Sei sulla pagina 1di 929

Manuale Utente

User Manual

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Manuale ProSteel 3D
Professional / Release 17.2
Maggio 2007

KIWI Software GmbH

Pag. I

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Introduzione

Nessuna parte di questo manuale non può essere riprodotta o copiata e


distribuita in ogni forma o mezzo elettronico (copia, microfilm, ecc.) senza
permesso scritto della KIWI Software Gmbh.
La KIWI Software Gmbh non garantisce esplicitamente o implicitamente,
l'idoneità per vendere o la possibilità per le applicazioni particolari di questi
materiali, i quali sono forniti soltanto nella forma attuale. La KIWI Software
Gmbh non presuppone alcuna responsabilità per danni collaterali, accidentali o
indiretti in seguito all'acquisto ed all'applicazione di questi materiali.
Dove una responsabilità è presupposta dalla KIWI Software Gmbh, tale
responsabilità è limitata al prezzo d'acquisto dei materiali qui descritti.
La KIWI Software Gmbh si riserva di revisionare o modificare questo prodotto a
propria discrezione. Il manuale descrive il prodotto al momento della
pubblicazione. Tutte le informazioni contenute all’ interno di questo documento
possono essere soggette a modifiche senza preavviso.
Nota: Tutti i nomi dei prodotti citati in questo manuale sono marchi registrati
appartenenti alle rispettive società.

Contento (responsabile) J. Friedrich / C.Trinkner / G.Griesing


Illustrazione e Layout C. Trinkner
Traduzioni CSI / B&B

© 2007 KIWI Software GmbH 0H1H www.prosteel.it

Pag. A - II

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
A INTRODUZIONE ..........................................................1
A.1 Introduzione .............................................................................. 1
A.1.1 Informazioni Generali .......................................................................1
A.1.2 Installazione di ProSteel 3D .............................................................3
A.1.3 Requisiti del Sistema ........................................................................9

A.2 Finestre di Lavoro .................................................................... 1


A.2.1 Finestre di Dialogo............................................................................1
A.2.2 Gestore dei Template .......................................................................4
A.2.3 Meccanismo-Roll Over .....................................................................8
A.2.4 Pick Frame e Grafica Ausiliaria ........................................................9
A.2.5 Input Estensioni ..............................................................................10

A.3 Opzioni Input............................................................................. 1


A.3.1 Opzioni input nei campi di inserimento .............................................2
A.3.2 Opzioni input nella selezione degli oggetti........................................2
A.3.3 Comandi con tasti speciali................................................................4

A.4 Gestione Progetti...................................................................... 1


A.4.1 Lavorando con i Progetti...................................................................2
A.4.2 Crea Nuovi Progetti ..........................................................................4

A.5 Impostazioni Globali ................................................................ 1

B MODELLAZIONE E DISTINTA....................................1
B.1 Funzioni Layer .......................................................................... 1

B.2 Utilità di costruzioni ................................................................. 1


B.2.1 Linee di Costruzione.........................................................................1
B.2.2 Misurazione Distanze .......................................................................5

B.3 Viste dell’elemento 3D ............................................................. 1


B.3.1 Vista Oggetto / UCS Oggetto ...........................................................1
B.3.2 Vista su faccia / UCS Faccia ............................................................3
B.3.3 Vista Globale ....................................................................................4
B.3.4 Vista dall'Alto ....................................................................................5
B.3.5 Vista Libera ......................................................................................6

Pag. III

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Introduzione

B.3.6 Piano di Taglio..................................................................................7


B.3.7 Vista prospettica...............................................................................9

B.4 Comandi Copia/Sposta.............................................................1


B.4.1 Sposta/Copia....................................................................................2
B.4.2 Ruota................................................................................................3
B.4.3 Specchia...........................................................................................4
B.4.4 Allinea ..............................................................................................5
B.4.5 Clona ................................................................................................7
B.4.6 Ruota................................................................................................8
B.4.7 Impostazioni .....................................................................................9

B.5 Visualizzazione / Assegnazione elementi...............................1


B.5.1 Nascondi ..........................................................................................1
B.5.2 Rigenera...........................................................................................2
B.5.3 Classi di visibilità ..............................................................................3
B.5.4 Comando Aree .................................................................................5
B.5.5 Famiglie di elementi .........................................................................6
B.5.6 Stato del Processo .........................................................................10
B.5.7 Ricerca Elementi ............................................................................12

B.6 Griglie.........................................................................................1
B.6.1 Griglia a forma di Rettangolo............................................................2
B.6.2 Griglia a forma di Cilindro .................................................................7
B.6.3 Griglie a forma di Cuneo ..................................................................8
B.6.4 Griglia a forma di Piramide ...............................................................9
B.6.5 Crea Viste.......................................................................................10
B.6.6 Nomi Assi .......................................................................................12
B.6.7 Assi Addizionali (Linee di Bordo)....................................................15
B.6.8 Opzioni ...........................................................................................16
B.6.9 Blocchi definiti dall'Utente...............................................................18

B.7 Seleziona Vista..........................................................................1

B.8 Inserimento Profili ....................................................................1


B.8.1 Profili Diritti .......................................................................................2
B.8.2 Profili Curvi .......................................................................................8
B.8.3 Opzioni .............................................................................................9
B.8.4 Classi dei Profili..............................................................................11
B.8.5 Profili Curvi .....................................................................................13
B.8.6 Lunghezza delle travi secondarie ...................................................15
B.8.7 Inserimento Automatico..................................................................17

B.9 Inserire Piatti .............................................................................1


B.9.1 Inserimento di Piatti Dritti..................................................................1
B.9.2 Piatti Curvi ........................................................................................6

Pag. A - IV

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.9.3 Grigliati .............................................................................................7
B.9.4 Pieghe del piatto...............................................................................8
B.9.5 Impostazioni aggiunte.....................................................................11

B.10 Inserimento dei Solidi .............................................................. 1

B.11 Modifiche 3D ............................................................................. 1


B.11.1 Taglia / Unisci ..............................................................................2
B.11.2 Modifica Profili ...........................................................................13
B.11.3 Modifica Piatti ............................................................................16
B.11.4 Modifica Muri .............................................................................18
B.11.5 Opzioni ......................................................................................20
B.11.6 Sagoma .....................................................................................22
B.11.7 Incisione ....................................................................................26
B.11.8 Operazioni Booleane .................................................................29

B.12 Editor Piatto .............................................................................. 1


B.12.1 Operazioni Booleane ...................................................................2
B.12.2 Smusso / Arrotondamento ...........................................................4
B.12.3 Smussa spigoli.............................................................................6

B.13 Forature / Connessioni Bullonate........................................... 1


B.13.1 Fori / Campi Fori ..........................................................................2
B.13.2 Giunti Bullonati.............................................................................6
B.13.3 Opzioni Ulteriori ...........................................................................8
B.13.4 Distanze dai bordi ......................................................................10

B.14 Bulloni ....................................................................................... 1


B.14.1 Bullonatura degli elementi ...........................................................2
B.14.2 Gestione degli Stili del Bullone ....................................................4
B.14.3 Inserimento di Barre Filettate.....................................................13
B.14.4 Ordinamento ..............................................................................14

B.15 Nervature................................................................................... 1

B.16 Congiunzioni con i Piatti.......................................................... 1


B.16.1 Congiunzioni con i Piatti Liberi.....................................................2
B.16.2 Congiunzioni Resistenti al Momento / Taglio .............................14
B.16.3 Congiunzioni definite dall'Utente................................................17

B.17 Piatti di Base Secondo DSTV .................................................. 1

B.18 Giunti angolari .......................................................................... 1

Pag. V

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Introduzione

B.19 Piatti di appoggio......................................................................1

B.20 Coprigiunti.................................................................................1

B.21 Giunto Arcarecci .......................................................................1

B.22 Giunto con fazzoletto ...............................................................1

B.23 Controvento...............................................................................1
B.23.1 Impostazioni ................................................................................2
B.23.2 Inserimento degli elementi del controvento .................................5
B.23.3 Creando un Controvento .............................................................6

B.24 Rinforzi.......................................................................................1

B.25 Editor Giunti ..............................................................................1

B.26 Gruppi ........................................................................................1


B.26.1 Informazioni Generali sui Gruppi .................................................1
B.26.2 Creazione ed Elaborazione dei Gruppi ........................................2
B.26.3 Verifica Gruppi.............................................................................5
B.26.4 Impostazioni ................................................................................7

B.27 Posizionamento ........................................................................1


B.27.1 Posizionamento Automatico ........................................................2
B.27.2 Inserimento Manuale .................................................................10
B.27.3 Inserimento Automatico (Distribuzione) .....................................14
B.27.4 Altri Comandi Ausiliari................................................................19
B.27.5 Numero DWG ............................................................................21
B.27.6 Rappresentazione di Bandierine di Posizione ...........................22
B.27.7 Gestione degli Stili.....................................................................27

B.28 Informazione sul Disegno ........................................................2

B.29 Creazione della Distinta degli Elementi..................................1


B.29.1 Crea Distinte degli Elementi ........................................................2
B.29.2 Processa Distinta di Elementi ......................................................6

B.30 Distinta Disegno........................................................................1


B.30.1 Creazione Distinta Elementi ........................................................1
B.30.2 Editare gli Stili della Distinta degli elementi ................................4
B.30.3 Gestore degli stili della distinta ..................................................10
B.30.4 Editare il contenuto della Distinta di Elementi............................11

Pag. A - VI

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.31 Distinta elenco gruppi.............................................................. 1
B.31.1 Creazione della distinta ...............................................................1
B.31.2 Elaborazione elenco degli stili......................................................3
B.31.3 Gestione degli Stili della Distinta..................................................8
B.31.4 Editare il contenuto della Distinta.................................................9

C DETTAGLI ...................................................................1
C.1 Centro disegni esecutivi .......................................................... 1
C.1.1 Derivazione 2D .................................................................................1
C.1.2 Centro Disegni Esecutivi ..................................................................3
C.1.3 Informazioni generali sulla scala e stili di quotatura..........................9
C.1.4 Informazioni Generali sui Tipi di Dettaglio ......................................11
C.1.5 Dettagli 2D intelligenti.....................................................................15
C.1.6 Visualizzazione della struttura dell’elenco di elementi ....................17
C.1.7 Viste degli elementi ........................................................................23
C.1.8 Descrizione delle Viste ...................................................................36
C.1.9 Dettagli Blocchi 2D (Inserimento) ...................................................44
C.1.10 Impostazioni Globali ..................................................................50
C.1.11 Traduzione Automatica..............................................................56
C.1.12 Trasferire i percorsi dei disegni..................................................59
C.1.13 Verifica disegni ..........................................................................61
C.1.14 Derivazione Diretta ....................................................................66
C.1.15 Gestione delle Modifiche ...........................................................68
C.1.16 Sostituzioni dei blocchi ..............................................................76

C.2 Stile di Dettaglio ....................................................................... 1


C.2.1 Lavorando con gli Stili di Dettaglio....................................................1
C.2.2 Informazioni Generali .......................................................................2
C.2.3 Impostazioni Globali .........................................................................4
C.2.4 Visualizza 2D..................................................................................12
C.2.5 Quota..............................................................................................31
C.2.6 Descrizioni ......................................................................................95
C.2.7 Impostazioni per Elementi "ProConcrete 3D" ...............................102
C.2.8 Esempio – Dettaglio di un Elemento Singolo................................103

C.3 Assistente Express .................................................................. 1


C.3.1 Avvio dell'Assistente Express ...........................................................2
C.3.2 Selezione delle schede.....................................................................3
C.3.3 Inserimento nei singoli fogli ............................................................22

C.4 InsertExpress............................................................................ 1
C.4.1 Attiva InsertExpress..........................................................................2
C.4.2 Modalità d'Inserimento Manuale.......................................................4
C.4.3 Inserimento in serie ........................................................................16

Pag. VII

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Introduzione

C.4.4 File Formato ...................................................................................18

C.5 Vista a Gomito...........................................................................1

C.7 Punti di Quotatura Manuale .....................................................1

C.8 Link Manuale .............................................................................1

C.9 Scala Globale ............................................................................1

C.10 Squadratura Disegno................................................................1

C.11 Taglio Manuale ..........................................................................1

C.12 Quotatura Manuale ...................................................................1

C.13 Quote altimetriche ....................................................................1

C.14 Simboli di Saldatura .................................................................1

C.17 Visualizza Fori ...........................................................................1

D VARIE .......................................................................... 1
D.1 Elementi Definiti dall'Utente ....................................................1
D.1.1 Elementi Speciali..............................................................................1
D.1.2 Profili Speciali...................................................................................2
D.1.3 Profili Saldati ..................................................................................10

D.2 Centro Blocchi ..........................................................................1


D.2.1 Struttura del Centro Blocchi..............................................................2
D.2.2 Creazione e Modifica dei Blocchi .....................................................4
D.2.3 Inserire Blocchi.................................................................................6
D.2.4 Visualizzazione della Struttura del Blocco ........................................8
D.2.5 Database dei Dati dei Blocchi.........................................................11

D.3 Pannelli Tetto/Parete ................................................................1

D.4 Distrubuzione Pioli ...................................................................1


D.4.1 Inserimento dei Pioli .........................................................................2
D.4.2 Inserimento di Blocchi ......................................................................5
D.4.3 Ulteriori Opzioni e Database.............................................................6

Pag. A - VIII

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
D.5 Strumenti Ausiliari.................................................................... 1
D.5.1 Controllo di interferenza ...................................................................1
D.5.2 Baricentrico ......................................................................................4
D.5.3 Sviluppo Tubo ..................................................................................5
D.5.4 Spostamento degli Oggetti ...............................................................7
D.5.5 Crea ACIS-DWG ..............................................................................8
D.5.6 Crea Disegni AutoCAD.....................................................................9
D.5.7 Converte Profili ADT.......................................................................10

D.6 Analisi Statica ........................................................................... 1

D.7 Data Exchange.......................................................................... 1


D.7.1 General Information about Data Exchange ......................................1
D.7.2 Exchange Lists .................................................................................3
D.7.3 Interface Format Selection ...............................................................9
D.7.4 Data Import Command ...................................................................11
D.7.5 Data Export Command ...................................................................16
D.7.6 Direct Data Exchange Via RSTAB..................................................20
D.7.7 New Interfaces................................................................................21
D.7.8 Previous Interfaces.........................................................................35

E APPENDICE ................................................................1
E.1 Elemento Strutturale Scala...................................................... 1

E.2 Elemento Strutturale Parapetto .............................................. 1

E.3 Elemento Strutturale Telaio..................................................... 1

E.4 Elemento Strutturale Controvento.......................................... 1


E.4.1 Impostazioni Generali.......................................................................2
E.4.2 Profili ................................................................................................5
E.4.3 Tiranti ...............................................................................................7
E.4.4 Controvento con il tubo...................................................................10

E.5 Elemento Strutturale Capriata................................................. 1

E.6 Elemento Strutturale Arcareccio ............................................ 1

E.7 Elemento Strutturale Scala a pioli .......................................... 1

E.8 Proprietà.................................................................................... 1
E.8.1 Profili ................................................................................................2

Pag. IX

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Introduzione

E.8.2 Piatti ...............................................................................................14


E.8.3 Bulloni ............................................................................................19
E.8.4 Volume di Solidi / Primitivi Base .....................................................24
E.8.5 Elementi Speciali............................................................................26
E.8.6 Griglie / Viste ..................................................................................27
E.8.7 Elementi Strutturali .........................................................................27
E.8.8 Oggetti Tetto/Parete .......................................................................27
E.8.9 Bandierine di Posizione, Quote Altimetriche, Saldat,... ..................27
E.8.10 Distinta Disegno ........................................................................27
E.8.11 Modifiche 3D..............................................................................28
E.8.12 Piano Tagli.................................................................................31
E.8.13 Taglio-Poli..................................................................................32
E.8.14 Smussa Spigolo.........................................................................33
E.8.15 Incisioni......................................................................................34
E.8.16 Proprietà Comuni.......................................................................35

E.9 Own Notes ...............................................................................39

Pag. A - X

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
A Introduzione
Introduction

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Introduzione

Pag. A - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Introduzione

A.1 Introduzione

A.1.1 Informazioni Generali

Benvenuti in ProSteel 3D
Avete deciso di acquistare il nostro software ProSteel 3D perchè siete convinti
di operare con i propri impegni giornalieri in modo più rapido e più intelligente
usando un software CAD, già testato in modo soddisfacente in tutto il mondo.
Siamo felici che voi abbiate scelto un prodotto della nostra azienda e speriamo
di rappresentare nel tempo un partner affidabile.

Contenuti di questo Manuale


Questo manuale fornisce una descrizione completa di tutti i comandi disponibili
con il software ProSteel 3D per le costruzioni in acciaio.
Alcune delle descrizioni individuali contengono degli esempi, che facilitano la
creazione di diversi comandi fornendo immagini e schizzi.

Non previsto in questo Manuale


Lavorare con ProSteel 3D e con questo manuale richiede già una conoscenza
dell'uso di AutoCAD e di Windows.
In caso contrario, bisognerebbe prendere confidenza con i comandi base più
importanti di AutoCAD per essere in grado di lavorare effettivamente con il
nuovo software. Anche se il software aiuti a superare molte delle difficoltà delle
conoscenze tridimensionale di AutoCAD, bisognerebbe prendere comunque
confidenza con questi oggetti, con il sistema di coordinate (UCS), blocchi, ecc..

Pag. A.1 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Introduzione

Differenze con la propria Versione Corrente


La nostra nuova tecnologia CAL (CAD Abstract Layer) permette una funzionalità
maggiore e di utilizzare ProSteel 3D nelle più diverse piattaforme CAD.
Inoltre, ProSteel 3D è disponibile in diversi moduli di licenza, che differiscono tra
di loro dalle funzionalità disponibili.

Grazie all'integrazione con il sistema AutoCAD è l'applicazione più estesa del


momento, la descrizione di tutte le funzioni di questo manuale si riferiscono alla
versione Professionale di ProSteel 3D per AutoCAD.
Quando si è acquistato ProSteel 3D per un'altra piattaforma, poi AutoCAD o un
altro modello di licenza (es. senza derivazione), il grado attuale di performance
della propria versione può differire da questo manuale. Inoltre, ci possono
essere differenze grazie agli aggiornamenti intermedi del software dopo la
pubblicazione di questo manuale.

Pag. A.1 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Introduzione

A.1.2 Installazione di ProSteel 3D

Inserire il CD di installazione nel proprio CD-ROM. Se l'installazione non si avvia


automaticamente, eseguire direttamente il file ProSteel-Setup.exe nel CD.
Nota importante: Per installare ProSteel 3D correttamente, bisogna avere i
privilegi di Amministratore del proprio computer.

Step 1 – Attivando il processo d'Installazione

L'installazione riconosce se il proprio CAD è basato su AutoCAD


2004/2005/2006. Esso rileva anche se è stato installato Inventor 9/10.

Step 2 – Selezione della Piattaforma supportata

Ora è possibile scegliere se si vuole installare ProSteel 3D per AutoCAD 2004,


AutoCAD 2005 o Inventor 9 o per molte piattaforme contemporaneamente. In
seguito digitare il tasto “Next” per proseguire l'installazione.

Pag. A.1 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Introduzione

Step 3 – Contratto della Licenza

L'installazione visualizza il contratto della licenza tra l'utente e la Kiwi Software


GmbH. Leggere questo contratto attentamente. Per accettare le condizioni,
digitare il tasto “Yes”.
In caso contrario e se si vuole cancellare l'installazione, digitare il tasto “No”.

Step 4 – Cartella di Installazione

Definire la cartella d'installazione. Normalmente, ProSteel 3D viene installato


nella cartella:
C:\Programmi\Kiwi_Software_GmbH\ProSteel_3D\R17.0\AutoCAD_X

Pag. A.1 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Introduzione

Step 5 – Percorso dei Files di Configurazione

Viene creato un file di configurazione durante l'installazione. Questo file, può


essere creato nella cartella \prg di ProSteel o nel profilo dell’utente
C:\Documents and Settings\....
Se si genera il file di configurazione nella cartella dell'utente, bisogna creare una
copia per ogni utente del sistema operativo. Questo significa che ciascun utente
può lavorare con le proprie impostazioni. Se si salva la configurazione nella
cartella del software, si possono effettuare installazioni parallele di ProSteel ed
ognuna può avere delle impostazioni individuali.

Il file di configurazione è un file di testo e può essere facilmente aperto usando il


“Blocco Note” di Windows.

Pag. A.1 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Introduzione

Step 6 – Selezione dei Componenti

Adesso l'installazione consente di selezionare i componenti da installare, come


cataloghi dei profili, esempi COM, profili speciali, profili combinati, ecc. Sulla
destra della finestra di dialogo, viene visualizzata la dimensione corrispondente
al volume dei files da installare. Dopo aver selezionato i componenti, premere il
tasto “Next”.

Step 7 – Installazione dei Files

Adesso vengono installate i componenti selezionati. Se alcuni files sono già


presenti nella cartella di installazione, viene visualizzato un messaggio che
avvisa se questi devono essere sovrascritti.

Pag. A.1 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Introduzione

Step 8 –Fine dell’Installazione

Alla fine, si specifica il nome dell'icona sul desktop.


Ora l'installazione di ProSteel 3D per AutoCAD è terminata. Se si selezionano
ulteriori piattaforme, bisogna ripetere la procedura descritta in precedenza. Per
alcune informazioni riguardo l'installazione, fare riferimento al file readme.txt.
Se necessario questo file può essere stampato.

Pag. A.1 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Introduzione

Installazione con AutoCAD 2007 / 2008

L'installazione con AutoCAD 2007 / 2008 corrisponde all'installazione per


AutoCAD 2004-2006 descritta sopra.
Comunque, è necessario utilizzare il programma setup.exe dalla directory
separata per AutoCAD 2007 / 2008 perchè i file del programma ProSteel 3D per
AutoCAD 2004-2006 non sono compatibili.

Pag. A.1 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Introduzione

A.1.3 Requisiti del Sistema

I requisiti del sistema sono riferiti come un’installazione di AutoCAD. Per altre
piattaforme questi requisiti possono essere differenti e sono dipendenti dal
sistema CAD selezionato.

All'inizio, ProSteel 3D funziona su qualsiasi PC, dove funziona anche


programma-CAD AutoCAD 2004. Quindi sono validi i requisiti di sistema di
AutoCAD 2004-2005-2006-2007-2008.

Hardware-Performance (Requisito Minimo)

Processore Pentium 4 1,5 GHz


Memoria di lavoro 512 Mb
Spazio su disco 300 Mb

Hardware-Performance (Raccomandato)

Processore Pentium 4 2,5 GHz


Memoria di lavoro 1,5 Gb
Spazio su disco 2,0 Gb

I requisiti per la scheda grafica corrispondono a quelli consigliati per AutoCAD.

Inoltre, viene richiesto un CD-ROM per l'installazione e a seconda della chiave


di protezione del software, un lettore floppy, una porta USB o parallela.

Sistema Operativo e Software Installato necessario

Microsoft Windows 2000/XP Professional/Vista


AutoCAD 2004/2005/2006/2007/2008 or ADT 2004/2005/2006/2007/2008
Inventor 9/10/11
Adobe Acrobat Reader 7.0

Pag. A.1 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Finestre di Lavoro

A.2 Finestre di Lavoro

A.2.1 Finestre di Dialogo

In ProSteel 3D si possono incontrare finestre di dialogo basate su un aspetto


standardizzato. Il vantaggio è che si hanno sempre ripetizioni di differenti
comandi allo stesso posto e con la stessa icona.

Struttura delle finestre di Dialogo


Ogni dialogo consiste di tasti di controllo base come OK, CANCELLA,
TEMPLATE, ecc., che sono posizionati sulla parte inferiore della finestra.
Sulla destra si trovano immagini di supporto, finestre di anteprima, che appaiono
in alcuni dei comandi.
Il contenuto attuale della finestra differisce per ogni comando; tasti aggiunti
possono apparire nella barra inferiore secondo il comando corrispondente. La
seguente immagine mostra una tipica finestra di dialogo, contenente tutti gli
elementi standard, per esempio una connessione con flangia:

Vengono adesso descritti gli elementi standard (barra inferiore) così come il
comportamento generale delle finestre di dialogo. Quando vengono descritti
comandi differenti, queste cose non vengono più spiegate.

Pag. A.2 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Finestre di Lavoro

Dialogo-Commandi

OK
Selezionando questo tasto, si chiude la finestra e vengono salvate le
ultime impostazioni, come contenuto del dialogo, posizione sullo
schermo, scheda di dialogo selezionato, etc. A seconda del comando,
si è pronti a continuare con altre cose, tipo es. selezione di parti di componenti,
ecc.

ANNULLA
Selezionando questo tasto, si chiude la finestra ed il comando viene
cancellato. Se possibile, viene ripristinato lo stato precedente come era
prima della selezione del comando.

HELP
Quando si seleziona questo tasto, si attiva l'help on-line.

TEMPLATE
Selezionando questo tasto, si possono salvare o caricare nuovamente
le impostazioni del dialogo per il comando selezionato, con qualsiasi
nome di template si preferisce. E’ possibile aprire un altro dialogo di
ProSteel 3D template management che è descritto separatamente in questo
capitolo.

CLONA
Selezionando questo tasto, si possono clonare le impostazioni di una
connessione esistente ed importarle in un'altra. Questa funzione è
opportuna specialmente per connessioni automatiche. Aiuta ad ottenere
una connessione identica ad un'altra già esistente, le cui esatte impostazioni di
default non si conoscono più. Per informazioni più dettagliate, fare riferimento
alle descrizioni delle funzioni individuali.

Pag. A.2 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Finestre di Lavoro

AGGIORNA
Quando si seleziona questo tasto, la connessione, la struttura o la parte
del componente viene aggiornato secondo le proprie impostazioni.
Normalmente in ProSteel 3D, si lavora in modo dinamico. Ogni modifica
di un parametro è direttamente tradotta in una modifica dell'oggetto
corrispondente in modo che si possono vedere immediatamente i risultati. In
caso di strutture molto complesse o computers meno potenti, è ragionevole
disattivare questo aggiornamento automatico nelle impostazioni globali di
ProSteel 3D e attivarlo manualmente se necessario.

ROLL-OVER
Selezionando questo tasto, si può attivare o disattivare il così detto
meccanismo Roll-Over.
Quando il Roll-Over è attivo, l'area di dialogo visibile dipende dalla
posizione corrente del mouse. Per maggiori informazioni, fare
riferimento alla separata descrizione in questo capitolo.

GRAFICA DI SUPPORTO
Quando si seleziona questo tasto, vengono attivate o disattivate
alternativamente le immagini di supporto delle finestre di dialogo
corrispondenti. Questo influenza la dimensione della finestra sullo
schermo.

Pag. A.2 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Finestre di Lavoro

A.2.2 Gestore dei Template

Quando si lavora con il programma, si vede che esso fornisce una varietà di
differenti finestre di dialogo, che vengono usate per inserire impostazioni per le
funzioni ed i comandi. Molte di queste impostazioni vengono ripetute per
operazioni di costruzione in sequenze diverse o sono usate per leggere
modifiche (es. flange con fori per supporti specifici), sarebbe utile salvare queste
impostazioni per un uso successivo. A questo proposito, ProSteel 3D offre una
funzione template management. Molte delle finestre di dialogo presentano un
tasto TEMPLATE. Selezionando questo tasto si attiva il dialogo template
management dove si possono salvare o caricare le impostazioni. Qualche volta i
templates possono essere accessibili tramite menu con il tasto destro del
mouse. Sebbene sia sempre la stessa finestra, gli inserimenti salvati dipendono
dal tipo di finestra di dialogo che si usa. Gli unici oggetti visibili nel comando
“Griglia” sono le griglie salvate. Il comando ‘Piastre’ corrisponde solo specifiche
delle flange.

I metodi di lavoro all'interno del template management sono molto simili a quelli
di Windows Explorer. Per esempio, si possono organizzare gli alberi "templates”
in differenti liste e modificarli facilmente ogni volta tramite Drag&Drop.

Pag. A.2 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Finestre di Lavoro

Dialogo-Comandi

CARICA
Quando si seleziona su questo tasto, viene aperto il template
contrassegnato nella lista di selezione e, in accordo, vengono riempiti i
campi input della finestra di dialogo. Poi la finestra viene
immediatamente chiusa. Si può anche eseguire un doppio click sul nome
desiderato.

SALVA
Selezionando su questo tasto, si possono salvare le impostazioni
inserite nella finestra di dialogo usando un nome indicato
individualmente. Prima bisogna selezionare la lista desiderata dove
salvare il proprio template e poi cliccare il tasto SALVA.
Ora un inserimento con un nome di default crea un nome che può essere
modificato immediatamente o in un momento successivo. Per sovrascrivere un
inserimento esistente, selezionare l'inserimento corrispondente al posto di un
sotto cartella della lista.

NUOVA CARTELLA
Cliccando questo tasto, si può creare una nuova cartella in un livello
superiore o anche all'interno della sotto cartella per salvare i propri
templates. Prima selezionare la sotto cartella desiderata e poi cliccare il
tasto NUOVA CARTELLA.

IMPORTA
Selezionare su questo tasto per aggiungere altri templates dello stesso
tipo al proprio file template corrente. Questo può essere un template
singolo, una sotto cartella o il file completo.
Si apre un dialogo di selezione dove si può selezionare il file template da
importare. Verificare se si è selezionato lo stesso tipo. Se il nome di alcune
sotto cartelle di file template importati è identico all'inserimento nel file esistente,
si può decidere individualmente, per ogni sotto cartelle, se i dati esistenti
devono essere sovrascritti o no. Le nuove sotto cartelle o templates vengono
solo aggiunti; essi possono essere riorganizzati più tardi usando il Drag&Drop.

Pag. A.2 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Finestre di Lavoro

ORDINE
Selezionare questo tasto l'ordine alfabetico della lista di visualizzazione
viene capovolto. Quindi si può accedere, più avanti, ad inserimenti
senza dover verificare tutta la lista. Prima bisogna selezionare la sotto
cartella il cui ordine va modificato. L'ordine può essere definito per ogni sotto
cartella individualmente.

Menu
La maggior parte dei comandi di dialogo può essere individuato attraverso il
menu tramite il tasto destro del mouse. Ulteriori comandi sono qui disponibili.

ELIMINA
Selezionare questo comando per cancellare il template selezionato o una sotto
cartella completa comprendente tutte le sotto cartelle subordinate.

ESPORTA
Selezionare questo comando per salvare il template selezionato o una sotto
cartella completa comprendente tutte le sotto cartelle subordinate sotto qualsiasi
nome file che si preferisce. I dati possono essere aggiunti di nuovo in ogni
momento usando il comando IMPORTA o possono essere resi accessibili ad
altri utenti per essere importati. Dopo la selezione del comando, si apre la
finestra di dialogo di selezione dove si può selezionare un nome del file o un
percorso del file.

Dialoghi Templates Permanenti e Temporanei


I templates sono salvati come impostazioni di dialogo permanenti nelle diverse
cartelle del programma e sono poi disponibili per tutti gli utenti, allo stesso
tempo, in un rete se la stessa cartella è stata impostata in questa postazione di
lavoro.
Inoltre, vengono salvate le ultime impostazioni in una cartella temporanea
individuale ogni volta che si chiude la finestra di dialogo. Qui si ha un rapido
accesso all'ultimo inserimento, quando si seleziona ripetutamente la funzione.

Pag. A.2 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Finestre di Lavoro

Controllo di Versione
Si è forse abituati al fatto che in altri programmi e nelle versioni precedenti di
ProSteel 3D, durante un aggiornamento, si perdevano spesso templates già
definiti.
Questo è il motivo per questo la finestra di dialogo per il file template disponeva
di un controllo ed un tipo di versione. I nuovi templates definiti restano
compatibili con le successive versioni e quando vengono caricati files
precedenti, ogni nuovo valore aggiunto ha una valore di default.

DBASE - Importazione ed Esportazione


Funzioni differenti offrono la possibilità di esportare i files template nel formato
dBASE o di importarli da questo formato. Quindi si possono creare dati usando
Excel o programmi compatibili. Questi data records poi sono disponibili come
ProSteel 3D-templates.
Viene considerevolmente facilitata specialmente la creazione di template
records aventi la stessa qualità (es. solo con due dimensioni variabili).
Selezionare ESPORTA e IMPORTA come tipo di file dBASE III List nei comandi
di dialogo per esportare templates individuali o sotto cartelle nel formato dBASE
o importarli da lì.
Se la selezione non è possibile, la conversione del formato non è disponibile per
questi templates di dialogo.

PREFERITI

Si possono ordinare i templates selezionati individualmente in una lista di


preferenze. Queste liste sono visualizzate nelle finestre delle funzioni per
ottenere una selezione rapida di templates disponibili.
Selezionare la funzione corrispondente per definire un template come preferito.
Poi selezionare l'opzione Aggiungi a preferiti nel menu. Adesso l'inserimento è
visualizzato in grassetto.
Per cancellare un inserimento, selezionarlo nuovamente e scegliere l'opzione
Cancella dai Preferiti nel menu.

Pag. A.2 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Finestre di Lavoro

A.2.3 Meccanismo-Roll Over

Il cosiddetto meccanismo Roll-Over consente un uso migliore della superficie


del disegno in ProSteel 3D perchè le finestre di dialogo vengono visualizzate
completamente solo se si intende inserire qualcosa o controllare le
impostazioni. Altrimenti le finestre di dialogo vengono ridotte alla barra del titolo
consentendo in qualsiasi momento di riconoscere quali sono aperte in quel
momento. Il passaggio da uno stato completo ad uno ridotto dipende dai
movimenti del proprio mouse.

Quando, tramite mouse, si lascia l'area di input di una finestra, essa viene
"ridotta", ad eccezione della barra del titolo accorciata in seguito, e si può
osservare la propria costruzione. Finché non ci si sposta di nuovo sulla barra del
titolo tramite il mouse, la finestra non viene visualizzata completamente perchè il
programma ritiene che si stia per modificare qualcosa.

Controllo Individuale
Grazie al fatto che forse non si vuole avere un meccanismo RollOver attivato
per ogni finestra, esso può essere attivato o disattivato individualmente. Si può
anche disattivare completamente il meccanismo RollOver nelle impostazioni
globali se non si preferisce affatto questo tipo di operazione. Comunque i
defaults individuali vengono caricati in ogni finestra di dialogo e diventano
nuovamente validi quando viene attivato il meccanismo.

Pag. A.2 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Finestre di Lavoro

A.2.4 Pick Frame e Grafica Ausiliaria

Molti dialoghi hanno una rappresentazione grafica sulla destra. Questa è anche
una grafica ausiliaria che spiega i parametri di dialogo a seconda del comando o
dal tipo di struttura per la determinazione dei punti di riferimento (“monitor“).

Grafici Ausiliari
La grafica ausiliaria mostrano una rappresentazione in
forma di schizzo, es. una connessione o un oggetto di
struttura, aventi dimensioni più rilevanti, che possono
essere modificati nella finestra di dialogo. Qui le
dimensioni vengono individuate con numeri differenti che
si trovano nuovamente nell'etichetta dei campi input e
che consentono una chiara assegnazione. In alcune
finestre di dialogo, le grafiche cambiano a seconda della
selezione di un'opzione o di un campo di input. Inoltre
esse sono quasi sempre di aiuto ai parametri.

Monitor
La finestra monitor aiuta a definire i punti di
riferimento es. nell'inserimento dei profili.
In questo caso, si trovano di solito piccoli cerchi
che servono come segni da cliccare. Poi il punto
di riferimento attivato è visualizzato in rosso.
Inoltre, il monitor mostra anche un'anteprima delle
proprie impostazioni di default correnti es. nella
definizione delle bandierine di posizione. A
differenza dei grafici ausiliari, comunque, le loro
proporzioni cambiano.

Pag. A.2 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Finestre di Lavoro

A.2.5 Input Estensioni

Al di fuori della ToolTips standard nei programmi Windows, visualizzando un


testo ausiliare con spiegazioni, quando si sposta il mouse in un campo di input o
tasto, sono disponibili ulteriori aiuti nelle finestre di dialogo.

Seleziona Lunghezze
Molti campi input per inserire distanze consentono di cliccare la distanza nel
proprio disegno. Poi la lunghezza selezionata viene inserita nel campo input.
Questo inserimento permette quotature comode di distanze dalla propria
costruzione. Cliccando due volte il campo corrispondente, si nasconde
temporaneamente la finestra di dialogo, e si può ottenere la distanza tramite
due punti. Inoltre se si tiene premuto il tasto SHIFT durante il doppio clic, la
distanza viene calcolata senza coordinata Z.

Calcolatore
Molti campi input per inserire distanze permettono in alternativa l'uso di un
calcolatore per calcolare i valori. Il nuovo valore calcolato viene poi inserito nel
campo input.
Cliccando due volte il campo corrispondente, quando allo stesso tempo si
preme il tasto CTRL, si visualizza il calcolatore. Se un valore è stato inserito in
precedenza nel campo input, esso viene automaticamente visualizzato nel
calcolatore.

Pag. A.2 - 10

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
A.3

A.3 Opzioni Input

Pag. A.3 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Opzioni Input

A.3.1 Opzioni input nei campi di inserimento

In tutti i campi dove si può inserire una lunghezza, una distanza o una
coordinata, sono disponibili alcune funzioni addizionali. Questi comandi non
sono disponibili per i campi dove si inseriscono testi, angoli o numeri semplici
come fattori o valori di scala.

La funzione corrispondente si attiva tramite una combinazione di tasti tra il


doppio-click e tasti CTRL e/o SHIFT. Si può scegliere un'assegnazione
alternativa nelle finestra di dialogo “Impostazioni dialogo”, il doppio-click
contrassegna anche il campo e coincide con le impostazioni normali.

Normale assegnazione dei tasti

doppio-click Seleziona la lunghezza


doppio-click + SHIFT Seleziona la lunghezza senza Z
doppio-click + CTRL Calcolatore

Tasti alternativi

doppio-click + CTRL Seleziona la lunghezza


doppio-click + CTRL + SHIFT Seleziona la lunghezza senza Z
doppio-click + SHIFT Calcolatore

Seleziona la lunghezza
Se si seleziona questa funzione, il dialogo viene nascosto e si
possono selezionare due punti nel disegno. Viene calcolata la
distanza tra il primo e il secondo punto ed il risultato viene
inserito nel corrispondente campo di dialogo. Poi il dialogo
viene nuovamente visualizzato.
Seleziona la lunghezza senza Z
Se si seleziona questa opzione, vengono rimosse le
coordinate Z nel calcolo della distanza. Il processo è lo stesso
descritto sopra.
Calcolatore Un calcolatore viene visualizzato quando si usa questa
opzione. Il calcolatore preleva il contenuto del campo corrente
con il quale si può direttamente eseguire un calcolo. Quando il
calcolo termina e si vuole copiare il risultato nel campo input
corrente, disattivare il calcolatore usando il tasto COPIA.

A.3.2 Opzioni input nella selezione degli oggetti

Pag. A.3 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Opzioni Input

Quando il programma richiede la selezione degli oggetti, si possono selezionare


gli elementi desiderati attraverso Windows o tramite selezione. Anche in questo
caso ci sono due funzioni che possono essere considerate utili.

Tutti gli elementi Nella maggior parte delle funzioni e nel caso si vogliano
selezionare tutti gli elementi, si possono selezionare tutti gli
elementi del disegno corrente usando INVIO e allo stesso
tempo SHIFT.
Filtri Se si interrompe la selezione con SHIFT e ESC, viene
eseguito il filtro e la funzione non viene abbandonata.

In questo caso si dovrebbe filtrare il proprio input per tutti gli elementi con
“Lunghezza > 2000 mm”. Se si pressa il tasto OK, vengono selezionati elementi
in base ai filtri. Per avere una descrizione dettagliata delle possibilità dei filtri,
fare riferimento alla descrizione del comando CERCA.

Pag. A.3 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Opzioni Input

A.3.3 Comandi con tasti speciali

In altri casi, è possibile usare un'altra funzione premendo contemporaneamente


ALT, CTRL o SHIFT. Le opzioni disponibili vengono visualizzate nell’elenco
seguente.

Uso del tasto CTRL

Giunto bullonato Il comando “giunto bullonato” salva l’ultimo bullone creato per
evitare ricerche nel database se il bullone successivo è dello
stesso tipo, lunghezza, ecc. Quando si preme il tasto CTRL
con il comando “giunto bullonato”, i dati salvati vengono
cancellati e il programma è costretto a leggere il dati del
bullone da un file.
Seleziona vista Nel comando “Seleziona vista” si può scegliere se il doppio
click chiude la finestra di dialogo. Questa impostazione viene
invertita se si preme contemporaneamente il tasto CTRL.
Visualizza classe Si può spostare la finestra di dialogo delle aree e delle classi
di visibilità. Per ritornare allo stato originale, premere il tasto
CTRL mentre è aperta la finestra corrispondente.
Dati NC Se si preme il tasto CTRL mentre si selezionano gli elementi
per la creazione dei file NC, viene attivato il Debug-Mode.
Vengono creati diversi outputs grafici per la creazione dei file
NC. Sono impostanti per lo sviluppo, ma talvolta aiutano
anche a risolvere dei problemi.
Posizionamento Se si inserisce il valore iniziale del posizionamento, viene
calcolato il valore successivo. Se si hanno valori alfanumerici,
che iniziano con A, questo non è possibile perchè bisogna
inserire 0 e verrà visualizzata una <A>. Con il tasto CTRL crea
una <a>.
Griglia Se si vuole cancellare la lista dei valori di una suddivisione,
bisogna individuarla e premere il tasto CTRL. Usando il tasto
ALT si possono inserire delle suddivisioni un campo.
Posizionamento Nel posizionamento automatico, il calcolo consecutivo degli
elementi può essere disattivato usando il tasto CTRL.

Pag. A.3 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Opzioni Input

Uso del tasto ALT

Generale Il tasto ALT evita l'aggiornamento dei logic-links. Si può ad


esempio usare questa funzione per spostare elementi senza
causare una reazione degli elementi collegati.
Render Esporta Dopo aver selezionato gli elementi per Render Esporta, viene
usato un nome del file standard. Il tasto ALT permette di
selezionare il nome del file.
Vista Oggetto La vista oggetto crea una vista non allineata sull'elemento.
L'allineamento viene fatto tramite il tasto INVIO. Se si preme il
tasto ALT nella selezione della direzione vista, viene
direttamente creata una vista allineata.
Vista Libera Questa non si ottiene usando il piano di taglio. Se si preme il
tasto ALT, vengono usate le distanze del piano di taglio
globali.
Osnap Il tasto ALT premuto durante la selezione dello Osnap,
inserisce anche i punti di riferimento, se esistenti.
Parapetto Nella selezione del profilo, se si preme il tasto ALT viene
selezionato come il precedente mentre si seleziona la classe
del profilo (montanti, corrimano, battipiede, ecc.). La stessa
funzione è valida anche nella modifica dello stato del profilo,
esempio se il profilo corrispondente viene usato o meno.
Edita Fori Modificando i fori, si può cancellare la serie di bulloni tramite il
tasto ALT. Anche questi possono essere cancellati. Usare
questa opzione attentamente!
Capriate Stessa funzione del corrimano.
Seleziona Vista Nel comando “Seleziona Vista”, la vista selezionata viene
attivata tramite un doppio-click su di essa. Il tasto ALT imposta
solo l'UCS corrispondente.
Telaio Inserendo il telaio con la finestra di dialogo viene la larghezza
è predefinita. Il tasto ALT crea un telaio con la larghezza
digitata nella riga di comando.
Rinforzo Se si preme il tasto ALT, mentre si sceglie il profilo da unire,
viene inserito un rinforzo inferiore.
Se si preme il tasto ALT, mentre si seleziona la colonna, la
larghezza della piastra viene adattata alla colonna.

Pag. A.3 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Opzioni Input

Scala a Pioli Se si seleziona il tasto ALT la lunghezza della scala viene


calcolata dal terzo punto.
Profili Se si sceglie “Seleziona Posizione”, cliccando nel disegno
provoca una rotazione di 90°. Il tasto ALT causa una rotazione
di -90°.
Nervature Se si preme il tasto ALT durante la selezione, il programma è
costretto ad un inserimento tramite un angolo.
Copia Se la selezione avviene tramite il menu invece che tramite la
finestra di dialogo, il tasto ALT causa una conversione delle
impostazioni, se l'operazione è valida per il gruppo oppure no.
Aree di Lavoro Posizionandosi su uno dei tre campi dell’elenco delle distanze,
si ha un comodo inserimento dell'area. Se si preme il tasto
ALT, le distanze vengono cancellate.
Taglia Linea Se si preme il tasto ALT nella selezione si ha non solo un
taglio, ma se necessario, anche un adattamento.
Unire Se si preme il tasto ALT nella selezione del secondo profilo si
evita di verificarne il tipo e unisce tutto.
Profili curvi Osnap e Centro: Il tasto ALT causa uno spostamento anche
dei punti finali.
Grips dei Bulloni Se un bullone viene modificato usando i suoi grips, il tasto
ALT permette che i punti finali possano essere liberamente
spostati nello spazio, altrimenti solo in direzione del bullone.
Arcareccio La modifica del telaio, spostando i grips lungo una linea,
causa il movimento della linea senza modificarne la
dimensione. Se si preme il tasto ALT, la linea viene spostata e
la misura è modificata secondo le linee vicine.
Grips dei piatti Stessi effetti di un arcareccio.
Profilo Osnap e Centro. Il tasto ALT permette che i punti finali
possano anche essere spostati.
Dettagli 2D Nei gruppi, il movimento di un elemento subordinato non
causa un nuovo disegno dell'elemento principale. La modifica
sarà visibile solo dopo la rigenerazione. Il tasto ALT causa la
ricostruzione del gruppo anche senza rigenerazione.
Grips Nei profili, si può specificare se la modifica della lunghezza
deve essere effettuata solo in direzione profilo o liberamente.
Usando il tasto ALT si invertono le impostazioni.

Pag. A.3 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Opzioni Input

Pag. A.3 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Gestione Progetti

A.4 Gestione Progetti

Riga di Comando: PS_PROJECT

In tutte le versioni di ProSteel 3D è possibile salvare files dei disegni, files delle
distinte o cose simili nella cartella che si preferisce. Questo è spesso molto utile;
comunque, il problema è quello di raggruppare insieme tutti i files di un progetto.
Fino ad ora, non è stato possibile salvare le preimpostazioni, i templates o
addirittura le configurazioni relative al progetto. Nella versione corrente, è stata
inserita una gestione di progetti che offre esattamente queste opzioni.

Gestione del file Relativo al Progetto


E’ possibile scegliere temporaneamente i template, lo stile ed i formati e gestirli
secondo il progetto o la stazione di lavoro. Secondo la stazione di lavoro si
hanno solo delle impostazioni memorizzate. Invece, secondo il progetto le
proprie impostazioni possono differire per ogni progetto e vengono salvate
all'interno del progetto stesso.
Se si lavora con degli stili di dettaglio e formati relativi ad un cliente, ma si usano
sempre le stesse impostazioni e gli stessi templates, si impostano i files di
template “non relativi al progetto” e lo stile ed i formati “relativi al progetto”.

Pag. A.4 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Gestione Progetti

A.4.1 Lavorando con i Progetti

Nel “Percorso progetto”, viene visualizzato il percorso dove il progetto verrà


salvato. Nella lista vengono visualizzati tutti i progetti disponibili; le caselle sulla
destra mostrano le informazioni salvate per il progetto corrispondente.

Carica il progetto correntemente selezionato. E’ possibile


caricarlo cliccando due volte sull’elenco a destra.
Carica il progetto all’avvio
Attivando questa opzione, il progetto corrente viene aperto
automaticamente quando si esegue ProSteel 3D. Perché
questo avvenga, ProSteel 3D deve essere stato chiuso
correttamente.
Questo tasto permette di scaricare il progetto corrente e per
tornare alla configurazione base.

Questa opzione consente di creare un nuovo progetto. Le


proprietà disponibili sono visualizzate in seguito.

Pag. A.4 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Gestione Progetti

Questa opzione cancella il progetto selezionato e tutti i relativi


files memorizzati nel progetto. Se il progetto è corrente non è
possibile cancellarlo.
Questa opzione consente la modifica dei dati del progetto e
delle impostazioni. Fare riferimento a “Crea Nuovo Progetto”.

Questa opzione consente la creazione delle impostazioni del


disegno. In ogni progetto, queste informazioni possono essere
assunte successivamente nella tabella corrispondente.

Quando un progetto è stato caricato, nella barra del titolo di AutoCAD, viene
visualizzato il nome e il percorso completo del progetto corrente caricato.

Pag. A.4 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Gestione Progetti

A.4.2 Crea Nuovi Progetti

Creando un nuovo progetto, viene visualizzata la seguente finestra di dialogo


dove si possono inserire i dati del progetto.

Nome Nome del progetto da creare. I percorsi seguenti possono


essere modificati anche individualmente e manualmente.
File modello 3D Percorso da utilizzare dove salvare i files del modello. A
differenza degli gli altri percorsi, non è possibile costringere
AutoCAD ad usare questo percorso come impostato in
precedenza. Quando si salva manualmente il file, bisogna
considerare il fatto che questo percorso viene usato per
salvare i propri files del modello.
Questo tasto consente una selezione di percorsi alternativi se
non si vuole utilizzare il percorso proposto.
Questo tasto cancella l’inserimento manuale ed imposta
nuovamente il percorso precedente.

Pag. A.4 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Gestione Progetti

File dettagli 2D Percorso dei disegni esecutivi. Il “Centro dei Disegni


Esecutivi” considera questa selezione come default.
File distinta Percorso per i files della distinta. Esso viene impostato come
default quando si creano delle distinte. Naturalmente, viene
considerata solo la nuova selezione. Se, nell'ultima selezione
nella creazione delle distinte è stato attivato un altro progetto,
l'elemento è ancora l'unico impostato per questo progetto.
Files NC Percorso per i files NC. Esso viene impostato come default
quando vengono creati dei files NC. Naturalmente, viene
considerata solo la nuova selezione. Se un altro progetto è
stato attivato nell'ultima selezione nella creazione dei files NC,
l'elemento è ancora l'unico impostato per questo progetto.
Files ERP Percorso per i files ERP. Esso viene impostato come default
quando vengono creati dei files ERP. Naturalmente, viene
considerata solo la nuova selezione. Se un altro progetto è
stato attivato nell'ultima selezione della funzione ERP,
l'elemento è ancora l'unico impostato per questo progetto.
File esportazione Percorso per i files di esportazione. Esso viene impostato
come default quando si esportano dei files. Naturalmente,
viene considerata solo la nuova selezione. Se un altro
progetto è stato attivato nell'ultima esportazione dei files,
l'elemento è ancora l'unico impostato per questo progetto.
File temp Permette di salvare i files temporanei in un percorso diverso
da quello standard. Nei files temporanei viene salvato il
contenuto dell'ultimo dialogo attivo, la posizione di dialogo,
ecc..
Copia da Inserisce il percorso dal quale tutti i files temporanei esistenti
devono essere copiati nella nuova cartella.
File Template dipendenti dal progetto
Se viene attivata questa opzione, è possibile salvare i files
template separatamente dal percorso di default e definire le
proprie impostazioni secondo il progetto. Nei files template,
vengono salvati tutti i dati creati tramite il “Template manager”.
File Template Percorso dei files template.
Copia da Inserisce il percorso dal quale tutti i files template esistenti
devono essere copiati nella nuova cartella.

Pag. A.4 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Gestione Progetti

File stili dipendenti dal progetto


Se viene attivata questa opzione, è possibile salvare i files
degli stili separatamente dal percorso di default e definire le
proprie impostazioni secondo il progetto. Questa opzione è
valida per tutti e 5 i tipi di files di stile (stile di dettaglio,
bandierine di posizione, simboli di saldatura, quote
altimetriche, bulloni).
File Stili Percorso per i files degli stili. Questo percorso viene usato per
archiviare le sotto cartelle corrispondenti per i 5 tipi di files
degli stili.
Copia da Percorso dal quale tutti i files degli stili esistenti devono essere
copiati nella nuova cartella.
File squadratura dipendenti dal progetto
Se viene attivata questa opzione, si possono salvare i
template delle squadrature separatamente dal percorso di
default e definire le proprie impostazioni secondo il progetto.

File squadratura Percorso per i files di squadratura.


Copia da Percorso da cui tutti i files delle squadrature esistenti devono
essere copiate nella nuova cartella.
Descrizione progetto
Campi disponibili per la descrizione del proprio progetto. I dati
vengono visualizzati anche quando si seleziona il progetto.

Pag. A.4 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

A.5 Impostazioni Globali

Riga di Comando: PS_GLOBAL_SETTINGS


Questa finestra di dialogo e le sue pagine consentono di inserire le impostazioni
standard per molte funzioni. Si accede al dialogo selezionando le Opzioni
‘ProSteel 3D" tramite il menu con il tasto destro del mouse, quando nessun
oggetto è stato selezionato.
Valori identici per le corrispondenti componenti ProSteel 3D, risultanti da queste
impostazioni, possono essere modificati in ogni momento tramite il comando
“Modifica Proprietà”.
Molti inserimenti vengono spiegati tramite delle funzioni individuali; solo alcune
funzioni possono essere spiegate come segue.

Opzioni Impostazioni Generali


Grips Impostazioni per i grips ed allungamento; quando in un
oggetto nessun grip è selezionato, il comando “Stira” di
AutoCAD non può essere usato.
Profili Impostazioni per profili
Piatti Impostazioni per ogni tipo di piatto (poli-piatti)
Bulloni Impostazioni per visualizzare i bulloni
Griglia (Vista) Impostazioni per griglie
Valori Impostazioni per la risoluzione di volumi circolari per il modello
di volume
LogicLinks Impostazioni per i collegamenti tra elementi
Visualizza Impostazioni per la visualizzazione
Colori 1+2 Impostazioni dei colori per gli elementi ed altri contrassegni
Colori schermo Impostazioni per la visualizzazione dello sfondo nelle finestre
Impost. dialogo Impostazioni per tutti i dialoghi
File Accesso ai più importanti files di sistema; questo è visibile
solo in modalità “Esperto” (vedi Impostazioni dialogo).

Pag. A.5 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Opzioni

Vista Statica Per la proprietà di profili, è disponibile una scheda addizionale


per la vista statica. Se tale opzione non è richiesta, si può
disattivarla.
Abilita doppio click
Le proprietà dell'elemento possono essere modificate tramite
un doppio click sullo stesso.
Richiesta unità di misura
All'inizio di un nuovo disegno viene richiesta con quale unità di
sistema si vuole lavorare (metrico o imperiale). Altrimenti
vengono adottate le impostazioni correnti AutoCAD.
Così come l'uso della stessa unità di sistema all'interno di un
disegno è indispensabile per la visualizzazione corrente dei
profili, la modifica della variabile di sistema MEASUREMENT,
che è responsabile per questo, può causare risultati non
voluti.
Questa opzione garantisce che venga ottenuta una volta
l'unità di sistema selezionata e venga visualizzato un avviso
corrispondente in caso di modifiche (soprattutto non volute).
Abilita nome DSTV
Il profilo e i disegni dei bulloni nella distinta elementi vengono
nominati secondo lo standard DSTV.

Pag. A.5 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Rimuovere modifiche superflue


Vengono cancellati automaticamente fori che sono, ad es.
all'esterno del profilo dopo che una modifica è stata eseguita.
Rimuovere Logic-Links superflui
I Logic-Links che non hanno più alcun significato, vengono
cancellati quando anche gli elementi vengono cancellati.
Durante operazioni normali, questa opzione dovrebbe essere
attivata.
Rimuovere riferimenti con elimina
Quando il disegno viene pulito con il comando AutoCAD
“Elimina”, in modo da ridurne le dimensioni, possono essere
cancellati riferimenti di profilo non usati.
Controlla DWG in apertura
Ogni volta che il disegno viene aperto, esso viene verificato se
esistono inserimenti di gruppi invalidi. Alcuni casi, potrebbero
essere creati disegni di grandi dimensioni non previsti, il che è
evitabile usando questa opzione.
Ricalcola parti Calcoli interni non vengono esportati da ProSteel ogni volta
che un elemento viene "toccato", ma solo se è veramente
necessario. Questo riduce il tempo di esecuzione di alcune
funzioni.
Seleziona gruppo come intero
Questa opzione consente la selezione di gruppi come interi se
la variabile di AutoCAD “Pickstyle” è stata impostata.
Conversioni Booleane
In caso di operazioni Booleane, il solido utilizzato per
l'esecuzione, viene parametrizzato. Quindi è possibile
modificare in seguito le dimensioni dell'esecuzione, addirittura
se il solido utilizzato non esiste più (nello specifico era un
oggetto ausiliare ed è stato nuovamente cancellato).
Ignora modifiche Le modifiche nei solidi vengono ignorate.
Verifica lunghezze max.
Le lunghezze massime del profilo vengono verificate
automaticamente durante l’inserimento.
Verifica distanze forature
Le distanze ammissibili dei fori vengono verificate
automaticamente durante l’inserimento.
Ignora contorno interno
Le dimensioni del profili piatti verrà selezionata dalla lista del
database.

Pag. A.5 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Assegna descrizione layer


Gli oggetti vengono inseriti nei layer corrispondenti indicato
nel file di descrizione.
Prima esegui booleane
Quando si processano i logic-links, le operazioni Booleane
all'interno delle parti vengono esportate prima che sia
effettuato un taglio. La visualizzazione delle oggetti può
cambiare usando questa opzione.
Profili ACIS Vengono creati nuovi profili usando il modellatore ACIS.
Piastre ACIS Vengono create nuove piastre usando il modellatore ACIS.
LogDwgInput Ogni volta che si carica un disegno, viene creato un file di log
nella stessa cartella.

Pag. A.5 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Grips

Profili
Sposta lungh. Viene creato un grip per modificare la lunghezza (o per la
modifica della posizione) e tutte le dimensioni possono essere
modificate.
Sposta tagli Viene creato un grip per il taglio. Si può avere un grip per
modificare la lunghezza ed uno per modificare il taglio.
Nota: quando si sposta un grip in modo da accorciare la lunghezza del profilo, la
posizione del grip viene spostata contemporaneamente. Quando si sposta la
lunghezza del grip oltre il taglio, il profilo viene tagliato nello stesso punto,
perchè non si è spostato il piano di taglio. Quando si sposta il grip oltre la
lunghezza, si elimina il taglio dal profilo (sebbene il piano di taglio resti nel grip),
il grip del taglio misura il piano di taglio, mentre la grip della misura la lunghezza
del profilo. Quando si estende un taglio del profilo, l’angolo del taglio all'interno
del profilo rimane lo stesso, come nella realtà.
Sposta fori In ogni foro viene inserito un grip e possono essere spostati.
Altrimenti essi non si spostano quando si stira il profilo.
Sposta tagli-poli In ogni taglio creato con una polilinea viene inserito un grip
che può essere spostato (la forma originale della polilinea
viene salvata). Altrimenti il taglio rimane dov'è inserito quando
si stira il profilo.

Pag. A.5 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Solo lungo asse I profili possono essere stirati solo lungo i propri assi, es. non
è possibile uno spostamento in altre direzioni.
Incremento Quando si inserisce un valore > 0 in questo campo, la
lunghezza del profilo può essere modificata tramite i grips con
valori d'incremento. Quando si inserisce 0, ogni tipo di
modifica può essere eseguita.

Piatti
Sposta spessore Viene inserito un grip per modificare lo spessore; in tutti gli
altri casi può essere eseguita solo una modifica di lunghezza
o larghezza.
Sposta tagli Tutte le altre impostazioni sono simili a quelle dei profili. Fare
riferimento a questo capitolo per informazioni più dettagliate.

Pag. A.5 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Profili

Ad eccezione dei dialoghi aggiunti ed alcune specificazioni, molte delle


impostazioni possono trovarsi nel capitolo delle proprietà del profilo.

Offset asse Specifica la lunghezza al di fuori della quale l'asse del profilo
deve eccedere la lunghezza del profilo.
Lunghezza Max. profili
Se si inserisce un valore superiore di 0 e hai inserito l’opzione
“Verifica lunghezza Max” sotto “Opzioni”, quando vengono
inseriti profili, viene visualizzato un messaggio che segnala
che la massima lunghezza è stata superata. Appare una
finestra di dialogo ed i profili corrispondenti vengono
evidenziati con dei colori diversi.

Pag. A.5 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Descrizione Profili

Nel modello 3D può essere visualizzata anche una descrizione profilo, la cui
configurazione è qui impostata.

Altezza testo Inserisce l'altezza del testo della descrizione profilo.


Distanza Inserisce la distanza tra la descrizione ed il lato superiore del
profilo. Comunque, non dimenticare che l'altezza attuale
dipende dall'impostazione della scala globale del disegno.
Nome Il nome del profilo viene aggiunto alla descrizione.
Num. Pos. Il numero di posizione viene aggiunto alla descrizione.
Lunghezza La lunghezza del profilo viene aggiunta alla descrizione.
Nota2 Viene anche aggiunto il contenuto del campo Nota2. Se viene
inserito anche il campo “Sotto”, esso viene inserito in una
seconda linea.
Sotto La nota viene posizionata sotto l’elemento.

Pag. A.5 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Dinamico Il testo del profilo viene dinamicamente adattato alla vista per
rappresentazioni nello spazio carta se il “Viewport-support” è
stato attivato.
Il vantaggio è che il testo nella finestra ha la stessa
dimensione, indipendentemente dalla scala. Selezionare lo
stile di testo di AutoCAD da usare per la descrizione.

Profilo senza descrizione


In questo campo si inseriscono i tipi di profilo, che devono
essere esclusi dalla descrizione. Il vantaggio è che soltanto i
profili che differiscono da un valore di default saranno prodotti
individualmente.

Profili...Visualizza Schizzo

Dimensione Schizzo
Lunghezza schizzo
Si può inserire la lunghezza dello schizzo, a partire dal centro
del profilo. Nel campo “Valore” definisco la lunghezza dello
schizzo. Se si inserisce il valore 0, il risultato è solo una
sezione trasversale visualizzata al centro.

Pag. A.5 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Lunghezza Relativa in %
Si può inserire la lunghezza relativa dello schizzo in relazione
alla lunghezza complessiva del profilo nella casella “Valore”.
Finale Si può inserire la distanza dai i punti finali del profilo,
visualizzato negli attuali punti d'inserimento, nella casella
“Valore”.

Layout
Linea d'Inserimento
La linea d'inserimento del profilo viene visualizzata come linea
del profilo (che potrebbe essere es. il lato superiore).
Asse L'asse del profilo viene visualizzato come asse di sistema.

Un esempio per una visualizzazione dello schizzo con le relative quotature:

Pag. A.5 - 10

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Profili... Convenzioni Nomi

Caselle Indicano un default generale di formati variabili e nomi costanti


del tipo di profilo indicato in questione. Tutti i formati variabili
vengono posizionati tra parentesi tonde e iniziano con il
simbolo $ all'esterno delle parentesi. Questo è seguito dalle
specifiche del formato per le dimensioni desiderate.
Specifiche formato:
$(W) Larghezza profilo
$(H) Altezza profilo
$(T) Spessore profilo
$(D) Diametro esterno in caso di profili tondi o lunghezza lati
nei profili quadrati

Pag. A.5 - 11

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Lista profili piatto

Lista Selezione dalla lista le dimensioni di piattabande,


preferibilmente prodotte da profili piatti esistenti nel database.
Quando l'opzione non è selezionata, si può indicare qualsiasi
lunghezza e profondità.
Metrico/Imperiale
Lista Seleziona il tipo di profilo dalle liste a seconda dell'unità di
sistema del modello.
Precisione Specifica la precisione delle dimensioni nella lista di
visualizzazione a seconda dell'unità di sistema del modello.
E' possibile tuttavia utilizzare le designazioni americane nei modelli con unità di
sistema metriche e visualizzarle con maggiore precisione rispetto alle
designazioni normali.

Pag. A.5 - 12

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Piatti

Ad eccezione dei dialoghi addizionali e di alcune specifiche, molte delle


impostazioni possono essere trovate sotto il capitolo delle proprietà dei piatto.

Retino long. Inserisci le distanze del retino longitudinale se il retino viene


visualizzato.
Retino trasv. Inserisci le distanze del retino trasversale se il retino viene
visualizzato.
Altezza retino Specifica la lunghezza max. del retino dal lato esterno del
piatto o dai contorni esterni esistenti. Se si inserisce il valore
0, il piatto viene visualizzato con un retino completo. Questa
opzione consente di visualizzare il piatto senza il retino
completo. La visualizzazione è limitata ai lati di contorno.
Altezza del retino Definisce l'altezza del retino.
Griglia piatto = Spessore piatto
L'altezza del retino corrisponde sempre allo spessore del
piatto.
Offset asse Se si seleziona la visualizzazione dell'asse, inserisce una
proiezione dell'asse oltre le due superfici del piatto. A
differenza dei profili, l'asse dei piatti non va lungo una
direzione longitudinale ma lungo lo spessore del piatto.

