Sei sulla pagina 1di 1

Il ci locativo

L'avverbio locativo ci si utilizza per fare riferimento a un complemento di luogo già espresso nel
contesto e significa 'lì', 'in quel posto':

– Vai molto spesso alla biblioteca comunale?


– Sì, ci vado spesso (alla biblioteca comunale).

– Che bella la Sicilia!


– Ah, quanto mi piacerebbe tornarci (in Sicilia).

- Con i verbi in forma personale, l'avverbio ci va situato sempre davanti al verbo; invece con
l'infinito può anche essere situato dopo il verbo: in quel caso si unisce graficamente al verbo:

– Non conosco ancora la nuova sede del circolo velico.


– Ah, no? Io ci vado tutti i giorni.

– Ho visitato quasi tutta la Spagna. Mi manca ancora la Castiglia.


– Anch'io vorrei andarci. Devo visitare città come Salamanca, Ávila, Segovia...
(...oppure...)
– Anch'io ci vorrei andare. Devo visitare città come Salamanca, Ávila, Segovia...

Non bisogna confondere gli usi dell'avverbio locativo ci con:

► quelli del pronome personale di prima persona plurale:

Ci hanno regalato un televisore con digitale terrestre (pronome personale, a noi).


Chiara ci ha invitati alla festa (pronome personale, noi)

► Quelli del complemento del verbo essere (esserci) che significa 'essere presente', 'esistere':

In Italia ci sono tantissime città fantastiche da vedere (verbo esserci).