Sei sulla pagina 1di 47

MANUALE

Manuale Go-T5 / Firmware v 1.17


Gennaio 2011

Zucchetti - Viale Dante, 20 26900 Lodi (LO)
Tel. 0371/594.33.33 (r.a.) Fax 0371/42.17.20
e-mail: zz_logong@zucchetti.it
Zucchetti - Via Solferino, 1 20075 Lodi (LO)
Tel. 0371/594.24.44 www.zucchetti.it

DISPOSITIVI PER IL
CONTROLLO ACCESSI
GO-T5



2/47



Date le continue innovazioni tecnologiche,
la Zucchetti S.p.a., si riserva il diritto di
variare in qualsiasi momento le
caratteristiche tecniche ed estetiche dei
prodotti.

Pertanto, il contenuto di questo manuale
pu essere modificato senza preavviso.

Ogni cura stata posta nella raccolta e
nella verifica della documentazione
contenuta in questo manuale, tuttavia la
Zucchetti S.p.a., non pu assumersi alcuna
responsabilit derivante dallutilizzo della
stessa.

Zucchetti - Viale Dante. 20 - 26900 Lodi (LO) ITALIA
Tel. 0371/594.33.33 - Fax 0371/42.17.20
email: zz_logong@zucchetti.it
Zucchetti - Via Solferino, 1 - 20075 Lodi (LO) ITALIA
Tel. 0371/594.24.44
web: www.zucchetti.it










3/47
Indice
Dichiarazione di conformit ...............................................................................6
1. Descrizione Generale............................................................. 7
2. Connessioni Go-T5 (fino al 31/12/08)...................................... 8
3. Connessioni Go-T5 (a partire dal 01/01/09)............................. 9
Configurazione linea seriale .......................................................................10
Resistenza di terminazione linea RS485....................................................11
Caratteristiche Elettriche Rel ....................................................................12
Go-T5: Collegamento a Terra del sensore biometrico (fino al 31/12/08).......13
Go-T5: Collegamento a Terra del sensore biometrico (a partire dal 01/01/09)14
4. Lettore RF 125KHz................................................................ 15
5. Lettore Finger Print .............................................................. 16
6. Lettore 13,56MHz (ISO 14443A / ISO 15693) .......................... 16
7. Installazione.......................................................................... 17
8. Informazioni di Sicurezza .................................................... 19
Sicurezza elettrica relativa alla apparecchiatura ........................................19
Istruzioni di sicurezza apparecchiatura....................................................19
Norme fondamentali .................................................................................19
Protezione dai fulmini ...............................................................................20
Sicurezza elettrica per piccole apparecchiature .........................................20
Collegamenti ............................................................................................20
Scollegamenti...........................................................................................20
9. Led......................................................................................... 21
10. Aree di lettura badge.......................................................... 22
11. Scheda ethernet / POE (Go-T5E / Go-T5P) ......................... 23
CONFIGURAZIONE VIA NETWORK .................................................................24
Indirizzo IP sconosciuto.........................................................................24
Indirizzo IP noto.....................................................................................25
MEN DI CONFIGURAZIONE.........................................................................26
SERVER CONFIGURATION (0) ......................................................................27
IP Address.............................................................................................27
Gateway Address ..................................................................................27
Netmask ................................................................................................28
Telnet Password....................................................................................29
CHANNEL 1 CONFIGURATION (1) .................................................................29
Baudrate................................................................................................29
I/F Mode ................................................................................................29
Flow.......................................................................................................29
Port No ..................................................................................................30
Connect Mode .......................................................................................30
Remote IP Address ...............................................................................30
Remote Port ..........................................................................................30
DisConnMode........................................................................................30
Flush Mode............................................................................................31
Pack Control ..........................................................................................31
DisConnTime.........................................................................................32
Send Characters....................................................................................32
Send Char 1 ..........................................................................................32
Send Char 2 ..........................................................................................32
RIEPILOGO PARAMETRI CONFIGURAZIONE ...................................................32
GUIDA ALLA RISOLUZIONE DEI PROBLEMI DI CONFIGURAZIONE........................33



4/47
12. Configurazione Go-T5........................................................ 34
Attivazione Sirene ....................................................................................34
Elenco Utenti............................................................................................34
Politiche di Accesso .................................................................................34
Indirizzo Apparato ....................................................................................35
Baudrate ..................................................................................................35
Buffer Overflow ........................................................................................35
Ora Legale/Solare....................................................................................35
Salva Timbrature Non Valide ...................................................................36
Antipassback............................................................................................36
Attesa On-line ..........................................................................................36
Tipo Tessere MIFARE..............................................................................37
Cifre Badge ..............................................................................................37
Posizione Codice Azienda .......................................................................37
Lunghezza Codice Azienda .....................................................................37
Definizione Codice Azienda .....................................................................37
Posizione Matricola..................................................................................37
Lunghezza Matricola................................................................................38
Tipo Codifica ............................................................................................38
Verso Timbratura (Lettore 1)....................................................................38
Verso Lettore Remoto (Lettore 2) ............................................................38
White-List .................................................................................................38
WHL Scadenza ........................................................................................39
WHL Orario ..............................................................................................39
WHL Scalare............................................................................................39
Codice Impianto 1 ....................................................................................39
Posizione Codice Impianto 1....................................................................39
Lunghezza Codice Impianto.....................................................................39
Valore Codice Impianto............................................................................40
Codice Impianto 2 ....................................................................................40
Posizione Codice Impianto 2....................................................................40
Lunghezza Codice Impianto 2..................................................................40
Valore Codice Impianto 2.........................................................................40
Presenza Modulo HCS300.......................................................................40
Def. Impianto............................................................................................40
Def. Codice Azienda ................................................................................40
Pulsante SX .............................................................................................41
Pulsante CE.............................................................................................41
Pulsante DX.............................................................................................41
Modalit Operativa Fingerprint .................................................................41
Uso Impronta............................................................................................41
Richiesta Impronta ...................................................................................42
Modo Rel 1.............................................................................................42
Tempo Rel 1...........................................................................................42
TeleRel 1................................................................................................42
Modo Rel 2.............................................................................................42
Tempo Rel 2...........................................................................................43
TeleRel 2................................................................................................43
Modo Input 1 ............................................................................................43
Modo Input 2 ............................................................................................44
Controllo Porta .........................................................................................44
Timeout Apertura .....................................................................................44
Timeout Chiusura.....................................................................................44
Salva Timbratura Di Allarme ....................................................................44
13. Procedura di reset .............................................................. 45
Reset a caldo mediante pulsante S1 (solo dal 01/01/09).........................45
Reset e Ripristino della Configurazione di Fabbrica ................................45


5/47
14. Aggiornamento Firmware.................................................. 46
Caricamento del Firmware.......................................................................46
15. Caratteristiche tecniche..................................................... 47













































6/47
Siamo lieti della fiducia accordataci con l'acquisto di questa apparecchiatura di
controllo.
Il prodotto da Lei acquistato stato sviluppato e prodotto secondo canoni
attestati di qualit a garanzia dell'affidabilit d'uso dello stesso.
Il presente manuale descrive caratteristiche e funzionalit del terminale Go-T5.
Il terminale Go-T5 stato sviluppato per consentire la modalit operativa di
controllo accessi. Viene costruito con processi certificati a norme EN29001
(ISO 9001) e realizzato con le pi moderne tecnologie costruttive.
Il terminale Go-T5 un terminale intelligente che, a fronte di una richiesta
daccesso, raccoglie e memorizza le informazioni acquisite.
Il terminale Go-T5, realizzato su housing stampato in ABS antiurto e
autoestinguente (V0), progettato su disegno di Farinatti. Le sue dimensioni
contenute, il suo design raffinato ed esclusivo unito alla robustezza dei materiali
utilizzati, gli permette di inserirsi perfettamente in tutti gli ambienti industriali ed
uffici in genere.

La Zucchetti S.p.a., dichiara che il terminale di controllo accessi Go-T5, le cui
caratteristiche sono descritte in questo manuale, un prodotto sotto procedura
ISO 9001 che rispetta i requisiti essenziali sia della direttiva Compatibilit
elettromagnetica 89/336/EEC del 3 Maggio 1989 con successive modifiche
(direttive 92/31/EEC del 28/04/1992, 93/68/EEC del 22/07/1993 e 93/97/EEC
del 29/10/1993), D.L. di attuazione n. 615 del 12/11/1996, sia della direttiva
72/23/EEC.
Il terminale Go-T5 notificato ai sensi dellart. 6.4 del decreto legislativo
9.5.2001 n. 269.

In particolare il Go-T5 conforme alle richieste delle seguenti norme di
riferimento o documenti normativi:
a) Compatibilit elettromagnetica
- EN 50081-1: 1992 Norma generica di emissivit. Parte 1: ambienti
residenziali, commerciali e dellindustria leggera. In particolare:
- EN 55022
- EN 61000-3-2
- EN 61000-3-3

- EN 50082-1: 1997 Norma generica sullimmunit. Parte 1: ambienti
residenziali, commerciali e dellindustria leggera. In particolare:
- EN 61000-4-2 immunit alle scariche elettrostatiche
- EN 61000-4-3 suscettibilit ai campi elettromagnetici radiati
- EN 61000-4-4 immunit ai disturbi impulsivi burst
- EN 61000-4-5 immunit ai disturbi surge
- EN 61000-4-6 immunit ai campi elettromagnetici condotti
- EN 61000-4-11 immunit alle cadute di rete
b) Sicurezza
- EN60950

Dichiarazione di
conformit

7/47
1. Descrizione Generale
Il Go-T5 un dispositivo studiato per soddisfare un'utenza che necessita di uno
strumento semplice da utilizzare, sicuro ed in grado di gestire il controllo
accessi.













