Sei sulla pagina 1di 386

JULES VERNE

LA SFINGE DEI GHIACCI



Copertina Hetzel Al mappamondo colorato
Tavole di George Roux
MURSIA
Titolo originale dell'opera
LE SPHINX DES GLACES
(1897)

Traduzione integrale dal francese di PAOLO FRANCHI









Propriet letteraria e artistica riservata Printed in ltaly
Copyright 1977-1989 U. Mursia editore S.p.A.
2031/AC/III U. Mursia editore Milano Via Tadino, 29
INDICE

PRESENTAZIONE _____________________________________________ 5
LA SFINGE DEI GHIACCI _____________________________ 8
PARTE PRIMA___________________________________________________ 9
Capitolo I______________________________________________________ 9
Le isole kerguelen _____________________________________________ 9
Capitolo II. ___________________________________________________ 19
La goletta halbrane__________________________________________ 19
Capitolo III ___________________________________________________ 31
Il capitano len guy ____________________________________________ 31
Capitolo IV ___________________________________________________ 43
Dalle isole kerguelen all'isola principe edoardo______________________ 43
Capitolo V____________________________________________________ 58
Il romanzo di edgar allan poe ____________________________________ 58
Capitolo VI ___________________________________________________ 77
Come un velo che si solleva! __________________________________ 77
Capitolo VII __________________________________________________ 88
Tristan da cunha ______________________________________________ 88
Capitolo VIII_________________________________________________ 100
Diretti alle falkland___________________________________________ 100
Capitolo IX __________________________________________________ 110
L'armamento dell'halbrane ___________________________________ 110
Capitolo X___________________________________________________ 123
La spedizione ha inizio________________________________________ 123
Capitolo XI __________________________________________________ 135
Dalle sandwich al circolo polare ________________________________ 135
Capitolo XII _________________________________________________ 148
Fra il circolo polare e la banchisa________________________________ 148
Capitolo XIII_________________________________________________ 161
Lungo la banchisa____________________________________________ 161
Capitolo XIV_________________________________________________ 173
Una voce in sogno ___________________________________________ 173
Capitolo XV _________________________________________________ 183
L'isolotto bennet _____________________________________________ 183
Capitolo XVI_________________________________________________ 193
L'isola tsalal ________________________________________________ 193
PARTE SECONDA______________________________________________ 205
Capitolo I____________________________________________________ 205
E pym?__________________________________________________ 205
Capitolo II ___________________________________________________ 218
Si decide___________________________________________________ 218
Capitolo III __________________________________________________ 229
L'arcipelago scomparso _______________________________________ 229
Capitolo IV __________________________________________________ 241
Dal 29 dicembre al 9 gennaio___________________________________ 241
Capitolo V___________________________________________________ 251
Un'alambardata______________________________________________ 251
Capitolo VI __________________________________________________ 263
Terra?___________________________________________________ 263
Capitolo VII _________________________________________________ 276
L'iceberg ribaltato____________________________________________ 276
Capitolo VIII_________________________________________________ 287
Il colpo di grazia_____________________________________________ 287
Capitolo IX __________________________________________________ 299
Che fare? ________________________________________________ 299
Capitolo X___________________________________________________ 308
Allucinazioni _______________________________________________ 308
Capitolo XI __________________________________________________ 318
In mezzo alle nebbie__________________________________________ 318
Capitolo XII _________________________________________________ 329
Accampamento______________________________________________ 329
Capitolo XIII_________________________________________________ 341
Dirk peters in mare___________________________________________ 341
Capitolo XIV_________________________________________________ 352
Undici anni in poche pagine____________________________________ 352
Capitolo XV _________________________________________________ 363
La sfinge dei ghiacci__________________________________________ 363
Capitolo XVI_________________________________________________ 380
Dodici su settanta! ___________________________________________ 380
PRESENTAZIONE
Verne aveva i suoi conti aperti con lo scrittore americano Edgar
Allan Poe, non solo perch l'aveva letto sottobanco da giovane, ma
perch aveva parecchie cose in comune con lui. Non certo il senso
dell'orrido e del macabro, ma il senso dell'avventura e il gusto per la
scienza, che in Poe sconfinava in un che di allucinante e morboso,
mentre in Verne si ancorava pur sempre all'ordine della ragione.
Ancora giovane, a Parigi, Verne frequentava ogni sabato sera il
Caf St. Michel, vicino alla Sorbona, insieme con alcuni amici, con i
quali aveva costituito una sorta di club scientifico. Essi si vantavano
di scoprire nei racconti di Poe gli errori o le incongruenze
scientifiche. E di questo si ricorder pi tardi lo stesso Verne,
quando scrivendo un articolo su Le Muse des familles formuler
fra l'altro, nei confronti dello scrittore americano, anche riserve del
genere.
Ci non toglie che quando Verne, nel 1863, scrisse Cinque
settimane in pallone si sia perlomeno vagamente ricordato del
famoso racconto di Poe, scritto nel 1845, sull'attraversata
dell'Atlantico compiuta in tre giorni dal signor Monck Mason sulla
sua straordinaria Macchina Volante. Ma i conti pi grossi con
Edgar Allan Poe Verne li salda in questo romanzo, La Sfinge dei
ghiacci, che potrebbe dirsi in un certo senso la continuazione e
l'epilogo de Le avventure di Gordon Pym, in cui Poe aveva riversato,
attraverso una fantastica storia di mare, l'attrazione verso il
misterioso e linaccessibile, verso l'ignoto e la morte. Il romanzo
deve aver esercitato un fascino enorme su Verne, sia perch
affrontava un ambiente caro alla sua fantasia, la favolosa Antartide,
sia soprattutto perch si concludeva in modo enigmatico, lasciando
aperta la possibilit di nuove e romanzesche interpretazioni.
sull'enigma di Poe che si innesta appunto questo romanzo di
Verne. Gi da tempo lo scrittore si era ripromesso di risolvere il
misterioso finale del romanzo di Poe; inoltre, l'occasione era quanto
mai opportuna perch egli offrisse, a modo suo, un ragguaglio sulla
storia del polo sud. Cos, alla ricerca della canoa fantasma su cui
era scomparso l'avventuroso Gordon Pym, egli spinge fra i ghiacci
antartici la goletta Halbrane. La guida con polso sicuro il capitano
Len Guy, fratello di William Guy, il capitano della Jane, a bordo
della quale era imbarcato Arthur Gordon Pym prima del
drammatico naufragio.
SullHalbrane si trovano anche il signor Jeorling che funge da
narratore in un certo senso distaccato e un certo Hunt, il quale
dimostra un grande interesse a che la nave ritrovi i sopravvissuti
alla catastrofe della Jane e Pym in particolare. Hunt, in realt, il
meticcio Dirk Peters, l'uomo con cui Pym era riuscito a fuggire
dall'isola Tsalal, salvatosi poi miracolosamente. Costui vuole a tutti i
costi ritrovare il suo caro Pym e, nonostante lo scontento
dell'equipaggio dellHalbrane, spinge il capitano Len Guy sempre
pi avanti. L'ammutinamento dell'equipaggio e la perdita della
goletta non fermeranno la marcia disperata dei superstiti, ai quali
riservata la sorpresa di ritrovare ancora vivo il capitano William
Guy e di raggiungere un'enorme roccia magnetica che assomiglia
vagamente a una macabra sfinge. In questa sfinge, un gigantesco
magnete dall'attrazione mortale, ci che era rimasto un mistero
anche per l'eccentrica fantasia di Poe trova in Verne una sua
spiegazione scientifica. Un romanzo avventuroso e del brivido che
la risposta ad un altro grande romanzo.

JULES VERNE nacque a Nantes l'8 febbraio 1828. A undici anni,
tentato dallo spirito d'avventura, cerc di imbarcarsi
clandestinamente sulla nave La Coralie, ma fu scoperto per tempo e
ricondotto in famiglia. A vent'anni si trasfer a Parigi per studiare
legge, e nella capitale entr in contatto con il miglior mondo
intellettuale dell'epoca. Frequent soprattutto la casa di Dumas padre,
dal quale venne incoraggiato nei suoi primi tentativi letterari.
Intraprese dapprima la carriera teatrale, scrivendo commedie e
libretti d'opera; ma lo scarso successo lo costrinse nel 1856 a cercare
un'occupazione pi redditizia presso un agente di cambio a Parigi.
Un anno dopo sposava Honorine Morel. Nel frattempo entrava in
contatto con l'editore Hetzel di Parigi e, nel 1863, pubblicava il
romanzo Cinque settimane in pallone.
La fama e il successo giunsero fulminei. Lasciato l'impiego, si
dedic esclusivamente alla letteratura e un anno dopo l'altro in base
a un contratto stipulato con l'editore Hetzel venne via via
pubblicando i romanzi che compongono l'imponente collana dei
Viaggi straordinari I mondi conosciuti e sconosciuti e che
costituiscono il filone pi avventuroso della sua narrativa. Viaggio al
centro della Terra, Dalla Terra alla Luna, Ventimila leghe sotto i
mari, L'isola misteriosa, Il giro del mondo in 80 giorni, Michele
Strogoff sono i titoli di alcuni fra i suoi libri pi famosi. La sua opera
completa comprende un'ottantina di romanzi o racconti lunghi, e
numerose altre opere di divulgazione storica e scientifica.
Con il successo era giunta anche l'agiatezza economica, e Verne,
nel 1872, si stabil definitivamente ad Amiens, dove continu il suo
lavoro di scrittore, conducendo, nonostante la celebrit acquistata,
una vita semplice e metodica. La sua produzione letteraria ebbe
termine solo poco prima della morte, sopravvenuta a settantasette
anni, il 24 marzo 1905.
LA SFINGE DEI GHIACCI
Alla memoria di Edgar Poe
Ai miei amici d'America


PARTE PRIMA

CAPITOLO I
LE ISOLE KERGUELEN
PENSO che nessuno creder a questo racconto da me intitolato La
Sfinge dei ghiacci: non ha importanza; sempre bene, a parer mio,
ch'esso sia fatto conoscere al pubblico, il quale sar poi libero di
prestarvi fede o no.
Sarebbe difficile, all'inizio di queste meravigliose e, terribili
avventure, immaginare un luogo pi adatto delle isole della
Desolazione: nome che fu loro dato nel 1779 dal capitano Cook.
Dopo quello che ho avuto occasione di vedere durante un soggiorno
di qualche settimana, posso affermare ch'esse meritano tale nome.
Isole della Desolazione ci dice tutto.
Io so che nella terminologia geografica si pi propensi al nome
di Kerguelen, che stato generalmente adottato per quel gruppo
situato a 49 54' di latitudine sud e a 69 6' di longitudine est. Ci che
giustifica questo nome che nell'anno 1772 il barone francese
Kerguelen fu il primo a scoprire tali isole nella parte meridionale
dell'Oceano Indiano. Infatti, durante quel viaggio, aveva creduto di
scoprire un continente nuovo, ai confini dei mari antartici; ma in una
seconda spedizione egli dovette riconoscere il suo errore. Si trattava
soltanto di un arcipelago. Mi si creda dunque, quando dico che il
nome di isole della Desolazione il solo che pi si addice a questo
gruppo di trecento isole o isolotti, situato in mezzo a quelle immense
solitudini oceaniche che sono quasi incessantemente flagellate dalle
grandi tempeste australi.
Ci nonostante quelle isole sono abitate e il 2 agosto 1839, da due
mesi, grazie alla mia presenza a Christmas-Harbour, il numero degli
europei e americani che formano il principale nucleo della
popolazione kergueliana era aumentato di una unit. vero che io
non aspettavo altro che l'occasione di lasciare quella terra, dato che
avevo terminato gli studi geologici e mineralogici per i quali avevo
compiuto quel viaggio. Il porto di Christmas fa parte della pi
importante delle isole dell'arcipelago, la cui superficie misura 4500
chilometri quadrati, ossia la met della superficie della Corsica.
abbastanza sicuro ed facile accedervi perch libero da ostacoli. I
bastimenti vi possono ancorare fino a quattro braccia d'acqua. Dopo
avere doppiato al Nord il capo Franois sovrastato dal monte Table
con i suoi 1200 piedi
1
di altezza, guardando l'arcata di basalto,
ampiamente incavata in prossimit della punta, si potr scorgere una
stretta baia che gli isolotti difendono contro i furiosi venti dell'Est e
dell'Ovest. In fondo si scorge Christmas-Harbour. Fate in modo che
la vostra nave proceda direttamente, tenendosi sul lato di dritta e
quando sar arrivata all'ancoraggio potr restare tranquillamente su
una sola ancora, finch la baia non sar chiusa dai ghiacci.
Del resto le Kerguelen abbondano di centinaia d'altre baie. Le loro
coste sono frastagliate, sfilacciate come l'orlo di una gonna logora,
soprattutto nella parte compresa fra il Nord e il Sud-Est. Le isolette e
gli isolotti vi pullulano. Il suolo, d'origine vulcanica, composto di
quarzo misto a una pietra azzurrognola. Durante l'estate vi

1
Un piede inglese corrisponde a cm 30,48. (N.d.T.)
germogliano muschi verdeggianti, licheni grigiastri, diverse piante
fanerogame, tenaci e solide sassifraghe. Un solo arbusto vi vegeta,
una specie di cavolo dal sapore molto acre, che invano si cercherebbe
di rintracciare in altri Paesi.
Sono appunto queste le terre che con le loro rocce favoriscono
l'habitat ideale ai pinguini reali o altri, i cui innumerevoli branchi
popolano tali paraggi. Questi stupidi uccelli marini, dal piumaggio
giallo e bianco, con la testa buttata indietro e le ali che sembrano le
maniche d'un abito, assomigliano da lontano a una fila di monache
che camminano in processione lungo la riva.
Aggiungiamo che le Kerguelen offrono numerosi rifugi ai vitelli
marini da pelliccia, alle foche proboscidate e agli elefanti di mare. La
caccia o la pesca di questi anfibi, abbastanza fruttuose, possono
incrementare un certo tipo di commercio per il quale, infatti,
giustificato l'arrivo di numerose navi.
Quel giorno passeggiavo lungo il porto, quando il mio albergatore
mi si avvicin e mi disse:
Se non mi sbaglio, signor Jeorling, il tempo comincia a
sembrarvi lungo?
Costui era un americano dalla grossa corporatura, che viveva da
una ventina d'anni a Christmas-Harbour dove gestiva l'unico albergo
del porto.
Lungo, infatti, vi risponderei, mastro Atkins, a patto che non vi
offendiate della mia risposta.
Per nulla affatto rispose il brav'uomo. Immaginatevi che
ormai sono abituato a queste risposte come le rocce del capo
Franois alle ondate che irrompono dal largo.
E ci resistete come loro
Senza dubbio! Dal giorno in cui siete sbarcato a Christmas-
Harbour e avete preso alloggio al Cormorano Verde di Fenimore
Atkins io mi sono detto: Fra una quindicina di giorni, se non fra
otto, il mio ospite ne avr abbastanza e rimpianger d'essere sbarcato
alle Kerguelen
No, mastro Atkins, io non rimpiango mai quello che ho fatto!
Una buona abitudine, signore!
Del resto, visitando questo gruppo di isole ho potuto osservare
parecchie cose curiose. Attraversando questi vasti piani ondulati
divisi da torbiere, tappezzati di muschi ispidi, ho raccolto interessanti
campioni mineralogici e geologici. Ho partecipato alla caccia dei
vostri vitelli marini e delle vostre foche. Ho visitato le rocce dove i
pinguini e gli albatri vivono in buona armonia, e ci mi sembrato
degno d'osservazione. Di tanto in tanto mi avete servito del petrel-
balthazard cucinato con le vostre mani, molto gustoso specialmente
quando si dotati di buon appetito. Infine, ho trovato un'eccellente
accoglienza al Cormorano Verde e ve ne sono molto
riconoscente Ma, se non vado errato, sono due mesi che il tre
alberi cileno Pnas mi ha sbarcato in pieno inverno a Christmas-
Harbour
E voi avete una gran voglia esclam l'albergatore di
ritornare nel vostro Paese, che anche il mio, signor Jeorling, di
raggiungere il Connecticut, di rivedere Hartford, la nostra capitale
Senza dubbio, mastro Atkins, poich fra poco saranno circa tre
anni che vado correndo per il mondo Bisogner bene fermarsi un
giorno o l'altro e mettere radici
Ah! ah! quando si sono messe radici rispose l'americano
strizzando l'occhio si finisce col fare spuntare i rami!
Giustissimo, mastro Atkins. Tuttavia, non avendo pi parenti,
molto probabile che la mia famiglia finisca con me. Non certo a
quarantanni che mi verr la fantasia di mettere fuori dei rami come
avete fatto voi, mio caro poich siete un albero voi, e un
bell'albero
Una quercia, e anche una quercia verde, se credete, signor
Jeorling.
E avete avuto ragione d'obbedire alle leggi della natura! Ora se
la natura ci ha dato le gambe per camminare
Essa ci ha dato anche di che sederci! ribatt, ridendo di
gusto, Fenimore Atkins. per questo che mi sono comodamente
seduto a Christmas-Harbour. La mia Betsey m'ha regalato una
dozzina di figlioli, che a loro volta mi daranno dei nipotini, i quali mi
si arrampicheranno sulle gambe come tanti gattini
Non farete mai pi ritorno alla vostra citt natale?
Che cosa vi farei, signor Jeorling, e che cosa vi potrei
trovare? Nient'altro che miseria! Al contrario, qui, nelle isole
della Desolazione, dove non ho mai avuto occasione di intristirmi, ho
raggiunto una certa sicurezza economica per me e per i miei.
Senza dubbio, mastro Atkins, e me ne rallegro, poich voi siete
felice Ci nonostante non improbabile che un giorno vi prenda il
desiderio
Di trapiantarmi, signor Jeorling? Suvvia! Io sono una
quercia vi ho detto: tentate un po' di trapiantare una quercia, quando
si radicata fino a mezzo tronco nella roccia delle Kerguelen!
Faceva piacere ascoltare quel dignitoso americano, ormai
completamente ambientato a vivere su quell'arcipelago, cos
vigorosamente temprato alle inclemenze di quel clima. Egli viveva
l, con la sua famiglia, come i pinguini sulle loro rocce: la madre,
una donna coraggiosa; i figli robusti e in florida salute, che non
sapevano cosa fosse il mal di gola o di stomaco. Gli affari
prosperavano. Al Cormorano Verde, molto bene avviato, affluiva
la clientela di tutte le navi, baleniere e altre, che facevano sosta alle
Kerguelen. Ci si poteva rifornire di sego, grasso, catrame, pece,
spezie, zucchero, t, conserve, whisky e acquavite. Si sarebbe invano
cercato un secondo albergo a Christmas-Harbour. I figli, poi, di
Fenimore Atkins erano carpentieri, velai, pescatori, e cacciavano gli
anfibi in fondo a tutte le rade, durante la calda stagione.
Erano brave persone, che avevano accettato tranquillamente il loro
destino
Infine, mastro Atkins, conclusi sono stato veramente
contento d'essere venuto alle Kerguelen, e ne riporter un buon
ricordo Ci nonostante non mi dispiacerebbe riprendere il mare
Suvvia, signor Jeorling, un po' di pazienza! replic quello
strano filosofo. Non bisogna mai desiderare n affrettare l'ora
d'una separazione. Non dimenticate, del resto, che i bei giorni non
tarderanno a ritornare Tra cinque o sei settimane
E nell'attesa, ribattei i monti e le pianure, le rocce e le
spiagge si coprono di un fitto strato di neve e il sole non ha pi la
forza di disperdere le nebbie dell'orizzonte
Per esempio, signor Jeorling non si vede gi sbucare l'erba
sotto la coltre bianca? Guardate bene
Con la lente, allora! Detto fra noi, Atkins, osereste sostenere
che i ghiacci non ingombrino ancora le vostre baie, in questo mese di
agosto che corrisponde al febbraio del nostro emisfero
settentrionale?
Ne convengo, signor Jeorling. Ma un po' di pazienza ve lo
ripeto! L'inverno stato mite quest'anno I bastimenti stanno per
apparire al largo a Est o a Ovest, poich la stagione di pesca vicina.
Il cielo vi ascolti, mastro Atkins, e possa guidare in porto la
nave che non dovrebbe tardare la goletta Halbrane!
Il capitano Len Guy rispose l'albergatore un ardito
marinaio nonostante sia inglese ci sono delle brave persone
dappertutto e si fornisce al Cormorano Verde.
Voi dite che lHalbrane
Verr segnalata prima di otto giorni al largo del capo Franois ,
signor Jeorling, altrimenti significherebbe che non c' pi il capitano
Len Guy e se non c' pi il capitano Len Guy lHalbrane avr
naufragato tra le Kerguelen e il capo di Buona Speranza!
Dopo aver detto ci, e indicando con un ampio gesto della mano
che un tale evento poteva sembrare inverosimile, mastro Fenimore
Atkins mi lasci.
Del resto, speravo che le previsioni dell'albergatore si sarebbero
presto realizzate, poich non ne vedevo l'ora. A sentire lui, si
rivelavano gi i sintomi della bella stagione: bella per quei paraggi,
s'intende. La posizione dell'isola principale veramente press'a poco
alla stessa latitudine di quella di Parigi in Europa e di Quebec nel
Canada. Ma dell'emisfero meridionale che si tratta e non bisogna
dimenticare che, grazie all'orbita ellittica descritta dalla terra e.di cui
il sole occupa uno dei fuochi, questo emisfero generalmente pi
freddo dell'emisfero settentrionale e pi caldo d'estate. Certo che il
periodo invernale terribile alle Kerguelen a causa delle tempeste, e
il mare coperto di ghiacci durante parecchi mesi, bench la
temperatura non sia particolarmente rigida raggiungendo una media
di due gradi centigradi d'inverno e di sette d'estate, come alle
Falkland o a capo Horn.
Naturalmente durante questo periodo Christmas-Harbour e gli altri
porti non danno pi ricovero a nessuna nave. All'epoca di cui parlo, i
piroscafi erano ancora rari. Quanto ai velieri, preoccupati di non
lasciarsi bloccare dai ghiacci, andavano a cercare i porti dell'America
del Sud, sulla costa occidentale del Cile, o quelli dell'Africa, pi
generalmente a Cape-Town vicino al capo di Buona Speranza.
Alcune lance, le une prese nella morsa dei ghiacci, le altre gettate
sulle spiagge e ricoperte di neve fino alla punta del loro albero, erano
tutto quello che la superficie di Christmas-Harbour offriva al mio
sguardo.
Per, anche se non si riscontrano notevoli differenze di
temperatura alle Kerguelen, il clima umido e freddo. Molto spesso,
soprattutto nella parte occidentale, il gruppo di quelle isole esposto
agli assalti delle burrasche del Nord o dell'Ovest, accompagnate da
grandine e da pioggia. Verso l'Est il cielo pi chiaro, quantunque la
luce appaia mezzo velata, e da quella parte il limite delle nevi sui
gruppi montagnosi non va oltre le 50 tese
2
sopra il livello del mare.
Dunque, da due mesi, da quando mi trovavo sull'arcipelago delle
Kerguelen, aspettavo soltanto l'occasione di ripartirne a bordo della
goletta Halbrane, della quale l'entusiasta mastro Atkins non cessava
di vantarmi le grandi qualit, sia dal punto di vista sociale sia da
quello marittimo.
Voi non potreste trovare di meglio! mi ripeteva mattina e
sera. Di tutti i capitani di lungo corso della marina inglese, non
uno paragonabile al mio amico Len Guy n per il coraggio, n per
la pratica del mestiere! Se parlasse di pi, se avesse pi
comunicativa, sarebbe un uomo perfetto!
Perci avevo deciso di attenermi alle raccomandazioni di mastro
Atkins. Il mio posto sarebbe stato confermato non appena la goletta
avrebbe gettato l'ancora a Christmas-Harbour. Dopo una sosta di sei
o sette giorni, avrebbe ripreso il mare, dirigendosi verso Tristan da
Cunha, dove avrebbe portato un carico di minerali di stagno e di
rame.
Avevo in mente di rimanere per qualche settimana della bella
stagione su quest'ultima isola. Di l poi contavo di ripartire per il
Connecticut.

2
La tesa un'antica misura francese equivalente a m 1,949. (N.d.T.)
Frattanto non dimenticavo di serbare la parte che spetta al caso
nelle proposte umane, perch cosa saggia, come ha detto Edgar
Allan Poe, di fare sempre i calcoli con l'imprevisto, l'inatteso,
l'inconcepibile, e che i fatti collaterali, contingenti, fortuiti,
accidentali meritano che si riservi loro una larghissima parte e che il
caso debba essere sempre materia d'un calcolo preciso.
E se ho voluto citare il nostro grande autore americano, perch,
quantunque io sia una persona dotata di uno spirito molto pratico,
d'un carattere molto serio e d'una natura poco immaginativa, ci
nondimeno sono un ammiratore di questo geniale poeta delle
bizzarrie umane.
Del resto, ritornando all'Halbrane, o piuttosto alle occasioni che
mi si sarebbero offerte d'imbarcarmi a Christmas-Harbour, non
dovevo temere alcun contrattempo. A quell'epoca le Kerguelen erano
annualmente visitate da una enorme quantit di navi: almeno
cinquecento. La pesca dei cetacei dava degli ottimi risultati, e ci si
comprende pensando che un elefante marino pu fornire un barile
d'olio, pari a una rendita di mille pinguini. Bisogna anche dire, per,
che in questi ultimi anni le navi che solcano le acque di
quell'arcipelago sono soltanto una dozzina, tanto la distruzione
abusiva dei cetacei ne ha ridotto il numero.
Dunque non dovevo avere alcuna preoccupazione sulle eventuali
possibilit di lasciare Christmas-Harbour quand'anche lHalbrane
fosse mancata al suo appuntamento e, di conseguenza, il capitano
Len Guy non fosse venuto a stringere la mano del suo amico Atkins.
Ogni giorno passeggiavo nelle vicinanze del porto. Il sole
cominciava a prendere forza.
Le rocce, le terrazze o i colonnati vulcanici si spogliavano a poco
a poco della loro bianca veste invernale. Sulle spiagge, ai piedi dei
dirupi basaltici, nasceva un muschio di colore rossastro e al largo
serpeggiavano quelle alghe simili a nastri, lunghe da 50 a 60 iarde.
3

Nella pianura, verso il fondo della baia, alcune graminacee levavano
la loro punta timida, fra le altre la fanerogama lyella che d'origine
andina e le altre prodotte dalla flora della Terra del Fuoco e anche

3
Una iarda corrisponde a cm 0,91 circa. (N.d.T.)
l'unico arbusto, di cui ho gi parlato, quel cavolo gigantesco cos
prezioso per le sue virt antiscorbutiche.
Per quanto riguarda i mammiferi terrestri, poich i mammiferi
marini pullulano in quelle zone, non ne avevo incontrato alcuno,
all'infuori di batraci o rettili. Soltanto pochi insetti, farfalle o altri, e
anche senz'ali, per il fatto che prima ch'essi potessero servirsene, le
correnti atmosferiche li trasportavano sulla superficie delle onde
agitate di quei mari.
Una o due volte ero salito a bordo d'una di quelle solide lance di
salvataggio sulle quali i pescatori affrontano i colpi di vento che
battono come catapulte le rocce delle Kerguelen. Con quelle
imbarcazioni si sarebbe potuto tentare la traversata del capo di Buona
Speranza e raggiungere il porto di Cape-Town impiegandovi un
tempo normale. Ma non era certo mia intenzione lasciare Christmas-
Harbour in quelle condizioni No! aspettavo la goletta Halbrane
che certamente non avrebbe potuto tardare.
Durante quelle frequenti passeggiate da una baia all'altra, avevo
ansiosamente osservato i diversi aspetti di quella costa frastagliata, di
quell'ossatura bizzarra, quasi prodigiosa, tutta di formazione ignea,
che il sudario bianco dell'inverno ricopriva, lasciandone scorgere le
membra bluastre dello scheletro
Alcune volte ero preso dall'impazienza, nonostante i saggi
consigli dell'albergatore cos felice di vivere nella sua casa di
Christmas-Harbour! Purtroppo sono rari in questo mondo coloro che
i casi della vita hanno reso filosofi. Del resto, in Fenimore Atkins, il
sistema muscolare aveva il sopravvento sul sistema nervoso. Forse
egli possedeva meno intelligenza che istinto.
Era di quelle persone molto preparate ad affrontare le sorprese
della vita, alle quali la fortuna offre serie occasioni d'incontrare sulla
terra la felicit.
E lHalbrane ? gli ripetevo ogni mattina.
LHalbrane, signor Jeorling? mi rispondeva in tono
affermativo. Sicuramente arriver oggi e, se non oggi, domani!
Capiter certamente un giorno che sar la vigilia di quello in cui la
bandiera del capitano Len Guy sventoler al largo di Christmas-
Harbour!
Per aumentare maggiormente il campo visivo non avrei dovuto
fare altro che salire sul monte Table.
A un'altezza di 1.200 piedi si ottiene un raggio di 34 o 35 miglia,
4

e forse, anche attraverso la nebbia, la goletta poteva essere scorta
ventiquattro ore prima. Ma solo un pazzo avrebbe potuto pensare di
salire su quella montagna, coperta di neve dalle falde alla cima.
Passeggiando sulla spiaggia mettevo in fuga numerosi anfibi che
si tuffavano precipitosamente in acqua. I pinguini, impassibili e
pesanti, non si muovevano affatto al mio avvicinarsi. Se non fosse
per l'aspetto stupido che li caratterizza, si sarebbe tentati di rivolgere
loro la parola, a condizione per di usare il loro linguaggio acuto e
assordante. Invece le procellarie nere, i puffini neri e bianchi, gli
svassi, le sterne (o rondini di mare), le folaghe fuggivano
rapidamente.
Un giorno ebbi l'occasione di assistere alla partenza d'un albatro
che i pinguini salutarono con i loro pi festevoli gridi, come un
amico che senza dubbio li abbandonava per sempre. Quei forti
volatili possono compiere traversate di 200 leghe,
5
senza un
momento di riposo, e con una rapidit che li fa percorrere lunghe
distanze in poche ore.
Quell'albatro, immobile sopra un'alta roccia all'estremit della baia
di Christmas-Harbour, guardava il mare il cui risucchio flagellava
con violenza gli scogli.
A un tratto l'uccello si lev in volo, con le zampe ripiegate e il
collo allungato come lo sperone di una nave, gettando il suo acuto
grido: dopo pochi minuti era ridotto a un punto nero in mezzo alle
zone alte dell'atmosfera e spariva dietro le nebbie provenienti dal
Sud.

4
Un miglio marino internazionale corrisponde a m 1.852. (N.d.T.)
5
La lega una misura di lunghezza che varia da 4 a 6 km, secondo i Paesi; la lega
marina corrisponde a km 5,55. (N.d.T.)
CAPITOLO II.
LA GOLETTA HALBRANE
Lo schooner atteso a Christmas-Harbour, la goletta Halbrane,
stazzava 300 tonnellate, aveva un'alberatura inclinata che le
permetteva di stringere il vento, molto veloce con l'andatura di
bolina, una superficie velica che comprendeva all'albero di trinchetto:
bassa vela, vela di trinchetto, gabbia e velaccio; all'albero di maestra:
randa e controranda; a prua: trinchettina, fiocco e fiocco di fuori.
A bordo c'era un capitano, un secondo, un bosman o nostromo, un
coy o cuoco, oltre a otto marinai: in tutto dodici uomini.
Questo bastimento solidamente costruito con l'ossatura e il
fasciame foderato di rame, piuttosto invelato, con le parti poppiere
abbastanza pulite, molto marino, molto docile, particolarmente adatto
per la navigazione fra il 40 e il 60 parallelo sud faceva onore ai
cantieri di Birkenhead.
Queste notizie mi erano state date da mastro Atkins che le aveva
accompagnate con molti aggettivi elogiativi!
Il capitano Len Guy di Liverpool era per tre quinti proprietario
dellHalbrane , ch'egli comandava da circa sei anni. Trafficava nei
mari meridionali dell'Africa e dell'America, andando d'isola in isola e
da un continente all'altro. Se l'equipaggio della sua goletta era
composto da una dozzina di uomini, era per il fatto che essa si
dedicava soltanto al commercio.
Per la caccia degli anfibi, foche e vitelli marini, si sarebbe dovuto
impiegare un equipaggio pi numeroso, dotato di ramponi, fiocine,
lenze: tutti strumenti necessari per quel genere di pesca molto
impegnativa; Aggiunger per che un'aggressione in quelle localit
poco sicure, frequentate a quell'epoca dai pirati, specialmente in
vicinanza di quelle isole che dovevano essere temute, non avrebbe
preso lHalbrane alla sprovvista: quattro cannoncini, una sufficiente
quantit di palle da cannone e cartocci catramati contenenti pallottole
di ferro, un magazzino delle polveri convenientemente fornito, fucili,
pistole, carabine attaccate alle rastrelliere, infine le reti di
bastingaggio, tutto ci garantiva la sua sicurezza. Inoltre gli uomini
di guardia dormivano con. un occhio solo. Navigare in quei mari
senza avere preso queste precauzioni sarebbe stata una grande
imprudenza.
Quel mattino, 7 agosto, mentre ero ancora a letto e mezzo
addormentato, fui svegliato dal vocione dell'albergatore e dai colpi
con cui egli scuoteva la mia porta.
Signor Jeorling, vi siete svegliato?
Senza dubbio, mastro Atkins, e come non lo sarei, con tutto
questo rumore? Che cosa accaduto?
Una nave a sei miglia al largo in direzione di nord-est e in
rotta per Christmas!
Sarebbe forse lHalbrane ? esclamai gettando per aria le
coperte.
Lo sapremo fra qualche ora, signor Jeorling. In ogni caso ecco
il primo battello di quest'anno ed giusto fargli buona accoglienza.
Mi vestii in pochi minuti e raggiunsi Fenimore Atkins sullo scalo,
nel punto in cui l'orizzonte si presentava agli sguardi sotto un angolo
molto ampio, fra le due punte della baia di Christmas-Harbour.
L'aria era abbastanza limpida, l'orizzonte spazzato dalle ultime
nebbie, il mare tranquillo mosso da una leggera brezza.
Del resto il cielo da questa parte delle Kerguelen pi luminoso
che dalla parte opposta, grazie ai venti regolari.
Una ventina di abitanti, per la maggior parte pescatori, stavano
attorno a mastro Atkins, il quale era senza dubbio il personaggio pi
considerevole e pi considerato dell'arcipelago, e di conseguenza era
anche il pi ascoltato.
Il vento favoriva allora l'entrata nella baia. Ma essendoci ancora
bassa marea, la nave avvistata, uno schooner, manovrava senza fretta
sotto vele basse, aspettando l'alta marea.
Il gruppo discuteva, e io con molta impazienza seguivo la
discussione senza prendervi parte. I pareri erano diversi e sostenuti
con uguale fermezza.
Devo confessarlo, e ci mi addolor, la maggioranza si schierava
contro l'opinione che quello schooner fosse la goletta Halbrane. Due
o tre solamente si dichiaravano favorevoli e tra essi il padrone del
Cormorano Verde.
lHalbrane! egli ripeteva. Che il capitano Len Guy non
sia il primo ad arrivare alle Kerguelen! andiamo, via! lui, e ne
sono cos sicuro come se egli fosse qua con la sua mano nella mia,
contrattando l'acquisto di cento misure di patate per rinnovare la sua
provvista!
Avete della nebbia sugli occhi, signor Atkins! rispose uno
dei pescatori.
Non tanto quanta ne hai tu nel cervello! disse con tono
aspro l'albergatore.
Quella nave non ha la forma di una nave inglese, dichiar
un altro.
Con la prora affinata e l'alta alberatura, sono propenso a
credere che sia di costruzione americana.
No inglese riprese Atkins e sarei capace di dire da
quale cantiere uscita S i cantieri di Birkenhead di Liverpool,
dove lHalbrane stata varata.
Niente affatto! afferm un vecchio marinaio. Quello
schooner stato costruito a Baltimora, da Nipper e Strong e sono le
acque della Chesapeake che hanno per prime bagnato la sua chiglia.
Di' invece le acque della Mersey, sciocco! replic mastro
Atkins.
Tieni, pulisci i tuoi occhiali e guarda la bandiera che sale al
picco.
Inglese! esclam" tutto il gruppo.
Infatti la bandiera del Regno Unito spiegava il suo drappo rosso
sullo yacht britannico.
Non c'era pi alcun dubbio, era proprio una nave inglese che si
dirigeva verso il passaggio di Christmas-Harbour. Ma, stabilito
questo, non c'era necessariamente ragione di credere che essa fosse la
goletta del capitano Len Guy.
Due ore dopo questo fatto non era pi oggetto di discussione.
Prima di mezzogiorno lHalbrane aveva gettato l'ancora a quattro
braccia,
6
in mezzo a Christmas-Harbour.
Mastro Atkins si profuse in ampi gesti e in un profluvio di parole
verso il capitano dellHalbrane, che mi sembr per meno espansivo
di lui.
Il capitano Len Guy mi apparve come un uomo sui
quarantacinque anni, di costituzione sanguigna, dalle membra solide
come quelle della sua goletta, testa forte, capelli gi brizzolati, occhi
neri la cui pupilla brillava con ardori di brace sotto le folte
sopracciglia, colorito bruno, labbra sottili che scoprivano una forte
dentatura piantata su potenti mascelle, mento prolungato da un pizzo
di peli rossi e non molto sottili, braccia e gambe molto vigorose. La
sua fisionomia non dura, ma piuttosto impassibile, era quella d'un
individuo molto cupo, che non rivela volentieri i suoi segreti, come
mi venne raccontato il giorno stesso da qualcuno meglio informato di
mastro Atkins, bench l'albergatore si professasse grande amico del
capitano. La verit poi era che nessuno si poteva vantare di avere
fatto breccia in quella natura cos riservata.
bene ricordare ora che l'individuo al quale faccio allusione era il
nostromo dell'Halbrane, un tale Hurliguerly, nativo dell'isola di
Wight, di quarantaquattro anni, di statura media, tarchiato, vigoroso,
con le braccia scostate dal corpo, le gambe arcuate, la testa rotonda
posata sopra un collo taurino, dal petto largo in modo tale da
contenere due paia di polmoni e mi domandavo se egli non li
possedesse davvero, tant'aria sciupava respirando, soffiando sempre e
parlando senza interruzione dall'occhio beffardo, dal viso ridente,
con una rete di rughe sotto gli occhi prodotta dalla continua
contrazione degli zigomi. Aveva un solo orecchino che gli pendeva
dall'orecchio sinistro.
Quale contrasto con il comandante della goletta! c' da
meravigliarsi come due persone cos dissimili potessero intendersi!
Infatti andavano d'accordo a meraviglia, poich da una quindicina
d'anni navigavano insieme, dapprima sul brigantino Power, che era
poi stato rimpiazzato dall'Halbrane, sei anni prima dell'inizio di
questa storia.

6
Il braccio una misura di lunghezza equivalente a m 1,82. (N.d.T.)
Hurliguerly appena sbarcato apprese da Fenimore Atkins che, se il
capitano Len Guy avesse acconsentito, mi sarei imbarcato sulla sua
nave. Cos avvenne che, senza presentazione n alcun preliminare, il
nostromo mi si avvicin nel pomeriggio. Egli conosceva gi il mio
nome e cos mi apostrof:
Signor Jeorling, vi saluto.
Anch'io vi saluto, amico mio, risposi. Che cosa volete da
me?
Offrirvi i miei servizi
I vostri servizi? A proposito di che?
A proposito della vostra intenzione d'imbarcarvi
sull'Halbrane
Ma, chi siete?
Il nostromo Hurliguerly cos chiamato e iscritto sul ruolino
dell'equipaggio, e inoltre compagno fidato del capitano Len Guy, che
lo ascolta volentieri, quantunque egli goda la reputazione di non dare
retta a nessuno.
Pensai allora che avrei fatto bene ad approfittare d'un uomo cos
servizievole, e che sembrava non dubitare affatto della propria
influenza sul capitano Len Guy.
Dunque risposi:
Ebbene, amico mio, parliamo, se per in questo momento i
vostri impegni non vi chiamano altrove
Ho due ore a mia disposizione, signor Jeorling. Del resto c'
poco lavoro oggi. Domani ci sar un po' di merce da sbarcare,
qualche provvista da rinnovare Tutto questo tempo di riposo per
l'equipaggio Se siete libero come lo sono io
Cos dicendo indicava con la mano in fondo al porto verso una
direzione che gli era familiare.
Non si sta abbastanza bene qui per parlare? osservai
cercando di trattenerlo.
Parlare, signor Jeorling, parlare in piedi e con la gola
secca quando sarebbe cos facile sedersi in un angolo del
Cormorano Verde, davanti a due tazze di t con whisky
Io non bevo, nostromo.
Sta bene vorr dire che berr per tutti e due Oh! non
crediate di avere a che fare con un ubriacone! No! Mai pi di
quello che necessario, ma tanto quanto ne abbisogna!
Seguii allora quel marinaio, evidentemente abituato a navigare
nelle acque delle bettole.
E mentre mastro Atkins sul ponte della goletta era intento a
mercanteggiare i suoi prezzi di compra e vendita, noi prendemmo
posto nella grande sala del suo albergo. Prima di tutto dissi al
nostromo:
Precisamente su Atkins io contavo per mettermi in contatto con
il capitano Len Guy, poich lo conosce molto intimamente se non
mi sbaglio
Peuh! fece Hurliguerly. Fenimore Atkins un brav'uomo
e il capitano lo stima, ma non vale quanto me. Lasciate che faccia io
il primo passo, signor Jeorling
dunque un affare cos difficile da trattare, nostromo? non
c' una cabina libera sull'Halbrane? La pi piccola mi baster, e
pagherei
Molto bene, signor Jeorling! C' una cabina, uno stanzino che
non mai servito a nessuno, e poich voi non badate a mettere mano
alla borsa, se necessario Ci nonostante, sia detto fra noi,
bisogna essere pi furbi di quanto pensiate e di quanto lo sia il
vecchio Atkins, per far decidere il capitano Len Guy ad accettare a
bordo un passeggero! vero! e non sar troppa tutta la furberia di
questo buon diavolo che sta per bere alla vostra salute, spiacente
soltanto che non gli teniate compagnia!
E Hurliguerly accompagn tali parole con un lampo dell'occhio
destro, mentre chiudeva il sinistro. Sembrava che tutta la vivacit dei
suoi due occhi fosse passata attraverso la pupilla d'uno solo! Inutile
aggiungere che l'ultima di quelle belle frasi si concluse in un
bicchiere di whisky, del quale il nostromo non doveva lodare la
bont, dato che il Cormorano Verde si forniva soltanto alla cantina
dell'Halbrane.
Poi quel diavolo d'uomo tolse dalla giacca una pipa nera e corta, la
scosse, la caric con una presa di tabacco, l'accese, e dopo averla
saldamente fissata nell'interstizio dei due molari all'angolo della
bocca, si circond di tale fumo, come un piroscafo di cui sono state
accese tutte le caldaie, tanto che la sua testa spariva dietro una nuvola
grigiastra.
Signor Hurliguerly? continuai.
Signor Jeorling
Perch il vostro capitano si rifiuterebbe d'accettarmi?
Perch non sua intenzione prendere passeggeri a bordo, e
fino ad oggi ha sempre rifiutato proposte di questo genere.
Per quali ragioni, vi domando
Perch non vuole essere ostacolato nei suoi progetti, vuole
andare dove gli piace, retrocedere se lo ritiene opportuno al Nord o al
Sud, a Oriente o a Occidente, senza rendere conto a nessuno! Non si
mai staccato da questi Mari del Sud, signor Jeorling e sono gi
parecchi anni che li percorriamo insieme dall'Australia all'Est e
dall'America all'Ovest, andando da Hobart-Town alle Kerguelen, da
Tristan da Cunha alle Falkland, fermandoci solo il tempo necessario
per vendere il carico, spingendoci alcune volte fino al Mare
Antartico. Date queste particolari condizioni, comprenderete
benissimo come un passeggero possa essere d'impaccio e, d'altra
parte, chi vorrebbe imbarcarsi sull'Halbrane, dal momento ch'essa
non si cura affatto di contrastare la brezza che tira e va un po' dove il
vento la spinge?
Mi domandavo se il nostromo non cercasse forse di fare della sua
goletta un bastimento misterioso, che navigava a caso e si fermava
solo negli scali di sua scelta: una specie di nave errante alle alte
latitudini, sotto il comando di un capitano estroso.
Ma, quale che fosse la verit, replicai:
Per concludere, lHalbrane lascer le Kerguelen fra quattro o
cinque giorni?
Certamente
E questa volta si diriger all'Ovest per. raggiungere Tristan da
Cunha?
Probabilmente.
Ebbene, nostromo, a me basta questa probabilit; poich mi
offrite i vostri servigi, cercate di persuadere il capitano Len Guy ad
accettarmi come passeggero
come se fosse cosa fatta!
A meraviglia, Hurliguerly, e non avrete a pentirvi.
Eh! signor Jeorling, replic quello strano mastro di
equipaggio, scuotendo la testa come se fosse uscito dall'acqua,
non ho mai avuto occasione di pentirmi di niente, e so benissimo che
rendendovi un servizio non me ne pentir. Ora, se me lo permettete,
prendo congedo da voi senza nemmeno aspettare di rivedere l'amico
Atkins e faccio ritorno a bordo.
Dopo avere vuotato d'un fiato il suo ultimo bicchiere di whisky,
io credetti che il bicchiere sparisse nella sua gola insieme con il
liquore, Hurliguerly m'indirizz un sorriso di intesa. Poi,
dondolando il suo grosso busto sul doppio arco delle gambe,
circondato dal fumo che fuoriusciva dal fornello della sua pipa, egli
usc e si diresse a nord-est del Cormorano Verde.
Restai dinanzi al tavolino immerso nelle mie riflessioni in
contrasto fra loro. A dir la verit, che cosa era questo capitano Len
Guy? Mastro Atkins me lo aveva presentato come un buon marinaio
e un brav'uomo.
Che fosse l'uno e l'altro niente mi autorizzava a dubitarne, bench
dopo quello che mi aveva detto il nostromo mi apparisse come un
tipo molto originale.
Confesso che non mi era mai venuto in mente che la proposta
d'imbarcarmi sull'Halbrane potesse sollevare qualche difficolt, dal
momento che non intendevo badare al prezzo e mi sarei attenuto alla
vita di bordo. Quale ragione avrebbe avuto il capitano Len Guy di
rispondermi con un rifiuto?
Era ammissibile ch'egli non volesse legarsi con un impegno, n
essere obbligato ad andare in un dato luogo, se nel corso della sua
navigazione gli venisse voglia di recarsi in un altro? O piuttosto
aveva motivi particolari per diffidare di uno straniero, tenuto conto
del suo genere di navigazione? Forse era dedito al contrabbando o
alla tratta degli schiavi, commercio ancora molto esercitato a
quell'epoca nei Mari del Sud? Era questa, dopo tutto, una
spiegazione plausibile, quantunque il mio degno albergatore fosse
garante dellHalbrane e del suo capitano.
Onesta nave, onesto comandante: Fenimore Atkins rispondeva
dell'una e dell'altro!
Era gi qualche cosa; ammesso, per, che non s'ingannasse sul
conto di tutti e due! Insomma, egli conosceva il capitano Len Guy
soltanto per vederlo una volta l'anno fermarsi alle Kerguelen, dove
non faceva che operazioni regolari che non potevano destare alcun
sospetto
D'altra parte mi domandavo se il nostromo, con lo scopo di dare
pi importanza alle offerte dei suoi servigi, non avesse cercato di
farsi valere Forse il capitano Len Guy sarebbe stato molto
soddisfatto, molto felice d'avere a bordo un passeggero cos poco
ingombrante come io avevo la pretesa di essere, e che non badava al
prezzo del passaggio
Un'ora dopo incontrai l'albergatore al porto e lo misi al corrente
delle cose.
Ah! egli esclam, quel dannato Hurliguerly, sempre lo
stesso! A credere a lui il capitano Len Guy non si soffierebbe il
naso senza consultarlo! Vedete, un briccone quel nostromo,
signor Jeorling, non cattivo, non sciocco, ma sempre a caccia di
dollari e di ghinee! Se cadete nelle sue mani, guai alla vostra
borsa! Chiudete le vostre tasche e il vostro portafoglio e non
lasciatevi ingannare!
Grazie del consiglio, Atkins. Ditemi, avete gi parlato con il
capitano Len Guy? Gli avete detto?
Non ancora, signor Jeorling avremo tempo l'Halbrane
arrivata soltanto ora e non ha ancora girato sulla sua ancora sotto la
spinta del riflusso
Va bene, ma comprenderete che io desidero fissare il
passaggio al pi presto possibile
Un po' di pazienza!
Ho fretta di sapere come devo regolarmi
Eh! non c' nulla da temere, signor Jeorling! Le cose
seguiranno il loro corso! Del resto anche senza lHalbrane non
avrete di che preoccuparvi Con la stagione della pesca Christmas-
Harbour conter ben presto pi navi di quante siano le case nei
dintorni del Cormorano Verde! Fidatevi di me M'incarico io
del vostro imbarco!
Per il momento non erano che parole, del nostromo da una parte,
di mastro Atkins dall'altra. Perci, nonostante le loro belle promesse,
decisi di rivolgermi direttamente al capitano Len Guy, anche se era
poco accessibile, di parlargli del mio progetto, non appena avessi
avuto la fortuna d'incontrarlo solo.
L'occasione mi si offr soltanto l'indomani. Fino ad allora avevo
passeggiato lungo il molo esaminando lo schooner: una nave di
rimarchevole costruzione e solidissima. Ed questa una qualit
indispensabile per navigare in quei mari in cui i ghiacci superano
talvolta il 50 parallelo.
Era il pomeriggio. Quando mi avvicinai al capitano Len Guy
compresi subito ch'egli avrebbe preferito evitarmi.
facile immaginare che l'esigua popolazione di pescatori di
Christmas-Harbour non si rinnovi tanto facilmente.
Forse sui bastimenti abbastanza numerosi in quell'epoca, lo ripeto,
qualche abitante delle Kerguelen rimpiazzava gli assenti o i morti.
Ma in fondo quella popolazione non variava mai e il capitano Len
Guy doveva conoscerla individuo per individuo.
Fra qualche settimana tutta la flotta avrebbe sbarcato il suo
personale sul molo, e allora ci sarebbe stata un'animazione insolita
che si sarebbe esaurita soltanto con la fine della stagione: in tal caso
il capitano avrebbe potuto ingannarsi. Ma in quel periodo, nel mese
di agosto, l'Halbrane, approfittando di un inverno davvero
eccezionalmente mite, si trovava sola in mezzo al porto.
Era dunque impossibile che il capitano Len Guy non avesse capito
che io ero uno straniero anche se il nostromo e l'albergatore non gli
avevano ancora fatto parola sulla mia persona.
Ora il suo atteggiamento non poteva significare che questo: o la
mia proposta gli era stata comunicata ed egli non intendeva
accettarla, o n Hurliguerly n Atkins gli avevano parlato dal giorno
innanzi.
In quest'ultimo caso se egli si allontanava da me era perch
obbediva al suo modo di fare molto chiuso e perch non gradiva fare
conoscenza con uno sconosciuto.
Nonostante ci fui preso dall'impazienza. Se questa specie di
istrice avesse risposto con un rifiuto, ebbene io lo avrei accettato.
Non avevo la pretesa di farmi prendere a bordo suo malgrado. Non
ero nemmeno un suo compatriota.
Del resto alle isole Kerguelen non risiede nessun console o agente
americano, presso il quale sarei potuto andare a lamentarmi.
Prima di tutto era necessario che io fossi ben accetto; se invece mi
fossi scontrato con un no! del capitano Len Guy, avrei fatto in
modo di attendere l'arrivo di un'altra nave pi accessibile, il che
avrebbe comportato l'attesa di sole due o tre settimane.
Nel momento in cui stavo per avvicinarmi a lui, il secondo venne
a raggiungerlo. Allora il capitano approfitt dell'occasione per
allontanarsi e, facendo segno all'ufficiale di seguirlo, gir intorno al
porto e spar dietro l'angolo di una roccia, risalendo la baia dalla
parte della riva settentrionale.
Al diavolo! pensai. Ho paura che mi sar difficile raggiungere
il mio scopo! Ma non che un incontro rimandato. Nella mattinata di
domani andr a bordo dell'Halbrque. Voglia o non voglia: questo
Len Guy mi dovr ben ascoltare, e mi dovr rispondere s o no!
Del resto, poteva darsi che verso l'ora del pranzo il capitano Len
Guy venisse al Cormorano Verde dove abitualmente tutti i marinai
facevano colazione e pranzavano durante le soste. Dopo un viaggio
in mare fa piacere variare un cibo che generalmente consiste in
biscotti e carne salata.
La salute stessa lo esige, e mentre viveri freschi vengono messi a
disposizione dell'equipaggio, gli ufficiali preferiscono mangiare
all'albergo. Non dubitavo affatto che il mio amico Atkins fosse
preparato a ricevere convenientemente il capitano, il secondo e anche
il nostromo della goletta.
Aspettai dunque e mi misi a tavola molto tardi. Rimasi deluso.
N il capitano Len Guy, n alcun altro della goletta venne a
onorare con la sua presenza il Cormorano Verde. Dovetti pranzare
solo come facevo ogni giorno da due mesi, poich si comprende
benissimo come i clienti di mastro Atkins non si rinnovassero spesso
durante la cattiva stagione.
Terminato il pasto verso le sette e mezzo, essendo sopraggiunta la
notte, andai a passeggiare lungo il porto dalla parte delle case.
Il molo era deserto. Le finestre dell'albergo lasciavano filtrare un
po' di luce. Non un uomo dell'equipaggio dellHalbrane era a terra.
Le lance erano state ritirate e appese alle loro cinghie dondolavano
seguendo il movimento della marea crescente.
Quello schooner era veramente come una caserma, dove i marinai
erano obbligati a ritirarsi al tramonto del sole. Ci non doveva essere
particolarmente gradito a quel chiacchierone e bevitore di
Hurliguerly, troppo disposto, pensavo, a correre da una bettola
all'altra durante le soste. Non vidi n lui, n il suo capitano nelle
vicinanze del Cormorano Verde.
Rimasi sul molo fino alle nove, andando in su e in gi, con in
vista sempre la goletta. A poco a poco la massa della nave era
diventata pi scura. Le acque della baia riflettevano soltanto un
filo.di luce, quella del fanale di prua sospeso allo straglio dell'albero
di trinchetto.
Feci ritorno all'albergo, dove trovai Fenimore Atkins che fumava
la pipa vicino alla porta.
Atkins, gli dissi, sembra che il capitano Len Guy non
ami affatto frequentare il vostro albergo!
Ci viene qualche volta la domenica, e oggi sabato, signor
Jeorling
Non gli avete parlato?
S mi rispose l'albergatore, in tono visibilmente
imbarazzato.
Gli avete detto che una persona di vostra conoscenza desidera
imbarcarsi sullHalbrane?
S.
E che cosa ha risposto?
Non come io avrei voluto, n come voi avreste desiderato,
signor Jeorling
Egli non accetta
Press'a poco, se un rifiuto avermi detto: Atkins, la mia
goletta non fatta per ospitare passeggeri Non ne ho mai presi e
non ho alcuna intenzione di prenderne mai. -
CAPITOLO III
IL CAPITANO LEN GUY
DORMII male. Pi volte sognai di sognare. Ora,
un'osservazione di Edgar Poe, quando, sognando, si suppone di
sognare ci si sveglia quasi subito.
Mi svegliai dunque e sempre molto inquieto nei confronti di quel
capitano Len Guy. L'idea d'imbarcarmi sull'Halbrane alla sua
partenza dalle Kerguelen era ormai un chiodo fisso nella mia testa.
Mastro Atkins non aveva mai cessato di magnificare quella nave, che
ogni anno era invariabilmente la prima ad attraccare a Christmas-
Harbour. Quante volte, contando i giorni e le ore, mi ero immaginato
a bordo di quella goletta, al largo dell'arcipelago, con la prua
all'Ovest, diretto verso la costa americana! L'albergatore non metteva
in dubbio la cortesia del capitano Len Guy, il che andava d'accordo
con il suo interesse. Non capita facilmente che una nave mercantile
rifiuti un passeggero, quando questi non la costringe a modificare il
suo itinerario, e paga un buon prezzo per il passaggio. Chi l'avrebbe
mai creduto?
Da ci nasceva la forte collera che sentivo in me contro quel
personaggio cos poco cortese. La mia bile aumentava avevo i
nervi tesi. Un ostacolo sorgeva sulla mia strada, contro il quale mi
ribellavo.
Trascorsi una cattiva notte di febbrile indignazione, e subentr in
me la calma soltanto al sorgere del sole.
Avevo deciso di ottenere una spiegazione con il capitano Len Guy
sul suo deplorevole comportamento. Forse non sarei approdato a
nulla ma almeno avrei detto quello che avevo sul cuore.
Mastro Atkins aveva parlato e aveva ottenuto quella risposta che
conosciamo. Quanto a quel cortese Hurliguerly, cos premuroso
nell'offrirmi la sua influenza e i suoi servigi, aveva pensato forse a
mantenere la sua promessa? Non potevo saperlo perch non lo
avevo pi visto. In ogni modo non avrebbe potuto essere pi
fortunato dell'albergatore del Cormorano Verde.
Uscii verso le otto della mattina. Faceva un tempo da cani come
dicono i francesi o per adoperare un'espressione pi esatta, un
tempo cane. Era una pioggia mista a neve, portata da una burrasca
che veniva dall'Ovest passando sopra le montagne lontane, carica di
nuvole che salivano dalle basse zone: una valanga d'aria e d'acqua.
Non era certo da immaginare che il capitano Len Guy scendesse a
terra per inzupparsi fino alle ossa in mezzo a quella raffica
indiavolata.
Infatti sul molo non c'era anima viva. Qualche barca da pesca
aveva lasciato il porto prima della burrasca e senza dubbio si era
messa al riparo in fondo alle piccole rade, dove n il mare n il vento
potevano esercitare la loro forza. Quanto a salire a bordo
dell'Halbrane non avrei potuto farlo senza chiamare una delle sue
imbarcazioni, e il nostromo non avrebbe preso certo su di s la
responsabilit di inviarmela.
Del resto, pensavo, sul ponte della sua goletta il capitano in
casa sua e per quello ch'io ho in mente di rispondergli se egli si
ostina nel suo inqualificabile rifiuto, meglio che la conversazione si
svolga su un terreno neutro. Voglio osservarlo dalla mia finestra e se
la sua lancia lo porta a terra, questa volta non potr certo sfuggirmi.
Ritornato al Cormorano Verde mi misi dietro i vetri gocciolanti
di cui asciugai l'appannamento, non preoccupandomi affatto della
burrasca che soffiava attraverso il caminetto disperdendone la cenere.
Attesi nervoso, impaziente, rodendo il freno in uno stato di
agitazione crescente.
Trascorsero due ore. E, ci che spesso accade alle Kerguelen
grazie all'instabilit dei venti, fu il tempo che si calm prima di me.
Verso le undici le alte nuvole dell'Est presero il sopravvento e la
burrasca and a sfogarsi sul lato opposto delle montagne.
Aprii la finestra.
In quel momento una delle imbarcazioni dell'Halhrane si
preparava a mollare gli ormeggi. Un marinaio vi discese, prese un
paio di remi mentre un uomo si sedeva a poppa senza occuparsi del
timone. Del resto c'erano soltanto una cinquantina di tese fra il
bastimento e il molo. L'imbarcazione si avvicin: l'uomo salt a
terra.
Era il capitano Len Guy.
In pochi minuti oltrepassai la soglia dell'albergo, e mi fermai
davanti al capitano, molto preoccupato di evitare quell'incontro.
Signore, gli dissi in tono secco e freddo, freddo come il
tempo, dato che soffiava il vento dell'Est.
Il capitano Len Guy mi guard fissamente e fui colpito dalla
tristezza dei suoi occhi neri come l'inchiostro. Poi, con la voce bassa
e sillabando appena le parole, mi domand:
Siete straniero?
Straniero alle Kerguelen s, risposi.
Di nazionalit inglese?
No americana.
Mi salut con un breve gesto e io gli resi lo stesso saluto.
Signore, ripresi, credo che mastro Atkins del
Cormorano Verde vi abbia parlato di una mia proposta. Questa
proposta mi sembra che meriti un'accoglienza favorevole da parte di
un
La proposta d'imbarcarvi sulla mia goletta? rispose il
capitano Len Guy.
Precisamente.
Sono spiacente, signore, di non avere potuto dare corso a
questa domanda
Me ne direte il perch?
Perch non ho l'abitudine di prendere passeggeri a bordo:
questa la prima ragione
E la seconda, capitano?
Perch l'itinerario dellHalbrane non viene mai fissato prima.
Parte per un porto e arriva in un altro, a seconda di come mi fa pi
comodo. Sappiate, signore, che non sono al servizio di un armatore.
La goletta mi appartiene per la maggior parte e durante i miei viaggi
non ho da ricevere ordini da nessuno.
Allora non dipende che da voi, signore, di accordarmi il
passaggio
vero, ma posso rispondervi soltanto con un rifiuto con mio
grande dispiacere.
Forse, capitano, cambierete parere quando saprete che poco
m'importa la destinazione della vostra goletta Non avventato
pensare ch'essa andr in qualche parte
In qualche parte, infatti
In quel momento mi sembr che il capitano Len Guy gettasse un
lungo sguardo verso l'orizzonte meridionale.
Ebbene, signore, ripresi, andare qua o l mi quasi
indifferente Ci che io desidero prima di tutto di lasciare le
Kerguelen alla prima occasione che mi verr offerta
Il capitano Len Guy non rispose e rest pensieroso senza cercare
di piantarmi in asso.
Mi farete l'onore di ascoltarmi, signore? domandai allora in
tono piuttosto vivace.
S, signore.
Aggiunger dunque che, salvo errore, e se l'itinerario della
vostra goletta non ha subito modifiche avete intenzione di partire da
Christmas-Harbour per Tristan da Cunha
Forse per Tristan da Cunha forse per il Capo forse per le
Falkland forse per qualche altra parte
Ebbene, capitano Guy, precisamente in qualche altra parte
che io desidero andare! replicai ironicamente, facendo uno sforzo
per contenere la mia irritazione.
Allora un cambiamento singolare si manifest nell'atteggiamento
del capitano Len Guy.
La sua voce si alter, divenne pi dura, pi cruda.
In termini netti e precisi mi fece comprendere che qualsiasi
insistenza da parte mia era inutile, che il nostro discorso era durato
anche troppo, che il tempo stringeva, che i suoi affari lo chiamavano
nell'ufficio del porto infine, che ci eravamo detto in modo
esauriente tutto quello che potevamo dirci
Io avevo teso il braccio per trattenerlo afferrarlo sarebbe la
parola pi esatta e la conversazione mal cominciata rischiava di
finire peggio, quando quel bizzarro personaggio torn verso di me e
in tono pi dolce mi disse:
Credete, signore, che mi costa molto non potervi soddisfare e
mostrarmi cos poco gentile con un americano. Ma non saprei
cambiare la mia condotta. Nel corso della navigazione dell'Halbrane
possono accadere tante e tali cose impreviste che renderebbero molto
scomoda la presenza di un passeggero anche cos condiscendente
come voi siete Sarebbe come obbligarmi a non poter profittare di
quel caso fortunato che sto cercando
Vi ho detto, capitano, e ve lo ripeto, che essendo mia
intenzione ritornare in America nel Connecticut, mi indifferente
che ci avvenga in tre mesi o in sei, per una via piuttosto che per
un'altra: quand'anche la vostra goletta dovesse addentrarsi in mezzo
ai mari antartici
I mari antartici? esclam il capitano Len Guy con un tono di
voce indagatore, mentre il suo sguardo mi penetrava nel cuore come
se fosse stato munito d'una punta.
Perch parlate dei mari antartici? riprese afferrandomi la
mano.
Ma come avrei potuto parlare dei mari boreali del polo
nord come del polo sud
Il capitano Len Guy non rispose e io vidi una lacrima cadere dai
suoi occhi. Poi, seguendo un altro corso d'idee, desideroso di tagliare
corto a qualche triste ricordo, richiamato, dalle mie parole aggiunse:
Chi oserebbe avventurarsi al polo sud?
Il raggiungerlo difficile e ci sarebbe senza utilit,
replicai. Esistono, per, dei tipi cos avventurosi, capaci di
lanciarsi in tali imprese.
S avventurosi! mormor il capitano Len Guy.
Dovete sapere ripresi, che gli Stati Uniti compiono
ancora un tentativo e inviano Charles Wilkes con una divisione
composta dal Vincennes, il Peacock, il Porpoise, il Flying-Fish e
molte altre unit di conserva.
Gli Stati Uniti, signor Jeorling? Affermate che una
spedizione stata inviata dal governo federale nei mari australi?
Il fatto certo; l'anno scorso, prima della mia partenza
dall'America, appresi che questa divisione prendeva il mare. un
anno da quando ci avvenuto ed molto probabile che l'audace
Wilkes abbia spinto le sue ricognizioni pi lontano di quanto gli altri
esploratori non abbiano fatto prima di lui.
Il capitano Len Guy era ritornato silenzioso e usc da
quell'inesplicabile mutismo solo per dire:
In tutti i casi se Wilkes arriva a superare il circolo polare,
quindi i banchi di ghiaccio, da dubitare ch'egli riesca a raggiungere
pi alte latitudini che
Che hanno raggiunto i suoi predecessori: Bellingshausen,
Forster, Kendall, Biscoe, Morrell, Kemp, Balleny risposi.
E che sono state anche superate da aggiunse il capitano
Len Guy.
Di chi volete parlare? domandai.
Siete nativo del Connecticut, signore? mi interpell
bruscamente il capitano Len Guy.
Del Connecticut.
E pi precisamente?
Di Hartford.
Conoscete l'isola Nantucket?
L'ho visitata pi volte.
Lo saprete certamente, almeno credo, continu il capitano
Len Guy, guardandomi con gli occhi fissi nei miei l che il
vostro romanziere Edgar Poe ha fatto nascere il suo eroe, Arthur
Gordon Pym
Infatti, risposi, mi ricordo, che l'inizio di questo romanzo
si svolge nell'isola Nantucket.
Voi dite questo romanzo? questa la parola che avete
usato?
Certamente, capitano.
vero, voi parlate come tutti gli altri! Ma scusate, signore,
non posso trattenermi pi a lungo Sono dolente nel vero senso
della parola di non potervi rendere questo servizio Non crediate
che riflettendoci sopra possa modificare le mie idee relativamente
alla vostra proposta Del resto dovrete aspettare soltanto qualche
giorno La stagione sta per cominciare Le navi mercantili, le
baleniere si fermeranno a Christmas-Harbour e vi sar facile
imbarcarvi su una di esse con la sicurezza d'andare l dove i vostri
interessi vi chiamano Sono dolente, signore, sono molto dolente
e vi saluto.
Con queste ultime parole il capitano Len Guy si allontan e il
discorso fin diversamente da come avevo immaginato cio in una
maniera gentile quantunque sembrasse molto dura.
Siccome non serve a nulla intestardirsi contro l'impossibile,
abbandonai la speranza di viaggiare a bordo dell'Halbrane, serbando
per un certo rancore nei confronti del suo maledetto comandante. E
perch non confessarlo? La mia curiosit era stata messa sul chi vive.
Indovinavo un mistero in fondo a quell'anima di marinaio, e mi
sarebbe piaciuto scoprirlo. Il corso imprevisto della nostra
conversazione, quel nome d'Arthur Pym pronunciato cos
inaspettatamente, le domande sull'isola Nantucket, l'effetto prodotto
su di lui dalla notizia che una esplorazione si stava compiendo allora
attraverso i mari australi al comando di Wilkes, quella certezza che il
navigatore americano non sarebbe riuscito ad avanzare nel Sud pi
di Di chi dunque aveva voluto parlare il capitano Len Guy?
Tutto questo mi induceva a riflettere, soprattutto per uno spirito cos
ponderato come il mio
Quel giorno mastro Atkins volle sapere se il capitano Len Guy si
era dimostrato di migliore umore Avevo ottenuto l'autorizzazione
di poter occupare una delle cabine della goletta? Dovetti
confessare all'albergatore che non ero stato pi fortunato di lui nel
mio tentativo Ci non manc di sorprenderlo. Non riusc a
raccapezzarsi nel rifiuto del capitano e nella sua testardaggine Non
lo riconosceva pi Da che cosa derivava tale cambiamento?
E la cosa che lo colpiva pi direttamente, era che contrariamente
a ci che si era sempre fatto durante le soste questa volta il
Cormorano Verde non era stato visitato n dagli uomini
dell'Halbrane, n dal loro capitano. Sembrava che l'equipaggio
obbedisse a un ordine ricevuto. Due o tre volte solamente il nostromo
era venuto a sedersi nella sala dell'albergo: questo era tutto. Da ci,
una grande preoccupazione per mastro Atkins.
Per quanto concerneva Hurliguerly io compresi ch'egli, dopo
essersi cos imprudentemente compromesso, non desiderava pi
mantenere con me un certo tipo di relazione pressoch inutile. Se
avesse tentato di scuotere la testardaggine del suo capo io non saprei
dirlo, ma in ogni modo non sarebbe riuscito sicuramente nel suo
tentativo.
Durante i tre giorni che seguirono, 10, 11 e 12 agosto, i lavori di
vettovagliamento e di rimessaggio vennero portati a termine a bordo
della goletta. Si vedeva l'equipaggio andare e venire sul ponte, si
vedevano i marinai ispezionare l'alberatura, cambiare le manovre
correnti, tendere le sartie e i paterazzi, che s'erano lascati durante
l'ultima traversata, ridipingere i bordi e i bastingaggi rovinati dai
colpi di mare, rinvergare le vele nuove, accomodare le vecchie che
potevano ancora servire con f venti leggeri, calafatare qua e l le
commessure dello scafo e del ponte a grandi colpi di maglio.
Quel lavoro veniva eseguito regolarmente, senza grida, senza
discorsi, senza litigi, purtroppo facili tra marinai in ancoraggio.
LHalbrane doveva essere ben comandata, il suo equipaggio era
tenuto in pugno, molto disciplinato e anche silenzioso. Forse il
comportamento del nostromo contrastava con quello dei suoi
compagni, poich mi era sembrato propenso a ridere, a scherzare e a
chiacchierare su tutto, a meno che non gli si sciogliesse la lingua solo
quando scendeva a terra.
Finalmente si apprese che la partenza della goletta era fissata per
il 15 agosto, e alla vigilia non avevo ancora avuto motivo di pensare
che il capitano Len Guy si fosse ricreduto sul suo categorico rifiuto.
Del resto non ci pensavo pi, avendo messo il cuore in pace circa
quella inaspettata contrariet. .
Ogni desiderio di lamentarmi era stato superato. Non avrei mai
permesso a mastro Atkins di fare un altro tentativo. Quando il
capitano Len Guy e io c'incontravamo sul molo eravamo come
persone che non si conoscessero, che non si fossero mai viste. Egli
passava da una parte io dall'altra. Tuttavia devo osservare che una
o due volte qualche attimo di esitazione si era rivelato nel suo
atteggiamento sembrava quasi che mi volesse rivolgere la parola
che fosse spinto da un istinto segreto Per non l'aveva fatto, e io
non ero uomo da provocare una nuova spiegazione
Del resto, ne venni informato il giorno stesso, Fenimore
Atkins contro la mia formale proibizione aveva ancora sollecitato a
mio riguardo il capitano Len Guy, senza ottenere nulla di concreto.
Era un affare, come si dice, finito, quantunque non ne fosse
dell'avviso il nostromo
Infatti Hurliguerly, interrogato dall'albergatore del Cormorano
Verde, negava che la partita fosse definitivamente perduta.
molto probabile, . egli ripeteva, che il capitano non
abbia detto la sua ultima parola!
Ma fidarsi delle parole di quel chiacchierone sarebbe stato come
introdurre un falso termine in un'equazione, e insisto nell'affermare
che la prossima partenza dello schooner mi era del tutto indifferente.
Mi preoccupavo soltanto di spiare la comparsa al largo di qualche
altra nave.
Ancora una o due settimane, mi ripeteva l'albergatore, e
sarete pi fortunato, signor Jeorling, di quello che non siete stato con
il capitano Len Guy. Si trover certo pi di un comandante che non
domander di meglio
Senza dubbio, Atkins, ma non dimenticate che la maggior parte
delle navi destinate alla pesca soggiornano alle Kerguelen per cinque
o sei mesi, e se io devo attendere tanto tempo per riprendere il
mare
Non tutte, signor Jeorling, non tutte! Ce ne sono alcune che
si fermano appena a Christmas-Harbour Si presenter una buona
occasione, e non avrete certo da pentirvi di avere perso il vostro
passaggio sullHalbrane
Non sapevo se avrei avuto da pentirmi o no: il fatto che era
scritto nel libro del destino che avrei lasciato le Kerguelen come
passeggero della goletta, e che essa mi avrebbe trascinato in una delle
pi straordinarie avventure, delle quali gli annali della marineria di
quell'epoca dovevano parlare.
Durante la sera del 14 agosto, verso le sette e mezzo, quando la
notte era gi calata sull'isola, dopo il pranzo passeggiavo sul molo a
nord della baia. Il tempo era asciutto, il cielo trapunto di stelle, l'aria
viva, il freddo pungente. Date queste condizioni meteorologiche la
mia passeggiata non poteva prolungarsi troppo.
Dunque una mezz'ora dopo stavo dirigendomi verso il
Cormorano Verde, quando un individuo mi venne incontro, esit,
ritorn sui suoi passi e si ferm.
L'oscurit era abbastanza profonda perch mi fosse facile
riconoscerlo. Ma nell'udire la sua voce, il suo balbettamento
caratteristico non era possibile ingannarsi. Il capitano Len Guy stava
davanti a me.
Signor Jeorling, mi disse, domani che lHalbrane deve
spiegare le vele domani mattina con il deflusso della marea
Perch me lo comunicate, replicai, dal momento che mi
avete rifiutato
Signore ho riflettuto, e se non avete cambiato idea, trovatevi
a bordo alle sette.
In fede mia, capitano, risposi, non mi aspettavo
certamente questo cambiamento da parte vostra
Ho riflettuto, ve lo ripeto, e vi aggiungo che lHalbrane
punter direttamente su Tristan da Cunha: non ci che vi
conviene suppongo?
il meglio, capitano. Domani mattina alle sette sar a bordo
Dov' preparata la vostra cabina;
Quanto al prezzo del passaggio aggiunsi.
Lo regoleremo pi tardi, rispose il capitano Len Guy, e
come meglio vi piacer. A domani, dunque
A domani.
Il mio braccio si era teso verso quell'uomo bizzarro per suggellare
il nostro impegno. Senza dubbio l'oscurit gl'imped di vedere questo
gesto poich non lo contraccambi, e allontanandosi a passi rapidi
raggiunse la sua lancia che lo riport a bordo con pochi colpi di remi.
Ero rimasto molto sorpreso e mastro Atkins lo fu ugualmente
quando, ritornando nella sala del Cormorano Verde, lo misi al
corrente del nostro incontro.
Andiamo, egli mi rispose, quella vecchia volpe
d'Hurliguerly aveva decisamente ragione! Ci non toglie che quel
diavolo del suo capitano non sia pi capriccioso d'una fanciulla
educata male! Purch non cambi idea al momento di partire!
Ipotesi inammissibile, e io, riflettendovi, pensai che quella
maniera d'agire non era dettata n dalla fantasia n dal capriccio. Se
il capitano Len Guy era ritornato sulla sua decisione era perch aveva
un interesse qualsiasi ch'io fossi suo passeggero.
A parer mio, quel cambiamento era stato causato da ci che gli
avevo detto relativamente al Connecticut e all'isola Nantucket. Ora,
lasciavo all'avvenire il compito di farmi conoscere ci che potesse
interessarlo.
I miei preparativi furono presto terminati. Io sono, del resto, di
quei viaggiatori pratici che non si caricano mai di bagagli inutili e
farebbero il giro del mondo con un sacco in spalla e una valigia in
mano.
Il pi grosso dei miei oggetti consisteva in quell'abito foderato di
pelliccia che indispensabile a chiunque navighi attraverso le alte
latitudini. Quando si percorre l'Atlantico meridionale la pi piccola
precauzione che si possa prendere.
L'indomani, 15, prima del levare del sole, salutai il bravo e
dignitoso Atkins. Non avevo che da felicitarmi per le attenzioni e le
cortesie del mio compatriota esiliato su quelle isole della
Desolazione dove egli e i suoi vivevano felici.
Il servizievole albergatore apparve molto soddisfatto dei
ringraziamenti che gli rivolsi. Preoccupandosi di quanto mi stava a
cuore egli aveva fretta di sapermi a bordo, avendo sempre timore,
sono le parole di cui si serviva, che il capitano Len Guy avesse
cambiato d'idea su quanto aveva stabilito la vigilia. Me lo ripet
con insistenza, e mi confess anche che durante la notte si era
affacciato pi volte alla finestra per assicurarsi che lHalbrane fosse
sempre ancorata in mezzo a Christmas-Harbour. Riuscii a liberarmi
dalle sue preoccupazioni che non condividevo affatto soltanto
quando l'alba cominci a spuntare.
Mastro Atkins volle accompagnarmi a bordo per prendere
congedo dal capitano Len Guy e dal nostromo. Una lancia ci
aspettava al molo e ci trasport alla scala della goletta, gi girata
dall'azione del riflusso.
La prima persona che incontrai sul ponte fu Hurliguerly. Mi lanci
uno sguardo di trionfo, e fu cos palese come s'egli m'avesse detto:
Ah! lo vedete! Il nostro difficile capitano ha finito per
accettarvi E a chi dovete ci se non a questo brav'uomo del
nostromo, che vi ha servito del suo meglio e non ha lesinato troppo la
sua influenza?
Era la verit? Avevo molte ragioni per non ammetterla senza
grandi riserve. Dopo tutto m'importava poco. LHalbrane stava per
levare l'ancora e io ero a bordo.
Il capitano Len Guy si mostr quasi subito sul ponte. Non mi
meravigliai affatto ch'egli non sembrasse di accorgersi della mia
presenza.
I preparativi di partenza erano cominciati: le vele erano state
liberate dalle loro cappe, le manovre allestite, le drizze e le scotte
sistemate. Il secondo, a prua, sorvegliava il virare dell'argano, e
l'ancora non avrebbe tardato a venire a picco.
Mastro Atkins si avvicin allora al capitano Len Guy e con voce
lusinghiera gli disse:
Al prossimo anno!
Se a Dio piacer, signor Atkins!
Le loro mani si strinsero. Poi il nostromo venne a sua volta a
stringere vigorosamente fra le sue braccia l'albergatore del
Cormorano Verde, che la lancia ricondusse a riva.
Alle otto, dopo che il riflusso fu bene stabilito, lHalbrane spieg
le sue basse vele, e mise le mure a sinistra per ridiscendere la baia di
Christmas-Harbour sotto una leggera brezza di nord e una volta al
largo volse verso nord-ovest.
Con le ultime ore del pomeriggio scomparvero le cime bianche
del monte Table e dell'Havergal, sommit che si elevano l'una a
2.000, l'altra a 3.000 piedi sopra il livello del mare.
CAPITOLO IV
DALLE ISOLE KERGUELEN ALL'ISOLA PRINCIPE EDOARDO
MAI NESSUNA traversata, forse, ebbe un inizio cos felice. Per mia
fortuna insperata, invece di rimanere ancora per qualche settimana a
Christmas-Harbour dove l'incomprensibile rifiuto del capitano Len
Guy mi avrebbe lasciato, ecco che una brezza leggera mi portava
lontano da quell'arcipelago con il vento in poppa, su un mare appena
mosso, a una velocit di otto o nove nodi.
L'interno dell'Halbrane rispondeva al suo aspetto esterno. Ordine
perfetto, pulizia minuziosa di battello olandese, nella camera come
nell'alloggio dell'equipaggio.
A proravia della parte coprta, sulla sinistra c'era la cabina del
capitano Len Guy, il quale, da un portello munito di vetro che si
abbassava a piacere, poteva sorvegliare il ponte, e all'occasione
trasmettere gli ordini agli uomini di guardia, situati fra l'albero
maestro e quello di trinchetto. A dritta era con identica disposizione
situata la cabina del secondo. Ambedue erano dotate di una cuccetta,
un armadio di mediocre capacit, una poltrona impagliata, un
tavolino fissato al pavimento, una lampada a sospensione cardanica
posta in alto, parecchi strumenti nautici: un barometro, un
termometro a mercurio, un sestante, una mostra alloggiata
nell'imbottitura della sua scatola di quercia, donde non usciva che al
momento in cui il capitano si disponeva a prendere le altezze.
Altre due cabine erano sistemate a poppavia della zona coperta, la
cui parte centrale serviva da quadrato ufficiali, con la tavola da
pranzo fra le panche di legno a spalliera mobile.
Una di queste cabine era stata preparata per ospitarmi. Era
rischiarata da due portelli che si aprivano l'uno sul corridoio laterale,
l'altro a poppa. In quel posto il timoniere era in piedi davanti alla
ruota del timone, sopra la quale passava il boma della randa, che si
prolungava per parecchi piedi al di l del coronamento, ci che
rendeva la goletta molto ardente.
La mia cabina misurava otto piedi per cinque. Abituato ai disagi
della navigazione non mi occorreva maggiore spazio, n pi mobili:
un tavolo, un armadio, una poltrona impagliata, una brocca con il
catino su un treppiede e una cuccetta il cui sottile materasso avrebbe
senza dubbio provocato le lagnanze d'un passeggero meno
accomodante. Non si trattava, del resto, che di una traversata
relativamente breve, poich lHalbrane mi avrebbe sbarcato a Tristan
da Cunha. Presi dunque possesso di questa cabina, che avrei dovuto
occupare per sole quattro o cinque settimane.
A proravia dell'albero di trinchetto, verso il centro ci che
snelliva ulteriormente la trinchettina era rizzata la cucina con delle
solide ritenute. Di l si apriva la cappa, ricoperta di grossa tela
incerata. Per mezzo di una scala dava accesso ai locali
dell'equipaggio e al corridoio. Quando era cattivo tempo si abbassava
ermeticamente la cappa e allora il posto era al riparo dalle onde che
frangevano contro i masconi.
Gli otto uomini dell'equipaggio si chiamavano: Martin Holt,
mastro velaio; Hardie, mastro calafato; Roberts, Drap, Francis,
Gratian, Burry, Stern, marinai fra i venticinque e i trent'anni, tutti
inglesi delle coste della Manica e del canale di San Giorgio molto
pratici del mestiere, e molto disciplinati sotto un pugno di ferro.
Notai subito che l'uomo dotato di una energia straordinaria, al
quale obbedivano a una sola parola, a un gesto, non era il capitano
dell'Halbrane ma era il secondo ufficiale, Jem West, che a
quell'epoca aveva trentadue anni. Non ho mai incontrato nel corso
dei miei viaggi attraverso gli oceani un tipo dotato di una simile
tempra. Jem West era nato sul mare, essendo vissuto durante la sua
infanzia a bordo di una gabarra cio una barca da trasporto di cui suo
padre era proprietario e sulla quale viveva tutta la famiglia. In nessun
periodo della sua esistenza egli aveva respirato altr'aria all'infuori di
quella salina della Manica, dell'Atlantico o del Pacifico. Durante le
soste egli scendeva a terra soltanto per le necessit attinenti al
servizio, sia nella marina militare sia in quella, mercantile. Se si
trattava di lasciare una nave per un'altra egli portava con s il suo
sacco di tela e non si muoveva pi. Marinaio nell'anima, quel
mestiere era tutta la sua vita.
Quando non navigava nella realt, navigava con l'immaginazione.
Dopo essere stato mozzo, giovinotto, marinaio, divenne marinaio
scelto, poi nostromo, ufficiale e ora aveva le mansioni di secondo
sull'Halbrane, sotto il comando del capitano Len Guy.
Jem West non aveva l'ambizione di fare carriera; non cercava di
fare fortuna; non si occupava n di comprare, n di vendere il carico.
Si occupava dello stivaggio, poich la corretta disposizione del
carico la cosa pi importante affinch un bastimento porti bene
tutto l'apparato velico. Quanto ai particolari della navigazione, della
scienza marittima: l'attrezzatura, l'utilizzazione della forza di vele, la
manovra sotto tutte le andature, il modo di spiegare le vele, gli
ancoraggi, la lotta contro gli elementi, le osservazioni di longitudine
e di latitudine, in breve tutto ci che riguarda quella prodigiosa
macchina che la nave a vela, Jem West se ne intendeva come
nessun altro.
Ecco ora il suo aspetto fisico: era d'altezza media, piuttosto
magro, tutto nervi e muscoli, di corporatura vigorosa, di un'agilit da
ginnasta; aveva uno sguardo da marinaio d'una straordinaria portata e
d'una penetrazione sorprendente, un volto abbronzato, i capelli folti e
corti, le gote e il mento imberbi, i tratti regolari, la fisionomia che
denota l'audacia e la forza fisica al loro massimo grado.
Jem West parlava poco e solo quand'era interrogato. Impartiva gli
ordini con voce chiara, con parole precise senza ripeterle mai, e in
modo da essere compreso subito: infatti lo si capiva al primo colpo.
Desidero richiamare l'attenzione dei miei lettori su questo tipo
d'ufficiale della marina mercantile che era votato corpo e anima al
capitano Len Guy e alla goletta Halbrane. Sembrava che egli fosse
uno degli organi essenziali di quella nave, che quell'insieme di legno,
di ferro, di tela, di rame, di canapa ricevesse da lui la potenza vitale,
e che l'una costruita dall'uomo si identificasse completamente con
l'altro creato da Dio. Se l'Halbrane possedeva un cuore esso batteva
nel petto di Jem West.
Completer le informazioni sul personale di bordo parlando del
cuoco, un negro della costa africana chiamato Endicott, d'una trentina
d'anni, e che svolgeva da otto anni le funzioni di giovanotto di cucina
o di capocuoco agli ordini del capitano Len Guy. Il nostromo e lui
s'intendevano a meraviglia e parlavano spesso insieme
amichevolmente. Bisogna dire che Hurliguerly si riteneva depositario
di meravigliose ricette di cucina, che Endicott provava qualche volta,
senza per riuscire mai ad attirare l'attenzione degli indifferenti
commensali del quadrato ufficiali.
L'Halbrane era partita in eccellenti condizioni. Faceva un freddo
penetrante poich sotto il 48 parallelo sud, nel mese di agosto
ancora l'inverno che interessa questa zona del Pacifico. Ma il mare
era splendido e la brezza spirava stabilmente da est-sud-est. Se quel
tempo durava, ci che era da prevedersi e da augurarsi, non avremmo
dovuto cambiare una sola volta le mure, e lasciare soltanto un poco le
scotte per portarci fino al traverso di Tristan da Cunha.
La vita a bordo si svolgeva molto regolarmente: era molto
semplice e, ci che piacevole in mare, era d'una monotonia non
priva d'attrattive. La navigazione mi permetteva di riposare durante il
giorno e di essere cullato nel sogno, e non mi lamentavo del mio
isolamento. Forse la mia curiosit avrebbe chiesto di essere
soddisfatta sopra un solo punto: perch il capitano Len Guy si era
ricreduto sul suo primo rifiuto nei miei confronti? Interrogare su
ci il secondo sarebbe stato tempo, sprecato. D'altronde conosceva
forse i segreti del suo capo? Ci non riguardava direttamente il suo
servizio e, come ho gi notato, egli si occupava soltanto delle sue
funzioni. E poi dalle risposte monosillabiche di Jem West che cosa
avrei potuto ricavare? Tra noi, non si scambiavano che una decina
di parole durante i due pasti del mattino e della sera. Devo confessare
che alcune volte sorprendevo lo sguardo del capitano Len Guy
ostinatamente fisso su di me, come se avesse voluto farmi delle
domande. Sembrava che volesse sapere qualche cosa da me, mentre
al contrario ero io che avrei voluto sapere qualcosa da lui. La verit
che si restava muti da tutte e due le parti.
Del resto, se avessi voluto parlare sarebbe bastato che mi fossi
rivolto al nostromo. Sempre pronto a sciorinare frasi quello l! Ma
che cosa avrebbe potuto dirmi da suscitare il mio interesse?
Aggiunger che egli non mancava mai di augurarmi il buon giorno e
la buona sera con una invariabile verbosit. Poi ero contento della
vita di bordo? la cucina era di mio gradimento? volevo che egli
raccomandasse certi piatti di sua invenzione a Endicott?
Vi ringrazio, Hurliguerly, gli risposi un giorno. Mi basta
la lista solita Mi sufficiente devo anzi aggiungere che non ero
trattato meglio dal vostro amico del Cormorano Verde.
Oh! quel diavolo di Atkins! Un brav'uomo in fondo
Sono anch'io dello stesso parere.
Com' possibile, signor Jeorling, ch'egli, un americano, abbia
accettato di confinarsi alle Kerguelen con la sua famiglia?
E perch no?
E che per giunta sia felice!
Non certo tanto sciocco, nostromo!
Bene! Se Atkins mi proponesse di fare cambio con lui, sarebbe
male accolto, poich io mi vanto di essere un uomo felice!
I miei complimenti, Hurliguerly!
Eh! signor Jeorling, sapete che avere sistemato i vostri bagagli
a bordo di una nave come lHalbrane una fortuna che non
s'incontra due volte nella vita? Il nostro capitano non parla molto,
vero; il nostro secondo, poi, adopera la lingua anche meno di lui
Me ne sono accorto, dichiarai.
Non importa! signor Jeorling, sono due validi marinai, ve lo
assicuro! Li rimpiangerete quando sbarcherete a Tristan da Cunha
Sono felice di sentirvelo dire, nostromo.
Siate certo che non ci vorr molto tempo con questa brezza di
sud-est che ci prende di fianco e con un mare che si agita soltanto
quando i capidogli e le balene vengono a scuoterlo di sotto! Lo
vedrete voi stesso, signor Jeorling: non impiegheremo pi di 10
giorni a divorare le 1.300 miglia che separano le Kerguelen dall'isola
Principe Edoardo e non pi di 15 per le 2.300 che separano queste
ultime da Tristan da Cunha!
Inutile fare previsioni, nostromo. Bisogna che il tempo si
mantenga al bello, e chi vuol mentire non ha che da predire il
tempo un detto da marinaio, buono a conoscersi!
Fortunatamente il tempo rimase buono. Cos nel pomeriggio del
18 agosto la vedetta segnal a dritta le montagne dell'arcipelago
Crozet, alla latitudine sud 4259' e alla longitudine est 48, l'altezza
delle quali s'alza dalle 600 alle 700 tese sopra il livello del mare.
L'indomani si lasciarono a sinistra le isole Possession e Schveine,
frequentate solamente durante la stagione di pesca.
A quest'epoca gli unici abitanti erano gli uccelli, branchi di
pinguini, stormi di alcioni, il cui volo imita quello del piccione: per
questa ragione i balenieri li hanno chiamati piccioni bianchi.
Attraverso le bizzarre insenature del monte Crozet si riversava
l'eccedenza dei ghiacci in grossi strati, lenti e rugosi e per qualche
ora ancora potei scorgerne i contorni. Poi tutto si ridusse a un ultimo
biancore, tracciato sulla linea dell'orizzonte sulla quale si
arrotondavano le cupole nevose dell'arcipelago.
L'avvicinarsi a una terra uno degli avvenimenti marittimi che
offre sempre un certo interesse. Pensai per un momento che il
capitano Len Guy cogliesse l'occasione per rompere il silenzio nei
confronti del suo passeggero Ma non se ne preoccup affatto.
Se le previsioni del nostromo si avveravano, non sarebbero passati
tre giorni senza che le punte dell'isola Marion e dell'isola Principe
Edoardo non venissero segnalate a nord-ovest. Ma non ci si doveva
fermare, del resto. Era agli scali di Tristan da Cunha che lHalbrane
doveva rinnovare la sua provvista d'acqua.
Pensavo che la monotonia della nostra traversata non sarebbe stata
interrotta da alcun incidente. Ora nella mattina del 20, poich Jem
West era di guardia, il capitano Len Guy, dopo la sua prima
osservazione, con mia grande sorpresa sal sul ponte seguendo uno
dei corridoi laterali alla tuga e venne a fermarsi a poppa davanti alla
chiesuola e guard la rosa pi per abitudine che per necessit.
Seduto presso il coronamento ero stato almno scorto dal
capitano? Non avrei potuto dirlo ed certo che la mia presenza
non attir affatto la sua attenzione.
Da parte mia ero deciso a non occuparmi di lui, come egli non si
occupava di me, e restai appoggiato con il gomito alla balaustrata.
Il capitano Len Guy fece qualche passo, si sporse oltre
l'impavesata, osserv la lunga scia che la poppa lasciava dietro di s,
e che somigliava a un nastro di merletto bianco, stretto e piatto, tanto
le linee snelle e affinate della goletta la sottraevano rapidamente alla
resistenza passiva delle acque.
In quel posto si poteva essere intesi soltanto da una sola persona,
il timoniere, il marinaio Stern, il quale, con la mano sulla caviglia
della ruota, manteneva in rotta lHalbrane contro le capricciose
guizzate che provoca l'andatura al gran lasco.
Ci nonostante, mi sembr che il capitano Len Guy non se ne
preoccupasse affatto, poich mi si avvicin e balbettando mi disse:
Signore vorrei parlarvi
Sono pronto ad ascoltarvi, capitano.
Non l'ho fatto fino a oggi, essendo di natura poco ciarliera
ve lo confesso Ma poi vi sareste interessato alla mia
conversazione?
Avete torto di dubitarne, replicai, perch la vostra
conversazione non pu essere per me che del massimo interesse.
Immagino che non avvertisse alcun tono ironico in questa risposta
o almeno egli non lo diede a vedere.
Vi ascolto, aggiunsi.
II capitano Len Guy sembr esitare, assumendo l'atteggiamento di
un uomo che, sul punto di parlare, si domanda se non farebbe meglio
a tacere.
Signor Teorling, domand, vi siete forse chiesto per
quali ragioni ho cambiato idea nei riguardi del vostro imbarco?
Me lo sono chiesto, infatti, e non sono riuscito a trovare la
risposta. Forse nella vostra qualit d'inglese non trattandosi di un
compatriota non ci tenevate
Signor Jeorling, appunto perch siete americano che mi sono
deciso, alla fine, a offrirvi il passaggio sull'Halbrane
Perch sono americano? risposi assai sorpreso di questa
sua confessione.
E anche perch siete del Connecticut
Vi confesso che non riesco ancora a capire
L'avreste capito sicuramente se avessi aggiunto che mi era
venuta l'idea, dato che siete del Connecticut e avete visitato l'isola
Nantucket, che avreste potuto conoscere la famiglia di Arthur
Gordon Pym
Il protagonista del quale il nostro romanziere Edgar Poe ha
raccontato le sorprendenti avventure?
Lui in persona, signore, nel racconto ch'egli ha fatto dopo
essere entrato in possesso del manoscritto nel quale erano annotati i
particolari di quel disastroso e straordinario viaggio attraverso
l'Oceano Antartico!
Credetti di sognare sentendo il capitano Len Guy-parlare in quel
modo! Come! Egli credeva all'esistenza di un manoscritto di
Arthur Pym? Ma i. fatti raccontati nel romanzo di Edgar Poe non
erano forse una finzione, un'opera di fantasia del pi prodigioso dei
nostri scrittori d'America? Ed ecco che un uomo di buon senso
ammetteva questa finzione come una realt
Rimasi senza parole, domandandomi con chi avessi veramente a
che fare.
Avete inteso la mia domanda? riprese il capitano Len
Guy con insistenza.
S certamente capitano certamente ma non so se ho
ben capito
Ve lo ripeter in termini pi chiari, signor Jeorling, poich
desidero da voi una risposta precisa.
Sar felice di potervi accontentare.
Vi domando dunque se nel Connecticut avete conosciuto
personalmente la famiglia Pym che abitava l'isola Nantucket, e che
era legata a uno dei pi eminenti personaggi dello Stato. Il padre di
Arthur Pym, fornitore di articoli marini, era considerato uno dei
principali commercianti dell'isola. Suo figlio che stato lanciato
nelle avventure di cui Edgar Poe ha raccolto dalla sua bocca lo strano
concatenarsi
Avrebbe potuto essere anche pi strano, capitano, poich tutta
questa storia uscita dalla potente immaginazione del nostro grande
scrittore una pura invenzione
Una pura invenzione!
Pronunciando queste tre parole il capitano Len Guy alz per tre
volte le spalle e fece di ciascuna sillaba la nota d'una scala
ascendente.
Cos, egli riprese, non credete, signor Jeorling
N io, n alcun altro vi crederebbe, capitano Guy; siete il
primo che io abbia udito sostenere che non si tratta di un semplice
romanzo
Ascoltatemi dunque, signor Jeorling, perch se questo
romanzo come voi lo definite apparso soltanto l'anno scorso,
non si esclude che sia una realt. Se sono trascorsi undici anni dai
fatti ch'esso racconta, essi per non sono meno veri e si aspetta
sempre la spiegazione di un mistero che forse non sar mai
rivelato!
Decisamente il capitano Len Guy era pazzo, e sotto l'influenza
d'una crisi che causava lo squilibrio delle sue facolt mentali! Per
fortuna, se egli aveva perso la ragione, Jem West non si sarebbe
trovato in difficolt a rimpiazzarlo nel comando della goletta! Io,
dopo tutto, non dovevo fare altro che ascoltarlo, e siccome
conoscevo il romanzo di Edgar Poe per averlo letto e riletto, ero
curioso di sapere ci che mi avrebbe detto il capitano.
Ora, signor Jeorling, egli riprese con pi foga, e con un
tremito della voce che denotava un certo nervosismo possibile
che non abbiate conosciuto la famiglia Pym, che non l'abbiate
incontrata n ad Hartford n a Nantucket?
N altrove, risposi.
Sia pure! Ma guardatevi dall'affermare che questa famiglia non
sia esistita, che Arthur Gordon Pym sia soltanto un personaggio
fantastico, che il suo viaggio sia un viaggio immaginario! S!
guardatevi da ci come dal negare i dogmi della nostra santa
religione! E che forse un uomo, fosse anche il vostro Edgar Poe,
sarebbe stato capace d'inventare, di creare?
Dall'impeto irruente del capitano Len Guy compresi la necessit di
rispettare la sua idea fssa e di accettare senza discutere la sua teoria.
Ora, signore, continu tenete bene in mente i fatti che
voglio esporvi Essi sono provati, e su di essi non c' da discutere.
Ne trarrete le conseguenze che pi gradirete Spero che non mi
farete pentire di avervi accolto a bordo dellHalbrane!
Ero stato dunque avvertito e feci un segno d'approvazione. I
fatti i fatti usciti da un cervello mezzo sconvolto? La situazione
prometteva di assumere un aspetto curioso.
Allorch il racconto di Edgar Poe apparve nel 1838 io mi
trovavo a New York, riprese il capitano Len Guy. Partii
immediatamente per Baltimora, dove dimorava la famiglia dello
scrittore, il nonno del quale aveva servito come quartiermastro
generale durante la guerra d'Indipendenza. Ammetterete, suppongo,
l'esistenza della famiglia Poe, se negate quella della famiglia Pym?
Rimasi in silenzio, preferendo non interrompere pi le divagazioni
del mio interlocutore.
Mi occupai continu egli di alcuni particolari relativi a
Edgar Poe M'indicarono la sua abitazione Mi recai da lui
Prima delusione: in quell'epoca egli aveva lasciato l'America, e io
non ebbi modo di vederlo
Ci rappresentava senz'altro un contrattempo, pensai, poich
Edgar Poe, con la sua particolare predisposizione per lo studio dei
diversi generi di pazzia, avrebbe trovato nel nostro capitano un tipo
di estremo interesse.
Sfortunatamente, prosegu il capitano Len Guy, non
avendo potuto trovare Edgar Poe, mi era impossibile sapere qualche
cosa riguardo ad Arthur Gordon Pym. Quell'ardito pioniere delle
terre antartiche era morto. Come aveva dichiarato il romanziere
americano, alla fine del racconto delle sue avventure, quella morte
era gi nota al pubblico attraverso la stampa quotidiana.
Ci che asseriva il capitano Len Guy era vero, ma io pensavo,
d'accordo con tutti i lettori del romanzo del Poe, che quel comunicato
non era altro che un espediente trovato con arte dal romanziere.
A mio parere, non potendo o non osando dare vita a un cos
straordinario romanzo, l'autore faceva intendere che i tre ultimi
capitoli non gli erano stati raccontati da Arthur Pym, il quale aveva
terminato la sua esistenza in cos improvvise e incresciose
circostanze, che egli del resto non rendeva note.
Dunque, continu il capitano Len Guy, poich Edgar Poe
era assente e Arthur Pym era morto, mi rimaneva una sola cosa da
fare: ritrovare l'uomo che era stato il compagno di viaggio di Arthur
Pym, quel Dirk Peters che l'aveva seguito fino all'estremo limite
delle alte latitudini, donde ambedue erano ritornati Come?
S'ignora! Arthur Pym e Dirk Peters erano ritornati insieme? Il
racconto non dava alcuna spiegazione a questo riguardo e su ci,
come in parecchi altri luoghi, esistevano alcuni punti oscuri. Ci
nonostante Edgar Poe dichiarava che Dirk Peters avrebbe potuto
fornire alcune notizie relative ai capitoli non conosciuti e che egli
risiedeva nell'Illinois. Partii subito per quella regione arrivai a
Springfield chiesi di quell'uomo, un meticcio d'origine indiana
Abitava nella borgata di Vandalia Mi recai sul posto
E non c'era? non potei trattenermi dal formulare la
domanda sorridendo.
Seconda delusione: egli non c'era, o piuttosto non c'era pi,
signor Jeorling. Da alcuni anni questo Dirk Peters aveva lasciato
l'Illinois e anche gli Stati Uniti per andare non si sapeva dove. Ma
ho parlato a Vandalia con persone che l'avevano conosciuto, presso
le quali egli aveva abitato negli ultimi anni e alle quali aveva
raccontato le sue avventure, senza mai averne svelato l'epilogo del
quale lui solo, attualmente, conosceva il segreto!
Come quel Dirk Peters era esistito esisteva ancora? Fui sul
punto di lasciarmi convincere dalle dichiarazioni cos perentorie del
comandante dellHalbrane! S! ancora un istante e mi sarei lasciato
convincere a mia volta!
Ecco dunque quale assurda storia si affollava nel cervello del
capitano Len Guy, e in quale stato di squilibrio mentale si era
ridotto!
S'immaginava di avere fatto quel viaggio nell'Illinois, di avere
visto a Vandalia le persone che avevano conosciuto Dirk Peters!
Ero pi che sicuro che quel personaggio fosse scomparso, poich
non era mai esistito se non nella fantasia del romanziere!
Ci nonostante non volli contraddire il capitano Len Guy n
provocare un aggravamento della crisi.
Cos gli feci credere di prestar fede a tutto quello che diceva,
anche quando aggiunse:
Non ignorate certamente, signor Jeorling, che nel racconto si fa
menzione di una bottiglia, che conteneva una lettera sigillata, che il
capitano della goletta su cui Arthur Pym era imbarcato aveva
depositato ai piedi di uno dei picchi delle Kerguelen?
vero, questo narrato risposi.
Ebbene, in uno dei miei ultimi viaggi ho cercato il posto dove
doveva trovarsi quella bottiglia e l'ho trovata insieme con la
lettera questa lettera diceva che il capitano e il suo passeggero
Arthur Pym avrebbero fatto ogni sforzo possibile per raggiungere gli
estremi confini dell'Oceano Antartico
Avete trovato quella bottiglia? domandai in tono
sorpreso.
S.
E la lettera in essa contenuta?
S.
Guardai il capitano Len Guy Come certi fissati egli credeva
fermamente alle sue idee fantastiche. Fui sul punto di replicare:
Vediamo questa lettera ma cambiai idea; Non poteva averla
scritta lui stesso?
Allora risposi:
veramente un fatto molto spiacevole, capitano, che non
abbiate potuto trovare Dirk Peters a Vandalia! Vi avrebbe fatto
conoscere almeno in quali condizioni Arthur Pym e lui stesso fossero
riusciti a fare ritorno da quelle terre lontane Vi ricordate al
penultimo capitolo sono tutti e due l La loro canoa davanti
alla cortina di nebbie bianche Essa precipitata nel baratro della
cateratta al momento in cui appare una figura umana avvolta nel
sudario Poi non c' pi niente altro che due linee di puntini di
sospensione
Effettivamente, signore, assai spiacevole che non sia riuscito
a incontrare Dirk Peters! Sarebbe stato interessante sapere qual era
stato l'epilogo di quelle avventure! Ma, a parer mio, mi sembrato
pi interessante conoscere la sorte capitata agli altri
Gli altri? esclamai mio malgrado. Di chi volete
parlare?
Del capitano e dell'equipaggio della goletta inglese che aveva
raccolto Arthur Pym e Dirk Peters dopo il terribile naufragio del
Grampus, e che li condusse attraverso l'Oceano Antartico, fino
all'isola Tsalal
Signor Len Guy, osservai, come se non mettessi pi in
dubbio la realt del romanzo di Edgar Poe, ma forse questi uomini
non perirono tutti, gli uni all'attacco della goletta, gli altri travolti da
una frana, provocata artificialmente dagli indigeni di Tsalal?
Chiss? signor Jeorling, replic il capitano Len Guy con
voce alterata dall'emozione, chiss che qualcuno di quegli
sventurati non sia riuscito a sopravvivere sia al massacro, sia alla
frana; chiss che uno o pi non siano potuti fuggire dagli indigeni?
In tutti i casi, risposi, sarebbe difficile ammettere che
coloro che sono scampati siano ancora in vita
E perch?
Perch i fatti di cui parliamo sono accaduti undici anni fa
Signore, rispose il capitano Len Guy, dato che Arthur
Pym e Dirk Peters hanno potuto spingersi oltre l'isola Tsalal, dopo il
24 parallelo; dato che sono riusciti a trovare il modo per
sopravvivere in mezzo a quelle desolate contrade antartiche; perch
se i loro compagni non sono caduti sotto i colpi degli indigeni e se
sono stati abbastanza fortunati di raggiungere le isole vicine
incontrate lungo il loro viaggio perch questi miei sfortunati
compatrioti non sarebbero riusciti a sopravvivere? Perch
qualcuno di loro non potrebbe essere ancora in attesa della sua
liberazione?
La vostra piet vi sconvolge, capitano, risposi cercando di
calmarlo. Sarebbe impossibile
Impossibile, signore! E se si verificasse un fatto
straordinario, se un testimonio irrefutabile sollecitasse
l'interessamento del mondo civile, se si scoprisse una prova concreta
dell'esistenza di quegli sventurati, abbandonati ai confini della terra,
a chi si offrisse di andare a prestare loro soccorso osereste gridare:
Impossibile?
In quel momento mi era impossibile rispondergli poich non mi
avrebbe compreso: il capitano Len Guy, con il petto gonfio di
singhiozzi, se ne stava rivolto verso il Sud come se avesse tentato di
penetrare con lo sguardo quel lontano orizzonte.
Mi domandavo in quale circostanza della sua vita il capitano Len
Guy aveva subito un tale turbamento mentale. Forse era per un alto
senso d'umanit, spinto sino alla follia, che s'interessava a quei
naufraghi che non avevano mai naufragato per il semplice fatto
che non erano mai esistiti?
Allora il capitano Len Guy si avvicin, mi pose la mano sulla
spalla e mi mormor all'orecchio:
No, signor Jeorling, no, non ancora detta l'ultima parola su
ci che concerne l'equipaggio della Jane
E si ritir.
Nel romanzo di Edgar Poe la Jane era il nome della goletta che
aveva raccolto Arthur Pym e Dirk Peters aggrappati ai relitti del
brigantino Grampus, e il capitano Len Guy lo aveva pronunciato per
la prima volta al termine di quella conversazione.
Infatti allora pensai questo nome di Guy anche quello del
capitano della Jane una nave di nazionalit inglese come lui!
Questo che cosa prova, e quale conseguenza si potrebbe trarne? Il
capitano della Jane esistito soltanto nell'immaginazione di Edgar
Poe, mentre il capitano dell'Halbrane vivente e come! Tutt'e due
non hanno in comune che questo nome di Guy, molto diffuso in Gran
Bretagna. Io penso, senza dubbio, che quel caso di omonimia ha
turbato il cervello del nostro sfortunato capitano! Si sar
immaginato di appartenere alla famiglia del comandante della
Jane! s! ecco ci che l'ha condotto in questa terribile situazione
ecco perch si commuove sulla sorte dei naufraghi immaginari!
Sarebbe stato interessante sapere se Jem West fosse al corrente di
quel particolare stato di cose, se il suo capo gli avesse mai parlato di
quelle pazzie sulle quali mi aveva intrattenuto. Era una questione
molto delicata poich riguardava lo stato mentale del capitano Len
Guy. Del resto con il secondo ogni discorso era molto difficile, e
inoltre su quell'argomento esso presentava anche alcuni pericoli
Mi mantenevo dunque in uno stretto riserbo. Dopo tutto, non
dovevo sbarcare a Tristan da Cunha, e la mia traversata a bordo della
goletta non doveva finire tra qualche giorno? In verit, per, non
avrei mai immaginato di dovermi imbattere un giorno in un uomo
che ritenesse per vere le avventure romanzate di Edgar Poe.
L'indomani, 22 agosto, dopo avere lasciato sulla sinistra, alle
prime luci dell'alba, l'isola Marion e il vulcano che si eleva alla sua
estremit meridionale a un'altezza di 4.000 piedi, si scorsero i primi
contorni dell'isola Principe Edoardo a 46 53' di latitudine sud, e 37
46' di longitudine est. Quell'isola rimaneva sulla nostra destra; poi,
dodici ore dopo, le sue ultime alture scomparvero nelle nebbie della
sera.
L'indomani lHalbrane fece rotta verso nord-ovest, verso il
parallelo pi settentrionale dell'emisfero sud, che doveva raggiungere
nel corso di questo viaggio.
CAPITOLO V
IL ROMANZO DI EDGAR ALLAN POE
Ecco, in breve, l'analisi del celebre lavoro del nostro romanziere
americano, che era stato pubblicato a Richmond con questo titolo:

Avventure di Arthur Gordon Pym.

indispensabile che lo riassuma in questo capitolo, cos si
constater se c'era da dubitare che le avventure di questo eroe fossero
immaginarie. Del resto, fra i numerosi lettori di quest'opera ce n'
forse uno solo che abbia creduto alla sua veridicit, se non il capitano
Len Guy?
Edgar Poe ha messo il racconto sulle labbra del suo personaggio
principale. Nella prefazione del libro Arthur Pym racconta che al
ritorno dal suo viaggio nei mari antartici incontr, fra alcuni
gentiluomini della Virginia che si interessavano alle scoperte
geografiche, Edgar Poe, allora editore del Southern Literary
Messenger, a Richmond. Questi avrebbe ottenuto da Gordon Pym
l'autorizzazione di pubblicare sul suo giornale come opera di
fantasia la prima parte delle sue avventure. Poich questa
pubblicazione fu accolta favorevolmente dal pubblico fece seguito un
volume che conteneva l'intero viaggio e venne divulgato con la firma
di Edgar Poe.
Come risultato dal mio colloquio con il capitano Len Guy,
Arthur Gordon Pym nacque a Nantucket, dove frequent la scuola di
New Bedford fino all'et di sedici anni.
Avendo lasciato questa scuola per l'accademia del signor E.
Ronald, fu l che conobbe il figlio del capitano di marina Augustus
Barnard, maggiore di lui di due anni. Questo giovanetto aveva gi
accompagnato suo padre a bordo di una baleniera nei Mari del Sud e
non cessava di aumentare l'immaginazione d'Arthur Pym con il
racconto della sua spedizione marittima.
Dunque, da questa amicizia dei due giovani che sarebbe nata
l'irresistibile passione di Arthur Pym per i viaggi avventurosi e
quell'istinto che lo spingeva specialmente verso le alte zone
dell'Antartico.
La prima avventura di Augustus Barnard e di Arthur Pym fu una
scorribanda a bordo di una imbarcazione a vela, l'Ariel, armata a
sloop,
7
che apparteneva alla famiglia di Barnard. Una sera, ambedue
molto brilli, Con un tempo abbastanza freddo nel mese di ottobre,
s'imbarcarono furtivamente, alzarono il fiocco e la gran vela maestra
e con il vento in poppa si diressero verso il mare aperto con una
fresca brezza di sud-ovest.
Si scaten una violenta tempesta quando l'Ariel agevolato dal
riflusso della marea aveva gi perduto di vista la terra. I due
imprudenti ragazzi continuavano ad essere ubriachi. Nessuno stava al
timone, la vela non era spiegata. Cos, sotto l'impeto di furiose
raffiche di vento l'albero dell'imbarcazione venne abbattuto. Poi poco
dopo apparve una grande nave che pass sull'Ariel come quest'ultima
sarebbe passata sopra una penna galleggiante.
In seguito a questa collisione, Arthur Pym narra pi precisi
particolari sul suo salvataggio e su quello del suo compagno,
salvataggio che venne eseguito in condizioni molto difficili. Infine,
grazie al secondo del Penguin di New London, che giunse sul luogo
dell'incidente, i due compagni vennero raccolti quasi morti e
ricondotti a Nantucket.
Io non voglio mettere in dubbio che questa avventura abbia i
caratteri di un fatto veramente accaduto. Era un abile preambolo ai
capitoli che sarebbero seguiti. Ugualmente, in questi, fino al giorno
in cui Arthur Pym oltrepass il circolo polare il racconto pu a rigore
essere considerato vero. Avvengono tali fatti, l'ammissibilit dei
quali non in disaccordo con la verosimiglianza. Ma oltre il circolo
polare, sopra la banchisa australe tutt'altra cosa e se l'autore non ha
fatto uso della sua immaginazione io voglio essere Continuiamo.

7
L'imbarcazione aveva una coperta parziale e portava all'unico albero una randa
(vela maestra) e un fiocco. (N.d.T.)
Questa prima avventura non aveva calmato gli spiriti dei giovani.
Arthur Pym si entusiasmava sempre pi alle storie di mare che
Augustus Barnard gli raccontava, bench egli le considerasse piene
di esagerazioni.
Otto mesi dopo la tragedia dell'Ariel, nel giugno 1827, il
brigantino Grampus venne equipaggiato dalla compagnia Lloyd e
Vredenburg per la pesca della balena nei Mari del Sud. Questo
brigantino era una vecchia carcassa mal raddobbata, di cui il signor
Barnard, il padre di Augustus, ebbe il comando. Suo figlio, che
doveva accompagnarlo in questo viaggio, insistette vivamente con
Arthur Pym perch lo seguisse. Questi non domandava di meglio: ma
la sua famiglia, specialmente sua madre, non si sarebbe mai convinta
a lasciarlo partire.
Ci non era sufficiente per smorzare l'entusiasmo di un ragazzo
intraprendente, non molto preoccupato di sottomettersi alla volont
del padre. Le insistenze di Augustus gli frullavano nel cervello. Cos
si decise a imbarcarsi di nascosto sul Grampus, poich il signor
Barnard non avrebbe accondisceso ad affrontare il divieto della sua
famiglia. Prese congedo dai parenti, adducendo come scusa di essere
stato invitato da un amico a trascorrere qualche giorno nella sua casa
di New Bedford, e si mise in viaggio. Quarantott'ore prima della
partenza del brigantino era riuscito a salirvi a bordo, dove si era
sistemato in un nascondiglio preparatogli da Augustus all'insaputa di
suo padre e di tutto l'equipaggio.
La cabina di Augustus Barnard comunicava attraverso una botola
con la stiva del Grampus, ingombra, di barili, di balle e di mille altri
oggetti. Fu attraverso questa botola che Arthur Pym era riuscito a
raggiungere il suo nascondiglio; una semplice cassa, della quale una
delle pareti laterali poteva essere tolta a piacimento. Questa cassa
conteneva un materasso, qualche coperta, una grossa caraffa piena
d'acqua, e per quanto riguarda i viveri: biscotti, salsicce, un quarto di
montone arrosto, una mezza dozzina di bottiglie di cordiali e di
liquori; e anche l'occorrente per scrivere.
Arthur Pym munito di una lanterna, con abbondante riserva di
candele e di fiammiferi, rimase tre giorni e tre notti nel suo
nascondiglio. Augustus Barnard pot venire a trovarlo solo nel
momento in cui il Grampus stava per spiegare le vele.
Un'ora dopo Arthur Pym cominci a sentire il rollio e il
beccheggio del brigantino. Poich stava molto scomodo in fondo a
quella cassa stretta ne usc fuori e, nell'oscurit, reggendosi a una
corda tesa attraverso la stiva fino alla botola della cabina del suo
compagno, riusc a sbrogliarsi in mezzo a quel caos. Poi, dopo avere
fatto ritorno alla sua cassa, mangi e si addorment.
Passarono parecchi giorni senza che Augustus Barnard si fosse
fatto vivo. O non era potuto ridiscendere nella stiva, o non aveva
osato nel timore di tradire la presenza di Arthur, pensando che non
fosse ancora giunto il momento di confessare tutto al signor Barnard.
Intanto Arthur Pym in quell'atmosfera calda e viziata cominciava
a soffrire. Incubi terrificanti turbavano il suo cervello. Si sentiva
svenire; cercava invano attraverso quel guazzabuglio di merci e di
casse accatastate nella stiva qualche punto dove avesse potuto
respirare pi liberamente. Fu durante uno di questi incubi che egli
credette di venire afferrato dalle unghie di un leone dei tropici e, nel
parossismo dello spavento, stava per tradirsi gridando quando
perdette i sensi.
La verit era ch'egli non sognava. Non era un leone che Arthur
Pym sentiva sul suo petto, era un giovane cane di pelo bianco, Tiger,
il suo Terranova che era stato fatto salire a bordo da Augustus
Barnard, senza essere visto da nessuno; circostanza molto
inverosimile, bisogna convenirne. In quel momento il fedele animale,
che aveva potuto raggiungere il suo padrone, gli leccava il viso e le
mani con il massimo ardore e con tutte le pi pazze dimostrazioni di
affetto e di gioia.
Il prigioniero aveva dunque un compagno. Sfortunatamente
durante il suo svenimento questi aveva bevuto l'acqua della caraffa, e
quando Arthur Pym volle dissetarsi, essa non ne conteneva pi una
sola goccia. La sua lanterna era spenta, poich lo svenimento era
durato parecchi giorni; non trovando pi i fiammiferi n le candele,
decise di mettersi in contatto con Augustus Barnard. Quantunque
fosse estremamente debole, per quel senso di soffocamento e per
l'inedia, egli usc dal nascondiglio e aiutandosi con la corda cerc di
raggiungere la botola. Ma nel tragitto una delle casse della stiva
aveva perso l'equilibrio per il rollio ed era caduta impedendogli il
passaggio. Fece grandi sforzi per superare quell'ostacolo, ma
inutilmente, poich arrivato alla botola, situata sotto la cabina di
Augustus Barnard, non pot sollevarla. Infatti, avendo introdotto il
coltello attraverso una delle commessure si rese conto che una
pesante massa di ferro posava sulla botola, come se avessero voluto
murarla. Cos dovette rinunciare al suo progetto, e trascinandosi con
fatica ritorn verso la cassa dove cadde esausto mentre Tiger
continuava a leccarlo.
Il padrone e il cane morivano di sete, e quando Arthur Pym
stendeva la mano trovava Tiger disteso sul dorso, con le zampe
all'aria e il pelo leggermente sollevato. Mentre lo stava tastando sent
sotto le dita una cordicella legata intorno al corpo del cane. A questa
cordicella era attaccata una strisciolina di carta, precisamente sotto la
spalla sinistra dell'animale.
Arthur Pym si sentiva all'ultimo stato di debolezza. La sua mente
era indebolita e sconvolta. Frattanto, dopo parecchi tentativi
infruttuosi per procurarsi un po' di luce, arriv a stropicciare la carta
con i fiammiferi di fosforo trovati in un barile e qui non si pu
immaginare con quali minuziosi particolari Edgar Poe si dilunghi a
raccontare quel fatto. A un tratto queste parole spaventose
apparvero le ultime otto parole di una frase, che una debole luce
rischiar per un quarto di secondo: sangue resta nascosto ne
va della tua vita
Si pu ben immaginare la situazione di Arthur Pym in fondo alla
stiva, fra le pareti di quella cassa, senza luce, senza acqua, avendo a
disposizione soltanto dei liquori per spegnere la sete! E quella
raccomandazione che gli ingiungeva di restare nascosto, preceduta
dalla parola sangue: quella parola di una gravit estrema, cos ricca
di misteri, di dolori, di terrore! C'era dunque stata una lotta a bordo
del Grampus? Il brigantino era stato assalito dai pirati? C'era
stata una rivolta dell'equipaggio? Da quanto tempo durava questa
terribile situazione?
Si potrebbe credere che in questo tremendo stato di cose al
prodigioso romanziere mancassero le risorse della sua facolt
immaginativa Niente affatto! Il suo grande genio riuscito ad
andare oltre!
Infatti, ecco che Arthur Pym, disteso sul materasso, in preda a una
specie di letargo, ode un soffio singolare, continuo Tiger che
respira, ansimando. Tiger i cui occhi risplendono in mezzo
all'ombra Tiger che digrigna i denti Tiger che arrabbiato.
Arthur Pym, al colmo dello spavento, riprende abbastanza forza
per sfuggire alle morsicature dell'animale che gli balza alla gola.
Dopo essersi avvolto in una coperta, strappata dalle candide zanne
del cane, si slancia fuori della cassa la cui porta si richiude sopra
Tiger, che si dibatte furioso tra le pareti
Arthur Pym riesce a districarsi fra le casse della stiva. Si sente
svenire gli gira la testa e alla fine cade su una cassa, mentre il
coltello gli sfugge dalle mani.
Nel momento in cui stava forse per esalare l'ultimo respiro gli
sembr di sentir pronunciare il suo nome Una bottiglia d'acqua
avvicinata alla sua bocca si vuot fra le labbra Riprese i sensi dopo
avere sorseggiato lungamente e senza interruzione quella squisita
bevanda: la pi completa delle volutt che sia dato godere
Qualche minuto dopo, in un angolo della stiva, al chiarore di una
lanterna cieca, Augustus Barnard raccontava al suo compagno ci
che era accaduto a bordo dopo la partenza del brigantino.
Fin qui questa storia ammissibile, lo ripeto; ma non siamo
ancora giunti a quegli avvenimenti, la cui eccezionalit mette in
dubbio che si possano definirli verosimili.
L'equipaggio del Grampus si componeva di trentasei uomini,
compresi Barnard padre e figlio. Dopo che il brigantino si era messo
alla vela, il 20 giugno, Augustus Barnard aveva fatto parecchi
tentativi per raggiungere Arthur Pym nel suo nascondiglio, ma
invano. Dopo tre o quattro giorni un ammutinamento era scoppiato a
bordo. Era il capocuoco che lo guidava: un negro come il nostro
Endicott dellHalbrane , il quale, mi affretto a dirlo, non per il
tipo da effettuare un atto di rivolta.
Numerosi incidenti sono raccontati nel romanzo, massacri che
costarono la vita alla maggior parte dei marinai rimasti fedeli al
capitano Barnard; poi, lungo la traversata delle Bermude, in una delle
baleniere piccole erano stati abbandonati il capitano e quattro uomini
di cui non si doveva avere pi notizie.
Augustus Barnard non sarebbe stato certamente risparmiato senza
l'intervento del mastro velaio del Grampus, Dirk Peters, un meticcio
della trib degli Upsaroka, figlio di un mercante di pelli e di una
indiana delle Black Hills (Montagne Nere), quello stesso che il
capitano Len Guy aveva avuto la pretesa di ritrovare nell'Illinois
Il Grampus fece rotta verso sud-ovest, al comando del secondo, la
cui intenzione era di compiere azioni piratesche correndo i Mari del
Sud.
Durante questi avvenimenti, Augustus Barnard avrebbe voluto
recarsi da Arthur Pym, ma l'avevano rinchiuso nell'alloggio
dell'equipaggio con i ferri ai piedi e alle mani, e il capocuoco gli
aveva assicurato che sarebbe uscito di l soltanto quando il
brigantino non sarebbe stato pi un brigantino.
Ci nonostante qualche giorno dopo Augustus Barnard riusc a
liberarsi dalle manette, ad abbattere la piccola tramezza che lo
separava dalla stiva e, seguito da Tiger, cerc di arrivare fino al
nascondiglio del suo compagno. Non era riuscito nel suo intento ma
per fortuna il cane aveva sentito Arthur Pym, il che sugger ad
Augustus Barnard l'idea di attaccare al collo di Tiger un biglietto con
su scritte queste parole: Scrivo questo con il sangue resta
nascosto ne va della tua vita
Sappiamo che Arthur Pym aveva ricevuto quel biglietto. Fu allora
che, morente di fame e di sete, egli riusc a scivolare nella stiva dove
il rumore del coltello, sfuggitogli dalle mani, attir l'attenzione del
suo compagno che pot finalmente arrivare fino a lui.
Augustus Barnard, dopo avere raccontato questi fatti ad Arthur
Pym, aggiunse che la discordia regnava fra gli ammutinati. Gli uni
volevano condurre il Grampus verso le isole di Capo Verde; gli altri,
e Dirk Peters fra essi, erano decisi a fare vela verso le isole del
Pacifico. ( Quanto al cane Tiger, che il suo padrone aveva creduto
idrofobo, non lo era affatto. Una terribile sete lo aveva ridotto in
quello stato di sovraeccitazione, e sarebbe forse stato colpito da
idrofobia se Augustus Barnard non lo avesse ricondotto sul cassero
prodiero. L'autore fa a questo punto un'importante digressione su
come viene effettuato lo stivaggio delle merci nelle navi mercantili,
importante operazione da cui dipende in gran parte la sicurezza a
bordo. Ora quello del Grampus era stato eseguito molto
grossolanamente, il materiale si muoveva a ogni oscillazione, e
Arthur Pym rischiava continuamente la vita gi nella stiva.
Fortunatamente con l'aiuto di Augustus Barnard egli pot
raggiungere un angolo del corridoio vicino al posto dell'equipaggio.
Frattanto il meticcio non cessava di comportarsi amichevolmente
con il figlio del capitano Barnard. Perci Augustus cominciava a
nutrire la speranza che con l'aiuto del mastro velaio si sarebbe potuto
riprendere possesso del brigantino
Tredici giorni erano passati dalla partenza da Nantucket, quando il
4 luglio una violenta discussione scoppi fra gli ammutinati a
proposito di un piccolo brigantino segnalato al largo, che gli uni
volevano inseguire e gli altri lasciar perdere. Ne segu la morte di un
marinaio appartenente alla fazione del capocuoco per la quale
parteggiava Dirk Peters, fazione opposta a quella del secondo. ' A
bordo c'erano ora soltanto tredici uomini compreso Arthur Pym.
Fu in queste circostanze che una terribile tempesta venne a turbare
quei luoghi. Il Grampus, paurosamente sballottato, faceva acqua
dalle giunzioni fra le tavole del fasciame. Bisognava far funzionare
costantemente la pompa e anche applicare una vela sotto prora, per
evitare che lo scafo si riempisse d'acqua.
La burrasca termin il 9 luglio, e poich quel giorno Dirk Peters
aveva manifestato l'intenzione di sbarazzarsi del secondo, Augustus
Barnard lo assicur del suo aiuto senza tuttavia rivelargli la presenza
a bordo di Arthur Pym.
L'indomani uno dei marinai fedeli al capocuoco, di nome Rogers,
mor i fra atroci spasimi, e nessuno dubit che il secondo l'avesse
avvelenato.
Il capocuoco poteva contare allora soltanto su quattro uomini, fra i
quali Dirk Peters. Il secondo ne aveva cinque e probabilmente
avrebbe finito per prevalere sull'altra fazione. Non c'era un minuto da
perdere.
Dato che il meticcio aveva dichiarato ad Augustus Barnard che il
momento di agire era giunto, questi gli rivel allora tutto ci che
concerneva Arthur Pym.
Ora, mentre tutt'e due discutevano sul modo di entrare in possesso
del brigantino, una forte raffica lo fece sbandare su un fianco. Il
Grampus, tuttavia, poggiando si raddrizz dopo avere imbarcato
parecchia acqua.
L'occasione sembr favorevole per porre in atto il progetto,
quantunque gli ammutinati si fossero rappacificati fra di loro. Nel
castello di prua c'erano tre uomini: Dirk Peters, Augustus Barnard e
Arthur Pym, mentre nel quadrato erano in nove.
Solo il mastro velaio aveva due pistole e un coltello da marinaio:
da ci la necessit di agire con la massima cautela.
Arthur Pym, di cui gli ammutinati non potevano supporre la
presenza a bordo, ebbe allora una brillante idea che aveva qualche
speranza di riuscita. Siccome il cadavere del marinaio avvelenato
giaceva ancora sul ponte, egli pens che indossando i suoi abiti e
comparendo in mezzo a quei superstiziosi marinai li avrebbe
probabilmente terrorizzati e sottomessi ai voleri di Dirk Peters
Era notte buia quando il meticcio si diresse verso poppa. Dotato di
una forza prodigiosa egli si precipit sul timoniere e con un solo
colpo lo scaravent oltre la murata. Augustus Barnard e Arthur Pym
lo raggiunsero subito, ambedue armati di una manovella della
pompa.
Lasciando Dirk Peters al posto del timoniere, Arthur Pym
travestito in modo da impersonare il cadavere di Rogers e il suo
compagno andarono ad appostarsi presso l'ingresso della scala che
metteva nel quadrato.
Il secondo, il capocuoco e gli altri erano tutti l, alcuni
addormentati, alcuni intenti a bere o a parlare, tenendo a portata di
mano pistole e fucili.
La tempesta infuriava ed era impossibile stare in piedi sul ponte.
In quel momento il secondo diede ordine di andare a cercare
Augustus Barnard e Dirk Peters, ordine che venne trasmesso al
timoniere, il quale altri non era che il mastro velaio. Questi e Barnard
figlio discesero nel quadrato dove Arthur Pym non tard a comparire.
L'effetto prodotto da quella improvvisa apparizione fu prodigioso.
Il secondo, spaventato alla vista del marinaio risuscitato, si alz,
agit le mani in aria e ricadde morto stecchito. Allora Dirk Peters si
precipit sugli altri aiutato da Augustus Barnard, da Arthur Pym e
dal cane Tiger.
In pochi istanti tutti furono uccisi o strangolati, ad eccezione del
marinaio Richard Parker al quale fecero grazia della vita.
E cos, nel momento in cui la tempesta imperversava con pi
violenza c'erano solo quattro uomini a bordo del brigantino, il quale
faticava paurosamente avendo imbarcato sette piedi d'acqua nella
stiva. Si rese necessario tagliare l'albero di maestra e il mattino
seguente abbattere anche quello di trinchetto.
Giornata spaventevole e notte ancora pi terribile! Se Dirk Peters
e i suoi tre compagni non si fossero solidamente rizzati ai resti
dell'argano, sarebbero stati trascinati via da un'enorme massa d'acqua
che aveva allagato i boccaporti del Grampus.
L'autore, poi, continua a descrivere nel corso del romanzo la serie
minuziosa d'incidenti che quella tragica situazione doveva causare
dal 14 luglio al 7 agosto: tentativo di pescare i viveri nella stiva piena
d'acqua; arrivo di un brigantino misterioso che, carico di cadaveri,
appesta con il suo fetore l'atmosfera e si allontana come un enorme
feretro in balia d'un vento di morte; tormenti di fame e di sete;
impossibilit di raggiungere il deposito delle provviste; estrazione a
sorte con la quale si decise che Richard Parker sarebbe stato
sacrificato per salvare la vita agli altri tre; morte di quell'infelice
colpito da Dirk Peters divorato Infine qualche alimento: un
prosciutto, una giara piena d'olive vengono ricuperati dalla stiva, poi
una piccola tartaruga A causa dello spostamento del suo carico il
Grampus fa balzi sempre pi violenti In quei luoghi il calore
talmente insopportabile che le torture della sete raggiungono l'ultimo
grado che un uomo possa sopportare
Augustus Barnard mor il 1 agosto Il brigantino si capovolse
nella notte dal 3 al 4 Arthur Pym e il meticcio, rifugiati sulla
chiglia rovesciata, furono costretti a nutrirsi di crostacei che
ricoprivano tutta la carena, circondati da torme di pescicani che li
aspettavano Finalmente apparve la goletta Jane di Liverpool,
comandata dal capitano William Guy, quando i naufraghi erano stati
trasportati a non meno di 25 gradi verso il Sud
Evidentemente l'ammettere la realt di tali fatti non per nulla
sconveniente, bench il racconto drammatico di queste situazioni
raggiunga l'inverosimile senza sorprendere affatto il lettore
trattandosi della penna prodigiosa del romanziere americano. Ma a
partire da questo momento si pu constatare se la pi piccola
verosimiglianza riscontrabile nella successione degli incidenti che
seguirono.
Arthur Pym e Dirk Peters, raccolti a bordo della goletta inglese,
furono ben trattati con tutta la considerazione che le loro pietose
condizioni richiedevano. In capo a una quindicina di giorni, rimessi
dall'effetto delle terribili sofferenze, non se ne ricordavano pi,
tanto la potenza d'oblio proporzionata all'energia del contrasto.
Con alternativa di buono e di cattivo tempo, il 13 ottobre la Jane
giunse in vista dell'isola Principe Edoardo, poi delle isole Crozet in
una direzione opposta a quella dell'Halbrane, infine le isole
Kerguelen, che io avevo lasciato quindici giorni prima.
Vennero impiegate tre settimane per la caccia alle foche, di cui la
goletta fece un buon carico. Fu durante questa sosta che il capitano
della Jane deposit quella bottiglia, nella quale il suo omonimo
dell''Halbrane pretendeva di avere trovato una lettera, in cui William
Guy annunciava la sua intenzione di visitare i mari australi.
Il 12 novembre la goletta lasci le Kerguelen e risal all'Ovest
verso Tristan da Cunha, come stavamo facendo noi in quel momento.
Essa raggiunse l'isola quindici giorni dopo, vi si ferm una settimana,
e il 5 dicembre parti alla ricerca delle isole Aurora a 53 15' di
latitudine sud e 47 58' di longitudine ovest, terre inesplorate e delle
quali non riusc a trovare traccia.
Il 12 dicembre la Jane si diresse verso il polo antartico. Il 26
vennero avvistati i primi iceberg al di l del 73 e fu riconosciuta
l'immensa banchisa.
Dal 1 al 14 gennaio 1828 la goletta dovette compiere un giro
difficile, passando il circolo polare in mezzo ai ghiacci, e,
oltrepassata la banchisa, navig poi in un mare aperto senza ombra di
ghiaccio, il famoso mare libero scoperto a 81 21' di latitudine sud e
42 di longitudine ovest, con una temperatura di 47 Fahrenheit (8,
33 C sopra zero) e quella dell'acqua di 34 (1, 11 C sopra zero).
Si converr che Edgar Poe ha descritto tutto ci ispirandosi alla
sua fantasia. Mai nessun navigatore era giunto a tali latitudini,
nemmeno il capitano James Weddell della marina britannica, che non
oltrepass il 74 parallelo nel 1822.
Ma se gi difficile accettare per vero quel viaggio della Jane lo
sono maggiormente gli incidenti che accaddero in seguito!
E quegli incidenti straordinari Arthur Pym altrimenti detto
Edgar Poe li racconta con una tale semplicit che nessuno pu
metterli in dubbio. In verit non dubitava di giungere fino al polo!
Dapprima essi avvistano un solo iceberg su quel mare fantastico.
Innumerevoli stormi di uccelli ne sorvolavano la superficie, fra gli
altri un pellicano che venne ucciso con un colpo di fucile
Incontrarono poi, sopra un banco di ghiaccio ve ne erano dunque
ancora? un orso della specie artica ma assai pi grosso del pi
grosso di quei bestioni Infine la terra fu scorta da prua a dritta
Era un isolotto basso, roccioso che poteva misurare una lega di
circonferenza, al quale fu dato il nome di isolotto Bennet, in onore
del socio del capitano e comproprietario della Jane.
Quell'isolotto era situato a 82 50' di latitudine sud, e a 42 20' di
longitudine ovest, dice Arthur Pym nel suo giornale. Io invito per
gli studiosi di idrografia a non preparare una carta nautica dei mari
antartici basandosi su dati cos fantastici!
Naturalmente, a mano a mano che la goletta si spingeva a sud, la
variazione della bussola continuava a diminuire via via che
avanzavano mentre invece la temperatura dell'aria e dell'acqua si
faceva sempre pi mite, il cielo era sempre chiaro e dal nord soffiava
sempre una brezza costante e assai lieve.
Disgraziatamente sintomi di scorbuto si erano manifestati fra gli
uomini dell'equipaggio e forse, senza l'insistenza di Arthur Pym, il
capitano William Guy sarebbe tornato indietro.
naturale che sotto quella latitudine e nel mese di gennaio fosse
continuamente giorno, e la Jane fece bene a continuare la sua
avventurosa spedizione, poich il 18 gennaio a 83 20' di latitudine e
43 5' di longitudine avvistarono di nuovo terra.
Era un'isola che faceva parte di un gruppo numeroso, sparpagliato
verso l'Ovest.
Circa quattro ore dopo avere avvistato la terra gettarono l'ancora
in sei braccia di profondit. Le imbarcazioni pi grosse furono calate.
Arthur Pym e Dirk Peters discesero in una di esse, e si arrestarono
davanti a quattro canoe, cariche di uomini armati: di uomini nuovi,
dice il romanzo.
Nuovi infatti erano quegli indigeni dalla pelle nera come
l'inchiostro, rivestiti di una pelle di uno sconosciuto animale nero:
sembrava che provassero un'istintiva ripugnanza per il colore
bianco. Mi domando fino a che punto sar mai arrivata questa loro
ripugnanza durante l'inverno? La neve, se ne cadeva, era forse
nera, ed erano forse neri i ghiacci, se pure vi si formavano? Tutto
ci pura immaginazione! Intanto quegli isolani, senza
manifestare atteggiamenti ostili, non cessavano di gridare: Anamoo-
moo! e Lama-Lama! Quando le loro canoe si furono accostate alla
goletta, il capo Too-Wit ottenne di salire a bordo con una ventina dei
suoi compagni. Subito manifestarono una straordinaria meraviglia,
poich credevano che la Jane fosse un essere vivente, di cui
accarezzarono gli attrezzi, l'alberatura e i parapetti. Guidati da loro,
attraverso la scogliera, raggiungemmo una baia il cui fondo era di
sabbia nera: qui la goletta gett l'ancora, a un miglio dalla spiaggia e
il capitano William Guy, avendo avuto cura di trattenere alcuni
ostaggi a bordo, sbarc sulla riva rocciosa del litorale.
Che isola, a credere ad Arthur Pym, quell'isola Tsalal! Gli alberi
non assomigliavano ad alcun tipo di vegetazione delle diverse zone
del nostro globo. Le rocce presentavano nella loro composizione una
stratificazione sconosciuta dai moderni studiosi di mineralogia. Sul
letto dei ruscelli scorreva una sostanza liquida, senza parvenza di
limpidezza, striata di vene distinte, le quali non si riunivano con una
coesione immediata quando si separavano con una lama di
coltello!
Dovemmo percorrere tre miglia per raggiungere Klock-Klock, il
principale villaggio dell'isola. Le abitazioni erano quanto di pi
misero si possa immaginare, formate unicamente di pelli nere; si
vedevano animali domestici simili al nostro maiale: una specie di
montone dal manto nero; volatili di varie specie, albatri
addomesticati, anitre, tartarughe, galapagos in gran numero.
Arrivando a Klock-Klock, il capitano William Guy e i suoi
compagni trovarono una popolazione che Arthur Pym calcola
all'incirca sulle diecimila anime, fra uomini, donne e fanciulli, i quali
anche se non erano da temersi, dovevano essere tenuti alla debita
distanza tanto erano rumorosi e turbolenti. Infine, dopo una lunga
sosta nella capanna di Too-Wit, ritornarono verso riva, dove le pulci
di mare quei molluschi tanto ricercati dai cinesi, e che qui si
trovavano pi in abbondanza che in qualsiasi altra parte delle regioni
australi dovevano fornire un abbondante carico mai fatto prima
d'ora.
Fu a questo proposito che i componenti l'equipaggio cercarono di
entrare in trattative con Too-Wit. Il capitano William Guy gli chiese
il permesso di costruire dei locali adatti, dove qualcuno degli uomini
della Jane potesse preparare i molluschi raccolti mentre la goletta
continuava la sua rotta verso il polo.
Too-Wit accett volentieri quella proposta e concluse un
contratto, stipulato il quale gli indigeni prestarono la loro
collaborazione per la raccolta dei preziosi molluschi.
Alla fine di un mese i preparativi erano terminati e furono scelti
tre uomini per soggiornare a Tsalal. Non c'era mai stata occasione di
nutrire l'ombra di un sospetto nei confronti degli indigeni. Prima di
prendere congedo, il capitano William Guy volle ritornare un'ultima
volta al villaggio di Klock-Klock, dopo avere lasciato a bordo
prudentemente sei uomini, i cannoni carichi, le reti di protezione
contro gli abbordaggi armate, l'ancora a picco. I marinai avevano
l'ordine di opporsi a qualsiasi manovra di avvicinamento degli
indigeni.
Too-Wit, accompagnato da un centinaio di guerrieri, si present
dinanzi ai visitatori. Risalirono insieme la stretta gola di un burrone,
fra due colline di steatite che Arthur Pym non aveva visto in nessun
altro luogo. Bisogn seguire mille sinuosit lungo il pendio alto da
60 a 80 piedi e largo una quarantina.
Il capitano William Guy e i suoi senza troppa paura, nonostante il
posto fosse adatto per un'imboscata, camminavano compatti, l'uno a
fianco dell'altro.
A destra, un po' in avanti, erano Arthur Pym, Dirk Peters e un
marinaio chiamato Allen.
Arthur Pym, arrivato a una spaccatura che si apriva nel fianco
della collina, ebbe l'idea di entrarvi per raccogliervi alcune nocciole
che pendevano a grappoli da alcuni alberi contorti. Fatto ci, stava
per ritornare sui suoi passi quando si accorse che il meticcio e Allen
io avevano seguito. Tutti e tre si disponevano a raggiungere l'entrata
di quell'apertura, quando una violenta e improvvisa scossa li
rovesci. Nello stesso tempo le masse della collina si sprofondarono,
e in quell'attimo venne loro il pensiero di essere sepolti vivi
Vivi tutti e tre? No! Allen era stato completamente sepolto sotto
i detriti e non respirava pi.
Trascinandosi sulle ginocchia, scavando degli scalini nella pietra
tenera con i coltelli, Arthur Pym e Dirk Peters riuscirono ad
aggrapparsi a delle piccole sporgenze di roccia schistosa un po' pi
resistente, e alla fine riuscirono a raggiungere una piattaforma
naturale all'estremit di un burrone ammantato di fitta vegetazione,
da cui si scorgeva un pezzetto di cielo azzurro. Da l i loro sguardi
poterono abbracciare tutto il paesaggio circostante.
Si era prodotta una frana artificiale, fatta precipitare ad arte da
quegli indigeni.
Il capitano William Guy e i suoi ventotto compagni, schiacciati
sotto pi di un milione di tonnellate di terra e di pietre, erano
scomparsi.
Tutta la zona circostante brulicava di selvaggi venuti dalle isole
vicine, senza dubbio, e attratti dal desiderio di saccheggiare la Jane.
Settanta canoe a bilanciere si stavano dirigendo allora verso la
goletta. I sei uomini rimasti a bordo inviarono contro di loro una
prima bordata mal diretta, poi una seconda di mitraglia e di palle
ramate, il cui effetto fu terribile. Ci nonostante la Jane venne
assalita e data alle fiamme: i suoi difensori furono massacrati in un
baleno. Alla fine avvenne una formidabile esplosione allorch le
polveri presero fuoco: esplosione che distrusse un migliaio d'indigeni
e ne fer altrettanti, mentre i superstiti fuggivano gridando: Tkli-
li Tkli-li!
Per tutta la settimana seguente Arthur Pym e Dirk Peters, vivendo
di nocciole, di carne di tarabuso, di una variet di coclearia, poterono
sfuggire agli indigeni che non supponevano affatto la loro presenza.
Essi si trovavano in fondo a una specie di voragine nera, senza
uscita, scavata nella steatite e in una specie di marna frammista a una
sostanza metallica e granulosa.
Percorrendola, essi discesero attraverso una serie di abissi. Edgar
Poe ne traccia uno schizzo seguendo il loro piano geometrico, il cui
insieme riproduceva una parola di radice araba, che significa ente
bianco e la parola C che significa regione meridionale.
Come si vede l'autore americano ha qui raggiunto l'ultimo limite
che ha dell'inverosimile. Del resto non solo avevo letto e riletto
questo romanzo di Arthur Gordon Pym, ma conoscevo anche le altre
opere di Edgar Poe. Sapevo ci che bisognava pensare di quel genio
pi dotato di sensibilit che d'intelletto. Uno dei suoi critici ha scritto
di lui e con ragione: L'immaginazione in Poe la sovrana delle
facolt una facolt quasi divina, che comprende i rapporti intimi e
segreti delle cose, le corrispondenze e le analogie.
Quello che certo che tutti avevano considerato questo libro
soltanto come un'opera d'immaginazione! Dunque, a meno di
essere pazzi, come poteva un uomo come il capitano Len Guy
ammettere la realt di fatti puramente ispirati dalla fantasia?
Continuiamo il racconto.
Arthur Pym e Dirk Peters non potevano rimanere eternamente in
mezzo a quegli abissi: cos, dopo numerosi tentativi, decisero di
lasciarsi scivolare lungo uno dei fianchi della collina. Subito cinque
selvaggi si lanciarono su di loro. Ma grazie alle loro pistole, e grazie
al vigore straordinario del meticcio, quattro isolani furono uccisi. Il
quinto venne trascinato dai fuggiaschi, che riuscirono a raggiungere
un'imbarcazione ancorata alla riva e carica di tre grosse tartarughe.
Una ventina d'isolani, lanciatisi al loro inseguimento, tentarono
invano di bloccarli. Furono respinti e la canoa, munita delle solite
pagaie, prese il mare dirigendosi verso il Sud.
Arthur Pym navigava allora al di l dell'83 di latitudine australe.
Si era ai primi giorni di marzo, cio all'avvicinarsi dell'inverno
antartico.
Cinque o sei vele erano apparse all'Ovest e bisognava evitarle per
prudenza. L'opinione di Arthur Pym era che la temperatura si sarebbe
addolcita gradatamente in prossimit del polo. All'estremit delle due
pagaie, drizzate a guisa di alberi su ciascun capo di banda, venne
issata una vela fatta con le camicie legate insieme da Dirk Peters e
dal suo compagno: camicie bianche, il cui colore fece tremare di
spavento l'indigeno prigioniero che rispondeva al nome di Nu-Nu.
Per otto giorni si continu questa strana navigazione, favorita da una
dolce brezza di tramontana, con una luce permanente, sopra un mare
sul quale non si vedeva galleggiare alcun pezzo di ghiaccio; del resto,
grazie alla temperatura uguale e piuttosto alta dell'acqua, non se ne
era visto sia pure un solo pezzetto da quando avevano lasciato il
parallelo dell'isola di Bennet.
Fu allora che Arthur Pym e Dirk Peters entrarono in una regione
nuova e meravigliosa. All'orizzonte si scorgeva costantemente un'alta
fascia di vapori grigi e leggeri, solcata da lunghi raggi luminosi come
ne proiettano le aurore polari. Una forte corrente veniva in aiuto della
brezza. L'imbarcazione filava sopra una superficie liquida,
notevolmente calda e dall'apparenza lattiginosa, che sembrava agitata
dal fondo. Una finissima polvere bianca, simile a cenere, incominci
a cadere: questo fenomeno sconvolse di terrore Nu-Nu, le cui labbra
si aprivano sopra una dentatura nera
Il 9 marzo raddoppi la pioggia e aument la temperatura
dell'acqua in modo che non si poteva pi immergervi la mano.
L'immensa cortina di vapori, distesa sul lontano perimetro
dell'orizzonte meridionale, assomigliava a un'immensa cascata che
precipitava in silenzio dall'alto di qualche enorme bastione perduto
nelle altezze del cielo.
Dodici giorni dopo le tenebre pi fitte avvolgevano quei paraggi:
tenebre solcate da effluvi luminosi sorgenti dalle profondit
lattiginose dell'Oceano Antartico, dove si confondevano con
l'incessante pioggia di cenere
L'imbarcazione si avvicinava alla cateratta con un'impetuosa
velocit, di cui non indicata la causa nel racconto di Arthur Pym.
Alcune volte quel fitto velo si apriva lasciando scorgere dietro di
s un caos d'immagini fluttuanti e indistinte, scosse da potenti
correnti d'aria
In mezzo a queste terribili tenebre volavano stormi di uccelli
giganteschi, d'un livido biancore, che poi sparivano dalla nostra vista
emettendo il loro eterno Tkli-li. A queste strida il selvaggio, al
colmo dello spavento, esal il suo ultimo respiro.
A un tratto la canoa, presa da una pazza furia, precipita nelle
strette della cateratta, dove una voragine si spalanca come per
inghiottirla Ma ecco che sorge dinanzi ai due sventurati una figura
umana, avvolta in un sudario, di proporzioni pi grandi di qualsiasi
altro abitante della terra E la sua pelle aveva l'immancabile
candore della neve
Tale il riassunto di questo bizzarro romanzo nato dal genio
straordinario del pi grande romanziere del Nuovo Mondo. Dunque,
cos ch'esso finisce o piuttosto che non finisce.
Secondo il mio parere, nell'impossibilit d'immaginare un epilogo
a queste avventure cos straordinarie, si comprende perch Edgar Poe
abbia interrotto il racconto con la morte improvvisa e deplorevole
del suo eroe, lasciando sperare che se mai si fossero ritrovati i due o
tre capitoli mancanti, essi sarebbero stati rivelati al pubblico.

CAPITOLO VI
COME UN VELO CHE SI SOLLEVA!
LA NAVIGAZIONE dell'Halbrane non cessava di procedere con
l'aiuto della corrente e del vento. In quindici giorni, se continuavano
a persistere, la distanza che separa l'isola Principe Edoardo da quella
di Tristan da Cunha 2.300 miglia circa sarebbe stata superata e,
come aveva annunciato il nostromo, non sarebbe stato necessario
cambiare le vele una sola volta. L'invariabile brezza di sud-est ben
stabilita, qualche volta forza 7, non esigeva che una diminuzione
delle alte vele.
Del resto il capitano Len Guy lasciava a Jem West la cura di
manovrare e l'audace portatela mi si permetta questa espressione
non si decideva a prendere dei terzaruoli al momento in cui
l'alberatura minacciava di venire gi. Ma non avevo nulla da temere,
non c'era da dubitare sulla possibilit di qualche avaria con un
marinaio di tale abilit. Era troppo addestrato al mestiere!
Il nostro secondo non ha chi lo uguagli mi disse un giorno
Hurliguerly; meriterebbe di comandare una nave ammiraglia.
Infatti, risposi, Jem West mi sembra che sia un vero
uomo di mare..
E quale goletta la nostra Halbrane! Rallegratevi, signor
Jeorling, e ringraziatemi perch sono riuscito a convincere il capitano
Len Guy a cambiare parere nei vostri riguardi!
Se siete stato voi, nostromo, ad avere ottenuto questo risultato,
vi ringrazio di cuore!
Ne avete ben donde, poich esitava eccessivamente il nostro
capitano, nonostante le insistenze di mastro Atkins! Ma sono riuscito
a fargli intendere la ragione
Non lo dimenticher mai, non lo dimenticher mai, perch
grazie al vostro intervento, invece di annoiarmi alle Kerguelen non
tarder a giungere in vista di Tristan da Cunha
Tra qualche giorno, signor Jeorling. Vedete, d quello che ho
sentito dire, si occupano ora in Inghilterra e in America di battelli che
sono dotati di una macchina sistemata nel ventre e di ruote di cui si
servono come un'anitra si serve delle sue zampe! Va bene
usandole si potr accertare quanto valgano. mio parere per che
mai questi battelli potranno lottare con una bella fregata da sessanta,
che fili velocemente di bolina sotto vento teso. Il vento, caro signore,
basta anche quando bisogna stringerlo a cinque quarte e un buon
marinaio non ha certo bisogno di ruote per la sua nave!
Io non volevo affatto contraddire le idee del nostromo circa
l'impiego del vapore nella navigazione. Si era appena agli inizi e
l'elica non aveva ancora rimpiazzato le vele.
Quanto all'avvenire chi avrebbe potuto prevederlo?
In quel momento mi torn in mente che la Jane, quella Jane di cui
il capitano Len Guy mi aveva parlato come s fosse realmente
esistita, come se egli l'avesse vista con i suoi propri occhi, aveva
coperto precisamente in quindici giorni il tragitto dall'isola Principe
Edoardo a Tristan da Cunha. vero per che Edgar Poe disponeva a
suo piacimento dei venti e del mare.
Del resto, durante i quindici giorni che seguirono, il capitano Len
Guy non mi parl pi di Arthur Pym. Sembrava anzi che non mi
avesse mai parlato delle avventure di quell'eroe nei mari australi. Se
aveva sperato, d'altronde, di convincermi della loro autenticit,
avrebbe mostrato ben poca intelligenza. Io lo ripeto: come mai un
uomo di buon senso avrebbe acconsentito a discutere seriamente su
quegli avvenimenti? Nessuno, a meno di avere perso la ragione o di
essere fissato su quel caso speciale, come lo era Len Guy lo ripeto
per la decima volta nessuno poteva vedere nel racconto di Edgar
Poe altro che un'opera nata dalla sua fervida fantasia.
Immaginatevi! Riferendosi sempre a questo racconto, se una
goletta inglese si fosse spinta fino all'84 di latitudine sud, il suo
viaggio non avrebbe avuto la risonanza di un grande avvenimento
geografico? Arthur Pym, ritornato dalle terre dell'Antartide, non
avrebbe ottenuto maggiore notoriet di. Cook, Weddell, Biscoe? A
lui, come a Dirk Peters, i due passeggeri della Jane. che si sarebbero
spinti oltre questo famoso parallelo, non sarebbero stati resi onori
pubblici? E che cosa pensare di quel mare libero scoperto da
loro di quella furia eccezionale delle correnti che li aveva trascinati
verso il polo della temperatura anormale di quelle acque, riscaldate
sul fondo, che la mano non poteva sopportare di quella fascia di
vapori grigi distesa all'orizzonte di quella cateratta di vapori che si
apriva e dietro la quale apparivano figure di sovrumana
grandezza?
Senza parlare, poi, di questi particolari inverosimili, sarei stato
curioso di sapere come Arthur Pym e il meticcio erano riusciti a fare
ritorno da terre cos lontane; come la loro imbarcazione tsalaliana li
aveva ricondotti di l dal circolo polare; come, insomma, erano stati
raccolti e rimpatriati. Come mai il giornale di Arthur Pym non aveva
fatto menzione degli incidenti di quel ritorno quando con una fragile
canoa a pagaie avevano dovuto superare una ventina di gradi e
attraversare infiniti banchi di ghiaccio per raggiungere le terre pi
vicine? Ma, si dir, Arthur Pym morto prima di avere potuto
pubblicare gli ultimi capitoli del suo racconto va bene! dunque
verosimile che egli non ne abbia fatto parola all'editore del Southern
Literary Messenger? E perch Dirk Peters, che per parecchi anni
aveva risieduto nell'Illinois, avrebbe taciuto sull'epilogo di quelle
avventure? Forse avrebbe avuto qualche interesse a non parlare?
vero che il capitano Len Guy, come egli sosteneva, si era recato
a Vandalia, dove, secondo il romanzo, dimorava questo Dirk Peters,
e non lo aveva trovato Lo credo bene! Come Arthur Pym egli era
esistito Io ripeto soltanto nell'immaginazione del romanziere
americano Bisogna convenire che ci attesta la straordinaria
fantasia di quel genio, poich egli ha potuto dare un aspetto che
rasenta la realt a ci che era soltanto una finzione. Ci nonostante,
lo capivo benissimo, avrei fatto male a discutere di nuovo con il
capitano Len Guy, tormentato da quell'idea fissa, e a riprendere un
argomento sul quale non sarei riuscito a convincerlo.
Pi cupo, pi chiuso in se stesso, faceva la sua apparizione sul
ponte della goletta soltanto quando era necessario. E allora i suoi
sguardi percorrevano ostinatamente l'orizzonte meridionale, cercando
di penetrarvi
Forse credeva di vedere quel fitto velo di vapori, solcato di larghe
strisce, e le altezze del cielo coperte d'impenetrabili tenebre, e lampi
luminosi sorgere dalle profondit lattiginose del mare, e il gigante
bianco mostrargli la via attraverso le strette della cateratta
Che singolare maniaco era il nostro capitano! Fortunatamente,
all'infuori di questo argomento, la sua intelligenza conservava la pi
limpida lucidit. Quanto alle sue qualit di marinaio, esse si
mantenevano intatte, e i timori che avevo esternato nei suoi confronti
non minacciavano di realizzarsi.
Devo dire che ci che mi sembrava pi interessante da scoprire
era la ragione per la quale il capitano Len Guy mostrava tanto
interesse verso i presunti naufraghi della Jane.
Anche tenendo per vero il racconto di Arthur Pym, ammettendo
pure che la goletta inglese avesse attraversato quelle meravigliose
localit, a che scopo quegli inutili rimpianti? E quand'anche alcuni
marinai della Jane, il suo comandante o i suoi ufficiali, fossero
sopravvissuti all'esplosione e all'inghiottimento provocato dagli
indigeni dell'isola Tsalal, si poteva con ragione sperare che fossero
ancora vivi? Erano ormai trascorsi undici anni da quando tali fatti
erano avvenuti secondo le date indicate da Arthur Pym, e da allora,
ammettendo che quegli sventurati fossero riusciti a sfuggire
agl'isolani, come avrebbero potuto provvedere ai loro bisogni in tali
tragiche condizioni? Invece, non dovevano essere morti tutti
quanti?
Suvvia! Ecco che mi metto a discutere seriamente su simili
ipotesi, bench non abbiano alcun fondamento. Ancora un poco e
avrei finito col credere all'esistenza di Arthur Pym, di Dirk Peters,
dei loro compagni, della Jane perduta dietro i banchi di ghiaccio del
mare australe. possibile che sia stato coinvolto anch'io dalla pazzia
del capitano Len Guy? Infatti poco prima, non mi ero sorpreso a
stabilire un paragone fra la rotta che aveva seguito la Jane, risalendo
verso l'Ovest e quella che seguiva ora lHalbrane rasentando i
paraggi di Tristan da Cunha?
Era il 3 di settembre. Se non subentrava qualche ritardo e
avrebbe potuto essere causato soltanto da un incidente di mare la
nostra goletta sarebbe stata fra tre giorni in vista del porto. Del resto,
l'altezza della principale isola del gruppo tale che, con il bel tempo,
si scorge a una grande distanza.
Quel giorno, fra le dieci e le undici, passeggiavo da prua a poppa
dalla parte del vento. Scivolavamo leggermente sulla superficie di un
mare ondulato, un po' increspato. L'Halbrane sembrava un enorme
uccello, uno di quei giganteschi albatri segnalati da Arthur Pym, che
spiegasse le sue larghe ali e trasportasse un intero equipaggio
attraverso lo spazio. S! Per uno spirito dotato di fervida
immaginazione non era pi una navigazione, era un volo, e il battere
delle vele era il battere delle ali!
Jem West, in piedi presso l'arganello, al riparo del trinchetto, con
il cannocchiale puntato guardava sottovento sulla sinistra un oggetto
fluttuante a due o tre miglia, che parecchi marinai, chini sui
bastingaggi, additavano. Era una massa di dieci o dodici iarde di
superficie, di forma irregolare, rialzata al centro da una tumescenza
di un chiarore molto vivo. Quella massa saliva e scendeva seguendo
le onde che si muovevano nella direzione di nord-ovest.
Mi portai verso la balaustrata, di prua, e osservai attentamente
quell'oggetto.
Arrivarono al mio orecchio le congetture dei marinai, che
s'interessano a ogni oggetto che il mare trasporta.
Non una balena dichiarava il mastro velaio Martin Holt.
Avrebbe gi soffiato una o due volte da quando la stiamo
osservando!
Sicuramente non si tratta di una balena, ribatt Hardie, il
mastro calafato. Sar forse qualche carcassa di nave
abbandonata
Che il diavolo la mandi a fondo! esclam Roberts. Che
non vi capiti di andare a sbattere l sopra durante la notte! Vi sarebbe
di che spaccarsi i fianchi e colare a picco senza avere avuto il tempo
d'orientarsi!
Ti credo, aggiunse Drap; quei relitti sono pi pericolosi
di uno scoglio, perch un giorno sono qua, un altro laggi: come si
possono evitare? Hurliguerly si era avvicinato.
Che ne pensate, nostromo? gli domandai, allorch si fu
appoggiato vicino a me.
Hurliguerly guard con attenzione, e siccome la goletta, favorita
da un vento teso, si avvicinava rapidamente alla massa, diveniva pi
facile esprimere un parere.
Secondo me, signor Jeorling, rispose il nostromo, quello
che vediamo non n una balena, n un relitto di nave, ma
semplicemente una massa di ghiaccio
Una massa di ghiaccio? esclamai.
Hurliguerly non si sbaglia afferm Jem West. Si tratta
proprio di una massa di ghiaccio, un pezzo di iceberg che le correnti
hanno trascinato
Come mai, ripresi, possono averlo trascinato fino al 45
parallelo?
Pu accadere, signore, rispose il secondo e i ghiacci
risalgono talvolta fino in vista del Capo, a detta di un navigatore
francese, il capitano Blosseville, che ne avrebbe incontrati a
quell'altezza nel 1828.
Allora questo non pu tardare a sciogliersi! dichiarai,
molto meravigliato che il secondo West mi avesse onorato d'una cos
lunga risposta.
Deve essersi gi sciolto in gran parte, continu il secondo
e quello che noi vediamo certamente ci che resta di una
montagna di, ghiaccio che doveva pesare milioni di tonnellate.
Il capitano Len Guy era uscito dalla sua cabina. Quando scorse il
gruppo dei marinai intorno a Jem West si diresse verso prua.
Dopo avere scambiato qualche parola a bassa voce, il secondo gli
porse il suo cannocchiale.
Len Guy lo diresse sull'oggetto galleggiante, cui la goletta si era
avvicinata di un miglio circa, e dopo averlo osservato disse:
una massa di ghiaccio, ed una fortuna che si sciolga.
L'Halbrane avrebbe potuto avere delle grosse avarie andando a
sbattervi contro durante la notte
Fui colpito dall'attenzione che il capitano Len Guy poneva nella
sua osservazione. Sembrava che il suo sguardo non potesse lasciare
l'oculare del cannocchiale, divenuto, per cos dire, la pupilla del suo
occhio. Restava immobile come se fosse stato inchiodato sul ponte.
Insensibile al rollio e al beccheggio, con le due braccia ferme grazie
alla grande abitudine, egli manteneva imperturbabilmente la massa di
ghiaccio nel campo dell'obiettivo. Il suo viso bruno mostrava qua e l
qualche macchia pallida, e dalle sue labbra sfuggivano parole vaghe.
Trascorse qualche minuto. L'Halbrane sotto una veloce andatura
era sul punto di oltrepassare il ghiaccio in deriva.
Accostate di una quarta ordin il capitano Len Guy, senza
abbassare il cannocchiale.
Indovinai ci che passava nell'animo di quell'uomo dominato da
un'idea fissa. Quella massa di ghiaccio, staccata dalla banchisa
australe, proveniva da quei luoghi dove il suo pensiero lo trascinava
continuamente. Voleva vederlo pi da vicino accostarlo forse
raccoglierne qualche pezzetto
Frattanto, dietro l'ordine trasmesso da Jem West il nostromo aveva
mollato un poco le scotte/e la goletta, accostando, si diresse verso la
massa di ghiaccio. Ben presto non fummo che a due lunghezze di
gomena
8
ed io potei esaminarlo.
Come era stato osservato la tumescenza centrale si fondeva da
tutte le parti. Parecchi rigagnoli gocciolavano lungo le sue pareti. Nel
mese di settembre di quell'anno cos precoce il sole possedeva
abbastanza calore per provocare lo scioglimento, attivarlo e anche
sollecitarlo.
Certamente prima della fine della giornata non sarebbe restato pi
nulla di quel ghiaccio, trascinato dalle correnti fino all'altezza del 45
parallelo.
Il capitano Len Guy l'osservava sempre con insistenza e senza
avere pi bisogno di ricorrere al cannocchiale.
Si cominciava anche a distinguere un corpo estraneo che si
scorgeva meglio a misura che aumentava lo scioglimento del
ghiaccio: una forma di colore nerastro distesa su quello strato bianco.
Ma quale fu la nostra sorpresa e il nostro terrore quando si vide
apparire un braccio, poi una gamba, un torso, una testa, non spogli
ma ricoperti di abiti scuri?
Per un momento credetti anche che quelle membra si
movessero che quelle mani si stendessero verso di noi

