Sei sulla pagina 1di 15

MINI GUIDA AI COLLEGAMENTI E CONVERSIONI DEI SEGNALI VIDEO ANALOGICI

Vediamo i principali metodi e le possibilit pi comuni di collegamento video analogico tra una sorgente
(lettore DVD - ricevitore SAT o DTT - videorecorder) e un display (TV o VPR di qualsiasi tipologia).
Per disegni e schemi relativi alle varie prese e connessioni rimando all'ottimo lavoro di DMD, che
trovate qui: http://www.avmagazine.it/forum/showthread.php?t=28278

Analizziamo per prima cosa i vari tipi di connettori solitamente utilizzati per i
SEGNALI VIDEO ANALOGICI

SCART
Questa presa prevede, come standard di base, la possibilit di collegamento in Video Composito e RGB.
Il segnale RGB del tipo con i 2 segnali di Sincronismi nismo (Orizzontale e Verticale) riuniti e veicolati
tramite il pin altrimenti usato per il Video Composito; un segnale RGB di questo tipo denominato anche
RGBs.

La piedinatura della SCART la seguente:

in uscita

pin 7 BLU (B) - pin 5 massa BLU


pin 11 VERDE (G) - pin 9 massa VERDE
pin 15 ROSSO (R) - pin 13 massa ROSSO
pin 19 Sincronismi nismi (Vcomp) - pin 17 massa Sincronismi nismi (Vcomp)

in ingresso

cambiano solo: pin 20 Sincronismi nismi (Vcomp) - pin 18 massa Sincronismi nismi (Vcomp)

Pu darsi che sia prevista anche una uscita S-Video, in cui il segnale video veicolato tramite 2
conduttori che trasportano uno il segnale di Luminanza (Y) e l'laltro il segnale di Crominanza (C) relativo
al colore. In tal caso le connessioni sono.

in uscita

pin 15 Crominanza (C) - pin 13 massa Crominanza


pin 19 Luminanza (Y) - 17 massa Luminanza

in entrata

cambiano solo: pin 20 Luminanza (Y) - 18 massa Luminanza

Nella SCART, infine, pu essere implementata anche una uscita del tipo Component (Y - Pb - Pr), in
questo caso per le connessioni si sfruttano gli stessi pin utilizzati per i 3 segnali RGB, uguali sia in uscita
che in ingresso:

pin 7 Pb - pin 5 massa Pb


pin 11 Y - pin 9 massa Y
pin 15 Pr - pin 13 massa Pr

La possibilit di passare da un tipo di segnale all'altro solitamente gestito tramite un menu di setup

1
dell'apparecchio.

Nella SCART sono presenti anche alcuni segnali, sotto forma di tensioni continue, che servono a
commutare l'apparecchio in cui entra il segnale tra TV e AV, oppure tra 4:3 e 16:9 o, infine, tra Vcomp e
RGB.

pin 8 = 0-2 V => TV; 9,5-12 V => AV 4:3; 5-8 V => AV 16:9
pin 16 segnale di Blanking (0 V => Vcomp ; 1-3 V => RGB)
pin 18 massa segnale di Blanking

Non detto che vengano impiegati tutti, magari lo solo il pin 8 e magari solo per TV e AV 4:3.

In una SCART possono essere presenti una o pi delle modalit di cui sopra e, quando viene indicato
semplicemente RGB, si intende RGBs (con 4 conduttori), se non diversamente specificato.

S-VIDEO

Il segnale veicolato tramite due conduttori e, solitamente, si usa un connettore mini-Din con 4 pin.

Le connessioni sono:

pin 3 Luminanza (Y) - pin 1 massa Luminanza


pin 4 Crominanza (C) . pin 2 massa Crominanza

VGA

Con questo termine, di origine informatica, si identifica solitamente sia un sistema di trasmissione del
segnale video che un tipo di presa. Il segnale VGA , in pratica un segnale RGB con Sincronismi
separati: RGBHV, servono quindi 5 conduttori per veicolarlo.

