Sei sulla pagina 1di 124
CTT Tere y TUT CUR CHL) STUN. ruman e Churchill riminali di guerra? edo orca aa ae) a mai pagato per ree Pts esa S. GIOVANNI Santificato dalla fe BLA Battista faceva eee} ete Ei La sfida che- Sa OEcaee el re di ae : Jose Koodelks - Pe cd Peo PR UNR NON CN PETER nara raccontano i Diritti Umani ot Sthpaty oa eft dl loune calle 20.000 vite dele tagecla Con questo regalo la Casa Editrice UTET ha voluto ribadire it proprio impegno etico e civile. Bob Adelman - La loifa per i diritti civili negli USA Gianni Berengo Gardin - // 68 della psichiatria in Italia Lucinda Devlin - La pena di morte in America Mare Garanger ~ La guerra dAlgeria ‘Lewis W. Hine - // favoro minorile negli USA Urlik Jantzen - Le donne sfigurate dallacido in Bangladesh Philip Jones Griffiths - La guerra spiegata altraverso economia Igor Kostin - La caiastrote di Chernobyl Josef Koudelka - // sogno spezzato della primavera di Praga 1968 Peter Magubane - i Sudafrica dellApartheid Juan Medina - Emigrazione clandestina in Europa Gilles Peress - !! genocidio in Ruanda e nella ex Jugoslavia Raghu Rai - Uorrore chimico di un disastro ecologico Jacob Rils - Emigrazione e Poverta nella New York di fine Oltocento Sebastido Salgado - Siccita nel Sahel David Seymour - / bambini ne! dopoguerra W. Eugene Smith - Lavvelenamento di mercurio in Giappone Tom Stoddart - LIDS nell Attica subsahariana Oltre alle bellissime fotografie, trovera il testo integrale della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’'Uomo, presentato 2 Regalo non condizionato ad alcun acquisto ed Parigi il 10 dicembre 1948 da Eleanor Roosevelt all’Assemblea esente dalla cisciplina dele operazioni a premio Generale delle Nazioni Unite. (Ofer vali slo per alia = Fo a esautiment scone wees (iasSbara7 =~ 1 TUTTI | GIORNI DALLE 9 ALLE 21 | es oppure http://diritti.utetcultura.it UTET ‘Questa pagina édedicataallettori, evi Pubblcheremolepit interessant. Allaire Eventual consderazoni da parte dela redazione compaionoin corso. preghiamo 4ifirmarv sempre, Scrivetea Focus Storia, via Carlo Goldonit, ‘oalfe-mal focusstoria@gujm.it. Oppure mandate un smsai nu \coloridella corazzata Unialtra particolarita dela Coraz- ‘ata Potémikin i film che i regi- sta russo Serge) Ejzenstejn gird ‘e925, oltrea quelle davoiana- lizzate su Focus Storia ra (pag, 98), riguarda la scena finale del film, quando la nave riprende i ‘mare alzando al cielo la bandie~ *arossa, Naturalmenteilfilm in bianco e nero, ma la bandiera fu dipinta a mano fotogramma per fotogramma, “Angelo Consonni Rescalina (i) Perché "ha detto? Tutto vero quel che cite sulla fra- se"Vile, tu uccii un uemo mor- to” pronunciata da Francesca Fer- ‘ucci nel1530 quando, gia mar- talmente ferito, fu pugnalato da Maramalda (Focus Storia n? 22, pag. 83). interessante perd& co- oscere rantefatto. Prima della battaglia di Gavinana, Maramal- doavevainviatoalcampomilta- re fiorentino un messaggero 0, come si diceva allora, un “trom betto" per partamentare col Fer- ‘ucci. Quest ultimo fo fece impri- slonaree, vilando ogni regola impiccare, Quindi, quando Ma- ramaldo si avvent® sul coman- ‘ante delle milzierepubblicane diFirenze gia moribondo, alla f- ‘mosa frase il mercenario napo- Fetano rispose “Questo @ per il ‘mio trombetto" elo fini con una ugnalata, Giorgio Bubb, Frenze Stanchi ag Nela rubric "Parole perdute" del 121d Focus Storia (fot in bas- 0) C8 una parla che non ésta- tatotalmenteperdutaéegro (da degrum). Nel cialeto veronese si 8 trasformata ed @rimasta con i significato di stanchezza estre- ma, sa fisca che psicologca Esempi ies quando si@ spos- satis usa dire “Son straco agrot’ (Sono stanco mor- a, to) oppure “Son proprio g)| gr0 de sta storia? (Sono “| davvero stanco di questa situazione’, Pool Lovin 8, PARI IN, C, —_——— EG Al M, h N, A, R E, iatedilevostre opinion, ide, proposte, critiche cercheremo comungue dirispondere. 2019Milano smer0333/2goo7, 6, _ Doppiatore perridere ‘A proposit dei doppiaggicver- tenti che spopotana su Intemet (e che potete vedere su www. Focusstora it, nd visegnalo che 'Ufm Teoy doppato in abruzee- se 8 pate di uno spettacoo che un comico abruzzese, Marco Pa- a, porta avanti da qualche anno, non imitans! al gi citato ko- lossal ma doppiando anche Ma- trix, 300 altri flm, con grande successo. Su www.marcopapa it spud sapere dip su ttt suoispettacal Federica, Lancono (ch) Alposto giusto Nelfarcola"s secol allo stadio" (Focus Stora 22, pag. 96) c® tua foto dela famosa gara delle. ‘quadrighe nel firm Ben Hur. Non so se gl scenogafs sano volu- tamente ispiratial ico Massimo «diRoma, manelfmlagara@am- bientatain Palestina, Fabio Schavetta, Pistoia 5B) E, CC ION Ben Hur 2 effettivamente am- bientato in Palestina, ma proba- bitmente gli scenografi si ispira- ono a Circo Massimo, Alla faccia del sindacato Ne hanno fatta di strada i diritti deilavoratoi Basta eggere que- sto decalogo dal Regolamento Vaticano cel 1786 (di seguito, la trascrizione, nd). Daccordo che ‘Vaticano era uno Stato stranie- ro, ma non penso chein italia (an coradafare)andassemegio, Non so.come siaarrvato in mano mia. questo documento: potete aiu- tarmia icostruimela storia? Sivano Delacqua DAL RECOLAMENTO DEL 1786 1. Gliimpiegatidettutfciodevo- ‘no scopareipavimentl ogni mat- tina, spolvearei mobil gl scaffa- lrelevetrine 2. Ogni giorno devono riempi- rele lampade a petrolio, pulime icappelieregolare gi stoppini,e tuna votta ala settimana dovran- nolavarelefinestre. 3. Ciascun impiegato dovra Portare un secchio dacqua e uno sai di carbone per la necessita del- lagiornata, 4. Tenerelepennecon cura:ca- scuno pu fae a punta pennini secondail proprio gusto. 5. Questo uffcioslaprealleset- tedelmattinoesichiudealleatto di sera, eccettuata la domenica, ne qual giomo restera chiuso. Ci si aspetta che ciascun implegato passila domenica dedicandosial- Ta Chiesa econ- tribuendo libe- ramente alla causadiDio, l"decalogo" del 1786 per sliimpiegati del Vaticano, _ A home dellassociazione “i "Campanile ci Petricc” di cul faccio parte, grazie pe aver c- {ato nelfarticolo sui giochi di stada Focus Storia 2, pag. 24) etic, mio piccolo pae- | sedi 200 anime, sulle penci- -€idel monte Amiata, in terra | di Toscana. Ineffet abbiamo 6. Gi impiegati uomini avran- no una sera libera alla settima- naa scopo di svago, e due sere libere se vanno regolarmente in Chiesa 7. Dopo che unimpiegatohala- vorato tredic ore in uffcio, ova passa il rimanente tempo leg- {gendo la Bbbiao altri buont i. 8. Ciascun impiegato dovra rmettere da parte una somma considerevole dela sua paga per sli anni della vecchiaia, in modo che egii non diventi un peso per lasocieta ‘9. Ogniimpiegato chefuma s- ear spagnoli facca uso diiquo~ Fin qualsiasi forma, frequent bi- liardi o sale pubbliche, o vada a radersi dal barbiere, ci dar& una ripreso a glocae ala ruzzola proprio come facevano i nostri antenati. Non abbiamo velel- 12 agonistche per compete- ‘ealivelonazionale:lofacca- mofrapaesani,nunagiomata Giprimavera un po’ pr gioca- "e,un po perfare una scampa- gata tuttnsieme, un po' per ‘mantener vivele trad zion. La gara si svolge fracampagna bosch, lungoun prcoso dic ‘caakmenefinteralio ron manca un sontue- 50 pranzo sulfa. Per buona ragione per sospettare del suo valare, delle sue intenzioni, dela sua integrta ed onesta 10. Limpiegato che avra svol tollsuolavorofedelmenteesen- 2a error per cinque anni avré un aumento di paga dis centesimi al giomo, ammesso che i profit dela clita lo permettano, Questo documento crcola da qualche tempo su internet ed & stato smascherato dal ito anti- bufalaativssimo.net come un falso. Ci sono motte incongruen- 2, ma le pi evident riscontra- tesonochenel1786!non cerana centesimi née lampadea petro fo, Anche il inguoggio decisa- mente troppo modern. chi vuole avere qualche infor- ‘mazione, basta vsitare il sito wunepetrcc it Lorenz Galezz, Petrie (Gt) CComplimenti per Faticolo sui giochi dstradal Vi segnalo an- chela manifestazione,giunta alla 6*edizione di cui sono for ‘ganizzatrce: "La Memoria dei Giochi di Strada’ che si svoige a Roma, ai Fori Imperial. Per rmaggior\informazioni potete visitareancheil sito digilander libero it/acstorreangela, Dera ili, Roma Inostri errori Focus Storia n* 2, pag. 69: Fate- ‘ma Memissi @marocchina, non aera. fotuSoian*, ag 7 per unis tpt, fo arestodMusoln etol “Iggzinvece del i945! Or | @ py GrunersJahr / Ne Mondadori .p:a, Corso Monforte, 54 = 20122 Milano COMMERC! Uncontinente ff Vacs in appalto i ae Dal’600 800 la Compagnia inglesellase dle indie watt una fetta dOriente comeuna sua roprieta Roeser crite Pee > i eer DELLA CouPacnia Cent 14 wWINDIA Peete romney 46 an g |22 Lacitta delle Pe Narcy weMonie SOcIETA esieipsed Atutto swing Facciamoci tint eet Rime, un‘opinione eat aero improwisaione, Perqualeuno eens imestre ogg meta a Felina fumoseci auando enata : ingredient Topiione pubica? eject caalnioiae 5 dei sui peso poltconel ey ee eee) eet) pee eens Lapaginadeilettori pags Ee Hovde Scoperte protagonist. L passator oggetto misterioso STATUETTA Focus Storia on- NEOUITICA a Curosario (Ac. 30). Vocabolario Chithadettor pag. 91 Domande ®Risposte _pag.92 Flashback ag.122 Progetto alc copertira: Masima vol In copertina: i profilo di Cleopatra Ficostruito in u‘elaborazione fotografia tae STEMI Con questo numero potete acd ceanaia, afl or Gleopat TO: Toro sfida a Ror L Peer) eet Beant) Boot = Tee Cea eed Cre uunIaSO ELEY Coane ti eee Atto fina Conia battagla diAzio Rea Perec) ec prea) ee iS) orca Cee Teer) fiero, una regina Pee etry ce nice \ (= (6 Perey ee Occhio al simbol ‘Sualcune foto troverai questa icona corre- faunlinkcon un numero tre cif. inserisc izzoneltuo browser e potraiguardare un recriminalie stud GON eoP MEDIOEVO: Mcuore di Genova Eccocomiera fatto un quartiere elfantica repubblica inaraligure, TM 106 Crimini impuniti violazionidimenticate vinci. Da Hi Dresda fino, anni Battista furan recurs. del cristianesimo, ome vuole tradizione, 0 fupiuttosto un involontar concorrente? LaMavonna con Ges Giovanni BAMBINI TTL T=. Ce) <4 RTO coer a Clty echt lio Mae) Te) eset eae Rett te] rol R TEL R Eo Po lcole-t-ole ha] Tuite Lett Teens) cubano Candido ae ee Sees | Cae d latino-americani eT) Punta fee) Bene sree) Pe orem Cero een “La Creole jazz band diJoeking" Oliver (/Y Pee Unt d "i Cee anemia! Dan eet ne a re SUT Rat ecm) Deoaetenen a Poured Co ey " eee ea Can) Psi) eure perry Mingus. Nel jazz ilcontrabbasso si eet ec mctss usando Farchetto. . Verso Tec) ecu} Sauce egy eer Peet Put Ce Cae eee ean musica rock e pop eu) Ie eer) SCT Se} Cerra Piree cnet ACU Aa Per iieeereatie Nr TaN Pe ee ACCU RC) \ Py ek oe ae Crna ppens perenne rota eae Ree Tire Charlie Parker, uno dei padri del be-bop, mori eroinomane . ee) % influente sassofonista ja2z fu John Coltrane, a cca h Crucial ead , Pee corer er ioe eee Seu t Pore} "7 Oct c la Fitzgerald peer’ etn strumento ree aera etl Peres fe eUCy recy Teer Green. La chitarra eet Sony Ce ced Proce Se Ce Been cy J Con) Cree) : en ge eo Cece) Pre to! 1 coe IRE OMMMEREE t TOS | ii . * ca Raeeeceitd scata’e urfa bandira ao 1066, Pol venne pore e Hong Kohg, Sandokan e Jame Brooke, il rito del tela prima globalizzazio. ne del mondo moderno. Al centro di tutto ci6 fit la pit potente societa per azioni mai vista sulla faccia della Tetra, che nessuno chiamd ‘miultinazionale solo perché il termine non era ancora previsto dal dizionario, ma che fatale pitt di altre, visto che arrivé a operare ‘in due otre) continenti e a decidere i destin diunquinto del umanita. Sichiamava East India company, alias Compagnia delle Indie; ‘veva sede a Londra e duro due secoli e mez- 20 (1600858), Per averne sentito parlare, ‘on occorre essere esperti di storia mercan tile; basta aver letto qualche libro di Emilio Salgari, Proprio le navi detVEic, ifatti, erano i bersagli preferiti del pirati di S ‘Mompracem, eroi diun celebre ‘clo salgariano di roman- ai@avventura, serit- tha fine ‘S00 e rilanciatt ‘trent’anni fa in tv dall’attore indiano Kabir Bedi (Sandokan, capo pirata) e da Philippe Leroy (Yanez, suo luogotenente). ‘SULLE ORME DI Satcant, Sia chiaro: i due personaggi sono di pura fantasia. Ma uno 0 ‘due secoli fa, nelleacque indo-malesi, ipraho dei pirati modello Sandokan erano frequen-+> ilelero ingles John | Wear entra nl porto di Bombay (1850). Sopra, lo stemma della Compagnia | dele indie rental 730. Verso il 1800 Ia ricchezza dell’East India company arrivé a superare lintero Pil della Gran Bretagna Una flotta privata Uvaro de veliero Edinburgh, tuna delle navi pit grandi della Compagnia, nel 18s, Restd in servizio fino alr Potere _ economico Lasede dla F compagnia delle inci in Leadenhall streetatondra, come appaiva rel 00, Sopra unatto di acqusto diarmidela Compagnia, ‘ticome oggt i camion sull’Autosole. EVeter- no nemico di Mompra “Rajah bianco” mari d’Oriente (, inventato: 6 stessi decenni di Garibaldi, Prima ai met- tersi in proprio a difesa di un suo feudo per- sonale, quel'avventuriero duro e antipatico (in ev Adolfo Ceti) avevalavorato appunto per la compagnia, Salgari non lo dice, ma ai tempi del “Rajah bianco” IEic era agli sgoccioli Solo pochi de- cenni prima nessun Brooke avrebbe potuto Jasciarla per gestire da solo un pezzo di Bor- neo, come fece James: in Oriente tutto di- pendeva dalla societa inglese ¢ dal suo dio, il libero commercio. Libero purché anglo- sassone, ovviamente: infatti la concorrenza veniva spazzata via senza troppi riguardi, Ne sapevano qualeosai francesi, che nel 1665 avevano cercato spazio in India per una loro compagnie, ma erano stati rimpatriati appe- na possibile. It POTERE DELLE sPEZIE. In Oriente, ai tempi d’oro, la Compagnia agiva come un ve- 10 Stato sovrano: amministrava la giustizia, batteva moneta, aveva una bandiera propria (quella gia citata, bianco-rossa con 'Union Jack in un angolino). E in caso di problemi non aveva bisogno di coinvolgere la corona Anglese, perché disponeva di un esercito suo, formato da guardie private che oggi defini- ‘emo forse contractors eallora tutti chiama- ‘ano sepoys: mercenari indiani a cui Salgari assegno sempre un ruolo da idioti perdenti, ‘ma che in tealta dovevano essere tutt‘altro, Come fu possibile, per una societa priva- ‘a, acquisire tanto potere? In principio fu il pepe, si diceva, E una risposta semplifica- ta, ma verter. Retrocedete nel tempo fino ‘quando i frigoriferi non c'erano ancora; al- gra le specie erano unico mezzo per conser- ey Teale Tega Compagria in ean eee end erent ae Varela came: sia perché Ia conservavano dav- vero, stilesalame, sia perchécon loro arom ne coprivano la puzza in caso di insuccesso, Anche il sale poteva assolvere al primo com- pito, ma non al secondo, In assenza di free- zer, quindi, chi commerciava in pepe e affi- ni faceva fortuna Tradizionalmente le spezie, prodotte in ‘Asia, arrivavano in Europa facendo tappa nei sug mediorientali, punti d'incontro dei ‘mercanti arabl e veneziani. Per iungo tem- pola Serenissima campd alla grande su quei traffic A rovinarle la festa fu il portoghese Vasco Da Gama, che nel 1498 doppid il Capo concorrente Lipicereconcoerca che East India company subi, almeno nel suo primo secolo di vita, levenne dalla | quasiomonima Vereendige | Oostindische compagnie (Compagnia olandesedelle | Ingie Oriental Anz, per ‘un erto tempo, pi che ‘na concorrente fOlanda sembrd una vale vincente, tanto che nl i607 Henry ‘Middleton, comandante ella seconda spedizionein- glesein Oriente, scriveva:"Se questo inconsistente Paese rluscisseaottenere il com- ‘mercio delle Indie sola per sé, il suo orgoglio ela sua insolenza diventerebbero intollerabil Levoluzione. Nata ne! 1602 dala fusionedi otto societapreesistent, aoc ebbe priilegisimil, ma duratainferiore rispettoalla cugina britannica:comincid a decinare gia afine'600 efu sciolta nel 79 Paes Bass ‘invasiquattroanniprima dalla Franca rvoluzionaria, avevano rcevuto aut da Londra persdebitasifuro- | nocostrettialascare mano ibera agi inglesiin Oriente, La Voc avevala base princ- ale sulisola di Giava (Indo- esia) dove fondo Batavia (oggi Giacarta, lacapitale). iron 17] Attentialla tigre! 