Sei sulla pagina 1di 24

1

Aut.ne Tribunale Livorno n° 683 del 02/03/2005 - Spediz. in abb. postale: postatarget creative - CENTRO 1/02524/11.2014 - Posteitaliane
Anno XIX - n° 196 Febbraio 2019

L’Editoriale Ingressi e uscita


di Enrico Dello Sbarba
enricodellosbarba@virgilio.it dall’Unione Europea
di Francesco Butini
Un’assenza Nel maggio di quest’anno i cittadini del- il 29 marzo 2019. La volontà di regola-
l’Unione Europea saranno chiamati alle mentare l’uscita ha generato un nego-
da colmare urne per eleggere il nuovo Parlamento
europeo. Fu esattamente quaranta anni
ziato lunghissimo e amplissimo tra go-
verno inglese e delegazione europea.
Il tentativo, in essere, ma siamo fa (1979) che per la prima volta il Parla- L’accordo, come noto, non è stato poi
ancora nella fase propedeutica, di mento venne eletto direttamente dagli elet- ratificato dal parlamento inglese.
un “reinserimento” dei cattolici tori europei. Un anniversario importante, Altro che sovranismo: qua di sovrano
nella vita politica nazionale carat- dunque, da ricordare e celebrare mentre c’è solo il caos.
terizzata da una inquietante e pe- molti esponenti della classe politica ita- Ad oggi nessuno sa a quali condizioni si
ricolosa degenerazione, rappresen- liana preannunciano con soddisfazione realizzerà la Brexit. E ad oggi l’unico pun-
ta, com’era facilmente prevedibi- l’imminente fine di questa Europa, gra- to fermo è la data di uscita, a qualunque
le, un’occasione per allargare e zie proprio al voto popolare di maggio. segue a pag. 2
“nobilitare” un dibattito nel quale E’ l’unica Europa che abbiamo, ha d’al-
prevale, con aspetti di una durez- tra parte ricordato il presidente della Con- Circolo Cult. Il Centro - Via Trieste 7
ferenza Episcopale Italiana cardinal Bas- Martedì 12 Febbraio, h. 18
za inusitata e pericolosa, la in-
setti. conferenza del
continenza verbosa dei due leader
- il grillino ed il leghista - che non
Dopo l’Europa comunitaria c’è solo l’Eu- Prof. Emanuele Rossi
ropa del nazionalismo. Nel Novecento le sul tema
perdono occasione, ormai siamo
abbiamo conosciute entrambe, prima con
alla quotidianità, per scaricare sul-
le due guerre mondiali e poi con un lun-
Governo di cambiamento
le istituzioni, la loro cosiddetta
go periodo di pace. e democrazia diretta
“volontà di cambiamento” ma an- Moderatore:
Da quel lontano 1979 sono stati ben 19
che la loro logorroica divergenza Dott. Fabio Del Nista
gli Stati europei che hanno chiesto e ot-
su quasi tutto il “programma”.
tenuto l’adesione alle istituzioni comuni-
Siamo di fronte ad un progetto Circolo Cult. Il Centro - Fidapa sez. Livorno
tarie, contribuendo così ad allargare la
difficile ed ambizioso ma questo
base popolare del Parlamento europeo. Giovedì 28 Febbraio, h. 16
tentativo ha avuto, se non altro, il conferenza del
In attesa di entrare ce ne sono altri 6.
merito di riportare, nell’attualità
della politica nazionale, il ruolo
Non c’è un’altra Europa: è falsa l’inter- Dott. Stefano Polli
pretazione in base alla quale l’Europa non vice Direttore Agenzia giornalistica Ansa
storico svolto in Italia dal movi- ha più una sua forza d’attrazione. Mace-
mento cattolico. Ed un importan- sul tema
donia, Montenegro, Serbia, Albania, Ko-
te contributo a questo risveglio, sovo e Bosnia sono in attesa di sapere se
Verso quale Europa?
apparso anche sugli organi di in- e quando entreranno nella comunità dei Moderatore:
formazione, è stato sicuramente Paesi europei. Dott. Giuseppe Mascambruno
la celebrazione del 100° anniver- L’unico Paese europeo che ha chiesto di ex direttore de La Nazione
sario dell’appello “ai liberi e forti” uscire dall’Unione Europea è il Regno Uni- Saluti:
lanciato da don Luigi Sturzo il 18 to. La famosa Brexit, sancita dal refe- Prof.ssa Angela Simini
gennaio del 1919. rendum inglese del 2016. Presidente Fidapa Sez. Livorno
Dopo lo sconcertante ed assolu- Una volta fatta la domanda di uscita, è Dott. Enrico dello Sbarba
segue a pag. 2 stata concordata la data che sancirà la Presidente Circolo Cult. Il Centro
separazione tra Regno Unito ed Europa:
2 Politica

dalla prima pagina sasi con una dolorosa e colpevole spa- campo dei cattolici italiani, ci sembra
Un’assenza rizione dovuta in gran parte agli errori un “dovere” prima che un diritto.
ed alla cecità della classe dirigente del-
da colmare l’epoca, non possono astrarsi o estra-
tamente imprevedibile, almeno nelle sue niarsi dal risorgente dibattito che si sta
sconvolgenti dimensioni, clamoroso ri- gradualmente sviluppando nel paese.
Nasce proprio da qui, dalla crisi che
sultato emerso nelle elezioni politiche del
4 marzo, è sorta un’anomala coalizio- l’avventurismo di forze diseguali e con-
Ingressi e uscita
ne, un improprio connubio, tra 5Stelle correnti sta producendo, l’esigenza di dall’Unione Europea
e Lega, raggiunto, dopo una faticosis- valutare positivamente questa importan-
sima trattativa a cui ha fatto seguito la te novità che, insieme al dibattito in condizione, anche nessuna.
sottoscrizione di un contratto che ha corso nel Partito Democratico in vista Perché solo il caos è sovrano? Perché
permesso, a queste due forze opposte del proprio congresso, riesca ad agita- dopo l’ubriacatura nazionalista e indi-
e contrarie su tutto, di formare il primo re la smorta, quasi inesistente stagione pendentista, i dubbi inglesi sulle conse-
governo sovranista e populista in Italia. politica che stiamo attraversando, con guenze dell’uscita dall’Europa cresco-
Ed è proprio in virtù della crescente crescente preoccupazione e disagio, no di mese in mese. Oltre l’Europa non
preoccupazione di questa strana allean- animata solo da un dibattito rissoso c’è il paese del bengodi: c’è la caduta
animato, delle quotidiane scorribande della moneta e il ridimensionamento del
za governativa, che sta maturando nel-
del duo (Salvini-Di Maio). PIL. E fatti finalmente due conti, anche
le forze politiche di opposizione , l’ipo-
Occorre subito chiarire che, anche in molti inglesi si rendono perfettamente
tesi di una reazione in grado di garanti-
relazione al tipo di società che negli anni conto che sarebbe meglio sì uscire ma
re un’alternativa che dovrà trovare ri-
è venuta a crearsi, la riproposizione di non troppo, e soprattutto bisogna evi-
scontro già in occasione delle elezioni
un nuovo modello di Democrazia Cri- tare l’uscita senza alcun accordo.
europee del prossimo maggio.
Qui sta tutta l’ipocrisia della questione.
E’ in un contesto così preoccupante stiana, apparirebbe come “un classico
La posizione maggioritaria all’interno del
che è sorta l’esigenza di una riproposi- salto nel buio” ma “una ridiscesa in
parlamento inglese consiste nel rivendi-
zione della presenza dei cattolici nella campo”, checché ne pensi Angelo Pa-
care l’uscita dall’Europa, condannando
vita politica nazionale. nebianco sul Corriere della Sera di do-
l’accordo negoziato dal governo May
Questo mensile ed il suo direttore che menica 20 gennaio” che fa i conti con
per essere troppo accondiscendente
vengono da quella nobile storia ormai le diminuite frequenze dei cattolici alle
verso l’UE, ma al tempo stesso la mag-
lontana colma di successi ma conclu- Sante Messe, ci appare, allo stato dei
gioranza dei parlamentari non vogliono
fatti, un elemento da prendere in seria
un’uscita nuda e cruda del Regno Uni-
considerazione. Non possiamo conti-
to. Perché? Perché hanno paura delle
nuare ad assistere passivamente al cre-
conseguenze.
scere smisurato di una stagione politi- E così il caos regna sovrano.
ca caratterizzata dall’assoluta mancan- I limiti politici e storici del cosiddetto
Mensile del Circolo Culturale “Il Centro” za di quella” fascia di valori” che in- sovranismo sono tutti emersi nella vi-
Aut.ne Tribunale Livorno n° 683 del 2/3/2005
carnano i principi inviolabili del “vivere cenda della Brexit. E a seconda della
civile”. Qui stiamo assistendo,” supini soluzione che avrà la questione, le ri-
Redazione ed Amministrazione:
Via Trieste 7 - 57124 Livorno e/o quasi acquattati” allo scempio dei percussioni si vedranno in tutta Euro-
e.mail: ilcentro.livorno@gmail.com basamenti essenziali sui quale è nata, è pa. Forse anche nelle urne del prossi-
www.circoloilcentro-livorno.it cresciuta e si è sviluppata la società ita- mo maggio. Le sicurezze mostrate sui
DIRETTORE RESPONSABILE: liana attraverso lo strumento della Co- futuri risultati elettorali potrebbero su-
Enrico Dello Sbarba stituzione. bire qualche delusione, se la Brexit non
COMITATO DI REDAZIONE: Di fronte alla involuzione della cosid- riuscirà ad uscire dal caos che essa stes-
Massimo Cappelli, detta società aperta e delle loro demo- sa ha generato.
Laura Conforti Benvenuti, crazie in chiara difficoltà, attaccate,
Sergio Cini, Valeria Grillo, Il dato è sul tavolo: chi entra nell’UE
Luca Lischi, Mario Lorenzini, come sono, dalle cosiddette autocrazie non subisce il caos, chi sta uscendo c’è
Mauro Paoletti, Angela Simini, illiberali ed alle quali “le scempiaggini” dentro fino al collo.
Marisa Speranza, Franco Spugnesi. di Trump stanno dando spazio, è giun- Siamo perfettamente consapevoli del-
Hanno collaborato a questo numero: to il momento in cui le espressioni au- l’inadeguatezza delle istituzioni comu-
Don Ordesio Bellini, Franco Biancani, tenticamente democratiche riacquistino
Francesco Butini, Massimo Cappelli,
nitarie che col passare degli anni emer-
Sergio Costalli, Fabio Figara, Gianni il loro spazio per garantire la fiducia nella ge in tutta la sua urgenza. E’ una inade-
Giovangiacomo, Luca Lischi, Enrico ragione e nelle istituzioni della democra- guatezza che riguarda molte organizza-
Salvadori, Angela Simini, Franco Spu-
gnesi, Lorenzo Taccini, Carlo Tobia.
zia, in sostanza nella difesa integrale dei zioni sovranazionali, incerte nel loro di-
Grafica e impaginazione: Editrice “Il Quadrifoglio”
diritti fondamentali delle libertà. venire. Ma la politica segna i limiti oltre
sas di Palandri Giulia & c., Livorno - Tel. 05861732178. Per difendere questi “principi priorita- i quali una legittima opinione diventa
Stampa: Tipografia Sagittario - Bibione (VE) ri” contro le derive populiste e razziste un’avventura.
Giornale chiuso in tipografia il 31/1/2019 che stanno inquinando il nostro paese, Dobbiamo riformare le istituzioni euro-
la partecipazione o “la ridiscesa “ in pee, non delegittimarle o disarticolarle.
Politica 3

