Sei sulla pagina 1di 52

[nascondi]

Wikimedia-logo.svg Libera la cultura. Dona il tuo 51000 a Wikimedia Italia. Scriv


i 94039910156. Wikimedia-logo.svg
Questa pagina semiprotetta. Pu essere modificata solo da utenti registrati
Questa una voce in vetrina. Clicca qui per maggiori informazioni
Associazione Calcio Milan
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai a: navigazione, ricerca

Cscr-featuredtopic review gold.svg


Il riconoscimento di qualit di questa voce sull'argomento calcio stato messo in
dubbio.
Motivo: Struttura della voce carente, stile di scrittura trascurato, accuratezza
che lascia a desiderare. A un conteggio superficiale vi sono almeno cinque siti
inaffidabili / morti / discutibili usati come fonte, cosa inaccettabile per una
voce in vetrina (magliarossonera.it, rsssf.com, kassiesa.net, clubmilan.net e u
ltraslazio.it)
Avvisa gli autori della voce.
Avvisa i progetti di riferimento, scrivendo nelle relative pagine di discussione
: 1.
Se entro tre settimane dalla segnalazione il dubbio non stato risolto, pu essere
aperta una richiesta di rimozione del riconoscimento nell'apposita pagina.
bussola Disambiguazione
"Milan" rimanda qui. Se stai cercando altri significati,
vedi Milan (disambigua).
A.C. Milan
Calcio Football pictogram.svg
Milanstemma.png
I Rossoneri, il Diavolo[1]
Segni distintivi
Uniformi di gara

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Casa

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini

Calzettoni
Terza divisa

Colori sociali
Bianco e Rosso (Croce) e Rosso e Nero (Strisce).svg Rosso e nero
Simboli
Diavolo
Inno
Milan, Milan
Tony Renis e Massimo Guantini[2]
Dati societari
Citt
Milano
Paese
Italia Italia
Confederazione
UEFA
Federazione
Flag of Italy.svg FIGC
Campionato
Serie A
Fondazione
1899
Proprietario
Italia Fininvest
Presidente
Italia Silvio Berlusconi (onorario)[3]
Allenatore
Serbia Sini a Mihajlovic
Stadio
Giuseppe Meazza (San Siro)
(80 018[4] posti)
Sito web
www.acmilan.com
Palmars
Star*.svgScudetto.svgScudetto.svgScudetto.svgScudetto.svgScudetto.svgScudetto.sv
gScudetto.svgScudetto.svg Coccarda Coppa Italia.svgCoccarda Coppa Italia.svgCocc
arda Coppa Italia.svgCoccarda Coppa Italia.svgCoccarda Coppa Italia.svg Supercop

paitaliana.pngSupercoppaitaliana.pngSupercoppaitaliana.pngSupercoppaitaliana.png
Supercoppaitaliana.pngSupercoppaitaliana.png Coppacampioni.pngCoppacampioni.pngC
oppacampioni.pngCoppacampioni.pngCoppacampioni.pngCoppacampioni.pngCoppacampioni
.png Coppacoppe.pngCoppacoppe.png Supercoppaeuropea.pngSupercoppaeuropea.pngSupe
rcoppaeuropea.pngSupercoppaeuropea.pngSupercoppaeuropea.png Copa Intercontinenta
l.svgCopa Intercontinental.svgCopa Intercontinental.svg FIFA Club World Cup.svg
Scudetti
18
Titoli nazionali
2 campionati di Serie B
Trofei nazionali
5 Coppe Italia
6 Supercoppe italiane
Trofei internazionali
7 Coppe dei Campioni/Champions League
2 Coppe delle Coppe
5 Supercoppe UEFA
3 Coppe Intercontinentali
1 Coppe del mondo per club
1 Coppa Mitropa
2 Coppe Latine
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce
L'Associazione Calcio Milan S.p.A., nota semplicemente come Milan,[5] una socie
t calcistica italiana con sede nella citt di Milano, fondata il 13 dicembre 1899.[
6] La squadra milita nella Serie A del campionato italiano di calcio, dove ha gi
ocato pressoch stabilmente: dalla sua introduzione nella stagione 1929-1930, infa
tti, ha partecipato a 81 campionati di Serie A a girone unico su 83. L'Associazi
one Calcio Milan una societ del Gruppo Fininvest dal 1986. La carica di president
e del club vacante[3] dall'8 maggio 2008,[7] in quanto l'assunzione dell'incaric
o di presidente del Consiglio dei ministri da parte di Silvio Berlusconi ha dete
rminato la sua dimissione dalla massima carica sociale del Milan.[8][9][10] Il v
ice presidente vicario e amministratore delegato della societ Adriano Galliani[3]
e dal 2012 lo stesso Berlusconi presidente onorario del club.[11]
la seconda squadra al mondo per numero di titoli internazionali conquistati (18,
[12] a pari merito con il Boca Juniors ed il Real Madrid[13] e dietro all'Al-Ahl
y che ne ha vinti 20),[14] tra cui 3 Coppe Intercontinentali (primato mondiale[1
5]), una Coppa del mondo per club, 5 Supercoppe europee (primato europeo), 7 Cop
pe dei Campioni/Champions League e 2 Coppe delle Coppe (entrambi primati italian
i)[16] e figura all'undicesimo posto (prima italiana) della graduatoria continen
tale dell'UEFA, stilata sulla base dei risultati ottenuti nelle competizioni eur
opee nell'ultimo quinquennio.[17][18] Se in ambito internazionale la squadra ita
liana con pi successi e la prima ad aver vinto la Coppa dei Campioni (nel 1962-19
63), in ambito italiano il Milan il terzo club pi titolato dopo la Juventus (prim
a) e l'Inter (seconda), avendo vinto 18 scudetti, 5 Coppe Italia e 6 Supercoppe
italiane (quest'ultimo record a pari merito con la Juventus).[19] Complessivamen
te, con 47 trofei ufficiali vinti, il secondo club pi titolato dietro alla Juvent
us. inoltre una delle due squadre ad aver vinto il campionato italiano a girone
unico senza subire sconfitte (nel 1991-1992,[20] l'altra stata la Juventus nel 2
011-2012[21]).
In base a quanto emerso da un sondaggio della societ Demos & Pi effettuato nel se

ttembre 2014, il Milan risulta essere la terza squadra per numero di sostenitori
in Italia (dopo la Juventus e l'Inter) avendo riscosso la preferenza del 17% de
l campione.[22]

Indice [nascondi]
1 Storia 1.1 Dagli esordi al secondo dopoguerra
1.2 Gli anni cinquanta e sessanta
1.3 Gli anni settanta e ottanta
1.4 Gli anni novanta e duemila
1.5 Gli anni duemiladieci
2 Cronistoria
3 Colori e simboli 3.1 Colori
3.2 Simboli ufficiali 3.2.1 Stemma
3.2.2 Mascotte
4 Strutture 4.1 Stadio 4.1.1 Nuovo Stadio
4.2 Centro di allenamento
5 Societ 5.1 Organigramma societario
5.2 Gruppo Milan
5.3 Bilancio
5.4 Sponsor
5.5 Impegno nel sociale
5.6 Settore giovanile
5.7 Superleague Formula
6 Allenatori e presidenti
7 Calciatori 7.1 Hall of Fame
7.2 Capitani
7.3 Campioni del mondo
7.4 Maglie ritirate
8 Palmars 8.1 Competizioni nazionali
8.2 Competizioni internazionali
8.3 Competizioni giovanili
8.4 Altre competizioni
8.5 Onorificenze
9 Statistiche e record 9.1 Partecipazioni ai campionati
9.2 Statistiche di squadra
9.3 Statistiche individuali
10 Tifoseria 10.1 Gemellaggi e rivalit 10.1.1 Gemellaggi
10.1.2 Rivalit
11 Organico 11.1 Rosa
11.2 Staff tecnico
12
13
14
15
16

Note
Bibliografia
Voci correlate
Altri progetti
Collegamenti esterni

Storia
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia dell'Associazione C
alcio Milan.
Dagli esordi al secondo dopoguerra

Herbert Kilpin, socio fondatore e primo allenatore del Milan


Presumibilmente il 13 dicembre 1899[6][23] grazie all'iniziativa di un gruppo di
inglesi e italiani animati dalla passione per il football, nacque il Milan Foot
-Ball and Cricket Club, che ebbe come primo presidente Alfred Edwards, vice pres
idente e capitano della squadra di cricket Edward Nathan Berra, segretario Samue
l Richard Davies e fra i soci fondatori David Allison (capitano della squadra di
calcio), Daniele Angeloni, Giannino Camperio, Antonio Dubini, Guido Valerio e H
erbert Kilpin.[24] La fondazione del club fu resa pubblica due giorni pi tardi, v
enerd 15 dicembre, da La Gazzetta dello Sport.[6]
Il 15 gennaio 1900 il club fu affiliato alla Federazione Italiana Football e il
15 aprile la squadra fece il suo esordio ufficiale contro l'FC Torinese[25] nell
e semifinali del campionato 1900.[26] Il 27 maggio dello stesso anno vinse la Me
daglia del Re grazie al 2-0 ottenuto contro la Juventus.
L'anno seguente il Milan fu subito campione d'Italia, interrompendo la serie di
vittorie consecutive del Genoa sconfitto in finale per 3-0. Per il bis occorse a
spettare il 1906, quando ad essere battuta fu la Juventus che rifiut di disputare
la ripetizione della gara di spareggio sul campo dell'US Milanese, non condivid
endo la decisione della Federazione sulla scelta della sede della partita.[27] N
el 1907 arriv il terzo successo, grazie al primo posto nel Girone Finale a cui pa
rteciparono Torino e Andrea Doria.
Nonostante i successi, nel 1908 nacque un dissidio interno alla societ riguardo l
'opportunit di tesserare giocatori stranieri e un gruppo di soci lasci i rossoneri
per fondare un nuovo sodalizio, il Football Club Internazionale Milano.[28] Dop
o la separazione il Milan sfior lo scudetto nel 1910-1911 e nel 1911-1912 (entram
bi i campionati furono vinti dalla Pro Vercelli), mentre nel 1916 i rossoneri mi
sero in bacheca la Coppa Federale. Nelle stagioni seguenti la squadra vinse due
volte i campionati regionali ma non riusc ad ottenere successi nelle fasi naziona
li.
Nel marzo 1919 la denominazione originale di Milan Foot-Ball and Cricket Club fu
mutata in Milan Football Club.[29][30] Il nuovo nome fece da preludio a un lung
o periodo buio, durante il quale i diavoli pur rimanendo sempre nella massima se
rie ottennero solo piazzamenti a met classifica non andando mai oltre il terzo po
sto, ottenuto nel 1937-1938 (a tre punti dall'Inter campione) e nel 1940-1941 (a
cinque punti dal Bologna vincitore). Le stelle di quest'epoca furono Aldo Boffi
e Giuseppe Meazza.
Nel 1926 si inaugur lo stadio di San Siro, costruito dal presidente Piero Pirelli
e che, fino al 1948, ospit solo il Milan, dato che l'Inter avrebbe giocato all'A
rena Civica.[31]
Nel 1936 la societ mut la denominazione in Milan Associazione Sportiva,[23][32] me
ntre nel febbraio 1939[33] le autorit fasciste imposero l'italianizzazione del no
me in Associazione Calcio Milano.[34] Dopo la seconda guerra mondiale la squadra
torn alla vecchia denominazione. Nacque cos, nel 1945, l'Associazione Calcio Mila

n.[35][36]
Gli anni cinquanta e sessanta

Gren, Nordahl e Liedholm: il Gre-No-Li


Nell'immediato dopoguerra la squadra rossonera ripart con il quarto posto del 194
6-1947 a cui la stagione successiva segu per la prima volta il titolo simbolico d
i "campione d'inverno".[37] Lo scudetto arriv, invece, nel 1950-1951 dopo 44 anni
di attesa[38] insieme alla prestigiosa Coppa Latina del 1951, grazie ai gol del
celebre trio d'attacco svedese Gre-No-Li, alle parate di Buffon e alla guida te
cnica dell'ungherese Lajos Czeizler. Negli anni seguenti si unirono alla squadra
altri campioni come Schiaffino, Bagnoli, Radice e Cesare Maldini, che furono fr
a i protagonisti delle vittorie nella Coppa Latina 1956 e di altri 3 campionati
(1954-1955, 1956-1957 e 1958-1959), guidati dal capitano Nils Liedholm. Nel 1958
il Milan raggiunse per la prima volta la finale di Coppa dei Campioni, perdendo
per per 3-2 ai supplementari contro il grande Real Madrid,[39] vincitore delle p
rime cinque edizioni consecutive del trofeo.

I rossoneri con la Coppa delle Coppe vinta nel 1967-1968


Per vedere il primo successo continentale dei rossoneri occorse aspettare il 196
3. L'anno precedente il Milan aveva vinto il suo ottavo titolo nel 1961-1962 con
Nereo Rocco in panchina, il capocannoniere Jos Altafini in attacco e un giovane
Gianni Rivera in campo. E furono le reti di Altafini a spingere il Milan sino al
la vittoria per 2-1 nella finale contro il Benfica nello stadio di Wembley.[39]
Fu il capitano Cesare Maldini a sollevare la prima Coppa dei Campioni vinta da u
na squadra italiana.[40] Nel 1964 i rossoneri, con Viani in panchina dopo il pas
saggio di Rocco al Torino, persero per 1-0 la Coppa Intercontinentale al termine
della partita decisiva giocata al Maracan contro il Santos di Pel.[41] Questa fu
l'ultima stagione sotto la presidenza di Andrea Rizzoli, che si dimise dopo nove
anni al timone del club in cui vinse 4 scudetti, una Coppa Latina, una Coppa de
i Campioni ed edific il centro sportivo di Milanello.[42]

Nereo Rocco con la Coppa dei Campioni vinta nel 1968-1969 e la Coppa Intercontin
entale vinta nel 1969
All'abbandono di Rizzoli seguirono alcune stagioni opache, che videro come unico
successo la Coppa Italia 1966-1967. Fu, questo, un intervallo reso ancora pi ama
ro dalle contemporanee vittorie dei cugini dell'Inter, guidati dal mago Herrera.
Fu il ritorno in panchina di Rocco ad interrompere il periodo di insuccessi: ne
l 1967-1968 i rossoneri conquistarono il nono scudetto, oltre alla Coppa delle C
oppe 1967-1968, messa in bacheca battendo nella finale di Rotterdam l'Amburgo gr
azie ad una doppietta di Kurt Hamrin.[43] Nel campionato successivo, quello del
1968-1969, il Milan giunse secondo alle spalle della Fiorentina, ma vinse la sec
onda Coppa dei Campioni della sua storia battendo per 4-1 nella finale di Madrid
l'Ajax di Rinus Michels.[39] Nel 1969 il Milan si aggiudic l'Intercontinentale,
in virt del successo nella doppia finale contro gli argentini dell'Estudiantes (3
-0; 1-2).[44] A questi allori di squadra si aggiunse anche la vittoria di Rivera
nel Pallone d'oro 1969, primo italiano a riuscirvi.[23][45]

Gli anni settanta e ottanta

La rosa del Milan nella stagione 1973-1974, con la Coppa delle Coppe e la Coppa
Italia vinte nel 1972-1973
Gli anni settanta si aprirono con tre secondi posti consecutivi in campionato, d
ue dei quali ottenuti dopo aver subito brucianti rimonte da parte di Inter (1970
-1971) e Juventus (1972-1973). In particolare nel 1972-1973 i rossoneri persero
un campionato che sembrava gi vinto a causa di un'amara sconfitta nella "Fatal Ve
rona".[46] I secondi posti in campionato furono per compensati dalla vittoria di
due Coppe Italia (1971-1972 e 1972-1973) e della seconda Coppa delle Coppe.
In questo periodo si stabilirono nei vari settori della curva sud dello Stadio d
i San Siro i primi nuclei di tifo organizzato a supporto della squadra rossonera
: fra i principali si ricordano la Fossa dei Leoni (nato nel 1968 e scioltosi ne
l 2005),[47] Commandos Tigre (1967) e Brigate Rossonere (1975).[48]
Il caos societario che vide alternarsi al vertice della societ ben 7 presidenti i
n poco pi di 10 anni non aiut la squadra a mantenere una certa continuit di risulta
ti. Il Milan, fra il 1973 e il 1978, attravers una serie di stagioni non esaltant
i durante le quali si mantenne sempre nelle posizioni di bassa classifica. L'arr
ivo di Nils Liedholm in panchina e il 4 posto nel torneo 1977-1978, stagione di d
ebutto di Franco Baresi, fecero da preambolo alla vittoria del decimo titolo nel
1978-1979. La squadra, guidata in campo da un Rivera alla sua ultima stagione d
a calciatore, vinse la concorrenza dell'ostico Perugia di Castagner (che conclus
e il campionato imbattuto, prima squadra a riuscirvi nella Serie A a girone unic
o[20]) e mise finalmente in bacheca l'agognato "scudetto della stella".[49]
Gli anni ottanta si aprirono, invece, con la prima retrocessione in Serie B a se
guito dello scandalo del calcio scommesse,[50] malgrado il terzo posto finale a
cinque punti dall'Inter campione. Il pronto ritorno nella massima serie vincendo
il campionato di Serie B 1980-1981 fu solo momentaneo, poich nel campionato 1981
-1982 i rossoneri retrocessero nuovamente, questa volta sul campo, a seguito di
una stagione fallimentare trascorsa quasi interamente nelle ultime posizioni di
classifica e conclusa al terz'ultimo posto (24 punti in 30 partite).[51] Ancora
una volta il ritorno in A fu immediato. Il Milan torn ad assestarsi stabilmente n
ella massima serie, senza per pi riuscire ad inserirsi nelle posizioni di vertice.
Il 20 gennaio 1985 esord in massima serie il sedicenne Paolo Maldini, che si sar
ebbe affermato come titolare della difesa rossonera gi dalla stagione successiva.
[52]

