Sei sulla pagina 1di 3

Lingua catalana

Le principali caratteristiche fonetiche o ortografiche sono:

la pronuncia di "e/a" non accentate come vocale neutra // (ma nell'ortografia vengono
scritte "e/a" secondo le varianti occidentali)
la pronuncia di "o" non accentata come "u" (ma viene comunque scritta "o" secondo le
varianti occidentali)
la presenza di s-sonora (assente in castigliano): casa (=casa)
perdita di "n" finale dei nomi e aggettivi singolari, che ha portato a parole tronche:
capit (=capitan[o]), llat (=latin[o]), viol (=violin[o]) (ma: capitans, llatins... al
plurale).
R finale non pronunciata a oriente (ma comunque scritta secondo l'uso occidentale):
clar (=chiaro), flor (=fiore), primer (=primo); anar (=andare), fer (=fare), sortir/eixir
(=uscire)
il suono "sh" rappresentato con le grafie ix, x: caixa (=cassa), xarxa (=rete)
numerosi digrammi tg, tj, tx, ig: llenguatge (=linguaggio), viatjar (=viaggiare),
despatx (=ufficio), puig (=collina)
il digramma ll pronunciato gli: lluna (=luna), ballar (=danzare, ballare), perill
(=pericolo)
il digramma ny pronunciato gn: any (=anno), muntanya (=montagna), puny
(=pugno)
il digramma ll che rappresenta la doppia L: collegi (=collegio)
plurali femminili in -es: les bones amigues (spagn. las buenas amigas)
plurali maschili in -s: els bons amics (spagn. los buenos amigos)
passato remoto composto: (jo) vaig cantar (=(io) cantai); mentre il passato remoto
semplice continua invece a Valncia : (jo) cant
l'uso di tre forme (base, debole, rinforzata) per ogni pronome personale:
o parlar-me ; parla 'm / m'has parlat ; em parles
o veient-lo ; l'he vist ; el veig
pronome personale neutro (come in occitano; manca in spagnolo/castigliano):
o veient-lo (=vedendolo, lui) ma veient-ho (=vedendolo, ci). No ho s (=non lo
so)

Lingua Spagnola

-La Costituzione Spagnola riconosce una lingua ufficiale che il "Castellano" e 3 lingue co-
ufficiali: il Galiziano (Gallego), il Basco (Euskera) ed il Catalano sia nella sua modalit
orientale (Catal), che valenciana (Valenci).

-Il primo libro di grammatica spagnola (e anche la prima grammatica di una lingua moderna)
Gramtica de la Lengua Castellana

-Lo Spagnolo una delle lingue ufficiali delle Nazioni Unite, dellUnione Europea,
dell'Organizzazione degli Stati Americani e dellUnione Africana. Gran parte dei parlanti
risiede nellemisfero occidentale (Europa, America, e territori spagnoli in Africa).
-circa 106 milioni di parlanti (sia come prima che come seconda lingua)
Lo Spanglish

-write = rait, night = nait, teenager = tineller;


-emailear invece di escribir correo electronico, reportear invece di informar, remover invece
di sacar, educacion invece di pedagogia o computadora invece di ordenador.

Le piu antiche attestazioni del Catalano

-Il primo testo in prosa completamente in Catalano rappresentato frammento di un libro di


omelie della chiesa di Organy ( diocesi di Urgel) risalente allo scorcio del secolo XII o al
principio del XIII. Questo testo presenta un carattere puramente catalano. Eccone un esempio:

"In illo tempore, cum turba plurima convenirent et de civitatibus properarent ad Iesum, dixit
per similitudinem: Exit qui seminat seminare semen suum. Seinor, nostre Seinor dix aquesta
paraula per semblaqnt, et el esposa per si el ex...".

-il regno di Giacomo I ( 1213- 76)- il Catalano si venne affermando anche come lingua
ufficale dello Stato

-Il Catalano era la lingua ufficiale della casa d Aragona ed i sovrani aragonesi si servivano di
questo idioma nella corrispondenza diplomatica.

I pi antichi documenti dello Spagnolo

-In un manoscritto proveniente del monastero di San Milln de la Cogolla ( nella parte
occidentale della provincia di Logroo) che contiene alcune vite dei Santi Padri e prediche in
Latino, si trovano frequenti glosse in Spagnolo: la maggior parte limitata a una o due parole,
ma ve n qualcuna che comprende anche interi periodi. Eccone un esempio ( le parole
spagnole, messe fra parentesi): "Incipit interrogatio de nobissimo. Rex Aristotelis Alexandro
episcopo. Indica ( amuestra) mici denobissimis temporibus...et pactus ( eloleged) non
obserbabuntur... et despiciunt Dei misteria..."

- Fra i documenti redatti in volgare, il pi antico forse una nota di spese fatta intorno al 980
dal dispensiere del convento di San Justo y Pastor a Rozuela, che ha aspetto dialettale
leonese.Si conserva nell archivio della Cattedrale di Len e comincia:

"Nodica de kesos que espisit frater Semeno jn labore de fratres jnilo bacelare..."

- Coleccin de poesias antiguas castellanas ( anteriores al siglo XV). Alcuni versi:

"Todos son adobados quando mio id esto ovo fablado; las armas avin presas e sedin
sobre los cavallos. Vi(di)eron la cuesta yuso la fuera de los francos; al fondn de la cuesta,
es de llao, mandlos ferir mio id..."

- Gonzalo de Berceo

Potrebbero piacerti anche