Sei sulla pagina 1di 76

“SAPIENZA” UNIVERSITÀ DI ROMA

FACOLTÀ di LETTERE E FILOSOFIA

DIPARTIMENTO
DI
STUDI EUROPEI, AMERICANI E INTERCULTURALI
Guida per lo studente
di
ANGLISTICA
A.A. 2014-2015
INSEGNAMENTI DI

LINGUA E TRADUZIONE INGLESE (L-LIN /12)


LETTERATURA INGLESE (L-LIN/10)
LINGUA E LETTERATURA ANGLO-AMERICANA (L-LIN/11)
LETTERATURE COMPARATE (L-FIL-LET/14)

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN


LINGUE, CULTURE, LETTERATURE E TRADUZIONE

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN


MEDIAZIONE LINGUISTICA E INTERCULTURALE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN


SCIENZE LINGUISTICHE, LETTERARIE E DELLA TRADUZIONE
2

INDICE
Elenco docenti e lettori p. 4

LAUREA TRIENNALE in LINGUE CULTURE LETTERATURE E TRADUZIONE p. 9

Percorso formativo Lingua Inglese

Programmi LETTORATO

Programmi LINGUA E TRADUZIONE INGLESE L-LIN/12

Programmi LETTERATURA INGLESE L-LIN/10

Programmi LETTERATURA ANGLO-AMERICANA L-LIN/11

Programmi LETTERATURE COMPARATE L-FIL-LET/14

LAUREA TRIENNALE in MEDIAZIONE LINGUISTICA E INTERCULTURALE


p. 38

Percorso formativo Lingua Inglese

Programmi LETTORATO

Programmi LINGUA E TRADUZIONE INGLESE L-LIN/12

Programmi MEDIAZIONE INTERCULTURALE

Programmi LETTERATURE DI LINGUA INGLESE L-LIN/10 e L-LIN/11

LAUREA MAGISTRALE in SCIENZE LINGUISTICHE LETTERARIE E DELLA


TRADUZIONE p. 49

Percorso formativo Lingua e Traduzione Inglese

Programmi LETTORATO

Programmi LINGUA E TRAD. INGLESE L-LIN/12

Programmi LETTERATURA INGLESE L-LIN/10

Programmi LETTERATURA ANGLO-AMERICANA L-LIN/11

Programmi LETTERATURE COMPARATE L-FIL-LET/14

LINGUA INGLESE PER ALTRI CORSI DI LAUREA p. 66


3

Programmi e corsi

Come si fa una tesi di laurea….con Anglistica


4

DOCENTI
LINGUA E TRADUZIONE INGLESE

Donatella MONTINI donatella.montini@uniroma1.it


http://w3.uniroma1.it/montini
*La Prof.ssa Montini è in congedo per l’anno accademico 2014-15.
Iolanda PLESCIA iolanda.plescia@uniroma1.it
Irene RANZATO irene.ranzato@libero.it
Mary WARDLE mary.wardle@uniroma1.it

DOCENTI A CONTRATTO
Maurizio BARTOCCI mrzbart@tin.it
Margherita DORE margherita.dore@gmail.com
Stefano MOCHI stefano.mochi@fastwebnet.it

LETTORI
Richard BATES batesrome@yahoo.co.uk
Marianna DU PLAT TAYLOR duplat@libero.it
Noeleen HARGAN noeleen.hargan@uniroma1.it
Maria HILLAN mhillan@hotmail.com
Linda LAPPIN md2948@mclink.it
Joanna LEYLAND jleyland@alice.it
Edward LYNCH edward.lynch@uniroma1.it
Stephen WILSON wilsonsapienza@libero.it

LETTORI A CONTRATTO
Victoria CHAPMAN victoriap.chapman@gmail.com
Marilena FILICE marilena.filice@uniroma1.it
Anna Rita GERARDI ritz@openaccess.it
Michael RIDDELL mriddell@libero.it
Nicholas TOLL nicholast@tiscali.it
Jane TUCKER jane.tucker@uniroma1.it
5

Christopher YOUNG cphr_young@yahoo.co.uk

LETTERATURA INGLESE

RICCARDO CAPOFERRO capoferro.studenti@gmail.com

CARLA GABRIELI carla.gabrieli@uniroma1.it

ALESSANDRO GEBBIA alessandro.gebbia@uniroma1.it

MARIO MARTINO mario.martino@uniroma1.it

GIUSEPPE MASSARA giuseppe.massara@uniroma1.it


Il prof. Massara insegna per il Corso di Laurea Magistrale “Letteratura e Lingua. Studi
italiani e europei”. Informazioni su http://giuseppemassara.wordpress.com/

MARIANTONIETTA SARACINO mariantonietta.saracino@uniroma1.it

LAURA TALARICO laura.talarico@uniroma1.it

DOCENTI A CONTRATTO

ANDREA PEGHINELLI andrea.peghinelli@uniroma1.it

LINGUA E LETTERATURA ANGLO-AMERICANA

ANNALUCIA ACCARDO annalucia.accardo@fastwebnet.it

GIORGIO MARIANI giorgio.mariani@uniroma1.it

UGO RUBEO ugo.rubeo@uniroma1.it

IGINA TATTONI igina.tattoni@uniroma1.it

LETTERATURE COMPARATE

PIERO BOITANI piero.boitani@uniroma1.it

EMILIA DI ROCCO emilia.dirocco@uniroma.it


6

ORDINAMENTO 270
Corsi di laurea attivi
Laurea Triennale in Lingue, Culture, Letterature e Traduzione
Laurea Triennale in Mediazione Linguistica e Interculturale
Laurea Magistrale Scienze linguistiche, letterarie e della traduzione

ATTENZIONE!
Gli studenti fuori corso iscritti ai precedenti corsi di laurea ordinamento 270 (ad es. Triennale
in Lingue, Letterature e Culture del Mondo Moderno, Ex-Lettere; Triennale in Lingue e Letterature
Moderne, Ex- Scienze Umanistiche; Triennale in Mediazione Linguistico-Culturale, Ex- Scienze
Umanistiche; Magistrale in Studi Letterari, Linguistici e Traduttivi, Ex-Lettere; Magistrale in
Lingue Moderne, Letterature e Scienze della Traduzione , Ex- Scienze Umanistiche) usufruiranno
dei programmi d’esame dell’anno in corso, oppure concorderanno un programma con il
docente di riferimento, in base al numero dei crediti richiesti.

ORDINAMENTO 509

Studenti fuori corso ordinamento 509: L’ordinamento 509 è concluso. Gli studenti fuori corso che
devono ancora sostenere e verbalizzare esami da 4/8 cfu frequenteranno i corsi rispettivamente da 6
e 12 cfu offerti per la loro annualità (per ulteriori informazioni rivolgersi al docente della propria
annualità).

NOTE ESPLICATIVE PER I CORSI DI LINGUA INGLESE (L-LIN/12)

I programmi dei moduli hanno validità sei sessioni (due anni) se il docente è incardinato e solo tre
sessioni (un anno) se il docente è a contratto.

Verbalizzazione:
I crediti vengono verbalizzati tramite Infostud dal docente del modulo dopo il superamento del
lettorato e dell’esame del modulo con un verbale unico. Il voto finale è determinato dal risultato
della media del voto ottenuto all’esame di lettorato e all’esame di lingua. Gli studenti dovranno
presentarsi alla verbalizzazione con il voto attribuito dal lettore e registrato sul libretto di Anglistica
(copisteria Villa Mirafiori).
7

Le due parti (lettorato + lingua) possono essere sostenute in sessioni diverse.

ATTENZIONE:
Gli esami di lingua (I, II e III) sono propedeutici e vanno sostenuti, e
verbalizzati, rigorosamente in ordine (primo, secondo e terzo anno).

Studenti in partenza per il programma Erasmus:


Prima di partire per il soggiorno Erasmus, lo studente deve fare firmare il Learning Agreement dal
docente responsabile per la materia di esame che si intende sostenere all’estero. Per permettere al
docente di valutare il contenuto del modulo estero, lo studente deve stampare una copia del
programma (completo di descrizione del modulo, cfu, bibliografia, ore di insegnamento, metodo di
valutazione, livello sul quadro comune di riferimento europeo, ecc.) e portarlo a ricevimento in
tempo utile. I docenti cui è richiesta l’autorizzazione alla frequentazione di corsi all’estero avranno
cura di controllare che, per i corsi di lingua, i contenuti e i livelli corrispondano agli stessi previsti
dal piano di studi dello studente anche secondo il quadro comune di riferimento europeo per le
lingue.
Queste domande non vanno indirizzate ai lettori.

ESERCITAZIONI DI LINGUA INGLESE (LETTORATO)

Livelli di competenza linguistica secondo il quadro comune di riferimento europeo per le


lingue:
I anno exit level: B1 (intermediate)
II anno exit level: B2 (upper-intermediate)
III anno exit level: C1 (advanced)
Laurea Magistrale: C2 (near native speaker)

Frequenza:
Si considerano frequentanti gli studenti che hanno registrato almeno il 75% di presenze alle lezioni
del corso. Al di sotto di tale soglia, lo studente sarà considerato non frequentante (tuttavia, non gli è
preclusa la possibilità di accedere al corso per frequentarne comunque una parte).
Modalità di valutazione:
ci sono tre sessioni regolari all’anno in cui sostenere l’esame di lettorato (giugno, settembre,
gennaio) più eventuali sessioni straordinarie decise dalla Facoltà. Una volta raggiunta la sufficienza
(almeno 18/30) con la prova scritta, lo studente sostiene poi un colloquio orale con il lettore, il
quale potrà aumentare il voto fino a un massimo di 5 punti.
Lo studente frequentante viene esonerato dall’esame e sostiene invece una prova a metà modulo
(written mid-module test) e una prova finale (written and oral end-of-module test). Nel caso in cui il
voto del ‘written end-of-module test’ sia più basso del voto del ‘mid-module test’, verrà fatta la
media dei due voti (fino a ‘recuperare’ un massimo di 3 punti)
p.es. mid-module: 24 + end of module: 26 = final mark: 26
mid-module: 26 + end of module: 24 = final mark: 25
mid-module: 30 + end of module: 20 = final mark 23
In ogni caso, lo studente deve raggiungere la sufficienza (18/30)3 sul ‘written end-of-module test’
(p.es. mid-module: 20 + end of module: 16 = NON dà un voto finale di 18).
Per l’esame orale di lettorato lo studente porterà un testo concordato con il lettore (NON con il
docente del modulo) su cui discutere durante la prova. Il contenuto e l’espressione linguistica
8

formeranno la base del colloquio che avrà una durata di c. 15 minuti.

Conversation Groups. Gruppi di conversazione con studenti americani dell’università della


California vengono organizzati sia a Villa Mirafiori che alla sede dell’Università di California a
Roma (Piazza dell’orologio, 7). Questi gruppi di conversazione sono aperti sia agli studenti
frequentanti che a quelli non frequentanti. Per gli studenti frequentanti i gruppi di conversazione
possono sostituire i loro obblighi di apprendimento nel laboratorio linguistico. Per ulteriori
informazioni rivolgersi direttamente ai lettori.

Laboratorio Linguistico
Il laboratorio linguistico dispone di una vasta scelta di materiali per lo studio della lingua inglese e
relative culture (corsi interattivi di grammatica e fonetica, CD e DVD (letteratura, film, storia,
cultura, cartoni animati, sit-com, ecc.). Il laboratorio si può frequentare in modalità self-study. Per
chi frequenta il lettorato viene richiesto un impegno in laboratorio linguistico che verrà spiegato a
lezione dal lettore.
9

LAUREA TRIENNALE
IN
LINGUE, CULTURE, LETTERATURE E
TRADUZIONE
10

Percorso formativo Lingua Inglese 2014-2015


L’insegnamento di Lingua e Traduzione – Lingua inglese L-LIN/12 si concentra
sull’analisi metalinguistica della lingua inglese nelle sue dimensioni sincroniche e diacroniche,
nelle sue strutture fonetiche, morfologiche, sintattiche, lessicali, testuali e pragmatiche; comprende
inoltre gli studi finalizzati alla pratica e alla riflessione sull’attività traduttiva, scritta e orale, nelle
sue molteplici articolazioni, generica e specialistica e nelle applicazioni multimediali.

I anno:
12 CFU Lettorato annuale + Modulo con il docente

Docenti primo anno:


Stefano Mochi (A-L)
Iolanda Plescia (M-Z)

Lettori primo anno: si veda prospetto lettorati

II anno:
12 CFU (Inglese prima lingua) Lettorato annuale + Modulo con il docente
6 CFU (Inglese seconda lingua) Lettorato annuale + Modulo con il docente (bibliografia mirata
decisa dal docente)

Docenti secondo anno:


Irene Ranzato (A-L)
Stefano Mochi (M-Z)

Lettori secondo anno: si veda prospetto lettorati

III anno:
6 CFU Lettorato annuale + Modulo con il docente
12 CFU (ex-Lettere, insieme a Lettorato + Letteratura Inglese III)

Docenti terzo anno:


Irene Ranzato (A-L)
Margherita Dore (M-Z)

Lettori terzo anno: si veda prospetto lettorati


11

Programmi Lettorato
(Giorni, ore e aule dei corsi nel foglio illustrativo allegato)

ATTENZIONE: LA DIVISIONE IN LETTERE DELLE CLASSI DI


LETTORATO VA SEGUITA SE POSSIBILE. SE UN ORARIO SI
SOVRAPPONE AD ALTRO CORSO, LO STUDENTE PUO’ CAMBIARE
CANALE DOPO AVERNE PARLATO CON IL LETTORE. Per l’orario dei
lettorati, vedere il foglietto allegato.

I ANNO

RICHARD BATES
EDWARD LYNCH
JANE TUCKER
CHRISTOPHER YOUNG

The course aims to improve students’ listening, speaking, reading and writing skills and knowledge
of grammar to B1 level and beyond (particularly reading to B1+). Students should aim to attend at
least 75% of the lessons and be prepared to do at least 2 hours self-study for every hour in class.
The Lettorato lasts the whole year. To get your credits for Lingua I you must pass the Lettorato
exam and the professor’s language exam (lingua inglese I). The final mark is an average of the two
results. There will be 5 GROUPS for matricole 2014-2015, which do not reflect different levels
(the content is the same) but a different timetable based on a division according to the
students’ surnames. However, you can usually attend one of the other courses if you have real
timetable problems with other lessons. You should ask your teacher about this. 1 RECUPERO
GROUP in the first semester (dott. Tucker) will be dedicated to NON-matricole students who
did not pass I year lettorato (see below for the programme). During the lessons we will suggest
lots of work for you to do as self-study at home. Obviously the more you study the more you will
learn.

Bibliography

Course book:

Christina Latham-Koenig, Clive Oxenden English File Intermediate (Third edition) Digital
Student’s Book and Workbook (with key), Oxford University Press, Oxford, 2013.
Extra 1 – dispensa available from the photocopy shop, Villa Mirafiori.
Raymond Murphy, English Grammar in Use with answers (Intermediate), Cambridge University
Press.

NON-matricole courses
12

JANE TUCKER (corso annuale)

Bibliography:
Clive Oxenden, Christina Latham-Koenig, English File Intermediate (Third edition) Digital
Student’s Book and Workbook (with key), Oxford University Press, Oxford, 2013.

Supplementary material: newspaper articles and writing work

You will also need a contemporary book of your own choice in modern, standard English which
you have to read and take notes on during the year. The book can be fiction or non-fiction but not
simplified English. It should be the kind of book you would read in your own language. As you
read you should take notes on the vocabulary (concentrating on common words and expressions)
which you will be asked to talk about during the oral. You should bring both the book and your
notes to the oral exam. You will also need to bring your ‘Libretto di Anglistica’ to the oral
(available from the copisteria).

Notes

Attending Lessons – If you can’t attend lessons speak to one of the teachers and we can indicate the
correct programme for you to study. If you miss a lesson find out from other students what we have
done and study it. Try to participate actively in the lessons.
Listening Comprehension – Unfortunately we do not have enough time to do extensive listening
activities. So it is very important for you to do independent listening activities. In the language lab
there are various listening materials, including the cassettes which accompany English File. We also
recommend you watch as many DVDs in English and as much English language TV (e.g. the BBC,
Sky TV) as possible. If you use subtitles it becomes a reading activity not a listening activity, so we
recommend you watch mainly without subtitles and use the subtitles only to check your
comprehension later.
Organize your time and organize your learning. Organized notes are easier to refer to and to revise
from. Beyond the book you are asked to read it is your responsibility to find more things to read:
English newspapers, magazines etc. are good sources of short articles.
We will also organize conversation groups with American students from the University of
California who are doing a year abroad in Rome. This is an excellent opportunity to speak with
native speakers.
The Internet is a fabulous resource for both listening and reading material, so use it! I strongly
recommend this site, particularly for listening:

http://www.bbc.co.uk/worldservice/learningenglish/general/sixminute/

You need to listen and read widely! If you need any help, do come and speak to us before or after
the lessons or during our office hours. University is very different to school. It is up to you now to
organize your studies and measure your progress.
Apart from classes, your teacher is also available during his or her office hours.

First year exam


The written exam lasts 2 hours and 50 minutes and is based on your general knowledge of English.
The level is Intermediate/Upper Intermediate or B1+ on the European scale. As regards the
grammar the exam is based on New English File Intermediate Student’s Book and Workbook (with
key) by C. Oxenden and C. Latham- Koenig (Oxford University Press). If you studied English at
school you should already be at, beyond or near this level (!). After passing the written exam you do
13

the oral exam.