Brizio non ha ragione


di Sergio Costalli

Dopo aver assistito, qualche tempo fa, alla L’auto con Furio a bordo si fermò lì ac- costituivano parte di quella marea mon-
riduzione televisiva delle indagini di Roc- canto. Brizio mollò una pacca a Rocco. tante di rinnovamento che investiva la
co Schiavone, personaggio della serie dei - Ciao… -” politica e la stessa Chiesa Cattolica.
“noir” di Antonio Manzini, pubblicati da Nel corso delle approfondite ed elevate
Sellerio Editore, sono andato a riprendere Se sei un’aquila voli, se sei un cavallo dispute dottrinali non poteva, anzi non
“Pulvis et umbra” dove, alle pagine 253/ trotti: può forse essere questa la rispo- doveva, mancare anche la ricerca di quel-
4, così si legge: sta alla domanda di cambiamento che sale la che era attesa come una rivoluzione
“Brizio si dal profondo del Paese? Sì, se continuia- ideale e culturale che potesse consenti-
allontanò mo a vedere il Paese come il masaniello re di realizzare, nella realtà quotidiana, i
dall’auto. che vuole apparire, dove tutto si può tra- grandi obiettivi di liberazione dell’uomo
Abbracciò sformare ma nulla potrà mai realmente dal vincolo dei beni materiali e dalla ne-
il suo ami- cambiare. No, se invece mettiamo in luce cessità di consumare per essere.
co. Stette- le sue (nostre) tante e diffuse positive Non si trattava di una ricerca inserita nel-
ro in silen- potenzialità. l’ambito della pura conoscenza intellet-
zio per Nell’avvenuto passaggio dalla società tuale, fine a se stessa. Non era neppure
qualche dei produttori alla società dei consuma- un surrogato dell’azione politica più gene-
secondo. tori e, nello stesso tempo e per le medesi- rale. Si trattava invece dell’azione di colo-
Poi si stac- me ragioni, dalla società dell’economia ro che ritenevano che il primo passo verso
cò. Aveva reale alla società dominata dalla finanza il cambiamento lo si dovesse muovere ini-
gli occhi globale e dall’immateriale, sono mutati ziando con il cambiare se stessi. Era
umidi. anche la maggior parte dei parametri sto- un’esperienza diffusa e importante, con-
- E il giorno che faccio una cosa brutta e ricamente conosciuti. dotta nella certezza che, oltre alla battaglia
tu lo vieni a sapere, quel giorno, che fa- Non più le grandi riforme ma la ribellio- politica in campo aperto, si dovesse com-
rai? Chiudi un occhio? Sei un poliziot- ne e quindi non più lo studio, la propo- battere una lotta assai meno appariscente
to, Rocco, e non puoi - sta, il sogno di una società migliore, ma e meno eccitante ma più importante, oscu-
- Questo lascialo decidere a me. Ti chie- un’estemporanea e volontaristica mobili- ra e complicata, quella per il cambiamento
do solo di continuare ad essere come pri- tazione su singole disfunzioni, vere o pre- dei rapporti tra gli uomini e del nostro per-
ma. Per quanto possa valere, ti dimostre- sunte, dell’immediato e del particolare. sonale modo di essere uomini.
rò che avevo ragione, che qualcuno mi Eppure quello che oggi serve è ciò che Ieri non è andata molto bene ma questo
ha tradito - non viene più né ricercato né discusso e non costituisce una valida ragione per
- Non c’è bisogno, io lo so già. Se sei che invece, nella seconda metà dell’altro non ritentare. Oggi ne abbiamo ancor più
un’aquila voli, amico mio, se sei un ca- secolo, è stato argomento di dibattiti e bisogno di allora, quindi potremmo ripren-
vallo trotti. E né io né te possiamo farci motivo di divisioni profonde nell’ambito dere quel cammino per dimostrare che Bri-
niente - di partiti, movimenti e associazioni che zio non ha ragione.
4 Politica

Ha pubblicato in rete “Siamo Europei" registrando uno straordinario boom di singole adesioni

Il Manifesto di Calenda Anche qui, dunque, partiti e gruppi di si-


di Claudio Frontera
nistra e centrosinistra, raggruppamenti ci-
vici e democratici potrebbero fare un pas-
Carlo Calenda ha pubblicato nei giorni so indietro e rinunciare ad un briciolo di
scorsi il manifesto “Siamo Europei", che visibilità per unirsi in un comune impegno.
ha fatto registrare uno straordinario boom Ci sarebbe bisogno però di una forza in
di singole adesioni online nelle prime 24 grado di mettere in campo una proposta
ore. Il PD (o almeno la maggioranza del politica “per”. Per una rinascita di una cit-
partito) e tante singole personalità della tà da dieci anni in declino. Per affrontare
politica, della cultura e dell’economia han- in concreto l’emergenza occupazione, uti-
no espresso condivisione e convergenza. lizzando subito i tanti o pochi strumenti a
Alle elezioni di maggio per il Parlamento disposizione di un ente locale. Per proiet-
europeo potrebbe quindi essere in campo tare il porto e l’economia in dimensioni più
una lista unitaria (senza simboli di partito) ampie dei soliti orticelli. Per sostenere atti-
per l’affermazione di valori ed obiettivi fon- Carlo Calenda vamente la scuola ed il suo fondamentale
damentali, in grado di “riaprire” una parti- ruolo sociale. Per riaprire alla fiducia nella
ta, finora ritenuta particolarmente difficile democrazia trasparente, incoraggiare l’im-
per gli europeisti. E’una proposta: si può aderire ad essa, pegno sociale e politico, la partecipazio-
Quali sono le caratteristiche innovative di contrastarla, discuterne. Nella chiarezza, ne.
questa iniziativa? Prima di tutto non è il nella velocità, nella semplicità e soprat-
solito lamento, il pianto di coccodrillo su- tutto nella trasparenza pubblica è una ini- clafront18@gmail.com
gli errori commessi, veri o presunti, non è ziativa moderna e contemporanea e non
un auspicio, un appello o un segnale: è sfocia nella richiesta di aprire “tavoli” pro-
una proposta politica. grammatici, incontri, caminetti o simili: inu-
Che cosa è una proposta politica? E’ la de- tili riti e procedure della vecchia politica,
finizione di un obiettivo (con forza, idee e indecifrabili, opache e macchinose rispo-
un po’ di orgoglio), in vista di una scaden- ste ad emergenze incombenti;
za democratica ravvicinata nel tempo (le Mette in campo pochi, essenziali e fonda-
elezioni): la chiamata a raccolta delle forze mentali punti strategici. Non un program-
disponibili, ma latenti e disperse, senza pi- ma di cento pagine e nemmeno di trenta,
gnolerie di primogeniture, di posizionamen- di cui forse ci sarà bisogno, più avanti, www.porto.livorno.it
ti, di opportunità, ma con il senso vivo della come agenda di lavoro, ma che non serve E-mail: info@porto.livorno.it
battaglia politica democratica. per far capire con chiarezza che cosa si Tel. 0586 249 465 - 249 411
Nel merito: vuole fare, i traguardi di un mandato elet- Fax 0586 429514
Non è una chiamata a raccolta solo “con- torale che possono scaldare i cuori di chi
tro” o solo “anti”. La preoccupazione per condivide l’ansia per il futuro, ma non ha
l’ascesa, possibile, di movimenti populisti la pazienza di un burocrate per spulciare
e sovranisti, il pericolo della loro sfida, virgole e dettagli;
sono presenti, ma stanno sullo sfondo. Le Si potrebbe aggiungere altro, ma baste-
coalizioni “anti”, del resto, oltre ad essere rebbero (e ce ne sarebbe d’avanzo) questi
poco convincenti perché deboli nella pro- elementi per accogliere come una benedi-
posta, finiscono per fare involontariamen- zione, se avvenisse, l’entrata in campo,
te propaganda all’avversario nel cui timo- anche nella asfittica politica livornese, di
re si formano. un “metodo Calenda”.
Il manifesto di Calenda esprime preoccu- Qui siamo alla vigilia di elezioni ammini-
pazione e allarme, ma soprattutto eviden- strative, che si svolgeranno, tra l’altro, in
zia le vere grandi sfide che l’Europa ha di contemporanea con le europee e, quindi
fronte nell’economia e nella politica inter- saranno, giustamente, influenzate da esse.
nazionali. Individua i problemi economici, Anche qui, nell’area genericamente demo-
sociali, ambientali, che l’Europa deve ur- cratica e di sinistra (radicale e/o riformi-
gentemente affrontare e si caratterizza per sta) ecc., spirano forti preoccupazioni, che
essere una proposta politica “per”, per la si fermano però all’“anti” e al “contro” e
rifondazione dell’Europa, il suo rilancio, la non vanno oltre l’obiettivo di un argine al
difesa e il rinnovamento dei suoi valori e populismo e al sovranismo: strategia de-
dei suoi obiettivi storici; bole e poco entusiasmante.
Attualità 5

Roma in ginocchio
di Massimo Cappelli

Un altro reportage dalla capitale, purtrop- obiettivo non colto, come per le altre giun-
po impietoso. Lo sforzo della Sindaca te precedenti. Ma non demordono e pen-
Raggi di cercare di far sembrare un po’ sano di passare al “porta a porta” che,
più pulita la città non produce grandi ef- conoscendo un po’ Roma e le varie situa-
fetti. zioni, è una proposta che mi sembra in li-
Si nota un superficiale miglioramento, nea con il “guru” dei 5 Stelle, ovvero “co-
soprattutto nella frequenza con cui sono mica”.
ripulite le aree dove stanziano i cassonet- Passiamo ora allo stato delle strade. Batti-
ti, vere e proprie discariche sparse per la sta, noto comico romano, afferma che a
città, ma a parte questo, la sporcizia è Roma se vedi una macchina che procede a
ovunque. zig-zag è regolare, perché scansa le bu-
Le strade sono disseminate di rifiuti ed è che. Se la vedi procedere dritta lungo la
raro vedere all’opera squadre di netturbi- sua corsia è guidata da un temerario che
ni. Men che mai squadre di solerti nettur- cerca di sfasciare l’auto. Questo può ba-
bini. Ci si affida allora alla buona volontà stare a dare l’idea.
di ragazzi extracomunitari che spazzano Il sistema viario inoltre è molto fragile. Se
tratti di strade rimettendosi alla carità dei Una foto emblematica: anche la sindaca Rag- ad esempio sulla Cristoforo Colombo, per
passanti che premiano il loro impegno. gi deve scansare i rifiuti. un incidente qualsiasi, viene bloccato un
Così almeno nel mio quartiere, l’Esquili- controviale, si formano ingorghi di auto
no. La crisi nella raccolta dei rifiuti è ormai matorie dell’azienda. Secondo il reporta- per chilometri che raggiungono il centro
certificata. Secondo un recente articolo ge la differenziata è ferma al 44,5%, e gli città (esperienza non positiva fatta recen-
de Il Messaggero, riguardante l’AMA, obiettivi futuri sono stati rivisti al ribas- temente). La soluzione quindi è una effi-
l’azienda romana dei rifiuti, l’assenteismo so. A dire il vero anche il raggiungimento ciente mobilità con mezzi pubblici. Come
del personale è molto elevato : 15,4%. Ri- del 44,5% a me sembra quasi impossibile. in tutte le grandi capitali europee. Ecco, in
cordo che nel mio ultimo anno di gestione La visione che ho nel quartiere dove abi- questo momento penso che niente di peg-
di AAMPS, anche a seguito di un piano to è lontana dal concetto di raccolta dif- gio ci sia a Roma.
di prepensionamento e incremento pro- ferenziata, organizzata e condivisa. Basti Il parco mezzi di superficie è obsoleto e
duttività, raggiungemmo l’obiettivo di un pensare al vicino supermercato che gior- anche pericoloso. Diversi sono i mezzi
assenteismo del 3,5%. Pur essendo diffi- nalmente scarica, sotto gli occhi di tutti, pubblici andati in fiamme per guasti vari.
cili i confronti, l’azienda di Roma ha un carrellate di cibo e ortaggi scaduti nei Resta la metropolitana che tuttavia mani-
assenteismo più che quadruplo, da “re- cassonetti dell’indifferenziata, colmandoli festa anch’essa una fragilità dovuta pro-
cord”, come citava Il Messaggero. Que- e creando sporcizia. Ma tant’è! Le nume- prio alle caratteristiche della città dei sette
sto su una popolazione di ben 7500 di- rose segnalazioni, ad oggi, non hanno colli. Così, ad esempio, se piove in abbon-
pendenti, dove però da oltre un anno è prodotto alcun effetto pratico! danza non è raro che alcune stazioni si
vacante la carica strategica di Direttore E’ più probabile che la differenziata ven- allaghino e restino chiuse.
Generale, come quelle di altri responsabili ga fatta negli impianti TMB dei quali Per quanto riguarda il personale addetto,
di settori chiave. Roma è dotata, impianti con tecnologia anche in ATAC l’assenteismo è elevato e
A ciò si aggiunga un parco mezzi obsole- di trattamento a freddo dei rifiuti indiffe- lo si può anche capire perché strettamen-
to. Secondo Il Messaggero una elevata renziati con separazione delle componenti te correlato allo stato delle strade e dei
percentuale dei mezzi, vicina al 50%, non organiche, della carta, plastica, vetro etc. mezzi.
è giornalmente utilizzabile. Aggiungo che e loro trattamento industriale. Tali impianti Insomma un quadro complessivo della
quelli che si vedono in giro non sono cer- stanno manifestando tutta la loro insuffi- Amministrazione della Capitale purtroppo
to un manifesto della pulizia, sempre spor- cienza ad affrontare il problema rifiuti del- disastroso.
chi, imbrattati di scritte, danno una imma- la capitale, specie dopo la chiusura della Penso che la soluzione dei problemi di
gine al passante e al turista veramente discarica di Malagrotta. Alcuni, data la Roma richieda mezzi eccezionali e leggi
brutta. situazione, vedono addirittura nella disca- specifiche , ed ovviamente Amministrazio-
Per dare una idea della gestione comples- rica la risposta più veloce per risolvere la ni competenti.
siva basti pensare che l’AMA non ha an- crisi . Bel progresso ! In questo i romani non hanno saputo sce-
cora approvato il bilancio 2017. Cosa che La giunta Raggi si poneva il raggiungi- gliere e se ne vedono le conseguenze, per
ovviamente si riflette sulle scelte program- mento di una differenziata al 65% nel 2018, loro stessa sventura.
6 Economia

Al Terminal Lorenzini
la gru semovente
più grande d’Europa
E' finita con un brindisi al Terminal Lorenzini l'enorme gru semovente,
la più grande d'Europa, salpata il 23 dicembre dall'Olanda e dopo una
settimana di navigazione giunta alla calata Lucca. L'enorme gru, realiz-
zata in versione HT (con una torre più alta di 10 mt., è stata realizzata da
Konecranes Gottwald. I numeri del macchinario sono indicativi delle sue
dimensioni: altezza mt.58, braccio della macchina mt.64, cabina dell'ope-
ratore collocata a 43 mt. per assicurare la più ampia visibilità possibile a
bordo nave. Si è trattato di un investimento di oltre 4 milioni di euro.
Vogliamo complimentarci con la società Terminal Lorenzini che, con
questo investimento, sulla cui rilevanza ci sembra superfluo insistere, ha
voluto significare, in maniera così marcata e visibile, quanto sia opportu-
no ed urgente dimostrare con "i fatti" e non con i discorsi ed i rinvii,
l'esigenza imprescindibile di valorizzare le strutture di quello che costi-
tuisce l'unica realtà operativa e consistente dell'economia della città di
Livorno.
Nelle foto: le operazioni di trasporto a mezzo apposita nave e di arrivo della gru semovente al Terminal Lorenzini.

