Sei sulla pagina 1di 1

Si lavora molto sulle associazioni mentali ad esempio quando l’insegnante chiede ai

bambini qual è la loro forma preferita e perché oppure quando chiede di disegnare
le forme geometriche e di associarle al disegno di un oggetto che abbia la stessa
forma.

1. Supporto al transfert
Questa attività permette all’alunno di impiegare le conoscenze acquisite sulle
forme geometriche trasversalmente in altri campi d’esperienza, quali: italiano:viene
proposta una filastrocca (utile a potenziare la memoria e il linguaggio verbale orale e
l’attenzione) e viene sviluppato un linguaggio specifico. Educazione fisica: l’attività
motoria è presente durante la “caccia agli oggetti che presentano una forma geometrica”.
Contestestualizzazione (acquisire un certo apprendimento mediante un particolare
compito): nella fase 1 l’insegnante, mediante mediatori quali la visione del video, la
proposta di domande stimolo e la ricerca delle figure nella scatola dei blocchi logici,
permette ai bambini di acquisire una prima esperienza inerente all’argomento
trattato.
Nella ricontestualizzazione (proposizione di compiti similari per permettere l’uso
dell’apprendimento acquisito): nella fase 2 l’insegnate, per permettere un transfert
orizzontale, ripropone l’esercizio della ricerca delle figure geometriche ma
applicandolo ad oggetti diversi infatti i bambini devono identificare le diverse forme
nei vari oggetti presentati nell’aula e nel giardino. Nella fase 3 l’insegnante, dopo
aver chiesto ai bambini di raggruppare i vari oggetti trovati dagli alunni alla fine
della fase precedente, sviluppa e migliora le conoscenze dei bambini facendo
riflettere sulle varie caratteristiche delle forme geometriche, utilizza un transfert
verticale. Nella de contestualizzazione (situazioni o compiti che permettono di
applicare l’apprendimento acquisito riconoscendone il senso): nella seconda parte
della fase 3, l’insegnante, utilizzando come mediatori degli indovinelli, permette ai
bambini di integrare gli apprendimenti finora acquisiti per risolvere problemi più
complessi Nella fase 4 l’insegnante, con la richiesta di disegnare le forme
geometriche e un oggetto con la stessa forma, favorisce l’assimilazione dei vari
concetti di forme e caratteristiche.
Nella fase 5, l’insegnante mediante l’utilizzo di un gioco (indovinare attraverso il
tatto la forma geometrica di un oggetto), verifica l’assimilazione dei concetti
acquisiti.

Oppure

Racconta una tua esperienza commentandola in riferimento ai punti sopra indicati.


Fare clic qui per immettere testo.