Sei sulla pagina 1di 8

DISPENSE PER IL RECUPERO:

MORFOSINTASSI – 04 –

1. Scegli la forma corretta nelle seguenti coppie di voci verbali appartenenti a


verbi irregolari.

Tenei/tenni leggè/lesse vedetti/vidi teremmo/teneremmo


comprimuto/compresso disfava/disfaceva appaio/apparo dessi/dassi
andrebbi/andrei seppero/sapettero scrivei/scrissi parì/parve
salgo/salo vincette/vinse tingette/tinse mungette/munse
vollero/volerono rimanerei/rimarrei protessero/proteggettero arrossa/arrossisce

2. Riscrivi le seguenti frasi sostituendo le espressioni evidenziate in grassetto con


le forme del gerundio.

1. Se ti vesti …………………in modo così bizzarro credi di essere più bello?


2. Siccome avete conseguito…………………………..un bel voto, sarete premiati.
3. Poiché ho esagerato……………………………….nel mangiare ora mi metto a dieta.
4. Mentre mi incamminavo………………………………..verso casa, ho incontrato Sandro.
5. Per non aver risposto…………………………………………..a due domande su tre, sono
stato respinto.
6. Con il faticare …………………………………….da mattina a sera ti rovinerai la salute.
7. Se fa……………………………..l’ abbonamento per un anno ha uno sconto del 15%.

3. Sottolinea una volta i modi finiti, due volte i modi indefiniti presenti nel brano
e inserisci la punteggiatura corretta.

Harry Potter era un ragazzo insolito sotto molti punti di vista prima di tutto odiava le vacanze estive
più di qualsiasi altro periodo dell’ anno poi voleva davvero fare i compiti ma era costretto a studiare
di nascosto nel cuore della notte e per giunta era un mago pur essendo quasi mezzanotte Harry era
steso sul letto a pancia in giù le coperte tirate sulla testa come una tenda una torcia in mano e un
grosso libro rilegato in pelle aperto e appoggiato al cuscino fece scorrere la punta della penna d’
aquila sulla pagina aggrottando le sopracciglia alla ricerca di qualcosa che potesse aiutarlo a
scrivere il tema: Perché i roghi di streghe del Quattordicesimo secolo furono inutili.

4. Individua e correggi gli errori nell’uso dei modi e dei tempi verbali.

1. Non so che cosa si aspettano …………………. da noi.


2. Vi ho avvertito affinché vi fate …………………. trovare pronti.
3. Se tu me lo chiedevi…………………., mi trasferirei a vivere nella tua città.
4. Chi era la ragazza con cui stai litigando …………………. ieri?
5. Benché tu abbia il tempo, non hai svolto il compito che ti affidavo …………………. un
mese fa.
2

6. Ogni volta che lo incontrerò…………………., mi chiedeva tue notizie.


7. Quando vuoi …………………. venire a trovarmi, me lo farai sapere?

5. Nelle seguenti frasi sottolinea i pronomi personali soggetto e cerchia i pronomi


personali complemento.

1. Tu proprio non vuoi capire.


2. Mi dispiace se ti ho offeso.
3. Noi non siamo d’ accordo con te sulla decisione di darle le chiavi.
4. La polizia gli fece parecchie domande.
5. Ci hai sorpreso mentre ti stavamo preparando una sorpresa.
6. Vi ricordo che io non intendo più tornare su questo argomento.
7. Lei mi piace sempre di più: te lo confesso.
8. Mi dite come posso trovare una soluzione adatta a voi?

6. Completa le seguenti frasi inserendo i pronomi personali complemento


opportuni.

1. Dovresti smettere di pensare solo a…… Sei un egoista.


2. …… chiedo se sia il caso di prenotare quel viaggio in Costa azzurra.
3. Dimmi, ……sei divertito al cinema?
4. Paolo, Luca! Che bello incontrar……qui.
5. ….. .vedi che ho ragione?
6. Ho parlato con Marina, …… ho detto tutto e……siamo chiarite.
7. Paolo è triste:……manca la tua presenza.

7. Elimina dalle frasi le ripetizioni e riscrivile utilizzando i pronomi adatti.

1. Questo disco è tuo, domani ti restituisco il tuo disco.


………………………………………………………………………………………..………..
2. Queste sono le mie amiche londinesi. Ti ricordi di aver già conosciuto le mie amiche
londinesi?

