Sei sulla pagina 1di 112
| re (Ge IS c | SCOPRIRE IL PASSATO, CAPIRE IL PRESENTE wef ] aaa ea Wn 5 ‘Volkswagen Bank finanzia la vostra Passat, Chiedete la vostra Carta di Credito Volkswagen, Volkswagen raccomanda S¢astol Passat TSI EcoFuel a metano e TDI BlueMotion. Fate pit strada, risparmiando l’ambiente. wwew.valkswagen.it Bassi consumi, minime emissioni. B facile sorprendersi con le nuove Passat TSI EcoF uel e TDI BlueMotion. La motorizzazione 14 TSI turbo da 150 CV ‘a metano della Ecofuel ela 20 TDI da 110 CV diesel della BlueMotion rappresentano infatt una perfettasintesi «i piacere di guida, consumi idotte basse emission. Cosi oltre a vo, risparmierd anche ambiente. 3 mY ie nent Prec 4 grazie alle tecnologie TDI, TSI e DSG consente \do le emission. Das Auto. BlueMotion Technologies \BLUEMOTION, iris anche TECHNOLOGIES — —diridurre i consui, imi idurre le emissioni di CO. Conciliando efficienza Passat Bettina 14 TS190 CV Comfort Ai conteibutoVolkawagen perrottamazione | futuro intestatarto del (Questa pagina édedicataailettor. nviateci le vostre opinioni, idee, proposte,critiche Pubblicheremole pidinteressant.Allealtrecercheremo comunaue ci risponere. Eventual considerazioni da parte della redazione compaionoin corsivo. Vi preghiamo difrmarvi sempre. Scrivete 2 Focus Storia, via Carlo Goldoni, 20129 Milano alfe-mailredazione@focusstoriait . Oppure mandateun smsal numero 333/240072 Dopo anni dincom- quei due secoli, un“rinascimento” rensionietrattativepid grazie alla realizzazione ai opere ‘omenosegrete,siégiun- darte mai viste prima (,aleune tiaunAccordodiamici- mai rviste dopo) tra cui la Cap- Ziae cooperazione trai pela Palatina, fa stanza di Rugge- dvePaesichecertamen- ro ela Martorana nel Palazzo dei teawantaggeralesolte _Normannia Palermo, il Duomodi Pochegranciimpreseei Monrealei Palazzo della isa ec. spettivimanagement, Peron parlaredi operedicultura arantendo loro affari_comequellaanchedavoictatade Me eee an doroneldesertolibico(crocarbu- _ geografo drs .] Focus Storia di scambiarsi Samurai d'Oltremanica 1, autostrade, acquedottiecc.) ma Davide Lc Mantio,pere-moil Uae et Nelfarticolo | guerrer delfonore che peseraper annisulcontribuer- pene (-FocusStoria 32, pag 24)fate _teitalano,orapiéichemaisfianca- Non tuti gli storci concordano (See Lee Ne rfeimentoalmannaioingleseWi- todalacnsigbale|..J. nelfesaltare nel suo compiesso AMOS lam Adamsche,nonastanteleon- Daniele Venturi ere-mail operato dei Normanni in italic eres ‘nioccidental divennehatomoto Meridonale. Non ha fattoGlau- (portabanciera) nella casa deisa- Normanni: quanto pesarono? co Maria Cantarila,esperto mura, nel periodoelsabetiano, Holettofarticolosui Normanniin che abbiamo consultato, auto- (eRe Lostessopersonaggio,seppurcon Sclia (Focus Storia 1? 3), pag. redelsaggioLaSiilaeiNomman- neon altro nome john Blackthorne), fu 64)evoreifarealcuneossenazio- ni Le fontidel mito (ed. Patron). Ear’ MpresoalamesClvel nesuore- ni sulla presuntadiscutibilta del € non Vhanno fatto ate ilustr’ eR eee Pretty Cees ‘manzoShogun (is7s)dovesilegge, blancio del regno normanno ne! studiosi della materia come Je- See trafalto,comeilcodicedicondot- nostro Mezzogiomo.| Normanni_ remy Johns, john julius Norwich, ances) ta bushido venisse appicato nella in Sica furono portator di gran- Salvatore Tramontana e Vincen- vita ditutt igor dearteecutura, che sepperoco- 20 DAlessandro. Ci é sembrato ante erat VolaDesio,pere-mal niugareconarteelacuturaara- giustoriportarequindientombe EMMIPRANR Iv ba precedente. a Sicia vse. n_leposzon I conti (salati) con la Libia SuFocusStana appre a i collezionista. toTarticolo sila ‘press dla L- bia. Lungi dame vole giustfca- i etichette \SAMO ‘eiipassatocolonaaleitaliano,che _aiftayoannicolleziono, Seppurdabasimare awenne tut- steht d vino e iquori Getusaccum ‘avia intempiin cuiimperiaismo __¢hevannnodalfoo ai primi eralanomaelamancenzadipos- _AfinS0del seco scorso, sedimentertratertoralionera _ Passledocrcaamilaesem- certo un vanto. Credo, perd, che afi Soprattuttoitaliani,e sia candalosochelitalia paghial- _immoltidiquest ore alla laLbias miliardididollanidirisarc- _Fafica curatissima (sono mento nei prossimi zo anni (Quasi tutte stampate con la tecnica della cromolito- : ‘ Bafa eakune firmate da — Inostri errori | ‘importantigraficidetepo- en Focus Stonian® 32, pag. 25: ca) i possono notare tante cu- Indimenticabili Gc eae Nec ie | ost estranezze ‘Alcune etichette di antichi auiacestnngere quest vio Sans oct | alstiedo col put CostgicledAsti at) collezione di Filante is sonst wer ( { —_ i = ne ~ — " Grunersjahr / MondadorS 2. n. 33 Corso Morforte. 