Sei sulla pagina 1di 398

JULES VERNE

IL TESTAMENTO DI
UNO STRAVAGANTE

Disegni di
George Roux
incisi da Hamel e Froment
Copertina di Carlo Alberto Michelini
MURSIA

TITOLO ORIGINALE DELL'OPERA
LE TESTAMENT D'UN EXCENTRIQUE
(1899)



Traduzione integrale dal francese di VINCENZO BRINZI
Propriet letteraria e artistica riservata Printed in Italy
Copyright 1980 U. Mursia editore S.p.A.
2306/AC U. Mursia editore Milano Via Tadino, 29
INDICE
PRESENTAZIONE................................................................................ 5
Il testamento di uno stravagante........................................8
PARTE PRIMA ..................................................................9
Capitolo I................................................................................................. 9
Un'intera citt in festa.....................................................................................9
Capitolo II ............................................................................................. 20
William J . Hypperbone.................................................................................20
Capitolo III............................................................................................ 31
Oakswoods....................................................................................................31
Capitolo IV............................................................................................ 40
I sei...........................................................................................................40
Capitolo V............................................................................................. 54
Il testamento.................................................................................................54
Capitolo VI............................................................................................ 65
La carta viene messa in circolazione............................................................65
Capitolo VII .......................................................................................... 77
Parte il primo giocatore.................................................................................77
Capitolo VIII......................................................................................... 93
J ohn milner guida tom crabbe.......................................................................93
Capitolo IX.......................................................................................... 105
Uno pi uno fa due.....................................................................................105
Capitolo X........................................................................................... 117
Cronista in viaggio......................................................................................117
Capitolo XI..........................................................................................136
L'ansia di jovita foley..................................................................................136
Capitolo XII ........................................................................................ 153
La quinta giocatrice....................................................................................153
Capitolo XIII....................................................................................... 169
Le vicende del commodoro urrican............................................................169
Capitolo XIV....................................................................................... 181
Seguito delle vicende del commodoro urrican............................................181
Capitolo XV ........................................................................................191
La situazione al 27 maggio.........................................................................191
PARTE SECONDA ........................................................199
Capitolo I............................................................................................. 199
Il parco nazionale........................................................................................199
Capitolo II ........................................................................................... 210
Scambiati l'uno per l'altro...........................................................................210
Capitolo III.......................................................................................... 222
A passo di tartaruga....................................................................................222
Capitolo IV.......................................................................................... 240
La bandiera verde.......................................................................................240
Capitolo V........................................................................................... 253
Le grotte del kentucky................................................................................253
Capitolo VI.......................................................................................... 265
La valle della morte....................................................................................265
Capitolo VII ........................................................................................ 278
Nella casa di south halsted street................................................................278
Capitolo VIII....................................................................................... 294
Il colpo del reverendo hunter......................................................................294
Capitolo IX.......................................................................................... 306
Duecento dollari al giorno..........................................................................306
Capitolo X........................................................................................... 322
Le peregrinazioni di harris t. Kymbale.......................................................322
Capitolo XI..........................................................................................338
La prigione del missouri .............................................................................338
Capitolo XII ........................................................................................ 353
Sensazionale novit per il tribune...........................................................353
Capitolo XIII....................................................................................... 365
Fine della partita hypperbone.....................................................................365
Capitolo XIV....................................................................................... 381
La campana di oakswoods..........................................................................381
Capitolo XV ........................................................................................391
Ultima stravaganza.....................................................................................391

PRESENTAZIONE
Il romanzo si apre con un grandioso funerale che invade tutte le
vie di Chicago come una festa irrefrenabile Chi morto? E perch
mai tanta festa? Quale strana contraddizione si cela sotto un fatto
tanto singolare da essere unico al mondo? Il morto William J.
Hypperbone, uno dei membri pi stravaganti dello stravagante
Excentric Club, un club di ricconi che fanno a gara nel
distinguersi in stranezze. Il nostro Hypperbone non ha mai fatto
parlare troppo di s durante la vita, ma sembra proprio che voglia
rifarsi adesso che morto, compiendo una stranezza che nessuno dei
suoi colleghi avrebbe mai immaginato.
Intanto, egli ha voluto che ai suoi funerali sia invitata tutta
quanta la citt di Chicago e che essi abbiano l'aspetto di una
immensa festa. Inoltre, ha dato disposizione che da un'urna (in cui
egli stesso ha messo il nome di tutti i suoi concittadini) vengano
estratte a sorte sei persone che avranno l'onore d'accompagnare il
defunto prendendo posto a fianco della bara, in testa al corteo. E
proprio una di queste sei persone avr la fortuna di ereditare
l'immenso patrimonio di Hypperbone.
In che modo? proprio qui che scatta la sua ultima e pi grande
stravaganza.
Poich Hypperbone, durante la vita, era stato un appassionato
giocatore del Gioco dell'Oca, egli aveva ideato una cartina
composta di sessantatr caselle, quante sono appunto le caselle del
Gioco dell'Oca. Solo che, in queste sessantatr caselle, egli aveva
distribuito gli stemmi degli Stati Uniti d'America, ripetendo quello
dell'Illinois tante volte quanto era necessario per coprire tutte le
caselle, cos come avviene, nel Gioco dell'Oca, con la figura di
questo animale.
Le sei persone estratte a sorte sarebbero state le pedine viventi
in questo nuovo Gioco dell'Oca e avrebbero dovuto spostarsi da uno
stato all'altro a seconda di quanto avrebbe stabilito la sorte
attraverso il lancio dei dadi che il notaio Tornbrock (esecutore
testamentario di Hypperbone) avrebbe effettuato ogni due giorni
nell'Auditorium dell'Excentric Club, alla presenza d tutti i soci.
Avrebbe vinto il primo che fosse arrivato alla sessan-tatreesima
casella. Un codicillo, alla fine del testamento, stabiliva che alla
partita avrebbe partecipato anche un giocatore in incognito, un
certo XKZ, con gli stessi obblighi e gli stessi diritti degli altri
giocatori, e il cui nome sarebbe stato reso noto solo nel caso che egli
fosse risultato vincitore.
I Sei entrano cos in gara: sono il pittore Max Ral, il pugile
Tom Crabbe, un tipaccio di nome Titbury, il cronista Harris T.
Kymbale, la timida Lissy Wag, l'esplosivo commodoro Urrican,
tallonati in incognito da XKZ. Un campionario di caratteri che
Verne studia dal vivo, nel pieno della movimentata competizione. A
cui, neanche a farlo apposta, prende parte anche tutta quanta
l'America, quell'America chiassona, amante delle sfide, del gioco e
dell'azzardo gi pi volte descritta da Verne con un umorismo che
tocca l'ironia.
In sostanza il romanzo diventa un emozionante e vorticoso giro
attraverso la grande America, cos come nel Gioco dell'Oca si gira
in tondo attorno al tavolino.
La conclusione? Diciamo solo che l'ha tenuta in serbo lo
scrittore, il quale, questa volta, la vince in stravaganza sullo stesso
eccentricissimo William J. Hypperbone.

J ULES VERNE nacque a Nantes l'8 febbraio 1828. A undici anni,
tentato dallo spirito d'avventura, cerc di imbarcarsi
clandestinamente sulla nave La Coralie, ma fu scoperto per tempo e
ricondotto in famiglia. A vent'anni si trasfer a Parigi per studiare
legge, e nella capitale entr in contatto con il miglior mondo
intellettuale dell'epoca. Frequent soprattutto la casa di Dumas padre,
dal quale venne incoraggiato nei suoi primi tentativi letterari. Tent
dapprima la carriera teatrale, scrivendo commedie e libretti d'opera;
ma lo scarso successo lo costrinse nel 1856 a cercare un'occupazione
pi redditizia presso un agente di cambio a Parigi. Un anno dopo
sposava Honorine Morel. Nel frattempo entrava in contatto con
l'editore Hetzel di Parigi e, nel 1863, pubblicava il romanzo Cinque
settimane in pallone.
La fama e il successo giunsero fulminei. Lasciato l'impiego, si
dedic esclusivamente alla letteratura e un anno dopo l'altro in base
a un contratto stipulato con l'editore Hetzel venne via via
pubblicando i romanzi che compongono l'imponente collana dei
Viaggi straordinari I mondi conosciuti e sconosciuti e che
costituiscono il filone pi avventuroso della sua narrativa. Viaggio al
centro della Terra, Dalla Terra alla Luna, Ventimila leghe sotto i
mari, L'isola misteriosa, Il giro del mondo in 80 giorni, Michele
Strogoff sono i titoli di alcuni fra i suoi libri pi famosi. La sua opera
completa comprende un'ottantina di romanzi o racconti lunghi, e
numerose altre opere di divulgazione storica e scientifica.
Con il successo era giunta anche l'agiatezza economica e Verne,
nel 1872, si stabil definitivamente ad Arniens, dove continu il suo
lavoro di scrittore, conducendo, nonostante la celebrit acquistata,
una vita semplice e metodica. La sua produzione letteraria ebbe
termine solo poco prima della morte, sopravvenuta a settantasette
anni, il 24 marzo 1905.

Il testamento di uno stravagante

PARTE PRIMA
CAPITOLO I
UN'INTERA CITT IN FESTA
SE LA MATTINA del 3 aprile 1897 uno straniero fosse giunto nella
pi importante citt dell'Illinois, avrebbe potuto, non senza ragione,
ritenersi favorito dal dio dei viaggiatori. Il suo taccuino si sarebbe
arricchito quel giorno di annotazioni insolite, atte a costituire
argomento di articoli sensazionali. Se poi avesse prolungato il suo
soggiorno a Chicago per alcune settimane o, ancora meglio, per
alcuni mesi, avrebbe potuto partecipare alle emozioni, alle ansie,
all'alternarsi di speranze e di sconforto, all'agitazione febbrile e allo
sbalordimento di quella grande citt, che pareva avesse perduto la
testa.
Sin dalle otto, una gran folla, che cresceva a vista d'occhio, si
dirigeva verso il ventiduesimo quartiere, uno dei pi ricchi della
citt, posto tra North Avenue e Division Street, nel senso dei
paralleli, e tra North Halsted Street e Lake Shore Drive bagnato
dalle acque del Michigan nel senso dei meridiani. noto che le
moderne citt degli Stati Uniti orientano le loro vie nel senso della
latitudine e della longitudine, dando loro la lineare regolarit di una
scacchiera.
Sta' a vedere diceva un agente della polizia municipale, che
prestava servizio all'angolo di Beethoven Street con North Wells
Street sta' a vedere che il popolaccio finir con l'invadere il
quartiere!
L'agente, di alta statura, era d'origine irlandese, come la maggior
parte dei suoi colleghi: ottimi agenti, tutto sommato, che spendono la
maggior parte dei loro mille dollari di stipendio per soddisfare la sete
inestinguibile che propria di tutti gli irlandesi.
Sar una buona giornata per i borsaioli! rispose un collega,
non meno alto, non meno assetato e non meno irlandese di lui.
Ciascuno stia attento alle proprie tasche, se non vorr trovarle
vuote quando torner a casa ribatt il primo. Noi non
potremmo certo bastare
Oggi, poi concluse l'altro, credo che avremo gi molto da
fare, non fosse altro che per offrire il braccio alle signore che
vogliono attraversare i crocicchi.
Scommetto che ci sar almeno un centinaio d'investimenti
aggiunse il collega.
Per fortuna, in America, tutti hanno la buona abitudine di badare a
se stessi, senza aspettarsi dall'amministrazione un aiuto che essa non
potrebbe dare.
Tuttavia, questo ventiduesimo quartiere minacciava di affollarsi in
modo preoccupante se anche soltanto la met della popolazione di
Chicago vi fosse accorsa. La citt non contava allora meno di
1.700.000 abitanti, di cui circa un quinto nati negli Stati Uniti,
mentre Germania e Irlanda potevano reclamarne quasi
cinquecentomila ciascuna. Il rimanente era costituito da
cinquantamila tra inglesi e scozzesi, quarantamila canadesi,
centomila scandinavi, altrettanti tra boemi e polacchi, quindicimila
ebrei e circa diecimila francesi, un numero esiguo in un simile
agglomerato.
Chicago, d'altra parte, come fa rilevare lise Reclus, non occupa
ancora totalmente i 471 chilometri quadrati di territorio municipale
che i legislatori le hanno assegnato, sulla riva del Michigan, e che
corrispondono all'inarca alla superficie del dipartimento della Senna.
Spetta ai suoi abitanti moltiplicarsi cosa n impossibile n
improbabile tanto da popolare quei 47.000 ettari.
Quel giorno i curiosi affluivano dai tre settori che il fiume di
Chicago forma con i suoi due rami di nord-ovest e di sud-ovest, e
cio del North Side e del South Side, che qualche viaggiatore
considera rispettivamente come i sobborghi Saint-Germain e Saint-
Honor della grande citt dell'Illinois. La gente non mancava di
accorrere neppure dall'angolo compreso, a ovest, tra i due rami del
fiume. Il fatto di abitare in una zona poco elegante pareva non la
rendesse meno disposta a unirsi alla folla, anche se proveniva da
quelle misere abitazioni dei dintorni di Madison Street e di Clark
Street, ove pullulano boemi, polacchi, italiani e molti cinesi fuggiti
dai paraventi del Celeste Impero.
Quell'esodo disordinato e chiassoso si dirigeva dunque verso il
ventiduesimo quartiere, ma le ottanta vie che servono quest'ultimo
non sarebbero mai bastate al flusso di una simile folla.
In quel brulichio umano si mescolavano insieme le pi svariate
classi sociali della popolazione: funzionari del Federai Building e del
Post Office; magistrati di Court House; membri superiori del palazzo
della Contea; consiglieri municipali della City Hall; personale
dell'immenso caravanserraglio dell'Auditorium, che ha migliaia di
camere; commessi dei grandi negozi di moda e dei bazar, quelli dei
signori Marshall Field, Lehmann e W.-W. Kimball; operai delle
fabbriche di strutto e di margarina (che producono burro di ottima
qualit a dieci centesimi, e cio a dieci soldi alla libbra); operai delle
officine di carpenteria del famoso costruttore Pullman, venuti da un
lontano sobborgo del Sud; impiegati dell'importante ditta di vendita
universale Montgomery Ward e Co.; i tremila operai del signor Mac
Cormick, inventore della famosa mietitrice e accovonatrice; quelli
degli alti-forni e laminatoi, in cui si produce su vasta scala l'acciaio
Bessemer; quelli delle officine del signor J . Mac Gregor Adams, che
lavorano il nichel, lo stagno, lo zinco e raffinano l'oro e l'argento;
quelli delle manifatture di scarpe, la cui attrezzatura talmente
perfezionata da consentire la confezione di uno stivale in un minuto e
mezzo; e perfino i milleottocento operai della ditta Elgin, che
lanciano sul mercato duemila orologi al giorno.
Bisogner ancora aggiungere, a questo gi lungo elenco, i
lavoratori impiegati nei sili di Chicago, che il pi importante
mercato del mondo per il commercio dei cereali, e il personale delle
ferrovie, le quali ogni giorno riversano nella citt, da ventisette vie
diverse e da pi di milletrecento treni, centosettantacinquemila
viaggiatori; il personale addetto alle vetture a vapore o elettriche, alle
funicolari e a mezzi di locomozione di altro genere (che trasportano
due milioni di persone) e infine i marinai e i barcaioli dell'ampio
porto il cui movimento commerciale necessita di una sessantina di
navi al giorno.
Bisognava essere ciechi per non scorgere tra la folla direttori,
redattori, cronisti e compositori dei cinquecentoquaranta giornali
quotidiani e settimanali di Chicago. Bisognava essere sordi per non
udire le grida degli operatori di Borsa, dei rialzisti e dei ribassisti,
che pareva fossero nel pieno della loro attivit al Board of Trade o al
Wheat Pit, e cio alla Borsa delle granaglie. Intorno a quella gente
scalmanata si agitava tutto il personale delle banche nazionali o di
Stato: Corn Exchange, Calumet, Merchants-Loane Trust and Co.,
Fort Dearborn, Oakland, Prairie-State, American Trust and Savings,
Chicago City Guarantee of North America, Dime Savings, Northern
Trust and Co. e molte altre.
N si potrebbe dimenticare, in un simile concorso di pubblico, la
presenza degli studenti di scuole e universit North-western
University, Union College of Law, Chicago Manuel-training-school
e tanti altri, o ancora dimenticare gli artisti dei ventitr teatri e case
da gioco della citt, quelli della Grand Opera-House e del J acobs
Clark Street Theater, quelli dell'Auditorium e del Lyceum, o il
personale dei ventinove alberghi pi importanti della citt e quello
dei grandi ristoranti che possono accogliere venticinquemila
commensali all'ora, n, infine, si potrebbero dimenticare i macellai
della Great Union Stock Yard, i quali, per conto delle ditte Armour,
Swift, Nelson, Morris e altre ancora, uccidono milioni di buoi e di
maiali a due dollari per capo. C' dunque da meravigliarsi che la
Regina dell'Ovest occupi il secondo posto, dopo New York, tra le
citt industriali e commerciali degli Stati Uniti, se i suoi traffici
raggiungono l'importo annuo di trenta miliardi?
Si sa che Chicago, sull'esempio delle grandi citt americane, gode
di una libert assoluta e democratica. Il decentramento vi completo
e, se lecito questo gioco di parole, potremmo chiederci: quale
attrazione spingeva quel giorno la citt alla concentrazione intorno a
La Salle Street?
Era verso City Hall che la popolazione si riversava
disordinatamente? Era forse un'irresistibile corrente di speculazioni
cosa che qui si chiama boom o un'assegnazione di terreni che
stimolava in quel modo la fantasia popolare? O era una di quelle
contese elettorali che appassionano tanto le folle, un meeting in cui
repubblicani conservatori e democratici liberali si combattono nelle
adiacenze del Federai Building? Oppure si trattava di inaugurare una
nuova World's Columbian Exposition e di rinnovare, all'ombra degli
alberi di Lincoln Park, lungo Midway Plaisance, le solenni
celebrazioni del 1893?
Niente affatto: ci si preparava invece a una cerimonia di tutt'altro
genere, che sarebbe stata di carattere assai mesto, se i suoi
organizzatori non avessero dovuto attenersi alle volont del
personaggio che essa concerneva, compiendola fra la generale
allegria.
La Salle Street era gi del tutto sgombra, per merito dei numerosi
agenti posti alle sue due estremit. Il corteo che si disponeva a
percorrerla avrebbe potuto quindi sfilare senza difficolt.
Se La Salle Street non gode la preferenza dei ricchi americani
come i viali della Prairie, del Calumet, del Michigan, in cui sorgono
sfarzose abitazioni, essa tuttavia tra le strade pi frequentate della
citt. Porta il nome di un viaggiatore che nel 1679 fu tra i primi a
esplorare la regione dei laghi: il francese Robert Cavelier de La
Salle, a buon diritto celebre negli Stati Uniti.
Lo spettatore che fosse riuscito a superare la doppia barriera di
agenti avrebbe potuto vedere, a met di La Salle Street, precisamente
all'angolo di Goethe Street, un carro con tiro di sei cavalli, fermo
davanti a un magnifico palazzo. Dinanzi e dietro il carro, un corteo
ben ordinato attendeva il segnale per mettersi in marcia.
La prima met del corteo era composta da diverse compagnie
dell'esercito in grande uniforme, agli ordini dei propri ufficiali, e da
una banda di un centinaio di elementi e d'altrettanti coristi, che
avrebbero dovuto unire a intervalli il proprio canto alla musica.
Il carro era addobbato con drappi scarlatti, guarniti di orlature
d'argento e d'oro, sui quali spiccavano in caratteri brillanti le lettere
W.J .H. Mazzi, o meglio bracciate di fiori (che sarebbero stati rari
ovunque, tranne che nella citt comunemente chiamata Garden City)
si mescolavano insieme in grande profusione. Dall'alto del carro,
degno di apparire in una festa nazionale, pendevano fino a terra
ghirlande sorrette da sei persone, tre a destra e tre a sinistra.
Pochi passi dietro il carro sostava una ventina di persone, tra le
quali si notavano J ames T. Davidson, Gordon S. Alien, Harry B.
Andrews, J ohn I. Dickinson, Thomas R. Carlisle e altri membri
dell'Excentric Club di Mohawk Street del quale Georges B.
Higginbotham era presidente assieme a non pochi membri dei
circoli Calumet di Michigan Avenue, Hyde Park di Washington
Avenue, Columbus di Monroe Street, Union League di Custom
House Place, Irish American di Dearborn Street, e di quattordici altri
circoli della citt.
noto che a Chicago c' il quartier generale della divisione del
Missouri e la residenza abituale del suo comandante. ovvio quindi
che quest'ultimo, il generale J ames Morris, con il suo stato maggiore
e gli addetti ai suoi uffici installati a Pullman Building, si
accalcassero dietro il gruppo di cui si detto. Seguivano poi il
governatore dello Stato, J ohn Hamilton, il sindaco, i suoi assessori e i
membri del consiglio municipale; i commissari amministrativi della
contea venuti apposta da Springfield, capitale ufficiale dell'Illinois,
nella quale hanno sede i vari servizi e infine i magistrati di Federai
Court, i quali, al contrario di molti altri funzionari, non sono eletti
dal suffragio universale ma nominati dal presidente dell'Unione.
In coda al corteo si accalcavano negozianti, industriali, ingegneri,
professori, avvocati, procuratori, medici, dentisti, coroners,
attorneys
1
e sceriffi, ai quali si sarebbe unita l'enorme folla appena il
corteo fosse sbucato da La Salle Street.
Naturalmente, nell'intento di proteggere il corteo dalla ressa, il
generale J ames Morris aveva ammassato forti distaccamenti di
cavalleria con la spada in pugno e gli stendardi sventolanti alla fresca
brezza del mattino.
Questa lunga descrizione dei corpi civili e militari, delle societ e
delle corporazioni che partecipavano a quella insolita cerimonia
dev'essere completata da un particolare significativo: i presenti,

1
Termini inglesi, che significano rispettivamente magistrato che indaga su casi
di morte violenta o sospetta e procuratore, mandatario, rappresentante legale .
(N.d.R.)
senza eccezione alcuna, portavano un fiore all'occhiello una
gardenia offerto loro dal maggiordomo vestito di nero che si teneva
sulla scalinata esterna del palazzo.
Anche il palazzo aveva preso un'aria di festa. I candelabri e le
lampade elettriche splendevano di luce, gareggiando con i raggi del
sole d'aprile. Le finestre spalancate lasciavano intravvedere i
tendaggi multicolori. I domestici, scaglionati sui gradini di marmo
dello scalone d'onore, indossavano la livrea delle feste. I saloni di
rappresentanza erano pronti per accogliere un ricevimento solenne.
Sulle tavole delle sale da pranzo scintillavano, oltre ai soprammobili
d'argento massiccio, il meraviglioso vasellame dei milionari di
Chicago e le coppe di cristallo colme di vino e di champagne delle
migliori marche.
L'orologio di City Hall suon finalmente le nove: all'estremit di
La Salle Street echeggiarono le fanfare e risonarono tre evviva,
lanciati all'unisono. Allora, al comando del sovrintendente di polizia,
il corteo si mosse a bandiere spiegate.
Immediatamente, i formidabili strumenti dell'orchestra intonarono
i ritmi elettrizzanti della Columbus March, del professor J ohn K.
Paine di Cambridge. Lenta e composta, la sfilata cominci a risalire
La Salle Street. Quasi subito, anche il carro si mise in moto, al passo
dei suoi sei cavalli magnificamente bardati e impennacchiati di ciuffi
di penne d'airone. Le ghirlande di fiori si issarono nelle mani dei sei
privilegiati, la cui scelta sembrava fosse dovuta a bizzarri capricci del
caso. Poi si mossero in ordine perfetto i clubs, le autorit militari,
civili e municipali e la folla che seguiva i drappelli di cavalleria.
Inutile dire che porte, finestre, balconi, e persino i tetti di La Salle
Street erano gremiti di spettatori di ogni et, la maggior parte dei
quali vi aveva preso posto fin dal giorno prima.
Quando le prime file del corteo ebbero raggiunto l'estremit della
via, piegarono un po' a sinistra per inoltrarsi nel viale che rasenta
Lincoln Park. Quale incredibile marea di gente aveva invaso i 250
acri di quello stupendo parco che le acque increspate del Michigan
bagnano a oriente; quel parco che comprende viali ombrosi,
boschetti, prati, dune boscose, il lago Winston, i monumenti eretti
alla memoria di Grant e Lincoln, i campi di parata e il giardino
zoologico, dove anche le belve urlavano e le scimmie saltellavano,
come per essere in armonia con tutta quell'agitazione popolare!
Poich di solito il parco quasi deserto durante la settimana, un
forestiero avrebbe potuto chiedersi se quel giorno fosse domenica.
Ma non era domenica; era invece venerd, un venerd triste e
imbronciato, che quell'anno cadeva il 3 aprile!
I curiosi tuttavia non se ne preoccupavano molto e si scambiavano
le loro impressioni al passaggio del corteo, rammaricandosi
certamente di non farne parte.
Non certamente meno bella della cerimonia di inaugurazione
della nostra Esposizione! diceva uno.
Verissimo! rispondeva un altro. N meno bello del
corteo del 24 ottobre, in Midway Plaisance.
E quei sei che camminano accanto al carro diceva un
barcaiolo del Chicago-river.
E che faranno ritorno con le tasche piene! rispondeva un
operaio delle officine Cormick.
Quando si dice aver fortuna! nitriva un gigantesco birraio
che trasudava birra da tutti i pori. Darei tanto oro quanto peso per
essere al loro posto
E non ci rimettereste! rispondeva un robusto macellaio dello
Stock Yards.
Questa giornata frutter loro quattrini a palate! si diceva in
giro.
Sicuro! La loro fortuna fatta!
E che fortuna!
Dieci milioni di dollari per ciascuno
Volete dire venti milioni!
Pi vicino ai cinquanta che ai venti!
Lanciata ormai com'era, quella brava gente fin per giungere
presto al miliardo; parola, del resto, che negli Stati Uniti ricorre
spesso durante la conversazione. Bisogna per tener presente che
quelle dicerie poggiavano su semplici congetture.
E adesso il corteo avrebbe forse fatto il giro della citt?
In tal caso, l'intera giornata non sarebbe bastata.
Intanto, tra il fracasso della banda e le manifestazioni di giubilo, il
canto del coro che aveva intonato il To the Son of Art, e il vociare
e gli evviva della folla, il lungo, ininterrotto corteo giunse
all'ingresso di Lincoln Park, ove ha inizio Fullerton Avenue. Qui
volse a sinistra e per circa due miglia avanz fino a raggiungere il
ramo settentrionale del fiume di Chicago. Tra i due marciapiedi
gremiti di folla rimaneva spazio sufficiente perch la colonna vi
sfilasse senza difficolt.
Superato il ponte, il corteo raggiunse, attraverso Brand Street, la
magnifica arteria che porta il nome di boulevard Humboldt per una
lunghezza di undici miglia e che ridiscende verso sud dopo aver
corso verso ovest. Fu all'angolo di Logan Square che esso segu
quella direzione, non appena gli agenti riuscirono, non senza fatica,
ad allontanare la fittissima ala di curiosi che ingombrava il passo.
Raggiunta Palmer Square, il carro si ferm dinanzi al parco che
porta il nome dell'illustre scienziato prussiano.
Era mezzogiorno. Ci si ferm mezz'ora all'Humboldt Park: sosta
pi che necessaria, poich la passeggiata sarebbe stata ancora lunga.
La folla si sparse a suo agio su quel terreno verdeggiante irrigato da
correnti d'acqua e la cui superficie supera i 200 acri.
Non appena il carro si ferm, la banda e i cori intonarono lo Star
Spangled Banner, che fu accolto da molti applausi, come lo sarebbe
stato al Music Hall del Casino.
Il punto pi occidentale che il corteo avrebbe dovuto toccare,
secondo il programma, fu raggiunto verso le due: era il parco
Garfield. Come si vede, i parchi non mancano nella grande citt
dell'Illinois. Si potrebbe citarne almeno quindici, tra i pi importanti.
Quello di J ackson non misura meno di 586 acri. Nell'insieme, essi
ricoprono 2.000 acri di boschi e boschetti, macchie e prati.
Superato l'angolo che il boulevard Douglas forma piegando verso
est, il corteo riprese quella direzione, nell'intento di raggiungere
Douglas Park e di l, attraverso il South West, valicare il ramo
meridionale del Chicago-river e poi il canale di Michigan che lo
rasenta a monte. A questo punto, non rimaneva che discendere verso
sud lungo Western Avenue, per un tratto di tre miglia, e giungere a
Gage Park.
Erano le tre in punto e bisogn fare un'altra sosta, prima di
ritornare verso i quartieri orientali della citt.
Questa volta l'orchestra diede il meglio di s suonando con foga
insolita i pi vivaci due quarti e gli allegri pi focosi del repertorio di
Lecoq, Varney, Audran e Offenbach. Ed incredibile che tutta quella
gente non si fosse messa a ballare, stimolata da quei ritmi di danza.
In Francia, certamente, nessuno vi avrebbe resistito.
Il tempo era splendido, anche se faceva ancora molto freddo. Ai
primi di aprile ancora pieno inverno, nell'Illinois, e la navigazione
sul lago Michigan e sul Chicago-river di solito interrotta dal
principio di dicembre alla fine di marzo.
Ma, nonostante il freddo, l'atmosfera era cos pura, il sole,
alzandosi in un cielo terso, spandeva raggi cos luminosi e sembrava
talmente essersi messo in festa, come dicono i cronisti della
stampa ufficiosa, che tutto pareva dovesse procedere per il meglio
fino a sera.
La folla non accennava affatto a scemare. Ai curiosi dei quartieri
settentrionali si erano ora sostituiti quelli dei quartieri meridionali i
quali non erano da meno dei primi in fatto di focosa animazione e di
entusiastici evviva all'indirizzo del corteo.
I gruppi che sfilavano mantenevano la disposizione inizialmente
assunta dinanzi al palazzo di La Salle Street, e senza dubbio
avrebbero continuato a mantenerla fino al termine di quella lunga
tappa.
Nell'uscire da Gage Park, il carro si mosse direttamente verso est,
seguendo il boulevard Garfield, alla cui estremit si stende, in tutta la
sua bellezza, il parco Washington, che ricopre un'area di 371 acri.
La folla lo aveva invaso, come aveva fatto alcuni anni prima, in
occasione della grande Esposizione organizzata nelle sue vicinanze.
Dalle quattro alle quattro e mezzo ci fu un'altra sosta, durante la
quale banda e coro eseguirono assai bene, tra gli applausi
dell'immenso uditorio, l'inno In Praise of God di Beethoven. Poi la
marcia riprese all'ombra del parco, fino alla parte che comprende,
con Midway Plaisance, l'insieme della Esposizione World's
Columbian Fair entro la vasta cinta di J ackson Park, sul litorale
stesso del lago Michigan.
Il carro si andava forse dirigendo verso quel luogo ormai
celebre? Si trattava dunque di una cerimonia destinata a
richiamarne la memoria, o di un anniversario che, festeggiato ogni
anno, non avrebbe mai lasciato cadere nell'oblio quella data
memorabile negli annali di Chicago?
Niente affatto. Dopo aver girato intorno a Washington Park Club
seguendo Cottage Greve Avenue, le prime file dell'esercito si
fermarono in quel popoloso quartiere, dinanzi a un parco circondato
da una fitta rete ferroviaria.
Il corteo si ferm; ma prima di penetrare sotto l'ombra delle
magnifiche querce, la banda inton il pi irresistibile valzer di
Strauss.
Quel parco apparteneva forse a una casa da gioco o c'era forse
un'immensa sala ad attendere tutta quella gente, invitata ad un
notturno, carnevalesco festival?
Le porte furono spalancate e solo a costo di grandi sforzi la polizia
riusc a trattenere la folla, pi straripante e pi rumorosa che mai.
Ma questa volta si riusc a non farle invadere il parco, che era
protetto da alcuni drappelli dell'esercito, per permettere al carro di
penetrarvi al termine di quella passeggiata di quindici miglia
attraverso l'immensa citt.
Ma quello non era affatto un parco Era Oakswoods Cemetery, il
pi vasto degli undici cimiteri di Chicago E quel carro altro non
era che un carro funebre, che trasportava all'ultima dimora le spoglie
mortali di William J . Hypperbone, membro dell'Excentric Club.
CAPITOLO II
WILLIAM J. HYPPERBONE
IL FATTO che i signori J ames T. Davidson, Gordon S. Alien, Harry
B. Andrews, J ohn I. Dickinson, Georges B. Higginbotham, Thomas
R. Carlisle siano stati citati tra i personaggi importanti che venivano
immediatamente dietro al carro, non deve far pensare che essi fossero
i membri pi in vista dellExcentric Club.
In effetti, l'unica cosa che poteva apparire bizzarra, nel loro modo
di vivere in questo basso mondo, era il fatto di appartenere al detto
circolo di Mohawk Street. Questi ragguardevoli figli di Gionata,
arricchitisi in molteplici e fruttuosi affari di terreni, salumi, petrolio,
ferrovie, miniere, allevamenti e macelli, avevano forse avuto
l'intenzione di sbalordire con le loro stravaganze ultra-americane i
compatrioti dei cinquantuno Stati dell'Unione e il Nuovo e Vecchio
Mondo. Bisogna per convenire che nella loro vita pubblica e privata
non c'era nulla che permettesse di segnalarli alla generale attenzione.
Erano una cinquantina, pagavano tasse rilevanti, ma non avevano
rapporti costanti con la societ di Chicago; erano assidui
frequentatori delle loro sale di lettura e di gioco, vi leggevano
giornali e riviste e vi giocavano somme pi o meno rilevanti, come
accade in qualsiasi circolo, dicendo a volte a se stessi, a proposito di
ci che avevano fatto nel passato o che ora facevano:
Senza alcun dubbio, non siamo per nulla stravaganti!
Un membro del circolo sembrava per mostrare, pi dei suoi
colleghi, qualche inclinazione alla bizzarria. Sebbene non si fosse
ancora posto in evidenza con clamorose stravaganze, si riteneva che
un giorno o l'altro finisse col giustificare il nome prematuramente
portato dal celebre club.
Ma William J . Hypperbone era purtroppo morto. Bisognava per
riconoscere che ci che non aveva fatto da vivo lo faceva ora da
morto: i suoi funerali, infatti, avevano luogo quel giorno, per sua
espressa volont, tra l'allegria generale.
Il giorno in cui aveva avuto bruscamente termine la sua esistenza
terrena, il defunto William J . Hypperbone non aveva ancora superato
la cinquantina ed era ancora un bell'uomo, di alta statura, con spalle
ampie e torace robusto e dall'aspetto piuttosto severo, ma non privo
di eleganza e nobilt. Aveva corti capelli castani e barba a ventaglio,
nella quale serici fili d'argento si mescolavano gi ai fili d'oro. Sotto
folte sopracciglia, gli occhi di un azzurro cupo erano accesi da una
pupilla ardente. La bocca, che non mancava di un solo dente, era un
po' chiusa dalle labbra, la cui piega era leggermente segnata, quasi a
indicare un temperamento incline al motteggio e al tempo stesso allo
sprezzo.
Quel superbo tipo di americano del Nord godeva di una salute di
ferro. Nessun medico gli aveva mai tastato il polso, esaminato la
lingua, guardato la gola, auscultato il torace e il cuore, n esaminato
la temperatura del corpo col termometro. E tuttavia Chicago non
manca di medici, n di dentisti, tutti professionalmente molto abili:
ma nessuno di essi aveva mai avuto l'occasione di esercitare la
propria capacit nei suoi riguardi.
Si sarebbe detto che nessuna macchina fosse pure della forza di
cento dottori sarebbe stata mai capace di strapparlo da questo
mondo per trasportarlo nell'altro. Eppure egli era morto, morto senza
che i medici potessero portargli aiuto, e appunto perch era morto il
suo carro funebre era fermo, in quel momento, all'ingresso di
Oakswoods Cemetery.
Per completare il ritratto della persona fisica con quello della
persona morale, occorre aggiungere che Hypperbone era di
temperamento freddissimo, aveva senso pratico, e in ogni occasione
riusciva a mantenere la padronanza di s. Se riteneva che la vita ha
qualcosa di buono, si doveva al fatto che era filosofo, e, tutto
sommato, si fa presto a esserlo quando un cospicuo patrimonio e la
mancanza di preoccupazioni di salute e di famiglia consentono di
unire la benevolenza alla generosit.
Ci si chieder quindi se ci si potessero attendere delle azioni
stravaganti da un temperamento cos pratico e ponderato. C'era forse
mai stato, nel passato di quell'americano, qualche cosa che potesse
lasciarlo supporre?
S, una sola.
A quarantanni William J . Hypperbone aveva avuto l'idea di
sposare la pi autentica centenaria del nuovo continente, la cui
nascita risaliva al 1781 e precisamente al giorno stesso in cui,
durante la grande guerra, la capitolazione di lord Cornwallis aveva
obbligato l'Inghilterra a riconoscere l'indipendenza degli Stati Uniti.
Ma nel momento in cui egli stava per chiederla in sposa, la
degnissima miss Anthonia Burgoyne mor per un accesso di pertosse.
Hypperbone non ebbe perci il tempo di essere accettato. Tuttavia,
fedele alla memoria della veneranda damigella, egli rimase celibe, il
che pu davvero ritenersi una stravaganza bella e buona.
Nulla, da allora, aveva pi potuto turbare la sua vita: egli non era
un seguace del grande poeta che era giunto a dire, in magnifici versi:
O morte, tenebrosa dea a cui tutto ritorna e in cui tutto si annulla,
Accogli i tuoi figli nel tuo seno stellato.
Affrancali dal tempo, dal numero, dallo spazio,
E rendi loro il riposo che la vita ha turbato!
Perch mai, del resto, Hypperbone avrebbe dovuto pensare a
invocare la tenebrosa dea? Il tempo, il numero e lo spazio lo
avevano mai turbato quaggi? Non gli era forse riuscita ogni cosa in
questo mondo? Non era stato sempre il prediletto della fortuna, che
lo aveva ovunque colmato dei suoi favori? A venticinque anni, gi in
possesso di un discreto patrimonio, aveva saputo decuplicarlo,
centuplicarlo, milliplicarlo in fortunate speculazioni, al sicuro da
ogni rischio. Originario di Chicago, non aveva fatto altro che seguire
il prodigioso sviluppo della sua citt, della quale i 47.000 ettari che
nel 1823 valevano, come afferma un viaggiatore, 2.500 dollari ne
valgono oggi 8 miliardi. Fu dunque in condizioni agevoli,
comprando a basso prezzo e rivendendo a prezzo alto terreni che
spesso trovarono acquirenti a due e a tremila dollari il metro
quadrato, per la costruzione di case di ventotto piani; fu con
l'aggiunta di partecipazioni varie in affari riguardanti ferrovie,
petrolio, miniere, che William J . Hypperbone pot arricchirsi tanto
da lasciare alla sua morte un enorme patrimonio. Era proprio un
peccato che miss Anthonia Burgoyne non avesse fatto in tempo a
sposarlo!
Ma se non c'era nulla di strano che la morte inesorabile avesse
rapito la centenaria, non ci si poteva non meravigliare che William J .
Hypperbone, non ancora cinquantenne, nel pieno rigoglio della sua
vita e delle sue energie, fosse andato a raggiungerla in un mondo che
non aveva motivo di credere migliore.
Ora che egli non era pi, a chi sarebbero spettati i suoi milioni?
Per prima cosa ci si chiese se il circolo non fosse stato nominato
erede universale del primo socio che fosse passato a miglior vita dal
giorno della sua fondazione. Ci avrebbe forse impegnato
automaticamente i suoi colleghi a fare altrettanto, pi tardi.
William J . Hypperbone trascorreva la sua vita al circolo di
Mohawk Street, pi che nel suo palazzo di La Salle Street. Vi
consumava i pasti, vi faceva la siesta e vi si divertiva. Il suo
divertimento maggiore era il gioco; non quello degli scacchi, non la
tavola reale o il tric-trac; non le carte, non il baccar o il trenta e
quaranta; non la zecchinetta o il poker, e neppure il picchetto, l'cart
o l'whist, ma quello che egli stesso aveva introdotto nel circolo e che
preferiva a tutti gli altri.
Era il gioco dell'Oca, il nobile gioco dei Greci, pi o meno
rinnovato. impossibile dire fino a qual punto Hypperbone vi si
appassionasse. La sua passione aveva finito per conquistare anche i
suoi colleghi. Che frenesia, nel saltare da una casella all'altra,
seguendo il capriccio dei dadi, nel passare da questa a quell'oca per
raggiungere l'ultimo di quegli ospiti del cortile! Che esaltazione nel
passeggiare sul ponte, soggiornare all'albergo, perdersi nel
labirinto, cadere nel pozzo, rinchiudersi nella prigione,
imbattersi nel teschio, visitare le caselle del marinaio, del
pescatore, del porto, del cervo, del mulino, del serpente,
del sole, dell'elmo, del leone, del coniglio, del vaso di
fiori.
superfluo dire che per i ricconi dellExcentric Club le penitenze
che il gioco prescriveva si contavano in migliaia di dollari, e che il
vincitore, per ricco che fosse, provava grande soddisfazione
nell'intascare la cospicua somma.
Gi da una decina d'anni Hypperbone trascorreva le sue giornate
al circolo, accontentandosi di fare ogni tanto qualche passeggiata
lungo la riva del lago Michigan. Non aveva mai avuto voglia di
girare il mondo, come la maggior parte degli americani, e i suoi
viaggi si erano limitati agli Stati Uniti. Perch quindi i suoi colleghi,
con i quali aveva sempre avuto ottimi rapporti, non avrebbero dovuto
ereditare da lui? Non erano essi le sole persone alle quali fosse legato
da simpatia e amicizia? Non avevano essi condiviso ogni giorno la
sua smodata passione per il nobile gioco dell'Oca, e lottato con lui su
quel terreno dove il caso riserva tante sorprese? O per lo meno egli
avrebbe avuto l'idea di fondare un premio annuale in favore di colui
che avesse vinto al maggior numero di partite, tra l'1 gennaio e il 31
dicembre?
Bisogner forse ricordare che il defunto non aveva famiglia, n
eredi diretti o collaterali, n parenti talmente stretti da aver diritto
alla successione. Se fosse morto senza lasciare testamento, il suo
patrimonio sarebbe ovviamente spettato alla repubblica federale, la
quale, come qualsiasi Stato monarchico, lo avrebbe accettato senza
farsi pregare.
Per sapere quali fossero state le ultime volont del defunto,
sarebbe stato sufficiente recarsi al numero 17 di Sheldon Street, dal
notaio Tornbrock, e chiedergli per prima cosa se William J .
Hypperbone avesse fatto testamento, e poi quali ne fossero le
clausole e le condizioni.
Signori disse mastro Tornbrock ai signori Georges B.
Higginbotham e Thomas R. Carlisle, che furono inviati
dallExcentric Club presso lo studio dell'austero notaio, aspettavo
la vostra visita; ne sono onorato.
Ne siamo onorati anche noi risposero con un inchino i due
membri del club.
Prima di occuparci del testamento disse il notaio,
bisogner occuparsi dei funerali del defunto.
Non credete soggiunse Georges B. Higginbotham che
essi si debbano celebrare con splendore degno del nostro defunto
collega?
Io debbo uniformarmi esclusivamente alle istruzioni del mio
cliente qui contenute rispose il notaio esibendo una busta della
quale era gi stato rotto il sigillo.
E i funerali saranno chiese Thomas R. Carlisle.
Allegri e fastosi nello stesso tempo, signori; con banda, cori e
con il concorso del pubblico, che certo non si rifiuter di lanciare
allegri evviva in onore di William J . Hypperbone.
Non speravo meno da un membro del nostro circolo disse il
presidente Higginbotham, con un cenno di approvazione.
Non era possibile che si facesse seppellire come un semplice
mortale aggiunse Thomas R. Carlisle.
William J . Hypperbone riprese il notaio ha manifestato
anche il desiderio che tutti gli abitanti di Chicago fossero
rappresentati alle sue esequie da una deputazione di sei membri
estratti a sorte in circostanze particolari. A tale scopo, egli aveva
raccolto in un'urna, da alcuni mesi, i nomi di tutti i suoi concittadini,
dei due sessi, tra i venti e i sessantanni. Ieri, come richiedevano le
sue istruzioni, ho proceduto al sorteggio, in presenza del sindaco e
dei suoi assessori. Alle prime sei persone estratte ho dato poi comu-
nicazione, con lettera raccomandata, delle disposizioni del defunto,
invitandole a prendere posto in testa al corteo e pregandole di non
sottrarsi al dovere di rendere al defunto i postumi onori.
Ed essi si guarderanno bene dal mancare esclam Carlisle,
perch tutto lascia supporre che saranno favoriti dal testatore se
pure non saranno nominati suoi soli eredi.
Non da escludere disse mastro Tornbrock e non ne
sarei affatto stupito.
A quali condizioni dovranno soddisfare le persone scelte dalla
sorte? chiese Higginbotham.
A una sola rispose il notaio. Essere nati e domiciliati a
Chicago.
Nient'altro?
Nient'altro.
Abbiamo capito rispose Carlisle. Signor Tornbrock,
diteci ora quando aprirete il testamento.
Quindici giorni dopo il decesso.
Perch tra quindici giorni?
Cos prescrive la postilla che vi aggiunta. Il 15 aprile, quindi.
E perch mai tale dilazione?
Perch il mio cliente ha voluto, prima di rendere pubbliche le
sue ultime volont, che si avesse assoluta certezza del suo definitivo
trapasso.
Uomo pratico, il nostro amico Hypperbone! disse
Higginbotham.
Non lo si mai abbastanza, in cos gravi circostanze
aggiunse Carlisle e a meno di farsi cremare
E allora si affrett a dichiarare il notaio si corre il rischio
di farsi bruciare vivi.
Senza dubbio aggiunse il presidente, ma, ci fatto,
almeno si sicuri di essere morti!
Poich la cremazione del corpo di William J . Hypperbone non era
stata prevista, il defunto era stato deposto nella bara e questa
ricoperta con i drappi del carro funebre.
La notizia del decesso di William J . Hypperbone non aveva
mancato di produrre in citt molta impressione.
Ecco le notizie che si erano subito sparse.
Il pomeriggio del 30 marzo, l'illustre membro dellExcentric Club
era seduto, con due suoi colleghi, alla tavola del nobile gioco
dell'Oca. Aveva appena fatto il colpo iniziale: nove, con un sei e un
tre. Inizio felice, che lo portava alla cinquantaseiesima casella.
A un tratto il suo viso si era fatto rosso, gli arti si erano irrigiditi.
Volle alzarsi, ma barcoll; tese le mani e sarebbe certamente caduto
a terra se J ohn I. Dickinson e Harry B. Andrews non lo avessero
accolto tra le loro braccia per poi deporlo sopra un divano.
Bisognava chiamare subito un medico. Ne vennero due. Entrambi
dichiararono che William J . Hypperbone era morto per congestione
cerebrale e che non c'era pi nulla da fare. E sa Iddio se il dottor H.
Burnham di Cleveland Avenue e il dottor S. Buchanan di Franklin
Street non si intendevano di morti!
Un'ora dopo il defunto veniva trasportato a casa sua, ove il notaio
Tornbrock, subito avvertito, era accorso senza indugio.
Prima preoccupazione del notaio fu quella di aprire la busta che
conteneva le disposizioni del defunto riguardo alle sue esequie. Il
notaio era invitato innanzi tutto a estrarre a sorte le sei persone che
dovevano unirsi al corteo, i cui nomi erano contenuti, con altre
centinaia di migliaia, in una gigantesca urna eretta in mezzo alla hall.
Quando la bizzarra clausola fu resa nota, i giornalisti assalirono
come un nugolo di mosche mastro Tornbrock. Gli furono addosso sia
i cronisti del Chicago Tribune, del Chicago Inter-Ocean e del
Chicago Evening J ournal, che sono repubblicani o conservatori;
sia quelli del Chicago Globe, del Chicago Herald, del Chicago
Times, del Chicago Mails e del Chicago Evening Post, che
sono democratici o liberali; sia quelli del Chicago Daily News, del
Daily News Record, del Freie Presse e dello Staats Zeitung,
politicamente indipendenti. Per mezza giornata la casa di La Salle
Street fu piena di gente. Ma ci che cacciatori di notizie, informatori
dei fatti pi disparati, e redattori di cronache straordinarie volevano
strapparsi l'un l'altro, non erano i particolari relativi alla morte di
William J . Hypperbone o alle cause che cos inopinatamente
l'avevano prodotta, nel momento del famoso colpo del nove, con un
sei e un tre. Niente affatto! Volevano soltanto conoscere i nomi dei
sei privilegiati estratti dall'urna.
Soffocato da tanti giornalisti, il notaio Tornbrock se la cav da
uomo perfettamente pratico, come sono del resto la maggior parte dei
suoi compatrioti. Egli offr di porre i nomi all'asta e di renderli noti
soltanto al giornale che pagasse di pi, riservandosi di distribuire la
somma incassata a due dei ventuno ospedali della citt.
Fu il Tribune ad avere la meglio sui suoi concorrenti, offrendo,
dopo una lotta accanita contro il Chicago Inter-Ocean, ben
diecimila dollari.
Quel giorno si fregarono le mani con soddisfazione gli
amministratori del Charitable Eye and Ear Illinois Infirmary, 237, W.
Adams Street e quelli del Chicago Hospital for Women and
Children, W. Adams, Corner Paulina!
Ma, il giorno dopo, grande fu il trionfo e il guadagno che ricav il
giornale dalla tiratura supplementare di 2.500.000 copie che si
dovettero distribuire, a centinaia di migliaia, ai cinquantuno Stati che
costituivano a quel tempo l'Unione!
I nomi gridavano gli strilloni i nomi dei felici mortali
che il sorteggio ha scelto tra la popolazione di Chicago!
Essi erano i sei changards, fortunati, come furono chiamati
prendendo il termine dal dizionario che l'Accademia francese finir
con l'arricchire di esso oppure, pi brevemente, i Sei.
Del resto, il Tribune era abituato alle audacie che facevano
scalpore. E che cosa non avrebbe potuto osare il bene informato
giornale di Dearborn and Madison Street, il quale ha un bilancio di
un milione di dollari e le cui azioni, emesse a mille dollari, ne
valgono oggi venticinquemila?
Inoltre il Tribune pubblic oltre che nel numero dell'1 aprile
i sei nomi in uno speciale supplemento che i suoi agenti distribuirono
a profusione, sin nelle pi lontane borgate della repubblica degli Stati
Uniti.
Ecco, nell'ordine in cui la sorte li aveva designati, i nomi di coloro
che avrebbero girato il mondo per lunghi mesi, tra straordinarie
peripezie, delle quali non avrebbe potuto farsi idea neppure il pi
immaginoso romanziere di Francia:
Max Ral, Tom Crabbe, Hermann Titbury, Harris T. Kymbale,
Lissy Wag, Hodge Urrican.
Delle sei persone ben cinque appartenevano, come si vede, al
sesso forte e una sola al sesso debole, sempre che tale distinzione
possa farsi quando si tratta di donne americane.
Ma la curiosit della gente non poteva essere subito del tutto
soddisfatta. Chi erano quelle sei persone? Dove abitavano? A quale
classe sociale appartenevano? Il Tribune non fu in grado di
informarne immediatamente gli innumerevoli lettori.
E poi: si era sicuri che i sorteggiati fossero ancora vivi? Questa
domanda esigeva una pronta risposta.
I nomi erano stati infatti deposti nell'urna da parecchi mesi; e,
posto che tutti i prescelti fossero ancora in vita, qualcuno di loro
poteva anche avere lasciato l'America.
D'altronde, se erano in condizione di poterlo fare, sarebbero andati
certamente a prendere posto dietro al carro funebre, senza aspettare
di essere consultati. Era forse pensabile che rispondessero con un
rifiuto, o che non rispondessero affatto, all'invito, bizzarro ma serio,
di William J . Hypperbone che, almeno da morto, si dimostrava
stravagante rinunciando ai benefici che certamente riservava loro il
testamento depositato nelle mani del notaio Tornbrock?
No, certo! Sarebbero accorsi tutti, essi erano i soli, infatti, a
potersi ritenere, non senza motivo, eredi del cospicuo patrimonio del
defunto, che, altrimenti, non sarebbe sfuggito alla ghiotta cupidigia
dello Stato.
E se ne ebbe la conferma tre giorni dopo, quando i Sei, che
nemmeno si conoscevano, si presentarono al notaio, sulla scalinata
del palazzo di La Salle Street. Questi, dopo averne accertato
l'identit, affid loro i festoni del carro.
Naturalmente, essi divennero oggetto di una gran curiosit e di
altrettanta invidia. Per volont di Hypperbone ogni segno di lutto era
stato bandito dagli insoliti funerali, per cui, uniformandosi alla
clausola pubblicata dai giornali, i Sei avevano indossato gli abiti
della festa, dai quali si rilevava, per taglio e qualit della stoffa, la
diversa classe sociale alla quale appartenevano.
Essi furono disposti secondo quest'ordine:
In prima fila: Lissy Wag a destra, Max Ral a sinistra.
In seconda fila: Hermann Titbury a destra, Hodge Urrican a
sinistra.
In terza fila: Harris T. Kymbale a destra, Tom Crabbe a sinistra.
Quando occuparono i loro posti, essi furono salutati da mille
evviva ai quali qualcuno rispose con un gesto cortese e qualche altro
non rispose affatto.
In quell'ordine avevano iniziato la lenta marcia, non appena il
capo della polizia aveva dato il segnale, e nello stesso ordine
avevano percorso per circa otto ore le vie, i corsi e i viali della
grande citt.
Certamente i Sei invitati alle esequie di Hypperbone non si
erano mai visti prima di allora, ma non avrebbero tardato a fare
reciproca conoscenza.
E forse a tal punto arriva l'avidit umana quei candidati alla
futura successione si consideravano gi rivali, nel timore che l'eredit
fosse devoluta a uno solo di essi, anzich divisa fra tutti e sei.
Abbiamo gi visto come avvennero i funerali, in presenza di
quanta folla e con quanta pompa si svolsero, partendo da La Salle
Street per giungere al cimitero di Oakswoods, da quali pezzi di
musica e di canto, per niente funebri, fossero stati accompagnati e
quali festose acclamazioni fossero state lanciate, lungo il percorso, in
onore del defunto.
Ora non rimaneva che penetrare nel cimitero e deporre nella sua
tomba, perch vi dormisse di un sonno eterno, colui che era stato
William J . Hypperbone del Club degli Stravaganti.
CAPITOLO III
OAKSWOODS
OAKSWOODS indica col suo nome che l'area occupata dal cimitero
fu un tempo coperta da una foresta di querce, l'albero pi diffuso
nelle vaste solitudini dellIllinois, gi chiamate Prairie State
2
per
l'esuberante vegetazione.
Nessuno dei suoi monumenti funebri parecchi dei quali di gran
valore poteva essere paragonato a quello che Hypperbone aveva
fatto costruire alcuni anni prima per suo uso personale.
noto che i cimiteri americani, come quelli inglesi, sono veri
parchi. Nulla vi manca di ci che potrebbe allettare lo sguardo; n
aiuole, n alberi ombrosi, n acque correnti. Sembra che qui l'anima
non possa rattristarsi. Gli uccelli vi gorgheggiano pi gioiosamente
che altrove, forse perch sanno che in quei campi consacrati
all'eterno riposo non hanno nulla da temere.
Il mausoleo eretto su progetto e per conto dell'illustre Hypperbone
sorgeva vicino a un laghetto dalle acque placide e trasparenti.
Disegnato secondo il gusto dell'architettura anglo-sassone, esso si
prestava a tutti i ghiribizzi dello stile gotico-rinascimentale. La
facciata, sormontata da un campanile la cui guglia si elevava a una
trentina di metri da terra, faceva pensare a una cappella, mentre il
tetto e le finestre, doppiate di sportelli a forma di veranda chiusa
intorno da vetri colorati, davano l'impressione di una villetta o di un
cottage.
Il campanile, ornato di volute e di rosoni e sostenuto dai pilastri
della facciata, racchiudeva una campana straordinariamente sonora,
che aveva la funzione di battere le ore dell'orologio luminoso posto

2
Stato della Prateria .
alla sua base. La sua voce metallica, diffondendosi attraverso le
pensiline traforate e dorate, giungeva fino alle rive del Michigan.
Il monumento misurava, al transetto, trentanove metri di
lunghezza e diciannove e mezzo di larghezza. Era a croce latina,
terminante con un'abside rotonda. La cancellata che lo circondava,
bel lavoro in alluminio lavorato, si appoggiava, a intervalli regolari,
ai supporti delle lampade. Gruppi di magnifici alberi sempreverdi
facevano da cornice al superbo mausoleo. La porta della cancellata,
gi aperta, dava accesso a un viale fiancheggiato di cespugli e di cesti
di fiori, fino ai piedi di una scala di cinque gradini di marmo bianco.
In fondo all'ampio pianerottolo si apriva un portone dai battenti di
bronzo, con intrecci di fiori e di frutta in rilievo.
L'entrata dava in un'anticamera arredata con divani dalle grosse
borchie d'oro e dove faceva bella mostra di s una giardiniera di
porcellana cinese, i cui fiori venivano spesso rinfrescati. Dal soffitto
pendeva un lampadario di cristallo a sette bracci, con lampadine
elettriche. Da alcune bocche di rame, disposte agli angoli, si
diffondeva il calore costante e mite di un calorifero affidato durante
la fredda stagione alle cure del guardiano di Oakswoods -che
riscaldava l'interno del mausoleo.
Spingendo i pannelli di vetro di una porta posta di fronte al
portone della scala, si penetrava nel salone principale dell'edificio.
Era una hall spaziosa, di forma circolare, nella quale faceva mostra di
s il lusso stravagante che pu permettersi soltanto un arcimilionario
che, anche dopo morto, non intenda rinunciare al fasto in cui aveva
vissuto. Dal soffitto di vetro smerigliato che chiudeva la parte
superiore della volta, la luce si versava copiosamente nell'interno.
Sulle pareti si rincorrevano arabeschi, viticci, listelli, bugne, rosoni,
fogliame, disegnati e scolpiti con la finezza di quelli dell'Alhambra.
La loro base scompariva dietro i divani ricoperti di stoffe sgargianti.
Qua e l sorgevano statue di bronzo e di marmo di fauni e ninfe. Tra
i pilastri di puro stucco abbagliante, sui quali poggiavano i costoloni
della volta, si potevano ammirare alcuni quadri di autori moderni in
gran parte paesaggi chiusi in cornici dorate cosparse di puntini
luminosi. Tappeti morbidi e spessi ricoprivano il pavimento,
decorato di scintillanti mosaici.
Al di l della hall, in fondo al mausoleo, sorgeva l'abside,
rischiarata da un'ampia vetrata a splendidi colori, che pareva
infiammarsi quando il sole, al tramonto, la sfiorava con i suoi raggi.
L'abside era provvista di tutto ci che costituisce il moderno mobilio.
Poltrone, sedie, sedie a dondolo e divani la ingombravano in un
armonioso disordine. Sopra una tavola giacevano alla rinfusa
opuscoli e libri, giornali e riviste nazionali ed esteri. Una credenza
ben fornita di vasellame presentava, da dietro i vetri, diverse variet
di vivande sempre pronte a essere servite che venivano rinnovate
ogni giorno: deliziose conserve, appetitosi sandwiches, paste secche,
bottiglie di vini pregiati e ampolle di liquori di marche famose.
Bisogna ammettere che era un luogo ideale per la lettura, il pranzo o
la siesta!
In mezzo al salone, rischiarata dalla luce che filtrava attraverso i
vetri della cupola, si ergeva la tomba di marmo bianco, ornata di
belle sculture, i cui angoli riproducevano figure di animali araldici.
Quella tomba, circondata da un cerchio di lampadine accese,- era
aperta e la pietra che doveva richiuderla era stata rialzata. In essa
sarebbe stata deposta la bara in cui riposava, sulla imbottitura di raso
bianco, il corpo di William J . Hypperbone.
Un mausoleo del genere non poteva certamente ispirare idee
funebri. Evocava pi gioia che tristezza. Nell'aria pura che vi si
respirava non si percepiva il battito d'ali della morte, che di solito si
avverte presso le tombe nei cimiteri. Quel monumento non era quindi
degno dello stravagante americano, che aveva voluto quei funerali
tutt'altro che tristi e dinanzi al quale avrebbe avuto termine la
cerimonia, tra i canti di allegria e gli evviva della folla?
William J . Hypperbone aveva l'abitudine di trascorrere, ogni
marted e venerd, alcune ore all'interno del suo mausoleo; qualche
volta con alcuni suoi colleghi. Quello era, insomma, un luogo di
conversazione tranquillo e pieno di comodit. Sdraiati sui divani
dell'abside o seduti intorno alla tavola, gli illustri personaggi
leggevano o parlavano di politica, dell'andamento della Borsa e dei
prezzi delle merci, del progredire dell'jingosme, cio dello
sciovinismo, delle varie classi sociali, dei vantaggi e degli svantaggi
del bill Mac Kinley, di cui la gente seria si preoccupava
continuamente. E mentre chiacchieravano, i domestici servivano loro
il lunch
3
Trascorso piacevolmente il pomeriggio, le carrozze
risalivano poi la Grove Avenue e riconducevano alle loro case i
membri dellExcentric Club.
A nessuno era consentito, tranne che al proprietario, di penetrare
nella villetta di Oakswoods, com'egli la chiamava. Soltanto il
guardiano del cimitero, che aveva l'incarico di tenerla in ordine, ne
possedeva una seconda chiave.
Se, per quanto riguardava la vita pubblica, Hypperbone non si era
mai posto in evidenza, nella vita privata che si svolgeva tra il
circolo di Mohawk Street e il mausoleo di Oakswoods aveva per
manifestato bizzarrie che permettevano di collocarlo tra gli
stravaganti del suo tempo.
Per aggiungere il massimo della stravaganza, ci sarebbe voluto
solo che il defunto non fosse realmente morto. Ma i suoi eredi,
chiunque essi fossero, non avevano nulla da temere a questo
riguardo. Il suo non era certamente un caso di morte apparente.
Del resto, a quel tempo, si adoperavano gi i raggi ultra X del
professore prussiano Friedrich, di Elbing, noti con il nome di
Kritiskshalhen. Quei raggi possiedono una forza di penetrazione cos
intensa da attraversare il corpo umano, ed hanno la propriet
singolare di produrre immagini fotografiche differenti, a seconda che
il corpo attraversato sia vivo o morto.
L'esperimento era stato fatto sul corpo di Hypperbone e le
immagini ottenute non avevano lasciato alcun dubbio nell'animo dei
medici. La defuntuosit questo fu il termine che essi
adoperarono nel loro rapporto era certa ed essi non temevano di
doversi rimproverare l'errore di una frettolosa inumazione.
Erano le cinque e quarantacinque quando il carro varc la porta di
Oakswoods. Il mausoleo sorgeva nella parte centrale del cimitero,
all'estremit della laguna. Con immutato ordine, il corteo vi si
diresse, sotto l'ombra dei grandi alberi, seguito dalla folla irrequieta
che gli agenti di polizia stentavano a trattenere.

3
Seconda colazione (termine inglese). (N.d.R.)
Il carro si ferm dinanzi al cancello, i cui candelabri lanciavano la
luce abbagliante delle loro lampade ad arco tra le prime ombre della
sera.
Poich solo un centinaio di persone avrebbe potuto trovar posto
all'interno del mausoleo, se il programma delle esequie avesse
comportato altre manifestazioni, queste avrebbero dovuto svolgersi
all'aperto.
Le cose si svolsero proprio cos. Appena il carro si fu fermato, le
file si restrinsero, pur rispettando il passaggio delle sei persone che
reggevano le ghirlande, e che dovevano accompagnare la bara fino
alla tomba.
Un brusio indistinto si levava da quella folla, avida di vedere e di
ascoltare, ma a poco a poco esso venne scemando e ognuno rimase
fermo al suo posto; poi anche gli ultimi mormorii si spensero e il
silenzio regn intorno al cancello.
Soltanto allora il reverendo Bingham, che aveva seguito il defunto
sino all'ultima dimora, pronunci le parole suggerite dalla liturgia.
Gli astanti le ascoltarono con raccoglimento e fu unicamente in quel
momento che le esequie assunsero carattere religioso.
Le parole, pronunciate con voce risonante, giunsero fino ai pi
lontani. Ad esse segu l'esecuzione della celebre marcia funebre di
Chopin, sempre di impressionante efficacia in cerimonie del genere.
Forse la banda la esegu con un ritmo pi vivace di quello indicato
dal compositore, tuttavia quel ritmo era pi consono ai desideri del
defunto e alla disposizione d'animo dell'uditorio. Si era ben lontani
dai sentimenti ai quali si ispir Parigi ai funerali di un fondatore della
repubblica, quando la Marsigliese, che ha un ritmo cos travolgente,
fu sonata in tono minore.
Dopo la marcia di Chopin pezzo forte del programma il
presidente Higginbotham, che era legato al defunto da intima
amicizia, and a mettersi dinanzi al carro e con una brillante orazione
tracci in termini apologetici il curriculum vitae dell'amico.
A venticinque anni, gi in possesso di una certa ricchezza,
William J . Hypperbone seppe farla fruttare con fortunati acquisti di
terreni, ogni metro quadrato dei quali oggi vale tanto oro quanto ne
occorre per ricoprirlo. Conquist cos il suo posto tra i milionari della
citt, e cio tra i pi importanti cittadini degli Stati Uniti. Fu un
accorto azionista di potenti compagnie ferroviarie della Federazione;
prudente speculatore immerso negli affari che fruttano grossi
interessi; cittadino generoso sempre pronto a sottoscrivere i prestiti
del suo paese, se il suo paese ne avesse avuto bisogno, cosa che non
successe mai; distinto membro del Club degli Stravaganti che ora
l'aveva perduto, quel membro su cui esso contava per divenire
famoso; l'uomo che se fosse riuscito a superare la cinquantina
avrebbe sbalordito l'universo
Vi sono geni, del resto, che si rivelano solo quando non sono pi!
Dal modo in cui si erano svolti i suoi funerali, con il concorso
dell'intera popolazione, bisognava ritenere che le ultime volont di
William J . Hypperbone avrebbero forse imposto ai suoi eredi
condizioni insolite. Non c'era dubbio, quindi, che il suo testamento
contenesse clausole tali da suscitare l'ammirazione delle due
Americhe, che valgono da sole le altre quattro parti del mondo!
Il discorso di Georges B. Higginbotham aveva suscitato una
commozione generale. Era come se Hypperbone dovesse apparire da
un momento all'altro dinanzi alla folla agitando, con una mano, il
testamento che avrebbe immortalato il suo nome e versando, con
l'altra, sul capo dei Sei, i suoi milioni!
Al discorso dell'amico pi intimo, la folla rispose con un
mormorio di approvazione che a poco a poco raggiunse le ultime file
di coloro che sostavano nel recinto di Oakswoods. Chi era riuscito a
sentire comunic le proprie impressioni a coloro che non avevano
potuto e che, tuttavia, furono egualmente commossi.
Le voci del coro e gli strumenti della banda si unirono poi
insieme, levando alto il grandioso alleluia de Il Messia di Handel.
La cerimonia volgeva ora al termine; i numeri previsti dal
programma erano stati eseguiti e tuttavia sembrava che il pubblico
fosse ancora in attesa di qualcosa di straordinario, forse di
soprannaturale. Proprio cos, ed era tale la sovreccitazione degli
animi che nessuno si sarebbe sorpreso se fosse sopraggiunto un
improvviso mutamento delle leggi naturali, e cio se, per esempio,
una figura allegorica fosse apparsa in cielo, come un tempo la croce
dell' In hoc signo vinces, apparsa a Costantino, o se il sole non fosse
tramontato, come era avvenuto al tempo di Giosu, concedendo
ancora un'ora di luce in onore di quella grande manifestazione: un
miracolo, insomma, di cui neppure i liberi pensatori pi accaniti
potessero negare l'autenticit.
Ma le leggi immutabili della natura non furono scosse e l'universo
non fu turbato da fenomeni di ordine superiore.
Era venuto il momento di portare la bara all'interno del mausoleo
e di deporla nella tomba. Otto domestici del defunto, in livrea di gala,
sbarazzarono la cassa dei drappi che la ricoprivano, se la posero in
spalla e si mossero verso il cancello.
I Sei seguirono nell'ordine che avevano tenuto sin dalla
partenza da La Salle Street. Quelli di destra, con la mano sinistra e
quelli di sinistra, con la mano destra, tennero le maniglie d'argento
della bara, secondo le istruzioni ricevute dal cerimoniere.
I membri dellExcentric Club e le autorit civili e militari
venivano dietro di loro; poi il cancello fu chiuso alle loro spalle, ed
essi si disposero tra l'anticamera, la hall e l'abside del mausoleo, che
a stento riuscirono a contenerli tutti.
Gli altri invitati rimasero fuori, insieme con la folla accorsa da
ogni parte; molti furono quelli che si arrampicarono sui rami degli
alberi che circondavano il mausoleo.
Le trombe della milizia squillarono a un tratto a perdifiato:
sembrava di essere nella valle di Giosafat, all'inizio delle grandi
assise del Giudizio Universale.
In quell'istante furono posti in libert un grandissimo numero di
uccelli ornati di nastrini multicolori, i quali si sparsero intorno alla
superficie dello stagno, sopra i rami degli alberi, con gioiosi trilli, e
parve che l'anima del defunto si librasse con loro nell'immensit del
cielo.
Superati i gradini, la bara varc il primo portone, poi il secondo, e
si ferm a qualche passo dalla tomba, nella quale venne introdotta da
coloro che la trasportavano.
La voce del reverendo Bingham si fece allora udire nuovamente,
per chiedere a Dio di spalancare le porte del cielo al defunto William
J . Hypperbone e di concedergli eterna ospitalit.
Onore all'illustre Hypperbone! disse con voce alta e chiara
il cerimoniere.
Onore! onore! onore! ripeterono tre volte tutti i presenti.
E dopo di loro, fuori del mausoleo, migliaia di bocche lanciarono
quell'ultimo addio nello spazio.
I Sei fecero poi il giro della tomba in processione, ricevettero il
saluto di Georges B. Higginbotham a nome dei soci dellExcentric
Club e si disposero a lasciare la hall.
Ormai rimaneva solo da lasciar ricadere la pesante lastra di
marmo, ove sarebbero stati incisi nomi e titoli del defunto.
Mastro Tornbrock fece qualche passo avanti e dopo aver tratto di
tasca la nota concernente i funerali ne lesse le ultime righe:
mia volont che la mia tomba rimanga aperta ancora per dodici
giorni; che le sei persone che hanno seguito i miei funerali vengano a
deporre, la mattina del dodicesimo giorno, il loro biglietto da visita
sulla mia bara. La pietra sepolcrale sar poi messa al suo posto e
mastro Tornbrock andr il giorno stesso, a mezzogiorno preciso,
nella sala dell'Auditorium, per dar lettura del mio testamento, gi
depositato in sue mani.
William J . Hypperbone.

Il defunto era senza dubbio uno spirito originale: ma quella
originalit postuma sarebbe stata l'ultima? Nessuno avrebbe potuto
dirlo.
Gli astanti uscirono e il guardiano del cimitero, dopo aver chiuso
le porte del mausoleo, chiuse anche il cancello.
Erano quasi le otto. Il tempo era sempre stato bello. Pareva anzi
che col calare delle prime ombre della sera, il cielo fosse divenuto
ancora pi sereno. Innumerevoli stelle scintillavano nel firmamento,
aggiungendo la loro tenue luce a quella delle lampade che brillavano
intorno al mausoleo.
La folla si allontan lentamente, attraverso le varie uscite del
cimitero: al termine di quella faticosa giornata, non desiderava altro
che un po' di riposo. Un affrettato rumore di passi turb ancora per
poco le vie circostanti, finch la pace non torn nuovamente a
regnare nel lontano quartiere di Oakswoods.

CAPITOLO IV
I SEI
IL GIORNO seguente Chicago era dedita alle sue molteplici
occupazioni. Ogni quartiere aveva riassunto l'aspetto di tutti i giorni,
e se la gente non sfilava, come il giorno precedente, lungo viali e
boulevards, dietro un carro funebre, non per questo si interessava
meno alle sorprese che senza dubbio riservava il testamento di
William J . Hypperbone. Quali clausole conteneva e quali impegni
pi o meno bizzarri avrebbe imposto ai Sei?? In qual modo
sarebbero essi venuti in possesso della sua eredit, sempre che tutto
ci non si fosse risolto in un inganno postumo, degno di un socio
dellExcentric Club? Ma nessuno voleva ammetterne l'eventualit:
nessuno voleva credere che miss Wag e i signori Urrican, Kymbale,
Titbury, Crabbe e Ral potessero ricavare da quella faccenda soltanto
delusione e ridicolo.
Ci sarebbe stato certamente un mezzo assai semplice per
soddisfare la pubblica curiosit, da una parte, e per eliminare negli
interessati, dall'altra, l'incertezza che minacciava di toglier loro il
sonno e l'appetito: aprire il testamento e prenderne conoscenza. Ma
era stato proibito espressamente di far ci prima del 15 del mese, e
mastro Tornbrock non avrebbe mai acconsentito a infrangere le
condizioni imposte dal testatore. Il 15 aprile, nella sala del teatro
dell'Auditorium, alla presenza di tutta la gente che esso poteva
contenere, sarebbe stata data lettura del testamento di William J .
Hypperbone: il 15 aprile, a mezzogiorno preciso, non un giorno
prima, n un minuto dopo. Bisognava dunque rassegnarsi, il che non
faceva che accrescere il lavorio dei cervelli dei cittadini di Chicago, a
mano a mano che la data si avvicinava. I duemiladuecento quotidiani
e le altre quindicimila pubblicazioni settimanali, mensili e bimestrali
degli Stati Uniti mantenevano viva, del resto, l'animazione e la
curiosit. E se non potevano, neppure con le loro supposizioni,
penetrare i segreti del defunto, si ripromettevano se non altro di
assoggettare i Sei alle torture delle interviste e di far conoscere al
pubblico, per prima cosa, la loro condizione sociale.
Se si aggiunge che i fotografi non erano da meno dei giornalisti e
che ritratti di formato grande e piccolo, in piedi e a mezzo busto, non
tardarono ad essere posti in circolazione a centinaia di migliaia, si
capir perch i Sei fossero destinati a prender posto tra i
personaggi pi in vista degli Stati Uniti d'America.
I cronisti del Chicago Mail che si presentarono in casa di
Hodge Urrican, al numero 73 di Randolph Street, furono accolti
malamente.
Che volete da me? fu loro risposto con stizza. Non so
nulla! Non ho nulla da dirvi! Sono stato invitato a seguire il corteo e
l'ho seguito! Altri cinque erano, come me, accanto al carro; altri
cinque che non ho mai visto n conosciuto! E se la cosa finisse male
per qualcuno di loro, non mi stupirebbe affatto. Ero l come una
chiatta trascinata dal rimorchiatore, furioso di non poter neppure
sfogare liberamente la mia rabbia! Ah, quellHypperbone! Dio
accolga la sua anima e, soprattutto, la protegga! Se mi ha giocato
un tiro birbone e se mi obbligher ad ammainare bandiera dinanzi a
quei cinque intrusi, stia attento, perch, morto e seppellito com',
dovessi ben attendere fino al giorno del Giudizio Universale,
saprei
Ma gli fece rilevare un cronista, chino sotto quella raffica di
parole nulla vi autorizza a credere, signor Urrican, che potreste
essere vittima di un inganno e che rimpiangerete di essere stato un
eletto della sorte. E anche se la vostra parte di eredit dovesse essere
solo di un sesto
Un sesto! Un sesto! lo rimbecc con voce tonante il focoso
Urrican. Sono forse certo di riceverlo integralmente?
Calmatevi, per favore.
Non voglio calmarmi. La calma non nel mio temperamento!
Sono abituato alle tempeste e mi sono sempre mostrato pi
burrascoso di esse.
Qui non c'entrano le tempeste fece osservare il cronista;
l'orizzonte sereno.
quello che vedremo! esclam l'irascibile americano. E
se parlerete al pubblico di me, fate attenzione a ci che direte se
non volete aver da fare col commodoro Urrican!
Hodge Urrican era infatti commodoro, ufficiale della marina degli
Stati Uniti a riposo da sei mesi, della qual cosa era inconsolabile:
ottimo uomo di mare, aveva saputo fare sempre il suo dovere dinanzi
al fuoco del nemico e a quello del cielo. Nonostante i suoi
cinquantadue anni, nulla aveva perduto della sua naturale irritabilit.
Immaginate un uomo robusto, di alta statura, con spalle possenti,
testa grossa, occhi roteanti sotto folte sopracciglia, fronte un po'
bassa, capelli corti, mento quadrato ingentilito da un pizzetto che
egli tormenta continuamente con mano nervosa, braccia
solidamente piantate, gambe regolarmente arcuate che imprimono al
busto il rullio particolare, proprio degli uomini di mare. Di
temperamento collerico, sempre pronto a mordere il freno, incapace
di dominarsi, sgradevole come non potrebbe esserlo di pi un essere
umano nella vita pubblica e privata, a quanto si sapeva, non aveva
amici. Sarebbe stata una sorpresa per tutti se un tipo del genere fosse
stato sposato: ma non lo era. Che fortuna per sua moglie! dicevano
spesso i burloni maligni. Urrican faceva parte insomma di quella
categoria di persone irruenti che l'ira fa impallidire, che hanno il
corpo teso in avanti, come pronto ad assalire, le pupille ardenti
perpetuamente contratte e una voce in cui non manca mai una nota di
asprezza, quando sono tranquille, e che addirittura un ruggito
quando non lo sono.
Quando i cronisti del Chicago Globe vennero a bussare al
numero 3997 di South Halsted Street come si vede, la via
piuttosto lunga, un negretto di diciassette anni, al servizio di Max
Ral, venne ad aprire.
Dov' il tuo padrone? gli chiesero.
Non lo so.
Quando uscito?
Non lo so.
Quando torner?
Non lo so.
Tommy non lo sapeva veramente; Max Ral era infatti uscito di
buon mattino, senza dirgli nulla. Aveva visto che il ragazzo dormiva
come un bambino e gli era rincresciuto svegliarlo a un'ora cos
insolita.
Ma se Tommy non era in grado di rispondere alle domande dei
cronisti, non per questo il Chicago Globe sarebbe rimasto privo di
informazioni sul conto di Max Ral. Niente affatto! Quell'uno dei
Sei era gi stato oggetto di interviste molto diffuse negli Stati
Uniti.
Era un giovane pittore di talento, le cui tele paesaggi, in genere
cominciavano a vendersi piuttosto care in America. L'avvenire,
insomma, gli prometteva non poco nel campo dell'arte. Era nato a
Chicago, ma il suo nome ne indicava l'origine francese: discendeva
infatti da una famiglia canadse di Quebec, ove la signora Ral,
vedova da alcuni anni, ancora abitava, pur preparandosi ad andare a
stare con il figlio, nella metropoli dell'Illinois.
Max Ral adorava la madre, che lo ricambiava dello stesso affetto.
A una buona madre corrispondeva perci un buon figlio, il quale non
aveva voluto tardare un solo giorno ad informarla che era stato scelto
dalla sorte per occupare un posto particolare nelle esequie di William
J . Hypperbone. Egli le diceva inoltre che non aveva perduto affatto la
testa al pensiero delle eventuali disposizioni testamentarie del
defunto e che tutto ci gli sembrava buffo, ecco tutto!
Max Ral aveva appena compiuto venticinque anni e possedeva
grazia, distinzione ed eleganza francese. Era pi alto della media,
aveva capelli e barba castani e occhi di un azzurro scuro. Capo
eretto, con un contegno privo di alterigia, bocca sorridente e passo
deciso erano indizi di quella soddisfazione interiore da cui nasce,
gioiosa e inalterabile, la fiducia. Egli possedeva quella grande
energia vitale che si traduce, negli atti dell'esistenza, in coraggio e
generosit.
Dopo essersi fatto conoscere come pittore di vero talento, aveva
deciso di lasciare il Canada per gli Stati Uniti e Quebec per Chicago.
Suo padre, ufficiale, morendo aveva lasciato uno sparuto patrimonio,
e se egli voleva ora far fortuna, era pi per sua madre che per se
stesso.
Insomma, anche se Max Ral non fu trovato in casa, non fu
necessario chiedere a Tommy informazioni sul suo conto. Il
Chicago Globe sapeva gi abbastanza sul giovane artista per
soddisfare la curiosit dei propri lettori. Se quel giorno Max Ral non
era a Chicago, vi si trovava per il giorno prima e senza dubbio vi
sarebbe tornato il 15 aprile per assistere alla lettura del famoso
testamento, nella sala dell'Auditorium, insieme con le altre cinque
persone sorteggiate.
Fu ben altra cosa quando i cronisti del Daily News Record si
presentarono al numero 213 di Milwaukee Avenue, a casa di Harris
T. Kymbale. Non sarebbe stato neppure necessario andarlo a cercare,
perch sarebbe venuto spontaneamente ad affidarsi ai suoi colleghi
della stampa.
Harris T. Kymbale, infatti, era giornalista: capocronista del
popolarissimo Tribune. Trentasette anni, altezza media, robusto,
aspetto simpatico, naso da furetto, occhietti penetranti, orecchie
delicate fatte per ascoltare ogni cosa, e bocca impaziente, pronta a
ripetere tutto. Era vivace come se avesse l'argento vivo addosso,
attivo, scaltro, irrequieto, loquace, tollerante, infaticabile, energico, e
anche grande organizzatore di bluffs, e cio di guasconate americane.
Aveva l'esatta percezione della sua forza e si teneva continuamente
nell'atteggiamento di chi pronto all'azione. Dotato di volont tenace
e sempre pronta a manifestarsi energicamente, aveva preferito restare
celibe, come si conviene a un uomo che si occupa quotidianamente
dell'altrui vita privata. Bravo compagno, infine, sicuro di s e molto
stimato dai colleghi, che non gli avrebbero mai invidiato la fortuna
che lo chiamava a essere uno dei Sei, sempre ammettendo che essi
dovessero spartirsi in seguito i beni terreni di William J .
Hypperbone.
Non fu perci necessario interrogare Harris T. Kymbale, perch
cominci egli stesso a dire subito:
Amici miei, sono proprio io, io in persona, che faccio parte del
gruppo dei Sei. Mi avete visto marciare, ieri, accanto al carro
funebre! Avete notato il mio contegno dignitoso ed educato e con
quanta cura cercavo di non lasciar trapelare la mia gioia, anche se in
vita mia non avevo mai assistito a funerali cos allegri! Se penso che
quel morto stravagante era l, accanto a me, nella sua bara Sapete
che cosa dicevo a me stesso? E se quel brav'uomo non fosse morto?
Se avesse cominciato a chiamare dal fondo della sua bara? Se fosse
riapparso nel pieno della sua vitalit? Ebbene spero che mi
crederete se ci fosse accaduto, se William J . Hypperbone si fosse
drizzato in piedi, novello Lazzaro risorto, io non avrei avuto il cattivo
gusto di avermene a male e di rimproverargli la sua intempestiva
risurrezione! Si ha sempre il diritto non credete? di risuscitare,
quando non si morti!
Furono quelle le parole dette da Harris T. Kymbale; ma sarebbe
stato meglio sentirle dire da lui.
Che cosa credete che accadr il 15 aprile? gli fu chiesto.
Mastro Tornbrock aprir il testamento a mezzogiorno preciso.
Siete certo che i Sei saranno dichiarati eredi del defunto?
Naturalmente! Perch William J . Hypperbone ci avrebbe allora
invitati ai suoi funerali?
Chiss!
Non ci mancherebbe altro! Credete che ci avrebbe disturbati
senza ricompensarci? Pensate: undici ore di corteo!
Ma il testamento potrebbe contenere disposizioni pi o meno
stravaganti
probabile; il morto era stravagante e mi aspetto che ne venga
fuori qualche bizzarria. Se ci che egli chieder cosa possibile, essa
sar fatta; se cosa impossibile, ebbene, essa si far, come dicono in
Francia In ogni caso, amici miei, siate certi che Harris T. Kymbale
sar irremovibile!
Per l'onore del giornalismo, egli non avrebbe indietreggiato, ne
fossero ben certi coloro che lo conoscevano e anche quelli che non lo
conoscevano, se per caso, a Chicago, ce ne fosse qualcuno. Quali che
fossero le condizioni imposte dal defunto, il capocronista del
Tribune le avrebbe accettate e adempiute sino in fondo! Sarebbe
partito anche se si fosse trattato di andare sulla luna; e non si sarebbe
fermato lungo il cammino, tranne se gli fosse venuto meno il respiro
per mancanza d'aria.
Quale contrasto tra quell'americano intraprendente e il suo
coerede per un sesto Hermann Titbury, abitante nel quartiere
commerciale che la lunga Robey Street attraversa da sud a nord!
Quando gli inviati del giornale Staats Zeitung sonarono alla sua
porta, al numero 77, non riuscirono a varcarne la soglia.
Il signor Titbury in casa? chiesero attraverso l'uscio
socchiuso.
S rispose una specie di gigantessa mal pettinata e mal
vestita, tipo dragone in gonnella.
Potrebbe riceverci?
Ve lo sapr dire appena lo avr chiesto alla signora Titbury.
C'era una signora Kate Titbury, effettivamente: cinquantanni, due
anni pi del marito. La risposta da lei data, fedelmente trasmessa
dalla domestica, fu la seguente:
Il signor Titbury non ritiene di ricevervi e si meraviglia che
qualcuno si permetta di disturbarlo.
Eppure si trattava soltanto di penetrare nel suo ufficio, non gi in
sala da pranzo; di chiedergli qualche informazione, non gi di
prendere posto alla sua mensa.
Ma la casa rimase chiusa e i cronisti dovettero tornare indietro con
le pive nel sacco.
Hermann Titbury e Kate Titbury costituivano la coppia pi avara
che si fosse mai unita per attraversare di conserva questa valle di
lacrime, delle quali del resto non avevano mai versato la minima
goccia, neppure per piet degli infelici. Erano due cuori aridi e
insensibili, creati per battere all'unisono. Il Cielo, per fortuna, non si
era degnato di benedire quell'unione e la loro stirpe si sarebbe estinta
con loro. Erano ricchi, ma il loro patrimonio non proveniva n dal
commercio n dall'industria. Entrambi la signora vi aveva lavorato
non meno del marito si erano dati agli affari equivoci dei piccoli
banchieri, ai prestiti su pegno, all'acquisto di crediti a prezzo
irrisorio, all'usura di infimo ordine, come linci che spoglino la gente
mantenendosi sempre nei limiti della legalit; di quella legalit, come
ha detto un grande romanziere francese, che sarebbe una bella cosa
per i furfanti se Dio non esistesse!
Se si risaliva la scala dei loro antenati si sarebbero incontrati, fin
dai primi gradini, avi di origine tedesca, il che giustificava il nome di
Hermann imposto all'ultimo rappresentante di quella trib teutonica.
Era grosso e tozzo e aveva la barba rossiccia, del colore dei
capelli della moglie. Una salute di ferro aveva loro consentito di non
spendere mai mezzo dollaro per medici e medicine. Dotati di
un'ottima digestione che soltanto i galantuomini meriterebbero,
vivevano di nulla e la loro domestica si adattava a quel regime. Da
quando si era ritirato dagli affari, il signor Titbury non aveva pi
intrattenuto rapporti con nessuno e si era lasciato guidare
completamente dalla signora Titbury, odioso padrone in gonnella che
andava a letto con tutte le chiavi di casa, secondo un'espressione
popolare.
I due abitavano una casa dalle finestre strette come le loro idee,
munite di inferriate come il loro cuore, e simile a una cassaforte con
segreto di apertura. La loro porta, del resto, non si apriva per
nessuno: n per un estraneo, n per un parente poich non avevano
parenti, n per amici, che non avevano mai avuto. Quella volta essa
rimase ostinatamente chiusa dinanzi agli indispettiti cercatori di
notizie.
Ma anche senza intervistarli direttamente, era facilissimo
comprendere quale fosse lo stato d'animo dei coniugi Titbury, dal
giorno in cui avevano fatto parte del gruppo dei Sei. Quale
emozione, quando Hermann Titbury aveva letto il suo nome nel
famoso numero dell'1 aprile del Tribune! C'era forse qualcun altro
a Chicago che portava il suo nome? No, almeno al numero 77 di
Robey Street. Quanto ad ammettere che correva il rischio di essere lo
zimbello di un imbroglione, ohib! Hermann Titbury si vedeva gi in
possesso di un sesto dell'enorme patrimonio del defunto, e il suo pi
grande rammarico, o meglio la sua stizza, derivava dal fatto di non
essere stato l'unico designato dalla sorte. Pi che invidia, egli nutriva
odio per i suoi cinque coeredi, d'accordo, su questo punto, con il
commodoro Urrican. Ci che i coniugi Titbury pensavano degli
intrusi meglio lasciarlo immaginare al lettore.
La sorte aveva certamente commesso, come al solito, un errore
grossolano nello scegliere un personaggio cos poco simpatico e per
niente interessante per destinarlo a intascare parte dell'eredit di
William J . Hypperbone, sempre che ci fosse nelle intenzioni di
quello spirito bizzarro.
Il giorno successivo a quello dei funerali, i coniugi Titbury
avevano lasciato la loro abitazione sin dalle cinque del mattino e si
erano recati al cimitero di Oakswoods. Avevano fatto alzare il
custode e con voce in cui trapelava la massima inquietudine gli
avevano chiesto:
Nulla di nuovo questa notte?
Nulla di nuovo aveva risposto il guardiano.
Cos proprio morto?
Pi morto di cos non si potrebbe esserlo, state tranquilli!
rispose il brav'uomo, aspettando invano la mancia per la sua risposta
rassicurante.
Si poteva stare tranquilli, dunque: il defunto non si era destato
dall'eterno sonno e nulla aveva turbato il riposo dei tetri ospiti del
cimitero di Oakswoods.
I Titbury tornarono a casa, ma nel pomeriggio, alla sera e il giorno
seguente rifecero il lungo cammino per assicurarsi che William J .
Hypperbone non fosse ritornato in questo nostro mondo sublunare.
Ma non parliamo pi di questa coppia destinata a recitare la sua
parte in questa storia bizzarra e alla quale neppure i vicini di casa
rivolsero i propri complimenti per la sua buona fortuna.
Quando i due cronisti del Freie Presse giunsero nel popoloso
quartiere industriale di Calumet Street, non lontano dal lago
omonimo, che si trova nella parte meridionale della citt, si
informarono dove si trovasse l'abitazione di Tom Crabbe.
La casa di Tom Crabbe, o meglio quella del suo allenatore, era al
numero 7. Era infatti J ohn Milner che assisteva Crabbe in quelle
memorabili lotte, da cui molto spesso i gentiluomini escono con gli
occhi pesti, la mascella fratturata, qualche costola rotta e qualche
dente di meno in bocca, in onore di un campionato pugilistico
nazionale.
Tom Crabbe era pugile professionista, per il momento campione
del Nuovo Mondo, avendo vinto il famoso Fitzsimons, che a sua
volta aveva vinto quell'anno il non meno famoso Corbett.
I cronisti entrarono senza difficolt in casa di J ohn Milner, dal
quale furono ricevuti al piano terreno. L'allenatore era un uomo di
media statura, incredibilmente magro, con la pelle attaccata alle ossa
ma tutto muscoli e nervi, con sguardo penetrante, denti aguzzi, viso
glabro, agilit di camoscio e sveltezza di scimmia.
Tom Crabbe? gli chiesero.
Sta finendo di far colazione rispose Milner con voce aspra.
possibile vederlo?
Per quale motivo?
Per parlare di lui nel nostro giornale, a proposito del
testamento di William J . Hypperbone.
Tom Crabbe sempre visibile, quando si tratta di parlare di lui.
I cronisti furono introdotti nella sala da pranzo, ove si trovarono in
presenza della persona che cercavano. Tom Crabbe era in procinto di
ingoiare la sesta fetta di prosciutto affumicato, il sesto pezzo di pane
imburrato, la sesta pinta di half and half,
4
in attesa del t in
infusione nel grosso bollitore -e i sei bicchierini di whisky che
solitamente mettevano fine al suo primo pasto, cio quello che egli
faceva alle sette e mezzo e che nel corso della giornata sarebbe stato
seguito da altri cinque. Da ci si arguisce quale parte importante
recitasse il numero sei nella vita del famoso pugile, e forse si doveva
al suo misterioso potere se egli era stato scelto dalla sorte per far
parte del gruppo di eredi di William J . Hypperbone.
Tom Crabbe era un colosso; superava i due metri di altezza e
misurava novanta centimetri da una spalla all'altra. Testa grossa,
capelli ispidi e neri, quasi rasati, grandi e stupidi occhi da bue sotto
folte sopracciglia, fronte bassa e sfuggente, orecchie scollate,
mascelle accentuate, folti baffi tagliati alla commessura delle labbra,
tutti i denti giacch i formidabili pugni ricevuti non gliene avevano
rotto mai uno, busto simile a un barile di birra, braccia che
sembravano stanghe, gambe come pilastri fatti per sorreggere quella
imponente architettura umana.
Ma esatto il termine umana? Non sarebbe forse meglio dire
animalesca? In quell'essere gigantesco, infatti, non c'era che
animalit. I suoi organi lavoravano come quelli di una macchina,

