Sei sulla pagina 1di 180

Il potere Divino nell'oscurità

Stregoneria verde II rivela molte tecniche per lavorare costruttivamente con gli apetti
ombra del Divino. In che modo potete usare l'ombra come forza positiva? Ecco due
possibilità....
L'energia dell'ombra sono forti durante le eclissi solari. Stregoneria verde II spiega
come collegarsi con le energie di quel momento per onorare gli antenati, rendere
visita agli spiriti dei deceduti, caricare strumenti magici, eliminare rabbia ed ostilità
ed anche superare la propia paura della morte così che, quando il Sole riapparirà, la
luce splenderà dentro di voi come sulla Terra.....
L'eclissi lunare può trasportarvi tra i mondi ed aiutarvi a trovare un compagno
dell'Altro Mondo. Il fare magie in questi momenti attira le energie della Dea nella sua
qualità di trasformatrice, che può mutare in realtà la vostra visione. Eseguite un
rituale per spillare questo potere quando la luna passa nell'ombra (l'Anziana raccoglie
i vostri desideri).... quando appare una scintilla di luce crescente ( l'Anziana passa i
vostri desideri nelle braccia della Giovane).. e quando la Luna si rivela ancora una
volta (la Madre dà la nascita ai vostri desideri)...
Stregoneria verde II descrive molte altre maniere in cui potete collegarvi all'energie
dell'ombra per liberarvi da paure profondamente radicate e da emozioni bloccate, per
ottenere i vostri scopi, accrescere la vostra pratica spirituale e amgica ed allinearvi
con l'equilibrio cosmico dell'universo.

Indice
1- Cos'è la stregoneria verde?
Meditazione: Tracciare i cerchi e rilasciare le paure
2- Chi sono la Dea e il Dio?
Meditazione: Cavalcare con la Muta Selvaggia
Meditazione: Svelare l'Anziana
Rituale della Luna Oscura: Consacrazione di uno strumento per l'Aspetto Oscuro.
3- Chi sono gli Elementali?
Rituale: Creare una Bottiglia degli Elementali
4- Cosa sono i poteri dell' Ombra?
Rituale: Rituale per la Luna dei Sidhe e la ricerca di un compagno
Meditazione: Meditazione per le vite passate.
5- Come vengono usati i poteri dell'Ombra?
Meditazione: Meditazione di conoscenza
Meditazione: Meditazione con le erbe: La caverna dell'Oracolo
6- Come si usa l' Ogham Celtico per la divinazione?
Incantesimo: Come passare i Midhe
7- Cosa sono le magie con le erbe dei poteri dell'Ombra?
Incantesimo: Esorcismo dei poteri dell'Ombra
8- Come si usano le pietre ed i cristalli?
Rituali: Dedicazione e ri-dedicazione di cristalli e pietre.
9- Cosa sono le meditazione della Stregoneria Verde?
Meditazione: Amalgamarsi con un albero
10- Familiari e Tarocchi
Stesa dei Tarocchi degli Elementali
Rituale: Dedicazione di un Familiare

Appendice A: Alcuni termini


Appendice B: Nomi di Dei e Dee
Appendice C: Alcuni pensieri sul mazzi di Tarocchi degli Sforza
Appendice D: Fornitori via Posta (U.S.A)
Appendice E: Specchi neri e bastoncini Ogham
Bibliografia scelta

Questo libro è dedicato agli Elementali


ed agli aspetti oscuri della Dea e del Dio.
Con i nostri fratelli ed amici con l'oscurità
e la luce siamo resi completi.

