltre 60 registrate nei disordi- dell’Eni, e a Sabratha. Da Melli-
ni cominciati giovedì scorso, do- tah, attraverso il gasdotto Green-
po che un tribunale speciale ha stream, passano circa 8 miliardi di
condannato alla pena capitale per metri cubi di gas. E la Libia ga-
crimini di guerra il vicepresidente rantisce il 10 per cento del fabbi-
di Jamaat-e-Islami, Delwar Hos- sogno italiano di gas.
sain Sayedee. Le violenze hanno Gli scontri sono scoppiati saba-
anche causato centinaia di feriti e to tra i miliziani delle brigate di
gravissimi danni alle strutture. Zintan e Zuara, entrambe deside-
Lo sciopero continuerà anche rose di assicurarsi il controllo nel-
per tutta la giornata di oggi, la gestione della sicurezza dell’im-
mentre mercoledì partirà una se-
Combattenti ad Aleppo piangono la morte di un loro compagno (Reuters)
pianto. Il bilancio è di almeno un
conda protesta dello stesso genere
morto e diversi feriti.
indetta dal Partito nazionalista.
Il Governo ha reagito con for-
Le tensioni di ieri sono state par-
DAMASCO, 4. Sono almeno duecento i ribelli e i ma concessa a un giornale occidentale da oltre un britannico, William Hague, non si è fatta attende- za. «La principale minaccia alla
ticolarmente forti nei distretti del
soldati siriani morti in una settimana di violenti anno — arriva dopo che il segretario generale re. Il capo della diplomazia di Londra ha infatti stabilità della Libia è costituita da
nord del Paese (Bogra, Rajshahi,
combattimenti per il controllo dell’accademia di dell’Onu, Ban Ki-moon, e il suo inviato per la Si- definito «delirante» l’intervista di Assad. Alla coloro che si rifiutano di conse-
Joypurhat, Jhenidah, Gazipur e
polizia a Khan Al Assal, nella provincia di Alep- ria, Lakhdar Brahimi, si sono detti pronti a me- Bbc, Hague non ha comunque escluso, per il fu- gnare le armi e le usano per i
Satkhira), dove gruppi di militan-
po. Lo ha reso noto l’Osservatorio siriano per i diare per facilitare il dialogo tra il regime e l’op- turo, la fornitura di armi ai ribelli. propri interessi personali» ha det-
ti del Jamaat-e-Islami e della sua diritti umani. Secondo la stessa fonte, solo ieri le posizione. Assad ha pesantemente attaccato il Go- Con una mossa tesa ad affermare l’autorità del- to il premier libico Ali Zeidan,
organizzazione giovanile, Islami vittime sono state trentaquattro. I ribelli, sosten- verno di Londra, additandolo come «superficiale la Coalizione nazionale, il leader dell’opposizione,
Chhatra Shibir, hanno attaccato lanciando un monito alle milizie,
gono gli attivisti, hanno anche assunto il controllo e immaturo». Assad ha anche chiarito di ritenere Moaz Al Khatib, ha compiuto ieri la prima visita perché si mettano a disposizione
commissariati di polizia e si sono di un carcere nella provincia settentrionale di che la Gran Bretagna non possa fare alcunché per alle zone del nord della Siria in mano ai ribelli.
ripetutamente scontrati con le for- dell’Esecutivo pena lo scioglimen-
Raqqa. risolvere la guerra civile siriana, che, in quasi due Al Khatib, informano fonti giornalistiche, è entra- to. Un’impresa non facile quella
ze dell’ordine in assetto anti som- In un’intervista rilasciata al settimanale britan- anni, ha causato oltre 70.000 vittime: «Non ci to in Siria dalla Turchia, visitando le città di
mossa. Di fronte alla gravità della di mettere un freno alle milizie:
nico «Sunday Times», il presidente siriano Assad aspettiamo che un piromane possa fare il vigile Jarablus e Minbij. Durante il recente summit di
situazione, le autorità bengalesi paradossalmente in Libia tutti
ha rilanciato l’offerta già avanzata nei giorni scor- del fuoco», ha detto, sottolineando che a suo av- Roma dei Paesi amici della Siria, Al Khatib ha
hanno disposto il dispiegamento si: «Possiamo avviare un dialogo con l’opposizio- viso Londra «non gode di alcuna fiducia nel Me- annunciato l’imminente nomina di un Governo hanno armi tranne il Governo,
di reparti dell’esercito. ne, ma non con i terroristi». L’intervista — la pri- dio Oriente». La risposta del ministro degli Esteri provvisorio nelle aree “liberate”. che infatti preme per la fine
dell’embargo dell’Onu. Ma pro-
prio mentre il premier Zeidan
lanciava i suoi avvertimenti in
conferenza stampa, nuovi scontri
La Nato sosterrà l’Afghanistan anche dopo il 2014
Venti estremisti Tra fondamentalisti e truppe francesi sono scoppiati a sud di Tripoli, a
Mizdah, causando un numero im-

Rasmussen a Kabul di Boko Haram Sanguinosa battaglia precisato di morti e feriti.


Intanto, anche in Cirenaica cre-
uccisi sce la tensione: a Bengasi i mili-

rassicura Hamid Karzai in Nigeria nei pressi di Gao ziani jihadisti di Ansar Al Sharia,
ritenuti responsabili dell’assalto
l’11 settembre alla sede del conso-
KABUL, 4. Il segretario generale camminare con le loro gambe» e ABUJA, 4. L’esercito nigeriano ha BAMAKO, 4. Almeno 50 estremisti tra l’altro del rapimento di ostaggi lato statunitense in cui rimase uc-
della Nato, Anders Fogh che «noi saremo ancora qui in fu- dichiarato di aver ucciso 20 mili- islamici del Mujao (Movimento per occidentali nella regione, era stata ciso l’ambasciatore Chris Stevens
Rasmussen, ha assicurato oggi a turo per sostenerle». Riguardo a ziani del gruppo estremista Boko l’unicità e la jihad in Africa occiden- data alcuni giorni fa prima dalla te- e altri tre funzionari americani,
Kabul che l’Alleanza atlantica so- possibili forniture militari, il segre- Haram in uno scontro a fuoco tale), uno dei gruppi armati nel nord levisione algerina e poi dal presiden- hanno circondato la scuola euro-
sterrà l’Afghanistan anche dopo il tario generale della Nato ha detto nello Stato di Borno, nel nord-est del Mali, sono stati uccisi nei violen- te del Ciad, Idriss Deby. pea armi in pugno. L’azione di-
ritiro delle truppe militari delle for- che «certamente ci saranno», ma del Paese. «I terroristi di Boko ti combattimenti in corso da venerdì Nel frattempo, un giovane capora- mostrativa si è risolta senza dan-
ze internazionale di assistenza alla che «prima dobbiamo essere sicuri Haram hanno tentato di attaccare scorso con le forze maliane e france- le di 26 anni è il terzo soldato che la ni, lo staff sta bene ha detto
sicurezza in Afghanistan (Isaf), che che l’esercito afghano sia in grado una caserma nel Borno intorno si vicino a Gao. Lo si apprende da Francia perde nell’operazione Serval
si concluderà nel 2014, ma che «lo all’Ansa una fonte vicina agli in-
di utilizzarle correttamente». alle cinque di mattina» ha dichia- una fonte militare. I combattimenti (gli altri due sono stati un pilota segnanti. Ma è solo l’ultimo epi-
farà con un altro nome». sono proseguiti nel fine settimana a d’elicottero e un paracadutista). Ve-
In una conferenza congiunta con Infine Rasmussen ha incoraggia- rato un portavoce militare, il te- sodio: nella scorsa settimana è
to l’Afghanistan a lottare «con tut- nente colonnello Sagir Musa, in una cinquantina di chilometri a nord terano, nonostante la giovane età
il presidente Hamid Karzai al ter- stata presa d’assalto una chiesa
te le sue forze contro la corruzio- un comunicato. «L’attacco è stato di Gao, e ora «la situazione è sotto (aveva servito in Afghanistan e Ga-
mine di un colloquio nel palazzo copta Il ministero degli Esteri li-
controllo», ha aggiunto la fonte. bon), il soldato è rimasto ucciso in
presidenziale, Rasmussen ha soste- ne». Da parte sua Karzai ha con- respinto e lo scontro ha portato bico ha condannato con fermezza
Gao, la città più grande del nord del un durissimo combattimento quando
nuto che «le forze di sicurezza af- fermato che «con la Nato e con gli alla morte di 20 terroristi di Boko l’assalto condotto da «irresponsa-
Mali, è stata per mesi sotto il con- la sua unità ha dato l’assalto ad una
ghane hanno dimostrato di poter Stati Uniti abbiamo discusso di Haram». bili» elementi armati.
trollo del Mujao prima di esser ri- casamatta tenuta dagli jihadisti.
forniture militari, ma che non ab- Il gruppo, ha spiegato il porta-
conquistata grazie all’offensiva gui- L’obiettivo è stato conquistato, ma il
biamo per il momento raggiunto voce, era composto di uomini ar- data dalle truppe francesi. giovane caporale è rimasto sul terre-
alcuna conclusione». Dopo aver mati di kalashnikov e lancia-gra- Intanto, l’uccisione in Mali di no, così come una quindicina di mi-
sottolineato che il peggioramento nate che si sono lanciati all’attac- Abu Zeid, capo militare di Aqmi (Al liziiani. È accaduto — ha rivelato il
Riunione della situazione in Pakistan «non co del sito militare a bordo di tre Qaeda nel Maghreb islamico) è ministro della Difesa di Parigi, Jean- Sventato
favorisce affatto la stabilità in Af- fuoristrada e otto motociclette. «probabile», ma la Francia non ne Ives Le Drian — sugli altipiani degli
dei governatori ghanistan», il capo dello Stato ha L’organizzazione terroristica — ha la certezza in quanto il corpo Ifoghas, il massiccio roccioso, quasi un colpo di Stato
detto che le elezioni presidenziali fondata da Mohammed Yusuf al- non è stato recuperato. Lo ha affer- al confine con l’Algeria, che per la
dell’Aiea del prossimo anno «saranno corret- la fine del 2001 — è responsabile mato oggi il capo di stato maggiore sua natura si sta dimostrando diffici- nel Benin
te e trasparenti», negando che la di attacchi a chiese cristiane e nel francese l’ammiraglio Edouard lissimo da conquistare, nonostante le
VIENNA, 4. Le delegazioni dei 35 Commissione elettorale indipen- solo 2011 si è macchiato di oltre Guillaud a radio Europe 1. La morte formazioni fondamentaliste islami- PORTO-NOVO, 4. Le autorità del
Paesi membri del Consiglio dente sia sotto la sua influenza, co- 450 omicidi principalmente nel dell’uomo, una figura chiave del che abbiano, negli ultimi giorni, per- Benin hanno annunciato di aver
dell’Agenzia internazionale per me da alcune parti si è suggerito. nord-est del Paese. gruppo jihadista che è responsabile duto decine di uomini . sventato un golpe militare per de-
l’energia atomica (Aiea) si sono porre il presidente Thomas Boni
riuniti oggi a porte chiuse a Yayi. Il procuratore generale,
Vienna con il dossier nucleare Justin Gbenameto, ha riferito che
iraniano al centro del dibattito, sono stati arrestati il colonnello,
dopo i costruttivi colloqui che si
Prove tecniche di sicurezza in Brasile in vista dei mondiali di calcio e delle olimpiadi
Il premier Pamphile Zomahoun, e l’uomo
sono svolti ad Almaty, in d’affari, Johannes Dagnon, re-
Kazakistan, tra la delegazione di Occupate dalla polizia due favelas di Rio neozelandese in visita sponsabili di aver messo a punto
Teheran e il gruppo cinque più
uno (i membri permanenti del
in Messico il piano. Molte altre persone sono
state arrestate a Cotonou «per
Consiglio di sicurezza dell’O nu BRASILIA, 4. Vasta operazione della aver tentato di minare la sicurez-
più la Germania). Nel corso del- polizia brasiliana contro i narcotraf- CITTÀ DEL MESSICO, 4. Il presidente za interna dello Stato» ha detto il
la riunione a Vienna dovrebbe ficanti. Gli agenti, con l’appoggio messicano, Enrique Peña Nieto, rice- procuratore della Repubblica in
essere rieletto per un secondo dell’esercito, hanno infatti occupato verà domani il primo ministro della un comunicato ripreso dalle agen-
mandato il direttore generale ieri le favelas di Caju e di Barreira Nuova Zelanda, John Key, per per- zie di stampa internazionali.
do Vasco, a nord di Rio de Janeiro. fezionare e incrementare il dialogo
dell’Aiea, il giapponese Yukiya «Secondo le prime informazio-
L’operazione si è svolta senza inci- politico ed economico tra i due Pae-
Amano. ni che ho ricevuto, l’obiettivo di
denti. Le forze dell’ordine sono in- si. Lo ha confermato alla stampa il
Nel frattempo, l’Iran ha mes- questo colpo di mano era quello
tervenute in massa: circa 1.400 agen- ministero degli Affari Esteri in un
so in cantiere tremila centrifu- di impedire che il capo dello Sta-
ti di polizia militare e civile, fucilieri comunicato ufficiale, precisando che
ghe di nuova generazione: lo ri- della marina, 17 blindati dell’esercito to raggiungesse Cotonou» dopo
feriscono i media iraniani, citan- la visita di Key — leader del Partito un viaggio in Guinea Equatoriale
e alcuni elicotteri. All’interno delle nazionale, di centrodestra — si inseri-
do il capo dell’Agenzia atomica due favelas, dove vivono circa e «di imporre un regime militare
della Repubblica islamica, sce nell’ambito del quarantesimo an- che avrebbe costretto il presidente
30.000 persone, sono state installate
Fereydoun Abbasi-Davani. Gran niversario dello stabilimento delle re- Boni Yayi all’esilio», ha detto il
Unità della polizia pacificatrice
parte dei nuovi macchinari sarà (Upp). Oltre trenta basi della Upp lazioni diplomatiche tra i due Paesi. procuratore Justin Gbenameto.
installata nell’impianto di Na- sono già state dislocate nelle barac- La missione diplomatica del premier Parlando con i giornalisti, il pro-
tanz. L’annuncio di Teheran copoli di Rio in vista dei campiona- neozelandese — accompagnato da curatore ha anche affermato di es-
conferma l’ammodernamento ti mondiali di calcio del 2014 e delle una folta delegazioni di uomini d’af- sere stato informato degli arresti
del sito prospettato dallo stesso Olimpiadi del 2016. Caju e Barreira fari — è la prima di un capo di Go- nello Stato dell’Africa occidentale
Abbasi il 23 febbraio scorso, do Vasco si trovano nella zona por- verno straniero da quando, il primo venerdì 22 febbraio. «Immediata-
quando aveva parlato di un nu- tuale nei pressi della Linea Verme- dicembre del 2012, Peña Nieto — lea- mente prima, ho costituito una
mero maggiore di centrifughe lha, una delle principali vie di ac- der del Partito rivoluzionario istitu- commissione d’inchiesta per far
da installare oltre alle 180 di cui cesso alla città e per questo conside- zionale — ha assunto l’incarico di luce su questo tentativo di golpe.
era stata data notizia ufficiale. rata strategica dalle autorità carioca. Agenti di polizia nella favela di Caju (La Presse/Ap) presidente della Repubblica. E l’inchiesta è in corso».
pagina 4 L’OSSERVATORE ROMANO lunedì-martedì 4-5 marzo 2013