4
Termine inglese che indica una miscela di birra chiara e scura. (N.d.R.)
quando erano in movimento: una macchina affidata al meccanico
J ohn Milner. Tom Crabbe era celebre nelle due Americhe ma non
sospettava nemmeno la sua celebrit. Mangiare, bere, fare a pugni,
dormire: la sua vita si limitava a questi gesti, non aveva alcun
dispendio intellettuale. Si rendeva conto di ci che la fortuna aveva
fatto per lui, inserendolo nel gruppo dei Sei? Sapeva per quale
motivo il giorno precedente aveva marciato con passo pesante, tra gli
applausi della folla, accanto al carro funebre? Ne aveva appena una
vaga idea. Il suo allenatore, invece, lo sapeva benissimo e tutti i
diritti che quel colpo di fortuna riservava a Tom Crabbe, egli avrebbe
saputo farli valere a proprio vantaggio.
Fu quest'ultimo perci a rispondere all'intervista dei cronisti su ci
che riguardava Tom Crabbe e forn loro tutti quei particolari che
potevano interessare i lettori del Freie Presse: il suo peso,
duecentoquarantuno chili prima dei pasti, duecentoquarantaquattro e
mezzo dopo; l'altezza, due metri e cinque centimetri, come abbiamo
gi detto; la forza, misurata col dinamometro, settantacinque
chilogrammetri, pari, cio, a quella di un cavallo-vapore;
la potenza massima di contrazione alle mascelle, centosei chili;
l'et, cent'anni, sei mesi e diciassette giorni; paternit e maternit, il
padre, packer, cio macellaio ai mattatoi della ditta Armour, e la
madre lottatrice del circo ambulante Swansea.
Ce n'era abbastanza per scrivere un articolo di cento righe su Tom
Crabbe.
Lui non parla molto fece rilevare un giornalista.
Parla il meno possibile rispose J ohn Milner. Perch
sciupare la lingua?
Forse non pensa pi di quanto non parli
A che gli servirebbe pensare?
A nulla, signor Milner.
Tom Crabbe non che un pugno aggiunse l'allenatore,
un pugno chiuso, pronto all'attacco come alla difesa!
Quando i cronisti del Freie Presse furono usciti, uno di loro
disse:
un bruto!
E che bruto! rispose l'altro. E, naturalmente, non si
riferivano a J ohn Milner. Superato il boulevard Humboldt e
raggiunta la parte nord-ovest della citt, si penetra nel ventisettesimo
quartiere. Qui il movimento meno intenso e la gente meno
affaccendata. Il visitatore potrebbe credere di essere in una cittadina
di provincia, bench questa espressione non abbia alcun significato
negli Stati Uniti. Oltrepassata Wabansia Avenue, ci si trova nella
parte inferiore di Sheridan Street, dove, al numero 19, si nota una
casa di aspetto modesto, di diciassette piani, abitata da un centinaio
di inquilini. Al nono piano di quella casa, Lissy Wag occupava un
appartamentino di due stanze, al quale ella faceva ritorno solo dopo
aver trascorso la giornata come vicecassiera nei negozi di moda di
Marshall Field.
Lissy Wag apparteneva a una buona ma poco agiata famiglia,
della quale era ormai l'unica rappresentante. Ben educata e istruita,
come la maggior parte delle ragazze americane, dopo vari rovesci di
fortuna e la scomparsa prematura dei genitori, aveva dovuto mettersi
a lavorare per vivere. In realt, il signor Wag aveva perduto tutto ci
che possedeva in uno sfortunato affare di assicurazioni marittime, e
la liquidazione ottenuta per tutelare gli interessi della figlia non
aveva reso quasi nulla.
Dotata di temperamento energico, grande giudizio, intelligenza
acuta, equilibrio e padronanza di s, ella riusc a non perdersi
d'animo. Alcuni amici di famiglia la raccomandarono al capo della
ditta Marshall Field, nella quale ora, dopo quindici mesi, aveva
raggiunto una buona posizione.
Era una bella ragazza di ventun anni, statura media, capelli biondi,
occhi azzurri. Aveva un bel colorito segno di buona salute, un
portamento elegante e l'espressione del viso un po' seria, a volte
animata da un sorriso che scopriva lo splendore dei bellissimi denti.
Gentile, affabile, servizievole e cortese, ella si era conquistata
l'amicizia di tutte le sue compagne di lavoro.
Lissy Wag, i cui gusti erano molto semplici e modesti, e che non
aveva ambizioni e non si abbandonava a quei sogni in cui tante
ragazze si smarriscono, fu certamente, e di gran lunga, la meno
emozionata dei Sei, quando apprese che la sorte l'aveva chiamata a
far parte del corteo funebre. In un primo momento si era proposta di
rifiutare. Quella specie di esibizione non le andava a genio. Provava
ripugnanza al pensiero che il suo nome e la sua persona fossero
esposti alla pubblica curiosit. Dovette vincere la sua ritrosia pi
che comprensibile, del resto per occupare il suo posto accanto al
carro funebre, con il cuore grosso e il rossore sulla fronte.
Bisogna dire, per, che la sua amica pi intima, J ovita Foley,
aveva fatto il possibile per vincere la sua riluttanza. J ovita,
venticinque anni, n brutta n bella ed ella lo sapeva, era sempre
allegra, sorridente, vivace. Aveva un visino scoppiettante di malizia e
di spirito ed era arguta e sciolta di maniere. L'amica pi affezionata
di Lissy Wag era, insomma, di ottima indole.
Le due ragazze abitavano insieme e insieme rincasavano, a sera,
dopo aver trascorso la giornata nei negozi di Marshall Field, ove
J ovita Foley era capocommessa. Di rado si vedeva una delle due
senza l'altra.
Ma se Lissy Wag aveva finito, in quella circostanza, col cedere
alle pressanti sollecitazioni dell'amica, si rifiut per di ricevere i
cronisti del Chicago Herald che si presentarono, la sera stessa, al
numero 19 di Sheridan Street. Invano J ovita sollecit la compagna a
non mostrarsi schiva con i giornalisti: Lissy non volle essere
intervistata. Dopo i cronisti sarebbero venuti i fotografi, che
avrebbero puntato su di lei il loro obiettivo indiscreto, e dopo i
fotografi i curiosi di vario genere No, meglio chiudere l'uscio a
tutti gli importuni. Checch ne pensasse J ovita, le pareva la cosa pi
saggia da fare. Il Chicago Herald non pot perci offrire ai lettori
un articolo di grande richiamo.
Non hai voluto riceverli disse J ovita, quando i giornalisti,
delusi, se ne furono andati, ma non potrai sottrarti alla pubblica
curiosit! Oh, se fossi stata al tuo posto! Ti avverto, per, che sapr
ben costringerti ad adempiere alle condizioni che saranno imposte
dal testamento! Pensa, mia cara, alla parte che ti spetter di questa
enorme eredit!
All'eredit non ci credo, J ovita rispose Lissy. Forse si
tratta del capriccio di un imbroglione e in tal caso avr pochi
rimpianti.
Ecco la mia Lissy! esclam J ovita, traendola vicino a s
pochi rimpianti, quando si tratta di un patrimonio enorme!
Non siamo forse felici?
S, ma se io fossi al tuo posto ripeteva l'ambiziosa
fanciulla.
Ebbene, se tu fossi al mio posto?
Per prima cosa, farei a met con te, Lissy.
Come far io, non dubitarne! rispose Lissy, ridendo delle
eventuali promesse dell'amica entusiasta.
Oh, come vorrei che fosse gi il 15 aprile! esclam J ovita
e come mi sembrer lungo il tempo! Conter le ore i minuti
Risparmiami i secondi disse Lissy. Ve ne sarebbero
troppi!
Come puoi scherzare, quando si tratta di un affare cos serio,
una faccenda che dovr fruttarci milioni di dollari?
O forse milioni di seccature e di preoccupazioni, come quelle
che ho avuto quest'oggi! dichiar Lissy.
Sei troppo difficile, Lissy!
Credimi, J ovita, mi chiedo con inquietudine come andr a
finire questa storia
Finir con la fine esclam J ovita, come tutte le cose di
questo mondo!
Era quella la sestina di coeredi non c'era dubbio, infatti, che
essi fossero destinati a dividersi l'enorme patrimonio che William
J . Hypperbone aveva invitato ai propri funerali: fortunati mortali che
dovevano soltanto pazientare ancora una quindicina di giorni.
Le due lunghe settimane passarono e giunse finalmente il 15
aprile.
Quella mattina, uniformandosi alle condizioni imposte dal
testamento, Lissy Wag, Max Ral, Tom Crabbe, Hermann Titbury,
Harris T. Kymbale e Hodge Urrican vennero a deporre il loro
biglietto da visita sulla tomba di William J . Hypperbone, alla
presenza del signor Georges B. Higginbotham e del notaio
Tornbrock. La pietra sepolcrale fu poi calata sulla bara. Lo
stravagante defunto non aspettava pi altre visite.
CAPITOLO V
IL TESTAMENTO
ALL'ALBA del 15 aprile il diciannovesimo quartiere della citt fu
invaso dalla folla. A dire il vero, l'animazione del pubblico non
sembrava inferiore a quella del giorno in cui l'interminabile corteo
aveva condotto William J . Hypperbone all'ultima dimora.
I milletrecento treni quotidiani di Chicago avevano trasportato, fin
dal giorno prima, migliaia di persone nella citt. Il tempo prometteva
di essere bellissimo. La brezza mattutina aveva sgombrato il cielo dei
vapori notturni e il sole si dondolava sull'orizzonte lontano, ove il
lago Michigan appariva appena mosso dalla lieve risacca che
accarezzava il litorale.
La folla giungeva, rumorosa, da Michigan Avenue e da Congress
Street, diretta verso un enorme edificio, a un angolo del quale si
elevava una massiccia torre quadrata, alta centotr metri.
L'elenco degli alberghi della citt lungo. Il viaggiatore ha solo
l'imbarazzo della scelta. Qualsiasi taxi lo conduce dove vuole, a
venticinque centesimi il miglio; non c' pericolo che egli non trovi
posto. Gli verr assegnata una camera all'europea, per due o tre
dollari al giorno, o all'americana per quattro o cinque dollari.
Tra i principali alberghi si annoverano il Palmer-House di State
and Monroe Street, il Continental di Wabash Avenue and Monroe
Street, il Commercial e il Fremont-House di Dearborn and Lake
Street, l'Alhambra di Archer Avenue, l'Atlantic, il Wellington, il
Saratoga e venti altri. Ma il pi rinomato di tutti per importanza,
comodit, servizio, movimento, anche se c' possibilit di alloggiarvi
all'americana o all'europea, l'Auditorium: ampio caravanserraglio, i
cui dieci piani si sovrappongono l'uno all'altro, all'angolo tra
Congress Street e Michigan Avenue, di fronte a Lake Park.
Questo immenso edificio non soltanto pu ospitare migliaia di
viaggiatori, ma possiede un vasto teatro capace di accogliere ottomila
spettatori.
Durante quella matine termine pervenutoci dall'altra parte
dell'Atlantico il teatro avrebbe accolto dunque pi spettatori del
massimo previsto e anche l'incasso sarebbe stato superiore ad ogni
aspettativa. L'incasso, proprio cos, perch il notaio Tornbrock, dopo
aver avuto la felice idea di mettere all'asta il nome dei Sei, aveva
pensato anche di far pagare il posto a coloro che volessero assistere
alla lettura del testamento, nel teatro dell'Auditorium. I poveri
avrebbero cos beneficiato ancora di una decina di migliaia di dollari,
che sarebbero stati divisi tra gli ospedali Alexian Brothers e Maurice
Porter Memorial for Children.
Come potevano, i curiosi della citt, non affrettarsi ad accorrere,
contendendosi ogni cantuccio? Sul palcoscenico sedevano il sindaco
e i consiglieri comunali; dietro di loro, i membri allExcentric Club
intorno al presidente Georges B. Higginbotham; un po' pi avanti, i
Sei in fila accanto alla ribalta, ciascuno in atteggiamento conforme
alla propria condizione sociale.
Lissy Wag, veramente imbarazzata di dover stare esposta in quel
modo allo sguardo di migliaia di occhi curiosi, stava a capo chino, in
atteggiamento modesto, sulla sua poltrona.
Harris T. Kymbale si pavoneggiava, tra i braccioli della sua,
mandando saluti al gran numero di colleghi dei giornali di ogni
tendenza, che affollavano la parte centrale della platea.
Il commodoro Urrican girava intorno gli occhi feroci e pareva
pronto ad attaccar briga con chiunque si fosse permesso di guardarlo
in faccia.
Max Ral osservava con noncuranza la gente che affollava il
teatro, divorata da una curiosit che egli non condivideva; bisogna
per dire che guardava in particolar modo la bellissima fanciulla che
gli sedeva accanto, il cui contegno impacciato gli ispirava vivo
interesse.
Hermann Titbury calcolava mentalmente la cifra dell'incasso:
appena una goccia d'acqua di fronte all'ammontare dell'eredit.
Tom Crabbe si chiedeva perch mai fosse l, seduto non gi su di
una poltrona che non avrebbe potuto contenere la sua enorme
mole ma su di un largo divano, i cui piedi si piegavano sotto il suo
peso.
inutile dire che tra gli spettatori di prima fila si vedevano
l'allenatore J ohn Milner, la signora Kate Titbury che faceva al
marito cenni incomprensibili e la irrequieta J ovita Foley, senza la
cui presenza Lissy Wag non avrebbe mai acconsentito a prendere
posto dinanzi a quel pubblico che la terrorizzava. All'interno
dell'ampia sala, nelle gallerie, sulle gradinate pi lontane, in tutti gli
angoli in cui un corpo umano avrebbe potuto trovar posto, in tutti i
buchi in cui una testa si sarebbe potuta cacciare, si ammucchiavano
uomini, donne e ragazzi di ogni classe sociale della popolazione
pagante.
E fuori, lungo Michigan Avenue e Congress Street, alle finestre e
ai balconi di case e alberghi, sui marciapiedi e in mezzo alle vie
quelle in cui la circolazione di auto e di carrozze era stata interrotta
si accalcava una folla straripante come il Mississippi al tempo
delle piene, e i cui ultimi ondeggiamenti oltrepassavano i confini del
quartiere.
Si calcolato che quel giorno Chicago avesse ospitato
cinquantamila visitatori forestieri, venuti da varie parti dell'Ulinois,
dagli stati limitrofi e anche da New York, Pennsylvania, Ohio e
Maine. Da quella parte della citt si levava un lungo e crescente
brusio, che riempiva il recinto di Lake Park per poi andare a
estinguersi sulla superficie assolata del Michigan.
Non appena suon mezzogiorno, la gente che affollava
l'Auditorium si lasci sfuggire un enorme sospiro di sollievo.
Nello stesso istante, mastro Tornbrock si alz: come brezza che
agiti il fogliame degli alberi, quel sospiro fece ondeggiare la folla che
sostava fuori del teatro.
Si fece un profondo silenzio, un silenzio pieno di attesa, come
quelli che si verificano tra il lampo e il fragore del tuono, quando ci
si sente dentro una penosa oppressione.
In piedi, dinanzi alla tavola che occupava il centro della ribalta,
mastro Tornbrock attendeva, con aspetto grave e braccia conserte,
che fosse sonato l'ultimo tocco.
Sulla tavola faceva mostra di s una busta chiusa da tre sigilli
rossi, con le iniziali del defunto. La busta conteneva il testamento di
William J . Hypperbone e certamente, date le sue dimensioni, anche
altre carte testamentarie. Sopra c'era scritto che essa doveva essere
aperta solo quindici giorni dopo il decesso, nella sala del teatro
dell'Auditorium, a mezzogiorno.
Con mano un po' tremante, mastro Tornbrock ruppe i sigilli della
busta e ne trasse fuori prima una pergamena, sulla quale appariva la
nota scrittura del testatore, poi un foglio di carta ripiegato in quattro
e, infine, una minuscola scatola, lunga, larga e alta un paio di
centimetri circa.
Dopo avere scorso, attraverso gli occhiali, le prime righe della
pergamena, mastro Tornbrock lesse allora ci che segue, con voce
abbastanza alta da farsi udire da tutti:
Questo il mio testamento, scritto interamente di mio pugno a
Chicago, oggi, 3 luglio 1895.
Sano di corpo e di mente, nella pienezza delle mie facolt
mentali ho redatto questo atto in cui sono specificate le mie ultime
volont. Mastro Tornbrock, al quale si unir il mio amico e collega
Georges B. Higginbotham, presidente dell'Excentric Club, avr cura
di fare rispettare scrupolosamente queste mie volont, come avr gi
fatto per i miei funerali.
Il pubblico e gli interessati avrebbero finalmente saputo come
regolarsi. Avrebbero avuto cos risposta le supposizioni, le ipotesi e
le domande che la gente si era rivolta durante due settimane di attesa
febbrile.
Mastro Tornbrock prosegu:
Nessun socio dell'Excentric Club si segnalato finora per
stravaganze degne di rilievo. E neanche chi scrive queste righe ha
fatto pi dei suoi colleghi per uscire dalla banalit dell'esistenza. Ma
ci che mancato nella sua vita si verificher, per sua ultima
volont, dopo la sua morte.
Un mormorio di soddisfazione corse per l'uditorio, e Mastro
Tornbrock interruppe la lettura per un attimo, in attesa che fosse
cessato.
Poi lesse:
I miei cari colleghi non avranno dimenticato che la mia unica
passione stata il nobile gioco dell'Oca, notissimo in Europa e
soprattutto in Francia, ove si ritiene che sia stato portato dai Greci,
bench l'Eliade non abbia mai visto giocare (Platone, Temistocle,
Aristide, 'Leonida, Socrate n altri grandi personaggi della sua storia.
Ho introdotto il gioco nel nostro circolo. Esso mi ha procurato le pi
vive sensazioni per la variet dei suoi particolari, per i colpi
imprevisti e il capriccio delle combinazioni, in cui solo il caso guida i
contendenti su quel campo di battaglia.
A che scopo il nobile gioco dell'Oca interveniva, inatteso, nel
testamento di Hypperbone? La domanda era pi che giustificata.
Il notaio prosegu:
Come adesso tutti sanno a Chicago, il gioco si compone di una
serie di caselle poste una accanto all'altra e numerate dall'uno al
sessantatr. Quattordici di esse recano la figura di un'oca, animale
ingiustamente accusato di stupidaggine e che avrebbe dovuto essere
riabilitato fin dal giorno in cui salv il Campidoglio dagli attacchi di
Brenno e dei suoi Galli.
Gli astanti pi scettici cominciarono a chiedersi se, in realt, il
defunto Hypperbone non si beffasse del pubblico elogiando a
sproposito il bipede appartenente alla sottofamiglia delle anserine.
Il testamento cos continuava:
Se si tolgono dall'insieme le suddette quattordici caselle, ne
rimangono quarantanove, in sei delle quali il giocatore dovr pagare
delle penalit; cio: una penalit alla sesta, da dove, attraverso un
ponte, si pu passare alla dodicesima; due alla diciannovesima, ove
occorrer attendere, nella locanda, che i compagni di gioco abbiano
giocato altri due colpi; tre alla trentunesima, ove si trova il pozzo, in
fondo al quale bisogner rimanere fino a quando un altro non venga a
prendere il nostro posto; due alla quarantaduesima, la casella del
labirinto, che bisogna abbandonare immediatamente, per tornare
indietro fino alla trentesima, ove figura un mazzo di fiori; tre alla
cinquantaduesima, ove si resta in prigione finch un altro non viene a
prendere il nostro posto; e infine tre penalit alla cinquantottesima
casella, ove appare un teschio ed obbligatorio ricominciare la
partita.
Quando, dopo aver letto il lungo periodo, mastro Tornbrock si
ferm per riprendere fiato, qua e l si sollevarono dei mormorii, ma
furono subito repressi dalla maggioranza dell'uditorio, evidentemente
favorevole al defunto. Eppure, tutta quella gente non era venuta ad
accalcarsi nell'Auditorium per ascoltare una lezione sul nobile gioco
dell'Oca.
Il notaio continu la lettura:
Questa busta contiene una carta e una minuscola scatola. La
carta quella del nobile gioco dell'Oca, preparata secondo una nuova
disposizione delle caselle da me ideata e della quale dovr essere
data conoscenza al pubblico. La scatola contiene due dadi simili a
quelli che io di solito adoperavo al circolo.
Carta e dadi serviranno allo svolgimento di una partita che sar
giocata come segue.
Una partita? Si trattava dunque di una partita al gioco dell'Oca?
Non c'era dubbio, era un imbroglio! Un humbug, come dicono gli
americani!
Degli energici silenzio! zittirono i mormorii di scontento, e
Tornbrock continu:
Ecco che cosa ho pensato di fare in onore del mio paese, che
amo con l'ardore del patriota e di cui ho visitato tutti gli stati, a mano
a mano che il loro numero accresceva di altrettante stelle la bandiera
della repubblica americana!.
Quelle parole furono seguite da un triplice evviva, che si
ripercosse per tutto l'Auditorium. Poi torn a regnare il silenzio: la
curiosit del pubblico era al colmo.
In atto, senza contare l'Alaska posta fuori del suo territorio, ma
che presto vi sar ricongiunta, non appena il Dominion of Canada ci
sar restituito l'Unione conta cinquanta Stati, per un'estensione di
circa otto milioni di chilometri quadrati.
Dopo aver distribuito i cinquanta Stati in altrettante caselle, gli
uni dietro gli altri, e avere ripetuto quattordici volte il nome di uno di
essi, ho ricavato una carta composta da sessantatr caselle, identica a
quella del nobile gioco dell'Oca, diventato in tal modo il nobile gioco
degli Stati Uniti d'America.
Coloro che conoscevano il gioco dell'Oca compresero subito l'idea
di Hypperbone. A dire il vero, era stato il caso a permettergli di
distribuire in sessantatr caselle esatte gli Stati dell'Unione.
L'uditorio non manc perci di applaudire calorosamente e subito
dopo tutta la via applaud all'ingegnosa trovata del testatore.
Mastro Tornbrock a sua volta prosegu.
Rimaneva da stabilire quale dei cinquanta Stati dovesse apparire
quattordici volte sulla carta. E potevo forse scegliere meglio di quello
le cui stupende coste sono bagnate dal Michigan? di quello che va
orgoglioso di una citt come la nostra, che da circa mezzo secolo ha
strappato a Cincinnati il titolo di "regina dell'Ovest"? di questo
nostro privilegiato Illinois che confina a nord col Michigan, a sud
con l'Ohio, a ovest col Mississippi e a est col Wabash? di questo
Illinois continentale e insulare nello stesso tempo, oggi tra gli Stati
pi importanti della grande repubblica federale?.
Un altro scoppio di acclamazioni fece tremare le pareti della sala
e, ripetuto dalla folla entusiasta, echeggi in tutto il quartiere.
Il notaio fu costretto a sospendere la lettura per alcuni minuti; poi,
ristabilitosi il silenzio, prosegu:
Bisognava ora scegliere coloro che dovevano giocare la partita
sull'immenso territorio degli Stati Uniti, secondo la carta racchiusa in
questa busta che dovr essere riprodotta in milioni di copie perch
ciascun cittadino possa seguire le peripezie della partita stessa. I
giocatori, che devono essere sei, sono stati scelti dalla sorte tra la
popolazione della nostra citt e debbono essere riuniti, in questo
momento, sul palcoscenico dell'Auditorium. Essi dovranno
personalmente trasferirsi nello stato indicato dal numero di punti
ottenuti, nel luogo che far loro conoscere il mio esecutore
testamentario, secondo una nota qui unita, che io stesso ho
preparato.
Era dunque questa la parte riservata ai Sei. Il capriccio dei dadi
li avrebbe inviati su e gi per l'Unione, essi dovevano essere le
pedine di quell'assurda partita.
Tom Crabbe non comprese nulla dell'idea di William J .
Hypperbone; il commodoro Urrican, Harris T. Kymbale, Hermann
Titbury, Max Ral e Lissy Wag si guardarono invece l'un l'altro e
furono da tutti guardati come creature straordinarie, non appartenenti
al genere umano.
Restava ormai da sapere quali fossero le ultime disposizioni del
defunto.
Quindici giorni dopo la lettura del mio testamento, ogni due
giorni, in questa sala dell'Auditorium, alle otto del mattino, mastro
Tornbrock, alla presenza dei soci dellExcentric Club, agiter e
getter i dadi. Annunciata ad alta voce la cifra ottenuta, ne dar
comunicazione telegrafica a ogni giocatore, nel luogo in cui egli
dovr allora trovarsi, se non vorr essere escluso dalla partita. Data la
facilit e la rapidit delle comunicazioni su tutto il territorio della
Confederazione, di cui nessuno dei "Sei" dovr passare il confine
sotto pena di squalifica, ho ritenuto che quindici giorni siano
sufficienti per ogni spostamento, anche se distante.
Naturalmente, se Max Ral, Hodge Urrican, Harris T. Kymbale,
Hermann Titbury, Tom Crabbe e Lissy Wag accettavano di
partecipare al nobile gioco, rinnovato da William J . Hypperbone,
avrebbero dovuto osservarne scrupolosamente le regole. Ora, in quali
condizioni si sarebbero compiute quelle folli corse attraverso il
territorio degli Stati Uniti?
I "Sei" viaggeranno a spese proprie disse mastro Tornbrock nel
generale silenzio e pagheranno di tasca loro le penalit di mille
dollari ciascuna, previste all'arrivo in questa o in quella casella, e
cio in tale o tal altro stato. Il mancato pagamento delle penalit, sia
pure di una sola di esse, metter il giocatore fuori gara.
Mille dollari! E se il diavolo ci mettesse la coda e si fosse costretti
a pagarli pi volte? Sarebbe stato necessario sborsare una bella
sommerta
Non ci si stupir se Hermann Titbury facesse una smorfia e se
nello stesso istante un'altra ne apparisse sul viso congestionato della
moglie. L'obbligo di versare la penalit di mille dollari, se imposto
dalla sorte, poteva certamente mettere in imbarazzo, se non tutti,
almeno alcuni giocatori.
Ci sarebbero state, senza dubbio, persone disposte ad aiutare con
un prestito coloro che, tra i Sei, sembrassero presentare maggiori
speranze di successo. Non era quello, infatti, un nuovo terreno
offerto all'ardore speculativo dei cittadini della libera America?
Il testamento conteneva ancora alcune interessanti disposizioni e,
prima di ogni altra, la seguente dichiarazione concernente il
patrimonio di William J . Hypperbone:
Le mie sostanze in case e terreni, azioni bancarie, ferroviarie e
industriali, i cui titoli sono depositati nello studio di mastro
Tornbrock, possono essere valutate in sessanta milioni di dollari.
La dichiarazione fu accolta con un mormorio di soddisfazione. Si
era grati al defunto di aver lasciato una cos grossa eredit:
l'ammontare parve rispettabile anche nel paese dei Gould e dei
Bennett, dei Vanderbilt e degli Astor, dei Bradley-Martens e degli
Hatty Green, degli Hutchinson e dei Carroll, dei Prior e dei Morgan
Slade, dei Lennox e dei Rockefeller, degli Schemeorn e dei Richard
King, dei May Gaclet e degli Ogden Mills, degli Sloane e dei
Belmont, e di tanti altri miliardari, re dello zucchero, del grano, della
farina, del petrolio, delle ferrovie, del rame, dell'argento e dell'oro! In
ogni caso, dei Sei, colui al quale sarebbe andato quel patrimonio,
in tutto o in parte, non avrebbe avuto certamente da lagnarsi. Ma che
cosa bisognava fare per averlo attribuito?
Alla domanda rispondeva il testamento, con le seguenti righe:
Come si sa, nel nobile gioco dell'Oca vince colui che giunge per
primo alla sessantatreesima casella, e si giunge definitivamente in
tale casella solo quando il numero dei punti, fatti con l'ultimo colpo
di dadi, mandi proprio l. Se la si supera, il giocatore costretto a
tornare indietro, contando altrettanti punti quanti ne avr ottenuti di
troppo. Dopo essersi uniformato a tali regole, erede delle mie
sostanze sar, dunque, il giocatore che prender possesso della
sessantatreesima casella, ovvero del sessantatreesimo stato: quello
dellIllinois.
Un solo vincitore, dunque? il primo arrivato? Nulla ai suoi
compagni di viaggio, pur dopo tanta fatica, tante ansie e tante spese?
Niente affatto: il secondo sarebbe stato rimborsato e ricompensato
in parte.
Il secondo diceva il testamento e cio colui che al termine
della partita sar pi vicino alla sessantatreesima casella, ricever la
somma ricavata dal versamento delle penalit di mille dollari l'una
(che le combinazioni del gioco potranno far ascendere a cifre
considerevoli) della quale egli sapr fare buon uso.
La clausola non fu accolta n bene n male dall'uditorio. Era cos
e non c'era da discuterla.
William J . Hypperbone aggiungeva ancora:
Se, per qualsiasi motivo, uno o pi giocatori si ritirassero prima
della fine della partita, questa sar proseguita dagli altri. Nel caso in
cui tutti i giocatori rinunciassero alla gara, la mia eredit sar
devoluta alla citt di Chicago, per essere impiegata nel modo che
essa riterr pi opportuno.
Il testamento finiva con le seguenti parole:
Tali sono le mie formali volont, all'esecuzione delle quali
provvederanno Georges B. Higginbotham, presidente dellExcentric
Club, e il notaio Tornbrock. Tali mie volont saranno
scrupolosamente seguite, come intendo che lo siano anche tutte le
regole del nobile gioco degli Stati Uniti d'America.
E ora, Dio vegli sulla partita, ne determini le sorti e favorisca il
pi degno.
Un ultimo evviva accolse l'appello finale all'intervento della
Provvidenza in favore del giocatore pi degno. La folla stava per
abbandonare il teatro allorch mastro Tornbrock, dopo avere
richiesto con gesto energico il silenzio, aggiunse queste parole:
C' ancora un codicillo.
Un codicillo? Un codicillo che avrebbe forse annullato tutto il
testamento scoprendo finalmente l'imbroglio che molti ancora si
attendevano dallo spirito bizzarro del defunto?
Ed ecco ci che lesse il notaio:
Ai sei giocatori scelti dalla sorte ne sar aggiunto un settimo da
me prescelto, il quale parteciper al gioco con le iniziali XKZ, godr
degli stessi diritti degli altri concorrenti e dovr sottostare alle stesse
regole. Il suo vero nome sar rivelato soltanto nel caso che egli vinca
la partita. Il risultato dei colpi che lo riguardano gli sar comunicato
unicamente sotto tali iniziali.
Queste sono le mie ultime volont.
La cosa parve strana. Che cosa celava la clausola del codicillo?
Non si poteva discuterla, comunque, come non si potevano discutere
le altre, e la folla, vivamente impressionata, come dicono i cronisti,
abbandon l'Auditorium.
CAPITOLO VI
LA CARTA VIENE MESSA IN CIRCOLAZIONE
I GIORNALI di quella sera e quelli del mattino seguente andarono a
ruba, strappati dalle mani degli strilloni e dai banchi delle edicole al
doppio e al triplo del loro prezzo effettivo. Se ottomila spettatori
avevano potuto ascoltare la lettura del testamento, centinaia di
migliaia di americani a Chicago e milioni in tutti gli Stati Uniti,
divorati dalla curiosit, non avevano avuto quella fortuna.
Tuttavia, bench articoli, interviste e relazioni fossero tali da
soddisfare quasi completamente le esigenze dei lettori, tutti
reclamavano la pubblicazione del documento allegato al testamento.
Si trattava della carta del nobile gioco degli Stati Uniti, preparata
da William J . Hypperbone secondo l'identica disposizione di quella
del nobile gioco dell'Oca. In qual modo l'illustre socio dell'Excentric
Club aveva disposto i cinquanta Stati dell'Unione? Quali di essi
avrebbero dato luogo a ritardi, a soste temporanee o prolungate, a
ricominciamenti di partita o a ritorni indietro, con pagamento di
penalit semplici, doppie o triple?
naturale che i Sei e i loro amici, pi ancora del pubblico,
fossero particolarmente desiderosi di essere bene informati in
proposito.
Per merito di Georges B. Higginbotham e di mastro Tornbrock, la
carta fatta dal defunto fu fedelmente copiata, disegnata, incisa,
colorata, stampata in meno di ventiquattro ore e diffusa, in parecchi
milioni di esemplari, in tutta l'America, al prezzo di due centesimi di
dollaro la copia. Tutti avrebbero cos potuto averla a portata di mano,
e indicarvi, in seguito, le mosse dei giocatori, per seguire di volta in
volta le fasi della memorabile partita.
Ecco in quale ordine e con quale numero erano stati disposti nelle
varie caselle i cinquanta Stati di cui si componeva allora la
repubblica americana.

Casella N. 1 Rhode Island Casella N. 15 Mississippi
2 Maine 16 Connecticut
3 Tennessee 17 Iowa
4 Utah 18 Illinois
5 Illinois 19 Louisiana
6 New York 20 Delaware
7 Massachusetts 21 New Hampshire
8 Kansas 22 Carolina del Sud
9 Illinois 23 Illinois
10 Colorado 24 Michigan
11 Texas 25 Georgia
12 Nuovo Messico 26 Wisconsin
13 Montana 27 Illinois
14 Illinois 28 Wyoming
Casella N. 29 Oklahoma Casella N. 47 Pennsylvania
30 Washington 48 Vermont
31 Nevada 49 Alabama
32 Illinois 50 Illinois
33 Dakota del Nord 51 Minnesota
34 New J ersey 52 Missouri
35 Ohio 53 Florida
36 Illinois 54 Illinois
37 Virginia dell'Ovest 55 Carolina del Nord
38 Kentucky 56 Indiana
39 Dakota del Sud 57 Arkansas
40 Maryland 58 California
41 Illinois 59 Illinois
42 Nebraska 60 Arizona
43 Idaho 61 Oregon
44 Virginia 62 Territorio indiano
45 Illinois 63 Illinois
46 Stato della Columbia

Tale era il posto assegnato a ogni stato nelle sessantatr caselle,
quattordici delle quali erano occupate dall'Illinois.
Intanto, bisogna dire il nome dei sei stati, scelti da Hipperbone,
che richiedevano il pagamento di penalit oppure obbligavano i
giocatori sfortunati a soste o a ritorni assai spiacevoli:
1. La sesta casella (Stato di New York) corrispondeva a quella del
ponte del nobile gioco dell'Oca. Il giocatore che la raggiungeva
doveva abbandonarla subito e portarsi alla dodicesima (Stato del
New Messico) contro pagamento di una penalit semplice.
2. La diciannovesima casella (Stato della Louisiana)
corrispondeva a quella in cui appare una locanda: in essa il giocatore
deve restare due colpi senza giocare e pagare doppia penalit.
3. La trentunesima casella (Stato del Nevada) corrispondeva a
quella del pozzo, in fondo al quale il giocatore rimane fino a quando
un altro non venga a sostituirlo, dopo aver pagato tripla penalit.
4. La quarantaduesima casella (Stato del Nebraska) corrispondeva
a quella in cui appaiono le numerose sinuosit del labirinto: dopo
aver pagato doppia penalit, il giocatore deve tornare alla trentesima
casella.
5. La cinquantaduesima casella (Stato del Missouri) corrispondeva
a quella in cui la prigione si chiude alle spalle del giocatore, il quale
paga tripla penalit e non pu uscirne finch un altro non venga a
prendere il suo posto, pagando eguale penalit.
6. La cinquantottesima casella (Stato della California)
corrispondeva a quella che riproduce l'immagine del teschio: qui la
regola spietata obbliga il giocatore a ricominciare la partita, dopo
aver versato tripla penalit, partendo dalla prima casella, cio dallo
Stato di Rhode Island.
Le quattordici caselle occupate dallo Stato dell'Illinois (quinta,
nona, quattordicesima, diciottesima, ventitreesima, ventisettesima,
trentaduesima, trentaseiesima, quarantunesima, quarantacinquesima,
cinquantesima, cinquantaquattresima, cinquantanovesima e
sessantatreesima) corrispondevano a quelle delle oche. I giocatori
non vi si debbono mai fermare e, per regola, raddoppiano i punti
ottenuti, fino a quando non incontrano una casella diversa da quella
riservata al simpatico animale che Hypperbone intendeva riabilitare.
vero per che se al primo colpo di dadi il giocatore faceva nove,
di oca in oca egli sarebbe giunto direttamente alla sessantatreesima
casella, cio alla meta. Ma poich il nove pu essere fatto solo in due
modi, con due dadi, e cio con un tre e un sei, oppure con un cinque
e un quattro, il giocatore va a prendere posto alla ventiseiesima
casella (Stato del Wisconsin) nel primo caso, alla cinquantatreesima
casella (Stato della Florida) nel secondo.
Per il giocatore favorito dalla sorte era, come si vede, un
vantaggio considerevole sui suoi concorrenti. Tale vantaggio per
pi apparente che reale; infatti ci che conta nel gioco raggiungere
l'ultima casella con il giusto numero di punti; in caso contrario, si
costretti a tornare indietro.
Un'ultima osservazione, infine: se il giocatore raggiunto da un
altro concorrente, egli dovr cedergli il posto e andare a occupare la
casella dalla quale quel giocatore partito, dopo aver pagato una
semplice penalit, a meno che all'arrivo dell'altro egli non abbia gi
lasciato detta casella. Tale deroga era stata accolta dal testatore a
causa degli indugi imposti dai successivi spostamenti.
Lo studio della carta non consentiva ancora di definire una
faccenda molto interessante anche se di secondaria importanza.
In quale luogo, dei vari stati, i giocatori dovevano recarsi? Nella
capitale capoluogo ufficiale oppure nella metropoli, che di solito
pi importante della capitale? oppure in qualche altra localit,
notevole dal punto di vista storico o geografico? Non era presumibile
che il defunto, traendo profitto dai suoi viaggi, avesse scelto localit
rinomate? Una nota unita al testamento ne precisava il luogo, ma
esso sarebbe stato comunicato all'interessato con il telegramma che
doveva fargli conoscere il risultato del colpo di dadi che lo
riguardava e che mastro Tornbrock gli avrebbe spedito nella stessa
localit in cui gli era stato imposto di trovarsi in quel momento.
superfluo dire che i giornali americani pubblicarono questi
particolari sottolineando che per espressa volont del testatore le
regole del nobile gioco dell'Oca dovevano essere seguite
rigorosamente.
Il tempo concesso ai concorrenti per recarsi nel luogo indicato
sembrava pi che sufficiente. Poich i partecipanti erano sette e
ciascun colpo si doveva giocare ogni due giorni, il giocatore avrebbe
avuto a sua disposizione quattordici giorni, tempo pi che sufficiente
per spostarsi anche da un'estremit all'altra dell'Unione, dal Maine al
Texas, ad esempio, o dall'Oregon al punto pi lontano della Florida.
A quel tempo la rete ferroviaria si estendeva su tutta la superficie del
territorio e combinando gli orari si poteva viaggiare molto
rapidamente.
Quelle erano le regole e su di esse non si poteva discutere.
Bisognava prendere o lasciare, come si suol dire.
E tutti presero.
Ma, naturalmente, i Sei, non lo facevano tutti con la stessa
sollecitudine e avidit. Il commodoro Urrican, Tom Crabbe o, per
meglio dire, J ohn Milner e Hermann Titbury presero la faccenda
con lo stesso spirito. Max Ral e Harris T. Kymbale la considerarono
come avrebbe fatto un turista, il primo per ricavarne dei quadri,
l'altro per scrivere degli articoli. In quanto a Lissy Wag, ecco che
cosa le disse J ovita Foley:
Mia cara, andr a chiedere al signor Marshall Field che ti
conceda un permesso, e che ne conceda uno anche a me, perch
intendo accompagnarti fino alla sessantatreesima casella.
Ma tutto ci pazzesco! rispose la giovane.
saggio, invece rispose J ovita, e poich sarai tu a
vincere i sessanta milioni di dollari dell'illustre signor Hypperbone
Io?
Tu, Lissy, e sono sicura che me ne darai la met per il fastidio
che mi assumo
Tutto, se vuoi.
Accetto! rispose J ovita con la massima seriet.
La signora Titbury avrebbe ovviamente seguito il marito nelle sue
peregrinazioni, pur sapendo che le spese sarebbero raddoppiate.
Poich non era proibito partire insieme, sarebbero partiti tutti e due e
sarebbe stato meglio per entrambi.
La signora Titbury lo pretese e pretese anche che il marito
partecipasse al gioco. Il brav'uomo, timoroso e avaro, era spaventato
sia dagli spostamenti da uno stato all'altro sia dalle spese che essi
avrebbero comportato, ma l'imperiosa Kate aveva parlato con
fermezza ed Hermann non aveva potuto far altro che obbedire.
La stessa cosa pu dirsi per Tom Crabbe, che l'allenatore teneva
sempre sott'occhio, e che si sarebbe tirato dietro con grande
entusiasmo, si pu esserne certi.
Il commodoro Urrican, Max Ral e Harris T. Kymbale avrebbero
viaggiato da soli o si sarebbero fatti accompagnare da qualche
domestico? Non avevano ancora deciso. Nessuna clausola del
testamento impediva loro di farlo. Tutti erano liberi di
accompagnarli, volendolo, e di scommettere per l'uno o per l'altro,
come si fa alle corse dei cavalli.
Sarebbe superfluo aggiungere che la bizzarria postuma di
Hypperbone aveva suscitato profonda impressione nel nuovo e nel
vecchio mondo.
Non vi era dubbio quindi che l'ardore speculativo finisse con
l'indurre gli americani a scommettere somme enormi sui risultati di
quella straordinaria partita.
I soli che, non avendo problemi finanziari, non correvano il
rischio di dover interrompere la gara per l'impossibilit di pagare le
penalit, erano Hermann Titbury, Hodge Urrican e J ohn Milner, il
quale guadagnava molto denaro mettendo in mostra Tom Crabbe. Per
Harris T. Kymbale il Tribune quale pubblicit per il giornale!
era pronto a mettere a sua disposizione la somma necessaria.
Max Ral, invece, non si preoccupava dei problemi finanziari che
potevano capitargli tra capo e collo: all'occorrenza, avrebbe
provveduto.
Quanto a Lissy Wag, J ovita Foley si era limitata a dirle:
Non preoccuparti, mia cara; utilizzeremo le nostre economie
per le spese del viaggio.
Allora non andremo molto lontano, J ovita.
Andremo lontanissimo, invece.
E se la sorte ci obbligher a pagare qualche penalit?
La sorte ci obbligher solo a vincere! afferm J ovita con
voce decisa. E miss Wag rinunci ad ogni discussione.
Era probabile, peraltro, che gli speculatori americani non
avrebbero mai puntato n su Lissy Wag n su Max Ral, considerato
che il mancato pagamento di una sola penalit li avrebbe esclusi dalla
partita, a profitto dei loro concorrenti.
Tuttavia, alcuni ritenevano che Max Ral potesse avere qualche
vantaggio, e ci per il fatto di essere stato designato dalla sorte a
partire per primo. Il commodoro Urrican ne era furibondo fino
all'assurdo, non riuscendo a mandar gi di dover partire sesto, e cio
dopo Max Ral, Tom Crabbe, Hermann Titbury, Harris T. Kymbale
e Lissy Wag. Eppure, a bene rifletterci, ci non aveva importanza.
L'ultimo, ad esempio, avrebbe potuto passare innanzi ai suoi rivali,
se al primo colpo con un cinque e un quattro fosse pervenuto
alla cinquantatreesima casella, e cio nella Florida. Tali sono le
possibilit offerte da quelle straordinarie combinazioni dovute,
secondo la leggenda, allo squisito senso poetico dell'ingegnosa
Eliade.
Il pubblico, entusiasta sin dall'inizio, non voleva saperne delle
difficolt e, ancora meno, delle fatiche del viaggio. Esso poteva
infatti concludersi in poche settimane, ma poteva anche durare dei
mesi e perfino degli anni. Lo sapevano perfettamente i membri
dell'Excentric Club, gi testimoni o giocatori di interminabili partite
giocate da Hypperbone, nei saloni del circolo. Il prolungarsi di rapidi
spostamenti, insieme alla stanchezza, faceva temere inoltre che
qualche giocatore potesse ammalarsi e dovesse rinunciare alla
speranza di raggiungere la meta, a vantaggio del pi robusto o del pi
favorito dal caso.
Ma di questo nessuno si dava pensiero. Tutti erano impazienti di
vedere iniziata la gara, di partecipare, quando i Sei fossero stati in
viaggio, alle loro vicende, di accompagnarli con l'immaginazione o
anche realmente come fanno i ciclisti dilettanti durante le corse
dei professionisti nei loro molteplici viaggi attraverso l'America.
Ecco qualcosa che avrebbe certamente fatto piacere agli
albergatori degli stati attraversati dai concorrenti!
Ma se il pubblico non voleva riflettere sugli impedimenta di ogni
genere che potevano presentarsi durante il viaggio, un pensiero
nacque spontaneo nella mente di qualche giocatore. Perch non
mettersi d'accordo tra di loro, in modo tale che il vincitore si
impegnasse a spartire il guadagno con coloro che la sorte non
avrebbe favorito? O quanto meno, trattenendo per s met
dell'enorme patrimonio, perch non rinunciare all'altra met in favore
dei meno fortunati? Trattenere trenta milioni di dollari per s e
dividere il resto tra i perdenti era una bella tentazione! Essere sicuri
di incassare, in ogni caso, parecchi milioni, sembrava, agli spiriti
pratici e poco amanti dell'avventura, un'offerta degna di essere presa
in seria considerazione.
Nulla contraddiceva la volont del defunto; la partita sarebbe stata
giocata egualmente, alle prescritte condizioni, e il vincitore avrebbe
disposto della vincita a suo piacimento.
Cos gli interessati, consigliati da uno di essi evidentemente il
pi saggio dei Sei, furono convocati in riunione ufficiosa, per
deliberare sulla proposta. Hermann Titbury fu del parere di
accettarla: pensate ai milioni di dollari assicurati a ciascuno! La
signora Titbury, che aveva il temperamento di vecchia giocatrice,
dapprima esit, poi fin col cedere. Harris T. Kymbale, che aveva un
animo avventuroso, ci pens a lungo e poi ader alla proposta. Lo
stesso fece Lissy Wag, per suggerimento del signor Marshall, suo
datore di lavoro, e nonostante l'opposizione dell'ambiziosa J ovita che
voleva tutto o niente. J ohn Milner fu felice di aderire, per conto di
Tom Crabbe; e se Max Ral si fece un po' tirare l'orecchio, perch
questi artisti hanno generalmente un granello di follia nel cervello-.
Alla fine, per non essere di parere diverso da quello di Lissy Wag,
alla quale era vivamente interessato, si dichiar pronto a
sottoscrivere l'accordo.
Perch l'impegno fosse definitivo occorreva per che tutti lo
firmassero. Ma se cinque erano d'accordo, c'era per un sesto, sulla
cui ostinazione nessun argomento riusc a trionfare. L'irascibile
Hodge Urrican, come si gi capito, non volle assolutamente
saperne. Era stato scelto dalla sorte per giocare la partita e intendeva
giocarla sino alla fine. Fu necessario interrompere le trattative. Il
commodoro si era chiuso in un'invincibile ostinazione, nonostante la
minaccia di un formidabile pugno che Tom Crabbe, a un cenno di
J ohn Milner, era pronto a sferrargli e che certamente gli avrebbe
rotto alcune costole. Ci si dimenticava peraltro che, dopo la lettura
del codicillo, i giocatori erano diventati sette. Vi si era aggiunto quel
tale XKZ scelto da Hypperbone. Chi era? Abitava a Chicago? Mastro
Tornbrock ne sapeva qualcosa? Il codicillo disponeva che il nome di
quel misterioso personaggio dovesse essere rivelato solo se egli
risultasse vincitore. Ecco ci che dava da pensare e che aggiungeva
un nuovo elemento di curiosit alla faccenda. E poich il signor XKZ
non poteva venire a dare il suo assenso all'accordo, non era possibile
condurre a buon fine la proposta, anche se il commodoro Urrican
avesse dato il suo.
Non restava quindi che aspettare il primo colpo di dadi, il cui
risultato sarebbe stato proclamato il 30 aprile, nella sala
dell'Auditorium.
Era il 24 aprile e mancavano ancora sette giorni alla data fatidica.
Il tempo per fare i preparativi non mancava n al commodoro
Urrican, che doveva partire sesto, n agli altri quattro, che dovevano
partire prima di lui.
Ma chi sembrava non preoccuparsi affatto dei preparativi lo
credereste? era il primo che doveva mettersi in viaggio. L'estroso
Max Ral aveva quasi l'aria di non pensarci. Quando la signora Ral,
che aveva lasciato Quebec e che ora abitava nella casa di South
Halsted Street, gliene parlava, egli rispondeva:
Ho fin troppo tempo!
Ma no, figlio mio, non ne hai poi tanto!
E poi, mamma, a che serve cacciarsi in questa assurda
avventura?
Ma, Max, vorresti per caso rinunciarci?
A correre il rischio di diventare arcimilionario?
Certamente rispondeva la buona signora, la quale sognava
ci che ogni madre sogna per il proprio figlio. Bisogna che ti
prepari per il viaggio.
Domani, cara mamma, anzi dopodomani o meglio il giorno
prima di partire.
Ma, ragazzo mio, dimmi almeno ci che intendi portare con te.
I pennelli, i colori, le tele e poi zaino in spalla, come un
soldato!
Pensa che potresti essere mandato all'estremit dell'America.
Degli Stati Uniti, al pi rispondeva il giovane. Mi basta
una sola valigia per fare il giro del mondo!
Non c'era verso di avere altra risposta, ed egli se ne tornava nel
suo studio. Ma la signora Ral non intendeva fargli perdere quella
bella occasione di far fortuna.
Lissy Wag, invece, aveva a disposizione tempo sufficiente,
dovendo partire dieci giorni dopo Max Ral. Ed era proprio di ci
che si lagnava l'impaziente J ovita.
Quale sfortuna, mia povera Lissy ripeteva, che tu abbia
avuto il numero cinque!
Non preoccuparti, cara rispondeva la giovane, il cinque
buono come gli altri, oppure altrettanto cattivo!
Non dire cos, Lissy! Non pensare cose del genere! Ci
porterebbe disgrazia!
Guardami bene, J ovita! Credi veramente
Che tu vincerai?
S?
Ne sono sicura, mia cara, come sono sicura di avere ancora
tutti i miei trentadue denti!
E Lissy Wag scoppiava a ridere allegramente. A J ovita veniva
allora una voglia matta di picchiarla.
inutile parlare dello stato d'animo del commodoro Urrican. Egli
non viveva pi. Aveva deciso di lasciare Chicago dieci minuti dopo
che i dadi si fossero pronunciati per lui. Non si sarebbe fermato n un
giorno n un'ora, fosse pur mandato in fondo alle Everglades della
penisola floridiana!
I coniugi Titbury pensavano solo alle penalit da pagare, nel caso
che la mala sorte ci avesse messo la coda, e, pi ancora, alla
eventuale sosta nella prigione del Missouri o nel pozzo del Nevada.
Ma, chiss, forse avrebbero avuto la fortuna di evitare i luoghi
funesti!
Per finire, due parole su Tom Crabbe.
Il pugile continuava a fare i suoi sei pasti al giorno, senza
preoccuparsi dell'avvenire, e sperava di non cambiare le sue buone
abitudini durante il viaggio. Per mangiatore che fosse, avrebbe
sempre trovato alberghi sufficientemente provvisti, anche nelle
piccole borgate. J ohn Milner avrebbe sempre cercato di non fargli
mancare nulla. Ci sarebbe costato caro, senza dubbio, ma quale
chiasso intorno al nome del campione del Nuovo Mondo! E poi, non
sarebbe stato possibile, durante il viaggio, organizzare qualche
incontro pugilistico, dal quale il celebre fracassatore di mascelle
avrebbe tratto onore e profitto?
Bisogna infine accennare al fatto che a Chicago e in molte citt
dell'Unione erano sorte sale per scommesse, ove ogni giocatore era
diversamente quotato. superfluo dire che esse non potevano entrare
in esercizio finch la partita non fosse cominciata. Se l'impazienza
del pubblico era stata moltissima tra l'1 e il 15 aprile giorno di
lettura del testamento essa non fu minore tra il 15 e il 30, giorno in
cui, per la prima volta, i dadi sarebbero stati gettati sulla carta
preparata da Hypperbone. Tutte le persone che sono solite
scommettere alle corse non aspettavano altro che l'ora di prendere i
Sei (diventati Sette) a tanto contro uno, oppure alla pari. Ma
quale base sarebbe data alle quotazioni? Essa non poteva derivare,
come nel caso dei cavalli da corsa, n da un certo numero di premi
precedentemente vinti, n dalla illustre origine ippica dell'animale, n
dalle garanzie offerte dal nome degli allenatori. Bisognava valutare
le qualit personali dei giocatori, possibilit esclusivamente morali.
Bisogna dire, per, che Max Ral si comportava in maniera da
alienarsi la simpatia degli scommettitori. Chi crederebbe che il 29
aprile, vigilia del giorno in cui i dadi avrebbero stabilito la sua meta,
egli non era a Chicago? Da quarantotto ore, con gli attrezzi di pittore
in spalla, se ne era andato in campagna! Sua madre, sommamente
inquieta, non sapeva quando sarebbe tornato. Se per caso fosse stato
trattenuto da qualche parte, se il giorno seguente non fosse stato
pronto a rispondere all'appello, quale soddisfazione per il sesto
giocatore, passato per tale motivo al quinto posto! E quel quinto
posto sarebbe spettato a Hodge Urrican, che gi esultava al pensiero
di fare un passo avanti e di doversi battere solo contro cinque
concorrenti, invece che contro sei!
Insomma, il 30 aprile nessuno avrebbe saputo dire se Max Ral
fosse tornato dalla sua gita e neppure se si trovava nella sala
dell'Auditorium.
A mezzogiorno preciso, dinanzi alla folla irrequieta degli
spettatori, mastro Tornbrock, assistito da Georges B. Higginbotham e
circondato dai soci dell'Excentric Club, agit con mano ferma il
bussolotto e gett i due dadi sulla carta.
Quattro e quattro grid.
Otto! risposero gli astanti in coro.
Era il numero che il testatore aveva assegnato allo Stato del
Kansas.
CAPITOLO VII
PARTE IL PRIMO GIOCATORE
IL GIORNO seguente la grande stazione di Chicago era
particolarmente affollata. Perch tanta gente? Evidentemente per la
presenza di un viaggiatore in abito da turista, il quale, con
l'armamentario del pittore sulle spalle e seguito da un negretto che
portava una leggera valigia e un sacco a tracolla, si preparava a
prendere il treno delle otto e dieci del mattino.
Non mancano certamente ferrovie nella repubblica federale: esse
ne attraversano il territorio in tutte le direzioni. Il valore delle
ferrovie degli Stati Uniti supera i cinquantacinque miliardi di lire.
Settecentomila persone sono impiegate per tenerle in esercizio. Nella
sola Chicago si registra un movimento di trecentomila viaggiatori al
giorno, senza contare i vagoni che vi trasportano diecimila tonnellate
di giornali e di corrispondenza all'anno.
Ne consegue che nessuno dei sette giocatori ovunque il
capriccio dei dadi avesse dovuto mandarli attraverso l'Unione
sarebbe stato in imbarazzo o in ritardo per recarvisi. Alle numerose
ferrovie bisogna inoltre aggiungere i vaporetti, i battelli a vapore,
quelli dei laghi, dei canali e dei fiumi. Per ci che riguarda Chicago,
facile andarvi ed egualmente facile partirne.
Rientrato dalla gita il giorno prima, Max Ral era gi tra la folla
che ingombrava l'Auditorium quando mastro Tornbrock aveva
annunciato il risultato: quattro e quattro. Tutti ignoravano il ritorno
di Max Ral e nessuno sapeva che egli fosse in teatro. Appena era
stato chiamato il suo nome, era seguito un inquietante silenzio. Poco
dopo, la voce possente del commodoro Urrican aveva gridato dal suo
posto:
Assente!
Presente! gli fu risposto.
E Max Ral, salutato da applausi, era salito sul palcoscenico.
Pronto a partire? chiese il presidente dell'Excentric Club,
avvicinandosi al pittore.
Pronto a partire e a vincere! aveva risposto il giovane con
un sorriso.
Se il commodoro Urrican fosse stato un cannibale della Papuasia,
se lo sarebbe mangiato vivo.
Da quel brav'uomo che era, Harris T. Kymbale, invece, fece
qualche passo verso di lui e gli disse senza ombra di astio:
Buon viaggio, amico!
Buon viaggio anche a voi quando verr il momento della
vostra partenza! rispose Max Ral.
E si strinsero cordialmente la mano.
N Hodge Urrican, n Tom Crabbe furente l'uno, ebete l'altro
come sempre ritennero di doversi associare all'augurio del
giornalista.
La coppia Titbury formulava invece un solo augurio: che i
peggiori rischi del gioco toccassero a quel primo concorrente; che
egli potesse andare a cacciarsi nel pozzo del Nevada o nella prigione
del Missouri, a costo di restarvi tutta la vita!
Nel passare dinanzi a Lissy Wag, Max Ral fece un rispettoso
inchino e disse:
Volete permettermi, signorina, di augurarvi buona fortuna?
Non nel vostro interesse, signore gli fece rilevare la
giovane, sorpresa.
Non importa, signorina; siate certa che faccio ugualmente voti
per voi!
Vi ringrazio, signore rispose Lissy.
J ovita sussurr all'orecchio dell'amica questa azzeccata
osservazione:
un bel ragazzo, questo Max Ral, e sar ancora pi carino se
ti lascer arrivare prima, come ti augura!
Terminata l'operazione, la sala dell'Auditorium si vuot a poco a
poco e il risultato del colpo di dadi fu presto noto a tutta la citt.
La partita Hypperbone, come diceva il pubblico, stava per
cominciare.
Nel corso della serata, Max Ral termin i suoi preparativi assai
semplici, del resto e la mattina seguente abbracci la madre,
promettendole di scriverle spesso, sempre che gli fosse possibile.
Preceduto poi dal fedele Tommy, lasci il numero 3997 di Halsted
Street e raggiunse a piedi la stazione, dieci minuti prima della
partenza del treno.
Max Ral sapeva perfettamente che da Chicago la rete ferroviaria
si dirama in tutte le direzioni. Non doveva far altro quindi che
scegliere tra i due o tre treni che si dirigono verso il Kansas. Il
Kansas non confina con l'Illinois, ma ne separato solo dal Missouri.
Il viaggio che il caso aveva imposto al giovane pittore era, quindi, di
cinquecentocinquanta o seicento miglia, a seconda del percorso
prescelto.
Non conosco il Kansas disse tra s Max Ral e ora mi si
presenta l'occasione di conoscere il deserto americano, come un
tempo esso era chiamato. Sembra, poi, che tra i coltivatori del paese
vi siano molti francocanadesi. Mi parr di essere in famiglia; nessuno
mi proibisce infatti di seguire il mio capriccio per raggiungere il
luogo che mi stato indicato.
Era proprio cos, infatti. E dello stesso parere era stato anche
mastro Tornbrock, consultato a questo proposito. La nota compilata
da Hypperbone imponeva a Max Ral di raggiungere Fort Riley, nel
Kansas, e bastava che egli vi si trovasse a quindici giorni dalla sua
partenza per ricevervi il telegramma con l'indicazione della cifra del
secondo colpo che gli spettava, cio l'ottavo della partita. In
definitiva, tra i cinquanta stati disposti sulla carta nell'ordine che
sappiamo, solo tre erano quelli in cui il giocatore avrebbe fatto bene
a recarsi nel pi breve tempo possibile nel luogo in cui avrebbe
potuto avere la fortuna di essere sostituito da un altro, al successivo
colpo di dadi: la Louisiana, casella diciannovesima, e cio quella
della locanda; il Nevada, casella trentesima,
5
con il pozzo, e il
Missouri, casella cinquantaduesima, con la prigione.
A questo punto se Max Ral preferiva prendersela comoda per
raggiungere Fort Riley o, come dicono i francesi, percorrere la strada
degli scolari, tanto meglio per lui. Ma era certo che un tipo sempre

5
Svista dell'Autore. Il Nevada alla casella 31 e non alla 30. (N.d.R.)
arrabbiato, come il commodoro Urrican, o un avaro, come Hermann
Titbury, non avrebbero sprecato tempo e denaro per gingillarsi lungo
il cammino, ma sarebbero corsi in fretta, poco desiderosi di transire
videndo.
Invece di andare direttamente a Kansas City per la via pi breve
attraversando obliquamente, da est a ovest, lIllinois e il Missouri
aveva deciso di prendere il Grand Trunk, e cio la strada ferrata che
va da New York a San Francisco per una lunghezza di 3.786 miglia:
Ocean to Ocean, come dicono in America. Un percorso di circa
cinquecento miglia gli avrebbe permesso di raggiungere Omaha, alla
frontiera del Nebraska, da dove i vaporetti che discendono il
Missouri lo avrebbero portato nella metropoli del Kansas. Avrebbe
proseguito poi per Fort Riley, come pittore e turista, per trovarvisi il
giorno stabilito.
Quando Max Ral entr nella stazione, vi trov molti curiosi.
Prima di impegnare grosse somme nella partita che stava per
cominciare, gli scommettitori volevano vedere con i loro occhi il
primo giocatore in partenza. Bench le quotazioni basate su
probabilit pi o meno valide non fossero state ancora fissate, era
senza dubbio utile dare un'occhiata al giovane pittore che si
accingeva a partire. Avrebbe, il suo aspetto, ispirato fiducia? Era egli
in buone condizioni di salute? Vi era qualche probabilit che
diventasse il grande favorito, anche se le eventuali penalit da pagare
potessero far temere la sua esclusione dalla gara?
Bisogna dire subito che Max Ral non ebbe la ventura oh,
quanto se ne infischiava! di piacere ai suoi concittadini, e ci solo
perch portava seco l'occorrente per dipingere. Da uomo pratico,
J onathan
6
riteneva che non si trattasse di ammirare il paesaggio n di
fare dei quadri, ma di viaggiare da giocatore e non da artista. A parer
suo, la partita voluta da Hypperbone doveva considerarsi una
faccenda d'importanza nazionale e meritava di essere giocata con
seriet. Se uno dei Sette non ci metteva tutto l'entusiasmo di cui
era capace, mancava di riguardo all'immensa maggioranza dei
cittadini della libera America. Non uno dei presenti, delusi, volle
perci salire sul treno, per accompagnare Max Ral almeno fino alla

6
Gionata indica, per antonomasia, l'uomo della strada. (N.d.T.)
prima stazione. Le vetture ospitarono soltanto viaggiatori che
andavano fuori Chicago per affari.
Max Ral pot quindi prendere comodamente posto, e Tommy gli
sedette accanto: non era pi il tempo, ormai, in cui i bianchi non
tolleravano nel proprio scompartimento gli uomini di colore.
Infine si ud il fischio, e il treno si mosse; la possente locomotiva
rugg, lanciando dall'enorme bocca miriadi di faville miste a vapore.
Tra la folla rimasta ad attendere la partenza del treno, si sarebbe
potuto scorgere il commodoro Urrican che gettava al primo giocatore
in partenza occhiate cariche di minacce.
Dal punto di vista del tempo, il viaggio cominciava male. Non
bisogna dimenticare che in America, a quella latitudine che poi
quella del parallelo della Spagna settentrionale l'inverno non
finisce con l'arrivo del mese di aprile. In quei vasti territori privi di
monti, il freddo dura pi a lungo e le correnti atmosferiche
provenienti dalle regioni polari si scatenano in assoluta libert.
Tuttavia, anche s il freddo cominciava ora a cedere sotto i raggi del
sole di maggio, le raffiche continuavano a turbare lo spazio. Nuvole
basse, dalle quali si rovesciavano abbondanti acquazzoni, limitavano
e oscuravano l'orizzonte. Spiacevole circostanza, per un pittore che
va alla ricerca di luoghi luminosi e di paesaggi pieni di sole.
Tuttavia, era preferibile percorrere gli Stati dell'Unione nei primi
giorni di primavera, piuttosto che in seguito, quando il caldo sarebbe
stato insopportabile. Del resto, c'era da sperare che il cattivo tempo
non si prolungasse oltre il mese, come gi lasciavano supporre alcuni
sintomi di miglioramento del clima.
Vogliamo dire ora una parola sul negretto che da due anni era al
servizio di Max Ral e che lo accompagnava in quel viaggio
probabilmente ricco di sorprese.
Sappiamo gi che era un ragazzo di diciassette anni, nato libero,
quindi, poich l'emancipazione degli schiavi risaliva alla guerra di
Secessione, terminata, una trentina d'anni prima, con onore degli
americani e dell'umanit.
Originari del Kansas, ove la lotta tra abolizionisti e piantatori
della Virginia era stata accanita, il padre e la madre di Tommy erano
vissuti al tempo della schiavit, ma opportuno sottolineare che non
erano stati oggetto di una severit eccessiva e che la loro vita era
stata pi facile di quella di molti altri loro simili. Poich il loro
padrone era buono, giusto e sensibile, si erano considerati parte della
sua famiglia, e perci, proclamata l'abolizione, non vollero lasciarlo.
E a dire il vero, nemmeno lui pens di separarsene.
Tommy era dunque nato libero. Dopo la morte dei genitori e del
loro padrone ricordo dei giorni felici dell'infanzia? influsso
atavico? si sent molto in imbarazzo al pensiero di dover affrontare
da solo le necessit della vita. Quando si trov a dover contare sulle
sue sole forze, per cavarsela e per pensare al domani lui che non si
era mai preoccupato dell'avvenire e per il quale il presente era tutto
il suo cervello di ragazzo forse non comprese i vantaggi che gli
procurava l'atto di emancipazione. Non sono forse pi numerosi di
quanto non si creda i poveri negri che rimpiangono, da fanciulli quali
sono rimasti, di essere diventati servitori liberi, dopo essere stati
servitori schiavi?
Ma Tommy, per sua fortuna, era stato raccomandato a Max Ral.
Era abbastanza intelligente, d'indole schietta e buona, pronto a voler
bene alle persone che gli dimostrassero un po' di affetto; si affezion
presto, quindi, al giovane pittore, presso il quale avrebbe condotto
un'esistenza tranquilla.
Aveva un solo rimpianto, e non lo nascondeva: avrebbe voluto
appartenergli in modo pi completo, anima e corpo, per usare la sua
espressione.
Perch? gli chiedeva Max Ral.
Perch se foste il mio padrone se mi aveste comprato sarei
vostro!
E che cosa ci guadagneresti?
Ci guadagnerei che non potreste mandarmi via, come si fa
quando non si contenti del proprio servitore.
Ma, Tommy, chi ha mai parlato di mandarti via? E poi, se tu
fossi il mio schiavo, potrei comunque venderti!
D'accordo, padrone, ma una cosa molto diversa mi sentirei
pi sicuro
Ma niente affatto, Tommy!
E poi, non sarei libero di andarmene!
Allora, sta' tranquillo; se sar soddisfatto del tuo servizio, un
giorno o l'altro ti comprer!
E da chi, se non appartengo a nessuno?
Da te, da te stesso quando sar ricco e ti pagher quanto
tu vorrai! Tommy approvava col capo, con occhi brillanti in fondo
all'orbita nera e un sorriso che scopriva una doppia fila di denti
bianchissimi, felice all'idea di vendersi un giorno al padrone, che
amava sempre di pi.
inutile perci dire che era contentissimo di accompagnarlo in
quella passeggiata attraverso gli Stati Uniti. Gli sarebbe molto
dispiaciuto se Max fosse partito solo, anche per una separazione di
pochi giorni. Immaginarsi poi se la partita, iniziata in quelle
condizioni, si fosse protratta a lungo e se il vincitore avesse
impiegato delle settimane, o chiss, dei mesi, per raggiungere il
sessantatreesimo stato!
Breve o lungo che il viaggio fosse stato, quel primo giorno Max
rimase, immusonito e accigliato, a guardare dietro i vetri del
finestrino, sporchi di fumo e di pioggia. Dovette rassegnarsi ad
attraversare il paese senza poterlo vedere: cielo, campi, citt, borgate,
case e stazioni si confondevano in quei toni grigiastri detestati dai
pittori. I paesaggi dell'Ulinois apparivano confusamente nella bruma.
Si intravidero soltanto gli alti fumaioli dei mulini a vapore di
Napiersville e i tetti delle fabbriche di orologi di Aurora. Nulla si
vide di Oswego, Yorkville, Sandwich, Mendoza, Princeton, Rock
Island e del suo magnifico ponte gettato sul Mississippi, le cui acque
travagliate circondano l'Isola della Roccia, e nulla di questa propriet
dello Stato, trasformata in arsenale, ove centinaia di cannoni sono
sparsi tra verdi boschi e cespugli fioriti.
Max Ral era deluso. Attraversare il paese tra gli acquazzoni
significava non conservare nulla nella sua memoria di pittore;
sarebbe stato meglio dormire, come coscienziosamente faceva
Tommy.
Verso sera la pioggia cess; le nuvole si trasferirono nelle regioni
pi alte del cielo e il sole si coric tra i dorati drappi dell'orizzonte.
Fu una festa per gli occhi dell'artista, ma dur brevemente purtroppo,
perch quasi subito le ombre del crepuscolo si innalzarono sul
confine geodetico che separa lo Iowa dall'Illinois. Sebbene la notte
fosse abbastanza limpida, la traversata di quel territorio non procur
soddisfazione a Max Ral. Egli non tard quindi a chiudere gli occhi,
per riaprirli all'alba del giorno seguente.
Forse ebbe ragione di rimpiangere di non essere disceso il giorno
prima a Rock Island!
Ho fatto male! Molto male! disse a se stesso, non appena
sveglio. Il tempo non mi manca non sono trascorse neppure
ventiquattr'ore, da quando sono partito. La giornata che mi sono
proposto di trascorrere a Omaha, avrei dovuto passarla a Rock
Island. Di l a Davenport, che sulla riva del Mississippi, c' solo da
attraversare il fiume, e finalmente avrei potuto vedere questo famoso
Padre delle Acque, di cui dovr forse visitare tutta la progenie, se la
sorte decider di farmi andare in giro per i territori del centro!
Era troppo tardi per abbandonarsi a riflessioni del genere, ora che
il treno correva velocemente sulle pianure dello Iowa. Max Ral non
pot veder nulla di Iowa City chiusa nella vallata omonima e che
per sedici anni era stata capitale dello Stato n di Des Moines
antico fortino costruito alla confluenza tra il fiume omonimo e il
Racoon ora capitale dello Stato, posta, con i suoi cinquantamila
abitanti, al centro di una rete ferroviaria.
Il sole spuntava quando il treno si ferm a Council-Bluff, quasi
sul confine dello Stato, a tre sole miglia da Omaha, importante citt
del Nebraska, del quale il Missouri costituisce la frontiera naturale.
L sorgeva un tempo la Roccia del Consiglio, dove si
adunavano in assemblea le trib indiane del Far West. Di l
partivano le spedizioni commerciali o di conquista che avrebbero
condotto alla esplorazione delle regioni solcate dalle numerose
ramificazioni delle Montagne Rocciose e del Nuovo Messico.
Ebbene, Max Ral non avrebbe trascurato quella prima stazione
della Union Pacific, come aveva fatto con molte altre, il giorno
precedente!
Scendiamo! disse.
Siamo dunque arrivati? chiese Tommy riaprendo gli occhi.
Si sempre arrivati quando ci si trova da qualche parte.
Dopo quella risposta meravigliosamente logica, saltarono
entrambi sul marciapiede della stazione: l'uno con lo zaino in spalla,
l'altro con la valigia in mano.
Il vaporetto non avrebbe lasciato lo scalo di Omaha prima delle
dieci del mattino; e poich erano appena le sei, c'era tempo
sufficiente per visitare Council-Bluff, sulla riva sinistra del Missouri.
E cos fecero, dopo una breve sosta per la prima colazione. Il futuro
padrone e il futuro schiavo si cacciarono tra i due binari della
ferrovia che, attraverso i due ponti gettati sul fiume, stabiliscono una
doppia comunicazione con la metropoli del Nebraska.
Il cielo si era rasserenato e il sole mandava un fascio di raggi
mattinieri attraverso uno squarcio della nuvolaglia che la leggera
brezza dell'est sospingeva sulla pianura. Quale soddisfazione, dopo
ventiquattr'ore di prigionia in una vettura ferroviaria, potersi
sgranchire finalmente le gambe!
A Max non venne neppure l'idea di dipingere qualche paesaggio:
dinanzi ai suoi occhi si stendevano lunghi e aridi greti che non
potevano certo tentare il pennello di un artista. Avanz direttamente
verso il Missouri grande tributario del Mississippi, un tempo
chiamato Mise Sour, Peti Kanoui, e cio, nel linguaggio degli
indiani, il fiume torbido il cui corso gi misura, in quel punto,
tremila miglia dalla sorgente.
Max Ral aveva avuto un'idea, che non avrebbero certamente
avuta n il commodoro Urrican, n l'allenatore di Tom Crabbe, n
Harris T. Kymbale: sottrarsi, finch era possibile, alla pubblica
curiosit. Ecco perch, nel lasciare Chicago, non aveva voluto
rendere noto il suo itinerario. La citt di Omaha, infatti, si interessava
non meno delle altre alla partita del nobile gioco degli Stati Uniti
d'America, e se avesse saputo che il primo partente era giunto quella
mattina tra le sue mura, lo avrebbe indubbiamente ricevuto con gli
onori dovuti all'importanza del personaggio.
Omaha una citt ragguardevole, che conta, con il suo sobborgo
meridionale, non meno di centocinquantamila abitanti. stato il
boom, ci che Reclus chiama giustamente il periodo di pubblicit,
speculazione, aggiotaggio e anche di lavoro accanito, che nel 1854
l'ha fatta sorgere dal deserto, come tante altre, con il suo apparato
industriale e civile. Giocatori per natura, i suoi abitanti non
avrebbero certamente resistito al bisogno di scommettere per l'uno o
per l'altro concorrente che il cieco destino stava per sparpagliare sui
territori dell'Unione. Ed ecco che uno di loro cercava di non far
notare la propria presenza! Quel Max Ral non faceva proprio nulla
per guadagnarsi la simpatia dei suoi concittadini! Si accontent,
infatti, di pranzare in un modesto albergo, senza rendere noto il
proprio nome n la propria condizione. Era possibile, del resto, che il
caso lo rimandasse altre volte nel Nebraska, o negli stati che il Grand
Trunk attraversa nella sua marcia verso ovest.
A Omaha ha inizio la lunga linea ferroviaria, chiamata Union
Pacific, che congiunge la citt a Ogden, per proseguire poi, sotto il
nome di Southern Pacific, fino a San Francisco. Per ci che riguarda
le comunicazioni ferroviarie con New York, i viaggiatori di Omaha
hanno solo l'imbarazzo della scelta.
Max Ral si aggir, dunque, senza essere riconosciuto, attraverso i
principali quartieri della citt. Omaha, come la vicina Council-Bluff,
costruita a scacchiera: cinquantaquattro caselle rettangolari, l'una
accanto all'altra, delimitate da linee rette.
Erano le dieci quando Max Ral, seguito da Tommy, torn verso
il Missouri dalla parte settentrionale della citt, e ridiscese la riva
fino al pontile d'imbarco del vaporetto.
Il Dean Richmond era pronto a partire. Le sue caldaie ronfavano
come ubriachi, il bilanciere aspettava soltanto l'ordine di marcia, per
muoversi sopra lo spardeck. Una giornata sarebbe stata sufficiente al
Dean Richmond per percorrere le centocinquanta miglia che lo
separavano da Kansas City.
Max Ral e Tommy presero posto nella galleria superiore, verso
poppa.
Oh, se i passeggeri avessero mai saputo che un giocatore della
famosa partita stava per discendere, in loro compagnia, le acque del
Missouri fino a Kansas City! Chiss che festosa accoglienza gli
avrebbero fatto! Ma Max continu a mantenere l'incognito e Tommy
non si sarebbe mai sognato di tradirlo.
Alle dieci e dieci furono allentati gli ormeggi, le pale possenti si
misero in moto e il battello segu la corrente del fiume, cosparso di
pietre pomici galleggianti strappate alle sue sorgenti, nelle gole delle
Montagne Rocciose.
Le piane e verdeggianti rive del Missouri non presentano, nel
territorio del Kansas, l'aspetto bizzarro che danno loro, pi a monte,
le cavit delle rocce granitiche. Qui il fiume giallastro non pi
interrotto da cateratte, sbarramenti, chiuse, n agitato damarti e
rapide. Gonfio per l'apporto d'acqua dei tributari provenienti dalle
lontane regioni del Canada, anche notevolmente ingrossato da
numerosi corsi d'acqua, il pi importante dei quali lo Yellow-stone-
river.
Il Dean Richmond filava rapido tra la flottglia di bastimenti a
vela o a vapore che utilizzano il suo corso a valle, quello a monte non
essendo navigabile sia per i ghiacci che lo ingombrano d'inverno, sia
per la siccit che lo prosciuga in estate.
Si giunse a Piatte City, sull'omonimo fiume che viene chiamato
anche Nebraska, come lo Stato. Tuttavia, il nome di Piatte pi
giustificato, se si considera che i suoi serpeggiamenti si svolgono tra
rive erbose, molto scoperte, che lasciano poca profondit al suo letto.
Venticinque miglia oltre, il battello fece scalo a Nebraska City, che
il vero porto di Lincoln, capitale dello Stato, bench si trovi a una
ventina di leghe a ovest del fiume.
Nel pomeriggio, Max Ral riusc a fare alcuni schizzi all'altezza di
Atkinson, e un pregevole paesaggio presso Leavenworth, ove il
Missouri attraversato da un ponte che tra i pi belli del suo corso.
Proprio in quel punto nel 1827 fu costruito un forte per difendere il
paese dagli attacchi delle trib indiane.
Era quasi mezzanotte quando il giovane pittore e Tommy
sbarcarono a Kansas City. Avevano a disposizione una dozzina di
giorni per raggiungere Fort Riley, luogo indicato dalla nota di
Hypperbone.
Innanzitutto Max scelse un albergo di buon aspetto ove trascorrere
una notte tranquilla, dopo ventiquattro ore di treno e quattordici di
battello.
Il giorno successivo fu dedicato alla visita della citt o, per dir
meglio, delle due citt. Vi sono infatti due Kansas sulla riva destra
del Missouri, che in quel punto forma un'ansa ristretta, ma di esse,
che sono separate dal Kansas-river, una fa parte dello Stato del
Kansas con i suoi trentottomila abitanti; l'altra, molto pi importante,
fa parte dello Stato del Missouri e conta centotrentamila abitanti.
Tuttavia, se fossero nello stesso stato, formerebbero una sola citt.
D'altronde Max non intendeva fermarsi pi di ventiquattr'ore in
nessuna delle due citt. Esse si rassomigliano come due scacchiere,
per cui visitarne una come averle viste entrambe. Il mattino del 4
maggio, egli si rimise perci in cammino per raggiungere Fort Riley,
e stavolta per fare un viaggio da artista. Prese di nuovo il treno,
naturalmente, ma ben deciso a discenderne nelle stazioni che gli
fossero piaciute, per andare alla ricerca di paesaggi, dai quali trarre
profitto nel caso in cui egli, che era partito per primo, fosse stato
l'ultimo ad arrivare.
Ora non era pi il deserto americano di un tempo; la vasta pianura
sale gradualmente, verso ovest, fino a raggiungere l'altezza di 500
tese alla frontiera del Colorado. Le successive ondulazioni sono
interrotte da valli ampie e boscose, separate a perdita d'occhio da
steppe che cento anni prima erano percorse da indiani Kansas, Nasi
Forati, Oteas, e da altre trib chiamate semplicemente Pellirosse.
Ci che aveva apportato una trasformazione totale alla regione era
stata la scomparsa di abeti e cipressi e la coltivazione, al loro posto,
di milioni di alberi da frutta, oltre alla creazione di vivai per
l'alimentazione di frutteti e vigneti. Territori immensi, impiegati nella
coltivazione del sorgo ormai comunemente adoperato per la
fabbricazione dello zucchero si alternavano a campi d'orzo, segala,
granturco, avena, grano, e facevano del Kansas uno dei pi ricchi
territori dell'Unione.
Fiori di infinite specie sbocciavano soprattutto lungo le rive del
Kansas; in particolare gli innumerevoli cespugli di artemisia dalle
foglie lanuginose, alcuni erbacei, altri fruticosi, che profumavano
intensamente di trementina.
Andando, insomma, di stazione in stazione, percorrendo alcune
miglia attraverso la campagna per abbozzare qualche tela, Max Ral
raggiunse Topeka una settimana dopo, e cio nel pomeriggio del 13
maggio.
Topeka la capitale del Kansas. Il nome le proviene dalle patate
selvatiche che abbondano sui declivi della valle. La citt occupa la
riva meridionale del corso d'acqua e si completa col sobborgo della
riva opposta.
Max e il giovane negro riposarono opportunamente mezza
giornata e il giorno successivo visitarono la capitale. I suoi
trentaduemila abitanti non sapevano di avere tra loro il celebre
giocatore, il cui nome appariva sui manifesti del giorno, e tuttavia lo
attendevano, per cos dire, al varco. Non potevano certamente
immaginare che per recarsi a Fort Riley egli avesse preso un'altra
linea ferroviaria, invece di quella che costeggia il fiume Kansas e
serve Topeka. La popolazione lo attese perci inutilmente e Max
riparti all'alba del 14, senza che nessuno avesse minimamente
sospettato la sua presenza.
Fort Riley ora ormai a una sessantina di miglia, alla confluenza
dei fiumi Smoky Hill e Republican. Max poteva giungervi la sera
stessa, se avesse voluto, o il giorno seguente, se gli fosse venuto il
ticchio di gironzolare per via. Ed proprio ci che fece, dopo aver
lasciato il treno alla stazione di Manhattan. Manc poco per che un
impedimento non lo fermasse sin dall'inizio del gioco e che egli
perdesse il diritto di continuare la partita.
Perch mai? Perch l'artista aveva preso il sopravvento sul pedone
della scacchiera che il caso spingeva attraverso quella regione.
Nel pomeriggio, Max e Tommy scesero alla penultima stazione
tre o quattro miglia prima di Fort Riley e si diressero verso la riva
sinistra del Kansas. Mezza giornata sarebbe stata sufficiente per
percorrere quelle poche miglia, anche a piedi; nessuna
preoccupazione, quindi.
Ma l'incantevole paesaggio che improvvisamente si offerse al suo
sguardo, indusse Max Ral a fare sosta sulla riva del fiume. In un
angolo del corso d'acqua, in cui si alternavano capricciosamente luci
e ombre, sorgeva un albero: uno degli ultimi di un antico cipresseto. I
suoi rami formavano, da una riva all'altra, una specie di pergolato. Ai
suoi piedi si vedevano i resti di una capanna; pi in l si stendeva
un'ampia prateria cosparsa di fiori, soprattutto di smaglianti girasoli.
Oltre il fiume appariva uno sfondo di verzura con oscure profondit,
rotte qua e l da brillanti raggi di sole.
Che posto delizioso! pens Max. In un paio d'ore ne avr
finito lo schizzo.
Fu lui, invece, come si vedr, che corse il rischio di essere
finito.
Si era seduto sull'argine la piccola tela incastrata nella scatola
dei colori e da circa quaranta minuti lavorava senza distrarsi,
quando un rombo lontano (il quadrupedante sonitu di Virgilio) si ud
provenire da est. Sembrava una gran moltitudine di cavalli che
galoppasse lungo la pianura, verso la riva sinistra del fiume.
Tommy, che sonnecchiava sempre volentieri, fu il primo a
percepire, sdraiato com'era ai piedi di un albero, l'insolito crescente
rumore.
Poich il suo padrone non percepiva nulla e non girava neppure il
capo, egli si alz, risal l'argine e spinse lo sguardo lontano.
Il rombo intanto cresceva e dall'orizzonte si alzavano volute di
polvere, che la brezza, piuttosto fresca, spingeva verso ovest.
Tommy torn in fretta e con sgomento grid a Max:
Padrone!
Il pittore, assorto dinanzi alla tela, non pens neppure di
rispondergli.
Padrone! ripet Tommy, inquieto, ponendogli la mano sulla
spalla.
Che cosa c', Tommy? rispose Max, occupatissimo a
mescolare col pennello un po' di terra di Siena e di vermiglio.
Padrone, non sentite nulla? chiese Tommy.
Bisognava essere sordi per non sentire il rombo di quella frenetica
cavalcata.
Max si alz subito, depose la tavolozza sull'erba e raggiunse
l'argine.
A non pi di cinquecento passi, veniva innanzi un numeroso
branco di animali, sollevando nuvole di polvere e di vapori: una
specie di valanga, dalla quale uscivano nitriti furiosi, che avanzava
precipitosamente sulla pianura. Ancora pochi istanti e la valanga
avrebbe raggiunto la riva del fiume.
L'unica possibilit di scampo era la fuga verso il nord. Raccolti in
fretta i suoi attrezzi, Max Ral se la diede a gambe in quella
direzione, seguito, o meglio, preceduto da Tommy.
L'orda avanzava a tutta velocit. Erano migliaia di cavalli e di
muli, allevati un tempo dallo Stato sulla riva del Missouri. Ma, da
quando automobili e biciclette sono diventate di moda, questi
ippomotori come sono stati anche chiamati, abbandonati a se
stessi, vagano per la campagna.
Lo sterminato branco galoppava, spaventato, certamente da pi
ore. Nessun ostacolo era riuscito a fermarlo. I campi coltivati erano
stati devastati dal suo passaggio: se il fiume non avesse costituito per
esso un ostacolo invalicabile dove sarebbe giunto?
Bench corressero a gambe levate, Max Ral e Tommy
compresero che sarebbero stati presto raggiunti e impietosamente
calpestati, se non fossero riusciti ad arrampicarsi in tempo sui rami
pi bassi di un robusto albero di noce, l'unico che sorgesse sulla
uniforme superficie della pianura.
Erano le cinque del pomeriggio.
Sull'albero erano ormai al sicuro. Quando, alla fine, le ultime file
dell'immenso branco furono scomparse dalla parte del fiume, Max
disse:
Su, presto!
Tommy non mostr di aver fretta di scendere dal ramo sul quale
stava a cavalcioni.
Fai presto, ti dico, se non vuoi farmi perdere sessanta milioni
di dollari e impedirmi di fare di te un vile schiavo!
Max scherzava: non era possibile giungere in ritardo a Fort Riley.
Invece di recarsi alla stazione, dalla quale ora era troppo lontano e
dove forse non avrebbe trovato nessun treno in partenza, si mise in
cammino tranquillamente, con passo leggero, attraverso la pianura.
Quando si fece buio, si lasci guidare dalle luci che brillavano
all'orizzonte.
L'ultima parte del viaggio fu compiuta in quel modo e le otto non
erano ancora suonate all'orologio della citt, quando Max e Tommy
si trovarono dinanzi all'albergo J ackson.
Il primo giocatore era dunque giunto nel luogo prescelto da
William J . Hypperbone per l'ottava casella. Ma perch quella scelta?
Il Missouri, posto al centro geografico dell'Unione, stato chiamato
Stato centrale; il Kansas, d'altra parte, giustifica anch'esso quel nome,
perch ne occupa il centro geometrico. Fort Riley, a sua volta,
posto nel cuore del Kansas. Questo era, probabilmente, il motivo di
quella scelta. In relazione a ci stato infatti eretto un monumento,
vicino a Fort Riley, precisamente nel punto in cui si congiungono i
fiumi Smoky Hill e Republican.
Qualunque fosse la ragione della scelta, Max era ormai giunto
sano e salvo a Fort Riley. Il giorno seguente, lasciato l'albergo
J ackson nel quale aveva pernottato, egli si rec all'ufficio postale e
chiese se fosse giunto un telegramma per lui.
Il vostro nome? chiese l'impiegato.
Max Ral.
Max Ral di Chicago?
In persona.
Siete uno dei giocatori della grande partita del nobile gioco
degli Stati Uniti d'America?
Precisamente.
Non era pi possibile serbare l'incognito ormai, e la notizia della
presenza di Max Ral si diffuse in tutta la citt.
Fu dunque tra gli evviva della folla, ma con suo grande fastidio,
che il giovane pittore torn all'albergo, ove gli sarebbe stato portato,
non appena giunto, l'atteso telegramma. Dove lo avrebbe mandato,
adesso, il secondo lancio di dadi? Dove voleva il capriccio
dell'imperscrutabile destino!
CAPITOLO VIII
JOHN MILNER GUIDA TOM CRABBE
UNDICI, fatto con un cinque e un sei, non era un colpo da
disprezzare, se il giocatore non ha la fortuna di fare nove, con un sei
e un tre o con un cinque e un quattro, per andare a finire alla
ventiseiesima o alla cinquantatreesima casella.
Gli rincresceva una sola cosa, forse, e cio che lo stato indicato
con il numero undici fosse lontanissimo dall'Illinois. C'era proprio da
stupirsi se Tom Crabbe, o meglio il suo allenatore J ohn Milner, se ne
crucciasse?
La sorte li mandava nel Texas, il pi vasto territorio dell'Unione,
che ha, da solo, una superficie superiore a quella della Francia. Posto
a sud-ovest della Confederazione, il Texas confina col Messico, dal
quale stato separato nel 1835, dopo la vittoria riportata dal generale
Houston nella battaglia contro il generale Santa-Anna.
I principali itinerari che permettevano a Tom Crabbe di
raggiungere il Texas erano due. Egli poteva, da Chicago, recarsi a
Saint-Louis e di l prendere il battello del Mississippi fino a New
Orleans, oppure prendere il treno che conduce alla metropoli della
Louisiana, attraversando tre Stati: Illinois, Tennessee e Mississippi.
L si sarebbe scelta la via pi breve per raggiungere Austin, capitale
del Texas luogo indicato dalla nota di Hypperbone, per ferrovia
o per mezzo dei battelli che prestano servizio tra New Orleans e
Galveston.
J ohn Milner ritenne pi opportuno scegliere il treno, per condurre
Tom Crabbe nella Louisiana. Comunque, non aveva tempo da
perdere come Max Ral, n desiderio di gingillarsi per via, dovendo
personalmente trovarsi, il giorno 16, al termine del viaggio.
Quando partirete? gli chiese il cronista del Freie Presse,
dopo la proclamazione del risultato, avvenuta il 3 maggio, nella sala
dell'Auditorium.
Questa sera stessa.
pronta la vostra valigia?
La mia valigia Crabbe rispose Milner. riempito,
chiuso e legato con lo spago. Debbo soltanto condurlo alla stazione.
E lui cosa ne dice?
Nulla. Appena avr finito il suo sesto pasto, andremo insieme a
prendere il treno; e lo riporrei tra i bagagli, se non fosse per il peso
eccessivo.
Ho il presentimento disse il cronista che Tom Crabbe
sar favorito da quella stessa fortuna
Ho anch'io lo stesso presentimento.
Buon viaggio!
Grazie.
L'allenatore non ci teneva a imporre l'incognito al campione del
Nuovo Mondo. Del resto, un personaggio cos notevole, dal punto di
vista materiale, come Tom Crabbe, non sarebbe certo passato
inosservato. La sua partenza non fu dunque tenuta segreta e quella
sera la gente affoll il marciapiede della stazione per vederlo salire,
tra gli evviva, sulla vettura. J ohn Milner sal dopo di lui. Poi il treno
si mosse e non si pu escludere che la locomotiva avvertisse il
maggior carico per il trasporto del pesante pugile.
Durante la notte il treno divor trecentocinquanta miglia e il
giorno seguente giunse a Fulten, all'estremo limite dell'Illinois, sulla
frontiera del Kentucky.
Tom Crabbe non si preoccupava molto di osservare il paese che
stava attraversando uno stato che figura al quattordicesimo posto
tra quelli dell'Unione. Senza dubbio, n Max Ral n Harris T.
Kymbale, al suo posto, avrebbero mancato di visitare Nashville, sua
odierna capitale, o il campo di battaglia di Chattanooga, sul quale
Sherman apr le vie del Sud alle armate federali. E poi, il primo come
artista, il secondo come cronista, avrebbero certamente fatto una
puntata a destra di un centinaio di miglia, fino a Grand J unction, per
onorare Memphis della propria presenza. una bella citt, la sola
importante che lo Stato abbia sulla riva sinistra del Mississippi, e
sorge sul dirupo che domina il corso di questo fiume superbo,
cosparso di isole verdeggianti.
Ma l'allenatore non ritenne opportuno modificare il suo itinerario
per permettere ai piedi giganteschi di Tom Crabbe di calpestare il
suolo di questa citt dal nome egizio. Cos non ebbe neppure la
possibilit di chiedere perch circa sessantanni prima, pur essendo
essa lontanissima dal mare, il governo vi avesse impiantato arsenali e
cantieri di costruzioni attualmente abbandonati, del resto n di
attendere la risposta che gli sarebbe stata data: in America, come
dappertutto, si commettono errori del genere.
Il treno continu dunque a trasportare il pugile e l'indifferente
allenatore attraverso le pianure dello Stato del Mississippi, passando
per Holly Springs, Granata e J ackson. Quest'ultima citt la capitale,
poco importante, di un territorio che l'esclusiva coltivazione del
cotone ha lasciato in notevole ritardo nello sviluppo industriale e
commerciale.
Tuttavia, in quest'ultima stazione, l'arrivo di Tom Crabbe
produsse per un'ora grande impressione. Centinaia di curiosi erano
venuti a vedere il notissimo distributore di pugni. Egli non aveva
certamente la statura di Adamo, al quale si attribuiva, prima delle
rettifiche dell'illustre Cuvier, un'altezza di quasi trenta metri; n
quella di Abramo (che superava i cinque metri) e neppure quella di
Mos (che raggiungeva quasi quattro metri) ma era pur sempre un
gigante della specie umana.
Tra i curiosi era presente anche uno scienziato l'illustre Kil
Kirney il quale, dopo aver misurato con estrema precisione il
campione del Nuovo Mondo, ritenne di dover avanzare qualche
riserva. Ed ecco ci che egli dichiar ex professo:
Signori, nel corso delle ricerche storiche alle quali mi sono
dedicato, ho rintracciato i principali calcoli di misurazione che si
riferiscono agli studi gigantografici, calcolati secondo il sistema
decimale. Nel XVII secolo apparve Walter Parson, alto due metri e
ventisette. Nel XVIII secolo apparvero il tedesco Mller di Lipsia,
alto due metri e quaranta, l'inglese Burnsfield, alto due metri e
trentacinque, l'irlandese Magrath, alto due metri e trenta, l'irlandese
O'Brien, alto due metri e cinquantacinque, l'inglese Toller, alto due
metri e cinquantacinque, e lo spagnolo Elacegin, alto due metri e
trentacinque. Nel XIX secolo apparvero il greco Auvassab, alto due
metri e trentatr, l'inglese Hales di Norfolk, alto due metri e quaranta,
il tedesco Marianne, alto due metri e quarantacinque, e il cinese
Chang, alto due metri e cinquantacinque. Voglio ora fare rilevare allo
stimatissimo allenatore che, dalla pianta dei piedi alla sommit del
capo, Tom Crabbe misura soltanto due metri e trenta.
Che volete che ci faccia? rispose irritato J ohn Milner non
posso certo allungarlo!
No, senza dubbio rispose Kil Kirney e io non sono qui
per chiedervelo. Il fatto che egli meno alto di
Tom disse allora J ohn Milner, assesta il tuo destro sul
petto di questo illustre signore, perch possa misurare anche la forza
del tuo bicipite!
Lo scienziato Kil Kirney non volle assolutamente sottoporsi
all'esperimento, che non gli avrebbe lasciato sane tutte le costole, e si
ritir con passo lento e dignitoso.
Non per questo Tom Crabbe fu meno acclamato dal pubblico,
quando J ohn Milner lanci a suo nome una sfida agli appassionati
del pugilato. E poich nessuno raccolse la sfida, il campione del
Nuovo Mondo risal nel proprio scompartimento, accompagnato
dagli auguri di buona fortuna della folla.
Dopo aver attraversato da nord a sud lo Stato del Mississippi, la
ferrovia raggiunse il confine della Louisiana alla stazione di Rocky
Comfort.
Seguendo il corso del fiume Tangipaoha, il treno discese fino al
lago Ponchartrain, di cui super la riva occidentale attraverso la
stretta lingua di terra che lo separa dal lago di Maurepas e sulla quale
poggia il viadotto di Mauchac. Alla stazione di Carrolton incontr il
fiume, largo circa quattrocentocinquanta tese, la cui ansa si restringe
quasi a chiudere la citt.
A New Orleans Tom Crabbe e J ohn Milner abbandonarono
definitivamente la ferrovia, dopo aver percorso, da Chicago, circa
novecento miglia. Essendo giunti nel pomeriggio del 5 maggio,
avevano ancora a disposizione tredici giorni per raggiungere Austin,
capitale del Texas: tempo pi che sufficiente, anche calcolando
eventuali ritardi, sia viaggiando via mare, sia utilizzando, via terra, la
ferrovia Southern Pacific.
Non bisognava comunque chiedere a J ohn Milner di condurre a
spasso per la citt il suo Crabbe, per fargliene ammirare le curiosit.
Se il caso vi avesse mandato un altro dei Sette, questi avrebbe
saputo certamente assolvere meglio quel compito. Austin distava
ancora pi di quattrocento miglia e J ohn Milner si preoccupava
soltanto di giungervi per la via pi breve e pi sicura.
La pi breve sarebbe stata la ferrovia, poich c' un collegamento
tra le due citt, ma a patto di giungere in tempo per la coincidenza. In
realt, dopo aver proceduto verso ovest, attraverso la Louisiana,
toccando Lafayette, Rarelant, Terrebone, Tigerville, Ramos,
Brashear, in direzione della punta del Lago Grande, la ferrovia
raggiunge, dopo centottanta miglia, la frontiera del Texas. Da qui,
essa procede, dopo la stazione di Orange, fino ad Austin, con un
percorso di duecentotrenta miglia. Ci nonostante e forse a torto -
J ohn Milner prefer un altro itinerario e ritenne che fosse meglio
imbarcarsi a New Orleans per raggiungere il porto di Galveston, che
la ferrovia unisce alla capitale del Texas.
Il caso volle che lo Sherman dovesse lasciare New Orleans il
mattino dopo, diretto a Galveston. Era un'occasione che non
bisognava lasciarsi sfuggire. Percorrere trecento miglia con una nave
che faceva dieci miglia all'ora, significava sbrigarsela in un giorno e
mezzo, o al pi in due giorni, se il vento non fosse stato favorevole.
J ohn Milner non ritenne neppure di consultare Tom Crabbe, cos
come non si chiede il parere alla propria valigia quando essa gi
chiusa per la partenza. Dopo aver divorato il suo sesto pasto in un
albergo del porto, l'eminente pugile dormi ininterrottamente fino al
mattino.
Erano le sette, quando il capitano Curtis ordin di allentare gli
ormeggi dello Sherman, dopo aver accolto l'illustre campione del
Nuovo Mondo con tutta la deferenza dovuta al secondo giocatore
della partita Hypperbone.
Stimatissimo Tom Crabbe gli disse, sono felice di aver
l'onore della vostra presenza sulla mia nave!
Il pugile non mostr di comprendere ci che il capitano Curtis gli
diceva e i suoi occhi si volsero istintivamente verso la porta della
sala da pranzo.
Vi assicuro riprese il comandante dello Sherman che
far l'impossibile perch giungiate in porto nel pi breve tempo
possibile. Non far economia di combustibile e nemmeno di vapore.
Sar l'anima dei miei cilindri, l'anima del mio bilanciere, e l'anima
delle ruote, che gireranno pi rapidamente possibile per assicurarvi
gloria e profitto!
La bocca di Tom Crabbe si apr, come per rispondere, e si chiuse
subito; poi si riapr e si chiuse nuovamente. Ci significava che l'ora
della prima colazione era suonata all'orologio del suo stomaco.
La cambusa completamente a vostra disposizione dichiar
il capitano Curtis e siate certo che sbarcheremo in tempo nel
Texas, anche se dovessi far caricare tanto le valvole da far saltare in
aria la nave.
meglio che la nave non salti in aria rispose J ohn Milner,
col buon senso che lo distingueva. Sarebbe un grave errore,
quando si sul punto di guadagnare sessanta milioni di dollari!
Il tempo era bello e per di pi non vi era nulla da temere nei canali
di New Orleans, nonostante essi siano soggetti a capricciosi
mutamenti, peraltro sorvegliati dal servizio marittimo. Lo Sherman
segu quello a sud, tra le canne e i giunchi delle sue basse rive. Forse
l'olfatto dei viaggiatori fu spiacevolmente impressionato dalle
esalazioni idrogenate delle numerosissime pustole prodotte dalla
fermentazione delle materie organiche del fondo; ma in quel canale,
diventato la vera porta di accesso al grande fiume, non c'
assolutamente pericolo di arenarsi.
La nave pass dinanzi a molte officine e magazzini, raggruppati
sulle due rive, e poi dinanzi alla borgata d'Aigiers, a Pointe la
Hache e a J ump. In quel periodo dell'anno, la magra del fiume
sensibile. In aprile, maggio e giugno il Mississippi si gonfia
regolarmente e le sue acque si abbassano al minimo soltanto in
novembre. Lo Sherman non ebbe quindi bisogno di ridurre la propria
velocit e raggiunse senza inciampi Port Eads, cos chiamato dal
nome dell'ingegnere che cur i lavori di miglioramento di questo
passaggio meridionale.
l che il Mississippi, dopo un percorso di 7.240 chilometri, si
getta nel golfo del Messico.
Doppiate le ultime punte, lo Sherman fece rotta verso ovest. Tom
Crabbe aveva sopportato magnificamente questa parte della
traversata. Dopo aver mangiato alle solite ore, era andato a coricarsi,
e la mattina dopo, quando torn al suo posto, a poppa dello spardeck,
appariva fresco e riposato.
Lo Sherman era gi a una cinquantina di miglia al largo; a nord,
bassissima, si intravedeva appena la costa.
Era la prima volta che Tom Crabbe affrontava i rischi della
navigazione marittima. Dapprincipio, sembr turbato dal rullio e dal
beccheggio.
Ci dipinse sulla sua larga faccia, di solito rubiconda, un crescente
pallore, di cui J ohn Milner, che lo conosceva bene, non tard ad
accorgersi.
Che soffra il mal di mare? disse tra s, accostandosi alla panca
sulla quale il compagno si era seduto.
Gli tocc la spalla e gli disse:
C' qualcosa che non va?
Tom Crabbe apr la bocca e questa volta non fu la fame a fargli
mettere in moto le mascelle, bench fosse gi l'ora del pasto. E
poich non fece pi in tempo a chiuderla, un po' d'acqua salata gli
penetr nella gola, nel momento in cui lo Sherman si piegava sul
fianco a causa di una forte ondata.
Strappato dalla panca, il pugile rotol sul ponte.
Era opportuno trasferirlo nella parte centrale della nave, ove le
oscillazioni sono meno sensibili.
Vieni, Tom gli disse J ohn Milner.
Tom Crabbe cerc inutilmente di rialzarsi.
Avvertito dell'accaduto, il capitano Curtis corse a poppa.
Capisco di che si tratta disse. Non nulla, il signor
Crabbe vi si abituer. Non possibile che un uomo come lui possa
soffrire del mal di mare. Ci si addice alle donnicciole, tutt'al pi.
Sarebbe terribile per una persona con una costituzione cos robusta!
Era terribile, infatti, e mai passeggeri assistettero a spettacolo pi
penoso. La nausea, si sa, un disturbo che affligge di solito le
persone gracili e malaticce. In questi casi il disturbo ha un decorso
normale e non violento. Ma quali conseguenze pu avere in un tipo
corpulento e vigoroso come Crabbe? Egli farebbe la fine di quei
monumenti che vengono danneggiati dal terremoto molto di pi che
la fragile capanna dell'indiano Quest'ultima resiste mentre l'altro
crolla.
Tom Crabbe croll e fece temere di non essere pi che un
mucchio di rovine.
Seccato, J ohn Milner intervenne.
Bisognerebbe toglierlo di qui disse.
Il capitano Curtis chiam il nostromo e dodici marinai, per quel
lavoro straordinario. Il drappello riun i propri sforzi e tent
inutilmente di rialzare il campione del Nuovo Mondo. Fu perci
necessario rotolarlo come un barile, lungo lo spardeck, calarlo poi sul
ponte per mezzo di un paranco, e infine trascinarlo fino alla tuga
della macchina, il cui bilanciere sembrava farsi beffe della sua mole
impotente. Qui egli rimase in uno stato di completa prostrazione.
colpa di quella schifosa acqua salata che gli sbattuta sul
viso! disse Milner al capitano Curtis. Fosse stato almeno
alcool!
Se fosse stato alcool rispose giudiziosamente il capitano
gi da un pezzo il mare sarebbe stato prosciugato fino all'ultima
goccia e ora la navigazione non sarebbe pi possibile!
Era proprio una disgrazia. Il vento che veniva da ovest a un tratto
inverti direzione e soffi forte. Di conseguenza, il beccheggio e il
rullio furono maggiori, e poich la nave avanzava contro le onde,
dovette diminuire la velocit. Cos il viaggio sarebbe durato il
doppio: settanta-ottanta ore, invece delle quaranta previste. Milner
pass quindi attraverso le varie fasi dell'inquietudine, mentre il
compagno, a sua volta, passava attraverso quelle del suo noioso
disturbo: sconvolgimento dell'intestino, disturbi nell'apparato
circolatorio, capogiri ancora peggiori di quelli provocati
dall'ubriachezza. Come diceva il capitano Curtis, Tom Crabbe era
ormai da raccogliere col cucchiaio!
Il 9 maggio, infine, dopo un vento furioso che per fortuna dur
poco, apparvero, verso le tre del pomeriggio, le coste del Texas,
orlate di dune di sabbia bianca e difese da una moltitudine di isolette,
al disopra delle quali svolazzavano gruppi di grossi pellicani. Con
grande economia per la cucina di bordo, Tom Crabbe, bench avesse
spesso anzi, troppo spesso aperto la bocca, nulla ancora aveva
mangiato, dopo l'ultimo pasto, trangugiato quando la nave era ancora
all'altezza di Port Eads.
Milner sperava che il compagno riuscisse a vincere quel fastidioso
malessere e che riprendesse forma umana; desiderava che egli fosse
presentabile quando lo Sherman, al riparo del mare alto, nella baia di
Galveston, non avrebbe pi subito le oscillazioni a causa delle
ondate. Ma il poveretto non riusc a riprendersi neppure in acque
tranquille.
La citt era posta all'estremit di una punta sabbiosa. Un viadotto
la congiungeva al continente, ed era di l che si effettuavano le
spedizioni commerciali, tra cui primeggiano per importanza quelle di
cotone.
Compiute le necessarie evoluzioni attraverso il canale, lo Sherman
si affianc al suo pontile.
Milner non riusc a trattenere un'imprecazione. Centinaia di
curiosi erano sulla banchina. Informati telegraficamente che Tom
Crabbe si era imbarcato a New Orleans, diretto a Galveston,
attendevano il suo arrivo.
Che cosa avrebbe presentato loro il suo allenatore, al posto del
campione del Nuovo Mondo, secondo partente nella gara
Hypperbone? Un'informe massa, somigliante pi a un sacco vuoto
che a una creatura umana.
Milner tent di fare qualcosa perch Tom Crabbe si rimettesse in
piedi.
Be', va sempre male?
Ma il sacco continu a rimanere sacco e fu perci necessario
trasportarlo in barella al Beach Hotel, dove era stato prenotato un
appartamento.
Invece degli evviva ai quali era abituato, e che lo avevano salutato
alla partenza da Chicago, questa volta furono lanciati, al suo
passaggio, qualche frizzo e qualche parola di sarcasmo.
Ma non era il caso di disperarsi, dopo tutto. Con una notte di
riposo e un certo numero di pasti abilmente combinati, Tom Crabbe
avrebbe certamente ripreso, il giorno dopo, l'abituale vigore e
l'energia di prima.
Ma se J ohn Milner l'avesse pensata cos, si sarebbe sbagliato. La
notte non apport miglioramenti allo stato di salute del suo
compagno. L'annientamento delle sue facolt si mantenne eguale a
quello del giorno prima. Eppure non si chiedeva a Tom Crabbe di
fare uno sforzo intellettuale, di cui sarebbe stato incapace, ma un
semplice sforzo fisico. Fu inutile. Anche dopo aver messo piede a
terra, la sua bocca continu a restar chiusa ermeticamente: essa non
chiedeva cibo e lo stomaco non faceva pi udire i soliti richiami, alle
ore consuete.
Trascorsero cos il 10 e l'11 maggio; il 16, termine ultimo,
bisognava trovarsi ad Austin.
Milner prese allora l'unica decisione possibile. Meglio arrivare
troppo presto che troppo tardi. Tanto valeva che Tom Crabbe uscisse
dalla prostrazione ad Austin, invece che a Galveston: se non altro, si
sarebbe trovato al suo posto.
Tom Crabbe fu dunque trasportato alla stazione con un carro e poi
introdotto in una vettura, come un enorme bagaglio. Alle otto e
mezza della sera, il treno si mise in moto, mentre gruppetti di
scommettitori, sul marciapiede della stazione, non osavano
arrischiare la pi piccola somma fossero pure venticinque
centesimi per un giocatore in cos pessima forma.
Era una fortuna che il campione del Nuovo Mondo e il suo
allenatore non dovessero percorrere i settantacinque milioni di ettari
dell'intera superficie del Texas. Dovevano solo percorrere le
centosessanta miglia che separano Galveston dalla capitale dello
Stato.
Sarebbe stato certamente un piacere visitare le regioni bagnate dal
magnifico Rio Grande e da tanti altri fiumi: l'Antonio, il Brazos, il
Trinity, che sfocia nella baia di Galveston, e il Colorado dalle rive
tortuose cosparse di ostriche perlifere. Magnifico paese, il Texas,
ricco di immense praterie, ove un tempo si accampavano i
Comanchi, e cosparso a ovest di foreste vergini nelle quali
abbondano magnolie, sicomori, noci, acacie, palme, querce, cipressi,
cedri; su di esso si estendono a perdita d'occhio campi di aranci,
nopal, cactus, tra i pi belli della flora. A nord-ovest, superbe
montagne anticipano le Montagne Rocciose. Esso produce una canna
da zucchero migliore di quella delle Antille; il tabacco Nocogdochs,
di qualit superiore a quello del Maryland o della Virginia, e un tipo
di cotone migliore di quello del Mississippi e della Louisiana. Vi si
trovano fattorie di 40.000 acri, che contano altrettanti capi di
bestiame, ranchos dove si allevano a centinaia di migliaia i pi begli
esemplari della razza equina.
Ma quale interesse ci poteva avere per Tom Crabbe, che non
guardava mai nulla, e per J ohn Milner, che aveva occhi solo per Tom
Crabbe?
Durante la sera, il treno si ferm per due ore alla stazione di
Houston. A Houston, che pu essere raggiunta da navi di poco
pescaggio, vengono depositate le merci che arrivano attraverso il
Trinity, il Brazos e il Colorado.
Il giorno seguente, 13 maggio, di buon mattino, Tom Crabbe
scendeva alla stazione di Austin, meta del suo viaggio. Importante
centro industriale, servito dalle acque del fiume che una chiusa
trattiene, questa capitale costruita su una terrazza, a nord del
Colorado, nel cuore di una regione in cui abbondano ferro, rame,
manganese, granito, marmo, gesso e argilla. Pi americana di molte
altre citt del Texas, scelta come sede della legislatura di Stato, essa
conta ventiseimila abitanti, quasi tutti di origine sassone. costituita
da un unico agglomerato, contrariamente alle citt del Rio Grande,
che sono doppie: case in legno da una parte del fiume, capanne di
latta e terra dall'altra, quali El Paso ed El Presidio, messicane a met.
Ad Austin, dunque, solo dei tifosi americani, spinti dalla curiosit
(e forse dall'intenzione di fare qualche scommessa), vennero a dare
un'occhiata al secondo giocatore, che il colpo di dadi aveva mandato
loro dalle lontane regioni dell'Illinois.
Essi, del resto, furono pi fortunati di quelli di Galveston e di
Houston. Mettendo piede nella capitale del Texas, Tom Crabbe si era
finalmente rimesso da quel preoccupante torpore che le cure, le
suppliche e perfino le minacce di Milner non erano riuscite a vincere.
Sulle prime, forse, il campione del Nuovo Mondo apparve un po'
spossato, un po' fiacco, un po' impacciato; ma non c'era da
stupirsene, dal momento che non aveva ingerito altro che aria
marina, da quando lo Sherman aveva preso il largo. Il gigante si era
ridotto a nutrirsi solo di se stesso. vero per che, anche se costretto
a quel solo cibo, avrebbe avuto di che nutrirsi per molti giorni
ancora!
Quel mattino fece un pasto che dur fino a sera: quarti di
selvaggina, carne di montone e di bue, salumi di vario genere,
verdura, frutta, formaggi, birra, gin, whisky, t e caff! Milner si
sent venire i brividi al pensiero del conto che l'albergo gli avrebbe
presentato, prima di partire!
Ci ricominci il giorno dopo e prosegu ancora il giorno
successivo: si giunse cos al 16 maggio.
Tom Crabbe era tornato a essere la prodigiosa macchina umana,
dinanzi alla quale Corbett, Fitzsimons e altri pugili non meno famosi
avevano tante volte morso la polvere.
CAPITOLO IX
UNO PI UNO FA DUE
QUELLA MATTINA due viaggiatori, arrivati con il primo treno a
Calais, piccola borgata dello Stato del Maine, si fermavano al
Sandy Bar, un albergo, o per meglio dire una locanda, e neppure
delle migliori.
Erano un uomo e una donna, visibilmente stanchi del viaggio, che
era stato certamente lungo e faticoso. Dichiararono, come nome,
quello di signor e signora Field. Come quello di Smith, J ohnson e
qualche altro, il nome Field comunissimo tra le famiglie di origine
anglosassone. Bisogna possedere qualit straordinarie, o avere
raggiunto una considerevole posizione nella politica, nelle arti o
nell'esercito, in breve, essere un genio, per attirare su di s la
pubblica attenzione, quando si ha un nome cos comune. Chiamarsi
Field non diceva proprio nulla e non indicava personaggi importanti;
l'albergatore scrisse quindi quel nome, senza chiedere altro.
In quei giorni, del resto, in tutti gli Stati Uniti, non c'erano nomi
pi diffusi e pi ripetuti da milioni di bocche, di quelli dei giocatori e
dello stravagante socio dellExcentric Club. Ma -poich nessuno idei
Sette si chiamava Field, non c'era motivo a Calais di occuparsi
particolarmente di quei Field, pi che di qualsiasi altro viaggiatore. I
due, peraltro, non ispiravano fiducia e il locandiere cominci anzi a
chiedersi se avrebbero potuto pagare quando fosse giunto il momento
di regolare il conto.
Che cosa venivano a fare i due forestieri in quella cittadina posta
all'estremo confine di uno Stato, situato a sua volta all'estremo nord-
est dell'Unione? Perch volevano aggiungere due unit ai 661.000
abitanti del Maine, la cui superficie appena la met del territorio
comunemente chiamato Nuova Inghilterra?
La camera del primo piano occupata dai signori Field aveva poche
comodit: un letto matrimoniale, un tavolo, due sedie e un lavabo. La
finestra dava sul fiume Saint-Croix, la cui riva sinistra canadese.
L'unica valigia, posta all'ingresso del corridoio, era stata portata da
un portabagagli della stazione. In un angolo, facevano mostra di s
due grossi ombrelli e un vecchio sacco da viaggio.
Quando furono soli, e cio appena l'albergatore che li aveva
condotti nella camera fu uscito e la porta fu chiusa, i signori Field
tirarono il chiavistello e andarono ad appoggiare l'orecchio sul
battente per assicurarsi che nessuno potesse sentirli.
Eccoci finalmente al termine del viaggio! disse uno dei due.
Dopo tre giorni e tre notti dalla partenza! rispose l'altra.
Credevo che non finisse pi aggiunse il signor Field,
lasciando ricadere le braccia, quasi che i suoi muscoli non fossero
pi in grado di svolgere la loro funzione.
Ma non ancora finito! disse la signora Field.
E chiss quanto ci coster!
Non si tratta di ci che pu costarci ribatt aspramente la
signora, ma di ci che potrebbe renderci.
Comunque aggiunse il marito, abbiamo avuto la
magnifica idea di non viaggiare col nostro vro nome.
L'idea stata mia.
Idea eccellente! Saremmo stati alla merc di osti, locandieri,
vetturini e di tutti gli scorticatori che ingrassano su coloro che
passano loro per le mani; e ci col pretesto che ci dovranno entrare in
tasca milioni di dollari.
Abbiamo fatto bene conferm la signora Field e faremo
bene a continuare a ridurre al massimo le spese. Non abbiamo certo
buttato via i soldi nei ristoranti delle stazioni, durante questi tre
giorni Spero che continueremo cos.
Forse avremmo fatto meglio a rifiutare
Smettila, Hermann! disse la signora Field, con accento
imperioso. Non abbiamo forse le stesse probabilit degli altri di
giungere per primi?
Senza dubbio, Kate, ma sarebbe stato pi saggio sottoscrivere
l'accordo e dividersi l'eredit.
Non sono di questo parere. D'altra parte il commodoro Urrican
vi si opponeva e quel tale XKZ non era presente per dichiararsi
d'accordo.
Ebbene, se vuoi che te lo dica disse il signor Field, lui
che mi fa paura pi degli altri. Non si sa chi sia, n da dove venga.
Nessuno lo conosce. Si chiama XKZ ma forse un nome quello?
forse lecito chiamarsi XKZ?
Cos parl il signor Field. Ma se egli non si celava sotto nessuna
iniziale, aveva per mutato il proprio nome, Titbury, in Field: il
lettore lo avr certamente riconosciuto dalle poche frasi che aveva
scambiato con la pseudo signora Field e nelle quali si rivelava la loro
odiosa avarizia.
Era proprio Hermann Titbury, terzo giocatore, che i dadi, con un
uno e un uno, avevano inviato nella seconda casella, e cio nello
Stato del Maine. Che sfortuna! Il colpo lo mandava avanti di soli due
passi su sessantatr obbligandolo a raggiungere tuttavia l'estrema
punta nord-est dell'Unione.
Il Maine confina infatti con il Canada e New Brunswick. Entrato a
far parte della Confederazione nel 1820, limitato a est dalla baia di
Passama-quoddy, nella quale sfocia il fiume Saint-Croix; e poich lo
Stato, diviso in dodici contee, manda al Congresso due senatori e
cinquanta deputati, si potrebbe dire, non senza qualche pretesa, che
in quella baia nazionale si riversano i fiumi politici degli U.S.A.
I signori Titbury, che ora si trovavano nella malfamata locanda di
Calais, avevano lasciato la loro meschina abitazione di Robey Street
la sera del 5 maggio. Si sa gi per quale motivo avevano deciso di
servirsi di un nome fittizio. Poich non avevano fatto sapere a
nessuno il giorno e l'ora della partenza, il viaggio si era compiuto nel
pi stretto incognito, come quello di Max Ral, anche se per motivi
assai diversi.
Ci naturalmente contrari gli scommettitori perch, bisogna pur
dirlo, Hermann Titbury appariva in ottima forma in quella corsa ai
milioni. Le sue quotazioni sarebbero certamente salite, nel corso
della partita; forse sarebbe anche diventato uno dei favoriti della
gara. Non era, infatti, uno dei pochi privilegiati ai quali tutto riesce
su questa terra, poco scrupolosi come sono sui mezzi adoperati per
raggiungere il successo?
Il denaro gli avrebbe permesso di pagare le penalit in moneta
sonante, se la sorte gliene avesse imposto, anche se d'importo
rilevante. Non avrebbe avuto capricci o distrazioni, nel corso dei suoi
spostamenti, come forse poteva accadere a Max Ral e Harris T.
Kymbale. Nel recarsi da uno stato all'altro, non c'era da temere alcun
ritardo da parte sua: si poteva esser certi che il giorno stabilito egli
sarebbe stato nel luogo stabilito. Hermann Titbury offriva
indubbiamente buone garanzie, per non parlare della fortuna che lo
aveva sempre assistito nella sua attivit di uomo di affari.
La nostra coppia aveva avuto cura di predisporre l'itinerario pi
rapido e meno dispendioso lungo quella inestricabile rete ferroviaria
tesa, come un'immensa ragnatela, sui territori orientali dell'Unione.
Senza mai fermarsi per non esporsi al rischio di essere svaligiati nei
caff delle stazioni e nei ristoranti degli alberghi; solo nutrendosi
delle loro provviste da viaggio e passando da un treno all'altro con la
precisione di una pallina nelle mani di un prestigiatore; non
interessandosi affatto al pari di Tom Crabbe alle curiosit del
paese; sempre assorti negli stessi pensieri; sempre in preda alle stesse
inquietudini; prendendo nota delle spese di ogni giorno e contando e
ricontando il denaro portato con s per le necessit del viaggio;
sonnecchiando di giorno e dormendo di notte, i Titbury avevano
attraversato in tal modo l'Hlinois da ovest a est, poi lo Stato
dell'Indiana e successivamente l'Ohio, lo Stato di New York e quello
del New Hampshire. Erano giunti cos alla frontiera del Maine il
mattino dell'8 maggio, ai piedi del monte Washington, che appartiene
al gruppo dei Monti Bianchi, la cui cima nevosa, tra piogge e
grandinate, porta, a un'altezza di circa 1.800 metri, il nome dell'eroe
della repubblica americana.
I Titbury raggiunsero poi Paris, e successivamente Lewiston,
sull'Androseoggin: citt manifatturiera (raddoppiata da Auburn,
sull'altra riva del fiume) che pu competere con l'importante citt di
Portland, porto tra i migliori della Nuova Inghilterra, riparato dalla
baia del Casco. Il treno li trasport poi nella capitale del Maine,
Augusta, con le sue ville eleganti sparse sulle rive del Kennebec.
Dalla stazione di Bangor dovettero allora risalire verso nord, fino a
quella di Baskahogan, ove la ferrovia aveva termine; di l bisogn
ridiscendere in carrozza fino a Princeton, che un tronco ferroviario
univa a Calais.
Ecco in qual modo, con frequenti e noiosi cambiamenti di treno, i
due coniugi avevano compiuto la traversata del Maine, paese che i
turisti visitano volentieri, per via delle sue catene montuose, dei
campi di morene, degli altipiani lacustri, delle immense e inesauribili
foreste di querce, dei pini del Canada, degli aceri, dei faggi e delle
betulle che rifornivano di legname i cantieri navali prima che nelle
costruzioni marittime fossero adottati gli scafi di ferro.
I coniugi Titbury alias Field erano giunti a Calais il 9 maggio,
di buon mattino e molto in anticipo, poich avrebbero dovuto restarvi
fino al 19. In quel piccolo porto di cabotaggio di poche migliaia di
abitanti, avrebbero trascorso quindi una decina di giorni. Come
occupare il tempo fino all'arrivo del telegramma del notaio
Tornbrock che li avrebbe mandati chiss dove?
Il territorio cos vario del Maine si presta a bellissime gite. La
stupenda regione di nord-ovest dominata per mille e pi metri dal
monte Katahdin, enorme masso di granito emergente sulle foreste
della regione degli altipiani lacustri. Non sono peraltro da trascurare
Portland citt natale del grande poeta Longfellow, importante per i
suoi traffici con l'America del Sud e le Antille e interessante per i
palazzi, i parchi e soprattutto per i giardini, dei quali i suoi trentamila
abitanti si prendono cura con senso artistico e buon gusto o la
modesta Brunswick, per il celebre collegio Bowdoin, la cui galleria
di quadri attira numerosi visitatori; n le stazioni balneari
dell'Atlantico, frequentate durante l'estate dalle famiglie facoltose
degli stati vicini, le quali si sentirebbero umiliate se non venissero a
trascorrere alcune settimane, fra l'altro, nel rifugio Bar Harbor della
meravigliosa isola di Mount Desert.
Ma chiedere spostamenti del genere a due molluschi strappati dal
loro banco natale e trasportati novecento miglia lontano sarebbe stato
perfettamente inutile. Non avrebbero lasciato Calais n per un giorno
n per un'ora; sarebbero rimasti sempre insieme, a calcolare le loro
probabilit di vittoria, a maledire gli altri concorrenti, a studiare per
la centesima volta come investire il nuovo denaro, se il caso li avesse
resi trecento volte milionari. E, infatti, se ne sarebbero forse sentiti
imbarazzati?
Imbarazzati, loro, da quei milioni? No, certamente: avrebbero
saputo impiegarli in titoli assolutamente sicuri: azioni bancarie,
miniere, societ industriali. Avrebbero incassato enormi dividendi,
che avrebbero reinvestito integralmente, senza dissiparne neppure
una minima parte in opere di carit, e senza sottrarne nulla per
comodit e svaghi. Sarebbero vissuti come prima, insomma, assorti
nell'amore per gli scudi, divorati dall'auri sacra fames, da quegli
avari che erano, o ammucchiasoldi come allora si diceva spilorci
e codardi, dediti alla taccagneria, spilorceria e pitoccheria, quali
membri perpetui dell'accademia dei piangi-miseria!
In verit, se mai la sorte avesse dovuto favorire questa detestabile
coppia, avrebbe avuto probabilmente le sue buone ragioni, anche se
sarebbe poi stato difficile immaginare quali! E ci sarebbe avvenuto
a danno di giocatori pi meritevoli di possedere il patrimonio di
William J . Hypperbone, e che ne avrebbero fatto certamente miglior
uso, non escludendo n Tom Crabbe, n il commodoro Urrican.
Eccoli ora a Calais, a un'estremit del territorio federale, nascosti
sotto il nome di Field, annoiati e impazienti, a guardare i battelli da
pesca uscire all'ora della marea e rientrare con il loro carico di
sgombri, aringhe e salmoni. Poi tornavano a rinchiudersi nella loro
camera, al Sandy Bar, sempre timorosi che la loro identit fosse
scoperta.
Calais non proprio cos sperduta in fondo al Maine, perch non
fosse giunta ai suoi abitanti l'eco della famosa partita. Essi sapevano
che la seconda casella era stata attribuita al loro stato e il telegrafo
aveva fatto loro conoscere che il terzo colpo di dadi uno e uno
obbligava il giocatore Titbury a raggiungere la loro citt.
I due coniugi trascorsero il 9, il 10, l'11 e il 12 maggio in quella
borgata gi poco allegra annoiandovisi mortalmente. Lo stesso Max
Ral non avrebbe potuto sopportarla senza esserne oppresso. Il
tempo sembrava non passasse mai, sia che passeggiassero lungo le
vie fiancheggiate da casette di legno, sia che oziassero sulle banchine
del porto. Quanta pazienza ci voleva, per attendere ancora sette
giorni il telegramma del 19 con l'indicazione della nuova
destinazione!
I coniugi Titbury avevano per una magnifica occasione per fare
un giro all'estero: attraversare il fiume Saint-Croix, la cui riva sinistra
appartiene al Canada.
Fu Hermann Titbury, la mattina del 13, a fare quella proposta
esclamando:
Vada al diavolo, quell'Hypperbone! Perch mai avr scelto la
cittadina pi antipatica del Maine, per mandarvi i giocatori che hanno
la cattiva fortuna di fare il numero due all'inizio della partita?
Attento, Hermann disse la moglie a bassa voce. Se
qualcuno ti sentisse Se il destino ci ha mandato a Calais, che ci
piaccia o meno, dobbiamo rimanervi.
Possiamo per lasciare la citt!
Senza dubbio, a condizione di non uscire dal territorio
dell'Unione.
Allora non abbiamo neppure il diritto di andare sulla riva
opposta del fiume?
Assolutamente no, Hermann. Il testamento proibisce
formalmente di uscire dagli Stati Uniti.
E chi lo saprebbe, Kate? esclam il signor Titbury.
Non ti capisco, Hermann! rispose la matrona, alzando la
voce. Sei proprio tu a dire queste cose? Non ti riconosco pi! E se
in seguito si venisse a sapere che abbiamo oltrepassato la frontiera?
Se qualche accidente ci impedisse di tornare? Se non potessimo
tornare entro il 19? E poi, io non voglio!
L'imperiosa signora Titbury aveva perfettamente ragione. Come si
fa a sapere che cosa pu accadere? Supponiamo che capiti un
terremoto, che il New Brunswick si stacchi dal continente, che quella
parte dell'America si sposti, che un abisso si spalanchi tra i due
paesi Come sarebbe possibile trovarsi allora all'ufficio telegrafico
il giorno stabilito? Si correrebbe il rischio di essere messi fuori gara!
Non dobbiamo attraversare il fiume afferm
perentoriamente la signora Titbury.
Hai ragione disse il signor Titbury e non so neppure
perch mi sia venuta quest'idea! Da quando siamo partiti da Chicago,
non sono pi lo stesso! Questo maledetto viaggio mi ha abbrutito!
Eccoci, alla nostra et, a percorrere lunghi itinerari, noi che non ci
siamo mai mossi di casa! Forse avremmo fatto meglio a rinunciare
alla gara e a restarcene a Chicago!
Per sessanta milioni di dollari, valeva proprio la pena di
disturbarsi rispose la moglie. A me sembra che tu ti ripeta un
po' troppo, Hermann!
Comunque, Saint-Stephen, la citt canadese posta sull'altra riva
del Saint-Croix, non ebbe l'onore di ospitare i signori Titbury.
Era logico pensare che gente cos cauta e prudente dovesse essere
al riparo da spiacevoli eventi, che non sarebbe mai stata colta in fallo
e che nessun inconveniente potesse mai capitarle. Ma il caso si
diverte spesso a giocare tiri mancini ai pi abili e a predisporre per
essi tranelli da cui la loro saggezza non saprebbe proteggerli; perci
opportuno ricordarsene.
La mattina del giorno 14 i Titbury ebbero l'idea di fare una gita.
Niente paura: non intendevano andare lontano, ma appena a qualche
miglio fuori di Calais. Si noter, tra l'altro, che la citt ha ricevuto
quel nome francese, solo perch posta all'estremit degli Stati Uniti,
cos come la sua omonima situata all'estremit della Francia,
mentre lo Stato del Maine deriva il suo nome dai primi coloni che vi
si stabilirono sotto il regno di Carlo I d'Inghilterra.
Il tempo era burrascoso. Spesse nuvole si alzavano all'orizzonte,
lasciando prevedere che verso mezzogiorno il caldo sarebbe stato
opprimente; giornata poco adatta, quindi, per una passeggiata lungo
la riva destra del Saint-Croix.
I Titbury lasciarono la locanda verso le nove e risalirono il fiume;
quando furono fuori della cittadina proseguirono all'ombra degli
alberi, tra i cui rami facevano capriole migliaia di scoiattoli.
Prima di uscire, la coppia aveva chiesto all'albergatore, per
maggiore tranquillit, se ci fosse di pericolo di incontrare belve nella
campagna circostante. Non vi erano lupi n orsi: solo qualche volpe.
Ci si poteva avventurare tranquillamente, quindi, anche in mezzo alle
foreste che un tempo facevano del Maine un'immensa abetaia.
inutile dire che i signori Titbury non si preoccupavano affatto
dei paesaggi che si offrivano al loro sguardo. Parlavano
esclusivamente dei loro concorrenti: di quelli che erano partiti prima
di loro e di quelli che sarebbero partiti dopo. Dove erano in quel
momento Max Ral e Tom Crabbe? Ma chi li preoccupava pi di
tutti era sempre quel tale XKZ.
Verso mezzogiorno, dopo aver camminato circa due ore e mezzo,
pensarono di far ritorno alla locanda per la colazione. A mezzo
miglio dalla borgata, arsi dalla sete e oppressi dal caldo, decisero di
fermarsi in un'osteria posta sulla riva del fiume.
Sulle tavole occupate da alcuni bevitori erano allineate pinte di
birra.
I Titbury sedettero in disparte e discussero, per prima cosa, su ci
che dovevano farsi servire: porter o ale
7
non era ci che pi
desiderassero.
Temo che la birra sia troppo fredda disse la signora Titbury.
Siamo in un bagno di sudore e sarebbe un rischio
Hai ragione, Kate, una pleurite si fa presto a prenderla
rispose il marito.
Poi si rivolse all'oste:
Un grog all'whisky chiese.
Allwhisky, avete detto? esclam l'oste.
S, oppure al gin.
Avete il permesso?
Permesso? rispose Titbury, sorpreso.
Non lo sarebbe stato se si fosse ricordato che il Maine faceva
parte di un gruppetto di stati che avevano applicato la legge che
proibisce l'alcool. Negli Stati del Kansas, Dakota del Nord, Dakota
del Sud, Vermont, New Hampshire, e soprattutto nel Maine, era
proibito fabbricare e vendere alcoolici, distillati o fermentati.
Soltanto le guardie municipali erano autorizzate, in quella localit, a
venderne, dopo averli fatti analizzare da un commissario di stato, a
coloro che li acquistavano per uso medicinale o industriale.
Infrangere la legge, sia pure con una domanda imprudente, voleva