…………………………………………………………………………………………………
3. Ho visto Laura. Laura correva verso l’ autobus
………………………………………………………………………………………..………..
4. Se si fa una bella gita in montagna è un piacere potersi ricordare della bella gita.
…………………………………………………………………………………………………
5. Siete arrivati in anticipo: il fatto che siate arrivati in anticipo vi obbligherà ad aspettare
qualche minuto.
…………………………………………………………………………………………………
6. Francesco è quel ragazzo . Ti ho parlato di Francesco.
…………………………………………………………………………………………………
3
4

8. Individua e correggi le improprietà nell’ uso dei pronomi relativi, riscrivendo


le frasi quando occorre.

1. Questa è la moto che ho girato mezza Italia per trovarla.


2. Nella stanza c’ è una libreria che in alto c’ è un televisore a schermo piatto.
3. Vediamoci nel bar che ci siamo già incontrati ieri.
4. I tuoi genitori sono le persone che puoi farci affidamento.
5. Lasciami un po’ di tempo che sto tranquillo da solo.

9. Completa le seguenti frasi inserendo il pronome relativo corretto.

1. Non mi va di rinunciare agli obiettivi…………………..ho lavorato tanto.


2. Sono andato a protestare dal vigile……………………….ho preso la multa.
3. Ho perso il CD Rom………………….mi avevi prestato
4. Ho incontrato la tua amica …………………………….non ricordo mai il nome.
5. La casa, per comprare……………….si sono indebitati fino al collo, ha rivelato problemi
strutturali.
6. Ho incontrato un mio vecchio amico……………………ho frequentato l’ università.

10. L’ aggettivo proprio si usa al posto di suo nelle frasi con verbo impersonale e
quando è riferito a una terza persona singolare soggetto della frase. Il pronome
proprio si usa quando il possessore è il soggetto della frase. Completa le seguenti
frasi con il possessivo corretto e indica se è aggettivo o pronome.

1. Non è mai facile riconoscere i………………….difetti.


2. Marcella ha prestato il…………………..scooter a Luca perché il …………… ……………
era rotto.
3. Tutti avete una stanza: ciascuno rientri nella………………..
4. E’ sempre preferibile esplicitare con chiarezza le ………………….. idee.
5. Hai chiesto a Giulia la …………………….. opinione in merito.

11. Indica quali dei seguenti periodi, costituiti da due frasi, sono costruiti per
coordinazione (C) e quali per subordinazione (S).

1. Il ragazzo parlava loro della propria vita da pastore, quando l’ Inglese entrò nella tenda
2. Vagarono a lungo, ma alla fine giunsero all’ oasi
3. In quel momento fu come se il tempo si fermasse
4. L’ inglese era molto deluso: aveva fatto tutto quel viaggio per niente
5. Dopo un po’ di tempo, fu l’ Inglese a prendere a sua volta la parola.
6. Fai i compiti, poi uscirai con gli amici
7. Finalmente possiamo lasciarci alle spalle ciò che ci ha afflitto finora.
5

12. Completa i periodi aggiungendo alla proposizione principale una coordinata


e una subordinata.

1. Lucia si è trasferita a Roma …………………………………………………………………


…………....................................................................................................................................
2. Alessandra indossa una collana di perle …………………………………………………….
…………....................................................................................................................................
3. Sara rilegge la sua verifica di italiano ………………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………
4. Andrea si vergogna ……………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………
5. E’ notte alta ……………………………………………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………
6. Abbiamo partecipato alla corsa campestre ……………………………………………………
…………………………………………………………………………………………………
7. Manuela non riusciva a prendere sonno ……………………………………………………..
…………………………………………………………………………………………………

13. Riscrivi i periodi trasformando le subordinate esplicite in subordinate


implicite o viceversa.

1. Benché abbia mangiato abbastanza, ho ancora fame.


…………………………………………………………………………………………………
2. Dopo aver dato l’ ultimo esame, Laura è andata in vacanza con i suoi amici.
…………………………………………………………………………………………………
3. Quando ho rivisto Anna mi sono commossa.
…………………………………………………………………………………………………
4. Luisa dice che ha perso sei chili
…………………………………………………………………………………………………
5. Temeva che non avrebbe passato l’ esame.
…………………………………………………………………………………………………

14. Completa i periodi con una subordinata temporale rispettando il rapporto


di contemporaneità, anteriorità o posteriorità con la reggente.