There are 3 sections in the written exam.


First there is a grammar section with 2 exercises. One has 15 sentences and you have to decide if
they are right or wrong and correct the ones that are wrong. There may be more than one mistake in
each sentence. The second is a text with 15 spaces and you have to put one word in each space.
The second section is reading comprehension with a text from a newspaper, a synonym exercise
based on words underlined in the text, and then questions about what the text says and the meaning.
The third section is a writing section. You have to write a short composition on a general topic or a
letter.

Each section is worth 30 points and you have to pass all the sections with at least 18 points. Later
there is an oral exam in which you will be asked to talk first briefly about yourself and your life,
and then about a book that you have read in English and comment on any language items the
teacher asks you about. You can explain the items in English, suggest a synonym or translate the
context sentence into Italian.

There are two ways to do the exam:

1. You can do the FULL exam (written and oral) in June 2014, or September 2014 or January 2015.

2. You can do the exam in 2 parts, PART 1 written at the end of the first semester and PART 2
written (+ the oral) at the end of the second semester. If you do not pass PART 1 at the end of the
first semester (or if you do not want to accept the mark) you do not do PART 2 at the end of the
second semester. You have to do the FULL EXAM. The content of the exams is the same (although
the two-parts option has slightly more grammar). Prior to the exams we will do exam practice in
class.
Richard Bates email: batesrome@yahoo.co.uk
Edward Lynch email: edward.lynch@uniroma1.it
Chris Young email: cphr_young@yahoo.co.uk
blog: lett1.blogspot.com
Jane Tucker email: jane.tucker@fastwebnet.it

II ANNO

ANNA RITA GERARDI


LINDA LAPPIN

The goal of the second year course is to bring students to a B2 level in the four skills: reading,
listening, speaking, and writing. In the first semester, we will emphasize reading, use of English,
and grammar. The second semester will focus on speaking and writing skills, as well as grammar.
All students will take a written and an oral exam. Students may be asked to read a set book of
modern or contemporary fiction in English which may also be used as the basis for their oral exam.
Information on set books will be provided by your lettore.
All students are asked to sign up for the second year Moodle 2 space
at http://elearning2.uniroma1.it/course/view.php?id=1238
This webspace will be used for exam reservations for the entire A-Z group. It will also be used by
students in the M-Z group (Lappin) for downloading weekly class materials. Please note that all
students A-Z are required to go to this page and add their name to the definitive class lists.
Frequentanti students will have the option of taking an esonero. LCLT second year lettori will
14

provide information about esonero arrangements in class.

Bibliography

Clive Oxenden & Christina Latham-Koenig, New English File Upper Intermediate Digital (Third
Edition) Student’s Book, OUP, Oxford, 2013
Michael Vince, New First Certificate Language Practice with Key, Macmillan English, London,
2009 (or earlier edition)
V.A., LCLT Second Year “Dispense”: Supplementary Reading and Exam Practice Material
(photocopies) available from the Villa Mirafiori Photocopy center.
Oxford Advanced Learner’s Dictionary (or similar).

Notes

FINAL EXAM Non frequentanti students and frequentanti students who fail the esonero exam
will take a final written exam (THE FULL OR NON FREQUENTANTE EXAM) in June,
September, or January. The exam consists of three parts: grammar, reading, and writing. The
grammar section includes transformation exercises based on the grammar and usage syllabus of
the course textbook, New English File Upper Intermediate Student’s Book and a cloze test. The
grammar and usage syllabus may be downloaded from the Moodle second year English page:
http://elearning2.uniroma1.it/course/view.php?id=1238
The reading section consists in a short essay or article with vocabulary exercises and
comprehension questions. The writing section consists in a short essay of 250 words on a topic
given at the exam. You will have a choice of topics. To help you prepare for the exam, please see
the LCLT Second Year “Dispense” Supplementary Reading and Exam Practice Material
(photocopies) available from the Villa Mirafiori Photocopy center. Students who pass the written
with a grade of 18 or higher will do an oral exam with their lettore. For the oral exam, you will be
asked to talk about a book and/or movie to be drawn from a list of set books which will be
published on Moodle.

Students in Lappin’s groups will read The Hours by Michael Cunningham, any edition.
The set books for Gerardi’s groups will be posted online by Nov. 1st.

III ANNO

MARIA HILLAN
STEPHEN WILSON

The course aims to further develop the four skills to C1 level with particular emphasis on writing,
the comparative analysis of the Italian and English grammar systems and discourse analysis being
its main components. At the end of the course students are expected to be able to apply their
grammar knowledge to producing correct English versions of Italian texts, completing cloze texts
and structural transformation exercises. They will also write a brief essay based on the linguistic
analysis of an advertisement. Sixteen hours of self-study listening tasks in the language laboratory
are compulsory. Students are expected to do a considerable amount of work as preparation for
lessons. Every two-hour lesson requires at least two hours of preparation as private study. Students
15

will also be required to complete 2 assignments, one in the first and one in the second semester. To
be eligible for the exemption test 75%of lessons must be attended. Please consult blogs (see below)
for a more detailed description of the course and the exam format.
Special courses (dott. Wilson) will be offered to those students who have taken the
examination and failed: there will be TWO separate courses, each lasting only ONE semester,
which will concentrate on their weaknesses, i.e. grammar and basic English construction of
sentences into paragraphs (see timetable leaflet).

Bibliography

Sara Thorne, Mastering Advanced English Language, Palgrave (selected chapters)


Angela Goddard, The Language of Advertising, Second Edition, Routledge*
Michael Swan, Practical English Usage, Third Edition, O.U.P
Swan & Baker, Grammar Scan, O.U.P.
Rith Gairns and Stuart Redman, Oxford Word Skills, Advanced, O.U.P (selected chapters)

Further material will be distributed during lessons.

*Please note that this text is for students who intend to follow the course and is not suitable for
students who do not attend.

Notes

For the oral students are required to read one of the contemporary novels from the reading list
provided. This list will be posted on the blogs in October. A hand-out containing past exam papers
for practice is available on request at the department for those students who do not attend lessons.
These students are strongly advised to follow the blogs on a regular basis to have further
information about the bibliography and exam format.

Contact information:

http://www.wilsonsapienza.blogspot.com email: wilsonsapienza@libero.it

http://www.hillansapienza.blogspot.com/ email : mhillan@hotmail.com

‘Vecchissimo ordinamento’/Dott. Wilson:

III year, grammar test & essay (critical appreciation)


IV year, grammar test & literary essay

Those who wish for more information may get in touch with me via wilsonsapienza@libero.it
16

Programmi Moduli Lingua e Traduzione Inglese


(Giorni, ore e aule dei corsi nel foglio illustrativo allegato)

I ANNO

STEFANO MOCHI Studenti A-L


IOLANDA PLESCIA Studenti M-Z

STEFANO MOCHI (A-L)

LINGUA INGLESE I – La struttura dell’inglese moderno


12 cfu
II semestre

Il modulo è diviso in due parti. Nella prima parte verrà illustrata la struttura della lingua inglese
partendo dalle sue unità più piccole, sia in termini di suoni sia di morfemi, per arrivare alle unità più
grandi quali le frasi e i testi. In questa parte, quindi, verranno esaminati aspetti di base della
morfologia, della fonologia, della fonetica, della sintassi e della semantica della lingua inglese.
Nella seconda parte, invece, si approfondiranno alcuni approcci cognitivi alla grammatica e i
modelli proposti in questa specifica area di ricerca.

Obiettivi
-conoscere e comprendere la struttura della lingua inglese in tutte le sue componenti;
-comprendere modelli grammaticali alternativi alla grammatica tradizionale;

Bibliografia
-Jeffries, Lesley (2006) Discovering Language. Basingstoke: Palgrave Macmillan. (Tutto il
volume);
-Croft, W. and Cruse, D.A. (2004) Cognitive Linguistics. Cambridge: Cambridge University Press.
(Part III: Chapters 9-10-11-12, pp.225-327).

Eventuali testi ad integrazione


17

IOLANDA PLESCIA (M-Z)

LINGUA INGLESE I – Pragmatics and stylistics: an introduction


I Semestre
12cfu

Obiettivo del corso è quello di avvicinare gli studenti ai concetti chiave necessari per affrontare due
campi di indagine linguistica, quella improntata all’analisi pragmatica del testo e quella
comunemente denominata stilistica, facendoli confluire in una prospettiva integrata (da alcuni
ribattezzata ‘pragmastilistica’) che dia conto non solo delle forme spiccatamente letterarie del testo
(cf. il testo Style in Fiction), ma anche di altre tipologie testuali, come il linguaggio della stampa e
della pubblicità. Saranno approfondite in particolare le nozioni di testo/contesto, deissi,
referenza/inferenza, presupposizione, cooperazione, discorso; così come la questione dello stile
come scelta linguistica marcata all’interno di una strategia di foregrounding.

Bibliografia provvisoria (sarà integrata e/o confermata a lezione)

G. Leech, M. Short, Style in Fiction, Pearson, 2007 (selezione di capitoli)


Donatella Montini, The Language of Fiction, 2007 (selezione)
Laura Pinnavaia, Introduzione alla linguistica inglese, Carocci, 2006, cap. 5: Semantica e
Pragmatica
Gianfranca Lavezzi, Breve dizionario di retorica e stilistica, Carocci, 2004
George Yule, Pragmatics, OUP, 1996
R. Jakobson, “Closing Statements: Linguistics and Poetics”, in Thomas A. Sebeok, Style In
Language, Cambridge Massachusetts, MIT Press, 1960, pp. 350–377

Note
Il corso è integrato dalle esercitazioni di lettorato (programma ANNUALE)

*********

II ANNO

IRENE RANZATO Studenti A-L


STEFANO MOCHI Studenti M-Z

IRENE RANZATO (A-L)

LINGUA INGLESE II - Il romanzo dell’Ottocento nei film studies


12cfu e 6cfu, 8cfu ex-509
I Semestre

Il corso intende offrire un’introduzione agli studi teorici sulla traduzione e un approfondimento
della traduzione saggistica in particolare. Il filo conduttore dei testi selezionati per la traduzione e
l’analisi da parte degli studenti di questo livello sarà il romanzo dell’Ottocento nelle sue
trasposizioni per lo schermo cinematografico e televisivo. Questi saggi, inediti in Italia,
18

permetteranno allo studente di affrontare strutture sintattiche di una certa complessità e di


avvicinarsi a una terminologia che attinge ai diversi ambiti della letteratura, della critica letteraria,
dei film studies, degli adaptation studies e della traduzione intersemiotica.

Bibliografia:
Faini, Paola, Tradurre, Carocci, Roma, 2008.
Munday, Jeremy, Introducing Translation Studies – Theories and Applications, Routledge, London,
2012.
Dispense (centro fotocopie di Villa Mirafiori) contenenti i brani dei saggi da studiare, analizzare e
tradurre.

STEFANO MOCHI (M-Z)

LINGUA INGLESE II - Introduzione alla morfologia inglese e all'organizzazione mentale del


lessico.
12 cfu, 6 cfu
I semestre

Il corso è diviso in due parti. Nella prima parte verranno illustrati elementi di base della morfologia
inglese. In particolare, si esaminerà la formazione delle parole, la loro struttura, la loro produttività
e il modo in cui esse vengono costruite partendo da unità più piccole.
Nella seconda parte, invece, si approfondiranno aspetti riguardanti l'organizzazione mentale del
lessico e le modalità con cui le parole sono memorizzate, ricordate e riutilizzate.

Obiettivi
-comprendere la struttura delle parole, la loro produttività, le loro proprietà morfologiche,
sintattiche, semantiche e fonologiche;
-esaminare il modo in cui le parole sono organizzate, memorizzate e riutilizzate nella mente.

Bibliografia
-Plag, Ingo (2003) Word Formation in English, Cambridge: Cambridge University Press. (Tutti i
capitoli);
-Aitchison, Jean (2012) Words in the Mind. Oxford: Blackwell. (Part II, Chapters 5-6-7-8-9-10-11-
12-13-14; pp.51-168; Part IV, Chapters 20-21-22-23 (pp. 235-269).

Eventuali testi ad integrazione

***************
19

III ANNO

IRENE RANZATO Studenti A-L


MARGHERITA DORE Studenti M-Z

IRENE RANZATO (A-L)

LINGUA INGLESE III – Analisi del dialogo drammatico (cinema e TV)


6, 8, e 12 cfu
II Semestre

Il dialogo drammatico, vale a dire il dialogo scritto per essere recitato in teatro e sugli schermi
cinematografici e televisivi, è l’oggetto di studio di questo modulo che intende analizzare le
caratteristiche che lo avvicinano al dialogo naturale e che allo stesso tempo da questo lo
allontanano, partendo da una prospettiva fondamentalmente sociolinguistica. Attraverso una serie di
esempi di brani tratti da opere cinematografiche, teatrali e televisive, nelle loro versioni originali e
nell’eventuale doppiaggio italiano, lo studente sarà guidato a individuare e studiare alcuni elementi
linguistici del dialogo di finzione, con particolare attenzione ai fenomeni di codeswitching e alle
varianti sociali dell’inglese.

Bibliografia:
Selezione di capitoli tratti da:

Kozloff, Sarah, Overhearing Film Dialogue, University of California Press, Berkeley/Los


Angeles/London, 2000.
Richardson, Kay, Television Dramatic Dialogue – A Sociolinguistic Study, OUP, Oxford/New
York, 2010.
Dispense contenenti i brani dei dialoghi da analizzare e tradurre.

MARGHERITA DORE (M-Z)

LINGUA INGLESE III – Introduction to Translation Studies


I Semestre
12cfu, 6 cfu

Il modulo introduce le teorie e i concetti chiave sviluppati nel campo dei Translation Studies. Si
discuteranno i movimenti fondamentali partendo da una breve storia della disciplina, la sua
emancipazione come campo di ricerca vero e proprio negli anni ’60 e 70’ del XX secolo fino ad
arrivare ai più recenti sviluppi teorici e pratici. Si discuterà quindi la forte valenza inter- e
multidisciplinare della traduzione oltre all’impatto che il cosiddetto Cultural and Ideological Turn
ha prodotto sulla ricerca nel campo della traduzione in termini etici, sociologici e filosofici. In
un’ottica sempre più moderna e contemporanea, il corso si concentrerà in particolare sulla
traduzione nei media (Audiovisual Translation) analizzando le tematiche specifiche legate al
20

doppiaggio, sottotitolaggio, voice-over, audio descrizione, ecc. Tutte le lezioni includeranno esempi
tratti dalla letteratura, da testi tecnico-scientifici e audiovisivi oltre che da brevi esercitazioni
pratiche.

Bibliografia
Munday, Jeremy (2012, Introducing Translation Studies. Theories and Applications, 3rd edition,
Routledge, London / New York
Chiaro, Delia (ed.) (2010) Translation, Humour and The Media. Volume 2, London and New York:
Continuum (selected papers only)
Díaz Cintas, Jorge and Anderman, Gunilla (eds.) (2009) Audiovisual Translation. Language Trasfer
on the Screen, Palgrave Macmillan (selected papers only)

Dispense al centro fotocopie di Villa Mirafiori.

Note
Consultare la bacheca del docente: http://www.lettere.uniroma1.it/users/margherita-dore
Il corso è integrato dalle esercitazioni di lettorato (programma ANNUALE)
Gli studenti che svolgeranno l’esame per 6 CFU dovranno concordare il programma con il docente.
21

Programmi Letteratura Inglese


(Giorni, ore e aule dei corsi nel foglio illustrativo allegato)

READING LISTS
Tutti gli studenti del I, II e III anno della Triennale devono aggiungere lo studio delle seguenti
letture ai programmi del singolo docente di cui seguono il corso. I singoli docenti potranno
introdurre variazioni alle reading list a seconda delle esigenze didattiche poste da ciascun
modulo. Si consiglia dunque di procurarsi i libri dopo l'incontro preliminare con il docente e
la pubblicazione del programma definitivo.
Per ogni annualità si vuole incoraggiare gli studenti a essere in grado di collocare gli autori e
le opere lette all’interno del periodo storico letterario a cui appartengono.

Storie letterarie suggerite: M. Praz, Storia della letteratura inglese, Sansoni 1990 OPPURE P.
Bertinetti, Storia della letteratura inglese, Einaudi 2000, L.Crisafulli, K.Elam, Manuale di
letteratura e di cultura inglese, Bononia University Press 2006.
Antologie suggerite: The Norton Anthology of English Literature (consultabile nella Biblioteca
Accorpata di Villa Mirafiori); The Oxford Anthology of English Literature (consultabile nella
Biblioteca Accorpata di Villa Mirafiori). Tutti i testi poetici qui inclusi sono contenuti nelle
antologie, e anche alcuni dei romanzi e testi drammatici.

Tutti i testi vanno letti in lingua inglese.