Il connettore solitamente di tipo Sub-D 15, e le connessioni, per quanto riguarda i segnali Analogici,
sono:

pin 1 ROSSO (R) - pin 6 massa del ROSSO


pin 2 VERDE (G) - pin 7 massa del VERDE
pin 3 BLU (B) - pin 8 massa del BLU
pin 13 Sincronismo Orizzontale (H)
pin 14 Sincronismo Verticale (V)
pin 10 massa dei Sincronismi

Per tutte le modalit di segnale descritte prima si possono utilizzare sia le prese indicate che degli ingressi
separati per ogni conduttore, tipicamente delle prese del tipo RCA oppure, molto meglio, dei connettori
BNC.

2
3
COMPONENT

Questo tipo di segnale veicolato tramite 3 conduttori:

Y - Segnale di luminanza pi i Sincronismi nismi (un normale segnale in B/N)


Pb - Segnale ottenuto dalla differenza tra il segnale del BLU e quello di Luminanza
Pr - Segnale ottenuto dalla differenza tra il segnale del ROSSO e quello di Luminanza

Questo viene fatto per ottenere una minore occupazione di banda (i due segnali Pb e Pr occupano met
banda dei rispettivi segnali B e R del sistema RGB); la qualit video la stessa del segnale RGB.

Non da confondersi con il segnale RGB, che un segnale a componenti separate, ma non un segnale
Component (nel significato che usualmente si attribuisce a questo termine in ambito HT).

Solitamente con l'indicazione Y-Pb-Pr si intende un segnale Progressivo, mentre con quella Y-Cb-Cr se
ne intende uno in Interlacciato.

SEGNALI VIDEO DIGITALI


DVI

Anche con questo termine si identificano sia una modalit di connessione che il tipo di connettore.

4
Questo tipo di connessione pu trasportare segnali video solo di tipo digitale (DVI-D), ma pu veicolare
anche segnali video analogici assieme a quelli digitali (DVI-I).

Per lo scopo di questo breve tutorial punteremo la nostra attenzione solo alla possibilit di trasporto di
segnali video analogici.

La piedinatura la seguente:

pin C1 ROSSO (R)


pin C2 VERDE (G)
pin C3 BLU (B)
pin C4 Sincronismo Orizzontale
pin C5 massa di tutti i segnali
pin 8 Sincronismo Verticale

Come potete vedere anche in questo caso si tratta di una modalit con 5 segnali separati, come nella
VGA.

CONNESSIONI E CONVERSIONI

Dopo aver visto i vari tipi di connessioni possibili (non ho parlato del Video Composito, ma credo sia
inutile, un solo connettore e via), esaminiamo le possibilit di collegamento diretto o tramite conversione
elettronica dei vari tipi di segnale.

5
Premessa indispensabile: tutti i collegamenti video devono essere fatti con cavo schermato a 75

Da SCART a RGB

Se per RGB intendiamo la modalit RGBs, essa gi solitamente presente sulla SCART in tale forma, se
si collegano due apparecchiature provviste entrambe di tale presa non ci dovrebbero essere problemi, al
pi bisogner abilitare tale modalit su una o entrambe le apparecchiature tramite un men.

Caso tipico il collegamento di un decoder Sat o DTT ad un display.

Se il display non ha una presa SCART, ma solo ingressi di tipo RCA, ci vuole un cavo che abbia da un
lato la SCART e, dall'altro, 4 connettori; il display deve essere in grado di accettare un segnale RGB con
Sincronismi uniti (come si gi detto).

Se la SCART ha la possibilit di uscire con segnale RGsB, con Sincronismi sul Verde, bastano 3
conduttori, ma una ipotesi abbastanza rara e deve essere verificata attentamente sul manuale.

Da SCART a VGA

6
Circuito separatore dei Sincronismi

Questo forse uno degli argomenti pi dibattuti.


Entrambe le connessioni lavorano con segnali RGB, fin qui tutto bene, ma i Sincronismi della SCART
sono uniti, mentre nel connettore VGA sono separati.

Da questo deriva la necessit di separarli, tramite un circuito elettronico, non esiste altra soluzione.

7
Il circuito abbastanza semplice da realizzare, ma richiede un minino di pratica; si trova facilmente in
rete ed stato illustrato anche su questo Forum da LucaV, a cui rimando per maggiori informazioni:

http://www.avmagazine.it/forum/showp...85&postcount=6

Se non si in grado di realizzarlo in proprio, bisogna ricorrere ad un encoder elettronico, reperibile


facilmente in rete.

