Sei sulla pagina 1di 7

IL CONGIUNTIVO IN FRASI SUBORDINATE (quasi sempre introdotto da «CHE» o «SE»)

In subordinate, usiamo il congiuntivo…

 Insieme a verbi che esprimono un’opinione (credere, pensare, ritenere, supporre,


immaginare, avere l’impressione che…)

        Credo che faccia molto freddo oggi!

        Pensi che questo vestito mi stia bene?

        Sara ha l’impressione che il suo fidanzato la tradisca. 

 Insieme a verbi che esprimono volontà, desiderio (volere, desiderare, preferire,


gradire che…)

        Vuole che io vada a casa sua stasera.

        Desidero che Marco venga a chiedermi scusa.

        Preferiamo che voi parliate di meno.

 Insieme a verbi che esprimono speranza o paura (sperare, augurarsi,


aspettarsi, temere, aver paura che …)

         Spero che questo brutto periodo finisca presto.

         Francesca si augura che suo figlio si laurei in estate.

         Temo che tu abbia la febbre: scotti!

         Ho paura che non riescano a venire stasera.

 Insieme a verbi che esprimono incertezza, dubbio, irrealtà (non essere sicuri /


certi, dubitare, fingere che… + non sapere, ignorare se …)

         Non sono certa che sia la scelta migliore.

         Dubiti che io ne sia capace?

         Non sappiamo se stiano scherzando o siano seri.

 Insieme a verbi che esprimono stati d’animo (essere felice, essere contento, far
piacere, essere dispiaciuto, rallegrarsi che …)

        Sono felice che tu sia qui.

        Mi fa piacere che tu sia qui.

        Mi dispiace che lui non abbia avuto il coraggio di parlare.
MA!

1) Se il soggetto della frase principale e il soggetto della frase dipendente sono uguali,
allora non utilizziamo il congiuntivo ma l’infinito (preceduto da «di»)!

(io) Spero che tu raggiunga i tuoi obiettivi → (io) Spero di raggiungere i miei obiettivi.

(voi) Credete che lui sia il migliore → (voi) Credete di essere i migliori.

Lei è contenta che voi siate venuti → Lei è contenta di essere venuta.

2) Il verbo «sapere» alla forma affermativa non esprime incertezza, bensì certezza!
Quindi non richiede il verbo al congiuntivo, ma all’ indicativo.

Non so se lei sia la persona giusta per quel ruolo MA So che lei è la persona giusta per quel
ruolo.

Non sanno se lui abbia ragione MA Sanno che lui ha ragione.

IL CONGIUNTIVO IN FORME IMPERSONALI…

 Con verbi impersonali come bisogna, occorre, vale la pena, può darsi, si dice,
pare, sembra che …

        Occorre che tu ti faccia vedere da un medico per quella ferita.

        Si dice che siate diventati ricchi!

 Con espressioni formate da verbo «essere» + aggettivo/avverbio: è importante,


giusto, strano, incredibile, male, bene che …

         È bene che tu venga qui subito.

         È giusto che tutti paghino per i loro errori.

 Con espressioni formate da verbo «essere» + articolo e nome : è un peccato,


un’assurdità, uno scandalo che …

         È un peccato che Paolo debba partire proprio ora.

 
INOLTRE SI USA IL CONGIUNTIVO CON…

 Congiunzioni come benché, sebbene, nonostante, malgrado, purché, affinché,


senza che, come se, prima che, per quanto, a condizione che, nel caso in cui…

        Nonostante sia giovane, lei non ama andare in discoteca.

        Puoi uscire a condizione che tu finisca prima i compiti.

        Parla come se stesse ridendo.

 Chiunque, comunque, ovunque, qualsiasi, qualunque

        Chiunque dica che non è vero mente!

        Qualsiasi cosa tu faccia, sarà un successo!

 Espressioni come «il più/meno…che», «più/meno … di quanto»

         È la cosa più bella che mi potesse capitare!