La libertà religiosa davanti al relativismo laicista

Religione
e spazio pubblico
di JORGE FERNÁNDEZ DÍAZ lo Stato e le confessioni religiose. Non c’è una religione ufficiale e per-
Tali rapporti costituiscono l’applica- tanto lo Stato si dichiara aconfessio-
a Dichiarazione universale zione pratica della libertà religiosa. nale, non “anticonfessionale”. La

L dei diritti dell’uomo, ap-


provata dall’Assemblea
generale dell’Onu il 10 di-
cembre 1948, nel suo arti-
colo 18 proclama che «ogni indivi-
duo ha diritto alla libertà di pensie-
Le relazioni tra lo Stato e le reli-
gioni o confessioni religiose si strut-
turano attorno a diversi modelli a
seconda dei Paesi: così andiamo dal-
lo Stato teocratico, dove il potere
politico e la religione s’identificano,
aconfessionalità non vuole dire laici-
smo né indifferenza, ma neutralità, il
che è diverso. Lo Stato rispetta il
credo e il non credo di tutti. Ebbe-
ne, lo Stato aconfessionale riconosce
come elemento positivo il fatto reli-
gioso e stabilisce rapporti di collabo-
ro, di coscienza e di religione», pre- fino allo Stato ateo, dove la religio-
cisando che «tale diritto include la ne viene proibita e perseguitata. Tra razione o di cooperazione con quelle
libertà di cambiare religione o credo, questi estremi si situano lo Stato lai- confessioni che sono notoriamente
e la libertà di manifestare isolata- co, lo Stato confessionale e lo Stato radicate in Spagna. Nel 1979 lo Sta-
mente o in comune, in pubblico o in aconfessionale. to spagnolo ha firmato quattro ac-
privato, la propria religione o il pro- Nello Stato separazionista o laico cordi di cooperazione con la Santa
prio credo nell’insegnamento, nelle il potere politico non lascia che le Sede e nel 1992 ha sottoscritto patti
pratiche, nel culto e nell’osservanza religioni intervengano nello spazio di cooperazione anche con le istitu-
dei riti». pubblico e si limita a permettere agli zioni rappresentative degli ebrei, dei
La libertà religiosa ha quindi una individui di avere un proprio credo, musulmani e dei protestanti presenti «La predica di san Paolo all’areopago» dell’artista contemporaneo Kennedy Paizs
dimensione personale e un’altra co- purché questo resti circoscritto all’in- in Spagna, che hanno funzionato, in
munitaria. Di conseguenza non esi- timità della loro coscienza. Gli Stati linea generale e a detta delle stesse
laici hanno chiaramente di- confessioni religiose, in modo molto secoli hanno forgiato la nostra civil- stizia — la libertà religiosa, allor- della nostra società, quali sono la
versi gradi d’intensità: la soddisfacente. La Spagna di oggi, di tà. Giovanni Paolo II, il 9 novembre quando la libertà di espressione è un legge naturale, il diritto naturale e i
Francia democratica e tradi- conseguenza, è organizzata giuridi- 1982, a Santiago de Compostela, ri- diritto subordinato alla libertà di co- diritti umani, che non dipendono
Conversaciones zionalmente laica — dove si
rispetta la libertà religiosa
camente come uno Stato aconfessio-
nale. Pretendere quindi di definire lo
fletteva in tal senso nel gridare: «Eu-
ropa: Ritrova te stessa. Sii te stessa.
scienza e alla libertà religiosa: un in- dal fatto che uno sia o meno creden-
dividuo prima pensa, poi si esprime, te e che, proprio per questo, costi-
en el Palacio de España — non è uguale ad altri
Paesi.
Stato spagnolo come uno Stato laico
significa alterare la Costituzione.
Riscopri le tue origini».
Più di recente, il 22 settembre
perché nessuno può esprimere ciò in tuiscono un punto d’incontro tra i
cui non crede o che non pensa in credenti di diverse religioni e i non
Allo stesso modo esisto- Dopo aver presentato il regime 2011, Benedetto XVI, nel suo discorso coscienza; in caso contrario l’indivi- credenti.
Pubblichiamo, in una nostra traduzione, dello Stato aconfessionale in Spa- duo non si starebbe La ragione fornisce anche i princi-
ampi stralci del discorso che il ministro no regimi confessionali —
dove lo Stato contempla gna, vorrei soffermarmi sulle limita- esprimendo liberamen- pi generali del diritto, come «il dare
degli Interni spagnolo ha tenuto il 27
una religione ufficiale — nei zioni — talvolta veri e propri attacchi In Spagna la Costituzione ha plasmato te, ma sarebbe schiavo a ognuno il suo», «l’esercitare i di-
febbraio a Roma, all’ambasciata di Spagna di ciò che gli altri pen- ritti conformemente alle esigenze
presso la Santa Sede nell’ambito del ciclo quali si rispettano la libertà — che sta subendo la libertà religiosa un modello di Stato aconfessionale
religiosa e la democrazia. nel nostro tempo. Infine illustrerò sano per lui. della buona fede», «l’interdizione
di conferenze «Conversaciones en el
Confessionali sono l’angli- che cosa la ragione e la stessa reli- Né laicismo né indifferenza ma neutralità L’intolleranza del dell’abuso di diritto», «la diligenza
Palacio de España». gione possono offrire in difesa della con il riconoscimento dell’importanza “politicamente corret- di un buon padre di famiglia», che
cano Regno Unito, dove la
regina d’Inghilterra è il ca- libertà religiosa. to” e l’anteporre la li- sono comuni agli ordinamenti giuri-
In questa Europa del XXI secolo
della cooperazione bertà di espressione al- dici di tutti i tempi e di tutte le cul-
po della Chiesa, la Dani-
ste libertà religiosa in un Paese se la marca luterana, la Grecia ortodossa viviamo momenti di crisi. Alla terri- con le confessioni radicate nel Paese la libertà religiosa mi- ture.
religione trova spazio solo nella sfera e Malta, dove la religione ufficiale è bile crisi economica e politica dob- nano il diritto alla li- Da parte sua la Chiesa può contri-
privata e nelle coscienze dei cittadini quella cattolica. Sono tutti Paesi biamo aggiungere un’altra crisi più bertà di religione, così buire al recupero dei valori della no-
e non lo trova però nella sfera pub- confessionali e sono tutti Paesi de- profonda, che è alla radice di tutto: di fronte al Reichstag a Berlino, ci come è stata definita, insisto, nella stra società in molti modi: in primo
blica. Parlare di religione e di spazio mocratici membri dell’Unione euro- quella dei valori della civiltà occi- ha indicato quali sono questi valori Dichiarazione universale dei diritti luogo con il decalogo della tradizio-
pubblico significa parlare, in defini- pea. dentale con conseguenze altrettanto “persi” affermando che «la cultura dell’uomo. Benedetto XVI ci ha avvi- ne giudeo-cristiana. E anche con il
tiva, della concretezza dell’esercizio Il modello spagnolo, plasmato tragiche. In molti Paesi che condivi- dell’Europa è nata dall’incontro tra sati dicendo che quando il relativi- principio dell’amore e della carità di
del diritti di libertà religiosa. Ciò sa- nell’articolo 16 della Costituzione dono i valori secolari e cristiani della Gerusalemme, Atene e Roma — smo morale si assolutizza in nome Gesù Cristo, «non fare agli altri ciò
rà più o meno rispettato in base a spagnola del 1978, è quello di Stato civiltà occidentale si è rinunciato alla dall’incontro tra la fede in Dio di della tolleranza, i diritti fondamenta- che non vorresti fosse fatto a te»,
come si struttureranno i rapporti tra aconfessionale con cooperazione. cultura e ai valori che nel corso dei Israele, la ragione filosofica dei Gre- li si relativizzano e si apre la porta al che si riflette nel riconoscimento del-
ci e il pensiero giuridico di Roma. totalitarismo; ha poi precisato che la dignità intrinseca di ogni essere
Questo triplice incontro forma l’inti- nelle questioni fondamentali del di- umano e nelle numerose opere di as-
ma identità dell’Europa (...) difende- ritto, dove a essere in gioco è la di- sistenza sociale della Chiesa, tanto
re i quali [valori] è nostro compito gnità dell’uomo e dell’umanità, il rispettate e ammirate in tutto il
Una mostra al complesso monumentale del Duomo di Siena per l’Anno della fede in questo momento storico». principio della maggioranza non ba- mondo, da tutte le nazioni e da tutte
Benedetto XVI, nel corso del suo sta. le confessioni religiose.
Dalla passione pontificato, ha ripetutamente identi- Nel suo colloquio con Jürgen Ha- La Chiesa può inoltre dare il suo
ficato l’origine della perdita di questi bermas tenutosi all’università cattoli- apporto con la dottrina sociale: prin-
alla resurrezione valori: il relativismo morale, che, co- ca di Monaco il 19 gennaio 2004 sui cipi come il bene comune, la giusti-
me metodo scientifico di pensiero, è «Fondamenti morali pre-
stato però superato dal memorabile politici», l’allora cardina-
L’Opera della Metropolitana
sillogismo di Jean Guitton: «Se tut- le Ratzinger, dopo aver Il cristianesimo e i valori secolari
propone «Resurrexi. Dalla
Passione alla Resurrezione», un
to è relativo, è relativo anche che riconosciuto che esistono della civiltà occidentale
tutto sia relativo», per la qual cosa patologie nella religione
itinerario tra i capolavori del lo stesso relativismo non può inclu- (come il terrorismo fon- contengono il seme
complesso monumentale del
duomo di Siena in occasione
dere l’esistenza di una verità assolu- damentalista), sottolinea- per cambiare e migliorare il mondo
ta. Il relativismo è all’origine dei va che era anche neces-
dell’Anno della fede. Fino al 31 mali che demoliscono i nostri sistemi sario riconoscere che esi- Perciò urge recuperarli
agosto l’esposizione racconterà ai democratici: il mal governo, la cor- stono patologie nella ra- per la politica e per lo spazio pubblico
visitatori, attraverso le miniature ruzione o la sconnessione con il po- gione (come la bomba
che compongono i manoscritti su polo che si rappresenta sono chiare atomica e la reificazione
pergamena, le pitture a fresco e i conseguenze di questo relativismo e dell’uomo); la ragione deve essere zia distributiva, la sussidiarietà, la
dipinti su tavola, gli ultimi di questa perdita di valori. E non consapevole dei propri limiti perché destinazione universale dei beni, la
momenti della vita di Cristo possiamo dimenticare che il relativi- altrimenti può diventare distruttrice centralità della persona umana, il la-
articolati in un suggestivo smo morale è lo stendardo del fon- dell’uomo e del mondo. Per Ratzin- voro come gestione del creato e l’op-
percorso. L’itinerario si sviluppa damentalismo laicista. Il laicismo ger la ragione e la fede, la ragione e zione preferenziale per la carità.
principalmente nella cripta, un esacerbato intende svuotare i due di- la religione, sono chiamate a depu- In conclusione, né il cristianesimo
ambiente interamente affrescato, e ritti fondamentali e basilari dell’esse- rarsi e a redimersi reciprocamente.
né i valori secolari della civiltà occi-
nel Museo dell’Opera, istituito re umano — il diritto alla vita e la li- Ebbene, il mondo occidentale con
nel 1860 per conservare i bertà religiosa — e demolire la fami- il relativismo morale corre il rischio dentale sono un ostacolo alla pace,
capolavori provenienti dalla glia, istituzione naturale anteriore al- di rinunciare ai suoi valori e di per- bensì prevengono e risolvono i con-
cattedrale. Il ciclo figurativo della lo Stato. dere la propria identità, poiché il re- flitti e contengono il seme per cam-
cripta propone episodi dell’Antico Oggigiorno, nel XXI secolo, con la lativismo morale rinuncia non solo biare e migliorare il mondo. Perciò
scusa e il pretesto del “politicamente alla religione ma anche alla ragione. urge recuperarli per la politica e per
e del Nuovo Testamento. Di
particolare rilievo le quattro corretto” e della libertà di espressio- Oggi è quindi più che mai neces- lo spazio pubblico. È in questo con-
grandi scene dipinte sulla parete ne, si denigra e si umilia — a opera sario recuperare e difendere — a par- testo che si deve affermare l’esercizio
Pittore senese, «Deposizione» (fine XIII secolo, Siena, cripta sotto il duomo) di alcuni politici e tribunali di giu- tire dalla ragione — i valori secolari della libertà religiosa.
di fondo con la crocifissione, la
deposizione dalla croce, la
deposizione nel sepolcro e la
resurrezione dei morti, realizzate
da un gruppo di artisti senesi L’India dei Moghul in mostra alla British Library
della seconda metà del XIII secolo.
Nelle sale attigue sono esposti
alcuni codici miniati provenienti
dalla cattedrale e appartenenti alla
Tra le carte della coltissima Gulbadan
liturgia pasquale dove nell’incipit
latino dell’antifona d’ingresso di ISABELLA FARINELLI Gulbadan fu una delle numerose principesse reali
che, pur vivendo in un mondo dominato da uomini,
della messa di Pasqua — Resurrexi,
A Londra la British Library espone fino al 3 aprile svolse ruoli importanti nella vita politica e culturale.
et adhuc tecum sum. Alleluia — il
manoscritti, stampe, dipinti e oggetti relativi all’inte- Nata a Kabul molti anni prima che Babur si stabilis-
Cristo si identifica e si fa
ra dinastia Moghul o Mughal (le varianti onomasti- se in India, lo seguì là nel 1529 quando egli fissò la
riconoscere, appunto, nella sua
che e grafiche rivelano l’ascendenza pluriculturale propria corte ad Agra. Aveva solo otto anni nel 1530
nuova condizione di Risorto.
che questi sovrani, specialmente i più illuminati, vis- quando Babur morì e gli successe il figlio Humayun.
Uscendo dalla cripta, e
sero come un valore). La mostra, intitolata «Mughal Nel 1540, ormai sposata, tornò a Kabul mentre Hu-
attraversando l’antico portale
India: Art, Culture and Empire», curata dalla giova- mayun lottava per ristabilire il potere in India.
gotico del Duomo Nuovo, si
ne studiosa Malini Roy, illumina l’evoluzione territo- Qualche tempo dopo il 1553 (la data in cui Or.166
giunge al Museo dell’Opera, dove
si interrompe) tornò in India e, come apprendiamo
è possibile ammirare le Storie della riale e artistica dell’impero dal XVI al XX secolo e get-
passione dipinte da Duccio di dal Libro di Akbar di Abu’l-Fazl, partì per il pellegri-
ta ulteriore luce sulla vita quotidiana e sulla produ-
Buoninsegna sul retro della naggio a La Mecca nel 1575, per far ritorno più di sei
zione e le interazioni culturali, ancora poco note,
grande pala d’altare con la Maestà anni dopo, incontrando varie vicissitudini fra cui un
con “l’occidente”.
realizzata per il Duomo di Siena naufragio. Morì nel febbraio 1603, ultraottantenne.
Oltre a manoscritti di recente scoperta e acquisi-
tra il 1308 e il 1311. La scena con zione, la British Library riscopre e valorizza per l’oc- Era, a differenza del marito, coltissima; sapeva legge-
l’entrata di Cristo a Gerusalemme, casione le sue Central and South Asian collections. re e scrivere in turco Chaghatai e persiano; possede-
dà l’avvio al racconto. Alla Ne è esempio l’opera della principessa Gulbadan va una propria biblioteca. Quando Akbar commissio-
passione seguono 25 episodi, dalla (1523-1603), figlia di Babur (il fondatore della dina- nò ad Abu’l-Fazl il suo enciclopedico memoriale,
lavanda dei piedi, alla cattura, stia Moghul) e sorellastra di Humayun (padre di Gulbadan fu una delle principali fonti: ad alcuni epi-
dalla deposizione dalla Croce alla Akbar), di cui il manoscritto Or. 166 Avāl-i Humāyūn sodi aveva assistito direttamente, altre testimonianze
scena della Resurrezione, dove il Pādshāh («La vita di Re Humayun») è di fatto il so- le venivano dalla familiarità con la madre di Akbar,
Cristo viene solamente evocato. lo testimone noto. Probabilmente esemplato a inizio Hamīda, altra importante figura della corte. Il mano-
La scena infatti vede raffigurate le XVII secolo sull’originale redatto dalla principessa, il scritto di Gulbadan contiene brani toccanti, come il
tre Marie che giunte al sepolcro manoscritto si presenta mutilo, chiudendo brusca- racconto di una passeggiata canora sotto la luna con
troveranno ad accoglierle l’angelo mente con il 1553. Fu acquistato dal colonnello colle- altre dame e la preghiera di Babur che, durante una
che annuncia loro il grande zionista George William Hamilton (1807-1868), che malattia di Humayun, offre a Dio la propria vita in
evento. prestò servizio in India dal 1823 al 1867. cambio di quella del figlio. Immagine dal «Libro di Akbar»: una delle dame è certamente Gulbadan
lunedì-martedì 4-5 marzo 2013 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 5