1. Lucia si spaventò. Contemporaneità


…………………………………………………………………………………………………
6

2. Sono andata dal parrucchiere. Posteriorità


…………………………………………………………………………………………………
3. Il gallo dei vicini canta. Anteriorità
…………………………………………………………………………………………………
4. Non mi ascoltate mai. Contemporaneità
…………………………………………………………………………………………………
5. I Galimberti ci raggiungeranno. Posteriorità
…………………………………………………………………………………………………
6. Dovrebbero riaprire la piscina comunale. Anteriorità
…………………………………………………………………………………………………
7. Tremo di paura. Anteriorità
…………………………………………………………………………………………………
8. Partiremo per le vacanze. Posteriorità
…………………………………………………………………………………………………

15. Nei seguenti periodi distingui le subordinate soggettive (S) da quelle


oggettive (O)

1. E’ bene che vi affrettiate: lo spettacolo sta per cominciare.


2. Mio nonno sostiene che ai tempi di Carosello la TV era tutta un’altra cosa.
3. Tu mi stai dicendo che l’ hai sposata?
4. La maggioranza dei tifosi sostiene che non si può più andare allo stadio.
5. Il re promise alla figlia che tutto si sarebbe svolto secondo i suoi desideri.
6. E’ inaudito che nel terzo millennio migliaia di persone muoiano di fame.
7. Maria capì che la cosa era seria.
8. Non scordarti di comprare il latte.

16. Sottolinea le subordinate relative presenti nei seguenti periodi. Attenzione: in


due casi non sono presenti.

1. Un pessimista è uno che non si sente mai troppo bene quando sta bene, perché teme di
sentirsi peggio quando sta meglio.
2. Chi fa da sé fatica il doppio.
3. L’ ottimista pensa che questo sia il migliore dei mondi possibili.
4. Non vuoi mai ciò che ti puoi permettere.
5. Sono convinto che il lieto fine giustifichi i mezzi.
6. Il contadino raccolse le mele che erano cadute dall’ albero
7. Sono finalmente arrivate le lettere spedite da Shangai da Luca.
7

17. Riscrivi queste barzellette trasformando le interrogative dirette in


interrogative indirette e modificando il periodo come ti sembra più opportuno.

Esempio:
“Dottore, secondo lei ho bisogno degli occhiali?” “Direi proprio di sì: questa è una banca.” >
Un signore si presenta allo sportello di una banca e chiede all’ uomo in attesa se dovrà portare
gli occhiali…

1. “Da quanto tempo cammina tuo figlio?” “Ormai da tre mesi”. “E fin dove è arrivato?”
2. “Qual è il colmo per un libro di matematica?” “Non avere problemi”.
3. Un bambino chiede al papà: “Che cosa si celebra il giorno di S. Valentino?” “ “I fiorai.”
4. Un signore davanti alla porta dell’indovino: “Toc, toc”. “Chi è?” “ Ah, cominciamo bene…”
5. La mamma legge una favola al figlio per addormentarlo. “Mamma, puoi smettere di
leggere? Vorrei dormire.”

18. Sottolinea nel brano con colori diversi le proposizioni principali


indipendenti, le coordinate alle principali e le subordinate. Poi inserisci la
punteggiatura corretta e analizza tutte le subordinate.

La mattina del venerdì che precedeva le brevi vacanze pasquali l’ingegner Luigi Cravesana
amministratore delegato delle Edilizie Riunite arrivò in ufficio all’ ultimo piano del piccolo
grattacielo di cristallo con anticipo di una decina di minuti sull’orario a cui era abituato negli ultimi
tempi cioè da quando era tornato al lavoro dopo l’ infarto e la convalescenza
si accorse di essere in anticipo senza guardare l’orologio dallo scatto esagerato dell’ usciere
allorché gli passò davanti e dal vocìo e dalle risate che ancora venivano dalla stanza delle segretarie
era strano certo che l’ impiegata del pianterreno non avesse come sempre avvertito il personale dell’
ultimo piano lo aveva visto infatti lo aveva salutato ma c’ erano intorno al suo tavolo semicircolare
sei o sette persone che la assediavano per farsi annunciare
8

19. Traccia gli schemi grafici per visualizzare la struttura dei seguenti periodi.

1. Il nostro lontano cugino Gianluca ha venduto una casa che aveva ereditato da suo padre, il
quale l’ aveva acquistata e l’ aveva riccamente arredata per darsi un tono da gran signore.

2. Si ricorda la proverbiale distrazione di Newton che, alzatosi da tavola per andare a prendere
una bottiglia di vino da offrire agli invitati, lungo la strada per la cantina si dimenticava di
cosa doveva fare e si rintanava in camera a lavorare.