Presentato il progetto d’ampliamento


del terminal dell’aeroporto di Pisa
E’ stato presentato nei giorni scorsi dal Il masterplan 2018-2028 – per il quale il mentare la capacità aeroportuale fino a 6,5
Presidente di Toscana Aeroporti, Marco progetto di ampliamento del terminal rap- milioni di passeggeri annui e la superficie
Carrai, dal Vice Presidente, Roberto Nal- presenta l’opera più significativa sia in totale da 35.900 a 63.800 mq con incremen-
di, e dall’Amministratore Delegato Gina termini di investimenti previsti sia in ter- to di: gate (da 16 a 23), varchi security (da
Giani, il progetto di ampliamento del ter- mini di impatto sulla gestione della cre- 8 a 10) e di aree commerciali (+2.300 mq.).
minal dell’aeroporto di Pisa e delle infra- scita del traffico e dei servizi offerti ai Nel dettaglio, sarà migliorato il rapporto
strutture di volo a esso collegate nell’am- passeggeri – è pertanto stato integrato e tra terminal e piazzali degli aeromobili,
bito del Master Plan 2018-2028. aggiornato alla luce delle esigenze e delle l’equilibrio volumetrico e compositivo del
Alla presentazione, tra le tante autorità, criticità infrastrutturali e operative detta- terminal, i flussi e i percorsi dei passeggeri
sono intervenuti il Sindaco di Pisa, Miche- te dalla condivisione dello scalo con l’ae- e di conseguenza l’esperienza degli stes-
le Conti, il Presidente della Provincia di ronautica militare, cui l’aeroporto fa capo. si, le condizioni di sicurezza separando i
Pisa, Massimiliano Angori, ed il Presiden- Gli interventi previsti sulle infrastrutture flussi di imbarchi dalla viabilità perimetra-
te della Regione Toscana Enrico Rossi. di volo riguarderanno il raccordo Echo e le, la possibilità di gestire contemporane-
In continuità con la presentazione del pro- la pista secondaria, utilizzata attualmente amente due voli intercontinentali, l’inseri-
getto di ampliamento del terminal avve- solo per il rullaggio, l’ampliamento del- mento di eventuali ulteriori finger, l’am-
nuto lo scorso luglio 2018, quella odierna l’area di stazionamento (Apron) in coe- pliamento dell’area riconsegna bagagli e,
è stata l’occasione per presentare i pro- renza ai fabbisogni aggiornati e la realiz- infine, la circolazione dei mezzi di rampa.
getti di dettaglio e l’integrazione del Ma- zazione di un HUB di manutenzione aero- L’incontro è stato inoltre l’occasione per
ster Plan 2018-2028 nel suo più ampio com- mobili che prevede uno sviluppo infra- tracciare un bilancio di un 2018 record per
plesso, intendendo con esso il program- strutturale nell’area Nord-Est del sedime quanto riguarda il traffico passeggeri di
ma di interventi relativi al più ampio siste- aeroportuale militare. Toscana Aeroporti e dei due aeroporti di
ma infrastrutturale che gravita intorno al- Per quanto riguarda gli interventi sulle Pisa e Firenze. Per la prima volta sono stati
l’aeroporto di Pisa, dalla pista seconda- infrastrutture passeggeri, il progetto pre- superati gli 8 milioni di passeggeri: nel 2018
ria, alle aree di stazionamento, fino alla vede la realizzazione di una prima fase di Toscana Aeroporti registra infatti una cre-
previsione di realizzazione di un Hub di interventi – per un investimento di 37 scita di passeggeri del 3,7%: 8 milioni e
manutenzione aeromobili. milioni di euro – con l’obiettivo di au- 182mila i passeggeri transitati dai due scali.
Economia 7

NE HA PARLATO IL PRESIDENTE ALBERTO RICCI AL CIRCOLO “IL CENTRO”

La situazione di Livorno secondo Confindustria


di Gianni Giovangiacomo gara della Por- attrarre lavoro aggiuntivo.
to 2000 co- Sul Comitato Tecnico, proposto dal Go-
stringe tutti vernatore Rossi, Ricci ha ammesso di nu-
gli attori prin- trire qualche perplessità in quanto foto-
Gli incontri del Circolo culturale “Il Cen- cipali a met- copia del Comitato di Gestione, dove l’es-
tro” hanno ripreso l’attività annuale invi- tersi intorno senziale elemento legittimo tra i suoi membri
tando il Presidente di Confindustria, Al- ad un tavolo, è la presenza della Camera di Commercio.
berto Ricci (a fianco nel riquadro), ad tutto questo è Affrontando poi un discorso globale, il
esprimere il proprio pensiero sull’anda- propedeutico Presidente Ricci ha detto chiaramente che
mento dell’economia livornese. Aprendo alla realizza- “l’economia ci preoccupa, perché tutta la
l’incontro, Enrico Dello Sbarba, Presidente zione della Costa Toscana è in sofferenza ed è vero
del “Centro”, ha sottolineato l’importan- Darsena Euro- che la Toscana viaggia a due velocità e
za della portualità in una città in affanno pa che pur- l’economia stenta a progredire”.
qual’è la nostra. troppo non si La crisi complessa colpisce sia Massa che
Il Presidente Ricci è entrato subito in ar- realizzerà prima del 2025 dopo la costru- Livorno e Piombino, fortunatamente Ro-
gomento rilevando che il porto è il “dri- zione delle dighe foranee. Senza la Dar- signano è fuori dalla crisi dato che la Sol-
ver” principale del rilancio della nostra sena Europa non si può liberare la spon- vay ha risolto i suoi problemi come quello
economia per cui bisogna recuperare il da ovest e spostare a mare l’attività dei dell’energia, utilizzando poi la Co2 per
sistema portuale dell’Alto Tirreno dove container. produrre l’acqua ossigenata.
agiscono imprenditori sovranazionali. Il Nonostante tutto il nostro è un porto in Rimane grave il settore della componenti-
problema fondamentale - ha proseguito - buona salute, oltre ai container c’è una stica dove sola la Marga e la Pierburg sono
è la penuria delle “banchine”, bisogna per- forte espansione ed aumento del settore efficienti. Soprattutto l’edilizia non gode
ciò tutelare quello che già abbiamo con “crociere”, inoltre la cantieristica Benetti di buona salute ed è in grave crisi, si trat-
un comportamento responsabile, perciò è sposterà la propria operatività da Viareg- ta di un comparto dove il 95% dei prodot-
inutile e dannoso schierarsi, in modo fa- gio verso Livorno, e in generale, l’indot- ti usati sono locali.
zioso, pro o contro qualcuno. to si è sviluppato in senso globale. Quel- Per Piombino i progetti stanno andando
Livorno non è diverso dagli altri sistemi lo che ci preoccupa -ha ribadito Ricci- è avanti, Gindal ha tutte le caratteristiche
portuali italiani, ma si vive in una situa- quello dello schierarsi, in maniera fazio- per fare un buon lavoro anche se la realtà
zione dicotomica di due mondi che diffi- sa, da una parte o dall’altra dei due con- italiana non è quella indiana. Si sono poi
cilmente si incontrano. tendenti: o Grimaldi, o Onorato! aperti gli interventi dei presenti in cui è
Il grosso problema - ha aggiunto - è costi- Sul porto - ha chiarito - si è verificato un stato detto che si deve assolutamente
tuito dai procedimenti giudiziari in corso, moto di aggregazione che è diverso da evitare il commissariamento del porto
ma le attività portuali devono andare avan- ciò che avveniva in passato, è in atto mentre sarebbe invece opportuna una
ti altrimenti ci troveremo di fronte alla mor- dunque un processo di concentrazione programmazione urbanistica condivisa e
te civica della città, ed è per questo che ed è anche per questo che cerchiamo di la riforma dell’Autorità portuale.
Confindustria ha sostenuto l’attuale Go-
vernance.
Dunque l’economia portuale deve comun-
que andare avanti e per questo ci sono
grosse aspettative, tra l’altro abbiamo un
retro-porto efficiente con infrastrutture
che sono molto soddisfacenti ed è final-
mente in fase definitiva “lo scavalco” fer-
roviario con lo scopo di collegare l’inter-
porto con il porto. Dobbiamo lavorare: la

Scavi - Demolizioni
Movimento Terra
Edilizia Industriale
Lavori Stradali
Sede legale e amm.va: Via dello Struggino, 5/7/9 - Tel. 0586/429636 - 429331 - Livorno
Sede operativa: Zona Industriale Vallin del Buio - Livorno ◆ e-mail: info@abatesrl.it - www.abatesrl.it
8 Economia

L’INCONTRO A PALAZZO ROSCIANO CON IL CONSOLE CINESE E QUELLO GRE-


CO
C’è anche Livorno nella nuova via
della Seta tra il Far East e l’Europa
Cina-Pireo-Livorno, è questo l’asse lun- fame di nuove occasioni di sviluppo in-
go cui potrebbe svilupparsi il futuro dello dustriale anche a seguito della recente
scalo labronico. Se ne è parlato stamani crisi che ha investito il territorio: «Il porto
durante un incontro a Palazzo Rosciano, e la sua città lavorano in stretta sinergia -
sede dell’Autorità di Sistema Portuale del ha dichiarato Nogarin, che ha così voluto
Mar Tirreno Settentrionale, cui hanno pre- mettere sul tavolo delle trattative l’ottimo
so parte il console onorario della Repub- rapporto che esiste tra Comune e l’Auto-
blica Popolare Cinese a Firenze, Wan Fu- rità Portuale – in alcune realtà i rapporti
guo, e il console onorario della Grecia, Ele- tra i due enti costituiscono un freno allo
na Konstantos; a riceverli, oltre al padro- sviluppo di nuove occasioni, qui da noi
ne di casa, Stefano Corsini, anche il sin- sono invece sono un punto di forza».
daco cittadino Filippo Nogarin e il dirigente L’incontro si è poi spostato in porto e ha
della promozione dell’ente portuale, Ga- consentito agli ospiti di farsi un’idea più
briele Gargiulo. chiara dello scalo portuale e delle poten-
Il console onorario cinese Wan Fuguo e Stefa-
Non è un caso che nel quartier generale no Corsini zialità che questo sarà in grado di espri-
della Port Authority il console cinese e mere una volta realizzato il nuovo termi-
quello greco si siano presentati insieme. business principale del porto della Città nal container del porto (la Darsena Euro-
Dal 2016 il porto del Pireo è infatti in mano dei Quattro Mori. pa), vero asset sul cui futuro sono in mol-
alla Cina attraverso il colosso Cosco ed è L’idea di una collaborazione commerciale ti a scommettere e sui cui sia Nogarin che
diventata una delle più importanti teste di tra i tre Paesi non nasce certo oggi, ma è Corsini hanno a più riprese richiamato l’at-
ponte tra i mercati dell’Estremo Oriente e stata preparata attraverso una serie di in- tenzione dei due diplomatici.
quelli dell’Europa Centro-Occidentale. Per contri interlocutori che lo stesso presiden- La riunione, per ora soltanto interlocuto-
Livorno potrebbe dunque presentarsi la te Corsini ha avuto nei mesi scorsi con il ria, ha avuto già degli sviluppi, tanto che
possibilità di sviluppare collegamenti fee- console greco Konstatos, che si è offerta il console onorario cinese, il presidente
der con lo scalo ateniese che quasi un di fare da intermediario con l’establishment Corsini e il sindaco si sono detti disponi-
anno fa ha accolto presso il suo principa- politico cinese. Si tratta di un feeling che bili a proseguire la discussione direttamen-
le terminal container le prime unità navali si è venuto a creare in tempi non sospetti e te in Grecia, presso il Porto del Pireo, dove
da 20 mila Teu. Non solo: i due scali po- che è stato valorizzato quest’oggi dallo dovrebbe essere organizzato un incontro
trebbero traguardare inedite sinergie an- stesso console cinese, che ha asserito di con i vertici del porto ateniese.
che sul fronte dei rotabili, che rimane il essere venuto in visita a Livorno anche su «Grazie ai collegamenti con il Pireo, Li-
richiesta del numero uno della Piraeus Port vorno può aspirare a diventare un hub
Authority, FU Chengqiu, e dei vertici del importante per la Cina sia nel traffico
Piraeus Container Terminal, con cui vanta containerizzato che in quello dei rotabi-
ottimi rapporti. li – ha dichiarato Corsini – riteniamo da
«Il nostro obiettivo è quello di promuove- questo incontro possano nascere ine-
re la collaborazione tra Livorno e il Pireo – dite possibilità di sviluppo per il nostro
ha detto Fuguo – i miei amici del Pireo sup- porto».
portano questo intento e riteniamo ci sia-
no le condizioni per approfondire le possi-
bili convergenze tra i due porti».
Gli ambiti di collaborazione potrebbero es-
sere molteplici e svilupparsi nel quadro
degli investimenti che la Cina sta portando
avanti nel nome della Belt and Road Initia-
tive, la nuova strategia commerciale con la
quale Pechino potrebbe arrivare ad attiva-
re tra i 1000 e 1400 miliardi di dollari di inve-
stimenti infrastrutturali. Si tratta di un pro-
getto di un’ampiezza straordinaria di cui
potrebbe beneficiare tutto il tessuto pro-
duttivo locale. Non a caso all’incontro ha
partecipato anche il sindaco, la cui città ha
Attualità 9