Il teologo Javier Prades ripercorre il pontificato di Joseph Ratzinger Dossier su Benedetto XVI di «Our Sunday Visitor»

Coerente Cinque
penne cattoliche
dall’inizio alla fine a confronto
di DAVIDE PERILLO Quali sono i momenti nei quali è
emersa con più chiarezza questa cen- Catholic writers reflect on Pope Eme- servo fedele di Gesù», «un soldato
L’inizio e la fine. Certo, si spec- tralità? ritus Benedict XVI: a cinque voci — nella verità di Cristo, anche quando
chiano già a prima vista. Difficile Il Pontificato è ricchissimo di quattro donne e un uomo — l’«O ur veniva odiato e frainteso».
non vedere nell’umiltà con cui ha questa consapevolezza. Le esorta- Sunday Visitor» sul suo sito inter- Gli ultimi due contributi si sof-
rinunciato al Soglio pontificio lo zioni Sacramentum caritatis e Ver- net ha affidato il compito di riflet- fermano invece su aspetti precipui
stesso tratto con cui Benedetto XVI bum Domini di fatto sono un canto tere sull’eredità lasciata dal pontifi- del pontificato di Benedetto XVI. Il
si era presentato al popolo di Dio, a Cristo, Verbo incarnato, reso cato di Papa Ratzinger. primo, di Hosffman Ospino (A
il 19 aprile di otto anni fa: «Dopo presente agli uomini nell’Eucaristia Apre Hallie Lord (Loving compa- theologian at service to the Church),
il grande Papa Giovanni Paolo II, i e nella Parola di Dio. Fino ad nionship of a spiritual father), saggi- riflette sul Papa teologo capace di
signori cardinali hanno eletto me, arrivare alle catechesi dell’Anno sta convertitasi al cattolicesimo da approfondire le radici della Chiesa
un semplice e umile lavoratore nel- della fede. Ma questo primato, nei poco più di un decennio, che si ri- in tutte le ramificazioni e manifesta-
la vigna del Signore». Ma ora che suoi testi, è una costante. Questa ferisce a Benedetto XVI come una zioni onde restituirle ai credenti di
il lavoro si conclude, ed è tempo sensibilità si è espressa anche in sorta di nocchiere spirituale: «La oggi, facendole davvero fruttificare.
di bilanci, si capisce che c’è qual- certi gesti educativi, le giornate cosa più importante che il Papa mi María de Lourdes Ruiz Scaper-
cosa di più nel legame che unisce della gioventù per esempio. Sono ha dato — scrive Lord — è stata, landa, infine, saluta «il Papa che ha
quei due gesti. «C’è una testimo- momenti rivolti al mondo intero, semplicemente, la sua vicinanza twittato». Che un Pontefice ottan-
nianza che abbraccia tutto il resto in cui il Papa ha orientato lo piena d’amore mentre navigavo nel tacinquenne, nato nell’anno in cui
— dice Javier Prades, 52 anni, teo- sguardo di tutti verso l’essenziale: mondo per me nuovo del cattolice- fu fatta la prima telefonata transa-
logo e rettore dell’università San Cristo. simo». lantica via radio da New York a
Dámaso di Madrid — in come il Parte dal dato autobiografico an- Londra, abbia aggiunto ai suoi tan-
cardinale Ratzinger aveva accettato Man mano è diventato sempre più che Mary DeTurris Poust (Powerful ti titoli anche “@pontifex”, è
la carica c’era già, in nuce, il cuore evidente che parte essenziale del ma- lesson in humility), autrice di sei libri un’apertura a cui dobbiamo dire
di quello che è venuto dopo: la gistero di Benedetto XVI era la sua sulla spiritualità cattolica. Scoppia- profondamente «grazie».
prima iniziativa è di Dio, non no- testimonianza personale. In qualche ta in lacrime alla notizia
stra. Benedetto XVI lo ha mostrato modo ha mostrato anche con la vita delle dimissioni, nel ri-
a tutti con grande chiarezza. È un la verità di ciò che indicava nell’inse- Il primo saluto di Papa Benedetto XVI dalla Loggia della benedizione (19 aprile 2005) spondere al figlio adole-
uomo libero. E lo si è visto bene, gnamento: il momento della rinuncia, scente su cosa la sconvol-
in questi anni». in questo senso, è stato imponente, ga tanto, DeTurris Poust
ma anche occasioni come la Gmg di e le riflessioni che gli vengono pro- proprio perché intimamente legato
realizza quanto Ratzinger
Quali sono stati i tratti salienti di Madrid, o l’atteggiamento davanti poste. alle domande ultime della ragione.
abbia segnato il suo cam-
questo Pontificato? alle vittime della pedofilia. Quanto è Per questo non è un impeto senti- mino. «Se Giovanni Pao-
stato importante questo aspetto? Quanto ha inciso davvero il magiste- mentale: ha a che fare con la piena
Subito, addirittura a ridosso lo II aveva catturato il
Quanto il Papa ci ha aiutato a capi- ro di Benedetto XVI sulla Chiesa e intelligenza del reale, e non solo
dell’elezione, nella messa Pro eli- mio entusiasmo giovanile,
re che il cristianesimo è anzitutto sul mondo? con l’inclinazione o la pulsione.
gendo Pontifice, Ratzinger aveva già Benedetto XVI ha invece
disegnato una comprensione pro- Profondamente, anche se c’è an- puntellato la mia fede
cora molto da assimilare nella vita Accanto al richiamo a «uscire dal adulta». L’eredità più for-
fonda del mistero della vita cristia- bunker» e «allargare la ragione» c’è
na e dei bisogni della Chiesa. È della Chiesa. Questo Papa si è te che ci lascia, conclude,
esposto, sia ad intra che ad extra. stata pure un’insistenza continua sul- «è il modo in cui ha vis-
quello che ha detto dopo, nella
prima omelia da Papa: non ripone
Su «Tracce» Dovunque si è messo davanti a la «gioia e la bellezza» dell’essere
cristiani. Una «convenienza umana»
suto le parole di san Pao-
tutti, ha ottenuto di fatto l’allarga- lo: “Quando sono debole,
la sua speranza nei programmi, ma
nella volontà di rispettare l’iniziati-
di marzo mento della ragione: chi ascoltava totale, insomma. Anche qui, che novi- è allora che sono forte”».
e si paragonava, scopriva domande tà ha portato il suo magistero? Soldiering on in truth è
va del Mistero. La conseguenza è
Nel numero di marzo di e poteva accogliere le evidenze del- Penso agli incontri con gli arti- quindi il titolo del contri-
stata una novità di vita che ha por-
«Tracce» la rivista la ragione e la certezza della fede. buto di Elizabeth Scalia,
tato a creare una realtà inaspettata. sti. O alle sue parole alla Scala.
internazionale di Comunione C’è ancora una lunga strada per che punta il dito contro
Ecco, questa preminenza del Mi- Ma teniamo solo un esempio che
e Liberazione ampio spazio far passare nel tessuto ecclesiale la stampa e molti cattolici
stero è sicuramente uno degli assi ho visto da vicino: la sua interpre-
viene dedicato alla rinuncia questo atteggiamento. Pensiamo al- americani che hanno giu-
portanti. Ma ce ne sono altri. tazione della Sagrada Família, a dicato Beendetto XVI, il
di Benedetto XVI e a la sua preoccupazione sulla vera
Barcellona. In quell’occasione il suo pontificato e le sue
un’analisi del suo pontificato. interpretazione del concilio Vatica-
Quali? Papa ha fatto una catechesi sulla dimissioni senza averlo
Anticipiamo stralci di no II. Benedetto XVI lega l’inter-
Per esempio, la strenua difesa un’intervista a Javier Prades, pretazione a questa intelligenza bellezza che indica ancora una vol- davvero letto, conosciuto
della ragione umana. Si vede bene rettore dell’università San profonda della tradizione cristiana, ta una sensibilità imprescindibile e capito. «I cattolici ame-
nell’intervento a Regensburg, dove Dámaso di Madrid. che è sempre in grado di riformarsi per il cristianesimo in Europa: nel ricani — scrive la notissi-
nella continuità del cammino dell’uomo, Dio emerge ma blogger — hanno
soggetto-Chiesa. An- come la fonte di questa bellezza, l’abitudine di conoscere
che su questo dovre- così come lo è del bene e della ve- la Chiesa solo attraverso
rità. Il fascino che genera un’attrat- quello che la stampa scri- Marko Ivan Rupnik
mo riflettere molto.
tiva resta il fattore iniziale della co- ve di lei». Ignorando così «San Pietro lascia la barca e le reti per seguire Gesù»
municazione della fede. che Ratzinger «è stato un (2004, Parigi, cappella della Nunziatura Apostolica)
E fuori dalla Chiesa?
Pensiamo alla visita
in Inghilterra. In una
società che poteva
avere tutti i pregiudizi Vaticanisti e non alle prese con i “papabili”
possibili verso il Papa
di Roma, lui riesce a
generare un atteggia-
mento che David Ca-
L’insostenibile leggerezza
meron, il premier, ha
sintetizzato bene:
«Ha sfidato l’intero
del pronostico
Paese a sedersi e pen- dire tutto e il contrario di tutto: dal scrivendo l’ipotesi Ratzinger come
sare». E potremmo di- di SILVIA GUIDI
«vogliamo un Papa trendy, un Pa- «più simbolica che reale».
re qualcosa di simile Il pronostico pre-conclave è un ge- pa Amélie Poulain, che porti gran- Un altro errore di prospettiva
anche per le visite in nere letterario sui generis in cui di croci da rapper» — sic, frasi trat- molto diffuso è quello che potrem-
Francia, all’Onu, nella spesso — tranne rare, luminose ec- te da un blog che si legge sul sito mo definire il fascino dello slogan,
