Sei sulla pagina 1di 1

VENERDÌ 24 DICEMBRE 2010

LA GAZZETTA DELLO SPORT R

19

SERIE BWIN L’INTERVISTA

Parla Cairo

nuovi innesti lo scorso anno, quest'anno ne bastano 2-3, un valore aggiunto come lo è stato De Vezze in questa prima parte

di

stagione».

 

x

HA

DETTO

IL CAMBIO ESONERATO IACONI

Svolta a Trieste Arriva Salvioni

«Rivoglio lo stadio Con me il Torino non potrà fallire»

«Guardo le partite in tv per evitare le tensioni Le società sono in crisi: io ci metto la passione»

Un Toro sudamericano con la fantasia di Gabionetta e la grin- ta di Pellerano in mezzo al cam- po?

«Di Gabionetta si è parlato fin troppo, se arriva bene se no pa- zienza. Il primo acquisto e più importate sarà il recupero di Bianchi. Se Rolando ritrova la miglior condizione sarà un ac- quisto di grande livello. Ogbon- na? Di fronte a offerte irrinun- ciabili non è incedibile anche se vorrei tenerlo. Il prezzo? Se la metà di Ranocchia vale 12 mi- lioni fate un po' voi. Dobbiamo puntare sui giovani».

Petrachi festeggia un anno da d.s. e Lerda da sei mesi in pan- china ha superato anche i mo- menti difficili.

V

V

 

Sul mercato Punto sui giovani. Ogbonna? Di fronte a offerte

  Sul mercato Punto sui giovani. Ogbonna? Di fronte a offerte
  Sul mercato Punto sui giovani. Ogbonna? Di fronte a offerte

irrinunciabili non è

 

Ivo Iaconi, 54 anni

 

Sandro Salvioni, 57 anni

incedibile: se la metà di Ranocchia vale 12 milioni

incedibile: se la metà di Ranocchia vale 12 milioni

TRIESTE d (d.d.r.) Ivo Iaconi non è più l’allenato- re della Triestina. Dopo la sconfitta di Vicenza la sua panchina è tornata a traballare, ma tutto sembrava tranquillo. Ieri pomeriggio invece do- po un confronto con il presidente Fantinel è arri- vata la svolta. Al posto di Iaconi (via anche i col- laboratori Marino, Marcattili e De Toffol) è stato scelto Sandro Salvioni (con Alessandro Spaggia-

FRANCESCO BRAMARDO

Urbano Cairo, 53 anni, è il presidente del Torino dal 2005 LAPRESSE profilo e battere

Urbano Cairo, 53 anni, è il presidente del Torino dal 2005 LAPRESSE

profilo e battere la nuova stra- da che prevede l'ingaggio di gio-

rie A, giovani come Rosina dei primi tempi».

«Non sono un mangia allenato- ri e comunque l'esperienza è uti-

5RIPRODUZIONE RISERVATA

 

V

ri

e Bruno Fantini), ex Ancona, che già da qual-

le

per non commettere errori.

Su Lerda Sta lavorando per migliorare la squadra, ha una mentalità molto offensiva, a noi mancava l’equilibrio: ora c’è

che settimana era stato messo in preallarme.

TORINO d Cosa regalerà il presi- dente al Torino, e cosa vorreb- be ricevere in cambio Urbano Cairo sotto l'albero?

Con Lerda e Petrachi ho trovato

due persone giovani ma con un

Tutti a Malta Salvioni prenderà conoscenza della

bagaglio notevole di esperien-

squadra dopo Natale. La Triestina andrà in ritiro

za

e grandi ambizioni».

a

Malta dal 27 al 31 con il nuovo allenatore; in

«Per scaramanzia, meglio non parlarne».

Qualcosa nel gioco però è cam- biato negli ultimi tempi.

programma ci sarà anche un torneo il 30 contro La Valletta e Qormi. La società alabardata ha nel- l’isola una scuola calcio voluta dal responsabile del settore giovanile, Franco Schiraldi.