I ANNO (‘500 -‘600)


W.Shakespeare, Hamlet oppure Macbeth
W.Shakespeare, Sonnets (“When forty winters shall besiege thy brow”, “When in disgrace with
fortune and men’s eyes”, “Shall I compare thee to a summer’s day”, “Not marble nor the gilded
monuments”)
C.Marlowe, Doctor Faustus
J.Donne, “The Good Morrow”, “Go and catch a falling star”, “The sun rising”
J.Milton, Paradise Lost (Book I, Book IV, Book VII)

II ANNO (‘700 -‘800)


J.Austen, Pride and Prejudice oppure Northanger Abbey
J.Swift, Gulliver’s Travels
D.Defoe, Robinson Crusoe
W.Wordsworth, “Lines Written a Few Miles above Tintern Abbey,“Preface” ai Lyrical
Ballads,1800
S.T.Coleridge, “The Rime of the Ancient Mariner”
J.Keats, “Ode to a Nightingale”, “Ode on a Grecian Urn”, “La Belle Dame sans Merci”
C.Bronte, Jane Eyre oppure E.Bronte, Wuthering Heights
C.Dickens, Great Expectations oppure David Copperfield

III ANNO (‘900)


J.Conrad, Heart of Darkness
J.Joyce, Dubliners oppure Portrait of The Artist as a Young Man
D.H.Lawrence, Sons and Lovers
V.Woolf , A Room of one’s own,To the Lighthouse
D.Thomas, “The Conversation of Prayer”, “Fern Hill”
W.H.Auden, “Musée des Beaux Arts”
S.Beckett, Waiting for Godot
22

I ANNO
ALESSANDRO GEBBIA Studenti A-D
(DOCENTE DA INCARICARE) Studenti E-M
LAURA TALARICO Studenti N-Z

ALESSANDRO GEBBIA (A-D)


LETTERATURA INGLESE I – Il teatro coloniale inglese
6 cfu
II Semestre

Il modulo vuole analizzare l’importanza del teatro coloniale nella formazione della cultura del
Nuovo Mondo. In particolare ci si occuperà, dopo una ricognizione della nascita e dello sviluppo
del teatro elisabettiano, del periodo che va dalla fine del Cinquecento ai primi dell’Ottocento,
prendendo in esame sia le rappresentazioni che i primi esempi di drammaturgia prodotti nel British
North America e comparandoli con quanto avviene contemporaneamente sui palcoscenici inglesi.
Si occupa poi della formazione delle letterature coloniali e postcoloniali e dell’importanza che il
teatro assume al loro interno.

Bibliografia
Dispensa a cura del Docente presso il Centro fotocopie.
Inoltre gli studenti dovranno portare la parte di storia letteraria relativa al modulo (pp. 23-60; pp.
91-106; pp. 171-180; pp. 241-274; pp. 413-462), inclusa in Keir Elam, Lilla Maria Crisafulli, a cura
di, Manuale di Letteratura inglese, Bonomia University Press, Bologna 2009.

DOCENTE DA INCARICARE (E-M)

LETTERATURA INGLESE I -
6 cfu

Per informazioni su questo corso, controllare il sito di Dipartimento:


http://w3.uniroma1.it/seai/?q=home

LAURA TALARICO (N-Z)


LETTERATURA INGLESE I - Metamorfosi di Hamlet
6 cfu
II Semestre
Nella prima parte del modulo si offrirà una panoramica della letteratura inglese dal Medioevo alla
Restaurazione, approfondendo soprattutto i testi e gli autori della reading list istituzionale. Il resto
del corso si concentrerà più in particolare sulla grande fioritura del teatro elisabettiano e
23

giacomiano, e sarà dedicato alla lettura critica di Hamlet. Questo dramma sarà esplorato ponendolo
in relazione con le fonti e con altre opere coeve; ne saranno inoltre analizzate le molteplici
incarnazioni testuali: dal rapporto tra il primo (1603) e il secondo in-quarto (1604-05), fino ad
arrivare ad alcuni recenti adattamenti cinematografici particolarmente significativi.

Bibliografia

Testi primari
W. Shakespeare, Amleto, a cura di A. Serpieri, Marsilio (testo a fronte)
W. Shakespeare, Il primo Amleto, a cura di A. Serpieri, Marsilio (testo a fronte)
edizioni inglesi consigliate: Hamlet, eds. A. Thomson and N. Taylor, Arden (Third series) e
Hamlet: The Texts of 1603 and 1623, eds. A. Thomson and N. Taylor, Arden (Third series)

Testi critici
G. Melchiori, Shakespeare. Genesi e struttura delle opere, Laterza 1994: “Introduzione” (pp. 3-25),
“I drammi dialettici” (pp. 404-29), “L’universo tragico” (pp. 467-72 e 499-510)
H. Bloom, “Amleto”, in Shakespeare. L’invenzione dell’uomo, BUR 2001 (pp. 265-319)
N. Fusini, “Una vergine per Amleto”, in Donne fatali, Bulzoni 2005 (pp. 17-43)
J. Kott, “L’Amleto in questo scorcio di secolo”, in Shakespeare nostro contemporaneo, Feltrinelli
1985 (pp. 56-70)
A. Lombardo, “La domanda di Amleto”, in L’eroe tragico moderno, Donzelli 1996 (pp. 35-58)
C. Schmitt, Amleto o Ecuba, il Mulino 2012 (parti scelte)
Rivista Paradigmi (dicembre 2014): parte monografica sull’Amleto

Note:
Le indicazioni bibliografiche saranno completate e precisate all’inizio delle lezioni.

II ANNO

RICCARDO CAPOFERRO Nessuna canalizzazione 12 cfu


LAURA TALARICO Nessuna canalizzazione 6 cfu

RICCARDO CAPOFERRO

LETTERATURA INGLESE II – Introduzione alla cultura letteraria inglese: 1690-1850


12 cfu
I Semestre
Nessuna canalizzazione

Questo modulo è un excursus sulla cultura letteraria del cosiddetto “lungo settecento” inglese,
dell’età romantica e dell’inizio dell’epoca vittoriana. Concentrandoci sui generi narrativi e poetici,
studieremo i testi alla luce dei grandi mutamenti socioculturali avvenuti tra il 1690 e il 1850 (la
24

dissoluzione dell’assolutismo, l’imporsi dell’etica capitalista, il sorgere della scienza empirica, la


secolarizzazione, la nascita dell’opinione pubblica, la prima rivoluzione industriale, la Rivoluzione
francese, il pieno sviluppo del capitalismo). Nel corso del modulo, esploreremo i meccanismi
estetici in rapporto alla tradizione precedente e alle pressioni della storia, e metteremo a punto un
piccolo strumentario teorico che possa tornare utile all’analisi di altri periodi, generi e contesti.

Testi:

Daniel Defoe, “The Apparition of Mrs. Veal” (disponibile on line).


Alexander Pope, The Rape of the Lock (qualsiasi edizione in inglese o con il testo a fronte).
Joseph Addison, The Spectator, no. 10, 12 March 1711; no. 69, 19 May 1711 (disponibili on line).
Daniel Defoe, Robinson Crusoe, Penguin.
Jonathan Swift, Gulliver’s Travels, Penguin.
Samuel Richardson, Pamela, Penguin.
Henry Fielding, Shamela e i capitoli introduttivi a ciascun libro del Tom Jones, Oxford.
Thomas Gray, “Elegy Written in a Country Churchyard”.
William Wordsworth, “Preface” all’edizione del 1800 delle Lyrical Ballads; dalle Lyrical Ballads:
“The Idiot Boy”, “Lines Written a Few Miles Above Tintern Abbey”, Samuel Taylor
Coleridge, The Rime of the Ancient Mariner (disponibili in traduzione con testo a fronte
nell’edizione Oscar Mondadori delle Ballate Liriche).
P. B. Shelley, “Ode to the West Wind”.
John Keats, “Ode to a Nightingale”; “Ode on a Grecian Urn”.
Jane Austen, Pride and Prejudice, Penguin.
Charles Dickens, Oliver Twist, Penguin.
Charlotte Brontë, Jane Eyre, Penguin.

Critica e storia:

Ian Watt, Le origini del romanzo borghese, Bompiani (capp. 1-3, 5, 8-10).
Michael McKeon, “Generic Transformation and Social Change: Rethinking the Rise of the Novel”,
da M. McKeon, Theory of the Novel: A Historical Approach, Johns Hopkins University Press, pp.
382-399.
Michael McKeon, “Parsing Habermas’s ‘Bourgeois Public Sphere’”, in Criticism (Spring 2004),
vol. 46, n. 2, pp. 273-277.
Riccardo Capoferro, Defoe: guida al Robinson Crusoe, Carocci.
Riccardo Capoferro, Leggere Swift, Carocci (escluso il capitolo sul Racconto della botte).
Tony Tanner, “Knowledge and Opinion: Pride and Prejudice”, in Jane Austen (Harvard).
M. H. Abrams, Natural Supernaturalism, Norton; cap. 1, 3 e 7.
Riccardo Capoferro, “Mani invisibili. Le trame provvidenziali del novel”, in Status Quaestionis 4
(2013): http://bib03.caspur.it/ojspadis/index.php/statusquaestionis/article/view/10449

Storia letteraria:

Paolo Bertinetti (a cura di), Breve storia della letteratura inglese, Einaudi (le sezioni relative
all’arco cronologico in esame).

I non frequentanti dovranno leggere anche:

Flavio Gregori, “Il poemetto eroicomico e il declino dell’epica neoclassica in Inghilterra”, in Gian
Franco Gianotti (cur.), Tradizioni epiche e letteratura, Il Mulino, pp. 289-350.
25

Riccardo Capoferro, Frontiere del racconto. Letteratura di viaggio e romanzo in Inghilterra, 1680-
1750, Meltemi.
Emilia Di Rocco, Il fantastico, in P. Boitani, E. Di Rocco (a cura di), Guida allo studio delle
letterature comparate, Laterza, pp. 116-131.

Modalità di valutazione:

L’esame sarà orale e in parte si svolgerà in inglese. È richiesta la traduzione all’impronta


dei Gulliver’s Travels, di “Lines Written a Few Miles Above Tintern Abbey”, di The Rime of
the Ancient Mariner e delle odi di Keats.

La storia letteraria costituisce oggetto di valutazione.

La reading list è incorporata nel programma

LAURA TALARICO

LETTERATURA INGLESE II –“The art of brevity”: sviluppi della short story tra
vittorianesimo e modernismo
6cfu
II Semestre
Nessuna canalizzazione

Nelle prime lezioni del modulo si traccerà un quadro generale della letteratura inglese dal
Settecento alla fine dell’Ottocento, approfondendo soprattutto i testi e gli autori indicati nella
reading list istituzionale. Il discorso si focalizzerà poi sul genere della short story, di cui si
ripercorreranno gli sviluppi tra la seconda metà dell’Ottocento e il primo Novecento. Più in
particolare, alla luce delle profonde trasformazioni sociali, epistemologiche ed estetiche che
caratterizzano il periodo in esame, si analizzeranno le metamorfosi del racconto che, da forma
minore e artless, conosce nell’arco di pochi decenni un’inarrestabile ascesa nella gerarchia dei
generi letterari, emancipandosi dal tradizionale ruolo ancillare nei confronti del romanzo e
diventando uno dei luoghi testuali privilegiati per il dispiegarsi dello sperimentalismo modernista.

Bibliografia

Testi primari
Scelta di racconti di (tra gli altri): W. Thackeray, C. Dickens, E. Gaskell, R.L. Stevenson, R.
Kipling, collaboratori di The Yellow Book e The Savoy, J. Joyce, K. Mansfield, V. Woolf, E. Bowen
(dispensa)

Testi critici
I. Reid, The Short Story, Routledge 1977
C. Hanson, Short Stories and Short Fictions, Macmillan 1985
C.E. May (ed.), The New Short Story Theories, Ohio University Press 1994
L. Talarico, L’istante e il frammento. Estetica del racconto nel primo Novecento, Albo Versorio
26

2012
M.T. Chialant, M. Lops (eds.), Time and the Short story, Peter Lang 2012

Note:
Le indicazioni bibliografiche saranno completate e precisate all’inizio delle lezioni.

****************

III ANNO

MARIO MARTINO Studenti A-L


(DOCENTE DA INCARICARE) Studenti M-Z

MARIO MARTINO (A-L)


LETTERATURA INGLESE III
12 cfu
I Semestre

Il corso si divide in due parti: a) una parte istituzionale introduttiva, con accenni ad alcune opere e
autori tra i più rappresentativi nel panorama letterario del secolo XX. b) una parte dedicata
all'opera di T.S. Eliot.
Di T.S. Eliot si esamineranno le poesie: “Prufrock”, “Portrait of a Lady”, “Preludes”, “Rhapsody
on a windy night”, “The Waste Land”; e i saggi: “Reflections on Vers Libre”; “Tradition and the
individual talent”; “The metaphysical poets”; “Ulysses, Order, and Myth”; “Dante”.

I testi di cui sopra sono reperibili in:


T. S. Eliot, Collected Poems: 1909-62, London, Faber, 1963.
T. S. Eliot, Selected Prose (a c. di F. Kermode) London, Faber, 1975.

Gli studenti sono tenuti a leggere le opere nella seguente Reading List (almeno un romanzo e tutte e
poesie devono essere letti in inglese):
J. Conrad, Heart of Darkness,
J. Joyce, Dubliners (oppure Portrait of the Artist),
D.H. Lawrence, Sons and Lovers,
V. Woolf, To the Lighthouse, e il saggio A room of one's own.
S. Beckett, Waiting for Godot,
H. Pinter, Ashes to Ashes.
E. Pound: “In a station of the metro”
W.B. Yeats: “The Second Coming”; “Sailing to Byzantium”;
W.H. Auden: “A summer night”; “Night Mail”. “Musée des Beaux Arts; In memory
of W.B. Yeats”.
D. Thomas, 'The conversation of Prayer', 'Fern Hill';
27

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Bibliografia critica obbligatoria:

Wilson, E., "T. S. Eliot", in id., Axel's Castle, Harmondsworth, Penguin (19311); trad. it.: Il
castello di Axel, Milano, SE Studio Editoriale, 1988, pp. 73-98.
Mays, J. C., "Early Poems: From 'Prufrock' to 'Gerontion'", in T. S. Eliot, a cura di A.
Moody, Cambridge, Cambridge U. P., 1994, pp. 108-20.
Hyde, G., "The Poetry of the City", in Modernism (a c. di M. Bradbury e J. McFarlane),
Harmondsworth, Penguin, 1991 (19761), pp. 337-48.
Praz, M., “T. S. Eliot e il simbolismo”, in AAVV, Il simbolismo nella letteratura nord-
americana, Firenze, La Nuova Italia, 1965, pp. 1-27.
A. Lombardo, “Dalla scuola di Eliot alla scuola di Auden”, in Id., Il diavolo nel manoscritto,
pp. 312-23.
2004.
R. Davenport-Hines, “Auden's life and character”, in S. Smith, The Cambridge Companion to W.H.
Auden, Cambridge, CUP, 2004.

[Materiale in fotocopia sarà eventualmente lasciato presso la copisteria di Villa Mirafiori]

NON FREQUENTANTI
I non frequentanti devono leggere il commento alle poesie eliotiane in: T. S. Eliot, Poesie,
1905/1920 (a c. di M. Bacigalupo), Roma Newton, 1995; e a leggere inoltre: A. Lombardo,
Per una critica imperfetta, Roma, Editori Riuniti, 1992 (disponibile in fotocopia); 1982.

Storie letterarie e antologie:


Per l'esame gli studenti devono conoscere la storia della letteratura inglese del solo
Novecento, basandosi su uno dei seguenti manuali, a scelta: M. Praz, Storia della letteratura
inglese, Firenze, Sansoni, 1991, vol 2°; P. Bertinetti, Storia della letteratura inglese, Torino,
Einaudi, 2000, vol. 2°. L. Crisafulli – K. Elam, a cura di, Manuale di cultura e letteratura
inglese, Bononia U.P., 2008 .
[oppure, in inglese, A. Sanders, The Short Oxford History of English Literature, Oxford, Oxford
UP, 2000 (a cura di A. Anzi, Storia della letteratura inglese – dal secolo XIX al postmoderno, vol.
II); A. Fowler, A History of English Literature, Oxford, Blackwell, 1989; M. Alexander, A History
of English Literature, New York, St. Martin's, 2000].

Si consiglia inoltre una delle seguenti storie e antologie della letteratura inglese: The Norton
Anthology of English Literature (Abrams M. H., (a cura di), vol. II, 2006. Oppure Kermode
F. e Hollander J. (a cura di), The Oxford Anthology of English Literature, Oxford, Oxford
University Press, 1973, vol. II.

CANALE M-Z: DOCENTE DA INCARICARE


Per informazioni su questo corso, consultare il sito di dipartimento:
http://w3.uniroma1.it/seai/?q=home
28
29

Programmi Letteratura Anglo-Americana


(Giorni, ore e aule dei corsi nel foglio illustrativo allegato)

READING LIST

Tutti gli studenti del I, II e III anno della Triennale devono aggiungere lo studio delle seguenti
letture ai programmi del singolo docente di cui seguono il corso. I singoli docenti potranno
introdurre variazioni alle reading list a seconda delle esigenze didattiche poste da ciascun
modulo. Si consiglia dunque di acquistare i libri dopo l'incontro preliminare con il docente e
la pubblicazione del programma definitivo.