Repubblica Ceca. O cezioni — l’interesse dell’argomento di «Le Monde» — al cabaret ono- e cioè l’abitudine di ripetere frasi
per l’impatto delle è inversamente proporzionale alla mastico, violentemente anticlericale fatte senza verificarne la storicità.
Gmg. conoscenza del tema di cui si sta ma non privo di cultura e allegria «Chi entra Papa esce cardinale»,
parlando. Un genere letterario ano- “patafisica”, del comico svizzero per esempio, è un luogo comune
Lei c’era a Madrid? malo sotto ogni profilo, in cui ogni Daniel Rausis, l’inventore del gene- smentito più volte nel Novecento,
tanto i ruoli si invertono e l’uomo re dei Papocryphes, nomi papali to- ha opportunamente ricordato al-
Sì, e anche lì ho vi-
della strada — il John Doe o il si- talmente immaginari. l’inizio della sede vacante John Al-
Papa Benedetto XVI al termine del concistoro dello scorso 11 febbraio sto superare uno ste-
gnor Rossi, beninteso con un mini- Nel 2005, autodefinitosi esperto len. Infatti, nel 1939 fu eletto il fa-
durante il quale ha dato l’annuncio della sua rinuncia al Pontificato reotipo: «È un Papa mo di conoscenza dell’argomento,
anziano, che non sa di pontifictionnologie (sì, proprio co- vorito, Eugenio Pacelli, e così nel
che sta sfogliando un articolo al sì) il comico si offriva di dare una 1963 Giovanni Battista Montini,
incontrare i giovani». bar o leggendo un instant-book in
emerge quell’affermazione paradig- qualcosa che accade e si conosce per Invece si è visto un Pontefice che mano al nuovo successore di Pietro mentre nel 1978 l’elezione di Albino
libreria — si rende conto con stupo- per la scelta del nome, comme spé- Luciani fu prevista, tra gli altri, an-
matica: ciò che va contro la ragio- testimonianza? ha fatto dei gesti essenziali, centra- re di essere a volte più competente
ne va contro la natura di Dio. La ti tutti sui misteri nucleari della fe- cialiste mondial de la question, consi- che da «Time», «L’Espresso» e
È decisivo. Nei suoi confronti del giornalista o del saggista di tur-
rivendicazione dell’ampiezza della de: l’Eucaristia, la Croce, l’annun- gliandogli gli appellativi più surrea- «Le Monde». Perfino l’imprevedi-
c’era — e per tanti versi permane — li. Fa impressione rileggere le sue bile Karol Wojtyła — il cui nome
ragione è diventata una costante cio di Gesù a tutti, la carità. E che,
un cliché: «È un Papa teologo, un parole a qualche anno di distanza, era comparso come probabile Papa
del Pontificato. Basta pensare an-
professore». È vero. È un grandis-
così facendo, non solo ha trascina- Dall’11 febbraio i nomi
che al discorso non pronunciato al- to una folla come non si era mai ora che il suo commento più sottil- non italiano sulla rivista «Panora-
la Sapienza, quando gli impediro-
simo teologo e professore, ma lo è
vista a Madrid, ma ha ottenuto dai che vengono “anticipati” sono saliti mente perfido e più citato in rete — ma» un anno e mezzo prima
in forza della sua capacità testimo-
no di intervenire, o all’immagine
niale. È un testimone di Cristo.
ragazzi una serietà e una profondi- da 23 a ben 47 «l’unico atto libero e imprevedibile dell’elezione — era stato indicato
del bunker usata davanti al Bunde- tà che a volte neanche loro ricono- di un Papa è la scelta del nome» — esplicitamente come futuro Pontefi-
Nel libro su Gesù di Nazaret ci scono a se stessi.
Così molti potranno dire ai nipoti è stato così clamorosamente smenti- ce, sulla base di una previsione con
stag tedesco, nel 2011. E più a
consegna una sua riflessione essen- «Io l’avevo previsto» to lo scorso 11 febbraio. ogni evidenza attendibile, dal bra-
monte c’è l’affermazione dei tratti
ziale, quasi una sorta di testamento C’è un elemento potente di quei gior- They really don’t know much more vissimo sacerdote e vaticanista spa-
essenziali della fede cristiana, della
dottrinale. E la inizia dicendo che ni, che ritroviamo in altri momenti o about the Conclave than the rest of us gnolo José Luis Martín D escalzo,
sua specificità: la risposta dell’uo-
si sottopone alla libera discussione, nelle stesse catechesi di quest’Anno no, perché ha più familiarità con (“In realtà loro del conclave non sul settimanale «Blanco y Negro».
mo all’iniziativa di Dio nella storia
perché questo libro non è un gesto della fede: Benedetto XVI valorizza categorie di pensiero non di rado sanno molto più di noi”) taglia cor- E con lui concordava Silvano
è il riconoscimento di un avveni- totalmente estranee alla mentalità e
magisteriale in senso proprio. Ec- molto l’aspetto affettivo, il desiderio, to con laconico pragmatismo un Stracca, l’indimenticato vaticanista
mento. In questo senso, le prime al sistema dei valori di riferimento
co, a mio parere in quel gesto for- ma lo fa sottolineandone sempre il le- editoriale apparso sul blog Rorate di «Avvenire».
righe della Deus caritas est, la sua dell’autore del testo.
za testimoniale e contenuto coinci- game intrinseco con la ragione, l’uni- Coeli, descrivendo il difficile lavoro Nell’impossibilità di fare nomi
prima enciclica, sono decisive. Quando chi scrive è consapevole
dono. Il libro comunica in maniera tà dell’io. Quanto è stata importante del vaticanista — anche se di lungo con cognizione di causa, c’è infine
«All’inizio dell’essere cristiano non — e non è sempre ovvio che questa
molto forte il fatto che la fede in questa «ricentratura»? E come aiuta corso e non sprovveduto — in atte- chi punta comodamente sull’effetto
c’è una decisione etica o una gran- consapevolezza ci sia — di descrive-
Cristo è il punto di partenza e di a sottrarre la fede al terreno del sen- sa di conclave. Col senno di poi, accumulo, come accade da quando
de idea, bensì l’incontro con un re un mondo di cui gli sfuggono le
destinazione dell’intera esistenza, e timentalismo? l’elenco degli sfondoni è inesorabil- Benedetto XVI ha dichiarato la sua
avvenimento, con una Persona, che dinamiche e di cui non capisce le
ne presenta le ragioni per una di- mente molto lungo. Basti citare so- rinuncia al pontificato. Così Luis
dà alla vita un nuovo orizzonte e Nelle encicliche affezione e desi- finalità, gli esiti possono essere i
scussione aperta. lo due esempi contenuti nell’edito- Badilla Morales, collaboratore della
con ciò la direzione decisiva». Per derio sono un fattore portante: ra- più diversi. Qualcosa si deve pur
Benedetto XVI è il riconoscimento gione e libertà sono tenuti come scrivere, la pagina bianca incombe riale di Rorate Coeli: nella lista dei Radio Vaticana e attento osservato-
È stato veramente un «umile operaio papabili che otto anni fa allestì un re che da anni naviga in rete, ha
di Cristo che consente di spiegare un valore, come un bene. Già nella minacciosa dallo schermo del pc in
nella vigna del Signore», quindi. preparatissimo e peraltro autorevole notato con arguzia che dall’11 feb-
gli altri elementi: la sovranità di Deus caritas est Benedetto XVI fa redazione, e allora, sull’onda del-
Dio e la dignità dell’uomo. Questo In Benedetto XVI le parole e i un percorso che parte dalla dina- l’insostenibile leggerezza del non- giornalista non italiano — ben venti braio scorso i nomi dei “papabili”
Papa non arriva a Cristo dopo, co- gesti si accompagnano. Anche mica dell’eros, e quindi del deside- conoscere, parafrasando Kundera, nomi di cardinali provenienti da da 23 sono saliti a 47, anche se i
me derivazione: è partendo da Lui quando ci sono state fatiche non rio affettivo, senza contrapporlo ecco arrivare commenti casuali, de- tutto il mondo — era assente pro- più ricorrenti sono “solo” una doz-
che coglie questa dimensione in- piccole, o addirittura difficoltà all’agape, alla carità. Sono testi di siderata personali travestiti da noti- prio il porporato che poi sarebbe zina. E non sono pochi i colleghi
condizionata di Dio, non subordi- molto gravi, se n’è fatto carico in una ricchezza eccezionale. Ma an- zie e parole completamente prive di diventato Benedetto XVI, mentre un che si premurano appunto di infar-
nata a niente, come sorgente della prima persona. Se da una parte che nel messaggio indirizzato al peso specifico. altrettanto autorevole collega italia- cire di nomi le loro liste personali.
dignità dell’uomo. Dio è sempre corregge e giudica, offrendone le Meeting 2012 c’è una valorizzazio- Il vaticinio sul nome del nuovo no, peraltro rapidamente ravvedu- In questo modo potranno dire ai
prima. ragioni, dall’altra accetta il dialogo ne della dinamica del desiderio Papa diventa allora un pretesto per tosi, concordava nella sostanza, de- nipoti: «Io l’avevo previsto».
pagina 6 L’OSSERVATORE ROMANO lunedì-martedì 4-5 marzo 2013

La testimonianza del Patriarca ortodosso russo Cirillo La visita a Mosca del Patriarca maronita Boutros Raï