Il dispositivo possiede funzionalit specifiche e requisiti studiati per rispondere
alle seguenti esigenze:
- design esclusivo Farinatti
- semplicit di utilizzo
- facilit di installazione
- manutenzione assente o minima
- gestione di una White-list di 2600 badge abilitati oppure di 1900 impronte
digitali abilitate
- memorizzazione di 16000 transazioni
- memorizzazione di 1024 fasce orarie raggruppabili in 255 politiche di
accesso
- possibilit di essere collegato sia punto-punto per un singola stazione di
rilevazione che in connessione multidrop come terminale di rete RS485
(max 32 lettori sulla stessa dorsale)
- possibilit di essere inserito in una rete ethernet 10/100 tradizionale o con
supporto POE (Power Over Ethernet)
- attivazione sirene e apertura varchi

Una delle caratteristiche principali del dispositivo Go-T5 limpiego, per
larchiviazione delle registrazioni, di un banco di memoria di tipo FLASH
montato sulla propria CPU.
Il dispositivo viene utilizzato come apriporta stand-alone con la possibilit di
essere utilizzato solo per lentrata, solo per luscita oppure sia per lentrata che
per luscita in una determinata area.
Il dispositivo Go-T5 si distingue inoltre per la semplicit di utilizzo: questo
permette anche all'utente meno preparato, e con il minimo di informazioni, di
utilizzare integralmente le funzioni del dispositivo. Tuttavia per soddisfare
esigenze specifiche, alcune funzionalit non sono fisse, ma dipendono da
parametri che possono essere modificati direttamente dal cliente (vedi capitolo
Configurazione Parametri).

8/47
2. Connessioni Go-T5 (fino al 31/12/08)
Per la connessione dellalimentazione, della linea dati, degli I/O e della testina di lettura remota
(opzionale) sono stati utilizzati dei morsetti a vite.







































Connettore TB1
Collegamenti esterni
1 = 9 27 Vdc
2 = GND
3 = TX RS232 o RT+ RS485
4 = RX RS232 o RT- RS485
5 = GND
6 = Input contatto pulito
7 = GND
8 = Input contatto pulito
9 = Contatto Rel1 normalmente aperto
10 = Comune Rel1
11 = Contatto Rel2 normalmente aperto
12 = Comune Rel2
Connettore J3
Lettore remoto
1 = Data
2 = Clock
3 = Strobe
4 = +5V
5 = GND
6 = Non utilizzato
J3 TB1
Versione RS232/RS485
Versione ethernet 10/100
1 1
TB1
J3
J3
TB1
1 1

9/47
3. Connessioni Go-T5 (a partire dal 01/01/09)







































Connettore TB1
Collegamenti esterni
1 = 9 27 Vdc
2 = GND
3 = TX RS232 o RT+ RS485
4 = RX RS232 o RT- RS485
5 = GND
6 = Input contatto pulito
7 = GND
8 = Input contatto pulito
9 = Contatto Rel1 normalmente aperto
10 = Comune Rel1
11 = Contatto Rel2 normalmente aperto
12 = Comune Rel2
Connettore J2
Lettore remoto
1 = Data
2 = Clock
3 = Strobe
4 = +5V
5 = GND
6 = Non utilizzato
Pulsante S1 Reset terminale.
Pulsante S3 Reset scheda ethernet (se montata).
Go-T5
versione RS232/RS485
Go-T5E
versione ethernet 10/100
TB1
1
1
J2
S1 S3
TB1
1
1
J2
S1 S3
TB1
1
1
J2
S1 S3
Go-T5P
versione Power Over Ethernet

10/47
La linea seriale pu essere configurata come interfaccia RS232 o RS485
semplicemente spostando la posizione di tre jumper JP3, JP4, JP5 come
descritto nella seguente tabella:




































Configurazione
linea seriale
Go-T5
fino al 31/12/08
RS232 RS485
JP3 tra pin 1 e pin 2
JP4 tra pin 1 e pin 2
JP5 tra pin 1 e pin 2
JP3 tra pin 2 e pin 3
JP4 tra pin 2 e pin 3
JP5 tra pin 2 e pin 3

JP3, JP4, JP5
Go-T5: jumper JP3, JP4, JP5
posizionati per la modalit
seriale RS232.
Go-T5: jumper JP3, JP4, JP5
posizionati per la modalit
seriale RS232.
Go-T5
a partire dal 01/01/09
RS232 RS485
JP3 tra pin 1 e pin 2
JP4 tra pin 1 e pin 2
JP5 tra pin 1 e pin 2
JP3 tra pin 2 e pin 3
JP4 tra pin 2 e pin 3
JP5 tra pin 2 e pin 3

JP4, JP5, JP3

11/47
Per minimizzare le riflessioni sulla linea RS485 pu essere necessario inserire
sullultimo dispositivo della rete una resistenza terminatirce collegata in parallelo
alla linea stessa; lelettronica del Go-T5 consente di effettuare tale operazione
mediante ponticelli a saldare.
Go-T5 fino al 31/12/08: nella parte posteriore della scheda CPU sono presenti i
ponticelli a saldare W4, W5 e W6















Go-T5 a partire dal 01/01/09: nella parte superiore della scheda CPU sono
presenti i ponticelli a saldare W5, W6 e W7
















Resistenza di
terminazione linea
RS485

W4,W5,W6 aperti: resistenza di
terminazione linea non inserita (default).
W4,W5,W6 chiusi: resistenza di
terminazione linea inserita.
W5,W6,W7 aperti: resistenza di
terminazione linea disinserita (default).
W5,W6,W7 chiusi: resistenza di
terminazione linea inserita.

12/47
Il contatto in uscita dei rel da utilizzarsi solo come ripetitore per connessioni
in bassa tensione ( 24Vdc @ 1A max). Le uscite dei rel sono prelevabili dal
morsetto TB1 situato sulla scheda elettronica allinterno del dispositivo ove sono
presenti i contatti normalmente aperto e comune del rel.

9 = Contatto Rel1 normalmente aperto
10 = Comune Rel1
Connettore TB1
Collegamento rel
11 = Contatto Rel2 normalmente aperto
12 = Comune Rel2


Anche se la connessione dei contatti in uscita del rel semplice da attuare, si
raccomanda la sua realizzazione da parte di un tecnico munito di idonea
qualifica.























Caratteristiche
Elettriche Rel
ATTENZIONE
assolutamente illecita e vietata la connessione dei
contatti dei rel con apparati con un assorbimento
maggiore di 1A e/o con tensioni superiori ai 24Vdc.

13/47
Go-T5: Collegamento a Terra del sensore biometrico (fino al 31/12/08)
Quando la temperatura bassa e nellaria c una bassa percentuale di umidit,
lelettricit statica che il nostro corpo accumula quando facciamo i pi comuni
movimenti, non viene dissipata normalmente (cosa che invece accade quando
laria umida) e per questo motivo viene scaricata quando una parte del corpo
viene a contatto con un oggetto con carica opposta. Questo effetto viene
chiamato scarica elettrostatica ( Electro-Static Discharge ESD ) e pu essere
distruttiva per tutti gli apparati elettronici non propriamente collegati a terra.
Per questo motivo, prima di effettuare qualsiasi operazione sul dispositivo
Go-T5 dotato di sensore biometrico, occorre collegare il cavetto di messa
a terra ( giallo/verde ) alla messa a terra dellimpianto elettrico a cui il
dispositivo viene allacciato.





















ATTENZIONE
Lassenza di questa connessione pu danneggiare
irrimediabilmente il sensore biometrico.
ATTENZIONE
La Zucchetti declina ogni responsabilit riguardo a
malfunzionamenti e/o guasti del sensore biometrico
dovuti ad un non corretto collegamento di messa a
terra.
Collegare
allimpianto di
messa a terra

14/47
Go-T5: Collegamento a Terra del sensore biometrico (a partire dal 01/01/09)
Quando la temperatura bassa e nellaria c una bassa percentuale di umidit,
lelettricit statica che il nostro corpo accumula quando facciamo i pi comuni
movimenti, non viene dissipata normalmente (cosa che invece accade quando
laria umida) e per questo motivo viene scaricata quando una parte del corpo
viene a contatto con un oggetto con carica opposta. Questo effetto viene
chiamato scarica elettrostatica ( Electro-Static Discharge ESD ) e pu essere
distruttiva per tutti gli apparati elettronici non propriamente collegati a terra.
Per questo motivo, prima di effettuare qualsiasi operazione sul dispositivo
Go-T5 dotato di sensore biometrico, occorre collegare il cavetto di messa
a terra ( giallo/verde ) alla messa a terra dellimpianto elettrico a cui il
dispositivo viene allacciato.



























