Sei sulla pagina 1di 1

LE ARTI MARZIALI INTERNE

Le arti marziali interne sono state spesso avvolte da molto misticismo e alcuni hanno considerato i teoremi in
esse contenuti come superstiziosi ed anche superflui.
Per capire i fondamenti teorici nascosti in queste arti, dobbiamo dapprima capire la visione del mondo
Cinese che il cuore della loro cultura e filosofia. La storia del pensiero Cinese molto lunga, e va indietro
di molti anni. Molto di esso viene dalle osservazioni empiriche fatte dal popolo Cinese e distillate dalla sua
logica essenziale. Qualcosa di esso non cos estraneo all!ccidente come pu" sembrare inizialmente.
Lo #in e Lo #ang
Questa probabilmente la pi$ fondamentale delle teorie che contribuiscono alla visione del mondo Cinese.
%ilosoficamente parlando questa la teoria della dualit& che anche conosciuta nella classica filosofia
occidentale ad eccezione del fatto che non usata come base per spiegare la natura e la composizione
dell'universo percepito. (ssa rappresenta il positivo e il negativo nell'universo percepibile. )elle arti
marziali rappresenta calma e movimento, durezza e morbidezza e altri opposti.
* +rigrammi e gli (sagrammi
,li - trigrammi ./a ,ua0 e i 12 (sagrammi sono derivati dall'interazione dello #in e dello #ang. (ssi
formano i fondamentali cambiamenti che sono possibili attraverso queste interazioni. %u il sacerdote ,esuita
Padre 3oachin /ouvet, che faceva il missionario in Cina, che mostr" la sequenza dei 12 (sagrammi al
matematico tedescono ,ottfried 4ilhelm Leibnitz, il padre dei calcoli. Leibnitz scopr la notazione del
sistema binario negli esagrammi prendendo lo zero per ogni linea solida e l'5 per ogni linea spezzata. Questo
sistema l'edificio fondamentale del sistema dei computer di oggi che lavorano tutti sul sistema binario.
Questi computer, attraverso l'uso del sistema binario .alla notazione #in6#ang occidentale0 sono ora in grado
di assimilare il vero mondo che ruota attorno alla teoria cinese che l'universo percepibile pu" essere spiegato
usando l'interazione #in6#ang. Per le arti marziali questi cambiamenti rappresentano le situazioni possibili e
gli opposti in una situazione di combattimento.
* Cinque (lementi
* cinque elementi derivati dall'antico diagramma 7ou +u che raggruppa le interazioni dello #in e dello #ang
in cinque distinti gruppi una rappresentazione dei cinque tipi materiali con cui i Cinesi classificavano
l'universo percepibile. 8imile alla classificazione occidentale di 9nimale, :egetale e Minerale, i Cinese li
classificarono in Metallo, 9cqua, %uoco, Legno e +erra. * cinque elementi rappresentano anche i cinque
movimenti poich; le interazioni di questi elementi che formano il ciclo della materia nell'universo
percepibile hanno i loro innati movimenti. * loro cicli creativo e distruttivo e i loro movimenti prestano i loro
principi alle arti marziali.
L'9pprocio *nterno al Combattimento
Per tutte le arti marziali c' un comune gruppo di bisogni che necessitano di essere indirizzati quando si
vuole raggiungere il successo nel combattimento. (ssi possono essere classificati in 2 categorie<
5. Potere
=. :elocit&
>. Posizione
2. +ecnica
Queste quattro categorie sono fondamentali al combattimento e le differenti arti marziali interne mettono
differente enfasi su ognuna ma tutte si sforzano per l'efficienza nel combattimento con il minimo sforzo per
raggiungere il massimo effetto. Li tratteremo individualmente.
*noltre, nel caso del +ai?iquan, c' il bisogno della sensibilit&. *n quest'era moderna, l'informazione potere
e nel mondo del +ai?iquan non differente. L'informazione riguardo l'avversario strumentale per essere
effettivi nel combattimento contro di lui. Come scrive 8un +zu nell'9rte della ,uerra @Conosci l'avversario
come conosci te stesso, e su cento battaglie avrai cento vittorieA.