Sei sulla pagina 1di 15

Dizionario di strega

Abraxas: Strano essere, ibrido, che riportato in numeri appare uguale al numero 365 che
corrisponde ai giorni dell'anno. Con questo nome vengono anche chiamate pietre aventi simboli
vari, di cui il pi comune un corpo di un uomo che ha nella destra la frusta del potere e nella
sinistra lo scudo della sapienza.
Amuleto (o talismano):Il suo uso risale alla remota antichit e si tratta in genere di un oggetto
portato addosso per superstizione. Inizialmente gli amuleti erano semplici pietre forate, fatte di
silice, come la "pietra della croce", la cui forma era quella di un prisma. L'amuleto piccolo tanto
che diventa invisibile e pu essere benefico o malefico. Negli amuleti vegetali predomina il
principio magico-terapeutico in quanto la pianta presenta analogie con le varie parti del corpo. Le
pietre rappresentano ottimi amuleti con usi pi svariati e sono il retaggio di tempi antichi, forse fin
dall'et del ferro.
Anello contro i sortilegi: Fatto con due pietre, dette crisotili, che secondo gli egiziani proteggono
dagli spiriti maligni e dai demoni. Se le due pietre sono montate su un anello formato da due fili
incrociati a rappresentare l'uomo e la donna rappresentano la protezione. Se indossato, protegge la
persona da ogni sorta di stregoneria o potere soprannaturale delle streghe.
Angelo bianco: Angelo custode per streghe buone e futuri Angeli bianchi.
Angelo nero: Le sue vittime sono streghe o futuri Angeli bianchi. Il suo potere maggiore l'odio
che e' capace di provare, che gli permette di ferire e uccidere anche con un semplice tocco.
Aura: L'energia spirituale (dell'anima) che ogni essere umano possiede. La sua forza e' determinata
dall'energia positiva che una persona e' capace di creare.
Bacchetta magica:Strumento magico che pu essere usata da una persona buona o da una strega
cattiva. Una volta usata per sconfiggere la strega, la bacchetta non funziona pi e la pietra in ambra
si rompe.
Bambola: simbolo della saggezza e del potere delle donne, la strega buona un cammino di
saggezza raccolta nei secoli, la saggezza d il potere e il potere terrorizza il pauroso e l'ignorante.
Batter d'occhio: Potere che permette di spostarsi da un luogo ad un altro dello spazio in pochissimi
secondi.
Candela: Oggetto indispensabile in ogni rito. Se la cera sciolta viene versata in acqua d luogo a
strane figure dalle quali si possono trarre auspici. Le candele benedette il 2 febbraio (giorno della
Candelora) tengono lontani i temporali, le epidemie e le calamit varie.
Cappello: un punto spirituale perch aiuta a canalizzare l'energia e mantiene concentrati e attenti.
Cavalieri dell'Apocalisse: i loro nomi sono: Guerra (War), Anarchia (Anarchy), Carestia (Famine)
e Morte (Death).
Cerchio magico: viene tracciato in terra con la punta della spada oppure con la bacchetta magica;
deve avere un diametro di 3 metri. All'interno se ne traccia uno pi piccolo, distante circa 15-20 cm.
In corrispondenza del cerchio esterno vanno scritti i nomi dei geni delle ore, il nome magico della
stagione, della Terra, del Sole e della Luna. All'interno vanno invece scritti i nomi segreti di Dio.
Entro il cerchio il mago concentra le sue forze per evocare i demoni con speciali parole. Il cerchio
pu non essere magico e quindi servire per proteggere i riti che vi si fanno impedendo alle potenze
nefande dei demoni di entrare.
Cerimonia di iniziazione: Cerimonia d'onore tenuta da un gruppo per accogliere un iniziato alla
stregoneria.
Ciondolo maledetto: Pendente al cui interno pu essere imprigionato qualcuno tramite una