8 luglio 2009 zor Milano RINASCIMENTO Da rocca apalazzo Natoallafine dei Medioe comefor inespugnabile sel gvenosa ) famed atrasormarin raffinataresidenza a pegpouiclln: eet Permette un ballo? imprevisti della missione Dale baleteai dancing tempo Piao libero a ritmo di danza (pit omeno Cee nee Sferata) dai nosrinonn fino ae i 20 1°) vu ovvncevevaveveavavon anon qucvuuuaecenengarveaeanaeeucoevnqeauueeoeceeeezejevenegy ES ihn pagina E Se 1 22| Bettoomeoc pennies aeniers piece one ecard REGNANTI IDEE ei protagonist Nati con Alla ricerca, la corona della felicita Prive consigh deg i antic le diewoaipiccol | provecazioni piincpic eile sliesperimenti dei ilsof aut eros Lapaginadeilettori pag. 3 NNovtatscoperte pag. 30 Trapassatialla Storia pag. 32 ‘Quandononera pag. 33 Uoggettomisterioso pag. 33 Curiosario pag. Focus Storia pase Pitoraccont ee Paroieperdute pag. 78g Chirhadetto? pag. 78 Sranestwie pas. & MIIPS donnie ipoe pi. t0 f Flashback pan {In copertina: Edwin "Buzz" Aldrin fotografato da Neil Armstrong sulla Luna Con questo numero di Focus Storia potete acquistare inedito it ! a documentario Houston abbiamo un pidblema... Un omaggio Occhio al simbolo! alcoraggiodamercanieruslcoimvatiegincdenti che Sualunefototroversiquestaiconacore- a ‘hanno costeliato la corsa allo spazio, dallApolio 13 ai cosmonauti data da un link con un numero a tre cifre. Inserisci "4s perdu traimmagi enfcantied eo savaagg Tndiriazo luo bowser ota gurdareun {AC 10,90 OLTRE AL PREZZO DELLARIVISTA Video daprofondimento sulargomento. aa CONDOTTIER! COSTUME ‘anni do; Unmercenariopert'Europa _| Bludi Genova ‘ Nel683 diese Vienna dagl Lastoradejeans, dalle ottoman ivenne origin genoves nel 500 uomo recoe potent fino al mit americana, Nain tala Eugeniodi Savoia é quasi uno sconosciuto, sulla Luna LE} ty.) re 0 Dey aad ILwonumento Zs eee etry cea | von A eee) LED | vic da cannonio sunavi Pa mM Pn Peet Se a a a ee ae re pea ee eet TM ATAVOLA LaStori éservita Grandie piccol fattideivip diun tempo svelti dai meni dei toro pranzi ecene eer WUSSOLINIE SIREDEN NEL1935, ANTICHITA Npopolo det Quirinale Fer aeggenda, i Romani repirona leloro donne Mala verita sui Sabini unit, Laworre o1 Tito Taz10,, RE SaBINO, PT sored tL Pere e-e- Uke Ula -8 Reo) OUR te) ker tes) Biro ee os eae ballonato negi Usa nelle ee eee Cri ‘Ye n lav PU SN Ses CUS fin da piccoli: la danza STE eae 4 del combattimento Pen) Se) foe ete) P cba ertocd B Rep eueauakas ued ee aac) ernie Sey Calabria, 1954: ballo tra Se Sue Cele oes ae Ce ey eras ee Nati Roi ERCOEN Oe ulel cay Pi phate PO ace nee eet yee aire) shanty pap ishng op i ibd oe os SUL Eo Ureele Bella] | ee ene ne SC Lek eco Sere crs ea Se SOS Den mene oe ae ee Srey ee een SE eee By PUD RUC ee ccm Pere erie DUR AC EC Mec MST ce Peo eens Site seca Pe eee SE es eee ee Perens er ae “E morto il e, vivail re”. Eppure non era Set eer ee marine eRe Si ee rar en i Roma, «Dallacesa al potee di Ugo ee er eee eee err Bue cre ee eae ere eye Sete ee Ppereneenrree! ee ee eee Peete cere Roe ucrc ne er es COEUR enor i eee eter ner See eee es eee eeee rn ts se res Se eas Seana Ed Speers Sere cree aa ee De ee cue erency Le ten eee en Sore 6s Medici. «Nel IV secolo Elia Pulcheria e +> Luigi XV divenne re di Francia a5 anni, nel 1715. Lui fu spedito in campagna, il duca d'Orléans (reggente) nella capitale Parigi alla Placidia ressero rispettivamente Vimpero d’Oriente e quello d’Occidente al posto dei fratelini Teodosio e Valen- tiniano, Da allora, imperatrici, regine ce principesse, contesse e duchesse reg- genti non sicontano» Irricut, Non dobbiamo peré