7
Sono due tipi di birra inglese; la prima scura e amara, la seconda pi
chiara e dolce. (N.d.R.)

dire esporsi alle pene severe decretate per la soppressione
dell'alcoolismo.
Infatti, alle parole del signor Titbury, un uomo gli si avvicin e gli
chiese:
Non avete il permesso prescritto?
No.
Allora vi dichiaro in contravvenzione.
In contravvenzione? E per che cosa?
Per aver chiesto dell'whisky o del gin.
L'uomo, che era un poliziotto in servizio, prese nota del nome dei
due coniugi, e li invit a presentarsi il giorno dopo dinanzi al giudice.
Rientrati mogi mogi in albergo, vi lascio immaginare che giornata
e che nottata vi trascorsero. Se la signora Titbury aveva avuto la
deplorevole idea di andare all'osteria, il signor Titbury, a sua volta,
aveva avuto il torto di preferire il grog alla pinta di birra. Che multa
rischiavano! Naturalmente, fino al mattino dopo, non fecero che
discutere e recriminare.
Il giudice R.T. Ordak si rivel per la persona pi antipatica, pi
scontrosa e pi permalosa di questo mondo. Il mattino, quando i due
gli comparvero davanti, li interrog bruscamente, nonostante i loro
modi gentili. Il loro nome? Signore e signora Field. Domicilio?
Indicarono, a caso, Harrisburgh, Pennsylvania. Professione?
Possidenti. E senza tanti complimenti li condann a un'ammenda di
cento dollari, per aver infranto la proibizione concernente le bevande
alcooliche, vigente nel Maine.
Era troppo. Per quanto padrone di s, e nonostante gli sforzi della
moglie, che cercava inutilmente di calmarlo, Titbury non riusc a
contenersi. Perdette le staffe e minacci il giudice, il quale raddoppi
l'ammenda: altri cento dollari per aver mancato di rispetto alla
giustizia.
La nuova ammenda rese il signor Titbury ancora pi furibondo.
Altri duecento dollari da aggiungere alle spese gi sostenute per
recarsi all'estremo confine di quel maledetto Maine! Esasperato,
dimentic la prudenza e giunse persino a sacrificare i vantaggi che
l'incognito gli assicurava.
Con le braccia conserte e il viso in fiamme, respingendo
bruscamente la signora Titbury, si chin allora sulla scrivania del
giudice e gli disse:
Sapete con chi avete da fare?
Con uno screanzato che punisco con trecento dollari di
ammenda, perch continua a parlarmi con questo tono! rispose il
giudice, non meno esasperato.
Trecento dollari! esclam la signora Titbury, accasciandosi
quasi svenuta sulla panca.
Trecento dollari! prosegu il giudice, accentuando ogni
sillaba trecento dollari di ammenda al signor Field di Harrisburgh,
Pennsylvania!
Sappiate, allora url Titbury, battendo il pugno sulla
scrivania, che non sono il signor Field di Harrisburgh,
Pennsylvania!
Chi siete, allora?
Il signor Titbury di Chicago, Illinois!
E cio una persona che si permette di viaggiare sotto falso
nome! ribatt il giudice, come per dire: Un altro crimine da
aggiungere agli altri!.
Sono il signor Titbury di Chicago, il terzo giocatore della gara
Hypperbone, il futuro erede della sua immensa fortuna!
Quella dichiarazione non parve impressionare il giudice Ordak.
Brusco, ma imparziale, il magistrato non credette giusto di tenere il
terzo giocatore in maggior considerazione di un qualsiasi marinaio
del porto.
Con voce sibilante, quasi succhiasse le parole, disse:
Benissimo, sar allora il signor Titbury di Chicago, Illinois, a
pagare i trecento dollari di ammenda. Inoltre, per essersi permesso di
presentarsi dinanzi alla giustizia sotto un nome che non il suo, lo
condanno a otto giorni di prigione.
Era il colmo: dopo la moglie, anche Titbury si accasci ora sulla
panca.
Otto giorni di prigione! Ma tra cinque giorni sarebbe arrivato
l'atteso telegramma! e il 19 bisognava ripartire per andare,
probabilmente, all'altra estremit degli Stati Uniti! e se non ci fosse
stato il giorno stabilito, sarebbe stato escluso dalla gara!
Ci era ben pi grave, per Titbury, che essere mandato alla
cinquantaduesima casella, e cio nella prigione di Saint-Louis, Stato
del Missouri! L, almeno, avrebbe potuto sperare di essere liberato
da un altro giocatore! Nella prigione di Calais, invece, per volont
del giudice R.T. Ordak, egli sarebbe rimasto chiuso fino allo spirare
della condanna!
CAPITOLO X
CRONISTA IN VIAGGIO
VERISSIMO, signori! Ritengo che la gara Hypperbone sia un
avvenimento nazionale stupefacente, che non mancher di arricchire
la gloriosa storia del nostro paese! Dopo la guerra d'Indipendenza, la
guerra di Secessione, la proclamazione della dottrina di Monroe e
l'applicazione del bill
8
Mac Kinley, il fatto pi saliente che la
fantasia di un membro dellExcentric Club abbia imposto
all'attenzione del mondo!
Cos diceva Harris T. Kymbale ai viaggiatori del treno che quel
giorno, 7 maggio, aveva lasciato la citt di Chicago. Il cronista del
Tribune, traboccante di gioia e di fiducia, perorava in tal modo la
causa della gara da un capo all'altro della vettura, lungo il corridoio
centrale, e poi, passando da una vettura all'altra, lungo tutto il treno
che percorreva a grande velocit la riva meridionale del lago
Michigan.
Harris T. Kymbale era partito solo, dopo aver declinato,
ringraziando, le offerte dei colleghi che desideravano
accompagnarlo. Non aveva portato con s neppure un domestico: era
completamente solo. Come abbiamo visto, non cercava di passare
inosservato, come Max Ral o Hermann Titbury, ma informava tutti
della sua presenza: avrebbe scritto volentieri sul suo cappello:
Quarto concorrente della gara Hypperbone. Un numeroso corteo lo
aveva accompagnato alla stazione, onorato dei suoi evviva,
sopraffatto con i suoi auguri di buon viaggio. Egli era in ottima
forma e appariva molto ottimista, inoltre lo si sapeva cos disinvolto,
audace e deciso nello stesso tempo, che gi parecchie scommesse
erano state fatte su di lui. Lo avevano giocato a uno contro due e

8
Vocabolo inglese che indica un disegno di legge proposto al Parlamento; dopo la
sua approvazione, il bill diventa un act. (N.d.R.)
anche contro tre, ed egli, che considerava la cosa di buon augurio, ne
era lusingato.
Ma se Kymbale aveva rifiutato la compagnia degli amici che
desideravano partecipare ai rischi dei suoi spostamenti attraverso gli
Stati dell'Unione, non per questo si era relegato in un cantuccio a
meditare in silenzio. Tra non molto, tutti coloro assieme ai quali
viaggiava sarebbero diventati suoi compagni. Egli apparteneva a quel
tipo di persone che pensano solo quando parlano, e non sarebbe stato
certamente avaro, nel corso dei suoi spostamenti, n di parole n di
denaro. La cassa del ricchissimo Tribune gli era aperta ed egli
avrebbe saputo rimborsare il giornale delle spese sostenute con
interviste, notizie, descrizioni e ogni genere di articoli, per i quali le
peripezie della gara gli avrebbero fornito ampia e interessante
materia.
Ma gli chiese un gentleman, yankee dalla testa ai piedi
non vi pare di dare troppa importanza a questa partita ideata da
Hypperbone?
No rispose il cronista e credo che un'idea cos originale
poteva germogliare soltanto in un cervello ultra-americano.
Avete ragione disse un grosso commerciante di Chicago.
Tutti gli Stati Uniti sono sottosopra e in occasione dei suoi funerali si
potuto vedere quale popolarit godesse il defunto il giorno dopo la
sua morte.
Signore gli chiese una vecchia dama con occhiali e dentiera,
sepolta in un cantuccio sotto un mucchio di coperte, ne avete
seguito il carro funebre?
Come se fossi stato un erede del nostro grande concittadino
rispose l'abitante di Chicago gonfio d'orgoglio e sono
onorarissimo di viaggiare con uno dei suoi futuri eredi, mentre vado
a Detroit.
Andate a Detroit? chiese Kymbale, stendendogli la mano.
A Detroit, Michigan.
Ebbene, avr il piacere di accompagnarvi. Non conosco questa
citt e desidero visitarla. Sono sicuro che avr uno splendido
avvenire.
Non ne avrete il tempo, signor Kymbale! afferm con
vivacit lo yankee, tanto da lasciar supporre che avesse scommesso
su di lui. Allunghereste il vostro itinerario e, come vi ho detto,
non ne avrete il tempo.
Si ha sempre tempo per ogni cosa rispose Kymbale, con
voce sicura, che fece ottima impressione sui presenti.
Tutta la vettura, infatti, fiera di avere un viaggiatore di quel
temperamento, proruppe in evviva, la cui eco giunse fino all'ultima
carrozza del treno.
Siete contento del vostro primo colpo di dadi? gli chiese un
maturo sacerdote, che attraverso gli occhiali lo divorava con lo
sguardo.
Si e no, reverendo rispose il giornalista rispettosamente.
S, perch i miei rivali, partiti prima di me, non hanno superato la
seconda, l'ottava e la undicesima casella, mentre io, con un due e un
quattro, sono andato alla sesta e di l alla dodicesima. No, perch la
sesta casella occupata dallo Stato di New York, ove c' un ponte,
dice la nota; questo ponte la passerella del Niagara. Il Niagara
troppo conosciuto! L'ho gi visto venti volte! roba trita, vi dico,
ritrita come la cascata americana, la cascata canadese, la Grotta dei
Venti, l'Isola della Capra! E poi, troppo vicino a Chicago! Io,
invece, voglio vedere il paese, essere sbalzato ai quattro canti
dell'Unione, percorrere migliaia e migliaia di chilometri.
A patto, tuttavia rispose il sacerdote, che siate sempre
all'ora stabilita
Naturalmente, caro reverendo, e credete pure che non ritarder
all'appuntamento neppure di un minuto!
Mi sembra, tuttavia, signor Kymbale fece rilevare un
commerciante di conserve alimentari, il cui colorito testimoniava in
favore dei suoi prodotti, che dovreste essere contento. Dopo aver
messo piede nello Stato di New York, dovrete recarvi in quello del
Nuovo Messico; e non si pu dire che questi due stati confinino l'uno
con l'altro.
Oh! esclam il cronista sono separati appena da alcune
centinaia di miglia.
E a meno di non essere mandato all'estrema punta della Florida
o nel villaggio pi lontano dello Stato di Washington aggiunse
lo yankee.
Questo si che mi piacerebbe! disse Harris. Attraversare
gli Stati Uniti da nord-ovest a sud-est
Ma l'essere stato mandato alla sesta casella, in cui c' un ponte
chiese il sacerdote, non vi obbliga a pagare una prima penalit?
Appena mille dollari! e ci non mander in rovina il
Tribune! Dalla stazione di Niagara Falls mander un ordine
telegrafico di pagamento e il giornale pagher immediatamente.
E anche molto volentieri disse lo yankee, considerato che
la gara Hypperbone per esso un affare.
Che sar presto un buon affare rispose con sicurezza Harris
T. Kymbale.
Ne sono cos sicuro disse il commerciante di Chicago
che se dovessi scommettere, scommetterei per voi.
E non sbagliereste! rispose il cronista.
Da tali risposte si potr rilevare che la fiducia che il giovane aveva
in se stesso eguagliava almeno quella che J ovita Foley riponeva
nell'amica Lissy Wag.
Mi sembra, per fece notare il sacerdote, che tra i vostri
rivali ce ne sia uno da temere pi degli altri.
Quale, caro reverendo?
Il settimo, signor Kymbale, quello indicato con le iniziali
XKZ.
Il concorrente dell'ultima ora? esclam il giornalista. Ma
no! Egli si avvantaggia del mistero che lo circonda. l'uomo
mascherato per il quale vanno matti, in genere, i semplicioni e gli
sfaccendati. Ma si finir per scoprire la sua identit e quand'anche
fosse il Presidente degli Stati Uniti in persona, non ci sarebbe motivo
di temerlo pi di qualsiasi altro dei Sette.
Tuttavia non sembrava probabile che il testatore avesse scelto il
Presidente degli Stati Uniti quale settimo partente, anche se, in
America, nessuno avrebbe avuto da ridire se la prima personalit
dell'Unione avesse partecipato alla gara, per disputare ai suoi rivali
un patrimonio di sessanta milioni di dollari.
Circa settecento miglia separano Chicago da New York; Harris T.
Kymbale doveva superarne solo due terzi, per raggiungere il Niagara,
e non aveva bisogno perci di spingersi fino alla grande metropoli
americana. Non aveva voglia di visitarla; la conosceva gi, come del
resto conosceva le famose cascate dinanzi alle quali doveva
presentarsi.
Dopo aver lasciato Chicago e aver fatto il giro del golfo inferiore
del lago Michigan, il treno raggiunse la stazione di Ainsworth, nello
Stato dell'Indiana confinante con l'Illinois e risal fino a Michigan
City. Nonostante il suo nome, la citt non appartiene a quello Stato,
ed considerata invece un porto dell'Indiana.
Se il fiducioso cronista aveva scelto quell'itinerario, fra i tanti
offerti dalla rete ferroviaria della regione, passando per New
Buff'alo, fermandosi per qualche ora a J ackson importante centro
manifatturiero di oltre ventimila abitanti e proseguendo poi verso
nord-est, era solo perch voleva visitare Detroit, ove giunse nella
notte dal 7 all'8 maggio.
Il giorno seguente, dopo un breve sonno nella comoda camera di
un albergo dal quale il suo nome si diffuse in tutta la citt, egli fu
salutato all'alba da centinaia di curiosi o, per dir meglio, di suoi
simpatizzanti che per tutto il giorno non vollero scostarsi da lui
neppure di un passo. Forse rimpianse di non potersi pi nascondere
dietro l'incognito; del resto, si trattava soltanto di andare in giro per
la citt! Ma mai possibile sfuggire alla celebrit e ai suoi
inconvenienti, quando si capocronista del Tribune e uno dei
Sette della gara Hypperbone?
Fu dunque in numerosa e allegra compagnia che egli visit la
metropoli del Michigan, di cui capitale la modesta Lansing. Questa
prospera citt, sorta da un piccolo fortino di tappa costruito dai
francesi nel 1670, deriva il suo nome dallo stretto, che in quel
punto ha una larghezza di circa quattrocento tese, attraverso la quale
il lago Huron versa il soverchio delle sue acque nel lago Eri. Di
fronte a essa sorge il suo sobborgo canadese di Windsor, ove il
quarto giocatore si guard bene dal metter piede. Del resto, egli ebbe
appena il tempo di dare un'occhiata alla citt i cui duecentomila
abitanti lo accolsero ovunque con entusiasmo, facendogli gli auguri
che avrebbero indubbiamente rivolti a qualsiasi altro giocatore.
Harris T. Kymbale riparti la sera stessa. Se gli fosse stato
consentito di prendere la ferrovia del Canada e di oltrepassare al sud
la provincia dell'Ontario, egli avrebbe potuto attraverso la lunga
galleria scavata sotto il fiume Saint-Clair, allo sbocco del lago Huron
raggiungere pi direttamente Buffalo e Niagara Falls. Ma il
territorio del Dominion gli era vietato. Egli dovette perci penetrare
nello Stato dell'Ohio, discendere fino a Toledo citt in continuo
sviluppo, posta sulla punta meridionale del lago Eri, piegare
verso Sandusky, tra i pi ricchi vigneti d'America, e poi, seguendo il
litorale orientale del lago, passare per Cleveland. Bellissima citt,
quest'ultima, con i suoi duecentosessantaduemila abitanti, le vie
ombreggiate di aceri, il viale Euclide i Campi Elisi d'America, i
sobborghi scaglionati sulle colline e le ricchezze che le danno
continuamente i bacini petroliferi della regione, di cui Cincinnati
avrebbe diritto di essere gelosa! Poi Harris T. Kymbale tocc Eri
City, in Pennsylvania, usc da questo Stato alla stazione di
Northville, per entrare in quello di New York, oltrepass Dunkirk,
illuminata dall'idrogeno dei suoi pozzi naturali, e la sera del 10
maggio giunse a Buffalo, seconda citt dello Stato, ove cento anni
prima avrebbe incontrato migliaia di bisonti, invece che centinaia di
migliaia di abitanti.
Harris T. Kymbale fece certamente bene a non attardarsi in questa
graziosa citt, lungo i suoi viali e le strade di Niagara Park, intorno ai
suoi depositi e sulle rive del lago che schiude il passo alle acque del
Niagara. Entro il termine massimo di dieci giorni doveva trovarsi a
Santa F, capitale del Nuovo Messico, dalla quale lo separavano
millequattrocento miglia, non tutte servite da ferrovia.
Il giorno seguente, dopo un breve percorso di circa venticinque
miglia, sbarc nel villaggio di Niagara Falls.
Nonostante ci che il cronista poteva dire di questa celebre
cascata oggi troppo nota e troppo industrializzata e che in avvenire
lo sar sempre pi, quando saranno stati domati i suoi sedici milioni
di cavalli non saranno certo n la Porta degli Adirondaks
(meraviglioso insieme di gole, anfiteatri e foreste, che l'Unione vuol
rendere propriet nazionale) n le Palizzate dell'Hudson, n il Parco
Centrale della metropoli, n la Broadway, n il ponte di Brooklyn,
audacemente gettato sul fiume dell'est, a contendere i turisti ale
meraviglie della Horse-Shoe-Fall.
Nulla pu reggere il confronto con il tumultuoso rovesciarsi
d'acque dal lago Eri al lago Ontario, attraverso il canale del
Niagara! Nell'infrangersi contro lo sperone di Goat Island, il San
Lorenzo forma da un lato la cascata americana e dall'altro quella
canadese, a forma di ferro di cavallo. Che balzi furiosi ai piedi delle
due cascate! che avvallamenti verdastri, al centro della seconda, dopo
i quali il fiume, acchetato, spinge le acque tranquille fino a
Suspension-Bridge, ove si scatena nuovamente in rapide paurose!
Sulle estreme rocce di Goat Island sorgeva, un tempo, la
Terrapine Tower, circondata da gorghi la cui schiuma polverizzata
formava durante il giorno arcobaleni di sole, e alla notte arcobaleni
di luna. Ma stato necessario abbatterla, poich la cascata si
portata indietro di una trentina di metri, in un secolo e mezzo, ed essa
avrebbe finito per crollare nell'abisso. Oggi un'ardita passerella,
gettata da una riva all'altra del fiume rombante, permette di
ammirarne il duplice corso in tutto il suo splendore.
Accompagnato da numerosi visitatori americani e canadesi, Harris
T. Kymbale si colloc in mezzo a quella passerella, facendo bene
attenzione a non metter piede sulla parte canadese di essa. Poi, dopo
aver mandato un evviva, che mille bocche entusiaste ripeterono tra il
frastuono delle acque, egli fece ritorno a Niagara Falls, oggi
imbruttita dalla vicinanza di troppe officine che sfruttano una portata
di cento milioni di tonnellate all'ora!
Il cronista non si smarr nei verdeggianti boschetti dell'Isola della
Capra, n discese nella Grotta dei Venti, sotto il massiccio dell'isola,
n si avventur dietro i profondi specchi d'acqua della Horse-Shoe-
Fall (cosa che si pu fare dalla riva canadese). Ma non dimentic di
recarsi all'ufficio postale del villaggio, dal quale sped un assegno di
mille dollari a mastro Tornbrock di Chicago, che il cassiere del
Tribune si sarebbe affrettato a pagare a vista.
Nel pomeriggio, dopo un lauto pranzo servito in suo onore, Harris
T. Kymbale torn a Buffalo. La sera stessa lasciava la citt per
compiere, nel termine di tempo prescritto, la seconda parte del
viaggio.
Nel momento in cui saliva sulla vettura, il sindaco della citt,
l'illustre H.V. Exulton, gli disse con voce grave:
Per una volta passi, ma non divertitevi pi a sprecare il vostro
tempo, come avete fatto finora.
E se volessi farlo? rispose Harris che parve non gradire
l'osservazione, anche se fatta da un personaggio cos ragguardevole.
Credo di aver bene il diritto
Non ne avete il diritto, come non lo ha il pedone sulla
scacchiera.
Mi sembra di poter disporre di me stesso
Vi sbagliate di grosso, signore! Voi siete a disposizione di
coloro che hanno scommesso su di voi, e io ho giocato cinquemila
dollari!
Il sindaco aveva ragione. Il cronista del Tribune doveva avere
una sola preoccupazione: raggiungere, al pi presto, il luogo
indicatogli, e ci nel suo stesso interesse, anche se le sue cronache
potevano risentirne.
Del resto, egli non aveva nulla da apprendere nello Stato di New
York, che aveva gi visitato molte volte. Tra la sua metropoli e
Chicago le comunicazioni sono agevoli e numerose. Agli americani, i
cui treni detengono il primato di mille miglia in ventiquattr'ore, basta
un giorno per recarsi dall'una all'altra citt.
Harris T. Kymbale non aveva quindi motivo di lamentarsi del
primo colpo di dadi. Non veniva forse mandato, dopo lo Stato di
New York, in quello del Nuovo Messico, nel quale la sua curiosit di
turista sarebbe stata soddisfatta? Era da sperare peraltro che il
capriccio dei dadi vi mandasse altri giocatori che non lo avevano
ancora visitato: Hermann Titbury, per esempio, o Lissy Wag con la
sua inseparabile amica.
Lo Stato di New York il pi importante della Confederazione
per numero di abitanti ne conta non meno di sei milioni anche se
ne il ventinovesimo per la sua superficie di 49.000 miglia quadrate.
Esso lo Stato Impero, come viene a volte chiamato; ha la forma
di un triangolo, con i lati formati da linee rette e scelti ad arbitrio, per
mancanza di frontiere naturali.
pur vero che i giocatori che vi fossero capitati non avrebbero
avuto pi di Harris T. Kymbale la possibilit di soggiornarvi a lungo,
durante le due settimane di intervallo tra un colpo di dadi e l'altro.
Dopo aver fatto atto di presenza sul ponte del Niagara, essi avrebbero
avuto, come lui, l'obbligo di raggiungere Santa F, capitale del
Nuovo Messico. Tutt'al pi, avrebbero potuto andare fino a New
York, ma le altre citt non avrebbero ricevuto la loro visita. La
maggior parte di esse meriterebbe per di esser vista: Albany, sede
della legislatura con centodiecimila abitanti, orgogliosa dei suoi
musei, delle sue scuole, dei suoi parchi, dei suoi palazzi, costata non
meno di venti milioni di dollari; Rochester, citt della farina,
manifatturiera per eccellenza, enormemente favorita nella sua
produzione industriale dalle cascate del Genesee; Syracuse, citt del
sale, che trae la propria ricchezza dalle inesauribili saline
dell'Onondaga; e numerose altre ancora, di cui lo stato pu essere
giustamente orgoglioso.
Ma una visita alla sua metropoli sarebbe stata gi qualcosa, e
avrebbe valso la pena del viaggio, come volgarmente si dice.
Bisogna vederla, questa New York, tra l'Hudson e l'East-river,
distesa sulla penisola di Manhattan, della quale ricopre 106
chilometri quadrati, e cio quasi 11.000 ettari, e che ne occuper 360
pi di Parigi e di Londra allorch Brooklyn e Long Island
dipenderanno da un solo municipio. Bisogna aver ammirato i suoi
viali e la sua Fifth Avenue, lunga sette miglia; la cattedrale di San
Patrizio, costruita con marmo bianco; il Central Park (345 ettari) con
prati, boschi, corsi d'acqua e al quale fa capo il grande acquedotto del
Croton; il ponte di Brooklyn, sull'East-river, in attesa di quello che
attraverser l'Hudson; il porto, i cui traffici commerciali raggiungono
gli ottocento milioni di dollari; l'immensa baia cosparsa di isole, tra
le quali Bedlo's Island, su cui si erge la gigantesca statua di
Bartholdy: la Libert che illumina il Mondo.
Ma, ripetiamo, quelle meraviglie non avrebbero avuto, 'per il
capocronista del Tribune, l'attrattiva della novit. Dopo la visita al
Niagara, egli si sarebbe quindi uniformato minuziosamente
all'itinerario, senza scostarsene.
Era gi l'11 maggio e bisognava che egli fosse a Santa F non pi
tardi del 21, prima di mezzogiorno; e non si pu proprio dire che due
stati, separati da circa milleseicento miglia, siano vicini.
Nel lasciare Buffalo Kymbale si era proposto di tornare a
Chicago, per prendere di l il Grand Trunk diretto a ovest. Sarebbe
stato un errore: da esso non si dirama nessuna linea diretta per Santa
F e sarebbe stato necessario, quindi, servirsi per un lungo tratto
della carrozza per attraversare un territorio mal servito dal punto di
vista dei/trasporti.
Per sua fortuna, i colleghi del nostro Kymbale, dopo aver studiato
a fondo la regione del Far West, avevano concordato un itinerario,
che gli fu comunicato con un telegramma inviatogli a Buffalo.
Esso diceva:
Tornare da Niagara Falls a Buffalo e ridiscendere fino a
Cleveland. Attraversare obliquamente l'Ohio passando per
Columbus e Cincinnati; l'Indiana, per Laurenceburg, Madison,
Versailles e Vincennes; il Missouri, per Salem, Belley e Saint-
Louis. Scegliere la linea di J efferson per recarsi a Kansas City.
Attraversare il Kansas con la ferrovia del Sud, passando da
Laurence, Emporia, Toleda, Newton, Hutchinson, Plum Buttes,
Fort Zarah, Larned, Petersburg, Dodge City, Fort Atkinson,
Sherbrock; poi l'est del Colorado per Grenade e Las Arimas.
Prendere la diramazione a Pueblo e passando per Trinidad
raggiungere Clifton, sulla frontiera del Nuovo Messico. Infine,
passando per Cimarron, Las Vegas e Galateo, prendere il piccolo
tronco che risale a Santa F. Non dimenticare che il firmatario di
questo telegramma ha scommesso cento dollari su di voi e ogni
altro itinerario gli farebbe correre il rischio di perderli.

Bruman b. Bickhorn
Segretario della redazione.

Era mai possibile che quel tale dei Sette che gli amici servivano
con tanto zelo, al quale facilitavano con tanta esattezza il
compimento dell'impresa, non avesse le migliori probabilit di
giungere primo? Certamente le aveva, a condizione per di seguire il
consiglio del sindaco Exulton, e cio di non attardarsi in
contemplazioni intempestive.
D'accordo, caro Bickhorn, seguir il tuo itinerario disse tra s
Harris T. Kymbale e non me ne scoster minimamente! Per ci che
riguarda la ferrovia, non devi nutrire preoccupazioni. Sta' tranquillo,
caro segretario della redazione; se vi saranno ritardi, essi non
dipenderanno n da sventatezza n da negligenza da parte mia. I tuoi
cento dollari saranno difesi a spada tratta, come i cinquemila di sua
altezza il primo magistrato di Buffalo! Io non dimentico che porto i
colori del "Tribune!".
Un fantino non avrebbe parlato meglio. Quel fantino, a dire il
vero, era un centauro pi che un fantino e correva per proprio conto.
Cos, per una fortunata combinazione di orari e di treni, senza
affrettarsi, riposando la notte nei migliori alberghi, Harris T.
Kymbale riusc ad attraversare in sessanta ore gli Stati dell'Ohio,
dell'Indiana, dell'Illinois, del Missouri, del Kansas e del Colorado e si
ferm, la sera del 19, alla stazione di Clifton, sulla frontiera del
Nuovo Messico.
E se a Clifton il cronista scambi soltanto cinquecentoquarantasei
strette di mano, ci si deve al fatto che in quel piccolo villaggio,
sperduto in fondo alle sterminate pianure del Far West, c'erano
appena duecentosettantatr bimani.
Egli contava di fermarsi nella cittadina per trascorrervi una notte
di riposo quando, sceso dal treno, apprese, con suo gran disappunto,
che a causa di importanti riparazioni il servizio ferroviario sarebbe
rimasto interrotto per pi giorni. Era ancora a centoventicinque
miglia da Santa F e aveva appena trentasei ore a sua disposizione
per percorrerle. Il saggio Bickhorn non aveva previsto quel guaio!
Per fortuna, nell'uscire dalla stazione, Harris T. Kymbale si trov
in presenza di un tipo un misto di americano e di spagnolo che lo
aspettava. Non appena scorse il cronista, l'uomo fece schioccare tre
volte la frusta: triplice salve con la quale, a quanto pare, era solito
dare il benvenuto alla gente. Poi, in una lingua che ricordava
piuttosto quella di Cervantes che quella di Cooper, egli chiese:
Harris T. Kymbale?
Sono io rispose quest'ultimo.
Volete che vi conduca a Santa F?
Certo che lo voglio!
D'accordo.
Come ti chiami?
Isidorio.
Isidorio mi piace.
La mia carrozza pronta per partire.
Partiamo, allora; e non dimenticare, amico mio, che se una
carrozza cammina grazie ai suoi cavalli, solo grazie al cocchiere
che arriva a destinazione.
Comprese l'ispano-americano l'insinuazione contenuta
nell'aforisma? Forse.
Era un uomo tra i quarantacinque e i cinquant'anni, con la pelle
arsa dal sole, l'occhio vivo e la fisonomia beffarda; uno di quei furbi
che non si lasciano mettere nel sacco. E, nonostante la cosa non fosse
affatto certa, il cronista voleva assolutamente credere che egli fosse
fiero di dover condurre a Santa F una persona che aveva una
probabilit su sette di valere sessanta milioni di dollari.
Kymbale era il solo viaggiatore che occupasse la vettura. Non si
trattava di una carrozza a sei cavalli, ma di un biroccio che avrebbe
trovato da cambiare i cavalli ai pueblos, lungo il. tragitto. Il veicolo
si slanci sulla strada scabrosa dell'Aubey's Trail, attraversando a
guado i numerosi creeks
9
che la tagliano, facendo rifornimenti alle
poste dei cavalli e riposandosi qualche ora durante la notte.
Il giorno dopo, all'alba, il biroccio aveva percorso una quarantina
di miglia in direzione di Cimarron, costeggiando la base delle White-
Mountains e senza aver fatto cattivi incontri. Ormai non c' pi nulla
da temere dagli Apaches, dai Comanches e da altre trib di Pellirosse
che un tempo scorrazzavano per la regione, alcune delle quali hanno
ottenuto l'indipendenza dal governo federale.
Nel pomeriggio il biroccio, dopo aver oltrepassato Fort Union e
Las Vegas, si cacci nelle gole di Moro Peaks. La strada, montuosa,

9
Nell'America del Nord vengono chiamati cos i corsi d'acqua di scarsa importanza
e di portata molto variabile. (N.d.R.)
era difficile e a tratti pericolosa; comunque, poco propizia a un
viaggio rapido. Dalle basse pianure essa saliva infatti fino a circa
ottocento tese sul livello del mare raggiungendo l'altitudine di Santa
F.
Al di l di questa enorme schiena del Nuovo Messico, si stende il
bacino del Rio Grande del Norte, bagnato dai numerosi tributari, che
fanno di questo fiume uno dei pi bei corsi d'acqua del versante
occidentale dell'America. qui che ha inizio l'importante strada che
va da Chicago a Denver e che favorisce il commercio con le province
del Messico.
Durante la notte tra il 20 e il 21 la marcia del biroccio fu lenta e
difficile. L'impaziente viaggiatore ebbe paura, non senza motivo, di
non giungere in tempo a Santa F e rivolse quindi al flemmatico
Isidorio continue esortazioni e rimproveri.
Ma qui non si va avanti!
Che volete, signor Kymbale, ci vorrebbero le ali e noi abbiamo
solo le ruote.
Ma tu non ti rendi conto, dunque, che devo assolutamente
essere a Santa F il giorno 21!
Be', se non vi saremo il 21, vi saremo il giorno dopo.
Ma sar troppo tardi!
Il cavallo e io facciamo tutto ci che possiamo; non si pu
chiedere di pi a un animale e a un uomo!
Ad essere sinceri, Isidorio non mancava di buona volont e non si
risparmiava.
Fu allora che Harris pens di interessarlo direttamente alla partita.
Cos, mentre il cavallo risaliva faticosamente una delle pi ripide
gole della catena montuosa, tra fitte foreste di alberi verdi, seguendo
i meandri di un labirinto cosparso di frane e di tronchi abbattuti dal
tempo, egli disse al suo automedonte:
Isidorio, voglio farti una proposta.
Dite, signor Kymbale.
Ci saranno mille dollari per te se domani, prima di
mezzogiorno, sar a Santa F.
Mille dollari, avete detto? rispose l'ispano-americano,
ammiccando.
Mille dollari! Naturalmente, a condizione che io vinca la
partita.
Ah! disse Isidorio a condizione che
ovvio.
Sta bene, accetto egualmente! e sollecit il cavallo con tre
colpi di frusta.
A mezzanotte il biroccio aveva appena raggiunto la sommit del
passo; le inquietudini di Harris raddoppiarono. Non riuscendo pi a
dominarsi, disse:
Isidorio, ho una nuova proposta da farti e gli batt sulla
spalla.
Fatela, signor Kymbale.
Saranno diecimila, si, diecimila dollari, se arriver in tempo!
Diecimila, avete detto? ripet Isidorio.
Diecimila!
Sempre se vincete la partita, naturalmente.
Certamente!
Mancavano ora appena dodici ore e bisognava percorrere una
cinquantina di miglia: bisognava ridiscendere la catena senza
andare fino a Galisteo a prendere il treno, perch ci sarebbe voluto
troppo tempo poi seguire la vallata del rio Chiquito e giungere a
Santa F. La strada era praticabile, anche se in lieve salita, e sarebbe
stato difficile trovare un cavallo migliore di quello che avevano
avuto alla posta di Tuos. A rigor di logica, sarebbe stato dunque
possibile giungere alla meta nel termine stabilito, a condizione per
di non perdere un solo istante e solo se il tempo continuava a essere
favorevole.
La notte era magnifica, la luna sembrava essere stata ordinata
telegraficamente dal cortese Bickhorn, la temperatura era mite. Una
piacevole brezza soffiava da nord, e il vento, spirando nella stessa
direzione del veicolo, non ne ostacolava il cammino. Il cavallo
scalpitava, impaziente, dinanzi alla porta della locanda: era un
animale focoso, di quella razza messicano-americana che si alleva
nei corrals delle province dell'Ovest.
Quanto a colui che guidava il biroccio, non si sarebbe potuto
trovare di meglio. Diecimila dollari di mancia! Nemmeno nei suoi
sogni pi assurdi Isidorio aveva mai intravisto la possibilit di
guadagnare tanto denaro! Tuttavia, egli non sembrava stupito come
avrebbe dovuto essere, dell'inattesa fortuna: almeno cos sembrava
ad Harris T. Kymbale.
Forse questo brigante egli disse tra s vorrebbe di pi.
Chiss, dieci volte di pi. Dopo tutto, che cos' un migliaio di dollari
a paragone dei milioni di William J . Hypperbone? Una goccia
d'acqua nel mare! Ebbene, se sar necessario, arriver sino a cento
gocce!
Al momento di partire gli disse all'orecchio:
Isidorio, ora non si tratta pi di diecimila dollari.
Ecco che vi rimangiate la promessa! esclam Isidorio
seccamente.
Niente affatto, amico mio al contrario! Ci saranno centomila
dollari per te, se arriveremo prima di mezzogiorno a Santa F.
Centomila dollari, avete detto? ripet Isidorio,
socchiudendo l'occhio sinistro.
Poi aggiunse:
Sempre se vincete?
Certo, se vinco.
Non potreste scrivere ci che dite sopra un pezzetto di carta,
signor Kymbale? Poche parole e nient'altro.
Con la mia firma?
Con la vostra firma e la vostra sigla
Si capisce che in un affare cos importante la parola non poteva
bastare. Senza esitare, Harris T. Kymbale trasse fuori il taccuino e
sopra un foglietto sottoscrisse un impegno di centomila dollari, a
favore di messer Isidorio di Santa F: impegno che sarebbe stato
fedelmente assolto, nel caso che il cronista diventasse l'unico erede
di William J . Hypperbone. Poi firm, contrassegn e consegn il
foglio al destinatario.
Isidorio lo prese, lo lesse, lo pieg accuratamente, se lo cacci in
tasca e disse:
In viaggio!
Che galoppata a briglia sciolta e che corsa vertiginosa fece il
biroccio sulla strada che costeggia la riva del rio Chiquito! Eppure,
nonostante tanti sforzi e il rischio di fracassare il biroccio e di andare
a finire nel fiume, Santa F fu raggiunta soltanto dieci minuti prima
di mezzogiorno.
Questa capitale non ha pi di settemila abitanti. Se il Nuovo
Messico annesso alla repubblica federale dal 1850, la sua
ammissione tra i cinquanta Stati dell'Unione datava solo da alcuni
mesi. Ci aveva permesso allo stravagante defunto di dargli posto
sulla sua carta.
Per il resto, esso rimasto manifestamente spagnolo d'aspetto e di
costumi, e il carattere anglo-americano non vi fa rapidi progressi. Di
Santa F, si pu dire che il fatto di essere nel cuore dei giacimenti
argentiferi le assicura un prospero avvenire. Secondo i suoi abitanti,
la citt stessa sarebbe stata costruita sopra una spessa base d'argento
e pare che dal suolo delle sue strade si sia potuto estrarre un minerale
che si vendeva fino a duecento dollari alla tonnellata.
La citt offre ai turisti poche curiosit: le rovine di una chiesa
costruita dagli spagnoli quasi tre secoli prima e un Palazzo dei
Governatori, modesto edificio a un solo piano ornato da un portico a
colonnette di legno. Le case spagnole e indiane, costruite con fango e
latta o con mattoni non cotti, spesso non sono che cubi in muratura,
con aperture irregolari, come se ne vedono tante nei villaggi indigeni.
Harris T. Kymbale fu accolto qui come gi altrove, ma non ebbe il
tempo di stringere le settemila mani che si stesero verso di lui;
rispose perci con un ringraziamento generale. Erano le undici e
cinquanta e bisognava che fosse all'ufficio del telegrafo prima che
all'orologio del municipio scoccasse l'ultimo tocco di mezzogiorno.
Due telegrammi erano ad attenderlo, spediti da Chicago la mattina
stessa, quasi nello stesso tempo. Il primo, firmato da mastro
Tornbrock, gli notificava il risultato del secondo colpo di dadi che lo
riguardava. Con un dieci, formato da due cinque, il quarto giocatore
veniva mandato alla ventiduesima casella: Carolina del Sud.
Il nostro intrepido e instancabile traveller, che sognava itinerari
insensati, era servito a dovere! Millecinquecento miglia da
percorrere, in direzione del versante atlantico degli Stati Uniti! Egli
si permise di fare soltanto questa osservazione:
Se fossi stato mandato in Florida, avrei percorso alcune
centinaia di miglia di pi!
A Santa F gli anglo-americani vollero festeggiare la presenza del
loro compatriota organizzando meetings, banchetti e cerimonie del
genere. Ma il capocronista del Tribune rifiut, anche se con vivo
rincrescimento. Ammaestrato dall'esperienza, aveva deciso di tenere
in considerazione i consigli del sindaco di Buffalo: non perdere
tempo per nessun motivo e viaggiare per la via pi breve, salvo poi
fare qualche gita quando fosse giunto a destinazione.
Il secondo telegramma era del cauto Bickhorn e conteneva il
nuovo itinerario, studiato non meno bene del precedente, al quale i
suoi colleghi lo pregavano di conformarsi, partendo immediatamente.
Harris T. Kymbale decise perci di lasciare il giorno stesso la
capitale del Nuovo Messico.
I cocchieri della cittadina, che non ignoravano ci che quel
generosissimo viaggiatore aveva fatto per Isidorio, gli offrirono i
propri servigi, nella speranza di ricevere lo stesso trattamento. Egli
non ebbe, quindi, che la difficolt della scelta.
Ci si stupir, senza dubbio, del fatto che Isidorio non avesse
reclamato l'onore si potrebbe dire, il diritto di ricondurre il
cronista alla pi vicina stazione ferroviaria, nella speranza, forse, di
aggiungere altri centomila dollari a quelli assicuratigli dall'impegno
di Harris T. Kymbale. Ma probabilmente l'ispano-americano era
tanto soddisfatto quanto stanco. Venne tuttavia a salutare il
giornalista, il quale, dopo aver trattato con un altro cocchiere, alle tre
del pomeriggio si preparava gi a partire.
Allora, tutto bene? gli chiese Harris.
Tutto bene, signore.
Non credo di essermi sdebitato con te per il fatto di averti
associato alla mia fortuna.
Troppo buono, signor Kymbale, non merito tanto.
Non vero, ti devo dei ringraziamenti. Senza il tuo zelo e la
tua devozione sarei arrivato troppo tardi; sarei stato squalificato e
tutto ci, per dieci minuti soltanto!
Isidorio ascolt l'elogio in atteggiamento sereno e beffardo,
com'era sua abitudine; poi disse:
Se siete contento voi, signor Kymbale, sono contento anch'io.
E i due fanno il paio, Isidorio, come dicono i nostri amici
francesi.
Allora proprio come per i cavalli da posta
Precisamente. Conserva preziosamente la carta che ti ho
firmato. Quando sentirai proclamare in tutto il mondo che io sono il
vincitore della gara Hypperbone, vai a Clifton, prendi il treno che ti
porter a Chicago e passa alla cassa! Sta' tranquillo, far onore alla
mia firma!
Isidorio scoteva il capo, si grattava la fronte, strizzava l'occhio.
Sembrava incerto: voleva dire qualcosa, ma esitava.
Su gli chiese Harris, ritieni forse di non essere stato
pagato abbastanza?
No, signore rispose Isidorio, ma questi centomila dollari
li avr soltanto se vincerete.
Ma rifletti, mio caro: potrebbe essere diversamente?
Perch no?
Potrei mai darti una somma del/genere se non intascassi
l'eredit?
Capisco, signor Kymbale capisco benissimo! Preferirei,
perci
Che cosa?
Cento buoni dollari
Cento, invece di centomila?
S rispose pacatamente Isidorio. Che volete, a me non
piace fare assegnamento sul caso. Se mi date subito cento dollari
sar pi serio.
Harris T. Kymbale trasse di tasca cento dollari, forse
rimpiangendo tra s e s la propria generosit, e li diede al prudente
Isidorio, che a sua volta gli restitu la carta firmata.
Il cronista riparti, seguito da un coro di auguri di buon viaggio,
fino a quando la carrozza non disparve lungo la via principale di
Santa F. Questa volta il nuovo cocchiere, se del caso, sarebbe stato
certamente meno filosofo dell'altro.
Quando gli fu chiesto per quale motivo avesse preferito i cento
dollari, Isidorio rispose:
Cento dollari sono cento dollari! E poi, non avevo troppa
fiducia! Troppo sicuro di s! Vedete, non scommetterei venticinque
cents su di lui!
CAPITOLO XI
L'ANSIA DI JOVITA FOLEY
LA SORTE aveva deciso che Lissy Wag fosse la quinta a partire.
Tra la partenza di Max Ral e la sua erano dunque trascorsi appena
nove giorni.
In quale irrequietezza ella trascorse quella interminabile
settimana! O meglio, in quale irrequietezza la trascorse J ovita Foley
al posto suo! Lissy non riusciva a calmarla: J ovita non mangiava pi,
non dormiva pi, non viveva pi. I preparativi erano stati fatti fin dal
giorno successivo a quello del primo colpo di dadi giorno 1 alle
otto del mattino e due giorni dopo, ella aveva costretto Lissy Wag
ad accompagnarla nella sala dell'Auditorium, ove i dadi stavano per
essere gettati per la seconda volta, in presenza di una folla sempre
pi numerosa e interessata. I risultati del terzo e del quarto colpo
furono resi noti il 5 e il 7 maggio. Ancora quarantotto ore e si
sarebbe decisa la sorte delle due amiche, che nessuno pi separava
l'una dall'altra, come se fossero una sola persona.
Ma, intendiamoci bene: era J ovita che assorbiva Lissy Wag,
ridotta ormai a quel ruolo di mentore prudente e giudizioso, che
nessuno vuol mai ascoltare.
Naturalmente, gi dal 16 aprile, giorno successivo alla lettura del
testamento, il signor Field aveva concesso alla vicecassiera e alla
capocommessa il permesso di assentarsi. Le due ragazze non
dovevano pi recarsi al negozio di Madison Street e questo fatto non
mancava di suscitare qualche apprensione nella pi saggia: se la loro
assenza si fosse prolungata per settimane o, peggio, per mesi, come
avrebbe potuto, l'azienda, fare a meno di loro per tanto tempo?
Abbiamo sbagliato ripeteva Lissy.
D'accordo rispondeva J ovita e continueremo a sbagliare
finch sar necessario.
Con queste parole, la fanciulla, nervosa e suscettibile, continuava
ad andare avanti e indietro, nell'appartamentino di Sheridan Street:
apriva la valigia contenente biancheria e abiti da viaggio per
assicurarsi di non aver dimenticato nulla di quanto poteva servire in
un viaggio che poteva anche essere lungo; contava e ricontava il
denaro che avevano a disposizione tutte le loro economie,
convertite in biglietti di carta e in monete d'oro, che alberghi,
ferrovie, carrozze e imprevisti avrebbero divorato, con grande
disperazione di Lissy; parlava di ci con i locatari, cos numerosi
negli immensi alveari di diciassette piani di Chicago; scendeva e
risaliva con l'ascensore, non appena aveva appreso qualche notizia
dai giornali o dagli strilloni.
partito il signor Max Ral disse un giorno all'amica.
Dove sar? Non ha fatto conoscere neppure l'itinerario che seguir
per andare nel Kansas.
I migliori segugi della cronaca locale non avevano potuto
lanciarsi, infatti, sulle tracce del giovane pittore, di cui non si sperava
di aver notizie prima del 15, e cio una settimana dopo la partenza di
J ovita e di Lissy.
A voler essere sincera disse Lissy, quel giovanotto mi
interessa pi degli altri concorrenti.
Perch ti ha augurato buon viaggio rispose J ovita; non
cos?
E anche perch mi sembra che meriti i favori della fortuna.
Dopo di te, immagino.
No, prima di me.
Capisco. Se non facessi parte dei Sette rispose J ovita
faresti voti perch vinca.
Li faccio egualmente!
D'accordo; ma poich tu ne fai parte, e io pure, in qualit di tua
intima amica, prima di farli per lui, ti prego di farli per me. E poi, ti
ripeto, non si sa neppure dove egli sia. Forse non lontano da Fort
Riley, a meno che qualche incidente
Speriamo di no, J ovita!
Speriamo di no, d'accordo d'accordo, mia cara!
Con quelle parole, pronunciate ironicamente, J ovita replicava il
pi delle volte alle osservazioni della timida Lissy. Poi, per
stuzzicarla, le disse:
Non mi parli mai dell'orribile Tom Crabbe; eppure in viaggio
anche lui, per il Texas, con il suo cornac. Non fai voti, per caso,
anche per quel crostaceo?
Faccio voti perch la sorte non ci mandi in paesi troppo
lontani, J ovita.
E che male ci sarebbe, Lissy?
Ma, J ovita, siamo due donne, e per noi sarebbe preferibile uno
stato vicino al nostro.
D'accordo, Lissy; ma se il destino non sar cos galante da
tener conto della nostra fragilit? Se ci mander sulle rive
dell'Atlantico, su quelle del Pacifico o nel golfo del Messico?
Bisogner bene adattarsi!
Ci adatteremo, dal momento che tu lo desideri, J ovita.
Non perch io lo desideri, ma perch necessario, Lissy. Tu
pensi solo alla partenza, mai all'arrivo, al grande arrivo alla
sessantatreesima casella! Io vi penso notte e giorno, invece. Penso al
nostro ritorno a Chicago e ai milioni che ci attendono nella cassa del
nostro bravo notaio.
I famosi milioni dell'eredit! disse Lissy sorridendo.
Ma, Lissy, gli altri non hanno forse accettato senza fare tante
storie?
La coppia Titbury non forse in viaggio per il Maine?
Poveretti, li compiango!
Lissy, mi farai perdere la pazienza! esclam J ovita.
E tu? Se non ti calmi, se continuerai a snervarti come fai da
una settimana a questa parte, ti ammalerai, e io rester qui per
curarti, te lo dico fin d'ora.
Ammalarmi! Sei matta? Sono i nervi che mi sorreggono, che
mi danno forza, e sar nervosa per tutto il tempo del viaggio!
Allora, J ovita, se non sarai tu ad ammalarti, sar io.
Tu! Ebbene, prova ad ammalarti! esclam la buona ed
espansiva J ovita, buttando le braccia al collo di Lissy.
Allora, calmati rispose Lissy, ricambiando i suoi baci e
vedrai che tutto andr bene!
J ovita riusc a padroneggiarsi, non senza sforzo, allarmata al
pensiero che l'amica potesse ammalarsi, proprio quando la partenza
era ormai prossima.
La mattina del 7, al ritorno dall'Auditoriuim, J ovita port la
notizia che Harris T. Kymbale, quarto giocatore, avendo ottenuto sei,
sarebbe andato prima nello Stato di New York al ponte sul Niagara
e poi a Santa F, nel Nuovo Messico.
Lissy si limit allora a osservare che il cronista del Tribune
avrebbe dovuto pagare una penalit.
Non sar certo questo a mettere in confusione il suo giornale!
le rispose l'amica.
Certo, J ovita, ma pensa quanto metterebbe noi in confusione,
se fossimo costrette a sborsare mille dollari dall'inizio o anche nel
corso del viaggio!
Come al solito, l'altra rispose con un cenno del capo che
significava chiaramente: Non accadr! Sono sicura che non
accadr!.
In fondo, per, era questo che la inquietava maggiormente, anche
se cercava di non darlo a vedere. Ogni notte, il suo sonno agitato
turbava quello di Lissy; ella sognava ad alta voce ponti, locande,
labirinti, pozzi, prigioni, tutte le funeste caselle, insomma, in cui i
giocatori dovevano pagare penalit semplici, doppie o triple, prima di
essere ammessi a proseguire la partita.
Giunse alla fine l'8 maggio. Il giorno seguente le due giovani si
sarebbero messe in viaggio. I carboni ardenti, che J ovita Foley
calpestava gi da una settimana, sarebbero bastati a scaldare la
locomotiva di un treno rapido capace di condurla all'estremit
dell'America.
superfluo dire che J ovita aveva acquistato una guida generale
per viaggiare attraverso gli Stati Uniti la migliore e la pi completa
dei Guide-books che ella sfogliava, leggeva e rileggeva
continuamente, sebbene non fosse in grado di scegliere tra i diversi
itinerari.
Del resto, per essere al corrente, bastava consultare i giornali della
metropoli o quelli di qualsiasi altra citt. Tra gli stati sorteggiati,
particolarmente con le localit indicate nella nota di Hypperbone, si
erano immediatamente stabilite delle comunicazioni. La posta, il
telefono, il telegrafo erano continuamente in funzione. I giornali del
mattino e della sera contenevano colonne di informazioni pi o meno
veridiche e, inutile negarlo, anche pi o meno fantastiche. Del
resto, i lettori, assidui o occasionali, sono comunque d'accordo su
questo punto: meglio notizie false che nessuna notizia.
D'altronde, ovviamente, le informazioni dipendevano dai giocatori
e dal loro modo di procedere. Se quelle che riguardavano Max Ral
non erano esatte, ci era dovuto al fatto che egli aveva confidato
esclusivamente alla madre i suoi propositi. E poich n lui n
Tommy erano stati segnalati a Omaha, e tanto meno a Kansas City,
all'arrivo del Dean Richmond, i cronisti avevano inutilmente cercato
le sue tracce. Di lui non si sapeva pi nulla.
Un'oscurit non meno profonda avvolgeva la sorte di Hermann
Titbury. Era partito il 5, con la signora Titbury: nella sua casa di
Robey Street c'era solo la domestica, il molosso di sesso femminile
di cui abbiamo gi parlato. E poich viaggiavano sotto falso nome,
senza che nessuno lo sapesse, inutili furono le ricerche dei cronisti
per individuarli al loro passaggio. Probabilmente, si sarebbero avute
loro notizie quando avessero ritirato il telegramma, presso l'ufficio
postale di Calais.
Le notizie concernenti Tom Crabbe erano pi complete. Partiti il 3
da Chicago, in presenza di molta gente, Milner e il pugile erano stati
visti e intervistati nelle principali citt che avevano attraversato lungo
il viaggio, e poi a New Orleans, ove si erano imbarcati per
Galveston, Texas. Il Freie Presse ebbe cura di far notare che lo
Sherman era di nazionalit americana, come dire un pezzo della
madre patria. Infatti, poich ai giocatori era proibito abbandonare il
territorio nazionale, non era prudente imbarcarsi su una nave
straniera, anche se essa fosse rimasta nelle acque territoriali
dell'Unione.
Non mancavano neppure notizie sul conto di Harris T. Kymbale;
anzi, esse cadevano come pioggia d'aprile, tanti erano i telegrammi,
gli articoli e le lettere che egli inviava al Tribune. Si sapeva cos
che era gi passato da J ackson e da Detroit, e ora i lettori attendevano
con impazienza i particolari dei festeggiamenti che si organizzavano
in suo onore a Buffalo e a Niagara Falls.
Si era dunque al 7 maggio: il giorno dopo mastro Tornbrock
avrebbe proclamato nella sala dell'Auditorium, con l'assistenza di
Georges B. Higginbotham, il risultato del quinto colpo di dadi.
Ancora trentasei ore e Lissy avrebbe conosciuto la propria
destinazione.
facile immaginare l'impazienza con la quale J ovita avrebbe
trascorso quelle due giornate, se non fosse stata preda di gravissime
preoccupazioni. Infatti, la notte tra il 7 e l'8, Lissy Wag fu
improvvisamente colpita da un atroce mal di gola e, in uno dei
peggiori accessi di febbre, svegli l'amica che dormiva nella camera
accanto.
J ovita si alz immediatamente, le apprest le prime cure, le fece
bere una bevanda rinfrescante, la ricopr ben bene e le disse con voce
incerta:
Non sar nulla, mia cara, non sar nulla.
Lo spero le rispose Lissy, sarebbe un brutto momento
per ammalarsi.
Era anche il parere dell'amica. J ovita non pens a ricoricarsi, ma
rimase accanto a Lissy, a sorvegliarne il sonno penosamente agitato.
All'alba del giorno seguente, tutto il palazzo sapeva che la quinta
giocatrice era ammalata e che aveva bisogno del medico. Alle nove,
il medico non era ancora venuto.
Nota a tutto il caseggiato, la malattia non tard a esserlo a tutta la
via, poi al quartiere e infine a tutta la citt. La notizia, come si vede,
si diffuse con quella straordinaria rapidit con cui di solito viaggiano
le notizie cattive.
Non c'era da stupirsene, d'altronde. Non era forse, miss Wag, la
donna del giorno? la personalit pi in vista, dopo la partenza di
Harris T. Kymbale? Non era forse rivolta su di lei, unica eroina fra i
sei eroi della gara Hypperbone, l'attenzione del pubblico?
Ecco Lissy ammalata, ora, forse gravemente, proprio alla vigilia
del giorno in cui la sua sorte sarebbe stata decisa!
L'atteso dottor M.P. Pughe venne poco dopo le nove. Per prima
cosa interrog J ovita sulla costituzione della giovane:
Ottima gli fu risposto.
Il dottore and allora a sedersi accanto a Lissy e la guard con
attenzione, le fece tirar fuori la lingua, le tast il polso, ascolt e
auscult. Il cuore andava bene, bene anche il fegato e lo stomaco.
Alla fine, dopo un esame coscienzioso, che da solo valeva quattro
dollari, disse:
Non c' niente di serio, a meno che non sopraggiungano gravi
complicazioni.
C' forse il rischio di gravi complicazioni? chiese J ovita,
turbata da quelle parole.
Si e no rispose il medico. No, se la malattia arginata
sin dall'inizio; s, se, nonostante le nostre cure, essa persistesse,
prendendo uno sviluppo cui le medicine non sarebbero in grado di
porre rimedio.
Tuttavia disse J ovita, che quelle risposte evasive rendevano
sempre pi inquieta, sapete esattamente di che malattia si tratta?
Certamente, e sono certo di non sbagliarmi.
Dite, allora, dottore.
Ecco la mia diagnosi: una semplice bronchite. Sono state
colpite le basi dei due polmoni. Si sente un po' di rantolo. La pleure
indenne. Finora, quindi, nessun pericolo di pleurite. Ma
Ma?
La bronchite potrebbe degenerare in polmonite e la polmonite
in congestione polmonare: ecco ci che chiamo gravi complicazioni.
Il medico prescrisse le medicine d'uso: gocce di alcoolato di
aconito, sciroppi calmanti, infusioni calde e riposo. Riposo
soprattutto. Poi, dopo aver promesso di tornare alla sera, se ne and,
avendo fretta di tornare al suo gabinetto che i cronisti avevano
certamente gi stretto di assedio.
Le temute complicazioni si sarebbero verificate? E che cosa
sarebbe accaduto, in tal caso?
Posta di fronte a tale eventualit, J ovita fu quasi sul punto di
perdere la testa. Nelle ore che seguirono, le parve che Lissy fosse pi
abbattuta e pi sofferente di prima. I brividi annunciarono un altro
accesso di febbre, il polso batt con frequenza irregolare e la
prostrazione fu pi sensibile.
Moralmente abbattuta, almeno quanto l'ammalata lo era
fisicamente, J ovita non si allontan dal capezzale dell'amica, e
continu a scrutarla, ad asciugarle la fronte ardente, a somministrarle
la pozione, interrompendosi solo per abbandonarsi ad amare
riflessioni e a giuste recriminazioni contro tanta manifesta sfortuna.
No ella pensava, n Tom Crabbe n Titbury avrebbero preso
la bronchite il giorno prima di partire, e neppure Kymbale o Max
Ral! Tanto meno, poi, il commodoro Urrican! E doveva proprio
prenderla la mia povera Lissy, che ha sempre goduto florida salute! E
domani, proprio domani ci sar il quinto tiro di dadi! E se fossimo
mandate molto lontano? Se un ritardo di cinque o sei giorni dovesse
impedirci di essere al nostro posto all'ora stabilita? Se il 23 del mese
sopraggiungesse prima ancora di aver potuto lasciare Chicago? E se
fosse troppo tardi per farlo? Se fossimo escluse dalla gara prima
ancora di iniziarla?
Se! Se! Quella malaugurata congiunzione metteva in agitazione il
cervello di J ovita e le faceva battere le tempie.
Verso le tre, l'accesso febbrile cess. Lissy apparve pi sollevata e
la tosse sembr assumere una certa- intensit. Quando i suoi occhi si
schiusero, J ovita era china su di lei.
Ebbene le chiese come ti senti? Meglio, non vero?
Vuoi che ti dia qualcosa?
Da bere rispose Lissy, con la voce alterata per il mal di
gola.
Ecco, mia cara: un ottimo decotto, latte molto caldo con acqua
solforosa! Poi prenderai qualche pillola che il medico ha prescritto.
Prender quello che vorrai, mia buona J ovita.
Allora andr tutto bene!
Andr tutto bene.
Sembri meno sofferente.
Sai, mia cara rispose Lissy, quando cessa la febbre si
molto abbattute, ma si prova un certo sollievo.
la convalescenza! esclam J ovita. Domani non avrai
pi nulla!
Di gi la convalescenza mormor l'ammalata, cercando di
sorridere.
Proprio cos; quando verr il medico, dir se potrai alzarti.
Sia detto tra noi, mia cara J ovita, non ho proprio fortuna!
Tu! Non hai fortuna?
S, io e la sorte si sbagliata a non scegliere te al posto mio.
Domani saresti andata all'Auditorium e il giorno stesso saresti partita.
Credi che sarei partita, lasciandoti in questo stato? Mai!
Avrei saputo obbligarti!
Non questo il punto rispose J ovita. Non sono io la
quinta giocatrice non sono io la futura erede del defunto
Hypperbone, ma tu! Pensa, dunque, mia cara! Ancora nulla
compromesso, anche se la nostra partenza subir un ritardo di
quarantotto ore. Per il viaggio, abbiamo tredici giorni a
disposizione e in tredici giorni si pu andare da un capo all'altro
degli Stati Uniti!
Lissy prefer non farle osservare che la sua malattia poteva
prolungarsi di una settimana e forse anche oltre i quindici giorni
previsti. Si limit a rispondere:
Ti prometto, J ovita, di guarire al pi presto.
Non ti chiedo altro; ma per il momento, niente pi chiacchiere!
Non ti stancare; cerca di dormire un pochino. Io mi siedo qui,
accanto a te.
Finirai con l'ammalarti anche tu.
Io? Stai tranquilla! E poi, i nostri buoni vicini prenderebbero il
mio posto, se fosse necessario. Dormi tranquilla, cara Lissy.
Dopo avere stretto la mano all'amica, Lissy si volt dall'altra parte
e si assop.
Ma ci che preoccup e irrit J ovita fu il movimento insolito per
quel quartiere tranquillo che quel pomeriggio anim la via. Il
chiasso che ne proveniva giungeva fino al nono piano dell'edificio,
dove abitava Lissy e avrebbe finito per disturbare il suo riposo. I
curiosi andavano e venivano continuamente. Persone affaccendate si
fermavano dinanzi al numero 19 e si interrogavano l'un l'altra.
Carrozze giungevano con fracasso e ripartivano a briglia sciolta
verso i grandi quartieri della citt.
Come sta? chiedevano alcuni.
Peggio rispondevano altri.
Si parla di febbre prodotta da infiammazione della mucosa.
No, di febbre tifoidea.
Povera ragazza! Vi sono persone che non hanno proprio
fortuna!
Eppure ha avuto la fortuna di essere tra i Sette!
Bella fortuna, se non pu approfittarne!
E anche se ella fosse in condizione di prendere il treno,
riuscirebbe poi a sopportare la fatica di tanti spostamenti?
Certo, se la partita finisse in pochi colpi cosa che sarebbe
possibile.
E se dura per dei mesi?
Chi pu sapere cosa ci riserva il caso? E molti altri discorsi del
genere.
Naturalmente, tra cronisti e scommettitori, furono molti i curiosi
che si presentarono alla porta di J ovita Foley, ma nonostante le loro
insistenze la fanciulla rifiut di riceverli. Di conseguenza, sulla
malattia di Lissy circolarono per la citt notizie contraddittorie,
esagerate o perfino false del tutto.
Ma J ovita teneva duro, limitandosi ad accostarsi alla finestra e a
maledire l'intenso chiasso che proveniva dalla via. Ella fece
eccezione soltanto per un'im-piegata della ditta Marshall Field, cui
peraltro diede notizie rassicuranti: un raffreddore, un semplice
raffreddore.
Fra le quattro e le cinque del pomeriggio, poich il chiasso
cresceva, ella mise il capo fuori della finestra della sua camera e
riconobbe, tra un gruppo di persone in grande agitazione,
indovinate chi? Hodge Urrican! Era accompagnato da un uomo di
una quarantina d'anni forse un marinaio, robusto, tarchiato, che
gesticolava. Sembrava pi violento e pi irascibile del terribile
commodoro.
Non era certamente per simpatia verso la giovane rivale che
Hodge Urrican si trovava quel giorno in Sheridan Street,
passeggiando sotto le finestre della sua casa e divorandole con gli
occhi. J ovita not distintamente che il suo compagno, le cui
intenzioni erano pi esplicite, mostrava il pugno, quasi non riuscisse
pi a padroneggiarsi.
E poich qualcuno accanto a lui assicurava che la malattia di
Lissy Wag era una lieve indisposizione, egli esclam:
Chi l'imbecille che ha detto questo?
La persona interpellata, nel timore di ricevere qualche pugno,
evit di farsi riconoscere.
Sta male! Sta male! dichiar il commodoro Urrican.
Sta sempre peggio aggiunse il compagno e se qualcuno
osa dire il contrario
Controllati, Turk
Controllarmi! ribatt Turk, roteando gli occhi come una
tigre inferocita. Per voi sar facile, caro commodoro; voi siete la
persona pi paziente che io conosca! Ma io? Sentir dire certe cose,
mi fa perdere la bussola e quando non sono pi padrone di me
Basta cos! ordin Hodge Urrican, scotendo il braccio del
compagno come se volesse strapparglielo.
Da quelle frasi bisognava quindi dedurre cosa che nessuno
avrebbe mai ritenuto possibile che a questo mondo esisteva un
uomo a paragone del quale il commodoro Urrican poteva
considerarsi un angelo di mitezza.
Era chiaro che i due erano venuti perch speravano di raccogliere
brutte notizie ed essere sicuri che la gara sarebbe stata ormai
combattuta solo tra sei giocatori.
J ovita si fece forza per non scendere in strada. Aveva una voglia
matta di trattare quei due come meritavano, a rischio di farsi divorare
da quella tigre dall'aspetto umano.
Da tale concorso di circostanze risult che le informazioni apparse
sui primi giornali, pubblicati verso le sei di sera, furono stranamente
contraddittorie.
Secondo alcuni, l'indisposizione di Lissy Wag aveva ceduto alle
cure del medico e la partenza della ragazza non sarebbe stata
ritardata neppure di un giorno.
Secondo altri, la malattia non sembrava grave, ma richiedeva un
periodo di riposo: miss Wag non avrebbe potuto mettersi in viaggio
prima della fine della settimana.
Furono il Chicago Globe e il Chicago Evening Post, che
erano stati favorevoli alla ragazza, a rivelarsi allarmisti: consulto dei
principi della scienza un intervento chirurgico in vista miss Wag
si era rotto un braccio, diceva il primo; una gamba, diceva il secondo.
Una lettera anonima era stata infine scritta a mastro Tornbrock,
esecutore testamentario del defunto, per informarlo che il quinto
giocatore rinunciava all'eventuale sua parte di eredit.
Il Chicago Mail, i cui redattori sembravano condividere le
simpatie e le antipatie del commodoro Urrican, non esit a
pubblicare che Lissy Wag era spirata fra le quattro e quarantacinque
e le quattro e quarantasette del pomeriggio.
Quando J ovita apprese quelle notizie, poco manc che si sentisse
male; ma per fortuna il dottor Pughe, quella sera, dopo aver visitato
l'ammalata, riusc in parte a tranquillizzarla.
Si trattava di semplice bronchite, poteva confermarlo. Nessun
sintomo di polmonite e tanto meno della terribile congestione
polmonare, almeno finora. Sarebbero bastati, ora, pochi giorni di
calma e di riposo.
Quanti?
Sette o otto, forse.
Sette o otto!
E a condizione che l'ammalata non si esponga a correnti d'aria.
Sette o otto giorni! ripeteva la povera J ovita, torcendosi
le mani.
E sempre che non sopraggiungano complicazioni gravi.
La malata non trascorse una notte tranquilla. La febbre torn;
l'accesso dur fino al mattino e le provoc un'abbondante
traspirazione. Il mal di gola era tuttavia diminuito; l'espettorazione
cominciava a ristabilirsi senza eccessivi sforzi.
J ovita non si coric e trascorse interminabili ore al capezzale
dell'amica. Quale altra infermiera avrebbe potuto eguagliarla nelle
cure, nelle attenzioni, nello zelo? Del resto, ella non avrebbe ceduto
il suo posto a nessuno.
Il mattino seguente, dopo alcuni momenti di malessere e di
agitazione, Lissy Wag si riaddorment.
Era il 9 maggio; nella sala dell'Auditorium fra poco sarebbero stati
gettati i dadi per la quinta volta.
J ovita avrebbe dato dieci anni di vita per essere presente, ma non
voleva lasciare sola l'ammalata. Non era neppure il caso di pensarci!
Tuttavia accadde questo: Lissy Wag non tard a svegliarsi e,
chiamata l'amica, le disse:
Cara J ovita, prega la nostra vicina di venire a prendere il tuo
posto accanto a me.
Tu vuoi che
Voglio che tu vada all'Auditorium: per le otto, non vero?
Per le otto.
Ebbene in venti minuti sarai di ritorno Preferisco saperti
l E poich hai fiducia nella mia buona stella
Se ho fiducia! avrebbe esclamato J ovita tre giorni prima. Ma
quel giorno non disse nulla. Baci Lissy sulla fronte e avvert la
buona vicina, la quale venne subito a installarsi al capezzale del letto.
Poi discese, si cacci in una carrozza e si fece condurre
all'Auditorium.
Erano le sette e quaranta allorch J ovita giunse sulla soglia della
sala affollata. Appena entrata fu subito riconosciuta e le furono
rivolte molte domande.
Come sta Lissy Wag?
Benissimo ella afferm, chiedendo che le si permettesse di
avanzare fino alla ribalta.
Poich qualche giornale del mattino annunciava formalmente la
morte della giovane concorrente, non poche persone si stupirono che
la sua pi intima amica non si fosse vestita di nero.
Alle otto meno dieci, il presidente e i membri dell'Excentric Club
accompagnarono sul palcoscenico mastro Tornbrock, sempre con gli
occhiali di alluminio inforcati sul naso, e presero posto dinanzi alla
tavola.
La carta era spiegata sotto gli occhi del notaio; i due dadi
giacevano accanto al bussolotto di cuoio. Ancora cinque minuti e
l'orologio della sala avrebbe battuto le otto.
Una voce tonante ruppe a un tratto il silenzio che a fatica era stato
ottenuto nella sala.
Era la voce del commodoro, riconoscibile per i suoi scoppi da
falso bordone.
Hodge Urrican chiese il permesso di parlare per fare
un'osservazione. Il permesso gli fu accordato.
Mi sembra, signor presidente disse, e la sua voce diventava
sempre pi alta, mi sembra che per uniformarsi alla precisa
volont del defunto non bisognerebbe tirare questo quinto colpo,
poich la quinta giocatrice non in grado
vero! urlarono alcune persone che facevano parte del
gruppo in cui stava Urrican, e, con voce pi rabbiosa degli altri,
l'uomo violento che il giorno prima era con lui, sotto le finestre di
J ovita.
Taci, Turk, taci! gli grid il commodoro, quasi parlasse a un
cane.
Debbo stare zitto?
E subito!
Turk si rassegn a tacere, sotto lo sguardo fulminante di Urrican,
il quale prosegu:
Faccio questa osservazione perch ho fondati motivi per
credere che la quinta giocatrice non potr partire n oggi, n domani.
E neppure tra otto giorni! grid uno spettatore dal fondo
della sala.
N tra otto giorni, n tra quindici, n tra un mese asser il
commodoro perch morta questa mattina, alle cinque e
quarantasette.
Un lungo mormorio fece seguito a quella dichiarazione, ma esso
fu subito sopraffatto da una voce femminile, che ripet per tre volte:
Non vero, non vero, non vero! Io, J ovita Foley, ho
lasciato venticinque minuti fa Lissy Wag viva, pi viva che mai!
Chiasso e proteste ricominciarono da parte degli amici di Urrican.
Dopo la formale dichiarazione del commodoro, Lissy Wag veniva
meno, evidentemente, alla buona creanza: non avrebbe dovuto esser
morta, se egli aveva affermato che era morta?
Sarebbe stato difficile, in ogni caso, tener conto dell'osservazione
di Urrican. Tuttavia il testardo personaggio insistette, modificando la
sua argomentazione.
D'accordo, la quinta giocatrice non morta disse, ma
non sta affatto meglio! In tali circostanze, chiedo che il mio colpo di
dadi venga anticipato di quarantotto ore e che il risultato che sar
proclamato tra qualche minuto sia attribuito al sesto giocatore, il
quale, per questo motivo, sar da oggi in poi classificato al quinto
posto.
Nuove urla e nuovi scalpiccii fecero seguito alla pretesa di
Urrican, sostenuto da partigiani degni di navigare sotto la sua
bandiera.
Infine mastro Tornbrock riusc a placare la burrascosa assemblea.
Quando il silenzio fu ristabilito, disse:
La proposta del signor Urrican poggia su un'errata
interpretazione della volont del testatore ed in contraddizione con
le regole del nobile gioco degli Stati Uniti d'America. Qualunque sia
lo stato di salute della quinta giocatrice, e quand'anche tale stato si
fosse aggravato fino a cancellarla dal numero dei viventi, il mio
dovere di esecutore testamentario del defunto William J . Hypperbone
sarebbe sempre quello, di procedere al lancio di dadi per conto di
miss Lissy Wag. Tra quindici giorni, se ella non sar nel luogo
stabilito, morta o viva, decadr automaticamente dai suoi diritti e la
partita continuer a essere giocata dagli altri concorrenti.
Hodge Urrican protest energicamente. Con voce furente,
sostenne che mastro Tornbrock interpretava erroneamente il
testamento, pur avendo il notaio, dalla sua parte, l'approvazione dei
membri dellExcentric Club. Rosso di collera, lanciava frasi di
minaccia: ma il suo viso sembrava pallido a confronto di quello del
compagno, che si era fatto paonazzo.
Si rese conto, per sua fortuna, che bisognava fermare Turk per
prevenire eventuali guai. Trattenendolo, gli disse, mentre egli
cercava di svincolarsi:
Dove vuoi andare?
Sul palcoscenico rispose Turk mostrando il pugno.
Per quale motivo?
Per prendere Tornbrock per il collo e cacciarlo fuori come un
marsovino
Fermati, Turk! ordin Urrican.
Dal petto di Turk usc un sordo ruggito di belva non del tutto
domata, la quale non aspetti che di divorare il domatore.
Suonarono le otto.
Un profondo silenzio si fece nella sala.
Mastro Tornbrock, forse un po' pi eccitato del solito, prese allora
il bussolotto con la mano destra, vi introdusse i dadi con la sinistra,
lo agit, ora alzandolo ora abbassandolo. Si udirono i piccoli cubi
d'avorio sbattere contro la parete di cuoio, per poi uscirne, rotolando
sulla carta fino all'estremit della tavola.
Mastro Tornbrock invit Georges B. Higginbotham e i suoi
colleghi a verificare il numero ottenuto. Poi disse ad alta voce:
Nove, con un sei e un tre.
Numero fortunato, se mai ve ne fu uno: la quinta giocatrice
andava di colpo alla ventiseiesima casella, e cio nello Stato del
Wisconsin.


