Sei sulla pagina 1di 22

GuidaRapida_testi_Layout 1 20/01/17 12:19 Pagina 1

PRATICA DEI CONTRATTI PUBBLICI

Pantaleo De Finis

GUIDA RAPIDA ALLA


DIREZIONE DEI LAVORI
DOPO IL CODICE
APPALTI 2016
Quadro normativo, requisiti, incarico, compensi e attività del
direttore dei lavori alla luce del D. Leg.vo 18/04/2016, n. 50,
e delle linee guida Anac sui servizi tecnici e sul Rup, con
memorandum operativo per l’esecuzione di opere pubbliche

1a Edizione
GuidaRapida_testi_Layout 1 20/01/17 09:55 Pagina 2

© Copyright Legislazione Tecnica 2017


La riproduzione, l’adattamento totale o parziale, la riproduzione con qualsiasi mezzo, nonché
la memorizzazione elettronica, sono vietati per tutti i paesi.

Finito di stampare nel mese di febbraio 2017 da


Digital Print Service - Milano

Legislazione Tecnica S.r.L.


00144 Roma, Via dell’Architettura 16
Servizio Clienti
Tel. 06/5921743 - Fax 06/5921068
servizio.clienti@legislazionetecnica.it

Portale informativo: www.legislazionetecnica.it


Shop: ltshop.legislazionetecnica.it

Il contenuto del testo è frutto dell’esperienza dell’Autore, di un’accurata analisi della normativa
e della pertinente giurisprudenza. Le opinioni contenute nel testo sono quelle dell’Autore,
in nessun caso responsabile per il loro utilizzo.
Il lettore utilizza il contenuto del testo a proprio rischio, ritenendo indenni l’Autore e l’Editore
da qualsiasi pretesa risarcitoria.
GuidaRapida_testi_Layout 1 20/01/17 09:55 Pagina 3

PRATICA DEI CONTRATTI PUBBLICI

È la collana, edita da Legislazione Tecnica, che tratta tutti gli aspetti


e le varie fasi della complessa ed articolata procedura per la gara,
aggiudicazione, esecuzione e gestione di un contratto pubblico di lavori,
servizi e forniture.
Tutti i volumi, spesso corredati da tavole sinottiche riepilogative
degli adempimenti, si caratterizzano per il taglio prettamente snello
ed operativo e si qualificano come indispensabili ausili pratici a
beneficio:
• dei funzionari, dei consulenti e dei professionisti incaricati
delle stazioni appaltanti, chiamati a perseguire l’interesse
pubblico alla migliore realizzazione della gara, mettendo in
pratica consapevolmente una normativa complessa e spesso
di difficile interpretazione, sottraendosi nel contempo alle
innumerevoli insidie fonte di responsabilità, anche molto
gravose, che potrebbero emergere a loro carico;
• degli operatori economici, chiamati, anche attraverso una
corretta conoscenza dei diritti e doveri che la normativa
vigente pone in capo, a sfruttare al meglio le opportunità
loro offerte dal mercato dei contratti pubblici, evitando di
commettere errori, spesso banali o derivanti da cavilli o
irregolarità formali, che possano compromettere il buon esito
della gara.
GuidaRapida_testi_Layout 1 20/01/17 09:55 Pagina 4
GuidaRapida_testi_Layout 1 20/01/17 09:55 Pagina 5

PANTALEO DE FINIS
Architetto e consulente di impresa, si è occupato di management in
imprese di costruzioni nazionali, curando la realizzazione e il contenzioso
di appalti di opere pubbliche. È autore da molti anni di numerosi testi di
normativa tecnica e di pratica nei lavori pubblici. Attualmente è responsabile
di una Centrale unica di committenza e Consigliere provinciale dell’Ordine
degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Matera.

