Sei sulla pagina 1di 1

26

Lega Pro R Girone B: 15a giornata

DOMENICA 27 NOVEMBRE 2016 LA GAZZETTA SPORTIVA

La Reggiana assaggia il primo posto


Colucci super in casa: 7 vittorie su 8
1Una prodezza di
Mogos stende un
buon Teramo. Che
fino allultimo
sfiora il pareggio

Steff 5,5 (dal 10 s.t. Fratangelo 6);


Petrella 7, Sansovini 5,5, Di Paolantonio 6. (Selva, Scipioni, Capitanio, Cericola, Altobelli, Bulevardi, Orlando,
Mantini, Caidi). All. Nofri 6.
ARBITRO Chindemi di Viterbo 6.
NOTE paganti 986, abbonati 5.243,
incasso 23.873 euro. Ammoniti Bovo,
Trevisan, Cesarini e Sales. Angoli 2-7.

Reggiana, fallendo la rimonta


per scarsa concretezza sotto
porta.

una sventola di Angiulli che


non ha inquadrato lo specchio.
SOFFERENZA Cos la partita
rimasta in bilico e nella ripresa,
il Teramo lha presa in pugno.
Privo degli infortunati Jeffer
son e Croce, il tecnico Nofri ha
rafforzato lattacco con Fratan
gelo, indovinando anche linse
rimento di Carraro, che ha dato
qualit. Sulla destra Petrella ha
cominciato a imperversare, con
Ghiringhelli sempre pi in dif
ficolt e il match negli ultimi 20
minuti diventato un monolo
go abruzzese. Slancio e intensi
t, ma mancato il guizzo. Pe
rilli non si fatto sorprendere
da Petrella e Di Paolantonio,
poi Ilari e DOrazio hanno man
cato di poco il bersaglio. Il pub
blico ha capito il disagio grana
ta e ha accompagnato con un ti
fo fragoroso il maxirecupero
(5 minuti), accogliendo con un
boato il triplice fischio. La Reg
giana non era in testa alla clas
sifica da 13 mesi, il Teramo sci
vola in zona playout.

na perla di Vasile Mogos


dona alla Reggiana len
nesima vittoria casalinga
e il primato, a braccetto col Por
denone, in attesa della risposta
del Venezia. Il settimo sigillo
interno su 8 gare (con 14 reti
segnate e una sola al passivo)
stato il pi sofferto per la prova
gagliarda di un Teramo che alla
distanza ha messo alle corde la

CHE DEBUTTO La squadra di


Colucci ha dovuto difendere a
denti stretti lo splendido gol di
Mogos: il romeno ha concluso
una percussione micidiale con
un morbido tocco vincente sul
luscita di Calore, 19enne por
tiere in prestito dal Pescara, al
debutto per limprovvisa assen
za del titolare Rossi (problemi
famigliari). Un minuto prima
del gol, Calore era salito in cat
tedra ribattendo una velenosa
punizione di Manconi. Poco al
tro nellimpegno offensivo del
la Reggiana, che ha perso pre
sto per infortunio Maltese e si
resa pericolosa per lultima vol
ta appena prima del riposo, con

Leonardo Colucci, 43 anni, il


tecnico della Reggiana RASTELLI

Anche il Pordenone in vetta


Berrettoni abbatte il Fano

Gubbio tra i grandi


Il Mantova a rotoli
rimborsa i biglietti

Decide Frediani: gol e lacrime


LAncona va, Parma altro flop

REGGIANA-TERAMO

1-0

MARCATORE Mogos al 34 p.t.


