Sei sulla pagina 1di 15

Edito da Antichi Documenti

in Assiro ed in Greco dal Maestro Therion.

Traduzione Italiana MMXIV e.v a cura dell’ Ordo Templi Orientis.


Tutti i diritti riservati – All rights reserved. Copyright © 2014 Ordo Templi Orientis,
PO Box 332012, D-14180 Berlin, Deutschland.
I
CIRCA GLI ARREDI DEL TEMPIO

Ad Est, cioè nella direzione di Boleskine, che sorge sulla riva a sud-est di Loch Ness, in
Scozia, due miglia ad est di Foyers, vi è un sacrario o Altare Maggiore. Le sue misure
dovrebbero essere 7 piedi di lunghezza, 3 piedi di larghezza, 44 pollici di altezza. Esso
dovrebbe essere coperto da un drappo cremisi, sul quale possono essere ricamati fiordalisi
d'oro, o un sole, o altri simboli pertinenti.
Ad ogni lato si erge un pilastro od Obelisco, con alternanze in bianco e nero.
Sotto vi dovrebbe essere un palco a tre gradini a quadrati bianchi e neri.
Sopra di esso è l’altare superiore, sulla cui sommità vi è la riproduzione della Stele della
Rivelazione, con quattro candele per ogni lato. Sotto la Stele vi è lo spazio per Il Libro della
Legge, con sei candele per lato. Sotto di esso vi è il Santo Graal, con rose su ogni lato. Davanti
alla Coppa vi è lo spazio per la Patena. Ai lati oltre alle rose vi sono due grandi candele.
Il tutto è nascosto da un grande Velo.
All’apice di un triangolo equilatero, la cui base è una linea tracciata tra i pilastri, vi è un
altare minore nero, quadrato, formato da due cubi sovrapposti.
Considerando quest’altare quale centro della base di un triangolo simile ed eguale, al
vertice di questo secondo triangolo si trova un piccolo fonte circolare.
Ripetendo, al vertice di un terzo triangolo vi è una Tomba eretta.

II
CIRCA GLI OFFICIANTI DELLA MESSA

Il SACERDOTE. Porta la Sacra Lancia, e all'inizio indossa una semplice veste bianca.
La SACERDOTESSA. Dovrebbe essere una Virgo Intacta o particolarmente votata al
Servizio del Grande Ordine. E' vestita di bianco, blu ed oro. Porta la Spada appesa ad una
cintura rossa, la Patena e le Ostie, o Pani di Luce.
Il DIACONO. E’ vestito di bianco e giallo. Porta Il Libro della Legge.
Due BAMBINI. Sono vestiti di bianco e nero. Uno porta una brocca d'acqua e una saliera,
l'altro un turibolo con il fuoco ed un cofanetto di profumi.

III
CIRCA LA CERIMONIA DELL’INTROITO

Il DIACONO, aprendo la porta del Tempio, ammette la congregazione e prende il suo


posto tra l'altare minore e il fonte.*
Il DIACONO avanza e si inchina davanti al sacrario aperto, in cui è esaltato il Graal.
Egli bacia per tre volte Il Libro della Legge, lo apre, e lo pone sull'altare
superiore. Si volge ad Ovest. [Tutti si alzano.]

* Dovrebbe esserci un portiere all'ingresso per l'ammissione.


2
IL DIACONO. Fai ciò che vuoi sarà tutta la Legge. Io proclamo la Legge della Luce, della
Vita, dell'Amore e della Libertà nel nome di ΙΑΩ.

LA CONGREGAZIONE. Amore è la legge, amore sotto la volontà.

IL DIACONO prende posto tra l'altare dell'incenso ed il fonte, il viso rivolto ad Est, fa il
Passo ed il Segno di un Uomo ed un Fratello. Tutti lo imitano.

IL DIACONO E TUTTA LA GENTE. Credo in un unico SIGNORE segreto ed ineffabile; e in una


Stella nella Compagnia di Stelle dal cui fuoco noi siamo stati creati ed al quale
ritorneremo; e in un Padre di Vita, Mistero dei Misteri, nel Suo nome ΧΑΟΣ, il solo
vice-reggente del Sole sulla Terra; e in un'Aria che nutre tutto ciò che respira.
E credo in una Terra, Madre di noi tutti e in un Grembo in cui tutti gli uomini
sono generati e in cui riposeranno, Mistero dei Misteri, nel Suo nome BABALON.
E credo nel Serpente e nel Leone, Mistero dei Misteri, nel Suo nome
BAPHOMET.
E credo in una Chiesa Gnostica e Cattolica della Luce, della Vita, dell'Amore e
della Libertà, la Parola della cui Legge è θΕΛΗΜΑ.
E credo nella comunione dei Santi.
E, poiché la carne e il vino si tramutano quotidianamente in noi in materia
spirituale, io credo nel Miracolo della Messa.
E confesso un Battesimo di Saggezza, in virtù del quale noi compiamo il
Miracolo dell'Incarnazione.
E confesso la mia vita una, individuale ed eterna che è stata, è, e sarà.
ΑΥΜΓΝ. ΑΥΜΓΝ. ΑΥΜΓΝ.