ATTENZIONE
Lassenza di questa connessione pu danneggiare
irrimediabilmente il sensore biometrico.
ATTENZIONE
La Zucchetti declina ogni responsabilit riguardo a
malfunzionamenti e/o guasti del sensore biometrico
dovuti ad un non corretto collegamento di messa a
terra.
Collegare
allimpianto di
messa a terra

15/47
4. Lettore 125KHz
Il Go-T5R si basa sulla tecnologia di identificazione a radiofrequenza. Il
dispositivo equipaggiato con un lettore per il riconoscimento di badge a
prossimit a sola lettura (Contactless Read Only) con frequenza di trasmissione
omologata a 125 KHz. La lettura e il riconoscimento del badge sono
praticamente istantanei ed avvengono senza alcun contatto fisico fra il lettore
ed il badge stesso: per effettuare la timbratura l'utente deve semplicemente
avvicinare il proprio badge all'apposita area del dispositivo. Tale soluzione
somma la semplicit di impiego alla qualit di essere praticamente esente da
manutenzione poich non essendo necessario alcun contatto fisico, viene
eliminata ogni causa di usura per cause meccaniche o chimiche sia del badge
che del lettore.
I badge utilizzati sono conformi agli standard ISO 7810 e ISO 7816-1 e se
inseriti in un campo a radiofrequenza trasmettono il proprio codice unico e
immodificabile. All'interno della carta non sono presenti batterie o altre
alimentazioni per il funzionamento che viene garantito dall'induzione
elettromagnetica del debole campo presente in prossimit del lettore.
Le caratteristiche principali dei badge a prossimit contactless Zucchetti sono:
- Lettura a prossimit senza contatto
- Conformit alle norme ISO di dimensionamento dei badge
- Codice unico di 40 bit programmato al LASER
- Trasmissione in modulazione d'ampiezza (codifica Manchester)
- Frequenza di trasmissione omologata a 125 KHz
- Distanza operativa fino a 3-4 cm dal lettore

I badge di prossimit Zucchetti, possiedono caratteristiche funzionali analoghe
ai badge magnetici senza riportare i difetti di questi ultimi. I vantaggi derivanti
dall'utilizzo di questa tecnologia possono essere riassunti come segue:
- La mancanza di contatto fisico col dispositivo di lettura preserva sia i
badge che il lettore da usura e problematiche meccaniche
- Dovendo esclusivamente avvicinare il badge al rilevatore sono impossibili
letture erronee dovute a manipolazioni non corrette e a inserzioni o
strisciate sbagliate del badge
- I badge , analogamente alle carte magnetiche, sono di sola lettura. Il
codice identificativo unico e non riscrivibile, annullando cos ogni
possibilit di riproduzione e falsificazione
- Il sistema a lettura senza contatto risulta immune da problematiche legate
agli agenti presenti nell'ambiente (polveri, ossidi, salsedine, ecc.) che al
contrario possono inficiare o danneggiare i sistemi di lettura a contatto o
meccanici







16/47
5. Lettore Fingerprint
Il dispositivo Go-T5FMF equipaggiato, oltre che con un lettore a radio
frequenza 13,56MHz, con un lettore fingerprint che sfrutta un sensore attivo di
tipo capacitivo di nuova concezione con ampia area sensibile per la lettura
impronta.
Il lettore, caratterizzato da un basso consumo energetico, in grado di
immagazzinare fino a 5 impronte digitali diverse su tessera, protette mediante
cifratura dei dati. Caratteristiche:
- EER (equal error rate): < 0.1%
- Encryption: 256 bit AES (Advanced Encryption Standard) *
- Tempo di lettura: < 2 sec
- Tempo di verifica: < 2 sec
* AES un algoritmo di cifratura a blocchi utilizzato come standard dal governo
degli Stati Uniti dAmerica. Data la sua sicurezza e le sue specifiche pubbliche
si presume che in futuro (molto prossimo) venga utilizzato in tutto il mondo
come successo al suo predecessore, il Data Encryption Standard (DES).
stato adottato dalla National Institute of Standards and Technology (NIST) e
dalla US FIPS PUB 197 nel novembre del 2001 dopo 5 anni di studi e
standardizzazioni.
6. Lettore 13,56MHz (ISO 14443A / ISO 15693)
Il dispositivo Go-T5MF essere equipaggiato con un lettore, compatibile agli
standard ISO 14443A e ISO 15693 (I-Code 2), che si basa sulla tecnologia di
identificazione a radiofrequenza per il riconoscimento di badge a prossimit a
lettura e scrittura (Contactless Read Write) con frequenza di trasmissione
omologata a 13,56 MHz.
Il transponder RW MIFARE contiene 4Kbyte di memoria EEPROM che
consentono la memorizzazione di un massimo di cinque impronte digitali per
ciascuna tessera; le impronte digitali inserite sono protette da password sia in
lettura che in scrittura e crittografate mediante algoritmo a 256 bit (AES).
Le caratteristiche principali dei badge a prossimit contactless Zucchetti sono:
- Lettura a prossimit senza contatto
- Conformit alle norme ISO di dimensionamento dei badge
- Frequenza di trasmissione omologata a 13,56 MHz
- 4 Kbyte di memoria configurabile e protetta
- Distanza operativa fino a 4-5 cm dal lettore
Lo schema a blocchi qui di seguito esemplifica la struttura interna della memoria
del transponder MIFARE: il protocollo di comunicazione crittografato e
laccesso a ciascuna area protetto da password sia in lettura che in scrittura.







17/47
7. Installazione
Per predisporre il dispositivo allinstallazione seguire le istruzioni riportate qui di seguito:

- Rimuovere, mediante cacciavite a taglio, i tasselli che coprono le viti di fissaggio del coperchio
sfruttando le apposite predisposizioni (visibili nelle foto qui sotto) ed in seguito rimuovere le viti di
fissaggio.












Vista delle predisposizioni per la rimozione dei tasselli.










Vista delle viti di fissaggio del coperchio del dispositivo.








18/47
- Sfruttare il lato destro del fondo del dispositivo (contrassegnato dal rettangolo rosso nella foto qui
sotto) per il passaggio dei cavi (alimentazione, comunicazione, rel ecc) e utilizzare le
predisposizioni presenti negli angoli in alto a destra e in basso a sinistra (contrassegnate dai
cerchi rossi nella foto qui sotto) per fissare il fondo del dispositivo a muro;




































La parte alta del fondo del dispositivo riconoscibile
dalle tre righe presenti sul profilo (vedi foto a lato).

19/47
8. Informazioni di Sicurezza
Sicurezza elettrica relativa alla apparecchiatura

Lapparecchiatura conforme alla norma CEI EN-60.950. Per le istruzioni di
sicurezza specifiche per le porte di Ingresso/Uscita (porte di connessione V.24),
fare riferimento al capitolo Installazione.
Lalimentatore mediante il quale lapparato deve essere alimentato deve avere
le seguenti caratteristiche:
- Isolamento: Classe II
- Potenza massima: 60 VA
- Limitazione sulla corrente a 8 A

- La presenza di circuiti elettrici implica che lapparato deve essere aperto
e manipolato esclusivamente da personale tecnico dotato di idonea
qualifica
- La chiave della serratura del dispositivo va custodita in luogo accessibile
solo al personale abilitato alla sua manutenzione
- La responsabilit della sicurezza delle prese dei circuiti di alimentazione
del cliente
- Verificare che i cavi di alimentazione siano in buone condizioni
- Non lavorare in condizioni pericolose quando si soli
- Prima di iniziare a lavorare sui componenti accertarsi che tutti i cavi di
alimentazione siano stati scollegati dal prodotto
Scollegare il cavo dellalimentazione o far rimuovere eventuali
collegamenti permanenti da personale specializzato
- Non maneggiare connettori metallici prima che sia stata scollegata
lalimentazione come precedentemente descritto
- Quando possibile, collegare e scollegare i cavi di segnale con una mano
sola, per evitare il rischio di scosse elettriche causate dalleventuale
contatto di due superfici a diverso potenziale elettrico



Istruzioni di
sicurezza
apparecchiatura
ATTENZIONE
Effettuare il collegamento soltanto con
apparecchiature dello stesso livello di protezione
elettrica.
Norme
fondamentali
ATTENZIONE
Personale specializzato deve verificare che non vi
siano tensioni potenzialmente pericolose sulle
schermature di terra dei cavi.

20/47
Presso il cliente deve essere installata una protezione dai fulmini se:
- lente erogatore installa protezioni dai fulmini presso la centrale elettrica
- la zona soggetta a temporali o a cause equivalenti di sovratensioni
Chiedere al responsabile dellimpianto elettrico se necessario installare una
protezione dai fulmini per il sistema di distribuzione dellenergia.

Sicurezza elettrica per piccole apparecchiature
La corrente elettrica circolante nei cavi di alimentazione, del telefono e di
segnale, potenzialmente pericolosa. Quando si installano, si spostano o si
aprono i coperchi di piccole apparecchiature tra loro connesse, effettuare il
collegamento e lo scollegamento dei cavi seguendo le indicazioni di seguito
riportate.

Spegnere tutti i dispositivi (compresi i circuiti derivati) e successivamente,
seguendo lordine riportato, collegare:
1. Tutti i cavi allapparecchiatura
2. Laltra estremit dei cavi di segnale ai relativi connettori
3. Il cavo di alimentazione

A questo punto accendere i circuiti derivati e poi lapparecchiatura.