Il trio olandese formato da Frank Rijkaard, Marco van Basten e Ruud Gullit
Al termine della stagione 1985-1986 la situazione precipit nuovamente: a seguito
di alcune ispezioni della Guardia di Finanza la societ risult fortemente indebitat
a e a rischio fallimento. Fu l'imprenditore milanese Silvio Berlusconi a rilevar
e la squadra dal presidente Farina il 20 febbraio 1986 e a ripianare il deficit
economico.[53] Le ambizioni di successo del nuovo presidente furono confermate d
a una campagna acquisti finalmente all'altezza del blasone rossonero: arrivarono
Donadoni, Bonetti, Galderisi, Massaro e Galli.[54] Dopo una prima stagione di t
ransizione che vide l'esonero di Nils Liedholm e il quinto posto finale, nel 198
7 il Milan scelse di puntare sul giovane tecnico Arrigo Sacchi. Ai campioni gi pr
esenti in rosa si aggiunsero i due fuoriclasse olandesi Marco van Basten e Ruud
Gullit (Pallone d'oro 1987). Sacchi, dopo un inizio difficile, guid la squadra ad

una rimonta sul Napoli sino alla vittoria finale. Il successo in campionato fu
il preludio ad un triennio d'oro in cui i rossoneri si aggiudicarono due Coppe d
ei Campioni (1989, 1990), due Supercoppe europee (1989, 1990), due Coppe Interco
ntinentali (1989, 1990) e una Supercoppa italiana (1989).[55] Il Milan di Sacchi
, ispirato al calcio totale, rivoluzion la pratica e la mentalit calcistica.

Arrigo Sacchi e Franco Baresi con la Coppa Intercontinentale vinta dal Milan nel
1989
Gli anni novanta e duemila
La serie di successi in Europa si interruppe il 20 marzo 1991, nella partita di
ritorno dei quarti di finale di Coppa dei Campioni, giocata contro l'Olympique M
arsiglia. Il Milan, in svantaggio per 1-0, usc dal campo dopo lo spegnimento di u
no dei riflettori dello stadio su richiesta di Adriano Galliani,[56] che ritenev
a impossibile continuare a giocare per via della scarsa visibilit. La funzionalit
del riflettore venne ripristinata ma il Milan non torn in campo, venendo penalizz
ato con una sconfitta a tavolino e con la squalifica per un anno dalle coppe eur
opee.[57][58] Si chiuse cos il ciclo di Sacchi che a fine stagione lasci la panchi
na a Fabio Capello per diventare commissario tecnico della Nazionale italiana.

Fabio Capello vinse quattro scudetti in cinque anni sulla panchina rossonera
Fuori dalle competizioni europee, il Milan pot concentrarsi completamente sul cam
pionato 1991-1992, che vinse senza subire nemmeno una sconfitta[59][60] diventan
do cos la prima squadra italiana a vincere lo scudetto senza perdere nemmeno una
partita.[20] L'anno successivo il ritorno nella Coppa dei Campioni, con il nuovo
nome di UEFA Champions League, vide il Milan sconfitto in finale ancora dall'Ol
ympique Marsiglia,[39] mentre in campo nazionale si aggiudic il secondo scudetto
di fila e la Supercoppa italiana. Il 1993-1994 fu, invece, un'annata memorabile,
impreziosita dal double scudetto-Champions League (storico il 4-0 in finale con
tro il Barcellona) e coronato dalla Supercoppa italiana.
Perse invece contro il Parma la Supercoppa UEFA e contro il San Paolo la Coppa I
ntercontinentale, competizioni disputate al posto dell'Olympique Marsiglia, dete
ntrice della Champions League ma squalificata a seguito dell'"Affaire VA-OM".[61
] L'anno seguente il Milan raggiunse per il terzo anno di fila la finale della m
assima competizione europea, ma fu sconfitto dal giovane Ajax di Louis van Gaal.
[39] Anche la Coppa Intercontinentale sfugg dalle mani dei rossoneri per andare a
gli argentini del Vlez Srsfield, vittoriosi per 2-0 nella finale di Tokyo.[62] A s
alvare il bilancio della stagione fu la doppietta di vittorie nelle Supercoppe e
uropea e italiana. Al termine della stagione 1995-1996, conclusa con la vittoria
del quarto scudetto in cinque anni, Capello lasci la panchina della squadra ross
onera all'uruguaiano scar Tabrez.

Paolo Maldini mentre alza la Champions League vinta ai rigori il 28 maggio 2003
contro la Juventus all'Old Trafford
L'arrivo di Tabrez apr un biennio di crisi, durante il quale si alternarono senza
successo sulla panchina del Milan anche i rientranti Sacchi e Capello. A riporta
re in via Turati il tricolore fu Alberto Zaccheroni, che nel 1998-1999 complet al

la penultima giornata un'inopinata rimonta sulla Lazio, grazie a sette vittorie


consecutive negli ultimi sette turni.[63] Il terzo posto nel campionato successi
vo e le due eliminazioni consecutive in Champions League portarono, per, all'eson
ero del tecnico romagnolo, che fu sostituito da Cesare Maldini e Mauro Tassotti
a due mesi dal termine della stagione 2000-2001.[64]
Nel 2001-2002, dopo la breve parentesi del turco Fatih Terim, arriv sulla panchin
a del Milan l'ex calciatore rossonero Carlo Ancelotti. Sotto la guida dell'allen
atore emiliano la squadra sfior la finale di Coppa UEFA 2001-2002. L'anno seguent
e inaugur un nuovo ciclo di vittorie riportando nella bacheca rossonera la UEFA C
hampions League che mancava da nove anni, superando in semifinale i "cugini" del
l'Inter e battendo ai rigori, nella finale di Manchester, i rivali della Juventu
s. Tre giorni dopo, a San Siro contro la Roma dell'ex Fabio Capello, vinse la fi
nale di ritorno aggiudicandosi la prima Coppa Italia dell'era Berlusconi. Alla v
ittoria in Champions seguirono nel 2003-2004 il diciassettesimo scudetto e la qu
arta Supercoppa europea vinta a Montecarlo battendo il Porto di Jos Mourinho.

Carlo Ancelotti ha vinto la Champions League da giocatore e da allenatore del Mi


lan
Sono del 2004-2005 la vittoria della Supercoppa italiana, il secondo posto in ca
mpionato e la sconfitta-beffa nella finale di Champions League contro il Liverpo
ol, che nel secondo tempo rimont dallo 0-3 e vinse ai rigori.[65] Al termine del
campionato 2005-2006, concluso al secondo posto, il Milan fu coinvolto nello "sc
andalo Calciopoli". Sub una penalizzazione di 30 punti che lo releg al terzo posto
e un'ulteriore penalizzazione di 8 punti da scontare nel campionato successivo.
[66]
Il 2006-2007 vide quindi il Milan subito fuori dalla lotta scudetto e senza il m
iglior marcatore delle ultime stagioni, Andriy Shevchenko (passato al Chelsea),
ma protagonista in Champions League, dove giunse nuovamente in finale contro gli
inglesi del Liverpool. La doppietta di Inzaghi valse ai rossoneri la conquista
del massimo trofeo continentale per la settima volta[67] e Kak, che vinse poi il
Pallone d'oro 2007, fu capocannoniere della manifestazione con 10 gol.[68] Nel 2
007-2008 il Milan ha vinto la Supercoppa europea per la quinta volta nella sua s
toria e la Coppa del mondo per club ma venne eliminato agli ottavi di finale in
Champions League e in campionato non riusc ad andare oltre il quinto posto, manca
ndo quindi la qualificazione per la Champions League.[69] La stagione seguente,
che segn il ritiro di Paolo Maldini vide il Milan giocare in Coppa UEFA, dove ven
ne eliminato ai sedicesimi di finale per mano del Werder Brema, e concludere al
terzo posto in Serie A. Fu l'ultima di Ancelotti, che pass alla guida del Chelsea
, e di Kak che mercato estivo fu ceduto al Real Madrid per 67,2 milioni di euro (
dei quali 2,7 versati al San Paolo per diritti di formazione).[70]

Festa a San Siro del 15 maggio 2011 per il diciottesimo scudetto del Milan
Dal 1 giugno 2009 il ruolo di tecnico venne assunto da Leonardo,[71][72] alla pri
ma esperienza da allenatore.[73] Ma dopo una sola stagione, conclusa con il terz
o posto in campionato, il tecnico brasiliano decise di lasciare la societ dopo 13
anni, durante i quali ha vestito i panni di calciatore, dirigente e, infine, al
lenatore.[74]
Gli anni duemiladieci

Il 25 giugno 2010, tramite un comunicato apparso sul sito ufficiale, il Milan ha


annunciato l'ingaggio dell'allenatore livornese Massimiliano Allegri[75] e in c
hiusura di mercato ha messo a segno gli acquisti di Zlatan Ibrahimovic e Robinho
. Nella prima stagione sotto la guida del tecnico toscano e trascinata dai gol d
ell'attaccante svedese, la squadra rossonera ha vinto il 18 scudetto della propri
a storia,[76] a distanza di 7 anni dal precedente.[77] Nella stagione 2011-2012
la squadra ha conquistato la sua sesta Supercoppa italiana battendo a Pechino l'
Inter per 2-1,[78] ma non riuscita a ripetersi in campionato, classificandosi se
conda alle spalle della Juventus. Dopo un terzo posto in campionato nella stagio
ne seguente, al termine del girone d'andata della Serie A 2013-2014, concluso in
undicesima posizione, la societ milanese ha esonerato l'allenatore Massimiliano
Allegri, affidando momentaneamente l'incarico al vice allenatore Mauro Tassotti[
79] e successivamente all'ex calciatore rossonero Clarence Seedorf.[80]
Il 9 giugno 2014 viene nominato nuovo allenatore l'ex centravanti rossonero e Ca
mpione del Mondo 2006 Filippo Inzaghi, gi allenatore degli Allievi Nazionali prim
a e della formazione Primavera poi, che prende il posto dell'esonerato Clarence
Seedorf. Al termine della stagione 2014-2015, terminata al 10 posto in classifica
, la societ rossonera decide di cambiare nuovamente il proprio tecnico, esonerand
o Filippo Inzaghi e affidando la panchina al serbo Sini a Mihajlovic, gi allenatore
, tra le altre squadre, di Fiorentina e Sampdoria.[81]
Cronistoria
Cronistoria dell'Associazione Calcio Milan
1899 - 13 dicembre:[6] fondazione del Milan Foot-Ball and Cricket Club.
1900 - Semifinalista del Campionato Federale.
Vince la Medaglia del Re (1 titolo).
1901 - Scudetto.svg Campione d'Italia (1 titolo).
Vince la Medaglia del Re (2 titolo).1902 - Finalista del Campionato Federale.
Vince la Medaglia del Re (3 titolo).Vince il Campionato FGNI a pari merito con l'
Andrea Doria (1 titolo).1902-1903 - Semifinalista del Campionato Federale.
1903-1904 - Semifinalista della Prima Categoria.
Vince il Campionato FGNI (2 titolo).1904-1905 - 2 nel girone eliminatorio lombardo
della Prima Categoria.
Vince la Palla Dapples.Vince il Campionato FGNI (3 titolo).1905-1906 - Scudetto.s
vg Campione d'Italia (2 titolo).
Vince la Palla Dapples.Vince il Campionato FGNI (4 titolo).1906-1907 - Scudetto.s
vg Campione d'Italia (3 titolo).
Vince la Palla Dapples.Vince il Campionato FGNI (5 titolo).1907-1908 - Non prende
parte al campionato.
Vince la Palla Dapples.1908-1909 - 2 nel girone eliminatorio lombardo di Prima Ca
tegoria.
1909-1910 - 6 in Prima Categoria.
1910-1911 - 2 nel girone ligure-lombardo-piemontese di Prima Categoria.
1911-1912 - 2 nel girone ligure-lombardo-piemontese di Prima Categoria.
1912-1913 - 3 nel girone finale di Prima Categoria.
1913-1914 - 3 nel girone lombardo-piemontese di Prima Categoria.
1914-1915 - 4 nel girone finale di Prima Categoria.
1915-1916 - Coppafederale.jpg Vince la Coppa Federale (1 titolo).
1916-1917 - Vince la Coppa Regionale Lombarda (trofeo mai consegnato).
1917-1918 - Vince la Coppa Mauro dopo lo spareggio con l'Inter (1 titolo).
1918-1919 - 2 nella Coppa Mauro.
1919 - marzo: cambia denominazione in Milan Football Club.
1919-1920 - 4 nel girone A del girone semifinale nazionale di Prima Categoria.

1920-1921 - 4 nel gruppo A del Girone Semifinale Nazionale di Prima Categoria.


1921-1922 - 9 nel girone A di Prima Divisione (CCI).
1922-1923 - 4 nel girone B di Prima Divisione.
1923-1924 - 8 nel girone B di Prima Divisione.
1924-1925 - 8 nel girone B di Prima Divisione.
1925-1926 - 7 nel girone B di Prima Divisione.
1926-1927 - 6 nel girone finale di Divisione Nazionale.
Partecipa alla Coppa Italia (interrotta al quarto turno).1927-1928 - 6 nel girone
finale di Divisione Nazionale.
1928-1929 - 2 nel girone A di Divisione Nazionale.
Battuto al sorteggio dal Genoa negli spareggi di qualificazione alla Coppa dell'
Europa Centrale 1929.1929-1930 - 11 in Serie A.
1930-1931 - 12 in Serie A.
1931-1932 - 4 in Serie A.
1932-1933 - 11 in Serie A.
1933-1934 - 9 in Serie A.
1934-1935 - 10 in Serie A.
1935-1936 - 8 in Serie A.
Semifinalista di Coppa Italia.1936 - Cambia denominazione in Milan Associazione
Sportiva.
1936-1937 - 4 in Serie A.
Semifinalista di Coppa Italia.1937-1938 - 3 in Serie A.
Semifinalista di Coppa Italia.Ottavi di finale della Coppa dell'Europa Centrale.
1938-1939 - 9 in Serie A.
Semifinalista di Coppa Italia.1939 - febbraio: cambia denominazione in Associazi
one Calcio Milano.
1939-1940 - 8 in Serie A.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
1940-1941 - 3 in Serie A.
Ottavi di finale di Coppa Italia.1941-1942 - 9 in Serie A.
Finalista di Coppa Italia.1942-1943 - 6 in Serie A.
Quarti di finale di Coppa Italia.1943-1944 - 5 nel girone lombardo del Campionato
Alta Italia.
1944-1945 - 6 nel Torneo Benefico Lombardo.
Alla fine della seconda guerra mondiale cambia denominazione in Associazione Cal
cio Milan.1945-1946 - 3 nel girone finale di Divisione Nazionale.
1946-1947 - 4 in Serie A.
1947-1948 - 2 in Serie A.
1948-1949 - 3 in Serie A.
1949-1950 - 2 in Serie A.
1950-1951 - Scudetto.svg Campione d'Italia (4 titolo).
Vince la Coppa Latina (1 titolo).1951-1952 - 2 in Serie A.
1952-1953 - 3 in Serie A.
Finalista di Coppa Latina.1953-1954 - 3 in Serie A.
1954-1955 - Scudetto.svg Campione d'Italia (5 titolo).
3 in Coppa Latina.1955-1956 - 2 in Serie A.
Semifinalista di Coppa dei Campioni.Vince la Coppa Latina (2 titolo).1956-1957 Scudetto.svg Campione d'Italia (6 titolo).
3 in Coppa Latina.1957-1958 - 9 in Serie A.
Quarti di finale di Coppa Italia.Finalista di Coppa dei Campioni.1958-1959 - Scu
detto.svg Campione d'Italia (7 titolo).
Ottavi di finale di Coppa Italia.1959-1960 - 3 in Serie A.
Secondo turno di Coppa Italia.Ottavi di finale di Coppa dei Campioni.
1960-1961 - 2 in Serie A.
Ottavi di finale di Coppa Italia.1961-1962 - Scudetto.svg Campione d'Italia (8 ti
tolo).
Secondo turno di Coppa Italia.Sedicesimi di finale di Coppa delle Fiere.1962 - C

ambia denominazione in Milan Associazione Calcio.