imma- sinare infanti regali cresciuti iperpro- tetti tra fasti e privilegi. «Spesso die~ ‘tro all'incoronazione di un re-bambino cera V'assassinio dell’erede designato» sottolinea Lucilla Rami Ceci, docente 4 Antropologia culturale alla Sapien: 2adi Roma, «Far salire al ono bimbet ti, poi, aveva vantaggi poco nobili: sot ‘toposti a una rigida educazione, erano costretti ad accettare senza discutere i pesanti doveri di un monarca. Assicu- Tando ai famigliari reggenti la liberta i gestire a piacere il potere» Sono stati molti i piccoli principi costretti a difen- dersi da chi avrebbe do- vvuto proteggerlie allevar Ii, Corradino di Svevia (1252 1268), re a due anni, si vide il trono scippato dallo zio-reg- gente Manfredi, che sparse la voce (fal- sa) della morte del piccolo. Un po’ me- glio andava con la reggenza materna, adottata per esempio in Francia: “Lare- gina madre non osera attentare alla vita pre- / Papi, cardinalie passato cisono stati ar checardinaliepersino pa- pi. Ilcaso pid controverso fulquellodi papa Benedetto IX, alsecolo Teofilatto de! ‘Conti di Tuscolo: secondo alcuni storci(lefonti sulle sarebbe salito al soglio pa: pale alleta diz anni, nel 1033, €sarebbe I pil giova- re papa della Storia. Baby: porporati. apa eo. ‘nex, 008 Giovanni de Medici (oars s), ni irvecela ziosa del Delfino (V'erede al trono, nd) per- ‘ché non potrebberegnare ella stessa” spie~ gava il giurista francese Jean de Sava- ron (1586-1622). La reggenza matema fu poi esclusa dalla Costituzione francese del 791, probabilmente in odio alla re gina Maria Antonietta: “Iire®minorefino alf'eta ddciotto anni compiuti:|...| Lareg- ‘genzaappartiene al parente del re pili possi ‘moingrado;|...| Le donne sonoescluse” ‘A SCUOLA DI REGALITA, Ma come i ti- rava su un futuro sovrano? sl'educazione di corte ha avuto caratteristiche assai di- ‘verse nei differenti periodi storicie nelle varie societa» risponde Rami Ceci. «Ma al Medioevo fino a tutto il XVIII seco- oil bambino, non solo quello di sangue reale, era un piccolo adultor. Lo testimo: nano iritratti dicorte, quelli inviati al Te casate reali straniere in vista di ma- trimoni combinati (v. Focus ‘Storia n*30, pag. 20), che ci hanno tramandato imma- gini di piccotiprincipi vesti- ticome adulti: posa marziale insegne, onorificenze, scetti, spadinie altri attributi del pote- re, Nelcaso delle bambine, si trattava di perfette reginette in miniatura. Intorno all'erede d’Inghilterra, a par tire dal XIll seco, si formo una “nurse- ryreale" che era una copia in scala del- ee vescovi bambini (penne eae aipicolipotentidel__datenonconcordanc)_—_careraeccesiasticaa7an, come abate di Montecassino ‘eMorimondo, ea'3 eracar dinale. Ferdinando CAsburgo (0609-1643 fuinvece detto(@ Fagione) ‘cardinal nfante" figiodiFlippolitdispagna edi Marghenta dAustr, la corte adulta, dove principi e rampol lidella nobilta, paggi e damigelle impa- ravano insieme I'arte del governo e delle buone maniere, Nelle corti dell'ancien régime francese il compito di forgiare i dAshurgo |. diBorbone aroannifunominatoar vescovo di Toledo da papa Paolo. Minorennefu anche Luigi AntoniodiBoroone (17275785), ultimogenito del ‘eFlippoVdiSpagna.caré- nalea fanniearcivescovadi Toledo contutore)ag futuri sovrani e i loro collaboratori pit fidati era invece affidato a sacerdoti precettori dalle maniere sp prevedeva lezioni Erasmo da Rotterdam, nel suo trattato Leducazione del principe cristiano dedicato all'imperatore del Sacro romano impe- icune regole rimaste valide fino 700, che prescrivevano persinoiil tipo Moda unisex per piccoli principi Pretatotcsien pessesisonovest fino a ura cerca eta pressoché allo stesso modo. pole fasce da neoat sipassava atunicetteatintzunte (oer, ross, marron) cor Spacchvaiatouna sta di mbragata primi pas si Poivenivano gone, pize ‘abbandonavanoivestitin da bambolae passavanoa par. taloniecalzelunghe, mante- rnendo peré merltt gioielie orecchini, mente lefemmine erano stettein corsett i gidit da lamine dimetalioe stecche dibalena, oltre che (e600) daalte gorgie Divise. Sullonda di nuove idee pedagogiche, dalla meta