Pag. A.5 - 13

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Inserimento spessore manuale


E’ possibile definire lo spessore direttamente nella finestra
d'inserimento. Altrimenti, sono disponibili solo i valori di una
lista di selezione (valori di predefiniti).

Descrizione piatto

Il dialogo è identico a quello “Descrizione profilo”, fare riferimento a questo


capitolo per la rappresentazione dei campi.

Pag. A.5 - 14

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Impostazione piatto

Descrizione nome
Specifica il formato di default del nome del piatto come viene
usato. Esempio nella descrizione e nei campi della proprietà.
Descrizione bandierina
Specifica il formato di default del nome del piatto nelle
bandierine di posizione.
Descrizione in distinta
Specifica il formato di default del nome del piatto quando si
esportano i dati in distinta.
Struttura Formato Default:
I nomi tipo $(N) servono come variabile del valore corrente del
piatto e sono spiegati nella finestra di dialogo. Il "Nome" del
piatto è un elemento costante come piastra, griglia, ecc. Nei
campi della descrizione corrispondente, si possono inserire
sia variabili che qualsiasi testo. Quando il programma è attivo,
le variabili vengono sostituite dai valori correnti mentre gli altri
caratteri vengono mantenuti come nell'input originale.
Arrotonda... Specifica la precisione con cui devono essere arrotondate le
dimensioni nel nome del piatto. Questo non ha alcuna
influenza sulle attuali dimensioni del piatto nel modello.

Pag. A.5 - 15

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Valore maggiore per lungh.


Il valore maggiore per lunghezza è sempre considerato nella
lunghezza del piatto. Questo non dipende da come si è
inserito il piatto.

Metodo di calcolo

Nella finestra di dialogo si può determinare il metodo per calcolare il peso del
piatto a seconda della superficie da disegnare. Queste specifiche influenzano il
risultato nell'output della distinta.
I valori possono essere definiti secondo la forma esatta, secondo il metodo
“Forma elastica” (come se un forma di gomma fosse stretto intorno al piatto) o
secondo il contorno circondante “Rettangolo minimo”. Per piatti aventi un retino
(es. per visualizzare un grigliato) si può ridurre il peso con un valore percentuale
indicato in % nel campo “Peso in % del grigliato”.

Pag. A.5 - 16

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Bulloni

Layout I bulloni possono essere inseriti nel disegno con differenti


impostazioni di visualizzazione: “Solo Asse”, “Linea con
Cerchio”, “Cerchio Estruso” e “Reale”.
Attiva Back to Back
Permette nei giunti automatici di verificare l’esistenza di altri
bulloni in prossimità di altri fori, e di utilizzare gli stessi bulloni
allungandoli.
Usa gioco globale
Se attivo viene utilizzato il gioco, per l’inserimento dei bulloni,
a livello globale dal file dei diametri dei fori.
Arrotonda la lunghezza di serraggio a
Quando si inserisce un bullone, la lunghezza trovata viene
arrotondata con una lunghezza fissa che può essere divisa
tramite il valore indicato.
Arrotonda solo con valori superiori
L'arrotondamento è impostato con il valore superiore
successivo. La lunghezza fissa trovata non diminuisce, ma
aumenta sempre.

Pag. A.5 - 17

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Ricerca bullone più piccolo


Se un bullone non può essere creato con la lunghezza
trovata, viene usato il bullone più piccolo.
Calcolare peso bullone
Il peso del bullone viene calcolato in base al voluma tranne se
già indicato nel database.

Pag. A.5 - 18

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Vista

Vista Nel caso di nuove viste da inserire, viene visualizzata solo il


contorno esterno.
Diagonale Nel caso di nuove viste da inserire, viene disegnata la
diagonale.
Piano di taglio Nel caso di nuove viste da inserire, vengono visualizzati i piani
di taglio.
Origine Nel caso di nuove viste da inserire, viene visualizzato il
sistema coordinate dell'area di lavoro (UCS)
Nome aree Nel caso di nuove viste da inserire, viene visualizzato il testo
del nome.
Simboli assi dinamici
Nel caso di nuove viste da inserire, viene visualizzata
dinamicamente la descrizione del testo.
Adattamento dimensioni dinamico
Nel caso di nuove viste da inserire, la struttura del testo viene
adeguata alla dimensione della visualizzazione.
Simbolo asse SX/DX
Nel caso di nuove viste da inserire, vengono visualizzati i
simboli degli assi a destra e a sinistra .

Pag. A.5 - 19

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Valori

Risoluzione: Questi campi vengono usati per specificare la risoluzione nella


creazione dei solidi circolari e curvi. Più alta è la risoluzione,
più dettagliata è la visualizzazione, ma la velocità di
esecuzione del computer diminuisce. Usare le impostazioni
con alte risoluzione solo nel caso di dettagli particolareggiati.
Grazie ad alcune speciali caratteristiche nel modellatore, è
preferibile inserire numeri dispari.
Dimensione Pick Helper
Specifica la dimensione dei “Pick Helper” utili per la
costruzione dei particolari di gruppi. I “Pick Helper” servono ad
accedere ai sotto elementi dei gruppi dopo la derivazione.
Arrotonda spessori nervature
Specifica la precisione con cui arrotondare lo spessore delle
nervature. Una precisione non necessaria può quindi essere
evitata utilizzando solo spessori dei piatti determinati durante
la creazione delle nervature.
Distanza frontale/posteriore
Specifica la distanza frontale o posteriore dell'area di sezione
utilizzata come valore standard per una limitata profondità
della visuale (piano di taglio).

Pag. A.5 - 20

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Logic Links

Crea logic links passivi/attivi


Vengono creati links attivi e passivi che si riferiscono ai
componenti.
Non aggiornare Ogni modifica apportata ad un oggetto non viene trasmessa
agli oggetti associati automaticamente.
Su richiesta Ogni modifica apportata ad un oggetto viene trasmessa agli
oggetti associati solo su richiesta.
Aggiorna Ogni modifica apportata ad un oggetto viene immediatamente
trasmessa agli oggetti associati automaticamente.
Non aggiornare gli oggetti strutturali
Viene soppresso l'aggiornamento automatico di tutti gli oggetti
strutturali come controventi, scale, ecc..
Aggiungi informazioni giunti
Si possono inserire dati addizionali nei logik-links, ad esempio
un codice d'identificazione.

Pag. A.5 - 21

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Controllo di revisione

Tolleranza lunghezza
Tolleranze Si specificano le tolleranze da utilizzare per paragonare gli
elementi. Si possono specificare valori per lunghezza così
come il paragone tra fori, lunghezze e peso. Le modifiche
sono determinate tramite un tipo di comparazione utilizzato
anche per il posizionamento.
Elementi Singoli
Alle modifiche Si specifica il comportamento del numero di posizione del
singolo elemento in un elemento modificato.
Mantiene- Il numero di posizione non viene modificato
Conferma- Il numero di posizione viene cancellato solo se
confermato individualmente per ogni elemento.
Cancella- Il numero di posizione viene sempre cancellato.
Salva num. Specifica cosa accade con un numero di posizione invalido in
un elemento singolo modificato.
Non salvare- Il numero di posizione viene ignorato.

Pag. A.5 - 22

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Confermare- Il numero di posizione viene salvato solo come


posizione originale se confermato individualmente per ogni
elemento.
Salva- Il numero di posizione viene salvato come posizione
originale.
Gruppi
Specifica il comportamento del numero di posizione del gruppo in un elemento
modificato. Le possibili specifiche corrispondono a quelle per singoli elementi e
sono qui descritte.
Altro
Imposta flag Imposta il contrassegno di modifica nell’elemento solamente
se ha già un numero di posizione.

Pag. A.5 - 23

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Visualizza

Opzioni viste SpazioCarta


Impostare il supporto della rappresentazione ottimale quando
si lavora con finestre nello spazio carta.
”Senza Supporto” – Non viene eseguito nessun adattamento
all'interno della rappresentazione.
“Output Standard” – La rappresentazione della descrizione del
profilo, ad esempio viene adattata a quella della scala se è
stata attivata l'opzione adattamento dinamico.
”Supporto completo” – Si ha un supporto completo della
rappresentazione.
ShapeClipping Il piano attivo dell’UCS visualizza la sezione dell'oggetto
teoricamente ridotta. Questa opzione normalmente dovrebbe
essere attivata. Quando questa opzione viene disattivata, non
si ottiene una corretta vista della sezione trasversale di un
oggetto.
PlateClipping Questa opzione è identica allo ShapeClipping ma è valida solo
per i piatti.
Nascondi nome elemento
Ogni descrizione del profilo inserite nel modello vengono
nascoste se viene selezionato il comando di AutoCAD
“Nascondi” o “Ombreggiatura”.

Pag. A.5 - 24

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Cache 2D display
Il risultato di tutti i calcoli della linea effettuati dal modellatore
(es. in una rappresentazione 2D, osnap ad oggetto, ecc.) è
scritto in uno spazio intermedio. Un nuovo calcolo viene
effettuato solo in caso di modifiche.
Quindi viene considerevolmente aumentata la velocità di
esecuzione per la determinazione dello osnap ad oggetto,
specialmente nel caso nella costruzione di gruppi complessi.
Nascondi bull. I bulloni non sono visualizzati quando si seleziona il comando
di AutoCAD “Nascondi“ o “Ombreggiatura”.
Bulloni / Archi reali con ombreggiatura
Bulloni o profili curvi vengono visualizzati come oggetti reali
quando viene selezionata il comando di AutoCAD “Nascondi”
o “Ombreggiatura”. Questa opzione dovrebbe essere attivata
durante normali operazioni.
Band.Pos. con ombreggiatura
Tutte le bandierine di posizione inserite nel modello non
vengono nascoste quando viene selezionato il comando di
AutoCAD “Nascondi” o “Ombreggiatura”.
Linee Aggiuntive con Ombreggiatura
Tutte le linee nel modello, come assi, assi baricentrici o altre
linee di costruzione non vengono nascoste quando viene
selezionato il comando di AutoCAD “Nascondi” o
“Ombreggiatura”.
Griglia con ombreggiatura
Tutte le griglie all'interno del modello non vengono nascoste
quando viene selezionato il comando di AutoCAD “Nascondi”
o “Ombreggiatura”.
Visualizza fori I fori sono sempre visualizzati come poligoni, anche se si
tratta di fori reali negli oggetti ACIS.
Nascondi PickHelper in stampa
Durante la stampa i PichHelper vengono nascosti.
Nascondi linee oggetti in stampa
Durante la stampa le linee degli oggetti strutturali vengono
nascosti.

Pag. A.5 - 25

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Colori 1

Campi d'inserimento
Imposta i colori da usare per differenti contrassegni e
visualizzazione degli oggetti indicando il numero di colore di
AutoCAD. Fare riferimento ai comandi corrispondenti per il
significato dei differenti contrassegni.
Selezione del colore
Si può anche selezionare il colore cliccando la corrispondente
casella e poi aprendo la finestra di dialogo di AutoCAD
cliccando sul tasto “Seleziona Colore”.

Pag. A.5 - 26

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Colori 2

Campi d'inserimento
Imposta i colori da usare per differenti contrassegni e
visualizzazione degli oggetti indicando il numero di colore di
AutoCAD. Fare riferimento ai comandi corrispondenti per il
significato dei differenti contrassegni.
Selezione del colore
Si può anche selezionare il colore cliccando la corrispondente
casella e poi aprendo la finestra di dialogo di AutoCAD
cliccando sul tasto “Seleziona Colore”.

Pag. A.5 - 27

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Colori schermo

Colore sfondo Colore dello sfondo del monitor.


Colore parte anteriore
Colore utilizzato per la visualizzazione di oggetti nel monitor.

Colore simbolo Colore utilizzato per la visualizzazione dei punti di selezione


nel monitor.

Colore marcatura Colore utilizzato per la visualizzazione di oggetti evidenziati o


punti di selezione nel monitor.

Selezione del colore


Si può anche selezionare il colore cliccando la corrispondente
casella e poi aprendo la finestra di dialogo di AutoCAD
cliccando sul tasto “Seleziona Colore”.

Pag. A.5 - 28

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Impostazioni dialogo

Modalità Configura differenti proprietà di visualizzazione nelle finestre


di dialogo. Le opzioni seguenti sono disponibili per la
selezione: Principiante, Medio, Esperto. Questa impostazione
ha un'influenza sulla visualizzazione delle immagini di
supporto nei dialoghi ed altro.
Visualizza precisione
Specifica le impostazioni di default per la visualizzazione delle
lunghezze, angoli ed altri valori. Se si inserisce “-1”, vengono
usate le impostazioni di default di AutoCAD.
Permetti RollOver
Attiva il RollOver delle finestre di dialogo.
Consenti la scrittura nella lista dei diametri dei fori
Specifica qualsiasi diametro dei foro. Se questo campo non è
stato verificato, si possono specificare solo diametri del foro
da una lista data.
Pan/Zoom Trasparente inserendo i punti
Questa opzione permette uno “Zoom” ed un “Pan” dinamico
durante la selezione dei punti o linee.

Pag. A.5 - 29

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Finestre di dialogo visualizzare in modo graduale


Se non c'è abbastanza spazio, vengono visualizzate le
tendine di selezione della finestra di dialogo una dopo l'altra,
invece che l'una vicino all'altra.
Pulsante Update non dinamico
Disattiva l'aggiornamento automatico nelle finestre di dialogo.
Il vantaggio si ha durante l'operazione nel caso di processi di
calcolo molto complessi. Per consentire un aggiornamento
manuale, viene visualizzato un tasto aggiuntivo con un
contrassegno di esclamazione nella linea di comando.
Usa colori icone Per alcuni simboli vengono visualizzati differenti colori invece
di un solo colore (blu).

Pag. A.5 - 30

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

ToolTips

Ignora ToolTips I ToolTips non vengono visualizzati.


Tempo di ritardo Periodo (in millisecondi) fino a cui un ToolTip viene
completamente visualizzato.
Tempo di visualizzazione
Periodo (in millisecondi) di durata di visualizzazione di un
ToolTip.

Pag. A.5 - 31

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

Applica Proprietà

In questo dialogo si possono specificare le impostazioni di default per le


proprietà di tipi di oggetti in ProSteel 3D.
Selezionare il tipo di oggetto nella lista di selezione. Viene adottata la
rappresentazione della tendina di dialogo. Fare riferimento alle descrizioni dei
differenti tipi di oggetto.

Pag. A.5 - 32

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Impostazioni Globali

File

La configurazione base di ProSteel 3D viene effettuata tramite diversi files che


si possono visualizzare attraverso la corrispondente selezione e che si possono
editare usando l’editor di testo integrato.

CANCELLA TUTTI I FILES TEMPORANEI

Cancella ogni file esistente nella cartella temporanea. Cancellando i


files temporanei, si riportano tutti i dialoghi di comando allo stato
originale di installazione.

CANCELLA TUTTI I FILES TEMPLATES


Cancella tutti i files esistenti nella cartella template. Comunque,
ricordare che in questo caso vengono irrimediabilmente cancellati tutti i
templates di dialogo creati. Templates importanti come es. alcune
particolarità della propria azienda, andrebbero salvati da altre parti.

Nota che per aver accesso a questa pagina è necessario impostare la modalità
“Esperto”.

Pag. A.5 - 33

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B Modellazione
Modeling

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Funzioni Layer

B.1 Funzioni Layer

Riga di Comando: PS_LAYER

Il programma è fornito con un controllo automatico dei layer. Normalmente non


ci si deve preoccupare di questo. Se si usano i comandi del software per creare
oggetti differenti come profili, piatti, quote, contrassegni di saldatura, ecc., questi
vengono creati nel proprio layer. L'attivazione, disattivazione e le modifiche dei
layer è una delle più frequenti operazioni, quando si usa AutoCAD. ProSteel 3D
supporta le funzioni di modifica per questa operazione. Con un click si possono
inoltre modificare i layer più importanti. Selezionare il comando o inserendo
PS_LAYER nella riga di commando con il parametro indicato.

Layer Griglia ON: LFRAMEON

Viene attivato il layer della griglia.

Layer Griglia OFF: LFRAMEOFF


Viene disattivato il layer della griglia.
The layer

Layer Elemento ON: LELEMON

Vengono attivati i layer degli elementi principali.


Questi sono i layer dei profili, piastre, linee di
costruzione e bulloni.

Layer Elemento OFF: LELEMOFF

Vengono disattivati i layer degli gli elementi principali.


Questi sono i layer dei profili, piastre, linee di
costruzione, e bulloni.

Pag. B.1 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Funzioni Layer

Layer Aggiuntivo ON: LADDION

Vengono attivati i layer degli elementi ausiliari:


quotature, assi, bandierine di posizione, contrassegni
di saldatura e quote altimetriche.

Layer Aggiuntivo OFF: LADDIOFF

Vengono disattivati i layer degli elementi ausiliari.

Imposta layer oggetto: LOBJECT

Rende corrente il layer dell'oggetto selezionato


.

Layer oggetto OFF: LOBJECTOFF

Disattiva il layer dell'oggetto selezionato.

Layer Costr. Corrente: LCONSTAKT

Rende corrente il layer delle linee di costruzione.

Layer Costruzione ON: LCONSTON

Viene attivato il layer con le linee di costruzione.

Pag. B.1 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Funzioni Layer

Linee Costruzione OFF: LCONSTOFF

Viene disattivato il layer con le linee di costruzione.

Layer Corrente 0: LNULL

Rende corrente il layer “0” di AutoCAD.

Pag. B.1 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Funzioni Layer

Pag. B.1 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Utilità di costruzioni

B.2 Utilità di costruzioni

B.2.1 Linee di Costruzione

Il programma offre molte opzioni per creare linee di costruzione ausiliarie,


dividere una linea o misurare una distanza. Queste linee vengono create sul
layer “PS_COSTRUZIONE”, in modo che tutte possano essere nascoste o
cancellate contemporaneamente.

Metodo di sel. Determina come è definita la direzione della linea di


riferimento.
2 Punti Selezionare la linea di riferimento tramite 2 punti.
Linea Selezionare la linea di riferimento selezionando una linea.
Punto-Linea Selezionare la linea di riferimento tramite il punto iniziale e la
linea che determina la direzione.

Pag. B.2 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Utilità di costruzioni

Tipo di Linea Si possono anche usare linee standard la cui lunghezza è


determinata dalla proiezione, o X-linee che hanno una
lunghezza infinita.
Distanza La distanza delle linee di costruzione dalla linea visualizzata
nel caso di linee parallele o verticali; distanza da una linea
all'altra se sono state create molte linee.
Scala L'informazione Distanza / Spazio è convertita nella scala del
disegno indicato qui. Questo consente di usare dimensioni
correnti.
Angolo Le linee di costruzione sono ruotate dell'angolo indicato.
Numero Il numero delle linee di costruzione o le divisioni create
simultaneamente usando la funzione ”Divide”.
Offset Le linee di costruzione eccedono di questo valore rispetto alla
linea di riferimento visualizzata.
Ins. nel piano Tutte le linee di costruzione vengono solo create nell’UCS
corrente (User Coordinate System). Inoltre, possibili punti
selezionati vengono riferiti anche al piano dell’UCS corrente.
Crea linea rif. Crea un linea costruzione anche sulla linea di riferimento.
Crea una linea di costruzione parallela all'asse X dell’UCS
corrente, anche nel punto selezionato o con la distanza scelta
dal riferimento selezionato.
Crea una linea di costruzione parallela all'asse Y dell’UCS
corrente, anche nel punto selezionato o con la distanza scelta
dal riferimento selezionato.
Crea linee di costruzione parallele ad una linea di riferimento
selezionata o visualizzata attraverso punti scelti.
Crea linee di costruzione verticali rispetto ad una linea di
riferimento selezionata o visualizzata attraverso punti scelti.
La linea di riferimento creata da due punti selezionati viene
divisa in parti uguali con l'aiuto delle linee di costruzione che
sono perpendicolari a questa distanza.
Misura e visualizza la distanza 3D (vedi → Misurazione).
Tutte le linee di costruzione create sul layer vengono
cancellate.

Pag. B.2 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Utilità di costruzioni

Accessi diretti ad alcune impostazioni

Si possono eseguire direttamente i comandi dalla riga di commando di


AutoCAD. Le impostazioni vengono considerate le ultime inserite nella finestra
di dialogo. I comandi restano attivi finché non si prese ESC o il tasto destro del
mouse.

SUGGERIMENTO: Le linee di costruzione sono create solo all'interno del piano


dell’UCS corrente. È consigliabile usarle solo nelle viste.

PS_CONST_HOR
Questo comando crea una linea di costruzione orizzontale.
Selezionare il punto attraverso cui passerà la linea di
costruzione
PS_CONST_VER
Questo comando crea una linea di costruzione verticale.
Selezionare il punto attraverso cui passerà la linea di
costruzione
PS_CONST_PAP
Questo comando crea una linea di costruzione parallela alla
linea di riferimento. Prima selezionare la linea di riferimento e
poi il punto attraverso cui passerà la linea di costruzione
PS_CONST_PAE
Questo comando crea una linea di costruzione parallela alla
linea di riferimento usando una distanza specifica. Prima
inserire la distanza desiderata e poi selezionare la linea di
riferimento. Infine determinare la posizione della nuova linea
di costruzione.
PS_CONST_SAP
Questo comando crea una linea di costruzione perpendicolare
alla linea di riferimento. Prima selezionare la linea di
riferimento e poi il punto attraverso cui passerà la linea di
costruzione.
PS_CONST_SAE
Questo comando crea una linea di costruzione perpendicolare
alla linea di riferimento usando una distanza specifica tra la
linea ed il punto di riferimento. Prima inserire la distanza
desiderata e poi selezionare la linea di riferimento. Infine
determinare la posizione della nuova linea di costruzione.

Pag. B.2 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Utilità di costruzioni

PS_CONST_DVD
Questo comando divide una linea di riferimento in parti uguali
e crea linee di costruzione perpendicolari (utilizzando anche il
punto finale ed iniziale).
Prima digitare il numero di divisioni e poi selezionare la linea
di riferimento.
PS_CONST_DEL
Tutte le linee di costruzione finora create saranno cancellate
dal layer PS_COSTRUZIONE

Pag. B.2 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Utilità di costruzioni

B.2.2 Misurazione Distanze

Scegliere il comando Misurazione se si vuole misurare una distanza. In seguito


selezionare due punti, che visualizzeranno la seguente finestra di dialogo.

La finestra di dialogo visualizza i risultati della misurazione nel UCS!


Inizio o Fine X,Y,Z sono le coordinate dei due punti misurati.
Distanza X,Y,Z è la distanza nella direzione dei rispettivi assi di coordinate.
Distanza è la distanza diretta tra i punti.
Angolo è l'angolo tra il punto iniziale a quello finale riferito all'asse-X dell'UCS.

La sezione “Coordinate WCS” visualizza i risultati della misurazione riferiti al


WCS. Inizio o Fine X,Y,Z sono le coordinate dei due punti misurati nel WCS e
Cos X,Y,Z è il coseno in direzione del vettore dal punto iniziale a quello finale
(una misura matematica che normalmente non ha alcun altro significato).

Pag. B.2 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Utilità di costruzioni

Pag. B.2 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Viste dell’elemento 3D

B.3 Viste dell’elemento 3D

B.3.1 Vista Oggetto / UCS Oggetto

La “Vista Oggetto” è uno strumento molto importante perchè consente di


analizzare ogni oggetto di ProSteel 3D da una direzione determinata. Esso è
utilizzato per orientare il piano dell’UCS rispetto all'oggetto, risultando come una
vista perpendicolare dall'alto di questo piano.

L'origine dell'UCS può essere perpendicolare al punto di selezione sull’asse o


essere situato nel punto di selezione stesso. Questo dipende dalle impostazioni
selezionate “Vista oggetto centrata” o “Vista Oggetto al punto”.
L'oggetto è allineato in modo da centrare il punto di selezione sullo schermo ed
allineare la propria direzione d'inserimento parallelamente all'asse X, il che
significa che il profilo viene visualizzato orizzontalmente anche se la sua
posizione era diagonalmente sulla griglia.

SUGGERIMENTO: Se la vista non concorda con la posizione della griglia,


selezionare nuovamente il comando (es. usando il tasto destro del mouse)
e confermare immediatamente con INVIO, in questo modo la vista verrà
allineata. In alternativa si può tenere premuto il tasto ALT, mentre si
seleziona la direzione della vista.

Il comando “UCS Oggetto” opera in modo analogo al comando “Vista Oggetto”.


A differenza della “Vista Oggetto”, questo comando imposta solo l'UCS nella
direzione della vista selezionata. La vista non viene modificata.

Pag. A.3.1 B.3 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Viste dell’elemento 3D

Dopo che il comando “Vista Oggetto” è stato selezionato appare il seguente


messaggio nella linea di comando: Selezionare l'elemento per impostare la vista
o <INVIO> per allineare la vista.
Sull’oggetto selezionato viene visualizzata un simbolo colorato che rappresenta
il sistema di coordinate (UCS) ed appare il seguente messaggio nella linea
comando: Selezionare l'Asse. Con il mouse selezionare il cerchio colorato
corrispondente e l’oggetto verrà visualizzato con la direzione selezionata.

Per posizionarsi nella vista dell'oggetto


in sezione selezionare il profilo mentre si
preme il tasto ALT.

Poi visualizza il sistema di coordinate dove si può


selezionare il colore corrispondente cliccando su
di esso.

Viene impostata la vista e l'origine dell'UCS viene


allineato sulla parte superiore parallelamente alla
parte anteriore.

Pag. B.3 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Viste dell’elemento 3D

B.3.2 Vista su faccia / UCS Faccia

Questo comando è come “Vista oggetto” e si può fare riferimento alla


descrizione precedente. A differenza della “Vista Oggetto” che permette le viste
in 6 possibili direzioni (direzione perpendicolare o parallela al profilo), la vista
sulla faccia offre l'opzione di posizionarsi in ogni superficie che compone
l'oggetto. In caso di profili speciali con superfici inclinate è più facile ottenere la
vista adatta.

L'immagine sotto mostra un esempio di una vista sulla faccia. Selezionando la


linea visualizzata, si può ottenere una vista sulla faccia 1 o 2.

Dopo aver eseguito il comando, selezionare prima l'oggetto nel bordo tra le due
superfici. Dopo la selezione viene visualizzato un simbolo colorato che
rappresenta il sistema di coordinate (UCS). Selezionare la vista desiderata
selezionando un’asse. Eseguendo il comando PS_FACE_VIEW_CEN, l'origine
della vista viene posizionata al centro della linea selezionata.

Modificare solo l’UCS


Analogicamente per il comando “UCS oggetto” si può solo impostare l'UCS
corrente sulla vista della faccia desiderata anche senza modificare la vista
attuale. E’ possibile scegliere tra il punto selezionato e l'origine centrata.

Pag. A.3.1 B.3 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Viste dell’elemento 3D

B.3.3 Vista Globale

Visualizza il modello 3D nella vista globale.

La vista di default è una visualizzazione isometrica del modello. Sono anche


possibili altre quattro viste globali selezionandole direttamente con i seguenti
comandi: “PS_GLOBAL_VIEW”, “PS_ GLOBAL_VIEW2”, ecc..

Le viste globali sono definibili liberamente nel file di configurazione ps_st3d.cfg


analogamente al comando “PVISTA” di AutoCAD.

Un estratto dal file di configurazione

...(altri inserimenti)

1VIEWX=0.66 ; GLOBAL VIEW FACTOR X AXIS


1VIEWY=-1.33 ; GLOBAL VIEW FACTOR Y AXIS
1VIEWZ=0.66 ; GLOBAL VIEW FACTOR Z AXIS
2VIEWX=-0.46 ; GLOBAL VIEW FACTOR X AXIS
2VIEWY=-1.33 ; GLOBAL VIEW FACTOR Y AXIS
2VIEWZ=0.66 ; GLOBAL VIEW FACTOR Z AXIS

(altri inserimenti)...

I numeri posizionati davanti alla vista si riferiscono al numero del comando o


tasto, es.., _VISTA, _VISTA2 a _VISTA5.

Pag. B.3 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Viste dell’elemento 3D

B.3.4 Vista dall'Alto

Il comando “Vista dall'alto” è identico al comando AutoCAD “PVISTA 0,0,1” per


visualizzare l’UCS corrente in modo verticale.
Questo comando cambia, dalla vista dall'alto del modello alla vista globale. Non
ha una funzione nelle altre viste perchè il piano è già stato visualizzato
verticalmente.

Ricordare la differenza tra questa vista dall'alto e quella dall'alto sulla griglia
quando si crea una griglia con il tetto:

Pag. A.3.1 B.3 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Viste dell’elemento 3D

B.3.5 Vista Libera

Il comando “Vista Libera” crea una vista nel modello tramite la selezione di due
punti (camera e obiettivo). La vista viene visualizzata come se si guardasse
l'obiettivo dalla posizione corrente.

Dopo aver selezionato il comando “Vista Libera” appare il seguente messaggio


nella riga di comando: “Specificare il punto di partenza della camera:”, inserire le
coordinate per determinare il punto di inserimento del mirino della camera o
selezionare il punto a video.
Dopo appare il seguente messaggio: “Specificare il punto del mirino della
camera:”

Viene attivato il piano di taglio e non è possibile modificare le distanze; può


essere fatto usando le impostazioni globali di ProSteel 3D.

Pag. B.3 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Viste dell’elemento 3D

B.3.6 Piano di Taglio

Lavorare con un modello 3D può essere complesso, specialmente se molti


elementi sono sovrapposti nello spazio. ProSteel 3D dispone di un comando
per nascondere gli elementi, sia davanti che dietro, non appartenenti al piano di
taglio.
Questo facilita il processo di modellazione, quando solo questi oggetti sono
visibilmente vicini nello stesso piano di lavoro e prevengono la manipolazione
accidentale di profili sovrapposti. Quando si seleziona una delle viste definite o
una vista sull’oggetto, questi elementi vengono automaticamente nascosti se il
piano di taglio non è stato disattivato globalmente. A volte è comunque utile
anche visualizzare tutti gli elementi del modello in profondità per avere un
orientamento totale. Questo è il motivo per cui questa funzione può essere
attivata e disattivata.

Principio del Piano di Taglio


Quando la funzione “Piano di Taglio” è attiva, vengono visualizzati solo gli
elementi che sono posizionati all'interno della griglia sia davanti che dietro alla
distanza del piano di taglio. Si tratta delle distanze di un piano di taglio
immaginario davanti o dietro all'UCS corrente.

Off Viene disattivato il piano di taglio. Vengono visualizzati tutti gli


elementi. Spostandosi in un’altra vista, il comando viene
nuovamente attivato, solo se non sia stato disattivato
globalmente.

Pag. A.3.1 B.3 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Viste dell’elemento 3D

On Viene attivato il piano di taglio. Vengono visualizzati tutti gli


elementi che sono posizionati all'interno delle distanze. Se il
comando è stato disattivato globalmente, viene nuovamente
disattivato quando ci si sposta su un'altra vista.
Flip Il comando piano di taglio viene alternativamente attivato o
disattivato globalmente. Questo ha senso, quando non si
vuole lavorare con il piano di taglio per molto tempo.
Distanza Distanze del piano di taglio. Inserire prima la distanza
posteriore e poi quella anteriore. Quando si inserisce la
distanza 0, non viene attivato nessun piano di taglio.
Posizionandosi in una delle viste standard, i nuovi valori
vengono sovrascritti.

Modello 3D di un soppalco nella vista


aerea.

Vista (Oggetto) sul telaio superiore


dell'impalcato, con il comando piano di
taglio attivato (impostazione standard).

Vista (Oggetto) sul telaio superiore


dell'impalcato, con il comando piano di
taglio disattivato.

Pag. B.3 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Viste dell’elemento 3D

B.3.7 Vista prospettica

Il disegno 3D di solito utilizza la rappresentazione assonometrica 3D. Questo


significa che, sullo schermo, le distanze degli elementi anteriori sono uguali a
quelle degli elementi posteriori. In realtà, comunque, le distanze sembrano tanto
minori quanto più lontane sono dall'oggetto. Questo effetto può essere simulato
con la vista prospettica.

La vista prospettica è una forma di vista libera usando una camera virtuale.
Posizionare il punto di partenza (camera) ed il punto del mirino (obiettivo) e
questo determina la direzione della vista. Il parametro “Distanza Focale” è usato
per indicare, come in fotografia, la distanza focale della camera. Valori più
grandi sono usati per zoomare l'oggetto come se si usasse una lente. Valori
minori creano l'effetto grandangolo.
Il parametro “Distanza” è usato per modificare la distanza fino al punto del
mirino, spostandosi nella direzione in cui si vuole guardare.

Eseguendo il comando, nella riga di comando appare il seguente messaggio:


Scegliere un'opzione [OFF/Distanza/Focale] <Impostazioni>:
Seleziona direttamente l’opzione corrispondente:

Impostazioni Attiva la vista prospettica. Richiede prima il punto di partenza


e il mirino della vista e poi la distanza focale della camera.
OFF La vista prospettica viene disattivata. Il software si posiziona
sulla vista isometrica.
Focale Modifica la distanza focale della camera.
Distanza Modificare la distanza della camera dal punto del mirino.

Sono possibili modifiche della direzione usando solo le coordinate e la funzione


viene disattivata. Passando alla vista globale del modello, non dà il risultato
voluto fino a che non si disattiva la vista prospettica.

Pag. A.3.1 B.3 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Viste dell’elemento 3D

Ricordare che la vista prospettiva è solo una funzione di visualizzazione e non


consente alcuna modifica. Quindi, ritornare alla visualizzazione isometrica.

Successivamente sono visualizzati alcuni esempi dove si possono vedere le


differenze tra la visualizzazione prospettica e quella isometrica, con l'influenza
della distanza focale sulla visualizzazione:

Visualizzazione Isometrica

Vista aerea 3D in
visualizzazione isometrica

Il punto inferiore a sinistra (0,0,0) è anche il


punto di partenza del WCS.

Vista Frontale in
visualizzazione isometrica

Le impostazioni della vista

Punto del mirino = (5000,0,5000)


Punto di partenza = (5000,-100,5000)

Pag. B.3 - 10

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Viste dell’elemento 3D

Visualizzazione Prospettica

Vista Frontale nella vista prospettica

Distanza Focale = 50

I punti di partenza e del mirino sono


impostati in modo identico ai punti della
vista isometrica. Essendo il disegno più
grande, la distanza dalla camera e
dall'obiettivo viene aumentata fino a
30000. Questo corrisponde al punto di
partenza (5000,-30000,5000).

Vista Frontale nella vista prospettica

Distanza Focale = 100

La distanza focale della camera viene


aumentata ma la figura mostra solo un
dettaglio dei risultati.

Pag. A.3.1 B.3 - 11

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Comandi Copia/Sposta

B.4 Comandi Copia/Sposta

Tutti gli oggetti di ProSteel 3D vengono trattati come oggetti di AutoCAD, e


possono essere copiati o spostati nello stesso modo. I comandi copia e sposta
di ProSteel 3D offrono un ulteriore aiuto nel determinare la direzione dello
spostamento e se considerare la struttura di un gruppo. Lavorando con snap ad
oggetto di AutoCAD è possibile specificare la profondità di alcuni punti in modo
errato. I comandi copia e sposta di ProSteel 3D prevengono questo limitando la
direzione dello spostamento solo nel piano UCS corrente o addirittura in una
direzione del piano. Se molti oggetti compongono un gruppo, questo comando
può essere usato per processare l'intero gruppo selezionando solo un oggetto
dello stesso. Questo elimina ricerche e selezioni di oggetti non necessarie.
Dopo aver selezionato il comando, appare una finestra di dialogo con le
seguenti opzioni, con ogni singola scheda che permette determinate azioni.

Attiva la selezione dei singoli elementi senza considerare i


gruppi.

Attiva la selezione dei gruppi. Nelle opzioni, si può specificare


se questa selezione è valida solo se si seleziona l'elemento
principale del gruppo.

Pag. B.4 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Comandi Copia/Sposta

B.4.1 Sposta/Copia

Allineamento Seleziona la direzione di spostamento degli oggetti. Un cono


mostra la direzione di movimento.
3D - Gli oggetti selezionati possono essere spostati in tutte e
tre le direzioni.
2D - I punti iniziali e finali dello spostamento sono
perpendicolari al piano dell’UCS corrente. Questo significa
che i profili sono spostati solo all'interno di questo UCS.
Asse-X - I punti iniziali e finali dello spostamento sono
perpendicolari all'asse X del piano dell’UCS corrente. Questo
significa che i profili sono spostati parallelamente all'asse X
all'interno di questo UCS.
Asse-Y - I punti iniziali e finali dello spostamento sono
perpendicolari all'asse Y del piano dell’UCS corrente. Questo
significa che i profili sono spostati parallelamente all'asse Y
all'interno di questo UCS.
Asse-Z - I punti iniziali e finali dello spostamento sono
perpendicolari all'asse Z del piano dell’UCS corrente. Questo
significa che i profili sono spostati in direzione verticale
all'interno di questo UCS.
Libero – Gli oggetti selezionati si possono spostare
liberamente in tutte e tre le direzioni. Gli oggetti seguono il
cursore durante lo spostamento.
Multiplo Gli oggetti possono essere spostati o copiati ripetutamente.

Pag. B.4 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Comandi Copia/Sposta

B.4.2 Ruota

Asse Seleziona l'asse di rotazione desiderato.


Asse libero – L'asse di rotazione può essere determinato
selezionando due punti.
Asse oggetto – Uno dei tre assi delle coordinate dell’UCS
dell'oggetto viene considerato come asse di rotazione. Dopo
la selezione degli oggetti, specificando un punto iniziale, si
può spostarlo parallelamente.
Asse oggetto Seleziona l'asse di rotazione se l'opzione “Asse oggetto” è
stata selezionata. Gli assi vengono visualizzati nell'oggetto
con un colore diverso in base al proprio orientamento.
Angolo Specifica l'angolo di rotazione. Selezionando il campo “Libero”
è possibile indicare un angolo diverso dai predefiniti.
Ruota+Copia Crea una copia degli oggetti che vengono ruotati.

Pag. B.4 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Comandi Copia/Sposta

B.4.3 Specchia

Metodo Specifica il piano di specchio desiderato.


2-Punti – Determinare il piano selezionando due punti. Il piano
di specchio viene allineato perpendicolarmente alla vista
corrente (è consigliato usare una vista perpendicolare rispetto
all'oggetto).
3 Punti – Determina il piano selezionando tre punti.
Specchia+Copia Crea una copia degli oggetti che vengono specchiati.

Pag. B.4 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Comandi Copia/Sposta

B.4.4 Allinea

Allinea un oggetto o un intero gruppo specificando due piani. Lo spostamento e


la rotazione richiesta vengono applicati agli oggetti selezionati. Si possono
determinare i piani per ogni oggetto specificando tre punti o selezionando le
superfici. Il punto dell'origine o del punto inferiore della superficie è sempre
rispettato.

Metodo Determina i due piani specificando tre punti o tramite le facce


degli oggetti.
Allinea+Copia Crea una copia degli oggetti che vengono allineati.

Metodo “Facce”

Quando si applica il metodo “Facce”, si può usare solo un oggetto. Dopo aver
selezionato l'oggetto, le superfici disponibili per l’allineamento, vicine al punto di
selezione si colorano. Selezionare le frecce con il colore corrispondente alla
superficie per l’allineamento.

Pag. B.4 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Comandi Copia/Sposta

Metodo “3 Punti”

Selezionando il metodo “3 Punti”, dopo la selezione dell'oggetto, specificare la


posizione dell’origine come punto di riferimento sugli assi X e Y. Poi indicare la
nuova origine e i rispettivi assi X e Y come destinazione.

L'esempio in basso visualizza come il profilo sinistro viene allineato al profilo


destro. Viene spostato e ruotato contemporaneamente.

Pag. B.4 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Comandi Copia/Sposta

B.4.5 Clona

Clona le modifiche eseguite su un singolo elemento o in un gruppo ad altri


oggetti. Un requisito per la clonazione è che gli oggetti abbiano lo stesso
numero di posizione. Le modifiche vengono copiate in modo che tutte gli oggetti
siano nuovamente identici alla fine della clonazione. Per filtrare il tipo di
clonazione, utilizzare le opzioni nella finestra di dialogo (Tagli, Fori, ecc.).
Per esempio, se è stato costruito un capannone con molte colonne identiche
alle quali vanno aggiunti dei fori, le modifiche eseguite solo su una colonna
vengono clonate anche alle altre.

Tagli Vengono clonati tutti i tagli anche quelli angolari.


Fori Vengono clonati tutti i fori.
Tagli-poli Vengono clonati tutti i tagli-poli.
Incisioni Vengono clonate tutte le incisioni.
Booleane Vengono clonate tutte le operazioni Booleane.

Selezionare prima l'oggetto con le modifiche da clonare e poi selezionare gli


oggetti che devono essere clonati. Vengono considerati solo oggetti con lo
stesso numero di posizione dell'oggetto originale.

Ricordare che la clonazione si riferiscono all’UCS degli oggetti. Visualizzando


un profilo frontalmente, il cui UCS ha la propria origine sul lato destro e si vuole
spostare il foro di 100 mm, l’UCS ha l'origine a sinistra, questo oggetto avrà il
nuovo foro a 100 mm da sinistra.

Pag. B.4 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Comandi Copia/Sposta

B.4.6 Ruota

Ruota e copia con una distanza verticale ad esempio per distribuire i gradini di
una scala a chiocciola. Possono essere applicati due metodi. Il numero di scalini
e l'angolo tra gli scalini, o una singola area e gli scalini da distribuire all'interno
dell’area stessa.

Metodo Definisce il tipo di distribuzione.


Numero Numero di oggetti nella singola area.
Angolo Angolo tra gli oggetti o l'angolo intero.
Offset verticale Offset verticale tra gli oggetti.

La costruzione a sinistra è stata creata


ruotando un piatto intorno al tubo centrale.

Pag. B.4 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Comandi Copia/Sposta

B.4.7 Impostazioni

Modifica con il tasto ALT


Viene modificato l'uso del tasto ALT durante la selezione degli
oggetti. Se queste funzioni sono selezionate direttamente
tramite il menu, normalmente viene attivata la selezione di
singoli oggetti. Se si tiene premuto il tasto ALT durante la
selezione, questo viene selezionato come gruppo.
Gruppo solo se elemento principale
La selezione del gruppo intero viene effettuata solo se è stato
selezionato l'oggetto principale. Altrimenti la selezione viene
effettuata per ogni singolo elemento di un gruppo.

Pag. B.4 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.5

B.5 Visualizzazione / Assegnazione elementi

B.5.1 Nascondi

Questo comando può essere usato per nascondere elementi costruttivi o interi
gruppi, il che significa che gli elementi sono resi invisibili, e non possono essere
modificati. Questo comando consente di nascondere solo elementi selezionati o
di visualizzare solo gli elementi selezionati nascondendo tutti gli altri. Questo
fornisce una vista più chiara del modello.

SUGGERIMENTO: Questo comando è più pratico se devono essere nascosti


elementi individuali. Per nascondere/visualizzare interi gruppi di elementi è
meglio usare "Classi di visibilità".

PS_HIDE Selezionare gli elementi da nascondere dopo aver selezionato


il comando. Gli elementi non sono visibili dopo aver digitato il
tasto INVIO o aver usato il tasto destro del mouse. Il comando
→ PS-REGEN (da non confondere con il comando AutoCAD
“Rigenera”) rende tutti gli elementi nuovamente visibili.
PS_HIDE_EXCLUDE
Questa funzione opera in modo opposto alla prima. Dopo aver
selezionato il comando, si possono scegliere gli elementi che
non si vogliono nascondere. Dopo aver digitato il tasto INVIO
o aver usato il tasto destro del mouse, tutti gli altri elementi
vengono nascosti.
PS_HIDE_GROUP
Questa funzione opera come PS_HIDE. L'unica differenza è
che l'intero gruppo viene nascosto, anche se si è selezionato
solo un elemento del gruppo.
PS_HIDE_EXCLUDE_GROUP
Questa funzione opera come PS_HIDE_EXCLUDE. L'unica
differenza è che l'intero gruppo rimane visibile, se si è
selezionato solo un elemento del gruppo.

Pag. B.5 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Visualizzazione / Assegnazione elementi

B.5.2 Rigenera

Questo comando visualizza tutti gli elementi nascosti dall'utente o nascosti


automaticamente dal software.
Bisogna usare questo comando, per esempio per creare una distinta, affinché
tutti gli elementi assunti alla distinta vengono automaticamente nascosti a causa
del controllo.
Questo comando non è identico al comando AutoCAD “Rigenera” che non
riesce a riattivare gli elementi.

Pag. B.5 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.5

B.5.3 Classi di visibilità

Si possono disporre oggetti ProSteel 3D su diversi layer nelle "Classi di


visibilità", indipendentemente dai layer AutoCAD.

Contrariamente al comando ‘Nascondi’, che costringe a selezionare


individualmente tutti gli elementi, qui si possono selezionare interi gruppi di
oggetti e renderli visibili o invisibili. Ciò semplifica la vista del modello
visualizzato sullo schermo. Per esempio, controventi, travi di falda, pareti, etc.
potrebbero essere assegnati ad una classe di visibilità e visualizzati o nascosti
in base alle necessità. Ogni elemento può esistere in una sola classe. Ciò
significa che viene rimosso da una classe se viene assegnato ad un'altra. Dopo
la selezione del comando, si apre la seguente finestra di dialogo.

Pag. B.5 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Visualizzazione / Assegnazione elementi

Nome Classe Le classi di visibilità disponibili vengono classificate e può


essere scelta la classe desiderata. Il valore Stato indica se gli
elementi vengono visualizzati correntemente o nascosti. Si
può editare il nome selezionando due volte il campo “Nome
Classe”.
Stato Qui si vede lo stato corrente di una classe di visibilità. Si può
modificare lo stato facendo doppio clic su di esso. È anche
possibile evidenziare diverse classi e effettuare la modifica di
tutte le classi evidenziate.
Questo tasto permette di nascondere elementi senza creare
un'assegnazione alla classe di visibilità. Vedi PS_HIDE.

Questo tasto permette di visualizzare nuovamente tutti gli


elementi nascosti. Vedi PS_REGEN.

Gli elementi della classe di visibilità selezionata vengono


nascosti.

Questo comando visualizza gli elementi della classe di


visibilità selezionata.

Questo comando nasconde gli elementi di tutte le altre classi


di visibilità eccetto quelle selezionate.

Questo tasto permette di assegnare elementi ad una classe di


visibilità. La classe desiderata deve essere prima selezionata
nella lista. Dopo aver selezionato il tasto, selezionare gli
elementi da assegnare alla classe di visibilità nel modello.
Questo tasto permette di rimuovere elementi da una classe di
visibilità. La classe desiderata deve essere prima selezionata
nella lista. Dopo aver selezionato il tasto, selezionare gli
elementi da rimuovere dalla classe di visibilità nel modello.
Gruppi interi Il gruppo intero viene selezionato anche se si seleziona solo
un elemento di questo gruppo.

Pag. B.5 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.5

B.5.4 Comando Aree

Gli oggetti di ProSteel 3D possono essere assegnati anche ad una delle “Aree”
in aggiunta alle classi di visibilità. Finché le classi di visibilità servono a
controllare le costruzioni 3D in una certa maniera, le aree servono per la
scomposizione logica del modello in componenti costruttive. Queste “Aree”
possono essere usate come criteri di classificazione e di selezione durante
l'elaborazione successiva. Ogni elemento può esistere in solo una di queste
aree. Questo significa che viene rimosso da una classe se è assegnato ad
un'altra. Aree e classi di visibilità sono completamente indipendenti l'una
dall'altra.

La funzione opera analogicamente alle classi di visibilità. Le aree possono


anche essere nascoste. Notare che in caso di sovrapposizione con le classi di
visibilità sarà valida l'ultima operazione eseguita. Questo significa che se si
nascondono elementi nelle classi di visibilità, essi possono nuovamente essere
visualizzati attraverso rappresentazioni di aree inserite e visualizzate.

Pag. B.5 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Visualizzazione / Assegnazione elementi

B.5.5 Famiglie di elementi

Le famiglie di elementi rappresentano un'altra variante della disposizione degli


elementi costruttivi. L'appartenenza alle famiglie consente un posizionamento
automatico dei numeri di posizione così come una differenziazione dei gruppi di
costruzione tramite diversi colori. Inoltre, gli elementi appartenenti ad una
famiglia possono avere un comune stile di dettaglio per la derivazione 2D. Ogni
elemento può, comunque, esistere solo in una famiglia. Ciò significa che se è
stato assegnato ad un'altra famiglia, viene prima rimosso da quella precedente.
Nuova è la possibilità di assegnare colori determinati e tipi di linee per la
derivazione 2D ai membri della famiglia. Per esempio, si può assegnare un altro
colore alle travi di una rappresentazione 2D ed alle colonne.

Lista di Visibilità Vengono visualizzate le famiglie disponibili così come le


rispettive impostazioni di defaults per i colori, prefissi, etc.
Singoli elementi Gli elementi vengono selezionati singolarmente. In questo
modo, tutti i dati delle famiglie vengono adottati negli elementi
costruttivi.
Gruppi Vengono selezionati solo i gruppi. In questo modo, vengono
assunti solo i prefissi per i numeri di posizione dei gruppi.
Entrambi Vengono selezionati entrambi: i singoli elementi ed i gruppi.

Pag. B.5 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.5

Selezionare questo tasto per assegnare elementi ad una


famiglia. La famiglia desiderata deve essere prima
selezionata dall'elenco e poi selezionare nel modello gli
elementi da assegnare alla famiglia.

Selezionare questo tasto per rimuovere elementi da una


famiglia. La famiglia desiderata deve essere prima
selezionata dall'elenco e poi selezionare nel modello gli
elementi da rimuovere dalla famiglia.

Selezionare questo tasto per trasferire le modifiche degli


inserimenti negli elementi. Dopo aver selezionato il tasto,
selezionare gli elementi da aggiornare nel modello.

Con un doppio click, si può modificare la definizione di una famiglia di elementi.

Pag. B.5 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Visualizzazione / Assegnazione elementi

Definizione della famiglia di elementi e modifiche delle proprietà


Possono essere definite 64 differenti famiglie a cui gli elementi vanno assegnati.
Per creare una famiglia, eseguire un doppio click nello uno spazio vuoto
dell'elenco. Si apre una finestra di dialogo dove si possono definire le proprietà.
Lo stesso metodo si applica per modificare le proprietà di un inserimento
esistente.

Descrizione Inserisce il nome della famiglia. L'inserimento appare


nell'elenco di selezione e nelle proprietà del profilo.
Pref.Pos. Inserisce il prefisso che appare davanti ad ogni numero di
posizione se l'elemento appartiene a questa famiglia.
Colore Inserisce il colore dell'elemento della famiglia. Indicare il
numero del colore di AutoCAD o selezionare il colore nel tasto
SELEZIONA.

Pag. B.5 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.5

Stile di dettaglio Inserisce lo stile di dettaglio da assegnare all'elemento


appartenente a questa famiglia. Inserire il nome dello stile di
dettaglio o selezionarlo tramite il tasto SELEZIONA.
Notare che l'assegnazione degli stili di dettaglio dovrebbe
normalmente essere eseguita all'interno del Centro Disegno
Esecutivo. Se esso viene aperto, l'elenco degli elementi deve
essere aggiornato dopo la modifica delle proprietà del profilo.
Tipologia linea Specifica il tipo di linea determinato per la rappresentazione
2D. Le impostazioni possono essere definite individualmente
per assi visibili e invisibili.
Colore dettaglio Specifica il colore da usare per la rappresentazione 2D.
Tipi di linee Specifica il tipo di linea da usare per la rappresentazione 2D.

Nota che le impostazioni della linea 2D vengono attivate solo se gli elementi
componenti vengono visualizzati in 2D. Queste impostazioni non hanno alcun
effetto sulla visualizzazione del modello.

Pag. B.5 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Visualizzazione / Assegnazione elementi

B.5.6 Stato del Processo

Nome Comando: PS_PROCESS_STATUS

Lo stato del processo di un elemento è un'altra possibilità di verificare o


classificare gli elementi nel disegno.
Questa funzione aiuta a verificare gli elementi in colore secondo criteri precisi e
a visualizzare lo stato del processo secondo l'installazione nel modello CAD.

Pag. B.5 - 10

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.5

Colora gli elementi secondo il loro stato di processo

Il colore degli elementi viene cancellato

Assegna agli elementi uno stato di processo

Rimuove lo stato di processo dagli elementi

Viene modificato il file preimpostato (vedi sotto)


Permanente Se si attiva questa funzione, il colore non può essere rimosso
dagli elementi.

File Preimpostato

Si possono definire i valori preimpostati della funzione stato dl processo (sia i


nomi che i colori corrispondenti) in un file di testo. Questo può essere
visualizzato e modificato direttamente in questa finestra.

Pag. B.5 - 11

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Visualizzazione / Assegnazione elementi

B.5.7 Ricerca Elementi

Riga di Comando: PS_SEARCH

Permette di ricercare elementi all'interno di un modello, aventi determinati


requisiti. Si possono stabilire diverse condizioni valide contemporaneamente. Gli
oggetti possono essere nascosti, selezionati, ecc., se queste condizioni
verranno soddisfatte.

Elenco Questo elenco permette di selezionare i campi di ricerca.


Operatore Seleziona l'operatore per determinare il criterio di ricerca e i
valori di comparazione.
Valore di comparazione
Indica il valore da inserire. Vengono visualizzati solo i valori
esistenti nel disegno. Nel caso di nomi, è possibile indicare un
asterisco (*) per ogni altro carattere come es. HE* per
selezionare tutti i profili che iniziano con HE (HEA, HEB ecc.)
Tasti Usare i seguenti tasti per combinare le condizioni di filtro con
differenti operatori logici.

Pag. B.5 - 12

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.5

Espressione completa
Visualizza l’espressione completa dei filtri dopo l'inserimento
di tutte le condizioni. Usando i tasti è possibile ripristinare o
cancellare l’intera espressione.
Opzioni Selezionare l'operazione da eseguire con gli elementi trovati.
Evidenzia Tutti gli elementi che soddisfano la condizione richiesta
vengono colorati. Usare il comando “Opzioni / Colori” per
specificare i colori da applicare.
Nascondi Tutti gli elementi che non soddisfano le condizioni richieste
vengono nascosti. Gli elementi nascosti diventano visibili
nuovamente usando il comando “Regen”.
Zoom Tutti gli elementi che soddisfano la condizione richiesta
vengono automaticamente zoommati. Si apre una finestra di
dialogo che consente di indicare la dimensione dei zoom e di
spostarsi tra un oggetto e un’altro usando le frecce.

Lista dei Criteri Questa lista visualizza le condizioni di ricerca correnti


collegate con l’operatore AND.
Aggiunge una condizione di ricerca composta dal tipo,
dall’operatore e dal valore di comparazione selezionato.
Avvia la ricerca. Prima bisogna selezionare tutti gli oggetti da
includere nella ricerca, poi il risultato verrà evidenziato,
nascosto o selezionato, a seconda della scelta.

Pag. B.5 - 13

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Visualizzazione / Assegnazione elementi

Definizione dei Criteri di Ricerca


Un criterio di ricerca consiste sempre di un termine di ricerca (es. lunghezza), di
un operatore (es. >= maggiore o uguale”), e di un valore di comparazione (es.
2000).
Per esempio, se si preferisce trovare tutti i profili IPE con una lunghezza
compresa tra 1000 e 3000 mm, bisogna definire il seguente criterio di ricerca:

NOME =IPE* (per IPE80, IPE100 ecc.)


(AND)
LUNGHEZZA >=1000 (Lunghezza maggiore o uguale a 1000)
(AND)
LUNGHEZZA <=3000 (Lunghezza minore o uguale a 3000)

Caratteri sostituitivi quando si ricerca tramite Descrizioni.

* Ogni altro carattere (anche spazi vuoti).


? Esattamente un carattere che si preferisce in questa specifica
posizione.
# Esattamente un carattere numerico che si preferisce in questa
specifica posizione (0-9).
@ Esattamente un carattere alfabetico che si preferisce in questa
specifica posizione (aA-zZ).
, Parametro di separazione indica due opzioni.
Questo permette di specificare un operatore OR separato da
una virgola ad esempio (HEA*,HEB*).

Pag. B.5 - 14

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Griglie

B.6 Griglie

Ogni modello in ProSteel 3D inizia con la creazione di una o più griglie.


Queste griglie facilitano l'orientamento 3D perchè possono visualizzare le
misure di base (es. dimensioni assi) come oggetti di supporto del disegno, e
creare automaticamente i sistemi UCS ed i sistemi di viste (create tramite la
definizione delle griglie). Un semplice clic del mouse modifica la vista.

Tipi Base
Prima di definire una griglia, si decide il tipo di base desiderato. Sono possibili le
seguenti opzioni:

- Griglie a forma di rettangolo


- Griglie a forma di cilindro (o di cono)
- Griglie a forma di cuneo
- Griglie a forma di piramide

Pag. B.6 -1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Griglie

B.6.1 Griglia a forma di Rettangolo

Layout Griglia Qui si specifica la forma della griglia desiderata.


Lunghezza Specifica la lunghezza della griglia e la sua divisione
longitudinale. Se la lunghezza del campo viene attivata, si
definisce la lunghezza tramite le rappresentazioni della
lunghezza complessiva ed il numero delle divisioni. Se il
campo non viene attivato, le divisioni possono essere definite
individualmente specificando la lunghezza per ogni singolo
campo. Fare riferimento alle informazioni alla fine di questa
sezione.
Larghezza La larghezza della griglia è determinata analogamente alla
lunghezza.
Altezza L'altezza della griglia è determinata analogamente alla
lunghezza.
Altezza assoluta Normalmente si inserisce l'altezza delle differenti divisioni.
L'elenco delle altezze sono definite come valori assoluti.

Pag. B.6 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Griglie

Simbolo asse Aggiunge i simboli degli assi secondo le impostazioni.


Punto d'inserimento
Definisce la posizione della griglia secondo il punto di
inserimento.
Pendenza Per ottenere la forma del tetto per la griglia, si può inserire la
pendenza del tetto in gradi.
Altezza Per ottenere la forma del tetto per la griglia, si può inserire
l'altezza del colmo.
Distanza Se si vuole ottenere la forma del tetto per la griglia, si può
inserire la larghezza del colmo. Se essa è 0 o uguale alla
larghezza della griglia, viene creata solo una faccia del tetto.

Divisioni Asimmetriche
Per semplificare la divisione delle griglie, si può scegliere un tipo speciale di
inserimento. Si apre il seguente dialogo premendo il tasto ALT mentre si attiva
uno dei 3 valori dell'elenco:

Si possono anche indicare i differenti campi di suddivisione con una virgola o


tramite “numero*distanza”. Questo semplifica l'inserimento dei campi di
suddivisione complessi. Premendo il tasto CTRL mentre si attiva uno dei tre
valori dell'elenco, si cancella l'intera definizione del campo di suddivisione.
Definizioni dei campi di suddivisione esistenti non possono essere modificate
usando questo metodo. Essi saranno completamente sovrascritti.

Inserisce Griglie
Dopo aver selezionato il comando “Griglia”, cliccare il punto d'origine della
griglia o inserire questo valore in forma di coordinate. Il tasto destro del mouse
assume un punto (0,0,0) da accettare come punto d'origine.
Alla fine, indicare la posizione dell'asse X della griglia. Con il tasto destro del
mouse si fa in modo che l'asse corrente UCS X venga allineato.
Si apre una finestra di dialogo per la griglia e si può selezionare uno dei

Pag. B.6 -3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Griglie

differenti tipi.

Pag. B.6 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Griglie

Gli inserimenti nelle finestre di dialogo indicati sopra risultano come nella
seguente visualizzazione di una griglia di ProSteel 3D in AutoCAD (nessuna
rotazione aggiunta):

Con la divisione asimmetrica di


L=15000, B=8000,H=5000

X-asse: asse 1
Y-asse: asse A
Z-asse: perpendicolare all'asse A/1

Origine: Asse A/1, Altezza H=0

Diverse Griglie all'interno di un Modello


Si possono definire molte griglie differenti all'interno di un modello, che vengono
poi distinte tramite nomi diversi. Questo nome della griglia è un prefisso che
precede il nome della vista, es. “Telaio-1_FRONTALE” e “Telaio-2_FRONTALE”
(dove “Telaio-1” e Telaio-2” sono i prefissi specificati dall'utente).
Questo rende possibile impostare e specificare tutte le griglie importanti del
progetto addirittura prima che venga costruito il modello 3D e si può accedere
facilmente ad esse usando il comando “Selezione vista” PS_SETBKS.

Una impalcato con le dimensioni


3000 x 3000 e l'altezza 1500
va inserita come visualizzata.

Le coordinate d'origine vengono


impostate a y=0, x=5000, z=0 con
il prefisso ‘Telaio-2 – le altre
impostazioni sono adeguate alla
dimensione e alle divisioni.

Gli assi non sono visualizzati


benché sia possibile.

Pag. B.6 -5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Griglie

Selezionando le viste da creare, le viste sovrapposte nella stessa griglia o in


altre possono essere eliminate, perchè normalmente non sono utili all'utente,
quando selezionando il piano corrispondente, si vede l'intera vista. Secondo le
caratteristiche di orientamento di ProSteel 3D, comunque, ci sono buone ragioni
per creare queste viste. E’ possibile spostare la griglia completa e questa vista
potrebbe mancare. Comunque se la figura riportata in alto corrisponde al proprio
disegno, si può eliminare la vista frontale e laterale destra perchè esse sono già
presenti nella griglia "Telaio-1".

Le Griglie sono Oggetti


Una dei maggiori vantaggi di ProSteel 3D consiste nella caratteristica di essere
"object-oriented"; e le griglie ne sono un buon esempio!
Ciò significa che le griglie precedentemente create possono essere modificate
usando i comandi standard di AutoCAD. E’ possibile cancellare, ruotare, sia la
griglia o solo le viste parziali, con aggiornamento delle impostazioni dell'UCS.
Il sistema UCS si adatta allo spostamento dell'oggetto. Inoltre si può anche
impostare un piano di taglio individuale per ogni piano di lavoro ed effettuare
altre modifiche usando il menu “PS3D Proprietà”. Ricordare che il layer della
griglia, per essere modificato, deve essere sbloccato ad ogni modifica!

L'impalcato viene spostato e


l'intera griglia “Telaio-1 e “Telaio-2
viene ruotata.

Cliccare sul retino 3D tramite


"PS3D Proprietà", e le suddivisioni
e la forma di base possono essere
modificate.

Pag. B.6 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Griglie

B.6.2 Griglia a forma di Cilindro

Rag. inf. Raggio della base cilindrica inferiore.


Rag. sup. Raggio della base cilindrica superiore.
Altezza Specificare l'altezza totale della griglia (come per l'altezza
della griglia a forma rettangolare).
Segmentazione Questo campo indica il numero di segmenti in cui è diviso il
cilindro.

Tutte le ulteriori opzioni corrispondono a quelle previste per le griglie a forma


rettangolari. Fare riferimento a questo capitolo per informazioni più dettagliate.

Pag. B.6 -7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Griglie

B.6.3 Griglie a forma di Cuneo

Verso sinistra Il cuneo si apre verso sinistra, in caso contrario verso destra.

Tutte le ulteriori opzioni corrispondono a quelle delle griglie a forma


rettangolare. Fare riferimento a questo capitolo per informazioni più dettagliate.

Pag. B.6 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Griglie

B.6.4 Griglia a forma di Piramide

Lunghezza Indica la lunghezza della base superiore della piramide.


Larghezza Indica la larghezza della base superiore della piramide.

Tutte le ulteriori opzioni corrispondono a quelle delle griglie a forma


rettangolare. Fare riferimento a questo capitolo per informazioni più dettagliate.

Pag. B.6 -9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Griglie

B.6.5 Crea Viste

Usare questo comando per creare viste direttamente su tutte le facce. Si può
selezionarle in seguito usando il comando PS_SETBKS. Secondo la forma
selezionata, alcune opzioni non sono disponibili.

Frontale Viene creata una vista frontale.


Laterale DX Viene creata una vista sul lato destro.
Laterale SX Viene creata una vista sul lato sinistro.
Posteriore Viene creata una vista sul lato posteriore
Superiore Viene creata una vista superiore.
Inferiore Viene creata una vista inferiore.
Falda DX Viene creata una vista sulla falda destra.
Falda SX Viene creata una vista sulla falda sinistra.

