Sei sulla pagina 1di 43

Pag.

1 a 43

INTONACO ARMATO; risultati esempio di calcolo per rinforzo muratura in tufo con rete in FRP e
malta strutturale a calce e pozzolana
Determinazione dei risultati derivanti dallapplicazione su entrambe i lati di una muratura in tufo di spessore 60 cm, di INTONACO
ARMATO 2.0, realizzato con le malte R FIBER (strutturale M15), INTONACO R (M5) prodotte dalla CRC s.r.l. e le seguenti reti in
GFRP prodotte dalla FIBRE NET S.r.l.;

FB MESH 33 x 33 T96
FB MESH 66 x 66 T96
FB MESH 99 x 99 T96

maglia 33 x 33 mm
maglia 66 x 66 mm
maglia 99 x 99 mm

peso 1000 gr/mq


peso 500 gr/mq
peso 350 gr/mq

Pag. 2 a 43

FB MESH 66 x 66 T192
FB MESH 99 x 99 T192

maglia 66 x 66 mm
maglia 99 x 99 mm

peso 1000 gr/mq


peso 750 gr/mq

Caratteristiche meccaniche di resistenza e rigidezza della muratura di partenza:


Tipologia:
fm = 1,583 MPa
0 = 0,029 MPa
G = 360 MPa
E = 1080 MPa
t = 600 mm

Muratura a conci di pietra tenera (tufo, calcarenite, ecc.)


Tensione media a compressione
Tensione tangenziale
Modulo di elasticit tangenziale
Modulo di elasticit normale
Spessore medio della muratura

Pag. 3 a 43

I valori soprariportati, sono gi divisi per il fattore di confidenza FC = 1,20

Caratteristiche meccaniche della malta n1:


Tipo:
fc,int = 6,2 MPa
ft,int = 0,50 MPa
Em = 5700 MPa

INTONACO R della CRC s.r.l.


Resistenza media a compressione
Resistenza media a trazione
Modulo elastico medio

Pag. 4 a 43

Caratteristiche meccaniche della malta n2:


Tipo:
fc,int = 16,21 MPa
ft,int = 1,00 MPa
Em = 9900 MPa

R FIBER della CRC s.r.l.


Resistenza media a compressione
Resistenza media a trazione
Modulo elastico medio

Pag. 5 a 43

Parametri di resistenza meccanica della muratura rinforzata con le due tipologie di malta

Malta n1 INTONACO R

Pag. 6 a 43

Tipo di rete

tint
[mm]

fc,calc,k
[MPa]

0k
[MPa]

Gcalc
[MPa]

FB Mesh 33x33T96

40

2,374

0,0898

772

FB Mesh 66x66T96

40

2,374

0,0887

772

FB Mesh 99x99T96

40

2,374

0,0886

772

FB Mesh 66x66T192

40

2,374

0,0898

772

FB Mesh 99x99T192

40

2,374

0,0890

772

Verifica dimensionamento

1,5
4
1,5
5
1,5
6
1,5
4
1,5

2,6
3
1,3
3
0,8
9
2,1
4
1,4

Dimensionamento corretto
Dimensionamento corretto
Dimensionamento corretto
Dimensionamento corretto
Dimensionamento corretto

Malta n1 INTONACO R

Pag. 7 a 43

Tipo di rete

tint
[mm]

fc,calc,k
[MPa]

0k
[MPa]

Gcalc
[MPa]

FB Mesh 33x33T96

40

2,374

0,0898

772

FB Mesh 66x66T96

40

2,374

0,0887

772

Verifica dimensionamento

1,5
4
1,5
5
5

2,6
3
1,3
3
4

Dimensionamento corretto
Dimensionamento corretto

Malta n2 R FIBER

Pag. 8 a 43

Tipo di rete

tint
[mm]

fc,calc,k
[MPa]

0k
[MPa]

Gcalc
[MPa]

FB Mesh 33x33T96

40

2,374

0,1343

996

FB Mesh 66x66T96

40

2,374

0,1333

996

FB Mesh 99x99T96

40

2,374

0,1330

996

FB Mesh 66x66T192

40

2,374

0,1343

996

FB Mesh 99x99T192

40

2,374

0,1333

996

Verifica dimensionamento

2,6
8
2,7
0
2,7
1
2,6
8
2,6
9

1,7
6
0,8
8
0,5
9
1,4
3
0,5
6

Dimensionamento corretto
Dimensionamento corretto
Dimensionamento corretto
Dimensionamento corretto
Dimensionamento corretto