1 commerci fecero aumentare i matrimoni misti. Unagente della Compagnia durante una battuta dicaccia inindia. A destra: due sepoys, le truppe private indigene della societ ingles. Grande emporio Calcutta in un dipinto del 797, Dal 1690 la citta fu una dell sedi dimaggiortratico alfEast India company. if ; torizzava alcuni mercanti a navigare ver- so le Indie “a proprio rischio ea proprie spese, per Vonore del regno e il progresso del commerco, it uno o pit viaggi con adeguato numero di vasceli. Beneficiari del decreto erano i 218 azioni- sti della neonata Company: un selezionato ‘gruppo di orafi e droghieri, con Y'aggiunta del sindaco di Londra, Stephen Steame. Di fatto, quel decreto era una concessio- ne in esclusiva: nessun altro suddito di Sua Maesta aveva simnili autorizzazion{. Oggi ‘molto probabilmente si griderebbe allo scan- dalo, perché Vic era una privatissima joint stock company (leggis.p.2.). Ma (allora) Ie co- se andavano cos1eI'ic si buttd senza ostaco: linella sua epopea: nel 1601 organiza la pi ‘ma spedizione in Oriente/ed entro il 1607 ne pattirono alte due, I. paRaDiso Ds1 Commsnct, Aldi del Ca- ‘po di Buona Speranza soci di sir Steame tro- 4 Anche quelli con le bibis, vvarono Eldorado: anche perché il concetto di “Indie Oriental”, area istituzionale dela loro attivta, era molto ampio: partiva dal- Te sole aricane dell’Oceano Indiano (Como- ze, Mauritius, Seychelles), passava dall'In- dia propriamente detta e raggiungeva quel Tabirinto di terre e acque formato da Malesia, Isole della Sonda(cio® indonesia), Flippinee Molucche. Al pepe, mollainiziale del opera- alone, si affiancarono cosi molte altre mer I mito del “Rajah bianco” cacciatore di pirati el Sarawak, regione B Necisomeocreta partedella Malesia, c8 ‘una citta (Kuching) che conserva ancorai cra del"Rajah Banco James Brooke, personaggio not inal perehe rel romancidisalgeri cope semprelrvlo di eattvointegrale, nemi= cogiratodisandokan, Nato nel 1803 2 Benares /daunafamigiainglese, che poigovernd come Brooke esordilavorando uno Stato sovranodal perlaCompagniadelle r842finoalla more. Indie, ma neli838 asso al servizio del sultana del rune, per conto det ‘uale represse una rvol tadidaiacchi ifamosi cacciatoriditeste det Borneo. Incambiodel servizi, James ottenne lacorona’ del Sarawak, Compromesso. East India company, che a norma maltalerava Inalto, James Brooke, che ispirdil"Rajah bianco" di alcuni romanzi di Salgari Asinistra, Adoifo Celi fattore che lo interpretd in tv. ‘mercantiliLaleggen- daria spadadijames, citatain moti fbi sal gariani, spud vedere Oggial Museo storico AiKuching, mentre ela piazza principale una statua decicata alfilio del"Rajah bianco’, Chates Broo- ke, suecedutoal padre nel 868, Serviti e riveriti Lacolazione della famiglia di un funzionario ella Compagnia, con la servitdindigena, La grande rivolta ‘Sopra, due episod della ‘volta dei sepoys del 1857-58: un gruppo di ammutinatieuninglese che siimpossessa di un tesoro durante ia rivoltaa Delhi Er ere Cece cee ieee i, nel’800, si aggiunsero Singapore e Hong cong, villaggi che proprio la Compagnia del- leIndie trasforms in vere cita, Laumento delle basi andava di pari pa con ta crescita di altre cifre. Nel primo la Compagnia diventi la multinazionale c sappiamo: un super-Stato che dettava legge a mezza Asia. I suoi azionisti passarano da 238 a 1,700. Il suo fatturato super® il Pil del- Ja Gran Bretagna. Il numero di persone am- ministrate toccd i 250 milioni, in un mondo che contava a stento un miliardo e 300 mi- lioni di anime, A questo stupefacente risul- ‘ato la Comp: un mix i bas secondo i tempi. Prima fu pit carota, poi pid bastone, Al- Vinizio, per ingraziarsi i potentilocali, imer- -anti inglesi siresero disponibilia tutto: nel 602 ad Achin (Sumatra) James Lancaster, ca- po della prima spedizione, acconsenti persi- noalla richiesta di un sultano di avere in do no una vergine anglosassone. “Eun gentluo- ‘mo londinese di onoreolelignaggio” narra Ciles ‘Milton, studioso inglese di storia delle esplo- razioni “offi senza tante storie la propria figlia, 1750, arrivo a essere I'uomo piu ricco d'Inghilterra ottimamente dotata pela musica eiricamo i bel parlar,inoltre molto bella eben fatta", Poi venne I'ora del bastone. 1! segnale che la musica era cambiata si ebbe nel 1757-58, quando il barone Robert Clive occupd il Ben- gala coi suoi sepoys, fece pulizia etnica dei ri- vali francesi che ci vivevano e prese il potere come un capo di Stato, Mail culmine dell’ar- roganza fu raggiunto nel 839, quando la Ci- nna vietd la vendita di oppio sul suo territorio ela Compagnia delle Indie, a difesa del suo ‘buon diritto a drogare i cinesi, scatend una guerra. Stavolta, di fronte a motivazioni co- sinobili, nel conflitto entrd direttamente la corona britannica. IwrRicHt FATALI, In mezzo, tra bastone e carota, ci fu un’ampia area grigia, fatta di intrighi e ‘pocrisie. Un esempio: molto presto I'Eic divent® I'esat- trice delle imposte dei sovrani Moghul; ma che gli introiti finisse- zo tutti allerario locale nessuno storico @ dispo- stoa giurarlo, altro esem- pio: per decenni ia Compa- hia diede la caccia ai pirati males tio Sandokan in nome della sicurezza dei asporti; ma {ntanto incoraggiava William Kidd, noto cor- saro scozzese (26451701), ad attaccare dal Ma~ dagascar i galeoni altrui diretti verso Buona Speranza, Alla lunga, metodi cosi non potevano dura- re. Inodi vennero al pettine nel 1857, quando un lungo confronto armato mise lle corde la Compagnia e'avvidal tramonto. I fan di Sal- gariedi Kabir Bedi saranno delusi, maa im- primere la svolta non furono gli arrembag- ai guertiglier dei simil-Sandokan, che pos- sono infiammare le nostre fantasie roman- tiche ma che per la Compagnia erano solo ppunture di zanzara, Nel 1857 controY'Eic pre- sero le armi nientemeno che i sepoys, stufi di fare icani da guardia det loro avidissimi da- tori di lavoro. In Inghilterra chiamano quel conflitto “am- ‘mutinamento”, in India “guerra di indipen- denza”. Ma ilrisultato non cambia: di fronte alla rivolta dei contractors, Londra capi che la ‘Compagnia delle Indie aveva tirato troppo la corda, Nel‘agosto 1858 ilparlamento inglese approve il Covernementof India act: una legge con cui Vantica patente di Elisabetta veniva ‘evocata ei beni dell’Eicnazionalizzati. Cost ‘moriva la prima multinazionale della Storia enasceva PImpero inglese. Come dire: chi di sepoys colpisce, di sepoysperisce ® ‘Nino Caio [ frutto del peccato amercepit bizzartatrat- ‘ata dala Compagnia deleindiefuilcoco-de-mer, semeciunapalmagigante- scaemoltolongera (a Lodoicea madivica alta go metre capacedivvee800 anni) checrescespontanea sudueisole dele Seychelles: PraslneCurieuse. Lunga mezzo metro pesante 20 chili quel seme pi srande Gel monco)ha ura particoanit:evoca nella forma organo genital femminie. Nonsoli fore dacuinasceassomigiaaun pene, La doppia stranezza ecesichealcoco-de-mer vensseroattbuiteproprie- ta afrodisache Evocazioni. Non era vero, malatichestadel maxi semeaument6 oltre misura sul mercto, tanta da por- area Lodoicea moldivica sullorodelestnzione. Oggi laspeci dicuisoprawivo- oq mila esemplariin tutto ilmondo,&protetta. Lo strano nome coco-de-mer deriva dalfatt che primi semi dicuieraignotafor- Bie, furonotrovatisuvarie spiaggedelfOceanolndiano éanavgatoifanceschel credettro rest cicrsture marine. Solo pi tard seo- Diicieerano semidipalma, fin percasoin mare epor- tatilontanodalleonde a eae a4 Uncoco-de-nerale. ‘Seychelles (Oceano Indiano). : [Seu HT MM SOCKETA, Per qualcuno oggi é morta. Ma quando é nata l'opinione pubblica? E qual é stato il suo peso politico nel passato? lpianeta ci sono ancora due superptence: li Stati Unite Topinione publica mondiale” Cost scriveva Patrick E, Ty- Je, un giomalista del New York Times, fl 17 febbraio 2003. La ragione: due gior- niprima si erano tenutenumerose ma- nifestazioni, che avevano coinvolto le ‘maggioti citta del mondo, tra cui New York, Londra, Parigi, ma anche Romae Milano, con obiettivo comune di espri- ‘mere il dissenso di un‘ampia paste del la popolazione mondiale sulla decisio- ne americana di attaccare Iraq i Sad- dam Hussein, Uw'mpEA Nuova, Ma che cos'é Vopi- nione pubblica? Quando @ nata? E ha ancora senso chiamarla cosi, oppure uso generalizzato di mezzi per crea- re orientate il consenso I'ha tesa so- Jo un’astrazione? Andiamo con ordine. Alla prima domanda, Domenico Secon- dulfo, docente di Sociologia all'Univer- sitd di Verona, risponde cosi: «l/opi- nione pubblica si pud definire come Ja capacita di un gruppo di persone di siudicare e pensare qualcosa su un de- a son terminato argomento, in modo tale da avere un’influenza politica rales ud stupite, ma il concetto @ abba- stanza recente, IItedescoitrgen Haber ‘mas, uno dei maggiorifilosofiviventi, sostiene che lecondizioni per cui Yop fone pubblica potéformarsi si concre- tizzarono solo tra il XVII e il XVIII se- colo, in un petiodo segnato dalla rivo Iuzione inglese (1632-1660) e dai primi ferment illuminist che portarono nel 1789 a quella frances In quell’epoca di profondi cambia- menti sociali, economici e culturali presero piede in Europa forme nuove di commercio, ches sarebbero pol trasfor mate nel capitalismo modemo. Questo “proto-capitalismo” and® di pari pas- socom la formazione di una nuova clas- se sociale; la borghesia, Man manoche banchieri, commercianti e imprendi- tori accumulavano ricelieza, si accor gevano di avere tra le mani, oltrea tan- to denaro, anche un potenciale pote- te politico. Oggi il fatto che il potere ‘economico comporti anche la conqui- sta di quello politico @ scontato; non lov Le proteste dell'opinione pubblica americana fra ea perd per { nuovi ricchi del XVI se- colo, che lo capirono grazie soprattut- toadue novita: i giomalieicaffé(inte- sicome local). Ivronmant, La teoria secondo cui il concetto di “opinione pubblica” fu’ fetco di un dialogo interno alla neonata Dorghesia&condivisa anche da altri stu- dios. «tn questo quatro osserva Secon- ulfo wdiventarono importanti i mecca- nismi di comunicazioneei mezzichela veicolavano, in primo luago i giomalin, Nate per comunicare notizie puramen- te commerciali, le varie “gazzette” (le prime in Italia furono quella di Manto- adel 664 equella di Parma dela7se)ai- vvennero presto contenitor di informa- zion politiche, di idee edi commenti, Maigiomnali non bastavano, «Un’opi- nione condivisa non si pud formare se non ci sono anche dei luoghi pubbli- i dove tenere dibartitin spiega l'esper- to: «come i saloti ei caffés. Fu proprio nei caffé settecenteschi, tai fui del- le bevande calde delle pipe, che nac- que opinione pubblica, intesa come tuna setie di persone che pur non avendo ‘un'investtura uficaleesercitano pres- sione in quanto citadini. Ma alVinizio questo potere era di pochi, se non altro perché per usufruire dei giomali occor- teva saper leggere. Un carré Pen nitverreRe, Nei caffe non si andava solo per bere un te, una tisana ouna cloccolata. Le bevande era no un pretesto per stare insieme agi al- tai, perdiscutere escambiarsi opinion, Proprio in locali come questi Jean Jac- ques Rousseau e Voltaire, pari fonda- {orl delle idee ilaministe, partorirono Jeloro teorie dopo accese discussion. E robabilmente la Rivoluaione francese non sarebbe mai scoppiata senza ilcon- tributo decisivo dei café, «Si pud per- sino affermare che questi local siano { progenttori dl parlamento» aggiun- ge Secondulfo, Vaffermazione sembra ardita, ma non lo @. Infatti invenzione” del- Vopinione pubblica generd il concet- fe Eases) to di rappresentaniza: nel momento in cui dalle discussioni si formava un pa- rere condiviso, ci doveva essere qualcu- no in grado di farsi portavoce del pub- Dlico che Y'aveva creato. In quest'ottica Yeletto” eracolui che, uscito dal caffe, resentaya lidea a chi di dovere, affin- ‘ché venisse realizzata. Era unvaltra no- vit assoluta: nella societa feudale ta- lemeccanismo non poteva esistere poi- ché il re era unico detentare del pote- relegittimo, ‘Orcawrzzatt, Poi, nel XIX secolo, si aprirono nuovi scenari, almeno per Mtalia, Due date possono essere prese a simbolo della svolta, Busto Arsizio, 1815: viene introdotta la filatura mec- canica nel cotonificio Crespi. Genova, 3892: viene fondato il Partito socialista. Idue episodi, eronologicamente distan- ti, hanno perd un filo che li collega. In- fatti la nascita delle industrie, di cui i Crespi furono tra {pionieri, cred la clas- se operaia. Equesta diede un importan- te stimolo a formare nuovi laboratori capaci di “fare opinione pubblica”: in primo tuogo{ sindacat ei pariti, Contemporaneamente le classi pit agiate abbandonarono i caff che ten- devano a diventare sempre pit osterie popolar, per rtrovarsi nelle case pri- vate, molto pit accoglienti e riserva- te, Nel XIX secolo nacquero cos i salot- ti “che per" osservava Wilhelm Rinel, studioso tesco dell’800 “non sevivend alla case, ia aliasocita,Alcuni dique- sti, ritroyi abituali di protagonisti del- lacultura, feero dawveroopinione pub- blica: bast rcordare che ilsaloto di ca- a Maffei (a Milano) era frequentato da Alessandro Manzoni e Giuseppe Verdi, e che in quello Peruzi(a Firenze) baz. cava Edmondo De amics. Ma il futuro era dei parti 1 primo, ‘come detto, fu il Psi. Poi venne il Parti- to repubblicano nel 1895. Ela serie con- tinud nef primi due decenni del seco- Jo successivo: nel 1921 nacque il Parti- to comunista, destinato a raggiunge- te, dopo la parentesi in clandestinita del ventennio fascist, iltecord assolu- il 1968 e il 1975 contribuirono a far cessare la guerra in Vietnam todiisriti Nelig6,infati,letesere ma sileggevano i gional, da- on fale emarelloativarono a quota la seconda meta degli Anti 2,068,000, Per avere un termine di pa- si comincid ad ascoltare la radio Il caffé italiano che faceva tendenza Usgeiceimorantedetasora elopiione pubbicaporala firma di unbaist siciano. Fu iftt unpalermitanoafondare, nl ff lettrariod Pari Francesc Procopia el fle piddidue secal aspiarea un ola impo campodellearti, dele lettereo a ta delle sue edie Ir illocalepereccelenca de ‘Gclopedistfrancesi: Volare (di ‘uistconsenvaancorailtavol), Denis Diderot, jean Baptiste Le Rnd dAlembert. Trai suoifre- 4 (quentatoriabitualidel 700 estan cifurono ean Jacques Rou WR se2u, Maximilien de Robe eo quel delI800 Honoré de BalzaceVictor Hugo, iogiornali che dal 1928 presentavano le Cronache del regime di Roberto Forges Davanzati e i Commenti ai fati del giorno i Mario Appelius, OpiNtowt virruaui, Il fenomeno si accentué con la televisione. Nel1953, in piena guerra fredda, nacque in Germa- nia Ovest la Deutsche Welle, che river- sava sul mondo comunista ore di propa- ganda filo-occidentale. E la tv cred an- che { prim{ divi del settore: come Ed- ‘ward Murrow, conduttore fra ilagsie i] ‘57 di Seeitnow, che fece molte battaglie (da pit famosa nel 1954, contro il mac- cartismo). Un pioniere italiano fu inve- ce Enzo Biagi, che nel 961 invent® Roto- calcotelevisivo. {due erano ottimi profes- sionisti, ma la loro opinione era davvero “publica”? Era cioé condivisa da molei? Tdubbioresta. Oggi la situazione é cambiata anco- za, Ipartiti di massa non ci sono pid ela gente é meno disposta a “bere” cid che dice atv. In compenso ci sono Internet e icellulari, che recuperano alcune ca- ratteristiche dell’opinione pubblica del- leorigini. Prima di tutto il dialogo, an- che se a distanza, attraverso le mail, le chat o gli sms, Ma anche il confronto critico. Bastano quest! mezzi per rierea- rela situazione che c'era nei caffé del ‘700? Secondulfo & scettico: «L’opinione ubblica ateuale non ha pitt peso» eee ellis cs Faas a Pe eeu Ser ruiacun Cert vita econtro la guerra a ‘Assoprra, Un gruppo di persone coeso come la borghesia del caffe, che possa fa- reamenodi un leader che faccia da col- lante, sembra non esistere pit, Pud suc- cedere che, grazie alla potenza dei nuovi ‘mezzi, qualcuno mobiliti molte persone nesempio estremo diorien- tamento pilotato elfopinione publica logiedeinazismo nella Germania degi Anni’30@'40, Regista estistega del/opera- Zionefulun giomalista Joseph Goebbels,che, ‘nominato ministro dellaPropaganda del primo gabinetto iter Tel 933, teorizzdepra- ticdilprincpio, tuttora ampiamente utlizzato, Quando i regimi facevano lopi secondo cuiripetendo ‘ontinuamenteno- litle parziamenteo completamente fase, inv essediventanoveree rimangono nella testa Gell gente come tal "maestro". Gocb- belssiinvent’ per esempiolacampagna contro"lascienza sbraica, massonicae bolscevica’edifusela pauradelle“ordeasia- tiche’, che non avreb> Nel 1976 il film Quinto potere denuncié I'influenza manipolatrice della tv sull’opinione pubblica roar # VIE RAPPORT 2 MEI es aa LEU Parsee X TOTALE intomo a parole d’ordine comuni, co- me ha fatto recentemente Beppe Grillo, Per poter parlare di “opinione pubblica” ‘mana perd un ingrediente chiave: laca- ppacita di farcambiare le cose. ° ‘Tommaso Marzarli ne Dero avuto peta peria Germania, Lexgiorali- staconvinse planplano itedeschicheilloro Paeseavrebheavuto un radioso futuro sraziea¢"armimiraco- lose’. Dfondenda rot: tolediquesto genere Goebbels fuin grado di ‘reare consenso intar oa itlere proprio per (questo Btuttora con. siderato, adil delle ideoiogie, un maestro eliapropaganda fel'abitudine wnt THE ENGINEERS OF TIME racers Coens Se alta tecnologia See cnet PORSCHE DESIGN Pe or Cy OUT) erase) eee ee Se “Hiroshima” ot £35960 re ee a 5 Ae Perc “La guora dei 6 gion” ‘od F575 Pr ad ; en mY ee Sei imperdibili DVD per cod. FOB5969 ripercorrere la nostra storia recente. Emozionante, straortinario, determinante, llluminante: ogni episodio di questa serie DVD offre uuv'awincente ricostruzione storica e getta una nuova luce sulle “pletre milla!” del nostro tempo. “La morte di Ceausescu - La ‘fuga dello Sea” Cod. FOASS77 www.focus.it/store Ce “I primi test nuclear - hemody” Co. FO4SS7S IGiteAR VERY ea Matels (oN Tt MIME B ole Oo Rel (lacelg] Presta la tua faccia ai grandi del passato bs Da prima pagina Atel onset trattato. Dopo la sua morte fu Cleopatra fosedaweroinnamorata ds dice Masco, Magli antichilaaecusarono dl aver cet gneralecon fit magic, [Lar Loven nreata Mateo antonio non sierafatopregare pi i tanto: era un el ez0 d'vomo, un imponente sldao a2en- he, isco curato,zsatacontagioa, Forse eraun po rastico, ma dalla suaavevaiate- CODEC) aaa Fee pra etaspeto di Rusel Crowe, Bun debole peril gentil sesso, Si raccon- eat me : ta per esempio che avendo pl ata PMH sentito pariare della bellezca Ropar ie 3 fqn dina figlia del re della Giu- Dre ms dea, Erode, avesse chiestoun: amare rityatto della ragazza, scate- Peet al nando le ie i Cleopatra. a pee ee regina infattinon era immu- Ee iJ ne dala gelosiaesicuramen- See ura : 5 te non la prese bene quan- eos apa RS do, tomato in talia, antonio pretatoa teatroda dive peo aa eee z sposb a sorella di Otraviano, cases Sry Ottavia, per sancire un nuo: Lene dl vo accordo per la spartizione Ceres = dei domini romani: Ouavia- Mee) Cenecnorsey ancora) eavevail volto no si prese !Occidente e An- toniol/Oriente, Cosi, mentre pee cls : Ja moglie era incinta, ebbe oer eeia J Ja scusa per tomare da Cleo- eee ee Fis) patra, Lei stavolta non per- ORS) se tempo e lo ingabbid in un Sete et seers later FJ matrimonio con rio eizio Colbert (foto), ne! ‘ ni in cambio ottenne l'ap- eS > ss poggio per una nuova grande biafurono trasportate e spedizione contro la Persia. ee Oe MATE AMMM ron tvs espantescta prea Faraonica. Neg Cys eu eee a Gell'alleato-rivale, Lo scontro (inevitabile) Dot een obey err cury fu preceduto da una rissosa corrispondenza: MCR ‘vsccccpurnsncicceane Ren Ce D(a erent eam pete oe Elna enor ae ‘prima Cleopatra della rivoaRoma (sopra. con _scinny e Uderzo: Aste- e s er Rae coe aera tonfo, che non era proprio un lord, replica~ Nilo fino aLas Vegas", Initalia, quellostesso _), da cuifupoitratto ‘va seccamente: “Perché ti turba tanto che vada eee ME We ommend aletto con la regina? Noné forse mia moglie|...]? Re eT icc ee ee sce aperta un’inchiesta per chiarire se l'avessero assassinata i Romani Jaeon lei era pit faci per di pit straniera cui, secondo’ ro visse du erché erauna donna ii stessi motivi per storico Dione Cassio (ch Antonie e morta, si tolse la vita da gettandosi sulla propria spa- convinto che ‘vero romano, alcuni, quando Ottaviano entrd ‘apalazzo giocd il tutto per tutto e prova.a se- durre anche lui, Non riuscendoci, si co se l'unica liberta che le restava: il suicidio. L'uumima Leccenpa. «Certo Cleopatra non si uccise per amore, Probabilmente preferi morire da regina invece ct ne come una schiava nel trion no a Roma» § Qualeuno stiene che si punse com uno spillone intinto in un potente veleno, ma la versione pit ac- creditata dis i fichi Il vero aspide (Vipera asps) non vi- ve in Nord Africa; e Valtrocandidato kil, ‘Leobra d'Egito» ae ; Una bionda Cleopas reat ee Pee = Jungo di 8o centimett! ma letale, IncanceLtasie, Con la regina mor ilregno d’Fgitto, ridotto a provinela romana, E, dopo aver eliminato Cesarione, norestd un’unica pr ilcadavere di Cleopatra sino il ricordo. la tomba rega- tenon sia mai stata ritrovata (v, iquadroa de- Puy eee eae eee ee cy Un echidecarenato ETC UE senza tomba eerie Pact CoeecLs (reveene eine) Seer eee rs ary CALCeNe ay Roca ern tra Hawass ha perd annun- Coo ae tas eng Bitsy irene Puree! Cea ecee Beet Sea ETSY Reentry Cee Pee neues Pee Nema affermano che la mummi Correct Tooth ey Guerrier eos Pocono Deane is i, sarebbe stata trasfe- eraser Peter Doha ete) eer one enemy econ Cree Renee rey Er esiscre ts = en Cree cE mes oye Cana cet ealty storico Diodoro Siculo, uno che ee ares osc uch eee koe Peon een einen ee Reece eect ccs Cee Cen ee ee enews tntcy Conon stirs Reece? pie ere te Perens sofisticato circolava per il Me- Sree Ee eet ee wacs prontiarricredervi: a quell’epoca la See eT Cnet to te cten Peace eke ROR em oc kero nts ict Cetera ete Ree Ree coat eet Alessandria d’Egitto, polis greca sotto un cielo africano, la prima delle molte citta OUD e eRe Cerin scr) ‘Magno - che qui riposa in una bara d’oro CSc Seren sate va voluto dare il suo nome, Una metropo- Tevet onenen tects Mes eas ee eli} Ricostruzione 30 del ee una dellesette Dees Soe ecard eee i oggi.Eretto frail ete Cored Peace ern Er ae Romanizzati ‘Sopra, una cisterna di epoca romana. Sotto. un sarcofago inlegno papito dello stesso periodo (I colo d.C.). ‘me la dinastia ormai dectinante che vi re- : faraoni con sangue greco nelle ve- ne, discendenti di quel Tolomeo 1 Sotere che fu braccio destro di Alessandro e che otten- ne la terra delle piramidi nella spartizione dellimpero del grande macedone trai suai pitt fidi generali (v.riquadro a pag. 42). Una schiatta di sovrani di lingua e cultura orgo- gliosamente greche, ma di abitudini egizie negli aspetti a loro pid convenienti, come la concezione assolutistica e gli attributi divi- ni del proprio potere. Intusnawre, Per il mer- cante, !avventuriero oil sem- plice viaggiatore che duemi- a anni fa giungeva dal mare, il “biglietto da visita” di Alessan- deloxizzonte, vsiile da qual- cosa come so chilometri di di- q SUNS stanza, Il suo punto d'origine “SPS eraumisolanon lontana dalla co- sta, chiamata Fao: tn nome destina- toa durare, Man mano che la terraferma s atvicinava, divenivano neti contorn del Ja tome quadrangolae che gli antichicon- sideravano una delle sette meravilie del mondo: 135 metr di altezzacopert di mar- mo eadorni ai colonne di granito, In cima, unvenorme lantema dove specchi di metal Joconcavo amplificavano ace di un fuoco costantemente alimentato, mediante un si- Gua a una Vida ce sla linea oe stema di rampe, da legna resinosa. A colle- ¢gare!'isola el faro alla costa, una diga chia- ‘mata Eptastadio per via della sua lunghezza (7stadi, cioé circa 1.100 metri) e che divide- vaanche la baia circostante in due spazi per Yattracco delle navi: il Gran Porto nella par- te orientale e il Porto Eunostos ("Del buon ritorno a casa”) in quella occidentale. Adia- cente lle banchine c’era Yexhairesis, un'area duty-free dove le merci in transito non paga- vvano dazio, ilche favoriva le ativita pitt con- go. seniali ad Alessandria: la vendita, V'ac- x ¢ guisto elo scambio. Sp Mercanti, armatoriebanchie- ri erano I'éite cittadina, grazie anche all'avanzato sistema valu- tario introdotto dai Greci nella pre- esistente economia di baratto degli Egizi. «Da li le grandi navi “one- Be rarie”, cio’ mercantili, ripart- a vvano cariche di grano, di schia- vi, di merci di lusso verso tutte le cittd del Mediterraneo» spiega Fulvio De Salvia, docente di Egittologia all’Universita. di Bologna. «Alessandria si pud considerare ‘un mix di quel che sono oggi New York, Pari- sgie Londra: i gusti ele mode della Roma im- perlale continueranno a formarsi li, e da IL ‘giungeranno gli animali esotic, i vini pre- lati (addirittura provvisti di un sigillo di “denominazione controllata”), i profumi e gli unguenti, il vasellame in oro e argento, eta tiecy te) icttstrd(ee MTT MET TUETeCelE TTR ele) lepietre preziose, gli amulet... Ad Alessan- ria nascera anche il turismo in senso mo- derno: dalla cittairicchi romani iniziavano infatt il grand tour dell'Egitton, ‘MerRopouiramt, Nella capitale tolemai- ca, brulicante di vita, gli edifii si affaccia- vvano su un sapiente reticolo di vie spaziose, che il genio dell architetto Dinocrate di Rodi aveva incrociato ad angolo retto per incana- lare le fresche brezze marine. A oriente del- Ja citta c’era l'antico villaggio egiaio di Ca- nopus, dove iricchi alessandrini avevano le loro ville fuori porta, e via Canopica si chia- mava anche il corso principale, largo ben 60 ‘metri, che seguendo!'asse est ovest tagliava {in due la forma stretta e lunga dell’ abitato. La grande arteria costeggiava un po' tutti i Punti-chiave della citta: il Ginnasio, dove i siovani di buona famiglia venivano educa- tai saperi ma anche allo sport; il quartie- edi Rakhotis, abitato dagli “indigent” egi 2i; quello reale, con la sua teoria di palazzi giardini e, non lontano, le glorie culturali della cita: la leggendaria Biblioteca e il Mu- se0 (inteso nel senso antico di “tempio del- Je Muse”, una sorta di universita) per secoli uattier generale di quella schiera di sapien- Ui~da archimedea Euclide, da Eratostene a Galeno ~ che fece di Alessandria la numero uno del mondo antico perla matematica, la ‘geografia, la letteratura ela medicina, Ovungue, in giro, un immenso ed etero- geneo viavai multietnico: viaggiatori feni- Ci, italici, nomadi arabi, persiani, aftica- ni, persino qualche indiano, Non mancano ali Ebrei, parecchi dei quali vivevano in un Condominio per l'eternita Scavi nella necropol ‘Alessandria, forsela pid sande de mondo greco- romano (tte 5 mila acu), scoperta solo nelgg7 a archeologi frances FATT! CONQUISTARE DALLA STORIA TUTTI 1 MESI. Fantastico! Focus Storia 6 nuovo: ogni mese da pill spazio ai tuoi interessi e ti propone pid attualita, pil filosofia, pi arte e letteratura di ieri e di oggi. Abbonati a Focus Storia e scoprirai un mensil pit awvincente, pili spettacolare e pill ricco che mail! FP 29,90 ss: | Pa 48,00 SPEDISCI LA CARTOLINA: ¢ gia ettrenceta! VAI SUL SITO: rindirizzo ¢ www.abbonamenti.it/storia VIA SMS*: manda un messaggio al numero 3358831122 indicando nelfordine: i codice 18085 par offerte 12 numeri o 18093 per offerta 24 numeri. Nome!Cognomelindirizzal Numero cvieo!LocalitaCAP!SiglaProvincialSloppureNI!S{appureN)! per indicare rispetva mente il cansenso all privacy 1 ¢ ella privacy 2 ripartate sulla cartolina 1 Esempio: 18085!Anna!Siani!Via Mondadori!1!Milano!20090!MilS!S! Entro 24 ore ricoverai un SMS di conforma dal Sorvizio Abbonamenti Mondadori ‘Stesso porto, stesso mare Sopra il porto a Alessandra ogg con ia rocca dove un tempo sorgevailfaro Adestra, la ct al tempo di Ceopatra i tratteggo indica la modera nea di cost). Da secoli si cerca qui la tomba di Alessandro. Finora inutilmente quartiere tutto loro; ma non si trattava di un ghetto, Minoranza influente integrata al punto da saper parlare ormai solamente il ‘reco, lingua nella quale tradusse anche la ‘Bibbia (la famosa versione “dei Settanta”), 4 fig di Sion trapiantati ad Alessandria go- devano di molti privilegi normativie fisca- iin virtd di talenti che li rendevano cari ai sovrani: non quelli di mercanti o banchieri, come vuole il vecchio iuogo comune, ma di valent soldati nellesercito- tutto mercena- rio~dei Tolomei. ‘SEPARATIIN casa, F gli Egizi “doc? Acasa loro erano ormaicittadini di serie B, con un uolo subordinato a quello dell'éite macedo- ne, ITolomei non si presero neppurela briga di imparare la loro lingua; solo ultima regi- na, Cleopatra VIL, fe eccezione alla regola. Nel resto dell’Egitto i matrimoni misti tra coloni greci e popolazione locale non erano poi cost infrequenti, ma ad Alessandria ene- sit altri due grandi centri greci di Tolemaide Naucrati questi sconvententissimi connubi erano proibiti per legge. Inativi che voleva- no fare carriera stadiavano nei ginnasi, par- lavano grecoe soprattutto vestivano allelle- nica, con tunica (himation)emantello (il chi- tone), si articiavano icapeli,lasciavano a ‘wadizionale tunica egizia di lino ai felahin, { *contadini