CAPITOLO XII
LA QUINTA GIOCATRICE
CARA Lissy, che gioia! che fortunato colpo di dadi! disse
con impeto J ovita.
Era entrata nella camera dell'ammalata senza preoccuparsi di
disturbarne il riposo.
Lissy era sveglia; pallidissima, scambiava qualche parola con la
buona e anziana signora seduta al suo capezzale.
Dopo la proclamazione fatta da mastro Tornbrock, J ovita era
uscita dall'Auditorium, lasciando che la folla facesse i propri
commenti. Hodge Urrican era su tutte le furie per non aver potuto
profittare del magnifico colpo di dadi.
Quanti punti abbiamo fatto? chiese Lissy, sollevandosi sui
guanciali.
Nove, mia cara, nove, con un sei e un tre! E questo ci porta di
colpo alla ventiseiesima casella.
E questa casella
lo Stato del Wisconsin. Andremo a Milwaukee, a due ore da
qui, con un treno rapido!
In realt, non si poteva sperare un pi felice inizio di partita.
So perfettamente ripeteva la fanciulla con entusiasmo
che con nove, fatto per con un cinque e un quattro, si va
direttamente alla cinquantatreesima casella! Ma quella casella, se dai
un'occhiata alla carta, la Florida! Immagini che cosa vuol dire
dover partire per la Florida? Tanto vale andare in capo al mondo!
Rossa e ansimante, J ovita si faceva intanto vento con la carta.
Hai proprio ragione disse Lissy, la Florida un po'
lontana.
Hai la fortuna dalla tua, mia cara afferm la sua compagna,
e lasciamo che agli altri tocchino tutte le sfortune!
Sii pi generosa
Se ti fa piacere, escludo il signor Ral, poich tu fai voti per
lui.
Certamente.
Ma torniamo alle nostre faccende, Lissy. La casella
ventiseiesima! Ti rendi conto del vantaggio che ci d? Il primo finora
era il giornalista Kymbale, con la dodicesima casella, mentre noi
Ancora trentasette punti, appena trentasette, e saremo arrivate
all'ultima!
E poich Lissy non manifestava altrettanto entusiasmo, esclam
stizzita:
Non sembri affatto contenta, per
Ma si, J ovita, sono contenta. Andremo a Milwaukee, nel
Wisconsin.
Abbiamo tutto il tempo che vogliamo, cara Lissy. Non
andremo n domani n dopodomani, ma tra cinque o sei giorni,
quando sarai guarita. Se necessario, anche tra quindici giorni! Purch
si sia l il 23, prima di mezzogiorno.
Se tu sei contenta, vuol dire che tutto va nel migliore dei modi.
Lo sono, mia cara. Sono tanto contenta quanto il commodoro
scontento! Quel villano voleva farti estromettere dalla gara e
costringere mastro Tornbrock ad attribuire a lui il quinto colpo, con il
pretesto che tu non avresti potuto approfittarne, poich saresti stata a
letto per settimane e settimane. A sentir lui, tu non eri gi pi di
questo mondo! Oh, che odioso lupo di mare! Tu sai che non auguro il
male a nessuno, ma vorrei che il commodoro si smarrisse nel
labirinto, cadesse nel pozzo, marcisse in prigione, e pagasse penalit
semplici, doppie e triple! Insomma, vorrei che gli capitassero tutti gli
inconvenienti che questo gioco riserva a coloro che non hanno
fortuna e che non meritano di averne! Se tu avessi sentito la risposta
datagli da mastro Tornbrock! Oh, quel notaio lo avrei abbracciato!
E, pur tenendo conto delle sue abituali esagerazioni, non c'era
dubbio che J ovita avesse ragione. Quel colpo era tra i pi favorevoli
che ci si potesse aspettare all'inizio della partita. Non soltanto dava a
Lissy un vantaggio sugli altri quattro giocatori, ma le dava il tempo
di guarire.
Lo Stato del Wisconsin confina infatti con lIllinois, dal quale
separato, a sud, dal quarantaduesimo parallelo, all'incirca. A
occidente chiuso dal corso del Mississippi, a est dal lago Michigan,
del quale costituisce la riva occidentale, e in parte, a nord, dal Lago
Superiore. Madison ne la capitale, ma la citt pi popolosa
Milwaukee. Essa posta in riva al lago, a meno di duecento miglia
da Chicago, e le sue comunicazioni con tutti i centri commerciali
dellIllinois sono regolari, rapide e frequenti.
Cos il giorno 9, che avrebbe potuto iniziare assai male,
cominciava invece sotto i migliori auspici. Tuttavia, quelle emozioni
provocarono qualche disturbo all'inferma, e quando il dottor Pughe,
quella mattina, venne a visitarla, la trov un po' pi irrequieta del
giorno precedente. La tosse, a volte lacerante, era seguita da lunga
prostrazione e da un po' di febbre. Non c'era da far altro che
continuare la cura prescritta.
Riposo, soprattutto riposo egli raccomand a J ovita, mentre
la giovane lo accompagnava alla porta. Vi consiglio, signorina, di
evitare che miss Wag si affatichi. Fate che rimanga sola e che dorma!
Dottore, non nutrite pi nessuna preoccupazione? chiese
J ovita, in preda a nuove inquietudini.
No, vi ripeto; una bronchite che segue il suo corso. Nei
polmoni non vi nulla e il cuore va bene. Badate soprattutto alle
correnti d'aria! E poi, abbiate cura che mangi qualcosa per sostenersi;
che si sforzi, se sar necessario! Un po' di latte, del brodo
Ma, dottore, se non sopraggiungono gravi complicazioni
sempre meglio prevederle, signorina.
Lo so c' la speranza che tra otto giorni la nostra malata sia
guarita? Il medico rispose soltanto con una scrollatina di capo, non
troppo rassicurante.
J ovita, turbata, invece di rimanere nella camera di Lissy se ne
torn nella sua, lasciando la porta socchiusa. Si pose dinanzi alla
tavola, sulla quale era spiegata la carta del nobile gioco degli Stati
Uniti d'America, e continuamente consultando il suo Guide-book si
mise a studiare il Wisconsin fin nelle sue pi lontane borgate,
riguardo al clima, alla salubrit, agli usi e costumi, come se dovesse
trascorrervi tutta la vita.
I giornali dell'Unione avevano pubblicato il risultato del quinto
colpo di dadi e parecchi parlavano anche dell'incidente suscitato dal
commodoro, alcuni per sostenere le pretese dell'irascibile uomo di
mare, altri per biasimare le sue recriminazioni. La maggioranza gli
era per ostile. Non aveva il diritto di reclamare per s quel colpo, e
si approv mastro Tornbrock per avere fatto valere rigorosamente le
regole.
Comunque, qualunque cosa avesse detto Hodge Urrican, Lissy
Wag non era morta, n in procinto di rendere l'ultimo respiro. Il
pubblico, cosa del tutto naturale, cambi atteggiamento nei suoi
confronti: la giovane divent pi interessante, anche se era difficile
credere che ella potesse sopportare sino alla fine la fatica di tanti
viaggi; ora la malattia non era pi una bronchite, n una laringite; fra
ventiquattr'ore al pi ella sarebbe guarita.
Ma poich il lettore esigente in fatto di informazioni, un
bollettino sulla salute della quinta giocatrice fu pubblicato dai
giornali, mattina e sera, quasi si fosse trattato di una principessa di
sangue reale.
Nella giornata del 9 lo stato di salute dell'ammalata rimase
stazionario. Ella non peggior durante la notte e neppure durante la
giornata del 10. E J ovita ne concluse subito che otto giorni sarebbero
bastati per rimettere in piedi l'amica. Del resto, ce ne fossero voluti
dieci, undici, dodici o tredici, o persino quindici, non si trattava che
di un viaggio di due ore! Purch fossero a Milwaukee il 23, prima di
mezzogiorno, le clausole della gara Hypperbone sarebbero state
rispettate. E se fosse stato necessario riposarsi un pochino, ci si
sarebbe riposati nella metropoli.
La notte tra il 10 e l'11 fu tranquilla; Lissy ebbe appena qualche
lieve brivido. Pareva che la febbre fosse scomparsa. La tosse,
tuttavia, continuava ad essere violenta, ma il petto si liberava poco a
poco, i rantoli si facevano meno rauchi e la respirazione diveniva pi
facile. Nessuna complicazione, dunque.
Lissy stava quindi molto meglio quando, in mattinata, J ovita
rientr, dopo essere stata un'ora fuori di casa. Dove era andata? Non
lo aveva detto neppure alla vicina, la quale non seppe dire nulla a
miss Wag, quando questa glielo chiese.
Non appena rientrata, e prima ancora di togliersi il cappello,
J ovita and a deporre un grosso bacio sulla fronte di Lissy, la quale,
nel vederne il viso acceso e gli occhi scintillanti di malizia, non pot
fare a meno di chiederle:
Che cosa hai, stamane?
Nulla, mia cara; proprio nulla! Sono contenta di vedere che stai
molto meglio! E poi, una cos bella giornata! Sai, c' un bel sole;
sembra quasi di poterne bere, di poterne respirare i raggi! Oh, se tu
potessi rimanere un'ora alla finestra, a prendere un po' di sole! Sono
sicura che guariresti subito. Ma non bisogna commettere
imprudenze. meglio evitare possibili complicazioni.
Dove sei andata?
Dove sono andata? Prima ai negozi Field, per dare a tutti tue
notizie. I proprietari mandano tutti i giorni a prenderne ed era mio
dovere ringraziarli.
Hai fatto bene, J ovita. Sono stati buoni con noi: ci hanno
concesso il permesso Quando sar finito
Sono d'accordo, mia cara, sono d'accordo: non daranno a
nessuno il nostro posto.
E poi?
Poi?
Non sei andata da nessun'altra parte?
Da un'altra parte?
Pareva che J ovita Foley esitasse a parlare, ma le parole, come si
dice, le scapparono di bocca. Tanto, non sarebbe riuscita a trattenerle
oltre, anche perch Lissy le domand:
Non ne abbiamo undici, oggi?
proprio il giorno 11, mia cara rispose J ovita con voce
squillante. Da un paio di giorni dovremmo gi essere installate in
albergo, nella bella citt di Milwaukee, se non fossimo inchiodate qui
dalla tua bronchite!
Se oggi ne abbiamo undici disse Lissy, i dadi dovrebbero
gi essere stati lanciati per la sesta volta.
Certamente.
E allora?
Allora Vedi, non ho mai avuto tanto piacere mai! Toh!
Lascia che ti dia un bacio! Non volevo dirti nulla. Sai, non voglio che
ti agiti, ma pi forte di me!
Parla, dunque!
Pensa, mia cara, ha fatto nove anche lui! ma con un quattro e
un cinque!
Chi, lui?
Il commodoro Urrican.
Mi sembra che sia il colpo migliore
Certamente, perch va subito alla cinquantatreesima casella,
precedendo di molto gli altri. Ma anche un pessimo colpo.
J ovita si abbandon a un'allegria tanto insolita quanto
inesplicabile.
Perch pessimo? chiese Lissy.
Perch il commodoro mandato al diavolo!
Al diavolo?
All'estremit della Florida.
Tale era infatti il risultato del tiro di dadi di quella mattina, ed era
stato proclamato con evidente soddisfazione da mastro Tornbrock,
ancora irritato contro Hodge Urrican. Come aveva accolto il risultato,
il commodoro? Con rabbia, senza dubbio, e forse era dovuto
intervenire per impedire a Turk di giungere a qualche estremo. Su
questo particolare J ovita non poteva dir nulla, avendo subito
abbandonato la sala dell'Auditorium.
All'estremit della Florida ripeteva, a pi di duemila
miglia da qui!
La notizia non suscit nell'inferma quella viva agitazione che
l'amica aveva temuto. La sua indole buona induceva piuttosto Lissy a
compiangere il commodoro.
cos che la prendi ? esclam con impeto la compagna.
Poveretto! mormor Lissy.
La giornata non fu cattiva, anche se la convalescenza non era
ancora iniziata. Ma era ormai escluso il rischio di quelle gravi
complicazioni che un medico prudente solito prevedere.
Il giorno 12 Lissy cominci a mangiare qualcosa. Non poteva
ancora alzarsi dal letto, ma poich la febbre era scomparsa e il tempo
sembrava lungo alle due giovani, specialmente a J ovita, quest'ultima
venne a sedersi al capezzale dell'amica e non si pu dire che la
conversazione langu, anche se a parlare fu per lo pi J ovita.
E di che cosa ella avrebbe potuto parlare, se non del Wisconsin,
che a suo dire era lo Stato pi bello e pi strano dell'Unione? Con il
suo Guide-book sott'occhio, non smetteva pi di parlare. Anche se
Lissy fosse stata costretta a partire soltanto l'ultimo giorno e
soggiornarvi quindi solo poche ore, se non altro lo avrebbe
conosciuto come se vi avesse trascorso pi settimane.
- Pensa, mia cara diceva J ovita con ammirazione, che una
volta si chiamava Mesconsin, a causa di un fiume che portava quel
nome, e che non vi paese al mondo che possa reggere il suo
confronto! Si vedono ancora, a nord, i resti delle antiche pinete che
ricoprivano il suo territorio! Inoltre le sue sorgenti termali sono
migliori di quelle della Virginia e sono certa che se la tua
bronchite
Ma fece rilevare Lissy, non a Milwaukee che
dobbiamo andare?
Sicuro! Milwaukee la citt pi importante dello Stato. Il suo
nome, nell'antica lingua indiana, significa bel paese! La citt conta
duecentomila abitanti, tra cui molti tedeschi. E perci anche
chiamata l'Atene tedesco-americana. Ah, se ci fossimo gi! Quante
belle passeggiate potremmo fare lungo le rive del fiume, ove si
innalzano edifici superbi, quartieri eleganti e puliti, costruzioni di
mattoni bianche come il latte! Pensa che ci le valso il nome di
indovina!
Non so, J ovita.
Cream City, mia cara Citt Crema! Da inzupparci il pane!
Perch mai questa maledetta bronchite ci impedisce di andarvi?
Nel Wisconsin c'erano anche molte citt che le due amiche
avrebbero avuto il tempo di visitare, se fossero potute partire fin dal
giorno 9. Madison, costruita sul suo istmo, come su un ponte gettato
tra il lago Mendota e il lago Monona, che si riversano l'uno nell'altro.
E altre borgate, dai nomi bizzarri: Fond-du-Lac, in riva al fiume
Renard, sorta su un terreno cosparso di pozzi artesiani come una
schiumatola. E poi un bel luogo chiamato Acqua-Chiara, con un
bellissimo torrente che ne giustifica il nome; il lago Winnebago, la
Baia-Verde, l'ancoraggio dei Dodici-Apostoli, dinanzi alla baia di
Ashland, e il lago del Diavolo, bellezza naturale del meraviglioso
Wisconsin.
J ovita leggeva con entusiasmo le pagine della guida descrivendo
le varie trasformazioni del paese, un tempo percorso dalle trib
indiane, scoperto e colonizzato dai franco-canadesi quando veniva
indicato ancora col nome di Badger State, cio Stato del Tasso.
La mattina del 13, a Chicago, la pubblica curiosit raddoppi. I
giornali, dal canto loro, avevano fomentato al massimo l'eccitazione.
Anche la sala dell'Auditorium rigurgitava di curiosi, come nel giorno
in cui era stata data lettura del testamento di Hypperbone. Alle otto
sarebbe stato annunciato il risultato del settimo colpo di dadi, per
conto del misterioso ed enigmatico personaggio indicato con le
iniziali XKZ.
Invano si era cercato di scoprire l'incognito del giocatore. I
cronisti pi abili, i furetti pi perspicaci della cronaca locale, non
erano riusciti a nulla. Pi volte avevano creduto di essere sulla buona
pista, ma si sbagliavano. In un primo momento si era anche pensato
che, con il codicillo aggiunto al testamento, il defunto aveva voluto
designare un suo collega dellExcentric Club per dargli un settimo di
probabilit nella gara. Fu persino fatto il nome di Georges B.
Higginbotham, ma l'illustre socio sment formalmente il fatto.
Mastro Tornbrock, interrogato in proposito, dichiar di non saper
nulla e di avere soltanto l'incarico di inviare, all'ufficio postale in cui
egli avrebbe dovuto aspettarlo, il telegramma con il risultato del
colpo di dadi riguardante l'uomo (mascherato, secondo
l'espressione adottata dal popolo.
Si sperava, tuttavia e forse a ragione che quella mattina, nella
sala dell'Auditorium, il signor XKZ rispondesse all'appello delle sue
iniziali. Ecco il perch di quella folla, di cui solo una piccola parte
aveva trovato posto dinanzi al palcoscenico sul quale ora sedevano il
notaio e i membri dellExcentric Club. Migliaia e migliaia di persone
si pigiavano nelle vie adiacenti e all'ombra di Lake Park.
La curiosit fu delusa. Mascherato o meno, nessuno si present
quando mastro Tornbrock fece rotolare i dadi sulla carta e proclam
ad alta voce:
Nove, con un sei e un tre, ventiseiesima casella, Stato del
Wisconsin.
Bizzarra circostanza: era lo stesso numero toccato a Lissy Wag,
ugualmente ottenuto con un sei e un tre; ma, particolare molto
sfavorevole per lei, la regola stabilita dal defunto voleva che se ella si
fosse trovata ancora a Milwaukee, il giorno in cui vi fosse giunto
XKZ, avrebbe dovuto cedergli il posto e tornare al suo, cosa che
significava, in quel caso, ricominciare la partita. E lei era ancora
inchiodata a Chicago, senza poter partire!
La folla rimase ad aspettare che qualcuno si presentasse, ma
nessuno apparve e alla fine dovette rassegnarsi. Fu una delusione
generale, che i giornali della sera tradussero in articoli poco benevoli
nei confronti del malcapitato XKZ. Non ci si poteva burlare in quel
modo di tutta una popolazione!
I giorni passavano; i dadi venivano regolarmente gettati sulla carta
ogni due giorni, come era stato stabilito, e il risultato veniva
comunicato telegraficamente agli interessati, nella localit in cui
avrebbero dovuto trovarsi nei termini prescritti.
Si giunse cos al 22 maggio. Di XKZ, che non si era ancora fatto
vedere nel Wisconsin, non si aveva notizia. Ma ci non aveva
importanza, purch si fosse presentato all'ufficio postale di
Milwaukee il giorno 27. Non poteva dunque, miss Wag, recarsi
immediatamente a Milwaukee e, uniformandosi alle regole del gioco,
ripartirne prima che XKZ arrivasse? Certamente, poich ormai ella
era quasi completamente guarita. Ma, a questo punto, fu J ovita che,
dopo una violenta crisi di nervi, corse il pericolo di ammalarsi a sua
volta. Ella ebbe un accesso di febbre e dovette mettersi a letto.
Te lo avevo detto le disse Lissy, ma tu fai sempre a
modo tuo!
Non nulla. E poi la situazione non la stessa. Io non sono tra
i concorrenti, e se non potessi partire, tu partirai da sola.
Mai, J ovita!
Eppure necessario
Mai, ti dico! Con te, s, bench la cosa non abbia senso; senza
di te, mai!
Se J ovita non l'avesse accompagnata, Lissy avrebbe certamente
rinunciato alla probabilit di poter diventare l'erede di Hypperbone.
Ma J ovita se la cav con un giorno di dieta e di riposo. Nel
pomeriggio del 22 si alz e chiuse definitivamente la valigia. Le due
ragazze stavano per iniziare il viaggio attraverso gli Stati Uniti.
Darei dieci anni di vita per essere gi in viaggio! esclam
J ovita. Con i dieci anni che aveva gi dato pi volte e i dieci che,
durante il viaggio, avrebbe continuato a dare ancora, le sarebbe
rimasto ben poco tempo da vivere in questo basso mondo!
La partenza era fissata per il giorno seguente, 23 maggio, alle ore
otto del mattino, con il treno che in sole due ore giunge a Milwaukee,
ove Lissy avrebbe trovato, a mezzogiorno, il telegramma del notaio
Tornbrock. Quell'ultimo giorno sarebbe trascorso senza incidenti, se,
poco prima delle cinque, le due amiche non avessero ricevuto una
visita del tutto inattesa.
Affacciate alla finestra, Lissy e J ovita osservavano un gruppo di
curiosi che dalla via non cessavano di rivolgere lo sguardo verso di
loro.
Qualcuno suon alla porta e J ovita and ad aprire.
Sul pianerottolo del nono piano stava un individuo salito con
l'ascensore.
La signorina Lissy Wag? chiese costui, salutando la
giovane.
in casa.
Potrebbe ricevermi?
Non so rispose J ovita, esitante, miss Wag stata molto
ammalata e
Lo so disse il visitatore e ho motivo di credere che ora
sia completamente guarita.
Completamente, signore; domani mattina partiremo.
Ho forse l'onore di parlare alla signorina J ovita Foley?
Precisamente; e se posso sostituire la mia amica, per quanto vi
riguarda
Preferirei vedere lei stessa, vederla con i miei occhi, se
possibile.
Posso chiedervi per quale motivo?
Non ho motivo di tacervi ci che mi conduce qui, signorina.
mia intenzione scommettere nella gara Hypperbone e di arrischiare
una forte somma sulla quinta giocatrice Capirete quindi che
desidererei
J ovita capiva perfettamente e ne fu felicissima. Ecco finalmente
qualcuno che credeva alle probabilit di vittoria di Lissy, al punto da
voler arrischiare su di lei migliaia di dollari!
La mia visita sar breve, molto breve! aggiunse il signore,
con un inchino.
Era un uomo sulla cinquantina, con barba brizzolata, occhi ancora
vivaci dietro gli occhiali a molla, pi vivaci di quanto comportasse la
sua et, aria di gentiluomo, aspetto distinto, corpo eretto, voce
dolcissima. Pur insistendo nel voler vedere Lissy, lo faceva con
perfetta cortesia, scusandosi di doverla disturbare alla vigilia di un
viaggio tanto importante.
In definitiva, trattandosi di una visita breve, J ovita ritenne che non
vi fosse alcun inconveniente a riceverlo.
Posso sapere come vi chiamate?
Humphry Weldon di Boston, Massachusetts egli rispose.
Entr nella prima stanza, di cui J ovita aveva aperto la porta, e si
diresse verso la seconda, dov'era Lissy Wag.
Scorgendo il visitatore, costei fece per alzarsi.
Non vi disturbate, signorina egli disse. Scusate se vi
importuno, ma desideravo vedervi oh, solo per qualche istante!
Dovette accettare tuttavia la sedia che J ovita gli offriva.
Solo un istante ripet. Come ho gi detto, mia
intenzione scommettere su di voi una somma considerevole, poich
credo nella vostra vittoria, e volevo accertarmi che le vostre
condizioni di salute
Sono perfettamente guarita rispose Lissy e vi ringrazio
della fiducia che riponete in me. Ma, a dire il vero, le mie
probabilit
Questione di presentimento, signorina rispose il signor
Weldon con voce ferma.
Di presentimento aggiunse J ovita.
Queste cose non si discutono afferm il distinto signore.
Quello che pensate della mia amica esclam J ovita lo
penso anch'io! Sono sicura che vincer la partita.
Io ne sono altrettanto sicuro, dal momento che nulla si oppone
alla sua partenza dichiar il signor Weldon.
Domani disse J ovita saremo entrambe alla stazione e il
treno ci depositer a Milwaukee prima di mezzogiorno!
Dove, del resto, potrete riposarvi per qualche giorno, se sar
necessario fece notare il signor Weldon.
Non sar possibile rispose J ovita.
E perch?
Perch, il giorno in cui arriver il signor XKZ, noi non
dovremo pi trovarci l. Altrimenti saremo costrette a ricominciare la
partita.
giusto.
Ma dove ci spedir il secondo colpo? disse Lissy. Ecco
ci che mi preoccupa.
Che importa, mia cara? disse J ovita, con un balzo, quasi le
fossero spuntate le ali.
Speriamo, signorina Wag rispose il signore, che il
secondo colpo di dadi non sia meno fortunato del primo.
Il brav'uomo parl allora delle precauzioni da prendere in viaggio,
della necessit di uniformarsi agli orari, di scegliere i treni con
estrema precisione, tra tutti quelli che fanno servizio sulla rete
ferroviaria dell'Unione.
Del resto aggiunse sono contento di constatare che non
partite sola, signorina Wag.
Mi accompagna la mia amica, anzi, per essere precisa, mi
trascina con s.
E fate bene, signorina Foley rispose il signor Weldon.
meglio essere in due a viaggiare pi piacevole.
E anche pi prudente, quando non si vuol perdere il treno
dichiar J ovita.
Conto su di voi allora aggiunse il signor Weldon perch
facciate vincere la vostra amica.
Contate su di me.
Faccio voti per voi, dunque, signorina: la vostra vittoria
assicura la mia.
La visita era durata una ventina di minuti. Dopo avere stretto la
mano di Lissy e quella della sua gentile amica, il signor Humphry
Weldon fu accompagnato all'ascensore, dal quale fece un ultimo
cenno di saluto.
Poveretto disse allora Lissy, se penso che sar io a fargli
perdere tanto denaro
D'accordo rispose J ovita, ma ricordati ci che ti dico,
mia cara. Questi vecchi signori hanno molto buon senso. Hanno un
fiuto che non li inganna mai! Vedrai che quel signore ci porter
fortuna!
I preparativi erano terminati, gi sappiamo da quanto tempo.
Ormai non restava che andare a letto, quando fosse stata l'ora, per
alzarsi all'alba. Bisognava attendere per la visita del medico, il
quale aveva promesso di tornare in serata. Il dottor Fughe non tard a
giungere e pot constatare che le condizioni di salute della cliente
erano buone e che non c'era pi il rischio di gravi complicazioni.
Il giorno dopo, 23 maggio, alle cinque del mattino, la pi
impaziente delle due viaggiatrici era gi in piedi.
Ma ecco che ora, in un'ultima crisi di nervi, questa imprevedibile
J ovita comincia a immaginare una serie di impedimenti, di disgrazie,
di ritardi e di accidenti! Se la carrozza che deve trasportarle alla
stazione si rovesciasse per via? Se un intoppo impedisse loro di
proseguire? Se fosse intervenuto un cambiamento nell'orario di
partenza dei treni? Se il treno avesse deragliato?
Calmati, J ovita, ti prego calmati continuava a ripetere
Lissy.
Non posso, mia cara, non posso!
Vuoi continuare a far cos per tutta la durata del viaggio?
Sempre!
Allora io rimango qui.
La carrozza gi, Lissy. Su, andiamo!
La carrozza, ordinata un'ora prima del necessario, attendeva. Le
due amiche scesero, seguite dagli auguri di tutto il caseggiato, dalle
cui finestre, sebbene fosse ancora prestissimo, apparivano centinaia
di teste.
La vettura imbocc North Avenue, raggiunse North Brandi,
ridiscese la riva destra del fiume, attravers il ponte all'estremit di
Van Buren Street e, alle sette e dieci, lasci le viaggiatrici dinanzi
alla stazione.
La partenza della quinta giocatrice non aveva attirato molti
curiosi, e forse J ovita ne fu delusa. Lissy Wag non era evidentemente
tra i favoriti della gara Hypperbone. Del resto, la modesta giovane
non se ne lagnava, preferendo di gran lunga lasciare Chicago senza
attirare l'attenzione pubblica.
Non venuto neppure il signor Weldon non pot fare a
meno di rilevare J ovita.
Il visitatore del giorno precedente non era venuto infatti ad
assistere alla partenza della giocatrice, per la quale nutriva cos vivo
interesse.
Lo vedi disse Lissy, anch'egli mi abbandona!
Il treno part senza neppure un saluto per Lissy. Nessun festoso
evviva, al suo indirizzo, se non quelli che J ovita le lanciava in cuor
suo!
La ferrovia segue il contorno del lago Michigan. Lake View,
Evanston, Glenoke e altre stazioni furono superate a gran velocit. Il
tempo era magnifico. Mosse dalle navi a vapore e a vela, le acque
scintillavano al largo, quelle acque che passando di lago in lago il
Superior, lo Huron, il Michigan, l'Erie e l'Ontario vanno a finire nel
vasto Atlantico, per il tramite del San Lorenzo. Dopo Vankegan,
importante citt del litorale, il treno lasci l'Illinois alla stazione di
State Line e penetr nel Wisconsin. Pi a nord, si ferm a Racine,
importante centro manifatturiero, e non erano ancora le dieci quando
giunse alla stazione di Milwaukee.
Ci siamo, finalmente esclam J ovita, emettendo un tale
sospiro di soddisfazione che la sua veletta si gonfi come una vela al
vento.
E con due ore di anticipo osserv Lissy guardando
l'orologio.
No rispose J ovita, saltando sul marciapiede, con
quattordici giorni di ritardo!
E cerc di rintracciare la sua valigia nel mucchio di bagagli.
La valigia non era andata perduta, chiss perch J ovita ne aveva
avuto il timore. Una carrozza si accost. Le due viaggiatrici vi
salirono e si fecero condurre in un buon albergo, di cui il Guide-hook
forniva l'indirizzo. Quando le fu chiesto se intendevano trattenersi a
Milwaukee, per quel giorno, J ovita rispose che avrebbe potuto
precisarlo al ritorno dall'ufficio postale, ma che probabilmente
sarebbero ripartite il giorno stesso.
Poi disse a Lissy:
Non hai fame, per caso?
Farei colazione volentieri.
Facciamo colazione, allora, e poi faremo una passeggiata.
Ma sai che a mezzogiorno
Lo so, mia cara!
Presero posto nella sala da pranzo ma non vi rimasero pi di
mezz'ora.
Poich non avevano ancora dato le loro generalit, riservandosi di
farlo al ritorno dall'ufficio postale, Milwaukee non ebbe neppure il
sospetto che la quinta giocatrice della gara Hypperbone fosse tra le
sue mura.
A mezzogiorno meno un quarto, le due viaggiatrici entravano
nell'ufficio postale e J ovita Foley chiedeva all'impiegato se fosse
arrivato un telegramma per miss Lissy Wag.
Nel sentire quel nome, l'impiegato alz il capo e i suoi occhi
manifestarono grande soddisfazione.
Miss Lissy Wag? disse.
S, di Chicago rispose J ovita.
Ecco il telegramma disse l'impiegato, consegnandolo alla
destinataria.
Dammelo! disse J ovita. Ci metteresti troppo tempo ad
aprirlo! Mi faresti venire un attacco di nervi!
Con dita tremanti per l'impazienza, Jovita lacer la busta e lesse le
seguenti parole:
Lissy Wag, Ufficio Postale, Milwaukee, Wisconsin.
Venti con dieci e dieci raddoppiato, quarantaseiesima casella,
Stato del Kentucky, Mammoth Caves.
10

Tornbrock.

10
Svista dell'Autore. La quarantaseiesima casella occupata dalla Columbia. Il
Kentucky , invece, alla trentottesima casella. Il punto fatto da Lissy il sei che,
raddoppiato, diventa dodici. Aggiungendo il dodici al ventisei di prima, Lissy
raggiunge il punteggio di trentotto e deve quindi recarsi nel Kentucky.
Ci si pu verificare anche pi avanti, nel cap. V, seconda parte, dove si dice
appunto che Lissy va alla trentottesima casella, per aver fatto sei. (N.d.T.)
CAPITOLO XIII
LE VICENDE DEL COMMODORO URRICAN
IL COMMODORO Urrican aveva saputo il risultato del sesto tiro di
dadi, che riguardava proprio lui, l'11 maggio, alle otto del mattino.
Alle nove e venticinque minuti aveva gi lasciato Chicago.
Non aveva perduto tempo, come si vede, e non bisognava
perderne, se voleva trovarsi all'estremit meridionale della Florida
prima che trascorressero i quindici giorni prescritti.
Nove, con un quattro e un cinque, era uno dei pi bei colpi della
partita. Il fortunato giocatore era stato inviato di colpo alla
cinquantatreesima casella, anche se nella carta predisposta da
William J . Hypperbone essa rappresentava lo Stato della Florida, il
pi distante del sud-est della repubblica nordamericana.
Gli amici di Hodge Urrican o meglio i suoi sostenitori, giacch
non aveva amici, ma c'era gente che credeva nel successo di
quell'irascibile uomo all'uscita dell'Auditorium vollero felicitarsi
con lui.
Perch mai? egli rispose con il tono bisbetico che dava tanta
attrattiva alla sua conversazione. Perch volete caricarmi del peso
dei vostri rallegramenti proprio quando sto per mettermi in viaggio?
Si aggiungerebbe a quello dei bagagli!
Commodoro gli dicevano, cinque e quattro un magnifico
inizio.
Certamente, soprattutto per coloro che hanno affari in Florida!
Avete superato di molto gli altri concorrenti!
E ci mi sembra giusto, poich la sorte mi fa partire per
ultimo!
Avete ragione, signor Urrican. Ora vi basterebbe fare dieci per
raggiungere la meta e vincere la partita in due soli colpi.
Questo vero, signori. Ma se far nove, non potr vincere
neppure con il colpo successivo. E se faccio pi di dieci, mi toccher
retrocedere chiss fin dove!
Non importa, commodoro; chiunque altro al vostro posto
sarebbe soddisfatto.
D'accordo, ma io non lo sono!
Pensate: sessanta milioni di dollari! Forse al vostro ritorno
Che avrei egualmente intascato, se la cinquantatreesima casella
fosse stata quella di uno stato vicino al nostro Illinois!
Nulla di pi esatto; tuttavia, bench non volesse convenirne, il suo
vantaggio sugli altri cinque giocatori era reale. Impossibile per loro
raggiungere l'ultima casella con il successivo colpo di dadi; con dieci
punti, egli ci sarebbe invece arrivato.
E poich Urrican si rifiutava di ascoltare la voce della ragione,
bisognava ritenere che anche se fosse stato mandato in uno stato
confinante con l'Illinois (Indiana o Missouri) si sarebbe comportato
allo stesso modo.
Brontolando e imprecando, il commodoro era dunque rientrato a
casa, in compagnia di Turk, le cui recriminazioni sempre pi violente
avevano indotto il padrone a ordinargli di tacere.
Il padrone? Hodge Urrican era dunque il padrone di Turk, anche
se l'America aveva proclamato l'abolizione della schiavit e il detto
Turk, pur avendo la pelle scura, non sarebbe potuto mai passare per
negro?
Era allora il suo domestico? S e no.
Pur essendo al servizio del commodoro, Turk non riceveva
salario; quando aveva bisogno di denaro e in genere si trattava di
poca cosa lo chiedeva e gli veniva dato. Era quello che si potrebbe
chiamare l'uomo al seguito come si suol dire delle dame che
accompagnano le principesse. In ogni caso, la differenza sociale tra
Urrican e Turk non permetteva al primo di considerarlo come suo
compagno.
Da vecchio marinaio della marina federale, Turk era questo il
suo vero nome aveva sempre navigato al servizio dello Stato, da
mozzo, novizio, marinaio e quartiermastro. Non bisogna dimenticare
che aveva prestato servizio a bordo delle stesse navi in cui era stato
Urrican, prima da allievo e poi da guardiamarina, luogotenente,
capitano, commodoro. I due perci si conoscevano bene. Turk era
anzi l'unico dei suoi simili con cui l'irascibile ufficiale fosse riuscito
fin allora ad andare d'accordo. E ci era forse dovuto al fatto che il
quartiermastro era pi irritabile e violento del commodoro, che ne
faceva propri i litigi, sempre pronto a ridurre a mal partito coloro che
non andavano a genio al commodoro.
Durante i suoi viaggi Turk fu spesso al servizio personale di
Urrican, il quale, apprezzandone le qualit, fin col non poter fare a
meno di lui. Quando giunse il momento di andare in pensione, Turk
il cui periodo regolamentare era finito lasci da marina,
raggiunse, commodoro e si attacc a lui alle condizioni che gi
sappiamo. Cos, gi da tre anni, egli occupava, nella casa di
Randolph Street, il posto dell'amministratore che non amministra
nulla o, per dir meglio, quello di intendente onorario.
Ma ci che nessuno sapeva n sospettava che Turk era l'uomo
pi mite, pi inoffensivo, meno litigioso e pi arrendevole di questo
mondo. A bordo non aveva mai bisticciato con nessuno, n
partecipato a risse o alzato la mano su chicchessia, anche quando
aveva bevuto i suoi bicchierini di whisky o di gin senza troppo
contarli; del resto, reggeva il vino come una fregata da sessanta
cannoni regge la velatura.
Da dove gli era venuta l'idea, a lui uomo placido e tranquillo, di
far mostra di maggior violenza dell'uomo pi violento di questo
mondo?
Turk nutriva sincera affezione per il commodoro, a dispetto della
sua insocievolezza. Era una specie di cane fedele, che quando il
padrone va in collera contro qualcuno abbaia ancora pi forte. Ma
mentre il cane, in tal caso, obbedisce alla sua natura, Turk invece
disobbediva alla propria. L'abitudine di esplodere alla minima
occasione, con maggiore veemenza di Urrican, non aveva tuttavia
modificato la sua mitezza. Le sue collere non erano sincere, recitava
una parte, anche se a meraviglia; come si dice volgarmente, era
entrato nella pelle del personaggio.
Era dunque per affetto che si comportava in quel modo,
nell'intento di frenare il padrone, spaventandolo con le conseguenze
che le sue collere potevano avere. Quando interveniva per calmare
Turk, Urrican finiva infatti col calmarsi lui stesso. Se l'uno parlava di
andare a dire il fatto suo a qualche screanzato, l'altro parlava di
schiaffeggiarlo; e diceva di volerlo ammazzare, se il commodoro
parlava di schiaffeggiarlo soltanto. Quest'ultimo cercava allora di
placare Turk, ed cos che quel brav'uomo aveva spesso evitato
litigi, dai quali il commodoro non sarebbe probabilmente uscito
senza danno.
In occasione del suo invio in Florida, quando Urrican aveva
voluto chiamare in causa il notaio, come se mastro Tornbrock ne
fosse stato responsabile, Turk, affermando ad alta voce che
l'antipatico tabellione doveva aver fatto qualche imbroglio, aveva
giurato di volergli tagliare le orecchie per farne dono al padrone.
Tale era l'uomo bizzarro ma furbo tanto furbo da non aver mai
lasciato capire il suo gioco che quella mattina accompagnava alla
stazione centrale di Chicago il commodoro Urrican.
Alla partenza del sesto giocatore assistette molta gente e, se tra di
essa non c'erano suoi amici, non mancavano per persone pronte a
rischiare il proprio denaro su di lui. Un uomo di carattere violento
non era forse il pi indicato per violentare la fortuna?
Qual era l'itinerario adottato dal commodoro? Certamente il pi
breve e quello che presentava minore rischio di ritardi.
Ascolta, Turk aveva detto al suo rientro a casa, ascolta e
guarda.
Ascolto e guardo.
Questa la carta degli Stati Uniti.
Bene, la carta degli Stati Uniti.
L'Illinois qui, e qui la Florida.
Lo so rispose Turk, continuando a brontolare sordamente.
In passato, abbiamo navigato e guerreggiato da quelle parti!
Tu capisci, Turk, che se si fosse trattato di andare a
Thallahassee, capitale della Florida, o a Pensacola, oppure a
J acksonville, sarebbe stata cosa facile e sollecita: basta combinare i
vari treni che vi conducono
Facile e sollecita ripet Turk.
Quando penso che quella ragazzetta parlo di Lissy Wag
se la i caver andando da Chicago a Milwaukee
Miserabile! brontol Turk.
E che quell'Hypperbone
Se non fosse morto, quello l, caro commodoro esclam
Turk, alzando il pugno come se avesse voluto accoppare lo
sventurato defunto.
Calmati, Turk: morto! Ma perch mai egli ha avuto l'assurda
idea di scegliere, in tutta la Florida, il luogo pi lontano, la punta
della coda di questa penisola che si bagna nel golfo del Messico?
Una coda con la quale meriterebbe di essere frustato a sangue!
disse Turk.
Perch a Key West, nell'isoletta che fa parte delle Pine
Islands, che dovremo trasportare le nostre valigie! Un'isoletta che
un osso duro, come dicono gli spagnoli, buona tutt'al pi a reggere
un faro, e sulla quale sorta una citt.
Brutti paraggi, commodoro rispose Turk. Il faro lo
abbiamo spesso notato, prima di penetrare nello stretto della Florida.
Beh, io credo disse Urrican che per fare pi presto
sarebbe meglio effettuare la prima parte del viaggio in ferrovia e la
seconda per mare; e cio, novecento miglia con il treno per
raggiungere Mobile, e circa seicento con la nave per arrivare a Key
West.
Turk non mosse obiezioni, che del resto il progetto non meritava.
Dopo trentasei ore di treno Urrican sarebbe giunto a Mobile,
nell'Alabama; avrebbe poi avuto dodici giorni a sua disposizione per
la traversata da Mobile a Key West.
Se non vi giungeremo dichiar il commodoro vuol dire
che le navi avranno cessato di navigare.
O che il mare non avr pi acqua! rispose Turk, con un tono
di minaccia all'indirizzo del golfo del Messico.
Ma quelle due eventualit, bisogna convenirne, si sarebbero
difficilmente verificate.
Il problema di trovare a Mobile una nave in partenza per la
Florida non si poneva affatto. Quel porto molto frequentato e il
movimento delle navi considerevole; per la sua posizione, tra il golfo
del Messico e l'Atlantico, Key West diventato scalo di tutte le navi.
L'itinerario si identificava in parte con quello di Tom Crabbe. Se il
campione del Nuovo Mondo aveva disceso il Mississippi fino a New
Orleans, Stato della Louisiana, il commodoro ne avrebbe disceso la
vallata fino a Mobile, Stato dell'Alabama. Raggiunto il porto, il
primo si era diretto a ovest per andare nel Texas, il secondo sarebbe
andato a est per raggiungere la Florida.
Preceduti da una grossa valigia, Urrican e Turk si erano dunque
recati alla stazione, alle nove del mattino. Il loro abito da viaggio
camiciotto, cintura, casco e stivali dava loro l'aspetto di uomini di
mare. Essi erano inoltre armati di quel Derringer a sei colpi che non
manca mai nella tasca dei calzoni del vero americano.
Nessun incidente sottoline la loro partenza salutata dai soliti
evviva -se si eccettua la vivace discussione tra il commodoro e il
capostazione, a causa di un ritardo del treno di tre minuti e mezzo.
Il treno part a gran velocit ed a gran velocit che i viaggiatori
attraversarono l'Ulinois. Al Cairo, quasi alla frontiera del Tennessee,
ove Tom Crabbe aveva preso la linea che finisce a New Orleans, essi
ripresero invece quella che segue la frontiera del Mississippi e
dell'Alabama e che finisce a Mobile. La citt pi importante che essi
incontrarono fu J ackson, Stato del Tennessee, da non confondere con
le omonime citt dell'Ohio, del Mississippi, della California e del
Michigan. Dopo la stazione di State Line, il treno super nel
pomeriggio del 12 la frontiera dell'Alabama, a un centinaio di miglia
circa dalla stazione di arrivo.
Come si pu facilmente immaginare, il commodoro non viaggiava
per diporto, ma solo per giungere a destinazione nel pi breve tempo
possibile ed entro il termine prescritto. Non vi erano in lui, perci,
preoccupazioni di turista. Luoghi, paesaggi, citt, curiosit e altro
non interessavano n l'uomo di mare, n Turk.
Alle dieci di sera il treno si ferm alla stazione di Mobile, dopo
aver compiuto il lungo tragitto senza incidenti. anche il caso di dire
che Urrican non ebbe occasione di litigare con macchinisti, fochisti,
conducenti, impiegati della ferrovia, e neppure con i suoi compagni
di viaggio.
Del resto, non nascondeva la propria identit e tutti sapevano che
il treno trasportava, nella sua focosa persona, il sesto giocatore della
gara Hypperbone.
Il commodoro si fece condurre in un albergo non lontano dal
porto. Era troppo tardi per andare a chiedere quali navi fossero in
partenza. L'indomani, all'alba, egli avrebbe lasciato l'albergo con
Turk e se avesse trovato una nave pronta a salpare verso lo stretto
della Florida sarebbe partito il giorno stesso.
La mattina dopo, al levar del sole, tutti e due passeggiavano di
conserva sulle banchine di Mobile.
Montgomery la capitale ufficiale dell'Alabama, che ha tratto il
suo nome dal bacino omonimo. Lo Stato comprende due regioni: una
montuosa, nella quale gli ultimi contrafforti appalachiani si
abbassano verso sud-ovest; l'altra, nella parte meridionale,
costituita da ampie pianure, in parte acquitrinose. Un tempo vi si
coltivava soltanto il cotone. Ora, grazie alle comunicazioni
ferroviarie, vi si sfruttano con profitto le miniere di carbon fossile e
di ferro.
Ma n Montgomery, n Birmingham industriosa citt
dell'interno -possono competere con Mobile, che conta trentaduemila
abitanti. Costruita sopra una terrazza, in fondo alla baia da cui ha
preso il nome, di facile accesso tutto l'anno alle navi che
provengono dal largo. Questa citt, dalle case basse numerosissime
nel quartiere commerciale allo stretto anche per i suoi bisogni
marittimi, le sue esportazioni di sigari, di cotone e di ortaggi, ma
possiede, per contro, ampi sobborghi che si stendono tra boschetti di
verzura.
Non senza motivo il commodoro aveva pensato che i mezzi per
recarsi a Key West per mare non sarebbero mancati. Il porto di
Mobile talmente importante da ricevere annualmente non meno di
cinquecento navi.
Vi sono persone per perseguitate dal destino e che non possono
sfuggire alla sfortuna: e questa volta fu a ragione se Hodge Urrican si
arrabbi.
Ecco che gli capita di arrivare a Mobile nel corso di uno sciopero!
Caricatori e scaricatori del porto avevano proclamato il giorno prima
lo sciopero generale e minacciavano di farlo durare a lungo! Nessuna
delle navi in partenza avrebbe potuto prendere il largo, prima che
venisse concluso l'accordo con gli armatori, decisissimi, da parte
loro, a resistere alle pretese degli scioperanti!
Trascorsero inutilmente il 13, il 14 e il 15 maggio: nessuna nave
riusc a completare il carico per poter partire. Le merci giacevano
sulla banchina, i fuochi delle caldaie erano spenti, le balle di cotone
ingombravano i magazzini: se la baia di Mobile fosse stata chiusa dai
ghiacci, non avrebbe potuto essere pi inattiva. Quell'insolito stato di
cose avrebbe potuto durare tutta la settimana e forse anche oltre. Che
fare?
Ci fu chi sugger al commodoro la ragionevole idea di recarsi a
Pensacola, importante citt della Florida posta al confine
dell'Alabama. Risalendo con il treno fino all'estremit settentrionale
dello Stato e ridiscendendo poi fino al litorale, avrebbe potuto
raggiungere facilmente Pensacola in una dozzina d'ore.
Hodge Urrican possedeva una innegabile qualit: era un uomo di
carattere e sapeva prendere una decisione senza tergiversare. La
mattina del 16, sal sul treno con Turk e parti per Pensacola, ove
giunse la sera stessa.
Gli rimanevano nove giorni, pi di quanti ne richiedesse la
traversata da Pensacola a Key West, anche se fatta a bordo di un
veliero.
Proiettata sul golfo del Messico, la Florida misura all'incirca 450
miglia di larghezza e 350 di lunghezza. La larghezza, rappresentata
dalla base settentrionale della penisola, si estende fino all'Atlantico
sotto il territorio dell'Alabama e della Georgia. Se Thallahassee la
capitale, sede della legislatura, Pensacola vale J acksonville,
metropoli dello Stato. Collegata dalla rete ferroviaria al centro
dell'Unione, Pensacola, con i suoi dodicimila abitanti, e in piena
prosperit e cosa che importava maggiormente al commodoro
Urrican in cerca di un'imbarcazione ha un movimento marittimo di
circa mille e duecento navi.
Ma la sfortuna continuava! A Pensacola non c'erano scioperi,
vero, ma non c'erano neanche navi in partenza almeno in direzione
sud-est n per le Antille, n per l'Atlantico. Nessuna possibilit,
quindi, di fare scalo a Kev West!
Decisamente disse il commodoro mordendosi le labbra,
non c' nulla da fare!
E non c' nessuno con cui prendersela! rispose il compagno
guardandosi intorno con aria truce.
Tuttavia non possiamo fermarci qui per una settimana
Bisogna che salpiamo a ogni costo dichiar Turk.
Questo era certo, ma di quale mezzo servirsi per andare da
Pensacola a Key West?
Senza perdere un istante, Urrican cominci a chiedere di nave in
nave, a vapore o a vela che fosse, ma non ottenne che vaghe
promesse S, certo, sarebbero partiti il tempo di imbarcare le
merci o completare il carico Niente di sicuro, nonostante la buona
somma offerta dal commodoro per il suo passaggio. Allora chiese
soddisfazione, come si suol dire, a quei dannati capitani e anche al
direttore del porto, a costo di farsi mettere in prigione.
Insomma, trascorsero cos due giorni e giunse la sera del 18;
rimaneva da tentare il viaggio via terra, invece che via mare. Ma
quanti eventuali ritardi da temere, in questo caso, per non parlare
della fatica
Giudicate voi stessi! necessario naturalmente in treno
attraversare la Florida quasi in tutta la sua larghezza, da ovest a est,
fino a Live Oak, passando da Thallahassee; poi ridiscendere a sud
per giungere a Tampa, o Punta Corda, sul golfo del Messico;
percorrere cio circa seicento miglia, servendosi di treni i cui orari
non coincidevano. E su ci non vi sarebbe stato nulla da dire, se a
cominciare di l la rete ferroviaria avesse interamente servito la parte
meridionale della penisola. Ma, no! Se non si fosse trovata una nave
pronta a salpare, sarebbe stato necessario percorrere un lungo
cammino e chiss in quali penose condizioni!
Dopo Cedar Key, quella parte della Florida bagnata dalle acque
del golfo una triste regione, poco abitata e poco abitabile. Vi si
sarebbero trovati mezzi di trasporto diligenze, birocci, cavalli per
raggiungere in pochi giorni l'estrema punta della penisola? E
ammesso che fosse stato possibile procurarseli pagandoli a peso
d'oro, non sarebbe stato comunque un viaggio lento, faticoso,
fors'anche pericoloso? Bisognava attraversare interminabili foreste,
passare sotto spesse volte di scuri cipresseti, talvolta impenetrabili, in
parte sommersi nell'acqua stagnante degli acquitrini della costa, alla
merc di quelle praterie dove galleggia l'erbosa pistia, e il cui terreno
melmoso sprofonda sotto i piedi; superare profonde macchie di
funghi giganteschi che scoppiano, appena toccati, come fuochi
artificiali, e valicare, infine, il dedalo di pianure acquitrinose e di
distese lacustri, ove pullulano gli alligatori e i lamantini e ove
formicolano i pi pericolosi serpenti di razza ofidia: i trigonocefali
dal morso letale. Tale l'infausto paese delle Everglades, ove hanno
trovato rifugio le ultime trib dei Seminoie, belli e fieri, che agli
ordini del loro capo Oisola hanno lottato intrepidamente contro
l'invasione federale. Soltanto gli indigeni possono vivere, o quanto
meno vegetare, in quel clima umido e caldo, propizio allo sviluppo
delle febbri palustri che in poche ore stroncano gli uomini pi
vigorosi, fossero anche della tempra del commodoro Urrican!
Se questa parte della Florida fosse stata simile a quella che si
estende a oriente, fino al ventinovesimo parallelo, se si fosse trattato
di andare da Fernandina a J acksonville e a Saint-Augustine, regione
in cui non mancano borgate, villaggi e vie di comunicazione, la cosa
sarebbe stata ben diversa. Ma volersi spingere fino al capo Sable,
partendo da Punta Gorda
Si era gi al 19 maggio e rimanevano appena sei giorni. Era
assurdo pensare di proseguire via terra!
Quel mattino, il commodoro Urrican fu avvicinato sulla banchina
da uno di quei padroni, met spagnoli e met americani, che
esercitano il piccolo cabotaggio lungo le coste della Florida.
Costui, che si chiamava Huelcar, port la mano al berretto e gli
disse:
Ancora nessuna nave per la Florida?
No rispose Urrican. Se me ne indicate una, ci saranno
dieci piastre per voi.
Posso indicarvela.
Quale?
La mia.
La vostra?
S, la Chicola; una graziosa goletta di quarantacinque
tonnellate, con tre uomini di equipaggio. Fila di solito i suoi otto
nodi, con l'aiuto del vento.
Di nazionalit americana?
Americana.
Pronta a partire?
Pronta a partire, ai vostri ordini rispose Huelcar.
Cinquecento miglia circa, da Pensacola a Key West, in linea retta.
Alla media di soli cinque nodi tenendo conto delle deviazioni di
rotta o dei venti sfavorevoli si poteva farcela in sei giorni.
Dieci minuti dopo, Urrican e Turk erano a bordo della Chicola e
la esaminavano da intenditori. Era un bastimento di piccola stazza,
fatto per navigare lungo la costa, tra i bassi fondali, abbastanza largo
di scafo per reggere una buona velatura.
Esperti marinai, il commodoro e il vecchio quartiermastro non
erano uomini da preoccuparsi dei pericoli del mare. Da parte sua,
padron Huelcar correva da vent'anni quei paraggi con la sua goletta,
da Mobile alle Bahama, attraverso lo stretto della Florida, e
innumerevoli volte aveva fatto scalo a Key West.
Quanto volete per la traversata? chiese il commodoro.
Cento piastre al giorno.
Vitto compreso?
Compreso.
Era caro; Huelcar sfruttava evidentemente la situazione.
Partiremo immediatamente ordin Urrican.
Non appena la vostra valigia sar a bordo.
A che ora comincia la marea?
Subito, e, prima di un'ora, saremo in alto mare.
Era questo l'unico modo di giungere a Key West; il sesto
giocatore doveva trovarvisi non oltre mezzogiorno del 25 maggio.
Pagato il conto dell'albergo, Hodge Urrican e Turk alle otto si
imbarcavano. Cinquanta minuti dopo la goletta usciva dalla baia, tra i
forti Mac Rae e Pickens costruiti un tempo dai francesi e dagli
spagnoli e metteva la prua al largo.
Il tempo era incerto. Il vento soffiava piuttosto forte da est. Il
mare, difeso dallo sbarramento della penisola, non risentiva ancora
dei lunghi marosi dell'Atlantico: la Chicola si comportava bene.
Comunque, n il commodoro n Turk avevano motivo di temere
quel mal di mare di cui era stato vittima Tom Crabbe. Quanto alla
manovra, entrambi sarebbero stati sempre pronti a dare una mano a
Huelcar e ai suoi tre uomini, qualora fosse stato necessario
fronteggiare un colpo di vento.
Con il vento da prora, la Chicola bordeggiava in modo da essere
riparata da terra. La traversata sarebbe stata pi lunga, certamente,
ma le tempeste del golfo sono pericolose ed prudente che un
bastimento leggero non si avventuri lontano da porti, baie, cale e foci
di fiumi, oltre che dalle numerose insenature del litorale della
Florida, accessibili alle navi di piccolo tonnellaggio. La Chicola
avrebbe trovato sempre un'ansa della costa o un buco in cui rifugiarsi
per qualche ora, in caso di necessit. Ma questo sarebbe stato tempo
perduto, vero, e Hodge Urrican ne aveva ben poco da sprecare!
CAPITOLO XIV
SEGUITO DELLE VICENDE DEL COMMODORO URRICAN
IL VENTO dur tutto il giorno e tutta la notte, pur tendendo a
diminuire. Se fosse girato da ovest, avrebbe permesso di seguire una
rotta migliore, con maggiore velocit. Disgraziatamente, il giorno
dopo, poco a poco, cess. Con il mare calmo la Chicola, bench
coperta di vele, percorse soltanto una ventina di miglia in direzione
sud-est. Si rese anche necessario metter mano ai remi per non essere
sospinti al largo. Seguirono quarantotto ore di navigazione quasi
inutile. Il commodoro si mordeva le dita con impazienza, senza dire
parola.
Tuttavia, il 22, sospinta dalla corrente del golfo, la Chicola filava
all'altezza di Tampa: porto di circa seimila abitanti, ove le navi di un
certo tonnellaggio trovano sicuro riparo quando ne costeggiano il
litorale cosparso di scogliere e di melma. La goletta navigava a una
cinquantina di miglia al largo e non avrebbe potuto accostarvisi, per
seguire la costa della Florida fino all'estremit, senza subire ritardi.
Del resto, dopo la calma del giorno precedente, c'era motivo di
prevedere, dall'aspetto del cielo, un prossimo mutamento delle
condizioni atmosferiche.
Il commodoro e Turk non si sbagliarono, n si sbagliarono i
marinai della goletta.
facile che il tempo cambi disse quella mattina il
commodoro.
Non potr che favorirci disse Turk se il vento si
stabilisce a ovest.
Il mare segnala gi qualcosa disse padron Huelcar.
Osservate le onde lunghe e gi pesanti e l'acqua che comincia a
diventare verde al largo.
Poi, dopo aver guardato attentamente l'orizzonte, aggiunse,
scuotendo il capo:
Non mi piace quando soffia da quella parte.
Tuttavia, proprio quello che ci vuole per noi disse Turk.
Soffi pure forte, purch ci mandi dove vogliamo andare!
Hodge Urrican taceva, chiaramente preoccupato dei sintomi che si
accentuavano tra ovest e sud-ovest. Va bene aver buon vento, ma
bisogna essere nelle condizioni di affrontare il mare, e non con
un'imbarcazione di una quarantina di tonnellate mezzo pontata. Non
si sapr mai che cosa accadeva nell'animo dell'irascibile commodoro,
ma se il tempo era brutto al largo era certamente ancora pi brutto
dentro di lui.
Nel pomeriggio il vento cominci a soffiare definitivamente da
ovest, con impetuose raffiche, interrotte da brevi periodi di calma. Fu
necessario ammainare le vele alte; sul mare, che diventava agitato e
duro, la goletta si sollevava come una piuma, in balia dei marosi.
La notte fu pessima, soprattutto perch si rese necessario ridurre
ulteriormente la velatura.
La Chicola veniva sospinta ora verso la costa della Florida pi di
quanto fosse opportuno. Poich non c'era tempo per cercarvi rifugio,
bisognava mantenere la prua, a qualunque costo, in direzione della
punta estrema della penisola.
Padron Huelcar governava da marinaio esperto, mentre Turk, con
la mano al timone, cercava il pi possibile di evitare alla goletta gli
urti del rollio.
Il commodoro aiut l'equipaggio a prendere dei terzaruoli al
trinchetto e alla maestra: fu lasciato solo il controfiocco parzialmente
ammainato. Era difficile resistere al vento e alla corrente che
spingevano l'imbarcazione verso terra.
La mattina del 23, infatti, tra la nuvolaglia dell'orizzonte, si
intravide la costa, nonostante fosse molto bassa.
Huelcar e i suoi uomini la scorsero a stento; ma la riconobbero.
la baia di Whitewater dissero.
Quella baia, che intacca profondamente il litorale, separata dallo
stretto della Florida da una striscia di terra difesa dal forte Poinsett,
all'estremit di capo Sable.
Ancora una decina di miglia in quella direzione e la goletta vi
sarebbe stata al riparo.
Temo che saremo costretti a penetrare nella baia disse
Huelcar.
Ma non potremo pi uscirne, con questo vento! esclam
Turk. Hodge Urrican taceva.
Se non vi cerchiamo riparo continu Huelcar e se
all'altezza di capo Sable la corrente ci spinge nello stretto, non
andremo certo ad approdare a Key West, ma alle Bahama, in aperto
Atlantico!
Il commodoro continuava a tacere, e, probabilmente, non avrebbe
neppure potuto articolare parola, tanto aveva la gola gonfia e le
labbra serrate.
Da parte sua, padron Huelcar capiva perfettamente che se la
goletta si fosse rifugiata nella baia vi sarebbe rimasta bloccata per pi
giorni. Era il 23 maggio e bisognava essere a Key West prima di
quarantotto ore.
L'equipaggio gareggi allora in audacia e abilit, onde permettere
alla piccola nave di affrontare il vento che proveniva dal largo, con il
rischio di abbattere l'alberatura o addirittura di far scuffia. Si cerc di
mantenersi alla cappa, con il controfiocco e una vela di fortuna a
poppa. La goletta perse altre tre o quattro miglia durante la giornata e
la notte seguente. Se il vento non fosse girato a nord o a sud, essa
non avrebbe potuto pi resistere e sarebbe finita il giorno dopo in
costa.
Ci fu fin troppo evidente quando, alle prime ore del giorno 24,
sulla terra, irta di rocce e circondata di scogli, si videro a cinque
miglia di distanza le terribili punte di capo Sable. Ancora poche ore e
la Chicola sarebbe stata sospinta nello stretto della Florida.
Tuttavia, con nuovi sforzi, approfittando della marea crescente, si
poteva riuscire a rifugiarsi nella baia di Whitewater.
necessario dichiar Huelcar.
No rispose Urrican.
Non voglio arrischiare di perdere la mia imbarcazione, e anche
la vita, ostinandomi a tenere il mare.
Io la compro, la tua imbarcazione.
Non in vendita.
Un'imbarcazione sempre in vendita quando la si paga pi di
quel che vale.
Quanto mi dareste?
Duemila piastre.
D'accordo rispose Huelcar, felice di concludere un affare
vantaggioso.
il doppio di ci che vale disse il commodoro. Mille
sono per il suo scafo e mille per il tuo e quello dei tuoi uomini.
Pagabili quando?
In contanti, con un assegno che ti firmer a Key West.
D'accordo, commodoro.
E ora, Huelcar, prua verso il largo!
La Chicola lott tutto il giorno gagliardamente, a volte sepolta
dalle ondate, con le impavesate quasi sommerse; Turk la reggeva con
mano salda e l'equipaggio manovrava con grande coraggio e abilit.
La goletta era riuscita ad allontanarsi dalla costa, soprattutto
grazie a un lieve mutamento nella direzione del vento, girato un po'
al nord. Ma quando giunse la notte, il vento diminu e l'orizzonte si
ricopr di brume opache.
Ci si trov allora in grave imbarazzo. Durante il giorno non era
stato possibile determinare la posizione della goletta: si trovava gi
all'altezza di Key West? Aveva gi superato quel semenzaio di scogli
che si prolunga, come coda della penisola, verso le Marquesas e le
Tortugas?
Secondo padron Huelcar, la Chicola doveva trovarsi molto vicina
a quella catena di isolotti, dietro i quali si propagano, con le correnti
fulminee dello stretto della Florida, le acque calde del Gulf-stream.
Vedremmo certamente il faro di Key West, se non ci fosse
foschia disse. Bisogna badare a non finire sulle rocce; secondo
me, sarebbe meglio aspettare che si faccia giorno, e che la nebbia si
diradi.
Non intendo aspettare rispose il commodoro.
Non poteva aspettare, infatti, se voleva essere a Key West il
giorno dopo, prima di mezzogiorno.
La Chicola continu quindi a mantenere la prua a sud, tra la
nebbia, sul mare che ritornava calmo, quando verso le cinque del
mattino, ci furono due urti, uno dopo l'altro.
La goletta aveva battuto contro uno scoglio.
Sollevata una terza volta da un'ondata violenta, in parte malconcia
e con lo scafo sfondato a prua, si pieg sul fianco di sinistra.
In quell'istante, si ud un grido.
Turk riconobbe la voce del commodoro.
Lo chiam, ma non ebbe risposta.
La nebbia era cos fitta da non lasciar vedere gli scogli che
circondavano la goletta.
Padron Huelcar e i suoi tre uomini erano riusciti a metter piede
sullo scoglio.
Con loro era Turk, il quale continuava a cercare e a chiamare
disperatamente.
Vane ricerche e inutili appelli.
Forse la nebbia si sarebbe presto dissipata forse Turk avrebbe
ritrovato ancora vivo il suo commodoro Egli non osava sperarlo.
Grosse lacrime gli scorrevano lungo le gote.
Verso le sette, la nebbia cominci a diradarsi e apparve il mare
per un raggio di varie centinaia di metri.
La Chicola si era incagliata, spezzandosi contro un ammasso di
rocce biancastre. Il suo canotto, schiacciato nell'urto, era
inutilizzabile. Per un quarto di miglio, a est e a ovest, il banco si
prolungava in scogliere, separate l'una dall'altra da corridoi ove la
risacca si avventava con furia selvaggia.
Furono subito riprese le ricerche e un marinaio fin per scoprire il
corpo del commodoro Urrican incastrato tra due scogli.
Turk accorse, cinse con le braccia il padrone, lo sollev, gli parl;
ma non ottenne risposta.
Un lieve respiro sfuggiva ancora dalle sue labbra e il suo cuore si
sentiva battere distintamente.
Vive! Vive! grid Turk.
Per la verit, Hodge Urrican era in uno stato pietoso. Nel cadere
aveva battuto il capo contro lo spigolo di una roccia. Tuttavia non
perdeva sangue. La ferita, che si era chiusa da s, fu bendata con un
pannolino, dopo essere stata lavata con un po' d'acqua dolce presa
dalla goletta. Il commodoro, non ancora tornato in s, fu poi
trasportato sulla parte pi elevata dell'isolotto, al sicuro dalle onde.
La nebbia era gi completamente scomparsa e ora lo sguardo
poteva spingersi a diverse miglia di distanza.
Erano le nove e venti. In quell'istante, Huelcar indic verso ovest
con la mano, esclamando:
Il faro di Key West!
Key West era infatti a non pi di quattro miglia a ovest. Se la
notte fosse stata chiara, si sarebbe potuto vedere il suo faro in tempo
utile e la goletta non sarebbe andata a finire sugli scogli.
I marinai temono i paraggi della Florida meridionale. C' da
sperare quindi che il governo federale realizzi al pi presto il
progetto, gi studiato, di tagliare un canale nella penisola, tra
Fernandina e Cedar Key. Quel canale farebbe risparmiare alle navi,
tra il golfo del Messico e l'oceano, circa cinquecento miglia di uno
stretto che tra i pi pericolosi del mondo.
Il sesto giocatore della partita Hypperbone aveva dunque
definitivamente perduto?
Non vi era pi alcuna possibilit di superare la distanza che
separava da Key West l'isolotto contro il quale si era schiantata la
Chicola. Era necessario aspettare che qualche imbarcazione,
passando di l, raccogliesse i naufraghi per portarveli.
Era ben penosa la situazione di quei poveretti, in attesa su quello
scoglio biancastro come un ossario, che nel periodo dell'aita marea
emergeva dall'acqua neanche due metri! Intorno serpeggiavano
sargassi dai mille colori, ficee gigantesche e piccole alghe che la
corrente del Gulf-stream strappava dai fondi sottomarini.
Nelle insenature formicolavano cento specie di pesci di ogni
forma e dimensione: sarde, angeli, labri, lupi di mare, clefti dalle
tinte stupende, giarrettiere d'argento, cavalieri a strisce multicolori.
Vi pullulavano anche molluschi, crostacei, gamberetti, palemoni,
gamberi rossi, granchi e languste.
Avendo fiutato il naufragio, si accostavano inoltre a fior d'acqua
da ogni parte, fra gli scogli, voraci pescecani e soprattutto pesci
martello, mostri pericolosissimi, lunghi un paio di metri e con enormi
mascelle.
Gli uccelli volavano a stormi innumerevoli: aironi, cancrivori,
sgarze, gabbiani, svassi, rondini marine, cormorani. Alcuni grossi
pellicani, in parte immersi, pescavano con altrettanta gravit, ma con
maggiore fortuna di pescatori con la canna, lanciando con voce
cavernosa, come ha detto un viaggiatore francese, il grido di
hoenkorr! Il cibo, del resto, non sarebbe mancato su quello scoglio,
solo a dar la caccia a legioni di tartarughe, sia sott'acqua, sia sui greti
sabbiosi, fino alle isole che portano il nome di quelle bestie
striscianti.
Intanto, il tempo passava; nonostante le cure prodigategli, lo
sfortunato commodoro non sembrava riprendersi. Il prolungarsi del
suo stato d'incoscienza suscitava in Turk viva inquietudine. Se avesse
potuto condurre il suo padrone a Key West e affidarlo a un medico,
forse Urrican, che era di costituzione robusta, si sarebbe salvato. Ma
quanti giorni sarebbero trascorsi, prima che i naufraghi potessero
lasciare l'isolotto? Non era possibile disincagliare la goletta e
ripararne lo scafo, forato in diversi punti: i primi marosi ne avrebbero
disperso i rottami!
Naturalmente Turk non nutriva pi alcuna illusione sull'esito della
gara Hypperbone. La partita era perduta per Hodge Urrican. Chiss
che accesso d'ira se fosse mai tornato in s! E questa volta sarebbe
stato perfettamente giustificato davanti a cos incredibile sfortuna!
Le dieci erano appena passate quando un marinaio della Chicola,
in vedetta a un'estremit della roccia, grid:
Una barca!
Spinta da una lieve brezza dall'est, si avvicinava infatti all'isolotto
una barca da pesca. Huelcar cominci a fare dei segnali e mezz'ora
dopo, raccolti i naufraghi, l'imbarcazione si dirigeva verso Key West.
Turk torn allora a sperare, e anche il commodoro, forse, sarebbe
tornato a sperare se fosse riuscito a riprendersi da quello stato di
prostrazione che non gli consentiva di capire quel che accadeva
intorno a s.
Sospinta dal vento, la lancia super in breve le quattro miglia che
la separavano da Key West. Alle undici e un quarto si accostava alla
banchina.
L'isolotto di Key West lungo due leghe e largo una. La citt vi
cresciuta sopra come crescono i prodotti della terra sottoposti a
coltura intensiva. Collegata agli Stati di terraferma da linee
telegrafiche e all'Avana da un cavo sottomarino, questa citt per
met spagnola, difesa da una volta di alte magnolie e di altre
magnifiche piante tropicali ha gi acquistato notevole importanza.
Un traffico marittimo che raggiunge le trecentomila tonnellate le
assicura crescente prosperit e grande avvenire.
Alcune centinaia di abitanti Key West ne contava allora circa
diciottomila circondarono i naufraghi al loro sbarco. Aspettavano il
commodoro Urrican, ma in quali condizioni egli si presentava loro o,
meglio, veniva loro presentato!
A quel che pareva, il mare non favoriva i partecipanti alla gara
Hypperbone! Tom Crabbe era giunto nel Texas come massa inerte, il
commodoro giungeva a Key West come cadavere, o poco meno!
Hodge Urrican fu condotto negli uffici del porto, ove un medico si
affrett ad accorrere.
Il commodoro respirava ancora; il cuore gli batteva debolmente
ma pareva che i suoi organi non fossero lesi. Aveva per battuto il
capo contro lo spigolo di una roccia, quando era stato lanciato fuori
dalla goletta, e il sangue era uscito in abbondanza dalla ferita, per cui
c'era il pericolo di una lesione al cervello.
Tuttavia, nonostante le cure, nonostante i vigorosi massaggi a cui
fu sottoposto e Turk, si pu crederlo, non si risparmi affatto il
commodoro emise alcuni sospiri ma non riprese conoscenza.
Il medico propose allora di trasportarlo nella camera di un
comodo albergo, a meno che non si ritenesse preferibile trasportarlo
all'ospedale di Key West, ove sarebbe stato certamente curato meglio
che altrove.
No disse Turk, n all'ospedale n all'albergo.
E dove, allora?
All'ufficio postale!
Il bravo Turk aveva un'idea, un'idea che fu subito compresa e
adottata da tutti coloro che lo circondavano. Poich Urrican era
giunto a Key West prima di mezzogiorno del 25 maggio si pu ben
dire, nonostante l'opposizione del vento e del mare perch non fare
constatare ufficialmente la sua presenza nello stesso luogo in cui
doveva trovarsi a quella data?
Si fece venire una barella e dopo avervi deposto un materasso e
disteso sopra il commodoro, ci si diresse verso l'ufficio postale,
seguiti da una folla sempre crescente.
Gli impiegati, stupiti, credettero in un primo momento a un errore:
si era forse scambiato il loro ufficio per l'obitorio? Quando per
appresero che quello era il corpo del commodoro Urrican, e cio del
sesto concorrente della gara Hypperbone, lo stupore cedette alla
commozione. Egli era dunque l, dinanzi allo sportello del telegrafo,
dove il colpo di dadi lo aveva mandato da tanto lontano! Ma in quale
stato!
Turk si fece innanzi e poi, ad alta voce, perch le sue parole
fossero udite da tutti, chiese:
C' un telegramma per il commodoro Urrican?
Non ancora rispose l'impiegato.
Allora, signore disse Turk, vogliate attestare che noi
siamo qui prima del suo arrivo.
E il fatto fu immediatamente annotato su un registro, dinanzi a
numerosi testimoni.
Erano le undici e quarantacinque; non c'era da far altro che
aspettare il telegramma, spedito certamente da Chicago quella
mattina stessa.
L'attesa non fu lunga.
Alle undici e cinquantatr, il campanello dell'apparecchio
telegrafico cominci a tintinnare, il meccanismo si mise in
movimento e la striscia di carta cominci a svolgersi.
Non appena l'impiegato l'ebbe ritirata, ne lesse l'indirizzo e disse:
Un telegramma per il commodoro Hodge Urrican.
Presente rispose Turk invece del padrone, sul quale il
medico non pot notare, neppure in quell'istante, il minimo segno di
intelligenza.
Il telegramma era cos concepito:
Chicago, Illinois, ore 8,13 mattina, 25 maggio. Cinque con tre e
due, cinquantottesima casella, Stato della California, Death Valley.
Tornbrock.
Stato della California! Sarebbe stato necessario attraversare il
territorio federale da sud-est a nord-ovest per raggiungere l'estremit
opposta!
Non soltanto bisognava percorrere le duemila e pi miglia che
separano la California dalla Florida, ma la cinquantottesima casella
era quella in cui, nel nobile gioco dell'Oca, appare il teschio! La
qualcosa significava che, dopo essersi recato di persona in quella
casella, il giocatore era obbligato a tornare a Chicago per
ricominciare la partita.
Sarebbe meglio che il mio padrone non riprendesse pi
conoscenza pens Turk. Non riuscirebbe mai a sopportare un
simile colpo!.
CAPITOLO XV
LA SITUAZIONE AL 27 MAGGIO
NESSUNO avr dimenticato che in un primo momento il testamento
di William J . Hypperbone aveva stabilito che i giocatori del nobile
gioco degli Stati Uniti, scelti dalla sorte, fossero sei. I Sei,
seguendo le istruzioni del notaio Tornbrock, avevano preso posto
intorno al carro, nel corteo funebre del bizzarro personaggio.
Nessuno avr neppure dimenticato che nella seduta del 15 aprile,
durante la quale il notaio aveva dato lettura del testamento, un
inatteso codicillo aveva fatto intervenire un settimo partecipante,
indicato con le sole lettere XKZ. Quest'ultimo concorrente era stato
anch'egli sorteggiato oppure imposto dalla volont del defunto?
Nessuno lo sapeva. Comunque sia, sarebbe stato assurdo pensare di
eludere quella precisa clausola del codicillo. Il signor XKZ l'uomo
mascherato fruiva dei medesimi diritti degli altri sei, e se avesse
guadagnato l'enorme eredit, nessuno avrebbe potuto contestargliene
il possesso.
In applicazione di detta clausola, il 13 maggio, alle otto del
mattino, mastro Tornbrock aveva proceduto al settimo lancio dei
dadi. Il numero di punti ottenuto lo ricordiamo al lettore nove,
con un sei e un tre, obbligava il signor XKZ a recarsi nel Wisconsin.
Se l'ignoto giocatore non aveva la passione dei viaggi, n la smania
di muoversi che divorava il cronista del Tribune, insomma se era
refrattario a qualsiasi passione motoria, non poteva non essere
soddisfatto. In poche ore avrebbe raggiunto col treno Milwaukee,
costringendo Lissy Wag a cedergli il posto e a ricominciare la partita,
se al suo arrivo ella vi si fosse ancora trovata.
Nessuno per sapeva se l'uomo mascherato si fosse affrettato a
raggiungere il Wisconsin, dopo il risultato del colpo di dadi, pur
avendo a sua disposizione quindici giorni per recarvisi.
L'introduzione del nuovo personaggio nella gara aveva attratto, in
un primo momento, la curiosit della gente. Chi era costui? Era
certamente di Chicago; il testatore aveva ammesso al gioco soltanto
persone nate a Chicago. Ma di lui non si sapeva altro e la curiosit
popolare era quindi pi che giustificata.
Il 13 maggio, giorno del settimo lancio dei dadi, la gente aveva
perci affollato la stazione, nelle ore di partenza dei treni per
Milwaukee.
Si sperava di riconoscere il signor XKZ dall'andatura,
dall'atteggiamento, da qualcosa di particolare o di originale. La
delusione fu completa: non si videro che i soliti viaggiatori di varie
classi sociali, che nulla distingue dai comuni mortali. Al momento
della partenza del treno, tuttavia, un brav'uomo fu creduto l'uomo
mascherato e fatto oggetto, con sua meraviglia, di un'immeritata
ovazione.
Il giorno seguente i curiosi affollarono ancora in gran numero la
stazione; furono un po' meno il terzo giorno, pochissimi i giorni
successivi; tra essi non fu mai notato nessuno che avesse l'aria di
partecipare alla gara Hypperbone.
Non rimaneva da far altro e fu quanto fecero coloro che
desideravano arrischiare grosse somme su quel misterioso XKZ che
tanto li incuriosiva -che interrogare mastro Tornbrock. Il notaio fu
quindi assillato di domande sul conto del personaggio.
Dovete pur sapere qualcosa sul conto del signor XKZ gli
dicevano.
Non so assolutamente nulla egli rispondeva.
Lo conoscete, almeno?
Non lo conosco, ma se lo conoscessi non avrei certamente il
diritto di tradire il suo incognito.
Ma saprete dove risiede se domiciliato a Chicago o
altrove! Dovrete pur comunicargli il risultato del colpo di dadi
Non gli ho comunicato nulla. Lo avr appreso dai giornali o
dai manifesti; oppure lo avr sentito proclamare nella sala
dell'Auditorium.
Dovrete pur comunicargli telegraficamente il risultato che
daranno i dadi il giorno 27 di questo mese e che lo riguarder
nuovamente
Glielo comunicher, senza dubbio.
Ma dove?
Dove sar o, meglio, dove dovrebbe essere: a Milwaukee,
Wisconsin.
Ma a quale indirizzo?
Fermo posta, alle lettere XKZ.
E se non c'?
Peggio per lui: decadr da ogni diritto!
Come si vede, ai ma dei suoi interlocutori, mastro Tornbrock
dava sempre la stessa risposta: non sapeva nulla e non poteva dir
nulla.
Il vivo interesse suscitato inizialmente dall'uomo del codicillo fin
poi con l'attenuarsi e si lasci all'avvenire la cura di rivelare l'identit
del signor XKZ. In fin dei conti, se avesse vinto, se fosse diventato
l'unico erede dei milioni di Hypperbone, il suo nome sarebbe stato
presto noto in tutte le cinque parti del mondo. E se non vinceva, che
importava sapere se era giovane o vecchio, alto o basso, grasso o
magro, biondo o bruno, ricco o povero? Che importava sapere sotto
quale cognome fosse iscritto nei registri della parrocchia?
Le peripezie del gioco erano intanto seguite con estremo interesse
nel mondo degli speculatori, di coloro che tentano la sorte, dei
cacciatori di alee e degli adoratori del boom. I bollettini finanziari ne
davano la situazione ogni giorno, con i corsi delle azioni di Borsa.
Non soltanto a Chicago che un cronista chiam citt di
scommesse e in tutte le grandi citt dell'Unione, ma anche nelle
borgate e fin nei pi piccoli villaggi i giocatori scommettevano con
notevole entusiasmo.
Le citt pi importanti (New York, Boston, Filadelfia,
Washington, Albany, Saint-Louis, Baltimora, Richmond, Charleston,
Cincinnati, Detroit, Omaha, Denver, Salt Lake City, Savanah,
Mobile, New Orleans, San Francisco, Sacramento) possedevano
speciali agenzie, i cui affari andavano a gonfie vele. Si riteneva che il
loro numero dovesse raddoppiare, triplicare, quadruplicare,
decuplicare a seconda dei diversi incidenti prodotti dal capriccio dei
dadi, che avrebbero influito favorevolmente o sfavorevolmente sui
sette giocatori. Erano sorti veri mercati, con mediatori e quotazioni,
dove si facevano domande e offerte e dove si vendevano o si
compravano le probabilit di vittoria dell'uno o dell'altro.
Naturalmente, ci non accadeva soltanto negli Stati Uniti
d'America, ma, superata la frontiera, si diffondeva nel Canada,
attraverso Quebec, Montreal, Toronto e altre importanti citt, come
pure nel Messico e nei piccoli stati bagnati dalle acque del golfo; e di
l, nell'America del Sud, in Colombia, Venezuela, Brasile,
Argentina, Per, Bolivia, Cile. La febbre del gioco sarebbe diventata
endemica in tutto il Nuovo Mondo?
Dall'altro lato dell'Atlantico, del resto, Francia, Germania,
Inghilterra e Russia in Europa, India inglese, Cina e Giappone
in Asia, Australia e Nuova Zelanda in Oceania avevano gi
partecipato in misura considerevole alle follie di quella gara.
Se il defunto socio dellExcentric Club di Chicago non aveva fatto
molto chiasso da vivo, quale fracasso faceva ora da morto! L'illustre
Georges B. Higginbotham e i suoi colleghi non potevano non essere
fieri di trovarsi coinvolti nella sua gloria postuma.
Ma chi era in quel momento il favorito, in quel nuovo genere di
corsa ippica?
Se era difficile pronunciarsi per il motivo che erano stati giocati
solo pochi colpi, sembrava per che Harris T. Kymbale, quarto
giocatore, godesse di un maggior numero di sostenitori. L'attenzione
era soprattutto concentrata su di lui, ed era di lui che i giornali
parlavano soprattutto, seguendolo passo passo, tenuti al corrente
dalle sue quotidiane, corrispondenze. Nessuno poteva godere della
simpatia del pubblico pi del brillante cronista del Tribune: non
Max Ral, che continuava a mantenere un assoluto riserbo, n
Hermann Titbury, che aveva cominciato con il viaggiare sotto falso
nome, e neppure Lissy Wag, che fino all'ultimo momento aveva
dovuto rinviare la partenza.
Bisogna per rilevare che Tom Crabbe, ben lanciato da J ohn
Milner, attirava molti scommettitori. Sembrava naturale che l'enorme
fortuna andasse a finire nelle mani di quel bruto gigantesco. Il caso si
compiace di creare contrasti o accostamenti del genere, come meglio
si vorr dire, e se non ha regole fisse, ha tuttavia capricci di cui
bisogna tener conto.
Il commodoro Urrican era stato inizialmente in rialzo su tutti i
mercati. Con il suo nove, fatto con un cinque e un quattro, che lo
mandava alla cinquantatreesima casella, aveva esordito
magnificamente. Inviato dal secondo colpo in California
(cinquantottesima casella) e costretto a ricominciare la partita, aveva
perduto il favore generale. Si sapeva inoltre che aveva fatto naufragio
presso Key West, che il suo sbarco si era effettuato in condizioni
spiacevoli e che la mattina del 23 non aveva ancora ripreso
conoscenza. Sarebbe stato mai in grado di recarsi a Death Valley?
Non era gi morto due volte, come uomo e come giocatore?
Rimaneva il signor XKZ; e non era difficile prevedere che i furbi
e gli avveduti, i quali hanno una particolare predisposizione a fiutare
i colpi di fortuna, avrebbero finito con lo scommettere su di lui. Se
era trascurato, in quel momento, lo si doveva al fatto che si ignorava
se fosse gi partito o meno per il Wisconsin. Ma il problema sarebbe
stato presto risolto, non appena egli si fosse presentato all'ufficio
postale di Milwaukee per ritirare il telegramma.
E quel giorno non era lontano; il 27 maggio data del
quattordicesimo colpo di dadi, concernente l'uomo mascherato, si
avvicinava. Il notaio Tornbrock gli avrebbe spedito, quel giorno, un
telegramma presso l'ufficio postale di Milwaukee, ove avrebbe
dovuto trovarsi di persona, prima di mezzogiorno. Naturalmente,
quella mattina, una gran folla di curiosi si sarebbe trovata l,
impaziente di vedere l'uomo delle iniziali. Non si sarebbe saputo il
suo nome, vero, ma almeno lo si sarebbe visto di persona, le
fotografie istantanee avrebbero fatto presto a coglierne l'immagine,
che i giornali avrebbero poi diffuso il giorno stesso.
Vale la pena di notare che Hypperbone aveva distribuito sulla sua
carta i vari Stati dell'Unione in modo del tutto arbitrario. Essi non
avevano n un ordine alfabetico n un ordine geografico. La Florida
e la Georgia, stati limitrofi, occupavano la cinquantatreesima casella
l'una, la venticinquesima l'altra. Il Texas e la Carolina del Sud
portavano rispettivamente il numero undici e ventidue bench
fossero circa novecento miglia lontani l'uno dall'altra. La stessa cosa
dicasi per gli altri stati. Tale distribuzione non sembrava dunque
dovuta a una scelta ragionata; forse la stessa collocazione era stata
estratta a sorte dal testatore.
Comunque sia, era nel Wisconsin che il misterioso XKZ doveva
attendere il telegramma che gli annunciava la nuova destinazione. E
poich Lissy Wag e J ovita Foley avevano potuto raggiungere
Milwaukee solo la mattina del 23, si erano affrettate a ripartirne
immediatamente per non incontrare il settimo giocatore, quando
fosse venuto nell'ufficio telegrafico della citt.
Giunse finalmente il 27 maggio; quel giorno l'attenzione di tutti fu
per il personaggio che, chiss per quali motivi, si ostinava a non
rivelare il suo nome.
La folla si pigiava nella sala dell'Auditorium, e certamente essa
sarebbe stata ancora maggiore se migliaia di curiosi non avessero
preso il treno del mattino per Milwaukee, per trovarsi all'ufficio
postale quando vi fosse giunto il misterioso XKZ.
Alle otto, con la solita solennit e sempre circondato dai soci
dellExcentric Club, il notaio Tornbrock agit il bussolotto e fece
rotolare i dadi sulla tavola. Nel silenzio generale poi proclam, con
voce sonora:
Quattordicesimo colpo, settimo giocatore, dieci: con un quattro
e un sei.
Ed ecco le conseguenze del colpo:
XKZ, che era gi alla ventiseiesima casella, veniva inviato alla
trentaseiesima, occupata dall'Illinois; da qui, raddoppiando i dieci
punti, passava alla quarantaseiesima, rappresentata, sulla carta di
Hypperbone, dallo Stato della Columbia. Qui egli avrebbe dovuto
recarsi, partendo dal Wisconsin.
La fortuna favoriva innegabilmente l'enigmatico personaggio! Al
primo colpo, uno stato limitrofo dell'Illinois; al secondo colpo,
appena tre Stati da attraversare Indiana, Ohio e Virginia
occidentale per raggiungere la Columbia e Washington, sua
capitale e capitale degli Stati Uniti d'America! Che disparit di
fortuna con la maggior parte degli altri giocatori, mandati
all'estremit del territorio federale!
Si poteva ben scommettere per un giocatore cos fortunato!
ammesso che esistesse
Quel mattino, a Milwaukee, non fu pi possibile mettere in dubbio
la sua esistenza. Un po' prima di mezzogiorno, in prossimit e
all'interno dell'ufficio postale, i curiosi dovettero far posto per lasciar
passare un uomo di media altezza, d'aspetto robusto, con barba
brizzolata e occhiali sul naso. Indossava un abito da viaggio e teneva
in mano una valigetta.
Avete un telegramma diretto alle iniziali XKZ? chiese
all'impiegato.
Eccolo gli fu risposto.
Il settimo giocatore perch si trattava proprio di lui prese il
telegramma, lo apr, lo lesse, lo richiuse e lo conserv nel
portafoglio, senza mostrare soddisfazione o scontento; poi se ne
and, passando attraverso la folla commossa e silenziosa.
Eccolo, finalmente, il settimo giocatore! Esisteva! Non era un
personaggio immaginario, ma apparteneva all'umanit! Qual era il
suo nome? la sua posizione sociale? le sue qualit? Nessuno lo
sapeva! Giunto in silenzio, in silenzio era ripartito. Non importa!
Poich si era presentato a Milwaukee il giorno prescritto, sarebbe
stato certamente a Washington il giorno stabilito! Era forse
necessario conoscere il suo stato civile? No! Una cosa non poteva
essere messa in dubbio, e cio che egli si atteneva scrupolosamente
alle condizioni imposte dal testamento, essendo stato egli stesso
designato dal testatore! Perch cercare di saperne di pi? I giocatori
potevano scommettere su di lui senza esitare! Egli poteva diventare il
grande favorito; infatti, a giudicare dai suoi primi colpi, sembrava
che la dea Fortuna non mancasse di essergli vicina nel corso dei suoi
viaggi!
Ecco ora, in breve, qual era, al 27 maggio, la situazione della gara:
Max Ral aveva lasciato il 15 maggio Fort Riley (Kansas) per
recarsi alla ventottesima casella, Stato dello Wyoming.
Tom Crabbe aveva lasciato il 17 maggio Austin (Texas) per
recarsi alla trentacinquesima casella, Stato dell'Ohio.
Scontata la condanna, Hermann Titbury aveva lasciato il 19
maggio Calais (Maine), per recarsi nella quarta casella, Stato
dell'Utah.
Harris T. Kymbale aveva lasciato Santa F (Nuovo Messico) per
recarsi alla ventiduesima casella, Stato della Carolina del Sud.
Lissy Wag aveva lasciato Milwaukee (Wisconsin) il 23 maggio
per recarsi alla trentottesima casella, Stato del Kentucky.
Il commodoro Urrican, se non era morto si sperava che non lo
fosse aveva ricevuto da quarantotto ore, e cio il 25 maggio, il
telegramma che lo mandava alla cinquantottesima casella, Stato della
California, dal quale doveva tornare a Chicago per ricominciare la
partita.
E infine: XKZ era stato mandato, il 27 maggio, alla
quarantaseiesima casella, occupata dalla Columbia.
Il mondo non doveva far altro che attendere gli avvenimenti
successivi e il risultato dei colpi seguenti, che sarebbero stati
comunicati ogni due giorni.
Intanto, grande successo aveva ottenuto un'idea lanciata dal
Tribune e adottata non solo in America, ma nel mondo intero:
poich i giocatori erano sette, perch non attribuire a ciascuno di loro
un particolare colore, come si fa con i fantini, sui campi di corsa? E
non forse preferibile, in tal caso, scegliere i sette colori dell'iride,
secondo il posto che occupano nell'arcobaleno?
Max Ral avrebbe cos avuto il viola, Tom Crabbe l'indaco,
Hermann Titbury l'azzurro, Harris T. Kymbale il verde, Lissy Wag il
giallo, Hodge Urrican l'arancio, XKZ il rosso.
Cos, ogni giorno, bandierine di differente colore si sarebbero
potute piantare con gli spilli nel luogo occupato dai vari partecipanti
alla gara Hypperbone, sulla carta del nobile gioco degli Stati Uniti
d'America.
PARTE SECONDA
CAPITOLO I
IL PARCO NAZIONALE
IL 15 MAGGIO, a mezzogiorno, Max Ral aveva ritirato presso
l'ufficio postale di Fort Riley il telegramma speditogli la mattina
stessa da Chicago. Il secondo colpo di dadi, concernente il primo
giocatore, aveva dato per risultato dieci punti, fatti con due cinque.
Se si parte dall'ottava casella, Stato del Kansas, il giocatore che ha
fatto dieci punti va a finire in una casella dell'Illinois, la quale gli
consente, secondo il regolamento, di raddoppiare il punteggio e di
portarsi quindi alla ventottesima casella, Stato dello Wyoming.
Ecco una felice combinazione! disse Max Ral a Tommy,
quando entrambi tornarono all'albergo.
Se il padrone contento rispose il ragazzo sono contento
anch'io.
Il padrone contento disse Max Ral, e per due motivi:
il viaggio non sar lungo, perch Kansas e Wyoming quasi si toccano
con uno dei loro angoli; inoltre avremo il tempo di visitare la pi
bella regione degli Stati Uniti: il meraviglioso Parco Nazionale di
Yellowstone che ancora non conosco. Ecco che cosa ha fatto la mia
buona stella: con un dieci, mi ha fatto raddoppiare il punteggio e ha
posto lo Wyoming sulla mia strada! Capisci, Tommy, che cosa vuol
dire?
No, padrone rispose Tommy.
Tommy non aveva ancora capito, infatti, le ingegnose
combinazioni del nobile gioco degli Stati Uniti d'America, che tanto
entusiasmavano il giovane pittore.
Ma ci non aveva importanza: Max Ral non poteva che
rallegrarsi di quel secondo colpo, pur sapendo che rimaneva sempre
dietro a Lissy Wag e al commodoro Urrican: quest'ultimo, come si
sa, costretto a ricominciare la partita. Non soltanto quel viaggio non
comportava nessuna fatica, ma permetteva al primo giocatore di
visitare l'incantevole angolo dello Wyoming.
Poich desiderava trascorrervi la maggior parte dei quindici giorni
a sua disposizione dal 15 al 29 maggio, Max decise di lasciare
subito Fort Riley.
Il prossimo telegramma gli sarebbe stato mandato a Cheyenne,
capitale dello Wyoming, ove era costretto a recarsi, a meno che la
partita non fosse terminata prima. A conti fatti, sarebbe bastato che
Urrican facesse dieci per giungere alla sessantatreesima e ultima
casella, dato che, con il primo colpo, portandosi alla
cinquantatreesima, aveva superato gli altri concorrenti.
Non ne sarei stupito aveva detto Max Ral, quando i
giornali ne avevano pubblicato il risultato. In tal caso, caro
Tommy, niente eredit; e non potrei pi comprarti! Ma avr visitato,
se non altro, la regione del Yellowstone. Su, vilissimo schiavo,
chiudi la valigia e mettiamoci in cammino per raggiungere il Parco
Nazionale!
Il vilissimo schiavo, onoratissimo, fece in fretta i preparativi della
partenza.
Se Max Ral si fosse limitato ad andare da Fort Riley a Cheyenne,
avrebbe potuto percorrere in un solo giorno, servendosi della
ferrovia, le quattrocentocinquanta miglia che separano le due citt.
Ma poich era sua intenzione raggiungere l'angolo nord-ovest dello
Wyoming, occupato dal Parco Nazionale, il percorso sarebbe stato
almeno raddoppiato.
Non ci si meraviglier, quindi, se il giovane pittore, non appena
ricevuto il telegramma, cominci a studiare l'itinerario da seguire,
per scegliere il pi breve. Da tale studio risult che due linee
ferroviarie della Union Pacific offrivano, press'a poco, eguali
garanzie di rapidit.
La prima conduce dal Kansas al Nebraska; passando da
Marysville, Kearney City, North Piatte, Ogallalla, Antelope,
raggiunge poi l'angolo sud-orientale dello Wyoming per portare a
Cheyenne.
La seconda passa per Salina, Ellis, Oakley, Monument e Wallace,
tocca la frontiera del Colorado a Monotony, si dirige verso Denver
capitale dello Stato e seguendo poi il tragitto che conduce a
J ersey, Brighton, La Salle, Dover, attraversa la frontiera dello
Wyoming, per finire a Cheyenne.
La Bandiera Viola colore del primo giocatore, come si ricorder
accord la sua preferenza al secondo itinerario, riservandosi,
appena giunto a Cheyenne, di studiarne un altro che gli permettesse
di giungere al pi presto nel quadrilatero del Parco Nazionale.
Max Ral part il pomeriggio del 16, con il suo armamentario di
pittore sulle spalle, e prese posto sul treno, seguito da Tommy che
portava la valigia. Le immense pianure del Kansas occidentale sono
bagnate dal corso dell'Arkansas, che scende dai Monti Bianchi del
Colorado; poich non hanno n salite n discese, quelle pianure
avevano reso agevole la costruzione della linea ferroviaria. A mano a
mano che i binari venivano deposti sulle traversine, la locomotiva se
ne serviva e la linea avanzava per pi miglia al giorno. pur vero
che quelle interminabili steppe non presentano nulla di interessante
per l'occhio curioso dell'artista, ma nella parte montuosa del
Colorado il paesaggio sarebbe stato vario, capriccioso, magnifico.
Durante la notte, il treno super la linea di confine tra i due stati e
al mattino, di buon'ora, si ferm a Denver.
Max non ebbe neppure un'ora di tempo per vedere la citt: il treno
per Cheyenne stava per partire. Non prenderlo significava ritardare il
viaggio di una giornata. Il tragitto, un centinaio di miglia, che si
lasciava a ovest lo stupendo panorama delle Snowy Ranges,
dominate dalle vette del Long's Peak, fu percorso rapidamente.
Cheyenne il nome di un fiume e di una citt ed anche quello
degli indiani che un tempo abitarono la regione: e cio i Cani, che
nel linguaggio popolare sono diventati i Cheyennes.
La citt sorta da un accampamento in cui pullulavano i primi
cercatori d'oro. Alle tende succedettero le capanne, alle capanne le
case fiancheggiami strade e piazze. La rete ferroviaria sorse intorno
alla citt e oggi Cheyenne conta circa dodicimila abitanti. Costruita a
mille tese di altezza, costituisce un'importante stazione della grande
ferrovia del Pacifico.
Lo Wyoming non ha confini naturali, ma quelli stabiliti dalla
geodesia: soltanto le linee diritte di un grande quadrato. un paese di
maestose montagne e di valli profonde, tra le quali il Colorado, la
Columbia e il Missouri hanno le loro sorgenti. Quando si dato
origine a tre fiumi di tanta importanza nell'idrografia americana, si
ben degni di aggiungere una stella a quelle che brillano sulla
bandiera degli Stati Uniti.
Il pittore mantenne l'incognito, com'era sua abitudine. Quel giorno
Cheyenne non seppe di ospitare un giocatore della gara Hypperbone,
che, del resto, non aspettava cos presto, ma che era sicura di trovare
al suo posto il 29 maggio. Egli evit quindi ricevimenti, pranzi
indigesti, cerimonie noiose, di cui sarebbe stato fatto oggetto da parte
di una popolazione facile all'entusiasmo e nella quale non sarebbero
mancate le donne, che in quello stato fortunato hanno diritto al voto.
La mattina del 16 maggio, appena giunto, Max decise di recarsi
senza indugio al Parco Nazionale. Con pi tempo a sua disposizione
avrebbe potuto fare il viaggio in carrozza, fermandosi quando ne
aveva voglia, frugando qua e l nella regione delle Laramie Ranges
altipiani il cui fondo argilloso fu un tempo quello di un immenso
lago, passando a guado gli innumerevoli capricciosi corsi d'acqua
che affluiscono nel North Forth e nel Piatte River, visitando gli
anfiteatri del magnifico sistema orografico, le sinuose vallate, le fitte
foreste, la rete di tributari del Columbia, e infine tutta la regione
dominata dalle duemila e pi tese dell'Union Peak, dell'Hayden Peak,
del Fremont Peak e del superbo monte Ouragans delle Wide Water
Mountains da cui forse derivato il nome dell'Oregon, e che per le
sue burrasche pu competere con l'altrettanto burrascoso commodoro
Urrican.
C' nulla di pi bello, per un pittore, del viaggiare in carrozza, a
cavallo o a piedi, fermandosi nei luoghi pi incantevoli, piantando la
tenda ove pi gli piace, senza preoccuparsi dell'ora? Che gioia, per
Max Ral, poter viaggiare in quel modo! Ma poteva mai dimenticare
che in lui all'artista si aggiungeva il 'giocatore? Ora egli non
apparteneva pi a se stesso e, zimbello del caso, era alla sua merc.
Dipendeva da un colpo di dadi, aveva l'obbligo di viaggiare a data
fissa, era considerato n pi n meno che un pedone di scacchiera, e,
in fondo, se ne sentiva umiliato.
Sono un pedone che la sorte manovra a suo piacere diceva tra
s ecco che cosa sono! Ho rinunciato a ogni dignit umana: e per
che cosa? per una probabilit su sette di intascare l'eredit di quello
stravagante defunto! Sento che divento rosso per la vergogna,
quando Tommy mi guarda! Avrei dovuto mandare al diavolo il
notaio Tornbrock e non prender parte a questa ridicola partita! Forse
farei bene a ritirarmi, anche se con grande soddisfazione dei vari
Titbury, Crabbe, Kymbale e Urrican! Non parlo della dolce e
modesta Lissy Wag; la ragazza mi sembrata poco lieta di far parte
dei "Sette"! Rinuncerei immediatamente alla gara, pur di restare
nello Wyoming finch ne avr voglia. Se non fosse per mia madre
la quale non mi perdonerebbe mai di averla tradita! Ma poich mi
trovo in questo fantastico paese, vediamo ci che sar possibile
vedere in una decina di giorni!.
Cos ragionava Max Ral, dopo aver studiato l'itinerario pi
conveniente, e aveva ragione. Se avesse viaggiato a piacer suo, del
resto, avrebbe corso il rischio non solo di ritardi, ma anche di
pericoli. Pianure e vallate dello Wyoming centrale sono tutt'altro che
sicure, quando si percorrono senza scorta. possibile incontrarvi
belve, orsi e altri carnivori che le frequentano, e si pu esservi
attaccati da gruppi di indiani sioux nomadi, non tutti ancora chiusi
nelle loro riserve.
Allorch il governo federale organizz nel 1870 alcune
spedizioni, per eseguire un sopralluogo nella regione dello
Yellowstone, i signori Doane, Langford e il dottor Hayden furono
accompagnati da militari, a protezione della loro missione. Due anni
dopo, l1 marzo 1872, il Congresso dichiarava Parco Nazionale la
regione, degna sotto molti aspetti di essere chiamata l'ottava
meraviglia del mondo.
Due linee transcontinentali collegano New York a San Francisco:
l'Union Pacific che a partire da Granger si chiama Oregon Short
Line lunga all'incirca tremilatrecentottanta miglia, e che passa per
Ogden; la seconda, invece, lunga cinquemilatrecento miglia, passa
per Topeka e Denver, per allacciarsi a Cheyenne alla prima. A partire
da questa citt, la ferrovia attraversa lo Wyoming, l'Utah, il Nevada e
la California, andandola finire sulla costa del Pacifico.
A Ogden Utah si stacca una diramazione che collega la
Union Pacific a Pocatello, da dove la Oregon Shat Line sale fino a
Helena City, nel Montana. Questa linea passa a breve distanza del
Parco Nazionale, il cui territorio appartiene in piccola parte ai due
stati suddetti e per la maggior parte al terzo stato.
Da Cheyenne a Ogden il percorso di sole cinquecentoquindici
miglia; da Ogden a Monida, stazione pi vicina al Parco Nazionale,
di quattrocentocinquanta soltanto: in totale, quasi mille miglia. Era
dunque ovvio che Max Ral, volendo recarsi per la via pi breve
all'angolo nord-occidentale dello Wyoming, scegliesse tale itinerario,
che gli avrebbe permesso, se allungato di poco, di visitare Ogden.
La stessa sera, passando inosservati in quella partenza come lo
erano stati all'arrivo, Max Ral e Tommy prendevano posto sul treno,
per attraversare le sconfinate pianure lacustri di Laramie. Dormivano
pacificamente quando il treno raggiunse la stazione di Benton City:
una di quelle citt che spuntano come funghi sulla superficie del Far
West, dapprima un po' velenosi, forse, ma presto disintossicati da
buoni procedimenti culturali. Prima ancora che si svegliassero, il
treno si lasciava dietro Laramie, Rawlins, Halville, Granger,
Separation, le Buttes-Noires e il Green River che si unisce al Grand
River per formare il Colorado, seguendo il corso della Muddy Fork
fino alla stazione di Aspen presso la frontiera dell'Utah, per poi
penetrare nel territorio di questo Stato. La mattina del 27 si ferm a
Ogden.
A Ogden, come si detto, la Union Pacific, prima di seguire la
parte superiore del Great Salt Lake e dirigersi a ovest, getta una
diramazione di quattrocentocinquanta miglia fino a Helena City, e
un'altra verso sud che collega Ogden con Great Salt Lake City,
capitale dello Stato e grande citt mormona che ha fatto parlare di s,
non sempre a suo vantaggio.
Che magnifica occasione, per Max, poter visitare quella
famosissima citt, scostandosi di sole trentasei miglia dal proprio
itinerario! Se ne astenne, tuttavia: chiss, forse le circostanze lo
avrebbero condotto in seguito nella Citt dei Santi, resa illustre dalle
imprese matrimoniali di Brigham Young e dei suoi poligami
compatrioti.
La giornata del 17 fu dedicata a risalire l'Idaho, dopo essersi
lasciati a est la frontiera dello Wyoming, ai piedi delle Bear River
Mountains, passando da Utah Hot Springs, e, a Oxford, il treno
oltrepass il confine dell'Idaho.
L'Idaho appartiene al bacino della Columbia, ricco di giacimenti
minerari che attirano la folla tumultuosa di coloro che provvedono al
lavaggio dell'oro e di cui gli agricoltori sfrutteranno ben presto le
pianure meridionali. Boise City duemilacinquecento abitanti la
capitale del territorio, nel quale sono state costituite alcune riserve
abitate dai Piedi Neri, dai Nasi Forati e dai Cuori di Lesina. Un gran
numero di cinesi mescolato alla popolazione bianca.
Il Montana un paese montuoso, come indica il suo nome. Tra i
pi vasti dell'Unione, inadatto all'agricoltura ma favorevole
all'allevamento del bestiame, ricchissimo di giacimenti d'oro,
d'argento e di rame. In esso le riserve pi vaste del Far West sono
occupate dagli indiani Teste Piatte, Ventri Grossi, Corvi, Modok,
Cheyennes, Assiniboines, di cui l'americano mal sopporta la
turbolenta vicinanza.
Sembrava, agli inizi, che Virginia City, capitale dello Stato,
dovesse prosperare al pari di tante altre citt dei territori dell'Ovest.
Oggi essa trascurata a vantaggio di Butte City e di Helena, bench
anche la prima abbia visto diminuire il numero dei suoi abitanti.
Rapidi e comodi mezzi di comunicazione esistono tra il Parco
Nazionale e la stazione di Monida, ove discese il primo giocatore; ed
inutile dire che tali mezzi si moltiplicheranno in futuro, a vantaggio
di legioni di turisti del Vecchio e del Nuovo Mondo, sollecitati dal
governo federale a visitare il dominio di Yellowstone.
Max Ral pot lasciare subito Monida, grazie a un servizio di
carrozze perfettamente organizzato, e alcune ore dopo, seguito da
Tommy, giungeva a destinazione.
Potrebbe dirsi che i parchi nazionali stiano, rispetto al territorio
della repubblica, come le piazze rispetto alle sue grandi citt. Oltre a
quello di Yellowstone, altri parchi sono stati o saranno creati tra non
molto; come, ad esempio, quello di Crater Lake, nella regione
vulcanica del nord-ovest, e la Svizzera americana: vero e proprio
giardino degli dei, magnificamente inquadrato nella zona montuosa
del Colorado.
Alla fine di febbraio del 1872, il senato e la camera dei
rappresentanti ascoltarono la lettura di una relazione riguardante una
proposta da sottoporre al Congresso.
Si trattava di sottrarre all'occupazione di privati, ponendola sotto
la protezione dello Stato, una parte del territorio dell'Unione
(cinquantacinque miglia per sessantacinque) situata nell'area delle
sorgenti dello Yellowstone e del Missouri. La regione sarebbe stata
ormai un parco nazionale, riservato al godimento pieno e assoluto del
popolo americano.
Dopo aver affermato che il territorio compreso nei limiti indicati
non era suscettibile di cultura produttiva, il relatore aggiungeva:
La legge proposta non apporterebbe nessuna diminuzione delle
rendite dello Stato e sarebbe accolta da tutto il mondo come un
provvedimento conforme allo spirito del progresso e come titolo
d'onore per il Congresso e per la Nazione.
Le conclusioni della relazione furono adottate. Il Parco Nazionale
di Yellowstone pass sotto l'amministrazione del segretario agli
Interni e se tutto il mondo non andato ancora a vederlo, si pu esser
certi che l'avvenire vedr realizzata la fiducia del Congresso.
Pare che in quell'angolino privilegiato degli Stati Uniti
l'agricoltura non abbia possibilit di sviluppo, n sugli altipiani, n
nelle vallate, n nelle pianure poste a duemila metri di altezza.
Il clima assai rigido e non passa mese che non geli. Il bestiame
di allevamento non resisterebbe alle aspre temperature. Dimorato da
fuochi sotterranei e racchiuso in una cornice di montagne le cui vette
si profilano a pi di mille tese sopra il livello del mare, il suolo, per
lo pi vulcanico e cosparso di sostanze eruttive, privo di minerali.
Il valore del paese, tra i pi inutili e pi celebri del mondo,
dovuto unicamente alle sue bellezze e alle sue bizzarrie naturali, alle
quali l'opera dell'uomo nulla potrebbe aggiungere.
L'opera dell'uomo tuttavia intervenuta nell'intento di attirare i
turisti delle cinque parti del mondo, dei quali la relazione ufficiale
prevedeva e provocava l'affluenza. Strade carrozzabili attraversano
quel dedalo caotico rendendone facile la circolazione. Vi sono stati
costruiti alberghi eleganti e comodi e la regione pu ora essere
percorsa senza pericolo alcuno. Vi solo da temere che essa diventi
un'immensa stazione termale, ove brulicheranno i malati, attrattivi
dalle sorgenti calde del Fire Hole e dello Yellowstone.
Elise Reclus fa rilevare che i parchi nazionali sono diventati
immensi terreni di caccia per i direttori delle compagnie finanziarie
che ne posseggono le ferrovie di accesso e i principali alberghi. Lo
stabilimento di Terrasse Mammoth infatti il centro di un vero
principato. Chi lo avrebbe creduto? Un principato nel territorio della
grande repubblica nordamericana!
Max Ral trascorse in quel caravanserraglio, affollato di visitatori
in quel periodo dell'anno, tutto il tempo di cui pot disporre. Nessuno
sospettava, per fortuna, che egli partecipasse alla gara Hypperbone,
per cui egli pot evitare di essere scortato o, per dir meglio, assalito
da centinaia di importuni. And avanti e indietro, a piacer suo,
ammirando le curiosit naturali, dinanzi alle quali bisogna pur dirlo
Tommy mostrava assoluta indifferenza, abbozzando qualche
quadretto, che il ragazzo giudicava sempre pi bello del paesaggio
che esso rappresentava. Non c' dubbio che Max Ral non avrebbe
mai dimenticato le stupende meraviglie del Parco Nazionale.
Purch diceva a volte a se stesso non mi capiti di
mancare all'appuntamento del 29 a Cheyenne! Buon Dio, che direbbe
la mamma?
La magnifica valle dello Yellowstone cosparsa di gigantesche
rocce basaltiche nelle quali si potrebbe intagliare un intero palazzo
circondata di picchi frastagliati e di cime bianche, dalle quali le
nevi si sciolgono in migliaia di ruscelli, che si ramificano attraverso
fitte foreste di pini. Interminabili corridoi, formati da canon dalle
pareti verticali vicinissime, solcano il territorio. La natura selvaggia e
vibrante vi moltiplica i suoi sforzi. Nella regione si estendono campi
di lava e pianure in cui si accumulano i detriti vulcanici. Vi sorgono
intercolunni tagliati in dirupi nerastri, zebrati di giallo e di rosso,
modelli che potrebbero essere imitati dall'architettura policroma. Vi
si ammucchiano inoltre resti di foreste pietrificate in seguito
all'eruzione di crateri ormai spenti, e vi si sente immancabilmente
l'invisibile e formidabile lavorio sotterraneo che si manifesta in
superficie attraverso duemila sorgenti termali.
E che dire del lago Yellowstone, dalle rive cosparse di ossidiane,
formatosi a oltre duemila metri di altezza? I un bacino di
trecentotrenta miglia quadrate, dalle acque pure come cristallo. Nella
sua distesa calma e profonda, dominata da un sistema orografico
d'incomparabile splendore, pullulano miriadi di trote. Da essa
sorgono isole montuose: in molti punti, pennacchi di fumo
scaturiscono non soltanto sulle sue rive ma anche sulla sua
superficie.
Di fronte a tanta bellezza, senza preoccuparsi delle ore e dei giorni
che passavano, Max Ral fece provvista di imperituri ricordi. Visit,
da turista instancabile, i dintorni del lago Yellowstone e i laghetti
dalle onde porporine, cosparsi di alghe dai colori smaglianti, che gli
sono vicini. Risal verso il Nord, fino alle meravigliose vasche delle
Mammoth Springs e si bagn in quelle piscine basaltiche, disposte a
semicerchio, colme di acqua tiepida e avvolte da turbini di vapori. Si
stord con il frastuono delle due cateratte dello Yellowstone, le cui
acque tumultuose scorrono per mezzo miglio in cadute, rapide e
cascate, lungo un letto ristretto cosparso di rocce laviche, per
terminare, dopo un salto di trentasei metri, in una specie di polvere
liquida. Gironzol tra i minuscoli crateri che fiancheggiano il
torrente Fire Hole. In quella valle, rosa dall'impetuoso tributario del
Madison, si contano a centinaia le sorgenti calde, le fontane di fango
e i geyser, con i quali non possono competere neppure quelli, pi
famosi, d'Islanda.
Quale panorama spiega agli sguardi, lungo le sue rive nel suo
cammino verso il Nord il sinuoso e capriccioso Fire Hole, uscito da
uno stagno!
I crateri, dai quali sorgono geyser dagli strani nomi, si susseguono
a tutti i piani dei massicci montuosi che gradualmente scendono fino
al suo letto. Qui l'Old Faithful (il Vecchio Fedele) coi suoi getti
regolari, ma la cui fedelt comincia a scemare a causa di
intermittenze meno precise. Sull'orlo di uno stagno acquitrinoso la
Roccaforte, dalla forma di vecchio maniero, le cui mura sono
bagnate dalla pioggia di vapori condensati. E ancora l'Arnia, pozzo
mostruoso il cui argine, al di sopra del suolo, sembra una torre
monca; il Gran Geyser, che erutta ogni trentadue ore; il Gigante,
con i suoi getti variopinti che si innalzano fino a centoventi piedi,
meno possente della Gigantessa, che solleva i propri a un'altezza
pi che doppia.
Nel bacino superiore si spiega il Ventaglio, con tutti i colori
dell'arcobaleno, quando vi si rifrangono i raggi del sole. Non lontano,
l'Excelsior, la cui colonna centrale che ha una circonferenza di
una trentina di tese si solleva fino a sessanta, lanciando, con
formidabili getti, pietre e pezzi di lava strappati alla scorza terrestre.
Un miglio pi in l si incontra il Geyser della Grotta o, meglio,
della sorgente, che incorona di liquide piume enormi blocchi ad
arco, orifizi di tetre cavit, nelle quali forze plutoniche lavorano
senza sosta. E infine il Blood Geyser, il quale, al suo passaggio,
scioglie l'argilla rossastra delle pareti del cratere da cui fuoriesce,
allargandosi in una fontana dal colore sanguigno.
Tale il territorio, unico al mondo, di cui Max Ral .percorse
valli, gole, fondi lacustri, in stupefatta ammirazione. In quell'angolo
dello Wyoming bagnato dal Fire Hole e dallo Yellowstone superiore
il suolo vibra sotto i piedi come le pareti di una caldaia in cui le
sostanze telluriche si mescolano, si amalgamano e si combinano
sotto l'azione del fuoco sotterraneo che il focolaio centrale
inesauribilmente alimenta e i cui muggiti sfuggono da mille bocche.
Nel meraviglioso Parco Nazionale di Yellowstone, di cui non si
riuscirebbe a trovare l'uguale in nessun'altra parte del mondo, si
verificano i fenomeni pi inattesi, quasi fossero incanti scenici
operati dalla bacchetta di un mago.
CAPITOLO II
SCAMBIATI L'UNO PER L'ALTRO
NON CREDO che sia ancora giunto.
Che cosa ve lo fa pensare?
Il mio giornale non ne ha parlato.
Il vostro giornale male informato; il mio, invece, riferisce la
notizia per esteso.
Allora disdir l'abbonamento.
E farete bene.
Non tollerabile che un giornale non dia notizia di un fatto
cos importante, lasciandone all'oscuro i suoi lettori.
imperdonabile.
I due cittadini di Cincinnati che si erano scambiate queste frasi
passeggiavano sul ponte sospeso sull'Ohio quasi alla foce del
Lacking che con le sue centosessanta tese congiunge la metropoli
ai sobborghi di Newport e di Covington, sorti sul territorio del
Kentucky.
L'Ohio il Bel Fiume separa, a sud e a sud-est, l'omonimo
Stato dal Kentucky e dalla Virginia occidentale. Linee di longitudine
geodetica lo separano a est dalla Pennsylvania, a nord dal Michigan,
a ovest dall'Indiana; le acque del lago Erie bagnano il suo litorale.
Dal ponte superbo ed elegante lo sguardo abbraccia l'industriosa
citt spiegata per nove miglia sulla riva destra del fiume, fino alla
cima delle colline che da quella parte la circondano. La vista si
stende poi a est, oltre il parco Eden, sopra un sobborgo di ville e
villette nascoste tra il verde degli alberi.
L'Ohio stato giustamente paragonato ai fiumi di Europa, per i
suoi alberi e i suoi villaggi simili a quelli europei. Alimentato
dall'Alleghany e dalla Monowghila nel corso superiore, dal
Muskingum, dal Sicoto, dai due Miami e dal Licking nel corso
medio, dal Kentucky, dal Green River, dal Wabash, dal Cumberland,
dal Tennessee e da altri tributari nel corso inferiore, va poi a unirsi
giunto al Cairo al corso del Mississippi.
Chiacchierando, i due cittadini di Cincinnati, di cui probabilmente
dispiacer ai posteri di non conoscere il nome n la condizione
sociale, guardavano, attraverso i mille fili del ponte, i battelli e le
chiatte che solcavano il fiume, passando sotto il viadotto a monte e i
due viadotti a valle, per il cui tramite la ferrovia metteva in
comunicazione i due stati confinanti.
Altri cittadini, non meno anonimi di questi, si abbandonavano,
quel 28 maggio, ad animate conversazioni, un po' da per tutto: nei
quartieri industriali e commerciali, nelle officine e negli stabilimenti
se ne contano quasi settemila a Cincinnati, in birrerie, mulini,
raffinerie, macelli, mercati, e in prossimit delle stazioni, ove si
erano formati crocchi allegri e chiassosi di gente che, a dire il vero,
non sembrava appartenere alle classi superiori n alla societ colta e
amante dell'arte, a quella, cio, che frequenta i corsi universitari e le
ricche biblioteche, e che visita le preziose collezioni e i musei della
metropoli. L'animazione aveva luogo, invece, nella parte bassa della
citt, e non si estendeva fino ai quartieri dei ricchi, alle strade
eleganti, alle piazze, ai parchi ombreggiati da magnifici alberi, fra i
quali i castagni che hanno valso all'Ohio il nome di Buckeye-State.
Se qualcuno, girando da un gruppo all'altro, avesse prestato
orecchio alle conversazioni, avrebbe potuto sentire frasi di questo
genere:
Lo avete visto, per caso?
No. sbarcato a tarda sera, lo hanno fatto salire in una vettura
chiusa e il suo compagno lo ha condotto
Dove?
Non si sa; ed proprio quello che interesserebbe di pi
Non certo venuto a Cincinnati per non farsi vedere! Ce lo
mostreranno, immagino.
S, dopodomani, si dice, al grande concorso di Spring Grove.
Ci sar molta gente
Altroch!
Ma quel modo di giudicare l'eroe del giorno non era unanime. Nei
dintorni dei macelli, ove, pi che le doti morali o intellettuali, si
stimano le qualit fisiche, e cio la statura, il vigore e la forza
muscolare, molti robusti macellai alzavano le spalle.
Una fama immeritata diceva l'uno.
E qui c' chi vale altrettanto diceva un altro.
Pi di sei piedi d'altezza, a quanto si dice
Si tratter di piedi che non raggiungono i dodici pollici,
forse
11