maledizione. Il condannato rimarr imprigionato per l'eternit, a meno che un discendente di chi lo
ha imprigionato non apra il ciondolo.
Civetta: come gli altri uccelli notturni (barbagianni, gufo, assiolo, ecc.) poco amata. Molte
superstizioni sono nate al riguardo derivate soprattutto da un canto popolare che dice:"Beata ove si
posa/amara ove divisa" che vuol dire che l'uccello di buon augurio dove si ferma ma diventa un
cattivo presagio quando volge semplicemente lo sguardo a una casa. Si dice anche che se si poneva
la sua zampa destra sul petto di un dormiente, questi rivelava nel sonno tutti i suoi segreti.
Non sempre per la civetta di cattivo augurio, essendo un animale sacro ad Atene.
Clonazione: capacit di duplicare se stessi. Questa capacit non pu essere conservata a lungo.
Coccinella: Secondo alcuni, se una persona trova una coccinella e le rid la libert essa, per
riconoscenza, le indicher col suo volo il vero amore.
Codice delle streghe: Codice morale per tutte le streghe: "Non fate del male a nessuno, fate ci che
volete". L' idea di fondo che finch le streghe non faranno del male a nessuno con le loro pozioni
e i loro incantesimi, esse sono libere di agire come vogliono.
Coltello purificatore: Coltello benedetto (in genere di propriet di monaci segretamente votati a
combattere il maligno) che con la sua forma ricorda una croce. Veniva usato da persone pure di
cuore per uccidere i demoni e recava spesso incise sulla lama delle parole sacre.
Covo: Un gruppo fino a 13 streghe che lavora insieme per fini magici positivi oppure per effettuare
cerimonie religiose. Le streghe spesso si riuniscono in un edificio chiuso o in un posto dove una
strega si pu ritenere al sicuro e a casa.
Daj Ohi (Cancello dell'Inferno): Leggenda cinese che narra che Yhama, il guardiano del cancello
dell'inferno, cerca le anime dei morti che non hanno ancora ricevuto una degna sepoltura per
condurle all'Inferno, senza fare distinzioni tra buoni e cattivi.
Demone col terzo occhio: Demone del futuro che uccide le sue vittime proiettando un fascio di
luce dal suo terzo occhio (posto nel mezzo della fronte) sulla fronte della vittima e bruciando cos le
sue cellule cerebrali. Per distruggerlo bisogna accecarlo.
Demone dell'acqua: demone fatto di acqua ma con un cervello. Attira le persone verso la riva di un
fiume, di un lago, del mare per poi farle affogare. Pu essere sconfitto solo con l'energia elettrica
perch divide le particelle dell'acqua. Pu anche assumere le sembianze della vittima. Uccide solo
in acqua.
Demone della paura: Demone che risorge dagli inferi ogni 1300 anni di Venerd 13 e che per
rimanere in vita, e regnare cos sul mondo per sempre, deve uccidere 13 streghe buone e nubili
entro la mezzanotte. Come arma contro di loro usa la loro pi grande paura, che legge sul palmo
della propria mano dopo averla passata davanti agli occhi della strega. Crea illusioni o provoca
eventi che le spaventa sino alla morte. Per sconfiggerlo bisogna perdere le proprie paure affidandosi
al pi grande dei poteri: l'Amore.
Demoni: il diavolo accompagnato da demoni, diavoli cio di seconda categoria che sono molto
numerosi. Un medico del XVI sec., li ha contati e essi sarebbero addirittura 1.758.640.176. I diavoli
vengono riuniti in sei legioni ognuna delle quali avrebbe 66 corti e ogni corte 666 compagnie. Ogni
compagnia infine sarebbe formata da 6600 diavoli.
Deviazione: anche detta Deflessione. "Il potere di Deviazione lo scudo di una strega contro le
Forze dell'Oscurit" (dal Libro delle Ombre) Se ad avere questo potere un demone, questi lo user
per vanificare gli attacchi delle streghe.
Drago cinese: In genere di giada, posto in forma di ciondolo sulla porta di casa protegge gli abitanti
della stessa dagli influssi negativi e non permette a spiriti, demoni e fantasmi di entrare.
Ecate: E' la regina degli inferi, che ogni 200 anni torna sulla terra e fa un incantesimo ad un mortale