Rispetto e amore fraterno Per i cristiani


per il Papa emerito del Medio Oriente
ROMA, 4. L’ondata di emozione se- del Dipartimento per le relazioni pontefice «mantenga lo stesso atteg- MOSCA, 4. I cristiani sarebbero i
guita alla rinuncia di Benedetto XVI esterne del Patriarcato, il quale, in giamento amichevole verso la Chie- primi a subire le conseguenze disa-
al pontificato sembra non arrestarsi un’intervista rilasciata alla televisio- sa ortodossa» avuto da Benedetto strose di un eventuale nuovo con-
e continuano ad arrivare testimo- ne statale russa «Vesti 24», ha XVI nel corso di tutto il suo pontifi- flitto in Medio Oriente. È l’allarme
nianze di stima e affetto nei con- espresso la speranza che il prossimo cato. lanciato dal cardinale Patriarca di
fronti del Papa emerito da parte di Antiochia dei Maroniti, Béchara
molti leader religiosi. In questi gior- Boutros Raï, durante la sua visita
ni «molto particolari per voi — scri- compiuta nei giorni scorsi a Mosca
ve il primate della Chiesa ortodossa su invito della Chiesa ortodossa rus-
russa, Cirillo, in un messaggio indi-
rizzato al Papa emerito — vorrei
Ha dato nuovo impulso sa. «Ci sono forze in Medio Orien-
te che sono interessate ad alimentare
esprimervi i miei sentimenti di ri-
spetto e di amore fraterno in Cristo.
al dialogo tra le fedi lo scontro tra sunniti e sciiti, tra
musulmani moderati e radicali. I
La vostra decisione di lasciare la Una preghiera per Benedetto XVI è Anche il Dalai Lama ha manife- cristiani non sono coinvolti in que-
cattedra dei vescovi di Roma, che giunta dalla tre giorni di conferen- stato «tristezza» per la rinuncia di sto conflitto, ma potrebbero diven-
avete annunciato con umiltà e sem- ze islamo-cristiana tenuta dal 27 Benedetto XVI al pontificato, ag- tare le prime vittime», ha detto il
plicità l’11 febbraio scorso, ha trova- febbraio al 1° marzo a Giacarta, in giungendo — riferisce l’Ansa — che porporato ai microfoni della radio
to un’eco vibrante nel cuore di mi- Indonesia. All’evento, promosso si è trattato forse di una «scelta «Voice of Russia». Al centro dei
lioni di cattolici. Noi ci siamo sem- dalla Conferenza degli studiosi realistica» presa «per dare in qual- colloqui di Mosca, appunto, il tema
pre sentiti vicini alla vostra posizio- che modo maggior beneficio ai cri- della situazione dei cristiani in Me-
islamici e dall’episcopato locale as-
ne coerente, caratterizzata dall’as- stiani». Ricevendo una laurea ad dio Oriente, alla luce del prolungar-
sieme alla Federazione delle confe-
senza di compromessi nelle questio- honorem in filosofia a Shapur, non si del conflitto in Siria.
renze dei vescovi asiatici e alla
ni della fede e dalla fedeltà incrolla- lontano dal suo quartier generale Il primo impegno nella capitale
Conferenza dei cristiani dell’Asia,
bile nella tradizione vivente della di Dharmashala, il leader spirituale Mosca del patriarca maronita è stato
hanno partecipato esperti e leader
Chiesa. In un’epoca dove l’ideolo- dei tibetani ha parlato del Papa quello con la comunità locale liba-
gia del “tutto è permesso” e del re- religiosi provenienti da tutto il nese nella chiesa di San Marone, a
continente. A nome dell’assemblea, emerito come di una persona
lativismo morale cerca di sradicare «molto intelligente», aggiungendo cui è stato fatto dono di una reli-
dal cuore degli uomini i valori etici, il vescovo di Timika, monsignor quia del santo titolare e dove è stata
John Philip Saklil, ha rivolto un che pregherà per lui «affinché la sottolineato l’importanza storica di per discutere una serie di argomenti
avete coraggiosamente alzato la vo- parte restante della sua vita sia celebrata una liturgia. Successiva-
ce per difendere gli ideali del Van- pensiero speciale a Benedetto XVI mente si è tenuto l’incontro con il una visita, che arriva molti anni do- che sono all’ordine del giorno».
molto utile e ricca di benefici per
gelo, l’insigne dignità dell’uomo e la invitando i partecipanti a pregare metropolita Hilarion, capo del di- po quella compiuta nel 1987 dal car- Da parte sua, il porporato ricor-
tutti».
sua vocazione alla libertà rispetto al per il Papa emerito nei primi gior- partimento per le relazioni esterne dinale Nasrallah Pierre Sfeir. «In dando la visita compiuta da Cirillo
Il Comitato buddhista cristiano
peccato». Il Patriarca di Mosca ri- ni del suo ritiro a Castel Gandolfo, del Patriarcato di Mosca. Poi un questi 25 anni entrambe le Chiese alla sede patriarcale della Chiesa
ha invece inviato un messaggio nel
corda con affetto gli incontri avuti in attesa dell’elezione del nuovo quale esprime «profonda gratitudi- colloquio con il Patriarca Cirillo, il hanno percorso una lunga strada, maronita a Bkerké, il 5 novembre
con il cardinale Ratzinger. Allo stes- successore di Pietro. ne per ciò che ella ha fatto nel so- quale si era, a sua volta, recato in molto è cambiato nel mondo, com- 2011, ha detto: «Conserviamo nel
so modo, il primate ortodosso ricor- Non mancano nuovi interventi stenere e promuovere l’incontro e Libano nel novembre 2011. In preso il Medio Oriente. La vostra cuore il suo discorso, nel quale ha
da che, durante il pontificato, «le anche da parte musulmana. il proficuo dialogo tra uomini e quell’occasione il leader ortodosso Chiesa occupa un posto speciale espresso profonda preoccupazione
relazioni fra le nostre Chiese, le L’imam Kamel Layachi, in rappre- donne di fedi diverse». Viene ri- aveva fatto visita alla comunità cat- nella Chiesa cattolica, perché si col- per la sorte dei cristiani in Libano,
quali hanno la grande responsabilità sentanza del Consiglio delle rela- cordato il grande incontro di Assi- tolica maronita. «Siamo lieti della loca all’interno della tradizione teo- Siria e Medio Oriente, così come il
di testimoniare al mondo Cristo cro- zioni islamiche italiane, osserva si nel 2011, che ha trovato in Bene- vostra visita in Russia alla Chiesa logica e della devozione di Antio- timore che ai cristiani non venga
cifisso e risuscitato, hanno conosciu- che «il Papa con questo gesto co- detto XVI «la capacità di dare nuo- ortodossa», ha detto Cirillo rivol- chia. Questo ci permette di scam- data la possibilità di rimanere nella
to un impulso positivo. Spero che i raggioso ci lascia un grande inse- vo impulso» e di «rinnovare, que- gendosi al Patriarca maronita, affer- biare efficacemente opinioni su que- loro terra e di avere il loro giusto
buoni e fiduciosi rapporti che, gra- gnamento: l’ultima istanza non è sta volta anche con dei non cre- mando di custodire «nel mio cuore» stioni teologiche, comprese le que- posto nella vita pubblica». E, a pro-
zie a voi, si sono stabiliti fra orto- l’uomo ma Dio ed è solo a lui che denti ma sinceramente in ricerca il ricordo dell’incontro avuto in pre- stioni del dialogo cattolico-ortodos- posito della situazione dei cristiani,
dossi e cattolici continueranno a svi- bisogna aggrapparsi. La riscoperta della verità, la propria missione cedenza in Libano, nel corso del so». Cirillo ha poi espresso la spe- ha aggiunto: «Noi non vogliamo es-
lupparsi sotto il vostro successore». della fede e della preghiera è l’uni- nella promozione del vero bene quale già furono esaminate le que- ranza che la visita del Patriarca ma- sere chiamati minoranze, poiché la
Auspicio che era stato condiviso co rimedio a questi momenti di in- dell’umanità e nella costruzione stioni relative alla presenza cristiana ronita alla Chiesa ortodossa russa nostra presenza risale a duemila an-
dal metropolita Hilarion, presidente certezza e di disorientamento». della pace». in Medio Oriente. Cirillo ha poi possa fornire «nuove opportunità ni fa».

Il beato padre Jerzy Popiełuszko nel racconto dell’anziana madre Marianna

Se muoio non piangete per me


di WŁODZIMIERZ RĘDZIO CH paradiso» (in polacco questi versi dormire, si pregava in ginocchio. pevo che Dio aveva un piano e
fanno rima). Per incontrare questa Inoltre, nella nostra casa avevamo avrebbe vegliato su di lui.
Marianna ha gli occhi stanchi: dei anziana donna, la madre del beato un altarino dove pregava tutta la fa-
suoi 92 anni; degli oltre 70 anni di padre Jerzy Popiełuszko, bisogna miglia. Tre volte la settimana cucina- Nei tempi dello stato di guerra, padre
duro lavoro in campagna e in casa. andare in un remoto angolo della vo i pasti senza carne, perché l’uomo Jerzy era diventato famoso per le cosid-
E delle lacrime versate per i suoi Polonia, vicino alla frontiera con la già da bambino deve sapere che nel- dette “Messe per la Patria”. Lei parte-
morti: durante la seconda guerra Lituania, a circa 200 chilometri da la vita c’è bisogno di sacrificio e che cipava a queste celebrazioni?
mondiale i russi uccisero il più pic- Varsavia. Marianna Gniedziejko — non tutto va secondo i suoi desideri
colo dei suoi fratelli; nel 1953 morì Le messe per la Patria cominciò a
questo il suo cognome da nubile — è o capricci. Jerzy cresceva in tale at-
tra le sue braccia la figlioletta Edvi- organizzarle il parroco, padre Bo-
nata lì, nel 1920, a Grodzisko, un mosfera. Andava a confessarsi e face-
ge di due anni; nel 1984 i servizi se- gucki. Invece padre Jerzy si mise a
piccolo villaggio della sconfinata va la santa Comunione; pregava an-
greti del regime comunista polacco celebrarle dal 17 gennaio 1982. Alle
pianura del centro dell’Europa (i che da solo. Più tardi divenne un
fecero morire suo figlio sacerdote. messe partecipava moltissima gente
cartografi hanno calcolato che pro- chierichetto. Tutti i giorni si alzava
Negli occhi di questa donna minuta presto per arrivare in chiesa per le che la chiesa non poteva contenere,
prio qui si trova il centro geografico allora migliaia di fedeli stavano fuori
e apparentemente fragile, non c’è del continente). sette e doveva fare cinque chilometri
però disperazione. Questa semplice a piedi attraverso il bosco per arriva- in piedi. Normalmente ascoltavo le
contadina ha vissuto come se avesse re a Suchowola. Non importava se sue messe per la Patria alla radio
Come è nata in suo figlio la vocazione «Free Europe»: mi emozionavo sen-
preso per motto una filastrocca im- al sacerdozio? pioveva, nevicava e c’era il gelo. E
parata dall’infanzia: «Amare la gen- così è stato dalla prima classe della tendo le parole di mio figlio alla ra-
te, amare Dio: ecco la strada dritta Siamo una famiglia molto religio- scuola elementare fino all’ultimo an- dio. Ma, prima di tutto, ero conten-
per il paradiso. Ama con il cuore e sa. Da noi ogni mattina, dopo il ri- no del liceo. ta di quelle messe perché sapevo che
con le opere: sarai con gli angeli nel sveglio, e la sera, prima di andare a grazie a esse tante persone si conver-
Ai tempi del regime comunista lo zelo tivano.
religioso dei bambini non doveva essere
ben visto... Padre Jerzy è stato spiato e perseguita-
to in vari modi. Perché il regime comu-
È vero. Una volta una delle inse- costringerli ad abbandonare il semi- guida spirituale, ma anche un confi- nista ce l’aveva così tanto con suo fi-
gnanti mi ha chiamata a scuola e mi nario. Jerzy, però, non mi diceva dente, un amico. glio?
ha detto che mio figlio andava trop- niente. Fu solo più tardi che ho sa-
po spesso in chiesa. Per questo moti- puto da suoi colleghi come veniva Nello stesso anno, accadde una cosa Nella Bibbia è scritto che, quando
vo avrebbe abbassato il suo voto in maltrattato. Tra le altre cose, lo get- incredibile: il cardinale Karol Wojtyła si colpisce il pastore, le pecore sa-
condotta. Ma forse lo Spirito Santo tavano in piscina, anche se non sa- divenne Papa... ranno disperse. I comunisti combat-
mi ha ispirata, perché le ho detto peva nuotare, gli ordinavano di stare tevano i pastori della Chiesa per di-
Trovavo difficile credere che il Pa- sperdere il gregge di fedeli; perse-
che, dopo tutto, in Polonia c’era la a piedi nudi nella neve mentre reci-
pa fosse un polacco. Ma appena ap- guitavano padre Jerzy perché pensa-
libertà di religione. E non è successo tava il rosario, lo facevano correre
presa la notizia sono andata in chie- vano che spaventando un sacerdote,
niente. giù per le scale con il pieno equi-
paggiamento militare. In questo mo- sa per assistere alla messa di ringra- avrebbero messo paura agli altri.
do distrussero la sua salute e dopo il ziamento. Non mi venne in mente
Quando suo figlio le ha svelato che vo-
servizio militare dovette andare in allora di pensare che un giorno Quando ha visto suo figlio per l’ultima
leva entrare in seminario?
ospedale. l’avrei conosciuto personalmente. volta?
Devo confessare che quando ero
incinta di lui, ho pregato per la gra- Quello successivo fu per la storia della È stato nel mese di settembre del
Jerzy fu ordinato sacerdote il 28 mag- 1984. È venuto a casa senza preavvi-
zia della vocazione per il bambino gio 1972, nella cattedrale di Varsavia. Polonia un anno particolare...
che portavo in grembo. In una paro- so. Non parlava di se stesso, ma sa-
Come ha vissuto quel giorno? Il 1° luglio 1980 il governo comu- pevo che lo seguivano: anche dalle
la, l’ho dato a Dio ancora prima del-
la nascita. Però, non gli ho mai det- Ero orgogliosa perché ero diventa- nista aveva aumentato i prezzi dei finestre della nostra casa abbiamo
to nulla. Ma lui ha trovato la sua ta la madre di un sacerdote. Per di prodotti alimentari scatenando potuto vedere le auto con gli agenti.
strada da solo. Fino alla maturità più, fu lo stesso primate Wyszyński un’ondata di scioperi. Quando co- Ma lui era coraggioso, anche se fisi-
non mi ha detto nulla. Forse ha te- a presiedere l’ordinazione: fu la pri- minciò lo sciopero nelle acciaierie camente debole. Mi ha lasciato la
nuto tutto in segreto, perché ai tem- ma volta che l’ho visto da vicino. Il «Huta Warszawa», andò a celebrare sua tonaca da rammendare dicendo:
pi del comunismo, i giovani che sce- primate chiese preghiere costanti per la messa per i siderurgici. E così ini- «La prenderò la prossima volta. Se
glievano il seminario erano persegui- i nostri figli sacerdoti. E io ho ese- ziò il suo lavoro pastorale fra gli no, avrai un ricordo di me». Invece
tati dai servizi segreti. Disse che sa- guito questa richiesta: ho sempre so- scioperanti. salutandoci disse: «Mi raccomando:
rebbe andato in seminario soltanto stenuto il sacerdozio di Jerzy con la se muoio, non piangete per me». Ri-
nel giugno del 1965, quando tornò preghiera. Il 1980 fu anche l’anno della nascita masi pietrificata, perché non aveva
dal ballo di maturità. di Solidarność. Era preoccupata per mai parlato in questo modo.
Nel 1978 padre Jerzy venne trasferito suo figlio che stava nella capitale?
Il regime comunista costringeva i semi- nella chiesa universitaria di Sant’Anna Solidarność fu soppresso il 13 di- Le era venuto in mente, qualche volta,
naristi a fare un duro servizio militare di Varsavia: lavorare con gli studenti, cembre 1981 con l’introduzione della che suo figlio sacerdote avrebbe potuto
di due anni. Ha mai saputo quanto la futura classe dirigente del Paese, do- legge marziale dal generale Jaruzel- morire da martire?
Jerzy abbia sofferto durante tutto quel veva essere molto impegnativo... ski. Sapevo che padre Jerzy non era Certamente che no. Ma oggi pen-
periodo? al sicuro a Varsavia e allora pregavo so che, proprio diventando sacerdo-
Padre Jerzy non mi parlava di
I giovani erano sottoposti non sol- questo aspetto del suo lavoro, ma gli molto per lui. Lui aiutava chi poteva te, doveva sapere che sarebbe potuto
tanto all’indottrinamento forzato, ma ex studenti che frequentarono la e come poteva. Non ho mai potuto morire come un martire, perché il
venivano maltrattati fisicamente e chiesa di Sant’Anna dicevano che parlare con lui con calma e mi martirio è iscritto nella vocazione sa-
psicologicamente: tutto questo per padre Jerzy fu per loro non solo una preoccupavo sempre di più, ma sa- cerdotale.
lunedì-martedì 4-5 marzo 2013 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 7