Spegnere tutti i dispositivi (compresi i circuiti derivati) e successivamente,
seguendo lordine riportato, scollegare:
1. Il cavo di alimentazione
2. I cavi di segnale dai relativi connettori
3. Tutti i cavi dallapparecchiatura
















Protezione dai
fulmini
ATTENZIONE
Evitare di effettuare installazioni o riconfigurazioni
durante i temporali.
Collegamenti
Scollegamenti

21/47
9. Led
Il dispositivo Go-T5 equipaggiato con due led, posti sul coperchio frontale, grazie ai quali
possibile conoscere lo stato di funzionamento del dispositivo.
Riportiamo qui di seguito una tabella riassuntiva del funzionamento dei Led:

EVENTO LED Verde LED Giallo COMMENTO
OFF ON DOWNLOAD IN CORSO
ON ON DOWNLOAD OK
DOWNLOAD
FIRMWARE
OFF ON TRASFERIMENTO IN CORSO
ON ON
RICERCA PUNTATORI TRANSAZIONI +
LETTURA PARAMETRI DA EEPROM
OFF ON RICERCA DEL LETTORE BIOMETRICO
OFF OFF
CONTROLLO CHECKSUM
TRANSAZIONI E WHITE-LIST
STARTUP
ON ON INIZIALIZZAZIONE LETTORE RF
FLASH OFF DISPOSITIVO OK
STAND-BY
FLASH ON DISPOSITIVO IN ERRORE
BIOMETRICO ON FLASH RICERCA FINGERPRINT
ON ON LETTURA BADGE MIFARE
OFF FLASH ATTESA LETTURA FINGERPRINT
MIFARE +
BIOMETRICO
ON FLASH RICERCA FINGERPRINT
ON OFF
TRANSAZIONE OK *
TRANSAZIONE
(RF/MIFARE/FP)
OFF ON
TRANSAZIONE KO *

* Allatto della transazione, oltre ai led di segnalazione il dispositivo gestisce il buzzer di
segnalazione con suoni diversificati per timbratura di ENTRATA, USCITA, REMOTO e NON
VALIDA.



22/47
10. Aree di lettura badge
Per permettere al dispositivo Go-T5 una corretta lettura dei badge transponder,
necessario avvicinare le tessere alle aree tratteggiate visualizzate nelle foto qui
sotto.





Go-T5R e Go-T5MF: larea tratteggiata
evidenzia il campo di lettura del badge
transponder del dispositivo Go-T5
equipaggiato con lettore transponder
125KHz o 13,56MHz.









Go-T5FMF: larea tratteggiata evidenzia il
campo di lettura del badge transponder
del dispositivo Go-T5 a doppia tecnologia
di riconoscimento, ossia equipaggiato
con lettore biometrico fingerprint e lettore
transponder 13,56MHz; il campo di
lettura del dispositivo stato volutamente
ridotto per evitare qualsiasi disturbo al
sensore biometrico del dispositivo.









23/47
11. Scheda ethernet / POE (Go-T5E / Go-T5P)
Il funzionamento dei due LED integrati nel connettore RJ45 (evidenziati dalle
frecce rosse nella foto qui a lato) riassumibile nella seguente tabella:




La scheda ethernet / POE del dispositivo Go-T5E / Go-T5P offre la possibilit di
essere configurata:
- via network, attraverso lo stesso segmento LAN su cui connessa
(no attraverso gateway), con indirizzo IP sconosciuto
- via network, tramite browser (Internet Explorer, Netscape ecc.), con
indirizzo IP noto
La configurazione di fabbrica di ciascuna scheda ethernet / POE prevede i
seguenti parametri:
- Indirizzo IP: 192.168.4.100
- Subnet mask: 255.255.255.0
- Porta: 3000
- Baudrate (comunicazione con dispositivo): 19200 bps
- Flush Mode: 80







LED SX LED DX SIGNIFICATO
OFF OFF NESSUNA CONNESSIONE
OFF AMBRA ON CONNESSIONE SU 100BASE-T HALF DUPLEX
OFF AMBRA FLASH COMUNICAZIONE SU 100BASE-T HALF DUPLEX
OFF VERDE ON CONNESSIONE SU 100BASE-T FULL DUPLEX
OFF VERDE FLASH COMUNICAZIONE SU 100BASE-T FULL DUPLEX
AMBRA ON OFF CONNESSIONE SU 10BASE-T HALF DUPLEX
AMBRA FLASH OFF COMUNICAZIONE SU 10BASE-T HALF DUPLEX
VERDE ON OFF CONNESSIONE SU 10BASE-T FULL DUPLEX
VERDE FLASH OFF COMUNICAZIONE SU 10BASE-T FULL DUPLEX


24/47
CONFIGURAZIONE VIA NETWORK

Quando non si conosce lindirizzo IP della scheda ethernet / POE del
dispositivo Go-T5E / Go-T5P, per eseguire la configurazione via network
necessario seguire la seguente procedura:
Punto 1.




Assegnazione di un indirizzo temporaneo mediante il comando ARP:
- 192.168.4.100 lindirizzo temporaneo che si vuole assegnare alla
scheda
- 00-20-4A-86-28-DF lindirizzo MAC della scheda, riportato sul
guscio del connettore RJ45; il codice riportato identifica la
scheda con la quale abbiamo eseguito i test funzionali
ARP un comando TCP/IP di conversione: se non disponibile sul
PC , installare il protocollo TCP/IP di Windows.

Punto 2.



Per rendere attivo lindirizzo appena assegnato, necessario effettuare una
connessione con Telnet porta 1.
Se Telnet non installato sul PC, installarlo dal disco di Windows.

Indirizzo IP
sconosciuto
arp s 192.168.4.100 00-20-4A-86-28-DF
telnet 192.168.4.100 1
Per visualizzare la
finestra ESEGUI
APPLICAZIONE qui a
fianco, premere
AVVIO/START della
barra applicazioni e
selezionare ESEGUI.
Media Access Control address
lindirizzo MAC identifica in
maniera univoca ciascuna
scheda di rete prodotta: i primi
tre byte (nel ns. caso 00-20-4A)
specificano il produttore della
scheda, mentre gli altre tre
(nellesempio a lato 86-28-DF)
identificano la scheda di rete.

25/47
Comparir una finestra DOS, che si chiuder automaticamente dopo pochi
secondi:



Punto 3.
A questo punto sar possibile entrare nel men di configurazione della
scheda ethernet / POE effettuando una connessione con Telnet alla porta 9999
come illustrato nella figura seguente:




Per la configurazione vi rimandiamo al paragrafo Men di Configurazione.
N.B. Lindirizzo temporaneo assegnato nei punti 1 e 2 verr eliminato al primo
reset della scheda, per cui, per non dover ripetere le operazioni, consigliabile
eseguire al pi presto il salvataggio della configurazione.

Quando si conosce lindirizzo IP con cui configurata la scheda ethernet / POE,
per entrare nel men di configurazione via network sufficiente eseguire una
connessione con Telnet alla porta 9999, come riportato nel punto 3
precedentemente illustrato.

Per la configurazione vi rimandiamo al paragrafo Men di Configurazione.




Indirizzo IP noto
telnet 192.168.4.100 9999

26/47
MEN DI CONFIGURAZIONE

Fig.C1 Schermata iniziale di configurazione.

Se entro 5 secondi non verr confermato lingresso in configurazione tramite la
pressione del tasto ENTER, la scheda ethernet / POE si resetter
automaticamente. Tale operazione verr notificata come appare in figura; per
riaccedere al men di configurazione ripetere le 4 operazioni precedentemente
descritte.


fig.C1/b.

27/47

fig.C2 Men di configurazione.

Il men di configurazione permette di conoscere e modificare i parametri di
comunicazione della scheda ethernet / POE.
Allatto della modifica di un parametro, viene riportato tra parentesi il valore
attualmente memorizzato.
SERVER CONFIGURATION (0)

Premendo il tasto 0 (zero) e confermando la selezione tramite tasto ENTER
sar possibile modificare i parametri di base della scheda ethernet / POE.

Lindirizzo IP un parametro fondamentale che permette di distinguere in modo
univoco una scheda ethernet dalle altre presenti sulla rete. E quindi di facile
intuizione limpossibilit di assegnare lo stesso indirizzo IP a due schede
differenti collegate alla stessa rete. Nel caso in cui venga configurato un
indirizzo gi in uso , la scheda ethernet / POE non si connetter al network.
Consultare sempre lamministratore ethernet / POE (Network
Administrator) per farsi fornire degli indirizzi validi.

In realt molto complesse, dove esistono numerosi client, la rete viene
suddivisa in diversi segmenti: i gateway fanno praticamente da ponte tra i
diversi segmenti LAN. Lindirizzo serve a contraddistinguere univocamente un
gateway. Consultare sempre lamministratore ethernet / POE (Network
Administrator) per farsi fornire degli indirizzi validi.






