Sei sulla pagina 1di 4

turismo

[fr. tourisme, dall'ingl. tourism, da tourist turista; 1905]


s. m.
1 Attivit consistente nel fare gite, escursioni, viaggi, per svago o a scopo istruttivo: aereo,
imbarcazione, vettura da turismo.
2 (est.) Complesso delle strutture e dei servizi connessi con tale attivit: Ministero del turismo

turista
[fr. touriste, dall'ingl. tourist, da to tour viaggiare, di orig. fr. (tour giro); 1837]
s. m. e f. (pl. m. -i)
* Chi fa del turismo

turistico
[fr. touristique, da touriste turista; 1904]
agg. (pl. m. -ci)
Del turismo, relativo al turismo e ai turisti: ufficio, movimento, sviluppo turistico;
gita, zona turistica | Classe turistica, su navi e aerei, quella pi economica | Menu
turistico, menu a prezzo fisso e conveniente proposto spec. ai turisti | Agenzia turistica,
agenzia che vende biglietti per mezzi di trasporto pubblici e privati, organizza viaggi e
gite, fornisce ai turisti servizi bancari, assicurativi, di informazione e assistenza |
Assegno turistico, a circolazione internazionale, rilasciato dalle principali banche
contro versamento dell'importo corrispondente, pagabile presso una filiale all'estero
purch su di esso compaiano due firme della persona a favore della quale l'assegno
viene emesso. SIN. Traveller's cheque | Accompagnatore turistico, tour leader |
Operatore turistico, tour operator.a del turismo.ello spettacolo

turisticamente
|| turisticamente, avv. Secondo le esigenze del turismo, dall'angolo visuale del turismo: zona
turisticamente attrezzata; turisticamente parlando un paese che non offre grandi prospettive.

turisticizzare
[da turistico; 1983]
v. tr.
* Fornire una zona delle infrastrutture e dei servizi adatti ad accogliere turisti.

s. f. turisticizzazione
* Il turisticizzare, il venire turisticizzato (anche spreg.): quella bellissima costa stata oggetto
di una troppo veloce turisticizzazione.
turistico

[fr. touristique, da touriste turista; 1904]


agg. (pl. m. -ci)
Del turismo, relativo al turismo e ai turisti: ufficio, movimento, sviluppo turistico;
gita, zona turistica | Classe turistica, su navi e aerei, quella pi economica | Menu
turistico, menu a prezzo fisso e conveniente proposto spec. ai turisti | Agenzia turistica,
agenzia che vende biglietti per mezzi di trasporto pubblici e privati, organizza viaggi e
gite, fornisce ai turisti servizi bancari, assicurativi, di informazione e assistenza |
Assegno turistico, a circolazione internazionale, rilasciato dalle principali banche
contro versamento dell'importo corrispondente, pagabile presso una filiale all'estero
purch su di esso compaiano due firme della persona a favore della quale l'assegno
viene emesso. SIN. Traveller's cheque | Accompagnatore turistico, tour leader |
Operatore turistico, tour operator.

Turisticamente

avv. Secondo le esigenze del turismo, dall'angolo visuale del turismo: zona turisticamente
attrezzata; turisticamente parlando un paese che non offre grandi prospettive.

albergo

got. *haribergo alloggio; 1262]


A s. m. (pl. -ghi)
1 Edificio adibito all'abitazione e al soggiorno di persone generalmente in transito: sostare,
dormire in un albergo di lusso; un comodo albergo; SIN. Hotel | Albergo per la giovent,
ostello | Albergo diurno, V. diurno | Albergo diffuso, complesso di piccole strutture alberghiere
dislocate in edifici vicini, con servizi di ricevimento, ristorazione e amministrazione unificati.
2 (lett.) Ricovero, rifugio, ricetto (anche fig.): chiedere, dare albergo; di dar albergo a Dio
dentro 'l mio petto (COLONNA).
3 (raro, lett.) Casa, dimora: questo albergo ove abitai fanciullo (LEOPARDI).
B in funzione di agg. inv.
* (posposto al sost.) Spec. nella loc. casa albergo, albergo dove possibile soggiornare a
lungo e stabilmente, spec. nelle grandi citt.
albergaccio, pegg. | alberghetto, dim. | alberghino, dim. | albergone, accr. | alberguccio, dim.

albergare

[da albergo; 1264]


A v. tr. (io albrgo, tu albrghi)
1 (lett.) Ospitare: Mi dov albergare quella notte in casa sua (ALFIERI).
2 (fig., lett.) Nutrire, racchiudere, nel proprio animo: alberga nobili sentimenti; intorno al sen
che alberga tanto amore (CARDUCCI).
B v. intr. (aus. avere, lett. essere)
1 (lett.) Avere dimora, alloggiare, abitare: alberga in una misera pensione | Dormire insieme:
con molto piacere cen e alberg con la donna (BOCCACCIO).
2 (fig., lett.) Trovarsi, risiedere: nel suo cuore albergano nobili sentimenti.

albergato
part. pass. di albergare; anche agg.
1 Alloggiato, ospitato.
2 Fornito di case, di abitazioni.

albergatore
s. m. (f. -trice)
1 Proprietario di un albergo.
2 (lett.) Chi d albergo (anche fig.).

albergheria
s. f.
1 Alloggio, albergo.

alberghiero
agg.
Relativo ad albergo | Degli alberghi: industria alberghiera.
ristorante

[calco sul fr. restaurant, a sua volta part. pres. di restaurer ristorare; 1798]
A s. m.
* Locale pubblico nel quale si consumano i pasti: cenare al ristorante.
|| ristorantino, dim. | ristorantuccio, dim.

B in funzione di agg. inv.


* (posposto a un sost.) Spec. nelle loc.: carrozza, vagone ristorante; albergo ristorante, con
servizio di ristorante.

Ristoratore

A agg. (f. -trice)


* Che ristora, rinnova: cibo ristoratore; pioggia ristoratrice.
B s. m.
1 Gestore di ristorante.
2 (disus.) Ristorante, spec. in una stazione ferroviaria.
3 Rimedio, medicina che ristora.

ristorazione
[lat. tardo restauratione(m). V. restaurazione; av. 1294]
s. f.
1 Settore commerciale che si occupa delle attivit legate alla produzione e alla distribuzione di
pasti nei pubblici esercizi | Ristorazione collettiva, produzione su scala industriale di pasti
completi da distribuire alle collettivit | Ristorazione rapida, il settore che produce fast food.
2 Riparazione, restaurazione | (raro) Compenso | (raro) Risarcimento.
|| ristorazioncella, dim.