1
Cos'è la stregoneria Verde?
L'Arte Verde è quella che ho imparato da mia madre e che lei ha imparato da sua
madre. Al di là di questo, non ho registrazioni. La Stregoneria Verde è un tipo di Arte
erboristica e pratica di accrescimento del potere personale ed ha tre approcci base. Io
la conosco come l'Antica Religione, perchè è passata di generazione in generazione
nella mia linea materna Celto-Iberica. É la tradizione magica di base che è
fondamento di molte pratiche pagane e di stregoneria. "Verde" deriva dall'uso delle
erbe, dalla connessione con la Natura e dall'insieme delle credenze tradizionali del
Bosco o della Foresta.
La Strega Verde è una strega naturale, una strega ereditaria, una strega di cucina, una
strega nascosta e , generalmente, una strega solitaria. Questa strega non teme la
natura ed i boschi, ma li trova confortanti e familiari. La Strega Verde possiede un
senso di appartenenza e connessione con la terra e l'universo. Questo è quanto ho
cercato di condividere nel mio libro precedente Stregoneria Verde.
L'obbiettivo di questo mio libro è di espandere tale connessione fino ad includere
l'aspetto oscuro della magia: comprendere in cosa consiste identificare altri strumenti
e corrispondenze che riguardano l' Arte e le forze oscure ed imparare come lavorare
con queste forze. Imparando si agli aspetti luminosi che quelli in ombra della pratica
magica, una persona funziona come essere completo, connesso alla natura tutta e
all'universo.
I rituali della Stregoneria Verde possono essere pianificati ed eseguiti accuratamente
o possono essere spontanei e naturali. Gli articoli raccomandati per il lavoro magico
sono naturali ed imbevuti delle essenze e dei poteri della forza vitale interiore. La
Strega Verde rispetta i poteri e gli spiriti della natura e, lavorando con loro, sa che
queste energie non muoiono mai, ma possono essere dirette per ottenere uno
scopo.Così, quando usiamo un erba per un incantesimo, l'energia di quell'erba viene
indirizzata ed invocata per lavorare con noi nel creare l'effetto che desideriamo.
Quando bruciate un erba alla fiamma di una candela durante un rituale, state
rilasciando quell'energia affinchè si mescoli alla vostra per dirigerla nelle vostre
magie. La magia , dopotutto, è l'arte di creare dei cambiamenti.
Nella magia che utilizza i poteri dell'ombra vengono utilizzati strumenti ed erbe con
aspetti energetici ombra per attirare e concentrare le energie dell'ombra verso
l'ottenimento di un fine.
Questo non è satanico nè maligno. Nell'Arte non esiste alcun diavolo; il male eè
nell'intento dell'uomo. I poteri dell'ombra sono mo,lto forti e possono avere un effetto
stupefacente quando vengono diretti per la guarigione, ad esempio. La cosa più
importante , naturalmente , è che fino a quando una persona non riesce ad accettare
che l'intera natura, l'universo e la vita sono una mescolanza di luce e ombra, quella
persona non sarà connessa totalmente al Tutto e non sarà una strega completa. Deve
essere in grado di riconoscere, usare e dirigere il potere in tutteb le sue forme, per
essere completi. Un corso intensivo di Arte verde vi aiuterà a centrarvi a terra.
La pratica Verde come arte popolare
Esistono tre approcci base all'Arte Verde. La prima è sotto l'ombrello della religione
prevalente, che sia di denominazione cristiana o giudaica, islamica, buddhista o
induista. Le prime tre religioni citate sono predominanti in America ed hanno in
comune l'idea che la propia fede sia vera. Questo concetto di "Vera Fede" esiste fino
ad un certo punto anche nell'Induismo, in particolare nella sua derivazione, il
Buddhismo. Nel Paganesimo dell'antico Medio oriente e dell' antica Europa, le
religioni degli altri pagani venivano trattati normalmente come uguali. Siccome le
moderne religioni della Vera Fede si sono sviluppater all'interno di società pagane,
ognuna di queste religioni ha mantenuto la propia tradizione magica naturale e locale.
Queste magie giacciono al di sotto della superficie della religione praticata e vengono
o tollerate come superstizione, o minimizzate o dichiarate eresie quando un praticante
di questa fede viene scoperto a fare queste pratiche.
Un modo di praticare l'Arte è di operare magie usando i nuovi nomi delle divinità di
potere. Ognuna delle moderne religioni sopra citate ( che hanno tra i 2000 ed i 2600
anni, ad eccezione dell'Induismo che, pur avendo 3000 anni , fa parte della antica
tradizione Dravidica dell'India, risalente a 30000 anni fa), ha adottato nel propio
sistema religioso una qualche parte della tradizione pagana pre-esistente. Molte di
queste tradizioni sono semplicemente state rinominate, a sottointendere che l'antica
pratica pagana è in realtà moderna. Alcune delle cose familiari che sono state adottate
ed accettate dalla nuova religione del Cristianesimo sono gli alberi di Natale, Babbo
natale, il Coniglietto Pasquale, le ceste di Pasqua, le danze intorno al Palo di Maggio
e le feste del Ringraziamento. Tutte queste erano espressioni pagane di celebrazioni
religiose ed alcune di queste (come l'uso dell'agrifoglio, del vischio e degli alberi di
natale) sono state condannate a parole dal clero fino a pochi decenni or sono (anche il
Presidente Teddy Roosevelt era contrario al decorare gli alberi).
Quando vi impegnate in tali attività, state richiamando un antica eredità pagana.
Per lo stesso principio, le divinità di una religione di massa possono venire facilmente
assimilate nella cultura pagana. Così potete identificare il Dio come Gesù, Krishna o
chiunque la vostra cultura chiami il divino e connettervi con il potere simbolico di
tale divinità. Per la Dea, vi è sempre un potere femminile da invocare:Maria, la
Madre di Dio, Sarah, Hagar, Durga, la Madre di Buddha o una santa. Il Cattolicesimo
è famoso per il suo uso di santi in incantesimi che vengono derisi o ignorati dalla
Chiesa. La gente non viene condannata perchè appenda ad un muro una statua di
Sant'Antonio, se questo risponde ai suoi bisogni, o perchè seppellisce in cortile una
statua di San Benedetto o San Giuseppe fino a quando non si riesce a vendere la
propia casa.
Molte magie pagane sono filtrate attraverso le religioni moderne.
Quando fate uso di queste pratiche- accendere candele agli altari, posare fiori alle
fonti, usare segni magici(tuttora popolari tra gli Olandesi della Pennsylvania) e così
via-, state praticando l'Arte Verde come parte della religione dominante. Se evitate di
camminare sotto ad una scala , gettate sale oltre la spalla quando ne versate un po',
cambiate strada quando incrociate un gatto nero o fate le corna con le dita quando
qualcuno vi guarda in maniera strana, state praticando le vecchie magie. Si evita la
scala per timore di essere posti sotto ad altri che vi userebbero come gradino per
progredire nelle loro vite. Gettare sale sopra la spalla sinistra per scongiurare la
carenza futura della sostanza che è stata versata. Vi voltate per evitare la strada
attraversata dal gatto nero per evitare che altri vi rubino le vostre energie positive ( a
meno che non siate in grado di collegarvi con i gatti neri ed usare la stessa energia per
accrescere le vostre energie e ridirezionarle contro chi vi fa opposizione). Fate le
corna per deflettere e respingere qualunque negatività inviatevi. Queste sono tutte
magie usate sotto l'egida delle religioni predominanti.
Mia nonna era una guaritrice rinomata. Nel suo lavoro usava le erbe ed invocava
anche Il Potere. Nessuno la chiamava strega ma la gente sapeva che era in grado di
fare qualcosa per aiutarli. Ella non abusava del propio potere ed era un membro
rispettato della sua spocietà a predominanza cattolica. Le sue magie erano molto di
più delle comuni superstizioni appena citate. Ella camminava sul filo del rasoio per
evitare la persecuzione, mischiando l' Antica Religionecon i santi e le immagini del
Dio e delle Dee cattolici per dirigere la sua energia. Le streghe moderne che invocano
varie forme cristianizzate delle energie-gli angeli, i santi e lo Spirito Santo- lavorano
nel contesto predominante. Anche l'adattare all'interno della stregoneria una religione
socialmente accettabile, anche se non predominante – come le credenze dei Nativi
Americani, deio Tibetani, dei Buddhisti o degli Indù- può essere utile per deflettere le
critiche o per collegare le pratiche dell'Arte a ciò che è più familiare alla società.
Le pratiche Verdi come magie personali
Questo tipo di Arte Verde è una stregoneria naturale che ignora completamente le
trappole della religione. É l'elevazione di Mannuz ( mia madre la pronunciava
"Mahan-nù": L'Umano; il simbolo runico è Mannaz: Il Sè) all'unione con l'universo.
Il potere personale della strega viene accresciuto e concentrato tramite oggetti
naturalie diretto verso l'ottenimento di uno scopo. Siccome il Sè è parte del Tutto, il
Tutto è parte del Sè e può essere attirato all'interno del Sè, concentrato e diretto verso
un obbiettivo. Il Sè diventa uno con il Divino. La magia cerimoniale antica era basata
sull'idea dell'assorbire il Tutto nel Sè per rendere "Dio" il mago. Lo svantaggio
dell'approccio cerimoniale è che richiede l'accettazione della cosmologia e della
divinità della religione predominante, distanziando la pratica magica dall'Antica
Religione.
Per operare magie con il potere personale , dovete accettare di avere quel potere ma il
potere che attirate si basa su ciò che avete.Se siete pieni di rabbia, attirerete quel
potere. Se siete in pace, attirerete quel potere. Se siete invidiosi e gelosi, il vostro
potere viene mutato e auto-limitato, ma potete imparare a ridirezionare questi
sentimenti eliminando, per esempio, l'invidia e la gelosia ed invece concentrandovi
sul miglioramento di ciò di cui sentite la carenza, così il vostro potere verrà
accresciuto. Il potere viene dissipato e disperso se il vostro approccio è quello di
distruggere il potere di un rivale. Odiare un' altra persona perchè ha qualcosa che
pensate manchi a voi causerà solo una dispersione del vostro potere. Anche quella
persona fà parte del tutto. Il successo arriverà solo se voi lavorerete per il vostro Sè,
non contro il Sè di qualcun'altro.
In questo tipo di pratica, gli oggetti della natura acquistano un grande significato.
Ecco allora che la strega comincia a codificare una tabella di corrispondenze per un
pratico Libri degli Incantesimi o un Libro delle Ombre. La strega giudica l'efficacia
delle associazioni di erbe e di altre piante per vari scopi. I colori e le loro impressioni
sullo spirito e sulla mente della strega diventano concreti, ma adattabili a seconda dei
bisogni e delle disponibilità. Gli oggetti naturali che vengono usati per le loro energie
intrinseche possono essere penne , rocce, bastoni, ciottoli, cristalli, minerali o venti,
acqua , fuoco e terra.
Vengono interpellati gli Elementi e viene sviluppato l'uso del rituale in un lavoro
consapevole di incantesimo. Strumenti magici quali coltelli (il coltello rituale dal
manico nero chiamato athame ed il coltello da lavoro con il manico bianco o marrone
chiamato bolline), bacchette, palle di cristallo e carte divinatorie vengono accumulati
ed imbevuti del potere della strega. Gli olii e gli incensi vengono divisi per categora,
un Libro degli Incantesimi o un Libro delle ombre diventa per la strega la guida allo
sviluppo di una pratica di successo. Talvolta giunge a sorpresa la divinazione
spontanea ma, quando il Sè si unisce sempre più al Tutto, diventando Mannuz, le cose
cominciano ad accadere naturalmente. Questo tipo di pratica è molto energizzante e
dà molto potere personale e la religione non vi ha parte alcuna. Siete voi ed il Tutto
senza nome che lavorate assieme.
Con la magia personale, siete liberi di attirare qualunque cosa colpisca la vostra
immaginazione, perchè tutte le cose hanno una relazione che potete comprendere. Se
decidete di rafforzare gli incantesimi con i nomi antichi delle divinità, potreste
rimanere sorpresi nello scoprire che molti di essi sono ora nomi di demoni e diavoli.
Astaroth, Astoreth, Asamodeus, Lucifer ed altri sono demoni e diavoli che in origine
erano Dei e Dee (le terminazioni femminili sono state mutate in maschili per
nascondere il fatto che le femmine avessero potere celeste). Inoltre , qui non vi è
"adorazione".
I cerimonialisti di un tempo usavano Nomi di Potere per creare una frenesia
energetica attraverso la sensazione intuitiva subconscia dei nomi. Se alcuni nomi vi
appaiono intriganti o utili, essi assumeranno il potere che voi gli ascriverete. Così, un
Och di una strega (un Och è uno spirito Olimpico) non darà la stessa sensazione di
quello di un'altra strega e non si accoppierà con gli och dei cerimonialisti.
In questa pratica, tutto ciò che viene sentito personalmente dalal strega è di uso
accettabile. Il pentagramma, i sigilli dei pianeti, gli Elementali, eccetara assumono i
significati sentiti dalla strega nel corso del loro utilizzo, a patto che la strega abbia
potere e fiducia in se stessa bastante per plasmare ciò che usa. Una volta ancora, ecco
che il potere viene dall'interno per diventare Mannunz; il Sè in quanto Dio può
dirigere il potere in qualunque modo desideri. Per qualcuno all'inizio della pratica
dell'Arte, raccomanderei di evitare le trappole cerimoniali a meno di non sentirsi a
propio agio con esse e di sentire il propio potere.
Vi sono molti libri, come Black Arts di Richard Cavandish e The complete Book of
Spells, Ceremonies e Magic Di Migene Gonzàles-Wippler (vedere la bibliografia per i
dettagli sulla pubblicazione) che riportano nomi di potere, gli Spiriti Olimpici,
demoni, diavoli, angeli ed arcangeli. Alcuni nomi sono variazioni dei nomi cabalistici
(sistema magico mediovale Ebraico adottato dai cerimonialisti europei) di Dio.
Altri sono derivazioni di nomi ricordati imperfettamente dai giorni del paganesimo ed
altri ancora sono semplicemente costruiti. Oggi, lo stile più moderno di invocazione
viene chiamato parlare in lingue e viene accettato in alcune denominazioni cristiane
come mezzo per collegarsi con il Divino. Va bene anche per la stregoneria.
La chiave del praticante con successo la magia attraverso il potere personale della
strega è di essere onesti con se stessi e seguire i propi istinti. Una delle chiavi
universalmente riconosciute per il potere è stata affermata con semplicità da Socrate:
"Conosci te stesso". Una strega non solo manipola le energie dell'universo, una strega
cresce interiormente per influenzare quello che in queste energie è carente. La
Prefazione del Sè è un obbiettivo costante ed è un qualcosa che viene perseguito per
tutta la vita come preziosa. Fa parte dell'Antica Religione il fatto che l'individuo di
questo capitolo sono linee guida per il vostro successo.
La pratica Verde come religione
Questo aspetto dell'Arte Verde identifica la Dea ed il Dio come compagni di lavoro
della strega dedicata. É qui che la strega si trova volontariamente di fronte al Divino
in qualità di Dea e Dio e li chiama in aiuto, per avere conforto, amore, unità. Come
introduzione alle divinità dell'Arte, c'è una auto-iniziazione, seguita più tardi (un
anno ed un giorno o anche di più) da un auto-dedicazione per una unione completa
con il Divino. La pratica della stregoneria viene fatta in giorni speciali di osservanza
religiosa. Vengono onorati i Sabbat e gli Esbat e vi possono essere altri giorni con un
significato religioso per la Grande Dea ed il Grande Dio, che onorano i loro vari
aspetti e manifestazioni. Un libro dei giorni pagano o un Almanacco Magico vi
daranno un idea dei giorni speciali che potreste desiderare osservare nella vostra
pratica dell' Arte.
Con l'Arte come religione, la strega dirige molta della magia tramite le immagini
personali del Dio e della Dea. Nella Stregoneria Verde, i poteri dell'universo vengono
identificati come maschile e femminile in equilibrio. Questo è di grande aiuto per
concentrare il potere ed accrescere l'energia, perchè è un' associazione riconoscibile.
Vi sono molti pantheon tra cui scegliere, se non ne avete uno che possa riferirsi alla
vostra eredità familiare. Talvolta, nell'adottare un pantheon potreste notare qualcosa
di pressochè mescolato, ma quando studiate la religione comprenderete che quelle
varie forme hanno le stesse radici. L'idea Druidica che tutte gli Dei e le Dee siano lo
stesso Dio e Dea è applicabile. Solo i nomi degli aspetti divini variano da una cultura
all'altra, ma gli archetipi rimangono gli stessi. Così, ci si può anche rivolgere a loro
senza nomi, semplicemente come Signora e Signore o il Dio e la Dea.
È con la pratica dell' Arte in quanto religione che i rituali per i passaggi della vita
(matrimonio, divorzio, battesimo, crescita- venuta dell'età-, morte) e da quattro ad
otto sabbat vengono spesso aggiunti al Libro degli Incantesimi o vengono messi in un
Libro dei Rituali a parte. Io uso sia un Libro degli Incantesimi che uno dei Rituali
nella mia pratica. Nel redigere i vostri rituali personali, potete attingere da altri ( ho
dato vari esempi di vari rituali in stregoneria Verde) o farli come sentite giusti per
voi. Troverete che le variazioni vi arriveranno e questo è naturale. Nel corso degli
anni, una strega affinerà la propia pratica personale.
Vi sono streghe che elevano una divinità sopra un'altra, mostrando una preferenza per
un aaspetto della Dea o del Dio, per esempio, ma la Stregoneria Verde è radicata
nell'equilibrio e nella partnership. Nel Divino, i Due sono Uno. Ci si può rivolgere ad
un aspetto del Tutto ma non viene ignorato l'altro aspetto. Questo fa parte della
completezza. Non solo dovete essere in grado di unire la luce e l'ombra nel vostra Sè,
dovete unire il maschile interiore ed il femminile interiore per far sì che il vostro Sè
sia Mannuz, il Divino interiore.
Non vi sono livelli o avanzamenti, nella Stregoneria Verde, ma stili si pratica. Quello
che una strega trova migliore, un' altra può non trovarla. Tutti e tre gli stili di uso
della magia generano ugualmente potere, perchè questo viene determinato dal potere
interiore sviluppato dalla strega praticante. Basilare per tutti' comunque, e che
incrocia tutti gli stili di pratica sono le Regole di Condotta.
Le Regole di Condotta
Mia madre mi ha ripetuto molte volte queste regole. Sua madre ha fatto lo stesso con
lei e queste stesse regole si trovano in forme diverse in varie tradizioni di congreghe
Wicca. Ecco ciò che lei diceva a me:
-Per conoscere il potere devi sentirlo nel tuo cuore e conoscerlo nella tua mente.
-Stai attenta a ciò che fai
-Stai attenta a chi dai fiducia
-Non usare il potere per danneggiare qualcuno, perchè quello che viene inviato
ritorna indietro.
-Non usare mai il potere contro qualcuno che ha il potere, perchè entrambi attingete
dalla stessa fonte.
Per usare il potere devi sentirlo nel tuo cuore e conoscerlo nella tua mente. L'Arte
Verde è molto interiore. Non dovete vestirvi di nero e sembrare "streghe" per essere
una strega, ma dovete sentire il potere dentro di voi e forse verrete attratti dal vestire
in nero o da qualcosa di distintivo nell'apparire. Il rivolgersi agli aspetti luminosi ed
oscuri del Divino aiuta la persona ad accettare che esiste un potere interiore
individuale a disposizione. Come la maggior parte della partica magica nell'Arte
Verde quello che fa funzionare la magia è la sensazione omnicomprensiva di
conoscenza. Credere in se stessi per credere nel propio potere magico. Una volta che
avrete provato quella sensazione di essere in unione con il potere, non la scorderete
più.
Stai attenta a ciò che fai. Con questo potere, arriva l'avvertimento ad esaminare le
propie motivazioni e la direzione in cui volete muovere il vostro potere. Di nuovo,
questo si ricollega al conoscere se stessi ma anche al comprendere una vasta gamma
di approcci ad un problema o ad un desiderio. Talvolta, ciò che appare la via più
semplice per ottenere qualcosa è una scorciatoia con una gamma reale di risultati
soddisfacenti che vanno dal poco al nulla. Pensate perciò a ciò che fate alle possibili
conseguenze.
Per esempio, se vostro mario (o vostra moglie) flirta (o peggio) con un' altra donna
(uomo), prima di decidere se potete passare sopra a questo suo difetto e volete
mantenere lavostra relazione con lui (lei). Se decidete che potete farlo e lo fate ,
allora dovete decidere in che maniera dirigere il vostro potere per rimuovere il
problema. Se l'altra donna (uomo) appare essere la causa principale, semplicemente
fate per lei (lui) un incantesimo d'amore perchè trovi qualcun'altro. Se il problema è il
(la) coniuge o voi stessi, bisogna che chi si è intromesso se ne vada via.
Stai attenta a chi dai fiducia. Come strega, la fiducia è molto importante. Avete
fiducia nel fatto che il Divino ed il Potere siano parte di voi, ma vi sono persone
meno collegate o con meno potere che temono una strega potente. Molte streghe
(presumo la maggior parte) stanno nascoste semplicemnte per evitare spiacevolezze
da parte dei vicini o dei propri cari. In una congrega c'è sempre il pericolo che uno
dei membri se la prenda con gli altri, vuoi per desiderio di potere o per abbandono
della via della congrega. È già accaduto e le conseguenze possono variare dal recare
disturbo (con scritti, lettere. Telefonate) ad un qualcosa di più allarmante (dispute in
pubblico). Non vi è nulla che diminuisca maggiormente l'entusiasmo di una strega
per una congrega del comportamento scorretto di uno dei membri. Se fate parte di
una congrega, cercate di trovare persone al vostro stesso livello di potere e che non
cerchino di dominare o modellare il gruppo al pensiero di una sola persona. Se
sentite che qualcosa non va ascoltate il vostro intuito ed evitate ciò che vi crea