5
GuidaRapida_testi_Layout 1 20/01/17 09:55 Pagina 6
GuidaRapida_testi_Layout 1 20/01/17 09:55 Pagina 7

INDICE

PREMESSA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11

1. INQUADRAMENTO NORMATIVO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13

2. LA DIREZIONE DEI LAVORI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15


2.1 La nomina del direttore dei lavori . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
2.2 L’affidamento dell’incarico di direttore dei lavori . . . . . . 16
2.3 Incarichi di direzione dei lavori e normativa sul
pubblico impiego . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
2.4 I casi in cui la figura del direttore dei lavori coincide
con quella del responsabile unico del procedimento . . 20
2.5 Gli assistenti del direttore dei lavori . . . . . . . . . . . . . . . . 21
2.5.1 Il direttore operativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
2.5.2 Gli ispettori di cantiere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
2.5.3 I compiti del direttore dei lavori . . . . . . . . . . . . . 23
2.6 I rapporti fra il direttore dei lavori e il responsabile del
procedimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
2.7 I rapporti fra l’esecutore e il direttore dei lavori . . . . . . 26
2.8 Il compenso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
2.8.1 Il tecnico dipendente dalla P.A. . . . . . . . . . . . . . 27
2.8.2 Il compenso per il professionista esterno . . . . . 28
2.9 I limiti dell’esercizio professionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
2.9.1 Il geometra ed il geometra laureato . . . . . . . . . . 29
2.9.2 Il perito industriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
2.9.3 L’ingegnere e l’architetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
2.9.4 L’architetto iunior . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
2.9.5 L’ingegnere iunior . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
2.10 Le responsabilità del direttore dei lavori . . . . . . . . . . . . 32

7
GuidaRapida_testi_Layout 1 20/01/17 09:55 Pagina 8

3. LE PERIZIE DI VARIANTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
3.1 Variazioni e addizioni al progetto approvato . . . . . . . . . 35
3.1.1 Quadro comparativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
3.1.2 Determinazione e approvazione dei nuovi prezzi
non contemplati nel contratto . . . . . . . . . . . . . . . 38

4. ALTRE ATTIVITÀ DEL DIRETTORE DEI LAVORI . . . . . . . . . . . 39


4.1 La sospensione dei lavori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
4.2 Altre attività . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39

5. MEMORANDUM PER L’ESECUZIONE DI OPERE PUBBLICHE 41


5.1 Prima dell’appalto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
5.1.1 Delibera o determinazione dirigenziale di incarico 41
5.1.2 Sopralluogo per prendere visione dei luoghi
d’intervento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
5.2 Prima dell’inizio dei lavori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
5.2.1 Convocazione dell’impresa per la consegna
dei lavori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
5.2.2 Deposito del progetto strutturale allo sportello
unico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
5.2.3 Preavviso scritto allo sportello unico . . . . . . . . . 43
5.3 Consegna dei lavori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
5.3.1 Notifica preliminare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
5.4 Inizio effettivo dei lavori da parte dell’impresa . . . . . . . 44
5.4.1 Verifica della vigilanza del cantiere . . . . . . . . . . 44
5.4.2 Deposito in cantiere degli atti e documenti
necessari per lo svolgimento dell’attività . . . . . . 45
5.4.3 Esposizione del cartello di identificazione dei lavori 47
5.4.4 Apposizione della segnaletica di sicurezza . . . . 48
5.4.5 Ordine di servizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49

8
GuidaRapida_testi_Layout 1 20/01/17 09:55 Pagina 9

5.4.6 Ricezione delle denunce dell’appaltatore


in materia di danni per forza maggiore . . . . . . . 49
5.5 Verifiche e misurazioni per controllare l’opera . . . . . . . . 49
5.5.1 Accettazione dei materiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
5.5.2 Prelievo campioni di calcestruzzo . . . . . . . . . . . . 51
5.6 Compilazione di tutti gli atti e documenti contabili . . . 51
5.6.1 Verbale di sospensione dei lavori . . . . . . . . . . . . 52
5.6.2 Verbale di ripresa dei lavori . . . . . . . . . . . . . . . . 52
5.6.3 Eventuali sinistri alle persone o danni alle proprietà 53
5.6.4 Verifiche nel corso dell’esecuzione dei lavori . . 53
5.6.5 Ultimazione delle opere strutturali . . . . . . . . . . . . 53
5.6.6 Redazione dello stato di consistenza . . . . . . . . . 54
5.6.7 Eventuali vizi o difformità di realizzazione . . . . . 54
5.6.8 Verifica del cronoprogramma . . . . . . . . . . . . . . . . 54
5.7 Ultimazione dei lavori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
5.7.1 Certificato di ultimazione dei lavori . . . . . . . . . . . 55
5.7.2 Comunicazione data ultimazione dei lavori e
importo dello stato finale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
5.7.3 Redazione del conto finale . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
5.7.4 Dichiarazione del direttore dei lavori che non sono
avvenute cessioni di crediti da parte dell’impresa 56
5.7.5 Avvisi ai creditori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
5.7.6 Relazione riservata della direzione dei lavori al
committente e al collaudatore sull’andamento
dei lavori realizzati e contabilizzati . . . . . . . . . . . 56
5.8 Collaudo dei lavori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
5.8.1 Certificato di regolare esecuzione . . . . . . . . . . . . 57
5.8.2 Trasmissione alla stazione appaltante della
documentazione di cantiere . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
5.8.3 Assistenza al collaudo tecnico e amministrativo
dell’opera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58