Pag. B.6 - 10

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Griglie

Asse-X Vengono create viste per ogni asse in direzione X.


Asse-Y Vengono create viste per ogni asse in direzione Y.
Asse-Z Vengono create viste per ogni asse in direzione Z.
Descrizioni assi Si possono anche selezionare nomi standard come X_1, X_2
per assi creati in lunghezza e larghezza o si possono usare i
nomi degli assi specificati.
Quote altimetriche con coordinate
Per le viste in direzione Z, le altezze vengono aggiunte al
nome.
Aggiorna giunti profili
Aggiorna la posizione del profilo se la griglia viene modificata.
Questo ha effetto se i profili sono stati inseriti sulla linea della
griglia e non su due punti.
Vista inferiore dall’alto
La vista inferiore viene visualizzata dall’alto e non dal basso.
Prefisso Quando le griglie vengono inserite in un disegno, queste
devono avere un proprio prefisso. Esso viene posizionato
davanti al nome di tutte le viste.
Distanze piano di taglio
Le viste possono nascondere automaticamente tutti gli
elementi posizionati al di fuori da una certa distanza. Si
possono specificare queste distanze per tutte le viste della
griglia, sia frontalmente che posteriormente.

Pag. B.6 -11

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Griglie

B.6.6 Nomi Assi

Le impostazioni per i nomi degli assi possono essere effettuate separatamente


per gli assi X e Y. I nomi possono essere creati automaticamente o si può
aggiungere manualmente un nome per ogni asse.

Visualizza 123/ABC - Scegliere il tipo di nome dell'asse. Le designazioni


possono essere anche numeriche (123) o alfanumeriche
(ABC).
Solo testo, con cerchio... – Specifica il contrassegno dell'asse.
Esso può essere visualizzato solo con il testo o con un
contorno selezionato. Se si seleziona "Blocco", si può usare
un blocco di AutoCAD come stile. Fare riferimento ai Blocchi
per ulteriori informazioni più dettagliate.
Inserisci linea Viene disegnata una linea dalla griglia al contrassegno.
Valore iniziale Indica il valore iniziale del primo asse.
Dimensione Specifica la dimensione del testo. Nel blocco è definita
nell’altezza dell’attributo.

Pag. B.6 - 12

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Griglie

Scala Si può inserire una scala per i blocchi.


Distanza Indica la distanza del contrassegno rispetto alla griglia.
Asse Principale Quando vengono inserite diverse griglie, si possono inserire il
prefisso dell'asse principale, se la griglia corrente è
considerata come subordinata.
Ignora il primo asse
Quando vengono usate le griglie, i prefissi degli assi possono
essere sovrapposti. Questa opzione ignora la visualizzazione
del primo asse.
Ignora l’ultimo asse
Quando vengono usate le griglie, i prefissi degli assi possono
essere sovrapposti. Questa opzione ignora la visualizzazione
dell'ultimo asse.
Ignora ‘O’ e ‘I’ Quando vengono usati i nomi degli assi alfanumerici, i
caratteri ‘O’ e ‘I’ vengono ignorati per evitare ogni possibile
confusione.
Decrescente Normalmente il contrassegno dell’asse viene inserito in ordine
crescente, (es. 1,2,3). Questa opzione ha l'effetto opposto.
Dietro I contrassegni degli assi possono essere inseriti davanti o
dietro o a sinistra e a destra.
Due Righe Assi principali e subordinati vengono visualizzati su 2 righe.
Dinamico I prefissi degli assi vengono sempre adattati alla direzione
vista corrispondente. Quindi, viene garantita in ogni momento
una buona leggibilità.
Gap di assi Indicata la distanza dalla griglia attuale alla riga dell'asse.
Questo inserimento viene visualizzato solo se si edita la griglia
nella derivazione 2D.

Esempio di un piano di ancoraggio


con gap di assi impostati.

Pag. B.6 -13

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Griglie

Nomi Assi Individuali

EDITA
Selezionare questo tasto per modificare l'asse della griglia
individualmente.

Inserisce il prefisso e l'asse principale per ogni singolo asse. Inoltre si può
specificare se il prefisso dell'asse deve essere sovrascritto manualmente
“Manuale” e se questo asse deve essere visualizzato “Invisibile”.
Per attivare o disattivare le prime due colonne o per modificare gli inserimenti
nelle ultime due colonne eseguire un doppio clic.

Pag. B.6 - 14

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Griglie

B.6.7 Assi Addizionali (Linee di Bordo)

Si possono aggiungere assi al griglia tramite la selezione di linee; ad esempio


possono essere assi esistenti di progetti architettonici.

Viene aggiunto un asse alla griglia. Per farlo selezionare una


linea esistente, ed un nuovo asse viene creato in questa
posizione. La numerazione verrà adattata automaticamente.
Vengono aggiunti più assi alla griglia. Per farlo selezionare
una linea esistente, ed un nuovo asse viene creato in questa
posizione. La numerazione verrà adattata automaticamente.
Un asse definito dall'utente viene rimosso dal griglia. Per farlo
selezionare la linea desiderata.

Questa funzione aiuta a creare delle griglie completamente al di fuori di un


progetto 2D esistente. Prima, inserire un griglia temporanea nel progetto e poi
allinearla al punto di riferimento desiderato. Inseguito aggiungere gli assi
selezionando quelli 2D esistenti.

Pag. B.6 -15

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Griglie

B.6.8 Opzioni

Senza linee La griglia non crea alcuna linea interna.


Assi dinamici Questa opzione ha l'effetto di non visualizzare con una
distanza fissa, i nomi degli assi, dai lati delle griglie. Si è
informati sulla posizione corrispondente, anche se i lati della
griglia sono invisibili. Questa opzione aggiorna ad ogni
comando eccetto i comandi dinamici Pan/Zoom. Per
aggiornare la visualizzazione bisogna effettuare un normale
“Zoom” o “Rigen”.
Visualizza linee assi (X-Y)
Vengono visualizzate le linee degli assi della griglia fino ai
contrassegni.
Visualizza linee asse (Z)
Nelle viste frontali e laterali viene visualizzata anche l'altezza
degli assi.
Retino 3D La griglia viene rappresentata con un retino 3D.

Pag. B.6 - 16

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Griglie

Blocca Layer Il layer degli elementi della griglia viene bloccato.


Segmentazione I cerchi delle griglie a forma di cilindro vengono visualizzati in
segmenti.
Stile testo Seleziona lo stile di testo per i contrassegni degli assi.
Tipo linea Seleziona il tipo di linea per linee di unione delle griglie e i
simboli degli assi.
Scala testo I prefissi degli assi vengono scalati usando questo fattore.
Colori I colori dei diversi elementi della griglia possono essere
selezionati liberamente. Inserire direttamente il numero di
colore o verificare il campo corrispondente ed usare il tasto
sinistro del mouse per la selezione della finestra di dialogo.
Tutti i colori vengono azzerati con il tasto destro del mouse.

Differenti Varianti di Visualizzazione

Con linee Senza linee

Assi dinamici Visualizza linee assi

Pag. B.6 -17

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Griglie

B.6.9 Blocchi definiti dall'Utente

Si possono usare anche le definizioni di blocchi invece dei cerchi e rettangoli


per inserire i prefissi degli assi. Queste definizioni possono avere attributi che
sostituiscono gli attuali prefissi degli assi.
Per maggiori informazioni circa la creazione di blocchi definiti dall'utente, fare
riferimento ad informazioni tecniche separate di ProSteel 3D.

Dal file Vengono usati solo blocchi che sono già stati definiti in questo
disegno.
Blocco DWG Vengono usati blocchi di disegni esterni. Essi vengono caricati
se esistenti.
Percorso blocco Il percorso da cui i blocchi possono essere caricati.
Blocco asse-X Il blocco selezionato per i nomi degli assi in direzione X.
Blocco asse-Y Il blocco selezionato per i nomi degli assi in direzione Y.

Pag. B.6 - 18

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Seleziona Vista

B.7 Seleziona Vista

Riga di Comando: PS_SETBKS

Questo comando permette di selezionare e aggiungere le viste definite nelle


griglie. Una volta selezionata una vista, ProSteel 3D posiziona l'UCS nel piano
selezionato e visualizza il modello 3D allineandolo al piano verticalmente. I piani
di taglio specificati sono attivati contemporaneamente in maniera tale che solo
gli oggetti all'interno di questa area sono visibili. Inoltre, è possibile accedere a
tutte le altre funzioni ausiliari per il controllo della vista.

Questo dialogo visualizza le viste, che sono il risultato delle impostazioni di una
griglia con il nome “Telaio”. Le viste disponibili nel modello sono classificate e
visualizzate in questo elenco. E’ possibile modificare il nome di una vista
manualmente tramite il comando “PS3D Proprietà”.

Pag. B.7 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Seleziona Vista

Zoom estensione
Dopo che una vista è stata selezionata, viene eseguito uno
zoom estensione per avere una vista completa nel modello.
Usa piani di taglio
Se una vista viene attivata, vengono attivati i piani di taglio.
Questo significa che non vengono visualizzati gli elementi
posizionati davanti e dietro alla vista, che vanno oltre le
distanze definite.
Doppio-click Tramite un doppio-click è possibile selezionare la vista. Se è
attiva questa opzione la finestra di dialogo verrà chiusa. Se si
preme il tasto CTRL durante il doppio-click, si può invertire
questa impostazione.
Viene attivata la vista selezionata e la chiude la finestra di
dialogo.
Viene attivato l'UCS della vista selezionata e chiude la finestra
di dialogo. La vista non viene modificata.
Cancella dal modello la vista selezionata. Il software vi
avviserà se confermarlo.
Crea una nuova vista. Durante la creazione verrà richiesto il
nome e i due vertici opposti della vista. La vista verrà creata
nell’UCS corrente e la inserirà nell'elenco.
Permette di posizionare la vista mediante due punti. Verrà
richiesto il punto di partenza e il mirino della telecamera.
Posiziona una vista sull’oggetto. Dopo la chiusura della
finestra selezionare l’oggetto e poi una delle frecce colorate
che appariranno nel modello per indicare la direzione.
Posiziona l’UCS sull'oggetto. Dopo la chiusura della finestra
selezionare l’oggetto e poi una delle frecce colorate che
appariranno nel modello per indicare la direzione.
Permette di modificare le proprietà della vista selezionata.
Vedi anche il capitolo Modifica Proprietà/Viste.

Pag. B.7 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento Profili

B.8 Inserimento Profili

Riga di Comando: PS_INS_PROF

La progettazione con ProSteel 3D inizia quando i profili vengono inseriti nel


modello. Comunque, non c'è bisogno di porre attenzione alle dimensioni e alle
visualizzazioni dei profili, ma semplicemente istruire il programma su quale
profilo deve essere inserito e dove, e il programma automaticamente effettuerà
l'operazione. Quando inserito, non c'è bisogno di fare attenzione ai profili
sovrapposti: ci sono diverse possibilità di correggere le interferenze tramite un
click del mouse. Prima assicurarsi che i profili siano posizionati correttamente. I
disegni esecutivi sono basati su questa posizione, quindi procedere con cura.

Da adesso in poi, si lavora in aree del modello che sono più piccole:

• Selezione di una vista adeguata e creazione di ulteriori linee di


costruzione, se necessario.
• Inserimento di alcuni profili e di correzioni, se necessario.
• Adattamento dei profili (es. accorciamento) e creazione di giunti.
• Copia di elementi identici, se esistenti.

Dopo la selezione del comando, appare una finestra di dialogo dove si può
specificare il comportamento base del comando ed ulteriori impostazioni. Si può
creare ogni tipo di profilo dritto, curvo o piegato.

Pag. B.8 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento Profili

B.8.1 Profili Diritti

Selezione Profilo
Tipo profilo Seleziona il profilo. I profili di ProSteel 3D sono divisi in 5 tipi
diversi:
Profili Standard – Questi sono profili basati su un database
standard.
Profili Speciali – Questi sono profili che si possono creare
disegnando la sezione trasversale mediante linee o polilinee.
Profili Tetto-Parete – Questi sono profili che si possono creare
disegnando la sezione trasversale mediante linee o polilinea e
vengono utilizzati per tamponamenti.
Profili Combinati – Questi sono profili che si creano da più
profili già definiti.
Profili Elettrosaldati – Questi sono profili definiti dall'utente e
sono creati dalla combinazione da più piatti saldati.
Risoluzione Seleziona la risoluzione come devono essere rappresentati i
profili “Bassa, Normale, Alta”. Questo per ottenere una
visualizzazione più chiara in caso di profili complessi. Si può
modificare la risoluzione anche successivamente, ad esempio
se viene richiesta una rappresentazione più dettagliata.
Classe profilo A seconda del tipo di profilo selezionato, vengono elencati i
cataloghi dei profili disponibili. È possibile specificare quali
cataloghi dei profili standard possono essere visualizzati. Per
tutti gli altri tipi di profili, i cataloghi creati sono elencati dalla
cartella corrispondente sul disco rigido.

Pag. B.8 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento Profili

Dimensione profilo
Dopo aver selezionato un catalogo di profili, vengono
visualizzate in questo elenco tutte le dimensioni dei profili
disponibili.
Chiave Ogni profilo ha la propria chiave d'accesso. Questa chiave può
essere inserita direttamente in modo da creare profili non
standard per tubi, piatti, ecc.

Ulteriori Opzioni
Materiale Elenco di tutti i materiali disponibili.
Layer Elenco dei layer dove posizionare i profili.
Famiglia elem. Elenco delle famiglie disponibili. La selezione della famiglia
può influenzare il colore dell'elemento
Stile di dettaglio Elenco degli stili di dettaglio disponibili.
Classe di visib. Elenco delle classi di visibilità disponibili.
Area Elenco delle aree disponibili.
Descrizione Elenco delle descrizioni generali dell'elemento. La selezione
della descrizione può influenzare il colore ed il layer.
Delta X La distanza dal punto d'inserimento in direzione X; questo
valore può essere inserito solo se si seleziona la posizione
d'inserimento “Libero” (questo è il punto visualizzato più
grande).
Delta Y La distanza dal punto d'inserimento in direzione Y; questo
valore può essere inserito solo se si seleziona la posizione
d'inserimento “Libero” (questo è il punto visualizzato più
grande).
Articolo Inserisce l’articolo del profilo.
Lunghezza Specifica la lunghezza del profilo. Questo è importante se si
vogliono inserire profili nella sezione trasversale. I valori
inseriti in questo campo sovrascrivono la lunghezza
specificata dai punti d'inserimento.
Ruota Angolo di rotazione usato per ruotare il profilo intorno all’asse
d'inserimento.
Gruppo Crea un gruppo del profilo dopo l'inserimento.
Punti d'inserimento
I punti d'inserimento standard del profilo sono visualizzati sul
monitor.

Pag. B.8 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento Profili

Punti d'inserimento utente


I punti d'inserimento utenti sono visualizzati sul monitor.
Monitor Il profilo selezionato viene visualizzato sul monitor in sezione
trasversale. Vengono anche visualizzati i possibili punti
d'inserimento. Selezionare uno di questi punti per inserire il
profilo in direzione longitudinale. In aggiunta agli angoli e ai
punti centrali, appaiono ulteriori punti con una
rappresentazione più piccola (truschino, baricentro o punti
d'inserimento creati manualmente nei profili speciali) o con
una rappresentazione più grande (inserimento libero).

Inserimento Profili
Dopo aver selezionato il tipo di profilo, la risoluzione, la classe e la dimensione,
il profilo può essere inserito. Ci sono diverse opzioni per inserire i profili. In
generale, un profilo viene sempre inserito tramite rappresentazioni di due punti
3D. Questi punti possono essere selezionati anche cliccando i punti o una linea.

Comunque, quando due punti da soli non definiscono chiaramente la posizione


del profilo nello spazio, viene definito un terzo punto che determina la posizione
(rotazione) a seconda della situazione:

• Si può indicare il terzo punto.


• Quando i due punti sono perpendicolari nel WCS l'allineamento avviene
secondo l'asse X dell’WCS.
• Quando i punti sono stati selezionati liberamente nello spazio,
l'allineamento avviene in modo che l'asse X venga allineato
parallelamente al piano XY dell’WCS.

Pag. B.8 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento Profili

Comandi d'inserimento

LUNGO LA LINEA
Inserisce un profilo selezionando una linea. I punti finali di questa linea
vengono usati come punti d'inserimento del profilo. Quando non è
chiaro quali dei punti della linea sia quello iniziale e quello finale, il
programma visualizza un cono per i profili asimmetrici (es. UPN). Questo cono
permette di modificare i punti d'inserimento specchiando il profilo nell'asse Y.
Nel caso di una finestra di dialogo dinamica, essa può essere visualizzata
alternativamente tramite un tasto. Se la linea selezionata è una polilinea, viene
inserito un profilo curvo lungo la stessa. Il raggio dell'arco viene selezionato
anche con il valore inserito nella scheda opzioni e se questo è 0, viene usato il
raggio minimo.

INSERIMENTO TRAMITE 2 PUNTI


Inserisce un profilo selezionando due punti nello spazio.

LUNGO LA DIAGONALE
Questa opzione è disponibile anche se è stato selezionato un altro
punto d'inserimento (invece che l'asse centrale). Selezionare prima una
linea o due punti usando l'opzione ‘P’. Poi il profilo viene inserito lungo
questi punti come segue: viene ottenuta la posizione d'inserimento selezionata
nel punto iniziale (es. centro del lato inferiore). Nel punto finale, invece, si usa la
posizione opposta (in questo caso centro del lato superiore).
Se viene attivata l'opzione “Seleziona Posizione” dopo l'inserimento, le posizioni
vengono ruotate tramite il tasto sinistro del mouse.

LUNGO 3 PUNTI
Inserisce un profilo selezionando il punto finale e iniziale. La modalità
dinamica (vedi opzioni) viene attivata automaticamente e in fine si
seleziona il terzo punto che definisce l'allineamento. Il profilo segue
dinamicamente ogni movimento del puntatore del mouse e la posizione può
essere determinata molto precisamente.

Pag. B.8 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento Profili

INSERIMENTO MULTIPLO
Questa opzione consente l'inserimento simultaneo di molti profili. Molte
linee possono essere selezionate nello stesso momento ed i profili
desiderati vengono inseriti lungo i punti di tutte le linee. Se queste linee
sono posizionate in modo che i punti finali coincidono, i profili inseriti saranno
raccordati con un taglio obliquo (se il valore del raggio è uguale a 0) o verranno
inseriti archi con il raggio corrispondente. Notare che a seconda del punto di
inserimento selezionato i risultati non possono essere sempre corretti. Questa
procedura è sicura solo se si effettuano inserimenti lungo l’asse.

LUNGO LA DIREZIONE DI VISTA


Si può usare questa opzione se si indica una lunghezza definita del
profilo. Richiede un punto di inserimento e ad un allineamento. A
seconda della selezione del punto d'inserimento, il profilo viene inserito
lungo l'allineamento.

IN SEZIONE CON LUNGHEZZA DEFINITA


Si può usare questa opzione per inserire un profilo in sezione indicando
la lunghezza definita. Richiede un punto di inserimento e un
allineamento. Successivamente il profilo viene inserito sul piano XY
dell'UCS corrente con la corrispondente lunghezza in direzione della profondità.

Ulteriori Funzioni

INTERROMPE FINESTRA DI DIALOGO


Dopo l'inserimento, i profili sono ancora modificabili con la finestra di
dialogo. Questo tasto interrompe questa unione.

Pag. B.8 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento Profili

DATI PROFILO
Seleziona questo tasto per aprire la seguente finestra di dialogo dove
vengono visualizzati tutti i dati del profilo selezionato:

SPECCHIA
Tutti i profili inseriti, che sono ancora legati alla finestra di dialogo,
vengono specchiati lungo il loro asse Y. Vengono invertiti i punti di
inserimento.

ROTAZIONE POSITIVA
I profili vengono ruotati positivamente verso sinistra attorno al punto di
inserimento.

ROTAZIONE NEGATIVA
I profili vengono ruotati negativamente verso destra intorno al punto di
inserimento.

APPLICA PROPRIETÀ DEL PROFILO


Questa opzione consente di selezionare un profilo esistente dal disegno
e di impostare i relativi parametri d'inserimento.

Pag. B.8 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento Profili

B.8.2 Profili Curvi

Oltre a normali profili dritti, si ha la possibilità di inserire un profilo curvo. I profili


curvi hanno un raggio costante di curvatura. Tutte le impostazioni circa la
selezione del tipo di profilo, materiale, ecc. sono le stesse che riguardano
l'inserimento di profili dritti. Per informazioni, fare riferimento a questo capitolo.
Tutte le impostazioni su questa scheda vengono salvate separatamente dai
profili dritti in modo da non influire su di essi.

Comandi d'inserimento

LUNGO L'ARCO
Inserisce un profilo curvo selezionando un arco esistente. La posizione
dell'arco nello spazio non è importante.

SECONDO 3 PUNTI
Inserisce un profilo selezionando il punto centrale dell'arco, il punto
iniziale ed il punto finale. I punti sono perpendicolari al piano corrente
dell’UCS e il profilo poi viene inserito sulla base di questi punti. Usando
questo metodo non è possibile inserire un profilo che è posizionato nello spazio.
Questo comando non può creare un arco di 180 gradi.

Pag. B.8 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento Profili

B.8.3 Opzioni

La terza scheda contiene alcune opzioni di default che influenzano il


comportamento durante l'inserimento dei profili.

Altezza L'altezza di inserimento dei profili dall’UCS corrente.


Offset iniziale Offset del punto iniziale dei profili dritti.
Offset finale Offset del punto finale dei profili dritti.
Raggio Raggio dell'arco nei profili che vengono inseriti su linee
multiple.
Scala Scala d’inserimento se i profili vengono inseriti come profili 2D
Offset orizzont. Offset dei profili se è stata selezionata una classe che
permette un offset in direzione orizzontale.
(SHAPECLASSLAYOUT=HORDOUBLE, QUADRUPLE, DIAGONAL)
Offset vert. Offset dei profili se è stata selezionata una classe che
permette un offset in direzione verticale.
(SHAPECLASSLAYOUT=VERDOUBLE, QUADRUPLE, DIAGONAL)
Inserimento Angolare
Se si seleziona un inserimento con una lunghezza ed una
posizione definita, è possibile scegliere quale punto del profilo
deve essere usato.
Inserire nel piano XY corrente
Tutti i punti selezionati sono perpendicolari al piano dell’UCS
corrente prima di essere valutati.

Pag. B.8 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento Profili

Orientamento dopo l'inserimento


Questa opzione permette di ruotare il profilo intorno al proprio
asse d'inserimento immediatamente dopo l'inserimento. Per
ruotarlo di 90° cliccare il tasto sinistro del mouse.
Dinamico Il profilo durante l'inserimento viene visualizzato
dinamicamente.
Inserimento punti di riferimento
I punti d'inserimento del profilo vengono inseriti come punti di
riferimento. Ciò consente in seguito di risalire ai punti di
inserimento originali e, se necessario, alle loro dimensioni.
Inserimento con 3 punti
Questa opzione consente di inserire i profili tramite due piani.
Inserimento come profilo 2D
Dopo l'inserimento, il profilo viene proiettato come profilo 2D
nell’UCS corrente. E’ possibile scalare il profilo per una
rappresentazione adeguata.
Chiude il dialogo dopo l’inserimento
Dopo che l'inserimento è terminato, la finestra di dialogo viene
chiusa. Se questa opzione non viene attivata, la finestra
riappare e deve essere chiusa manualmente.
Memorizza lunghezza
L'inserimento nel campo “Lunghezza” viene memorizzato nella
successiva apertura della finestra di dialogo.
Inserimento continuo durante l’inserimento
Nell'inserimento dei punti, l'ultimo sarà usato come punto
iniziale per il profilo successivo.
Adatt. alla griglia Le colonne sono adattate alla griglia in cui sono state inserite.
Opzioni Trave Secondaria
Queste impostazioni hanno significato solo se viene attivato il comando
"Lunghezza Trave”.
Connettere Linee AEC
Le linee AEC (linee effetto statico) delle travi secondarie
inserite sono automaticamente unite con le linee AEC delle
travi principali.
Sagoma Le travi secondarie vengono sagomate alla trave principale.
Templates Selezionare il template desiderato disponibili.
Apre direttamente alla finestra di dialogo “Sagoma” dove si
possono editare le impostazioni per creare nuovi templates.

Pag. B.8 - 10

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento Profili

B.8.4 Classi dei Profili

ProSteel 3D viene fornito con un gran numero di differenti database


internazionali di profili.

CATALOGHI DI PROFILI
Permette di selezionare quali cataloghi verranno visualizzati durante
l’inserimento dei profili. Inoltre, è possibile determinare liberamente
l'ordine degli inserimenti, che consentono di trovare i profili da utilizzare.

Classi di profilo disponibili


Nell’elenco a sinistra, tutte le classi di profili disponibili
vengono elencate e suddivise secondo le nazioni. Si possono
attivare o disattivare completamente le classi dei profili.
L’inserimento di un nuovo database viene effettuato tramite la
creazione di un file *.cfg nella cartella dei dati dei profili.
Classi di profili disponibili
Nell’elenco al centro, tutte le classi di profili inseriti vengono
elencate e suddivise secondo le nazioni.
L’inserimento di un nuovo database viene effettuato tramite
l’inserimento nel corrispondente file *.cfg nella cartella dei
dati dei profili.

Pag. B.8 - 11

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento Profili

Classe profilo corrente


Nell’elenco a destra, vengono visualizzate tutte le classi di
profili inseriti. Esse vengono visualizzate nel seguente ordine.
Gli inserimenti nel database nel corrispondente file del profilo,
definiscono quali dimensioni sono disponibili per la classe del
profilo.
Metrico Vengono visualizzati i nomi dei profili con sistema metrico.
Imperiale Vengono visualizzati i nomi dei profili con sistema imperiale.
Automatico Vengono visualizzati i nomi dei profili corrispondenti alle
impostazioni del disegno corrente. Ciò significa che in un
disegno con sistema metrico vengono visualizzati solo i nomi
dei profili metrici.
Livello preferito Nei differenti profili è previsto che i data records possano
avere una certa priorità. Se si verifica questo campo, vengono
visualizzati solo i profili il cui valore di preferenza è minore o
uguale al valore impostato.
AGGIUNGE La classe del profilo selezionata nell'elenco centrale viene
aggiunta alla fine della lista.
INSERISCE La classe del profilo selezionata nell'elenco centrale viene
inserita nella posizione correntemente selezionata a destra
della lista.
CANCELLA La classe del profilo indicata a destra nell'elenco viene
rimossa dall'elenco.
INSERISCE TUTTO
Tutte le classi dei profili nell'elenco al centro vengono spostate
a destra.
CANCELLA TUTTO
Tutte le classi dei profili nell'elenco a destra vengono rimosse
svuotando la lista.
Nota che solo i profili visualizzati nell’elenco a destra sono disponibili per
l’inserimento in ProSteel 3D.

Pag. B.8 - 12

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento Profili

B.8.5 Profili Curvi

Un profilo può essere creato anche come profilo curvo. Segmenti curvi o dritti
possono essere aggiunti al profilo esistente.

SEGMENTI DEL PROFILO

Dopo aver selezionato questo tasto, la finestra di dialogo principale


scompare e si apre la seguente:

Aggiunge un segmento dritto o curvo.

Elimina l'ultimo segmento che è stato aggiunto.

Modifica i valori del segmento aggiunto. I dati vengono letti e


possono essere modificati all'interno della finestra di dialogo.

Segmento Dritto
Lunghezza La lunghezza del segmento dritto da aggiungere

Pag. B.8 - 13

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento Profili

Segmento Curvo
Raggio Raggio del segmento curvo.
Angolo Angolo di apertura del segmento curvo.
Rotazione Angolo di rotazione del segmento sull'asse X (asse
longitudinale) del profilo.
Il segmento viene ruotato positivamente (a sinistra).

Il segmento viene ruotato negativamente (a destra).

Rotazione Angolo dal quale il segmento deve essere ancora ruotato.

Pag. B.8 - 14

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento Profili

B.8.6 Lunghezza delle travi secondarie

Accade spesso che le travi secondarie debbano essere inserite tra due travi
principali. Invece di inserire i profili manualmente o di copiarli, si ha la possibilità
di inserire travi secondarie fra travi principali usando il comando "Inserire travi
secondarie tra travi principali".

Travi secondarie Multiple


Dopo aver eseguito il comando, selezionare la prima trave principale in
prossimità del punto di partenza delle travi secondarie. Dopo la
selezione della seconda trave si apre un'altra finestra di dialogo dove si
definiscono i parametri della distribuzione.

E’ possibile indicare distanze individuali o una serie di valori uguali secondo


questa sintassi (numero*distanza). Una virgola separa i valori.

Le travi secondarie vengono


in ogni caso inserite in modo
che siano allineate al lato
superiore delle travi
principali.
A seconda delle
impostazioni, possono
essere anche sagomate
immediatamente. Se
l'opzione “Connettere linee
AEC” è stata attivata, le linee
effettive statiche sono
automaticamente collegate a
quelle delle travi principali.
Questo permette di
risparmiare lavoro durante il
trasferimento ad un software
di calcolo statico.

Pag. B.8 - 15

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento Profili

Travi secondarie individuali


Naturalmente è anche possibile inserire una trave secondaria singola,
(es. per creare una diagonale). Dopo la selezione del comando,
bisogna selezionare due travi principali vicino al punto finale
corrispondente. Poi si apre la seguente finestra di dialogo:

In questi campi si
definiscono le distanze dai
punti finali corrispondenti dei
profili; dopo la selezione
una linea visualizzerà la
posizione del profilo.

La trave secondaria è
inserita in modo che sia
allineata al lato superiore
delle travi principali.
Lo stesso vale per le linee
effettive statiche.

Pag. B.8 - 16

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento Profili

B.8.7 Inserimento Automatico

Se si vogliono avere molti profili inseriti automaticamente, il programma offre


diverse possibilità. Un'applicazione frequente è, ad esempio, la creazione di un
griglia con giunti definiti in precedenza.

Inserisce Colonne

Questa funzione permette l'inserimento di colonne con campi definiti in


precedenza (es. per giunti).
Dopo aver selezionato la funzione, si apre la seguente finestra dove si
possono definire i campi nella lista. Ogni linea corrisponde ad un segmento
della colonna. Quindi si hanno diverse varianti d'inserimento a disposizione.

Pag. B.8 - 17

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento Profili

Altezza iniziale Altezza iniziale del segmento selezionato (coordinata-Z del


punto d'inserimento).
Altezza finale Altezza finale del segmento selezionato (coordinata-Z del
punto d'inserimento)
Digitare questo tasto per inserire una riga vuota ed indicare
l'altezza iniziale e finale di questo nuovo segmento.

Digitare questo tasto per rimuovere nuovamente l'inserimento


selezionato.

Digitare questo tasto per rimuovere tutti gli inserimenti dalla


lista.

Digitare questo tasto per inserire la colonna nella posizione da


selezionare e per dividerla in segmenti secondo la lista.
Digitare questo tasto per inserire la colonna nel punto
d'intersezione di ogni due linee e per dividerla in segmenti
secondo la lista. Per farlo, bisogna selezionare entrambi le
linee.
Digitare questo tasto per inserire la colonna nel punto
d'intersezione degli assi della griglia situati all'interno di
un'area rettangolare e poi divisi in segmenti secondo la lista.
Per farlo, bisogna selezionare il punto inferiore sinistro e
superiore destro dell'area.
Digitare questo tasto per inserire la colonna nel punto
d'intersezione degli assi della griglia situati all'interno di
qualsiasi area e poi divisi in segmenti secondo la lista.
Per farlo, bisogna selezionare i punti angolari del poligono
descrivente l'area desiderata.

Inserisce Trave

Questa funzione permette di inserire più travi negli assi della griglia. Nei
punti d'intersezione degli assi, sono automaticamente divisi in segmenti.

Per farlo, bisogna trovarsi in una vista piana sull'area desiderata perchè le travi
sono sempre inserite nell'UCS corrente. Quindi bisogna selezionare il punto
inferiore sinistro e superiore destro dell'area.

Pag. B.8 - 18

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento Profili

Adesso tutti gli assi situati in quest'area sono esaminati e le travi sono inserite
lungo gli assi secondo le specifiche della finestra d'inserimento. Alla fine, essi
sono divisi in tutti i punti d'intersezione degli assi.

L'esempio seguente mostra l'inserimento automatico di travi in una vista


isometrica.
Nella figura in alto, una griglia viene estesa sopra la linea del telaio. La figura in
basso mostra il risultato dell'inserimento automatico.

Pag. B.8 - 19

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserire Piatti

B.9 Inserire Piatti

B.9.1 Inserimento di Piatti Dritti

Oltre ai profili standard e a quelli personalizzati, si possono inserire nel modello


piatti di ogni forma che nel programma sono chiamati piatti-poli. Questi piatti
sono piani o tridimensionali di spessore costante, come le nervature o i piatti di
connessione ecc.. Gli altri tipi di piatti comunemente usati per strutture in
acciaio, come piatti di base, piattabande o nervature, possono essere create dal
programma usando funzioni automatiche. Queste funzioni sono spiegate in
seguito in questo Manuale; in questo capitolo si trovano informazioni generali
sui piatti di qualsiasi spessore.

Lunghezza Lunghezza del piatto rettangolare


Larghezza Larghezza del piatto rettangolare
Spessore Spessore del piatto. L'elenco può essere modificato per
aggiungere spessori non inclusi in esso. Per effettuare questo,
aprire il file ..\Prg\pro_st3d.ptt con un editor di testo e
completarlo con gli spessori desiderati. In alternativa, si può
inserire manualmente uno spessore nell’elenco attivando nelle
“Opzioni/Piatti” l’opzione “Inserimento spessore manuale”.

Pag. B.9 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserire Piatti

Altez. Offset Questa è l'altezza di inserimento del piatto rispetto all’UCS


corrente.

Offset X Spostamento in direzione X del piatto secondo la posizione


d'inserimento selezionata. Si può anche inserire tale valore o
definire il punto d'inserimento cliccando i punti sullo schermo.
Offset Y Spostamento in direzione Y del piatto secondo la posizione
d'inserimento selezionata. Si può anche inserire tale valore o
definire il punto d'inserimento cliccando i punti sullo schermo.
Articolo Inserisce direttamente l’articolo del piatto.
Retino Se si attiva questa opzione, viene visualizzato un retino sul
lato superiore (che può essere impostato). In questo modo si
può definire che questo piatto viene considerato come un
grigliato. Nelle “Opzioni/Piatti”, in questo caso, si può inserire
una riduzione del peso in %.
Piano d'Inser. Indica l'UCS da usare. L'opzione “UCS Oggetto” è possibile
solo se si vuole inserire un piatto selezionando un contorno
determinato. Il piatto viene posizionato sul piano della
polilinea. L'opzione “Piano definito dall'utente” è possibile solo
con l'inserimento di un "Piatto Rettangolare” e un "Punto
d'Inserimento”. E’ possibile definire un UCS da usare
indicando due linee.
Per tutte le altre opzioni d'inserimento, sono possibili solo con
“UCS corrente”.
Inserimento Indica la posizione verticale del piatto secondo l'UCS corrente
o il sistema WCS, a seconda dell'inserimento selezionato.
Nome Si può definire il nome del piatto da un file modificabile. Il
contenuto di questo file viene visualizzato nell'elenco. Il file è
..\Prg\pro_st3d.pdc. Oltre al nome, si può definire il
peso così come è indicato in un piano. Dopo la selezione del
nome è possibile impostare anche il materiale.
Materiale Elenco di tutti i materiali disponibili.

Pag. B.9 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserire Piatti

Famiglia elem. Elenco delle famiglie disponibili. La selezione della famiglia


può influenzare il colore dell'elemento.
Stile di dettaglio Elenco degli stili di dettaglio disponibili.
Classe di visib. Elenco delle classi di visibilità disponibili.
Area Elenco delle aree disponibili.
Descrizione Elenco delle descrizioni generali dell'elemento. La selezione
della descrizione può influenzare il colore ed il layer.
Layer Elenco dei layer dove posizionare i piatti.
Questa opzione consente la selezione di un poligono tramite
dei punti. Il poligono viene usato per formare una piatto-poli
dopo che la finestra di dialogo è stata chiusa.
Questa opzione consente di creare un piatto sulla base di un
contorno esistente. Il contorno può essere un piatto-poli, un
cerchio o un arco che non sia chiuso. I piatti possono essere
creati sull'UCS corrente o sull’UCS dell’oggetto selezionato.
Viene creato un piatto rettangolare con le dimensioni
desiderate nel punto d'inserimento selezionato. La forma dei
piatti può essere modificata editando le “Proprietà”.
Inserisce un piatto selezionando una linea. La lunghezza della
linea determina quella del piatto; la larghezza e lo spessore
vengono definite nella finestra di dialogo.

Dopo aver creato il piatto, è possibile selezionare la posizione, la rotazione ed il


punto d'inserimento tramite la finestra di dialogo. La rotazione può anche essere
modificata di 90° o con incrementi a scelta. Il piatto viene ruotato intorno alla
linea d'inserimento.

+Phi Il piatto viene ruotato in direzione positiva usando l'angolo


inserito.
-Phi Il piatto viene ruotato in direzione negativa usando l'angolo
inserito.
+90 Il piatto viene ruotato in direzione positiva di 90 gradi.
-90 Il piatto viene ruotato in direzione negativa di 90 gradi
Rotazione Il valore usato per la rotazione nelle prime due opzioni.

Pag. B.9 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserire Piatti

Questa opzione consente la creazione di un piatto tramite


l'inserimento di quattro punti. Questi punti non devono essere
situati nell'UCS corrente. I primi tre punti selezionati
specificano il piano. L'ordine di inserimento è il seguente: in
basso a sinistra, in basso a destra, sopra a sinistra, sopra a
destra.
Questa opzione converte un profilo piatto in un piatto-poli.
Vengono adottate tutte le modifiche (es. fori).

Dopo l'inserimento, i piatti sono ancora modificabili con la


finestra di dialogo. Questo tasto interrompe questa unione.

Dialogo-Comandi

RETINO
Questo tasto definisce la direzione del retino. Normalmente questo
retino viene allineato all'UCS del piatto, e può essere modificato usando
tale tasto.

DIMENSIONI PIATTO
Questo tasto definisce la direzione di calcolo. Prima selezionare il piatto
e poi la direzione. E’ possibile cancellare la direzione manuale nelle
proprietà del piatto.

PIEGA

Selezionare questa funzione per aggiungere dei lati piegati al piatto. Il


risultato è una piega tridimensionale che comunque viene gestita come
un singolo componente e che può essere visualizzato come sviluppo. Si
apre una finestra dove è possibile selezionare i lati di riferimento ed effettuare
ulteriori modifiche.

Pag. B.9 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserire Piatti

Calcolo delle Dimensioni


Il calcolo delle dimensioni del piatto può essere automatico o manuale. Nel
calcolo automatico, viene rispettato il seguente ordine:

1) Esistono alcuni lati paralleli e la loro distanza è sufficiente?


2) Esiste qualche angolo retto?
3) Cerca il lato più lungo

Secondo la geometria, la direzione trovata viene riconosciuta come direzione di


lunghezza e le dimensioni del piatto vengono allineate a questa direzione.

Pag. B.9 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserire Piatti

B.9.2 Piatti Curvi

Usando questa opzione, crea un piatto curvo selezionando un


arco.

Usando questa opzione, crea piatto curvo selezionando tre


punti.

Dopo l'inserimento, i piatti sono ancora modificabili con la


finestra di dialogo. Questo tasto interrompe questa unione.

Pag. B.9 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserire Piatti

B.9.3 Grigliati

Le grigliati rappresentano un caso speciale nella produzioni di piatti. All'inizio è


possibile chiamare qualsiasi piatto come grigliato, ma spesso i clienti chiedono
di ricorrere alle misure standard secondo i produttori. Un altro problema ' quello
è di determinare il peso per la distinta, che tradizionalmente può essere
calcolato in modo incompleto.
ProSteel 3D permette di gestire i grigliati nel proprio database indicando il peso
esatto per componente dove si possono comodamente selezionare ed inserire
questi elementi.

Lista di selezione Elenco dove selezionare un elemento grigliato per


l'inserimento. Le dimensioni vengono determinate tramite il
database e non possono essere modificate successivamente.
Selezionare questa opzione per inserire l'elemento grigliato
mediante la selezione di un punto.
Selezionare questa opzione per distribuire il grigliato
automaticamente all'interno di una polinea. Per fare questo,
bisogna prima selezionare la polilinea e poi specificare
l'allineamento e l'origine della distribuzione.

Pag. B.9 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserire Piatti

B.9.4 Pieghe del piatto

Oltre alle differenti forme di piatti piani, si possono creare anche piatti
tridimensionali o curvi utilizzando ProSteel 3D. Questo rappresenta un singolo
componente 3D che può essere rappresentato in 2D come piatto piano con i
corrispondenti lati piegati tramite apertura.

Di lato si un piatto piegato (1) con


molti segmenti e la sua vista frontale
(2). Oltre alla geometria esterna, lo
sviluppo della piato creato (3) mostra
anche le linee di piega (A).

Creazione di Edged Plates

Per creare un piatto piegato, bisogna prima aver inserito un piatto piano. Questo
piatto determina l'allineamento. In seguito selezionare il tasto “Inserisci piega” e
si apre un'altra finestra.

Pag. B.9 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserire Piatti

Lunghezza piega Definisce la lunghezza del segmento in direzione dell'angolo


di curvatura.
Distanza bordo frontale
Definisce l'offset frontale in direzione del lato di riferimento.
Valori positivi significano che, verso il centro, il segmento
diventa più piccolo.
Distanza bordo posteriore
Definisce l'offset posteriore in direzione del lato di riferimento.
Valori positivi significano che, verso il centro, il segmento
diventa più piccolo.
Raggio piegatura Definisce il raggio della piega relativo alla asse neutrale (metà
dello spessore del piatto). Per evitare problemi con il
modellatore, il raggio dovrebbe essere sempre leggermente
maggiore della metà dello spessore del piatto.
Angolo curvatura Definisce l’angolo di piega relativo al segmento di riferimento
Selezionare questa funzione per ruotare la piega corrente
inclusi quelli subordinati in direzione positiva intorno al lato di
riferimento. La rotazione viene effettuata con l'angolo
specificato nel vicino campo d'inserimento.
Selezionare questa funzione per ruotare la piega corrente
inclusi quelli subordinati in direzione negativa intorno al lato di
riferimento. La rotazione viene effettuata con l'angolo
specificato nel vicino campo d'inserimento.

Dipendenza dei segmenti

Il seguente esempio illustra le unioni e le dipendenze tra i vari segmenti. E’


possibile vedere la illustrazione isometrica del piatto piegato e la vista in pianta
della base del piatto (1). Prima, il segmento (2a) è stato aggiunto al piatto di
base (1) usando una piega con angolo di 45°. Poi, il segmento (3) è stato
aggiunto al segmento (2a) usando sempre un angolo di 45°, ma con una
distanza dal bordo positiva. Alla fine, il segmeto (2b) è stato aggiunto al piatto di
base (1) con un angolo di piega di 90°.
In seguito è anche possibile modificare o cancellare tutti i segmenti aggiunti al
piatto di base.

Pag. B.9 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserire Piatti

Comandi di dialogo

Selezionare questa funzione per aggiungere una nuova piega


al piatto. Per fare questo, bisogna selezionare il piatto nel lato
di riferimento desiderato. Questo determina l'allineamento del
nuovo segmento. Il nuovo segmento è sempre subordinato al
segmento di riferimento. Se questo viene successivamente
modificato, il nuovo segmento sarà anche modificato in
relazione a questo.
Selezionare questa funzione per rimuovere un segmento
esistente (inclusi tutti quelli subordinati). Per fare questo,
bisogna selezionare il segmento in qualsiasi lato si preferisca.
Selezionare questa funzione per modificare un segmento
esistente. Per fare questo, bisogna selezionare il segmento in
qualsiasi lato si preferisca. Ogni segmento subordinato verrà
modificato in relazione a quelli principali.
Selezionare questa funzione per verificare se ci sono errori.
Per fare questo, bisogna selezionare la piega del piatto in
qualsiasi lato si preferisca.

Suggerimento importante: non modificare il poligono di base del piatto


(es. aggiungendo un lato, o simili), quando sono già stati aggiunti
segmenti. I lati di riferimento dei segmenti verrebbero anche modificati e
le conseguenze potrebbero essere un comportamento indesiderato.

Pag. B.9 - 10

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserire Piatti

B.9.5 Impostazioni aggiunte

Usa ECS della polilinea


Quando si vuole inserire un piatto tramite un contorno
esistente, è possibile inserirlo secondo l’UCS corrente o l’UCS
del contorno. Questa opzione obbliga l’inserimento del piatto
nell’UCS dell’oggetto ignorando le impostazioni nella prima
pagina.
Percorso file Percorso del file del database dei grigliati.
Catalogo grigliati File del database dei grigliati.
Chiudere…. La finestra viene chiusa dopo l'inserimento di un piatto.

Pag. B.9 - 11

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserire Piatti

Pag. B.9 - 12

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserire Piatti

Pag. B.9 - 13

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserire Piatti

Pag. B.9 - 14

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.10

B.10 Inserimento dei Solidi

Riga di Comando: vedi comandi individuali

Il modellatore di ProSteel 3D non è il modellatore ACIS di AutoCAD, ma utilizza


una versione modificata, che funziona più velocemente e crea files di dimensioni
molto ridotte. Di conseguenza, non si possono eseguire operazioni tra oggetti di
ProSteel 3D con i solidi ACIS di AutoCAD. Nel caso di operazioni tra questi
oggetti, non si creano errori. Tutti i solidi vanno ridefiniti se si vuole ottenere lo
stesso livello di performance di AutoCAD. Se questi solidi sono oggetti di
ProSteel 3D, possono essere selezionati con l'aiuto dei comandi di ProSteel 3D
(es. fori). Questi solidi possono essere cancellati come un elemento normale.
Nota che gli elementi necessitano di una direzione chiara per creare il dettaglio.
Viene preso come standard l'asse X dell'UCS valido per l'inserimento. Si può,
comunque, determinare l'asse nuovamente tramite il menu “PS3D Proprietà“.

Cubo/Rettangolo: PS_SOLIDO_BOX
Questo comando crea un oggetto rettangolare
Si determinano i lati selezionando due punti degli angoli
diagonalmente opposti o inserendo le loro coordinate. Nel
caso in cui non può essere determinato il volume usando i
punti inseriti (forse si sono selezionati due punti su un piano
dell’UCS), il software inserisce automaticamente le dimensioni
mancanti.

Sfera: PS_SOLID_SPHERE
Questo comando crea una sfera.
Prima bisogna inserire il punto centrale della sfera e poi il
diametro.

Pag. B.10 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento dei Solidi

Cilindro PS_SOLID_CYLINDER
Questo comando crea un cilindro.
Prima bisogna inserire il punto finale ed iniziale del cilindro e
poi il raggio.

Cono PS_SOLID_CONE
Questo comando crea un cono o un tronco di cono.
Prima bisogna inserire il punto iniziale e finale dell'asse del
cono e poi il punto iniziale e finale del raggio.

Toro PS_SOLID_TORUS
Questo comando crea un toro.
Prima si seleziona l'asse di rotazione e poi si inserisce il
raggio interno ed esterno.
Rivoluzione PS_SOLID_ROTATE
Questo comando crea un solido ruotando una polilinea attorno
ad un asse. Selezionare prima la polilinea e poi l'asse di
rotazione. Si può anche indicare un angolo di rotazione,
intorno al quale la polilinea viene ruotata. Un'altra opzione è
che la polilinea può anche essere ruotata intorno all'ultimo
segmento del disegno, se si preme il tasto “ESC” quando
richiede di selezionare l’asse di rotazione.

Tubo Conico PS_SOLID_CONICPIPE


Questo comando crea un tubo conico.
Prima bisogna inserire l'asse longitudinale e poi si può inserire
il raggio interno ed esterno rispetto il punto iniziale e finale.

Tubo Rett. PS_SOLID_RECT2CIRCLE


Questo comando crea un solido da una figura circolare ad una
rettangolare.
Prima bisogna inserire il punto inferiore sinistro e poi quello
superiore destro del rettangolo e poi selezionare il cerchio.

Pag. B.10 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.10

Solido Involucro PS_SOLID_HULL


Questo comando crea un involucro formato da alcuni punti.
Richiede la selezione di punti necessari a formare l'involucro.
Usando questo comando, è possibile creare quasi ogni tipo
profilo (senza archi).
Estrusione PS_SOLID_EXTRUDE
Questo comando crea un volume estrudendo una polilinea.
Selezionare prima la polilinea e poi inserire l'altezza
desiderata. La polilinea viene estrusa in direzione Z positiva
dell'UCS.

Pag. B.10 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Inserimento dei Solidi

Pag. B.10 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.10

B.11 Modifiche 3D

Riga di Comando: PS_MODIFY

Talvolta è necessario modificare la lunghezza dei profili e dei piatti già inseriti o
creare sagome, incisioni, ecc.
Quando si inseriscono gli elementi, si deve fare attenzione ad inserire il profilo
nella posizione corretta usando un corretto allineamento, es. si posiziona l'asse
su una linea di sistema. Molto spesso gli elementi si sovrappongono e devono
essere adattati di conseguenza. Inoltre può essere necessario modificare il
proprio modello.

ProSteel 3D offre una vasta gamma di comandi per la modifica degli elementi.
Alcune operazioni possono essere eseguite anche usando i comandi standard
di AutoCAD ed i grips. Altri richiedono i comandi corrispondenti di ProSteel 3D.
Ci sono molti comandi differenti per una modifica a seconda dello scopo. Nel
capitolo seguente, questi comandi sono spiegati in dettaglio. Le modifiche sono
suddivise in base al tipi di elementi, profili, piatti, ecc..

Quando si seleziona il comando, appare la seguente finestra di dialogo.

Page B.11 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Modifiche

B.11.1 Taglia / Unisci

Taglia alla linea

Questa funzione permette di tagliare profili o piatti o di estenderli ad una


linea, così come il comando stretching e taglio in AutoCAD. Selezionare
prima il profilo da tagliare e poi la linea.

Il limite è formato solo da una linea di costruzione, che viene adattata


verticalmente nel piano UCS attivo, e poi crea un piano di taglio. Se il piano
viene inclinato, il profilo modificato avrà anche un piano inclinato. Usando
questa funzione, i profili che sono troppo lunghi o troppo corti possono essere
adattati alle dimensioni dopo il loro inserimento. Quando si digita un valore nel
campo “Distanza” (nella finestra di dialogo principale), il profilo viene accorciato
di questo valore dopo che è stato tagliato. Notare che la distanza si riferisce ad
una distanza verticale tra il profilo e il piano di taglio.

Il profilo viene tagliato su un piano immaginario, essendo la linea orientata


verticalmente sul piano dell’ UCS attivo. Lavorando con una vista, si semplifica il

Page B.11 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.10

proprio lavoro, quando il profilo viene tagliato sulla linea. Se il profilo non
interseca con la linea, la linea viene considerata infinita, ed il profilo viene
comunque tagliato. Per estendere il profilo, tenere premuto il tasto ALT mentre
si seleziona il profilo.

Page B.11 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Modifiche

Adatta al Profilo
Il profilo viene tagliato o esteso ad un altro. Quando il profilo viene
tagliato, viene anche tagliata la parte più corta. Cliccare il profilo da
tagliare e poi il piano lungo il quale deve essere tagliato. Il piano che
attualmente interseca l’asse del profilo da tagliare sarà il piano di taglio. Se
l’asse non incontra alcuna superficie, non può essere effettuato nessun taglio!
Nota che tra gli oggetti selezionati viene creato un logik-link. Il risultato è che se
un elemento viene modificato, il taglio viene automaticamente aggiornato.

Dividi un Profilo
Usando questa funzione, si può dividere un profilo o un piatto in due,
selezionando due punti o una linea. Selezionare prima il profilo da
dividere e poi selezionare la linea di taglio. Se si inserisce una distanza,
nella finestra di dialogo “Distanza”, entrambi i nuovi profili vengono accorciati di
questo valore. Secondo le impostazioni, si possono dividere diversi elementi
contemporaneamente. Notare che la distanza fa riferimento ad una distanza
verticale tra profilo e linea di taglio.

Distanza I profili vengono accorciati da questo valore alla linea di taglio.


Il gap risultante ha un valore di distanza doppio.
Dividi sul piano Se si attiva questa opzione, si inseriscono tre punti che
devono formare un piano. Gli elementi vengono divisi lungo
questo piano.

Page B.11 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.10

La linea di taglio può essere una qualunque. Se la linea viene inclinata, anche i
profili vengono inclinati. Se si indica solo un punto, esso viene usato
perpendicolarmente alle linee centrali. Le informazioni nelle distinte degli
elementi sono identiche, per entrambi gli elementi, a quelle del profilo iniziale,
eccetto per la lunghezza. Per eseguire dei tagli su delle linee in modo migliore,
si raccomanda di lavorare con una delle viste.

Esempio per costruire un'impalcatura


Per esempio, all'inizio si possono facilmente creare delle griglie dove inserire
profili interi e poi dividendoli successivamente. Viceversa, le modifiche possono
essere rimosse rapidamente e cancellate da questa posizione.

Costruiamo il seguente impalcato usando i


seguenti profili: trave IPE300, trave esterna
IPE200, travi interne HEA120.
Creare una griglia con queste dimensioni ed
inserire i profili sugli assi. Le interferenze possono
essere ignorate!

Passare alla vista dall'alto ed usare la finestra di dialogo per la modifica degli
elementi. Come alternativa, si possono processare anche gli assi Y nella
descrizione generale della vista frontale.

L’IPE 300 ha un’ala larga di 150 mm, inserire il


valore 75 nel campo “Distanza” e seleziona il
comando “DIVIDI”. Zoomare sui punti di
intersezione uno dopo l'altro, selezionando la
parte della trave da dividere e una linea come
linea di taglio.

Nella figura a sinistra, ci sono diversi profili che


possono essere uniti. Non bisogna inserire ogni
singolo profilo per evitare il rischio di dimensioni
scorrette. Se si vogliono eliminare alcune travi, si
possono facilmente eliminare gli spazi tra di loro
creando profili continui usando il comando
“Unisci”.

Page B.11 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Modifiche

Unisci due Profili


Questa funzione permette di unire profili dello stesso tipo, solo se essi
sono allineati in modo esatto. Selezionare i due profili da unire. Se non
sono allineati, la funzione viene annullata. Le informazioni circa la
distinta degli elementi del nuovo profilo sono identiche a quelle del primo profilo
selezionato, eccetto per la lunghezza. Se si preme il tasto ALT, non vengono
verificati i profili e la posizione. Ogni profilo può essere unico con un altro.

Page B.11 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.10

Incisioni
Usando questa funzione, si possono inserire nei profili forme
geometriche quali sagome ed incisioni. Si possono inserire forme
quadrate, cunei, e cerchi. Le dimensioni vengono inserite attraverso
una finestra di dialogo. Dopo la selezione dell'elemento ed il punto d'inserimento
nell'elemento, appare la seguente finestra di dialogo. Selezionare la forma
desiderata selezionando la scheda corrispondente.

Incisione rettangolare

Larghezza Specifica la larghezza dell'incisione.


Altezza Specifica l'altezza dell' incisione.
Profondità Specifica la profondità dell'incisione.
Opzioni
Larghezza Seleziona la posizione della lunghezza secondo il punto di
inserimento.
Altezza Seleziona la posizione dell’altezza secondo il punto di
inserimento.
Profondità Seleziona la posizione della profondità secondo il punto di
inserimento.

Page B.11 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Modifiche

Incisione a forma di Cuneo

Larghezza Specifica la larghezza del cuneo.


Altezza Specifica l'altezza del cuneo.
Profondità Specifica la profondità del cuneo.
Opzioni
Larghezza Seleziona la posizione della larghezza secondo il punto di
inserimento.
Altezza Seleziona la posizione dell’altezza secondo il punto di
inserimento.
Profondità Seleziona la posizione della profondità secondo il punto di
inserimento.
Orizzontale Seleziona la posizione della punta del cuneo in direzione
orizzontale.
Verticale Seleziona la posizione della punta del cuneo in direzione
verticale.

Page B.11 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.10

Incisione Radiale

Raggio Specifica il raggio del cerchio.


Altezza Specifica l'altezza del cerchio.
Angolo Specifica l'angolo del cerchio.
Opzioni
Larghezza Seleziona la posizione della larghezza secondo il punto di
inserimento.
Altezza Seleziona la posizione dell’altezza secondo il punto di
inserimento.
Profondità Seleziona la posizione della profondità secondo il punto di
inserimento.
Raggio Seleziona se l’incisione deve essere creata da un cerchio
esterno o interno.

Page B.11 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Modifiche

Posizione

E’ possibile ruotare l'incisione inserita intorno a ciascuna delle tre coordinate.


Selezionare il tasto +90/-90, se si vuole ruotare l'incisione di 90° gradi. Se si
richiede un angolo di rotazione differente, inserire il valore nel campo Rotazione
e poi cliccare il tasto +Phi/-Phi.

L'angolo esterno dell'ala superiore è il punto di inserimento dell'incisione; la


sagoma viene visualizzata con i lati esterni.

Un uso ripetuto della funzione crea incisioni più


complesse.

Page B.11 - 10

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.10

Taglio-Poli
Usando questi comandi, si possono tagliare profili lungo dei contorni formati da
polilinee. E’ possibile creare sagome non previste dal software tramite la
speciale funzione “Sagoma”. Si può anche sottrarre un profilo da un altro per
ottenere tubi sagomati, montanti per il parapetto ed altro.
Se inserisci un valore nel campo “Spazio” il taglio verrà esteso in tutte le
direzioni. Questo è suggerito per guadagnare spazio per le imprecisioni di
lavorazioni.

In ogni caso, il poligono creato verrà esteso la lato superiore ed inferiore lungo
l’asse Z dell’UCS. Quindi, fare attenzione che il proprio UCS sia stato
selezionato corretto. In caso di un uso diretto di questa funzione tramite la barra
di comando, vengono applicate le correnti impostazioni della finestra di dialogo
principale.

Crea un taglio in base al contorno generato dalla selezione di


più punti. Si possono inserire punti differenti, ma bisogna fare
attenzione che le linee generate non si sovrappongano nel
poligono.
Crea un taglio selezionando un contorno mediante una
polilinea o un cerchio. ecc..
Crea un taglio selezionando un contorno mediante un altro
solido.
Completa/Metà superiore/Metà inferiore
Specifica se la sottrazione del contorno da rimuovere deve
essere completa o parziale. Questo non è valido per solidi da
sottrarre.
Spazio Specifica uno spazio con il quale il contorno da rimuovere
viene aumentato prima della sottrazione.

Se si divide un profilo usando questa funzione, non si ottengono due profili


separati. Questo è dovuto al modellatore di AutoCAD. Bisogna porre attenzione
a non creare due parti di un profilo da accorciamenti precedenti. Se si vogliono
ottenere due profili, usare prima la funzione “Dividi” per dividere il profilo in un
punto appropriato.

Page B.11 - 11

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Modifiche

In seguito si possono vedere due esempi di lavorazione poligonali: sulla sinistra,


c'è un normale taglio-poli e sulla destra c'è una incisione di un solido sottratto.

Crea una Incisione

Altro esempio per creare una incisione nei tubi.


Nelle prime due figure si vede la situazione nella vista
frontale e in quella dall’alto (i piani di taglio vengono
disattivati in modo che si possa vedere in profondità).

Seleziona il comando “Crea sottrazione booleana” nel


“Taglio-poli”.
Ora selezione il tubo più grande, poi uno di quei più
piccoli in modo da sottrarre il volume. Ripeti l’operazione
con il secondo tubo più piccolo.

Nella terza figura, si vedono i ritagli sul tubo grande (i


due tubi obliqui sono stati nascosti in questa
rappresentazione).

Page B.11 - 12

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.10

B.11.2 Modifica Profili

Accorciamento e Prolungamento

Accorciamento
Accorcia un profilo selezionando due punti. La loro distanza
perpendicolare all’asse specifica il valore di accorciamento.

Accorcia un profilo specificando il valore.

Accorcia un profilo del valore indicato nel campo “Default”.

Default Inserire il valore di accorciamento.

Page B.11 - 13

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Modifiche

In tutti e tre i casi, bisogna selezionare il profilo da accorciare nel lato


desiderato. Se si seleziona un terzo della lunghezza del profilo, ogni parte viene
accorciata per metà del valore specificato.
Allunga
Queste funzioni possono essere usate analogamente a quelle
che servono per accorciare il profilo, solo che in questo caso il
profilo viene allungato. Comunque non funzionano se la parte
selezionata è stata modificata da un taglio.

Tagliare e Sagomare
Sagoma
Questo comando consente di creare una sagoma parametrica
di un profilo verso un altro. Appare un'altra finestra di dialogo.
Questo comando è descritto in un paragrafo successivo.

Taglio Obliquo
Questo comando crea tagli obliqui su tra due profili, che
possono essere selezionati come tagli 3D.
La bisettrice determina il piano di taglio. Se l'altezza dei due
profili differisce, i lati esterni non vengono allineati.
Questo comando crea un taglio obliquo tra due profili. I punti
d'intersezione dei lati interni ed esterni determinano il piano di
taglio. Ciò significa che vengono correttamente allineati anche
profili con altezze diverse.
Questo comando crea un profilo di raccordo tra due profili. Il
profilo curvo avrà il raggio specificato.

Raggio Raggio del profilo curvo da inserire; questo raggio può anche
essere inserito come valore assoluto o come multiplo del
diametro del primo profilo. In questo caso si inserisce “*2”.
Spazio Spazio che si crea tra i profili tagliati.
Non prolungare elementi
Se è attiva questa opzione durante il taglio obliquo gli elementi
non si allungano.

Page B.11 - 14

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.10

Nota che, con questi comandi di taglio, si crea un logic-link tra gli elementi.
Quindi se si modifica un elemento, il taglio viene automaticamente aggiornato.

Alcuni esempi di tagli obliqui, che sono stati creati usando differenti varianti:

Bisettrice con spazio Arrotondato

Modificare i Giunti

Usando le modifiche 3D, si possono anche modificare i giunti di


ProSteel 3D tramite un editor di giunti. Seleziona questo tasto per aprire
la finestra di dialogo corrispondente. In un capitolo separato di questo
manuale si ha la descrizione dell'editor di giunti in modo che vi si possa fare
riferimento per avere delle informazioni più dettagliate.

Page B.11 - 15

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Modifiche

B.11.3 Modifica Piatti

Modifica Contorno

Questa comando aggiunge un altro lato al piatto nel punto


dove si seleziona. Nella posizione selezionata, viene creato
un nuovo vertice che può essere spostato usando i grips.
Questo comando cancella un lato del piatto.

Questo comando copia il contorno di un piatto su altri piatti.

Questa funzione permette di convertire il contorno di un piatto


creato con tagli in un contorno di forma corrente. Le modifiche
corrispondenti diventano superflue e vengono cancellate.

Page B.11 - 16

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.10

Qualche volta può essere facile modificare i lati di un piatto


non processato. Inoltre questo può essere utile per esportare i
dati se non vengono effettuate modifiche del contorno.

Taglio Obliquo
Queste funzioni creano tagli obliqui tra due piatti. Questi tagli
sono identici a quelli dei profili e quindi si può fare riferimento
a questo capitolo per informazioni più dettagliate.
Spazio Spazio che si crea tra i piatti tagliati.

Smussa lato e Smussa spigolo


Queste schede e opzioni di modifica sono identiche alle schede dell'editor dei
piatti. Fare riferimento a questo capitolo per descrizioni più dettagliate.

Modificare piatti-poli tramite l’editor dei piatti


Per eseguire modifiche 3D nei piatti si possono fare tramite l'editor dei
piatti. Questo tasto apre la finestra di dialogo corrispondente. La
descrizione dell'editor del piatto si trova in un capitolo separato di
questo manuale dove trovare informazioni più dettagliate.

Page B.11 - 17

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Modifiche

B.11.4 Modifica Muri

ProSteel 3D permette di creare elementi muri in modo da


visualizzare, ad esempio, anche le costruzioni vicine, se
necessario. Queste funzioni aiutano a modificare i muri
aggiungendo delle aperture.

Finestre/Porte
Altezza Altezza della finestra o porta.
Larghezza Larghezza della finestra o porta.
Raggio Raggio del contorno del lato superiore di una finestra o di una
porta.
Altezza dal basso
Altezza dal basso di una finestra.

Page B.11 - 18

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.10

Selezionare questa funzione per inserire una apertura di


finestra in un elemento parete esistente.