fastidio.
Dovreste stare attenti anche a non permettere che altri prosciughino il vostro potere.
Se siete generosi per natura, ci saranno persone che vi succhieranno via il vostro
potere per accrescere il loro. Questa è una cosa che avviene in maniera molto sottile e
può sfociare in gelosie e rivalità. La persona che risucchia il potere ad un'altra tende a
desiderare di provare che quel potere che stà sperimentando è suo e solitamente,
l'unico modo per determinare la realtà è quello di lanciarlo a colui da cui è atato
attinto. Naturalmente, questo semplicemente non funziona.
Non usare il potere per danneggiare qualcuno, perchè quello che viene inviato
ritorna indietro. Quando fate degli incantesimi considerate le cose dalla prospettiva
delle altre persone. È necessario avere un cuore gentile, anche quando si sta provando
rabbia . Voi sapete istintivamente quando qualcosa è sbagliato, perciò usare i potere
per danneggiare qualcuno significa enfatizzare un aspetto del vostro Sè fuori
controllo, cosa che vi prosciuga del vostro potere e vi toglie energie. Il risultato sarà
che, visto che il vostro Sè Superiore sa che ciò è sbagliato, esso invertirà la direzione
dell'energia facendola tornare a voi.
In termini di evoluzione spirituale, il lanciare incantesimi danneggianti ad altri
danneggierà infine voi stessi. La Strega Verde non si mette in questa posizione
negativa. Vi sono molte maniere di affronatre i problemi. Alcuni di questi problemi
sono lì per aiutare la vostra crescita ed il modo in cui li affrontate avranno un effetto
duraturo su di voi – perchè siete voi che dovrete ricordare negli anni a venire ciò che
avete fatto. Quando la gente parla di esperienze di pre-morte in cui passano davanti ai
loro occhi vite intere, la cosa più importante da notare tra quelle che alcuni di essi
dicono è che ricordano tutte le cose negative che hanno fatto. Quando si risvegliano
alla vita sono cambiati, perchè ora comprendono le conseguenze delle loro azioni
negative e desiderano porvi rimedio. Noi ci auto-giudichiamo. La Strega Verde si
sforza di essere in connessione con il Tutto e di essere padrona di se stessa.
Non usare mai il potere contro qualcuno che ha il potere, perchè entrambi
attingete dalla stessa fonte. Ancora più dell' evitare di danneggiare il vostro stesso
potere, l'usarlo conto qualcuno che a sua volta lo possiede è garanzia del ritorno del
potere stesso. Mia madre non mi ha parlato di un ritorno di potere tre volte superiore,
ma solo di un ritorno uguale. È interessante notere che i cerimonialisti del medioevo
la pensavano allo stesso modo e non consideravano una legge del triplice ritorno
( come viene comunemente visto oggi nella Wicca), ma pesavano che il potere
inviato ritornasse se l'incatesimo falliva. Questo implica che ci lo invia deve avere il
potere ma non esserne il ricevente. Questo i ricorda ciò che diceva mia madre
riguardo a coloro che attingono il potere dalla stessa fonte.
Praticamente si può considerare le streghe come uan famiglia, uan famiglia nel senso
tradizionale di persone particolari collegate tra loro da legami di sangue e linea
ereditaria. Questa è l'espressione del clan tramite il potere. Se siete una strega, allora
le streghe sono la vostra gente, i vostri parenti, e voi non lavorate contro i vostri
parenti. L'importanza della parentela era forte nella società Celtica e ne rimane un'
influenza vitale nelle terre che furono toccate dai popoli Celtici. Molte congreghe
wiccan conservano questa ammonizione nelle parole "felice incontro, felice partenza
e felice reincontro". Una strega dovrebbe sentirsi al sicuro in compagnia di altre
streghe e questa regola dovrebbe dimorare tra loro.
Il comportamento
Su questo argomento si potrebbe scrivere molto, ma voglio solo parlare di quello che
è necessario nella Stregoneria Verde per avere degli incontri positivi nell'Altro
Mondo. Parte del lavoro con le forze dell'ombra comprende i Sidhe (pronuncia Shee),
chiamati anche il Popolo Fatato, L'Altro Popolo, i Gentili. Una delle ragioni per cui la
strega contatta questi esseri è di ottenere aiuto per la magia che sta per essere eseguita
. La prima regola per lavorare con i Gentili è che dovete fare un dono per ricevere un
dono. Facendo un dono in offerta agli esseri Fatati, vi ponete in relazione con l'Altro
Popolo. Quello che solitamente essi accettano sono latte, fiori, vino, liquore, wiskey,
birra, avena, grano o erbe.
Gli appartenenti al Popolo Fatato sono spiriti di natura. Sono le energie e le aure di
piante, rocce ed acque. Isidhe, o Elfi, vengono chiamati l'Altro popolo e possono
essere considerati una specie a sè, la più antica tra quelle della terra, oppure come
energie del Popolo Fatatoche permanano dagli oggetti naturali. Alcuni credono che i
Sidhe siano le energie spirituali dei morti che si sono spostate dalla Terra Dell'Estate
(una terra tranquilla di riposo e rivitalizzazione prima della rinascita) nell'Altro
Mondo (la Terra della Non- Morte) senza avere alcun desiderio di rinascere. Una
persona potrebbe anche, nel significato Sanskrito della parola, diventare Sidhe
(energizzato) grazie all'apertura della propia consapevolezzaed al permettere
all'energia di fluire (la connessione tra l'India ed i Sidhe viene esplorata nel mio libro
Dancing Shadows, Llewellyn Publications, 1994). Si può sperimentare la
coabitazione con i Sidhe tramite il viaggio astrale, la meditazione e grazie ad una
fusione delle barriere tra i mondi (come tramite invito).
Lo scopo dell'offrire è quello di invitare l' Altro Popolo a trovarci o a dimorare nelle
vicinanze, laddove la loro influenza potrà unirsi alla vostra in luoghi vicini a voi
familiari. Vengono fatte delle offerte anche come mezzo di partecipazione alle
celebrazioni delle Fate. Potete usare le offerte per chiedere loro aiuto per un
incantesimo o altre magie, oppure per avere da loro benedizioni ma, più di tutto, le
offerte sono espressioni di amicizia. Vi state collegando a loro e loro a voi. Nella
pratica dell'Arte Verde, le offerte vengono usate anche per mostrare il vostro
apprezzamento per il loro aiuto e la loro benefica presenza.
Mia madre è stata piuttosto esplicita riguardo al modo in cui esprimere la propia
graditudine all' Altro Popolo. Non potevamo mai dire "grazie", perchè lei diceva che
questo sarebbe stato un insulto per i Sidhe. Viene considerato un congedo. Non solo
un "grazie" inopportuno farebbe terminare la relazione che avete con i Sidhe, ma
taglierebbe anche il legame tra i Gentili ed il dono. Sarebbe piuttosto grezzamente
superficiale dirlo.
Invece didire "grazie", dovete essere creativi e sinceri. Dite quanto vi piace il dono,
descrivete cosa vi piace in esso ed esprimete affetto per il donatore. Vi sono molte
vecchie storie sugli Esseri Fatati che parlano di doni delle Fate che svaniscono
quando vengono ringraziate o della grande fortuna che arriva a coloro che esprimono
apprezzamento con altre parole.
Non rifiutate mai un dono degli Esseri Fatati. Si tratta di piccoli oggetti che
compaiono apparentemente dal nulla. Proverete nei loro confronti una sensazione che
vi farà capire cosa sono. Talvolta si tratta di cose semplici come dei baccelli di semi
che rendono perfetti i vasi sull'altare o un ciottolo lucente che brilla verso di voi.
Talvolta gli Esseri Fatati vi faranno un dono semplicemente per rafforzare il
collegamento tra voi e loro. Una volta lasciai crescere il giardino per un po' di tempo
autonomamente, poi mi diedi da fare per riordinarlo. Quella notte venne lasciata
davanti alla mia porta di casa una piuma, un dono che mostrava il loro apprezzamento
e mi ricordava che la condizione del giardino era importante per loro. Conservando il
vostro fanciullesco senso di meraviglia riguardo alla natura, potrete aprire i cancelli
tra i mondi molto più facilmente.
Altra cosa importante riguardo al comportamento è il vecchio detto che dovete essere
un buon amico per avere un buon amico. Nel caso del Popolo Fatato, non usate la
ginestra nei rituali per i Sidhe o nei lavori con l'Altro Mondo. Se volete fare molte
magie fatate, non dovreste avere piante di ginestra nel cortile o intorno alla casa.
Anche la paglia talvolta è abitata dal Popolo Fatato, perciò maneggiatela con
attenzione. Potete anche chiamare un Essere Fatato nella paglia, quindi lasciare la
paglia all'interno della porta di casa vostra per farle la guardia in vostra assenza o per
vegliare contro le interruzioni mentre state eseguendo delle magie. Se dovete bruciare
la paglia,dovete prima avvertirne gli abitanti e provvedere ad un luogo in cui possano
trasferirsi.
Non usate il ferro negli strumenti e nei lavori dell'Arte che comprendono il Popolo
Fatato, nonostante l'invocazione di Wayland Smith (un fabbro Fatato) costituisca una
notevole eccezione a questa regola. Egli può essere chiamato per avere aiuto
nell'ottenimento di nuovi strumenti. Strumenti di rame, stagno, oro, argento ed
amalgame sono preferibili a quelli di ferro. Anche la ceramica è accettabile, così
come altre sostanze naturali quali i baccelli di seme per farne ciotole, conchiglie per i
piatti e zucche vuote come coppe. In questi oggetti naturali vi è molto di fatato.
Benchè vi sia una simpatica filastrocca che dice che i Gentili non amano essere
chiamati "Fate" ma preferirebbero essere chiamati "i Buoni Vicini" per essere tali, io
penso dipenda dal modo in cui vengono usati questi termini storici e familiari. Se
vengono usate in maniera diminutiva, non importa quali parole siano e lo stesso vale
per le parole usate in tono rispettoso.
Con in mente queste basi dell'Arte, ora possiamo procedere a scoprire il Dio e la Dea
della Stregoneria e gli Elementali.
Meditazione
Creare il cerchio e rilasciare le propie paure prima di lavorare con il Potere
dell'Ombra.
Lo scopo di questa meditazione è di aiutare a rilasciare le paure che potreste avere, in
modo da essere il grado di lavorare con le forze dell'Ombra del Divino. Gli aspetti
ombra della Dea e del Dio vengono chiamati l'Anziana e il Cacciatore (o Signora
Oscura e Signore Oscuro, Signora e Signore delle Ombre e così via). A causa delle
moderne associazioni dell'ombra con il male, piuttosto che con l'equilibrio della luce,
potreste avere imparato a temere gli aspetti oscuri. Con la comprensione dell'aspetto
ombra della Divinità diventate psicologicamente uniti alla completezza del'universo
ed acquistate potere. Considerare l'energia dell'Anziana/ del Cacciatore come parte
del ciclo vitale ed avere accesso a questo potere può liberare uan persona dalla paura
dell'ignoto, dela morte e dell'oscurità, portandola ad una maggiore unione con il
Tutto. La meditazione che segue viene suggerita come aiuto per aprire la linea di
comunicazione tra voi ed i poteri dell'ombra, affrontando e lasciando andare le paure
le ansietà che possono avere fatto parte per molti anni della vostra vita.
Dopo un lungo bagno caldo a lume di candela profumato con erbe ( rosmarino,
basilico, timo e valeriana) poste in un sacchettino di mussola, potreste desiderare di
vestirvi in maniera confortevole, con vesti che riservate alle attività ed ai rituali
magici, o con qualunque cosa vi sia naturale. Abbiate cura di essere in un luogo dove
non sarete disturbati e spegnete la luce. Quando la meditazione sarà terminata,
concentratevi nuovamente sul mondo di ogni giorno mangiando e bevendo qualcosa o
facendo qualche faccenda di casa.
Non è necessario avere della musica di sottofondo, nonostante alcuni amino avere
della musica morbida che ricorda i suoni della terra, il fluire delle acque, il mare con
le grida dei gabbiani, il vento nella foresta e così via. Mettete gli oggetti che userete
ed il rinfresco all'interno dell'area che intendete usare per il vostro cerchio.
Il creare un cerchio come spazio sacro aggiunge un senso di conforto e tranquillità in
una meditazione. Il modello che segue è tipico , nella Stregoneria Verde, ed invoca
l'aiuto degli Elementali. I quattro Elementali, di cui parleremo nel capitolo 3, possono
a questo punto essere chiamati con la consapevolezza che sono le quattro essenze
della vita: Terra, Aria, Fuoco ed Acqua.
Per creare un cerchi per la meditazione accendete un incenso, per esempio di sandalo
o frankincense, ed una candela color porpora. Questi profumi e colori simboleggiano
la crescita spirituale e la purificazione. Se lavorate fuori casa, camminate intorno alla
vostra area di meditazione con un bastone, un bastoncino o un ramoscello, tracciando
un anello sul terreno intorno a voi. Se siete in casa fate la stessa cosa ma visualizzate
l'anello che appare sul pavimento mentre lo tracciate. Si può tracciare un cerchio
anche usando un coltello o il dito indice della "mano di potere" (proiettiva n.d.t.), la
mano che preferite. Quando il cerchio è tracciato , visualizzate l'energia della Terra
attraversare il vostro corpo ed uscire sotto forma di luce blu dallo strumento o dal dito
che state usando per indicare la circonferenza della sfera magica intorno a voi.
Camminate in senso antiorario per formare l'anello in cui mediterete , cominciando
da nord. Il movimento è antiorario per enfantizzare che l'aspetto di questa
meditazione è quello dell'ombra. La posizione d'inizio è il nord per enfantizzare il
regno del Signore Oscuro e della Signora Oscura che è anche il regno dell'
Elementale Terra. Mentre create il cerchio dite:
Il cerchio è tracciato come Cerchio di potere intorno a me,
sopra di me e sotto di me in una sfera che attraversa
tutti i confini in tutti i piani.
Se il vostro stile dell'Arte usa riferimenti religiosi potete aggiungere:
Creato e consacrato alla Signora ed al Signore
(nomi delle Divinità)
e caricato per i poteri degli Antichi!
Una volta che il cerchio è tracciato, deponete lo strumento e prendete l'incenso,
camminate lungo l'anello e diffondete il fumo dell'incenso con la mano, una penna
scura, foglie o ramoscello e dite:
Questo cerchio è ripulito e purificato dalla fragranza
e dal fumo.
Riponete l'incenso in un luogo sicuro a sud del cerchio, considerandolo come il fuoco
ed il fumo della cremazione e dell'inumazione rituale.
Andate a nord del cerchio con la candela e dite:
Ti do il benvenuto nel mio cerchio, Elementale Terra
Siccome io sono di carne ed ossa, noi siamo parenti e amici
(strettamente connessi)
ed io ti invoco affinchè vegli su di me, mi aiuti
e mi guidi nei miei viaggi.
Spostatevi ad ovest e dite:
Ti do il benvenuto nel mio cerchio, Elementale Acqua.
Siccome io sono acqua e sangue, noi siamo parenti e amici
ed io ti invoco affinchè vegli su di me, mi aiuti
e mi guidi nei miei viaggi.
Spostatevi a sud e dite:
Ti do il benvenuto nel mio cerchio, Elementale Fuoco.
Siccome io sono di calore ed energia, noi siamo parenti ed amici
ed io ti invoco affinchè vegli su di me, mi aiuti
e mi guidi nei miei viaggi.
Spostatevi ad est e dite:
Ti do il benvenuto nel mio cerchio, Elementale .
Siccome io sono di pensiero e di respiro, noi siamo parenti ed amici
ed io ti invoco affinchè vegli su di me, mi aiuti
e mi guidi nei miei viaggi.
Deponete la candela a nord del cerchio in un luogo sicuro, in cui non possa cadere o
essere colpita. Il candeliere dovrebbe essere posto su qualcosa, come una piastrella,
che lo tenga fermo ed eviti che la superfice su cui viene posto si danneggi (in
particolare se siete in casa e su un tappeto). É la luce che brilla nella Terra delle
Ombre , la Lampada che illumina la via verso la saggezza.
Sedete al centro del cerchio rivolti a nord. Se usate una sedia dritta , mettete i piedi
ben piantati sul pavimento ( non tenete incrociate le gambe) e le mani a riposo con le
palme all'insù sul grembo, l'una dentro l'altra, o a palme all'ingiù sulle ginocchia.
Potreste volere sedere in una posizione confortevole sul pavimento con le mani poste
allo stesso modo o a palme giù sulle ginocchia. La vostra schiena dovrebbe essere
dridda, per permettere al flusso energetico di fluire lungo la vostra spina dorsale
senza costrizioni . Ora siete pronti per lasciare andare le consapevolezze mondane
della vita quotidiana e spostarvi nel vostro Sè interiore.
Respirate profondamente ed esalate, ripetete. Ora cominciate un semplice esercizio di
respirazione consistente nell'inalare contando fino a due trattenere l'aria contando fino
ad uno e quindi rilasciarla contando fino a due, trattenete il vuoto contando fino ad
uno, eccetera. È normale che la mente vaghi, quando cominciate per la prima volta
questa meditazione, ma con la pratica diventerà più semplice spegnere l'interruttore.
Quando la mente conscia sarà a riposo, sarete pronti per aprire la mente subconscia
ed accedere all' universo, perciò non sorprendetevi se ciò che vi circonda sembra
cambiare. Potrebbero occorrere alcuni tentativi per oltrepassare questo stadio se
permettete alla mente conscia di avvertirvi del cambiamento e di fare ritirare la mente
subconscia.Una volta che la mente conscia sarà tranquilla, sarete in grado di
continuare.
Ora siete pronti per identificare e scacciare le vostre paure, così da essere in grado di
prendere contatto con le forze dell'ombra. In questa atmosfera di sicurezza potrete
riconoscere le tensioni e le ansietà non focalizzate. Sostituire alla caverna dell'eremita
che viene usata in questo esempio con qualche altro luogo che vi fa sentire sicuri, se
la caverna non è di vostro gradimento. Altrimenti visualizzate voi stessi in una
piccola caverna circolare con un entrata ad arco che vi fornisce una vista dell'esterno.
I muri di pietra ed il soffito sono ricoperti di muschio e voi sedete su un morbido
tappeto fatto con la pelle d'orso. Siete di fronte all'entrata della caverna e potete
vedere che siete in un posto sicuro vicino alla cima di una montagna, in un punto
strategico che vi permette di sorvegliare la foresta ai piedi del monte. Il Sole sta
calando, lanciando lunghe ombre sulla terra. La caverna diventa scura. Il Sole
sparisce completamente, portando via con sè l'ultimo dei colori, e nel cielo serale
escono le stelle. Una fresca brezza porta i dolci profumi della notte fino a voi. Siete in
pace.
Ora che avete fissato mentalmente la scena, concentratevi su una domanda: "Cosa
temo?" o una formula simile. Potrebbero apparire delle immagini, comprendenti una
varietà di morti, volti spaventosi e così via. Lasciate che le immagini arrivino e se ne
vadano ma, per ognuna che appare chiedetevi: "Perchè temo questo?" ed ascoltate la
risposta , sapendo di essere al sicuro da ogni immagine che vi appare. Quindi
chiedete: "Cosa sono queste paure?" e potreste rimanere sorpresi dallo scoprire che i
volti spaventosi sono solo maschere. Permettete alle immagini di svelarsi e
comprendete che una volta che una paura viene conosciuta e portata alla luce non ha
più potere su di voi.
Dopo che avrete affrontato e smascherato le vostre paure , potreste concludere la
meditazione dicendo semplicemente: "Andate via!". Le immagini scompariranno,
spesso con una piccola risata, la paura è solo un gioco dopotutto, che vete permesso a
voi stessi di prendere troppo seriamente. Le stelle riprendono a brillare nel cielo, voi
sorridete, inspirate profondamente l'aria notturna e , quando esalate, le tensioni della
paura si dissipano. Prendete un altro respiro ed inalate la sensazione che tutto sia
giusto nel mondo. Siete tornati nel vostro luogo di meditazione.
Prendete un sorso di una bevanda scura, come succo d'uva, vino di more o un altro
liquido altrettanto scuro e mangiate un poco di pane integrale, dolce, muffin o
biscotto. Ora è il momento giusto per rilassarvi e riflettere su ciò che avete imparato.
Potrebbero occorrervi molte visite alla vostra caverna dell'eremita per affronatare e
superare le vostre paure, ma avete fatto il primo passo per diventare completi.
Una volta che sarete rilassati e svegli al mondo conscio, potrete aprire il cerchio.
Prendete la candela e camminate intorno all'anello, fermandovi ai quattro punti
cardinali per congedare gli Elementali. Questa volta, cominciate ad est e spostatevi a
sud e nord dicendo ad ogni punto:
Addio, Elementale Aria! Abbiamo condiviso questo cerchio
in amicizia. Vai in pace e porta con te la mia benedizione!
Procedete quindi con l' Elementale Fuoco, quindi Acqua ed infine Terra.
A nord, dopo che avrete congedato l'Elementale Terra, spegnete la candela con le dita
o soffiandovi sopra e deponetela. Quindi sollevate la bacchetta(o qualunque
strumento abbiate usato per formare il cerchio) e camminate nel cerchio da nord ad
est, a sud e ad ovest, quindi nuovamente a nord(la strada contraria a quella che avete
fatto per tracciarlo) con lo strumento puntato verso l'anello. Visualizzate la luce blu
che ritorna nello strumento e passa attraverso di voi per tornare alla Terra e , mentre
camminate dite:
Il cerchio è aperto, tuttavia il cerchio rimane perchè il potere
fluisce in me e tramite me.
Toccate con lo strumento il centro della vostra fronte per sigillare l' energia nel punto
del vostro centro psichico (chiamato Terzo occhio). Scaricate l'eccesso di energia
toccando il terreno (o il pavimento) con le palme delle mani e mettete via i vostri
strumenti.
Lasciando andare le vostre paure sarete in grado di abbracciare l'unità con l'universo
e tutto ciò che contiene, sia di luminoso che di oscuro. Potreste avere bisogno di
eseguire questa meditazione molte volte in giorni diversi per sentirvi completamente
liberi dalle paure che avete trattenuto in voi. La caverna dell'eremita sarà sempre lì se
avrete bisogno di comprendere una nuova paura. Il vostro Sè interiore è sulla strada
per diventare completo ed allegerito e, quando voi esponete le vostre paure all'analisi
di essere una cosa sola con tutti gli aspetti del Divino.