del re” che coltivavano le ter- re demaniali, eai sacerdoti. Aggiungevano persino un nome ellenico al proprio, e cosi facendo questi quast-greci dalla pele oliva- wna stra ruscivano spesso a piazzarsi nei gradini ‘medio-bassi della corte e della complessa bu- rocrazia del Tolomei. Iruoli di spicco, perd, erano sempre per loro, gli ellenici, che era- no anche gli unici a possedere lo status giu- ridico di cittadini di Alessandria, Eppure tanta arroganza nascondeva un complesso d’inferiorita verso la millenaria civilta faraonica. «Negli affreschi rappre- sentavano razzisticamente gli Egizi come pigmei» spiega De Salvia xe soprannomina- vano le piramidi “focaccine”, e “spiedini” (@ agli obelischi, ma in realta era una reazione i imbarazzo culturale di fronte alle vestigia del’antica e grandiosa civiltd faraonica che si trovavano di frontey, emt suttenans, Nonostante il disprezzo ostentato, i due mondi finirono comunque pet mescolarsi, Anzitutto nella religione, Yaspetto della civilta locale che con i suoi Per l'aldila ‘Sopra, un piatto trovato nella necropolcittadina. Serviva ad accompagnare ildefunto nel suo viaggio rit antichi e misteriosi risultd il pit sedu-+> verso foltretomba, Dieter to era mummia del | secolo Cheer Peer Dal II secolo d. C. Alessandria divenne Culla della teologia cristiana; poi fu la volta dei Bizantini e degli Arabi ente per la classe dominante straniera. La ‘asta dej sacerdoti fu infatti la sola forma i aristocraala egizia che i greco-macedoni confermarono net propri privilegi, mante- ‘endo in vita gli antichi culti e aggiunge: dovene uno nuovo eibrido, quello di Serapi- de, creato dai Tolomei mescolando i tratti di Osiride, Zeus e Poseidone. Conrammaziont, Anche la condizio: femminile, nel mondo greco rigidamente su- Dordinata a quella dell’uome, in epoca ales- sandrina ereditd il uolo molto pid autonom¢ della donna egizia, producendo sovrane cari- smatiche come Arsinoe Ile Cleopatra, e forse anche funzionarie e amministratrici, I sim- boli pit eloquenti di questo meticciato tra la rer) sesruna singe es esr cultura dellFgeo e quella § faraonicarestano comun- que VarteeVarchitettura, «Ber toccare con mano la diepoca materian dice a sorpresa ae De Salvia mon serve andare in Egiteo: basta visitare Pompei. La domus pompelanaéin so- stanza quella alessandrina, poiché la vicina Pateoi (Pozzuoli era al epocail porto princi- pale di Roma: dunqueiilluogo per eccellenza acu i iradiavano le grandi influence cul- turaliellenistiche, architettura compresay, U mondo ellenistico fin} per influenzare persino Y'eros: gi affreschi in stile alessan- drino di Pompei mostrano in dettaglio acro- baziehardetfetmate all aia aperta, con tan- todi accompagnamento musicale, «AlTinizion spiega De Salvia «i stigati senatori romani considera- vano gli alessandrini come gente scostumata che pensava solo a fa- re sesso e divertirsi. Ma il mondo romano non tarderd ad accogliere a braccia aperte queste abitudini, cosi come in origine avevano fatto iMacedoni di fronte alla spregiudi catezza sessuale degli Egizis. I fa- Vasi per profuri dayvero irresistibile, Adiano Monti Buz ore oy ea es Porting Soe ase ee a) del mondo sce nes Pecan oe nce ey ey Daere e Bittner Pier pees Peta een eta Pca iameerctee er Peers Perret tre Pecri ee eaets Pees oe eee Pipe rt eal ae Roo es Peace Eoneeeen eet raccogliere tutto ilsapere del er ee areas ts Seo ements Pyotr ey cel) Co erate approdate ad Alessandria di Perret ‘asportavano, Pair weet Poetry nee rset ences ies Pte eNoieTe RATE ea trimer intollerantiversoilsapere acne Smantellata tre seco pi tar- Ele ares scien Oana tet Perea Peer ieenca Te ctoaeenc ces ee ees Cea re arrestee a es ore eet prs forme, non ¢® acun bisogna Cee [ Stop alla caduta. Via alla crescita! ® Ricapil stimola il doppio della crescita naturale in ‘tempi piit rapidi di tutti i concorrent! La sua formula ha ottenuto otto premi internazionali. Ricapil é un prodotto innovative e tutto naturale, con una straordinaria doppia azione. Da un lato, rlattiva potentemente il microcircolo vascolare:il sangue torna ad affluire e a nuttire il bulbo pllifero, prevenendo la caduta dei capelli. Dall'altro,riduce la produzione di sebo e tonifica il tessuto del cuoio capelluto, stimolando la crescita naturale di nuovi capelli @ Rivoluzionario. Oltre ad essere I'unica formula ad agire cos! rapidamente per favorire la naturale ricrescita, Ricapil arresta la caduta in meno di 30 giori nel 90% del casi B Sicuro. Clinicamente testato in quattro prestigiose universit,Ricapil ha ottenuto otto riconoscimenti internazionali per la sua straordinaria efficacia.E' un metodo tutto naturale, non invasivo e senza controindicazioni. @ Pratico. Basta un‘applicazione al giorno: una fiala da massaggiare sul cuoio capelluto. “Una cosaecerta: lacadutae scomparsa ‘eognimattina scopro {miei capelt pit fotti, gni giorno dip” Unmese di trattamento 99€ Bil secondo mese é gratis! + seve dspese aint’) 100% di rimborso se restituisci le confezior provare é piu che sicuro! Chiama ora! 848 155 507 \_§_$_ Ricapll pud essere ordinato solo pertelefono ‘rofferta mesi solo178 €! ‘due confezioni GRATIS w Super offertal ( 1seurocispeseao!) OGNI CONFEZIONE CONTIENE: 30 FIALE ATTIVE + IL GEL PREPARATORE. Il mare di fronte ad Alessandria ha restituito negli anni molte La figlia di Antonio? pene ares eye ee eae bic (oo Mol THT Ua teagan) oTeCT Cee n Oe) Come eee eae ces) riutilizzato dai Tolomel per eset fee Dura) eer peers aay fase del lavoro degli archeo- aera erent strappatiaifondali,ireperti RI Rucere tenes Perera Reman nui Rather ae jateeuceo oe oir ee obs vaggio: statue eframmenti qualche volta non sidistin- Proce reece SOs erect Peers Perit) Beceem tuna targhetta dirconosci- Coe ‘depostlin una vasca di Cease Creer tect! oercrer or rs Pore ees la frattura dei repertiin pie Pei r Cee ice Eee es erent ee ee cs Rieke rs Crees as | Cee ccy pe ued) che presidiava Crerrclory oes centinaia di reperti. Fra cui anche resti del faro di Alessandria Tomba di conchiglie Pec Cee eoen) Cor Tree Coe ee ee nee ean a Pore crc) CeO n Cee Inasca di desalinizzazione, Pees eos Reece Infine, alla statuetta stata Paes ce eects ‘egina tolemaica Coo onens Coc yea eter eee eee ene ee ee ean appiglio grazie al bulino (un minitrapano) e allo scalpello. Le ultime inerstazion sone state poi rimosse con acid itera esta Gear anes tecey Center eie) cee ay Seca Peers Sue uct Paces ie Detar ice itis oer tens ees acres rote ay Creer cues Pe) RR ar rae i tro Farsalo,in Grecia, dove Peer errr Cerone ea re tm Pirinet Ree) PUR acc ue) dalla suairedelle province rere better cee Pier cuntrec ne Pretec ents Crean eae as Re eee) Cee ec ce CEN een ot. PER cMe cara) Coe ues Pee eins (attuale Albania) taglélelinee Pere ELEC eee roe ee acta Clee P ec EE) ences eee) tee Mara Pose eee pene ar cara Seca Penal ce i= Cnn une gne.e cercd pili volte di rom Pomme ec Peroni coe Ponchos Far an eek Pee eee ‘Antonio e Cleopatra giocarono eon areas) er © SPF centurione coperta di cicatrici «si Tivolse ad Antonio col tono del guerrier® esperto: “Petchénon com «be battianns sit terafernia, dove Sai. séliivinceréo morire2”. Forse aveva ragio- ne. Egizi e Fenici, gli alleati di Marco ‘Antgnio, erand pitt adatté det Romani * -abattersi sill mare contro [a flotta mes- ‘> $a insieme da Cesare Ottaviano, Ma il _gondottiero non vollerispondere; pas- 2,80 dle, imitandost a fargi un cenno coma mano pet esortaro a farsi corag- __ 810. Da dietro il promontorio il sole sta- vagit alzandosia ilu © sminareil giomo fissa- to per 'attacco, "atu amma! Per pri- ma‘cosay Antonio ar- “ringd i suoi uomini. Ricordd.a tuti la pro- pria lunga esperienza © di guertiero cinguan- Uo imma pi > ee ad campo yCera i meglio della tecnolog quante altreaveva avuto il comando? © Dj fronte a loro, invece, @era un co- ‘mandante inesperto, Ottaviano aveva Yent’anni meno di lui enon aveva mai vinto una batraglia, era debole nel - sicoe a Filippi, in Tessaglia, aveva fat- to una ben magra figura, rimanendo a guardare lui, Antonio, vincere contro Bruto e Cassio. I veterani perd non'se la bewero, Se a scontrarsifossero sta- ti davvero Ottaviano e Antonio, forse avrebbero avuto la vittoria in tasca, Ma solo le reclute (raccolte fra asinai,vian- danti e ragazzi poco pill che bambini) ei ‘mercenari assoldati da Cleopatra ignora- vane cid che quel cen- turione sapeva bene: il vero comandan- te della flotta nemi- caera Marco Vipsanio Agrippa, un ammira- Bliogeniale che aveva bellica del tempo: navigli mienito siceess su ogni front (v igua- ‘ro a pag. 62) ‘antonio, mentre parlava ai suo, ii- passava mentalmente lpiaho che aveya elaborato, La sua flotta di 480 navi pre- sidiava l goto di Ambracia (v.cartina qui sopra), un accesso strategic alla Grecia Ingo la costa ionica. E Taccampaménto del suo esercit era a du pass, sulla pe- nisolache chiamavano actium, Macon Je forze di terra non sarebbe mai riust- toa forzareil blocc delsercitodi Ot viano. Qualche tempo prima Cleopatra, che passando in rassegna le ile dei sol- dati tomani amava dispensare consi non richiest,aveva finito (come al sli to) perconvincerlo: 1a oro lotta avtebbe sena'alto avato ragione delle goo navi di Ottaviano. Anche se poco Iontano si scongevano i resti del vascell fate dare alle flamme dopo che le numerose diser- oni liavevano resi inutilizzabili erano ancora in superforita numerica ¢ Anto- nio era sicuro: potevano farcela, sce Eo) een Antonio ad Azio, inun er menencs aa potenti come corazzate e armi devastanti. Ma conto pit la tattica -TRADIMENTr, La sua tattica dipende- vva dal vento. Sapeva bene che, in quel sriodo dell‘aiino ;soffiava verso la co- {ino a mezaogiomno, poi ruotava ver- so nord-ovest, sospingendo chi proce- eva verso il mare aperto. Antonio ne avrebbe approfittato per aggirare V'ala sinistra awersaria, raggiungere il am- po di Ottaviano alle spalle e circondar- Jocon aiuto delle truppe di terra. Non aveva, per, fatto i'conti con Vennesi- ‘mo delatore. “Il tradimento i ce, Sono i traditori che dispre va Ottaviano. E infatti non mancava i ricevere compiaciuto git alleati del- ‘Yawversario che gli offrivano i loro ser- vvigi. Appresoil piano di Antonio, Otta- vviano aveva deciso di lasciar passare le navi nemiche per poi inseguirle in ma- re aperto, Malo scaltro Agrippa glisug- geri una tattica diversa, Quando il vento comincid a soffiare sme previsto, lenavi di Antonio eCleo- patra levarono ancora. Erano gigante- avevano 9 e perfino 10 ordini di re- ‘mi, distribuiti lungo 44 metri. Ognuna cra spintada s72rematori, manovrata da narinai e difesa da 250 soldati pron- tia combattere corpo a corpo nell'arrem- Daggio finale, Le 6 catapulte del ponte davano ad Antoniola certezza che avreb- bero travolto il nemico, mentre le fian- cate rinforzate da tavole quadrate uni- tecon ganci di ferro le avrébboro prot tedairostri metalici che trasformavano le prue in arieti, Uno sguardo.a pop| a prua riveld ad Antonio il perfetto sta to delle due torr dile- {gno usate per batt re con una Pioggia di frecce i ponti nemici. Alconfronto, le trire- mi da 33 metri, con appena 144 rematori, 15 marinai e go uomi- niin armi di Ottavia~ Lo scon7no. Antonio, a bordo del Yammiragia, si posiziond a un'estre mith dello schieramento. La vrata da Cui saebbe dipes il successo della ma- novra era molto delicata, Aveva infor zato la proptia ala destra on 370 navi sudivigein tre squadre: una forza d'ur- to di 20 mila uomini. Al centroaveva la- sciatouna sola squadra affidata a Marco ttavio. La sinistra, era nelle mani ai Caio Sosio, sempre nto retrata, ‘era Cleopatra con la sua ammiraglia, VAntonia, ‘Sulla nave della regina eae im bareati per lopiti mer: cena, oro campito era bloccae qualsia si tentative di dieer- pletate Faggiram fo passando nel cor ‘dojo che si sarebbe pert dope la virata: => | eon SEY Se] larvigeesy dios ured “ hte 2 In palio cera ben pid che l'Egitto. La vittoria avrebbe fatto di uno limperatore di Roma ul fronte opposto, il centro era af dato ad Arrunzioje déstia allo stesso Cesare Ottaviano, Agrippa invece avreb- be difeso.!'ala-sinistra, rinforzandola per anticipare la viata deli’awversarioe aggirario per primo: il piano di Antonio era neutralizzato stl nascere ‘ARREMBAGGIO. Le due ali settentri ‘all delle latte erano ormaiacontatto. ‘Antonio vedeva le sue navi accerchia- ‘te dale trier. Che sfrittando la lo- ‘a ndaggiore velcia le stavano abbor: dando da ogni ta: to. Il generale si sentiva come un assediato. nella sua fortezza 0 su ‘utisola, I croni- sta Dione Cassio, due secoli dopo, rievocando quel ‘momento ormai passato alla Sto- sa avrebbe scrit- to che i cesaria. ni sembravano cavalieri che attacca vvano e poi retrocedevano, mente gli antonian{ erano come opliti che aspet tavano il nemico senza spostarsi di un centimetro, ‘Lesito della battaglia restava incer ‘0.,Le triremi di Ottaviano tentavano (2 Een) di agganciare, speronare eabbordare le navinemiche, Aun cero punto, anche Yammiraglia df Antonie fu arplonata,_ Dalla parte degli Egizi, la vidlenza dello Scontro pesava tuta su timonier-¢ 16 matori, falcidiatia decine, Dalpontel’ dalle tors, Antonio rispondeva cop un. fittolancio di frecce'e "mani di ferro", ordigni metallic che colpivano il ponte awersario uecidendo o facendo cadere ‘inmate soldati nemici, Pareva dayvero ‘un assalto alle mura I cesatiani, sotto una pioggia di pietre,freccee proietili Incendiar, cercavano di spezzare retail e itimoni degli antoniani, Ma quando ‘iuscivano a raggiungere i ponti nemi- Gi, venivano respinti con lance e sui Intanto, dalla terraferma, giungevano Jeurla di incitamento dei due esercit Svours. Poi accadde qualcosa. Qual- cosa di inspiegabile nel mezzo di uno scontro ancora aperto, Alcuni remato- 1i della flotea di Antonio alzarono i re- mi: era il segno convenzionale della r- sa, equalcuno comincid cosi ad arretra- re. Nello stesso moment, 0 forse ancor prima, il generale aveva visto 'Antonia allontanars, “Che cosa succede?” si chie- devano icomandanti di Ottaviano. An- tonio,e Cleopatra ripiegavano, ormai certi della sconfitta? Di sicuro, vedendo andatsene l'ammiraglia di Cleopatra, +> © Crea diMarco Cee) ares estia. Eppure eek eter Peary Ser ea trains Cesare, Fuluia riorganizzare, Peek Pico) cheavrebbe reso ened OA any Corre tans Cees al eee a Pica PE ce Crean PoSciay ee celebrareirelati- Ree acd etc) ilsuo comandan- era er retry Puri ea Catt etary Carrs dinariointuito ae Cer Perey ioe rhe Fos u Peartaays ear Ceo US Pee omer’ Pets Pe eeies eet ioe) Prac Tey enters due estremita: err Serre) one! Foner stremita eeu eta eee Per ee) ees ery core] Poe eee Peery peed Prien ee poets see iene ear Perna} Agrippa alle cari- Pas ce eis ry Poors ai Preeintatacy ce een aed Prarie) lorendituo gene- en) ca itera = _yondata di potenza purg Arriva uO contro i chili gj » Giorno Notte troppo, In esclusiva assoluta per Pltalia. Dalla ricerca Giorno & Notte®, I primo mese é in regalo! 