Sei sulla pagina 1di 14

Sistema di telecontrollo GSM

del ripetitore Yaesu DR-1X

Qualche tempo fa, su segnalazione del nostro collega Giorgio IK1BXN (che
ringrazio), veniamo a conoscenza della possibilit offerta da Yaesu attraverso il
nostro fornitore ufficiale CSY & SON, di acquistare un nuovo ponte radio ad un
prezzo decisamente interessante. Il nuovo DR-1XE.
Come avrete sicuramente appreso dallarticolo scritto dal collega Giorgio sul
nostro sito, il DR-1X offre, a differenza di altri, la possibilit di operare in U/VHF
in modalit C4FM, AMS o FM.
Essendosi ormai contagiati lun laltro riguardo a questo nuovo protocollo digitale
di casa Yaesu, il C4FM, ed essendo ormai in molti a possedere una radio dotata
di questa modalit, decidiamo per lacquisto del DR-1XE.
Il Radio Club Tigullio, di cui faccio orgogliosamente parte, grazie al lavoro di
molti, gode della fortuna di avere molti dei ponti ripetitori in postazioni
particolarmente elevate. Lorografia del nostro territorio offre possibilit
particolarmente interessanti sotto questo aspetto, ma il rovescio della medaglia
che queste postazioni sono molto difficili da raggiungere, soprattutto con
condizioni meteo avverse.
Come tutti sappiamo, i ponti radio DEVONO poter essere spenti in caso di
necessit, ma a causa delle limitazioni di cui sopra, questo potrebbe non essere
cos semplice.
Inoltre, questo ponte pu operare in 4 diverse modalit:

RX
RX
RX
RX

=
=
=
=

AMS
DN
AMS
FM FIX

TX
TX
TX
TX

=
=
=
=

AMS
DN
FM FIX
FM FIX

Potrebbe essere molto utile, soprattutto in caso di emergenze sul territorio, poter
commutare tra le 4 diverse modalit operative da remoto offrendo la possibilit a

chiunque, con qualsiasi apparato, anche solo analogico, di usufruire della portata
del ponte radio.
Ovviamente la prima proposta suggerita quella del classico telecontrollo DTMF.
Proposta scartata a prescindere per motivi di sicurezza. (Lo sappiamo tutti...
troppo facile copiare un DTMF).
Optiamo allora per adottare un sistema GSM. Costano poco, offrono molteplici
possibilit ed il livello di sicurezza decisamente pi elevato.
Di seguito descrivo quindi la soluzione adottata. Magari qualcuno ne trae spunto
per le proprie necessit.

ELENCO MATERIALI:

DR-1X o DR-1XE (Versione USA o Versione Europe)


Controller GSM. La nostra scelta: TOPKODAS GT Alarm v1.0
Relay shield a 4 rel con possibilit di configurazione in alto o basso livello.
La nostra scelta: Uno shield per Arduino, il famigerato controller open
source ( www.arduino.cc )
Regolatore DC-DC Step Down da 0-30V 2A.
Una connettore DB15 a saldare. NOTA: il classico cavo VGA non pu
funzionare!!!
Scheda SIM. Attenzione, a seconda della banda operativa del controller
GSM non tutti i gestori telefonici sono compatibili. Nel nostro caso il
controller quadband, quindi libera scelta.
Un laminato di materiale isolante di spessore almeno 10mm tipo ABS, PVC,
PTFE, Etc.
50 Cm di cavo multipolare di piccola sezione. Un cavo CAT5 pu andare
bene, se un p pi morbido, meglio. Considerate che per questo sistema
servono solo 3 conduttori. In ogni caso il DR-1X supporta pi funzioni sul
connettore posteriore. Vedi tabella in appendice.
Un foglio di alluminio spessore 0.5mm 100x100 (poi sar da tagliare e
sagomare.
Un pressacavo per cavi da circa 6mm.
Una prolunga SMA maschio femmina da 20cm.
Qualche spezzone di cavo da 0.25mm di diversi colori e da 0.5mm rosso e
nero.
Saldatore ed attrezzatura varia.
Un operaio.
Un p di pazienza.

YAESU DR-1XE

TOPKODAS GT Alarm v1.0

DC-DC Step Down 0-30VDC 2A

Relay Module 5VDC


(alto o basso livello configurabile)

Connettore DB15 Maschio a saldare

REALIZZAZIONE PRATICA:
Innanzi tutto vediamo linterno del nostro DR-1XE.