Pag. 9 a 43

* in rosso gli abbinamenti malta/rete consigliati per garantire una rottura del sistema bilanciata 1 2
I valori di resistenza meccanica sono gi divisi per il fattore di confidenza FC=1,20 ma non per il coefficiente di sicurezza m.
Tale coefficiente che pu essere assunto pari a 2,00 nel caso si conducano sul fabbricato delle analisi di tipo lineare, pari a 1,00 nel
caso di analisi non lineari (es. analisi pushover) e pu essere assunto pari a 3,00 per le verifiche, sui maschi murari, alle azioni
gravitazionali.
Legenda:
fm

Tensione media a compressione;

Pag. 10 a 43

0
Gcalc
1
2

Tensione tangenziale media;


Modulo di elasticit tangenziale;
Cedimento a compressione malta intonaco;
Cedimento a trazione filo rete in GFRP.

Modulo di elasticit tangenziale della muratura rinforzata


Il modulo di elasticit normale E calc per la muratura rinforzata pu essere assunto pari al rapporto tra il modulo di elasticit
tangenziale Gcalc e 0,4:
Ecalc = Gcalc / 0,4

Pag. 11 a 43

Note per la modellazione della muratura rinforzata con rete Fibre Net
Le caratteristiche meccaniche della muratura rinforzata possono essere inserite nel software di calcolo da voi utilizzato per la
modellazione strutturale, creando un nuovo materiale.
Si fa presente che importante accertarsi se il programma di calcolo divide in fase di analisi e di verifica le caratteristiche
meccaniche della muratura per il fattore di confidenza adottato.
In tale caso la resistenza a taglio e compressione della muratura precedentemente calcolati devono essere amplificati per il fattore
di confidenza.

Pag. 12 a 43

Considerazioni
Lutilizzo dellintonaco armato e rete in GFRP Fibre Net S.r.l. garantisce ottimi risultati in termini di incremento delle prestazioni
meccaniche della muratura.
Da questo punto di vista, si ha un aumento delle caratteristiche di resistenza e rigidezza rispetto sia alla muratura non rinforzata e
sia a quella rinforza con la tecnica dellintonaco armato con rete elettrosaldata e malta a base cemento.
Lincremento di resistenza a taglio e superiore a quello indicato nella Tabella C8A.2.2 della Circolare C.S.LL.PP. 02/02/2009 n.617.
In questi casi e lasciata la decisione al professionista, se accettare il maggior incremento dovuto allapplicazione del sistema di
rinforzo precedentemente descritto, o applicare il coefficiente correttivo riportato nella tabella precedentemente citata della Circolare

Pag. 13 a 43

n. 617 del 2009.


Inoltre limpiego di malte da intonaco formulate con zeolite (tufo/pozzolana micronizzato) e calce aerea soddisfa tutti i requisiti di
compatibilit fisica, chimica e meccanica nei confronti di murature in tufo, oltre a mantenere inalterate le condizioni storico filologiche
della fabbrica rinforzata.
Descrizione della tecnica di rinforzo
La tecnica di rinforzo prevede il rinforzo della muratura con intonaco armato di spessore ridotto utilizzando malte da intonaco a
basso modulo elastico, preferibilmente a base calce, armate con reti e connessioni in GFRP.

Pag. 14 a 43

Il sistema FIBREBUILD FRCM, applicato su entrambe le facce della muratura, incrementa la resistenza a taglio nel piano e la
resistenza a flessione senza modificare eccessivamente le rigidezze del pannello murario.

Pag. 15 a 43

Pag. 16 a 43

La connessione dei due intonaci rinforzati ottenuta applicando degli elementi a L in GFRP previsti in ragione di 4 / 6 al m 2 e
disposti secondo uno schema a quinconce.
Quellora si volesse migliorare lammorsatura tra gli paramenti murari ortogonali possibile inserire nella muratura delle barre
darmatura, di adeguato diametro, in GFRP inclinate a 45 rispetto la giacitura orizzontale dei pannelli in modo da creare un reticolo
armato che riesca ad assorbire gli sforzi di trazione indotti dalle sollecitazioni esterne.