8
Misura lineare, attualmente in disuso, corrispondente a un decimo di miglio (m
182). (N.d.T.)
L'equipaggio non pot trattenere un urlo di sgomento.
No! Quel corpo non si muoveva, ma scivolava dolcemente sopra
la superficie ghiacciata
Io guardai il capitano Len Guy. Il suo viso era livido come quello
del cadavere, giunto in quei luoghi dalle lontane latitudini della zona
australe!
Ci che si doveva fare venne fatto all'istante per raccogliere quel
disgraziato: chiss se qualche soffio di vita non lo animava
ancora? In tutti i casi le sue tasche potevano contenere forse
qualche documento che avrebbe permesso di stabilire la sua
identit! Poi, accompagnandolo con un'ultima preghiera, si
sarebbero abbandonati quei resti umani alle profondit dell'oceano, il
cimitero dei marinai morti in mare!
La lancia venne calata in mare. Vi prese posto il nostromo con i
marinai Gratian e Francis ai remi. Jem West con una diversa
disposizione di velatura, con i fiocchi e la trinchettina controbracciati
e la randa terzarolata aveva spento l'abbrivo della goletta, la quale,
quasi immobile, ora si alzava e si abbassava sulle lunghe onde.
Io seguivo con gli occhi la lancia che si accostava al margine
laterale della massa di ghiaccio corrosa dalle acque.
Hurliguerly mise piede in un punto che offriva ancora qualche
appiglio.
Gratian sbarc dopo di lui, mentre Francis teneva ferma la lancia
con la catena dell'arpione.
Ambedue si arrampicarono allora fino al cadavere, lo tirarono uno
per le gambe, l'altro per le braccia e l'imbarcarono.
In pochi colpi di remi il nostromo raggiunse la goletta.
Il cadavere, congelato dalla testa ai piedi, venne deposto ai piedi
dell'albero di trinchetto.
Il capitano Len Guy si diresse subito verso di lui e lo esamin
lungamente, come se avesse cercato di riconoscerlo.
Quel corpo era quello di un marinaio, vestito di una rozza stoffa,
pantaloni di lana, giacca rattoppata, camicia di tela molto fitta,
cintura che avvolgeva per due volte la vita. Non c'era, dubbio che la
sua morte risalisse a parecchi mesi prima, poco dopo probabilmente
che quel disgraziato era stato trascinato dalla corrente
L'uomo che avevamo trasportato a bordo non doveva avere pi di
una quarantina d'anni, bench i suoi capelli fossero grigiastri. La sua
magrezza era spaventevole: uno scheletro la cui ossatura spuntava
sotto la pelle. Senza dubbio aveva dovuto subire i terribili tormenti
della fame durante quel tragitto di almeno 20 gradi dal circolo polare
antartico.
Il capitano Len Guy aveva sollevato i capelli di quel cadavere cos
ben conservato dal freddo. Gli drizz la testa, cerc il suo sguardo
sotto le palpebre appiccicate l'una all'altra, e finalmente un nome gli
sfugg con uno straziante singulto:
Patterson Patterson!
Patterson? esclamai.
Mi sembr che quel nome, cos comune, fosse legato a qualche
cosa nella mia memoria! Quando l'avevo inteso pronunciare, o
meglio in quale parte l'avevo letto?
Allora il capitano Len Guy, in piedi, percorse lentamente con lo
sguardo l'orizzonte come se volesse dare ordine di dirigere verso il
Sud
Ih quel momento, su ordine di Jem West, il nostromo ficc una
mano nelle tasche del cadavere.
Ne trasse un coltello, un pezzo di spago, una scatola da tabacco
vuota, poi un libriccino di cuoio con una matita di metallo.
Il capitano Len Guy si volse, e al momento in cui Hurliguerly
porgeva il libriccino a Jem West gli disse:
Datemelo.
Alcuni fogli erano coperti da una scrittura che l'umidit aveva
quasi del tutto cancellata. Ma l'ultima pagina conteneva alcune parole
ancora leggibili e si pu immaginare da quale emozione fossi preso
ascoltando il capitano Len Guy leggere con voce tremante:

La Jane isola Tsalal a 83 l da undici anni Capitano
cinque marinai sopravvissuti afrettatevi a soccorrerli

Sotto queste righe un nome una firma il nome di Patterson
Patterson! Mi ricordai allora! Era il secondo della Jane il
secondo di quella goletta che aveva raccolto Arthur Pym e Dirk
Peters sui relitti del Grampus la Jane condotta fino a quella
latitudine dell'isola Tsalal la Jane attaccata dagli indigeni e
distrutta dall'esplosione!
Tutto ci era dunque vero! Edgar Poe, dunque, aveva
approntato un'opera da storico e non da romanziere! Aveva avuto
certamente notizia del giornale di Arthur Gordon Pym! C'erano
stati dei contatti fra loro! Arthur Pym esisteva, o piuttosto era
esistito egli un essere reale!
Ed era morto di una morte improvvisa e tragica, in circostanze
sconosciute prima di avere terminato il racconto del suo straordinario
viaggio! Fino a quale parallelo si era spinto lasciando l'isola Tsalal
con il suo compagno Dirk Peters? In seguito, ambedue come avevano
potuto essere rimpatriati in America?
Per un momento credetti che la testa mi scoppiasse, che diventassi
pazzo, io che accusavo il capitano Len Guy di esserlo! No, avevo
sentito male non avevo capito bene! Ci non era che una pura
stravaganza della mia mente!
Pertanto, come negare quella prova trovata sul corpo del secondo
della Jane, di quel Patterson, le cui parole cos significative
presentavano dati certi? Soprattutto come conservare certi dubbi
dopo che Jem. West pi calmo riusc a decifrare questi altri brani di
frasi:

Trascinato dal 3 giugno nel Nord dell'isola Tsalal L
ancora capitano William Guy e cinque uomini della Jane la
massa di ghiaccio in questione va alla deriva attraverso la
banchisa i viveri stanno per finire Dal 13 giugno finite le mie
ultime risorse Oggi 16 giugno pi niente

Cos, erano quasi tre mesi che il corpo di Patterson giaceva sulla
superficie di quella massa di ghiaccio trovata sulla rotta dalle
Kerguelen a Tristan da Cunha!
Perch non avevamo potuto salvare il secondo della Jane!
Avrebbe potuto dirci ci che non si sapeva, ci che forse non si
sarebbe mai saputo: il segreto di quella terribile avventura!
Ma alla fine dovetti arrendermi all'evidenza dei fatti. Il capitano
Len Guy, che conosceva Patterson, ne aveva ritrovato il cadavere
ghiacciato! Era proprio lui che aveva accompagnato il capitano
della Jane quando, durante una sosta, aveva sotterrato quella bottiglia
alle Kerguelen e in quella bottiglia aveva racchiuso quella lettera alla
cui autenticit mi rifiutavo di credere! S! dopo undici anni i
sopravvissuti della goletta inglese si trovavano laggi senza speranza
di essere mai raccolti!
Allora si verific nella mia mente sovreccitata una specie di
accostamento dei due nomi che spiegavano l'interesse che spingeva il
capitano a tutto quanto ricordava l'avventura di Arthur Pym.
Len Guy si gir verso di me e guardandomi disse:
Ci credete ora?
Ci credo ci credo! balbettai. Ma il capitano William
Guy della Jane?
E il capitano Len Guy dellHalbrane sono fratelli! esclam
ad alta voce, facendosi udire da tutto l'equipaggio.
Poi, dopo che i nostri sguardi si diressero verso il luogo dove
galleggiava la massa di ghiaccio, la doppia azione dei raggi solari e
delle acque di quella latitudine aveva prodotto il suo effetto, e di
quella massa non rimaneva pi alcuna traccia sulla superficie del
mare.
CAPITOLO VII
TRISTAN DA CUNHA
QUATTRO giorni dopo, lHalbrane segnalava quella curiosa isola
di Tristan da Cunha, che viene considerata la caldaia dei mari
africani.
Certamente, la comparsa del cadavere di Patterson a pi di 500
leghe dal circolo antartico era un fatto ben straordinario! Ora ecco
che il capitano dell'Halbrane e suo fratello, il capitano della Jane,
erano accomunati l'uno all'altro da quel superstite della spedizione di
Arthur Pym! vero! ci deve sembrare impossibile Che cos'
pertanto ci a confronto di quello che devo ancora raccontare?
Del resto, quello che mi sembrava spinto fino agli estremi limiti
dell'impossibile era che il romanzo dello scrittore americano
rappresentasse una realt. Il mio spirito dapprima si ribell Volli
chiudere gli occhi all'evidenza!
Alla fine dovetti arrendermi e i miei dubbi scomparvero con il
corpo di Patterson nelle profondit dell'oceano.
Non solamente il capitano Len Guy era unito da vincoli di sangue
a quella drammatica e veridica storia, ma come appresi ben presto
era legato anche il nostro mastro velaio. Infatti Martin Holt era il
fratello di uno dei migliori marinai del Grampus, uno di quelli che
avevano dovuto soccombere prima del salvataggio di Arthur Pym e
di Dirk Peters, effettuato dalla Jane.
Cos, dunque, fra l'83 e l'84 parallelo sud, sette marinai inglesi
attualmente ridotti a sei erano vissuti per undici anni sull'isola Tsalal:
il capitano William Guy, il secondo Patterson e cinque marinai della
Jane, che erano sfuggiti, chiss per quale miracolo, agli indigeni di
Klock-Klock!
A questo punto che cosa stava per fare il capitano Len Guy?
Senza esitare un attimo, certamente avrebbe fatto di tutto per salvare
i superstiti della Jane Ora avrebbe lanciato lHalbrane verso il
meridiano indicato da Arthur Pym L'avrebbe condotta fino all'isola
Tsalal, indicata sul libriccino di Patterson Il suo secondo, Jem
West, sarebbe andato dove egli gli avrebbe ordinato di andare Il
suo equipaggio non avrebbe esitato a seguirlo, e il timore dei pericoli
di una spedizione, forse superiore alle forze umane, non sarebbe
riuscito ad arrestarli Si sarebbero immedesimati nello spirito
intraprendente del capitano il braccio del loro secondo avrebbe
diretto il loro braccio
Ecco dunque perch il capitano Len Guy si rifiutava di accettare
passeggeri a bordo e perch mi aveva spiegato che il suo itinerario
non era mai sicuro, sperando sempre che un'occasione fortunata gli si
offrisse per avventurarsi nei mari glaciali!
Potevo anch'io credere che se lHalbrane fosse stata gi pronta a
intraprendere quel viaggio, il capitano Len Guy avrebbe dato l'ordine
di dirigere verso il Sud? Dopo le condizioni del mio imbarco non
potevo obbligarlo a continuare la sua rotta per sbarcarmi a Tristan da
Cunha?
Del resto la necessit imponeva di rifornirsi di acqua in
quell'isola, dalla quale non eravamo lontani. L forse sarebbe stato
possibile approntare la goletta in modo da lottare contro gli iceberg,
di raggiungere il mare libero, poich esso era sgombro dai ghiacci
dopo l'82 parallelo, di spingersi pi lontano di quanto non avessero
fatto i Cook, i Weddell, i Biscoe, i Kemp, per tentare ci che stava
tentando allora Wilkes, tenente della marina americana.
Ebbene, una volta giunto a Tristan da Cunha, avrei atteso il
passaggio di un'altra nave. Del resto quand'anche lHalbrane fosse
stata pronta per Una tale spedizione, la stagione non le avrebbe
permesso di superare il circolo polare.
Non era, infatti, terminata la prima settimana di settembre, e
dovevano trascorrere due mesi almeno prima che l'estate australe
spezzasse la banchisa e provocasse la deriva dei ghiacci.
I naviganti ne erano al corrente: in quell'epoca che va dalla
met di novembre fino agli inizi di marzo che si possono effettuare
quegli audaci tentativi. La temperatura allora pi sopportabile, le
tempeste sono meno frequenti, gli iceberg si staccano dalla massa, la
barriera di ghiacci si apre e una luce perpetua rischiara quelle terre
lontane. Erano in vigore alcune regole di prudenza dalle quali
lHalbrane avrebbe fatto bene a non staccarsi. Cos, qualora fosse
stato necessario, la nostra goletta avendo rinnovato le provviste
d'acqua alle sorgenti di Tristan da Cunha, ed essendosi
approvvigionata di viveri freschi avrebbe avuto il tempo per recarsi
sia alle Falkland sia sulla costa americana, in un porto meglio
attrezzato, dal punto di vista delle riparazioni, di quelli del gruppo
isolato nella zona desertica dell'Atlantico meridionale.
La grande isola, quando l'aria tersa e il tempo buono, visibile
dalle 85 alle 90 miglia di distanza. Queste notizie su Tristan da
Cunha le ebbi dal nostromo. Egli parlava con conoscenza di causa
poich l'aveva visitata pi volte.
Tristan da Cunha situata a sud della zona dei venti regolari
provenienti da sud-ovest. Il suo clima, dolce e umido, comporta una
temperatura moderata che non scende mai sotto i 25 Fahrenheit
(circa 4C sotto zero) e non si alza mai sopra i 68 (20 C sopra
zero). I venti dominanti sono quelli provenienti da ovest e da nord-
est, e durante l'inverno agosto e settembre -quelli provenienti da
sud.
L'isola venne abitata nel 1811 dall'americano Lambert e da
parecchi altri della stessa provenienza, che vi si recarono armati per
la pesca dei mammiferi marini. Dopo di loro vennero ad abitarvi
alcuni soldati inglesi, incaricati di sorvegliare i mari di Sant'Elena e
che se ne ripartirono dopo la morte di Napoleone nel 1821.
Che, trenta o quarantanni dopo, Tristan da Cunha avesse contato
un centinaio di abitanti dalle caratteristiche somatiche piuttosto
graziose risultato di incroci fra europei, americani e olandesi del
Capo -; che vi fosse stata instaurata la repubblica con a capo un
patriarca quello fra i padri di famiglia che aveva pi figli -; che in
seguito il gruppo avesse finito per riconoscere la sovranit della Gran
Bretagna, non si sarebbe potuto sapere nell'anno 1839, durante il
quale lHalbrane si preparava a farvi una, sosta d'obbligo.
Del resto avevo subito constatato, secondo le mie osservazioni
personali, che il possesso di Tristan da Cunha non meritava d'essere
discusso. Anche il suo nome nel XVI secolo era stato Terra di vita.
Se godeva di una flora speciale, questa era unicamente rappresentata
dalle felci, dai licopodi, da una graminacea pungente e da un
muschio che ricopre il pendio inferiore delle montagne. Quanto alla
fauna domestica, i buoi, le pecore, i maiali compongono la sua sola
ricchezza, e sono oggetto di un piccolo commercio con l'isola di
Sant'Elena, Non esiste un rettile, non un insetto; le foreste danno
asilo a un felino poco pericoloso, un gatto ritornato allo stato
selvaggio.
Il solo albero che l'isola possiede un susino selvatico, alto 18-20
piedi. Del resto le correnti trasportano abbastanza legname
sufficiente per riscaldarsi.
In fatto di legumi dovevo trovare solo cavoli, barbabietole,
cipolle, rape, cetrioli, e in fatto di frutti pere, pesche e uva di
mediocre qualit. Aggiungo che i cacciatori sono costretti a cacciare
solo gabbiani, procellarie, pinguini e albatri. L'ornitologia di Tristan
da Cunha non avrebbe avuto altri esemplari da offrire loro.
Fu nella mattina del 5 settembre che venne segnalato l'alto
vulcano dell'isola principale: un masso nevoso di 1.200 tese, il cui
cratere spento forma il catino di un piccolo lago.
L'indomani, avvicinandoci, si pot distinguere una vasta frana di
vecchie lave, disposte come un campo di morene.
A quella distanza gigantesche alghe di color verde bruno rigavano
la superficie del mare; vere catene vegetali, lunghe dai 600 ai 1.200
piedi la cui grossezza eguaglia quella di un barile.
Devo qui ricordare che durante i tre giorni che seguirono
l'incontro casuale di quella massa di ghiaccio, il capitano Len Guy
aveva fatto la sua comparsa sul ponte solo per prendere l'altezza.
Rientrava nella sua cabina appena terminata l'operazione, e non
avevo pi occasione di vederlo fino all'ora dei pasti. Di una
taciturnit che si poteva paragonare al mutismo non era stato pi
possibile farlo parlare: Jem West stesso non ci sarebbe riuscito. Cos
mi ero tenuto rispettosamente in disparte.
A mio parere sarebbe venuta l'ora in cui Len Guy mi avrebbe
parlato nuovamente di suo fratello William, dei tentativi che egli
contava di mettere in atto per salvare lui e i suoi compagni. Adesso,
lo ripeto, data la stagione, quest'ora non era ancora arrivata quando la
goletta il 6 settembre gett l'ancora a 18 braccia di profondit presso
la grande isola sulla costa nord-ovest, ad Ansiedlung, in fondo alla
baia di Falmouth: precisamente nel punto indicato nel racconto di
Arthur Pym per l'ancoraggio della Jane.
Ho parlato di grande isola poich il gruppo di Tristan da Cunha ne
comprende altre due di minore importanza. A circa otto leghe a sud-
ovest si trova l'isola Inaccessibile, e a sud-est a cinque leghe da
questa l'isola Nightingale.
L'insieme di quell'arcipelago si trova a 37 5' di latitudine
meridionale e 13 4' di longitudine occidentale.
Queste isole sono circolari. Proiettata in piano, Tristan da Cunha
assomiglia a un ombrello aperto, della circonferenza di quindici
miglia e la cui armatura, partendo dal centro, rappresentata dalle
creste regolari che finiscono al vulcano centrale.
Questo gruppo forma un dominio oceanico quasi indipendente;
venne scoperto dal portoghese che gli ha dato il nome. Dopo
l'esplorazione degli olandesi nel 1643 e quella dei francesi nel 1767,
qualche americano venne a stabilirvisi per la pesca delle foche che
abbondano in quei paraggi. Infine gli inglesi non tardarono a
succedervi.
All'epoca in cui la Jane vi era approdata un ex caporale
dell'artiglieria inglese, un certo Glass, governava sopra una piccola
colonia di ventisei individui, i quali commerciavano con il capo di
Buona Speranza avendo come mezzo di trasporto una goletta di
mediocre tonnellaggio.
Al nostro arrivo, Glass esercitava la sua autorit su una
cinquantina di sudditi e, come aveva osservato Arthur Pym,
indipendentemente dal governo britannico.
Un mare, la cui profondit compresa fra 1.200 e 1.500 braccia,
bagna questo arcipelago, costeggiato dalla corrente equatoriale che
devia verso l'Ovest. sottoposto al regime dei venti regolari di sud-
ovest.
Le tempeste vi infuriano raramente. Durante l'inverno i ghiacci
alla deriva oltrepassano spesse volte il suo parallelo di una decina di
gradi, ma non risalgono mai fino a Sant'Elena e nemmeno le grandi
balene poco disposte alla ricerca di acque cos calde.
Le tre isole, disposte a triangolo, sono separate le une dalle altre
da diversi canali larghi una decina di miglia, facilmente navigabili.
Le loro coste sono aperte e attorno a Tristan da Cunha il mare misura
cento braccia di profondit.
All'arrivo dellHalbrane si stabilirono le trattative di affari con
l'ex caporale, che si dimostr molto benevolo nei nostri confronti.
Jem West, al quale il capitano Len Guy aveva affidato l'incarico di
riempire i serbatoi d'acqua, di provvedere la carne fresca e i vari
legumi, si compliment per la gentilezza di Glass, che del resto si
aspettava di essere ben ricompensato, come infatti avvenne.
Del resto, fin dal nostro arrivo si comprese che lHalbrane non
avrebbe trovato a Tristan da Cunha tutto il necessario per
intraprendere la spedizione progettata nell'Oceano Antartico. Ma dal
punto di vista delle provviste alimentari, certo che i navigatori
possono fare affidamento su quell'isola. I loro predecessori hanno
arricchito questo arcipelago di tutte le specie di animali domestici,
montoni, maiali, buoi, volatili, mentre sul finire dell'ultimo secolo il
capitano americano Patten, comandante dell'Industry, vi aveva
trovato soltanto qualche capra selvatica. Dopo di lui il capitano
Colquhouin, del brigantino americano Betsy, vi piant cipolle, patate
e legumi vari, cui un suolo fertile assicurava una crescita a
profusione. Tutte queste notizie sono fornite da Arthur Pym nel suo
racconto, e non c' ragione per non prestargli fede.
Avrete osservato che parlo ora dell'eroe di Edgar Poe come di un
uomo del quale non potevo pi mettere in dubbio l'esistenza. Per mi
colpiva il fatto che il capitano Len Guy non mi avesse di nuovo
intrattenuto su questo soggetto. Era evidente che le informazioni cos
precise scritte sul libriccino di Patterson non erano state create per la
circostanza, e avrei dimostrato poco spirito a non riconoscere il mio
errore.
Del resto se nutrivo ancora qualche dubbio, un'altra e
inconfutabile prova venne ad aggiungersi alle parole del secondo
della Jane.
Il giorno dopo che avevamo gettato l'ancora, io ero sbarcato ad
Ansiedlung sopra una bella spiaggia di sabbia nerastra. Osservai
anche che una spiaggia simile non sarebbe stata fuori posto all'isola
Tsalal, dove imperava quel colore da lutto, ad esclusione del colore
bianco che causava agli isolani cos violente convulsioni, seguite da
prostrazione e da stupore. Ma, anche ammettendo come sicuri questi
effetti straordinari, Arthur Pym non si era lasciato attrarre da qualche
illusione? Del resto si sarebbe saputo quanto c'era di vero se
l'Halbrane fosse arrivata quanto prima in vista dell'isola Tsalal
Incontrai l'ex caporale Glass un uomo vigoroso, ben conservato,
dallo sguardo furbo al quale i sessantanni non avevano affatto
diminuita l'intelligente vivacit. Indipendentemente dal commercio
con il capo di Buona Speranza e le Falkland egli faceva un
importante commercio di pelli di foche, d'olio, d'elefanti marini e i
suoi affari prosperavano.
Siccome questo governatore autonominatosi e riconosciuto dalla
piccola colonia sembrava molto desideroso di parlare, io, al nostro
primo incontro, iniziai una conversazione che doveva riuscire
interessante per diversi aspetti.
Avete spesso navi in sosta a Tristan da Cunha? gli
domandai.
Quel tanto che ci occorre, signore, mi rispose,
stropicciandosi le mani dietro il dorso con un'abitudine che sembrava
inveterata.
Nella bella stagione? aggiunsi.
S nella bella stagione, anche se non possiamo dire di averne
una cattiva in questi paraggi.
Me ne rallegro con voi, signor Glass. un vero peccato che
Tristan da Cunha non sia provvista di porto, e che una nave sia
obbligata a gettare l'ancora al largo
Al largo, signore? Che intendete per largo? esclam l'ex
caporale con una animazione che indicava un certo amor proprio.
Intendo, signor Glass, che se voi possedeste uno scalo per
sbarcare
E per far che, signore, dal momento che la natura ci ha dato
una baia come questa dove si al riparo dai venti ed tanto facile
sbattere il naso contro le rocce? No! Tristan da Cunha non ha
porto e pu farne a meno!
Perch avrei dovuto contrariare quel brav'uomo? Era fiero della
sua isola come il principe di Monaco ha il diritto di essere fiero del
suo piccolo principato
Non volli insistere e parlammo d'altro. Egli mi offr di organizzare
una escursione in mezzo alle folte foreste che salgono fino a met del
cono centrale.
Lo ringraziai e mi scusai di non poter accettare la sua offerta; del
resto avrei saputo ben impiegare le ore di sosta in qualche studio
particolare sui minerali. L'Halbrane doveva levare l'ancora non
appena terminate le operazioni di vettovagliamento.
Ha molta fretta il vostro capitano! continu il governatore
Glass.
Avete questa impressione!
Cos tanta fretta che il suo secondo non ha accennato a voler
comperarmi olio e pelli
Abbiamo bisogno soltanto di viveri freschi e acqua dolce,
signor Glass.
Ebbene, signore, rispose il governatore indispettito, ci
che l'Halbrane non prender lo porteranno via altre navi!
Poi, ricomponendosi:
Dov' diretta la vostra goletta dopo questo scalo?
Alle Falkland per riparare i danni causati dal mare.
Voi, signore siete un comune passeggero, immagino!
Precisamente, signor Glass; avevo anche l'intenzione di
soggiornare a Tristan da Cunha per qualche settimana ho dovuto
per modificare il mio progetto
Mi dispiace, signore, mi dispiace! dichiar il governatore.
Saremmo stati felici di offrirvi la nostra ospitalit, nell'attesa di
un'altra nave
Ospitalit che mi sarebbe stata molto preziosa, risposi.
Disgraziatamente, non ne posso approfittare
Infatti avevo preso la risoluzione definitiva di non lasciare la
goletta. Terminata la sua sosta si sarebbe diretta alle Falkland, dove
si sarebbero fatti i preparativi necessari per una spedizione nei mari
antartici. Dunque, sarei andato anch'io alle Falkland, dove avrei
trovato, senza aspettare troppo, da imbarcarmi per l'America, e
certamente il capitano Len Guy non si sarebbe rifiutato di darmi un
passaggio.
Allora l'ex caporale mi disse, manifestando qualche contrariet:
Infatti, non ho ancora avuto il piacere di vedere n il colore dei
capelli, n la tinta del viso del vostro capitano
Credo che non abbia alcuna intenzione di scendere a terra,
signor Glass.
forse malato?
No, che io sappia! Ma ci pu importarvi ben poco, dato che si
fatto rappresentare dal suo secondo
Oh! gran chiacchierone, quello! Si riesce a cavargli di bocca
due parole di tanto in tanto! Per fortuna i soldi escono dalla sua
borsa pi facilmente che le parole dalla sua bocca!
E ci quello che conta, signor Glass.
Appunto, signor
Signor Jeorling del Connecticut.
Bene ecco che anch'io conosco il vostro nome mentre mi
resta ancora di sapere quello del capitano dellHalbrane
Si chiama Guy Len Guy
Un inglese?
S un inglese.
Avrebbe potuto scomodarsi per venire a salutare un
compatriota, signor Jeorling! Ma aspettate dunque ho gi
avuto modo di conoscere un capitano di questo nome Guy
Guy
William Guy?.., domandai.
Precisamente William Guy
Che comandava la Jane?
Precisamente la Jane.
Una goletta inglese venuta ad ancorarsi a Tristan da Cunha
undici anni fa?
Appunto undici anni fa, signor Jeorling. Gi da sette anni mi
trovavo su quest'isola dove mi aveva trovato il capitano Jeffrey del
Berwick di Londra, nel 1824. Mi ricordo bene questo William Guy
come se lo vedessi un brav'uomo, molto aperto, al quale vendetti
un carico di pelli di foche. Aveva l'aria di un gentiluomo un po'
fiero di buon carattere.
E la Jane? domandai.
La vedo ancora al posto stesso dove ancorata lHalbrane
in fondo alla baia un grazioso bastimento di 180 tonnellate con
una prua affilata affilata Doveva fare ritorno nel porto di
Liverpool
S questo vero tutto questo risponde a verit ripetei.
E la Jane continua a navigare, signor Jeorling?
No, signor Glass.
Sarebbe forse affondata?
pi che certo e la maggior parte del suo equipaggio
scomparso con essa.
Volete raccontarmi com' accaduta questa disgrazia, signor
Jeorling?
Volentieri, signor Glass. Partita da Tristan da Cunha la Jane
fece vela verso le isole Aurora e altre, che William Guy sperava
riconoscere con le informazioni
Che gli avevo dato io stesso, signor Jeorling! replic l'ex
caporale. Ebbene queste altre isole posso sapere se la Jane le
ha poi scoperte?
No, soltanto le Aurora, bench William Guy restasse parecchie
settimane in quei paraggi, correndo dall'Est all'Ovest, e avendo
sempre una vedetta in cima all'albero
Bisogna dire dunque che la loro posizione gli sia sfuggita,
signor Jeorling, poich stando alle affermazioni di parecchi balenieri
degni di fede, queste isole esistono, e si trattava anche allora di
battezzarle con il mio nome
Ci che sarebbe stato giusto, risposi in tono gentile.
E se un giorno non si arrivasse a scoprirle sarebbe veramente
spiacevole, aggiunse il governatore, con tono che denotava una
buona dose di vanit.
Fu allora ripresi che il capitano William Guy volle
realizzare un progetto maturato da lungo tempo e al quale lo
spingeva un certo passeggero che si trovava a bordo della Jane
Arthur Gordon Pym esclam Glass e il suo compagno,
un certo Dirk Peters Essi erano stati ambedue raccolti in mare
dalla goletta
Li avete conosciuti, signor Glass? domandai vivamente.
Se li ho conosciuti, signor Jeorling! Oh! era un personaggio
singolare quell'Arthur Pym, sempre avido di lanciarsi nelle avventure
un audace americano capace di partire per la luna! non vi
saranno andati per caso?
No, signor Glass, ma durante il suo viaggio la goletta di
William Guy sembra abbia superato il circolo polare, oltrepassata la
banchisa e sia andata pi lontano di quanto non abbia fatto prima
qualche altra nave
Ecco una spedizione prodigiosa! esclam Glass.
Disgraziatamente, risposi, la Jane non ha fatto mai
ritorno
Cos, signor Jeorling, Arthur Pym e Dirk Peters una specie di
meticcio indiano dotato di una forza terribile, capace di resistere a sei
uomini sarebbero periti?
No, signor Glass, Arthur Pym e Dirk Peters sono sfuggiti alla
catastrofe della quale furono vittime la maggior parte degli uomini
della Jane. Hanno fatto anche ritorno in America in quale maniera
lo ignoro. Dopo il suo ritorno, Arthur Pym morto ma non so in
quali circostanze. Quanto al meticcio, dopo avere abitato per qualche
tempo nell'Illinois, partito un giorno senza avvisare nessuno e non
se ne potuto avere pi traccia.
E William Guy? domand il signor Glass.
Raccontai allora come il cadavere di Patterson, il secondo della
Jane, era stato raccolto sopra una massa di ghiaccio e aggiunsi che
tutto faceva credere che il capitano della Jane e cinque dei suoi
compagni fossero ancora vivi sopra un'isola delle regioni australi, a
meno di 7 gradi dal polo.
Ah! signor Jeorling, esclam Glass, vi auguro che
possiate un giorno salvare William Guy e i suoi marinai che mi sono
sembrate delle brave persone!
ci che lHalbrane vuole certamente tentare di fare dopo che
sar stata rimessa in sesto, poich il suo capitano Len Guy il
fratello di William Guy
Non possibile, signor Jeorling! esclam il signor Glass.
Ebbene, quantunque non conosca il capitano Len Guy, oso affermare
che i due fratelli non si assomigliano affatto, almeno nel modo in cui
si sono comportati verso il governatore di Tristan da Cunha!
Vidi che l'ex caporale era molto offeso per l'indifferenza di Len
Guy, che non si era degnato di fargli nemmeno una visita. Figuratevi:
il sovrano di quell'isola indipendente, il cui potere si estendeva fino
alle due isole vicine Inaccessibile e Nightingale! Ma senza dubbio si
consolava con l'idea di vendere le sue merci aumentate del 25 per
cento rispetto a quello che valevano.
Quello che certo che il capitano Len Guy non aveva alcuna
intenzione di sbarcare. Ci era tanto pi singolare in quanto egli non
doveva ignorare che la Jane si era fermata in quella costa nord-
occidentale di Tristan da Cunha prima di partire per i mari australi. E
sembrava abbastanza naturale che dovesse mettersi in contatto con
gli ultimi europei che avevano stretto la mano a suo fratello
Ci nonostante Jem West e i suoi uomini furono i soli a scendere a
terra. Fu con gran fretta che si occuparono di scaricare lo stagno e il
rame, che formava il carico della goletta, e di imbarcare le provviste,
di riempire i serbatoi d'acqua, e cos via.
Per tutto quel tempo il capitano Len Guy rimase a bordo, senza
nemmeno salire sul ponte: lo vedevo dallo sportello della sua cabina,
incessantemente curvo sul tavolino.
V'erano spiegate alcune carte e alcuni libri aperti. Non c'era da
dubitare che quelle carte fossero quelle delle regioni australi, e quei
libri quelli che raccontavano i viaggi dei precursori della Jane nelle
misteriose regioni dell'Antartide.
Su quel tavolino si vedeva anche un volume letto e riletto cento
volte. La maggior parte delle pagine erano piegate e i margini erano
pieni di annotazioni a matita Sulla copertina faceva spicco questo
titolo come se fosse stato impresso a lettere di fuoco: Avventure di
Arthur Gordon Pym.
CAPITOLO VIII
DIRETTI ALLE FALKLAND
NELLA SERA dell'8 settembre presi congedo da Sua Eccellenza il
governatore generale dell'arcipelago di Tristan da Cunha, poich era
questo il titolo ufficiale con cui si fregiava quel bravo Glass, ex
caporale dell'artiglieria britannica.
L'indomani, prima del sorgere del sole, l'Halbrane fece vela.
naturale che avevo ottenuto dal capitano Len Guy di restare suo
passeggero fino alle isole Falkland. Era una traversata di 2.000
miglia, che richiedeva una quindicina di giorni, appena fosse stata
favorita come lo era stata la nostra navigazione fra le Kerguelen e
Tristan da Cunha. Il capitano Len Guy non sembr affatto sorpreso
della mia richiesta: si sarebbe detto anzi che l'aspettava. Ma ci che
attendevo veramente era che egli riprendesse il discorso su Arthur
Pym, di cui evitava di parlarmi da quando lo sfortunato Patterson gli
aveva dato ragione contro di me circa il libro di Edgar Poe.
Frattanto, bench non l'avesse tentato fino allora, si riserbava forse
di farlo a tempo e luogo opportuni. Del resto questo non poteva
influire in alcun modo sui suoi ultimi progetti, ed era ben risoluto a
condurre l'Halbrane nei lontani paraggi dove era naufragata la Jane.
Dopo avere girato intorno a Herald Point, le poche case di
Ansiedlung scomparvero dietro l'estremit della baia di Falmouth.
Con la prua rivolta verso sud-ovest, un vento teso proveniente
dall'Est permise allora di navigare a piene vele.
Nella mattinata furono successivamente lasciati dietro di noi la
baia Elephanten, Hardy Rock, West Point, Cotton Baye, il
promontorio di Daley. Ci nonostante occorse l'intera giornata per
perdere di vista il vulcano di Tristan da Cunha, alto 8.000 piedi, e la
cui vetta nevosa alla fine sfum nelle ombre della sera.
Durante quella settimana la navigazione si svolse in condizioni
felicissime, e se si fossero mantenute sempre cos il mese di
settembre non sarebbe finito senza che avessimo avvistato le prime
cime dell'arcipelago delle Falkland. Questa traversata doveva
ricondurci molto al Sud dato che la goletta doveva discendere dal 38
parallelo fino al 55 di latitudine.
Ora, poich il capitano Len Guy aveva l'intenzione di addentrarsi
nei mari antartici, mi sembra utile per il lettore anzi lo credo
indispensabile di ricordare sommariamente i tentativi fatti per
raggiungere il polo sud, o almeno il vasto continente di cui si credeva
ch'esso fosse il punto centrale.
Mi tanto pi facile riassumere ora questi viaggi poich il
capitano Len Guy mi aveva messo a disposizione alcuni libri in cui
essi erano raccontati con grande abbondanza di particolari, e anche
tutte le opere di Edgar Poe, quelle Storie straordinarie che, sotto
l'influenza di quegli strani avvenimenti, andavo rileggendo in preda a
una vera frenesia.
naturale che se anche Arthur Pym ha creduto di citare le
principali scoperte dei primi navigatori, ha dovuto arrestarsi a quelle
anteriori al 1828. Ora, poich io narro queste avventure dodici anni
dopo di lui, dovr dire ci che hanno compiuto i suoi successori fino
al presente viaggio dell'Halbrane nel 1839-1840.
La zona che dal punto di vista geografico pu essere compresa
sotto la denominazione generale d'Antartide, sembra essere
circoscritta dal 66 parallelo australe.
Nel 1772 la Rsolution, capitano Cook, e l'Adventure, capitano
Furneaux, incontrarono i ghiacci al 58, su un'estensione che va da
nord-ovest a sud-est. Passando, non senza seri pericoli, attraverso un
labirinto di enormi blocchi, questi due esploratori raggiunsero alla
met di dicembre il 64 parallelo; oltrepassarono in gennaio il circolo
polare, e furono costretti ad arrestarsi davanti a massi da 8 a 20 piedi
di spessore a 67 15' di latitudine: ci che corrisponde press'a poco al
limite del circolo polare antartico (66 32' 3").
L'anno seguente, nel mese di novembre, venne ripreso il tentativo
dal capitano Cook. Questa volta approfittando di una forte corrente e
sfidando le nebbie, le raffiche e un freddo ancora pi intenso, egli
oltrepass di un mezzo grado circa il 70 parallelo e vide la sua via
definitivamente sbarrata da insuperabili massi di ghiaccio alti da 250
a 300 piedi che si toccavano ai bordi, e che erano dominati da
mostruosi iceberg, tra 71 10' di latitudine e 106 54' di longitudine
ovest.
L'ardito capitano inglese non doveva riuscire ad andare pi oltre
in mezzo ai mari dell'Antartide.
Trent'anni dopo di lui, nel 1803, la spedizione russa dei capitani
Krusenstern e Lisiansky respinta dai venti del Sud non pot spingersi
oltre i 59 52' di latitudine e 70 15' di longitudine ovest, bench il
viaggio fosse fatto in marzo e nessun ghiaccio avesse ostruito il
passaggio.
Nel 1818 William Smith, poi Barnesfield scoprirono le South
Shetland; Botwell, nel 1820, scopr le South Orkney; Palmer e altri
cacciatori di foche videro le terre della Trinit ma non si spinsero pi
lontano.
Nel 1819 il Vostok e il Mimi della marina russa, sotto gli ordini
del capitano Bellingshausen e del tenente Lazarew, dopo aver preso
conoscenza dell'isola Georgia e aver girato intorno alla terra delle
Sandwich si spinsero 600 miglia a Sud fino al 70 parallelo. Un
secondo tentativo a 160 di longitudine est non permise loro di
giungere pi vicino al polo. Ci nonostante essi rilevarono le isole
Pietro I e Alessandro I che congiungono forse la terra segnalata
dall'americano Palmer.
Fu. nel 1822 che il capitano James Weddell della marina inglese
raggiunse, se il suo racconto non esagerato, a 74 15' di latitudine
un mare libero dai ghiacci, ci che l'ha convinto dell'inesistenza di un
continente polare.
Faccio osservare che la rotta di questo navigatore quella che sei
anni dopo doveva seguire la Jane di Arthur Pym.
Nel 1823 l'americano Benjamin Morrell, con la goletta Wash, nel
mese di marzo intraprese una prima spedizione che lo port a 69 15'
di latitudine, poi a 70 14' sulle acque di un mare libero, con la
temperatura dell'aria a 47 Fahrenheit (8, 33 C sopra zero) e quella
dell'acqua a 44 (6, 67 C sopra zero); osservazioni che
manifestamente si accordano con quelle eseguite a bordo della Jane
nei paraggi dell'isola Tsalal. Se le provviste non gli fossero mancate,
il capitano Morrell afferma che avrebbe raggiunto se non il polo
australe almeno l'85 parallelo.
Nel 1829 e 1830 una seconda spedizione con lAntarctique
condusse il capitano Morrell a 116 di longitudine senza incontrare
ostacoli fino a 70 30' e scopr la terra Sud Groenland.
Precisamente all'epoca in cui Arthur Pym e William Guy si
spinsero pi avanti dei loro predecessori, gli inglesi Foster e Kendall,
incaricati dall'Ammiragliato di determinare la forma della terra
mediante le oscillazioni del pendolo nei differenti luoghi, non
oltrepassarono i 64 45' di latitudine meridionale.
Nel 1830 John Biscoe, comandante il Tuba e il Lively,
appartenenti ai fratelli Enderby, fu incaricato di esplorare le regioni
australi, cacciando le balene e le foche.
Nel gennaio del 1831 egli tagli il 60 parallelo, raggiunse la
latitudine 68 51' con una longitudine di 10 est, si ferm davanti agli
insuperabili ghiacci; scopr a 65 57' di latitudine e 45 di longitudine
est una terra considerevole, che chiam con il nome di Enderby ma
alla quale non pot accostarsi. Nel 1832 una seconda spedizione non
gli permise di oltrepassare di pi di 27' il 66 parallelo. Scopr l'isola
Adelaide, alla quale diede il nome, e poi una terra alta e unita che
venne chiamata Terra di Graham.
Da questa spedizione la Societ reale geografica di Londra trasse
la conclusione che fra il 47 e il 69 di longitudine est si estendeva
un continente al 66 e al 67 di latitudine.
Ci nonostante Arthur Pym aveva avuto ragione di sostenere che
questa conclusione non razionale, poich Weddell aveva navigato
attraverso quelle supposte terre, e la Jane aveva seguito quella
direzione ben oltre il 74 parallelo.
Nel 1835 il tenente inglese Kemp lasci le isole Kerguelen.
Dopo avere rilevato le parvenze di una terra a 70 di longitudine
est, egli raggiunse il 66, riconobbe una costa che probabilmente era
unita alla terra di Enderby, ma non si spinse pi lontano nel Sud.
Finalmente all'inizio di quell'anno 1839 il capitano Balleny con
l'Elisabeth Scott, il 7 febbraio oltrepassava 67 7' di latitudine e 104
25' di longitudine ovest, e scopriva la corona di isole che porta il suo
nome; poi, nel marzo a 65 10' di latitudine e 116 10' di longitudine
est, egli rilev quella terra cui dette il nome di Sabrina. Quel
marinaio, un semplice baleniere lo appresi pi tardi aveva
aggiunto indicazioni cos precise, che lasciavano indovinare
l'esistenza di un continente polare almeno in quella parte dell'oceano
australe.
Infine, come ho gi detto all'inizio di questo racconto, quando
lHalbrane meditava un tentativo che doveva portarla pi lontano dei
navigatori succedutisi durante il periodo dal 1772 al 1839, il tenente
Charles Wilkes della marina degli Stati Uniti comandava una
spedizione di quattro navi, il Vincennes, il Peacock, il Porpoise, il
Flying-Fish e parecchie navi di conserva per cercare un passaggio
verso il polo alla longitudine orientale di 102.
In breve, a quell'epoca restavano ancora da scoprire quasi 5
milioni di miglia quadrate dell'Antartide.
Tali sono le spedizioni che precedettero nei mari australi quella
della goletta Halbrane, sotto gli ordini del capitano Len Guy.
Riassumendo, le pi audaci di queste scoperte, o, se si vuole, le
pi favorite, avevano oltrepassato con Kemp il 66 parallelo, con
Balleny il 67, con Biscoe il 68, con Bellingshausen e Morrell il
70, con Cook il 71 e con Weddell il 74.
Era oltre l'83, quasi a 550 miglia pi lontano, che bisognava
andare in soccorso dei superstiti della Jane.
Devo confessare che, dopo l'incontro della massa di ghiaccio di
Patterson, quantunque fossi uomo pratico e di temperamento poco
incline all'immaginazione, mi sentivo stranamente sovreccitato. Un
singolare nervosismo non mi lasciava riposare. Ero ossessionato
dalle figure di Arthur Pym e dei suoi compagni, abbandonati in
mezzo ai deserti dell'Antartide. Si delineava in me il desiderio di
prendere parte alla spedizione progettata dal capitano Len Guy. Vi
pensavo continuamente. Insomma, non sentivo alcun richiamo per
l'America. Poco m'importava che la mia assenza si prolungasse di sei
mesi o di un anno. vero che dovevo ottenere il consenso del
comandante dell'Halbrane. Dopo tutto, perch si sarebbe rifiutato di
tenermi come passeggero? Forse mostrarmi materialmente la
prova ch'egli aveva avuto ragione contro di me, trascinarmi sul teatro
di una catastrofe che avevo considerato come non vera, mostrarmi i
relitti della Jane a Tsalal, sbarcarmi su quell'isola della quale avevo
anche negato l'esistenza, pormi alla presenza di suo fratello William,
mettermi, infine, faccia a faccia con l'innegabile verit, non sarebbe
stata per lui una soddisfazione pi che umana?
Ci nonostante mi riservavo di aspettare, prima di prendere una
soluzione definitiva, che si fosse presentata l'occasione di parlare al
capitano Len Guy.
Non c'era bisogno di affrettarsi del resto. Dopo un tempo
favorevole, durante i dieci giorni che seguirono la nostra partenza da
Tristan da Cunha, sopraggiunsero ventiquattro ore di calma. Poi si
lev un vento proveniente dal Sud. L'Halbrane, procedendo di
bolina, dovette ridurre la velatura poich il vento era piuttosto teso
(forza 7).
Era impossibile ora fare dei conti su quel centinaio di miglia che
prima percorrevamo come media giornaliera. Perci la durata della
traversata si allungava almeno del doppio, e bisogn ancora
affrontare una di quelle tempeste che obbligano una nave a mettersi
alla cappa per sostenere il cattivo tempo o per fuggire con il vento in
poppa.
Per fortuna, lo potei constatare di persona, la goletta teneva
meravigliosamente il mare. Non c'era niente da temere per la solidit
dell'alberatura anche quando era tutta invelata. Del resto il secondo,
per audace che egli fosse e marinaio di prim'ordine, faceva serrare le
vele ogni volta che la violenza delle raffiche rischiava di
compromettere la sua nave. Non c'era da dubitare di alcuna
imprudenza o incapacit da parte di Jem West.
Dal 22 settembre al 3 ottobre, durante dodici giorni, si fece
evidentemente poca strada. La deriva fu cos sensibile verso la costa
americana che senza una corrente che raddrizzava, mantenendo la
goletta in assetto al vento, probabilmente saremmo giunti ben presto
in vista delle terre della Patagonia.
Durante questo periodo di cattivo tempo cercai invano di trovarmi
da solo a solo con il capitano Len Guy. Fuori dei pasti egli rimaneva
chiuso nella sua cabina, lasciando, come sempre, la direzione della
goletta al suo secondo e compariva sul ponte soltanto per prendere il
punto, allorch il sole si mostrava in mezzo a uno squarcio di nuvole.
Aggiungo che Jem West era ammirabilmente coadiuvato
dall'equipaggio, dal nostromo in primo luogo, e sarebbe stato difficile
trovare una decina di uomini pi abili, pi arditi e pi risoluti.
Nella mattina del 4 ottobre lo stato del cielo e del mare si
modific in modo abbastanza rimarchevole. Il vento cadde, il mare si
plac a poco a poco e l'indomani la brezza mostrava una tendenza a
stabilirsi per nord-ovest. Non potevamo sperare in un cambiamento
pi felice. Si mollarono i terzaruoli e le vele alte furono issate:
gabbia, parrocchetto e freccia, bench il vento cominciasse a
rinforzare. Se si manteneva cos, fra una decina di giorni la vedetta
avrebbe segnalato le prime alture delle Falkland.
Dal 5 al 10 ottobre, il vento soffi con la costanza e la regolarit
di un aliseo. Non ci fu bisogno n di tesare n di mollare una sola
scotta. Bench la forza del vento fosse diminuita gradatamente, la sua
direzione non cess di essere favorevole.
L'occasione che andavo cercando di parlare con il capitano Len
Guy si present nel pomeriggio dell'11. Fu egli stesso che me la forn
interrogandomi nella seguente circostanza.
Ero seduto sotto il vento del tettuccio, lungo il corridoio, quando il
capitano Len Guy usc dalla sua cabina, volse lo sguardo verso poppa
e venne a sedersi vicino a me.
Evidentemente desiderava parlarmi: e di che se non di ci che
l'assorbiva interamente? Perci con voce meno bassa del solito
cominci dicendo:
Non ho ancora avuto il piacere di parlare con voi, signor
Jeorling, dopo la partenza da Tristan da Cunha
Con mio dispiacere, capitano, risposi, mantenendomi sulle
mie.
Vi prego di scusarmi, egli riprese. Mi tormentano tante
preoccupazioni! Il piano di una spedizione da organizzare non
lasciare niente di imprevisto Vi prego di non essere offeso
Non sono offeso, credetelo
D'accordo, signor Jeorling, e ora che ho imparato a conoscervi
e ho potuto apprezzarvi, sono felice di avervi come passeggero fino
al nostro arrivo alle Falkland.
Vi sono molto riconoscente, capitano, per quello che avete
fatto per me, e ci m'incoraggia a
Il momento mi sembrava propizio per formulare la mia proposta,
quando il capitano Len Guy m'interruppe.
Ebbene, signor Jeorling, mi domand, siete sicuro ora
della realt del viaggio della Jane, o considerate sempre il libro di
Edgar Poe come un'opera dovuta alla semplice fantasia?
No, capitano!
Non mettete dunque pi in dubbio che Arthur Pym e Dirk
Peters siano esistiti, n che William Guy, mio fratello, e cinque dei
suoi compagni siano ancora vivi
Bisognerebbe che fossi il pi incredulo degli uomini; in questo
momento formulo un solo voto: che il cielo vi aiuti e assicuri la
salvezza dei naufraghi della Jane!
Impiegher tutti i miei sforzi, signor Jeorling, e con l'aiuto di
Dio ci riuscir!
Lo spero, capitano ne ho anzi la certezza e se voi
permettete
Non avete forse avuto occasione di parlare di tutto ci con un
certo Glass, un ex caporale inglese, che si considera governatore di
Tristan da Cunha? s'inform il capitano Len Guy, senza
lasciarmi terminare la frase.
Infatti, replicai, ci che mi ha detto quell'uomo ha molto
contribuito a cambiare i miei dubbi in certezza
Ah! egli vi ha confermato?
S e si ricorda perfettamente di avere visto la Jane, quand'era
ormeggiata in quella baia, undici anni fa
La Jane mio fratello?
So da lui che ha conosciuto personalmente il capitano William
Guy
Ha fatto commercio con la Jane?
S come ha fatto altrettanto con lHalbrane
Avete detto che la Jane era ancorata in questa baia?
Nello stesso posto della vostra goletta, capitano.
E Arthur Pym Dirk Peters?
Ha avuto con loro frequenti contatti.
Vi ha domandato che accaduto di loro?
Senza dubbio, e gli ho raccontato della morte di Arthur Pym,
che egli considerava come un audace un temerario capace delle
pi avventurose follie
Dite pure un pazzo e un pazzo pericoloso, signor Jeorling.
Non stato forse lui che ha trascinato il mio disgraziato fratello in
quella tragica spedizione?
C' infatti da crederlo dopo il suo racconto
Non bisogna dimenticarlo mai! aggiunse vivamente il
capitano Len Guy.
Questo Glass, ripresi, aveva anche conosciuto il secondo
della Jane Patterson
Era un eccellente marinaio, signor Jeorling, un cuore
generoso di un coraggio a tutta prova! Patterson aveva soltanto
amici Si era consacrato anima e corpo a mio fratello
Come Jem West lo fa per voi, capitano
Perch dovevamo ritrovare il disgraziato Patterson morto su
quella lastra di ghiaccio morto gi da pi settimane?
La sua presenza ci sarebbe stata molto utile per le vostre future
ricerche, osservai.
S, signor Jeorling, annu il capitano Len Guy. Glass sa
dove si trovano attualmente i naufraghi della Jane?
Gliel'ho comunicato, capitano, come tutto quello che avete
deciso di fare per salvarli!
Credetti inutile aggiungere che Glass era stato sorpreso di non
avere ricevuto la visita del capitano Len Guy; che l'ex caporale
offeso nella sua pretenziosa vanit lo attendeva non spettando
certo a lui, governatore di Tristan da Cunha, di compiere il primo
passo.
D'altronde il capitano Len Guy, cambiando discorso, mi chiese:
Volevo sapere, signor Jeorling, se pensate che sia tutto esatto
ci che raccontato nel giornale di Arthur Pym e che stato
pubblicato da Edgar Poe
Credo che si debbano fare numerose riserve, risposi, data
la singolarit dell'eroe di quelle avventure, almeno sulla stranezza di
certi fenomeni che ha occasione di vedere nelle zone al di l
dell'isola Tsalal. E precisamente per quanto riguarda William Guy e
parecchi dei suoi compagni, noterete che Arthur Pym si certamente
ingannato, affermando che erano morti durante lo scoppio che caus
la frana della collina di Klock-Klock
Oh! non lo afferma, signor Jeorling! rispose il capitano Len
Guy. Dice semplicemente che quando Dirk Peters e lui ebbero
raggiunto l'apertura attraverso la quale potevano scorgere la
campagna circostante, il segreto di quella frana fatta precipitare ad
arte gli venne rivelato. Ora, poich la parete della collina era
precipitata nel fondo del burrone, la sorte di mio fratello e di
ventinove dei suoi uomini, non poteva essere pi oggetto di dubbio
nel suo animo. per questa ragione che fu indotto a pensare che Dirk
Peters e lui fossero i soli uomini bianchi rimasti sull'isola Tsalal
Dice soltanto questo niente di pi! Non sono che supposizioni
molto ammissibili ne converrete ma semplici supposizioni
Lo riconosco, capitano.
Noi, per, abbiamo ora la sicurezza, grazie al libriccino di
Patterson, che mio fratello e cinque dei suoi compagni sono sfuggiti
a quella frana preparata dagli indigeni
evidente, capitano. Quanto a ci che ne stato dei superstiti
della Jane, se essi sono stati ancora catturati dagli indigeni di
Tsalal, di cui sarebbero prigionieri, o se sono liberi gli appunti di
Patterson non spiegano nulla, n delle circostanze in cui egli stesso
stato trascinato lontano da loro
Questo lo sapremo, signor Jeorling S! lo sapremo
L'essenziale di avere la certezza che mio fratello e cinque dei suoi
marinai erano ancora vivi meno di quattro mesi fa, in una parte
qualunque dell'isola Tsalal. Non si tratta pi ora di un romanzo
firmato da Edgar Poe, ma di un vero racconto firmato da Patterson
Capitano, dissi allora, volete che sia dei vostri sino alla
fine di questa spedizione dell'Halbrane attraverso i mari "antartici?
Il capitano Len Guy mi guard con uno sguardo penetrante come
una lama affilata. Non sembr affatto sorpreso della mia proposta,
che forse si aspettava, e pronunci solo questa parola:
Volentieri!
CAPITOLO IX
L'ARMAMENTO DELL'HALBRANE
FORMATE un rettangolo lungo 65 leghe, dall'Est all'Ovest, largo 40
dal Nord al Sud, racchiudetevi due grandi isole e un centinaio di
isolotti fra 60 10' e 64 36' di longitudine occidentale e 51 e 52 45'
di latitudine meridionale: otterrete il gruppo conosciuto con il nome
di isole Falkland o Malvine, a 300 miglia dello stretto di Magellano,
e che costituisce una specie di punta avanzata dei due grandi oceani
Atlantico e Pacifico.
John Davis nel 1592 scopr quest'arcipelago, il pirata Hawkins lo
visit nel 1593, Strong lo battezz nel 1689: erano tutti inglesi.
Quasi un secolo dopo i francesi, scacciati dai loro possedimenti in
Canada, cercarono di fondare in quell'arcipelago una base di
approvvigionamento per le navi del Pacifico. Siccome la maggior
parte di essi erano corsari di Saint-Malo battezzarono queste isole
con il nome di Malvine, che vengono anche chiamate Falkland. Il
loro compatriota Bougainville giunse per primo a impiantarvi una
colonia nel 1763, portando con s ventisette individui, fra cui cinque
donne: dieci mesi dopo i coloni erano in numero di 150.
Questo repentino incremento della popolazione non manc di
provocare le rimostranze della Gran Bretagna. L'Ammiragliato invi
il Tamar e il Dauphin sotto gli ordini del comandante Byron.
Nel 1766, al termine di una campagna a scopo esplorativo nello
stretto di Magellano gli inglesi fecero capo alle Falkland, si
limitarono a riconoscere all'Ovest l'isola di Port Egmont e
continuarono il loro viaggio verso i Mari del Sud.
La colonia francese non doveva realizzarsi felicemente e del resto
gli spagnoli fecero valere i loro diritti in virt di una precedente
concessione papale. Perci il governo di Luigi XV si decise a
riconoscere questo diritto mediante un'indennit pecuniaria, e nel
1767 Bougainville dovette consegnare le isole Falkland ai
rappresentanti del re di Spagna.
Tutti questi cambiamenti, questi passaggi da un padrone
all'altro, condussero a quel risultato inevitabile in materia di imprese
coloniali: gli spagnoli, cio, vennero scacciati dagli inglesi. Dal 1833
dunque questi sorprendenti accaparratori sono divenuti i padroni
delle Falkland.
Ora erano gi trascorsi sei anni da quando il gruppo era entrato a
fare parte dei possedimenti britannici dell'Atlantico meridionale,
quando la nostra goletta si avvicin a Port Egmont, il giorno 16
ottobre.
Le due grandi isole, secondo la posizione che occupano l'una nei
confronti dell'altra, sono chiamate East Falkland o Soledad, e West
Falkland. al Nord della seconda che si affaccia Port Egmont.
Dopo che lHalbrane ebbe gettata l'ancora in questo porto il
capitano Len Guy diede libert per dodici ore a tutto l'equipaggio.
L'indomani avrebbero avuto inizio i lavori con una ispezione
minuziosa e indispensabile allo scafo e all'attrezzatura in vista di una
lunga navigazione attraverso i mari antartici.
Il capitano Len Guy scese subito a terra per parlare con il
governatore dell'arcipelago, la cui nomina spetta alla regina, per
ottenere un rapido armamento della goletta. Egli intendeva non
badare a spese, poich da una economia fuori luogo pu dipendere il
cattivo esito di un viaggio irto di difficolt. Del resto non glielo
nascosi ero pronto ad aiutarlo finanziariamente: contavo infatti di
associarmi per una parte alle spese di quella spedizione.
Ora, anch'io mi sentivo attratto da quel prodigioso imprevisto:
come se fossi stato avvinto dalla bizzarra catena di tutti quei fatti.
Mi sembrava di essere l'eroe de Il possedimento di Arnheim
poich un viaggio nei Mari del Sud conviene a un essere per il quale
l'isolamento completo, la reclusione assoluta, la difficolt di entrare e
di uscire rappresenterebbero il piacere dei piaceri!. A forza di
leggere quelle opere fantastiche di Edgar Poe ecco a quale
conclusione ero giunto! Ma, infine, si trattava di portare soccorso a
degli sventurati, ed io ero felice di poter contribuire personalmente
alla loro salvezza
Poich il capitano Len Guy sbarc quel giorno, Jem West,
seguendo la sua consuetudine, non abbandon la nave. Mentre
l'equipaggio si riposava il secondo non si concedeva un attimo di
riposo, e fu occupato fino a sera a visitare la stiva. Io volli sbarcare
soltanto l'indomani. Durante la sosta avrei avuto tutto il tempo di
esplorare i dintorni di Port Egmont, e di dedicarmi a ricerche relative
alla mineralogia e alla geologia dell'isola.
Si offriva dunque un'eccellente occasione per quel chiacchierone
di Hurliguerly di riprendere una conversazione con me, e non manc
di approfittarne.
I miei pi vivi e sinceri complimenti, signor Jeorling, mi
disse avvicinandosi.
A proposito di che, nostromo?
A proposito di quanto ho saputo, cio che proseguite il viaggio
con noi fin dove terminano i mari antartici
Oh! non cos lontano, immagino; non si tratta d'oltrepassare
l'84 parallelo
Chiss? rispose il nostromo. In tutti i casi lHalbrane
guadagner pi gradi in latitudine di quanti matafioni per le sue vele
o griselle per le sue sartie
Lo vedremo!
Ci non vi spaventa, signor Jeorling?
Niente affatto.
E noi ancora meno, credetemi, afferm Hurliguerly. Eh!
eh! ricordatevi che se il nostro capitano non molto loquace, ha
della stoffa per! Si tratta solo di saperlo prendere! Dopo avervi
concesso fino a Tristan da Cunha il passaggio che prima non voleva
accettare, ecco che ora ve lo accorda fino al polo
Non la questione del polo, nostromo!
Suvvia! si finir un giorno o l'altro per raggiungerlo!
Il fatto non ancora avvenuto. Del resto a parer mio un
avvenimento di poco interesse e non anelo di conquistarlo! In tutti
i casi unicamente all'isola Tsalal
All'isola Tsalal ben inteso! rispose Hurliguerly. Ci
nonostante dovete riconoscere che il nostro capitano si mostrato
molto accomodante nei vostri riguardi
Perci sono molto obbligato a lui, nostromo, e a voi mi
affrettai ad aggiungere, poich per merito del vostro ascendente
se sono riuscito a fare questa traversata
E quella che state per fare
Non ne dubito, nostromo.
Era possibile che Hurliguerly, un brav'uomo in fondo ebbi
occasione di conoscerlo meglio in seguito avesse notato una punta
d'ironia nella mia risposta.
Per non lasci trapelare nulla, deciso a mantenere con me
quell'aria da protettore. Del resto la sua conversazione poteva
offrirmi dei grossi vantaggi, poich egli conosceva le Falkland come
tutte le isole dell'Atlantico meridionale che da tanti anni visitava.
Ottenni cos di essere sufficientemente preparato e documentato
quando l'indomani la lancia che mi trasportava a terra si accost a
quella riva, il cui folto ammasso di erbe sembra esservi collocato
appositamente per attutire l'urto delle imbarcazioni.
A quell'epoca le Falkland non erano sfruttate come lo sono state in
seguito. Fu pi tardi, a Soledad, che si scopr il porto Stanley: quel
porto che il geografo francese lise Reclus ha definito ideale.
Essendo ben riparato da tutti i lati potrebbe contenere la flotta
della Gran Bretagna. Era sulla costa settentrionale di West Falkland o
Falkland propriamente detta, che lHalbrane era andata a cercare
Port Egmont.
Se avessi viaggiato due mesi con una benda sugli occhi, senza
conoscere la direzione seguita dalla goletta e mi avessero chiesto
nelle prime ore di quella sosta: vi trovate alle Falkland o in
Norvegia? la mia risposta senza dubbio sarebbe stata
imbarazzante.
Certamente dinanzi a quelle coste tagliate a mo' di baie profonde,
dinanzi a quelle montagne dai fianchi dirupati e tagliati a picco,
dinanzi a quelle alte rive dove si dispongono a piani le rocce
grigiastre, lecito esitare. Neppure il clima marittimo, che non
comporta grandi rialzi e abbassamenti di temperatura, dissimile nei
due Paesi. Inoltre le frequenti piogge del cielo scandinavo si
riversano sulla terra con la stessa abbondanza da quel cielo
magellanico. Poi ci sono nebbie intense in primavera e in autunno, e
venti di tale violenza da sradicare perfino i legumi dagli orti.
Qualche passeggiata, per, mi sarebbe stata sufficiente per
riconoscere che l'equatore mi separava dalle zone dell'Europa
settentrionale.
Infatti che cosa potei osservare nei dintorni di Port Egmont che
esplorai durante i primi giorni? Niente altro che indizi di una
vegetazione povera, in nessuna parte arborescente. Qua e l
spuntavano rari arbusti in luogo di quelle stupende abetaie delle
montagne norvegesi, come il bolax, una specie di gladiolo sottile
come un giunco di sei o sette piedi, che distilla una gomma
aromatica; alcune valeriane, graminacee, bomaree, cenomici,
azorelle, citisi rampicanti, beonie, palmizi, calceolarie, ranuncoli,
violette, acetoselle e molti di quei sedani rossi e bianchi, tanto adatti
contro gli attacchi di scorbuto.
Poi sulla superficie di un terreno ricoperto di torba, che affondava
e si rialzava sotto il piede, si stendeva un tappeto di muschi, di
licheni No! non era quell'attraente paese dove risuonano gli echi
delle saghe, non era quel poetico dominio di Odino e delle Valchirie!
Sopra le acque profonde dello stretto delle Falkland, che separa le
due isole principali, si scorgevano straordinarie vegetazioni
acquatiche, quelle strisce che sostengono una corona di piccole bolle,
gonfie d'aria, e che appartengono unicamente alla flora di quelle
latitudini.
Nelle baie di questo arcipelago, dove le balene erano gi divenute
rare, erano presenti altri enormi mammiferi marini: foche otarie,
dalla criniera caprina lunghe 25 piedi con una circonferenza di 20,
branchi di elefanti, lupi e leoni di mare, di proporzioni non meno
gigantesche.
Non si possono immaginare le terrificanti urla che emettono
quegli anfibi, particolarmente le femmine e i giovani. Si
crederebbero mandrie di buoi che muggiscono sulle spiagge. La
cattura o per lo meno l'uccisione di quegli animali non rappresenta n
difficolt n pericoli. I cacciatori li uccidono con un colpo di bastone
quando sono distesi sulla sabbia delle spiagge.
Ecco, in breve, gli aspetti particolari che distinguono la
Scandinavia dalle Falkland, senza parlare del numero sterminato di
uccelli che si alzavano in volo al mio avvicinarsi: otarde, svassi,
cormorani, cigni dalla testa nera e soprattutto numerosi pinguini di
cui si uccidono annualmente centinaia di migliaia.
E un giorno, dato che si sentiva ragliare in maniera assordante
domandai a un vecchio marinaio di Port Egmont:
Ci sono forse asini pei dintorni?
Signore, non sono asini quelli che udite, ma pinguini
Va bene, ma gli stessi asini s'ingannerebbero nel sentir ragliare
questi stupidi volatili!
Durante i giorni 17, 18, 19 ottobre Jem West fece eseguire un
esame accurato dell'opera viva. Si constat che la nave non aveva
sofferto affatto. La ruota di prua era abbastanza solida per spezzare i
piccoli ghiacci appena staccati dalla banchisa. Si eseguirono
parecchie riparazioni alla poppa in modo da assicurare il movimento
del timone, senza rischiare che questo venisse smantellato dagli urti.
Poich la goletta era abbattuta in carena
9
sul lato di dritta e su quello
di sinistra, molte commessure furono calafatate e impeciate con
grande cura. Come la maggior parte delle navi destinate a navigare
nei mari glaciali, lHalbrane non era rivestita in rame, ci che
preferibile quando si devono toccare quegli icefield (massi di
ghiaccio), i cui spigoli acuti corrodono facilmente una carena. Si
sostituirono un certo numero di perni che fissavano il fasciame allo
scheletro e alle costole e, sotto la direzione di Hardie, il nostro
mastro calafato, le mazze risuonarono con un insieme e una sonorit
di buon augurio.
Nel pomeriggio del 20, in compagnia di quel vecchio marinaio di
cui ho parlato un brav'uomo e molto sensibile alla vista di una
moneta bagnata da un bicchiere di gin spinsi pi avanti la mia
passeggiata sul lato occidentale della baia. L'isola West Falkland
sorpassa in estensione la sua vicina Soledad, e possiede un altro
porto all'estremit della punta meridionale di Byron's Sound, troppo
lontano perch io potessi raggiungerlo.
Non saprei nemmeno calcolare, approssimativamente, la
popolazione di quell'arcipelago. Forse contava allora soltanto due o

9
Parte dello scafo di una nave immersa nell'acqua. (N.d.R.)
trecento individui, inglesi per la maggior parte, poi alcuni indiani,
portoghesi, spagnoli, gauchos della pampa argentina, fuegini della
Terra del Fuoco. Era invece per migliaia e migliaia di teste che si
potevano contare i rappresentanti della razza ovina sparsi sul suo
territorio. Pi di 500.000 montoni forniscono ogni anno pi di
400.000 dollari di lana. Si allevano anche su quelle isole buoi la cui
taglia sembra essere pi grande, mentre pi piccola di quella
normale; cavalli, porci, conigli vivono allo stato selvaggio. Quanto
alle volpi, appartenenti a una razza speciale, sono gli unici animali a
rappresentare in quel paese i carnivori.
Non senza ragione che quel gruppo di isole viene anche
soprannominato fattoria del bestiame. Quale inesauribile pascolo
offerto abbondantemente da quell'erba gustosa, il tussock, che la
natura riserva agli animali con una inesauribile prodigalit!
L'Australia, cos ricca sotto questo punto di vista, offre ai suoi
commensali su una tavola ben imbandita il meglio della carne ovina
e bovina.
Le Falkland devono dunque essere prescelte quando si tratta di
armare le navi. Quel gruppo di isole certamente della massima
importanza per i navigatori, tanto per quelli che si dirigono verso lo
stretto di Magellano, quanto per quelli che vanno a pescare nelle
vicinanze delle terre polari.
Terminati i lavori allo scafo della nave, il secondo si occup
dell'alberatura e dell'attrezzatura, aiutato dal nostro mastro velaio
Martin Holt, molto pratico in quel genere di lavori.
Signor Jeorling, mi disse il capitano Len Guy quel giorno,
21 ottobre, ne siete testimonio: nulla verr trascurato per
assicurare la buona riuscita della nostra spedizione. Tutto ci che si
doveva prevedere si gi previsto. Se per fatalit lHalbrane dovesse
subire qualche incidente, non nella volont degli uomini andare
contro i disegni di Dio!
Ve lo ripeto, capitano, nutro buone speranze, risposi. La
vostra goletta e il vostro equipaggio meritano la massima fiducia.
Avete ragione, signor Jeorling, e noi saremo nelle condizioni
ideali per penetrare attraverso i ghiacci. Ignoro quale sviluppo avr
un giorno il vapore; ma dubito che dei battelli con le loro ruote fragili
e ingombranti possano competere con un veliero nella navigazione
australe. E poi ci sar sempre la necessit di fare nuove provviste di
carbone No! pi saggio essere a bordo di una nave ben diretta, di
servirsi del vento che, nonostante tutto, utilizzabile su un ampio
settore della bussola (i 3/5), di dare fiducia all'apparato velico di una
goletta che pu stringere fin quasi a cinque quarte
Anch'io sono del vostro parere, capitano, e dal punto di vista
della navigazione, non si trover mai un migliore naviglio! Ma nel
caso in cui la spedizione si protraesse nel tempo i viveri forse
Ne porteremo per due anni e saranno di buona qualit. Port
Egmont ha potuto fornirci tutto quello che ci era necessario
Mi permettete un'altra domanda?
Quale?
Non avrete bisogno di un equipaggio pi numeroso a bordo
dellHalbrane? I suoi uomini sono in numero sufficiente per la
manovra, ma non capiter forse di dover assalire o difendersi in quei
paraggi del Mare Antartico? Non dimentichiamo che nel racconto
di Arthur Pym gli indigeni dell'isola Tsalal erano migliaia E se
vostro fratello William Guy e i suoi compagni fossero prigionieri
Io spero, signor Jeorling, che lHalbrane sar meglio difesa
dalla sua artiglieria che non lo sia stata la Jane dalla propria. A dire il
vero l'equipaggio attuale non potrebbe bastare per una spedizione di
questo genere; perci mi sono preoccupato per raccogliere altri
marinai
Sar difficile?
S e no, poich ho la promessa del governatore di aiutarmi a
procurare le nuove reclute
Io credo, capitano, che bisogner allettare questi nuovi marinai
con una forte paga
Una paga doppia, signor Jeorling, come sar, del resto, per
tutto l'equipaggio.
Ve l'ho gi detto, capitano, che sono disposto che anch'io
desidero contribuire alle spese di questa spedizione Vogliate
considerarmi come vostro socio
Ci metteremo d'accordo, signor Jeorling, e vi sono molto
riconoscente: l'essenziale che i nostri preparativi si effettuino nel
pi breve tempo possibile. Bisogna che fra otto giorni si sia pronti a
partire.
La notizia che la goletta doveva partire per i mari dell'Antartide
aveva prodotto un certo scalpore alle Falkland, a Port Egmont, come
nei diversi porti della Soledad. Vi si trovavano allora parecchi
marinai disoccupati, di quelli che aspettano il passaggio delle
baleniere per offrire i loro servizi, che solitamente sono ben retribuiti.
Se si fosse trattato di una spedizione di pesca ai confini del circolo
polare, nei paraggi delle Sandwich e della Nuova Georgia, il capitano
Len Guy non avrebbe avuto che l'imbarazzo della scelta. Ma
spingersi oltre la banchisa, penetrare pi avanti di quanto non avesse
mai fatto fino allora qualsiasi altro esploratore, quantunque fosse con
lo scopo di andare alla ricerca di naufraghi poteva far riflettere, far
esitare la maggior parte di quegli uomini di mare. Bisognava
possedere la tempra di quei vecchi marinai dellHalbrane per non
preoccuparsi dei pericoli che offriva una simile navigazione, e
accettare di seguire il loro capo tanto lontano quanto gli sarebbe
piaciuto di andare.
In realt si trattava di triplicare, nientemeno, l'equipaggio della
goletta: contando il capitano, il secondo, il nostromo, il cuoco e me,
eravamo soltanto in tredici. Ora trentadue o trentaquattro uomini non
sarebbero stati troppi e non bisogna dimenticare che l'equipaggio
della Jane era composto di trentotto persone.
vero che aumentare del doppio il numero dei marinai che
formavano attualmente l'equipaggio destava una certa
preoccupazione.
Quei marinai delle Falkland a disposizione delle baleniere che vi
si fermavano, offrivano poi tutte le necessarie garanzie? Se far salire
quattro o cinque uomini a bordo di una nave il cui personale gi
numeroso non comporta gravi inconvenienti, non era lo stesso per
quanto riguardava la goletta?
Ci nonostante il capitano Len Guy sperava di non doversi pentire
della sua scelta, dal momento che le autorit dell'arcipelago lo
avrebbero aiutato per l'occorrenza.
Il governatore si impegn con grande zelo in quella operazione
alla quale s'interessava di cuore.
Del resto, grazie all'alta paga che fu promessa, le domande furono
numerose.
Cos, la vigilia della partenza fissata per il 27 ottobre l'equipaggio
era al completo.
inutile far conoscere i nuovi imbarcati, ciascuno con il suo
nome e la sua qualifica. I lettori li vedranno e li giudicheranno
all'opera. Ce n'erano dei buoni e ce n'erano dei cattivi.
La verit che sarebbe stato impossibile trovare di meglio, o di
meno peggio, come si vuole.
Mi limiter dunque a segnalare che fra quelle reclute si contavano
sei uomini di origine inglese, e fra essi un certo Hearne di Glasgow.
Cinque erano di origine americana (Stati Uniti) e otto di
nazionalit pi incerta, dato che gli uni erano di origine olandese, gli
altri mezzo spagnoli e mezzo fuegini della Terra del Fuoco. Il pi
giovane aveva diciannove anni, il pi anziano quarantaquattro.
Per la maggior parte non erano nuovi al mestiere di marinaio,
avendo gi navigato sia su navi mercantili, sia su navi adibite alla
pesca delle balene, delle foche e di altri anfibi delle regioni
antartiche. L'arruolamento di questi altri uomini aveva avuto il solo
scopo di aumentare il personale di difesa della goletta.
Ci formava dunque un totale di diciannove reclute, arruolate per
la nuova spedizione, la cui durata non poteva essere stabilita prima,
ma che non doveva condurli pi innanzi dell'isola Tsalal. Quanto al
salario, era tale che nessuno di quei marinai ne aveva avuto
nemmeno la met nel corso dei suoi precedenti imbarchi.
Senza parlare di me, l'equipaggio compreso il capitano e il
secondo dellHalbrane era formato di trentun uomini; ma ce n'era
un trentaduesimo sul quale necessario prestare attenzione in modo
particolare.
Alla vigilia della partenza, il capitano Len Guy venne avvicinato
all'angolo del porto da un individuo: certamente un marinaio, come
mostravano i suoi vestiti, la sua andatura, il suo linguaggio.
Questo individuo, con voce rude e poco comprensibile disse:
Capitano ho da farvi una proposta
Quale?
Ascoltatemi Avete ancora un posto a bordo?
Per un marinaio?
Per un marinaio.
S e no, rispose il capitano Len Guy.
E sarebbe s? l'uomo domand.
s se l'uomo che si offre mi d affidamento.
Mi volete?
Sei marinaio?
Ho navigato per venticinque anni.
Dove?
Nei Mari del Sud.
Lontano?
S cercate di capirmi lontano.
La tua et?
Quarantaquattro anni
E vivi a Port Egmont?
Sono qui da tre anni al prossimo Natale.
Contavi di imbarcarti su una baleniera di passaggio?
No.
Allora che cosa facevi qui?
Niente e non pensavo pi a navigare
Allora perch domandi d'imbarcarti?
Un'idea Si divulgata la notizia della spedizione che la
vostra goletta sta per intraprendere Desidero s, io desidero farne
parte con il vostro permesso, ben s'intende!
Sei conosciuto a Port Egmont?
S e nessuno si mai lamentato di me da quando risiedo qui.
Va bene, rispose il capitano Len Guy. Chieder
informazioni sul tuo conto
Chiedetele pure, capitano, e se dite di s, questa sera sar a
bordo con il mio bagaglio.
Come ti chiami?
Hunt.
Di dove sei?
Sono americano
Questo Hunt era un uomo di piccola statura, di colore bruno come
il mattone, pelle grinzosa come quella di un indiano, torso enorme,
dalla testa voluminosa e dalle gambe molto arcuate.
Le sue membra dimostravano una forza eccezionale, soprattutto le
braccia che terminavano in mani larghissime! I capelli erano
grigiastri e formavano una specie di pelliccia con i peli in fuori.
Ci che imprimeva alla fisionomia di quell'individuo un carattere
particolare, che non deponeva in suo favore, era l'intensit dello
sguardo per i suoi piccoli occhi, la bocca quasi senza labbra, tagliata
da un orecchio all'altro, e i cui denti lunghi, dallo smalto intatto, non
erano mai stati intaccati dallo scorbuto, cos comune nei marinai
delle alte latitudini.
Erano tre anni che Hunt abitava alle Falkland: prima in uno dei
forti di Soledad alla baia dei francesi, poi da ultimo a Port Egmont.
Poco comunicativo, egli viveva solo usufruendo di una pensione
di cui nessuno conosceva la provenienza. Non essendo al servizio di
nessuno, si occupava di pesca, e questo mestiere sarebbe stato
sufficiente ad assicurargli di che vivere, sia che si fosse nutrito del
suo prodotto sia che ne avesse fatto commercio.
Le informazioni che il capitano Len Guy pot raccogliere sul
conto di Hunt furono piuttosto incomplete, salvo per quanto
riguardava la sua condotta da quando risiedeva a Port Egmont.
Questo uomo non altercava mai, non beveva mai, non lo si vedeva
mai con un bicchiere di pi in corpo e parecchie volte aveva dato
prova di possedere una forza erculea. Non si conosceva per il suo
passato, che doveva essere certamente quello di un marinaio. Sulla
sua vita privata ne aveva detto al capitano Len Guy pi che non ne
avesse mai detto ad altra persona. Per il resto conservava un silenzio
ostinato, tanto sulla famiglia cui apparteneva, quanto sul luogo
preciso della sua nascita. Ci, per, aveva poca importanza purch si
fosse potuto ricevere da lui ottimi servigi.
Insomma, da tutte le informazioni raccolte non risultava nulla che
potesse far respingere la richiesta di Hunt. In verit era da desiderare
che le altre reclute di Port Egmont non avessero meritato pi
rimproveri di lui. Hunt ottenne dunque una risposta affermativa e in
serata s'install a bordo.
Tutto era pronto per la partenza. L'Halbrane aveva imbarcato
viveri per due anni: carne salata, legumi di diverse specie, una
quantit di acetosella, di sedani e di coclearia, adatti a prevenire o
combattere le affezioni di scorbuto. Nella stiva erano sistemati fusti
di acquavite, whisky, birra, gin, vino, destinati al consumo
quotidiano, e una larga provvista di farine e di biscotti comperata ai
magazzini del porto.
Aggiungiamo che le munizioni polvere, palle da cannone,
proiettili per fucili e petrieri
10
ci erano state fornite per ordine del
governatore. Il capitano Len Guy si era anche procurato le reti
d'abbordaggio di una nave che si era di recente incagliata sugli scogli
fuori della baia.
Al mattino del 27, in presenza delle autorit dell'arcipelago, i
preparativi per la partenza vennero portati a termine con la massima
celerit. Si scambiarono gli ultimi auguri e gli ultimi saluti. Poi
l'ancora lasci il fondo e la goletta si mosse.
Una brezza tesa si stabil da nord-ovest e l'Halbrane, sotto le alte
e basse vele, si diresse verso i passaggi dell'arcipelago. Una volta al
largo fece rotta verso levante per oltrepassare la punta di Tamar Hart,
all'estremit dello stretto che separa le due isole. Nel pomeriggio si
gir intorno alla Soledad che fu costeggiata e lasciata sulla sinistra.
Infine, calata la sera, i capi Dolphin e Pembroke scomparvero dietro
le nebbie dell'orizzonte.
La spedizione era incominciata. Dio solo poteva ora sapere se la
vittoria sarebbe arrisa a quegli uomini coraggiosi, che un alto senso
di umanit spingeva verso le pi terribili regioni dell'Antartide!