3 mesi di trattamento al prezzo di 2: solo 123 euro. (+ 15 euro di spese di ritiro?) ‘1 mese di trattamento 69 euro, ipronto per una potenza ‘Assumi con costanza (+ 15 euro di spese di ritiro?) saturale maivista? Epronta per | Giorno & Notte con FucoPure™ feFulimagenerazione diGiomo | #!sociatoadalimentazione | (@RRATIS) ENotte",conunnuovoingred+ | controllataea moderato peERTE! ‘ente ad elevata concentrazione di pesrense Decne ‘principio attivo. Il Fucopure™, estratto da un/alga marina giapponese, Eun'innovazione assoluta nel campo dei coadiuvanti per perdere peso: contrasta il grasso, in particolare gli accumuli del tessuto adiposo addominale, attivando il metabolismo e la termogenes. ‘corpo, nel produrre energia, utiliza cosi i grassi accumulati, aiutando aridurre in modo sensible girovita. La NeOpuntia®, faltroingredi- ente esclusivo di Giomo & Notte®,é un estratto purssimo del cactus Opuntia Ficus indica: nella sua furzione cattura-grass, il 30% pid -attiva del chitosano; e la CactiNea™ é un potente antiossidante, fonte di vitarnina C ed E:contrastala rtenzione idrica ela fastidiosa sensaz- ‘one di gonfiore. Giorno & Notte con FucoPure™ é attivo come sempre, ‘: r ‘. : oy pound ia cdalsrit execs Garanzia totale di 30 giorni, - ultima generazione di Giorno & Notte® é la soddisfatti o rimborsati F) pid potente di tutte. £11 momento ideale per ‘tomare in forma: la forza della natura é dalla CON OGNI ORDINE IN REGALO PER TE EIT mes eure eerie GUIDA AL SUCCESSO. I consigl dei di GEEIIFEIFIFIIFIFIOFEIFIIFIIFIIGF mt CII II FS Z Sulle navi di Cleopatra e Antonio in fiamme, molti preferirono uccidersi piuttosto che morire bruciati ‘Antonio pensd aun tradimento della re- gina, oa un ammutinamento dei mer- cenafi, Fu sopraffatto dall’ansia e fece quel che un comandante non dovreb- ‘emai fare: le and® dietzo, lasciando i ‘subi uomini senza guida. Lo storico Plu {arco descrisse cosi quel momento fata- le: “Antonio dimostrd chiaramente di non ‘comportarsiné da capo né da uomo, edi non esserein gtado di agirerazionalmente, ma— ‘come qualcuno disse, scherzando, che Vani- ‘ma delimarorato vive in un corpo alta ~ di farsi trascinare da quella donna, come se osse nito ali simuovesse con le. Infat- ti, appena vide allontanarsi la sua nave, di- mentico digutto, tradendo.e abbandonando cola che contbattevanoe morivano per lui, siteasfer suuna quinquereme|...esequlco- leiche Vavevd gid tovinatoecheavrebbefini- todrovinara”. : Seillcomandante disertava, i suoi uo- mini for-potei‘énd che emularlo, Alcu- ne navi si diedeto alla fuga, rovescian- do in mare'te torr d’assalto per essere pid veloct, Altsi non futono altrettan ‘to pronti, Ottaviano, sempre posizio- nato all/ala opposta di Agrippa, decise di tagliar corto: ordind alle catapulte di lanclare vast ricolint di carboni accesi e pece, Beit presto i grandi vascelli furo- no avvolti dalle fiamme, Cli antoniani cercavano di spegnere gli incendi come potevano: prima con le riserve di acqua dolce, poi con l'acqua marina, infine gettando mantellie addirittura cadaveri sulle fiamme. Il vento, che nella mente i Antonio avrebbe dovuto assicurare lo- rola vittoria, divenne il miglior alleato di Ottaviano, che dovette solo attendere che il fuoco finisseil suo lavoro, OLocavsto. Sulle navi in fiamme fu inferno. Alcuni si salvarono tuffando- siinmare, Anchesenon ceranocatene a legare i rematori ai banchi (le ciurme romane erano formate da uomaini libe- 1) furono molti di pitt quelli che mori- ono soffocati dal fumo, avvolti dai ro- ghi o travolti dalle strutture della na- ve che crollavano, Molti preferirono uc- cidersi Yun I'altro piuttosto che subire quella tortura. Ottaviano catturd 300 vascelli e life. ce bruciare. Ma prima fece prelevare i i Gr RUC cae STE rostridibron- zo, Liavrebbe fatti fonde- re per innal- zare due mo- ‘numenti e.ce- lebrare quella vittoria: uno nel Iuogo dove sorgeva il suo accampamento, I'altro nel tempio del Divo Giulio, aRoma, Finrro. Affranto dal disastro, Anto- nio era ormai a bordo dell'ammiraglia 4i Cleopatra. Ma non yolle neanche ve- dere la regina. Seduto a prua, con la te- sta tra le mani, rifletteva sui propri er- rori, Si maledi per aver dato retta alla sua sposa, tentando I'azzardo sul ma- re; ed era amareggiato dalla fuga della: sovrana egizia, Passarono tre giorn{ pri- mache i due si parlassero di nuovo, An- tonio si sarebbe suicidato un anno do- o, ma in realta era morto in quel gior ho di settembre. Antea Fredian Vincitori e vinti ‘Sopra, Antonio raggiunge Cleopatra in fuga. Alato, le ovine di Nicopoli cit ella vittoria’) fondata da ‘Ottaviano pressoilluogo della battagiia, SOLOSU QUANDO LA TERRA SI RIPRENDERA LA TERRA NSO] Lar SSO] MULE Mae) Lae WoO) s1 to 1 area) CO ore Oe Uru LO eS eee mac effetti speciali e gli interventi di biologi, ingegneri, climatologi e grandi scienziati vi faranno assistere PIS e Reo oer ee eC eM eee cee CSCn GSS La tv che fa storia. THE HISTORY CHANNEL. A SOLI € 8,00 IN PIU! a eR: RIVE Uteee DMEM Lr intervista B osclusive ai div B cel momento Da oggi Focus Junior & ancora pit sorprendente, emozionante, divertente con nuove a = . Tubrche, tant giochi e articoll sempre pid coinvolgent per tuoi ragazzi n ic: questo ff KOLA N ni mese il videogame Wild Earth, un viaggio appassionante alla scoperta dell'Africa sel- — vaggia. : a ‘ a z % Jendicativa come Uma Thurman in Kill Bl. Tragica come un'eroina di shakespeare. Leale come un sa- mentale, passionale, spietata, come sa esser- lo solo una donna ferita, O una madre a cui hanno strappato il figlio in una guerra ingiu- sta, Tomiride, regina dei Massageti, @ stata tutte queste cose insieme. Nel VI secolo a. C. governd il suo popolo, ‘una tribi dell'Asia Centrale, ai confini nord- orientali con la Persia. Lo difese dagli attac- chi dell'imperatore Ciro il Grande, che stan- do ai racconti di Erodoto - uccise insieme ai suol soldati per vendicare la morte del figllo, Non contenta, immerse la sua testa nel san- gue dei nemici e bewve, inveendo sul suo te- schio, dicendo: “Tu hai ucciso me, anchese sono viva e tiho sconfitto, sopprimendo con Vinganno ‘mio filo: oraio ti sazier® di sangue, esattamente come ti avevo minacciato”. Coraggiosa e com battiva, ispirata dall'amore per il suo popo- lo, Tomiride @ diventata simbolo di vendetta e amore materno, ai limiti della follia. Diet pparld per primo lo storico greco Erodoto nel- lesue Storie, ma successivamente anche Stra- bone, Cassiodoro e Polieno. E se le fonti tal- volta si contraddicono (Senofonte, nella Ciro- peda, scrisse che Ciro mori di vecchiaia nella. ‘sua Teggia) Erodoto racconta il confronto tra laregina e il Gran Re come un evento pulp. Inpomrra, «Era intelligente e nobile» rac- conta Guglielmo Colombero, che a lei ha de- icato Tomyris, la signora delle tigr (Falzea), un romanzo storico di prossima pubblicazione, «Tomiride anticipd i valori di parte del fem- minismo contemporaneo, rifiutando di spo- sare in seconde nozze Ciro, simbolo del pote- Te, per difendere il suo popolo. Dopo la morte del marito governd con lealt& eonesta. E gra- zie alla sua autorita riusci a preservare i Mas- sageti dal dominio persiano», La sua storia ebbe inizio nel 529 a, C. Ci dopo aver unificato sotto il suo regno le tri- bitiraniche, aver conquistato Babilonia (540 a. C.)e prima ancora la Media (550 a. C.) e la Lidia (546 a, C.), rientrd in Iran come “Re Gelt’Universo", investito di tutti titoli della Mesopotamia edell’Asia Minore, 11 suo obiet-+9| ora ele eee rue Seen Piteuncuy teggenda, la regina del=, Deer mona etl eke erie ‘el sangue. ‘Massageti popolaronai ‘eit a nord-est del fiu- Ie chelo storiografo greco Erodoto chiamava Arasse Si tratterebbedelfodiemo Amu- Darya, traTurkmenistane Uzbekistan. Appartenevano alfantico gruppo degli Sci (Quel oriental, chiamati Sala), nomadi che abtarono ‘railMar Neroela Siberia formazioni dl Erodeto sono sempreverficabil axcheologicamientes spiega BrunoGenito, ocented Archeologiae storadelfare iranicaalfUnivessita Lorien- ‘alec Napol. Cannibali verosimilepe- ‘Behe, come dicevalostonca sgreco,praticassero sarifcl ‘mani prosegue Resperto: «Era unfabitudine, semira,abba- stanza diffusa nella tradizione omadica Cosicomeera ‘requenteche figure femiminilsdistinguessero perincarichi militar o polit, Perchéln quelle cuturela donna rivestiva un ruol pit importante che in quelia _reca, Mltarmente gi Siti erano abbastanza evolu O!- ‘reallintroduzionedelfarca chedaessipreseinomedi “scticn (foto elaborarono.un ‘ipo difreciaconla punta ‘wealette, pil aeradinamicae tagiientor, Di carci eat Ce ee Sue ca) della sua tenda con soldatie cortigiane. P \ Ciro il Grande sorprese i Massageti con l'inganno Cy facendoli ubriacare: non conoscevano il vino tivo, ora, era occupare il teritorio dei Massa- 4geti, per procedere nel suo progetto universa- listico: fondare un grande Impero persiano. Gran Re, racconta Erodoto, marcid contro iloro, certo di portare a casa una facile vit- toria. Come un eroe al culmine del successo, on un’alta considerazione di sé e convinto ai essere “quatcasa pid che un uomo", era sicu- ro che questo bastasse a renderlo irresistibi le, Non solo in guerra, er prima cosa, cetcd di risolvere diploma- ticamente la questione con i Massageti pro- ponendo a Tomiride di diventare sua sposa, ‘Ma la regina, rifiutando di barattare I'amo- recon il potere, respinse l'offerta. Ciro allo- ta passd al contrattacco: dichiard guerra alei eal suo popolo iniziando, con un inequivo- cabile segnale offensivo, a costruire un pon- te lungo il fiume Arasse, che separava i due Tegni, Per indurlo a desistere dall’impresa, sempre secondo Erodoto, Tomiride gli invid ‘un araldo con un messaggio spavaldo: "De- sist, regna sul tuoi terrtorielscia che noi regnia- ‘mo sui nostri sudditi. Maso gl che non vorralac- cettare ¢ anzi tutto vorai fuorché startene in pa- ce". Quindi proponeva: *Percd,sedawero aspti tanto a isurarticon i Massaget lascia perder ponte sul fume che costa tanta fatica; passa pu tenet nostro tert, ie nostetruppestritiean- foatregiori di camino dal fume. Seinvec pre- fers essere tu adaccoglere no nel vsto Paes, allorafaitulestss cose”. nwwstows, E a questo punto che ha inizio laparte pit awenturosaedefferata del dram ma, Ciro, con 'inganno, mand sul campo, oltre fume, ireparti meno valoosi del suo esercto, allestendo nelle vicinanze ricchi banchett a base di came e vino, Sconfitte facilmente le truppe avversarie, i Massageti siillusero di aver vinto la gueraeiniziarono a bere e mangiare approfittando della men- sanemica fino ubriacarsi completamente. slacosa fu estremamente facile, in quantoi Massageti non conoscevano il vino» spiega Guglielmo Colomabero al loro “sballo” con- seto non era alcolico, ma tossico: eranocon- sumatot di cannabis, che solitamenteaspira- vano, bruciandola in grandi falé collettivi». Solo quando furono completamente ottene brat dal'alcl, arzv6 il grosso del esercito i ciro che, senza dificolta,ucciseefece pri- sfoniert moltisoldati tra cui Spargapise, f-+> THE ENGINEERS OF TIME CO Ca Rn ccs See te gn ea es Ce eee) Se ee ee ne eee) Cee eee stanio nero custodisce un sistema ad alta tecnologia che eee eee ee ec PORSCHE DESIGN WORLOTIMER moa), SR oe ee Le ee ie es eno eae diTomiride sicuramentepintucda eastuta, Artemisia laregina dela Cara (relfattualeTur- chia) chedopo la morte de mato ne pesei posto come tiranno di lcamasso, ‘cordata soprattuttoperaver partecipatoallabattagiana- ‘ale diSalamina (0a. C) Ma calla parte dei Persian ‘Alleata ders, nipote dir. iNGrange,fuunia donna Celantichit che ebb fonore ‘iicomandareuna tra Spregiudicata.lgreco Eo- oto, nee Stone racconta che duranteicombattimenti, rischiando di essere sper rata daunatireme greca, ‘Artemisia afondo una wicina navealleta, disrientando ‘Icomandante éelfimbar- cazione awersariache cost id verso unalvo abit. ‘ersenelaconfusione dello scontro,credettecheArtemi- sia avesseaffondato unanave nemica él termine dela battagia (besa) fa copr di ‘ono dicendo: “Cos fe donne mi dventano uomini eal tuominidonner” ‘Suilcida,Icolpo di genio (ociturbizi) a artemisiz omiapreservéperd dale delusion’ sentimental La Jeggenda vuole cheanni dapat scontro di Salarina, sofrendo per unamorenon Corispost, prefer toglessla™ \ita butandosi dallaruped Leueade, nel mar Ego, glio di Tomiride, che al risveglio, peril diso- nore, scelse di togliersila vita. ‘TREMENDA VENDETTA, «Laregina, una don- na gia in lutto per la morte del marito, alla notizia della morte del figlio impazzi di do- lore. E meditd vendetta. Una madre a cui si strappa un figlio é capace di gesti estremi, follin, Sentendosi tradita, constatato che Ci- ro mon era stato leale, la regina raccolse le ‘ruppe rimastee attaccd l'esercito nemico. Lo scontrodurd a lungo, fino. che le milizie per- siane, a colpi di frecce, lance e asce (i Massa- geti, in gran parte arcieri, combattevano so- prattutto a cavallo), furono completamen- te distrutte. In battaglia cadde lo stesso Ciro. La regina cercd sul campo il suo cadavere, fe- ce riempire un otre del sangue dei nemici e, jmmergendovi la testa del Gran Re, bevve dal suo teschio inflerendo su di Ini e gridando la sua vendetta, Il gesto, interpretato da alcuni storici co- ‘me un rito barbarico, é stato considerate da altri, soprattutto scrittori e artisti, 'espres- sione estrema di una donna disperata. Non a caso ha acceso nei secoli limmaginario di molti pittori, tra cui Rubens e Moreau, che hanno rappresentata in due celebri dipin- tL Edi Shakespeare, che I'ha citata come esempio di passionalita femminile nel suo Enrico V1. Donwa comsarriva. Ridurreilge- sto della regina a un'usanza rozza e Nel 1715 il compositore Alessandro Scarlatti si ispird a Tomiride per il melodramma Tigrane incivile sarebbe riduttivo, 1 Massageti non furono solo una popolazione barbara, noma- dee bellicosa. «Non si puo escludere che ab- biano avuto scambi commerciali con le pit evolute popolazioni greche» spiega Colom- bero: «lo testimoniano i reperti di arte ora- fae vascolare ritrovati nelle loro tombe, che confermerebbero anche l’esistenza di un’or- ganizzazione militare abbastanza sviluppa- ta. E probabile infatti che dietro la vittoria dei Massageti ci sia stato anche I'utilizzo del- Varco scitico, ancora sconosciuto a Persiani, che permise all'esercito di Tomiride una git- tata superiore, circa 100 passi (75 metri), ri- spetto a quella degli archi delle truppe rival. Nésipossono escludere, infine, contatti con alcuni pensatori greci, Anacarsi peresempio, un principe scita che viaggio per tutta la Gre- cia, annoverato trai sette sapienti dell’anti- chit8, potrebbe essere entrato in contatto con lastessa Tomiriden, Did che barbara e sanguinaria, I'immagi- ne che della regina dei Massageti emerge & quella di una donna guerriera. Che si oppo- se aun despota e reagi alla morte del marito del figlio con determinazione. Forse anche ‘per questo nel cielo c’é un asteroide che por- tail suo nome: "omaggio a una regina che seppe essere guerriera senza Fe dimenticars di esseredon- = Dy naemadre. ° ee haa Rt Per alcuni abitavano le regioni intorno al Mar Nero; per altri non sono mai esistite; per altri ancora, nell’antico mito delle donne-guerriero c’é una parte di verita Esc] Leroe greco Teseo, re diAtene,affronta