I anno
John Winthrop, A Model of Christian Charity
Benjamin Franklin, Autobiography
Ralph Waldo Emerson, Nature; “The American Scholar”
Edgar Allan Poe, "The Fall of the House of Usher", “The Man of the Crowd”, “The Murders of the
Rue Morgue”, “The Raven”, “The Philosophy of Composition”

II anno
Frederick Douglass, Narrative (1845); “What to a Slave is the Fourth of July”
Emily Dickinson, Walt Whitman: una scelta di poesie
Nathaniel Hawthorne, The Scarlet Letter
Herman Melville, Moby Dick oppure Henry James, The Portrait of a Lady

III anno
Francis Scott Fitzgerald, The Great Gatsby oppure Ernest Hemingway, A Farewell to Arms
William Faulkner, The Sound and the Fury
Poesia modernista: una scelta
Toni Morrison, Beloved
Thomas Pynchon, The Crying of Lot 49 oppure Leslie Silko, Ceremony

I ANNO

IGINA TATTONI

LINGUA E LETTERATURA ANGLOAMERICANA I - "One Flew over the Cuckoo's Nest":


romanzo e film a confronto
6 cfu
I Semestre

Il modulo si propone l'analisi di un romanzo scritto da Ken Kesey e pubblicato nel 1962. Il
romanzo, molto popolare negli anni '60 del Novecento, divenne ancora più popolare in seguito al
film omonimo realizzato da Milos Forman, nel 1975.
L'analisi ci permetterà di individuare alcuni dei temi più significativi di un periodo --gli anni '60 e
30

'70 del Novecento--particolarmente fecondo e controverso e approfondire alcuni delle dinamiche


del passaggio dalla narrativa scritta a quella visiva.

Bibliografia: da definire.

*************

II ANNO

GIORGIO MARIANI

LINGUA E LETTERATURA ANGLOAMERICANA II – Herman Melville's Moby-Dick


12 cfu
II Semestre

Il corso verrà dedicato a una lettura ravvicinata del capolavoro di Melville. Il testo sarà inquadrato
nella cultura americana di metà Ottocento, ma al tempo stesso esaminato sia come icona
dell'immaginazione letteraria moderna, sia nelle sue permutazioni contemporanee (teatro, opera,
fumetto)

Testi

Herman Melville, Moby-Dick, Longman Edition a cura di John Bryant e Haskell Springer (gli
studenti DEVONO avere questa edizione per poter seguire le lezioni).

Brindisi, Bruno (artist), and Tito Faraci (writer). Sulla rotta di Moby Dick. Milano: Mondadori,
2005. Pubblicato originariamente come albo speciale n. 15 di Dylan Dog.

Giorgio Mariani, Leggere Melville, Roma, Carocci, 2013

ulteriori saggi critici saranno messi a disposizione degli studenti durante il corso.

Nella seconda metà del corso verranno proiettati e discussi anche i seguenti materiali visivi:

John Huston, Moby Dick (1956)

Jake Eggie and Gene Scheer; Moby-Dick (Opera, 2013)

Vittorio Gassman, Ulisse e la Balena Bianca (Opera teatrale, 1992)

Note

Gli studenti NON frequentanti leggeranno e studieranno i seguenti materiali:

Testi primari:

Herman Melville, Typee (qualsiasi edizione integrale / any unabridged edition)


31

----, Moby-Dick (qualsiasi edizione integrale / any unabridged edition)


----, "Benito Cereno"

Critica:

Giorgio Mariani, Leggere Melville, Carocci 2013 (il testo va letto nella sua interezza, fermo
restando che le sezioni dedicate ai testi studiati andranno lette con particolare attenzione.
ERASMUS students can substitute Leggere Melville with Wyn Kelley’s Herman Melville. An
Introduction, Blackwell, 2008.

Richard Brodhead, New Essays on "Moby-Dick", Cambridge, Cambridge UP, 1986 (disponibile
presso la Biblioteca di Lingue): due saggi a scelta più l'Introduzione.

Anna Scacchi, A una voce sola : il racconto della storia in Benito Cereno di Herman Melville,
Roma, Lozzi e Rossi, 2000 (disponibile presso la Biblioteca di Lingue). ERASMUS students may
substitute this short book with the essay by James H. Kavanagh, “‘That Hive of Subtlety’: ‘Benito
Cereno’ as Ideological Critique,” Bucknell Review 28, No. 1 (1984): 127–57 (it will be available
from the photocopy center).

Gli studenti scriveranno una tesina di 5-6 pp. dedicate a un aspetto (un tema, un tipo di personaggio,
una cifra stilistica, una caratteristica strutturale, ecc.) che a loro giudizio connette (per somiglianza
o contrasto) due o tre testi letti. Inoltre sosterranno un esame scritto di due ore.

Students will write a 5-6 pp. paper focusing on one aspect (a theme, a type of character, a social
problem, a stylistic feature, a structural one, etc.) that they feel connects (by way of similarity or
difference) two of the three texts read. They will also take a two-hour written exam.

Reading List (riguarda tanto i frequentanti quanto i non frequentanti):

Queste letture costituiscono quella che un tempo si chiamava la parte “istituzionale” dell’esame e
vanno condotte autonomamente dallo studente:

Letture

Frederick Douglass, Narrative (1845); “What to a Slave is the Fourth of July”

Emily Dickinson, “I never lost as much but twice”, “I taste a liquor never brewed”, “‘Faith’ is a fine
invention”, “A narrow Fellow in the Grass”, “Because I could not stop for Death”, “Wild Nights—
Wild Nights!”, “Some keep the Sabbath going to Church”, “Tell all the Truth but tell it slant—”,
“My Life had stood—a Loaded Gun—”, “The Bible is an antique Volume”. Tutte le poesie sono
reperibili in rete: http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Emily_Dickinson_poems

Walt Whitman: da Leaves of Grass, prima edizione del 1855, la prima poesia del testo,
successivamente intitolata “Song of Myself” (in rete si trova qui:
http://web.archive.org/web/20080609223721/http://etext.lib.virginia.edu/toc/modeng/public/Whi55
LG.html)

Nathaniel Hawthorne, The Scarlet Letter (any unabridged edition)

Storia della letteratura


32

Hans Bertens, Theo d’haen, American Literature: A History, Routledge, i seguenti capitoli:

1 The English Colonies in America: 1607-1750, 2 The Colonies and the New Republic 1750-1837,
3 The Flowering of New England: 1837-1861

OPPURE

Malcolm Bradbury, Richard Ruland, From Puritanism to Postmodernism: A History of


American Literature, Penguin, i seguenti capitoli:

Part I, The Literature of British America; Part II. From Colonial Outpost to Cultural Province

LINGUE E LETTERATURE ANGLO AMERICANE II


CFU 6 – II Semestre

"Herman Melville's Moby-Dick"

Il corso verrà dedicato a una lettura ravvicinata del capolavoro di Melville. Il testo sarà inquadrato
nella cultura americana di metà Ottocento e al tempo stesso esaminato come icona
dell'immaginazione letteraria moderna.

Testi

Herman Melville, Moby-Dick, Longman Edition a cura di John Bryant e Haskell Springer (gli
studenti DEVONO avere questa edizione per poter seguire le lezioni).

Giorgio Mariani, Leggere Melville, Roma, Carocci, 2013

ulteriori saggi critici saranno messi a disposizione degli studenti durante il corso.

Note

Gli studenti NON frequentanti studieranno i seguenti materiali:

Testi primari:

Herman Melville, Typee


----, Moby-Dick
----, “Bartleby, the Scrivener”

(you must read the original texts—you can use any unabridged edition)

Critica:

Giorgio Mariani, Leggere Melville, Carocci 2013 ((il testo va letto nella sua interezza, fermo
restando che le sezioni dedicate ai testi studiati andranno lette con particolare attenzione.
ERASMUS students can substitute Leggere Melville with Wyn Kelley’s Herman Melville. An
Introduction, Blackwell, 2008.
33

Reading List (riguarda tanto i frequentanti quanto i non frequentanti):

Queste letture costituiscono quella che un tempo si chiamava la parte “istituzionale” dell’esame e
vanno condotte autonomamente dallo studente:

Letture

Frederick Douglass, Narrative (1845)


Emily Dickinson, “I never lost as much but twice”, “A narrow Fellow in the Grass”, “Tell all the
Truth but tell it slant—”, “My Life had stood—a Loaded Gun—”, “The Bible is an antique
Volume”. Tutte le poesie sono reperibili in rete:
http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Emily_Dickinson_poems

Walt Whitman: da Leaves of Grass, prima edizione del 1855, la prima poesia del testo,
successivamente intitolata “Song of Myself” (in rete si trova qui:
http://web.archive.org/web/20080609223721/http://etext.lib.virginia.edu/toc/modeng/public/Whi55
LG.html)

Storia della letteratura

Hans Bertens, Theo d’haen, American Literature: A History, Routledge, i seguenti capitoli:

1 The English Colonies in America: 1607-1750, 2 The Colonies and the New Republic 1750-1837,
3 The Flowering of New England: 1837-1861

OPPURE

Malcolm Bradbury, Richard Ruland, From Puritanism to Postmodernism: A History of


American Literature, Penguin, i seguenti capitoli:

Part I, The Literature of British America; Part II. From Colonial Outpost to Cultural Province

Gli studenti scriveranno una tesina di 5-6 pp. dedicate a un aspetto (un tema, un tipo di personaggio,
una cifra stilistica, una caratteristica strutturale, ecc.) che a loro giudizio connette (per somiglianza
o contrasto) due o tre testi letti. Inoltre sosterranno un esame scritto di due ore.

Students will write a 5-6 pp. paper focusing on one aspect (a theme, a type of character, a social
problem, a stylistic feature, a structural one, etc.) that they feel connects two of the three texts read.
They will also take a two-hour written exam.

*****************
34

III ANNO

UGO RUBEO

LINGUA E LETTERATURA ANGLOAMERICANA III - Sweet & Sour: American Dreams


of the XXth Century
12 cfu
I Semestre

Questo modulo da 12 CFU, pari a 72 ore di insegnamento frontale, è stato concepito come III
annualità del curriculum in Lingue e Letterature Straniere e in particolare per gli studenti che hanno
scelto Letteratura Angloamericana come insegnamento triennale. Incentrato su una serie di romanzi
divenuti ormai a tutti gli effetti dei classici del Novecento, il discorso di fondo si concentra sul
motivo dell'American Dream e sul persistere della centralità di questo tema nel corso degli anni che,
dalla fine della I Guerra mondiale, si spingono fino alla fine degli Anni Cinquanta, prefigurando
anche fenomeni e atmosfere del decennio successivo. Le diverse conformazioni del sogno, i suoi
mutamenti attraverso periodi storici diversi e trasformazioni culturali di grandi proporzioni e i
ripetuti fallimenti di ideali profondamente radicati nel carattere americano, verranno seguiti
attraverso la discussione di alcuni assunti di fondo della cultura statunitense, di documenti che
hanno contribuito in origine alla formazione di quell'ideologia e di reinterpretazioni moderne di
quei presupposti. A questi aspetti preliminari, farà poi seguito il lavoro di verifica più propriamente
letterario, attraverso la lettura ravvicinata dei seguenti romanzi, nei quali vengono rappresentate
diverse forme di quel sogno, in alcune sue articolazioni moderne:

The Great Gatsby (1925), di Francis Scott Fitzgerald;


The Catcher in the Rye (1951), di J. D. Salinger;
The Old Man and the Sea (1952), di Ernest Hemingway;
Breakfast at Tiffany's (1958), di Truman Capote.

Bibliografia critica essenziale:


Andrew Delbanco, The Real American Dream. A Meditation on Hope, Cambridge, Harvard U. P.,
1999
Jim Cullen, The American Dream, New York, Oxford U. P., 2003
Matthew J. Bruccoli, ed., New Essays on The Great Gatsby, Cambridge U. P., 1985
Harold Bloom, ed., F. Scott Fitzgerald’s The Great Gatsby, Chelsea House, 1986
Jack Salzman, ed., New Essays on The Catcher in the Rye, Cambridge U. P., 1991
Peter G. Beidler, A Reader’s Companion to Salinger’s The Catcher in the Rye, Coffeetown Press,
2009
Harold Bloom, ed., Modern Critical Interpretations: The Old Man and the Sea, Chelsea House
Publishers, 1999
Peter Krämer, “The Many Faces of Holly Golightly…”, Film Studies: An International Review,
December 1, 2004
35

Programmi Letterature Comparate


(Giorni, ore e aule dei corsi nel foglio illustrativo allegato)

PIERO BOITANI Studenti M-Z


EMILIA DI ROCCO Studenti A-L

PIERO BOITANI (M-Z)


LETTERATURE COMPARATE PER STUDENTI DI LAUREA TRIENNALE - Il canone
della letteratura occidentale
12 cfu
II Semestre

Testi primari:
Omero, Iliade, Odissea.
Virgilio, Eneide.
Ovidio, Metamorfosi (brani scelti).
Sofocle, Edipo re.
Dante, Commedia: Inferno I, II, III, V, X, XXVI, XXVII, XXVIII, XXXII, XXXIII; Purgatorio V, XIX,
XXI, XXX, XXXI; Paradiso I, II, XXXIII.
Petrarca, Canzoniere (liriche 1, 3, 35, 61, 62, 126, 132, 133, 134, 269, 272, 279, 327, 339, 362, 363, 364,
365, 366).
Shakespeare, Hamlet.
Lettura di Defoe, Robinson Crusoe oppure di Fielding, Tom Jones.
Coleridge, ‘Kubla Khan’.
Wordsworth, ‘Lines Composed a Few Miles above Tintern Abbey’.
Leopardi, ‘Canto notturno di un pastore errante dell’Asia’.
Keats, ‘Ode on a Grecian Urn’, ‘On First Looking into Chapman’s Homer’.
T.S. Eliot, The Waste Land.

Un romanzo a scelta tra:


Tolstoj, Guerra e pace.
Stendhal, Il rosso e il nero.
Dostoevskij, I fratelli Karamazov.
G. Eliot, Middlemarch.
T. Mann, La montagna magica.

6 CFU
Testi primari:
Omero, Iliade, Odissea.
Ovidio, Metamorfosi (brani scelti).
Dante, Commedia: Inferno I, II, III, V, X, XXVI, XXVII, XXXIII; Purgatorio V, XXI, XXX; Paradiso
I, II, XXXIII.
Petrarca, Canzoniere (liriche 1, 3, 35, 61, 62, 126, 132, 133, 134, 269, 272, 279, 366).

Un romanzo a scelta tra:


Tolstoj, Guerra e pace.
Stendhal, Il rosso e il nero.
Dostoevskij, I fratelli Karamazov.
G. Eliot, Middlemarch.
T. Mann, La montagna magica.

Reading List:
36

Gli studenti che sostengono l’esame per 12 CFU dovranno leggere 6 testi a scelta tra quelli di seguito
indicati:
- G. Boccaccio, Filostrato.
- Sir Gawain and the Green Knight
- C. Marlowe, The Tragical History of Doctor Faustus.
- W. Shakespeare, King Lear.
- W. Shakespeare, Sonetti.
- J. Goethe, Faust.
- G. Flaubert, Madame Bovary.
- A. Dumas, Il Conte di Montecristo.
- A. Tennyson, ‘Ulysses’.
- V. Woolf, To the Lighthouse oppure Orlando.

Gli studenti che sostengono l’esame per 6 CFU dovranno leggere i seguenti testi:
- Virgilio, Eneide.
- Shakespeare, Hamlet.
- Defoe, Robinson Crusoe.
- Coleridge, ‘Kubla Khan’.
- Wordsworth, ‘Lines Composed a Few Miles above Tintern Abbey’.
- Leopardi, ‘Canto notturno di un pastore errante dell’Asia’.
- Keats, ‘Ode on a Grecian Urn’, ‘On First Looking into Chapman’s Homer’.
- T.S. Eliot, The Waste Land.
- R.M. Rilke, due componimenti a scelta tra le Elegie duinesi.

Letteratura critica:
Gli studenti (6 e 12 CFU) dovranno scegliere due testi tra i seguenti:
- E. Auerbach, Mimesis, Einaudi, Torino 2000.
- E.R. Curtius, Letteratura europea e Medio Evo latino, La Nuova Italia, Firenze, 1992.
- P. Boitani, Parole alate, Mondadori, Milano 2004.
- P. Boitani, Letteratura europea e Medioevo volgare, Il Mulino, Bologna 2007.
- P. Boitani, E. Di Rocco, Guida allo studio delle letterature comparate, Laterza, Roma-Bari 2013.
- H. Bloom, Il Canone occidentale, Bompiani, Milano 2000.
- H. Friedrich, La lirica moderna, Garzanti, Milano, 2002.