Se non si usa tale sistema non si potr MAI collegare un'uscita SCART ad un ingresso VGA solo tramite
cavo, pur dotato degli appositi connettori, a meno che la presa VGA accetti ANCHE segnali RGBs, in
questo caso il conduttore relativo ai Sincronismi andr collegato al pin della VGA dedicato a questa
funzione, da ricavare dal manuale; solitamente uno dei due pin dei Sincronismi, il pi delle volte
quello del Sincronismi H, in qualche raro caso i due pin H e V vanno collegati assieme.

Da SCART a COMPONENT

Se la SCART dispone della possibilit di veicolare direttamente i 3 segnali del Component sui 3 pin
RGB, basta un cavo con presa SCART da un lato e con 3 plug RCA dall'altro.

Ripeto: SOLO IN QUESTO CASO.

Nella stragrande maggioranza dei casi il collegamento diretto non possibile, bisogna ricorrere ad una
ricodifica del segnale tramite circuito elettronico.

In commercio in rete si trovano molti di questi circuiti, a prezzi variabili, comunque non molto economici

8
DVI E RESTO DEL MONDO.

Poich abbiamo visto che il segnale video analogico veicolato tramite DVI un RGBHV, il collegamento
tra VGA e DVI fattibile tramite semplice cavo con i rispettivi connettori alle estremit, purch siano
rispettati i collegamenti dei vari pin.

Per quanto riguarda il collegamento SCART --> DVI vale quanto detto per quello da SCART a VGA:
solitamente ci vuole un circuito separatore dei Sincronismi.

Poich si sta parlando di DVI, anche se esula un pochino dall'argomento di questo tutorial in quanto si
tratta di segnale video digitale, ecco la risposta ad un quesito che sovente viene posto:

il connettore DVI pu essere collegato ad un connettore HDMI semplicemente con un adattatore che
serve solo a permettere la connessione meccanica tra i due diversi tipi di connessione, in quanto il segnale
video digitale uguale per entrambi i formati.

MOLTO IMPORTANTE

Il fatto che un collegamento sia possibile elettricamente, ovvero realizzando un opportuno cavo con le
esatte piedinature, magari inserendo anche un circuito per separare i Sincronismi, non vuol dire che poi
si veda l'immagine.

Questo dipende da un altro fattore, da tenere sempre presente: la capacit dell'ingresso di visualizzare un
certo tipo di formato video, inteso come risoluzione, refresh, modalit progressiva o interlacciata.

Ad esempio, un ingresso VGA potrebbe non essere in grado di visualizzare certi refresh associati a certe
risoluzioni; questo pu essere accertato preventivamente leggendo le specifiche dei vari ingressi riportate
nel manuale.

NOTA FINALE

I connettori citati sono nati per ben determinate funzioni e collegamenti, questo non esclude che possano
essere impiegati con piedinature o funzioni particolari, in modo da renderli compatibili con altri segnali;
questo pu essere ricavato esclusivamente dal manuale di istruzioni o di servizio o richiedendo
informazioni al costruttore.

Ho provveduto a pubblicare lo schema sul mio sito, nella sezione sulla separazione dei Sincronismi.
Ad ogni modo, lo riporto qui di seguito.

