Sei sulla pagina 1di 24

La luce in fisica

Come vediamo
La luce: aspetti
p fisici

Cos’è la luce?

Concetti fondamentali:

- velocità, ampiezza, lunghezza d’onda


- assorbimento
- riflessione
- rifrazione
- diffrazione
- indice di rifrazione
- temperatura di colore
Come vediamo
La luce - richiami storici

Sino al XVII secolo le idee sulla visione e sulla luce


furono abbastanza confuse …

La luce era considerata una specie di fluido in grado


di passare tra gli oggetti.

Secondo molti autori, la visione era dovuta ad uno


“spirito visivo” che passava dall’osservatore
all’oggetto
ll’ osservato.
Come vediamo
La luce - richiami storici - le concezioni moderne

Sir Isaac Newton (1642 - 1727)

Teoria corpuscolare, scomposizione della luce


bianca, velocità di propagazione finita e diversa in
materiali diversi, telescopio a riflessione ecc.

Cristian Huygens
yg (1629
( - 1695))
Teoria ondulatoria, prima teoria sulla
propagazione, velocità di propagazione finita
(minore nel vetro),
vetro) progetto e costruzione di sistemi
ottici ecc.
Come vediamo
La luce - richiami storici - le concezioni contemporanee

James Clerk Maxwell (Edimburgo, 1831 - Cambridge,


1879) Equazioni del campo elettromagnetico, la luce come campo
elettromagnetico, previsione teorica delle onde radio ecc.

Max Planck (Kiel,


(Kiel 1858 - Gottinga,
Gottinga 1947)
Radiazione di corpo nero, costante di Planck h (fondamentale nella
fisica quantistica). Premio Nobel nel 1918.

Albert Einstein (Ulma, 1879 - Princeton, 1955)


Spiegazione dell
dell’effetto
effetto fotoelettrico e qualche altra cosuccia (rela
(rela-
tività ristretta e generale ecc). Nobel nel 1921.
Come vediamo
La luce - cos’è

Attualmente esistono due teorie, in un certo senso


opposte ma collegate tra loro:

Teoria ondulatoria
Teoria “corpuscolare” o quantistica
Come vediamo
La luce - cos’è

Teoria ondulatoria:

La luce è una radiazione elettro-


magnetica formata da un campo
elettrico e uno magnetico, conca-
tenati tra loro, la cui ampiezza varia
periodicamente con frequen-za
altissima.

Nel vuoto, la velocità di pro- Relazione tra la componente


p
pagazione “c” è costante, pari a elettrica e magnetica in un’onda
circa 300.000 km/s.

Le caratteristiche di un
un’onda
onda elet
elet-
tromagnetica sono descritte dalle
equazioni di Maxwell.

Equazioni di Maxwell nella forma


integrale semplificata di Heavyside-Gibbs
Come vediamo
La luce - cos’è

Teoria ondulatoria:

Tutte le onde elettromagnetiche hanno le stesse caratteristiche:


l’unico parametro che le differenzia è la frequenza di oscillazione.

Altri esempi di radiazione elettromagnetica

- onde radio
- raggi infrarossi
Relazione tra la componente
p
- raggii X e gamma elettrica e magnetica in un’onda
Come vediamo
La luce - cos’è Il fotone non è una particella materiale (come
i
immaginava
i N t ) ma un’entità
Newton), ’ tità impre-
i
cisa, descrivibile come una nuvola di pro-
babilità, che, in determinate circostanze, si
Teoria quantistica: comporta come un’onda e in altre come una
particella
ti ll solida.
lid

La luce (e ogni altra Il legame tra le due “forme” è stabilito dalla


radiazione elettromagnetica) è costante di Planck.
formata da una serie di entità
discrete, detti quanti (o, nel
caso specifico, fotoni).

Nel vuoto,
oto la velocità
elocità di
propagazione “c” è costante e
pari a circa 300.000 km/s. h
Come vediamo
La luce - cos’è

Nella nostra trattazione utilizzeremo l’uno o


l’altro dei modelli, secondo necessità.
Come vediamo
La luce - spettro elettromagnetico
Come vediamo La luce - qualche definizione
Come vediamo
La luce

La velocità di propagazione della luce (e di qualsiasi altra


onda elettromagnetica) è di circa 300.000 km al secondo nel
vuoto.