10
Petriero quel cannoncino di metallo, del calibro di una o due libbre, senza
affusto e fornito di corda per il maneggio, che si carica con dodici o ventiquattro
pallottole di piombo. Esso portato dai bastimenti sul cassero o sui parapetti per
difesa nell'arrembaggio o per sparare su unit vicine. (N.d.T.)
CAPITOLO X
LA SPEDIZIONE HA INIZIO
IL Tuba e il Lively, al comando del capitano Biscoe, erano partiti il
27 settembre del 1830 dal gruppo delle Falkland e si erano avvicinati
alle Sandwich, di cui il 1 gennaio oltrepassavano la punta
settentrionale. Sei settimane dopo, disgraziatamente, il Lively si
incagliava sulle Falkland e bisognava sperare che tale sorte non
venisse riservata alla nostra goletta.
Il capitano Len Guy partiva dunque dallo stesso punto di Biscoe,
il quale aveva impiegato cinque settimane per raggiungere le
Sandwich. Ma fin dai primi giorni il navigatore inglese, ostacolato
dai ghiacci del circolo polare, aveva dovuto piegare verso sud-est
fino al 45 di longitudine orientale. appunto in occasione di questa
circostanza che si deve la scoperta dell'isola Enderby.
Il capitano Len Guy mostr sulla carta questo itinerario a Jem
West e a me, aggiungendo:
Del resto, non dobbiamo seguire le tracce di Biscoe, ma quelle
di Weddell, il cui viaggio nella zona australe venne compiuto nel
1822 con il Beaufort, e la Jane La Jane! un nome predestinato
signor Jeorling! Ma questa Jane di Biscoe fu pi fortunata di quella
di mio fratello e non scomparve oltre la banchisa.
Sempre alle Falkland, e precisamente nella baia di Soledad, nel
1838 Dumont d'Urville, comandante lAstrolabe, dava convegno alla
sua conserva la Zle, nel caso che le due corvette fossero costrette a
separarsi sia per il cattivo tempo sia per i ghiacci. Questa spedizione
del 1837, 1838, 1839, 1840, nel corso di una fra le navigazioni pi
pericolose condusse a rilevare 120 miglia di coste sconosciute, fra il
63 e il 64 parallelo sud, e fra il 58 e il 62 meridiano a ovest di
Parigi, che vennero raggruppate sotto i nomi di Terre di Luigi Filippo
e di Joinville. Dalla spedizione del 1840, condotta in gennaio
all'estremit opposta del continente polare se pure vi sia un
continente polare risult fra il 63 3' sud e 132 21' di longitudine
ovest la scoperta della Terra Adelia, poi fra il 64 30' sud e 129 54'
di longitudine est quella della costa Clarie. Ma all'epoca in cui noi
lasciavamo le Falkland non potevamo conoscere questi fatti
geografici di cos grande importanza.
11

Andiamo avanti, capitano, risposi e se non seguiamo
Biscoe seguiamo Weddell. Questo audace marinaio, semplice
pescatore di foche, ha potuto spingersi verso il polo pi avanti dei
suoi predecessori e ci indica la direzione da prendere.
E noi la prenderemo, signor Jeorling. Del resto se non avremo
alcun ritardo, e se l'Halbrane raggiunger la banchisa verso la met
di dicembre, arriveremo anche troppo presto. Infatti i primi giorni di
febbraio erano gi passati quando Weddell raggiunse il 72 parallelo,
e allora, come egli disse, non era visibile il pi piccolo pezzetto di
ghiaccio. Poi il 20 febbraio egli, al 74 36', si ferm puntando verso
il Sud. Nessuna nave era andata pi in l, nessuna all'infuori della
Jane, che non ha fatto pi ritorno Esiste dunque da quel lato nelle
terre antartiche una profonda apertura fra il 30 e il 40 meridiano,
poich dopo Weddell, William Guy ha potuto avvicinarsi almeno di
sette gradi al polo australe.
Com'era sua abitudine Jem West ascoltava senza parlare. Egli
misurava con lo sguardo gli spazi che il capitano Len Guy richiudeva
fra le punte del suo compasso. Era sempre l'uomo che riceve un
ordine, lo esegue e non lo discute mai: egli andrebbe dove gli
comandassero di andare.
Capitano, ripresi, senza dubbio la vostra intenzione di
uniformarvi all'itinerario della Jane?

11
Aggiungeremo che dopo quell'epoca, vennero
compiuti altri tentativi per raggiungere le alte latitudini
dell'Oceano Antartico.
Bisogna citare, oltre a James Ross, il giovane marinaio norvegese M.
Borchgrevinch che si spinse pi in alto di quanto non avesse fatto il navigatore
inglese; poi il viaggio del capitano Larsen, comandante la baleniera norvegese
Jason, il quale nel 1893 trov il mare libero a sud delle terre di Joinville e di Luigi
Filippo e si spinse oltre il 68 parallelo. (Nota di Jules Verne)
Il pi esattamente possibile.
Ebbene vostro fratello William si diretto al Sud di Tristan da
Cunha per cercare la posizione delle isole Aurora che non ha trovato,
non pi di quella delle isole alle quali l'ex caporale governatore Glass
sarebbe stato cos fiero di dare il suo nome. Fu allora che volle
mettere in esecuzione il progetto sul quale Arthur Pym lo aveva
molte volte intrattenuto, e fu tra il 41 e il 42 di longitudine che ha
superato il circolo polare al 1 gennaio
Lo so, rispose il capitano Len Guy, ed ci che far
lHalbrane per arrivare all'isolotto Bennet, poi all'isola Tsalal
Voglia il cielo che come la Jane, come le navi di Weddell essa trovi
davanti a s il mare libero!
Se i ghiacci l'ingombreranno ancora all'epoca in cui la nostra
goletta sar sul confine della banchisa, io insisto nel dire che a noi
converr prendere il largo
anche mia intenzione, signor Jeorling, ed preferibile
avvantaggiarsi. La banchisa una muraglia di ghiaccio nella quale
un'apertura si apre improvvisamente e si richiude subito Bisogna
essere l pronti a passare e non preoccuparsi del ritorno!
Nessuno pensava al ritorno!
Forward! avanti! era il solo grido che sfuggiva da tutte le
bocche!
Jem West allora osserv:
Grazie alle informazioni contenute nel racconto di Arthur Pym,
non dovremo preoccuparci per l'assenza del suo compagno Dirk
Peters!
Ed grande fortuna, rispose il capitano Len Guy,
giacch non ho potuto trovare il meticcio che sparito dall'Illinois.
Le indicazioni segnate nel giornale di Arthur Pym sulla posizione
dell'isola Tsalal dovrebbero essere pi che sufficienti
A meno che non sia necessario spingere le ricerche oltre
l'84 feci osservare.
Perch dovrebbe essere necessario, dal momento che i
naufraghi della Jane non hanno abbandonato l'isola Tsalal? Questo
non forse scritto a chiare note negli appunti di Patterson?
Bench Dirk Peters non fosse a bordo nessuno ne dubitava
lHalbrane sarebbe stata in grado di raggiungere la sua meta. Ma
essa non doveva dimenticare di mettere in pratica le tre virt
teologali del marinaio: vigilanza, audacia, perseveranza!
Eccomi dunque lanciato nell'alea di un'avventura che, secondo
tutte le probabilit, avrebbe superato per gli imprevisti i miei viaggi
precedenti. Chi avrebbe potuto credere questo di me? Ero ormai
afferrato da un ingranaggio che mi attirava verso l'ignoto,
quell'ignoto delle regioni polari, quell'ignoto del quale tanti intrepidi
pionieri avevano invano tentato di penetrare i segreti!
Chiss se questa volta la sfinge delle regioni antartiche non
avrebbe per la prima volta fatto udire la sua voce a orecchie umane?
Ma non dimenticavo, anche, che si trattava unicamente di un'opera
di umanit. Il compito che lHalbrane si era prefissa era di
raccogliere il capitano William Guy e i suoi cinque compagni. Era
per ritrovarli che la nostra goletta stava per seguire l'itinerario della
Jane. Fatto ci, lHalbrane doveva soltanto fare ritorno nei mari
dell'antico continente, poich non si dovevano pi cercare n Arthur
Pym, n Dirk Peters, ritornati, non si sa in quale maniera, ma
ritornati dal loro straordinario viaggio!
Durante i primi giorni il nuovo equipaggio dovette mettersi al
corrente degli ordini di servizio, e gli anziani brave persone
davvero agevolarono loro la cosa. Bench il capitano Len Guy non
avesse avuto molta scelta, sembrava per che fosse stato fortunato.
Quei marinai, di diverse nazionalit, mostravano zelo e buona
volont. Essi sapevano del resto che il secondo non scherzava;
Hurliguerly aveva fatto loro capire che Jem West avrebbe rotto la
testa a chiunque non avesse filato diritto. A questo riguardo il suo
capo gli lasciava ogni latitudine.
Una latitudine egli aggiungeva che si ottiene
prendendone l'altezza dell'occhio con il pugno chiuso!
Non c' che dire: in questo strano modo di avvertire gli interessati
si riconosceva il temperamento del nostromo.
I nuovi venuti se lo tennero per inteso e non fu necessario punire
alcuno. Quanto a quell'Hunt, nell'assolvere le sue funzioni
dimostrava tutta la capacit di un vero marinaio: si teneva sempre in
disparte, non parlava mai con nessuno, e dormiva anche sul ponte,
non volendo occupare il suo posto nell'alloggio dell'equipaggio.
La temperatura era ancora fredda.
Gli uomini indossavano giacche e camicie di lana, mutande della
stessa stoffa, pantaloni di grosso panno, il cappotto impermeabile con
il cappuccio di tela cerata, molto adatto per difendere la persona dalla
neve, la pioggia e i colpi di mare.
L'intenzione del capitano Len Guy era di fissare le isole Sandwich
come punto di partenza verso il Sud, dopo avere preso conoscenza
della Nuova Georgia, situata a 800 miglia dalle Falkland.
La goletta si sarebbe allora trovata in longitudine sulla via
percorsa dalla Jane e avrebbe dovuto soltanto risalire per portarsi
fino all'84 parallelo.
Questa navigazione ci condusse, il 2 novembre, nella posizione
che alcuni esploratori hanno assegnato alle isole Aurora: a 53 15' di
latitudine e 47 33' di longitudine occidentale.
Ebbene, nonostante le affermazioni, a parere mio molto dubbie,
dei capitani dell''Aurora nel 1762, del San Miguel nel 1769, del Pearl
nel 1779, del Prinicus e del Dolores nel 1790, dellAtrevida nel 1794
che hanno dato i rilievi delle tre isole dell'arcipelago, non scorgemmo
alcuna traccia di terra su tutto lo spazio percorso. Come era stato
anche nelle ricerche di Weddell nel 1820 e di William Guy nel 1827.
Aggiungiamo che fu lo stesso per le pretese isole dell'ambizioso
Glass. Non vedemmo il pi piccolo isolotto nella posizione indicata,
bench il servizio delle vedette fosse fatto con cura. C' dunque da
supporre che Sua Eccellenza il governatore di Tristan da Cunha sia
destinato a non veder figurare il suo nome nella nomenclatura
geografica.
Si era allora al 6 di novembre. Il tempo continuava ad essere
favorevole. Questa traversata prometteva di compiersi pi
brevemente di quella della Jane. Non dovevamo affrettarci, del resto.
La nostra goletta, come ho fatto osservare, sarebbe arrivata prima che
la banchisa si fosse aperta.
Per due giorni lHalbrane ebbe modo di incappare in numerosi
piovaschi che obbligarono Jem West a serrare: vela di gabbia,
parrocchetto, freccia e fiocco. Liberata dalle alte vele, la goletta si
comport in modo passabile, affondando solo un poco, mentre si
sollevava senza fatica sulle onde. In occasione di quelle manovre il
nuovo equipaggio diede prova di destrezza, ci che gli valse le
felicitazioni da parte del nostromo. Hurliguerly dovette constatare
che Hunt, per quanto avesse un fisico goffo, valeva egli solo per tre
uomini.
Una eccellente recluta! mi disse.
Infatti, risposi, arrivato giusto all'ultima ora.
Proprio giusto, signor Jeorling! Ma che testa ha quell'Hunt!
Spesse volte ho incontrato americani di quel tipo nella regione
del Far West, risposi, e non mi sorprenderebbe che egli avesse
sangue indiano nelle vene!
Bene! osserv il nostromo, ci sono nostri compatrioti del
Lancashire o della contea di Kent che lo equivalgono!
Vi credo, nostromo fra gli altri voi, m'immagino!
Eh! si vale ci che si vale, signor Jeorling!
Parlate qualche volta con Hunt? domandai.
Poco, signor Jeorling. Che cosa si pu cavare da un pescecane
che si tiene sempre in disparte e non dice una parola a nessuno?
Eppure non gli difetta la larghezza della bocca! Non ne ho mai
vista una simile! Essa va da dritta a sinistra come la gran vela di
prua Se con un tale strumento Hunt imbarazzato a fabbricare
delle frasi! E le sue mani? Avete mai visto le sue mani? Non
fidatevi, signor Jeorling, se vuole stringere le vostre! Sono sicuro
che di dieci dita non ve ne lascerebbe che cinque!
Fortunatamente, nostromo, Hunt non sembra essere un
attaccabrighe il suo comportamento dimostra che un uomo
tranquillo che non cerca di abusare della propria forza.
No eccetto quando pesa su una drizza, signor Jeorling. Dio
buono! Ho sempre paura che il bozzello venga gi con il picco e
tutto!
Hunt, a osservarlo bene, era un essere bizzarro che meritava la
nostra attenzione. Quando egli si sistemava contro gli stipiti del
molinello o in piedi a poppa, con la mano poggiata alle caviglie della
ruota del timone, lo osservavo con viva curiosit.
D'altra parte mi sembrava che il suo sguardo si fissasse su di me
con una certa insistenza. Non doveva ignorare la mia qualit di
passeggero a bordo della goletta, e in quali condizioni mi fossi
aggregato alla pericolosa spedizione. Non era ammissibile pensare
che egli volesse raggiungere uno scopo diverso dal nostro oltre l'isola
Tsalal, dopo che fossero stati messi in salvo i naufraghi della Jane.
Il capitano Len Guy del resto non cessava di ripetere:
La nostra missione di salvare i nostri compatrioti! L'isola
Tsalal il solo punto che ci attira e speriamo che la nostra goletta
non sia costretta a oltrepassarla!
Il 10 novembre, verso le due del pomeriggio, si ud un grido della
vedetta:
Terra, da dritta a prua!
Un attento rilevamento aveva dato 55 7' di latitudine e 41 13' di
longitudine ovest.
Quella terra non poteva essere che l'isola San Pietro chiamata
anche con i nomi britannici Georgia Australe, Nuova Georgia, Isola
del re Giorgio che per la sua posizione appartiene alle regioni
circumpolari.
Fu scoperta dal francese Barbe nel 1765, prima di Cook, ma il
celebre navigatore inglese, senza tenere conto che era il secondo per
data, le impose la serie di nomi ch'essa porta ancora oggi.
La goletta punt su quell'isola le cui cime nevose massi
formidabili di antiche rocce, gneiss e schisti argillosi si elevavano a
1.200 tese attraverso le nebbie giallastre dello spazio.
Il capitano Len Guy aveva intenzione di fermarsi ventiquattr'ore
nella baia Reale, per rinnovare la provvista d'acqua poich i serbatoi
si scaldavano facilmente in fondo alla stiva.
Dopo, quando lHalbrane si sarebbe spinta in mezzo ai ghiacci,
avrebbero avuto acqua dolce a volont. Durante il pomeriggio la
goletta oltrepass il capo Bller a nord dell'isola; lasci a dritta la
baia Possession e la baia Cumberland, ed entr nella baia Reale,
girando fra massi di ghiaccio staccatisi dal ghiacciaio di Ross. Alle
sei di sera l'ancora venne calata a sei braccia di profondit e poich la
notte si avvicinava, lo sbarco venne rimandato all'indomani.
La Nuova Georgia misura circa 40 leghe in lunghezza e circa 20
leghe in larghezza. Situata a 500 leghe dallo stretto di Magellano,
essa appartiene alla circoscrizione delle Falkland. L'amministrazione
britannica non rappresentata da nessuno poich l'isola non abitata,
bench possa essere abitabile almeno nei mesi d'estate.
L'indomani, quando gli uomini partirono alla ricerca di una
sorgente d'acqua, io rimasi a passeggiare da solo nei dintorni della
baia Reale. Quei luoghi erano deserti poich mancava ancora un
mese all'epoca in cui i pescatori si occupano della caccia alle foche.
Esposta all'azione diretta della corrente polare antartica, la Nuova
Georgia frequentata volentieri dai mammiferi marini. Ne vidi
parecchie frotte sulle spiagge, lungo le rocce, sino in fondo alle
grotte del litorale. Alcune torme di pinguini immobili in file
interminabili, protestavano con i loro gridi simili ad abbaiamenti
contro l'invasione di un intruso, cio contro di me.
Sulla superficie delle acque e delle sabbie volavano stormi di
allodole il cui canto ridestava nel mio spirito il ricordo dei Paesi pi
favoriti dalla natura. una fortuna che quegli uccelli non abbiano
bisogno di rami per fabbricare il loro nido, poich non esiste un
albero su tutto il suolo della Nuova Georgia. Qua e l vegetano
alcune fanerogame, muschi mezzo scoloriti, e soprattutto quell'erba
cos abbondante, quel tussock, che ricopre i pendii dei monti fino
all'altezza di 150 tese, e la cui raccolta basterebbe a nutrire numerose
greggi.
Il 12 novembre l'Halbrane si prepar a partire. Dopo avere
oltrepassato la punta Carlotta, all'estremit della baia Reale, fece
capo verso sud-sud-est nella direzione delle isole Sandwich situate a
400 miglia pi in l.
Fino allora non avevamo mai incontrato ghiacci galleggianti. Ci
dipendeva dal sole dell'estate che non li aveva ancora staccati sia
dalla banchisa, sia dalle terre australi. In seguito le correnti li
avrebbero trascinati all'altezza di quel 50 parallelo che nell'emisfero
settentrionale quello di Parigi o di Quebec.
Il cielo, la cui purezza cominciava ad alterarsi, minacciava di
oscurarsi verso levante. Un vento freddo, misto a pioggia e a
grandine, soffiava con forza. Siccome favoriva la nostra navigazione
non c'era di che lamentarsi. Ci mettemmo al riparo.
Ci che infastidiva erano i larghi strati di nebbie che
nascondevano frequentemente l'orizzonte. Ci nonostante, poich
quei paraggi non presentavano alcun pericolo, e poich non c'era da
temere l'incontro di pack o di iceberg alla deriva, l'Halbrane poteva,
senza grandi preoccupazioni, continuare la sua rotta verso sud-est, in
direzione delle isole Sandwich.
In mezzo a quelle nebbie passavano stormi di uccelli dal grido
stridente, dal volo calmo contro il vento muovendo appena le ali;
erano procellarie, marangoni, alcioni, sterne, albatri, che fuggivano
verso la terra come per indicarci la via.
Furono senza dubbio quelle nebbie fitte che impedirono al
capitano Len Guy di vedere a sud-ovest, fra la Nuova Georgia e le
Sandwich, l'isola Traversey scoperta da Bellingshausen, come pure le
quattro piccole isole Welley, Polker, Prince's Island e Christmas,
delle quali l'americano James Brown con il Pacific aveva, dopo
Fanning, riconosciuto la posizione. Del resto l'essenziale era di non
capitare sui loro scogli, quando la visibilit si stendeva soltanto a due
o tre gomene.
Perci la sorveglianza venne rigorosamente stabilita a bordo, e le
vedette osservavano la distesa d'acqua antistante non appena
un'improvvisa luce permetteva al campo visivo di allargarsi.
Nella notte dal 14 al 15 delle luci vaghe e vacillanti illuminarono
lo spazio verso ovest. Il capitano Len Guy pens che quei bagliori
dovessero provenire da un vulcano, forse quello dell'isola Traversey,
il cui cratere spesso circondato da fiamme.
Siccome l'orecchio non poteva afferrare alcuno di quei lunghi
boati che accompagnano le eruzioni vulcaniche, noi concludemmo
che la goletta doveva trovarsi a una distanza rassicurante dagli scogli
di quell'isola.
Non ci fu dunque bisogno di cambiare rotta e la nave fu
mantenuta con la prua verso le Sandwich.
La pioggia cess nella mattina del 16 e il vento gir di un quarto
verso nord-ovest. Non c'era che da rallegrarsene poich le nebbie non
tardarono a dissiparsi.
In quel momento il marinaio Stern, che era di vedetta, credette
scorgere una nave a tre alberi, la cui velatura si stagliava verso nord-
est. Con nostro vivo rammarico quel bastimento scomparve prima
che fosse stato possibile riconoscere la sua nazionalit. Forse era una
delle navi della spedizione di Wilkes o qualche baleniera che si
portava sul luogo di pesca, poich le balene gi si mostravano in
grande quantit.
Il 17 novembre, alle dieci del mattino, la goletta scorse
l'arcipelago al quale Cook aveva prima dato il nome di Southern
Thul la terra pi meridionale che fosse stata scoperta a quell'epoca
e che in seguito battezz Terra delle Sandwich: nome che quel
gruppo di isole ha conservato sulle carte geografiche e che portava
gi nel 1830, quando Biscoe se ne allontan per cercare all'Est un
passaggio verso il polo.
Molti altri navigatori, dopo quell'epoca, hanno visitato le
Sandwich, e nei loro paraggi i pescatori si recano per dare la caccia
alle balene, ai balenotteri e alle foche.
Nel 1820 il capitano Morrell era sbarcato con la speranza di
trovarvi legna da ardere di cui aveva estremo bisogno.
Fortunatamente il capitano Len Guy non vi si ferm per questo
scopo. Non vi avrebbe trovato nulla, dato che il clima di quelle isole
non permette lo sviluppo degli alberi.
La goletta si fermava alle Sandwich per quarantott'ore, poich era
prudente visitare tutte quelle isole delle regioni australi che si
trovavano sulla nostra rotta. Vi si poteva trovare un documento, un
indizio, un'impronta. Patterson era stato trascinato da una massa di
ghiaccio, non poteva essere avvenuto lo stesso a qualcuno dei suoi
compagni?
Bisognava dunque non trascurare nulla, poich il tempo non
stringeva. Dopo la Nuova Georgia l'Halbrane sarebbe andata alle
Sandwich. Dopo le Sandwich alle New South Orkney, poi dopo il
circolo polare essa avrebbe puntato direttamente verso la banchisa.
Si pot sbarcare lo stesso giorno, riparati dalle rocce dell'isola
Bristol, in fondo a una specie di porto naturale sulla costa orientale.
Quell'arcipelago, situato a 59 di latitudine e 30 di longitudine
occidentale, si compone di parecchie isole le cui principali sono
Bristol e Thul. Molte altre possono definirsi pi modestamente degli
isolotti.
A Jem West fu affidata la missione di recarsi a Thul, a bordo
della grande lancia, per esplorare i punti accessibili, mentre il
capitano Len Guy e io scendemmo sulle spiagge di Bristol.
un paese tristemente desolato avendo per abitanti soltanto gli
uccelli delle specie antartiche. La rara vegetazione simile a quella
della Nuova Georgia. Muschi e licheni ricoprono la nudit di un
terreno improduttivo. Di l dalla spiaggia pochi pini sparuti sorgono
a un'altezza considerevole sui fianchi delle colline spoglie, donde
massi pietrosi precipitano qualche volta con grande fracasso.
Dappertutto una spaventevole solitudine. Su quell'isola Bristol non
c'era alcun segno che rivelasse il passaggio di un essere umano, n la
presenza di naufraghi. Le escursioni che noi facemmo quel giorno e
il seguente non diedero alcun risultato.
Lo stesso risultato ottenne la spedizione del secondo West a
Thul, di cui aveva percorso senza alcun esito la costa cos
paurosamente frastagliata. Alcuni colpi di cannone sparati dalla
nostra goletta non ottennero altro effetto che far fuggire stormi di
procellarie e di sterne e di spaventare gli stupidi pinguini che se ne
stavano bellamente in posa sul litorale.
Passeggiando con il capitano Len Guy mi permisi di chiedergli:
Non ignorate, certamente, quale fosse l'opinione di Cook su
questo gruppo delle Sandwich quando lo scopr. Dapprincipio
credette di aver messo il piede sopra un continente. Secondo lui era
di qua che si staccavano le montagne di ghiaccio che la deriva
trascina fuori del mare antartico. Egli riconobbe pi tardi che le
Sandwich formavano soltanto un arcipelago. Ci nonostante la sua
opinione circa l'esistenza di un continente polare pi a sud non
meno esplicita.
Lo so, signor Jeorling, mi rispose il capitano Len Guy,
ma se questo continente esiste, bisogna ammettere ch'esso presenti
una larga apertura, quella per la quale Weddell e mio fratello hanno
potuto oltrepassare a sei anni di distanza l'uno dall'altro. Ammetto
che il nostro grande navigatore non abbia avuta la fortuna di scoprire
questo passaggio, poich si fermato al 71 parallelo. Altri lo hanno
fatto dopo di lui e altri vogliono farlo
Noi saremo fra questi, capitano
S con l'aiuto di Dio! Se Cook non ha esitato ad affermare
che nessuno si azzarderebbe mai a spingersi pi avanti di lui, e che le
terre, se esistono, non saranno mai conosciute, l'avvenire prover
ch'egli si era sbagliato Esse sono state esplorate oltre l'83 di
latitudine
E chiss, aggiunsi, forse anche pi lontano da quello
straordinario Arthur Pym
Forse, signor Jeorling. vero che non dobbiamo occuparci di
Arthur Pym, poich Dirk Peters e lui sono ritornati in America
Ma se non vi fossero ritornati?
Credo che non dobbiamo considerare questa eventualit,
rispose semplicemente il capitano Len Guy.
CAPITOLO XI
DALLE SANDWICH AL CIRCOLO POLARE
SEI GIORNI dopo la sua partenza la goletta, con la prua a sud-ovest
e sempre favorita dal tempo, arriv in vista dell'arcipelago delle New
South Orkney.
Questo composto di due isole principali: all'Ovest, la pi estesa,
l'isola Coronation, la cui cima gigantesca raggiunge in altezza i 2.500
piedi; all'Est l'isola Laurie, che termina con il capo Dundas esposto a
ponente. Intorno sorgono isole minori, Saddle, Powell e altri
numerosi isolotti a pan di zucchero. Finalmente all'Ovest si trovano
l'isola Inaccessibile e l'isola della Disperazione, cos battezzate senza
dubbio da un navigatore che non aveva potuto approdare su di una e
aveva temuto di non raggiungere l'altra.
Quest'arcipelago venne scoperto dall'americano Palmer insieme
con l'inglese Botwel nel 1821-1822. Attraversato dal 61 parallelo,
compreso fra il 44 e il 47 meridiano.
L'Halbrane, avvicinandosi, ci permise di osservare dalla parte
settentrionale massi prodotti da uno sconvolgimento tellurico,
scoscendimenti ripidi, i cui pendii specialmente all'isola della
Coronation si addolcivano digradando verso il litorale. Ai loro piedi
si accumulavano mostruosi ghiacci in un formidabile miscuglio, i
quali prima di due mesi sarebbero andati alla deriva verso le acque
temperate.
Sarebbe stata allora la stagione in cui le baleniere avrebbero fatto
la loro comparsa per raggiungere il luogo della caccia delle balene,
mentre alcuni dei loro uomini sarebbero restati su quelle isole per
cacciare le foche e gli elefanti marini.
Oh! come queste terre sono giustamente chiamate terre di dolore e
di freddo, quando il loro manto invernale non stato ancora
raggiunto dai primi raggi dell'estate australe!
Il capitano Len Guy, desideroso di non impegnarsi attraverso lo
stretto, ingombro di scogli e di ghiacci, che separa il gruppo in due
parti distinte, costeggi prima l'estremit sud-est dell'isola Laurie,
dove trascorse la giornata del 24; poi, dopo avere girato intorno al
capo Dundas, si avvicin alla costa meridionale dell'isola Coronation
presso la quale la goletta fece sosta il 25. Il risultato delle nostre
ricerche riguardante i marinai della Jane fu senza esito positivo.
Se nel 1822 nel mese di settembre, vero, volendo procurarsi
alcune pelli di foche, Weddell perse il tempo e la fatica, ci accadde
perch l'inverno era ancora troppo rigoroso. L'Halbrane questa volta
avrebbe potuto fare un grosso carico di quegli anfibi.
I volatili occupavano a migliaia le isole e gli isolotti. Su quelle
rocce ricoperte di un alto strato di guano, senza parlare dei pinguini,
si trovava un gran numero di piccioni bianchi, di cui avevo gi visto
qualche esemplare. Essi non sono palmipedi, hanno il becco conico
poco allungato, le pupille cerchiate di rosso e si cacciano senza
alcuna difficolt.
La flora delle New South Orkney, dove dominano gli schisti
quarzosi e di origine non vulcanica, unicamente rappresentata da
licheni grigiastri e da qualche raro fuco della specie laminaria. Sulle
spiagge e lungo le rocce abbondavano in gran quantit patelle e
datteri di mare, di cui si fece un'enorme provvista.
Il nostromo e i suoi uomini non si lasciarono sfuggire questa
occasione per sterminare a colpi di bastone parecchie dozzine di
pinguini. Con questa caccia essi non obbedivano a un biasimevole
istinto di distruzione, ma al desiderio, molto legittimo, di procurarsi
carne fresca.
Questo vale il pollo, signor Jeorlingi mi dichiar
Hurliguerly. Forse non ne avete mai mangiato alle Kerguelen?
S, nostromo, ma era Atkins che li preparava.
Ebbene, qui Endicott, e non vi troverete differenza!
Infatti nella sala da pranzo come nel camerone dell'equipaggio si
gustarono quei pinguini, che testimoniavano il talento culinario del
nostro capocuoco.
L'Halbrane spieg le vele il 26 novembre, alle 6 del mattino,
volgendo la prua al Sud. Essa oltrepass il 43 meridiano, che un
buon rilevamento aveva permesso di stabilire con estrema esattezza.
Era quello che Weddell e William Guy avevano seguito, e se la
goletta non si dirigeva n all'Est, n all'Ovest essa sarebbe andata a
sbattere direttamente sull'isola Tsalal. Ci nonostante bisognava
calcolare le difficolt della navigazione.
I venti da levante, piuttosto stabili, ci favorivano. La goletta era
completamente invelata, portava pure i coltellacci e le vele di
straglio. Sotto tutta quella tela essa filava con una velocit di circa
11/12 nodi. Se avesse mantenuto quella velocit la traversata da New
South Orkney al circolo polare sarebbe stata molto breve.
Pi in l, lo so, si trattava di forzare l'apertura dell'imponente
banchisa o, pi praticamente, di scoprire un passaggio attraverso
quella cortina ghiacciata.
Siccome il capitano Len Guy e io c'intrattenevamo su
quell'argomento io dissi:
Fin qui lHalbrane ha sempre avuto il vento in poppa e per
poco che duri ancora, raggiungeremo la banchisa prima che da essa si
distacchino le masse di ghiaccio
Forse s forse no signor Jeorling, poich quest'anno la
stagione straordinariamente precoce. All'isola Coronation ho notato
che i blocchi si staccavano gi dal litorale a sei settimane prima del
solito.
Fortunata circostanza, capitano, e pu capitare che la nostra
goletta possa oltrepassare la banchisa nelle prime settimane di
dicembre, mentre la maggior parte delle navi vi giungono soltanto
alla fine di gennaio.
Infatti noi siamo aiutati dalla temperatura mite, rispose il
capitano Len Guy.
Aggiungo, ripresi, che 'Biscoe nella sua seconda
spedizione soltanto alla met di febbraio raggiunse questa terra
dominata dai monti William e Stowerby sul 64 di longitudine. Lo
attestano i libri di viaggio che mi avete imprestato
In modo molto preciso, signor Jeorling.
Allora prima di un mese, capitano
Prima di un mese io spero di avere ritrovato, oltre la banchisa,
il mare libero sul quale hanno tanto insistito Weddell e Arthur Pym, e
noi dovremo soltanto navigare nelle condizioni ordinarie prima fino
all'isolotto Bennet, e poi fino all'isola Tsalal. Su quel mare cos
libero, quale ostacolo potrebbe arrestarci, ovvero essere la causa di
ritardo?
Non ne prevedo alcuno, capitano, dopo che avremo superato la
banchisa. Questo passaggio il punto difficile: ci deve essere
l'oggetto delle nostre costanti preoccupazioni, e per poco che i venti
dell'Est si mantengano
Si manterranno, signor Jeorling, e tutti i navigatori dei mari
australi hanno potuto constatare, come io stesso l'ho fatto, la
permanenza di tali venti. So bene che fra il 30 e il 60 parallelo le
raffiche spirano comunemente dalla parte dell'Ovest. Ma al di l, in
seguito a un rovesciamento molto sensibile, i venti opposti prendono
il sopravvento e, voi non l'ignorate certamente, da quando avremo
oltrepassato quel limite, essi soffieranno con regolarit in quella
direzione
vero e ne son contento, capitano. Del resto, lo confesso, e
questa confessione non mi dispiace affatto, incomincio a diventare
superstizioso
Perch non esserlo, signor Jeorling! Che cosa c' di
irragionevole ammettere l'intervento di una potenza soprannaturale
nelle pi comuni circostanze della vita? A noi marinai
dell'Halbrane ci sarebbe permesso di dubitarne? Ricordatevi
dunque quell'incontro del disgraziato Patterson sulla rotta della
nostra goletta quella massa di ghiaccio trasportata fino nella zona
che stavamo attraversando e che si sciolse quasi subito Riflettete,
signor Jeorling, questi non sono forse fatti dovuti alla
Provvidenza? Vado oltre e affermo che Dio, dopo avere fatto tanto
per guidarci verso i nostri compatrioti della Jane, non vorr poi
abbandonarci
La penso come voi, capitano. No! non si pu negare il Suo
intervento, e a parere mio falso che il solo caso abbia sulla vita
umana quella parte che gli spiriti superficiali gli attribuiscono!
Tutti i fatti sono uniti da un legame misterioso una catena
Una catena, signor Jeorling, della quale per quello che ci
riguarda il primo anello la massa di ghiaccio di Patterson, e l'ultimo
sar l'isola Tsalal! Ah! fratello mio, povero fratello mio!
Abbandonato laggi da undici anni con i suoi compagni di
sventura senza avere la speranza di un soccorso! E Patterson
trascinato lontano da loro in quali condizioni lo ignoriamo, come
essi ignorano ci che accaduto di lui! Mi si stringe il cuore
quando penso a quella catastrofe, per non mi lascer prendere dalla
debolezza, signor Jeorling, se non forse al momento in cui mio
fratello si getter nelle mie braccia!
Il capitano Len Guy era in preda a una emozione cos intensa che i
miei occhi si riempirono di lacrime. Oh! non avrei avuto il coraggio
di rispondergli che quel salvataggio poteva portare molte disgrazie!
Certo non c'era da mettere in dubbio che meno di sei mesi prima
William Guy e cinque marinai della Jane si trovavano ancora
sull'isola Tsalal, poich il libriccino di Patterson lo documentava
Ma qual era la loro situazione? Erano in potere di quegli isolani, il
cui numero Arthur Pym credeva assommasse a parecchie migliaia,
senza calcolare gli abitanti delle isole situate all'Ovest? Ammesso
ci non dovevamo forse aspettarci dal capo dell'isola Tsalal, da quel
Too-Wit, qualche attacco al quale lHalbrane non sarebbe riuscita a
resistere forse pi della Jane!
S! era meglio rimettersi alla Provvidenza! Il suo intervento si
era gi manifestato in modo evidente, e per compiere quella missione
che Iddio ci aveva affidato noi avremmo fatto tutto ci che era
umanamente possibile fare!
Devo notare che l'equipaggio della goletta, animato dagli stessi
sentimenti, divideva le nostre stesse speranze; intendo parlare degli
anziani di bordo, cos attaccati al loro capitano. Quanto ai nuovi,
poteva darsi che fossero indifferenti o quasi al risultato della
spedizione, dal momento che ne avrebbero ricavato il compenso
pattuito dall'impegno che si era preso con loro.
questo almeno ci che mi confermava il nostromo: fatta
eccezione di Hunt. Sembrava che quell'uomo non fosse stato spinto
affatto a prestare servizio sulla Jane dall'allettante compenso o dai
premi. Certo che non ne parlava mai, come del resto non parlava
mai di nulla con nessuno.
Immagino che non ci pensi nemmeno! mi disse Hurliguerly.
Devo ancora conoscere il suono delle sue parole! In fatto di
conversazione non va pi innanzi di una nave in sosta sulla sua
ancora maggiore!
Se non parla con voi, nostromo, non parla nemmeno con me.
Secondo il mio parere, signor Jeorling, sapete quello che ha gi
dovuto fare questo tipo originale?
Dite.
Ebbene, dev'essere andato lontano nei mari australi s
lontano bench su ci si mantenga muto come un pesce fritto.
Perch sia cos taciturno, riguarda lui soltanto! Ma se questo
pescecane non ha oltrepassato il circolo antartico e anche la banchisa
di una buona decina di gradi, voglio che il primo colpo di mare mi
getti da sopra il bordo
Da che cosa lo arguite, nostromo?
Dai suoi occhi, signor Jeorling, dai suoi occhi! In qualunque
momento la goletta abbia la prua rivolta qui o l, essi sono sempre
diretti verso Sud occhi che non scintillano mai fissi come fuochi
di posizione
Hurliguerly non esagerava e io l'avevo gi notato. Per adoperare
una espressione di Edgar Poe, Hunt aveva gli occhi splendenti, da
falco
Quando questo selvaggio non di guardia, riprese il
nostromo, rimane tutto il tempo appoggiato al parapetto
altrettanto immobile quanto muto! In verit il suo vero posto
sarebbe a prua della nostra nave dove rappresenterebbe la polena
dellHalbrane! Una figura grottesca per esempio! E poi
osservatelo, signor Jeorling, quando al timone! Le sue enormi
mani tengono le caviglie come se fossero inchiodate alla ruota!
Allorch il suo occhio guarda la chiesuola si direbbe che la calamita
lo attiri! Io mi vanto di essere un buon timoniere, ma non davvero
della forza di Hunt. Con lui, l'ago non si allontana un momento dalla
linea diritta, per quanto forte possa essere l'attrazione! Sentite la
notte se l'illuminazione della chiesuola dovesse spegnersi, sono
sicuro che Hunt non avrebbe bisogno di riaccenderla! Avrebbe
rischiarato la rosa con il fuoco delle sue pupille e si sarebbe
mantenuto in buona direzione!
Decisamente il nostromo amava rifarsi con me della poca
attenzione che il capitano Len Guy e Jem West prestavano in genere
alle sue interminabili chiacchierate.
Insomma se Hurliguerly si era formata di Hunt un'opinione che
sembrer un poco eccessiva, devo confessare che il comportamento
di quel singolare individuo lo autorizzava.
Positivamente era permesso collocarlo nella categoria degli esseri
semifantastici. Per completare se Edgar Poe l'avesse conosciuto
l'avrebbe potuto prendere come tipo di uno dei suoi eroi puramente
straordinari.
Per parecchi giorni, senza un solo incidente, senza che nulla
venisse a rompere la monotonia della nostra navigazione si continu
ad andare avanti nelle migliori condizioni.
Con un buon vento proveniente da est la goletta ottenne il suo
massimo grado di velocit: ci era indicato da una lunga scia piatta e
regolare che si stendeva parecchie miglia dietro la poppa.
Del resto la stagione primaverile si inoltrava. Le balene
cominciavano a mostrarsi sempre pi numerose. In quelle zone
sarebbe bastata una settimana a navi di grande tonnellaggio, per
riempire le loro stive di prezioso olio. Perci i nuovi marinai
ingaggiati, soprattutto gli americani, non nascondevano il loro
rammarico nel vedere l'indifferenza del capitano alla presenza di tanti
animali che valevano tanto oro quanto pesavano, e pi abbondanti
che non fossero mai stati in quel periodo dell'anno.
Di tutto l'equipaggio chi manifestava maggiormente il suo
dispiacere era Hearne, un mastro di pesca, che i suoi compagni
ascoltavano volentieri. Con le sue maniere brutali e con la ferocia che
spirava dalla sua persona era riuscito a imporsi agli altri marinai.
Quel capobarca di quarantaquattr'anni era di nazionalit americana.
Dritto e vigoroso io me lo immaginavo quando, in piedi sulla sua
baleniera, brandiva l'arpione, lo lanciava contro il fianco di una
balena e tirava il cavo Doveva essere superbo! Ora, data la sua
violenta passione per quel mestiere, non mi sarei meravigliato che il
suo malcontento si facesse strada per l'occasione.
Dopo tutto, la nostra goletta non era armata per la pesca, e gli
argani necessari per quel lavoro a bordo non esistevano. Il capitano
Len Guy, da quando navigava con lHalbrane , si era unicamente
limitato a trasportare merci fra le isole meridionali dell'Atlantico e
del Pacific.
Checch ne fosse, la quantit di balene che noi scorgevamo in un
raggio di qualche gomena doveva essere considerata come
straordinaria.
Quel giorno, verso le tre del pomeriggio, ero andato ad
appoggiarmi sul parapetto di prua per seguire i giochi di parecchie
coppie di quegli enormi animali. Hearne li mostrava con la mano ai
suoi compagni, mentre dalla sua bocca sfuggivano frasi interrotte:
L l un fin-back ah! eccone due tre con la loro
pinna dorsale da cinque a sei piedi! Li vedete navigare fra due
acque tranquillamente senza fare alcun balzo! Ah! se avessi
un rampone, scommetto la mia testa che lo conficcherei in una delle
quattro macchie giallastre che hanno sul corpo! Ma non si pu fare
niente in questa scatola da traffico nessun mezzo per sciogliere i
muscoli! Corpo di mille diavoli! quando si naviga su questi mari
per pescare e non per
Poi, interrompendosi esclam, dopo una bestemmia di collera:
E quest'altra balena!
Quella che ha la gobba come un dromedario? domand
uno dei marinai.
S un hump-back, rispose Hearne. Vedi il suo ventre
piegato e la sua lunga natatoia dorsale? Una caccia poco comoda
quella agli hump-back poich scendono a grandi profondit e si
tirano dietro bracciate di cavo In verit meriteremmo che esso ci
mandasse un colpo di coda sul fianco, poich noi non mandiamo un
colpo di rampone nel suo!
Attenzione attenzione! esclam il nostromo.
Non era perch temesse di ricevere quel formidabile colpo di coda
augurato dal capobarca. No! un enorme cetaceo seguiva la goletta, e
quasi subito una tromba d'acqua fetida sfuggiva dai suoi sfiatatoi con
un rumore paragonabile a una lontana detonazione di artiglieria.
Tutta la prua fu inondata fino al gran boccaporto.
Ben fatto! mormor Hearne, alzando le spalle, mentre i suoi
compagni si scuotevano imprecando contro l'annaffiamento
dell'hump-back.
Oltre queste due specie di cetacei si osservarono anche balene
franche le right-whales che s'incontrano pi comunemente nei
mari australi. Sprovviste di pinne, esse avevano una spessa cotenna
di lardo. La loro caccia non presenta grandi pericoli. Perci le balene
franche sono ricercate in mezzo a quelle acque antartiche dove
vivono migliaia di piccoli crostacei chiamati il cibo della balena,
che rappresentano il loro unico nutrimento.
Precisamente a meno di tre gomene dalla goletta, galleggiava una
di quelle right-whales, di 60 piedi di lunghezza, sufficiente a fornire
cento barili d'olio: tale il frutto offerto da quei mostruosi animali
che tre di loro bastano per completare il carico di una nave di medio
tonnellaggio.
S! una balena franca! esclam Hearne. Si riconosce
dal suo getto grosso e corto! Guardate quello che vedete laggi,
a sinistra come una colonna di fumo viene da una right-
whale! E tutto questo ci passa sotto il naso perdendosi! Corpo
di Bacco! non poter riempire la propria vasca quando si pu, lo
stesso che vuotare sacchi di piastre in mare! Capitano della
malasorte, chi lascia perdere tutta questa grazia di Dio e che fa torto
al suo equipaggio
Hearne, ordin una voce imperiosa, sali a riva! Vi
potrai contare le balene con pi comodo!
Era la voce di Jem West.
Ma
Non una replica, o ti terr lass fino a domani! Andiamo e
sbrigati al pi presto!
Siccome non gli sarebbe convenuto opporre resistenza, il
capobarca obbed senza aggiungere parola.
Insomma, lo ripeto, l'Halbrane non si era avventurata in quelle
alte latitudini per dedicarsi alla pesca dei mammiferi marini, e i
marinai non erano stati ingaggiati alle Falkland per fare i pescatori. Il
solo scopo della nostra spedizione si conosceva, e niente ci doveva
distogliere da esso.
La goletta solcava allora la superficie di un'acqua rossastra,
colorata da banchi di crostacei della specie dei granchi, che
appartenevano al genere dei tisanopodi.
Si vedevano le balene coricate sul fianco con noncuranza,
raccoglierli con le barbe dei loro fanoni, tesi come una rete fra le due
mascelle e inghiottirli a miriadi nel loro enorme stomaco.
Infine, poich in quel mese di novembre in quella parte
dell'Atlantico meridionale c'era un tal numero di cetacei di diversa
specie, sarei obbligato a ripetere che la stagione era di una precocit
veramente anormale. Ci nonostante non si vedeva una sola baleniera
su quei luoghi di pesca.
Osserviamo per inciso che in questa prima met del secolo i
pescatori di balene avevano quasi abbandonato i mari dell'emisfero
boreale, dove non s'incontravano pi che rari balenotteri in seguito a
una smodata distruzione. Attualmente sono i paraggi meridionali
dell'Atlantico e del Pacifico, che i francesi, gli inglesi e gli americani
ricercano, per questo genere di pesca che in seguito potr esercitarsi
solo a prezzo di enormi fatiche. anche probabile che questa
industria una volta cos prospera sia destinata a finire.
Ecco quanto c'era da concludere da quello straordinario
assembramento di cetacei.
Da quando il capitano Len Guy aveva avuto con me quella
conversazione circa il romanzo di Edgar Poe, devo notare che era
divenuto meno riservato. Parlavamo spesso di un argomento o di un
altro e quel giorno egli mi disse:
La presenza di queste balene indica generalmente che la costa
si trova a breve distanza e ci per due ragioni. La prima che i
crostacei che servono come loro nutrimento non si allontanano mai
molto da terra. La seconda che le acque poco profonde sono
necessarie alle femmine per depositare i loro piccoli.
Se cos , capitano, risposi, come mai non riusciamo a
scorgere alcun gruppo di isole fra le New South Orkney e il circolo
polare?
La vostra osservazione giusta, replic il capitano Len
Guy; per vedere una costa bisognerebbe allontanarsi di una
quindicina di gradi all'Ovest, dove si trovano le New South Shetland
di Bellingshausen, le isole Alessandro e Pietro, e infine la Terra di
Graham che fu scoperta da Biscoe.
Dunque, replicai la presenza delle balene non indica
necessariamente la vicinanza di una terra?
Non saprei che rispondervi, signor Jeorling, ed possibile che
l'osservazione di cui vi ho parlato non sia fondata. Perci pi
ragionevole attribuire il numero di questi animali alle condizioni
climatiche di quest'anno
Non vedo altra spiegazione, dichiarai, ed essa si accorda
con ci che abbiamo constatato.
Ebbene ci affretteremo ad approfittare di queste
circostanze rispose il capitano Len Guy.
Senza tenere conto, aggiunsi, delle recriminazioni di una
parte dell'equipaggio
Perch si dovrebbero lamentare quegli uomini l?
esclam il capitano Len Guy. Non sono stati ingaggiati per la
pesca, che io sappia! Non ignorano per quale servizio sono stati
reclutati e Jem West ha fatto bene a tagliare corto a queste loro
cattive intenzioni! I miei vecchi compagni non se lo sarebbero certo
permesso! Vedete, signor Jeorling, spiacevole che non mi sia
potuto accontentare dei miei uomini! Disgraziatamente non era
possibile tenendo presente la popolazione indigena dell'isola
Tsalal!
Mi affretto a spiegare che se non si poteva dare la caccia alla
balena, qualsiasi altro genere di pesca era proibito a bordo
dell'Halbrane. Data la sua velocit, sarebbe stato difficile adoperare
la nassa o il tramaglio. Ma il nostromo aveva fatto calare delle lenze
nella scia e il pranzo quotidiano ne era avvantaggiato con grande
soddisfazione degli stomachi, un po' affaticati dalla carne seccata a
mezzo sale. Il bottino che le nostre lenze prendevano era costituito da
ghiozzi, salmoni, merluzzi, maccarelli, gronghi, triglie, scari. Le
fiocine colpivano sia qualche delfino, sia qualche pescecane dalla
carne nerastra che non dispiaceva affatto all'equipaggio e di cui il
petto e il fegato costituiscono bocconi prelibati.
Per quanto riguarda gli uccelli erano sempre gli stessi che
provenivano da tutti i punti dell'orizzonte: procellarie di varie specie
sia bianche sia azzurre di una rimarchevole eleganza di forme,
alcioni, marangoni, gabbiani in numerosi stormi.
Vidi anche, fuori di tiro, una procellaria gigantesca le cui
dimensioni erano tali da meravigliare il pi incallito cacciatore.
Era uno di quegli uccelli che gli spagnoli chiamano
quebrantahuesos. Questo uccello di stanza in prossimit dello stretto
di Magellano notevole per le sue larghe ali arcate e sfilate, la cui
apertura arriva a 13/14 piedi, equivalente a quella dei grandi albatri.
Anche questi ultimi non mancavano, e fra quei potenti volatori si
vedeva soprattutto l'albatro dalle penne color fuliggine, l'ospite delle
latitudini fredde che ritornava nella zona glaciale.
E da notare che se Hearne e quegli altri suoi compagni che
avevamo ingaggiato mostravano tanto desiderio e anche dispiacere
alla vista di quelle frotte di cetacei, ci succedeva perch sono gli
americani quelli che pi specialmente si danno alla pesca in quei
mari australi. Mi torna alla memoria che nel 1827 un'inchiesta
ordinata dagli Stati Uniti dimostr che in quei mari il numero delle
navi armate per la pesca delle balene saliva a 200, con un totale di
50.000 tonnellate, riportando ciascuna 1.700 barili d'olio: il ricavato
dalla pesca di 8.000 balene, senza tenere conto di altre due migliaia
che andavano perdute.
Quattr'anni dopo, secondo un'altra inchiesta, quel numero saliva a
460 e il tonnellaggio a 172.500, cio un decimo di tutta la marina
mercantile dell'Unione, del valore di un milione e 800.000 dollari;
ben 40 milioni erano impegnati nella pesca.
Si comprender facilmente come il capobarca e qualche altro
fossero appassionati per quel rude e fruttuoso mestiere. Ma gli
americani dovrebbero astenersi dal compiere un'esagerata distruzione
di quei cetacei! A poco a poco le balene diventeranno rare su quei
Mari del Sud e bisogner dare loro la caccia oltre la banchisa.
A questa osservazione che io feci al capitano Len Guy, egli mi
rispose che gli inglesi si sono sempre mostrati pi riservati; il che
per, credo, meriterebbe una conferma.
Il 30 novembre, dopo un'osservazione fatta verso le 10, l'altezza fu
determinata esattamente con una meridiana a mezzogiorno. Da quei
calcoli risult che noi eravamo in quel giorno a 66 23' 3" di
latitudine.
LHalbrane aveva dunque superato il circolo polare che
circoscrive la zona antartica.


CAPITOLO XII
FRA IL CIRCOLO POLARE E LA BANCHISA
DOPO che lHalbrane ebbe oltrepassato quella curva immaginaria
tracciata a 23 gradi e mezzo dal polo, sembr che fosse entrata in una
regione nuova, quella regione della Desolazione e del Silenzio
come dice Edgar Poe quella magica prigione di splendore e di
gloria, nella quale il cantore di Eleonora desidera essere rinchiuso
per l'eternit; quell'immenso oceano di luce ineffabile.
A mio avviso, per restare nelle ipotesi meno fantastiche, quella
regione dell'Antartide, di una superficie che oltrepassa i 5 milioni di
miglia quadrate, rimasta ci che era il nostro globo durante il
periodo glaciale
Durante l'estate l'Antartide, si sa, gode del giorno continuo,
dovuto ai raggi che il sole nella sua spirale ascendente proietta sopra
il suo orizzonte. Poi, quando esso scomparso, inizia la lunga notte,
spesso rischiarata dalle irradiazioni delle aurore polari.
Era dunque in piena stagione di luce che la nostra goletta stava per
attraversare quelle paurose regioni. La luce continua non sarebbe
mancata fino al posto dove si trovava l'isola Tsalal, sulla quale non
dubitavamo di ritrovare gli uomini della Jane.
Uno spirito dotato di pi immaginazione avrebbe, senza dubbio,
provato singolari eccitazioni nelle prime ore trascorse su quel limite
della nuova zona, visioni, fantasmi, allucinazioni
Si sarebbe sentito come trasportare in mezzo al soprannaturale
All'avvicinarsi di quelle contrade antartiche si sarebbe chiesto che
cosa nascondeva quel velo nebuloso che ne copriva la maggior
parte Vi si sarebbero scoperti elementi nuovi nel campo dei tre
regni minerale, vegetale, animale? esseri di una umanit
speciale, come afferma di avere visto Arthur Pym? Che cosa
avrebbe presentato quel teatro naturale sul quale era ancora calata
una cortina di nebbie?
Sotto l'intensa oppressione di quei sogni, pensando al ritorno, non
si sarebbe perduta ogni speranza?
Non si sarebbe udito, attraverso le stanze del pi straordinario dei
poemi, il corvo del poeta gridare con la sua voce gracidante:
Never more! mai pi! mai pi!
Per questo stato mentale non era il mio, e quantunque da qualche
tempo fossi molto sovreccitato, trovavo il modo di mantenermi
sempre nei limiti del reale. Formulavo un solo voto: che il mare e il
vento si mantenessero al di l cos propizi come lo erano stati al di
qua del circolo polare antartico.
Sui tratti rudi e sulle facce abbronzate del capitano Len Guy, del
secondo e dei marinai pi anziani di quell'equipaggio si diffuse una
evidente soddisfazione quando appresero che la goletta passava il 66
parallelo.
L'indomani Hurliguerly con passo svelto e con la faccia allegra mi
si avvicin sul ponte.
Eh! eh! signor Jeorling, egli esclam, eccolo dietro di
noi il famoso circolo
Non abbastanza, nostromo, non abbastanza!
Ci accadr ci accadr! Ma ho un disappunto
Quale?
Che noi non facciamo ci che si soliti fare a bordo delle navi
al passaggio della linea!
Vi dispiace? domandai.
Senza dubbio, e lHalbrane avrebbe potuto concedersi la
cerimonia di un battesimo australe!
Di un battesimo? Chi avreste battezzato, nostromo, poich
tutti i nostri uomini, come voi, hanno gi navigato oltre questo
parallelo?
Noi s Voi no, signor Jeorling! E perch, se siete
d'accordo, non si sarebbe dovuto fare questa cerimonia in vostro
onore?
vero, nostromo, nel corso dei miei viaggi la prima volta che
mi sono spinto a una latitudine cos alta.
Ci avrebbe meritato un battesimo, signor Jeorling Oh!
senza grande fracasso senza tamburo n trombette e senza fare
intervenire il Padre Antartico con la sua mascherata abituale! Se
volete permettermi di benedirvi
Sia pure, Hurliguerly! risposi portando la mano alla tasca.
Benedite e battezzate a vostro piacimento! Eccovi una piastra
per bere alla mia salute nella bettola pi vicina
Allora non sar che all'isolotto Bennet o all'isola Tsalal,
ammesso che vi siano locande in quelle isole selvagge, e che si siano
trovati altri Atkins per stabilirvisi!
Ditemi, nostromo, io punto sempre su Hunt Sembra
soddisfatto, come i marinai anziani dell'Halbrane, di avere
oltrepassato il circolo polare?
Chi lo sa? mi rispose Hurliguerly. Quell'uomo naviga
sempre a vele chiuse, e non si pu cavarne niente, n da un bordo n
dall'altro Ma come vi ho gi detto, egli certamente ha gi navigato
fra i ghiacci e la banchisa
Che cosa ve lo fa pensare?
Tutto e nulla, signor Jeorling! Sono cose che si sentono!
Hunt un vecchio lupo di mare, che ha trascinato i suoi bagagli in
tutti gli angoli del mondo!
L'opinione del nostromo corrispondeva alla mia, e non so per
quale presentimento non cessavo di osservare Hunt, che occupava
particolarmente i miei pensieri.
Durante i primi giorni di dicembre dal 1 al 4, in seguito a qualche
bonaccia, il vento mostr una certa tendenza a girare per nord-ovest.
Ora dal Nord di quelle alte regioni, come dal Sud dell'emisfero
australe non c' da aspettarsi nulla di buono. Quello che
ordinariamente se ne ricava sempre un cattivo tempo sotto forma di
raffiche e di burrasche. Ci nonostante non ci sarebbe stato gran che
da lamentarsi se il vento non girava nuovamente per sud-ovest. In
quest'ultimo caso la goletta sarebbe stata spinta fuori rotta o, nel
migliore dei casi, avrebbe dovuto lottare per mantenervisi e sarebbe
stato meglio, in definitiva, non allontanarsi dal meridiano seguito fin
dalla nostra partenza dalle New South Orkney.
Questa presumibile modifica dello stato atmosferico era la causa
di qualche inquietudine al capitano Len Guy. Inoltre la velocit
dell'Halbrane sub una sensibile diminuzione: il vento infatti,
incominci a cadere durante la giornata del 4, e anzi nella notte dal 4
al 5 cess completamente.
Al mattino le vele pendevano inerti e flosce lungo gli alberi o
sbattevano fiaccamente da una parte all'altra. Bench nessun soffio
arrivasse sino a noi e la superficie dell'oceano fosse senza una
increspatura, le lunghe oscillazioni delle ondate che provenivano
dall'Ovest imprimevano alla goletta dei bruschi movimenti.
Il mare sente qualche, cosa, mi disse il capitano Len Guy,
e ci deve essere tempesta da questa parte, aggiunse puntando la
mano nella direzione di ponente.
L'orizzonte nebbioso infatti, risposi. Forse il sole verso
mezzogiorno
Non ha pi grande forza a questa latitudine, nemmeno d'estate,
signor Jeorling! Jem?
Il secondo si avvicin.
Che ne pensi del cielo?
Non sono molto tranquillo Perci bisogna essere pronti a
tutto, capitano. Ammaino subito le vele alte, ritiro il fiocco e preparo
la tempestina. Pu darsi che l'orizzonte si liberi nel pomeriggio Se
la burrasca ci viene sopra saremo in grado di riceverla.
Ci che essenziale, Jem, di conservare la nostra direzione
rispetto alla longitudine
Per quanto si potr fare, capitano, poich siamo sulla buona
via.
La vedetta non ha .ancora segnalato i primi ghiacci alla deriva?
domandai.
S, rispose il capitano Len Guy, e in un impatto della
nave con gli iceberg, il danno non sarebbe per loro. Se dunque la
prudenza esige che si punti verso est o verso ovest ci rassegneremo,
ma solamente in caso di forza maggiore.
La vedetta non si era sbagliata.
Nel pomeriggio si videro massi di ghiaccio che si spostavano con
lentezza verso il Sud: alcuni isolotti che non erano ancora di
considerevole mole n per la loro estensione, n per il loro spessore.
Per esempio, galleggiavano in grande quantit pezzi di icefield.
Erano ci che gli inglesi chiamano pack, ossia pezzi lunghi da 30.0 a
400 piedi i cui margini si toccano: palch quando hanno forma
circolare, stream quando l'hanno allungata. Quei pezzi facili da
evitarsi non potevano impedire la navigazione all'Halbrane. vero,
se il vento le aveva permesso fino allora di conservare la sua
direzione, adesso in mancanza di un certo abbrivo non governava che
con una certa difficolt. Ci che si aveva di pi fastidioso era che un
mare incrociato (mosso con molte onde) e duro ci percuoteva con
colpi insopportabili.
Verso le due, grandi correnti atmosferiche si precipitarono a mo'
di turbine ora da una parte, ora da un'altra. Il vento soffiava da tutti i
punti. La goletta fu orribilmente scossa e il nostromo dovette far
fissare sul ponte gli oggetti facili da essere sbalzati via dal rollio o
dal beccheggio.
Verso le tre, raffiche di una forza straordinaria si scatenarono
decisamente da ovest-nord-ovest.
Il secondo prese dei terzaruoli a randa, vela di trinchetto e
trinchettino. Sperava cos di mantenersi contro la burrasca e di non
essere gettato verso est, fuori della rotta di Weddell. vero che i
drijts o ghiacci galleggianti tendevano ad, ammassarsi da quella
parte, e niente pi pericoloso per una nave che incagliarsi in quel
labirinto mobile.
Sotto i colpi dell'uragano, accompagnato da grosse ondate, la
goletta si era piegata diverse volte eccessivamente. Per fortuna il
carico non poteva spostarsi, dato che lo stivaggio era stato eseguito
con una perfetta valutazione dei rischi che il mare comporta. Noi non
avevamo da temere la sorte subita dal Grampus, quel
capovolgimento dovuto alla negligenza che aveva causato la sua
perdita. Non si certamente dimenticato come quel brigantino si
fosse rovesciato con la chiglia per aria, e come Arthur Pym e pirk
Peters fossero rimasti parecchi giorni aggrappati ad essa.
Del resto le nostre pompe non davano una goccia d'acqua.
Nessuna commessura dei fianchi e del ponte si era aperta, grazie alle
riparazioni che erano state eseguite con grande cura durante la nostra
sosta alle Falkland.
Quanto tempo sarebbe durata quella tempesta il migliore e il pi
abile indovino non l'avrebbe potuto dire. Ventiquattr'ore, due giorni,
tre giorni di cattivo tempo non si sapeva veramente che cosa ci
riservassero quei mari australi.
Un'ora dopo, quando la burrasca ci fu sopra, la grandine cadde
senza interruzione mista a pioggia, vento e neve: una vera burrasca
nevosa.
Ci era causato dalla temperatura che si era notevolmente
abbassata. Il termometro segna solo 36 Fahrenheit (2, 22 C sopra
zero), e la colonna barometrica 26 pollici e 8 linee (721 millimetri).
Erano le dieci di sera: devo necessariamente usare queste parole,
quantunque il sole si mantenesse sempre sopra l'orizzonte. Infatti
occorrevano ancora una quindicina di giorni perch il sole
raggiungesse il punto culminante della sua orbita, e a 23 dal polo
non cessava di lanciare sulla superficie dell'Antartide i suoi pallidi e
obliqui raggi.
Alle dieci e trentacinque la burrasca raddoppi di intensit.
Non potevo decidermi ad andare in cabina e mi riparai dietro la
tuga.
Il capitano Len Guy e il secondo discutevano a pochi passi da
me In mezzo a quel fracasso degli elementi scatenati potevano
intendersi appena; ma i marinai si comprendono anche solo a gesti.
Era chiaro allora che la goletta andava alla deriva dalla parte dei
ghiacci verso sud-est, e che non avrebbe tardato a incontrarli, poich
quei massi si muovevano meno velocemente di lei. Doppia sventura,
dunque, che ci spingeva fuori della nostra rotta e ci minacciava di
qualche spaventosa collisione. II rollio in quel momento era cos
forte che c'era da temere per gli alberi, la cui punta descriveva degli
archi di immensa ampiezza. Durante l'uragano si sarebbe potuto
credere che lHalbrane stesse per spezzarsi in due parti. Era
impossibile vedersi da prua a poppa.
Al largo alcuni improvvisi squarci di cielo lasciavano vedere un
mare in convulsione che si spezzava con rabbia sugli spigoli degli
iceberg, come sulle rocce di un litorale, e li copriva di spruzzi
polverizzati dal vento.
Poich era aumentato il numero dei blocchi erranti, c'era da
sperare che quella tempesta si affrettasse a diminuire, rendendo pi
accessibile l'avvicinamento alla banchisa.
Ci nonostante era necessario tenere testa al vento e perci
occorreva mettersi alla cappa.
La goletta faticava terribilmente con il mare al traverso
affondando la prua nel cavo delle onde e non risalendo senza subire
scosse violente. Non si poteva nemmeno pensare a fuggire, poich
sotto quell'andatura un bastimento si sarebbe esposto al grave
pericolo d'imbarcare masse d'acqua dal coronamento.
Innanzitutto, per prima manovra, si trattava di venire di bolina.
Poi, avendo preso la cappa con la vela di gabbia terzarolata, il fiocco
a prua e la tempestina a poppa, lHalbrane si sarebbe trovata nelle
migliori condizioni per resistere alla burrasca e alla deriva, libera di
diminuire ancora la vela se il cattivo tempo avesse peggiorato.
Il marinaio Drap venne a sistemarsi al timone. Il capitano Len
Guy vicino a lui vigilava per correggere le guizzate.
A prua l'equipaggio si teneva pronto a eseguire gli ordini di Jem
West, mentre sei uomini diretti dal nostromo si occupavano di issare
una tempestina al posto della randa.
Questa tempestina un triangolo di tessuto robusto, tagliato come
un fiocco che si issa all'incappellaggio del fuso, si mura al piede e si
borda verso la poppa. Per prendere i terzaruoli della vela di gabbia
bisogna arrampicarsi fin sulle barre costiere dell'albero di trinchetto,
e quattro uomini erano sufficienti alla bisogna.
Il primo che corse nelle griselle fu Hunt. Il secondo fu Martin
Holt, il mastro velaio. Il marinaio Burry e una delle reclute li
seguirono quasi immediatamente.
Non avrei mai creduto che un uomo potesse dare prova di tanta
agilit e destrezza come fece Hunt. Le sue mani e i suoi piedi
afferravano appena le griselle. Arrivato all'altezza delle barre si
allung sul marciapiede fino alla varea del pennone per sciogliere le
borose della vela di gabbia.
Martin Holt si port all'estremit opposta, mentre gli altri due
uomini restavano in mezzo.
Ammainata la vela non ci sarebbe stato altro da fare che prendere
tutti i terzaruoli per chiuderla. Poi dopo che Hunt, Martin Holt e i
marinai fossero ridiscesi, la si sarebbe distesa in basso.
Il capitano Len Guy e il secondo sapevano che sotto quella
velatura lHalbrane teneva convenientemente la cappa maestra.
Mentre Hunt e gli altri lavoravano, il nostromo aveva preparato la
tempestina e aspettava dal secondo l'ordine di issarla a ferro.
La burrasca si scaten allora con un'incomparabile furia. Sartie e
paterazzi tesi al limite di rottura vibravano come corde metalliche.
Era da domandarsi se le vele anche diminuite non sarebbero state
stracciate in mille pezzi
A un tratto uno spaventevole colpo di rollio rovesci tutto sul
ponte. Alcuni barili rompendo le loro ritenute rotolarono fino ai
bastingaggi. La goletta sband con tanta veemenza sulla dritta, che
l'acqua entr dagli ombrinali.
Io, rovesciato dal colpo contro il soffitto, rimasi per qualche
momento senza potermi rialzare
Tale era stato il piegamento della goletta che la varea del pennone
della vela di gabbia si era immersa per tre o quattro piedi nella
schiuma di un'ondata
Quando il pennone usc dall'acqua Martin Holt, che si era messo a
cavalcioni all'estremit per finire il suo lavoro, era scomparso.
Un grido si ud: il grido del mastro velaio trascinato dalle onde, e
che agitava disperatamente le braccia in mezzo al biancore della
schiuma.
I marinai si precipitarono a dritta e lanciarono in mare chi un
cavo, chi un barile, chi una tavola, non importa quale oggetto purch
adatto a galleggiare e al quale Martin Holt avesse potuto afferrarsi.
Al momento in cui io impugnavo una galloccia per sorreggermi
intravidi una massa che fendeva l'aria e spariva in mezzo al rumore
delle onde
Era un secondo incidente?
No! era un atto volontario un atto di sacrificio.
Hunt, dopo avere terminato il suo lavoro e, dopo essersi lasciato
scivolare lungo il pennone si era lanciato in soccorso del mastro
velaio.
Due uomini a mare! si grid a bordo.
S! due l'uno per salvare l'altro E non stavano forse per
soccombere insieme?
Jem West corse al timone e con un giro di ruota fece orzare la
goletta di una quarta: tutto ci che poteva fare senza uscire dal letto
del vento. Poi con il fiocco in croce e la tempestina bordata piatta
essa rest quasi immobile.
A un tratto sulla superficie biancastra delle acque si scorsero
Martin Holt e Hurit, le cui sole teste emergevano
Hunt nuotava con bracciate rapide resistendo attraverso le onde e
avvicinandosi al mastro velaio.
Questi, gi allontanato di una gomena, compariva e spariva; non
era che un punto nerastro difficile da distinguersi in mezzo alla
raffica.
Dopo avere gettato a mare tavole e barili, l'equipaggio attendeva,
avendo fatto tutto quello che poteva fare. Si poteva forse pensare di
lanciare un'imbarcazione in mezzo a quelle onde furiose che
coprivano il castello di prua? Sarebbe affondata o sarebbe stata
spezzata contro i fianchi della goletta.
Si sono perduti tutti e due! mormor il capitano Len Guy.
Poi rivoltosi al secondo esclam:
Jem la lancia la lancia
Se date l'ordine di metterla in mare rispose il secondo io
m'imbarcher per primo, quantunque ci sia da arrischiare la vita
Ma mi necessario il vostro ordine!
Ci fu qualche minuto di inesprimibile angoscia per i testimoni di
quella scena. Non si pensava pi alla situazione dellHalbrane, per
quanto essa fosse molto compromessa.
A un tratto scoppi un grande urlo, allorch Hunt fu visto per
un'ultima volta fra due onde. S'immerse ancora di pi, poi, come se il
suo piede avesse trovato un punto solido d'appoggio, lo si vide
slanciarsi con sovrumano vigore verso Martin Holt o piuttosto verso
il luogo dove lo sventurato era stato inghiottito Intanto, dopo che
Jem West ebbe fatto lascare le scotte del fiocco e della tempestina, la
goletta si era avvicinata di una mezza gomena.
Fu allora che nuove grida dominarono il rumore degli elementi
scatenati.
Urr! urr! urr! grid tutto l'equipaggio.
Hunt sosteneva con il braccio sinistro Martin Holt, che era
incapace di qualsiasi movimento, sballottato come uno straccio
abbandonato, mentre con l'altro nuotava vigorosamente cercando di
raggiungere la goletta.
Stringi il vento stringi il vento! comand Jem West al
timoniere.
Con l'angolo di barra sottovento le vele fileggiavano dando colpi
simili a quelli di armi da fuoco
L'Halbrane balz sulle onde come un cavallo che s'impenna,
quando il morso gli stringe la bocca fino a spezzargliela. In preda alle
pi forti scosse del rollio e del beccheggio, si sarebbe detto per
continuare il paragone di cui mi sono servito che essa stava per
rizzarsi sul posto
Pass un momento che sembr eterno. Si potevano appena
distinguere in mezzo alle acque furiose quei due uomini di cui l'uno
trascinava l'altro
Finalmente Hunt raggiunse la goletta e afferr uno dei cavi che
pendevano dal bordo
Puggia puggia! esclam il secondo facendo un gesto al
marinaio del timone.
La goletta gir di quel tanto che serviva affinch la vela di gabbia,
il fiocco e la tempestina fossero in grado di portare, ed essa prese
l'andatura della cappa ardente.
In un attimo Hunt e Martin Holt vennero issati sul ponte, e l'uno
depositato ai piedi dell'albero di trinchetto, l'altro a un passo dalla
manovra.
Il mastro velaio ricevette le cure necessarie al suo stato. La
respirazione gli torn a poco a poco, dopo che si era verificato un
principio di asfissia.
Un energico strofinamento fin per fargli riprendere i sensi e i suoi
occhi si aprirono.
Martin Holt, gli disse il capitano Len Guy che si era chinato
su di lui, eccoti ritornato da lontano
S s capitano! rispose Martin Holt cercando con lo
sguardo; ma chi venuto?
stato Hunt esclam il nostromo, Hunt che ha
arrischiato la vita per salvarti!
Martin Holt si alz a met e appoggiandosi al gomito si volse
dalla parte di Hunt.
Siccome questi se ne stava indietro, Hurliguerly lo spinse verso
Martin Holt, i cui occhi esprimevano la pi viva riconoscenza.
Hunt, gli disse, tu mi hai salvato senza di te io ero
perduto ti ringrazio
Hunt non rispose.
Ebbene Hunt riprese il capitano Len Guy, non
intendi tu forse?
Hunt sembrava non avere ascoltato.
Hunt, riprese Martin Holt, avvicinati Ti ringrazio
vorrei stringerti la mano!
E gli tese la sua.
Hunt indietreggi di qualche passo scuotendo la testa con
l'atteggiamento di uomo che non ha bisogno di tanti complimenti per
una cosa cos semplice.
Poi, dirigendosi verso prua, si mise a sostituire una delle scotte del
fiocco che si era rotta in seguito a uri colpo di mare tale che la goletta
ne era stata scossa dalla chiglia alle formaggette.
Decisamente quell'Hunt era un eroe coraggioso e portato al
sacrificio Decisamente era anche un tipo chiuso a tutte le
impressioni e nemmeno quel giorno il nostromo pot conoscere il
colore delle sue parole.
Non ci fu un attimo di respiro nella violenza di quella tempesta ed
essa ci dette pi volte serie inquietudini. In mezzo al furore della
burrasca si pot cento volte temere che nonostante la sua velatura
ridotta l'alberatura cadesse. S! bench Hunt tenesse il timone con
mano abile e vigorosa, la goletta cento volte trasportata in balzi
inevitabili si rovesci sul fianco e fu sul punto di venire sommersa.
Si rese necessario anche ammainare la vela di gabbia e affidarsi alla
tempestina e al fiocco per conservare la cappa.
Jem, disse il capitano Len Guy, se necessario fuggire
Erano allora le cinque del mattino.
Fuggiremo, capitano, ma si corre il rischio di essere divorati
dal mare.
Infatti, niente pi pericoloso di quell'andatura con vento in
poppa quando non sia possibile avanzare rispetto alle onde e la si
prende solo quando impossibile mantenere la cappa.
D'altronde a correre verso est lHalbrane si sarebbe allontanata
dalla sua rotta, in mezzo al labirinto di ghiacci accumulati in quella
direzione.
Durante tre giorni, dal 6 all'8 dicembre, la tempesta si scaten su
quei paraggi accompagnata da raffiche nevose che provocarono un
sensibile abbassamento della temperatura. Ci nonostante la cappa
pot essere mantenuta dopo che il fiocco, strappato da un colpo di
vento, fu sostituito con un altro di tela pi robusta.
inutile dire che il capitano Len Guy si mostr vero marinaio e
che Jem West non perse d'occhio nulla, che l'equipaggio lo
assecond con grande decisione e che Hunt fu sempre il primo ad
accorrere quando c'era una manovra da fare o un pericolo da
scongiurare.
In verit non si potrebbe, dare l'idea esatta di che cosa fosse
quell'uomo! Quale differenza fra lui e la maggior parte dei marinai
reclutati alle Falkland e soprattutto fra lui e il capobarca Hearne. Da
costoro era molto difficile ottenere ci che si aveva il diritto di
aspettarsi e di esigere. Essi senza dubbio erano obbedienti dato che,
volere o non volere, era necessario obbedire a un ufficiale della forza
di Jem West. Ma dietro le sue spalle quanti lamenti, quante
recriminazioni! Io temevo che ci non presagisse nulla di buono per
l'avvenire.
inutile dire che Martin Holt non aveva tardato a riprendere le
sue occupazioni e che da esse non si allontanava mai. Molto
intelligente ed esperto nel suo mestiere, era il solo che per zelo e
accortezza potesse rivaleggiare con Hunt.
Ebbene, Holt, gli chiesi un giorno in cui stava parlando con
il nostromo, in che termini vi trovate con quel diavolo di Hunt?
Dal giorno del salvataggio si mostrato un po' pi comunicativo?
No, signor Jeorling, rispose il mastro velaio, sembra anzi
che cerchi di evitarmi.
Di evitarvi? replicai.
Come del resto faceva prima
davvero strano!
proprio vero, aggiunse Hurliguerly, l'ho osservato pi
di una volta.
Allora vi fugge come tutti gli altri?
Me forse pi degli altri
E perch mai?
Non lo so, signor Jeorling!
Ci non impedisce, Holt, che tu gli sia debitore di una
candela! dichiar il nostromo. Ma non provare ad accenderla
in suo onore! Lo conosco sarebbe capace di soffiarvi sopra!
Fui sorpreso di ci che sentivo. Tuttavia, osservando bene, potei
veramente assicurarmi che Hunt rifuggiva da tutte le occasioni che lo
mettevano in contatto con il mastro velaio. Forse non credeva di
avere diritto alla sua riconoscenza, nonostante che questi gli dovesse
la vita? Certo la condotta di quell'uomo era per lo meno bizzarra.
Dopo la mezzanotte dall'8 al 9, il vento mostr una certa tendenza
a girare verso levante, ci che avrebbe certamente favorito il
miglioramento del tempo.
E se ci fosse avvenuto, lHalbrane avrebbe potuto riguadagnare
quanto aveva perduto a causa della deriva, e riprendere perci la sua
rotta sul 43 meridiano.
Intanto, quantunque il mare rimanesse agitato, la superficie velica
pot essere aumentata senza rischiare verso le due del mattino. Cos
lHalbrane , con la vela di trinchetto, la randa e la trinchettina, con le
mure a sinistra si riavvicin alla rotta da cui quella lunga tormenta
l'aveva allontanata.
In quella parte del mare antartico i ghiacci si avvicinavano in
numero pi grande e si poteva arguire che la tempesta sollecitando il
loro distacco avesse rotto verso Oriente la banchisa.
CAPITOLO XIII
LUNGO LA BANCHISA
BENCH i paraggi dopo il circolo polare fossero stati
profondamente turbati, bisogna riconoscere che la nostra navigazione
si era compiuta fino allora in condizioni davvero eccezionali. Quale
fortuna sarebbe stata se lHalbrane in quella prima quindicina di
dicembre avesse potuto trovare aperta la rotta di Weddell!
Io dico la via di Weddell come se si trattasse di una via terrestre,
ben mantenuta, divisa in miglia, con l'iscrizione infissa sopra un palo
indicatore: Via del polo sud!.
Durante la giornata del 10 la goletta pot senza difficolt
manovrare in mezzo a quei ghiacci isolati che si chiamano floes e
brashs.
La direzione del vento non la obblig affatto a correre a bordate e
le permise di seguire la linea diritta fra i passaggi degli icefield.
Quantunque mancasse ancora un mese all'epoca dello
scioglimento generale, il capitano Len Guy abituato a quei fenomeni
affermava che il distacco generale che avveniva ordinariamente in
gennaio, questa volta sarebbe avvenuto in dicembre.
Evitare quei numerosi massi erranti non dava alcuna
preoccupazione all'equipaggio. Vere e proprie difficolt si sarebbero
realmente presentate il giorno seguente, quando la goletta avrebbe
tentato di formarsi un passaggio attraverso la banchisa.
Del resto non c'era da temere alcuna sorpresa. La presenza dei
ghiacci era preceduta da una tinta quasi giallastra dell'atmosfera che i
balenieri indicano con il nome di blink. un fenomeno di rifrazione
proprio delle zone glaciali e che non inganna mai l'osservatore.
LHalbrane navig per cinque giorni di seguito senza avere
un'avaria, senza nemmeno dover temere un urto. vero che a mano a
mano che essa scendeva verso il Sud, il numero dei ghiacci
aumentava e i passaggi divenivano pi stretti. Un'osservazione del 14
ci dette una latitudine di 72 37', mentre la nostra longitudine restava
sensibilmente la stessa fra il 42 e il 43 meridiano.
Si era gi a un punto che pochi navigatori avevano potuto
raggiungere pi in l del circolo antartico, e dove non erano arrivati
n i Balleny, per. esempio, n i Bellingshausen. Noi eravamo
solamente due gradi meno alti di Weddell.
Dunque, la navigazione della goletta divenne pi difficile in
mezzo a quegli avanzi di blocchi pallidi e scoloriti coperti di
escrementi di uccelli. Alcuni avevano la parvenza della pelle dei
lebbrosi.
Se consideriamo il loro volume ben imponente, come sembrava
piccola la nostra nave, la cui alberatura era dominata dalle cime degli
iceberg!
Per quanto riguarda quei massi, la variet della loro grandezza era
aumentata da quella della loro forma che variava all'infinito.
Era un effetto meraviglioso quando quegli aggrovigliamenti di
ghiacci liberati dalle nebbie riverberavano come enormi gemme i
raggi solari. Alcune volte gli strati si disegnavano in colori rossastri,
la cui origine non conosciamo ancora con esattezza, poi si
coloravano in cadenze di violetto e azzurro, dovuto probabilmente a
effetti di rifrazione.
Non mi stancavo di ammirare quello spettacolo, cos minutamente
descritto nel racconto di Arthur Pym: qui erano piramidi dalla punta
azzurra, l cupole arrotondate come quelle di una chiesa bizantina, o
rigonfie come quelle di una chiesa russa, mammelle che
s'innalzavano, massi isolati dal piano orizzontale, cromlech e
menbirs, diritti come nel campo di Karnac, vasi rotti, tazze
rovesciate, tutto quello infine che l'occhio immaginoso si compiace
alcune volte di trovare nella capricciosa disposizione delle nuvole
E non sono forse le nuvole ghiacci erranti per il mare celeste?
Devo riconoscere che il capitano Len Guy al molto ardire univa
molta prudenza. Non passava sotto vento a un iceberg se la distanza
non garantiva la riuscita di una qualsiasi manovra che potesse
divenire necessaria. Familiarizzato con tutte le difficolt di quella
navigazione, egli non temeva di avventurarsi in mezzo a quei drifts e
packs.
Quel giorno egli mi disse:
Signor Jeorling, non la prima volta che ho voluto penetrare
nel mare polare senza riuscirvi. Ebbene, se ho tentato di farlo allora
che ero in possesso soltanto di vaghe supposizioni sulla sorte della
Jane, perch non lo farei oggi che queste supposizioni sono divenute
certezza?.,.
Vi comprendo, capitano, e a parer mio l'esperienza che avete
della navigazione in questi paraggi deve accrescere la nostra
speranza di buona riuscita.
Senza dubbio, signor Jeorling! Ci nonostante al di l della
banchisa c' anche per me l'ignoto come per tanti altri navigatori!
Ignoto? Non assolutamente, capitano, poich possediamo i
rapporti molto attendibili di Weddell e, aggiungo, quelli di Arthur
Pym.
S! lo so! Essi hanno parlato del mare libero
Forse non ci credete?
S! Ci credo! S! Esso esiste, e ci per ragioni che
hanno il loro valore. Infatti evidente che questi massi chiamati con
il nome di icefield e iceberg non potrebbero formarsi in pieno mare.
uno sforzo violento e irresistibile provocato dalle onde che li stacca
dai continenti o dalle isole delle alte latitudini. In seguito le correnti
li trascinano verso le acque pi temperate dove le continue scosse
logorano i loro spigoli, quando la temperatura disgrega la loro base e
i loro fianchi sottoposti alle influenze termometriche.
Ci mi sembra la stessa evidenza, risposi.
Dunque, riprese il capitano Len Guy, questi massi non
sono venuti dalla banchisa. con l'andare alla deriva che essi la
raggiungono, la rompono qualche volta, la oltrepassano. Del resto
non si pu giudicare la zona australe dalla zona boreale. Le
condizioni non sono identiche. Cos Cook ha potuto affermare di non
avere mai incontrato nei mari della Groenlandia le montagne di
ghiaccio equivalenti a quelle dell'Oceano Antartico, anche in
latitudini pi elevate.
E da che dipende ci? domandai.
Senza dubbio dal fatto che nelle regioni boreali l'influenza dei
venti del Sud predominante. Dunque, essi vi arrivano carichi degli
ardenti soffi dell'America, dell'Asia, dell'Europa, e contribuiscono a
rialzare la temperatura dell'atmosfera. Qui le terre pi vicine,
determinate dalle punte del capo di Buona Speranza, della Patagonia,
della Tasmania, non modificano affatto le correnti atmosferiche.
per questo che la temperatura su queste regioni antartiche rimane pi
uniforme.
Questa un'osservazione importante,, capitano, ed essa
giustifica la vostra opinione riguardo a un mare libero
S libero almeno sopra una decina di gradi dietro la
banchisa. Cominciamo dunque con oltrepassarla e la maggiore
difficolt sar vinta Avete avuto ragione,, signor Jeorling,
nell'affermare che l'esistenza di questo mare libero stata
formalmente riconosciuta da Weddell.
E da Arthur Pym, capitano
E da Arthur Pym.
Dal 15 dicembre in poi le difficolt della navigazione
aumentarono con il numero dei ghiacci. Pur tuttavia il vento continu
a mantenersi favorevole, girando da nord-est a nord-ovest, senza mai
dare segno di soffiare per il Sud. Per un solo momento non si pot
pensare di bordeggiare fra gli iceberg e gli icefield, n di proseguire
la notte a piccole bordate, operazione sempre penosa e pericolosa.
Talvolta la brezza rinfrescava ed era necessario ridurre la velatura. Si
vedeva allora il mare spumeggiare lungo i blocchi coprendoli di
spruzzi, come le rocce di un'isola galleggiante, senza giungere a
interrompere il loro cammino.
Parecchie volte angoli di rilievo furono misurati da Jem West e
dai suoi calcoli risultava che l'altezza di quei blocchi era
generalmente compresa fra le 10 e le 100 tese.
Per conto mio condividevo l'opinione del capitano Len Guy su
questo fatto, cio che tali massi si erano potuti formare soltanto
lungo il litorale, forse quello di un continente polare. Ma
evidentemente quel continente doveva essere intersecato da baie,
diviso da bracci di mare, intagliato da stretti che avevano permesso
alla Jane di raggiungere l'isola Tsalal. ,
Non forse, dopo tutto, questa esistenza di terre polari, che
impedisce i tentativi degli scopritori di spingersi fino al polo artico o
antartico? Queste terre non danno alle montagne di ghiaccio un punto
solido d'appoggio, da cui si distaccano all'epoca dello scioglimento?
Se le calotte boreali e australi fossero coperte soltanto dalle acque,
forse le navi non avrebbero gi saputo aprirsi un passaggio?
Si pu dunque affermare che il capitano William Guy della Jane,
dopo essersi spinto fino all'83 parallelo, aveva dovuto, sia per il suo
istinto di navigatore, sia che lo avesse guidato il caso, risalire
attraverso alcuni bracci di mare.
Il nostro equipaggio fu molto impressionato nel vedere la goletta
internarsi fra quei massi in movimento: lo furono i novizi almeno,
poich per i vecchi marinai queste non erano pi le prime sorprese.
vero che l'abitudine non tard ad assicurarli su quanto di
inaspettato accadeva durante quella navigazione.
Ci che bisognava organizzare con la pi grande cura era
un'incessante sorveglianza. Perci Jem West in testa dell'albero di
trinchetto fece issare una botte, che si suol chiamare il nido di pica
(coffa), dove una vedetta rimase costantemente di guardia.
L'Halbrane spinta da una bella brezza filava con rapidit. La
temperatura era sopportabile, circa 42 (da 4 a 5 C sopra zero). Il
pericolo veniva dalle nebbie che molto sovente vagavano su quei
mari ingombri e rendevano estremamente difficile evitare le
collisioni.
Durante la giornata del 16 gli uomini dovettero sostenere una
fatica estrema. I banchi e i massi di ghiaccio non offrivano fra loro
che passaggi strettissimi, tagliati ad angoli acuti che obbligavano a
cambiare frequentemente le mure. Quattro o cinque volte all'ora
risuonavano ordini contrari.
Il timoniere non oziava certo alla ruota del timone, mentre i
marinai non cessavano di mettere a collo la gabbia, il parrocchetto o
di bracciare le basse vele. In quelle circostanze nessuno si rifiutava di
lavorare e Hunt si segnalava sopra tutti.
Dove questi marinaio nell'anima si mostrava pi utile, era
quando si trattava di sistemare un gherlino sopra i ghiacci e fissarlo
con un'ancoretta allo scopo di attaccarla al molinello, affinch la
goletta, tirata dolcemente, potesse riuscire a superare l'ostacolo.
Quando occorreva girare la scarpata di un blocco, Hunt si gettava
nella lancia, la conduceva in mezzo ai detriti di ghiaccio e sbarcava
sulla superficie sdrucciolevole del banco. Perci il capitano Len Guy
e il suo equipaggio consideravano Hunt come un marinaio
eccezionale. Ci nonostante quanto c'era di misterioso nella sua
persona non faceva che eccitare sempre pi la curiosit di tutti.
Pi di una volta accadde che Hunt e Martin Holt si trovarono nella
stessa lancia per qualche pericolosa manovra che essi eseguivano
insieme. Se il mastro velaio dava un ordine ad Hunt questi lo
eseguiva con tanto zelo e altrettanta abilit. Soltanto non gli
rispondeva mai.
Quel giorno lHalbrane non poteva essere troppo lontana dalla
banchisa. Continuando la sua rotta in quella direzione essa non
avrebbe tardato a raggiungerla e non avrebbe dovuto fare altro che
cercarsi un passaggio. Per fino allora n sopra gli icefield, n fra le
punte capricciose degli iceberg la vedetta aveva potuto scorgere una
cresta ininterrotta di ghiacci.
Il 16 si dovettero usare precauzioni minuziose e indispensabili
perch il timone, scosso da colpi inevitabili, aveva corso il rischio di
essere smontato.
Nel medesimo tempo parecchi urti erano stati causati dai pezzi di
ghiaccio che battevano contro i fianchi della goletta, pi dannosi che
non sarebbero stati i grossi blocchi. Infatti quando questi ultimi
piombavano sui fianchi di una nave, producevano senza dubbio
contatti violenti. Con tutto ci lHalbrane , solida di struttura e di
fasciame, non aveva da temere n di essere sfondata, n, non essendo
rivestita, di perdere il rivestimento.
Quanto alla pala del timone, Jem West la fece chiudere fra due
lapazze e poi rinforzare con tavole fissate all'asta, formando cos
come una specie di rivestimento che doveva servire a preservarla.
Non bisogna credere che i mammiferi marini avessero
abbandonato quei paraggi, ingombri di massi galleggianti di tutte le
grandezze e di tutte le forme. Le balene si mostravano in gran
numero, ed era uno spettacolo veramente fantastico, quando le
colonne d'acqua sfuggivano dai loro sfiatatoi. Con i fin-back e gli
hump-back si mostravano anche i pescecani di dimensioni colossali,
pesanti parecchie centinaia di libbre e che Hearne colpiva abilmente
con il suo rampone quando gli arrivavano a portata. Quei pescecani
erano sempre ben accolti e apprezzati dopo che erano passati per le
mani di Endicott, abile manipolatore di salse.
I soliti uccelli antartici, procellarie, gabbiani, cormorani,
passavano a stormi gridando, e legioni di pinguini, in fila sul bordo
degli icefield, guardavano girare la goletta. Essi sono i veri abitanti di
quelle tristi terre solitarie e la natura non avrebbe potuto creare un
tipo pi adatto per quella zona glaciale.
Fu nella mattinata del 17 che l'uomo del nido di pica segnal
finalmente la banchisa.
Prua a dritta! egli esclam.
A cinque o sei miglia al Sud si elevava, un'interminabile cresta,
tagliata a denti di sega, che si disegnava sul fondo abbastanza chiaro
del cielo, e lungo la quale si scorgevano migliaia di ghiacci alla
deriva. Quella barriera immobile si estendeva da nord-ovest a sud-
est, e per poco ch'essa si fosse prolungata, la goletta avrebbe
raggiunto anche qualche altro grado al Sud.
Ecco ci che bisogna sapere se ci si vuol fare un'idea esattissima
delle differenze che passano fra i banchi e la barriera di ghiaccio.
Quest'ultima, l'ho gi notato, non si forma in alto mare.
indispensabile ch'essa posi sopra una base solida, sia per drizzare i
suoi piani verticali lungo il litorale, sia per sviluppare sul di dietro le
sue cime montuose.
Ma se questa barriera non pu abbandonare il basamento fisso su
cui posa, essa , come dicono i navigatori pi competenti, quella che
fornisce quella parte di iceberg e di icefield, di drifls e di packs, di
floes e brashs, di cui noi scorgevamo al largo l'interminabile
movimento. Le coste che la sostengono sono sottomesse all'influenza
delle correnti diverse dai mari pi caldi. All'epoca delle maree
sigizie, la cui altezza alcune volte considerevole, il piano della
barriera si spacca, si trita, si consuma, ed enormi blocchi in alcune
ore sono centinaia si staccano con fracasso assordante, cadono in
mare, affondano in mezzo a formidabili gorghi e risalgono alla
superficie. Allora eccoli divenuti montagne di ghiaccio, delle quali
emerge solo un terzo, e che galleggiano fino al momento in cui
l'influenza climatica delle basse latitudini non finisca di discioglierli.
E un giorno in cui m'intrattenevo su ci con il capitano Len Guy
egli mi rispose:
Questa spiegazione giusta, ed per ci che la barriera di
ghiaccio, avendo per base un litorale, oppone un insuperabile
ostacolo al navigante. Ma non cos per la banchisa. E prima delle
terre, sullo stesso oceano che questa si edifica per l'amalgama
continuo di pezzi di ghiaccio alla deriva. Ugualmente sottoposta agli
assalti delle onde, al rosicchiamento delle acque pi calde d'estate,
essa si sposta, vi si aprono dei passaggi, e numerosi bastimenti hanno
potuto oltrepassarla.
vero, aggiunsi, esso non offre una massa
indefinitamente continuata che sarebbe impossibile costeggiare
Cos Weddell ha potuto oltrepassarne l'estremit, signor
Jeorling, grazie, lo so, a circostanze eccezionali di temperatura e di
precocit. Ora, poich quest'anno si presentano queste circostanze,
non azzardato dire che noi sapremo approfittarne.
Certamente, capitano. E ora che i banchi sono stati da noi gi
scorti
Io li avviciner con lHalbrane quanto pi si potr, signor
Jeorling, e la lancer poi attraverso il primo passaggio che ci riuscir
di scoprire. Se non se ne presenta alcuno tenteremo di rasentare
questi banchi fino alla loro estremit orientale, con l'aiuto della
corrente che porta in quella direzione, e alla prima occasione, le cime
a dritta, per poco che la brezza si mantenga a nord-est.
Girando verso sud, la goletta incontr icefield di considerevoli
dimensioni. Parecchie osservazioni, prese con il cerchio graduato e
con la base misurata dal solcometro, ci permisero di dare loro una
superficie che andava dalle 500 alle 600 tese. Bisognava manovrare
con precisione e prudenza per evitare di essere bloccati al fondo di
corridoi di cui non sempre si vedeva l'uscita.
Allorch lHalbrane si trov a sole tre miglia dalla banchisa, essa
mise in panna al centro di un ampio bacino che lasciava la massima
libert di movimento.
Una lancia fu messa in mare. Il capitano Len Guy vi discese, con
il nostromo, quattro marinai ai remi e uno al timone. Essa si diresse
verso l'enorme bastione, cercandovi invano un passaggio attraverso il
quale avesse potuto scivolare la goletta, e dopo tre ore di quella
faticosa ricognizione torn a bordo.
Sopravvenne allora una pioggia mista a neve che fece abbassare la
temperatura a 36 Fahrenheit (2, 22 C sopra zero) e ci imped la
vista della banchisa.
Diveniva dunque indispensabile fare rotta verso sud-est e navigare
in mezzo a quegli innumerevoli ghiacci, facendo attenzione a tenersi
verso la barriera, poich in seguito l'allontanarsene avrebbe
presentato serie difficolt.
Jem West dette ordine di bracciare i pennoni in modo di stringere
il vento quanto pi possibile.
L'equipaggio manovr lestamente, e la goletta animata da una
velocit da sette a otto miglia, inclinata a dritta, si slanci in mezzo ai
blocchi sparsi sulla sua rotta. Essa sapeva evitare il loro contatto
quando l'incontro le sarebbe stato pericoloso, e, quando non si
trattava che di piccoli strati, vi correva sopra e li spezzava con la sua
punta di prua che funzionava da ariete. Poi dopo una serie di
stropicciamenti, di scricchiolamenti, per i quali alcune volte tremava
tutta la sua membratura, lHalbrane ritrov le acque libere.
L'essenziale soprattutto era evitare l'urto con gli iceberg. Non c'era
alcuna difficolt a girare con un cielo chiaro che permetteva di
manovrare a tempo, sia per aumentare la velocit della goletta sia per
diminuirla. Ci nonostante, con le frequenti nebbie che limitavano a
una o due gomene la portata della visuale, quella navigazione non
cessava di essere pericolosa.
Ma, senza parlare degli iceberg, lHalbrane non correva forse il
rischio di essere assalita dagli icefield? Senza dubbio: e chi non li
ha osservati non potr immaginare quale grado di potenza
posseggano quei massi in movimento.
Quel giorno avevamo visto uno di quegli icefield, che si muoveva
a mediocre velocit, urtare un altro che era immobile e che fu
spezzato agli angoli, rovesciato nella sua superficie e quasi
interamente annientato. Non ne rimasero pi che pochi enormi pezzi
che sormontavano gli uni sugli altri, hummock dritti sino a 100 piedi
di altezza, cale che si immergevano sotto le acque. Questo pu forse
sorprendere quando il peso degli icefield si pu calcolare fino a
parecchi milioni di tonnellate?
Ventiquattr'ore trascorsero in tali condizioni, mentre la goletta si
teneva a tre o quattro miglia dalla banchisa. Avvicinarvisi di pi
sarebbe stato impigliarsi in sinuosit da cui non si sarebbe potuti
uscire. Non gi perch il capitano Len Guy non lo desiderasse, ma
perch temeva di passare avanti, senza scorgerla, all'apertura di
qualche passaggio
Se avessi anche un'altra nave, egli disse, costeggerei pi
da vicino la banchisa ed un grande vantaggio avere due navi
quando s'intraprendono queste spedizioni! Ma lHalbrane sola, e
se essa venisse a mancare
Ci nonostante, pur non manovrando pi di quello che la prudenza
permettesse, la nostra goletta si esponeva a seri pericoli. Dopo un
percorso di 100 tese bisognava bruscamente arrestarla, e alcune volte
modificare la sua direzione proprio al momento in cui il buttafuori di
bompresso stava per battere contro un blocco.
Perci per parecchie ore Jem West fu obbligato a cambiare
andatura e a tenersi a piccole bordate per evitare l'urto di un icefield.
Fortunatamente il vento soffiava da est a nord-nord