1962-1963 - 3 in Serie A.
Ottavi di finale di Coppa Italia.Coppacampioni.png Vince la Coppa dei Campioni (
1 titolo).Finalista di Coppa dell'Amicizia.1963-1964 - 3 in Serie A.
Quarti di finale di Coppa Italia.Quarti di finale di Coppa dei Campioni.Sconfitt
o in Coppa Intercontinentale allo spareggio.1964-1965 - 2 in Serie A.
Primo turno di Coppa Italia.Primo turno di Coppa delle Fiere.1965-1966 - 7 in Ser
ie A.
Quarti di finale di Coppa Italia.Ottavi di finale di Coppa delle Fiere (eliminat
o per sorteggio).1966-1967 - 8 in Serie A.
Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (1 titolo).Ottavi di finale di Co
ppa Mitropa.6 in Coppa delle Alpi.1967-1968 - Scudetto.svg Campione d'Italia (9 ti
tolo).
2 nel girone finale di Coppa Italia.Coppacoppe.png Vince la Coppa delle Coppe (1 t
itolo).1968-1969 - 3 in Serie A.
Quarti di finale di Coppa Italia.Coppacampioni.png Vince la Coppa dei Campioni (
2 titolo).1969-1970 - 4 in Serie A.
Girone eliminatorio di Coppa Italia.Ottavi di finale di Coppa dei Campioni.Copa
Intercontinental.svg Vince la Coppa Intercontinentale (1 titolo).
1970-1971 - 2 in Serie A.
1 nel girone finale di Coppa Italia, perde lo spareggio per l'assegnazione del tr
ofeo contro il Torino.1971-1972 - 2 in Serie A.
Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (2 titolo).Semifinalista di Coppa
UEFA.1972-1973 - 2 in Serie A.
Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (3 titolo).Coppacoppe.png Vince l
a Coppa delle Coppe (2 titolo).1973-1974 - 7 in Serie A.
Secondo turno di Coppa Italia.Finalista di Coppa delle Coppe.Sconfitto in Superc
oppa UEFA.1974-1975 - 5 in Serie A.
Finalista di Coppa Italia.1975-1976 - 3 in Serie A.
Secondo turno di Coppa Italia.Quarti di finale di Coppa UEFA.1976-1977 - 10 in Se
rie A.
Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (4 titolo).Ottavi di finale di Co
ppa UEFA.1977-1978 - 4 in Serie A.
Secondo turno di Coppa Italia.Sedicesimi di finale di Coppa delle Coppe.1978-197
9 - Star*.svg Scudetto.svg Campione d'Italia (10 titolo).
Primo turno di Coppa Italia.Ottavi di finale di Coppa UEFA.1979-1980 - 16 in Seri
e A declassandolo dal 3 posto ottenuto sul campo su delibera della CAF per illeci
to sportivo nell'ambito del Totonero. Retrocesso in Serie B.
Quarti di finale di Coppa Italia.Sedicesimi di finale di Coppa dei Campioni.
1980-1981 - 1 in Serie B. Promosso in Serie A.
Primo turno di Coppa Italia.1981-1982 - 14 in Serie A. Retrocesso in Serie B.
Primo turno di Coppa Italia.Coppaeuropa.jpg Vince la Coppa Mitropa (1 titolo).198
2-1983 - 1 in Serie B. Promosso in Serie A.
Quarti di finale di Coppa Italia.1983-1984 - 6 in Serie A.
Quarti di finale di Coppa Italia.1984-1985 - 5 in Serie A.
Finalista di Coppa Italia.1985-1986 - 7 in Serie A.
Ottavi di finale di Coppa Italia.Ottavi di finale di Coppa UEFA.1986-1987 - 5 in
Serie A dopo la vittoria dello spareggio con la Sampdoria.
Ottavi di finale di Coppa Italia.1987-1988 - Scudetto.svg Campione d'Italia (11 t
itolo).
Ottavi di finale di Coppa Italia.Sedicesimi di finale di Coppa UEFA.1988-1989 3 in Serie A.
Secondo turno di Coppa Italia.Coppacampioni.png Vince la Coppa dei Campioni (3 ti
tolo).Supercoppaitaliana.png Vince la Supercoppa italiana (1 titolo).1989-1990 2 in Serie A.
Finalista di Coppa Italia.Coppacampioni.png Vince la Coppa dei Campioni (4 titolo
).Supercoppaeuropea.png Vince la Supercoppa UEFA (1 titolo).Copa Intercontinental
.svg Vince la Coppa Intercontinentale (2 titolo).
1990-1991 - 2 in Serie A.
Semifinalista di Coppa Italia.Quarti di finale di Coppa dei Campioni.Supercoppae

uropea.png Vince la Supercoppa UEFA (2 titolo).Copa Intercontinental.svg Vince la


Coppa Intercontinentale (3 titolo).1991-1992 - Scudetto.svg Campione d'Italia (1
2 titolo).
Semifinalista di Coppa Italia.1992-1993 - Scudetto.svg Campione d'Italia (13 tito
lo).
Semifinalista di Coppa Italia.Finalista di Champions League.Supercoppaitaliana.p
ng Vince la Supercoppa italiana (2 titolo).1993-1994 - Scudetto.svg Campione d'It
alia (14 titolo).
Ottavi di finale di Coppa Italia.Coppacampioni.png Vince la Champions League (5 t
itolo).Supercoppaitaliana.png Vince la Supercoppa italiana (3 titolo).Sconfitto i
n Supercoppa UEFA.Sconfitto in Coppa Intercontinentale.1994-1995 - 4 in Serie A.
Ottavi di finale di Coppa Italia.Finalista di Champions League.Supercoppaitalian
a.png Vince la Supercoppa italiana (4 titolo).Supercoppaeuropea.png Vince la Supe
rcoppa UEFA (3 titolo).Sconfitto in Coppa Intercontinentale.1995-1996 - Scudetto.
svg Campione d'Italia (15 titolo).
Quarti di finale di Coppa Italia.Quarti di finale di Coppa UEFA.1996-1997 - 11 in
Serie A.
Quarti di finale di Coppa Italia.Fase a gironi di Champions League.Sconfitto in
Supercoppa italiana.1997-1998 - 10 in Serie A.
Finalista di Coppa Italia.1998-1999 - Scudetto.svg Campione d'Italia (16 titolo).
Ottavi di finale di Coppa Italia.1999 - 16 dicembre: centenario del club (Il Cen
toMilan).
1999-2000 - 3 in Serie A.
Quarti di finale di Coppa Italia.Prima fase a gironi di Champions League.Sconfit
to in Supercoppa italiana.
2000-2001 - 6 in Serie A.
Semifinalista di Coppa Italia.Seconda fase a gironi di Champions League.2001-200
2 - 4 in Serie A.
Semifinalista di Coppa Italia.Semifinalista di Coppa UEFA.2002-2003 - 3 in Serie
A.
Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Italia (5 titolo).Coppacampioni.png Vinc
e la Champions League (6 titolo).2003-2004 - Scudetto.svg Campione d'Italia (17 ti
tolo).
Semifinalista di Coppa Italia.Quarti di finale di Champions League.Sconfitto in
Supercoppa italiana.Supercoppaeuropea.png Vince la Supercoppa UEFA (4 titolo).Sco
nfitto in Coppa Intercontinentale.2003 - 28 ottobre: riassume la denominazione A
ssociazione Calcio Milan.
2004-2005 - 2 in Serie A.
Quarti di finale di Coppa Italia.Finalista di Champions League.Supercoppaitalian
a.png Vince la Supercoppa italiana (5 titolo).2005-2006 - 3 in Serie A declassando
lo dal 2 posto ottenuto sul campo su delibera della CAF per responsabilit oggettiv
a nell'ambito di Calciopoli.
Quarti di finale di Coppa Italia.Semifinalista di Champions League.2006-2007 - 4
in Serie A.
Semifinalista di Coppa Italia.Coppacampioni.png Vince la Champions League (7 tito
lo).2007-2008 - 5 in Serie A.
Ottavi di finale di Coppa Italia.Ottavi di finale di Champions League.Supercoppa
europea.png Vince la Supercoppa UEFA (5 titolo).FIFA Club World Cup.svg Vince la
Coppa del mondo per club FIFA (1 titolo).2008-2009 - 3 in Serie A.
Ottavi di finale di Coppa Italia.Sedicesimi di finale di Coppa UEFA.2009-2010 3 in Serie A.
Quarti di finale di Coppa Italia.Ottavi di finale di Champions League.
2010-2011 - Scudetto.svg Campione d'Italia (18 titolo).
Semifinalista di Coppa Italia.Ottavi di finale di Champions League.2011-2012 - 2
in Serie A.
Semifinalista di Coppa Italia.Quarti di finale di Champions League.Supercoppaita
liana.png Vince la Supercoppa italiana (6 titolo).2012-2013 - 3 in Serie A.
Quarti di finale di Coppa Italia.Ottavi di finale di Champions League.2013-2014
- 8 in Serie A.
Quarti di finale di Coppa Italia.Ottavi di finale di Champions League.2014-2015

- 10 in Serie A.
Quarti di finale di Coppa Italia.
Colori e simboli

La bandiera di Milano

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
La maglia del centenario, simile a quella usata all'inizio del XX secolo.
Colori
Durante tutta la sua storia il Milan ha avuto come colori distintivi il rosso e
il nero. Tali colori furono scelti, come disse Kilpin, per rappresentare il fuoc
o dei diavoli milanisti (rosso) e la paura degli avversari nell'affrontarli (ner
o)[senza fonte].[82][83]
I giocatori indossano una maglia a strisce rosse e nere, motivo per il quale fu
dato loro il soprannome di rossoneri, pantaloncini bianchi e calzettoni neri. La
divisa di trasferta sempre stata di colore bianco; con tale divisa il Milan ha
vinto 6 finali su 8 di Coppa dei Campioni/Champions League, avendo perso solo co
ntro l'Ajax nel 1994-1995 e contro il Liverpool nel 2004-2005 mentre ha vinto so
lo una finale su 3 con la maglia rossonera.[84] La terza maglia, invece, viene u
sata pi raramente e nel corso degli anni cambiata con una certa frequenza: stata
prevalentemente nera, ma anche gialla, azzurra, rossa, argento e oro.[83]
Simboli ufficiali
Stemma
Per diversi anni il logo del Milan fu semplicemente la bandiera di Milano.[85] U
n altro soprannome che deriva dai colori della societ Il Diavolo e di conseguenza
come logo della societ fu usata anche l'immagine di un diavolo rosso alla destra
di una stella,[85] riconoscimento della vittoria di 10 scudetti. Lo stemma ripo
rta i colori sociali rosso e nero a sinistra e la bandiera del Comune di Milano

(una croce rossa su sfondo bianco) sulla destra, con la sigla ACM sopra e l'anno
della fondazione (1899) sotto.[85]

Stemma del Diavolo, creato dal Guerin Sportivo negli anni venti.

Stemma del Milan in uso dal 1986 al 1998.

L'attuale logo del Milan, in uso dal 1998.

Il logo di Casa Milan utilizzato nella seconda maglia per la stagione 2014-2015.

Il logo per CentoMilan, il centenario rossonero del 1999.


Mascotte
Dal 16 febbraio 2006 il Milan ha una mascotte ufficiale, disegnata dalla Warner
Bros.: Milanello, un diavolo rosso con la divisa rossonera e un pallone da calci
o.[86]

Milanello, mascotte del Milan dal 2006.

Milanello in campo nella partita Milan-Siena, stagione 2011-2012.

Strutture
Stadio
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio Giuseppe Meazza.

Panoramica dell'interno dello Stadio Giuseppe Meazza


Nei primi anni dopo la sua nascita il Milan gioc le partite casalinghe in diversi
campi. Dal 1900 al 1903 il Trotter in piazza Doria (dove successivamente sorse
la Stazione Centrale), dal 1903 al 1905 l'Acquabella in Corso Indipendenza, inau
gurato il 15 marzo 1903 con l'amichevole Milan-Genoa 0-0, dal 1906 al 1914 il Ca
mpo Milan di Porta Monforte (poi Campo di Via Fratelli Bronzetti, dopo il cambio
dell'ingresso da via Sottocorno a via Fratelli Bronzetti), dal 1914 al 1920 il
Velodromo Sempione, da settembre a novembre 1919 il Campo Pirelli (zona Bicocca)
e dal 1920 al 1926 il campo in Viale Lombardia. Il Milan gioc anche all'Arena Ci
vica, campo dell'Ambrosiana-Inter, saltuariamente tra il 1908 e il 1914 e poi da
l 1941 al 1949.[87]

Interno dello spogliatoio del Milan presso lo Stadio Giuseppe Meazza


Dal 1926 il Milan gioca le partite casalinghe nello Stadio Giuseppe Meazza, noto
soprattutto come San Siro, dal nome del quartiere di Milano in cui sorge. L'imp
ianto ha una capienza di 80 018 posti[4] e dal 1948 viene usato insieme all'Inte
r.[31] La costruzione dello stadio inizi nel dicembre 1925 per volere di Piero Pi
relli, allora presidente rossonero, e il nuovo impianto fu ufficialmente inaugur
ato il 19 settembre dell'anno seguente con una partita tra Milan e Inter (6-3 pe
r i nerazzurri).[31][88] Dal 1935 di propriet del Comune di Milano[88] e nel 1980
fu intitolato a Giuseppe Meazza, ex calciatore di entrambe le societ milanesi no
nch della Nazionale italiana.[31][88]
Nuovo Stadio
Argomento gi che si vociferava nella prima met degli anni duemila[89], poi accanto
nato nel 2012[90], il Milan ha in ufficialmente in proposito di creare un nuovo
stadio.Progetto iniziato verso la fine del 2014, Il nuovo stadio, che sar eretto
proprio di fianco alla nuova Casa Milan di Portello[91] e realizzato su modello
inglese, conterr 48.000 spettatori, alto solamente 30 metri (meno della met di San
Siro), contenendo al suo interno anche un albergo, un liceo a indirizzo sportiv
o e vari ristoranti. Il progetto stato affidato alla Arup, societ che ha gi realiz
zato l'Allianz Arena e lo Stadio Olimpico di Pechino.I lavori inizieranno nel 20
16, al termine dell'Expo 2015, e sar inaugurato nella Stagione 2018-2019.[92]
Centro di allenamento
Il campo di allenamento del Milan il centro sportivo di Milanello, situato in pr
ovincia di Varese tra i comuni di Carnago, Cassano Magnago e Cairate.[42] Inaugu
rato nel 1963, si estende su 160 000 m e dispone di 6 campi da calcio regolamenta
ri, un campetto in erba sintetica, un campetto coperto con fondo sintetico e un
campetto in erba circondato da una muro sormontato da una recinzione, denominato
"gabbia".[42]
Societ

Il capitale sociale dell'Associazione Calcio Milan S.p.A. diviso in 48 milioni d


i azioni del valore nominale di 52 centesimi di euro[93] ed controllata al 99,92
973% da Fininvest Spa,[94] la holding della famiglia Berlusconi, e come tale rie
ntra nel perimetro di consolidamento della societ.[95] Infatti le attivit e le pas
sivit del Milan alla fine dell'anno sono sommate a quelle delle altre societ del g
ruppo Fininvest nel bilancio consolidato, in questo modo le eventuali perdite de
l Milan possono essere ripianate grazie agli utili di altre societ Fininvest in a
ttivo.
L'Associazione Calcio Milan anche uno dei membri fondatori dell'Associazione dei
Club Europei (ECA),[96] organizzazione internazionale che ha preso il posto del
soppresso G-14 e composta dai principali club calcistici riuniti in consorzio a
l fine di ottenere una tutela comune dei diritti sportivi, legali e televisivi d
i fronte alla FIFA e alla UEFA.[97]
Organigramma societario

Silvio Berlusconi (2010) cropped.jpg Adriano Galliani cropped.jpg


Silvio Berlusconi, proprietario del Milan nonch ex presidente (1986-2004 e 2006-2
008) e presidente onorario del club dal 2012, e Adriano Galliani, vice president
e vicario e amministratore delegato del Milan
Organigramma del Consiglio di amministrazione del Milan.[3]