le ‘Amazzoni che avevano invaso tAttica, Ma finira Per sposare una di lor. {nii, poco socievoll, combattive, petfde, impietose: delle Amz ni, il misterioso popolo di donne fguerriere vissuto forse intorno al Mat Nero nel I millennio a. C., non sono ri ‘masti che particolari come questi, raccolt nt racconti degli scrittori antichi. Fppure, aun secoloa questa parte, trail Kazakistan €1'Ucraina gl archeologicontinuanoa trova- re tombe di guerriere vissute circa 2.500 an- nifa, donne ben diverse dalle prime antiche casalinghe del mondo occidentale, Ma que- alischeletsi accompagnati da gioiel, frecce faretre bastano davvero a dimostrare l'es- stenza delle mitiche feroci Fantasie, eLe Amazzoni stite: si tratta di un popolo immaginario creato dai Grecn taglia corto Stefano Andres, storico dell’Universita di Pisa. «Un'invenzio- ne, perd, che si basa su precisi fondamenti storici. In alcune culture nomadi del!'anti- chita le donne combattevano dawvero: abili con le frecce, le gambe arcuate dalle lunghe ‘avalcate, facevano la guerra e cacciavano a flanco dei loro uomini», Ma a differenza di quello che si diceva facessero le Amazzoni, nnon uccidevano né mutilavano i propri figlt ‘maschi, non si bruciavano il seno destro per tirare meglio con I'arco enon avevano bandi- to gli uomini dalle loro citta. ‘Le fantasie dei Greci parlano anche di un altro popolo misterioso, che sarebbe stato scoperto dal generale fenicio Annone nel Gol- fo di Guinea nel VI secolo a. C.: pericolose creature dai capelli lunghi che i locali chia- mavano “gorilla”. Con grande coraggio, An- > Si diceva che le Amazzoni si mutilassero il seno destro perché non fosse loro impiccio nel roe suse a portame alcuni esempl 3 Cartagine, dove le loro pellice furono ci tiro con l'arco ecoli, In un certo senso, per anc impanaé erano un popolon jogo Marxiano Melotti, doc civita del Mediterraneo all'U pee dire “senza mammella", da aneumazon, Pen- savano infatti che con tn apposito attrezzo dibronzole Amazzoni bruciasseroilsenc de- sto delle propre figlie, per evitare che sv- Iuppandosi potesse essere @impiccio nel ti To comarco» spiega Andres. Secondo atzc— pil faniasioseintexpretanioni ‘loro nome Signitichetebbeinvecs**erz_ pane” (a moza Gin eteco)= ui po! come fanno ogg le segua- GGleonuintedelc ete iperproteiche, secon- Goi teadietone le Amazzoni avrebbero in- Eettimmameato mola came, pochi carboidra- GGemiente pine, Altri infine sostengono che BeiiatSsero cosi da a mazs, che in greco Waolaie “senza latte materno”, perché per Sibtblele crescere come “femminucce” priva- Ha le figli della poppata al seno. Berro wuvo, Una debolezza, questa, che lalla donne guerriere non potevano permet- BEG se allinizio avevano infatti presole ar- Eiuper difendersi dalle aggressioni esterne, Bile volta pacifiati i confini ci avevano pre- so gusto esi erano date alla guerra di espan- sione, Secondo gi storiografl antichi giunse- ro ino allattuale Siri, controllandoa lingo Asia Minore, dove fondarono anche parec- chie citta. La loro forza stava nelVesercito, sumeroso, che combatteva'= cavallo. Sttac- conta che si denudassero prima della bat- taglia per dimostrare che non avevano nul- ia di fernminile: ma questo @ quel che pen- savano gli ingenui maschi. Chi pud dite che non lo facessero invece per distrarre I nemi- co? Ineffetti, nelle rappresentazioni antiche su vasi e bassorilievi, nonostante vestissero {in modo poco ferminile eavessero Vaspetto i rudi fantini, con abiti, copricapo, cintu- ae stivalett in pelle, le Amazzoni avevano ‘un certo success0 con gli uomini. Anche con quelli dai gusti diffcili: Achille, per esem. pio, combattendo contro la bella Pentesilea durante la guerra di Troia, prima la trafisse conlaspada, poi si innamord diel guardan- ola morire Evidentemente gli occhi dolci non basta- vanoa frenate i colpi del nemico: percid, du- rante i combattimenti descritti nei poemi greci, le Amazzoni si difendevano con la pel- ta, un piccolo scudo di cuoio o di legno a for- ma di mezzaluna, e usavano armi leggere e maneggevoli: Ie loro preferiteerano 'asciaar> Abili cavallerizze Guidate da Pentesiea, le ‘Amazzoni presero parte alla guerra diTroia dando parecchio flo da torcere ai Grecl, prima di soccombere |i) Ad armi pari ‘nalto ein basso a destra due particolar i una “amazzonomachia’, cioé tun combattimento contro donne gueriee. Dalle steppe dell’Asia alle foreste brasiliane ‘he fanno 'Amazzo- nial RiodelleAmaz- niin Sud America, cos lontano da dove, secondo iGreci,visserole Amaz- zoni?iimito delle donne bdevia moto fing elt, mao La presenza di maschi era indispensabile Fsolo una volta all'anno, per potersi riprodurre due lame e Varco. «Si tratta in realta i armi simboliche: l'ascia ricordava Ja luna, simbolo femminile, e l'arco era 'arma di Artemide, la dea greca della caccia venerata secondo il mito dalle Amazzoni» spiega Andres. Ma, —S almeno tra le divinita, c’era posto an- che per gli uomini: le Amazzoni si con sideravano figlie di Ares, il dio greco della guerra, da cui avrebbero ereditato la foga bel- licaeabilita in battaglia. UoMmint-occerro, A esclusione del padre, sli altri maschi non suscitavano in loro al cun interesse: ta gli storici antichi c'é chi It descriveva ridotti al ruolo di “casalinghi” re- missivi; nel migliore dei casi a uomini-og- getto richiamati, una volta l’anno, alla lo- ro unica funzione utile: quella riproduttiva, In quell’occasione le Amazzoni si concedeva- no agli abitanti dei villaggi vicini turandost {lnaso, nelVoscurita, per rimpinguare le fi- le del loro esercito.{ patti erano chiari: se na- sceva una bimba se la tenevano, se nasceva un bimbo lo restituivano al mittente (o, se condo altre versioni, lo eliminavano) ‘Non stupisce quindi che siano stati proprio sli uomini a causare la scomparsa delle don- ne guertiete, Secondo il mitoilloro regno du- 9 pitti cent’anni, poi le Amazzoni siestin- ‘mano che luoghimiste- ios (come fOriente peri Greci delepoca di mero) diventavana not, laloro collocazione cambio. Esplorazione. Nelisg0 ilconquistadorspagnolo Franosco De Orellana partidal Pertesiinotrd Dermesitraforestee Matafionnavigb altrinove ‘mesisu quel corso €acqua verso costaatlantica, accogtienza dei nativifu ‘uitaltro che cordiale. Belle ecattive. Stando alloraracconti, lunga sero lentamente, strettenef loro antichi con- fini, dopo aver perso Vegemonia sui terrtori conquistati.Colpa del mitico eroe greco Bel- lerofonte, chea dorso del cavalloalato Pega- = sole decimd dallalto; del macho Erace (alias Ercole) che ne fecestrage mentre cercava di {mpadronirsi della cinturad’oro della regina Ippotita;e del re di Atene Teseo, che le scon- fisse iberando la cittA da un assedio durato quattro mest Esnivre. L'ultimoa incontrave, secondo git antichi, fu Alessandro Magno, Nel 330. C., durante la campagna orientale ai confin del Vicammia (attuale ian), il condottiero mace done sarebbe stato raggiunto da un esercito 4i Amazzoni guidate dalla regina Talestri. La donna aveva percorso tutta quella strada per fare ad Alessandro una proposta indecente: ‘Tu, che sell pit valoroso dal urn genera de faticon me, che sono a pit valorsa dell donne’ er 13 giornil macedone prestb la sua opera, benché lei, cosi mide, non fosse certoil suo ti po. Poi ciascuno torn alle sue occupazioni Ditia pocoil popoio del Je Amazzoni si estinse Vinvineibile condottie rononerastato allaltez- zadelvimpresa, —@ MariaLzonardaLzone Per diventare Junior si comincia da Pico! Focus Pico, il primo giornale fatto apposta per i fratellini. da? anni “www.focuspico.it nome Wer dire “vittoria”, e dalla Britannia lancié la Budicca Ree nS ac Me Teac PeSeeMecc emer icy pom sees eee Sacre Tere fianchi, Occhi: chiari, di colore indefini- Ren ener ers RR Nes een once Peer Cooter Care co ted 'oro, una spilla ferma-abiti euna truce lan- BUC Nee cam Budicca condusse nel Pec Roney enue) era TS} SIRE meee Mure ms ea cele} lady di ferro niinvasori, Di norma gli storici moderni la Seon eee eee ‘tramandato in molte varianti: da Bundui Cee eens tea Cet ee eee te me non era, andate a Londra: all'imboc- co del ponte di Westminster, davanti al ee ee eee CCR aes eset ree ‘me un’Atena vincente, con tanto di peplo greco e di figlie-ancelle nude al seguito, Pe- SEN eaeee eecs at tore ufficiale della corte vittoriana, farcito Ce eee Eke Te CeCe ne ar Me eee riciclare Vantica ribelle in “prima regina ‘nghilterra”, orgoglio di un Paese diven- eu ORS UeC core tom ot ey pCa csc ETE ST ea SCO core ere eters co che anticamente abitava le attuali Gran Cae ee ocr eee ees teriazb come detentrice bensi come anta- Peco ene tenets soloilnome (tuttora in galese buddug vuol See CLE eT att romantica ed emblematica epopea da per dente, stile Che Guevara, Dee ee ro Budicca prendete due-tre libri antichi, nee cee da cui trata la descrizione della “regina” aoe see tee et ores teda gabbiani eanatre selvatiche, Gii en Peon Rees tivavano grano, allevavano bestiame, par CUO eco eeet ae Pr i oy Aer CRC OC ULE MC LeeLee se) Pe ee ee Me Re a Tea ‘un osservatore al di sopra di ogni sospetto, _ni, li espropriavano dei campi, chiamandoli pr- Page Lae eet Sete cee See BU Muli dei Balcani Pes eer noc mee raises) Canale trantosu re indirezione Albania cree] Te ey cere Peter prune es Ems Perris attual Grecia, Croazia rene cot wag Pees re aie atia Pera Net Pen teres beet yA ee ra id Poet Pentel altrono perché suo ma- Pascua Croco) Pree ene] Peer Mens Ronietceiect SU EMEReLITtcy ete es rents Bore Cty ee ou Foner tivodioccuparele peed Adritico, ea Peet eo creer a oer acl SPR cn earned Pee Prem) Pp ete oo acts Deen Brore anonnavigarecon pit Meee pre Pee Pena suolabitanti ex PIER eer Eo ee TEU Lee icy oceans Eee Pocus Cree ees zarsipurdinon piegarsi, peace eee pe RC rane E mary See clara) ete cto) Cee eee eee) Ror nas Rea Pec eum eet ‘comeamante un uomo Seen mens Cicero cet Rear ee Pence om Kec) cen eae Ra rae eee) 4.C.Carataco,battuto uc oe ee cue enum) Peter ee eee Len cern ey ean ees nella regione delfodierna RE aRe ET Coke er wes ees PO crn oT Cetera] Poet are ae at eer ere net] Aaa Peeetnaera) one ienie enced areca ers libidinosa”epriva di Cee feu FS UE te e-eeenTCeNVC LL) Xela ee ERE MTR Rell | De eTocs CO Seca tafortuna”, Poi fu solo panico: ci fu chi dis eaten on ceeon Ty Saree et tty Peeree rt ectennacs vata riversa all'indietro, on aoe Fer eee on che infiltrati di Budicca alimentavano tra ea eee ea POS eee eet eee Ue CI Pen Ce eee Penson eee ears Ja fanteria di un'intera legione (la IX) fu Seen amt m Ce sima autorita romana sull'isola, fuggl in Callia, L’oltraggio a Budicca fu pagato.con Peete cece ene Semen y ere Re rGeniC eet ty a ‘manon poteva tollerare di essere messa al- lecordeda una donna, per giunta barbara e CC eres ects proconsole dal nome buffo, Svetonio Paoli- no, in “un luogo dal'accesso angusto, una gola Cee eee core EUnet eee oa tenner ad nee rence eee Coe User Rnecesra i teartct stare tess Merce) por 6r4.C, Budiea entre mee Pare Cee aed Eresret tent Ce ease SOE emo ecn Te Reet coon te Eee oP Une reece tater Se ee es eee See ee te Pere ence oma Seco ect cere one is Serene ete ceo Jarono con metodo tutto cié che si trovaro- oe te Soc) Budicea fu catturata viva e gettata in pri- Oe cor hie eee Peery Dee oe ORO Teey eae tece een nT SOc eee ented 5 Ca cutee Deere ee cc Tet eas pper secoli si dimenticarono di quella loro antenata, che si era opposta a un impero arrogante, a difesa della sua dignita. Curio- samente, se ne ricordarono solo nel primo Seed ek eee nes ee ere tice eee trac rs be Prreren uta ieco’ See mec) Teas eune pets eat reece raatinre tet mentary piitreale, Anche perché q anni fa, presso PrEnement Non eset) Deere cen Testy eleganza, attribuito proprio a lei, Soe acer) Coreen Ronse et iecs seit eRe keen Peer easc ie cee renee ney eee er erty Se enced forme ont a Re | | | | t k : Cleopatra Ernie Bradford (Bompiani) Unritrattoinsolto che mette inluce le qualita poltche i ‘leopatra.al ila della sua im- magine diseduttrice. | Sleqpatra, ultima | deifaraoni Ecdith Flammarion (iecta) “Tutto quello che c& da sapere sulla regina dlEgitto sul suo tempo. sulsuo mitoin una sintesiagileedettagiata Cleopatra Colleen McCullough (Rizzo) I) L242 Cleo. trainunawincente ‘MeCULLOUGH}} romanzo storico,sul- | J] sfonde dunce } |] inti. Cleopatra (amato) Unoignaleecred- bile biogafaafumett neo stledei manga giappones Machiko Satonaka | segreti delle regine | Sovrane, guerriere e grandi donne diieri raccontate nei libri di oggi. Passato prossimo Eva Cantarela(Fetrnel) Dalla leggendara Tacta Mutaallematronee vicende esemplari delle donne romane in un ibro chedelineaiuol, spesso decisiv,dimogl eamant nelfantica Roma, ‘Alessandria Edward M. Forster (Rizzoli) Una visita alfantica capitaletolemaica con tna guida deccezione i grande romanziere eviag- giatoreinglese Edward M. Forster, che vssein Egitto alinizio del Novecento, Le Amazzoni nellimmagi- nario occidentale Stefano Andres (Ets) IImitoanticoilsuosignificato ela sua storia attraversoletan- teincamazioni delleAmazzoni relia ltteratura grea, latina emedioevale,finoalferedita moderna, fhateseiie pe 4 ee adel taskoF poe i, ‘ea oe ira [odie eae ie seats Bian: aos aant leew oe eee eluant worw.houseofptolemy.org Unvastorepertariediinforma- Zon (ourtroppo non sempre ‘aggiornato) sul mondo tole- maico sis cuiregn Cleopatra Ininglse PML ee i Mdahe iene ae THU pepo. a iN a dete Senne rn ae user pets ees eg iba hpther teqsHeth sa Gh Papiro del 33 aC. scoperto ad Alessandria, contenente un editto di Cleopatra e con lafirma dela regina OCUS RULONEN Cees ere Ene ee ee eco CSUR Pet es Recency erreur eed "Alla ricerca della verta rae aca Reenter ed eer Ucn ee ue Poiana ore fetter rent! vost Re eae Peanut) Poorer ay Pet estate ou Keno Me Pee erst Pn ons Pe ee es eee saya (teplica: mercoled 2 ottobre, Cn) Pag Tce ec Peete oth eee Ecc Cee eed eee Cleopatra. Solo nel ultimo pee era iru) Beer Pres e create) lungo considerata leg: gendaria, cheregnd Par weey Prone etc Peis resulle cause della sua creer) Brett Pires eta aad Pres Crete} pean errs Pence eae) eit cs Cee Dee rie ce ne ero a sissimo incenso. Pee ences Cry reac) corer y veritstorica che sina- scondono tra le pagine: fies eres ey varneene TTT he ae ore ar Se Cerna Ca i = Pee a Breas sete ears Peueesmcn ar Coy Sbiadito, Anche se il duo- Ceara Sees eer ety Geena Peto wake eo. eer aeuceeTee mattoni, ripresi nelle pit= tue elicoidali bianco-rosse Cele S GINNASTICA PER LA MENTE Lezione n. 17 IN EDICOLA K€2,50 GLI ESERCIZI DEL MESE Peete ease Cosco ent EzAC SUSU USC B ETS bess BE KCenctts SUL NUOVO NUMERO DI FOCUS BRAIN TRAINER Zs} eae Potente d'Europa, ma schiavo del sesso Nel Settecento, Filippo Vdi Spagna fu tra i sovrani pili determinati del suo tempo. Ilsuo vero cruccio peré non era il potere, ma le mogli, che lo seguivano anche in battaglia. Lauimirits 2 forte, ma la nellecaeee nelle campagne Tiranna,liredivennesem- gi. Mail auovo re mol poco jcame @ debole. Ne sape- militari. Elisabetta, inoltre, pre pitt depresso, Diceva che dopo ucciso dal vaiolo e Filip- ‘va qualcosa Filippo V (1683- fu particolarmente abile