EMILIA DI ROCCO (A-L)

LETTERATURE COMPARATE - Epica e romanzo dall’antichità alla modernità


I Semestre

Programma per studenti di Laurea triennale

Testi primari
12CFU
Lettura integrale obbligatoria per tutti:
Aristotele, Poetica, a cura di D. Guastini, Roma 2010
Omero, Iliade e Odissea
Brani scelti da:
Virgilio, Eneide
Eliodoro, Etiopiche*
Dante, Commedia
T. Tasso, Gerusalemme liberata
37

J. Milton, Paradise Lost


L. Tolstoj, Guerra e pace
J. Joyce, Ulysses
6CFU
Lettura obbligatoria per tutti:
Aristotele, Poetica, a cura di D. Guastini, Roma 2010
Omero, Iliade e Odissea
Brani scelti da:
Virgilio, Eneide
Eliodoro, Etiopiche*

*Gli studenti (12 e 6 CFU) che hanno sostenuto l’esame nell’a. a. 2011-12 o 2012-13 sostituiranno i
testi contrassegnati con l’asterisco con:
Caritone di Afrodisia, Cherea e Calliroe

Testi secondari
Tutti gli studenti (12CFU e 6CFU) devono leggere almeno uno dei seguenti testi:
P. Boitani, E. Di Rocco, Guida allo studio delle letterature comparate, Laterza, Roma-Bari 2013
P. Boitani, Letteratura europea e medioevo volgare, il Mulino, Bologna 2007

Bibliografia critica (consigliata)


R. Bespaloff, Dell’Iliade, Città Aperta Edizioni, Troina (En), 2004.
M. Fusillo, «Tra epica e romanzo», in F. Moretti, Il romanzo, Einaudi, Torino 2001-3, vol. 2, pp. 5-
34
E. R. Curtius, Letteratura europea e medioevo latino, La Nuova Italia, Scandicci (Fi) 1992.
V. Di Benedetto, Nel laboratorio di Omero, Einaudi, Torino1994.
G. F. Gianotti (a cura di), Tradizioni epiche e letteratura, Il Mulino, Bologna 2011.
L. Graverini, W. Keulen, A. Barchiesi, Il romanzo antico, Carocci, Roma 2006
T. Hägg, «Il romanzo greco: modello unico o pluralità di forme?» in F. Moretti, Il romanzo, Einaudi
Torino 2001-3, vol. 3, pp. 5-32.
G. A. Privitera, Il ritorno dell’eroe, Einaudi, Torino, 2005.
S. Weil, L’Iliade o il poema della forza, in S. Weil, La rivelazione greca, Adelphi, Milano, 2014,
pp. 31-64.
38

LAUREA TRIENNALE
IN
MEDIAZIONE LINGUISTICA
E
INTERCULTURALE
39

Percorso formativo Lingua Inglese 2014-2015


L’insegnamento di Lingua e Traduzione – Lingua inglese L-LIN/12 si concentra
sull’analisi metalinguistica della lingua inglese nelle sue dimensioni sincroniche e diacroniche,
nelle sue strutture fonetiche, morfologiche, sintattiche, lessicali, testuali e pragmatiche; comprende
inoltre gli studi finalizzati alla pratica e alla riflessione sull’attività traduttiva, scritta e orale, nelle
sue molteplici articolazioni, generica e specialistica e nelle applicazioni multimediali.

I anno: 12 CFU
Lettorato + Modulo con il docente

Docente primo anno:


Mary Wardle

Lettori primo anno: si veda prospetto lettorati

II anno: 12 CFU
Lettorato + Modulo con il docente

Docente secondo anno:


Maurizio Bartocci

Lettori secondo anno: si veda prospetto lettorati

III anno: 6 CFU


Lettorato + esame orale con il docente

Docente terzo anno:


Mary Wardle

(Per ottenere 6 cfu al terzo anno, gli studenti seguono e sostengono l’esame di lettorato scritto III,
più una prova orale con la prof.ssa Mary Wardle)

Lettori terzo anno: si veda prospetto lettorati

N.B.: Il corso di Mediazione Linguistica e Interculturale ha attivato una pagina Facebook ufficiale
nella quale è possibile interagire con i tutor e ottenere informazioni:
https://www.facebook.com/mediazionelinguisticainterculturale.sapienza
40

Programmi Lettorato
(Giorni, ore e aule dei corsi nel foglio illustrativo allegato)

I ANNO
MARIANNA DU PLAT
EDWARD LYNCH

The year-long course aims to take students to Level B1 of the Common European Framework
(intermediate level). The two classes are identical except that they have different timetables and
teachers. Students can choose which course to go to.

Bibliography

National Geographic Learning, Life, Intermediate B1+, Student’s Book and Workbook

Supplementary material: newspaper articles and writing work

Self-study grammar book:


M. Swan e Walters Oxford English Grammar Course - Intermediate

II ANNO

MARIANNA DUPLAT

This year-long course aims to improve students’ listening, speaking, reading and writing skills to
the Common European Framework B2 level. The course is based on National Geographic
Learning, LIFE, Upper-intermediate, B2, Student’s book and Workbook. Students should aim to
attend at least 75% of the lessons and do at least 1 hour self-study for every hour in class. Some
self-study can be done in the language lab. We also will organize conversation groups with
American students of the University of California who are studying a semester in Rome. Students
must also choose a book (fiction or non-fiction, but not simplified) in standard modern English (to
be approved by their teacher). They will read this book during the year, taking notes on the
vocabulary (with the help of a dictionary). Students need to bring the book and their notes to the
oral exam. The oral exam is taken once you have passed the written exam.

Bibliography

Course book:
National Geographic Learning, LIFE, Intermediate B1+, Student's Book and Work Book Pack
41

Notes

You can do the written exam in class as 2 esoneri : one at the end of the first semester and the other
at the end of the second semester. If the mark of the end-course written test is lower than that of the
mid-course written test the two marks will be averaged. (However, the final written mark can be at
most 3 points more than the mark of the end-course test.)
For example:
Mid-course 24 + end-course 26 = final written mark 26
Mid-course 26 + end-course 24 = final mark 25

To pass the exam students must have at least 18/30 on the end-course test. For example:
Mid-course 18 + end-course 16 = final mark “insufficient”

Once you have passed the written part you do an oral exam: a conversation about yourself and the
book you have chosen to read. The oral exam can increase the written mark (by at most 5 points).

Students can also do the written exam in one sitting in June, September and January. This exam
lasts three hours. Like the two “esoneri” there is a grammar part and a composition. Dictionaries
cannot be used in the written exams.

III ANNO

MARIA HILLAN
STEPHEN WILSON

The course aims to further develop the four skills to C1 level with particular emphasis on writing,
the comparative analysis of the Italian and English grammar systems and discourse analysis being
its main components. At the end of the course students are expected to be able to apply their
grammar knowledge to producing correct English versions of Italian texts, completing cloze texts
and structural transformation exercises. They will also write a brief essay based on the linguistic
analysis of an advertisement. Sixteen hours of self-study listening tasks in the language laboratory
are compulsory. Students are expected to do a considerable amount of work as preparation for
lessons. Every two-hour lesson requires at least two hours of preparation as private study. Students
will also be required to complete 2 assignments, one in the first and one in the second semester. To
be eligible for the exemption test 75%of lessons must be attended. Please consult blogs (see below)
for a more detailed description of the course and the exam format.

Bibliography

Sara Thorne, Mastering Advanced English Language, Palgrave (selected chapters)


Angela Goddard, The Language of Advertising, Second Edition, Routledge*
Michael Swan, Practical English Usage, Third Edition, O.U.P
Swan & Baker, Grammar Scan, O.U.P.
Rith Gairns and Stuart Redman, Oxford Word Skills, Advanced, O.U.P (selected chapters)
42

Further material will be distributed during lessons.

*Please note that this text is for students who intend to follow the course and is not suitable for
students who do not attend.

A hand-out containing past exam papers for practice is available on request at the department for
those students who do not attend lessons. These students are strongly advised to follow the blogs
on a regular basis to have further information about the bibliography and exam format.

Contact information:

http://www.wilsonsapienza.blogspot.com email: wilsonsapienza@libero.it

http://www.hillansapienza.blogspot.com/ email : mhillan@hotmail.com


43

Programmi Moduli Lingua Inglese


(Giorni, ore e aule dei corsi nel foglio illustrativo allegato)

MARY WARDLE
LINGUA INGLESE I – Lingua e identità
12 cfu
I semestre

Il modulo fornirà gli strumenti per analizzare la lingua inglese nelle sue diverse manifestazioni, sia
sincroniche, sia diacroniche. Verrà affrontato il concetto di variazione (per classe sociale,
provenienza geografica, età, genere, etc.) con particolare enfasi sulle diverse tipologie testuali e il
contesto linguistico. L’obiettivo finale è quello di individuare come un singolo o una comunità
possa proiettare la propria identità tramite il linguaggio.

Il modulo verrà insegnato in lingua inglese.

Questo modulo è aperto agli studenti di prima annualità del CdS in Mediazione Linguistico
Interculturale che abbiano superato la prova di ammissione per la lingua inglese. La valutazione
finale avverrà tramite prova scritta. Sarà consentito l’uso di un vocabolario (anche bilingue). Chi
frequenta il modulo potrà sostenere l’esonero a fine modulo (prova unica). Successivamente, tutti
gli studenti, che abbiano frequentato o meno, dovranno sostenere la prova di esame, consegnando
una tesina (vedere bacheca docente).

Lettorato: Per maturare 12cfu, lo studente deve seguire e/o sostenere anche la prova di lettorato
(scritto e orale).

Per il ricevimento e altre informazioni, consultare la bacheca della docente:


http://w3.uniroma1.it/seai/?q=persone/wardle-mary-louise

Bibliografia:
Yule, George The Study of Language (5th edition), Cambridge University Press, Cambridge, 2014 -
tutto il volume tranne i capitoli 3, 4, 13, 14 e 15.

Verranno indicati altri testi durante il modulo.

************

II ANNO

MAURIZIO BARTOCCI
N.B. Questo insegnamento sarà tenuto nel secondo semestre, con programma da definire
(controllare sito di dipartimento http://w3.uniroma1.it/seai/?q=home).
44

************

III ANNO

MARY WARDLE

LINGUA INGLESE III - Academic Writing /Talking About Language


6 cfu
I Semestre
Studenti iscritti dal 2007 in poi (4 o 6 cfu): esame scritto di lettorato, prova orale con la docente*.
Studenti iscritti prima del 2007 (8cfu): esame scritto + orale di lettorato. Esame scritto con la
docente sul programma ‘Academic Writing’:
Il terzo anno intende sviluppare l'approccio teorico alla lingua attraverso la pratica della ‘Academic
Writing’ e lo studio del ‘discourse analysis’: come analizzare e parlare del linguaggio.
Bibliografia
Sarah Philpot, Academic Skills: Reading, Writing and Study Skills - Level 2 - Student's Book
Oxford University Press.
Dorothy E. Zemach and Lisa A. Rumisek Academic Writing Macmillan.
*Per maturare 6 cfu, lo studente deve seguire/sostenere la prova scritta di lettorato. Dovrà poi
sostenere la prova orale in inglese con la docente. Verrà richiesta la capacità di commentare in
inglese testi scritti di diverse tipologie (compreso il proprio compito scritto di lettorato) da un punto
di vista metalinguistico. Lo studente dovrà essere in grado di mettere in risalto aspetti morfologici,
grammaticali, sintattici, pragmatici, stilistici, ecc.
Questo modulo è aperto agli studenti di terza annualità del CdS in Mediazione Linguistico Culturale
che abbiano superato e verbalizzato gli esami di Lingua Inglese di prima e seconda annualità.
Per orari di ricevimento ecc. consultare la bacheca della docente.
45

Programmi Mediazione Interculturale


(Giorni, ore e aule dei corsi nel foglio illustrativo allegato)

MARIA ANTONIETTA SARACINO L-LIN/10

INTRODUZIONE ALLA MEDIAZIONE INGLESE - I mondi nuovi: corso di introduzione


alla mediazione linguistica interculturale inglese
6 cfu
I semestre

Dalla storia delle scoperte geografiche a quella delle migrazioni, passando attraverso temi quali:
colonizzazioni e colonialismi; raffigurazione della diversità in arte, letteratura, cinema e musica.
Nascita e sviluppo degli stereotipi culturali nella lingua italiana e in quella inglese. Razza ed etnia;
pregiudizi e razzismi ad essi collegati, nel passato e in tempi recenti. Nascita e sviluppo del
colonialismo britannico. La colonizzazione inglese in Africa, nell’arcipelago caraibico e nel sub-
continente indiano, dalla parte di coloro che l’hanno subita. Schiavismo e tratta degli schiavi: il
Middle Passage. La lotta per l’indipendenza e la nascita di ‘nuove’ nazioni. Il Sudafrica,
dall’apartheid alla democrazia.

Bibliografia
La bibliografia dettagliata verrà fornita prima dell’inizio del modulo e sarà resa disponibile sia sulla
pagina della docente, prof. Saracino, sul sito del dipartimento di Studi Europei, Americani e
Interculturali, http://w3.uniroma1.it/seai/?q=persone; ; nonché sulla piattaforma e-learning del prof.
Stefano Tedeschi (letter.ispano-americane)dove gli studenti potranno trovare tutti i materiali e i
riferimenti usati per ciascuna lezione, compresi immagini e filmati.
46

Programmi Letterature di Lingua Inglese


(Giorni, ore e aule dei corsi nel foglio illustrativo allegato)

ANNALUCIA ACCARDO

LETTERATURA ANGLOAMERICANA PER MEDIAZIONE - Introduzione alla


letteratura anglo americana
12 cfu

I semestre

Nati dall’incontro/scontro di differenti identità (etniche, politiche, di genere ecc), gli Stati Uniti
hanno da sempre rappresentato uno spazio fisico e immaginario per molte generazioni di immigrati
di diversi continenti, regioni, religioni e tradizioni.
Il modulo esplora la formazione degli Stati Uniti e il modo in cui le diverse culture sono venute in
contatto tra loro in una situazione di reciproche influenze.
Nel corso del modulo verranno individuati alcuni nodi storico-culturali fondamentali, come
puritanesimo e religiosità, rivoluzione e indipendenza, Sud e schiavitù, immigrazione e
multiculturalismo, ecc..
Particolare attenzione verrà prestata alla tradizione afroamericana e a quella buddhista.

Obiettivi
Il modulo si propone di indagare, attraverso lo studio di testi letterari e di documenti significativi, la
formazione della cultura degli Stati Uniti d’America, per arrivare ad analizzare, in tempi a noi più
vicini, una produzione letteraria sempre più caratterizzata dall’intrecciarsi delle rappresentazioni
delle varie identità, in equilibrio tra rivendicazione delle proprie radici e tradizioni, e integrazione.
Per l’analisi dei testi letterari, racconti e poesie, è indispensabile la conoscenza di nozioni basilari di
narratologia e analisi del testo poetico.

Modalità di valutazione e di riconoscimento dei crediti: Il modulo prevede prove scritte, una tesina
elaborata a casa e verifiche in classe. Il voto finale rifletterà non solo i risultati ottenuti nelle prove,
ma terrà conto anche della partecipazione alle lezioni, dei contributi alla discussione in classe.
Indicazioni per i non frequentanti: Gli studenti non frequentanti devono contattare la docente per
concordare la tesina.
L’esame consiste nell’analizzare e contestualizzare alcuni brani; sono previste domande anche su
argomenti storici e culturali.
La prenotazione all’esame avviene su infostud.

Testi da studiare
- Thomas Jefferson (1743-1826), “The Declaration of Independence” (1776);
- Crèvecoeur (1735-1813), “What is an American?” da Letters from an American Farmer
(1782);
- Washington Irving (1783-1859), libro I, cap. 5, da A History of New York (1809), “Rip Van
Winkle” (1819);
- Ralph Waldo Emerson (1803-1882), “The American Scholar” (1837), “Self Reliance”
(1841); “The Poet” (1844);
47

- Henry David Thoreau (1817-1862), Resistance to Civil Government (1849), “Economy”,


“Reading”, “Higher Laws”, “House-Warming”, “Conclusion” da Walden (1854);
- Frederick Douglass (1818-1895), “The Meaning of July Fourth for the Negro” (1852),
Narrative of the Life of Frederick Douglass, an American Slave Written by Himself (1845);
- Herman Melville (1819- 1891), Benito Cereno (1855);
- Emily Dickinson (1830-1886), alcune poesie;
- Walt Whitman (1819-1892), alcune poesie;
- Langston Hughes (1902-1967), “The Negro Speaks of Rivers” (1921), “I, Too” (1925);
- Kate Chopin (1851-1904), “Désirée’s Baby” (1892);
- Thick Nhat Hanh, “In Search of the Enemy of Man” letter to Martin Luther King, Jr, June
1965; “Call Me by My True Names”, “Mindfulness”, “Engaged Buddhism”, “Interbeing” in
The Core of Peace (2008);
- Martin Luther King Jr. (1929-1968), “Nomination of Thich Nhat Hanh for the Nobel Peace
Prize”, 25 gennaio 1967, “Beyond Vietnam”, 4 aprile 1967, Riverside Church, NYC, “A
Christmas Sermon on Peace”, 24 dicembre 1967, Ebenezer Baptist Church;
- Charles Johnson, “Cultural Relativity”, “Dr. King’s Refrigerator”, “Executive Decision” da
Dr. King’s Refrigerator (2005);
- Alice Walker (1944 -), “Everyday Use” (1973);
- Joy Harjo (1951), “Call it Fear”, “For Alva Benson”, “She Had Some Horses”, “I Give You
Back” (1983);
- Grace Paley (1922 -2007), “The Loudest Voice” (1956), “Wants” , “A Conversation with
my Father” (1974), “Mother” (1985);
- Sandra Cisneros (1954 -), “Eleven”, “Mericans” (1991);
- Suheir Hammad (1973 -), “First Writing Since” (2001); in 11 settembre: contronarrazioni
americane (2003).

Bibliografia obbligatoria:
Culler, Teoria della letteratura;
Jeffrey Wainwright, Poetry: the Basics;

Norton Anthology of American Literature, oltre ai brani da analizzare dovranno essere studiate tutte
le introduzioni.
W. E. B. Du Bois (1868 – 1963), “Of Our Spiritual Strivings” (1903);
Gloria Anzaldùa (1942 – 2004), Terre di Confine/La frontera, 1987 (fino a p.137);
bell hooks (1952 -), “Elogio del margine” (1991), in Elogio del Margine, 1998.

La bibliografia critica consigliata sui singoli autori verrà fornita nel corso delle lezioni.

MARIA ANTONIETTA SARACINO

LETTERATURA INGLESE PER MEDIAZIONE - Raccontare i Mondi Nuovi: Le


letterature di espressione anglofona
12 cfu
I Semestre

Il modulo affronterà le maggiori tematiche relative ai cambiamenti culturali che la letteratura


inglese ha attraversato a partire dai primi anni del ‘900. Da letteratura nazionale a letteratura del
mondo, grazie all’uso della lingua inglese da parte di autori e autrici un tempo colonizzati e che
oggi, attraverso quella stessa lingua, parlano di sé e delle diverse culture di appartenenza.
48

Particolare attenzione verrà data alla scrittura femminile –romanzo, poesie, saggi- post-coloniale;
Al tema della schiavitù e della tratta degli schiavi attraverso narrative di schiavi liberati.