Staff dell'area amministrativa


Presidente: carica vacante[7]
Italia Silvio Berlusconi - Presidente onorario[11]
Italia Adriano Galliani - Vice presidente vicario e amministratore delegato per
l'attivit tecnico-sportiva
Italia Barbara Berlusconi - Vice presidente e amministratore delegato per le fun
zioni/direzioni aziendali non relative all'attivit tecnico-sportiva[98]
Italia Paolo Berlusconi - Vice presidente
Italia Pasquale Cannatelli - Consigliere
Italia Leandro Cantamessa - Consigliere
Italia Alfonso Cefaliello - Consigliere
Italia Giancarlo Foscale - Consigliere
Italia Antonio Marchesi - Consigliere
Italia Leonardo Brivio - Consigliere incaricato al controllo
Italia Rolando Vitr - Segretario

Gruppo Milan
L'Associazione Calcio Milan S.p.A. controlla il 100% di Milan Entertainment S.r.
l., Milan Real Estate S.p.A. e Fondazione Milan - Onlus; inoltre possiede il 50%
di M-I Stadio S.r.l. e il 45% di Asansiro S.r.l.[99]
Milan Real Estate S.p.A. la societ alla quale sono intestati gli immobili della s
ede di via Turati 3 e il centro sportivo Milanello.[100]
Milan Entertainment S.r.l. la societ nata nel 2005 come Servizi Milan S.r.l., all
a quale AC Milan S.p.A. ha ceduto i diritti di sfruttamento ventennale del march
io tramite conferimento di ramo d'azienda valutato da una perizia del Prof. Paol

o Jovenitti pari a 182,6 milioni di euro.[101]


M-I Stadio S.r.l. (gi Consorzio San Siro Duemila[102]) il consorzio formato al 50
% tra Milan e Inter per la gestione dello Stadio Giuseppe Meazza.[103]
Asansiro S.r.l. un'agenzia di sviluppo locale, per il quartiere San Siro, partec
ipata da Milan (45%), Inter (45%) e la Fondazione ChiamaMilano (10%).[103]
Bilancio
Bilancio Gruppo Milan
(in milioni di euro)
Anno
Risultato
Fatturato
2006[104]
2007[105]
2008[106]
2009[107]
2010[108]
2011[109]
2012[110]
2013[111]
2014[112]

+2,5 Green Arrow Up.svg 293,1 Green Arrow Up.svg


-31,7 Red Arrow Down.svg 275,4 Red Arrow Down.svg
-66,8 Red Arrow Down.svg 237,9 Red Arrow Down.svg
-9,8 Green Arrow Up.svg 327,6 Green Arrow Up.svg
-69,8 Red Arrow Down.svg 253,2 Red Arrow Down.svg
-67,3 Green Arrow Up.svg 266,8 Green Arrow Up.svg
-6,9 Green Arrow Up.svg 329,3 Green Arrow Up.svg
-15,7 Red Arrow Down.svg 278,7 Red Arrow Down.svg
-46,4[113] Red Arrow Down.svg 233,6 Red Arrow Down.svg

Il bilancio d'esercizio del 2013, approvato il 16 aprile 2014, stato chiuso con
un fatturato di 278,7 milioni di euro e una perdita di 15,7 milioni di euro.[111
] Nel 2012 il fatturato era stato di 329,3 milioni di euro e vi era stata una pe
rdita di 6,9 milioni di euro,[110] nell'anno precedente il bilancio segnava un f
atturato di 266,8 milioni di euro e una perdita di 67,3 milioni di euro[109] men
tre nel 2010 il fatturato era stato di 253,2 milioni di euro con una perdita di
69,8 milioni di euro.[108] L'ultimo bilancio concluso con un utile quello del 20
06, quando la societ ha avuto un attivo di 2,5 milioni di euro grazie a 45 milion
i di plusvalenze[104] di cui 42 dovuti alla cessione al Chelsea di Andriy Shevch
enko.[114]
Nel bilancio 2012 sono stati imputati 108 983 000 euro tra le immobilizzazioni i
mmateriali per diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori,[115] questo
in sintesi il valore di bilancio riconosciuto ai calciatori della prima squadra.
Erano stati 136 345 000 euro nel 2011,[116] 110 753 000 euro nel 2010,[117] 97
906 000 euro nel 2009,[118] 88 183 000 nel 2008, 95 769 000 nel 2007,[119] 70 67
8 162 nel 2006 e 72 946 448 nel 2005.[120]
Il valore dei ricavi nel 2012 stato pari a 329 307 000 euro,[121] di cui circa 1
39,8 milioni per diritti televisivi, 34,6 milioni da sponsorizzazioni (di cui 13
,8 da Emirates e 16,7 Adidas Italia Srl), 44,9 milioni da proventi commerciali e
royalty e 53,4 milioni da plusvalenze.[121]
I bilanci degli anni 2004, 2005, 2006 e 2007 sono stati revisionati da Deloitte
& Touche S.p.A.[122] Per i bilanci dal 2008 al 2016 stata scelta Reconta Ernst &
Young S.p.A.[123] Secondo la stessa Deloitte il Milan nel 2010 stato il settimo
club pi ricco d'Europa e il pi ricco in assoluto in Italia per fatturato netto co
n 235,8 milioni di euro.[124]
Per il 2014, il Milan registra il bilancio pi negativo dell'era Berlusconi,[125]

con una perdita di 91,3 milioni.[112]


Sponsor
Elenco degli sponsor ufficiali e tecnici del Milan.[83]

Cronologia degli sponsor tecnici


1899-1978:
1978-1980:
1980-1982:
1982-1984:
1984-1985:
1985-1986:
1986-1990:
1990-1993:
1993-1998:
1998-2023:

nessuno sponsor
adidas
Linea Milan
NR
Rolly Go
Gianni Rivera
Kappa
adidas
Lotto
adidas[126]

Cronologia degli sponsor ufficiali


1899-1981: nessuno sponsor
1981-1982: Pooh jeans
1982-1983: Hitachi
1983-1984: Olio Cuore
Estate 1984: Retequattro
1984-1985: Oscar Mondadori
1985-1987: Fotorex U-Bix
1987-1992: Mediolanum
1992-1994: Motta
1994-2006: Opel
2006-2010: bwin
2010-2020: Fly Emirates[127]

Impegno nel sociale


Il Milan una societ attiva nel campo sociale e degli aiuti umanitari.
Con Fondazione Milan Onlus, nata il 20 febbraio 2003 e che agisce sia in Italia
sia all'estero, il Milan s'impegna a soddisfare il pi possibile i bisogni primari
delle persone meno abbienti nei settori dell'assistenza sociale, dell'istruzion
e e dall'avviamento allo sport.[128]
Inoltre, assieme alla Fundao Gol de Letra (in Italia Associazione Gol de Letra Ita
lia), fondata dagli ex calciatori brasiliani Leonardo e Ra, s'impegna attivamente
a risolvere le problematiche vissute dai bambini e adolescenti brasiliani in gr
ave difficolt.[129][130]
Settore giovanile

Il settore giovanile del Milan formato da squadre che giocano nei campionati Pri
mavera, Allievi Nazionali, Allievi I e II Divisione (come squadra fuori classifi
ca[131]), Giovanissimi Nazionali, Giovanissimi Regionali A, Giovanissimi Regiona
li B, Esordienti e Pulcini.[132] Esistono anche numerose Scuole Calcio[133] e di
verse societ gemellate con cui vi sono rapporti di collaborazione tecnica per la
formazione dei giovani.
Le attivit delle giovanili si svolgono al centro sportivo Vismara nel quartiere G
ratosoglio di Milano, dove si allenano tutte le squadre del settore giovanile ad
eccezione della Primavera che si allena con la prima squadra a Milanello.[134]
Secondo una ricerca svolta nel 2005 dal Centro studi e ricerche del Settore Tecn
ico della FIGC sulle squadre dei sei principali campionati calcistici europei (F
rancia, Germania, Inghilterra, Italia, Paesi Bassi e Spagna) emerso che il Milan
la societ italiana che privilegia maggiormente l'ingresso in prima squadra dei g
iocatori cresciuti nel proprio vivaio dopo l'Atalanta e settima in assoluto.[135
]
Superleague Formula

Il pilota Giorgio Pantano


Dal 2008 al 2010 il Milan stato impegnato in una nuova competizione automobilist
ica, la Superleague Formula.[136] Insieme alla Roma, il Milan stata l'unica squa
dra italiana a parteciparvi.
Stagione
Scuderia
Pilota
Vittorie
Gare + SuperFinale
Pole Position
Posizione finale
2008 Playteam[137] Paesi Bassi Robert Doornbos[137] 2[138] 1 3 (335 punti)[139]
2009 Azerti Motorsport Italia Giorgio Pantano[140] 1 + 0 0 7 (286 punti)[141]
2010 Atech Grand Prix Paesi Bassi Yelmer Buurman[142] 2 + 1 0 5 (631 punti)[143]
Allenatori e presidenti
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Allenatori dell'Associazio
ne Calcio Milan.
Di seguito l'elenco di allenatori, direttori tecnici[144][145] (DT) e presidenti
del Milan[146][147] dall'anno della fondazione.[148]

Allenatori e DT

1900-1906 - Inghilterra Herbert Kilpin


1907 - Italia Daniele Angeloni
1908-1911 - Italia Giannino Camperio
1911-1912 - Commissione tecnica: Ernesto Belloni
1912-1913 - Commissione tecnica: Piero Peverelli
1913-1914 - Commissione tecnica: Cesare Stabilini, Mario Beltrami e Piero Pevere
lli
1914-1915 - Commissione tecnica: Cesare Stabilini, Mario Beltrami e C. Colombo
1915-1918 - Carica vacante
1918-1919 - Commissione tecnica: Attilio Colombo, Carlo Colombo e Innocente Cort
i
1919-1921 - Italia Guido Moda
1921-1922 - Carica vacante
1922-1924 - Austria Ferdi Oppenheim
1924-1926 - Italia Vittorio Pozzo
1926 - Italia Guido Moda
1926-1928 - Inghilterra Herbert Burgess
1928-1931 - Austria Engelbert Knig
1931-1933 - Ungheria Jzsef Bns
1933-1934 - Ungheria Jzsef Violak
1934-1936 - Italia Adolfo Baloncieri
1936-1937 - Inghilterra William Garbutt
1937-1938 - Austria Hermann Felsner (DT), Ungheria Jzsef Bns
1938-1939 - Ungheria Jzsef Bns
1939-1940 - Ungheria Jzsef Bns, Jzsef Violak (DT)
1940-1941 - Italia Guido Ara, Antonio Busini (DT)
1941-1943 - Italia Mario Magnozzi
1943-1945 - Italia Giuseppe Santagostino
1945-1946 - Italia Adolfo Baloncieri
1946-1949 - Italia Giuseppe Bigogno
1949-1952 - Ungheria Lajos Czeizler, Italia Antonio Busini (DT)
1952-1953 - Italia Mario Sperone, Antonio Busini (DT)
1953[149] - Svezia Gunnar Gren, Italia Antonio Busini (DT)
1953 - Italia Arrigo Morselli, Antonio Busini (DT)
1953-1955 - Ungheria Bla Guttmann
1955-1956 - Uruguay Hctor Puricelli
1956-1958 - Italia Giuseppe Viani
1958-1960 - Italia Luigi Bonizzoni, Giuseppe Viani (DT)
1960-1961 - Italia Paolo Todeschini, Giuseppe Viani (DT)
1961-1963 - Italia Nereo Rocco, Giuseppe Viani (DT)
1963-1964 - Argentina Luis Carniglia, Italia Giuseppe Viani (DT)
1964-1965 - Svezia Nils Liedholm, Italia Giuseppe Viani (DT)
1965-1966 - Svezia Nils Liedholm
1966 - Italia Giovanni Cattozzo
1966-1967 - Italia Arturo Silvestri
1967-1972 - Italia Nereo Rocco
1972-1973 - Italia Cesare Maldini, Nereo Rocco (DT)
1973 - Italia Nereo Rocco (DT)
1973-1974 - Italia Cesare Maldini, Nereo Rocco (DT)
1974 - Italia Cesare Maldini
1974 - Italia Giovanni Trapattoni
1974-1975 - Italia Gustavo Giagnoni
1975-1976 - Italia Giovanni Trapattoni, Nereo Rocco (DT)
1976 - Italia Paolo Barison, Nereo Rocco (DT)
1976-1977 - Italia Giuseppe Marchioro
1977 - Italia Nereo Rocco (DT)
1977-1979 - Svezia Nils Liedholm
1979-1981 - Italia Massimo Giacomini
1981 - Italia Italo Galbiati

1981-1982 Italia Luigi Radice


1982 - Italia Italo Galbiati, Francesco Zagatti[150]
1982-1984 - Italia Ilario Castagner
1984 - Italia Italo Galbiati
1984-1987 - Svezia Nils Liedholm
1987 - Italia Fabio Capello
1987-1991 - Italia Arrigo Sacchi
1991-1996 - Italia Fabio Capello
1996 - Uruguay scar Tabrez (DT), Italia Giorgio Morini
1996-1997 - Italia Arrigo Sacchi
1997-1998 - Italia Fabio Capello
1998-2001 - Italia Alberto Zaccheroni
2001 - Italia Cesare Maldini (DT), Mauro Tassotti
2001 - Turchia Fatih Terim (DT), Italia Antonio Di Gennaro
2001-2009 - Italia Carlo Ancelotti
2009-2010 - Brasile Leonardo
2010-2014 - Italia Massimiliano Allegri
2014 - Italia Mauro Tassotti (ad interim)
2014 - Paesi Bassi Clarence Seedorf
2014-2015 - Italia Filippo Inzaghi
dal 2015 - Serbia Sini a Mihajlovic

Presidenti
1899-1909 - Inghilterra Alfred Edwards
1909 - Italia Giannino Camperio (reggente)
1909-1928 - Italia Piero Pirelli
1928-1929 - Italia Luigi Ravasco
1929-1933 - Italia Mario Bernazzoli
1933-1935 - Italia Luigi Ravasco
1935-1936 - Italia Pietro Annoni
1936 - Consiglio di reggenza: Pietro Annoni, Giovanni Lorenzini e Rino Valdameri
1936-1939 - Italia Emilio Colombo
1939-1940 - Italia Achille Invernizzi
1940-1944 - Italia Umberto Trabattoni (commissario straordinario)
1944-1945 - Italia Antonio Busini
1945-1954 - Italia Umberto Trabattoni
1954-1963 - Italia Andrea Rizzoli
1963-1965 - Italia Felice Riva
1965-1966 - Italia Federico Sordillo (reggente)
1966-1967 - Italia Luigi Carraro
1967-1971 - Italia Franco Carraro
1971-1972 - Italia Federico Sordillo
1972-1975 - Italia Albino Buticchi
1975-1976 - Italia Bruno Pardi
1976-1977 - Italia Vittorio Duina
1977-1980 - Italia Felice Colombo
1980-1982 - Italia Gaetano Morazzoni
1982-1986 - Italia Giuseppe Farina
1986 - Italia Rosario Lo Verde
1986-2004 - Italia Silvio Berlusconi
2004-2006 - Carica vacante[8][151][152]
2006-2008 - Italia Silvio Berlusconi
2008-2012 - Carica vacante[7][8][151]
dal 2012 - Carica vacante,[151] Italia Silvio Berlusconi (onorario)[11]

Calciatori
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Calciatori dell'Associazio
ne Calcio Milan.
Hall of Fame
Di seguito l'elenco dei 54 calciatori inseriti nella Hall of Fame sul sito uffic
iale del Milan.[153]

Italia Demetrio Albertini


Brasile Italia Jos Altafini
Italia Carlo Ancelotti
Italia Roberto Baggio
Italia Franco Baresi
Germania Oliver Bierhoff
Croazia Zvonimir Boban
Italia Ruben Buriani
Brasile Cafu
Italia Fabio Capello
Italia Alessandro Costacurta
Italia Fabio Cudicini
Francia Marcel Desailly
Brasile Dida
Italia Roberto Donadoni
Italia Alberigo Evani
Italia Filippo Galli
Italia Giovanni Galli
Svezia Gunnar Gren
Paesi Bassi Ruud Gullit
Italia Filippo Inzaghi
Brasile Kak
Brasile Leonardo
Svezia Nils Liedholm
Italia Giovanni Lodetti
Italia Aldo Maldera
Italia Cesare Maldini
Italia Paolo Maldini
Italia Daniele Massaro
Italia Alessandro Nesta
Svezia Gunnar Nordahl
Italia Andrea Pirlo
Italia Pierino Prati
Italia Luigi Radice
Paesi Bassi Frank Rijkaard
Italia Gianni Rivera
Brasile Ronaldinho
Italia Roberto Rosato
Italia Sebastiano Rossi
Portogallo Rui Costa
Brasile Dino Sani
Jugoslavia Dejan Savicevic