Ah, già, la scaramanzia. Da

quando la squadra è in silenzio stampa, e lei non assiste più al- le partite (Torino-Frosinone 1-2 del 23 ottobre), il Toro ha inizia- to la lunga rimonta verso le zo- ne alte della classifica, nove ri- sultati utili consecutivi .

«Lerda sta lavorando per mi- gliorare la squadra, ha una mentalità offensiva, gli piace il bel calcio ma con Zeman si di- vertivano solo i tifosi avversari. Il bel calcio senza risultati non basta, ci vuole equilibrio, era quello che mancava».

V

V

 

LA SITUAZIONE

 

L’Atalanta con il Grosseto Sarà il primo posticipo

«La scaramanzia paga, è vero ma preferirei tornare a seguire le partite allo stadio invece che in tv con i miei figli ed un pac- chetto di patatine. E' stata una grande rinuncia. Quando ho vi- sto le gambe molli e le facce spa- esate dei giocatori in campo, i fischi e la contestazione dopo 10' nei miei confronti ho preferi- to alleggerire l'ambiente, toglie- re qualsiasi alibi o pressione».

Il sistema calcio è in crisi, dopo la Lega Pro anche società di B rischiano il fallimento.

 

Su Bianchi L’acquisto più importate sarà il recupero di Rolando: se ritrova la miglior condizione sarà decisivo

La classifica dopo 20 giornate: Novara p. 42; Atalanta 39; Siena 37; Varese 35; Torino 32; Livorno* e Reggina 31; Vicenza 29; Pescara 28; Padova* 27; Empoli 25; Crotone 24; Cittadella e AlbinoLeffe 23; Grosseto 22; Modena 21; Sassuolo e Ascoli (-5) 20; Frosinone 19; Piacenza e Portogruaro 18; Triestina 17. (*una partita in meno). Prossimo turno Venerdì 7 gennaio (ore 20.45): Frosinone-Livorno. Sabato 8 (ore 15):

Crotone-Portogruaro, Empoli-Vicenza, Modena- Novara, Pescara-Cittadella, Piacenza-Varese, Reggina-Sassuolo, Siena-AlbinoLeffe, Triestina-Ascoli; Padova-Torino (ore 20.45). Lunedì 10 (ore 20.45): Atalanta-Grosseto.

«Bisogna far quadrare i conti,

scovare talenti, investire sui gio- vani. Io gli errori li ho pagati di tasca mia, altri con fallimenti o cessioni di società. Alla fine la gente ha capito che in un mo- mento così meno male c’è uno come Cairo che ha passione e voglia di recuperare il terreno perduto: chi vuole bene al Toro quando il momento è difficile

La parola promozione meglio non pronunciarla.

catori giovani, motivati, affa- mati e ambiziosi per la catego- ria. Niente nomi roboanti, co- mela mia prima squadra costru- ita in pochi giorni e salita in se-

Pochi giorni e si apre il calcio mercato. Un anno fa la rosa fu rivoltata come un calzino

 

«Meglio proseguire con il basso

«Vero, ma era necessario, 12

lo

sostiene».

 

PRIMA DIVISIONE Il recupero del girone A

 
 

Rossi sulle fasce, a supporto

 
 

lo

       