Bibliografia
La bibliografia dettagliata verrà fornita prima dell’inizio del modulo.
49

LAUREA MAGISTRALE
IN
SCIENZE LINGUISTICHE LETTERARIE
E
DELLA TRADUZIONE
50

Percorso formativo Lingua Inglese 2014-2015

Inglese può essere scelto o come prima lingua (LINGUA A) o come seconda lingua (LINGUA
B)

I anno:
Gli studenti al primo anno possono scegliere Inglese come
Lingua A (12 cfu: Lettorato annuale + modulo docente)
Lingua B (6 CFU: Lettorato semestrale + modulo docente).

Docenti primo anno:


Iolanda Plescia (Lingua A e B, Nessuna canalizzazione)

Lettori primo anno: si veda prospetto lettorati

II anno:
Solo per gli studenti che scelgono il percorso Lingua e Traduzione: Lettorato annuale + 2 Moduli
con i docenti di II anno
Docenti secondo anno:
Irene Ranzato (Lingua inglese 3 A e B)
Mary Wardle (Lingua inglese 2 A e B)

Lettori secondo anno: vedere prospetto lettorati

*N.B. DALL’A.A. 2015-2016 IL LETTORATO MAGISTRALE 2 SARÀ OBBLIGATORIO PER


TUTTI GLI STUDENTI DI INGLESE PRIMA LINGUA DEL SECONDO ANNO
MAGISTRALE A PRESCINDERE DAL PERCORSO SCELTO.
51

Programmi Lettorato
(Giorni, ore e aule dei corsi nel foglio illustrativo allegato)

I ANNO

NOELEEN HARGAN (A-L)


NICHOLAS TOLL (M-Z)

In this lettorato, students will practise reading skills, paraphrasing, summary-writing, essay-writing
and group discussion. Part of this work will be done in class, but students need to be aware that a
certain amount of reading, writing and research will need to be done outside of class. To be eligible
for the in-class esoneri reserved for frequentanti, students must satisfy the course requirements
concerning attendance and independent study.

In the case of 6 cfu students, attendance is for 32 hours in one semester. For 12 cfu students,
attendance is for 64 hours (32 in each semester). In addition to lessons, students will spend 4 hours
per week on preparatory work and assignments set by the lettore for each course.

Courses are offered at two levels: B2+ and above, and B1-B2. Students must refer to the CEFR
descriptions to evaluate their English language skills, and choose their group accordingly. To
confirm students’ initial self-evaluation, lettori will assess skills through work done in class.

Frequentanti must enrol in their group by the end of October.

Non frequentanti do not need to enrol in a group, and are automatically assigned to either Hargan or
Toll, according to surname. Students who do not attend are nonetheless advised to see their lettore
early in the year for guidance on independent study. Practical details concerning non frequentanti
exams will be posted in the Guida di Anglistica and on the Department website.

For further information, come to speak to us during our office hours, but before doing so, please
read the information in the Guida di Anglistica and on the Department website.

BIBLIOGRAPHY
Mike Boyle and Lindsay Warwick, Skillful Reading and Writing Student's Book + Digibook Level
4. Macmillan, 2013.
Michael Swan, Practical English Usage. OUP, 3rd edition, 2005 (or similar).
Oxford Advanced Learner’s Dictionary (or similar).

Your lettore will advise you on additional materials to be used in class or for assignments.
52

II ANNO

RICHARD BATES

Following the European framework, the course will aim to bring students to a C2 level of English
by the end of the year. As certain skills are already assumed to have been acquired, much of the
course will be based upon improving the students’ current standard of English and will therefore
work upon advanced grammar and use of English skills. This will be done using texts in English
for advanced (“Proficiency” level), by constant error analysis and by contrastive analysis of Italian
and English structures. Combined with this, oral summarizing skills will be practised, especially
during the second semester.
The written exam will consist of grammar exercises, including translation from Italian into English,
and the summary of a piece of English prose, as well as a stylistic analysis of it.

Bibliography

Ruth Gairns and Stuart Redman, Oxford Word Skills, Advanced, Oxford University Press, 2010
Jennifer Pudney, Written English for Advanced Learners, Rome, 2003 - available at Feltrinelli
International
Michael Swan & D. Baker, Grammar Scan, Oxford University Press 2008 (this is the work book
for Michael Swan, Practical English Usage, Third Edition, Oxford University Press)

Notes
Further information will appear in due course on batessapienza.blogspot.it, which will be regularly
updated throughout the year.
Students who are unable to attend classes are recommended to come to see one or other of the
course lecturers during their normal office hours.
53

Programmi Moduli Lingua e Traduzione Inglese


(Giorni, ore e aule dei corsi nel foglio illustrativo allegato)

I ANNO

IOLANDA PLESCIA
Nessuna canalizzazione

LINGUA INGLESE I PER LA MAGISTRALE – Storia della lingua inglese: la lingua di


Shakespeare
12 e 6cfu
I Semestre

Il corso intende offrire le basi per una riflessione diacronica sulla lingua inglese come prodotto di
stratificazioni, incontri e scontri linguistici. La riflessione si concentrerà sul periodo early modern e
in particolare sull'inglese shakespeariano; esaminando i contributi più recenti degli studi di
impronta linguistica e stilistica, si vedrà come la grande innovazione shakespeariana non consista
tanto, come comunemente si crede, nell’invenzione di parole nuove, quanto in un rapporto originale
con le convenzioni linguistiche del suo tempo. Prenderemo in considerazione l'evoluzione
dell'inglese elisabettiano, le teorie filosofico-linguistiche oggetto di riflessione all'epoca, la ricerca
di prestigio e di una nuova identità linguistica da parte dell’inglese, oltre ad aspetti più tecnici quali
i metodi di arricchimento linguistico (calchi, prestiti, traduzione) e la definitiva trasformazione
dell’inglese da lingua sintetica a lingua analitica.

Bibliografia
A.C. Baugh & T. Cable, A History of the English Language, Routledge, 2002
Jonathan Hope, Shakespeare and Language, Arden, 2010
David Crystal, Think on My Words: Exploring Shakespeare's Language, CUP, 2008
Manfred Gorlach, Introduction to Early Modern English, CUP, 1991
Iolanda Plescia, Shakespeare, Linguistics and a New Philology, Memoria di Shakespeare 8, 2012
Eventuali testi a integrazione

Note
Il corso è integrato dalle esercitazioni di lettorato (programma ANNUALE per 12cfu Inglese I
lingua; programma SEMESTRALE per 6cfu Inglese II lingua).

****************

II ANNO

IRENE RANZATO
MARY WARDLE
(Attenzione! Per gli studenti che scelgono il percorso Lingua e Traduzione sono obbligatori
entrambi i corsi di Ranzato e Wardle + Lettorato II. Ai due corsi non si applica criterio di
propedeuticità)

IRENE RANZATO
LINGUA INGLESE 3 PER LA MAGISTRALE: Analisi del dialogo drammatico (cinema e
TV)
54

6 CFU
II Semestre

Il dialogo drammatico, vale a dire il dialogo scritto per essere recitato in teatro e sugli schermi
cinematografici e televisivi, è l’oggetto di studio di questo modulo che intende analizzare le
caratteristiche che lo avvicinano al dialogo naturale e che allo stesso tempo da questo lo
allontanano, partendo da una prospettiva fondamentalmente sociolinguistica. Attraverso una serie di
esempi di brani tratti da opere cinematografiche, teatrali e televisive, nelle loro versioni originali e
nell’eventuale doppiaggio italiano, lo studente sarà guidato a individuare e studiare alcuni elementi
linguistici del dialogo di finzione, con particolare attenzione ai fenomeni di codeswitching e alle
varianti sociali dell’inglese.

Bibliografia:
Selezione di capitoli tratti da:
- Freddi, Maria e Maria Pavesi (eds), Analysing Audiovisual Dialogue – Linguistic and
Translational Insights, Clueb, Bologna, 2009.
- Jaeckle, Jeff (ed.), Film Dialogue, Wallflower Press, London/New York, 2013.
- Kozloff, Sarah, Overhearing Film Dialogue, University of California Press, Berkeley/Los
Angeles/London, 2000.
- Richardson, Kay, Television Dramatic Dialogue – A Sociolinguistic Study, OUP,
Oxford/New York, 2010.
- Dispense contenenti i brani dei dialoghi da analizzare e tradurre.

MARY WARDLE
LINGUA INGLESE 2 PER LA MAGISTRALE: Translation and Paratexts
6CFU
I Semestre

La ritraduzione

Il modulo intende indagare il fenomeno della ritraduzione, vale a dire traduzioni multiple dello
stesso originale verso la stessa lingua. Perché sentiamo l’esigenza di nuove traduzioni quando
continuiamo a leggere il testo di partenza nella sua forma originale? Si affronteranno diverse
questioni teoriche per arrivare ad una analisi approfondita di un case study: le traduzioni italiane di
The Great Gatsby.

La frequenza del modulo prevede un lavoro di traduzione da svolgere individualmente con scadenze
fisse che sarà poi oggetto di discussione in aula.

Il modulo verrà insegnato in lingua inglese. La valutazione avverrà tramite prova scritta. Sarà
consentito l'uso di un vocabolario (anche bilingue). Chi frequenta il modulo potrà sostenere
l'esonero a fine modulo (prova unica). Successivamente, tutti gli studenti, che abbiano frequentato o
meno, dovranno sostenere la prova di esame, consegnando anche una tesina (vedere bacheca
docente).

The course will be taught in English. Due to the nature of the course, however, students must also
have high levels of proficiency in Italian. It is therefore not suitable for incoming Erasmus students
with poor Italian language skills.

Per orari di ricevimento ecc. consultare la bacheca della docente:


55

http://w3.uniroma1.it/seai/?q=persone/wardle-mary-louise

Bibliografia

The Great Gatsby F. Scott Fitzgerald, preferibilmente nell’edizione della Oxford University Press,
2008, collana Oxford World’s Classics.

Per i frequentanti: dispense distribuite dal docente durante il modulo

Gli studenti non-frequentanti devono aggiungere:


Taylor, C. Language to Language (1998) Cambridge University Press, Cambridge.
Wardle, M.L. Avviamento alla traduzione (1996) Liguori editore, Napoli.
56

Programmi Letteratura Inglese


(Giorni, ore e aule dei corsi nel foglio illustrativo allegato)

I ANNO

MARIO MARTINO (Nessuna canalizzazione, 12 cfu)


RICCARDO CAPOFERRO (Nessuna canalizzazione, 6 cfu)

MARIO MARTINO
LETTERATURA INGLESE I
12 CFU
II Semestre

IL PROGRAMMA SI COMPONE DI UNA "PARTE A" (SPECIFICA, 6CFU), E DI UNA


"PARTE B" (MODULO INTERDISCIPLINARE, 6CFU)

Parte A : Samuel Beckett: dal romanzo al teatro (6cfu), II semestre


Parte B: modulo interdisciplinare (6cfu), II semestre: il programma e il calendario delle lezioni
saranno esposti il prima possibile anche nelle bacheche del CdS e inseriti sul sito.

Parte A : Samuel Beckett: dal romanzo al teatro (6cfu), II semestre

Il corso prenderà in esame l'opera di Samuel Beckett sullo sfondo della crisi europea della prima
metà del Novecento. Si esaminerà la produzione narrativa dell'autore, con particolare attenzione ai
romanzi Murphy e Molloy per metterne in evidenza i tratti che lo accostano e quelli che lo
allontanano dal Modernismo; si esaminerà inoltre la sperimentazione formale beckettiana
attraverso alcune delle opere principali del suo teatro (Waiting for Godot, Endgame, Krapp's Last
Tape, Happy Days).

Per l'esame gli studenti sono tenuti a conoscere le opere di Beckett, saper leggere e discutere
criticamente quelle analizzate in classe e trattate dalla bibliografia assegnata.

Bibliografia primaria e critica:

Bibliografia primaria.
S. Beckett: Molloy. Teatro: Waiting for Godot, Endgame, Krapp's last tape, Play, Happy Days.

Gli studenti dovranno inoltre leggere: T.S. Eliot, The Waste Land, parte I e II; J. Joyce Ulysses,
(capitoli 1-5)

BIBLIOGRAFIA CRITICA
DUE VOLUMI A SCELTA TRA I SEGUENTI:
(TRE VOLUMI PER I NON FREQUENTANTI).
57

GONTARSKI, S.E., (ED.) A COMPANION TO SAMUEL BECKETT, OXFORD, BLACKWELL, 2010.


PILLING, J. (ED.) , BECKETT. A COMPANION, CAMBRIDGE, CUP, 1994.
COHN, R., THE COMIC GAMUT, N.J., PRINCETON UP, 1962 (2011)

J. FLETCHER, SAMUEL BECKETT: "WAITING FOR GODOT", "KRAPP'S LAST TAPE", "ENDGAME" (FABER
CRITICAL GUIDES), 2000
JEFFERS, J., SAMUEL BECKETT: A CASEBOOK, NEW YORK, GARLAND, 1998.

J. FLETCHER, THE NOVELS OF SAMUEL BECKETT, 1970 (2012).


KNOWLSON, J., DAMNED TO FAME, LONDON, BLOOMSBURY, 1997.
MARTINO, M., S. BECKETT E IL ROMANZO MODERNISTA: MURPHY, BARI, ADRIATICA, 2003.
BERTINETTI, P., INVITO ALLA LETTURA DI S. BECKETT, MILANO, MURSIA, 1984.

RICCARDO CAPOFERRO
LETTERATURA INGLESE I - From Realism to Modernism
6 cfu
II Semestre

This course focuses on the transition, and the continuity, between “realism” and “modernism”. We
will explore these two aesthetic phenomena on the level of form and in relation to historical and
cultural contexts, using well-established theories of the novel.

Primary works:

George Eliot, Middlemarch (Penguin);


Joseph Conrad, Lord Jim (Penguin);
Virginia Woolf, “Mr. Bennet and Mrs. Brown” (in M. McKeon (ed.), Theory of the Novel, Johns
Hopkins, 739-758).

Criticism:

George Levine, selections from The Realist Imagination (Chicago), 3-21; 252-290;
Franco Moretti, Way of the World, The Bildunsgroman in European Culture (Verso);
George Lukács, selections from Realism in our Time: Literature and Class Struggle, in M. McKeon
(ed.), Theory of the Novel, 759-783;
M. M Bakhtin, selections from The Dialogic Imagination: Four Essays (University of Texas Press)
in M. McKeon (ed.), Theory of the Novel, 321-353. Dorrit Cohn, selections from Transparent
Minds, in M. McKeon, Theory of the Novel, 493-514;
Ian Watt, Conrad in the Nineteenth Century (Oxford), chap. 5.

N.B. Il programma potrebbe essere soggetto a cambiamenti: per la versione definitiva


consultare la pagina web del docente.
***********************
58

II ANNO
CARLA GABRIELI
LETTERATURA INGLESE II
6 cfu
I semestre

L'obiettivo di questo modulo, che si muove nel vasto e articolato campo dei rapporti/incontri tra
letteratura e arti visive, tra parole e immagini, è di esplorarne in particolare un aspetto, quello della
tradizione letteraria dell'ekphrasis, ossia la descrizione/evocazione, in una poesia o in un brano
prosastico, di un'opera d'arte immaginaria o reale. L'analisi di alcuni degli esempi più conosciuti
della convenzione "iconica" nella letteratura europea (tra questi la descrizione omerica
dell'immaginario scudo d'Achille forgiato da Efesto nel XVIII libro dell'Iliade e la descrizione
dantesca delle figure e scene scolpite sui bassorilievi marmorei nel canto X della Divina
Commedia), servirà come introduzione alla lettura approfondita di alcune poesie "iconiche" nella
letteratura inglese, tra XVI e XX secolo, dal passo di The Rape of Lucrece di Shakespeare, in cui
viene descritto un arazzo/dipinto che rappresenta la caduta di Troia fino al Musée des Beaux Arts di
W.H.Auden e altre poesie.
Ci si soffermerà brevemente anche su alcune questioni teoriche legate ai concetti di ekphrasis e
iconicità.

Bibliografia provvisoria:
J.Hagstrum, The Sister Arts: the tradition of Literary Pictorialism in English Literature from
Dryden to Gray, Un. of Chicago Press 1958 (di questo lungo studio va letta la esauriente rassegna
della tradizione dell'ekphrasis, che Hagstrum chiama tradizione iconica, pp.3-170)
J.Heffernan, Museum of Words: the poetics of ekphrasis from Homer to Ashbery, Un. of Chicago
Press 1993 (pp.1-8 e i singoli capitoli su Shakespeare, Keats, Browning e Auden)

CARLA GABRIELI
LETTERATURA INGLESE III
6 CFU
II semestre

L'obiettivo di questo modulo, che si muove nel vasto e articolato campo dei rapporti/incontri tra
letteratura e arti visive, parole e immagini, è di esplorare alcune figure di artisti inglesi che sono
stati insieme poeti e pittori e che hanno integrato nelle loro opere il linguaggio verbale e il
linguaggio visivo. Tra questi in particolare si prenderanno in considerazione il poeta/incisore/pittore
William Blake e l'universo verbale e visivo dei suoi Songs of Innocence and of Experience, e il
poeta/disegnatore Edward Lear, del quale ci si propone di indagare il mondo fantastico e
59

"trasgressivo" dei Nonsense Books così ricchi di spunti sul piano visivo e verbale.