YAESU DR-1XE - Versione Europea

YAESU DR-1X - Versione USA

Qui si pu notare molto chiaramente come nella versione USA, sotto il ricevitore,
sia montato un semplice alimentatore switching sufficiente per alimentare il
sistema. Lo stampato a destra del ricevitore il circuito caricabatteria, uguale per
entrambe le versioni. I due layout di configurazione cambiano solo in alcuni
dettagli. Li elenco di seguito:
Versione USA
E presente un connettore MOLEX con relativo fusibile nella parte posteriore del
modulo (alimentazione di rete per lalimentatore switching), loutput
dellalimentatore collegato sul connettore POWER SUPPLY dello stampato. Il
connettore BATT dello stampato riportato sul backplate del modulo. Qui, va
collegata la batteria di backup.
Versione Europea
Il modulo privo di alimentatore. Il connettore posto sul backplate del modulo
collegato direttamente alla presa BATT (strano ma vero) dello stampato del
caricabatteria e destinato allalimentazione diretta a 13,8 VDC. Inoltre sono
assenti il connettore di alimentazione MOLEX ed il porta fusibile. Nella versione
Europea, queste predisposizioni sono coperte da un tappo.
NDR: Ho preferito descrivere queste due configurazioni perch utilizzando i dovuti
accorgimenti riguardo allo spazio libero allinterno del modulo, si pu
tranquillamente equipaggiare il nostro DR-1XE con alimentatore interno e
telecontrollo, ottenendo cos un ponte radio completamente autonomo al 100%.
Sicuramente bisogner sistemare alcuni componenti in verticale, ma con i tempi
tecnici necessari ed un p di pazienza ci si pu riuscire tranquillamente.
...ma torniamo al nostro ponte radio...
Come si nota molto chiaramente dalle foto sopra, la versione europea
decisamente scarna allinterno. Lassenza dellalimentatore lascia moltissimo
spazio libero nella zona del ricevitore.
In partenza abbiamo fissato sul fondo del modulo un laminato di ABS (Si pu
usare quel che pi riteniamo opportuno, a patto che sia isolante. Va bene anche
il mogano, ma lo ritenevo esteticamente fuori posto...hi).
Sul fondo del modulo sono presenti due fori liberi (credo per il fissaggio
dellalimentatore nella versione USA) . Utilizzando quelli, si evita di forare la
carcassa.
Sulla base di ABS, utilizzando dei distanziali per elettronica, abbiamo fissato il
controller GSM , il DC-DC Step Down ed il modulo rel.
Prepariamo un lamierino clone del coperchio posteriore (quello che copre le
predisposizioni per il MOLEX ed il porta fusibile della versione USA). Su questo

pratichiamo 2 fori. Uno sar la presa SMA passante per lantenna GSM. Laltro
allogger il pressacavo per il cavo del connettore DB15.

CONFIGURAZIONE ELETTRICA:
Prelevando una tensione a 13.8 VDC dal connettore di alimentazione del modulo,
abbiamo alimentato il DC-DC Step Down ed il controller GSM.
Il controller GSM ha un range di alimentazione da 9 a 16 VDC. Pi avanti
spiegher perch la scelta di non stabilizzare per esempio a 12.6 VDC (la sua
tensione nominale) il controller GSM.
Il modulo rel necessita di un alimentazione costante a 5 VDC. E qui entra in
gioco il DC-DC Step Down che porta la tensione di alimentazione da qualsiasi
esso sia il suo valore a 5 VDC. Perch il DC-DC Step Down? Semplice!
Indipendentemente da quale sia la tensione fornita al regolatore (purch entro i
limiti nominali), in uscita fornisce sempre 5 VDC. Vedrete che alla fine
dellarticolo sar tutto molto pi chiaro.
Utilizzando gli output open collector del controller GSM abbiamo pilotato il
modulo rel (che nel nostro caso abbiamo dovuto configurare in basso livello).
Ricordarsi altres di portare a massa comune il GND sia a monte che a valle del
regolatore di tensione, condizione indispensabile per il funzionamento degli
output open collector.
Sullo stampato del caricabatteria presente un piccolo connettore bianco con
due cavi di sezione piccolissima. Questi sono i due cavi che vanno allinterruttore
di accensione del modulo presente nella parte frontale. Interropendone uno dei
due e portandolo su un contatto NC del rel numero 1 abbiamo ottenuto il
comando di accensione e spegnimento del ponte radio. Scelta saggia, a mio
avviso, quella di utilizzare un contatto NC cos, durante la normale attivit del
ponte, il rel lavora a riposo.
I rel 2 e 3 sono stati utilizzati invece per commutare tra le modalit operative. Di
seguito riporto lo schema di come va configurato il connettore DB15 maschio.
NOTA: Bisogna necessariamente utilizzare un connettore DB15 a saldare o a
morsettiera. Il cavo VGA, anche se identico, non pu funzionare perch la
configurazione elettrica necessaria utilizza alcuni poli normalmente non presenti
nei cavi VGA, quindi necessario costruirsene uno ad-hoc.
Riguardo a quali contatti utilizzare su questi ultimi rel, se NC o NO, questa
una scelta che varia in base a come poi si vorr utilizzare il ponte radio una volta
operativo. La scelta del Radio Club Tigullio stata quella di far lavorare il ponte
in DN FIX, pertanto, con la configurazione adottata da noi, in questa modalit
operativa, il modulo rel completamente a riposo. Sar vostra scelta configurare

