Sei sulla pagina 1di 32

Parametri caratteristici di unantenna

Guadagno

Rapporto tra la potenza irradiata (o ricevuta) per unit di angolo solido in


una data direzione e la potenza irradiata (o ricevuta) per unit di angolo
solido da unantenna isotropa alimentata con la stessa potenza

Il guadagno massimo nella direzione di massima radiazione (lasse elettromagnetico


dellantenna, detto boresight
boresight) ed pari a

4
Gmax = 2

4 f 2

Aeff
Aeff =
2

In cui A eff larea della Superficie Equivalente Elettromagnetica dellantenna.


Per antenne ad apertura circolare o a riflettore aventi diametro D e superficie
geometrica A, tale superficie equivalente dipende dallEfficienza
Efficienza dellantenna, :

Aeff
Dipartimento di Ingegneria Elettronica
Tor Vergata

D2
= A =
4
Prof. Ernesto Limiti

Parametri caratteristici di unantenna

Si ottiene quindi per il Gmax


dellantenna isotropa):

Gmax, dBi

dellantenna lespressione, in dBi (dB al di sopra

D
= 10 log10
c

[dB]

Lefficienza totale in realt il prodotto di molti fattori che tengono in conto di


differenti deviazioni dallidealit:

= i s f z K
Valori tipici dellefficienza di antenna possono essere nel range 55 - 75 %

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti

Parametri caratteristici di unantenna


Efficienza di illuminazione ( i ) : tiene in conto della differenza tra la legge di illuminazione
adottata e illuminazione uniforme. Questultima porterebbe ad alti livelli di lobi secondari
nel DdR e di solito un compromesso viene effettuato diminuendo lilluminazione sui bordi
del riflettore (aperture edge taper). Nel caso di antenne Cassegrain, lattenuazione imposta ai
bordi di 10-12 dB, ottenendo efficienze dellordine del 91%.

Efficienza di Spill
Spill-Over
-Over ( s ) : il rapporto tra lenergia irradiata dalla sorgente primaria
intercettata dal riflettore e lenergia totale irradiata dalla sorgente stessa. Valori tipici sono
dellordine dell80 %.
Efficienza di Superficie ( f ) : tiene in conto della non perfetta realizzazione dellantenna (il
compromesso con i costi di produzione). Valori tipici sono dellordine del 90 %, e possono
migliorare con raggi di curvatura elevati.
Perdite Ohmiche e per Disadattamento ( z ) : sono funzione dei materiali costituenti
lantenna e delle modalit di adattamento di impedenza

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti

Parametri caratteristici di unantenna


Diagramma di Radiazione
Fornisce le variazioni del guadagno di antenna al variare della direzione di osservazione. Per
antenne ad apertura circolare o a riflettore, il diagramma ha simmetria rotazionale ed
completamente rappresentato su un piano in coordinate polari o cartesiane. Dalla sua conoscenza si
possono identificare la direzione di massima radiazione, il lobo principale e i lobi laterali.

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti

Parametri caratteristici di unantenna


La larghezza del fascio irradiato da unantenna (angular
angular beamwidth)
beamwidth di norma definita come
langolo tra le due direzioni corrispondenti a valori del guadagno dimezzati rispetto al massimo
(
3dB). La larghezza a -3 dB funzione lineare del rapporto tra lunghezza donda della radiazione
emessa e diametro dellantenna :

3 dB = k

[gradi ]

Il coefficiente di proporzionalit dipende dalla legge di illuminazione prescelta. Per illuminazione


uniforme vale 58.5, mentre per illuminazioni non uniformi (attenuate verso i bordi del riflettore)
questo coefficiente cresce. Si utilizza di norma un valore di 70.
In una direzione rispetto al boresight, il valore del guadagno pu essere approssimato
dallespressione (valida per < 3dB /2):
2

G( )dB = Gmax, dB

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

12
3 dB

[dB]
Prof. Ernesto Limiti

Parametri caratteristici di unantenna


Il guadagno massimo pu essere espresso in
funzione dellangolo di apertura dellantenna :

70
D f

=
=

c
3 dB
2

Gmax

Se si assume una efficienza del 60 %, si ottiene :

Gmax

29000
32 dB

Gmax, dBi 44. 6 20 log 3 dB


3 dB

170
Gmax, dBi
10 20

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti

Parametri caratteristici di unantenna


Polarizzazione
Per la polarizzazione si prende convenzionalmente in considerazione la direzione del Campo
Elettrico (E) dellonda ricevuta (o irradiata) dallantenna in direzione ortogonale a quella di
propagazione. In un periodo, la proiezione del vettore E su un piano perpendicolare alla direzione
di propagazione dellonda descrive una ellisse e la polarizzazione quindi detta ellittica.