2
Chi sono la Dea e il Dio ?

Il Potere Divino nella Luce


Il termine Dea si applica all'aspetto femminile del Potere ma anche in questo caso è
più importante ciò che voi sentite riguardo al femminile divino rispetto a cosa sia il
femminile dell'universo. Ci si può rivolgere a lei come Dea Madre della fertilità e
della nascita; coem alla Signora del Bosco delle Fate, la protettrice degli animali e
delle selve; come Dea Luna delle emozioni e dell'intuito; come alla Dea Terra del
raccolto e delle acque di vita. Le si possono dare nomi di tutti questi tipi e molti dei
nomi antichi della Dea avranno un uguale significato. La maggior parte dei sui nomi
sacri possono tradursi come descrizioni o sono altre forme linguistiche della parola
"signora" o "Dea".
Il Dio è l'aspetto maschile del Potere e , nuovamente, il termine dipende dalle vostre
impressioni sul maschile divino piuttosto che da com'è il maschile nell'universo. Gli
si può rivolgere come al Padre, coem al Dio Cornuto della fertilità, degli animali
selvatici e non ; come all'Uomo Verde Dio della vegetazione, dei boschi e dei campi;
come al Dio Sole della vita e dell'energia; come al Dio Terra del grano e dei raccolti.
Questi sono gli aspetti della Dea e del Dio tratti dal Potere nella Luce.
C'è quindi quella meravigliosa figura del Divino com e veniva vista in tutte le antiche
società e religioni: il Divino Androgino. Qui si ha infine la vera natura del potere; nè
maschile nè femminile ma entrambe o nessuna delle due. È il vero completo,
l'universo unito, il potere completo. Quando riuscite a comprendere che il sesso viene
definito dall'individuo, allora siete in grado di comprendere che il potere trascende
tale definizione, qualunque essa sia. Il potere è espansivo e personale o impersonale
come l'individuo desidera permettere che sia.
Questa è la base di molti diversi approcci alla pratica religiosa: il sesso come
metafora del Divino, il celibato come metafora del Divino personale ed il nirvana
come metafora del Divino impersonale. Ecco che vi sono quindi Divinità che
possiedono caratteristiche di sessualità e fertilità, Divinità della compassione e
Divinità dall' onnipotenza distaccata. Le varie religioni enfatizzano i diversi aspetti
del potere e creano la propia mitologia per spiegare e sostenere tale aspetto all'interno
di una società. Quando vi sono visioni conflittuali su quale aspetto del Potere Divino
si dovrebbe centrare una comunità per il beneficio ed il controllo di quella unità
sociale, spesso arrivano le guerre.
Secondo me, il dare un nome al Divino impone delle limitazioni sia a loro sia al
modo in cui io mi relaziono a loro e loro si relazionano a me.
Una volta compreso che le mitologie di tutti gli Dei e le Dee sono solo storie il cui
scopo è quello di aumentare la nostra comprensione delle forze dell'universo, queste
storie perdono la loro importanza. Le forse stesse – dirette e potenti e attirate dala
strega- sono ciò che conta.
In tempo di crisi, il cercare l'aiuto dei una Divinità grazie ad un nome ed il cercare di
visualizzare il mito e la sensazione che identifica quella Divinità potrebbe risultare un
investimento singolarmente inutile. Invece , l'affrontare le prove della vita reale
rivolgendosi ai verio poteri consiste nell'attirare la forza e l'energia in voi stessi e
dirigerla verso uno scopo. Nella vita di ognuno giunge un momento in cui i miti ed i
nomi non servono più allo scopo, quando invocare un nome o un altro vi lascia il
vuoto dentro. È in quel momento che capite di essere andati oltre la mitologia ed ai
nomi e siete pronti per confrontarvi con il potere faccia a faccia.
Per altri, in un momento particolare di crisi la mitologia potrebbe aiutare a
concentrare il potere ma, molto spesso, quando le persone religiose parlano di tali
momenti di prova essi pongono l'accentosul modo in cui viene testata la loro fede, sul
come si siano perse la religione e la fede. Per coloro che hanno il fortuito risultato di
riguadagnare la fede, un osservatore imparziale potrebbe invece vedere che coloro
che sono sottoposti a quaesto periodo di prova attingono ad una forza interiore e
forgiano una connessione con il potere che fino ad ora non avevavno sperimentato.
Così. Il segno dell'intervento divino per qualcuno di una determinata religione
coinciderà con quello di qualcuno di un' altra religione. Quella che viene
sperimentata è in primis la manifestazione del potere che viene attirato, concentrato e
diretto e solo dopo sopraggiunge la sua identificazione con una mitologia conosciuta
in quella società.
Così chi sono la Dea ed il Dio dell'Arte? Nella Stregoneria Verde i nomi sono
irrilevanti perchè affrontando direttamente questi poteri non si potrebbe usare alcun
nome. Le Divinità dell'Arte portano i nomi degli antichi Dei e DEE della storia
umana, ma anche questi nomi sono dei significati, piuttosto che dei nomi veri e propi.
Sono le lettere maiuscole iniziali e renderli dei nomi. Così come quando la gente
chiama i propi figli Sky, Dawn, Summer (Cielo, Alba, Estate n.d.t.) e così via, il
nome ha un suo significato separato che viene applicato ad una persona che possiede
una propia individualità.
Quando invocate il Divino tramite dei nomi, vi state in realtà rivolgendo ad un tratto
o ad una caratteristica del potere che voi identificate solitamente grazie alla
conoscenza del mito collegato a tale nome. Talvolta, il solo nome ha effetto su di voi
e la mitologia è irrilevante. Vi sono alcuni che credono che il nome stesso abbia
potere e che, se invocate un nome che qualcun altro associa all'energia negativa ,
attirerete incidentalmente dell'energia negativa e vanificherete il vostro scopo; ma
non è così che agisce la magia nella stregoneria.
La magia proviene dall'interno. Il modo in cui la usate è il modo in cui la attirate in
voi, la concentrate, la dirigete e la rilasciate. Voi conducete letteralmente la magia per
creare il cambiamento. Potreste avere bisogno di attraversare il potere per trovare
quell' essenza cui desiderate rivolgervi e che desiderate dirigere . Quindi la mancanza
di nomi per queste energie non è dannoso per la pratica dell'Arte e, viceversa
qualunque nome usiate funzionerà a seconda di ciò che provate nei suoi confronti.

Il Potere Divino nell'Ombra


Vi sono anche gli Aspetti ombra delle due stesse energie divine femminile e maschile:
l'Anziana Dea della saggezza, della morte e del passaggio ed il Dio Cacciatore che
promuove questi aspetti tramite l' Anziana. Nuovamente , conta più l'archetipo del
nome nell'Arte Verde. Nonostante esistanonomi e mitologie dei poteri oscuriin tutte le
culture, questo potrebbe essere limitante per il praticante, perchè le mitologie
potrebbero non essere più applicabili o non imprimere l'individuo del significato
originale. Se vi sono dei poteri oscuri che vi attraggono possono andare bene, ma
spesso solo il nome fornisce lla mente subconscia un' impresione che non corrisponde
alla mitologia così com'è sopravvissuta a secoli di repressione, ed anche questo potrà
andare bene.

L'eclisse solare
L'eclisse solare simboleggia il Signore Oscuro, chiamato anche il Signore delle
Ombre , il Capo della Muta Sevaggia, Hades, Pluto e gli aspetti di morte e
resurrezione di Cernunnos, Dyonisus e, a livello cosmico, Shiva, tra gli altri. Il
paragone cristiano è quella parte di crocifissione di Gesù in cui lui discende agli
inferi e poi risorge. In quanto tale , l'eclissi solare ( la storia biblica della crocifissione
afferma che il sole si oscurò alle 9 di mattina) è un momento adatto a quelle
osservanze rituali che collegano il praticante a quella parte del ciclo della vita che è il
passaggio della morte.
Questa opportunità per collegarsi con le Terre delle Ombre o l'Oltretomba e per
affrontare le propie paure ed incertezze riguardo alla morte. Confrontandosi con la
morte tramite la meditazione, il volto della Morte viene svelato. Quel volto
inizialmente può essere visto in maniera grottesca ed orribile ma, una volta che
l'osservatore accetta che questo è anche il volto di chi dona l' energia della vita, quel
volto cambia ed è bello a vedersi. È questo il significato di concentrarsi sul
passaggio. Affrontando le nostre paure otteniamo intuizione e libertà; la morte non
deve essere più temuta.
Una volta che non si teme più la morte o l'Oltretomba, l' eclissi solare diviene un
buon periodo per onorare gli antenati, avere contatti con gli spiriti dei defunti,
caricare gli strumenti dell'Arte di poteri magici oscuri ed onorare i Poteri dell' Ombra.
L'eclissi non dura molto, perciò non è il caso di fare cerimonie lunghe, a meno che
non ne creiate una che comincia prima dell'eclisse e la comprenda. Invece, se vi
sentite connessi, potreste semplicemente desiderare di accendere dell'incenso ed una
candela ed invitare qualcuno che sia defunto a venire a trovarvi per un poco, in modo
che possiate chiedergli/le guida, dirgli che lo/la amate, offrire perdono o chiederlo, se
è il caso, oppure usare questo momento per celebrare la vostra unione con l'Anziana
ed il Signore oscuro. È anche un buon momento per fare terminare rabbia e ostilità,
così quando il Sole riapparirà la Luce splenderà in voi così come sulla Terra.

L'eclissi lunare
L'eclissi lunare simboleggia l'Anziana, chiamata Rhea, Hecate, Hel, Madre Hulda, la
Regina delle Nevi, Madre Ossa, Demetra (quando è alla ricerca di Persefone e la
vegetazione della terra muore) e Sekhmet. È significativo che l'eclisse non è in
relazione con l'Anziana quale Signora della Saggezza, che è parte dell'immagine dell'
Anziana nella fase del ciclo lunare di crescita e discesa, ma si concentra sulla Signora
quale Passaggio offre il transitotra i mondi verso l'Oltretomba e i Sidhe e la sua Luna
è il momento migliore per le magie che coinvolgono l'Altro Popolo o per cercare un
compagno dall'Altro Mondo. Il rituale della Luna dei Sidhe ( che troverete più avanti)
combian tutte queste cose. L' evento lunare fornisce infine l'opportunità di portare il
subconscio alla sua manifestazione, cosa che attinge al potere della Dea quale
Trasformatrice. Ella è la Signora Oscura della mente subconscia, intuitiva, Colei che
trasforma il desiderio (la volontà interiore del praticante) in realtà, perchè Ella stessa
si muta in Madre. Ella porta alla nascita il vostro desiderio in un rituale o in una
meditazione compiuta in questo periodo. Voi vi concentrate su ciò che volete avere e ,
quando la luna passa nell'ombra, visualizzate che quel desiderio viene raccolto
dall'Anziana e quindi passato tra le braccia della Fanciulla quando l'argento della
Luna riappare annunciando la fine dell'eclisse, venendo infine portato alla
manifestazione dalla Madre quando la Luna si è finalmente rivelata.

Meditazione sugli Aspetti Ombra


La morte individuale viene tradizionalmente portata avanti dalla dea oscura allo
scopo di una rinascita. Questa è l'immagine di Demetra e Persefone ed è la
dimostrazione del cambiamento delle stagioni. Il significato della morte portata dalla
Signora Oscura giace nella sua promessa- il rinnovamento della vita in una nuova
forma-, perchè la morte non è finita o permanente ma è una transizione e Lei è Colei
che Trasforma. L'Anziana è anche la Fanciulla e la Madre. Che l'antica cosmologia
pagana sia rilevante al confronto con la moderna scienza e comprensione è un
affermazione importante per la verità permanente della rigenerazione dell'energia in
materia.
Per riguadagnare la sensazione del ciclo della vita contenete la morte come
transazione verso la nuova vita, create il vostro cerchio e provate una meditazione
che vi porti a cavalcare con il Cacciatore quando raccoglie le anime dei morti nella
sua Caccia Selvaggia, chiamata "Rade". Qui capirete in quale modo il Signore
Oscuro e l'Anziana lavorano insieme come uno solo. Le meditazioni sono validi
strumenti per l'auto-miglioramentoe per creare una connessione tra il praticante e
l'universo. Non è necessario che mediatiate per praticare l'Arte, ma è molto più
semplice fare magie quando siete in unione con il Divino e gli Elementali. La
meditazione della "Cavalcata con la Rade" (Ride with the Rade, n.d.t.) è stata
pubblicata per la prima volta nel Magikal Almanac del 1998 della Llewellyn.

Mediatazione su esperienze di vita reale


Ho scoperto che alcune delle migliori meditazioni guidate si basano sulle esperienze
personali, su luoghi visitati e su ricordi di suoni e cose viste. Per essere efficace, la
persona che fà meditazione aggiunge una percezione ed un obbiettivo di
concentrazione personali che apre loro nuove strade rispetto a quella di base qui
descritta.
Quando mia madre morì, io basai la mia meditazione sull'Anziana sulla mia
esperienza personale. Venni a sapere che lei era in ospedale e se ne stava andando
velocemente, ma per arrivare da lei c'era da fare un viaggio della durata di otto ore.
Guidai per 6 ore, preoccupata che lei morisse prima che io potessi vederla. Lungo la
strada, trovai una zona di sottobosco che stavano bruciando per allargare l'autostrada
ed il fumo si alzava in una lunga colonna verso il cielo. Mentre guidavo, la mia mente
pensava a quanto ci sarebbe voluto per arrivare in ospedale. Guardai il fuomo
ondeggiante e le nuvole parvero mutarsi in un attimo nell'immagine dell'Anziana.
Stava dirigendosi verso la città dov'era mia madre e fu una vista orribile, terrificante
quando voltò il capo per guardarmi. Nella mia mente udii la sua voce dire: "Sto
andando da tua madre, ma ti aspetterò." Il primo impatto delle sue parole fu la
consapevolezza che mia madre stava comunque morendo. Il secondo fu che potevo
essere certa che avrei potuto parlarle prima che morisse. In un momento come quello,
l'intero processo della morte e del passaggio diviene personale ed imminente. Ebbi
fede che quella visione fosse vera ed il messaggio fosse quello che avevo udito.
Questo fa parte del "perfetto amore e perfetta fiducia" di cui si parla così spesso
nell'Arte.
La mia paura della separazione che porta la morte svanì. Confidai nella Signora e
sussurrai: "Non ti temo, perchè sò che sei anche la Madre."
Sapevo che mia madre avrebbe effettuato il passaggio tra le braccia di qualcuno che
la amava. Nel mpomento in cui dissi quelle parole, l'immagine delle nuvole mutò
improvvisamente in quella della donna più bella che avessi mai visto ed ella mi
sorrideva. Nella mia mente giunse la sua voce: "Solo coloro che non mi conoscono
mi temono."