Viene ora suonata della musica. Entra il bambino con la brocca ed il sale. La VERGINE
entra con la Spada e la Patena. Entra il bambino con il turibolo ed il profumo.
Prendono posto di fronte al DIACONO in fila, nello spazio tra i due altari.

LA VERGINE. Salute da Terra e Cielo!

Tutti eseguono il Segno di Saluto di un Mago, guidati dal DIACONO.


La SACERDOTESSA, con il bambino negativo alla sua sinistra, quello positivo alla sua
destra, sale i gradini dell'Altare Maggiore. Essi la attendono ai piedi dei gradini.
Ella depone la Patena davanti al Graal. Dopo averlo adorato, discende e, seguita
dai bambini, il positivo per primo, si muove a serpentina, compiendo 3½ giri del
Tempio.* Ella sguaina la sua Spada e con essa tira giù il Velo.

LA SACERDOTESSA. Per il potere del  Ferro, io ti dico, Alzati. In nome del nostro Signore il
 Sole e del nostro Signore  … affinché tu possa dispensare le virtù ai Fratelli.

Rinfodera la Spada.
Il SACERDOTE uscendo dalla Tomba e tenendo la Lancia eretta contro il petto con

* In senso orario attorno all'altare, in senso antiorario attorno al fonte, in senso orario attorno all'altare e al fonte, in senso antiorario attorno
all'altare, e poi verso la Tomba ad Ovest.
3
entrambe le mani, la destra sopra la sinistra, muove i primi tre passi regolari.
Quindi dà la Lancia alla SACERDOTESSA e dà i tre segni penali.
Poi si inginocchia e adora la Lancia con entrambe le mani.
Musica penitenziale.

IL SACERDOTE. Io sono un uomo tra gli uomini.

Riprende la Lancia e l'abbassa. Si alza.

IL SACERDOTE. Come posso essere degno di dispensare le virtù ai Fratelli?

La SACERDOTESSA prende dalle mani del bambino l'acqua ed il sale e li mescola nel
fonte.

LA SACERDOTESSA. Il sale della Terra ammonisca l'Acqua di portare la virtù del Grande
Mare.
Si genuflette.

Madre, sii adorata.

Ritorna ad Ovest. Ella traccia  sul SACERDOTE con la mano aperta, sulla fronte, sul
petto, e sul corpo.

Il SACERDOTE sia puro di corpo e di spirito!

La SACERDOTESSA prende dalle mani del bambino il Turibolo e lo posa sull'altare


minore. Ella vi pone l'incenso.

Il Fuoco e l'Aria addolciscano il Mondo!

Si genuflette.

Padre, sii adorato.

Ritorna a Ovest, fa  con il Turibolo davanti al SACERDOTE, per tre volte come prima.

Il SACERDOTE sia fervente di corpo e di spirito!

I bambini riprendono le loro armi, via via che son state utilizzate.
Il DIACONO prende ora la Veste consacrata dall'Altare Maggiore e la porta alla
SACERDOTESSA. Questa paluda il SACERDOTE con la Veste scarlatta e oro.

La Fiamma del Sole sia la tua atmosfera, o SACERDOTE del SOLE!

4
Il DIACONO prende dall'Altare Maggiore la corona.*

Il Serpente sia la tua corona, o SACERDOTE del SIGNORE!

Inginocchiandosi, la SACERDOTESSA prende la Lancia tra le mani aperte, che fa scorrere


su e giù per l'asta undici volte, delicatamente.

Il SIGNORE sia presente tra di noi!

Tutti fanno il Segno del Saluto.

LA GENTE. Così sia.

IV
CIRCA LA CERIMONIA DELL’APERTURA DEL VELO

IL SACERDOTE. Perciò noi invochiamo Te che adoriamo. Per il potere della Lancia levata!

Egli solleva la Lancia. Tutti ripetono il Segno del Saluto.


Musica trionfale.
Il SACERDOTE prende la SACERDOTESSA per la mano destra con la sinistra,
tenendo alzata la Lancia.