REGGIANA (4-3-1-2) Perilli 6; Mogos
7, Span 6, Trevisan 6,5, Ghiringhelli 5;
Calvano 6 (dal 28 s.t. Bonetto 6),
Maltese 6 (26 p.t. Bovo 5,5), Angiulli
6,5; Nol 6 (33 s.t. Cesarini 5,5); Manconi 6, Guidone 6. (Narduzzo, Pedrelli,
Sabotic, Rozzio, Giron, Panizzi, Lombardo, Otin, Falcone). All. Colucci 6.
TERAMO (4-3-3) Calore 6,5; Sales 6
(dal 42 s.t. Forte s.v.), Manganelli 5,5,
Speranza 6,5, DOrazio 6; Ilari 6, Petermann 6 (dal 19 s.t. Carraro 6,5),

PORDENONE

FANO

MARCATORI Ingegneri (P) al 2, Masini


(F) al 21, Berrettoni (P) al 23 p.t.
PORDENONE (4-3-1-2) Tomei 6,5;
Semenzato 6, Stefani 6, Ingegneri 7, De
Agostini 6,5; Misuraca 6,5, Burrai 6,5,
Suciu 6,5; Cattaneo 6,5 (dal 28 s.t. Broh
6); Berrettoni 7 (dal 38 s.t. Pietribiasi
s.v.), Arma 6. (DArsi, Azzi, Marchi,
Martignago, Parodi, Raffini, Buratto,
Gerbaudo). All. Tedino 7.
FANO (3-5-1-1) Andrenacci 6; Zigrossi 6,
Zullo 6, Ferrani 6; Lanini 6,5, Gualdi 6
(dal 24 s.t. Schiavini 6), Bellemo 6,
Gabbianelli 6 (dal 28 s.t. Gucci 6), Taino
6; Borrelli 6,5; Masini 6,5. (Menegatti, Di
Nicola, Carotti, Cazzola, Favo, Sassaroli,
Zupo, Camilloni). All. Cusatis 6.
ARBITRO Provesi di Treviglio 6.
NOTE spettatori 1.100 circa; paganti non
comunicati, abbonati 440, incasso di
9.724 euro. Ammoniti Ferrani, Stefani e
Zigrossi. Angoli 7-4.
PORDENONE I sinonimi di questo

Pordenone sono anche solita fame,


solita rabbia agonistica. Morde e
passa subito, poi viene agganciato e
torna avanti in un batter docchio. Cos,
alla quarta vittoria consecutiva, vola
lass: almeno fino a domani, in attesa
del big-match Venezia-Padova, insieme
alla Reggiana guarda tutti dallalto.
Dopo la battaglia di luned a Modena
non era facile imporsi su un campo
pesante - dir Tedino, visibilmente
soddisfatto - queste partite si vincono
con energia, voglia e mentalit. La
reazione immediata al gol incassato nel
nostro momento migliore un segnale
di grande maturit.

Ezio Fanticini
REGGIO EMILIA

LA GARA Al 2 Ingegneri ha realizzato


di testa su perfetta imbeccata del solito
metronomo Burrai. Un buon Fano ha
provato a contenere e a ripartire in
contropiede. Come al 21 quando ha
pescato il jolly: Lanini ha servito dalla
destra una palla che finita sui piedi di
Masini per il gol del pari. Pronta la
reazione del Pordenone: allaltezza del
limite, Berrettoni ha ricevuto palla da
Cattaneo e ha fatto partire un missile
rasoterra che ha infilato Andrenacci al
23. Nella ripresa il Fano partito bene.
Al 6 Borrelli dalla sinistra ha servito al
centro dellarea Gualdi anticipato di un
soffio, al 12 il fendente dai 25 metri di
Lanini neutralizzato in corner da
Tomei. Il Pordenone tornato a farsi
pericoloso. Al 27 Suciu ci ha provato dai
20 metri e, sulla respinta di Andrenacci,
Misuraca non per riuscito a
controllare e ha calciato fuori. Al 32
stato Arma a fallire il colpo del k.o. Ma
nella saccoccia neroverde sono finiti
comunque tre punti che, per ora,
valgono la vetta.
Alberto Francescut