Bisogner vedere.
Pare tuttavia che finora sia riuscito a battere tutti i suoi rivali.
Bah! Dicono che detenga il primato. un modo come un altro
per attirare la gente che, poi, viene presa in giro
Ma noi non ci lasceremo prendere in giro.
Non viene forse dal Texas? chiese un robusto giovanotto,
dalle spalle larghe e dalle braccia muscolose, ancora sporche del
sangue del macello.
Direttamente gli rispose un compagno, altrettanto robusto.
Non ci resta che aspettare, allora
Aspettiamo. C' qualcuno, venuto da fuori, e che avrebbe fatto
meglio a restarsene a casa.
Dopo tutto, se vince Tutto possibile e ci non mi
stupirebbe! Gli apprezzamenti erano discordi, come si vede, e tutto
sommato ci non poteva soddisfare J ohn Milner, giunto l il giorno
prima con Tom Crabbe, che il secondo colpo di dadi aveva mandato
dal Texas alla metropoli dell'Ohio.
A mezzogiorno del 17 maggio, ad Austin, J ohn Milner aveva
ricevuto il telegramma con il risultato del tiro di dadi riguardante la
Bandiera Indaco, e cio il famoso pugile di Chicago.
Tom Crabbe poteva dirsi certamente fortunato, pi ancora di Max
Ral, che aveva pur fatto un gran passo avanti per aver raddoppiato il
suo punteggio; mastro Tornbrock aveva fatto per lui il punto pi alto
che si potesse fare con due dadi: dodici! Esso lo mandava nell'Illinois

11
Un pollice, secondo le misure inglesi, equivale a cm 2,54; dodici pollici
corrispondono quindi a cm 30,48, misura che equivale a un piede. (N.d.R.)
per cui egli, raddoppiandolo, balzava dalla undicesima alla
trentacinquesima casella.
Bisogna dire inoltre che quel punto lo riportava verso le province
pi popolose degli Stati Uniti, dove le comunicazioni sono rapide e
facili, invece di mandarlo ai confini del territorio federale.
Ecco perch, prima di lasciare Austin, J ohn Milner fu vivamente
complimentato. Le scommesse quel giorno si fecero pi consistenti,
la quotazione di Tom Crabbe sal, non soltanto nel Texas, ma anche
in molti altri stati, specialmente sui mercati dell'Illinois, ove le
agenzie riuscirono a darlo a uno contro cinque, tasso pi alto di
quello di Harris T. Kymbale, fin allora favorito.
Abbiatene cura! fu raccomandato a J ohn Milner. Con la
scusa che possiede un fisico di ferro meteorico e che ha muscoli di
acciaio cromato, non esponetelo a troppi rischi! Deve giungere alla
meta senza avarie!
Contate su di me dichiar con solennit l'allenatore.
Nella pelle di Tom Crabbe c' J ohn Milner, e non Tom Crabbe!
E niente traversate per mare sugger qualcuno; n lunghe
n brevi, considerato lo stato di distruzione fisica e morale in cui il
mal di mare l'ha ridotto
da cui, per, si subito ripreso replic J ohn Milner.
Ma non abbiate timore, nessuna navigazione tra Galveston e New
Orleans. Raggiungeremo l'Ohio per ferrovia, a piccole tappe, come
turisti. Abbiamo quindici giorni di tempo per recarci a Cincinnati.
Era quella metropoli infatti che occupava, per sclta del testatore,
la trentacinquesima casella: Tom Crabbe veniva cos a trovarsi in
testa a tutti gli altri giocatori, ad eccezione del commodoro Urrican.
Il giorno stesso, accarezzato, incoraggiato e vezzeggiato da coloro
che parteggiavano per lui, Tom Crabbe fu condotto alla stazione,
issato sulla vettura e avvolto per cautela in alcune coperte, per via
della differenza di temperatura esistente tra l'Ohio e il Texas. Il treno
si mise poi in moto e fil direttamente verso la frontiera della
Louisiana.
I due viaggiatori si riposarono ventiquattro ore a New Orleans,
ove furono accolti con pi entusiasmo della prima volta, anche
perch la quotazione del celebre pugile continuava sempre a salire.
Tom Crabbe era richiesto in tutte le agenzie e in ogni citt
dell'Unione si faceva a gara per acquistarlo. Era una specie di delirio,
di furore. I giornali valutarono in non meno di un milione e mezzo di
dollari le scommesse fatte su di lui, nel corso del suo viaggio tra la
capitale del Texas e la metropoli dell'Ohio.
Che trionfo! diceva J ohn Milner e che accoglienza
avremo a Cincinnati! Bisogna che sia un trionfo: ho una mia idea!
Ed ecco qual era l'idea di J ohn Milner che l'illustre Barnum non
avrebbe certamente sconfessata per accrescere la curiosit e
l'entusiasmo del pubblico per Tom Crabbe.
Non si trattava, come si potrebbe credere, di annunciare
clamorosamente l'arrivo del campione del Nuovo Mondo e di sfidare
i pi arditi pugili di Cincinnati, per poi riprendere, dopo un eventuale
incontro vittorioso, il corso delle sue peregrinazioni. J ohn Milner
avrebbe forse tentato di farlo, ma solo se se ne fosse presentata
l'occasione.
Egli voleva invece arrivare nel pi stretto incognito e lasciare gli
scommettitori senza notizie del suo favorito fino all'ultimo giorno;
far loro credere, insomma, che egli fosse scomparso, e che non
sarebbe giunto in tempo utile per il 31. Allora egli lo avrebbe tirato
fuori, in circostanze tali da far si che la sua apparizione venisse
acclamata come quella del profeta Elia, posto che questi torni mai
sulla terra per venirvi a cercare il proprio mantello.
J ohn Milner aveva appreso dai giornali che il 30 maggio si
sarebbe svolta a Cincinnati una grande fiera di bestiame, nel corso
della quale bestie con le corna e senza sarebbero state onorate con
quei premi ai quali esse sembravano tenere molto. Quale occasione
per esibire Tom Crabbe a Spring Grove, nel corso festoso della fiera,
quando tutti avessero gi perduto la speranza di vederlo, e proprio
alla vigilia del giorno in cui doveva trovarsi all'ufficio postale!
Naturalmente, di questo, J ohn Milner non fece parola al suo
compagno, e non senza motivo. Cos partirono entrambi di notte,
senza dir niente a nessuno, dopo essersi fatti condurre alla pi vicina
stazione ferroviaria, oltre New Orleans. Che ne era stato di loro? Era
quanto si chiedeva il giorno dopo tutta la citt.
Stavolta J ohn Milner non segu l'itinerario percorso quando aveva
lasciato l'Illinois per recarsi nella Louisiana. La rete ferroviaria cos
fitta, nelle regioni del centro e dell'Est degli Stati Uniti, che sembra
ricoprire come una tela di ragno la carta geografica degli orari
ferroviari. Senza fretta, quindi, e senza che la presenza di Tom
Crabbe fosse segnalata, viaggiando di notte e riposando di giorno, e
soprattutto cercando di non attirare su di s l'attenzione della gente, il
pugile e il suo allenatore attraversarono gli Stati del Mississippi, del
Tennessee e del Kentucky, e si fermarono, all'alba del giorno 20, in
un modesto albergo del sobborgo di Covington. Ormai dovevano
solo attraversare l'Ohio per raggiungere Cincinnati.
L'idea di J ohn Milner si era cos felicemente realizzata. Ora Tom
Crabbe era alle porte della metropoli all'insaputa di tutti. Secondo i
giornali meglio informati, infatti, non si sapeva pi nulla di lui. Dopo
New Orleans, si erano perdute le sue tracce. Ma, ci si chieder, che
cosa significavano allora le frasi che prima abbiamo riferito? Che
cosa ne avrebbe pensato J ohn Milner, se avesse potuto udirle?
Poich tutti avevano chiesto ai quattro venti, inutilmente, notizie
di Tom Crabbe e nessuno pi sperava che il 31 maggio egli si
presentasse all'ufficio postale per ritirare il telegramma che lo
riguardava, il suo allenatore aveva motivo di ritenere che la sua
improvvisa apparizione, ventiquattro ore prima del giorno stabilito,
avrebbe suscitato enorme impressione nell'animo dei numerosissimi
visitatori della fiera e di coloro che avevano scommesso su di lui
somme considerevoli.
Ma non avrebbe forse fatto meglio, J ohn Milner, a mettere in
mostra il suo fenomeno, attraverso il territorio dell'Ohio, durante le
due settimane di cui disponeva alla partenza dal Texas? Tale Stato
non occupa forse il quarto posto, tra quelli della repubblica
nordamericana, con i suoi tre milioni e settecentomila abitanti? Dal
punto di vista della posizione da lui occupata nella gara Hypperbone
e nel mondo degli amatori del pugilato, non sarebbe stato forse
meglio condurlo per paesi e borgate, esibirlo nelle principali citt
dell'Ohio? Esse sono numerose e prospere e Tom Crabbe vi avrebbe
ricevuto certamente la migliore accoglienza.
Se J ohn Milner non avesse tenuto a quel colpo di scena, avrebbe
avuto interesse, senza dubbio, a presentare il suo magnifico pugile a
Cleveland stupenda citt posta sulla riva del lago Erie e a farlo
passeggiare lungo il viale Euclide (il pi bel viale dell'Unione) e per
le sue vie ampie e regolari, ombreggiate da superbi aceri. La citt si
arricchita sfruttando le sue sorgenti di olio minerale, i cui bacini sono
in comunicazione col suo porto, che tra i pi attivi dell'Eric II suo
movimento commerciale supera infatti i duecento milioni di dollari.
Da Cleveland, Tom Crabbe sarebbe potuto andare a Toledo e a
Sandusky anch'essi porti lacustri, nei quali si concentrano le
flottiglie da pesca e poi nei centri industriali di Starbenville,
Marietta, Gallipolis, i quali attingono vita, come tanti altri, dal corso
dell'Ohio cos come gli organi del corpo umano attingono vita dal
sangue delle arterie. Lo Stato non ha fatto, dopo tutto, la sua capitale
di Columbus, che non conta meno di novantamila abitanti e che, oltre
a essere centro di industrie metallurgiche e di sfruttamento
carbonifero, ha splendidi edifici pubblici e un ricchissimo deposito di
derrate agricole?
ovvio che le linee ferroviarie si diramino in ogni direzione,
attraverso campagne ubertose; campi di cereali ove predomina il
granturco, campi di tabacco, vigneti inizialmente malandati, ma
che divengono prosperi in seguito alla sostituzione dei ceppi delle
viti europei con quelli americani, pianure verdeggianti e bellissime
macchie di acacie, bagolari, aceri da zucchero, aceri rossi, pioppi
neri, platani il cui tronco ha una circonferenza superiore ai dieci
metri, paragonabili alle gigantesche sequoie dei territori dell'Ovest.
logico quindi che l'Ohio Stato generosamente favorito dalla natura
e tra i pi potenti dell'Unione venga rappresentato al Congresso
da due senatori e da venticinque deputati, sui trentacinque senatori e i
cento deputati della sua legislatura.
Bisogna aggiungere che il bestiame costituisce oggetto di grande
commercio nella regione, che ne rifornisce abbondantemente le
industrie di Chicago, di Omaha e di Kansas City: ci spiega
l'importanza dei suoi mercati e la fiera-concorso che doveva aver
luogo il 30 maggio per le razze bovina, ovina e suina.
Ma ormai J ohn Milner aveva deciso cos. Tom Crabbe non
sarebbe apparso nelle principali citt. Egli era giunto alla frontiera
del Kentucky senza incidenti e niente affatto stanco, viaggiando
come abbiamo prima descritto. Durante il suo soggiorno nel Texas,
aveva recuperato interamente forza e vigore. Non aveva perduto
nulla lungo il viaggio ed era in ottima forma. Quando fosse apparso
dinanzi al pubblico di Spring Grove, sarebbe stato un trionfo.
Il giorno dopo J ohn Milner volle fare un giro per la citt, senza
farsi accompagnare dalla sua bestia rara. Prima di lasciare l'albergo,
disse a Tom:
Tom, mi aspetterai qui.
J ohn Milner non gli fece quella raccomandazione per consultarlo;
Tom Crabbe non ebbe quindi motivo di rispondergli.
Non uscirai dalla tua camera per nessun motivo aggiunse
J ohn Milner.
Tom Crabbe sarebbe uscito, se gli avessero detto di uscire. Gli si
diceva di non uscire e quindi non si sarebbe mosso.
Se tardassi a tornare aggiunse ancora J ohn Milner ti sar
portata qui la prima colazione, poi la seconda, poi la merenda, poi il
desinare e poi la cena. Dar opportuni ordini perch tu non abbia a
preoccuparti per i tuoi pasti.
Tom Crabbe non se ne sarebbe certamente preoccupato e a quelle
condizioni avrebbe atteso pazientemente il ritorno di J ohn Milner.
Spost la sua mole enorme verso un'ampia sedia a dondolo, vi si
sdrai e, dondolandosi leggermente, si immerse nel nulla dei suoi
pensieri.
J ohn Milner scese nell'ufficio dell'albergo, fece la nota dei
sostanziosi pasti che dovevano essere serviti al compagno, e usc.
Attravers le vie di Covington e poi il fiume, in battello; sbarc sulla
riva destra e con le mani in tasca, come chi non ha nulla da fare,
risal il quartiere commerciale della citt.
Qui regnava grande animazione. J ohn Milner cerc di afferrare
qualche parola di ci che si diceva intorno a lui, sicuro, comunque,
che la gente parlasse soprattutto dell'imminente arrivo del secondo
giocatore.
Eccolo dunque andare da una via all'altra, tra gente visibilmente
affaccendata, fermarsi vicino ad alcuni gruppetti di persone, dinanzi
alle botteghe e sulle piazze, dove l'animazione era pi vivace anche
per le donne che vi prendevano parte e che in America non sono
meno ciarliere di quelle dei paesi del Vecchio Continente.
J ohn Milner fu molto soddisfatto, ma avrebbe voluto sapere fino a
qual punto ci si preoccupava di non aver ancora visto Tom Crabbe a
Cincinnati. Ed perci che scorgendo il salumiere Dick Wolgod in
abito nero, cappello a cilindro e grembiule da lavoro sulla soglia
della bottega, gli si avvicin e gli chiese un prosciutto, che, come
sappiamo, gli sarebbe stato facile utilizzare. Dopo aver pagato senza
mercanteggiare, disse uscendo:
La gara per domani. -
S. Sar una bella cerimonia rispose Dick Wolgod e far
onore alla nostra citt.
Vi sar molta gente a Spring Grove? chiese J ohn Milner.
Vi sar tutta la citt rispose/Dick Wolgod, con la cortesia
che ogni salumiere che si rispetti deve al cliente che ha appena
acquistato da lui un prosciutto. Pensate, signore, un'esibizione
simile
J ohn Milner tese l'orecchio. Pareva sconcertato. Come avevano
potuto immaginare che era sua intenzione esibire Tom Crabbe a
Spring Grove? Allora disse:
Non ci si preoccupa, quindi, di eventuali ritardi, che potrebbero
comunque capitare.
Neanche per sogno.
Ma poich in quell'istante entrava un cliente, J ohn Milner se ne
and in preda a un certo stupore. Beh mettiamoci al suo posto
Non aveva fatto cento passi, quando, all'angolo della quinta via
trasversale, si ferm di colpo e alzando le braccia al cielo lasci
cadere il prosciutto sul marciapiede.
All'angolo di una casa, faceva bella mostra di s un manifesto, sul
quale si leggevano, a caratteri cubitali, queste parole:
Arriva! arriva!! arriva!!! arrivato!!!!
Era troppo! Possibile? Erano a conoscenza che Tom Crabbe si
trovava gi a Cincinnati? Sapevano che il campione del Nuovo
Mondo si sarebbe presentato puntualmente alla data stabilita? Era
questa la spiegazione che bisognava dare alla gioia che animava la
citt e alla soddisfazione del salumiere?
certo assai difficile, per non dire impossibile, che un uomo
celebre sfugga agli inconvenienti della celebrit, e quindi occorreva
ormai rinunciare a tenere sulle spalle di Tom Crabbe il velo
dell'incognito.
Altri manifesti, del resto, ancora pi espliciti, non si limitavano a
dire che era arrivato, ma che veniva direttamente dal Texas e che
avrebbe partecipato alla gara di Spring Grove.
troppo! esclam Milner. Si sa gi che contavo di
condurvi Tom Crabbe! Eppure non ne ho fatto parola a nessuno!
Forse avr parlato dinanzi a Crabbe e Crabbe, che non parla mai,
ne avr parlato durante il viaggio! Non vi pu essere altra
spiegazione!
Giunto a quella conclusione, J ohn Milner torn nel sobborgo di
Covington, rientr in albergo per la seconda colazione, non parl a
Tom Crabbe della indiscrezione che aveva certamente commessa e,
non volendo ancora esibirlo, rimase con lui per il resto della giornata.
Il giorno seguente, alle otto, attraversarono entrambi il ponte
sospeso sul fiume e risalirono le vie della citt.
La grande fiera-concorso nazionale di bestiame si svolgeva nella
cinta di Spring Grove, nella parte nord-ovest della citt. La
popolazione vi accorreva gi in massa e non sembrava affatto
preoccupata, come J ohn Milner dovette constatare. Da ogni parte
affluivano gruppi numerosi di gente allegra e chiassosa, la cui
curiosit sarebbe stata presto soddisfatta.
J ohn Milner riteneva che prima di giungere a Spring Grove Tom
Crabbe sarebbe stato probabilmente riconosciuto dalla corporatura e
dal viso che le fotografie avevano riprodotto migliaia di volte e reso
popolare fin nelle pi piccole borgate dell'Unione. Ebbene, no!
Nessuno si occup di lui, nessuno si volt al suo passaggio, nessuno
mostr di sospettare che il colosso che regolava il proprio passo su
quello di J ohn Milner fosse il celebre pugile, il giocatore della gara
Hypperbone che il colpo di dadi mandava alla trentacin-quesima
casella, nello Stato dell'Ohio, a Cincinnati!
Raggiunsero Spring Grove alle nove. La folla era gi grande. Al
chiasso degli spettatori si aggiungevano i muggiti, i belati e i grugniti
degli animali, i pi favoriti dei quali sarebbero apparsi, con grande
onore, sull'elenco dei premiati ufficiali.
L erano raccolti stupendi campioni bovini, ovini e porcini: un
gran numero di montoni e di maiali delle razze pi pregiate, mucche
da latte e buoi di cui l'America fornisce all'Inghilterra pi di
quattrocentomila esemplari all'anno. E, insieme a questi re
dell'allevamento, facevano mostra di s anche quei cattle-kings,
stimati e apprezzati al pari dei pi illustri cittadini degli Stati Uniti.
Al centro sorgeva un palco sul quale dovevano essere esposti i
prodotti.
A Milner venne allora l'idea di attraversare la folla, di portarsi ai
piedi del palco, di farvi montare il compagno e di gridare a tutti:
Ecco Tom Crabbe, campione del Nuovo Mondo, secondo
giocatore nella gara Hypperbone!
Quale impressione non avrebbe suscitato l'inattesa rivelazione, di
fronte all'eroe del giorno, che dominava la folla esaltata dall'alto del
palco!
Cos, spingendo Tom Crabbe dinanzi a s e andandogli dietro
come trascinato da un potente rimorchiatore, pass attraverso la folla
e cerc di salire sul palco.
Ma il posto era gi occupato. Da chi? Da un porco enorme,
gigantesco prodotto di due razze americane Polant China e Red
J ersey venduto a tre anni per duecentocinquanta dollari, quando
gi pesava circa seicentocinquanta chili: un maiale straordinario,
lungo circa due metri e mezzo e alto un metro e venti, con un giro di
collo di un metro e ottanta e un giro di corpo di oltre due metri, con
un peso di oltre novecento chili!
Era quello il campione della famiglia dei ditteri giunto dal Texas!
Quello il campione di cui i manifesti annunciavano l'arrivo a
Cincinnati, il campione che richiamava su di s l'attenzione di tutti e
che il suo fortunato proprietario presentava agli applausi della folla!
Era quello il nuovo astro che aveva fatto impallidire l'astro di Tom
Crabbe! Un porco di enorme dimensione, che stava per essere
premiato al concorso di Sprng Grove!
J ohn Milner indietreggi, poi fece segno a Tom Crabbe di
seguirlo. Umiliato e amareggiato, fece ritorn all'albergo, passando
per vie fuori mano, e, ivi giunto, si chiuse nella sua camera per il
resto della giornata.
Se mai Cincinnati ebbe l'occasione di riavere il soprannome di
Porcopoli, che Chicago le aveva gi portato via, fu proprio quel
giorno: 30 maggio 1897!
CAPITOLO III
A PASSO DI TARTARUGA
RICEVUTO dal signor Hermann Titbury di Chicago la somma di
trecento dollari, quale pagamento dell'ammenda a cui stato
condannato con sentenza del 14 maggio c.a. per infrazione alla legge
sulle bevande alcooliche. Calais, Maine, 19 maggio 1897.

il Cancelliere
Walter Hoek.

Hermann Titbury aveva dunque dovuto rassegnarsi a pagare, dopo
aver opposto resistenza fino al 19 maggio. Pagata poi la somma,
accertata regolarmente l'identit del terzo giocatore e provato che
erano proprio il signore e la signora Titbury coloro che viaggiavano
sotto il nome di coniugi Field, il giudice Ordak, dopo tre giorni di
prigione, aveva condonato il resto della pena.
Era tempo.
Proprio quel giorno, 19 maggio, alle otto del mattino, mastro
Tornbrock aveva gettato i dadi per la sesta volta e avvisato
telegraficamente, a Calais, l'interessato.
Gli abitanti della cittadina, indispettiti per il fatto che il giocatore
si era celato sotto falso nome, non si mostrarono cortesi e giunsero
fino a ridere della sua disavventura. Lieti in un primo momento che il
defunto Hypperbone avesse scelto Calais tra le citt del Maine, non
perdonavano alla Bandiera Azzurra di non essersi fatta riconoscere
fin dal suo arrivo. Per questo il suo vero nome, appena noto, non fece
alcuna impressione. Riavuta la libert, Hermann Titbury riprese la
via dell'albergo. Nessuno lo accompagn, nessuno si volse a
guardarlo lungo la strada. I due coniugi, del resto, non tenevano a
quelle acclamazioni della folla che Harris T. Kymbale, invece,
ricercava, e avevano un solo desiderio: lasciare Calais al pi presto.
Erano le nove del mattino e mancavano ancora tre ore al momento
di presentarsi all'ufficio telegrafico; i Titbury avevano perci tutto il
tempo per mettere in regola la loro contabilit mentre facevano
colazione con t e crostini.
Quanto abbiamo speso dalla nostra partenza da Chicago a
oggi? chiese il signor Titbury.
Ottantotto dollari e trentasette centesimi rispose la signora.
Tutto questo
S, pur avendo cercato di risparmiare.
A meno di avere nelle vene il sangue di Titbury, ci sarebbe stato,
invece, da stupirsi di una spesa cos minima. All'importo bisogna
per aggiungere i trecento dollari sborsati per l'ammenda, e ci
portava a una cifra notevole il salasso fatto alla cassa di Titbury.
Speriamo che il telegramma di Chicago non ci spedisca all'altra
estremit del paese! sospir il signor Titbury.
Bisogner adattarsi, comunque dichiar formalmente la
signora Titbury.
Preferirei rinunciare
Basta! esclam l'imperiosa matrona. Non voglio pi
sentirti ripetere parole del genere! Vorresti rinunciare alla probabilit
di guadagnare sessanta milioni di dollari?
Finalmente le tre ore trascorsero e a mezzogiorno meno venti i
due, installati nella sala dell'ufficio postale, erano gi in attesa del
telegramma, e si pu immaginare con quanta impazienza. Soltanto
una mezza dozzina di curiosi vi si erano dati convegno.
Quale differenza con le premure di cui erano stati circondati gli
altri giocatori a Fort Riley, ad Austin, a Santa F, a Milwaukee e a
Key West, dinanzi agli sportelli dell'ufficio telegrafico!
Abbiamo un telegramma per il signor Hermann Titbury di
Chicago disse l'impiegato.
Il personaggio interpellato si sent venir meno proprio nel
momento in cui il suo destino stava per decidersi. Le gambe gli si
piegarono, la lingua gli si paralizz, ed egli non riusc ad articolare
parola.
Presente! disse la signora Titbury, scrollando il marito e
spingendolo per le spalle.
Siete proprio il destinatario del telegramma? chiese
l'impiegato.
Lo ! esclam la signora Titbury.
Lo sono! disse alla fine il terzo giocatore. Andate a
chiederlo al giudice Ordak! Mi gi costato abbastanza, perch si
dubiti ancora della mia identit!
E infatti nessuno dubit. Il telegramma fu dunque consegnato alla
signora Titbury e da lei aperto: la mano tremante del marito non vi
sarebbe mai riuscita.
Ed ecco ci che ella lesse con un filo di voce, che si spense prima
che riuscisse ad articolare le ultime parole:
Hermann Titbury, due punti, con uno e uno: Great Salt Lake
Citv, Utah.
Tornbrock.
La coppia si sent mancare e tra le risa beffarde, mal trattenute,
degli astanti, dovette sedersi sopra una panca della sala.
La prima volta, con uno e uno, erano stati mandati alla seconda
casella, in fondo al Maine; la seconda volta, con un altro due, eccoli
spediti alla quarta casella, in pieno Utah! Quattro punti in due colpi!
E per colmo, dopo aver raggiunto da Chicago un'estremit degli Stati
Uniti, bisognava ora andare nell'Ovest, quasi all'estremit opposta!
Dopo alcuni comprensibili momenti di debolezza, la signora
Titbury torn ad essere la virago risoluta che dominava la casa; prese
il marito per un braccio e lo condusse all'albergo Sandy Bar.
La sfortuna era davvero eccessiva! Gli altri, Tom Crabbe, Max
Ral, Harris T. Kymbale e Lissy Wag, per non parlare del
commodoro Urrican, avevano gi un enorme vantaggio su di loro.
Filavano come lepri, mentre i Titbury avanzavano come tartarughe!
Alle migliaia di miglia percorse per raggiungere Calais, occorreva
ora aggiungere le duemila e duecento miglia che separano Calais da
Great Salt Lake City.
A meno che non si rassegnassero ad abbandonare la gara, ai
Titbury non conveniva attardarsi a Calais; avendo tempo dal 19
maggio al 2 giugno per recarsi nell'Utah, potevano riposarsi invece
qualche giorno a Chicago. Poich la signora Titbury non intendeva
rinunciare alla partita, i due lasciarono Calais il giorno stesso, con il
primo treno, accompagnati dagli auguri che la gente faceva agli altri
concorrenti. Dopo tanta sfortuna, la quotazione del terzo giocatore,
se ne aveva ancora una, sarebbe certamente caduta a cifra irrisoria.
La Bandiera Azzurra non sarebbe stata pi classificata e forse
nemmeno piazzata.
La sfortunata coppia non ebbe neppure da preoccuparsi
dell'itinerario da seguire: bastava rifare quello gi percorso per
raggiungere il Maine. A Chicago, avrebbe avuto a propria
disposizione i treni della Union Pacific, i quali, attraverso Omaha,
Granger e Ogden raggiungono la capitale dell'Utah.
Nel pomeriggio la cittadina fu sbarazzata della presenza di quelle
poco simpatiche persone che vi avevano fatto brutta figura. Si
sperava solo che le sorti del nobile gioco degli Stati Uniti d'America
non le riportassero nel Maine: speranza che essi, superfluo dirlo,
condividevano di tutto cuore.
Quarantotto ore dopo, i Titbury sbarcavano a Chicago; erano
piuttosto stanchi, bisogna pur dirlo, a causa di tutti quegli
spostamenti disagevoli per la loro et e che non rientravano nelle loro
abitudini. Fu anche loro necessario trattenersi alcuni giorni nella loro
abitazione di Robey Street, perch lungo il tragitto il signor Titbury
ebbe un attacco di reumatismi propri della sua et, acciacco che di
solito egli curava col disprezzo sorta di trattamento assai
economico, perfettamente consono alla sua naturale spilorceria.
Il fatto che le gambe si rifiutarono di servirlo al punto che si rese
indispensabile trasportarlo dalla stazione fino a casa.
I giornali annunciarono ovviamente il suo arrivo. I cronisti dello
Staats Zeitung, che gli erano favorevoli, andarono a trovarlo; ma
nel vederlo in quello stato, lo abbandonarono al suo destino. Le
agenzie non trovarono pi scommettitori su di lui, neppure
offrendolo a sette contro uno.
Ma non si era tenuto conto di Kate Titbury, la quale anche in
quella occasione fece vedere di quanta energia fosse in possesso.
Invece di curare i reumatismi del marito con l'indifferenza, li cur
con la violenza. Aiutata dalla domestica, vero e proprio dragone,
massaggi l'ammalato con tale energia che per poco egli non vi
lasci la pelle delle gambe. Mai asino o cavallo fu strigliato in quel
modo. Ed superfluo aggiungere che non intervennero n medici n
farmacisti, e che forse proprio per questo l'ammalato miglior.
Per farla breve, la partenza fu ritardata solo di quattro giorni. Il 23
furono prese le disposizioni per proseguire il viaggio. Bisogn tirar
fuori dalla cassa alcune migliaia di dollari e il 24, di buon'ora, marito
e moglie si rimisero in cammino: avevano a loro disposizione tempo
pi che sufficiente per raggiungere la capitale dei mormoni.
La ferrovia, infatti, congiunge direttamente Chicago a Omaha; da
l la Union Pacific conduce a Ogden, proseguendo poi, sotto il nome
di Southern Pacific, fino a San Francisco.
Tutto sommato, era una fortuna che i Titbury non fossero stati
inviati in California, perch il viaggio, in tal caso, si sarebbe
allungato di un migliaio di chilometri.
Nel pomeriggio del 28 essi arrivarono a Ogden, che una
diramazione unisce a Great Salt Lake City.
Qui si verific uno scontro ma, attenzione!, non fra due treni,
bens tra due giocatori. Quello scontro avrebbe avuto insolite
conseguenze.
Dopo aver visitato il Parco Nazionale, quel pomeriggio Max Ral
rientrava a Ogden, da dove contava di partire il giorno dopo per
Cheyenne, onde apprendere il risultato del terzo colpo di dadi che lo
riguardava. Passeggiava lungo il marciapiede della stazione, quando
si trov dinanzi a Titbury, in compagnia del quale aveva seguito il
corteo funebre di William J . Hypperbone ed era comparso sulla
ribalta dell'Auditorium, durante la lettura del famoso testamento.
Questa volta la coppia si era (guardata bene dal viaggiare sotto
falso nome, non volendo esporsi agli inconvenienti di cui era stata
vittima a Calais. Se aveva fatto a meno di farsi riconoscere durante il
percorso, non avrebbe mancato di farsi registrare sotto il suo vero
nome, in albergo, a Great Salt Lake City. Non era opportuno svelare
durante il viaggio la propria condizione di futuro erede di trecento
milioni; era gi tanto doverla manifestare nella capitale dell'Utah. Ma
l, se si fosse cercato di sfruttarlo, Titbury avrebbe saputo difendersi,
se non altro.
Si pensi quindi a quale spiacevole sorpresa era andata incontro la
Bandiera Azzurra quando, dinanzi a un certo numero di persone
discese dal treno, si era sentito interpellare dalla Bandiera Viola, nei
seguenti termini:
Se non erro, proprio al signor Hermann Titbury di Chicago,
mio concorrente nella gara Hypperbone, che ho l'onore di parlare?
La coppia sussult all'unisono. Visibilmente seccato di essere
segnalato all'attenzione del pubblico, il signor Titbury si volse e non
parve ricordarsi di aver mai visto l'importuno, sebbene lo avesse
perfettamente riconosciuto.
Non so, signore rispose, dite forse a me?
Scusatemi prosegu il pittore, ma non possibile che io
mi sbagli. Eravamo insieme a Chicago, alle famose esequie Max
Ral primo giocatore!
Max Ral? disse la signora Titbury, come se sentisse
pronunciare quel nome per la prima volta.
Max Ral, che cominciava a spazientirsi, allora disse:
Ma, signore, siete o non siete il signor Hermann Titbury di
Chicago?
Ma, signore gli fu risposto seccamente, con qual diritto
vi permettete di interrogarmi?
La pensate cos? disse Max Ral, ricacciandosi il cappello
in testa. Non valete essere il signor Titbury, uno dei Sette,
prima mandato nel Maine e poi nell'Utah? Come volete una cosa
che riguarda voi! Quanto a me, io sono Max Ral. Torno dal Kansas
e dallo Wyoming! E con ci, buona sera!
E poich il treno per Cheyenne stava per partire, si cacci con
Tommy in una vettura, lasciando la coppia stupita dall'avventura,
mentre malediceva quei buoni a nulla che vengono chiamati artisti.
Un uomo che aveva seguito la scena con evidente interesse si
accost in quel momento ai coniugi. Vestiva con una certa
ricercatezza e mostrava una quarantina d'anni; la sua fisionomia
schietta non poteva che ispirare fiducia persino alla gente pi
sospettosa.
Ecco un impertinente che avrebbe diritto a una buona lezione
per la sua insolenza! disse, inchinandosi dinanzi alla signora
Titbury. E se io non temessi di immischiarmi in cose che non mi
riguardano
Vi ringrazio, signore rispose il signor Titbury, lusingato di
vedersi venire in aiuto un uomo cos elegante.
Ma prosegu questi si tratta proprio del vostro rivale Max
Ral?
S, credo rispose il signor Titbury, per quanto lo conosca
appena.
Allora aggiunse il viaggiatore gli auguro le cose pi
spiacevoli di questo mondo, per aver parlato con tanta libert a
persone sommamente rispettabili, quali voi siete. Sta a voi, signore,
batterlo in questa gara e battere anche gli altri, si intende!
Bisognava essere troppo maleducati per non gradire le cortesie di
un uomo cos gentile e rispettoso, di un gentiluomo che si interessava
tanto al trionfo dei signori Titbury.
Chi era quel personaggio? Era il signor Robert Inglis, di Great
Salt Lake City, dove stava per tornare in quello stesso giorno: un
rappresentante di commercio assai noto, che conosceva
perfettamente la provincia per averla percorsa per molti anni. Cos,
dopo aver dichiarato il suo nome e la sua professione, egli si offr
con molta galanteria di far da guida ai coniugi Titbury e di trovar
loro un albergo adatto alle loro possibilit. Come rifiutare i servigi
del signor Robert Inglis, che, fra l'altro, aveva dichiarato di avere
scommesso una somma molto forte sul terzo giocatore? Egli prese il
leggero bagaglio della signora Titbury e lo deposit in una vettura
del treno che stava per lasciare Ogden. Il signor Titbury si mostrava
particolarmente grato, soprattutto del fatto che il signor Inglis avesse
trattato Max Ral come quel villanzone meritava. E inoltre non
poteva che rallegrarsi di aver incontrato un compagno di viaggio
molto gentile, che gli avrebbe fatto da guida nella capitale dell'Utah.
Tutto filava per il meglio, dunque. I viaggiatori presero posto
nella vettura e si pu dire che mai il tempo pass per essi cos rapido
come durante quel tragitto di una cinquantina di miglia.
Il signor Inglis fu interessante e inesauribile. Ci che parve far
piacere di pi alla brava signora Titbury fu il fatto che egli era il
quarantatreesimo figlio di una famiglia mormone, nato, beninteso,
prima che la poligamia fosse stata abolita con decreto del presidente
degli Stati Uniti.
Ma ci non dovrebbe suscitare meraviglia, se si pensa che
l'apostolo Hebert Kimball, primo consigliere della Chiesa mormone,
era morto lasciando tredici mogli e cinquantaquattro figli. C'era da
sperare che se il cronista del Tribune, Harris T. Kymbale, fosse
mai stato costretto a trasferirsi nell'Utah, non volesse seguire
l'esempio del suo omonimo. I due nomi, del resto, non si scrivono
allo stesso modo e a parte poi il fatto che, a Great Salt Lake City, non
pi permesso essere poligami, anche se si fosse Fedeli del
Corano.
Se la conversazione piacque ai Titbury, fu soprattutto perch
sarebbe stato impossibile immaginare un oratore pi piacevole del
signor Inglis. Nessun dubbio che egli rimpiangesse il tempo in cui la
Chiesa mormone era in pieno splendore. Ne vantava l'eccellenza
della religione, la migliore rivelata dallo Spirito di Dio. Parl di
J oseph Smith, che era diventato profeta nel 1830, che ritrov le
tavolette d'oro sulle quali erano scritte le divine leggi del
mormonismo e che successivamente fu assassinato. Parl dell'esodo
dei Santi degli ultimi giorni, stabilitisi prima nello Stato di New
York e nell'Illinois, poi nell'Ohio, e in seguito nel Missouri. E a
questo punto, cominci a parlare, con parole commosse e
ditirambiche, di Brigham Young papa e capo della Chiesa il
quale, sfidando fatiche e pericoli, condusse la comunit sui territori
vicini al Gran Lago Salato, ove fond nel 1874 la Nuova
Gerusalemme.
La citt santa non meritava forse quel nome? E non meritava il
nome di Giordano, il corso d'acqua sulle rive del quale essa sorge, a
una decina di miglia dal lago? Erano, quelli, tempi prosperi e lo Stato
non contava meno di centoquarantacinquemila fedeli, oggi rifugiatisi,
per la maggior parte, nel territorio concesso loro dal Messico. Ma le
persecuzioni crebbero e cosa che il signor Inglis non disse il
governo federale comprese benissimo che l'Utah cercava di rendersi
indipendente, pi che di vivere secondo le pratiche del mormonismo.
Per questo, nel 1871, il generale Grant fece imprigionare papa e
apostoli, riport l'antico paese degli Utah sotto il giogo
amministrativo della Confederazione, e nel contempo viet, in nome
della pubblica morale, le unioni poligame, anche se ridotte alla sola
bigamia. Oggi la Nuova Sion mantenuta nella disciplina dal forte
Douglas, fatto costruire dal governo a tre miglia a est, allo scopo di
obbligarla a conformarsi alle leggi della repubblica nordamericana.
Amici miei esclam allora Robert Inglis, con voce cos
tenera da far venire le lacrime agli occhi alla signora Titbury, se
aveste conosciuto Brigham Young, nostro venerato papa, con i
capelli a ciuffo, la barba brizzolata che gli incorniciava le guance e il
mento, e gli occhi di lince! e George Smith cugino del profeta e
storico della Chiesa, Hunter presidente dei vescovi, Orson
Hyde presidente dei dodici apostoli, Daniel Wels -secondo
consigliere, ed Elisa Snow, una delle mogli spirituali del papa!
Era bella? chiese la signora Titbury.
Schifosamente brutta, signora; ma che cos' la bellezza nella
donna? La signora Titbury, alla quale Inglis si rivolgeva, sorrise,
approvando.
Quanti anni ha ora il celebre Brigham Young? chiese il
signor Titbury.
Non ne ha pi; morto! Se vivesse, avrebbe centodue anni.
E voi, signore chiese la signora Titbury, esitante, siete
sposato?
Io, cara signora? A che serve sposarsi, se la poligamia
proibita? pi difficile guidare una sola donna che cinquanta!
Il signor Inglis rise allegramente per la sua pronta replica e i
Titbury presero parte largamente alla sua ilarit.
Il territorio attraversato dalla diramazione di Ogden piatto e
arido, fatto di sabbia e argilla intrise di sali alcalini che lo ricoprono
di efflorescenze biancastre, come il gran deserto a ovest del lago.
Non vi cresce che timo, salvia, rosmarino, erica selvatica e
un'enorme quantit di girasoli a fiori gialli. Verso est si scorgevano,
in mezzo alla nebbia, le cime lontane dei monti Wahsatch.
Alle sette e mezzo il treno si ferm alla stazione di Great Salt
Lake City.
Magnifica citt di cinquantamila abitanti, aveva detto Robert
Inglis, esagerando di cinquemila appena. Certamente egli non
avrebbe lasciato partire i suoi nuovi amici senza che l'avessero
visitata. Chiusa a est da monti superbi, essa comunica con il
magnifico Lago Salato per mezzo dello stupendo Giordano. Citt
salubre, con case e villette circondate di verde, con orti e frutteti
ricchi di meli, susini, albicocchi e peschi che danno i frutti migliori
del mondo! Ai lati delle magnifiche vie mercantili, si allineano
edifici costruiti in pietra, di aspetto magnifico! E magnifici sono i
suoi monumenti, campioni di architettura mormone; la residenza che
un tempo ospitava Brigham Young, il tempio mormone, il
tabernacolo, meravigliosa struttura nella quale potevano trovar posto
ottomila fedeli! E magnifiche le cerimonie che un tempo vi si
svolgevano, durante le quali il papa e gli apostoli prendevano posto
sopra un magnifico palco, circondati dalla folla dei santi, uomini,
donne, bambini oh, quanti! -che assistevano alla lettura della
Bibbia, scritta dalla magnifica mano dello stesso Mormone!
Insomma, tutto era magnifico.
Il signor Robert Inglis si abbandonava certamente a qualche
esagerazione, per amore della sua citt natale. La citt del Gran Lago
Salato non merita tanti elogi. Essa troppo grande in rapporto al
numero dei suoi abitanti; e se possiede alcune bellezze naturali, non
ne ha affatto dal punto di vista artistico. Il suo famoso tabernacolo
altro non , a dire il vero, che un enorme coperchio di caldaia
deposto a terra.
Non era comunque il caso di visitare Great Salt Lake City quella
stessa sera. Urgeva scegliere un albergo, e poich il signor Titbury
voleva che non fosse molto caro, la sua guida gliene propose uno
fuori citt il Cheap Hotel detto anche Albergo a buon
mercato.
Il nome tent e rassicur i coniugi. Lasciata la valigia alla
stazione, salvo a tornare a prenderla se il Cheap Hotel fosse
sembrato loro conveniente, seguirono il signor Inglis, che aveva
voluto portare lui stesso la borsa e la coperta della buona e gentile
signora.
Discesero verso i quartieri bassi della citt, dei quali i Titbury non
poterono vedere nulla perch faceva quasi buio, raggiunsero la riva
destra di un fiume che il signor Inglis disse essere il Crescent River,
e proseguirono per circa tre miglia.
I Titbury trovarono forse il cammino un po' lungo, ma pensando
che l'albergo fosse tanto meno caro quanto pi fosse lontano dalla
citt, non se ne lagnarono.
Verso le otto e mezzo, finalmente, nell'oscurit pi completa,
poich il cielo era coperto di nuvole, i viaggiatori giunsero dinanzi a
una casa di cui non poterono giudicare l'aspetto.
Alcuni istanti dopo, il locandiere, un pezzo d'uomo dal viso truce,
li condusse in una camera del piano terreno, imbiancata con la calce,
e ammobiliata solo di un letto, una tavola e due sedie. Ci sarebbe
bastato ed essi ringraziarono quindi il signor Inglis, che si accomiat
con la promessa di tornare la mattina dopo.
Dopo aver mangiato le provviste rimaste nella valigia, i signori
Titbury andarono a letto. Erano molto stanchi e si addormentarono
subito, l'uno accanto all'altra, sognando entrambi che i pronostici del
cortese signor Inglis si avveravano e che il prossimo colpo di dadi
avrebbe fatto guadagnare loro una ventina di caselle.
Si svegliarono alle otto, dopo una notte di sonno ristoratore, e si
alzarono senza fretta: non avevano nulla da fare, tranne che aspettare
la loro guida per andare a visitare la citt. Non gi che fossero curiosi
per natura, oh no!, ma come rifiutare le offerte del signor Inglis, che
voleva mostrar loro le meraviglie della grande citt mormone?
Alle nove non si era ancora visto nessuno. I signori Titbury, pronti
per uscire, guardavano dalla finestra la grande strada che passava
davanti al Cheap Hotel.
Quella strada aveva detto loro il giorno prima il cortese cicerone
-era l'antica Emigrants road. Costeggiava il Crescent River e un
tempo era percorsa da furgoni carichi di merci destinate agli
accampamenti dei pionieri, che il bull-waker, cio il mandriano,
guidava quando ci volevano parecchi mesi per andare da New York
nei territori dell'Ovest degli Stati Uniti.
Il Cheap Hotel doveva essere isolato; sporgendosi dalla
finestra, il signor Titbury non vedeva altre case, n su questa n
sull'altra riva del fiume; solo la massa scura delle foreste di pini che
ricoprivano i fianchi di un'alta montagna.
Alle dieci, ancora nessuno. I Titbury cominciarono a spazientirsi.
Del resto, anche la fame cominciava a farsi sentire.
Usciamo disse la moglie.
Usciamo rispose il marito.
Spinsero la porta e si trovarono nella sala di una bettola.
La soglia dell'ingresso che dava sulla strada sembrava sorvegliata
e custodita da due uomini mal vestiti, di aspetto poco rassicurante, e
con occhi imbambolati dal gin tracannato.
Non si passa!
L'ingiunzione fu rivolta con accento brusco al signor Titbury.
Non si passa?
No, senza prima pagare.
Pagare?
Tra tutte le parole della lingua inglese, era quella che piaceva di
meno al signor Titbury, quando gli veniva rivolta.
Pagare ripet pagare per uscire? uno scherzo
Assalita da viva inquietudine, la signora Titbury prese la cosa in altro
modo e chiese:
Quanto?
Tremila dollari.
Ella riconobbe la voce: era quella di Robert Inglis, apparso in quel
momento sulla soglia della locanda.
Meno perspicace della moglie, il signor Titbury volle prendere la
cosa in ridere.
Ecco il nostro amico esclam.
In persona rispose il signor Inglis.
E sempre di buon umore.
Sempre.
proprio buffa questa richiesta di tremila dollari.
Che volete, caro signore rispose il signor Inglis, il
prezzo di una notte passata al Cheap Hotel.
Parlate seriamente? chiese la signora Titbury, facendosi
pallida.
Pi che seriamente, signora.
In uno scatto di rabbia, il signor Titbury volle slanciarsi fuori.
Due braccia vigorose lo afferrarono per le spalle, inchiodandolo al
suo posto.
Quel Robert Inglis era uno dei tanti malfattori che si incontrano
nelle lontane regioni dell'Unione: gente sempre in attesa di occasioni
che sono tutt'altro che rare. Non pochi viaggiatori erano stati
spogliati dal sedicente quarantatreesimo figlio di una famiglia
mormone, aiutato da complici della stessa risma dei due individui di
quella pessima locanda, vero covo di assassini o quanto meno di
tagliaborse. Messo sulla buona pista dalle parole di Max Ral, egli
aveva offerto i suoi servigi ai coniugi Titbury; avendo poi appreso
che essi disponevano di tremila dollari confessione quanto mai
imprudente li aveva condotti in quella bettola isolata, dove
sarebbero stati alla sua merc.
Titbury lo cap, sebbene troppo tardi.
Signore disse voglio che mi lasciate uscire subito: ho da
fare in citt.
Non prima del 2 giugno, giorno in cui dovr arrivare il
telegramma rispose sorridendo il signor Inglis e siamo appena
al 29 maggio.
Pretendete dunque trattenerci qui cinque giorni?
Anche di pi rispose il simpatico gentleman a meno che
non mi versiate tremila dollari in buoni biglietti della Banca di
Chicago.
Miserabile!
Io sono cortese con voi fece rilevare il signor Inglis,
vogliate esserlo con me, signor Bandiera Azzurra!
Ma quel denaro rappresenta tutto ci che ho!
Sar facile al ricco Hermann Titbury farsi mandare da Chicago
tutto ci che gli occorre! La sua cassa ben fornita! Notate, mio caro
ospite, che i tremila dollari li avete in tasca, e che potrei prenderveli.
Ma, per Gionata, noi non siamo ladri. Questi sono i prezzi del
Cheap Hotel e voi dovete accettarli.
Mai!
Come volete.
Ci detto la porta fu chiusa e i due sposi si trovarono imprigionati
nella bassa sala.
Ebbero allora inizio recriminazioni su quel viaggio maledetto e
sulle tribolazioni, per non parlare dei pericoli, che si erano abbattute
su di loro. Dopo l'ammenda di Calais, ecco ora il furto di Great Salt
Lake City! L'incontro con il bandito Robert Inglis era stato una vera
disgrazia!
Siamo a questo punto per colpa di quel furfante di Ral!
esclam il signor Titbury. Volevamo far conoscere il nostro nome
solo all'arrivo e quel cialtrone, a Ogden, lo ha gridato invece ai
quattro venti! Che facciamo, ora?
Sacrificheremo i tremila dollari disse la signora Titbury.
Mai! Mai!
Hermann! si limit a dire imperiosamente la bisbetica
sposa. Del resto, non si poteva non giungere a quell'amara
conclusione. Se il signor Titbury si fosse intestato nel rifiuto, i
malfattori avrebbero potuto costringerlo a cedere. E se, dopo avergli
portato via il denaro, lo avessero buttato nel fiume, insieme con la
signora Titbury, chi mai si sarebbe preoccupato di due forestieri di
cui si ignorava persino la presenza in citt?
Il signor Titbury cerc di resistere; poteva sempre capitare un
aiuto inatteso, un drappello di militi che percorresse la strada, o
alcuni passanti dei quali invocare l'aiuto. Vana speranza! Un minuto
dopo, i due coniugi venivano condotti in una camera, la cui finestra
dava sul cortile interno. Il truce locandiere mise a loro disposizione
qualcosa da mangiare: tutto sommato, per il prezzo richiesto mille
dollari al giorno si poteva ben pretendere di essere non solo
alloggiati ma anche nutriti, al Cheap Hotel!
Trascorsero ventiquattro ore in quelle condizioni e poi
quarantotto. Non si pu immaginare a qual punto fosse la collera dei
prigionieri. Non ebbero neppure l'occasione di vedere il signor Inglis;
evidentemente, questi si teneva in disparte per discrezione, forse per
non aver l'aria di voler esercitare pressioni sui suoi ospiti.
Arriv finalmente l1 giugno su tutti i calendari dell'Unione. Il
giorno dopo, prima di mezzogiorno, il signor Titbury doveva trovarsi
personalmente all'ufficio telegrafico di Great Salt Lake City. Se la
sua presenza non vi fosse stata accertata, egli avrebbe perduto il
diritto di continuare la partita, anche se disastrosa, fino allora, per i
colori della Bandiera Azzurra.
Ma il signor Titbury non intendeva cedere non avrebbe mai
ceduto! Incalzata dalla brevit del tempo a disposizione, la signora
Titbury intervenne allora con eccezionale vigore, nell'intento di
imporre la sua volont. Se il capriccio dei dadi avesse mandato il
signor Titbury nella locanda, nel labirinto, nel pozzo, nella prigione,
non sarebbe stato forse necessario pagare semplici, doppie o triple
penitenze? Avrebbe egli esitato forse? No, certamente. Sarebbe stato
indispensabile, come nelle attuali circostanze. Se buona cosa tener
da conto il denaro, miglior cosa tener da conto la vita. La loro
esistenza era attualmente nelle mani dei malfattori. Insomma,
bisognava pagare!
Il signor Titbury resistette fino alle sette, ma l'aiuto provvidenziale
in cui sperava non venne.
Alle sette e mezzo il signor Inglis, con grazia e cortesia, si fece
annunciare.
Domani il gran giorno disse. Sarebbe bene, mio caro
ospite, che questa sera foste gi a Great Salt Lake City.
E chi me lo impedisce, se non voi? esclam il signor
Titbury, quasi soffocato dalla collera.
Io? rispose il signor Inglis, con un sorriso sulle labbra.
Basta che vi decidiate a regolare il conto!
Ecco disse la signora Titbury, porgendo il fascio di biglietti
di banca che il marito, con la morte nel cuore, le aveva consegnato.
Il furfante prese i biglietti e cominci a contarli. Al signor Titbury
parve quasi di morire e non seppe neppure che cosa rispondere
quando il brigante aggiunse:
inutile darvi la ricevuta, non vero? Ma non abbiate timore,
registrer la somma a vostro credito, mio caro ospite. Ora non mi
rimane altro che augurarvi, con la buona sera, di aver tanta fortuna da
guadagnare i milioni della gara Hypperbone!
La porta era sgombra e i due coniugi, senza ascoltare pi una
parola, si slanciarono fuori.
Era quasi buio ed era difficile riconoscere il luogo. Sarebbe stato
impossibile indicare alla polizia la casa in cui si erano svolti quei
tragicomici avvenimenti. Occorreva, per ora, raggiungere in fretta
Great Salt Lake City, di cui si scorgevano le luci a circa tre miglia di
distanza, a monte di Crescent River. Un'ora dopo, i coniugi Titbury
giungevano a Nuova Sion, ove presero alloggio nel primo albergo
che capit loro di vedere. Non sarebbe mai costato quanto il Cheap
Hotel!
Il giorno seguente, 2 giugno, il signor Titbury si rec dallo
sceriffo. Sporse denuncia e chiese che gli agenti si mettessero subito
alla ricerca di Robert Inglis. Forse sarebbe stato ancora 'possibile
riprendergli i tremila dollari.
Lo sceriffo, magistrato molto intelligente, accett
premurosamente la denuncia contro il ladro, ma le informazioni
fornitegli dal signor Titbury sulla bettola erano, purtroppo, poche e
vaghe: i due coniugi vi erano stati condotti di sera e ne erano ripartiti
di sera. Quando Titbury parl del Cheap Hotel posto sulle rive del
Crescent River, lo sceriffo disse che non conosceva nessun albergo
che si chiamasse cos e che nel paese non esisteva neppure il
Crescent River. Sarebbe stato dunque difficile acciuffare il
malfattore, che del resto doveva aver preso il largo, con i suoi
complici. E se anche si fosse messa una squadra di poliziotti alle loro
calcagna, non sarebbe valso a nulla, in quel paese di boschi e di
montagne.
Voi dite, signor Titbury chiese lo sceriffo, che
quell'uomo si chiama
Inglis. Miserabile! Robert Inglis.
Questo il nome che egli si dato. Ma, a ben rifletterci, io
credo che si tratti del famoso Bill Arrol. Credo di riconoscere il suo
modo di operare. Non certo il suo primo colpo.
E non lo avete ancora arrestato? esclam furente il signor
Titbury.
Non ancora rispose lo sceriffo; stiamo sorvegliandolo, in
questo momento Ma si far prendere, un giorno o l'altro.
Sar sempre tardi per me!
Ma non per lui; e allora andr sulla sedia elettrica a meno
che non venga impiccato.
E il mio denaro, signore? il mio denaro?
Che volete Bisognerebbe acciuffare quel diavolo d'uomo,
ma non cosa facile! Posso soltanto promettervi, signor Titbury, nel
caso che sia impiccato, un .pezzettino della sua corda; e se allora la
partita non sar ancora terminata, state sicuro che la vincerete, con un
amuleto del genere!
Quella promessa fu tutto ci che il signor Titbury pot ottenere
dal bizzarro sceriffo della citt mormone.