Scuola in pillole Più di 500


ragazzi hanno
di Mario Lorenzini
visitato il porto
Istruzione materna
Da La scuola 1999: “Da un progetto
per tutti.
Ma con il vento che tira non c’è da far-
da novembre
proposto dai socialisti nacque l’istru-
zione materna di Stato”.
si illusione.
Ne abbiamo viste tante in questi ultimi a oggi
La necessità di una educazione in- venti anni che non ci fa meraviglia nien-
fantile derivava dalla necessità delle te. Continua il programma delle visite gra-
famiglie, perché le donne che andava- tuite, le scuole hanno tempo sino al 15
no a lavorare erano in costante e mas- Scuole a rischio maggio
siccio aumento e dagli studi sulla psi- Più di cinquecento. Tanti sono i ragazzi
115 in Toscana così titola Il Tirreno.
cologia dei bambini che mettevano in - studenti di scuole medie superiori e
L’Assessore Regionale all’istruzione
evidenza l’importanza della formazio- inferiori - che dal 7 novembre ad oggi
afferma di essere a disposizione. Non
ne intellettuale e culturale impartita nei hanno potuto visitare lo scalo labroni-
lo mettiamo in dubbio.
primissimi anni di vita. co grazie a Porto Aperto, il progetto di
Ma se fossi un genitore chiederei ga-
Il primo provvedimento veramente signi- apertura del porto alla città che que-
ranzia all’atto dell’iscrizione alla prima
ficativo sotto il profilo sociale e anche st’anno è giunto alla sua dodicesima
classe.
strettamente didattico dopo l’istitu- edizione.
E mi sia permesso di esprimere un giu-
zione della scuola media unica fu la Le visite guidate in porto, con bus mes-
dizio sull’edificio di via Calafati che co-
legge 18 marzo 1962, n. 444, istitutiva si a disposizione gratuitamente delle
nosco molto bene. In tanti anni mai vi-
della scuola materna statale. classi, durano 1 ora e 45 minuti e sono
sto un vigile del fuoco a controllare l’edi-
effettuate in tre fasce orarie: alle 9.00,
ficio costruito negli anni 60 da una so-
Il diploma di scuola alle 11.00 e alle 14.00 (le scuole dell’in-
cietà sportiva, quindi acquistato dal
fanzia potranno usufruire del pacchet-
media per diventare Comune per le scuole viciniori. L’isti-
to soltanto nel turno pomeridiano).
tuto Magistrale disse di no perché vi-
infermiere cino al porto e la media Vivarelli disse
Gli studenti che non hanno ancora vi-
Una legge approvata negli ‘70 anni pre- sitato il porto avranno tempo sino al 15
si.
vedeva il Diploma di Licenza maggio per farlo: le scuole interessate
Media per diventare infermie- potranno contattare la società Itinera,
re. Ci pensò la Provincia di che gestisce le prenotazioni e collabo-
Livorno ad istituire appositi ra all'organizzazione ed allo svolgimen-
corsi serali per chi non era to delle visite: telefonare allo 0586/
fornito di detto diploma. Chi 894563 per le prenotazioni o mandare
scrive questa nota fu il se- una email a didattica@intinera.info.
gretario di detti corsi presso Nell’ambito del Progetto, viene inoltre
la scuola media Vivarelli. offerta alle scuole la possibilità di ef-
Un successo di frequenza. fettuare visite a soggetti di rilievo isti-
Accadde anche che a giu- tuzionali e non istituzionali del porto di
gno agli esami si presentas- Livorno (Capitaneria di porto; Agenzia
sero il padre e la figlia a so- delle Dogane; Interporto Toscano “A.
stenere gli esami sia pure Vespucci”; visita del cantiere Benetti;
non nello stesso banco. terminal portuali; porti di sistema).
Ne parlarono i giornali. Da non dimenticare che nel pacchetto
può essere inclusa anche la visita al
Livorno Port Center. Giovedì scorso
Altra Italia sono peraltro ripartiti i “Giovedì del Port
Oggi, 2019, la scuola tutta Center”, con la presentazione della tesi
attende le mosse di chi vor- di laurea di Lorenzo Provenzano sul
rebbe che ogni Regione tema: “servizio di rimorchio e la logisti-
avesse il proprio indirizzo di ca: evoluzione e dinamiche odierne”.
studi. Il calendario dettagliato degli incontri
Facile immaginare la confu- e il riferimento specifico ai relatori/invi-
sione ma in modo particola- tati verrà pubblicato nella sezione News
re uno schiaffo alla Costitu- Se l’edifico scolastico di via Calafati non è l’ideale per la ed eventi del sito web
zione. Dalle Alpi a Capo vicinanza del porto, non si può certo dire che non si goda un www.livornoportcenter.it
Passero l’istruzione è uguale buon panorama, sia lato città che lato mare.
10 Cinguettare

@ La fine di gennaio ricorda giorni tristi, Strumento importante l’Its perché ha uno
in particolare il 27 è il giorno della Memo- stretto collegamento tra scuola e impresa.
ria, della tragedia dell’Olocausto. Molte Il corso Automa ha coinvolto 22 giovani
sono le occasioni di riflessione promos- seguiti in attività teoriche, laboratoriali e
se dalle Istituzioni, dalle associazioni e di stage in aziende del settore. Proprio a
dalle Scuole. Milioni di ebrei e “indeside- Livorno presso la scuola Galileo Galilei
rati” uccisi dai nazisti, trucidati nei Campi l’Assessore regionale Cristina Grieco ha
di sterminio. Una pagina tristissima e in- consegnato i diplomi in un clima di festa e
decente della nostra storia del novecento. di entusiasmo. Tutti gli allievi sono inseri-
La Regione Toscana ha organizzato il ti a lavoro con contratti prevalentemente
“Treno della Memoria”, quest’anno giun- a tempo indeterminato. La formazione che
to alla 11 edizione. Quasi 600 studenti in fa centro!
rappresentanza dei territori delle provin- @ Terza edizione di Piano Competition a
ce toscane e delle università hanno vis- Livorno. Un successo di adesioni: oltre
suto un’esperienza educativa toccante e
memorabile a Auschwitz-Birkenau.
Cinguettare 100 musicisti da tutto il globo che hanno
partecipato all’evento creato dal maestro
In particolare l’incontro con i testimoni. di Luca Lischi Carlo Palese. Al Teatro Goldonetta si sono
Persone con molti anni sulle loro spalle e esibiti i finalisti di fronte ad un numeroso
segnati da un passato che ricorda il loro pubblico. Un successo strepitoso e un li-
essere bambini nei Campi di concentra- vello di performance elevatissimo. Anche
mento e di sterminio. Salvi da quelle atro- to con contratto Cococo! E saranno se- la Regione Toscana ha patrocinato l’ini-
cità. Un miracolo mai compreso. Racconti lezionati per questo complesso lavoro ziativa, che tra l’altro ha nell’alternanza
che feriscono l’anima e fanno versare la- giovani laureati alle prime armi che poco scuola lavoro con il Liceo musicale Nicco-
crime. Mai parole di sconforto escono sanno di lavoro e di impiego. Così i gio- lini-Palli un punto di forza della rassegna
dalle loro labbra. Volti carichi di speranza vani disoccupati che diventano Cococo permettendo agli studenti di partecipare
verso i giovani. E poi le parole all’uniso- dovrebbero traghettare i beneficiari del attivamente alla qualificata organizzazio-
no dei Testimoni:” non permettete che Reddito di Cittadinanza verso il lavoro! ne degli eventi. La Regione ha offerto ai 4
quello che è accaduto si ripeta. Dipende @ Basterebbe frequentare assiduamen- finalisti (giovani dal Giappone, Canada e
da voi come sarà il mondo in futuro”. Cia- te i Centri per l’Impiego e interfacciarsi Polonia) uno zaino-sacca da viaggio, un
scuno sia portatore di bene, scelga sem- con i Servizi sociali e il mondo del non dono utile per il continuo “girovagare” per
pre il bene. profit per comprendere la complessità il mondo dei musicisti. Fieri di averli avuti
della maggior parte dei potenziali bene- a Livorno in una serata di altissimo livello
ficiari del reddito di cittadinanza. Cosi musicale che rimarrà memorabile.
come occorrerebbe avere l’umiltà di sa-
per leggere la comples-
sità del mondo del la-
voro dal punto di vista
delle imprese. Argo-
menti complessi non
possono essere affron-
tati con “faciloneria”
per l’urgenza di avere
consensi alle prossime
Elezioni europee
“sganciando” assegni
di cittadinanza.
@ A proposito di lavo- I diplomati ITS con l'assessore regionale Cristina Grieco
ro grande successo de-
gli ITS! ovvero i percor-
si di formazione nel ter-
L’ingresso degli studenti toscani al campo di ziario (di circa 2000 ore
Auschwitz-Birkenau. biennali, post diploma)
nel settore meccanico
@ Reddito di cittadinanza: la speranza è promossi dalla Fonda-
nei Navigator, i traghettatori che dovran- zione Prime con sede a
no essere i tutor dei beneficiari del reddi- Rosignano Solvay
to per accompagnarli nella ricerca del la- presso la scuola Mat-
voro. Francamente i dubbi sono molti. Chi tei e finanziati dalla Re-
dovrebbe seguire i disoccupati nella ri- gione Toscana e dal
cerca di un lavoro sembra che sarà assun- Miur. Il maestro Carlo Palese ideatore di Piano Competition
Spigolature 11

e
un evento del genere, nell’attuale conte-
Ma l’ex Ministro
Virginio Rognoni...
tur sto, ci sembra il classico “ballon d’essai”
utile solo a dimenticare la mediocrità di
Nel corso della trasmissione televisiva
la una gestione che assume, giorno dopo

ip go
giorno, dimensioni sempre più evidenti.
“Piazza Pulita” di giovedì 17 gennaio, il
giudice Spataro, andato recentemente in
pensione ed autore, allorché era ancora in Blu anche la piazzetta
servizio, di una critica al Vicepresidene del
Consiglio - Ministro degli Interni (alias)
on. Renzo Salvini per avere intempestiva-
S antistante Villa LLoyd
Nemmeno la piazzetta antistante Villa
LLoyd è stata salvata dalla famelica “tigre
mente divulgato la notizia di un’operazio-
ne della polizia giudiziaria contro un grup- fiorentina”. Habemus strisce pedonali, a
po di mafiosi ancora in corso, fu pesante- Solo ci permettiamo sottolineare le diffi- pagamento, anche li: nessuna strada di
mente “bacchettato” dal nostro leader coltà sociali ed economiche che la città centro e di periferia, nessuna spazio è sta-
massimo. sta attraversando e sulle quali è comple- to dimenticata: Livorno è divenuta una cit-
Nella trasmissione citata, il giudice Spata- tamente venuto meno il contributo della tà “striscializzata”: forse, per le impressio-
ro ha ricordato come ai tempi delle brigate giunta grillina in questi cinque anni di nanti dimensioni dell’operazione” unica al
rosse venne arrestato il brigatista Vittorio legislatura. Pensare, sperare o sognare mondo!!
Moretti, coinvolto nella uccisione di Aldo
Moro. L’allora Ministro degli Interni - il
democristiano Virginio Rognoni - chiese, Sono entrata nello studio
all’allora giovane magistrato Spataro, se
poteva diffondere l’importante notizia. Le e il pensiero è evaporato:
viso con profonde rughe,
Altri tempi, altro senso di responsabilità,
altre “carature culturali e morali, cari amici
lettori !
rime di
di già calvo e brizzolato.

Mi è sembrato troppo vecchio


per l’amore giovanile
Franco che in segreto gli portavo
Le buche per le strade Biancani nel sognare minorile.
di Roma Capitale Quando ho fatto la domanda,
Le buche, scrive il quotidiano La Repub- Compagni di classe dopo che mi ha visitata,
blica, in un servizio sul dissesto della Aspettavo dal dentista se ha studiato nel liceo
capitale,”Ormai ci sono, state attenti”. Le al mio primo appuntamento dove mi son diplomata
buche fanno parte del pittoresco paesag- quando vedo appeso al muro
gio romano come un albero, un gatto od un quadretto in bello ostento. mi ha risposto “Si!” “In che anno
conseguito ha la licenza?”
un gabbiano. Perciò è l’automobilista che
Nella laurea c’era scritto “Era nel novantaquattro”.
deve stare attento a non finirci dentro. “Quindi c’è coincidenza!”
il suo nome ed il cognome
Questa “l’assurda tesi”sostenuta dall’Av-
ed io mi son ricordata
vocatura del Comune di Roma nella me- d’un ragazzo con quel nome. “Ma perché questa domanda?
moria difensiva alla class action avviata Non capisco la ragione!”
dal Codocans contro il Campidoglio e le Frequentava la mia classe, “Era allor nella mia classe!”
sue buche. E cioè, tanto per capirci, “i era bello come il sole grido con eccitazione.
grillini” sono così bravi nell’amministrare ed io gli sbavavo dietro
i comuni dove hanno ottenuto “le mag- con il cuor che ancor mi duole. Dice questo orribil uomo,
gioranze” (ma per quanto tempo ancora?) stronzo, vecchio, con la bava,
che riescono addirittura a ribaltare “le loro Son passati oltre vent’anni anche figlio di puttana,
da quel mio primo amorazzo, «Lei che cosa m’insegnava?».
incapacità”, ormai emergenti dappertutto,
laddove, inopinatamente, si trovano a mi son chiesta se poteva
esser lui quel tal ragazzo.
governare, sui malcapitati cittadini.
E così sia!!