MANTOVA

ANCONA

GUBBIO

PARMA

MARCATORI Valagussa al 3, Candellone


al 27 p.t.; Ferretti al 48 s.t.
MANTOVA (3-4-3) Bonato 6; Gargiulo 6,
Siniscalchi 5,5, Carini 5,5; Di Santantonio
6,5 (dal 29 s.t. Bandini 5,5), Zammarini
5,5, Raggio Garibaldi 5 (dal 35 p.t. Salifu
5), Regoli 5; Laplace 5,5 (dal 35 p.t.
Ruopolo 5), Marchi 5, Caridi 6,5.
(Maniero, Romeo, Menini, Tripoli,
Maccabiti). All. Prina 5.
GUBBIO (4-3-1-2) Narciso 7; Marini 5,
Burzigotti 6,5, Rinaldi 6,5, Zanchi 6;
Valagussa 7, Croce 5, Giacomarro 6 (dal
31 s.t. Kalombo 5,5); Casiraghi 6,5 (22
s.t. Musto 5,5); Ferretti 6,5, Candellone
6,5 (dal 15 s.t. Romano 6). (Volpe,
Pollace, Petti, Ferri Marini, Marghi, Conti,
Bergamini, Costantino). All. Magi 6,5.
ARBITRO Guccini di Albano 5,5.
NOTE paganti 340, abbonati 1.412,
incasso di 10.528 euro. Espulso
Siniscalchi al 37 s.t.; ammoniti Rinaldi e
Di Santantonio. Angoli 4-2.
MANTOVA Il Gubbio conferma il

Andrea Ingegneri, 24 LAPRESSE

Asta non perdona Samb niente quarta


La Feralpi Sal c E pari AlbinoLeffe
Bassano, altro k.o. grazie ad Anastasio

feeling con le trasferte, con il sesto


successo esterno contro un Mantova
che perde la decima delle ultime 12 gare
e piomba nel caos: Calori in pole in
caso di esonero di Prina, i tifosi hanno
contestato ancora e la societ ha deciso
di rimborsare il costo del biglietto. Dopo
neanche 30 gli ospiti sono avanti 2-0
con le reti di Valagussa e Candellone. I
locali provano a riaprirla ma Narciso
strepitoso su Ruopolo e Marchi. Nella
ripresa il Gubbio controlla senza rischi,
spreca un rigore (Bonato respinge su
Musto) e centra il tris con Ferretti.
Matteo Bursi

SAMBENEDETTESE

SANTARCANGELO

FERALPI SAL

ALBINOLEFFE

MODENA

BASSANO (4-4-2) Bastianoni 6; Bortot


6, Pasini 6, Barison 6, Crialese 6,5;
Falzerano 6, Cavagna 5,5 (13 s.t. Bianchi
6), Proietti 6, Minesso 6,5; Grandolfo 5,5
(dal 31 s.t. Rantier 5,5), Maistrello 5,5 (13
s.t. Fabbro 5,5). (Rossi, Cenetti, Candido,
Tronco, Soprano, Laurenti, Lancini).
All. DAngelo 5,5.
FERALPI SAL (4-3-3) Livieri 6,5;
Parodi 6, Aquilanti 6,5, Ranellucci 7,
Ruffini 6,5; Staiti 6,5, Dav 6 (dal 25 s.t.
Bizzotto 6), Maracchi 7; Bracaletti 6,5
(dal 34 s.t. Luche s.v.), Gerardi 6,5 (dal
37 s.t. Romero s.v.), Guerra 6. (Romeda,
Gamarra, Turano, Boldini, Codromaz,
Murati). All. Asta 6,5.
ARBITRO Zingarelli di Siena 5,5.
NOTE spettatori 1.000 circa; abbonati
494, paganti e incasso n.c. Espulso
Falzerano al 21 s.t.; ammoniti Proietti,
Bizzotto, Dav e Ruffini. Angoli 8-6.

MARCATORI Sorrentino (S) al 24 p.t.;


Anastasio (A) al 3 s.t.
SAMBENEDETTESE (4-3-3) Aridit 6,5;
Di Filippo 6, Radi 6, Di Pasquale 6, NTow
6,5; Lulli 5,5, Berardocco 5,5, Sabatino 6
(dal 41 s.t. Pezzotti s.v.); Mancuso 6,
Sorrentino 6,5 (dal 35 s.t. Fioretti s.v.),
Tortolano 5,5 (dal 19 s.t. Di Massimo
5,5). (Pegorin, Zappacosta, Candellori,
Tavanti, Mattia, Vallocchia, Damonte,
Ferrario). All. Palladini 6.
ALBINOLEFFE (3-5-2) Nordi 6;
Zaffagnini 5,5, Gavazzi 6, Magli 6; Gonzi
5,5, Agnello 6, Loviso 5,5 (dal 1 s.t.
Anastasio 6,5), Giorgione 6, Cortellini
5,5 (dal 1 s.t. Mastroianni 5,5); Minelli 6
(dal 41 s.t. Nichetti s.v.), Virdis 5,5.
(Cortinovis, Scrosta, Moreo, Dondoni,
Guerriera, Di Ceglie). All. Alvini 6,5.
ARBITRO Cipriani di Empoli 5,5.
NOTE paganti 1.950, abbonati 2.357,
incasso di 20.008 euro. Ammoniti
Sorrentino, Lulli, Giorgione e Nordi.
Angoli 5-5.