Auspici della Chiesa in Kenya per le elezioni presidenziali Nuovo appello dei vescovi della Nigeria

L’urgenza di superare Rispetto


ogni divisione etnica per la dignità umana
NAIROBI, 4. «Scegliete la pace per il niche e di accettare il vincitore sen- L’appello di monsignor Lele se- ABUJA, 4. «La nostra fede ci obbliga
nostro amato Kenya, prima, durante za curarsi della sua origine locale o gue di pochi giorni quello dell’arci- non solo a rispettare, ma anche a ri-
e dopo le elezioni generali. Lo si etnica. «La nostra nazione — ha vescovo di Kisumu e presidente del- conoscere e ad affrontare le minacce
può fare solo trascendendo le nostre spiegato il presule — appartiene a la Commissione episcopale giustizia alla dignità umana»: l’indicazione è
affiliazioni etniche, votando buoni tutte le diverse comunità etniche e pace, monsignor Zacchaeus scaturita in un comunicato che i ve-
leader capaci di servire le persone presenti nel Paese e chi emerge vin- Okoth. «L’intera leadership della scovi cattolici della Nigeria hanno
senza discriminazioni e ripudiando citore dalle elezioni generali deve Chiesa cattolica — ha detto in occa- pubblicato in occasione dell’ultima
ogni forma di violenza sia prima essere accettato e rispettato da tutti, sione del lancio della campagna assemblea plenaria. Nel documento
che dopo le elezioni». Lo ha affer- come espressione della volontà della quaresimale «Un Kenya unito e pa- si fa riferimento in particolare a una
mato monsignor Boniface Lele, arci- maggioranza dei keniani». cifico. Il cambiamento che vogliamo serie di pratiche discriminatorie e di
vescovo di Mombasa, in un comuni- Il presule ha anche sottolineato vedere» — adotterà un atteggiamen- violenza nel Paese e si invoca la re-
cato inviato ai diversi organi nazio- che qualsiasi controversia post-elet- to non di parte nelle prossime ele- sponsabilità in particolare delle au-
nali di informazione, in occasione torale deve essere risolta per via giu- zioni perché come Chiesa siamo in- torità statali a impegnarsi per garan-
delle elezioni presidenziali e parla- diziaria, evitando i conflitti. «La teressati all’unità di tutti i keniani». tire la tutela dei diritti fondamentali
mentari previste a partire da lunedì violenza politica non è in grado di I cristiani temono nuovi attacchi delle persone. Tra queste si ricorda-
4 marzo. In particolare, monsignor risolvere le controversie elettorali e alle chiese e alle sedi delle comuni- no, per esempio, le violazioni dei
tà. Nel suo appello monsignor Oko- diritti dei cittadini «sulla base di af-
Lele ha sottolineato la necessità e non può essere giustificata in nes-
th ha ricordato le violenze post-elet- filiazione etnica, credo religioso, ge-
l’urgenza di superare le divisioni et- sun caso».
torali scoppiate a fine dicembre del nere sessuale, provenienza geografi-
2007 e durate alcuni mesi, che pro- ca». Queste e altre pratiche discri-
vocarono la morte di migliaia di minatorie, si sottolinea, «costituisco-
persone. «Non fate sanguinare il no attualmente una minaccia alla di-
Kenya. Il Kenya — ha aggiunto l’ar- gnità umana nella nostra terra».
I vescovi richiamano inoltre le
civescovo — è più grande di qualsia-
violenze commesse contro cittadini
si ambizione personale. Dobbiamo
innocenti da parte dal gruppo fon-
cercare di costruire un Paese pacifi-
damentalista islamico Boko Haram
co e unito. Le elezioni non ci devo-
e da altri gruppi armati: «Denuncia-
no mai più dividere. Per ottenere
mo il fatto che la Nigeria rimane un
l’unità nazionale, come keniani dob-
luogo dove persone uccidono arbi-
biamo accettare, apprezzare e rispet- trariamente nel nome della religio-
tare le differenze sociali, culturali e ne, una terra in cui viene limitato il
religiose a livello individuale, di diritto di culto solo a certe perso-
gruppo e di popolazioni». ne». La religione, si sottolinea, non
Secondo padre Vincent Wambu- mentali e ogni minaccia alla vita è gliorata, al contrario, sembra peg-
deve più costituire motivo di divi- una violazione della dignità uma- giorare, visto che i terroristi colpi-
gu, segretario della Conferenza epi- sione: «Nel momento in cui ci avvi-
scopale, «il Kenya si sta ancora ri- na». A tale riguardo, si puntualizza, scono cittadini innocenti in tutto il
ciniamo al centenario dell’esistenza «non possiamo non sottolineare che
prendendo dalle violenze post-elet- nord della Nigeria», aggiungendo
della Nigeria è giunto il momento la responsabilità primaria del Go-
torali. Dopo la promulgazione della che «è un compito primario del Go-
per il riconoscimento della nostra verno è la tutela della vita e della
nuova Costituzione, il Paese è anco- comune umanità e per il rispetto verno garantire la sicurezza della vi-
proprietà». Queste parole avevano ta e delle proprietà dei cittadini di
ra diviso lungo linee tribali. È no- delle differenze religiose ed etniche: avuto altri significativi precedenti
stro dovere, come persone che lavo- questo è un passo fondamentale nel tutta la nazione e non ci sono scuse
nel passato. Nel giugno scorso, per
rano nelle istituzioni della Chiesa, cammino della nazione». esempio, in una dichiarazione diffu- per non adempiere a questo compi-
lavorare per la rinascita di un Kenya Nel documento, l’episcopato ha sa sulla situazione del Paese, i pre- to». Il clima di violenza che da lun-
pacifico. Non a caso — ha aggiunto anche rinnovato l’appello alle auto- suli avevano osservato: «Siamo mol- go tempo si respira nel Paese è lega-
— il tema della campagna quaresi- rità statali a porre in atto efficaci to addolorati per gli eventi violenti, to non solo all’intolleranza religiosa,
male è stato “Un Kenya unito e pa- misure di sicurezza per l’intera po- che stanno diventando quasi quoti- ma trova, infine, terreno fertile
cifico... il cambiamento che voglia- polazione. «Il diritto alla vita è il diani. Il tempo passa e la situazione anche «nell’epidemia della corru-
mo vedere”». primo di tutti i diritti umani fonda- provocata dall’insicurezza non è mi- zione».
Inoltre, il segretario della Confe-
renza episcopale ha spiegato quanto
siano necessari in questo particolare
momento la riconciliazione e il ri-
spetto delle differenze. «La soppres- Nella Repubblica Democratica del Congo la Chiesa a fianco della popolazione
sione delle differenze — ha detto —
può portare a una pace apparente,
ma si crea una situazione instabile, Alla ricerca disperata di pace
che è in realtà il preludio a nuove
ondate di violenza».
Nel frattempo, le polemiche at-
Per l’opera di riconciliazione compiuta in Sud Sudan torno al vice primo ministro e can-
didato alla presidenza Uhuru Ke-

Premio dell’O nu nyatta e al suo alleato, William Ru-


to, non accennano a placarsi. I due
politici, infatti, per quanto neghino

a monsignor Taban le accuse, il prossimo aprile dovran-


no comparire di fronte al tribunale
internazionale dell’Aja per risponde-
ROMA, 4. «Sono rimasto sorpreso. costruisce attraverso l’istruzione, re di crimini contro l’umanità. Ke-
non me l’aspettavo. Più tardi però l’assistenza sanitaria, la sicurezza nyatta e Ruto avrebbero aizzato i
ci ho ripensato: del bene in questo alimentare, la cura spirituale e pa- propri sostenitori gli uni contro gli
mondo ci si accorge sempre». È il storale e il contributo delle comu- altri innescando e alimentando i
commento di monsignor Paride nità al rispetto della legge e al massacri avvenuti tra il 2007 e il
Taban, vescovo emerito di Torit, mantenimento dell’ordine. Le tribù 2008. Secondo fonti locali, con mol-
dopo aver appreso la notizia del toposa, nyangatom, kachipo, jie, koro- ta probabilità alle consultazioni se-
conferimento di un premio delle ma e murle — ha ricordato il vesco- guirà il ballottaggio tra Kenyatta e
Nazioni Unite per il suo impegno vo — si combattevano l’un l’altra e il primo ministro Raila Odinga, che
a favore della riconciliazione e del- nel dialetto locale si chiamavano conta sul supporto di diverse orga-
la pace in Sud Sudan, assegnato “nyemoit”, che vuol dire nemico. nizzazioni musulmane.
dalla Fondazione Sergio Vieira de Per otto anni nel villaggio sono
Mello. state capaci di vivere insieme e
Monsignor Taban otto anni fa adesso si chiamano “lepai”, che
ha realizzato un villaggio della pa- vuol dire amico. Questa esperienza
ce della Santa Trinità a Kuron, in coinvolge un’area estesa su circa Critica in Mali
Sud Sudan, un’iniziativa che ha duecento chilometri quadrati dove
visto la convivenza pacifica di di- non ci sono né polizia né Governo la situazione GOMA, 4. «La firma dell’accordo di fra cui un operatore della Caritas fronti delle donne e violazioni di di-
verse etnie, in particolare quelle che impongano il rispetto della
dei toposa, dei koroma e dei murle legge e dell’ordine». degli sfollati pace per l’Est sta ridando un po’ di
speranza alla gente, anche se rimane
diocesana — sono rimaste uccise e
decine di abitazioni sono state in-
ritti umani di vario genere. Inoltre, i
bisogni umanitari sono ingenti: ci
da sempre in conflitto tra loro. Il Secondo monsignor Taban le prudente sull’intesa siglata ad Addis cendiate ha ridimensionato l’entu- sono più di 30 campi di sfollati e
vescovo è sempre stato un convin- speranze dei sud-sudanesi di vivere BAMAKO, 4. In Mali le condizioni Abeba. Bisogna aspettare e vedere siasmo. Dalla testimonianza raccolta per le popolazioni i problemi mag-
to sostenitore dell’indipendenza in pace e in armonia presto si rea- degli sfollati sono «pessime»: è la come si procederà per la sua attua- da monsignor Nzabanita sembrereb- giori sono la ricerca di cibo.
del Sud Sudan da Khartoum, pro- lizzeranno, anzi «si stanno già rea- denuncia che giunge dall’organizza- zione. In passato quanti accordi so- be che a scontrarsi, poco ore dopo Intanto, oltre all’intesa di Addis
clamata due anni fa. lizzando. Le difficoltà attuali — ha zione Open Doors, che opera in ol- no già stati conclusi e poi sono ri- la firma dell’intesa per l’Est del Abeba, a Kampala proseguono i
Il premio ricorda il diplomatico aggiunto — sono il risultato di due tre sessanta Paesi nel mondo a tute- masti lettera morta, con conseguen- Congo, siano stati due correnti riva- colloqui diretti tra l’esecutivo del
brasiliano Sergio Vieira de Mello, decenni di guerra durante i quali la dei cristiani perseguitati. Nel Pae- ze drammatiche per la nostra regio- li all’interno della stessa ribellione presidente Joseph Kabila e la dele-
ucciso nel 2003 in un attentato in la cultura della violenza è penetra- se, secondo le informazioni dell’or- ne? Questa volta speriamo bene». È del movimento del 23 marzo (M23), gazione dell’M23. Dalla capitale
Iraq, dove lavorava a Baghdad co- ta a fondo, determinando alcune ganizzazione, riportate dall’agenzia quanto affermato all’agenzia Misna il gruppo armato che dallo scorso ugandese, ha riferito l’emittente Ra-
me inviato speciale delle Nazioni delle situazioni traumatiche di og- Sir, «mancano alloggi, vestiti, cure da monsignor Louis de Gonzague maggio destabilizza il Nord Kivu. A dio Okapi, i rappresentanti della ri-
Unite. Il riconoscimento della fon- gi. Nonostante tutti questi proble- mediche e scuola per i più piccoli e Nzabanita, vicario generale di Go- dare la conferma di quanto accadu- bellione hanno criticato l’accordo
dazione viene solitamente assegna- mi il Sud Sudan è riuscito a supe- molti hanno evidenti traumi psicolo- ma, capoluogo del Nord Kivu, nella to nei giorni scorsi a Rutshuru è sponsorizzato dall’Africa orientale e
to a personalità, comunità o istitu- rare le tentazioni di una nuova gici». In Mali, nella capitale Bama- Repubblica Democratica del Con- stata anche l’emittente Radio Kivu dall’Onu, sostenendo che «non ci
zioni che si sono distinte per la ca- guerra con il Sudan e per risolvere ko, Open Doors sta realizzando al- go, in merito all’intesa raggiunta nei 1. Secondo fonti locali l’M23 si sa- riguarda». I delegati ribelli hanno
pacità di favorire il dialogo tra i conflitti si è impegnato a utilizza- giorni scorsi da undici capi di Stato rebbe diviso in due fazioni: una in- ribadito che «una soluzione politica
cuni seminari destinati a una settan-
gruppi o comunità in guerra e il re solo mezzi pacifici. Il mio con- e responsabili della regione dei tende raggiungere un accordo di pa- negoziata sarebbe benvenuta al po-
tina di cristiani, per aiutarli a «resi-
cui esempio può diventare un mo- siglio, a chi governa ma non solo a Grandi Laghi, alla presenza del se- ce con il Governo di Kinshasa, sto del dispiegamento di una briga-
stere nella tempesta» provocata dal-
dello da applicare in altre parti del chi governa — ha concluso il ve- gretario generale dell’Onu Ban Ki- mentre l’altra è decisa a continuare ta d’intervento con la quale le Na-
la guerra. La tensione è sempre più
mondo per la risoluzione pacifica scovo — è seguire la visione di moon. Tutti si sono impegnati a ri- la lotta armata. A livello ufficiale, zioni Unite intendono neutralizzare
dei conflitti armati. John Garang de Mabior quando forte anche per i possibili attacchi
portare «pace e giustizia» nella re- invece, la direzione della ribellione i gruppi armati». Inoltre hanno av-
Ma perché un villaggio a Ku- disse: “Portate lo sviluppo delle terroristici ai danni di cittadini iner-
gione martoriata dalle ribellioni ar- sta cercando di smentire informazio- vertito che resteranno «in guardia»
ron? «L’obiettivo — ha spiegato il città nelle campagne invece di far mi. Secondo fonti della stessa orga- mate. «Ma c’è anche chi nella po- ni relative a una sua presunta scis- e «pronti a reagire a ogni eventuali-
presule all’agenzia di stampa Mi- migrare i contadini nei centri urba- nizzazione «gli islamisti sono fuggi- polazione — prosegue il presule — sione interna, sostenendo che Rut- tà dopo la firma di quest’accordo».
sna — era quello di creare un’oasi ni”». ti tra le montagne per riorganizzarsi non ha più fiducia nella diplomazia shuru è stata attaccata dalle Forze Dalla delegazione governativa è in-
di pace dove persone di diverse «Il fatto che oggi il villaggio di e realizzare attacchi terroristici mira- regionale, africana e internazionale, democratiche per la liberazione del vece arrivato un plauso per «un’in-
tribù, credo religiosi, culture e co- Kuron sia visto come un esempio ti, mentre alcuni di loro si sarebbero dopo essere rimasto deluso così tan- Rwanda (Fdlr). tesa complementare ai lavori in cor-
munità vivessero insieme in armo- di riconciliazione e di pace — ha tagliati la barba (segno di apparte- te volte da iniziative di pace presen- La situazione nella Repubblica so a Kampala che impegna tutti i
nia e dignità. L’obiettivo è ottene- spiegato Laurent Vieira de Mello, nenza a questi gruppi) e si sarebbe- tate come promettenti mentre invece Democratica del Congo permane capi di Stato della regione».
re la pace e la riconciliazione tra figlio del diplomatico brasiliano ro mimetizzati con la popolazione, qui nulla è cambiato negli ultimi critica. È stata, infatti, ampiamente I colloqui di Kampala, avviati lo
comunità in guerra tra loro, ren- che presiede la Fondazione — inco- divenendo invisibili». anni». superata la soglia dei due milioni di scorso 9 dicembre, proseguono su
dendole parte di uno sviluppo so- raggerà sicuramente altre comunità Per affrontare la difficile situazio- Ma la notizia di un attacco not- sfollati e soltanto nel Nord-Kivu ce questioni di sicurezza, sociali, eco-
stenibile, nella consapevolezza che a seguire un approccio simile in al- ne nel Paese africano si sono attiva- turno contro la città di Rutshuru, a ne sono quasi un milione. Nel Pae- nomiche e politiche per stilare un
sviluppo vuol dire pace. Nel vil- tre aree di conflitto in Sud Sudan te anche le Caritas di Burkina Faso, settanta chilometri a nord di Goma, se, si registrano centinaia di migliaia piano di uscita di crisi tra le parti ri-
laggio — ha aggiunto — la pace si e non solo». Mali, Niger e Senegal. nel quale almeno dieci persone — di casi di violenze sessuali nei con- vali.
pagina 8 L’OSSERVATORE ROMANO lunedì-martedì 4-5 marzo 2013