est, senz'altra
variazione e permetteva di conservare una parte della velatura.
Inoltre il vento non aumentava. Ma se avesse voltato a tempesta
non so che cosa sarebbe accaduto della goletta o forse lo so fin
troppo: essa si sarebbe perduta interamente.
In questo caso, infatti, non avremmo avuto alcuna possibilit" di
fuggire e lHalbrane avrebbe urtato al piede dei banchi.
Dopo una lunga ricognizione, il capitano Len Guy dovette
rinunciare a trovare un passaggio attraverso quella muraglia. Non
c'era che da raggiungere la punta a sud-est. Del resto, seguendo
quella direzione, non perdevamo niente in latitudine. E infatti il 18
l'osservazione indic che lHalbrane si trovava al 73 parallelo.
Pertanto, lo ripeto, mai navigazione nei mari antartici ebbe forse
tante circostanze favorevoli, precocit della stagione estiva,
permanenza di venti del Nord, temperatura termometrica di 49 (9,
44 C sopra zero) in media.
naturale che godevamo di un chiarore perpetuo e per
ventiquattro ore i raggi solari ci arrivavano da tutti i punti
dell'orizzonte.
Anche gli iceberg sgocciolavano in molteplici ruscelli, che
scavavano le loro pareti e si riunivano in rumorose cascate. C'era
infine da guardarsi dai loro capitomboli, allorch per lo spostamento
del centro di gravit, causato dal logoramento della base immersa,
essi venivano a rovesciarsi.
Altre due o tre volte ci avvicinammo alla banchisa a meno di due
miglia. Era impossibile ch'essa non avesse subito le influenze
climatiche, e che qualche rottura non si fosse prodotta in qualche
punto.
Le ricerche non approdarono a nulla e bisogn tornare nella
corrente che andava dall'Ovest all'Est.
Quella corrente ci aiut, del resto, e non ci fece rimpiangere di
essere trasportati oltre il 43 meridiano, verso il quale sarebbe stato
necessario ricondurre la goletta, per poter fare rotta verso l'isola
Tsalal.
In questo caso, vero, il vento dell'Est l'avrebbe riportata verso il
suo itinerario.
Del resto, devo far osservare che durante quelle ricognizioni non
scoprimmo nessuna terra, n parvenza di terra al largo, conforme alle
carte stabilite dai precedenti navigatori, carte incomplete senza
dubbio ma abbastanza esatte nelle loro grandi linee. Non ignoravo
che molte navi erano passate spesso l dove erano stati indicati
giacimenti di terre. Ma questo non era ammissibile per quanto
riguardava l'isola Tsalal. Se la Jane aveva potuto raggiungerla
perch questa parte del mare antartico era libera, e in una stagione
cos precoce anche noi non dovevamo temere alcun ostacolo in tale
direzione.
Infine il 19, fra le due e le tre del pomeriggio, un grido della
vedetta dall'albero di trinchetto.
Che cosa c'? domand Jem West.
La banchisa rotta a sud-est
E al di l?
Niente in vista.
Il secondo si arrampic sulle sartie e in pochi attimi raggiunse il
collare dell'albero di gabbia.
Tutti aspettavano in basso con grande impazienza! Se la vedetta
si fosse ingannata, se qualche illusione ottica In tutti i casi, lui,
Jem West, non si sarebbe ingannato di certo!
Dopo dieci minuti d'osservazione, dieci interminabili minuti, la
sua voce chiara arriv fino al ponte.
Mare libero! grid.
Unanimi urr gli risposero. La goletta mise la prora verso sud-est,
stringendo il vento il pi possibile.
Due ore dopo l'estremit della banchisa veniva oltrepassata e
davanti ai nostri sguardi si stendeva il mare scintillante, interamente
libero dai ghiacci.
CAPITOLO XIV
UNA VOCE IN SOGNO
INTERAMENTE libero dai ghiacci? No. Sarebbe stato troppo
presto affermarlo. Qualche iceberg compariva ancora da lontano,
drift e pack andavano ancora alla deriva verso l'Est. Nondimeno il
distacco era completo da quella parte e il mare era abbastanza libero
perch una nave vi potesse navigare liberamente. Non c'era dubbio
che appunto in quei paraggi, risalendo quel largo braccio di mare,
una specie di canale scavato attraverso il continente antartico, le navi
di Weddell avessero raggiunto quel 74 di latitudine, che la Jane
doveva oltrepassare di circa 600 miglia.
Iddio ci venuto in aiuto, mi disse il capitano Len Guy,
si degni ancora di condurci alla meta!
In otto giorni, risposi, la nostra goletta potr essere in
vista dell'isola Tsalal.
S a condizione che i venti da est persistano, signor Jeorling.
E non dimenticate che, costeggiando la banchisa fino all'estremit
orientale, lHalbrane si allontanata dal suo itinerario e che bisogna
ora ricondurla verso ovest.
La brezza in nostro favore, capitano
E noi ne approfitteremo, poich mia intenzione dirigermi
sull'isolotto Bennet. l che mio fratello William per primo
sbarcato. Dopo che avremo visitato quell'isolotto saremo certi
d'essere sulla buona via
Chiss se non raccoglieremo ancora nuovi indizi, capitano
Pu essere, signor Jeorling. Oggi dunque, quando avr preso
l'altezza e riconosciuto esattamente la nostra posizione, ci dirigeremo
sull'isolotto Bennet.
naturale che bisognava consultare la guida pi sicura che si
trovasse a nostra disposizione. Voglio intendere il libro di Edgar Poe,
vale a dire il racconto veridico di Arthur Gordon Pym.
Dopo avere riletto quel racconto con tutta l'attenzione che
meritava, ecco la conclusione cui ero giunto: Non c'era dubbio che
il fondo di esso fosse vero, e che la Jane avesse scoperto e si fosse
avvicinata all'isola Tsalal; non c'era dubbio nemmeno sull'esistenza
dei sei superstiti del naufragio all'epoca in cui Patterson era stato
trascinato sulla superficie del ghiaccio alla deriva. Ci era la parte
reale, certa, indiscutibile.
Ma un'altra parte del racconto non doveva esser considerata come
frutto dell'immaginazione del narratore, immaginazione incantevole,
eccessiva, sregolata, a credere al ritratto che egli ha fatto di se
stesso? E di pi, bisognava forse tenere per certi i fatti strani che
egli pretende di avere osservato in seno a quella lontana Antartide?
Si doveva ammettere l'esistenza di quegli uomini e di quegli animali
bizzarri? Era forse vero che il suolo di quell'isola fosse di una
natura speciale e le sue acque correnti di una composizione tutta
particolare? Esistevano anche quegli abissi intricati a mo' di
geroglifici di cui Arthur Pym dava il disegno? Era mai credibile
che la vista della pelle bianca producesse sugli isolani un effetto
spaventevole? E perch no, dopo tutto, poich il bianco, la livrea
dell'inverno, il colore delle nevi annunciava loro l'avvicinarsi della
cattiva stagione, che doveva rinchiuderli in una prigione di
ghiacci? Che pensare infine di quei fenomeni insoliti segnalati al
di l, i vapori grigi dell'orizzonte, l'ottenebramento dello spazio, le
trasparenze luminose delle profondit del mare, infine la cateratta
aerea e quel gigante bianco che si drizzava sulla soglia polare?
Su ci ponevo le mie riserve e aspettavo. Il capitano Len Guy dal
canto suo si mostrava indifferentissimo a tutto ci che nel racconto di
Arthur Pym non riguardasse direttamente gli abbandonati dell'isola
Tsalal, la cui salvezza era sua unica e costante preoccupazione.
Ora, poich avevo sotto gli occhi il racconto di Arthur Pym, mi
ripromisi di controllarlo punto per punto, di dividerne il vero dal
falso, il reale dal fittizio Era mia convinzione che non avrei
ritrovato alcuna traccia delle ultime stranezze, che a parer mio
avevano dovuto essere ispirate da quell'angelo della bizzarria che
appare in una delle pi suggestive novelle dello scrittore americano.
Il 19 dicembre, la nostra goletta si trovava dunque a un grado e
mezzo pi a sud di quello che non fosse stata la Jane diciotto giorni
pi tardi.
Da ci la conclusione che le circostanze, lo stato del mare, la
direzione del vento, la precocit della stagione ci erano stati
estremamente favorevoli.
Un mare libero, o almeno navigabile, si stendeva davanti al
capitano Len Guy come si era disteso davanti al capitano William
Guy e dietro ad essi la banchisa sviluppava da nord-ovest a nord-est i
suoi massi enormi solidificati.
In primo luogo Jem West volle riconoscere, come indicava Arthur
Pym, se la corrente portasse al Sud in quel braccio di mare. Dietro un
suo comando, il nostromo mand sul fondo una sonda di 200 braccia
con un peso sufficiente e fu constatato che la direzione della corrente
era sempre la stessa, in conseguenza molto propizia al cammino della
nostra goletta.
Alle dieci e mezzo vennero fatte due osservazioni con grande
esattezza, essendo il cielo di una purezza straordinaria.
I calcoli dettero 74 45' per la latitudine e, ci che non poteva
sorprenderci, 39 15' per la longitudine.
Certo il giro che ci aveva imposto il prolungamento dei banchi e
la necessit di oltrepassarli dall'estremit orientale, avevano
obbligato lHalbrane a gettarsi per circa quattro gradi verso l'Est.
Stabilito il suo punto, il capitano Len Guy si diresse verso sud-ovest
per arrivare al 43 meridiano, guadagnando cos sempre pi verso il
Sud.
Non necessario che ricordi ora come le parole mattina e sera, di
cui mi servir non avendone altre a disposizione, non indichino n
un'alba n un tramonto.
Il disco radioso, descrivendo la sua spirale non interrotta al
disopra dell'orizzonte, non cessava di rischiarare lo spazio. Qualche
mese pi tardi sarebbe scomparso. Ci nonostante, durante il freddo
e tetro periodo dell'inverno antartico il cielo sarebbe stato quasi
quotidianamente illuminato da aurore polari. Forse saremmo stati pi
tardi testimoni di quei fenomeni di uno splendore inesprimibile la cui
influenza elettrica si manifesta con tanta potenza.
A credere al racconto di Arthur Pym, dal 1 al 4 gennaio dell'anno
1828 la traversata della Jane non si effettu senza gravi
complicazioni dovute al cattivo tempo. Una forte tempesta di nord-
est lanci contro di essa i ghiacci che furono sul punto di spezzare il
suo timone. Essa ebbe anche la via chiusa da fitti banchi che
fortunatamente per le aprirono poi un passaggio.
Finalmente fu solo nella mattina del 5 gennaio, a 73 15' di
latitudine, che essa super allora gli ultimi ostacoli. Mentre allora la
temperatura dell'aria era a 33 (0, 56 C sopra zero) per noi sal a 49
(9, 44 C sopra zero).
Quanto alla deviazione dell'ago della bussola, era rappresentata
dall'identico numero, ossia 14 28'' verso est.
C' da fare un'ultima osservazione per indicare matematicamente
la differenza nella situazione rispettiva delle due golette a
quell'epoca. Dal 5 al 19 gennaio trascorsero i quindici giorni che la
Jane mise a percorrere i 10, ossia le 600 miglia che la separavano
dall'isola Tsalal; mentre lHalbrane al 19 dicembre non si trovava
pi che a 7 circa, ossia a 400 miglia. Se il vento si manteneva da
quel lato non sarebbe passata la settimana senza che l'isola fosse stata
scoperta, o almeno l'isolotto Bennet, pi vicino di una cinquantina di
miglia, presso il quale il capitano Len Guy contava di fermarsi
almeno ventiquattr'ore.
La navigazione prosegu in eccellenti condizioni. Era necessario
appena evitare qualche ghiaccio che le correnti portavano verso sud-
ovest con una velocit di un quarto di miglio all'ora.
La nostra goletta li evitava senza fatica. Con tutto che la brezza
fosse cresciuta, Jem West aveva teso le alte vele e lHalbrane
scivolava dolcemente sopra un mare appena increspato. Non
avevamo in vista nessuno di quegli iceberg che Arthur Pym aveva
visto in quella latitudine, e di cui alcuni arrivavano a un'altezza di
100 braccia, mentre incominciavano a fondersi. L'equipaggio non era
obbligato a manovrare in mezzo alle nebbie che avevano impedito il
cammino della Jane. Non dovemmo subire n le raffiche di grandine
e di neve che l'assalirono alcune volte, n gli abbassamenti di
temperatura che i suoi marinai dovettero sopportare.
Soltanto rari floes si avvicinavano al nostro passaggio, alcuni
carichi di pinguini, come passeggeri naviganti a bordo di uno yacht
in crociera, e di foche nerastre che stavano attaccate come enormi
sanguisughe a quelle superfici bianche. Sopra quella flotta si
sperdeva il volo incessante delle procellarie, dei gabbiani, dei puffini
neri, dei marangoni, degli svassi, delle sterne, dei cormorani, di
quegli albatri dalla tinta fuligginosa che si trovano solo nelle alte
latitudini. Sul mare galleggiavano qua e l larghe meduse, ornate dei
colori pi teneri, facendo pompa delle loro ombrelle aperte.
Quanto ai pesci, di cui i pescatori della goletta poterono fare
ampia provvista sia con la lenza sia con la fiocina, citer pi
particolarmente i corifeni, specie di orate gigantesche, lunghi tre
piedi, dalla carne consistente e saporosa.
L'indomani, dopo una notte durante la quale la brezza era un po'
diminuita, il nostromo mi raggiunse, con il volto sorridente, la voce
squillante di un uomo che non si preoccupa affatto dei casi della vita.
Buon giorno, signor Jeorling, buon giorno! egli esclam.
Del resto, in queste regioni australi e in questo periodo dell'anno, non
sarebbe permesso augurare la buona sera, poich non esiste mai sera
n buona n cattiva
Buon giorno, Hurliguerly, risposi, disposto a sostenere una
conversazione con quell'allegro chiacchierone.
Ebbene come trovate i mari che si stendono dopo la
banchisa?
Li paragonerei volentieri, risposi, ai grandi laghi della
Svezia e dell'America.
S senza dubbio laghi circondati da iceberg invece che da
montagne!
Aggiungo che non potremmo desiderare di meglio, nostromo, a
condizione che il viaggio continui cos finch l'isola Tsalal sia in
vista
E perch no fino al polo, signor Jeorling?
Il polo? lontano il polo, e non si sa nemmeno che cosa vi
si trovi!
Si sapr quando lo si sar raggiunto, rispose il nostromo,
e questa la sola maniera per saperlo!
Naturalmente, Hurliguerly, naturalmente Ma lHalbrane non
partita per scoprire il polo sud. Se il capitano Guy riesce a trovare i
nostri compatrioti della Jane, secondo me egli avr completata la sua
opera, e non credo che debba cercare di ottenere di pi.
Si capisce, signor Jeorling, si capisce! Ci nonostante,
quando si trover soltanto a 300 o 400 miglia dal polo, non si lascer
prendere dalla tentazione di andare a vedere dove finisce l'asse sul
quale la Terra gira come un pollo allo spiedo? rispose ridendo il
nostromo.
Per questo varrebbe la pena di correre nuovi pericoli?
aggiunsi.
poi cosa tanto interessante da spingere fino l gli
appassionati delle esplorazioni geografiche?
S e no, signor Jeorling. Tuttavia confesso che desidererei poter
essere andato pi lontano dei navigatori che ci hanno preceduto, pi
lontano forse di quanto andranno quelli che ci seguiranno; ci
varrebbe a soddisfare il mio amor proprio di marinaio
S voi pensate, nostromo, che non si sia fatto niente fino a
quando ci rimane qualche cosa da fare
Precisamente, signor Jeorling, e se ci venisse proposto di
spingerci qualche grado pi in su dell'isola Tsalal, non sarei io certo a
fare opposizione.
Non credo che il capitano Len Guy possa mai pensare a questa
eventualit, nostromo
E nemmeno io, rispose Hurliguerly, dopo che avr
raccolto suo fratello e i cinque marinai della Jane, immagino che il
nostro capitano si affretter a riportarli in Inghilterra.
probabile e logico al tempo stesso, nostromo. Del resto credo
che se gli anziani dell'equipaggio sono pronti ad andare dappertutto
dove il loro capo vorr condurli, i nuovi si rifiuterebbero. Non sono
stati reclutati per una spedizione lunga e pericolosa che li trascinasse
fino al polo
Avete ragione, signor Jeorling, e per convincerli sarebbe
necessaria la promessa di un forte premio a ogni parallelo pi in l
dell'isola Tsalal
Anche questo non sarebbe sicuro, risposi.
No, poich Hearne e le reclute delle Falkland, che a bordo
costituiscono la maggioranza, speravano che non si sarebbe arrivati a
oltrepassare la banchisa e la navigazione non andasse nemmeno oltre
il circolo antartico! Perci saranno gi scontenti di essere giunti
cos lontano! Infine non so come si svolgeranno gli avvenimenti, ma
se Hearne un uomo da sorvegliarsi io lo sorveglio!
Infatti si paventava in questa situazione se non un pericolo,
almeno una complicazione per l'avvenire.
Durante la notte, o nel tempo che avrebbe dovuto essere notte, dal
19 al 20, il mio sonno per un istante venne turbato da un sogno
bizzarro. S! Non poteva essere che un sogno! Ci nonostante ho
creduto doverlo annotare in questo racconto, poich esso comprova
una volta di pi le allucinazioni delle quali la mia mente cominciava
ad essere pervasa.
In quei giorni ancora freddi, dopo essermi disteso sul letto, mi
avviluppavo strettamente nelle coperte. Di solito il sonno mi
prendeva verso le nove di sera e dormivo senza interruzione fino alle
cinque del mattino.
Stavo dormendo dunque, e dovevano essere circa le due dopo
mezzanotte, quando venni svegliato da una specie di mormorio
lamentoso e prolungato.
Aprii, o m'immaginai di aprire gli occhi. Gli scuri dei due obl
erano chiusi e la mia cabina era immersa nel buio pi profondo.
Il mormorio si fece sentire nuovamente, tesi l'orecchio e mi
sembr che una voce, una voce che non conoscevo, balbettasse
queste parole:
Pym Pym il povero Pym!
Evidentemente questa voce la percepivo soltanto con la mia
immaginazione A meno che qualcuno si fosse introdotto a mia
insaputa nella cabina, la cui porta non era stata chiusa a chiave.
Pym! continuava la voce; non bisogna non bisogna
mai dimenticare il povero Pym!
Questa volta intesi distintamente queste parole pronunciate vicine
al mio orecchio.
Che cosa significava questa raccomandazione, e perch era stata
rivolta a me? Non dimenticare Arthur Pym!
Ma, dopo avere fatto ritorno in America non era forse morto di
una morte improvvisa e deplorevole, di cui nessuno conosceva n le
circostanze n i particolari?
Mi venne allora il sospetto che delirassi e mi svegliai del tutto,
questa volta con l'idea di trovarmi sotto il peso di un incubo
particolarmente intenso, dovuto a qualche turbamento cerebrale
Con un salto balzai fuori del letto e aprii gli scuri di uno degli
obl della mia cabina
Guardai fuori.
Nessuno si trovava a poppa della goletta: soltanto Hunt, in piedi
presso la ruota del timone con l'occhio fisso sulla chiesuola.
Non mi restava che coricarmi di nuovo. Ci che feci e, bench mi
sembrasse ancora di udire il nome di Arthur Pym risuonare parecchie
volte al mio orecchio, dormii fino alla mattina.
Quando mi alzai di questo incidente della notte mi restava
solamente una molto vaga e fuggevole impressione che non tard a
dissiparsi.
Rileggendo, spesso il capitano Len Guy lo faceva insieme con
me, rileggendo, dico, il racconto di Arthur Pym come se fosse stato
il giornale di bordo dell'Halbrane, rilevai il seguente fatto notato al
10 gennaio.
Nel pomeriggio era accaduto un incidente molto triste e
precisamente in quella parte di mare che noi allora stavamo
attraversando. Un americano originario di New York, di nome Peter
Vredenburgh uno dei migliori marinai dell'equipaggio della Jane
sdrucciolando e cadendo in mezzo a due lastroni di ghiaccio, era
scomparso e non si era potuto salvare.
Era la prima vittima di quella funesta spedizione: quante altre
ancora dovevano essere iscritte nel triste elenco delle perdite di
quella sfortunata goletta!
A tale proposito il capitano Len Guy e io rilevammo che, secondo
Arthur Pym, il freddo era stato molto intenso nella giornata del 10
gennaio e la situazione atmosferica molto turbata poich le raffiche
di nord-est si manifestavano sotto forma di neve e di grandine.
vero che a quell'epoca la banchisa si elevava lontano verso il
Sud, ci che spiega come la Jane non l'avesse ancora oltrepassata a
ovest.
A prestar fede al racconto essa la raggiunse soltanto il 14 gennaio.
Un mare dove non c'era pi un solo blocco di ghiaccio si stendeva
allora fino all'orizzonte, con una corrente di un mezzo miglio all'ora.
La temperatura era a 34 (1, 11 C sopra zero) e non tard a elevarsi
a 51 (10, 56 C sopra zero).
Era precisamente quella di cui usufruiva lHalbrane e ora
secondo Arthur Pym si sarebbe potuto affermare che nessuno
avrebbe dubitato della possibilit di raggiungere il polo!.
Quel giorno l'osservazione del capitano della Jane aveva
segnalato 81 21' di latitudine e 42 5' di longitudine. Con uno scarto
di pochi minuti di distanza, si not che quel rilievo poteva essere
simile al nostro che avevamo ottenuto nella mattina del 20 dicembre.
Ci dirigevamo dunque diritti verso l'isolotto Bennet, e non sarebbero
trascorse ventiquattr'ore senza ch'esso fosse apparso alla nostra vista.
Non ebbi alcun incidente da annotare durante la nostra
navigazione in quella zona. Non accadde nulla di particolare a bordo
della nostra goletta, mentre il giornale della Jane, in data 17 gennaio,
registrava parecchi avvenimenti molto curiosi. Ecco anzi il primo che
forn ad Arthur Pym e al suo compagno Dirk Peters un'occasione per
dimostrare il loro attaccamento e il loro coraggio.
Verso le tre del pomeriggio la vedetta aveva segnalato la presenza
di un banco di ghiaccio alla deriva, ci che comprovava che qualche
ghiaccio era riapparso sulla superficie del mare libero. Su quel banco
riposava un animale di dimensioni gigantesche. Il capitano William
Guy fece armare la pi grande delle lance nella quale presero posto
Arthur Pym, Dirk Peters e il secondo della Jane, precisamente
quell'infelice Patterson di cui avevamo raccolto il corpo fra le isole
Principe Edoardo e Tristan da Cunha.
L'animale era un orso della specie artica, che misurava 15 piedi in
lunghezza, aveva il pelo irto, fittissimo e di un candore perfetto, il
muso rotondo come quello di un cane bull-dog. Parecchi colpi di
arma da fuoco lo colpirono ma non furono sufficienti ad abbatterlo.
Dopo essersi gettato in mare, il mostruoso bestione nuot verso la
lancia e appoggiandosi su di essa certamente l'avrebbe fatta
rovesciare, se Dirk Peters slanciandosi contro non gli avesse piantato
il suo coltello proprio sotto la nuca, raggiungendo in un solo colpo il
midollo spinale. L'orso precipit in mare morto stecchito e nel cadere
trascin con s il meticcio, al quale bisogn gettare una cima per
aiutarlo a risalire a bordo.
L'orso, scaricato sul ponte della Jane, all'infuori delle sue
dimensioni eccezionali non presentava nulla di anormale che potesse
includerlo nel numero dei quadrupedi strani trovati da Arthur Pym in
quelle regioni australi.
Ma ora ritorniamo all'Halbrane.
La brezza del Nord, che ci aveva abbandonato, non si era ancora
ripresa, e solo la corrente spingeva la goletta verso il Sud. Questo
fatto causava un inatteso ritardo che la nostra impazienza
considerava insopportabile.
Finalmente il 21 l'osservazione segnal 82 50' di latitudine, e 42
20' di longitudine ovest.
L'isolotto Bennet se esisteva ormai non poteva essere lontano.
S! quell'isolotto esisteva e nella posizione indicata da Arthur
Pym.
Infatti verso le sei di sera un grido degli uomini annunci una
terra di fronte a sinistra.

CAPITOLO XV
L'ISOLOTTO BENNET
L'HALBRANE, dopo avere oltrepassato per circa 800 miglia il
circolo polare, manovrava dunque in vista dell'isolotto Bennet.
L'equipaggio aveva un enorme bisogno di riposo, poich durante le
ultime ore si era estenuato rimorchiando la goletta con le lance sopra
un mare calmissimo.
Cos fu rimandato lo sbarco all'indomani, ed io tornai nella mia
cabina.
Questa volta nessun mormorio turb il mio sonno e alle cinque del
mattino fui uno dei primi a comparire sul ponte.
naturale che Jem West avesse preso tutte le precauzioni che
esigeva una navigazione in mezzo a quelle localit sospette. La pi
severa sorveglianza regnava a bordo. I cannoncini erano caricati; le
palle e le cariche dei cannoni pronte, i fucili e le pistole in ordine, le
reti d'abbordaggio preparate per essere tese. Ciascuno si ricordava
che la Jane era stata assalita dagli isolani dell'isola Tsalal.
La nostra goletta si trovava allora a meno di 60 miglia dal teatro di
quella catastrofe.
La notte era trascorsa senza alcun allarme. Venuto giorno non si
scorse nemmeno un'imbarcazione nelle acque dellHalbrane , non un
indigeno sulle rive. Il luogo sembrava deserto, ed anche il capitano
William Guy non vi aveva scorto tracce di esseri umani. Non si
vedevano n capanne sul litorale n fumo nell'interno che avessero
potuto indicare che l'isolotto Bennet fosse abitato.
Ci che osservai in quell'isolotto fu, come lo aveva anche notato
Arthur Pym, una base rocciosa la cui circonferenza misurava circa
una lega e talmente arida che non vi si scorgeva il minimo indizio di
vegetazione.
La nostra goletta era ormeggiata su una sola ancora a un miglio a
nord.
Il capitano Len Guy mi fece osservare che non era possibile
ingannarsi su quella posizione.
Signor Jeorling, mi disse, vedete quel promontorio in
direzione di nord-est?
Lo vedo, capitano.
Non formato da un accumulo di rocce che sembrano balle di
cotone legate insieme?
Proprio cos e come notato appunto nel racconto di Pym.
Non ci resta dunque che sbarcare sul promontorio, signor
Jeorling. Chiss se vi troveremo qualche traccia degli uomini della
Jane qualora siano riusciti a fuggire dall'isola Tsalal?
Ora cercher di descrivervi con quale disposizione di spirito ci
trovavamo noi tutti a bordo dell'Halbrane.
A qualche gomena di distanza si vedeva quell'isolotto sul quale
Arthur Pym e William Guy avevano messo piede undici anni fa.
Quando la Jane lo raggiunse non si trovava certamente in condizioni
favorevoli, dato che i commestibili cominciavano a scarseggiare e
sintomi di scorbuto si manifestavano nel suo equipaggio. Al
contrario, a bordo della nostra goletta, la salute dei marinai era
veramente perfetta, e se le reclute si lamentavano fra di loro, gli
anziani si mostravano pieni di zelo e di speranza, pienamente
soddisfatti d'essere ormai prossimi a raggiungere la loro meta.
Quanto ai pensieri, ai desideri, alle impazienze del capitano Len
Guy facile indovinarli Egli divorava con gli occhi l'isolotto
Bennet.
C'era un uomo, per, i cui sguardi vi si posavano anche con
maggiore insistenza: quell'uomo era Hunt.
Dopo avere calato l'ancora, Hunt non si era pi coricato sul ponte,
come era sua abitudine, nemmeno per prendere due o tre ore di
sonno. Appoggiato sul parapetto a dritta di prua, con la sua larga
bocca chiusa e la fronte increspata da mille pieghe, non aveva
lasciato quel posto e i suoi occhi non si erano staccati un solo
momento dalla riva.
Voglio richiamare alla memoria dei miei lettori che il nome di
Bennet quello del socio del capitano della Jane e che in suo onore
venne dato alla prima terra scoperta in quella parte dell'Antartide.
Prima di lasciare lHalbrane Len Guy raccomand al secondo di
mantenere una minuziosa e costante sorveglianza, raccomandazione
per di cui Jem West non aveva certo bisogno. La nostra
esplorazione non doveva tenerci lontani pi di una mezza giornata.
Se la lancia non fosse tornata nel pomeriggio, si sarebbe inviata una
seconda imbarcazione alla sua ricerca.
Fai bene attenzione alle nostre reclute, aggiunse il capitano
Len Guy.
State tranquillo, capitano, rispose il secondo. Anzi,
poich vi occorrono quattro uomini ai remi, sceglieteli fra i nuovi.
Saranno quattro teste turbolente di meno a bordo.
La proposta era saggia, poich sotto l'influenza deplorevole di
Hearne, il malcontento dei suoi compagni delle Falkland mostrava
una certa tendenza ad aumentare.
Quando l'imbarcazione fu pronta, quattro dei nuovi vi presero
posto a prua, mentre Hunt, dietro sua richiesta, si metteva al timone.
Il capitano Len Guy, il nostromo e io ci sedemmo a poppa, bene
armati, e ci allontanammo per costeggiare il lato nord dell'isolotto.
Una mezz'ora dopo avevamo oltrepassato il promontorio, che,
visto da vicino, non aveva pi l'aspetto di un accumulamento di balle
accatastate. Allora si apr la piccola baia, in fondo alla quale avevano
accostato anche le lance della Jane.
Fu verso quella baia che Hunt ci diresse. Si poteva del resto fidarsi
del suo istinto: egli manovrava con rimarchevole precisione fra le
punte rocciose che emergevano qua e l. Si sarebbe potuto credere
che conoscesse alla perfezione quel luogo d'ancoraggio
L'esplorazione dell'isolotto non poteva durare molto a lungo. Il
capitano William Guy vi aveva dedicato solamente poche ore e se
esisteva ancora di lui qualche traccia non sarebbe certo sfuggita alle
nostre ricerche.
Sbarcammo in fondo alla baia, sopra alcune pietre tappezzate di
un magro lichene. La marea stava gi diminuendo e lasciava scoperto
il fondo sabbioso di una specie di spiaggia, seminato di blocchi
nerastri, simili a grosse capocchie di chiodo.
Il capitano Len Guy mi fece osservare su quel tappeto sabbioso la
presenza di una quantit di molluschi dalla forma oblunga, la cui
lunghezza variava da tre a diciotto pollici, e grossi da uno a otto.
Taluni riposavano sul loro fianco schiacciato; altri stavano
arrampicandosi per cercare il sole e per nutrirsi di quegli animaletti ai
quali dovuta la produzione del corallo. Infatti in due o tre luoghi
osservai parecchie punte di un banco in formazione.
Questo mollusco, mi disse il capitano Len Guy, quello
che chiamano pulce di mare, e che molto apprezzato dai cinesi. Se
richiamo la vostra attenzione su questo fatto, signor Jeorling,
perch fu con lo scopo di procurarsi questa lumaca di mare che la
Jane visit questi paraggi. Non avete dimenticato che mio fratello
aveva trattato con Too-Wit, il capo dell'isola Tsalal, per poter
raccogliere una certa quantit di quei molluschi; che vennero
costruiti vicino alla costa alcuni locali per la lavorazione dei
molluschi; che tre uomini erano addetti alla preparazione mentre la
goletta avrebbe continuato il suo viaggio di esplorazione Infine vi
ricordate in quali condizioni essa fu assalita e distrutta
S! tutti quei particolari erano presenti nella mia memoria, come
quelli che Arthur Pym d relativamente a quella lumaca di mare, la
gasteropoda pulmonifera di Cuvier. Essa rassomiglia a una specie di
verme, di bruco, senza guscio n zampe, unicamente provvisto di
anelli elastici. Quando, dopo essere stati raccolti, questi molluschi
vengono portati sulla sabbia, si tagliano in tutta la loro lunghezza, si
tolgono le interiora, si lavano, si fanno bollire, vengono sepolti per
qualche ora nella sabbia, si espongono poi al calore del sole; una
volta seccati e impaccati si spediscono in Cina. Sui mercati del
Celeste Impero essi sono molto ricercati come i nidi di rondine, e
tenuti in considerazione per le loro propriet ricostituenti. Quelli di
prima qualit sono venduti fino a novanta dollari per un peso
corrispondente a 103 libbre e mezza; sono richiesti non soltanto a
Canton, ma anche a Singapore, a Batavia, a Manila.
Appena avemmo raggiunto le rocce, due uomini furono lasciati a
guardia della lancia. Accompagnati da altri due, il capitano Len Guy,
il nostromo, Hunt e io ci dirigemmo verso il centro dell'isolotto
Bennet.
Hunt camminava in testa al gruppetto, sempre silenzioso, mentre
io scambiavo qualche parola con il capitano Len Guy e il nostromo.
Si sarebbe veramente detto che Hunt facesse da guida: a tale riguardo
non potei trattenere alcune osservazioni.
Questo, dopo tutto, importava ben poco. L'essenziale era di non
ritornare a bordo prima che la ricognizione fosse ultimata.
Il suolo che noi calpestavamo era estremamente arido. Inadatto a
ogni coltura: non avrebbe potuto fornire alcuna risorsa, nemmeno ai
selvaggi.
Come ci si sarebbe potuto vivere, dal momento che non produceva
alcuna pianta all'infuori di una specie di piccola palma spinosa, di cui
i ruminanti pi selvatici non si sarebbero certamente accontentati? Se
William Guy e i suoi compagni non avessero avuto altro rifugio che
quell'isolotto dopo la catastrofe della Jane, la fame li avrebbe da
molto tempo eliminati fino all'ultimo.
Da un monticello non molto alto, che assumeva una forma
arrotondata nel centro dell'isolotto Bennet, i nostri sguardi poterono
abbracciare tutta la sua estensione. Nulla nulla in nessuna parte
Ma non c'erano forse qua e l impronte di piede umano, cenere di
focolari, rovine di capanne, prove materiali che confermassero
l'arrivo di qualche uomo della Jane?
Perci, desiderosi di verificarlo, decidemmo di seguire il
perimetro del litorale, cominciando dal fondo della piccola baia dove
la lancia ci aveva sbarcato
Discendendo dal monticello, Hunt riprese il suo posto in testa,
come se fosse stato convenuto che fosse lui a guidarci. Noi dunque lo
seguivamo, mentre egli si dirigeva verso l'estremit meridionale
dell'isolotto.
Arrivato alla punta, Hunt gir lo sguardo tutto intorno, si chin e
mostr in mezzo alle pietre sparse un pezzo di legno, mezzo corroso
dalla putredine.
Mi ricordo! esclamai. Arthur Pym parla di questo
pezzo di legno che sembrava essere appartenuto alla prua di una
imbarcazione, con qualche traccia di scultura
Anzi mio fratello, aggiunse il capitano Len Guy, credette
di distinguere i contorni di una tartaruga
Infatti, ripresi, questa rassomiglianza fu considerata poco
convincente da Arthur Pym. Non importa, poich questo pezzo di
legno si trova ancora allo stesso posto indicato nel racconto; si deve
perci concludere che dopo la sosta della Jane nessun altro
equipaggio ha messo piede sull'isolotto Bennet. Credo che perderemo
il nostro tempo a ricercare in questo luogo qualsiasi tipo di traccia.
all'isola Tsalal solamente che potremo essere rassicurati.
S all'isola Tsalal! rispose il capitano Len Guy.
Ritornammo verso la baia costeggiando la linea rocciosa. In diversi
punti si notavano alcuni incipienti banchi di corallo. Le lumache di
mare c'erano in cos grande quantit che la nostra goletta avrebbe
potuto imbarcarne un carico intero.
Hunt, silenzioso, non cessava di camminare sempre con gli occhi
bassi verso il suolo.
Noi invece, tenendo fissi i nostri sguardi verso il largo, non
scorgevamo che l'immensit deserta.
Verso il Nord lHalbrane , cullata da un leggero rollio, mostrava
la sua alberatura. Verso il Sud nessuna parvenza di terra, e in tutti i
casi non era certo l'isola Tsalal che avremmo potuto scorgere in
quella direzione, poich la sua posizione era a 30' d'arco nel Sud,
cio a una distanza di 30 miglia marine.
Ci che restava da fare, dopo avere percorso il contorno
dell'isolotto, era di ritornare a bordo e di prepararsi senza altro ritardo
alla partenza per l'isola Tsalal.
Risalimmo allora la spiaggia dell'Est, con Hunt alla testa a
qualche decina di passi da noi. A un tratto egli si ferm bruscamente
e questa volta ci chiam con un rapido gesto.
In un baleno fummo presso di lui.
Se Hunt non aveva mostrato alcuna sorpresa riguardo al
precedente pezzo di legno, il suo aspetto mut quando si fu
inginocchiato davanti a un pezzo di tavola tarlata, abbandonato sulla
sabbia. Egli la tastava con le sue enormi mani, la palpeggiava come
per sentirne le ruvidezze, cercando sulla sua superficie qualche riga
che potesse avere un significato
Quella tavola lunga da cinque a sei piedi, larga sei pollici, di
quercia, doveva essere appartenuta a un'imbarcazione di grandi
dimensioni, forse a una nave di parecchie centinaia di tonnellate. Il
colore nero che una volta la ricopriva era scomparso sotto il fitto
strato depositatovi dalle intemperie. Sembrava provenire pi
precisamente dal quadro di poppa d'un bastimento.
Questo fu fatto rimarcare dal nostromo.
S s ripet il capitano Len Guy, essa faceva parte di
un quadro di poppa!
Hunt, sempre inginocchiato, piegava la grossa testa in segno di
conferma.
Ma, risposi, questa tavola ha potuto essere stata gettata
sull'isolotto Bennet soltanto dopo un naufragio Bisogna che le
controcorrenti l'abbiano trovata in alto mare, e
Se fosse? esclam il capitano Len Guy. Il medesimo
pensiero era venuto a entrambi
Quale fu la nostra sorpresa, il nostro stupore, la nostra indicibile
emozione quando Hunt ci mostr sette o otto lettere scritte sulla
tavola, non dipinte, ma incavate la cui sporgenza si sentiva sotto le
dita
Era molto facile riconoscere le lettere dei due nomi, cos disposte
sopra due linee:

AN
LI E PO L

La Jane di Liverpool! La goletta comandata dal capitano
William Guy! Che cosa importava che il tempo avesse cancellato
le altre lettere? Quelle che rimanevano non erano sufficienti a
svelare il nome della nave e quello del suo porto di partenza? La
Jane di Liverpool!
Il capitano Len Guy aveva preso quella tavola nelle mani e vi
aveva appoggiato le labbra, mentre una grossa lacrima gli scendeva
dagli occhi
Era uno dei resti della Jane, uno di quelli che l'esplosione aveva
disperso ed era stato trasportato fino a quella spiaggia sia dalle
controcorrenti sia da un lastrone di ghiaccio!
Senza pronunciare una parola lasciai che l'emozione del capitano
Len Guy si calmasse. Non avevo mai visto uno sguardo cos
sfolgorante sfuggire dagli occhi di Hunt, da quei suoi occhi
scintillanti da falco, mentre egli osservava l'orizzonte del Sud..,
Il capitano Len Guy si rialz; Hunt, sempre muto, si mise la tavola
sulle sue spalle e continuammo la nostra via
Allorch il giro dell'isolotto fu completato, ci fermammo nel
luogo dove la lancia era stata lasciata in fondo alla baia sotto la
guardia di due marinai, e verso le due e mezzo dopo mezzogiorno
avevamo fatto ritorno a bordo.
Il capitano Len Guy volle rimanere fino all'indomani ancorato in
quel punto, nella speranza che si levassero i venti del Nord o dell'Est.
Ci era da augurarsi, poich si poteva forse pensare di far
rimorchiare lHalbrane dalle sue imbarcazioni fino all'isola Tsalal.
Quantunque la corrente portasse da quella parte, specialmente
durante il flusso, non sarebbero bastati due giorni per compiere
quella traversata di una trentina di miglia.
I preparativi della partenza furono dunque rimandati al levare del
giorno. Ora, siccome una leggera brezza si lev verso le tre dopo
mezzanotte, si pot sperare che la goletta avrebbe raggiunto senza
troppo ritardo la suprema meta del suo viaggio.
Fu alle sei e mezzo del mattino, il 23 dicembre, che lHalbrane a
vele complete, con la rotta a Sud lasci l'ancoraggio dell'isolotto
Bennet. Ci che non era da porsi in dubbio che avevamo raccolto
una nuova e affermativa testimonianza della catastrofe di cui l'isola
Tsalal era stata il teatro.
Il vento che ci spingeva era troppo debole e troppo spesso le vele
sbattevano sventate contro gli alberi. Per fortuna una misurazione
fatta allo scandaglio indic che la corrente si dirigeva
invariabilmente verso il Sud. Per, procedendo cos lentamente, il
capitano Len Guy non avrebbe potuto raggiungere l'isola Tsalal
prima di trentasei ore.
Durante quella giornata osservai attentamente le acque' del mare
che mi apparvero di un azzurro meno cupo di quanto asseriva Arthur
Pym. Non avevamo incontrato alcuno di quei cespugli di spine dalle
bacche rosse che vennero raccolti a bordo della Jane, n alcuno di
quei mostri della fauna australe: un animale lungo tre piedi, alto sei
pollici, con quattro gambe corte, con i piedi dalle unghie lunghe
color di corallo; dal corpo morbido e bianco, dalla coda di sorcio,
dalla testa di gatto, con le orecchie abbassate come un cane, dai denti
di un rosso vivo. Del resto consideravo molti di quei particolari come
molto dubbi, dovuti unicamente all'osservazione di un uomo troppo
immaginoso.
Seduto a poppa con il libro di Edgar Poe fra le mani, io leggevo
non senza osservare che Hunt, allorch il suo servizio lo portava
vicino alla tuga, non cessava di guardarmi con una ostinazione
singolare.
Stavo precisamente leggendo la fine del capitolo XVII, in cui
Arthur Pym si riconosce responsabile degli sfortunati e sanguinosi
eventi che seguirono al mio consiglio. Fu egli infatti che, vincendo
l'esitazione del capitano William Guy, lo spinse ad approfittare di
una occasione cos seducente di risolvere il gran problema relativo a
un continente antartico!. Ma, del resto, anche accettando quella
responsabilit, non doveva rallegrarsi per essere stato, sia pure
lontanamente, lo strumento per svelare agli occhi della scienza uno
dei pi entusiasmanti misteri che abbiano sollecitato la sua
attenzione?.
Durante quella giornata, numerose balene girarono al largo
dellHalbrane . Passarono anche innumerevoli stormi di albatri
sempre diretti verso il Sud.
Non un solo lastrone di ghiaccio in vista. Sopra gli estremi limiti
dell'orizzonte non si vedeva la rifrazione degli icefield.
Il vento non dava alcun segno di rinfrescare, e alcune nuvole
velavano il sole.
Erano gi le cinque di sera, quando le ultime linee dell'isolotto
Bennet scomparvero. Quanta poca strada avevamo fatto dal
mattino!
La bussola, osservata ogni ora, non dava pi che una variazione
poco apprezzabile, ci che confermava ancora il racconto di Poe.
Diversi scandagli non ci fecero conoscere il fondo, quantunque il
nostromo v'impiegasse cime di 200 braccia. Era felice che la
direzione della corrente permettesse alla goletta di guadagnare poco
poco verso il Sud una velocit di un mezzo nodo soltanto.
Fin dalle sei il sole era scomparso dietro un'oscura cortina di
nebbie, di l della quale esso continu a descrivere la sua lunga
spirale discendente.
Il vento non si avvertiva pi: una contrariet che non
sopportavamo senza una certa impazienza. Se quei ritardi si fossero
prolungati, se il vento avesse cambiato, quale soluzione avremmo
dovuto prendere? Quel mare non doveva essere affatto al riparo dalle
tempeste, e una burrasca che avesse gettato la goletta verso il Nord
avrebbe fatto gioco ad Hearne e ai suoi compagni, giustificando in
parte le loro recriminazioni.
Ci nonostante dopo mezzanotte il vento rinforz e lHalbrane
pot allontanarsi di una dozzina di miglia.
Cos l'indomani 24 il rilievo diede 83 2' per la latitudine, e 43 5'
per la longitudine.
LHalbrane non si trovava pi che a 18' di arco dall'isola Tsalal,
ossia a meno di un terzo di grado, cio a meno di 20 miglia
Sfortunatamente dopo mezzogiorno il vento diminu ancora. Ci
nonostante, grazie alla corrente, l'isola Tsalal venne segnalata alle sei
e quarantacinque della sera.
Appena l'ancora fu calata si stette all'erta con la massima
attenzione, con i cannoni carichi, i fucili a portata di mano, le reti di
abbordaggio al loro posto.
LHalbrane non correva pericolo di essere colta di sorpresa.
Troppi occhi vegliavano a bordo, specialmente poi quelli di Hunt che
non si staccavano un attimo da quell'orizzonte della zona australe.
CAPITOLO XVI
L'ISOLA TSALAL
LA NOTTE trascorse senza allarme. Nessuna canoa aveva lasciato
l'isola. Nessun indigeno si mostrava sul litorale. La sola conclusione
da trarne era che la popolazione dovesse abitare nell'interno. Infatti,
sapevamo dal racconto che bisognava camminare tre o quattro ore
prima di giungere al principale villaggio dell'isola Tsalal.
LHalbrane dunque non era stata vista al suo arrivo, e questo,
dopo tutto, tornava a nostro vantaggio.
Eravamo ancorati a tre miglia dalla costa, a dieci braccia di fondo.
Alle sei fu levata l'ancora e la goletta, aiutata da una leggera
brezza mattinale, ancor di nuovo a un mezzo miglio da una barriera
di corallo, simile a quelle dell'Oceano Pacifico. Da quella distanza
era abbastanza facile dominare l'isola nel suo insieme. Per nove o
dieci miglia di circonferenza ci che non era stato notato da Arthur
Pym si vedeva una costa dirupata di difficile accesso, dai lunghi
piani aridi, nerastri, inquadrati da una catena di colline di mediocre
altezza; tale era l'aspetto che presentava l'isola Tsalal. Lo ripeto
ancora: la riva era deserta. Non si vedeva neppure un'imbarcazione al
largo n nelle baie. Non si levava alcun fumo al di sopra delle rocce,
e sembrava che non ci fosse un solo abitante da quella parte.
Che cosa era dunque accaduto da undici anni? Forse il capo
degli indigeni, quel Too-Wit, non esisteva pi? Sia pure, ma la
popolazione relativamente numerosa e William Guy e i
superstiti della goletta inglese?
Allorch la Jane fece la sua comparsa in quei paraggi, era la prima
volta che gli abitanti dell'isola Tsalal vedevano una nave. Perci al
loro arrivo a bordo l'avevano considerata come un enorme animale,
la cui alberatura ne costituiva le membra e le vele ne formavano le
ali. Ora essi dovevano saperne qualche cosa di pi e, poich non
cercavano di farci visita a che dovevamo attribuire la loro condotta
cos singolarmente riservata?
In mare la grande lancia! comand il capitano Len Guy con
voce impaziente.
L'ordine venne eseguito e il capitano Len Guy indirizzandosi al
secondo disse:
Jem, fa' discendere otto uomini con Martin Holt e Hunt al
timone. Tu resterai a bordo e veglia bene dalla parte della terra, come
da quella del mare
State tranquillo, capitano.
Noi sbarcheremo e tenteremo di raggiungere il villaggio di
Klock-Klock. Se si noter qualche complicazione al largo, avvert
con tre colpi di cannone.
inteso, tre colpi sparati a un minuto d'intervallo, rispose il
secondo.
Se prima di sera non ci hai visto ritornare, manda la seconda
lancia benearmata con dieci uomini sotto la direzione del nostromo e
che si fermino a una gomena dalla riva per raccoglierci. Sar fatto.
In nessun caso dovrai lasciare la goletta, Jem
In nessun caso.
Se non saremo stati ritrovati dopo avere fatto tutto quello che
sar in tuo potere, prenderai il comando della goletta e la ricondurrai
alle Falkland.
Sta bene.
La grande lancia fu presto all'ordine. Otto uomini vi si
imbarcarono, compresi Martin Holt e Hunt, tutti armati di fucili,
pistole, con la giberna piena e il coltello alla cintola.
Io, che giungevo in quel momento, chiesi:
Non mi permettereste di accompagnarvi a terra, capitano?
Se lo gradite, signor Jeorling.
Rientrato nella cabina presi il mio fucile, un fucile da caccia a due
colpi, la scatola della polvere, il sacco del piombo e qualche palla e
corsi a raggiungere il capitano Len Guy che mi aveva lasciato un
posto a poppa.
L'imbarcazione si allontan e vigorosamente condotta si diresse
verso la scogliera, per scoprire il passaggio attraverso il quale Arthur
Pym e Dirk Peters erano passati il 18 gennaio 1828 con la lancia
della Jane.
Fu in quel momento che i selvaggi erano apparsi sulle loro lunghe
canoe che William Guy aveva loro mostrato un fazzoletto bianco
in segno di amicizia al quale essi avevano risposto con le grida di
Anamootnoo e Lama-Lama e che il capitano aveva loro permesso
di salire a bordo con il loro capo Too-Wit.
Il racconto spiega come allora relazioni di amicizia si stabilirono
fra quei selvaggi e gli uomini della Jane. Fu deciso che un carico di
lumache di mare sarebbe stato imbarcato al ritorno della goletta, la
quale, dietro le insistenze di Arthur Pym, doveva ancora spingersi
verso il Sud.
Qualche giorno dopo, il 1 febbraio, come si sa, il capitano
William Guy e trentuno dei suoi erano stati vittima di un agguato nel
bosco di Klock-Klock, e dei suoi uomini rimasti a guardia della Jane,
che fu distrutta da un'esplosione, non se ne salv uno solo.
Per venti minuti la nostra lancia costeggi la scogliera. Non
appena fu scoperto da Hunt il passaggio, egli vi si intern per
raggiungere una stretta insenatura fra le rocce.
Due marinai furono lasciati nella lancia, che attravers il piccolo
braccio largo 200 tese e venne a gettare il suo ancorotto sulle rocce,
all'entrata stessa del passaggio.
Dopo avere risalito la gola sinuosa che dava accesso sulla cresta
della riva, il nostro piccolo drappello si diresse verso il centro
dell'isola con Hunt alla testa.
Il capitano Len Guy e io, camminando, ci scambiavamo le nostre
osservazioni su quel paese che a detta di Arthur Pym differiva
essenzialmente da tutte le terre visitate fino allora da uomini civili.
Noi lo avremmo visto. In tutti i casi ci che posso dire che il
colore generale del piano era nero come se la terra vegetale fosse
stata fatta di una polvere di lava e da nessuna parte si vedeva nulla
che fosse bianco.
A cento passi di l Hunt si mise a correre verso un'enorme massa
rocciosa. Non appena l'ebbe raggiunta vi sal con l'agilit di un
camoscio e, arrivato alla sommit, gir lo sguardo sopra uno spazio
di parecchie miglia.
Hunt sembrava avere assunto l'atteggiamento di un uomo che
non ci si ritrova.
Che cosa ha? mi domand il capitano Len Guy, dopo
averlo osservato con attenzione.
Ci che ha replicai, non lo so, capitano. Ma non ignorate
che tutto bizzarro in quest'uomo, tutto inesplicabile nelle sue
maniere e per alcuni lati egli meriterebbe di figurare fra gli esseri
nuovi che Arthur Pym pretende di avere incontrato in quest'isola!
Si direbbe quasi che
Che? ripet il capitano Len Guy. E allora senza terminare
la frase esclamai:
Capitano, siete certo di avere fatto un buon rilevamento quando
ieri avete preso l'altezza?
Sicuramente.
Perci il vostro rilievo?
Mi ha dato 83 di latitudine e 43 5' di longitudine
Esattamente?
Esattamente.
Non dunque da porre in dubbio che questa sia l'isola
Tsalal?
No, signor Jeorling, se l'isola Tsalal si trova nella posizione
indicata da Arthur Pym.
Infatti non poteva sorgere alcun dubbio su ci. vero che se
Arthur Pym non si era sbagliato su quella posizione espressa in gradi
e in minuti, che cosa si doveva pensare della sincerit del suo
racconto riguardo alla regione, che il nostro piccolo drappello
attraversava sotto la direzione di Hunt? Egli parla di stranezze che
non gli erano affatto familiari Egli parla di alberi che non
assomigliavano in alcuna maniera n a quelli della zona torrida, n a
quelli della zona temperata, n a quelli della zona glaciale del Nord,
n a quelli delle latitudini inferiori meridionali: queste sono le sue
espressioni Egli parla di rocce di una struttura nuova, sia per la
loro massa, colore e stratificazione Parla di ruscelli prodigiosi, il
cui letto conteneva un liquido indescrivibile, senza parvenza di
limpidezza, una specie di dissoluzione di gomma arabica divisa in
vene distinte, che presentavano gli effetti della seta cangiante e che,
dopo essere state divise da una lama di coltello, la potenza di
coesione non le riavvicinava pi
Ebbene, non c'era niente, o meglio non c'era pi niente di tutto
questo. Non un albero, non un arboscello, non un arbusto si mostrava
nella campagna Non vedemmo nemmeno quelle colline boscose,
fra le quali avrebbe dovuto trovarsi il villaggio di Klock-Klock Di
quei ruscelli ai quali gli uomini della Jane non avevano osato
dissetarsi, non ne scorsi uno solo, nemmeno una goccia d'acqua
normale n straordinaria Dappertutto la spaventevole, la desolante,
la pi assoluta aridit!
Ci nonostante Hunt camminava rapidamente senza mostrare
alcuna esitazione. Sembrava che un istinto naturale lo guidasse, come
le rondini, i piccioni viaggiatori sono condotti al loro nido, per la via
pi breve: a volo d'uccello, a volo d'ape diciamo noi in America.
Non so quale presentimento ci spingeva a seguirlo come la guida
migliore, come un Bas de Cuir, come un Renard Subtil! E, dopo
tutto, non poteva essere egli il compatriota di quegli eroi di Fenimore
Cooper?
Ma, non farei altro che ripeterlo troppo, non avevamo davanti agli
occhi quella contrada favolosa descritta da Arthur Pym. Quello che i
nostri piedi calcavano era un suolo vulcanico irregolare. Era nero
s nero e calcinoso, come se fosse stato vomitato dalle viscere
della terra sotto l'azione delle forze plutoniche. Si sarebbe detto che
qualche spaventevole e irresistibile cataclisma l'avesse messo
sottosopra in tutta la sua superficie.
Quanto agli animali di cui si parlava nel racconto non ne
scorgemmo nemmeno uno: n le anitre della specie valisneria, n le
tartarughe galapagos, n quegli uccelli neri simili ai falchi, n i
maiali neri dalla coda a ciuffo e dalle gambe d'antilope, n quella
specie di montoni dalla lana nera, n i giganteschi albatri dalle piume
nere Gli stessi pinguini, cos numerosi in quei paraggi antartici,
sembrava che avessero abbandonato quella terra divenuta
inabitabile Era la solitudine silenziosa e triste del pi spaventevole
deserto!
E nessun essere umano nessuno tanto nell'interno dell'isola
quanto sulla riva!
In mezzo a quella desolazione poteva sussistere ancora la speranza
di ritrovare William Guy e i superstiti della Jane?
Io guardavo il capitano Len Guy. Il suo viso pallido, la sua fronte
increspata da profonde rughe dicevano chiaramente che la speranza
cominciava ad abbandonarlo
Alla fine, arrivammo nella vallata, il cui giro avrebbe dovuto
circondare il villaggio di Klock-Klock. L come altrove regnava il
pi completo abbandono. Non pi una sola di quelle abitazioni che
allora erano tanto miserabili n di quegli yampoos formati di una
grande pelle nera appoggiata sopra un tronco d'albero tagliato
all'altezza di quattro piedi da terra, n di quelle tettoie formate da
rami caduti, n di quei fori di trogloditi scavati nelle pareti della
collina, in una pietra nera somigliante a puzzolana E quel ruscello
che, scendendo, tagliava i pendii del bosco, dov'era, e da quale lato si
nascondeva la sua acqua magica che rotolava sopra un letto di sabbia
nera?
La popolazione tsalalese, quegli uomini quasi interamente nudi,
alcuni vestiti di una pelliccia nera, armati di lance e di mazze, e
quelle donne dritte, grandi e benfatte, dotate di un portamento
aggraziato e di una scioltezza nell'incedere che non si incontra in
Paesi civili sono anche queste le espressioni proprie di Arthur
Pym, e quella moltitudine di fanciulli che facevano loro
corteggio che ne era stato di tutta quella folla di indigeni dalla
pelle nera, dalla capigliatura nera, dai denti neri, che il colore bianco
riempiva di spavento?
Invano cercai la casa di Too-Wit fatta di quattro grandi pelli, unite
fra loro da pezzetti di legno, e fissate in terra da piccoli piuoli
Non ne ritrovai neppure il posto!
Ed era l pertanto che William Guy, Arthur Pym, Dirk Peters e i
loro compagni erano stati ricevuti non senza manifestazioni di
rispetto, mentre la folla degli isolani si accalcava di fuori Era l
che era stato servito il pranzo dove figuravano le interiora palpitanti
di un animale sconosciuto, che Too-Wit e i suoi divorarono con una
ripugnante avidit
In quel momento un lampo si fece largo nella mia mente. Fu come
una rivelazione. Indovinai ci che era accaduto nell'isola, qual era la
ragione di quella solitudine, quale la causa di quello sconvolgimento
di cui il suolo portava ancora le tracce.
Un terremoto! esclamai. S! Sono state sufficienti due
o tre di quelle terribili scosse, cos comuni in quelle regioni sotto le
quali il mare penetra per infiltrazioni! Un giorno la quantit di
vapore accumulato si procura un'uscita e distrugge tutto alla
superficie
Un terremoto avrebbe cambiato a questo punto l'isola
Tsalal? mormor il capitano Len Guy.
S, capitano, e ha distrutto quella vegetazione particolare
quei ruscelli dal liquido bizzarro quelle stranezze naturali,
scomparse ormai nelle profondit del suolo e di cui noi non
riusciamo a ritrovare alcuna traccia! Qui non si vede pi niente di ci
che ha visto Arthur Pym!
Hunt che si era avvicinato ascoltava alzando e abbassando la sua
enorme testa in segno di approvazione.
E che forse queste regioni del mare australe non sono
vulcaniche? ripresi. E non forse vero che se lHalbrane ci
avesse trasportato alla Terra Vittoria vi avremmo trovato l'Erebus e il
Terror in piena eruzione?
Ci nonostante, osserv Martin Holt, se ci fosse stata
un'eruzione si vedrebbe la lava
Non dico che ci sia stata un'eruzione, risposi al mastro
velaio, ma dico che il suolo stato sconvolto da cima a fondo da
un terremoto!
Riflettendovi, la spiegazione che io davo meritava di essere tenuta
in considerazione.
Mi torn allora in mente che, nel racconto di Arthur Pym, Tsalal
apparteneva a un gruppo di isole che si stendeva verso l'Ovest. Se la
popolazione tsalalese non era stata distrutta, poteva essere che si
fosse rifugiata sopra una delle isole vicine.
Bisognava dunque girare per quell'arcipelago, dove i superstiti
della Jane avevano potuto trovare rifugio, dopo avere lasciato Tsalal
che in seguito al cataclisma non doveva pi offrire alcuna risorsa
Ne parlai al capitano Len Guy.
S, egli esclam, e le lacrime sgorgarono dai suoi occhi,
s pu essere! Ma pertanto come mio fratello e i suoi sventurati
compagni avrebbero avuto il mezzo di fuggirsene? e non forse
pi probabile ch'essi siano tutti periti in questo terremoto?
Un gesto di Hunt che significava Venite! ci trascin sui suoi
passi.
Dopo essersi inoltrato attraverso la vallata a due portate di fucile,
si ferm.
Quale spettacolo si offr allora ai nostri sguardi!
L giacevano ammonticchiati pezzi d'ossa, massi di sterni, di tibie,
di femori, di vertebre, avanzi di tutta quell'armatura che forma lo
scheletro umano e senza un pezzo di carne, un agglomeramento di
crani con qualche ciuffo di capelli, un mucchio enorme che, aveva
imbiancato quel posto!
Davanti a quell'immenso ossario fummo presi da spavento e da
orrore!
Era dunque l ci che restava della popolazione dell'isola, che si
contava a parecchie migliaia d'individui? Ma essi erano dunque
periti fino all'ultimo in quel terremoto? e come spiegare che quegli
avanzi erano sparsi alla superficie del suolo e non nascosti nelle sue
viscere? E si poteva ammettere che quegli indigeni, uomini,
donne, fanciulli e vecchi fossero stati sorpresi senza avere avuto il
tempo di giungere con le loro imbarcazioni alle altre isole del
gruppo? ,
Restammo immobili, accasciati, disperati, incapaci di pronunciare
una sola parola!
Fratello mio mio povero fratello! ripet il capitano Len
Guy inginocchiandosi.
Ci nonostante, riflettendovi, c'erano alcune cose che il mio
spirito si rifiutava di ammettere. Per esempio: come accordare quella
catastrofe con gli appunti del libriccino di Patterson? Quegli appunti
dicevano chiaramente che il secondo della Jane sette mesi prima
aveva lasciato i suoi compagni sull'isola Tsalal. Essi non potevano
dunque essere periti in quel terremoto, che, dato lo stato degli
scheletri, risaliva a parecchi anni, e che doveva essersi prodotto dopo
la partenza di Arthur Pym e di Dirk Peters poich il racconto non ne
parlava.
In verit quei fatti erano inconciliabili. Se il terremoto era
avvenuto da poco non era ad esso che bisognava attribuire la
presenza di quegli scheletri, gi imbiancati dal tempo. In tutti i casi i
superstiti della Jane non erano fra essi Ma allora dove erano
finiti!
Siccome la vallata di Klock-Klock non si prolungava affatto al di
l, fu necessario tornare sui nostri passi per riprendere la via del
litorale.
Avevamo appena percorso un mezzo miglio lungo il pendio,
quando Hunt si ferm di nuovo dinanzi ad alcuni frammenti di ossa,
ridotti quasi allo stato di polvere e che non sembravano essere
appartenuti a un essere umano.
Erano forse i resti di quei bizzarri animali descritti da Arthur Pym,
e di cui fino allora non ne avevamo visto un solo campione?
Un grido, o piuttosto una specie di ruggito selvaggio, sfugg dalle
labbra di Hunt.
La sua enorme mano, tesa verso di noi, teneva un collare di
metallo
S un collare di rame un collare mezzo consumato
dall'ossido, e sul quale erano impresse alcune lettere che si potevano
ancora leggere. Quelle lettere formavano queste tre parole:

Tiger Arthur Pym

Tiger! Era il cane di Terranova che aveva salvato il suo padrone
quando stava nascosto nella stiva del Grampus Tiger che aveva
dato qualche segno d'idrofobia Tiger che durante la rivolta
dell'equipaggio si era gettato alla gola del marinaio Jones quasi
subito dopo finito da Dirk Peters!
Cos quel fedele animale non era perito nel naufragio del
Grampus Era stato raccolto a bordo della Jane con Arthur Pym e il
meticcio Ci nonostante, il racconto non lo nominava affatto, e
anche prima dell'incontro della goletta non si parlava pi del cane
Mille contraddizioni si affollarono nel mio animo Non sapevo
come conciliare quei fatti Pertanto nessun dubbio sussisteva che
Tiger fosse stato salvato dal naufragio come Arthur Pym, che lo
avesse seguito fino all'isola Tsalal, che fosse sopravvissuto alla frana
della collina di Klock-Klock, e che avesse infine trovato la morte in
quella catastrofe che aveva distrutto una gran parte della popolazione
tsalalese
Ma, ancora una volta lo ripeto, William Guy e i suoi compagni
non potevano trovarsi fra gli scheletri che coprivano il suolo, poich,
sette mesi prima, alla partenza di Patterson, essi erano ancora vivi e
la catastrofe datava gi da parecchi anni! Tre ore dopo eravamo di
ritorno a bordo dellHalbrane , non avendo fatta alcun'altra scoperta.
Il capitano Len Guy raggiunse la sua cabina, vi si chiuse dentro e
non comparve nemmeno all'ora del pranzo.
Pensai che era meglio rispettare il suo dolore e non cercai di
vederlo.
L'indomani, desideroso di ritornare sull'isola e di riprendere
l'esplorazione da un punto all'altro del litorale, domandai al secondo
di farmici condurre.
Jem West vi acconsenti, dopo essere stato autorizzato dal capitano
Len Guy che si astenne per dal venire con noi.
Hunt, il nostromo, Martin Holt, quattro uomini e io prendemmo
posto nella lancia senza armi poich non c'era pi nulla da temere.
Sbarcammo allo stesso posto del giorno prima, e Hunt ci condusse
di nuovo verso la collina di Klock-Klock.
Una volta l, risalimmo lo stretto burrone nel quale Arthur Pym,
Dirk Peters e il marinaio Allen, separati da William Guy e dai suoi
ventinove compagni, si erano introdotti in mezzo a quella fessura,
scavata in una sostanza saponacea, come una specie di stalattite
fragilissima.
In quel posto non c'era pi traccia n delle pareti che avevano
dovuto sparire nel terremoto, n della fessura dove qualche albero di
noci aveva allora ombreggiato l'apertura, n del triste corridoio che
conduceva al labirinto nel quale Allen mor soffocato, n della
terrazza dalla quale Arthur Pym e il meticcio avevano visto l'assalto
portato dalle canoe indigene alla goletta, e udito l'esplosione che
aveva causato migliaia di vittime.
Non restava pi nulla della collina abbattuta nella frana artificiale,
alla quale il capitano della Jane, il suo secondo Patterson e cinque
dei suoi uomini avevano potuto scampare
Non c'era pi nemmeno quel labirinto del quale i giri incrociati
rappresentavano lettere che formavano delle parole che
componevano una frase riprodotta nel testo di Arthur Pym: quella
frase di cui la prima linea significava essere bianco e la seconda
regione del Sud!.
Cos era scomparsa la collina, il villaggio di Klock-Klock e tutto
quello che dava all'isola Tsalal un aspetto soprannaturale. Ora, senza
dubbio, il mistero di quelle inverosimili scoperte non sarebbe stato
mai pi rivelato a nessuno!
Non dovevamo fare altro che ritornare alla nostra goletta dalla
parte del litorale orientale.
Hunt ci fece allora attraversare il posto dove erano state alzate le
tettoie per la preparazione delle lumache di mare e di cui vedemmo
solo i resti.
Inutile aggiungere che il grido Tkli-li! non risuon alle nostre
orecchie: quel grido che emettevano gli isolani e quei giganteschi
uccelli neri che volavano nello spazio Dovunque il silenzio,
l'abbandono!
Un'ultima sosta venne fatta nel luogo dove Arthur Pym e Dirk
Peters si erano impadroniti della canoa che li port verso le pi alte
latitudini fino a quell'orizzonte di vapori oscuri, fra i cui squarci
apparve loro la grande figura umana il gigante bianco.
Hunt, con le braccia incrociate, divorava con gli occhi l'infinita
distesa del mare.
Ebbene, Hunt? gli dissi. Egli non sembr ascoltarmi e
non rivolse neppure la testa dalla mia parte Che cosa facciamo
qui? gli domandai, toccandogli la spalla. Ma la mia mano lo
fece trasalire, e mi lanci uno sguardo che mi penetr fino al cuore.
Andiamo, Hunt, esclam Hurliguerly, vuoi forse mettere
radici su questo pezzo di roccia? Non vedi lHalbrane che ci
attende all'ancoraggio? In cammino! Ritireremo l'ancora
domani! Non c' pi nulla da fare qui!
Mi sembr che le labbra tremanti di Hunt ripetessero quella parola
nulla mentre il suo aspetto protestava contro le parole del
nostromo
La lancia ci ricondusse a bordo.
Il capitano Len Guy non aveva lasciato la sua cabina.
Jem West, non avendo ricevuto l'ordine di prepararsi per la
partenza, attendeva passeggiando a poppa.
Io andai a sedermi ai piedi dell'albero di maestra, osservando il
mare liberamente aperto davanti a noi.
In quel momento il capitano Len Guy usc dalla stiva, con il viso
pallido e contraffatto.
Signor Jeorling, mi disse, ho la coscienza di avere fatto
tutto ci che era possibile di fare! posso ora sperare di trovare
ancora mio fratello William e i suoi compagni? No! Bisogna
partire prima che l'inverno
Il capitano Len Guy, raddrizzandosi, lanci ancora uno sguardo
verso l'isola Tsalal.
Domani, Jem West, disse, domani faremo i preparativi
alle prime ore
In quel momento una voce rude pronunci queste parole:
E Pym il povero Pym?
Quella voce la riconobbi Era quella che avevo inteso nel
sogno!