Pag. 17 a 43

Pag. 18 a 43

Schematizzazione degli interventi di rinforzo sulle murature attraverso la tecnica dellintonaco armato con rete e connettori in GFRP.

Modalit di posa delle reti per il consolidamento delle pareti in muratura


La realizzazione della tecnica illustrata si articola nelle seguenti fasi:
1.

Studio della muratura, in termini di spessore e analisi dei


materiali;

2.

Rimozione intonaco esistente e della malta dai giunti tra


gli elementi di muratura (10-15 mm in profondit), da
entrambe le facce del pannello ed eventualmente
ricostruzione di parti murature mancanti o particolarmente
danneggiate;

Pag. 19 a 43

3.

Lavaggio e bagnatura superfici a saturazione, 4.


applicazione primo strato di rinzaffo, esecuzione dei fori
con trapano a rotazione e applicazione della rete in
GFRP su un lato verificando che non sia aderente alla

Pulizia del foro per mezzo di getto ad aria in pressione e


inserimento del connettore in GFRP di lunghezza pari allo
spessore della muratura;

Pag. 20 a 43

parete;

5.

Posa della rete in GFRP sullaltro lato del paramento


murario assicurando che non sia aderente alla muratura;

6.

Taglio della parte eccedente del connettore in GFRP se


necessario con dischi diamantati per laterizio;

Pag. 21 a 43

7.

Inserimento nel foro del secondo connettore in GFRP


creando una sovrapposizione di 10 cm;

8.

Applicazione di resina epossidica per solidarizzare i


connettori nella zona di sovrapposizione;

Pag. 22 a 43

9.

Applicazione dei fazzoletti di ripartizione;

10. Applicazione del nuovo strato di malta CRC mantenendo


la rete in mezzeria ad uno spessore di circa 30 mm per
lato.

Pag. 23 a 43

Note:
-Nelle zone di sovrapposizione dei connettori il foro deve avere un diametro di almeno 24 mm mentre sufficiente un foro di
diametro 14-18 mm laddove il connettore singolo;

Pag. 24 a 43

-La messa in opera della rete, pu essere eseguita, srotolando il rotolo da basso verso lalto e viceversa, tra il ponteggio e la
muratura;
-Per garantire la continuit meccanica, la rete in GFRP deve essere sovrapposta per circa 15-20 cm;
Le operazioni di posa del sistema devono essere condotte da personale esperto e devono rispettare le indicazioni riportate nella
scheda tecnica dei singoli prodotti.
Compatibilit dellintervento di rinforzo con la muratura
Lutilizzo di intonaci cementizi armati con reti metalliche elettrosaldate costituisce una rilevante fonte di danni per le costruzioni
storiche in quanto apporta notevoli incrementi di rigidezza determinati dagli elevati moduli elastici del betoncino utilizzato, quadri

Pag. 25 a 43

fessurativi con distacchi ed espulsioni derivanti dallaumento di volume delle armature generato dalla corrosione, incompatibilit
chimico e fisica tra i supporti murari e il cemento Portland.
A conseguenza di ci allinterno della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri per la valutazione e riduzione del rischio
sismico del patrimonio culturale, emanata il 12 ottobre del 2007, lintervento di consolidamento murario con intonaco armato con
reti elettrosaldate viene definito invasivo e non coerente con i principi della conservazione.
Il sistema di rinforzo presentato allinterno del presente quaderno tecnico, propone la sostituzione della rete metallica con reti
preformate in GFRP, la malta cementizia, rigida e chimicamente dannosa per le murature storiche, viene sostituita da malte duttili
completamente esenti da cemento, prodotte con calce idraulica naturale NHL o (per le murature in tufo) con le esclusive malte a
base di calce aerea e pozzolana reattiva naturale (zeolite) prodotte in Campania dalla CRC s.r.l..

Pag. 26 a 43

In questo modo il problema della corrosione delle armature viene completamente eliminato ed possibile ridurre lo spessore dello
strato dintonaco.
Grazie alluso di questi materiali e gli opportuni accorgimenti per lancoraggio, (ad esempio: fori non passanti ed effettuati nei giunti
di malta) il sistema qui presentato, risulta non invasivo, compatibile con i materiali originari e reversibile.
Reversibilit dellintervento di rinforzo con la muratura in tufo
Per dimostrare la scarsa invasivit dellintervento di rinforzo stata eseguita una prova di reversibilit in un edificio storico in
muratura di tufo, situato nel centro di Napoli nei pressi del Monastero di Santa Chiara.