Uruguay Italia Juan Alberto Schiaffino


Germania Ovest Karl-Heinz Schnellinger
Paesi Bassi Clarence Seedorf
Brasile Serginho
Ucraina Andriy Shevchenko
Italia Marco Simone
Brasile Italia Angelo Benedicto Sormani
Italia Mauro Tassotti
Italia Giovanni Trapattoni
Paesi Bassi Marco van Basten
Italia Pietro Paolo Virdis
Liberia George Weah
Capitani
Di seguito l'elenco dei 40 capitani[154] del Milan con il periodo in cui hanno p
ortato la fascia:[148]

Inghilterra David Allison (1900)


Inghilterra Herbert Kilpin (1901-1907)
Italia Gerolamo Radice (1908-1909)
Italia Guido Moda (1909-1910)
Belgio Max Tobias (1910-1911)
Italia Giuseppe Rizzi (1911-1913)
Belgio Louis Van Hege (1913-1915)
Italia Marco Sala (1915-1916)
Italia Aldo Cevenini (1916-1919)
Italia Alessandro Scarioni (1919-1921)
Argentina Italia Cesare Lovati (1921-1922)
Italia Francesco Soldera (1922-1924)
Italia Pietro Bronzini (1924-1926)
Italia Gianangelo Barzan (1926-1927)
Italia Abdon Sgarbi (1927-1929)
Italia Alessandro Schienoni (1929-1930)
Italia Mario Magnozzi (1930-1933)
Italia Carlo Rigotti (1933-1934)
Italia Giuseppe Bonizzoni (1934-1936)
Italia Luigi Perversi (1936-1939)
Italia Giuseppe Bonizzoni (1939-1940)
Italia Bruno Arcari (1940-1941)
Italia
Italia
Italia
Italia
Italia
Italia
Italia
Svezia
Svezia
Italia
Italia
Italia
Italia
Italia
Italia
Italia

Giuseppe Meazza (1941-1942)


Giuseppe Antonini (1942-1944)
Paolo Todeschini (1944-1945)
Giuseppe Antonini (1945-1949)
Andrea Bonomi (1949-1952)
Carlo Annovazzi (1952-1953)
Omero Tognon (1953-1954)
Gunnar Nordahl (1954-1956)
Nils Liedholm (1956-1961)
Francesco Zagatti (1961)
Cesare Maldini (1961-1966)
Gianni Rivera (1966-1975)
Romeo Benetti (1975-1976)
Gianni Rivera (1976-1979)
Albertino Bigon (1979-1980)
Aldo Maldera (1980-1981)

Italia
Italia
Italia
Italia
Italia

Fulvio Collovati (1981-1982)


Franco Baresi (1982-1997)
Paolo Maldini (1997-2009)
Massimo Ambrosini[155] (2009-2013)
Riccardo Montolivo[156] (dal 2013)

Franco Baresi, per 15 stagioni capitano del Milan


Franco Baresi, per 15 stagioni capitano del Milan
Gianni Rivera, capitano del Milan per 12 stagioni e Pallone d'oro 1969
Gianni Rivera, capitano del Milan per 12 stagioni e Pallone d'oro 1969
Campioni del mondo
Di seguito l'elenco dei giocatori che hanno vinto il campionato mondiale di calc
io durante il periodo di militanza nel Milan:

Italia Pietro Arcari (Italia 1934)


Italia Franco Baresi (Spagna 1982)
Italia Fulvio Collovati (Spagna 1982)
Francia Marcel Desailly (Francia 1998)
Brasile Roque Jnior (Corea del Sud-Giappone 2002)
Italia
Italia
Italia
Italia
Italia

Gennaro Gattuso (Germania 2006)


Alberto Gilardino (Germania 2006)
Filippo Inzaghi (Germania 2006)
Alessandro Nesta (Germania 2006)
Andrea Pirlo (Germania 2006)

Maglie ritirate
Italia Paolo Maldini, 3[157]
Italia Franco Baresi, 6[158]
Palmars
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Palmars dell'Associazione C
alcio Milan.
Competizioni nazionali
Scudetto.svg Campionato italiano: 18
1901, 1906, 1907, 1950-1951, 1954-1955, 1956-1957, 1958-1959, 1961-1962, 1967-19
68, 1978-1979 Scudetto della stella (10)
1987-1988, 1991-1992, 1992-1993, 1993-1994, 1995-1996, 1998-1999, 2003-2004, 201
0-2011
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia: 5
1966-1967, 1971-1972, 1972-1973, 1976-1977, 2002-2003
Super coppa italiana.svg Supercoppa italiana: 6 (record a pari merito con la Juv
entus)
1988, 1992, 1993, 1994, 2004, 2011

Campionato italiano di Serie B: 2


1980-1981, 1982-1983
Competizioni internazionali
Coppacampioni.png Coppa dei Campioni/UEFA Champions League: 7 (record italiano)
1962-1963, 1968-1969, 1988-1989, 1989-1990, 1993-1994, 2002-2003, 2006-2007
Coppacoppe.png Coppa delle Coppe: 2 (record italiano)
1967-1968, 1972-1973
Supercoppaeuropea2.png Supercoppa UEFA: 5 (record)
1989, 1990, 1994, 2003, 2007
Copa Intercontinental.svg Coppa Intercontinentale: 3 (record a pari merito con B
oca Juniors, Nacional, Pearol e Real Madrid)
1969, 1989, 1990
FIFA Club World Cup.svg Coppa del mondo per club: 1
2007
Competizioni giovanili
Scudetto.svg Campionato Primavera: 1
1964-1965
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia Primavera: 2
1984-1985, 2009-2010
Torneo di Viareggio: 9 (record)
1949, 1952, 1953, 1957, 1959, 1960, 1999, 2001, 2014
Campionato nazionale Dante Berretti: 7
1971-1972, 1981-1982, 1982-1983, 1984-1985, 1989-1990, 1993-1994, 2008-2009
Campionato Allievi Nazionali: 5
1994-1995, 1995-1996, 2002-2003, 2006-2007, 2010-2011
Campionato Giovanissimi Nazionali: 2
1991-1992, 2009-2010
Altre competizioni
Medaglia del Re: 3 (vincitore unico e assegnatario definitivo del trofeo)
1900, 1901, 1902Coppafederale.jpg Coppa Federale: 1
1915-1916Coppa Latina: 2 (record a pari merito con Barcellona e Real Madrid)
1951, 1956
Coppa.svg Coppa Mitropa: 1
1981-1982
Onorificenze
Collare d'oro al merito sportivo - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro
al merito sportivo
2007
Statistiche e record
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Statistiche e record dell'
Associazione Calcio Milan.
Partecipazioni ai campionati
Livello
Categoria
Partecipazioni
Debutto
Ultima stagione

Totale
1 Campionato Federale 4 1900 1903 104
Prima Categoria 10 1904 1920-1921
Prima Divisione 5 1921-1922 1925-1926
Divisione Nazionale 4 1926-1927 1945-1946
Serie A 81 1929-1930 2014-2015
2 Serie B 2 1980-1981 1982-1983 2
Nelle 105 stagioni sportive della societ rossonera sono escluse le stagioni 1905,
1909 e 1913-1914, nelle quali il Milan non super le eliminatorie regionali, l'an
nata 1908, in cui boicott il campionato, la Coppa Federale 1915-1916 e il Campion
ato Alta Italia 1944.
Statistiche di squadra

Gunnar Nordahl, miglior marcatore del Milan di tutti i tempi (210 gol in 257 par
tite) e terzo miglior marcatore della Serie A, dopo Silvio Piola e Francesco Tot
ti
In 115 stagioni sportive, a partire dall'esordio a livello nazionale il 15 april
e 1900, il Milan ha disputato 103 campionati di massima serie (80 campionati di
Serie A, 4 Campionati Federali, 10 di Prima Categoria, 5 di Prima Divisione e 4
di Divisione Nazionale) e 2 di Serie B, mentre per 3 volte non super le eliminato
rie regionali lombarde (1905, 1909 e 1913-1914) e in un'occasione rinunci a parte
cipare al campionato (1908); in 6 stagioni (dal 1915-1916, quando disput la Coppa
Federale, al 1917-1919 e nel 1943-1944 e 1944-1945) ha preso invece parte a cam
petizioni regionali (i cosiddetti "campionati bellici"[159]) non essendo stato o
rganizzato alcun campionato nazionale a causa della prima e seconda guerra mondi
ale. Gli 80 campionati di Serie A disputati ne fanno la quarta squadra per numer
o di partecipazioni, preceduta dall'Inter, presente in tutti gli 82 campionati,
dalla Juventus e dalla Roma, presenti in 81 campionati su 82. I rossoneri hanno
vinto il campionato per 18 volte, in 14 casi si sono classificati secondi e 21 v
olte terzi; nelle 109 edizioni della massima serie disputate dalla fondazione de
l club, la societ arrivata dunque sul podio nel 48,6% dei casi.
Nel corso delle partite ufficiali finora disputate, la miglior vittoria del Mila
n in casa il 13-0 del 4 ottobre 1914 contro l'Audax Modena (Prima Categoria 1914
-1915), mentre in trasferta il 10-0 del 21 ottobre 1919 contro l'Ausonia (Prima
Categoria 1919-1920). La peggiore sconfitta casalinga, invece, lo 0-8 subito con
tro il Bologna il 5 novembre 1922 (Prima Divisione 1922-1923) mentre fuori casa
per tre volte il Milan perse con sei reti di scarto: un 2-8 contro la Juventus (
10 luglio 1927, Divisione Nazionale 1926-1927) e due 0-6, uno sempre contro i bi
anconeri (25 ottobre 1925, Prima Divisione 1925-1926) e l'altro contro l'Ajax (1
6 gennaio 1974, Supercoppa UEFA).[160]

Paolo Maldini, detentore del record di presenze in maglia rossonera con 902 part
ite ufficiali disputate
L'avversario affrontato pi volte dal Milan in gare ufficiali[161] la Juventus (21
5 volte),[162] seguita dall'Inter (211 incontri),[163] dal Torino (187 incontri)
[164] e dalla Roma (177 incontri).[165] I bianconeri sono i pi classici sfidanti
dei rossoneri nella massima serie nazionale: 190 sfide[162] a partire dalla prim
a partita disputata in semifinale il 28 aprile 1901 a Torino.[166] Negli scontri

diretti in gare ufficiali il Milan in vantaggio contro tutti gli avversari ital
iani con cinque eccezioni: la Juventus (65 vittorie e 78 sconfitte),[162] l'Inte
r (73 vittorie e 75 sconfitte),[163] l'Alessandria (15 vittorie e 16 sconfitte),
[167] la Pro Vercelli (13 vittorie e 14 sconfitte)[168] e il Sassuolo (due vitto
rie e due sconfitte).[169] I campi dove il Milan non ha mai vinto nella Serie A
a girone unico sono tre: Avellino (8 partite disputate, con 3 pareggi e 5 sconfi
tte)[170], Lecco (3 partite disputate, con altrettanti pareggi).[171] e Reggio E
milia come casa del Sassuolo (una sconfitta).[169]
A livello nazionale i rossoneri detengono numerosi record, fra cui quello per la
pi lunga serie di gare senza sconfitte nel campionato di Serie A (58 partite, se
rie iniziata il 26 maggio 1991 con Parma-Milan 0-0 e interrotta dallo stesso Par
ma il 21 marzo 1993 vincendo per 1-0 a San Siro[172]),[173][174] per la pi lunga
serie di gare esterne senza sconfitte in Serie A (38 partite),[175][176][177] pe
r la pi lunga permanenza in vetta al massimo campionato italiano (72 giornate,[17
5][176] dal 6 ottobre 1991[178] al 31 ottobre 1993, di cui 64 come capolista sol
itaria[177]) e per la vittoria in trasferta pi larga in Serie A (Genoa-Milan 0-8
nel 1954-1955 a pari merito con Venezia-Padova 0-8 del campionato 1949-1950).[17
9]
Il Milan inoltre una delle due squadre italiane ad aver vinto un campionato di S
erie A senza subire una sola sconfitta. Accadde nella stagione 1991-1992,[173] l
a prima con Fabio Capello come allenatore, conclusa con 22 vittorie e 12 pareggi
in 34 partite, segnando 74 reti e subendone solamente 21.[59][60] In precedenza
solo il Perugia, nella stagione 1978-1979, era riuscito a concludere il campion
ato italiano di massima divisione senza sconfitte[20] (11 vittorie e 19 pareggi)
ma arrivando secondo,[173] proprio dietro il Milan.[180] Nella stagione 2011-20
12 anche la Juventus ha vinto il campionato di Serie A senza perdere alcuna part
ita[21] (23 vittore e 15 pareggi).[181]
A livello di coppe nazionali il Milan ha disputato 12 tra finali e gironi finali
di Coppa Italia (con 5 vittorie)[182] e 9 finali di Supercoppa italiana (6 vitt
orie)[183] per un totale di 21 finali. Il record appartiene alla Juventus, con 1
4 finali di Coppa Italia[182] e 10 di Supercoppa italiana[183] per un totale di
24 finali, seguita dall'Inter, che ha disputato 14 tra finali e gironi finali di
Coppa Italia[182] e 9 finali di Supercoppa italiana,[183] e dalla Roma, con 17
finali di Coppa Italia[182] e 6 finali di Supercoppa italiana,[183] per un total
e di 23 finali disputate da entrambe le squadre.

Marco van Basten, Pallone d'oro in tre occasioni


Il Milan al secondo posto posto (prima squadra europea) nella classifica dei clu
b vincitori di trofei internazionali: 18[12] (7 Coppe dei Campioni/Champions Lea
gue, 2 Coppe delle Coppe, 5 Supercoppe europee, 3 Coppe Intercontinentali, 1 Cop
pa del mondo per club),[16] a pari merito con il Boca Juniors ed il Real Madrid[
13] e alle spalle dell'Al-Ahly (20 trofei).[14] La squadra ha disputato 29 final
i nelle principali competizioni internazionali, un record: 11 in Coppa dei Campi
oni/Champions League (7 vittorie),[184] 3 in Coppa delle Coppe (2 vittorie),[185
] 7 in Supercoppa europea (5 vittorie),[186] 7 in Coppa Intercontinentale (3 vit
torie) e una in Coppa del mondo per club (vinta).[187][188]
In ambito internazionale l'avversario affrontato in pi occasioni il Barcellona (1
9 incontri con 5 vittorie, 6 pareggi e 8 sconfitte[189]) seguito dal Real Madrid
(16 incontri),[190] dall'Ajax (14 incontri),[191] dal Bayern Monaco,[192] dal C
eltic[193] e dal Manchester United (10 incontri).[194] I rossoneri hanno vinto u
na sola volta al Camp Nou mentre il Bara 3 volte a San Siro,[189] invece i madril
eni non si sono mai imposti a San Siro mentre i rossoneri hanno vinto una volta

al Bernabu.[190]
Un sondaggio del 2007
ronato il Milan degli
club di tutti i tempi
da Nazionali (Brasile

a cura della rivista sportiva World Soccer ha inoltre inco


olandesi, guidato da Arrigo Sacchi, la pi forte squadra di
e la quarta nella speciale classifica, dov' preceduta solo
1970, Paesi Bassi 1974 e Ungheria 1953-1954).[195]

Statistiche individuali
A livello individuale, il giocatore con il maggior numero di presenze in rossone
ro Paolo Maldini, con 902 partite disputate in 25 stagioni dal 1984 al 2009. Seg
uono Franco Baresi (719 presenze, 20 stagioni), Alessandro Costacurta (663 prese
nze, 21 stagioni), Gianni Rivera (658 presenze, 19 stagioni) e Mauro Tassotti (5
83 presenze, 17 stagioni). Il capocannoniere di tutti i tempi invece lo svedese
Gunnar Nordahl con 221 gol segnati in 8 stagioni. Alle sue spalle Andriy Shevche
nko (175 gol in 8 stagioni), Gianni Rivera (164 in 19 stagioni), Jos Altafini (16
1 in 7 stagioni) e Aldo Boffi (136 in 9 stagioni).[160]
Il Milan l'unica squadra ad aver piazzato per due volte tre suoi giocatori ai pr
imi tre posti nella classifica del Pallone d'oro: nel 1988, quando sul podio del
premio furono nominati rispettivamente Marco van Basten, Ruud Gullit e Frank Ri
jkaard,[196] e nel 1989, quando furono premiati nell'ordine Marco van Basten, Fr
anco Baresi e Frank Rijkaard. Detiene anche il primato per il numero di calciato
ri vincitori della classifica marcatori della Serie A a girone unico (17 volte)[
197] e di imbattibilit del portiere, stabilito da Sebastiano Rossi nel campionato
di Serie A 1993-1994 (929 minuti).[198] Undici personalit legate al Milan, tra g
iocatori che vi hanno militato, allenatori e dirigenti, sono membri della Hall o
f Fame del calcio italiano: i calciatori Roberto Baggio, Paolo Maldini, Franco B
aresi, Giuseppe Meazza, Gianni Rivera e Marco van Basten, il dirigente Adriano G
alliani e gli allenatori Giovanni Trapattoni, Nereo Rocco, Arrigo Sacchi e Fabio
Capello.
Tifoseria
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Tifoseria dell'Associazion
e Calcio Milan.