PARTE SECONDA
CAPITOLO I
E PYM?
LA DECISIONE del capitano Len Guy di abbandonare fin dal giorno
seguente l'ancoraggio dell'isola Tslal e di riprendere la rotta per il
Nord, la campagna finita senza alcun risultato, la rinuncia a ricercare
in un'altra parte dell'Oceano Antartico i naufraghi della goletta
inglese, tutto mi si era presentato tumultuosamente allo spirito.
Come! I sei uomini che, stando al taccuino di Patterson, pochi
mesi prima si trovavano ancora in questi paraggi, stavano per essere
abbandonati dall'Halbrane? Il suo equipaggio non avrebbe dunque
compiuto sino in fondo il dovere che l'umanit gli imponeva? Non
avrebbe tentato l'impossibile per scoprire il continente o l'isola su cui
i superstiti della Jane erano forse riusciti a rifugiarsi, abbandonando
l'isola Tsalal, divenuta inabitabile dopo il terremoto?
E s che eravamo solo alla fine di dicembre, nel giorno di Santo
Stefano, quasi all'inizio della buona stagione. Un'estate di oltre due
mesi ci avrebbe permesso di navigare attraverso quella parte
dell'Antartide. Avremmo avuto il tempo di ritornare al circolo polare
prima della terribile stagione australe Ed ecco invece che
lHalbrane si disponeva a fare rotta verso il Nord
S, questo era il pro della questione. vero per devo
confessarlo che il contro si basava su argomenti di effettivo
valore.
Prima di tutto, fino a quel giorno lHalbrane non aveva affatto
proceduto a caso. Seguendo l'itinerario indicato da Arthur Pym, si era
diretta verso un punto ben preciso: l'isola Tsalal. Come affermava lo
sfortunato Patterson, su quell'isola dalla posizione nota il nostro
capitano avrebbe potuto raccogliere William Guy e i cinque marinai
sfuggiti al tranello di Klock-Klock. Ora, a Tsalal non li avevamo pi
trovati, n avevamo trovato pi nessuno della popolazione indigena
annientata in non si sa quale catastrofe della quale ignoravamo la
data. Erano riusciti a fuggire prima di tale catastrofe, avvenuta dopo
la partenza di Patterson, ossia entro gli ultimi sette o otto mesi?
In ogni caso il problema si riduceva a questo semplicissimo
dilemma:
O l'equipaggio della Jane era morto, e allora lHalbrane doveva
ripartire senza indugio; o era sopravvissuto e in tal caso non
bisognava abbandonare le ricerche.
Ebbene, se ci si atteneva al secondo termine del dilemma, che
altro conveniva fare se non frugare isola per isola l'arcipelago a ovest
indicato nel racconto, e che forse il terremoto aveva potuto
risparmiare? D'altronde, qualora tale arcipelago non fosse esistito,
i fuggiaschi dall'isola Tsalal non avrebbero potuto raggiungere
qualche altra parte dell'Antartide? Non c'erano forse numerosi
arcipelaghi in mezzo al mare libero che era stato percorso dalla barca
di Arthur Pym e del meticcio fino a non si sapeva dove?
Certo, se la loro lancia era stata trascinata al di l dell'84, dove
avrebbe potuto toccare terra, dal momento che nessuna terra, n isola
n continente, emergeva da quell'immensa pianura liquida? Inoltre,
insisto nel ripeterlo, la fine del racconto contiene solo stravaganze,
inverosimiglianze, confusioni nate dalle allucinazioni di un cervello
quasi malato Ah! Quanto ci sarebbe stato utile Dirk Peters a questo
punto se il capitano Len Guy fosse stato tanto fortunato di scoprirlo
nel suo rifugio dell'Illinois e se egli si fosse imbarcato
sull'Halbrane!
Ma, tornando al nostro problema, qualora si decidesse di
proseguire la campagna, verso quale punto di quelle misteriose
regioni si sarebbe dovuta dirigere la nostra goletta? Non sarebbe
stata forse costretta dir a seguire una rotta a caso?
E poi, altra difficolt, l'equipaggio dell'Halbrane avrebbe
accettato di affrontare i rischi di una navigazione tanto piena di
incognite, di spingersi ancora pi profondamente verso le regioni del
polo, con il timore di urtare contro una banchisa insormontabile,
allorch si fosse trattato di tornare nei mari d'Africa o d'America?
Infatti, ancora qualche settimana e poi l'inverno antartico sarebbe
ritornato con il suo seguito d'intemperie e di freddo. Questo mare, al
momento libero, si sarebbe congelato interamente e non sarebbe stato
pi navigabile. Ora, il fatto di restare prigionieri in mezzo ai ghiacci
per sette o otto mesi senza nemmeno la possibilit di sbarcare da
qualche parte non avrebbe fatto indietreggiare anche i pi
coraggiosi? I capi avevano il diritto di rischiare la vita dei nostri
uomini per l'effimera speranza di raccogliere i sopravvissuti della
Jane che non erano stati ritrovati sull'isola Tsalal?
a questo che il capitano Len Guy aveva riflettuto fin dal giorno
prima. Poi, con il cuore spezzato, senza pi alcuna speranza di
incontrare suo fratello e gli altri suoi compatrioti, con voce tremante
per l'emozione, aveva dato ordine:
La partenza domani, all'alba!
E secondo me, per tornare indietro gli occorreva altrettanta
energia morale di quanta ne aveva dimostrata per andare avanti. Ma
la sua decisione era presa ed egli avrebbe saputo reprimere dentro di
s l'inesprimibile dolore che gli causava l'insuccesso di quella
campagna.
Per ci che mi concerne, lo confesso, provavo una viva delusione
aumentata da una gran tristezza per il modo desolante con cui finiva
la nostra spedizione. Dopo essermi attaccato tanto appassionatamente
alle avventure della Jane, non avrei voluto sospendere le ricerche,
avrei voluto continuarle fino ai limiti del possibile verso i paraggi
dell'Antartide
E al nostro posto quanti navigatori avrebbero anche desiderato
risolvere il problema geografico concernente il polo australe!
L'Halbrane infatti si era spinta oltre le regioni visitate dalle navi di
Weddell, poich la posizione dell'isola Tsalal risultava distante 7 dal
punto d'intersezione dei meridiani. Nessun ostacolo sembrava
opporsi a che essa potesse raggiungere le ultime latitudini. Grazie a
quella stagione eccezionale i venti e le correnti non l'avrebbero
condotta forse all'estremit dell'asse terrestre dalla quale distava solo
400 miglia? Se il mare libero si stendeva fin l sarebbe stata
questione di pochi giorni Se esisteva un continente, sarebbero
occorse poche settimane Ma, in realt, nessuno di noi pensava al
polo sud e non era certo per raggiungerlo che lHalbrane aveva
affrontato i pericoli dell'Oceano Antartico!
E poi, ammettendo anche che il capitano Len Guy, desideroso di
spingere pi lontano le sue ricerche, avesse ottenuto il consenso di
Jem West, del nostromo e degli anziani dell'equipaggio, sarebbe
riuscito a convincere le venti reclute arruolate alle Falkland, il cui
capo, il capobarca Hearne, non cessava di fomentare le loro cattive
intenzioni? No! Il capitano Len Guy non poteva fidarsi di quegli
uomini che formavano la maggioranza dell'equipaggio e che egli
aveva gi condotto fino all'altezza dell'isola Tsalal. Essi avrebbero
certamente rifiutato di avventurarsi pi avanti nei mari antartici e
questa doveva essere una delle ragioni che avevano fatto prendere al
nostro capitano la decisione di tornare verso il Nord, nonostante il
profondo dolore che ci gli cagionava
Consideravamo quindi terminata la campagna, quando si pensi al
nostro stupore allorch queste parole giunsero alle nostre orecchie:
E Pym? il povero Pym? Mi rivoltai
Era Hunt che aveva parlato.
Immobile presso la tuga, lo strano uomo divorava l'orizzonte con
lo sguardo
A bordo della goletta si era tanto poco abituati a sentire la voce di
Hunt forse quelle erano le prime parole da lui pronunciate dinanzi a
tutti dal giorno del suo imbarco che la curiosit attir tutti quanti
intorno a lui. Il suo inaspettato intervento non annunciava forse ne
ebbi una specie di presentimento qualche prodigiosa
rivelazione?;..
Un gesto di Jem West rimand a prua l'equipaggio. Rimasero solo
il secondo, il nostromo, il mastro velaio Martia Holt e il mastro
calafato Hardie, i quali si ritennero autorizzati a rimanere con noi.
Che hai detto? chiese il capitano Len Guy avvicinandosi
a Hunt.
Ho detto: e Pym? il povero Pym?
Ebbene che cosa pretendi ricordandoci il nome dell'uomo i cui
sciagurati consigli hanno trascinato mio fratello fino a quest'isola
dove la Jane stata distrutta, dove la maggior parte del suo
equipaggio stata massacrata, dove noi non abbiamo pi trovato uno
solo di quanti vi erano ancora sette mesi or sono?
E poich Hunt taceva: Rispondi, dunque! esclam il
capitano Len Guy che aveva il cuore straziato e non riusciva a
padroneggiarsi.
L'esitazione di Hunt non dipendeva dal fatto che egli non sapesse
cosa rispondere, ma come ora si vedr da una certa difficolt
nell'esprimere le sue idee. Tuttavia esse erano molto precise, bench
le sue frasi fossero spezzettate e le parole fossero appena collegate
fra loro. Infine egli aveva un linguaggio tutto suo speciale, a volte
figurato, e una pronuncia che risentiva fortemente delle tonalit
rauche degli indiani del Far-West.
Ecco rispose io non so raccontare le cose la lingua
mi si blocca capite ho detto Pym il povero Pym vero?
S, rispose il secondo seccamente, e che cos'hai da dirci
di Arthur Pym?
Ho da dire che non bisogna abbandonarlo
Non bisogna abbandonarlo? esclamai.
No mai! riprese Hunt. Pensateci sarebbe
crudele troppo crudele! Andremo a cercarlo
A cercarlo? ripet il capitano Len Guy.
Capite per questo che mi sono imbarcato sullHalbrane
s per ritrovare il povero Pym
E dov' dunque? chiesi se non si trova in una tomba
nel cimitero della sua citt natale?
No ancora l dove rimasto solo solissimo
rispose Hunt, tendendo la mano verso il Sud e da allora gi undici
volte il sole si levato su quell'orizzonte!
Hunt intendeva designare cos le regioni antartiche, era evidente
Ma che cosa pretendeva?
Ma non sai che Arthur Pym morto? fece il capitano Len
Guy.
Morto!!.. replic Hunt, sottolineando la parola con un gesto
espressivo. No! sentite so come sono andate le cose
capite non morto
Suvvia, Hunt, ripresi, ricordatevi nell'ultimo capitolo
delle avventure di Arthur Pym, Edgar Poe non racconta forse che la
sua fine stata improvvisa e dolorosa?
vero che il romanziere americano non indicava in che modo si
fosse conclusa quella vita cos straordinaria e, lo ripeto, ci mi era
sempre sembrato piuttosto sospetto! Il segreto di quella morte stava
dunque per essermi svelato dal momento che, stando a quanto diceva
Hunt, Arthur Pym non era mai ritornato dalle regioni polari?
Spiegati, Hunt, ordin il capitano Len Guy che condivideva
la mia sorpresa. Rifletti prendi tempo ma devi dirci tutto
quello che sai!
E mentre Hunt si passava la mano sulla fronte, come per
raccogliervi dei ricordi lontani, io feci osservare al capitano Len
Guy:
C' qualche cosa di bizzarro nell'intervento di quest'uomo e se
non un pazzo
A queste parole il nostromo scosse la testa, perch a parer suo
Hunt non aveva il cervello a posto.
Ma questi comprese e con voce dura esclam:
No non pazzo I pazzi laggi nella Prateria li
rispettano, se non si crede loro! E a me bisogna credermi!
No! Pym non morto!
Edgar Poe lo afferma risposi.
S lo so Edgar Poe di Baltimora ma lui non ha mai
visto il povero Pym mai
Come! esclam il capitano Len Guy, quei due uomini
non si conoscevano?
No!
E non stato Arthur Pym in persona che ha raccontato le sue
avventure a Edgar Poe?
No capitano no! rispose Hunt. Quello a
Baltimora non ha avuto che le note scritte da Pym dal giorno in cui
si era nascosto a bordo del Grampus scritte fino all'ultima ora
l'ultima capite capite!
Evidentemente Hunt temeva di non essere capito, e continuava a
ripetersi. D'altronde e io non posso dissentirne ci che egli
asseriva aveva tutto l'aspetto di una cosa impossibile. Dunque,
secondo lui, Arthur Pym non sarebbe mai stato in relazione con
Edgar Poe? Lo scrittore americano avrebbe conosciuto solo degli
appunti redatti giornalmente durante quell'inverosimile viaggio?
Chi ha riportato indietro quel diario dunque? chiese il
capitano Len Guy, afferrando la mano di Hunt.
stato il compagno di Pym quello che l'amava come un
figlio, il suo povero Pym il meticcio Dirk Peters che tornato
solo da laggi
Il meticcio Dirk Peters? esclamai.
S.
Solo?
Solo.
E Arthur Pym sarebbe?
L! rispose Hunt con voce poderosa, protendendosi verso
quelle regioni del Sud, sulle quali il suo sguardo restava
ostinatamente fisso.
Come poteva, una tale affermazione, vincere l'incredulit
generale? In nessun modo, certo! Perci Martin Holt tocc con il
gomito Hurliguerly e parve che tutti e due commiserassero Hunt,
mentre Jem West l'osservava senza esprimere il suo parere. Quanto al
capitano Len Guy, egli mi fece capire che non c'era possibilit di
ricavare nulla di serio da quel povero diavolo, le cui facolt mentali
dovevano essere turbate gi da lungo tempo. Eppure guardando
Hunt, mi pareva di intravvedere una specie di luce di verit brillargli
nello sguardo.
Allora cercai di interrogarlo, ponendogli domande precise e
stringenti alle quali egli cerco di rispondere con successive
affermazioni, come ora si vedr e senza mai contraddirsi.
Vediamo chiesi, Arthur Pym, dopo essere stato
raccolto con Dirk Peters sullo scafo del Grampus, proprio arrivato
fino all'isola Tsalal a bordo della Jane?
S.
Durante una visita del capitano William Guy al villaggio di
Klock-Klock, Arthur Pym si separato dai compagni insieme con il
meticcio e uno dei marinai?
S rispose Hunt il marinaio Allen! che poco dopo
rimasto schiacciato sotto le pietre
Poi, entrambi hanno assistito, dall'alto della collina, all'assalto
e alla distruzione della goletta?
S
Poi, dopo qualche tempo, entrambi hanno lasciato l'isola, dopo
essersi impadroniti di una imbarcazione che gli indigeni non
riuscirono a riprendere a loro?
S
E venti giorni dopo, giunti davanti alla cortina di vapori,
furono tutti e due inghiottiti nella voragine della cateratta?
Questa volta Hunt non rispose in maniera affermativa esit,
balbett qualche vaga parola Pareva che cercasse di ravvivare il
fuoco della sua memoria che appariva semispento Finalmente mi
guard e, scrollando la testa, rispose:
No non tutti e due Capite Dirk Peters non mi ha mai
detto
Dirk Peters? chiese vivacemente il capitano Len Guy.
Tu hai conosciuto Dirk Peters?
S
Dove?
A Vandalia. Stato dellIllinois.
Ed lui che ti ha dato tutte queste informazioni sul viaggio?
Lui.
Ed era tornato solo solo da laggi dopo avere lasciato
Arthur Pym?
Solo.
Ma parlate dunque! Parlate! esclamai.
Mi sentivo infatti bollire d'impazienza. Come! Hunt aveva
conosciuto Dirk Peters e grazie a lui sapeva cose che credevo
condannate ad essere ignorate per sempre! Conosceva la conclusione
di quelle straordinarie avventure!
E allora, a frasi spezzate, ma intelligibili, ecco Hunt rispondere:
S l una cortina di vapori mi ha detto pi volte il
meticcio capite Tutti e due, Arthur Pym e lui erano nella lancia
di Tsalal Poi un banco di ghiaccio una enorme montagna di
ghiaccio piombata su di loro Ma riuscito ad attaccarsi al
ghiaccio a salirvi sopra e capite ha visto l'imbarcazione
trascinata via dalla corrente, lontano molto lontano troppo
lontano! Pym cerc invano di raggiungere il suo compagno Non
riuscito la lancia andava andava E Pym il povero e caro
Pym stato trascinato via lui che non ritornato! ed l
sempre l
Veramente se quell'uomo fosse stato Dirk Peters in persona non
avrebbe parlato con maggiore emozione, con pi forza e con pi
cuore del povero e caro Pym.
Ad ogni modo era ormai certo e perch avremmo dovuto
dubitarne -che Arthur Pym e il meticcio erano stati separati l'uno
dall'altro davanti alla cortina di vapori
Ma se Arthur Pym aveva continuato a procedere verso latitudini
pi elevate, come mai il suo compagno Dirk Peters era potuto
ritornare verso il Nord oltrepassare di nuovo la banchisa
superare un'altra volta il circolo polare tornare in America, dove
avrebbe portato le note comunicate a Edgar Poe?
Queste domande vennero rivolte con cura a Hunt ed egli rispose a
tutte conformemente diceva a quanto gli aveva varie volte
raccontato il meticcio.
Da quanto egli ci rifer, Dirk Peters aveva in tasca il taccuino di
Arthur Pym, quando si arrampic sul banco di ghiaccio e fu cos che
si salv il diario che poi il meticcio mise a disposizione del
romanziere americano.
Capite ripeteva Hunt, poich vi dico le cose come me
le ha raccontate Dirk Peters Mentre la corrente lo trascinava, egli
si mise a gridare con tutte le sue forze ma Pym, il povero Pym era
gi scomparso in mezzo alla cortina di vapori Il meticcio invece,
nutrendosi di pesci che gli riusc d'afferrare, fu trascinato da una
controcorrente e ricondotto all'isola Tsalal dove approd mezzo
morto di fame
All'isola Tsalal? esclam il capitano Len Guy. E da
quanto tempo l'aveva lasciata?
Da tre settimane s tre settimane al massimo mi ha detto
Dirk Peters
Allora ha dovuto trovare i superstiti dell'equipaggio della Jane
chiese il capitano Len Guy mio fratello William e gli altri che
erano sopravvissuti insieme con lui
No rispose Hunt e Dirk Peters ha sempre creduto che
fossero morti tutti fino all'ultimo s tutti! Sull'isola non c'era
pi nessuno!
Nessuno? ripetei io, assai sorpreso da quella
affermazione.
Nessuno! dichiar Hunt.
Ma la popolazione di Tsalal?
Nessuno vi dico nessuno! Isola deserta s!
deserta!
Ci era in aperta contraddizione con alcuni fatti di cui noi
eravamo sicuri. Per, poteva essere benissimo che, quando Dirk
Peters era tornato all'isola Tsalal, la popolazione, atterrita da chiss
che cosa, avesse gi cercato rifugio nell'arcipelago di sud-ovest e che
William Guy e i suoi compagni fossero ancora nascosti nelle gole di
Klock-Klock. Questo spiegava perch il meticcio non li avesse
incontrati e anche perch i superstiti della Jane non avessero avuto
pi nulla da temere dagli isolani durante gli undici anni del loro
soggiorno sull'isola. D'altra parte, dal momento che Patterson li
aveva lasciati sette mesi prima, se ora noi non ve li trovavamo pi,
era perch essi avevano dovuto lasciare Tsalal dove, dopo il
terremoto, non c'era pi modo di vivere
Cos riprese il capitano Len Guy quando Dirk Peters
ritorn, sull'isola non c'era pi un solo abitante?
Nessuno rispose Hunt nessuno! Il meticcio non
incontr nessun indigeno
E allora che cosa fece Dirk Peters? chiese il nostromo.
Capite! rispose Hunt. C'era una barca abbandonata
in fondo a quella baia e in essa c'era parecchia carne salata e
diversi barili d'acqua dolce Il meticcio vi si gett Un vento del
Sud s, del Sud molto fresco, quello che con la controcorrente
aveva riportato il banco di ghiaccio all'isola Tsalal lo spinse per
settimane e settimane dalla parte della banchisa dove riusc a
trovare un passaggio Credetemi poich non faccio che ripetere
quanto Dirk Peters mi ha raccontato cento volte s! un passaggio
e varc il circolo polare
E al di l? domandai.
Al di l fu raccolto da una baleniera americana, la Sandy
Hook, e riportato in America
Ecco dunque, accettando per vero il racconto di Hunt ed era
possibile che lo fosse in che modo si era concluso, almeno per
quello che riguardava Dirk Peters, quel terribile dramma delle regioni
antartiche. Tornato negli Stati Uniti il meticcio era stato messo in
contatto con Edgar Poe, allora direttore del Southern Literary
Messenger, e dal diario di Arthur Pym era nato quel prodigioso
racconto, non immaginario come si era creduto fin allora, e al quale
mancava la conclusione finale.
La parte dell'immaginazione nell'opera dello scrittore americano
andava ricercata solo nelle stravaganze degli ultimi capitoli, a meno
che Arthur Pym, in preda al delirio delle ultime ore, non avesse
creduto di vedere quei prodigiosi fenomeni soprannaturali attraverso
la cortina di vapori
Ad ogni modo era ormai certo Edgar Poe non aveva mai
conosciuto Arthur Pym. Ecco perch, volendo lasciare nel lettore una
incertezza sovreccitante, egli lo aveva fatto morire di quella morte
improvvisa e dolorosa di cui egli non indicava n la natura n la
causa.,
Tuttavia, se Arthur Pym non era mai ritornato, si poteva
ragionevolmente ammettere che egli non fosse morto in breve tempo,
dopo essere stato separato dal suo compagno, che fosse ancora
vivo, dopo che erano trascorsi undici anni dalla sua scomparsa?
S s! rispose Hunt.
Ed egli lo affermava con quella convinzione che Dirk Peters gli
aveva trasmesso, quando entrambi abitavano la cittadina di Vandalia
in fondo all'Illinois.
Ora, non era il caso di domandarsi se Hunt avesse il cervello a
posto? Non era forse lui che, durante una crisi di follia ormai ne
ero certo dopo essersi introdotto nella mia cabina, mi aveva
sussurrato all'orecchio le parole:
E Pym? il povero Pym? S! Non avevo sognato!
Insomma se tutto quanto ci aveva allora detto Hunt era vero, se
egli riferiva fedelmente i segreti confidatigli da Dirk Peters, doveva
essere creduto, quando ripeteva con voce imperiosa e al tempo stesso
supplichevole:
Pym non morto! Pym laggi Non si deve abbandonare
il povero Pym!
Quando ebbi finito di interrogare Hunt, il capitano Len Guy,
profondamente turbato, si strapp dalla sua meditazione e con voce
brusca ordin:
Tutto l'equipaggio a poppa!
E, una volta che gli uomini della goletta gli si furono riuniti
attorno, disse:
Ascoltami, Hunt, e rifletti bene alla gravit delle domande che
ora ti far!
Hunt, alzato il capo, fece scorrere lo sguardo sui marinai
dell'Halbrane. Tu asserisci, Hunt, che tutto quanto hai detto su
Arthur Pym vero?
S! rispose Hunt, sottolineando l'affermazione con un gesto
violento.
Hai conosciuto Dirk Peters
S.
Hai vissuto per alcuni anni con lui nell'Illinois?
Per nove anni.
Ed egli ti ha raccontato spesso questi fatti?
S.
E, per quanto ti riguarda, tu sei certo che egli ti abbia detto
l'esatta verit?
S.
Ebbene, egli non ha mai pensato che qualcuno degli uomini
della Jane fosse potuto rimanere sull'isola Tsalal?
Mai.
Era convinto che William Guy e i suoi compagni fossero tutti
periti nella frana delle colline di Klock-Klock?
S e da quanto mi ha spesso ripetuto anche Pym lo
credeva.
E dove hai visto Dirk Peters per l'ultima volta?
A Vandalia.
Molto tempo fa?
Pi di due anni.
E di voi due, tu o lui ha lasciato per primo Vandalia?
Al momento in cui Hunt stava per rispondere mi parve di
sorprendere in lui una lieve esitazione.
L'abbiamo lasciata insieme disse.
Tu per andare dove?
Alle Falkland.
E lui?
Lui! ripet Hunt.
E il suo sguardo venne alla fine a fermarsi sul nostro mastro
velaio Martin Holt, l'uomo al quale egli aveva salvato la vita, a
rischio della sua, durante la tempesta.
Ebbene riprese il capitano Len Guy capisci ci che ti
chiedo?
S.
Rispondi allora! Quando Dirk Peters partito dallIllinois
ha lasciato l'America?.
S.
Per andare dove? parla!
Alle Falkland!
E dove si trova adesso?
Davanti a voi!

CAPITOLO II
SI DECIDE
DIRK PETERS! Hunt era il meticcio Dirk Peters il devoto
compagno di Arthur Pym, l'uomo che il capitano Len Guy aveva
tanto a lungo e inutilmente cercato negli Stati Uniti, e la cui presenza
ci avrebbe forse fornito una nuova ragione per proseguire la
campagna
Che al lettore sia bastato avere un minimo di fiuto per riconoscere,
dopo tante pagine del mio racconto, Dirk Peters nella persona di
Hunt, che egli si aspettasse questo colpo di scena, non mi stupirebbe,
anzi affermo che sarebbe il contrario a stupirmi.
Niente infatti di pi naturale e di pi logico che avere fatto questo
ragionamento: come mai il capitano Len Guy e io, che pure avevamo
letto tante volte il libro di Edgar Poe, dove il ritratto fisico di Dirk
Peters tracciato con tanta precisione, come mai non abbiamo
sospettato che l'individuo imbarcatosi alle Falkland e il meticcio
erano una sola persona? Ci non dimostrava mancanza di
perspicacia da parte nostra? Lo concedo, eppure la cosa era
spiegabile in un certo qual modo.
S, in Hunt tutto rivelava un'origine indiana, come era appunto
quella di Dirk Peters, poich egli apparteneva alla trib degli
Upsaroka del Far-West, e questo forse avrebbe dovuto metterci sulla
via della verit. Ma bisogna anche considerare le circostanze nelle
quali Hunt si era presentato al capitano Len Guy, circostanze che non
permettevano di mettere in dubbio la sua identit. Hunt abitava alle
Falkland, molto lontano dall'Illinois, in mezzo ai marinai delle pi
svariate nazionalit che aspettano la stagione della pesca per
imbarcarsi sulle baleniere Dal giorno del suo imbarco, egli aveva
sempre conservato nei nostri confronti una riservatezza eccessiva
Quella era la prima volta che lo sentivamo parlare e niente fino a
quel momento, per lo meno dal suo atteggiamento, aveva indotto a
credere che egli nascondesse il suo vero nome E, come si or ora
visto, il nome di Dirk Peters lo aveva tirato fuori solo alle ultime
pressanti richieste del nostro capitano.
Hunt, vero, era un tipo abbastanza straordinario, un individuo
talmente speciale da suscitare tutta la nostra attenzione. S tutto ora
mi ritornava bene in mente: i suoi modi bizzarri da quando la goletta
aveva superato il circolo polare antartico e navigava sull'acque di
quel mare libero il suo sguardo costantemente rivolto verso
l'orizzonte meridionale la mano che con un movimento istintivo si
tendeva verso quella direzione Poi l'isolotto Bennet che egli pareva
avesse gi visitato e sul quale aveva raccolto un frammento di murata
della Jane e finalmente l'isola Tsalal L si era messo
all'avanguardia e noi lo avevamo seguito come una guida attraverso
la pianura sconvolta, fino alla localit del villaggio di Klock-Klock,
all'ingresso del burrone, vicino a quella collina dove erano praticati i
labirinti di cui non restava alcuna traccia S tutto ci avrebbe
dovuto tenerci all'erta, far nascere almeno in me il pensiero che
Hunt avesse potuto essere immischiato nelle avventure di Arthur
Pym!
Ebbene, non soltanto il capitano Len Guy ma anche il suo
passeggero Jeorling avevano avuto gli occhi bendati! Lo confesso,
eravamo due ciechi, mentre alcune pagine del libro di Edgar Poe
avrebbero dovuto chiarirci le cose!
Insomma non vi era certo da dubitare che Hunt fosse
effettivamente Dirk Peters. Bench con undici anni di pi sulle
spalle, egli era ancora proprio come lo aveva descritto Arthur Pym.
Veramente, l'aspetto feroce di cui parla il racconto non esisteva pi e
del resto, come diceva lo stesso Arthur Pym, non si trattava che di
una ferocia apparente. Nel fisico, dunque, nessun cambiamento:
figura piccola, muscolatura potente, membra erculee, mani,
talmente grosse e robuste che a malapena conservavano un aspetto
umano, braccia e gambe arcuate, testa enormemente grossa, bocca
che gli andava da un orecchio all'altro, e denti straordinariamente
lunghi e sporgenti e che mai, in nessun caso, le labbra giungevano a
coprire nemmeno in parte. Ripeto, questi connotati andavano a
pennello alla nostra recluta delle Falkland. Ma sul suo volto non si
ritrovava pi quell'espressione che, se era un sintomo di allegria, non
poteva essere che l'allegria di un demonio!
Effettivamente, il meticcio era mutato con l'et, l'esperienza, le
vicende della vita, le terribili scene alle quali aveva partecipato; tutti
episodi, come dice Arthur Pym, la cui natura trascende a tal punto il
campo dell'esperienza umana e per questo motivo supera i limiti
della credulit umana. S! La rude lima delle prove aveva
profondamente logorato il morale di Dirk Peters! Non importa, egli
era sempre il fedele compagno che tante volte aveva salvato Arthur
Pym, quel Dirk Peters che lo amava come un figlio e che non aveva
mai perduto, no! mai, la speranza di ritrovarlo un giorno in mezzo
alle spaventose solitudini dell'Antartide!
E ora, perch Dirk Peters si nascondeva alle Falkland sotto il
nome di Hunt, perch dal giorno del suo imbarco sull'Halbrane
aveva tenuto a conservare tale incognito, perch non aver detto chi
era, dal momento che conosceva le intenzioni del capitano Len Guy,
i cui sforzi miravano solo a salvare i suoi compatrioti, seguendo
l'itinerario della Jane?
Perch? Certo perch temeva che il suo nome fosse oggetto
d'orrore! Infatti, non era quello dell'uomo che aveva preso parte
alle spaventose scene del Grampus che aveva colpito il marinaio
Parker che si era cibato della sua carne e dissetato con il suo
sangue? Per avere rivelato il suo nome doveva ben sperare che, in
seguito alla sua rivelazione, lHalbrane tentasse di ritrovare Arthur
Pym!
Cos, dopo avere vissuto per alcuni anni nellIllinois, il meticcio
era andato a stabilirsi alle Falkland con l'intenzione di cogliere la
prima occasione che gli si fosse offerta per ritornare nei mari
antartici. Imbarcandosi sull'Halbrane, contava di convincere il
capitano Len Guy (una volta che questi avesse raccolto i suoi
compatrioti all'isola Tsalal) a procedere verso latitudini pi elevate e
a prolungare la spedizione alla ricerca di Arthur Pym? Ma,
ammesso pure che quello sventurato dopo undici anni fosse ancora al
mondo, quale uomo di buon senso avrebbe potuto ammetterlo?
Perlomeno, l'esistenza del capitano William Guy e dei suoi compagni
era assicurata dalle risorse dell'isola Tsalal, e del resto gli appunti di
Patterson sostenevano che essi vi si trovavano ancora quando egli
l'aveva lasciata Ma quanto all'esistenza di Arthur Pym
Ci nondimeno, davanti all'affermazione di Dirk che, devo
convenirne, non era basata su nulla di positivo il mio animo non si
ribellava come avrebbe dovuto fare! No! E quando il meticcio
esclam: Pym non morto Pym laggi Non si deve
abbandonare il povero Pym! quel grido suscit in me un profondo
turbamento
E allora pensai a Edgar Poe e mi chiesi quale sarebbe stato il suo
atteggiamento, il suo imbarazzo forse, se lHalbrane avesse riportato
indietro colui del quale egli aveva annunciato la morte improvvisa e
dolorosa!
Certamente, da quando avevo deciso di partecipare alla spedizione
dellHalbrane, non ero pi lo stesso uomo, l'uomo pratico e
ragionevole di un tempo. Come mai, quando si parlava di Arthur
Pym, mi sentivo battere il cuore come batteva quello di Dirk
Peters? Il pensiero di lasciare l'isola Tsalal per tornare al Nord,
verso l'Atlantico, mi dava l'impressione che ci fosse come un
volersi sbarazzare di un dovere umanitario, del dovere di andare a
soccorrere uno sventurato, abbandonato nei deserti gelidi
dell'Antartide!
Certo, chiedere al capitano Len Guy di spingere la sua goletta
ancora pi avanti in quei mari, ottenere quel nuovo sforzo
dall'equipaggio, dopo avere sfidato gi tanti pericoli senza alcun
costrutto, avrebbe significato esporsi a un rifiuto e, in fondo, spettava
forse a me di intervenire in quell'occasione? Eppure, lo sentivo,
Dirk Peters contava su di me per perorare la causa del suo povero
Pym!
Un silenzio piuttosto lungo aveva seguito la dichiarazione del
meticcio. Nessuno certo pensava a sospettare della sua veridicit.
Egli aveva detto: Io sono Dirk Peters! ed era Dirk Peters.
Quanto a ci che si riferiva ad Arthur Pym, il fatto che egli non
fosse mai tornato in America, che fosse stato separato dal suo
compagno e poi trascinato con la lancia di Tsalal verso le regioni del
polo, erano tutti fatti ammissibili in s e niente autorizzava a credere
che Dirk Peters non avesse detto la verit. Ma che poi Arthur Pym
fosse ancora vivo, come dichiarava il meticcio, e che il dovere
imponeva di spingersi alla sua ricerca, come egli chiedeva, andando
incontro a tanti nuovi pericoli, era un'altra faccenda.
Per, avendo deciso di sostenere Dirk Peters, ma temendo di
spingermi su di un terreno dove avrei rischiato di essere battuto fin
dall'inizio, tornai a quell'accettabilissimo argomento che rimetteva in
causa il capitano William Guy e i suoi cinque marinai, dei quali non
avevamo pi trovato traccia all'isola Tsalal.
Amici miei, dissi, prima di prendere una decisione
definitiva, vale la pena di esaminare con sangue freddo la situazione.
Abbandonare la nostra spedizione al momento in cui forse essa
potrebbe avere qualche speranza di riuscita non sarebbe un prepararci
rimpianti eterni e rimorsi cocenti?
Pensateci, capitano, e anche voi, amici miei. Meno di sette mesi or
sono i vostri compatrioti sono stati lasciati ben vivi dallo sfortunato
Patterson sull'isola Tsalal! Se vi si trovavano a quell'epoca
perch da undici anni, grazie alle risorse dell'isola, avevano potuto
assicurarsi di che vivere, non avendo pi da temere gli isolani: una
parte dei quali era morta in circostanze che non conosciamo e l'altra
probabilmente si era trasferita su qualche isola vicina Questo pi
che evidente e io non so che cosa si potrebbe obiettare al mio
ragionamento
Nessuno infatti replic a quanto avevo detto fino allora: n c'era
qualcosa da rispondere.
Se non abbiamo pi incontrato il capitano della Jane e i suoi
ripresi animandomi perch, dopo la partenza di Patterson, essi
sono stati costretti ad abbandonare l'isola Tsalal Perch?
Secondo me, perch il terremoto l'aveva talmente sconvolta da
renderla inabitabile. Ora, deve essere loro bastata una imbarcazione
indigena per raggiungere, con l'aiuto della corrente del Nord o
un'altra isola o qualche punto del continente antartico Non credo di
arrischiarmi troppo affermando che le cose siano andate cos In
ogni modo, quel che so e che ripeto che noi non avremo fatto nulla
se non continueremo ancora le nostre ricerche da cui dipende la
salvezza dei vostri compatrioti.
Interrogai il mio uditorio con lo sguardo Non ne ebbi nessuna
risposta
Il capitano Len Guy, in preda alla pi viva emozione, teneva la
testa bassa, perch sentiva che avevo ragione e che, facendo appello
ai doveri umani, indicavo l'unica condotta che avrebbero dovuto
tenere persone di cuore!
Infine, di che cosa si tratta? dichiarai dopo un breve
silenzio; di superare pochi gradi di latitudine, e ci quando il mare
navigabile, quando la stagione ci assicura due mesi di bel tempo e
che noi non abbiamo nulla da temere dall'inverno australe, di cui non
vi chiedo affatto di sfidare i rigori! Noi esiteremmo quando
sappiamo che lHalbrane ha provviste abbondanti, che il suo
equipaggio al completo ed valido, che a bordo non c' nessuna
malattia! Ci spaventeremmo per dei pericoli immaginari! Non
avremmo il coraggio d'andare pi avanti l l
E indicavo l'orizzonte meridionale, mentre anche Dirk Peters lo
indicava, senza pronunciare parola, con un gesto di comando che
parlava per lui!
Gli occhi di tutti rimanevano sempre fissi su di noi, ma anche
questa volta non ci fu nessuna risposta!
La goletta avrebbe potuto certamente senza eccessiva
imprudenza spingersi per otto o nove settimane attraverso quei
paraggi. Eravamo solo al 26 di dicembre e le spedizioni precedenti
erano state intraprese di gennaio, di febbraio, persino di marzo:
quelle, intendo di Bellingshausen, di Biscoe, di Kendall, di Weddell,
che avevano potuto tornare a fare rotta verso il Nord prima che il
freddo avesse loro chiuso tutti i passaggi. Inoltre, anche se le loro
navi non si erano spinte tanto avanti nelle regioni australi, come ora
doveva fare lHalbrane, non erano per state favorite quanto noi
speravamo di esserlo in quelle circostanze
Feci valere questi diversi argomenti, cercando un'approvazione di
cui nessuno voleva accettare la responsabilit
Silenzio assoluto, tutti gli occhi ancora e sempre abbassati
Eppure non avevo pronunciato una sola volta il nome di Arthur
Pym, n appoggiato la proposta di Dirk Peters. Forse in tal caso mi si
sarebbe risposto con delle alzate di spalle forse, con qualche
minaccia contro la mia persona!
Mi chiedevo dunque se ero riuscito o no a infondere nei miei
compagni quella fiducia di cui era pieno il mio animo, quando il
capitano Len Guy prese la parola:
Tu affermi, Dirk Peters, disse, che tu e Arthur Pym, dopo
la vostra partenza da Tsalal, avete intravisto delle terre in direzione
del Sud?
S terre rispose il meticcio isole o continente
capite ed l credo sono sicuro che Pym il povero
Pym aspetta che si vada ad aiutarlo
L dove forse aspettano anche William Guy e i suoi
compagni esclamai, per riportare la discussione su un terreno
pi sicuro.
E in realt quelle terre intraviste erano una meta, una meta che
sarebbe stata facile da raggiungere! L'Halbrane non avrebbe
navigato a caso Sarebbe andata l dove era possibile che si fossero
rifugiati i superstiti della Jane!
Il capitano Len Guy, dopo avere riflettuto qualche istante, riprese
la parola.
E al di l dell'84 disse vero, Dirk Peters, che
l'orizzonte era chiuso da quella cortina di vapori di cui si parla nel
racconto? L'hai vista vista con i tuoi occhi e le cataratte
aeree e la voragine nella quale andata a perdersi l'imbarcazione
di Arthur Pym?
Il meticcio guard ora l'uno ora l'altro di noi e scosse la grossa
testa.
Non so disse. Cosa mi chiedete, capitano? Una
cortina di vapori? S forse e anche delle ombre di terra verso
il Sud
Evidentemente Dirk Peters non aveva mai letto il libro di Edgar
Poe, ed anche probabile che non sapesse leggere affatto. Dopo
avere consegnato il diario di Arthur Pym, non si era pi preoccupato
della pubblicazione di esso. Ritiratosi prima nell'Illinois, poi alle
Falkland, egli non sapeva nulla del chiasso che quell'opera aveva
sollevato, n della fantastica e inverosimile conclusione data dal
nostro grande autore a quelle strane avventure!
Del resto, non poteva essere che Arthur Pym, con la sua
propensione al soprannaturale, avesse creduto di vedere quelle cose
prodigiose, dovute solamente alla sua mente troppo immaginosa?
Allora, per la prima volta dall'inizio di quella discussione, si fece
sentire la voce di Jem West. Non avrei potuto dire se il secondo si
fosse schierato dalla mia parte, se i miei argomenti l'avessero scosso,
se avrebbe concluso per la continuazione della spedizione. In ogni
caso, egli si limit a chiedere:
Capitano i vostri ordini?
Il capitano Len Guy si volse verso l'equipaggio. Anziani e novizi
lo circondavano, mentre il capobarca Hearne si teneva un po' in
disparte, pronto a intervenire, se lo avesse giudicato necessario.
Il capitano Len Guy interrog con lo sguardo il nostromo e i suoi
compagni di cui conosceva la devozione senza riserve. Non sono
molto sicuro che vedesse nel loro atteggiamento una specie di
consenso alla continuazione del viaggio, poich lo udii mormorare
queste parole fra le labbra:
Ah! Se dipendesse solo da me! se tutti mi assicurassero la
loro collaborazione!
Infatti senza un accordo generale non si poteva certo procedere a
nuove ricerche.
Hearne allora prese la parola, bruscamente.
Capitano disse sono ormai pi di due mesi che abbiamo
lasciato le Falkland Ora i miei compagni sono stati ingaggiati per
una navigazione che, al di l della banchisa, non doveva condurli
oltre l'isola Tsalal
Non vero! esclam il capitano Len Guy, irritato da quella
affermazione di Hearne. No non vero! Io vi ho ingaggiati
tutti per una campagna che ho il diritto di continuare fino a dove mi
piacer!
Scusate, capitano rispose Hearne con tono secco ma noi
ora ci troviamo l dove nessun navigatore ancora arrivato dove
nessuna nave, all'infuori della Jane, si mai arrischiata Perci io e
i miei compagni pensiamo che sia meglio tornare alle Falkland prima
della cattiva stagione Di l voi potrete tornare all'isola Tsalal e
arrivare fino al polo se lo vorrete!
Si ud un mormorio d'approvazione. Non c'era dubbio che il
capobarca fosse portavoce dei sentimenti della maggioranza, che era
appunto formata dai novizi dell'equipaggio. Andare contro la loro
opinione, esigere obbedienza da quegli uomini mal disposti a
obbedire, e arrischiarsi in quelle condizioni, attraverso i lontani
paraggi dell'Antartide sarebbe stato un atto temerario, anzi, di pi, un
atto di follia, che avrebbe portato a una catastrofe.
Intanto Jem West era intervenuto e rivolto a Hearne, gli disse in
tono minaccioso:
Chi ti ha permesso di parlare?
Il capitano c'interrogava rispose Hearne. Io avevo il
diritto di rispondere.
E quelle parole furono pronunciate con tanta insolenza che il
secondo abitualmente tanto padrone di s stava per
abbandonarsi alla collera, quando il capitano Len Guy fermandolo
con un gesto si limit a dire:
Calmati, Jem! Non si fa nulla, se non siamo tutti d'accordo!
Poi, rivolto al nostromo:
Il tuo parere, Hurliguerly?
semplicissimo, capitano rispose il nostromo. Io
obbedir ai vostri ordini qualunque essi siano! Finch rimane una
minima possibilit di salvare William Guy e i suoi compagni nostro
dovere non abbandonarli!
Il nostromo si ferm un momento, mentre parecchi marinai Drap,
Rogers, Gratian, Stern, Burry facevano manifesti segni di
approvazione.
Per quanto riguarda Arthur Pym riprese.
Non si tratta di Arthur Pym ma di mio fratello William dei
suoi compagni replic assai vivacemente il capitano Len Guy.
Io, vedendo che Dirk Peters stava per protestare, gli afferrai il
braccio ed egli, quantunque fremesse di collera, non parl.
No! Non era il momento di tornare sul caso di Arthur Pym.
Allora, secondo me, non c'era altra decisione da prendere che
confidare nell'avvenire, tenersi pronti ad approfittare delle possibilit
che si fossero presentate nel corso di quella navigazione, lasciare che
gli uomini vi arrivassero da loro, inconsciamente, anzi
istintivamente. Tuttavia ritenni opportuno venire in aiuto a Dirk
Peters con mezzi pi diretti.
Il capitano Len Guy aveva continuato a interrogare l'equipaggio.
Voleva conoscere per nome quelli sui quali poteva contare. Tutti gli
anziani accettarono le sue proposte e promisero di non discutere mai
i suoi ordini e di seguirlo fin dove egli avrebbe ritenuto di dover
andare.
Quelle brave persone furono imitate da qualcuno dei novizi, tre
soli per, inglesi di nascita. Ci nondimeno la maggior parte mi
parve accettare le idee di Hearne. Per loro la campagna dell'Halbrane
era terminata all'isola Tsalal. Quindi, rifiuto da parte loro di
continuarla al di l, e richiesta formale di tornare a fare rotta verso il
Nord, in modo da superare la banchisa nel momento pi propizio
della stagione
Erano una ventina a pensarla cos e non c'era dubbio che il
capobarca avesse interpretato i loro veri sentimenti. Ora costringerli
ugualmente a prestare mano alle manovre della goletta per dirigerla
verso il Sud avrebbe significato spingerli alla rivolta.
Per far cambiare pensiero ai marinai lavorati da Hearne non
rimaneva altro che suscitare la loro cupidigia, far vibrare in loro la
corda dell'interesse.
Ripresi dunque la parola e, con tono fermo che non avrebbe
autorizzato nessuno a mettere in dubbio la seriet della mia proposta,
dissi:
Marinai dell'Halbrane, ascoltatemi! Come hanno fatto gi
diversi altri Stati per i viaggi di scoperta nelle regioni polari, offro un
premio all'equipaggio della goletta! Passato l'84 parallelo vi
saranno dati duemila dollari per grado!
Circa settanta dollari a testa: si trattava di un'offerta abbastanza
allettante.
Mi resi conto che avevo toccato il tasto giusto.
Sottoscriver questo mio impegno aggiunsi al capitano
Len Guy che sar il vostro mandatario e le somme spettantivi vi
saranno pagate al ritorno, qualunque siano state le condizioni in cui il
viaggio sia stato compiuto.
Attesi l'effetto di questa promessa e devo dire che non dovetti
aspettare a lungo.
Urr! grid il nostromo per dare la spinta ai compagni che,
quasi unanimemente, unirono le loro grida alle sue.
Hearne non fece pi alcuna opposizione. Avrebbe avuto sempre
modo di ripensare alla cosa quando si fossero presentate circostanze
migliori.
Il patto dunque era concluso e confesso che, per arrivare al mio
scopo, avrei sacrificato una somma anche maggiore.
vero che eravamo a soli 7 dal polo australe e se lHalbrane
fosse dovuta arrivare fin l, il viaggio mi sarebbe costato al massimo
14.000 dollari.

CAPITOLO III
L'ARCIPELAGO SCOMPARSO
VENERD 27 dicembre, all'alba, lHalbrane riprese il mare facendo
rotta per sud-ovest.
Il servizio di bordo procedette come al solito con la stessa
obbedienza e la stessa regolarit. Certo, in quel momento non
comportava n pericoli, n fatiche. Il tempo era sempre bello, il mare
sempre calmo. Se quelle condizioni non fossero cambiate, i germi
d'insubordinazione non avrebbero trovato terreno in cui svilupparsi
(perlomeno, lo speravo) e da quel lato non sarebbe venuta nessuna
difficolt. Del resto negli individui volgari il cervello lavora poco.
Gli uomini ignoranti e avidi si abbandonano di rado ai voli della
fantasia. Si limitano al presente e non si preoccupano dell'avvenire.
Solamente il fatto nudo e crudo, che li mette di fronte alla realt delle
cose, pu trarli dalla loro indifferenza.
Si sarebbe verificato tale fatto?
Per quanto riguarda Dirk Peters, una volta conosciuta la sua vera
identit, egli non avrebbe cambiato in nulla il suo modo di
comportarsi, sarebbe rimasto anche ora poco comunicativo? Devo
fare presente che, dopo la rivelazione, l'equipaggio non sembr
dimostrare alcuna ripugnanza per lui in merito ai fatti del Grampus,
scusabili, dopo tutto, date le circostanze E poi, si poteva
dimenticare che il meticcio aveva rischiato la propria vita per salvare
quella di Martin Holt? Ci nondimeno egli continuava a tenersi in
disparte, mangiando in un angolo, dormendo in un altro, navigando
al largo dell'equipaggio! Per comportarsi cos, aveva dunque
qualche altro motivo che non conoscevamo e che forse in avvenire
l'avremmo appreso?
I venti persistenti di tramontana, che avevano spinto la Jane fino
all'isola Tsalal e la lancia di Arthur Pym qualche grado pi avanti,
favorivano il cammino della nostra goletta. Con mure a sinistra e
procedendo al gran lasco, Jem West pot issare tutte le vele
sfruttando quella brezza fresca e regolare. La nostra prua fendeva
rapidamente le acque trasparenti, e non lattiginose, che s ornavano di
una lunga scia bianca a poppa.
Dopo la scena del giorno precedente, il capitano Len Guy si era
preso qualche ora di riposo. Riposo che per aveva dovuto essere
turbato da pensieri ossessionanti: da un lato la speranza derivante
dalle nuove ricerche, dall'altro la responsabilit di una spedizione del
genere attraverso l'Antartide!
Quando all'indomani lo incontrai sul ponte, mentre il secondo
camminava su e gi a poppa, egli ci chiam entrambi presso di s.
Signor Jeorling mi disse mi ero assoggettato con la
morte nell'animo a ricondurre la goletta verso il Nord! Sentivo di
non avere fatto tutto quello che dovevo per i nostri sventurati
compatrioti! Ma comprendevo che la maggioranza dell'equipaggio
sarebbe stata contro di me, se avessi voluto condurla al di l dell'isola
Tsalal
Effettivamente, capitano risposi a bordo si verificata
una prima dimostrazione di indisciplina e forse avrebbe finito per
scoppiare una rivolta
Rivolta di cui avremmo avuto ragione replic freddamente
Jem West non fosse altro che spaccando la testa a quell'Hearne
che non cessa di eccitare i sediziosi.
E avresti fatto bene, Jem dichiar il capitano Len Guy.
Solo, una volta fatta giustizia, che cosa sarebbe avvenuto
dell'accordo di cui noi abbiamo tanto bisogno?
D'accordo, capitano, rispose il secondo. Meglio che le
cose siano andate senza violenza! Ma in futuro sar bene che
Hearne stia attento!
I suoi compagni fece osservare il capitano Len Guy ora
sono stati allettati dal premio loro promesso. Il desiderio del
guadagno li render pi resistenti alle fatiche e pi docili ai comandi.
La generosit del signor Jeorling senza dubbio riuscita l dove le
nostre preghiere avrebbero fallito e io lo ringrazio
Capitano dissi quando eravamo alle Falkland vi avevo
fatto conoscere il mio desiderio di associarmi finanziariamente alla
vostra impresa. L'occasione si presentata, io l'ho colta e non merito
alcun ringraziamento. Arriviamo alla meta salviamo vostro fratello
William e i cinque marinai della Jane tutto ci che domando.
Il capitano Len Guy mi tese la mano che strinsi cordialmente.
Signor Jeorling, aggiunse avrete osservato che
lHalbrane non fa rotta verso il Sud bench le terre intraviste da Dirk
Peters, o perlomeno delle ombre di terra, siano situate in una tale
direzione
L'ho osservato, capitano.
E a questo proposito disse Jem West non dimentichiamo
che il racconto di Arthur Pym non contiene nulla che si riferisca a tali
ombre di terra verso il Sud, e che le uniche informazioni che
abbiamo in proposito sono le dichiarazioni del meticcio.
vero, secondo, risposi, ma vi motivo di sospettare di
Dirk Peters? La sua condotta dal giorno del suo imbarco non
stata tale da ispirarci intera fiducia?
Non ho niente da rimproverargli dal punto di vista del
servizio rispose Jem West.
N mettiamo in dubbio il suo coraggio o la sua onest
dichiar il capitano Len Guy. La nostra buona opinione
giustificata non solo dal modo con cui egli si comportato a bordo
dellHalbrane , ma anche da ci che ha fatto quando navigava a
bordo prima del Grampus e poi della Jane
Buona opinione che egli merita certamente! aggiunsi.
Non so perch, ero incline a difendere il meticcio. Era forse
perch lo presentivo egli doveva ancora sostenere una parte
importante durante questa spedizione, perch si credeva sicuro di
ritrovare Arthur Pym al quale decisamente mi interessavo in modo
da restarne io stesso stupito?
Tuttavia devo convenire che era appunto in ci che concerneva il
suo antico compagno che le idee di Dirk Peters potevano sembrare
spinte fino all'assurdo. Il capitano Len Guy non tralasci di porlo in
evidenza.
Non dobbiamo dimenticare, signor Jeorling disse che il
meticcio ha conservato la speranza che Arthur Pym, dopo essere
stato trascinato attraverso l'Oceano Antartico, abbia potuto sbarcare
su qualche terra ancora pi meridionale dove egli sarebbe ancora
vivo!
Vivo dopo undici anni in questi paraggi polari!
obiett Jem West.
piuttosto difficile ammetterlo, devo confessarlo, capitano
replicai. Eppure, riflettendoci bene, sarebbe poi cos impossibile
che Arthur Pym avesse incontrato pi a sud un'isola del genere di
Tsalal, dove William Guy e i suoi compagni hanno potuto vivere per
il medesimo periodo di tempo?
Impossibile no, signor Jeorling, ma non lo credo neppure
probabile!
E addirittura aggiunsi dal momento che parliamo di
ipotesi, perch i vostri compagni dopo avere abbandonato Tsalal,
trascinati dalla stessa corrente, non avrebbero potuto raggiungere
Arthur Pym l dove forse
Non terminai la frase poich la mia supposizione non sarebbe
stata accettata, qualunque cosa avessi potuto dire, e non era
opportuno insistere in quel momento sul progetto di andare alla
ricerca di Arthur Pym, il che sarebbe dovuto avvenire solo quando si
fossero ritrovati gli uomini della Jane se pure ci sarebbe avvenuto.
Il capitano Len Guy torn allora allo scopo del nostro colloquio e
poich la conversazione con le sue digressioni aveva fatto come
avrebbe detto il nostromo parecchi bordi bisognava rimetterla sulla
diritta via.
Dicevo dunque riprese il capitano Len Guy che se non
ho fatto rotta direttamente verso il Sud, stato perch intendo
riconoscere prima la posizione delle isole vicine a Tsalal, l'arcipelago
situato a occidente
Buona idea approvai e forse visitando quelle isole
potremo avere la certezza che il terremoto avvenuto in un'epoca
recente
Recente non c' dubbio afferm il capitano Len Guy e
successiva alla partenza di Patterson, dal momento che il secondo
della Jane aveva lasciato i suoi compatrioti sull'isola.
Il lettore sa, e sa anche per quali serie ragioni, la nostra opinione
su questa faccenda non era mai cambiata.
Nel racconto di Arthur Pym chiese Jem West non si
parla di un gruppo di otto isole?
Otto risposi o perlomeno quanto Dirk Peters ha inteso
dire dal selvaggio imbarcato sulla lancia con lui e il suo compagno.
Quel Nu-Nu ha anzi asserito che l'arcipelago era governato da una
specie di sovrano, da un re unico, di nome Tsalemon, che risiedeva
nella pi piccola delle isole, e se necessario il meticcio ci confermer
questo particolare.
Quindi, riprese il capitano Len Guy poich potrebbe
darsi che il terremoto non avesse esteso le sue distruzioni fino a quel
gruppo e che questo fosse ancora abitato, ci terremo in guardia
quando saremo nei pressi della posizione indicata.
Che non dovrebbe distare molto aggiunsi io. E poi,
capitano, chiss che vostro fratello e i suoi marinai non si siano
rifugiati su una di queste isole?
Caso ammissibile ma poco rassicurante in fondo, poich quella
povera gente sarebbe ricaduta nelle mani di quei selvaggi,'da cui
aveva potuto liberarsi durante il soggiorno a Tsalal. E poi per
raccoglierli, ammesso che la loro vita fosse stata risparmiata,
lHalbrane non sarebbe stata obbligata a usare la forza? E sarebbe
riuscita nel suo tentativo?
Jem riprese il capitano Len Guy stiamo facendo dalle
otto alle nove miglia e fra poche ore saremo senza dubbio in vista
della terra ordina che si vegli con molta cura.
gi fatto, capitano.
C' qualcuno in coffa?
Dirk Peters in persona, che si offerto.
Bene, Jem, possiamo fidarci della sua vigilanza
E anche dei suoi occhi aggiunsi poich la sua vista
veramente prodigiosa!
La goletta continu a correre verso ovest fino alle dieci senza che
la voce del meticcio si facesse sentire. Perci mi chiedevo se di
queste isole sarebbe avvenuto ci che era stato delle Aurora o delle
Glass che avevamo cercato invano fra le Falkland e la Nuova
Georgia. Nessuna punta sorgeva sulla superficie del mare, nessun
profilo si disegnava all'orizzonte. Forse quelle isole erano poco alte
sul livello del mare e non le si sarebbero scorte che a una distanza di
una o due miglia?
Inoltre, la brezza diminu sensibilmente nel corso della mattinata.
La nostra goletta anzi fu fatta derivare pi di quanto volessimo dalla
corrente del Sud. Fortunatamente verso le due del pomeriggio il
vento rinfresc e Jem West orient le vele in modo da riguadagnare
quanto il derivare gli aveva fatto perdere.
Per due ore lHalbrane procedette nella stessa direzione con una
velocit di sette-otto miglia, ma all'orizzonte non apparve la minima
altura.
Non credibile che non abbiamo ancora raggiunto la posizione
mi disse il capitano Len Guy poich, a quanto dice Arthur
Pym, Tsalal apparteneva a un gruppo molto vasto
Ma egli non dice di avere visto queste isole durante
l'ancoraggio della Jane feci osservare.
Avete ragione, signor Jeorling. Ma poich non valuto a meno
di cinquanta le miglia percorse dallHalbrane da questa mattina, e
poich le isole devono essere molto vicine le une alle altre
Allora, capitano, bisognerebbe concludere il che non
inverosimile che il gruppo cui apparteneva Tsalal sia interamente
scomparso durante il terremoto
Terra a dritta di prua! grid Dirk Peters.
Tutti gli sguardi si volsero da quella parte senza distinguere nulla
sulla superficie del mare. Ma il meticcio, sistemato alla sommit
dell'albero di trinchetto, aveva potuto scorgere ci che non era ancora
visibile per nessuno di noi. Inoltre, data la potenza della sua vista e la
sua abitudine di scrutare gli orizzonti del mare aperto, non potevo
ammettere che si fosse ingannato.
Infatti un quarto d'ora dopo i nostri cannocchiali ci permisero di
riconoscere alcuni isolotti sparsi sulla superficie del mare, scintillanti
sotto i raggi obliqui del sole, e alla distanza di due o tre miglia verso
occidente.
Il secondo fece ammainare le vele alte e lHalbrane rimase con il
fiocco, la randa di trinchetto e la randa di mezzana.
Sarebbe stato opportuno mettersi sin d'ora sulla difensiva, portare
le armi sul ponte, caricare le petriere e issare le reti d'abbordaggio?
Il capitano Len Guy, prima di prendere queste misure di prudenza, fu
d'opinione di poter avanzare ancora senza gran rischio.
Quale cambiamento era avvenuto l? L dove Arthur Pym
sosteneva che esistevano grandi isole si vedevano soltanto pochi
isolotti, una mezza dozzina al massimo emergenti dalle acque per
dieci tese
In quel momento il meticcio, che si era lasciato scivolare lungo le
sartie di dritta, salt sul ponte.
Ebbene, Dirk Peters, hai riconosciuto l'arcipelago? gli
chiese il capitano Len Guy.
L'arcipelago? rispose il meticcio, scrollando la testa.
No ho visto solo cinque o sei punte d'isolotti qui ci sono solo dei
sassi nemmeno un'isola!
Infatti, poche punte o piuttosto, poche cime tondeggianti: ecco
tutto quello che restava dell'arcipelago, perlomeno della sua parte
occidentale. Poteva anche essere che, se esso si fosse esteso per
diversi gradi, il terremoto ne avesse distrutto solo le isole verso
ovest.
Del resto ci era quanto ci proponevamo di verificare, dopo avere
visitato ogni isolotto e stabilito a quale epoca antica o recente far
risalire la scossa sismica di cui Tsalal portava indiscutibili tracce.
A mano a mano che la goletta si avvicinava, si potevano
facilmente riconoscere le briciole dell'arcipelago quasi interamente
annientato nella parte occidentale. La superficie degli isolotti pi
grandi non superava le 50 o 60 tese quadrate, mentre quella dei pi
piccoli era appena di tre o quattro. Questi ultimi erano disseminati
per un largo tratto e su di loro veniva a frangersi la lieve risacca.
Naturalmente lHalbrane non doveva affatto avventurarsi in
mezzo a quegli scogli che avrebbero minacciato i suoi fianchi o la
sua chiglia. Si sarebbe limitata a fare il giro della posizione, per
constatare se l'arcipelago fosse stato inghiottito completamente. Per
sarebbe stato necessario sbarcare in qualche punto, dove avrebbero
potuto esserci degli indizi da raccogliere.
Giunto a una decina di lunghezze di cavo dall'isolotto principale,
il capitano Len Guy fece gettare lo scandaglio. Si trov il fondo a 20
braccia, fondo che doveva essere il suolo di un'isola sommersa, la cui
parte centrale emergeva dal mare per un'altezza di 5 o 6 tese.
La goletta si avvicin ancora e, su cinque braccia, gett l'ancora.
Jem West aveva pensato di mettersi in panne durante il tempo che
sarebbe occorso per l'esplorazione dell'isolotto. Ma con la forte
corrente che portava verso sud, la goletta avrebbe certamente
cominciato a derivare. Quindi era meglio ancorarsi nelle vicinanze
dell'arcipelago. Il mare vi si muoveva appena e lo stato del cielo non
faceva presagire alcun cambiamento atmosferico.
Appena l'ancora ebbe fatto presa, il capitano Len Guy, il
nostromo, Dirk Peters, Martin Holt, due marinai e io scendemmo in
una delle imbarcazioni.
Un quarto di miglio ci separava dal primo isolotto. Lo superammo
rapidamente passando attraverso stretti passaggi. L'ondulazione lieve
del mare copriva e scopriva le punte rocciose. Spazzate, lavate e
rilavate, non potevano avere conservato nessun indizio che
permettesse di assegnare una data al terremoto. In proposito, lo
ripeto, non avevamo alcun dubbio.
La lancia si spinse fra le rocce. Dirk Peters, in piedi a poppa, con
la barra del timone fra le gambe, cercava di evitare le creste degli
scogli che affioravano qua e l.
L'acqua calma e trasparente lasciava vedere non gi un fondale
sabbioso cosparso di conchiglie, ma massi nerastri coperti di
vegetazione terrestre, ciuffi di piante non appartenenti affatto alla
flora marina, alcune delle quali galleggiavano alla superficie del
mare.
Era gi una prova che il suolo sul quale erano nate era sprofondato
di recente.
Quando l'imbarcazione ebbe raggiunto l'isolotto, uno degli uomini
lanci un grappino le cui punte andarono a conficcarsi in una fessura.
Alato il cavo, lo sbarco avvenne senza difficolt.
In quel punto dunque si trovava una delle grandi isole
dell'arcipelago ridotta attualmente a un ovale irregolare, che
misurava 150 tese di circonferenza e la cui sommit tondeggiante
raggiungeva i 25-30 piedi sopra il livello del mare.
Le maree raggiungono a volte questa altezza? chiesi al
capitano Len Guy.
Mai mi rispose e forse al centro di questo isolotto
scopriremo dei resti del regno vegetale, degli avanzi di abitazioni o di
accampamento
La cosa migliore da fare disse il nostromo seguire Dirk
Peters che ci ha gi distanziati. Quel diavolo di meticcio con i suoi
occhi di lince capace di vedere cose che noi non vedremmo mai!
In pochi istanti fummo tutti sul punto culminante dell'isolotto.
I resti non vi mancavano certo, probabilmente avanzi di quegli
animali domestici di cui si parla nel diario di Arthur Pym, volatili di
varie specie, anitre canwas-back, maiali comuni la cui pelle
incartapecorita era irta di setole nere. Tuttavia particolare da
considerare fra queste ossa e quelle dell'isola Tsalal c'era questa
differenza, che qui i mucchi risalivano solo a pochi mesi prima. Ci
si accordava perfettamente con l'epoca recente da noi attribuita al
terremoto.
Inoltre qua e l verdeggiavano piante di sedani e di coclearie e
mazzi di fiorellini ancora freschi.
E sono di quest'anno! esclamai. Nessun inverno australe
passato su di loro
Sono anch'io del vostro parere, signor Jeorling, disse
Hurliguerly. Ma non possibile ch'essi siano sbocciati dopo il
grande smembramento dell'arcipelago?
Mi pare inammissibile risposi da uomo che non vuol cedere
alle sue idee.
In diversi punti vegetavano anche pochi rari arbusti, una specie di
noccioli selvatici; e Dirk Peters ne stacc un ramo gocciolante di
linfa.
A quel ramo erano attaccate alcune nocciole, simili a quelle che
egli e il suo compagno avevano mangiato quando erano rimasti
imprigionati negli scoscendimenti della collina di Klock-Klock e in
quelle caverne labirintiche a pianta geroglifica delle quali non
avevamo pi trovato traccia all'isola Tsalal.
Dirk Peters estrasse qualcuna di quelle nocciole dalla loro guaina
verde e le schiacci sotto i suoi poderosi denti che avrebbero
frantumato persino delle biglie di ferro.
Fatte queste constatazioni, non poteva pi sussistere alcun dubbio
circa la data del cataclisma, da porsi successivamente alla partenza di
Patterson. Non era dunque a questo cataclisma che era dovuto
l'annientamento di quella parte della popolazione dell'isola Tsalal le
cui ossa erano disseminate nei dintorni del villaggio. Quanto al
capitano William Guy e ai cinque marinai della Jane, ci pareva
dimostrato che avevano potuto fuggire a tempo, poich il corpo di
nessuno di loro era stato ritrovato sull'isola.
Ma, dopo avere abbandonato Tsalal, dove avevano potuto trovare
rifugio?
Questa era la domanda che si presentava continuamente alla
nostra mente: quale risposta avrebbe avuto? Secondo me, ad ogni
modo, non era certo la pi straordinaria di tutte quelle che sorgevano
a ogni riga di questa storia!
Non il caso che insista ulteriormente sull'esplorazione del
gruppo di scogli. In trentasei ore la goletta ne fece il giro. Alla
superficie dei diversi isolotti furono rinvenuti i medesimi indizi
piante e resti che portarono alle stesse conclusioni. A proposito
degli sconvolgimenti di cui quei paraggi erano stati teatro, il capitano
Len Guy, il secondo, il nostromo e io eravamo perfettamente
d'accordo sulle cause che avevano portato alla completa scomparsa
degli indigeni. L'Halbrane non aveva pi da temere nessun attacco e
anche di questo bisognava tenere conto.
Dovevamo dunque concludere che William Guy e i suoi cinque
marinai, dopo avere raggiunto una di queste isole, fossero periti
anch'essi nello sprofondamento dell'arcipelago?
Ecco, a questo proposito, il ragionamento che il capitano Len Guy
fin con l'accettare:
Secondo me dissi e per riassumere i fatti, la frana
artificiale della collina di Klock-Klock ha risparmiato un certo
numero degli uomini della Jane sette perlomeno, compreso
Patterson e inoltre il cane Tiger di cui abbiamo ritrovato i resti
presso il villaggio. Poi, qualche tempo dopo, all'epoca della
distruzione della popolazione dell'isola Tsalal dovuta a una causa che
ignoro, gli indigeni che non erano morti hanno lasciato Tsalal per
rifugiarsi sulle altre isole dell'arcipelago. Il capitano William Guy e i
suoi compagni, rimasti soli e in completa sicurezza, hanno facilmente
potuto vivere l dove prima di loro erano vissute parecchie migliaia
di indigeni. Passarono diversi anni dieci o undici senza che essi
riuscissero a lasciare la loro prigione bench abbiano dovuto tentarlo
ne sono certo o con una delle imbarcazioni indigene, o con una
canoa da loro stessi costruita. Finalmente, circa sette mesi fa, dopo la
scomparsa di Patterson, un terremoto sconvolse l'isola Tsalal e
inghiott quelle vicine ad essa. stato allora, secondo me, che
William Guy e i suoi, non ritenendola pi abitabile, hanno dovuto
imbarcarsi per tentare di fare ritorno al circolo polare antartico.
Molto probabilmente tale tentativo non deve essere riuscito e, in fin
dei conti, sotto l'azione di una corrente diretta al Sud, perch essi non
avrebbero potuto raggiungere le terre intraviste da Dirk Peters e
Arthur Pym al di l dell'84 di latitudine? dunque in questa
direzione, capitano, che bisogna guidare lHalbrane . Solo superando
ancora due o tre paralleli noi avremo qualche probabilit di ritrovarli.
La meta l; e chi di noi non vorrebbe sacrificare anche la vita per
raggiungerla?
Che Dio ci guidi, signor Jeorling! rispose il capitano Len
Guy. E quando pi tardi mi ritrovai solo con il nostromo, questi
credette di dovermi dire:
Vi ho ascoltato attentamente, signor Jeorling, e lo confesso, mi
avete quasi convinto
Finirete per esserlo del tutto, Hurliguerly
Quando?
Forse prima di quel che pensiate!
L'indomani, 29 dicembre, alle 6 del mattino la goletta salp con
una lieve brezza di nord-est e questa volta fece rotta direttamente
verso il Sud.