A colloquio con Antonio Maggiotto e Giuseppe Canesso Il pontificato di Benedetto XVI

Per decenni Una Chiesa


che si rinnova
nella tipografia del Papa «La Chiesa non smette mai di
rinnovarsi perché è un organismo
di MARIO PONZI 22 agosto 1933 e Maggiotto il 17 feb- nifestare ai superiori le loro mutate vivo, animato dallo spirito del Si-
braio 1936 — e a poche decine di necessità. Nasce proprio in questi gnore». Lo afferma il cardinale
Protagonisti di ben quattro rivolu- metri l’uno dall’altro, nella stessa via anni l’Associazione dei lavoratori va- spagnolo Carlos Amigo Vallejo,
zioni in un mondo complesso come di un piccolo paese, Bessica, in pro- ticani. in un’intervista rilasciata a Paola
quello del sistema tipografico vatica- vincia di Treviso. «Lo sentivo frigna- Il giovane salesiano venuto Del Vecchio su «Il Messaggero»
no in poco più di un trentennio, re quando passavo con la mamma dall’Argentina capisce che c’è biso- del 4 marzo. Richiamando il si-
Antonio Maggiotto e Giuseppe Ca- davanti a casa sua, al mattino presto, gno di dare una scossa ed è urgente gnificato del pontificato ratzinge-
nesso passano la mano. Coadiutori per andare a scuola» racconta il più creare nuovi stimoli. Dà così avvio riano, il porporato ricorda che
salesiani, rispettivamente direttore anziano. Si incontravano per le vie alla prima rivoluzione. «Il cuore «Benedetto XVI ci ha lasciato il
commerciale e direttore tecnico della del paese, «ma lui era più grande e meccanico di una tipografia — rac- grande programma della nuova
Tipografia Vaticana, hanno lasciato i con me non giocava» si lamenta conta — era la rotativa. Quella che evangelizzazione, che è soprattut-
loro incarichi proprio il 28 febbraio Maggiotto. «Questo però non gli ha c’era all’Osservatore Romano era to recuperare l’allegria della
scorso — ma è ovviamente solo una impedito di seguirmi anche quando vecchia e talmente pesante che con fede».
coincidenza la conclusione del pon- sono andato a Colle Don Bosco» ri-
gli anni aveva sfondato in più parti Gli fa eco il cardinale Carlo
tificato di Benedetto XVI — dopo batte imperturbabile Canesso. «Per
il pavimento e bisognava continua- Caffarra, arcivescovo di Bologna,
aver dedicato un’intera vita al servi- la verità non è che il nostro paese
mente puntellarla. Mi ricordo che che paragona gli otto anni di Be-
zio della Chiesa e della Santa Sede, offrisse tante opportunità. Così i
una mattina, vista la nuova crepa nedetto XVI all’«esperienza dei
secondo le tradizioni della famiglia miei mi spinsero a seguire l’esempio Antonio Maggiotto
di don Bosco. di Giuseppe» replica a sua volta apertasi, mi feci coraggio e salii da due discepoli di Emmaus. Il no-
Parlare con loro è come ripercor- Maggiotto. monsignor Benelli, sostituto della stro cuore — ha detto durante la
rere un tratto di storia della Sede Concluso il noviziato, le loro stra- Segreteria di Stato, e gli dissi a bru- messa pro eligendo Pontifice cele-
sua grafia». E «siccome faceva sem- dell’ampio terrazzo di casa in giardi-
apostolica attraverso l’ottica partico- de si separano. «Io — racconta Mag- ciapelo: “Eccellenza, o cambiamo pre tanto tardi, mi chiedeva compli- no pensile. Complice nel vero senso brata nella basilica bolognese di
lare della stampa, dunque dell’an- giotto — ero stato destinato a Ma- subito la rotativa dell’O sservatore cità per difendersi dalle proteste del- della parola, perché — come confes- San Luca — ardeva quando lui
nuncio del Vangelo attraverso stru- dras, in India. Ma in quel periodo, Romano o sprofondiamo con lei”. la moglie. Quando si accorgeva che sano candidamente — i due hanno parlava del mistero di Gesù e del-
menti e strutture tipografiche, le cui era il 1957, gli italiani non erano ben Non fece in tempo a dirmi “Vai, erano passate le 16 e lui era ancora lì “trafugato” i primi esemplari del lo- la Chiesa: per la profondità, la
origini in Vaticano risalgono al cre- accetti da quelle parti, anzi non li cambiala” che già ero a trattare l’ac- a riempire foglietti, mi diceva: “An- ro giardino. «Andavamo nei vivai semplice umanità delle sue paro-
puscolo del Quattrocento e sono volevano proprio. Così fui dirottato quisto della nuova, una modernissi- tonio, se chiama mia moglie non dir- dei dintorni, e mentre io parlavo con le. La luce semplicemente illumi-
quasi contemporanee all’invenzione in Argentina, dove sono rimasto a ma rotocalco. E i ragazzi si interes- le che sono qui, mi raccomando!”». il proprietario, Giuseppe adocchiava na; basta non chiudere gli occhi.
di Gutenberg. La prima tipografia lungo». Canesso invece prosegue sarono alla novità e capirono che la Nel 1983 i superiori lo chiamano il bocciolo giusto o la piantina giu- Ed i semplici lo hanno capito e
fu però allestita nella seconda metà nella sua formazione professionale e nuova macchina avrebbe portato con alla Poliglotta. E lì Maggiotto ritro- sta, prendeva il necessario per il tra- vissuto». Gratitudine significa, se-
del Cinquecento per volere di Pio IV. diventa uno straordinario cromista: sé altro lavoro». va il compagno dell’infanzia. «Era pianto e lo nascondeva in macchi- condo il porporato anche impe-
Si chiamò Tipografia della Reveren- già un anno — racconta Canesso — na!» racconta ancora divertito Mag- gnarci «a fare nostro, sempre più
da Camera Apostolica, o più sempli- che ero stato chiamato in Vaticano. giotto. Hanno confessato il loro pic- profondamente, il magistero di
cemente Tipografia Camerale. Se- Bisognava ammodernare tutto il si- colo peccato, e dicono di avere cer- Benedetto XVI». Il quale «ha con-
condo Marco Bongioanni, autore del stema. Io cominciai dai muri: li feci tamente avuto il perdono di Giovan- tinuamente reso testimonianza al-
libro Don Bosco in Vaticano (Città imbiancare tutti per dare più luce. ni Paolo II «ogni volta che si affac- la luce di una presenza: la presen-
del Vaticano, Tipografia Poliglotta Poi dovetti ammodernare gli am- ciava dalla finestra della sua camera za di Cristo, Signore risorto, nella
Vaticana, 1989), serviva al Papa co- bienti. Pensi che dove c’erano le da letto e vedeva le nostre belle rose sua Chiesa. Tutto il magistero di
me «sicura fonte di pubblicazioni macchine piegatrici c’era ancora il a corona della statuina della Vergine,
Benedetto XVI, tutta la sua vita —
dottrinali, soprattutto scritturistiche pozzetto per il liquame dei cavalli. E alla quale dedicava la prima Ave
sin dentro al suo ultimo gesto ra-
e patristiche, immuni dagli errori per ripararci dal sole che filtrava dal Maria della giornata. E questo ce lo
tetto sconnesso, usavamo delle tende ha detto lui stesso. Una volta, infat- dicale — ha splendidamente mo-
ereticali che già trovavano nella strato che la Chiesa è la Chiesa
stampa un minaccioso strumento di di stuoia. Io venivo dalla scuola, do- ti, ci ha chiamato al telefono per dir-
ve c’erano cristalli dappertutto e tut- ci che la prima preghiera del matti- del Signore Gesù e che è lo Spiri-
diffusione». to del Signore Risorto, vivo ed
La “tipografia del Vaticano” passò to era lindo e pulito. C’è voluto un no la faceva proprio guardando la
po’ di tempo e abbiamo lavorato nostra Madonnina». operante, che la guida». Il cardi-
attraverso numerose vicende, sino a
tanto. Io stesso, e non mi vergogno Non è mancata però anche una nale ha così concluso: «Ora il
quando, nel 1937, Pio XI affidò alla
di dirlo, pulivo persino i bagni. E telefonata di rimprovero. «Capitò Santo Padre Benedetto XVI si è
Società salesiana di san Giovanni
devo dire che anche tutti i dipen- nel periodo natalizio — racconta Ca- chiuso nel silenzio; si è nascosto
Bosco la Tipografia Poliglotta Vati-
denti hanno collaborato attivamente nesso — ma di quale anno non ricor- al mondo. Noi sentiamo, in una
cana — nata sotto il pontificato di
Pio X dall’unione con la Poliglotta e volentieri: stavamo migliorando do più. Siamo soliti mettere un fede più pura, che in questo scen-
l’ambiente di lavoro. Poi mi sono grande albero di Natale proprio al dere nel silenzio, diventa ancor
di Propaganda Fide — e la sezione
dedicato alle macchine. Le abbiamo centro del terrazzo. In genere viene più radice che nutre l’albero. Ge-
dell’Osservatore Romano, inaugura-
cambiate ben quattro volte. Abbia- dalle nostre parti ed è davvero molto sù è la vita del mondo, ed è invi-
ta nel 1930. Tra l’altro, era stato lo
mo sempre voluto mantenere un alto alto e bello. Quell’anno, il giorno sibile, come non fosse».
stesso Papa Ratti a dotare il suo
livello per il nostro lavoro. E devo dell’Epifania, chissà perché, decisi di I pilastri del pontificato di Be-
giornale di una modernissima sezio-
dire con grande soddisfazione che ci toglierlo. Il mattino successivo rice- nedetto XVI sono «la centralità di
ne tipografica. vetti una telefonata dal segretario
siamo riusciti senza mai gravare ec- Cristo e l’affermazione che la
Le cronache del tempo raccontano cessivamente sull’economia del Vati- particolare di Papa Wojtyła, don
che il 28 giugno 1933, nel corso della Chiesa è viva»: lo afferma l’arci-
cano, né su quella della nostra casa, Stanislao, che con voce molto seria
seconda visita al giornale — la prima vescovo Rino Fisichella nell’inter-
Giuseppe Canesso dove abitiamo con la comunità reli- mi disse: “Il Santo Padre vorrebbe
l’aveva compiuta il giorno della festa vista a Mimmo Muolo, pubblica-
giosa». sapere perché ha avuto tanta fretta
di san Francesco di Sales nel 1930 — Ecco, la “casa”. Anche l’abitazione di togliere quell’albero di Natale!”. ta su «Avvenire» nell’edizione di
il Pontefice avviò personalmente la «È un mago con i colori» conferma Maggiotto rimane alla guida tec- è sempre stata nel cuore di Antonio Neppure dieci minuti dopo l’albero domenica 3 marzo. Per il presule,
nuova rotativa. La cui storia è legata senza esitare l’amico. nica dell’Osservatore Romano sino e Giuseppe. Ancora oggi discutono era tornato al suo posto». Benedetto XVI «ha creato stupore
a una vicenda curiosa: data per ob- Nel 1975 inizia l’avventura di al 1983. «Di quegli anni — dice — di migliorie da apportare e di giardi- Maggiotto e Canesso ora lasciano, e meraviglia, perché se a molti era