Pag. 27 a 43

Sono stati individuati tre pannelli murari sui quali stato applicato un intonaco di malta a base calce di circa 30 mm di spessore,
armato con rete in GFRP con maglie di dimensioni 66x66 mm. I tre campioni differivano fra loro per le caratteristiche delle malte
utilizzate:
-malta NHL con resistenza a compressione di 8 MPa;
-malta NHL con resistenza a compressione di 13 MPa;
-malta HL a base di calce aerea e pozzolana reattiva (zeolite) con resistenza a compressione di 15 MPa.

Pag. 28 a 43

Ad avvenuta maturazione dellintonaco, si proceduto ad effettuarne la rimozione con lausilio di un demolitore meccanico.

Rispetto alla rimozione di un tradizionale betoncino armato, loperazione risultata veloce ed efficace per tutti e tre i pannelli
preparati.

La minor rigidezza e resistenza della malta hanno infatti consentito un pi facile distacco dal supporto murario senza danneggiare in
modo significativo la muratura.
Formule di utilit pratica

Pag. 29 a 43

Nel seguente paragrafo si propongono delle formule di utilit pratica che il progettista pu applicare per determinare la resistenza a
trazione e la rigidezza equivalente della muratura rinforzata mediante lapplicazione della tecnica precedentemente illustrata.
Stima della resistenza a trazione equivalente in configurazione non fessurata
Sulla base dellampia campagna sperimentale condotta su campioni di muratura di vario tipo, in seguito allanalisi dei risultati
sperimentali, a considerazioni teoriche e tenendo conto delle disposizioni riportate nelle NTC 2008, stata formulata una relazione
che consente di stimare la resistenza a trazione equivalente della muratura rinforzata.
A partire dalla resistenza a trazione della muratura non rinforzata ft,m, della resistenza a trazione della malta dellintonaco ft,int e del
tipo di rete utilizzata per il rinforzo, possibile calcolare la resistenza a trazione equivalente ft,calc utilizzando la relazione

Pag. 30 a 43

(1)
Dove:
tm

spessore della muratura escluso il rinforzo;

tint

spessore dello strato di intonaco;

dimensione della maglia della rete;

EAr

rigidezza assiale di un filo della rete;


rappresenta la deformazione della malta in condizione non fessurata:

Pag. 31 a 43

Eint

equivale al modulo elastico della malta dellintonaco;

coefficiente che tiene conto dellefficienza dellintonaco armato sulla resistenza a trazione in funzione del tipo di muratura;
la dimensione della maglia ha mostrato una leggera influenza sul valore del coefficiente dovuta principalmente alla
maggiore difficolt della malta di penetrare completamente allinterno delle maglie. Dai risultati sperimentali si notato che
minore la resistenza della muratura di base, maggiore lincremento di resistenza. I valori assunti da tale coefficiente
sono riportati nella tabella sottostante.

Pag. 32 a 43

Valori del coefficiente di efficienza dellarmatura di rinforzo

Stima della resistenza a trazione equivalente in configurazione fessurata

Pag. 33 a 43

Per garantire unadeguata capacit dissipativa del pannello, necessario che il meccanismo a puntone-tirante formato dalla rete e
dalla malta dellintonaco (Figura 1), sia in grado di sopportare una forza superiore al 60% della resistenza di picco.

Pag. 34 a 43

Pag. 35 a 43

Figura 1. Schema semplificato a puntone-tirante che simula le sollecitazioni in una maglia della rete inglobata nellintonaco

Dallo studio sperimentale si notato, infatti, che i campioni di muratura dimensionati per garantire una resistenza dopo la
fessurazione superiore al 60% di quella di picco hanno mostrato una capacit di spostamento superiore allo 0.6% dellaltezza del
pannello murario, in corrispondenza di una riduzione della resistenza del 40% di quella massima.
Nello schema di Figura 1 il puntone equivalente di malta viene assunto di larghezza pari a 0.25 volte la lunghezza della diagonale
(
). Per il calcolo della quantit minima di armatura si valuta prima la forza di trazione diagonale F necessaria per far cedere
a compressione il puntone diagonale, uguagliandola ad una forza di trazione proporzionale a quella di picco
(2)

Pag. 36 a 43

dove fc,int la resistenza a compressione della malta dellintonaco e 1 rappresenta la quota parte della resistenza di picco che pu
essere sopportata dal puntone di malta. Dallequazione (2) si ricava 1:
.