CAPITOLO IV
DAL 29 DICEMBRE AL 9 GENNAIO
DURANTE la mattina, con il volume di Edgar Poe sotto gli occhi,
ne ho riletto attentamente il capitolo XXV. Vi si racconta che,
quando gli indigeni vollero inseguire i due fuggiaschi, questi,
accompagnati dal selvaggio Nu-Nu, erano gi cinque o sei miglia al
largo della baia. Delle sei o sette isole riunite verso occidente,
avevamo riconosciuto come ne rimanessero solo pochi avanzi sotto
forma d'isolotti.
Ci che c'interessava soprattutto in quel capitolo erano le righe
che riporto qui sotto:
Venendo dal Nord a bordo della Jane, per arrivare all'isola
Tsalal, ci eravamo gradualmente lasciati alle spalle le regioni pi
fredde e questo per quanto possa essere in contrasto con le opinioni
universalmente accettate circa l'Oceano Antartico era un dato di
fatto che la nostra esperienza non poteva permetterci di ignorare.
Quindi, tentare ora di tornare indietro sarebbe stata pura follia
specie in una stagione cos inoltrata. Solo una rotta sembrava aprire
la via alla speranza. Decidemmo di puntare audacemente verso il
Sud, dove vi era almeno una certa probabilit di scoprire delle terre,
la quasi certezza di trovare un clima ancora pi mite.
Questo era stato il ragionamento di Arthur Pym, e cos a fortiori
dovevamo ragionare noi. Ebbene, era il 29 di febbraio l'anno 1828
stato bisestile allorch i fuggiaschi si trovarono sull'oceano
immenso e desolato al di l dell'84 parallelo. Ora, nel nostro caso
eravamo solo al 29 dicembre. L'Halbrane era in anticipo di due mesi
sull'imbarcazione che fuggiva dall'isola Tsalal, gi minacciata
dall'avvicinarsi del lungo inverno polare. Inoltre la nostra goletta ben
provvista, ben comandata e ben equipaggiata, ispirava maggiore
fiducia dell'imbarcazione di Arthur Pym, un canotto dall'ossatura di
giunchi, lungo una cinquantina di piedi e largo dai quattro ai sei e
che era fornito di tre sole tartarughe come tutto nutrimento per tre
uomini.
Potevo dunque bene sperare circa la riuscita della seconda parte
della nostra campagna.
Durante il mattino gli ultimi isolotti dell'arcipelago scomparvero
all'orizzonte. Il mare appariva come l'avevamo osservato dall'isolotto
Bennet in poi, senza un solo pezzo di ghiaccio, e ci si spiega poich
la temperatura dell'acqua segnava 43 (6, 11 C sopra zero). La
corrente, molto forte (quattro o cinque miglia all'ora), procedeva da
nord a sud con regolarit costante.
Stormi d'uccelli animavano lo spazio, sempre le stesse specie:
alcioni, pellicani, sterne, procellarie, albatri. Tuttavia, devo
confessarlo, questi ultimi non avevano le dimensioni gigantesche
indicate nel diario di Arthur Pym e nessuno di essi emetteva quel
continuo Tkli-li che del resto sembrava essere la parola pi usata
della lingua tsalalese.
Durante i due giorni che seguirono non ci fu da notare nessun
incidente. Non si segnal n terra, n parvenza di terra. Gli uomini di
bordo fecero pesca abbondante in quelle acque dove pullulavano
scari, merluzzi, razze, gronghi, delfini dal colore azzurrognolo e altre
svariate specie di pesci. L'abilit combinata di Hurliguerly e di
Endicott vari piacevolmente il menu del quadrato ufficiali e della
mensa dell'equipaggio, e ritengo che in quella collaborazione
culinaria fosse il caso di complimentarsi in egual maniera con l'uno e
con l'altro dei due amici.
Il giorno seguente, 1 gennaio 1840 un altro anno bisestile
una leggera nebbia vel il sole nelle prime ore, ma noi non ne
deducemmo che indicasse la possibilit di un cambiamento delle
condizioni atmosferiche.
Erano allora quattro mesi e diciassette giorni da quando avevo
lasciato le Kerguelen, due mesi e cinque giorni da quando lHalbrane
aveva lasciato le Falkland.
Quanto sarebbe durata quella navigazione? Non era ci che mi
preoccupava, quanto piuttosto il sapere dove essa ci avrebbe condotti
attraverso le regioni antartiche.
A questo punto devo riconoscere che nel contegno del meticcio
nei miei confronti anche se non nei confronti del capitano Len Guy
o degli uomini dell'equipaggio si era verificata qualche modifica.
Avendo certo capito che mi interessavo della sorte di Arthur Pym,
ricercava la mia compagnia e, per usare un'espressione corrente ce
la intendevamo senza che fosse necessario scambiare una sola
parola. Qualche volta tuttavia, quando eravamo soli, egli
abbandonava il suo abituale mutismo. Quando cessava il servizio
veniva verso la panchina dietro la tuga, dove mi sedevo volentieri.
Per tre o quattro volte avevamo cercato di abbozzare un tentativo di
colloquio fra noi. Ma non appena il capitano Len Guy, il secondo o il
nostromo si avvicinavano, egli si allontanava.
Quel giorno, verso le 10, mentre era di guardia Jem West e il
capitano Len Guy era chiuso nella sua cabina, il meticcio avanz a
piccoli passi lungo il corridoio con l'evidente intenzione di mettersi a
parlare, e si indoviner facilmente su quale argomento.
Come fu vicino alla panchina, io gli dissi, per entrare subito in
argomento:
Dirk Peters, volete che parliamo di lui?
Gli occhi del meticcio scintillarono come brace sulla quale si sia
soffiato.
Lui! mormor.
Siete rimasto fedele al suo ricordo, Dirk Peters!
Dimenticarlo signore? Mai!
sempre l davanti a voi
Sempre! Capite tanti pericoli corsi insieme! Questo vi
affratella vi fa padre e figlio! S gli voglio bene come a un
figlio Essere stati tutti e due cos lontano troppo lontano lui
dal momento che non tornato! Mi hanno rivisto in America,
me ma Pym il povero Pym ancora laggi!
Gli occhi del meticcio si riempirono di grosse lacrime! E,
queste come non evaporavano al fuoco ardente che brillava nei suoi
occhi?
Dirk Peters, gli chiesi, non avete nessuna idea della rotta
che Arthur Pym e voi avete seguito a bordo della lancia dopo la
vostra partenza dall'isola Tsalal?
Nessuna, signore! Il povero Pym non possedeva pi
strumenti sapete quegli aggeggi da marinaio per guardare il
sole Non si poteva sapere Per, per otto giorni la corrente ci ha
spinto verso il Sud e il vento anche Vento buono e mare
calmo Due pagaie piantate su ciascun capo di banda come alberi
e le nostre camicie come vele
Gi, risposi camicie di tela bianca il cui colore
spaventava tanto il vostro prigioniero Nu-Nu
Forse Non mi rendevo ben conto Ma se lo ha detto Pym,
bisogna credere a Pym!
Mi ero oramai convinto che alcuni dei fenomeni descritti nel
diario riportato dal meticcio negli Stati Uniti non avevano attratto, a
quanto pareva, la sua attenzione. Perci mi fissavo sempre di pi
nell'idea che tali fenomeni non dovevano essere esistiti altro che in
una immaginazione troppo eccitata. Tuttavia su questo punto volli
serrare Dirk Peters un po' pi da vicino.
Ma durante quegli otto giorni ripresi come avete potuto
provvedere al vostro nutrimento?
S signore e i giorni dopo noi e il selvaggio sapete le
tre tartarughe che erano a bordo Quelle bestie, roba che contiene
una provvista d'acqua dolce e la loro carne buona anche
cruda Oh! la carne cruda signore!
Pronunciando queste ultime parole e abbassando la voce, come
per paura di essere udito, Dirk Peters gett un rapido sguardo intorno
a s
Quell'anima dunque fremeva sempre all'incancellabile ricordo
delle scene del Grampus! Non ci si saprebbe figurare la spaventosa
espressione dipintasi sul volto del meticcio allorch parl di carne
cruda! E non l'espressione di un cannibale dell'Australia o delle
Nuove Ebridi, ma quella di un uomo che prova un insormontabile
orrore di se stesso!
Dopo un silenzio piuttosto lungo riportai la conversazione al suo
scopo, domandando:
Non il 1 marzo, Dirk Peters, che rifacendomi al racconto del
nostro compagno avete visto per la prima volta l. larga cortina di
vapore grigiastro solcata da raggi luminosi e tremolanti?
Non ricordo pi signore! ma se lo ha detto Pym, bisogna
credere a quello che ha detto Pym!
Non vi ha mai parlato di raggi di fuoco che cadevano dal
cielo? ripresi, non volendo servirmi delle parole aurora
boreale che il meticcio forse non avrebbe capito.
Tornavo cos all'ipotesi che quei fenomeni, ammesso che fossero
realmente avvenuti, potessero essere stati prodotti dall'intensit degli
influssi elettrici, tanto forti alle alte latitudini.
Mai signore, disse Dirk Peters, non senza avere riflettuto
prima di rispondere alla mia domanda.
Non avete nemmeno osservato che il colore del mare mutava
che perdeva la sua trasparenza che diventava bianco che
rassomigliava al latte che la sua superficie si sconvolgeva intorno
alla vostra barca?
Non so signore se fosse cos Capitemi Non avevo pi
la conoscenza delle cose La lancia andava andava e la mia
testa con lei
E poi, Dirk Peters, quella polvere finissima che cadeva fine
come cenere cenere bianca
Non ricordo
Non era forse neve?
Neve? s no Faceva caldo Che cosa ha detto Pym?
Bisogna credere a quello che ha detto Pym!
Capii chiaramente che seguitando a interrogare il meticcio non
avrei ottenuto alcuna spiegazione circa quei fatti inverosimili.
Supponendo anche che egli avesse osservato tutte le cose
soprannaturali riportate negli ultimi capitoli del racconto, non ne
aveva pi conservato il ricordo.
E allora, a mezza voce:
Ma Pym vi dir tutto ci signore Lui sa Io non so
niente Ha visto e voi gli, crederete
S, gli creder, Dirk Peters, gli creder risposi non
volendo addolorare il meticcio.
E poi, andremo a cercarlo, non vero?
Lo spero
Dopo che avremo ritrovato William Guy e i marinai della
Jane?
S dopo
E anche se non li ritroviamo?
Anche in questo caso Dirk Peters Penso che riuscir a
convincere il capitano
Che non rifiuter di correre in aiuto di un uomo un uomo
come lui
No non rifiuter! Eppure aggiunsi se William Guy e
i suoi sono ancora vivi, forse anche Arthur Pym
Vivo? S! vivo! esclam il meticcio. Per il Grande
Spirito dei miei padri lo mi aspetta il mio povero Pym! E
come sar felice quando si getter nelle braccia del suo vecchio
Dirk e come lo sar io quando lo sentir qua qua
E il vasto petto di Dirk Peters si sollevava come un mare agitato-
Poi egli se ne and lasciandomi in preda a un'inesprimibile
commozione; a tale punto comprendevo quanta tenerezza ci fosse nel
cuore di quel mezzo selvaggio per il suo sfortunato compagno per
colui che egli chiamava figlio! Durante le giornate dal 2 al 4
gennaio la goletta continu ad avanzare verso il Sud senza rilevare
nessuna terra. All'orizzonte, si vedeva sempre la circonferenza
disegnata al limite fra il mare e il cielo. L'uomo in coffa non segnal
n continenti n isole in quella parte dell'Antartide. Si doveva
dubitare dell'asserzione di Dirk Peters circa l'esistenza delle terre
intraviste? Nelle regioni al di l dell'Australia le illusioni ottiche
sono cos frequenti!
Certo feci osservare al capitano Len Guy che Arthur
Pym da quando aveva lasciato l'isola Tsalal non possedeva pi
strumenti per fare il punto
Lo so, signor Jeorling, ed possibilissimo che le terre si
trovino a oriente o a occidente del nostro itinerario. Peccato che
Arthur Pym e Dirk Peters non vi siano mai sbarcati. Non avremmo
pi nessun dubbio sulla loro esistenza piuttosto problematica, come
temo, e finiremmo per scoprirle
Le scopriremmo, capitano, risalendo ancora qualche grado al
Sud
Va bene, signor Jeorling, ma mi chiedo se non sarebbe meglio
esplorare i paraggi compresi fra il 40 e il 45 meridiano
Abbiamo il tempo contato risposi abbastanza vivacemente
e sarebbero altrettanti giorni perduti, dal momento che non
abbiamo, ancora raggiunto la latitudine dove i due fuggiaschi sono
stati separati l'uno dall'altro
E qual secondo voi, signor Jeorling, questa latitudine? Non
la trovo indicata nel racconto, e proprio perch era impossibile
calcolarla
Questo certo, capitano, come certo che l'imbarcazione
tsalaliana deve essere stata trascinata molto lontano se ci basiamo su
questo passo dell'ultimo capitolo.
Infatti quel capitolo conteneva le righe seguenti:
Proseguimmo sulla nostra rotta per sette o otto giorni, senza che
si verificassero avvenimenti degni di nota; in quel periodo di tempo
dovemmo spingerci molto a sud, poich il vento spirava costante in
poppa e una forte corrente ci trascinava nella direzione da noi
voluta.
Il capitano Len Guy conosceva bene quel passo perch lo aveva
letto molte volte. Io aggiunsi:
Qui si dice molto a sud e ci solo al 1 marzo. Ora il viaggio
proseguito fino al 22 dello stesso mese e come Arthur Pym dice pi
avanti: ancora filavamo verso sud, trascinati da una forte corrente:
sono le sue parole. Da tutto questo, capitano, non si pu
concludere
Che egli sia arrivato, al polo, signor Jeorling?
Perch no, dal momento che dall'isola Tsalal non ne distava pi
di 400 miglia?
In fondo, ci importa poco! rispose il capitano Len Guy.
Non stiamo conducendo l'Halbrane alla ricerca di Arthur Pym ma a
quella di mio fratello e dei suoi compagni. Sono riusciti a sbarcare
sulle terre intraviste? Ecco la sola cosa da controllare.
Su questo punto particolare il capitano Len Guy aveva ragione.
Cos, io temevo continuamente che egli desse l'ordine di virare a est
o a ovest. Tuttavia, poich il meticcio affermava che la sua
imbarcazione aveva corso il Sud e che le terre di cui egli aveva
parlato si trovavano in quella direzione, la rotta della goletta non
venne modificata. Mi avrebbe veramente addolorato che essa non
seguisse l'itinerario di Arthur Pym.
Del resto, ero convinto che se tali terre esistevano, le si sarebbero
dovute incontrare a latitudini pi elevate.
Vale la pena di osservare che durante la navigazione del 5 e 6
gennaio, non si verific alcun fenomeno fuori dell'ordinario. Non
vedemmo n la cortina di vapori tremolanti, n alcuna alterazione
degli strati superiori del mare. Quanto all'eccessivo calore dell'acqua,
tale che la mano non poteva sopportarlo, la notizia andava
parecchio ridimensionata. La temperatura non superava i 50 (10C
sopra zero), livello gi anormale in questa parte della zona antartica.
E, quantunque Dirk Peters non cessasse di ripetermi che bisognava
credere a quello che aveva detto Pym, la mia ragione procedeva con
estremo riserbo per ci che era la realt effettiva di quei fatti
soprannaturali. Cos, trovammo n schermi di nebbie, n aspetto
lattiginoso dell'acqua, n cascate di polvere bianca.
Era stato anche in questi paraggi che i due fuggiaschi avevano
scorto uno di quegli enormi animali bianchi che atterrivano gli
isolani di Tsalal. Come quei mostri passarono in vista
dell'imbarcazione? Il racconto trascurava di metterlo in luce.
Inoltre sulla rotta dell'Halbrane non si incontr nemmeno uno di quei
mammiferi marini, uccelli giganteschi, temibili carnivori delle
regioni polari.
Aggiunger che nessuno a bordo subiva quella singolare influenza
di cui parla Arthur Pym quell'intorpidimento del corpo e dello
spirito, quella improvvisa indolenza che rendevano incapaci del
minimo sforzo fisico.
E bisogna forse spiegare che con tale stato patologico e fisiologico
egli abbia creduto di vedere quei fenomeni, dovuti solamente al
turbamento delle sue facolt mentali?
Finalmente il 7 gennaio secondo Dirk Peters che aveva potuto
calcolarlo basandosi solo sul tempo trascorso ci trovammo al punto
in cui il selvaggio Nu-Nu steso in fondo all'imbarcazione era morto.
Due mesi e mezzo dopo, il 22 marzo, termina il diario di quello
straordinario viaggio, tra fitte tenebre, temperate dal chiarore delle
acque che riflettevano il velo di vapori bianchi disteso sul cielo
Ebbene l'Halbrane non fu testimone di nessuno di quegli
stupefacenti prodigi e il sole, inclinando la sua spirale allungata,
illuminava sempre l'orizzonte.
Ed era una fortuna che lo spazio non fosse immerso nell'oscurit,
altrimenti ci sarebbe stato impossibile fare il punto.
Quel giorno, 9 gennaio, una buona osservazione ci diede una
latitudine di 86 33', restando la longitudine fra il 42 e il 43
parallelo.
Stando ai ricordi del meticcio fu in quel punto che avvenne la
separazione dei due fuggiaschi nell'urto fra l'imbarcazione e il masso
di ghiaccio.
Ma c'era una domanda da farsi. Dal momento che il ghiaccio con
aggrappato Dirk Peters venne trascinato verso il Nord, era forse
sottoposto all'azione di una controcorrente?
Si, doveva essere cos, poich da due giorni la nostra goletta non
sentiva pi l'influenza di quella alla quale aveva obbedito, lasciando
Tsalal. Ma come stupirsene, dal momento che tutto cos variabile
nei mari australi! Molto fortunatamente la fresca brezza di nord-est
persisteva e l'Halbrane con le sue vele spiegate continuava ad
avanzare verso paraggi sempre pi elevati, pi avanti di 13 gradi
rispetto alle navi di Weddell e 2 gradi rispetto alla Jane. Ma le terre,
isole o continente, che il capitano Len Guy cercava sulla superficie di
quel mare immenso, non apparivano. Capivo che egli a poco a poco
perdeva la fiducia gi abbastanza scossa dopo tante vane ricerche
Quanto a me ero ossessionato dal desiderio di ritrovare Arthur
Pym cos come i superstiti della Jane. Eppure, come credere che egli
avesse potuto sopravvivere? S! lo so! Era l'idea fissa del
meticcio il fatto che lo avrebbe ritrovato ancora vivo! E io mi
domandavo a quali estremi sarebbe arrivato Dirk Peters, se il
capitano avesse dato ordine di tornare indietro! Forse si sarebbe
gettato in mare piuttosto che ritornare verso il Nord! per questo
che, quando egli sentiva la maggior parte dei marinai protestare
contro quella navigazione insensata e parlare di virare di bordo, io
avevo sempre timore che si abbandonasse a qualche violenza,
soprattutto contro Hearne che eccitava sordamente
all'insubordinazione i suoi compagni delle Falkland!
Frattanto era necessario che l'insubordinazione e l'indisciplina non
si intrufolassero a bordo. Perci quel giorno il capitano Len Guy,
desideroso di tonificare gli spiriti, dietro mio consiglio, fece radunare
tutto l'equipaggio intorno al piede dell'albero maestro e disse:
Marinai dell'Halbrane, dalla nostra partenza dall'isola Tsalal,
la goletta ha avanzato di 2 gradi verso il Sud e io vi annuncio che,
conformemente al patto firmato dal signor Jeorling, 4.000 dollari,
cio 2.000 per ogni grado, sono stati da voi guadagnati e vi saranno
pagati al termine del viaggio.
Vi fu si un mormorio di soddisfazione ma nessun urr, se si
eccettuano quelli lanciati, senza trovare eco, dal nostromo
Hurliguerly e dal cuoco Endicott.
CAPITOLO V
UN'ALAMBARDATA
ANCHE SE gli anziani dell'equipaggio si fossero uniti al nostromo,
al cuoco, al capitano Len Guy, a Jem West e a me per continuare la
campagna, non saremmo certo stati in numero sufficiente per
spuntarla, se i nuovi avessero deciso di tornare indietro. Quattordici
uomini, compreso Dirk Peters, contro diciannove erano insufficienti.
Inoltre, sarebbe stato corretto far conto su tutti gli anziani che erano a
bordo? Non li avrebbe presi lo spavento al solo pensare di dover
navigare in quelle regioni che sembrano al di fuori del mondo?
Avrebbero resistito ai continui incitamenti di Hearne e compagni?
Non si sarebbero forse uniti a loro per esigere il ritorno verso la
banchisa?
E, per dire tutto ci che pensavo, lo stesso capitano Len Guy non
si sarebbe stancato di continuare una campagna che non dava alcun
risultato? Non avrebbe presto rinunciato a quell'ultima speranza di
salvare in quei lontani paraggi i marinai della Jane?,Minacciato
dall'avvicinarsi dell'inverno australe, dai freddi insostenibili, dalle
tempeste polari alle quali la goletta non avrebbe potuto resistere, egli
alla fine non avrebbe dato ordine di virare di bordo? E che
peso avrebbero avuto i miei argomenti, le mie suppliche, le mie
preghiere, quando fossi stato solo a sostenerle?
Solo? No! Dirk Peters sarebbe stato con me ma chi
avrebbe ascoltato lui e me?
Il capitano Len Guy, con il cuore straziato al pensiero di
abbandonare il fratello e i compatrioti, resisteva ancora, ma io
sentivo che doveva essere ormai prossimo allo scoraggiamento.
Ci nonostante, la goletta non deviava dal percorso in linea retta
che teneva dall'isola Tsalal. Sembrava che fosse appiccicata come
per mezzo di una calamita sottomarina alla longitudine della Jane e
volesse Iddio che n venti n correnti giungessero a staccarla da essa!
Contro le forze della natura si sarebbe dovuto cedere, mentre contro
le preoccupazioni sorte dalla paura si pu cercare di lottare
Devo peraltro riferire una circostanza che favoriva il nostro
cammino verso il Sud. Dopo avere rallentato per qualche giorno, la
corrente si faceva sentire di nuovo con una velocit di 3 o 4 miglia
all'ora. Evidentemente come mi fece osservare il capitano Len
Guy in quel mare essa era la predominante, quantunque ogni tanto
fosse deviata o respinta da controcorrenti che era molto difficile
segnare con esattezza sulla carta. Disgraziatamente ci che noi non
potevamo determinare e che invece sarebbe stato molto opportuno
era sapere con precisione se l'imbarcazione che aveva trasportato
William Guy e i suoi al largo di Tsalal avesse subito l'influenza della
prima o delle seconde. Non bisogna dimenticare che la loro azione
aveva dovuto essere superiore a quella del vento, su una lancia
sprovvista di velatura come le canoe degli isolani, manovrate solo
con le pagaie.
Comunque fosse, per ci che ci riguardava, quelle due forze
naturali si accordavano pienamente per ' dirigere lHalbrane verso i
confini della zona polare.
Le cose continuarono cos per i giorni 10, 11 e 12 gennaio. Non ci
fu niente di particolare da notare, tranne un certo abbassamento che
si produsse nello stato termometrico. La temperatura dell'aria torn a
48 (8, 89 C sopra lo zero) e quella dell'acqua a 33 (0, 56 sopra lo
zero).
Una bella differenza con le cifre rilevate da Arthur Pym, dal
momento che a quanto egli diceva il calore dell'acqua era tale
che la mano non lo poteva sopportare!
Ad ogni modo, eravamo solo alla seconda settimana di gennaio.
Dovevano passare ancora due mesi prima che l'inverno mettesse in
movimento gli iceberg, formasse gli icefield e i drifts, bloccasse le
enormi masse della banchisa e solidificasse la pianura liquida
dell'Antartide. In ogni caso, quella che andava considerata certa era
l'esistenza di un mare libero durante la stagione estiva nello spazio
compreso fra il 72 e l'87 parallelo.
Quel mare stato percorso a differenti latitudini dalle navi di
Weddell, dalla Jane e dellHalbrane, e sotto questo punto di vista
perch le regioni australi dovrebbero essere meno privilegiate di
quelle boreali?
Il 13 gennaio il nostromo e io avemmo un colloquio che giustific
le mie apprensioni circa le cattive disposizioni del nostro equipaggio.
Gli uomini stavano facendo colazione nella mensa equipaggio,
tranne Drap e Stern in quel momento di guardia a prua. La goletta
con tutte le vele spiegate fendeva le onde sotto la spinta di una fresca
brezza. Francis, al timone, manteneva la rotta a sud-sud-est in modo
da far portare le vele al massimo.
Io stavo passeggiando fra l'albero di trinchetto e l'albero maestro
osservando gli stormi di uccelli che lanciavano grida assordanti e
alcuni dei quali, delle procellarie, venivano a volte ad appollaiarsi
sull'estremit dei pennoni. Non si cercava di impadronirsene, n di
ucciderli. Sarebbe stata un'inutile crudelt poich la loro carne oleosa
e coriacea non commestibile.
In quel momento Hurliguerly, dopo avere esaminato quegli
uccelli, si avvicin a me e mi disse:
Osservo una cosa, signor Jeorling
Quale, nostromo?
Questi uccelli non si dirigono pi verso il Sud decisamente
come avevano fatto fino ad ora Alcuni si preparano a tornare verso
il Nord
Anch'io l'ho osservato, Hurliguerly.
Aggiungo, signor Jeorling, che quelli che sono laggi non
tarderanno a tornare indietro a loro volta.
E ne concludete?
Ne concludo che sentono l'avvicinarsi dell'inverno
Dell'inverno?
Proprio cos.
Errore, nostromo, e l'elevatezza della temperatura tale che
questi uccelli non possono pensare a tornare con tanto anticipo in
regioni meno fredde.
Oh! tanto anticipo, signor Jeorling
Su, nostromo, non sappiamo che i navigatori hanno sempre
potuto frequentare i paraggi antartici fino al mese di marzo?
Non a questa latitudine, rispose Hurliguerly. non a questa
latitudine! E poi vi sono degli inverni precoci, esattamente come vi
sono delle estati precoci. Quest'anno la bella stagione stata in
anticipo di due mesi buoni e c' da temere che la cattiva arrivi pi
presto del solito.
ammissibile risposi. Ma, dopo tutto, che importa, dal
momento che la nostra campagna finir certo entro tre settimane
Se non si presenta prima qualche ostacolo, signor Jeorling
E quale?
Un continente, per esempio, che potrebbe stendersi al Sud e
sbarrarci la rotta
Un continente, Hurliguerly?
Sapete, signor Jeorling: non ne sarei molto stupito
Ma in fin dei conti ribattei non ci sarebbe nulla da
stupirsi.
Quanto alle terre intraviste da Dirk Peters riprese
Hurliguerly e sulle quali gli uomini della Jane avrebbero potuto
rifugiarsi, non ci credo affatto
Perch?
Perch William Guy, che poteva disporre al massimo di
un'imbarcazione di piccole dimensioni, non avrebbe potuto spingersi
tanto lontano in questi mari
Io non sono affatto cos tassativo, nostromo.
Eppure, signor Jeorling
E che cosa ci sarebbe di sorprendente esclamai nel fatto
che William Guy avesse potuto toccar terra da qualche parte sotto
l'azione delle correnti? Suppongo che non sar rimasto a bordo del
canotto per otto mesi! Egli e i suoi compagni avranno potuto
sbarcare sia su un'isola sia su un continente; questo un motivo
sufficiente per non abbandonare le ricerche
Certo ma non tutti gli uomini del nostro equipaggio sono di
questo parere rispose Hurliguerly scrollando il capo.
Lo so, nostromo, ed ci che mi preoccupa maggiormente. E
questa cattiva disposizione va forse aumentando?
Ho paura di s, signor Jeorling. Il piacere di aver guadagnato
un centinaio di dollari gi molto smorzato e la prospettiva di
guadagnarne qualche altro centinaio non impedisce le
recriminazioni E si che il premio allettante! Dall'isola Tsalal al
polo, ammettendo che si possa arrivare fin l, vi sono sei gradi
Ora, sei gradi a duemila dollari l'uno fanno una dozzina di migliaia di
dollari per trenta uomini, ossia quattrocento dollari a testa! Un bel
gruzzoletto da mettersi in tasca al ritorno dell'Halbrane! Ci
nonostante, quel maledetto Hearne lavora cos vigliaccamente i
compagni che li vedo gi pronti a mollare tutto, come si suol dire!
Da parte dei nuovi, posso ammetterlo nostromo ma da parte
degli anziani
Hum! Ve ne sono tre o quattro anche di quelli che
cominciano a riflettere e che vedono non senza una certa
preoccupazione la navigazione prolungarsi
Ritengo che il capitano Len Guy e il suo secondo saprebbero
farsi ubbidire
da vedersi, signor Jeorling! E non pu succedere che
anche il nostro capitano si scoraggi che si lasci vincere dal suo
senso di responsabilit e che rinunci a proseguire la campagna?
S! era proprio ci che temevo e a questo non c'era alcun rimedio.
Del mio amico Endicott, signor Jeorling, rispondo come di me
stesso. Noi andremmo in capo al mondo, ammesso che il mondo
abbia un capo, se il capitano volesse andarci. Certo per che noi due,
voi e Dirk Peters saremmo un po' pochi per imporci agli altri!
E che cosa si pensa del meticcio? chiesi.
In fede mia, lui soprattutto che i nostri uomini mi pare
accusino del prolungamento del viaggio! Certo, signor Jeorling, se
anche voi ci siete dentro per una buona parte, lasciatemi dire le cose
come vanno dette voi pagate e pagate bene mentre quel testardo
di Dirk Peters si incaponisce a sostenere che il suo povero Pym
ancora vivo mentre annegato, o gelato, o schiacciato insomma
morto da undici anni in un modo o nell'altro!
Era esattamente ci che pensavo anch'io, tanto vero che non
discutevo pi col meticcio sull'argomento.
Vedete, signor Jeorling, riprese il nostromo, all'inizio
della traversata Dirk Peters ispirava una certa curiosit. Questa si
mut in interesse, dopo che egli ebbe salvato Martin Holt Per egli
non divenne n pi socievole n pi loquace di prima, e l'orso non
usc affatto dalla tana! Ma ora si sa chi , e parola mia, questo non
lo ha certo reso pi simpatico! In ogni caso col parlare di terre
che si trovano a sud dell'isola Tsalal che egli ha convinto il nostro
capitano a spingere la goletta in questa direzione, e se ora essa ha
superato l'86 di latitudine proprio a lui che lo dobbiamo
Ne convengo, nostromo.
Perci, signor Jeorling, ho sempre paura che tentino di
giocargli un qualche brutto tiro!
Dirk Peters si difenderebbe e io compiangerei chi osasse
toccarlo con la punta del dito!
D'accordo, signor Jeorling, d'accordo e non sarebbe piacevole
essere afferrati dalle sue mani che piegherebbero una lastra di ferro!
Ma, se fossero tutti contro di lui, penso che si riuscirebbe a bloccarlo
e a rinchiuderlo in fondo alla stiva
Bah, spero che non si sia a questo punto e conto su voi,.
Hurliguerly, per prevenire ogni tentativo contro Dirk Peters Fate
ragionare gli uomini Fate comprendere loro che abbiamo il tempo
di ritornare alle Falkland prima che finisca la bella stagione Non
bisogna che le loro recriminazioni forniscano al nostro capitano un
pretesto per virare di bordo senza prima aver raggiunto lo scopo
Contate su di me, signor Jeorling!;.. Vi servir vento in
poppa
E non ve ne pentirete, Hurliguerly! Niente di pi facile
dell'aggiungere uno zero ai quattrocento dollari che saranno pagati
per ogni grado a ciascun uomo, qualora quest'uomo sia qualche cosa
di pi di un semplice marinaio magari anzi ricopra l'incarico di
nostromo a bordo dellHalbrane!
Prendevo cos per il suo verso quell'originale e potevo essere
sicuro del suo appoggio. S! Avrebbe fatto di tutto per sventare le
macchinazioni degli uni, sostenere il coraggio degli altri, vegliare su
Dirk Peters. Sarebbe riuscito a impedire che la rivolta scoppiasse a
bordo?
Durante i giorni 13 e 14 non avvenne nulla degno di nota. Tuttavia
si produsse un nuovo abbassamento di temperatura. quanto mi fece
osservare il capitano Len Guy, mostrandomi i numerosi stormi
d'uccelli che continuavano a risalire verso il Nord.
Mentre mi parlava, mi rendevo conto che le sue ultime speranze
stavano per spegnersi. E perch stupirne? Non si vedeva nulla delle
terre indicate dal meticcio ed eravamo gi a pi di centottanta miglia
dall'isola Tsalal. In tutti i settori della bussola si vedeva solo il mare,
il mare immenso col suo orizzonte deserto al quale il disco solare dal
21 dicembre si andava accostando e che il 21 marzo avrebbe sfiorato
per sparire poi durante i sei mesi della notte australe! Si poteva
ammettere in buona fede che William Guy e i suoi cinque compagni
avessero potuto superare una tale distanza su una fragile
imbarcazione, e c'era una possibilit su cento di poterli mai
raccogliere?
Il 15 gennaio un'osservazione fatta con molta esattezza ci diede
43 13' di longitudine e 88 17' di latitudine. lHalbrane era ormai a
poco meno di due gradi dal polo, meno di 120 miglia marine.
Il capitano Len Guy non cerc affatto di nascondere il risultato di
tale osservazione e i marinai erano abbastanza pratici dei calcoli di
navigazione per comprenderla. Del resto, se si fosse trattato di
spiegarne loro le conseguenze non avevano Martin Holt e Hardie?
Poi non c'era anche Hearne, forse, per esagerare le cose fino
all'assurdo?
Perci durante il pomeriggio non potei dubitare che il capobarca
avesse lavorato per sovreccitare gli animi. Gli uomini accovacciati ai
piedi dell'albero di trinchetto parlottavano a bassa voce gettandoci
occhiate malevole. Si cominciavano a tenere dei conciliaboli.
Due o tre marinai rivolti verso prua non risparmiavano certo i
gesti di minaccia. In breve, si arriv a commenti di tale violenza, che
Jem West non pot non udirli.
Silenzio! grid. E, facendosi avanti:
Il primo che apre bocca se la vedr con me! aggiunse in
tono deciso.
Quanto al capitano Len Guy, era chiuso nella sua cabina. Ma ad
ogni momento mi aspettavo che ne uscisse ed ero certo che, dopo
aver gettato un'ultima occhiata verso l'orizzonte, avrebbe dato
l'ordine di virare di bordo
Ci nonostante il giorno seguente la goletta seguiva ancora la
stessa direzione. Il timoniere faceva sempre rotta verso il Sud.
Disgraziatamente, circostanza di una certa gravit, un po' di nebbia
cominciava a sollevarsi in distanza.
Confesso che mi sentivo fremere. Le mie apprensioni
raddoppiavano.
Era evidente che il secondo non aspettava altro che l'ordine di
cambiare il timone. Capivo fin troppo bene che, per quanto dovesse
provarne un dolore atroce, il capitano Len Guy non avrebbe tardato a
dare quell'ordine
Da parecchi giorni non avevo pi visto il meticcio o almeno non
avevo pi scambiato parola con lui. Messo evidentemente in disparte,
non appena compariva sul ponte tutti si allontanavano da lui. Se egli
andava ad appoggiarsi a sinistra tutto l'equipaggio se ne andava a
dritta. Solo il nostromo, mostrando di non volersi allontanare, gli
rivolgeva la parola. vero per che le sue domande restavano
generalmente senza risposta.
Debbo dire inoltre che Dirk Peters non si preoccupava
minimamente di questo stato di cose. Assorbito dai suoi
ossessionanti pensieri, forse non lo notava nemmeno. Ma lo ripeto, se
avesse udito Jem West ordinare Prora a nord!, non so a quali atti di
violenza si sarebbe abbandonato!
E poich sembrava sfuggirmi, mi chiedevo se ci non provenisse
da una certa riservatezza e per non compromettermi di pi.
Pure, nel pomeriggio del 17 il meticcio mostr l'intenzione di
parlarmi e mai no mai avrei potuto immaginare quello che avrei
appreso in tale colloquio.
Etano circa le due e mezzo.
Piuttosto stanco, non sentendomi bene, ero rientrato nella mia
cabina, la cui finestra, laterale era aperta, mentre quella verso poppa
era chiusa.
Un leggero colpo fu battuto alla mia porta che dava sul quadrato
della tuga.
Chi ? dissi.
Dirk Peters.
Volete parlarmi?
S.
Esco subito
Per favore preferirei Posso entrare nella vostra cabina?
Entrate pure.
Il meticcio spinse la porta e la richiuse.
Senza alzarmi dalla cuccetta su cui mi ero steso, gli feci segno di
sedersi sulla poltrona.
Dirk Peters rimase in piedi.
Poich non aveva fretta di mettersi a parlare, restando come il
solito imbarazzato, gli chiesi:
Che cosa volete da me, Dirk Peters?
Dirvi una cosa Capite signore perch credo opportuno
che voi sappiate e sarete il solo a saperlo! Nell'equipaggio.
non dovranno mai immaginare
Se una cosa grave, Dirk Peters, e se temete qualche
indiscrezione, perch parlarmi allora?
S bisogna si! Bisogna! Impossibile continuare a
tacere! Mi pesa qui qui come un masso!
E Dirk Peters si batteva violentemente il petto. Poi riprese:
S ho sempre paura che mi sfugga mentre dormo e che lo
si senta perch ne sogno sempre e sognando
Sognate? risposi. E di chi?
Di lui di lui Perci per questo che vado a dormire
negli angoli da solo per paura che si sappia il suo vero nome
Ebbi allora il presentimento che il meticcio stava forse per
rispondere a una domanda che non gli avevo ancora fatta, domanda
relativa al punto rimasto ancora oscuro nella mia mente: perch,
dopo aver lasciato lIllinois, era venuto a vivere alle Falkland sotto il
nome di Hunt?
Appena gli ebbi fatta questa domanda egli rispose:
Non questo, no non questo che voglio
Insisto, Dirk Peters, e desidero sapere prima di tutto perch non
siete restato in America, perch avete scelto le Falkland?
Perch signore? Perch volevo avvicinarmi a Pym al
mio povero Pym perch speravo di trovare alle Falkland
un'occasione per imbarcarmi su una baleniera diretta verso il mare
australe
Ma il nome di Hunt?
Non ne volevo pi sapere del mio no Non volevo saperne
pi nulla per quella faccenda del Gramplis!
Il meticcio intendeva alludere alla scena dell'estrazione a sorte
avvenuta a bordo del brick americano, quando fra Augustus Barnard,
Arthur Pym, Dirk Peters e il marinaio Parker venne deciso che uno
dei quattro sarebbe stato sacrificato che avrebbe servito da cibo
agli altri tre Ricordavo la resistenza accanita di Arthur Pym e
come egli fosse stato obbligato a non rifiutare un trattamento leale
nella tragedia che si sarebbe svolta assai presto tali sono le sue
parole e la terrificante scena il cui duro ricordo amaregger ogni
minuto della mia esistenza futura.
Gi! L'estrazione a sorte per mezzo di pezzettini di legno, schegge
di lunghezza disuguale che Arthur Pym teneva in mano La pi
corta avrebbe indicato chi sarebbe stato sacrificato Ed egli
racconta di quella specie di ferocia involontaria da lui provata di
ingannare i suoi compagni, di servirsi di ogni genere di astuzia
(ecco l'espressione di cui si serve). Ma non lo fece, anzi chiese
perdono di averne avuto l'idea! Che ci si trovi in una situazione
identica alla sua
Poi si decide, presenta la mano serrata intorno alle quattro
schegge
Dirk Peters estrae per primo La sorte lo favorisce non ha pi
nulla da temere
Arthur Pym calcola allora che vi una probabilit di pi contro di
s.
Augustus Barnard estrae a sua volta Anche lui salvo!
E ora Arthur Pym conta le probabilit che sono alla pari fra lui e
Parker
In quel momento tutta la ferocia della tigre s'impadronisce del suo
animo Egli prova per il suo povero compagno, per il suo simile,
l'odio pi intenso e pi diabolico
Passano cinque minuti prima che Parker osi estrarre Finalmente
Arthur Pym con gli occhi chiusi, senza sapere se la sorte lo abbia
favorito o meno, sente una mano afferrare la sua
Era la mano di Dirk Peters Arthur Pym sfuggiva cos alla
morte
E allora il meticcio si precipita su Parker che abbattuto con un
colpo nella schiena. Poi, subito, segue l'atroce banchetto e le parole
non hanno l'efficacia necessaria a descrivere l'orrore indicibile della
realt.
S! La conoscevo quell'orribile storia, non gi immaginaria,
come a lungo avevo creduto. Ecco ci che era successo il 16 luglio
1827 a bordo del Grampus e invano cercavo di capire per quale
motivo Dirk Peters venisse a suscitarmene il ricordo.
Non dovevo tardare a saperlo.
Ebbene, Dirk Peters dissi vi domander perch, dal
momento che ci tenevate tanto a tener nascosto il vostro nome, lo
avete rivelato quando lHalbrane si trovava all'ancora all'isola
Tsalal! perch non avete conservato il nome di Hunt
Signore capite si esitava ad andare pi avanti si voleva
tornare indietro Era gi deciso e allora ho pensato si! che
dicendo che ero Dirk Peters il mastro velaio del Grampus il
compagno del povero Pym mi avrebbero ascoltato avrebbero
creduto con me che egli ancora vivo si sarebbe andati a
cercarlo Eppure era rischioso perch confessando che ero Dirk
Peters quello che aveva ucciso Parker Ma la fame la fame
divorante
Su, Dirk Peters ripresi ora esagerate Se la scheggia
avesse indicato voi a subire la sorte di Parker! Nessuno potrebbe
farvene colpa
Signore capite! La famiglia di Parker parlerebbe forse
come fate voi ora?
La sua famiglia? aveva dunque famiglia?
S ecco perch nel racconto Pym aveva cambiato il
nome Parker non si chiamava Parker Si chiamava
Arthur Pym ha avuto ragione risposi e quanto a me, io
non voglio conoscere il vero nome di Parker! Conservate il
segreto
No ve lo dir Mi pesa troppo e quando ve lo avr
detto signor Jeorling forse ne avr sollievo
No Dirk Peters no
Si chiamava Holt Ned Holt
Holt esclamai Holt lo stesso cognome del nostro
mastro velaio?
Che suo fratello, signore
Martin Holt fratello di Ned?
S! capite suo fratello
Ma egli crede che Ned Holt sia morto come gli altri nel
naufragio del Grampus
Non stato cos e se sapesse che sono stato io
Proprio in quel momento una violenta scossa mi butt fuori della
mia cuccetta.
La goletta si era tanto piegata sulla dritta che era stata sul punto di
rovesciarsi.
E udii una voce irritata che gridava:
Chi il bastardo che sta al timone?
Era la voce di Jem West che si rivolgeva a Hearne. Mi precipitai
fuori della cabina.
Cos hai lasciato la ruota? ripeteva Jem West che aveva
afferrato Hearne per il colletto del camiciotto.
Secondo non so
S ti dico! bisogna che tu l'abbia lasciata, a rischio che la
nave finisse a gambe all'aria!
Era chiaro che Hearne, per una ragione o per un'altra, aveva
abbandonato per un momento la ruota del timone.
Gratian! grid Jem West chiamando uno dei marinai
prendi tu il timone e tu, Hearne, consegnato nella stiva!
Improvvisamente il grido Terra! risuon e tutti gli sguardi si
rivolsero verso il Sud.
CAPITOLO VI
TERRA?
QUESTA la parola pi importante del capitolo XVII del libro di
Edgar Poe. Ho ritenuto opportuno, facendola seguire da un punto
interrogativo, di usarla come titolo del capitolo VI della seconda
parte di questo racconto.
Tale parola, piombata dall'alto del nostro albero di trinchetto,
indicava un'isola o un continente? E, continente o isola, non era
forse una disillusione che ci aspettava l? Erano forse l quelli che
eravamo venuti a cercare a quelle latitudini? E Arthur Pym (morto
indubbiamente, morto nonostante le affermazioni di Dirk Peters)
aveva mai messo piede su quella terra?
Quando quel grido echeggi a bordo della Jane il 17 gennaio 1828
(giornata piena di avvenimenti, secondo il diario di Arthur Pym) fu
in questi termini:
Terra da prua a dritta!
Le stesse parole si sarebbero potute usare a bordo dellHalbrane.
Effettivamente dalla stessa parte si delineavano dei contorni,
appena accennati sopra la linea del cielo e del mare.
vero che la terra segnalata in tal modo ai marinai della Jane era
l'isolotto Bennet, arido, deserto, al quale poi tenne dietro a meno di
un grado verso sud l'isola Tsalal allora fertile, abitabile e abitata, e
sulla quale il capitano Len Guy aveva sperato di incontrare i suoi
compatrioti. Ma che terra sarebbe stata, per la nostra goletta, quella
sconosciuta situata a 5 pi avanti nelle profondit del mare
australe? Era forse quella la meta tanto desiderata, tanto
ostinatamente cercata? L forse i due fratelli William e Len Guy
sarebbero caduti l'uno nelle braccia dell'altro? lHalbrane era forse
al termine di un viaggio, il cui successo sarebbe stato definitivamente
garantito dal rimpatrio dei sopravvissuti della Jane?
Lo ripeto, avveniva per me ci che accadeva per il meticcio. Il
nostro scopo non era solamente quello, n quel successo era il nostro
successo.. Tuttavia, poich una terra appariva ai nostri occhi,
bisognava prima di tutto raggiungerla Poi, si sarebbe visto.
Ci che debbo far notare prima di tutto che quel grido produsse
una diversione immediata. Non pensai pi a ci che Dirk Peters mi
aveva confidato e forse anche il meticcio lo dimentic, poich si
slanci verso prua e il suo sguardo non si stacc pi dall'orizzonte.
Quanto a Jem West, che nulla poteva distrarre dal suo servizio,
ripet gli ordini. Gratian and a porsi al timone e Hearne fu
consegnato nella stiva.
Giusta punizione, in fondo, e contro la quale nessuno avrebbe
dovuto protestare, poich la disattenzione o la goffaggine di Hearne
avevano messo per un momento in pericolo la goletta.
Tuttavia cinque o sei marinai delle Falkland lasciarono sfuggire
qualche mormorio.
Un gesto del secondo li fece tacere, ed essi tornarono subito nel
locale equipaggio.
Naturalmente, al grido della vedetta, il capitano Len Guy si era
precipitato fuori della sua cabina e con sguardo ardente scrutava
quella terra distante allora 10 o 12 miglia.
Ho detto che non pensavo pi al segreto confidatomi da Dirk
Peters. D'altronde, finch tale segreto fosse rimasto fra noi due (e n
lui n io lo avremmo mai tradito) non ci sarebbe stato nulla da
temere. Ma se per un caso sciagurato Martin Holt fosse venuto a
sapere che il nome di suo fratello era stato cambiato in quello di
Parker che l'infelice non era morto nel naufragio del Grampus
che, indicato dalla sorte, era stato sacrificato per impedire che i suoi
compagni soccombessero alla fame e che Dirk Peters, al quale lui,
Martin Holt, doveva la vita, era stato l'uomo che lo aveva colpito!
Ecco dunque la ragione per cui il meticcio rifiutava ostinatamente i
ringraziamenti di Martin Holt ecco perch fuggiva Martin Holt
fratello dell'uomo di cui egli si era cibato
Il nostromo aveva battuto le tre. La goletta procedeva con la
prudenza richiesta da una navigazione in paraggi sconosciuti. Forse
vi erano dei bassi fondali, scogli a fior d'acqua, sui quali si sarebbe
corso pericolo di arenarsi o di naufragare. Un incagliamento nelle
condizioni in cui si trovava lHalbrane , anche ammesso che essa
potesse venir rimessa a galla, avrebbe reso impossibile il suo ritorno
prima dell'inverno. Bisognava avere tutte le probabilit in favore e
non una contraria.
Jem West aveva ordinato di ridurre la velatura. Dopo che il
nostromo ebbe fatto serrare parrocchetto, gabbia e freccia, la goletta
rimase solo con le rande di mezzana e di trinchetto e i fiocchi,
sufficienti per superare in poche ore la distanza che la separava dalla
terra.
Subito il capitano Len Guy fece calare uno scandaglio che segnal
centoventi braccia di profondit. Vari altri scandagli indicarono che
la costa molto erta doveva prolungarsi sotto l'acqua in una muraglia a
picco. Tuttavia, siccome era possibile che il fondo risalisse
bruscamente invece di unirsi al litorale con un pendio regolare, si
avanzava solo con lo scandaglio a mano.
Il tempo era sempre bello bench il cielo fosse leggermente
nebbioso da sud-est a sud-ovest. Ne conseguiva una certa difficolt a
riconoscere le linee indistinte che si disegnavano come un vapore
fluttuante sul cielo, sparivano e riapparivano fra gli squarci della
nebbia. Tuttavia eravamo d'accordo per assegnare a quella terra
un'altezza, almeno nella parte pi elevata, di venti-cinque-trenta tese.
No! non era ammissibile che fossimo stati vittime di una illusione,
per i nostri animi tormentati lo temevano. Dopo tutto, non naturale
che il cuore sia assalito da mille apprensioni all'avvicinarsi
dell'ultima meta? Su quel litorale appena intravisto riposavano
tante speranze, e quale scoraggiamento ne sarebbe derivato se non vi
avessimo ritrovato altro che un fantasma, un'ombra inafferrabile!
A quel pensiero la mia mente si turbava, aveva delle allucinazioni.
Mi pareva che lHalbrane si rimpicciolisse, che si riducesse alle
dimensioni di un canotto perduto in quell'immensit, il contrario di
quel mare indefinibile di cui parla Edgar Poe, dove la nave
ingrandisce ingrandisce come un corpo vivo
Quando delle carte nautiche, sia pure semplici portolani, vi
informano sull'idrografia delle coste, sulla natura degli atterraggi, su
baie o rade, si pu navigare con una certa sicurezza. In qualsiasi altra
zona un capitano, senza essere tacciato di temerit, non avrebbe
rimandato all'indomani l'ordine di andare a gettare l'ancora presso la
riva. Ma qui si imponeva una grande prudenza, anche se davanti a
noi non c'era nessun ostacolo. Inoltre l'atmosfera non perdeva nulla
della sua chiarezza durante le ore assolate della notte. A quell'epoca
il sole non tramontava ancora sotto l'orizzonte occidentale e i suoi
raggi inondavano di una luce incessante la vasta regione
dell'Antartide.
Il giornale di bordo a partire da questo giorno registr un
abbassamento continuo della temperatura. Il termometro esposto
all'aria e all'ombra segnava solo 32 (0 C). Immerso nell'acqua, ne
indicava solo 26 (3, 33 sotto zero). Donde derivava questo
abbassamento dal momento che ci trovavamo in piena estate
antartica?
Ad ogni modo, l'equipaggio aveva dovuto riprendere gli abiti di
lana, che aveva lasciato un mese prima, dopo aver superato la
banchisa. La goletta, per, procedeva nel senso del vento al gran
lasco, e quei primi colpi di freddo furono poco sensibili. Si capiva
tuttavia che bisognava affrettarsi a raggiungere la meta. Attardarsi in
quella zona, esporsi ai pericoli di uno svernamento, sarebbe stato
sfidare Dio.
Il capitano Len Guy, a pi riprese, fece rilevare il senso della
corrente immergendo. pesanti scandagli e, riconobbe che essa
cominciava a deviare dalla sua direzione.
un continente o un'isola disse che si stende davanti a
noi? Nulla ancora ci permette di stabilirlo. Se un continente,
dovremo dedurne che la corrente deve trovare una uscita verso sud-
est
Ed possibile, effettivamente risposi che questa parte
solida dell'Antartide sia ridotta a una semplice calotta polare che
potremmo circumnavigare. In ogni caso, sar bene notare quelle
nostre osservazioni che presenteranno una certa esattezza
ci che faccio, signor Jeorling, e riporteremo indietro
moltissime informazioni su questa parte di mare australe, che
potranno servire ai naviganti che verranno
Se ve ne saranno mai che si azzarderanno fin qui, capitano! Per
riuscirvi, ci stato necessario il concorso di circostanze particolari: la
precocit della buona stagione, una temperatura superiore alla
normale, un rapido scioglimento dei ghiacci In vent'anni in
cinquant'anni queste circostanze potrebbero verificarsi una volta
sola
Perci, signor Jeorling, ne ringrazio la Provvidenza e la
speranza mi un po' tornata. Dal momento che il tempo stato
costantemente bello, perch mio fratello, perch i miei compatrioti
non avrebbero potuto sbarcare su questa costa dove li portavano i
venti e le correnti? Ci che ha fatto la nostra goletta, ha potuto farlo
anche la loro imbarcazione Essi non devono essere partiti senza le
provviste necessarie per un viaggio che poteva prolungarsi
indefinitamente Perch non avrebbero trovato qui le risorse che
l'isola Tsalal aveva loro offerto per tanti anni? Possedevano armi e
munizioni il pesce in questi paraggi abbonda, e cos pure la
selvaggina acquatica S, ho il cuore pieno di speranza e vorrei
essere pi vecchio di qualche ora!
Senza condividere completamente la fiducia del capitano Len
Guy, ero felice che egli si fosse ripreso. Forse se le sue ricerche
avessero raggiunto lo scopo, avrei ottenuto di farle continuare
nell'interesse di Arthur Pym, anche nell'interno di quella terra da cui
non eravamo pi lontani.
LHalbrane avanzava lentamente sopra quelle acque chiare
formicolanti di pesci appartenenti a specie gi incontrate. Gli uccelli
marini apparivano in maggior numero e non sembravano troppo
spaventati volando intorno all'alberatura o posandosi sui pennoni.
Vennero alati a bordo parecchi cordoni biancastri lunghi circa cinque
o sei piedi: erano veri e propri rosari di milioni di grani, costituiti da
agglomerati di piccoli molluschi dai colori smaglianti.
Al largo comparvero alcune balene impennacchiate dai getti
d'acqua emessi dai loro sfiatatoi ed io osservai che erano tutte dirette
verso il Sud. Bisognava dunque ammettere che il mare si estendesse
per largo tratto in quella direzione.
La goletta procedette ancora per due o tre miglia senza cercare di
aumentare la velocit. Quella costa, avvistata per la prima volta, si
sviluppava da nord-ovest a sud-est? Nessun dubbio in proposito.
Ci nonostante i cannocchiali non arrivavano a coglierne nessun
dettaglio nemmeno dopo tre ore di navigazione.
L'equipaggio riunito sul castello di prua guardava senza lasciar
vedere le sue impressioni. Jem West, dopo essersi issato fino alle
crocette dell'albero di trinchetto dove era rimasto per dieci minuti in
osservazione, era sceso senza poter riferire nulla di preciso.
Io mi trovavo a sinistra, a poppa della tuga, appoggiato al
capodibanda, e seguivo con lo sguardo la linea del cielo e del mare la
cui circonferenza era interrotta solamente ad oriente. In quel
momento il nostromo mi raggiunse ed entrando senza mezzi termini
in argomento mi disse:
Volete permettermi di dirvi ci che penso, signor Jeorling?
Dite, nostromo, a patto che io non lo accetti se non mi sembra
giusto risposi.
Lo lo , e a mano a mano che ci avviciniamo bisognerebbe
esser ciechi per non accorgersene.
E che cosa pensate?
Che non una terra quella che abbiamo davanti, signor
Jeorling
Come dite nostromo?
Guardate attentamente mettendo un dito davanti agli occhi
l dietro la gru di dritta
Feci ci che diceva Hurliguerly.
Vedete? riprese. Che perda la voglia di bere la mia
pinta di whisky, se quelle masse non si spostano, non gi in rapporto
alla goletta, ma in rapporto a loro stesse
E ne concludete?
Che sono iceberg in movimento
Iceberg?
Sicuro, signor Jeorling.
Il nostromo non si sbagliava? Ci attendeva dunque una nuova
disillusione? Invece di una costa, al largo c'erano solo delle
montagne di ghiaccio alla deriva?
Ben presto non ci fu pi alcuna esitazione in proposito, e gi da
qualche momento l'equipaggio non credeva pi all'esistenza della
terra in quella direzione.
Dieci minuti dopo l'uomo in coffa annunciava che parecchi
iceberg scendevano da nord-ovest obliquamente alla rotta
dell'Halbrane.
La notizia produsse a bordo un effetto deplorevole! La nostra
ultima speranza era di colpo annientata! E che mazzata per il
capitano Len Guy! Quella terra della zona australe bisognava
cercarla a delle latitudini ancora pi alte, senza nemmeno essere
sicuri di poterla mai ritrovare!
E allora un grido quasi unanime risuon a bordo dell'Halbrane:
Pronti a virare! Pronti a virare!
S, gli uomini reclutati alle Falkland dichiaravano la loro volont,
esigevano di tornare indietro, bench Hearne non si trovasse l per
istigare l'indisciplina, e, devo confessarlo, anche la maggior parte
degli anziani pareva d'accordo con loro.
Jem West, non osando ordinare loro silenzio, attese i comandi del
capitano.
Gratian, al timone, era pronto a dare un giro di ruota, mentre i suoi
compagni, con le mani sulle gallocce, si preparavano a mollare le
scotte
Dirk Peters, appoggiato all'albero di trinchetto, con la testa bassa e
il corpo piegato, la bocca contratta, rimaneva immobile senza che
una parola gli sfuggisse dalle labbra.
Ma a un tratto eccolo volgersi verso di me e lanciarmi uno
sguardo, uno sguardo che era insieme pieno di supplica e d'ira
Non so quale forza irresistibile mi spinse a intervenire
personalmente, a protestare ancora una volta Un ultimo argomento
mi si era presentato alla mente, argomento il cui valore non poteva
essere messo in dubbio.
Presi dunque la parola, deciso a sostenerlo contro e di fronte a
tutti, e lo feci con tale accento di convinzione che nessuno cerc di
interrompermi.
In sostanza dissi cos:
No! Non bisogna abbandonare ogni speranza La terra non
pu essere lontana Non ci troviamo di fronte a una di quelle
banchise che si formano solo in pieno oceano per l'accumularsi dei
ghiacci Questi sono iceberg che hanno dovuto necessariamente
staccarsi da una base solida, da un'isola o un continente Ora,
poich a quest'epoca dell'anno che comincia lo spezzettarsi, la
deriva deve aver cominciato a trascinarli da ben poco tempo Dietro
di loro dobbiamo incontrare la costa sulla quale essi si sono
formati Ancora ventiquattr'ore, quarantott'ore al massimo e se la
terra non sar comparsa, il capitano Len Guy volter la prua verso il
Nord!
Ero riuscito a convincere l'equipaggio, o dovevo tentarlo ancora
con la promessa d'un nuovo premio, approfittare del fatto che Hearne
non si trovava fra i suoi compagni e non poteva comunicare con loro,
incitarli, gridare loro che li si prendeva in giro ancora una volta, che
sarebbe stato come trascinare la goletta alla perdita?
Il nostromo mi venne in aiuto e disse in tono allegro:
Ottimo ragionamento, e per quel che mi riguarda io accetto
l'opinione del signor Jeorling Certamente la terra vicina
Cercandola al di l di questi iceberg la troveremo senza molte fatiche
e senza molti pericoli Che cos' mai un grado a sud quando si
tratta di mettersi in tasca qualche centinaio di dollari in pi? E non
dimentichiamo che se fanno piacere quando entrano, non lo fanno
meno quando ne escono!
E in proposito ecco il cuoco Endicott venire a prestar man forte
all'amico nostromo.
S buonissimi i dollari! esclam, mostrando una
doppia fila di denti di un biancore smagliante.
L'equipaggio si sarebbe arreso all'argomentazione di Hurliguerly,
oppure avrebbe fatto resistenza se lHalbrane avesse continuato nella
direzione degli iceberg?
Il capitano Len Guy riprese il cannocchiale, lo diresse su quelle
masse in movimento, le osserv con estrema attenzione e poi grid
con voce sonora:
Rotta a sud-sud-ovest!
Jem West diede ordine di eseguire la manovra.
I marinai esitarono un momento. Poi, ricondotti all'obbedienza,
presero a bracciare leggermente i pennoni, a tesare le scotte; e la
goletta con le vele pi gonfie riacquist velocit.
Terminata l'operazione, mi avvicinai a Hurliguerly e, trattolo in
disparte:
Grazie, nostromo gli dissi.
Eh! signor Jeorling, egli rispose scrollando la testa per
questa volta andata bene. Ma non bisogner ricominciare ad alare
troppo la drizza! Tutti quanti mi si metterebbero contro forse
anche Endicott
Ma io replicai vivacemente non ho detto nulla che non
fosse perlomeno probabile
Non dico di no, e la cosa pu essere sostenuta con una certa
verosimiglianza
S Hurliguerly, s ci che ho detto, lo penso e sono certo
che finiremo per scorgere la terra al di l degli iceberg
possibile, signor Jeorling, possibile! Ma allora bisogna
che compaia entro due giorni, se no, parola di nostromo, niente potr
impedirci di virare di bordo!
L'Halbrane, durante le ventiquattro ore che seguirono, procedette
verso sud-sud-ovest. La sua direzione per dovette essere spesso
modificata e la sua velocit ridotta in mezzo ai ghiacci. La
navigazione divenne difficilissima non appena la goletta penetr
nella fila degli iceberg che bisognava tagliare obliquamente. D'altra
parte, non vi era nessuno di quei pack, di quei drift tanto numerosi
nei pressi della banchisa all'altezza del 70 parallelo, niente di quel
disordine che mostrano i paraggi del circolo polare battuti dalle
tempeste antartiche. Le enormi masse derivavano con lentezza
maestosa. Per usare una espressione appropriata, quei blocchi di
ghiaccio parevano nuovissimi e forse la loro formazione datava di
solo pochi giorni Tuttavia il loro volume, con un'altezza di
centocentocinquanta piedi, doveva calcolarsi in migliaia di
tonnellate. Jem West badava con estrema cura ad evitare le collisioni
e non lasci il ponte per un solo istante.
Invano, in mezzo ai passaggi che gli iceberg lasciavano fra loro,
cercai di avvistare una terra, la cui posizione obbligasse la nostra
goletta a fare rotta pi direttamente al Sud Non vedevo nulla che
richiamasse la mia attenzione.
Del resto, e fino a quel momento, il capitano Len Guy aveva
potuto considerare esatte le indicazioni della bussola. Il polo
magnetico, ancora lontano di parecchie centinaia di miglia, poich la
sua longitudine orientale, non aveva nessuna influenza sulla
bussola. L'ago, invece delle variazioni di sei-sette rombi che lo fanno
impazzire nelle vicinanze di tale polo, conservava la sua stabilit e
quindi si poteva fare affidamento sulle sue indicazioni.
Dunque, a dispetto della mia convinzione, che pure si basava su
argomenti molto seri, non vi era nessuna apparenza di terra ed io mi
chiedevo se non sarebbe stato pi conveniente fare rotta un po' pi a
ovest, a rischio anche di allontanare lHalbrane dal punto estremo in
cui si incrociano tutti i meridiani del globo.
Cos, a mano a mano che passavano le ore (delle quali, me ne
erano state accordate, quarantotto), era pi che evidente che gli animi
tornavano gradatamente allo scoraggiamento e tendevano
all'indisciplina. Ancora un giorno e mezzo e non mi sarebbe stato pi
possibile combattere quel cedimento generale La goletta sarebbe
ritornata definitivamente verso il Nord.
L'equipaggio manovrava in silenzio quando Jem West con voce
secca ordinava di evoluire attraverso i passaggi, ora venendo
rapidamente all'orza per evitare qualche collisione, ora venendo alla
poggia col vento in poppa. Tuttavia, nonostante una continua
sorveglianza, l'abilit dei marinai e la pronta esecuzione delle
manovre, ogni tanto si verificavano pericolosi sfregamenti contro lo
scafo che, dopo il suo passaggio, lasciava lunghe tracce di catrame
sugli spigoli degli iceberg. E davvero anche il pi coraggioso non
poteva sottrarsi a un senso di sgomento al pensiero che i comenti
avessero potuto aprirsi e l'acqua invadere la nave
Bisogna notare che la base di quelle montagne galleggianti era
molto scoscesa: uno sbarco vi sarebbe stato impraticabile. Perci non
scorgevamo nessuna di quelle foche di solito tanto numerose nei
paraggi dove abbondano gli icefield, n nessuna banda di quei
pinguini schiamazzanti che lHalbrane in precedenza aveva fatto
tuffare a migliaia al suo passaggio. Anche gli uccelli sembravano
essere pi rari e pi fuggiaschi. Da quelle regioni desolate e deserte
emanava un senso di angoscia e di orrore al quale nessuno di noi
sarebbe riuscito a sottrarsi. Come si sarebbe potuta serbare la
speranza che i superstiti della Jane, trascinati in mezzo a quelle
spaventose solitudini, avessero potuto trovarvi un riparo e la
sicurezza della loro esistenza? E se lHalbrane avesse fatto
naufragio a sua volta sarebbe rimasto anche solo un testimonio di tale
catastrofe?
Potemmo osservare che dal giorno prima, a partire dal momento
in cui si era abbandonata la rotta verso il Sud per tagliare la linea
degli iceberg, un cambiamento era avvenuto nel consueto
atteggiamento del meticcio. Accovacciato ai piedi dell'albero di
trinchetto, con gli occhi non pi rivolti verso il largo, egli si alzava
solo per eseguire qualche manovra senza porre nel suo lavoro n lo
zelo n la vigilanza d'una volta. Per dirla con esattezza, era uno
scoraggiato. Non che avesse rinunciato a credere che il suo
compagno della Jane fosse ancora vivo tale pensiero non avrebbe
potuto nascere nel suo cervello. Ma istintivamente sentiva come non
era seguendo quella rotta che avrebbe ritrovato le tracce del povero
Pym!
Signore, mi avrebbe detto capite non da quella
parte No non da quella parte!
E che cosa avrei potuto rispondergli?
Verso le sette di sera si alz una nebbia piuttosto fitta che, finch
fosse durata, avrebbe reso difficoltosa e pericolosa la navigazione
della goletta.
Quella giornata di emozioni, di ansie, di alternative continuamente
ripresentantisi, mi aveva distrutto Perci me ne tornai nella mia
cabina, dove mi gettai tutto vestito sulla cuccetta.
Ma sotto l'ossessione dei pensieri che mi turbavano la mente,
prima tanto calma ed ora cos agitata, il sonno non venne. Voglio
credere che la lettura costante delle opere di Edgar Poe, nello stesso
straordinario ambiente in cui erano vissuti i suoi eroi, avesse
esercitato su di me un'influenza di cui non mi rendevo ben conto
L'indomani sarebbero finite le quarantott'ore, ultima elemosina
che l'equipaggio aveva fatto alle mie preghiere.
Le cose non vanno come desiderate, vero? mi aveva detto
il nostromo mentre stavo entrando nella tuga.
No, certo, dal momento che la terra non era comparsa dietro la
flotta di iceberg. Fra quelle masse galleggianti non si era rilevato
nessun indizio di costa, e quindi il giorno seguente il capitano Len
Guy avrebbe rimesso la prua al Nord
Oh! perch non ero io il padrone di quella goletta! Se avessi
potuto comprarla fosse anche a prezzo di tutta la mia fortuna, se
quegli uomini fossero stati miei schiavi che io avessi potuto prendere
a frustate, mai lHalbrane avrebbe abbandonato quella campagna
l'avesse anche trascinata fino al vertice antartico dell'asse terrestre,
sopra il quale scintilla la Croce del Sud!
La mia mente sconvolta era travagliata da mille pensieri, mille
rimpianti, mille desideri! Volevo alzarmi e mi sembrava che una
mano pesante e irresistibile m'inchiodasse sulla cuccetta! E mi
veniva la voglia di abbandonare immediatamente quella cabina dove
mi dibattevo contro gli incubi del dormiveglia di mettere in mare
una delle lance dellHalbrane di gettarmi dentro con Dirk Peters,
che non avrebbe esitato a seguirmi! E poi di abbandonarci alla
corrente che si dirigeva verso il Sud.
E lo facevo si! lo facevo in sogno! Eccoci gi
all'indomani il capitano Len Guy, dopo aver lanciato un ultimo
sguardo all'orizzonte, ha dato l'ordine di virare di bordo Una delle
lance a mare, a traino Io avverto il meticcio vi scivoliamo
dentro senza essere visti tagliamo la barbetta e mentre la goletta
prosegue, noi restiamo indietro e la corrente ci porta con s
Andiamo cos per il mare sempre libero Finalmente la nostra
lancia si ferma Ecco una terra Mi pare di vedere una specie di
sfinge che domina la calotta australe, la sfinge dei ghiacci Mi
avvicino a lei la interrogo Essa mi svela i segreti di queste
misteriose regioni E allora intorno al mostro mitologico appaiono i
fenomeni di cui Arthur Pym aveva affermato la realt La cortina di
vapori ondeggianti striata di raggi luminosi si strappa Ma non la
figura di grandezza sovrumana che si erge davanti ai miei occhi
sbigottiti Arthur Pym Truce guardiano del polo sud, spiega al
vento di quelle elevate latitudini la bandiera degli Stati Uniti
d'America!
Quel sogno venne bruscamente interrotto, oppure stava
modificandosi sotto l'azione di una mente turbata? Non lo so, ma
ebbi l'impressione che qualcuno cercasse di svegliarmi
all'improvviso Mi parve che nel movimento della goletta che
inclinata dolcemente a dritta scivolava sulla superficie di quel mare
cos tranquillo avvenisse un cambiamento Eppure non si trattava di
rollio Non si trattava di beccheggio
S effettivamente mi sentii sollevato come se la mia cuccetta
fosse stata la navicella di un aerostato come se gli effetti della
gravit fossero stati annientati in me
Non m'ingannavo e dal sogno ero piombato nella realt.
Alcuni urti, la cui causa per il momento mi sfuggiva, mi
echeggiarono sopra la testa. Nell'interno della cabina i tramezzi si
piegarono da far ritenere che lHalbrane si rovesciasse su un fianco.
Un attimo dopo venni scagliato fuori della cuccetta e poco manc
che un angolo della tavola non mi spaccasse il cranio
Finalmente mi alzai, riuscii ad attaccarmi al davanzale della
finestra laterale, feci forza contro la porta che si apriva sul quadrato e
che cedette sotto i miei piedi
In quel momento si udirono degli scricchiolii nelle murate e
strappi nel fianco sinistro
C'era dunque stata una collisione fra la goletta e qualcuna di
quelle colossali masse galleggianti che Jem West non aveva potuto
evitare in mezzo alla nebbia?
A un tratto al di sopra della tuga, verso poppa, scoppiarono
violente vociferazioni, seguite da grida di spavento, in cui si
sentivano mescolate tutte le voci dell'equipaggio
Finalmente si ud un ultimo urto e lHalbrane rimase immobile.
CAPITOLO VII
L'ICEBERG RIBALTATO
DOVETTI arrampicarmi su per il pavimento della tuga per
raggiungere la porta e uscire sul ponte.
Il capitano Len Guy, uscito dalla sua cabina, si trascinava sui
ginocchi, tanto la banda era accentuata, e and ad aggrapparsi alla
meglio alla cavigliera del pavese.
Verso prua, fra il castello e l'albero di trinchetto, qualche testa
usciva dalle pieghe dei fiocchi abbattutisi come tende di cui fosse
stata mollata la drizza.
Alle sartie di dritta stavano sospesi Dirk Peters, Hardie, Martin
Holt e Endicott il cui volto nero sembrava inebetito.
Si pu star sicuri che in quel momento lui e il nostromo avrebbero
volentieri ceduto a met prezzo i premi loro dovuti dall'84 parallelo
in poi!
Un uomo arriv arrampicandosi fino a me, poich l'inclinazione
del ponte, di 50 gradi almeno, impediva di restare in piedi.
Era Hurliguerly che si muoveva come un gabbiere su un pennone.
Steso quant'ero lungo, con i piedi appoggiati contro lo stipite della
porta, non temevo pi di scivolare fino in fondo al corridoio.
Tesi quindi una mano al nostromo e lo aiutai a sollevarsi, non
senza fatica, fino a me.
Che successo? gli chiesi.
Un arenamento, signor Jeorling!
Siamo in costa? esclamai.
Una costa presuppone una terra rispose ironicamente il
nostromo e qui terre non sono mai esistite se non nella fantasia di
quel diavolo di Dirk Peters!
Insomma che cosa capitato?
Ci capitato addosso un iceberg, in mezzo alla nebbia un
iceberg che non si potuto evitare
Un iceberg, nostromo?
S! un iceberg che ha scelto proprio questo momento per
ribaltarsi! Capovolgendosi, ha incontrato lHalbrane e l'ha
sollevata come una racchetta solleva un volano, cos adesso eccoci
incagliati a un centinaio abbondante di piedi sul livello dell'Oceano
Antartico.
Come immaginare una pi terribile conclusione all'avventurosa
campagna dellHalbrane! In mezzo a quei lontani paraggi il nostro
unico mezzo di trasporto era stato strappato al suo elemento naturale,
e sbattuto dal ribaltamento di un iceberg a un'altezza che superava i
100 piedi! S! lo ripeto, che conclusione! I pericoli ai quali una
nave si espone nei mari polari sono l'essere inghiottiti nel pieno di
una tempesta, l'essere distrutti in un attacco da parte di selvaggi,
l'essere schiacciati fra i ghiacci! Ma che lHalbrane fosse stata
sollevata da una montagna galleggiante proprio mentre questa si
capovolgeva, e che ora essa si trovasse arenata quasi sulla cima di
tale montagna, no! questo superava tutti i limiti del verosimile!
Ignoravo se con i mezzi in nostro possesso saremmo riusciti a
calare lHalbrane da quell'altezza. Sapevo per che, per spaventosa
che fosse la nostra situazione, il capitano Len Guy, il secondo e gli
anziani dell'equipaggio, dopo la paura del primo momento, non erano
certo gente da disperare. Di questo ero sicuro. S! Tutti si
sarebbero dati da fare per la salvezza generale. Quanto per alle
misure da prendere, nessuno avrebbe potuto indicarle ancora.
Infatti una nebbia fitta, una specie di velo grigiastro avvolgeva
sempre l'iceberg. Della sua enorme massa non si vedeva nulla
all'infuori della stretta anfrattuosit nella quale si trovava incastrata la
goletta, n si vedeva che posto occupasse l'iceberg in mezzo a quella
flotta alla deriva verso sud-est.
La prudenza pi elementare imponeva di evacuare lHalbrane ,
che qualche brusca scossa dell'iceberg avrebbe potuto far scivolare in
basso. Come poi potevamo essere sicuri che la montagna di ghiaccio
avesse ripreso il suo assetto definitivo sulla superficie del mare?
La sua stabilit era ormai garantita? Non c'era da attendersi
qualche nuovo capovolgimento? E se la goletta fosse precipitata
nel vuoto, chi di noi avrebbe potuto uscire sano e salvo da una simile
caduta e poi dall'inghiottimento finale nelle profondit dell'abisso?
In pochi minuti lHalbrane fu abbandonata dall'equipaggio.
Ognuno cerc rifugio sui fianchi dell'iceberg in attesa che esso si
liberasse dal suo cappuccio di vapori. I raggi obliqui del sole non
arrivavano a passarlo e il disco rossastro si intravedeva appena
attraverso quell'ammasso di bollicine opache che ne smorzavano i
raggi.
Tuttavia riuscivamo a vederci gli uni con gli altri a una dozzina di
passi di distanza. Quanto all'Halbrane, essa appariva come una
massa confusa, il cui colore nerastro spiccava vivamente sul biancore
dei ghiacci.
Fu allora il momento di domandarsi se nessuno di tutti coloro che
si trovavano sul ponte della goletta all'istante della catastrofe fosse
stato proiettato al di sopra delle murate, trascinato gi per i pendii
ghiacciati e precipitato in mare
A un ordine del capitano Len Guy i marinai presenti vennero a
ingrossare il gruppo in cui ci trovavamo io, il secondo, il nostromo e
i mastri Hardie e Martin Holt.
Jem West fece l'appello cinque dei nostri uomini non risposero:
il marinaio Drap, uno degli anziani dell'equipaggio e quattro nuovi,
cio due inglesi, un americano e uno dei fuegini che si erano
imbarcati alle Falkland.
Cos, quella catastrofe costava la vita a cinque dei nostri, le prime
vittime di quella spedizione dalla partenza dalle Kerguelen:
sarebbero state anche le ultime?
Infatti non c'era dubbio che quei disgraziati fossero periti, poich
invano vennero cercati sui fianchi dell'iceberg, dovunque avessero
potuto aggrapparsi a qualche sporgenza
Le ricerche, effettuate appena la nebbia si fu alzata, rimasero
infruttuose. Nel momento in cui lHalbrane era stata afferrata per di
sotto, la scossa era stata cos improvvisa, cos violenta che quegli
uomini non ebbero la forza di aggrapparsi ai capo di banda e molto
probabilmente non avremmo nemmeno pi trovato i loro corpi che la
corrente aveva dovuto trascinare al largo.
Quando fu constatata la scomparsa di cinque dei nostri, la
disperazione invase tutti gli animi. Allora la terribile prospettiva dei
pericoli che minacciano una spedizione nella zona antartica apparve
in tutta la sua realt!
E Hearne? chiese una voce.
Martin Holt aveva pronunciato quel nome in mezzo al silenzio
generale.
Il capobarca, che avevamo dimenticato, era forse restato
schiacciato nello stretto compartimento della stiva dove era stato
rinchiuso?
Jem West si slanci verso la goletta, vi si arrampic per mezzo di
un cavo che pendeva da prua e raggiunse i locali dell'equipaggio
attraverso i quali si entrava in quella parte della stiva
Immobili, silenziosi, aspettavamo di conoscere la sorte di Hearne,
quantunque quel cattivo genio di bordo fosse poco degno di piet.
Eppure, quanti di noi in quel momento pensavano che se si
fossero ascoltati i suoi consigli, se la goletta avesse ripreso la rotta
per il Nord, un intero equipaggio non sarebbe stato ridotto ad avere
per unico rifugio una montagna di ghiaccio alla deriva! E quale
fosse, in quei pensieri, la mia parte di responsabilit, dal momento
che mi ero dato tanto da fare per prolungare la campagna, osavo
appena immaginarlo!
Finalmente il secondo ricomparve sul ponte: Hearne lo seguiva.
Miracolosamente n i tramezzi, n l'ossatura, n i corsi del fasciame
avevano ceduto nel punto dove si trovava il capobarca.
Hearne scivol lungo il fianco della goletta, raggiunse senza
pronunciare una parola i suoi compagni e nessuno ebbe pi ad
occuparsi di lui.
Verso le sei del mattino la nebbia si dissip in conseguenza di un
abbassamento piuttosto forte della temperatura. Non si trattava di
quei vapori la cui congelazione completa, bens di quel fenomeno
detto frost-rime, fumo gelato, che a volte si produce a quelle elevate
latitudini. Il capitano Len Guy lo riconobbe dalla quantit di
formazioni prismatiche con la punta diretta nel senso del vento che
rendevano irta la lieve crosta deposta sui fianchi dell'iceberg. I
navigatori non confonderebbero mai il frost-rime con la brina bianca
delle zone temperate, il cui congelamento avviene solo dopo che si
depositata sulla superficie del suolo.
Si pot allora calcolare la grossezza del masso sul quale stavamo
come mosche su un pane di zucchero; e certo, veduta dal basso, la
goletta non doveva sembrare pi grande della barca di una nave
mercantile.
Questo iceberg, la cui circonferenza parve essere di 300 o 400
tese, aveva un'altezza che andava dai 130 ai 140 piedi. Secondo i
calcoli doveva perci essere immerso per una profondit quattro o
cinque volte superiore e pesare per conseguenza milioni di tonnellate.
Ecco quello che era successo.
L'iceberg dopo essere stato minato alla base dal contatto con le
acque pi calde si era a poco a poco rialzato. Essendosi spostato il
suo centro di gravit, l'equilibrio aveva potuto essere ristabilito
soltanto con un brusco ribaltamento che port sopra il livello del
mare ci che prima era stato al disotto. L'Halbrane, presa in
quell'oscillazione, fu sollevata come da un'enorme leva.
Numerosissimi sono gli iceberg che si rovesciano in questo modo
sulla superficie dei mari polari, ed questo uno dei pericoli pi gravi
a cui sono esposte le navi che passano loro vicino.
La nostra goletta si trovava incastrata in una spaccatura del lato
occidentale dell'iceberg. Era inclinata sulla dritta, con la poppa
sollevata e la prua in basso. Si poteva pensare che alla minima scossa
sarebbe scivolata lungo i fianchi dell'iceberg fino al mare. Dal lato su
cui essa era inclinata l'urto era stato abbastanza violento da sfondare
alcuni corsi del fasciame dello scafo e delle impavesate, per una
lunghezza di due tese. Al primo urto, la cucina, fissata davanti
all'albero di trinchetto, aveva spezzato le sue rizzature ed era rotolata
fino all'entrata della tuga, la cui porta, tra le cabine del capitano Len
Guy e del secondo, era stata scardinata. L'albero di gabbia e quello di
freccia erano precipitati dopo la rottura delle sartie e se ne
scorgevano le spaccature fresche all'altezza delle teste di muro.
Relitti di ogni genere, pennoni, antenne, parte della velatura, barili,
casse, gabbie di polli, dovevano galleggiare alla base del masso e
derivare con lui.
Particolarmente preoccupante nella nostra situazione era il fatto
che, delle due imbarcazioni dell'Halbrane, quella di dritta era stata
schiacciata al momento dell'abbordaggio: rimaneva quindi solo la
seconda (la pi grande, vero) ancora sospesa mediante i suoi
paranchi alle gru di sinistra. Prima di tutto bisognava metterla al
sicuro, poich forse essa sarebbe stata il nostro unico mezzo di
salvezza.
Da quel primo esame risultava che i fusti maggiori degli alberi
della goletta erano restati al posto e avrebbero potuto venire utilizzati
se si fosse riusciti a liberare la nave. Ma come estrarla da
quell'invasatura di ghiaccio, renderla al suo elemento naturale, in una
parola vararla come si vara un bastimento in mare?
Quando il capitano Len Guy, il secondo, il nostromo ed io fummo
soli, li interrogai in proposito.
Che l'operazione comporti grossi rischi ne convengo rispose
Jem West ma poich indispensabile farla, la faremo. Penso che
sar necessario scavare una specie di letto fino alla base
dell'iceberg
E senza aspettare un solo giorno aggiunse il capitano Len
Guy.
Capite, nostromo? riprese Jem West. Al lavoro fin da
oggi.
Capisco, e tutti ci metteremo all'opera rispose Hurliguerly.
Una osservazione, per, se lo permettete, capitano
Quale?
Prima di cominciare il lavoro, visitiamo lo scafo, vediamo
quali sono le sue avarie, e se sono riparabili. A che servirebbe varare
una nave sfondata, che se ne andrebbe immediatamente a fondo?
La giusta richiesta del nostromo venne accettata.
Essendosi dissipata la nebbia, un sole chiaro illuminava allora la
parte orientale dell'iceberg da dove lo sguardo abbracciava un largo
settore di mare. Da quella parte i fianchi, invece di superfici lisce
sulle quali il piede non avrebbe potuto trovare punto d'appoggio,
presentavano anfrattuosit, sporgenze, rialzi e perfino piani su cui
sarebbe stato facile stabilire un accampamento provvisorio. Tuttavia
sarebbe stato necessario premunirsi contro la caduta di enormi
blocchi male in equilibrio che una scossa poteva staccare. Difatti
durante la mattinata parecchi di quei blocchi precipitarono fino in
mare con un tremendo rombo di valanga.
Nel complesso, pareva che l'iceberg fosse molto solido sulla sua
nuova base. D'altra parte, se il suo centro di gravit si trovava sotto il
livello della linea di galleggiamento, non c'era da temere un nuovo
rovesciamento.
Non avevo avuto ancora occasione di parlare a Dirk Peters dopo la
catastrofe. Siccome egli aveva risposto all'appello sapevo che non era
tra le vittime. In quel momento lo scorsi immobile in piedi su un
piccolo rialzo e si indovina da quale parte fosse rivolto il suo
sguardo
Il capitano Len Guy, il secondo, il nostromo, i mastri Hardie e
Martin Holt, pi il sottoscritto, risalirono allora verso la goletta per
procedere a un minuzioso esame del suo scafo. Dalla parte di sinistra
l'operazione sarebbe stata facile poich lHalbrane era inclinata sul
fianco opposto. Dall'altra parte sarebbe stato necessario scivolare in
qualche modo fino alla chiglia scavando il ghiaccio se si voleva che
nessuna parte del fasciame sfuggisse alla visita.
Ecco ci che si riconobbe dopo un esame durato due ore: le avarie
erano poco importanti e, nel complesso, richiedevano lavori di
riparazione corrente. Due o tre corsi spezzati sotto la violenza
dell'urto lasciavano vedere le caviglie contorte e i conienti aperti.
All'interno l'ossatura era intatta, poich i madieri non avevano
ceduto. La nostra nave, costruita per la navigazione nei mari polari,
aveva resistito l dove tante altre, costruite meno solidamente, si
sarebbero completamente sconquassate. vero che il timone era
uscito dalla sua ferramenta, ma sarebbe stato facile rimetterlo a
posto.
Terminata l'ispezione di fuori e di dentro, il danno fu riconosciuto
meno considerevole di quello che si sarebbe potuto temere e almeno
su questo punto ci sentimmo rassicurati
Rassicurati s se fossimo riusciti a rimettere in mare la nostra
goletta!
Dopo la colazione del mattino si decise che gli uomini avrebbero
cominciato a scavare un letto obliquo che doveva permettere
all'Halbrane di scivolare fino alla base dell'iceberg. Piacesse al cielo
che l'operazione riuscisse, perch chi avrebbe potuto pensare senza
spavento ad affrontare in quelle condizioni i rigori dell'inverno
australe, a passare sei mesi su quella massa galleggiante, trascinata
non si sapeva dove? Venuto l'inverno nessuno di noi sarebbe potuto
sfuggire alla pi terribile delle morti, la morte per il freddo
In quel momento Dirk Peters, che a un centinaio di passi
osservava l'orizzonte da sud a est, grid con voce brusca:
In panna!
In panna? Che cosa intendeva il meticcio con ci se non che la
deriva dell'iceberg era improvvisamente cessata? Quanto alla causa
di quella fermata non era il momento di ricercarla n di domandarsi
quali ne sarebbero state le conseguenze.
proprio vero! esclam il nostromo. L'iceberg non si
muove e forse dopo la sua capriola non si mai mosso!
Come! esclamai non si muove pi
No mi rispose il secondo e prova ne che gli altri gli
sfilano accanto e lo lasciano indietro.
Infatti, mentre cinque o sei montagne di ghiaccio scendevano
verso il Sud, la nostra si era immobilizzata, come se si fosse
incagliata su un bassofondo.
La spiegazione pi semplice era che la sua nuova base aveva
incontrato la soglia sottomarina, alla quale ora essa aderiva; questa
adesione sarebbe cessata solo allorch la parte immersa dell'iceberg
si fosse rialzata, con il rischio di provocare un secondo
capovolgimento.
Nel complesso si trattava di una grave complicazione, poich i
danni di una immobilizzazione definitiva in quei paraggi sarebbero
stati tali, che sarebbe stato meglio affrontare i pericoli della deriva.
Perlomeno, c'era la speranza di incontrare un continente, un'isola o
anche se le correnti non si modificavano, se il mare rimaneva libero
di superare i confini della regione australe!
Ecco dunque a che punto eravamo dopo tre mesi di quella terribile
campagna! Come si poteva ancora pensare a William Guy, ai suoi
compagni della Jane, ad Arthur Pym? Non era forse per la nostra
salvezza che dovevano essere usati i mezzi di cui potevamo
disporre? E ci sarebbe stato da meravigliarsi se alla fine i marinai
dell'Halbrane si fossero rivoltati, se avessero obbedito ai
suggerimenti di Hearne, se avessero ritenuto i loro capi, me
soprattutto, responsabili dei disastri di una simile spedizione?
E allora che cosa sarebbe avvenuto, poich nonostante la perdita
di quattro di loro, i fedeli del capobarca avevano conservato la loro
superiorit numerica?
Era a questo, lo vidi chiaramente, che pensavano il capitano Len
Guy e Jem West.
Infatti, se le reclute delle Falkland non erano pi che
complessivamente quindici uomini contro noi tredici (comprendendo
il meticcio), c'era da temere che qualcuno di questi ultimi fosse
pronto a passare dalla parte di Hearne. Spinti dalla disperazione,
chiss se costoro non pensavano ad impadronirsi dell'unica
imbarcazione che ormai possedevamo, a riprendere la rotta verso il
Nord, ad abbandonarci su quell'iceberg? Era dunque necessario
che la barca fosse messa al sicuro e sorvegliata continuamente.
Del resto un notevole cambiamento era avvenuto nel capitano Len
Guy dopo questi ultimi incidenti. Davanti ai pericoli futuri sembrava
essersi trasformato. Fino allora, tutto preso dal pensiero di ritrovare i
suoi compatrioti, aveva lasciato il comando della goletta al secondo,
e non avrebbe potuto affidarsi a un ufficiale pi capace e pi
affezionato. Ma da quel giorno egli doveva riprendere le sue funzioni
di comandante, esercitandole con l'energia che le circostanze
esigevano, e ritornando, come a bordo, il padrone dopo Dio.
Dietro suo ordine gli uomini vennero a radunarsi intorno a lui su
un piccolo pianoro, un po' a destra dell'Halbrane. L erano riuniti,
dalla parte degli anziani, i mastri Martin Holt, Hardie, i marinai
Rogers, Francis, Gratian, Burry, Stern, il cuoco Endicott, e, aggiungo
io, Dirk Peters; dalla parte dei novizi, Hearne e i quattordici altri
marinai delle Falkland. Questi ultimi formavano un gruppo a parte, il
cui portavoce era il capobarca, che aveva su di loro una malefica
influenza.
Il capitano Len Guy gett uno sguardo fermo su tutto il suo
equipaggio e con voce vibrante disse:
Marinai dell'Halbrane, devo prima di tutto parlarvi di coloro
che sono scomparsi. Cinque dei nostri compagni sono morti in questa
catastrofe
In attesa che anche noi finiamo a nostra volta in questi mari
dove siamo stati trascinati nonostante
Taci, Hearne esclam Jem West pallido di collera, taci,
o
Hearne ha detto ci che aveva da dire riprese freddamente il
capitano Len Guy e poich lo ha fatto, gli ordino di non
interrompermi una seconda volta!
Forse il capobarca avrebbe replicato, perch si sentiva sostenuto
dalla maggioranza dell'equipaggio. Ma Martin Holt gli si avvicin
vivacemente, lo trattenne, ed egli tacque.
Il capitano Len Guy allora si tolse il berretto, e con una
commozione che ci penetr fino al fondo dell'anima, pronunci
queste parole:
Dobbiamo pregare per coloro che sono caduti in questa
pericolosa campagna, intrapresa in nome dell'umanitarismo. Che
Iddio si degni di tener conto che essi si sono sacrificati per i loro
simili-, e non resti insensibile alle nostre suppliche! In ginocchio,
marinai dell'Halbrane!
Tutti si inginocchiarono sulla superficie ghiacciata, e un mormorio
di preghiera sal verso il cielo.
Aspettammo che il capitano Len Guy si fosse rialzato per rialzarci
anche noi.
Ed ora egli riprese dopo i morti, i sopravvissuti. A questi
dico che anche nelle circostanze in cui siamo essi dovranno
ubbidirmi, qualunque ordine io dar loro. Non tollerer n una
resistenza n un'esitazione. La responsabilit della salvezza comune
mia e non la ceder a nessuno. Io comando qui come a bordo
A bordo quando non vi pi nave! os replicare il
capobarca.
Ti sbagli, Hearne. La nave l e noi la riporteremo in mare.
Del resto se non avessimo altro che la nostra barca, io ne sono il
capitano Guai a chi lo dimenticher!
Quel giorno, dopo aver preso l'altezza col sestante e stabilito l'ora
col cronometro, che non erano andati spezzati nella collisione, il
capitano Len Guy ottenne dai suoi calcoli il punto seguente:

Latitudine sud: 88 55'.
Longitudine ovest: 39 12'.