Io, SACERDOTE e RE prendo te, Vergine pura senza macchia; io ti innalzo; io ti


conduco a Oriente; io ti insedio alla sommità della Terra.

Pone la SACERDOTESSA in trono, sull'Altare. Il DIACONO e i bambini lo seguono in


fila. [La Gente si siede]
La SACERDOTESSA prende Il Libro della Legge, torna a sedere, e lo tiene aperto sul
petto con entrambe le mani, formando un triangolo discendente con i pollici e gli
indici.
Il SACERDOTE dà la Lancia al DIACONO e prende la brocca dalle mani del bambino, e
asperge la SACERDOTESSA, facendo cinque croci, sulla fronte, sulle spalle e sulle
cosce. †
Il SACERDOTE riceve il Turibolo dal bambino, traccia cinque croci come prima.
I bambini ripongono le armi sui rispettivi altari.
Il SACERDOTE bacia tre volte il Libro della Legge.
Si inginocchia per qualche istante in adorazione, con le mani unite, le nocche chiuse, i pollici
nella posizione anzidetta.
Si alza e tira il Velo su tutto l'altare.
Tutti si alzano e stanno all’Ordine.*

* Essa può essere fatta d'oro o platino, o di Electrum Magicum; ma senza altri metalli, se si eccettua le piccole percentuali indispensabili per la lega.
Può essere ornata di quante gemme si voglia. Ma ad essa deve essere attorcigliato il serpente Uraeus, e il copricapo deve essere uguale per sfumatura al
rosso della veste. Il suo tessuto dovrebbe essere velluto.
† Il Sacerdote tiene sempre il pollice tra indice e medio, quando non impugna la Lancia.
5
Il SACERDOTE prende la Lancia dalle mani del DIACONO e la tiene come prima, nella
posa di Osiride o Pthah. Fa per tre volte il giro del Tempio, seguito come prima dal
DIACONO e dai bambini. †
All'ultimo giro lo lasciano e si pongono tra il fonte e l'altare minore, dove si
inginocchiano in adorazione, con le mani giunte palmo a palmo e sollevate sopra la testa.
Tutti imitano questo movimento.
Il SACERDOTE ritorna ad Est e sale il primo gradino dell'Altare.

IL SACERDOTE. O cerchio di Stelle di cui nostro Padre è solo il fratello più giovane, meraviglia
al di là dell’immaginazione, spirito dello spazio infinito, davanti al quale il Tempo si
vergogna, la mente è sbigottita, e la comprensione oscura, a Te non possiamo giungere,
se la Tua immagine non è Amore. Perciò per il seme e per la radice e lo stelo, per la
gemma e la foglia, per il fiore ed il frutto, noi Ti invochiamo.
"Allora il sacerdote rispose & disse alla Regina dello Spazio, baciando le sue
amabili ciglia, e la rugiada della sua luce bagnandogli tutto il corpo d’un dolce profumo
di sudore: O Nuit, unica continua del Cielo, fai che sia sempre così; che gli uomini non
parlino di Te come Una, ma come Nessuna; e fai che non parlino di te affatto, poiché tu
sei continua!" ‡

LA SACERDOTESSA. "Ma amarmi è la migliore di tutte le cose: se sotto le stelle notturne


nel deserto tu presentemente bruci il mio incenso dinnanzi a me, invocandomi con
cuore puro, ed il Serpente fiamma dentro, verrai a giacere un po’ nel mio petto. Per un
bacio vorrai allora essere disposto a dare tutto; ma chi dà una particella di sabbia
perderà tutto in quell'ora. Raccoglierete beni e abbondanza di donne e spezie; voi
indosserete ricchi gioielli; supererete le nazioni della terra in splendore & orgoglio; ma
sempre nell’amore per me, e così voi giungerete alla mia gioia. Ti ordino ardentemente
di venire dinnanzi a me in un'unica veste, e coperto con un ricco copricapo. Io ti amo!
Io bramo per te! Pallida o purpurea, velata o voluttuosa, io che sono tutta piacere e
porpora, ed ebbrezza del senso più interiore, ti desidero. Metti le ali, e sveglia lo
splendore a spire che è in te: vieni a me!" "A me! A me!" "Cantate la rapente canzone
d’amore verso me! Bruciate per me i profumi! Indossate per me i gioielli! Brindate a
me, perché io vi amo! Io vi amo!" "Io sono la figlia del Tramonto dalle palpebre blu; io
sono la nuda brillantezza della voluttuosa volta notturna." "A me! A me!"

Il SACERDOTE sale sul secondo gradino.