 Dopo un pronome relativo quando la cosa o la persona di cui si parla non sono
specificate.

         Cerca un uomo che la faccia sentire una principessa.

         Quell’ azienda assume solo gente che sia esperta. 

 Periodo ipotetico di 2° e 3° tipo (introdotto da «se»)

        Se fossi ricca, comprerei una villa a Cannes.

        Se fossi stato sveglio, avresti sentito il campanello.

 
IL CONGIUNTIVO IN FRASI PRINCIPALI

 Per esprimere una possibilità o un dubbio

         Che sia questa la fidanzata di Luca? → è possibile

         Che stia mentendo a tutti noi? → ho un dubbio

 Per esprimere un augurio

         Possiate essere sempre felici come oggi!

 Per esprimere un desiderio (spesso introdotto da «magari»)

         Mi andasse tutto bene per una volta!

         Magari smettesse di nevicare!

 Per esprimere un’esortazione, un invito, un ordine, una concessione (al posto


dell’imperativo per la 3 persona singolare, plurale e di cortesia)

         Non si preoccupi, risolviamo subito il suo problema → esortazione

         Vengano qui e lo dicano a me di persona che mi odiano → invito

         Vada via di qui! → ordine

         Si arrabbi pure, continuo ad avere ragione io → concessione

 Per esprimere una sorpresa, seguita da esclamazione

           Sapessi quanta strada ho fatto per trovarti!


Congiuntivo imperfetto: verbi regolari

cant-are ved-ere sent-ire fin-ire


cantassi vedessi sentissi finissi
cantassi vedessi sentissi finissi
cantasse vedesse sentisse finisse
cantassimo vedessimo sentissimo finissimo
cantaste vedeste sentiste finiste
cantassero vedessero sentissero finissero

Pensavo che tu lavorassi in banca. 

Vorrei che tu smettessi di dire le bugie. 

Congiuntivo imperfetto: verbi “essere” e “avere”

essere avere
fossi avessi
fossi avessi
fosse avesse
fossimo avessimo
foste aveste
fossero avessero

Pensavo che le sigarette fossero nella borsa. 

Pensavo che Mario avesse una macchina nuova. 


Congiuntivo imperfetto: verbi irregolari

Il congiuntivo imperfetto i verbi irregolari di solito sono gli stessi dell’ imperfetto indicativo e
mantengono le stesse irregolarità.

fare dire bere porre tradurre trarre stare


facessi dicessi bevessi ponessi traducessi traessi stessi
facessi dicessi bevessi ponessi traducessi traessi stessi
facesse dicesse bevesse ponesse traducesse traesse stesse
facessimo dicessimo bevessimo ponessimo traducessimo traessimo stessimo
faceste diceste beveste poneste traduceste traeste steste
facessero dicessero bevessero ponessero traducessero traessero stessero

Pensavo che tu stessi per uscire.

Non ero sicura se tu bevessi vino bianco o quello rosso. 

NB! Le forme della prima e seconda persona singolare nel congiuntivo imperfetto sono
uguali. Quindi, per evitare confusioni bisogna usare i pronomi personali, per esempio:

Pietro pensava che io lavorassi in banca. 

Pietro pensava che tu lavorassi in banca. 

L’uso del congiuntivo imperfetto

1) Il congiuntivo imperfetto si usa dopo i verbi  e le espressioni che richiedono il


congiuntivo e serve per esprimere un’azione passata che si svolge contemporaneamente con
un’altra azione passata descritta nella frase principale:

Pietro pensava (imperfetto indicativo), che le sigarette fossero sul tavolo.

2) Il congiuntivo imperfetto si usa anche dopo i verbi e le espressioni che reggono il


congiuntivo quando sono al condizionale semplice, per esprimere un’azione contemporanea
o futura rispetto all’azione nella frase principale.

Vorrei che tu rimanessi per un altro po’.

Mi piacerebbe che tu venissi con me al mare.