CAPITOLO IV
LA BANDIERA VERDE
LA BANDIERA Verde, che serviva a indicare sulla carta l'arrivo di
Harris T. Kymbale in questo o in quello Stato, era stata attribuita al
quarto giocatore in rapporto al posto che quel colore occupa nello
spettro solare. Il capocronista del Tribune se ne mostrava molto
soddisfatto: non era forse il colore della speranza?
Del resto, non sarebbe stato giusto lamentarsi della sorte che lo
favoriva sia come turista sia come giocatore. Dopo essere stato
inviato nel Nuovo Messico, con i dodici punti del primo colpo, i
dieci punti del colpo successivo lo mandavano alla ventiduesima
casella, e cio nella Carolina del Sud, alle frontiere del territorio
federale, e pi particolarmente a Charleston, sua metropoli. Egli non
ignorava peraltro che gli scommettitori se lo disputavano nelle
agenzie, che era richiesto sul mercato mondiale, preso a uno contro
nove quotazione mai raggiunta da nessun altro concorrente e
ritenuto ovunque gran favorito.
Nel lasciare Santa F, il cronista, che non aveva udito lo scaltro
Isidorio dichiarare che non avrebbe rischiato venticinque centesimi
su di lui, era pi fiducioso che mai nella propria stella.
Aveva tempo dal 21 maggio al 4 giugno per recarsi nella Carolina
del Sud, e poich il viaggio, a partire dalla stazione di Clifton, si
sarebbe effettuato senza difficolt per ferrovia, il tempo non gli
sarebbe venuto meno.
Harris T. Kymbale lasci dunque Santa F il 21 e questa volta se
la cav con una buona mancia; non ebbe bisogno perci di far
balenare sotto gli occhi del nuovo conducente n centinaia di
migliaia n centinaia di dollari. Arriv in serata a Clifton, da dove il
treno dopo aver superato il parallelo che limita al sud lo Stato del
Colorado le depose a Denver.
Ecco il ragionamento che Harris T. Kymbale fece tra s, ed ecco il
programma che egli decise di seguire, senza preoccuparsi di ci che
il sindaco di Buffalo gli aveva detto, e cio che egli non apparteneva
pi a se stesso, ma agli scommettitori che avevano puntato su di lui.
Eccomi in una delle pi belle regioni dell'Unione; a ovest le
Montagne Rocciose, a est pianure straordinariamente fertili; un
terreno lastricato di piombo, argento e oro, sotto cui scorre a fiumi il
petrolio. In questo territorio affluiscono emigranti, attratti dalle sue
ricchezze naturali, e oziosi, sollecitati dalle sue lussuose citt termali,
dalla salubrit del clima e dalla purezza dell'aria! Io non conosco
questo meraviglioso paese e mi si presenta l'occasione di vederlo.
Posso sperare che il caso mi ci mandi nel corso della partita? Non
probabile. D'altra parte, per raggiungere la Carolina del Sud dovr
attraversare tre o quattro Stati che ho gi visitato e che non mi
offriranno nulla di nuovo. La cosa migliore che io possa fare,
dunque, di dedicare al Colorado il tempo di cui posso disporre; ed
proprio quello che far. Purch io sia a Charleston il 4 giugno, prima
di mezzogiorno, che cosa potrebbero rimproverarmi coloro che
parteggiano per me? Del resto, faccio ci che voglio, e chi non
contento, ecc. ecc.
Ed ecco perch, invece di continuare il viaggio con la ferrovia che
serve Oaklay, Topeka e Kansas, Harris T. Kymbale, il giorno 21,
scelse un comodo albergo della capitale del Colorado.
L rimase solo cinque giorni, fino alla sera del 26, ma un cronista,
come tutti sappiamo, capace di fare in cos breve tempo ci che
altri non riuscirebbero a fare in un tempo doppio. questione di
allenamento professionale. Per averne una prova baster dare
un'occhiata al taccuino degli appunti di cui Harris T. Kymbale si
serviva per scrivere gli articoli che inviava al Tribune:
22 maggio: Visitato Denver, citt elegante, larghe vie ombrose,
bei negozi come a New York o a Filadelfia, chiese, banche, teatri,
sala da concerto, grande complesso universitario del Far West, vasto
emporio, alberghi e ristoranti di lusso. "Caf Frangais". Si sta
benissimo al "Caf Frangais".
Denver, fondata nel 1858, alla confluenza del Cheery Creek e del
Piatte River. Nel 1859 vi erano appena tre donne. Nato quell'anno
primo bambino. Vent'anni dopo, venticinquemila abitanti.
Immigrazione costante. Oggi quasi centosettemila anime.
Denver detta citt incomparabile, senza rivali. Aria ottima,
ossigeno di prima qualit, a milleseicento metri di altitudine. A
ovest, grande Catena del Colorado, alta duemilacinquecento metri,
ricoperta di verde alla base e di bianco sulla vetta. Intorno alla citt,
numerose villette. Se vincer la partita, ne far costruire una sulle
rive del Cheery Creek, posto incantevole per villeggiarvi. Avr
carrozze, cavalli, cani, domestici bianchi e neri. Sono stato accolto
bene dal governatore dello Stato, senatore Evans. Incoraggiamenti e
complimenti. Ha scommesso su di me grossa somma; credo non
abbia fatto male.
23 maggio: Spintomi fino ai villaggi minerari, diventati citt:
Auroria, Golden City, Golden Gate, Oro City, nomi che suonano
bene, ma non quanto quello di Leadville, citt del piombo, la cui
estrazione annua ammonta a settantunomila tonnellate. Citt nuova,
troppo lontana perch possa visitarla.
24 maggio: Il treno mi ha portato fino a Pueblo (Colorado
meridionale) costeggiando la base della grande catena. Importante
centro industriale alimentato da miniere di carbon fossile e sorgenti
petrolifere. Ne comprer un paio, se vincer la partita. Passato da
Colorado Springs, chiamata Citt dei Milionari, famosa per i suoi
bagni, gi molto frequentati da malati e da gente che si crede tale. Ho
visto il Fontaine, fiume che bagna Colorado Springs e va a gettarsi
nell'Arkansas, a Pueblo, e lo strano Monument Park con le sue rocce
architettoniche e il suo ammirevole panorama. Il Colorado occupa il
primo posto negli Stati Uniti per la produzione del piombo, il
secondo per la produzione di argento e oro (pi di centoventi milioni
all'anno), il trentesimo per superficie, con 104.000 miglia quadrate.
25 maggio: Ritorno dalla Svizzera dalla Svizzera americana,
naturalmente che posta nell'ossatura orientale della Catena del
Colorado. Non meno bella del Parco Nazionale dello Wyoming,
forse pi bella di quella europea. vero per che parlo da cittadino
degli Stati Uniti. Vi sono parchi fiabeschi a nord, al centro e a sud.
Quale ricordo conservo del parco di Fair Play, chiuso da maestose
montagne dominate dalla vetta del Lincoln, a 4.200 metri sul livello
del mare! Ho visto i Laghi Gemelli, in una gola percorsa
dall'Arkansas, separati da una massicciata di morene: il primo lungo
due miglia e mezzo per un miglio e mezzo di larghezza; l'altro
appena la met del primo. Mi piacerebbe trascorrere una quindicina
di giorni nel buon albergo di Derry. Ho gi deciso di acquistare una
villetta a Denver e due miniere di carbone nel Colorado, con i futuri
milioni. E mi pare che non sia il caso di risparmiare i soldi per
l'acquisto di un'altra villetta sulle rive dei Twins Lakes.
Visto grandi picchi nella catena delle Montagne Rocciose, quelli
della Sierra Madre, nella parte pi alta dell'America; le Rocciose
hanno una base che non misura meno di 375 leghe. I pi grandi stati
europei, tranne la Russia, non avrebbero posto sufficiente per
accoglierla. Vera spina dorsale dell'America, che, insieme con tutti i
rilievi orografici dell'Ovest, occupa un quarto degli Stati Uniti.
Mettete insieme le Alpi, i Pirenei e il Caucaso e non avrete
abbastanza materiale per costruire le Montagne Rocciose.
Non ho avuto il tempo di andare a vedere il monte della Santa
Croce (estremit settentrionale della Catena Nazionale), cos
chiamato da Hayden e Whitney, al tempo della spedizione del 1873.
Ma dalla Porta del Giardino degli Dei sono penetrato nel Giardino
degli Dei, a quattro miglia da Colorado-J unction, parco
d'incomparabile bellezza, i cui massi sembrano giganti pietrificati di
una famiglia antidiluviana; ho passeggiato ai piedi del Teocalli, il
quale raffigura una specie di castello di Burgravi, costruito a circa
ottocento metri di altezza.
Non devo per perdere tempo, n dimenticare che il governatore
del Colorado e, immagino, molti suoi amministrati, hanno
scommesso su di me. Rientrato dunque a Denver il 26, sono andato a
rivedere il posto della mia futura villetta, sotto i frondosi alberi che
crescono tra gli affluenti del Cheery Creek.
A dire il vero, Harris T. Kymbale non aveva ecceduto nell'elogiare
la capitale del Colorado e lo Stato stesso. Ma quanto sangue ha
bagnato il suolo di questo bel paese! Prima del 1867 i pionieri
dovettero lottare contro i Cheyennes, gli Arrapahoes, i Kaysways, i
Comanches, gli Apaches, fiere trib di Pellirosse, agli ordini di capi
quali Paiolo Nero, Antilope Bianca, Mano Sinistra, Ginocchio Storto,
Piccolo Manto! E si potranno mai dimenticare gli orribili massacri di
Sand Creek, che nel 1864 assicurarono ai bianchi il dominio del
paese sotto il comando del colonnello Chivington?
La Bandiera Verde trascorse il pomeriggio del 26 nella splendida
capitale e, in suo onore, fu organizzato un ricevimento nel palazzo
residenziale. Negli Stati Uniti, come si sa, un uomo vale soprattutto
per ci che possiede e nella mente della gente del Colorado, come del
resto nella sua, Harris T. Kymbale valeva sessanta milioni di dollari.
Egli si consider quindi festeggiato come meritava da quei grandiosi
americani che hanno l'oro non solo nelle tasche, nelle casse e nel
sottosuolo, ma, anche nel nome delle loro citt principali.
Il 27 maggio, il quarto giocatore prese commiato dal governatore,
in mezzo a un gran numero di persone che parteggiavano per lui e
che lo acclamavano. Il treno lasci Denver, raggiunse la frontiera a
Fort Wallace, attravers il Kansas da ovest a est, poi J efferson City,
capitale del Missouri, e al confine orientale si ferm nella stazione di
Saint-Louis, la sera del 28.
Harris T. Kymbale non aveva intenzione di soggiornare in questa
grande citt, che gi conosceva, e nella quale sperava di cuore di non
essere mai mandato dalla sorte, perch, come si sa, essa occupava la
cinquantaduesima casella, e cio quella della prigione del nobile
gioco dell'Oca. Gli stati che doveva attraversare, prima di giungere
nella Carolina del Sud Tennessee, Alabama, Georgia gli
offrivano peraltro la possibilit di piacevoli gite. Egli si proponeva,
quindi, di scegliere a Saint-Louis un ottimo albergo, di dedicare la
notte al riposo di cui sentiva il bisogno e di ripartire all'alba, col
primo treno.
Pareva dunque che nulla dovesse turbare il suo viaggio, n
impedirgli di giungere a Charleston nel giorno stabilito; tuttavia
corse il rischio di non arrivarvi e di essere messo perfino
nell'impossibilit di poter continuare il viaggio, in seguito
all'incidente di cui parleremo e che nessuno avrebbe potuto
prevedere.
Verso le sette e un quarto, Harris T. Kymbale camminava lungo il
marciapiede della stazione per informarsi dell'ora di partenza dei
treni, quando urt bruscamente o fu bruscamente urtato da un
individuo che usciva proprio allora da un ufficio.
I due si scambiarono subito queste cortesi parole:
Villano!
Screanzato!
Guardate davanti a voi!
E voi guardate alle vostre spalle!
Parole, insomma, sparate come colpi di pistola, per poco che la
gente sia di temperamento vivace e di carattere irritabile.
Uno dei due lo era certamente fino all'estremo, e non si potr
stupirne quando si sapr che si trattava di Hodge Urrican. Harris T.
Kymbale riconobbe il concorrente.
Il commodoro! esclam.
Il giornalista! gli fu risposto con voce che sembrava uscire
da una bocca di fuoco.
Era proprio il commodoro Urrican, senza il fedele Turk, questa
volta; ed era un bene che Turk non fosse l a impicciarsi di quella
faccenda che avrebbe potuto spingere agli estremi.
Dunque Hodge Urrican era non solo sopravvissuto al naufragio
della Chicola, ma aveva anche trovato l'opportunit di lasciare Key
West! In qual modo? In ogni caso, il suo viaggio era stato assai
rapido, considerato che il giorno 25 egli era ancora in Florida. Una
vera risurrezione, senza dubbio; dopo il suo sbarco a Key West, nelle
condizioni che sappiamo, coloro che parteggiavano per lui avevano
dovuto credere che ormai la gara dei Sette sarebbe proseguita solo
con sei concorrenti.
Hodge Urrican era comunque a Saint-Louis, in carne e ossa, come
il suo concorrente aveva potuto constatare nell'urto, ma di umore
peggiore del solito. E ci comprensibile. Non era forse in rotta per
la California, con l'obbligo di tornare a Chicago per ricominciare la
partita, dopo il pagamento di una tripla penalit?
Ma Harris T. Kymbale era un bravo ragazzo e ritenne di doversi
presentare a lui, dicendo:
I miei complimenti, commodoro Urrican; vedo che non siete
morto.
No, signore, nemmeno per questo urto con un balordo; e sono
perfettamente in grado di seppellire coloro che gi si rallegrassero al
pensiero di non dovermi pi vedere!
Dite questo per me? chiese il cronista corrugando la fronte.
S rispose Hodge Urrican, cercando di guardare l'avversario
negli occhi. S, signor grande favorito!
Pareva che masticasse le parole, che le macinasse con i molari.
Harris T. Kymbale, che non aveva pazienza da vendere, cominci a
scaldarsi.
Pare che il fatto di dover passare per la California prima di
tornare a Chicago, non renda molto cortesi rispose.
Quelle parole toccarono il commodoro nel punto dolente.
Voi m'insultate! esclam.
Pigliatela come volete!
Ebbene, io la prendo a male e mi renderete conto delle vostre
insolenze!
Immediatamente, se vi va!
Benissimo, se ne avessi il tempo! url Hodge Urrican.
Ma non l'ho!
Pigliatevelo.
Ci che prender il treno che sta per partire e che non posso
assolutamente perdere!
E infatti, un treno impennacchiato di fumo fischiava, in procinto
di mettersi in moto. Non c'era un secondo da perdere. Il commodoro
si slanci sul predellino della piattaforma, tra due vetture, e grid con
voce terribile:
Signor giornalista, avrete mie notizie!
Quando?
Questa sera stessa, all'European Hotel.
Ci sar rispose Harris T. Kymbale.
Ma appena partito il treno, egli osserv tra s:
Toh! Si sbagliato, quel bruto! Invece di salire sul treno per
Omaha, se ne va da tutt'altra parte. Dopo tutto, affar suo!
E infatti, il treno filava verso est, nella direzione cio che Harris
T. Kymbale doveva seguire per andare a Charleston.
Ma Hodge Urrican non si era sbagliato: tornava semplicemente a
Herculanum, e cio alla stazione precedente, dove Turk lo aspettava.
A causa della sua valigia, rimasta sul treno, era sorta una vivace
discussione tra il commodoro e il capostazione di Herculanum, nel
corso della quale Turk aveva minacciato di cacciare il detto
capostazione nella caldaia di una locomotiva. Hodge lo aveva
calmato e approfittando di un treno che partiva, era subito venuto di
persona a presentare reclamo alla stazione di Saint-Louis. La
faccenda si era poi aggiustata senza fatica: la valigia sarebbe stata
richiesta con un telegramma. Nel momento in cui Urrican usciva
dall'ufficio, per fare ritorno a Herculanum, era avvenuto l'incontro
con il cronista.
Partito l'avversario, Harris T. Kymbale non pens pi
all'incidente. Raggiunse l'European Hotel, ove era disceso, e, dopo
aver pranzato, fece una lunga passeggiata attraverso la citt. Al
rientro, gli fu consegnata una lettera, giunta da Herculanum con
l'ultimo treno.
Ci voleva un cervello composto chimicamente come quello che
ribolliva nel cranio di Hodge Urrican per scrivere una lettera del
genere!
Signor quarto giocatore, avrete senza dubbio una rivoltella, come
io ho la mia. Domattina, alle sette, prender il treno che da
Herculanum parte per Saint-Louis. Vi invito a prendere alla stessa
ora il treno che parte da Saint-Louis per Herculanum. Ci non muter
n il vostro n il mio itinerario.
I due treni si incroceranno alle sette e diciassette minuti. Se non
siete uomo da urtare la gente e da insultarla senza rendergliene conto,
siate in quel preciso momento, e solo, sulla piattaforma posteriore
della vettura che precede quella dei bagagli, come io sar sulla
passerella posteriore dell'ultima vettura del mio treno. Avremo la
possibilit di scambiarci qualche palla.
Commodoro Hodge Urrican.
E quel terribile uomo, per non peggiorare le cose, non aveva detto
nulla a Turk, n della lite n della provocazione!
Ma il cronista del Tribune era avversario ben degno di lui e
come tale fu all'altezza della situazione.
Se questo marinaio d'acqua salata crede che io voglia tirarmi
indietro, si sbaglia di grosso! Sar a quell'ora sulla mia piattaforma.
La bandiera verde di un giornalista non si abbasser mai dinanzi alla
bandiera arancione di un commodoro!
Bisogna ricordare che nessuno si meraviglierebbe di tutto questo,
in quello stupefacente paese che l'America!
Il giorno dopo, dunque, un po' prima delle sette, Harris T.
Kymbale si recava alla stazione. Salito sul treno per Columbus alla
frontiera del Tennessee che passava per Herculanum, prendeva
posto nell'ultima vettura, che comunicava con quella dei bagagli per
mezzo di una piattaforma. Doveva lasciar passare diciassette minuti,
prima di occupare il suo posto di combattimento.
Il tempo era fresco e l'aria frizzante; nessuno certamente sarebbe
stato tentato di rimanere sulla piattaforma, durante il viaggio.
Nella vettura in cui Harris T. Kymbale era salito c'era appena una
dozzina di viaggiatori.
Quando il cronista diede un'occhiata all'orologio per la prima
volta, erano le sette e cinque. Ancora dodici minuti di attesa, dunque,
che egli trascorse con una calma che il suo avversario certamente non
aveva.
Alle sette e quattordici si alz e and sulla piattaforma; tir fuori
la rivoltella dalla tasca dei calzoni, si accert che fosse carica e
attese.
Alle sette e sedici, un crescente brontolio si ud sull'altro binario,
che il treno proveniente da Herculanum percorreva in senso
contrario, a gran velocit.
Harris T. Kymbale sollev la rivoltella all'altezza della fronte,
pronto ad abbassarla in senso orizzontale.
Le locomotive si incrociarono, lasciandosi dietro un turbine di
vapore biancastro.
Un attimo dopo, due spari risonarono simultaneamente.
Harris T. Kymbale sent una pallottola sfiorargli la guancia e
immediatamente fece fuoco anche lui.
Poi i due treni scomparvero in lontananza.
Nessuno creda che i due spari avessero disturbato i viaggiatori del
treno. Non era cosa da impressionarli. Harris T. Kymbale torn
quindi a sedere tranquillamente al suo posto, senza sapere se il
commodoro fosse stato colpito o meno.
Il treno prosegu poi per Nashville odierna capitale del
Tennessee, posta sul fiume Cumberland, citt industriale e
commerciale di settantaseimila abitanti e per Chattanooga, che in
lingua cerokee significa nido di corvo: nido strategico di
prim'ordine, posto all'ingresso dei passi che Shermann riusc a
valicare con l'esercito federale. Poi si lanci attraverso la Georgia,
che per la sua posizione stata chiamata Chiave di volta del Sud,
come la Pennsylvania stata chiamata Chiave di volta del Nord.
Dopo la Guerra di Secessione, fu Atlanta che divenne capitale
della Georgia, a ricordo della sua lunga resistenza. Posta a pi di
centocinquanta tese di altezza, al margine delle gole praticabili degli
Appalachi, questa citt, che diventa sempre pi prospera, la pi
popolosa dello Stato.
Dopo aver attraversato la Georgia ad Augusta, sul fiume
Savannah, dove si trovano importanti filature di cotone, il treno
attravers il territorio della Carolina del Sud, fil per Hamburgh, che
fronteggia Augusta, e and a fermarsi al capolinea di Charleston.
Il cronista giunse in questa famosa citt la sera del 2 giugno, dopo
aver percorso, partendo da Santa F del Nuovo Messico, circa
millecinquecento miglia. Il viaggio era stato contraddistinto
dall'incontro con il commodoro Urrican.
A Charleston apprese dai giornali che il commodoro e Turk erano
passati da Ogden nella giornata del 31 maggio, diretti a rotta di collo
verso la lontana California.
Parola mia, tutto va per il meglio pens. Non mi dispiace di
non averlo colpito. un orso, anzi un orso marino; ma pur sempre
un orso che ha sembianze umane!
I giornali non parlavano affatto del duello svoltosi dal treno, noto
soltanto a coloro che vi avevano preso parte; e mai lo avrebbero
saputo, a meno che uno dei due non ne avesse fatto parola. Bisogna
pur dire, per, che non si pu mai contare sulla discrezione dei
fabbricanti di notizie
Fu nella Carolina del Sud e nelle isole del suo litorale che vennero
a stabilirsi i primi coloni francesi. Se questo Stato solo al
ventinovesimo posto per quanto riguarda la superficie, esso, per,
non conta meno di 1.152.000 abitanti. ricco per la sua produzione
di cotone a fibra lunga, per i suoi raccolti di riso di eccellente qualit,
per i suoi giacimenti di fosfati. Rovinati dalla guerra, moltissimi
proprietari dovettero vendere, purtroppo, le loro terre ai creditori
ebrei. Vi sono numerosissimi francesi, per lo pi discendenti degli
ugonotti allontanatisi dal proprio paese in seguito alla revoca
dell'editto di Nantes. I loro nomi di famiglia, come rileva lise
Reclus, sono stati in massima parte anglicizzati.
Questo Stato, del quale i negri costituiscono i tre quinti della
popolazione, fu il primo a proclamare l'atto di secessione, lasciando
all'occupazione federale, in questa parte dell'Unione, il solo forte
Sumter, presso Charleston.
Ne capitale Columbia, graziosa cittadina di quindicimila
abitanti, che sorge quasi al riparo sotto un fogliame di magnolie e
querce. Beaufort, nelle Sea Islands, pu competere con la metropoli
nella esportazione di cotone e di riso, grazie ai suoi ancoraggi di Port
Royal. Quest'ultima sempre la citt pi importante della Carolina
del Sud. Rappresentata nel Congresso da due senatori e da sei
deputati, conta, nella sua assemblea legislativa, quarantasei senatori e
centoventiquattro deputati.
Ventinovesimo Stato dell'Unione per estensione, la Carolina del
Sud ne per il ventiduesimo per numero di abitanti. Accidentato,
nella parte meridionale, dalle ultime ramificazioni dei Monti Azzurri,
gode di clima salubre e temperato.
Il suo territorio produce in abbondanza frumento, canapa e
tabacco non meno buono di quello dei campi della Virginia. La parte
centrale si presta meglio alla coltura del granturco; quella
meridionale al raccolto del cotone e del riso. Oltre allo sfruttamento
di vaste foreste, l'industria trova alimento nelle miniere di ferro e di
piombo, nelle cave di marmo e nei giacimenti di oro e di ocra della
provincia. L'inverno vi assai mite, ma in giugno il caldo torrido.
La vegetazione comincia a rinnovarsi fin da febbraio e i germogli
degli aceri mostrano gi, in quel mese, l'estremit dei loro fiori rossi.
Harris T. Kymbale non conosceva Charleston, che aveva meritato
la spiacevole riputazione di metropoli della schiavit. Tutto
sommato, nonostante la citt abbia sofferto spaventose catastrofi,
inondazioni, incendi, terremoti, e perfino un'epidemia di febbre
gialla, la sua vitalit le ha sempre consentito di resistere alle
molteplici disgrazie che hanno minacciato di distruggerla.
Posta tra gli estuari di Ashtley e Cooper, Charleston sorge sopra
una bassa (penisola, con i suoi quartieri commerciali e le sue case
con veranda, dalle facciate ombreggiate da magnolie, melograni e
azeradac
12
verdeggianti. Il suo ampio porto servito da due passaggi
che congiungono le passeggiate alle banchine. Un po' fuori, sugli
isolotti e sui promontori, sorgono alcuni forti, tra i quali il forte
Moultrie, arsenale dell'Unione e della Carolina del Sud.
Quando giunse a Charleston, il capocronista del Tribune
sempre favorito dalla fortuna non vi trov ombra di inondazione o
di incendio, e neppure di terremoto o di epidemia di febbre gialla! La
citt, ovunque nota per l'urbanit dei suoi costumi e la cortesia dei
suoi abitanti, gli apparve quindi in pieno splendore. I pochi giorni
che pot soggiornarvi, grazie alla sua buona stella, non si sarebbero
pi cancellati dalla sua memoria.
Sarebbe ben poco dire che Harris T. Kymbale ricevette
accoglienze entusiastiche. Vi fu una specie di delirio per il giocatore;
la citt vedeva in lui il pi qualificato dei Sette alla vittoria. Gli
altri non contavano. Per gli abitanti di Charleston non ce n'era che
uno: quello che il colpo di dadi aveva mandato loro. Era come se la
sua valigia contenesse gi i milioni di Hypperbone.
Per quarantotto ore il ipopolare cronista ricevette inviti da ogni
parte, ai quali non pot sottrarsi, come non pot sottrarsi alle gite
intorno alla campagna circostante, ove crescono abbondantemente gli
aranci. Su tutti i muri, coperti di appariscenti manifesti, il nome di
Harris T. Kymbale appariva in caratteri cubitali, che, di sera,
diventavano anche luminosi.
Un ospite accolto con tanto entusiasmo contraeva verso la citt un
grosso debito di gratitudine. Egli dichiar quindi che, se avesse vinto
la partita, avrebbe fondato a Charleston un ospizio per i poveri senza
famiglia. E non si pu tacere, a questo riguardo, che numerosi poveri

12
Nome arabo di un albero delle regioni calde, dai fiori a mazzo e dal frutto
velenoso. (N.d.T.)
andarono a farsi iscrivere al municipio, per assicurarsi i primi posti
nel filantropico ente. Come si vede, il futuro vincitore si mostrava
pi generoso a Charleston che a Denver. Giunse alla fine la sera del 3
giugno. Un magnifico banchetto era stato organizzato, con pubblica
sottoscrizione, e avrebbe avuto luogo all'aperto, un po' fuori citt,
vicino all'estuario di Ashtley. Gli invitati vi andarono in processione,
spiegando vessilli con i colori dell'eroe del giorno. Non il caso di
descrivere quella riunione conviviale, della quale sarebbe comunque
impossibile dare un'idea, sia per la ricercatezza delle portate, sia per
il lusso del servizio. Sar sufficiente sapere che la portata principale
fu costituita da un pat di enorme grandezza, del peso di quattro
tonnellate cotto in un forno gigantesco che un carro tirato da
dodici cavalli trasport nel luogo del banchetto. Per prepararlo erano
stati necessari mille e duecento chili di carne di bue, duecento chili di
vitello, duecento chili di montone, duecentottanta chili di maiale,
sessanta chili di burro, centottanta chili di lardo, settantasei conigli,
centottantotto polli, duecento piccioni, mille e quattrocento chili di
farina, duecentoquaranta capi di selvaggina. Il mostruoso pasticcio
era largo circa quattro metri e mezzo, lungo otto, e alto due. Venti
maggiordomi, armati di coltelli lunghi circa un metro e mezzo, lo
fecero a pezzi in modo da soddisfare le esigenze di migliaia di
persone, le quali, fra l'altro, ebbero a loro disposizione anche
cinquemila salsicce.
Echeggiarono allora applausi ed acclamazioni, che la brezza
dell'Ovest port verso l'alto mare.
Evviva Harris T. Kymbale! Viva il quarto giocatore! Viva la
Bandiera Verde! Viva il gran favorito dalla gara Hypperbone!
CAPITOLO V
LE GROTTE DEL KENTUCKY
LE QUOTAZIONI di mercato del 26 maggio, a Chicago le altre
citt ne avrebbero seguito l'esempio indicarono che Lissy Wag era
stata richiesta con insistenza, tanto da essere data a tre contro sette.
Se all'inizio la sua quotazione non era stata vantaggiosa, ci era
accaduto perch si temeva che la giovane non avesse forza
sufficiente per resistere alle fatiche dei continui spostamenti. La
malattia aveva poi contribuito non poco a scemare la poca fiducia
che ella ispirava.
La salute della quinta giocatrice ora non lasciava pi a desiderare
e il secondo colpo di dadi le era stato, per di pi, favorevole. Il sei
raddoppiato l'aveva mandata, infatti, nel Kentucky: viaggio di alcune
centinaia di miglia appena e trentottesima casella. Lissy Wag aveva
superato, in due salti, pi di met delle sessantatr caselle. Non ci si
meravigli quindi se J ovita Foley agitasse la bandiera gialla attribuita
alla sua amica, che ella gi vedeva piantata sui milioni di William J .
Hypperbone.
Se Lissy Wag si fosse interessata a ci che si pronosticava sulle
sue probabilit di vittoria e sul mutamento intervenuto presso il
pubblico in suo favore, ella avrebbe potuto esserne fiera fin dal suo
ritorno a Chicago.
Come si sa, il 23 maggio Lissy Wag e J ovita Foley si erano
affrettate a lasciare Milwaukee: non dovevano esservi raggiunte dal
misterioso XKZ, se non volevano pagare una penalit, cedergli il
posto e ricominciare la partita.
Le due amiche fecero ritorno a Chicago in ottima salute. Non
appena i giornali ne annunciarono il rientro, alcuni cronisti si
presentarono a casa loro.
A quella visita segu, la sera stessa, la pubblicazione di
un'intervista da parte del Chicago Herald, dalla quale risultava che
le due giovani erano in ottima forma: ormai venivano appaiate
entrambe sotto la bandiera gialla, e ci non dispiaceva affatto a
quella pazzerella di J ovita. E, nonostante quest'ultima continuasse a
insistere per partire, esse rimasero cinque giorni a Chicago. Sarebbe
stato inutile sprecare denaro in spese d'albergo: era pi economico
rimanere a casa. Anzi sarebbe stato pi saggio restarvi fino alla
vigilia del giorno di arrivo del telegramma di mastro Tornbrock. Ma
il 27 J ovita Foley non pot pi resistere.
Quando partiamo? chiese.
Abbiamo tutto il tempo che vogliamo fino al 6 giugno!
rispose Lissy Wag. Siamo appena al 27 maggio! Dieci giorni
interi a nostra disposizione; come sai, si pu andare nel Kentucky in
ventiquattr'ore.
Certo, Lissy, ma non dobbiamo andare soltanto nel Kentucky,
n a Francoforte, sua capitale. Dobbiamo andare a Mammoth Caves,
meraviglia degli Stati Uniti, e pare anche delle cinque parti del
mondo! Quale occasione migliore per visitare le sue grotte, mia cara?
Che magnifica idea ha avuto quel bravo signor Hypperbone a
mandarci l!
Non stato lui, J ovita, ma i dadi; venuto fuori il dodici
Vediamo, su, ragioniamo Non forse lui che ha scelto
Mammoth Caves, tra le citt del Kentucky? Gliene sar grata per
tutta la mia vita, e anche per la sua, se egli non riposasse gi nel
cimitero di Oakswoods! vero, per, che se non fosse all'altro
mondo non avremmo avuto motivo di correre dietro alla sua
eredit Quando partiamo, dunque?
Quando vorrai.
Domani mattina!
Come vuoi. Ma aggiunse Lissy dobbiamo fare ancora
una visita al signor Marshall Field.
Hai ragione, Lissy.
Durante la visita, il signor Marshall Field e il personale dei suoi
negozi di moda non lesinarono n i complimenti n gli
incoraggiamenti alla quinta giocatrice e alla sua inseparabile amica.
Il giorno seguente, dopo un percorso di centotrenta miglia
attraverso l'Illinois, un direttissimo portava le due viaggiatrici fino a
Danville, quasi alla frontiera occidentale dell'Indiana. Nel
pomeriggio le due amiche valicavano la frontiera e all'ora di pranzo
scendevano a Indianapolis, capitale dello Stato e citt di centomila
abitanti.
Al posto di J ovita Foley e della sua compagna, Harris T. Kymbale
avrebbe certamente impiegato il suo tempo a esplorare quella
regione, dove nel secolo scorso fu intrapreso lo sterminio degli
indigeni e nel quale i coloni francesi fondarono molti insediamenti.
J ovita ritenne, invece, di doversi limitare a visitare Indianapolis, che
il White River attraversa prima di gettarsi nel Wabash: citt molto
ben tenuta, di cui ella non pot non ammirare l'estrema pulizia.
Nell'ottimo albergo in cui presero alloggio, le due viaggiatrici,
non appena la loro identit fu nota, furono spesso scambiate l'una per
l'altra. Sembrava persino che J ovita Foley fosse molto pi qualificata
della modesta Lissy per recitare una parte importante nel corso della
grande partita che si giocava.
Alle otto e quindici del 29 le due giovani partirono per Louisville,
con il primo treno del mattino. Louisville posta sulla riva sinistra
dell'Ohio, alla frontiera dell'Indiana e del Kentucky, Stato che difese
a spada tratta la causa abolizionista. Alle undici e cinquantanove il
viaggio era terminato.
Sarebbe stato inutile dire a J ovita che il Kentucky meritava di
essere visitato, perch, da quando la cessione della Louisiana gli ha
assicurato gli sbocchi del Mississippi, esso diventato uno dei pi
ricchi stati dell'Unione; ella avrebbe risposto: Mammoth Caves!
Inutile dirle che ha grandi citt industriali sulle rive dell'Ohio e
miniere di carbone nella regione degli Alleghany; che il suo suolo
propizio a tutti i prodotti dell'agricoltura e all'allevamento; che
fornisce i migliori cavalli d'America e un terzo del tabacco degli Stati
Uniti; ella avrebbe sempre risposto: Mammoth Caves!
Ipnotizzata dalle famose grotte, J ovita non pensava pi a Covington e
a Newport sobborghi di Cincinnati nel Kentucky, gi visitati da
Tom Crabbe e da J ohn Milner, n alla nascente Middlesborough
che si prepara a diventare una grande citt, n a Francoforte
capitale attuale dello Stato, n a Lexington, l'antica capitale.
Eppure essa bella, con la sua rete di strade larghe, le sue macchie
verdeggianti dalle quali piove una deliziosa frescura, la sua
universit celebre in tutta la regione del Sud, il suo ippodromo
rinomato, dove vengono a gareggiare i migliori cavalli del Nuovo
Mondo. Ma che cos' quell'ippodromo cos ristretto, a paragone
dell'immenso campo di corse, costituito dal territorio di tutta la
repubblica americana, sul quale gareggiavano i giocatori della corsa
Hypperbone, sotto il segno dei sette colori dell'arcobaleno?
Durante il pomeriggio le due amiche si limitarono a percorrere i
quartieri principali di Louisville e a valicare il ponte di
ottocentododici tese gettato sull'Ohio, che unisce la citt ai sobborghi
di New Albany e di J efferson del territorio dell'Indiana, che
complessivamente hanno una popolazione di duecentomila abitanti.
Evitarono per di avventurarsi nei quartieri industriali, ove
abbondano officine, manifatture di tabacco, fabbriche di pelletterie,
filature, distillerie, cantieri navali e fabbriche di macchine agricole.
Louisville domina l'Ohio dal pianoro di una rape alta una trentina
di metri, tagliata a picco. Lo sguardo abbraccia il corso irregolare del
fiume, il canale che fiancheggia la sua riva sinistra, le isole Sand e
Coose, la ferrovia che lo attraversa e le belle cascate formate dalle
sue acque ruggenti.
Verso le nove della sera, le ragazze tornarono all'albergo. Erano
stanche: Lissy lo ammetteva, ma J ovita non voleva convenirne.
Buona notte disse J ovita coricandosi.
Quando ripartiamo? chiese Lissy.
Domani mattina.
Cos presto, J ovita? Occorrono solo poche ore per giungere al
termine del nostro viaggio. Il tempo non ci manca
Non si ha mai abbastanza tempo, quando si tratta di Mammoth
Caves! rispose J ovita. Dormi bene, mia cara; penser io a
svegliarti.
Non ci si sorprenda quindi se il giorno dopo, 30 maggio, il treno
portava le due ragazze verso il Sud: le separavano dalle celebri grotte
circa centocinquanta miglia di territorio poco accidentato, cosparso
di profonde foreste, tra le quali si vedono campi di cereali e,
soprattutto, piantagioni di tabacco.
Oltre la cittadina di Maufort, l'unica servita dalla ferrovia in quella
parte della provincia, si spiega la deliziosa vallata del Green River.
Questo affluente dell'Ohio spinge le sue acque limpide sotto un
tappeto di piante acquatiche: nelumbi verdi e pontederie dai fiori
azzurri e gialli, i cui colori ricordavano quelli di Hermann Titibury,
di Harris T. Kymbale e di Lissy Wag.
Prima di mezzogiorno le due amiche scesero al Mammoth
Hotel, albergo di prim'ordine, posto quasi all'ingresso delle grotte,
in una incantevole posizione.
Nonostante la curiosit che la divorava, J ovita Foley dovette
rimandare al giorno dopo la visita alle Mammoth Caves, poich, a
quell'ora, le guide erano ormai partite. Avrebbe potuto passeggiare a
suo piacere per i dintorni, se ne avesse avuto voglia; oppure
percorrere l'incantevole vallata e risalire le ombrose rive del fiume,
che dopo mille cascatelle va a gettarsi nel Green River.
L'albergo era tale da offrire ai turisti che vi affluivano ogni
comodit. Si componeva di pi villette destinate a usi diversi e
provviste di tutti i comfort. Le viaggiatrici erano attese con una certa
impazienza, in quella parte del Kentucky cosa che non dispiacque
affatto a una di esse e a loro disposizione fu messa una camera, la
cui finestra dava sulla vallata.
In quel periodo dell'anno, erano gi numerosi i turisti impazienti
di esplorare le Mammoth Caves. J ovita Foley lo pot costatare di
persona quando, verso le sei pomeridiane, ud il suono spaventoso
del gong usato negli alberghi americani per chiamare gli ospiti a
pranzo.
Il governatore dell'Illinois J ohn Hamilton, che si trovava col da
turista, volle che Lissy Wag sedesse alla sua destra e J ovita Foley
alla sua sinistra. Era abbastanza per far girare la testa a una ragazza
suscettibile.
Ma se il governatore dell'Illinois, i suoi amici e gli altri visitatori
fecero cos simpatica accoglienza alla quinta giocatrice e alla sua
compagna, bisogna anche dire che le due giovani non furono accolte
meno bene dalle signore venute a vedere le grotte del Kentucky. Da
ci si desume quale rialzo avessero subito le azioni di Lissy Wag;
non faceva presagire, quel rialzo, il suo trionfo finale? E non si vorr
perdonare a J ovita Foley, che ebbe la sua parte di attenzioni e di
premure, se tendeva a identificarsi sempre pi con la sua cara Lissy,
la quale, del resto, non avrebbe mai pensato di fargliene rimprovero?
Il pranzo, preparato da un cuoco francese e ben servito, fu ottimo
e abbondante, anche se non comportava il gran numero di piatti soliti
sulle mense americane: zuppa ai gambo, fiorellini simili ale
cappuccine; trote appena pescate nel grazioso affluente del Green
River, nel punto in cui esso si allarga come un placido lago; rosbif
tradizionale, con tutta la serie di salse piccanti; prosciutto affumicato;
plum-cake; ortaggi e frutta di ogni specie.
E non bisogna dimenticare le coppe di champagne che molti
invitati mandarono alle due amiche, invitandole a bere. Esse si
limitarono certamente a bagnarvi le labbra, ma risposero con un
garbato saluto a quelle cortesie. Poi fu la volta degli entusiastici
brindisi alla prossima vittoria della leggiadra favorita della gara
Hypperbone!
J ovita Foley non si era mai trovata a feste del genere; tuttavia,
seppe mantenere insieme con l'amica dignitosa compostezza.
Occorre per dire che se Lissy riceveva i complimenti con istintivo
riserbo, J ovita, pi espansiva, li accettava con evidente
soddisfazione.
Verso le dieci di sera, quando furono entrambe nella loro camera,
J ovita chiese all'amica:
Che te ne pare?
Non me ne pare nulla rispose Lissy.
Possibile! Non sei commossa per l'accoglienza che ci stata
fatta? per il modo in cui il governatore ci ha trattate? per la cortesia
dei turisti, che certamente scommetteranno tutti per noi?
Povera gente!
E non desideri dimostrare loro la tua gratitudine cercando di
vincere?
Desidero dormire, nient'altro dichiar Lissy Wag e vado
subito a letto. Ti consiglio di fare come me.
Dormire? Potrei forse dormire?
Buona notte, J ovita!
Va bene, farina dai milioni! rispose J ovita, che forse non si
era limitata soltanto a bagnare le labbra nelle coppe di champagne.
Buona notte!
Poi aggiunse, con uno sbadiglio:
Come vorrei che fosse gi domani!
Il giorno successivo giunse, come di consueto, ed ebbe inizio con
un bel sorgere del sole, che precedette di due ore il sorgere di J ovita
dal letto.
Lissy non pot resistere a lungo alle continue sollecitazioni
dell'amica perch si alzasse e si vestisse: alle otto erano entrambe
pronte a lasciare l'albergo.
Per esplorare tutte le grotte del Kentucky per lo meno ci che si
conosce ci vogliono, a quanto pare, sette o otto giorni. L'arteria
principale lunga circa tre o quattro leghe e l'immensa cavit ha una
capacit di circa undici miliardi di metri cubi. Essa solcata in ogni
senso da duecento viali, corridoi, gallerie, passaggi, camminamenti; e
ci concerne appena, opportuno ripeterlo, la parte finora scoperta.
Si era al 31 maggio e Lissy aveva ancora sei giorni a sua
disposizione, e cio fino al mattino del 6 giugno. Ben impiegato, quel
tempo sarebbe bastato a soddisfare la visitatrice pi curiosa,
foss'anche l'appassionata J ovita.
Le esplorazioni si effettuavano in varie riprese e in numerosa
compagnia, sotto la direzione delle migliori guide addette al servizio
delle grotte.
Ben coperti, a causa della bassa temperatura che regna in fondo
alle caverne, i turisti si avviarono, alle nove, lungo il sentiero che si
insinua tra le rocce e conduce alle grotte, per giungere poco dopo
dinanzi alla stretta apertura di un corridoio (lasciato quale natura l'ha
fatto) attraverso la quale le persone di alta statura non possono
passare senza abbassare il capo.
Le guide erano accompagnate da negri che portavano lampade da
minatori e torce accese. Sotto i luminosi riflessi prodotti dalle mille
sfaccettature delle pareti, i visitatori raggiunsero una scala tagliata
nella roccia. Quella scala conduce, attraverso una galleria pi ampia,
alla grande sala della Rotonda.
Da qui si diramano numerosi passaggi, di cui occorre conoscere
bene le sinuosit, per non correre il rischio di smarrirsi quando non ci
si vuole servire di una guida, per risparmiarne la spesa. Non esiste al
mondo labirinto pi complicato, e neanche quelli di Lemno e di
Creta fanno eccezione.
Un ampio corridoio condusse i turisti in una delle caverne pi
spaziose delle Mammoth Caves, denominata Chiesa gotica.
Perch gotica? Forse per lo stile ogivale che caratterizza
l'architettura della costruzione? Poco importa! Essa meravigliosa
per le sue stalagmiti e stalattiti, per le colonne contorte che la
sostengono, per le forme assunte dalle rocce disposte a strati delle
quali la luce mette in risalto le concrezioni cristallizzate, per la
disposizione naturale e pur cos capricciosa delle rocce stesse: qui, a
forma di altare, sul quale sembrano ammucchiarsi gli ornamenti
liturgici; l a forma di possente cassa d'organo, le cui canne salgono
fino alle nervature della volta; ancora oltre, un balcone o, meglio, un
pulpito, dal quale pi di una volta predicatori d'occasione hanno
parlato a un pubblico di cinque o seimila fedeli.
ovvio che i turisti condividessero lo stupore di J ovita Foley e
recitassero la loro parte nel concerto di ammirazione.
Ti dispiace, Lissy, di aver fatto questo viaggio?
No, J ovita, bellissimo.
E tutto ci opera della natura; la mano dell'uomo non avrebbe
saputo scavare queste grotte! Ci troviamo nelle viscere della terra!
Mi fa paura soltanto il 'pensiero che ci si potrebbe smarrire
rispose Lissy.
Ti credo, mia cara; e se ci smarrissimo fra i meandri delle
Mammoth Caves e non potessimo essere presenti all'arrivo del
telegramma del signor Tornbrock?
Avevano gi percorso mezza lega per raggiungere la Chiesa
gotica. Andando avanti nell'esplorazione, fu necessario curvarsi
molte volte e strisciare lungo strettissimi budelli per raggiungere la
sala dei Fantasmi. Con suo vivo disappunto, a J ovita non apparve in
quella sala nessuno dei fantasmi che la sua fantasia sognava di
evocare in quelle sotterranee cavit.
In realt, la sala dei Fantasmi non altro che un luogo di sosta,
ben illuminato da torce. Vi si trovava un bar molto ben tenuto, nel
quale il personale del Mammoth Hotel serviva la colazione in
precedenza preparata.
La sala meriterebbe piuttosto il nome di Sanatorium, perch l
che si recano i malati che credono nelle virt terapeutiche dell'aria
delle grotte del Kentucky. Quel giorno, ce n'erano una ventina e
presero posto di fronte al gigantesco scheletro di mastodonte, al
quale quei vasti ipogei debbono probabilmente il nome di Mammoth.
La prima visita, che sarebbe stata seguita da molte altre, si limit a
quella parte delle grotte ed ebbe termine dopo un'altra sosta in una
cappelletta, che sembr ai turisti la Chiesa gotica in formato ridotto.
La cappelletta confina con un abisso insondabile, nel quale le guide
gettano carta in fiamme nell'intento di rischiararne le oscure
profondit. Si tratta del Bottomless-Pit, la cui parete incavata forma
la Sedia del Diavolo; al diavolo sono ovviamente collegate alcune
leggende, e sarebbe davvero incredibile se non ve ne fossero.
Dopo la faticosa giornata, i turisti non si fecero pregare per
ripercorrere la galleria che li ricondusse all'ingresso delle grotte,
preferendola all'uscita attraverso la cupola di Ammath, abbastanza
vicina all'albergo, ma la cui estremit si raggiunge solo dopo un
lungo giro.
Un'ottima cena e un'intera notte di riposo restituirono alle due
amiche le forze necessarie per l'esplorazione del giorno successivo.
A percorrere quelle meravigliose caverne passeggiata
attraverso il mondo incantato delle Mille e una notte si era del resto
generosamente ripagati della fatica, anche se non vi si incontravano
n demoni n gnomi; e J ovita era perfettamente convinta che lo
spettacolo superava i limiti dell'immaginazione umana.
Ecco perch l'energica giovane, rivelando un'insospettata
robustezza, per cinque giorni di seguito, tanto da stancare guide e
turisti, impose a se stessa il compito di esplorare ci che si conosceva
delle celebri grotte, con il solo rammarico di non potersi lanciare
nell'ignoto. Ma ci che ella fece la sua amica non fu in grado di farlo;
dopo il terzo giorno, Lissy Wag dovette chiedere grazia. Non
bisognava dimenticare che era stata ammalata e che occorreva
proseguire il viaggio e affrontare altre fatiche.
Ecco perch Lissy non accompagn l'amica nelle ultime
escursioni.
J ovita visit la grotta della Cupola Gigante, alta settantacinque
tese, e la camera stellata, le cui pareti sembrano incrostate di
diamanti e di altre pietre preziose che brillano alla luce delle torce;
visit il viale Cleveland, tappezzato di merletti e di fiori minerali, e
la sala da Ballo, le cui pareti solcate da trasudazioni bianchicce
hanno il colore della neve; visit le Montagne Rocciose, ammassi di
rocce e di alti picchi tali da lasciar credere che le catene dell'Utah e
del Colorado si ramifichino fin nell'interno del nostro globo; la
Grotta delle Fate, ricca di formazioni sedimentarie alimentate da
sorgenti sotterranee, con archi, pilastri, e anche una specie di albero
gigantesco un palmizio di pietra che si allarga fino alla cupola della
sala, lontana quattro leghe dall'entrata principale di Mammoth Caves.
Quale ricordo avrebbe sempre conservato l'instancabile visitatrice,
di ci che vide, quando, valicata la soglia del duomo di Goran,
ridiscese in barca il corso dello Stige, che come un sotterraneo
Giordano va a gettarsi in un Mar Morto! Ma se vero che nelle
acque del biblico fiume nessun pesce pu vivere, non cos per
quelle di questo gran lago ipogeico. Vi si pescano a miriadi i siredoni
e quei cipronidoni il cui apparato ottico completamente obliterato,
similmente alle specie senza occhi che si rintracciano in certe acque
del Messico.
Tali sono le meraviglie impareggiabili di quelle grotte, le quali
hanno finora rivelato appena una piccola parte dei loro segreti. Che
cosa mai ancora celano alla curiosit universale? Non si scoprir
forse un giorno che le viscere della terra racchiudono un mondo
straordinario?
Scoccarono alla fine le ultime ore dei cinque giorni che J ovita e la
sua compagna dovevano trascorrere a Mammoth Caves. Il
telegramma che sarebbe giunto all'ufficio postale dell'albergo era
atteso per il 6 giugno. L'interesse che i turisti mostravano per la
quinta giocatrice avrebbe fatto trascorrere la mattina del giorno
seguente in un'attesa febbrile, in una specie di impazienza che Lissy
Wag era forse la sola a non sentire.
La cena della sera vide ricominciare con cresciuto ardore i brindisi
del giorno precedente. Con quale slancio echeggiarono gli evviva
quando J ohn Hamilton, uniformandosi alla regola adottata dai
governatori di accogliere delle signore nel loro stato maggiore,
nomin Lissy Wag colonnello e J ovita Foley tenente colonnello
dell'esercito dell'Illinois!
Se la prima di detti nuovi ufficiali, sempre modesta, si sent un po'
impacciata dall'onore fattole, l'altra lo accolse come se avesse
indossato sempre l'uniforme.
Quella sera, quando si ritrovarono nella loro camera, J ovita disse,
facendo il saluto militare:
Che te ne pare, mio colonnello?
Pura follia rispose Lissy; temo che finir male.
Vuoi stare zitta, mia cara? O vuoi che, dimenticando che sei
mio superiore, ti manchi di rispetto?
E con quelle parole, dopo averle dato un bacio, and a coricarsi
sognando che era stata nominata generale.
Il mattino seguente, fin dalle otto, gli ospiti dell'albergo facevano
gi ressa dinanzi all'ufficio postale in attesa del telegramma spedito
dal notaio Tornbrock.
Non sarebbe facile descrivere l'interesse che quel pubblico cos
cordiale mostrava per le due amiche. Dove le avrebbe mandate la
sorte? Sarebbero state inviate all'altra estremit dell'America?
Avrebbero ottenuto molto vantaggio sui loro concorrenti?
Mezz'ora dopo rison il campanello dell'apparecchio.
Giungeva il telegramma diretto a Lissy Wag, Kentucky,
Mammoth Hotel, Mammoth Caves.
Un profondo, quasi religioso silenzio regn di colpo fuori e dentro
l'ufficio.
Quali non furono lo stupore, la delusione e la disperazione di
J ovita Foley, quando ella lesse con voce tremante:
Quattordici, con sette raddoppiato, cinquantaduesima casella,
Saint-Louis, Stato del Missouri.
Tornbrock.
Era la casella della prigione! Dopo aver pagato una tripla penalit,
la sfortunata Lissy era costretta a restarvi fino a quando un altro
sfortunato giocatore non fosse andato a prendere il suo posto!
CAPITOLO VI
LA VALLE DELLA MORTE
LA MATTINA dell'1 giugno, un treno uscito dalla stazione
californiana di Stakton, cittadina posta nell'antico bacino lacustre del
Saint-J oachim, correva velocemente in direzione sud-est.
Composto di una locomotiva, una vettura e un bagagliaio, quel
treno, non previsto dall'orario ferroviario, era partito tre ore prima di
quello che attraversa le regioni meridionali dello Stato, da
Sacramento alla frontiera dell'Arizona.
La California occupa, con le sue 158.000 miglia quadrate, il
secondo posto nella Confederazione americana. limitata a nord e a
sud da due gradi di latitudine e a est da una linea spezzata, il cui
angolo si appoggia al lago di Tahoe e al Colorado River. L'oceano
Pacifico ne bagna a ovest il litorale, per seicento miglia. La sua
popolazione di origine europea, americana e asiatica; essa risulta
molto mescolata a causa dell'immigrazione che segu alla scoperta di
miniere d'oro, avvenuta dopo il trattato del 1848, con il quale il
Messico cedeva il dominio californiano alla repubblica federale. In
rapporto alla vastit del suo territorio, l'esiguo numero di abitanti
un milione e duecentomila ne fa una regione scarsamente
popolata.
La regione, che il treno straordinario attraversava con incredibile
rapidit, non sembrava attirare l'attenzione dei viaggiatori. Ma, siamo
certi che esso trasportava qualche viaggiatore? S, ne siamo certi,
poich ogni tanto apparivano dietro i vetri, per sparire subito dopo,
due visi burberi, o, per dir meglio, truci. Qualche volta, anzi, il vetro
del finestrino veniva abbassato, una mano pelosa scoteva fuori la
cenere di una corta pipa e subito rientrava.
Se fossero stati nella parte settentrionale della regione, i due
viaggiatori avrebbero dato, forse, un'occhiata pi attenta al
paesaggio. Al nord e al centro, le campagne, che si prestano
all'allevamento del bestiame, sono fertilissime e molto coltivate:
producono grano in abbondanza e soprattutto orzo le cui spighe
misurano circa quattro metri granturco, sorgo e avena. Nei frutteti
abbondano peschi, peri, ciliegi e vere foreste di alberi da frutto. I
vigneti inoltre sono cos prosperi da consentire alla sola California di
produrre un terzo dell'intero raccolto americano. Tanta abbondanza
di ricchezze proviene da un suolo fertile e inesauribile, mantenuto
tale da un ottimo sistema di irrigazione.
Non bisogna per credere che il bacino bagnato dal Saint-J oachim
e dai suoi affluenti sia improduttivo. Le loro acque gli hanno
assicurato una notevole produzione agricola. Ma i viaggiatori non lo
degnavano di uno sguardo, quasi fosse votato alla sterilit, come
cinquant'anni prima, quando la mano dell'uomo non vi era ancora
intervenuta.
La California gode di un clima particolare. Il caldo pi sensibile
in settembre che in luglio: le sue linee isotermiche non seguono gli
stessi paralleli del resto dell'Unione. Le tormente nate sull'immensa
area del Pacifico non sempre raggiungono la regione. Alcune sono
bloccate dai monti della costa, altre urtano contro il dorso della
Sierra Nevada, ove si dissolvono in piogge favorevolissime alla
prosperit delle conifere pini, abeti, tassi, larici, cedri, cipressi
che a partire da cinque o seicento tese ricoprono i fianchi della catena
montuosa. Alberi, come le sequoie bigtrees, che gli inglesi
chiamano wellingtonie e gli americani washingtonie, non
misurano meno di diciotto metri di circonferenza per cento di altezza.
Chi erano dunque i viaggiatori che si mostravano cos indifferenti
al paesaggio? Da dove venivano? Dove andavano? Erano forse
entusiasti californiani, venuti a precipizio perch attratti dalla
scoperta di nuovi filoni? Oppure cercatori di nuovi terreni auriferi,
dal momento che sempre lecito sperare che i sei miliardi di franchi,
estratti negli ultimi quarant'anni, non abbiano esaurito gli ultimi
giacimenti? Quel terreno possiede, del resto, soprattutto nelle
adiacenze della catena del litorale, altre preziose miniere di cinabro,
solfuro rosso di mercurio e cinabro indigeno, che negli sfruttamenti
di New Almaden, tra il 1850 e il 1886, non hanno reso meno di cento
milioni di libbre, e cio quarantacinquemila tonnellate circa.
Quei viaggiatori potevano essere, dopo tutto, fondatori di
bonanzas fartns, membri dei grandi sindacati di sfruttamento
agricolo, temuti dai piccoli coltivatori per gli abbondanti capitali
forniti loro dall'Inghilterra. Potrebbe il denaro, d'altra parte, non
accorrere dove la vite d grappoli molto carichi e i peri producono
pere di quarantacinque centimetri di circonferenza? Se il Texas
possiede fattorie di un milione di ettari, la California ne possiede
altre la cui superficie raggiunge i milleduecento chilometri quadrati.
Si doveva trattare, in ogni caso, di gente molto ricca e che aveva
molta fretta, se si concedeva il lusso di viaggiare su un treno
speciale, pur avendo a propria disposizione quelli regolari della
Southern Pacific, con i quali avrebbe impiegato certamente mezza
giornata di pi, risparmiando per migliaia di dollari.
Poich non sono molti i treni che percorrono la linea, il permesso
di far viaggiare quel treno speciale, che ora filava a grande velocit,
era stato facilmente accordato. Si trattava, del resto, di un tragitto
relativamente breve, sul percorso della diramazione che si stacca da
Beno, passa per Carson City, capitale del Nevada, penetra nello Stato
della California alla stazione di Bentom, per poi terminare in quella
di Keeler: circa duecentoquaranta miglia, e cio sei o sette ore di
viaggio.
E tante ce ne vollero, infatti, non essendo successo alcun
inconveniente che potesse esser causa di un minimo ritardo.
Alle undici del mattino, la locomotiva emise gli ultimi sbuffi, un
quarto di miglio prima di raggiungere la stazione di Keeler, dove poi
venne a fermarsi.
Due uomini balzarono sul marciapiede; il loro bagaglio era
limitato allo stretto necessario: una valigia e una cassa di provviste
che non sembrava essere stata ancora aperta. Entrambi portavano una
sacca da viaggio e una carabina ad armacollo.
Uno dei due si accost alla locomotiva e disse al macchinista:
Aspettate, quasi si fosse trattato di un cocchiere dalla cui carrozza
si scende per fare una visita.
Il macchinista fece un segno di assenso e inizi la manovra per
trasferire il treno su un binario morto, in modo da non intralciare la
normale circolazione ferroviaria.
Seguito dal compagno, il viaggiatore si diresse verso l'uscita, dove
una persona ne spiava l'arrivo.
qui l'auto? chiese brevemente.
Da ieri.
In buone condizioni?
In buone condizioni.
Partiamo.
Un attimo dopo i due viaggiatori prendevano posto in una comoda
automobile, mossa da un possente motore, e filavano rapidamente
verso est.
Il lettore avr gi riconosciuto nei due viaggiatori il commodoro
Urrican e il suo fedele Turk, anche se nessuno di loro si era ancora
abbandonato alla propria naturale irascibilit n contro il macchinista
del treno speciale il quale, peraltro, aveva raggiunto la stazione
all'ora stabilita n contro l'autista che li aspettava a Keeler, come
d'accordo.
Ma per quale miracolo Hodge Urrican, che abbiamo lasciato
mezzo morto nell'ufficio postale di Key West il 25 maggio,
ricompariva otto giorni dopo nella cittadina californiana, a circa
mille e cinquecento miglia dalla Florida? E come aveva mai fatto a
compiere quel tragitto in cos breve tempo? E come mai, infine, il
sesto giocatore, che una diabolica sfortuna perseguitava, tanto da non
sembrare pi in grado di continuare la partita, era l, pi deciso che
mai a parteciparvi sino alla fine?
Sappiamo gi che il naufrago della Chicola era stato trasportato
nell'ufficio telegrafico di Key West senza ancora aver ripreso
conoscenza; sappiamo anche che il telegramma, spedito il mattino
stesso da Chicago, era giunto a mezzogiorno in punto. Quale
spiacevole risultato, per, esso annunciava! Un colpo sfortunato
come nessun altro: cinque, fatto con un due e un tre!
Quel colpo mandava il commodoro dalla cinquantatreesima alla
cinquantottesima casella, dalla Florida alla California, costringendolo
ad attraversare il territorio dell'Unione da sud-est a nord-ovest! E
quel che era peggio, la casella risultava essere quella della morte,
assegnata a quello Stato da William J . Hypperbone! Il giocatore era
costretto a recarsi a Death Valley, da dove, pagata una tripla penalit,
doveva poi raggiungere Chicago! E ci, dopo aver esordito con un
colpo da maestro!
Quando si rese conto del contenuto del telegramma, dopo essere
tornato in s, in seguito a energiche frizioni coadiuvate dalle non
meno energiche pozioni somministrategli, Hodge Urrican fu colto dal
pi terribile accesso di collera che Turk avesse mai visto. E ci bast
a rimetterlo in piedi.
Per fortuna dei presenti, il commodoro non incontr persona con
cui prendersela e Turk non ebbe perci bisogno, come al solito, di
essere pi violento di lui.
Hodge Urrican disse una sola parola, ma di quelle che in certi casi
assumono valore storico:
Partiamo!
Un silenzio glaciale segu a quella parola. Turk dovette dire al suo
padrone dove si trovava e come stavano le cose. Fu allora che egli
apprese ci che ancora ignorava: il naufragio della goletta, il
trasporto dei passeggeri e dell'equipaggio a Key West, dove non c'era
nave che salpasse per un porto dell'Alabama o della Louisiana.
Hodge Urrican era inchiodato, come Prometeo, alla roccia e il suo
cuore sarebbe stato divorato dall'avvoltoio dell'impazienza e
dell'impotenza.
Bisognava, infatti, che egli si recasse, entro i quindici giorni
previsti, dalla Florida in California e dalla California nell'Illinois.
Come si vede, la parola impossibile di tutte le lingue, anche di
quella americana, bench si creda, in genere, che gli audaci yankees
l'abbiano cancellata dal loro vocabolario!
Il pensiero di poter perdere la partita, per l'impossibilit di lasciare
il giorno stesso Key West, procur al commodoro una seconda crisi
di nervi, con grida, imprecazioni e minacce che fecero tremare i vetri
dell'ufficio postale. Turk riusc a placarlo solo dopo essersi
abbandonato, a sua volta, ad atti di insolito furore, tanto da indurre il
padrone a invitarlo alla calma.
Quale crudele necessit, ma quale crudele ferita, al tempo stesso,
per l'amor proprio di un giocatore, essere costretto a ritirarsi dalla
partita! Quale umiliazione per la Bandiera Arancione, doversi
abbassare dinanzi alle altre!
Ma proprio vero che non vi sono che alti e bassi, in questo
nostro mondo! La buona e la cattiva sorte camminano accanto, nella
vita, e a volte l'una segue l'altra con la rapidit del fulmine. Ed ecco
come, per un provvidenziale intervento, la situazione che appariva
disperata si risolse nel migliore dei modi.
A mezzogiorno e trentasette minuti, il semaforo del porto di Key
West segnal la presenza di una nave, a cinque miglia al largo.
I curiosi che facevano ressa dinanzi all'ufficio telegrafico si
recarono, con Hodge Urrican e Turk in testa, sopra un'altura da dove
lo sguardo poteva abbracciare l'ampio mare.
Alla distanza sopra indicata il fumo di una nave a vapore si
spandeva in lunghi pennacchi fuligginosi.
Gli interessati cominciarono allora a chiedersi:
Verr, quella nave, a Key West?
E se verr a Key West, vi far sosta o ripartir oggi stesso?
E se ripartir subito, far poi scalo in un porto dell'Alabama,
del Mississippi, oppure della Louisiana? a New Orleans, a Mobile o
a Pensacola?
E se far scalo in uno di questi porti, andr poi abbastanza
veloce da effettuare la traversata in quarantotto ore?
Come si vede la nave doveva soddisfare a ben quattro richieste. E
fu in grado di farlo pienamente. Il President Grant avrebbe fatto
sosta a Key West solo poche ore, ne sarebbe ripartito in serata diretto
a Mobile, ed era una nave a vapore molto veloce: tra le pi rapide
della flotta mercantile degli Stati Uniti.
E inutile aggiungere che Hodge Urrican e Turk vi furono accolti
come passeggeri e che il capitano Humper si interess al
commodoro, come il capitano dello Sherman si era interessato a Tom
Crabbe. Fu cos che con mare tranquillo e una lieve brezza di sud-est
il President Grant diede il meglio di s, e cio una ventina di miglia
all'ora, permettendo ai due passeggeri di giungere a Mobile la notte
del 27.
Regolato generosamente il prezzo del passaggio, Hodge Urrican e
Turk saltarono sul primo treno e percorsero in venti ore le settecento
miglia che separano Mobile da Saint-Louis.
A Saint-Louis si verificarono gli incidenti che gi sappiamo:
difficolt con un capostazione a Hercolanum, necessit per Urrican
di andare a Saint-Louis per reclamare la propria valigia, incontro con
Harris T. Kymbale e relativa provocazione, ritorno a Hercolanum in
serata, partenza il giorno seguente, colpi di rivoltella scambiati
nell'istante in cui i treni si incrociavano, arrivo a Saint-Louis. La
ferrovia condusse poi il commodoro a Topeka il 30, la linea della
Union Pacific lo port a Ogden il 31, e successivamente a Reno, da
dove egli part, alle sette del mattino, per la stazione di Keeler.
Ma giunto a Keeler, il commodoro non sar ancora a Death
Valley, Stato della California, dove necessario che egli si rechi.
Tra Keeler e Death Valley la strada era discretamente
carrozzabile, ma non esisteva un servizio di trasporto. Niente cambio
di cavalli di posta, niente servizio di tappa. Bisognava dunque
percorrere a cavallo, in brevissimo tempo, quasi quattrocento miglia,
tra andata e ritorno? Impossibile! anche perch la strada, sinuosa,
attraversava una regione molto accidentata.
A Saint-Louis Hodge Urrican aveva avuto la felice idea di
chiedere per telegramma, a Sacramento, se fosse stato possibile
mettere a sua disposizione un'automobile e mandargliela a Keeler
dove essa avrebbe dovuto attendere il suo arrivo.
La risposta fu affermativa. L'automobile uno degli ultimi
modelli avrebbe atteso alla stazione di Keeler il commodoro
Urrican. Due giorni sarebbero stati sufficienti per raggiungere Death
Valley, e altri due per tornare indietro: prima dell'8 giugno poteva,
quindi, essere a Chicago. La buona sorte sembrava tornare a
sorridere al vecchio lupo di mare.
In seguito a quegli accordi, l'automobile si trovava l1 giugno a
Keeler, all'arrivo del treno, e lasciava subito la cittadina per seguire
la strada che conduce a Death Valley.
Naturalmente la fretta con cui compiva il viaggio non permetteva
al commodoro Urrican di avere la curiosit del turista. La Union
Pacific lo aveva trasportato, attraverso il Nebraska, lo Wyoming, le
Montagne Rocciose e per il passo di Truckee, a mille tese di
altitudine; poi, attraverso l'Utah, fino all'estremit del Nevada. Non
era sceso dalla vettura n a Ogden, per vedere Great Salt Lake City,
n a Carson, per visitare la citt. Non aveva pensato neppure di dare
un'occhiata di ammirazione a Sacramento, capitale dell'Eldorado
californiano: Sacramento era stata rialzata quasi interamente a causa
dei disastri provocati dalle inondazioni dell'Arkansas. Si era colmato
il suolo, in modo da renderlo pi alto del livello raggiunto dalle pi
forti piene, e le case vi erano state ricostruite sopra, da dieci a
quindici metri pi in alto. Ora, saldamente piantata sulle rive del
fiume che porta il suo nome, questa citt di ventisettemila abitanti
mostra un bell'aspetto, con il suo Campidoglio di foggia
architettonica, le vie principali piacevolmente disposte, e il quartiere
cinese che sembra staccato dalle province del Celeste Impero.
Se, in condizioni del genere, Max Ral o Harris T. Kymbae
avrebbero lamentato la necessit di dover bruciare Sacramento, il
loro rammarico sarebbe stato molto pi profondo riguardo a San
Francisco. La metropoli dello Stato conta trecentomila anime e
occupa una posizione unica al mondo, dinanzi a una baia di cento
chilometri quadrati grande come il lago Ibernano sulla soglia
della Porta d'Oro, aperta sul Pacifico. Bisogna percorrere i suoi
quartieri eleganti, le sue larghe e animatissime arterie, la via
Sacramento, la via Montgomery, ove sorge l'Occidental Hotel,
tanto ampio da alloggiare un'intera colonia; la meravigliosa Frisco,
magnifica via che fa da Broadway, Piccadilly e Rue de la Paix, con
case tutte di un bianco abbagliante, balconi e miradores di foggia
messicana, con festoni di fiori e di foglie; i suoi giardini, ove
prosperano le specie pi belle della flora tropicale; e persino i suoi
cimiteri, che sono parchi dove la gente si reca a passeggio; e, a otto
miglia, il ritrovo di Cliff-house, con la bellezza della sua natura
selvaggia. Per quanto riguarda il commercio di esportazione e di
importazione, poi, questa metropoli non forse l'eguale di Yokoama,
Shangai, Hong-Kong, Singapore, Sidney e Melbourne, sovrane dei
mari orientali?
Anche se vi fosse giunto di domenica, il commodoro Urrican non
avrebbe trovato una citt morta, come tante altre degli Stati Uniti. Da
quando l'elemento francese vi domina, non quanto l'elemento cinese,
tuttavia, Frisco ha cominciato a darsi arie mondane.
Nell'ambiente californiano, il commodoro avrebbe incontrato
scommettitori frenetici impegnati nella gara Hypperbone. San
Francisco non forse per eccellenza citt di speculatori? citt di trust
societ finanziarie di accaparramento di tutte le medie industrie
similari dove la passione del gioco si manifesta in forme violente,
dove le fortune si creano e si dissolvono in qualche speculazione di
Borsa, come in un colpo di dadi, e dove il polso batte sempre come
cinquantanni fa, all'epoca della febbre dell'oro? Gli audaci
californiani non avrebbero forse applaudito all'uso dell'automobile,
da parte del sesto giocatore? E Hodge Urrican, uomo di grande
energia, non sarebbe forse diventato il loro favorito, pur dovendo
ricominciare la partita in condizioni tanto svantaggiose?
Il commodoro era scusato, peraltro, dal fatto di non aver avuto
un'ora di tempo da perdere; d'altra parte, non aveva una natura tale da
poter desiderare di visitare la California, neppure frettolosamente.
Max Ral, e forse anche Harris T. Kymbale, la curiosit del turista
avrebbero voluto invece soddisfarla, a condizione di averne il tempo.
Le diverse linee ferroviarie e le numerose navi a vapore li avrebbero
trasportati a Mariposa, nei pressi dell'impareggiabile vallata dello
Yosemite, ove affluiscono i turisti; a Oakland, di fronte a Frisco,
sulla costa della Baia, la cui gettata, lunga circa una lega, finir con
lo svilupparsi da una riva all'altra; allo stretto di Carquinez; a
Benicia, ove le chiatte a vapore prolungano la rete ferroviaria,
trasportando treni interi; all'incantevole Santa Clara, che sar ben
presto unita alla vicina San J os; al celebre osservatorio del monte
Hamilton; alla spagnola Monterey, diventata stazione balneare
ricercata per l'ombra dei suoi cipressi di specie rarissima; a Los
Angeles, sulla costa meridionale, seconda citt dello Stato, dove si
gode un clima senza l'eguale per l'abbondanza di eucalipti, pepi,
ricini arborei, aranci, banani, caff, t, caucci, e di altri alberi che
producono frutta tutto l'anno: sanatorio molto apprezzato dagli
americani dell'Ovest. Infine, forse anche per una oculata
combinazione di orari, il giovane pittore e il cronista del Tribune
avrebbero potuto spingersi sino alla frontiera meridionale dello Stato,
dove la graziosa citt di San Diego, dall'aria pura e salubre, attende,
in riva a un estuario praticabile dalle navi di grande tonnellaggio -
che lo sfruttamento delle miniere di borato e di carbonato di soda ne
faccia un importante porto del Pacifico.
Hodge Urrican non aveva visto nulla e non aveva pensato neppure
di vedere qualcosa; probabilmente non desiderava veder nulla,
durante il suo viaggio attraverso la California centrale. Forse diceva a
se stesso che era abbastanza, che era gi troppo l'essere costretto ad
attraversare la regione compresa tra Keeler e la Valle della Morte.
L'auto inviata da Sacramento, di modello perfezionatissimo
motore Adamson, generalmente adottato in America, si rivel un
ottimo veicolo. Funzionava a petrolio e poteva fare il pieno per una
settimana di viaggio. In tali condizioni, anche nel caso che non fosse
stato possibile rinnovare la provvista di olio minerale lungo il
tragitto, l'automobile avrebbe percorso senza difficolt le trecento
miglia che costituivano il viaggio di andata e ritorno.
Hodge Urrican e Turk si erano dunque seduti in fondo a una
specie di comodo coup, dietro al guidatore e all'aiuto meccanico che
tenevano sottomano gli apparecchi di direzione e di marcia. Secondo
le sue abitudini, il commodoro si era chiuso in se stesso e Turk non
riusciva a strappargli di bocca una sola parola. Pensava alla meta da
raggiungere, ipnotizzato dalla sessantatreesima casella, ora cos
lontana, alla quale si era inizialmente tanto accostato. Non si
preoccupava del denaro che gli costava l'ultimo colpo di dadi: la
spesa del treno speciale, il costo dell'automobile, per non parlare
della tripla penalit tremila dollari che bisognava pagare a
Chicago, prima di ricominciare la partita. Era una faccenda di amor
proprio e d'onore, la sua; era l'umiliazione, s!, la vergogna di vedersi
superato dagli altri sei giocatori e, diciamolo pure!, il timore di
perdere l'eredit di Hypperbone.
L'automobile teneva un'andatura rapida e regolare. La strada, fin
da Keeler, si era mantenuta abbastanza buona, e il conducente aveva
gi raggiunto Death Valley. Si pass attraverso qualche borgata
isolata, oltre le antiche ramificazioni della Sierra Nevada, dominata
dal monte Whiney, la cui cima raggiunge quasi i
quattromilacinquecento metri di altezza.
Dopo aver attraversato a guado diversi torrenti, l'auto pieg a sud-
est, valic il fiume Chay-o-poo-vapah e, uscita dai passi di Walker,
incontr il villaggio di Indian Wells.
Fin allora il territorio attraversato non era stato del tutto deserto.
Si scorgevano fattorie molto distanti tra di loro. Ogni tanto capitava
di incontrare qualche coltivatore, che si recava dall'una all'altra di
quelle, e anche qualche drappello di indiani Mohaws un tempo
padroni del paese i quali, abituati a non stupirsi di nulla,
guardavano con indifferenza il veicolo meccanico. Il suolo, non
ancora spoglio di vegetazione, mostrava cespugli di creosoto, gruppi
di mezquite, ciuffi di yucca e cachi giganteschi, alcuni dei quali
misuravano persino otto tese: vi rappresentavano la coda
arborescente delle foreste del Nevada.
Non era quello, del resto, il famoso territorio di Calaveras e di
Mariposa? quello degli alberi-fenomeno Padre della Foresta e
Madre della Foresta, giganti la cui altezza supera i cento metri?
E se, invece di essere mandato a Death Valley, Hodge Urrican
avesse dovuto raggiungere la valle di Yosemite (a oriente di San
Francisco, verso la parte centrale della Sierra Nevada) o, meglio, se
fosse stato Max Ral a esservi condotto dalla sua buona stella, quale
ricordo egli non avrebbe conservato anche dopo aver visto le
meraviglie del Parco Nazionale dello Wyoming, di quest'altro parco
dominato dalle duemila tese del monte Syell? e delle sue bellezze
naturali dai nomi significativi (la Grande Cascata, di centosessanta
metri circa, la Cascata della Primavera, il Lago dello (Specchio,
gli Archi Reali, la Cattedrale, la Colonna di Washington),
tanto ammirate da migliaia di turisti?
L'automobile raggiunse infine il deserto, al limite del quale hanno
inizio le depressioni di Death Valley, con la loro immensa solitudine.
Non si vedevano n uomini n animali. Il sole ardeva sulle pianure
sconfinate, ove appariva appena qualche traccia di vegetazione
primitiva. N cavalli n muli avrebbero potuto nutrirvisi, ed era
perci una fortuna che il motore avesse avuto bisogno soltanto di
vapori di petrolio per far camminare il veicolo. Qua e l apparivano
alcune foot-hills, colline di media altezza circondate di chaparrals,
che sono dei cespugli non molto folti. Al calore opprimente del
giorno facevano seguito le notti californiane, secche e fredde, di cui
nemmeno la rugiada riesce a mitigare il rigore. Il 3 giugno il
commodoro Urrican raggiunse cos l'estremit meridionale di
Telescope Range, che chiude a ovest Death Valley. Erano le tre del
pomeriggio. Il viaggio era durato cinquanta ore, senza soste e senza
incidenti.
Non senza ragione se questo paese desolato, dal suolo d'argilla a
volte ricoperto da efflorescenze saline, stato chiamato Paese della
Morte. La vallata che lo chiude quasi alla frontiera del Nevada
, in realt, un canon largo diciannove miglia e lungo centoventi,
cosparso di abissi il cui fondo si abbassa a volte fino a trenta tese
sotto il livello del mare. Ai suoi margini, come del resto in tutto
l'arido territorio, non crescono che sottili pioppi, salici, di colore
malaticcio, yuccas secchi e fragili, dalle baionette acute, artemisie
fetide e innumerevoli macchie di cachi che in California sono
chiamati petalinas dai rami spogli, veri e propri candelabri funebri
deposti sul campo della Morte.
Death Valley fu senza dubbio, in epoca geologica anteriore
come fa rilevare lise Rechis, il letto dell'unico fiume che oggi
bagna la valletta di Amargoza, per poi riversarsi nel Soda Lake.
Nelle sue scarpate si trovano in gran quantit cristalli di sale e il
borace si accumula nelle sue cavit; alcune dune mescolano la loro
polvere sabbiosa alle correnti atmosferiche che a volte la percorrono
con estrema violenza.
La Valle della Morte era stata accuratamente scelta, dallo
stravagante testatore, per bloccare alla cinquantottesima casella lo
sfortunato giocatore, in marcia verso il traguardo.
Il commodoro Urrican era giunto dunque al termine del difficile
viaggio. Si ferm ai piedi della cresta dei Funeral Mounts, cos
chiamati in memoria delle carovane perite in quei tristi luoghi, e qui
ebbe la precauzione di scrivere un documento attestante la propria
presenza a Death Valley, in data 3 giugno. Il documento, sottoscritto
anche da Turk e dai due conducenti dell'automobile, fu poi sotterrato
ai piedi di una roccia.
Hodge Urrican rimase appena un'ora sulla soglia della Valle della
Morte. Non gli restava da far altro che lasciare al pi presto la
regione e tornare a Keeler, rifacendo la strada gi percorsa. Aprendo
bocca allora per la prima volta, disse una sola parola:
Partiamo!
L'automobile part e, sempre favorita dal tempo, torn ad
attraversare la regione superiore del deserto di Mohaws, ridiscese i
passi della Nevada, e raggiunse, senza incidenti, la stazione di Keeler
quarantotto ore dopo, cio il 5 giugno, alle undici del mattino.
Con tre parole energiche, il commodoro ringrazi l'autista e il suo
compagno che avevano mostrato tanto zelo e abilit
nell'adempimento del loro faticoso compito e rivolgendosi poi a
Turk, disse:
Partiamo!
Il treno straordinario era in stazione, in attesa del commodoro, e
pronto a partire. Hodge Urrican and direttamente dal macchinista e
gli disse:
Partiamo!
La locomotiva fischi e si lanci subito sui binari, spiegando la
massima velocit. Sette ore dopo si fermava a Reno. La Union
Pacific si comport molto correttamente in questa circostanza. Del
resto, essendo sottoposto a orari precisi, il treno non avrebbe potuto
allungare o abbreviare le soste. Esso attravers quindi le Montagne
Rocciose, lo Wyoming, il Nebraska, l'Iowa, l'Illinois, e raggiunse
Chicago l'8 giugno, alle nove e trentasette del mattino.
Nonostante tutto, il commodoro fu ben accolto da coloro che gli
erano rimasti fedeli. La falsa partenza e l'obbligo di ricominciare la
partita erano prova, senza dubbio, d'insolita sfortuna; ma la buona
sorte parve voler tornare a sorridergli con il colpo di dadi di cui egli
benefici il giorno stesso del suo arrivo a Chicago Nove, fatto con un
sei e un tre! Era la terza volta che quel punto veniva fuori, dall'inizio
della gara: la prima volta per Lissy Wag, la seconda per lo
sconosciuto XKZ, la terza per il commodoro. Dopo essere stato
mandato in Florida e poi in California, Hodge Urrican doveva fare un
solo passo per raggiungere la ventiseiesima casella, e cio lo Stato
del Wisconsin, al confine dell'Illinois che nessun giocatore occupava
in quel momento. La sua quotazione risal immediatamente nelle
varie agenzie ed egli fu preso alla pari con Tom Crabbe e Max Ral.
CAPITOLO VII
NELLA CASA DI SOUTH HALSTED STREET
IL GIORNO 1 giugno, in South Halsted Street, la porta della casa
indicata col numero 3997 si apr, alle otto del mattino, dinanzi a un
giovanotto che portava sulle spalle gli attrezzi del pittore. Lo seguiva
un giovane negro che reggeva una valigia.
Quale non fu la gioia e la sorpresa della signora Ral nel vedere
entrare il figlio nella sua camera e nel poterlo stringere tra le braccia!
Tu, Max? Sei proprio tu?
Proprio io, mamma!
Ma non dovresti essere
A Richmond? disse Max Ral.
S, a Richmond
Sta' tranquilla, mamma, ho tempo a sufficienza per andarvi.
Poich Chicago era sulla mia strada, ho pensato di avere il diritto di
trascorrere qualche giorno con te.
Ma, ragazzo mio, corri il rischio di
Non volevo rinunciare alla possibilit di abbracciarti, mamma;
sono due settimane che non ci vediamo!
Oh, Max, non vedo l'ora che la partita sia terminata!
E io?
Con la tua vittoria, si intende
Non preoccuparti, mamma. Immagina che io gi conosca la
parola necessaria per aprire la cassaforte del signor Hypperbone!
rispose Max ridendo.
Dopo tutto, sono felicissima di vederti, figlio mio.
Max Ral era a Cheyenne, nello Wyoming, quando il 29 maggio,
al rientro dalla gita attraverso il Parco Nazionale di Yellowstone,
aveva ricevuto il telegramma relativo al terzo colpo di dadi: otto
punti, fatti con un cinque e un tre. Ora, otto caselle dopo lo
Wyoming, che sta al ventottesimo posto, si trova l'Illinois; bisognava
quindi raddoppiare l'otto e raggiungere cos la quarantaquattresima
casella, cio la Virginia, e precisamente Richmond City.
Tra Chicago e Richmond funziona una rete ferroviaria che
permette di superare, in ventiquattr'ore, la distanza che separa le due
citt; e poich disponeva di quindici giorni dal 29 maggio al ] 2
giugno il giovane pittore poteva, come si suol dire, prendersela
comoda, e pens che la cosa migliore fosse quella di trascorrere una
settimana di riposo nella casa di sua madre.
Partito nel pomeriggio da Cheyenne, giunse a Omaha quarantotto
ore dopo e a Chicago il giorno successivo, in ottima salute. In ottima
salute anche lo schiavista Tommy, impacciato come sempre della
propria condizione di libero cittadino della libera America, come un
ipovero diavolo che indossi vestiti troppo larghi per lui.
Max Ral si proponeva di finire a Chicago due tele abbozzate
durante il viaggio: la prima rappresentava un angolino di Kansas
River, nei pressi di Fort Riley; l'altra, un panorama delle cascate di
Fire Hole, nel Parco Nazionale. Certo di vender bene i due quadri,
pensava che il ricavo gli avrebbe permesso di far fronte a eventuali
impegni, nel caso in cui la sfortuna lo avesse obbligato a pagare
qualche penalit.
Felice di avere con s il figlio per qualche giorno, la signora Ral
fece sue quelle ragioni e torn ad abbracciare Max.
Chiacchierarono, si raccontarono molte cose e fecero insieme una
di quelle abbondanti colazioni che sono cos piacevoli, tra madre e
figlio: ci compens il giovane pittore dei cattivi pasti consumati nei
ristoranti del Kansas e dello Wyoming. Bench avesse scritto molte
volte alla madre, egli dovette ricominciare dall'inizio il racconto del
suo viaggio, narrare l'avventura dei cavalli vaganti a migliaia nelle
pianure del Kansas e l'incontro con i coniugi Titbury a Cheyenne. Fu
allora che la madre gli parl delle penose tribolazioni della coppia a
Calais Stato del Maine, della contravvenzione inflitta al signor
Titbury per via della legge sulle bevande alcooliche, e delle relative
conseguenze pecuniarie.
E ora chiese Max Ral dimmi a che punto la partita.
Per meglio informarlo, la signora Ral condusse il figlio nella sua
camera e gli mostr la carta spiegata sopra la tavola, sulla quale
erano infisse alcune bandierine di vario colore.
Nell'andare da uno stato all'altro, Max Ral si era occupato assai
poco degli altri giocatori e aveva anche trascurato di leggere i
giornali degli alberghi e delle stazioni. Ma bastava ora dare
un'occhiata alla carta e conoscere il colore assegnato a ciascuno dei
Sette, per essere al corrente della situazione: sua madre, era
evidente, aveva seguito sin dall'inizio le peripezie della gara.
Per prima cosa chiese, quale giocatore rappresentato
dalla bandiera azzurra? Vedo che precede tutte le altre.
La bandiera azzurra rappresenta Tom Crabbe, che il colpo di
ieri manda alla quarantasettesima casella in Pennsylvania.
Il suo allenatore ne sar felice. Vorrei che l'ocra della mia
tavolozza si cambiasse in vermiglio, se quello stupido pugile, vera
macchina da pugni, ci capisce qualcosa E la bandiera rossa?
quella di XKZ. piantata sulla quarantaseiesima casella,
Stato della Columbia.
L'uomo che nessuno conosceva aveva fatto, con il raddoppio del
dieci, un salto di venti caselle ed era passato perci da Milwaukee
(Wisconsin) a Washington, capitale degli Stati Uniti d'America.
Poich in quella parte del territorio la rete ferroviaria molto fitta, lo
spostamento gli sarebbe stato facile e rapido.
Chi sar mai quello sconosciuto? chiese Max Ral. Non
si ha idea di chi possa trattarsi?
Neppure alla lontana, ragazzo mio.
Sono sicuro che figura bene nelle agenzie e che si scommette
molto su di lui.
Molti credono nella sua buona fortuna, e a me, confesso, fa un
po' paura.
Ecco che cosa significa essere un personaggio misterioso!
disse Max. Nessuno avrebbe saputo dire se in quel momento il signor
XKZ fosse ancora a Chicago o fosse gi in viaggio per lo Stato della
Columbia. Eppure Washington, anche se centro amministrativo, e
perci senza industrie e senza traffici, merita che il visitatore vi
dedichi qualche giorno.
Posta in deliziosa posizione, a monte della confluenza del
Potomac con la Anacostia, e in comunicazione con l'oceano per
mezzo della baia di Chesapeake, la capitale, anche quando la
riunione del Congresso non ne raddoppia la popolazione, non conta
meno di duecentocinquantamila abitanti. Il distretto federale poco
esteso e occupa l'ultimo posto tra gli stati della repubblica americana,
ma non per questo la citt appare meno degna del suo alto destino.
Iniziata con la costruzione dei suoi grandi edifici sul territorio dei
Tuscazoras e dei Monacans, essa ha gi assorbito alcuni agglomerati
vicini.
Il settimo giocatore avrebbe potuto ammirarvi, se non lo avesse
gi visto, l'aspetto architettonico del suo Campidoglio situato sulla
collina i cui fianchi declinano verso il Potomac: i tre edifici
destinati al Senato, alla Camera dei Deputati e al Congresso dove si
riunisce la rappresentanza nazionale, l'alta cupola di ferro
sormontata dalla statua dell'America, i suoi peristili, il doppio
colonnato, i bassorilievi che lo decorano e le sue numerose statue.
Se non conosceva gi la Casa Bianca, avrebbe potuto scegliere, tra
i viali che si dipartono a raggiera dal Campidoglio, quello di
Pennsylvania, che conduce direttamente alla residenza del
presidente: modesta e democratica abitazione, eretta tra l'edificio del
Tesoro e i vari ministeri.
Se non conosceva il monumento a Washington (obelisco di
marmo alto una cinquantina di metri) lo avrebbe scorto da lontano,
nei giardini che costeggiano il Potomac.
Se non conosceva la Direzione delle Poste, avrebbe ammirato un
edificio di marmo bianco, di stile antico, che certamente il pi bello
della citt.
E quante ore piacevoli e istruttive avrebbe potuto trascorrere nelle
ricche gallerie di storia naturale e di etnografia della celebre
Smithsonian Institution, installata nel Patent Office! nei musei, ove
abbondano statue, quadri, bronzi! e nell'Arsenal, ove sorge la
colonna eretta in onore dei marinai americani morti nel
combattimento navale dinanzi ad Algeri, e sulla quale si legge questa
iscrizione vendicativa: Mutilata dagli inglesi!.
La capitale degli Stati Uniti ora gode di clima salubre. Le acque
del Potomac la bagnano abbondantemente; le cinquanta leghe di
strade, i giardini e i parchi sono ombreggiati da pi di sessantamila
alberi dalle fronde verdeggianti, come quelli che circondano l'Hotel
des Invalides, l'Universit di Howard, il Droit Park, e il Cimitero
Nazionale, nel quale il mausoleo di William J . Hypperbone avrebbe
trovato posto non meno decoroso che in quello di Ooakswoods, a
Chicago.
Se XKZ avesse ritenuto di concedere, infine, gran parte del suo
tempo alla capitale della Confederazione, non avrebbe certamente
lasciato il distretto senza aver prima compiuto un patriottico
pellegrinaggio a Mount Vernon -distante appena quattro leghe ove
un'associazione di dame custodisce la casa nella quale Washington
mor nel 1799, dopo avervi trascorso parte della sua vita.
Nessun giornale aveva segnalato comunque, fin allora, la presenza
del settimo giocatore nella capitale dell'Unione.
E la bandierina gialla? chiese Max Ral, indicando quella
piantata nella trentottesima casella.
la bandierina di Lissy Wag.
La bandierina sventolava sulla casella del Kentucky, non essendo
stato ancora tirato il colpo funesto dell'I giugno, che avrebbe
mandato Lissy Wag nella prigione del Missouri.
una graziosissima ragazza! esclam Max. Mi pare
ancora di vederla, impacciata e sempre pronta ad arrossire l'ho
vista cos alle esequie di William J . Hypperbone e poi sul
palcoscenico dell'Auditorium! Se l'avessi incontrata durante il
viaggio, le avrei certamente rinnovato gli auguri per la sua vittoria
finale.
E la tua, Max?
Anche la mia, mamma! Entrambi vincitori della partita. Ci si
spartirebbe l'eredit! Magari cos fosse!
E sarebbe possibile?
Non sarebbe possibile ma capitano cose cos insolite, in
questo basso mondo!
Sai, Max, che si creduto che Lissy Wag non potesse partire?
Povera ragazza! stata ammalata, lo so, e qualcuno dei
Sette gi se ne rallegrava Non io, mamma, non io! Per fortuna,
un'amica l'ha curata e guarita Quella J ovita Foley decisa, a
modo suo, quanto il commodoro Urrican. Quando verranno tirati
nuovamente i dadi per Lissy Wag?
Tra cinque giorni: il 6 giugno.
Speriamo che la mia bella concorrente sappia evitare i pericoli
del percorso: il labirinto del Nebraska, la prigione del Missouri e la
Valle della Morte della California! Buona fortuna! Gliela auguro di
tutto cuore!
Era evidente che Max Ral pensava spesso a Lissy Wag; troppo
spesso, anzi, disse a se stessa la signora Ral, sorpresa
dell'entusiasmo con cui egli ne parlava.
Non mi chiedi, Max, chi rappresenta la bandierina verde?
ella disse.
Quella che sventola sulla ventiduesima casella?
Proprio quella. la bandiera del signor Kymbale.
Quel giornalista un giovanotto bravo e gentile disse Max
Ral. Da ci che ho sentito dire, approfitta dell'occasione per
vedere il paese.
E infatti il Tribune pubblica quasi ogni giorno le sue
cronache.
I suoi lettori debbono ritenersi soddisfatti. Se andr nell'Oregon
oppure a Washington, racconter sempre loro molte cose bizzarre!
Ma molto in svantaggio rispetto agli altri!
In questo gioco non ha importanza rispose Max. Un
colpo fortunato potr sempre portarlo in testa a tutti.
Hai ragione, ragazzo mio.
A chi si riferisce la bandierina che sembra cos triste di dover
sventolare sulla quarta casella?
A Hermann Titbury.
Che uomo odioso! esclam Max Ral. Sar al colmo
della rabbia per il fatto che l'ultimo!
da compiangere, Max, proprio da compiangere. Ha fatto solo
quattro passi, con due colpi di dadi. E dopo essere stato all'estremit
del Maine dovuto partire per l'Utah!
Nessuno poteva ancora sapere, alla data dell'I giugno, che i
coniugi Titbury erano stati spogliati, a Great Salt Lake City, di tutto
ci che avevano.
Io non li compiango affatto, mamma! disse Max Ral.
una coppia di taccagni niente affatto interessante; mi rincresce, anzi,
che ancora non siano stati costretti a pagare qualche forte penalit.
Non dimenticare che hanno dovuto pagare un'ammenda a
Calais fece rilevare la signora Ral.
Tanto meglio! E speriamo che quel tosatore di cristiani non
l'abbia rubata a qualcuno. Per parte mia, gli auguro di fare ancora il
punteggio minimo: un bel due! Ci lo condurrebbe al Niagara, ove il
pedaggio del ponte gli costerebbe mille dollari!
Sei crudele con i Titbury, Max.
gente spregevole, mamma. Si sono arricchiti con l'usura e
non meritano piet! Ci mancherebbe altro che la sorte li facesse eredi
del generoso Hypperbone!
Tutto possibile rispose la signora Ral.
Non vedo per la bandierina del commodoro Urrioan.
La bandierina arancione non sventola pi da nessuna parte, da
quando la sorte ha mandato il commodoro nella Valle della Morte.
Dovr tornare a Chicago per ricominciare la partita.
spiacevole, per un ufficiale di marina, dover ammainare la
propria bandiera! esclam Max Ral. Chiss quale accesso
d'ira avr avuto! Avr fatto tremare il suo scafo dalla chiglia
all'estremit degli alberi!
probabile, Max.
Quando ci sar il prossimo colpo di dadi per il signor XKZ?
Tra nove giorni.
stata davvero un'idea stravagante, da parte del defunto,
quella di tacere il nome dell'ultimo dei Sette!
Ora Max Ral era al corrente della situazione. Dopo il colpo di
dadi che lo inviava in Virginia, sapeva di occupare il terzo posto,
preceduto da Tom Crabbe che era innanzi a tutti e da XKZ, per i
quali per non era stato ancora tirato il terzo colpo.
Ma ci non lo preoccupava, qualunque cosa ne pensassero la
signora Ral e Tommy. Il tempo che trascorse a Chicago egli rimase
nel suo studio, dove termin i due paesaggi, il cui valore non poteva
che crescere, agli occhi dell'amatore americano, per le circostanze in
cui erano stati dipinti.
Nell'attesa della prossima partenza, Max Ral non si preoccup
pi n della gara n di coloro che essa faceva correre attraverso gli
Stati Uniti. Vi pigliava parte, dopo tutto, solo per non contrariare la
sua buona mamma, proprio come Lissy Wag, che, da parte sua, vi
partecipava per non contrariare J ovita Foley.
In quei giorni egli apprese il risultato dei tre colpi tirati
nell'Auditorium. Una brutta faccenda, per Hermann Titbury, quella
del due che lo obbligava a raggiungere la diciannovesima casella
Stato della Louisiana e cio la locanda, ove bisognava rimanere per
due colpi senza giocare. Quello del quattro, invece, fu ben accolto da
Harris T. Kymbale: se lo mandava soltanto alla trentatreesima
casella, gli assicurava per contro un viaggio interessante.
Il 6 giugno, alle otto, mastro Tornbrock procedette infine a
lanciare i dadi per conto di Lissy Wag. Max Ral, che si interessava
vivamente alla giovane, quella mattina si rec all'Auditorium, dal
quale ritorn pi desolato che mai.
Dalla trentottesima casella Stato del Kentucky Lissy Wag,
raddoppiando il sette, veniva mandata alla cinquantaduesima, Stato
del Missouri, ove la sfortunata giocatrice sarebbe rimasta in prigione
finch un altro concorrente non fosse venuto a prendere il suo posto.
Quei tre colpi produssero, ovviamente, oscillazioni sensibili sui
mercati, nel mondo delle scommesse. Tom Crabbe e Max Ral
furono pi che mai i favoriti. Pareva che la fortuna fosse dalla loro
parte e diventava sempre pi difficile scegliere tra loro due.
Quale dispiacere prov Max Ral quando, tornato a casa, vide la
madre piantare la bandierina gialla nella casella del Missouri,
trasformata in prigione per volont dello stravagante defunto, e
toccata a Lissy Wag per volont del destino! Egli ne prov vivo
disappunto, n cerc di nasconderlo. La casella della prigione, come
quella del pozzo, era la pi funesta in cui si potesse capitare nel corso
della partita. Ancor pi pericolosa di quella della Valle della Morte,
di cui era stato vittima Hodge Urrican. Il commodoro, se non altro,
subiva solo qualche ritardo, ma proseguiva la lotta! E se la gara
Hypperbone avesse fine invece, prima ancora che la prigioniera fosse
stata liberata?
Il giorno dopo, 7 giugno, Max Ral si prepar a lasciare Chicago.
Dopo avergli rinnovato le proprie raccomandazioni, la madre gli fece
promettere di non perdere tempo lungo il tragitto.
Speriamo disse che il telegramma che riceverai a
Richmond non ti mandi in capo al mondo.
Si ritorna sempre, mamma, si ritorna anche di l rispose
Max. Purtroppo, non la stessa cosa per la prigione. Tutto ci
ridicolo, puoi ben dirlo! Essere esposti al rischio di perdere per
mezza lunghezza, come un volgare cavallo da corsa! ridicolo!
Ma no, ragazzo mio, non affatto ridicolo! Parti, dunque, e che
Dio ti protegga!
La brava donna disse quelle parole con assoluta convinzione, sotto
limpulso di una sincera commozione!
superfluo dire che Max Ral non si era potuto sottrarre
facilmente, durante la sua permanenza a Chicago, alle visite di
agenti, cronisti e scommettitori affluiti a casa sua. Perch
meravigliarsene? Veniva dato alla pari, come Tom Crabbe: quale
onore!
Max Ral aveva promesso a sua madre di recarsi in Virginia per la
via pi breve. Ma chi avrebbe potuto biasimarlo se preferiva, nel suo
itinerario, la linea spezzata o la curva, alla diritta? Purch fosse a
Richmond la mattina del 12 Aveva deciso, comunque, di non
uscire dagli Stati che avrebbe attraversato Illinois, Ohio, Maryland,
Virginia occidentale prima di raggiungere Richmond, metropoli
della Virginia.
Ecco, del resto, la lettera datata 11 giugno che la signora Ral
ricevette quattro giorni dopo la partenza del figlio; egli le dava in
breve notizie del viaggio. Oltre alle opinioni sui paesi attraversati, le
citt visitate e gli incontri fatti, la lettera conteneva alcune
osservazioni che inducevano a riflettere e che suscitarono in lei
qualche inquietudine sullo stato d'animo del figlio.