Selezionare questa funzione per inserire una apertura di porta


in un elemento parete esistente.

Selezionare questa funzione per inserire un lato alla parete in


un elemento parete esistente.

Selezionare questa funzione per rimuovere un lato alla parete


da un elemento parete esistente.

Specifica altezza
Selezionare questa funzione per specificare l'altezza di un lato
verticale nel lato superiore o inferiore della parete.
Successivamente, la parete va diagonalmente dai vicini punti
di angolo al punto di angolo modificato.
Selezionare questa funzione per specificare l'altezza di un
segmento parete nel lato superiore o inferiore della parete.
Successivamente, la parete va diagonalmente dai vicini punti
di angolo al punto di angolo modificato.

Page B.11 - 19

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Modifiche

B.11.5 Opzioni

Selezione oggetti multipli


Taglia sulla linea Si possono tagliare contemporaneamente molti elementi sulla
linea senza dover selezionare ancora la funzione.
Taglia sull'oggetto
Si possono tagliare contemporaneamente diversi elementi
sull'oggetto senza dovere selezionare ancora la funzione.
Dividi Si possono dividere diversi oggetti contemporaneamente
senza dovere selezionare ancora la funzione.
Taglio-poli Si può tagliare un oggetto contemporaneamente lungo diverse
polilinee senza dovere selezionare ancora la funzione.

Page B.11 - 20

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.10

Multiplo
Taglia sulla linea Il comando "Taglia sulla Linea” viene ripetuto finché viene
esplicitamente interrotto.
Taglia sull'ogg. Il comando "Taglia sull'Oggetto” viene ripetuto finché viene
esplicitamente interrotto.
Dividi Il comando “Dividi profilo” viene ripetuto finché viene
esplicitamente interrotto.
Unisci Il comando “Unisci profilo” viene ripetuto finché viene
esplicitamente interrotto.
Accorcia Il comando “Accorcia profilo” viene ripetuto finché viene
esplicitamente interrotto.
Allunga Il comando “Allunga profilo” viene ripetuto finché viene
esplicitamente interrotto.
Taglio-poli Il comando “Taglio-Polì” viene ripetuto finché viene
esplicitamente interrotto.
Taglio obliquo Il comando “Taglio obliquo” viene ripetuto finché viene
esplicitamente interrotto.
Inserisci lato Il comando “Inserisci lato” viene ripetuto finché viene
esplicitamente interrotto.
Cancella lato Il comando “Cancella Lato” viene ripetuto finché viene
esplicitamente interrotto.

Varia
Chiudi finestra di dialogo
La finestra di dialogo viene immediatamente chiusa dopo
un'operazione. Altrimenti bisogna chiuderla manualmente, se
si vuole selezionare un altro comando.

Page B.11 - 21

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Modifiche

B.11.6 Sagoma

Riga di Comando: PS_NOTCH

Sagome e tagli dei contorni possono essere creati automaticamente usando


distanze predefinite. Si possono selezionare diverse varianti e modificarle in
tempo reale se necessario.

Sagoma
Selezionare prima il profilo da sagomare e poi il profilo sui cui va sagomato.
Quando si seleziona il comando, la sagoma viene creata con le ultime
impostazioni usate. La sagoma si adatta in base ai cambiamenti che si
eseguono nella finestra di dialogo che appare; si può verificare il risultato
immediatamente nel modello.

Page B.11 - 22

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.10

Layout Seleziona la forma della sagoma. Le differenti varianti


vengono mostrate nella figura in basso:

In alto a sinistra, la situazione iniziale prima di eseguire la


sagoma (i profili sono ancora sovrapposti), e in alto a destra
“Adatta al contorno”. Le figure sotto da sinistra a destra.
“Adatta l’inizio del profilo” (sagoma normale), “Adatta il centro
del profilo” e “Adatta la fine del profilo”.
Layout raccordo Angolare – Le sagome non vengono raccordate.
Radiale – Le sagome vengono raccordate. Il campo “Raggio”,
determina il valore del raccordo.
Con Foro – Viene inserito un foro negli angoli interni della
sagoma. Il campo “Raggio”, determina il raggio dei fori.
Riferimento Se il Lato Esterno (campo superiore) viene attivato, le
distanze tra l’ala superiore e quella inferiore sono riferite ai lati
esterni delle ali.
Se il Lato Interno viene attivato, le distanze sono riferite ai lati
interni delle ali.
Se il Lato Esterno (campo inferiore) viene attivato, le distanze
tra l’ala superiore e quella inferiore sono riferite ai lati esterni
delle ali.
Se il Centro viene attivato, le distanze sono riferite alla fine del
profilo (la posizione esatta dipende dal valore ‘Distanza
anima”).

Page B.11 - 23

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Modifiche

Distanze
Distanze Le distanze successive possono essere impostate
separatamente per ali superiori ed inferiori:

Nel campo Raggio, si può indicare il raggio dei Fori.

Questo tasto permette di selezionare un profilo qualsiasi. Lo


spessore dell'ala viene poi inserito nei campi “Ala Sup.” o “Ala
Inf.”. Se si inserisce un valore nel campo +Distanza, esso
viene aggiunto.
Usando questa funzione, la distanza dell'ala può essere
velocemente determinata senza conoscere il tipo di profilo.
Come riferimento, andrebbe scelta l'opzione “Lato esterno”.
+ Distanza: Questo valore viene aggiunto al risultato nella funzione
SELEZIONA SPESSORE ALA.
Questo tasto, permette di clonare trasferendo i dati della
sagoma corrente direttamente in altre sagome che devono
essere create. Bisogna prima selezionare tutti i profili da
sagomare e poi selezionare i profili su cui sagomare.

Page B.11 - 24

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.10

Sagome Standard

Elenco Questo elenco visualizza le impostazioni predefinite di un


database. Si possono creare questi files usando un editor di
DBASE. In questi files si possono definire un certo numero di
impostazioni che si usano frequentemente. Nei diversi campi
dell’elenco si possono vedere tutti i valori della sagoma. Oltre
a questo è possibile selezionare l'impostazione desiderata.

Page B.11 - 25

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Modifiche

B.11.7 Incisione

Riga di Comando: PS_OUTLET

Usando questa funzione, si possono inserire nei singoli profili semplici forme
geometriche quali sagome ed incisioni. Usando questa funzione ripetutamente,
possono essere create strutture complesse.
Si possono creare incisioni di forma quadrata, di cuneo o circolari. Le
dimensioni vengono inserite in una finestra di dialogo. I valori inseriti possono
essere verificati direttamente sullo schermo.

Creazione di Incisioni
Quando si esegue il comando, si seleziona prima il profilo da incidere e poi la il
punto di inserimento dell’incisione. Appare la seguente finestra di dialogo dove
si possono inserire le dimensioni e la posizione del punto d'inserimento. Nel
modello, il volume dell’incisione viene visualizzata con il colore rosso. Dopo aver
chiuso la finestra di dialogo, l'incisione visualizzata viene eseguita.

Page B.11 - 26

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.10

Oltre a incisioni di forma rettangolare, è possibile creare anche incisioni a forma


di cuneo o circolari.

Posizione
Nella finestra di dialogo la scheda “Posizione” consente di ruotare l'incisione
inserita intorno a ciascuna delle tre coordinate. Seleziona il tasto +90/-90, se si
vuole ruotare l'incisione di 90° gradi. Se si richiede un angolo differente inserire
il valore nel campo “Rotazione” e poi premere il tasto +Phi/-Phi.

Page B.11 - 27

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Modifiche

Tre esempi per la creazione di un’incisione in un profilo o in un piatto:

Punto d'inserimento dell'incisione e lato superiore dell'ala


superiore.

L'angolo dell’ala è stato tagliato.

Un uso ripetuto crea incisioni più complesse.

Page B.11 - 28

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
B.10

B.11.8 Operazioni Booleane

Riga di Comando: Vedi Funzioni Individuali

ProSteel 3D non usa il modellatore di volume di ACIS di AutoCAD, ma quello


che viene usato anche in Architectural Desktop. Questo modellatore opera più
velocemente e crea files di dimensione ridotte. Di conseguenza, non si possono
modificare oggetti di ProSteel 3D con le operazioni Booleane di AutoCAD (es.
sottrazione di volumi). Nel caso si combinino oggetti diversi, non vengono creati
errori, ma non accade nulla! Per fornire lo stesso livello di performance di
AutoCAD, tutte le operazioni Booleane vengono ridefinite (vedi anche il
comando “Solidi Base”). Un'altra opzione consiste nell'usare le proprietà di
ProSteel 3D per convertire gli oggetti di ProSteel 3D in solidi ACIS e poi
processarli con AutoCAD. Questa operazione aumenta in maniera
considerevole le dimensioni del file.

Unisci PS_ADD
Questo comando crea un nuovo solido dall’unione di più solidi.
Selezionare entrambi gli oggetti e il nuovo oggetto creato
assumerà lo stesso materiale dell’oggetto selezionato per
primo.
Sottrai PS_SUB
Questo comando crea un nuovo solido dalla sottrazione di più
solidi. Selezionare prima l'oggetto dal quale gli altri volumi
devono essere sottratti e poi selezionare gli oggetti il cui
volume va sottratto. Il nuovo oggetto assumerà lo stesso
materiale dell’oggetto selezionato per primo. Nota che non si
creano due oggetti indipendenti nel caso si sottragga il primo
oggetto.
Interseca PS_COMMON

Questo comando crea un nuovo solido dall'intersezione di due


volumi. Selezionare entrambi gli oggetti e il nuovo oggetto
assumerà lo stesso materiale dell'oggetto selezionato per
primo.
Adatta PS_COMMON_SUB

Questo comando crea un nuovo solido dalla sottrazione di due


volumi sovrapposti. La prima parte si adatta alla forma del
secondo volume, mentre la seconda viene mantenuta.

Page B.11 - 29

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Editor Piatto

B.12 Editor Piatto

Riga di Comando: PS_PLATE_EDITOR

Un editor speciale è disponibile per l'elaborazione dei piatti. Questo editor


modifica il contorno aggiungendo o separando polilinee in modo veloce e
comodo. Si può considerare la polilinea come un piatto dello stesso spessore e
posizione.
Inoltre, si possono aggiungere smussi e nuovi lati. Tutti i comandi possono
essere eseguiti anche manualmente. L'uso dell'editor viene raccomandato
quando i piatti-poli devono essere modificati in situazioni complesse perchè
esso può nascondere altri oggetti ed si posiziona automaticamente nel piano del
piatto.
Quando si attiva la funzione, selezionare prima il piatto da modificare, poi
appare una finestra di dialogo dove si possono inserire ulteriori indicazioni
riguardo alle modifiche da effettuare.

Pag. B.12 B.12 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Editor Piatto

B.12.1 Operazioni Booleane

Booleane Specifica che tipo di operazione booleana deve essere


eseguita: Unisci, Sottrai, Interseca.
Lato Seleziona su quale lato del piatto deve essere eseguita
l’operazione.
Profilo Si può usare un poligono come “Solido” o come “Contorno
fresatura”. Fare attenzione che la polilinea sia chiusa, anche
se è usata come contorno.
Distanza Se la polilinea viene usata come contorno completo, si può
inserire una distanza dal contorno.
Larghezza Se il profilo selezionato è “Contorno fresatura”, si può inserire
la larghezza del contorno.
Profondità Inserisce la profondità della modifica.
Nascondi elem. Questa opzione, permette di nascondere tutti gli elementi
tranne il piatto selezionato. E’ valido dalla prossima
esecuzione.

Pag. B.12 B.12 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Editor Piatto

Continuo La polilinea viene usata come un solido con lo spessore del


piatto.
Permette di creare un taglio nel piatto selezionando il contorno
tramite dei punti.

Permette di creare un taglio nel piatto selezionando il contorno


tramite una polilinea.

Aggiungere un altro lato al piatto.

Cancellare un lato dal piatto.

Esempio differenti di Operazioni


Booleane

Esempio differenti di contorni

Pag. B.12 B.12 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Editor Piatto

B.12.2 Smusso / Arrotondamento

Smusso
Permette di creare una smussatura tra due lati di un piatto
selezionando uno spigolo.
Layout Seleziona quale tipo di smussatura deve essere eseguita:
dritta, convessa o concava.
Lato 1/Raggio Raggio nel caso di smusso convesso/concavo o la lunghezza
del primo lato nel caso di smusso dritto.
Lato 2 Lunghezza del secondo lato dello smusso dritto.

Esempio di un piatto con tutti e tre i possibili


tipi di smussatura

Pag. B.12 B.12 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Editor Piatto

Arrotondamento
Permette di arrotondare il lato di un piatto. L’arrotondamento
può essere definito anche tramite il raggio o tramite l'altezza
dell'arrotondamento sopra il lato dritto.
Raggio Specifica il raggio d'arrotondamento.
Raggio min. Visualizza il raggio minimo di arrotondamento.
Altezza Specifica l'altezza sopra il lato dritto.
Altezza Max. Visualizza l'altezza massima possibile.

Esempio di un piatto con arrotondamento


del lato prima e dopo la modifica.

Pag. B.12 B.12 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Editor Piatto

B.12.3 Smussa spigoli

Questa funzione crea degli smussi sugli spigoli dei piatti di varie forme:
arrotondati, con raggio o con un gradino.

Seleziona il lato corrispondente da smussare.

Layout Specifica il tipo di smusso; ne sono disponibili 5.


Lato sup. Modifica eseguita sul lato superiore del piatto.
Lato inf. Modifica eseguita sul lato inferiore del piatto.
Lato 1 Questo valore può essere la lunghezza del primo lato, il raggio
o la profondità dello smusso.
Lato 2 Questo valore può essere la lunghezza del secondo lato, o
l'altezza della congiunzione.

Pag. B.12 B.12 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Editor Piatto

Lati selezionati Specifica su quale lato vengono eseguiti gli smussi. Quando si
seleziona il lato in prossimità degli spigoli vengono visualizzati
dei numeri. Se il valore iniziale è uguale a quello finale, lo
smusso viene eseguito tutto intorno.

Seleziona i lati 0-1,2-3 da smussare,


se si vogliono modificare i due lati
opposti. (vedi esempio a lato).

Modi possibili per smussare i lati

Pag. B.12 B.12 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Forature / Connessioni Bullonate

B.13 Forature / Connessioni Bullonate

Riga di Comando: PS_DRILL

Profili e piatti possono essere forati con differenti modi. I fori esistenti di un
profilo possono essere trasferiti in un altro profilo, e possono essere anche
creati fori a gradini, fori svasati o asole. Inoltre si può creare con questo
comando direttamente la bullonatura di oggetti, senza dover prima creare fori.
Poi si può selezionare il comando "Bulloni". La distribuzione dei bulloni è
indicata allo stesso modo dei fori ma i bulloni creano automaticamente i fori
necessari in tutti gli oggetti coinvolti. Il programma gestisce i fori come una Serie
di Fori. Ciò significa che quei gruppi consistenti, per esempio, di fori 2 x 2
vengono forati allo stesso tempo. Nella finestra di dialogo si inseriscono le
distanze individuali dei fori e poi si inserisce la serie completa dei fori. La
profondità di foratura va sempre lungo l'asse Z del piano dell’UCS corrente. La
descrizione del campo fori si riferisce al piano X-Y dell'UCS corrente. Sebbene
sia possibile inserire fori in vista aerea, è più facile lavorare in una delle viste.
Dopo la selezione del comando, appare una finestra di dialogo dove si può
impostare il comportamento base del comando ed altri parametri di defaults. A
seconda della selezione, il contenuto della visualizzazione può differire.

Pag. B.13 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Forature / Connessioni Bullonate

B.13.1 Fori / Campi Fori

Layout Impostare la descrizione generale del campo fori.


Serie rettangolare – In un campo fori rettangolare, i fori
vengono gestiti in modo rettangolare intorno al punto
d'inserimento formando righe e colonne.
Serie polare – In un campo fori polare, i fori vengono effettuati
in un cerchio parziale o completo intorno al punto
d'inserimento. Vengono visualizzati campi d'inserimento
addizionali permettendo di definire campi di fori polari.
Fori singoli – La posizione di ogni foro singolo può essere
determinata individualmente.
Serie Rettangolare
Definizione In generale, i campi dei fori vengono descritti come segue:
Numero1*Distanza1, Distanza Intermedia 1,
Numero2*Distanza2, Distanza Intermedia 2,...
Direzione X Campo fori in direzione profilo, in caso di piatti in direzione X
dell'UCS.
Direzione Y Campo fori perpendicolare alla direzione profilo, in caso di
piatti in direzione Y dell'UCS. Campi fori rettangolari vengono
descritti indicando “numero*distanza” dei fori ed ogni distanza
intermedia (separata da una virgola). Se il numero = 1 si può
omettere la distanza.

Pag. B.13 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Forature / Connessioni Bullonate

Serie Polare
Numero Numero di fori.
Raggio Il raggio del cerchio dove i fori vengono inseriti attorno al
punto d'inserimento.
Angolo L'angolo in cui la serie di fori viene distribuita.
Inizio L'angolo di partenza da cui vengono distribuiti i fori.

Ulteriori Parametri di Default


Diametro Si specifica il diametro del bullone. È ottenuto da un elenco
che può essere modificato a piacere. Questo elenco è salvato
nella cartella.. \prg nel file pro_st3d.hdr. Se si attiva
l'opzione per il diametro individuale, si possono anche inserire
valori non inclusi nell'elenco.
Gioco Inserire la distanza tra il diametro del bullone e quello del foro.
Nell'elenco di cui sopra si può anche definire un gioco adattato
al diametro dei bulloni. Comunque, bisogna attivarne l'uso
nelle Impostazioni Globali/Bulloni.
Asse asola Inserisce la lunghezza delle asole.
Layout Foro passante – Consente di forare completamente il profilo.
Foro cieco – Consente di specificare la profondità del foro.
Indicatore saldatura – Permette di creare piccoli fori che
contrassegnano elementi costruttivi.
Ala Indica l'ala da forare. Si possono forare l'ala inferiore o
superiore o entrambi le ali. Le ali superiore/inferiore risultano
dalla posizione dell'oggetto e dall'asse Z corrente.
Centro Profilo Il punto d'inserimento selezionato si riferisce al centro del
profilo. Quindi si ottengono sempre fori simmetrici relativi al
centro del profilo.

Pag. B.13 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Forature / Connessioni Bullonate

Creazione di Fori
Inserisce i fori in un oggetto selezionato.

Inserisce contemporaneamente i fori in diversi oggetti. Si


possono selezionare diversi oggetti allo stesso tempo;
l'allineamento viene effettuato secondo il primo oggetto
selezionato.
Assume i fori da un oggetto ad altro. Prima selezionare tutti i
profili da assumere e poi tutti i profili per copiare il foro.
Usando questa funzione, i fori possono essere trasferiti
rapidamente in un profilo da un piatto di congiunzione. Questa
opzione è disponibile solo se non si è selezionata l'opzione
“Connessione con Bulloni”.

Si può anche adottare una serie di fori insieme ad una


connessione con bulloni simultaneamente in un nuovo profilo,
in modo che questo venga prima forato e poi bullonato. Prima
selezionare le proprietà del profilo e premere il tasto EDITA
nella scheda “Fori”.
Il foro qui descritto viene visualizzato e si possono adottare i
fori con bulloni usando ‘Bulloni/Aggiungi’.
Monitor Si definisce la creazione del campo fori e si decide il punto
d'inserimento.

Pag. B.13 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Forature / Connessioni Bullonate

Serie rettangolare di fori


Il campo fori è sempre inserito in direzione profilo (dal punto iniziale a quello
finale dell'inserimento). Lo sviluppo dei campi fori può essere direttamente
visualizzato, fra l'altro, nel campo profilo della scheda “Dimensioni” della finestra
di dialogo.

Questo campo di fori viene inserito come segue:

Direzione profilo X 2*60,200,1*,200,3*40


Direzione profilo Y 2*100

Se si vuole inserire solo un campo con fori singoli in


direzione longitudinale, lasciare vuoto il campo per
inserimenti in direzione trasversale.

Se si vuole inserire un campo solo in direzione


trasversale, si deve inserire 1* in direzione longitudinale
in ogni caso (per un foro).

Un singolo campo non può comprendere campi misti


contenenti uno o due fori in direzione trasversale.

Pag. B.13 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Forature / Connessioni Bullonate

B.13.2 Giunti Bullonati

In alternativa all'opzione di foratura, si può creare direttamente negli oggetti un


giunto con bulloni. Bisogna selezionare almeno 2 oggetti la cui distanza non è
maggiore di quella specificata nel campo "Spazio". Tutte le impostazioni che
riguardano il campo fori, il diametro, ecc. vengono effettuate nella prima scheda.

Stile Bulloni Seleziona lo stile bulloni.


Spazio Distanza massima tra le superfici di contatto; se la distanza è
maggiore, non viene creato nessun giunto con i bulloni.
Lunghezza Add. Lunghezza addizionale per i bulloni.
Utilizza superficie di contatto
Normalmente i fori vengono creati lungo l'asse Z dell'UCS
corrente. Quando si esegue la bullonatura, il software
individua le superfici di contatto automaticamente, e quindi
non è necessario posizionare l’UCS perpendicolarmente a
queste superfici.

Pag. B.13 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Forature / Connessioni Bullonate

In questo esempio, il piatto può essere bullonato al profilo


benché l'UCS non sia allineato perpendicolarmente alla
direzione dei fori.
Bullone su un Foro
È anche permesso l'inserimento dei bulloni in un solo oggetto.
Ruota I bulloni vengono ruotati.
Aggiorna La congiunzione è automaticamente aggiornata se un oggetto
è stato modificato. Viene creato un logic link tra gli oggetti
coinvolti.

Creazione di Connessioni Bullonate


Bullona diversi elementi. Selezionare gli oggetti coinvolti e poi
indicare il punto d'inserimento del giunto con i bulloni (simile
ad un normale foro). I Bulloni vengono automaticamente
inseriti e i fori necessari vengono creati. Non si deve
specificare in quali ali perché viene automaticamente
determinato da ProSteel.
Notare che l'elemento, che è stato selezionato, rappresenta
l'elemento principale della connessione. Tutti gli altri sono
elementi bullonati. Se si vogliono più tardi modificare le
proprietà dell'elemento principale, bisogna modificare le
proprietà di questo elemento. Da quando i campi fori degli
elementi bullonati dipendono dai campi fori dell'elemento
principale, questi non possono essere modificati
indipendentemente. Ricordare anche che i bulloni non
vengono assegnati ad un gruppo. Questa assegnazione deve
essere fatta successivamente usando il comando ‘Gruppo'.
Aggiunge nuovi elementi alla connessione bullonata. I fori
necessari vengono generati automaticamente.

Rimuove gli elementi dalla connessione bullonata. I fori


vengono rimossi automaticamente.

Pag. B.13 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Forature / Connessioni Bullonate

B.13.3 Opzioni Ulteriori

Tipo di Foro Specifica il tipo di foro da inserire.


Foro normale Il foro ha un diametro costante.
Foro svasato Il foro è inserito come foro svasato. In questo caso, si può
impostare la svasatura “Profondità e l'Angolo”.
Foro a gradini Il foro è inserito come foro a gradini. Si può determinare la
profondità del gradino e anche il diametro superiore. La figura
sotto visualizza tutti i tre tipi disponibili.

Pag. B.13 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Forature / Connessioni Bullonate

Tipo di Foro Queste impostazioni influenzano la rappresentazione 2D


successiva.
Offset Si definisce uno spostamento relativo, in cui il punto
d'inserimento dei fori viene spostato dal punto d'inserimento
selezionato.
Offset Rettangolare
In questo caso i dati per lo spostamento vengono assunti
come valori X, Y.
Offset Polare I dati nel campo Distanze vengono assunti come valori
Distanza/Angolo.
Centro Profilo Il punto d'inserimento è perpendicolare al centro del profilo
prima dell'uso. Poi si ottengono sempre fori simmetrici rispetto
al centro del profilo.
Visualizza truschino
Durante la foratura, viene visualizzata la linea del truschino
dei profili coinvolti. Alla fine della foratura essa scompare
nuovamente.
Visualizza assi Durante la foratura, vengono visualizzati gli assi dei profili
coinvolti. Alla fine della foratura essi scompaiono nuovamente.
Ignora contorno interno
La foratura non viene interrotta nei profili cavi, che si hanno
grazie a contorni interni. Quindi è possibile forare
completamente attraverso un tubo quadro. Altrimenti viene
forato solo un lato.
Crea Filettatura Il foro viene eseguito come foro filettato. Nessun gioco viene
usato ed il foro viene correttamente visualizzato come foro
filettato in una rappresentazione 2D. In una rappresentazione
3D, sono visualizzate linee aggiunte per rendere il foro filettato
visibile.
Ruota asole Ruota i fori asoloti di 90 gradi.

Pag. B.13 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Forature / Connessioni Bullonate

B.13.4 Distanze dai bordi

ProSteel 3D può verificare automaticamente la distanza dai bordi ammissibile


durante la foratura di oggetti. È anche possibile effettuare tale controllo
manualmente selezionando gli elementi. Se necessita un controllo automatico,
che viene attivato direttamente durante la foratura, bisogna attivare l'opzione
corrispondente nelle impostazioni globali. Si possono specificare in una scheda
le distanze dai bordi ammissibili dei profili e dei piatti. Il foro corrispondente poi
viene verificato grazie a rappresentazioni di questa scheda e l'elemento viene
contrassegnato con colori se la distanza è inferiore. Se si attiva il controllo
automatico, appare una finestra informativa durante la foratura. Comunque la
foratura viene realizzata. In questa scheda, si possono assegnare le distanze
corrispondenti minime per ogni foro esistente, secondo i profili e i piatti.

Controlla le distanze dai bordi. Se le distanze dei fori di un


elemento sono inferiori alle distanze selezionate, questo
elemento viene evidenziato con colori. Si può eliminare questo
contrassegno usando il comando PS_REGEN.
Se si elimina, una dopo l'altra, la visualizzazione durante il
controllo automatico, ogni distanza esistente inferiore non
viene più visualizzata. Questo tasto serve a eliminare il
bloccaggio della visualizzazione.
Se si attiva la modalità “Esperto” nelle opzioni, questo tasto
viene visualizzato automaticamente. Permette di modificare la
lista dei diametri disponibili.

Pag. B.13 - 10

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Forature / Connessioni Bullonate

Modificare la scheda
Dopo un doppio click su un riga nell’elenco, appare una finestra di dialogo dove
si possono definire i valori.:

Dm Il diametro corrispondente
Profili La distanza dal bordo specificata per i profili
Piatti La distanza dal bordo specificata per i piatti

Quando si chiude questa finestra di dialogo con OK, i valori indicati vengono
inseriti nella scheda.

Controllo Automatico
Se il controllo automatico delle distanze dai bordi è stato attivato ed le distanze
dei fori dai bordi sono inferiori di quelle inserite nella tabella durante
l’inserimento, viene visualizzato un messaggio d'avviso.
Comunque, questo avviso è solo un suggerimento; il foro corrispondente viene
comunque inserito nell'oggetto. Notare che questo messaggio potrebbe qualche
volta apparire alla fine dell'operazione.

Pag. B.13 - 11

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Bulloni

B.14 Bulloni

La bullonatura degli elementi costruttivi rappresenta il modo più semplice di


giunzione automatica con ProSteel 3D. Prima di essere bullonati, gli elementi
costruttivi, nella precedente versione, dovevano essere forati (vedi "fori"). Ora
questo non è più necessario. Naturalmente, è comunque possibile continuare a
lavorare con la nota combinazione foratura/bullonatura.
Un'altra possibilità è la creazione di stili di bullonatura definiti e la creazione del
controllo e dell'aggiornamento della bullonatura attraverso logic-links (vedi logic-
links). In alcune finestre di dialogo, molte impostazioni non sono più necessarie
ed è possibile impostare i bulloni esattamente secondo le proprie richieste.

Dopo la selezione di tutti gli elementi da bullonare, il programma controlla se la


posizione degli stessi è corretta per la bullonatura (se necessario, adatta alle
forature situate una sopra l'altra e aventi una tolleranza variabile; ma non
controlla eventuali montaggi). Si calcola necessariamente la lunghezza dei
bulloni e gli stessi vengono inseriti secondo la selezione, considerando il tipo e
la rondella. In seguito, i dati sul bullone vengono inseriti in un elenco che viene
integrato nella distinta dei materiali.

Modifiche dalla vecchia versione 16.xx


Dalla versione 17, ProSteel 3D è in grado di gestire bulloni ed oggetti esistenti
con una nuova connessione/bullonatura. Ciò consente di bullonare
automaticamente 2 giunti a squadretta che sono collegati sulla sinistra e sulla
destra di una trave e tale bullonatura viene realizzata completamente e
correttamente. Questo processo viene completamente visualizzato sullo sfondo;
l'unico presupposto è che i bulloni ed gli elementi siano collegati l'un l'altro
attraverso logic-links. Come opzione, questo processo può essere convertito in
Impostazioni Globali/Bulloni perchè potrebbe eventualmente richiedere un lungo
tempo di calcolo.

La gestione dei bulloni può essere anche effettuata attraverso stili assemblati
dall'utente. Esiste comunque una modifica importante: i dati necessari da cui i
bulloni vengono creati non vengono più sommati, ma vengono divisi in
componenti corrispondenti. Ciò consente di assemblare le componenti di una
bullonatura; e il calcolo dell'altezza viene effettuato sulla base degli elementi
selezionati. Il risultato consiste in una maggiore flessibilità e precisione delle
definizioni dei bulloni.

Pag. B.14 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Bulloni

B.14.1 Bullonatura degli elementi

Questa funzione riguarda la bullonatura degli elementi e la definizione degli stili


di bullonatura.

I componenti vengono automaticamente bullonati in seguito alla selezione degli


elementi e degli stili di bullonatura. I fori negli elementi vengono analizzati e i
bulloni corrispondenti vengono selezionati ed inseriti.
Dopo aver attivato la funzione, si otterrà la seguente finestra di dialogo:

La prima scheda è usata per bullonare elementi l'uno all'altro.

Stile bulloni Si seleziona il tipo di bullone da utilizzare.


Bull. su un foro Normalmente, sono richiesti almeno 2 elementi per una
bullonatura. Talvolta, comunque, si vogliono inserire bulloni in
un solo elemento. Tale opzione crea bulloni per ogni foro degli
elementi selezionati senza richiedere un secondo elemento.
Crea logic-links Gli elementi usati vengono collegati l'un l'altro attraverso logic-
links. Quindi la bullonatura viene automaticamente aggiornata
in caso di modifica dello spessore degli elementi.

Pag. B.14 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Bulloni

Diametro Indica il diametro virtuale del foro se si vuole spostare


manualmente un singolo bullone. Questo processo è stato
scelto per preservare la compatibilità con le funzioni standard
di bullonatura.
Gioco Indica il gioco virtuale se viene selezionato l'inserimento
manuale.
Lunghezza add. Indica il valore di lunghezza aggiunta dei bulloni. Questo vale
per tutti gli inserimenti.
Spazio Indica la distanza massima tra due fori che si presumono
appartenenti alla bullonatura. Se tale valore eccede, i fori non
possono essere bullonati.
Angolo Questa è la differenza angolare tra i due assi dei fori. Se tale
valore eccede, i fori non si allineano e gli elementi non
possono essere bullonati.
Questo tasto permette di bullonare gli elementi. Seleziona gli
elementi desiderati e i bulloni vengono inseriti in automatico
nei fori esistenti.
Questo tasto permette di bullonare gli elementi inserendoli
solamente in un’area predefinita.
Questa opzione permette inserimenti manuali di un bullone.
Seleziona i punti iniziali e finali della lunghezza di serraggio ed
inserisci il bullone.
Questa opzione consente di inserire un singolo dado o
rondella senza vite. Per fare questo, selezionare il punto
d'inserimento del dado o della rondella e poi la direzione della
testa del bullone. Per inserire un dado e/o una rondella
direttamente nella barra filettata, selezionare prima il tasto
ESC e poi selezionare la barra stessa all'estremità desiderata.
Questo tasto consente la rotazione di uno o più bulloni.
Seleziona i bulloni da ruotare.
Questo tasto consente di calcolare il peso dei bulloni dal loro
volume.

Pag. B.14 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Bulloni

B.14.2 Gestione degli Stili del Bullone

La seconda scheda consente di modificare gli stili dei bulloni.

Stile Bulloni Seleziona lo stile bulloni da modificare.


Questo tasto apre la finestra per la definizione del bullone.

2° Rondella Attiva tale opzione se lo stile inserisce la seconda rondella.


Questo tasto apre la finestra per la doppia rondella.

2° Rondella con. Lo stile inserisce una seconda rondella conica.


Questo tasto apre la finestra per la definizione della rondella
conica. È disponibile solo con l'attivazione dell'opzione "2°
rondella conica".

Pag. B.14 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Bulloni

Rondella conica Attiva questa opzione se nello stile di definizione inserisce la


seconda rondella conica

Rondella Attiva questa opzione se la definizione dello stile inserisce la


rondella sotto il dado.

.
Dado Attiva questa opzione se la definizione dello stile inserisce un
dado.
Questo tasto apre la finestra per la definizione del dado. È
disponibile solo con l'attivazione di tale opzione.

Dado di sicur. Attiva questa opzione se la definizione dello stile inserisce un


dado di sicurezza.
Questo tasto apre la finestra per la definizione del dado di
sicurezza. È disponibile solo con l'attivazione di tale opzione.

La definizione corrente salva nel disegno e nel file le


impostazioni. Se lo stile viene modificato e si mantengono le
impostazioni senza salvare le modifiche, viene richiesto se si
vuole salvare.
Consente di caricare la definizione corrente dello stile da un
file degli stili. Tutte le definizioni saranno sovrascritte.

Pag. B.14 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Bulloni

Definizione del Bullone


Quando si seleziona il tasto per il bullone, si apre la seguente finestra di dialogo:

Pag. B.14 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Bulloni

Nome dello stile Indica lo stile corrente


Database Indica quali database vengono usati per i bulloni con questo
stile. Vengono visualizzati solo gli stili dei bulloni.
Ins. in distinta Specifica il nome dei bulloni che verranno inseriti nella distinta
e nelle bandierine di posizione. Ci sono due variabili: $(D)
indica il diametro del bullone, $(L) indica la lunghezza del
bullone. Inoltre, ci sono altre due variabili: $(GLM) per
lunghezza di serraggio minima e $(GLX) per lunghezza di
serraggio massima.
Nome da esp. Questo nome è usato per esportare i dati. Sono valide le
condizioni sopra citate.
Materiale Seleziona il materiale del bullone. Vengono elencati solo i
materiali definiti come materiali dei bulloni.
Precarico in % Inserisci il precarico in percentuale.
Lung. Add. Inserisci la lunghezza addizionale dei bulloni. Il bullone verrà
allungato secondo questo valore dopo il calcolo della
lunghezza.
Layout Specifica se il bullone deve essere un bullone di officina o un
bullone di montaggio. Questo influenza la distinta elementi.
Quando si crea la distinta di montaggio, sono presi in
considerazione solo i bulloni di montaggio.
Unità Specifica le unità su cui è basato il data file.
Tratt. superficiale Seleziona il trattamento superficiale del bullone.
Colore Seleziona il colore del bullone nel modello.
Icona Seleziona un'icona usata nell'elenco di selezione di questo
stile.
Selezionare questa opzione per aprire la finestra di AutoCAD
per la selezione del colore.
Selezionare questa opzione per selezionare l'icona per lo stile
del bullone.
Testa svasata Il bullone viene visualizzato come bullone con testa svasata.
Esagono Interno Il bullone viene creato con la chiave esagonale.
Ins. in distinta Il bullone viene inserito nella distinta degli elementi

Pag. B.14 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Bulloni

Senza controllo Dm
Per questo bullone, non sarà effettuata una verifica del
diametro. Normalmente, tutti i diametri inseriti, sono ridotti a
valori standard: es. non può essere creato un bullone con il
diametro = 12.5 mm.
Spazio di montaggio individuale
Permette di definire uno spazio di montaggio individuale
invece di usare quello standard.
Area superiore Inserisce la profondità dello spazio di montaggio nella testa
del bullone o come valore assoluto; ad esempio come
moltiplicatore del diametro tramite *xx o come aggiunta al
diametro tramite +xx. Inserisce la lunghezza dello spazio di
montaggio nella testa del bullone o come valore assoluto, ad
esempio come moltiplicatore della lunghezza tramite *xx, o
come aggiunta alla lunghezza tramite +xx.
Area inferiore Inserisce la profondità dello spazio di montaggio nella base
del bullone o come valore assoluto; ad esempio come molte
volte il valore del diametro tramite *xx o come aggiunta al
diametro tramite +xx. Inserisce la lunghezza dello spazio di
montaggio nella base del bullone o come valore assoluto, ad
esempio come moltiplicatore della altezza del dado tramite
*xx, o come aggiunta all'altezza del dado tramite +xx.

Pag. B.14 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Bulloni

Definizione del dado

Database Indica quali database vengono usati per dadi con questo stile.
Vengono visualizzati solo i files dei dadi.
Ins. in distinta Specifica il nome di questo dado che verranno inseriti nella
distinta di elementi e nelle bandierine di posizione. Ci sono
due variabili: $(D) indica il diametro del bullone, $(L) indica la
lunghezza del bullone
Nome da esp. Questo nome è usato per esportare i dati. Sono valide le
condizioni sopra citate.
Materiale Seleziona il materiale del bullone. Vengono elencati solo i
materiali definiti come materiali dei bulloni.
Ins. in distinta Il dado viene inserito nella distinta degli elementi.

La definizione dei dadi di sicurezza vengono creati analogicamente.

Pag. B.14 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Bulloni

Definizione della rondella

Database Indica quali database vengono usati per rondelle con questo
stile. Vengono visualizzati solo i files delle rondelle.
Inserimento in distinta
Specifica il nome di questa rondella che verranno inseriti nella
distinta di elementi e nelle bandierine di posizione. Ci sono
due variabili: $(D) indica il diametro del bullone, $(L) indica la
lunghezza del bullone
Nome da esportare
Questo nome è usato per esportare i dati. Sono valide le
condizioni sopra citate
Materiale Seleziona il materiale della rondella. Vengono elencati solo i
materiali definiti come materiali dei bulloni
Inserimento in distinta
La rondella viene inserita nella distinta degli elementi

Pag. B.14 - 10

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Bulloni

Definizione della rondella conica

Database Indica quali database vengono usati per rondelle con questo
stile. Vengono visualizzati solo i files delle rondelle.
Rondella-U Questa definizione viene usata solo nel caso di applicazione
di profili-U. Lo stesso vale per le rondelle-I.
Specifica l’inserimento di questa rondella nella distinta di
elementi e nelle bandierine di posizione. Ci sono due variabili:
$(D) indica il diametro del bullone, $(L) indica la lunghezza del
bullone.
Nome da esportare
Questo nome è usato per esportare i dati. Sono valide le
condizioni sopra citate.
Materiale Seleziona il materiale della rondella. Vengono elencati solo i
materiali definiti come materiali dei bulloni.

Pag. B.14 - 11

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Bulloni

Inserimento in distinta
La rondella viene inserita nella distinta degli elementi.
Sostituisce rondella normali
La rondella normale viene elaborata anche come rondella
conica per questa definizione.

Pag. B.14 - 12

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Bulloni

B.14.3 Inserimento di Barre Filettate

In questa scheda, si possono definire le barre filettete ed inserirle nel modello.

Stile bulloni Definisce lo stile delle barre filettate.


Diametro Indica il diametro delle barre filettate.
Sporgenza fine Indica l'offset finale delle barre filettate.
Arrotondato Arrotonda la lunghezza totale delle barre filettate.
Inserisce le barre filettate nel modello utilizzando 2 punti.

Pag. B.14 - 13

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Bulloni

B.14.4 Ordinamento

La terza scheda gestisce l'elenco dei bulloni e la creazione di nuovi stili.

Crea nuovi stili di bulloni. Dopo la selezione, viene chiesto il


nome del nuovo stile. Poi lo stile viene creato e impostato
come stile corrente.
Consente di caricare uno stile dal file. Lo stile viene inserito
nella posizione corrente.

Lo stile corrente selezionato viene cancellato.

Lo stile corrente visualizzato viene spostato verso l'alto nella


lista.

Lo stile corrente visualizzato viene spostato verso il basso


nella lista.

Pag. B.14 - 14

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Bulloni

Tutte gli stili salvati nei files saranno aggiornati. Gli stili
vengono salvati come oggetti nel disegno. Quando lo stile
viene modificato sul disco rigido, normalmente le modifiche
non vengono trasferite agli oggetti interni.

Pag. B.14 - 15

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Bulloni

Pag. B.14 - 16

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Nervature

B.15 Nervature

Riga di Comando: PS_RIP

ProSteel 3D è fornito di un comando automatico per l'inserimento di nervature


nei profili. Nonostante le nervature siano dei piatti-poli, il software calcola le
dimensioni in base alla forma del profilo e le specifiche dell'utente. Modificando i
parametri nella finestra di dialogo, è possibile visualizzare le modiche
direttamente nel modello in tempo reale.
Nel caso di profili simmetrici come HEA, HEB, ecc., vengono create due
nervature opposte. Quando si necessita di una singola nervatura una delle due
è necessario cancellarla manualmente.

Inserimento delle Nervature


Le nervature si possono inserire direttamente nelle viste o nelle viste aeree.
Quando si selezionano nervature normali (es. nervature perpendicolari all'asse
del profilo) è necessario specificare il profilo dove esse vengono inserite.
Dopo la selezione, il software richiede il punto d'inserimento medio delle
nervature, il quale è possibile determinarlo anche selezionando una linea di
riferimento. Il punto selezionato viene allineato all'asse del profilo. Per
determinare la lunghezza e la geometria della nervatura, selezionare nell’elenco
“Lunghezza” l’opzione desiderata.

Selezionando le linee di costruzione posizionate sull'ala superiore del profilo


come visualizzato nella figura a sinistra. Il punto selezionato sulla linea viene
sempre proiettato perpendicolarmente all'asse del profilo ed assunto come
punto d'inserimento delle nervature.

Centro del punto di inserimento


perpendicolare all’asse del profilo

Pag. B.15 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Nervature

Dimensioni

Layout Seleziona la forma delle nervature.

Smusso Convesso Concavo


Usa profilo piatto Viene inserito un profilo piatto invece che un piatto-poli. Il
profilo piatto viene sagomato con operazioni Booleane per
renderlo identico ad un piatto-poli.
Trova spessore nel DBF
Il piattopoli corrente viene sostituito dal profilo piatto più simile
trovato nel file DBF. Non viene creato alcun profilo specifico.
Lunghezza Specifica la lunghezza delle nervature.
Nervatura intera L'altezza della nervatura si adatta all'altezza del profilo.
Metà nervatura L'altezza della nervatura è metà dell'altezza del profilo.
Lunghezza L'altezza della nervatura può essere specificata dall'utente. I
valori possono essere compresi tra il 10 e il 90% dell'altezza
del profilo.
Angolare L'altezza della nervatura può essere specificata dall'utente ma
la forma è triangolare.

Pag. B.15 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Nervature

Spessore Spessore della nervatura.


Offset Ala Distanza della nervatura dall’ala del profilo.
Offset Anima Distanza della nervatura dall’anima del profilo.
Lunghezza Lunghezza della nervatura. Questo valore è editabile, quando
si seleziona l'opzione "Lunghezza" o “Angolare”.
Offset Distanza della nervatura dal lato esterno delle ali del profilo.
Arrotondato Il valore di arrotondamento applicabile alla larghezza calcolata
della nervatura. Usando questa opzione, per esempio, è
possibile ottenere larghezze multiple di 5,10 ecc..
Raggio Raggio del raccordo della nervatura. Se questo valore è 0,
viene adattato al raggio del profilo.
Sposta la posizione della nervatura secondo il punto di
inserimento. La nervatura può essere allineata rispetto al
centro, destra o sinistra.

Pag. B.15 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Nervature

Giunti
In questa scheda si specifica lo stile della saldatura nel caso in cui le nervature
debbano essere saldate. E possibile anche inserire le indicazioni di saldatura
nel profilo.

Stile saldatura Specifica lo stile di saldatura da utilizzare.


Salda Ali Inserisce il cordone di saldatura nelle ali del profilo.
Spessore Spessore delle saldature. Questo sostituisce lo spessore dello
stile selezionato.
Salda Anima Inserisce il cordone di saldatura nell’anima del profilo.
Spessore Spessore delle saldature. Questo sostituisce lo spessore dello
stile selezionato.
Indicazione Sald. Specifica se vengono inserite le indicazioni di saldatura per il
posizionamento delle nervature. Queste indicazioni possono
essere inserite nei disegni esecutivi e nei file NC.
Senza – Nessun indicazione viene inserita.
Centro – Inserisce l’indicazione al centro della nervatura.
Lati – Inserisce l’indicazione sui lati della nervatura.
Gruppo Aggiunge le nervature ad un gruppo. Se il profilo fa già parte
di un altro gruppo, le nervature vengono inserite in quest'altro
gruppo.

Pag. B.15 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Nervature

Opzioni

Angolo d'inser. Le nervature possono essere inserite inclinate nel profilo.


L’altezza della nervatura viene calcolata automaticamente
selezionando la linea che determina l’inclinazione.
Angolo Angolo di rotazione relativo all’asse del profilo.
2D Sezione Crea una sezione automatica 2D quando viene inserita una
nervatura. Questa sezione può essere visualizzata quando si
creano i disegni esecutivi.

Assegnato
Come ogni finestra di dialogo che crea degli elementi, anche qui è possibile
assegnare direttamente ad ogni singolo profilo o elemento, un materiale, una
famiglia ecc. selezionando gli elenchi appropriati.

Nervature Oblique
L'inserimento di nervature oblique è analogo a quello descritto sopra, eccetto il
fatto che viene richiesta la selezione della linea di posizione delle nervature. Le
distanze si riferiscono agli angoli esterni delle nervature. Se si esegue
direttamente il comando “PS_RIP_ANGLE”, viene richiesta direttamente la linea
di posizione.

Visualizza l’asse del profilo nella vista dall'alto ed usa il punto di intersezione
virtuale senza Z, questo per mantenere il punto di inserimento centrale corretto
tramite le linee di costruzione.

Pag. B.15 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Congiunzioni con i Piatti

B.16 Congiunzioni con i Piatti

Riga di Comando: PS_ENDPLATE

ProSteel 3D crea automaticamente ogni congiunzione con i piatti secondo la


normativa DAST (standard locale), piatti con rinforzi, ecc. ma anche
congiunzioni completamente definibili liberamente.
Il programma determina il tipo di congiunzioni possibili basate sui profili da unire
ed li propone all'utente. Inoltre possono essere creati nel piatto di congiunzione
altri elementi aggiuntivi come nervature, piatti d'imbottitura, bulloni e addirittura
rinforzi, che possono essere assegnati direttamente al gruppo. Una intera
congiunzione con i piatti può essere creata solo avviando il comando una volta
sola.
Suggerimento: tutti i possibili giunti con i piatti sono adesso contenute in questa
finestra di dialogo dove si possono specificare prima una congiunzione rigida e
dopo modificarla come un piatto libero.

Creazione delle congiunzioni con i piatti


Quando si seleziona il comando congiunzioni con i piatti, va selezionato prima il
profilo da congiungere (alla fine, dove va eseguita la congiunzione), poi bisogna
selezionare la colonna (il profilo su cui si congiunge). Non viene considerata
nessuna colonna quando si preme INVIO o il tasto destro del mouse e si può
creare un semplice piatto finale sul profilo di congiunzione.

Non è richiesta nessuna azione da parte propria perchè il programma esegue il


resto automaticamente. Il profilo da congiungere viene tagliato con la lunghezza
adatta e viene impostato il piatto. Il piatto e la colonna vengono forati e bullonati
insieme e a seconda della selezione, vengono inseriti gli elementi aggiuntivi per
le nervature. Poi si ha una congiunzione con i piatti secondo le ultime
impostazioni utilizzate seguita dalla apertura della finestra di dialogo per
impostare i parametri. Invece se si vuole es. creare un piatto di irrigidimento,
andare sulla finestra di dialogo e selezionare il piatto desiderato. Sullo schermo,
la congiunzione viene immediatamente visualizzata con le impostazioni correnti.
Tornare alla scheda "Dimensioni" per osservare le dimensioni correnti, che
possono essere modificate ulteriormente.

Pag. B.16 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Congiunzioni con i Piatti

B.16.1 Congiunzioni con i Piatti Liberi

Layout e Dimensioni
Con questo comando, dopo aver selezionato i profili da congiungere, si apre
questa finestra di dialogo. Si possono inserire le dimensioni di ogni
congiunzione con i piatti liberamente definiti. Questa scheda è anche la finestra
di dialogo base. Ogni selezione di oggetti, come es. irrigidimenti, può ancora
essere qui modificata perchè alcuni dei parametri su cui è basata la
congiunzione sono inseriti ed importati in questa finestra.

Pag. B.16 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Congiunzioni con i Piatti

Layout Piatto Specifica il layout del piatto di congiunzione. La seguente


figura mostra differenti tipi di congiunzioni che possono essere
creati.

automatico giunto ala automatico


Se si seleziona l'opzione “Automatico”, il programma decide
che tipo di congiunzione usare a seconda della posizione dei
profili.
L'angolo critico che differenzia tra giunti con piattabanda e
giunti standard è di circa 45°. Se si vuole ottenere il tipo di
giunto in “Ala”, bisogna impostare questa opzione
esplicitamente perchè altrimenti viene sempre creato un
giunto con i piatti in anima.
Dimensioni piatto
Larghezza Rappresenta la larghezza del piatto (in caso di profili a I:
paralleli all'ala del profilo).
Spessore Rappresenta lo spessore del piatto.
Lunghezza Rappresenta una lunghezza fissa del piatto indipendente
dall'altezza del profilo.
Inserendo il valore 0 per la lunghezza, si può inserire una
lunghezza del piatto in modo variabile nei campi Offset Sopra
e Offset Sotto come distanza dal lato inferiore e superiore del
profilo selezionato.
Spazio Significa che viene lasciato uno spazio tra la colonna ed il
piatto. Ciò permette di considerare es. le tolleranze finali.
Offset Sup. Rappresenta la distanza dal lato superiore del profilo. Valori
positivi riducono le dimensioni del piatto verso il centro. Valori
negativi aumentano le dimensioni del piatto verso il profilo.
Offset Inf. Rappresenta la distanza dal lato inferiore del profilo. Valori
positivi riducono le dimensioni del piatto verso il centro. Valori
negativi aumentano le dimensioni del piatto verso il profilo.

Pag. B.16 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Congiunzioni con i Piatti

Doppio Piatto Qui si può creare un secondo piatto con differenti dimensioni
rispetto al primo. I campi d'inserimento delle dimensioni del
secondo piatto vengono ottenuti dopo che l'opzione è stata
selezionata.
Piatto-poli Le congiunzioni con i piatti inseriti non sono create come
profili piatti ma come piatti-poli.
Ruota Giunto In caso di piatti asimmetrici si può qui definire la posizione dei
piatti. Usare questa opzione per ruotare completamente il
giunto di 180° intorno l'asse d'inserimento.
Piatti uguali Se si vogliono inserire due piatti identici, bisogna attivare
l'opzione Doppio Piatto ed impostare quella Piatti Uguali.
Adesso le dimensioni del seconda piatto sono le stesse del
primo e vengono inseriti due piatti identici.
Imposta le dimensioni del primo piatto come le dimensioni del
profilo esistente.

Copia i dati del secondo piatto dal primo piatto.

Offset Piatto Orizzontale significa che la completa congiunzione con i piatti


è spostata parallelamente all'ala del profilo di congiunzione.
Verticale significa che la completa congiunzione con i piatti è
spostata verticalmente.

Chiamata Diretta delle Funzioni Piatti

I differenti tipi di opzioni possono anche essere selezionati direttamente. Se si


seleziona il tipo “Giunto”, si può definire una linea di separazione per un profilo
continuo premendo INVIO o il tasto destro del mouse.

Normale: PS_ENDPLATE-NORM

Come Giunto: PS_ ENDPLATE-SPLICE

All'Ala: PS_ ENDPLATE-FLANGE

Pag. B.16 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Congiunzioni con i Piatti

Fori

Senza Fori La congiunzione con i piatti viene creata senza fori.

Fori verticali
Vengono determinati gli interassi dei fori in direzione verticale (altezza). In base
agli inserimenti, i valori hanno differenti significati.
Sopra Inserisce la distanza della serie superiore dei fori dal lato
superiore del piatto. Se questo valore è 0, ed il valore nel
campo Sotto è anche 0, la sola impostazione che viene usata
è nel campo Centro.
Centro Inserisce la distanza della prima e seconda serie di fori dal
lato superiore ed inferiore del piatto. I fori vengono distribuiti
uniformemente tra i due fori esterni se questo valore è 0. Le
altre serie di fori vengono organizzate nello stesso modo se il
numero è maggiore di 4.

Pag. B.16 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Congiunzioni con i Piatti

Sotto Inserisce la distanza della serie inferiore dei fori dal lato
inferiore del piatto. Se questo valore è 0, ed il valore nel
campo Sopra è anche 0, la sola impostazione che viene usata
è nel campo Centro.
Offset Inserisce uno spostamento simultaneo di tutte le serie dei fori
verso il lato superiore del piatto. Se si inserisce un valore
negativo, lo spostamento sarà effettuato verso il basso.
Asimmetrico Se si seleziona questa opzione, la struttura delle serie dei fori
appare in un elenco con un campo d'inserimento. A seconda
del numero dei fori, si può determinare ogni distanza
individualmente cliccando la posizione nell'elenco e
specificando la distanza nel campo d'inserimento.
Punto di riferim. Qui si può specificare nella distribuzione asimmetrica da quale
posizione inizia la distribuzione dei fori.
Fori orizzontale
Definisce la distanza dei fori in direzione orizzontale (larghezza).
Sinistra Inserisce la distanza tra la fila esterna sinistra dei fori e la fila
sinistra centrale dei fori, se il numero delle file di fori è uguale
a 4.
Centro Inserisce la distanza tra le due file interne di fori. Le file di fori
vengono generalmente organizzate centralmente, a meno che
non vengano compensate da un inserimento nel campo
Offset.
Destra Inserisce la distanza tra la file esterna destra dei fori e la file
destra centrale dei fori, se il numero dei fori è uguale a 4.
Offset Inserisce uno spostamento simultaneo di tutte le serie dei fori
verso il lato destro del piatto. Se si inserisce un valore
negativo, lo spostamento sarà effettuato verso sinistra.

Pag. B.16 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Congiunzioni con i Piatti

Giunti

Impostazione Bulloni
Stile Bulloni Seleziona il lo stile del bullone da utilizzare.
Dm Specifica il diametro dei bulloni per la congiunzione.
Gioco Inserisce il gioco richiesto per la congiunzione bullonata, in
molti casi 2 mm.
Permette di editare lo stile dei bulloni o per crearne uno di
nuovo.

Impostazione Saldatura
Stile Saldatura Specifica il tipo di saldatura.
Salda Specifica quali saldature devono essere usate con l'opzione
“Salda Ala” o “Salda Anima”. Lo spessore delle differenti
saldature è specificato nei campi d'inserimento corrispondenti.
Permette di editare lo stile della saldatura o per crearne uno di
nuovo.

Pag. B.16 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Congiunzioni con i Piatti

Irrigidimenti

Piatti-poli Tutti i tipi di irrigidimenti descritti qui che normalmente


vengono usati come profili piatti possono essere trasformati in
un piatto poli usando questa opzione.
Imbottitura Si possono specificare colonne aggiunte automaticamente o
secondo alcune dimensioni. Spessore, larghezza ed altezza
possono essere specificate separatamente.
Piatto sup. Una piatto superiore può essere creato secondo la trave in
modo automatico. Il piatto superiore può essere inserito
addirittura dopo, tramite lo spessore, distanza lato e offset.
Anime
Anime Possono essere create anche anime aggiunte. Indicare la
posizione dell'anima tramite le opzioni Anima Sx e Anima Dx.
Dimensioni Dimensione dello spessore, larghezza e lunghezza.
Fori Num./Diam. indica il numero ed il diametro dei fori. Possono
anche essere specificate la distanza dei fori e l'offset
orizzontale e verticale.

Pag. B.16 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Congiunzioni con i Piatti

Nervature

Nervature Sul lato della flangia, vengono inserite nervature nella colonna
in prossimità delle ali.
Nervature int. Usare questo opzione per creare nervature aggiuntive. Nei
campi d'inserimento, si specifica il numero e la distanza dal
lato superiore e inferiore del piatto.
Nervature col. Inserisce ulteriori nervature in diagonale nella colonna. Con
l'inserimento dell'offset in anima, si definisce la distanza del
punto di inferiore di inserimento dal lato interno dell'ala.
Selezionare il comando per l'inserimento o la modifica delle
nervature. Si possono modificare i valori e creare nuovi
templates.

Pag. B.16 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Congiunzioni con i Piatti

Notare che le impostazioni per le nervature non possono essere eseguite


indipendentemente. Si seleziona solo un template contenente i parametri
necessari.
Il vantaggio è che bisogna definire un certo tipo di nervatura solo una volta e poi
selezionarla usando il suo nome. Comunque, non bisogna dimenticare che in
caso di modifica di questo template, anche i rinforzi esistenti vengono aggiornati
(es. avranno le dimensioni del template modificato).

Nervature dal rinforzo


Colonna Specifica la nervatura nella colonna in caso di un rinforzo.
Profilo di cong. Specifica la nervatura nel profilo di congiunzione nel caso di
un rinforzo.

Qui si vede un esempio di una congiunzione con flangia e rinforzo, un piatto di


copertura e nervature diagonali nella colonna:

Pag. B.16 - 10

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Congiunzioni con i Piatti

Rinforzo Inferiore
Si possono aggiungere nervature ed ulteriori rinforzi ad ognuna delle precedenti
congiunzioni e creare un giunto rinforzato. Piatti bullonati, ecc. possono essere
generate in modo relativamente veloce.

Seleziona Se viene inserito il Rinforzo Superiore, il rinforzo viene creato


sul lato superiore del profilo da congiungere. Se si inserisce
Rinforzo Inferiore, il rinforzo viene creato sul lato inferiore del
profilo da congiungere.
Lunghezza Rinf. Imposta la lunghezza del rinforzo.
Larghezza Imposta la larghezza del taglio nel profilo.
Altezza punta Imposta l'altezza superiore dell'anima.
Larghezza ala Imposta la larghezza dell'ala nel rinforzo.
Spessore ala Spessore dell’ala del rinforzo finale.
Spessore anima Imposta lo spessore dell'anima.
Smusso Imposta le dimensioni dello smusso sull'anima.

Pag. B.16 - 11

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Congiunzioni con i Piatti

Smusso Oriz. Imposta lo smusso orizzontale sull'angolo esterno dell'anima


rettangolare.
Smusso Vert. Imposta lo smusso verticale sull'angolo esterno dell'anima
rettangolare.
Profilo tagliato Un profilo tagliato viene usato come rinforzo invece che come
un rinforzo di piatti. Piatti aggiuntivi possono essere inseriti in
un profilo tagliato. Le dimensioni vengono definite come
segue:
Piatto….. Indica le dimensioni del piatto di rinforzo: Larghezza,
Lunghezza e Spessore.
Piatto-poli Il profilo piatto non viene ottenuto come profilo ma come
piatto.
Piatto rettang. Un piatto rettangolare viene inserito come rinforzo.
Taglio parallelo Viene inserito un piatto in anima tagliato parallelamente alla
colonna.
Piatto-poli I piatti inseriti del rinforzo vengono trasformati in piatti poli.
Nervatura col. Inserisce nervature nella colonna in prossimità del rinforzo.
Selezionare lo stile nella scheda Nervature.
Nervatura trave Inserisce nervature nella trave in prossimità del rinforzo.
Selezionare lo stile nella scheda Nervature.

Pag. B.16 - 12

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Congiunzioni con i Piatti

Crea Gruppo

Forma Gruppo
Crea Gruppo Dagli elementi inseriti appartenenti al giunto, vengono
automaticamente creati gruppi.
Con bulloni Vengono aggiunti al gruppo anche i bulloni.
Con bulloni Vengono aggiunti al gruppo anche le saldature.
Sagome
Sag. di Sicurez. Per i giunti con le flangie, si può specificare in quale posizione
deve essere inserita una sagoma. Questo è un processo
utilizzato negli USA. Le sagome possono essere inserite in
alto o in basso a sinistra, in alto o in basso a destra.

Assegnato
Come nel caso della finestra di dialogo che crea elementi, anche qui è possibile
ottenere tutte le assegnazioni direttamente per ogni singolo profilo. Selezionare
l'elemento e poi selezionare le impostazioni.

Pag. B.16 - 13

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Congiunzioni con i Piatti

B.16.2 Congiunzioni Resistenti al Momento / Taglio

Nell'elenco di selezione, si possono vedere le congiunzioni che, secondo il


DAST, sono disponibili per i profili selezionati. Si possono controllare i dati della
resistenza della congiunzione base nell'elenco e adattare, così', gli irrigidimenti.

Tensione, Taglio Si può inserire un carico massimo per la congiunzione (in KN)
con il corrispondente tipo di carico. Nell'elenco, vengono
visualizzate solo le congiunzioni opportune per tali carichi.
Elenco flange In queste elenco, vengono visualizzate le possibili
congiunzioni secondo il DAST. Selezionare la congiunzione
desiderata cliccando su di essa. Gli elenchi individuali
visualizzano i dati su cui la congiunzione è basata. Dopo la
selezione, la congiunzione è immediatamente aggiornata con
questi dati ed i valori vengono trasferiti ad altre finestre di
dialogo per un possibile adattamento.

Nessuna Congiunzione Possibile

Se secondo le norme nessun giunto viene definito per i profili selezionati,


nessuna finestra di dialogo appare dopo la selezione dei profili. In questo caso,
bisogna definire da soli le dimensioni del giunto.

Pag. B.16 - 14

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Congiunzioni con i Piatti

Giunti Resistenti al Momento

Significato dell'elenco degli inserimenti

Simbolo Simbolo standardizzato della congiunzione.


Larghezza Larghezza del piatto (parallela all'ala del profilo di
congiunzione).
Spessore Spessore del piatto.
Lunghezza Lunghezza della piatto (parallela all'anima del profilo di
congiunzione).
Orizzontale Numero di fori in direzione della larghezza del piatto.
Verticale Numero di fori in direzione della lunghezza del piatto.
Diametro Diametro del bullone.
Bullone Tipo del bullone.
Nervature Sono richieste nervature per questa congiunzione.
Imbottiture Sono richiesti piatti d'imbottitura per questa congiunzione.

Pag. B.16 - 15

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Congiunzioni con i Piatti

Irrigidimenti È richiesto un irrigidimento per questa congiunzione.


Offset È richiesto un offset del piatto nei lati del profilo.
Af Spessore della saldatura nell'ala.
As Spessore della saldatura nell'anima.
Tensione, Taglio Carico massimo della congiunzione.

Giunti resistenti al taglio


Il significato degli inserimenti nei campi di dati corrisponde a quelli per le
congiunzioni resistenti al momento in modo che si può fare riferimento a questo
capitolo per informazioni.

Pag. B.16 - 16

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Congiunzioni con i Piatti

B.16.3 Congiunzioni definite dall'Utente

Vengono registrati nel database solo i dati per piatti resistenti al momento e al
taglio; si può anche creare un database contenente congiunzioni con piatti
definite dall'utente e poi selezionare quelli salvati usando un elenco.
In principio, questo aveva l'obiettivo di salvare e poi selezionare piatti liberi con
la funzione template. Le congiunzioni con i piatti definite dall'utente possono
mostrare più chiaramente una quantità più grande di dati in una struttura
organizzata perchè tutti i parametri sono visibili nella vista. Si può anche
processare o esportare i dati con ogni editor di DBASE standard.

SUGGERIMENTO: Trarre vantaggio da questa opzione creando un


database con congiunzioni frequentemente utilizzate e forse specifiche
per aziende, che sono sempre disponibili per ogni utente.

Da quando il dialogo ed il processo dopo la creazione del database è quasi


identico, -eccetto per la selezione- a quello per i piatti resistenti al momento, si
può fare riferimento a questo capitolo per le rappresentazioni delle impostazioni
(vedi "Giunti Resistenti al Momento"). Nel supplemento tecnico è indicato come
creare il database, altrimenti chiedere al distributore di ProSteel 3D.

Pag. B.16 - 17

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Congiunzioni con i Piatti

Pag. B.16 - 18

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Piatti di Base Secondo DSTV

B.17 Piatti di Base Secondo DSTV

Con questo comando si possono assegnare piatti di base alle colonne secondo
le normative di tutte le congiunzioni standard usate nell'industria di costruzioni in
acciaio (DAST). Indicando una distanza addizionale, si ha anche la possibilità di
creare piatti di base con 4 fori. In aggiunta, si può definire un'altra serie di fori
assumendo ogni tipo di foratura.