Meditazione
Cavalcare con la Muta Selvaggia
Sedete in una stanza buia. Inspirate profondamente ed esalate, ripetere. Ora
cominciate un semplice esercizio di respirazione consistente nell'inalare contando
fino a due, trattenere l'aria contando fino ad uno e quindi rilasciarla contando fino a
due, trattenere il vuoto contando fino ad uno, eccetera. Questo vi aiuterà a rilassarvi
ed a schiarire la mente. Una volta che la vostra mente sarà calma, il rumore dei
pensieri sarà svanito e voi sarete in uno spazio interiore tranquillo; ascoltate ed udite
il roboante suono degli zoccoli dei cavalli. Un suono di corno ed il rumore della
cavalcata sembra più distinto. Ora udite gli zoccoli dei cavalli avvicinarsi, lo
scuotersi rumorosamente e lo scricchiolio dei finimenti e selle, il respiro pesante degli
animali ed ancora il soffio dei corno e sapete che la Muta Selvaggia si sta
avvicinando. Voi gridate: "Posso cavalacare con la Rade fino al sorgere del giorno?"
ed il Cacciatore vi risponde :" Prendi la mia mano e non osare lasciarla!"e, mentre
Lui passa, vi aggrappate alla mano che vi tende e rimanete sorpresi dalla forza
armoniosa che vi trascina a sedere sul cavallo davanti al Cacciatore. Vi tenete forte a
quella mano e guardate la Rade dal vostro posto privilegiato.
Sulle cime delle montagne ed attraverso le valli, oltre i mari e le pianure inondate,
attraverso grandi città e piccoli villaggi voi viaggiate; e voi diventate consapevoli,
grazie alle nuvole scure che turbinano intorno a voi, che dalle terre che avete
attraversato si innalzano delle ombre, che si uniscono alla Muta Selvaggia nella sua
corsa a capofitto nell'oscurità. La corsa dura fino a prima del levar del Sole ed ora
vedete che la terra vi è più familiare. Riconoscete i vostri dintorni, le città ed i paesi
ed il cacciatore dice:" Giunge l'alba e tu sei di nuovo laddove eri salito/a sul mio
cavallo. Ho mantenuto la parola; hai cavalcato con la Rade fino al levar del Sole."
In un istante quel braccio forte e quella mano potente vi hanno depositato gentilmente
a terra. Vedete davanti a voi un tumolo di terra con un entrata di pietra scolpita, che vi
ricorda il ventre pieno di una donna incinta e tuttavia l'entrata è antica. Vedete
l'Anziana, grigia e raggrinzita, vestita con lenzuoli stracciati in piedi davanti
all'entrata scura che dice:"Devi passare attraverso di me per nascere da me!"
Comprendete ora quanto la Muta Selvaggia sia cresciuta di importanza: con i
cavalieri che ridono ed i cavalli che si slanciano in avanti vedete come il Cacciatore
conduce la Rade attraverso l'entrata per la Terra delle Ombre. L'entrata svanisce;
giunge l'alba; voi respirate con più tranquillità e siete in pace. Potete sentire il calore
del Sole del mattino. Il paesaggio svanisce e voi tornate alla coscienza normale.
Affrontando l'entratat dell'Oltretomeba ed il potere dell'aspetto oscuro del Divino, si
giunge a comprendere che l'ombra fa parte del necessario equilibrio della vita e non è
qualcosa da temere. L'unione dell'ombra e della luce all'interno dell'individuo riflette
l'unione di questi due aspetti nel flusso dell'universo e questo offre un senso di
completezza e di pace.

Meditazione
Svelare l'Anziana
Le meditazioni aiutano ad affrontare e superare le propie paure perciò, nell'utilizzare
la mia esperienza e la mia visione , potreste volere portare la meditazione precedente
un passo altre nei confronti dell'Anziana nel suo dominio. Questa volta, quando
cavalcherete con il Cacciatore, avvicinandovi al luogo dove lo avete chiamato la
prima volta chiedetegli di permettervi di rimanere ancora un poco.
Lascia che io indugi un poco e veda la grande spirale.
Permettimi di cavalcare con te, ora , dentro al rifugio oscuro.
Lascia che io veda la via seguita e come fluiscono le vite.
Fammi cavalcare con la Rade mentre viaggiate sotto.
Il Cacciatore fa un cenno di assenso con il capo cornuto ed ora vedete il tumolo nella
luce grigia del primo mattino. Nuovamente l'Anziana , nei suoi lenzuoli stracciati,
siede davanti all'entrata e voi la sentite gridare: "Tutto deve passare attraverso me!" e
la vedete avvicinarsi, mentre i cavalli continuano la loro corsa selvaggia verso
l'entrata.
Improvvisamente udite una folata di vento, un suono come di macine che girano
schiacciando del grano riempie la vostra coscienza; le tenebre si chiudono intorno a
voi e percepite un odore che vi ricorda la ricca, oscura, umida terra. Avete la
tentazione di chiudere gli occhi ma vi obbligate a tenerli aperti e vi rendete conto che
le tenebre che volano oltre il vostro volto hanno una sostanza simile a sudari di
ragnatele ed all'aria fredda e umida delle profonde caverne. State passando attraverso
lAnziana e vi sentite nauseati dalla sensazione di morte, dagli odori malsani di
malattia e decadimento e dalle dita sottili che raspano contro la vostra carne,
graffiandola.
Ma i cavalli continuano a cavalcare ed il Cacciatore vi trattiene fermamente nalla sua
stretta e voi vi stringete a lui, gridando"So chi sei! Sei la Mdre di Tutto ed io non ti
temo!" Ella ride e si volge verso di voi mentre la attraversate; incredibilmente, vedete
un 'amabile signora che vi sorride, più bella di quanto le parole possano descrivere e
voi ridete con lei. Udite la sua vocegentile rispondervi :"solo coloro che non mi
conoscono mi temono." Improvvisamente, è come se voi foste stati dei bambini che
giocano in una stanza buia, permettendo alla vostra immaginazione di spaventarvi.
Ora sapete che il volto dell'Anziana nasconde la Madre amorevole che vi attende a
braccia aperte e vi sentite sicuri, amati ed in pace. Il Cacciatore cavalca sulla sua
cavalcatura attraverso il regno oscuro e voi vedete spiriti che riposano vicino a dei
queti laghi scuri sovrastati da rami di cipresso e del lungo muschio grigio. Morbida
erba setosa e sentieri delicati vi invitano al cammino ed al rilassamento. Siete tentati
di rimanere in questo luogo e d unirvi alla Terra delle Ombre con i suoi fiori notturni
e l'aria profumata di lillà, ma il Cacciatore non vi permette di scendere dalla sua
cavalcatura.
Ora cavalcate attraverso una foresta oscura ricoperta dalle foglie secche e fradice
dell'autunno passato ed arrivate poi ad un prato illuminato dal Sole. Vi sono bambini
che giocano e la luce splende verso di voi mentre passate, inviatavi dall'Altro Popolo.
In questo luogo luminoso si muovono spiriti che paiono essere di tutte le epoche e
senza età e voi comprendete che qui vi sono luce e calore perchè siete nella Terra
dell'Estate, vicino all'Altro Mondo del Popolo Fatato. Il Cacciatore continua a tenervi
la mano e voi percepite , più che vedere, che state passando attraverso un altro velo.
"Qui vanno coloro che si sono ripiosati ed ora desiderano ricominciare la grande
danza della vita" vi sussurra il Cacciatore nell'orecchio e nella mente. Voi guardate e
vedete un' ombra che pare si stia spostando attraverso una nebbia grigiastra
scintillante verso una luce distante e capite che è uno spirito che sta lasciando la Terra
delle Ombre per rinascere.
Ora che la vostra corsa sta per finire e fedete la terra scura chiudersi intorno a voi,
ciottoli e lumache e creature della terra muoversi su tante piccole zampette o non
vedete nulla. Il terreno pare aprirsi e davanti ai vostri occhi appare una notte stellata;
voltandovi a guardare oltre il Cacciatore, vedete dietro di voi il grande tumolo. Egli
vi afferra con una mano forte e vi fa scendere senza sforzo dalla sua cavalcatura fin
sul terreno quindi, ridendo, cavalca via nella notte con la Muta Selvaggia dietro di lui
per un nuovo giro.
Vedete ora l'alba che giunge e , ritornando alal normale consapevolezza, siete in pace
e conservate il ricordo della bella signora che rise con voi quando penetraste la sua
maschera. Voi sapete che la vita è eterna. Non esiste la morte, solo il passaggio.
Rituale per la Luna Nuova

Consacrazione di uno strumento per l'Aspetto Oscuro

Durante la Luna Nuova si possono dedicare molti strumenti all'uso rituale per gli
aspetti oscuri. Può essere utile scuotere un baccello con dei semi dentro durante le
meditazioni che portano il praticante all'interno degli altri mondi. Lo si può usare
anche nei rituali-ombra per invocare il Signore Oscuro e la Signora Oscura (il Dio e
Dea nel loro aspetto di caos, morte, trasformazione e passaggio ad una nuova vita). Il
baccello viene scosso con una mano vicino alla curva del collo e gli vengono dati dei
leggeri colpetti con l'altra mano in maniera circolare. Altri strumenti che possono
essere consacrati durante la Luna Nuova sono lo specchio nero, la sfera di cristallo, i
mazzi di Tarocchi, cristalli ed anche i Familiari.
Ecco un esempio di un rituale di Luna Nuova della Stregoneria Verde che comprende
un rituale di consacrazione di uno strumento. Gli altri possono conoscervi con il
vostro Nome dell'Arte, ma il Nome di Lavoro è conosciuto solo dalla strega e dal
Divino perciò, se lavorate con un gruppo usate il vostro Nome dell'Arte. Le candele
vengono poste ai Quarti (nord, est, sud ed ovest) e possono essere tutte color
porpora , bianche o nere (ponetele in modo che non possano essere buttate giù o
colpite nè rovinare tappeti o pavimenti), oppure potete porre ai Quarti quattro
minerali, gemme o pietre. Accedete un incenso non troppo speziato nè troppo fiorito,
nonostante il lillà sia un eccezione come profumo pomeridiano (alcune profumazioni
preconfezionate includono nomi come Night Lady – Signora della Notte- n.d.t. ) o
bruciare dall'artemisia. Abbiate sull'altare le seguenti cose: tra candele color porpora
o nere in candelabro triplice o incandelieri separati (destra per il Dio, sinistra per la
Dea e centro per entrambi), incenso e bruciatore portatile , fiammiferi , una piccola
ciotola d'acqua, un piattino con del sale (marino o di roccia), un pentacolo (meglio se
di legno o una piastrella), una tazza o calice contenente un succo di frutta scuro o di
vino di more (oppure vino di sambuco, liquore di cassis o Opal Nera, un liquore di
sanbuco ed anice), un piccolo calderone, una candela votiva color porpora o nera con
il suo candeliere, un pezzo di dolce alla frutta scura o altro dolce o pane scuro, olio
per unzione, coltello (athame), bacchette e gli strumenti che devono essere dedicati.

Esbat della Luna Nuova (inizio)


Spazzate il cerchio in senso orario (deosil-N-E-S-O-) con la scopa (non fatta di
ginestra o ginestra scozzese se lavorate con un compagno dell' Altro Mondo;
andranno bene paglia, erba o foglie) e dite:
Spazzando io questo cerchio, che esso possa esser ripulito
e reso pronto per il mio lavoro.
Battete le mani per tre volte e dite:
Il cerchio sta per essere tracciato ed io vi sono dentro
liberamente
per dare il benvenuto alla mia Signora ed il mio Signore delle
Ombre.
Se usate delle candele ai Quarti, accendetele prendendo la candela al centro dell'
altare e portandola in cerchio ad ognuna delle candele dei Quarti, spostatevi in senso
in senso orario ( deosil-N-E-S-O ) e dicendo:
Invoco la Luce che è dentro la Terra per illuminare
e rafforzare il cerchio
(visualizzate il centro di magma, il centro fuso della Terra).
Invoco la Luce che è dentro l'Aria per illuminare
e rafforzare il cerchio
(visualizzate l'aurora boreale. le Luci del Nord formate dal campo magnetico terrestre
e viste come cortine di luce nel cielo notturno)
Invoco la Luce che è dentro al Fuoco per illuminare
e rafforzare il cerchio
(visualizzate il blu/bianco della fiamma).
Invoco la Luce che è dentro l'Acqua per illuminare
e rafforzare il cerchio
(visualizzate le luci blu /bianche delle creature bio-luminescenti del mare di notte).
Se ai Quarti usate delle pietre, spostatevi intorno al cerchio allo stesso modo, ma
sollevate la candela ad ogni pietra ed usare la modesima invocazione (si possono
usare tipi e colori diversi di pietra per ogni Quarto, in modo da enfatizzare l'essenza
dell'Elementale rappresentato).
Ritornate all'altare, riponete la candela nel suo candeliere, sollevate il contello e dite:
Io traccio questo cerchio alla presenza della Signora Oscura
e dell'Oscuro Signore, affinchè sia un luogo dove essi possano
manifestarsi e benedire il loro figlio/ la loro figlia .....
(Nome dell'Arte/Nome di Lavoro)
Camminate nel cerchio in senso antiorario (widdershins-N-O-S-E-) con il coltello
abbassato, visualizzate una luce blu che fuoriesce dalla punta a formare il confine del
cerchio e dite:
Questo è il confine del cerchio in cui solo l'amore potrà entrare
ed andarsene.
Ritornate all'altare e ponete la punta del coltello nel piattino del sale, dicendo:
Il sale è purificazione, conservazione e vita.
Io benedico questo sale affinchè venga usato
nel cerchio nei nomi dell'Anziana Dea
e del Dio Oscuro, .....
(nomi quali Hecate Cernunnos o semplicemente usate questi termini)
Aggiungete tre porzioni di sale all'acqua della ciotola ( state creando dell' "acqua
santa") usando la punta del contello o le vostre dita e dite:
Che il sale benedetto purifichi quest'acqua affinchè
venga usata in questo cerchio.
Io consacro e purifico quest'acqua
nei nomi dell'Anziana e del Signore Oscuro, ....
Prendete la ciotola con l'acqua consacrata, spruzzate dell'acqua intorno al cerchio,
spostatevi in senso antiorario e dite:
Io consacro questo cerchio nei nomi dell'Anziana
e del Signore Oscuro, ....
Questo cerchio compare quale Cerchio di Potere,
purificato e sigillato.
Riponete sull'altare la ciotola, sollevate l'incensiere e spostatevi intorno al cerchio in
senso antiorario incensandolo, quindi riponetelo aull'alatare. Prendete una goccia di
olio da unzione sulla punta del dito, tracciate una Croce Solare sulla vostra fronte e
quindi una Spirale Lunare sopra alla Croce, quindi dite:
io .... sono consacrato/a nei nomi della Signora Oscura e
dell'oscuro Signore, .... in questo loro cerchio.
Chiamate i Quarti prendendo la bacchetta e rivolgendovi ai Quarti nel cerchio
laddove vi sono le candele o le pietre, tenendo la bacchetta sollevata con le braccia
aperte ad ogni punto e dicendo ad ognuno dicendo ad ognuno dei Quanti (N-O-S-E)
la frase appropiata:
Io ti invoco, Elementale Terra (Acqua, Fuoco, Aria)
affinchè tu partecipi a questo rito
e sorvegli questo cerchio,
perchè siccome io ho corpo e forza
( sangue e sentimenti, il fuoco della vita, respiro e pensiero)
noi siamo amici e parenti.
Per le visualizzazioni degli Elementali, potete vedere un lupo per la Terra, una civetta
per l' Aria, una fenice per il Fuoco ed un serpente marino per l'Acqua. Ritornate
all'altare ed usate la bacchetta per tracciare il simbolo dell'Infinito nell'aria sopra
all'altare (questo è il simbolo del lavoro svolto tra i mondi) riponete la bacchetta.
Raccogliete il coltello con entrambe le mani ed alzatelo sopra la vostra testa, quindi
dite:
Salute agli Elementali ai Quattro Quarti!
Benvenuti Signora e Signore, a questo rito!
Io sono tra i mondi con amore e potere dappertitto!
Segue la Libagione di Saluto. Riponete il coltello, prendete la coppa di vino (o
liquore) e versatene un poco nel calderone per onorare il Divino con il primo sorso,
quindi bevetene un poco dalla coppa. Sollevate la bacchetta in segno di saluto e dite:
Io che sono vostro/a figlio/a, sono tra i mondi ed invoco
la mia Signora quale Anziana ed il mio Signore quale Ombra
affinchè rimangano in comunione con me.
Affermo la mia gioia nell'unione con il Divino
e riconosco le Vostre benedizioni su di me.
Ciò che invio ritorna a me ed io conduco la mia Arte in accordo.
Ponete la ciotola dell'acqua sopra al pentacolo, tenete su di essa il coltello e dite:
Grande Signora, benedici questa creatura di Acqua e di Terra
al Tuo servizio.
Che io possa sempre ricordare le acque del calderone della rinascita
e le molte forme dell'essere.
Di Acqua e di Terra io sono.
Ponete le mani alla ciotola dell'acqua come a tenerla ferma e dite:
Io ti ooro, Grande Signora!
Riponete la ciotola sull'altare, mettete l'incensiere sul pentacolo, tenete il coltello
sollevatosu di esso e dite:
Grande Signore, benedici questa creatura di Fuoco e di Aria
al Tuo servizio.
Che io possa sempre ricordare il sacro fuoco che danza
all'interno di tutta la vita ed udire le voci del Divino.
Di Fuoco ed Aria io sono.
Prendete l'incensiere e dite:
Io ti onoro Grande Signore!