innocente per potersi unire in matrimonio con lui davanti ad un altare consacrato, e avere poi un
rapporto sessuale che la porter ad essere incinta del figlio di Satana, che verr dunque alla luce con
sembianze umane.
Familiare: Un animale che ha un legame spirituale con una strega; spesso l'animale domestico di
famiglia. I familiari possono anche essere entit create per proteggere le case dagli influssi astrali. A
casa Halliwell il Familiare Kit, il gatto.
Fantasma: l'anima di una persona che non riesce, per vari motivi, a raggiungere l'Aldil. Ci sono
fantasmi buoni e cattivi.
Fata: essere favoloso che in virt dei suoi poteri magici compie opere sovraumane. La fata
bellissima, dotata di voce deliziosa, frequenta i boschi, le grotte e le sorgenti, un essere buono. In
alcuni racconti le fate che visitano le culle sono tre, di cui una predominante che segna il destino del
neonato; da cui nacque il fatum latino.
Folletto: spiritello burlone e dispettoso che la fantasia nordica pone, come gli gnomi, nei boschi. Il
pi antico ricordo del folletto si ha nell'Edda scandinava. I folletti furono i primi esseri viventi sulla
terra; si dividono in folletti della luce, benevoli verso l'umanit, e folletti delle tenebre, stizzosi e
pronti a far del male.
Formula magica: Preghiera di invocazione di spiriti.
Grimlocks: Demoni del sottosuolo che vagano di citt in citt uccidendo le forze del bene, che
individuano grazie alla speciale aura che li circonda. Essi riescono a vedere usando la vista di
bambini innocenti. La vista rubata pu durare per 24 ore, ma solo se i bambini sono ancora vivi. Per
distruggere un Grimlock serve una pozione magica a base di radice di scisandra. Sono caratterizzati
da una pelle bianchissima e da occhi cerchiati di viola.
Guardiana dell'urna: Geroglifico egizio, inciso sulla superficie di un'urna mortuaria preziosa, che
rappresenta una donna. Quando l'anfora viene rubata, da questo geroglifico si materializza una
donna che perseguita fino alla morte il ladro usando come armi gli animali velenosi dell'Egitto:
ragni, scorpioni e cobra. Per evitare la maledizione (e quindi salvarsi) il ladro deve compiere un
gesto di altruismo poich la guardiana punisce l'avidit, uno dei sette peccati capitali. Quando tutto
finito la guardiana teletrasporta l'urna nel luogo in cui si trovava al momento del furto.
Incantesimo: Particolare formula magica che piega il volere di forze della natura o di altre creature
non terrestri al proprio volere.
Kali: Demone costretto a restare rinchiuso in uno specchio (la sua dimensione spazio-temporale) Si
manifesta negli specchi e si impossessa di innocenti per potersi avvicinare alle streghe e rubare i
loro poteri. Per ucciderlo occorre distruggere il suo riflesso.
Lanterna oscura: Lanterna nera nella quale, pronunciando l'apposito incantesimo per la rinuncia
dei poteri, si possono rinchiudere i poteri delle streghe buone.
Libro delle Ombre: Termine relativamente nuovo per indicare una raccolta di informazioni in
forma di libro. E' una sorta di guida per le streghe e simile ad un libro di ricette magiche. E' anche
l'origine di tutti i poteri delle streghe. Se viene distrutto, le streghe che lo possedevano muoiono e
perdono i loro poteri. in continua evoluzione, infatti le streghe possono aggiungervi incantesimi o
informazioni utili a vantaggio delle generazioni future. Ogni famiglia di streghe ha un suo libro che
discende direttamente dalla capostipite.
Lupo: carnivoro predatore identificato spesso con gli eretici e comunque con qualcosa di malvagio.
Gi nei vangeli si dice che i lupi sono "falsi profeti" oppure i "nemici dei greggi del Buon Pastore".
Quando la vita era eminentemente pastorale rappresentava una minaccia continua per il gregge
tanto che S. Eustachio paragonava il lupo al Diavolo. Molti sono i modi per un uomo di trasformarsi
in lupo come quello di bere l'acqua direttamente dell'orma, mangiare carne arrostita di lupo
rabbioso, dormire alla luce della luna piena il venerd, ecc. La stregoneria aveva poi un forte potere

nel trasformare un uomo in lupo; bastava del resto che un vampiro gettasse lo sguardo su una donna
incinta oppure che la donna incinta mangiasse sale. Se, infine, nascevano sette figli assieme, il
settimo sarebbe venuto alla luce con la coda come un lupo.
Maschere: i demoni sono liberi per Ognissanti, con una maschera puoi nascondere la tua identit,
camminare in mezzo a loro.
Masselin: Il demone cerca delle anime fiduciose segnalate da colui che ha suggellato il patto grazie
a cui il desiderio chiesto al demone dall'umano aumenta all'aumentare delle anime procurate. Il
demone tiene in vita le anime degli sfortunati per il piacere che ottiene dalla loro sofferenza. Per
sconfiggere il demone occorre fargli ingoiare un filtro magico.
Matthew Tate: Stregone che con l'amore o con l'odio induce le streghe buone ad usare i loro poteri
contro di lui e cos impossessarsene.
Mela: ha una stella a 5 punte nel cuore, con una foglia d'alloro si blocca la strada al male.
Mutaforma: Demoni che usano trasformarsi in altre persone per avvicinarsi alle streghe buone,
ucciderle e rubare cos tutti i loro poteri.
Pentacolo: Una stella verticale a cinque punte considerata un pentacolo. Indossata come simbolo
del credo di una strega, viene usata nelle cerimonie magiche. Ogni punta della stella ha un
significato specifico: terra, aria, fuoco, acqua e spirito. Un pentacolo con un cerchio attorno
simbolizza un contenimento spirituale passivo in tono con la tradizionale segretezza della
stregoneria. Un pentacolo senza cerchio attorno ad esso simbolizza una pronta consapevolezza. Un
pentacolo invertito spesso denota una forza oscura e pu essere considerato un segno negativo.
Potere del Trio: Il pi forte dei poteri a cui possono ricorrere le tre sorelle streghe, in quanto unisce
e aumenta, concentrandoli su di un solo bersaglio, i loro tre poteri personali e la loro potenza
interiore.
Proiezione astrale: Viaggio nello spazio-tempo che coinvolge la sola forma del pensiero senza
spostare il corpo. La proiezione astrale pu materializzare lo spirito in un altro luogo (sempre senza
spostare il corpo originale [come Prue]) ma anche possibile inviare messaggi subliminali senza
avere la materializzazione del proprio corpo [come Rex Buckland].
Registri Akashic: Tavole in cui si dice sia scritto passato, presente e futuro dell'umanit. Un
gruppo di stregoni chiamato i "Collezionisti" molto interessato a trovarli.
Rosmarino: cespuglio perenne (Rosmarinus Officinalis) a tutti noto ed usato nei riti magici; se
bruciato come incenso il suo odore allontanava gli spiriti infernali. Col legno di rosmarino si
facevano nel medioevo ottimi amuleti contro l'avvelenamento e i contagi.
Scopa: mezzo usuale cui ricorrono le streghe per andare al Sabba. Deve essere possibilmente di
saggina, con il manico fatto con un ramo di betulla. Il suo compito principale scacciare il male dal
cammino umano; spazza da est a ovest, imita il cammino del sole.
Spirali del Tempo: una Spirale del tempo un periodo di tempo che si ripete continuamente
all'infinito. A volte una Spirale localizzata in un posto o gruppo specifico, ma altre volte gli effetti
di una Spirale possono essere avvertiti globalmente. Pochi esseri magici sono abbastanza potenti da
creare Spirali del tempo, come Tempus, l'Assistente del Diavolo. Ma le cause di una Spirale
possono essere anche pi cosmiche. Per esempio, alcune tradizioni spirituali ritengono che atti di
perfidia o di ingiustizia possano incorrere nella maledizione della Spirale del tempo, se impuniti.
Una volta che il male stato eliminato o l'ingiustizia stata corretta, il tempo smette di ripetersi e
segue il suo corso.
Strega: Una persona, uomo o donna, che segue gli insegnamenti della stregoneria. Una strega non
cattiva, ma se utilizza i suoi poteri a fini malvagi se ne pentir per sempre...
Stregoni: Secondo il Libro delle Ombre, sono demoni malvagi che cacciano ed uccidono le streghe.