Inserimento dei Piatti di Base


Dopo avere selezionato una colonna ed inserito le condizioni limite (es. carico di
resistenza, classe di calcestruzzo, ecc.) viene visualizzata una lista di piatti di
base opportuni. Selezionare un piatto dalla lista e ProSteel 3D esegue
automaticamente il processo completo per creare il piatto di base.
Quando si ha accesso a tutte le dimensioni dei piatti, si possono modificare i
valori definiti in ogni momento. Sono anche possibili giunti obliqui sulle colonne.
Notare che i dati concernenti i carichi di resistenza, si riferiscono alle colonne
verticali ed ai giunti secondo la normativa DAST!

Pag. B.17 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Piatti di Base Secondo DSTV

Layout

Colonna selez. La selezione del profilo elaborata al momento.


Larghezza piatto Larghezza del piatto di base.
Altezza piatto Lunghezza del piatto di base.
Spessore piatto Spessore del piatto di base.
Imbottitura Spazio tra il "Piatto di Base" e il lato inferiore del piatto di
base. Una volta inserita la colonna ed il "Piatto di Base", le
dimensioni vengono corrette in automatico.

Opzioni
Piatto allineato al profilo
Se si attiva questa opzione, il piatto viene sempre inserito
perpendicolarmente all'asse della colonna. Se la colonna
viene inclinata nello spazio, anche il piatto viene inclinato.
Accorcia colonna La colonna viene accorciata del valore inserito.

Pag. B.17 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Piatti di Base Secondo DSTV

Gruppo La colonna ed il piatto vengono combinati per formare un


gruppo.
Piatto poli Il piatto di base viene creato come piatto poli non come profilo
piatto.

Fori

Fori interni
Dist. Orizzontale Distanza dei fori interni sull'asse X del profilo.
Dist. Verticale Distanza dei fori interni sull'asse Y del profilo.
Diametro foro Diametro di fori interni.

Fori esterni
Dist. Orizzontale Numero di fori orizzontali e distanza orizzontale dei fori
esterni.
Dist. Verticale Numero di fori verticali e distanza verticale dei fori esterni.
Diametro foro Diametro dei fori esterni. Essi vengono creati solo se entrambi
gli assi hanno un inserimento valido.

Pag. B.17 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Piatti di Base Secondo DSTV

Giunti

In questa scheda si eseguono le impostazioni dei tirafondi e saldature. I tirafondi


vengono visualizzati solo come simboli e non possono essere visualizzati dopo
la derivazione come disegni 2D reali.

Bulloni
Tirafondi con simbolo
I tirafondi vengono inseriti nei fori interni.
Nome Definizioni dei tirafondi per la distinta di elementi, questo
nome può contenere due variabili, $(ID) per diametro interno
e $(OD) per diametro esterno.
Tirafondi esterni I tirafondi vengono inseriti anche nei fori esterni, se definito.
Tirafondi I tirafondi vengono creati come solidi.
Campo input File database da cui ottenere la definizione dei tirafondi.
In distinta bulloni I tirafondi vengono inseriti nella distinta bulloni.
Non 2D I tirafondi non vengono inseriti nel Centro Disegni Esecutivi

Impostazioni saldature
Stile saldatura Nome dello stile per le saldature.
Salda Ali Le saldature vengono inserite sulle ali del profilo.

Pag. B.17 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Piatti di Base Secondo DSTV

Spessore Inserisce uno spessore di saldature diverso dello stile, se


indicato.
Salda Anima Le saldature vengono inserite nell'anima del profilo.
Spessore Inserisce uno spessore di saldature diverso dello stile, se
indicato.

Definizioni Standard
Gli inserimenti dal database vengono salvati per determinati profili DIN. Se si
seleziona un profilo avente queste impostazioni, vengono visualizzati in questa
scheda. Si può modificare la selezione tramite differenti criteri di selezione.
Vengono visualizzati solo dati corrispondenti a tali criteri.

Carico Inserire il carico massimo che il piatto può supportare. Il


programma cerca gli inserimenti adeguati a questo carico.
Diametro foro Diametro del foro per i tirafondi.
Classe C. Classe del calcestruzzo

Pag. B.17 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Piatti di Base Secondo DSTV

Selezionare i dati visualizzati cliccando su di esso. Tutti i dati vengono impostati


in modo conforme. Notare che vengono impostate solo le dimensioni del piatto
ed i fori interni. Le altre impostazioni non vengono modificate.

Tirafondo
Inoltre, è possibile specificare il tipo di tirafondo da inserire.

Si può modificare la creazione del tirafondo modificando i valori del diametro,


della lunghezza e della chiave.

Assegnato

Come nel caso di ogni finestra di dialogo che crea elementi, anche qui è
possibile effettuare tutte le assegnazioni individuali per ogni profilo in modo
diretto. Selezionare l'elemento e poi le impostazioni.

Pag. B.17 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunti angolari

B.18 Giunti angolari

Riga di Comando: PS_ WEB_ANGLE

Questo comando crea giunti angolari su tre tipi di profili IPE, HEA e HEB.
Vengono inseriti due angolari, l'uno opposto all'altro, alla fine del profilo. Il profilo
da giuntare viene tagliato ad una certa lunghezza dopo la selezione dei
parametri. Il giunto completo di fori e bulloni viene eseguito in automatico. Si
possono selezionare anche giunti angolari secondo le norme standard DAST.

Crea Giunti angolari


Selezionare prima il profilo da giuntare e poi il profilo di supporto. Premere
INVIO o il tasto destro del mouse, se non esiste il profilo di supporto. Il comando
"Giunto angolare" mantiene memorizzate le ultime impostazioni eseguite. Nella
finestra di dialogo che appare, le dimensioni possono essere modificate ed i
risultati verificati nel modello.

Profili

Pag. B.18 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunti angolari

Classe Profilo Specifica il tipo di profilo da utilizzare. Possono essere


selezionati solo profili angolari.
Piatto Gli angolari vengono create da un piatto piegato invece di
utilizzare un angolare. Inserire le dimensioni del piatto: “Lato
breve”, ”Lato lungo”, “Spessore”, “Raggio di curvatura”. Il
software determina la dimensione corretta del piatto.
Sel. Posizione Determina il lato del profilo (Sinistro o Destro) da giuntare
all’angolare. Se è stato selezionato “Entrambi i lati”, vengono
inserite gli angolari in entrambi i lati dell'anima.
Ruota profilo Vengono invertile le ali lunghe con le ali corte dell’angolare in
modo che il lato lungo venga posizionato lungo il profilo di
supporto.
Spazio Distanza tra l’angolare e l’anima del profilo di supporto.
Distanza lato Distanza tra l'anima del profilo da giuntare e l’angolare.
Offset Vert. Distanza di spostamento degli angolari rispetto l'asse del
profilo da giuntare, in alto o a verso destra (secondo la
posizione). Un inserimento negativo causa uno spostamento
nella direzione opposta.
Rif. Lato Sup. L'offset verticale è riferito dal lato superiore del profilo fino al
lato superiore dell’angolare.
Lato Inf. L'offset verticale è riferito dal lato inferiore del profilo fino
all’angolare invece che al lato superiore.
Rif. Bullone L'offset verticale è riferito al centro del primo bullone invece
che ai lati dell’angolare.

Pag. B.18 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunti angolari

Distanze

Numero (Tutte le direzioni)


N. Dir. Long. Numero di fori in verticali nell’angolare.
N. Dir. Long. Numero di fori nel lato lungo dell’angolare.
N. Dir. Long. Numero di fori nel lato corto dell’angolare.

Distanze (Tutte le direzioni)


Distanze interne Queste distanze si riferiscono al lato esterno dell’angolare in
ogni direzione. Inserendo un valore nel campo “Asse asola” è
possibile inserire foro asolato.
Dist. Intermedia Interasse tra i fori in ogni direzione.

Pag. B.18 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunti angolari

Giunti

Impostazione Bulloni
Stile Bullone Elenco degli stili dei bulloni disponibili.
Dm Diametro del bullone per il giunto.
Gioco Gioco del foro.
Offset diagonale Offset verticale tra il bullone del profilo del giunto e il bullone
del profilo di supporto.
Spazio Distanza tra l’angolare e l’anima del profilo di supporto.
Permette di editare lo stile bullone o per crearne uno di nuovo.

Impostazione Saldatura
Stile saldatura Elenco degli stili di saldatura.
Salda Si può specificare quale continuazione deve essere creata nel
modello tramite Salda lato profilo o Salda lato giunzione. Lo
spessore delle differenti saldature viene specificato nei
corrispondenti campi d'inserimento.
Permette di editare lo stile di saldatura o per crearne uno di
nuovo.

Pag. B.18 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunti angolari

Sagoma
Aggiunge una sagoma al profilo da giuntare, inserendo i parametri che la
definiscono.

Sagoma Seleziona un template della sagoma.


Sagoma Profilo Sagoma il profilo del giunto se interferisce con l’angolare. Si
può selezionare il lato superiore, il lato inferiore o entrambi.
Specifica lo spazio per la sagoma nel campo “Spazio”.
Permette di editare lo stile della sagoma o per crearne uno di
nuovo.
Sagoma di sicur. Specifica se deve essere eseguita una sagoma di sicurezza
nell’angolare indicando in quale lato.

Pag. B.18 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunti angolari

Standard
Nell'elenco visibile sotto, si hanno tutte le tipologie standard disponibili nel
database. In questo elenco, si possono verificare i parametri base del giunto.

H(kN), Hz(kN) Seleziona un giunto secondo le normative. Inserendo i carichi


desiderati i giunti standard disponibili vengono visualizzati
nell'elenco di selezione.
Elenco In questo elenco vengono visualizzati i possibili giunti inseriti
nel database. Selezionando il giunto desiderato verranno
visualizzate le proprietà.
Inserimenti
Profilo Profilo del giunto.
Bullone Tipo di Bullone tilizzato.
Dm. Diametro del bullone usato.
Materiale Materiale dell’angolare.
Direzione profilo Numero dei fori lungo il profilo da giuntare.

Pag. B.18 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunti angolari

Dir. Trasversale Numero di fori trasversali nel profilo da giuntare.


W1,W2,W3,... Le distanze vengono descritte nella figura seguente.

Pag. B.18 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunti angolari

Gruppo

Gruppo Viene creato un gruppo.


Con Bulloni... Anche i bulloni e le saldature vengono aggiunte al gruppo.
Crea gruppo….. Crea un gruppo per ogni angolare inserito.

Assegnato
Come ogni finestra di dialogo che crea degli elementi, anche qui è possibile
assegnare direttamente ad ogni singolo profilo o elemento, un materiale, una
famiglia ecc. selezionando gli elenchi appropriati.

Pag. B.18 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunti angolari

Pag. B.18 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Piatti di appoggio

B.19 Piatti di appoggio

Riga di Comando: PS_SHEARPLATE

Questo comando crea un giunto con piatti di appoggio costituiti da profili piatti.
Se non si seleziona il profilo di supporto, vengono inseriti solo i piatti nel lato
finale del profilo da giuntare.
Dopo avere indicato i parametri, il profilo da giuntare viene adeguatamente
accorciato e il giunto viene creato automaticamente includendo i fori e i bulloni.
Si possono anche selezionare giunti da un database editabile.

Creazione di giunti con piatti di appoggio


Selezionare prima il profilo da giuntare e poi il profilo di supporto, ognuno nel
punto di giunzione (o premere il tasto INVIO o il tasto destro del mouse se non
esiste alcun profilo di supporto).
Dopo aver creato il giunto apparirà una finestra di dialogo con le ultime
impostazioni usate per questo tipo di giunto. In questa finestra è possibile
stabilire le dimensioni e verificare i risultati immediatamente nel modello.

Profili

Pag. B.19 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Piatti di appoggio

Spessore Spessore del piatto.


Taglia piatto Il piatto viene tagliato al profilo di supporto nel caso di profili
obliqui (vedi fig.1).
Perpendicolare al piano
Il piatto non viene inserito in direzione del profilo, ma sempre
perpendicolarmente al profilo di supporto (vedi fig.2).
fig.1 fig.2

Utilizza piatti-poli Vengono inseriti piatti-poli invece che profili piatti.


Seleziona posizione
Specifica su quale lato del profilo del giunto saranno inseriti i
piatti. Se si seleziona “Entrambi”, i piatti vengono inseriti ad
entrambi i lati dell'anima.
Rif. Lato Sup. L'offset verticale viene riferito dal lato superiore del profilo a
quello superiore del piatto.
Lato Inf. L'offset si riferisce al lato inferiore del profilo.
Rif. Bullone L'offset verticale si riferisce al centro del primo foro.
Spazio Distanza dal lato esterno del profilo di supporto al lato esterno
del profilo da giuntare.
Offset Vert. Distanza verticale o verso destra e sinistra (a seconda della
posizione) tra l’asse del piatto e l’asse del profilo da giuntare.
Valori negativi comportano un offset opposto.

Pag. B.19 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Piatti di appoggio

Distanze

Direzione trasversale profilo


Numero Numero di fori in direzione del profilo.
Offset finale int. Distanza dal bordo del piatto al primo bullone esterno in
direzione del profilo.
Offset lato giunto Distanza dal bordo del piatto al primo bullone esterno nel lato
del giunto in direzione del profilo.
Dist. Intermedia Distanza tra due fori nella direzione del profilo del giunto.

Distribuzione trasversale
Numero Numero di fori in direzione del profilo trasversale.
Distanza lato Distanza dai fori al lato esterno del piatto.
Dist. Intermedia Distanza tra due fori in direzione trasversale del profilo.

Pag. B.19 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Piatti di appoggio

Giunti

Impostazione Bulloni
Bulloni Elenco degli stili di bulloni disponibili.
Dm Diametro del bullone per il giunto.
Gioco Gioco del foro.
Permette di editare lo stile del bullone o per crearne uno
nuovo.

Impostazione Saldature
Stile saldatura Elenco degli stili di saldature disponibili.
Salda Specifica quale saldatura deve essere creare nel modello
usando l'opzione “Salda lato profilo” o Salda lato anima”. Lo
spessore delle differenti saldature viene specificato nei
corrispondenti campi d'inserimento.
Permette di editare lo stile di saldatura o per crearne uno
nuovo.

Pag. B.19 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Piatti di appoggio

Sagoma
Inoltre è possibile sagomare il profilo di congiunzione. Inserire i parametri in
questa finestra di dialogo.

Sagoma Seleziona una sagoma salvata o inserire i dati direttamente.


Sagoma Profilo Specifica come il profilo di congiunzione deve essere
sagomato. E’ possibile selezionare il Lato Superiore, Lato
Inferiore o Entrambi.
Spazio Definisce lo spazio necessario.

Pag. B.19 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Piatti di appoggio

Standard
Nell'elenco visibile sotto, si hanno tutte le tipologie standard disponibili nel
database. In questo elenco, si possono verificare i parametri base del giunto.

H(kN), Hz(kN) Seleziona un giunto secondo le normative. Inserendo i carichi


desiderati i giunti standard disponibili vengono visualizzati
nell'elenco di selezione.
Elenco In questo elenco vengono visualizzati i possibili giunti inseriti
nel database. Selezionando il giunto desiderato verranno
visualizzate le proprietà.

Pag. B.19 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Piatti di appoggio

Inserimenti

Simbolo Simbolo della congiunzione


Spessore Spessore del piatto
Materiale Materiale
Dm Il diametro dei bulloni utilizzati
Bullone Il tipo di bulloni utilizzati
Dir. Profilo Numero di fori lungo il profilo da giuntare.
Dir. Trasversale Numero di fori in direzione perpendicolare (trasversale) del
profilo da giuntare.
MaH, MaHz Carichi massimi per questo giunto.
W1, W2, W3,... La seguente figura mostra il significato delle distanze:

Pag. B.19 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Piatti di appoggio

Forma Gruppo

Gruppo Viene creato un gruppo.


Con Bulloni... Anche i bulloni e le saldature vengono aggiunte al gruppo.
Crea gruppo per ogni piatto
Viene creato un gruppo per ogni piatto d'appoggio inserito.

Assegnato
Come ogni finestra di dialogo che crea degli elementi, anche qui è possibile
assegnare direttamente ad ogni singolo profilo o elemento, un materiale, una
famiglia ecc. selezionando gli elenchi appropriati.

Pag. B.19 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Coprigiunti

B.20 Coprigiunti

Questo comando permette di giuntare due profili con il coprigiunto sull'anima o


sull'ala. Entrambi i profili devono essere allineati rispetto alle facce esterne. Se
non si seleziona il secondo profilo, il software richiede un punto sul primo profilo,
dove il profilo viene diviso e creato il coprigiunto. Il profilo da congiungere viene
tagliato adeguatamente e i fori e i bulloni vengono inseriti in automatico. E’
possibile anche selezionare i giunti dal database.

SUGGERIMENTO: si consiglia di utilizzare le impostazioni di default, salvando


le congiunzioni ricorrenti per riutilizzarle successivamente. Nel caso che si tratti
di molti giunti diversi, si raccomanda di utilizzare il database con i tipi definiti
dall'utente.

Pag. B.20 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Coprigiunti

Opzioni

Spazio Distanza tra i due profili.


Bulloni Elenco degli stili di bulloni disponibili.
Dm Diametro del bullone per il giunto.
Gioco Gioco del foro.
Sopra Vengono inseriti i piatti nella parte superiore del profilo.
Sotto Vengono inseriti i piatti nella parte inferiore del profilo.
Lato saldato Viene eseguita una giunto saldatola un lato saldato.
Interno sopra Viene aggiunto un altro piatto nella parte superiore interna.
Interno sotto Viene aggiunto un altro piatto alla parte inferiore interna.
Diagonale Permette di saldare due piatti diagonalmente opposti, se è
attiva l’opzione “Lato saldato”.
Sinistra Viene inserito il piatto in anima nella parte sinistra del profilo.
Destra Viene inserito il piatto in anima nella parte destra del profilo.
Gruppo I piatti del giunto vengono assegnati ad un gruppo insieme al
profilo da giuntare. Se il profilo appartiene già ad un altro
gruppo, i piatti vengono assegnati al gruppo stesso.
Con bulloni I bulloni vengono aggiunti al gruppo.

Pag. B.20 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Coprigiunti

Sopra/Sotto
Nella seconda scheda, si possono definire le impostazioni inferiori e superiori
del giunto.

N.Dir.Long. Indica il numero di bulloni in direzione profilo.


Dist. lato esterno Indica la distanza dal lato esterno del piatto al primo bullone
Dist. lato interno Indica la distanza dal punto iniziale del profilo al primo bullone.
Dist. intermedia Indica la distanza tra un bullone l'altro.
N.Dir. Trasv. Indica il numero di bulloni in direzione trasversale del profilo.
Dist. lato esterno Indica la distanza dal lato esterno del piatto al primo bullone.
Dist. interna Indica la distanza tra un bullone l'altro.
Dist. intermedia Se ci sono più di 2 bulloni in direzione trasversale, questo
valore indica la distanza tra i due bulloni esterni.
Spessore Spessore del piatto.
Offset Vert. Questo valore sposta i piatti in direzione trasversale al profilo.
Saldatura Se si attiva questa opzione, non viene inserito nessun bullone
o foro, ma gli elementi vengono saldati tra di loro.
As Spessore della saldatura il quale sostituisce quello dello stile
selezionato.
Stile Saldatura Seleziona lo stile di saldatura da usare.

Pag. B.20 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Coprigiunti

Pag. B.20 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Coprigiunti

Sinistra/Destra
Nella terza scheda si possono definire le impostazioni a destra e a sinistra del
giunto.

N.Dir.Long. Indica il numero di bulloni in direzione del profilo per ogni lato.
Dist. lato esterno Indica la distanza dal lato esterno del piatto al primo bullone.
Dist. lato interno Indica la distanza dal lato esterno del profilo al primo bullone.
Dist. Intermedia Indica la distanza tra un bullone e l'altro.
N.Dir.Trasv. Indica il numero di bulloni trasversali al profilo.
Dist. lato esterno Indica la distanza dal bordo del piatto ai bulloni più esterni.
Dist. Intermedia Indica la distanza tra un bullone e l'altro.
Dist. Intermedia Se ci sono più di 2 bulloni in direzione trasversale, questo
valore indica la distanza tra i due bulloni esterni.
Spessore Spessore del piatto.
Offset Vert. Questo valore sposta i piatti in direzione trasversale al profilo.
Saldatura Se si attiva questa opzione, non viene inserito nessun bullone
o foro, ma gli elementi vengono saldati tra di loro.
As Spessore della saldatura il quale sostituisce quello dello stile
selezionato.
Stile Saldatura Seleziona lo stile di saldatura da usare.

Pag. B.20 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Coprigiunti

Dati
In questo elenco vengono visualizzati i possibili giunti inseriti nel database.
Selezionando il giunto desiderato verranno visualizzate le proprietà.

Assegnato
Come ogni finestra di dialogo che crea degli elementi, anche qui è possibile
assegnare direttamente ad ogni singolo profilo o elemento, un materiale, una
famiglia ecc. selezionando gli elenchi appropriati.

Pag. B.20 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunto Arcarecci

B.21 Giunto Arcarecci

Riga di Comando: PS_PURLIN_CONN

Questa funzione consente il giunto di arcarecci con delle travi. Sono possibili
diversi tipi di giunti. Il giunto può essere anche ottenuto come giunto bullonato
standard, come giunto con una staffa creata da un profilo piatto piegato o come
giunto con un piatto o un profilo. Le assegnazioni possono essere gestite in un
data base per consentire la selezione dei giunti opportuni per le diverse
dimensioni dei profili (es. la dimensione corretta di una staffa). Quando si
seleziona il comando, tutte le specifiche del giunto vengono visualizzate nella
finestra di seguito.

Bulloni

N. Trasversali Numero dei fori in direzione trasversale dell'arcareccio.


Dist. Trasversale Distanza dell'interasse in caso di due o più fori.
N. Longitudinale Numero di fori in direzione del profilo dell'arcareccio.
Dist. long. Distanza dell'interasse in caso di due o più fori.
Bulloni Elenco degli stili di bulloni disponibili.
Dm Diametro del bullone per il giunto.
Gioco Gioco del foro.

Pag. B.21 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunto Arcarecci

Offset Indica un valore di offset per la bullonatura in direzione


longitudinale. Se si inseriscono valori positivi, i fori vengono
spostati in direzione del profilo dell'arcareccio con valori
negativi nella direzione opposta.
Elenco Ogni possibile campo del giunto nel database viene
visualizzato nell'elenco. Selezionare il giunto desiderato
cliccando su di esso. Nei singoli campi dell'elenco, vengono
visualizzati i dati del giunto selezionato.

Pag. B.21 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunto Arcarecci

Staffa

Fori Dimensioni della staffa e dei fori del giunto.


Il significato delle distanze viene visualizzato nella figura in
basso:

Bulloni Elenco degli stili di bulloni disponibili.


Dm. Diametro del bullone per il giunto tra la trave e la staffa.
Dm. Lato Diametro del bullone per il giunto tra staffa e arcareccio.
Gioco Gioco del foro.

Pag. B.21 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunto Arcarecci

Gruppo La staffa e la trave vengono aggiunti al gruppo. Se la trave


appartiene già ad un altro gruppo, la staffa viene aggiunta al
gruppo esistente.
Con bulloni Anche i bulloni vengono aggiunti al gruppo.
Altro lato La staffa viene attaccata al lato opposto dell’arcareccio.
Imbottitura Specifica le dimensioni dell’imbottitura. Questi piatti vengono
inseriti tra le travi e le staffe. Se si inserisce il valore 0, nessun
piatto di imbottitura verrà creato.
Offset Indica un valore di offset per la bullonatura in direzione
longitudinale. Se si inseriscono valori positivi, i fori vengono
spostati in direzione del profilo dell'arcareccio con valori
negativi nella direzione opposta.
Elenco Ogni possibile campo del giunto nel database viene
visualizzato nell'elenco. Selezionare il giunto desiderato
cliccando su di esso. Nei singoli campi dell'elenco, vengono
visualizzati i dati del giunto selezionato.

Pag. B.21 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunto Arcarecci

Piatto arcareccio

Fori Dimensioni del piatto e dei fori del giunto.


Il significato delle distanze viene visualizzato nella figura in
basso. Se si inserisce il valore 0 per w2, viene creato solo un
foro in direzione longitudinale dell'arcareccio.

Lunghezza – lunghezza del piatto in direzione dell'arcareccio.


Altezza – altezza del piatto in direzione verticale.
Spessore - spessore del piatto del giunto.
Bulloni Elenco degli stili di bulloni disponibili.
Dm Diametro del bullone per il giunto.

Pag. B.21 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunto Arcarecci

Gioco Gioco del foro.


Piatto di rinforzo Viene creato un piatto di rinforzo perpendicolare al piatto da
determinare separatamente.
Selezionare questa funzione per aprire la finestra in cui
verranno determinate le dimensioni del piatto di rinforzo.
Gruppo Il piatto e la trave vengono aggiunti al gruppo. Se la trave del
appartiene già ad un altro gruppo, il piatto viene aggiunto al
gruppo esistente.
Con bulloni Anche i bulloni vengono aggiunti al gruppo.
Altro lato Il piatto viene attaccato al lato opposto dell'arcareccio.
Saldato Il piatto viene saldato alla trave. Nel campo “Af”, è possibile
specificare lo spessore della saldatura e, nella lista di
selezione, si puo' indicare il tipo di saldatura.
Offset Indica un valore di offset per la bullonatura in direzione
longitudinale. Se si inseriscono valori positivi, i fori vengono
spostati in direzione del profilo dell'arcareccio con valori
negativi nella direzione opposta.
Elenco Ogni possibile campo del giunto nel database viene
visualizzato nell'elenco. Selezionare il giunto desiderato
cliccando su di esso. Nei singoli campi dell'elenco, vengono
visualizzati i dati del giunto selezionato.

Pag. B.21 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunto Arcarecci

Piatto di supporto aggiunto

Spessore Spessore del piatto di supporto.


Lunghezza Lunghezza del piatto di supporto in direzione del profilo.
Altezza Altezza del piatto di supporto in direzione verticale.
Smussatura interna/esterna
Inserisce le dimensioni orizzontali e verticali della smussatura
interna o esterna.
Saldato Il piatto viene saldato alla griglia del tetto. Nel campo Af si può
specificare lo spessore della saldatura, e nella lista di
selezione si può indicare il tipo di saldatura.

Pag. B.21 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunto Arcarecci

Profilo di arcareccio

Lunghezza Lunghezza del profilo in direzione dell'arcareccio.


Numero Numero di fori in direzione dell'arcareccio. Nel campo “W3” è
possibile indicare l’interasse nel caso di due o più fori.
Offset Distanza del foro nell'arcareccio.
Altezza Offset Distanza dei fori dalla trave.
Stile Bulloni Elenco degli stili di bulloni disponibili.
Dm Diametro del bullone per il giunto tra la trave e il profilo.
Dm Lato Diametro del bullone per il giunto tra il profilo e l'arcareccio.
Gioco Gioco del foro.
Verticale Il profilo viene posizionato verticalmente.
Ruota Il profilo viene ruotato di 90° intorno l'asse longitudinale.
Gruppo Il profilo e la trave vengono aggiunti al gruppo. Se la trave
appartiene già ad un altro gruppo, il profilo viene aggiunto al
gruppo esistente.
Con bulloni Anche i bulloni vengono aggiunti al gruppo.
Altro lato Il profilo viene attaccato al lato opposto dell'arcareccio.

Pag. B.21 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunto Arcarecci

Imbottitura Specifica le dimensioni dell’imbottitura. Questi piatti vengono


inseriti tra le travi e i profili. Se si inserisce il valore 0, nessun
piatto di imbottitura verrà creato.
Offset Indica un valore di offset per la bullonatura in direzione
longitudinale. Se si inseriscono valori positivi, i fori vengono
spostati in direzione del profilo dell'arcareccio con valori
negativi nella direzione opposta.
Tipo profilo Selezionare il profilo da utilizzare per il giunto. E’ possibile
utilizzare anche profili speciali.

Elenco Ogni possibile campo del giunto nel database viene visualizzato
nell'elenco. Selezionare il giunto desiderato cliccando su di esso. Nei singoli
campi dell'elenco, vengono visualizzati i dati del giunto selezionato.

Pag. B.21 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunto con fazzoletto

B.22 Giunto con fazzoletto

Riga di Comando: PS_GUSSET_PLATE

Questo comando è usato per creare una piatto che unisce diversi profili tra di
loro. La forma viene perfettamente definita sulla base dei profili da unire e i
successivi bordi che delimitano il contorno del piatto. I profili e i piatti vengono
automaticamente forati e uniti tra loro tramite i bulloni. Per creare il giunto,
bisogna prima selezionare il profilo da congiungere e poi selezionare anche i
successivi profili che servono come bordi per delimitare la forma del piatto. Per
esempio si possono unire tre profili con una colonna usando questo giunto ed è
garantito che il piatto verrà inserito in modo corretto nell'anima della colonna.

Spessore piatto Specifica lo spessore del piatto.


Stile Bulloni Seleziona lo stile dei bulloni.
Dm Indica il diametro del foro.
Gioco Indica il gioco del foro.
Offset Specifica l'offset dei piatti al di fuori delle dimensioni calcolate.
Posizione piatto Specifica la posizione del piatto da creare rispetto ai profili da
unire. Se si seleziona “Centro Piatto”, il piatto viene creato nel
centro dei profili. Se si seleziona “Piatto Sup.” e/o “Piatto Inf.”,
viene creato un piatto sul lato superiore e/o su quello inferiore
dei profili, a seconda della selezione. Quindi è possibile unire
profili anche con due piatti.

Pag. B.22 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunto con fazzoletto

Profilo Limitante Non è il lato di un profilo limitante situato accanto al fazzoletto


che viene usato come linea di confine, ma la linea opposta.
Quindi è possibile disegnare un fazzoletto in modo che si
sovrapponga es. all'ala completa del profilo limitante.
Saldato I profili e il piatto non vengono forati. Quindi è possibile
combinarli l'un l'altro usando una saldatura.
Forma Gruppo Viene formato un gruppo sulla base del fazzoletto e dei profili
connessi.
Con Bulloni I bulloni del profilo da congiungere vengono anche aggiunti a
quel gruppo.
Aggiunge altri profili al piatto. La forma del piatto viene
calcolata nuovamente e i nuovi profili vengono giuntati.
Rimuove un profilo dal giunto.

Aggiunge altri profili come bordi per delimitare la forma del


piatto.
Rimuove un bordo che delimita la forma del piatto.

Pag. B.22 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Giunto con fazzoletto

Opzioni Distanze Fori

N.fori longitud. Numero di fori in direzione del profilo.


1.Lato-1*Foro Distanza dal lato del profilo al primo foro.
2.Foro-Foro Distanza interna tra i fori in direzione profilo.
3.1*Foro-Lato Distanza dall'ultimo foro al lato del piatto.
N.fori trasv. Numero dei fori in direzione trasversale del profilo.
4.Dist. Distanza intermedia dei fori in direzione trasversale del profilo.
Inserimento foro Posizione di inserimento dei fori.

Notare che si possono indicare tutte le distanze anche come valori assoluti o
multipli del diametro del bullone. Inserire es. *2 per il doppio valore del diametro
del bullone.

Assegnato
Come nel caso della finestra di dialogo che crea elementi, anche qui è possibile
ottenere tutte le assegnazioni direttamente per ogni singolo profilo. Selezionare
l'elemento e poi selezionare le impostazioni.

Pag. B.22 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Controvento

B.23 Controvento

Riga di Comando: PS_BRACING

Questo comando è di supporto quando devono


essere creati vari tipi di controvento. Si possono
aggiungere nei profili, fori e disegnare i piatti dei
giunti.

Il software inserisce sempre i controventi nell’UCS corrente. Prima di inserire i


controventi nello schema corretto creare nel modello gli assi di inserimento. Al
contrario del controvento dinamico, questo controvento quando si eseguono
delle modifiche, queste non vengono visualizzate in modo dinamico. Questa
tipologia crea dei controventi individualmente pezzo dopo pezzo.

Pag. B.23 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Controvento

B.23.1 Impostazioni

Profili

Tipo profilo Seleziona il tipo di profilo da utilizzare.


Risoluzione Specifica la risoluzione del profilo.
Classe profilo Seleziona la classe di profilo.
Dim. profilo Seleziona la dimensione del profilo.
Posizione UCS Seleziona la posizione dei piatti e poi delle aste rispetto
all’UCS corrente.

Layout asta Determina la posizione dell'asta rispetto al piatto. "Lato


frontale" inserito sull'asse Z positivo, "Lato posteriore" inserito
sull'asse Z negativo, "Entrambi i lati" inserito su entrambi i lati,
"Centro" il piatto è posizionato al centro dell'asse.
Posizione asta Specifica la posizione dell'asta rispetto all’asse d'inserimento.
Opzioni possibili: “Centro”, “Baricentro”, “Truschino”.

Pag. B.23 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Controvento

Rotazione Determina la rotazione dell’asta di ±90 gradi. La modifica è


visibile nella grafica a lato.
Specchia Determina se l’asta viene specchiata rispetto il suo asse di
inserimento. Lo modifica è visibile nella grafica a lato.
Spessore piatto Spessore del piatto.

Giunti

Stile Bullone Elenco degli stili di bulloni disponibili.


Dm Diametro del bullone per il giunto.
Gioco Gioco del foro.
N.Dir.Long. Numero di fori nella direzione longitudinale dell’asta.
N.Dir.Trasv. Numero di fori nella direzione trasversale dell’asta.
Posizione fori Determina la posizione dei fori nell'asta.
Dist. trasversale Interasse tra i fori nella direzione trasversale.
Saldato I fori nei profili e nei piatti non vengono inseriti. Le dimensioni
dei piatti, vengono determinate dai parametri di foratura.
Piatto senza lato I piatti vengono creati senza smusso.
Gruppo Vengono creati gruppi per ogni asta.
Con bulloni I bulloni vengono aggiunti al gruppo.

Pag. B.23 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Controvento

Distanza
La terza scheda vengono determinate le distanze di foratura in base al diametro
del bullone.

Elenco Per modificare l’elenco delle distanze di foratura selezionare


la riga desiderata.
Lato – 1. foro Distanza dal bordo del profilo al primo foro .
Foro – Foro Interasse dei fori.
Foro – Lato Distanza dal bordo del piatto al foro più esterno.
Dist. dal bordo Specifica la distanza minima tra l’asta e i bordi selezionati.
Accorcia asta Specifica con quale valore le aste devono essere accorciate
dopo il loro inserimento. Di conseguenza l'asta è in tensione.

Pag. B.23 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Controvento

B.23.2 Inserimento degli elementi del controvento

Si possono creare automaticamente e individualmente sia le aste che i piatti del


controvento. Vengono descritte in seguito le opzioni di inserimento.

CONTROVENTO COMPLETO
Crea un controvento completa di aste e piatti. Questa funzione non è
adatta per unire più aste con tipologie di controvento diverse. In questo
caso si dovrebbero usare le funzioni individuali.

SOLO ASTE
Inserisce le singole aste di controvento con le specifiche inserite nella
finestra di dialogo.

FORARE ASTE
Crea le forature alle estremità delle aste selezionate con le specifiche
inserite nella finestra di dialogo.

PIATTO AUTOMATICO
Crea un piatto del giunto automaticamente. Selezionare le aste con cui
si devono creare i piatti del giunto, in seguito selezionare i bordi che
determinano i lati del piatto.

PIATTO MANUALE
Crea un piatto manuale. Selezionare le aste con cui si devono creare i
piatti del giunto, e specificare un punto alla fine del controvento. In
seguito vengono visualizzate delle linee di costruzione, posizionate in
base ai parametri delle distanze di foratura. Queste linee servono come “Guida”
per la creazione manuale del piatto.

IMPOSTA UCS
Permette di allineare l'UCS prima di usare il comando descritto in
precedenza: il piano dell’UCS viene determinato specificando 3 punti.

Pag. B.23 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Controvento

B.23.3 Creando un Controvento

Inseriamo un controvento di copertura con le diagonali incrociate senza il piatto


al centro.

Seleziona la posizione dell’UCS al centro, determina la


posizione del profilo, le impostazioni dei bulloni, lo spessore
del piatto, ecc. Poiché le due aste sono incrociate, seleziona
il layout dell'asta "Lato frontale". Dopo aver selezionato il
tasto per la creazione del controvento selezionate uno dei
due assi dell'asta (vedi fig. a lato).

In seguito, selezionate la linea interna del profilo


(vedi fig. a sinistra), questo vi permetterà di
determinare uno dei bordi che delimiterà il
perimetro del piatto. Ripetere la stessa operazione
sulla parte opposta dell'asta. Se selezionate una
linea errata, con la lettera “I” (Indietro) è possibile
annullare la selezione. Dopo aver selezionato
entrambi i bordi con il tasto INVIO confermate la
selezione e vi apparirà una finestra di dialogo dove
potete definire la lunghezza corretta dell’asta.

Piatti
Dopo che l’asta è stata creata vi verranno chiesti in sequenza ulteriori bordi che
delimiteranno il perimetro del piatto (vedi fig. sotto per alcuni esempi).

La seconda asta verrà creata allo stesso modo,


modificando il layout dell'asta in “Lato posteriore”,
questo per evitare la sovrapposizione delle aste.
Per creare il piatto centrale, bisogna prima dividere,
accorciare e forare le aste manualmente e poi creare
un piatto usando il comando “Piatto automatico” o
“Piatto manuale”.

Pag. B.23 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Rinforzi

B.24 Rinforzi

Riga di Comando: PS_VOUTE

ProSteel 3D crea automaticamente dei rinforzi selezionando due profili o due


punti nella linea di costruzione. Ad esempio, dopo aver inserito una colonna e
una trave, è possibile inserire dei rinforzi ed aggiungere delle nervature
addizionali nei due profili. Questi rinforzi poi possono anche essere assegnati ai
gruppi corrispondenti (vedi comando “Gruppi”).
Questo comando permette anche la creazione di rinforzi conici, ad esempio,
adattando l'ala superiore ed inferiore del rinforzo alla colonna o al profilo di
congiunzione.

Ala superiore Larghezza e spessore dell'ala superiore del rinforzo.


Ala inferiore Larghezza e spessore dell'ala inferiore del rinforzo.
Spessore Spessore dell'anima del rinforzo.
Profilo tagliato Selezionando questa opzione, il rinforzo non viene creato da
piatti individuali, ma da un profilo tagliato. La dimensione del
profilo corrisponde al profilo del giunto; tutte le altre
dimensioni vengono ignorate. Nel campo a lato, si può
specificare la distanza dall'ala inferiore alla fine del profilo
tagliato (analogo a “Alt.Finale”).

Pag. B.24 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Rinforzi

Nervatura inferiore
Inserisce una nervatura nel profilo che definisce la colonna. Si
può selezionare, dall'elenco, la nervatura salvata come
template oppure editare o creare direttamente una nervatura
con il tasto corrispondente.
Nervatura superiore
Inserisce una nervatura nel profilo che definisce la trave. Si
può selezionare, dall'elenco, la nervatura salvata come
template oppure editare o creare direttamente una nervatura
con il tasto corrispondente.
Lunghezza… Nella figura a lato, si possono osservare i singoli campi per la
“Lunghezza”, “Pendenza tetto”, “Alt. Iniziale”, “Alt. Finale” e
“Offset”.
Una modifica nel campo “Pendenza” ha effetto se è stato
creato un rinforzo senza profili. Nel campo input Larghezza
Cono si inserisce una riduzione della larghezza del profilo, se
richiesta.
Gruppo L'ala superiore, inferiore e l'anima sono aggiunte al gruppo.
Rinforzi Non viene creata nessuna ala superiore.

Cono Crea un rinforzo conico adattando la larghezza delle ali alla


colonna ed al profilo di congiunzione.

Adatta La larghezza delle ali viene adattata al profilo da congiungere.


Gli inserimenti in questi campi vengono, in questo caso,
ignorati.

Pag. B.24 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Rinforzi

Ruota Questa opzione capovolge il rinforzo dall’ala inferiore all’ala


superiore e viceversa.
Permette di selezionare le informazioni da un profilo esistente
per trasferirle al rinforzo.

Creazione dei giunti con i rinforzi


Quando si usa il comando giunto con il rinforzo, selezionare prima il profilo da
congiungere e poi il profilo di supporto. Se si preme il tasto ALT, mentre si
seleziona il profilo di supporto, il rinforzo viene creata direttamente nel lato
inferiore. Premendo invece INVIO o il tasto destro del mouse, nessuna colonna
viene considerata e quindi verrà creato un semplice rinforzo..

Definizione libera delle posizioni per i rinforzi


Un'altra opzione è quella di specificare una posizione definita dall'utente per il
rinforzo. Premere il tasto ESC dopo aver selezionato il comando. Il software
richiede il punto di intersezione tra il bordo e l'ala superiore del rinforzo
(considera di usare il punto virtuale d'intersezione senza Z). Alla fine, definire la
direzione approssimativa del rinforzo. Il rinforzo verrà creato nella posizione
specificata e si può effettuare dinamicamente qualsiasi impostazione nella
finestra di dialogo. Ogni adattamento del profilo va eseguito manualmente.

Assegnato
Come nel caso della finestra di dialogo che crea elementi, anche qui è possibile
ottenere tutte le assegnazioni direttamente per ogni singolo profilo. Selezionare
l'elemento e poi selezionare le impostazioni.

Pag. B.24 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Editor Giunti

B.25 Editor Giunti

Riga di Comando: PS_EDIT_CONNECTIONS

ProSteel 3D permette di editare e modificare tutte le congiunzioni di una


costruzione in modo semplice e chiaro. Una finestra di dialogo di per la modifica
è disponibile per tale scopo.

Se si seleziona la funzione digitando il comando o cliccando il tasto


CONGIUNZIONI, bisogna prima selezionare tutti gli elementi le cui congiunzioni
vanno editate. Poi, questi elementi vengono visualizzati con un colore uniforme
(per un migliore orientamento) e tutti gli altri elementi vengono nascosti. Se
esiste una congiunzione tra gli elementi selezionati, la congiunzione viene
visualizzata con un colore (così si evita la ricerca della congiunzione tramite le
proprietà del profilo). Dopo aver selezionato il comando "PS3D Proprietà", si
apre la seguente finestra di dialogo; le modifiche, comunque, non sono valide se
non si digita il comando una seconda volta.

Pag. B.25 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Rinforzi

Visualizza
Lunghezza Specifica la lunghezza della freccia 3D come simbolo della
congiunzione.
La direzione della freccia mostra l'elemento della giunzione
Diametro Specifica il diametro della freccia 3D come simbolo della
congiunzione.
Colore Specifica il colore degli elementi come colore AutoCAD.
Poiché la costruzione serve solo per il proprio orientamento,
bisognerebbe selezionare un colore "leggero" in modo che i
simboli possano essere facilmente riconosciuti. I simboli
vengono visualizzati in verde, rosso e giallo.

Opzioni
Nascondi... Gli oggetti selezionati vengono nascosti per permettere una
vista chiara. Si possono nascondere griglie ed elementi
strutturali (le linee di costruzione di elementi strutturali).
I bulloni vengono sempre nascosti.
Giunti Standard Tutti i giunti standard vengono visualizzati come simboli.
Queste sono congiunzioni normali come flange, etc. che sono
integrate in ProSteel 3D.
Giunti a Taglio Vengono visualizzati tutti i giunti a taglio. Questi sono i tagli
all'oggetto o i tagli obliqui.
Giunti COM Vengono visualizzate tutte le congiunzioni esterne realizzate
tramite COM-PlugIn‘s.
Cancella anche elementi del giunto
Quando un giunto viene cancellato, anche tutti gli elementi
generati da questo giunto verranno cancellati.

Comandi di dialogo

CANCELLA
Cancella completamente i giunti selezionati; vengono cancellati anche
tutti gli elementi (flange, ecc.). Per eseguire questo, selezionare le
congiunzioni cliccando sui simboli.

Pag. B.25 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Editor Giunti

EDITA
Edita i giunti selezionati. Dopo che la congiunzione desiderata è stata
selezionata tramite il simbolo, si apre la finestra di dialogo
corrispondente ed i valori possono essere modificati.

CLONA
Trasferisce le impostazioni da un giunto ad un'altro. È anche possibile
modificare ragionevolmente il tipo di congiunzione (es. si può sostituire
un giunto con piatti tramite una congiunzione con giunto angolare).
Selezionare prima la congiunzione i cui dati devono essere trasferiti ad un'altra.
Tutte le congiunzioni non capaci di assumere questi dati vengono nascoste. Poi
bisogna selezionare tutte le congiunzioni che assumono questi dati.

Controlla Giunti
Se l'opzione “Controlla giunto” è stata selezionata, tutte le congiunzioni vengono
verificate se esistono delle collisioni e se le distanze dei fori dai margini sono
corrette prima di essere visualizzate come simbolo. Lo stato di queste verifiche
viene visualizzato tramite il colore del simbolo. Esse hanno il seguente
significato:

Verde La congiunzione è corretta


Giallo Le distanze dei fori non sono rispettate
Rosso La congiunzione ha collisioni

Edita Giunto Singolo

Se c'è solo una congiunzione nell'elemento, come es. una struttura a sbalzo, si
può facilmente editarla tramite il menu con il tasto destro del mouse.
Selezionare l'elemento componente e cliccare su "EDITA GIUNTO" nel menu.
Questo inserimento non esiste se l'elemento ha molte congiunzioni. Una
congiunzione esiste anche quando ci sono altri elementi connessi all'elemento
in questione.

Pag. B.25 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Rinforzi

Pag. B.25 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Gruppi

B.26 Gruppi

B.26.1 Informazioni Generali sui Gruppi

Riga di Comando: PS_GROUP

Vari elementi singoli, bulloni ed elementi speciali possono essere uniti in gruppi
(esempio una colonna con nervature saldate).
L’esecuzione di alcuni comandi possono essere applicate all'intero gruppo,
anche se si seleziona solo un elemento dello stesso. La struttura del gruppo
viene inserita nella distinta del materiale e quando il modello viene elaborato
automaticamente e trasformato in disegni esecutivi 2D.
Dopo che il comando è stato selezionato, si apre una finestra principale dove
possono essere selezionate le funzioni disponibili. Cliccare sul tasto
corrispondente per applicarle. Comunque la maggior parte dei comandi possono
essere selezionati direttamente attraverso un comando separato. Per consentire
un'elaborazione rapida di molti gruppi uno dopo l'altro, alcuni comandi si
ripetono automaticamente (opzioni multiple). Se si vuole interrompere il
comando, bisogna digitare il tasto ESCI o il tasto destro del mouse. Nelle
impostazioni, si può specificare per quali comandi si richiede un’opzione
multipla e per quali no.

Struttura
I gruppi di ProSteel consistono di un elemento principale e di elementi
subordinati. Si può scegliere qualsiasi assegnazione, o impostare
automaticamente alcuni comandi a richiesta. In pratica, questi gruppi
corrispondono soprattutto agli elementi rappresentati nell'area in condizione già
preassemblata. Tale combinazione è raccomandata ma non obbligatoria. Si può
decidere come combinare al meglio gli elementi.

Pag. B.26 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Gruppi

B.26.2 Creazione ed Elaborazione dei Gruppi

Gli elementi possono essere combinati per creare gruppi, e si può separare tali
gruppi usando le funzioni qui descritte. È anche possibile salvare i gruppi come
blocchi e assumerli in altri disegni e la struttura resta invariata. Notare
comunque che in questo caso sono necessarie funzioni speciali. Non possono
essere usati i comandi standard AutoCAD per i blocchi.

Crea e Cancella
Crea Assegna gli elementi individuali ai gruppi.
Cliccare sull'elemento principale del gruppo e poi selezionare
gli elementi subordinati. Gli elementi subordinati da assegnare
possono anche essere selezionati tramite una finestra. Gli
elementi selezionati due volte vengono ignorati. Solo elementi
di acciaio o elementi speciali possono essere aggiunti al
gruppo.
Assumi Elementi Principali
I dati sull'elemento principale vengono assunti come dati sul
gruppo per la distinta degli elementi.

Pag. B.26 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Gruppi

Visualizza come 1 elemento


Il gruppo dopo la selezione, viene completamente visualizzato
come un elemento unico.
Esplodi Esplode un gruppo selezionando un elemento dello stesso.
Cancella Cancella tutti gli elementi del gruppo selezionato dal modello
selezionando un elemento dello stesso.
Edita Edita o aggiunge proprietà al gruppo da inserire nella distinta
elementi. Dopo che il gruppo è stato selezionato, si apre la
seguente finestra di dialogo:

Si possono inserire i dati desiderati del gruppo selezionato per


la distinta elementi. Il numero nel campo "Num.Pos."
appartiene all'elemento principale (a patto che sia stata
selezionata l'opzione "Assumi Elemento Principale". Inoltre,
vengono visualizzate le dimensioni di ingombro ed il peso
totale del gruppo. Questa finestra può essere aperta anche
tramite il comando "PS3D Proprietà“, quando si seleziona un
elemento appartenente al gruppo.

Pag. B.26 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Gruppi

Elaborazione della struttura dei gruppi


Sono anche possibili aggiunte o rimozioni di elementi da un gruppo.

Aggiungi Elem. Aggiunge nuovi elementi ad un gruppo. Viene evidenziato il


gruppo intero quando si seleziona qualsiasi elemento del
gruppo.
Rimuovi Elem. Rimuove elementi esistenti da un gruppo. Viene evidenziato il
gruppo intero quando si seleziona qualsiasi elemento del
gruppo.

Esporta e Importa
Esporta Salva un gruppo come blocco esterno. La struttura del gruppo
resta invariata. La procedura è analoga alla funzione
AutoCAD “MBLOCCO”. Quando appare "Selezionare oggetti",
seleziona qualsiasi elemento del gruppo.
Importa Inserisce un gruppo come blocco nel disegno corrente. La
struttura del gruppo resta invariata, a patto che sia selezionata
l'opzione "Esplodi Blocchi". E’ possibile esplodere il blocco
dopo l’inserimento usando il comando PS_EXPLODE.
Non usare il comando standard di AutoCAD per questa
operazione!
Modo di selez. Permette di selezionare l'intero gruppo selezionando solo un
elemento dello stesso, o per rendere gli elementi indipendenti
tra loro. Per eseguire questo, selezionare qualsiasi elemento
del gruppo. Dopo la selezione la modalità dello stato corrente
del gruppo verrà visualizzata nella riga di comando.
La modalità di AutoCAD per i gruppi viene modificata. Questo
significa che si può per esempio spostare l'intero gruppo
usando il comando AutoCAD per i gruppi.
Esporta gruppi interi
Esporta come blocco l’intero gruppo selezionando un qualsiasi
elemento che lo compone.
Esplodi blocchi Il blocco inserito viene automaticamente esploso dopo
l'importazione dei gruppi, non variando la struttura del gruppo.

Varia
Conta Tutti i gruppi esistenti nel disegno vengono contati ed il
risultato viene visualizzato nel campo "Numero".

Pag. B.26 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Gruppi

B.26.3 Verifica Gruppi

Usando i seguenti comandi si possono controllare i gruppi creati, eseguire le


impostazioni e modificare i dati del gruppo per la distinta elementi.

Controlla gruppi Questa funzione controlla se tutti i gruppi hanno l'elemento


principale. Quando viene individuato un gruppo senza un
elemento principale, esso viene esploso. Inoltre quando si usa
l'opzione “Contrassegna singoli”, si possono visualizzare gli
elementi che non appartengono a nessun gruppo. I gruppi
senza elemento principale si possono essere stati creati
quando l'elemento principale è stato cancellato ed il gruppo
non è stato esploso.
Contrassegna singoli
Tutti i gruppi validi vengono nascosti durante il controllo. Gli
elementi che non appartengono ad un gruppo vengono
contrassegnati con i colori. I contrassegni colorati vengono
rimossi una volta che si seleziona il comando “Rigen” o
quando si assegnano gli elementi ad un gruppo.

Pag. B.26 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Gruppi

Esplodi gruppi singoli


Con questa funzione, tutti i gruppi composti solo di un
elemento sono esplosi durante il controllo.
Sing.Elem.->Gruppi
Viene creato un gruppo indipendente con tutti i singoli
elementi non appartenenti ad un gruppo.
Trova Si possono cercare differenti gruppi evidenziandoli,
zoomandoli o nascondendo gli altri gruppi. Inserire, nel campo
d'inserimento, i numeri di posizione dei gruppi da trovare e
selezionare il tasto “Trova”. Selezionare gli elementi da
trovare e confermare la selezione con il tasto INVIO o con il
tasto destro del mouse.
Solo i gruppi i cui numeri di posizione sono stati inseriti,
restano visibili, vengono evidenziati tramite colori o zoommati.
Possono essere inseriti allo stesso tempo diversi numeri di
posizione, separati da una virgola decimale. Numeri di
posizione consecutivi devono essere separati da un trattino.
Se si cerca ad esempio la posizione 5 e 7 e dal 17 al 28, si
inserisce il valore 5,7,17-28 nel campo dei numeri di ricerca.
Quando si usa il comando "Rigen”, gli altri gruppi possono
essere resi nuovamente visibili e il contrassegno colorato
viene rimosso.
Nascondi Nasconde tutti gli elementi di un gruppo (a seconda dei
parametri impostati). Per eseguire questo, selezionare un
elemento del gruppo. Quando si usa il comando “Rigen” o
“Visualizza”, gli elementi del gruppo saranno resi nuovamente
visibili.
Elementi principali
Questa opzione consente di nascondere solo l'elemento
principale del gruppo.
Singoli elementi Questa opzione consente di nascondere tutti gli elementi
subordinati del gruppo.
Tutti gli elementi Questa opzione consente di nascondere l'intero gruppo.
Visualizza Visualizza tutti i gruppi nascosti. In alternativa si può applicare
il comando “Rigen”.
Visualizza Visualizza tutti i gruppi nascosti. In alternativa si può applicare
il comando “Rigen”.
Compara Permette di comparare due gruppi e di visualizzare dove ci
sono eventuali differenze.

Pag. B.26 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Gruppi

Compara e cambia
Permette di comparare due gruppi e di cambiarli se sono
diversi.

Visualizza con Proprietà ProSteel 3D


Quando si elaborano gli elementi di un gruppo tramite le proprietà di ProSteel
3D e ci si sposta nel TAB “Gruppo”, l’intero gruppo viene evidenziato con dei
colori diversi. Si possono scegliere dei colori differenti per gli elementi principali
e subordinati. Usare le opzioni di ProSteel 3D per specificare i colori da
applicare.

B.26.4 Impostazioni

Questa finestra specifica il comportamento dei comandi per le funzioni dei


gruppi. Si può controllare il comportamento di ogni singolo comando.

Pag. B.26 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Gruppi

Selezione elementi
Specificare il comportamento dell'elemento selezionato per le
seguenti opzioni.
Multiplo – Ogni parte deve essere selezionato separatamente.
Tutto – Si seleziona l'intero gruppo.
Opzione multiplo Per le opzioni contrassegnate, il comando viene ripetuto
senza dover visualizzare nuovamente la finestra dopo ogni
operazione. L'operazione facilita in caso di diversi elementi.
Chiudi finestra di dialogo
La finestra di dialogo viene chiusa automaticamente dopo che
la funzione selezionata è terminata.

Pag. B.26 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Gruppi

Pag. B.26 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

B.27 Posizionamento

Il posizionamento degli elementi esistenti è uno degli ultimi passi prima della
preparazione dei disegni esecutivi 2D.
ProSteel 3D può eseguirlo automaticamente, trovando elementi dello stesso
tipo e definendo i loro numeri nel modello. Naturalmente, si possono anche
inserire i numeri di posizione manualmente. Prima della preparazione dei
disegni esecutivi, va determinato solo il numero degli elementi (quantità) ed i
rispettivi numeri di posizione. Questi dati sono la base per la distinta degli
elementi costruttivi, che in seguito può essere creata e stampata. Poi, nella
derivazione 2D, ai singoli elementi ed ai gruppi, vengono aggiunte le bandierine
di posizione con il layout definito dall'utente.

In questa versione, le bandierine di posizione così come le quote altimetriche e i


simboli di saldatura vengono definiti nello stile. Questo significa che le
impostazioni della configurazione delle bandierine di posizione, possono essere
effettuate con uno stile. Questo stile specifica la geometria e le proprietà di
visualizzazione delle bandierine.

Pag. B.27 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

B.27.1 Posizionamento Automatico

Il posizionamento automatico è una rappresentazione importante per la


creazione di una distinta di elementi. Questa opzione consente di assegnare
automaticamente i numeri di posizione o i numeri di spedizione agli elementi e
ai gruppi. E’ possibile anche eseguire il posizionamento personalizzato tramite
delle Plug-in esterne di ProSteel 3D.

Plug-in Selezionare nell’elenco il Plug-in desiderato. Questo Plug-in


esegue il posizionamento esattamente secondo le regole
stabilite dalla propria impostazione.
Attivando questo flag “Usa Plug-in Esterno” verrà eseguito il
posizionamento automatico esclusivamente secondo le
proprie impostazioni ignorando quelle di ProSteel.
Tipo Seleziona il tipo di numero di posizione.
Numerico – I numeri di posizione sono di tipo numerico.
Alfanumerico - I numeri di posizione sono composti solo da
lettere. L'ordine è il seguente A,B,...,Z,AA,AB,... ecc.
Misto - I numeri di posizione sono composti sia da numeri che
da lettere. L'elemento numerico segue quello alfanumerico,
l'ordine è A1,A2,...,A9,B1,B2 ecc. Il numero delle cifre
può essere impostato tramite il tasto “Limiti”.

Pag. B.27 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

Filtro Esegue il posizionamento solo di determinati elementi, si può


applicare un filtro che definisce quali elementi costruttivi
devono essere avere un numero di posizione o di spedizione.
Ultimo Singolo Visualizza l'ultimo numero di posizione del singolo elemento.
Al primo avvio bisogna inserire il valore “0”, se si vuole iniziare
a contare da 1.
Ultimo Gruppo Visualizza l'ultimo numero di posizione del gruppo. Al primo
avvio bisogna inserire il valore “0”, se si vuole iniziare a
contare da 1.
Incremento Inserisce automaticamente il valore di incremento nei numeri
di posizione (normalmente l’incremento è 1).
Successivo Il valore inserito rappresenta il numero iniziale del
posizionamento. L'incremento automatico avviene con i
numeri (normalmente l'incremento è 1).
Usa Num.Sped. Questa opzione permette di decidere sei il posizionamento
automatico inserirà numeri di posizione o di spedizione.
Usa XRef Se riferimenti esterni sono stati inseriti nel disegno, anche gli
elementi vengono posizionati in questi riferimenti.
Usa Plug-in est. Questa opzione permette di utilizzare il Plug-in esterno per il
posizionamento disattivando quello interno di ProSteel 3D.
Permette di azzerare le impostazioni di tutti i campi
ripristinando i valori standard.
Definisce ulteriori impostazioni come ordinare il
posizionamento degli oggetti (Nome, Dimensione, Materiale
ecc.)
Assegna i numeri di posizione solo a tutti gli elementi singoli
selezionati. Il software verifica se sono dello stesso tipo ed
assegna un numero di posizione secondo le proprie
impostazioni.
Assegnare i numeri di posizione solo a tutti i gruppi
selezionati. Il software verifica se sono dello stesso tipo ed
assegna un numero di posizione secondo le proprie
impostazioni.
Assegnare i numeri di posizione a tutti gli elementi selezionati.
Il software verifica se sono dello stesso tipo ed assegna un
numero di posizione secondo le proprie impostazioni.

Pag. B.27 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

Risultati del Posizionamento


Quando il posizionamento è terminato, si apre una finestra di dialogo dove per
ogni elemento vengono visualizzati i numeri di posizione e le altre informazioni
per le distinte. E’ possibile modificare i numeri di posizione tramite un doppio clic
sul numero di posizione dell'elemento. Le modifiche vengono eseguite
direttamente sull’oggetto.

Quando il posizionamento di singoli elementi è terminato, vengono elaborati i


numeri di posizione dei gruppi. Cliccando due volte sul numero di posizione
nella colonna “Num. nuovo” è possibile modificare le posizioni visualizzate.

Pag. B.27 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

Impostazioni per il posizionamento automatico


Le impostazioni definiscono come verrà eseguito il posizionamento
automatico degli elementi.
Si stabilisce quali elementi avranno un numero di posizione e secondo
quali regole verranno posizionati. Se i numeri di posizione non rispecchiano i
requisiti richiesti si possono modificare i parametri nella finestra di dialogo
seguente.

Pag. B.27 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

Filtro e Ordinamento
Filtro Definisce quali tipi di elementi vengono selezionati durante il
posizionamento automatico. Verifica tutti i tipi di elementi
(profili standard, profili speciali, piatti-poli, bulloni,
calcestruzzo) che devono avere un numero di posizione. Se si
devono posizionare anche gli elementi speciali, è necessario
attivare l'opzione "Altro".
Giunti Si possono considerare nel posizionamento ed ottenere un
cosiddetto ID. Viene creato un nome dei giunti con le opzioni
in basso.
Solo con nomi I giunti sono posizionati solo se nominati in precedenza.
Criterio 1 Determina l'ordine del posizionamento. Gli elementi
selezionati vengono classificati nell'ordine indicato secondo il
tipo di elemento (profili, piatti, ecc.).
Inserire in alto il tipo di elemento da posizionare per primo, poi
inserire il successivo nella seconda posizione e così via.
Nell'esempio della finestra di dialogo, vengono prima
classificati tutti i profili, poi tutti quelli speciali, e alla fine gli
elementi in calcestruzzo.
Se ci sono più elementi dello stesso tipo, questi vengono
classificati secondo le impostazioni del criterio 2. Modifica
l'ordine usando le frecce.
Criterio 2 Specifica un criterio di posizionamento secondario. All'interno
di ogni tipo di elemento, classificato secondo il primo criterio,
gli elementi vengono classificati secondo l'ordine specificato
nel secondo criterio. Se si è classificato più di un profilo con le
impostazioni nella finestra di dialogo, questi profili vengono poi
classificati prima secondo la lunghezza; se la lunghezza è
identica, vengono classificati secondo il peso e così via. Di
seguito i profili speciali vengono classificati di nuovo allo
stesso modo, ecc..
Considera profili piatti come piatti
I piatti (che attualmente sono "profili" come tipo di elemento)
sono trattati, nel posizionamento, come piatto-poli. Quindi essi
vengono classificati insieme ai piatti-poli quando viene creta
una distinta di elementi.
Ulteriori Opzioni
Sostituisci esistenti
I numeri di posizione esistenti vengono sostituiti quando se ne
assegnano di nuovi.

Pag. B.27 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

Identifica elementi uguali


I singoli elementi vengono controllati se sono identici
assegnando lo stesso numero di posizione. Gli elementi sono
considerati identici quando le dimensioni ed i diametri dei fori
non superano i valori definiti nel campo "Tolleranza”.
Identifica gruppi uguali
I gruppi vengono controllati se sono identici assegnando lo
stesso numero di posizione. Gli elementi subordinati vengono
paragonati solo usando il loro numero di posizione perchè il
posizionamento è stato effettuato prima. Se gli elementi sono
identici ma hanno numeri di posizione differenti, ai gruppi
vengono assegnati differenti numeri di posizione.
Salva Num.Pos. dei singoli elementi
Quando un singolo elemento, che ha già un numero di
posizione, ne ottiene uno nuovo, il numero esistente viene
salvato nel campo Numero Posizione Originale nelle proprietà.
Salva Num.Pos. dei gruppi
Quando un gruppo, che ha già un numero di posizione, ne
ottiene uno nuovo, il numero esistente viene salvato nel
campo Numero Posizione Originale nelle proprietà.
Considera i contrassegni di saldatura
I contrassegni di saldatura inseriti negli elementi vengono
presi in considerazione quando nei singoli elementi si verifica
l’uguaglianza. I contrassegni di saldatura sono piccole
forature.
Primi elementi principali poi subordinati
Prima vengono posizionati tutti gli elementi principali dei
gruppi (e ordinati secondo i criteri di classificazione all'interno
dei gruppi), seguiti dagli elementi subordinati (anche questi
ordinati secondo i criteri di classificazione).
Questo può essere ritenuto un criterio di classificazione
aggiunto, con priorità superiore ai due criteri descritti in alto.
Se si inserisce un numero di posizione nel campo "Inizio
Elementi", il posizionamento degli elementi subordinati avrà
inizio con un numero di posizione definito. Si può per esempio
iniziare con 1 per gli elementi principali e con 100 per quelli
subordinati.
Selezionare questa opzione per specificare ulteriori proprietà
come nome, annotazione, ecc. per la rappresentazione di parti
identiche. Si apre una finestra dove è possibile verificare le
proprietà rilevanti per la differenzazione.