Riponete l'incensiere sull' altare , prendete fra le mani il calice e dite:


Potere e grazia, bellezza e forza sono nella Signora e nel Signore.
Pazienza ed amore, saggezza e conoscenza;
voi siete la fine, il passaggio e l'inizio.
Io vi onoro entrambi!
Versate una seconda libagione e prendete un secondo sorso dalla coppa ( una terza ed
ultima libagione sarà quella del Dolci e Vino finale, perciò assicuratevi di averne
abbastanza).

Consacrazione dello strumento per l'aspetto ombra.


Usando il coltello, iscrivete sullo strumento i simboli magici che avete scelto ed il
vostro Nome dell'Arte in rune, ogham o altro alfabeto simile usato in magia.
Consacrate lo strumento agli Elementali spruzzandolo con acqua benedetta e
passandolo attraverso all'incenso dicendo:
Nei nomi della Signora Oscura e dell'Oscuro Signore, ....
io consacro questo (nome dell'oggetto) per usarlo nella pratica
dell'Arte.
Lo carico tramite l'Elementale Terra e l'Elementale Acqua
(spuzzatelo di acqua salata)
tramite l'Elementale Fuoco e l'Elementale Aria
(passatelo attraversoil fumo dell'incenso).
Per i poteri degli Elementali, questo strumento
è ora legato quale aiuto per il mio lavoro.
Così piaccia essere!
Ponete lo strumento sul pentacolo e dite:
Grande Signora e Grande Signore,
assieme all'ombra di questa Luna,
velata alla mia vista ma veduta dalla mia vista interiore,
voi dimorate all'interno perchè siete la fine ed il nuovo inizio,
la morte che porta a nuova vita;
voi siete la Promessa e l'Amore Manifestato.
Fate che questo strumento sia imbevuto del vostro potere
per aiutarmi nei viaggi nell'ombra.
Accendete la candela votiva con quella centrale e dite:
Che questa piccola candela illumini la via oscura
verso il Regno delle ombre.
Prendete quindi lo strumento con la mano destra, sollevatelo e, con la mano sinistra
posta in modo che il palmo sia parallelo al pavimento, dite:
Signore delle Ombre nascosto all'interno della Signora delle Ombre,
insieme essi mantengono l'ombra in equilibrio.
Lui è il Passaggio,
Lei è il Passaggio,
insieme si spostano di vita in vita.
Con le mie mani nelle loro,
li invoco a condividere con me la loro presenza
ed a passare il potere dell'ombra in questo (strumento),
che possa essere santificato per servirmi nell'ombra.
Visualizzate l'energia dell'ombra che fuoriesce dal pavimento ed entra nel palmo della
vostra mano sinistra, viaggia attraverso il braccio sinistro e lungo le spalle fino al
braccio destro, dal braccio destro alla mano destra e dentro lo strumento. Ponete lo
strumento sopra al pentacolo ed inginocchiatevi, in modo da avere entrambe le palme
delle mani posate sul terreno, quindi dite:
Così coem ciò che viene inviato ritorna,
io vi rendo il potere che mi avete così graziosamente inviato.
Il mio (strumento) è santificato dal Potere e dalla Grazia,
dalla carne e dal sangue ed è pronto per il mio uso.
Così piaccia essere!
Alzatevi e togliete lo strumento dal pentacolo ma tenetelo sull'altare; spegnete la
candela votiva e dite:
la via è chiusa; l'ombra ritorna al Regno delle Ombre.
Se non dovete fare consacrazione di strumenti, lasciate semplicemente da parte le
parti che comprendono lo strumento e l'invocazione per la sua consacrazione e
continuate l'Esbat delle Luna Nuova come segue.

Esbat della Luna Nuova (finale)


Il rituale termina con Dolci e Vino. Con le braccia sollevate dite:
Conosco i miei bisogni ed offro il mio apprezzamento a ciò che mi sostiene.
Che io possa sempre ricordare le benedizioni della mia Signora e del mio
Signore.
Abbassate le braccia, prendete il calice con la mano sinistra ed il coltello con la destra
, abbassate lentamente la punta del coltello nel vino e dite:
Il Signore entra nella fertile oscurità della Signora.
Nell'ombra è Lui e nell'ombra è lei.
Il ventre è la tomba ma la tomba è il suo ventre,
che io non dimentichi mai che alla luce si giunge
attraverso l'oscurità e lei è il passaggio che devo seguire
così come lui lo segue per il bene della vita.
Riponete il coltello sull'altare, prendete un sorso di bevanda dalla coppa e riponetela
sull'altare anch'essa. Toccate con il coltello il dolce (o il pane) e dite:
Il cibo dei morti e dell'Aldilà è cibo dell'anima,
che questo dolce sia il simbolo del nutrimento
del mio spirito così come del mio corpo,
che io possa essere completo/a in entrambi.
Mangiate solo una piccola porzione del dolce e bevete tutto il vino, tranne una
piccola parte per la libagione finale (dono alle Divinità per onorarle) che, siccome è
la Luna Nuova, viene fatta dopo che il praticante ha bevuto e simboleggia il
passaggio finale dalla vita alla morte con la libagione come promessa di nuova vita
dal calderone dell'Anziana. Quando avrete finito, ponete il coltello sul'altare e dite:
Signore e Signora,
io sono benedetto/a dal tempo che condividete con me,
vegliandomi e prottegendomi,
guidandomi qui e in tutte le cose.
Sono giunto/a in amore e mi congedo con amore.
Aggiungete al calderone la piccola porzione del dolce e del vino rimasti come
libagione finale, sollevate il calderone e dite:
I resti di questa vita sono passati nel calderone,
perchè questa è la Promessa:
nella morte passa tutta la vita per essere rinnovata e tornare a vita nuova.
Il calderone fa sbocciare la vita dalla morte.
Io onoro la Signora e il Signore,
che portano luce e vita attraverso l'oscurità e la morte.
La danza è costantemente in movimento ed eterna.
Così piaccia essere.
Riponete il calderone e sollevate il coltello in segno di saluto, quindi dite:
L'amore è la legge ed il legame.
Con gioia ci siamo incontrati, con gioia ci congediamo e
con gioia ci incontreremo nuovamente.
Felice incontro, felice partenza e felice nuovo incontro!
Il cerchio ora è aperto.
Così piaccia essere!
Baciate la lama del coltello e riponetelo sull'altare. Prendete lo smoccolatore ed
andate intorno al cerchio in senso antiorario per spegnere le candele ai Quarti,
fermandovi ad ogni punto per rivolgervi agli Elementali alzando le braccia e dicendo:
Vai in pace, Elementale Terra!
Ci siamo incontrati nella frattellanza, tu ed io.
Porta con te la mia benedizione!
Abbassate le braccia, visualizzate l'Elementale che se ne va, spegnete la candela e
spostatevi al Quarto seguente fino a quando non avrete congedato tutti gli Elementali.
Ritornate all'altare e deponete lo smoccolatoio. Alzate le braccia e dite:
Esseri e Poteri del visibile e dell'invisibile, andate in pace!
Voi mi aiutate nel mio lavoro,
sussurrate nella mia mente,
mi benedite dai Regni delle Ombre e dell'Altro Mondo
e fra di noi vi è armonia.
Portate con voi le mie benedizioni.
Il cerchio è ripulito.
Prendete il coltello ed andate al Quarto nord, procedete in senso orario intorno al
cerchio visualizzandola luce blu che viene riassorbita nel coltello mentre dite:
il cerchio è aperto, tuttavia esso rimane
perchè il suo magico potere è ritornato a me.
Nel raggiungere nuovamente il nord, toccatevi la fronte con la superfice della lama
del coltello e visualizzate la luce blu che scintilla intorno a voi e rientra in voi.
Ritornate all'altare, sollevate il coltello e dite:
Il rituale è terminato.
Benedizioni sono state date e benedizioni sono state ricevute.
Che la pace della Dea e del Dio possa rimanere nel mio cuore.
Così piaccia essere!
Riponete il coltello e mettete via gli strumenti. Il calderone con la libagione viene
svuotato versandone il contenuto in una depressione nel terreno e ricoprendo (oppure
si può usare una grande fioriera piena di terra.)

3
Chi sono gli Elementali?
La presenza Elementale
Nel fare magie, rituali o mediatazioni rituali vengono chiamati gli Elementali durante
la formazione del cerchio e la consacrazione degli strumenti. In seguito vengono
congedati con le benedizioni date e ricevute. Ma loro chi sono?
Cosa sono? Siccome pratico formalmente l'Arte da oltre 35 anni, la mia
comprensione degli Elementali comprende una sensazione di presenza. Essi sono
archetipi del Dio e della Dea espressi come entità e poteri individuali.
In quanto tali, sono più che semplici energie o servi che possono essere invitati o
mandati via . Non sono semplicemente dei guardiani che vanno e vengono e non sono
solo i quattro elementi. Nella Stregoneria Verde vi è l'antico approccio dell'
elementalismo, che viene talvolta erroniamente definita l'adorazione degli elementi
come Divinità. Questo non è del tutto esatto. Invece che essere adorati o visti come
Divinità a se stanti, come Zeus e gli Olimpici, nel livello Verde della stregoneria gli
Elementali sono emanazioni del Potere Divino. Nell'Arte non si parla tanto di
adorazione quanto di collegamento. È una sottile differenza. L'adorazione tende a
richiedere formule e dogmi, l'adesione a giorni sacri definiti e rituali applicati a questi
giorni di osservanza. Nell'Arte Verde queste cose esistono come Esbat e Sabbat, ma
la celebrazione non è obbligatoria nè è obbligatorio che la sua forma rimanga
costante.
Gli Elementali stessi consistonoin gruppi di quattro. Sono terra , aria, fuoco ed acqua
ma anche le direzioni cardinali di nord, est, sud ed ovest. Sono anche colori -verde,
giallo rosso e blu- rappresentano le stagioni: inverno, primavera, estate ed autunno.
Allo stesso modo rappresentano le età della crescita degli umani bambino, giovane
,adulto e vecchio. Gli Elementali sono anche gli aspetti umani della
forza,dell'intelletto, della volontà e delle emozioni e si trovano integrali in ogni
individuo come corpo, mente , cuore e fluidi corporei (sangue ed acqua).
Queste delineazioni e visioni degli Elementali aiutano la strega a concentrare il potere
attraverso l'Elementalenell'azione magica. Gli Elementali sono per il praticante la
base del Tutto. Voi aggiungete il vostro Spirito alle magie con gli Elementali. Essi
vengono considerati coe fratelli, si ha con loro come un forte vincolo familiare, per
questo nella Stregoneria Verde ci si riferisce a loro come amici e parenti. Spesso i
quattro vengono raggruppati in due per equilibrio. In particolare quando si lavora con
gli Elementali entra in gioco la numerologia, perchè la vostra prospettiva riguardo
all'importanza dei numari e delle loro interrelazioni si traduce nel lavoro che state
facendo nell'Arte. Come quattro, una unità di Elementali, vi sono fondamenta,
fermezza, forza e crescita solida. Con due vi è equilibrio tra uguale e/o opposti ,
dualità ed unioni. Gli Elementali Terra ed Acqua possono essere considerati come
allienati con o come aspetti della Signora, mentre gli Elementali Aria e Fuoco come
allienati con o come aspetti del Signore. Ma anche questo può cambiare. Essi non
sono fissi in uno o nell'altro allineamento ma possono essere emanazioni della Dea o
aspetti del Dio. Perciò le delineazioni delle forme Elementali si incrociano ma, in tutti
i casi, essi hanno e sono poteri.
La Terra può essere la Dea quale raccolto e generosità, la Dea quale sterilità ed il
potere della terra in agitazione. L'Acqua può essere la Dea come amore e nutrimento,
la Dea delle acque donatrici di vita e del mare e il potere della tempesta e del
temporale. Queste sono immagini della Dea quale Fanciulla, Madre ed Anziana, che
traducono il loro potere attraverso gli Elementali Terra ed Acqua, ma in questi due
aspetti si può trovare anche il Dio. La Terra può essere il Dio come protettore delle
selve e signore degli animali, il Dio coem governatore dell'Oltretomeba ed il potere
della morte e della distruzione. L'Acqua può essere il Dio come mare e come colui
che nutreed il potere della bufera e dell'uragano. Per quanto riguarda gli altri due
Elementali possono aversi le stesse variazioni, nonostante Aria e Fuoco vengano
normalmente identificati quali aspetti del Dio. L'Aria può essere il Dio quale respiro
di vita, il Dio come intelletto ed il potere della mente. Il Fuoco può essere il Dio
quale Sole datore di vita e forgiatore di metalli, il Dio come passione e la furia della
battaglia ed il potere dell'energia. Tuttavia questi Elementali presentano anche
l'essenza della Dea. L'Aria può essere la Dea come musa o il potere dei tornadi. Il
Fuoco può essere la Dea come gli ideali appassionati o come il potere dei vulcani in
eruzione.
Collegandovi con gli Elementali nella Natura e nell'Arte troverete l'unione di tutte le
cose. Questo accade grazie all'estensione del Sè dentro a tutte le cose. Il potere degli
oggetti naturali che si usa nella magia Verde proviene dagli Elementali e viene
incanalato dalla Strega. Qui continua il ruolo di scambio, così che per ricevere un
dono dovete dare un dono. Questo scambio lega o connette il potere e collega
l'Elementale al donatore, così che possa essere fatto un dono in cambio. È coem uno
scambio e una unificazione di energia per ottenere uno scopo. Il dono che viene fatto
può consistere in un oggetto, un simbolo o una benedizione ma ciò che conta è la
sensazione che accompagna il dono e la consapevolezza che questo produrrà un dono
di ritorno. Nelle culture primitive, lo scambio di doni porta ad ulteriori scambi e
talvolta il donare giunge ad estremi tali che vi è il pericolo che un capotribù superi in
potere un altro grazie al'ostentazione del suo potere economico. Se l'altro capo ne
rimane imbarazzato, può scoppiare una guerra tra le due tribù per una questione di
onore. Mia madre stava sempre attenta a non eccedere con i doni. Ella capiva che la
gente non apprezzerebbe il dono di qualcosa che non potrebbero permettersi loro
stessi, perchè questo li metterebbe in una posizione inferiore o subalterna, quindi non
faceva mai doni innopportuni o spiacevoli.
Anche nell'Arte si applica lo stesso principio. Quando si cerca l'aiuto degli Elementali
in un progetto magico, non è necessario esagerare con i doni. Mostrare grande copia
di doni non è più produttivo. I popoli di Java e del Tibet creano bellissime
composizioni colorate di cibi che portano in parata e quindi offrono al Divino quale
varietà di reciproci doni. Questa è una faccenda che riguarda l'intera comunità e
rappresenta centinaia di migliaia di persone in una singola grande petizione(spesso
accompagnata da parecchie piccole petizioni individuali). Nella stregoneria,
l'individuo pratica magia da solo o in piccoli gruppi, perciò non vi è bisogno di una
grande mostra nè essa porterebbe ad una risposta maggiore. Nel donare, l'essere
semplici porta i migliori risultati.
In tutti gli incantesimi o rituali dell'Arte Verde vengono contattati gli Elementali in
qualche forma. Che il lavoro dell'Arte invochi le energie della luce o dell'ombra, la
chiave per un allineamento Elementale di successo è la visualizzazione. Per la Terra
vi sono terra, alberi, rocce, campi, foreste, montagne ed animali a quattro zampe
come il toro, il cavallo ed il cervo. Per l'Aria vi sono vento, nuvole, uccelli, farfalle,
falene ed insetti che volano. Per il Fuoco vi sono la fiamma, il magma fuso, la
fosforescenza, il lampo la lava e la salamandra(che tradizionalmente viene ritenuta in
grado di vivere nel fuoco). L'Acqua può venire visualizzata coem oceano, fiume
pioggia, fonte, specchio d'acqua , laghetto, ruscello e pesce. Scegliete l'immagine
dell'Elementale appropiata per quello che state facendo, quindi visualizzate la forma
dell'Elementale adatta al tipo di lavoro.
Per i Quarti del cerchio si possono usare le forme base di toro,acquila alamandra e
delfino. Per una celebrazione o un incantesimo della Luna Nuova si possono usare le
forme di troll, fuoco fatuo, fuoco di St. Elmo e sirena. In un rituale per la Luna dei
Sidhe si possono usare le forme di gnomo, spirito, drago e sirena. In un rituale per il
potere dell'ombra si possono utilizzare quelle forme Elementali che fanno ,mostra di
potere grezzo indomito ed altamente energizzato: terremoto, tornado, eruzione
vulcanica ed uragano. La forma usata dipende dalla vostra ricettività a
quell'immagine. Se i troll hanno un antica influenza su di voi e vi riportano ad un
entità rozza e scura diomorante nella terra, questa immagine andrà bene ma se tutto
ciò che vi fà venire in pensare è un immagine graziosa che avete vist tanto tempo fa
in un libro per bambini o una piccola bambola troll con lunghi capelli rosa potreste
avere dei problemi ad usare questa immagine per l'Elementale Terra.
Pianificate il vostro lavoro il più possibile per tempo o lasciate che le vostre
sensazioni fluiscano per trovare un immagine che funzioni per voi in ogni situazione.
Alcuni usano dei draghi in tutti i Quarti, ma ne vedono di tipi diversi. Un bellissimo
mazzo di tarocchi oscuri, disegnato da Peter Pracownick e Terry Donaldson, si basa
sui draghi Elementali.
Quando vi sarete abituati a lavorare con gli Elementali, diventerete consapevoli di
quanto essi vi siano vicini. Sono poteri affidabili cui vi potete rivolgere senza un
rituale o una cerimonia. Potete fare loro sapere i vostri bisogni e desideri senza
parlare o in un basso sussurro ed essi vi risponderanno.
Una volta stavo cercando un drappo per coprire la mia sfera di cristallo ma ne
desideravo uno particolare. Visualizzai ciò che volevo- qualcosa con dei toni in nero,
verde molto scuro ed oro e con disegni di foglie, non trasparente ma non totalmente
opaco- e lo comunicai agli Elementali. Andai quindi in un negozio e cominciai a
guardare i loro drappi. Trovai quello che avevo visualizzato quindi, in maniera
giocosa, mi rivolsi agli Elementali e suggerii una diversa immaginementre infilavo le
mani nella pila delle stoffe. Apparve anche quello ed io li presi entrambi. Quindi
semplicemente per essere certa di ciò che stavo , visualizzai ancora una volta quello
che volevo ed esso mi comparve in mano. Ridendo (come stavano facendo loro), dissi
agli Elementali che bastava e corsi a pagare. Dovetti fare forza su di me stessa per
non visualizzare nent'altro.
L'altro punto da prendere in considerazione è che, quando chiedete qualcosa e lo
ottenete, non dovete rifiutarlo. In altre parole, gli Elementali sono felici di lavorare
per voi e giocheranno con voi ma si aspettano che voi non abusiate di questa
relazione. Per inciso, la stessa cosa vale per i doni degli Esseri Fatati. Quando
ricevete un dono inaspettato dalla Natura, potete a buon diritto presumere che l'Altro
popolo stia rinnovando i propri legami con voi. Accettate il dono. Io possiedo una
scatola proveniente dal Brasile, con disegnati sul coperchio, sotto un vetro, delle
farfalle blu iridescenti. Conservo lì dentro molti dei miei dono fatati fino a quando mi
capita di averne bisogno.
Nella prossima sezione descriverò una bottiglia degli Elementali e come crearla.
Questa bottiglia diventa uno strumento dell'Arte in quanto pone in relazione il
praticante con gli Elementali a livello personale. Un approccio da vicino aumenta la
vostra capacità di lavorare con gli Elementali e tramite loro, ma la bottiglia non è
certamente indispensabile per avere questo contatto. Gli Elementali non sono sempre
invisibili. Una notte mi svegliai a vidi quattro forme ammantate in camera mia, con le
mani sui fianchi, che erano in piedi formando un quadrato attorno a me. Il mio primo
pensiero andò ad un libro sull'Arte che avevo letto recentemente ed alle parole per
bandire entità spirituali inattese ma, osservandoli, decisi che fare questo sarebbe stato
scortese. Questo mi fece pensare che avevo molto bisogno di spiegare alla gente che,
quando si fanno magie , non si devono temere coloro che vi aiutano. Quindi la
quadratura della loro presenza mi colpì per il suo profondo significato e dissi:" Oh!
Voi siete i quattro Elementali!" Ero molto stanca , così semplicemente li benedissi e
dissi loro che sarei tornata a dormire. Essi alzarono le braccia così che le loro mani si
toccarono sopra di me, al centro del quadrato che formavano, con le lunghe dita
aperte , ed io percepii che mi stavano benedicendo a loro volta. Quindi tornai a
dormire. So che questo è accaduto perchè inizialmente avevo guardato mio marito ed
avevo visto che dormiva. Molti anni dopo, una ricercatrice piena di talento mi parlò
della strana esperienza accadutale dopo avere preso alcune lezioni da me. Una notte
si svegliò e vide quattro figure ammantate. Sapete il resto. Non avevo parlato con
nessuno della mia esperienza, perciò posso con sicurezza accettare la sua come
genuina e sono felice del fatto che lei ha riconosciuto con calma che fossero.
Rituale