IL SACERDOTE. O segreto dei segreti che sei nascosto nell'essenza di tutto ciò che vive, non è
Te che adoriamo, perché chi adora è egualmente Te. Tu sei Quello, e Quello sono Io.
"Io sono la fiamma che brucia in ogni cuore di uomo, e nel nucleo di ogni stella.
Io sono Vita, e il datore di Vita, eppure perciò la conoscenza di me è la conoscenza di
morte." "Io sono solo: non c’è Dio dove io sono."

* Compiendo il Dieu Garde, che é: piedi ad angolo, mani stese con i pollici intrecciati. Questa é la posizione universale quando si sta in piedi, a
meno che non siano date istruzioni diverse.
† Essi, quando hanno le mani libere, tengono le braccia incrociate sul petto.
‡ Durante questo discorso la Sacerdotessa deve essersi spogliata completamente della sua veste. Vedi Liber CCXX cap.I, 62.
6
Il DIACONO e tutti si alzano in piedi facendo il Segno del Saluto.

IL DIACONO. "Ma voi, o mia gente, alzatevi & svegliatevi!"


"Fate che i rituali siano ben eseguiti con gioia & bellezza!"
"Vi sono rituali degli elementi e feste dei tempi."
"Una festa per la prima notte del Profeta e della sua Sposa!"
"Una festa per i tre giorni della scrittura del Libro della Legge."
"Una festa per Tahuti ed il bambino del Profeta – segreto O Profeta!"
"Una festa per il Supremo Rituale, ed una festa per l'Equinozio degli Dei."
"Una festa per il fuoco e una festa per l'acqua; una festa per la vita e una festa
più grande per la morte!"
"Una festa ogni giorno nei vostri cuori nella gioia del mio rapimento!"
"Una festa ogni notte per Nu, ed il piacere della somma delizia!"

Il SACERDOTE sale sul terzo gradino.

IL SACERDOTE. Tu che sei Uno, nostro Signore nell'Universo, Sole, nostro Signore in noi stessi
il cui nome è Mistero del Mistero, essere supremo il cui splendore illuminante i mondi è
anche il respiro che fa tremare dinanzi a Te persino ogni Dio e la Morte – Per il Segno della
Luce  appari glorioso sul trono del Sole.
Rendi aperta la via della creazione e dell'intelligenza tra noi e le nostre menti.
Illumina la nostra comprensione.
Incoraggia i nostri cuori. Che la Tua luce si cristallizzi nel nostro sangue,
inondandoci di Resurrezione.

A ka dua
Tuf ur biu
Bi a'a chefu
Dudu nur af an nuteru.

LA SACERDOTESSA. "Non c’è altra legge oltre Fai ciò che vuoi."

Il SACERDOTE apre il velo con la sua Lancia.*

IL SACERDOTE. IΩ ΙΩ ΙΩ ΙΑΩ ΣΑΒΑΟ ΚΥΡΙΕ ΑΒΡΑΣΑΧ ΚΥΡΙΕ ΜΕΙΘΡΑΣ ΚΥΡΙΕ ΦΑΛΛΕ.


ΙΩ ΠΑΝ ΙΩ ΠΑΝ ΠΑΝ ΙΩ ΙΣΧΥΡΟΣ ΙΩ ΑΘΑΝΑΤΟΣ ΙΩ ΑΒΡΟΤΟΣ ΙΩ ΙΑΩ. ΧΑΙΡΕ
ΦΑΛΛΕ ΧΑΙΡΕ ΠΑΜΦΑΓΕ ΧΑΙΡΕ ΠΑΓΓΕΝΕΤΟΡ. ΑΓΙΟΣ ΑΓΙΟΣ ΑΓΙΟΣ ΙΑΩ.†

La SACERDOTESSA è seduta con la Patena nella mano destra e la Coppa nella mano
sinistra.
Il SACERDOTE presenta la Lancia che ella bacia per undici volte. Lei la tiene poi contro il

* Nel corso delle precedenti orazioni la Sacerdotessa, se necessario come nei paesi selvaggi, si é rivestita.
† [Greco, "Iò Iò Iò IAO Sabao Signore Abrasax Signore Meithras Signore Phallos. Iò Pan Iò Pan Pan Iò Possente, Iò Imperituro, Iò Immortale, Io
IAO. Salute Fallo, Salute Divoratore-di-Tutto, Salute Generatore-di-Tutto. Santo, Santo, Santo IAO."]
7
petto, mentre il SACERDOTE, cadendo alle sue ginocchia, gliele bacia, tenendo le
braccia protese lungo le sue cosce. Egli rimane in questa posizione adorante mentre
il DIACONO intona le Collette.
[Tutti in piedi sull’attenti.]