Pag. B.27 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

Gruppi
Distinzione Quando al gruppo viene assegnato il numero di posizione
dell'elemento principale (caso normale), può accadere che a
due gruppi differenti aventi la stessa posizione dell'elemento
principale viene assegnato lo stesso numero di posizione. In
questi casi, il software controlla, in un secondo percorso, se i
gruppi sono veramente identici o no. Se no, esso modifica il
numero di posizione del gruppo.
2 25.1 – Le posizioni modificate dei gruppi sono identificate
con l'indice ”.1” ecc. seguendo il loro numero di posizione (es.
100.1 , 100.2 , ...).
2 25A – Le posizioni modificate dei gruppi sono identificate
con l'indice ”.A” ecc. seguendo il loro numero di posizione (es.
100A, 100B, ...).
2 MAX+1 – Il posizionamento delle posizioni modificate
continua con la più alta posizione corrente assegnata. Quando
l'ultimo gruppo ha la posizione 50, i gruppi modificati avranno
la posizione da 51 in avanti.
Assumi posizione Elem.Princ. Gruppo
Il gruppo assume la posizione dell'elemento principale. Se
necessario, la posizione del gruppo viene modificata durante
un secondo controllo. Se questa opzione non è attiva, ma si
preferisce un posizionamento dei gruppi separato, i numeri
partono dalla posizione inserita nel campo "Inizia
dall’ultimo(+)".

Prefissi
E’ possibile inserire dei prefissi davanti al numero di posizione del gruppo. Si
possono differenziare tra colonne, travi ed altri gruppi,
essendo la distinzione sempre rapportata all'elemento
principale del gruppo.
Colonne Prefisso per tutti i profili verticali. Nel campo "Tolleranza di
posizione", si inserisce un angolo all'interno del quale il profilo
è ancora considerato verticale.
Travi Prefisso per tutti i profili orizzontali. Nel campo "Tolleranza di
posizione", si inserisce un angolo all'interno del quale il profilo
è ancora considerato orizzontale. Verticale ed orizzontale
sono sempre relativi al piano XY del WCS del modello.
Altro Prefisso per tutti gli altri gruppi.
Utilizza prefissi Durante il posizionamento vengono inseriti i prefissi delle
famiglie davanti al numero di posizione.

Pag. B.27 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

Riconoscimento degli Elementi Uguali


Geometria Nel riconoscimento tramite la geometria, tutti i lati di un
elemento vengono determinati e paragonati individualmente
con ogni altro. In seguito, si ha una descrizione delle
tolleranze se due elementi sono riconosciuti come identici.
Tolleranze Tolleranze per il riconoscimento degli elementi identici. Si può
escludere, ad esempio, che errori di arrotondamento, nel caso
di tagli obliqui o sagomature, creino elementi differenti.
Lunghezza linee minima - Non sono considerate per la
comparazione le linee al di sotto della lunghezza definita.
Tolleranza Lunghezza – Non vengono considerate per una
comparazione le differenze della lunghezza di due linee al di
sotto della lunghezza definita.
Tolleranza Foro Non vengono considerate per una comparazione le deviazioni
degli assi dei fori al di sotto della tolleranza definita.
Tolleranza peso Le differenze di peso tra due elementi vengono ignorate fino al
valore indicato.
Volume Un secondo metodo per riconoscere elementi uguali è la
comparazione del volume reale. Qui si può ottenere una
rappresentazione di elementi uguali basata sul volume
dell'elemento. Le tolleranze possono essere impostate per
gruppi e singoli elementi come valore relativo al volume
paragonato (es. 0.1 per cento per elementi e 0.2 per cento per
gruppi).
Giunti
Nomi Queste impostazioni sono utilizzate per posizionare i giunti
(logik-links).
Numerazione continua- Numerazione consecutiva.
PosNum+PosNum- Viene creato il nome utilizzando una
combinazione dei numeri di posizione del giunto e della
colonna.
PosNum+Index- Viene creato il nome utilizzando il numero di
posizione del giunto ed un indice continuo.
Per maggiori informazioni circa i giunti, fare riferimento al
capitolo principale della derivazione.

Pag. B.27 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

B.27.2 Inserimento Manuale

Dopo che un numero di posizione è stato assegnato agli elementi, non importa
se viene assegnato automaticamente o manualmente; si può visualizzare
questo numero insieme ad ulteriori informazioni della distinta usando una
bandierina di posizione.
Se un numero di posizione non è stato ancora assegnato agli elementi, si
possono specificare nuovi numeri ed inserirli nell'elemento.

La finestra di dialogo corrisponde molto spesso a quella del posizionamento


automatico. Fare riferimento a questa sezione per una descrizione dettagliata.

Stile Selezionare lo stile della bandierina di posizione da inserire se


non è stato specificato nessuno stile per il corrispondente tipo
di elemento. Questo è lo stile di default.
Tipo Seleziona il tipo di numero di posizione.
Numerico – I numeri di posizione sono di tipo numerico.
Alfanumerico - I numeri di posizione sono composti solo da
lettere. L'ordine è il seguente A,B,...,Z,AA,AB,... ecc.
Misto - I numeri di posizione sono composti sia da numeri che
da lettere. L'elemento numerico segue quello alfanumerico,
l'ordine è A1,A2,...,A9,B1,B2 ecc. Il numero delle cifre
può essere impostato tramite il tasto “Limiti”.
Ultimo Singolo Visualizza l'ultimo numero di posizione del singolo elemento.
Al primo avvio bisogna inserire il valore “0”, se si vuole iniziare
a contare da 1.
Ultimo Gruppo Visualizza l'ultimo numero di posizione del gruppo. Al primo
avvio bisogna inserire il valore “0”, se si vuole iniziare a
contare da 1.
Successivo Il valore inserito rappresenta il numero iniziale del
posizionamento.
Incremento Avviene con i numeri (normalmente l'incremento è 1).

Permette di azzerare le impostazioni di tutti i campi


ripristinando i valori standard.

Pag. B.27 - 10

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

Assegnare gli stili delle corrispondenti bandierine di posizione.


Questo stile descrive la rappresentazione delle bandierine di
posizione, esempio quale informazione viene rappresentata e
in che modo.

Poi appare la seguente finestra di dialogo dove si possono


assegnare i corrispondenti stili di bandierina per tipologia.

Scala Inserire la scala per la visualizzazione del testo di posizione.


La scala dovrebbe corrispondere alla scala dei disegni
esecutivi. Se è stata impostata una scala globale, verrà
automaticamente applicata.
Spazio Carta Specifica se la bandierina di posizione viene creata nello
spazio carta.
Usa Num.Sped. Permette di assegnare un numero di posizione e di spedizione
ad un elemento. Se questa opzione viene attivata, il numero di
spedizione viene visualizzato nella bandierina di posizione.
Inserisci Il numero qui specificato viene considerato come numero di
posizione o di spedizione nelle proprietà degli elementi.

Pag. B.27 - 11

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

Assegna Bandierine di Posizione


Sono disponibili differenti funzioni per assegnare le bandierine. La posizione
corrispondente delle impostazioni dello stile di bandiere viene assegnato
direttamente con i comandi elencati di seguito.

SINGOLO ELEMENTO
Selezionare un singolo elemento dove assegnare una bandierina di
posizione. La bandierina di posizione verrà creata usando lo stile per i
singoli elementi.

GRUPPO
Selezionare un gruppo dove assegnare una bandierina di posizione. La
bandierina di posizione verrà creata usando lo stile per i gruppi.

ELEMENTI PRINCIPALI E SUBORDINATI DEI GRUPPI


Selezionare l'elemento di un gruppo dove assegnare una bandierina di
posizione. A seconda della gerarchia degli elementi, la bandierina di
posizione verrà creata con lo stile dell'elemento principale o
subordinato.

BULLONE
Selezionare un bullone dove assegnare una bandierina di posizione. La
bandierina viene creata con lo stile per i bulloni.

POSIZIONE BREVE
Selezionare l'elemento dove assegnare una bandierina di posizione. La
bandierina verrà creata con lo stile per posizione breve.

POSIZIONE DI MONTAGGIO
Selezionare l'elemento dove assegnare una bandierina posizione. La
bandierina verrà creata con lo stile per bandierine di montaggio.

Pag. B.27 - 12

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

LIBERO
Selezionare il punto d'inserimento dove inserire una bandierina di
posizione. Nella seguente finestra di dialogo specificare le proprietà
della bandierina di posizione come lo stile, il numero di posizione, ecc.

Assegnando la bandierina di posizione tramite il comando “LIBERO” è possibile


creare bandierine senza un riferimento diretto ad un elemento. Si può usare
questa opzione per inserire delle bandierine nei disegni 2D a elementi che sono
stati dissolti o disegnati manualmente.

Pag. B.27 - 13

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

B.27.3 Inserimento Automatico (Distribuzione)

Questo comando serve per una distribuzione automatica delle bandierine di


posizione nelle viste o nei disegni esecutivi. Le proprietà salvate negli elementi
sono visualizzate con una bandierina di posizione secondo lo stile selezionato.

Scala La scala specifica la dimensione delle bandierine di posizione


da inserire. Se per esempio l'altezza del testo con uno stile di
bandierina è indicato 3.5, la bandierina viene creata con
un'altezza del testo 3.5 moltiplicata per la scala”.
Usa Num.Sped. Viene inserito il numero di spedizione dell'elemento invece del
numero di posizione.
Spazio Carta L'inserimento delle bandierine di posizione avviene nello
spazio carta.
Inserisce automaticamente le bandierine di posizione.
Selezionare tutti gli elementi dove inserire le bandierine.
Questo comando permette di invertire la posizione di due
bandierine di posizione.
Questo comando permette di effettuare ulteriori impostazioni
per l'inserimento automatico.

Pag. B.27 - 14

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

Impostazioni di assegnazione
Specifica le impostazioni per l'inserimento automatico delle bandierine
di posizione. Si può definire lo stile delle bandierine con varie
ottimizzazioni.

Filtro Specifica a quali elementi verranno assegnate le bandierine di


posizione. Dopo aver selezionato il tipo di elemento, si può
scegliere lo stile della bandierina da assegnare. „No elemento
del gruppo“ significa che non hanno bandierine di posizione.

Pag. B.27 - 15

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

Ordinamento
Iterazioni Questo valore indica quanto spesso deve essere cercata una
nuova posizione per una bandierina di posizione. Più alto è il
valore e più viene ottimizzata la posizione evitando
sovrapposizioni. Naturalmente questo aumenterà il tempo di
calcolo.
Distanza punto La distanza minima del punto d'inserimento della bandierina di
posizione
Centro locale Il modello viene diviso in differenti sezioni di posizionamento
chiamati centri locali. Le bandierine di posizione sono inserite
in un cerchio intorno a questi centri. Questo valore imposta la
distanza minima tra due centri locali.
Offset bandierina Questo valore indica la sporgenza della bandierina oltre il lato
visibile della geometria.
Bandierina libera Questo valore specifica la distanza minima tra due bandierine
di posizione vicine.
Ritardo Durante la distribuzione è possibile osservare la procedura sul
monitor. Per eseguire questo, bisogna selezionare l'opzione
“Animazione”. In questo campo si specifica quanto tempo (in
millesimi di secondo) intercorre tra l'inserimento e lo
spostamento di una bandierina.
Opzioni
Un elemento per Num.Pos.
Viene inserita solo una bandierina di posizione per ogni
elemento che ha lo stesso numero di posizione o di
spedizione (dipende delle impostazioni).
Solo un elemento per Num.Pos. per centro
Viene inserita solo una bandierina di posizione per ogni
elemento che ha lo stesso numero di posizione o di
spedizione per ogni centro locale nel disegno (dipende delle
impostazioni).
Posiziona solo fuori
Le bandierine di posizione vengono inserite al di fuori della
geometria del modello.
Spezza linee alla collisione
Le direttrici delle bandierine vengono interrotte nel caso di
collisioni con quote o testi.
Animazione Se questa opzione viene attivata la disposizione delle
bandierine di posizione è visibile sul monitor.

Pag. B.27 - 16

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

Raggruppa bandierine
Le bandierine di posizione che fanno riferimento a più
elementi con lo stesso numero di posizione o di spedizione,
vengono raggruppate in una unica bandierina. I punti di
inserimento non devono superare la distanza massima per
formare un gruppo.
Distanze gruppo Distanza massima tra elementi uguali per creare un gruppo.
Crea sempre direttrice
Viene inserita una direttrice nella bandierina per ogni
elemento identico di un gruppo.
Visualizza quantità dal modello
Se sono state inserite bandierine di posizione che creano un
gruppo, si può selezionare quale numero di elementi deve
essere visualizzato nel campo “Numero Totale” della
bandierina. Normalmente, viene inserita la quantità degli
elementi combinati. Comunque, in alternativa, si può inserire
numero totale di tutti gli elementi presenti nel modello che
hanno lo stesso numero di posizione.

Bandierine per Elementi Principali e Gruppi

Sono possibili differenti tipi di rappresentazione, quando una bandierina deve


essere assegnata all'elemento principale di un gruppo o al gruppo
corrispondente. Quando le impostazioni sono più complesse, in seguito
vengono visualizzate le combinazioni.

All'elemento principale viene assegnata una bandierina di posizione del gruppo,


contenente i dati del gruppo corrispondente.

All'elemento principale viene assegnata una bandierina di posizione del gruppo,


ma contenente i dati dell'elemento principale.

All'elemento viene assegnata una bandierina di posizione del singolo elemento,


contenente i dati del singolo elemento e viene anche aggiunta una bandierina
del gruppo, contenente i dati del gruppo.

Pag. B.27 - 17

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

All'elemento principale viene assegnata una bandierina del singolo elemento,


contenente i dati del singolo elemento.

Nessuna bandierina è assegnata all'elemento principale.

Una bandierina del singolo elemento viene assegnata all'elemento principale.

Pag. B.27 - 18

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

B.27.4 Altri Comandi Ausiliari

In questa tabella ci sono differenti funzioni per elaborare le bandierine di


posizione e per controllare o trovare i numeri di posizione.

Ricerca dell'ultimo numero di posizione nel modello dei singoli


elementi e dei gruppi.
Trova gli elementi nel modello. Inserire la posizione richiesta
nel campo "Numero di". Usare le opzioni Nascondi, Evidenzia,
Zoom estensione, per stabilire come il risultato ottenuto dovrà
essere rappresentato nel modello.
Cancella i numeri di posizione negli elementi e nei gruppi.
Selezionare gli elementi i cui numeri di posizione verranno
cancellati. E’ possibile specificare in quale elemento il numero
viene cancellato usando i filtri “Singoli Elementi” e “Gruppi”.
Inserisce il numero di posizione corrente dell'elemento come
numero di posizione originale. Il numero originale può essere
modificato solo usando questo comando.
Effettuare la ricerca nel modello e inserisce nell’elemento il
numero totale di quanti elementi sono stati trovati con lo
stesso numero di posizione.

Pag. B.27 - 19

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

Aggiungere una seconda freccia di riferimento ad una


bandierina di posizione esistente.
Rimuove una freccia di riferimento ad una bandierina di
posizione esistente.
Interrompe la freccia di riferimento di una bandierina di
posizione specificando due punti. È possibile solo una
interruzione per freccia.
Rimuovere l'interruzione della freccia della bandierina di
posizione.
Permette di rileggere le proprietà dell'elemento e di
visualizzarle nella bandierina di posizione.
Visualizza le proprietà dell’elemento e permette di modificare i
numeri di posizione degli elementi selezionati.
Compara due elementi tra loro. Selezionare i due elementi ed
il risultato verrà visualizzato in una finestra di dialogo.

Le immagini sotto visualizzano due risultati di comparazione della posizione.


Nella figura a sinistra gli elementi sono identici. In quella a destra sono diversi.
Nella finestra di dialogo, si può vedere in dettaglio dove gli elementi differiscono
tra loro.

Pag. B.27 - 20

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

B.27.5 Numero DWG

Il numero di disegno può essere integrato come prefisso o suffisso nel numero
di posizione (es. Pos 1234 - 100). Nel caso di grandi progetti, questo consente
una migliore identificazione degli elementi.
Il numero di disegno viene aggiunto separatamente dopo la derivazione, quando
i numeri dei progetti sono conosciuti e servono principalmente per la
rappresentazione.

Testo di default Specifica il formato default con variabili in modo da


aggiungere un testo.
$(DWGNUM) per il numero di disegno
$(DWGIDX) per l'indice di disegno
Posizione Si specifica se il numero di disegno va inserito come prefisso
o come suffisso del numero di posizione.
Elementi singoli Il numero di disegno di singoli elementi viene inserito nel loro
numero di posizione.
Gruppi Il numero di disegno di gruppi viene inserito nel loro numero di
posizione.

Pag. B.27 - 21

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

Usa Num.Sped. Il numero di disegno viene inserito nel numero di spedizione


invece che nel numero di posizione.
Selezionare questa opzione per modificare i numeri di
posizione. Per fare questo, bisogna selezionare gli elementi.

B.27.6 Rappresentazione di Bandierine di Posizione

E’ possibile determinare la rappresentazione di una bandierina di posizione


specificando uno stile dove vengono definiti la geometria, il contenuto ed i colori
delle bandierine.

Stile Selezionare lo stile da usare per la rappresentazione delle


bandierine.
Salva le impostazioni correnti.
Questo comando permette di caricare i templates per poterli
utilizzare successivamente.

Pag. B.27 - 22

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

Crea geometria La rappresentazione delle bandierine di posizione viene


specificata in questa finestra dove esistono dei parametri
preimpostati.
Usa blocco La rappresentazione delle bandierine di posizione viene
specificata da un blocco AutoCAD.
Percorso blocco Percorso dove devono essere letti i blocchi per la selezione e
la geometria delle bandierine.
Icona E’ possibile assegnare un'icona diversa per ogni stile in modo
da facilitare il riconoscimento. Questa icona viene visualizzata
nell’elenco di selezione.
Imposta tutti i defaults come rappresentare una bandierina di
posizione.

Impostazioni per la rappresentazione

Pag. B.27 - 23

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

Geometria
Tipo linea Seleziona il tipo di linea da usare.
Senza linea – Non visualizza nessuna linea.
Linea normale – Visualizza una linea normale.
Linea con freccia – Visualizza una linea con una freccia.
Linea con punto - Viene visualizzata una linea con un punto.
Linea con blocco- Viene visualizzata una linea con blocco nel
punto di partenza.
Blocco linee Seleziona il blocco di AutoCAD se si è attivata l'opzione
"Linea con blocco".

Pag. B.27 - 24

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

Forma del simb. Seleziona la forma del simbolo da utilizzare.


Senza simbolo – Visualizza solo il numero.
Simbolo circolare – Visualizza il numero con un cerchio.
Simbolo rettangolare – Visualizza il numero con un rettangolo.
Simbolo esagonale – Visualizza il numero con un esagono.
Alla Linea - Visualizza il numero sulla linea.
Tipo Testo Imposta come visualizzare il nome del profilo con l’indicazione
della lunghezza.
U100..160 – La visualizzazione è la seguente IPE270..7890
U100 160 – La visualizzazione è la seguente IPE270–7890
U100x160 – La visualizzazione è la seguente IPE270x7890
Con il testo di Default – La visualizzazione è come indicata nel
campo “Testo di Default”.
Allineamento Determina come verrà allineata la bandierina rispetto alla
posizione del testo.
Al Profilo – L'allineamento è parallelo al profilo.
Alla Linea – La Bandierina viene allineata selezionando una
linea di riferimento.
Orizzontale – L'allineamento è in direzione orizzontale.
Verticale - L'allineamento è in direzione verticale.
Stile testo Seleziona lo stile del testo della bandierina di posizione.
Testo di Default Sostituisce il testo di default con le variabili indicate sotto se
nella proprietà “Allineamento” è attiva l’opzione “Con testo di
defaults”.
$(N) Nome elemento
$(L) Lunghezza elemento
$(W) Larghezza elemento
$(T) Spessore elemento
Esempio: $(N) $(T)x$(W) = “Piatto 5x380”
Prefisso/Suffisso Nel campo “Prefisso” o “Suffisso” è possibile inserire un testo
che viene visualizzato davanti o dietro il numero di posizione o
di spedizione della bandierina di posizione. Il valore di default
può essere impostato indipendentemente per entrambi i
numeri.
Delimitatore Specifica un carattere che divide il numero di posizione da il
numero di spedizione. Questo è valido se entrambi i numeri
vengono visualizzati nella bandierina di posizione.

Pag. B.27 - 25

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

Visualizza Determina quali informazioni verranno visualizzate nella


bandierina di posizione.
Numero totale – Numero totale di elementi, es. 17 x IPE 270.
Nome – Visualizza il nome del profilo.
Commento – Visualizza i commenti della distinta elementi.
Num.Art. – Visualizza l’articolo.
Dimensioni – Visualizzata le dimensioni del profilo.
Num.Pos. – Visualizza il numero di posizione.
Num.Sped. – Visualizza il numero di spedizione.
Materiale – Visualizza il materiale.
Num.Pos. originale – Visualizzato il numero di posizione
originale memorizzato nell’oggetto.

Opzioni
Senza Linea Nessuna linea viene disegnata sotto ill testo della bandierina
di posizione.
Dinamico La visualizzazione della bandierina di posizione viene
aggiornata dinamicamente in base alla vista corrente.
Lung. Gruppo Visualizza la lunghezza del gruppo invece della lunghezza
dell’elemento principale.
Dimensioni Dimensioni del testo in mm per i caratteri generali “Dim.
Testo” e per numeri di posizione “Altezza Numeri”. Le
dimensioni del testo di AutoCAD vengono adattate secondo la
scala selezionata.
Colori Imposta il colore per la bandierina utilizzando i colori di
AutoCAD per i seguenti campi: Linea, Numero, Simbolo e
Testo. Utilizzare il valore “-1” per valori di default.

Selezionando una bandierina di posizione tramite il menu “PS3D Proprietà”, si


possono modificare le proprietà di ogni singola bandierina di posizione. Questa
finestra di dialogo non viene descritta in dettaglio perchè le possibilità di
impostazioni corrispondono ai parametri spiegati sopra.

Pag. B.27 - 26

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Posizionamento

B.27.7 Gestione degli Stili

In questa parte del dialogo, si gestiscono tutti gli stili delle bandierine di
posizione. Si possono creare, caricare, aggiornare o cancellare gli stili.

Crea un nuovo stile per le bandierine di posizione.


Lo stile viene salvato con l’estensione “.sty” nella cartella per
degli stili delle bandierine di posizione.
Carica uno stile che non è presente nel file di disegno.
Selezionare il corrispondente file con estensione “.sty” nella
cartella degli stili delle bandierine di posizione.
Rimuove lo stile selezionato dal disegno.
Modifica l'ordine di visualizzazione. L'ordine di visualizzazione
dello stile non viene ordinato. E’ possibile specificare l'ordine
usando le due frecce.
Aggiorna gli stili caricati nel proprio disegno. Permette che tutti
gli stili nel disegno vengano sostituiti dagli stili salvati sul disco
rigido.

Pag. B.27 - 27

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Informazione sul Disegno

B.28 Informazione sul Disegno

Riga di Comando: PS_DWG_INFO

Quando si usa questo comando, si possono aggiungere informazioni nel proprio


disegno. Queste informazioni vengono direttamente inserite nella distinta degli
elementi. In questo modo è possibile selezionare un blocco del disegno 2D, per
inserire una squadratura per l'intestazione del disegno tramite il comando
“Formato Squadratura”.

Inserire sempre il numero del disegno e l'indice di modifica (se presente) da


quando questa informazione è valutata durante il processo di derivazione 2D. In
seguito è possibile richiedere al Centro Disegni Esecutivi di trovare il disegno
che contiene elementi e che riceve il percorso così come il numero di disegno.

Tutti i campi di testo


Nei diversi campi di testo si inseriscono le informazioni
generali sul progetto e sul disegno.
Blocco Seleziona il blocco che verrà utilizzato per riempire tutti i
campi
Quando la squadratura per il formato 2D è stata inserita come
blocco usando il comando ProSteel 3D “Formati Squadrature”,
si può selezionare il blocco delle squadrature. Gli inserimenti
possono essere eseguiti anche nel blocco (esporta), o eseguiti
dal blocco nel dialogo (importa).

Pag. B.28 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Informazione sul Disegno

Questo tasto recupera i dati dei campi d'inserimento nei


blocchi selezionati.
Questo tasto recupera il blocco selezionato nei campi
d'inserimento.
Questo tasto definisce le variabili assegnate al blocco dei
differenti campi d'inserimento. Viene visualizzata un’altra
finestra di dialogo dove vengono inseriti i nomi delle variabili
del blocco.
Quando si selezionano i campi “Controllato” o “Approvato” e si
preme questo tasto, viene inserita la data corrente.

Pag. B.28 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Creazione della Distinta degli Elementi

B.29 Creazione della Distinta degli Elementi

Dopo aver posizionato un modello o un disegno esecutivo, può essere creata


una distinta di elementi basata sui dati degli elementi. Questa creazione, in
ProSteel 3D, è divisa in due sezioni. La prima crea il file con le informazioni
degli elementi, la seconda il processo di stampa.

Per creare la distinta degli elementi, viene creato un file di database con
estensione *.dbf. Questo formato è compatibile con molte altre applicazioni.
ProSteel 3D fornisce anche molte importanti funzioni per processare e leggere i
dati secondo le proprie esigenze con il comando "Edita Distinta di Elementi”.
Infatti, non sono necessari altri software, ma si ha la possibilità di utilizzarli.
Questo è il motivo della separazione delle due funzioni.

Pag. B.29 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Creazione della Distinta degli Elementi

B.29.1 Crea Distinte degli Elementi

Riga di Comando: PS_PARTLIST

Quando si crea una distinta, si selezionano prima tutti gli elementi da


processare, sia gruppi che singoli elementi. Si può decidere se gli elementi
selezionati vanno inclusi nella distinta oppure attraverso la funzione di filtro
selezionare solo una parte. Perché ogni elemento sia incluso nella distinta, si
deve necessariamente attivare l’opzione “In distinta” nelle proprietà degli
elementi, anche se è stato selezionato.

Pag. B.29 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Creazione della Distinta degli Elementi

Selezione elementi
Seleziona il tipo di elementi i quali va creata una distinta.
Elementi 3D – Seleziona gli elementi dal modello.
Bandierine Posizione 2D – Seleziona bandierine di posizione
da un dettaglio 2D.
Opzioni
Verifica numero di posizione
Vengono inseriti nella distinta solamente gli elementi che
hanno un numero di posizione valido.
Inserisci solo elementi del gruppo
Vengono inseriti nelle distinte solamente gli elementi che
appartengono ad un gruppo.
Solo elementi selezionati
Vengono inseriti nelle distinte solamente gli elementi
selezionati ignorando gli elementi non selezionati che
appartengono allo stesso gruppo.
Memorizza i gruppi creati
Vengono inseriti nella distinta il gruppo degli oggetti
selezionati.
Esegui distinta Dopo che è stato creato il file *.dbf, viene eseguito
automaticamente la distinta degli elementi.
Non è necessario utilizzare questa funzione separatamente se
si vogliono continuare altre operazioni.
Calcola angoli di taglio NC
L'angolo di taglio è calcolato da ProSteel 3D secondo le linee
guida NC della normativa DSTV.
Estremità dritta frontalmente
Gli elementi sono ruotati in modo che l'estremità dritta sia
posizionata frontalmente.
Con saldature Inserisce nella distinta le saldature
Sald. combinate Vengono sommate saldature identiche.

Bulloni
Bulloni senza numero di posizione
I bulloni vengono inclusi nella distinta anche se non hanno
numeri di posizione.
……..extra I bulloni, rondelle, dadi, ecc vengono inseriti in distinta
separatamente.

Pag. B.29 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Creazione della Distinta degli Elementi

Senza peso I bulloni sono inseriti nella distinta senza indicazione del peso.
Output File Nome e percorso del file della distinta dei materiali.

Seleziona il nome del file per la distinta.

Pag. B.29 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Creazione della Distinta degli Elementi

Comandi di Dialogo

CON BULLONI

Esegue la creazione della distinta inserendo anche i bulloni.

SENZA BULLONI

Esegue la creazione della distinta non inserendo i bulloni.

DISTINTA DI MONTAGGIO

Esegue la creazione della distinta inserendo solo gli elementi principali


e i bulloni dei gruppi.

Importando gli Elementi


Se si seleziona il comando per la prima volta, viene visualizzato un dialogo con
le informazioni del disegno le quali vanno inserite, perchè in questo modo,
queste informazioni vengono inserite nella distinta (vedi → “Informazioni sul
disegno”).
Dopo aver impostato i filtri e selezionato la funzione adeguata, il software
verifica se il file selezionato è già esistente. Se questo esiste verrà chiesto se
sovrascriverlo. In seguito selezionare gli elementi da importare nella distinta.
Per la verifica, tutti gli elementi importati vengono nascosti. Usando il comando
“Rigenera”, si possono nuovamente visualizzare.

Suggerimento: se un elemento non è importato, pur essendo stato selezionato,


usare il menu “PS3D Proprietà“ per verificare se l'opzione “In distinta” non è
stata selezionata.

Pag. B.29 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Creazione della Distinta degli Elementi

B.29.2 Processa Distinta di Elementi

Riga di Comando: PS_CREATE_PARTLIST

Dopo aver creato una o più distinte, utilizzando il comando “Crea distinta di
elementi” si possono successivamente elaborare. I files della distinta possono
essere caricati, modificati, formattati, e stampati in diversi modi. Per stampare e
formattare le distinte, ProSteel 3D utilizza “List & Label” un software sviluppato
dalla Combit GmbH. Questo sistema permette di disegnare liberamente la
formattazione e il layout di ogni distinta, di aggiungere loghi e di eseguire
un'anteprima. Non è necessaria alcuna conoscenza di questa utilità perché le
comuni operazioni vengono integrate all’interno di ProSteel 3D. Comunque, se
si vuole adattare la distinta alle proprie esigenze, servirsi dell'help online “List &
Label Designer”, che spiega l’utilizzo del software.

Pag. B.29 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Creazione della Distinta degli Elementi

Stampa della Distinta di Elementi


Nel menu FILE scegliere l'opzione APRI FILE e selezionare il file *.dbf che si
vuole elaborare. Il percorso ed il nome del file dovrebbero essere già stati
definiti precedentemente tramite il comando ”Crea distinta elementi”.
La finestra di dialogo, dopo l’apertura del file, contiene le informazioni della
distinta. Ogni elemento e gruppo viene elencato individualmente e non
classificato; i numeri di posizioni uguali non vengono raggruppate fino al
processo della stampa.
Se esiste un errore nel file della distinta (esempio due elementi differenti con lo
stesso numero di posizione oppure elementi con quantità = 0), il software crea e
apre un file chiamato stkerr.dbf, nel quale questi errori vengono visualizzati.
Questi elementi non vengono elencati nella distinta standard. Nel menu
IMPOSTAZIONI selezionare l'opzione "Assegnazione distinte di default” e poi
inserire i dati per l'intestazione della distinta. Se precedentemente sono state
definite le informazioni del disegno (comando “Informazioni sul disegno”),
questi dati possono essere importati nella distinta. Alla fine, nel menu
DELIVERY, selezionare una delle varianti della distinta (esempio distinta singoli
elementi), da stampare. In base alle impostazioni, il software formatterà la
distinta aprendo un'anteprima di stampa. Tutte le pagine potranno essere
stampate all'interno di questa anteprima.

Anteprima

Descrizione delle funzioni più importanti richieste per la stampa e la navigazione


all'interno dell'anteprima. Se l'attuale stampa viene completamente ottenuta con
l'applicazione “List & Label”, per maggiori informazioni fare riferimento all'help
online di questo software.

Seleziona pagina Zoom Stampa pagina corrente Stampa tutto

Pag. B.29 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Creazione della Distinta degli Elementi

Altri possibili formati di stampa

E’ possibile comunque stampare direttamente la distinta senza anteprima o è


possibile convertirla in altri formati come ad esempio *.pdf, *.txt, *.xls, ecc. Per
determinare il tipo di stampa, selezionare nel dialogo della stampa di “List &
Label” il formato desiderato e in seguito premere il tasto START.

Finestra di stampa “List & Label”

Pag. B.29 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Creazione della Distinta degli Elementi

Finestra di dialogo per editare gli elementi ed il loro inserimento


Dopo aver selezionato questo comando, si apre la finestra per editare la
distinta. Dal menù FILE dopo aver aperto un file *.dbf verrà visualizzata la
seguente finestra di dialogo. La colonna di sinistra visualizza i files aperti, e
quella di destra visualizza tutti gli elementi presenti nel file *.dbf selezionato. In
questa finestra è possibile unire più file DBF, inserire o modificare record nella
distinta.

L’elenco degli elementi non permette una buona visualizzazione delle proprietà,
quindi è possibile eseguendo un doppio click in uno degli elementi, poterlo
visualizzare in modo dettagliato in una nuova finestra. A questo punto si può
modificare ogni informazione che è stata salvata nel file corrispondente. Questo
significa che non si sta operando solo con una funzione temporanea, ma
direttamente nel file corrente.

Pag. B.29 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Creazione della Distinta degli Elementi

Menu FILE

APRI Apre uno o più files di una distinta per l'esecuzione. I files
aperti vengono visualizzati nell'elenco sulla sinistra del dialogo
principale.
CANCELLA Cancella un file selezionato
CHIUDI Chiude il file corrente viene chiuso e rimosso dall'elenco
ORDINA Ordina il file corrente secondo un ordinamento crescente o
decrescente. Viene visualizzata una finestra di dialogo
successiva dove si possono selezionare due livelli di
ordinamento; livello primario e secondario.
ESCI Esce dal processo della distinta di elementi.

Menu RECORDS

AGGIUNGI Aggiungere manualmente un nuovo record alla fine del file.


Viene visualizzata una finestra di dialogo vuota dove possono
essere inserite le informazioni della distinta
CANCELLA Cancella dal file i record selezionati nell'elenco a destra.
AGGIUNGI DAL FILE
Aggiunge dati nel file corrente da un altro file selezionandolo
dall’elenco.

Da notare che, se si usa questa opzione, il contenuto del


file corrente cambia in modo permanente.

Pag. B.29 - 10

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Creazione della Distinta degli Elementi

Menu IMPOSTAZIONI

EDITA DEFINIZIONE DISTINTA


Selezionare questa opzione per editare una configurazione di
stampa o crearne una nuova. La configurazione di stampa
specifica il formato di stampa dei dati della distinta. Si può
liberamente progettare la propria configurazione ed
aggiungere anche testi e loghi. La seguente finestra indica
dove si può editare il template:

Ora si ha un elenco che contiene i template esistenti visibili


anche tramite un’’anteprima. Per editare un template, eseguire
un doppio click del file e si aprirà il software “List & Label“
(vedi all'interno di questo capitolo). Una descrizione dettagliata
della funzionalità non è inclusa in questo manuale. Consultare
l'help online di questo software.
EDITA INTESTAZIONE DISTINTA
Edita l'intestazione della distinta. Il software fornisce prima
l'opportunità di importare alcune informazioni dai disegni (vedi
comando “Informazioni sul disegno”) nella distinta.
FILTRO Impostare le condizioni dei filtri se si vuole stampare la distinta
con i dati filtrati (vedi “Delivery/Distinta singoli elementi con
filtro”). Solo i dati che soddisfano le condizioni dei filtri
vengono stampati nella distinta.

Pag. B.29 - 11

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Creazione della Distinta degli Elementi

ASSEGNAZIONE DISTINTE DI DEFAULT


Vengono preimpostate le distinte per i singoli elementi, per i
gruppi e per i bulloni. Si aprirà la seguente finestra di dialogo
dove si possono aggiungere i vari template predefiniti per le
distinte.

Disabilita il controllo del numero di posizione uguale


Se è stata attivata questa opzione, gli elementi vengono
individuati solo in base ai numeri di posizione. Se questa
opzione viene disattivata (normalmente consigliato), gli
elementi vengono comparati ai nomi, alla lunghezza, ecc.. Se
tutti i dati non corrispondono al numero di posizione, viene
creato un avviso di errore.
Permetti la modifica di records multipli
Se è stata attivata questa opzione, è possibile modificare più
records contemporaneamente.

Pag. B.29 - 12

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Creazione della Distinta degli Elementi

Menu DELIVERY

CREA DISTINTA GRUPPI


Questa funzione crea la distinta dei gruppi. Se si importano
elementi usando la "Distinta montaggio", si dovrebbe
selezionare questo formato per la stampa. Se si usa il
comando “Crea distinta elementi” per importare elementi che
non appartengono ad un gruppo, questi elementi vengono
aggiunti alla distinta.
Dopo aver selezionato il comando, si può modificare la
stampante predefinita di Windows. I dati vengono ora
formattati secondo delle preimpostazioni selezionate (vedi
“Preselezione nomi distinta”); e se necessario è possibile
anche visualizzare un'anteprima. Ora è possibili stampare la
distinta.
Attenzione che il template selezionato sia adatto alla distinta
dei gruppi. Naturalmente è possibile stampare una distinta dei
gruppi con il template dei singoli elementi, ma il risultato
potrebbe non corrispondere alle proprie aspettative.
Va ricordato che possono essere stampati solo gli elementi
che sono stati definiti/importati precedentemente (comando
“Crea distinta elementi”).
CREA DISTINTA SINGOLI ELEMENTI
Selezionare questa opzione per stampare la distinta dei
singoli elementi. Il processo è lo stesso. Vedi ”Distinta
gruppi”.
CREA DISTINTA BULLONI
Selezionare questa opzione per stampare la distinta dei
bulloni. Il processo è lo stesso. Vedi “Distinta gruppi”.
DISTINTA SINGOLI ELEMENTI CON FILTRO
Selezionare questa opzione per stampare la distinta dei
singoli elementi, che contiene solo gli elementi che soddisfano
le condizioni correnti del filtro. Usare il comando
”Impostazioni/Filtro” per impostare queste condizioni. Il
processo è lo stesso. Vedi “Distinta gruppi”.
DISTINTA LIBERA
Selezionando una di queste tre opzioni, viene stampata la
corrispondente distinta degli elementi. Il procedimento è
identico per la distinta dei gruppi. L'unica differenza è che si
deve selezionare il formato invece di utilizzare il template
predefinito.

Pag. B.29 - 13

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Creazione della Distinta degli Elementi

La seguente finestra visualizza un esempio di una distinta di singoli elementi


visualizzata come anteprima nel “List & Label”:

Pag. B.29 - 14

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Creazione della Distinta degli Elementi

Pag. B.29 - 15

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta Disegno

B.30 Distinta Disegno

B.30.1 Creazione Distinta Elementi

Riga di Comando: PS_DWG_PARTLIST

Questo comando permette di creare una distinta degli elementi e inserirla nel
disegno. Questo comando è adatto per le distinte dipendenti dal disegno che
visualizzano ad esempio solo un gruppo singolo. Questa distinta è un oggetto
intelligente; quindi tutte le modifiche eseguite nel modello possono essere
automaticamente considerate e visualizzate nella distinta. Inoltre sono
disponibili varie opzioni per modificare i formati visibili direttamente.
Dopo aver selezionato il comando, selezionare prima gli elementi e poi
determinare nel disegno il punto d'inserimento della distinta. Poi appare la
seguente finestra di dialogo in cui si possono effettuare le varie impostazioni.

Pag. B.30 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta Disegno

Stile Seleziona il nome dello stile della distinta.


Questo stile specifica la forma, ad esempio, quale valore
viene visualizzato, in quale linea, la dimensione e la posizione
delle colonne, ecc..
Lo stile “Standard”’ viene creato dal software ed è sempre
disponibile. Si può creare e gestire un numero di stili che si
desidera. Si seleziona uno stile e poi si ristruttura la distinta
selezionando un inserimento.
Origine Stabilisce se i dati devono essere prelevati dagli elementi 3D
o dalle bandierine di posizione 2D
Tipo distinte Seleziona il tipo delle distinte:
Distinta singoli elementi – Viene creato un inserimento per
ogni elemento. I dati non hanno alcun riferimento tra loro; la
quantità degli elementi corrisponde agli elementi assunti. La
quantità dei gruppi non viene presa in considerazione per la
selezione.
Distinta gruppi – Distinta dei gruppi dove i dati vengono inseriti
separatamente per ogni gruppo. I singoli elementi vengono
inseriti come elementi per gruppo.
Distinta gruppi esplosi – Crea una distinta prendendo in
considerazione il numero di elementi a seconda dei numeri dei
gruppi corrispondenti.
Punto d'inser. Specifica la posizione della distinta rispetto al punto
d'inserimento selezionato.
Tolleranze Questo valore indica con quale grado di tolleranza la
lunghezza degli elementi viene paragonata e considerata
identica.
Scala Specifica la scala per la stampa. Essa può essere aumentata
o diminuita.
Layer corrente Se questa opzione viene attivata, la distinta viene creata sul
layer corrente. Altrimenti verrà creata sul layer “PS_TESTO”
specificato nel file di configurazione.
Aggiorna Se si attiva questa opzione, ProSteel verifica tutte le attività
secondo la loro influenza nella distinta. Quando si cancella un
elemento o si modifica la dimensione di un elemento inserito
all'interno, la distinta viene nuovamente calcolata e
aggiornata. Notare che questa opzione può richiedere del
tempo per il calcolo. Quindi bisogna veramente considerare se
si vuole utilizzare. Comunque è possibile in qualsiasi
momento aggiornala manualmente.

Pag. B.30 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta Disegno

Verifica numero di posizione


Se viene attivata questa opzione, vengono considerati solo
elementi aventi un valido numero di posizione
Solo elementi del gruppo
Se questa opzione viene attivata, vengono considerati solo
elementi appartenenti ad un gruppo
Q.tà totale... Visualizza la quantità totale degli elementi.
Qta=Qta*Tot nel modello
La quantità visualizzata risulta dal numero degli elementi
moltiplicati per la quantità dei gruppi nel modello.
Bulloni senza… Se questa opzione viene attivata, vengono considerati anche
bulloni non aventi un valido numero di posizione.
Inserisci rondelle extra
Se questa opzione viene attivata, le rondelle vengono
considerate e classificate come elementi separati.
Inserisci dadi extra
Se questa opzione viene attivata, i dadi vengono considerati e
classificati come elementi separati.
Inserisci dadi di sicurezza extra
Se questa opzione viene attivata, i dadi di sicurezza vengono
considerati e classificati come elementi separati.
Inserisci rondelle coniche extra
Se questa opzione viene attivata, vengono considerati e
classificate rondelle coniche come elementi separati.
Senza peso I bulloni sono visualizzati nella distinta senza il peso.
Con saldature Vengono considerate le saldature nella distinta.
Sald. combinate Saldature identiche vengono aggiunte nella distinta con una
lunghezza comune.
Aggiunge ulteriori elementi nella distinta selezionandoli dal
disegno.
Rimuove degli elementi dalla distinta selezionandoli dal
disegno.
Calcola e aggiorna nuovamente la distinta. E’ possibile
aggiornare la distinta se l'opzione "Aggiornamento
automatico" non è stata attivata.

Pag. B.30 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta Disegno

B.30.2 Editare gli Stili della Distinta degli elementi

La seconda scheda “Visualizza” permette di editare uno stile di distinta nuovo o


già esistente.

EDITA
Editare lo stile selezionato.

Edita l’elenco delle Proprietà


Nell'elenco di visualizzazione si può accedere ad ogni tipo d'informazione, come
es. quali colonne vengono prodotte, in quale ordine e con quali impostazioni
nella distinta di elementi. Inoltre si possono effettuare impostazioni generali
concernenti il formato distinta.

Pag. B.30 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta Disegno

Nome Stile Nome dello stile corrente.


Elenco Descrizione di tutte le colonne visualizzate della distinta. Esse
vengono ordinate da sinistra a destra.
Modifica la riga selezionata nell'elenco visualizzato (colonna
della distinta).
Aggiunge una nuova riga (colonna della distinta) alla fine
dell'elenco.
Aggiungere una nuova riga (colonna della distinta) sopra alla
riga selezionata.
Cancella la riga selezionata (colonna della distinta)
dall'elenco.
Salva lo stile della distinta. Ricordarsi di salvare lo stile dopo
le modifiche, altrimenti tutte le modifiche vanno perse.
Modifica la formattazione del testo posizionato alla fine della
distinta degli elementi.
Altezza testo Determina l'altezza del testo in mm con una scala di 1:1.
Larghezza Aumenta l'altezza delle righe in questione tramite un fattore.
Secondo lo stile testo, viene aumentata la leggibilità della
distinta.
Bordo SX Distanza del testo dal margine sinistro con giustificazione a
sinistra.
Bordo DX Distanza del testo dal margine destro con giustificazione a
destra.
Offset Spostamento delle linee degli elementi del gruppo verso
l'elemento principale del gruppo.
Rotazione Rotazione dell'intera distinta.
Dimensione Indica dopo quante righe deve essere inserita una linea
orizzontale. Questo permette una rappresentazione più chiara.
Sposta in su Se questa opzione è stata attivata, la distinta viene inserita da
sotto a sopra quindi con l’intestazione verso il basso.
Ragg. elementi I gruppi sono divisi tramite linee orizzontali.
Inverti allineam. Tutti i valori numerici vengono allineati sul bordo destro.
Elimina zero Questa opzione se attiva elimina gli zeri superflui dopo il punto
decimale.

Pag. B.30 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta Disegno

Stile di testo Seleziona lo stile del testo. Fare riferimento al manuale di


AutoCAD per maggiori informazioni circa gli stili di testo.
Ordina per La distinta viene ordinata in base alla proprietà selezionata
nell’elenco.
Ordine Inverso Inverte l’ordine di visualizzazione.
Utilizza prefisso per ordinare
Nell'ordinamento, gli inserimenti sono divisi in prefissi e
numeri e poi ordinati separatamente.

I colori possono essere selezionati globalmente per tutti gli elementi della
distinta. Inoltre, possono essere assegnati dei colori individuali anche a colonne
differenti. Inserire il colore direttamente indicando il numero che corrisponde al
colore di AutoCAD o selezionando direttamente il colore nel video.

Intestazione Colore delle intestazioni.


Testo Colore dei testi.
Contorno Colore del contorno.
Linee oriz. Colore delle linee di separazione orizzontali.
Linee vert. Colore delle linee di separazione verticali.

Pag. B.30 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta Disegno

Editare le impostazioni delle colonne


Ogni colonna degli stili della distinta può essere adattata e formattata in
differenti modi. Dopo che è stato selezionato una proprietà dall’elenco,
selezionando il tasto di modifica apparirà la seguente finestra di dialogo:

Nome campi Seleziona la proprietà da modificare.


Nome1 Nome dell’intestazione.
Nome2 Secondo nome per l’intestazione.
Lunghezza Lunghezza del testo. Questa è anche influenzata dallo stile
del testo.
Decimali Numero di decimali dopo la virgola.
Altezza del testo Altezza del testo della colonna. Se si inserisce il valore 0, si
usa la dimensione generale del testo dello stile della distinta.
Colore della colonna di testo. Se si inserisce il valore -1, si
utilizza il colore del testo dello stile della distinta.

Pag. B.30 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta Disegno

Opzioni Allineamento della colonna: Sinistra, Centro, Destra o


Automatico. Se è stato selezionato “Automatico”, tutti i testi
vengono allineati a sinistra e tutti i numeri vengono allineati a
destra.
Unità Inserire il formato dell’unità Metrico, Imperiale o Automatico.
Se è stato selezionato “Automatico”, si usano le unità default
del disegno.

Impostazioni dalle note delle distinte


Il peso totale o altre informazioni simili possono essere inserire alla fine della
distinta. Queste possono essere inserite sia sopra che sotto. Sono disponibili
più di dieci linee in cui si possono aggiungere anche delle variabili che in seguito
vengono sostituite dai valori correnti.

Pag. B.30 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta Disegno

Riga inferiore Inserire le informazioni desiderate. Si possono usare anche


variabili predefinite. Le seguenti variabili sono disponibili per
l’inserimento:
$(N) Specifica il numero delle linee.
$(F) Fattore di moltiplicazione in % per l’aggiunta.
$(L) Lunghezza totale di tutti gli elementi senza aggiunta.
$(LF) Lunghezza totale di tutti gli elementi senza aggiunta.
$(W) Peso totale di tutti gli elementi senza aggiunta.
$(WF) Peso totale di tutti gli elementi con aggiunte
$(P) Superficie totale di tutti gli elementi senza aggiunte
$(PF) Superficie totale di tutti gli elementi con aggiunte
Aggiunta Percentuale secondo cui i valori determinati devono essere
aumentati. Questi valori aumentati possono essere inseriti
tramite le variabili. $(xF).
Decimali Numero di decimali dopo la virgola.
Offset Distanza dal bordo corrispondente.
Colore della colonna di testo. Se si inserisce il valore -1, si
utilizza il colore del testo dello stile della distinta.
Opzioni Allineamento della colonna: Sinistra, Centro, Destra o
Automatico. Se è stato selezionato “Automatico”, tutti i testi
vengono allineati a sinistra e tutti i numeri vengono allineati a
destra.
Unità Inserire il formato dell’unità Metrico, Imperiale o Automatico.
Se è stato selezionato “Automatico”, si usano le unità default
del disegno.
Impostazioni gruppo
Inserisce un prefisso per i numeri di posizione del gruppo. Nel
campo Colore si può specificare il colore della riga del gruppo.
Se è stato indicato il valore -1, viene usato il colore di default.

Pag. B.30 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta Disegno

B.30.3 Gestore degli stili della distinta

La gestione degli stili esistenti è organizzata nella terza scheda “Lista degli stili”.

Carica dal disco rigido lo stile selezionato nel disegno.


Creare un nuovo stile. Sarà creato con le impostazioni dello
stile corrente. Le impostazioni dello stile possono essere, in
seguito, modificate individualmente.
Crea una nuova cartella per una struttura più chiara dei propri
stili di distinta.
Cancellare lo stile selezionato.

Pag. B.30 - 10

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta Disegno

B.30.4 Editare il contenuto della Distinta di Elementi

Nella quarta scheda “Contenuto” viene visualizzato il contenuto della distinta


che può anche essere modificato manualmente. Per modificare la proprietà,
eseguire un doppio clic sul campo corrispondente e cambiare il valore.

Pag. B.30 - 11

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta Disegno

Pag. B.30 - 12

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta elenco gruppi

B.31 Distinta elenco gruppi

B.31.1 Creazione della distinta

Riga di Comando: PS_DWG_CONTAINLIST

Dopo aver inserito i gruppi in un disegno, si possono creare la distinta ed


inserirla. Queste distinte possono visualizzare l'appartenenza ai gruppi di
elementi certi. Queste distinte possono essere inserite anche nel Centro Disegni
Esecutivi Express.

Dopo aver selezionato gli elementi e selezionato nel disegno un punto


d'inserimento della distinta, si apre la seguente finestra di dialogo dove vengono
visualizzate le impostazioni base.

Stile Definisce come la distinta deve apparire sulla base di uno


stile. L’elenco dei templates vengono salvati e modificati con
l’ausilio di un gestore.
Punto d'inser. Specifica il punto d'inserimento della distinta. I punti disponibili
sono presenti nell’elenco a fianco.
Layer corrente La distinta viene inserita sul layer corrente del disegno invece
che su un layer definito nel file di configurazione.

Pag. B.31 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta elenco gruppi

Scala Specifica la scala d'inserimento della distinta. La scala si


riferisce alle altezze dei testi e le distanze tra di loro.
Questo tasto permette di aggiungere ulteriori elementi nella
distinta selezionandoli dal disegno.
Questo tasto permette di rimuovere degli elementi dalla
distinta selezionando dal disegno.
Questo tasto aggiorna le proprietà degli elementi inseriti nella
distinta.
Si può eseguire un aggiornamento della distinta se non ne è
stato eseguito l’aggiornamento automatico.

Pag. B.31 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta elenco gruppi

B.31.2 Elaborazione elenco degli stili

Nella seconda scheda “Visualizza” è possibile creare uno stile o modificarne


uno già esistente.

EDITA
Questo tasto edita lo stile selezionato.

Edita Elenco delle Proprietà


Nell'elenco si può visualizzare e modificare le proprietà disponibili della distinta.
Inoltre è possibile definire il formato e i colori.

Pag. B.31 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta elenco gruppi

Nome Stile Nome dello stile corrente; tutte le modifiche vengono eseguite
in questo stile.
Elenco Descrizione di tutte le colonne visualizzate nella distinta. Esse
sono visualizzate in ordine da sinistra a destra.
Modifica la riga selezionata nell'elenco visualizzato (colonna
della distinta).
Aggiunge una nuova riga (colonna della distinta) alla fine
dell'elenco.
Aggiungere una nuova riga (colonna della distinta) sopra alla
riga selezionata.
Cancella la riga selezionata (colonna della distinta)
dall'elenco.
Salva lo stile della distinta. Ricordarsi di salvare lo stile dopo
le modifiche, altrimenti tutte le modifiche vanno perse.
Altezza testo Determina l'altezza del testo in mm con una scala di 1:1.
Larghezza Aumenta l'altezza delle righe in questione tramite un fattore.
Secondo lo stile testo, viene aumentata la leggibilità della
distinta.
Bordo SX Distanza del testo dal margine sinistro con giustificazione a
sinistra.
Bordo DX Distanza del testo dal margine destro con giustificazione a
destra.
Offset Spostamento delle linee degli elementi del gruppo verso
l'elemento principale del gruppo.
Rotazione Rotazione dell'intera distinta.
Sposta in su Se questa opzione è stata attivata, la distinta viene inserita da
sotto a sopra quindi con l’intestazione verso il basso.
Ragg. elementi I gruppi sono divisi tramite linee orizzontali.
Intestazione Visualizzata una descrizione per le colonne della distinta.
Stile testo Seleziona lo stile del testo. Fare riferimento al manuale di
AutoCAD per maggiori informazioni circa gli stili di testo.
Ordine inverso Inverte l’ordinamento della distinta.

Pag. B.31 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta elenco gruppi

I colori di visualizzazione possono essere globalmente selezionati per tutti gli


elementi della distinta. Inoltre possono essere assegnati colori individuali anche
alle differenti colonne. Inserire il colore direttamente indicando il numero del
colore di AutoCAD o selezionandolo direttamente nel dialogo di selezione.

Intestazione Colore delle intestazioni.


Testo Colore dei testi delle colonne.
Contorno Colore del contorno.
Linee oriz. Colore delle linee di separazione orizzontali.
Linee vert. Colore delle linee di separazione verticali.

Pag. B.31 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta elenco gruppi

Editare le proprietà delle colonne


Ogni colonna può essere adattata e formattata in diversi modi. Dopo aver
selezionato dall'elenco una proprietà da modificare, si apre la seguente finestra:

Nome campi Selezionare il campo da modificare.


Nome1 Questo è il nome della colonna di testa se il primo nome è
stato indicato anche nel campo “Nome2”. Sono disponibili due
righe.
Nome2 Questo è il secondo nome della colonna di testa.
Lunghezza Lunghezza della colonna desiderata. La larghezza esatta della
colonna dipende dallo stile del testo selezionato.
Decimali Numero delle posizioni dopo il punto decimale.
Altezza testo Altezza del testo della colonna. Se si è inserito il valore 0, si
usa la dimensione generale del testo dello stile di distinta.
Inserire il colore della colonna di testo. Se viene inserito il
valore -1, viene utilizzato il colore dello stile della distinta.

Pag. B.31 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta elenco gruppi

Opzioni Inserire l'allineamento della colonna: Sinistra, Centro, Destra o


Automatico. Se è stato selezionato “Automatico”, tutti i testi
vengono allineati a sinistra e tutti i numeri vengono allineati a
destra.
Unità Inserire il formato dell’unità Metrico, Imperiale o Automatico.
Se si è selezionato “Automatico”, si usano le unità default del
disegno.

Pag. B.31 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta elenco gruppi

B.31.3 Gestione degli Stili della Distinta

La gestione degli stili delle distinte è organizzata nella terza scheda “Lista degli
stili”.

Carica dal disco rigido lo stile selezionato nel disegno.


Creare un nuovo stile. Sarà creato con le impostazioni dello
stile corrente. Le impostazioni dello stile possono essere, in
seguito, modificate individualmente.
Crea una nuova cartella per una struttura più chiara dei propri
stili di distinta.
Cancellare lo stile selezionato.

Pag. B.31 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta elenco gruppi

B.31.4 Editare il contenuto della Distinta

Nella quarta scheda “Contenuto” si possono osservare i contenuti della distinta


e ed anche possibile modificarla. Per modificare un inserimento eseguire un
doppio clic sul campo corrispondente.

Pag. B.31 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Distinta elenco gruppi

Pag. B.31 - 10

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
C Dettagli
Detailing

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Dettagli

Pag. C - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

C.1 Centro disegni esecutivi

C.1.1 Derivazione 2D

Dopo aver creato il modello, eseguito il posizionamento e creato la distinta degli


elementi inseriti, si può iniziare a derivare gli elementi 3D dal modello.

Derivazione modello 3D
Tutti gli elementi presenti nel modello 3D vengono derivati per creare i disegni
esecutivi (dettagli 2D), questo significa che il modello viene scomposto in singoli
elementi costruttivi, analizza la geometria dei singoli profili e verifica ogni lato
nascosto. Poi secondo i vostri requisiti e le vostre selezioni, profili vengono
rappresentato in varie viste, quotati e provvisti di bandierine di posizione.
Tutto questo viene eseguito in automatico e velocemente dal software in
background. Una volta che il software ha terminato con un elemento, lo stesso
viene salvato in una libreria in forma di blocco, organizzato in gruppi individuali e
fasi di costruzione.
Dopo la fine di questa procedura si può utilizzare il software per la distribuzione
degli elementi nei fogli di disegno, per essere manipolati con AutoCAD o con
qualsiasi software CAD ma ProSteel 3D offre molte altre funzioni, che facilitano
il lavoro.

Possibilità d’intervento
Preoccuparsi che d'ora in poi dobbiate arrendervi all'automatismo del software e
che i vostri disegni avranno l'aspetto voluto del progettista, è del tutto superfluo.
Un vasto numero di parametri determina l'aspetto del disegno e vengono salvati
come dati e reimpostati a seconda del tipo di disegno (viste, dimensioni
standard, dettagli di officina 1:10, ecc.).
Si può dunque risparmiare tempo derivando diversi elementi in una sola volta
applicando uno di questi stili – che può essere già sufficiente per soddisfare i
requisiti per il proprio lavoro. Comunque si possono derivare anche piccoli
gruppi di componenti - uno dopo l'altro- o addirittura un elemento singolo. E’
possibile sempre aver accesso ai dettagli, fino al minimo particolare.

Pag. C.1 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Il principio base della derivazione


In generale, il software distingue due tipi di derivazione: automatica e manuale.

La derivazione automatica si svolge all'interno del modello e si richiede al


software di derivare un certo elemento con un determinato stile. Lo stile adatto
va definito o selezionato in anticipo. Il resto (per ora) non dipende dall'utente. Il
risultato risulta un blocco con viste, secondo i parametri impostati.

Utilizzando la derivazione manuale dovete specificare da soli la derivazione


adatta dal modello. Si lavora in assenza di una struttura e si possono usare le
funzioni ausiliarie del software per inserire ed assegnare le quote, le bandierine
di posizione, le quote altimetriche, ecc. Si possono inserire anche gli oggetti
standard di AutoCAD, quali linee o testi, ecc. Il software visualizza
automaticamente i lati nascosti e salva i dettagli come blocco. In questo modo si
ha la possibilità di influire decisivamente sull'aspetto dei dettagli, ma le
operazioni si eseguono manualmente.

Tutti i capitoli menzionati vengono elaborati dal Centro Disegni Esecutivi di


Prosteel 3D, la cui descrizione viene riportata nelle pagine successive.

Pag. C.1 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

C.1.2 Centro Disegni Esecutivi

Cos’è il Centro Disegni Esecutivi?


Dal Centro Disegni Esecutivi viene gestita l'intera derivazione dei disegni 2D. Si
può considerarlo come un software nel software che offre più di quanto possa
sembrare a prima vista.

Quando viene avviato per la prima volta, appare una finestra di dialogo con
poche impostazioni. In seguito alle impostazioni effettuate, non viene richiesto
nient'altro. Come noto, si possono derivare individualmente i disegni dal
modello. Comunque, se necessario, si può in qualsiasi momento accedere agli
elementi del disegno. Si possono effettuare diverse impostazioni, richiedere
informazioni e verificare i disegni.
La filosofia di questo sviluppo consiste nell'ottenere lo stesso risultato in modi
diversi e nell'effettuare molte modifiche ma solo se necessario!

Pag. C.1 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Finestre di dialogo generale


Il Centro Disegni Esecutivi è accessibile tramite una finestra di dialogo, che
appare sulla sinistra o sulla destra di AutoCAD, la quale si può ingrandire a
piacere. Con un doppio clic sulla barra del titolo si può spostarla in qualsiasi
posizione sullo schermo e viceversa.

Nel Centro Disegni Esecutivi si possono utilizzare dei menu di scelta rapida che
sono accessibili tramite il pulsante sinistro del mouse e Drag&Drop, cioè il
trascinare un inserimento su un altro. Si lavora anche con le strutture in "forma
d’albero" come l’Explorer di Windows. Finché queste funzioni sono simili a
quelle standard, non vengono qui descritte.

La maggior parte delle finestre di dialogo che sono accessibili dal Centro
Disegni Esecutivi sono definiti dialoghi non-modal. Dopo l'avvio di un comando
non è necessario chiuderli ma possono rimanere aperti. Oltre al risparmio del
clic, il loro vantaggio consiste nella capacità di adattarsi alla situazione corrente;
in questo modo si è informati sullo stato del lavoro. Si possono modificare le
impostazioni e vederne i risultati immediatamente: questa è una caratteristica
comune di tutte le finestre di dialogo di ProSteel. Tutti i dialoghi del Centro
Disegni Esecutivi sono sincronizzati tra essi.

Se durante il lavoro accade che sulla schermata appaiano troppe finestre di


dialogo, il Centro Disegni Esecutivi risolve anche questo problema: le finestre
vengono chiuse automaticamente nel caso che la dipendenza delle funzioni
venga cambiata. L'uscita da una finestra principale implica la chiusura
automatica delle finestre di dialogo subordinate.

Pag. C.1 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Finestra di dialogo Centro Disegni Esecutivi

Le pagine successive riportano la descrizione della finestra di dialogo del Centro


Disegni Esecutivi. Questo capitolo riporta un’introduzione ed una spiegazione di
alcuni concetti base. I singoli comandi vengono poi descritti in speciali capitoli.

Pag. C.1 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

In generale, il Centro Disegni Esecutivi si compone di tre schede principali.


Normalmente l'elemento del modello passerà per tutte e tre le schede, sino a
quando non sarà visibile come disegno esecutivo. Comunque, dopo la selezione
dei parametri, è sufficiente effettuare alcuni clic con il mouse.
Se queste procedure sono troppo scomode, in alternativa è possibile utilizzare
l'Assistente Express!. Questa parte del software consente di eseguire le
procedure in automatico finché il lavoro non è terminato. La derivazione viene
effettuata secondo un modello predefinito. Quindi, derivare con un singolo clic
del mouse diviene realtà.

Scheda 1: Elementi (Preparazione)

La scheda contiene l'elenco degli elementi nel modello e visualizza le


dipendenze e le relazioni tra loro. Si possono elencare i gruppi, i singoli elementi
o le aree complete del modello, visualizzate chiaramente in una struttura ad
albero. Si gestiscono e si modificano gli stili di dettaglio, è possibile gestire le
modifiche ed eseguire l’Assistente Express.

Scheda 2: Viste (Derivazione)


Questa scheda offre una visualizzazione degli elementi o l'elenco delle viste
generate dal software. È inoltre possibile aggiungere od eliminare le viste,
visualizzare un'anteprima, ed eseguire l'impostazione degli stili di dettaglio.
È inoltre possibile determinare esattamente quale dettaglio 2D verrà derivato ed
iniziare con il processo di derivazione.

Scheda 3: Inserimenti (Importazione)

In questa scheda gli elementi sono già derivati e vengono salvati come dettagli
2D sul disco rigido del computer. Si ottiene l'elenco dei dettagli del modello
corrente (o di altri modelli) specificando quali elementi vengono inseriti nel
disegno.
Se non si ha l’intenzione di eseguire modifiche manuali, l'inserimento degli
elementi nel disegno determina la fase finale del lavoro.