Bibliografia provvisoria:
William Blake, Songs of Innocence and of Experience, introduced by Richard Holmes, Tate
Publishing 1992
Edward Lear, The Complete Nonsense and Other Verse, ed. V.Noakes, Penguin 2000

A lezione si proporranno studi critici e altro materiale.

***************

ALESSANDRO GEBBIA - Letteratura inglese LM (AFFINI)

6 Cfu
II Semestre

Programma
Il modulo intende fornire una analisi dei processi politici, sociali ed economici che hanno portato al
formarsi delle colonie inglesi e delle diverse forme letterarie che ciascuna di esse ha generato.
Intende inoltre offrire una riflessione sulle principali teorie del Postcolonialismo e su come le
letterature coloniali si sono trasformate in postcoloniali e, quindi nel caso di Canada, Australia,
Caraibi, in letterature nazionali di lingua inglese. La seconda parte del modulo sarà dedicata
all’approfondimento della letteratura anglo-indiana e a una panoramica degli scrittori cinesi e
giapponesi che scrivono in inglese.
Bibliografia
Keir Elam, Lilla Maria Crisafulli, a cura di, Manuale di Letteratura inglese, Bonomia University
Press, Bologna 2009. (I capitoli sulle letterature coloniali e postcoloniali).

Edward Said, Orientalismo, Feltrinelli, Milano 2006.

Silvia Albertazzi, La letteratura postcoloniale. Dall'Impero alla World Literature, Carocci, Roma
2013.

Oriana Palusci, Simona Bertacco, Postcolonial to Multicultural. An Anthology of texts from the
English-Speaking World, Hoepli, Milano 2008.
Dispensa a cura del Docente (che sarà messa in bacheca).
60

Programmi Letteratura Anglo-Americana


(Giorni, ore e aule dei corsi nel foglio illustrativo allegato)

I ANNO

UGO RUBEO

LETTERATURA ANGLO-AMERICANA I- M - The Shadow Line: U. S. Southern


Literature
12 CFU
II semestre

The Shadow Line: U. S. Southern Literature


This course is offered to 1st year graduate students of the Laurea Magistrale in Lingue, Letterature e
Scienze della Traduzione, and is organized on the basis of 36 hours of lectures and class-discussion,
to be integrated by a twin interdisciplinary course made of plenary lectures centered on a common
theme. Focused on an advanced study of the Southern Literature and Culture of the Unites States,
the course will take into account the critical state of race relationships in the South as represented
by three major works of fiction, such as Mark Twain's Pudd’nhead Wilson (1894), William
Faulkner's Absalom, Absalom! (1936), and Toni Morrison's Beloved (1987). Students are expected
to read the three novels in the original English, plus the critical bibliography and the other required
readings, in order to participate actively in class discussion as part of their curricular activity. The
novels, published within a span of time of roughly one century (1894 - 1987), address a series of
historical, political and sociological problems which call for an adequate knowledge, therefore in
case of need, students are ancouraged to ask for additional readings and information concerning
issues related to the Southern culture and its literary tradition. The course will be taught in English as
part of Sapienza's internationalization program, and English will also be the official language for in
class exchange and discussion.

Objectives and expected results


Students are expected to attend classes, and reach a good competence in the critical debate on
XIXth and XXth Century American fiction (1990s through 1980s), together with an in-depth
knowledge of the cultural climate of the period in which the novels included in the program were
published.

Primary Texts
Mark Twain, Pudd’nhead Wilson (1894)
William Faulkner, Absalom, Absalom! (1936)
Toni Morrison, Beloved (1987)

Preliminary Critical Bibliography


Shelley Fisher Fishkin, Was Huck Black?, New York, Oxford U. P. 1993
Myra Jehlen, "The Ties That Bind. Race and Sex in Pudd’nhead Wilson", Readings at the Edge of
Literature, 2002
61

Cleanth Brooks, William Faulkner: First Encounters, New Have, Yale U. P., 1983
Noel Polk, Children of the Dark House, Jackson, The U. P. of Mississippi, 1996
Philip Weinstei, Becoming Faulkner, New York, Oxford U. P., 2010
Toni Morrison, Playing in the Dark, New York, Vintage Books, 1992
Shirley A Stave, (ed.), Toni Morrison and the Bible, New Yor, Peter Lang, 2006

Notes
Pre-requisites: a good knowledge of spoken and written English; a fair preliminary knowledge of
the American literary tradition and of American history
Teaching methods: oral lessons; critical reading of the texts in the original; comments to texts and
class discussion; attention to interpretation and context
Attendance: students who want to access immediate after-course evaluation (esonero) should not
exceed a maximum of three absences
Evaluation: a final oral exam in Italian for Italian students and in English for foreign students;
interpretation and translation of texts from the original; discussion of historical and cultural
background
Non frequentanti: non-attending students should arrange a supplementary reading-list with the
teacher

Orario lezioni: Giovedì / Venerdì: 10.30 - 12.30 (Aula VII e Aula IX, Villa Mirafiori) Inizio
lezioni: 5 Marzo 2015

*************

II ANNO

GIORGIO MARIANI

LETTERATURE ANGLO-AMERICANE II - M TS Eliot/Thomas Pynchon: From


Modernism to Postmodernism
6 CFU
I semestre

Il modulo si propone di tracciare il passaggio dal modernismo al postmodernismo, a partire


dall'analisi ravvicinata di due testi esemplari della letteratura statunitense: The Waste Land di T.S.
Eliot e The Crying of Lot 49 di Thomas Pynchon.

Gli studenti NON frequentanti devono portare il programma descritto nelle "Note"

Testi

Thomas Stearns Eliot, La Terra Desolata (con testo inglese a fronte), a cura di Alessandro Serpieri,
Milano, Bur Rizzoli, 2013 (occorre acquistare questa edizione)

Thomas Pynchon, The Crying of Lot 49 (qualsiasi edizione integrale)

Wendy Steiner, “Collage or Miracle: Historicism in a Deconstructed World,” in Reconstructing


American Literary History, ed. Sacvan Bercovitch (Cambridge, MA: Harvard UP, 1986),
62

pp. 323-51. (verrà reso disponibile presso il centro fotocopie di Villa MIrafiori)

Ulteriori materiali critici verranno messi a disposizione degli studenti durante il corso

Storia della letteratura

Gli studenti dovranno leggere e studiare uno di questi due manuali:

Hans Bertens, Theo d’haen, American Literature: A History, Routledge

Malcolm Bradbury, Richard Ruland, From Puritanism to Postmodernism: A History of


American Literature, Penguin

Note

Programma per studenti NON frequentanti

Testi primari:

Herman Melville, Typee


----, Moby-Dick
----, “Bartleby, the Scrivener”
(you must read the original texts—you can use any unabridged edition)

Critica:

Giorgio Mariani, Leggere Melville, Carocci 2013 (the text must be read in its entirety so that you
can get a better sense of why this American writer is so important—the sections on the required
reading will need to be read with more attention, of course). ERASMUS students can substitute
Leggere Melville with Wyn Kelley’s Herman Melville. An Introduction, Blackwell, 2008.

Gli studenti scriveranno una tesina di 5-6 pp. dedicate a un aspetto (un tema, un tipo di personaggio,
una cifra stilistica, una caratteristica strutturale, ecc.) che a loro giudizio connette (per somiglianza
o contrasto) due o tre testi letti. Inoltre sosterranno un esame scritto di due ore.

Students will write a 5-6 pp. paper focusing on one aspect (a theme, a type of character, a social
problem, a stylistic feature, a structural one, etc.) that they feel connects two of the three texts read.
They will also take a two-hour written exam.

Storia della letteratura

Gli studenti dovranno leggere e studiare uno di questi due manuali:

Hans Bertens, Theo d’haen, American Literature: A History, Routledge


63

Malcolm Bradbury, Richard Ruland, From Puritanism to Postmodernism: A History of


American Literature, Penguin

IGINA TATTONI

LETTERATURA ANGLO-AMERICANA 3 – I Puritani d’America


6cfu
II semestre

Il modulo intende approfondire un tema centrale e fondativo, quello della cultura puritana della
cultura angloamericana attraverso la lettura di vari testi narrativi e critico-letterari e documenti
storici del periodo.
Per andare incontro a un interesse specifico di un gran numero di studenti, emerso da esperienze
didattiche precedenti, ci si soffermerà, in particolare, sui drammatici episodi verificatisi nel 1692 a
Salem, Massachussetts ricordati con il nome di caccia alle streghe.
L'auspicio è che gli studenti che abbiano già affrontato l'argomento all'inizio della Laurea Triennale
o che conoscano l'argomento solo superficialmente, trovino in questo modulo l'occasione per
affrontarlo di nuovo con maggiore competenza e maturità.
64

Programmi Letterature Comparate


(Giorni, ore e aule dei corsi nel foglio illustrativo allegato)

PIERO BOITANI (Studenti M-Z)


EMILIA DI ROCCO (Studenti A-L)

PIERO BOITANI (M-Z)


6 cfu
I semestre
LETTERATURE COMPARATE PER LA MAGISTRALE – Riconoscimento e
modernità

Brani scelti:
W. Shakespeare, Amleto, Re Lear, Dodicesima notte, Pericle, Racconto d'inverno, Cimbelino,
Tempesta
Racine, Athalie
L. Tolstoy, Guerra e pace
T.S. Eliot, Marina
J. Joyce, Ulisse
M. Proust, Il tempo ritrovato
T. Mann, Giuseppe e i suoi fratelli

Bibliografia critica:
P. Boitani, Riconoscere è un dio. Scene e temi di riconoscimento nella letteratura, Torino 2014
P. Boitani, E. Di Rocco, Guida allo studio delle letterature comparate, Bari-Roma 2013

EMILIA DI ROCCO (A-L)


6 cfu
II semestre

LETTERATURE COMPARATE PER LA MAGISTRALE - La parabola del figliol prodigo


nella letteratura moderna

Testi primari
Vangelo di Luca, 15, 11-32
Sant’Agostino, Confessioni (brani scelti)
William Shakespeare, Henry V, King Lear
Friedrich Schiller, Die Räuber
W. B. Yeats, The Lake Isle of Innisfree, Pardon, Old Fathers, Under Ben Bulben
André Gide, Le retour de l’enfant prodigue, Journal (brani scelti).
Rainer Maria Rilke, Die Aufzeichnungen des Malte Laurids Brigge, Vom verlorenen Sohn. Skizze zu
einem zweiten Stück des Kreises, Der Auszug des verlorenen Sohnes, Heimkehr Wohin? Auszug,
Woher?
C. Péguy, Le porche du mystère de la deuxième vertu
65

Franz Kafka, Die Heimkehr


T. S. Eliot, The Cocktail Party

I testi possono essere letti anche in traduzione italiana (ove disponibile).

Testi secondari
Tutti gli studenti devono leggere:
P. Boitani, E. Di Rocco, Guida alla letteratura comparata, Laterza, Bari-Roma 2013
E. Di Rocco (a cura di), Il romanzo della misericordia. La parabola del Figliol prodigo nella
letteratura, «Studium», 4 (2013), pp. 485-545.
E. Di Rocco (a cura di), Il romanzo della misericordia. La parabola di Luca nella letteratura
moderna e contemporanea, «Studium», 2 (2014), pp.165-218.

Bibliografia critica (consigliata):


P. Boitani, Il vangelo secondo Shakespeare, Bologna 2009.
F. Bovon, Il Vangelo di Luca, Brescia 2007- 2013, 3 voll., vol. 2, pp. 589-643.
G. Galli, Interpretazione e Invenzione: la parabola del Figliol Prodigo tra interpretazioni
scientifiche e invenzioni artistiche, Genova 1987.
C. Golz, Religiosität in R. M. Rilkes “Die Aufzeichnungen des Malte Laurids Brigge”, Freiburg i.
Br. 2003
A. J. Hultgren, Le parabole di Gesù, Brescia 2004.
J. Jeremias, Le parabole di Gesù, Brescia 2000.
P. Milward, Biblical Influences in Shakespeare's Great Tragedies, Bloomington, IN 1987
H. Schlienger-Stähli, Rainer Maria Rilke-André Gide. Der verlorene Sohn. Vergleichende
Betrachtung, Zürich 1979.
D. Tippens, Shakespeare and the Prodigal Son Tradition, in Explorations in Renaissance Culture,
14 (1988).
F. Tromly, Fathers and Sons In Shakespeare. The Debt Never Promised, University of Toronto
Press, Toronto 2010.
66

A.A. 2014-2015
Facoltà Lettere e Filosofia
Dipartimento Studi Europei Americani Interculturali

LINGUA INGLESE
PER ALTRI CORSI DI LAUREA
Prof. Mary Wardle
Dott. Iolanda Plescia
Dott. Irene Ranzato

Dott. Victoria Chapman victoriap.chapman@gmail.com


Dott. Marilena Filice m.filice@alice.it
Dott. Mike Riddell mriddell@libero.it

Agli studenti di altri Corsi di Laurea sono riservati specifici percorsi. Gli studenti saranno distinti
tra Lauree Triennali e Lauree Magistrali e affidati ai LETTORI DI MADRE LINGUA. Le lezioni
si terranno o a Villa Mirafiori o in Sede Centrale. I corsi sono annuali e comportano 4 ore di
frequenza settimanale. La prova finale sarà scritta (6cfu), scritta e orale (12cfu).
ATTENZIONE! Le verbalizzazioni avverranno con i docenti: prof. Mary Wardle (DASS),
dott. Iolanda Plescia (Scienze del Turismo), dott. Irene Ranzato (Scienze Geografiche,
Editoria e Scrittura, Scienze del testo, Lettere, Lettere Classiche) (o, se richiesto, con il
presidente del proprio corso di laurea).

INIZIO DEI CORSI: 13 OTTOBRE 2014

Insegnamento LINGUA INGLESE PER ALTRI CORSI DI LAUREA


Codice insegnamento
SSD L-LIN/12
N° CFU Da 6 a 12
Anno di corso I /II
Semestre I-II
Obiettivi formativi Conoscere ed esercitare le diverse tecniche di lettura (skimming/lettura
(in italiano) orientativa e scanning/lettura selettiva) per una migliore comprensione di
qualsiasi testo.
67

Obiettivi formativi Approaching new lexis via deduction and inference. Dictionary skills.
(in inglese) Cohesion. Conjunctions/linking words. Intensive and extensive reading
comprehension: skimming, scanning, information extraction, note-taking,
summarising. Interpreting reference and substitution

Requisiti Livello: Intermediate


Titolo del modulo ENGLISH LANGUAGE
Descrizione del corso Il corso si concentra sulle strategie necessarie per decifrare un testo;
queste includono inferire il significato di un termine dal contesto, capire
vari aspetti del sistema lessicale, riconoscere le forme grammaticali più
complesse e le strutture coesive nell’interno di un testo.

Modalità di Lezioni frontali (consigliata la frequenza)


insegnamento
Modalità di Prova scritta e orale
valutazione
Orario, luogo Villa Mirafiori: giorni, ora, aula (vedi prospetto)
Bibliografia Materiali didattici ed esercitazioni saranno distribuiti durante il corso

LINGUA INGLESE PER ALTRI CORSI DI LAUREA

TRIENNIO

Lettore Corso Orari Aula


Riddell F1 da definire SEDE CENTRALE

Chapman F2 DASS lunedì 18,15-20,00 VI


venerdì 8,30-10,30 V
Chapman F3 DASS giovedì 16,30-18,30 XIII
venerdì 10,30-12,30 V
Filice F4 TURISMO
studenti A-L lunedì 8,30-10,30 VII
sabato 8,30-10,30 III
studenti M-Z lunedì 10,30-12,30 VIII
sabato 10,30-12,30 III

MAGISTRALE

Riddell F5 da definire SEDE CENTRALE

Programmi dei corsi


VICTORIA CHAPMAN

LT - ARTI E SCIENZE DELLO SPETTACOLO


68

The first-year English language course aims to improve students’ listening, speaking, reading and
writing skills and knowledge of grammar to an Intermediate ( B1) level and beyond.

Bibliography

Clive Oxenden, Christina Latham-Koenig, New English File Intermediate Student’s Book and
Workbook (with key), Oxford University Press, Oxford, 2006

Additional grammar book for self-study: (optional)

Raymond Murphy, English Grammar in Use with answers (Intermediate), Cambridge Univ. Press,
Or
Anna Amendolagine, Norman Coe, Mark Harrison, Ken Patterson, Grammar Spectrum for Italian
Students (Student Pack with key), Oxford University Press
Or
John Hird, The Complete English Grammar for Italian Students with Key, Oxford University Press

Notes

Attending Lessons – If you can’t attend lessons speak to one of the teachers and we can indicate the
correct programme for you to study. If you miss a lesson find out from other students what we have
done and study it. Try to participate actively in the lessons.
Organize your time and organize your learning. Organized notes are easier to refer to and to revise
from. Beyond the book you are asked to read it is your responsibility to find more things to read:
English newspapers, magazines etc. are good sources of short articles.
We will also organize conversation groups with American students from the University of
California who are doing a year abroad in Rome. This is an excellent opportunity to speak with
native speakers.
The Internet is a fabulous resource for both listening and reading material, so use it! I strongly
recommend this site, particularly for listening:
http://www.bbc.co.uk/worldservice/learningenglish/general/sixminute/

Exams:

Non Frequentanti or "Full" exam

The exam lasts 3 hours and is based on your general knowledge of English. The level is
Intermediate. The exam is mostly composed of different types of grammar exercises but also
contains a short composition.
You can do the FULL exam (written and oral) in June 2014, or September 2014 or January 2015.