IP Address
Gateway
Address

28/47
Gli indirizzi IP sono divisi in due parti: network e host.
Il netmask definisce quanti bit dellindirizzo IP devono essere utilizzati per la
sezione network e quanti per la sezione host. Il numero di bit utilizzato va
definito in base alla classe del network utilizzata ossia in base al numero di
apparecchiature collegabili:
- Fino a 16.777.216 per la classe A
- Fino a 65.534 per la classe B
- Fino a 254 per la classe C

La scheda ethernet / POE suggerisce il numero di bit per lhost (in base
allindirizzo IP impostato) e calcola automaticamente il netmask.
Impostando il valore di configurazione a 00, il netmask viene calcolato
automaticamente in base alle seguenti tabelle:

Classe Indirizzi IP Validi Indirizzi IP Riservati
A

Da: 1.0.0.0
a: 126.0.0.0
0.0.0.0
127.0.0.0
B
Da: 128.1.0.0
a: 191.254.0.0
128.0.0.0
191.255.0.0
C
Da: 192.0.1.0
a: 223.255.254.0
192.0.0.0
223.255.255.0

Network Class Network Bits Host Bits Netmask
A 8 24 255.0.0.0
B 16 16 255.255.0.0
C 24 8 255.255.255.0
Standard IP Network Netmasks.
Per indirizzi IP e/o Netmasks non conformi alle tabelle precedenti, fare
riferimento ai seguenti esempi; il valore 00 di configurazione dovr essere
sostituito con i valori Host Bits riportati.

Netmask Host Bits Netmask Host Bits
255.255.255.252 2 255.255.254.0 9
255.255.255.248 3 255.255.252.0 10
255.255.255.240 4 255.255.248.0 11
255.255.255.224 5 255.255.240.0 12
255.255.255.192 6
255.255.255.128 7 255.128.0.0 23
255.255.255.0 8 255.0.0.0 24
Esempi di Netmask e relativi Host Bits.

Netmask

29/47
Permette di inserire una password, composta da 4 caratteri, per proteggere
lingresso via rete nel men di configurazione della scheda.
N.B. Conservare la password in luogo sicuro: il suo smarrimento rende
necessario linvio della scheda allassistenza tecnica.
CHANNEL 1 CONFIGURATION (1)
Permette di configurare i parametri relativi al canale di comunicazione.

Permette di impostare la velocit di comunicazione della scheda ethernet / POE
verso il dispositivo ad essa collegato.
Il valore di default 19200.

Definisce i parametri della linea seriale secondo lo schema riportato.
La linea configurata per default a 8,N,1 (4C ). I parametri devono essere
inseriti in notazione esadecimale; per la conversione fare riferimento alla tabella
riportata in Appendice.

FUNCTION 7 6 5 4 3 2 1 0
RS-232C 0 0
7 bit 1 0
8 bit 1 1
No Parity 0 0
Even Parity 1 1
Odd Parity 0 1
1 Stop bit 0 1
2 Stop Bit 1 1

Configura il controllo di flusso sulla porta seriale , ossia il metodo utilizzato per
fermare i dati in uscita.
Generalmente quando si utilizzano protocolli del tipo ACK/NACK e similari il
controllo di flusso non viene abilitato.
I parametri disponibili sono:
- 00: Nessun controllo di flusso
- 01: XON/XOFF bidirezionale
- 02: RTS/CTS
- 03: XON/XOFF su caratteri diretti allhost
Di default il parametro 0.





Telnet Password
Baudrate
I/F Mode
Flow

30/47
Indica il numero di porta di origine nelle connessioni TCP.
I valori disponibili vanno da 1 a 65535 ( 9999 escluso !!! ), ma per evitare
potenziali conflitti si consiglia di utilizzare un valore compreso tra 2000 e 30000.
Il valore di default 3000.

Definisce come la scheda ethernet / POE effettua una connessione e come
essa reagisce a connessioni provenienti dalla rete.
Il parametro configurato per default a C0. I parametri devono essere inseriti
in notazione esadecimale; per la conversione fare riferimento alla tabella
riportata in Appendice.

FUNCTION 7 6 5 4 3 2 1 0
Consenso Connessione

Non accettare mai dati in ingresso 0 0 0
Accetta solo dati in ingresso con DTR attivo 0 1 0
Accetta incondizionatamente (se non occupato) 1 1 0
Risposta Seriale alla Connessione
Nessun carattere 0
C=Connect;D=Disconnect;N=Not available 1
Connessione Automatica
Disabilitata 0 0 0 0
Connetti alla ricezione di qualsiasi carattere da seriale 0 0 0 1
Connetti alla ricezione segnale DTR 0 0 1 0
Connetti solo con ENTER 0 0 1 1
Connetti solo manualmente (C + indirizzo) 0 1 0 0

Quando la connessione automatica abilitata, la scheda ethernet / POE
chiamer automaticamente questo indirizzo IP.

N.B. Se la connessione automatica abilitata il parametro non pu essere
omesso dalla configurazione.

Definisce la porta per la connessione automatica.

N.B. Se la connessione automatica abilitata il parametro non pu essere
omesso dalla configurazione.

Permette di gestire il segnale DTR alla chiusura della connessione.
Valori ammessi:
- 00: ignora il segnale DTR alla chiusura della connessione
- 80: caduta del segnale DTR alla chiusura della connessione
Il valore di default 0.
Port No
Connect Mode
Remote IP
Address
Remote Port
DisConnMode

31/47
Questo parametro permette il controllo della pulizia dei buffer di comunicazione
della scheda ethernet / POE. I parametri devono essere inseriti in notazione
esadecimale. Valore consigliato 80; per la conversione fare riferimento alla
tabella riportata in Appendice.

FUNCTION 7 6 5 4 3 2 1 0
Clear Input Buffer (da linea a network)
- con connessione attiva 1
- con connessione passiva 1
- a chiusura connessione 1
Clear Output Buffer (da network a linea)
- con connessione attiva 1
- con connessione passiva 1
- a chiusura connessione 1
Alternate Packing Algorithm
- abilita 1

Abilitando lAlternate Packing Algorithm , possibile scegliere delle opzioni di
controllo del pacchetto secondo la seguente tabella. Il valore consigliato 00.

OPTION 7 6 5 4 3 2 1 0
Idle Time
- forza trasmissione a 12 ms 0 0
- forza trasmissione a 52 ms 0 1
- forza trasmissione a 250 ms 1 0
- forza trasmissione a 5 sec 1 1
Trailing Characters
- nessuno 0 0
- uno 0 1
- due 1 0
Send Characters
- Sendchar define 2-Byte Sequence 1
- Send Immediately After Sendchars 1



Flush Mode
Pack Control

32/47
Questo parametro permette di impostare un TIMEOUT di inattivit della
connessione: quando il tempo impostato scade senza alcuno scambio di dati
attraverso la scheda ethernet / POE, la connessione verr chiusa. Il valore di
default 00:00.

Questo parametro permette di impostare fino a due caratteri in notazione
esadecimale che se ricevuti via seriale fanno in modo che il pacchetto dati
venga spedito immediatamente senza lattesa di ulteriori caratteri .Questa
opportunit particolarmente adatta per ridurre i tempi di risposta nellutilizzo di
protocolli di comunicazione sulla linea seriale (es. ETX).

Il valore di default 00.

Il valore di default 00.

Terminata la configurazione della scheda ethernet / POE possibile scegliere di
uscire dal men senza salvare le modifiche premendo 8 o uscire dal men
salvando prima le modifiche premendo 9.
E inoltre possibile ripristinare i valori di fabbrica premendo 7.
RIEPILOGO PARAMETRI CONFIGURAZIONE
DEFAULT NOTE
Server Configuration (0 )
IP Address 192.168.004.100 Contattare Network Administrator
Gateway Address 000.000.000.000 Contattare Network Administrator
Netmask 00 Auto Configuration
Telnet Password /
Channel 1 Configuration (1 )
Baudrate 19200
I/F Mode 4C (232/8,N,1 )
Flow 00
Port N 3000
Contattare Network Administrator
Porta 9999 riservata
Connect Mode C0
Remote IP Address 000.000.000.000 Contattare Network Administrator
Remote Port 00 Contattare Network Administrator
DisConnMode 00
Flush Mode 00 Valore consigliato 80
Pack Control 00 00
DisConnTime 00:00 /
Send Chr 1 00 /
Send Chr 2 00 /
DisConnTime
Send Characters
Send Char 1
Send Char 2

33/47
GUIDA ALLA RISOLUZIONE DEI PROBLEMI DI CONFIGURAZIONE












PROBLEMA MOTIVO SOLUZIONE
Utilizzando il comando ARP s in
Windows, compare un messaggio
di errore.
E stato effettuato il log-in al
sistema tramite uno user che non
possiede i diritti necessari per
lutilizzo del comando sul PC.
Effettuare il log-in al sistema
tramite uno user dotato dei diritti
necessari (es. Administrator).
Si commesso un errore di
digitazione nellassegnazione
dellindirizzo ethernet con il
comando ARP.
Verificare lindirizzo digitato ed in
caso di errori inviarlo
nuovamente.
Lindirizzo IP che si inviato non
compatibile con la subnet mask
del PC su cui si sta lavorando.
Verificare lindirizzo IP del proprio
PC ed assicurarsi che la subnet
mask a cui appartiene sia
compatibile con lindirizzo IP che
si sta inviando alla scheda.
Durante le operazioni di
assegnazione dellindirizzo IP di
una scheda, la finestra della
connessione Telnet alla porta 1
non risponde per un tempo molto
lungo.
La scheda non connessa
correttamente alla rete.
Verificare che uno dei LED della
scheda sia acceso: in caso
contrario controllare attentamente
sia il connettore RJ45 che il cavo
di rete.
La scheda risponde al ping, ma
non possibile accedere al suo
men di configurazione tramite il
comando Telnet xxx.xxx.xxx.xxx
sulla porta 9999.
Esiste un conflitto di indirizzi IP
sulla rete.
Spegnere la scheda ed effettuare
un ping allo stesso indirizzo: se si
ottiene una risposta valida
significa che esiste un altro
dispositivo collegato alla rete con
lo stesso indirizzo.
Modificare lindirizzo con cui si
intende configurare la scheda.