Pag. C.1 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Struttura Elenco Elementi


In ognuna delle tre schede è possibile entrare in una finestra per la
visualizzazione della struttura dell’elenco degli elementi. Nella barra degli
strumenti, selezionare il tasto che apre la finestra di dialogo per personalizzare
la visualizzazione degli elementi.
In questa finestra si può specificare quali elementi vengono selezionati e in che
tipo di struttura ad albero. Si possono impostare i filtri desiderati e salvare le
impostazioni, separatamente, nei templates per qualsiasi tipo di scheda. Inoltre,
è disponibile una visualizzazione standard per ogni scheda la quale consente di
lavorare sin dall'inizio.

Strumenti di Lavoro
Ciascuna delle tre schede, permette di accedere ad una finestra attraverso
strumenti di lavoro usando il tasto nella barra degli strumenti. Questi strumenti
vengono assegnati alla scheda corrispondente. Per ottenere una area più
grande di visualizzazione della struttura dell’elenco degli elementi, molte delle
funzioni e delle impostazioni poco utilizzate vengono affidate a finestre di
dialogo subordinate.

Finestra Informazione
In aggiunta, il menu contestuale permette di accedere ad una finestra di
informazione. Tutte e tre le schede sono subordinate a questa finestra, la quale
fornisce informazioni sullo stato corrente dell'oggetto, visualizzandone il nome e
il tipo, quando è stato derivato, dove è stato inserito, e tante altre informazioni.

Menu Contestuale
Ogni lista dispone del proprio menu contestuale, che si può attivare con il
pulsante destro del mouse. È consigliabile l’utilizzo di questo menù, poiché
velocizzano l'accesso al comando corrente.

Templates
Come già indicato nelle funzioni di ProSteel 3D, le impostazioni base del Centro
Disegni Esecutivi possono essere salvate come template per ogni livello.
Vengono salvate le impostazioni per gli strumenti di lavoro e per la struttura
dell’elenco degli elementi. Questi templates (come referenza) possono essere
nuovamente salvati in un altro template insieme alle impostazioni globali del
Centro Disegni Esecutivi. Questo permette configurazioni individuali dell'intero
Centro Disegni Esecutivi.

Pag. C.1 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Preferiti
Se si definiscono alcuni templates come "preferiti" per l'intero Centro Disegni
Esecutivi, si possono selezionare più rapidamente. Questo sistema è consigliato
se si desidera modificare frequentemente le impostazioni durante una sessione
di lavoro.

Stili di dettaglio
Gli stili di dettaglio costituiscono il fondamento dell'intero processo di
derivazione. Essi specificano il modo di visualizzazione di un elemento del
modello. Il contenuto degli stili viene descritto nel capitolo "Stili di dettaglio". La
gestione e la modifica di uno stile sono descritte nel capitolo "Viste di dettaglio".
N.B.: un elemento senza stile non può essere derivato e, se derivato, viene
ignorato dal programma!

Anteprima
Per aprire l'anteprima del dettaglio selezionato, è necessario attivare la scheda
“Viste". Questo crea un disegno di AutoCAD con il dettaglio 2D che è il risultato
dello stile selezionato in precedenza. Il disegno visualizza come l'elemento è
stato elaborato. Questa finestra, inoltre permette di ingrandire e interrogare gli
oggetti, perchè si tratta di un disegno AutoCAD indipendente.
Data la possibilità di correggere nello stesso tempo lo stile di questo elemento,
le modifiche si possono vedere in tempo quasi reale. Se si avvia l'anteprima per
un altro elemento, non bisogna chiudere la finestra, poiché il suo contenuto si
aggiorna in automatico. Il disegno con l'anteprima va chiuso manualmente.
Quando viene aperta l'anteprima, la maggior parte delle funzioni del Centro
Disegni Esecutivi è inaccessibile. Ricordate: a causa di più finestre di disegno
aperte, la finestra dell'anteprima può a volte essere nascosta dietro qualche
altra. È da considerare inoltre la potenza del computer per i dettagli 2D più
complessi, quali gruppi o viste intere/complete. Ci vuole pazienza se il computer
sembra essere lento. La velocità richiesta è elevata, ma alcuni degli ultimi
computer sono sorprendenti per la velocità di aggiornamento.

Pag. C.1 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

C.1.3 Informazioni generali sulla scala e stili di quotatura

Nel Centro Disegni Esecutivi sono disponibili due varianti per derivare un
dettaglio dal modello: o l'elemento mantiene la dimensione originale e il testo
(quote, descrizioni, ecc.) viene scalato o l'elemento viene scalato e il testo
mantiene la dimensione originale. Questo è per supportare entrambi i metodi
tipici di AutoCAD.

Scale
La prima variante consente di ottenere i dettagli 2D non scalati considerando la
scala soltanto nella stampa. Inoltre i dettagli 2D (senza quote e testi) possono
essere inseriti in altri disegni esecutivi facilmente e comodamente. Lo
svantaggio di questa variante consiste nell'assenza di diverse scale in un unico
disegno esecutivo ed inoltre è necessario copiare gli elementi da altri disegni.
In questi casi l'utilizzo della seconda variante è più vantaggioso: permette di
avere sempre la stessa dimensione dei testi, gli elementi vengono scalati e
stampati sempre nella scala 1:1. Questa variante permette di gestire
comodamente diverse scale in un solo disegno esecutivo.
Nella derivazione di ProSteel 3D sono disponibili entrambi le varianti; all'interno
di un disegno va però utilizzata solo una delle due.

Stili di quotatura
Vengono definiti alcuni stili di quotatura in AutoCAD, che possono essere
utilizzati negli stili di dettaglio di ProSteel. Quando si esegue la derivazione, il
software crea una copia dello stile e crea i testi e le quote in accordo con la
scala dei dettagli 2D.
Sebbene il software imposti il testo delle quote in modo permanente, (esempio
per gli accorciamenti), si vuole ottenere un quota associativa di AutoCAD dopo
che la derivazione è terminata; così la copia, mantiene intatto lo stile originale e
non è necessario creare stili separati per ciascuna scala individuale.

Pag. C.1 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Se si vuole lavorare con la prima variante usando una scala 1:10, si ottiene uno
stile con una scala del testo=10 e con una scala della lunghezza=1. Il nome
potrebbe, per esempio, essere PS_STD_1_10. Se si procede con un altro
dettaglio con impostazioni dello stile di quotatura di AutoCAD, si ottiene lo
stesso nome dello stile.
Ora vanno inserire entrambi le derivazioni in un disegno e la prima prevale
perchè il nome è identico. Comunque questo è tipico di AutoCAD e ProSteel 3D
non ha intenzione di modificarlo.

Se avete problemi con gli stili di quotatura, assicuratevi che non sia
dovuto a questo caso.

Questo è il motivo per cui è necessario assicurarsi che il disegno in cui si


inseriscono i dettagli 2D non contengano alcuno stile di quotatura (se possibile),
e che gli stili di base con lo stesso nome siano uguali in modelli differenti, se si
vogliono mescolare i dettagli di questi modelli. Si consiglia di non modificare i
dettagli solo cambiando le scale (esempio, quotando manualmente). ma è
necessario creare un nuovo stile con un nuovo nome.

Pag. C.1 - 10

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

C.1.4 Informazioni Generali sui Tipi di Dettaglio

Nella derivazione, il Centro Dettagli distingue diversi tipi di dettaglio, come


singoli elementi o gruppi di elementi. In molti casi, queste definizioni provengono
dal modello 3D in modo da non dover considerare nient'altro.

Elementi Singoli

Sono tutti gli elementi che corrispondono ad un elemento reale 3D nel modello e
normalmente sono la più piccola unità di derivazione. Il Centro Dettagli,
comunque, non può distinguere se gli elementi sono per la produzione o per la
vendita.
Ogni singolo elemento del disegno può essere formato da solidi di ProSteel 3D.
In questo disegno, vengono derivati i bordi dell'elemento, gli angoli
d'intersezione ed i fori. Normalmente il sistema di coordinate dell'elemento
definisce l'allineamento delle viste standard, come vista frontale, vista piana,
ecc.
I profili saldati sono un'eccezione. Essi consistono di molti elementi singoli, ma
in molti casi vengono trattati come un elementi composti.

Gruppi di elementi

Questa è una disposizione logica di singoli elementi già creati nel modello 3D
tramite l'utilizzo del comando "Gruppi" (PS_GROUP).
Viene creato un disegno del gruppo in modo da quotare le dimensioni dei
singoli elementi aggiunte alle altre. E' anche possibile inserire quote di singoli
elementi.
Ogni gruppo di elementi consiste di un elemento principale e molti elementi
subordinati (elementi aggiunti). L'elemento principale definisce l'allineamento di
viste differenti sul gruppo.

Viste

Questa è una disposizione tridimensionale di elementi nel modello così come


possono essere visti da una direzione della vista definita e con una profondità
definita precedentemente, che non va confusa con le viste degli elementi.
Viene creata una descrizione del disegno in cui quotare la posizione degli
elementi rispetto a se stessi e rispetto ad un asse di riferimento esistente (assi
di costruzione).
Le viste sono derivate dal modello esistente le cui viste sono state create

Pag. C.1 - 11

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

automaticamente con il comando (PS_WORKFRAME), o aggiunte in seguito


manualmente.

Viste isometriche

Queste viste mostrano il modello con una rappresentazione tridimensionale e


spesso senza gli oggetti nascosti. La direzione della vista viene determinata
dalle cinque viste globali del modello 3D.
E' anche possibile aggiungere viste isometriche a dettagli individuali (es.
gruppi). In questo caso, vengono rappresentate come vista dell'elemento
insieme alle altre viste parziali.

Piano di ancoraggio

La vista si riferisce alla vista piana e visualizza insieme alle dimensioni anche le
piastre di base delle colonne.
E' possibile utilizzare differenti scale per la vista piana e per dettagli della piastra
base. La quotatura dei fori può essere riferita alla griglia della vista piana.

Pag. C.1 - 12

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Dettagli manuali

In principio queste sono anche viste del modello, ma si può liberamente


determinare gli elementi coinvolti e la direzione della vista durante la
derivazione.
I dettagli manuali permettono di creare viste non standard o sezioni speciali di
dettaglio. Queste viste, bisogna quotarle manualmente e non aggiornano se il
modello viene modificato.
I dettagli manuali non appaiono nella lista degli elementi ne' possiedono un loro
stile di dettaglio. La scala e la visualizzazione degli elementi sono comunque
verificate da uno stile di dettaglio assegnato temporaneamente durante la
creazione.
I dettagli manuali possono essere inseriti nel disegno allo stesso modo delle
viste standard.

Profili multipli

Sono oggetti composti da più parti che vengono normalmente trattati e quotati
come un singoli elementi (es. profili elettrosaldati).

A seconda della situazione, può accadere che questi elementi non sono ordinati
ma prodotti individualmente. Quindi, nel Centro Dettagli si può considerare un
profilo multiplo come parte. Questo significa che esso appare come un elemento
subordinato individuale in un gruppo di elementi, ma è anche possibile creare
singoli disegni degli elementi.
Perchè questo avvenga è necessario attivare l'opzione "Tratta Elementi come
Singoli" nelle proprietà degli elementi 3D.

Dettagli del giunti

Queste sono viste nel modello che visualizzano gli elementi presenti in un
giunto (2) o gruppi di giunti (1).

Pag. C.1 - 13

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

In molti casi, gli elementi del giunto come piatti, bulloni, ecc. possono essere
visti completamente mentre i profili dei giunti sono visualizzati solo
parzialmente.
I giunti sono riconosciuti tramite logic-links esistenti, se almeno uno di questi link
viene nominato con un codice d'identificazione.
I giunti appaiono come un elemento nel Centro Dettagli e ad esso può essere
assegnato uno stile di dettaglio. Dopodiché vengono trattati in modo simile
come gli altri elementi.

Crea Giunti con Nome

A tale proposito, attivare l’opzione "Aggiungi informazioni giunti" nella scheda


dei Logiclinks nelle Opzioni globali di ProSteel 3D. Nelle proprietà dei logiclink è
possibile inserire un Codice d'identificazione e, volendo, un Nome.

Assegnazione giunti comuni

Se ci più giunti in un'area tridimensionale, può essere creato un dettaglio


comune del giunto. Solo uno dei giunti coinvolti deve avere un’identificazione.
Il profilo principale di questo giunto definisce l'allineamento del dettaglio.
All'interno di un'area di ricerca (definita nelle impostazioni globali del Centro
Dettagli), tutti i giunti vengono assegnati.

Qui sotto si vedono le informazioni del giunto. Se non si ha alcun logiclink


specifico, forse perchè si è modellato tutto manualmente, le relazioni necessarie
possono essere create tramite link manuale. (PS_MANUAL_LINK).

Pag. C.1 - 14

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

C.1.5 Dettagli 2D intelligenti

Avendo inserito nel disegno dei dettagli 2D e volendo elaborarli anche


manualmente è necessario tenere presente i concetti di seguito esposti.

Dettagli Intelligenti
Il risultato della derivazione è un dettaglio 2D, come se fosse disegnato in
AutoCAD standard. Vengono visualizzati assi, lati visibili e nascosti, fori, ecc. e
l'elemento non è ancora un vero disegno 2D. I dettagli 2D intelligenti sono
ancora in 3D, il che è evidente dalla vista obliqua sul disegno con i singoli
elementi o gruppi. Comunque, stampandoli su carta, essi sono in 2D.
Il vantaggio consiste nel fatto che in seguito sia possibile aggiungere sezioni e
quotare, considerando gli eventuali accorciamenti dei profili.
Volendo modificare in seguito la geometria dei dettagli è necessario utilizzare i
comandi di ProSteel per mantenere l'intelligenza.
Volendo scomporre un dettaglio 2D, esso va esploso con il comando di
AutoCAD “Esplodi”. Quindi si ottiene un gruppo di AutoCAD che va esploso
nuovamente per ottenere delle linee, causando la perdita dell'intelligenza. Si
raccomanda di evitarlo finché sia possibile. Fanno eccezione le viste ed i
dettagli 2D manuali che rispetto alle loro proprietà non sono dettagli intelligenti
essendo creati come gruppi di AutoCAD.

Accorciamento dei profili


Nella derivazione è possibile decidere di accorciare gli elementi (profili)
particolarmente lunghi. Il programma accorcia questi elementi dove non ci sono
delle lavorazioni (fori, tagli). Questo permette di visualizzare i particolari più
importanti per la produzione in dimensione ottimale (si possono selezionare
scale maggiori) con la possibilità di disporre più elementi su un foglio di carta.
La differenza è possibile vederla chiaramente nella figura seguente dove
entrambi i profili sono nella stessa scala.

Pag. C.1 - 15

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Differenza tra il
profilo originale e
quello accorciato

Il problema nell'accorciamento potrebbe sorgere nelle quote aggiunte con


AutoCAD. Lavorando con ProSteel 3D si possono considerare gli accorciamenti
anche in seguito, poiché il lavoro riguarda l’oggetto.
Attenzione a non esplodere gli elementi in linee dopo la derivazione, in questo
caso le proprietà dell'oggetto andrebbero perse!

Pick Helpers
Lo svantaggio dei dettagli 2D consiste nel fatto che gli elementi intelligenti che
compongono il gruppo siano editabili. Non sono di aiuto neanche se vengono
attivati o disattivati i gruppi AutoCAD.
A tal proposito in ProSteel 3D sono stati introdotti i cosiddetti "Pick Helpers”, che
possono essere trattati analogamente ai grip di AutoCAD. Quando all'interno del
disegno non è selezionato nessun elemento, con il pulsante destro del mouse
apre il menu di scelta rapida, dove si trova l'opzione "ProSteel 3D Opzioni" e
l'inserimento “Pick Helpers ON/OFF”. Questo opzione consente di attivare o
disattivare i grip delle parti di un gruppo.
Sugli elementi dei gruppi appaiono dei triangoli che permettono di selezionare le
proprietà e di spostare gli elementi di un gruppo.

Quando si lavora con i “Pick Helpers”, non va dimenticato che se si sposta un


elemento di un gruppo tenendo premuto il tasto ALT ne viene creato uno di
nuovo. Per visualizzare la modifica è necessario rigenerare il disegno.

Uso Diretto: PS_PICKHELPER

Pag. C.1 - 16

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

C.1.6 Visualizzazione della struttura dell’elenco di elementi

Le strutture dell’elenco di elementi sono più importanti all’interno dei tre livelli di
lavoro. In questi elenchi, la struttura degli elementi o dei dettagli 2D sono
visualizzati in una struttura ad albero la quale può essere usata per lavorare nel
livello selezionato. La selezione ed i filtri degli elementi possono essere
liberamente configurati dall'utente. Di conseguenza si hanno visualizzazioni
diverse per diverse operazioni.

Ordine di Visualizzazione (Struttura)


Per modificare l’ordine di visualizzazione è necessario selezionare la finestra di
dialogo attraverso il tasto STRUTTURA. Dopo la modifica dei valori selezionati e
la chiusura della finestra di dialogo, la visualizzazione viene riorganizzata.
Comunque, è anche possibile selezionare i template creati individualmente per
differenti livelli di lavoro nella impostazione globale del Centro Disegni Esecutivi.

Pag. C.1 - 17

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Tipo di Visualizzazione
Visualizza Seleziona il tipo di visualizzazione.
PS3D Standard – gli elementi vengono visualizzati nella solita
struttura gruppi/elementi del gruppo. In aggiunta i singoli
elementi e le viste vengono visualizzati allo stesso modo.
Definito da utente – la gerarchia della visualizzazione si
determina individualmente, esempio è possibile specificare
l'ordine degli elementi secondo le proprietà.
Proprietà disp Seleziona la proprietà dell’elemento disponibili.
Proprietà selez. Proprietà selezionate. L'ordine corrisponde al livello
gerarchico nella struttura ad albero (ordine di selezione).
Il campo delle proprietà corrisponde al tipo di questa proprietà;
esso dipende dai dati degli elementi ai fini della
rappresentazione degli inserimenti da visualizzare.
Esempio, se si seleziona la lunghezza come proprietà, viene
creato un livello gerarchico per ogni lunghezza esistente dei
profili e tutti gli elementi aventi la stessa lunghezza vengono
subordinati a questa proprietà.

Visualizza Filtro
Usa Filtro Vengono visualizzati solo gli elementi che corrispondono alle
proprietà dei filtri selezionati.
Le proprietà selezionate per la struttura e per i filtri non
devono essere identiche. È possibile per esempio visualizzare
un inserimento secondo l'altezza, ma filtrare completamente
gli elementi.
Lista di selezione Seleziona un template del filtro che è specificato
nell’elenco. Selezionare le “Impostazioni correnti” quando non
esistono dei template ma si vogliono usare le impostazioni
correnti della finestra di dialogo.
EDITA Questo tasto edita il filtro di visualizzazione o salva/seleziona
un template del filtro.
Usa Pre-Filtro Secondo filtro addizionale. Questo filtro è collegato con il filtro
corrente tramite l’operatore logico AND. Quindi, l'elemento
deve soddisfare entrambi le condizioni.

Pag. C.1 - 18

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Opzioni
Ordine Seleziona l'ordine degli inserimenti.
Crescente – Gli inserimenti vengono visualizzati in ordine
crescente numerico o alfabetico (1,2,3,4,...).
Decrescente – Gli inserimenti vengono visualizzati in ordine
decrescente numerico o alfabetico (...,4,3,2,1).
Nessuno – Gli inserimenti non vengono ordinati.
Solo 1x pos. Ogni elemento viene visualizzato soltanto una volta nell'intera
struttura ad albero. I numeri di posizione servono come criterio
di comparazione, separati in gruppi ed singoli elementi.
Se un elemento avente la stessa posizione (es. una
nervatura) è situato in due diversi gruppi, viene solo
visualizzato nel primo gruppo.
Solo 1x gruppo Ogni elemento viene visualizzato soltanto una volta nell'intera
struttura ad albero, ma ogni singolo elemento di un gruppo
viene registrato nuovamente per gruppo.
Se un elemento avente la stessa posizione (es. una
nervatura) è situato in due diversi gruppi, viene solo
visualizzato una volta in ciascun gruppo.
Visualizza gruppi Seleziona il modo di visualizzazione degli
elementi del gruppo.
Struttura gruppo – Gli elementi e i bulloni di un gruppo sono
subordinati all'inserimento del gruppo. Questo consente una
facile selezione di ogni elemento di un gruppo.
Solo singoli elementi – Vengono visualizzati solo gli elementi
correnti di un gruppo, ma non il gruppo stesso.
Gruppo e singoli elementi – Il gruppo (come un inserimento
senza elementi subordinati) e gli attuali elementi di questo
gruppo sono visualizzati allo stesso livello.
Il vantaggio di questa separazione è che in caso di selezione
definita dall’utente, è possibile organizzare il gruppo e gli
elementi separatamente. Altrimenti, se i gruppi non ci fossero,
non sarebbe possibile registrare i singoli elementi.
Per tipo elemento
Gli inserimenti sono inizialmente ordinati secondo le viste, i
gruppi, se necessario, elementi principali/elementi costruttivi
(dipendenti dalla visualizzazione del gruppo) e i singoli
elementi, se si sono effettuate le selezioni standard di
ProSteel 3D.
Cartella non vuota
L’ordine non viene visualizzato se non contiene nessun altro
inserimento.

Pag. C.1 - 19

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Filtro di visualizzazione

Il filtro di visualizzazione consente un filtraggio degli elementi secondo le loro


proprietà. Si può descrivere ogni espressione del filtro sulla base delle proprietà
esistenti (non ci sono limiti nella complessità delle combinazioni).
È possibile salvare le impostazioni dei filtri per selezionarle facilmente. Questo
permette di preparare molte tipologie di filtri da applicare esattamente alle
proprie esigenze.
Sono disponibili due filtri di uguale valore (un pre-filtro e uno principale), i quali
sono collegati attraverso AND.
Sebbene ciascun filtro sia organizzato logicamente dalla condizione "Tutti i
profili più lunghi di 5000, ma non per le IPE270 o IPE240", a volte è anche più
facile lavorare con il pre-filtro.
Se ad esempio nessun piatto è richiesto per un'operazione, è possibile
escluderlo permanentemente già tramite il pre-filtro. Il filtro standard poi è utile
per il lavoro quotidiano ed è inoltre possibile modificarlo senza il bisogno di
aggiungere ogni volta la condizione “Nessun piatto”.

Pag. C.1 - 20

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Termini di Comparazione
Lista Visualizza tutte le proprietà degli elementi da usare come
criteri di filtro. E possibile utilizzarli liberamente.
Scegliere la proprietà desiderata selezionando nell’elenco.
Poi, la proprietà verrà visualizzata nell’elenco a destra.
Campi di visualizzazione
Specifica una singola condizione di comparazione che
consiste in una proprietà, in un operatore e di un valore.
Molte condizioni possono essere combinate con operatori
logici per completare le condizioni del filtro.
Lato sinistro Elenco delle proprietà degli elementi.
Centro Operatore di comparazione tra le proprietà e valori degli
elementi, per creare una condizione comparativa.
Lato destro Valori degli elementi secondo le proprietà selezionate
nell’elenco di sinistra. Le condizioni comparative impossibili
vengono evitate.
Quando tutte e tre le componenti di una condizione comparativa vengono
impostate, si possono aggiungere per completare le condizioni di filtro
attraverso il tasto INSERIRE. Vengono impostate le parentesi appropriate
secondo le condizioni esistenti e gli operatori logici selezionati.
Condizione completa del Filtro
Campo di visualizzazione
Le complete condizioni di filtro, come operatori logici,
consistono in molte condizioni comparative. Quando si è già
inserita una condizione comparativa, viene visualizzato anche
l'operatore logico attivo della successiva condizione
comparativa.

Comandi di dialogo

OPERATORE AND
Selezionando questo tasto, si sceglie l'operatore logico AND per la
condizione comparativa successiva.

OPERATORE OR
Selezionando questo tasto, si sceglie l'operatore logico OR per la
condizione comparativa successiva.

Pag. C.1 - 21

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

PARENTESI
Selezionando questo tasto, il software costringe ad aggiungere
manualmente le parentesi alle condizioni del filtro esistenti.
Le parentesi sono sempre necessarie se si vuole collegare il risultato completo
di una condizione parziale ad un altro, perchè la combinazione di (A AND B) OR
C è differente da A AND (B OR C).

INSERISCI
Selezionando questo tasto si aggiunge la condizione comparativa
corrente.

CANCELLA
Selezionando questo tasto si cancella l'ultima condizione comparativa
aggiunta.

CANCELLA TUTTO
Selezionando questo tasto si cancella la completa espressione di filtro.

Usa Templates Filtro


Come già noto secondo le funzioni di ProSteel 3D, si possono salvare le
espressioni del filtro anche come templates. Questo filtro può essere applicato
per impostare la visualizzazione attraverso il nome di questo template.
Questo è solo un suggerimento! Se si dovesse modificare il template del filtro, il
template della visualizzazione, dove questo filtro viene utilizzato, produrrebbe
un altro risultato.

Pag. C.1 - 22

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

C.1.7 Viste degli elementi

Le viste degli elementi costituisce la pagina iniziale del Centro Disegni Esecutivi;
le funzioni qui descritte si applicano anche ad altri livelli di lavoro. Queste sono
specialmente le selezioni individuali della lista di visualizzazione e l'uso dei filtri.

Quando si seleziona il comando Centro Disegni Esecutivi, questa scheda si


attiva sempre per prima, e il disegno corrente viene “esplorato” dal Centro
Disegni Esecutivi.
Tutti gli elementi vengono ricercati nel modello secondo criteri predefiniti e poi
visualizzati. Ciò richiede del tempo quando vengono usati modelli con molti
elementi. Vengono ricercati e visualizzati anche tutti gli stili di dettaglio.

Un gran numero delle funzioni descritte può essere selezionato tramite il menu
con il tasto destro del mouse.

Se si vuole utilizzare solo una parte del modello, usare le classi di visibilità per
nascondere gli elementi non necessari. Tutti gli elementi nascosti non verranno
riconosciuti nel Centro Disegni Esecutivi e quindi non elaborati.

Comandi di dialogo

Questa è la barra degli strumenti. I tasti dal N. 1 al 4 sono disponibili per


ciascuna scheda di lavoro.

Pag. C.1 - 23

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

RICORSIVITÀ (1)
Questo tasto, attiva e disattiva la ricorsività.
Se è attivata, ogni elaborazione di un elemento nell’elenco (es. lo stile
assegno) è effettuata anche in tutti gli elementi subordinati. Altrimenti, viene
elaborato solo l’elemento selezionato.

STRUTTURA (2)
Questo tasto apre la finestra di visualizzazione per eseguire l’ordinamento
dell’elenco degli elementi. E’ possibile selezionare la visualizzazione
standard o una struttura individuale e impostare i filtri definiti dall'utente.

IMPOSTAZIONI (3)
Questo tasto apre la finestra degli strumenti di lavoro dove si possono
specificare altre impostazioni solo per questo livello di lavoro. A seconda
del livello di lavoro, sono valide anche le impostazioni globali, che possono
essere definite separatamente.

TEMPLATE (4)
Questo tasto salva o carica le impostazioni del Centro Disegni Esecutivi in
un template.

RICARICA (5)
Questo tasto ricarica gli elementi dal modello corrente.
Questo è richiesto se si apre un altro modello utilizzando la variabile di
sistema MDI di AutoCAD o se vengono effettuate modifiche nel modello
corrente (e.s. nuova posizione).

EXPRESS (6)
Questo tasto attiva l’Assistente Express, per effettuare una derivazione
completa secondo un modello definito.

ASSEGNA (7)
Questo tasto assegna gli elementi del modello con uno stile di dettaglio.
Questo richiede prima la selezione di uno stile di dettaglio.
Dopo aver selezionato il comando si possono scegliere gli elementi del modello
da collegare o selezionarli in una finestra. Tutti gli elementi non protetti contro la
sostituzione vengono successivamente assegnati a questo stile.

Pag. C.1 - 24

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

PREPARA (8)
Questo tasto permette di creare le viste degli elementi selezionati
nell’elenco in base alle impostazioni dello stile di dettaglio. Le viste
possono essere create solo per gli elementi che hanno uno stile di dettaglio
assegnato.

LIVELLI DI LAVORO (9)


Attiva un livello di lavoro differente selezionando sulla scheda corrispondente.
Ogni finestra di dialogo aperta viene aggiornata di conseguenza.
E’ possibile accedere alla pagina delle impostazioni globali del Centro Disegni
Esecutivi e si possono specificare le impostazioni valide per l'intero Centro
Disegni Esecutivi o per diversi livelli di lavoro.

BARRA DEL TITOLO (10)


Effettuando un doppio clic su questo area, la finestra di dialogo si sgancia dalla
posizione originale per poi poterla spostare liberamente. In alternativa, è
possibile selezionare la finestra di dialogo e spostarla tenendo premuto il tasto
sinistro del mouse.

SEPARATORE (11)
Questo separatore permette di allargare o di ridurre le due finestre che divide.
Inoltre, la barra di scorrimento tra le due liste di visualizzazione (se le due liste
sono disponibili) permettono di scorrere tutti gli elementi

CHIUDI (12)
Questo tasto chiude il Centro Disegni Esecutivi.

Pag. C.1 - 25

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Elenco degli Stili di Dettaglio

Questa lista visualizza tutti gli stili di dettaglio disponibili. La selezione consiste
degli stili salvati nel disegno e sul disco rigido.

Visualizzazione e Modifica degli Stili di Dettaglio

Un doppio click sullo stile desiderato per aprire la finestra di dialogo degli stili di
dettaglio, dove è possibile modificare gli inserimenti. In alternativa, è possibile
usare l'opzione nel menu contestuale Edita stile.
Le modifiche si applicano solo alla sessione corrente. Se si vogliono salvare le
modifiche permanentemente, è necessario salvare il modello o esportare lo stile
di dettaglio nel disco rigido tramite le funzioni dello stile.

Copia Stili di Dettaglio

Selezionare lo stile di dettaglio che si vuole copiare dalla lista. Poi selezionare
l'opzione nel menu contestuale Salva stile con nome. Adesso lo stile viene
copiato, nel disco rigido, come un file con nome proprio.
Se si vogliono salvare tutti gli stili del disegno, si seleziona l'opzione Salva Tutti
gli Stili di Dettaglio. Adesso ogni stile viene salvato nel proprio file.
Se si vuole copiare uno stile di dettaglio, selezionare l'opzione Copia Stile di
Dettaglio. Poi appare una finestra dove si può indicare il nuovo nome dello stile.
Il nuovo stile di dettaglio viene ora visualizzato nella lista e può essere
modificato successivamente.
Si prega di considerare i suggerimenti, alla fine di questo capitolo, riguardo il
formato file modificato.

Cancella Stili di Dettaglio

Selezionare lo stile di dettaglio da cancellare dalla lista. Poi usare l'opzione del
menu contestuale Rimuovi stile. Lo stile viene rimosso dalla lista e dal disegno.
Si può anche cancellare dal disco rigido. Questo stile cancellato non è più
disponibile per le sessioni successive.

Imposta e Rimuovi lo Stile di Dettaglio

Alcune funzioni di derivazioni manuali richiedono un stile di default. Usare il


menu contestuale per impostare o rimuovere uno stile di default. Selezionare
solo lo stile desiderato, seguito dalla corrispondente funzione nel menu. Lo stile
di default corrente viene identificato con un asterisco (*).

Pag. C.1 - 26

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Carica gli Stili di Dettaglio

Al primo avvio del Cento Disegni Esecutivi, solo gli stili di dettaglio salvati nel
disegno vengono visualizzati nella lista.
È possibile comunque caricare altri files di stili (es. defaults di alcuni clienti),
quando si inizia a derivare. Se poi si salva il disegno, gli stili aggiunti vengono
resi disponibili in modo permanente nel disegno e visualizzati nel caricamento
successivo. Per caricare uno stile selezionare l'opzione nel menu contestuale
Carica stile.
Per caricare direttamente tutti gli stili esistenti dalla cartella standard,
selezionare dal menu contestuale Carica tutti gli stili.
Questo caricamento degli stili è conveniente se si richiede un gran numero di
stili differenti, ma solo una parte di essi viene utilizzata. Se si carica uno stile di
dettaglio esistente nel modello, viene sovrascritto allo stile esistente.
Si prega di considerare i suggerimenti, alla fine di questo capitolo, riguardo il
formato file modificato.

Formato File del File Stile

Il volume delle informazioni dello stile di dettaglio è cresciuto considerevolmente


rispetto alle versioni precedenti, dalla versione 17.2 verrà salvato solo come file
binario con estensione *.stx. Tutti i comandi per caricare uno stile di dettaglio
aprono files in questo formato.
Comunque, è possibile caricare i precedenti files di testo *.sty selezionando
l’estensione al menu "Tipo di File".

Pag. C.1 - 27

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Lista degli Elementi

Questa lista è l’elenco iniziale del Centro Disegni Esecutivi perchè visualizza
tutti gli elementi di un modello per verificare lo stato corrente. La visualizzazione
e il tipo di lista dipendono dalle impostazioni della visualizzazione.

Indicatore dello Stato

A seconda dello stato dell'elemento, gli inserimenti vengono visualizzati con


piccole immagini. Solo elementi con queste immagini possono essere elaborati.

Colori dei Simboli


Grigio Elementi senza alcuno stato speciale. Probabilmente, questi
elementi non sono stati ancora elaborati dal Centro Disegni
Esecutivi.
Blu Un blocco 2D di questi elementi è già stato creato, ma non è
stato ancora inserito in un disegno.
L'elemento originale nel modello non è stato modificato dopo
la creazione del blocco 2D e quindi questo blocco può essere
inserito.
Giallo Un blocco 2D di questi elementi è già stato creato, ma non è
stato ancora inserito in un disegno.
L'elemento originale nel modello è stato modificato dopo la
creazione del blocco 2D e quindi questo blocco deve essere
cancellato nuovamente prima di essere inserito.
Verde Un blocco 2D di questi elementi è già stato creato e inserito in
un disegno. L'elemento originale nel modello non è stato
modificato dopo l’inserimento del blocco 2D e quindi questo
blocco è un elemento valido nel disegno 2D.
Rosso Un blocco 2D di questi elementi è già stato creato e inserito in
un disegno. L'elemento originale nel modello è stato
modificato dopo l’inserimento del blocco 2D e quindi questo
blocco deve essere aggiornato nel disegno 2D.

Contrassegni aggiuntivi
Segno di spunta Significa che uno stile di dettaglio è stato assegnato ad un
elemento.
Asterisco (*) Corrisponde all'elemento principale del gruppo.

Pag. C.1 - 28

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Informazioni sugli Elementi

Il significato dei diversi elementi può essere facilmente differenziato dai simboli,
perchè singoli elementi, piatti, gruppi, viste, ecc. vengono rappresentati ognuno
con il loro simbolo tipico.

Inoltre, è possibile aprire


una finestra informativa
attraverso il comando
Visualizza Info nel menu
contestuale. La finestra
informa dettagliatamente
circa lo stato e le proprietà
selezionate in quel
momento. Essa si trova
anche negli altri livelli di
lavoro. Il contenuto di
questa finestra è
automaticamente adattato alla selezione corrente.

Selezione Multipla e Drag&Drop

Usare i tasti SHIFT e CTRL per selezionare inserimenti multipli. Questa è una
funzione specifica di Windows, che non sarà spiegata in questo manuale.
Molte operazioni possono anche essere eseguite usando il sistema Drag&Drop:
per esempio, per assegnare uno stile di dettaglio ad un elemento è sufficiente
trascinarlo su di esso.

Selezione delle Proprietà di ProSteel 3D

Nel Centro Disegni Esecutivi, le proprietà degli elementi possono essere


direttamente modificate nel modello. Premendo il tasto destro del mouse, dopo
aver selezionato gli elementi desiderati, compare il comando “PS3D Proprietà”
nel menu contestuale. Per maggiori informazioni circa le proprietà degli
elementi, fare riferimento ai corrispondenti capitoli di questo manuale.
Principalmente, la selezione avviene allo stesso modo della selezione degli
elementi nel modello e poi si visualizzano le proprietà. In combinazione con le
possibilità di selezione degli elementi, è possibile modificare per esempio solo il
materiale delle flange. Lavorando con un modello con molti elementi e usando il
metodo tradizionale questo tipo di modifica potrebbe essere complicata.
Non dimenticare di aggiornare il Centro Disegni Esecutivi dopo aver effettuato
una modifica, perchè il software non esegue un aggiornamento automatico.

Pag. C.1 - 29

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Riferimento al Modello (Ricerca)

La lista degli elementi fa riferimento direttamente al modello in entrambi le


direzioni permettendo un facile e rapido orientamento.
Da un lato, gli elementi selezionati nella lista possono essere visualizzati nel
modello. Questo permette di vedere direttamente quali elementi appartengono
ad un gruppo, ad una vista, ecc. Per fare questo, selezionare l'opzione
"Visualizza la selezione nel modello" nella scheda “Globale”. Selezionando un
elemento nella lista, esso verrà visualizzato nel modello con dei colori differenti.
Selezionare nella lista il “Modello” per ritornare ai colori originali dell’elemento.
Da un altro lato, un elemento selezionato nel modello può essere trovato ed
selezionato nella lista degli elementi. Per eseguire questo nel modello, con il
tasto destro del mouse, selezionare nel menu contestuale, PS3D
Cerca/Seleziona Singolo Elemento. Il cursore del mouse si posizionerà
nell’elemento trovato.

Ordinamento

L’ordine della lista degli elementi dipende sempre dall'impostazione degli


strumenti di lavoro. L’ordine numerico della posizione, a seconda del gruppo,
dei tipi di elementi, ecc. viene sempre effettuata in tre modi:
Primo, la selezione viene effettuata a seconda della posizione del numero
principale. Questo numero viene scelto, a sua volta, a seconda della posizione
di un indice esistente. Se sono disponibili prefissi aggiuntivi questi vengono
selezionati alla fine. I numeri di posizione composti solo di lettere, vengono
inizialmente visualizzati in ordine alfabetico. Se si applica il filtro “Visualizza ogni
elemento solo 1x", vengono assunte solo queste posizioni in modo da risultare
identiche con una sola differenza nel loro prefisso di elemento, fino a quando
l’opzione “Non Usare Prefisso Numero di Posizione” viene attivato.

Standard Pos AA con Filtro: Pos AA


Pos BC Pos BC
Pos 1-1 Pos 1-1
Pos 1-2 Pos 1-2
Pos TR 1-2 (intervalli)
Pos 2-2 Pos 2-2
Pos ST2-3 Pos ST2-3
Pos TR2-3 (intervalli)
Pos 2-4 Pos 2-4

Pag. C.1 - 30

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Assegnazione degli Stili di Dettaglio

Le viste parziali e i dettagli possono essere creati da qualsiasi elemento con uno
stile. Le differenti scelte permettono di collegare in modo rapido gli elementi
corretti con lo stile necessario.
Si possono solo derivare elementi aventi uno stile di dettaglio. Questi dettagli
possono essere qui determinati.

Assegnare uno Stile

Nella lista, selezionare gli elementi e poi usare Drag&Drop per trascinarli nello
stile di dettaglio. È possibile inoltre selezionare gli elementi e usare il menu per
scegliere l'opzione Assegna Stile di Dettaglio.
Se si vogliono utilizzare gli elementi direttamente dal modello, va prima
selezionato uno stile di dettaglio. Poi si preme il tasto ASSEGNA (7) seguito
dalla selezione degli elementi nel modello. Comunque, con questo metodo, è
possibile assegnare solo singoli elementi.

Selezione Ricorsiva

Se un singolo elemento ha uno stile di dettaglio, esso viene elaborato con lo


stile come singolo elemento. Assegnando invece uno stile di dettaglio ad un
gruppo e con la selezione ricorsiva attivata lo stesso stile di dettaglio verrà
assegnato anche agli elementi del gruppo.
Se si vogliono creare solo i dettagli dei gruppi, i singoli elementi associati non
richiedono lo stesso stile perchè lo stile del gruppo si applica al gruppo.

Pag. C.1 - 31

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Se si assegna lo stile "A" al modello e si attiva la selezione ricorsiva, ogni


elemento viene collegato con questo stile. Se si disattiva la selezione ricorsiva,
solo gli elementi “Piano di ancoraggio”, “Proiezione orizzontale”, “Vista piano”,
“Gr Pos. 100 (HEB200)” e “Gr. Pos. 101 (HEB200)” vengono collegate con
questo stile. Questo perchè gli elementi vengono posizionate su una scala
gerarchica immediatamente sotto il modello. Se si assegna lo stile "B" al “Gr.
Pos. 101 (HEB200) ed è attivata la selezione ricorsiva , ogni singolo elemento di
questo gruppo viene assegnato a questo stile. Se viene disattivata l’opzione
selezione ricorsiva, viene assegnato lo stile "B" solo a questo gruppo.

Rimozione degli Stili di Dettaglio

Selezionare gli elementi nella lista e poi con Drag&Drop per trascinarli verso
l'alto lontano dal Centro Disegni Esecutivi. Un altro metodo tramite il menu
contestuale scegliere l'opzione Scollega dallo Stile di Dettaglio.
Ricordare che non si possono elaborare gli elementi senza uno stile di dettaglio,
a meno che gli elementi non appartengano ad un gruppo e si vogliano derivare
solo le viste del gruppo.

Protezione contro sostituzione

Usare l'opzione “Proteggi contro sostituzione” nel menu per proteggere gli
elementi per una eventuale sovrascrittura degli stili. Gli inserimenti vengono
evidenziati in grassetto e non possono essere sovrascritti ne rimossi da uno
stile. È necessario rimuovere la protezione prima di modificare o cancellare lo
stile di qualsiasi elemento.
La combinazione del processo ricorsivo e della protezione contro sostituzione
facilita l'assegnazione di stili differenti ai gruppi ed ai singoli elementi.
Disattivare la ricorsività, attivare la protezione e trascinare il "modello" sullo stile
del gruppo, assegnerà lo stile solo ai gruppi che verranno successivamente
protetti. Attivare la ricorsività e trascinare il "modello" sullo stile dei singoli
elementi, assegnerà lo stile a tutti gli elementi tranne che ai gruppi perché
protetti in precedenza contro la sostituzione.

Nascondere gli Elementi

È possibile rimuovere temporaneamente gli elementi non desiderati dalla lista


per ottenere una migliore visualizzazione. Per fare questo, selezionare gli
elementi corrispondenti e poi attivare sul menu contestuale il comando
Nascondi Entità.

Pag. C.1 - 32

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

La visibilità si riferisce solo alla lista degli elementi. Non confondere questa
funzione con le classi di visibilità nel modello 3D che nasconde gli elementi
trasformandoli, permanentemente, in elementi invisibili.
Quando si attiva nuovamente il Centro Disegni Esecutivi o quando si usa il
comando AGGIORNA (5), tutte gli inserimenti nascosti sono nuovamente visibili.

Importa per la Derivazione

Tutti gli elementi con uno stile di dettaglio possono essere importati per la
derivazione, il che significa che vengono create le viste corrispondenti.
L'importazione per derivazione segna la fine delle operazioni in questo livello e
si può procedere con il livello successivo.

Crea Viste Parziali

Per importare elementi nella lista delle viste, trascinare gli elementi desiderati
sul tasto PREPARA (8) usando "Drag&Drop". Il tasto poi diventa
temporaneamente rosso, il che significa che è attivo. Se si lascia il tasto del
mouse gli elementi vengono trasferiti. E’ anche possibile evidenziare gli
elementi e selezionare sul tasto PREPARA con il mouse.
Se è attiva l'opzione "Crea viste" nelle impostazioni, non va fatto nient'altro
perchè assegnando lo stile crea automaticamente le viste degli elementi. Se si
rimuovono gli stili dagli elementi anche le viste vengono rimosse.
Quando l'elemento esiste nella lista delle viste, gli inserimenti vengono corretti
in modo corrispondente. Quando il gruppo corrispondente esiste nella lista delle
viste, l'elemento singolo viene assegnato a questo gruppo.

Elaborare e Cancellare Viste Parziali

È sempre possibile aggiungere o rimuovere viste parziali modificando lo stile di


dettaglio corrispondente ed importare nuovamente gli elementi.
Volendo aggiungere una vista parziale solo per un determinato elemento e lo
stile di dettaglio non subisce modifiche, è possibile aggiungere o rimuovere
viste parziali nella scheda di lavoro “Viste” indipendentemente dalle
impostazioni dello stile.
In questa scheda vengono anche create le derivazioni manuali dove i blocchi 2D
vengono creati indipendentemente dalla gerarchia degli elementi, e vengono
creati anche gli automatismi di derivazione.

Pag. C.1 - 33

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Impostazioni Speciali

Si può accedere a queste impostazioni con il comando IMPOSTAZIONI (3).

Comportamento dopo l'assegnazione stili


Proteggi contro sostituzione
L'elemento viene protetto dopo l'assegnazione dello stile di
dettaglio e visualizzato in grassetto. Per modificarlo bisogna
prima rimuove la protezione.
Nascondere dalla lista elementi
L'elemento viene nascosto dalla lista dopo l'assegnazione
dello stile di dettaglio. Vengono visualizzati solo gli elementi
privi di uno stile di dettaglio.
Per rivisualizzare gli elementi eseguire nuovamente Il Centro
Disegni Esecutivi o usare il comando RICARICA. Ricordare
che se si nasconde un gruppo, gli elementi del gruppo
vengono nascosti anche se non hanno ancora uno stile.
Crea viste Dopo aver assegnato uno stile di dettaglio ad un elemento
crea automaticamente le viste.

Pag. C.1 - 34

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Comportamento se aggiornato
Ripristina modifiche manuali se aggiornate
Durante l'aggiornamento automatico dei disegni 2D, il
software può ripristinare le modifiche eseguite manualmente
nelle derivazioni. Altrimenti, il dettaglio viene visualizzato
nuovamente secondo lo stile di dettaglio.
Elimina Quote/Bandierine
Le quote o le bandierine di posizione cancellate dall'utente,
vengono rimosse nuovamente.
Per maggiori informazioni circa l'aggiornamento automatico 2D consultare un
capitolo separato di questo manuale.

Pag. C.1 - 35

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

C.1.8 Descrizione delle Viste

Dopo aver importano tutti gli elementi per la derivazione, in questo livello di
lavoro (elenco delle viste), vengono visualizzate le viste create.
In questa scheda alcuni comandi sono stati discussi in quella precedente
“Elementi”. Solo alcune nuove funzioni appartengono alle viste.

Dialogo-Comandi

AGGIUNGI VISTA
Questo tasto aggiunge altre viste agli elementi o crea delle derivazioni
manuali. Quindi si apre un'altra finestra (vedi anche: Aggiungi Viste).
Dopo aver selezionato un elemento nell’elenco delle viste, l’oggetto
corrispondente viene selezionato automaticamente per la derivazione manuale.
Inoltre, quando si seleziona il primo inserimento (“Dettagli Viste”), si può
selezionare qualsiasi elemento cliccando su di esso nel modello.

DERIVAZIONE
Questo tasto speciale deriva tutti gli elementi selezionati nell’elenco
delle viste, incluse le viste parziali, e le salva sul disco rigido come
blocchi 2D. I blocchi 2D creati, possono successivamente essere inseriti nei

Pag. C.1 - 36

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

disegni 2D.

Elenco delle viste


In questo elenco sono visibili tutte le viste degli elementi importati, le quali
possono essere verificate per il loro stato corrente. La visualizzazione e la
selezione della lista dipende dalle impostazioni dei templates di visualizzazione.

Stato della visualizzazione

Il significato di queste immagini sta nella descrizione dell'elemento; fare


riferimento a questo sezione per ulteriori informazioni. Se la vista è già stata
elaborata, ciò viene contrassegnato.

Anteprima

Prima della derivazione è possibile visualizzare un'anteprima di un dettaglio o di


una singola vista. La derivazione viene elaborata com’è visualizzata.
Se si seleziona solo una vista, si ha una anteprima della stessa, invece se si
seleziona l'intero gruppo, si vedono tutte le viste esistenti.
Per attivare l'anteprima, selezionare l'elemento corrispondente e poi selezionare
sul menu contestuale Anteprima. Dopo un periodo di calcolo, si apre una nuova
finestra di disegno contenente la possibile derivazione come anteprima.
Se sono aperte le finestre dello stile e dell'anteprima, è possibile modificare le
impostazioni degli stili di dettaglio e verificare direttamente gli effetti delle
modifiche. Se lo stile di dettaglio non è ancora aperto, si può aprire la finestra di
dialogo Modifica con Stile di Dettaglio dal menu. Viene selezionato lo stile di
dettaglio assegnato alla vista.

Aggiunge e Rimuove Nuove Viste

Con l’anteprima è possibile considerare se le viste create sono sufficienti per


una rappresentazione completa dell’elemento. Se questo non avviene si può
intervenire manualmente aggiungendo o rimuovendo delle viste all’elemento in
questione. Per eseguire questo e' sufficiente trascinare la vista da rimuovere
verso l'alto e lontano dal Centro Disegni Esecutivi usando "Drag%Drop". Se si
seleziona un intero elemento, esso viene rimosso; se si seleziona “Dettagli
Viste”, tutte le viste create vengono rimosse.

Per aggiungere una vista all'elemento, selezionare l'elemento corrispondente e


poi selezionare Aggiungi Vista dal menu contestuale Si aprirà una finestra di
dialogo che vi zincherà quale vista aggiungere.

Pag. C.1 - 37

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Derivazione
Per attivare la derivazione, trascinare gli elementi desiderati all'interno del tasto
DERIVAZIONE usando "Drag%Drop". Il tasto diventa temporaneamente rosso,
il che significa che è attivo. Lasciare il tasto e gli elementi vengono trasferiti. Si
possono anche selezionare gli elementi e poi premere il tasto DERIVAZIONE o
selezionare sul menu contestuale Crea 2D.

Un blocco 2D con la data e l’ora della derivazione viene creato e salvato sul
disco rigido ogni volta che si attiva il processo di derivazione.
Dopo che il processo di derivazione è terminato è consigliabile salvare il file per
memorizzare le informazioni negli elementi per un’eventuale e futura
segnalazione di modifica.

Impostazioni Speciali

Si accede alle seguenti impostazioni attraverso il tasto IMPOSTAZIONI.

Comportamento se elaborato
Nascondi l’elemento nel modello
L'elemento viene nascosto nel modello dopo la derivazione.
Questo facilita e permette di osservare direttamente nel
modello quali elementi devono essere ancora derivati.

Pag. C.1 - 38

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Definizione di una Vista Principale


All'interno di ProSteel 3D, ci sono diverse modi per specificare la vista principale
(vista frontale) di un profilo per l'elaborazione.
L'esperienza ci ha mostrato che nella maggior parte dei casi non è sufficiente
assumere una linea guida perchè questo avvenga, ma viene definita
individualmente dall'operatore e soprattutto dipende dal tipo di costruzione.
Essendo elementi nello spazio, non si può chiaramente definire alto/basso o
sinistra/destra sempre con la stessa logica.

Vista Frontale basata sul Sistema delle Coordinate degli Elementi (A)

Ogni elemento ha il proprio sistema di coordinate il quale definisce la vista


principale e costante. Nel caso di profili standard, l'asse Y di questo sistema di
coordinate è sempre allineato parallelamente all'anima così può essere utile
come asse di riferimento per la vista dall'alto.
Questo garantisce che, indipendentemente dalla posizione del profilo, la vista
frontale, visualizza sempre uno dei due lati dell’anima e la vista dall'alto
visualizza una delle due ali del profilo. La posizione in direzione longitudinale,
dipende dalla direzione di inserimento del profilo. Il punto iniziale dell'elemento è
sempre situato sulla sinistra o sulla parte inferiore.
Nel caso di profili non simmetrici (es. profili L), il sistema di coordinate viene
ruotato intorno all'asse Y in modo da guardare dall’interno del profilo.

La figura sulla sinistra visualizza il sistema


di coordinate di un profilo a L (X,Y,Z) con il
punto iniziale S e il punto finale E. Per la
derivazione, il sistema di coordinate ora
viene ruotato intorno all'asse Y di 180°
(X',Y',Z' e S' si inverte con E’). Ora, la vista
frontale viene definita lungo questo nuovo
asse X.

Vista Frontale basata sulla Vista Frontale Globale (B)

Per evitare confusione è possibile determinare due viste frontali globali. La vista
nella direzione dell'asse della coordinata più vicina, viene assunta come vista
frontale del profilo corrispondente. Per evitare la vista di una sezione, si può
definire una vista frontale alternativa ruotata di 90°.

Pag. C.1 - 39

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Questo dimostra che la posizione è sempre indipendente dall'inserimento della


direzione dell'elemento, ma la vista frontale può visualizzare una volta l'anima e
una volta l'ala, a seconda della rotazione del profilo nella vista. Perciò gli
elementi vengono visualizzati così come si vedono dall'interno.

Selezionare l'opzione Imposta vista di riferimento globale nel menu contestuale


nell’elenco degli elementi per specificare le viste frontali globali. Posizionarsi nel
modello per ottenere il sistema di coordinate. In seguito, selezionare la direzione
della vista desiderata e poi la direzione della vista alternativa.
Quando si preme il tasto ESC invece di selezionare le viste, vengono impostati i
valori di default (0,-1,0) e (1,0,0). I valori correnti vengono visualizzati nella
finestra informativa.

Vista Frontale basata sull'Esterno del Modello (C)

Questa variante è simile alla vista frontale globale. La differenza è che invece di
selezionare viste specifiche, si seleziona l'asse della coordinata dell'elemento
che mostra più chiaramente il centro della costruzione verso l'esterno. Questo
significa che la vista frontale è sempre quello che si vuole vedere dall'esterno se
si guarda verso il centro dell'intera costruzione.
Questo metodo corrisponde largamente all'immaginazione umana, ma a
seconda della rotazione del profilo, possono essere visualizzate una volta
l'anima ed un'altra volta l'ala.

Il seguente esempio mostra gli effetti della vista principale selezionata nella
visualizzazione 2D di un profilo:

Pag. C.1 - 40

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Le posizioni 1-4 sono state inserite in un rettangolo, l'asse Y dell'elemento è


visualizzato nella direzione in alto e l'asse Z è mostrato nella direzione del
profilo. Le viste A e B sono le viste frontali globali specificate.
Secondo la selezione, si ottiene la vista frontale visualizzata sulla destra.

Specificare Vista Frontale Individuale (D)

L'ultima variante consiste nel fatto che si può specificare, per ogni singolo
elemento, quale asse della coordinata va utilizzato come vista frontale. In
generale, si può decidere di usare la variante (B o C) e allineare gli elementi
sfavorevoli individualmente e indipendentemente.

Selezionare l'opzione Imposta vista di riferimento singola nel menu contestuale


nell’elenco degli elementi per specificare una vista frontale individuale.
Posizionarsi nel modello per ottenere il sistema di coordinate. In seguito, si
seleziona la desiderata direzione della vista frontale. Quando si preme il tasto
ESC invece della selezione, la vista frontale individuale viene cancellata. Il
valore corrente è visualizzato nella finestra informativa. Selezionare l'opzione
Cancella tutte le viste di riferimento nel menu contestuale per cancellare
contemporaneamente le viste di tutti gli elementi .

Pag. C.1 - 41

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Altre Viste
ProSteel ha la possibilità di aggiungere altre viste ad un elemento o la creazione
di dettagli manuali dal modello. Da quando i dettagli manuali sono considerate
come viste libere, vengono elaborate tramite questa finestra di dialogo.
Si ha accesso a queste funzioni attraverso il tasto AGGIUNGI VISTA o tramite il
menu contestuale Aggiungi vista. Anche la seguente finestra è anche un dialogo
tipo non-modal, questo significa che si può selezionare, in ogni momento, un
elemento nell’elenco delle viste del Centro Disegni Esecutivi.

Elenco Viste
Campo di Input Si possono modificare solo i nomi delle viste libere.
Elenco Visualizza le viste disponibili da aggiungere agli elementi.
Le viste in grassetto sono già esistenti.
Seleziona
Elenco Stile di dettaglio corrente selezionato per la derivazione
manuale. Quando si seleziona l'opzione “Dal pezzo”, utilizza
lo stile dell’elemento. Lo stile si può editare con il tasto di
destra
Seleziona vista Definisce la vista libera selezionandola nel modello.

Pag. C.1 - 42

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Agg. al dettaglio Aggiunge la vista selezionata all'elemento selezionato.


Dett. manuale Crea una derivazione manuale dell'elemento selezionato o di
ogni aggetto selezionato nel modello.
Selezione solo sul piano
I punti selezionati durante la definizione della vista in piano
vengono proiettati nel piano corrente.

Aggiungi al dettaglio

Per aggiungere una delle sei viste standard, selezionare la vista corrispondente
dall’elenco e premere il tasto AGGIUNGI AL DETTAGLIO.
Per aggiungere una vista libera, selezionare una delle viste libere “Vista
A…Vista D' dall’elenco. Il campo in alto può essere usato per modificare il
nome. In seguito, premere il tasto SELEZIONA VISTA per specificare l'UCS
(origine, asse X e asse Y) nel modello o premerei il tasto ESC per impostare la
vista corrente. Infine, premi sul tasto AGGIUNGI AL DETTAGLIO.
Le viste aggiunte successivamente vengono trattate, durante la derivazione,
come viste standard e, in seguito, elaborate automaticamente.

Derivazione Manuale dal Modello

Posizionarsi nella prima scheda “Viste” dal Centro Disegni Esecutivi per creare
una derivazione manuale degli elementi selezionati nel modello. Premere il tasto
DERIVAZIONE MANUALE ed inserire un nome. Seleziona la vista specificando
l'UCS (origine, asse X e asse Y) nel modello o premere il tasto ESC per
impostare la vista corrente. In seguito, si è in grado di selezionare gli elementi
che devono essere elaborati per questa derivazione manuale.

Si apre una finestra simile quella dell'anteprima, dove sono presenti gli elementi
3D selezionati. In questi oggetti si possono inserire quote, bandierine di
posizione ecc.

In seguito apparirà una nuova finestra dove premendo il tasto CREAZIONE 2D


verranno convertiti gli oggetti 3D in elementi 2D. Naturalmente si può continuare
a lavorare in questa finestra aggiungendo altri elementi, ma non possono più
accedere alle proprietà degli elementi intelligenti. Una volta terminate le
aggiunte, salvare la finestra senza rinominarla.

Derivazione Manuale dai Componenti

È’ possibile anche creare una derivazione manuale dai gruppi o dai singoli
elementi senza selezionare specificamente gli elementi dal modello. Prima
selezionare l'elemento desiderato nell’elenco delle viste e poi procedere come
la derivazione manuale dal modello.

Pag. C.1 - 43

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

C.1.9 Dettagli Blocchi 2D (Inserimento)

Dopo aver derivato tutti gli elementi, si possono poi inserire i blocchi 2D creati
nelle tavole. In quest’elenco sono visualizzati tutti i blocchi 2D salvati.
Alcuni dei punti più importanti sono già stati discussi in precedenza; vengono
descritte solo alcune opzioni speciali di questo livello di lavoro.

Comandi di Dialogo

RICARICA
Ricaricare nuovamente l’elenco degli oggetti della cartella corrente del
Centro Disegni Esecutivi. Questo è richiesto nel caso in cui si deriva un
nuovo elemento o se sono stati inseriti manualmente altri elementi nella cartella
dei dettagli.

EXPRESS
Esegue l'Assistente Express per l'inserimento automatico.

Pag. C.1 - 44

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Elenco delle cartelle dei dettagli


Le impostazioni di default visualizzano l’elenco dei nomi della cartelle,
presenti nella cartella “Detail” di ProSteel 3D. Tutti i dettagli vengono
salvati in una cartella il cui nome corrisponde al nome del modello
associato. Gli utenti non devono modificare il percorso. E’ possibile
anche aggiungere altri percorsi in modo da accedere ad altre cartelle
esterne al percorso di default di ProSteel 3D.

Aggiungi Libreria di dettagli

Selezionare l'opzione Aggiungi Libreria Dettagli nel menu per inserire una
libreria di dettagli da aggiungere all’elenco.
Usando questa funzione, si può accedere ai blocchi 2D salvati su un server di
rete.

Cancella Libreria di dettagli

Per cancellare una libreria dei dettagli, selezionare il nome corrispondente


nell’elenco e con il menu contestuale scegli l’opzione Rimuovi Entità. Vengono
così cancellati tutti i blocchi 2D presenti nella cartella.
Ricordare che il programma non considera possibili file estranei esistenti!
ProSteel 3D assume le librerie di dettagli che contengono solo blocchi 2D e
nessun altro disegno o files presente.

Pag. C.1 - 45

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Elenco dei Dettagli


In questo elenco sono visibili tutti i blocchi 2D creati con data ed ora di
creazione dove si può controllare il loro stato corrente. Il tipo di visualizzazione
dell’elenco dipende dalle impostazioni degli strumenti di lavoro.

Stato

Il significato di queste immagini corrisponde alla descrizione degli elementi: per


ulteriori informazioni fare riferimento al capitolo relativo. Se il blocco 2D è stato
già inserito, l'inserimento è evidenziato con un segno di spunta.

Anteprima

Prima di inserire il blocco 2D, è possibile visualizzare un'anteprima. Per attivare


l'anteprima, selezionare l’elemento corrispondente e poi scegliere dal menu
contestuale l'opzione Anteprima. In seguito si aprirà una nuova finestra dove
verrà visualizzato il risultato della derivazione. Anche questo blocco 2D può
essere modificato. In caso di modifica, in nessun caso non si può cambiare il
nome del disegno, altrimenti il blocco 2D non può più essere identificato.

Pag. C.1 - 46

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Inserimento dei dettagli 2D


Per inserire i blocchi 2D, trascinare gli elementi selezionati sull'icona di
inserimento usando "Drag&Drop". Il tasto diventa temporaneamente rosso, il
che significa che è attivo. Rilasciare il tasto e i blocchi 2D vengono inseriti. Si
possono anche inserire i blocchi 2D selezionandoli e con il menu contestuale
selezionare l’opzione Inserisci 2D.

Inserimento

Ogni blocco 2D inserito, appare prima temporaneamente in prossimità


nell'origine del disegno corrente e poi essere successivamente spostato nella
posizione desiderata. I blocchi 2D possono essere inseriti su più disegni
differenti ma prima bisogna renderlo attivo. La finestra info (accessibile nel
menù contestuale) permette di controllare quale elemento sta per essere
inserito.

Target Disegno

Per attivare il meccanismo di modifica, il software deve sapere in quale disegno


sono stati inseriti i dettagli. Non si possono inserire elementi fino a che il
disegno non è salvato. È necessario non modificare il nome e il percorso del file
di disegno anche se il Centro Disegni Esecutivi ha una funzione di verifica per
disegni o dettagli "persi". Questo fa si di risparmiare molto tempo e fatica
lasciando i disegni dove sono. Il percorso dove salvare i disegni va considerato
in anticipo.

Revisioni

Quando i dettagli sono stati inseriti nel disegno, è possibile eseguire delle
modifiche manuali. Ricordare che i singoli elementi ed i gruppi sono oggetti
intelligenti. Per maggiori informazioni leggere il capitolo corrispondente in
questo manuale.
Idealmente, si potrebbe ottimizzare lo stile di dettaglio degli elementi in modo da
eliminare il più possibile ogni modifica manuale. Solo successivamente il
meccanismo di modifica può funzionare correttamente; altrimenti, se si
seleziona la funzione di modifica, le modifiche consecutive alle derivazioni
vanno perse.

Pag. C.1 - 47

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Numerazione USA

Durante l'inserimento, si possono assegnare dei numeri agli elementi secondo


lo standard USA. Questi simboli (numeri di fogli, codici di elementi e in un indice
continuo) servono alla identificazione degli elementi all'interno del modello e
della distinta.
Come nella pratica, ognuno di questi simboli ha una struttura individuale; essi
vengono basati su un file di definizione che descrive la struttura ed il valore degli
stessi. Nelle impostazioni, si può selezionare il file di definizione corrente da
usare nella "Numerazione USA”.

Nel primo inserimento, se si attiva l'opzione


“Numerazione USA”, si apre una finestra di
dialogo. Questo finestra può essere spostata
anche fuori del Centro Disegni Esecutivi. I
campi attivi dipendono dalle impostazioni di
default nel file di definizione.
Per ogni nuovo dettaglio inserito, viene
calcolato un indice di elementi a seconda del
file di definizione. Questo indice può essere
modificato in qualsiasi momento.
Il numero risultante (es. A1) viene inserito
nel modello, nel disegno 2D e nella
Bandierina di posizione nel campo “Numero
di spedizione”. La visualizzazione della
bandierina di posizione viene modifica nel
“Numero di spedizione”.

Seleziona il tasto NUOVO DISEGNO per calcolare l'indice del numero di


disegno e l'elemento ritorna al proprio valore iniziale. Quindi si può proseguire
con l'inserimento in un altro foglio di disegno.