Creare una bottiglie degli Elementali


Si usa una bottiglia degli Elementali come aiuto per concentrarvi sui Poteri
Elementali di Terra, Aria, Fuoco ed Acqua e per avvertirli del vostro desiderio di
lavorare con loro. Essi sono dentro di voi e fuori di voi in varie forme, perciò quando
create la bottiglia usando oggetti che sono in relazione con gli Elementali, anch'essi
sono in relazione con voi. Quando penserete a ciò che volete rappresenti gli
Elementali ed avrete cercato una connessione con l'Altro Popolo, cercate doni del
Popolo Fatato per la bottiglia. Possono includere cose come penne, conchiglie, pietre
forate (pietre con un foro creatosi naturalmente), lava, pietra pomice e legno
carbonizzato naturalmente (colpito da un fulmine). Per fare la vostra bottiglia degli
Elementali, potete anche fare o comprare una bottiglia di ceramica adatta. Mettete sul
tavolo con la bottiglia gli elementi che avrete selezionato come rappresentativi dei
quattro Elementali. Ora siete pronti per dedicare la bottiglia alla connessione tra voi e
gli Elementali. Sollevate la bottiglia e mostratela ad ognuno degli Elementali ai
Quarti, dicendo mentre girate:
Gli Elementali formano la bottiglia
come Terra ed Aria mischiate ed Acqua e Fuoco;
così il contenitore del mio spirito è formato come questa bottiglia.
Benedite l'oggetto della Terra con il sale ( o polvere di radice di bardana) ed invocate
quell' Elementale affinchè benedica quell'oggetto "in ricordo dell'unione tra te e me",
quindi ponetelo nella bottiglia. Benedite l'oggetto dell'Aria con il fumo dell'incenso e
ripetete il procedimento. Benedite l'oggetto del Fuoco con la fiamma di un a candela
color porpora ripetendo la procedura, quindi benedite l'oggetto dell'Acqua con acqua
di fonte e ripetete il processo. Ora turate la bottiglia. Usate tre fili di cotone- bianco,
rosso e nero- lunghi 3 piedi (91,44cm n.d.t.) per rappresentare la triplice Dea.
Annodateli insieme ad un capo ed intrecciateli tra loro. Avvolgete laq treccia
completa attorno al turacciolo della bottiglia ed assicuratevela (può andar bene un
nodo scorsoio). Potete decorare l' esterno della bottiglia con oggetti che rappresentino
gli Elementali, usando lo stesso metodo e le stesse parole di prima. Benedite la
bottiglia completata dicendo:
Elementali dentro ed Elementali fuori;
come questo contenitore è il mio corpo,
noi siamo uniti come amici e parenti,
nell'amore e nel rispetto,
l'uno all'altro/a;
il Tuo potere è dentro di me ,
intorno a me ed una cosa sola con me,
con benedizioni date e benedizioni ricevute.
Così piaccia essere.
Riponete la bottiglia sul vostro altare personale o in altro luogo dove eseguite i vostri
lavori magici o semplicemente dove può essere vista ed agirà come ricordo
dell'unione nella frattellanza tra voi quali praticanti e gli Elementali.
4
Cosa sono i Poteri dell'Ombra ?