9
GuidaRapida_testi_Layout 1 20/01/17 09:55 Pagina 10

APPENDICE - NORMATIVA DI RIFERIMENTO


— Estratti del D. Leg.vo 18/04/2016, n. 50 . . . . . . . . . . . . . . . . 59
(Attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e
2014/25/UE sull’aggiudicazione dei contratti di concessione,
sugli appalti pubblici e sulle procedure d’appalto degli enti
erogatori nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti e dei
servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente
in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture)
— Estratti del D.P.R. 05/10/2010, n. 207 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
(Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto
legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante «Codice dei contratti
pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle
direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE»)
— Estratti del D. Min. LL.PP. 19/04/2000, n. 145 . . . . . . . . . . . . 100
(Regolamento recante il capitolato generale d’appalto dei lavori
pubblici, ai sensi dell’articolo 3, comma 5, della legge 11
febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni)
— Estratti del D.P.R. 06/06/2001, n. 380 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
(Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in
materia edilizia)
— D. Min. Giustizia 17/06/2016 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
(Approvazione delle tabelle dei corrispettivi commisurati al
livello qualitativo delle prestazioni di progettazione adottato ai
sensi dell’articolo 24, comma 8, del decreto legislativo n. 50
del 2016)
— Delib. ANAC 14/09/2016, n. 973 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
(Linee Guida n. 1, di attuazione del D. Lgs. 18 aprile 2016,
n. 50, recanti «Indirizzi generali sull’affidamento dei servizi
attinenti all’architettura e all’ingegneria»)
— Delib. ANAC 26/10/2016, n. 1096 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
(Linee guida n. 3, di attuazione del D. Lgs. 18 aprile 2016,
n. 50, recanti «Nomina, ruolo e compiti del responsabile unico
del procedimento per l’affidamento di appalti e concessioni»)

10
GuidaRapida_testi_Layout 1 20/01/17 09:55 Pagina 11

PREMESSA

Il nuovo Codice dei contratti, D. Leg.vo 18/04/2016, n. 50 (nel


prosieguo anche solo «Codice»), tra le numerose novità legislative,
riguarda anche le competenze e le mansioni del direttore dei lavori.
Il Codice, entrato in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione,
già da subito ha presentato delle innovazioni che hanno inciso
profondamente su tutto il campo dei lavori pubblici. Inoltre, essendo
una norma auto esplicativa, non prevede l’emanazione di un regolamento
di attuazione ma la pubblicazione di atti di dettaglio, principalmente
da parte dell’Autorità nazionale anticorruzione (Anac), che in questo
Codice assurge ad un ruolo nuovo e sostanziale. Per cui, la definizione
della funzione del direttore dei lavori trova quasi unicamente spazio
nell’art. 101, ove vengono descritti compiti e responsabilità; nel
successivo art. 111 viene fissato che la disciplina di dettaglio, relativa
all’attività del direttore dei lavori, verrà descritta da un Decreto del
Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, su proposta dell’Anac, previo
parere delle competenti commissioni parlamentari, sentito il Consiglio
Superiore dei Lavori Pubblici.
Nel frattempo rimane in vigore quanto previsto dal D.P.R.
05/10/2010, n. 207 di attuazione del vecchio Codice, il D. Leg.vo
12/04/2006, n. 163.
In adempimento al suo mandato, l’Anac ha avviato la pubblicazione
delle linee guida. Tra le prime pubblicate, quelle di maggiore interesse
per la materia qui trattata sono le seguenti:
— Linee Guida n. 1, recanti «Indirizzi generali sull’affidamento
dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria» (Delibera
14/09/2016, n. 973);
— Linee Guida n. 3, recanti «Nomina, ruolo e compiti del
responsabile unico del procedimento per l’affidamento di
appalti e concessioni» (Delibera 26/10/2016, n. 1096).
Sempre l’Anac ha trasmesso al Consiglio di Stato nel settembre
del 2016 lo schema di decreto ministeriale relativo all’attività del direttore
dei lavori e del direttore dell’esecuzione, previsto come detto dall’art.
111, commi 1 e 2, del Codice; il Consiglio di Stato, dopo circa un
mese, ha emesso un parere ove vengono focalizzati una serie di punti
di debolezza, rilevando principalmente la forma discorsiva delle linee
guida, la prolissità e la ripetitività, fornendo infine un parere favorevole,
tuttavia condizionato.