nel _il sole 'aveva colpito con un po dovette riprendere il suo 1746), nipote di Luigi XIV di manipolare con le sue grazie raggio talmente intenso che titolo, Solo formalmente, si Francia e re di Spagna, tal- ile di Spagna, concedendo- si sentiva consumare dal di disse, perché chi veramente ‘mente energico da guada- sialuiconparsimoniaedesi- dentro, e che stava morendo _reggevale sortidella Spagna, gnarsi il soprannome di“E] gendocheilmaritononaves- in peccato mortale, Nel 1yaq put tra litigi, minacce e bot- rey animoso". Un'animosi- sealtre donne. stupl la corte annunciando te, era in realtd la regina Eli- 18 che non si riferiva solo al che avrebbe abdicato in favo- sabetta. ® ‘modo in cui riusci a guada- re del suo primogenito, Lui- Daniele Venturi gnare alla sua causa il popolo di Castiglia durante la Guer- 1a di successione spagnola, Sembra, infatti, che Filippo avesse uno smisurato appeti- to sessuale, continuamente frustrato dai suoi scrupoli re- ligiosi che gli impedivano di avere relazioni al di fuori del matrimonio, Le don- ne che spos® ebbero quin- i gioco facile nel piegar- loai loro vole, Servo d’amore. La prima moglie, la dodi- cenne Maria Luisa di Sa- vola, sposata nel 1701, lo fe- ceaspettare per due notti pri madi consumare il matrimo- iio. Lo rese cost suo schiavo, anche se le quattro gravidan” ze, leinnumerevolinotti sen- zasonnoele gelide stanze da letto la provarono talmente cche mori nel 1714, Nel giro di ‘7mesi, perd, Filippo portd al- Yaltare Elisabetta Famese di Parma, che da quel momen tonon lascié pit il suo fianco, arrivando a vestirsi da uomo per accompagnare il marito Irresistibile Fiippo Ve a mogtieelisabeta, chelo segui vesita da uomo, anche in battagia e che fini pec ‘stremare il sovrano wowtoastoe Pasa 8) ne 2 Bec, ) Tees me f ; i ’ ktech he UN MOTORE DI RICERCA DEDICATO ALL'HI-TECH UN GRANDE ARCHIVIO DI NOTIZIE, ARTICOLI E NOVITA Nolo) CMI Va Ce) ze)\ PLETE LON 1) CONSIGLI TECNICI IN TEMPO REALE ETUTTO SUO PADRE. ta tessa intetigenza, gli stessiinteress lo stesso squardo attento a tuto ci che é tecnologia e lifestyle, ‘acon quella marcia ini che solo la nuova generazione pub avere. Ese cerchi appassionati di tecnologia come te cisono anche un forum eunblogper die la tua avere important consigl sui prodotti che gi possiedio vores comprare, Ogg), Perché domani & troppo tard Pn aq anh AG) cabolario Angeli e macchine da guerra Lorigine di un nome, di una parola comune, di una localita: illoro significato e com’ cambiato nel corso dei secoli. chelanciava proietiidipitra centinaia di mets ai distanza sfolagente, adottato da aperture nel soffitto, Sole a scacchi 5 Orario di visita Cou nerd Pee eee ac ieee cee rceriper conto, {ello Stato, ma csono efonichedspostea ttopur diassicurars diprenderein appalto ii carceraridifo> Perché? Perches Sharctaners 15mia dolla anno Uncorridoio re enn cee fore Frente ae In molti Paesi le “galere” (navi con carcerati utilizzati come rematori) furono legali fino al Settecento munitari pit sfortunati: quelli che icittadi- ni liberi non vogliono fare. on I'idea del lavoro socialmente utile, al posto dei bagni penali (in Italia aboliti per legge nel 1851) presero piede le colonie agri- cole, Alcuni detenuti furono spediti nelle ‘miniere di sale di San Bartolomeo (Ca) per approwvigionare il mercato, altri in zone p Indose e malariche, a bonificare e coltivare terreni poi destinati ai coloni, che cosi tor- navano a popolare zone della penisola con- siderate improduttive fino a pochi anni pri ‘ma. Bil.caso di Castiadas, sempre in pro cia di Cagliari, le cut strutture sono ancora oggi visitabili. Quando Mussolini sali al po- tere, in Italia esistevano dodici colonie pena Ii agricole, cinque delle quali in Sardegna. Le isole erano considerate infatti ottimi pe- nitenziari naturali, L'inghilterra, che non possedeva un numero sufficiente di prigioni pet accogliere i criminali, trové pitt comodo trasferirli nelle sue colonie pit lontane (v1 quadro a pag. 98), dando iniaio alla moda dei agni d’oltremare”, Isovari, Anche 'imperatore dei franc: Napoleone Ill considerava la pena ai lavori forzati nei territori lontani “pid moralizzatri- ce, meno dispendiosa epi umana”. Cosi da meta Ottocento comincid a spedire i suoi carcer: ti sulllsola del Diavolo, nella Guyana (Ame- rica Meridionale) colonizzata nel XVI s lo, Ma, poco “umanamente indios ele pessime condizioni sanitarie e am- Dientali mieterono innumerevoli vittime tra carcerati e carcerieri, Nel famigerato bagno penale della Caienna, il capoluogo della Gu- yana, i prigionieri smisero di arrivare il 17 giugno 1938 e I'ultimo prigioniero se ne an- 4} nel 1953. Esattamente 10 anni dopo ven- ne dismesso anche un altro carcere “duro”, quello di Alcatraz, un’isoletta della Baia di 1 Francisco (Usa) ‘Tra le isole di casa nostra non si salvd dal- arrive dei detenuti I'Asinara, che divenne lonia penale nel 1885. Sul modello dei residence turistici di ogg, il carcere era or- ganizzato in piccoli insediamenti, chiama- 1d “diramazioni”: Cala d’Oliva (dove abitava- no anche le famiglie delle guardie), Fornel pra la testa, da una ret tallica), Santa Maria (per i carcerati meno pe- ere Sea ricolosi, che potevano lavorare allaperto nel campi), Tumbarino (la pit isolata, destina- tai pedofili. GRANDI Evastont, Eppure non sempre Visolamento e il mare furono un deterrente sufficiente per far cambiare idea a chi vole- va tomare in liberta prima del tempo. A par- tire dalla fuga di Papillon per finire con quel- Jada Alcatraz, 8 sempre stato qualcuno che ce V’ha fatta. Enon sié trattato solo ai film. Henri Charriére, detto “Papillon” per il suo tatuaggio a forma di farfalla, era stato con- dannato ai lavori forzati sullsola del Diavo- Jo per un omicidio che sosteneva di non aver compiuto. Nei tredici anni scontati in pri- gione tentd nove fughe. Alla fine, osservan- doY’andamento della corrente, riusciagetta~ re una zattera in mare ead allontanarsi sen- 2a sfracellarsi sugli scogli. Raccontd poi Ja sua fuga nel ibro Papillon, da cui fu tratto i film omoni- mo delg73con Steve ‘McQueen, Sei anni dopo, un altro detenuto pas- 6 agli onori del ci- nema in Fuga da Al- catraz (con Clint East- wood): Frank Lee Morris, un rapina- tore, insfeme a tre complici gratt® via con un cucchiaio il cemento umido intornoalle condotte di ven- tilazione della sua cella, tenendo nascosto il buco dietro una griglia disegnata sul cartone e liberandosi man mano dei detrti nel corti- ledurante Vora d’aria, Alla fine raggiunsela baia e guadagnd la libert& nel 962, un anno prima che il carcere (oggi trasformato in mu- seo) venisse chiuso, ® ‘Maria Leonarda Leone (a coaorato Coffey Pizzo) pris Lesa bbe cede es, CCOPERTINAA Deluca ab gia Se tek dat) rdgemae Ni Sa) LAPAGIADEILETTORE Fg «arto SOMMARIO: 2g. 6 (29 Brdgeran/na- 1 t) cotesa sta Cacti’, oma ag 67 esing/Conrat: ag. 7 (at Potsece Becta esmage a) ds (CAs (fo dl io La Sana ih) ea ‘ATIUTTOSWING: pg. 8(s) eHemanleo- ard Potograpy csmages com ag, '5(oHeman Lenard Photography Uc (sinages com () Magra enass 2g (ct) orem Lenard ratory UC sages com pag. (3) Magu Cora st, bs) eman eorard Prtogapy Ueismages com: pag on) Crs pa 11 (sc) Oleman Lonard Poxorany ei Csiages com: ag) Cars ad) fog lea eran et hotograpy Ue cisiages copa at), cats, () Nagrun/ Cons, (0 bndgean/Alian, eb. gaa A Ve fen pug. Pots EtalLenage (G.vap va Prec era ona Dag @ Potsece Seca emage, 0) Badgers ag (3) gern ‘A 2) art, Cs, Pte sevice ecateage pg. 20) ge ana. 202 gen Aa pag.n 1G Ne FACCAMOC!UN'OPIMONE: ag. (x Fhotserne Beta ag 25 Ci 1.23 (3) Potsece fap Des Magna ots, 5 F- tes EeraLeage pag 2a) Pho eer, (Gey mages nc) Gs. INZIATIVE 3.29 caret partineto drtpalgia se, Unies 3 (es NOMA ScoPERTE: ae. 35,6)c0- tesamosta Cane Typ (ach be eave ig 360.9 tina Semana Repos a. (ces Muses even 9, (b.viiniows 0) FOCUSSTORA ONNE:par acho. ROSARIO: Fada Pa SCENZAS SCENZIAT pg xd de ‘rane Foose alg. {PRIMO PLANO: pg. 37a, Foto sence ectalleenage, ead gran © Bucci, LCULTIMA DEI FARAOWE rg. 369 Cor 8S. Campa Net pag 40 (3) A De La pags- DNSapagd o- tose agp 2) De, (0h rt epg The A Ai pag (a) Sa, Cty Rnd, Sa) Ushi ts) cai) Pcs es pag 5) ety ages Ro) ‘Theme AGIA DELLE MERAVICLE: ag. 60 ‘aig lad, Roma va pg wane 2S Gop aria: Neti ‘TESORI SOMMERSE: pg, 9) 5. Com printf. Ne (s) earch Cadi Fountain ot Ged pag 5 6Fan- ke odo/ oudation, 0 © Cari (0 pg (aS. CompontG er a. ‘Bla Canc Gnddo oda Cenk 0) Compant. Nr: a, 5 ean oii Fouts, to esc, ATO FINALE: pg. 9 GtgnoG Rare pag 60 6. G. Abe, ger A fat (2) archivo, () Bdge Aenar fag 6) Bdge Nr 63) Brera liar, Scala ag 6) Photseic eae, ntasenice Beta/eerage ‘TOMIRIDE,LAVENDICATRXCE ig. 5-69) ‘dgenanatp jnigena ira Gh 20 a JOGENTAMAZZOME pg. a. Tent nso ‘art Asay Ganzamags BUDICCA, LAD DL FERRO: €2 a oa page Tat SARE 10 cms CCOMTERAE COME: pag. 6-8 tinea, Roma sae) 6) DAGRIE;ag. 30, be VOCABOUARIOICHTEHADETTOR: 36.0 (aac, (b) Bema, DDOMANDEEUSPOSTE: pr (ge raw, a. 33, Sdgeran/Ararag (ais ‘CABBIE PER VOM: p52) heeo- sence Ba exmage pg 95 Pat sevice Heraeeage. Sa ab ‘A ali ug. 5 Bidgear/Alnar ae 6) home Bete.) Prose ec epg Pts ce eca/esnage i) Lsare/ Cotas (2 pg 38 (0 gem Anar,pg 99, (Stobart 80K frags teenage so te ‘Gexaoplata Shara lose) Rin pg ey aes ong eay mage Ferd aed Rowan "otc agora lis) petty nage Rega Pte, (baler mg neat ILvORE DL GENOVApg. erg cepo Cane TLE tes: tg nag. 20 ‘Scla (6), ab. graica S. Trfon; pag, 120 car Sesser EL PRosiMO NUMER pg. (at) teeta bean ia oe USHBACK: pg Pte Leerage (2) epee sn el ce et ‘at ceo ses psec Disolito sulle scatole Baulettodilievito del agro. Sul dilegno di balsa per coperchio era disegnata formaggi cerano tuna danza rinascimentale, scene bucoliche. Ma su questa, degli Anni ‘v0, cB un aereo. Una scatola di sigari la acta eit rivestimento di carta velina conservavano meglio 'aroma, Alcune aziende crearono scatole a Scatola da téinglese: tema, come questa soggetti esotici erano riservati Z sugii‘spors* alle bevande...esotiche. 4 degli Anni20. 5a forma sinuosa diventd un marchio di fabbrica, iti rivoluzionari ca» 1519: uno epi dent E Das Anni‘20 (american) in tubete Fn a fla Fi “Samseo Alora sivendeva barat \ forme pit ( sanate per iebotigie come questa fogli dostia) in una cont rs bert deg anni 20, Sfusi >! Unsecchiello t italiano pera Cacao det 120: fu in quegi marmellata, che anni che motte aziende veniva venduta zarono le loro scatole, sfusa. E del 1920, Tradizionalisti |famosi pastell- acquarelisvizeri Mitalia costrinsero a (detti‘prismaio? si usareil surrogato di vvendono in scatole Caffe (orz0 0 ccoria). dilatta dal1g3. Le scatole di lata venivano spesso decorate con soggetti generici. Solo in un secondo tempo la ditta aggiungeva il marchio e il nome del prodotto OOOO OOOO OOO OE VL i Ps be Ee be Fd bd ea bell Ee be es bs ps baa be be be es es be ES Negli Anni's0 erano di moda lo spazio ela fantascienza, anche perlecaramelle, Presidenziale Usa, 1969: gomma da masticarea forma di Fick. Eee sa hi ig Clb eS ai Richard Nixon, PU eee ee fod eo SY vn — ——————___—_—___= Pratica Lelattine usa-e- getta in alluminio si inizlarono a impiegare perle bevande negii Usa, nel 1960. Fantasiosa Latta dilubrficante degli Anni '60, con beccuccio-dosatore che imita la testa diunuccello. i Nuovo eroe Superman raffigurato su tuna confezione americana in Tetrapak, degli Anni 70, Stile modernista \Negli Anni '30 fu abbandonata (a grafic foreale: le scritte divennero pit semplic Cea Corey eee eared [atau eee te ari) eae ett Ce cece meee ce Pie ceo cca eed i: see Cee ae me ey Buon Natale Verso il 2000 Color accesi e forme Svuotata, questa original apparvero confezione di negli Anni 'B0: qui bagnoschiuma degli per una confezione ‘Anni'g0 diventava natalizia di doe: tun giocattoio, ai Drasdet, fino at hivince dettaleregole, Eunadelle te nel 1945, quando furono sganciate le due leggi non scritte della Storia. Echi bombe atomiches dice Danilo Zolo, docente vince amministra anche la giusti- _diFilosofia del dirittointernazionale all'Uni- 2ia. Eid che accadde alla fine del- versit3 di Firenze, «Sulla base delle leggi del J Seconda guerra mondiale, Tuttivicordanoi tempo sitrattava perd di violazion‘ imputabi- processi di Norimbergaaicriminalinazisti,o liagli Stati, enon asingolt individui, quindi quelli di‘Tokyo contro i giapponesi. Nessuno™ non perseguibiliv, Fu solo nel946, eon i pro inveceé mai stato incriminate peribombar- cessi di Norimberga contro i gerarchi nazi- damenti atomici su Hiroshima e Nagasaki, sti, che prese forma il concetto di crimine di: ‘néper quelli incendiari su Dresda, in Germa- guerra. Prima nonesisteva, Tantomend esi- nia, Per molti furono atti legittimi e neces- _ steva un tribunale intemazionale che potesse sariper chiudere ilconflitto, Maperaltrifu- mettere alla sbarracapi di Stato, mentre per ono decisioni pero meno discutibilio per- i militari bisognava accontentarsi delle cor- sino,alla luce del diritto internazionale, cri- ti marziali nazionali. Risultato; le oltre 100 mini di guerra a tutti gli effetti mila vittime immediate (pit 340 mila uccise Now PERsEcurBILi. «I bombardamenti di a medio termine dalle radiazioni) del bornbar Hiroshima e Nagasaki furono sicuramente damento atomico su Hiroshima, come purele violazioni del ditittointernazionale vigen- 50-80 mila di Nagasaki, rimasero senza giu--> 1919: il kaiser alla sbarra process militar Norimberg dliggs-46 controienminali nazis ebberoun precedente, seppurefalito,Trattatidi ‘Verses del giugno, dopoiaguerramoncisl, prevecevanolaformazione diun tibunalespecialeche amrebbe dovutogudicareun ‘mputatoecclente:i kaiser tedesco Gugieimoituitima imperatore ci Germania, Immorale.