(3)

Si determina poi la forza di trazione diagonale F necessaria per far cedere a trazione la rete, uguagliandola ad una forza di trazione
proporzionale a quella di picco
(4)

Pag. 37 a 43

dove Rf la resistenza a trazione di un filo della rete e 2 rappresenta la quota parte della resistenza di picco che pu essere
sopportata dalla rete in GFRP. Dallequazione (4) si ricava 2:

(5)

Per una rottura bilanciata, corrispondente alla contemporanea rottura a compressione del puntone di malta e a trazione della rete,
necessario progettare la rete in modo che sia soddisfatta la seguente uguaglianza:
.

(6)

Pag. 38 a 43

Per garantire una buona efficacia del sistema di rinforzo inoltre necessario che la resistenza post fessurazione risulti, come
anzidetto, superiore al 60% della resistenza raggiunta prima dellinizio della fessurazione.
In particolare tale resistenza consigliabile che sia compresa tra il 60% e il 100% della resistenza non fessurata
.
Si possono usare anche valori superiori allunit, ma i benefici sia in termini di resistenza che di duttilit sono contenuti.
Stima della rigidezza equivalente

Pag. 39 a 43

Dallanalisi dei risultati sperimentali ottenuti dallampia campagna di prove condotte su campioni di vario tipo stato possibile
determinare una relazione che consente di stimare un valore del modulo di elasticit tangenziale equivalente Gcalc della muratura
rinforzata.
A partire dal modulo di elasticit tangenziale della muratura non rinforzata Gm e del valore del modulo di elasticit tangenziale della
malta dellintonaco Gint possibile calcolare il modulo di elasticit tangenziale equivalente Gcalc utilizzando la relazione

(7)
Dove:
tm

spessore della muratura escluso il rinforzo;

Pag. 40 a 43

tint

spessore dello strato di intonaco;

Gint

indica il modulo di elasticit tangenziale della malta dellintonaco che pu essere ricavato da prove sperimentali o da
indicazioni del produttore nel caso di malte premiscelate a prestazione garantita;

coefficiente che tiene conto del confinamento dovuto allintonaco armato sulla rigidezza del materiale equivalente alla
muratura rinforzata. I valori assunti da tale coefficiente sono riportati nella tabella sottostante

Pag. 41 a 43

Valori del coefficiente di incremento della rigidezza per il rinforzo

Stima della resistenza a compressione equivalente

Pag. 42 a 43

Come indicato dalle NTC 2008, la resistenza a compressione della muratura pu essere aumentata se sono presenti situazioni
migliorative rispetto a quelle di base.
Per cui, a partire dalla resistenza a compressione della muratura non rinforzata fc,m possibile calcolare la resistenza a
compressione equivalente fc,calc utilizzando la relazione:
(8)
dove il coefficiente correttivo dei parametri meccanici indicati in Tabella C8A.2.1 della Circolare 02.02.2009 n. 617/C.S.LL.PP.
da applicarsi in presenza di un numero di connessioni trasversali.

Pag. 43 a 43

Per maggiore cautela non stato considerato il contributo resistente dovuto all'intonaco armato, anche in considerazione che non si
hanno a disposizione sufficienti risultati sperimentali per validare questa assunzione.
La resistenza a compressione media della muratura non rinforzata da utilizzare quello medio sperimentale oppure quello riportato
nella Tabella C8A.2.1 della Circolare 02.02.2009 n.617/C.C.LL.PP. eventualmente modificato con i coefficienti correttivi riportati nella
Tabella C8A.2.2 della stessa Circolare, se si e in presenza di malta buona, di ricorsi o listature o di nucleo scadente e/o ampio.
Nota
Le informazioni fornite in questo documento non sono vincolanti e rappresentano solamente un valido suggerimento al progettista,
che mantiene proprie le responsabilit del suo ruolo.