Vessilli rossoneri sventolano in Piazza del Duomo a Milano per il 17 scudetto


In base a quanto emerso da un sondaggio della societ Demos & Pi del settembre 201
2, il Milan risulta essere la seconda squadra per numero di sostenitori in Itali
a, avendo riscosso la preferenza del 15,8% del campione.[199] A livello europeo
quella rossonera risulta la settima squadra per numero di tifosi, prima delle it
aliane, come emerso da uno studio pubblicato dalla societ tedesca Sport+Markt nel
2010.[200]
Il tipico tifoso del Milan per lunghi decenni del XX secolo apparteneva alla cla
sse popolare e operaia, per questo i tifosi rivali dell'Inter li soprannominavan
o casciavt, che in milanese significa cacciaviti, proprio per indicare l'origine
proletaria di larga parte dei tifosi rossoneri.[201] A loro volta i tifosi milan
isti chiamavano i cugini nerazzurri bascia, termine milanese che significa gradas
so, per indicare uno degli stereotipi classici dei milanesi, essendo allora la t
ifoseria nerazzurra composta perlopi dalle classi medie e altolocate.[202][203][2
04] Questo divario and appianandosi gi negli anni sessanta del XX secolo e quindi
in seguito questi due soprannomi sono diventati anacronistici e quasi desueti.
Il gruppo ultras pi antico del calcio italiano, la Fossa dei Leoni, nacque a Mila

no nel 1968. Dopo il suo scioglimento nel 2005 il pi grande gruppo ultras milanis
ta sono le Brigate Rossonere, fondate nella met degli anni settanta. Politicament
e gli ultras del Milan, che nelle partite casalinghe occupano la Curva Sud, non
hanno mai espresso una preferenza marcata,[205][206][207] anche se tradizionalme
nte venivano associati alla sinistra, fino in tempi pi recenti quando, sotto la p
residenza di Silvio Berlusconi, sono stati avvicinati alla destra.[208]
Gemellaggi e rivalit
Gemellaggi
I tifosi del Brescia,[209][210] della Reggina[206] e del Siviglia sono gli unici
gemellati con quelli del Milan.
Il gemellaggio con il Siviglia nato durante la partita di Supercoppa UEFA del 20
07.[211] In quella gara stato osservato un minuto di raccoglimento in memoria di
Antonio Puerta, difensore degli spagnoli scomparso tragicamente nei giorni prec
edenti. Per ricordarlo tutti i giocatori di entrambe le squadre hanno indossato
una maglia che, sotto il proprio numero, riportava il suo nome e in tribuna vi e
rano numerosi striscioni dedicati al difensore. Inoltre, durante l'intervallo, d
ue ultras del Milan hanno portato sotto la curva del Siviglia uno striscione rec
ante la scritta "Onore a Puerta",[212] con i tifosi spagnoli che hanno ringrazia
to quelli rossoneri con il coro "Milan, Milan".[211]
Precedentemente vi furono anche gemellaggi con Bologna[213] e Como,[207] quest'u
ltimo finito dopo che, tra le altre cose, si sciolse la Fossa Lariana, gruppo di
tifosi comaschi.[206]
Il settore giovanile, invece, ha numerose Scuole Calcio[133] e societ dilettantis
tiche gemellate con cui ha rapporti di collaborazione tecnica per la formazione
dei giovani.
Rivalit
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Derby di Milano.
La pi grande rivale del Milan l'altra squadra milanese, l'Inter. Il derby tra le
due squadre milanesi viene detto Derby della Madonnina per la statua della Madon
na (appunto Madonnina) in cima al Duomo di Milano.
Anche con la Juventus, nonostante alcuni accordi passati stipulati a livello di
societ, vi da sempre una rivalit molto accesa:[214][215] le due squadre sono le pi
titolate in Italia[216] e si sono affrontate svariate volte per il conseguimento
del titolo di campione d'Italia, oltre che nella finale di Champions League 200
2-2003 del 28 maggio 2003 a Manchester, vinta dai rossoneri ai rigori, tre volte
in finale di Coppa Italia e una in Supercoppa italiana.[162]
Anche i tifosi del Genoa considerano acerrimi rivali quelli del Milan. Inizialme
nte le due tifoserie erano gemellate ma a seguito di uno scontro-salvezza vinto
dal Milan a Marassi nel 1982 il gemellaggio si trasform in una rivalit,[206] acuit
a poi nel 1995 dall'uccisione di Vincenzo Spagnolo, tifoso genoano, da parte di
un tifoso milanista.[217][218]
Inoltre vi sono anche rivalit minori con altri club, pi o meno accese a seconda de
i periodi: il Napoli, gemellato fino agli anni ottanta quando il Milan vinse un
campionato proprio battendo in casa i partenopei, il Verona (gemellato fino ai p
rimi anni settanta), contro cui il Milan perse due scudetti a vantaggio di Juven
tus e Napoli (la Fatal Verona), la Lazio, gemellata con l'Inter, che perse uno s
cudetto nel 1999 dopo la rimonta rossonera,[219] l'Atalanta, rivale storica del
Brescia, la Roma dopo la morte del tifoso romanista Antonio De Falchi avvenuta a

Milano nel 1989,[218] la Fiorentina, la Sampdoria e il Cagliari.[206][209]


Organico
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Associazione Calcio Milan
2014-2015.
Rosa
Rosa e numerazione, tratte dal sito ufficiale del Milan,[220] sono aggiornate al
30 maggio 2015.

N.
Ruolo
Giocatore
1 Italia P Michael Agazzi
2 Italia D Mattia De Sciglio
4 Ghana C Sulley Muntari
5 Francia D Philippe Mexs
7 Francia A Jrmy Mnez
8 Spagna C Suso
9 Italia A Mattia Destro
10 Giappone A Keisuke Honda
11 Italia A Giampaolo Pazzini
13 Francia D Adil Rami
14 Italia D Michelangelo Albertazzi
15 Ghana C Michael Essien
16 Italia C Andrea Poli
17 Colombia D Cristin Zapata
18 Italia C Riccardo Montolivo (capitano)
19 Italia D Salvatore Bocchetti
20 Italia D Ignazio Abate
N.
Ruolo
Giocatore
Bianco e Rosso (Croce) e Rosso e Nero (Strisce).svg
21
22
23
25
28
29
31
32
33
34
35

Paesi Bassi C Marco van Ginkel


Italia A Alessio Cerci
Spagna P Diego Lpez
Italia D Daniele Bonera
Italia C Giacomo Bonaventura
Italia D Gabriel Paletta
Italia D Luca Antonelli
Italia P Christian Abbiati (vice capitano)
Brasile D Alex
Paesi Bassi C Nigel de Jong
Italia A Davide Di Molfetta[221]

36
37
81
92
96
98

Italia C Alessandro Mastalli[221]


Italia D Gian Filippo Felicioli[221]
Italia D Cristian Zaccardo
Italia A Stephan El Shaarawy
Italia D Davide Calabria[221]
Marocco A Hachim Mastour

Staff tecnico
Dal sito web ufficiale della societ.[222]

Staff dell'area tecnica


Serbia
Serbia
Italia
Italia
Italia
Italia
Italia
Italia

Sini a Mihajlovic - Allenatore


Nenad Sakic - Vice allenatore
Alfredo Magni - Allenatore dei portieri
Renato Baldi - Collaboratore tecnico
Emilio De Leo - Collaboratore tecnico
Davide Lamberti - Collaboratore tecnico
Antonio Bovenzi - Preparatore atletico
Vincenzo Manzi - Preparatore atletico

Note
1.^ (EN) AC Milan, worldfootballtravel.com. URL consultato il 18 gennaio 2009.
2.^ Andrea Schiappapietra, Le squadre di A se le suonano. Chi vince il duello in
musica?, La Gazzetta dello Sport, 17 ottobre 2007. URL consultato il 26 ottobre
2010.
3.^ a b c d Cariche sociali, acmilan.com. URL consultato il 9 luglio 2012.
4.^ a b Struttura, sansiro.net. URL consultato il 5 aprile 2012.
5.^ Al di fuori dell'Italia principalmente nota come AC Milan o A.C. Milan.
6.^ a b c d Non essendo rimasta una documentazione certa sull'atto costitutivo d
ella societ, il 16 dicembre 1899 la data che il club stesso indica come pi probabi
le (Panini, p. 8). Tuttavia, le fonti primarie indicano che il giorno di fondazi
one stato probabilmente il 13 dicembre. L'annuncio della nascita del club da par
te della Gazzetta dello Sport avvenne, inoltre, il 15 dicembre e non il 18 dicem
bre, come si ritiene tradizionalmente ( La Nascita di un mito, magliarossonera.i
t. URL consultato l'8 maggio 2015.).
7.^ a b c Berlusconi, dimissioni dovute, La Gazzetta dello Sport, 8 maggio 2008.
URL consultato il 9 aprile 2010.
8.^ a b c Il presidente per eccellenza, acmilan.com, 30 novembre 2011. URL consu
ltato il 30 novembre 2011.
9.^ Francesco Somma, Berlusconi: "Mi dimetto", milannews.it, 8 maggio 2008. URL
consultato il 18 gennaio 2009.
10.^ Berlusconi, dimissioni dovute, La Gazzetta dello Sport, 8 maggio 2008. URL
consultato il 18 gennaio 2009.
11.^ a b c A.C. Milan comunicato ufficiale, acmilan.com, 29 marzo 2012. URL cons
ultato il 29 marzo 2012.
12.^ a b In questo computo sono incluse solo le competizioni organizzate o uffic
ialmente riconosciute dalle 6 federazioni continentali (AFC, CAF, CONCACAF, CONM
EBOL, OFC e UEFA) e/o dalla FIFA.
13.^ a b Il Boca vince la Recopa e aggancia il Milan, La Gazzetta dello Sport, 2

8 agosto 2008. URL consultato il 26 settembre 2008.


14.^ a b (EN) International Cups Trivia, rsssf.com. URL consultato il 4 gennaio
2013.
15.^ A pari merito con Boca Juniors, Nacional, Pearol e Real Madrid.
16.^ a b Milan, un palmars da record, La Stampa, 17 dicembre 2007. URL consultato
il 26 settembre 2008.
17.^ Coefficienti per club 2013/14, uefa.com, 24 giugno 2014. URL consultato il
10 novembre 2014.
18.^ (EN) UEFA Team Ranking 2014, kassiesa.net. URL consultato il 10 novembre 20
14.
19.^ In questo computo sono incluse solo le competizioni organizzate dalla Lega
Nazionale Professionisti Serie A.
20.^ a b c d Pasquale Scardillo, Diamo i numeri, Corriere della Sera, 25 maggio
1992. URL consultato il 2 dicembre 2011.
21.^ a b Federico Sala, Juventus imbattuta. Emozione Del Piero, la Repubblica, 1
5 maggio 2012. URL consultato il 15 maggio 2012.
22.^ http://www.demos.it/a01039.php
23.^ a b c La storia del Milan, acmilan.com. URL consultato il 26 ottobre 2010.
24.^ La nascita di un mito, magliarossonera.it. URL consultato il 25 aprile 2010
.
25.^ Panini, p. 8.
26.^ F.C. Torinese - Milan 3-0 (X-X), archiviotoro.it. URL consultato il 27 sett
embre 2008.
27.^ Panini, pp. 20-21.
28.^ Nati di marzo, fratelli del mondo, inter.it. URL consultato il 3 maggio 201
3.
29.^ Panini, p. 57.
30.^ Milan Cricket and Football Club 1918-19, magliarossonera.it. URL consultato
il 27 settembre 2008.
31.^ a b c d Storia, sansiro.net. URL consultato il 5 aprile 2012.
32.^ Panini, p. 140.
33.^ Panini, p. 152.
34.^ Associazione Calcio Milano 1938-39, magliarossonera.it. URL consultato il 2
7 settembre 2008.
35.^ Panini, p. 185.
36.^ Associazione Calcio Milano 1944-45, magliarossonera.it. URL consultato il 2
7 settembre 2008.
37.^ (DE) Die italienischen Serie A 1947/1948 - Der 20. Spieltag, fussballdaten.
de. URL consultato il 27 settembre 2008.
38.^ I campionati nazionali effettivi senza vittorie furono, per, 36, per via del
la mancata partecipazione del 1908 e le interruzioni belliche (1915-1919 e 19431945).
39.^ a b c d e Tutte le finali del Milan, La Gazzetta dello Sport. URL consultat
o il 27 settembre 2008.
40.^ Panini, p. 298.
41.^ Panini, p. 306.
42.^ a b c Centro Sportivo: Milanello, acmilan.com. URL consultato il 26 ottobre
2010.
43.^ Coppa delle Coppe 1967/68, acmilan.com. URL consultato il 26 ottobre 2010.
44.^ Coppa Intercontinentale 1969, acmilan.com. URL consultato il 26 ottobre 201
0.
45.^ Gianni Rivera, acmilan.com. URL consultato il 26 ottobre 2010.
46.^ 20 maggio 1973: Hellas Verona-Milan 5-3, hellastory.net. URL consultato il
3 aprile 2009.
47.^ Fossa dei Leoni addio, curva Milan tutta a destra, tifonet.it, da il manife
sto, 26 settembre 2005. URL consultato il 27 settembre 2008.
48.^ La nostra storia, brigaterossonere.net. URL consultato il 27 settembre 2008
(archiviato dall'url originale il 22 agosto 2008).
49.^ Scudetto 1978/79, acmilan.com. URL consultato il 26 ottobre 2010.
50.^ Da Sanson agli anni '80, udinese.it. URL consultato il 3 maggio 2013.

51.^ (DE) Die italienischen Serie A 1981/1982, fussballdaten.de. URL consultato


il 27 settembre 2008.
52.^ Paolo Maldini, acmilan.com. URL consultato il 26 ottobre 2010.
53.^ Franco Rossi, Silvio Berlusconi presidente del Milan, la Repubblica, 13 feb
braio 1986. URL consultato il 27 settembre 2008.
54.^ Panini, p. 470.
55.^ La storia, acmilan.com. URL consultato il 26 ottobre 2010.
56.^ Gianni Mura, Bisogna saper perdere, la Repubblica, 22 marzo 1991. URL consu
ltato il 24 dicembre 2011.
57.^ Panini, p. 507.
58.^ 1991 - Stella Rossa Belgrado, La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 27
settembre 2008.
59.^ a b Panini, p. 509.
60.^ a b (DE) Die italienischen Serie A 1991/1992, fussballdaten.de. URL consult
ato il 24 settembre 2008.
61.^ Il Milan ripescato va a Tokio, Corriere della Sera, 28 settembre 1993. URL
consultato il 29 settembre 2008.
62.^ (EN) Intercontinental Club Cup 1994, rsssf.com. URL consultato il 27 settem
bre 2008.
63.^ (DE) Die italienischen Serie A 1998/1999, fussballdaten.de. URL consultato
il 24 settembre 2008.
64.^ Alberto Zaccheroni esonerato, Rai Sport, 14 marzo 2001. URL consultato il 2
7 settembre 2008.
65.^ Il Milan crolla, Champions addio, TGcom, 25 maggio 2005. URL consultato il
27 settembre 2008.
66.^ Arbitrato: Juve sorride, Milan piange, TGcom, 27 ottobre 2006. URL consulta
to il 27 settembre 2008.
67.^ Paolo Menicucci, Milan sulla vetta dell'Olimpo, uefa.com, 23 maggio 2007. U
RL consultato il 27 settembre 2008.
68.^ Kak, un fenomeno tra gli dei, TGcom, 25 maggio 2007. URL consultato il 12 gi
ugno 2012.
69.^ Serie A - Risultati e Classifiche 2007-2008, La Gazzetta dello Sport. URL c
onsultato il 9 aprile 2010.
70.^ (ES) Madrid y Miln hacen oficial el fichaje de Kak, AS, 9 giugno 2009. URL co
nsultato il 5 maggio 2013.
71.^ Arrivederci Carletto!, acmilan.com, 2 giugno 2009. URL consultato il 14 mag
gio 2011.
72.^ Gaetano De Stefano, Milan, ecco Leonardo. "Un giorno speciale", La Gazzetta
dello Sport, 1 giugno 2009. URL consultato il 26 ottobre 2010.
73.^ Nuova era Leonardo. "Sar un Milan d'attacco", la Repubblica, 1 giugno 2009. U
RL consultato il 14 maggio 2010.
74.^ Leonardo saluta il Milan, la Repubblica, 14 maggio 2010. URL consultato il
14 maggio 2010.
75.^ Il mister Allegri!, acmilan.com, 27 giugno 2010. URL consultato il 4 dicemb
re 2010.
76.^ Il Milan campione d'Italia, acmilan.com, 7 maggio 2011. URL consultato il 7
maggio 2011.
77.^ 18 scudetto per il Milan, legaseriea.it, 7 maggio 2011. URL consultato il 7
maggio 2011.
78.^ Gaetano De Stefano, Ibra-Boateng: Inter a terra. Festa Milan in Supercoppa,
La Gazzetta dello Sport, 6 agosto 2011. URL consultato il 6 agosto 2011.
79.^ La decisione del Milan, acmilan.com, 13 gennaio 2014. URL consultato il 13
gennaio 2014.
80.^ A.C. Milan comunicato ufficiale, acmilan.com, 16 gennaio 2014. URL consulta
to il 16 gennaio 2014.
81.^ Benvenuto mister, acmilan.com, 16 giugno 2015. URL consultato il 16 giugno
2015.
82.^ Matteo Chiamenti, Il pap del Milan, milannews.it, 8 settembre 2010. URL cons
ultato il 26 ottobre 2010.
83.^ a b c Le maglie della storia, magliarossonera.it. URL consultato il 25 sett

embre 2008.[fonte inaffidabile]