V
CIRCA L’UFFICIO DELLE COLLETTE
CHE SONO UNDICI IN NUMERO

(IL SOLE)
IL DIACONO. Signore visibile e percettibile, del quale questa terra è solo una scintilla
raggelata che ruota attorno a te in rivoluzione e rotazione, sorgente di luce, sorgente di
vita, il tuo eterno splendore ci stimoli al continuo lavoro e al godimento; così che noi,
essendo costantemente partecipi della tua bontà, si possa nella nostra particolare orbita
irradiare luce e vita, sostegno e gioia a coloro che gravitano attorno a noi senza essere
impoveriti nella sostanza e nel fulgore per sempre.

LA GENTE. Così sia.

(IL SIGNORE)
IL DIACONO. Signore segreto e santissimo, sorgente di luce, sorgente di vita, sorgente
d'amore, sorgente di libertà, sii sempre in noi costante e possente, forza di energia, fuoco di
movimento; che si possa operare sempre con te con diligenza, per rimanere nella tua gioia
abbondante.

LA GENTE. Così sia.


(LA LUNA)
IL DIACONO. Signora della notte, che ruotando sempre attorno a noi, ora appari ed ora
scompari nella tua stagione, sii propizia ai cacciatori e agli innamorati, e a tutti gli
uomini che faticano sulla terra, e a tutti i marinai nel mare.

LA GENTE. Così sia.


(LA SIGNORA)
IL DIACONO. Dispensatrice e raccoglitrice di gioia, porta di vita e d'amore, sii tu sempre
pronta, tu e la tua ancella, nel tuo officio di letizia.

LA GENTE. Così sia.

(I SANTI) *
IL DIACONO. Signore della Vita e della Gioia, che sei la potenza dell'uomo, che sei
l'essenza di ogni vero dio che è sulla superficie della terra, perpetuando la conoscenza
di generazione in generazione, tu adorato da noi nelle brughiere e nei boschi, sulle
montagne e nelle grotte, apertamente nelle piazze del mercato e segretamente nelle

* Ad ogni nome il Diacono traccia il segno  con il pollice tra indice e medio. Nella messa ordinaria é sufficiente commemorare coloro i cui nomi sono
in corsivo, con le parole indicate.
8
stanze delle nostre case, in templi d'oro e di avorio e di marmo, così come nei templi dei
nostri corpi, noi commemoriamo degnamente quei degni che un tempo ti adorarono e
manifestarono la tua gloria agli uomini, Lao Tzu e Siddartha e Krishna e Tahuti,
Mosheh, Dionisus, Maometto, To Mega Therion, e inoltre con Hermes, Pan, Priapus,
Osiris, Melchizedek, Khem e Amoun, Mentu e Heracles, Orpheus e Odysseus; con
Vergilius, Catullus, Martialis, Rabelais, Swinburne, e molti santi cantori; Apollonius
Tianaeus, Simon Magus, Manes, Pythagoras, Basilides, Valentinus, Bardesanes e
Ippolitus, che trasmisero la luce della Gnosi a noi, loro successori ed eredi; con Merlin,
Arthur, Kamuret, Parzival, e molti altri, profeti, sacerdoti e re, che portarono la Lancia
e la Coppa, la Spada e il Disco contro gli Empii; e inoltre con Carolus Magnus e i suoi
paladini, con William di Schyren, Frederick di Hohenstaufen, Roger Bacon, Jacobus
Burgundus Molensis Martire, Christian Rosencreutz, Ulrich von Hutten, Paracelsus,
Michael Maier, Roderic Borgia Papa Alessandro VI, Jacob Boehme, Francis Bacon Lord
Verulam, Andrea, Robertus de Fluctibus, Giordano Bruno, Johannes Dee, Sir Edward
Kelly, Thomas Vaughan, Elias Ashmole, Molinos, Adam Weishaupt, Wolfgang von
Goethe, William Blake, Ludovicus Rex Bavariae, Richard Wagner, Alphonse Louis
Constant, Friedrich Nietzsche, Sir Richard Payne Knight, Hargrave Jennings, Forlong
Dux, Sir Richard Burton, Paul Gauguin, Docteur Gérard Encausse, Carl Kellner, Doctor
Theodor Reuss e Sir Aleister Crowley, Karl Johannes Germer, e Major Grady Louis
McMurtry - O Figli del Leone e del Serpente! con tutti i Tuoi santi noi commemoriamo
degnamente quei degni che furono, sono e saranno.
Possa la loro Essenza essere qui presente, potente, possente e paterna a rendere
perfetta questa festa!

LA GENTE. Così sia.