MARCATORI Dalla Bona al 21, Danza al


49 s.t.
SANTARCANGELO (3-5-2) Nardi 6;
Oneto 6, Adorni 6,5, Sirignano 6;
Posocco 6 (dal 19 s.t. Ungaro 5,5),
Carlini 6,5, Dalla Bona 7,5, Gatto 6,5
(dal 46 s.t. Paramatti s.v.), Rossi 6,5;
Cori 6,5, Cesaretti 6 (dal 40 s.t. Danza
6,5). (Gallinetta, Battistini, Ronchi,
Valentini, Mancini, Gulli, Alonzi, Gazzotti,
Merini). All. Marcolini 7.
MODENA (4-3-3) Manfredini 6;
Aldrovandi 5,5, Accardi 6, Cossentino 5,
Minarini 6; Osuji 6, Giorico 6, Laner 5,5
(dal 25 s.t. Ravasi 6); Tulissi 5,5 (dal 19
s.t. Zucchini 6), Schiavi 6 (dal 40 s.t.
Bajner 6), Diakite 6,5. (Costantino,
Sakaj, Olivera, Salifu, Loi, Calapai, Basso,
Chiossi). All. Pavan 5,5.
ARBITRO Marini di Trieste 7.
NOTE paganti 216, abbonati 345,
incasso di 3.945 euro. Espulso
Cossentino al 18 s.t.; ammoniti
Aldrovandi e Cesaretti. Angoli 6-5.

BASSANO (Vi) Il Bassano cade per la

SAN BENEDETTO DEL TRONTO (Ap)

seconda volta di fila in casa sotto i colpi


della Feralpi Sal di Tonino Asta, che due
anni fa port i veneti a un passo dalla B.
I bresciani ribaltano l1-0 grazie anche
allespulsione di Falzerano, ma alla fine
DAngelo far il mea culpa. Il Bassano
passa al 12 con Crialese, ma la reazione
fulminea: al 21 arriva il pari di Gerardi.
Nel finale, poi, il 2-1 di Ranelucci che
porta la Feralpi a -2 dai giallorossi.
Vincenzo Pittureri

LAlbinoLeffe nega alla Samb la quarta


vittoria consecutiva. Al 24 vantaggio di
Sorrentino, caparbio in un rimpallo con
il portiere allinterno dellarea piccola.
Decisivo per Alvini gli innesti nella
ripresa di Anastasio e Mastroianni: del
primo il pareggio al 3, mentre il
secondo ha sfiorato il sorpasso da pochi
passi. Nel finale forcing della Samb con
una traversa di Mancuso.
Daniele Bollettini

SANTARCANGELO (Rn) Una punizione

di Daniele Dalla Bona, ex di turno, e un


contropiede concluso da Danza in
pieno recupero (dopo un rigore fallito
da Ungaro) fanno tornare con merito
alla vittoria il Santarcangelo e fanno
rimanere il Modena in piena crisi. Per
Simone Pavan finita: il tecnico stato
esonerato dopo la gara, per sostituirlo
si parla di Erra, favorito su Capuano,
Legrottaglie e Rossitto, ma il club di
Caliendo (il presidente in questi giorni