(deserastata deglingesietaccusa,se- condoiitrattato avrebbe dovuto essere offesa supre- ‘macontrolamoraleinter- nazionaleeta sacra auterta dei trateat-nsostanza, _aggredendola Francianel ‘gigilsovranotedescoaveva sgettatoalleorichel atta internazional igen Mail Kaiser dopoave abeicato, fa fggito nel Paes Bass, ‘henon avevano sotoscrtto ilvattatoecherifiutarono Vestraizione. Cosilproces- sofuaccantonato os [sau —< a ANorimberga furono emesse 161 condanne. Inferno di fuoco ‘Una statua Gi Luter nella Dresda devastata dai bombardamenti angio americani del febbraio 1945.Sitrovarono Cadaver fino agi Anni'6o. = Ma molti criminali nazisti rimasero liberi stiaia, Forse, notano alcuni storici, fu meglio Cosi. Si sarebberischiato di mettere sullostes- so piano il regime nazista con lesue atrocita e la democrazia americana che aveva, com i so- Vietici,liberato Europa: e cid avrebbe potuto ‘minare il fragile equilibrio del dopoguerra, Civint sorro TIRo, Resta il fatto che le bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki servirono pita dimostrare la forza america- na all’Urss ea spezzare il morale del Giappo- ne, ormai sconfitto sul piano militare, che a distruggere obiettivi bellici, Un risultato ot- tenuto colpendo i civil. Civili che, in teoria, cerano gia allora difesi da una risoluzione vo- tata all'unanimita dalla Lega delle Nazioni (antenata dell'Onu) il 30 settembre 1938. Tre i punti essenziali: “II bombardamento aereoin- tenzionale di civil Megale; gli obettvi degli at- tacchi aerei devono essere obiettvi militar iden- tificabii; ogni attacco contro obettivi rita le- sittimi deve essere condotto in modo da non bom- bbardare per errorela popolazione”, «ll presidente degli Stati Uniti Harry Truman e i suoi diretti collaborator, gid gid fino agli equlpaggi che sganciarono le due bombe atomiche, avreb- Dero potuto, in linea di principio, essere pro- cessati da tribunali analoghi a quello di No- rimberga» afferma Zolo. «E se fossero vivi po- twebbero ancora esserlo». Mala parte lesa non aveva la forza politica per chiedere un proces- 50 (né @detto che lo avrebbe ottenuto). rrr arene, Nessuno ha mai chiesto con- toneppure del borabardamento anglo-ameri- ‘cano su Dresda, “citta aperta” (priva cio@ di industrie belliche o obiettivi strategic) ma indicata sulle carte degli alti comandi come snodo ferroviario importante: per distrugger- Jo, fra ila3 e las febbraio 194s, furono sgan- ciate oltre 6.500 tonnellate di bombe esplosi- ve, incendiarie, Rasero al suolo la citta, sca- tenarono una tempesta di fuoco con tempe- ature oltre i mille gradi e uccisero da 35 a100 mila persone, per lo pid civili e sfollati 1r0 niia della sorte, la linea ferroviaria fu riatti- vata poco dopo il bombardamento. Ma secon- do una nota dello stesso Churchill, 'attac- co serviva pitta “seminareilterore” fra i tede- schi che a conseguire un risultato strategico. E pensare che il” settembre 1939, alla vigi- lia della guerra, il predecessore di Truman, Franklin D. Roosevelt, aveva lanciato questo appello a tuttele grandi potenze: “Le orzear- ‘mate non dovranno mai, in nessuna circostanza, compiere bombardamenti aeei su popolaziont ci~ villa cittaindifese” Fantasm D'Trataa/Aniche per nof italiani, ‘nell Etigpia del 1935, gli accordi intemaziona- Hinon valsero un granché. Come il Protocol- odi Ginevra del 1926, ratificato dall'italia nel 1928, che vietava uso di armichimiche, Le {forze italiane partirono’perla guerra d'Etiopia con un bagaglio di mille tonnellate df iprite (un gas che provocala morte pet soffocamen- toe piaghe inguaribili) e 6o mila granate ad arsine (un composto dell'arsenico). Incoraggiato dal precedente di Notimber- ga, perla verita, qualcuno bussd poi alla por- ta del nostro'ministero della Giustizia, «Nel- agosto del 1949 l’Etopia chiese allttalia di estradare Pietro Badoglio e Rodolfo Crazia- ni (excomandante delle forze italiane ed ex Wiceré-d'Etiopia) come criminali di guerran spiega Zolo, «lex colonia intendeva sotto- pporli al giudiaio di un tribunale internazio- nale composto in maggioranza da giudici ron etiopi, che avrebbe seguito le procedure stabilite per Norimberga». Ma quello che va- leva in Europa non valeva evidentemente in Aftica, e non sene fece nulla. Dimenmicart. Allo stesso modo, nessuno fini davant ai giudici per la strage italiana dj Domenikon, daalcuni paragonata all'ec- cidio nazista di Marzabotto (800 mort. 1116 febbraio 1943 il paesino-della'Tessaglia (Cre- cia centrale) fi colpito da bombe incendia- rie, La popolazione fu rastrellata e 150 ma- schi sopra iug anni furono catturati. E nel cuore della notte fucilati, Era la rappresaglia ‘perunattacco di partigiani grecia una colon- na italia, costato la vita a 9 soldati. «Do-+> ~__olonnafaliana nla Grecia occpata, nel documentario rane vietate da un atato del 26, culaderva anche ilnostoPaese Ein Bosnia eRuanda... Jeriimassacro diy Lai inVietnam (70 cit trucidat a soldatiame- ‘canine i968) unacorte marae Usa condannd alfergastolonelisnunte- nentedifanten,rlasciato pe treanni dopa “Tribunal. Anche per cetarecasisimil dopolo scoppiodelconftonela cexlugosiavia(i99)fOnuna istuitonetig33alAjaun tribunaleinteracionale per icriminie guesracommessi imBosnia, Croaziae Koso vo.Alquclesi@agginto annadopoiltibnale perilRuanda consede ad ‘sha inTanzania)-Olte aglieseutor ita tuttalacatenadicomando, finaaicapidistato Muri ai gomma Peri massactinBosnia (cca mila musuimanitrucidati soloa Srebrenica) sono Staticondannatfinora ‘una quarantina dimputat deivetc itr, mail presidenteserbo Slobodan ‘MiloSeve mort in prigio- neprima della suapresu- ribiiecondanna,nel2006. ‘icapodelgovernodietnia huteanKambanda, nel easaomeeyudata colpewlecigenacidiopeslo. sterminiodeitutsiruandes! elgg era la prima volta daitempiciNorimberga Leindaginisuleviolenze dt albanesin Kosova tuts ‘nRuanda sisonoinvece fermatedifionteal murodi gomma dellenuoveautori- tealpotere, Una Convenzione dell'Onu del 1968 ha stabilito che i crimini di menikon fui primodi una serie di episod di repressionen spiega la storia Lidia Santarelli delia New York university nel documentario La guerra sporca di Mussolini, fatto di un lune 0 lavoro di ricerca Il generale Calo Geloso, comandante delle forze di occupazione, ave- vale idee chiare: wPerannientare a resisten- za» spiega la studiosa eandavano annientate le comunita localiv. li abitant ai altr vl- Jaggi subirono rappresagtie nelle settimane successive al massacro di Domentkon, efu- ono rferit stupri di massa, Persino i tede schi, che a Kalavita(Peloponneso) uccisero per vendetta circa 2,200 civili,chiesero agli italian dinon esagerare. caso dellitalia éparticolare regime f- scista usc infatisconfito dalla guerra. Per- chéallora non sicelebrarono process per epi- sod come queli di Dornenikon? Perché pr vale la diplomazia segreta: 'talia, dal’8 settembre 19¢3, era un alleato strategico dei Vineitor, e tutte lex.500 segnalazioni di cri- ‘mini di guerra riguardant il nostro Paese al- Ja commissione speciale dell Onu furono re- spinte, Perla guerra in Grecia, solown agen- te dei servizi segreti dellesercito italiano fu condannato nel 1996 ad Atene (ma grazia- to1nel 190). Lo stesso oblio ha inghiotito i campi di concentramento fascisti per i civili in Tugoslavia (fra il 1942 e il 1943 vi morirono_ circa 4 mila iugostavierom) ei 510 mila ita- PLease Seay ieee stati condannatidaltQnq Perr Coote ta) ere ea ancora da perseghire lan! finiti nelle foibe a opera dei partigiani iugoslavi di Tito Lecci nuove. Se fino al 1945 i concetti di crimine di guerra e contro l'umanita erano vaghi o inesistenti, le cose cambiarono con le quattro Convenzioni di Ginevra deli9q9. Una iesse stabiliva un punto fermo: la tutela dei civili in tempo di guerra. «Ogni Stato che ab- bia ratificato quella Convenzione é tenuto a ricercare, arrestare e processare gli accusati di crimini di guerra» spiega Zolo. elnoltre, le Convenzioni di Ginevra hanno introdotto un {stituto fortemente innovativo: quello della “ giurisdizione universale”, che consente a ualsiasi Stato che aderisca alle Convenzio- ni di processare un soggetto indipendente- ‘mente dalla sua nazionalita, dalla nazionali- ‘a della vittima, e dal luogo dove é stato com- ‘messo il crimine. Finora solo la Spagna vi ha fatto ricorso, per processare il dittatore cile- ‘no Augusto Pinochet», Benché entrambi avessero sottoscritto le Convenzioni del 949, Usa e Urss~uscite vin- citrici dal secondo conflitto mondiale - per decenni preferirono invece affidarsi alla lo- gica della guerra fredda: “scordiamoci il pas- sato, tu non chiedi conto a me, io non chie- 4o conto a te”. Cosi ci voll il crollo del regi- me comunista per sollevare il velo di silenzio su quanto avvenne nel 1990 nella foresta di Katyn: 22 mila polacchi, comuni cittadini e guerra e quelli contro I'umanita non cadano mai in prescrizione prigionieri di guerra, passati perle armi dai sovieticiefatti sparire in fosse comuni. Pas sarono 50 anni di depistaggi prima che Mo- sca ammettesse il massacro, Ma una senten- za russa del 2005 nega ancora che si possa parlare di crimine di guerra, ele richieste di siustizia polacche, al momento, sono rima- ste inascoltate. Idem per quelle algerine ai francesi. Nel- Ja primavera del 1995 il generale Charles De Gaulle ordind ~a seguito dell'uccisionedi al- cuni europei in Algeria (allora colonia fran- cese) - una violenta repressione che culmind nei massacri di Sétife Guelma: almeno 8 ri- la morti (mace chi dice go mila) riconosciu- ti dalla Francia solo nel 2005, Impunrma. f la logica della guerra, si di- 12, Ma secondo Carla Del Ponte, ex procura- tore capo dei tribunali dell’Onu peri crimini di guerra nella ex Iugoslavia e in Ruanda (. ‘iquadroa snistra), @solo la logica del “ciclo di impunita"; «Alcuni diplomatic! affermano che la pace ha priorita sulla giustizia e che nessun accord di pace pud essere formulato senza che ileader di almeno una parte otten- gano Vassicurazione di non essere persegui- i», Leconvenienzediplomatiche, insomma, mettono la briglia, in nome della riconcilia~ zione nazionale, alla giustiziaintemaziona- Je. Unrimedio ci sarebbe: la Corte penale in- temazionale dell'Onu istituita a Roma nel 1998. sLa Corte é nata anche per agire come eterrente di futur crimini di guerray sostie- ne Del Ponte. «Pud dissuadere dallassume- re il genere di decisioni prese dallo stermina- tore Pol Pot in Cambogia (v, Focus Storia n°20, pag. 102) 0 dat leader genocidiari in Ruanda, dai comandanti della Milizia in Sierra Leone oda Saddam Hussein in iraq». Per ora, pet, potenze come Cina, Russia e Stati Uniti non hanno ratificato quel trattato. © Aldo Carl SAPERNE DI PIU {gas di Mussolini, Angelo Del Boca (Editorii) Learmichimiche italiane nella guerra dsterminio pianificata in Etiopia el1935: un passato alungo rimosso. Lager italiani, Alessandra Kersevan (Nutrient. Lappuliziaetnica italiana del ‘g4a-43 attraversola vicenda dei campidi concentramento fascist per civilin ugostavia. Lacaccia, Carla Del Porte (Fettrineli. Indagini,successie fallimentideltribunali Onu perlaex ugoslava ei Ruanda, raccontat dl oro ex procuratore capo, i Ectiksch HMM MEDIOEVO Bianco e nero Un"albergo"a Genova nel 300: il colore era dovuto allalternanza dimarmo e ardesia, Roky raga) Paani Nes UNS ote eae Se ial areca: vues Peer Poeun dalla pubblica yi eth ce ce) caret abitazioni destinate Seu aus Greer sy ec BAER Ui s INfonidace (fics) Coe cues poser a ec on ee Peres “volte, stanze destinate ai magazzini dei mercanti peor a pubblica marinara di primaria im- portanza, fu uno dei Comuni pit ric- chie vivaci della Penisola, Isuoi pos- sedimenti, difesi da una flotra di galee al comando di grandi ammiragli(talvolta mer- cenari), arrivarono a comprendere la Corsi- ca, Cipro. diverse isole dell’Egeo, oltre a una parte della remota penisola di Crimea (Mar Nero). Ma la vera forza di Genova era la sua rete commerciale, affidata a una flotta di ve- loci galee da trasporto, che spinse la presenza ‘mercantile ligure in tutti principali porti del ‘Mediterraneo. Iproprietari di queste naviei ‘mercanti che si arricchirono con il commex- cio di stoffe e spezie d’Oriente accumulando, oltre ai capitali, una decisiva influenza poli- tica e un notevole prestigio sociale, che siri- flettevano nelle residenze cittadine, ‘Quarriere privaro, Costretta aespander- si in poco spazio, tra fl mare e l’Appennino ligure, Genova si sviluppé attorno a un mo- dello urbanistico originale, un particolare ti- po di quartiere denominato “albergo”. Glial- berghi svolgevano la funzione di piccole for- tezze e centri di potere def clan appartenen- ti alle famigife guelfe (fedeli cioé al papa, al contzarlo dei ghibellini, fedeliallimperato- re) come quelle dei Fieschi e dei Grimaldi. Al Ja fine del Trecento queste famiglie erano pit. i un centinato e si distinguevano per ave- re proprie armi, insegne, Dlasoni, privilegi enorme di comportamento, Ma all’epoca di ‘Andrea Doria (1456-1560) illoro numero fu ri- dotto drasticamente, ‘Negi spazi della contrada governata dal clan si trovavano la chiesa, le logge e la plazza do- ve si svolgevano gli eventi principali della co- munita, come le feste, i matrimoni, i fune- rall, iconviti, e persino i processi. L'albergo, ‘quindi, era un simbolo di potere, ma anche ‘un modo per tenere vivi i fortivincoli familia. riche caratterizzavano la societa del Medioe- vo. Eancora oggi, nel centro storico del capo- Iuogo ligure, le strette vie (in genovesecarugyi, forse dal latino quadrivium, “crocevia”), alcune delle quali ancora con i portici, ne conservano almeno in partela struttura. ° Clorgio Albertini Tbe > i CRISTIANESIMO OUI M eee Mere u ts tmet AIT ever ntexer eas One See oer Pee eee eae ee Seed credito alle reliquie sparse nel mon- _ CO eC nec ete Sao eee Reece eer ety ee ee tee bilee precursore anche dei tempi, Ma Pec eee stati venerati come questo; e nel Me- Coan erect een che volevano souvenir del loro patro- EO ee Poneto! Sree ern once a eee tere No ere eon Cot ret testa? O nella cattedrale di Amiens, Cea ene Cee eet en eae erent ren Concer ee eects Cee en mere Se oe es Pee os Seon rtrd eee naa i 4 congruenze della tradizione. Per se coliipontefici hanno coperto di ono- ec eet Wojtyla ha accreditato anche quella | siriana, visitando la moschea di Da- ( ee ee : ee ee ames Oe cr n aenn \ ocean Tren te ates \ BS EC EEE | Dy la tradizione, o ne fu piuttosto un involontario concorrente? a8, SCS ¥ SED > P SESE EEO Ee eect ee meee ae oe Ce ae ota me Saori Se eet! Diotitrepeiesnd Sees ‘Art director Marta Santini (caporedattore) Photo editor Marco Casali (caposervizio) Laer ereeray, cinema aaa Adee pte ang apse), ce a Tee Gace a semana aaa ___ Hanno collaboratoa questo numero ca ete ee ata ieee ae ee ae Epes aes | iri ese si a — ake Dane ea notre Me | ‘Communication Manager sel Sin Ceodnameno Teneo Rod | Aminstratr Delegate Dato Coerl Hsne | _cgdretecenerlStsiess Development arnfaam | | Detior de Personae Ar Lepalesoceran arcs Corato DintireConralo dcesione Fl Cas | ‘Chief Operating Officer Roberto De alga Diretorerosaone ana aga om tae ee ga peso Ha um 4 Ron elie tne ar es Aa Soe a Faramminstazone 02/0 9 faedoon cae Ema ocamgesek ard oe See ime rs maton | | Stewart anor nouraty wires haa eg ee eee eae iaoepascen ealcelega eaten Hrs cere tren Sree ees tomtom een semitone oo oie ctdigeeman sake nye ‘e See ee 2 aS Bowens tanta oman | cmon ccc poses tO iar Mapa a a of Se eee amtccnrieee | Ease ee eae coterie | ‘cara wtiata per qua risa &renzata con mata pie proverient da ‘onaacefom eat der FIG isc, ote (ets tec) me ———— nn ie | ree della mafia a ern Nostra All'ultimo sangue Aegol curios sulfate dl uel, cl Medioev ala West. E come pub rivera og Lo zar del terrore Domind la Russia del's00 con ‘aviolenza: ma ivan Vera avverocosi"Terbile"? ed. 2007 formato 15 x 21 See ea ISBN 978-88-85335-77-6 es i} Prezzo 15 € - cod.1970E S Dr kc | pity) yess - Fabio Bonacina a ; LA SALMA NASCOSTA eis H MUSSOLINI DOPO PIAZZALE LORETO : ete DA CERRO MAGGIORE A PREDAPPIO Luciano (1946-1957) a Laat 29/20 canto 1957 Da Cena Mogae redoppo: ui oe ito Mussolini 5a erent . foe ica tafana lo cold catalogo gratuito a richiesta to di ra coppice Sea ene 0 realizzlo in eoleboreione con Comune, lutore Serene Tig eS Or RG BUM eet Vasto catalogo di novita al nostro sito 41058 Vignola (MO) ri ee VACCARI... & ej _ ~ -« Le notizie passano attravers PR i eo ee scelto di informarsi ogni mezz’or jungono ovunque tt Pater emg re er me 0 CNR Radio FM con 34 appuntamenti al giorno, eM CLL YA Pee pS eee Saree ecm LLC Ly