Sei sulla pagina 1di 14

IL VIOLINO

Presentazione del corso di violino


dellindirizzo musicale della
Scuola Media P. Egidi
di Viterbo
Lo strumento

Il violino appartiene alla famiglia degli strumenti ad arco insieme alla viola, al violoncello e al
contrabbasso. Tra tutti il pi piccolo e di conseguenza quello che pu produrre suoni pi acuti.
Lestensione dello strumento raggiunge le quattro ottave.
Ha quattro corde intonate ad intervalli di quinta, che producono, a partire dalla pi acuta le seguenti
note: mi , la , re sol.
Le corde possono essere pizzicate e sfregate con larco. A questultimo dedicata una tecnica
fondamentale che richiede uno studio molto dettagliato.
UN PO DI STORIA
Il violino nasce nella prima parte del XVI secolo dalla fusione di strumenti
diversi (vielle e ribeche). Si attribuisce la costruzione del primo strumento
simile al violino moderno al liutaio cremonese Andrea Amati (1550 ca). Da
allora la sua conformazione rimasta pi o meno la stessa. A cambiare di
aspetto stato invece larco a cui affidato il difficile compito della
produzione del suono.
COME E FATTO

Il violino si compone di tanti elementi realizzati con i legni di abete,


acero, ebano, bosso e palissandro. Il suono fuoriesce dalle due
fessure a forma di lettera f poste sopra la cassa armonica. Al di la
delle corde lo strumento non contiene parti metalliche.
CAMPI DI APPLICAZIONE

Il violino trova impiego principalmente in orchestra (barocca, classica o sinfonica)


ma, per le sue caratteristiche di ecletticit si presta ad essere suonato anche in
formazioni pi piccole (duo, trio, quartetto) o come strumento solista.
REPERTORIO
Il violino ha un repertorio vastissimo che va dalla musica rinascimentale
barocca a quella contemporanea, passando attraverso capolavori di stile
classico e romantico come i celeberrimi concerti di Mozart, Beethoven,
Tciaikowskij e Brahms.
Tra le pi note composizioni violinistiche ci sono i virtuosistici Capricci di
Niccol Paganini, compositore ed interprete genovese del Romanticismo
italiano.
ALTRI GENERI MUSICALI

Il violino trova applicazione in molti ambiti musicali diversi da quello classico


sinfonico: il folk, il jazz, il blues, il rock , il country, la musica irlandese, la
musica da film e la musica leggera in generale.
Tali generi possono essere affrontati con il violino tradizionale, semplicemente
amplificato con lutilizzo di pick up o microfoni, o con il violino elettrico
appositamente realizzato con un sistema di amplificazione elettronica.
A scuola una materia in pi

Il corso di violino dellindirizzo musicale costituisce una disciplina come


tutte le altre, la cui valutazione contribuir alla media scolastica
dellalunno.
Al termine della terza media lalunno, nellaffrontare il colloquio desame,
dovr pertanto suonare e dimostrare il percorso strumentale fatto nei tre
anni precedenti.
Il corso comporta la frequenza di due lezioni a settimana: una individuale
e una di gruppo.
Oltre allo studio dello strumento (tecnica, studi e brani di repertorio)
previsto lo studio della teoria musicale e del solfeggio (lettura delle note,
canto e dettato musicale).
In gruppo si svolgono invece lezioni di musica dinsieme volte a sviluppare
le capacit di ascolto, ritmiche e di intonazione, oltre che a trasmettere la
ferrea disciplina orchestrale.
Criteri di valutazione

In sintonia con quelle che sono le linee guida dellIstituto, linsegnante di


violino nel valutare gli alunni tiene in considerazione i modi, i ritmi di
apprendimento ed eventuali fattori che ne possano influenzare il regolare
decorso.
Le verifiche saranno sistematicamente fatte ad ogni lezione sulla base delle
prove pratiche strumentali e teoriche, oltre che sui comportamenti adottati in
classe durante la lezione individuale e di gruppo, nonch durante le
manifestazioni pubbliche previste (saggi, concorsi, concerti o gemellaggi).
I voti sono espressi in decimi e saranno il risultato della media tra le
valutazioni suddette: prove pratiche, prove teoriche e comportamento di
lavoro.
Gli obiettivi prefissati allinizio dellanno in maniera generica per tutta la classe
di violino, saranno alloccorrenza modificati in corso dopera e adeguati alle
capacit individuali dei singoli alunni.
Quale strumento acquistare?
Lacquisto dello strumento per intraprendere lo studio del violino cosa
molto soggettiva. Partendo dal presupposto che uno strumento artigianale
sicuramente migliore di uno di fabbrica, si suggerisce tuttavia di
cominciare con un modello da studio che comporta un costo abbordabile
tra i 120/130 euro e i 200/250.
La docente di violino, sulla base dellesperienza fatta nei diversi anni di
insegnamento, suggerisce le marche Bruck e Stentor, che hanno un buon
rapporto qualit prezzo.
ACCESSORI
Dato che nel costo dello strumento sono normalmente inclusi archetto,
custodia e pece (colofonio da applicare ai crini dellarco affinch faccia
attrito sulle corde), rimane da acquistare separatamente la spalliera
(possibilmente marca Fom), il leggio e magari una muta di corde di
ricambio (ottime le Tonica).
Materiale di studio
I metodi di studio necessari per il corso di violino
in parte saranno forniti dal docente e in parte
dovranno essere acquistati dalle famiglie (alcuni
di pubblico dominio si trovano in rete e possono
essere scaricati, stampati e rilegati).
Quelli gi in uso, fondamentali fin dai primi mesi di
studio sono:
- Schinin Scale e arpeggi per violino vol.1
- O. Sevcik op.2 p. 1 La tecnica dellarco
- N. Laoureux Grande metodo per violino vol. 1
- Pozzoli Solfeggi parlati e cantati primo corso
Rapporti con le famiglie

Durante le 18 ore di insegnamento settimanali la docente di violino si


relaziona con un numero di alunni che normalmente non supera le 18/20
unit; ci le consente di instaurare dei rapporti individuali piuttosto
profondi basati sulla fiducia reciproca, elemento necessario affinch
lamore per la musica venga trasmesso e i risultati raggiunti non siano fine
a se stessi.
Lo stesso tipo di rapporto opportuno che si crei anche con i genitori
dellalunno che hanno un ruolo fondamentale nella crescita musicale del
proprio figlio. Dovranno sostenerlo ed incoraggiarlo nelle difficolt dello
studio quotidiano; seguirlo nelle sue esibizioni pubbliche (saggi, concerti,
concorsi e gemellaggi); spronarlo a fare sempre di pi e soprattutto
aiutarlo nell organizzazione del lavoro a casa che si deve conciliare con i
compiti scolastici e le varie attivit sportive e ludiche che riempiono le
giornate del ragazzo.
Conclusione
A questo punto non resta che augurare ai nostri ragazzi unesistenza piena
di musica, meravigliosa compagna di vita, rifugio sicuro nei momenti
difficili, scudo protettivo nei confronti delle cattive tentazioni e bussola di
precisione per una strada luminosa verso il successo musicale e umano.
A voi genitori si augura di ascoltare i vostri figli suonare tra le pareti di
casa, nella scuola, nelle sale da concerto e nei teatri, e piangere di
commozione o ridere di gioia nel capire quanto la musica li renda felici.
A noi insegnanti ci auguriamo di fare sempre meglio il nostro lavoro e
compiere lardua e bellissima missione di insegnare ai nostri alunni il
rispetto per se stessi, per gli altri, per lambiente e per il patrimonio
artistico e musicale del nostro paese.