Gli stregoni sono precedenti streghe che non hanno seguito il codice morale delle streghe. Non
hanno sangue.
Stregoneria: Si fonda su credenze e superstizioni pagane che vanno a mescolarsi con quelle
cristiane; molto antica figlia della magia nera. Divenne per diversi papi una vera e propria
ossessione, da Giovanni XXII ad Alessandro V, Eugenio IV, Nicol V, Callisto II, Pio II e Sisto IV,
tutti Papi ispirati dallo Spirito Santo e quindi infallibili. Nel caso delle streghe il fenomeno
rappresentava la malignit infernale in quanto esse siglavano un " patto" con il diavolo.
Succube (o Invasata): E' una strega che ha rinunciato a tutte le emozioni umane e ha stretto un
patto con gli Inferi per proteggersi dal male. Gli uomini non hanno alcuna difesa contro il suo
potere, e lei si nutre del loro testosterone con la sua lingua affilata come un rasoio.
Tarocchi: 78 carte figurate usate per rivelare verit nascoste.
Tavola degli spiriti: E' una tavola con delle lettere, dei numeri e le parole "s" e "no" tracciate sulla
superficie. Quando vengono chiamati, gli spiriti guidano il puntatore sulla tavola per scegliere delle
risposte alle domande fatte o per comunicare.
Tiglio: antico albero considerato oracolare e, siccome tutte le sue parti possono essere utili, un
albero venerato. In Sicilia si diceva che per predire il futuro era sufficiente <<tagliare dei pezzi di
corteccia in strisce che arrotolate e srotolate attorno alle dita potevano predire il futuro >>. Il tiglio
era un simbolo favorevole tanto che in Lituania gli si offrivano sacrifici.
Timo: pianta perenne (Thymus Serpyllum) molto nota in cucina che, se bruciata, allontana i
malefici. Andando con un mazzetto di timo di notte, durante la Luna piena, in luoghi solitari, come
vecchie rovine, boschi, laghi ecc. si possono vedere fate e folletti.
Tortura: operazione cui venivano sottoposte le streghe perch confessassero. Se dimostravano
resistenza al dolore voleva dire che erano aiutate dal Diavolo, diversamente confessavano anche
cose non vere. Per evitare l'acuirsi della tortura molte processate facevano il nome di innocenti che
poi a loro volta sarebbero stati torturati. Nel 1592 uno dei giudici di un processo per stregoneria
scrisse alle autorit di Freising (Londra) chiedendo l'interruzione delle persecuzioni. <<Se tutte
quelle dementi fossero trattate come le altre, pi di met delle donne della regione verrebbero
accusate e dovrebbero essere torturate, cos che distruggerebbe tutta la zona. Egli non aveva
prigioni sufficienti per contenere tutte le accusate e denaro per pagare i torturatori e i carnefici>>.
La tortura contro le streghe fu autorizzata da papa Innocenzo IV con la bolla del 1252 "Ad
Extirpanda".
All'inizio era molto limitata per aiutare la confessione: qualche tratto di corda, la veglia, la
sospensione per le braccia, il martellamento della testa, della tibia, ecc. Poi veniva la tortura vera e
propria: fuoco sotto la pianta dei piedi, tratti di corda pi robusti, aculei sul capo, lembi di carne
strappati con la tenaglie, frattura delle ossa, ecc.
Trisciale: Simbolo del potere del trio formato da tre figure, a forma di mandorla, disposte in modo
che collegando le loro punte si formi un triangolo equilatero. Se queste tre figure sono collegate da
un cerchio, esso indica l'unione e l'eternit. Se il simbolo dipinto su di una parete e le tre streghe
vi si collegano, formando con esso un cerchio, tale simbolo apre una porta sulle altre dimensioni
spazio-temporali. riportato in rilievo sulla coperta del Libro delle Ombre e sul pendente appeso al
collare della gatta (il Familiare) di casa Halliwell, ed presente anche sulla Tavola degli Spiriti.
Uomo dei sogni: Persona che si inserisce nei sogni di altre persone manipolandoli ed uccidendole.
Venerd 13: Di venerd 13 ogni 1300 anni vi una convergenza universale di energia negativa
molto pericolosa per tutte le streghe buone.
Vigilia d'Ognissanti: giorno nel quale le forze del male possono tornare ad agire. molto
importante per una strega.
Wendigo: Essere umano di giorno e mostro simile ad un lupo mannaro nelle notti di luna piena. Si