9
Luca Veneziani
Clicca qui per visitare la mia Home Page

L'uscita video composito delle telecamere


Si sente spesso parlare di video composito o video analogico. Cerchiamo di saperne di pi.
Il segnale video non basta crearlo, bisogna anche trasportarlo
Come abbiamo visto nel tutorial ralativo al CCD, esso genera un segnale video grazie ai suoi pixel e lo
invia al circuito della telecamera. Se inviassimo questo segnale all'esterno cos com', non potemmo
trasportarlo pi di tanto. E' necessario trasformarlo in un segnale che sopporti il passaggio attraverso
metri e metri di cavo senza deteriorarsi. Ecco che entra in gioco il video composito, anche detto video
analogico.
Cos' il video composito
Ogni filmato video composto da un elevato numero di fotogrammi riprodotto in rapida successione,
come possiamo ben comprendere se immaginiamo una pellicola cinematografica. Per trasferire il segnale
video attraverso un cavo bisogna tradurre la luminosit ed i colori del film in un impulso elettrico, nella
TVCC si usa il: Video Composito. Il video composito, o video analogico il sistema di trasmissione del
video pi utilizzato non solo nella televisione a circuito chiuso, ma anche nella diffusione TV. Esso
permette di inviare tutte le componenti del segnale video (luminosit e colore) su un unico conduttore.
In realt esistono anche altre tecniche di trasmissione del video come l'RGB utilizzato dai monitor per
P.C. o l'S-Video, che divide il segnale di luminosit dal colore, ma non hanno attinenza con il mondo
della TVCC e per questo non vengono trattati da questo tutorial.

Come funziona
Nel video composito tutte le informazioni del filmato
(luminosit, colore, audio, Sincronismi etc.) sono inviate
attraverso un segnale elettrico variabile. Fra il suo valore
massimo ed il suo minimo c' un'escursione di 1 V (si dice 1
Volt picco-picco, 1Vp-p).
I vari tipi di informazione necessari a definire il filmato sono
distinti dalla loro banda di frequenza, per questo il video
composito contiene un ampio spettro di frequenze da 50Hz a
6 MHz. Per darvi un'idea, questa a fianco la
rappresentazione grafica di una linea TV di video Il video composito racchiude tutte le
composito: il picco verso il basso determina l'inizio della informazioni in un unico segnale elettrico
linea TV mentre il segnale successivo diviso in varie composto da diversi altri segnali
frequenze contiene le informazioni che consentiranno al
monitor di riprodurre quella linea TV.

I formati video nel mondo


Per ben riprodurre un segnale come il video composito necessario che il monitor, o comunque il
dispositivo che riceve il segnale sappia interpretare perfettamente le informazioni in esso contenute.
Purtroppo, cos come non tutto il mondo guida a destra, non tutti i paesi utilizzano gli stessi parametri
nella trasmissione di un video composito. Ecco perch esistono diversi formati video.
Nel mondo si sono affermati 3 principali formati video, PAL, NTSC e SECAM. Questi formati
differiscono per numerosi aspetti, ma per quel che riguarda il mondo della televisione a circuito chiuso
bene ricordarne soprattutto due:

Il numero di fotogrammi al secondo che compongono il video.


Pu essere espresso in campi/secondo (fields/sec) o in fotogrammi/secondo (frames/sec) tenendo presente
che un fotogramma e sempre composto da due campi e quindi il numero di fotogrammi/secondo sar
sempre la met del numero di campi/secondo (vedi tutorial sull'interlacciamento).

10
La risoluzione verticale dei fotogrammi
E' il numero di linee orizzontali che compongono ogni immagine.
I due formati video principali sono sicuramente il PAL e l'NTSC. Tutte le loro differenze di fondo
derivano dal fatto di basarsi su una frequenza dell'alimentazione elettrica diversa (50 e 60 Hz). Ecco
perch quasi tutti i paesi con energia elettrica a 50 Hz utilizzano il PAL, mentre l'NTSC diffuso nei
paesi dove la frequenza di 60 Hz. Il Secam rappresenta invece una codifica totalmente a s stante, figlia
dell'atavico nazionalismo francese, che col tempo ha gradualmente modificato le sue caratteristiche,
finendo con l'assomigliare sempre di pi al PAL.
Il formato PAL (Phase Alteration Line)
E' il formato video pi diffuso in Europa. Si basa su una frequenza dell'alimentazione di 50Hz e per
questo prevede un numero di fotogrammi al secondo pari a 25 (50 campi/sec.). Il numero di linee
orizzontali componenti ogni fotogramma stabilito in 625.
Il formato NTSC (National Television Systems Committee)
E' il formato video utilizzato in America. Si basa su una frequenza dell'alimentazione di 60Hz e per
questo prevede un numero di fotogrammi al secondo pari a 30 (60 campi al secondo). Il numero di linee
orizzontali componenti ogni fotogramma stabilito in 525.
Il formato SECAM (Systeme Electronique Couleur Avec Memoire)
E' un formato video utilizzato in Francia ed in numerosi paesi dell'Est Europeo. Ha gli stessi parametri di
fotogrammi al secondo e risoluzione del sistema PAL anche se differisce sia dal PAL che dal NTSC nella
gestione del colore. In passato la risoluzione SECAM era di 819 linee orizzontali, oggi la stessa del
PAL ossia 625 linee.
Riassumendo:

Fotogrammi al Risoluzione verticale


Formato video
secondo dei fotogrammi

PAL 25 fotogrammi/sec.
625 linee
(Europa) (50 campi/sec.)