questi contatti come preferite in base alle esigenze operative del ponte radio
stesso.

SCHEMA ELETTRICO CORRISPONDENTE ALLE


MODALITA OPERATIVE:

SCHEMA FUNZIONALE DEL NOSTRO SISTEMA:

CONFIGURAZIONE CONTROLLER GSM:


Nel nostro caso, le funzioni configurate sono le seguenti:

Con 1 sms il ponte viene spento. Ripetendo lsms il ponte si riaccende.


Con 4 sms distinti possiamo cambiare la modalit operativa.
Il controller GSM da noi scelto possiede 7 input, 4 output ed un input per
la misura termometrica. I 4 output pilotano i 4 rel (il rel numero 4
inutilizzato). Gli input sono inutilizzati. La sonda termometrica stata
posizionata sul finale del trasmettitore. Al raggiungimento di una
temperatura troppo elevata (dai nostri stress-test abbiamo individuato il
valore di 50C), il rel di alimentazione del ponte cambia automaticamente
di stato togliendo corrente agli apparati. Contemporaneamente, il
manutentore del ponte ed un suo delegato ricevono un sms riportante
lallarme in atto. Al rientro in soglia del valore termometrico, il rel di
alimentazione torna a riposo ed il ponte riprende vita accompagnato da un
sms di diagnosi ai medesimi destinatari.
Il controller GSM in grado di gestire la misura della sua tensione di
alimentazione secondo determinati criteri. Ricordate che qualche riga pi in
su avevo menzionato questa particolarit? Nel nostro caso, ci serviamo di
un alimentatore esterno con batteria di backup. Il controller misura la
tensione di alimentazione. In caso di mancanza corrente, la tensione in
ingresso scende inesorabilmente fino al raggiungimento della tensione
nominale della batteria. Il controller si accorge di questa discesa ed al
raggiungimento di 12,5 VDC (contro i canonici 13.8 VDC sotto
alimentatore) viene inviato un sms che ci avvisa che il ponte alimentato a
batteria per mancanza energia elettrica. Anche in questo caso, al rientro in
soglia, il controller ci avvisa del rientro sotto energia elettrica interpretando
il ri-innalzamento della tensione ai 13.8 VDC originari. Tenete presente che
dai test fatti emerso che fino a 9V il sistema funziona (fermo restando le
conseguenze ovvie quali riduzione di potenza erogata, etc.)
Con alcuni SMS, il controller GSM pu essere interrogato, restituendo un
SMS che riporta i valori quali lo stato dei sensori, degli ingressi e delle
uscite, la temperatura del finale e la tensione di alimentazione.

Di seguito riporto il prodotto finito:

Dettaglio controller GSM

Dettaglio punto di alimentazione

Dettaglio rel ON/OFF

Dettaglio Relay Shield

Dettaglio Power switch

Dettaglio sensore termometrico

Dettaglio coperchio posteriore

Dettaglio connettore DB15

Dettaglio backplate

APPENDICE:

Data Sheet Connettore DB15 DR-1X/XE

Non mi resta che ringraziare tutti per aver letto questo bel mattone. Sicuramente
lungo, ma spero completo.
Naturalmente siamo sempre a disposizione. Se qualcuno volesse prodigarsi nel
compiere la stessa impresa o magari nel migliorarla...sempre che sia
possibile....hi hi hi......
Un particolare ringraziamento va a CSY & SON per averci fornito il ponte radio, al
Radio Club Tigullio che ci ha permesso di montarlo, ad Alessandro IW1PNL (il
nostro tecnico radio) e ultimi ma non meno importanti, Giorgio IK1BXN, Alberto
IZ1HIL, Fabrizio IK1PKH e Gian I1GFV che insieme a me, Lele IZ1UKX, lo hanno
acquistato ed hanno contribuito attivamente nella progettazione e nello sviluppo
del sistema di telecontrollo.
73 de Lele IZ1UKX ( iz1ukx@gmail.com )