Livorno,
Ristorante Aragosta
CHIUSO IL MARTEDÌ

capitale della cultura?


E’ di pochi giorni la notizia, estratta dal
specialità Cacciucco alla Livornese - Frutti di Mare - Pesce fresco - Crostacei
magico cappello del Sindaco Nogarin, della
ACCURATA SELEZIONE DI VINI TOSCANI E NAZIONALI
proposta di scegliere Livorno come città Terrazza estiva - Sala climatizzata - Servizio Catering e Banqueting
della cultura per il 2021.
Livorno - Piazza dell'Arsenale 6 (Porto Mediceo) - Tel. 0586.89.53.95 - Cell. 349.860.75.25
Niente da eccepire, ci mancherebbe altro!
12 Livorno

Al neo segretario della Cisl abbiamo rivolte alcune domande

A tu per tu con Filippo Giusti


• Quali le emozioni della sua elezione a ra circolazione del lavoro nel mondo e
segretario della Cisl? del libero accesso alle materie prime.
Dal punto di vista soggettivo, l’elezione Per realizzare questi principi, la Confe-
alla guida della Cisl Livorno ha rappre- derazione stabilisce i fondamentali indi-
sentato un passaggio delicato. La Con- rizzi politici, rappresenta l’organizzazio-
federazione attraversava un momento dif- ne di fronte agli organi del pubblico po-
ficile, come le cronache di quei giorni tere, fornisce una serie di servizi per assi-
hanno ampiamente riportato. curare agli iscritti ed ai lavoratori una
In una situazione del genere, sarebbe sta- tutela individuale, familiare e sociale più
to temerario non essere assaliti dal dub- efficace ed estesa. Le categorie, dal can-
bio che le mie modeste capacità risultas- to loro, hanno il compito della contrat-
sero impari rispetto al ruolo da assume- tazione e della elaborazione delle politi-
re. Per me l’attività sindacale, e tanto più che di settore.
l’assunzione di cariche dirigenziali, non Per passare dal quadro dei principi al-
ha altra motivazione che lo spirito di ser- l’oggi e al concreto, io credo che il Sin-
vizio. È per questo che, se fai parte da dacato debba essere uno dei protagoni-
tanti anni di una squadra, quando il sti degli assetti economici e sociali della
Consiglio Generale ti chiede di sobbar- Filippo Giusti nostra società. Funzioni tradizionali
carti l’onere di guidare la confederazio- sono la contrattazione collettiva e la tu-
ne territoriale, non puoi sottrarti. disavanzi di gestione. 2) Organizzativo tela degli iscritti. A partire dal 1993, in
• Quali gli obiettivi della Cisl sotto la sua La Cisl, fin dalle sue origini, nasce come Italia si è avviata la concertazione, rea-
presidenza? Confederazione di categorie di lavora- lizzata e sostenuta da personaggi del
Al momento della mia nomina a Segre- tori che si autogovernano: questo prin- calibro di Carlo Azeglio Ciampi, Roma-
tario Generale, la Cisl Livorno aveva bi- cipio lo troviamo già nel “Patto di unifi- no Prodi, Gino Giugni. Quell’esperienza
sogno di una svolta decisa. Negli orga- cazione delle forze sindacali democrati- è stata poi considerata superata da va-
nismi abbiamo condiviso una linea di che” del 30 aprile 1950. L’autonomia e rie forze politiche, investite della respon-
azione basata su un principio fondamen- la stretta collaborazione tra Confedera- sabilità del Governo del Paese. Io credo
tale e su tre pilastri. zione e Federazioni di categoria sono che oggi sia nell’interesse dell’Italia re-
Il principio fondamentale è la trasparen- inscindibili ed essenziali nella vita del- cuperare una politica economica carat-
za. La nostra Segretaria Generale Nazio- la Cisl. A Livorno stiamo rivitalizzando terizzata da una consultazione preventi-
nale, Annamaria Furlan, si è posta quei rapporti tra Confederazione e cate- va e da una contrattazione con le parti
l’obiettivo di fare della Cisl “una casa di gorie che si erano nel tempo sfilacciati. sociali.
vetro”. Ecco, nel nostro piccolo, a Livor- 3) Politico L’adesione di decine di mi- La Cisl, tradizionalmente, si spinge ol-
no vogliamo aiutarla a raggiungere quel- gliaia di lavoratori richiede che la Cisl tre. Una delle sue idee costitutive è la
l’obiettivo. Livorno abbia un ruolo politico autore- partecipazione dei lavoratori alla gestio-
I tre pilastri su cui poggia la nostra azio- vole e di primo piano. Sotto questo pro- ne delle unità produttive (in linea con
ne: 1) Finanziario: Una sana gestione filo c’è molto da fare e la mia Segreteria quanto prevede l’articolo 46 della no-
delle finanze è garanzia di continuità sta alacremente lavorando in quella di- stra Costituzione) e la loro immissione
dell’attività sindacale e costituisce, quin- rezione, a partire dalla comunicazione: nella proprietà dei mezzi di produzione.
di, una precondizione di base necessaria visitate la pagina Facebook di Cisl Li- • Una sua valutazione sull’economia livor-
per un’efficace azione organizzativa e vorno, onorateci del Vostro “mi piace” e nese e sulla città?
politica. Al momento della mia nomina, aiutateci a diffondere la nostra voce. Sappiamo che i Comuni di Livorno, Col-
si stava concretizzando il processo di re- • Qual’è il ruolo del sindacato nel conte- lesalvetti e Rosignano Marittimo, come
gionalizzazione dell’attività del CAF sto socio-economico? del resto Piombino, sono stati dichiarati
Cisl, in precedenza svolto da società a L’idea del sindacato che anima la Cisl è aree di crisi industriale complessa. In una
carattere territoriale. Si tratta di un pro- scolpita nel Patto di unificazione del situazione come questa tutti – istituzioni,
cesso avviato dalla Cisl su scala nazio- 1950, di cui abbiamo già parlato. La rias- forze politiche e sociali, imprenditori, la-
nale, allora completato in tutte le regio- sumo in breve: autonomia da qualsiasi voratori – hanno il dovere di subordinare
ni eccetto Toscana e Friuli-Venezia Giu- influenza esterna, sia politica che ideo- i propri interessi particolari, politici
lia. Oggi quel percorso è compiuto an- logica; supremazia del lavoro sul capi- o economici che siano, all’interesse col-
che per la Toscana: il CAF Cisl è ora ge- tale; elevazione del tenore di vita dei lettivo. Dico questa ovvietà perché stia-
stito dalla Toscana Servizi Cisl. Paralle- lavoratori; pieno impiego di tutte le ener- mo purtroppo assistendo a prese di posi-
lamente a quel percorso, abbiamo prov- gie lavorative del Paese; promozione zione e azioni che paiono in netto con-
veduto a riequilibrare i conti della Con- della solidarietà economica tra i popo- trasto con quel principio.
federazione, in passato caratterizzati da li; riconoscimento del principio di libe- segue a pag. 13
Livorno 13

da pag. 12 della crisi si è fatta onore. Sorprendenti i dati Istat sull’occupazio-


Dobbiamo in ogni modo evitare che i È noto che il valore aggiunto pro capite ne. Nel periodo 2004-2017, la consisten-
progetti di rilancio previsti dagli Accor- generato nella nostra provincia è infe- te diminuzione degli inattivi (-16 mila),
di di programma – quali la Darsena Eu- riore a quello regionale e a quello na- coloro che non lavorano e non cercano
ropa, lo scavalco ferroviario Porto-Inter- zionale. Negli anni dal 2002 al 2015, un’occupazione, ha creato un flusso che
porto, la Zona franca doganale, la razio- tuttavia, abbiamo assistito ad una cre- in gran parte si è trasformato in occupati
nalizzazione e lo sviluppo delle infrastrut- scita del 29,80 %, superiore sia al dato (+10 mila) e solo in minima parte in di-
ture energetiche, il rafforzamento dei set- regionale (25,16 %) che a quello nazio- soccupati (+3 mila).
tori produttivi, la riqualificazione e il nale (22,30 %). Abbiamo ancora tanto da lavorare.
reimpiego dei lavoratori – subiscano
delle ulteriori battute di arresto, come se
non bastasse la dilatazione temporale
imposta da normative e procedure.
È di questi giorni, invece, il divampare
sul porto di una dura contrapposizione CONFEDERAZIONE ITALIANA
Vieni alla CISL
SINDACATI LAVORATORI
tra imprenditori e forze politiche, che I nostri servizi: Fiscali, RED, ISEE,
coinvolge Autorità Portuale e Capitane-
ria di Porto. Senza entrare nel merito Successioni, Vertenze e cause di lavoro, Colf e Badanti, Permessi
delle rispettive ragioni e dei rispettivi di soggiorno, Pensioni, Infortuni, Affitti, Tutela Consumatori.
diritti, credo che far deflagrare pubbli-
Per info degli orari telefona alla UST-CISL Livorno n° 0586-899732
camente e alimentare una “guerra” del
genere sia proprio ciò di cui la città non
ha bisogno. Spero che le Istituzioni e le
forze sociali siano in grado di comporre
al più presto i contrapposti interessi, evi-
tando ogni paralisi dello sviluppo por-
tuale.
Senza voler stendere un lungo elenco e
limitandomi alle priorità più evidenti, mi
vengono in mente il presidio ospedalie-
ro e la reindustrializzazione.
Per quanto concerne l’Ospedale, abbia-
mo assistito ad un lungo braccio di ferro
tra Regione e Comune, che ha avuto come
unico risultato lo scorrere del tempo, sen-
za che si provvedesse al superamento di
un complesso ospedaliero che ormai ha
fatto il suo tempo. Occorre subordinare
gli interessi politici a quello generale
della Città e avviare rapidamente una
soluzione.
Per quanto concerne l’industria in senso
lato, occorre da un lato invertire il pro-
cesso di deindustrializzazione di Livor-
no, rendendo appetibile il nostro territo-
rio per gli insediamenti industriali e dan-
do preferenza alle attività a maggior va-
lore aggiunto; dall’altro lato, occorre
rivitalizzare il settore delle costruzioni,
che in questi anni ha subito gli effetti
della crisi più di ogni altro: le previste
realizzazioni infrastrutturali possono
costituire, in questo senso, un prezioso
volano.
• E per quanto riguarda la Provincia?
La Cisl ha recentemente realizzato
un’analisi dell’economia di Livorno, pub-
blicando il primo numero de Il Barome-
tro: lo trovate sulla pagina Facebook di
Cisl Livorno.
Al contrario del sentimento comune,
l’economia della provincia negli anni
14 Livorno

LA CITTÀ SI È CANDIDATA PER IL 2021

Livorno capitale della cultura?


di Franco Spugnesi
iniziative e di disponibilità economiche elettorale anticipata nel tentativo, spe-
da dedicare a iniziative culturali. Le re- riamo inutile, di assicurarsi la ricon-
alizzazioni in città: il museo della città, ferma, come due mesi a questa parte
La notizia: La giunta comunale ha de- il centro della ricerca applicata, la fa- sono stati annunciati il parco alla “Ce-
ciso di candidare la città di Livorno a coltà universitaria per la logistica, sono schina”, i lavori alle ex Terme del Co-
“Capitale Italiana della Cultura 2021”. inaugurazioni di progetti ereditate dal- rallo, l’ospedale nuovo etc. tutte cose
Tra pochi giorni il Ministero per i beni le precedenti amministrazioni. che allo stato sono promesse elettorali
e le attività culturali emanerà il bando e Allora non resta che affidarci alle glo- che, nel migliore dei casi, andranno
la nostra Amministrazione ha scelto per rie del passato (come fa Nogarin), al sulle spalle del suo successore.
puntare alla vittoria di attualizzare due Granducato, ai Medici, tiranni illumi- Oppure potrebbe diventare l’inizio di
concetti forti: “Le Livornine del 2021” nati dallo sguardo lungo, che non so- un cammino comune, un percorso che
e “Livorno città delle Nazioni”. gnavano molto ma sapevano trarre faccia riscoprire i punti salienti del no-
L’annuncio della candidatura è arrivato profitto dalle circostanze, riscopren- stro sentire comune, i valori positivi
con una lettera aperta, pubblicata sul Tir- do le “leggi Livornine” che i Medici della nostra cultura e della tradizione
reno il 22 gennaio, che il sindaco ha ri- emanarono per trasformare un luogo di livornesi. Se cosi fosse, e sincera-
volto alle organizzazioni produttive, enti malsano in una città accogliente per mente lo speriamo, l’osservazione più
e associazioni cittadine. Naturalmente ebrei cacciati dalla Spagna e dal Por- immediata è che questo cammino il sin-
non la riporteremo integralmente ma togallo. Poi fu il mecenatismo dei mer- daco doveva proporlo cinque anni fa!
qualche commento è inevitabile. canti olandesi, inglesi, greci e di tanti Cinque anni sprecati a distinguersi, a
Proporre Livorno come capitale italia- altri paesi, a differenza di oggi, senti- cercare colpevoli negli altri, ad affer-
na sarebbe una sciocchezza in qualun- vano il dovere di restituire al territorio mare una diversità a tutti costi, legitti-
que campo (forse avrebbe qualche pos- che gli aveva ospitati, parte del loro ma ma ostativa alla concordia, allo spi-
sibilità come capitale del tempo libe- guadagno sotto forma di cultura, be- rito di comunità che ora il sindaco in-
ro), ma vederla assisa sul trono della neficenza, bellezza a fare della nostra voca per costruire il futuro di questa
cultura sembra una vera bestialità. An- città una realtà multiculturale, unica iniziativa.
che Nogarin se ne rende conto e defi- all’epoca, ma, purtroppo non hanno Livorno è conosciuta in tutta Italia at-
nisce l’iniziativa audace e ambiziosa, lasciato imitatori nei livornesi di oggi. traverso la lettura del “Vernacoliere”,
ma rimedia proiettando nel futuro (ca- Sarà assai arduo signor sindaco attua- per le false teste di Modigliani, per il
ratteristica strategia grillina) il realiz- lizzare queste cose! cacciucco e per le infradito; non ba-
zarsi delle condizioni necessarie. Intan- Questa iniziativa, che ha colto di sor- steranno i pochi mesi concessi dal ban-
to nei cinque anni di governo Nogarin presa oltre ai cittadini comuni anche do di concorso per costruire un’im-
non ha aggiunto un grammo alla cultu- gli operatori culturali, può allora esse- magine accattivante che non si fermi
ra della città, anche per il declino ge- re solo pubblicità, un altro annuncio a al lungomare, al sole e ai macchiaioli
nerale delle condizioni, la mancanza di effetto che fa parte della campagna ma se accadrà, anche se non saremo
capitale di nulla avremo fatto un bel
passo avanti.
La scomparsa di Massimo Masiero e Pierluigi Boroni