Frequentanti "esoneri"

2. You can do the exam in 2 parts, PART 1 written at the end of the first semester and PART 2
written (+ the oral) at the end of the second semester. If you do not pass PART 1 at the end of the
first semester (or if you do not want to accept the mark) you do not do PART 2 at the end of the
second semester. You have to do the FULL EXAM. The content of the exams is the same (although
the two-parts option has slightly more grammar). Prior to the exams we will do exam practice in
class.

Oral exam
69

Students who pass the written exam have the opportunity to improve their mark by up to another 5
marks.
D.A.S.S. students should prepare a presentation about a film director or a playwright and also bring
at least 7 pages from a screenplay or theatre play, which they have studied carefully. Students
should be able to talk about the piece they have selected and be prepared to answer questions
pertaining to the material.

MARILENA FILICE
email: m.filice@alice.it

COURSE

Lingua Inglese per le Professioni Turistiche

PROGRAMME

The course aims to improve students’ listening, speaking, reading and writing skills to B1+ level.
The course is based on English for International Tourism by Peter Strutt (Pearson) which is
designed to meet the English language needs of students of tourism. It contains a variety of
industry- based texts, basic tourism concepts, practice of language skills and vocabulary needed in
tourism, and will enable students to: develop language awareness; acquire specialized tourism
terminology and build confidence in the professional skills needed for the tourist industry.
Students should aim to attend at least 75% of the lessons and be prepared to do at least 2 hours self-
study for every hour in class. ‘Frequentanti’ will do an ‘esonero’ written exam in-class at the end of
the course (May).

BIBLIOGRAPHY

English for International Tourism New Edition by Peter Strutt


Course book (ISBN 978-1-4479-2383-1)
Work book (ISBN 978-1-4479-2385-5)

Dispensa

Available at the copy shop at Villa Mirafiori

OFFICE HOURS

Saturday 12:00 – 13:00

MICHAEL RIDDELL

ALTRI CORSI DI LAUREA TRIENNALI (tranne DASS e TURISMO) E MAGISTRALI

The course aims to improve students’ reading skills in English by concentrating on the grammatical,
syntactical and lexical aspects of written texts. Texts are analysed in detail so that students are made
aware of the strategies necessary to follow their intrinsic grammatical and lexical patterns.
70

The course is in two parts: the first concentrates on the recognition of grammatical structures, and
specific aspects of the lexical system, such as locutions, collocations and compounds, and how to
infer unknown lexical items from context. The second part deals with the specific strategies needed
to decipher continuous text, including studies of the various transition signals and cohesive devices
that enable a reader to follow the internal logic of the text; other aspects such as register and
stylistic features will also be examined.
The lessons are in English, and the course assumes at least a pre-intermediate level of competence
on the part of the student, especially in reading, and attendance is strongly recommended. At the
end of the course a student should be able to use the skills obtained to understand without excessive
difficulty texts in English relevant to his or her course of study. There will be a written examination
based on reading comprehension at the end of the course.
Bibliography

Halfway through the course and at the end, a series of specific handouts including the class notes,
reading materials and texts with exercises will be made available. Non-attending students will
follow a slightly different programme, partially based on a prescribed text-book (details to follow).

Notes
Further information can be found at the blog <englishriddell.blogspot.com> when the course is
under way.
71

TESI DI LAUREA CON ANGLISTICA


La richiesta per la tesi (sia triennale sia magistrale) dovrà essere fatta tramite la modulistica
disponibile in segreteria (corridoio di Anglistica). Lo studente dovrà proporre due argomenti di tesi
(presentazione scritta e piccola bibliografia) quando mancano tre esami alla fine del proprio
percorso di studio. Seguono le aree di studio relative ai singoli docenti come relatori di tesi.
 
Letteratura Inglese L-LIN/10

Riccardo Capoferro: La cultura letteraria del lungo Settecento; Teorie del novel e teorie del
fantastico; La tradizione e i nuovi media (fumetto, cinema, serie televisive).

Carla Gabrieli: letteratura per l'infanzia, poesia romantica, saggistica vittoriana

Mario Martino: Periodo vittoriano; Teatro e lirica elisabettiana; Modernismo e anni '30; Beckett;
Film/tv studies.

Maria Antonietta Saracino (per C.d.L. Mediazione Linguistica) letterature di espressione


anglofona e traduzione relativamente alle stesse

Laura Talarico: Età elisabettiana e giacomiana (in particolare il teatro e Shakespeare);


Modernismo (poetiche, singoli temi/testi/autori, Woolf, Mansfield, Joyce); Teoria e storia dei generi
narrativi (soprattutto short story); Beckett; Studi di genere e scrittura delle donne.

Lingua e Traduzione Inglese L-LIN/12

Donatella Montini: [Analisi del testo narrativo; Semiotica del linguaggio teatrale; Stilistica e
retorica; Analisi del discorso e della comunicazione politica; Analisi del testo epistolare; Didattica
della letteratura; Storia della lingua inglese.] N.B. LA PROF.SSA MONTINI E’ IN CONGEDO
PER RAGIONI DI STUDIO e non potrà seguire tesi durante l’a.a. 2014-15.

Iolanda Plescia: traduzione, analisi e didattica del testo letterario, translation studies/translation
theory, storia della lingua inglese, storia della traduzione, discourse analysis, pragmatics, stylistics,
literary linguistics.

Irene Ranzato: studi traduttivi, varianti dialettali e sociali dell’inglese, traduzione intersemiotica.

Mary Wardle: Teoria e storia della traduzione. Discourse analysis.

Lingua e Letteratura Anglo-Americana L-LIN/11

Annalucia Accardo: letteratura afroamericana, Grace Paley e la scrittura delle donne, influssi del
buddhismo sulla letteratura americana, sui movimenti ecologici e disobbedienza civile a partire da
Thoreau fino a oggi. Passaggi e attraversamenti: la questione dell'identità.

Giorgio Mariani: lett. americana dalle origini ai primi del 900; guerra, pace e letteratura; Indiani
72

d'America; adattamenti cinematografici di lett. americana; autori preferiti: Melville, Stephen Crane,
Cooper, Hawthorne, Emerson.

Igina Tattoni: Narrativa dell'800 e '900, specialmente short story. Fact e fiction. The New
Journalism. Autobiografia. Walt Whitman. Il grottesco. W.Faulkner.

Ugo Rubeo: tutti gli argomenti legati ai corsi tenuti dal docente

Letterature Comparate L-FIL-LET/14

Piero Boitani: tutti gli argomenti legati ai corsi tenuti dal docente

Emilia Di Rocco. Della letteratura europea e americana: riscritture del mito antico e moderno;
letteratura medievale e rapporti tra Medioevo ed Età moderna; tesi di impostazione tematica che
seguono l'evoluzione di un tema, topos o archetipo in epoche diverse.

Norme per la redazione


Formattazione

• I testi devono essere redatti utilizzando il carattere “Times New Roman”.


• Il corpo del carattere deve essere di 13 punti (le note vanno in corpo 10).
• I margini laterali, superiori e inferiori devono essere di 2,5 cm.
• Il valore dell’interlinea deve essere 1,5.

Norme per la citazione in nota dei testi citati o consultati

Libri:

• Nome [solo l’iniziale] e Cognome dell’autore/i. Nel caso in cui gli autori siano più di uno i
nomi vanno separati da una virgola. Il nome dell’autore o degli autori è seguito da una
virgola.
• Se il libro è una raccolta di saggi e ha uno o più curatori: Nome [solo l’iniziale] e Cognome
del curatore/i (a cura di), seguito da una virgola.
• Titolo e Sottotitolo dell’opera,
• Eventuale numero del volume dell’opera consultato: vol. seguito da cifra romana,
• Luogo di edizione (se nel libro non è indicato scrivere: s.l.),
• Editore (se non è indicato scrivere s.e.)
• Anno di edizione (se nel libro non è indicato scrivere s.d.),
• Indicazione della pagine o dell’intervallo di pagine consultate: p.1 oppure pp. 1-27. NOTA
BENE. Tra “p.” e la cifra seguente ci deve essere uno spazio.
• La nota si chiude sempre con il punto, come qualsiasi altra frase.

Esempio: P. De Paperis, A. Pitagorico (a cura di), Antologia di poesia paperopolese. Vol IV.
L’Ottocento, Torino, Einaudi, 2001, p. 21 e pp. 27-28.

Articoli di riviste scientifiche, di quotidiani, di periodici:


73

• Nome e Cognome dell’autore/i (secondo le modalità suindicate),


• Titolo ed eventuale sottotitolo dell’articolo (in corsivo) e seguito da una virgola,
• Nome della rivista/quotidiano/periodico/opuscolo (tra virgolette caporali aperte e
chiuse, «...») seguito da una virgola,
• numero della rivista (n. oppure, se indicato come fascicolo, fasc.),
• mese e anno,
• indicazione della pagine o delle pagine secondo le modalità suindicate.

Esempio: S. Holmes, La lotta al crimine e il metodo deduttivo, in «Annuario di Scotland Yard», n.


50, 1899, pp. 85-115.

Capitoli di libri, saggi in volumi collettanei:

• Nome e Cognome dell’autore/i (secondo le modalità suindicate),


• Titolo ed eventuale sottotitolo della singola opera, tra virgolette, seguito da una virgola e da
“in”,
• Nome [solo l’iniziale] e Cognome dell’autore/i. Nel caso in cui gli autori siano più di uno i
nomi vanno separati da una virgola. Il nome dell’autore o degli autori è seguito da una
virgola.
• Titolo e sottotitolo del libro, in corsivo, seguito da una virgola,
• Eventuale numero del volume dell’opera consultato: vol. seguito da cifra romana seguito da
una virgola,
• Luogo di edizione (se non indicato scrivere: s.l.],
• Editore,
• Anno di edizione [se non indicato scrivere: s.d.],
• indicazione della/e pagina/e consultate: p./ pp.

Esempio: F. Queen, “Il fotografo pubblicista: questioni deontologiche”, in E. Moor (a cura di), Il
circo mediatico, Milano, Milano University Press, 2003, pp. 115-155.

Norme relative alla scrittura delle note: citazione di un’opera all’interno di una nota

• Se citata per la prima volta, si adottano le norme relative alla citazione in nota dei testi
consultati (vedi sopra)
• Se già citata in precedenza, si adottano le seguenti norme, inserendo, nell’ordine:
1. nome (solo l’iniziale) e cognome dell’autore/i (separati da una virgola); se ci sono
uno o più curatori: nome (solo l’iniziale) e Cognome (per esteso) del curatore/i, seguito,
nell’ordine: 1) da una virgola, 2) da “(a cura di)”, 3) da un’altra virgola.
2. op. cit. seguito da una virgola,
3. la pagina o le pagine, secondo le modalità suindicate. Esempio: M. Mystère, op. cit.,
p. 360.
• Se citata in una nota che e immediatamente successiva alla nota in cui l’opera è citata per
intero:
a) qualora il passo cui si fa riferimento sia nello stesso testo ma in p./pp. diversa/e:
scrivere “Ivi”, seguito da una virgola, seguita dall’indicazione delle pagine.
Esempio: Ivi, p. 55.
b) Qualora il passo cui si fa riferimento sia nello stesso testo e nella stessa pagina o
nelle stesse pagine. Scrivere “Ibidem”.
c) se si cita lo stesso autore della nota precedente (con opera diversa): Idem, Id. /
Eadem, Ead.
74

Abbreviazioni più frequenti da utilizzare in nota o nel testo:

Anon. Anonimo

cap. capitolo (plurale: capp.)

cfr. confronta, vedi

cit. opera già citata in precedenza (se dell’autore/i si citano altre opere).
Esempio: Vedi anche: “P. Giorgi, Nuove tecnologie botaniche cit.

ed. edizione

fig. figura (plurale: figg.)

infra vedi sotto

supra vedi sopra

NB nota bene

n.s. nuova serie

n. numero (plurale: nn.)

op. cit. opera già citata in precedenza

passim qua e là (quando non ci si riferisce a un luogo preciso del testo)

p. pagina (plurale: pp.)

par. paragrafo (plurale: parr.); anche: §

s.d. senza data (di edizione)

s.l. senza luogo (di edizione)

seg. seguente

sez. sezione

sic così (scritto così proprio dall’autore che viene citato)

tab. tabella

tav. tavola

trad. traduzione (anche: tr.)


75

v. verso (plurale: vv.)

vol. volume (plurale: voll.)

Segni più frequenti sia nel testo sia in nota:

[...] segnala un’ellissi (omissione o taglio) attuata all’interno del testo citato. La presenza di
questo segno significa che l’autore ha riportato brani da un testo originale omettendone alcune
porzioni.

«…» virgolette caporali. Si usano per:


a) segnalare una citazione all’interno del testo
b) indicare il nome di un periodico. Esempio: «La Repubblica».

“…” virgolette alte doppie. Si usano per:


a) segnalare l’uso del discorso diretto. “Mi consenta!”, disse il Presidente.
b) citare titoli e sottotitoli di testi contenuti in opere collettive.

‘…’ virgolette alte singole. Si usano al posto delle virgolette doppie quando si trovano in un testo
che è già racchiuso tra virgolette doppie. Esempio: «Raccontando l’accaduto alla stampa, l’uomo
aggredito l’altra notte disse con tono concitato: ‘I due malviventi che mi avevano puntato il coltello
alla gola vennero messi in fuga da un misterioso individuo vestito da pipistrello’».

[] parentesi quadre. Si usano per segnalare all’interno di un testo non originale (cioè citato) una
qualsiasi intromissione dello scrivente.

corsivoSi usa per utilizzare nel momento in cui compaiono nel testo termini stranieri (rispetto
all’italiano) o in latino/greco. Si usa in particolare per quei termini che non sono ancora divenuti
d’uso corrente nella nostra lingua. Esempi: « La fiction americana contemporanea è molto
variegata»; «Stanno producendo una nuova fiction con Gabriel Garko».

Bibliografia:

La Bibliografia va redatta in ordine alfabetico per cognome dell’autore. Ogni testo citato va
ordinato secondo le norme formulate con riferimento alle note. Qualora vi siano più opere dello
stesso autore, vanno indicate in ordine cronologico dalla più vecchia alla più recente.
È consigliabile suddividere la Bibliografia in sezioni che comprendono le opere primarie, ossia i
testi letterari analizzati, e le opere secondarie, ossia la letteratura critica e storiografica citata.
Esempio:

De Paperis, P., Pitagorico, A. (a cura di), Antologia di poesia paperopolese. Vol IV. L’Ottocento,
Torino, Einaudi, 2001, p. 21 e pp. 27-28.
Holmes, S., La lotta al crimine e il metodo deduttivo, in «Annuario di Scotland Yard», n. 50, 1899,
pp. 85-115.
Mystère, M., La civiltà perduta di Atlantide, New York, Columbia University Press, 2000.
Queen, F., “Il fotografo pubblicista: questioni deontologiche”, in E. Moor (a cura di), Il circo
mediatico, Milano, Milano University Press, 2003, pp. 115-155.
76

Fonti Web:

Oltre alla bibliografia la tesi può contenere una sitografia, ossia un elenco di siti Web consultati.
Anche i siti vanno disposti in ordine alfabetico. Nella tesi le citazioni tratte dal Web possono essere
di vario genere:

• Si può citare semplicemente un sito di riferimento, ad esempio


http://www.archive.org/index.php
• Si può citare un articolo tratto da un sito Web.
Esempio: Paolino Paperino, “Il lavoro interinale: problemi e prospettive”, 15/12/2000,
http://www.usabile.it/012000.htm
Dopo l’indirizzo web va specificata la data dell’ultimo accesso. Esempio:
www.criticamoderna.it, ultimo accesso: 24/12/2009.

Norme sul plagio


La testi di laurea è un prodotto originale, ma che prevede l’uso di testi preesistenti, da analizzare o
utilizzare come fonte di informazioni. Ogniqualvolta si utilizzano delle fonti, occorre specificare il
debito. Se ad esempio si scrive “Nel 1978 vi fu un aumento vertiginoso dei romanzi a tema
politico”, occorre, in nota, specificare da quale libro o archivio si è tratta l’informazione. Si può poi,
all’occorrenza, decidere di riportare integralmente un passo da un altro libro, mettendolo tra
virgolette o staccandolo dal corpo del testo della tesi e indicando in nota le informazioni
bibliografiche a esso riferite.
Utilizzare dati senza specificarne la fonte costituisce una violazione delle più elementari regole
scientifiche: è d’obbligo determinare la fondatezza empirica di ciò che si afferma; occorre, in altri
termini, mostrare le prove della verità di una certa affermazione.
Ma più scorretto ancora è ricopiare parola per parola, oppure con lievi modifiche, da un altro testo:
sia questo un libro di critica e storia o, come purtroppo avviene frequentemente, una pagina
internet. Il plagio è un crimine vero e proprio, una violazione del diritto d’autore perseguibile per
legge (l. 633 del 1941). Inoltre, esso costituisce un reato gravissimo anche sul piano della
deontologia accademica, poiché ci si dichiara autori di una ricerca ma di fatto ci si sta appropriando
indebitamente del lavoro altrui. La presenza anche di poche righe plagiate da un altro testo invalida
la credibilità di una tesi di laurea e impone la completa riscrittura del lavoro, con conseguente
slittamento della sessione di laurea.