84.^ Alessandra Bocci, Per i 25 anni di Berlusconi il Milan si mette in bianco,
La Gazzetta dello Sport, 19 febbraio 2011. URL consultato il 21 maggio 2012.
85.^ a b c (EN) AC Milan, weltfussballarchiv.com. URL consultato il 16 settembre
2008.
86.^ Ecco la nuova mascotte, acmilan.com, 16 febbraio 2006. URL consultato il 26
ottobre 2010.
87.^ I campi di gioco del Milan, magliarossonera.it. URL consultato il 3 aprile
2009.
88.^ a b c San Siro: un mito chiamato "La Scala del calcio", acmilan.com. URL co
nsultato il 26 ottobre 2010.
89.^ Il 2005 di Adriano Galliani, acmilan.com. URL consultato il 25 aprile 2015.
90.^ A.C. Milan: Bilancio Approvato, acmilan.com. URL consultato il 25 aprile 20
15.
91.^ Filmato audio AC Milan, AC Milan Official Nuovo Stadio AC Milan, il plastic
o su YouTube, 4 febbraio 2015. URL consultato il 25 aprile 2015.
92.^ Nuovo Stadio: Milan nel Futuro, acmilan.com. URL consultato il 25 aprile 20
15.
93.^ Relazioni e bilancio al 31 dicembre 2008 - Gruppo Milan (PDF), acmilan.com,
24 aprile 2009, p. 146. URL consultato il 13 ottobre 2012.
94.^ Relazioni e bilancio al 31 dicembre 2008 - Gruppo Milan (PDF), acmilan.com,
24 aprile 2009, p. 133. URL consultato il 21 aprile 2012.
95.^ A partire dal 2004 ha aderito anche al consolidato fiscale in qualit di sogg
etto consolidato, congiuntamente al controllante Fininvest.
96.^ Nuova era per il calcio, uefa.com, 24 gennaio 2008. URL consultato il 13 ap
rile 2010.
97.^ (EN) About ECA, ecaeurope.com. URL consultato il 3 maggio 2013.
98.^ Unanimit Milan, acmilan.com, 19 dicembre 2013. URL consultato il 21 dicembre
2013.
99.^ Relazioni e bilancio al 31 dicembre 2011, acmilan.com, 20 aprile 2012, p. 7
5. URL consultato il 13 ottobre 2012.
100.^ Relazioni e bilancio al 31 dicembre 2011, acmilan.com, 20 aprile 2012, p.
35. URL consultato il 13 ottobre 2012.
101.^ Finanza creativa rossonera da 186 milioni, la Repubblica, 29 aprile 2006.
URL consultato il 13 ottobre 2012.
102.^ Ma San Siro spera ancora, il Giornale, 8 febbraio 2007. URL consultato il
5 maggio 2013.
103.^ a b Relazioni e bilancio al 31 dicembre 2011, acmilan.com, 20 aprile 2012,
p. 36. URL consultato il 13 ottobre 2012.
104.^ a b Bilancio in attivo, acmilan.com, 27 aprile 2007. URL consultato il 26
ottobre 2010.
105.^ Il Milan approva il bilancio 2007, acmilan.com, 24 aprile 2008. URL consul
tato il 14 maggio 2011.
106.^ Bilancio 2008 approvato, acmilan.com, 26 aprile 2009. URL consultato il 21
aprile 2012.
107.^ Milan: bilancio 2009 perdita 9,8 milioni, ANSA, 23 aprile 2010. URL consul
tato il 22 maggio 2010.
108.^ a b Il Milan approva il bilancio 2010, acmilan.com, 20 aprile 2011. URL co
nsultato il 20 aprile 2011.
109.^ a b Il Milan approva il bilancio 2011, acmilan.com, 20 aprile 2012. URL co
nsultato il 21 aprile 2012.
110.^ a b Il Milan approva il bilancio 2012, acmilan.com, 22 aprile 2013. URL co
nsultato il 26 aprile 2013.
111.^ a b Bilancio 2013, il Milan approva: il comunicato ufficiale, acmilan.com,
16 aprile 2014. URL consultato il 17 aprile 2014.
112.^ a b Casa Milan, Bilancio Approvato, acmilan.com, 28 aprile 2015. URL consu
ltato il 28 aprile 2015.
113.^ -91,3 senza contare il vantaggio fiscale ottenuto dall'adesione al consoli
dato Fininvest
114.^ Relazioni e bilancio al 31 dicembre 2006 - Gruppo Milan (PDF), dropbox.com

, 27 aprile 2007, p. 14. URL consultato il 21 aprile 2012.


115.^ Relazioni e bilancio al 31 dicembre 2012, acmilan.com, 22 aprile 2013, p.
103. URL consultato il 28 ottobre 2013.
116.^ Relazioni e bilancio al 31 dicembre 2012, acmilan.com, 22 aprile 2013, p.
105. URL consultato il 28 ottobre 2013.
117.^ Relazioni e bilancio al 31 dicembre 2010 - Gruppo Milan, acmilan.com, 20 a
prile 2011, p. 134. URL consultato il 21 aprile 2012.
118.^ Bilancio Gruppo Milan anno 2009, acmilan.com, 23 aprile 2010, p. 136. URL
consultato il 21 aprile 2012.
119.^ Relazioni e bilancio al 31 dicembre 2008 - Gruppo Milan, acmilan.com, 24 a
prile 2009, p. 136. URL consultato il 21 aprile 2012.
120.^ Relazioni e bilancio al 31 dicembre 2006 - Gruppo Milan (PDF), dropbox.com
, 27 aprile 2007, p. 22. URL consultato il 21 aprile 2012.
121.^ a b Relazioni e bilancio al 31 dicembre 2012, acmilan.com, 22 aprile 2013,
p. 50. URL consultato il 28 ottobre 2013.
122.^ Relazioni e bilancio al 31 dicembre 2006 - Gruppo Milan (PDF), dropbox.com
, 27 aprile 2007, pp. 100, 107. URL consultato il 21 aprile 2012.
123.^ Relazioni e bilancio al 31 dicembre 2008 - Gruppo Milan (PDF), dropbox.com
, 27 aprile 2007, p. 188. URL consultato il 21 aprile 2012.
124.^ (EN) The untouchables Football Money League (PDF), deloitte.com, p. 3. URL
consultato l'11 aprile 2011.
125.^ Milan, approvato il bilancio: passivo da 91 milioni. Galliani: "Cessione n
on certa", quotidiano.net, 28 aprile 2015. URL consultato il 28 aprile 2015.
126.^ Milan-adidas: 2013!, acmilan.com, 10 ottobre 2013. URL consultato il 14 ot
tobre 2013.
127.^ Milan, trovato l'accordo con Emirates, gianlucadimarzio.com, 1 dicembre 201
4. URL consultato il 1 dicembre 2014.
128.^ Fondazione Milan - Chi siamo, fondazionemilan.org. URL consultato il 25 se
ttembre 2008.
129.^ (PT, FR, EN) Fundao Gol de Letra - Quem somos, goldeletra.org.br. URL consul
tato il 14 maggio 2011.
130.^ (EN) Fundao Gol de Letra, rai10.com.br. URL consultato il 14 maggio 2011.
131.^ Campionato Nazionale Allievi Professionisti I^ e II^ Divisione - Stagione
sportiva 2011/2012 - Calendario - Girone B (PDF), figc.it, p. 2. URL consultato
il 21 maggio 2012.
132.^ Settore Giovanile, acmilan.com. URL consultato il 21 maggio 2012.
133.^ a b Scuole Calcio, milanscuolacalcio.com. URL consultato il 26 ottobre 201
0.
134.^ Settore Giovanile - Strutture, acmilan.com. URL consultato il 26 ottobre 2
010.
135.^ Evento attivit: 6 domande ad Angelo Colombo, settoregiovanile.figc.it, 18 g
ennaio 2006. URL consultato il 27 settembre 2008.
136.^ Superleague Formula...Milan!, acmilan.com, 3 aprile 2007. URL consultato i
l 26 ottobre 2010.
137.^ a b L'AC Milan con la Scuderia Playteam nella SF, scuderiaplayteam.com, 4
aprile 2008. URL consultato il 3 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 1
6 dicembre 2008).
138.^ Nel 2008 la SuperFinale non era prevista.
139.^ Superleague Formula - Il campione Rigon, Quattroruote, 24 novembre 2008. U
RL consultato il 14 maggio 2011.
140.^ Stefano Maraviglia, Il Milan investe sui motori e nella Superleague Formul
a, milannews.it, 23 giugno 2009. URL consultato il 14 maggio 2011.
141.^ 2009 Superleague Formula standings - Classifica costruttori, gpupdate.net.
URL consultato il 5 maggio 2013.
142.^ Federico Gambaro, Milan a quattroruote: nuova stagione con la Superleague
Formula, milannews.it, 1 aprile 2010. URL consultato il 14 maggio 2011.
143.^ (EN) General Standings - 2010, superleagueformula.com. URL consultato il 5
settembre 2013.
144.^ Panini, pp. 724-726.
145.^ Tutti gli allenatori rossoneri, clubmilan.net. URL consultato il 16 settem

bre 2008.
146.^ Panini, p. 727.
147.^ (EN) Associazione Calcio Milan, romaniansoccer.ro. URL consultato il 16 se
ttembre 2008.
148.^ a b Le stagioni del Diavolo, magliarossonera.it. URL consultato il 25 sett
embre 2008.
149.^ Per la Coppa Latina.
150.^ Zagatti affianc Galbiati per 2 partite nel mese di marzo.
151.^ a b c Responsabilit della carica assunte da Adriano Galliani in qualit di vi
ce presidente vicario.
152.^ Berlusconi lascia la presidenza del Milan, Corriere della Sera, 28 dicembr
e 2004. URL consultato il 25 settembre 2008.
153.^ Hall of Fame, acmilan.com. URL consultato il 2 luglio 2014.
154.^ Tre dei quali (Giuseppe Bonizzoni, Giuseppe Antonini e Gianni Rivera) indo
ssarono la fascia di capitano in due periodi distinti.
155.^ Sono onorato, acmilan.com, 7 luglio 2009. URL consultato il 26 ottobre 201
0.
156.^ Adriano Galliani: "Montolivo sar il nostro capitano", acmilan.com, 24 giugn
o 2013. URL consultato il 24 giugno 2013.
157.^ Laura Bandinelli, Maldini, festa rovinata dagli ultr, La Stampa, 25 maggio
2009. URL consultato il 3 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 18 genna
io 2012).
158.^ Franco Baresi, acmilan.com. URL consultato il 20 ottobre 2010.
159.^ Panini, p. 620
160.^ a b (PL) Rekordy, acmilan.pl. URL consultato il 18 settembre 2008.
161.^ Nel conteggio sono escluse le partite disputate nei cosiddetti "campionati
bellici" (Coppa Federale 1915-1916, Coppa Regione Lombarda 1916-1917, Coppa Mau
ro 1917-1918, Coppa Mauro 1918-1919, Campionato Alta Italia 1943-1944 e Torneo B
enefico Lombardo 1944-1945).
162.^ a b c d Squadre incontrate - Milan (Italia) vs Juventus, juworld.net. URL
consultato il 28 settembre 2008.
163.^ a b Tabellini, inter.it. URL consultato il 29 luglio 2013.
164.^ Torino - Milan, archiviotoro.it. URL consultato il 15 settembre 2013. Nel
conteggio non sono incluse le 5 partite della Palla Dapples; Panini, p. 627.
165.^ (EN) Head to head: AC Milan vs AS Roma, footballdatabase.eu. URL consultat
o il 18 dicembre 2013. All'elenco vanno aggiunte 4 partite nel campionato ante-g
irone unico; Panini, p. 627.
166.^ Squadre incontrate, gli scontri diretti - Milan vs Juventus, juworld.net.
URL consultato il 28 settembre 2008.
167.^ (EN) Head to head: AC Milan vs Alessandria, footballdatabase.eu. URL consu
ltato il 29 settembre 2008. All'elenco vanno aggiunte 16 partite nel campionato
ante-girone unico (4 vittorie e 6 sconfitte) e 3 nella Coppa Italia (2 vittorie
e una sconfitta); Panini, p. 622.
168.^ (EN) Head to head: AC Milan vs Pro Vercelli, footballdatabase.eu. URL cons
ultato il 29 settembre 2008. All'elenco vanno aggiunte 32 partite nel campionato
ante-girone unico (3 vittorie e 12 sconfitte); Panini, p. 626.
169.^ a b (EN) Head to head: AC Milan vs Sassuolo, footballdatabase.eu. URL cons
ultato il 21 gennaio 2014.
170.^ (EN) Head to head: Avellino vs AC Milan, footballdatabase.eu. URL consulta
to il 29 settembre 2008.
171.^ (EN) Head to head: Lecco vs AC Milan, footballdatabase.eu. URL consultato
il 29 settembre 2008.
172.^ Giuseppe Bosso, E alla vigilia di Pasqua Andrea si sblocc, milannews.it, 9
febbraio 2011. URL consultato il 6 marzo 2011.
173.^ a b c Stop alla serie di 33 gare utili. Niente record di imbattibilit, La G
azzetta dello Sport, 19 aprile 2007. URL consultato il 25 settembre 2008.
174.^ Panini, p. 516.
175.^ a b Mario Gherarducci, Il Milan insegue un altro 10 e lode, Corriere della
Sera, 27 marzo 1994. URL consultato il 6 marzo 2011.
176.^ a b Crudeli, p. 164.