11
GuidaRapida_testi_Layout 1 20/01/17 09:55 Pagina 12

Alla luce di quanto considerato finora, questo testo che cura


l’attività della direzione dei lavori si pone l’obiettivo di fornire una guida,
fissando i punti essenziali e ponendo l’attenzione sui principali aspetti
metodologici e operativi, districandosi tra la copiosa e spesso
contraddittoria produzione legislativa ed in particolare tra quanto previsto
nel nuovo Codice, nelle norme ancora in vigore del D.P.R. 207/2010
(regolamento attuativo del Codice ora quasi integralmente abrogato dal
D. Leg.vo 50/2016 ma ancora vigente per diverse norme attinenti la
materia in discorso) nonché dai provvedimenti attuativi e dalle linee
guida emanate dall’Anac al momento della redazione.
Le norme di riferimento contenute nel D. Leg.vo 50/2016, quelle
ancora vigenti relative all’attività del direttore dei lavori contenute nel
D.P.R. 207/2010 e nel D.M. 19/04/2000, n. 145 (capitolato generale
d’appalto dei lavori pubblici, per le parti non abrogate dal D. Leg.vo
163/2006 e dal D.P.R. 207/2010), nonché i provvedimenti attuativi, le
linee guida dell’Anac e le altre norme di interesse per la materia
contenute in altri provvedimenti, tra i quali in particolare il Testo unico
dell’edilizia, D.P.R. 380/2001, sono riportate nell’Appendice del presente
volume.

12
GuidaRapida_testi_Layout 1 20/01/17 09:55 Pagina 13

1
INQUADRAMENTO NORMATIVO

Il 19/04/2016 è stato pubblicato il nuovo Codice dei contratti


nell’allegato della Gazzetta Ufficiale.
Da questa data il Codice è entrato immediatamente in vigore,
definendo le responsabilità ed attività del direttore dei lavori prin-
cipalmente con l’art. 101, mentre con l’art. 111 si sancisce che deve
essere emanato un decreto da parte del Ministero delle infrastrutture
e trasporti, previsto dall’art. 111, commi 1 e 2, del Codice; nel frat-
tempo rimangono in vigore gli articoli dal 178 al 210 del regolamento
attuativo del
D. Leg.vo 163/2006, il D.P.R. 207/2010, che disciplinano lo scopo e
la forma della contabilità. Sono stati invece direttamente abrogati
gli articoli dal 147 al 177 che disciplinavano la direzione e l’esecuzione
dei lavori.
Un aspetto fondamentale del nuovo Codice si evince già dal
comma 1, ove viene demandata al responsabile unico del proce-
dimento la direzione dell’esecuzione del contratto. Durante l’ese-
cuzione del contratto, il responsabile del procedimento si può avvalere
di diverse figure tra cui il direttore dei lavori. Quindi è il responsabile
del procedimento che dirige l’esecuzione del contratto, coadiuvato
dal direttore dei lavori. Il direttore dei lavori, che può essere a sua
volta coadiuvato da direttori operativi o ispettori di cantiere, deve
essere nominato prima dell’avvio delle procedure per l’affidamento,
su proposta sempre del responsabile unico del procedimento.
Il direttore dei lavori quindi è investito del controllo tecnico,
contabile e amministrativo dell’esecuzione dell’intervento. Deve vigi-
lare affinché i lavori siano svolti in conformità a quanto previsto
nel contratto ed eseguiti conformemente alla regola dell’arte.
Il richiamo alla regola d’arte è un aspetto di non poco conto
nell’azione della direzione di lavori; tale attenzione il legislatore pur-
troppo non la ha avuta della definizione dell’attività di collaudo, cre-
ando in questo modo una incoerenza tra l’esecuzione e la verifica
del contratto.
Nel caso in cui venga costituito l’ufficio di direzione dei lavori,
questo ufficio è sotto la responsabilità di coordinamento del direttore
dei lavori, il quale ha rapporti esclusivi con l’appaltatore per la gestio-