Due gravi lutti per la città


Massimo Masiero e Pierluigi Boroni hanno lasciato questa vita ter-
rena. Due persone apprezzate e stimate per la loro professionalità
e umanità. Il primo giornalista, uomo mite e pacifico, sempre pre-
sente e sensibile ai temi socio politici. Il secondo, anche lui gior-
nalista pubblicista, consigliere nazionale dell’Ordine dei Giornali-
sti, nonché un ottimo avvocato e politico che ha ricoperto prestigiosi
incarichi, sempre presente, con la sua eloquente e incisiva parlan-
tina, ad ogni evento istituzionale e culturale della città.
Noi siamo fieri di averli conosciuti e li ricorderemo come persone
amiche che ci hanno donato esempi di rettitudine e di doveroso Terminal Crociere - Piazzale dei Marmi - Livorno
Tel.0586.202901-Fax0586.892209
impegno civico.
info@portolivorno2000.it
Alle famiglie giungano le nostre condoglianze.
Livorno 15

Un mio appoggio-sfogo
di Ruggero Morelli

Caro Enrico, ho letto sull’ultimo nu- Le alluvioni, gli incendi in Tosca- indebolito la capacità di interven-
mero del giornale il tuo articolo sul- na e i crolli dei ponti ne sono un to nel territorio. L’assenza dell’isti-
la conferenza di fine anno della chiaro esempio di come lo Stato tuzione Provincia in materia di la-
giunta Nogarin. Ti ho anche invia- deve intervenire a tutela dell’am- voro si sta facendo sentire: non è
to un mio breve appoggio-sfogo. biente, della mobilità ma soprattut- possibile che ogni vertenza sia ri-
C’è un aspetto che in tutti i reso- to a tutela della vita delle persone solta in Regione o al Mise.
conti è stato taciuto e che a mio Sostenibilità economica, sociale, Occorre creare un nuovo strumento
parere è da porre al centro della ambientale e territoriale rappresen- pubblico di governo delle politiche di
prossima campagna elettorale: il tano i pilastri su cui fondare il nuo- sviluppo industriale, una nuova IRI
Sindaco quasi due anni fa lanciò gli vo modello di sviluppo finalizzato o Agenzia per lo Sviluppo Industria-
Stati Generali del Lavoro Livorno/ alla creazione di lavoro. le dove le scelte strategiche della po-
Piombino. Ci sono state varie riu- Ricostruire il quadro di governan- litica possano trovare un luogo pro-
nioni e poi la delibera del dicembre ce territoriale gettuale, programmatorio e operati-
2017 che poneva la fine degli in- Occorre riproporre con forza il tema vo di governo, implementazione e co-
contri al 31 gennaio 2018. Nessuna della ricostruzione di un quadro di ordinamento, da tradurre in un vero
conclusione e nessuna prospettiva. governance territoriale e istituzio- e proprio Programma Nazionale di
Neppure con il PS del luglio scorso. nale che, alla luce delle riforme (es. Sviluppo per affermare filiere econo-
Proprio nell’ottobre passato la Cgil aree metropolitane, province), ha miche strategiche per il Paese”.
pubblicò la relazione del segretario
Zannotti, e di questa segnalo un pas-
saggio:
“Sugli Stati generali del lavoro ab-
biamo fallito Un rammarico: insie-
me a CISL e UIL abbiamo creduto
negli stati generali del lavoro. A di-
stanza di un anno possiamo dire che
abbiamo fallito: un fallimento pe-
sante, perché dimostra l’incapacità
di un territorio di crederci e di pro-
porre iniziative condivise.
Detto questo, ribadiamo che in que-
sta fase occorre selezionare e gover-
nare le politiche economiche secon-
do un modello alternativo, sosteni-
bile, di crescita, sviluppo e giusti-
zia sociale, che valorizzi il princi-
pio della legalità come necessaria
precondizione
Sostenibilità ambientale
Un nuovo modello di sviluppo è rap-
presentato dalla cura del territorio
e dal principio della sostenibilità ■ Ingegneria Multidisciplinare

ambientale, a partire dalle grandi ■ Manutenzione e Montaggi di Aerogeneratori Eolici

direttrici: aria, acqua, terra e città ■ Manutenzione e Montaggi di Impianti Industriali

verdi. Per non parlare dell’econo- ■ Service Management e Ispezione & Expediting
Etra, Ricerca e Selezione Personale
mia circolare quali criteri primari ● P.E.S. COMPANIES ● P.E.S. COMMERCIAL PARTNERS
delle scelte, con effetti sul nostro
HEADQUARTERS
sistema produttivo, sulla mobilità, Via E. Mattei 11 - 57016 Rosignano S. (LI) ITALY
Tel. +39 0586 727 111 Fax 39+ 0586 727 113
sui nuovi modelli energetici rinno- www.pes-srl.net info@pes-srl.net
vabili.
16 Livorno

Si cercano fondi per completare la struttura di Borgo dei Cappuccini, ex anima e fulcro del quartiere

Il teatro Pio X, una presenza


storica; oggi un’opera a metà
Dal civico 275 di Borgo dei
Cappuccini in prossimità di
Piazza Gavi, si accede al Ci-
nema-Teatro PIO X, o per
meglio dire a quello che era
un locale molto frequentato
dalle persone del quartiere e
non solo.
Il primo teatrino venne eretto
nel 1911, per volontà di Padre
Luigi Marini, con il concreto
aiuto della famiglia dei conti
Pate, nei locali adiacenti alla
Cappella Gavi meglio cono-
sciuta come il Cappellone
(1858). Da allora, superando
due guerre mondiali, adeguan- Teatro Pio X: da sin.: facciata, tetto e finestre restaurate.
dosi alle epoche, non ha mai
smesso di lavorare. Negli anni
successivi al 1957, dopo la costruzio- una sano divertimento delle varie com- quello che era stato messo insieme con
ne della attuale chiesa della SS. Trinità media, opere o spettacoli di musica e donazioni di privati, enti e società non-
la cappella, sconsacrata, fu trasforma- arte varia. ché con finanziamenti pubblici è stato
ta negli anni dapprima in un bel cine- Con lo scorrere del tempo sono state assorbito. Oltre al tetto si è potuto re-
ma-teatro e successivamente in un ac- superate molte vicissitudine, come nel staurare solo la facciata della ex Cap-
cogliente teatro dove sono state messe 1975 anno in cui un incendio distrusse pella e le vetrate alle finestre, anch’esse
in scena commedie ed opere di gran costumi, scenari e altre attrezzature. storiche.
valore (due esempi per tutti: La Nemi- Inoltre si sono dovuti effettuare più Allo stato attuale, per poter riavere l’agi-
ca di D. Nicodemi, La signora delle volte lavori di aggiornamento in osse- bilità ed usare lo spazio, almeno come
Camelie di A. Dumas) con la parteci- quio alle nuove leggi sulla sicurezza. salone, occorrono altri lavori di adegua-
pazione di attori dilettanti e semiprofes- Nel 2008, purtroppo, dopo un violento mento impianto elettrico, riscaldamen-
sionisti. temporale, una parte del tetto ha cedu- to ecc. ecc. lasciando la ristrutturazio-
La cittadinanza tutta e le varie autorità to e il teatro, dichiarato inagibile, do- ne del palco ad altri tempi ma predispo-
frequentavano più che volentieri il tea- vette essere chiuso. nendo tutto per le necessità operative.
tro, sicuri di trovare, di volta in volta, Dopo anni di pensamenti e ripensamenti L’augurio è che si possano trovare i fon-
nel 2014 si mise di al più presto (magari grazie all’inter-
mano alla ristruttu- vento di quanche imprenditore) per ria-
razione e comincia- prire un’attività che era l’anima e il ful-
rono i lavori; que- cro del quartiere attorno alla Chiesa di
sti fecero venire Santa Trinità.
alla luce il tetto Anche il mare è fatto di gocce....
originario e le Belle Carlo Tobia
Arti dissero che
doveva essere ripri- Per ulteriori notizie
stinato come quan- e/o materiale illustrativo
do era stato costru- rivolgersi al Circolo Pio X
ito. o alla Chiesa della SS. Trinità,
Ovviamente i costi oppure a Carlo Tobia 331.6335757
L’interno del Teatro Pio X. lievitarono e tutto
Livorno 17

qui
Diocesi
di Fabio Figara

Preghiamo
per l’unità
nella fede
in Cristo Santo Padre all’interno della Chie-
sa Cattolica.
(cattolici). Per il 2019 è stato scel-
to un passo del Deuteronomio
(16,18-20): “(…) Seguirai sola-
Proprio per questo, ogni anno, si
Dal 18 al 25 gennaio tutti i cristiani celebra la “Settimana di preghie- mente la giustizia (…)”.
sono stati invitati a condividere mo- ra per l’unità dei cristiani”, un’ini- Tale evento, nella nostra Diocesi,
menti di preghiera per la riunifica- ziativa ecumenica di preghiera. In è iniziato proprio venerdì 18 nella
zione delle chiese nel mondo. questo periodo, infatti, tutte le con- cripta della Chiesa del Sacro Cuo-
Sin dalle origini, la Chiesa, sposa fessioni cristiane pregano insieme re dei Salesiani, con la partecipa-
di Cristo, ha affrontato persecuzio- per il raggiungimento della pace, zione del Cedomei (Centro docu-
ni e difficoltà di ogni genere, in par- della concordia e della comunio- mentazione movimento ecumeni-
ticolare tentativi di divisioni interne ne nella comune fede in Cristo. co italiano), del Vescovo Mons. Si-
a causa di divergenze dottrinali, Progetto nato in ambito protestan- mone Giusti, della Chiesa evange-
scontri politici e rivolte interne: un te e per più di cento anni abbrac- lica Valdese, della Chiesa evange-
lungo e complesso percorso lun- ciato da tutti i fedeli, vede al cen- lica Battista, della Chiesa Avventi-
go le pieghe della Storia, che ha tro la celebrazione e la meditazio- sta del settimo giorno, della Chie-
portato al quadro odierno, purtrop- ne su un tema generale, com- sa ortodossa Romena e delle
po ancora colmo di incertezze ed prendente un passo biblico e un Chiese greco-cattoliche Ucraina e
ulteriori divisioni, come la crisi reli- sussidio elaborato dalla commis- Romena, coadiuvate dalla SAE,
giosa (e politica) che vede la na- sione Fede e costituzione del dai Cooperatori Paolini e dal Movi-
scita della “nuova” Chiesa ortodos- CEC (protestanti e ortodossi) e mento dei Focolari.
sa ucraina (indipendente da Mo- dal Pontificio consiglio per la pro- Un percorso che ha visto la parte-
sca) e i problemi che affronta il mozione dell’unità dei cristiani cipazione delle varie confessioni
cristiane anche alla celebrazione
del culto ecumenico di domenica
è CAF, via Cecconi 40 - Tel. 0586/811809 - Livorno 20 nella Chiesa Valdese, e che ha
visto la conclusione giovedì 24 gen-
è Patronato, via degli Apostoli 5 - Tel. 800740044 - Livorno naio, alle 18, con la celebrazione
e ecumenica alla chiesa di San Gio-
sport, tempo libero, volontariato vanni.
È fondamentale, in un periodo di
assistenza, consulenza, sostegno forte crisi dei valori etici e morali,
Acli Service Srl
Via Cecconi 40 ai lavoratori, ai giovani, nonché delle difficoltà che affron-
tano tutte le chiese, ritrovarsi a co-
Livorno
ai migranti, alle famiglie struire, insieme, il futuro, uniti dal-
la fede nella Parola di Dio.
18 Cultura