nutre di cuori umani innamorati che appartengono a persone di gruppo sanguigno AB negativo. Il
primo Wendigo stato trasformato in questa creatura poich aveva ucciso il suo amante per gelosia
e ne aveva divorato il cuore. Se la vittima prescelta riesce a salvarsi, ma riporta delle ferite causate
dal mostro, si trasforma a sua volta in Wendigo. Per salvarsi bisogna distruggere il Wendigo
originale usando il fuoco che scioglie il suo cuore di ghiaccio.

Ruota dell'Anno
Come le altre correnti spirituali, anche la stregoneria aveva i propri giorni sacri. Le streghe
si riferivano all'insieme dei loro otto giorni celebrativi con l'espressione di " Ruota
dell'Anno".

La stregoneria segue le regole della natura ed insegna che nell'universo tutto fa parte di
un ciclo. Le festivit seguono antiche celebrazioni solari e del raccolto. Si celebrava
durante i solstizi, gli equinozi ed anche in occasione delle grandi feste accanto al fuoco,
come l'ultimo raccolto ed i riti di primavera.
La festa delle streghe pi conosciuta :

Halloween

che le streghe chiamano Samhain (sah-wen). Questo il tempo in cui "il velo tra i mondi
pi sottile" e ci si pu mettere in contatto con gli spiriti. Le antiche feste delle streghe sono
sopravvissute attraverso secoli di incomprensioni.
Le date sopra elencate sono proprie di un calendario antichissimo che suddivideva l'anno
in due semestri, uno con inizio a maggio, l'altro a novembre, ulteriormente suddivisi in due
trimestri. il calendario del periodo in cui le popolazioni erano ancora dedite alla caccia e
alla pastorizia e non ancora all'agricoltura.
L'inizio dei due semestri corrisponde infatti all'apertura delle stagioni in cui gli animali
procreano. Questo solo per dire quanto l'origine dei riti, poi chiamati Sabba, sia antica e
comunque sicuramente risalente all'antica religione pagana.

Le fasi lunari
Le Fasi Lunari influiscono notevolmente, come sulla natura, sulla psiche umana. In
ciascuna fase, infatti, risentiamo in noi l'energia della luna. Anche le streghe
approfittavano di questi periodi per compiere rituali sfruttandone l'energia.

Luna Crescente
E' in questa fase il momento per operare rituali di accrescimento, di propiziazione, di
avvicinamento o di protezione.
Luna piena
E' il momento in cui le "energie" della fase crescente sono al culmine, ottime per operare
qualsiasi rituale d'amore, fortuna, salute e denaro.
Luna calante
E' in questa fase il momento per operare rituali volti alla dispersione della negativit.
Luna nuova
Questa e' una fase controversa: alcuni sostengono che sia meglio astenersi dall'operare
rituali, altri credono invece che sia il momento della rinascita in cui operare rituali volti ad
intraprendere nuovi progetti.

Le candele divinatorie
La candela simbolo di fuoco , serve per dare sostegno agli altri strumenti ed quindi
necessaria a qualunque tipo di incantesimo.
Ogni candela protegge e dona felicit e e poteri.