Richmond, 11 giugno (Virginia)

Cara mamma, eccomi giunto alla meta, non certamente a quella
di questa grandiosa e stupida partita, ma a quella impostami dal terzo
colpo di dadi. Dopo Fort Riley e Cheyenne, ecco Richmond! Non
preoccuparti quindi per la persona che tu ami pi di ogni altra al
mondo e che ricambia il tuo affetto di tutto cuore: al suo posto e in
buona salute!
Vorrei poter dire altrettanto della povera Lissy Wag, che l'umida
paglia del carcere attende nella grande citt del Missouri. Non ti
nascondo, cara mamma, il mio dispiacere per la sua sfortuna, pur
sapendo che dovrei vedere in lei una rivale, anche se cos bella e
interessante! Pi penso al suo sfortunato colpo di dadi sette, con un
tre e un quattro, raddoppiato e pi mi fa pena e mi rincresce che la
bandiera gialla, cos valorosamente tenuta finora dall'intrepida J ovita
Foley per conto dell'amica, sia issata sui muri di quella prigione!
Fino a quando vi rester?
Sono dunque partito la mattina del 7. La ferrovia rasenta il
confine meridionale del Michigan e lascia scorgere belle vedute del
lago. Ma, sia detto fra noi, io conosco un poco il nostro lago, e anche
i paesi con esso confinanti. In questa parte degli Stati Uniti, come nel
Canada, lecito essere un po' stufi dei laghi e delle loro acque
azzurre e sonnolente, che non sempre sono azzurre e sonnolente. Noi
ne abbiamo da vendere e mi chiedo perch mai la Francia, che non
ricca di propriet lacustri, non ne compri qualcuno, cos come noi
abbiamo acquistato da lei la Louisiana, nel 1803.
Ho anche guardato a destra e a manca, attraverso il buco della
tavolozza, mentre Tommy dormiva come un ghiro.
Sta' tranquilla, cara mamma; sono stato attento a non svegliare il
tuo negretto. Forse egli ha sognato che io vincevo tanti milioni di
dollari, da poterlo ridurre alla pi dura schiavit. Lasciamolo ai suoi
sogni felici!
Sto rifacendo in parte il cammino percorso da Harris T.
Kymbale, quando si recato dall'Illinois nello Stato di New York, da
Chicago al Niagara. A Cleveland City (Ohio) lo abbandoner, per
piegare verso sud-est. Del resto, vi sono ferrovie dappertutto: il
pedone non saprebbe dove mettere i piedi!
Non mi chiedere, cara mamma, di indicarti le ore di arrivo e di
partenza del mio viaggio. Ci non avrebbe interesse per te. Ti
indicher alcune delle localit in cui il nostro treno si diretto. Non
tutte, naturalmente; in questi paesi industriali, esse sono numerose
come le cellette di un alveare! Solo le pi importanti.
Da Cleveland sono andato a Warren, importante centro
dell'Ohio, talmente ricco di sorgenti petrolifere che anche un cieco,
purch avesse naso, lo riconoscerebbe dall'odore nauseabondo. C'
da credere che l'aria prenderebbe fuoco, se si accendesse un
fiammifero. Che paese! Sulle pianure, a perdita d'occhio, come sui
fianchi delle colline e sulle rive dei ruscelli, non si vedono che
impalcature e orifizi di pozzi. E non son altro che lampade, alte dai
quattro metri e mezzo ai sei metri. Vi manca soltanto lo stoppino!
Vedi, cara mamma, questo paese non vale affatto le nostre
poetiche praterie del Far West, le selvagge vallate dello Wyoming, la
linea lontana delle Montagne Rocciose viste in prospettiva o i vasti
orizzonti sui grandi laghi e sugli oceani. Le bellezze industriali sono
una buona cosa, le bellezze artistiche sono ancora meglio; ma non c'
nulla che eguagli le bellezze della natura!
Ti confesso, cara mamma, che se l'ultimo colpo di dadi mi
avesse favorito quanto alla scelta del paese, voglio dire avrei
voluto portarti con me. Proprio cos, signora Ral; nel Far West, per
esempio. Non gi che manchino luoghi caratteristici nella catena
degli Alleghany che io ho attraversato ma il Montana, il Colorado,
la California e l'Oregon, parola di pittore, sono ben altra cosa!
Ci saremmo fatti compagnia e se lungo il percorso avessimo
incontrato Lissy Wag, chiss, a volte il caso avresti fatto la sua
conoscenza. Purtroppo ora in prigione, o almeno sta per andarci,
poverina!
Che piacere, se al prossimo colpo di dadi Titbury, o Crabbe,
oppure Urrican andassero a liberarla! Immagina! II nostro irascibile
commodoro, dopo tante traversie, andare a cascare nella
cinquantaduesima casella! Sarebbe capace di abbandonare Turk ai
suoi feroci istinti di tigre! A rigor di logica, cara mamma, Lissy Wag
avrebbe potuto essere mandata e sarebbe stato sempre molto
spiacevole nella locanda, o nel labirinto! Ma non in quell'orribile
pozzo n in quell'orribile prigione! Questi andrebbero bene per i
rappresentanti del sesso forte! inutile, il destino ha dimenticato,
quel giorno, di essere galante!
Ma non divaghiamo e continuiamo a parlare del viaggio. Dopo
Warren, seguendo il Ring River, superata la frontiera dell'Ohio,
siamo entrati in Pennsylvania. La prima citt importante che abbiamo
incontrato stata Pittsburg, sull'Ohio, con il suo sobborgo di
Alleghany: "citt del Ferro", "citt Fumosa", come viene chiamata,
nonostante le migliaia di condotte sotterranee, attraverso le quali
trovano sfogo oggi i suoi gas naturali. Quanta sporcizia! In pochi
minuti faccia e mani anneriscono, tanto da sembrare quelle di negri!
Oh, le fresche e limpide contrade del Kansas!
Ho deposto sulla mia finestra un po' d'acqua nel fondo di un
bicchiere, e il giorno dopo ho trovato inchiostro. lo stesso
miscuglio chimico con cui ti scrivo, cara mamma.
Ho letto in un giornale che il colpo di dadi del giorno 8 manda il
nostro irascibile commodoro nel Wisconsin. Purtroppo, anche se far
dodici con il prossimo colpo, pur raddoppiandolo, non raggiunger
mai la cinquantaduesima casella, ove si dispera la giovane
prigioniera.
Ho continuato a scendere verso sud-est. Ai due lati dei binari
sfilavano numerose stazioni, citt, borgate, villaggi, e ho potuto
notare che neppure un pezzetto di natura abbandonato a se stesso!
Dappertutto c' il segno della mano dell'uomo e dei suoi rumorosi
utensili! Nel nostro Illinois accade la stessa cosa e cos pure nel
Canada. Un giorno gli alberi saranno fatti di metallo, le praterie di
feltro e la sabbia di limatura di ferro. il progresso.
Ho trascorso tuttavia alcune ore camminando lungo i passi degli
Alleghany: pittoresca catena di monti capricciosi, a volte selvaggi,
ricca di conifere nerastre, pendenze ripide, gole profonde, valli
sinuose e torrenti tumultuosi, che l'industria non ha ancora sfruttato e
che scorrono liberamente, di cascata in cascata!
Abbiamo poi sfiorato l'angolino del Maryland bagnato dall'alto
Potomac, per raggiungere Cumberland, che pi importante di
Annapolis, sua modesta capitale, la quale conta assai poco a causa
dell'invadente e imperiosa Baltimora, in cui si concentra la vita
commerciale della regione. Qui la campagna fresca, perch il paese
dedito pi all'agricoltura che all'industria manifatturiera. Il suolo
ricco di ferro e di carbon fossile, e con pochi colpi di zappa si mette
presto a nudo la terra vegetale.
Eccoci nella Virginia dell'Ovest; sta' tranquilla, cara mamma, la
Virginia non lontana. Ci sarei gi stato, del resto, se la faccenda
della schiavit non avesse diviso l'antico Stato addirittura in due,
durante la Guerra di Secessione. Proprio cos! Mentre la parte
orientale si aggrappava con tutte le sue forze alle dottrine disumane
dello schiavismo Tommy dorme, perci non pu sentirmi, la
parte occidentale, al contrario, si separava dai confederati,
schierandosi sotto la bandiera federale.
Solcata nella parte orientale da alcune catene degli Appalachi,
una regione accidentata, se non proprio montagnosa, oltre che
agricola e mineraria, ricca di ferro e di carbon fossile, e di tanto sale
da poter provvedere per secoli alle necessit culinarie di tutta la
Confederazione!
Non sono andato a Charleston, capitale della Virginia orientale
(da non confondere con la grande Charleston della Carolina del Sud,
ove si recato l'amico Kymbale, n con una terza Charleston, di cui
tra poco ti parler) ma mi sono fermato per un giorno a Martinsburg
City, la citt pi importante dello Stato, dalla parte dell'Atlantico.
Proprio cos, un intero giorno; e ti prego di non rimproverarmi,
mamma cara; so perfettamente che potevo essere a Richmond dopo
poche ore di treno. Perch mi sono fermato a Martinsburg?
Esclusivamente per compiere un pellegrinaggio; ma non ho portato
Tommy con me; avrebbe provato orrore per l'eroe che intendevo
onorare.
Si tratta di J ohn Brown, cara mamma, di colui che per primo
innalz il vessillo dell'anti-schiavismo, all'inizio della Guerra di
Secessione! I piantatori della Virginia gli diedero la caccia, quasi
fosse una belva feroce. Aveva al suo seguito appena una ventina di
uomini e voleva impadronirsi dell'arsenale di Harper's Ferry, piccolo
borgo posto sul pendio di una collina, tra il corso del Potomac e
quello dello Shenandoah: sito meraviglioso, noto soprattutto per i
terribili avvenimenti che vi si svolsero.
Nel 1859 vi si rifugi l'eroico difensore della santa e nobile
causa. L'esercito lo raggiunse e lo attacc. Dopo prodigi di valore,
gravemente ferito e ridotto all'impotenza, Brown fu preso e trascinato
fino alla vicina borgata di Charlestown, ove venne impiccato il 2
dicembre 1859. La forca non riuscita a rendere infamante la sua
morte e la sua gloria si perpetuer nel tempo.
13

E a quel martire della libert e della emancipazione umana che
ho voluto rendere patriottico omaggio.
Ed eccomi finalmente in Virginia, cara mamma, nel paese
schiavista per eccellenza, teatro principale della Guerra di
Secessione. Lascer ai geografi la cura di dirti, se ti interessa, che
esso occupa, nell'Unione, il trentatreesimo posto per la sua
superficie, che suddiviso in centodiciannove contee e che,
nonostante gli sia stata amputata la parte occidentale, tuttora tra i
pi potenti Stati della repubblica dell'America Settentrionale; che i
suoi daini e i suoi opossum si vanno estinguendo, che le gru, le
quaglie e gli avvoltoi ne frequentano il territorio, il quale produce in
abbondanza frumento, granturco, segala, avena, grano saraceno, e
soprattutto cotone cosa di cui molto mi rallegro, perch porto
sempre la camicia e tabacco, cosa di cui non mi importa nulla, dal
momento che non fumo.
Richmond una bella citt: capitale dell'America separatista e
chiave della Virginia, che il governo ha finito per mettersi in tasca.
Essa sorge su un terreno costituito di sette colline, in riva al fiume
J ames, e sulla riva opposta si protende verso Manchester, citt
doppia, come tante altre degli Stati Uniti, sull'esempio di certe stelle.
Vale la pena di visitarla, lo ripeto: il suo Campidoglio una specie di
tempio greco, al quale mancano come al Partenone di Edimburgo, il

13
Ecco, tuttavia, cosa disse il grande geografo francese lise Reclus, e si spera
che venga tenuto conto di queste generose rimostranze: Non esiste comandante
di truppe federali, che presero parte alla guerra, che non abbia la sua statua sulle
piazze di Washington o delle altre citt del Nord: ma il luogo in cui cadde J ohn
Brown, la cui "anima camminava dinanzi agli eserciti" e che, col suo esempio,
giov alla vittoria definitiva pi che tutti i piani dei generali, rimane un ammasso
di ruderi, ignorato dalla gente. (N.d.A.)
cielo dell'Attica e gli orizzonti ateniesi dell'Acropoli. Vi sono troppe
fabbriche e troppe officine, almeno per i miei gusti; se ne contano
non meno di cento solo per la preparazione del tabacco. Il quartiere
elegante porta il nome di Lonard Height; in esso sorge il
monumento alla memoria di Lee, generale dei confederati, che merita
quest'onore, se non per la causa che ha difeso, almeno per le sue
qualit personali.
E ora, cara mamma, voglio ancora dirti che non ho visitato le
altre citt dello Stato perch si rassomigliano un po' tutte, come, in
genere, le citt americane. Non ti parler quindi di Petersburg che
difendeva la posizione dei separatisti a sud, come Richmond la
difendeva a nord n di Yorktown (ove ottant'anni prima ebbe fine
la guerra d'Indipendenza, con la capitolazione di lord Cornwallis) n
dei luoghi in cui si svolsero i combattimenti e dove Mac Clellan,
combattendo contro Lee, fu meno fortunato di Grant, Sherman e
Sheridan. Non parler neppure di Lynchburg oggi operosa citt
manifatturiera ove si rifugiarono gli eserciti secessionisti prima di
raggiungere gli Appalachi, cosa che provoc la fine della guerra, il 9
aprile 1865. Tralascio di proposito Norfolk, Roanoke, Alexandria, la
baia di Chesapeake e le numerose stazioni termali. Posso solo dire
che i due quinti della popolazione della Virginia sono costituiti da
gente di colore di ottimo tipo e che nei pressi della cittadina di Luray
esistono caverne sotterranee forse pi belle delle Mammoth Caves
del Kentucky.
Mi viene in mente, a questo proposito, che proprio alle
Mammoth Caves la povera Lissy Wag deve aver appreso l'ingiusto
decreto del destino che la condanna alla prigione del Missouri, e mi
chiedo, fra l'altro, se potr mai pagare la penitenza di tremila dollari!
Ci mi addolora. Proprio cos, mamma, e sono certo che tu mi
capirai.
Leggo sopra un manifesto di Richmond il risultato del colpo di
dadi del 10 giugno. Il nostro famoso sconosciuto XKZ ha fatto
cinque, con un due e un tre, e andr quindi nel Minnesota. Dalla
quarantaseiesima casella salta ora alla cinquantunesima. Eccolo in
testa a tutti! Ma chi diavolo sar mai quell'uomo? Mi sembra
particolarmente fortunato e non sono affatto certo che il colpo di dadi
di domani mi consentir di precederlo!
Con ci, cara mamma, metto fine a questa lunga lettera, che non
mancher di interessarti per il solo fatto che te la manda tuo figlio. Ti
abbraccio con tutto il cuore e firmo col mio nome, che ormai quello
di un cavallo da corsa sceso in campo per il gran premio
Hypperbone.
Max Ral.
CAPITOLO VIII
IL COLPO DEL REVERENDO HUNTER
SE QUALCUNO sembrava poco indicato per andare alla
quarantasettesima casella, e cio a Filadelfia principale citt dello
Stato della Pennsylvania e la pi importante dell'Unione, dopo
Chicago e New York costui era certamente Tom Crabbe, bruto per
natura e pugile di professione.
Ma il destino fa sempre scherzi del genere, dice l'adagio popolare;
invece di mandarvi Max Ral, Harris T. Kymbale o Lissy Wag, che
erano in grado di apprezzarne le bellezze vi inviava uno stupido in
compagnia del suo allenatore. Il defunto membro dell'Excentric Club
non lo avrebbe mai immaginato!
Non vi era nulla da fare, peraltro: i dadi si erano ormai
pronunciati, sin dalle prime ore del 31 maggio. Il dodici, fatto con un
doppio sei, era stato comunicato per telegrafo da Chicago a
Cincinnati e il secondo giocatore si prepar a lasciare
immediatamente la vecchia Porcopolis.
Porcopolis, proprio cos! esclam J ohn Milner con profondo
disprezzo, nel lasciare la citt. Incredibile! il giorno stesso in cui il
celebre Tom Crabbe onora Cincinnati con la sua presenza, la folla si
reca invece a quel disgustoso concorso di bestiame e il pubblico,
interamente attratto da un porco, non rivolge neppure un evviva al
campione del Nuovo Mondo! Lasciate che intaschiamo i soldi di
Hypperbone e poi vedrete se sapremo vendicarci!
In qual modo avrebbe esercitato quella vendetta, J ohn Milner non
avrebbe saputo dirlo. In ogni caso, prima bisognava vincere la
partita. Ed perci che Tom Crabbe, uniformandosi alle istruzioni
ricevute col telegramma della mattina, non doveva far altro che
saltare sul treno per Filadelfia.
Aveva abbastanza tempo per compiere quel viaggio almeno dieci
volte. L'Ohio e la Pennsylvania sono paesi limitrofi; varcata la
frontiera orientale dell'uno, si sul territorio dell'altro. Tra le due
citt intercorrono appena seicento miglia, percorso che le varie linee
ferroviarie a disposizione dei viaggiatori compiono solitamente in
venti ore.
Una fortuna del genere non sarebbe mai capitata al commodoro
Urrican. Il giovane pittore e il cronista del Tribune, da parte loro,
non l'avrebbero mai invidiata a nessuno, desiderosi com'erano di
compiere lunghi tragitti.
Ma J ohn Milner non era tranquillo e non intendeva rimanere un
giorno di pi in quella citt troppo ghiotta delle fenomenali rarit
della razza porcina. Messo il piede sulla piattaforma del treno,
avrebbe scrollato sdegnosamente la polvere dai propri sandali. A dire
il vero, nessuno aveva mostrato interesse per la presenza di Tom
Crabbe a Cincinnati, nessuno era venuto a intervistarlo all'albergo del
quartiere Covington, gli scommettitori non erano accorsi in molti
come quelli di Austin del Texas, e la sala dell'ufficio postale era
apparsa deserta il giorno in cui egli vi era andato a ritirare il
telegramma di mastro Tornbrock! Il dodici risultato dal tiro dei dadi
collocava tuttavia Tom Crabbe tre caselle oltre Max Ral e una oltre
lo sconosciuto XKZ.
Ferito nell'amor proprio per l'atteggiamento indifferente della
popolazione, J ohn Milner lasci l'albergo alle dodici e trentasette e si
rec alla stazione, seguito da Tom Crabbe che aveva appena
terminato il secondo pasto. Il treno part e dopo aver deviato a
Columbus, super la frontiera orientale dello Stato, costituita dal
corso dell'Ohio.
La Pennsylvania deve il suo nome all'illustre quacchero inglese
William Penn, il quale, verso la fine del Seicento, acquist vasti
terreni sulle sponde del Delaware. Ecco in quali circostanze:
William Penn vantava, nei confronti dell'Inghilterra, crediti
ingenti, che non si aveva affatto voglia di pagargli. Carlo II gli offr
allora in cambio parte dei territori che il Regno Unito possedeva in
quella regione dell'America. Il quacchero accett e qualche tempo
dopo, nel 1681, gettava le prime fondamenta di Filadelfia. Poich in
quel tempo il suolo era ricoperto da sterminate foreste, parve ovvio
chiamare la regione Sylvania, aggiungendovi il nome patronimico di
William Penn. Da ci risult la denominazione di Pennsylvania.
Questa storia Harris T. Kymbale l'avrebbe narrata, con grande
piacere dei lettori del Tribune, condita con molti altri aneddoti
concernenti il paese, se la sorte gli avesse concesso di trascorrere
quindici giorni di villeggiatura in Pennsylvania. Col suo stile vivace
e conciso ne avrebbe descritto il territorio, cos simile a quello
dell'Ohio, pittorescamente accidentato da sudest a nord-ovest dalla
catena degli Alleghany, che ne determinano la linea di spartizione
delle acque. Ne avrebbe posto in rilievo l'aspetto generale, che
giustifica ancora la seconda met del suo nome, i vasti boschi di
querce, aceri, castagni, faggi, noci, olmi e frassini, le paludi irte di
sassafrassi, i pascoli dai quali trae nutrimento il numeroso bestiame e
ove si allevano cavalli di buona razza che la bicicletta finir un
giorno col disperdere, come quelli dell'Oregon e del Kansas. Egli
avrebbe descritto con frasi sonore e piene di spirito i vasti campi ove
il gelso prospera con profitto dei sericultori e i vigneti sono di
notevole rendimento; e ci perch, se la Pennsylvania
particolarmente fredda d'inverno, pi di quanto non dica la sua
latitudine, per contro, durante l'estate, sottoposta a un caldo
veramente tropicale. Egli avrebbe parlato, infine, riportando calcoli e
cifre, del suolo ricco di carbon fossile, antracite, minerali ferrosi,
sorgenti petrolifere e gas naturali, cos generoso, anzi cos
inesauribile, da dare tonnellate di acciaio e di ferro in quantit
superiore alla produzione del resto degli Stati Uniti. Forse l'entusiasta
cronista, grande amatore di imprese cinegetiche, avrebbe anche
parlato delle sue cacce all'alce, al daino, alla lince, al lupo, alla volpe
e all'orso bruno, che popolano le sconfinate foreste dello Stato.
Non necessario aggiungere che Harris T. Kymbale si sarebbe
recato nelle principali citt della Pennsylvania per cercarvi non ne
faceva mai mistero la chiassosa accoglienza e gli applausi riservati
a uno dei due favoriti di quella stravagante gara. Lo si sarebbe visto
nelle due citt, raggruppate in una, di Alleghany e Pittsburgh, da cui
il suo concorrente Max Ral era appena passato per recarsi a
Richmond. Egli avrebbe dedicato parte del suo tempo alla capitale,
Harrisburg, i cui quattro ponti congiungono le rive del Susquehanna
(uscito dal fianco delle Blue Mountains), cosparse per diverse miglia
di officine metallurgiche. Avrebbe certamente visitato il celebre
cimitero di Gettygsburg, teatro di lotta durante la Guerra di
Secessione, ove caddero nel 1863 i soldati dell'esercito confederale,
il giorno stesso in cui il Mississippi si spalancava dinanzi al generale
Grant, con la resa della fortezza di Wicksburg. Avrebbe avuto
compagni, del resto, i numerosi pellegrini del Sud e del Nord che
ogni anno vengono a onorare i morti giacenti sotto i sassi di cui
cosparsa la sanguinosa necropoli. Il territorio possedeva, inoltre,
molte altre prospere citt, tra cui Scrauton, Reading, Erie sul lago
omonimo, Lancaster, Altoona e Wilkesbarre, la cui popolazione
supera le trentamila anime. E avrebbe forse potuto trascurare, infine,
il capocronista del grande giornale di Chicago, di recarsi alla valle
del Leigth, per vedere il famoso Monte Orso, alto cento tese, che fu
servito dalla prima ferrovia nell'anno 1827, e che sorge vicino a una
miniera di antracite che brucia da mezzo secolo?
Bisogna pur dire che Max Ral, che disdegnava le regioni
industriali, avrebbe incontrato in Pennsylvania, sul versante degli
Alleghany e nelle valli del massiccio degli Appalachi, non pochi
paesaggi vari e pittoreschi, che avrebbero sicuramente tentato il suo
pennello.
Ma n il primo n il quarto giocatore erano stati mandati alla
quarantasettesima casella, e ci sar sempre motivo di rammarico per
i posteri.
Come facile immaginare, non c'era da aspettarsi nulla da Tom
Crabbe, o per dir meglio da J ohn Milner. Il suo eroe doveva andare a
Filadelfia e a Filadelfia sarebbe andato. E questa volta la pubblica
attenzione sarebbe stata rivolta soltanto a lui. Sarebbe stato ancora
l'uomo del giorno. Se necessario, J ohn Milner avrebbe saputo
rimetterlo in luce e costringere la citt a occuparsi di un personaggio
tanto importante nel mondo pugilistico dell'America del Nord.
Fu verso le dieci di sera del 31 maggio che Tom Crabbe fece il
suo ingresso nella Citt dell'Amor Fraterno, ove trascorse la notte
in incognito, insieme col suo allenatore.
Il giorno dopo J ohn Milner volle vedere da dove spirava il vento.
Spirava dalla parte buona? Aveva portato sulle sue ali il nome
dell'illustre pugile fin sulle rive del Delaware? Come di consueto,
J ohn Milner aveva lasciato Tom Crabbe in albergo, dopo aver
disposto il necessario per le due colazioni del mattino.
Anche questa volta, come a Cincinnati, non aveva fatto scrivere
sul registro dei viaggiatori i loro veri nomi e la loro condizione
sociale. Una passeggiata attraverso la citt gli sembrava assai utile.
Poich il risultato dell'ultimo colpo di dadi doveva esservi noto sin
dal giorno prima, avrebbe presto saputo se la gente si preoccupava o
meno dell'arrivo di Tom Crabbe.
Il giro di una citt piccola e di infimo ordine si pu fare in poche
ore, ma nel caso di un agglomerato urbano che, con i sobborghi di
Manaynak e di Germanstown, di Camden e di Gloucester, non conta
meno di duecentomila case e di un milione e centomila abitanti, le
cose stanno diversamente. Disposta obliquamente, da nord-est a sud-
est, secondo il corso del Delaware, Filadelfia si estende su una
lunghezza di sei leghe e la sua superficie eguaglia quasi quella di
Londra. Ci deriva soprattutto dal fatto che, per la maggior parte, i
suoi abitanti hanno ciascuno una casa propria e che gli enormi
palazzi, con centinaia di inquilini, come a Chicago o a New York,
qui sono rari. Filadelfia la citt della home
14
per eccellenza.
La metropoli immensa, in realt, magnifica, aperta, ariosa,
regolarmente costruita, con talune vie larghe una trentina di metri.
Possiede case sulla cui facciata si alternano marmi e mattoni, fresche
macchie di alberi che permangono intatte sin dall'epoca in cui quel
territorio era coperto di foreste, giardini magnificamente tenuti,
piazze e parchi, tra i quali Fairmount Park il pi vasto degli Stati
Uniti, pezzo di campagna di mille e duecento ettari che fiancheggia
lo Schnylkill, i cui burroni hanno conservato il loro aspetto
selvaggio.
Nel corso della prima giornata, J ohn Milner pot visitare,
comunque, soltanto la parte della citt posta sulla riva destra del
Delaware, e seguendo lo Schnylkill, suo affluente, che scorre da
nord-ovest a sud-est, risalire verso il quartiere occidentale. Al di l

14
Termine inglese che significa casa, nel senso di focolare domestico. (N.d.R.)
del Delaware sorge il New J ersey, Stato tra i pi piccoli dell'Unione,
del quale fanno parte i sobborghi di Camden e di Gloucester, che per
mancanza di ponti comunicano con Filadelfia solo per mezzo delle
navi traghetto.
Non fu dunque quel giorno che J ohn Milner attravers il cuore
della citt, dal quale si diramano le vie principali, a partire dal
municipio; quest'ultimo un ampio edificio di marmo bianco,
costruito a suon di milioni, sulla cui torre, quando sar terminata, si
elever a circa centottanta metri di altezza l'enorme statua di William
Penn.
Del resto, se durante il suo soggiorno a Filadelfia J ohn Milner non
poteva fare a meno di vedere i monumenti della citt, non gli sarebbe
mai venuta l'idea di visitarli; come non gli sarebbe venuta l'idea di
visitare l'Arsenale e i cantieri di costruzione posti nella League Island
isola del Delaware, la Dogana costruita con il marmo tratto dai
monti Alleghany, la Zecca ove ancora si coniano tutte le monete
della repubblica federale, l'Ospedale della Marina, il Museo di
Storia installato nella Independence Hall ove fu sottoscritta la
dichiarazione del 1776, il Grande Collegio, di architettura corinzia,
dove vengono educati centinaia di orfanelli, gli edifici universitari e
quelli dell'Accademia di Scienze Naturali con le loro preziose
collezioni, l'Osservatorio, il Giardino Botanico tra i pi belli e i pi
ricchi dell'Unione o, infine, qualcuna delle duecentosessanta chiese
e dei sei templi quaccheri di questa antica e celebre capitale degli
Stati Uniti d'America.
J ohn Milner non era venuto, dopo tutto, per vedere Filadelfia. Da
lui, nessuno si aspettava quadri o articoli, come da Max Ral o da
Harris T. Kymbale. Il suo compito era quello di condurre Tom
Crabbe ove l'ultimo colpo di dadi lo costringeva ad andare. Ma egli
voleva fare di quel viaggio un motivo di propaganda in favore di
Tom Crabbe, per il caso in cui, non riuscendo a vincere i sessanta
milioni di dollari, fosse costretto a continuare il suo mestiere. Del
resto, non mancavano certamente gli appassionati di quel genere di
sport, e Filadelfia, ove si contano a centinaia di migliaia gli operai
delle miniere metallurgiche, delle officine di costruzione di
macchine, delle raffinerie, delle fabbriche di prodotti chimici, delle
tessiture di tappeti e di stoffe pi di seimila manifatture di ogni
specie oltre agli operai del porto, che effettua spedizioni di
carbone, petrolio, granaglie, oggetti lavorati, e il cui movimento
commerciale secondo solo a quello di New York.
Tom Crabbe non poteva non essere stimato per quel che
giustamente valeva in un mondo come quello, dove le qualit fisiche
hanno pi valore di quelle intellettuali. Del resto, anche nelle classi
sociali dette superiori, quanti gentlemen non si incontrano che sanno
apprezzare un pugno assestato in pieno viso e lo sconquasso di una
mascella fatto a regola d'arte?
Comunque sia, J ohn Milner pot constatare, non senza sincera
soddisfazione, che al mercato di Market Street di Filadelfia, ritenuto
il pi grande dei cinque continenti, non si teneva nessun concorso
regionale di bestiame. Da questo lato, dunque, il suo compagno non
doveva temere rivali, come in quell'orribile mercato di Spring Grove,
a Cincinnati, e la Bandiera Indaco non si sarebbe abbassata questa
volta dinanzi alla maest di un maiale fenomenale.
J ohn Milner ne fu rassicurato sin dall'inizio. I giornali di Filadelfia
avevano annunciato con grossi titoli che la Pennsylvania avrebbe
atteso l'arrivo del secondo giocatore nei quindici giorni compresi tra
il 31 maggio e il 14 giugno. Le agenzie di scommesse se n'erano
occupate. I mediatori avevano spinto il mondo dei giocatori a puntare
su Tom Crabbe, mettendo in rilievo il fatto che egli era in vantaggio
sui suoi concorrenti e che con un paio di colpi fortunati avrebbe
potuto raggiungere la meta.
Quando, il giorno dopo, attravers le vie pi frequentate della
citt, condotto a passeggio dal suo allenatore, Tom Crabbe sarebbe
stato soddisfattissimo, se avesse saputo leggere!
Un po' dappertutto erano affissi manifesti giganteschi anche se
erano in tutto simili a quelli che riguardavano il porco di Cincinnati
con il nome del secondo giocatore scritto in lettere alte trenta
centimetri, seguite da punti esclamativi che sembravano guardie
d'onore, per non parlare poi dei volantini distribuiti dai vari mediatori
che urlavano a pi non posso!

TOM CRABBE! TOM CRABBE!! TOM CRABBE!!!
L'illustre Tom Crabbe, Campione del Nuovo Mondo!!!
Il grande favorito della gara Hypperbone!!!
Tom Crabbe, colui che ha battuto Fitzsimons e Corbett!
Colui che batter Ral, Kymbale, Titbury, Lissy Wag, Hodge
Urrican e XKZ!!!
Tom Crabbe, colui che in testa a tutti gli altri!!!
Che appena a sedici caselle dalla meta!!!
Che pianter la bandiera indaco sulle alture
dell'Illinois!!!
Tom Crabbe tra noi!!!
Evviva! Evviva!! Evviva per Tom Crabbe!!!

Altre agenzie, che non davano per favorito il secondo giocatore,
rispondevano, ovviamente, con altri manifesti non meno formicolanti
di punti esclamativi, opponendo soprattutto ai suoi colori quelli di
Max Ral e di Harris T. Kymbale. Gli altri giocatori, Lissy Wag, il
commodoro ed Hermann Titbury, erano gi considerati, ohim, fuori
concorso.
Si capir, quindi, quanto si sentisse fiero J ohn Milner mentre
esibiva il suo trionfante pugile per le vie, le piazze e i luoghi
principali di Filadelfia, tra cui Fairmount Park e il mercato di Market
Street. Era davvero una rivincita dopo la delusione di Cincinnati, e
una garanzia per la vittoria finale!
Il giorno 7 per, in tanto delirio, un inatteso incidente diede a J ohn
Milner una seria preoccupazione. Fu, come si suol dire, il colpo di
spillo che rischia di sgonfiare il pallone che sta per innalzarsi in aria.
Un manifesto non meno grande fu affisso da un rivale, invece che
da un giocatore della gara Hypperbone.

CAVANAUGH CONTRO CRABBE!

Chi era Cavanaugh? Era noto in citt quale pugile di grande fama,
che tre mesi prima era stato vinto da Tom Crabbe nel corso di un
memorabile combattimento, e che da allora non aveva potuto
ottenere la rivincita, nonostante le pi insistenti richieste. Poich
Tom Crabbe era a Filadelfia, ecco le parole che apparivano sul
manifesto dopo il nome di Cavanaugh:

SFIDA PER IL CAMPIONATO
SFIDA! !
SFIDA! !

inutile dire che Tom Crabbe aveva ben altro da fare che
rispondere a quella provocazione: doveva attendere tranquillamente,
in dolce far niente, la data del prossimo colpo di dadi. Ma
Cavanaugh, o meglio, coloro che lo cacciavano tra i piedi del
campione del Nuovo Mondo, non la pensavano cos. Chi potrebbe
affermare che quella non fosse una manovra di qualche agenzia
rivale che cercava in tal modo di fermare la marcia del concorrente
pi vicino alla meta?
J ohn Milner avrebbe dovuto limitarsi ad alzare le spalle. Anche
coloro che parteggiavano per Tom Crabbe intervennero per dirgli di
non raccogliere la sfida che appariva troppo interessata.
J ohn Milner, che era certo della indiscussa superiorit del suo
pugile su Cavanaugh, fece per la seguente riflessione: se Tom
Crabbe non fosse riuscito a vincere la partita e a guadagnare i milioni
del testamento e avesse, quindi, dovuto continuare a fare a pugni
dinanzi al pubblico, la sua reputazione non sarebbe rimasta intaccata
per aver rifiutato di accordare quella rivincita, richiesta in circostanze
cos solenni?
In breve, dopo altri manifesti ancora pi provocanti, che
giungevano fino a intaccare l'onore del campione del Nuovo Mondo,
il giorno dopo si pot leggere su tutti i muri di Filadelfia:

RISPOSTA ALLA SFIDA!
CRABBE CONTRO CAVANAUGH!!

Si immagini l'impressione suscitata!
Tom Crabbe accettava dunque il combattimento! Tom Crabbe,
che era in testa ai Sette, rischiava tutto in una rivincita di pugilato!
Non si preoccupava pi della partita in cui era impegnato? dei
numerosi scommettitori che avevano puntato su di lui? Certamente!
Ma J ohn Milner pensava, non senza ragione, che non era certo una
mascella fracassata o un occhio pesto che avrebbero impedito a Tom
Crabbe di rimettersi in viaggio e di far bella figura nella gara
Hypperbone!
La rivincita ci sarebbe stata, quindi, e prima aveva luogo, meglio
era.
Ecco cosa accadde: poich quel genere di combattimento
proibito anche in America, la polizia di Filadelfia viet ai due eroi di
battersi, minacciandoli di prigione e di ammenda.
pur vero che l'essere rinchiuso in quel penitenziario western,
ove i prigionieri sono obbligati a imparare a suonare uno strumento e
a suonarlo tutto il giorno immaginate che concerto assordante di
stonature sulle quali predomina il suono lamentoso della
fisarmonica!, non rappresenta una pena troppo severa! Ma la
detenzione significava non poter pi ripartire il giorno stabilito ed
esporsi al rischio di eventuali ritardi, come era capitato a Hermann
Titbury nel Maine.
Rimaneva forse un solo modo di cavarsela, senza dover temere
l'intervento dello sceriffo. Bastava trasferirsi in una localit vicina,
tener segreti l'ora e il luogo dell'incontro, sbrigare, in altri termini,
fuori da Filadelfia l'importante faccenda del campionato.
Era ci che i due si preparavano a fare. Furono messi al corrente
degli accordi intervenuti soltanto i testimoni dei due pugili e alcuni
appassionati sportivi di alta responsabilit.
La cosa si sarebbe svolta, per cos dire, tra professionisti, e al
ritorno le autorit metropolitane non avrebbero avuto pi motivo di
occuparsi della faccenda. Bisogna ammettere, tuttavia, che era
comunque una grave imprudenza, ma che volete, quando in gioco
l'amor proprio
Terminate le intese preliminari, poich non c'erano pi state
provocazioni per mezzo di manifesti e si era sparsa la voce che la
rivincita fosse stata differita a dopo la partita, si ritenne che il
combattimento non avrebbe pi avuto luogo.
Tuttavia, verso le otto del mattino del 9 giugno, nella piccola
borgata di Arondale, a una trentina di miglia da Filadelfia, alcuni
signori si trovarono raccolti in una sala segretamente affittata per la
cerimonia.
Con loro c'erano anche fotografi e operatori cinematografici, i
quali non intendevano privare i posteri dello spettacolo di
quell'importante combattimento.
Tra gli altri, c'erano naturalmente Tom Crabbe, perfettamente in
forma e pronto ad allungare le braccia formidabili verso il capo
dell'avversario e Cavanaugh, meno alto, ma anch'egli ampio di spalle
e di eccezionale vigore: entrambi capaci di battersi per venti o trenta
riprese.
Il primo era assistito da J ohn Milner, il secondo dal suo allenatore.
Erano circondati da dilettanti e professionisti avidi di assistere alle
mosse di quelle due macchine della forza di quattro pugni.
Ma le braccia dei due pugili avevano appena assunto la posizione
per iniziare la lotta che lo sceriffo di Arondale, Vincent Bruck,
comparve, seguito dal pastore metodista della parrocchia Hugh
Hunter, gran venditore di Bibbie antisettiche e antiscettiche. A
seguito di un'indiscrezione, entrambi accorrevano nel campo chiuso
per impedire quello scontro immorale e degradante, il primo in nome
della legge della Pennsylvania, l'altro in nome della legge divina.
Nessuna meraviglia che entrambi fossero male accolti, sia dai
campioni e dai loro testimoni, sia dagli spettatori, sempre avidi di
quel genere di sport, e che avevano anche scommesso somme
considerevoli.
Lo sceriffo e il pastore vollero parlare, ma ci si rifiut di
ascoltarli. Vollero separare i due pugili, ma incontrarono resistenza.
In due soli, che cosa potevano fare contro tanta gente robusta e
muscolosa, abbastanza forte, a quel che pareva, per farli rotolare con
un manrovescio a sei metri di distanza?
I due intervenuti avevano senza dubbio a loro vantaggio il
carattere sacro della propria persona. Rappresentavano l'autorit
terrena e celeste, ma mancava loro l'aiuto della polizia, che di solito
la soccorre in tali circostanze.
Nel momento in cui Tom Crabbe e Cavanaugh stavano per
iniziare l'attacco e la difesa, Vincent Bruck grid:
Fermatevi!
Badate a ci che fate! aggiunse il reverendo Hugh Hunter.
Non serv a nulla e molti pugni furono scambiati, che la pronta e
opportuna ritirata dei due avversari mand a vuoto.
Accadde allora qualcosa che non manc di suscitare sorpresa e
ammirazione in coloro che ne furono testimoni.
Lo sceriffo e il pastore non erano di alta statura e neppure di
aspetto vigoroso: erano magri e di statura media. Ma se non avevano
robustezza e vigoria, avevano per, come si vedr, agilit e astuzia.
In un attimo, Vincent Bruck e Hugh Hunter si lanciarono sui due
pugili. J ohn Milner, che aveva cercato di trattenere il pastore, ne
ricevette uno scapaccione magistrale che lo fece accasciare al suolo,
quasi svenuto.
Un attimo dopo, Cavanaugh riceveva dallo sceriffo un pugno
nell'occhio sinistro, mentre il pastore colpiva l'occhio destro di Tom
Crabbe.
I due professionisti del pugilato cercarono allora di accoppare gli
assalitori. Ma costoro, evitando il loro attacco, saltando di qua e di l
e facendo capriole con sveltezza di scimmie, schivarono
meravigliosamente i colpi pi duri.
A partire da quel momento la cosa non sorprenda perch ci
accadeva alla presenza di competenti gli applausi e gli evviva
furono per Vincent Bruck e Hugh Hunter.
Il pastore metodista, si mostr, insomma, cos metodico nel
compiere la sua opera a regola d'arte, che dopo aver reso guercio
Tom Crabbe, lo accec del tutto, ricacciandogli l'occhio sinistro in
fondo all'orbita.
Infine, all'arrivo di alcuni poliziotti, ciascuno ritenne che fosse pi
opportuno svignarsela e cos fecero, in men che non si dica.
Ebbe termine in quel modo il memorabile combattimento: la
vittoria e l'onore furono tutti per lo sceriffo e il pastore, i quali si
erano battuti per la legge e la religione.
Con la guancia gonfia e un occhio pesto, J ohn Milner ricondusse
Tom Crabbe a Filadelfia, ove entrambi, in attesa del prossimo
telegramma, si chiusero nella camera dell'albergo per nascondere la
propria vergogna.
CAPITOLO IX
DUECENTO DOLLARI AL GIORNO
UN AMULETO per i coniugi Titbury? La necessit era evidente, e
anche se costituito da un pezzetto di corda di quella adoperata per
impiccare il brigante Bill Arrol sarebbe stato sempre il benvenuto.
Ma, come aveva gi detto il magistrato di Great Salt Lake City, per
impiccarlo occorreva prima prenderlo, e non sembrava che ci fosse
cosa presto fatta.
L'amuleto che avesse assicurato a Hermann Titbury la vittoria non
sarebbe stato certamente pagato troppo caro, al prezzo dei tremila
dollari che gli erano stati estorti al Cheap Hotel. Nell'attesa, per,
la Bandiera Azzurra non possedeva pi un centesimo. Deluso e
indispettito per le risposte ironiche dello sceriffo, Hermann Titbury
lasci il posto di polizia e raggiunse la signora Titbury.
Allora, Hermann chiese la moglie, quel furfante, quel
miserabile Inglis?
Non si chiama Inglis le rispose Titbury, lasciandosi cadere
sopra una sedia, si chiama Bill Arrol.
Lo hanno arrestato?
Lo arresteranno.
Quando?
Quando si riuscir ad acciuffarlo.
E i nostri soldi? I nostri tremila
Non darei mezzo dollaro per essi!
La signora Titbury si lasci cadere, a sua volta, sulla poltroncina:
era a pezzi! Ma poich era solita reagire con energica prontezza, si
rialz e quando il marito, terribilmente accasciato, disse:
Che cosa facciamo?
Aspetteremo rispose.
Aspetteremo che cosa? Che il bandito
No, Hermann, aspetteremo il telegramma di mastro Tornbrock.
Non potr tardare: poi vedremo.
E il denaro?
Avremo tempo di farne venire dell'altro, anche se dovessimo
essere mandati all'altra estremit degli Stati Uniti.
La qualcosa non mi stupirebbe, con la sfortuna che ci
perseguita.
Vieni con me disse con fermezza la signora Titbury.
Uscirono dall'albergo per recarsi all'ufficio telegrafico.
Tutta la citt, come si pu facilmente immaginare, era gi al
corrente delle disavventure dei coniugi Titbury. Great Salt Lake City
non sembrava mostrare per loro maggior simpatia della borgata di
Calais, dalla quale erano giunti direttamente. E non solo essi non
riscotevano simpatia, ma non si aveva nessuna fiducia in loro. Chi
avrebbe voluto fare assegnamento sulla fortuna di persone alle quali
capitavano tante cose spiacevoli? che avevano la sfortuna, dopo due
colpi di dadi, di essere ancora alla quarta casella e che gli
scommettitori non volevano pi nemmeno a cinquanta contro uno?
Le persone che si trovarono nella sala dell'ufficio postale, quando
la coppia apparve, erano dunque unicamente curiosi o, per dir
meglio, dei burloni maligni, pronti a ridere del buon ultimo, come
veniva designato il disgraziato Titbury.
Ma le beffe non ferirono n l'uno n l'altro dei coniugi. A loro
poco importava essere quotati bene o male dalle agenzie; e poi, un
magnifico colpo avrebbe potuto risollevare in qualunque momento le
loro sorti. La signora Titbury aveva calcolato, infatti, studiando la
carta, che se fosse uscito loro un dieci, avrebbero dovuto recarsi alla
quattordicesima casella occupata dall'Illinois; quindi, raddoppiando,
avrebbero fatto un salto fino alla ventiquattresima casella, Stato del
Michigan, limitrofo all'Illinois: ci li avrebbe ricondotti verso
Chicago. Sarebbe stato, senza dubbio, il colpo pi favorevole che
potessero desiderare. Si sarebbe verificato?
Alle nove e quarantasette minuti, con automatica regolarit, il
telegramma usc dall'apparecchio.
Ma il punto comunicato era pi sfortunato che mai.
Il 2 giugno, come si ricorder, Max Ral era a casa, con sua
madre, e ne aveva subito avuto notizia, cos come nei giorni
successivi avrebbe appreso il punto che mandava Harris T. Kymbale
nel Dakota del Nord, Lissy Wag nello Stato del Missouri e il
commodoro Urrican nel Wisconsin.
Era certamente molto spiacevole per Hermann Titbury, ma era
anche una cosa abbastanza insolita; insomma, bisognava avere una
diabolica sfortuna perch ci si fosse verificato!
Giudicate voi stessi! dal tiro dei dadi era risultato un cinque,
ottenuto con un due e un tre; dalla quarta, Titbury andava quindi alla
nona casella, Stato dell'Illinois. E poich bisognava raddoppiare,
eccolo andare alla quattordicesima, che era ancora l'Illinois, ove
bisognava triplicare il punteggio. Quindici punti in tutto, quindi, che
conducevano alla diciannovesima casella (Louisiana, New Orleans)
che sulla carta Hypperbone corrispondeva alla locanda.
A dire il vero, non si poteva essere pi sfortunati!
I due Titbury tornarono all'albergo, tra lo scherno dei presenti,
trascinandosi come chi ha ricevuto una mazzata in testa. La signora
Titbury, che aveva il capo pi solido di quello del marito, non
rimase, come lui, intontita dal colpo.
In Louisiana, a New Orleans! ripeteva il signor Titbury,
strappandosi i capelli. Perch siamo stati cos sciocchi da correre
in questo modo?
E continueremo a correre! dichiar la signora Titbury,
incrociando le braccia.
Tu vuoi
Partire per la Louisiana.
Ma dovremo percorrere almeno mille e trecento miglia!
Le percorreremo.
Dovremo pagare una penalit di mille dollari!
La pagheremo.
Resteremo due colpi senza giocare!
Non giocheremo.
Saremo costretti a trascorrere una quarantina di giorni in quella
citt, dove pare che la vita costi un occhio della testa!
Ve li trascorreremo.
Ma non abbiamo pi soldi!
Ne faremo venire.
Ma io non voglio!
E io voglio!
Come si vede, Kate Titbury aveva risposta a tutto. Era certamente
una natura di vecchia giocatrice quella che ora si risvegliava in lei e
prendeva il sopravvento. Ed era inoltre il miraggio dei milioni di
dollari che l'attirava, l'affascinava, la ipnotizzava.
Hermann Titbury non cerc di resistere. Tanto, non sarebbe valso
a nulla. Tutto sommato, le previste conseguenze del colpo disgraziato
erano fin troppo giuste: un viaggio lungo e molto caro tutta la
Confederazione da attraversare da nord-ovest a sud-est, l'alto costo
della vita nella opulenta e dispendiosa citt di New Orleans, il tempo
che bisognava rimanervi, perch le regole della gara li obbligavano
ad aspettarvi due giocate prima di poter partecipare nuovamente al
gioco ed egli credette bene di farlo osservare.
Il caso rispose la signora Titbury potr mandarvi un altro
giocatore e noi allora lo sostituiremo.
Chi esclam il signor Titbury, se tutti ci precedono?
Potrebbero essere obbligati a retrocedere, dopo aver superato la
meta oppure costretti a ricominciare la partita, come il terribile
Urrican.
Certo, poteva capitare, anche questo; ma i coniugi Titbury
avevano cos poca fortuna!
E poi aggiunse il signor Titbury per colmo di sventura,
non abbiamo neppure il diritto di scegliere l'albergo nel quale ci
converrebbe soggiornare!
Il malaugurato telegramma, dopo le parole diciannovesima,
Louisiana, New Orleans aggiungeva infatti: Excelsior -Hotel.
Non vi era nulla da obiettare. Che l'albergo fosse di primo o di
ventesimo ordine, era quello imposto dalla volont del defunto.
Andremo all'Excelsior Hotel disse la signora Titbury.
Cos era fatta quella donna avara e risoluta! Ma quanto doveva
soffrire al pensiero delle perdite gi subite, dei trecento dollari di
ammenda, dei tremila rubati loro, al pensiero delle spese sostenute
fin allora, di quelle che tra breve avrebbero dovuto sostenere e di
quelle che probabilmente il futuro ancora riservava! Ma il pensiero
dell'eredit la rendeva cieca.
Inutile dire che al terzo giocatore non mancava il tempo per
raggiungere il suo posto: quarantacinque giorni. Si era al 2 giugno e
sarebbe bastato che la bandiera verde
15
fosse spiegata il 15 luglio
nella metropoli della Louisiana. Ma la signora Titbury fece notare
che un altro dei Sette poteva esservi mandato da un giorno all'altro
e che era perci necessario trovarvisi per potergli cedere il posto. Era
dunque meglio non perdere altro tempo a Great Salt Lake City. Fu
deciso di ripartire non appena in possesso del denaro richiesto
telegraficamente alla First National Bank di Chicago, Dearborn and
Monroe Street, presso la quale il signor Titbury aveva un conto
corrente.
L'operazione richiese appena due giorni. La mattina del 4 giugno,
il signor Titbury pot incassare presso la Banca di Great Salt Lake
City cinquemila dollari, che, ahim, non avrebbero pi prodotto
interessi.
Il 5 giugno, i signori Titbury lasciarono Great Salt Lake City tra la
generale indifferenza e, purtroppo, senza il pezzettino di corda che
forse avrebbe potuto portar loro fortuna, se Bill Arrol fosse stato
impiccato.
L'Union Pacific, di cui evidentemente si servivano sempre tutti i
concorrenti della gara Hypperbone, li trasport attraverso lo
Wyoming fino a Cheyenne, e poi, attraverso il Nebraska, fino a
Omaha City.
Di l, poich si spendeva meno ad andare in nave che non in
treno, i due viaggiatori raggiunsero Kansas seguendo il Missouri,
come aveva fatto Max Ral al tempo del suo primo viaggio; da
Kansas si recarono poi a Saint-Louis, ove Lissy Wag e J ovita Foley
non avrebbero tardato a prendere alloggio per scontarvi la pena del
carcere.
Il passaggio dal Missouri al Mississippi, del quale il primo il
principale tributario, si effettu con un semplice trasbordo. Le navi a
vapore sono numerose sui due fiumi e se ci si accontenta dell'ultima
classe vi si pu viaggiare a prezzi bassissimi. Se ci si provvede, poi,

15
Svista dell'Autore: quella di Titbury la bandiera azzurra. (N.d.R.)
di commestibili a buon mercato, che si possono facilmente rinnovare
a ogni scalo, si possono ancora ridurre le spese quotidiane. Ed
proprio ci che fecero i coniugi Titbury, economizzando il pi
possibile in previsione di ci che sarebbe costato loro un soggiorno,
forse anche lungo, all'Excelsior Hotel di New Orleans.
I coniugi salirono quindi a bordo del Black-Warrior che li avrebbe
trasportati alla metropoli della Louisiana. Non restava che seguire il
corso del Padre delle acque attraverso l'Illinois, il Missouri,
l'Arkansas, il Tennessee, il Mississippi e la Louisiana, stati per i quali
il gran fiume d un confine certamente pi naturale di quanto non
siano i gradi di longitudine o di latitudine che segnano gli altri loro
confini geodetici.
Non ci si meravigli che questa superba arteria, lunga pi di
quattromila-cinquecento miglia, abbia ricevuto diverse altre
denominazioni: Misi Sipi, che in lingua algonchina significa Grande
Acqua; Rio d'el Spiritu Santo, come venne chiamato dagli spagnoli;
Colbert, a met del diciassettesimo secolo, da Cavelier de la Salle;
Buade dall'esploratore J oliet, per diventare infine il Meschaceb
sotto la poetica penna di Chateaubriand.
Questa serie di nomi, sostituiti in ultimo da quello di Mississippi,
ha, comunque, un interesse puramente geografico, ma i Titbury non
se ne curavano affatto, come non si curavano dell'estensione del suo
bacino, anche se esso occupa 3.211.000 chilometri quadrati.
L'essenziale era che esso li conducesse, senza troppa spesa, dove
dovevano andare. Non c'erano difficolt da temere, del resto, lungo il
tragitto. Quello che viene chiamato Mississippi industriale, gi
ingrossato da numerosi affluenti Minnesota, Cedar, Turkey, Iowa,
Santa Croce, Chippewa, Wisconsin, comincia a monte di Saint-
Louis, nel Minnesota, a valle delle rombanti cascate di Sant'Antonio.
Ed proprio a Saint-Louis che sono gettati i due ultimi ponti che
mettono in comunicazione le due rive, dopo un corso di
milleduecento miglia.
Nel seguire la frontiera dell'Illinois, il Black-Warrior rasent rive
calcaree alte una sessantina di tese, da un lato ultime ramificazioni
dei monti Ozark, dall'altro ultime colline della campagna dell'Illinois.
Da Cairo l'aspetto mut completamente, per diventare quello
dell'immensa pianura alluvionale, attraverso la quale un grande
tributario, l'Ohio, versa nel Mississippi considerevoli masse d'acqua.
Pur con quell'apporto e, oltre Cairo, con l'apporto dell'Arkansas e del
Fiume Rosso, la portata del fiume minore a New Orleans che a
Saint-Louis, e cio alla foce, nel golfo del Messico. Ci dipende dal
fatto che il soverchio delle sue acque scorre lateralmente, attraverso
il bayous attigui alle sue basse rive. per questo che la Sunk
Country, il Paese sprofondato, completamente inondata. Si tratta
di un'ampia regione a ovest del fiume, cosparsa di lagune e di
acquitrini, solcata da acque lente o stagnanti, e che sembra essersi
allagata all'epoca del terremoto del 1812.
Il Black-Warrior, abilmente e prudentemente manovrato,
scivolava tra le numerose e poco stabili isole che si deformano o si
spostano, sospinte dal capriccio delle piene e delle correnti, o create
in pochi mesi da qualche intoppo che ha trattenuto sabbia e terra. La
navigazione del Mississippi non si compie perci senza grandi
difficolt, felicemente superate, tuttavia, dagli abili piloti della
Louisiana.
I coniugi Titbury passarono quindi da Memphis, importante citt
del Tennessee, ove i curiosi avevano potuto contemplare per alcune
ore Tom Crabbe, durante il suo primo viaggio. Poi fu la volta di
Helena, borgata posta sul declivio di una collina, che indubbiamente
diventer citt perch le navi vi fanno spesso scalo. Seguirono poi,
sulla riva destra, dopo la foce dell'Arkansas, altri bayous e acquitrini,
dal suolo mobile, nel luogo ove un giorno era scomparso il villaggio
chiamato Napoleone. Il Black-Warrior giunse poi a Vicksburg, una
delle poche citt industriali del Mississippi, ma non vi fece sosta, e
ci a causa del corso irregolare del fiume, il quale, in seguito a una
grande piena, si allontanato da essa, spostandosi alcune miglia pi a
sud. La nave si ferm tuttavia un'ora a Natchez, che, per il suo
traffico commerciale, necessita di un gran numero di navi che
servono tutta la regione. Il Mississippi si fece allora pi capriccioso;
moltiplic le svolte, le curve, i meandri, tornando spesso indietro,
tanto che, a guardarlo sulla carta, si sarebbe detto un groviglio di
anguille intorno all'anguilla madre. Le sue rive incolte, sempre pi
basse, confondendosi con la pianura alluvionale, non presentavano
che banchi di sabbia e argini coperti di canne, rosi dalle correnti. A
trecento miglia dal mare, il Black-Warrior super infine la foce del
Fiume Rosso, all'angolo del quale i due stati si toccano, nei pressi di
Fort Adam, e penetr nel territorio della Louisiana. L brontolano e
ribollono rapide tumultuose, prodotte dal progressivo restringersi del
letto del fiume, da Cairo alla foce. Tuttavia il livello delle acque
raggiungeva allora un'altezza media, per cui il Black-Warrior pot
attraversarle senza correre il rischio di arenarsi.
Dopo Natchez, prima di giungere a New Orleans, metropoli dello
Stato, non si incontrano altre citt che abbiano qualche importanza,
se si eccettua Bton-Roge, che, a dire il vero, solo una grossa
borgata di diecimilacinquecento abitanti, in cui, per, hanno sede la
legislatura dello Stato e la capitale parlamentare della Louisiana.
Bton-Roge sorge in una posizione bella e salubre, cosa che non
da sottovalutare in regioni cos spesso colpite da epidemie di febbre
gialla. Dopo Donaldsonville, infine, non si videro che cascinali e
villette sparse sulle due rive del grande fiume americano, fino al suo
incontro con New Orleans.
La Louisiana, che il primo Impero vendette agli americani per
venti milioni di franchi, occupa il trentesimo posto fra gli Stati della
repubblica federale. La sua popolazione, in gran parte di colore,
costituita da pi di un milione e centomila abitanti. E stato necessario
difenderla dalle piene del Mississippi con solide dighe nella parte
bassa, ove la produzione dello zucchero cos alta che essa ne
detiene il primato. A nord-ovest, bagnate dal Fiume Rosso e dai suoi
affluenti, le terre pi alte sono al riparo da inondazioni e si prestano
quindi alle esigenze dell'agricoltura. La Louisiana produce anche
ferro, carbone, ocra, gesso; vi abbondano i campi di canne, le
piantagioni di aranci e di limoni; e possiede anche vaste foreste
impenetrabili, rifugio di orsi, pantere, linci, e tutta una rete di
affluenti frequentati da alligatori.
La sera del 9 giugno i coniugi Titbury giunsero finalmente a New
Orleans, dopo un viaggio di sette giorni dalla partenza da Great Salt
Lake City. Nel frattempo erano stati proclamati i risultati dei colpi di
dadi del 4, del 6 e dell'8 giugno, che riguardavano Harris T.
Kymbale, Lissy Wag e Hodge Urrican. Quei risultati non erano tali
da migliorare la posizione di Hermann Titbury, poich non
mandavano nessuno dei tre a sostituirlo nella locanda della
diciannovesima casella.
Oh, se non fosse stato necessario soggiornare sei settimane in
quella dispendiosa citt, forse sette giorni dopo i dadi gli avrebbero
concesso un numero di punti pi favorevole ed egli avrebbe potuto
mettersi in linea con i giocatori che lo precedevano!
Nell'uscire dall'imbarcadero, i signori Titbury scorsero una
carrozza tirata da magnifici cavalli, che aspettava certamente qualche
passeggero del Black-Warrior. Essi intendevano ovviamente andare
a piedi fino all'Excelsior Hotel, facendosi portare i bagagli da un
facchino. Si immagini quindi la loro sorpresa, alla quale si un una
stretta al cuore, quando si accost un negro di un bel color nero e
disse loro:
I signori Titbury, immagino
Precisamente rispose Titbury.
I giornali avevano annunciato evidentemente la loro partenza
dallo Stato dell'Utah, il loro passaggio da Omaha, la loro navigazione
a bordo del Black-Warrior e il loro imminente arrivo a New Orleans.
Avevano sperato inutilmente di non essere attesi! Come sfuggire,
ora, agli inconvenienti sempre costosi della celebrit?
Che volete da noi? chiese il signor Titbury, con tono
burbero.
La carrozza a vostra disposizione.
Non abbiamo ordinato nessuna carrozza.
Non c' altro modo per recarsi all'Excelsior Hotel rispose
il negro inchinandosi.
Cominciamo bene! mormor Titbury, con un sospiro.
Poich la consuetudine esigeva che ci si recasse all'albergo solo in
quel modo, non restava da fare altro che montare in quel superbo
land. La coppia vi si accomod, mentre un omnibus trasportava la
valigia e il sacco. A Canal Street la carrozza si ferm dinanzi a un bel
palazzo, sul frontone del quale brillavano le parole Excelsior Hotel
Company, limited. Il vestibolo dell'albergo splendeva di luci; il
domestico si affrett ad aprire la portiera.
Stanchi e frastornati, i Titbury si resero appena conto della
cerimoniosa accoglienza riservata loro dal personale dell'albergo. Un
maggiordomo in abito nero li condusse nella loro camera. Abbagliati,
con occhi torvi, essi non videro nulla delle magnificenze che li
circondavano e rimandarono al giorno seguente le riflessioni che
doveva loro ispirare quell'insolito fasto.
Dopo aver trascorso la notte nella quiete della comodissima
camera, le cui doppie finestre non lasciavano sentire i rumori della
strada, la mattina successiva si svegliarono sotto il mite chiarore di
una lampada da notte, alimentata dalle sorgenti elettriche
dell'albergo. Il quadrante trasparente di una pendola di grande valore
segnava le otto.
Al capezzale dell'ampio letto dove avevano entrambi
magnificamente riposato, alcuni pulsanti a portata di mano
aspettavano solo la pressione del dito per fare accorrere il cameriere
o la cameriera. Altri pulsanti ordinavano il bagno, la prima colazione,
i giornali del mattino e cosa che serviva certamente ai viaggiatori
che avessero premura di alzarsi la luce del giorno! L'indice adunco
della signora Titbury si pos proprio su questo bottone.
Le spesse tendine delle finestre risalirono allora meccanicamente,
le persiane si aprirono verso l'esterno e i raggi del sole penetrarono a
fiotti nella camera.
I coniugi Titbury si guardarono l'un l'altro. Non osavano
spiccicare sillaba, chiedendosi se ogni frase non dovesse costar loro
una piastra a parola.
Il lusso della camera era incredibile; ogni cosa pareva
impareggiabilmente splendida: mobili, tende, tappeti e imbottitura
delle pareti in seta ricamata.
I coniugi si alzarono e passarono nel bagno attiguo; era
stupendamente comodo: lavabi con rubinetti di acqua calda, tiepida o
fredda; polverizzatori pronti a lanciare goccioline profumate;
saponette di vari colori e odori; spugne di eccezionale delicatezza;
asciugamani candidi come neve.
Non appena si furono vestiti, i Titbury si avventurarono nelle altre
stanze: occupavano un appartamento completo. Nella sala da pranzo,
la tavola scintillava di argenteria e di porcellane; il salone di
ricevimento aveva mobili di gran lusso, lampadario, lampade a muro,
quadri di grandi maestri, bronzi artistici, tende di lampasso a rilievi
dorati; nella stanza della signora non mancava il pianoforte con vari
spartiti, una tavola, romanzi del tempo e alcune raccolte di fotografie
della Louisiana. Nello studio del signore si ammucchiavano le riviste
americane e i giornali di maggior diffusione dell'Unione; una cartella
con l'occorrente per scrivere conteneva carta della migliore qualit
intestata col nome dell'albergo. Non mancava una piccola macchina
da scrivere, la cui tastiera era pronta a mettersi in azione sotto le dita
dell'ospite.
Sembra la caverna di Ali Bab! esclam la signora Titbury,
affascinata.
I quaranta ladroni non sono lontani aggiunse il signor
Titbury, se non saranno almeno un centinaio.
In quel momento i suoi occhi si fissarono sopra un avviso chiuso
in una cornice dorata, con l'indicazione dei servizi dell'albergo e
dell'ora dei pasti per coloro che non volessero farseli servire nelle
proprie camere.
L'appartamento assegnato al quarto giocatore aveva il numero 1 e
recava la seguente indicazione: Riservato ai giocatori della gara
Hypperbone dall'Excelsior Hotel Company.
Suona, Hermann si limit a dire la signora Titbury.
Premuto il bottone, un signore in abito nero e cravatta bianca si
present alla porta del salone.
Per prima cosa, present ai due sposi, con parole studiate, i
complimenti della societ che gestiva l'Excelsior Hotel e del suo
direttore, onorati di avere per ospite uno dei pi simpatici giocatori
della grande partita nazionale. Poich egli doveva trascorrere, con la
gentile consorte, un po' di tempo in Louisiana, e precisamente a New
Orleans, il personale dell'albergo avrebbe fatto il possibile perch
non mancassero loro comodit e distrazioni. Nel caso che essi
desiderassero uniformarsi al regime dell'albergo, questo comportava
il t alle otto del mattino, la colazione alle undici, il pranzo alle
quattro, la cena alle sette e il t della sera alle dieci. Cucina
americana, inglese o francese, a scelta. Vini delle migliori marche
d'oltremare. Carrozza tutto il giorno a disposizione del grande
banchiere di Chicago (sic!), un elegante panfilo sempre pronto a
partire per gite sino alla foce del Mississippi o sul lago Borgne o sul
lago Ponchartrain. Palco riservato all'Opera, che ospitava in quei
giorni un'ottima compagnia francese.
Quanto? chiese bruscamente il signor Titbury.
Cento dollari.
Al mese?
Al giorno.
A testa, naturalmente aggiunse la signora, con voce in cui
l'ironia contrastava con l'indignazione.
Certamente, signora; e abbiamo fatto un prezzo pi modico
quando abbiamo saputo dai giornali che il terzo giocatore e la signora
Titbury avrebbero soggiornato per qualche tempo all'Excelsior
Hotel.
Ecco dove erano finiti gli sfortunati coniugi! E quel che peggio,
essi non potevano andare altrove! La signora Titbury non aveva
neppure la possibilit di trasferirsi in un albergo modesto! L'albergo
era imposto da William J . Hypperbone, e non c'era da stupirsene, dal
momento che il defunto ne era uno dei pi importanti azionisti.
Proprio cos! Duecento dollari al giorno, seimila dollari per trenta
giorni, se fossero rimasti un mese intero in quella caverna
Bisognava rassegnarsi, di buona o di cattiva voglia. Abbandonare
l'Excelsior Hotel significava abbandonare la partita, sulle cui
regole non si discuteva! Significava rinunciare ai milioni del defunto
e alla speranza di rifarsi delle spese sostenute.
Non appena il maggiordomo si fu ritirato, il signor Titbury disse:
Andiamocene! Riprendiamo la nostra valigia e torniamo a
Chicago! Non rester qui un minuto di pi, a otto dollari l'ora!
Restiamo! rispose l'imperiosa matrona.
Si pu ben dire che la citt della Mezzaluna cos chiamata
la metropoli della Louisiana, fondata nel 1717 sulla curva del grande
fiume che la delimita a sud assorba la Louisiana intera. Poche altre
citt Bton-Roge, Donaldsonville, Shreveport contano pi di
undici o dodicimila abitanti. Posta a 574 leghe da New York e a 45
dalla foce del Mississippi servita da nove linee ferroviarie, che
fanno capo ad essa, e da millecinquecento navi che percorrono la sua
rete fluviale. Guadagnata alla causa dei Confederati il 18 aprile 1862,
fu bombardata per sei giorni dall'ammiraglio Farragut e conquistata
dal generale Butler.
In questa grande citt di duecentoquarantaduemila abitanti di
razze miste, in cui i negri, pur godendo dei diritti politici, non hanno
l'eguaglianza sociale; in questo miscuglio ibrido di francesi, spagnoli,
inglesi e anglo-americani, della metropoli di uno stato che elegge
trentadue senatori e novantasette deputati e che si fa rappresentare al
Congresso da quattro membri; nella citt ove ha sede un vescovo
cattolico, tra dissidenti battisti, metodisti ed episcopali; in questo
cuore della Louisiana avrebbe dovuto condurre una vita quale mai
avrebbe neanche immaginato, la coppia Titbury, incredibilmente
strappata dalla propria casa di Chicago! Ma poich vi era costretta
dalla sfortuna, salvo che avesse deciso di tornarsene a casa, cosa
avrebbe potuto fare di meglio che godersi il denaro che spendeva?
Cos ragion la signora Titbury.
Ogni giorno, dunque, la magnifica carrozza li port a spasso in
gran pompa. Frotte di monelli li seguivano con i loro evviva beffardi,
perch essi erano noti per la loro taccagneria che n a Great Salt
Lake City, n a Calais, aveva creato attorno a loro alcuna simpatia,
come, del resto, non ne aveva creato a Chicago. Che importava? Essi
non se ne accorgevano e nulla impediva loro di ritenersi, nonostante
gli insuccessi, i grandi favoriti della gara.
Si fecero vedere perci nei rioni settentrionali, nei sobborghi di
Lafayette, J efferson, Carrolton quartieri eleganti, risplendenti di
palazzi e villette circondate dal verde degli aranci, delle magnolie e
di altri alberi in piena fioritura in piazza Lafayette e in piazza
J ackson.
16

Passeggiarono sulla solida diga, larga cinquanta tese, che protegge
la citt dalle inondazioni; sulle banchine fiancheggiate da una
quadruplice fila di navi, imbarcazioni a vapore, rimorchiatori, velieri
e navi da cabotaggio, dalle quali vengono spedite ogni anno un
milione e settecentomila balle di cotone. Nessuno se ne meravigli,

16
Nome di un brillante generale dell'esercito secessionista che nel 1863 fu
mortalmente e involontariamente ferito dai propri soldati. (N.d.A.)
ove si pensi che il movimento commerciale di New Orleans
ammonta a duecento milioni di dollari.
Furono visti nei sobborghi di Algiers, Gretna, Mac Daroughville,
dopo essersi fatti trasportare sulla riva sinistra del fiume, ove hanno
sede soprattutto le officine, le fabbriche e i depositi.
Si fecero condurre, nella loro carrozza di lusso, lungo le vie
eleganti fiancheggiate da case di mattoni e di pietra, costruite al
posto delle case di legno distrutte dagli incendi; pi spesso, lungo via
Reale e via Saint-Louis, che tagliano in croce il quartiere francese
con le sue incantevoli abitazioni dalle persiane verdi e dai cortili ove
mormorano i getti d'acqua delle vasche e dove piante meravigliose
crescono in larghi vasi a cassetta!
Onorarono di una visita il Campidoglio, all'angolo di via Reale
con via Saint-Louis, vecchio edificio trasformato durante la Guerra
di Secessione in palazzo legislativo, ove si riuniscono le assemblee
dei senatori e dei deputati. Ma essi, ospiti dell'impareggiabile
Excelsior Hotel, non nutrirono altro, per l'albergo Saint-Charles,
tra i pi importanti della citt, che ben giustificato disprezzo.
Visitarono l'architettonico palazzo dell'universit, la cattedrale di
stile gotico, l'edificio della dogana, la Rotonda e la sua vastissima
sala, ove il lettore trova una biblioteca ben rifornita, il bighellone un
ambulacro sistemato sotto alcune gallerie coperte, gli speculatori su
titoli azionari e fondi pubblici una Borsa animatissima, nella quale si
agitavano febbrilmente i mediatori delle agenzie, urlando i mutevoli
corsi dei giocatori della gara Hypperbone.
Fecero alcune gite, a bordo del loro elegante panfilo, sulle acque
tranquille del lago Ponchartrain e fino ai passi del Mississippi.
Gli amatori delle grandi opere liriche li videro infine
pavoneggiarsi all'Opera nel palco messo a loro disposizione, e
tendere disperatamente, agli accordi dell'orchestra, l'orecchio chiuso
a ogni comprensione musicale.
Vissero cos come in sogno; ma quale risveglio, quando sarebbero
ripiombati nella realt!
Uno strano fenomeno si era intanto verificato: quei due spilorci,
quei due taccagni, si abituarono al nuovo modo di vivere, rimasero
intontiti dalla nuova anormale situazione, si inebriarono, nel senso
materiale della parola, davanti alla tavola sempre splendidamente
imbandita, sulla quale non intendevano lasciare briciola a costo di
buscarsi qualche gastralgia o la dilatazione di stomaco per il resto
della loro vita. Bisognava approfittarne, almeno per i duecento
dollari quotidiani che pagavano all'Excelsior Hotel.
I giorni intanto passavano, anche se i Titbury non se ne rendevano
perfettamente conto. Poich il loro soggiorno nella locanda non
pareva dovesse essere interrotto, i dadi sarebbero stati tirati ancora
quattordici volte a Chicago, prima che essi avessero il diritto di
rimettersi in viaggio. Ogni quarantotto ore il numero uscito veniva
proclamato alla Rotonda, come lo era stato prima all'Auditorium.
Il risultato dell'8 giugno, come si sa, aveva mandato il commodoro
Hodge Urrican nel Wisconsin. Sappiamo anche che quello del 10
aveva inviato il misterioso XKZ nel Minnesota.
Nessun altro risultato aveva tirato in ballo la Louisiana; n quello
del 12, riguardante Max Ral, n quello del 14, concernente Tom
Crabbe. Il giorno 16, data riservata a Hermann Titbury prima che la
sfortuna lo costringesse a fermarsi alla diciannovesima casella,
nessun colpo di dadi era stato tirato. Il colpo del 18 spett ad Harris
T. Kymbale.
I due sposi erano dunque condannati a condurre quella vita
piacevole e rovinosa per la borsa e per la salute per tutte le sei
settimane di esclusione dal gioco che comportava il soggiorno nello
Stato della Louisiana?
La partita non avrebbe finito per concludersi, con l'arrivo del
vincitore alla sessantatreesima casella, ancora prima che essi
avessero potuto ricominciare a prendervi parte?
L'avvenire soltanto avrebbe potuto dirlo. Nell'attesa, i giorni
trascorrevano; se la partita fosse terminata, i coniugi Titbury non
avrebbero potuto fare altro che ritornare nell'Illinois, dopo aver
pagato il conto ingente dell'Excelsior Hotel. E se a quel conto
avessero aggiunto le spese fin allora sostenute, si pensi quanto
sarebbe loro costata la follia di aver fatto parte dei Sette nella gara
Hypperbone!


CAPITOLO X
LE PEREGRINAZIONI DI HARRIS T. KYMBALE
SE I CONIUGI Titbury e il commodoro Urrican si lamentavano, non
senza ragione, della sfortuna che li perseguitava, anche il
capocronista del Tribune sembrava averne adesso qualche motivo,
almeno in un certo senso. All'inizio, il primo colpo di dadi lo aveva
mandato sul ponte del Niagara Stato di New York a pagarvi una
penitenza; di l era stato poi inviato a Santa F, capitale del Nuovo
Messico. Ecco ora che il nuovo colpo lo costringeva a raggiungere
prima il Nebraska e poi lo Stato di Washington, posto all'estremit
occidentale della Confederazione.
A Charleston (Carolina del Sud), ove era stato accolto con
entusiasmo, Harris T. Kymbale aveva ricevuto infatti, il 4 giugno, il
telegramma che lo riguardava. Il punto conseguito dieci, fatto con
un sei e un quattro, raddoppiato, lo mandava dalla ventiduesima
alla quarantaduesima casella.
Quest'ultima casella, Stato del Nebraska, era stata scelta dal
defunto per disporvi il labirinto del nobile gioco dell'Oca. Dopo
esservisi recato e aver pagato una doppia penalit, il giocatore
doveva retrocedere e ci era grave alla trentesima casella,
occupata dallo Stato di Washington. Bisogna notare, per, che il
Nebraska si trovava lungo l'itinerario da seguire per recarsi dalla
Carolina del Sud nel Washington.
facile capire come, all'annuncio del risultato, coloro che
simpatizzavano per lui, raccolti in buon numero nell'ufficio postale di
Charleston, si sentissero cascare le braccia. Il cronista si vide a un
pelo dal perdere la reputazione di grande favorito, che la maggior
parte delle agenzie, a torto o a ragione, gli aveva attribuito.
Ma il risoluto e sbrigativo giornalista rassicur subito coloro che
avevano scommesso su di lui.
Amici miei disse loro, non disperate! Voi sapete gi che
i lunghi viaggi non mi fanno paura. Andare da Charleston al
Nebraska e dal Nebraska nel Washington per me come fare una
passeggiata. Ho quindici giorni a mia disposizione, dal 4 al 18
giugno, per percorrere queste quattromila miglia. I treni non
mancano. Quanto alla penalit da pagare, ci riguarda
esclusivamente il cassiere del Tribune; e se si lamenter, peggio
per lui! Quel che dispiace di pi non l'andare dal Nebraska nel
Washington, ma di dover retrocedere dalla quarantaduesima alla
trentesima casella. Tuttavia, retrocedere di dodici punti non la fine
del mondo dopotutto! Far presto a rifarmi di quanto il dio del caso
mi avr fatto perdere!
Era possibile non avere assoluta fiducia in un uomo che si
mostrava cos sicuro di s? Era possibile esitare ad arrischiare su di
lui somme enormi? Era possibile lesinargli gli applausi che meritava
a cos giusto titolo? Gli applausi non gli furono perci risparmiati e il
mattino vide rinnovarsi i trionfi della vigilia, durante il famoso
banchetto di Astley, ove aveva fatto comparsa il mostruoso pasticcio
di circa quattromila chili, che aveva provocato nella grande
metropoli millecinquecentosettantasette indigestioni.
Ma Harris T. Kymbale si sbagliava quando diceva che si poteva
andare da Charleston a Olympia, capitale dello Stato di Washington
indicata dal telegramma, combinando le possibilit offerte dalla rete
ferroviaria federale. Esisteva, vero, una soluzione di continuit, ed
essa doveva essergli segnalata da Bruman S. Bickhorn, segretario di
redazione del Tribune; la met del viaggio, per, fino al Nebraska
si sarebbe dovuta compiere rapidamente con le ferrovie che si
congiungevano alla linea della Union Pacific.
Non vi era tempo da perdere, tuttavia, tenuto conto di eventuali
ritardi, sempre possibili; n vi era tempo, ovviamente, per
bighellonare lungo il percorso. Era prudente, per prima cosa, lasciare
Charleston la sera stessa: e ci fece la Bandiera Verde, tra gli
applausi dei suoi entusiasti simpatizzanti, nel momento in cui il treno
si metteva in moto per lanciarsi attraverso le pianure della Carolina
del Sud.
Quella prima parte dell'itinerario era gi stata seguita da altri
concorrenti e senza dubbio altri ancora l'avrebbero percorsa. Harris
T. Kymbale valic il Tennessee e la sera del 5 raggiunse Saint-Louis
del Missouri, ove Lissy Wag e J ovita Foley dovevano trovare la
prigione. Nel timore poi, di perdere troppo tempo risalendo in nave
fino a Omaha, coordin gli orari in modo da approfittare dei treni pi
rapidi per raggiungere Kansas City, metropoli del Nebraska, ove
giunse la sera del 6.
Trascorse la notte a Omaha, citt alla quale Max Ral, durante il
suo primo viaggio, aveva potuto dedicare alcune ore.
Qui lo raggiunse il telegramma inviatogli dal segretario di
redazione del Tribune, in cui gli venivano indicate le tappe da
percorrere giorno per giorno in modo che egli potesse raggiungere
Olympia il 18 giugno prima di mezzogiorno. Ecco ci che diceva il
telegramma:
1. Lasciare Omaha City il mattino del 7 giugno, col treno delle
8,35 della Union Pacific, per raggiungere alle 6,30 della sera
J ulesburg-J onction, dopo un percorso di trecentonovanta miglia.
2. Prendere in questa citt una carrozza, gi pronta e munita di
provviste, con cambio di cavalli predisposto lungo le cento miglia di
strada che conducono alle Cattive Terre del Nebraska. Giunto la
mattina dopo, farvi costatare la propria presenza e tornare a J ulesburg
con la carrozza.
3. La sera del 10 riprendere a J ulesburg il treno per la California
della Union e della Southern Pacific, il quale, la sera del 12, deporr
Harris T. Kymbale alla stazione di Sacramento, dove bisogner
passare la notte.
4. Il giorno seguente, 13 giugno, saltare sul treno diretto a nord e
fermarsi alla stazione di Shasta, nell'Alta California, a trecento
miglia da Sacramento: qui lavori di rifacimento interrompono la
circolazione ferroviaria fino alla stazione di Roseburg (Oregon).
5. Poich il paese montuoso e le carrozze lo percorrono molto
lentamente, bisogner fare a cavallo duecentoquaranta miglia per
giungere, non oltre il 17, alla stazione di Roseburg. Il viaggio dovr
compiersi in quattro giorni quindi venticinque leghe ogni
ventiquattro ore, riposo compreso.
6. Nel pomeriggio del 17, prendere a Roseburg il treno diretto a
Olympia; ove si giunger la mattina seguente, dopo un tragitto di
trecentocinquanta miglia.
NOTA. Harris T. Kymbale pregato di non perdere un attimo di
tempo (il suo tempo molto limitato) e di non dimenticare che i
colleghi del giornale hanno scommesse forti somme di denaro sulla
Bandiera Verde.
Il telegramma era lungo, ma chiaro, esplicito, formale. Il
destinatario non doveva far altro che seguirne le prescrizioni per
essere al suo posto il giorno stabilito e ricevervi le istruzioni
concernenti il quarto colpo di dadi. Bisognava solo sperare che non si
verificasse nessun ritardo: un ritardo, anche se di appena mezza
giornata, avrebbe compromesso il risultato del viaggio.
Non vi era nulla da temere, per; Harris T. Kymbale era deciso a
fare in fretta. Se trascorse la notte a Omaha ci dipese dal fatto che il
primo treno sarebbe partito soltanto il giorno dopo. Lo prese e la sera
stessa scese a J ulesburg-J onction, nei pressi del luogo in cui la
ferrovia sfiora la frontiera del Colorado, non lontano dal South-Platte
River.
Nel lasciare Charleston, il giornalista aveva cercato, questa volta,
di non mettersi in evidenza, nell'intento di evitare i ricevimenti e le
loro incresciose conseguenze. Ma a J ulesburg non avrebbe potuto
conservare l'incognito, perch la carrozza richiesta sarebbe stata in
attesa del suo arrivo.
I suoi simpatizzanti, accorsi alla stazione, compresero tuttavia che
non bisognava per nessun motivo fargli perdere tempo; il viaggio
verso le Cattive Terre (Bad Lands) del Nebraska doveva effettuarsi
in brevissimo tempo e quindi egli aveva le ore contate. Quando
perci accolsero il capocronista del Tribune sul marciapiede della
stazione, furono essi stessi a sollecitarlo perch partisse
immediatamente. Anzi, una dozzina di quegli anglo-americani che,
con gli emigranti e un certo numero di Sioux diventati cittadini degli
Stati Uniti, costituiscono la popolazione del Nebraska, si erano
preparati ad accompagnarlo: scorta utilissima perch nella regione si
incontrano ancora non poche belve a due piedi o a quattro zampe.
Fate come volete, signori disse Harris T. Kymbale,
stringendo le mani tese verso di lui, a condizione per che la
carrozza possa contenervi tutti.
I nostri posti vi sono stati gi prenotati e stringendoci un
po' rispose uno di loro, pieno di entusiasmo.
Il Nebraska occupa, per la sua superficie, il quinto posto tra gli
Stati dell'Unione. Il Platte, chiamato anche Nebraska River, lo
percorre da ovest a est, prima di gettarsi nel Missouri, a Piatte City;
ed la sua riva sinistra che quel tratto dell'Union Pacific costeggia
fino a J ulesburg-J onction. Lo Stato, pi agricolo che industriale,
vicino alla prosperit, anche per il continuo aumento della sua
popolazione. Ha per capitale Lincoln, citt dell'interno dichiarata
capoluogo amministrativo a un anno dalla sua fondazione, e il cui
porto Nebraska City posto sul Missouri, a cinquanta miglia di
distanza.
Era veramente un peccato che Harris T. Kymbale dovesse
percorrere a cavallo, invece che in carrozza, il tragitto da Shasta a
Roseburg, attraverso il territorio della California e dell'Oregon. Non
mancano certamente le praterie sulla superficie del Great Band, nel
Nebraska, di cui Warren nel 1857 e Cole nel 1865 eseguirono la
ricognizione. Attraversato il Piatte in traghetto e superato Fort
Grattan, bisognava vederla correre, quella carrozza, sulla pianura!
Era una diligenza transcontinentale, uno di quei furgoni postali della
compagnia Wells e Fargo, di quelle che un tempo facevano servizio
sul territorio federale: una sorta di diligenza dipinta di rosso,
molleggiata da corregge di cuoio. Aveva un solo scompartimento a
nove posti tre per sedile: davanti, in mezzo e dietro tutti provvisti
di cinghie di sostegno per i coraggiosi viaggiatori.
Il quarto giocatore e otto suoi simpatizzanti occuparono l'interno
della carrozza, pronti a sostituire, a turno, gli altri quattro, di cui due
si arrampicarono dietro, sui sedili esterni, e due davanti accanto al
cocchiere, il quale incitava a briglia sciolta i sei robusti cavalli.
Non vi erano strade, ma solo le impronte lasciate da convogli di
carri passati di l. Del resto, che bisogno c'era, di strade, su quelle
sterminate pianure dove per costruire la strada ferrata bastato
semplicemente allineare le traversine? Ogni tanto si incontravano dei
creeks, nei dintorni degli stagni Raymond e Cole il Bourdman, il
Niobrara River che venivano attraversati a guado, e gruppi isolati
di casolari ove attendevano i cavalli di ricambio.
La sera dell'8, dopo quaranta ore di viaggio, reso pi agevole dal
bel tempo, la carrozza raggiunse il distretto delle Cattive Terre. Qui
non esistevano villaggi, ma solo pianure dove i cavalli avrebbero
potuto pascolare a saziet. Harris T. Kymbale e i suoi compagni non
ebbero da preoccuparsi per il pasto: nella carrozza c'erano provviste
sufficienti e non sarebbero mancati neanche whisky e gin per i
brindisi.
Dopo aver trascorso la notte sotto un gruppo di alberi, la carrozza
fu lasciata in custodia al conducente, e gli altri discesero le prime
balze della valle selvaggia.
Aveva fatto bene William J . Hypperbone a scegliere quella
regione del Nebraska per farne il labirinto della quarantaduesima
casella!
Tra le ultime ondulazioni delle Montagne Rocciose, in prossimit
delle Black Hills irte di conifere, ha inizio una profonda depressione
del suolo larga trentasei miglia e lunga ottantacinque, che si estende
fino al Dakota. Dappertutto sembra di vedere delle arene, con la loro
disposizione a ripiani, con le loro piramidi, guglie, pinnacoli e
campanili di pietra a migliaia. Il territorio delle Bad Lands un vero
e proprio complicatissimo labirinto dove per migliaia di chilometri
quadrati, attraverso strati sedimentari, argille e sabbie ferruginose, si
innalzano fusti, colonne, pilastri di rocce prismatiche. Qua e l
sembra di vedere bastioni, fortezze e castelli, il cui colore rosso
mattone spicca vivamente sulla bianca superficie del suolo.
stato detto che questo cantuccio dell'America settentrionale
costituiva un mondo a s. In tempi preistorici, fu forse frequentato da
immensi branchi di elefanti, mammut e altri giganteschi mastodonti,
dei quali si ritrovano ancor oggi gli scheletri conservati dalla
pietrificazione o ridotti in polvere?
Poich l'altitudine della regione molto al disopra del livello del
mare, sembra ammissibile l'ipotesi che un tempo la depressione sia
stata colmata dalle acque scese dalle Montagne Rocciose e dalle
Black Hills, da lungo tempo infiltratesi nelle fessure del fondo.
Questo vuoto serbatoio sarebbe poi diventato un ossario, ove gli
avanzi fossili si sono accumulati in quantit sorprendente.
I rappresentanti della odierna fauna poco numerosi perch
difficilmente troverebbero da vivere su quel territorio sono in gran
parte bisonti, bufali dal pelo folto, montoni dalle corna lunghe e
alcune graziose antilopi. Non certamente quello il luogo ideale per i
cacciatori. Harris T. Kymbale e i suoi compagni non ebbero
occasione di sparare un solo colpo di fucile. Del resto, avevano
portato con s i fucili soprattutto per difendersi dalle bande di Dakota
e di Sioux che percorrono la regione, o per respingere l'eventuale
attacco di branchi di coyote, i lupi della prateria di cui avevano
sentito l'ululato durante la notte precedente.
Non era necessario addentrarsi molto tra le sinuosit delle Bad
Lands. Bastava che il quarto giocatore si fosse presentato all'ingresso
del labirinto e che vi lasciasse una testimonianza documentabile della
propria presenza. Non ci si prese neppure la briga di seppellire un
documento, come aveva fatto il commodoro Urrican prima di
lasciare la Valle della Morte. Il documento fu redatto da Harris T.
Kymbale e firmato dai suoi dodici compagni; ci sarebbe bastato a
confermare il suo arrivo nella regione del Nebraska. Fu fatto un
ultimo pasto all'ombra di una macchia d'alberi e i brindisi furono
molti e chiassosi.
Al capocronista del Tribune! Al favorito della gara!
All'erede dei sessanta milioni di dollari di William J . Hypperbone!
Harris T. Kymbale aveva certamente motivo di essere fiducioso. I
suoi simpatizzanti non lo avrebbero mai abbandonato. Si
dimenticava, si voleva dimenticare che andare dal Nebraska nel
Washington significava retrocedere, se non sulla carta degli Stati
Uniti, almeno su quella del defunto. In realt, pur retrocedendo alla
trentesima casella, Harris T. Kymbale era preceduto soltanto da Max
Ral, che si trovava alla quarantaquattresima, da XKZ, che era alla
quarantaseiesima, e da Tom Crabbe, che era alla quarantasettesima.
Alle tre del pomeriggio furono tolte le tende e Harris T. Kymbale
e i suoi compagni, accalorati dai grog all'Whisky, ripresero posto
dentro e fuori la diligenza. Il giorno seguente, verso le dieci del
mattino, rientravano a J ulesburg.
Un'ora dopo giungeva il treno della Union Pacific, che vi faceva
sosta per dieci minuti. Se Harris T. Kymbale fosse stato in ritardo
soltanto per quei dieci minuti, lo avrebbe perduto. Ci non avrebbe
certamente compromesso il resto del viaggio; in quel nodo
ferroviario passano infatti due treni al giorno. A conti fatti, per, il
giornalista non aveva un'ora da perdere.
Sappiamo quali stati attraversa la linea che si dirige a ovest; in
precedenza l'avevano gi percorsa Max Ral per andare a Cheyenne,
Hermann Titbury per andare a Great Salt Lake City, e il commodoro
Urrican per recarsi a Death Valley. Il cronista dovette dunque
attraversare lo Wyoming, l'Utah, il Nevada e poi una parte della
California, per raggiungerne la capitale. Qui egli scese, nella notte tra
l'11 e il 12 giugno, riposato, con tutta la sua vivacit e la sua fiducia,
senza aver perduto nulla, durante il viaggio, del suo primitivo
entusiasmo.
Un'ottima accoglienza lo attendeva. I suoi simpatizzanti, molto
numerosi, lo festeggiarono, senza tuttavia cercare di trattenerlo
neanche per un attimo: il treno partiva da Sacramento all'una dopo
mezzogiorno.
Tra coloro che per interesse o per simpatia erano venuti a salutare
Harris T. Kymbale figurava in prima linea il corrispondente del
Tribune Will Walter, il quale gli disse:
Sono stato informato che dovevate giungere oggi e mi rallegro
sinceramente con voi per la vostra puntualit.
Proprio cos, caro collega rispose Harris T. Kymbale;
non ho avuto alcun ritardo da Charleston a Sacramento e spero che
sar cos anche nel viaggio da Sacramento a Olympia.
Non c' motivo di temere il contrario disse Will Walter.
spiacevole, senza dubbio, che la linea sia temporaneamente
interrotta; ma il treno vi condurr alla stazione di Shasta, dove
troverete pronti i cavalli. Una guida che conosce bene il paese vi
condurr per la via pi breve a Roseburg, e qui riprenderete la
Southern Pacific per Olympia.
Non mi rimane, dunque, che ringraziarvi della vostra cortesia,
signor Walter
Niente affatto, signor Kymbale, son io che vi ringrazio: ho
scommesso su di voi
A quanto? chiese con interesse il giornalista.
A uno contro cinque.
Allora, caro collega, cinque buone strette di mano in segno di
gratitudine.
Anche dieci, se volete, signor Kymbale; e ora, buon viaggio!
La locomotiva fischi, il treno si mosse e poco dopo disparve alla
svolta della via che conduceva a Marysville, non lontano dal Feather
River.
La strada per raggiungere l'alta California, che si trova a notevole
altezza sul livello del mare, sensibilmente in salita e il treno non
procedeva quindi molto velocemente. Dopo essersi fermato a Ewings
e a Woodland, sost a Marysville.
Come Oroville e Placerville, anche Marysville stata in parte
abbandonata, poich, dopo che i cercatori d'oro ne hanno vuotato le
tasche, l'attenzione di tutti si rivolta alle miniere dei territori del
Nord e dell'Alaska. In realt, Marysville ha cercato di lottare contro
quell'abbandono, soprattutto perch, posta alla confluenza dei fiumi
Yuba e Feather, ha un movimento di battelli che le consente di
estendere il suo commercio a tutta la regione.
Fu poi necessario fermarsi a Gridley, Nelson, Chico, Tehama,
poich la salita si accentuava sempre pi richiedendo alla locomotiva
uno sforzo maggiore, a scapito della velocit.
Il treno raggiunse la citt di Shasta il giorno 13, verso le otto del
mattino. Era in perfetto orario. Oltre quella stazione, come gi
sappiamo, la circolazione ferroviaria era interrotta.
Prima di riprendere il treno a Roseburg, Harris T. Kymbale
doveva percorrere un centinaio di leghe in direzione nord, con la
guida e i cavalli ordinati dal corrispondente del Tribune.
Rimanevano solo cinque giorni per raggiungere Olympia, quattro
dei quali dovevano essere impiegati nel viaggio a cavallo, a una
media di ventiquattro o venticinque leghe al giorno. Non era cosa
impossibile, ma la fatica, per i cavalli e i cavalieri, sarebbe stata
certamente grande.
Tre cavalli erano in attesa dinanzi alla stazione: uno destinato a
Harris T. Kymbale, gli altri due alla guida e allo stalliere che
l'accompagnava. superfluo dire che il cronista sapeva andare a
cavallo, abituato com'era a ogni genere di sport.
La guida si chiamava Fred Wilmot; era sulla quarantina e
sembrava nel pieno delle sue forze.
Siete pronto? gli chiese Harris T. Kymbale.
Prontissimo.
Arriveremo in tempo?
S, se siete un buon cavaliere. Con la carrozza ci sarebbe
voluto il doppio.
Rispondo di me
Allora, in sella!
I cavalli partirono al gran trotto. Del nutrimento non c'era da
preoccuparsi, poich lungo la strada non mancavano borgate e
villaggi.
Sembrava che il tempo dovesse mantenersi al bello e non
mancava un po' di frescura che si sarebbe fatta pi sensibile nella
regione montuosa. Era stato stabilito di fare una sosta di due ore
durante il giorno; parte della notte, invece sarebbe stata dedicata al
sonno.
La strada seguiva la riva destra del Sacramento. I viaggiatori si
fermarono a mangiare in una fattoria e la sera Fred Wilmot fece sosta
a Butter, paese ricco di sorgenti minerali, come tanti altri in America.
Dormirono sette ore in una locanda e ripartirono all'alba per
andare a fare colazione a Yreka. A un centinaio di miglia verso est
avrebbero incontrato lo Sbasta, il cui cratere si spalanca, tra due
cime, a tremilaseicento metri di altezza. Solidamente piantato sulla
base rotta da verdeggianti burroni, lo Shasta considerato il monte
pi bello degli Stati Uniti con le sue lave rosee smaltate di
ghiaccio, come ha detto un viaggiatore entusiasta.
Harris T. Kymbale dovette rimandare ad altro viaggio la
possibilit di ammirarlo.
L'Oregon un grande Stato, il nono degli Stati Uniti. Sebbene
scarsamente popolato, possiede vasti pascoli. Il suo reddito
principale deriva dalla pesca del salmone, molto fruttuosa nei suoi
fiumi. Le terre dell'Ovest sono, inoltre, molto fertili e perci ricercate
per impiantarvi stabilimenti agricoli.
Quel giorno, Harris T. Kymbale ebbe la gioia di poter
contemplare posti incantevoli, anche se, con suo vivo rammarico,
egli pot accordare loro appena un'occhiata di sfuggita. In lui il
turista cedeva il passo al giocatore. La sera, superato il passo Pilot
Rock, uomini e bestie, stanchi, andarono a riposarsi a J ackson,
borgata che non bisogna confondere con le sue omonime degli Stati
Uniti e cio con le quattro J ackson del Michigan, Mississippi,
Tennessee e Ohio e le due J acksonville dell'Illinois e della Florida:
quest'ultima diverse (migliaia di miglia lontana dalla California.
Il giorno seguente, 16 giugno, dopo un'ultima giornata di
cammino che i cavalli sopportarono senza troppa fatica, e la cui
seconda tappa si prolung fin quasi a mezzanotte, la guida segnal le
luci di Roseburg.
Il tragitto si era cos compiuto senza accidenti n incidenti,
regolare come un treno rapido. Non furono risparmiati dollari e
ringraziamenti per Fred Wilmot, e il giorno dopo, all'alba, Harris T.
Kymbale salt, per usare il termine del corrispondente del
Tribune, sul primo treno in partenza per Olympia.
Quel treno serve le principali citt o borgate della ricca vallata
della Villamette, e cio Vinchester, Eugne City, Harrisburg, Albany,
Salem, capitale dello Stato simile a una fresca aiuola di fiori e di
verzura, Canb, Oregon City (la pi industriosa, per via delle
possenti cascate che forniscono energia alle sue fabbriche di carta e
di zucchero e alle sue filande), Portland, che con i suoi
settantacinquemila abitanti a capo del commercio dell'Oregon e di
cui il fiume Columbia fa un porto di mare di grande attivit.
Il treno super il fiume che separa l'Oregon dal Washington e il 18
giugno, alle otto del mattino, and a fermarsi sulla riva destra, a
monte del confluente della Villamette, e precisamente a Vancouver.
Harris T. Kymbale aveva a disposizione appena sei ore, ma ormai
era a sole centoventi miglia da Olympia.
Oh, se non gli fosse mancato il tempo, come avrebbe voluto
visitare minuziosamente l'Oregon che aveva appena lasciato e il
Washington, su cui in quel momento metteva piede per la prima
volta!
Per quanto posto all'estremit del territorio federale, al quale
stato riunito nel 1859 e nel quale occupa il diciottesimo posto, il
Washington, con i suoi trecentocinquantamila abitanti, nel pieno
della prosperit. Sua capitale Olympia, che le navi possono
raggiungere risalendo il Puget-Sound; hanno per la meglio Seattle,
per l'estensione del suo commercio, e Tacoma per i suoi traffici con
il Giappone e la Cina: la seconda, ultima nata, costituisce la migliore
promessa per l'avvenire.
Per compiere l'ultima tappa del suo viaggio, Harris T. Kymbale
parti alle otto e dieci del mattino da Vancouver, citt dello Stato di
Washington, da non confondere con l'omonima citt della Colombia
inglese, posta a un centinaio di miglia pi a nord.
Non bisognava pi temere n ostacoli n ritardi. Superate nove
stazioni, il treno, che filava rapidamente, sarebbe giunto a Olympia
poco dopo le undici, dopo essersi lasciato indietro in quella regione
bagnata dai numerosi affluenti e subaffluenti del Columbia,
Holbrook, Waren, Kalama, Stockport, Sopenah, Chealis e Centralia.
Alle undici e tre minuti infatti, esso si ferm nella piccola borgata di
Tenino, a circa quaranta miglia dalla capitale.
Era accaduto un incidente spiacevole per i viaggiatori e disastroso
per Harris T. Kymbale: un incidente che lo scrupoloso Bickhorn del
Tribune non aveva potuto prevedere. Il treno non poteva procedere
oltre: un'ora prima, a dieci miglia dalla stazione di Tenino, era
crollato un ponte e la circolazione era stata necessariamente sospesa
su quel tratto della linea.
Era un colpo tremendo per il quarto giocatore; Harris T. Kymbale
non se ne sarebbe pi ripreso!
Maledetta sfortuna! egli esclam, precipitandosi fuori della
vettura. Mi fai morire quando gi sono in porto!
Ma no! forse sarebbe riuscito a cavarsela!
Tre giovanotti, anch'essi discesi dal treno, gli si avvicinarono.
Signor Kymbale gli chiese uno dei tre, sapete andare in
bicicletta?
S.
Venite, allora.
Non fu necessario dire altro. Come si vede, si era venuti subito al
sodo, come solita fare la gente pratica degli Stati Uniti.
Ma non era una bicicletta, bens un grande triciclo a tre posti
quello che fu ritirato dal bagagliaio del treno e deposto sul
marciapiede della stazione.
Signor Kymbale disse il giovanotto, uno di noi vi ceder
il posto di mezzo, uno si metter dietro e io davanti: abbiamo buone
probabilit di giungere a Olympia a mezzogiorno!
Come vi chiamate, signori?
Will Stanton e Robert Flock.
E voi, signore, che mi avete ceduto il posto?
J ohn Berry.
Ebbene, signori Stanton, Flock e Berry, grazie e partiamo!
San Ciclo, patrono dei ciclisti, ci protegga!
Quindici leghe in meno di un'ora! Un primato che non deteneva
ancora nessun campione!
Prima di partire, Harris T. Kindale disse:
Signori, non so come potr manifestarvi la mia riconoscenza.
Vincendo rispose con semplicit Will Stanton.
Abbiamo scommesso su di voi aggiunse Robert Flock.
Il triciclo era stato costruito nelle officine Cambden and Co. di
New York; fornito di una moltiplica di circa otto metri, era gi stato
collaudato in una gara internazionale e precisamente al velodromo di
Chicago. I due illustri ciclisti, originari dello Stato di Washington,
erano assi del pedale, in possesso dei migliori requisiti e in grado di
rendere al massimo in quel genere di sport. Montato sulla sella
centrale, Harris T. Kymbale non avrebbe dovuto far altro che
lasciarsi condurre, ma il giornalista intendeva, invece, aggiungere il
contributo della propria forza muscolare a quella dei suoi, per dir
cos, allenatori e pedalare per suo conto.
Will Stanton prese posto davanti, Robert Flock dietro e Harris T.
Kymbale in mezzo. Alcune persone cortesi, che avevano dato una
mano a sostenere il triciclo, gli diedero una spinta vigorosa ed esso
parti, salutato da evviva rumorosi.
La partenza fu magnifica. Il rapido veicolo filava come un
fulmine lubrificato, come dicono gli americani, su una strada
molto ben tenuta, vera pista di velodromo se si omettono le svolte, e
piana in quella parte del Washington vicina al litorale. I tre ciclisti
non parlavano: tenevano la bocca chiusa, ma avevano un calamo tra
le labbra che impedendo all'aria di giungere con violenza ai polmoni,
li aiutava tuttavia a respirare dal naso.
Essi non esitarono quindi a calcare vigorosamente sui pedali, sin
dall'inizio. Fu una corsa vertiginosa. Le ruote del velocipede
giravano con la velocit di una dinamo mossa da un possente motore,
costituito questa volta da tre uomini, le cui gambe, trasformate in
bielle, spingevano il veicolo con ogni energia. Il triciclo sollevava
una nuvola di polvere e quando superava a guado qualche ruscelletto
agitava un velo d'acqua che si rovesciava contro i suoi copertoni. Il
campanello lanciava lontano il suo richiamo per aver libera la strada
e la gente si tirava da parte per lasciar passare la macchina-lampo.
Dopo il primo quarto d'ora, come disse Will Stanton che contava
le pietre miliari, le prime cinque leghe erano state superate: bastava
mantenere quella media per raggiungere la meta qualche minuto
prima di mezzogiorno.
Non sembrava quindi che dovessero sorgere ostacoli; ma poco
dopo le undici, mentre il triciclo attraversava una vasta pianura, si
udirono alcuni furiosi ululati.
Robert Flock si lasci sfuggire un grido e lasci cadere il calamo
dalla bocca.
Coyote!
Una ventina di formidabili lupi della prateria, senza dubbio
affamati, si avvicinavano a velocit maggiore di quella dei ciclisti,
per gettarsi su di loro.
Avete la pistola? chiese Will Stanton senza rallentare la
corsa.
S rispose Harris T. Kymbale.
Tenetevi pronto a far fuoco; anche tu, Flock, con la tua. Io non
abbandono il manubrio Se continueremo a pedalare tutti, forse ci
lasceremo dietro il branco.
Lasciarselo dietro? Ben presto fu evidente che non sarebbe stato
possibile. I coyote seguivano il triciclo a grandi balzi, pronti a
precipitarsi sul cronista e sui suoi compagni, i quali sarebbero stati
certamente perduti se il veicolo si fosse rovesciato. Si udirono due
spari e due lupi, feriti a morte, si rotolarono, urlando, per terra. Gli
altri, furenti, si lanciarono contro il veicolo. Una brusca sterzata, che
per poco non disarcion Harris T. Kymbale, consenti di evitare l'urto.
Pedaliamo! grid Will Stanton.
I garretti si tesero con energia; i denti della moltiplica
scricchiolarono al punto da far temere che si spezzassero.
Durante il secondo quarto d'ora, altre cinque leghe erano state
percorse. Ma era pi che mai necessario respingere i coyote che
saltavano intorno alle ruote e le cui unghie stridevano sui raggi di filo
d'acciaio. Le pistole furono completamente scaricate e del branco
non rimase che una decina di lupi.
Allora Harris T. Kymbale lasci il manubrio e riusc a ricaricare la
pistola. Poi spar sei colpi, che misero in fuga il resto del branco.
Erano le dodici meno dieci. Le prime case di Olympia erano a un
paio di leghe di distanza.
Il triciclo divor la distanza con la velocit di un treno rapido e
raggiunse la citt; poi, a dispetto del regolamento stradale e col
rischio di investire qualcuno dei suoi cinquemila abitanti, si ferm
dinanzi all'ufficio postale. Si sentivano i primi rintocchi di
mezzogiorno.
Harris T. Kymbale scese. Non ne poteva pi e respirava a fatica.
Attravers la folla dei curiosi che attendevano l'arrivo del quarto
giocatore e si precipit nella sala: l'orologio batteva in quell'istante il
decimo colpo.
Un telegramma per Harris T. Kymbale! grid l'impiegato
del telegrafo.
Presente! rispose il capocronista del Tribune,
accasciandosi sopra una panca e perdendo i sensi.
Il protetto di san Ciclo era giunto in tempo, soprattutto grazie al
fervore e all'energia dei suoi compagni. Da parte loro, i signori Will
Stanton e Robert Flock, con le quindici leghe (percorse in
quarantasei minuti e trentatr secondi, avevano battuto il primato di
velocit in tutto il mondo!
CAPITOLO XI
LA PRIGIONE DEL MISSOURI
IL 6 GIUGNO, dopo aver trascorso sei giorni nella visita alle grotte
del Kentucky, Lissy Wag aveva ricevuto al Mammoth Hotel, in
cui era alloggiata, la notizia del suo sfortunato colpo di dadi. Infatti il
numero uscito sette, con un quattro e un tre, raddoppiando, la
mandava alla cinquantaduesima casella, Stato del Missouri.
Il viaggio non sarebbe stato n lungo n faticoso: i due stati
confinano all'angolo di Cairo. Da Mammoth Caves a Saint-Louis vi
sono appena duecentocinquanta miglia, e cio da otto a dieci ore di
treno, non di pi. Ma che disastro! e che delusione!
Che disgrazia! disse J ovita Foley. Avrei preferito che ci
avessero mandato all'estremit della Florida, come il commodoro
Urrican; oppure, come il signor Kymbale, nello Stato di Washington!
Se non altro, avremmo potuto continuare a giocare questa
obbrobriosa partita!
Obbrobriosa la parola giusta, J ovita! rispose Lissy Wag.
Perch ti sei intestata a giocarla?
La desolata ragazza non rispose: che cosa avrebbe potuto
rispondere, d'altronde? Se voleva proseguire la gara e recarsi nel
Missouri, in attesa che un altro giocatore, con un colpo di dadi
disgraziato per lui ma fortunato per lei, venisse a liberare Lissy Wag
dalla prigione, occupandone il posto, poteva farlo solo a condizione
di versare tripla penalit in quel salvadanaio che sarebbe poi
appartenuto al secondo arrivato. Tremila dollari! E lei, li aveva,
forse? No. Poteva procurarseli? Neppure.
Soltanto qualche grosso scommettitore che avesse puntato su
Lissy Wag avrebbe potuto, forse, anticiparle tutto quel denaro e ci,
naturalmente, se le sorti della Bandiera Gialla non fossero state cos
gravemente compromesse. Quando ad Hodge Urrican era toccato il
numero della Morte, egli se l'era cavata ricominciando la partita. A
sua volta, Hermann Titbury sarebbe potuto uscire dalla locanda della
Louisiana nel giorno stabilito e avrebbe ripreso a viaggiare. N l'uno
n l'altro, insomma, erano esclusi dalla gara per un periodo di tempo
illimitato. La povera Lissy Wag, invece
Che disgrazia! ripeteva J ovita Foley che sembrava non
saper dire altro.
Che facciamo? le chiese l'amica.
Aspetteremo, mia cara!
Che cosa aspetteremo?
Non so! D'altra parte, abbiamo quindici giorni di tempo per
recarci nella prigione.
Ma non per pagare la penalit, J ovita. la cosa che pi ci
imbarazza.
vero, Lissy. Comunque, aspetteremo!
Aspetteremo qui?
Niente affatto!
Quel niente affatto, uscito dal cuore di J ovita, rispondeva
perfettamente al mutato atteggiamento degli ospiti del Mammoth
Hotel nei confronti della quinta giocatrice.
Infatti Lissy Wag si vedeva gi trascurata, dopo quello sfortunato
colpo di dadi. Favorita fino al giorno precedente, ora non lo era pi.
Scommettitori e speculatori che avevano puntato su di lei,
l'avrebbero volentieri coperta di maledizioni. Sciagurata ragazza!
finire nella prigione! E la partita sarebbe certamente terminata prima
ancora che qualcuno l'avesse liberata! Cos, si era fatto subito il
vuoto intorno a lei: era ci che J ovita aveva previsto, e, dopotutto,
quel che accadeva era pi che comprensibile, no?
Il giorno stesso, infatti, prima la maggior parte dei turisti, e subito
dopo anche il governatore dellIllinois, ripartirono. E molto
probabilmente, in quel momento, J ohn Hamilton rimpiangeva i gradi
onorifici conferiti alle due amiche. Il colonnello Wag e il tenente-
colonnello Foley avrebbero fatto ormai una figura meschina
nell'esercito dell'Illinois.
Le due ragazze pagarono il conto dell'albergo e, nel pomeriggio
del giorno stesso, presero il treno per Louisville, nell'intento di
aspettarvi che cosa?
Sai cosa dovremmo fare, J ovita cara? disse Lissy Wag
scendendo dal treno.
No, Lissy, non capisco pi nulla. Sono confusa!
Dovremmo proseguire il viaggio fino a Chicago, tornare
tranquillamente a casa e riprendere il nostro lavoro nei negozi di
moda Marshall Field. Non credi che sarebbe pi saggio?
Pi saggio certamente, mia cara. Ma pi forte di me
preferirei diventare sorda, piuttosto che ascoltare la voce della
saggezza!
Questa follia!
Che vuoi, sar matta! Lo sono da quando la partita ha avuto
inizio e voglio restarlo sino alla fine.
finita, per noi, J ovita; proprio finita!
Non ne sono sicura; darei dieci anni della mia vita perch fosse
gi passato un mese!
Aveva gi dato quei dieci anni talmente spesso che, a conti fatti,
aveva sacrificato almeno centotrent'anni di esistenza in pi di quanti
non ne avesse!
J ovita Foley nutriva ancora qualche speranza? Comunque sia, ella
ottenne da Lissy Wag, che ebbe la debolezza di accondiscendere, la
promessa di non rinunciare alla partita. Avrebbero trascorso
entrambe qualche giorno a Louisville. Infatti, dal 6 al 20 giugno,
avevano tempo a sufficienza per recarsi nel Missouri.
Fu dunque in un modesto albergo di Louisville che andarono a
nascondere il loro dispiacere; almeno, per ci che riguarda J ovita
Foley; la sua amica si era presto rassegnata, non avendo mai avuto
fiducia nel successo finale.
Passarono il 7, l'8 e il 9 giugno; e poich la situazione era sempre
la stessa, Lissy riusc, sebbene a fatica, a persuadere J ovita a
ritornare a Chicago.
Del resto i giornali anche il Chicago Herald che aveva sempre
parteggiato per la quinta giocatrice ora l'abbandonavano. J ovita li
leggeva con rabbia e poi li strappava con mano, per non dire con
unghia, febbrile. Lissy Wag non valeva pi nulla nelle agenzie e la
sua quotazione era caduta a zero, e anche a meno di zero. La mattina
dell'8 le due amiche avevano appreso che il commodoro Urrican
aveva fatto nove, con un sei e un tre, il che lo portava di colpo nel
Wisconsin, e cio alla ventiseiesima casella.
Ricomincia bene! aveva esclamato la sfortunata J ovita.
Il giorno 10, quando il telegrafo annunci che lo sconosciuto XKZ
aveva fatto dieci punti e doveva recarsi nel Minnesota,
cinquantunesima casella, ella disse:
La fortuna gli arride sar lui a ereditare i milioni di
quell'Hypperbone!
Come si vede, da quando i dadi avevano fatto una prigioniera
della sua cara Lissy, lo stravagante defunto non godeva pi la sua
stima.
Le due amiche avevano stabilito di prendere, quella sera stessa, il
treno per Chicago. I giornali di Louisville avevano comunicato il
nome dell'albergo nel quale Lissy e J ovita si erano recate ma, inutile
dirlo, nessun cronista aveva fatto loro visita. E se di questo Lissy era
abbastanza soddisfatta, J ovita, al contrario, ne provava una gran
rabbia e, a denti stretti, continuava a ripetere: come se non
esistessimo pi!.
Ma era destino che le due amiche non dovessero ancora partire
per la metropoli dellIllinois. Una circostanza assolutamente
imprevista avrebbe forse offerto loro ancora qualche probabilit,
facendo si che continuassero la partita da cui, non pagando la
penalit, sarebbero state escluse.
Il postino del quartiere si present all'albergo, verso le tre del
pomeriggio, e buss alla porta della camera delle due amiche. Non
appena gli fu aperto, chiese:
La signorina Lissy Wag?
Sono io rispose la giovane.
Ho una lettera raccomandata per voi. Se volete firmare la
ricevuta
Datemela disse J ovita, col cuore che le batteva
all'impazzata. Espletate le formalit, il postino se ne and.
Che cosa c' nella lettera? chiese Lissy.
Denaro, Lissy.
Chi pu mai mandarci del denaro?
Chi? ribatt J ovita.
Ruppe i sigilli della busta e ne trasse fuori una lettera che
racchiudeva un foglietto di carta ripiegato.
La lettera conteneva queste righe:
unito alla presente un assegno di tremila dollari sulla Banca di
Louisville, che miss Lissy Wag vorr cortesemente accettare per
pagare la sua penalit, da parte di Humptary Weldon.
La gioia di J ovita esplose come fuoco d'artificio. Saltava e rideva
da rimanere quasi soffocata; girava su se stessa facendo gonfiare le
gonne e ripetendo:
L'assegno l'assegno di tremila dollari! Ce lo manda il signor
Weldon! quel brav'uomo che venuto a trovarci quando eri
ammalata, mia cara!
Ma fece rilevare Lissy, non so se posso se debbo
accettare
Puoi devi accettarlo! Non ti rendi conto che il signor
Weldom ha scommesso una grossa somma su di te? Ce lo ha detto,
del resto, e vuole che tu possa continuare la partita! Guarda,
nonostante la sua rispettabile et, io lo sposerei se mi volesse! Su,
andiamo a riscuotere l'assegno!
L'assegno fu loro pagato immediatamente, ma, quanto a
ringraziare il bravo, eccellente e rispettabile Humphry Weldon fu
cosa impossibile, dal momento che non conoscevano il suo indirizzo.
La stessa sera Lissy e J ovita lasciavano Louisville, senza aver
parlato ad anima viva della lettera provvidenzialmente ricevuta. Il
giorno seguente, alle 11, scendevano a Saint-Louis.
A ben riflettere, la situazione di Lissy Wag nella gara rimaneva
certamente compromessa; la giovane non poteva pi prendere parte
al gioco finch un altro concorrente non fosse venuto a prendere il
suo posto, nella cinquan-taduesima casella. Ma ci sarebbe
certamente accaduto, se si doveva prestar fede alla fiduciosa, troppo
fiduciosa, J ovita. In ogni caso, Lissy Wag non sarebbe stata pi
esclusa dalla partita per non aver pagato la penalit.
Ora entrambe erano in quello Stato del Missouri, al quale nessuno
dei Sette pensava mai senza angoscia e sgomento. E si capisce
anche facilmente il perch nessuno dei suoi due milioni e
settecentomila abitanti fosse lusingato dal fatto che William J .
Hypperbone si fosse permesso di farne la prigione del suo nobile
gioco degli Stati Uniti d'America. A parte la gente di colore, la
maggioranza della popolazione costituita da tedeschi, e si sa quanto
sia grande la suscettibilit teutonica!
Lo Stato del Missouri tra i pi importanti della repubblica
americana: diciassettesimo per superficie, quinto per popolazione,
primo per la produzione dello zinco. Limitato da linee di longitudine
e di latitudine a ovest e a sud, esso confina, a est e a nord, col
Mississippi e il Missouri, le cui acque si confondono a monte di
Saint-Louis, e precisamente nell'angolo in cui sorge la cittadina di
Columbia. facile intuire fino a che punto quelle due vie fluviali
favoriscano il commercio della metropoli spedizioni di grano e di
farina, esportazione di canapa {coltivata su vasta scala), allevamento
di maiali e di bovini. I metalli non mancano, n mancano i giacimenti
di piombo e di zinco. Nella contea di Washington sorgono infatti le
Iron Mountains, la Montagna di Ferro e il Pilot Kirol, massicci
enormi alti circa cento metri, che un giorno gli americani penseranno
forse di trasformare in due elettro-calamite di formidabile potenza.
Lo Stato del Missouri, un tempo distretto della Louisiana,
entrato a far parte dell'Unione, come stato autonomo, nel 1821. I
francesi vi fondarono la citt di Saint-Louis nel 1764.
Esso ha almeno undici citt degne di essere ricordate per la loro
importanza commerciale o industriale, tre delle quali contano pi di
centomila abitanti. Una di esse, Kansas, posta di fronte a Kansas City
(Stato del Kansas), era gi stata visitata, come sappiamo, da Max
Ral, quando, nel corso del suo primo viaggio, discese lungo il
Missouri partendo da Omaha. Ma ve ne sono altre che meritano
l'attenzione dei turisti, tra cui J efferson City capitale dello Stato,
posta com' sopra una terrazza che domina la valle del Missouri.
Il primo posto, comunque, spetta certamente a Saint-Louis, che
occupa un'estensione di dieci miglia sulla riva destra del grande
fiume. Un tempo la citt si chiamava Mount City, perch
circondata da una serie di monticelli calcarei di colore bianco. Essa
occupa un'area maggiore di un quarto di quella di Parigi, e
bisognerebbe ancora aggiungervi i sobborghi, East-Saint-Louis,
Brooklyn, Cahokia, Prairie du Port, anche se essi sorgono sul
territorio dell'Illinois.
Tale era la citt che il membro dellExcentric Club aveva scelto
come prigione per i giocatori. Naturalmente non si trattava di essere
rinchiusi tra le mura di un carcere. Niente affatto! Lissy Wag non si
sarebbe trovata assieme a malfattori n con la sua amica sarebbe
stata privata della libert. Entrambe avrebbero potuto passeggiare
liberamente attraverso la bellissima citt e i suoi diciotto giardini
pubblici, uno dei quali non misura meno di cinquecentocinquanta
ettari.
17