L’angolo di Don Ordesio Bellini

Dio, Patria, Famiglia:


chi tocca muore
“Salvini ha riabilitato la peggiore cul- tria e la famiglia, vorrei spendere qual- oggi, portiamo in noi un DNA che ci
tura identitaria nazionalista, quella rap- che parola in loro difesa. Salvini e la riconduce a Lui. Come dice il filosofo
presentata dalla triade Dio-Patria-Fa- signora Nappi a questo punto con c’en- Gabriel Marcel l’uomo è “ un’invocazio-
miglia”. Queste parole fanno parte di trano niente. Era solo lo spunto da qui ne metafisica”. Il consiglio è a tutti, chie-
uno spot di una certa signora Nappi in iniziare una riflessione. se comprese, di prendere sul serio la
questi giorni al centro di alcune con- Con la parola Dio si intende ogni feno- questione per non dover poi lamentarsi
troversie televisive legate ai suoi com- meno religioso che per molti, e per me, che il popolo diventi “populista”.
menti. Secondo la signora, e tanti altri è una dimensione strutturale dell’uo- Ma Dio non è neppure uno che ha de-
queste tre realtà sarebbero state nella mo. La relazione con Dio va coltivata, legato qualcuno a organizzare la so-
storia una vera calamità. Mettendomi purificata e ovviamente combattuta cietà e la vita dei singoli in suo nome.
dal loro punto di vista e dalla loro espe- nelle sue forme mostruose. Fa parte E siccome Dio ha dato all’uomo un
rienza umana e politica potrei anche di quegli istinti fondamentali della per- cervello, quindi una ragione per doman-
condividere alcuni aspetti della que- sona la cui educazione garantisce darsi seriamente dove quando e a chi
stione. Storicamente nel nome di Dio, l’equilibrio fondamentale della perso- concedere la propria fiducia, ecco che
della patria e della famiglia sono state na. Dio ha a che fare con il cuore del- Dio e quindi la fede religiosa diventano
commesse certamente atrocità. l’uomo, ha a che fare con la giustizia un PROBLEMA SERIO. Non c’è spa-
Ma la mia storia di “uomo di cultura” e la libertà dell’uomo, con la sua or- zio per chi lo strumentalizza e non c’è
(mi fa paura scriverlo! e vi chiedo scu- ganizzazione in comunità umana, è spazio per chi nel vuol prendere il po-
sa) mi ha aiutato a capire e convincer- garante della fratellanza universale, è sto in nome della scienza, del partito e
mi che si tratta di tre realtà fondamen- fondamento della dignità e dei diritti del progresso. La storia passata e pre-
tali nella struttura psichica dell’uomo, dell’uomo. Non è la matematica dei sente anche in questo caso ci consi-
e quindi bisognerebbe essere cauti nel somari come afferma il simpatico ma- glia ALLERTA E PRUDENZA.
rigettarle “sic et simpliciter”. I popoli tematico Odifreddi e tanti altri che as- Ecco perché bisogna stare attenti a una
prima o poi in modo più o meno con- solutizzano le loro specializzazione politica intelligente che prenda sul serio
scio li rivendicano facendo fare un giro ma non sempre hanno una capacità il fenomeno religioso e le varie forme
di boa alla storia politica sociale e cul- di osservare e comprendere l’uomo religiose di un popolo.
turale. Anche la storia recente ci mo- nella sua globalità e nel suo mistero.
stra che il tentativo di liquidarle nel
senso di farle fuori o semplicemente PATRIA
rendere “liquide” queste realtà non ha DIO INVECE SI Ho viaggiato molto nella mia vita, anzi
portato grandi benefici, e tutto fa pen- Nella cultura giudaico-cristiana la Ge- più che viaggiato ho vissuto fuori d’Ita-
sare che nell’attuale realtà anche mon- nesi dirà che siamo fatti a immagine e lia. Ho ammirato le bellezze e la bontà
diale queste tre realtà tornano in qual- somiglianza di Dio, ossia come si dice segue a pag. 19
che modo a “vendicarsi”. Suppongo
che sia per questo che la signora
Nappi si è preoccupata e si preoccu- DISTRIBUTORI STRADALI Benzina, Gasolio, Gpl e Metano
pa e in un certo senso potrebbe avere .............................................
AREZZO LUCCA
anche alcune buone ragioni. San Giovanni Valdarno Gallicano
Queste tre realtà non è che le si in- Montevarchi Antraccoli
contri passeggiando sul mare. Nella Terranuova Bracciolini
Altopascio
Loro Ciuffena
storia si incarnano necessariamente in Viale Santa Margherita (AR) Ponte alla Ciliegia
.............................................
coloro (regimi, persone, partiti, chiese .............................................
PISTOIA
SIENA
e quantaltro) che si reputano in modi Abbadia san Salvatore Panicagliora
più o meno legittimi a rappresentarli o Sovicille .............................................
............................................. LIVORNO
a sostituirli secondo i vari contesti. Via Cattaneo (LI)
FIRENZE
Il problema è tutto qui. E siccome a Viale Guidoni (FI) * .............................................
me non piacciono né chi li usa e ne San Polo (FI) PISA
Fucecchio Montecatini Val di Cecina
abusai uni né quelli che li combatto- * in ristrutturazione
noi, ma prendo seriamente Dio, la pa-
Cultura 19

da pag. 18 mia. E anche se apparentemente sia- uguale. Anche la famiglia ha una sua
di tanti popoli, soprattutto dell’Ameri- mo preoccupati di mangiare, di bere, identità ben precisa, anche la più disgra-
ca Latina. In Seminario per nove anni di andare in vacanza, di far soldi, di ziata. Questo in filosofia lo si chiama il
ho vissuto e ho sviluppato amicizie con pensioni e di governi, in fondo al no- “princeps analogatum”. E’ la famiglia,
persone dal Messico all’Argentina. Ho stro cuore c’è una terra, una storia da quella che conosciamo. A partire da lei
lasciato parte del mio cuore in alcuni custodire e difendere. Lo puoi fare analogamente possiamo poi sbizzarrirci
di quei paesi e a volte mi scappa di contro qualcuno, ma lo puoi fare per quanto si vuole, a torto o a ragione. La
dire che vorrei andare a morire in qual- offrire a tutti la ricchezza della tua storia dirà! Ma io continuo a credere che
che sperduto paese dell’Argentina. Per patria. La patria va inserita nel conte- le parole devono essere il più preciso
esempio la terra del Fuoco, ma c’è sto della nazioni, ma mai fagocitata possibile. Dietro la parola famiglia c’è
sempre troppo vento! dall’internazionalismo utopico. una realtà compatta, seria per la quale si
Ma l’italia per me è sempre rimasta la è capaci di vivere e morire. Anche questo
mia patria. Sono convinto che se Dio ti il popolo lo sente e prima o poi intuisce
fa nascere in un certo tempo e in un
LA FAMIGLIA che qualcuno “ci ha fregato”!
certo spazio è perché ci ha pensato Ci sono varie forme di stare insieme e Quindi signora Nappi, viva il progres-
bene. E a volte mi sento ingrato per- convivere. Sia tra persone sia a livello so, la libertà e la pace. Viva la mate-
ché non lo ringrazio a sufficienza, mi di comunità più amplia. Tante volte si matica, signor Odifreddi, viva la scien-
sembra tutto dovuto mentre anche la dice che la Chiesa è una famiglia, che za, la politica e quantaltro. Ma vi do
patria è un regalo. la nazione è una famiglia, che il mon- un consiglio: trattate con rispetto e
Anche qui è come per Dio. Patria è un do è una famiglia. Tutto vero. Ma atten- umiltà Dio, la patria e la famiglia. Il
insieme armonico di paesaggi, di pro- zione quando studiavo filosofia mi ha popolo ci crede anche se spesso lo
fumi, di persone che parlano la tua stes- sempre affascinato il concetto di “ana- da per scontato. Possono diventare
sa lingua, credo che valga la pena par- logia”. Tante realtà hanno in sé elemen- un detonatore pericoloso, come la sto-
lare di radici. Se dico Italia mi com- ti simili e forse anche uguali ma anche ria anche recente ci mostra pur con
muovo, eppure trovo bellissima la Ger- delle differenze importanti. Con i mie tre tutte le sue contraddizioni e pericoli.
mania, sogno i monti della Polonia e cani ho in comune il fatto di essere ani- Quindi ai responsabili delle religioni e
della Romania, mi affascina l’Africa e male, ma c’è un aggettivo che denota a chi fa cultura e politica e oggi si la-
vorrei visitare l’Australia. Ma tornerei la differenza: “ragionevole” (si spera!) menta a torto o a ragione di come van-
sempre a casa. Questa è la Patria. Poi Oggi si gioca sull’equivoco per cui ogni no le cose, consiglio di farsi una do-
la puoi far diventare un ghetto chiuso, realtà più o meno simile la si rende manda: di chi è anche la colpa?
la puoi sognare grande e potente “uber
alles”, la puoi contrappore agli altri in
forma di dominio e di egemonia. Que-
sta è la storia delle guerre in Europa
nei secoli. Il GOTT MIT UNS della
Germania hitleriana non è patria. Ma
chi nella storia non ha immaginato che
Dio stesse dalla sua parte contro altri?
ANCHE QUESTO NON E’ PATRIA.
E anche qui la signora Nappi può aver
ragione. Ma la patria non va liquidata
né in nome di un internazionalismo
passato né in nome di un globalismo
selvaggio e in certi casi neppure in
nome dello “Stato”.
Chi fa questo rischia grosso perché ogni
uomo sente in fondo che c’è una terra
e una storia che va difesa fino a mori-
re, ieri oggi e sempre.Non perché è la
migliore. Semplicemente perché è la
20 pubblicita

AZIENDA STORICA
Dal 1839 Olivete e Frantoio
in Bibbona (LI)
Vendita diretta
Olio Extravergine di Oliva
e linea cosmetica
a base di polifenoli
www.peccianti.com
Tel. 0586/670087

Acli Labor SOCIETÀ COOPERATIVA

Edilizia - Pulizie civili e industriali


Via Risiera San Saba 19 - Castiglioncello (LI) Giardinaggio
Tel. 0586.764080 - Cell. 347.7683628 Via del Mondiglio 18, loc. Le Morelline, Tel. 0586.790.751 - Rosignano S.
www.aclilabor.it

Stampiamo di di tutto
tutto anche
anche

O.M.P.
Stampiamo
in limitato
in limitato numero
numero di di copie
copie
aa prezzi
prezzi veramente
veramente eccezionali
eccezionali S.r.l.

CHIEDETECI UN
CHIEDETECI UN PREVENTIVO
PREVENTIVO ROSIGNANO SOLVAY
Via
ViaG.Razzaguta
G.Razzaguta 26, int. 13 (zona Collinaia) --Livorno
Livorno Via G. Rossa 24 Tel. 0586.791174

Tel. 0586/1732178
Fax. 0586.791173
E.mail: omp@omprosignano.it

Via della Repubblica 118

CA.PA. TER s.r.l.


ROSIGNANO SOLVAY
Tel. 0586/794962 - Fax 0586/764026
e-mail: coopgiglio@tin.it
Ca.Pa. Ter è da tempo un autentico punto di riferimento sul territorio
toscano per opere di movimento terra e lavori di edilizia pubblica e privata Dal 1963 operativi in Toscana con autisti e servizi multilingua
di qualunque tipologia, con competenze specifiche nella costruzione e
nella manutenzione di fognature, canali di drenaggio e sistemi di bonifica. Via della Villana 126, Rosignano Solvay-Castiglioncello
Via Don Luigi Sturzo n. 172 - Tel. 0586.984479 - Guasticce (LI) Telefono: 0586 760981

GUIDI Soc. SECOS srl

Costruzioni Edili e Industriali Associazione Nazionale Amministratori


Condominiali e Immobiliari

Via Modigliani, 21 - Rosignano Solvay ANACI Sezione di Livorno


Tel. 0586.760153 - Fax 0586.760414 Via Puini 97 Int. 35 - Livorno

IL GIGLIO S.C.R.L.