34/47
12. Configurazione Go-T5
Viene data di seguito una descrizione tecnico/funzionale delle tabelle di
attivazione, dei parametri e degli effetti che questi generano sulle funzionalit
del dispositivo Go-T5; ricordiamo che tutte le impostazioni possono essere
eseguite solo tramite comandi di protocollo, sfruttati dal nostro software T-Conf
(versione 3.25 e successive).

Attivazione Sirene

Il Go-T5 gestisce una tabella di 64 attivazioni temporizzate dei digital output.
Ogni singola attivazione pu essere programmata settimanalmente
associandole uno o pi giorni all'interno della settimana, l'ora di attivazione e la
corrispondente durata. Le attivazioni programmate per la sirena sono governate
indipendentemente dall'attivit dellapparato in quell'istante.
In particolare, per ognuna delle 64 voci della tabella, il cliente ha la possibilit di
definire:
- il rel che attiva la sirena
- l'ora e i minuti in cui verr attivata la sirena
- i giorni della settimana in cui utilizzare tale attivazione
- il tempo di attivazione del rel, cio il numero di secondi in cui il contatto
in uscita viene mantenuto chiuso (o aperto); in alternativa a tale durata,
possibile decidere lattivazione o la disattivazione del rel per un tempo
indefinito (On/Off)

Elenco Utenti

Il Go-T5 in grado di memorizzare fino a 2600 matricole di controllo accessi,
associate ad un massimo di 1024 fasce orarie diverse, raggruppabili in 255
politiche di accesso; in particolare, ogni abilitazione composta da:

- matricola utente
- data di scadenza dellabilitazione
- numero di transiti residui (scalare)
- politica oraria di appartenenza

Politiche di Accesso

Le politiche di accesso, come gi spiegato in precedenza, raccolgono le 1024
fasce orarie memorizzabili dal Go-T5; ogni fascia oraria di abilitazione
composta da:

- numero della politica di appartenenza
- orario di abilitazione (dalle/alle)
- giorni della settimana + festivi in cui la fascia oraria valida


N.B. Ad ogni utente applicabile una ed una sola politica daccesso.



35/47
Indirizzo Apparato

Per la comunicazione con il software di acquisizione dati, il Go-T5 viene
identificato da un numero definito Numero di Nodo.
Valori possibili da 1 a 255; il valore di default dellindirizzo 1.

Baudrate

Per la comunicazione con il software di acquisizione dati, il Go-T5
equipaggiato con una linea seriale di tipo RS232/RS485 selezionabile con
jumper. I parametri di linea, non modificabili, sono Bit di Dati = 8,
Parit = Nessuna, Bit di Stop=1 (8,N,1). Per configurazioni eccezionali
possibile variare la velocit di comunicazione da men di configurazione.
Valori possibili: 1200, 2400, 4800, 9600, 19200, 38400; di default la velocit di
comunicazione impostata a 19200 bps.


Configurazione: T-Conf Page1


Buffer Overflow

Seleziona il tipo di gestione del buffer interno delle timbrature: abilitando il
parametro, il Go-T5 non esaurir mai la memoria, ma andr a sovrascrivere
sulle timbrature pi vecchie, anche se non scaricate.

Valori possibili: ABILITATO, NON ABILITATO; di default il parametro NON
ABILITATO.

Ora Legale/Solare

Il Go-T5, oltre a gestire un calendario perpetuo, gestisce in modo totalmente
automatico il cambio dell'ora Legale/Solare; il dispositivo ricalcola la data e lora
per il cambio dell'ora Legale/Solare sia al cambiamento di ogni nuovo anno, sia
alla modifica della data e ora di sistema che comporti la variazione dell'anno. Il
calcolo avviene secondo le normative vigenti e per l'anno corrente; questo
perch i giorni di cambio dell'ora legale e solare cadono in date diverse di anno
in anno. La funzionalit rende quindi completamente automatizzato il cambio
dell'ora Legale/Solare ove si desideri che il cambio dell'ora avvenga secondo la
normativa; per esigenze particolari lutente ha la possibilit di disattivare la
funzione di cambio automatico dell'ora Legale/Solare.
Valori possibili: ABILITATO, NON ABILITATO; di default il parametro
ABILITATO.








36/47
Salva Timbrature Non Valide

Questo parametro consente di predisporre il Go-T5 alla registrazione delle
timbrature che, per diversi motivi, risultano non valide; la timbratura verr
salvata nello stesso formato di quelle valide, riportando al posto del verso di
transito un codice indicante il motivo per cui la tessera non stata accettata
dallapparato.









Come facile intuire, questa funzione offre un valido strumento supplementare
nella gestione delle problematiche di un impianto di controllo accessi.

Valori possibili NON ABILITATO, ABILITATO; di default il parametro NON
ABILITATO.
Antipassback
Attiva la gestione dellantipassback sui transiti di ENTRATA e USCITA: questa
modalit di funzionamento impedisce in pratica ad una tessera di effettuare
consecutivamente due transiti nello stesso verso.
Valori possibili: NON ABILITATO, ABILITATO; di default il parametro NON
ABILITATO.

Attesa On-line
Il Go-T5, se attiva la modalit controllo accessi, ha la possibilit di utilizzare sia
la propria tabella anagrafiche che una tabella esterna (Host).
Configurando questo parametro possibile stabilire le priorit di ricerca di una
data matricola nella tabella anagrafiche.

Valori possibili:
- SOLO OFF-LINE: allatto della timbratura il Go-T5 utilizzer solo la
propria tabella anagrafiche per la ricerca della matricola
- ATTESA 1 SEC.: allatto della timbratura il Go-T5 funzioner in modalit
On-line attendendo per un secondo una risposta dallHOST sulla
matricola richiesta; allo scadere del timeout il Go-T5 cercher la matricola
in questione nella propria tabella anagrafiche
- ATTESA 2/3/4/5 SEC.: diversi tipi di timeout sulla funzione sopra
descritta
- SOLO ON-LINE: allatto della timbratura il Go-T5 rester in attesa, per un
tempo indefinito, di una risposta dallHost sulla matricola richiesta

Di default il parametro SOLO OFF-LINE.
MOTIVO COD MOTIVO COD
Codice Impianto Errato 4 Tessera Esaurita B
Accesso Fuori Fascia 7 Accesso Non Abilitato C
Pin Code Errato 8 Timeout Apertura/Chiusura varco G
Tessera Non Abilitata 9 Allarme sfondamento varco H
Tessera Scaduta A

37/47
Tipo Tessere MIFARE
Questo parametro consente di effettuare, al momento della lettura, un controllo
sulla tipologia di tessera MIFARE impiegata. Valori possibili:
- ZUCCHETTI: il Go-T5 accetta solo le tessere inizializzate secondo gli
standard Zucchetti
- GENERICHE: il Go-T5 legge il solo UID della tessera, anche se non
corrispondente agli standard di inizializzazione Zucchetti (ovviamente la
tessera non Zucchetti deve permettere la lettura dellUID in modo
trasparente)
Di default il parametro ZUCCHETTI.

Configurazione: T-Conf Page2
Cifre Badge
Questo parametro consente di effettuare, al momento della lettura, un controllo
sul numero totale di cifre scritte sulla banda magnetica del badge al fine di
evitare che tessere sconosciute, come bancomat e carte di credito, timbrino la
presenza sul GO-T5.

Valori possibili da 0 (controllo disabilitato) a 37; di default il parametro
impostato a 13.

Posizione Codice Azienda

Questo parametro permette di definire, sul totale dei caratteri presenti sul
badge, da che posizione far cominciare il codice azienda.

Valori possibili da 1 a 37; di default il parametro impostato a 5.

Lunghezza Codice Azienda

Questo parametro permette di definire il numero di cifre che compongono il
codice azienda.

Valori possibili da 0 a 2; di default il parametro impostato a 2.

Definizione Codice Azienda

Questo parametro permette di definire il codice azienda.

Posizione Matricola

Questo parametro permette di definire, sul totale dei caratteri presenti sul
badge, da che posizione far cominciare la matricola.

Valori possibili da 1 a 37; di default il parametro impostato a 08.

38/47
Lunghezza Matricola
Questo parametro permette di definire il numero di cifre che compongono la
matricola.

Valori possibili da 1 a 10; di default il parametro impostato a 06.

Tipo Codifica
Questo parametro permette la selezione del tipo di codifica di lettura del badge.
Valori possibili:
- STANDARD: codifica Zucchetti 13 digit
- ALFANUMERICA: rappresentazione con 10 caratteri HEX dei 40 bit
decimali del codice transponder

Di default il parametro impostato come STANDARD.