(LA TERRA)
IL DIACONO. Madre della fertilità, sul cui petto giace l'acqua, la cui guancia è carezzata
dall'aria e nel cui cuore è il fuoco del Sole, grembo di tutta la vita, grazia ricorrente delle
stagioni, rispondi benevola alla preghiera del lavoro, sii propizia ai pastori e agli
agricoltori.

LA GENTE. Così sia.

(I PRINCIPI)
IL DIACONO. Misteriosa Energia, triforme, misteriosa Materia, nella quadruplice e settuplice
divisione, l'interazione dei cui elementi intesse la danza del Velo della Vita sul Volto
dello Spirito, vi sia Armonia e Bellezza nei vostri amori mistici, affinché in noi vi sia
salute e ricchezza e forza e piacere divino secondo la Legge della Libertà; ognuno segua
la sua Volontà come un uomo forte che si rallegra nel suo cammino, come il corso di
una Stella che arde eternamente nella gioiosa compagnia del Cielo.

LA GENTE. Così sia.

(NASCITA)
IL DIACONO. Sia propizia l'ora e la porta della vita aperta nella pace e nel benessere, così che
colei che partorisce figli possa gioire, e il bambino afferri la vita con tutte e due le mani.
9
LA GENTE. Così sia.

(MATRIMONIO)
IL DIACONO. A tutti coloro che in questo giorno si uniscono con amore sotto la volontà,
arrida il successo; possano la forza e l'abilità unirsi per dare l'estasi, e la bellezza
risponda alla bellezza.

LA GENTE. Così sia.

(MORTE)
Tutti in piedi, Capo eretto, Occhi aperti.

IL DIACONO. Termine di tutto ciò che vive, il cui nome è inscrutabile, sii propizia a noi nella
tua ora.

LA GENTE. Così sia.

(LA FINE)
IL DIACONO. A coloro dai cui occhi è caduto il velo della vita, sia concesso il compiersi della
loro Vera Volontà; sia che essi desiderino essere assorbiti nell'Infinito o essere uniti con i
loro prescelti e prediletti, o essere in contemplazione, o essere nella pace, o conseguire il
lavoro e l'eroismo dell'incarnazione su questo pianeta o su altri, o in qualunque Stella, o
qualsiasi altra cosa essi desiderino, sia loro concesso il compiersi delle loro Volontà; si, il
compiersi delle loro Volontà. ΑΥΜΓΝ. ΑΥΜΓΝ. ΑΥΜΓΝ.

LA GENTE. Così sia.

Tutti siedono.
Il DIACONO e i bambini assistono il SACERDOTE e la SACERDOTESSA, pronti a
tenere ogni arma appropriata quando è necessario.

VI
CIRCA LA CONSACRAZIONE DEGLI ELEMENTI

1
Il SACERDOTE traccia cinque croci. 3 2 sulla Patena e sulla Coppa;
4 solo sulla Patena; 5 solo sulla Coppa. [Egli prende la Patena.]

IL SACERDOTE. Vita dell'uomo sulla Terra, frutto del lavoro, sostegno dell’impegno, sii tu
perciò nutrimento dello Spirito!

Tocca l'Ostia con la Lancia.

Per virtù della Verga,


Questo pane sia il Corpo di Dio!
10
Prende l'Ostia.

ΤΟΥΤΟ ΕΣΤΙ ΤΟ ΣΟΜΑ ΜΟΥ *

Si inginocchia, è in adorazione, si leva, si volta, mostra l'Ostia alla GENTE, si volta,


ripone l'Ostia, e ritorna in adorazione. Musica.
Prende la Coppa.

Veicolo della gioia dell'Uomo sulla Terra, consolazione del lavoro, ispirazione
dell’impegno, sii tu perciò l'estasi dello Spirito!

Tocca la Coppa con la Lancia

Per virtù della Verga


Questo vino sia il Sangue di Dio!

Prende la Coppa

ΤΟΥΤΟ ΕΣΤΙ ΤΟ ΠΟΤΕΡΙΟΝ ΤΟΥ ΑΙΜΑΤΟΣ ΜΟΥ †

Si inginocchia, è in adorazione, si alza, si volta, mostra la Coppa alla GENTE, si gira e


ripone la Coppa, ed è in adorazione. Musica.

Questo è il Patto di Resurrezione.

Traccia le cinque croci sulla SACERDOTESSA.

Accetta, O SIGNORE, questo sacrificio di vita e di gioia, veri pegni del Patto di
Resurrezione.

Il SACERDOTE offre la Lancia alla SACERDOTESSA, che la bacia; poi la tocca tra i
seni e sul corpo. Poi leva le braccia come per abbracciare tutto il sacrario.