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti

Parametri caratteristici di unantenna


La polarizzazione caratterizzata da:
Direzione di rotazione rispetto alla direzione di propagazione (ossia vista da un osservatore che
guarda nella direzione di propagazione), ossia oraria (clockwise) ed antioraria (counter-clockwise)
Rapporto Assiale (Axial
Axial Ratio
Ratio, Emax/Emin) ossia il rapporto tra degli assi maggiore e minore
dellellisse. Se tale rapporto unitario la polarizzazione circolare. Se lellisse degenera in una
retta (direzione di E fissa), la polarizzazione lineare.
Inclinazione dellellisse () rispetto ad un sistema di riferimento trasverso alla direzione di
propagazione
Due onde sono dette in polarizzazione ortogonale se i loro campi elettrici descrivono due ellissi
identiche in direzioni opposte. In particolare sono ortogonali due polarizzazioni circolari con
direzioni oraria ed antioraria oppure due polarizzazioni lineari descritte come orizzontale e
verticale (rispetto ad un qualche riferimento locale)

Frequency re-use by orthogonal polarisation


Dipartimento di Ingegneria Elettronica
Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti

Parametri caratteristici di unantenna


Isolamento di Cross-Polarizzazione PI

a
b
PI = 20 log C = 20 log C
bX
aX

[dB ]

Discriminazione di Cross-Polarizzazione PD

a
PD = 20 log C
aX

[dB ]

Per polarizzazioni quasi-circolari, c una relazione semplice tra rapporto assiale e


discriminazione di cross-polarizzazione :

AR + 1
PD = 20 log

AR 1

[dB]

Ovviamente i valori di isolamento e discriminazione dipendono dallinclinazione rispetto al


boresight dellantenna, che caratterizzata da un DdR per la polarizzazione nominale (copolare) e uno per la polarizzazione ortogonale (cross-polare). La discriminazione di solito
massima sullasse dellantenna e diminuisce per direzioni che si allontanano da quella di
massimo guadagno.
Dipartimento di Ingegneria Elettronica
Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti

Equivalent Isotropic Radiated Power (EIRP)


La potenza irradiata per unit di
angolo solido da unantenna isotropa
alimentata da una sorgente di potenza
totale PT :

PT
4

steradiante

Una antenna irradia, in una direzione


in cui ha un guadagno di trasmissione
G T, una potenza per unit di angolo
solido :

GT PT
4

steradiante

Il prodotto G TPT definito come la


Potenza Equivalente Irradiata da
unAntenna Isotropa (EIRP)
Dipartimento di Ingegneria Elettronica
Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti

Flusso di Densit di Potenza e Potenza Ricevuta


Una superficie di area efficace A ad una distanza R dallantenna trasmittente sottende un angolo
solido pari a A/R2. Riceve quindi una potenza pari a :

P G
PR = T T
4

A
2 = A
R

[W ]

Dove il flusso di
densit di potenza:

P G
= T T2
4 R

[W / m ]
2

Se si esprime larea efficace AR,eff


dellantenna ricevente in funzione
del suo guadagno G R:

AR ,eff

2 GR
=
4

Lantenna ricevente, ad una distanza R dalla trasmittente, riceve quindi una potenza pari a :
2

PR = AR ,eff

1
P G

= T T 2 AR ,eff = (PT GT )
GR
GR = EIRP
4

R
L
4 R

FS

[W ]

dove LFS lAttenuazione in Spazio Libero, ossia il rapporto tra potenze irradiata e
ricevuta tra due antenne isotrope nello spazio libero
Dipartimento di Ingegneria Elettronica
Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti

Esempio : uplink
Si consideri unantenna trasmittente di diametro D=4 m di una stazione di terra. Lantenna
alimentata con un trasmettitore di potenza PT=100 W, ad una frequenza fU=14 GHz. Tale antenna
irradia verso un satellite posto in orbita geostazionaria ad una distanza di 40000 Km, puntato
sullasse dellantenna. Il fascio dellantenna di bordo ha una larghezza 3dB = 2 e si assume che la
stazione di terra sia al centro della regione coperta dal satellite. Lefficienza dellantenna del
satellite pari al 55% e quella dellantenna di terra al 60% .
Si ottiene facilmente :

GT ,max = 206340 53.1 dB


EIRP = PT GT ,max = 103.1 dBm
L FS = 207 . 4 dB

GR ,max = 6650 38.2 dB

PR = 103 .1 207 .4 + 38 .2 = 66 .1 dBm

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

( 250 pW )

Prof. Ernesto Limiti

Esempio : downlink
Si consideri unantenna trasmittente a bordo di un satellite geostazionario. Lantenna alimentata
con un trasmettitore di potenza PT=10 W, ad una frequenza f D=12 GHz ed ha una larghezza di
fascio di 2. Tale antenna irradia verso una stazione di terra puntata sullasse dellantenna. La
stazione ha unantenna di diametro D=4 m. Lefficienza dellantenna del satellite pari al 55% e
quella dellantenna di terra al 60% .