Le due amiche scelsero, come albergo, il Lincoln Hotel, dove
giunsero nel pomeriggio dell'11 giugno e chiesero una sola camera.
Eccoci dunque in questa orribile prigione esclam J ovita
Foley e confesso che, per essere un'orribile prigione, Saint-Louis
mi sembra abbastanza piacevole.
Una prigione non potrebbe essere piacevole, J ovita, dato che
non abbiamo il permesso di uscirne.
Non aver timore, mia cara, ne usciremo!
Evidentemente, a J ovita era tornata la speranza; e con la speranza
era tornata anche la sua naturale allegria, da quando erano piovuti dal
cielo i tremila dollari del bravo signor Weldon, che erano stati inviati
il giorno-stesso, per mezzo di un assegno, a mastro Tornbrock,
notaio di Chicago.
Ma non sembrava che la fiducia in lei fosse tornata tra gli
scommettitori e i mediatori delle agenzie. Bench i giornali di Saint-
Louis avessero segnalato la presenza della quinta giocatrice al
Lincoln Hotel, nessun cronista si present infatti alle due ragazze.
Che cosa ci si poteva aspettare da Lissy Wag che aveva avuto la
sfortuna di finire nella casella del Missouri?
Tuttavia quell'imprigionamento poteva anche finire prima di
quanto si pensasse. Il giorno seguente, 12 giugno, sarebbero stati
tirati nuovamente i dadi, e cos in seguito, ogni due giorni.

17
Undici volte il Champ-de-Mars, a Parigi. (N.d.A.)
Chiss. Chiss ripeteva continuamente J ovita.
Le due amiche impiegarono il pomeriggio a visitare alcuni
quartieri della citt, che uno scoscendimento, parallelo al corso del
Mississippi, taglia in due parti disuguali. I negozi di lusso delle vie
principali erano una tentazione per occhi femminili, non soltanto per
i magnifici gioielli e le bellissime stoffe, ma anche per gli oggetti di
pelle e le stupende pellicce. pi che naturale, del resto, dal
momento che quelle preziose pellicce sono abbondantemente fornite
da opossum, daini, volpi, topi muschiati, ghiottoni, linci animali di
cui gli indiani del territorio fanno gran commercio. E ancora si
incontrano, a migliaia, i bisonti e i bufali che frequentano le vaste
praterie in riva ai fiumi e ai quali branchi di lupi danno
continuamente la caccia.
La giornata, insomma, non fu sprecata.
Il giorno seguente, 12 giugno, J ovita Foley si svegli all'alba. Era
impaziente e si pu capirne il motivo: quella mattina alle otto, mastro
Tornbrock avrebbe tirato i dadi.
Usc dall'albergo, cercando di non svegliare Lissy Wag, e and in
cerca di informazioni.
Rimase assente due ore, appena due ore; ma che risveglio fu
quello della quinta giocatrice! Ella infatti si svegli di soprassalto,
quando la porta si spalanc con violenza e J ovita entr gridando:
Sei libera, mia cara, sei libera!
Libera, hai detto?
Otto, con un cinque e un tre! Egli ha
Egli? Chi egli?
E poich era alla quarantaquattresima casella, eccolo spedito
qui, alla cinquantaduesima
Chi egli?
E siccome la cinquantaduesima casella la prigione, verr a
prendere il nostro posto.
Ma chi?
Max Ral, mia cara, Max Ral
Oh, povero giovane! rispose Lissy Wag. Avrei preferito
restarci
Sei matta? esclam la trionfante J ovita, facendo un salto da
camoscio, a quelle parole.
Era proprio cos! Il colpo di dadi metteva in libert Lissy Wag. A
Saint-Louis Max Ral avrebbe preso il suo posto ed ella sarebbe
andata a prendere quello di lui, a Richmond, Stato della Virginia.
Settecentocinquanta miglia da percorrere, da venticinque a trenta ora
di viaggio!
Per andarvi ella aveva tempo pi che sufficiente: dal 12 al 20
giugno. Ma ci non imped all'amica impaziente, incapace di frenare
la propria gioia, di esclamare:
In viaggio!
No, J ovita rispose con fermezza Lissy.
No? E perch?
Ritengo opportuno aspettare qui il signor Ral. nostro dovere
verso quello sfortunato giovanotto!
J ovita accondiscese alla proposta, a patto per che il prigioniero
non tardasse pi di tre giorni a varcare la soglia del suo carcere.
E invece, il giorno dopo, 13 giugno, Max Ral discese alla
stazione di Saint-Louis. Esisteva, evidentemente, una misteriosa
attrazione magnetica tra il primo giocatore e la quinta concorrente; se
quest'ultima, infatti, non voleva partire prima che quello fosse
arrivato, Max Ral voleva arrivare prima che la fanciulla fosse
partita.
Povera signora Ral! In quale stato d'animo doveva essere al
pensiero che a suo figlio era toccata la sfortuna di essere bloccato sul
cammino della vittoria!
Inutile dire che Max Ral aveva appreso dai giornali che Lissy
Wag alloggiava al Lincoln Hotel. Non appena vi si present, fu
subito ricevuto dalle due amiche, mentre Tommy aspettava in un
vicino albergo il ritorno del padrone.
Commossa pi di quanto non avrebbe voluto apparire, Lissy Wag
mosse incontro al giovane pittore e gli disse:
Signor Ral, sapeste come ci dispiace
Sinceramente! aggiunse J ovita, che invece non lo
compiangeva affatto e i cui occhi non riuscivano ad avere
un'espressione di piet.
Ma no, signorina Wag rispose Max Ral non appena ebbe
ripreso fiato, poich aveva salito troppo in fretta le scale, non
sono da compiangere almeno non voglio esserlo, dal momento che
ho la gioia di liberarvi
Avete proprio ragione! afferm J ovita, non riuscendo a
trattenersi dal dare quella risposta sincera ma scortese.
Scusate la mia amica disse allora Lissy. Non riflette
abbastanza, signor Ral. Per parte mia, credetemi, sono molto
spiacente.
Certamente riprese J ovita. Del resto, signor Ral, non
disperate! Ci che capitato a noi pu capitare anche a voi! Sarebbe
stato certamente meglio se fosse capitato a qualcun altro, piuttosto
che a voi, di essere mandato nella prigione. A Tom Crabbe, per
esempio, o al commodoro Urrican, o anche al signor Titbury!
Avremmo accolto con maggior piacere la loro visita, invece della
vostra cio non so quel che dico Insomma forse verranno a
liberarvi
possibile, signorina Foley rispose Max Ral, ma non
bisogna farvi troppo assegnamento. Del resto, credetemi, accetto il
contrattempo con molta filosofia. E per ci che riguarda la partita, vi
dir che non ho mai creduto di poterla vincere.
Neppure io, signor Ral si affrett a dire Lissy Wag.
Ma si, ma s disse J ovita o quanto meno, l'ho creduto
io per lei!
E io lo spero ancora, miss Wag aggiunse il giovanotto.
E io voglio sperarlo per voi, signor Ral rispose la giovane.
Ma non assolutamente possibile riprese J ovita che
vinciate tutti e due!
impossibile, infatti disse ridendo Max Ral. Ci pu
essere un solo vincitore.
Comunque disse J ovita con sempre maggiore entusiasmo
se Lissy vince, avr i milioni; se voi arrivate secondo, avrete
l'importo delle penalit!
Come fai presto, mia cara J ovita, ad accomodare le cose!
osserv Lissy.
Non c' che da aspettare e lasciar fare alla sorte disse Max
Ral. Spero che vi sia favorevole, miss Wag.
A dire il vero, quella giovinetta gli sembrava sempre pi
incantevole! Si vedeva fin troppo chiaramente
J ovita, che non era affatto sciocca, disse tra s:
E perch no? Ci semplificherebbe le cose e non avrebbe pi
importanza che vinca l'uno o l'altra!
Ah, come conosceva bene il cuore umano, e soprattutto quello
dell'amica!
Tutti e tre cominciarono a chiacchierare delle peripezie della gara,
degli incidenti avvenuti durante il viaggio, delle bellezze naturali che
avevano potuto ammirare andando da uno stato all'altro; le
meraviglie del Parco Nazionale dello Yellowstone, che Max Ral
non avrebbe mai dimenticato, e le meraviglie delle grotte del
Kentucky, delle quali Lissy Wag e Jovita Foley avrebbero conservato
imperituro ricordo.
Poi le due amiche narrarono ci che era capitato loro a proposito
dei tremila dollari: senza l'aiuto generoso del signor Humphry
Weldon, fatto in termini che non ne consentivano il rifiuto, Lissy
Wag avrebbe dovuto rinunciare alla partita.
E chi questo Humphry Weldon? chiese Max Ral, con una
certa inquietudine.
Un vecchio signore buono e bravo che si interessava a noi
rispose J ovita.
Come scommettitore, naturalmente aggiunse Lissy Wag.
Uno che proprio sicuro di vincere la sua scommessa!
dichiar J ovita.
Max Ral evit di dire che anche lui aveva avuto l'idea di mettere
quella somma a disposizione della giovane prigioniera; ma a che
titolo ella avrebbe potuto accettarla?
Il giovane e le due amiche trascorsero insieme l'intera giornata e
quella successiva, chiacchierando e facendo delle passeggiate. Se
Lissy si mostrava molto dispiaciuta per la sfortuna toccata a Max
Ral, quest'ultimo si mostrava felicissimo che Lissy Wag ne fosse
stata avvantaggiata. Da ventiquattro ore, infatti, nelle agenzie la
situazione si era di nuovo capovolta, a favore della quinta giocatrice.
I cronisti erano assiduamente venuti al Lincoln Hotel per
intervistarla, ma ella aveva sempre rifiutato di riceverli, e gli
scommettitori avevano abbandonato il vecchio favorito per la nuova.
Dalla situazione della partita ora risultava, infatti, che anche tornando
alla quarantaquattresima casella (Virginia) che Max Ral aveva
appena lasciato, Lissy Wag sarebbe stata preceduta soltanto da Tom
Crabbe che era alla quarantasettesima e da XKZ, alla
cinquantunesima.
Si poi riusciti a sapere chi sia il signore dalle iniziali?
chiese J ovita Foley.
No rispose il giovane. Rimane pi misterioso di prima.
Si capisce che Max Ral, Lissy Wag e J ovita Foley non parlarono
soltanto della partita Hypperbone. Parlarono della propria famiglia;
della giovane che non aveva pi parenti; della signora Ral, ora
installata a Chicago, che sarebbe stata felice di ricevere miss Lissy
Wag, di Sheridan Street, che non era lontana da South Halsted Street,
e di molte altre cose.
J ovita Foley cercava continuamente, per, di riportare la
conversazione alla partita e a ci che poteva ancora capitare.
Pu darsi ella disse che al prossimo colpo tu pianti la
bandiera gialla sull'ultima casella, cara!
Impossibile, miss Foley dichiar Max Ral. E perch
mai?
Perch miss Wag prender il mio posto, alla
quarantaquattresima casella.
E perch, signor Ral?
Perch il massimo punteggio che miss Wag pu ottenere
dieci, che, raddoppiato, fa venti: ci le farebbe superare la
sessantatreesima casella e la obbligherebbe a retrocedere alla
sessantaduesima. In questo caso, le sarebbe impossibile vincere con
il colpo successivo, perch coi dadi non si pu fare un solo punto.
Avete ragione, signor Ral rispose Lissy. Cara J ovita,
bisogna allora che ti rassegni ad aspettare.
C' anche un altro colpo riprese il pittore che potrebbe
essere molto sfortunato per miss Wag.
Quale?
Se i dadi facessero otto, ella dovrebbe ritornare nella prigione.
Questo mai! esclam J ovita.
Tuttavia rispose sorridendo la giovane avrei a mia volta
il piacere di liberare il signor Ral!
Sinceramente disse il giovanotto non ve lo auguro, miss
Wag.
Neppure io! dichiar la petulante J ovita.
Allora, signor Ral chiese Lissy, qual il miglior punto
che potrei fare?
Il dodici, che vi manderebbe alla cinquantaseiesima casella,
Stato dell'Indiana, e non nelle lontane regioni del Far West.
Benissimo disse J ovita, e con il colpo successivo
potremmo raggiungere la meta?
S, con un sette.
Sette! esclam J ovita, battendo le mani. Sette e la
prima dei Sette!
In ogni caso aggiunse Max Ral non avrete motivo di
temere la cinquantottesima casella, quella di Death Valley, ove
soccombette il commodoro Urrican, perch dovreste fare quattordici,
cosa impossibile. E ora, miss Wag, vi rinnovo gli auguri pi sinceri,
gi formulati per voi sin dall'inizio. Possiate vincere la partita! ci
che desidero per voi, di tutto cuore!
Lissy Wag rispose soltanto con uno sguardo nel quale si leggeva
la pi viva commozione.
Non c' che dire pens J ovita, proprio una persona come si
deve, questo signor Ral: artista di talento e con cos buone
prospettive davanti! E non mi si venga a parlare della modesta
condizione di Lissy Wag. una bellissima ragazza, proprio bella,
bella e vale certamente le figlie dei milionari che vanno a cercare
dei titoli in Europa, senza preoccuparsi di sapere se i principi abbiano
dei principati, i duchi dei ducati, se i conti non siano decaduti e i
marchesi in miseria!
Cos pensava la giudiziosa, anche se un po' sventata, giovane; e
nella sua saggezza, ella ritenne che non bisognava prolungare oltre
quella situazione. Torn quindi alla carica col discorso della
partenza.
Max Ral insistette naturalmente perch le due amiche
prolungassero ancora il loro soggiorno a Saint-Louis. Esse potevano
attendere fino al 18 giugno, prima di raggiungere Richmond, e
l'indomani era appena il 13. Anche Lissy Wag pensava forse che era
troppo presto per partire Non volle dire nulla, tuttavia, e si arrese
al desiderio di J ovita.
Max Ral non cerc affatto di nascondere il dispiacere che gli
procurava la separazione; ritenne di non dover insistere oltre, e la
sera accompagn le due viaggiatrici alla stazione. Poi ripet un'altra
volta a Lissy:
I miei auguri pi sinceri vi accompagnano, miss Wag.
Grazie rispose la giovane porgendogli con franchezza la
mano, grazie.
E per me? chiese J ovita non c' dunque neppure una
buona parola per me?
Certamente, signorina Foley rispose Max Ral, perch
siete molto buona! Abbiate cura della vostra compagna, fino al
nostro ritorno a Chicago.
Il treno si mosse e il giovanotto rimase sul marciapiede della
stazione a guardarlo, fino a quando le luci dell'ultima vettura non
disparvero nel buio della notte.
Egli l'amava, ne era sicuro; amava la dolce e graziosa Lissy, che
sua madre avrebbe subito adorato, non appena gliela avesse
presentata, al suo ritorno. Non gli importava nulla se la sua vittoria
era compromessa e se era confinato in quella metropoli con la
speranza, molto vaga in verit, di una prossima liberazione!
Rientr all'albergo in preda alla tristezza. Si sentiva solo! A causa
della sua deplorevole situazione di prigioniero, non aveva pi
simpatizzanti, tutti lo abbandonavano; bench avesse gi pagato la
tripla penalit, la sua quotazione era in ribasso, presso tutte le
agenzie, come la colonnina del barometro quando soffia il vento di
sud-ovest.
Tommy era addirittura disperato. Il suo padrone non avrebbe
intascato i milioni della partita. Non avrebbe potuto comprarlo per
ridurlo nella pi crudele ma tanto agognata schiavit.
Ma ci si sbaglia sempre a non fare assegnamento sul caso. vero,
infatti, che esso non ha regole fisse, come stato giustamente
rilevato; tuttavia segue il suo capriccio, e ci emerse di nuovo la
mattina del 14 giugno.
Sin dalle nove, la folla di scommettitori assediava l'ufficio
telegrafico di Saint-Louis: si voleva subito conoscere il numero di
punti realizzato quel giorno dal secondo giocatore e cio da Tom
Crabbe.
I giornali straordinari pubblicarono immediatamente il risultato:
cinque, fatto con un tre e un due.
Tom Crabbe era allora in Pennsylvania, quarantasettesima casella;
quel cinque lo spediva alla cinquantaduesima casella, e cio a Saint-
Louis (Missouri), vale a dire nella prigione.
Si pensi all'impressione prodotta dall'inatteso colpo di dadi! Max
Ral, che aveva preso il posto di Lissy Wag, veniva immediatamente
sostituito da Tom Crabbe, del quale andava a occupare il posto in
Pennsylvania! Si verificava di conseguenza un immediato scompiglio
nelle agenzie: mediatori e cronisti accorrevano all'albergo del
giovane pittore, le sue quotazioni risalivano e i suoi simpatizzanti,
dinanzi a tanta incredibile fortuna, tornavano a proclamarlo il gran
favorito della gara!
Si pensi anche alla rabbia di J ohn Milner, al quale non ne andava
pi bene una! Tom Crabbe nella prigione di Saint-Louis, e con una
tripla penalit da pagare! A quanto pareva, il salvadanaio
Hypperbone si riempiva; i dollari vi si moltiplicavano a tutto
vantaggio del futuro secondo vincitore.
Quanto a Max Ral, egli aveva tempo a sufficienza per andare da
Saint-Louis a Richmond: dal 14 al 22 giugno. Non ebbe perci
premura di partire. E perch mai? Perch voleva conoscere il
risultato del colpo di dadi del 20 giugno, riguardante Lissy Wag. La
giovinetta poteva essere mandata in uno stato vicino, chiss In tal
caso, gli sarebbe piaciuto andare a trovarla per trascorrere qualche
giorno in sua compagnia.
CAPITOLO XII
SENSAZIONALE NOVIT PER IL TRIBUNE
OPPORTUNO ricordare al lettore che Harris T. Kymbale era
nell'ufficio telegrafico di Olympia prima che il mezzogiorno del 18
giugno si perdesse negli abissi del passato. Si trovava dunque al suo
posto, nonostante fosse sfinito moralmente e fisicamente. N c' da
stupirsene, dopo la straordinaria impresa compiuta dai ciclisti
professionisti Will Stanton e Robert Flock. Lasciatosi cadere quasi
privo di sensi sopra una panca dell'ufficio postale, il giornalista del
Tribune aveva potuto rispondere tuttavia presente, quando
l'impiegato aveva detto: C' un telegramma per Harris T.
Kymbale.
Pochi minuti dopo, ripreso l'intero possesso delle sue facolt,
grazie a un energico miscuglio di whisky e gin, egli pot prendere
conoscenza del telegramma. Esso diceva:
Chicago, ore 8,13 Kymbale, Olympia, Washington. Nove, con
cinque e quattro, Sud Dakota, Yankton.
Tornbrock.
Il colpo di dadi del 18 giugno era stato effettuato, dunque, proprio
quella mattina, bench si fosse potuto anticiparlo di quarantotto ore,
in sostituzione di quello che doveva toccare a Hermann Titbury; il
quale, dovendo rimanere a New Orleans, per il tempo prescritto,
cercava, insieme con la moglie, uno stordimento nella stessa
situazione in cui si trovava quale ospite dell'Excelsior Hotel
al prezzo di duecento dollari al giorno. Era sembrato logico a mastro
Tornbrock e ai membri dellExcentric Club non mutare le date della
giocata, allo scopo di non ridurre il tempo concesso ai giocatori per i
loro spostamenti e senza dubbio avevano interpretato correttamente
le intenzioni di William J . Hypperbone.
Il capo-cronista del Tribune avrebbe avuto torto a lamentarsi
dell'ultimo colpo di dadi. Non era obbligato a fare ritorno nella parte
troppo nota del territorio federale e nel recarsi nel Sud Dakota, a
meno di mille e trecento miglia dallo Stato di Washington, avrebbe
attraversato una regione da lui mai visitata.
Bisogna notare inoltre che Harris T. Kymbale, prendendo
possesso della trentanovesima casella, sarebbe stato preceduto
soltanto da XKZ che era il primo e si trovava nel Minnesota, da
Max Ral secondo, in Pennsylvania e da Lissy Wag, terza, in
Virginia. Egli occupava dunque il quarto posto, precedendo il
commodoro Urrican, che attendeva nel Wisconsin la prossima
partenza. Hermann Titbury era invece inchiodato, ancora per
ventotto giorni, nella Louisiana, e Tom Crabbe si vedeva condannato
a marcire nella prigione di Saint-Louis sino alla fine della partita, se
nessun altro giocatore fosse andato a prenderne il posto.
Harris T. Kymbale riprese quindi, non diremo piena fiducia nella
vittoria finale, perch quella fiducia non gli era mai venuta meno, ma
si mostr, come i suoi simpatizzanti, pi entusiasta di prima. Tre
ostacoli imprevedibili erano certamente ancora sul suo cammino: il
labirinto del Nebraska, per il quale era gi passato; la prigione di
Saint-Louis e la Valle della Morte. pur vero per che, di questi tre
pericoli, uno minacciava anche XKZ e gli altri due minacciavano
anche Lissy Wag e Max Ral. Ma il caso recitava una parte molto
importante nella gara Hypperbone! I due soli punti che il cronista
doveva temere erano: il dodici, che gli avrebbe fatto riprendere la via
del Nebraska, e il dieci che, raddoppiato, lo avrebbe inviato a offrire i
suoi omaggi a Tom Crabbe, nella prigione del Missouri.
Bench disponesse di quindici giorni di tempo (dal 18 giugno al 2
luglio) per recarsi nel Sud Dakota, Harris T. Kymbale non volle
tuttavia perderne neppure uno. Senza aspettare il telegramma che il
compiacente segretario del Tribune gli avrebbe inviato certamente
a Olympia, combin l'itinerario da s.
I territori del Sud Dakota e del Nord Dakota sono separati da
quello di Washington da due stati: l'Idaho e il Montana. La Northern
Pacific era gi in funzione; attraversando il Wisconsin, il Minnesota,
il Nord Dakota, il Montana e l'Idaho, essa metteva Chicago (e quindi
New York) in comunicazione diretta con la capitale dello Stato di
Washington. Da Olympia a Fargo sulla frontiera del Dakota
settentrionale ci sono circa milletrecento miglia; altre quattrocento
miglia separano Fargo da Yankton, a sud del Dakota meridionale: la
distanza complessiva , quindi, di millesettecento miglia.
Non raro che i treni delle ferrovie americane 'percorrano, in
servizio ordinario, un migliaio di miglia in trentadue ore; tuttavia ce
n' qualcuno che ci impiega soltanto ventiquattro ore. Ma bisogna
tener conto che si dovevano attraversare le Montagne Rocciose e
prevedere la possibilit di forti ritardi. Harris T. Kymbale avrebbe
avuto tempo a sufficienza per riposarsi a Yankton, in attesa del
lancio dei dadi del 2 luglio. Egli prese dunque la saggia decisione di
lasciare Olympia il giorno dopo.
Quattrocento miglia circa separano la capitale del Washington
dalle prime falde delle Montagne Rocciose, e poi duecentocinquanta
da ovest a est del massiccio; in totale quindi la distanza tra Olympia
ed Helena (capitale del Montana) di oltre seicento miglia. La parte
settentrionale degli Stati Uniti, fino a Chicago, era servita dalla
Northern Pacific, quasi parallelamente al Grand Trunk, ma sei gradi
pi a nord. Poich il cronista aveva quindici giorni di tempo per
raggiungere il Sud Dakota, sarebbe arrivato a Yankton molto prima
del telegramma che, ne era certo, lo avrebbe riportato nelle prime
posizioni. La Northern Pacific gli avrebbe dato, in ogni caso, la
possibilit di attraversare l'Idaho, il Montana e il Nord Dakota, e di
fornire al Tribune articoli atti a soddisfare la curiosit dei suoi
lettori.
Lasciata Olympia il treno risal verso Tacoma e poi ridiscese in
direzione sud-est, valicando la catena delle Cascade Mountains
attraverso Hotspring Clealum, Ellensburg, Toppenish e Pace-Pasco,
ove attravers il Columbia River.
Harris T. Kymbale contemplava assai spesso, dalla piattaforma
della vettura, la meravigliosa regione, i cui panorami si pu dire
mutino a ogni palo telegrafico, attraverso gole profonde in cui
ribollono i tumultuosi creeks, torrenti delle Cascade Mountains. I
suoi sguardi non furono meno stupiti quando, lasciato a nord il monte
Stuart, il treno risal il Columbia che scorre da nord a sud fino al
gomito che esso forma prima di andare a sfociare nel Pacifico,
costituendo la frontiera meridionale dello Stato di Washington.
Il fiume poco navigabile in quella parte del suo corso, rotto da
numerose rapide, quali quelle di Buckland, Gualquil, Islands, Priest.
Pi oltre la locomotiva solc il gran deserto columbiano (quasi
completamente privo di corsi d'acqua) tra Salt Lake e Silkatkwa
Lake, che i toaggon-roads ancora seguono: strade frequentate gi al
tempo in cui gli indiani Nasi-Forati, Cuori-di-lesina, Puyallups cui
rimangono ormai solo poche riserve le percorrevano
liberamente.
L'Idaho, che appartiene al bacino della Columbia e si appoggia a
nord al Canada, ancora ricco di foreste e di pascoli come prima
dello sfruttamento dei piacers, giacimenti alluvionali. La sua capitale
Boise City, sul fiume omonimo conta duemilatrecento abitanti; la
sua metropoli, Idaho City, situata sopra un affluente dello Snake,
domina la parte meridionale del territorio. I cinesi costituiscono una
parte considerevole della popolazione, come i mormoni, ai quali si
rifiutano i diritti di elettori se prima non giurano di aver rinunciato
alla bigamia e alla poligamia.
Oltre l'Idaho, nel Montana, attraverso l'indescrivibile regione delle
Montagne Rocciose, Harris T. Kymbale scopr nuove meraviglie,
anche se i suoi occhi erano gi avvezzi alle bellezze naturali delle
sierre del Nuovo Messico e del Washington. Tra le gole e i burroni
del territorio al quale meridiani e paralleli fanno da frontiera
geodetica corrono verso nord migliaia di corsi d'acqua, di torrenti,
di ruscelli, che bagnano vasti pascoli propizi all'allevamento del
bestiame, e che costituiscono, insieme con le miniere, la sua
ricchezza principale, dato che il clima troppo rigido per
l'agricoltura. A parte il massiccio montuoso, le sue citt principali
sono Missoula, Helena e Butte, tutte servite dalla Northern Pacific e
poste in un centro minerario ove abbondano l'oro, l'argento e il rame.
Dopo aver oltrepassato il Charles-Forke River, gli alti picchi di
Wiessner e di Stevens, e poi lo Eagle Peaks che li domina, la ferrovia
ridiscese verso Helena, capitale dellIdaho.
La regione era montuosa e occorreva certamente l'audace genialit
degli americani per costruirvi una ferrovia. Il suolo della parte
settentrionale del territorio ben pi impervio e accidentato di quello
su cui fu costruita, quattrocento miglia pi a sud, la linea della Union
Pacific. Harris T. Kymbale, che aveva gi percorso la seconda,
quando era andato da Omaha a Sacramento, pot farne il paragone, a
vantaggio della prima.
Il tempo non era bello, purtroppo. Da ventiquattr'ore l'elettricit
dell'atmosfera non aveva fatto che crescere. Il cielo era minaccioso:
pesanti nubi tempestose si alzavano sull'orizzonte. Harris T.
Kymbale pot allora assistere allo sviluppo di uno di quei terribili
fenomeni meteorologici, che presentano aspetti grandiosi nei paesi di
montagna.
L'uragano non tard ad assumere proporzioni spaventose: era uno
di quei blizzards
18
che mettono gli abitanti nell'impossibilit di uscire
di casa. I viaggiatori non si sentivano tranquilli, sebbene i treni,
anche quando corrono velocemente, siano di solito poco esposti a
eventuali pericoli, dal momento che l'elettricit trova facile sfogo
sulle rotaie. La frequenza dei lampi, che si susseguivano di secondo
in secondo, gli scoppi laceranti dei tuoni, cui facevano eco brontolii
interminabili, i fulmini che si abbattevano su rocce e alberi lungo il
cammino, i massi che rotolavano come formidabili valanghe dai
monti, da cui si erano staccati, e gli animali spaventati bufali, daini,
antilopi, orsi neri che scappavano in tutte le direzioni, costituivano
uno spettacolo incomparabile di cui i viaggiatori poterono godere nel
pomeriggio del 20.
Fu allora che il cronista del Tribune ebbe occasione di
partecipare al suo giornale un'inattesa osservazione e di aggiungere
anche una curiosa scoperta che si collegava alla storia zoologica
delle Montagne Rocciose.
Verso le cinque, quando l'uragano era al culmine il treno risaliva
lentamente una collina assai ripida. Harris T. Kymbale era sulla
piattaforma, mentre i suoi compagni di viaggio se ne stavano
rannicchiati sui sedili della vettura. In quel momento egli scorse un
magnifico orso dal pelame nero, di alta statura, che camminava sulle
zampe posteriori rasentando i binari, turbato senza dubbio da quella
furia degli elementi, che solitamente spaventa gli animali. Abbagliato

18
Sono venti glaciali accompagnati da bufere di neve. (N.d.R.)
da un lampo, ecco a un tratto il plantigrado alzare la zampa destra,
portarla alla fronte, e farsi in fretta il segno della croce.
Un orso che si fa il segno della croce! esclam Harris T.
Kymbale. Non possibile! Avr visto male
Aveva visto bene, invece; pi di una volta, infatti, tra lampi
accecanti, l'orso si era fatto il segno della croce, manifestando segni
di terrore.
Poi il treno, giunto in cima alla collina, acceler l'andatura e si
lasci dietro l'orso.
Il cronista scrisse allora questa nota sul suo taccuino:
Grizzly, nuova specie di plantigrado. Fattosi segno della croce
durante uragano. Chiamarlo, per la fauna delle Rocciose, "Ursus
Christianus".
Quella nota apparve nella lettera spedita da Helena, il giorno
dopo, alla redazione del Tribune.
Dopo aver oltrepassato le stazioni di Missoula, Bonita,
Drummond e Garrison, e superato la lunga galleria del massiccio al
disotto del colle di Mullan, la locomotiva si ferm accanto al
marciapiede della stazione di Helena, nella mattinata del 21 giugno.
Posta a un'altezza di mille tese sul versante orientale delle
Montagne Rocciose, in riva a un affluente del Missouri, Helena, con
una popolazione di circa quindicimila abitanti, costituisce un vasto
deposito di prodotti minerari della regione. Il treno della Northern
Pacific vi si ferm un paio d'ore e poi non fece che discendere verso
le pianure solcate dal corso dello Yellowstone e dei suoi numerosi
tributari.
La regione era un tempo frequentata dagli indiani Teste Piatte,
Pance Grosse, Piedi Neri, Corvi, Cheyennes, Modocs e Assiniboines,
ora confinati in diverse riserve, la cui vicinanza -mal tollerata dai
bianchi.
Dopo essersi diretto verso sud-est, attraverso Loqart e Bozeman, il
treno incontr lo Yellowstone River a Livingstone e,
successivamente, numerose stazioni: Lauri dalla quale si diparte un
tronco ferroviario che va verso il Parco Nazionale, Howard, Miles-
City; poi, dopo aver oltrepassato il Montana, nel Nord Dakota
incontr Beach, sul centosettantaquattresimo grado di longitudine.
Il Dakota settentrionale servito dalla Northern Pacific, che ne
attraversa le immense pianure, un po' alte nei dintorni di Heart
Buttes, dopo Fort Lincoln. Il treno incontr poi il Piccolo Missouri a
Edwinton, capitale dello Stato, che la popolazione tedesca preferisce
chiamare Bismarck, e che non meno isolata di colui che, nella
solitudine di Friedriksrhue, porta quel nome aborrito.
Harris T. Kymbale avrebbe potuto prendere, alla stazione di
J amestown, il treno che scende direttamente a Yankton. Guidato dal
capriccio, si spinse invece verso Valley City, Oriska, Cassilton, fino
a raggiungere Fargo, sulla frontiera occidentale del Minnesota, ove
giunse la mattina del 23 giugno.
In prossimit della frontiera di quello stato, si trovava allora, dopo
il colpo di dadi del 10, lo sconosciuto XKZ, il quale aspettava a
Saint-Paul,
19
sua capitale, che il colpo di dadi del 24 lo mandasse
In quale casella? Senza dubbio molto vicino alla meta, se non proprio
alla meta, pensiero che preoccupava il cronista del Tribune,
nonostante il suo ottimismo.
Separato dal Minnesota nel 1861, il Dakota diviso in due
quadrilateri press'a poco eguali, l'uno a sud dell'altro. Il suo territorio,
notevolmente elevato e poco montuoso, contrasta con il vicino stato
occidentale. La popolazione bianca ha preferito raccogliersi nella
parte sud-orientale del paese, dove il suolo molto fertile e consente
di coltivarvi tabacco, granturco, avena e ortaggi, mentre a nord
occupato da numerosi laghi e stagni. Il Missouri lo attraversa
obliquamente fin oltre Yankton, da dove poi discende su Omaha,
mentre il Fiume Rosso lo separa a est dal Minnesota.
20

La ferrovia che si collega a Fargo rasentava in parte il fiume, in
modo da servire Yankton, antica capitale del Sud Dakota, ora
sostituita da Pierre City, la cui posizione centrale meglio si confaceva
con il piano amministrativo della Confederazione.
Harris T. Kymbale trascorse a Fargo l'intera giornata del 23, senza
farsi riconoscere. Se avesse ceduto alle sue tentazioni di turista, forse
avrebbe visitato le borgate della riva sinistra del Fiume Rosso e,

19
la moderna Minneapolis. (N.d.T.)
20
Il fiume ha lo stesso nome di quello del Basso Mississippi del quale abbiamo gi
parlato. (N.d.A.)
dirimpetto, quelle della riva destra, se una circostanza inattesa non lo
avesse indotto a modificare i suoi piani.
Passeggiava nel pomeriggio nei dintorni della cittadina, quando
gli si accost una persona sulla cinquantina, di media statura, naso
contorto e occhietti ammiccanti: un americano, quasi certamente,
dall'aspetto, a dir poco, non molto simpatico.
Signore gli disse lo sconosciuto, se non mi inganno, vi
ho visto stamane scendere dal treno della Northern Pacific.
Infatti rispose Harris T. Kymbale.
Mi chiamo Horgarth riprese l'uomo, Len Horgarth, Len
William Horgarth.
Ebbene, signor Len William Horgarth, in che posso servirvi?
Vi recate forse a Yankton, signore? chiese lo sconosciuto.
A Yankton, precisamente.
Permettetemi allora di offrirvi i miei servigi.
I vostri servigi? A che proposito?
Una semplice domanda, innanzi tutto, signor Siete venuto
solo?
Solo? rispose Harris T. Kymbale, sorpreso. S, solo.
La signora non vi ha accompagnato?
La signora?
Non importa, ne faremo a meno. Qui la sua presenza non
necessaria per divorziare.
Divorziare, signor Horgarth?
Senza dubbio, e io mi incaricher di tutte le formalit del
vostro divorzio
Ma per divorziare bisogna essere sposati e io non lo sono,
credetemi.
Non siete sposato e andate a Yankton? esclam Len
Horgarth, stupito.
Questa grossa! Chi siete, dunque, voi, signor Horgarth?
Sono procacciatore di clienti e testimone per divorzi.
Allora, mi dispiace rispose Harris T. Kymbale, ma i
vostri servizi non mi servono.
Il cronista non aveva motivo di meravigliarsi dell'offerta del
signor Len William Horgarth. Se nell'Illinois i divorzi sono
consuetudine frequente, se nella stazione si pu gridare ai
viaggiatori: Chicago, dieci minuti di fermata, giusto il tempo per
divorziare, occorre per che la rottura del matrimonio si appoggi su
certe garanzie. Nel Sud Dakota, invece, le cose procedono in altro
modo. Si pu dire che sia il paese dei divorzi per eccellenza ed
sufficiente che un testimonio asserisca che vi si domiciliati da sei
mesi per godere dei suoi vantaggi.
Da ci derivato il mestiere di procacciatore di clienti e di
testimone a disposizione degli uomini di legge. Essi procacciano il
cliente, testimoniano in suo favore, gli forniscono un sostituto, se
non ha voglia di scomodarsi di persona e preferisce operare per
procura, e molte altre agevolazioni. Tuttavia il primato per il divorzio
spetta alla borgata di Sioux Falls, pi che alla citt di Yankton.
Ebbene, signore aggiunse cortesemente il signor Horgarth,
mi dispiace assai che non siate sposato.
Dispiace anche a me rispose Harris T. Kymbale perch
avrei avuto una bella occasione per disfare il mio matrimonio!
Poich andate a Yankton, cercate di esservi domani prima delle
tre; potrete assistere al grande raduno che vi si terr.
Un raduno? A che scopo?
Si vuol chiedere che il termine minimo di domicilio sia ridotto
a tre mesi, come nello Stato di Oklahoma, che ci fa accanita
concorrenza. Il raduno sar presieduto dall'onorevole Heldreth.
Davvero, signor Horgarth? E chi il signor Heldreth?
Un rispettabile commerciante che ha gi divorziato diciassette
volte e che pare non abbia ancora finito, a quel che si dice!
Non mancher di trovarmi in tempo utile a Yankton, signor
Horgarth.
Vi lascio dunque, signore, ma consideratemi a vostra
disposizione per l'avvenire.
D'accordo, signor Horgarth; non dimenticher la vostra gentile
offerta.
Non si sa mai quel che pu capitare
Avete ragione, signor Horgarth! rispose Harris T. Kymbale.
E prese commiato dal cortese testimone che procacciava clienti
agli avvocati del Dakota.
Restava da vedere se a Yankton la riunione presieduta
dall'onorevole Heldreth avrebbe ottenuto gli inapprezzabili vantaggi
di cui godeva l'Oklahoma.
Il giorno seguente, 24 giugno, alle sei del mattino, il capocronista
del Tribune saliva sul treno diretto verso il Sud Dakota.
Una complicata rete ferroviaria congiunge uno stato all'altro; ma
poich tra Fargo e Yankton intercorrono appena duecentocinquanta
miglia, Harris T. Kymbale era sicuro di trovarcisi prima dell'ora della
riunione.
Per fortuna, l'ultimo tronco di ferrovia tra le stazioni di Medary e
Sioux Falls City era stato allora completato e proprio quel giorno
sarebbe stato aperto alla circolazione. Harris non sarebbe stato pi
obbligato, quindi, a percorrere in carrozza o a cavallo una parte del
tragitto, com'era stato costretto a fare durante il viaggio al Nuovo
Messico e in California.
Valic dunque il limite convenzionale che separa i due Dakota, e
alle undici, quando il treno si ferm nei pressi della piccola borgata
di Medary, sulla riva del Big Sioux River, ne vide scendere tutti i
viaggiatori.
Si rivolse allora a un impiegato delle ferrovie, in servizio, e gli
chiese:
Il treno si ferma qui?
Proprio qui rispose l'impiegato.
Non si inaugura oggi allora il tronco tra Medary e Sioux Falls
City?
No, signore.
Quando, dunque?
Domani.
Harris T. Kymbale ne fu contrariato perch le due stazioni sono
separate da una sessantina di miglia; anche a prendere la carrozza,
sarebbe arrivato troppo tardi per assistere alla riunione dell'onorevole
Heldreth.
Ma ad un tratto, nella stazione di Medary, vide un treno che
sembrava in procinto di partire alla volta di Yankton.
E quel treno? chiese allora.
Oh! quel treno rispose l'impiegato con un tono piuttosto
strano.
Non parte?
S, a mezzogiorno e tredici.
Per Yankton?
Oh! Yankton! rispose l'impiegato scotendo il capo.
Chiamato in quel preciso istante dal capostazione, l'uomo non pot
finire di dare al giornalista le informazioni che questi gli aveva
chiesto.
Non era, quello, un treno per viaggiatori perch si componeva di
due sole vetture-bagagliaio, tirate da una locomotiva che sembrava
gi in moto.
Parola mia disse tra s T. Kymbale, ecco ci che mi ci
vuole, dal momento che l'inaugurazione del tronco avverr domani.
Che importa se un treno merci? Purch da Medary vada a Sioux
Falls City Se potessi scivolare dentro una vettura senza essere
visto All'arrivo spiegher ogni cosa.
Il fiducioso cronista si riteneva sicuro che, all'arrivo, quando si
fosse fatto riconoscere come il celebre giocatore della partita
Hypperbone e si fosse dichiarato pronto a pagare il prezzo di quel
viaggio niente affatto regolamentare, le sue spiegazioni sarebbero
state accolte con perfetta cortesia.
Il fatto che la stazione in quel momento fosse deserta favoriva il
progetto di Harris T. Kymbale. Pareva che tutti i viaggiatori avessero
avuto fretta di lasciarla. Non vi era pi un solo impiegato sul
marciapiede, tranne il macchinista e il fochista, intenti a cacciare
grosse palate di carbone nel focolare della locomotiva.
Senza che nessuno lo vedesse, Harris T. Kymbale riusc dunque a
penetrare nel bagagliaio e a rannicchiarsi in un angolo, in attesa della
partenza.
A mezzogiorno e tredici il treno si mise in moto con un'insolita
brusca partenza.
Trascorsero dieci minuti, durante i quali la velocit del treno si
accrebbe sensibilmente, fino a diventare eccessiva.
Strana circostanza: quando il treno passava dinanzi alle stazioni, il
macchinista non ne faceva sentire il fischio.
Harris T. Kymbale si alz e diede un'occhiata fuori del finestrino
anteriore della vettura.
Sulla locomotiva, che vomitava torrenti di fumo e di vapore, non
c'era nessuno: n macchinista n fuochista!
Che diamine vuol dire? si chiese Harris T. Kymbale. Che
siano entrambi caduti dal treno? Oppure che questa maledetta
locomotiva sia fuggita dalla stazione come un cavallo dalla scuderia?
All'improvviso gli sfugg un grido di terrore.
Sullo stesso binario, a un quarto di miglio di distanza, un altro
treno veniva in senso opposto, a velocit vertiginosa.
Pochi secondi dopo avveniva lo spaventevole scontro. Le due
locomotive si urtarono con violenza indescrivibile, spezzando l'una
contro l'altra i relativi bagagliai. Segu un formidabile scoppio e i
rottami delle due caldaie volarono attraverso lo spazio.
Al fracasso dello scoppio si unirono in quel momento gli evviva
di migliaia di persone, raccoltesi ai due lati dei binari, a distanza
sufficiente per non dover temere nulla dall'urto formidabile.
Quei curiosi si erano offerti, a loro spese, l'emozionante spettacolo
dello scontro di due treni spinti alla massima velocit: spettacolo
americano quant'altri mai!
Fu inaugurato in quel modo il tronco ferroviario tra Medary e
Sioux Fall City, l'Eden americano dei divorzi.
CAPITOLO XIII
FINE DELLA PARTITA HYPPERBONE
SUPERFLUO descrivere lo stato d'animo di Lissy Wag, quando la
fanciulla si separ da Max Ral per andare a occupare il posto di lui
a Richmond. Partita la sera del 13, non poteva immaginare che gi il
giorno dopo sarebbe accaduto a Max Ral ci che prima era successo
a lei, e cio essere liberato e avere la possibilit di continuare a
battersi sull'immenso campo di corse degli Stati Uniti d'America.
Chiusasi in se stessa, in preda al proprio turbamento, Lissy Wag si
era rannicchiata in un angolo della vettura, mentre J ovita, seduta
accanto a lei, evitava di disturbare la compagna con osservazioni
inopportune.
Da Saint-Louis a Richmond ci sono al massimo settecento miglia,
attraverso il Missouri, il Kentucky, la Virginia occidentale e la
Virginia orientale. Le due viaggiatrici raggiunsero quindi Richmond
nella mattinata del 14, per attendervi il telegramma di mastro
Tornbrock. Peraltro, come sappiamo, Max Ral aveva deciso di
lasciare Saint-Louis il 20 giugno, dopo aver conosciuto il risultato
del colpo di dadi di quel giorno; sperava di poter incontrare Lissy
Wag nel recarsi a Filadelfia, per occuparvi il posto di Tom Crabbe.
Si pu facilmente immaginare la gioia delle due amiche gioia
vivissima ma celata in cuore nell'una, chiassosa e manifesta nell'altra
quando, al loro arrivo, appresero dai giornali della liberazione di
Max Ral.
Come vedi, mia cara disse J ovita, contenta come una
pasqua, Dio c'! Chi afferma il contrario dev'essere pazzo! Se non
ci fosse, avrebbe mai, Tom Crabbe, fatto cinque? Certamente no! Dio
sa ci che fa, e dobbiamo essergliene grate.
Di tutto cuore! termin Lissy, con profonda commozione.
In fin dei conti, la felicit di uno spesso l'infelicit dell'altro
prosegu J ovita. Ho sempre pensato che sulla terra vi sia
soltanto una certa quantit di felicit a disposizione del genere
umano, e che quando uno di noi ne prende una parte, lo fa a danno di
un altro!
Ecco quale era la filosofia dell'esuberante J ovita! In ogni caso, se
nel mondo c' una certa quantit di allegria da sperperare, ella
doveva lasciarne ben poca agli altri, dopo aver preso la sua parte!
Ecco Crabbe in prigione al posto di Max Ral! prosegu
J ovita. Beh, dopotutto, peggio per lui! E, a meno che il
commodoro Urrican non vada a liberarlo Ma se ci capitasse, non
vorrei trovarmi sul cammino di quella bomba marina!
Ora non rimaneva che aspettare con pazienza sino al 20. In quei
sei giorni il tempo sarebbe trascorso piacevolmente visitando
Richmond, di cui Max Ral aveva vantato, a ragione, le bellezze alle
due amiche. Senza dubbio la citt sarebbe apparsa loro pi bella, se il
giovane pittore le avesse accompagnate nelle loro passeggiate: cos,
almeno, asser J ovita, e probabilmente Lissy condivideva pienamente
la sua opinione.
Le due giovani rimasero in albergo il meno possibile, evitando in
tal modo gli intervistatori dei giornali della Virginia, che avevano
segnalato con grossi titoli la presenza a Richmond della quinta
giocatrice. Molti giornali avevano pubblicato la sua fotografia e
quella di J ovita, la qualcosa aveva contrariato Lissy, ma non era
affatto dispiaciuta all'altra se stessa, come spesso veniva chiamata
J ovita. E come si potevano ignorare le manifestazioni di simpatia di
cui erano fatte oggetto nelle loro gite?
Da quando erano precedute soltanto dal misterioso XKZ,
all'esistenza del quale molti si rifiutavano di credere, tutti le
chiamavano le due ricche ereditiere e Lissy Wag era sempre pi
richiesta dagli scommettitori, nei mercati dell'Unione.
Compro Lissy Wag!
Cambio Kymbale contro Lissy Wag!
Vendo Titbury!
Chi vuole Titbury?
Ecco Titbury!
Ecco alcuni pacchetti di Crabbe!
Qualcuno vende Ral?
Qualcuno vende Lissy Wag?
Ecco che cosa si sentiva dire ovunque e non si potrebbe
immaginare l'entit delle somme scommesse sulla quinta giocatrice,
sia negli Stati Uniti sia all'estero. Con due colpi fortunati, Lissy
avrebbe potuto raggiungere la meta e diventare, pur dividendo la
vincita con la compagna, una delle pi ricche ereditiere del paese dei
dollari elencate nel Libro d'Oro d'America.
Il 16 giugno, poich, per il momento, non ci si doveva occupare di
Titbury, immerso ancora per un mese nelle delizie dell'Excelsior
Hotel, qualche giocatore interessato aveva avanzato la pretesa di
lanciare i dadi per conto del quarto concorrente, e cio per conto di
Harris T. Kymbale, anticipando di quarantotto ore anche le giocate
successive. Ma il signor Georges B. Higginbotham, e gli altri
membri dell'Excentric Club non furono di quel parere, e tanto meno
lo fu mastro Tornbrock, incaricato di interpretare le intenzioni del
defunto.
Il 18, come sappiamo, il capocronista del Tribune era stato
mandato da Olympia a Yankton e il giorno dopo, infatti, i giornali
avevano raccontato che egli aveva lasciato la capitale di Washington
servendosi della linea transcontinentale della Northern Pacific.
Il suo passaggio dalla trentesima alla trentanovesima casella non
minacciava Lissy Wag, che occupava la quarantaquattresima.
Il giorno 20, prima delle otto, dopo aver obbligato l'amica a
seguirla, J ovita si trovava all'ufficio postale di Richmond. Mezz'ora
dopo il telegramma annunciava un dodici, il punto pi alto che
potesse toccare a Lissy. Quel balzo di dodici punti spediva le due
giovani alla cinquantaseiesima casella, Stato dell'Indiana.
Le due amiche tornarono in fretta all'albergo per sfuggire alle
dimostrazioni troppo vivaci del pubblico.
Mia cara disse J ovita, sembra incredibile tanta fortuna!
Andiamo a Indianapolis, capitale dell'Indiana! Ci avviciniamo
finalmente al nostro Illinois. Sei in testa a tutti! Hai superato di
cinque caselle l'uomo mascherato: quel signor XKZ che nessuno
conosce! La Bandiera Gialla batte la Rossa! Ti mancano solo sette
punti per vincere! E perch non potrebbe uscire il numero sette, la
prossima volta? Non forse il numero dei bracci del candeliere
biblico, quello dei giorni della settimana e quello delle Pleiadi? e
non os aggiungere: quello dei peccati mortali! Non inoltre
quello di coloro che corrono dietro l'eredit Hypperbone? Signore, fa
che i dadi ci diano il numero sette e che si possa vincere la partita! Se
sapeste, e dovreste ben saperlo, che buon uso faremmo di tanti
milioni! Faremmo del bene del bene a tutti! Fonderemmo ospizi di
carit, istituti di beneficenza per disoccupati, un ospedale!
L'Ospedale Wag-Foley per gli ammalati di Chicago (scritto a
caratteri cubitali); inoltre io far costruire una casa per le fanciulle
povere che non possono sposarsi, e ne sar la direttrice, e vedrai
come sapr amministrarla! Ma non sarai certamente tu a mettervi
mai piede, signorina miliardaria, perch oh, lo so io il perch! Del
resto, marchesi, duchi e principi verranno a chiedere la tua mano!
J ovita delirava, senza dubbio. Continuava ad abbracciare Lissy,
che stava ad ascoltare con un vago sorriso i suoi progetti sul futuro,
mentre girava e rigirava intorno alla camera come una trottola.
Bisognava ora decidere se la quinta giocatrice dovesse lasciare
subito Richmond. Poich vi si trovavano gi da sei giorni e avevano
tempo fino al 4 luglio per recarsi a Indianapolis, J ovita disse che
sarebbe stato meglio partire il giorno seguente per la nuova
destinazione.
Lissy si arrese alla sua volont, anche perch l'indiscrezione del
pubblico e le continue pressioni dei cronisti diventavano sempre pi
imbarazzanti. E poi, dal momento che Max Ral non era a
Richmond, perch continuare a restarvi? A quest'ultimo argomento,
su cui J ovita continuamente tornava con una insistenza che non
dispiaceva affatto a Lissy, che cosa avrebbe potuto rispondere
quest'ultima?
La mattina del 21 si fecero quindi condurre entrambe alla
stazione. Dopo aver attraversato la Virginia orientale, quella
occidentale e l'Ohio, il treno le avrebbe lasciate la stessa sera nella
capitale dell'Indiana, dopo un (percorso di quattrocentocinquanta
miglia.
Ma ecco cosa accadde: sul marciapiede della stazione le due
giovani furono accostate da un gentiluomo assai cortese, che disse
loro, inchinandosi:
a miss Lissy Wag e miss J ovita Foley che ho l'onore di
parlare?
Per l'appunto rispose la pi pronta delle due.
Sono il maggiordomo della signora Migglesy Bullen. La
signora Bullen sarebbe felice se miss Lissy Wag e miss J ovita Foley
volessero accettare di salire sul suo treno per essere condotte a
Indianapolis.
Vieni disse J ovita, senza dare a Lissy il tempo di riflettere.
Il maggiordomo le accompagn verso un binario morto, sul quale
era in attesa un treno composto da una luccicante locomotiva, una
vettura-salone, una vettura-sala da pranzo, una vettura-camera da
letto e una vettura-bagagliaio un treno splendido sia all'interno che
all'esterno: un vero treno reale, o imperiale, o presidenziale che dir si
voglia.
La signora Migglesy Bullen, una delle pi ricche americane
dell'Unione, viaggiava in quel modo. Rivale dei Whitman, degli
Stevens, dei Gerry, dei Bradley, degli Sloane, dei Belmont e di altri
che navigano esclusivamente sui loro panfili e viaggiano soltanto sui
propri treni, in attesa di farlo soltanto sulle proprie ferrovie, la
signora Migglesy Bullen era una gentile vedova di cinquantanni,
proprietaria di inesauribili miniere di petrolio, vale a dire di dollari.
Lissy e J ovita passarono in rassegna i numerosi domestici,
schierati sul marciapiede, e furono ricevute da due dame di
compagnia che le condussero nella vettura-salone in cui si trovava la
miliardaria.
Signorine disse loro affabilmente la signora Bullen,
voglio ringraziarvi per aver accettato la mia offerta e per aver
acconsentito ad accompagnarmi in questo viaggio. Qui sarete pi
comode che sul treno pubblico e io sono felice di potervi manifestare
in questo modo l'interesse che nutro per voi, anche se non ho
scommesso sulla partita.
Siamo onoratissime dell'onore che ci fa la signora Migglesy
Bullen rispose J ovita Foley.
E le esprimiamo la nostra viva gratitudine aggiunse Lissy
Wag.
superflua rispose con un sorriso la dama; spero che la
mia compagnia possa portarvi fortuna.
Il viaggio fu delizioso; nonostante i suoi milioni, la signora Bullen
era una brava donna e le ore trascorsero piacevolmente nel salone, in
sala da pranzo, e poi passeggiando da un'estremit all'altra del treno,
del quale non si potrebbe immaginare lo splendido mobilio e il lusso.
Pensa disse J ovita a Lissy, in un momnto in cui erano sole
che presto potremo viaggiare anche noi in questo modo, con i
nostri mobili!
Cerca di essere ragionevole, J ovita
Vedrai!
A dire il vero, era anche opinione disinteressata della signora
Bullen che Lissy Wag sarebbe arrivata alla meta prima degli altri
concorrenti.
Verso sera, il treno si ferm a Indianapolis, e poich doveva
proseguire verso Chicago, le due amiche dovettero discenderne. La
signora Bullen don a ciascuna di loro un grazioso anello, quale
ricordo del viaggio, pregandole di accettarlo: una cosuccia da nulla,
circondata di diamanti. Le due amiche la ringraziarono, non senza un
po' di commozione per la principesca ospitalit e presero commiato.
Si recarono allo Sherman Hotel che era stato loro
raccomandato facendo il possibile per non farsi riconoscere, ma ci
non imped ai giornali di Indianapolis di annunciare, il giorno
seguente, la loro presenza all'albergo.
Come la maggior parte delle capitali dei vari stati, Indianapolis
occupa quasi il centro del territorio, da dove la ferrovia si dirama in
tutte le direzioni. Se si guarda la carta dell'Indiana, si direbbe che
essa sia ricoperta da una specie di ragnatela, i cui fili, rappresentati
dai binari ferroviari, sono tesi tra le linee geodetiche che fanno da
confine al paese sui suoi lati: l'Ohio a est, l'Illinois a ovest, il
Kentucky a sud, e la punta del lago Michigan a nord.
Se un tempo questo stato veniva giustamente chiamato Terra
Indiana, esso oggi interamente americano, nonostante i suoi primi
coloni siano stati emigranti francesi.
Non certo in quella regione che Max Ral avrebbe incontrato
pittoreschi paesaggi. Il paese, quasi piatto e ondulato solo da poggi e
collinette, si presta alla sistemazione della strada ferrata che gli ha
procurato un grande sviluppo commerciale. Il suolo
particolarmente adatto alla coltivazione di ogni variet di prodotti
agricoli, ricco di terre arabili, e non meno ricco di miniere e di
sorgenti di (petrolio e di gas naturale.
Nonostante i suoi due milioni di abitanti, l'Indiana non occupa che
il trentasettesimo posto per quanto concerne la superficie; oltre
Indianapolis, ha citt importantissime, attive e prospere, quali
J effersonville e New Albany, che la Louisville del Kentucky, posta
sulla riva sinistra dell'Ohio, reclama per suoi sobborghi; Evansville,
seconda citt dello Stato, posta sulla soglia della deliziosa vallata del
Green River e collegata con il lago Erie per mezzo di un canale lungo
quasi cinquecento miglia e altre ancora, quali Fort Wayne, servita
dalla linea che congiunge Pittsburg a Chicago, Terra Alta, nella quale
si concentra il commercio agricolo, e Vincennes, che fu per qualche
tempo capitale dell'Indiana.
Indianapolis merita l'attenzione del turista ma, pur essendo una
grande citt della repubblica americana, sarebbe inutile cercarvi
l'inatteso e il pittoresco. Le due amiche, del resto, l'avevano gi
visitata, quando si erano recate nel Kentucky.
Disponendo di quindici giorni, esse avrebbero avuto certamente il
tempo di visitare i principali distretti e di fare una gita alle grotte di
Wandyott (tra Evansville e New Albany), che possono competere
con quelle di Mammoth Caves. Ma J ovita preferiva accontentarsi
dell'indimenticabile ricordo delle meraviglie del Kentucky. Non era
forse in quei luoghi deliziosi che era stata nominata tenente-
colonnello della milizia dell'Illinois? A volte ci pensava, sentendosi
venire una gran voglia di ridere, come pensava all'obbligo assunto da
entrambe, non appena tornate a Chicago, di andare da militari a far
doverosa visita al governatore.
Quando vedeva la sua amica non gi triste, ma pensosa, le diceva:
Lissy, io non ti capisco, o meglio, ti capisco benissimo! un
bravo giovane, simpatico, gentile possiede molte buone qualit, e,
fra le altre, quella di non dispiacerti! Ma se non qui a quest'ora
dovrebbe essere a Filadelfia, a occupare il posto dello sfortunato
Crabbe, che non pu nemmeno camminare di fianco, come i
crostacei di cui porta il nome devi rassegnarti, mia cara, e se fai
voti per il signor Ral, fanne anche per noi!
Tu esageri, J ovita
Sii sincera, Lissy, confessa che lo ami!
La giovane taceva, e anche questo era indubbiamente una risposta.
Il 22 giugno i giornali pubblicarono il risultato del lancio di dadi che
riguardava il commodoro Urrican.
Nessuno avr dimenticato che la Bandiera Arancione aveva
dovuto ricominciare la partita, al ritorno da Death Valley, e che un
colpo fortunato l'aveva mandata alla ventiseiesima casella, Stato del
Wisconsin. Ci era una prova che i colpi di dadi, come i giorni, si
susseguivano a caso, uno diverso dall'altro. Mastro Tornbrock non
aveva avuto per la mano felice: il punto cinque, fatto con un quattro
e un uno, inviava Hodge Urrican alla trentunesima casella, Stato del
Nevada, ove William Hypperbone aveva collocato il pozzo, in fondo
al quale il disgraziato commodoro doveva rimanere, fino a quando un
altro concorrente non fosse venuto a tirarlo fuori.
Sembra che il notaio lo faccia apposta! aveva esclamato
Hodge Urrican, al colmo della rabbia.
Turk dichiar, a sua volta, che alla prima occasione avrebbe torto
il collo a mastro Tornbrock; e questa volta il commodoro non cerc
di calmarlo. C'era inoltre una tripla penalit da pagare: tremila dollari
che bisognava tirar fuori di tasca e lasciar cadere nel salvadanaio.
Lissy, che aveva buon cuore, compianse lo sfortunato lupo di
mare.
Compiangiamolo pure disse J ovita tanto pi che non
vedo altri che possa liberarlo se non messer Titbury, nel caso che,
uscendo dalla locanda, facesse dodici. Ci che importa, dopo tutto,
che il signor Ral sia fuori di prigione. Ho il presentimento, peraltro,
che lo rivedremo presto.
La perspicace ragazza non sapeva di dire il vero.
Infatti, quella mattina, tornando con l'amica dalla passeggiata,
Lissy, giunta allo Sherman Hotel, non riusc a trattenere una
esclamazione di stupore.
Che cosa c'? chiese J ovita. Poi, a sua volta, esclam:
Voi, signor Ral!
Il pittore era dinanzi alla porta, insieme con Tommy. Un po'
agitato e un po' imbarazzato, Ral cerc di giustificare la sua
presenza.
Signorine disse, andavo a Filadelfia, per occuparvi il mio
posto, e poich l'Indiana si trovava per caso sulla mia strada
Un caso geografico disse J ovita ridendo, e comunque, un
caso felice!
Dal momento che non avrei allungato il mio percorso
Se aveste dovuto allungarlo, signor Ral, certamente non
avreste rischiato di mancare
Ho tempo fino al 28, signorina Wag. Ho ancora sei giorni a
mia disposizione, e
Quando si hanno sei giorni a disposizione e non si sa come
impiegarli, la cosa migliore da fare di trascorrerli con le persone
per le quali si nutre interesse vivo interesse
J ovita! sussurr Lissy.
Il caso, sempre il felice caso prosegu J ovita, ha voluto
che sceglieste lo Sherman Hotel
Avevo appreso dai giornali che vi si trovava la quinta
giocatrice con la sua cara amica
E dal momento che la quinta giocatrice si trova allo Sherman
Hotel rispose la cara amica naturale che vada ad
alloggiarvi anche il primo giocatore. Se vi si fosse trovato il secondo,
oppure il terzo giocatore Ma no! era proprio la quinta! E in tutto
ci il caso
Non c'entra per nulla, e voi lo sapete, miss Wag confess
Max Ral, stringendo la mano che la giovane gli offriva.
Ora siamo sinceri! esclam J ovita. E, sincerit per
sincerit, siamo felici che siate venuto a trovarci, signor Ral. Vi
avverto per che non starete qui un'ora pi del necessario e che non
vi permetteremo di perdere il treno per Filadelfia!
Max Ral aveva atteso a Saint-Louis che i giornali annunciassero
l'arrivo di Lissy Wag e di J ovita Foley nella capitale dell'Indiana e
ora contava di dedicare loro il tempo di cui disponeva.
Chiacchierarono come vecchi amici, se vogliamo credere a J ovita,
concordarono quali passeggiate fare attraverso la citt, che gi la
presenza di Max Ral rendeva molto pi interessante. Tuttavia, dietro
le sollecitazioni di J ovita, dovettero parlare anche della gara. Lissy
era ormai in testa a tutti, e non sarebbe stato certamente quel signor
XKZ che l'avrebbe relegata al secondo posto! Per giungere primo al
prossimo colpo di dadi occorreva che il fortunato personaggio
facesse dodici, un punto che si pu fare solo in un modo: con due sei.
Il sette, che avrebbe permesso a Lissy di piantare la bandiera gialla
sulla sessantatreesima casella, si poteva fare invece in tre modi
diversi: con un tre e un quattro, con un due e un cinque, con un uno e
un sei. Tre probabilit contro una, quindi, diceva J ovita.
Max Ral non si preoccupava di discutere se quel ragionamento
fosse esatto o meno. Tra Lissy Wag e lui non c'era di mezzo nessuna
partita. Si parlava di Chicago, del loro prossimo ritorno, della gioia
che la signora Ral avrebbe provato nel fare la conoscenza delle due
amiche: una sua lettera, scritta senza dubbio dopo aver assunto
informazioni, lo confermava chiaramente.
Vostra madre molto buona, signor Ral disse Lissy Wag,
cui si inumidirono gli occhi, nel leggere la lettera.
Non c' madre migliore di lei, signorina Wag; vuol bene a tutti
coloro che io amo.
Che cara suocera sarebbe! esclam J ovita, scoppiando a
ridere. Trascorsero il pomeriggio passeggiando nei pi bei quartieri
della citt,
soprattutto sulle rive del White River. Evitare gli importuni che
assediavano l'albergo a quanto diceva J ovita, tutti volevano
sposare la futura erede di William J . Hypperbone era ormai
un'assoluta necessit. La strada era sempre affollata. Per prudenza,
Max Ral non aveva rivelato la propria identit evitando cos che i
simpatizzanti diventassero un esercito.
Egli attese che fosse buio, prima di tornare in albergo, e finito
l'ultimo pasto una cena pi che un pranzo non gli rimase che
riposarsi dalle fatiche della giornata, trascorsa cos lietamente.
Alle dieci, Lissy e J ovita raggiunsero la loro camera, Max Ral
torn nella sua e Tommy nell'attigua stanzetta. E mentre J ovita si
abbandonava ai suoi sogni intessuti d'argento e ricamati d'oro forse
gli altri due si incontravano negli stessi pensieri, senza riuscire a
prender sonno. Pensavano entrambi al ritorno a Chicago e al
compimento dei loro pi cari desideri. Dicevano a se stessi che
quella partita sembrava non dovesse mai finire, che durava gi da pi
di sette settimane, che tra pochi giorni sarebbe stato necessario rifare
la valigia, che centinaia di miglia li avrebbero nuovamente separati,
che sarebbe stato meglio rinunciare Per fortuna, n J ovita, n la
signora Ral potevano udirli.
Anche Max Ral, studiando la carta della partita, aveva fatto
un'osservazione abbastanza preoccupante: dei sette stati, disposti da
Hypperbone tra l'Indiana e l'Illinois della sessantareesima casella,
cinque si trovavano nella parte orientale dell'Unione, a grande
distanza in mezzo a territori non sufficientemente serviti dalla
ferrovia, Oregon, Arizona, Territorio indiano, per non parlare della
cinquantottesima casella, quella della Valle della Morte, resa celebre
dalle avventure del commodoro Urrican. Se avesse fatto due, Lissy
Wag sarebbe stata costretta a ricominciare la partita, dopo aver
sostenuto un lungo e faticoso viaggio fino in California. Se non
avesse vinto al prossimo colpo di dadi, con un sette, ella correva il
rischio di essere mandata molto lontano dall'Indiana. E in tal caso,
quali pericoli avrebbe dovuto correre!
Lissy non pensava affatto a quelle pericolose complicazioni.
Pensava al presente, non al futuro. Pensava che in quel momento
Max Ral era accanto a lei. Soltanto per qualche giorno, vero,
perch il destino li avrebbe poi nuovamente separati
Trascorsero alla fine le ultime ore e al risveglio, con lo spuntare
del giorno, gli incubi della notte erano scomparsi.
Che faremo oggi? chiese J ovita quando le due amiche
incontrarono Max Ral a tavola per la colazione. La giornata
promette di essere bella. Il sole e il venticello invitano alle
passeggiate. Vogliamo uscire un po' da Indianapolis? La citt
pulita, ben tenuta, spazzata ma dicono che la campagna sia
bellissima nei dintorni. Non potremmo prendere un treno e tornare
poi indietro con un altro?
La proposta meritava di essere esaminata. Max Ral consult
l'orario ferroviario e le cose si accomodarono con soddisfazione di
tutti. Fu deciso di partire con il treno che risale il White River fino
alla stazione di Spring Valley, a una ventina di miglia da
Indianapolis, e di fare poi ritorno percorrendo un'altra strada.
L'allegro terzetto part, dunque, lasciando stavolta Tommy in
albergo.
Poich Max Ral e Lissy Wag erano troppo occupati per
accorgersi di qualcosa, J ovita Foley avrebbe dovuto notare che
cinque persone li avevano sempre seguiti, sin dal momento della
partenza. E non solo li avevano seguiti fino alla stazione, ma erano
salite sullo stesso treno, se pur in uno scompartimento diverso, e,
quando Max Ral e le due amiche ne discesero, alla stazione di
Spring Valley, discesero anche loro.
Tutto ci non attir l'attenzione di J ovita, che guardava attraverso
il finestrino, quando non guardava Lissy e Max Ral.
Quelle persone, d'altra parte, temendo di farsi notare, si erano
precedentemente separate all'uscita dalla stazione.
Max Ral, Lissy Wag e J ovita Foley seguirono la strada che
conduceva sulla riva del White River. Non correvano certo il rischio
di smarrirsi.
Girarono per un'ora attraverso la fertile campagna bagnata da
piccoli torrenti, tra campi ben coltivati da una parte e folti 'boschi
dall'altra, avanzi di antiche foreste abbattute dall'accetta civilizzatrice
del boscaiolo.
La passeggiata fu piacevolissima, anche perch la temperatura era
mite. J ovita andava avanti e indietro, allegra e felice, rimproverando
scherzosamente la giovane coppia, che non badava affatto a lei. Ella
pretendeva, infatti, che si avessero per lei i riguardi dovuti a una
madre, anzi a una nonna, della quale intendeva esercitare le funzioni.
Erano le tre quando il traghetto li trasport sull'altra riva del
fiume. Pi oltre, sotto grandi boschi, si spiegava la strada che
conduceva alla stazione di una delle numerose linee ferroviarie che
convergono verso Indianapolis: Max Ral e le due amiche si
proponevano di fare, fino al 27, nuove gite nei dintorni della capitale.
La sera del 27, con gran dispiacere suo e delle amiche, Max sarebbe
salito sul treno che lo avrebbe condotto a Filadelfia. Poi, in seguito
ma era meglio non pensarci, per ora.
La strada, deserta nell'ora in cui si compie il lavoro dei campi, era
fiancheggiata da alberi bellissimi. Dopo mezzo miglio, stanca di
correre avanti e indietro, J ovita propose di fare una breve sosta.
Avevano tempo a sufficienza per essere di ritorno all'albergo prima
di cena La strada si svolgeva tra due file di alberi, fresca e
ombrosa.
In quell'istante, cinque uomini si slanciarono su di loro: erano gli
stessi che li avevano seguiti, scendendo con loro alla stazione di
Spring Valley.
Che cosa volevano? Non si trattava n di ladri n di assassini: essi
volevano soltanto impadronirsi di Lissy Wag, trascinarla in qualche
luogo nascosto e trattenervela, in modo da impedirle di trovarsi
all'ufficio postale di Indianapolis il 4 luglio, all'arrivo del
telegramma, per farla escludere cos dalla partita, proprio quando,
precedendo tutti i concorrenti, era forse alla vigilia di raggiungere la
meta.
Ecco a che punto arrivavano giocatori e scommettitori che
avevano impegnato nella gara somme ingenti, per centinaia di
migliaia di dollari! Quei malfattori non si potrebbe chiamarli
diversamente ricorrevano anche ad atti del genere!
Tre uomini si precipitarono su Max Ral per impedirgli di
difendere le due amiche. Il quarto afferr J ovita, mentre l'ultimo
cercava di trascinare Lissy Wag nel fitto del bosco, ove sarebbe stato
impossibile ritrovarla.
Max Ral lott e, quando riusc a prendere la pistola, che un
americano porta sempre con s, fece fuoco.
Un uomo cadde, ma soltanto ferito.
J ovita e Lissy invocavano aiuto, senza tuttavia sperare che le loro
invocazioni fossero raccolte.
Invece lo furono; dietro una grande macchia, sulla sinistra, si
levarono alcune voci.
Una dozzina di fittavoli dei dintorni, che cacciavano nel bosco,
erano stati provvidenzialmente condotti dal caso sul luogo
dell'aggressione.
I cinque uomini fecero allora un ultimo sforzo. Max Ral spar un
altro colpo, stavolta contro colui che trascinava Lissy Wag verso il
lato sinistro della strada; l'uomo lasci andare la fanciulla, ma Max
ricevette una coltellata in pieno spetto e con un grido cadde a terra,
privo di sensi.
L'arrivo dei cacciatori fece capire agli aggressori due dei quali
erano feriti che il loro piano era fallito e che era meglio svignarsela
attraverso il bosco.
Nessuno corse loro dietro: c'era qualcosa di pi urgente da fare:
bisognava trasportare Max Ral alla pi vicina stazione, mandare poi
a cercare un medico e quindi ricondurlo a Indianapolis, se era in
condizioni di affrontare il viaggio.
Sconvolta e piangente, Lissy Wag and a inginocchiarsi accanto
al giovane.
Max Ral respirava; apr poi gli occhi e riusc a dire:
Lissy cara Lissy non nulla nulla E voi? voi?
I suoi occhi si chiusero, ma era vivo, aveva riconosciuto la
fanciulla, le aveva parlato.
Mezz'ora dopo, i cacciatori lo deponevano alla stazione. Il medico
venne quasi subito. Dopo aver esaminato la ferita, afferm che essa
non era mortale, e dopo la medicazione, assicur che il ferito avrebbe
potuto affrontare senza pericolo il viaggio fino a Indianapolis.
Il treno giunse alle cinque e mezzo. Max Ral fu trasportato sopra
una vettura e Lissy e J ovita presero posto accanto a lui. Il giovane
non aveva perduto i sensi e non si sentiva male eccessivamente. Alle
sei riposava nella sua camera, allo Sherman Hotel.
Per quanto tempo gli sarebbe stato impossibile lasciarla? Non era
ormai certo che non si sarebbe potuto presentare, il giorno 28,
all'ufficio postale di Filadelfia?
Lissy, comunque, non avrebbe abbandonato colui che era stato
ferito mentre cercava di difenderla. Sarebbe rimasta accanto a lui per
prodigargli le sue cure.
E bisogna dire a suo onore, bench ci significasse il crollo di
ogni sua speranza, che J ovita approv la condotta dell'amica.
Un altro medico, dopo aver visitato Max Ral, non pot, del resto,
che confermare le parole del suo collega: il polmone era stato appena
sfiorato dalla punta del coltello, e solo per poco la ferita non era stata
mortale.
Aggiunse inoltre che Max Ral non avrebbe potuto alzarsi prima
di una quindicina di giorni.
Che importanza aveva ora per lui l'eredit di William J .
Hypperbone? Lissy Wag, da parte sua, non pensava pi alle
probabilit che forse aveva di diventare l'erede dello stravagante
defunto. Entrambi sognavano un altro avvenire, un avvenire di
felicit che poteva anche fare a meno dei milioni della partita!
Dopo lunghe e serie riflessioni, J ovita si era detta tuttavia: Dopo
tutto, poich il povero signor Ral dovr rimanere a Indianapolis una
quindicina di giorni, il 4 luglio, giorno del suo prossimo lancio di
dadi, Lissy vi sar ancora; e se per caso uscir il sette mio Dio, fate
che esca! ella vincer la partita!.
Il ragionamento filava; e il Cielo non era debitore almeno di
questo, nei confronti della quinta giocatrice, dopo le ultime prove cui
ella era stata sottoposta?
La madre di Max Ral fu tenuta all'oscuro dell'accaduto, secondo
il desiderio espresso dal figlio. Come sappiamo, egli non aveva dato
all'albergo il proprio nome, per cui quando i giornali riferirono
dell'attentato, indicandone il movente, parlarono soltanto di Lissy
Wag.
Si pensi a ci che accadde nel mondo degli speculatori, quando la
notizia fu nota, e non ci si stupir affatto se la Bandiera Gialla
raccolse gli applausi di tutta l'America.
Le cose, del resto, si sarebbero presto concluse in modo diverso
da ci che la maggior parte del pubblico si aspettava.
Il giorno seguente, 24 giugno, alle otto e mezza, gli strilloni
percorrevano le vie di Indianapolis, proclamando, o meglio urlando a
perdifiato, il risultato del lancio dei dadi del mattino, per conto del
settimo giocatore.
Aveva fatto dodici, con un doppio sei! E poich occupava la
cinquantunesima casella Stato del Minnesota aveva vinto la
partita.
Il vincitore era dunque il misterioso personaggio indicato con le
iniziali XKZ.
Ora la Bandiera Rossa sventolava sullo Stato dell'Illinois,
quattordici volte ripetuto sulla carta del nobile gioco degli Stati Uniti
d'America.
CAPITOLO XIV
LA CAMPANA DI OAKSWOODS
UN FULMINE caduto contemporaneamente su tutte e cinque le parti
del mondo non avrebbe prodotto maggiore impressione del numero
uscito dai dadi gettati da mastro Tornbrock, allo scoccare delle otto
del 24 giugno, nella sala dell'Auditorium. Le migliaia di spettatori,
che quella mattina erano venuti ad assistere alla giocata pensando
che potesse essere l'ultima, divulgarono la notizia in tutti i quartieri
della citt; nel contempo, migliaia di telegrammi la diffondevano ai
quattro angoli del Vecchio e del Nuovo Mondo.
Era dunque l'uomo misterioso, il giocatore dell'ultima ora,
l'intruso del codicillo, in una parola, o meglio in tre lettere, quel
signor XKZ che aveva vinto la partita e, con la partita, i sessanta
milioni di dollari!
Quali viaggi erano stati compiuti dal favorito della fortuna?
Mentre tanti guai capitavano agli altri concorrenti (l'uno perch
confinato nella locanda, l'altro perch costretto a pagare il pedaggio
sul ponte del Niagara, un terzo perch si smarriva nel labirinto, un
altro ancora perch precipitava nel pozzo, tre di essi perch
condannati ad andare in prigione), tutti pagando grosse penalit,
XKZ aveva sempre camminato, con passo sicuro, dall'Ulinois al
Wisconsin, dal Wisconsin alla Columbia, dalla Columbia al
Minnesota e dal Minnesota alla meta, senza mai pagare penalit e
risparmiando, per la brevit dei suoi viaggi, denaro e fatica.
Non era una prova d'insolita fortuna, anzi di fortuna sfacciata? la
fortuna dei privilegiati, ai quali nella vita riesce tutto?
Rimaneva da sapere chi fosse il signor XKZ; e certamente egli
avrebbe rivelato ben presto la propria identit, se non altro per
entrare in possesso dell'enorme eredit che aveva vinto.
Nei giorni in cui si era presentato agli uffici postali di Milwaukee
(Wisconsin), di Washington (Columbia), di Minneapolis (Minnesota)
i curiosi erano accorsi in gran numero; ma essi avevano visto a volte
un uomo di mezza et, altre volte un uomo di oltre sessant'anni, che
immancabilmente scompariva senza che si riuscisse a seguirne le
tracce.
Ora, finalmente, si sarebbe saputo tutto di lui: nome, cognome e
condizione sociale; stabilita la sua identit, l'Unione avrebbe avuto
un nuovo nababbo in sostituzione di William J . Hypperbone.
Ecco qual era la posizione degli altri sei giocatori, alla data del 3
luglio, nove giorni dopo l'ultimo lancio dei dadi.
Tanto per cominciare, bisogna dire che tutti i concorrenti erano
rientrati a Chicago, alcuni disperati, altri furibondi quali facile
immaginarlo -e due del tutto indifferenti al risultato della gara: anche
di questi, inutile fare il nome.
La settimana era appena terminata, quando Max Ral, quasi
guarito dalla ferita, era tornato nella sua citt natale, accompagnato
da Lissy Wag e da J ovita Foley. Aveva raggiunto casa sua, in South
Halsted Street, mentre le due amiche si recavano in Sheridan Street,
alla loro abitazione.
Fu allora che la signora Ral, che gi sapeva dell'attentato contro
Lissy Wag, apprese, come tutti gli altri, il nome del giovanotto al
quale la fanciulla doveva la propria salvezza.
Ragazzo mio! ella esclam, stringendo Max tra le braccia.
Sei stato tu!
Ma poich sono guarito, cara mamma, non c' motivo di
piangere! Quel che ho fatto, l'ho fatto per lei mi capisci? La
conoscerai e le vorrai bene come lei gi ne vuole a te. Io l'amo!
Lo stesso giorno Lissy Wag, accompagnata dall'amica, fece visita
alla signora Ral. La fanciulla piacque moltissimo alla brava signora,
e questa piacque alla giovane. La signora Ral la colm di tenerezze,
senza dimenticare J ovita, cos amabile, a modo suo, anche se cos
diversa dall'amica.
Fu cos che quelle tre persone fecero conoscenza; riguardo a ci
che segu, sar necessario attendere ancora qualche giorno per
apprenderlo.
Tom Crabbe giunse a Saint-Louis dopo la partenza di Max Ral.
inutile descrivere la rabbia e lo sdegno di J ohn Milner! Un mucchio
di soldi buttati via per nulla; non soltanto per il costo dei viaggi, ma
anche per la grossa penalit pagata nello Stato-prigione del Missouri!
E in pi, la reputazione del campione del Nuovo Mondo
compromessa nell'incontro con lo stizzito Cavanaugh, del quale il
vero vincitore era stato il reverendo Hugh Hunter d'Arondale! Ma
Tom Crabbe continuava a non capire nulla della parte che gli si
faceva recitare e andava dove il suo allenatore lo conduceva. Poich
gli erano assicurati i suoi sei pasti a