Questa offerta sia portata sulle onde dell'Æthyr al nostro Signore e Padre il
Sole, che viaggia nei Cieli nel suo nome ON.

Chiude le mani, bacia la SACERDOTESSA tra i seni e traccia tre grandi croci sulla
Patena, sulla Coppa e su se stesso.
Egli si batte il petto. Tutti ripetono questo gesto.

Ascoltate voi tutti, santi della vera chiesa del tempo antico ora presenti in
essenza, che ci rivendichiamo vostri eredi, rivendichiamo la comunione con voi,
rivendichiamo la vostra benedizione nel nome di ΙΑΩ.

* [Greco, "Questo è il mio corpo."]


† [Greco, "Questa è la coppa del mio sangue."]
11
Egli traccia tre croci sulla Patena e sulla Coppa insieme.
Scopre la Coppa, si genuflette, prende la Coppa nella sinistra e l'Ostia con la destra.
Con l'Ostia traccia cinque croci sulla Coppa.
1
3 2
5 4
Egli eleva l'Ostia e la Coppa.
Suona la Campana.

ΑΓΙΟΣ ΑΓΙΟΣ ΑΓΙΟΣ ΙΑΩ *

Rimette a posto l'Ostia e la Coppa, ed è in adorazione.

VII
CIRCA L’UFFICIO DELL’INNO †

[Tutti si alzano.]

IL SACERDOTE. Tu che sei Me, al di là di tutto ciò che io sono,


Che non hai né natura né nome,
Che sei, quando tutto tranne Te è trascorso,
Tu, centro e segreto del Sole,
Tu, sorgente nascosta di ogni cosa nota
Ed ignota, Tu altissimo, unico,
Tu, vera fiamma entro la canna,
Che cova e genera, sorgente e seme
Di vita, di amore, di libertà e di luce,
Tu oltre la parola e oltre la vista,
Invoco Te, il mio nuovo fievole fuoco
Che si accende come gli intenti miei aspirano.
Invoco Te, uno eterno,
Te, centro e segreto del Sole,
E quel santissimo mistero,
Di cui il veicolo sono io.
Mostrati, il più tremendo ed il più mite,
Com'è lecito, al tuo bambino!

IL CORO. Perché del Padre e del Figlio


Lo Spirito Santo è il modello;
Maschile e femminile, quintessenza, unico,
Essenza d'uomo velata in forma di donna.

* [Greco, "Santo, Santo, Santo IAO."]


† Queste parole debbono formare la sostanza dell'inno; ma tutto o in parte deve essere posto in musica, che deve essere elaborata quanto possibile. Ma
anche se il Padre della Chiesa dovesse autorizzare altri inni, questo rimarrà sempre il primo, il padre di tutti gli altri.
12
Gloria ed adorazione per l'altissimo,
Tu Colomba, umanità deificante,
Che sei quella corsa, compiuta nel modo più regale
Per far sorgere il sole nella tempesta invernale.
Gloria e adorazione siano a Te,
Linfa del frassino del mondo, albero meraviglioso!

PRIMO SEMICORO. UOMINI. Gloria a Te dalla tomba dorata!

SECONDO SEMICORO. DONNE. Gloria a Te dal grembo in attesa!

UOMINI. Gloria a Te dalla terra intatta!

DONNE. Gloria a Te dalla vergine votata!

UOMINI. Gloria a Te, unità vera della Trinità eterna.

DONNE. Gloria a Te, Tu padre e madre e me che sono ciò che sono!

UOMINI. Gloria a Te, eterno,


Tu sorgente di sperma, tu seme e germe!

DONNE. Gloria a Te, Sole eterno,


Tu Uno in Tre, Tu Tre in Uno!

CORO. Gloria ed adorazione a Te,


Linfa del frassino del mondo, albero meraviglioso!

[Tutti si siedono.]

VIII
CIRCA LE NOZZE MISTICHE E LA CONSUMAZIONE DEGLI ELEMENTI

Il SACERDOTE prende la Patena tra l'indice e il medio della mano destra.


La SACERDOTESSA stringe la Coppa nella mano destra.

IL SACERDOTE. Signore segretissimo, benedici questo cibo spirituale per i nostri corpi,
concedendoci salute e ricchezza e forza e gioia e pace, e la realizzazione della volontà
e dell'amore sotto la volontà che è felicità perpetua.

Traccia  con la Patena e la bacia.


Scopre la Coppa, si genuflette, si alza. Musica.
Prende l'Ostia e la spezza sopra la Coppa.
Ripone nella Patena la porzione di destra.
Stacca una particola dalla porzione di sinistra.