Si ottiene facilmente :

GT ,max = 6650

38 .2 dB

( stesso 3 dB )

EIRP = PT GT ,max = 78.2 dBm


L FS = 207 . 4 dB

GR ,max = 151597 51.8 dB

PR = 78 .2 206 .1 + 51 .8 = 76 .1 dBm
Dipartimento di Ingegneria Elettronica
Tor Vergata

( 25 pW )
Prof. Ernesto Limiti

Potenza Ricevuta
Deviazioni
Perdite connesse allattenuazione dovuta allatmosfera
Lattenuazione atmosferica LA dovuta alla presenza di
composti gassosi nella troposfera (pioggia, nuvole, neve e
ghiaccio) e alla ionosfera (effetti di cross-polarizzazione).

L FS L = LFS L A

Perdite connesse agli apparati di rice


rice-trasmissione
-trasmissione

Tengono in conto delle perdite tra il


trasmettitore e lantenna (L FTX) e tra
lantenna ricevente e lamplificatore a
basso rumore successivo (LFRX)

PT = L FTX PTX

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

EIRP =

PTX GT
L FTX

PRX =

PR
LFRX
Prof. Ernesto Limiti

Potenza Ricevuta
Perdite dovute al non perfetto allineamento delle antenne (depointing
(depointing))


LT = 12 T
3 dB ,T


LR = 12 R
3 dB ,R

[dB ]
[dB]

Perdite dovute al mismatch di polarizzazione


Dipendono dal fatto che lantenna ricevente non orientata con la polarizzazione dellonda ricevuta.
In un link a polarizzazione circolare londa trasmessa polarizzata circolarmente solo sul piano
normale alla direzione di propagazione e diventa ellittica al di fuori. Detto langolo tra i due piani,

L POL = 20 log cos

[dB ]

Considerando tutte le sorgenti di perdita, si ottiene per la Potenza allIngresso del Ricevitore

P GT ,max
PRX = TX
LT L FTX
Dipartimento di Ingegneria Elettronica
Tor Vergata



G R ,max
1


L FS L A LR L FRX L POL

Prof. Ernesto Limiti

Temperatura di Rumore di unAntenna


Unantenna preleva rumore da corpi che irradiano nel suo DdR. Il rumore in uscita dallantenna
quindi funzione della direzione di puntamento, del DdR e dellambiente circostante.
Detta Tb(
,
) la temperatura di brillanza di un corpo nella direzione (
,
), in cui lantenna ha un
guadagno G (
,
), la temperatura di rumore dellantenna si ottiene integrando i contributi di tutti i
corpi irradianti pesati dal guadagno dellantenna stesso:

TA =

1
Tb ( , ) G ( , ) d
4
T1 = T A + ( LFRX 1 ) T F +

T2 =

T1
L FRX

TA
1
+ 1
L FRX
L FRX

TR
G FRX

TF + TR

Temperatura di Rumore di Sistema

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti

Esempio
Si consideri un sistema ricevente con temperatura dantenna 50 K, temperatura termodinamica della
connessione 290 K (T0) e temperatura di rumore del ricevitore di 50 K. Si Calcoli la temperatura di
sistema nel caso di perdite di connessione nulle e perdite di connessione di 1 dB.

Nel caso di perdite di sistema nulle

T2 = T A + TR = 50 + 50 = 100 K

Nel caso di perdite pari a 1 dB (basse)

T2 =

50
1

+
290

+ 50 = 149 .3 K

0 .1
0 .1
10

10

Regola pratica : ogni 0.1 dB di attenuazione aumenta la temperatura di sistema di 6.6 K

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti

Rapporto Segnale-Rumore del Ricevitore


Sono possibili diversi modi di definire il rapporto segnale/rumore :
Rapporto tra la Potenza Totale del segnale e del rumore nella
banda del primo. Quantit adimensionale.