13
GuidaRapida_testi_Layout 1 20/01/17 09:55 Pagina 14

ne degli aspetti relativi al contratto, che possono essere di natura


sia tecnica che amministrativa.
Il direttore dei lavori è responsabile anche dell’accettazione dei
materiali, che deve essere controllata sia qualitativamente che quan-
titativamente. Tale controllo va esteso anche al raffronto con la rispon-
denza delle disposizioni vigenti relative alle norme tecniche. Questo
aspetto ha grande rilevanza, poiché così si determina che i materiali
da utilizzare per la realizzazione dei lavori debbano essere rispettosi
non solo dei dettami contrattuali ma anche delle norme tecniche
vigenti, fissando quindi un superiore obiettivo qualitativo dell’opera.
Nell’esercizio della sua azione, il direttore dei lavori deve curare
anche gli aspetti di verifica della regolarità contributiva, dell’esecu-
zione dei programmi di manutenzione e d’uso, della regolarità dei
subappalti. Il direttore dei lavori, avendone i requisiti, svolge anche
il compito di coordinatore per la sicurezza ai sensi del D. Leg.vo
81/2008.
Il direttore dei lavori è coadiuvato nella sua attività da dei diret-
tori operativi che hanno la funzione di controllare singole parti del-
l’appalto o dei lavori.
I direttori operativi hanno compiti di verifica degli aspetti for-
mali dell’esecuzione dell’appalto, come la denuncia del progetto strut-
turale, l’aggiornamento del cronoprogramma e dei programmi di
prove e collaudo, ma anche l’analisi e l’individuazione delle difformità
realizzative e degli aspetti negativi dell’esecuzione dei lavori ed il
controllo dell’esecuzione di opere specialistiche.
Il direttore dei lavori può essere coadiuvato anche dagli ispettori
di cantiere, che esercitano in continuità la loro azione durante il
turno dei lavori. Essi si occupano della verifica diretta dei documenti
dei materiali, dell’attività dei subappaltatori, della verifica della cor-
retta esecuzione delle opere, dell’assistenza durante le prove e col-
laudi, dell’assistenza all’attività del coordinatore della sicurezza, nel
caso in cui non abbiano essi stessi in prima persona il compito di
coordinatore per l’esecuzione dei lavori.

14
$. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pagine non disponibili


in anteprima

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
$.
GuidaRapida_testi_Layout 1 20/01/17 09:55 Pagina 40

mento contrattuali tali da inficiare la corretta esecuzione


dei lavori; in tale relazione vi è anche la stima dei lavori
eseguiti correttamente (comma 3, art. 108);
— il direttore dei lavori può ordinare l’esecuzione di alcune
lavorazioni da svolgere in un determinato periodo nel caso
in cui riscontri ritardi addebitabili alla negligenza dell’ap-
paltatore. In caso in cui l’appaltatore non adempia, redige
un verbale in contraddittorio che risulterà necessario poi
per la risoluzione del contratto (comma 4, art. 108).
— ad intervenuta risoluzione del contratto, il direttore dei
lavori redigerà lo stato di consistenza entro 20 giorni dalla
relativa comunicazione all’appaltatore (comma 6, art. 108).
Durante la procedura dell’accordo bonario il direttore dei lavori
comunica immediatamente al Rup l’iscrizione delle riserve e fornisce
una sua relazione dettagliata (comma 5, art. 205).
La funzione di direttore dei lavori è incompatibile a soggetti
dello stesso aggiudicatore nei contratti di partenariato pubblico-pri-
vato o contraente generale (comma 13, art. 31).