La candela nera
Simboleggia la negativit in genere. Dona protezione,serve per riti di allontanamento o
avvicinamento, esorcismo contro il male o le paure.
La candela blu
Viene usata nei riti che hanno il compito di richiamare l'attrazione di forze benefiche sulla
propria persona o sui propri cari. Dona saggezza, pace,calma,abilit psichiche,felicit,
guarigione, fortuna e serve appunto per riti che riguardano cambiamenti positivi.
La candela azzurra
Viene utilizzata nei riti riguardanti la bellezza,la purezza d'animo,il rispetto e la devozione.
La candela rossa
Rappresenta il simbolo della passione e viene usata soprattutto nei rituali riguardanti la
sfera erotica. Pu essere utilizzata anche come protezione contro malattie o sortilegi.
Dona energia,forza,passione e serve anche per esorcismi d'amore.
La candela marrone
Rappresenta il coraggio e dona il controllo sulla terra e sugli animali.
La candela verde
E' una candela positiva.
Viene utilizzata in varie occasioni: per motivi finanziari, sentimentali, per sconfiggere le
inimicizie o per accelerare le decisioni di chi impiega troppo tempo in inutili riflessioni.
Dona fortuna, fertilit, abbondanza, coraggio, denaro, crescita, speranza, guarigione, vita.
La candela arancione
Serve per riti riguardanti questioni di affari,per la carriera,il successo,l'ambizione,la
giustizia e al raggiungimento di molti obbiettivi.
La candela viola
Si utilizza in genere per esorcismi, per eliminare fatture o sortilegi maligni. Dona
potere,spiritualit,meditazione sugli obbiettivi da raggiungere e concentrazione dei poteri.
La candela rosa
E' molto pi potente se utilizzata dal sesso femminile. Serve per incantesimi d'amore, per
rafforzare i buoni sentimenti o per ritrovare la felicit perduta. Dona romanticismo,amicizia
e amore.
La candela grigia
Viene utilizzata per concludere rapporti sgradevoli ed indesiderati con il proprio amante od
un amico.
La candela argento

Dona poteri di telepatia,intuizione,previsione dei sogni e d energia spirituale ed astrale.


La candela gialla
Viene

utilizzata

per

riti

riguardanti

l'apprendimento,l'intelletto,la

confidenza,la

persuasione,lo studio,il coraggio,la divinazione,la mente e la rievocazione di pensieri


obliati.
La candela oro
Viene utilizzata per riti di elevazione,importanza,divinazione,ammirazione e per le feste.
La candela bianca
Dona poteri di pace,purezza,spiritualit,fiducia nelle proprie capacit,superiorit.

PIANTE DEGLI INCANTESIMI


Le piante elencate erano utilizzate anticamente dalle Streghe per ottenere filtri ed elisir
d'amore.
Papavero Bianco
Le sue propriet sedative ed i suoi lattici narcotizzanti inducevamo un sonno profondo.
Pervinca
Era chiamata "la viola delle Streghe". Pestata assieme a lombrichi e servita con della
carne animale, si riteneva provocasse il classico "colpo difulmine".
Rosa di Natale
Serviva per compiere incantesimi molto potenti e per rendersi invisibili.
Amamelide
E' un arbusto originario dell'America settentrionale e veniva utilizzato come bacchetta
rabdomantica per scovare tesori nascosti.
Mandragola
Ingrediente base di tutte le pozioni afrodisiache, la mandragola scatenava passioni e
provocava la gravidanza. La sua radice veniva utilizzata per infusi destinati a ridare
virilit.
Giusquiamo Nero
E' una pianta appartenente alla famigliadelle Solanacee. Si credeva che questa pianta
potenziasse le facoltivinatorie e consentisse di evocare glipiriti.
Rosa
Veniva usata per filtri d'amore dei quali solitamente usufruivano gli spasimanti al fine di

conquistare la persona amata.

FIORI DEL VOLO


Le piante elencate erano utilizzate anticamente dalle Streghe per ottenere unguenti o
visioni relative all'estasi del volo; ovvio che per nessun motivo debbano essere ingerite o
manipolate senza la dovuta conoscenza.
Stramonio
Venivano usate solamente poche gocce delle tossine di questo frutto per ottenere
l'unguento del volo che serviva provocare ore di allucinazione.
Napello
Pianta velenosa sacra ad Ecate (Dea cara alle streghe); altera i battiti cardiaci
producendo cos la sensazione di volare.
Solano
Provoca tremori ed un senso di vertigine, dando probabilmente l'illusione di librare liberi
nel cielo. Questa pianta meglio conosciuta con il nome di "belladonna"che pu causare
disturbi della vista.
Cicuta
Il nettare di questa pianta accentua la sensazione di essere come sospesi in aria. Per
accelerare gli effetti della sensazione del volo, le Streghe erano solite spalmarlo dove la
pelle pi sensibile.
Potentilla
Alcune delle propriet chimiche presenti in questa pianta sono in relazione con l'illusione
del volo. Anticamente alcuni erboristi associavano il suo fiore di cinque petali ai cinque
sensi. Per questo motivo gli unguenti relativi al volo venivano spalmati con fiori di
Potentilla.