Archetipi
I Poteri dell'Ombra promanano dagliaspetti ombra della Dea e del Dio.
Questo è il potere dell'Anziana e del Signore delle Ombre, della Megera e
del Cacciatore. I poteri dell'ombra sono più che semplici personificazioni
delle influenze negative della vita, comunque, e l'energia che deriva dall'
immaginario oscuro del Divino è molto potente. Come tale, dovete stare
attenti a quello che fate. Satate attenti a ciò che fate.
La Dea Oscura si manifesta nella mitologia in vari tipi di vecchie della
morte, sagge megere, devastazione, guerra , malattia e sterilità della terra.
Il Dio Oscuro viene visto nella mitilogia come il silenzioso ospite dei
morti nel suo regno sotteraneo di ombre grigie e sonno, conoscitore di
segreti e saggio dell'universo, morte, guerra, distruzione, raccoglitore di
anime e annunziatore del caos.
Ella è la Madre Ossa che raccoglie i teschi dei morti per gli ossari; questa è
la messe di ciò che rimane di materiale della vita che fù. Egli è il
Cacciatore, la cui corsa (Caccia Selvaggia) raccoglie le energie dell'anima.
In questa antica cosmologia c'è un senso di mancanza di paura. In effetti, i
culti misterici dell'antichità si concentravano sugli aspetti oscuri del
Divino, così che i loro seguaci potessero passare dalla paura della morte al
riconosciemento della loro eterna immortalità. In quanto potere, il Signore
Oscuro è il Caos da cui deve evolversi l'Ordine. Non essendovi tuttavia
fine a questo ciclo, l'Ordine si risolve nuovamente nel caos, per rinascere
come Nuovo Ordine. Il Signore delle Ombre quale Morte diventa il
processo della nuova vita tramite la raccolta dell' energia della vita
morente ed il Passaggio in una nuova forma materiale avviene attraverso
l'Anziana.
Nell'aspetto di luce il Dio muore volontariamente entrando nel terreno per
portare la sua forza vitale ai raccolti che verranno in seguito mietuti per
sfamare l'umanità. Grazie a questo atto di sacrificio, egli rivitalizza la
Terra. Egli fa questo tramite l'Anziana. Il matrimonio di Lugh, in agosto,
celebrato come il Sabbat Lunghnassadh, è il principio della disciesa del
Dio all'interno di Madre Terra. Una volta là, egli viene trasformato nel
figlio all'interno della Dea. Così il Dio pagano è sia Padre che Figlio, ed
ecco il perchè il cristianesimo ha potuto mescolarsi tranquillamente al
paganesimo locale ed assorbire le festività pagane. Giunge il raccolto, le
stagioni cambiano e la Madre diventa l'Anziana dell'autunno e
dell'inverno, solo per essere trasformata nuovamente in Madre al Solstizio
d'Inverno con la rinascita del Sole (suo figlio, il Dio). Il ventre/tomba è il
dominio dell'Anziana ed è un luogo di grande potere. È lì che avviene la
trasformazione, le energie della morte si riposano e ritornano a formarsi
come energie di vita. Quando si affronta e si riconosce questo potere
giungono la liberazione dalla paura, un nuovo senso di indipendenza ed il
riconoscimento della responsabilità personale. Da morti noi non veniamo
giudicati dalla Signora e dal Signore ma ci auto-giudichiamo. Dalla pace
del Suo Regno(del Dio n.d.t.) ci spostiamo atraverso di Lei a nuova vita.
Questo è il tema pagano equilibrato del calderone, il Dio dell' auto-
sacrificio e la Dea della resurrezione. È questo potere della Dea che
differenzia significativamente la vecchia e la nuova religione.
Perciò, in senso storico, mentre il Signore dell'Ombra conduce a nuova
vita il caos dei cambiamenti sociali e culturali tramite l'Anziana, Ella non
diviene il terrore della morte ma il passaggio gioioso a nuove associazioni
vibranti tramite la morte di ciò che è stagniante e antiquato. Ella è la Fata
Morgana (Morgan the Fate), la Cacciatrice Diana, Minerva, Cerridwen,
Sati e Kalì. Egli è Pluto, Hades, Cernunnos, Herne il Cacciatore, Seth e
Shiva, ma i nomi possono non trasmettere l'immagine di cui abbiamo
bisogno il praticante fino a quando questi non sia in grado di andare oltre
alla moderna assiociazione dell'ombra quale maligno.
Nell'Arte Verde i numeri due e quattro hanno un significato speciale. Posso
solo specularne sulla causa, ma immagino che sia in relazione al senso di
equilibrio e centratura offerta dalla stregoneria. Vi sono due Divinità della
Luce -una Dea e un Dio- e due Divinità dell'ombra - una Dea e un Dio-.
Ma queste Divinità sono le stesse, così si crea un quadrato di quattro dai
due gruppi di due e , siccome il Dio e la Dea sono uniti in forma di
androgino, i quattro sono uguali ad uno. Questi numeri sono importanti
nell'Arte Verde e rappresentano equilibrio, forza ed unità. C'è un altro
numero che giunge poi.
Accetando il fatto che i poteri dell'ombra siano in equilibrio con quelli
della luce, siete in grado di utilizzare il Potere completo. La dicotomia di
buono e cattivo non si applica alla sua semplice realtà. Si può attingere
energia dalla luce o dall'ombra; così la morte fornisce all'anima il
passaggio a qualunque regno da cui l'anima avrà attinto energia. L'energia
è sempre in movimento e fluisce e rifluisce tra luce ed ombra. Quella che
in un determinato momento è energia della luce si muta e diventa energia
dell'ombra. Tramite la pratica dell'Arte , la strega dirige questa energia per
lo scopo benefico. Fare altrimenti significherebbe fare del male a se stessi.
Ciò che inviate torna indietro.
Affrontare l'Aldilà ed il potere dell'aspetto ombra del Divino significa
comprendere che l'ombra è parte del necessario equilibrio della vita e non
è qualcosa da temere. L'unificazione dell'ombra conla luce all'interno di un
individuo offre completezza e pace, che possono in seguito essere trasferite
ai contatti esterni.
I Poteri dell'Ombra nella stregoneria
I sabbat della stregoneria fanno riferimento alle stagioni solari come ai
Quarti ed ai cicli agricoli come a Semi-Quarti. Gli Esbat celebrano le fasi
della Luna, normalmente Piena e Nuova. Questi giorni di osservanza
enfatizzano l'unione di Sole-Terra- Luna-Strega che si ritrova nei rituali e
nelle opere dell'Arte. Alcuni di questi giorni sacri sono dedicati alla luce,
altri all'ombra. Nei Sabbat, Lunghnassadh è per il Dio il punto d'incontro
con l'ombra quando egli comincia il suo viaggio verso la nuova luce a Yule
. Da Yule a Lunghnassadh, le energie della Terra rivivono come relazione
in crescita tra la Signora ed il Signore e culminano con l'incontro in
Beltane e si spostano al sacrificio volontario del Signore in agosto. Il
primo raccolto è il Raccolto del Pane di Agosto, quando il Signore disende
nella Signora – Madre Terra- per donare la sua essenza vitale, l'energia
solare, al grano per sfamare i figli della Terra. Il secondo raccolto è a
settembre; una volta veniva chiamato la Dimora del Raccolto ed ora è il
Sabbat di Mabon. Era il Raccolto del Vino e veniva celebrato con molta
festa e gioia. Questi due festival celebrano ogni anno il corpo ed il sangue
del Dio da Lui offerto, un tema che si ritrova in tutto il mondo pagano
antico.
Dedicati al signore Oscuro vi sono i Sabbat di Lughnassadh, Mabon e
Samhain; egli muta poi in una notte , a Yule da Re dell'Agrifoglio a Re
della Quercia. Yule è il secondo incrocio che il Signore attraversa
spostandosi dall'Oltretomba per tornare alla Terra. Egli discende nella
Terra a Lughnassadh e sparge i suo corpo nei raccolti, quindi a Mabon
versa il suo sangue nei vini. A Samhainegli è nel regno dell'Oltretomba in
attesa dell'Anziana, che giunge da lui e lo riceve nuovamente in lei per
farlo rinascere a Yule, quando Ella si trasforma nella Santa Madre ed egli
nel suo figlio appena nato.
Il Signore Oscuro e l'Anziana si incontrano coem uguali nell'oscurità si
Samhai -quando tutto questo mondo , nell'Oltretomba e nell'Altro Mondo è
santo-, quando al loro trasformazione crea un momento nel tempo che
permette agli abitanti dei mondi di entrare in stretto contatto.
Il velo tra i mondi è più sottile a Samhain; questo è il momento di onorare i
vostri antenati, di salutare gli spiriti di passaggio e di cercare risposte alle
vostre domande da oltre il piano fisico.
Ad All Hallows Eve (Halloween) delle zucche o delle rape accese servono
come guida per gli spiriti durante la notte. Sale, pane e birra (idromele),
vino o acqua vengono posti a tavola in un posto vuoto per i cari defunti
che tornano a farci visita. Nel giardino vengono seppelite delle mele o
delle melograne per dare sostentamento agli spiriti di passaggio. Questo è
il tempo per divinazioni , chiaroveggenza sul futuro e per conversare con
la Terra delle Ombre. È anche il momento in cui il Dio passa dalla tomba
al ventre.
Abbassate le braccia, sollevate con attenzione la candela a pilastro grigia e
dite:
Come questa luce splende davanti a me,
che la luce dell' Altro Mondo raggiunga questo luogo.
Qui potete inserire la Chiamata del Compagno o continuare il rituale
modificando la sezione come tempo di meditazione e pasto rituale.
Ricerca di un Compagno
Ponete la candela sul tavolo e spostatevi al lato ovest del tavolo, spostate
un poco la sedia in modo che qualcuno che desideri arrivare possa sedersi,
quindi tornate al lato est del tavolo. Aggiungete un poco di artemisia alla
candela grigia; abbastanza da bruciare ma da non spegnere la candela (se si
spegne riaccendetela, non è nulla di male). Sedetevi, guardate nello
specchio nero dietro alla fiamma della candela e dite:
Qui è la porta verso l' Altro Mondo;
do il benvenuto al mio ospite tramite questo portale.
Fissate l'interno dello specchio per un poco e visualizzate una foresta
nebbiosa; percepite la fresca e rinfrescante aria; sentite l'odore delle foglie
umide sul terreno della foresta, , il muschio su antichi e grandi alberi; udite
il suono dell'acqua che gorgoglia lungo uno stretto ruscello; udite i dolci,
delicati passi esitanti di un cervo che bruca ed udite i passi calmi di un
Altro che si avvicina a voi attraverso la foresta scura; quando vedete l'
Altro che ricambia il vostro sguardo sollevate (una in ogni mano) le coppe
di fiori e latte e salutate il vostro Ospite:
Salute a te e benedetti siano i tuoi piedi che ti hanno portato su questa
via;beendetto sia il tuo cuore che batte fedele; benedetti siano i tuoi
occhi che vedono tra i mondi; benedette siano le tue mani, offerte in
amicizia e strette alle mie.
Ponete le coppe davanti ai lati di ciò che è stato preparato pr il the per
l'Ospite, quindi offrite le vostre mani assieme, a palme in su, e piegate le
dita verso le palme mentre salutate il vostro Visitatore; rilasciate la stretta e
preparatevi a servire il the. La foresta rimmarrà in vista dietro al vostro
Visitatore, così che la tavola apparirà come fosse parzialmente tra gli
alberi; il suono degli animali della foresta e del ruscello continueranno in
sottofondo. Presentatevi e dite:
Sono onorato/a della tua presenza e sei il benvenuto a questo tavolo
preparato tra i mondi.
Ora servite il the in entrambe le postazioni, aggiungendo zucchero e latte
ed un biscotto a lato di ogni piattino (il cibo e la bevanda dell'Altro non
vengono consumati in maniera materiale ma la loro essenza verrà
rimossa). Quindi con le braccia aperte e le palme all'insù benedite il pasto
dicendo questo o qualcosa di simile:
Conosco i mie bisogni ed offro il mio apprezzamento a ciò che mi
sostiene . Che io possa sempre ricordare le benedizioni della mia
Signora e del mio Signore. Il Signore porta la vita spirituale grazie alla
generosità della signora dell'Altro Mondo, che tutto viene creato nella
bellezza immortale. Io onoro labellezza interiore dello spirito.
Potete bere il the e mangiate con il vostro Ospite e semplicemente avere
quest'incontro con il vostro Ospite in silenzio e parlare del vostro desiderio
di avere un Compagno dell'Altro Mondo che vi aiuti,vi guidi, lavori e
cammini con voi. Aggiungete di tanto in tanto altra artemisia alla candela
per mantenere il rofumo nell'aria. Quando avete finito, se volete chiedere
al vostro Ospite di essere il vostro Compagno e di trovare un cristallo da
usare come passaggio verso di voi e che possiate portare con voi (se non
ne possedete già uno, lo incontrerete presto; guardatevi dentro e vedete il
vostro amico- esso non contiene ne imprigiona l'Altro ma è una finestra
verso l'Altro Mondo ed una porta verso di voi). Quando avrete finito,
alzatevi e dite:
Sono benedetto/a dal fatto che tu abbia condiviso questo the con me.
Ti do le mie benedizioni.
Siamo giunti in amicizia e ci congediamo in amicizia.
Con gioia ci incontriamo, con gioia ci congediamo e con gioia ci
incontraremo nuovamente. Felice incontro, felice partenza e felice
nuovo incontro.
Visualizzate il vostro Ospite che si alza quando voi vi alzate ; stendete
nuovamente la mano a palmo in su e percepite il fresco tocco della mano
dell'Altro in segno di saluto. Sedete davanti alla candela ed allo specchio e
visualizzate la foresta nebbiosa che diviene più scura; il suono dei passi
calmi dell'Ospite che se ne va scompaiono nella selva, il rumore delle
acque del ruscello si attutisce; il cervo torna nel cuore della foresta, la
foresta scompare e la porta si chiude; voi state guardando dentro allo
specchio nero e vedete il vostro riflesso.
Conclusione del rituale per la Luna delle Fate
Prendete il coltello, tenetelo sopra al tavolo e dite:
Signore e Signora dei Sidhe, sono benedetto/a dal tempo
che avete condiviso con me. Vegliate su di me e proteggetemi,
guidatemi qui e su tutte le mie strade. Sono giunto/a in amore e
me ne vado in amore. Onoro la Signora ed il Signore dell'Altro
Mondo,
dove lo spirito viene nutrito nel canto e nella gioia. La danza è
costantemente in movimento ed eterna. Così piaccia così essere.
Alzate il coltello in segno di saluto e dite:
l'amore è la legge ed il legame. Con gioia ci siamo incontrati, con gioia
ci congediamo e con gioia ci incontreremo nuovamente.
Felice incontro, felice partenza e felice nouvo incontro!
Il cerchio ora è aperto.
Così piaccia essere!
Baciate la lama del coltello e riponetelo sull'altare. Prendete lo smoccolatore ed
andate intorno al cerchio in senso antiorario per spegnere le candele ai Quarti,
fermandovi ad ogni punto per rivolgervi agli Elementali alzando le braccia e dicendo:
Vai in pace, Elementale Acqua (Terra, Fuoco, Aria)!
Porta con te la mia benedizione!
Abbassate le braccia, visualizzate l'Elementale che se ne va, spegnete la candela e
spostatevi al Quarto seguente fino a quando non avrete congedato tutti gli Elementali.
Ritornate all'altare e deponete lo smoccolatoio. Alzate le braccia e dite:
Esseri e Poteri del visibile e dell'invisibile, andate in pace!
Voi mi aiutate nel mio lavoro,
sussurrate nella mia mente,
mi benedite da tutti i regni ed i mondi
e fra di noi vi è armonia.
Portate con voi le mie benedizioni.
Il cerchio è ripulito.
Prendete il coltello ed andate al Quarto nord, procedete in senso orario intorno al
cerchio visualizzandola luce blu che viene riassorbita nel coltello mentre dite:
il cerchio è aperto, tuttavia esso rimane
perchè il suo magico potere è ritornato a me.
Nel raggiungere nuovamente il nord, toccatevi la fronte con la superfice della lama
del coltello e visualizzate la luce blu che scintilla intorno a voi e rientra in voi.
Ritornate all'altare, sollevate il coltello e dite:
Il rituale è terminato.
Benedizioni sono state date e benedizioni sono state ricevute.
Che la pace della Dea e del Dio possa rimanere nel mio cuore.
Così piaccia essere!
I poteri della Signora Oscura e dell'Oscuro Signore possono essere usati per
rivelare i segreti del passato tramite la meditazione con lo specchio nero.
Questo tipo di meditazione può essere usata da sola o unita ad un rituale
dell'aspetto oscuro come l'Esbat della Luna Scura o dei Sidhe.
Sentitevi liberi di incorporare le vostre idee personali per avere un esperienza
più appagante. Dopotutto, la visualizzazione di qualcun altro non è uguale all
vostra perciò, mentre può essere piacevole una meditazione altrui, le percezioni
sono individuali. È una buona cosa alterare e personalizzare una meditazione
pubblicata per renderla più significativa. Se durante la meditazione si usa della
misica, dovrebbe essere scelta per integrare e non per sovraccaricare lo stato
d'animo raggiunto. Raccomando di tenere la musica molto bassa per evitare che
interferisca con la vostra concentrazione mentale.
Insieme ad una meditazione con lo specchio nero si può usare un rituale per
l'Esbat della Luna Nuova, altrimenti la meditazione può essere fatta senza
rituale di Esbat. È questione di preferenze. La mediatazione può essere
usata da sola creando un cerchio ed invocando gli Elementali affinchè
veglino sullo spazio sacro usando l'immaginario degli Esbat della Luna
Oscura.
Si può acquistare uno specchio nero nella maggior parte dei negozi che
vendono articoli per l'Arte ì, si può ordinare per posta o possiamo farlo noi
stessi. Prima dell'uso, lavatelo in acqua con dell'artemisia in infusione,
asciugatelo e consacratelo sia alla Luna Piena che alla Luna Oscura, così
che lo specchio possa essere usato per molti tipi di meditazioni ed
incantesimi. Anche dell'ossidianalevigata e pulita può essere un'eccelente
strumento per la meditazione, specialmente se riuscite a trovarne una che
stia confortevolmente nel palmo della vostra mano. Se usate uno strumento
per la meditazione sull'Altro Mondo, non dovreste consacrarlo con il sale
ma con la radice di bardana.
Sedete o davanti all'altare dove questo viene fatto come parte di un rituale
o ad un tavolo che può essere usato per questa meditazione.
Accendete una candela nera (votiva, o a pialstro o a bastoncino) nel suo
porta candele usando la candela centrale dell'altare e dite:
Questa candela risplende per illuminare la via verso l'Oscurità.
Ponete la candela davanti allo specchio nero appogiato ( potreste
desiderare di suonare un tamburo o di scuotere un baccello-sonaglio contro
il palmo della mano mentre cantate)

Invoco l'Ombra ed il Passato, l'Antico dei Giorni del Regno


di Ciò che è stato Attraversato.
Sciogliete al mio sguardo le vie che ho percorso e mostratemi le forme
di vita che ho conosciuto.
Guardate dietro alla candela nello specchio e fissate i vostri occhi.
Continuate a scuotere il baccello e cantate la rima senza realmente
ascoltarla o prestare attenzione al movimento; concentratevi sullo specchio
e guardate mutare il vostro volto in quelli delle vite passate. Non
sorprendetevi di vedere volti del sesso opposto o anche di esseri cui non
pensavate o che vi sono sconosciuti . Il viaggio dell'anima comprende
l'universo e laddove uno ha vissutopuò esserwe un posto differente dalla
Terra. In alcuni casi potreste vedere una progressione di vite in altre forme
di vita sulla Terra. Non tutte le vite devono essere considerate al passato,
perchè alcune potrebbero ancora verificarsi o essere in altri pianeti; il
luogo del passato dipende dal luogo in cui si è nella spirale in un dato
momento.
Quando questo sarà fatto, se starete ancora scuotendo il baccello fermatevi
e dite:
i ricordi del passato e del futuro sono stati mostrati; i miei voltio nel
Tempo sono ora conosciuti. Do le mie benedizioni al Velato della Notte,
perchè attraverso questa maschera mi è stata data la Visione.
Coprite lo specchio con un panno nero e spegnete la candela. Procedete
con il rituale dell' Esbat o prendete qualcosa di rinfresco e tornate alla
normale routine.

5
Cantate fino a quando starete guardando oltre l'immagine nello specchio.
Lasciate che la candela e l'incenso lavorino per aiutare a far arrivare nella
vostra mente le parole che descrivano le sensazioni che quella persona vi
causa(ce ne potrebbero essere poche). Ora guardate dentro a quella
persona con l'occhio della mente e lasciate che arrivino le parole che
descrivono quella persona. Ora potrebbero cominciare a focalizzarsi nello
specchio delle immaginidi quella persona. Ogni immagine avrà qualche
caratteristica uguale alle altre e questo è il punto di riconoscimento che
definisce quella persona in relazione a voi. Trovate le parole esatte per
definire i vostri sentimenti riguardo alla caratteristica dominante della
persona e concentratevi sulla vostra consapevolezza in merito ad essa.
Ora sapete, o ne avete la percezione , chi sia veramente quella persona e
potete sentire la pace e la serenità derivante da tale conoscenza; quella
persona non sarà più in grado di suscitarvi stress emotivo perchè voi
conoscete il suo nome.
Per pulire lo specchio, sollevatevi davanti l'incenso e soffiatevi contro, così
che il fumo giunga allo specchio e dite:
L'immagine è stata vista il nome è conosciuto ,
non ho più bisogno di questa visione nella mia casa.
Turbina il fumo dell'incenso, questa notte,
bandisce l'immagine di (nome descrittivo) dalla mia vista!
Spegnete la candela nera e coprite lo specchio con un panno nero.
Potete ora procedere con il rituale dell'Esbat oppure benedite e congedate
gli Elementali , aprite il cerchio, prendete qualcosa di rinfresco e tornate
alla normale ruotine.
Meditazione con le erbe

La caverna dell'Oracolo
Vi sono molte meditazioni riguardanti l'aspetto Oscuro e mote di esse
possono essere usate nella Stregoneria Verde per aprire la consapevolezza
subconscia grazie all'uso delle erbe che bruciano. Un erba tra le migliori
per questo è l'artemisia ma altre scelte possono comprendere la salvia,
timonella, baradana, stellina odorosa e rosmarino.
Lo scopo della seguente meditazione è di ricollegarci con il nostro passato
pagano tramite la Caverna dell'Oracolo.
6
[purtroppo qui manca l'inizio
della tabella]
7
8
9
osservarvi come voi avete osservato lui. Cercate una crepa nella corteccia
e visualizzatevi mentre scivolate all'interno di quella crepa. Sentite la
trama legnosa del tronco, forte ed in grado di sostenere il peso dei rami e
delle foglie che pesano sul centro del corpo dell'albero; il vostro corpo. In
quanto albero, i fluidi scorrono su e giu dentro di voi. Sentite il gentile
movimento di piccoli insetti che si costruiscono la casa nella corteccia; la
vostra pelle esterna. Spostate la vostra attenzione più in alto e sentite che
vi estendete nei rami.
10