Rosso risponde a Migliorini Tra Ravenna e Spal è pari

Fugati i dubbi che avevano fatto bloccare tutte le scommesse sul 2

RAVENNA-SPAL

1-1

GIUDIZIO +++ MARCATORI Migliorini (S) al 6’ p.t.; Rosso (R) al 16’ s.t. RAVENNA (4-4-2) Gia. Rossi 6; Tagliani 6 (dal 1’ s.t. Guitto 6), Ciuffetelli 6,5, Fasano 6,5, Sabato 6,5; Cazzola 6, Rossetti 6,5, Sciaccaluga 6,5, Maggiolini 6,5; Chianese 6 (dal 22’ p.t. Gerbino Polo 6,5), Rosso 6,5 (dal 29’ s.t. Caturano 6). (Pellegrino, Grea, Gardella, Visone). All. L. Rossi 6,5. SPAL (4-4-2) Ravaglia 6; Belleri 5,5, Zamboni 6, Bortel 5,5, Gio. Rossi 6; Melara 5,5 (dal 20’ s.t. Corsi 5,5), Migliorini 6, Coppola 5,5, P. Rossi 5,5 (dall’11’ s.t. Colomba 5,5); Cipriani 6, Fofana 5 (dal 15’ s.t. Bedin 5,5). (Capecchi, Ghetti, Pallara, Meloni). All. Notaristefano 6. ARBITRO Ripa di Nocera Inferiore 5,5. NOTE paganti 1.059, pagavano anche gli abbonati, incasso di 12.775 euro. Espulso il tecnico Leo Rossi al 30’ s.t.; ammoniti Gio. Rossi, Coppola, P. Rossi, Cipriani, Sciaccaluga e Maggiolini. Angoli 10-1.

UGO BENTIVOGLI

5RIPRODUZIONE RISERVATA

RAVENNA d Termina 1-1 il recu- pero della 15ª giornata tra Ra- venna e Spal con un gol per parte e, anche un tempo per parte. Fugati quindi i dubbi delle agenzie di scommesse, che alla vigilia avevano sospe-

so le giocate sul 2. Dalla piega

che aveva preso la partita, sem-

brava che la Spal potesse dav- vero vincere, visto il vantaggio

in apertura e l’infortunio capi- tato a Chianese al 20’ (proble-

mi muscolari alla coscia sini-

stra). Tuttavia è un pareggio che va stretto al Ravenna, in grado di dominare la scena nel secondo tempo quando ha messo la Spal alle corde, co- stringendo alla sofferenza una delle squadre che, in trasferta,

hanno il rendimento migliore.

La partita Leo Rossi temeva la

fisicità della Spal e ha schiera-

to contemporaneamente Ta-

gliani, Ciuffetelli e il recupera-

to Fasano, mentre Notaristefa- no si è affidato a Melara e Pao-

GIRONE A

SQUADRE

PT G

V

N

P

RF RS

GUBBIO

37 18 12

1

5 25 15

SORRENTO

34 18 9

7

2 32 20

SPAL (-1)

32 18 9

6

3 27 16

ALESSANDRIA

31 18 8

7

3 23 14

REGGIANA

27 18 7

6

5 25 22

LUMEZZANE (-1)

24 18 6

7

5 18 17

ALTO ADIGE

24 18 6

6

6 20 22

SPEZIA

23 18 5

8

5 20 18

SALERNITANA (-2) 23 18 7

4

7 22 25

RAVENNA

23 18 5

8

5 17 18

VERONA

21 18 4

9

5 21 16

CREMONESE

21 18 4

9

5 17 18

BASSANO

20 18 5

5

8 13 16

COMO

20 18 4

8

6 15 19

PAVIA

19 18 4

7

7 15 22

PERGOCREMA

18 17 3

9

5 15 15

MONZA

14 17 3

5

9 17 30

PAGANESE

11 18 3

2 13 9 28

PROSSIMO TURNO

mercoledì 5 gennaio, ore14.30 PERGOCREMA-MONZA (recupero) domenica 9 gennaio, ore 14.30 ALTO ADIGE-GUBBIO (0-4) BASSANO-RAVENNA (1-1) COMO-VERONA (2-0) CREMONESE-ALESSANDRIA (0-1; lunedì 10, ore 20.45) LUMEZZANE-SALERNITANA (1-0) MONZA-SPAL (0-0) PAGANESE-PAVIA (0-1) SORRENTO-PERGOCREMA (0-0) SPEZIA-REGGIANA (1-1)

del bomber Cipriani e dell’ex

Fofana. Al 2’ Bortel si è addor- mentato al limite dell’area pic- cola, ma Rosso da due passi non ne ha approfittato. Il Ra- venna si stava impossessando del gioco ma è stata la Spal a passare al 6’ con Migliorini, bravo a battere Gianmaria Ros-

si con un destro a spiovere sul

secondo palo. Il Ravenna ha accusato il colpo e ha perso Chianese, e la Spal ha insisti- to, poi al 23’ Rossetti è saltato bene di testa su una perfetta punizione di Sciaccaluga e ha messo di poco a lato.

