Sei sulla pagina 1di 2

“Medicina delle Dipendenze: principi e concetti base“

Uso e disturbi da uso di sostanze: che fare? Serd-Cafè

a cura del Dott. Luciano Carraro e della Dott.ssa Anna Franceschini


revised by Prof. Fabrizio Schifano

I CANNABINOIDI

EPIDEMIOLOGIA EUROPA
Nella sua Relazione europea sulla droga del 2013 l'European Monitoring Centre for Drugs and
Drug Addiction (EMCDDA) segnala che il consumo di cannabis in Europa rimane alto, pur con
tendenza alla diminuzione.
In Europa la cannabis è la sostanza stupefacente più consumata.
La cannabis è la seconda sostanza più comune fra i pazienti europei che si sottopongono a
trattamento specialistico della dipendenza. I consumatori di cannabis sottoposti al trattamento
sono per lo più di sesso maschile e relativamente giovani, ma sono sempre più evidenti
problemi in consumatori anziani e cronici.
Nel mercato europeo della droga si trovano prevalentemente foglie di cannabis (“marijuana”) e
meno frequentemente la resina di cannabis (“hashish”). II consumo annuale di questi prodotti
si aggira su circa 2500 tonnellate. Le foglie di cannabis reperibili in Europa sono coltivate
all’interno del continente, mentre la resina di cannabis viene importata via mare o per via
aerea dal Marocco.
La cannabis è la sostanza illecita con la maggiore probabilità di essere sperimentata dagli
studenti europei; si stima che 15,4 milioni di giovani europei (15-34 anni), cioè l' 11,7 % di
questo gruppo di età, abbia consumato cannabis nel corso dell’ultimo anno (9,2 milioni nella
fascia d’età compresa tra i 15 e i 24 anni, ossia il 14,9 %). Il consumo della cannabis è
solitamente maggiore tra i maschi.
Poche indagini nazionali attualmente segnalano il livello di consumo di cannabinoidi sintetici:
nei Paesi che le fanno la prevalenza risulta ancora bassa.
Una minoranza significativa di consumatori di cannabis consuma questa sostanza in modo
intensivo (quotidiano o quasi quotidiano): in Europa circa l’1 % degli adulti, almeno tre milioni,
dichiara di consumare la sostanza a questo livello. Più di due terzi di queste persone rientra
nella fascia d’età compresa fra i 15 e i 34 anni; tre quarti sono maschi.

EPIDEMIOLOGIA ITALIA
In Italia, nell’ultimo decennio, la cannabis è la sostanza illecita maggiormente
consumata e dichiarata dagli studenti in età 15-19 anni con una prevalenza che si
attesta su valori superiori al 20%. Il consumo aumenta con l'aumentare dell'età.
Per quanto riguarda la frequenza di assunzione, in entrambi i generi prevale il consumo
occasionale di cannabis (1-2 volte nel corso di 12 mesi); tra i consumatori, il 33,1% dei maschi
contro il 22,0% di quello femminile, riferisce di utilizzare cannabis più assiduamente, 20 o più
volte all'anno. Il consumo di cannabis risulta direttamente correlato all’età dei soggetti: tra i
maschi le prevalenze di consumo passano dal 10,1% dei 15enni al 37,6% dei 19enni, mentre
tra le studentesse si passa rispettivamente dall’ 8,3% al 25,6%.
Confrontando i consumi italiani con quelli delle altre nazioni europee è possibile notare che, per
le principali sostanze stupefacenti l’Italia risulta essere al 12° posto per il consumo di cannabis

Servizio Formazione e Aggiornamento 1


Azienda ULSS 9
fra gli studenti di età 15-19 anni, mentre si colloca al 23° se si considera la popolazione
generale di età 18-64 anni.
La stima delle percentuali di soggetti sulla popolazione generale 15-64 anni che hanno usato
cannabis almeno una volta negli ultimi 12 mesi è del 4,01% nel 2012 (5,33% nel 2010).
Anche in Italia per quanto riguarda i cannabinoidi sintetici i livelli di prevalenza sono bassi;
nel 2010 ai pronto soccorso e alle unità di emergenza sono afferiti 43 casi di intossicazione da
cannabinoidi sintetici, la maggior parte dei casi nel Nord Italia in soggetti tra i 14 e i 66 anni.
Nel confronto tra le aree geografiche, si osservano differenze significative nei consumi di
cannabis (hashish o marijuana) tra l’Italia nord occidentale e l’Italia nord-orientale e centrale.

Consumo di cannabis (prevalenza %) nella popolazione generale 8-64 anni (uso di sostanze
almeno una volta negli ultimi 12 mesi, per area geografica. Anno 2012. Fonte: Studio GPS-DPA
2012 – Dipartimento Politiche Antidroga.

Servizio Formazione e Aggiornamento 2


Azienda ULSS 9