Verso Timbratura (Lettore 1)

Questo parametro consente di impostare il metodo di associazione alla
transazione del verso di timbratura.

Valori possibili ACCESSO REMOTO, SEMPRE ENTRATA, SEMPRE USCITA,
PER FASCE ORARIE; di default il parametro ACCESSO REMOTO: in questo
caso ogni timbratura effettuata sul lettore verr contraddistinta con il carattere
verso 2, sul tracciato delle transazioni.

Verso Lettore Remoto (Lettore 2)

Permette di decidere il tipo di funzionamento di un eventuale lettore remoto
collegato al GO-T5.

Valori possibili ACCESSO REMOTO, SEMPRE ENTRATA, SEMPRE USCITA,
PER FASCE ORARIE; di default il parametro ACCESSO REMOTO: in questo
caso ogni timbratura effettuata sul lettore verr contraddistinta con il carattere
verso 2, sul tracciato delle transazioni.


Configurazione: T-Conf Page3

White-List

Questo parametro consente lattivazione della modalit controllo accessi: ad
ogni transazione il terminale effettuer la verifica della presenza della matricola
badge sulla tabella delle abilitazioni (White-List).

Valori possibili ABILITATO, NON ABILITATO; di default il parametro NON
ABILITATO.





39/47
WHL Scadenza

Questo parametro consente di abilitare o meno la verifica della data di
scadenza del badge; ha valore solo se WHITE-LIST ABILITATO.

Valori possibili ABILITATO, NON ABILITATO; di default il parametro NON
ABILITATO.

WHL Orario

Questo parametro consente di abilitare o meno la verifica della fascia oraria di
accesso del badge; ha valore solo se WHITE-LIST ABILITATO.

Valori possibili ABILITATO, NON ABILITATO; di default il parametro NON
ABILITATO.

WHL Scalare
Questo parametro consente di abilitare o meno la verifica del numero di accessi
a scalare del badge; ha valore solo se WHITE-LIST ABILITATO.

Valori possibili ABILITATO, NON ABILITATO; di default il parametro NON
ABILITATO.

Codice Impianto 1
Il riconoscimento dei badge validi pu avvenire anche sulla base di un campo
comune a tutti detto Codice impianto (vedi paragrafo Riconoscimento Badge).
Questo parametro consente di abilitare o meno la verifica del codice impianto.

Valori possibili ABILITATO, NON ABILITATO; di default il parametro NON
ABILITATO.

Posizione Codice Impianto 1

Questo parametro consente di impostare la posizione del campo codice
impianto allinterno dei caratteri scritti sulla banda magnetica del badge.

Valori possibili da 1 a 37; di default il parametro impostato a 1.

Lunghezza Codice Impianto

Questo parametro consente di impostare la lunghezza del campo codice
impianto allinterno dei caratteri scritti sulla banda magnetica del badge.

Valori possibili da 1 a 4; di default il parametro impostato a 1.




40/47
Valore Codice Impianto

Questo parametro consente di impostare il valore del codice impianto accettato.

Valori possibili da 0000 a 9999; di default il parametro impostato a 0000.

Codice Impianto 2

Vedi Codice Impianto 1.

Posizione Codice Impianto 2

Vedi Posizione Codice Impianto 1.

Lunghezza Codice Impianto 2

Vedi Lunghezza Codice Impianto 1.
Valore Codice Impianto 2

Vedi Valore Codice Impianto 1.


Configurazione: T-Conf Page4
Presenza Modulo HCS300

Questo parametro, consente di gestire il ricevitore radio TC RX 434E.
Valori possibili: NON ABILITATO, ABILITATO; di default il parametro NON
ABILITATO.
Def. Impianto
Questo parametro, consente di impostare leventuale codice impianto da
associare al codice dei trasmettitori palmari.
Valori possibili: da 0000 a 9999; di default il parametro 0001.
Def. Codice Azienda
Questo parametro, consente di impostare il codice azienda da associare al
codice dei trasmettitori palmari.
Valori possibili: da 01 a 99; di default il parametro 01.

41/47
Pulsante SX
Questo parametro, consente di impostare la funzionalit legata al tasto sinistro
del trasmettitore palmare.
Valori possibili: ENTRATA, USCITA, REMOTO, DISATTIVO; di default il
parametro ENTRATA.
Pulsante CE

Questo parametro, consente di impostare la funzionalit legata al tasto sinistro
del trasmettitore palmare.
Valori possibili: ENTRATA, USCITA, REMOTO, DISATTIVO; di default il
parametro DISATTIVO.
Pulsante DX

Questo parametro, consente di impostare la funzionalit legata al tasto sinistro
del trasmettitore palmare.
Valori possibili: ENTRATA, USCITA, REMOTO, DISATTIVO; di default il
parametro USCITA.
Modalit Operativa Fingerprint
Questo parametro consente di impostare la modalit operativa del lettore
fingerprint e del terminale Go-T5.
Valori possibili:
- DISATTIVO: lettore fingerprint disattivo: per la registrazione delle
transazioni viene utilizzato il solo lettore di badge
- SOLO IMPRONTA: lettore biometrico attivato: per la registrazione delle
transazioni viene utilizzato il solo lettore di impronte
- TESSERA+IMPRONTA: lettore biometrico attivato: per la registrazione
delle transazioni necessario avvicinare il proprio badge e confermare
mediante lettura dellimpronta digitale. Se il terminale dotato di lettore
transponder a 13,56MHz, sar possibile inserire fino a 5 impronte digitali
direttamente su ciascuna tessera: il terminale legger prima le impronte
presenti sulla tessera ed in seguito le confronter con limpronta rilevata
dal lettore biometrico
Di default il parametro DISATTIVO.
Uso Impronta
Questo parametro consente di gestire lutilizzo del lettore biometrico in funzione
del verso di timbratura.
Valori possibili: SEMPRE, SOLO IN ENTRATA. Di default il parametro
SEMPRE.

42/47
Richiesta Impronta
Questo parametro consente di gestire lutilizzo del lettore biometrico in funzione
della presenza di impronte legate o presenti sulla tessera.
Valori possibili: SEMPRE, SOLO SE PRESENTE.
Di default il parametro SEMPRE.
Configurazione: T-Conf Page5

Modo Rel 1

Il parametro Modo rel1 consente di impostare la modalit operativa del rel1.
Come gi accennato, il rel pu essere associato allapertura di un varco allatto
di una timbratura valida o alla attivazione di una sirena in base a una
programmazione effettuata con il software di comunicazione. Nel primo caso il
tempo di eccitazione del rel definito nel parametro successivo Tempo Rel1.
Nel secondo caso, Attiva Sirene, il rel viene eccitato sulla base di una
programmazione inviata dal software di comunicazione (vedi paragrafo
Attivazione Sirene).

Valori possibili: DISATTIVO, SOLO ENTRATA, SOLO USCITA, ENTRA ED
ESCE, ACCESSO NEGATO, QUALSIASI ERRORE, ATTIVA SIRENE,
LETTORE REMOTO, PER UTENTE, ALLARME PORTA APERTA; di default il
parametro impostato su ATTIVA SIRENE.
Tempo Rel 1
Questo parametro permette di impostare il tempo di eccitazione del rel1,
espresso in decimi di secondo, nel caso in cui il rel1 venga utilizzato per
lapertura di un varco (vedi parametro Modo Rel1).
Valori possibili da 0 a 255 decimi di secondo; di default il parametro impostato
a 0. Quando il rel viene utilizzato per lallarme porta aperta il parametro
esprime il tempo minimo di persistenza dellallarme.
TeleRel 1

Questo parametro consente di utilizzare il rel1 come pilota del rel remoto di
sicurezza.
Valori possibili: NON ABILITATO, ABILITATO; di default il parametro NON
ABILITATO.
Modo Rel 2

Questo parametro, consente di gestire lattivazione del rel2. Vedi Modo Rel1
per le possibili voci di programmazione.


43/47
Tempo Rel 2

Questo parametro, consente di gestire il tempo di attivazione del rel2. Vedi
Tempo Rel1 per le possibili voci di programmazione.
TeleRel 2

Questo parametro consente di utilizzare il rel2 come pilota del rel remoto di
sicurezza. Vedi TeleRel1 per le possibili voci di programmazione.

Modo Input 1
Questo parametro consente di gestire il digital input 1 ed in funzione del suo
stato logico consentire o precludere la possibilit di registrare una transazione.

Valori possibili:
DISATTIVO, APERTO=ABILITA ENTRATA, CHIUSO=ABILITA ENTRATA,
APERTO=ABILITA USCITA, CHIUSO=ABILITA USCITA,
APERTO=ABILITA REMOTO, CHIUSO=ABILITA REMOTO,
APERTO=TRANSITO, CHIUSO=TRANSITO,
APERTO=FUORI SERVIZIO, CHIUSO=FUORI SERVIZIO,
APERTO=PORTA ENTRATA, CHIUSO=PORTA ENTRATA,
APERTO=PORTA USCITA, CHIUSO=PORTA USCITA,
APERTO=PORTA REMOTO, CHIUSO=PORTA REMOTO
APERTO=SIMULA ENTRATA, CHIUSO=SIMULA ENTRATA,
APERTO=SIMULA USCITA, CHIUSO=SIMULA USCITA,
APERTO=SIMULA REMOTO, CHIUSO=SIMULA REMOTO

di default il parametro DISATTIVO.



