dell800 apparverotre abit! distintiv celinfanza (eal, manon solo: ivestitino a marinara (blusabiuo bianca concollodipiquet quadrato ‘mato daancore ogallon militar spiratoallabbigla: mento dacrociera deiprincp! diGalles(glieredialtrono inglese:ilvestitodapicolo lord (pantalonial gnoccho, ‘marsina, collar posin di piezo); a ivisa deresciusivo college ingles di Eton (a zonilunghi gi ecappelioacilndro) dove hanno studlato generazioni dirampoli dla Gi Francia (con fucile giocattoe). Oggi sono due le reggenze: il Liechtenstein e il sultanato di Terengganu (Malaysia). Qui perd il sovrano ha abdicato per I'eta ‘menii di 6 mila pasti, orari della nan- na, ritmo del polso (“pieno”, “Ieagero") aspettodel viso(“allegro",“cattivo"), pro- porzioni dinaso, orecchie e corpo, quan- tita, coloree odore delle principesche fe ci (ala cacca nel catino, gala, molto chia- ra, molta”),affezioni cutanee (“scabbi “pitriasi", “macchie rosse”) provocate da un‘igiene sommaria (il primo bagno é annotatoa sette anni, il2 agosto 1608). 11 Delfino viveva separato dai genito- ri, In compenso, aveva al suo servizio 225 persone, che lo iniziarono prestissi- mo ai rituali di corte: a un anno impa- ra porgere il braccio ai visitatori per ricevere il baciamano, a due a mante- nersi immobile come una statua durante le parate in citta, a tre riceveva princi pieambasciatori nel castel Jo di Saint-Germain-en-Laye, a7 era un danzatore e giocato- re di pallamaglio (antenato del croquet) provetto, Il diario di Héroard non si fer- ‘ma davanti a niente: il 3 settembre 1604 registra le prime esperienze erotiche ("si svegla alle sette e mezza,allegro evispo, fa baciare a ciascuno il suo uccello”) ea 5 an- niriporta che Luigi ha soddisfatto le sue curiosita sessuali con la nutrice, Giocut a TEMA, I giocattoli, a Luigi Xill, non mancavano, ma erano “tema: tici”: 300 soldatini d’argento e un'inte- ra corte di bambole da vestire alla mo- da, per raffinare il gusto, Come annota Héroard, Luigi potenzio i peggior difet- tH infantili: eta ostinato, colletico, ca- priccioso, geloso dei fratellie fratel lastri (chiamati fefés)e so prattutto disubbidiente tanto da rifiutarsi, a6 an- ni, di svolgere il rituale pa- squale del lavacro dei piedi dei poveri ("Non voglio, non vo- ea Margherita nel ¥656 con reed (asinistra) Fautore del Creed Os bole _— ea 4glio! Hanno i pied puzzolenti"). Per spun: tarla, la governante madame de Mont- glat, incaricata dal redi formare il carat tere del principino nei suoi primi 7 anni divita, le prové tutte: dallo spauracchio vvivente ("Per farli paua si fa entrareil car bbonaio")al ricatto di togliergl lo status di Delfino (‘Siinflail suo abitoal colo de pag gio”) fino alla frusta, usata a partire dai 3 anni. “Vogliochelofustiate”scrise il pa- dre Enrico IV nel 1607 a madame Mont. slat. “Evi comando di frlo tutte le volte che siintestardirao fara qualcosa di male, ben sa endo che nulla al mondo gl giover ip’ ‘Tre anni dopo, Enrico IV fu assassina- toeilz7ottobre 1610, a Reims, il Delfino ddivenne Luigi XIII. Aveva 9 anni, ma fu sottopostoall‘autorita della potente ma: dre, Maria de’ Medici, peraltri7. © Claudia Giammatteo | segni infanai | Seen. Crescere come re nel M. Ferrarilrano andini, MiHai Smith (FrancoAngel). Giochi, giocattoli, ma soprattutto punizion per allevare futurirenellepoca dora dellereggenze, Piccoli principi nella grande pittura europea, Yannick Vu (220). Unviaggio atteaverso i ritratti del futuri sovrant Eu | ropa chene svelaalcuni aspettdelia vita uotidiana ei molt obblighiufficial Vvy RAPA 0800 ae AUTO QUADEINO Tena GIORNO FRANK YOURE FRWOLA — OLASTKON —FOGUO Naso CUASE ce PRETIO WAGGIO. —VICENDA LOCANDINA — SRITRCE —ANDARE Con il nuovo Focus Brain Trainer tanti giochi inediti e grandi nere allenata la tua mente rande Concorso dell’Estate”’ ivertente accia 0. In uN meraviglioso premio finale: viaggio alla scoperta della Libia per due persone. QUESTO MESE OXXO + RIVISTA ASOLI ME Vv ecto RODO CHEDULONE i) SUTANO no AVOLL unto 7 MUNN CASTELLD Nato alla fine del Medioevo come fortezza inespugnabile, il castello Da rocca a palazzo Ristrutturato