La velocità della luce nel vuoto è,, in base alla Relatività,, una
costante universale (simboleggiata dalla lettera c), e non può
essere superata.

All’interno della materia, questa velocità si riduce (per cui è


possibile trovare particelle più veloci della luce all’interno
della materia).

Si definisce indice di rifrazione di un materiale il rapporto tra


la velocità della luce nel vuoto e quella nel materiale stesso.
Come vediamo
La luce e la materia

Quando un’onda incontra un ostacolo ((in altre p parole una


zona nella quale si ha un cambiamento più o meno
repentino della velocità - differente indice di rifrazione) si
possono osservare alcuni fenomeni:

assorbimento rifrazione
riflessione diffrazione
Come vediamo
La luce e la materia - assorbimento
ostacolo

onda incidente

Assorbimento:

L’energia dell’onda è parzialmente o totalmente


assorbita
bi d ll’
dall’ostacolo.
l Al limite
li i l’ d cessa di
l’onda
esistere.
Come vediamo
La luce e la materia - assorbimento

L’energia dell’onda, ceduta


all’ostacolo
all ostacolo, si trasforma in
calore (questo accade con
qualsiasi tipo d’onda, anche
non elettromagnetica).
l tt ti )

(… avreste mai immaginato che


per far bollire l’acqua della pasta
potesse
p essere sufficiente
cantarci sopra con abbastanza
impegno?)
Come vediamo
La luce e la materia - riflessione

Riflessione:

L’ d è rinviata
L’onda i i t nell mezzo dal
d l quale
l proveniva.
i
Come vediamo
La luce e la materia - rifrazione

Rifrazione:

La rifrazione
L if i sii verifica
ifi quando
d un’onda
’ d attraversa
tt
l’interfaccia tra mezzi nei quali si propaga con velocità
differente.
Come vediamo
La luce e la materia - rifrazione
V l ità minore
Velocità i nell vetro
t

vetro

Rifrazione:

aria

La rifrazione
L if i sii verifica
ifi quando
d un’onda
’ d attraversa
tt
l’interfaccia tra mezzi nei quali si propaga con velocità
differente.
Come vediamo
La luce e la materia - rifrazione

Gli indici di rifrazione vetro


cambiano con la lunghezza
d’onda della luce incidente,
per cui luci di colore diverso
saranno deviate di angoli
diversi.
Questo permette di
scomporre la luce bianca
nelle
ll sue componenti ti aria
mediante un prisma e
produce l’arcobaleno, ma crea
anche una aberrazione
(difetto) dei sistemi ottici (p.e.
obiettivi) detta aber-razione
cromatica.
Come vediamo
La luce e la materia - diffrazione

Diffrazione:

Bordi e fenditure di dimensioni paragonabili alla lunghezza d


d’onda
onda
della radiazione incidente si comportano come nuove sorgenti pun-
tiformi.
Come vediamo
La luce e la materia - diffrazione
Come vediamo
La luce - colore (dal punto di vista del fisico)

700 nm 400 nm
Anche se non esiste una
relazione diretta e
semplice, il colore che
noi percepiamo dipen-
de dalla lunghezza d’on-
da della luce.

Le lunghezze d’onda più lunghe daranno la sensazione del rosso. Luci


di breve lunghezza d’onda daranno quella del blu-violetto.
Come vediamo
La luce - colore (dal punto di vista del fisico)

nero:
bianco: verde: arancio:
tutte le
tutte le sono sono
lunghezze
lunghezze assorbite le assorbite le
d’onda sono
d’onda sono lunghezze lunghezze
assorbite
riflesse d’onda d’onda ppiù
estreme dello brevi
spettro

Un oggetto opaco ci appare colorato poiché la sua superficie


assorbe alcune componenti della luce che lo raggiunge,
riflettendo più o meno intensamente le altre.
altre