Rapporto tra Potenza Totale del segnale e spettro di densit di


potenza del rumore. Quantit con dimensione [Hz]. Viene utilizzata
molto di frequente perch possibile definirla anche senza
conoscere la banda equivalente di rumore del ricevitore, che a sua
volta dipende dalla occupazione spettrale assegnata al segnale.

Rapporto tra la Potenza Totale del segnale e la temperatura


equivalente di rumore. Espressa in [W/K].

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

C
N
C
N0

C
k
N0

Prof. Ernesto Limiti

Rapporto Segnale-Rumore del Ricevitore


Al ricevitore :

P GT ,max
C PRX = TX
LT L FTX
TSYS =



G R ,max
1


L FS L A LR L FRX L POL

TA
1
+ 1
L FRX
L FRX

TF + T R

Da cui si ottiene

C
P
1 P
1
1
Re ceiver Gain
= RX = RX = (EIRP )

N 0 k TSYS k TSYS k
Path Loss Noise Temp
Oppure, utilizzando il Flusso di Potenza Trasmessa :

C
1
2 Re ceiver Gain
=

N0 k
4
Noise Temp
Come si pu verificare facilmente, il rapporto C/N0 indipendente dal punto utilizzato per il
calcolo lungo la catena del ricevitore.
Dipartimento di Ingegneria Elettronica
Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti

Rapporto Segnale-Rumore del Ricevitore


Lespressione del rapporto segnale-rumore composta quindi di tre fattori :
- Il primo (EIRP) caratterizza lapparato trasmissivo
- Il secondo (1/LFSL A) caratterizza il mezzo trasmissivo
- Il terzo (rapporto guadagno del ricevitore - temperatura di rumore) caratterizza il
ricevitore ed il vero e proprio Fattore di Merito del Ricevitore (denominato G/T). Tale
Fattore di Merito funzione della temperatura di rumore dellantenna TA e della
temperatura equivalente di rumore del ricevitore TR.

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti

Temperatura di Rumore dellAntenna - Uplink


Consideriamo separatamente il caso dellUplink
e del Downlink.
La potenza di rumore raccolta dallantenna del
satellite originata dalla Terra e dallo spazio
esterno. Ovviamente la larghezza di fascio
dellantenna di bordo minore o al pi uguale
allangolo sotto il quale la Terra vista dal satellite
(pari a circa 17.5 per un satellite geostazionario).
In queste condizioni, la maggior parte del rumore
di origine terrestre. Per una larghezza di fascio a 3
dB di 17.5
Per larghezze di fascio inferiori, la temperatura
dipende dalla frequenza e dallampiezza e tipologia
dellarea coperta. Si ricordi che i continenti
irradiano pi rumore rispetto agli oceani. In
mancanza di dati pi precisi, di solito si utilizza
TA= 290 K

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti

Temperatura di Rumore dellAntenna - Downlink


La potenza di rumore raccolta dallantenna della
stazione di terra originata dal cielo e dalla
radiazione terrestre. Consideriamo le due
situazioni di cielo chiaro e di pioggia
Cielo chiaro (Clear
(Clear Sky)
Sky) : per f > 2GHz il
contributo maggiore al rumore dovuto alla parte
non ionizzata dellatmosfera che, essendo un mezzo
assorbente, si comporta da sorgente di rumore. La
quantificazione di tale rumore avviene tramite la

TSKY =

1
Tb ( , ) G ( , ) d
4

in cui Tb la temperatura di brillanza del cielo nella direzione (


, ). In pratica basta integrare
nella direzione del boresight e la temperatura di rumore pu essere confusa col valore della
temperatura di brillanza considerata allangolo di elevazione scelto per lantenna

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti

Temperatura di Rumore dellAntenna - Downlink

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti

Temperatura di Rumore dellAntenna - Downlink


La radiazione terrestre nelle vicinanza dellantenna di terra viene captata principalmente dai suoi
lobi secondari e talvolta anche dal lobo principale quando langolo di elevazione molto piccolo. Il
contributo di ciascun lobo pu essere calcolato in prima approssimazione con la :


Ti = Gi i
4

TG

in cui Gi il guadagno medio del lobo con fascio i e T G la temperatura di brillanza del suolo. La
somma di tutti questi contributi fornisce TGROUND. In prima approssimazione :

TG = 290 K ,

E < 10

TG = 150 K ,

TG = 50 K , 0 < E < 10

10 < E < 0

TG = 10 K , 10 < E < 90

Un ultimo contributo viene da sorgenti di rumore individualilocalizzate in prossimit dellasse


dellantenna. Una sorgente radio vista sotto un angolo e temperatura di rumore Tn misurata a
terra fornisce, per unantenna di fascio 3dB un aumento della temperatura di antenna pari a