non un caso. Eppure le sue chance


non sembrano elevate: dopo lincontro
con Delio Rossi (senza successo), resta
in corsa Mandorlini e crescono le quote
di DAversa. Ma dipender tutto dal
nuovo d.s. doveroso chiedere scusa
ai tifosi - dir il vicepresidente Marco
Ferrari, dopo laddio di Apolloni, Minotti,
Galassi e Scala - ringrazio Morrone per
aver provato a dare una scossa. Il
progetto tecnico (il Parma ha giocato
per la prima volta col 4-3-3, ndr) non ha
funzionato, lavoriamo per costruirne
uno nuovo: solo chi avr voglia di
restare far parte di questo gruppo.
ALTRA SCONFITTA Si era illuso il
Parma rispondendo con il destro di
Nocciolini al gol a freddo di Daffara, un
tap in sulla punizione di Frediani
respinta male da Zommers. Ma lAncona
ha meritato i 3 punti, sia per gli episodi
(traversa di Moi e rigore plateale negato
a Ricci), sia per il cuore, trovando con il
piattone di Frediani il gol di una vittoria
scacciacrisi.
Stefano Rispoli

ANCONA Finisce in lacrime. Quelle di

Frediani, che dedica il gol a unamica


scomparsa in un incidente. E quelle del
Parma, in caduta libera: seconda
sconfitta di fila, primo posto a 5 punti (in
attesa del Venezia), gioco da
rabbrividire e uno staff tecnico da
rifare. Morrone, che ha sostituito
Apolloni per una gara, ha provato a
metterla sul piano delle motivazioni, ma
ne aveva di pi lAncona, senza vittorie
da 50 giorni. La scelta dellallenatore
spetter al nuovo d.s., che potrebbe
essere Francesco Palmieri se si liberer
dal Sassuolo. In tribuna cera Crespo, e

Il Modena affonda: via Pavan


Santarcangelo gode con lex

BASSANO

MARCATORI Crialese (B) al 12, Gerardi


(FS) al 21 p.t.; Ranelucci (FS) al 35 s.t.

MARCATORI Daffara (A) al 6, Nocciolini


(P) al 10 p.t.; Frediani (A) al 23 s.t.
ANCONA (4-3-3) Scuffia 6,5; Daffara 7,
Moi 7 (dal 45 s.t. Barilaro s.v.), L. Ricci 7,
Forgacs 6,5; Gelonese 6,5, Zampa 6,5,
Agyei 6,5 (dal 39 s.t. Kostadinovic s.v.);
De Silvestro 7 (dal 37 s.t. Bariti s.v.),
Samb 6,5, Frediani 7,5. (Rossini,
Malerba, Djuric, Bambozzi, Montagnoli,
Tassoni, Battaglia, Voltan). All. Brini 7.
PARMA (4-3-3) Zommers 5; Benassi 5,
Canini 4,5, Lucarelli 5,5, Nunzella 5,5;
Corapi 5,5, Giorgino 5,5 (dal 26 s.t.
Guazzo s.v.), Scavone 5,5; Nocciolini 6,5
(dal 37 s.t. Mazzocchi s.v.), Calai 5,5,
Melandri 5,5 (dal 18 s.t. Baraye 6).
(Coric, Saporetti, Miglietta, G. Ricci,
Simonetti, Messina, Evacuo, Fall). All.
Morrone 5.
ARBITRO Ranaldi di Tivoli 5.
NOTE paganti 954, abbonati 1.089,
incasso di 14.305 euro. Ammoniti Samb,
Nunzella, Ricci, Daffara, Frediani, Guazzo
e Benassi. Angoli 7-2.

RIPRODUZIONE RISERVATA

allestero) nel caos totale e quindi non


sono escluse le sorprese. La classifica
intanto si fa sempre pi allarmante e i
tifosi sono sempre pi arrabbiati.
LA PARTITA Il Modena non era partito
male, con qualche timido tentativo di
Diakite, ma senza sostanza. Per il resto
nel primo tempo e soprattutto nella
ripresa in campo si visto soltanto il
Santarcangelo. Dopo lespulsione di
Cossentino per doppia ammonizione, la
squadra di Marcolini passata in
vantaggio al 21 con una punizione di
Dalla Bona, che dal vertice dellarea ha
sorpreso Manfredini sul palo opposto.
Nel finale il Modena ha cercato di
trovare la rete del pareggio, senza per
impensierire Nardi. E cos il
Santarcangelo, dopo il rigore fallito, ha
trovato il meritato raddoppio con un
contropiede proprio di Ungaro che ha
messo in porta il neoentrato Danza.
Loriano Zannoni