La svolta Nella ripresa Leo Ros-

si ha voluto rischiare inseren-

do Guitto per Tagliani e la par- tita è cambiata, con la Spal a soffrire decisamente in ogni

zona del campo. Al 7’ un’incor- nata di Gerbino Polo ha sfiora-

to il palo alla destra di Rava-

glia e 2’ più tardi Rosso ha spre-

cato una clamorosa occasione da centro area dopo un tiro di Maggiolini respinto da Rava- glia. Al 16’ però Guitto ha pe-

scato bene Gerbino Polo in area, l’attaccante ha controlla-

to

e appoggiato per Rosso che

di

piatto destro ha girato in re-

te. Il Ravenna non si è fermato e ha continuato ad attaccare al- meno fino alla mezzora, poi il

pari è stato bene a entrambe.

GIRONE B

Ternana agitata:

Deodati lascia la presidenza

Angelo Deodati ha rassegnato le dimissioni da presidente della Ternana «essendo venuti meno i presupposti programmatici, gestionali a suo tempo concordati con la Proprietà e per sopraggiunti importanti impegni di lavoro fuori Roma», come ha precisato l'imprenditore romano nella nota con la quale ha annunciato la sua decisione. Resta in carica comunque il consiglio di amministrazione.

GIRONE B Questa la situazione nel girone B dopo 18 giornate:

Nocerina p. 41; Atletico Roma e Benevento 34; Juve Stabia e Lanciano 27; Foggia (-1) e Taranto 26; Cosenza 25; Siracusa 24; Ternana 23; Viareggio e Gela 22; Lucchese, Pisa e Barletta 18; Cavese (-5) e Andria 17; Foligno (-1) 15. Queste invece le partite della ripresa, prevista per domenica 9 gennaio (ore 14.30): Andria-Gela (1-2); Benevento-Lanciano (0-1); Cavese-Nocerina (0-0); Cosenza-Ternana (0-0); Foligno-Juve Stabia (2-0); Lucchese-Foggia (3-2); Pisa-Barletta (1-1); Siracusa-Viareggio (0-1); Taranto-Atletico Roma (0-1).

SERIE D

Altri tre recuperi Bel colpo dell’Asti Castel Rigone ok

Nei tre recuperi di ieri in serie D, colpo del Castel Rigone che riprende in vetta il Perugia. Ecco i risultati:

GIRONE A Seregno-Asti 1-2. Classifica: Borgosesia p. 38; Asti e Saint Christophe 36; Aquanera 35; Santhià 34; Cuneo 32; Seregno, Lavagnese e Acqui 30; Chieri 29; Rivoli 27; Chiavari* 25; Derthona, Gallaratese* e Novese 23; Sarzanese 21; Vigevano 17; Albese e Borgorosso 13; Settimo 6. (* una gara in meno). GIRONE C Este-Montecchio 1-0. Classifica: Treviso p. 34; Rovigo e Venezia* 31; Tamai 30; Sanvitese (-1) 27; SandonàJesolo* e Chioggia* 26; Pordenone* e San Paolo* (-1) 25; Union Quinto 23; Este* 20; Kras Repen 18; Opitergina* e Concordia 15; Montebelluna* 14; Torviscosa 13; Montecchio* e Belluno* 12. (* una gara in meno). GIRONE E Sansepolcro-Castel Rigone 0-1. Classifica: Perugia e Castel Rigone p. 39; Todi 38; 36; Sansepolcro e PIanese 28; Spoleto e Group Città di Castello 27; Montevarchi* 26; Flaminia 25; Pontevecchio 24; Sporting Terni 22; Scandicci 20; Orvietana 16; Deruta 14; Arezzo 13; Sestese* 12; Fortis Juventus e Monteriggioni 10. (* una gara in meno).

PROSSIME GARE Mercoledì 29 altre 6 partite, giovedì 30 altre 8.