Sincronizzazione del Disegno

Quando si inseriscono i blocchi 2D, l'informazione viene salvata su file speciali


nella libreria dei dettagli. Quando si inseriscono i blocchi e si apre il disegno
sullo sfondo, a volte può richiedere molto tempo se il dettaglio è di grandi
dimensioni.
Ogni volta che si apre il modello, esso viene comparato e sincronizzato con
questi dati. Non si dovrebbero mai cancellare questi files fino a quando il
processo di sincronizzazione non sia terminato ed il modello sia stato salvato. Il
meccanismo di modifica non può funzionare se il software è privo
dell'informazione che gli comunica quale elemento va inserito in quale disegno.
Il lavoro è protetto in maniera migliore, se non si cancellano i blocchi e le
cartelle, prima che l'assegnazione sia completata.

Pag. C.1 - 48

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Impostazioni Speciali
Si accede alle impostazioni speciali tramite il tasto IMPOSTAZIONI.

Comportamento dopo l'Inserimento


Rimuovi blocco dalla libreria
Ogni blocco inserito viene cancellato dal disco rigido
immediatamente dopo l'inserimento. Comunque, questo è
possibile solo se il disegno viene aperto nello stesso momento
del software per effettuare gli inserimenti. Ricordare di salvare
il disegno successivamente.
Usa Numerazione USA
Si possono creare numeri di contrassegno quando sono
solitamente usati in USA.
Campi di visualizzazione
File di definizione usato per i numeri, inclusa una breve
descrizione. Questo file include il formato di descrizione dei
numeri.
Se il software o il progetto è un elemento dell'informazione, il
percorso viene solo visualizzato come <prg> o <prj>.

Pag. C.1 - 49

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

C.1.10 Impostazioni Globali

In aggiunta alle impostazioni dei diversi livelli di lavoro, si può usare questa
finestra per effettuare delle impostazioni fondamentali del Centro Disegni
Esecutivi. Si possono anche trovare impostazioni di default valide per diversi
livelli di lavoro e allo stesso tempo e salvare le impostazioni a livello globale.

Pag. C.1 - 50

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Dialogo-Comandi

TEMPLATE
Salva le impostazioni del Centro Disegni Esecutivi in un template o
permette di selezionarne uno esistente.
In questo template, sono salvate le impostazioni di tutti i livelli di lavoro
comprese le impostazioni globali. Questo template si può caricarlo in qualsiasi
livello di lavoro.

Comportamento in Apertura
Carica modello auto
Quando il Centro Dettagli è aperto, il modello viene
automaticamente analizzato e la struttura degli elementi viene
visualizzata secondo tutte le impostazioni di default nell’elenco
degli elementi.
Se questo processo richiede del tempo nel caso di modelli di
grandi dimensioni la funzione può essere disattivata. Questa
funzione può essere eseguita manualmente usando il tasto
RICARICA nell’elenco degli elementi.
Ricalcola gruppi Le dimensioni dei gruppi sono calcolate nuovamente quando
si analizza la struttura del modello.
Se, per esempio, si crea un elenco degli elementi e le loro
informazioni sono correnti, si può ridurre il tempo di
caricamento del Centro Disegni Esecutivi selezionando questa
opzione.
Con bulloni Quando si analizza la struttura del modello, vengono anche
visualizzati tutti i bulloni dei gruppi esistenti nell’elenco degli
elementi.
Questo consente un facile controllo dei bulloni usati, ma il
gran numero degli elementi ha un effetto negativo sulla
velocità. Questa impostazione, non influenza le informazioni
sui bulloni nei dettagli dei gruppi.
Con griglie Quando si analizza la struttura del modello, le viste presenti
nel modello vengono visualizzate e analizzate nell’elenco degli
elementi. Normalmente vengono quotati solo i piani che
contengono anche elementi ProSteel 3D.

Pag. C.1 - 51

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Mostra viste vuote


Vengono considerate anche le viste che non contengono
elementi ProSteel 3D. Questa opzione dovrebbe essere
utilizzata quando nel disegno sono presenti XREF.
Con viste Quando si analizza la struttura del modello, le viste standard
“Piano di ancoraggio”, “Proiezione orizzontale”, “Vista piano”,
vengono visualizzate ed analizzate nell’elenco degli elementi.
Con giunti Quando si analizza la struttura del modello, i giunti vengono
visualizzati ed analizzati nell’elenco degli elementi.

Comportamento se selezionato
Visualizza l'elemento
L'elemento (o gruppo completo) selezionato nell’elenco viene
evidenziato nel modello.
Sincronizza stile con la selezione
Il software seleziona esattamente lo stile di dettaglio
correntemente controllato nell’elenco di elementi o nelle viste.
Quando si apre la finestra di dialogo per elaborare i parametri
dello stile di dettaglio, le impostazioni corrispondenti vengono
direttamente visualizzate nella finestra.
Il parametro visualizzato dipende dall’elemento
Il parametro visualizzato dipende dal tipo di elemento. Se, per
esempio, si controlla un singolo elemento, le pagine dei gruppi
non vengono visualizzate.
Sincronizza elenco con selezione
Il Centro Disegni Esecutivi è sempre sincronizzato in modo da
coincidere sempre con il modello. Questo è utile soprattutto,
quando ci sono molti disegni aperti. Se questo processo
richiede molto tempo (nel caso di modelli di grande
dimensione), questa opzione può essere disattivata.
L'aggiornamento può essere effettuato anche manualmente
attraverso il tasto RICARICA nell’ elenco degli elementi.
Inoltre non si aggiornano le liste degli elementi se si sta solo
osservando qualcosa in un altro disegno.
Altro

Pag. C.1 - 52

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Aggiorna anteprima
L'anteprima di un dettaglio è aggiornata automaticamente nel
caso di modifica di un parametro nella finestra dello stile di
dettaglio. Nel caso di molte modifiche, è comunque
consigliabile eseguire un aggiornamento manuale.
Usa Plug-in Viene integrato un plug-in esterno per permettere un
adattamento individuale ai risultati dei dettagli. Un gestore
delle plug-in e una nuova finestra di dialogo consentono di
controllare successive impostazioni. Al momento non ci sono
plug-in disponibili.
Cerca giunti Distanza massima fino a cui i singoli giunti (riconoscibili
tramite links logici) vengono combinati con altri giunti. Per
maggiori dettagli, fare riferimento a "Dettagli dei giunti" in
questo capitolo.
Tolleranza Tolleranza per il calcolo del profilo da parte del modellatore.
In alcuni rari casi il profilo non può essere correttamente
determinato come dettaglio 2D. Questo accade specialmente,
quando elementi con angoli molto piccoli vengono ruotati
verso la direzione della vista. Se si notano degli errori o se
viene visualizzato nella linea di comando di AutoCAD il
messaggio "Non si possono calcolare le estensioni", si può
impostare un valore di tolleranza più piccolo.
Coordinata zero Altezza che corrisponde al piano X-Y nel modello con l'altezza
Z=0 (WCS). Per derivare i gruppi e le viste è possibile
visualizzare le quote altimetriche esatte. Questo valore viene
aggiunto al volaore della coordinata Z del WCS.
Livello zero Indica a quale altezza (coordinata Z) il piano per la vista e per
l'ancoraggio deve essere inserito nel modello (coordinate
mondiali). Quando si indica il valore "min", si ottiene il punto
più profondo esistente nel modello. Di conseguenza ogni
quota al di sotto delle colonne esistenti nel modello non avrà
più alcuna influenza.
Giunto Modo di visualizzazione dei giunti.
Solo giunti - viene visualizzato solo l'inserimento del giunto
completo.
Come struttura - viene visualizzato l'inserimento del giunto
completo e dei giunti subordinati. In questo modo è più facile
controllare quali giunti vengono combinati.
Prof. Saldati Visualizzazione dei profili saldati e combinati.
Solo Profilo - viene visualizzato solo l'inserimento per il profilo
saldato completo.

Pag. C.1 - 53

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Come struttura - viene visualizzato l'inserimento del profilo


saldato completo e degli elementi subordinato.
In questo modo è facile controllare gli elementi che
compongono il profilo. Inoltre è possibile creare ogni singolo
elemento come dettaglio.
Num.Pos. Formato per il numero di posizione dei profili saldati. Questo
numero viene usato come alternativa, se non è stato
assegnato nessun numero di posizione nel modello 3D. Per
maggiori informazioni fare riferimento a "Profili Saldati" in
questo capitolo.
Profondità Distanza per la vista piana e per il piano d'ancoraggio del
piano di taglio.

Visualizza Templates
Elementi Imposta il template per scegliere e filtrare l’elenco degli
elementi. Il tasto (...) sul lato destro permette di selezionare un
altro template, mentre il tasto (X) ripristina i valori standard.
Si possono selezionare solo i templates creati in precedenza
attraverso. Se nel frattempo uno di questi templates è stato
modificato, anche la visualizzazione viene aggiornata.
Viste Imposta il template per scegliere e filtrare l’elenco delle viste.
La selezione è analoga a quella effettuata per gli elementi.
Inserimento Imposta il template per scegliere e filtrare l’elenco degli
inserimenti. La selezione è analoga a quella effettuata per gli
elementi.
.
File di Configurazione
Percorso Percorso completo di installazione di ProSteel 3D. Se sono
visualizzati altri percorsi all’interno del quello principale, verrà
visualizzato <prg>.
Percorso progetto
Percorso completo del progetto corrente nel caso in cui si usi
il gestore del progetto. Se sono visualizzati altri percorsi
all’interno del quello principale, verrà visualizzato <prg>.

Percorso 2D Percorso di salvataggio dei dettagli. Viene creata una cartella


con il nome del modello. Il tasto (...) permette di selezionare
un altro file, mentre il tasto (X) ripristina i valori standard. Si
raccomanda di evitare modifiche del percorso, tranne se è
assolutamente necessario!

Pag. C.1 - 54

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

File traduzione File utilizzato per la traduzione dei testi nel disegno. Il tasto
(...) permette di selezionare un altro file, mentre il tasto (X)
ripristina i valori standard. Il percorso del software o del
progetto è un elemento dell'informazione; l'elemento viene
visualizzato solo come <prg> o <prj>.
Numerazione File di definizione usato per la numerazione USA. Questo file
include la descrizione dei numeri. La selezione è analoga al
file di traduzione.

Comandi di dialogo

TEMPLATE

Selezionare questa funzione per salvare le impostazioni del Centro


Dettagli in un template o per selezionarne uno già salvato.
In questo template vengono salvate sia le impostazioni individuali di tutti i livelli
di lavoro, sia le impostazioni globali. Scelta di visualizzazione e filtri possono
essere elaborati solo indicando i templates corrispondenti nelle impostazioni
globali del Centro Dettagli. Si può elaborare o selezionare questo file template
su ogni livello di lavoro.
Quando si è definito uno dei templates come "preferito", questo consente una
rapida selezione dalla lista.

Pag. C.1 - 55

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

C.1.11 Traduzione Automatica

ProSteel 3D permette una descrizione dei disegni in più lingue gestite da un


database di traduzione. Questo database può essere liberamente modificato in
modo che sia possibile aggiungere qualsiasi lingua. La forma dei termini tradotti
(es. solo come abbreviazione) può anche essere adattata ai requisiti richiesti.
Prima di iniziare a lavorare con il database della traduzione, esso deve
naturalmente contenere i termini usati correntemente. Per questo motivo, il
modello con nuovi termini può essere ricercato automaticamente tramite le
proprietà degli elementi (come nome, nota, ecc).

Modifica database
Selezionare il menu nell’elenco degli elementi del Centro Disegni Esecutivi e
scegliere l'opzione Edita traduzione. Verrà visualizzata la seguente finestra.

Elenco Elenco di tutti i termini del database che devono essere


tradotti. Selezionando uno di questi termini, esso viene
visualizzato nel campo “Testo originale” nel quale si può
aggiungere o modificare la traduzione.
Sono visualizzati solo i termini che sono presenti nel database
in quel momento, quindi bisogna aggiornare il database dopo
aver modificato il modello.
Lingua Seleziona la lingua da tradurre.

Pag. C.1 - 56

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Testo Originale Visualizzato il testo originale.


Traduzione Inserire la traduzione dei termini selezionati. Per confermare
l’inserimento premere il tasto INSERISCI e la traduzione verrà
inserita nella lingua correntemente selezionata.
Se il termine è già stato in precedenza tradotto, viene
visualizzata direttamente la traduzione. Per modificarla
premere il tasto MODIFICA.
Visualizza tutti gli inserimenti
Vengono visualizzati, nell’elenco dei termini da tradurre, tutti
gli inserimenti disponibili nel database.
Solo inserimenti non conosciuti
Vengono visualizzati nell’elenco solo i termini non ancora
tradotti.
Percorso File Percorso del database della traduzione.

Seleziona il database della traduzione.

Salva il database della traduzione.

Aggiunge una nuova lingua al database.

Aggiunge la traduzione nella lingua selezionata.

Sostituisce la traduzione corrente nella lingua selezionata.

Cancella la traduzione corrente della lingua selezionata.

Pag. C.1 - 57

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Aggiorna Database
Dopo aver modificato il modello, bisogna esaminare il modello sui nuovi termini
da tradurre. Questi termini sono assunti dalle proprietà degli elementi in modo
che i commenti o i nomi degli elementi per le bandierine di posizione, possano
essere tradotti. Il software prova a sincronizzare gli inserimenti nel database dei
profili in modo che non vengano visualizzati nella traduzione i nomi dei profili
non modificati.
Selezionare, nel menu contestuale nell’elenco degli elementi, l’opzione Controlla
traduzione delle nuove entità del modello per la ricerca dei nuovi termini.

Pag. C.1 - 58

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

C.1.12 Trasferire i percorsi dei disegni

Questa funzione consente di trasferire i numeri dei disegni salvati nel database
o i percorsi dei file dei disegni, nelle proprietà degli elementi del modello. E’
possibile visualizzare i numeri dei disegni di dettagli elaborati nelle bandierine di
posizione. Inoltre, è anche possibile esportare i dati degli elementi di ProSteel
3D ed utilizzarli in altre applicazioni.

Avvia Trasferimento
Seleziona l’opzione Assumi percorsi dei disegni dal menu contestuale
nell’elenco degli elementi. In seguito si ha la possibilità di verificare il database
dei disegni del modello, se nel frattempo alcuni dettegli sono stati trasferiti o
alcuni numeri dei disegni sono stati modificati. Dopo aver terminato la verifica
del disegno (o se non si desidera questo opzione), si apre la seguente finestra:

Selezione Dati
Selezione dati Specifica quale informazione verrà trasferita nelle proprietà
degli elementi o alternativa è possibile aggiungere del testo.
Numero del disegno - Trasferisce il numero del disegno 2D.

Pag. C.1 - 59

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Solo il nome del file – Trasferisce solo il nome file del disegno
2D (senza specificare il percorso).
Percorso completo – Trasferisce il percorso completo del file
del disegno 2D.
Solo Testo – Trasferisce solo il testo del campo “Prefisso”.
Prefisso Specifica un testo da inserire prima dei dati o solo come testo
(opzione “Solo testo”).
Suffisso Specifica un testo da inserire dopo i dati.

Obiettivo
Obiettivo Specifica in quale campo della proprietà degli elementi i dati
verranno trasferiti.
Nota 1 – I dati sono trasferiti nel campo Nota1 delle proprietà
degli elementi.
Nota 2 – I dati sono trasferiti nel campo Nota2 delle proprietà
degli elementi.
Solo indice gruppo
Solo i dati del gruppo vengono trasferiti ad ogni elemento nel
modello: esempio il dettaglio delle nervature vengono
contrassegnate con il corrispondente disegno del gruppo.
Tutte le posizioni uguali
I dati vengono trasferiti a tutti gli elementi con lo stesso
numero di posizione (separato per ogni singolo elemento e
gruppo) e questo accade anche se esiste solo un disegno per
ognuna di queste posizioni.
Rimuovi prima In tutti gli elementi, i contenuti dei campi selezionati vengono
cancellati prima dell’inizio del trasferimento.
Tutti gli inserimenti esistenti vengono sostituiti, e questo
permette comunque di trasferire e visualizzare prima i numeri
di disegno di tutti gli elementi e poi solo i percorsi del disegno
dei gruppi (i numeri del disegno dei singoli elementi vengono
poi nuovamente cancellati).

Utilizzare il tasto OK per trasferire gli inserimenti correnti dei dati selezionati nel
database del disegno.

Pag. C.1 - 60

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

C.1.13 Verifica disegni

Ogni volta che vengono inseriti i dettagli in un disegno, la dipendenza tra


l'elemento ed il disegno esecutivo viene salvata nel database disegno. Queste
dipendenze salvate permettono successivamente un aggiornamento automatico
del disegno o il trasferimento dei numeri dei disegni nelle proprietà degli
elementi del modello.
Questi collegamenti sono un motivo per inserire un valido nome della
destinazione del disegno prima di inserire i dettagli. È’ anche un motivo per
salvare il modello dopo l'inserimento.

Tuttavia è possibile che i disegni 2D vengono spostati fisicamente dopo aver


terminato l'intera derivazione. Questo accade spesso se bisogna salvarli in una
cartella condivisa in rete per permettere ad altri utenti di accedere ai file. Inoltre,
si possono spostare alcuni dettagli da un disegno ad un altro in modo da
aggiungere altre informazioni o perchè non c'è abbastanza spazio nel disegno.
Comunque, se nel modello sono state salvate le dipendenze sbagliate, e il
Centro Disegni Esecutivi non funziona correttamente come dovrebbe, si può in
seguito effettuare una correzione. Questa correzione viene effettuata in parte
automaticamente, ed in parte attraverso il supporto manuale. E’ diviso in due
aree, verifica del percorso del disegno e la verifica del particolare.

Avvio del controllo


Selezionando dal menu contestuale nell’elenco degli elementi il comando
Controllo dipendenze inizia il controllo. All'inizio viene verificato se esistono tutti
gli elementi del disegno salvati nel database e poi i disegni non trovati vengono
visualizzati in una finestra di dialogo dove è possibile impostare nuovamente i
percorsi o i nomi dei disegni.

Pag. C.1 - 61

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Percorsi dei dettagli non validi


Modifica il percorso di tutti i disegni visualizzati
contemporaneamente ad una nuova ricerca. L’elenco contiene
i disegni che sono ancora mancanti e la funzione di controllo
cambia alla verifica dei dettagli. Se si modifica solo la
posizione dal disco rigido, non va eseguita nessuna
correzione.
Modifica il percorso e/o il nome del file di un determinato
disegno selezionato nell’elenco visualizzato. Se il disegno è
stato rinominato o è stato salvato in un'altra posizione, si
possono effettuare le correzioni necessarie.
Ignora il disegno selezionato durante il controllo. Quindi si
possono rimuovere i disegni cancellati.
Nota comunque che non si possono aggiungere ulteriori disegni. Se tuttavia si
copia o si rinomina un disegno, va assegnato il nuovo nome ad esso invece di
ignorarlo.

Dopo aver terminato il controllo del percorso ed aver effettuato ogni correzione
necessaria, il programma passa al controllo dei dettagli contenuti. Adesso si
verifica se tutti i dettagli sono contenuti nei disegni originali o appena modificati.

Pag. C.1 - 62

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Tutti i dettagli non trovati vengono visualizzati nell’elenco. E’ possibile anche


collegare nuovamente ogni dettaglio spostato o rimuovere i dettagli cancellati.

Dettagli non Trovati


Percorso di ricerca
Il percorso di ricerca corrente usato per l'opzione "Trova
Dettaglio" viene visualizzato in questo campo. Si può
modificare il percorso utilizzando il tasto destro accanto al
campo di visualizzazione.
Ricerca tutti i disegni disponibili nel percorso corrente per i
dettagli non trovati. A tal proposito, ogni disegno viene aperto
sullo sfondo e trovato individualmente per dettagli elencati.
Nota che ogni file con l'estensione *.dwg viene aperto come se fosse un
disegno. Questo significa che verrà aperto qualsiasi file di ProSteel e AutoCAD.
Quindi è consigliabile che siano presenti nell’elenco solo disegni 2D in modo da
evitare tempi di attesa non necessari.
Seleziona un nuovo disegno per un determinato dettaglio
selezionato dall’elenco. Verifica anche se il dettaglio è
realmente inserito sul nuovo disegno.

Pag. C.1 - 63

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Ignora il dettaglio selezionato mantenendo l'inserimento


originale. Al termine del controllo si possono rimuovere i
dettagli cancellati e le tracce dal database del disegno.
Nota comunque che non si possono aggiungere ulteriori disegni. Se tuttavia si
sposta un disegno, va assegnato il nuovo disegno ad esso invece di ignorarlo.

Fine del controllo


Dopo aver terminato il controllo, l'assegnazione viene nuovamente strutturata e
il database del disegno viene aggiornato. Adesso si ha la possibilità di
rimuovere i contrassegni dei dettagli ignorati dal database del disegno. Se non
si vuole effettuare questa operazione, gli inserimenti originali di questi dettagli
vengono mantenute e si può ripetere il controllo in un momento successivo.

Inclusi disegni ignorati


Per il controllo vengono prese in considerazione i riferimenti
dei dettagli dei disegni ignorati (vengono impostati come
dettagli ignorati tutti quelli che lasciano un riferimento a questi
disegni).
Altrimenti, questi non vengono influenzati per evitare
riferimenti temporanei ai disegni.
Cancellare i riferimenti 2D di tutti i dettagli ignorati
Vengono anche rimossi i riferimenti 2D di tutti i dettagli
ignorati. Si ottiene comunque un inserimento nel database con
possibili informazioni successive.
Cancellare inserimenti non validi
Viene completamente rimosso l'inserimento dal database di
ogni dettaglio che non è stato trovato. Altrimenti vengono
rimossi solo i riferimenti 2D di questi dettagli.

Pag. C.1 - 64

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Quando si seleziona il tasto CANCELLA in questa finestra, il database non


viene modificato. Si può ripetere il processo di controllo, ogni volta che si vuole,
attraverso la correzione.

Si può visualizzare il risultato del controllo del disegno in un file di testo


(nome_del_modello_LogFile.txt) che è posizionato nella cartella
..\detail di ProSteel 3D. All’interno di questo file si trova una lista di tutti i
disegni collegati con il modello così come lo stato dei dettagli.

; ProSteel 3D for AutoCAD – Drawing Verification


; -------------------------------------------

[HEADER]
Verification file=h:\testmodel.dwg

[drawing file: h:\testmodel_views.dwg]


Status=moved or deleted
view Vista_Frontale = can not be found

[drawing file: h:\testmodel_details.dwg]


Pos 2 (HEB140) = valid
Pos 47 (PIATTO 137x10...191) = not found
BG 3 (HEB200) = valid
BG 4 (HEB200) = valid

Pag. C.1 - 65

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

C.1.14 Derivazione Diretta

Il Centro Disegni Esecutivi di ProSteel 3D può anche essere usato per derivare I
dettagli 2D direttamente dall'interno del modello o visualizzarne un'anteprima.
Questo significa che possono essere verificate le dimensioni dei gruppi, o che
possono essere creati i dettagli solo di pochi elementi selezionati all'interno di
una costruzione complessa.
Forse l'area classi non è stata usata, ma si desidera derivare una capriata
speciale. I grandi modelli hanno il problema relativo alla capacità di identificare
direttamente questo elemento.
Il Centro Disegni Esecutivi offre pochi strumenti d'aiuto, ma il seguente metodo
è addirittura più semplice.
Per derivare un elemento direttamente dall'interno del modello, selezionare
prima uno stile di default, in modo che gli elementi privi dello stile di dettaglio,
possano essere elaborati.
Selezionando gli elementi da derivare all'interno del modello e poi premendo il
tasto destro del mouse si attiva il menu contestuale (vedi l’immagine sotto).
Secondo gli elementi selezionati, è possibile derivare o visualizzare l’anteprima
di un singolo elemento di un gruppo o degli elementi del gruppo. Un gruppo può
essere derivato o visualizzato nell'anteprima ogni volta che l'elemento principale
del gruppo viene selezionato.

Pag. C.1 - 66

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Derivazione Diretta
Se si vuole lavorare con la derivazione diretta, è necessario specificare se tutti
gli elementi selezionati privi di uno stile di dettaglio devono essere collegati
prima con lo stile di dettaglio. Se questo è confermato, gli elementi vengono
evidenziati nel Centro Disegni Esecutivi finché il collegamento permane,
altrimenti, vengono derivati solo gli elementi che hanno già uno stile di dettaglio.
Gli elementi vengono poi direttamente derivati o visualizzati con l’anteprima.

Derivazione Diretta con Inserimento

Se si aprono ulteriori disegni validi e salvati, gli elementi possono addirittura


essere inseriti nei disegni direttamente dopo la derivazione. Nel menu
contestuale Libreria dettagli, verrà visualizzato un elenco dei disegni, che se
selezionati, il dettaglio dell’elemento verrà inserito direttamente.

Pag. C.1 - 67

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

C.1.15 Gestione delle Modifiche

La gestione delle modifiche è una delle speciali caratteristiche del Centro


Disegni Esecutivi di ProSteel 3D. Una volta che il modello è stato derivato e
ogni blocco 2D risultante è stato inserito nei disegni esecutivi, il processo di
derivazione è considerato terminato.
Ricaricando in seguito il modello, la maggior parte degli elementi appaiono
verdi, questo colore significa che i dettagli 2D corrispondono agli elementi
originali del modello. Se in seguito si eseguono delle modifiche negli elementi
del modello essi vengono visualizzati in rosso. Questo significa che i blocchi 2D
(e forse anche i disegni) devono essere aggiornati. Questa operazione ProSteel
3D la esegue in automatico.

Indicatore di stato

Dettagli validi
Blu Il blocco di dettaglio di questo elemento è già stato creato, ma
deve ancora essere stato inserito nel disegno 2D.
Verde Il blocco di dettaglio di questo elemento è già stato creato ed
inserito nel disegno 2D.
Dettagli modificati
Giallo Il blocco di dettaglio di questo elemento è già stato creato, ma
deve ancora essere stato inserito nel disegno 2D.
Rosso Il blocco di dettaglio di questo elemento è già stato creato ed
inserito nel disegno 2D.

Apertura di un disegno dall'interno del Centro Disegni Esecutivi


Selezionare un elemento nell’elenco del Centro Disegni Esecutivi per poter
visualizzare velocemente il disegni esecutivo. Questo è possibile selezionando
dal menu contestuale il comando Apri disegno 2D per aprire automaticamente il
disegno che contiene questo dettaglio – supponendo che sia stato inserito.

Pag. C.1 - 68

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Aggiorna Disegni
Ogni elemento evidenziato in rosso può essere aggiornato automaticamente.
Selezionare un componente per aggiornare solo gli elementi in esso contenuti.
Se si seleziona l'inserimento "Modello", vengono aggiornati tutti gli elementi.
Selezionando il menu contestuale, dopo aver selezionato l'elemento,
selezionare il comando Aggiorna i disegni 2D modificati per attivare il
meccanismo di modifica. Comunque, se si vuole eseguire un aggiornamento
degli elementi non modificati (di colore verde) da sostituire, esempio per
scegliere per la derivazione uno stile di dettaglio diverso, utilizzare il comando
Aggiorna disegno 2D nel menu.

Uno ad uno, tutti i disegni interessati vengono aperti sullo sfondo, gli elementi
sono nuovamente derivati ed inseriti direttamente nella posizione originale del
disegno, sostituendo quelli vecchi. Se uno di questi disegni è aperto durante
questo aggiornamento, è possibile osservare questa sostituzione sul monitor.

Pag. C.1 - 69

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Modifiche Successive

Secondo le impostazioni, degli elementi negli strumenti di lavoro, alcune


modifiche dei dettagli che sono state eseguite in seguito, possono essere
adottate anche successivamente. Quindi anche se si spostano manualmente le
bandierine di posizione, i simboli di saldatura, le quote altimetriche e i testi delle
quote in tutti i disegni 2D, queste modifiche possono essere mantenute. Se
esiste anche una distinta degli elementi dinamica nel disegno, essa viene
aggiornata automaticamente nel caso che gli elementi siano modificati. Notare,
comunque, che può essere ripristinata solo la posizione del testo delle quote
(nel caso in cui si scelgano testi posizionati sfavorevolmente), ma non la propria
dimensione o le modifiche del testo della quota. Per evitare un azzeramento di
queste modifiche, si possono proteggere dall'aggiornamento.

Questa procedura può richiedere un del tempo per essere completata; al


termine, tutti i blocchi 2D vengono aggiornati pronti per l'inserimento. Usare
l'opzione “Visualizza solo gli ultimi Blocchi” per inserire i dettagli.
Va ricordato, comunque, che il meccanismo di modifica funziona perfettamente
solo se vengono osservati i punti e le note dei precedenti capitoli. Quindi è
possibile lavorare diligentemente osservando questi capitoli.

Pag. C.1 - 70

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Protezione contro l'Aggiornamento


Per escludere le modifiche delle quote, delle bandierine di posizione, dei simboli
di saldatura o delle quote altimetriche durante l’aggiornamento, è necessario
proteggerli. Questo è consigliato, per esempio, per modifiche successive dei
testi delle quote o nel caso di spostamento completo delle quote. Durante
l'aggiornamento automatico di un disegno 2D, il programma verifica se per
esempio una dimensione è stata protetta. Se questo corrisponde, la quota verrà
mantenuta esattamente uguale e non verrà eliminata durante l’aggiornamento. Il
risultato può essere che la posizione o il testo della quota non corrispondono più
al disegno, e quindi questa opzione va solo usata nel caso di modifiche non
impostanti (come ad esempio modifiche della visualizzazione o dei numeri di
posizione) che hanno poca influenza sulle quote.

Quando in futuro, le nuove versioni di ProSteel diventeranno sempre più


efficienti, questo protezione contro l'aggiornamento sarà solo un aiuto
temporaneo che diverrà successivamente superfluo. L'adozione delle modifiche
combinata con l'efficienza del meccanismo automatico di ProSteel 3D richiede
una grande quantità di tempo ed energia nello sviluppo del programma. Questo
è il motivo per cui il gestore di modifiche diventerà perfetto a seconda delle
proprie richieste passo dopo passo.

Selezionare gli elementi con il comando Protezione per l’Update nel menu
contestuale. Questo visualizzerà la finestra seguente dove sarà possibile
scegliere quale elemento proteggere contro l'aggiornamento.

Pag. C.1 - 71

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Filtro di selezione
Selezione-Filtro Definisce il filtro per la selezione automatica dell'oggetto. Solo
gli oggetti che rispettano le condizioni del filtro vengono presi
in considerazione.
Seleziona gli oggetti separatamente –Seleziona manualmente
quali oggetti devono essere protetti. Nessun filtro viene
applicato in questo caso.
Tutti gli oggetti – Tutti gli oggetti nel disegno vengono
selezionati automaticamente senza applicare un filtro. Il
processo naturalmente si riferisce alle quote, alle bandierine di
posizione, ai simboli di saldatura e alle quote altimetriche.
Solo quote – Solo le quote vengono automaticamente
selezionati nel disegno.
Ogni bandierina – Tutte le bandierine di posizione, i simboli di
saldatura e le quote altimetriche vengono automaticamente
selezionate nel disegno.
Solo band. di posizione – Tutte le bandierine di posizione
vengono selezionate nel disegno.
Solo band. di saldatura – Tutte le bandierine di saldatura
vengono selezionate nel disegno.
Solo quote altimetriche – Tutte le quote altimetriche vengono
selezionate nel disegno
Questo tasto attiva la protezione contro l'aggiornamento degli
oggetti selezionati. Se si è verificato l'inserimento “Seleziona
gli oggetti” come filtro di selezione, prima devono essere
selezionati gli oggetti desiderati
Questo tasto rimuove la protezione contro l'aggiornamento
degli oggetti selezionati. Se si è verificato l'inserimento
“Seleziona gli oggetti” come filtro di selezione, prima devono
essere selezionati gli oggetti desiderati

Naturalmente questa funzione va applicata ai disegni 2D e non al modello 3D.


Ricordare di non confondere la protezione contro l'aggiornamento con un layer
bloccato.

Pag. C.1 - 72

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Azzera le Modifiche
Prima di iniziare la derivazione degli elementi, il disegno deve essere
reinizializzato. Questo assicura che il meccanismo di modifica funzioni
correttamente. Così come gli elementi nel modello memorizzano le loro
modifiche anche durante la modellazione, è possibile che i contrassegni
corrispondenti siano già stati impostati. Questo potrebbe causare alcuni
duplicati.

Selezionare il comando Cancella contrassegni di modifica, tramite il menu


contestuale, per azzerare ogni informazione esistente circa le modifiche del
modello. Selezionare il comando Reinizializza tutti gli elementi, dal menu per
reinizializzare direttamente tutto il modello.

Nota, che ogni informazione viene cancellata (eccetto per gli stili di dettaglio
assegnati!). Non sarà dunque più possibile leggere dal modello il percorso dove
gli elementi erano stati inseriti o inserire elementi già derivati. Questo completo
azzeramento è utile se sono stati eseguiti in precedenza alcuni test di
derivazione.

Pag. C.1 - 73

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Elenco dei disegni


In ogni momento, ProSteel 3D può creare un elenco dei disegni fornendo una
valutazione delle derivazioni inserite e il loro stato di modifica. Questa lista è
basata sugli inserimenti correnti nel database del disegno e nello stato delle
cosiddette, bandierine di modifica degli elementi. Quindi si raccomanda prima di
controllare il disegno. Il programma offre automaticamente questo controllo del
disegno dopo che la funzione è stata selezionata. È anche possibile che i
riferimenti riconosciuti come invalidi tuttavia restano validi perchè i disegni sono
stati spostati solo temporaneamente.

Creazione del File

Selezionare il menu dall’elenco degli elementi e scegliere il comando Crea


database dettagli. Un file di testo (Nomedelmodello_DrawingList.txt),
viene creato nella cartella di installazione di ProSteel ..\detail. Questo file
contiene prima una valutazione di tutti i disegni 2D e poi i numeri delle
derivazioni inserite. Se una di queste derivazioni è stata verificata come
modificata nel Centro Disegni Esecutivi, questo disegno viene riportato come
modificato. Inoltre, si ha una lista dettagliata dei disegni i cui dettagli (numeri di
posizione) sono inseriti e che sono stati già modificati nel modello.
Nella seguente pagina si trova un esempio di un elenco di disegni. Questo file
può essere aperto con un editor di testo per esaminarlo. Come si vede
nell'esempio, ci sono 6 singoli elementi (2 di loro modificati) e 2 gruppi nel
disegno aventi numeri ABC_PL03.

Pag. C.1 - 74

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

; ProSteel 3D for AutoCAD 2000 – Drawing List


; -----------------------------------------------------
[HEADER]
Created=02-04-2003 * 11:34 AM
ModelFile=h:\testmodell.dwg
FileContent=Drawing list and object reference
Drawings=3

DrawingNumber|Changed |Parts |Groups |Views |DrawingFile


=============|========|========|========|========|========================
ABC_AN01 |no | | |2 |h:\testmodel_view.dwg
ABC_BG02 |yes | |5(3) | |h:\testmodel_bg.dwg
ABC_PL03 |yes |6(2) |2 | |h:\testmodel_plates.dwg

[h:\testmodel_views.dwg]
DrawingNumber=ABC_AN01
Changed=no
Parts=
ChangedParts=
Groups=
ChangedGroups=
Views=Hall_SEI_R,Hall_X_1
ChangedViews=
[h:\testmodel_bg.dwg]
DrawingNumber=ABC_BG02
Changed=yes
Parts=
ChangedParts=
Groups=3,7,10,31,49
ChangedGroups=3,7,31
Views=
ChangedViews=

[h:\testmodel_plates.dwg]
DrawingNumber=ABC_PL03
Changed=yes
Parts=35,38,40,43,45,46
ChangedParts=40,46
Groups=50,55
ChangedGroups=
Views=
ChangedViews=

Pag. C.1 - 75

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

C.1.16 Sostituzioni dei blocchi

Questa funzione permette una nuova derivazione dei blocchi direttamente nel
disegno tramite la semplice selezione. Per esempio è possibile assegnare,
durante l'inserimento, un migliore stile di dettaglio ad alcuni elementi.

Impostazioni
Campo di Visualizzazione
Stile di dettaglio utilizzato per la visualizzazione.
Elenco Stili di dettaglio disponibili per nuova derivazione.
Se si attiva la funzione ‘L’elenco degli stili di dettalgio
dipendende dall’elemento’ nelle impostazioni globali del
Centro Disegni Esecutivi, sono visualizzati solo gli stili
classificati secondo il tipo.

Pag. C.1 - 76

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Attivare questa funzione per elaborare lo stile di dettaglio


corrente. Il blocco viene sostituito dalle modifiche.
Notare, comunque, che questa funzione modifica lo stile di
dettaglio del modello.
Attivare questa funzione per derivare nuovamente con lo stile
corrente; poi viene sostituito nel disegno.
Attivare questa funzione per selezionare un nuovo blocco per
la sostituzione.

Sostituzione di un Dettaglio

Per sostituire un blocco, bisogna aprire sia il disegno con i blocchi inseriti e il
modello corrispondente.
Poi selezionare, nel menu contestuale, l'opzione "Sostituisce Blocco 2D". Quindi
selezionare ogni elemento del blocco che si vuole sostituire e la finestra si apre.
Adesso si può modificare lo stile di dettaglio corrente o selezionare un altro stile
dalla lista. Dopodiché si seleziona il comando AGGIORNA ed il blocco viene
automaticamente sostituito.
Ulteriori blocchi da sostituire possono essere selezionati direttamente dalla
finestra.
Fin quando l'ultimo blocco selezionato resta collegato, si può assegnare
nuovamente un altro stile se il risultato non corrisponde alle proprie richieste.

Quando si modificano i parametri dello stile di dettaglio, non va dimenticato che


si modifica lo stile dal modello. La sostituzione avviene in questo modo: il blocco
selezionato viene derivato nuovamente (questo è il motivo per cui il disegno va
aperto) sostituendo l'ex blocco nel disegno.
Se si assegna un nuovo stile, questa modifica sarà trasferita nel modello e
l'elemento verrà permanentemente collegato allo stile desiderato. Quindi, non
dimenticare di salvare il disegno.

Pag. C.1 - 77

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Centro disegni esecutivi

Pag. C.1 - 78

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

C.2 Stile di Dettaglio

C.2.1 Lavorando con gli Stili di Dettaglio

Lo stile di dettaglio permette di decidere come i disegni esecutivi devono essere


elaborati, quotati, quale testo utilizzare, dove inserire le bandierine di posizione,
ecc..
E' disponibile un gran numero di parametri per specificare l'aspetto del disegno.
Si possono salvare e caricare questi stili individualmente ed addirittura importarli
o esportarli. Da quando è possibile gestire tutti i parametri, si possono creare
stili in base al tipo di disegno da elaborare (es. per viste, disegni esecutivi,
visualizzazioni varie, ecc.). Il compito principale consiste nel definire gli stili
opportuni. Il software permette di vedere l’anteprima dopo ogni modifica finché il
disegno risulta come desiderato (vedi Centro Disegni Esecutivi/Anteprima).
Questa parte del manuale tratta le opzioni per l’impostazione con un esempio
alla fine del capitolo. Il capitolo descrive sia il processo della derivazione, sia
come lavorare con gli stili.

Salvare gli stili


Normalmente, gli stili di dettaglio vengono salvati insieme con il disegno. Ciò
significa che bisogna sempre salvare il modello e le modifiche degli stili di
dettaglio. Inoltre, c'è comunque la possibilità di salvare uno stile di dettaglio
come file di testo sul disco rigido. E' anche possibile sostituire solo sezioni
parziali di uno stile. Questo permette di scambiare, aggiornare o addirittura
trasferire gli stili di dettaglio di modelli differenti. E’ possibile raggruppare gli stili
di dettaglio ed usare solo quelli che sono richiesti in quel momento.
Le dimensioni dello stile di dettaglio è aumentato considerevolmente rispetto
alle versioni precedenti, dalla versione 17.2 il file sarà salvato solo come file
binario con l’estensione *.stx dovuti ai lunghi tempi di caricamento.

Pag. C.2 - 1

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

C.2.2 Informazioni Generali

Quando si seleziona lo stile di dettaglio, appare sulla sinistra una finestra di


dialogo con una struttura ad albero dove le differenti schede sono classificate
gerarchicamente in gruppi secondo le aree differenti. Quando si seleziona una
scheda, si apre sulla destra la finestra di dialogo corrispondente dove si
possono modificare i valori. Se ci si sposta su un’altra scheda, le impostazioni
precedentemente modificate vengono salvate.

Alcune schede sono annidate all’interno di altre e si può accedere tramite dei
tasti. Queste sono usate per speciali impostazioni e per impostazioni usate non
frequentemente e non raggiungibili direttamente tramite la struttura ad albero. I
comandi della struttura del dialogo sono quelli che le schede hanno in comune.
Sotto sono descritti solo i comandi nuovi specifici. Gli altri comandi si trovano
nella descrizione generale dei dialoghi di ProSteel 3D.

Descrizioni Descrizione dello stile di dettaglio.


Classe Stile Assegna lo stile di dettaglio ad una classe di uno stile
esistente. Lo stile viene poi visualizzato nell’elenco del Centro
Dettagli Esecutivi con un'icona colorata, questo per un
riconoscimento più rapido dello stile (es. stili di dettaglio per
singoli elementi, gruppi, ecc.).
Gli stili di dettaglio disponibili per la selezione sono classificati
con funzioni differenti sulla base di queste classi di stile.

Pag. C.2 - 2

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

Carica parziale dei Parametri dello Stile

Se si vogliono combinare le impostazioni di default per la quotatura e per la


descrizione di due stili esistenti per un nuovo stile, si può farlo con una carica
parziale delle pagine.

Selezionare la pagina desiderata nell'albero di selezione e selezionare il menu


contestuale tramite il tasto destro del mouse. Quindi si possono sostituire i
parametri della pagina corrente selezionata con quelli di un file di stile esistente.
Altrimenti, si possono caricare tutte le pagine subordinate a questa per sostituire
un gran numero di parametri.

Dialogo-Comandi

SALVA
Salva l'intero stile di dettaglio in un file sul disco rigido. Questo file ha il
nome dello stile e l’estensione *.sty. È possibile caricare questo file
successivamente in questo o in un altro modello o trasferirlo ad altri.

SALVA CON NOME


Salva lo stile di dettaglio con un altro nome sul disco rigido. Esegue la
copia dello stile di dettaglio prendendo automaticamente il nome dello
stile preimpostato. È possibile caricare questo file successivamente in
questo o in un altro modello o trasferirlo ad altri.

AGGIORNA ANTEPRIMA
Esegue un'anteprima di una derivazione calcolando nuovamente le
impostazioni. All'interno del Centro Disegni Esecutivi si possono vedere
in anteprima, come uno stile di dettaglio influenzerà la creazione di un
disegno esecutivo. Se ad esempio una vista molto complessa la cui derivazione
richiede molto tempo o se si vogliono modificare molti parametri
contemporaneamente è possibile disattivare l’anteprima automatica ed
eseguirla manualmente.

Pag. C.2 - 3

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

C.2.3 Impostazioni Globali

Le impostazioni in questa finestra avranno priorità nelle impostazioni globali in


tutte le altre finestre. Se per esempio, le quote sono disattivate, nessuna
quotatura sarà eseguita indipendentemente dalle impostazioni nella finestra di
quotatura.

Scheda “Generale”

Visualizza
Metodo di proiez. Specifica il sistema secondo cui le differenti viste (frontale,
laterale, dall'alto, ecc.) vengono allineate.
Metodo 1 (E) – La distribuzione delle viste è effettuata
secondo lo standard europeo.
Metodo 3 (A) – La distribuzione delle viste è effettuata
secondo lo standard americano.
Allineamento Specifica l'allineamento dei dettagli nella derivazione. Nei
gruppi, l'elemento principale specifica l'allineamento dell'intero
gruppo.
Orizzontale – Gli elementi vengono allineati orizzontalmente.
Verticale – Gli elementi vengono allineati verticalmente.
Come nel modello – Gli elementi vengono allineati secondo la
propria posizione dell’UCS nel modello.

Pag. C.2 - 4

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

Vista frontale Indica come deve essere specificata la vista frontale di un


elemento. Le altre viste poi dipendono da questa.
Dal pezzo – Determina la vista frontale dall’UCS
dell'elemento.
Dalle viste globali - Le viste globali vengono usate per
determinare la vista frontale.
Modello esterno – La vista dall'esterno nel modello è usata per
determinare la vista frontale.
Individuale per pezzo – La vista frontale di un elemento,
fissata individualmente è usata per determinare la vista
frontale. Se non è stata definita, viene usato l’UCS degli
elementi.
Come gruppo Le viste dei singoli elementi vengono visualizzate secondo le
viste dei gruppi corrispondenti. La vista sinistra di una
nervatura è, ad esempio, quella in un piatto (normalmente
sarebbe la vista piana), perchè la vista sinistra del gruppo
dovrebbe mostrare la nervatura in questo modo.
Solo prima vista Viene visualizzata solo la prima vista dell'elemento del gruppo;
tutte le altre viste vengono inclinate secondo lo standard
relativo a questa vista modificata.
Crea linee 2D I dettagli vengono creati come linee e cerchi di AutoCAD. In
questo modo non sono più disponibili le proprietà intelligenti
dei dettagli 2D.
ACIS nei piatti I piatti-poli vengono sempre trasformati temporaneamente in
elementi ACIS durante la derivazione, per consentire una
migliore visualizzazione dei raggi. Le proprietà dei piatti nel
modello non sono influenzate da questo.
Non scalare elementi
Gli elementi mantengono le loro dimensioni originale e solo il
testo viene scalato per l'output nella stampante.
Scala 1: Scala degli elementi. A seconda dell’opzione “Non scalare
elementi” anche l'elemento o la dimensione del testo vengono
scalati.

Pag. C.2 - 5

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

Visualizza
Quote Inserisce le quote secondo le impostazioni predefinite.
Band. posizione Inserisce le bandierine di posizione secondo le impostazioni
predefinite.
Simboli saldatura
Inserisce i simboli di saldatura secondo le impostazioni
predefinite.
Descrizione Inserisce le descrizioni secondo le impostazioni predefinite.

Scheda “Viste parziali”


Specifica quale vista di un elemento viene visualizzata e se queste sono limitate
nella loro profondità visiva. E’ possibile calcolare automaticamente il numero
delle viste necessarie.

Viste Parziali
Sel. automatica Il software crea automaticamente le viste necessarie secondo
le lavorazioni dell'elemento. Quindi, tutti i dettagli possono
essere visualizzati e quotati. Inoltre è possibile aggiungere
una o più viste globali isometriche e lo sviluppo (solo nel caso
di piatti piegati).

Pag. C.2 - 6

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

Sezione Nelle viste viene eseguita la sezione trasversale. Posizione,


profondità visiva e quali elementi da visualizzare vengono
determinati secondo l’oggetto vista.
Default Selezionare le viste da creare dalle sei viste base esistenti.
Inoltre si possono aggiungere una o più viste globali
isometriche e lo sviluppo (solo nel caso di piatti piegati). Qui si
preimpostano le viste desiderate solamente per i dettagli; per
viste di assieme standard, comunque, queste impostazioni
non hanno alcun significato.
Selezione Si preselezionano le viste da creare durante il processo di
derivazione. Nel Centro Dettagli, si ha anche la possibilità di
cancellare viste o di aggiungerne ulteriori.

Profondità Viste
Profondità Max. Indica la profondità visiva in cui gli elementi subordinati
vengono rilevati nella visualizzazione del gruppo. Questo filtro
può essere impostato separatamente per ogni vista per
limitare la profondità solo delle viste sinistre e destre.
Limite di profondità per
Quando si visualizzano i gruppi, la profondità visiva della vista
selezionata è limitata al valore specificato nel campo
“Profondità Max''.

Varia
Dist. Viste Std Specifica la distanza delle viste standard incluso l’ingombro
delle quote e del testo nella stessa direzione se molte viste
devono essere create all'interno di un blocco di dettagli.
Dist. Viste Isom. Specifica la distanza delle viste isometriche nella stessa
direzione delle viste base e in direzione reciproca.
Dist. Sviluppo Specifica la distanza dello sviluppo di un piatto piegato in
direzione delle viste base.
Stile di dettaglio Isometrica
Se necessario, si specifica un altro stile di dettaglio con cui
rappresentare una vista isometrica. Se si indica "Questo
Stile", non viene utilizzato nessuno stile di dettaglio separato.

Pag. C.2 - 7

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

Posizione Isometrica
Specifica la posizione dove le viste isometriche vanno
rappresentate con riferimento alle viste base. Esse possono
essere posizionate sopra, sotto, a sinistra o a destra delle
viste base.
Stile di dettaglio Sviluppo
Se necessario, si specifica un altro stile di dettaglio con cui
rappresentare uno sviluppo. Se si indica "Questo Stile", non
viene utilizzato nessun stile di dettaglio.
Posizione Sviluppo
Specifica la posizione dove rappresentare lo sviluppo con
riferimento alle viste base. Esse possono essere posizionate
sopra, sotto, a sinistra o a destra delle viste base.
Posizione d'inserimento
Specifica il punto d'inserimento per il successivo inserimento
dei blocchi di dettaglio. Selezionare la posizione del blocco
dettagli dai nove punti d'inserimento in basso a sinistra fino a
in alto a destra (anche per aggiornamento 2D).

Combinazione di viste standard con una


vista isometrica (A) rappresentata con il
proprio stile di dettaglio. L'isometria
mostra solo le bandierine di posizione in
modo da poterle omettere nella
quotatura.

Rappresentazione aggiuntiva del


piatto (B) e una vista isometrica (A) in
un piatto piegato.

Pag. C.2 - 8

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

Scheda “Classe selezionata”


Il filtro logico permette di visualizzare gli stili di dettaglio nel Centro Disegni
Esecutivi per la selezione di un elemento corrente. Inoltre un'assegnazione
degli stili di dettaglio, a seconda dell'elemento, è anche disponibile
nell'Assistente Express. In questa scheda è possibile definire dove il
corrispondente stile di dettaglio deve essere visibile.

Singoli Elementi
Per tutti i singoli elementi
Lo stile di dettaglio è visibile ovunque i singoli elementi siano
coinvolti, altrimenti non viene visualizzato. Se questa opzione
viene disattivata, la visibilità può essere limitata anche ad altri
tipi successivamente determinati.
Profili dritti Lo stile di dettaglio è visibile solo per i profili dritti.
Profili piegati Lo stile di dettaglio è visibile solo per i profili piegati.
Flangia/Piatt… Lo stile di dettaglio è visibile solo per flange e piatti di base.
Piatti-poli Lo stile di dettaglio è visibile solo per i piatti-poli (eccetto le
nervature).
Nervature Lo stile di dettaglio è visibile solo per le nervature.
Altro Lo stile di dettaglio e' visibile solo per l'elemento non filtrato
(es. solidi 3D).

Pag. C.2 - 9

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

Gruppi
Per tutti i gruppi Lo stile di dettaglio è visibile ovunque i gruppi siano coinvolti,
altrimenti non viene visualizzato. Se questa opzione viene
disattivata, la visibilità può essere limitata anche a tipi
successivamente determinati.
Profili dritti Lo stile di dettaglio è visibile solo quando l'elemento principale
del gruppo è un profilo dritto.
Profili piegati Lo stile di dettaglio è visibile solo quando l'elemento principale
del gruppo è un profilo piegato.
Colonne Lo stile di dettaglio è visibile solo quando l'elemento principale
del gruppo è un profilo dritto e la direzione longitudinale
parallela verso l'asse Z globale.
Travi Lo stile di dettaglio è visibile solo quando l'elemento principale
del gruppo è un profilo dritto e la direzione longitudinale
parallela verso il piano X/Y globale.
Altro Lo stile di dettaglio è visibile solo quando l'elemento
principale del gruppo non viene filtrato.
Viste
Per tutte le viste Lo stile di dettaglio è visibile ovunque le viste siano coinvolte,
altrimenti non viene visualizzato. Se questa opzione viene
disattivata, la visibilità può essere limitata anche a tipi
successivamente determinati.
Viste standard Lo stile di dettaglio è visibile quando si tratta di viste piane
dell'area di lavoro o della vista piana globale.
Viste Lo stile di dettaglio è visibile solo per le viste create nel
modello.
Piani di ancorag. Lo stile di dettaglio è visibile solo per i piani d'ancoraggio.
Altro Lo stile di dettaglio è visibile per la vista modello non filtrata.
Giunti Lo stile di dettaglio è visibile per i gusset details nel modello.
Dettagli Manuali Lo stile di dettaglio è visibile per dettagli manuali nel modello.
Naturalmente, questi dettagli non possono apparire nella
distinta del Centro Disegni Esecutivi. Comunque, si possono
selezionare gli stili di dettaglio da visualizzare per la selezione
manuale.
Altro

Pag. C.2 - 10

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

Stile selezionabile sempre selezionabile


Lo stile di dettaglio non dipende da filtri determinati ed è
ovunque visibile.

Pag. C.2 - 11

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

C.2.4 Visualizza 2D

Queste finestre di dialogo permettono di specificare il tipo di visualizzazione


degli elementi (assi, fori, linee nascoste, ecc.), quali tipi di linea vanno usati e
quali impostazioni speciali di default devono essere valide per i differenti tipi di
derivazione.

Generale

Visualizza
Linee visibili Vengono visualizzati tutti gli elementi visibili. Questa opzione
dovrebbe essere sempre attiva.
Linee nascoste Vengono visualizzati tutti gli elementi nascosti secondo il loro
tipo di linee.
Bulloni 2D I bulloni vengono rappresentati da un simbolo.
Bulloni reali I bulloni vengono rappresentati come oggetti reali con dado e
rondella.
Simboli saldatura Vengono visualizzati tutti i simboli di saldatura.
Quote altim. 2D Vengono visualizzate le quote altimetriche inserite nel
modello.

Pag. C.2 - 12

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

Elementi speciali Vengono rappresentati gli elementi speciali nel modello. Può
essere qualsiasi elemento (es. blocchi) avente le
caratteristiche degli elementi di ProSteel 3D
Sezione reale Le sezioni dei profili vengono visualizzate con i raggi di
raccordo, altrimenti vengono semplificate con delle linee.
Con quote Nella quotatura, vengono usati tutti i lati ed i raggi della
sezione. Altrimenti vengono rappresentate solo le dimensioni
esterne.
Simbolo direz. grigliato
Inserisce un simbolo di orientamento del retino il quale
corrisponde alla direzione longitudinale del grigliato.
Dim. simbolo Valore che determina la dimensione del simbolo usato per
visualizzare l'orientamento del grigliato.

Accorciamento automatico
Accorciamento profilo
I profili vengono accorciati negli spazi dove sono senza
lavorazione e viene inserito un simbolo di accorciamento. Le
impostazioni di accorciamento vengono definite in un capitolo
successivo.
Spazio simbolo Spazio nel profilo o distanza tra le linee di accorciamento se
viene usato un simbolo.
Lung. Min. Lunghezza totale minima perché un profilo venga accorciato.
Accorc. Min. Lunghezza minima di un tratto di profilo senza modifiche per
poter aggiungere un accorciamento.
Numero Max. Numero massimo di accorciamenti possibili nel profilo.
Distanza lato Lunghezza minima dal bordo del profilo dove non è consentito
un accorciamento.
Simbolo accorciamento
Seleziona il simbolo da inserire.
Linea Singola – Inserisce una linea.
Singola a Zig-Zag – Inserisce una linea seghettata.
Linea Doppia – Inserisce una linea doppia.
Doppia a Zig-Zag – Inserisce una linea doppia seghettata.
Solo taglio – Non inserisce nessun simbolo ma uno spazio.
Simbolo di rottura
Simbolo da inserire sul lato di rottura del profilo tagliato. Fare
riferimento al "Simbolo d'accorciamento".

Pag. C.2 - 13

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

Altri
Dim. tratteggio Dimensione per la spaziatura delle linee di tratteggio.
Ang. tratteggio Angolo del tratteggio.
Campione Campione del tratteggio di AutoCAD da utilizzare.

Scheda “Fori”

Asse fori
Assi in sezione Visualizza l'asse nei fori in sezione.
Offset Offset degli assi del foro dal bordo esterno.
Assi in vista Visualizza l'asse nei fori nella vista dall'alto.
Offset Offset degli assi del foro dalla circonferenza.
Ruota di 45° Ruota gli assi di 45° per evitare la sovrapposizione delle linee
di quota.
Visualizza fori

Pag. C.2 - 14

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

Solo asse, se nascosto


Visualizza i fori nascosti (invisibili) nella vista dall'alto con un
tratteggio. Altrimenti vengono visualizzati solo gli assi. Se si
seleziona "Simbolo DIN", gli assi sono sempre visualizzati.
Fori reali I fori vengono visualizzati con dei cerchi secondo il loro
diametro. Altrimenti vengono visualizzati solo gli assi.
Riempi il foro Il foro viene visualizzato completamente riempito.
Simbolo DIN I fori sono visualizzati con una rappresentazione libera. Si
possono configurare secondo un stile nel quale è definito un
blocco di AutoCAD.
Dim. simbolo Dimensione del simbolo secondo il template dello stile.
Stile Template dello stile per la rappesentazione.
Crea un template di stile per la rappresentazione del foro e
caricalo qui. Usa il tasto vicino per accedere alla finestra per
modificare o creare i templates dello stile.

Scheda “Singoli elementi”

Sezione
Profili standard Vengono aggiunte sezioni trasversali nei profili standard.

Pag. C.2 - 15

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

Profili speciali Vengono aggiunte sezioni trasversali nei profili speciali.


Tetto/Parete Vengono aggiunte sezioni trasversali nei profili tetto-parete.
Profili combinati Vengono aggiunte sezioni trasversali nei profili combinati
Profili elettros. Vengono aggiunte sezioni trasversali nei profili elettrosaldati.
Flangia/Piatto… Vengono aggiunte sezioni trasversali nelle flange.
Posizione Sez. Nell’elenco è possibile definire da quale lato visualizzare la
sezione del profilo.
Lato sinistro – La sezione viene visualizzata a sinistra.
Lato destro – La sezione viene visualizzata a destra.

Altro
Inserisci Simbolo direzione elem. principali
Inserisce il simbolo di orientamento nell’elemento.
Visualizza Orig. Visualizza un punto zero di riferimento per le quote per
coordinate per i singoli elementi oppure o come opzione
speciale per la derivazione americana.
Dim. simbolo Dimensione simbolo.

Pag. C.2 - 16

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

Scheda “Gruppi”

Sezioni
Visualizza sez. Visualizza le sezioni 2D (manuali o automatiche es. nervature)
inserite nell'elemento principale del gruppo.
Si deve differenziare tra le sezioni 2D nel modello e le sezioni
2D nei dettagli: le sezioni 2D inserite nel modello definiscono
dove e come un dettaglio deve essere tagliato nella
derivazione.
Solo manuali Vengono visualizzate le sezioni aggiunte solo manualmente.
Non vengono inserite le sezioni create automaticamente dal
software.
Identici solo 1x Inserisce solo una sezione per tipo riconosciute identiche.
Allinea sotto Le sezioni non vengono inserite sulla sinistra e/o sulla destra
della vista principale, ma sotto l’ultima vista, affiancandole
l’una all'altra.
Simboli esterni Il simbolo di sezione viene inserito al di fuori delle quote,
altrimenti viene visualizzato vicino all'oggetto.
Template freccia Selezionare un template per la visualizzazione della freccia.
Questi templates possono essere definiti all'interno del
comando “Crea taglio 2D”.
Descrizioni Indica la descrizione che deve essere usata per identificare le
sezioni.

Pag. C.2 - 17

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

Contrassegno Lettera o numero che deve essere usata per descrivere la


prima sezione in un gruppo. Tutte le altre lettere delle sezioni
di questo gruppo sono incrementate in ordine crescente.
Oggetti Vicini
Visualizza…. Vengono visualizzati gli elementi vicini ai gruppi. Questi sono
gli elementi dove il gruppo è unito, che comunque non
appartengono a questo gruppo.
Con bandierine Inserisce le bandierine di posizione negli elementi vicini.
Stile di dettaglio Stile di dettaglio usato per visualizzare elementi vicini.
Profondità Dimensione di un volume immaginario intorno al gruppo. Ogni
elemento all'interno di questo volume viene visualizzato come
elemento vicino. E’ possibile definirlo separatamente per le
direzioni X,Y e Z del gruppo.
Flangia/Piatto di base
Visualizza piatto Inserisce la sezione in un gruppo dove sono stati inseriti dei
giunti automatici per creare flange o piatti di base.
Usa stile gruppo Le flange sono rappresentate con lo stile di dettaglio utilizzato
per il gruppo. Altrimenti vengono visualizzate con il loro stile.
Vista da Direzione della vista della flangia relativa al gruppo.
Dentro – Il profilo è visualizzato da dentro.
Fuori – Il profilo è visualizzato da fuori.
Alto- Il profilo è visualizzato come sezione insieme ai piatti di
base e come nascosto insieme alle flange.
Dist. Viste Std. Distanza minima delle flange dalle altre viste del gruppo.
Altro
Visualizza orig. Visualizza un punto zero di riferimento per le quote per
coordinate per i gruppi oppure come opzione speciale per la
derivazione americana.
Dim. simbolo Dimensione simbolo. Il simbolo di derivazione americana (RD)
è specificato nei parametri.
Simbolo nord Inserisce il simbolo del nord e mostra l'allineamento rispetto
ad una direzione globale verso nord.

Pag. C.2 - 18

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

Visualizza num. Visualizza il numero dell'elemento o di posizione standard


USA o le quantità di pezzi, assieme alla quota longitudinale.
Perché questo avvenga il numero dell’elemento USA deve
esistere. Nelle impostazioni globali, deve essere attivato lo
stile di quotatura americano.
Visualizza punto Nel caso di nervature e di giunti angolari, viene specificato se
questi sono posizionati sul lato frontale o destro del giunto o
su entrambi i lati (nel caso di elementi identici). Per
riconoscere elementi identici, gli elementi devono avere un
numero di posizione. Qui si ha una comparazione tra la
rappresentazione del numero di posizione e la posizione del
centro dell'elemento.

Pag. C.2 - 19

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

Scheda “Viste”

Filtro di visualizzazione
Profili I profili vengono visualizzati nella vista a meno che nel filtro ci
siano delle impostazioni separate. Normalmente questa
opzione dovrebbe essere attivata. La differenza tra gli
elementi è naturalmente possibile solo se questi sono stati
generati con le funzioni associate. Altrimenti, un giunto
angolare creato come un profilo forato viene interpretato come
un profilo normale.
Piatto-Poli I piatti-poli vengono visualizzati nella vista a meno che siano
nervature o piatti del controvento costruiti con le funzioni.
Nervature Vengono visualizzate le nervature nella vista.
Rinforzi I rinforzi (piatti del controvento) vengono visualizzati nella
vista.
Giunto angolare I giunti angolari vengono visualizzati nella vista.
Flange Le flange vengono visualizzate nella vista.
Piatti di base I piatti di base vengono visualizzati nella vista.
Elementi speciali Elementi speciali vengono visualizzati nella vista (es. solidi
ACIS-3D).

Pag. C.2 - 20

Edizione italiana: Copyright © 2007 B&B s.n.c. Via Petrarca n°3 c.a.p.30033 Noale - Venezia - Italy
Stile di Dettaglio

Elem. in calcestruzzo
Gli elementi in calcestruzzo sono stati creati con
l'applicazione "ProConcrete 3D".
Solo elementi della vista
Sono presi in considerazione solo gli elementi che sono
posizionati completamente o parzialmente all'interno
dell’oggetto vista. Si può, quindi, effettuare una selezione
speciale al di fuori dell'area- altrimenti vengono mostrati tutti
gli elementi situati sul livello della struttura di lavoro (es. nel
modo in cui si vedrebbero in realtà).
Profilo piatto nello schizzo
Vengono visualizzate le flange e i piatti di base se è stata
selezionata l'opzione “Schizzo” o “Unifilare” nei "Tipi di
visualizzazione". Altrimenti vengono sempre visualizzati.
Usa XRef Gli elementi inseriti nel modello tramite XREF vengono
visualizzati e quotati. I filtri di visualizzazione sopra menzionati
sono validi anche per questi elementi. Fare riferimento alla
documentazione di AutoCAD per una descrizione dettagliata
degli XREF.
Dim. minima E’ possibile escludere piccoli elementi dalla selezione
specificando la distanza minima tra loro. Questa impostazione
non ha influenza se il valore è 0. Nessuno degli elementi viene
filtrato con questa funzione.

Tipo di visualizzazione
Viste Standard Le viste vengono visualizzate come rappresentazioni 2D
standard dove tutte le parti n