SQUADRE

PORDENONE
REGGIANA
VENEZIA
SAMBENEDETTESE
GUBBIO
BASSANO
PADOVA
PARMA
FERALPI SALO'
ALBINOLEFFE
SANTARCANGELO
SUDTIROL
ANCONA
LUMEZZANE
TERAMO
FANO
MACERATESE (-3)
MODENA
FORLI'
MANTOVA

PT

30
30
29
28
28
26
25
25
24
21
19
15
15
14
13
13
12
11
9
9

PARTITE

RETI

15
15
14
15
15
15
14
15
15
15
15
15
15
14
15
15
14
15
15
15

9
9
8
8
9
7
7
7
7
5
4
3
3
3
3
3
3
2
1
2

3
3
5
4
1
5
4
4
3
6
7
6
6
5
4
4
6
5
6
3

3
3
1
3
5
3
3
4
5
4
4
6
6
6
8
8
5
8
8
10

27
21
19
24
18
27
18
22
22
20
16
13
10
7
17
9
11
7
14
10

17
11
9
18
15
18
12
18
16
18
15
16
17
11
23
18
14
16
26
24

PROMOSSE PLAYOFF PLAYOUT RETROCESSA

RISULTATI
ANCONA-PARMA
2-1
BASSANO-FERALPI SALO'
1-2
MACERATESE-FORLI'
1-1
MANTOVA-GUBBIO
0-3
PORDENONE-FANO
2-1
REGGIANA-TERAMO
1-0
SAMBENEDETTESE-ALBINOLEFFE
1-1
SANTARCANGELO-MODENA
2-0
SUDTIROL-LUMEZZANE
0-0
VENEZIA-PADOVA domani, ore 20.45

PROSSIMO TURNO
SABATO 3 DICEMBRE
PARMA-BASSANO
DOMENICA 4 DICEMBRE
FANO-VENEZIA
FERALPI SALO-ANCONA
GUBBIO-REGGIANA
MACERATESE-SUDTIROL
PADOVA-PORDENONE
SAMBENEDETTESE-MODENA
ALBINOLEFFE-LUMEZZANE
FORLI-TERAMO
MANTOVA-SANTARCANGELO

(ore 14.30)
(ore 14.30)
(ore 14.30)
(ore 14.30)
(ore 14.30)
(ore 14.30)
(ore 14.30)
(ore 18.30)
(ore 18.30)
(ore 18.30)

MARCATORI
9 RETI Mancuso (2, Sambenedettese).
8 RETI Arma (4, Pordenone).
7 RETI Grandolfo e Minesso
(4, Bassano); Calaio (2, Parma).
6 RETI Gerardi (Feralpi Salo);
Bardelloni (4, Forli); Ferretti (Gubbio);
Nocciolini (Parma); Manconi
(1, Reggiana); Gliozzi (Sudtirol).
5 RETI Guerra (Feralpi Salo);
Altinier (Padova); Sansovini (1, Teramo).
4 RETI Gonzi (AlbinoLeffe);
Fabbro (Bassano); Gucci (Fano);
Ponsat (Forli); Valagussa (Gubbio);
Russo (3, Padova); Cattaneo
(Pordenone); Nole (Reggiana);
Geijo (Venezia).
3 RETI Anastasio, Cortellini e Virdis
(1, AlbinoLeffe); Frediani (Ancona);
Laurenti (Bassano); Masini (1, Fano);
Ranellucci (Feralpi Salo); Casiraghi
(2, Gubbio); Bacio Terracino
(Lumezzane); Colombi (1, Maceratese);
Marchi e Zammarini (Mantova);
Evacuo (1, Parma); Berrettoni
(Pordenone); Mogos (Reggiana);
Di Massimo (2, Sambenedettese);
Cesaretti (Santarcangelo); Bulevardi
e Jefferson (Teramo); Modolo (Venezia).