Sere quando il castello ey C Sa omer) re? peta pees Pea CBr) Peta Cr eer rini ottagonalial piano nobile (il primo). Qui castellani eee try poetry Cannonate eet oa Dekel (con le merlature) tela ere Bae) Eat eee pune nicchie con feito. eed Pei co pe cores eer Seed ert ee Poa ‘castello aragonese di Venosa (Potenza) é un tipico esempio di architettura milita- renataa cavallo fra Medioevo e Rinasci- ‘mento, quando le armi da fuoco cambia- ronole esigenze di fortficazione. Venne edifi- ‘catonel 1470 per volere del duca Pirro Del Balzo ‘che aveva ricevuto in dote il feudo lucano dal- la moglie Maria Donata degli Orsini, sposan- dola nel 1443. Del Balzo erano una famiglia di antica nobilta provenzale (quindi francesi) _giunta in cerca di fortuna nel meridione d'Ita- lia nel XIII secolo, al seguito di Carlo D’Angio, Dee eee) Ck td da argania contrappeso colegati a Cae) SE oe) Re Grout di Venosa fu modificato fino a trasformario in raffinata residenza ‘Verso la meta del XV secolo il casato era uno dei ii in vista nel regno di Napoli tanto che la figlia di Piro, isabella, divenne regina, ‘Tempr sur, Il regno di Napoli in quel perio- do era percorso da lott intestine e continue congiue, Pirro Del Balzo, un signore duro e temuto, per difendere i propri possedimen- ti fece costruire a Venosa una roccaforte sul Juogo in cui sorgeva in precedenza una cat- tedrale. La fortezza, a pianta quadrata e con quattro tort, fu eretta su baluardie bastioni (Grandi muraglioni) sui quali trovavano posto leartiglierie da difesa. Un fossato senz’'acqua Jargo1s metre profondo 6 cingeva e proteg- {geva lteriormente il castelio. Per poter sostenere un lungo assedio sen- zarestare a corto d’acqua, sotto vastocort- Te intemo cera un complesso sistema di cisterne risalente allepoca romana, Tan- ‘a previdenza non imped peri al duca di finire ma- le, Pirro Del Balzo cospi- 1, insieme ad altri feu- ‘atari del regno di Napoli contro e Ferdinando (suo consuocero) nella cosid- deta Congiura dei baro- ni, smascherata e soffo- cata nel sangue: il duca Pirro fu torturatoe infi- "500 tutto cambio. Le lotte politiche ces- sarono e la rocca pas- sbai principi di Gesual- do, mecenati della cultu- 1a, che la trasformarono in clegante residenza. Dove, dal 3612, si riuni V’Accademia dei Rinascenti, un gruppo dilette- ratiestudiosi di antichita. ® Giorgio Albertini Petes hE eee eo) ees Pee Cee poets ee [on pr eee anny Der) ‘un fotogramma del eos NE ed Cece I consigli degli antichi, le provocazioni dei libertin gli esperimenti dei filosofi. Dalla Grecia ai tempi moderni, le ricette per partire... Atle ricerca della FELICITA hiedimi se sono felice @ un film, ‘comico del 2000, Autori ein- terpreti: Aldo, Giovanni eCia- como. Ma il titolista avrebbe potuto essere Platone, sant’ Agostino 0 persino Marx. Generazioni di filosofi (e tanta gente comune) si sono chiesti che cos’8 la felicita e come ottenerla. Le ri sposte, dall‘antichita a ogai, sono state le piu diverse, ma nessuna definitiva: tanto che in nome della felicita si sono fatterivoluzioni, proclamate dittaturee persino combattute guerre, Feuict Per caso... «C’é un legame storicamente documentato tra felicita ‘caso in gran parte delle culture» spie- ga Darrin McMahon, storico della Fori- da State University (Usa) eautore di una vvasta ricerca sull'argomento. «Lo dimo- stra l'etimologia di questa parola in di: verse inguev. In tedesco felicita e fortu- nna hanno la stessa antica radice: glck, ‘Linglese happiness deriva dalt antico nor- vegese happ, che significa “caso”. Ifran- cese bonheur equivale a “buona sorte”. E, in latino, felicvoleva dire “fortunato”, Maallora, ragionavano gliantichi, per essere felici basta assicurarsi contro gli imprevisti Il che, dagli Egizi ai Babilo- nesi, dagli Ebrei ai Creci, voleva dire sa- per interpretare e onorare il volere delle [se Nel ‘400, Lorenzo il Magnifico rispolverd il carpe diem latino: “Chi desco Immanuel Kant defini “sommo bene”) sfugge come un’anguilla. Per questo molti I'hanno cercata in cose concrete. In una panetteria di Pompei soprawvissuta all'eruzione del 794. C. é