40
GuidaRapida_testi_Layout 1 20/01/17 09:55 Pagina 41

5
MEMORANDUM PER L’ESECUZIONE
DI OPERE PUBBLICHE

Questo ultimo capitolo rappresenta un utile schema riepilogativo


delle azioni svolte e dei compiti attribuiti al direttore dei lavori, ordi-
nati in modo cronologico.

5.1 PRIMA DELL’APPALTO

5.1.1 Delibera o determinazione dirigenziale di incarico

Le stazioni appaltanti devono istituire, prima della gara, un uffi-


cio di direzione dei lavori, costituito da un direttore dei lavori ed
eventualmente, in relazione alla dimensione e alla tipologia e cate-
goria dell’intervento, da uno o più assistenti con funzioni di direttore
operativo o di ispettore di cantiere. L’ufficio di direzione lavori è
preposto alla direzione e al controllo tecnico, contabile e ammini-
strativo dell’esecuzione dell’intervento. L’ufficio della direzione dei
lavori viene istituito attraverso un atto autorizzativo da parte della
stazione appaltante.

5.1.2 Sopralluogo per prendere visione dei luoghi d’intervento

Il direttore dei lavori controllerà il luogo d’intervento e verifi-


cherà che non sia necessario apportare modifiche al progetto; il diret-
tore dei lavori rilascia al responsabile dei lavori un’attestazione
relativa:
a) all’accessibilità delle aree e degli immobili interessati dai
lavori secondo le indicazioni risultanti dagli elaborati pro-
gettuali;
b) all’assenza di impedimenti sopravvenuti rispetto agli accer-
tamenti effettuati prima dell’approvazione del progetto;
c) alla conseguente realizzabilità del progetto anche in rela-
zione al terreno, al tracciamento, al sottosuolo e a quanto
altro occorre per l’esecuzione dei lavori.

41
$. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pagine non disponibili


in anteprima

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
$.
GuidaRapida_testi_Layout 1 20/01/17 09:55 Pagina 86

della lista, l’esperto incaricato della formulazione della proposta motivata di


accordo bonario. In caso di mancata intesa tra il responsabile unico del
procedimento e il soggetto che ha formulato le riserve, entro quindici giorni
dalla trasmissione della lista l’esperto è nominato dalla Camera arbitrale che
ne fissa anche il compenso, prendendo come riferimento i limiti stabiliti
con il decreto di cui all’articolo 209, comma 16. La proposta è formulata
dall’esperto entro novanta giorni dalla nomina. Qualora il RUP non richieda
la nomina dell’esperto, la proposta è formulata dal RUP entro novanta giorni
dalla comunicazione di cui al comma 3.
6. L’esperto, qualora nominato, ovvero il RUP, verificano le riserve in
contraddittorio con il soggetto che le ha formulate, effettuano eventuali ulte-
riori audizioni, istruiscono la questione anche con la raccolta di dati e infor-
mazioni e con l’acquisizione di eventuali altri pareri, e formulano, accertata
e verificata la disponibilità di idonee risorse economiche, una proposta di
accordo bonario, che viene trasmessa al dirigente competente della stazione
appaltante e al soggetto che ha formulato le riserve. Se la proposta è accettata
dalle parti, entro quarantacinque giorni dal suo ricevimento, l’accordo bonario
è concluso e viene redatto verbale sottoscritto dalle parti. L’accordo ha natura
di transazione. Sulla somma riconosciuta in sede di accordo bonario sono
dovuti gli interessi al tasso legale a decorrere dal sessantesimo giorno suc-
cessivo alla accettazione dell’accordo bonario da parte della stazione appal-
tante. In caso di reiezione della proposta da parte del soggetto che ha
formulato le riserve ovvero di inutile decorso del termine di cui al secondo
periodo possono essere aditi gli arbitri o il giudice ordinario.

NOTE

(1) Il provvedimento in questione è stato adottato con il decreto del Ministro


della giustizia 17/06/2016, recante l’approvazione delle tabelle dei corrispettivi
commisurati al livello qualitativo delle prestazioni di progettazione.
(2) Il provvedimento in questione è stato adottato con la Determinazione
ANAC 26/10/2016, n. 1096, recante le Linee guida n. 3 sui compiti specifici
del RUP.