GLI ANIMALI DELLE STREGHE


Il Gatto
Da tempi antichissimi il gatto l'animale preferito di una strega. Ma io parlo soprattutto
delle streghe antiche, poich oggi non rilevante avere o amare i gatti! Si credeva che il
diavolo fosse incarnato dal diavolo,ma oggi si sa che sono solo leggende perch una

strega pu anche odiare i gatti e andare ogni domenica in chiesa e credere in DIO!
Il Rospo e la Rana
Anticamente le streghe li usavano per i loro infusi e per gli incantesimi, soprattutto quelli
d'amore o di malocchio.
Animali Notturni
Si diceva che fossero gli aiutanti di una strega e che addirittura le streghe si
trasformassero in essi!!! Chi aveva attorno a casa sua molti animali notturni veniva
accusato di stregoneria.
Serpenti
Da sempre il serpente simbolo di potere, le streghe lo venerano e lo rispettano. Esso
simbolo di potere e spesso di male! Le streghe venerano molto il serpente ancestrale nei
loro riti.
Pipistrelli
Venivano anch'essi usati nei riti o nei sacrifici e si diceva che le streghe riuscissero a
comunicare con loro. Era simbolo di sventura.
Topi
Servivano nelle trasformazioni delle streghe nei guai (le streghe delle leggende, non quelle
di oggi!!) Molte streghe li allevavano e li amavano, ma l'animale comunque preferito il
gatto, al quale andavano il pi delle volte i cari topolini!
I Lupi
Servivano anch'essi nelle trasformazioni,molte volte le streghe prendevano sembianze di
questi animali per scongiurare i pericoli e talvolta spaventare o aggredire i persecutori.

SIMBOLI DELLE SGREGHE


La scopa
Nonostante le leggende di streghe volanti a cavallo della scopa questo uno strumento
magico. Il suo scopo semplice: pulire. Solo che non si tratta di una pulizia materiale
bens energetica. Serve a purificare l'ambiente sacro prima di aprire il circolo. E' uno dei
simboli della Dea e anche del Dio, viene usata soprattutto prima di iniziare i rituali per
allontanare le negativit. Essendo usata per purificare viene associata all'elemento
dell'Acqua e quindi usata negli incantesimi d'amore o quegli per aumentare i poteri

psichici. Tradizionalmente si usa una scopa di saggina ma si pu costruire anche usando il


frassino per il bastone e dei rami di betulla legati fra loro con del salice. Si racconta che
una scopa stesa sulla soglia di casa proteggeva contro i malefici e la negativit.
L'Incensiere:
Per alcuni Wiccan, lincensiere rappresenta lelemento dellAria. Se il rituale al chiuso
uno strumento necessario, innanzi tutto purifica ma poi torna utile nelle consacrazioni di
oggetti. Spesso si pone di fronte alle immagini delle Divinit sullaltare, se ce ne sono. E'
un porta incenso e pu essere di qualsiasi tipo indipendentemente dal tipo di incenso
usato (in grani o ad autocombustione) anche solo una coppa riempita si sabbia o sale.
Purch, se si usa l'incenso in grani, si faccia attenzione considerato il livello di calore che
pu raggiungere.
La Bacchetta Magica:
Strumento di invocazione per antonomasia, viene usata anche per dirigere l'energia o
tracciare la sfera magica. Sacra agli Dei rappresenta l'elemento dell'Aria ed
tradizionalmente lunga dal gomito all'indice (secondo altri al medio) e costruita con alcuni
legni come il salice, la quercia, il sambuco, il ciliegio, il pesco, ecc.. Usata sollevata,
magari in equilibrio sulla mano pu allontanare la negativit e invocare gli Dei.
Il Calderone:
Simbolo della Dea e dell'Acqua dovrebbe essere tradizionalmente in ferro poggiato su un
treppiedi con un'apertura pi stretta del resto del corpo. Utilizzato (se piccolo) per cuocere
tisane o per la cucina rituale, assume sull'altare un ruolo differente. Nei riti primaverili si
riempie di acqua e fiori, si usa come recipiente degli oggetti consacrati o delle offerte
spesso bruciate per gli Dei, nei riti invernali vi si accende un piccolo fuoco all'interno. I suoi
simboli molto importanti (primo fra tutti la Madre) sono molteplici e prendono forma dalle
leggende celtiche su Cherridwen.
L'Athame Nero:
Nella Wicca viene usato esclusivamente per dirigere l'Energia e MAI per tagliare, si tratta
di un coltello a doppia lama con un manico nero. Sacro al Dio e rappresentante l'elemento
del Fuoco. strumento di comando non viene usato mai per chiamare gli Dei (bacchetta),. A
volte vi si pu conservare l'Energia fino al rituale successivo o inviarla a qualcuno che ne
ha fatto richiesta. Vi si possono incidere (sulla lama o sull'impugnatura) delle rune o dei
simboli, personificandolo ma ricordate che l'oggetto, qualsiasi sia, prende potere usandolo
e manipolandolo.
L'Athame Bianco (Bolline):