stato trovato il bassorilievo di un fallo, conla scritta Hic habitat flicita (“Qui i- siede la felicita”). nfatt, i latino flici tas significava anche “fertlita” e aveva la stessa radice di fecundus (“fecondo’ «intone al I secolo d. C. quando il be nessere e la prosperita si diffusero nel. Vmpero romano, la Felicita entro persi no nel novero delle divinita ein seguito apparve sulle monete insieme alle facce degli imperatori» spiega McMahon. Fin quia féictas publica. Ma c'era an che quella privata, «Onesto, lavorato- re, sicuro di sé e robusto: questo era il bbeatus vir ('uomo felice) romano, padre i famiglia sereno e solitario, contento i lavorare i campie coltivare il proprio orto con dignita». Mettete I'ufficio al posto dei campi e avrete il ritratto idea- le del padre di famiglia della borghesia ‘europea di 1.800 anni dopo, La prosperita romana, perd, gia alla fine della repubblica (I secolo a. C.) ap- ariva in pericolo: “Goditii beni della vi taenon dimenticare mai che ituci giorn so- rnocontati"diceva il poeta Orazio. Ovve- 10: carpediem, cogli'attimo. Beart LoRo. Tutto il contrario di quel loche predicavano, 2 mila anni fa, pro- feti e maestri che batte- vvano i deserti della Giu- dea, Secondo alcuni sto rici del cristianesimo, trai seguacidi Gesiic'era chi si aspettava la felici. ta eterna a breve termi ne: se non proprio “qui e ora”, almeno dopo un ra- pido avvento del regno di Dio, di cui loro sarebbero stati figh prediletti Ma dopo pochi secoli, le cose erano gia cambiate. La ricerca della felicita, nel cristianesimo, divenne solo trascendente» spiega Cicalese. «Una felicita che anima poteva guadagnar- oe Son sicon il sactficio, la preghiera, la fede elarinuncia al mondo materialev, Non era pli felicita, era beatitudine CChe la felicita potesse essere solo po: stuma lo dimostravano, alla gente del Medicevo, due cose. La prima non era tangibile, la inventd sant’Agostino nel IVsecoloe si chiamava peccato origina: le: Adamo ed Eva erano stati felici, ma avevano sfidato Dio ed erano stati cac- ciati dall’Eden. Da qui la condannaalle sofferenze terrene. La seconda era con: Ineffabili Sopra il soriso di una statua greca del Vil secolo a.C, Sotto, bassorilievo i Pompei (I secolo d.C.) conla scritta"Qui risiede la felicita cretissima: fame, malattie, aspettati va di vita che non superava i trent’an- ni, carestie e guerre continue. In un ‘mondo dove l'esistenza era in pericolo costante, la speranza in un aldila gioio- so aiutava a tirare avanti in un penoso aldiqua. «Wa perd ricordato» precisa Ci calese «che per molti movimenti ereti la ricerca della felicita in terra conti nud a essere un obiettivo, da persegui: re per esempio sotto forma di fratellan: za universales, Un brindisi fra armici Para eres ee Dorghese della felicita era questo. vuol essere lieto, sia: di doman non c’é certezza” sono versi suoi SORRISI RIVELATORI. La felicit’ di las- site quella di quaggiit tornarono a in- crociarsi solo nel ‘goo, in Italia. Meri- to dei primi umanisti (devoti cristiani) che riscoprirono greci e latini. «Per Pi- codella Mirandola, Cristo rappresenta- va la felicitastessa, Ma Pico parlava an. che della “felcita naturale” delle cose e dell'uomo quando si tealizzano» fa no- tare McMahon. Laprova del ritomno della felicta terre- nna é tutta in un sorriso, «NelVarte gre. ‘aarcaica il sorriso era limmagine del- Veudaimonia. Poi, con I’arte medioeva: Je, era diventato una rarita riservata al- le igure religiose (la Vergine, Adamoed Eva prima della cacciata, angeli e san- ti)» spiega McMahon, Solo con il Rina- scimento uomini e donne comuni tor- naronoa sorridere nei quadri: dall’lgno- tosorridente(1470) di Antonello da Messi na alla Gioconda (1506) di Leonardo, Mente il genio di Vine faceva sorride- re Monna Lisa, muovevano i primi passi la fisiologia e la scienza. Che cosa c'en- tra conla ricerca della felicita? Molto. Lo studio delle leggi di natura sveld i mec- canismi del desiderio e diede alla feli- cita un posto trai diritti naturali: tutti possiamo essere felici, basta soddisfare i propri bisogni, 1a pensava cosi anche un “estremista’ del piacere: julien Offray de La Mettrie, medico francese, gaudente a oltranza e ateo dichiarato, che intorno al 1750 ve deva I'uomo come una machina. “La+> 0°. Basta S ilbuon senso? lice none, chi des- ‘erlononsa. Cuor Contento,ilcielvaiuta Contentaio, contento i ‘mondo. Chisacconten- tagode._.Dasempre, lafelicité ei modi per Cttenerla sono tai soggett pit gettonati {ai proverb Un cam pionario di consiglche ~apartire dal Mecioevo hanno trasormato, semplificandoli, mas- Sime bibicheeinse- {Bhamentideifilosof antichi.Erifacendosia questatradizione che sidiffuseTidea che per essere felicbastiun po dibuon senso, joni comuni. xin ‘ealta, un buon senso ‘naturale’ nonesistes awertela storica delle | dottrinepoltche ‘Maria Luisa Cicalese «Esisteinveceun senso comune, ilcommon sense degl ingles chee Topinione condivsa dat, pid, machecambia a seconda delle epoche. Molt proverbiitaiani sullafeicita, per esem- pio, Sono tipo"agri- Colo" perché lanostrae stata una societa preva lentemente contadina fino alla meta cel ‘goo. [Sena Darwin annoto che “un bambino sano é completamente felice, pitt natura ci ha creat per essere felici, ciascuno inci, dal verme che strisciaalfaquila” scr: se. «Per La Mettrie la felicita era una questione di piacere, e il piacere una questione di gusti» spiega McMahon. (Orrimusni, II “sommo bene” pareva di ‘nuovo a portata di mano, Nella secon: dda meta del ‘Goo erano apparsi i primi “breviari della felicia”. Ecco alcuni ti toli, che sembrano rubati dai manuali per il successo delle nostre librerie: Vo- aio essere felice, La scuola delta flict, Teo ria deta felicia Con queste premesse, il ‘700 fu un boom di ottimismo. «Gli individui, gra- zie al progresso tecnico, alla fine delle sgrandi carestie e a lunghi periodi di pa: ce, erano sempre pit liberi dalla fatica quotidiana di restare vivi» prosegue Mc- ‘Mahon. «Nel '700, la popolazione euro- pea, da circa 120 milioni di abitanti, rag- sgiunse i190 milionialla fine del seco Jo, Sostenuta da tassi di morta- lita decrescenti e aspettative di vita pit lunghe, non sa- rebbe pit diminuit \«Euinglese jeremy Bentham a teoriz- zarela flict per tutti, sulla base di una fllosofia wtilitaristica» spiega Cicalese. «Grazie alla democrazia, che rappresen- ta gli interessi individual, si sarebbe potuto garantire il bene comune, cioé la piena realizzazione degli interessi di ognunos, Partito da queste idee, loscoz- zese Francis Hutcheson elaboré la sua “formula della felicita” (v.a.pag.23)s CTT Ue eed err ees eens eres) Peet tees Rivowuziowari. La ricerca della fe- licita fini persino nella dichiarazione a’indipendenza americana scritta da ‘Thomas jefferson nel1776: “Noiiteniamo che questesianoverita cutoevidenti: che tut- ti gli uomini sono creat uguali; che sono do- tatidal loro creatore diritti inalienabil; che fra questi vi sono la vita 1a libert ela rcer- cadellaflicita”, «La ricerca della felicita all'americana @ individuale, mediata di un filosofo”. Lo stesso diceva dei cuccioli dal sistema politico che tutela la proprie- 1 privata» avverte perd Cicalese. In Eu- ropa, durante la Rivoluzione francese, {quella ricerca si fara invece in massa. IL Denessere del singolo, per irivoluziona- 1, & sempre meno importante del gran- de obiettivo collettivo: la nascita di una societa pid giusta ed egualitaria, Di fatto, il progetto americano deluse molti, Intanto, gliafro-americani esclu- si da quei “dirt! inalienabli” e costretti a vivere da schiavi per un altro secolo, E poi uno stuolo di cittadini. «Negli ar- chivi stata efederali degli Stati Uniti si conservano centinaia di deruunce el XIX secolo contro il governo o altri america ni, accusati di ostacolare il sacro diritto alla felicitao racconta McMahon. Dewusion1, Altrettanto scontenti fu- ono i seguaci di Etienne Cabet, chenel > eK td eos porn et Pei .) : «7 Lisola felice, mache nonc’é Jermotifilo- —coleghilm safienon nist al Mondo solo). afeicta — nuovodiadous Cirraggiungibile Huxley (1936) ‘sulla Terra. Se 21984 di George esiste, bisogna ‘Orwell (gga), che dunquecereala —denuncavano inunnonluogo. toaitarsm: Eproprocos) _contemporane (Utopia,ngrecoProposte. stale Tuogochenonutopieconle om cB )Kinglese Tho- _soluzioni ideal masMore,nelaprobleireai 1516,ittolbla final tempi cel | Stadescrzioned mtod.atantie tunmondo ideale, regolatoda eggi descritto da PlatonenelV-V | chedannopacee secoloa.C. sono felictdatutt, —_anchelaboratori Criticoni.ste dele dottrine o- | utopieservono _itichev aggiunge Soprattuttoa _Cicalese. Cos, dai mostrarecid che ‘onfunziona nel ‘mondiperfert di Moree Tommaso Reese Conpaneta(ia Spiegalastorica _cittd del soe, MariatuissG- _160)sipasso a calese.Eiifilone quelli dei cosid- delleutopiene- ett socialist ative, odistopie: —utopistidiinzio dalCandidedi 800. Qualcuno Voltare(i7s9) | provba realizar chemettevaalla nel mondo ele, betinafottimi-masenzariuscic\ smodialcunisuci (v-articoo). Ce is Ce ue) Peano Da uno studio condotto negli Usa su 268 persone dal 1937 a oggi, é emerso che per invecchiare felici la stabilita affettiva conta pili dei soldi Ps Er Felicita ritrovata brigioni Cea goer hau nel 1945.1 concettodifelicita Ree ae ta) preteen a moni: in meno diun a anno l'esperimen: ° to era fallito e tut Te uate. | ti erano pit intel ae di prima. Compreso Corea getsud Mal Etienne, che si am ald di depressione ‘Polonia Wdenaro | mori poco dopo. non basta INceGNERI. Cabet Arapportotra tsso | fu solo il pid sfor- difelicitaereddito..| tunato di molti “in- 1p secondo World | gegneri della flici- : valuessunvey.ta | ta” del'Soo. «Circa ts curvarossaindica’ | 46 comunita model- ge aaeereo lo basate sulle teo- i medio, che " bo smetegerecee | ie del'uopisa in 3 rapidamente okre | sle8€ Robert Owen { niia wgigmiadolan. | furonolanciate tra pods ireddita annuo, | il1825 ei 830» dice Moigavig 4) py) pp | McMahon. Altre si ead pro apt in dolor (nt anes moni. 9) 1849 si precipitarono in Texas per fonda. re Nuova Icaria. Cabet era un socialista e aveva promesso la nascita, in quello Stato ancora selvaggio, di una comuni: ta ideale: abolizione della proprieta pri vata, lavoro collettivo peril bene comu- nee conseguente “reciproca flicita”. Ma 4i quell'Eden, in Texas, non c’era trac: cia. Cabet non si present nemmeno € gli speranzosi aspirant icari lo som- ‘mersero di denunce per frode. Il francese ci riprovo a Nauvoo (Illi nois), un villaggio abbandonato dai mor- aE) ispiraronoal france- se Charles Fourier {In quegli esperimenti si univano socia lismo egualitario, religione e lavoro col lettivo. Togliete la religione (liquidata come “félicitailusora”) e mantenete ill voro, e avrete la ricetta della felicita se- condo Karl Marx. Peccato che nel nome del benessere comunista milioni di per- sone abbiano avuto vite tristissime. «l regimi totalitari del Novecento, di stampo comunista 0 fascista, si sono spesso proposti come portatori di benes- sere e gioia» spiega Cicalese, «Ma lari cerca della felicita, per i “padri” sette- centeschi degli attuali sistemi politici ccidentali, non @ un compito del po- tere, bensi dei singoli cittadini. Il pas- saggio al totalitarismo avviene proprio quando il potere chiede, in cambio di una promessa di felicita futura, V'obbe- dienza assoluta e immediata», BENESSERE VENDESI, Lo scenario & cambiato di nuovo negli ultimi cin. quant’anni. Oggi i sociologi misurano la felicita con il tasso di “benessere sog: ‘gettivo”. Un benessere cercato per lo pi nell’accumulo di beni materiali. Eppu- re, secondo varie ricerche, tra cui quella condotta dall'osservatorio intemaziona- le World values survey, il denaro fa lafe- licita solo fino a una certa soglia (v. sche- ‘ma a sinistra). «Nelle societa industria- i avanzate non c’é rapporto frail livel- Io di reddito il benessere soggettivo» spiega il sociologo americano Ronald In- slehart, direttore del’osservatorio. Del resto, la faccina che ride (lo smiley ‘ggi simbolo del buon umore) fu inven. tata nel 1963 dal pubblicitario america no Harvey R. Ball per tirar su di morale { dipendenti di un’azienda in cris. E, a guardarlo bene, sembra dire: “Chiedimi se sono felice ® AldoCariot ‘SAPERNE DI PIU Storia della felicita daltantichita a oggi, Darrin McMahon (Garzant)).