13
ΤΟΥΤΟ ΕΣΤΙ ΤΟ ΣΠΕΡΜΑ ΜΟΥ. Ο ΠΑΤΕΡ ΕΣΤΙΝ Ο ΥΙΟΣ ∆ΙΑ ΤΟ ΠΝΕΥΜΑ ΑΓΙΟΝ.
ΑΥΜΓΝ. ΑΥΜΓΝ. ΑΥΜΓΝ. *

Egli rimette la porzione di sinistra dell'Ostia al suo posto.


La SACERDOTESSA estende la punta della Lancia con la mano sinistra per ricevere la
particola.
Il SACERDOTE stringe la Coppa nella sua mano sinistra.
Insieme abbassano la punta della Lancia nella Coppa.

IL SACERDOTE e LA SACERDOTESSA. HIRLIU.

Il SACERDOTE prende la Lancia.


La SACERDOTESSA copre la Coppa.
Il SACERDOTE si genuflette, si alza, si inchina, giunge le mani. Egli si batte
il petto.

IL SACERDOTE. O Leone e O Serpente che distruggi il distruttore, sii possente tra noi.
O Leone e O Serpente che distruggi il distruttore, sii possente tra noi.
O Leone e O Serpente che distruggi il distruttore, sii possente tra noi.

Il SACERDOTE giunge le mani sul petto della SACERDOTESSA, e riprende la


sua Lancia.
Si volta verso la GENTE, abbassa ed alza la Lancia, e traccia  su di loro.

"Fai ciò che vuoi sarà tutta la Legge."

LA GENTE. "Amore è la legge, amore sotto la volontà."

Il SACERDOTE abbassa la Lancia e si volge ad Est.


La SACERDOTESSA prende la Lancia nella mano destra. Con la sinistra
porge la Patena.
Il SACERDOTE si genuflette.

IL SACERDOTE. Nella mia bocca sia l'essenza della vita del Sole!

Prende l'Ostia con la mano destra, traccia con essa  sulla Patena e la
consuma.
Silenzio.
La SACERDOTESSA prende la Coppa, la scopre e l'offre, come prima.

IL SACERDOTE. Nella mia bocca sia l'essenza della gioia della Terra!

Prende la Coppa, traccia  sulla SACERDOTESSA, la vuota e la rende.


Silenzio.
Egli si alza, prende la Lancia e si volge alla GENTE.

* [Greco, "Questo è il mio seme. Il Padre è il Figlio per mezzo dello Spirito Santo. AUMGN, AUMGN, AUMGN."]
14
IL SACERDOTE. Non vi è parte di me che non sia degli Dei.*

Coloro tra la GENTE che intendono comunicarsi, e non dovrebbe essere presente nessun
altro, hanno espresso in precedenza la propria intenzione; per ognuno sono stati
preparati un intero Pane di Luce e un intero calice di vino.
Il DIACONO li guida; essi avanzano ad uno ad uno verso l'Altare.
I bambini prendono gli Elementi e li offrono.
La GENTE si comunica come ha fatto il SACERDOTE, proferendo,nell'atteggiamento della
Resurrezione, le stesse parole: "Non vi è parte di me che non sia gli Dei".†
Il SACERDOTE racchiude tutto nel Velo. Con la Lancia traccia tre  sulla GENTE, così:

IL SACERDOTE.  Il SIGNORE vi benedica.


 Il SIGNORE illumini le vostre menti e conforti i vostri cuori e sostenga i vostri
corpi.
 Il SIGNORE vi conduca alla realizzazione delle vostre Vere Volontà, della
Grande Opera, Summum Bonum, della Vera Saggezza e della Perfetta Felicità.

Esce, seguito dal DIACONO e dai bambini, nella Tomba dell'Ovest.


Musica. (Volontaria.) ‡

* La Sacerdotessa e gli altri officianti non partecipano mai del Sacramento, come se fossero parte del Sacerdote stesso.
† Le uniche eccezioni a questa parte della cerimonia si verificano quando essa ha carattere di celebrazione, nel qual caso si comunica solo il Sacerdote; o
parte di una cerimonia di matrimonio, nel quale caso non si comunica nessuno se non i due sposi; parte della cerimonia del Battesimo, nel qual caso si
comunica solo il bambino battezzato; della Conferma al raggiungimento della pubertà, nel qual caso si comunicano solo le persone confermate. Il
Sacramento può essere serbato dal Sacerdote per somministrarlo ai malati nelle loro case.
‡ Certe Formule segrete di questa Messa vengono insegnate al Sacerdote e alla Sacerdotessa al momento della loro Ordinazione.
15