Questo invece un coltello da lavoro: tagliente e dall'impugnatura bianca meglio se con


fodera vista la pericolosit dell'oggetto. Si usa sempre per rituali o lavori inerenti alla
religione. Uno degli usi consigliati per spegnere le candele, considerato che offensivo
soffiarci sopra o usare la saliva. Oppure pu tagliare le erbe da usare o le corde magiche.
Per alcuni va usato solo fuori dallo spazio magico.
La Coppa:
Simbolo legato alla Dea collegata all'elemento dell'Acqua e pu essere in molti materiali
preferibilmente argento, caro alla Dea. Si usa come contenitore dell'acqua oppure nei
banchetti cerimoniali per i sidri o i succhi di frutta.
Il Pentacolo/Pentagramma:
Preso in prestito dalla magia cerimoniale rappresenta la Terra ed uno strumento
evocativo, protettivo ed allontanativo (a questo scopo pi utile il pentagramma, simbolo
del Tutto: uomo, energie; elementi, uomo e Universo): protegge i luoghi ed allontana la
negativit: appesi su porte o finestre allontanano e manipolati nei rituali evocano le
Energie. Si usa per posare sull'altare gli oggetti da consacrare. Da non confondere con
quello dei satanisti che ha due punte in alto ed una in basso.
La Campana:
Le vibrazioni di una campana muove le Energie e nei rituali vengono usate per dare inizio
o per chiudere un incantesimo. Pu evocare la Dea ed un suo simbolo quindi si
preferisce in argento. Appesa alla porta custodisce la casa dato che il suo suono allontana
le negativit di qualsiasi genere.
Il Libro delle Ombre o Grimorio:
E' qui che andranno inseriti tutti gli incantesimi, invocazioni, rituali di cui si viene a
conoscenza o che creiamo (se si eclettici). E' il grande ricettario della strega, le cui
ricette non sono alla portata di tutti. Non si divide con altri (almeno che non si tratti di un
coven o che lo si passi ad un discepolo) e vi si possono tracciare rune o incantesimi di
protezione sulla copertina.
Il Libro Specchio:
E' lo strumento pi personale di una strega, nessuno eccetto lei dovr leggerlo. Si tratta di
un diario personale dove verranno trascritti tutti quegli avvenimenti che hanno a che fare
con la pratica religiosa, segni, sogni, emozioni e sensazioni della giornata. Rileggendolo
torner utile per osservare i progressi compiuti e gli errori ripetuti che vanno corretti.
Altare:

Pu essere di qualsiasi tipo, se fisso meglio se in uno dei legni o metalli cari agli Dei. Lo
si copre con un panno bianco o rosa o blu (spesso si sporcher con la cera delle candele)
sopra al quale si poseranno i vari oggetti nei modo consono. I simboli degli Dei (una
candela bianca per la Madre ed una nera per il Padre possono andare bene), l'incensiere,
la bacchetta, l'athame, la campana, il calderone e le offerte o il materiale per il rito. Vi si
pu ospitare anche una pianta in vaso se si pratica in casa.
Gli Dei:
Si possono usare delle candele se si preferisce di forma particolare (magari tonda per la
Dea e allungata per il Dio) nei loro colori, bianco la Madre e nero il Padre. Se si pi
fortunati si possono usare delle statue ma questo dipende dal vostro gusto e portafoglio.
Alcuni posano delle particolari piante sacre, altra alternativa sono fogge di animali a Loro
cari. La Madre va sempre a sinistra nell'altare assieme ai suoi oggetti e il Padre a destra,
al centro lascerete gli strumenti cari ad Entrambi.

LE FORMULE
Sono formule segretissime che solo alcuni prescelti possono leggere e che nel gruppo,
una o pi consorelle possono scrivere.
Le formule hanno delle regole da seguire:
1)Non si possono chiedere cose assurde o esagerate, senn basterebbe la magia a
togliere le sofferenze del mondo! Dunque non chiedete di vincere alla lotteria perch
avreste lo 0,00000000000000,1% di possibilit che accada!
2)Non devono avere per forza una rima,ma se c', fate che non sia stupida!!!
3)Dovete scrivere formule universali con gli spazi per il soggetto, la cosa da chiedere e
(non obbligatorio) il "quando". A meno che voi scriviate formule che hanno un solo
soggetto e una sola cosa da fare (per esempio chiedere di piovere) potete anche non
seguire la regola degli spazi e lasciare solo lo spazio del "quando".
4)Di solito le formule si ripetono 3 volte per i trii, e 4 per i cerchi,ma si possono anche dire
una sola volta se non viene richiesto il potere del trio o del cerchio dalla formula e se una
formula semplice.
5) Tutto torna a noi!!! ricordatelo!
Cosa chiedere nelle formule
All'inizio non tutto vi riuscir, ma quando avrete le giuste basi e ampi insegnamenti
potrete:

1) Modificare il tempo meteorologico.


2)Fare trascorrere + velocemente o + lentamente il tempo (nel senso che le ore
trascorreranno pi in fretta o pi lentamente, non immaginatevi di poter fare scene a
rallentatore!!! non intendo in quel senso!)
3) Fare incantesimi sui sentimenti d'amore e d'amicizia (bisogna essere davvero brave!!)
4) Piegare la volont.
5) Impedire molte cose.
6) Fare compiere delle azioni