86
GuidaRapida_testi_Layout 1 20/01/17 09:55 Pagina 87

D.P.R. 05/10/2010, n. 207


Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile
2006, n. 163, recante «Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi
e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE».
Gazzetta Ufficiale 10/12/2010, n. 288 - Supplemento Ordinario n. 270/L

Art. 178 - Fondi a disposizione delle stazioni appaltanti


(art. 152, D.P.R. n. 554/1999)
1. Il fondo posto a disposizione delle stazioni appaltanti, risultante dal
quadro economico allegato al progetto approvato, ha le seguenti destinazioni:
a) lavori in economia previsti in progetto ma esclusi dall’appalto, ivi
inclusi i rimborsi previa fattura;
b) rilievi, accertamenti e indagini preliminari comprese le eventuali
prove di laboratorio per materiali, di cui all’articolo 16, comma
1, lettera b), punto 11;
c) allacciamenti ai pubblici servizi;
d) maggiori lavori imprevisti;
e) adeguamento dei prezzi ai sensi dell’articolo 133, commi 3 e 4,
del codice;
f) acquisizione o espropriazione di aree o immobili e pertinenti inden-
nizzi;
g) spese di cui agli articoli 90, comma 5, e 92, comma 7-bis, del
codice, spese tecniche di progettazione, direzione lavori, assistenza
giornaliera, contabilità, liquidazione e assistenza ai collaudi, coor-
dinamento della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione,
l’importo relativo all’incentivo di cui all’articolo 92, comma 5, del
codice, nella misura corrispondente alle prestazioni che dovranno
essere svolte dal personale dipendente;
h) spese per attività tecnico-amministrative connesse alla progetta-
zione, di supporto al responsabile del procedimento, e di verifica
e validazione;
i) spese per commissioni giudicatrici;
l) spese per le verifiche ordinate dal direttore lavori di cui all’articolo
148, comma 4;
m) spese per collaudi;
n) imposta sul valore aggiunto, eventuali altre imposte e contributi
dovuti per legge;
o) spese per pubblicità e, ove previsto, per opere d’arte.
2. Per disporre, durante l’esecuzione dei lavori, delle somme di cui alle
lettere a), d) e g), è necessaria l’autorizzazione delle stazioni appaltanti.

Art. 179 - Lavori in economia contemplati nel contratto


(art. 153, D.P.R. n. 554/1999)
1. I lavori in economia a termini di contratto, non danno luogo ad
una valutazione a misura, ma sono inseriti nella contabilità secondo i prezzi
di elenco per l’importo delle somministrazioni al netto del ribasso d’asta,

87
$. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Pagine non disponibili


in anteprima

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
$.
GuidaRapida_testi_Layout 1 20/01/17 09:55 Pagina 100

D. Min. LL.PP. 19/04/2000, n. 145


Regolamento recante il capitolato generale d’appalto dei lavori pubblici,
ai sensi dell’articolo 3, comma 5, della legge 11 febbraio 1994, n. 109, e
successive modificazioni.
Gazzetta Ufficiale 07/06/2000, n. 131

Art. 6. - Disciplina e buon ordine dei cantieri


1. L’appaltatore è responsabile della disciplina e del buon ordine nel
cantiere e ha l’obbligo di osservare e far osservare al proprio personale le
norme di legge e di regolamento.
2. L’appaltatore, tramite il direttore di cantiere assicura l’organizzazione,
la gestione tecnica e la conduzione del cantiere.
3. La direzione del cantiere è assunta dal direttore tecnico dell’impresa
o da altro tecnico formalmente incaricato dall’appaltatore ed eventualmente
coincidente con il rappresentante delegato ai sensi dell’articolo 4.
4. In caso di appalto affidato ad associazione temporanea di imprese
o a consorzio, l’incarico della direzione di cantiere è attribuito mediante
delega conferita da tutte le imprese operanti nel cantiere; la delega deve
indicare specificamente le attribuzioni da esercitare dal direttore anche in
rapporto a quelle degli altri soggetti operanti nel cantiere.
5. Il direttore dei lavori ha il diritto, previa motivata comunicazione
all’appaltatore, di esigere il cambiamento del direttore di cantiere e del per-
sonale per indisciplina, incapacità o grave negligenza.
6. L’appaltatore è comunque responsabile dei danni causati dall’impe-
rizia o dalla negligenza di detti soggetti, e risponde nei confronti dell’am-
ministrazione committente per la malafede o la frode dei medesimi
nell’impiego dei materiali.

100