Marco Frediani, 22 anni LAPRESSE

Prodezza Ventola
Poi la Maceratese
ripresa dal Forl

Traversa di Gliozzi
Sdtirol non sfonda
Lume, buon punto

MACERATESE

SDTIROL

FORL

LUMEZZANE

MARCATORI Ventola (M) al 9, Ponsat


(F) al 30 s.t.
MACERATESE (3-5-2) Forte 6; Marchetti
6, Gattari 6, Perna 6; Petrilli 5,5, Quadri 5
(dal 45 s.t. Mestre s.v.), Malaccari 5,5, De
Grazia 6, Ventola 6,5 (dal 40 s.t.
Bangoura s.v.); Colombi 5, Turchetta 6
(dal 20 s.t. Palmieri 5). (Moscatelli, Broli,
Gremizzi, Bondioli, Massei, Allegretti,
Franchini, Ramadani). All. Giunti 5.
FORL (4-3-1-2) Turrin 6; Adobati 6 (dal
18 s.t. Alimi 5,5), Cammaroto 6, Conson
6,5, Sereni 6; Tentoni 6 (dal 32 s.t.
Baschirotto 5), Capellupo 6, Spinosa 5,5;
Capellini 6; Bardelloni 6 (41 st Parigi s.v.),
Ponsat 6. (Baldassari, Franchetti, Piccoli,
Di Rocco, Croce, Vesi). All. Gadda 6,5.
ARBITRO Meraviglia di Pistoia 6.
NOTE spettatori 1.000 circa; paganti,
abbonati e incasso n.c. Ammoniti
Conson, Gattari, Colombi, Alimi, Palmieri
e Capellini. Angoli 9-6.
MACERATA Appuntamento con la

Simone Pavan, 42 anni LAPRESSE

CLASSIFICA

vittoria rinviato per il neopresidente


Filippo Spalletta, che ha scelto Antonio
Loschiavo come manager e vede la sua
Maceratese pareggiare contro un Forl
pi in forma. Dopo un primo tempo con
una clamorosa occasione fallita da
Colombi, tutte le emozioni sono arrivate
nella ripresa, iniziato con leurogol di
Ventola, che ha segnato dopo aver
scartato tutta la difesa. I marchigiani
per sono arretrati troppo e sono stati
puniti da Ponsat: il Forl cos resta a -3.
Mauro Giustozzi

SDTIROL (4-3-3) Marcone 6; Tait 6, Di


Nunzio 6, Bassoli 6, Sarzi Puttini 6;
Furlan 5,5, Obodo 6, Fink 6 (dal 39 s.t.
Sparacello s.v.); Ciurria 5,5 (dal 19 s.t.
Spagnoli 6), Gliozzi 6, Cia 7. (Fortunato,
Martinelli, Vasco, Brugger, Torregrossa).
All. Guidetti 6 (Viali squalificato).
LUMEZZANE (4-3-3) Pasotti 6;
Rapisarda 6, Magnani 6, Sorbo 6,
Bonomo 6; Calamai 6, Genevier 6,5,
Arrigoni 6; Bacio Terracino 6,5 (dal 42
s.t. Brusac s.v.), Barbuti 6 (dal 12 s.t.
Speziale 6), Russini 5,5 (dal 1 s.t. Varras
6). (Peroni, Allegra, Raucci, Vaccaro,
Leonetti, Padulano, Verde).
All. De Paola 6.
ARBITRO DAscanio di Ancona 6,5.
NOTE spettatori 400 circa; abbonati
283, paganti e incasso non comunicati.
Ammoniti Tait e Magnani. Angoli 4-3.
BOLZANO Termina con un nulla di

fatto la sfida dei bassifondi fra Sdtirol e


Lumezzane. Un punto che serve a
muovere una classifica deficitaria per
entrambe, ma che rappresenta anche
unoccasione persa per il Sdtirol,
incapace di battere fra le mura amiche
un avversario alla portata. Primo tempo
inguardabile con nessun tiro in porta.
Nella ripresa Gliozzi ha colpito una
traversa di testa (assist di Fink) poi sono
stati gli ospiti a sfiorare il colpaccio con
unincornata di Speziale che si spenta
di poco a lato. In ogni caso un pareggio
giusto.
Francesco Bertagnolli