Sei sulla pagina 1di 8

Corso di

Self-Efficacy
di Renato Votta

TEMPO COME RISORSA


IL RAPPORTO CON IL TEMPO

LE COSE DA FARE SONO E SARANNO


SEMPRE PIÙ NUMEROSE
DEL TEMPO CHE ABBIAMO PER FARLE

(MA OGNI COSA DA FARE HA


UN VALORE DIVERSO)

“il tempo non basta mai”


LA “RISORSA” TEMPO

IRRECUPERABILE IMMODIFICABILE

LIMITATA IL TEMPO È UNA RISORSA RIGIDA

UNIVERSALE REGOLARE
NON IMMAGAZZINABILE

IL MIGLIOR MODO PER “GESTIRE” IL TEMPO È DEDICARCI TEMPO

“fermiamoci un attimo, arriveremo prima”


LA “GESTIONE” DEL TEMPO

IL TEMPO NON SI FA GESTIRE

MANCA SI RISPARMIA SI USA SI SPRECA

EVITANDO DESTINANDOLO IN
DISPERSIONI E PREVALENZA ALLE
INTERFERENZE PRIORITÀ

EFFICIENZA EFFICACIA

“il tempo è denaro”


I CRITERI-GUIDA
NELLA DEFINIZIONE DELLE PRIORITÀ

IMPORTANZA URGENZA
(valore dell’evento (irreversibilità e/o
per gli obiettivi di lavoro dinamicità negativa
e/o per se stessi) dell’evento)

EMERGENZA

PRIORITÀ PER IMPORTANZA = NOI GESTIAMO GLI EVENTI


PRIORITÀ PER URGENZA = GLI EVENTI GESTISCONO NOI

“tutto è importante, tutto è urgente…”


I CRITERI ISTINTIVI
NELLA DEFINIZIONE DELLE PRIORITÀ

Precedenza ai lavori …
AMICIZIA … chiesti da colleghi amici
ARRETRATO … lasciati in sospeso
CASO … trovati per primi
CRONOLOGIA … richiesti prima degli altri
FACILITÀ/DIFFICOLTÀ … meno o più impegnativi
GERARCHIA … chiesti dal proprio capo
PIACEVOLEZZA/SPIACEVOLEZZA … più o meno graditi
TEMPO … che richiedono più tempo

“non sempre la ragione prevale sull’istinto”


LE DECISIONI POSSIBILI
NEL RAPPORTO CON IL TEMPO

FACCIO O NON FACCIO (evito)

FACCIO IO O FACCIO FARE AD ALTRI (delego)

FACCIO SUBITO O FACCIO DOPO (rinvio)

FACCIO IN PIÙ O MENO TEMPO (velocizzo)

“non si può non decidere”


FINE LEZIONE