T A = Tn
3 dB
T A = Tn

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

se < 3 dB
se > 3 dB

Prof. Ernesto Limiti

Temperatura di Rumore dellAntenna - Downlink


Le sorgenti particolarmente importanti per unantenna di terra sono essenzialmente il sole e la
luna, che hanno un diametro angolare approssimativo pari a 0.5. In questo caso, laumento di
temperatura di rumore dellantenna particolarmente significativo se il satellite si trova nella
stessa direzione dei due astri. Ad esempio, unantenna di 13 m di diametro a 12 GHz presenta un
aumento di temperatura a pieno sole di 12000 K. Per la luna, laumento massimo di 250 K a 4
GHz.
Complessivamente:

T A = TGROUND + TSKY + T A
Condizioni di pioggia : bisogna aggiungere il
contributo
di
rumore
delle
formazioni
metereologiche e lattenuazione da esse introdotta

T A = TGROUND +

TSKY
1
+ Tm 1
ARAIN
ARAIN

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

+ T A

Prof. Ernesto Limiti

Temperatura di Rumore del Ricevitore

TR = TLNA +

TMX
TIF
+
G LNA G LNA G MX

Ad esempio :

TLNA = 150 K , G LNA = 50 dB


TMX = 850 K , G MX = 10 dB
TIF = 400 K , G IF = 30 dB
Dipartimento di Ingegneria Elettronica
Tor Vergata

TR = 150 +

850 400
+ 4 150 K
5
10
10

Prof. Ernesto Limiti

Esempio 1 : Uplink in cielo chiaro


Si assuma che la stazione di terra sia vista dal
satellite sul bordo della copertura. Si assuma poi :
Frequenza 14 GHz
Amplificatore di Potenza in trasmissione da 100 W
Perdite tra amplificatore ed antenna in trasmissione
0.5 dB
Diametro dellantenna trasmittente 4 m
Efficienza dellantenna trasmittente 60%
Massimo errore di puntamento 0.1
Distanza terra-satellite 40000 Km
Attenuazione atmosferica 0.3 dB
Si supponga poi che lantenna sul satellite abbia apertura di fascio di 2, efficienza 55% e che il
ricevitore sia caratterizzato da una cifra di rumore di 3 dB. I componenti che connettono lantenna
al ricevitore contribuiscono ad una perdita di 1 dB, e sono a temperatura termodinamica di 290 K.
La temperatura di rumore dellantenna 290 K.

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti

Esempio 1 : Uplink in cielo chiaro

= 99 . 2 dBHz
N 0 U

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti

Esempio 2 : Uplink con pioggia


Nelle stesse condizioni dellesempio precedente, si supponga che la stazione di terra si trovi in una
zona a clima temperato (in Europa ad es), caratterizzata da ARAIN=10 dB.
Tale valore calcolato in modo tale che la probabilit, nel corso dellanno, che lattenuazione superi
tale valore inferiore allo 0.01%.

= 89 .2 dBHz
N 0 U

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti

Esempio 3 : Downlink in cielo chiaro

Frequenza 12 GHz
Amplificatore di Potenza in trasmissione da
10 W
Perdite tra amplificatore ed antenna in
trasmissione 1 dB
Apertura trasmittente 2
Efficienza dellantenna trasmittente 55%
Massimo errore di puntamento da terra 0.1
Distanza terra-satellite 40000 Km
Attenuazione atmosferica 0.3 dB

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

Si supponga poi che lantenna di terra abbia


apertura 4m, efficienza 60 % e che il ricevitore sia
caratterizzato da una cifra di rumore di 2.2 dB. I
componenti che connettono lantenna al ricevitore
contribuiscono ad una perdita di 0.5 dB, e sono a
temperatura termodinamica di 290 K.
La temperatura di rumore di terra 45 K.

Prof. Ernesto Limiti

Esempio 3 : Downlink in cielo chiaro

= 92 . 6 dBHz
N0 D

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti

Esempio 4 : Downlink con pioggia


Nelle stesse condizioni dellesempio precedente, si supponga che la stazione di terra si trovi in una
zona a clima temperato (in Europa ad es), caratterizzata da ARAIN=7 dB (diversa frequenza rispetto
alluplink.
Tale valore calcolato in modo tale che la probabilit, nel corso dellanno, che lattenuazione superi
tale valore inferiore allo 0.01%.

= 83 .5 dBHz
N 0 U

Dipartimento di Ingegneria Elettronica


Tor Vergata

Prof. Ernesto Limiti