Erogazione del servizio


di manutenzione di aree verdi
Imballaggio industriale - Trasporti - Facchinaggio - Servizi Via della Repubblica 118 - Rosignano S.
Piazza Monte alla Rena, 5 - Rosignano Solvay Tel. 0586/794962 - Fax 0586/764026
Tel. 0586.793288 - Fax 0586.793304 e-mail: coopgiglio@tin.it

Di Gabbia A. & Figlio


COSTRUZIONI - stradali - fognature - acquedotti
SRL

PRODUZIONE - emulsioni bituminose - conglomerati bituminosi - MEZZI PROPRI


Sede Legale Uffici, Impianto: Via dello Struggino 24 - Livorno (loc. Picchianti) Tel. 0586/428121 e-mail: info@digabbia.it
Cultura 21

Lo show di Panariello-Conti-Pieraccioni al PalaModì il prossimo 15 giugno

Torna il ‘Mattone del cuore’


tuzioni la Capitaneria di Porto di Livorno rietà davvero encomiabile all’appello del-
di Enrico Salvadori
comandata dall’ammiraglio Giuseppe Tar- l’amico Paolo Brosio, il conduttore tv e i
zia che sovraintenderà i lavori della mani- due attori comici hanno detto sì e la serata
Quando il cuore e la solidarietà si fondo- festazione sia nella zona portuale sia al- del 15 giugno proporranno il loro spetta-
no con gli eventi di spettacolo e sport si l’Isola di Capraia.Dello staff fa parte an- colo al Modigliani Forum di Livorno.
crea un mix capace di centrare grandi ri- che il giornalista Enrico Salvadori che con Un evento, nell’allestimento produttivo
sultati. Torna a Livorno il progetto “Mat- Brosio ha mosso i primi passi dell'attività curato dalla Leg di Sandro Giacomelli e
tone del cuore” e l’edizione 2019 si an- giornalistica a La Nazione dalla Friends & Partners di Milano di Fer-
nuncia ricca di grandi novità. Il titolo stes- LOCATION E PERIODO DELLA dinando Salzano e Barbara Zaggia, che
so “Progetto Mattone del cuore Monte- MANIFESTAZIONE – L’appunta- porterà un grandissimo pubblico e il cui
nero Livorno Isola di Capraia” svela già il mento è fissato nella seconda metà del incasso rappresenterà la cifra più impor-
coinvolgimento di un’altra isola dell’Ar- giugno prossimo, da mercoledi 12 giugno tante da devolvere ai progetti di solidarie-
cipelago toscano così invidiato al nostro sino a domenica 16 giugno, festa della tà individuati dalle Olimpiadi del Cuore,
territorio per le sue bellezze naturalistiche. Santissima Trinità. Il programma si artico- dal Vescovo di Livorno in accordo con il
L’anno scorso la manifestazione toccò la lerà tra la città di Livorno, il Santuario di Sindaco Filippo Nogarin.
Gorgona e fu un grandissimo successo, Montenero dedicato alla Madonna Ma- PARTNER DEL COMITATO OR-
con oltre 70mila euro distribuiti in proget- ter Etruriae, patrona della Toscana, il por- GANIZZATORE – In questa edizione
ti di solidarietà e a famiglie bisognose. to di Livorno e l’Isola di Capraia. 2019 del Progetto Mattone del cuore Mon-
Quest’ anno la grande iniziativa benefica ATTIVITA’ - Il programma completo è tenero Livorno Isola di Capraia c’è anche
di solidarietà, sport e spettacolo sbarca naturalmente ancora in via di definizione. la gradita novità del coinvolgimento del
nell’Isola di Capraia, e ha tra gli obiettivi Quello che si può anticipare è che sono CSI (centri sportivi italiani) che metterà a
di un’ulteriore valorizzazione di questo previste attività artistiche, sportive, di disposizione la propria struttura per l’or-
gioiello naturalistico. Ci sarà poi, e questa valorizzazione delle risorse naturalistiche, ganizzazione di alcuni eventi e celebrerà
è la grande novità, il coinvolgimento di- momenti di spettacolo ma anche di spiri- proprio con questa partecipazione i 75 anni
retto di un trio di grandi personaggi to- tualità e anche appuntamenti gastrono- della sua fondazione. Confermata la colla-
scani dello spettacolo, famosi in tutta Ita- mici preparati da chef stellati della pro- borazione con la “You4er”, onlus livornese
lia e anche oltre: Panariello, Conti e Pie- vincia di Livorno e dell’Isola di Capraia. Il che già nella prima edizione ha svolto un
raccioni. tutto sottolineando, in modo tangibile, la ruolo fondamentale di sostegno e che so-
Per la prima volta il trio concederà un’uni- vicinanza a chi ha bisogno e ai sofferenti. stiene i progetti di ampliamento del Pronto
ca, straordinaria data a favore della soli- IL CLOU – E’ rappresentato dal grande Soccorso degli Spedali Riuniti di Livorno.
darietà. In questo caso tutto verrà devo- spettacolo live del trio Giorgio Panariello, A CHI VANNO LE DONAZIONI –
luto alle Olimpiadi del Cuore Onlus fon- Carlo Conti e Leonardo Pieraccioni che è Il ricavato delle iniziative del Progetto Mat-
date da Paolo Brosio per le finalità indica- reduce da una trionfale serie di date da tone del Cuore Montenero Livorno Isola di
te dalla Diocesi e dal Comune di Livorno e tutto esaurito, andate in scena a Firenze Capraia 2019 sarà devoluto (al netto delle
per la destinazione prioritaria fissata or- al Teatro Verdi dal 28 dicembre fino a sta- spese) per vari progetti di solidarietà.
mai da tre anni dall’Onlus del giornalista sera martedi 15 gennaio. A Livorno per i progetti di carità della Dio-
di origine piemontese: il primo Pronto Soc- Rispondendo con uno slancio di solida- cesi (disabilità psicofisica e sindrome di
corso della storia di Medjugorje per tutte down (onlus Aipd, Associazione italiana
le etnie e tutte le religioni, il Peace Hospi- persone down,) e per contributi alle fami-
tal della Bosnia Erzegovina. glie alluvionate.
Lo Show in Tour teatrale dei tre straordi- A Medjugorje luoghi mariani tanto cari a
nari artisti toscani sta furoreggiando in Paolo Brosio e teatro della sua conversio-
tutta Italia con sold out un po’ ovunque: ne, per il progetto di primo soccorso per
dal Forum di Assago, alla Arena di Verona tutte le etnie e religioni.
fino alle diciannove date di fine anno 2018 All’Isola di Capraia per la ristrutturazione
ed inizio 2019. del Santuario Maria Stella del Mare, per la
ORGANIZZAZIONE – E’ curata, posa della Santa Croce nel territorio del
come sempre, dalle Olimpiadi del Cuore Parco naturale dell’isola, per la riapertura
ideate da Paolo Brosio, che lavorerà in di antichi sentieri molto suggestivi.
stretto contatto con il Vescovo e la Curia A Firenze per la onlus “Cure2Children”
e con l’amministrazione comunale di Li- che si occupa dei bambini leucemici del
vorno e la strettissima e indispensabile Terzo mondo.
collaborazione di enti, istituzioni, perso- A Genova per le famiglie degli sfollati e i
naggi molto conosciuti del mondo impren- parenti delle vittime del crollo del Ponte
ditoriale livornese. In prima fila tra le isti- Il trio Panariello-Conti-Pieraccioni Morandi dell’agosto scorso.
22 Cultura

INTERVISTA A ELISA VASTOLA

La meglio gioventù,
tra cosmopolitismo, arti e talento
di Lorenzo Taccini

Elisa Vastola, di madre russa e di padre


nativo di Castelnuovo Val di Cecina, è
una giovanissima ragazza di 18 anni (ap-
pena compiuti), ma vanta già all’attivo
un curriculum artistico di tutto rispetto
e certamente sa che con l’età adulta in-
cipiente e la maturità che conquisterà
tra pochi mesi con il diploma di studi
superiori dell’ITI di Livorno ad indiriz-
zo biologico-sanitario è arrivata l’occa-
sione di spiccare il volo definitivamen-
te. Sin da piccola educata alle arti, tra-
mite la danza e poi con il teatro, adesso
sogna una carriera nel mondo del cine-
ma e del teatro anche professionistici,
ma al contempo desidera proseguire gli Uno scatto di Gaia Guarnotta
studi, iscrivendosi alla impegnativa fa-
coltà di medicina. Ha stoffa e volontà
da vendere, Elisa, il talento non le
manca…noi non possiamo che fare il tifo
per lei!
Elisa, da una vita nel mondo della dan-
za e del teatro, ma da dove nascono le
tue passioni? Elisa Vastola
Ho cominciato a fare danza a soli 3 anni,
all’inizio l’ho presa naturalmente come Vedi dunque la danza, o il teatro nel de nella monotonia della sua comunità.
un gioco, ma continuando mi sono ap- tuo futuro? Qui sembra che la cultura non sia una
passionata sempre più. A 9 anni ho avu- La danza non credo proprio: mi piace, cosa importante, mentre si preferiscono
to l’occasione di entrare a contatto con ma sono il teatro ed il cinema ad appas- altri hobby, come andare a passeggiare
Simone Fulciniti, il quale all’interno della sionarmi maggiormente, ormai. sul mare, o “fare le serate” tra giovani e
mia scuola di Danza (Eden di Livorno Parliamo delle altre arti, che non fre- meno giovani. Io vorrei andare via, pos-
n.d.r.) organizzava un corso di recitazio- quenti in prima persona: quali sono i sibilmente in Italia, soprattutto adesso
ne. Grazie alle mie amiche ho trovato il tuoi gusti letterari, musicali e nelle arti che ho l’occasione di un nuovo inizio
coraggio di partecipare ed ho comincia- figurative? grazie all’università, ma in fondo sento
to a cimentarmi negli spettacoli di arte A dire il vero di musica non ho un ge- Livorno come la mia città…
varia. nere preferito col quale sia particolar- Salutaci con un detto, o un motto che ti
In seguito il corso è stato tenuto dalla mente fissata, mi piace variare. I ogni rappresenta.
bravissima Gaia Bastianon, la quale mi minuto libero che ho cerco comunque Non ho un motto che seguo in partico-
ha avvicinato ad un’importante compa- sempre di ascoltare qualcosa. In merito lare, ho imparato piuttosto che nella vita
gnia teatrale che opera sul territorio li- alle arti figurative adoro l’impressioni- si può contare solo su noi stessi. Poi-
vornese e non solo: Spazio Teatro. At- smo francese ed in quanto alla lettura, ché, a dispetto di quel che faccio, sono
tualmente sto lavorando sotto l’esperta seppure ultimamente il tempo sia dav- una ragazza particolarmente insicura, mi
guida di Simona del Cittadino per la re- vero poco, le mie preferenze sono nei dico sempre che è necessario “darmi uno
gia della commedia plautina del Miles riguardi dei gialli e dei thriller. schiaffo” per andare avanti sulla mia stra-
Gloriosus, con il quale andremo in sce- Come ti pare che sia messa, a livello da e trovare il coraggio di compiere azioni
na al Teatro CRAL dell’Eni di Livorno culturale, la città di Livorno? verso le quali, altrimenti mi tirerei indie-
nel mese di Marzo. Livorno potrebbe dare tanto, ma si per- tro.
Teatro 23

Il programma Giovedì 28 febbraio: “Massimo Lopez e Tullio Solenghi Show”

di Febbraio con Ottavia Piccolo e con Orchestra


Multietnica di Arezzo, spettacolo a cura
di Angela Simini di Enrico Fink e Ottavia Piccolo

SEZIONE EVENTI: è in distribuizione gratuita


Nel mese di febbraio il Teatro Goldoni non - Mercoledì 20 febbraio ore 21.00 anche presso i seguenti punti:
alza il sipario sulla lirica e nemmeno sui Angelo Pintus presenta il suo nuovo
concerti “Al chiaro di luna”. In compen- spettacolo “Destinati all’estinzione”. LIVORNO:
so ci offre un nutrito programma di pro- - Giovedì 28 febbraio ore 21.00 Libreria nuova di Biagini Silvia,
corso Amedeo 23-27
sa, e non solo. “Massimo Lopez e Tullio Solenghi Libreria Feltrinelli, via di Franco
- Mercoledì 6 febbraio ore 21.00: Show” in collaborazione con LeG srl e Edicola Cairoli, via Cairoli 18
“ Queen Lear” di Claire Dowie, tratto da Menicagli Pianoforti Edicola Nelli, piazza Cavour 39
Shakespeare - spettacolo di Nina’s Drag Edicola P.zza Grande
lato Farmacia Ospedale
Queens, musiche originali di Enrico Me- La fortunata stagione “Classica con gu-
Edicola Bianchi, via del Porticciolo
lozzi . sto” inizia il 2019 col concerto presen- Edicola Attias, corso Amedeo
- Venerdì 15 febbraio ore 21.00 tando Edicola piazza Matteotti
“Perfetta” con Geppi Cucciari, testi e re- - Sabato 2 febbraio, ore 21.00: Edicola Ramagli e Rossi
gia di Mattia Torre. “Scotland” viaggio musicale con Haydn via Calatafimi
Edicola Paolini (Baracchina Bianca)
- Martedì 26 febbraio ore21.00 e Beethoven eseguono il Trio Tetamor- piazza S. Jacopo
“Occident Express” (Haifa è nata per phosis e il mezzosoprano Monica Bacel- Ed. Lo Strillone, viale Italia 113
star ferma) scritto da Stefano Massini, li. Edicola Barcellona, via Goito
Edicola Borghi, corso Amedeo
angolo via dell’Origine
Il Tabaccaio, via Roma 133
Tintoria Rossi, corso Mazzini
Ed. Martelli Anna Lisa
via Meucci 5 (Coteto)
Edicola c/o Bar Oasi, Ardenza Mare
Edicola Dharma, Viale Antignano 115
Edicola Bini-Filippi, Via del Litorale
(largo Vittime delle Fobie)
Tabaccheria-Edicola di Rolle Marco
via C. Puini 97 - Antignano
Vendita al dettaglio Ristorante “La Barcarola”
viale Carducci 39
di carni e salumi CASTIGLIONCELLO:
Edicola Rossi, P.zza della Vittoria
interamente prodotti L’Edicola, Via Aurelia 512
e lavorati in azienda ROSIGNANO SOLVAY:
Edicola Giovannoni, via Allende
Edicola Vallini, via O. Chiesa
Loc. Poggio Marchino - Rosignano M.mo Tabacchi-Edicola Bicego, via Aurelia 459
Tel. 0586.799032 VADA:
Cell. 338.661.38.16 - 333.824.10.52 Cartoleria 'Cartoland, via Magellano 3
24