1 2
3
2
1
3
Contatto pulito
Uscita transistor NPN
Uscita transistor PNP
ESEMPI

44/47
Modo Input 2
Questo parametro, consente di gestire il digital input 2 del Go-T5.
Vedi Modo Input 1 per le possibili voci di programmazione

Controllo Porta
Consente di abilitare il controllo dello stato di un varco.
Valori possibili:
DISABILITATO, SOLO CHIUSURA, APERTURA E CHIUSURA.

Timeout Apertura
Consente di impostare il tempo massimo (in secondi) consentito per lapertura
del varco.
Timeout Chiusura
Consente di impostare il tempo massimo consentito (in secondi) per la
richiusura del varco.
Salva Timbratura Di Allarme
Abilita la registrazione sul buffer delle timbrature degli allarmi del varco.
ALLARME SFONDAMENTO: viene registrata una transazione che riporta la data
e lora in cui il terminale ha generato lallarme; la transazione viene
contrassegnata con il verso H e sulla causale viene segnalato il varco su cui si
verificato lallarme (0=INGRESSO;1=USCITA; 2=REMOTO).
Es. transazione allarme sfondamento, tracciato T-Conf:
0001 H 01 000000000 06/12/2004 12:31 000000 SFONDAMENTO PORTA INGRESSO
0001 H 01 000000000 06/12/2004 12:31 000001 SFONDAMENTO PORTA USCITA
ALLARME TIMEOUT APERTURA/CHIUSURA: viene registrata una transazione
che riporta la data e lora in cui il terminale ha generato lallarme; la transazione
viene contrassegnata con il verso G e sulla causale viene specificato se il
timeout stato raggiunto in apertura o chiusura (0=APERTURA;1=CHIUSURA).
Es. transazione allarme timeout apertura e chiusura porta, tracciato T-Conf
0001 0 01 000553273 06/12/2004 12:30 000000 TRANSAZIONE DINGRESSO
0001 G 01 000553273 06/12/2004 12:31 000000 ALLARME TIMEOUT APERTURA
0001 0 01 000747779 06/12/2004 12:33 000000 TRANSAZIONE DINGRESSO
0001 G 01 000747779 06/12/2004 12:34 000001 ALLARME TIMEOUT CHIUSURA




45/47
13. Procedura di reset
Reset a caldo mediante pulsante S1 (solo dal 01/01/09)
Il Go-T5 possiede un circuito interno di controllo hardware che presiede alla
verifica del corretto funzionamento di tutto l'apparato e che automaticamente
esegue un reset del terminale in caso di mal funzionamento. Tuttavia per
ovviare a eventuali stati anomali di blocco, e per attuare particolari procedure
come vedremo tra breve, lapparato possiede un circuito di reset attivabile
dall'utente tramite il tasto S1 posto sulla scheda CPU. Il tasto di reset
accessibile solo aprendo il contenitore dellapparato.
La pressione del tasto di reset causa l'immediata ripartenza del Go-T5:

- il dispositivo effettua il test della memoria per qualche istante
- i LED si accendono contemporaneamente per qualche secondo
- il LED verde lampeggiante comunica il ripristino delle funzionalit
dellapparato

La sequenza illustrata avviene in pochi secondi, dopo i quali il Go-T5
nuovamente attivo. Si sottolinea che l'attivazione della procedura di reset,
accidentale o volontaria e anche se ripetuta pi volte, non causa alcun danno
alle funzionalit del Go-T5 e non ha alcun effetto sui dati memorizzati.

Reset e Ripristino della Configurazione di Fabbrica
Come precedentemente descritto, il Go-T5 possiede alcuni parametri che ne
modificano il comportamento. Tali parametri sono modificabili integralmente
solo tramite il software T-Conf.
E' possibile ripristinare la configurazione di fabbrica, impostando i valori di
default di tutti i parametri, direttamente sullapparato. Questa procedura pu
essere utile per azzerare tutte le impostazioni memorizzate e per riportare
lapparato alle condizioni standard.
Per ripristinare la configurazione di fabbrica, impostando i valori di default di tutti
i parametri, sufficiente seguire la seguente procedura:
- impostare il dip-switch n 4 su ON
- effettuare il reset tramite la pressione del tasto S1 (solo dal 01/01/09)
togliere e ridare alimentazione nel caso del Go-T5
- impostare il dip-switch n 1 su ON
- effettuare nuovamente il reset tramite la pressione del tasto S1 (solo dal
01/01/09); togliere e ridare alimentazione nel caso del Go-T5
- reimpostare il dip-switch n 4 e n1 su OFF

ATTENZIONE
l'attivazione della procedura di reset e ripristino
della configurazione di fabbrica, oltre a ristabilire le
impostazioni originali, cancella in modo permanente
tutti i dati memorizzati sul Go-T5, quali timbrature,
badge abilitati, tabelle di attivazione sirene ecc.. Si
consiglia pertanto di eseguire l'operazione solo in
caso di reale necessit e comunque dopo aver
acquisito le eventuali timbrature memorizzate.

46/47
14. Aggiornamento Firmware

Il Go-T5 viene controllato da un programma (firmware) appositamente
strutturato per gestirne tutti i dispositivi hardware che li compongono. Il firmware
risiede su una memoria di tipo FLASH. Questa soluzione permette di aggiornare
il programma di gestione dellapparato senza dover sostituire fisicamente alcun
dispositivo interno, ma semplicemente caricando il programma attraverso la
linea dati seriale, direttamente da PC. In questo modo il cliente pu ricevere
eventuali aggiornamenti e nuove versioni di firmware su supporto magnetico, o
comunque in formato elettronico (ad esempio via Internet), disponendo in tal
modo di una procedura semplice per far evolvere e mantenere aggiornato il
proprio apparato.


Caricamento del Firmware

La procedura di aggiornamento del firmware, che consente di caricare
direttamente sullapparato il programma che lo gestisce e ne permette il
funzionamento, viene attuata mentre il Go-T5 operativo e comunica
correttamente con il PC. Non quindi necessaria alcuna operazione specifica e
tutto il procedimento avviene come per inviare un qualunque altro comando al
Go-T5, quale ad esempio l'acquisizione delle registrazioni memorizzate.
La versione del firmware da caricare sul dispositivo viene fornita al cliente in
formato elettronico sotto forma di un file con estensione BIN. Il contenuto di
questo file non deve essere assolutamente modificato o comunque corrotto
poich causerebbe uno stato di blocco dellapparato. Sar cura del fornitore
garantire che il file pervenga al cliente integro e pienamente funzionale.
Attivando la procedura di caricamento del firmware, tramite il programma
T-Conf il LED verde del Go-T5 si spegner mentre quello giallo rimarr acceso
per tutto il tempo delloperazione. Al termine della procedura, dopo la
dichiarazione di buon esito da parte del programma, il Go-T5 rimane in uno
stato di blocco apparente per circa 30/40 secondi durante i quali avviene la
scrittura vera e propria del firmware sulla flash eprom; questa fase viene
evidenziata dallo spegnimento del LED giallo e dalla accensione di quello verde.
La procedura di caricamento del firmware pu essere interrotta senza causare
alcuna grave conseguenza in qualunque momento prima della conclusione
dellinvio del firmware stesso. In questo caso il consueto reset dellapparato ne
ripristina le funzioni senza alcun cambiamento dal funzionamento precedente,
tranne la cancellazione delle timbrature. Il firmware in formato elettronico (*.BIN)
ed il software di comunicazione vengono forniti esclusivamente da Zucchetti.



ATTENZIONE
La procedura di caricamento del firmware, bench
semplice e sicura, pu essere fonte di uno stato di
inoperativit del Go-T5 se non eseguita
correttamente; si consiglia pertanto di attuare
l'operazione solo in caso di reale necessit, sotto
supervisione di personale qualificato, e comunque
dopo aver acquisito le eventuali timbrature
memorizzate che vengono sempre cancellate.

47/47
15. Caratteristiche tecniche

Microprocessore HITACHI 16 MHz
Memoria FLASH codice 128 Kbyte
Memoria FLASH dati 512 Kbyte
Batteria tampone RAM Durata 5 anni
Orologio Real Time Clock precisione 10 ppm
Lettore
Transponder frequenza di lavoro 125KHz omologata
oppure
Transponder frequenza di lavoro 13,56MHz omologata
Lettore 2 (opzionale) Predisposizione a lettore remoto magnetico, 125KHz, 13,56MHZ
Biometrico Lettore fingerprint con sensore capacitivo a 508dpi (versione F)
LED di segnalazione n1 verde, n1 giallo diagnostici sul funzionamento del dispositivo
Segnalatore acustico Buzzer
Output n. 2 Contatti rel N.A 24Vdc @ 1A max
Input n. 2
Comunicazione
n. 1 seriale RS232/RS485 selezionabile da jumper
Scheda ethernet 10/100 Mb (versione E)
Scheda POE 10/100 Mb (versione P)
Alimentazione 9 27 Vdc 10% @ 700 mA max
Contenitore
Materiale plastico V0 IP54
Dimensioni
Versione standard: 125 x 71 x 32 mm (L x H x P)
Versione ethernet / POE: 125 x 71 x 47 mm (L x H x P)
Peso ~ 100g circa