177.^ a b Gullit fa perdere la testa al Milan. L'Inter in dieci supera il Parma,


Corriere della Sera, 1 novembre 1993. URL consultato il 6 marzo 2011.
178.^ Mario Gherarducci, Gullit si toglie il Milan dalla scarpa, Corriere della
Sera, 1 novembre 1993. URL consultato il 6 marzo 2011.
179.^ Mai 7 reti fuori casa in era 3 punti, ANSA, 27 febbraio 2011. URL consulta
to il 6 marzo 2011.
180.^ (DE) Die italienischen Serie A 1978/1979, fussballdaten.de. URL consultato
il 24 settembre 2008.
181.^ Juve-Atalanta 3 a 1, bianconeri imbattuti. Del Piero, gol e lacrime di add
io, Il Messaggero, 15 maggio 2012. URL consultato il 15 maggio 2012.
182.^ a b c d (EN) Italy - List of Cup Finals, rsssf.com. URL consultato il 29 s
ettembre 2008.
183.^ a b c d (EN) Italy Super Cup Finals, rsssf.com. URL consultato il 27 novem
bre 2010.
184.^ (EN) European Champions' Cup, rsssf.com. URL consultato il 29 settembre 20
08.
185.^ (EN) European Cup Winners' Cup, rsssf.com. URL consultato il 29 settembre
2008.
186.^ (EN) European Super Cup, rsssf.com. URL consultato il 29 settembre 2008.
187.^ (EN) Intercontinental Club Cup, rsssf.com. URL consultato il 29 settembre
2008.
188.^ (EN) FIFA Club World Championship, rsssf.com. URL consultato il 29 settemb
re 2008.
189.^ a b (EN) Head to head: AC Milan vs FC Barcelona, footballdatabase.eu. URL
consultato il 29 settembre 2008.
190.^ a b (EN) Head to head: AC Milan vs Real Madrid, footballdatabase.eu. URL c
onsultato il 20 ottobre 2010. All'elenco va aggiunta una partita nella Coppa Lat
ina; Panini, pp. 635-636.
191.^ (EN) Head to head: AC Milan vs Ajax Amsterdam, footballdatabase.eu. URL co
nsultato il 29 settembre 2010.
192.^ (EN) Head to head: AC Milan vs Bayern Munich, footballdatabase.eu. URL con
sultato il 29 settembre 2008.
193.^ (EN) Head to head: AC Milan vs Celtic Glasgow, footballdatabase.eu. URL co
nsultato il 27 novembre 2013.
194.^ (EN) Head to head: AC Milan vs Manchester United, footballdatabase.eu. URL
consultato l'11 marzo 2010.
195.^ Il Milan di Sacchi quarta squadra di sempre, Corriere della Sera, 7 luglio
2007. URL consultato il 17 settembre 2008.
196.^ Frank Rijkaard disput la prima parte dell'anno 1988 al Real Saragozza, tras
ferendosi al Milan in estate.
197.^ (EN) Italy - Serie A Top Scorers, rsssf.com. URL consultato il 29 settembr
e 2008.
198.^ Sebastiano Rossi, acmilan.com. URL consultato il 26 ottobre 2010.
199.^ Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani - Gli italiani e il calci
o, demos.it, settembre 2012. URL consultato il 6 febbraio 2013.
200.^ La classifica vede al vertice, con 57,8 milioni di sostenitori, il Barcell
ona, seguito da Real Madrid (31,3 milioni di tifosi), Manchester United (30,6 mi
lioni), Chelsea (21,4 milioni), Bayern Monaco (20,7 milioni) e Milan (18,4 milio
ni). Tifo: Barcellona la regina d'Europa, Sport Mediaset, 9 settembre 2010. URL
consultato il 10 settembre 2010. Calcio, Barcellona club con pi tifosi in Europa,
Inter 8/a, la Repubblica, 9 settembre 2010. URL consultato il 10 settembre 2010
.
201.^ Rossoneri - Il manuale del perfetto casciavit, davideg.it. URL consultato
il 14 maggio 2011.
202.^ Spavaldo s ma non borioso come Mourinho, Il Giornale, 29 settembre 2008. UR
L consultato il 5 maggio 2013.
203.^ C' solo l'Inter...da 100 anni, TGcom, 27 febbraio 2008. URL consultato il 1
7 settembre 2008.
204.^ (EN) AC Milan vs. Inter Milan, FootballDerbies.com. URL consultato il 17 s
ettembre 2008.

205.^ Mauro Valeri, Che razza di tifo, Donzelli Editore, 2100, p. 63, ISBN 978-8
8-6036-472-2. URL consultato il 5 maggio 2013.
206.^ a b c d e Milan, rangers.it, 18 novembre 2006. URL consultato il 17 settem
bre 2008.
207.^ a b (EN) Italian Ultra Scene, lineone.net. URL consultato il 17 settembre
2008 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2008).
208.^ Il Giornale / Ribaltone a Milano: l'Inter diventa di sinistra, il Milan di
destra, ilsussidiario.net, 13 gennaio 2011. URL consultato il 5 maggio 2013.
209.^ a b Milan, tifonet.it. URL consultato il 17 settembre 2008.
210.^ Milan-Brescia 4-2, acmilan.com, 16 maggio 2004. URL consultato il 26 ottob
re 2010.
211.^ a b Andrea Schianchi, Quando fare festa diventa difficile, La Gazzetta del
lo Sport, 1 settembre 2007. URL consultato il 4 gennaio 2009.
212.^ Il Milan batte il Siviglia nella partita di Puerta, la Repubblica, 31 agos
to 2007. URL consultato il 4 gennaio 2009.
213.^ Marco Sappino (a cura di), Dizionario del calcio italiano, Baldini & Casto
ldi, 2000, p. 1581. URL consultato il 5 maggio 2013.
214.^ Alberto Costa, Juve Milan, il patto di ferro, Corriere della Sera, 5 lugli
o 1995. URL consultato il 14 dicembre 2008.
215.^ Corrado Sannucci, Juve e Milan, la sfida infinita storia di rivalit e di ca
mpioni, la Repubblica, 15 maggio 2003. URL consultato il 14 dicembre 2008.
216.^ Sheva cambia la tradizione: "Juve-Milan derby d'Italia", La Gazzetta dello
Sport, 10 dicembre 2008. URL consultato il 14 dicembre 2008.
217.^ Alessandro Fiesoli, Il padre di Spagnolo: "Non si pu morire per una partita
di calcio", Quotidiano Nazionale, 20 agosto 2007. URL consultato il 9 aprile 20
10.
218.^ a b Una scia di sangue lunga 20 anni. Tante le vittime fuori dagli stadi,
la Repubblica, 11 novembre 2007. URL consultato il 17 settembre 2008.
219.^ Amicizie e Rivalit, ultraslazio.it. URL consultato il 17 settembre 2008.
220.^ Rosa stagione 2014/2015, acmilan.com. URL consultato il 9 luglio 2014.
221.^ a b c d Aggregato alla prima squadra dalla formazione Primavera.
222.^ Staff Tecnico stagione 2014 / 2015, acmilan.com. URL consultato il 9 lugli
o 2014.
Bibliografia

Almanacco illustrato del Milan, 2 ed., Panini, marzo 2005.


La storia del Milan, L'airone, 2005, ISBN 978-88-7944-722-5.
Milan Football Club visto durante venticinque anni di sua vita, Milano, 1925.
AA. VV., Milan. Sempre con te, Mondadori, 2009, ISBN 978-88-04-59118-4.
Gino Bacci, La lunga marcia, Eco, 2007, ISBN 978-88-8113-354-3.
Sergio Barbero, I miti del Milan, Graphot, 2000, ISBN 978-88-86906-54-8.
Sergio Barbero, Il diavolo in corpo. Storia del grande Milan, Graphot, 2004, ISB
N 978-88-86906-67-8.
Sergio Barbero, Nel nome del diavolo, Graphot, 1992, ISBN 978-88-86906-88-3.
Fabrizio Calzia, Francesco Caremani, Il diavolo e i suoi profeti, Bradipolibri,
2003, ISBN 978-88-88329-29-1.
Antonio Carioti, Con il diavolo in corpo, Milano, Mursia, 2011, ISBN 978-88-4254926-0.
Tiziano Crudeli, Crudelmente Milan. 20 anni di passione rossonera, Libri di Spor
t, 2007, ISBN 978-88-87676-48-8.
Giancarlo Dotto, La squadra perfetta, Mondadori, 2008, ISBN 978-88-04-57766-9.
Carlo Fontanelli, Un secolo rossonero 1899-1999 - La storia del Milan, Geo Edizi
oni, aprile 2000.
Filippo Grassia, Storia del Milan, SEP, 2006, ISBN 978-88-87110-67-8.
Filippo Grassia, Marco Ravezzani, Il grande calcio a Milano. 1961-1975, Mondador
i, 2003, ISBN 88-370-2657-9.

Filippo Grassia, Marco Ravezzani, Il grande calcio a Milano. 1976-1990, Mondador


i, 2004, ISBN 978-88-370-3054-4.
Carlo Pellegatti, Milan, Gramese Editore, 2000, ISBN 978-88-8440-009-3.
Cristiano Ruiu, Milan, il club pi titolato al mondo, Diemme, 2009, ISBN 978-88-89
370-15-5.
Massimo Solani, Francesco Luti, Non solo coppe. Berlusconi e il Milan, Limina, 2
010, ISBN 978-88-6041-055-9.
Mauro Suma, Segni particolari. Il Milan visto dal di dentro, Libri di Sport, 200
5, ISBN 978-88-87676-57-0.
Sergio Taccone, Quando il Milan era un piccolo diavolo, Limina, 2009, ISBN 978-8
8-6041-031-3.
Fabrizio Tanzilli, La settima meraviglia del Milan, R & C Ricerca e Comunicazion
e, 2007, ISBN 978-88-903101-0-2.
Sergio Travaglia, Diavolo d'un Milan, Sperling & Kupfer, 1994, ISBN 978-88-200-1
905-1.
Francesco Valitutti, Breve storia del grande Milan, Newton Compton, ISBN 978-888183-147-0.
Daniele Vecchi, Noi, la storia, Libri di Sport, 2007, ISBN 978-88-87676-92-1.
Voci correlate
Statistiche delle competizioni UEFA per club
Club vincitori delle competizioni confederali e interconfederali di calcio
Migliori club del XX secolo FIFA
Migliori club del XX secolo per ogni continente IFFHS
Club calcistici pi ricchi al mondo secondo la rivista Forbes
G-14
European Club Association
Polisportiva Milan
Altri progetti

Collabora a Wikiquote Wikiquote contiene citazioni di o su Associazione Calcio M


ilan
Collabora a Wikinotizie Wikinotizie contiene notizie di attualit su Associazione
Calcio Milan
Collabora a Wikimedia Commons Wikimedia Commons contiene immagini o altri file s
u Associazione Calcio Milan
Collegamenti esterni
(IT, EN, ES, PT, ZH, JA, AR) Sito ufficiale
Scheda della squadra su UEFA.com
(EN) Scheda della squadra su FIFA.com
(DE, EN, IT) Associazione Calcio Milan su Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH &
Co. KG.
AC Milan in Open Directory Project, Netscape Communications. (Segnala su DMoz un
collegamento pertinente all'argomento "AC Milan")

[mostra]

V D M
Associazione Calcio Milan

[mostra]
V D M
A.C. Milan

Archivio delle stagioni

[mostra]
V D M
Serie A 2014-2015
AtalantaCagliariCesenaChievoEmpoliFiorentinaGenoaInterJuventusLazioMilanNapoliPa
lermoParmaRomaSampdoriaSassuoloTorinoUdineseVerona

[mostra]
V D M
Squadre di calcio campioni del mondo - Cronologia

SpagnaUruguayBrasileItaliaUruguayArgentinaArgentinaItaliaPaesi BassiUruguayPaesi
BassiArgentinaSpagnaGermania OvestArgentinaParaguayUruguayBrasileUruguayBrasile
ArgentinaItaliaArgentinaPortogalloUruguayItaliaJugoslaviaBrasileArgentinaPaesi B
assiItaliaGermaniaSpagnaInghilterraArgentinaGermaniaSpagnaArgentinaPortogallo

BrasileBrasileBrasileItaliaInghilterraSpagnaItaliaSpagnaBrasileGermaniaSpagna

[mostra]

V D M
Club vincitori della Coppa dei Campioni e UEFA Champions League - Cronologia

SpagnaPortogalloItaliaItaliaSpagnaScoziaInghilterraItaliaPaesi BassiPaesi BassiG


ermania OvestInghilterraInghilterraInghilterraInghilterraGermania OvestInghilter
raItaliaRomaniaPortogalloPaesi BassiItaliaJugoslaviaSpagna

FranciaItaliaPaesi BassiItaliaGermaniaSpagnaInghilterraSpagnaGermaniaSpagnaItali
aPortogalloInghilterraSpagnaItaliaInghilterraSpagnaItaliaSpagnaInghilterraGerman
iaSpagnaSpagna

[mostra]
V D M
Squadre di calcio vincitrici della Coppa delle Coppe - Cronologia
ItaliaSpagnaInghilterraPortogalloInghilterraGermania OvestGermania OvestItaliaCe
coslovacchiaInghilterraInghilterraScoziaItaliaGermania EstURSSBelgioGermania Ove
stBelgioSpagnaSpagnaURSSSpagnaScoziaItaliaInghilterraURSSPaesi BassiBelgioSpagna
ItaliaInghilterraGermaniaItaliaInghilterraSpagnaFranciaSpagnaInghilterraItalia

[mostra]
V D M
Squadre di calcio vincitrici della Supercoppa UEFA - Cronologia
Paesi BassiURSSBelgioInghilterraBelgioInghilterraSpagnaInghilterraScoziaItaliaRo
maniaPortogalloBelgioItaliaInghilterraSpagnaItaliaItaliaPaesi BassiItaliaSpagnaI
nghilterraItaliaTurchiaInghilterraSpagnaItaliaSpagnaInghilterraSpagnaItaliaRussi
aSpagnaSpagnaSpagnaSpagnaGermaniaSpagna

[mostra]
V D M
Club insigniti del multiple-winner badge dell'UEFA Champions League - Cronologia

SpagnaPaesi BassiGermaniaItaliaInghilterra

[mostra]

V D M
Squadre di calcio campioni d'Italia - Cronologia

[mostra]
V D M
Squadre di calcio vincitrici della Serie B - Cronologia

[mostra]
V D M
Squadre di calcio vincitrici della Coppa Italia - Cronologia

[mostra]
V D M
Squadre di calcio vincitrici della Supercoppa italiana - Cronologia

[mostra]
V D M
Squadre di calcio vincitrici della Coppa dell'Europa Centrale/Mitropa - Cronolog
ia

CecoslovacchiaUngheriaUngheriaAustriaAustriaItaliaAustriaItaliaCecoslovacchiaAus
triaUngheriaCecoslovacchiaUngheria

AustriaUngheriaUngheriaJugoslaviaUngheriaUngheriaItaliaUngheriaUngheriaCecoslova
cchiaUngheriaItaliaCecoslovacchiaJugoslaviaCecoslovacchiaUngheriaJugoslaviaUnghe
riaAustriaJugoslaviaJugoslaviaItaliaCecoslovacchiaItaliaUngheriaAustriaJugoslavi
aItaliaItaliaItaliaCecoslovacchiaItaliaItaliaJugoslavia

Cecoslovacchia

[mostra]
V D M
Membri fondatori dell'European Club Association

Paesi BassiBelgioSpagnaGermaniaMaltaInghilterraDanimarcaCroaziaItaliaFranciaIngh
ilterraItaliaGreciaPortogalloScoziaSpagna

[mostra]
V D M
Membri del G-14 (2000-2008)

Paesi BassiSpagnaGermaniaGermaniaItaliaItaliaInghilterraInghilterraItaliaFrancia
FranciaPaesi BassiPortogalloSpagna

InghilterraGermaniaFranciaSpagna

[mostra]
V D M
Silvio Berlusconi

Controllo di autorit

VIAF: (EN) 158266146 GND: (DE) 7536347-1


calcio Portale Calcio
Milano Portale Milano

Wikimedaglia
Questa una voce in vetrina, identificata come una delle migliori voci prodotte d
alla comunit.
stata riconosciuta come tale il giorno 23 maggio 2006
vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriorm
ente il lavoro svolto.
Segnalazioni Criteri di ammissione Voci in vetrina in altre lingue Voci in
vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki

Categoria: A.C. Milan


| [altre]

Menu di navigazione

Registrati
Entra

Voce
Discussione

Leggi
Visualizza wikitesto
Cronologia

Pagina principale
Ultime modifiche
Una voce a caso
Vetrina
Aiuto
Comunit
Portale Comunit
Bar
Il Wikipediano
Fai una donazione
Contatti
Strumenti
Puntano qui
Modifiche correlate
Carica su Commons
Pagine speciali
Link permanente
Informazioni sulla pagina
Elemento Wikidata
Cita questa voce

Stampa/esporta
Crea un libro
Scarica come PDF
Versione stampabile
Altri progetti
Wikinotizie
Wikiquote
In altre lingue
Afrikaans
???????
Asturianu
Az?rbaycanca
Boarisch
??????????
?????????? (???????????)?
?????????
?????
Brezhoneg
Bosanski
Catal
?????? ???????
Ce tina
???????
Cymraeg
Dansk
Deutsch
????????
English
Esperanto
Espaol
Eesti
Euskara
?????
Suomi
Froyskt
Franais
Furlan
Gaeilge
Galego
?????
??????
Hrvatski
Magyar
???????
Bahasa Indonesia
slenska
???
Basa Jawa
???????
Qaraqalpaqsha
???????

?????
???
Kurd
Latina
Ltzebuergesch
Lumbaart
Lietuviu
Latvie u
Baso Minangkabau
??????????
??????
?????
Bahasa Melayu
Malti
??????????
Napulitano
??????
Nederlands
Norsk nynorsk
Norsk bokml
Occitan
??????
Polski
Portugus
Runa Simi
Romna
???????
Sicilianu
Scots
Srpskohrvatski / ??????????????
Simple English
Slovencina
Sloven cina
Soomaaliga
Shqip
?????? / srpski
Sranantongo
Svenska
???
Trkmene
Trke
???????/tatara
???????? / Uyghurche
??????????
O?zbekcha/???????
Vneto
Ti?ng Vi?t
?????????
??
??
Modifica collegamenti
Questa pagina stata modificata per l'ultima volta il 26 giu 2015 alle 10:03.
Il testo disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi
allo stesso modo; possono applicarsi condizioni ulteriori. Vedi le Condizioni d'
uso per i dettagli. Wikipedia un marchio registrato della Wikimedia Foundation, I
nc.
Politica sulla privacy

Informazioni su Wikipedia
Avvertenze
Sviluppatori
Versione mobile
Wikimedia Foundation
Powered by MediaWiki