NTSC 30 fotogrammi/sec.
525 linee
(USA, Giappone) (60 campi/sec.)

SECAM 25 fotogrammi/sec.
625 linee
(Francia, Grecia, Europa Est) (50 campi/sec.)

Per quel che riguarda la televisione a circuito chiuso (CCTV) necessario che i dispositivi che ricevono
il segnale video, quali monitor, televisori, schede di acquisizione per P.C., quad etc. utilizzino lo stesso
formato dei dispositivi che lo generano (telecamere). Se provate ad esempio a visualizzare un video
proveniente da una telecamera NTSC in un monitor PAL, probabilmente vedrete un'immagine in
bianco/nero, o addirittura nulla.
Tutti i dispositivi venduti in Italia, quindi tutti i prodotti DSE sono in formato PAL.
Se desiderate sapere quali standard si usano nei vari paesi del mondo potete leggere le tabelle PAL,
NTSC, SECAM.

Connessioni per cavi AV


Spero di dare un piccolo contributo per chi ha necessit di reperire gli schemi delle varie connessioni.

Connessioni generali: prese e spine (SCART-VGA- S/Video)

11
Full Image

In qualche tv come il Sony KVLS35, dove si pu attivare l'ingresso component via SCART:
ADATTATORE COMPONENT-SCART

Full Image

ADATTATORE VGA-SCART (Sync composito)

Full Image

ALTRI CIRCUITI SOMMATORI DI SINCRONISMI (Sync composito)

Full Image

Bye
Domenico

Connessioni AV 2^ parte

INGRESSO COMPONENT TRAMITE VGA (su alcuni videoproiettori)

12
Full Image

ADATTATORE SCART-VGA (Sync Composito)

Full Image

ADATTATORE SCART-VGA (Sincronismi separati H-V)

Full Image

Connettore DB-25

Full Image

Ah.. dimenticavo il Separatore Y-C

Adattatore da composito a Luma - Croma (Y-C)

13
Full Image

ed alcuni test effettuati su campioni di cavi commerciali con capacimetro digitale:

Integro con una carrellata di DVI VGA ecc.

Io aggiungerei anche questo 3ad di ACRIS per costruire il cavo DVI:


http://www.avmagazine.it/forum/showt...&highlight=DVI

http://www.networktechinc.com/technote.html#dvi
mi permetto chi volesse utilizzare xbox con + connessioni questo ottimo schema :P

14
GUIDA: AUTOCOSTRUZIONE CAVO DVI DUAL-LINK

Se vi servisse costruire un cavo DVI di lunghezza non standard oppure da infilare in canalina (a meno
che non abbiate usato grondaie al posto dei normali tubi corrugati ) ecco come ho fatto io:

Comprate on-line i metri di cavo necessario e i due connettori completi di guscio:

dopo di che vi armate di santa pazienza ed iniziate a spelare il cavo, prima la guaina esterna facendo
attenzione a non tagliare troppi trefoli della schermatura...
Tirate indietro la schermatura generale e portate alla luce le varie coppie interne.
Poi eliminate 10-15mm della schermatura delle 7 coppie interne facendo attenzione che al centro c'e' una
coppia (la mia era rosso-bianco) twistata ma non schermata che servir per il segnale di clock.
A questo punto non vi resta che spelare per 1-2mm i singoli cavi facendo attenzione a non segnarli poich
essendo di un singolo filo di rame e non a trefolo non sono per nulla flessibili e si potrebbero poi rompere
appena provate a muoverli leggermente per farli stare dentro il non troppo capiente guscio.

15