soleta e prossima a concludere il suo Maggiotto in Vaticano, e il salesiano conservo ricordi bellissimi». Tra le naggio, anche se un vero e proprio ma non abbandonano: «Ci hanno noto il pensiero di Joseph Ratzin-
ciclo dopo soli dieci anni, nonostan- arriva direttamente all’O sservatore immagini, rievoca quella indimenti- giardino non c’è. O almeno, non un dato un ufficio dove resteremo a di- ger, pochi ne conoscevano l’affa-
te le continue sollecitazioni dei re- Romano. «Ricordo la prima volta cabile del direttore Raimondo Man- giardino tradizionale. Canesso ha sposizione ancora qualche mese, poi, bilità, la mansuetudine e l’umil-
sponsabili della tipografia e del quo- che ho messo piede nel giornale: zini «mentre riempie foglietti di car- una passione: i fiori, le rose in parti- come sempre, andremo laddove ci tà». Ed ha suscitato «sorpresa»
tidiano e le loro grida di allarme per erano le 18.30 di un pomeriggio ta a non finire, con incredibili segni colare, anche se non disdegna le manderanno i nostri superiori e fino anche per la sua capacità di tra-
il possibile blocco imminente, fu co- d’ottobre. Mi accolse Tiozzo, il con- di matita, per decifrare i quali fui piante grasse. Ha contagiato anche a che il Superiore, quello vero, vorrà smettere «la profondità del suo
stretta a funzionare sino al 1970. E fratello che era alla guida tecnica costretto a dedicare un linotipista al- Maggiotto, il quale è diventato suo disporre di noi per un altro piano di pensiero, lui grande teologo e
dovette quindi sopportare anche le della tipografia. Provai una grande lo studio e all’interpretazione della complice per la trasformazione lavoro. Quello suo». memoria viva del concilio, in una
punte di oltre centomila copie di ti- emozione e devo dire che mi appas- semplicità di linguaggio. Così ab-
ratura durante il periodo bellico. sionai subito al mio nuovo lavoro». biamo scoperto anche un grande
Resisteva per grazia ricevuta, scrive- E di passione ne mette veramente predicatore e un grande cateche-
va allora alla Segreteria di Stato il tanta, al punto da contagiare tutto ta». In particolare, monsignor Fi-
direttore, Giuseppe Dalla Torre, co- l’ambiente che, proprio in quegli an- Celebrate in Belgio le esequie del cardinale Ries
sichella insiste sulla centralità di
municando i continui rattoppi che si ni, aveva bisogno di una nuova ven- Cristo: «Benedetto XVI ci ha ri-
era costretti a fare per garantire «al-
meno la tiratura del giorno».
Fortunatamente negli anni succes-
tata di energia. Una serie di accadi-
menti nel mondo stavano cambiando
la storia: dal ritiro delle truppe ame-
Servitore umile e laborioso cordato ciò che è essenziale del
cristianesimo. Poteva sembrare
una constatazione ovvia, ma il Pa-
sivi l’ammodernamento seguì ritmi ricane dal Vietnam alla morte di Si possono racchiudere nel motto del cardinale Ries, definendolo un tempo la fede semplice di colui che
se non altro più solleciti, visti i con- pa l’ha riproposta con intelligenza
Mao Tse-tung e, in Italia, dall’auste- paolino Caritas Christi urget nos la «servitore umile e laborioso, sem- si affida come un bambino tra le e con forza come l’orizzonte sul
tinui progressi della tecnica tipogra- rity ai nefasti “anni di piombo”. Av- plice e gioioso». Sapeva offrire a braccia di Dio, una fede che gli ve-
vita e l’opera del cardinale Julien quale far convergere gli sguardi».
fica e dunque la necessità di restare venimenti che non mancarono di ri- tutti «il suo tempo, il suo sapere, il niva anche dalla sua origine conta-
Ries, morto sabato 23 febbraio. A
sul mercato, soprattutto con l’arrivo percuotersi in Vaticano, dove il 1978 suo amore di pastore, sempre sere-
sintetizzare così i quasi 93 anni del- dina in una piccola città della pro-
della stampa in offset, allora rivolu- fu anche segnato dalla morte di Pao- no e sorridente». Egli, ha detto il
la sua esistenza è stato l’arcivescovo vincia belga».
zionaria. Diversi i direttori tecnici lo VI e di Giovanni Paolo I, e dun- nunzio apostolico, «è rimasto fede-
Giacinto Berloco, nunzio apostolico Egli — ha proseguito monsignor
che si sono alternati alla guida della que da due conclavi nell’“anno dei le a Cristo, alla sua Chiesa, con una Il grazie di Propaganda Fide
in Belgio, presiedendo, sabato 2 Berloco — «ha vissuto tutta la sua
Tipografia. Ancora oggi i più vecchi tre Papi”. profonda semplicità e con il deside-
marzo, le esequie nella cattedrale lunga vita con questa totale confi-
ricordano “Penna bianca”, come era
soprannominato Giacomo Pagliasotti
Maggiotto capita in un momento
in cui si naviga a vista in acque agi- della città belga di Tournai, davanti
rio di donarsi totalmente, convinto
che si riceve la vita quando la si do-
denza in Dio Padre, nel Figlio re-
dentore e nello Spirito consolato-
Uomo
a una folta rappresentanza di auto-
per la sua tipica chioma, Renzo Ras-
sotti, che introdusse l’offset, Rocco
tate. Si agitano anche i lavoratori del
piccolo Stato, i quali, vivendo in Ita- rità istituzionali e del mondo acca-
na».
L’arcivescovo Berloco ha ricorda-
re». Durante i 68 anni in cui «il Si-
gnore gli ha concesso di essere pre-
di verità e carità
Peira, soprannominato “dottò”, sino lia, sono alle prese con problemi di demico e culturale. to le tappe più importanti della vita
a quella unanimemente riconosciuta Il presule ha ripercorso a grandi te» si è alimentato con «una pre- Riconoscenza e vicinanza nella
natura economica e spingono per di Julien Ries, a cominciare dalla
come l’“accoppiata vincente”, ap- ghiera frequente, in particolare con preghiera: è quanto assicura a Be-
avere rappresentanti in grado di ma- tratti la vicenda umana e spirituale formazione giovanile e dagli inizi
punto Maggiotto e Canesso, promo- l’Eucaristia celebrata ogni giorno». nedetto XVI la Congregazione per
della sua attività di docente. È stato Nonostante i suoi notevoli impegni
tori della più radicale ristrutturazio- — ha sottolineato — un insigne stu- l’Evangelizzazione dei Popoli. A
ne della Tipografia Vaticana «capace per gli studi e per l’insegnamento, interpretare i sentimenti di quanti
dioso, soprattutto per le sue monu-
di catalizzare ancora oggi in tempi «ha esercitato il ministero pastorale prestano servizio nel dicastero è
mentali ricerche sulla religiosità
di crisi profonda — dice con orgoglio
il primo — oltre 1300 commesse l’an-
Il ventiquattresimo corso sul foro interno dell’uomo fin dalle sue origini: ri-
nelle comunità parrocchiali di Mar-
tellange, di Messancy e di Suarlée
stato il segretario, l’arcivescovo
Savio Hon Tai-Fai, durante la
cerche riassunte nella collana Homo
no».
Era necessario risalire ai preceden-
della Penitenzieria Apostolica religiosus.
fino all’età di 80 anni, guidando le
comunità, alimentandole con la sua
riunione di lavoro settimanale che
Il nunzio apostolico ha sottoli- ha coinciso con l’inizio del perio-
ti per dar conto di un servizio dav- neato che Ries è stato un grande predicazione, visitando i malati, in-
Si apre nel pomeriggio di lunedì 4 marzo, nel Palazzo della Cancelleria, do della sede vacante. Dopo aver
vero unico e dello spirito che lo ha «conoscitore e divulgatore delle coraggiando i giovani e sostenendo
il ventiquattresimo corso sul foro interno, l’annuale appuntamento orga- riproposto il discorso rivolto gio-
sostenuto. Durante un periodo lun- principali religioni del mondo», le famiglie all’immagine di Gesù
nizzato e promosso dalla Penitenzieria Apostolica. Scopo del corso, pre- vedì mattina da Ratzinger ai car-
ghissimo — 37 anni per Maggiotto e nonché «un eminente insegnante» e Buon Pastore».
sieduto dal penitenziere maggiore, il cardinale Manuel Monteiro de Ca- dinali — informa l’agenzia Fides
32 per Canesso — dedicato per inte- un «grande scrittore», che tra libri, Il nunzio apostolico ha poi fatto
stro, è quello di offrire ai nuovi sacerdoti e ai diaconi di prossima ordi- — il presule ha fatto notare che
ro alla Santa Sede: «Pochi rimpianti nazione un’occasione di riflessione e approfondimento formativo sul sa- saggi e articoli ha pubblicato ben riferimento a un ricordo personale,
allorché, dopo la creazione a cardi- «Benedetto XVI è un uomo che
e tanti bei ricordi, nonostante qual- cramento della penitenza. Durante i lavori saranno affrontati temi morali 645 titoli. Ma di fronte a tutta que-
che immancabile preoccupazione, nale, propose a Ries di ricevere l’or- venera la verità e la fa conoscere
e canonistici, e verrà offerto ai partecipanti un vasto aggiornamento sulla sta imponente attività accademica e
ma soprattutto tante soddisfazioni» dinazione episcopale. Egli «accettò instancabilmente; è un uomo che
disciplina penitenziale, sull’amministrazione del sacramento e sulle speci- di ricerca, secondo l’arcivescovo,
riassumono i due salesiani parlando spicca soprattutto la sua esemplare per partecipare alla grazia della pie- proclama e pratica la carità e pro-
fiche funzioni e competenze della Penitenzieria. In particolare, saranno
di quegli anni durante un incontro affrontate situazioni di rilevante delicatezza che interessano il ministero vita di fede. nezza del sacerdozio e per poter di- muove la comunione in Cristo,
con chi scrive e con il direttore del penitenziale e verrà riservata speciale attenzione alla parte relativa alla «Ha creduto alla Parola di Dio, spensare i doni del Signore nella che è la Verità e nostra speran-
nostro giornale. retta amministrazione della penitenza e alla risoluzione dei casi più com- ha messo la sua fiducia in Cristo, condizione di successore degli apo- za». E ha chiesto ai presenti di
Una curiosità lega le vite dei due plessi e particolari sottoposti al discernimento e alla misericordia della Parola incarnata che è morto per stoli». Un pensiero, infine, alla Fa- accompagnare i cardinali con la
direttori, letteralmente intrecciate sin Chiesa. A ogni relazione seguirà il dibattito, nel corso del quale ver- noi ed è risuscitato» ha evidenziato mille de l’Oeuvre, che il porporato loro preghiera e di invocare lo
dai primi vagiti. Sono nati infatti a ranno proposti quesiti di chiarimento e risoluzioni di dubbio a casi spe- in proposito il presule. Aggiungen- «ha amato, ha seguito e ha sostenu- Spirito Santo perché assista il fu-
pochi anni di distanza — Canesso il cifici. do che «la sua fede era allo stesso to per sessant’anni». turo Pontefice.