LHalbrane era solo a 1 5', ossia 65 miglia, dal polo australe.
CAPITOLO VIII
IL COLPO DI GRAZIA
AL LAVORO! aveva detto il capitano Len Guy e fin dal
pomeriggio di quel giorno tutti vi si misero con coraggio.
Non vi era un'ora da perdere. Ognuno capiva che la questione
tempo era la predominante. Per ci che riguardava i viveri, la goletta
ne possedeva ancora per diciotto mesi a razione intera. La fame
dunque non era incombente e nemmeno la sete, bench i serbatoi
d'acqua scoppiati nella collisione avessero lasciato sfuggire il liquido
che contenevano attraverso i comenti del fasciame.
Per fortuna i fusti di gin, di whisky, di birra e di vino, posti nella
parte della stiva che aveva sofferto meno, erano quasi tutti intatti. Da
quel lato non avevamo alcun danno, e l'iceberg stesso ci avrebbe
fornito l'acqua dolce.
Come si sa, il ghiaccio, sia che si sia formato con acqua dolce sia
che lo si sia con acqua di mare, privo di salsedine. Nella
trasformazione dallo stato liquido allo stato solido, il cloruro di sodio
viene completamente eliminato.
dunque poco importante, pare, che l'acqua potabile venga
ricavata dai ghiacci formatisi nel primo o nel secondo modo. Ad ogni
modo, per, si deve dare la preferenza a quella che proviene da certi
blocchi, facilmente riconoscibili per il colore quasi verdastro e la
perfetta trasparenza. pioggia solidificata, la pi adatta da utilizzarsi
per bere.
Certo il nostro capitano, da conoscitore dei mari polari, avrebbe
riconosciuto facilmente i blocchi di questa specie; ma sul nostro
iceberg non se ne potevano trovare poich la parte che emergeva
attualmente era quella che era immersa prima del capovolgimento.
Il capitano Len Guy e Jem West decisero in primo luogo, per
alleggerire la goletta, di sbarcare tutto ci che c'era a bordo.
Alberatura e attrezzatura dovettero essere smontati e trasportati poi
sul piano. Era necessario lasciare il meno peso possibile, sbarazzarsi
persino della zavorra, in vista della difficile e pericolosa operazione
del varo. Meglio addirittura ritardare la partenza di qualche giorno,
purch quest'operazione potesse farsi in condizioni migliori. Il nuovo
carico si sarebbe fatto poi senza grandi difficolt.
Dopo quella decisione essenziale, se ne presentava una seconda
non meno importante. Infatti si sarebbe commesso una vera
imprudenza a lasciare le provviste nella stiva dell'Halbrane, data la
sua situazione poco sicura sul fianco dell'iceberg. Non sarebbe
bastata una scossa a staccarla di l? Non le sarebbe mancato il punto
d'appoggio se i blocchi del suo invaso si fossero spostati? E allora
con la nave sarebbero sparite le provviste che dovevano garantire la
nostra esistenza!
Quel giorno fu dedicato a scaricare le casse di carne semisalata, di
legumi secchi, di farina, di gallette, di t, di caff, i barili di gin, di
whisky, di vino e di birra, che furono tolti dalla stiva e dalla
cambusa, e poi posti al sicuro nelle anfrattuosit vicine all'Halbrane.
Si provvide anche a salvaguardare l'imbarcazione da qualunque
pericolo, e aggiunger anche contro i tentativi che Hearne e qualche
altro dei suoi avrebbero potuto mettere in atto per impadronirsene al
fine di ripartire alla volta della banchisa.
La barca, con la sua serie di remi, il timone, la barbetta, il
grappino, l'alberatura e le vele, fu dunque messa al riparo a una
trentina di piedi a sinistra della goletta, in fondo a una cavit, che
sarebbe stato facile sorvegliare. Durante il giorno non vi era nulla da
temere. Durante la notte, o meglio durante le ore di sonno, il
nostromo o uno dei mastri avrebbe montato la guardia vicino alla
cavit e si poteva star certi l'imbarcazione sarebbe stata al sicuro
da qualunque colpo.
Le giornate dal 19 al 21 gennaio furono impiegate nel doppio
lavoro del trasferimento del carico e del disalberamento
dell'Halbrane. I fusti maggiori degli alberi furono imbracati per
mezzo di pennoni formanti bighe. In seguito, Jem West avrebbe
studiato come sostituire gli alberi di gabbia e di freccia, ma in ogni
caso essi non erano indispensabili per raggiungere sia le Falkland, sia
qualche altro luogo adatto per svernare.
Naturalmente sul pianoro di cui ho parlato, non lontano
dall'Halbrane, era stato eretto un accampamento. Parecchie tende,
formate da vele tese su antenne e fissate da controbracci, sotto le
quali erano state poste le cuccette delle cabine e del locale
equipaggio, offrivano un riparo sufficiente contro l'inclemenza del
tempo, gi frequente a quell'epoca dell'anno. Il tempo, per, si
manteneva al bello stabile, favorito da una brezza permanente di
nordest, tanto che la temperatura era risalita a 46 (7, 78 C sopra
zero). La cucina di Endicott venne installata in fondo al pianoro,
vicino a un contrafforte, il cui pendio molto allungato permetteva di
salire fino alla sommit dell'iceberg.
Devo riconoscere che durante quei tre giorni di un lavoro dei pi
faticosi non vi fu nulla da rimproverare a Hearne. Il capobarca si
sapeva oggetto di 'una sorveglianza speciale, cos come sapeva che il
capitano Len Guy non avrebbe avuto riguardi per lui se avesse
tentato di spingere all'insubordinazione i suoi compagni. Era un
peccato che i suoi cattivi istinti lo avessero spinto a sostenere quella
parte, perch la sua forza, la sua abilit, la sua intelligenza ne
facevano un uomo prezioso, e mai egli si mostr pi utile come in
quella circostanza. Era forse tornato a migliori sentimenti? Aveva
capito che la salvezza generale dipendeva dal buon accordo fra
tutti? Non potevo indovinarlo ma non avevo fiducia in lui, e
Hurliguerly nemmeno.
Non ho bisogno d'insistere sull'ardore che il meticcio mostrava in
quei pesanti lavori, sempre il primo a cominciare e l'ultimo a
smettere, lavorando per quattro, dormendo appena poche ore, non
riposandosi che al momento dei pasti che egli prendeva in disparte.
Mi aveva appena rivolto la parola da quando la goletta era stata
vittima della terribile catastrofe. E che cosa mi avrebbe potuto
dire? Non pensavo, come lui, che bisognava rinunciare a
qualunque speranza di proseguire quella disgraziata campagna?
A volte mi accadeva di scorgere Martin Holt e il meticcio l'uno
vicino all'altro, occupati a qualche difficile manovra. Il nostro mastro
velaio non perdeva alcuna occasione per avvicinarsi a Dirk Peters,
che lo sfuggiva per le ragioni che si conoscono. E quando pensavo
alla confidenza che mi era stata fatta circa il falso Parker, il fratello di
Martin Holt, alla spaventosa scena del Grampus, ero colto da un
orrore profondo. Non dubito che, se il segreto fosse stato svelato, il
meticcio sarebbe divenuto oggetto di repulsione. Si sarebbe
dimenticato in lui il salvatore del mastro velaio, e questi apprendendo
che suo fratello Fortunatamente quel segreto eravamo solo Dirk
Peters ed io a possederlo.
Mentre si effettuavano le operazioni di scarico dell'Halbrane il
capitano Len Guy e il secondo studiavano il problema del varo,
problema irto di difficolt, certo. Si trattava di superare il dislivello
di un centinaio di piedi compreso tra l'invaso in cui era incastrata la
goletta e il livello del mare, per mezzo di un letto scavato seguendo
un tracciato obliquo sul fianco ovest dell'iceberg, letto che doveva
misurare almeno due o trecento tese di lunghezza. Cos, mentre una
prima squadra diretta dal nostromo era occupata a scaricare la
goletta, una seconda, agli ordini di Jem West, cominci il tracciato
fra i blocchi disseminati su quel fianco della montagna galleggiante.
Galleggiante? non so perch mi servo di questa parola, dal
momento che l'iceberg non galleggiava pi. Immobile come un
isolotto, nulla autorizzava a credere che esso dovesse mai pi
rimettersi alla deriva. Altri numerosi iceberg passavano al largo, si
dirigevano verso sud-est, mentre il nostro restava in panna stando
all'espressione di Dirk Peters. La sua base si sarebbe erosa
abbastanza per staccarsi dal fondo sottomarino? Qualche pesante
massa di ghiaccio sarebbe mai venuta a urtare contro di esso, in
modo da farlo slittare in avanti dopo l'urto? Nessuno poteva
prevederlo, e bisognava contare solo sull'Halbrane per abbandonare
definitivamente quei paraggi.
I diversi lavori ci fecero arrivare fino al 24 gennaio. L'atmosfera
era calma, la temperatura non si abbassava, la colonna termometrica
era anzi salita di due o tre gradi sopra il ghiaccio. Di conseguenza il
numero degli iceberg, un centinaio, provenienti da nord-ovest,
aumentava e la collisione con essi avrebbe potuto avere gravissimi
risultati.
Il mastro calafato Hardie si era messo dapprima a riparare lo
scafo, dove c'erano caviglie da sostituire, corsi da rimpiazzare,
comenti da calafatare. Non gli mancava nulla di ci che quel lavoro
richiedeva ed eravamo sicuri che esso sarebbe stato eseguito in buone
condizioni. Nel silenzio di quelle solitudini ora risuonavano i colpi
del martello che ribatteva i chiodi nel fasciame e i colpi del mazzuolo
che calcava la stoppa nei comenti. A quei rumori si aggiungevano
grida assordanti di gabbiani, codoni, albatri, procellarie che volavano
in cerchio alla sommit dell'iceberg.
Quando mi trovavo solo col capitano Len Guy e Jem West, la
nostra situazione attuale, i mezzi per uscirne, le possibilit di trarci
d'impaccio, costituivano ( logico pensarlo) l'argomento principale
delle nostre conversazioni. Il secondo sperava bene e, a condizione
che nessun altro incidente sopravvenisse, era sicuro che l'operazione
del varo sarebbe riuscita. Il capitano Len Guy, invece, era pi
prudente. Del resto, al pensiero che doveva definitivamente
rinunciare ogni speranza di ritrovare i superstiti della Jane, sentiva
spezzarsi il cuore
E infatti, quando lHalbrane fosse stata pronta a riprendere il
marc', quando Jem West gli avesse chiesto la rotta, come avrebbe
osato rispondere: Rotta al Sud? No, e questa volta non
sarebbe stato seguito n dai novizi n dalla maggior parte degli
anziani dell'equipaggio. Continuare le ricerche in quella direzione,
arrivare fin oltre il polo, senza essere sicuri di raggiungere l'Oceano
Indiano invece dell'Oceano Atlantico, sarebbe stata una temerariet
che nessun navigatore avrebbe potuto permettersi. Se qualche
continente chiudeva il mare da quella parte, la goletta si sarebbe
esposta ad esservi serrata contro dalla massa degli iceberg, e
nell'impossibilit di liberarsi dai ghiacci prima dell'inverno
australe
In tali condizioni tentare di ottenere dal capitano Len Guy di
proseguire la campagna avrebbe significato andare a cercare un
rifiuto. Non era possibile, allorch la necessit imponeva di ritornare
verso il Nord, proporre di attardarsi anche un solo giorno in quella
porzione di Oceano Antartico. Tuttavia, se avevo deciso di non
parlare pi della cosa al capitano Len Guy, non cessavo per mai
(ogni volta che se ne presentava l'occasione) di tastare su quel
punto il nostromo.
Spesso Hurliguerly, finito il suo lavoro, veniva a raggiungermi, e
parlavamo, ritornando col pensiero ai nostri ricordi di viaggio.
Un giorno, mentre eravamo seduti in cima all'iceberg con lo
sguardo fisso su quel deludente orizzonte, egli esclam:
Chi avrebbe mai pensato, signor Jeorling, quando lHalbrane
lasci le Kerguelen, che sei mesi e mezzo dopo, a questa latitudine,
essa sarebbe finita appesa sul fianco di una montagna di ghiaccio!
Il fatto tanto pi triste risposi perch senza questa
catastrofe avremmo raggiunto la nostra meta e avremmo gi ripreso
la via del ritorno.
Non voglio contrariarvi replic il nostromo ma voi dite
che avremmo raggiunto la nostra meta Intendete con ci che i
nostri compatrioti sarebbero stati ritrovati?
Forse, nostromo.
E io non lo credo affatto, signor Jeorling, bench questo fosse
il principale e anzi il solo scopo della nostra navigazione attraverso
l'Oceano Antartico.
Il solo s al principio insinuai. Ma dopo le
rivelazioni del meticcio su Arthur Pym
Ah! ci pensate sempre, signor Jeorling come quel bravo
Dirk Peters?
Sempre, Hurliguerly, ed stato necessario un deplorevole,
imprevisto accidente venuto ad incagliarci quando ormai eravamo in
porto
Vi lascio le vostre illusioni, signor Jeorling, e poich credete di
esservi arenato all'ingresso del porto
E perch no?
Ve lo concedo, ma ad ogni modo un arenamento
straordinario! dichiar il nostromo. Invece di finire su un
onesto bassofondo, andare ad incagliarsi per aria
Perci ho il diritto di dire che una disgraziata circostanza,
Hurliguerly
Disgraziata, certo, e a parer mio ci sarebbe da trarne qualche
avvertimento
Quale?
Che non permesso spingersi cos lontano in queste regioni, e
secondo me il Creatore proibisce alle sue creature di arrampicarsi
fino all'estremit dei poli della terra!
Ad ogni modo questa estremit ora dista solo una sessantina di
miglia
D'accordo, signor Jeorling. Ma queste sessanta miglia come
se fossero un migliaio, quando non si ha nessun mezzo per
superarle E se il varo della goletta non riesce, eccoci condannati a
uno svernamento che non piacerebbe nemmeno agli orsi polari!
Io risposi solo scuotendo la testa, gesto che non ingann
Hurliguerly.
Sapete a che cosa penso spesso, signor Jeorling? mi
domand.
A che cosa, nostromo?
Alle Kerguelen, verso le quali non ci dirigiamo affatto! Certo
durante la cattiva stagione vi fa un bel freddo Non c' molta
differenza tra quell'arcipelago e le isole poste ai confini con l'Oceano
Antartico Ma alla fin fine si abbastanza vicini al Capo, e se
desiderate andarvici a riscaldare i polpacci, non vi banchisa che vi
impedisca il passaggio! Mentre qui, in mezzo ai ghiacci, ci
vorrebbe il diavolo per muoversi, e chiss mai se si trover la porta
aperta
Ve lo ripeto, nostromo, senza questa ultima catastrofe, ora tutto
sarebbe finito in una maniera o nell'altra. Avremmo ancora pi di sei
settimane per uscire dai mari australi. Insomma, raro che una nave
abbia la cattiva sorte che ha avuto la nostra goletta, ed una vera
sfortuna che dopo avere approfittato di circostanze cos felici
Finite, queste circostanze, signor Jeorling esclam
Hurliguerly e temo molto
Come anche voi, nostromo? voi che ho visto cos pieno di
fiducia
La fiducia, signor Jeorling, si logora proprio come il fondo
d'un paio di pantaloni! Cosa volete! Quando mi confronto con il
mio amico Atkins, sistemato nella sua comoda locanda, quando
penso al Cormorano Verde, alla grande sala al pianterreno, ai
tavolini dove si beve whisky e gin con un amico, mentre la stufa
russa pi forte di quel che non geme la banderuola sul tetto ebbene
il confronto non a nostro favore e, a parer mio, padron Atkins ha
forse capito meglio l'esistenza
Eh! lo rivedrete quel bravo Atkins, nostromo, e il Cormorano
Verde e le Kerguelen! Dio buono! non lasciatevi prendere dallo
scoraggiamento! E se voi, uomo di buon senso e deciso,
cominciate a disperare
Oh! se fossi solo io, signor Jeorling, non sarebbe che met del
male!
Forse che l'equipaggio?
S e no rispose Hurliguerly, poich ne conosco
alcuni che non sono affatto soddisfatti.
Hearne ha ricominciato a recriminare e sobilla i suoi
camerati?
Non apertamente almeno, signor Jeorling, e da quando lo
sorveglio non ho n visto n udito nulla. Egli sa, del resto, ci che lo
attende se si prova a muovere un dito. Perci, e credo di non
sbagliarmi, quella volpe ha mutato rotta. Ma ci che non mi
meraviglia di lui, mi stupisce del nostro mastro velaio Martin Holt
Che volete dire, nostromo?
Che sembrano essere entrambi in buoni rapporti!
Osservateli. Hearne cerca Martin Holt, parla spesso con lui, e Martin
Holt non gli fa troppa brutta cera.
Martin Holt, penso, non tipo che ascolti i consigli di Hearne,
risposi o che Io segua se quello tentasse di spingere
l'equipaggio alla rivolta
No, certo, signor Jeorling Con tutto ci non mi piace affatto
vederli insieme Quell'Hearne un individuo pericoloso e senza
coscienza, e Martin Holt non ne diffida abbastanza!
Avete torto, nostromo.
E sentite sapete di che cosa parlavano l'altro giorno, in
una conversazione di cui mi arrivato all'orecchio qualche brano?
Io so le cose solo dopo che voi me le avete dette, Hurliguerly.
Ebbene, mentre chiacchieravano sul ponte dellHalbrane, li ho
uditi parlare di Dirk Peters, e Hearne diceva: Non bisogna avercela
con il meticcio, mastro Holt, per il fatto che non ha mai voluto
rispondere alle vostre proposte di amicizia, n ricevere i vostri
ringraziamenti una specie di selvaggio, ma possiede un grande
coraggio, e lo ha provato salvandovi da una brutta situazione a
rischio della sua vita Inoltre non dimenticate che faceva parte
dell'equipaggio del Grampus di cui vostro fratello Ned, se non mi
sbaglio.
Ha detto questo, nostromo? esclamai. Ha nominato il
Grampus?
S il Grampus. . E Ned Holt?
Precisamente, signor Jeorling!
E che cosa ha risposto Martin Holt?
Ha risposto: Il mio disgraziato fratello non so nemmeno come
sia morto! Durante una rivolta a bordo? Coraggioso com'era,
non deve aver tradito il suo capitano, e forse stato massacrato.
Hearne ha insistito, nostromo?
S aggiungendo: triste per voi, mastro Holt! Il capitano
del Grampus, a quanto mi hanno raccontato, fu abbandonato su una
lancia con due o tre dei suoi uomini chiss che vostro fratello non
fosse con lui.
E poi?
Poi, signor Jeorling, ha aggiunto: Non avete pensato di
chiedere a Dirk Peters delle informazioni?.
"S, una volta" rispose Martin Holt "ho interrogato il meticcio in
proposito, ma non ho visto un uomo tanto sconvolto quando mi
rispose: 'Non so non so' in tono cos sommesso che riuscii a
stento a comprenderlo e poi fuggito nascondendosi la testa fra le
mani"
Questo tutto ci che avete udito di quella conversazione,
nostromo?
Tutto, signor Jeorling, ed perch essa mi sembrata cos
strana che ho voluto mettervene al corrente.
E che cosa ne avete concluso?
Niente, se non che considero il capobarca come un mascalzone
della peggior specie, capace di lavorare in segreto a qualche cattivo
progetto, nel quale vorrebbe associare Martin Holt!
Effettivamente, che cosa significava quel nuovo atteggiamento di
Hearne? Perch cercava di legarsi con Martin Holt, uno dei
migliori dell'equipaggio? Perch gli ricordava in quel modo i fatti
del Grampus? Hearne ne sapeva forse pi degli altri su Dirk Peters
e Ned Holt, su quel segreto di cui il meticcio ed io credevamo di
essere i soli depositari?
Questo mi preoccup seriamente. Tuttavia evitai di parlarne a
Dirk Peters. Se egli avesse potuto sospettare che Hearne parlava di
ci che era accaduto a bordo del Grampus, se egli avesse saputo che
quel mascalzone, come lo chiamava non senza ragione Hurliguerly,
seguitava a parlare a Martin Holt di suo fratello Ned, non so che cosa
sarebbe avvenuto!
Insomma, quali che fossero le intenzioni di Hearne, era spiacevole
che il nostro mastro velaio, sul quale doveva a buon diritto contare il
capitano Len Guy, fosse legato con lui. Il capobarca aveva
certamente le sue ragioni per comportarsi in quel modo Quali
ragioni non potevo indovinarlo. Cos, bench l'equipaggio pareva
avesse abbandonato ogni idea di rivolta, una severa sorveglianza
s'imponeva, soprattutto nei confronti di Hearne.
Del resto quella situazione era alla fine, almeno per ci che
concerneva la goletta.
Due giorni dopo i lavori furono terminati. Si era finito di riparare
lo scafo e di scavare il letto per il varo fino alla base della nostra
montagna galleggiante.
Poich il ghiaccio a quell'epoca si era leggermente ammollato
nello strato superiore, quest'ultimo lavoro era stato compiuto senza
grandi sforzi di pala e di zappa. Lo scavo seguiva in linea obliqua il
fianco ovest dell'iceberg, in maniera da non offrire un'eccessiva
pendenza. Per mezzo di cavi di ritenuta piazzati adeguatamente, lo
slittamento sembrava dovesse effettuarsi senza provocare danni.
Temevo piuttosto che il rialzarsi della temperatura rendesse meno
facile tale slittamento sul fondo del letto.
Naturalmente il carico, l'alberatura, le ancore, le catene niente era
stato rimesso a bordo; dato che lo scafo era gi molto pesante e poco
maneggevole, bisognava alleggerirlo il pi possibile. Quando la
goletta avesse ritrovato il suo elemento, riarmarla sarebbe stata
questione di pochi giorni.
Nel pomeriggio del 28 furono prese le ultime disposizioni. Era
stato necessario puntellare lateralmente il letto in qualche parte dove
la fusione del ghiaccio si accentuava. Poi, a partire dalle quattro di
sera, fu concesso riposo a tutti. Il capitano Len Guy fece allora
distribuire doppia razione agli uomini: essi si meritavano
quell'aumento di whisky e di gin, poich avevano lavorato sodo per
tutta quella settimana.
Ripeto che ogni fermento di indisciplina pareva scomparso, da
quando Hearne non sobillava pi i camerati. L'equipaggio, al
completo si pu dire, si preoccupava solo dell'importante operazione
del varo. LHalbrane in mare voleva dire la partenza il ritorno!
vero che per Dirk Peters come per me era il definitivo abbandono
di Arthur Pym!
La temperatura di quella notte fu una delle pi elevate che
avessimo avuto fino allora. Il termometro segn 53 (11, 67 C sopra
zero). Cos, bench il sole cominciasse ad avvicinarsi all'orizzonte, il
ghiaccio si scioglieva e mille ruscelli scorrevano da tutte le parti.
I pi mattinieri si svegliarono alle quattro, ed io fui tra loro.
Avevo dormito pochissimo, e immagino che Dirk Peters dal canto
suo non avesse potuto trovar sonno al pensiero desolante di tornare
indietro!
L'operazione del varo doveva cominciare alle dieci. Facendo il
calcolo dei possibili ritardi, tenuto conto delle minuziose precauzioni
che bisognava prendere, il capitano Len Guy sperava che essa
sarebbe stata terminata prima che il giorno fosse finito. Tutti erano
certi che, venuta la sera, la goletta fosse perlomeno calata alla base
dell'iceberg.
Naturalmente dovevamo tutti dare una mano alla difficile
manovra. A ciascuno era stato assegnato un posto dove tenersi, gli
uni per facilitare lo slittamento con cilindri di legno, se fosse stato
necessario, gli altri al contrario per frenarlo, qualora la discesa
minacciasse di essere troppo veloce e ci fosse stato bisogno di
ritenere lo scafo per mezzo di cavi predisposti a tale scopo.
Alle nove fu terminata la colazione sotto le tende. I nostri marinai,
sempre fiduciosi, si sentirono in dovere di fare un ultimo brindisi al
successo dell'operazione e noi aggiungemmo i nostri urr un po'
prematuri ai loro. Del resto le precauzioni erano state prese con tanta
avvedutezza dal capitano Len Guy e dal secondo, che il varo
presentava serissime probabilit di riuscita.
Finalmente stavamo per lasciare l'accampamento e raggiungere i
nostri posti, alcuni marinai anzi vi si trovavano gi, quando
risuonarono delle grida di stupore e di spavento
Ah, che atroce spettacolo, e per breve che fu, che indimenticabile
impressione di terrore lasci nei nostri animi!
Uno degli enormi blocchi che formavano la base dell'invasatura in
cui giaceva lHalbrane , perduto l'equilibrio a causa dell'erosione per
lo scioglimento della sua parte inferiore, si era staccato e stava
rotolando con enormi balzi sopra i blocchi del pendio.
Un attimo dopo l goletta, non pi trattenuta, oscillava su tale
pendio
Vi erano a bordo, sul ponte, a prua, due uomini, Rogers e
Gratian Invano quegli infelici vollero saltare di sopra le murate:
non ne ebbero il tempo e furono trascinati nella spaventosa caduta
Si io ho visto tutto ci! ho visto la goletta rovesciarsi,
scivolare prima sul fianco sinistro, schiacciare uno dei novizi che
aveva aspettato troppo a gettarsi di lato, poi rimbalzare di blocco in
blocco e infine precipitare nel vuoto
Un minuto dopo sfondata, sconquassata, con il fasciame aperto,
l'ossatura incrinata, lHalbrane spariva sott'acqua facendo schizzare
un enorme spruzzo alla base dell'iceberg!
CAPITOLO IX
CHE FARE?
INEBETITI S! proprio inebetiti eravamo rimasti, dopo che la
goletta, rotolando come la roccia di una valanga, era scomparsa
nell'abisso! Non rimaneva pi nulla della nostra Halbrane,
neppure un relitto! Un istante prima era a cento piedi per aria, ora
a cinquecento nel profondo del mare! S! eravamo inebetiti e al
punto da non riuscire nemmeno a pensare ai pericoli futuri
inebetiti come persone che non riescono a credere, come si suol dire,
ai propri occhi!
A questo stato tenne dietro la prostrazione, che ne era la naturale
conseguenza. Non ci fu un grido, un gesto. Eravamo immobili, con i
piedi inchiodati al suolo di ghiaccio. Nessuna espressione potrebbe
descrivere l'orrore di quella situazione!
Quanto al secondo Jem West, dopo che la goletta si fu inabissata
nelle acque, vidi una grossa lacrima cadergli dagli occhi.
QuellHalbrane che egli amava tanto ora era annientata! S!
quell'uomo cos energico pianse
Tre dei nostri erano morti e in che modo orrendo Rogers e
Gratian, due dei nostri pi fedeli marinai, li avevo veduti tendere le
braccia disperatamente, poi venire lanciati in aria dai sobbalzi della
goletta e infine inabissarsi con lei! E quell'altro delle Falkland, un
americano, schiacciato al passaggio, e del quale rimaneva solo una
massa informe che giaceva in una pozza di sangue Tre nuove
vittime in dieci giorni, da iscrivere nella necrologia di quella funesta
campagna! Ah! la sorte, che ci aveva favorito fino al momento in
cui lHalbrane era stata strappata al suo elemento, ci colpiva ora con
i colpi pi duri! E, di tutti quest'ultimo non era quello assestato con
maggior violenza, non era quello che avrebbe inferto il colpo
mortale?
Allora il silenzio fu rotto da voci tumultuanti, da grida di
disperazione, giustificate da quell'irrimediabile sciagura! E pi
d'uno si diceva, certamente, che sarebbe stato meglio essere a bordo
dellHalbrane mentre essa rimbalzava gi per il fianco
dell'iceberg! Tutto sarebbe finito, come per Rogers e Gratian!
Quella spedizione insensata avrebbe avuto l'unica conclusione che
meritavano tante temerit e tante imprudenze!
Alla fine l'istinto di conservazione ebbe la meglio e, all'infuori di
Hearne, che in disparte si dava l'aria di tacere, tutti i suoi camerati
esclamarono:
Alla barca alla barca!
Quegli sciagurati non erano pi padroni di loro stessi. Lo spavento
li smarriva. Si slanciarono verso l'anfratto dove la nostra unica
imbarcazione, insufficiente per tutti, era stata messa al riparo dopo lo
scaricamento della goletta.
Il capitano Len Guy e Jem West si gettarono fuori
dell'accampamento.
Io li raggiunsi subito seguito dal nostromo. Eravamo armati e
decisi a fare uso delle armi. Bisognava impedire a quei pazzi di
impadronirsi della barca Essa non era propriet di pochi bens di
tutti!
Qui marinai! grid il capitano Len Guy.
Qui ripet Jem West o faccio fuoco sul primo che far un
passo di pi!
Entrambi li minacciavano con le pistole strette nella mano tesa. Il
nostromo puntava il fucile sopra di loro Io tenevo la carabina,
pronto a imbracciarla
Tutto fu inutile! Quei pazzi non sentivano ragione, non
volevano prestare ascolto e uno di loro, nel momento in cui superava
l'ultimo blocco, cadde colpito dalla pallottola del secondo. Le sue
mani non poterono aggrapparsi al pendio e, scivolando sulla lastra di
ghiaccio, scomparve nell'abisso.
Era dunque l'inizio di un massacro? Altri si sarebbero fatti
uccidere a quel posto? Gli anziani dell'equipaggio si sarebbero
schierati dalla parte dei novizi?
Potei osservare, in quel momento, che Hardie, Martin Holt,
Francis, Burry e Stern, esitavano a mettersi dalla nostra parte, mentre
Hearne, immobile a qualche passo di l, si guardava bene dal dare
alcun incoraggiamento ai rivoltosi.
Ci nonostante non potevamo lasciarli padroni della barca,
padroni di metterla in mare, di imbarcarvisi in dieci o dodici, padroni
infine di abbandonarci su quell'iceberg e nell'impossibilit di
prendere il mare
E siccome essi, all'ultimo stadio del terrore, incoscienti del
pericolo, sordi alle minacce, stavano per raggiungere l'imbarcazione,
un secondo colpo tirato dal nostromo colp uno dei marinai che cadde
morto, col cuore trapassato.
Un americano e un fuegino di meno da calcolare tra i pi decisi
seguaci del capobarca!
Allora, davanti alla barca si erse un uomo.
Era Dirk Peters che si era arrampicato dal pendio opposto.
Il meticcio pose una delle sue enormi mani sulla ruota di prua, e
con l'altra fece segno agli uomini impazziti di allontanarsi.
La presenza di Dirk Peters ci permise di non usare pi le armi,
poich bastava lui solo a difendere l'imbarcazione.
E infatti, siccome cinque o sei marinai si facevano avanti, egli li
affront: afferr il pi vicino per la cintura, lo sollev, lo mand a
rotolare a dieci passi di distanza, e quel disgraziato, non potendo
aggrapparsi a niente, sarebbe finito in mare, se Hearne non fosse
arrivato ad afferrarlo al passaggio.
Erano gi troppi due caduti sotto le pallottole!
Davanti all'intervento del meticcio la rivolta si calm
all'improvviso. Del resto, noi arrivammo in quel momento accanto
alla barca, e con noi quelli dei nostri uomini che erano rientrati in s.
Gi! Ma gli altri ci erano ancora superiori di numero.
Il capitano Len Guy, con gli occhi che gli brillavano per la collera,
apparve, seguito da Jem West, sempre impassibile. Per qualche
momento gli manc la parola, ma i suoi sguardi dicevano tutto quello
che la sua bocca non poteva dire. Finalmente con voce terribile
esclam:
Dovrei trattarvi come malfattori, ma non voglio vedere in voi
che degli sviati! Questa imbarcazione non di nessuno ed di
tutti! ora il nostro unico mezzo di salvezza, e voi avete voluto
rubarlo rubarlo vilmente! Ascoltate bene ci che vi ripeto
un'ultima volta! La barca dellHalbrane lHalbrane stessa! Io
ne sono il capitano, e guai a colui che non mi obbedir!
Pronunciando queste ultime parole il capitano guardava Hearne,
colpito direttamente da questa frase. Per il capobarca non aveva
figurato in quest'ultima scena, almeno apertamente. Con tutto ci
nessuno dubitava pi che egli avesse spinto i suoi camerati ad
impadronirsi dell'imbarcazione e che pensasse di spingerveli ancora.
All'accampamento disse il capitano Len Guy e tu, Dirk
Peters, rimani qua.
Per tutta risposta il meticcio mosse la grossa testa dal basso
all'alto, e si install al suo posto.
L'equipaggio ritorn all'accampamento, senza la minima
resistenza. Gli uni si distesero sulle loro cuccette, gli altri si
sparpagliarono nei dintorni.
Hearne non cerc di raggiungerli, n di avvicinarsi a Martin Holt.
Ora che i marinai erano costretti all'ozio, non rimaneva che da
esaminare la situazione (la quale era molto peggiorata) e da
immaginare i mezzi per uscirne.
Il capitano Len Guy, il secondo e il nostromo si riunirono in
consiglio, ed io mi unii a loro.
Il capitano Len Guy cominci dicendo:
Abbiamo difeso la nostra barca e continueremo a difenderla
Fino alla morte! dichiar Jem West.
Chiss dissi che non siamo ben presto costretti ad
imbarcarci su di essa!
In questo caso riprese il capitano Len Guy siccome tutti
non potrebbero prendervi posto, sarebbe necessario fare una scelta.
Si dovrebbe tirare a sorte quelli destinati a partirete io non chiederei
di essere trattato differentemente dagli altri!
Non siamo ancora a questo punto, diavolo! rispose il
nostromo. L'iceberg solido, e non c' pericolo che si sciolga
prima dell'inverno
No afferm Jem West e non si deve temere questo
Ci che necessario che, sorvegliando la barca, si sorveglino anche
i viveri
una fortuna aggiunse Hurliguerly che abbiamo messo
il carico al sicuro! Povera e cara Halbrane! Essa rester in questi
mari come la Jane sua sorella maggiore!
Si, certo, pensai, ma per cause differenti: l'una distrutta dai
selvaggi di Tsalal, l'altra da una di quelle catastrofi che nessun potere
umano pu prevenire
Hai ragione, Jem riprese il capitano Len Guy e sapremo
impedire ai nostri uomini di abbandonarsi al saccheggio. I viveri ci
sono assicurati per pi di un anno, senza contare i prodotti della
pesca
Ma la sorveglianza tanto pi necessaria, capitano rispose
il nostromo per il fatto che ho gi visto gente intorno ai fusti di
whisky e di gin
Di che cosa non sarebbero capaci questi disgraziati nella pazzia
e nel furore dell'ubriachezza! esclamai.
Prender le misure adeguate replic il secondo.
Ma domandai allora non c' da prevedere di essere
costretti a svernare su questo iceberg?
Che il Cielo ci guardi da una cos terribile eventualit!
replic il capitano Len Guy.
Dopo tutto, se fosse necessario disse il nostromo ce la
caveremmo, signor Jeorling. Scaveremmo dei ripari nel ghiaccio per
poter sopportare i rigori del freddo polare e finch avessimo di che
saziare la fame
In quel momento mi si ripresentarono alla mente le orrende scene
di cui il Grampus era stato teatro, e nelle quali Dirk Peters aveva
ucciso Ned Holt, il fratello del nostro mastro velaio Saremmo mai
giunti, noi, a tali efferatezze?
Frattanto, prima di procedere ai lavori d'installazione per passare
un inverno di sette od otto mesi, non sarebbe stato meglio lasciare
l'iceberg se fosse stato possibile?
Fu su questo che attrassi l'attenzione del capitano Len Guy e di
Jem West.
La risposta a questa domanda era difficile e fu preceduta da un
lungo silenzio.
Finalmente il capitano Len Guy disse:
S! sarebbe la cosa migliore, e se la nostra imbarcazione
potesse contenerci tutti, con le provviste necessarie per un viaggio
della durata di almeno tre o quattro settimane, non esiterei a
riprendere subito il mare per ritornare verso il Nord
Ma feci osservare saremmo obbligati a navigare contro
vento e contro corrente, tanto che anche la nostra goletta vi sarebbe
riuscita a stento mentre continuando verso il Sud
Verso il Sud? ripet il capitano Len Guy, che mi guard
come se avesse voluto leggermi nel pensiero.
Perch no? risposi. Se l'iceberg non fosse stato
arrestato nel suo cammino forse avrebbe derivato fino a qualche terra
in tale direzione, e ci che avrebbe fatto lui non potrebbe farlo la
nostra barca?
Il capitano Len Guy scosse la testa senza rispondere, mentre Jem
West conservava il silenzio.
Eh! il nostro iceberg finir bene per levare l'ancora! ribatt
Hurliguerly. Esso non fissato al fondo come le Falkland o le
Kerguelen! Dunque meglio aspettare, visto che la barca non pu
contenerci tutti e ventitr.
Non necessario imbarcarsi in ventitr insistei.
Basterebbe che cinque o sei di noi andassero in ricognizione al
largo per dodici o quindici miglia dirigendosi verso il Sud
Verso il Sud? ripet il capitano Len Guy.
Certo, capitano aggiunsi. Sicuramente non ignorate che i
geografi ammettono volentieri che le regioni antartiche siano
costituite da una calotta continentale
I geografi non ne sanno niente, e non possono saperne niente
rispose freddamente il secondo.
Perci ribattei un peccato che noi non tentiamo di
risolvere la questione del continente polare, visto che ci troviamo
cos vicini
Non credetti di dover insistere ulteriormente, in quel momento
almeno.
Del resto, il mandare la nostra unica imbarcazione in avanscoperta
presentava dei pericoli, sia nel caso che la corrente la trascinasse
troppo lontano, sia nel caso che essa non ci ritrovasse pi al nostro
posto.
Infatti se l'iceberg fosse riuscito a staccarsi dal fondo, a riprendere
il cammino interrotto, che cosa sarebbe accaduto degli uomini della
barca?
Era una disgrazia che l'imbarcazione fosse troppo piccola per
contenerci tutti con le provviste sufficienti. Ora degli anziani di
bordo restavano dieci uomini, comprendendo Dirk Peters; dei novizi
ne rimanevano tredici, ossia in totale ventitr persone. Ebbene il
massimo che la barca potesse contenere era dalle undici alle dodici
persone. Dunque undici di noi avrebbero dovuto essere abbandonati
su quell'isolotto di ghiaccio quelli che la sorte avrebbe
designato? E quelli che fossero stati lasciati l, che fine avrebbero
fatto? In proposito, per, Hurliguerly fece una riflessione che
meritava di essere meditata:
Dopo tutto disse non so se quelli che si possono
imbarcare siano pi fortunati di quelli che sono costretti a rimanere
qua Ci credo cos poco che, per conto mio, lascerei volentieri il
mio posto a chi lo volesse!
Che il nostromo avesse ragione? Ma, nella mia mente, quando
avevo domandato che la barca fosse utilizzata, ci era solo per
effettuare una ricognizione al largo dell'iceberg. Infine, come
conclusione, si decise di prendere i provvedimenti necessari in vista
di uno svernamento, quandanche la nostra montagna dovesse
riprendere a derivare.
Penso che sar duro far accettare questo ai nostri uomini!
dichiar Hurliguerly.
Sia quello che sia replic il secondo e d oggi, al lavoro!
Triste giornata fu quella, durante la quale furono cominciati i
preparativi.
A dire il vero, vidi solo il cuoco Endicott rassegnarsi senza
recriminazioni. Da negro che si preoccupava poco dell'avvenire,
avendo un carattere leggero, frivolo come tutti quelli della sua razza,
si rassegnava facilmente alla sua sorte e tale rassegnazione forse la
vera filosofia. Del resto, quando si trattava di cucinare, poco gli
importava che ci avvenisse qui o l, dal momento che i suoi fornelli
erano stati messi da qualche parte.
E col suo largo sorriso di moro disse all'amico nostromo:
Per fortuna, la mia cucina non calata a picco con la nostra
goletta, e vedrete, Hurliguerly se non vi far dei buoni piatti come a
bordo dell'Halbrane, finch le provviste non mancheranno,
s'intende!
Eh! Non mancheranno cos presto, mastro Endicott! rispose
il nostromo. Non la fame che dobbiamo temere, ma il freddo
un freddo che riduce allo stato di ghiacciolo se si cessa anche solo un
momento di battere i piedi un freddo che fa crepare la pelle e
scoppiare il cranio! Se almeno avessimo qualche centinaio di
tonnellate di carbone ma, anche a far bene calcoli, vi solo
quello sufficiente a far bollire la marmitta
E quello sacro! esclam Endicott. Guai a chi lo
tocca! La cucina innanzi tutto!
Ecco perch, demonio nero, tu non pensi affatto a
lamentarti! Non sei forse sempre sicuro di scaldarti le zampe al
fuoco del tuo fornello?
Che cosa volete, nostromo, o si mastro cuoco o non lo si
Quando lo si , se ne approfitta, e io sapr ben tenervi un posticino
davanti al mio fornello
Va bene va bene Endicott! Ognuno avr il suo turno
Niente privilegi, nemmeno per un nostromo Ve ne sono solo per
te, col pretesto che sei incaricato di ammannirci un po' di zuppa
tutto sommato, meglio non dover temere la fame Il freddo si pu
combattere e sopportare Scaveremo dei buchi nell'iceberg e vi ci
rannicchieremo E perch non dovremmo abitare in un alloggio
comune una grotta che si fabbricherebbe a colpi di zappa? Ho
udito dire che il ghiaccio conserva il calore Ebbene, che conservi il
nostro, non gli domando altro!
Era venuta l'ora di ritornare all'accampamento e di stendersi sulle
cuccette.
Dirk Peters aveva rifiutato che gli venisse dato il cambio ed era
restato a guardia della barca, senza che nessuno pensasse a
disputargli il posto.
Il capitano Len Guy e Jem West rientrarono sotto le tende solo
dopo essersi assicurati che Hearne e i suoi compagni avevano ripreso
i loro posti abituali.
Rientrai anch'io e mi coricai.
Quanto tempo avessi dormito non avrei potuto dirlo, n che ora
fosse quando rotolai al suolo in seguito a una violenta scossa.
Che cosa accadeva dunque? Un nuovo capovolgimento
dell'iceberg?
In un minuto fummo tutti in piedi e fuori delle tende nel pieno
chiarore della notte polare.
Un'altra montagna galleggiante, di enormi dimensioni, aveva
urtato il nostro iceberg, che aveva levato l'ancora come dicono i
marinai, e ora andava alla deriva verso il Sud.
CAPITOLO X
ALLUCINAZIONI
UN CAMBIAMENTO insperato si era prodotto nella situazione! Quali
sarebbero state le conseguenze di non essere pi inchiodati a quel
posto? Dopo essere stati immobilizzati pressappoco al punto
d'intersezione del 39 meridiano e dell'89 parallelo, ecco che la
corrente ci trascinava in direzione del polo Cos, al primo senso di
gioia tennero dietro tutti gli spaventi dell'ignoto, e quale ignoto!
Solo Dirk Peters, forse, si rallegrava in pieno al pensiero di avere
ripreso la rotta, lungo la quale gli si intestardiva a ritrovare le tracce
del suo povero Pym! Ma quali idee diverse passavano per la mente
dei suoi compagni!
Infatti il capitano Len Guy non aveva pi alcuna speranza di
ritrovare i suoi compatrioti. Che William Guy e i suoi cinque marinai
avessero abbandonato l'isola Tsalal da meno di otto mesi non vi era
alcun dubbio ma dove si erano rifugiati? In trentacinque giorni
noi avevamo superato una distanza di circa quattrocento miglia senza
avere scoperto niente. Quand'anche essi avessero raggiunto quel
continente polare al quale il mio compatriota Maury nelle sue
ingegnose ipotesi attribuisce la larghezza di un migliaio di leghe,
quale parte di tale continente avremmo scelto noi per teatro delle
nostre ricerche? E d'altro canto, se un mare che bagna
quest'estremit dell'asse terrestre i superstiti della Jane non potevano
forse, a quest'ora, essere stati inghiottiti in quegli abissi che una
crosta di ghiaccio stava per ricoprire?
Dunque, perduta ogni speranza, il dovere avrebbe imposto al
capitano Len Guy di ricondurre il suo equipaggio verso il Nord per
varcare il circolo antartico finch la stagione lo permetteva, e invece
eravamo trascinati verso il Sud
Dopo il primo movimento di cui ho parlato, al pensiero che la
deriva trascinava l'iceberg in quella direzione lo spavento non tard a
regnare di nuovo.
E si voglia tener ben conto di questo: che, se anche non eravamo
pi incagliati, ci nonostante dovevamo rassegnarci a un lungo
svernamento, rinunciare alla speranza di incontrare una delle
baleniere dedite alla pesca fra le Orkney, la Nuova Georgia e le
Sandwich.
In seguito alla collisione che aveva rimesso a galla il nostro
iceberg, numerosi oggetti erano stati precipitati in mare, le petriere
dell'Halbrane, le sue ancore, le sue catene, una parte dell'alberatura e
delle antenne. Ma, per quanto riguardava il carico, grazie alla
precauzione di immagazzinarlo presa il giorno prima, le perdite,
dopo aver fatto un inventario, poterono essere considerate
insignificanti. Che cosa sarebbe accaduto di noi se tutte le nostre
provviste fossero andate perdute in quella collisione?
Il capitano Len Guy, dai rilevamenti ottenuti nella mattinata,
concluse che la nostra montagna scendeva verso sud-est. Quindi non
si era verificato nessun cambiamento circa la direzione della
corrente. Infatti, le altre montagne mobili avevano continuato a
procedere in quel senso, ed era una di esse che ci aveva urtato sul
fianco orientale. Ora i due iceberg ne formavano uno solo, che si
spostava con una velocit di due miglia all'ora.
Ci che meritava riflessione era la persistenza di quella corrente,
la quale dalla banchisa trascinava le acque di quel mare libero verso
il polo australe. Se, conforme all'opinione di Maury, esisteva un
vasto continente antartico, tale corrente lo aggirava oppure il
continente, separato in due parti da un grande stretto, offriva un
passaggio alle masse liquide e anche alle masse galleggianti che
quelle trascinavano in superficie?
A parer mio, non avremmo tardato molto a sapere di che si
trattava. Avanzando alla velocit di due miglia, sarebbero bastate
trenta ore per raggiungere l'estremit dell'asse terrestre in cui
vengono a incontrarsi i meridiani del globo.
Quanto a questa corrente, che essa passasse per il polo stesso o
che l si trovasse una terra sulla quale avremmo potuto sbarcare, era
un'altra questione.
E siccome parlavo di questo con il nostromo, egli mi rispose:
Che volete, signor Jeorling, se la corrente passa per il polo, ci
passeremo, se invece non vi passa, non ci passeremo! Non siamo
pi padroni di andare dove vogliamo Un banco di ghiaccio non
una nave, e siccome non ha n vele n timone, va dove la deriva lo
porta!
Ne convengo, Hurliguerly. Perci pensavo che imbarcandoci in
due o tre nella barca!
Sempre questa idea! Ci tenete alla vostra barca!
Certo, perch infine se c' una terra da qualche parte non
impossibile che gli uomini della Jane
L'abbiano raggiunta, signor Jeorling a quattrocento miglia
dall'isola Tsalal?
Chiss, nostromo?
D'accordo, ma permettetemi di dirvi che questi ragionamenti
saranno appropriati quando la terra si mostrer, se si mostrer. Il
nostro capitano vedr ci che converr fare, non dimenticando che il
tempo stringe. Non possiamo fermarci in questi paraggi e, dopo tutto,
che ci importa se l'iceberg non ci porta n dalla parte delle Falkland
n da quella delle Kerguelen, se possiamo uscire da un'altra?
L'essenziale di avere superato il circolo polare prima che l'inverno
l'abbia reso insuperabile!
Devo convenire che era il buon senso in persona che dettava tali
parole a Hurliguerly.
Mentre si eseguivano i preparativi in base agli ordini del capitano
Len Guy e sotto la sorveglianza del secondo, io salii pi volte sulla
cima dell'iceberg. L, seduto sulla punta pi elevata con il
cannocchiale agli occhi, continuavo a scrutare l'orizzonte. Di tanto in
tanto la sua linea circolare si interrompeva al passaggio di una
montagna galleggiante o si nascondeva dietro qualche velo di nebbia.
Dal posto che occupavo, a un'altezza di centocinquanta piedi
sopra il livello del mare, stimavo che il mio sguardo si spingesse fino
a dodici miglia. Fino allora nessun contorno lontano si era disegnato
sullo sfondo del cielo.
Due volte il capitano Len Guy si arrampic fino alla cima per
prendere l'altezza.
Quel giorno, 30 gennaio, il risultato delle osservazioni fu il
seguente:

Longitudine: 67 19' ovest.
Latitudine: 89 21' sud.

Vi erano due conclusioni da trarre dai dati di questa osservazione.
L prima era che dall'ultimo rilevamento della nostra posizione in
longitudine la corrente ci aveva spinti circa 24 gradi a sud-est.
La seconda era che l'iceberg si trovava a non pi di una quarantina
di miglia dal polo australe.
Durante quella giornata la maggior parte del carico fu trasportata
nell'interno di una larga anfrattuosit che il nostromo aveva scoperto
nel fianco orientale dove anche in caso di una nuova collisione casse
e barili sarebbero stati al sicuro. Per il fornello della cucina gli
uomini aiutarono Endicott a installarlo fra due blocchi, in modo che
rimanesse fissato saldamente e vi ammucchiarono accanto alcune
tonnellate di carbone.
Questi vari lavori furono eseguiti senza provocare nessuna
recriminazione, alcun mormorio. Evidentemente il silenzio osservato
dall'equipaggio era voluto. Se ubbidiva al capitano Len Guy e al
secondo era perch non gli si ordinava niente che non fosse da fare e
senza ritardo. Ora, col tempo lo scoraggiamento non avrebbe finito
col riassalire i nostri uomini? Anche se l'autorit dei loro capi non
era stata ancora contestata, non avrebbe forse potuto esserlo nel giro
di alcuni giorni? Si sarebbe potuto contare sul nostromo
naturalmente, su mastro Hardie, se non su Martin Holt, o forse su due
o tre degli anziani Gli altri, e soprattutto i novizi delle Falkland
che non vedevano pi fine a quella disastrosa campagna, avrebbero
resistito al desiderio di impadronirsi della barca e di fuggire?
A parer mio, tuttavia, questa eventualit non era da temersi finch
il nostro iceberg fosse andato alla deriva, poich l'imbarcazione non
avrebbe potuto superarlo in velocit. Ma se esso si fosse incagliato
una seconda volta, se fosse andato a urtare contro il litorale di un
continente o di un'isola, che cosa non avrebbero fatto quei disgraziati
per sottrarsi agli orrori di uno svernamento?
Questo fu l'argomento della nostra conversazione al pranzo di
mezzogiorno. Il capitano Len Guy e Jem West condivisero l'opinione
che nessun tentativo sarebbe stato fatto dal capobarca e dai suoi
compagni, finch la montagna galleggiante avesse continuato a
spostarsi. Ci nonostante era necessario che la sorveglianza non
cessasse un solo momento. Hearne ispirava una troppo giusta
diffidenza per non essere tenuto continuamente sotto controllo.
Nel pomeriggio, durante l'ora di riposo concessa all'equipaggio,
ebbi una nuova conversazione con Dirk Peters.
Avevo ripreso il mio posto consueto in cima all'iceberg, mentre il
capitano Len Guy e il secondo erano scesi alla sua base per rilevare
dei punti di riscontro alla linea di galleggiamento. Due volte ogni
ventiquattro ore si dovevano esaminare tali punti per stabilire se il
pescaggio aumentava o diminuiva, cio se un innalzamento del
centro di gravit non minacciava di provocare qualche nuovo
rovesciamento.
Me ne stavo seduto da una mezz'ora quando scorsi il meticcio che
saliva il pendio con passo rapido.
Veniva anch'egli ad osservare l'orizzonte fino alla sua linea pi
lontana, con la speranza di scorgere una terra? O, cosa che mi
pareva pi probabile, desiderava comunicarmi un progetto che
riguardava Arthur Pym?
Da quando l'iceberg si era rimesso in movimento, avevo
scambiato con lui si e no tre o quattro parole.
Allorch il meticcio arriv vicino a me, si ferm, volse lo sguardo
al mare circostante, vi cerc quello che anch'io vi cercavo, e quello
che io non avevo trovato anch'egli non lo trov
Passarono due o tre minuti prima che egli mi rivolgesse la parola,
e la sua preoccupazione era tale che mi chiedevo se mi avesse
veramente visto
Finalmente si appoggi a un blocco, ed io immaginai che volesse
parlarmi di quello di cui mi parlava sempre: non fu cos.
Signor Jeorling mi disse vi ricordate nella vostra
cabina dellHalbrane vi ho narrato la faccenda la faccenda del
Grampus
Se me ne ricordavo! Niente di ci che mi aveva raccontato di
quella spaventosa scena, di cui egli era stato il principale attore, era
uscito dalla mia memoria.
Ve l'ho detto continu Parker non si chiamava Parker
Si chiamava Ned Holt Era il fratello di Martin Holt
Lo so, Dirk Peters risposi. Ma perch tornare su questo
triste argomento?
Perch, signor Jeorling? Voi non ne avete mai parlato con
nessuno vero?
Con nessuno! affermai. Come avrei potuto essere tanto
sprovveduto, tanto imprudente da svelare il vostro segreto un
segreto che non deve mai uscire dalle nostre labbra un segreto
morto dentro di noi?
Morto s morto! mormor il meticcio. Eppure
capite mi sembra che nell'equipaggio si sappia si deve
sapere qualche cosa
Immediatamente collegai a questa frase ci che mi aveva detto il
nostromo a proposito di una conversazione sorpresa da lui, e nella
quale Hearne incitava Martin Holt a domandare al meticcio come
fosse morto suo fratello a bordo del Grampus. Che parte di quel
segreto fosse trapelata, o quell'apprensione non esisteva che
nell'immaginazione di Dirk Peters?
Spiegatevi dissi.
Capite, signor Jeorling io non so affatto esprimermi S
ieri ho continuato a pensarci dopo Ieri Martin Holt mi ha preso
da parte lontano dagli altri e mi ha detto che voleva parlarmi
Del Grampus?
Del Grampus s e di suo fratello Ned Holt! Per la prima
volta ha pronunciato questo nome davanti a me il nome di
quello che eppure fra poco sono tre mesi che navighiamo
insieme
La voce del meticcio era cos alterata che la intendevo appena.
Capite riprese mi sembrato che nel pensiero di
Martin Holt no! non mi sono sbagliato c'era una specie di
sospetto
Ma parlate dunque, Dirk Peters! esclamai. Che cosa vi
ha domandato Martin Holt?
Capivo benissimo che la domanda di Martin Holt era stata
suggerita da Hearne. Ci nonostante, ritenendo che il meticcio non
dovesse saper niente dell'intromissione del capobarca, tanto
preoccupante quanto inesplicabile, mi decisi a non rivelargliela.
Che cosa mi ha domandato, signor Jeorling? rispose.
Mi ha chiesto se mi ricordavo di Ned Holt, del Grampus se era
morto nella lotta contro i rivoltosi, o nel naufragio se era uno di
quelli che erano stati abbandonati in mare col capitano Barnard
infine se potevo dirgli come fosse morto suo fratello Ah!
come come
Con quale orrore il meticcio pronunciava quelle parole, che
attestavano un profondo disgusto di se stesso!
E che cosa avete risposto a Martin Holt, Dirk Peters?
Niente niente!
Bisognava dichiarare che Ned Holt era morto nel naufragio del
brick
Non ho potuto capite non ho potuto I due fratelli si
assomigliano tanto! In Martin Holt ho creduto di vedere Ned
Holt! Ho avuto paura sono fuggito
Il meticcio con un brusco movimento si era rialzato, ed io con la
testa fra le mani mi posi a riflettere Non dubitavo che queste
tardive domande di Martin Holt su suo fratello fossero state fatte
dietro istigazione di Hearne Era dunque alle Falkland che il
capobarca aveva scoperto il segreto di Dirk Peters di cui io non
avevo fatto parola con nessuno?
Insomma, a cosa mirava Hearne spingendo Martin Holt ad
interrogare il meticcio? Quale scopo aveva? Voleva soddisfare
unicamente il suo odio contro Dirk Peters, il solo dei marinai
falklandesi che si era sempre schierato dalla parte del capitano Len
Guy, che aveva impedito ai suoi compagni e a lui di impadronirsi
della barca? Sobillando Martin Holt sperava di staccare il mastro
velaio, di convincerlo a unirsi ai suoi complici? E di fatto, se si
fosse trattato di dirigere l'imbarcazione in quei paraggi, egli non
avrebbe avuto bisogno di Martin Holt, che era uno dei migliori
marinai dell'Halbrane e che sarebbe stato capace di riuscire l dove
Hearne e i suoi avrebbero fallito, se si fossero trovati soli?
Si pu vedere a quale concatenazione di ipotesi si abbandonava il
mio animo e quali complicazioni venivano ad aggiungersi a una
situazione gi tanto complicata.
Quando rialzai gli occhi, Dirk Peters non era pi accanto a me.
Era scomparso senza che me ne fossi accorto, dopo avermi detto ci
che mi voleva dire e al tempo stesso dopo essersi assicurato che non
avevo tradito il suo segreto. Poich l'ora avanzava, gettai un ultimo
sguardo all'orizzonte e scesi profondamente turbato e divorato, come
sempre, dall'impazienza di arrivare al domani.
Venuta la sera si presero le solite precauzioni e nessuno ebbe il
permesso di restare fuori dell'accampamento, nessuno, all'infuori del
meticcio che rimase a guardia della barca.
Ero talmente stanco sia moralmente sia fisicamente che il sonno
mi prese e mi addormentai accanto al capitano Len Guy, mentre il
secondo faceva la guardia fuori, poi accanto al secondo quando
questi era stato sostituito dal capitano.
Il giorno dopo, 31 gennaio, di buon'ora, sollevai il telo della nostra
tenda
Quale disappunto!
Dappertutto nebbie, e non quelle che si dissolvono ai primi raggi
del sole e che scompaiono sotto l'azione delle correnti
atmosferiche No! una nebbia giallastra, dall'odore di muffa, come
se quel gennaio antartico fosse stato il brumaio dell'emisfero
settentrionale. Inoltre, osservammo un notevole abbassamento di
temperatura, sintomo forse precursore dell'inverno australe. Dal cielo
caliginoso stillavano grosse bollicine di vapore tra le quali la cima
della nostra montagna di ghiaccio si perdeva. Era una nebbia che non
si sarebbe risolta in pioggia, una specie di bambagia applicata
sull'orizzonte
Contrattempo fastidioso mi disse il nostromo poich se
passeremo al largo di una terra, non potremo vederla!
E la nostra deriva? domandai.
pi forte di ieri, signor Jeorling. Il capitano ha fatto gettare lo
scandaglio, e crede che la velocit non sia inferiore alle tre o quattro
miglia.
Ebbene, che cosa ne concludete, Hurliguerly?
Ne concludo che dobbiamo trovarci in un mare ristretto, poich
la corrente vi acquista tanta forza Non mi meraviglierei che
avessimo la terra a dritta e a sinistra, a dieci o quindici miglia
Sarebbe dunque un largo stretto che taglierebbe il continente
antartico?
S perlomeno il capitano lo pensa.
E, pensando cos, Hurliguerly, non tenter di sbarcare sull'una
o l'altra riva di questo stretto?
E come?
Con la barca
Arrischiare la barca in mezzo a queste nebbie! esclam il
nostromo, incrociando le braccia. Ci pensate, signor Jeorling?
Forse che possiamo gettare l'ancora per aspettarla? No, vero? e ci
sarebbero tutte le probabilit di non rivederla mai pi! Ah! se
avessimo l'Halbranel
Ahim! non avevamo pi l'Halbrane!
Nonostante le difficolt che presentava l'ascensione, attraverso
quei vapori mezzo condensati, salii in cima all'iceberg. Chiss che
uno squarcio nella nebbia non mi permettesse di vedere delle terre a
est o a ovest?
Come fui in cima alla punta, tentai invano di bucare con lo
sguardo l'impenetrabile manto grigiastro che ricopriva quei paraggi.
Stavo l, schiaffeggiato dal vento di nord-est, che tendeva a
rinfrescare e che forse avrebbe squarciato quelle nebbie
Intanto nuovi vapori si accumulavano spinti dall'enorme
ventilazione proveniente dal mare libero. Sotto la duplice azione
delle correnti atmosferiche e marine, andavamo alla deriva con una
velocit sempre maggiore, ed io sentivo come un fremito
nell'iceberg
Fu allora che mi trovai sotto il dominio di una specie di
allucinazione, una di quelle strane allucinazioni che avevano dovuto
turbare l'animo di Arthur Pym Mi sembr di fondermi con la sua
straordinaria personalit! Credevo di vedere finalmente ci che
egli aveva visto! Quella nebbia impenetrabile era la cortina di
vapori tesa all'orizzonte davanti ai suoi occhi di pazzo Vi cercavo
le striature di raggi luminosi che solcavano il cielo da levante a
ponente! Vi cercavo il soprannaturale bagliore alla sua sommit!
Vi cercavo quei lampi aerei cos come il bagliore delle acque
illuminate dalle luci del fondo dell'oceano! Vi cercavo la cateratta
senza fine, che cadeva silenziosa dall'alto di qualche gigantesco
spalto perduto nelle profondit dello zenit! Vi cercavo gli enormi
squarci, dietro i quali si agitava una ridda di immagini fuggevoli e
indistinte, sotto venti possenti e impetuosi! Vi cercavo la
gigantesca figura bianca, il gigante del polo!
Finalmente la ragione riprese il predominio. Quel turbamento di
visionario, quello smarrimento spinto sino alla stravaganza svan a
poco a poco e ridiscesi all'accampamento.
La giornata trascorse tutta in queste condizioni. Non una volta la
cortina si apr davanti ai nostri occhi, e se l'iceberg, che si era
spostato di una quarantina di miglia dal giorno precedente, era
passato all'estremit dell'asse terrestre, non avremmo mai potuto
saperlo!
12


12
Ventotto anni dopo, ci che il signor Jeorling non aveva potuto nemmeno
intravvedere, lo aveva visto un altro, un altro aveva posto il piede su questo punto
del globo il 21 marzo 1868. La stagione era pi inoltrata di sette settimane, e
l'impronta dell'inverno australe si stampava gi su quelle regioni desolate che ben
presto sarebbero state nascoste da sei mesi di tenebre. Ma ci importava poco allo
straordinario navigatore che ricordiamo qui. Con la sua meravigliosa nave
sottomarina egli poteva sfidare il freddo e le tempeste. Dopo aver varcato la
banchisa, essere passato sotto la superficie ghiacciata dell'Oceano Antartico, era
potuto arrivare fino al 90 grado di latitudine. L, la sua lancia lo depose su un
terreno vulcanico, cosparso di frammenti di rocce basaltiche, di scorie, di ceneri, di
lave, di rocce nerastre. Su quel litorale pullulavano gli anfibi, foche e trichechi. Nel
cielo volavano innumerevoli stormi di trampolieri, alcioni, gigantesche procellarie,
mentre i pinguini si schieravano in file statuarie. Poi, passando attraverso i detriti
morenici e di pietra pomice, quel misterioso personaggio scal i ripidi fianchi di un
picco per met di porfido e per met di basalto, posto esattamente al polo australe.
E nel momento in cui l'orizzonte a nord tagliava in due parti uguali il disco solare,
prendeva possesso di quel continente in nome di se stesso e vi spiegava una
bandiera al centro della quale era ricamata in oro una N. Al largo galleggiava una
nave sottomarina che si chiamava Nautilus il cui comandante era il capitano Nemo.
(Nota di Jules Verne)
CAPITOLO XI
IN MEZZO ALLE NEBBIE
EBBENE, signor Jeorling mi chiese il nostromo l'indomani,
quando ci ritrovammo l'uno di fronte all'altro bisogna mettersi in
lutto!
Metterci in lutto, Hurliguerly, e perch?
Per il polo sud, di cui non abbiamo nemmeno scorto la punta!
S e che deve essere ora a una ventina di miglia dietro di
noi
Che volete, il vento deve aver soffiato su quella lampada
australe, ed essa era spenta al momento in cui noi siamo passati
Ecco un'occasione che non incontreremo facilmente un'altra
volta, immagino
Appunto, signor Jeorling, e possiamo rinunciare per sempre a
sentirci girare fra le dita la punta del girarrosto della Terra!
Un felice paragone, nostromo.
E a quello che ho detto aggiungo che il nostro veicolo di
ghiaccio ci porta all'inferno, e non certo nella direzione del
Cormorano Verde! Andiamo andiamo campagna inutile,
campagna fallita e che non verr ricominciata tanto presto Ad
ogni modo, campagna da finire e senza tirare in lungo per la strada,
poich l'inverno non tarder a mostrare il suo naso rosso, le sue
labbra screpolate, e le sue mani rovinate dai geloni! Campagna
nella quale il capitano Len Guy non ha ritrovato suo fratello, n i
nostri compatrioti, n Dirk Peters il suo povero Pym!
Tutto questo era vero, ed era il riassunto delle nostre sventure,
delle nostre disgrazie, delle nostre disillusioni! Per non parlare
dell'Halbrane distrutta, questa spedizione aveva fatto gi nove
vittime. Da trentadue che si erano imbarcati sulla goletta eravamo
rimasti in ventitr, e a quale cifra ci saremmo ridotti ancora?
Infatti dal polo australe al circolo antartico ci sono una ventina di
gradi, ossia milleduecento miglia marine che sarebbe stato necessario
superare in un mese o sei settimane al massimo altrimenti la banchisa
si sarebbe formata e chiusa un'altra volta! Quanto a uno
svernamento in quella parte dell'Antartide, nessuno di noi avrebbe
potuto sopravvivervi.
D'altra parte, avevamo perduto ogni speranza di raccogliere i
superstiti della Jane, e l'equipaggio non formulava che un voto:
attraversare il pi rapidamente possibile quelle spaventose solitudini.
Fino al polo la nostra deriva era stata verso il Sud, ora invece era
passata al Nord, e purch persistesse, forse saremmo stati favoriti da
un po' di buona sorte che avrebbe dovuto compensarne tanta cattiva!
In ogni modo, per usare un'espressione del linguaggio familiare,
non c'era che da lasciarsi andare.
Che cosa importava che i mari verso i quali si dirigeva il nostro
iceberg non fossero pi quelli dell'Atlantico meridionale, ma quelli
dell'Oceano Pacifico; che le terre pi vicine, invece delle South
Orkney, delle Sandwich, delle Falkland, del capo Horn, delle
Kerguelen, fossero l'Australia e la Nuova Zelanda? Hurliguerly
aveva perci ragione di dire, con suo vivo dispiacere, che non era
dall'amico Atkins e nella sala al pianterreno del Cormorano Verde
che avrebbe bevuto il bicchiere del ritorno!
Dopo tutto, signor Jeorling mi ripeteva vi sono ottime
locande anche a Melbourne, a Hobart-Town, a Dunedin Tutto sta
nell'arrivare a buon porto!
La nebbia non si era alzata durante le giornate del 2, 3 e 4
febbraio, e quindi sarebbe stato difficile calcolare lo spostamento del
nostro iceberg da quando aveva oltrepassato il polo. Tuttavia il
capitano Len Guy e Jem West credevano di poterlo stimare in
duecentocinquanta miglia.
Infatti la corrente non sembrava aver diminuito velocit, n
cambiato direzione. Che ci trovassimo in un braccio di mare fra le
due parti di un continente, l'una a est, l'altra a ovest, che formavano il
vasto territorio dell'Antartide, sembrava cosa certa. Perci mi
dispiacque molto non poter prendere terra da una parte o dall'altra di
quel largo stretto, di cui l'inverno non avrebbe tardato a solidificare
la superficie!
Quando ne parlai col capitano Len Guy, egli mi diede la sola
risposta logica:
Che volete, signor Jeorling, siamo impotenti, non c' niente da
fare, e riconosco bene la malasorte che ci perseguita da qualche
tempo precisamente nella persistenza di queste nebbie Non so pi
dove siamo impossibile prendere l'altezza, e questo nel momento
in cui il sole sta per scomparire per lunghi mesi
Torno sempre alla barca dissi un'ultima volta. Con la
barca non si potrebbe?
Andare alla scoperta! Ci pensate? Sarebbe un'imprudenza
che non commetterei e che l'equipaggio non mi farebbe
commettere.
Fui sul punto di esclamare:
E se vostro fratello William Guy, se i vostri compatrioti si sono
rifugiati su un punto di questa terra?
Ma mi trattenni. Perch rinnovare il dolore del nostro capitano?
Questa possibilit egli aveva dovuto pensarla, e se aveva rinunciato a
proseguire le sue ricerche era perch si era reso conto dell'inutilit
come dell'inanit di un ultimo tentativo.
Dopo tutto, e questo gli lasciava ancora una vaga speranza, forse
aveva fatto questo ragionamento, che meritava una certa attenzione:
Quando William Guy ed i suoi avevano lasciato l'isola Tsalal, era
cominciata la stagione estiva. Davanti a loro si apriva il mare libero,
attraversato da quelle stesse correnti di sud-est delle quali noi
avevamo subito l'azione, prima con lHalbrane , e poi con l'iceberg.
Oltre alle correnti, essi avevano dovuto essere stati favoriti, come lo
eravamo stati noi, da brezze permanenti di nordest. Da ci la
conclusione, che il loro canotto, a meno che non fosse affondato in
un accidente di mare, doveva aver seguito una direzione analoga alla
nostra e, attraverso quel grande stretto, essere giunto in quei paraggi.
E allora, era forse illogico supporre che, avendo su di noi un
vantaggio di parecchi mesi; la loro imbarcazione, dopo essere risalita
al Nord, avere superato il mare libero, varcato la banchisa, fosse
riuscita a oltrepassare il circolo polare antartico, infine che William
Guy e i suoi compagni avessero incontrato qualche nave che li avesse
gi rimpatriati?,..
Anche supponendo che il nostro capitano avesse fatto questa
ipotesi, che, lo confesso, presupponeva un bel po' di buona sorte
{troppa, anzi!), egli non me ne aveva mai parlato. Forse, dal
momento che l'uomo ama conservare le sue illusioni, temeva che gli
venissero mostrati i lati deboli di quel ragionamento?
Un giorno parlai di ci a Jem West.
Il secondo, poco facile ad abbandonarsi all'immaginazione, rifiut
di uniformarsi al mio parere. L'idea di pretendere che, se non
avevamo ancora ritrovato gli uomini della Jane, era perch essi
avevano lasciato quei paraggi prima del nostro arrivo, perch erano
gi ritornati nelle acque del Pacifico; non poteva entrare in una mente
positiva come la sua.
Quanto al nostromo, quando richiamai la sua attenzione su questa
possibilit, rispose:
Voi sapete, signor Jeorling, tutto pu capitare o perlomeno si
suol dire cos! Eppure, che il capitano William Guy e i suoi uomini
stiano, ora come ora, bevendo un buon bicchiere di acquavite, di gin
o di whisky in uno dei bar del vecchio o del nuovo mondo no!
no! impossibile quanto lo per noi l'essere seduti tutti e due
domani a un tavolo del Cormorano Verde!
Durante quei tre giorni di nebbia non avevo mai veduto Dirk
Peters, o piuttosto egli non aveva affatto cercato di avvicinarsi a me,
ed era ostinatamente rimasto al suo posto, vicino all'imbarcazione. Le
domande di Martin Holt circa suo fratello Ned sembravano indicare
che il suo segreto era conosciuto, almeno in parte. Perci egli si
teneva pi che mai in disparte, dormendo nelle ore di veglia,
vegliando nelle ore di riposo. Io mi domandavo se non rimpiangeva
di essersi confidato con me, se non riteneva di avere suscitato la mia
ripugnanza In realt non era cos, e io provavo per il povero
meticcio una profonda piet!
Non saprei dire come ci parvero tristi, monotone, interminabili le
ore che trascorsero in mezzo a quella nebbia il cui fitto velo neppure
il vento arrivava a dissipare. Anche con la pi minuziosa attenzione
non si riusciva a riconoscere, non importa a quale ora, il posto
occupato dal sole sopra l'orizzonte, sul quale il cammino a spirale
dell'astro lo abbassava a poco a poco. Non era dunque possibile
rilevare la posizione dell'iceberg in longitudine e in latitudine. Che
esso derivasse sempre, verso sud-est, meglio verso nord-ovest, dopo
che aveva oltrepassato il polo, era probabile ma non sicuro. Animato
dalla stessa velocit della corrente, come avrebbe potuto il capitano
Len Guy determinare il suo spostamento, quando i vapori
impedivano di prendere dei punti di riscontro? Se anch'esso fosse
stato immobile, la cosa non avrebbe avuto per noi una differenza
apprezzabile, poich il vento era calato (perlomeno lo supponevamo)
e neppure un soffio si faceva sentire. La fiamma di un fanale, esposta
all'aria, non si muoveva. Grida di uccelli, specie di deboli
gracchiamenti attraverso l'atmosfera ovattata di nebbie, erano le sole
interruzioni di quell'immenso silenzio. Stormi di procellarie e di
albatri rasentavano la cima sulla quale stavo in osservazione. In quale
direzione fuggivano quei veloci volatori che l'avvicinarsi dell'inverno
cacciava gi forse verso i confini dell'Antartide?
Un giorno il nostromo che, per vederli, era salito fin sulla cima
non senza rischio di rompersi il collo, fu urtato cos violentemente al
petto da un robusto quebranta huesos (specie di procellaria
gigantesca, con una dozzina di piedi d'apertura d'ali) da cadere
all'indietro.
Maledetta bestia! mi disse, quando fu sceso
all'accampamento l'ho scampata bella! All'improvviso paf!
le quattro zampe all'aria, come un cavallo che si dibatta sulla
schiena! Mi sono attaccato dove ho potuto ma vedevo gi il
momento in cui le mie mani avrebbero mollato tutto! Spigoli di
ghiaccio, sapete, sono roba che vi scivola tra le dita, come l'acqua!
Cos gli ho gridato, a quell'uccello: Non puoi badare a dove
vai?. Non mi ha nemmeno chiesto scusa, la bestiaccia!
Il fatto era che il nostromo aveva rischiato di cadere di blocco in
blocco fino al mare.
Nel pomeriggio di quel giorno le nostre orecchie furono
atrocemente assordate da certi ragli che salivano dal basso. Come
fece osservare Hurliguerly, dal momento che non erano asini a
emettere quei ragli, erano certamente pinguini. Fino allora quegli
innumerevoli ospiti delle regioni polari non avevano creduto di
accompagnarci sul nostro isolotto mobile, e quando la vista poteva
spingersi al largo non ne avevamo visto nemmeno uno, n sulla base
dell'iceberg, n sui ghiacci alla deriva. Ora non c'era dubbio che ve
ne fossero l a centinaia o a migliaia, poich il concerto si accentuava
con un'intensit che provava il numero degli esecutori.
Ora, questi volatili prediligono insediarsi o sui litorali periferici
dei continenti e delle isole di quelle elevate latitudini, o sugli icefield
ad essi vicini. La loro presenza non indicava forse la vicinanza di una
terra?
Lo so, eravamo in una disposizione di spirito tale da attaccarci alla
pi piccola speranza, come l'uomo in pericolo di annegare si
aggrappa a una tavola, la tavola della salvezza! E quante volte essa
affonda o si spezza nel momento in cui l'infelice sta per afferrarla!
Non era forse questa la sorte che ci attendeva sotto quel terribile
clima?
Domandai al capitano Len Guy che conseguenze traeva dalla
presenza di quegli uccelli.
Ci che ne pensate voi, signor Jeorling mi rispose. Da
quando siamo in deriva nessuno di essi aveva ancora cercato riparo
sull'iceberg, ed ora eccoli in massa, a giudicare dalle loro grida
assordanti. Da dove sono venuti? Senza dubbio da una terra alla
quale siamo forse abbastanza vicini
E questo anche il parere del secondo? domandai.
S, signor Jeorling, e sapete bene se uomo da basarsi su
chimere!
No, certamente!
E poi vi un'altra cosa che lo ha colpito come ha colpito me, e
che sembra non avere attratto la vostra attenzione
Di che cosa si tratta?
Di questi muggiti che si mescolano ai ragli dei pinguini
Tendete l'orecchio e non tarderete a sentirli.
Ascoltai e mi resi conto che l'orchestra era pi completa di quanto
avessi supposto.
Effettivamente dissi li sento questi muggiti
lamentosi Vi sono dunque anche delle foche o dei trichechi
certo, signor Jeorling, e ne deduco che questi animali, uccelli
e mammiferi, molto rari dalla nostra partenza dall'isola Tsalal,
frequentano questi paraggi dove le correnti ci hanno trasportato. Mi
sembra che questa affermazione non sia azzardata
Per nulla, capitano, come non lo l'ammettere l'esistenza di
una terra vicina. S! Che fatalit essere avvolti da questa nebbia
impenetrabile, che non permette di vedere un quarto di miglio al
largo!
E che ci impedisce anche di scendere fino alla base
dell'iceberg! aggiunse il capitano Len Guy. L senza dubbio
avremmo potuto vedere se le acque trasportano salpe, laminarie,
fuchi, il che ci darebbe un nuovo indizio Avete ragione una
fatalit!
Perch non tentare, capitano?
No, signor Jeorling, sarebbe esporsi a cadute, e io non
permetter a nessuno di lasciare l'accampamento. Dopo tutto se la
terra l, penso che il nostro iceberg non tarder a toccarla
E se non lo fa? replicai.
Se non lo fa lui, come potremmo farlo noi?
E la barca pensavo bisogner pur decidersi a utilizzarla Ma
il capitano Len Guy preferiva aspettare, e chiss se, nelle circostanze
in cui ci trovavamo, quella non era in realt la decisione pi savia?
Quanto allo scendere fino alla base dell'iceberg, la verit che
non ci sarebbe stato nulla di pi pericoloso dell'azzardarsi alla cieca
gi, lungo quei pendii sdrucciolevoli. Il pi abile dell'equipaggio, il
pi robusto, lo stesso Dirk Peters, non vi sarebbe potuto riuscire
senza andare incontro a qualche grave accidente. Quella funesta
campagna aveva fatto gi troppe vittime, e non volevamo aumentarne
il numero.
Non saprei dare un'idea esatta di quell'accumulati di vapori che si
fecero anche pi spessi durante la sera. Alle cinque divenne
impossibile distinguere a pochi passi di distanza dal piano in cui
erano state erette le tende. Bisognava toccarsi con la mano per
assicurarsi di essere l'uno vicino all'altro. Parlarsi non avrebbe
giovato a niente, poich anche la portata della voce era limitata come
quella della vista, in mezzo a quell'ambiente ovattato. Un fanale
acceso lasciava vedere solo una specie di lucignolo giallastro, senza
poter rischiarare. Le grida arrivavano all'orecchio indebolite e solo i
pinguini gridavano tanto da farsi sentire
Non era il caso, lo noto, qui, di confondere quella nebbia con il
frost-rime, il fumo gelato che avevamo osservato in precedenza. Del
resto, questo frost-rime che esige una temperatura abbastanza alta, si
tiene ordinariamente al livello del mare e si alza a un centinaio di
piedi solo sotto l'azione di una forte brezza. Ora la nebbia superava di
molto quest'altezza, e ritengo che non si sarebbe potuto liberarsene se
non dominando l'iceberg di una cinquantina di tese.
Verso le otto di sera le nebbie semicondensate erano talmente
compatte che facevano resistenza al cammino. Sembrava che la
composizione dell'aria si fosse modificata come se stesse per passare
allo stato solido. E involontariamente pensavo alle stranezze
dell'isola Tsalal, a quell'acqua bizzarra le cui molecole obbedivano a
una coesione particolare
Non era possibile riconoscere se quella nebbia aveva una qualche
azione sulla bussola. Sapevo, grosso modo, che il fatto era stato
studiato dai meteorologi e che essi si credono in diritto di affermare
che tale azione non ha alcuna influenza sull'ago calamitato.
Aggiungo che da quando ci eravamo lasciati indietro il polo sud,
non si poteva pi accordare alcuna fiducia alle indicazioni della
bussola il cui ago impazziva nelle vicinanze del polo magnetico
verso il quale era indubbio che stavamo andando. Dunque niente
permetteva di determinare la direzione dell'iceberg.
Alle nove di sera, quei paraggi furono immersi in una oscurit
piuttosto profonda, bench il sole a quell'epoca non calasse ancora
sotto l'orizzonte.
Il capitano Len Guy, volendo accertarsi che gli uomini erano
entrati all'accampamento e prevenire cos qualunque imprudenza da
parte loro, fece l'appello.
Ognuno, dopo aver risposto al suo nome, venne a prendere posto
sotto le tende, dove i fanali appena visibili non davano che
pochissima luce.
Il meticcio fu il solo a non rispondere quando il suo nome fu
pronunciato, e poi gridato a pi riprese dalla voce sonora del
nostromo.
Hurliguerly aspett qualche minuto
Dirk Peters non comparve.
Era probabile che fosse rimasto vicino alla barca, per ci era
inutile, poich l'imbarcazione non rischiava di essere portata via con
quel tempo nebbioso.
Nessuno ha veduto Dirk Peters durante la giornata?
domand il capitano Len Guy.
Nessuno rispose il nostromo.
Nemmeno al pasto di mezzogiorno?
Nemmeno, capitano, eppure non doveva pi avere provviste.
Che gli sia accaduta qualche disgrazia?
Non temete! esclam il nostromo. Qui, Dirk Peters nel
suo elemento, e in mezzo alle nebbie non deve trovarsi in imbarazzo
pi di un orso polare! Si gi cavato d'impaccio una volta se la
caver una seconda!
Lasciai dire Hurliguerly, sapendo bene perch il meticcio si
teneva in disparte.
In tutti i casi, dal momento che Dirk Peters si ostinava a non
rispondere, e le grida del nostromo dovevano certamente essere
arrivate fino a lui, era impossibile mettersi alla sua ricerca.
Quella notte ne ho la convinzione nessuno, tranne forse
Endicott, pot dormire. Si soffocava sotto le tende, dove mancava
l'ossigeno. E poi tutti, pi o meno, eravamo sotto il dominio di una
impressione particolare, in preda a una specie di bizzarro
presentimento, come se la nostra situazione stesse per modificarsi in
meglio o in peggio, ammettendo che avesse potuto peggiorare.
La notte pass senza allarmi e alle sei del mattino ognuno usc
fuori a respirare un'aria pi salubre.
Medesima situazione meteorologica del giorno prima, con nebbie
di una straordinaria densit. Si constat che il barometro era salito
troppo in fretta, vero, perch quel rialzo fosse attendibile. La
colonna di mercurio segnava 30 pollici e 2 decimi (767 millimetri), il
massimo raggiunto da quando l'Halbrane aveva varcato il circolo
polare antartico.
Anche altri indizi comparivano, dei quali dovevamo tener conto.
Il vento che rinfrescava (vento del Sud, da quando avevamo
oltrepassato il polo australe) non tard a cambiarsi in forte brezza,
una brezza da due mani di terzaruoli come dicono i marinai. I rumori
intorno a noi si udivano pi distintamente attraverso lo spazio
spazzato dalle correnti atmosferiche.
Verso le nove l'iceberg si liber ad un tratto dal suo cappello di
vapori.
Indescrivibile cambiamento di scena che una bacchetta magica
non avrebbe potuto compiere in minor tempo e con pi successo!
In pochi attimi il cielo fu libero fino agli estremi limiti
dell'orizzonte, e il mare riapparve illuminato dai raggi obliqui del
sole, il quale ormai lo dominava solo di qualche grado. Ondate
violente si frangevano contro la base del nostro iceberg coprendola di
schiuma bianca e la montagna galleggiante, insieme con molte altre,
continuava a derivare sotto la duplice azione del vento e della
corrente dirigendosi verso est-nord-est.
Terra!
Questo grido venne gettato dalla cima dell'isolotto galleggiante e
ai nostri occhi apparve Dirk Peters, in piedi sul blocco pi alto, con
la mano tesa verso il Nord.
Il meticcio non s'ingannava. La terra, questa volta si era la terra,
che ergeva a tre o quattro miglia di distanza le sue lontane vette,
d'una tinta nerastra.
E allorch fu fissato il punto ottenuto con una doppia osservazione
alle dieci e a mezzogiorno, esso diede:

Latitudine: 86 12' sud.
Longitudine: 112 17'est.

L'iceberg si trovava a circa 4 oltre il polo antartico, e dalle
longitudini occidentali che la nostra goletta aveva seguito dietro
l'itinerario della Jane, eravamo passati alle longitudini orientali.


CAPITOLO XII
ACCAMPAMENTO
UN PO' dopo mezzogiorno quella terra si trovava a un solo miglio.
Il problema era ora di sapere se la corrente non ci avrebbe trascinato
oltre.
Devo confessarlo, se avessimo potuto scegliere fra l'accostarsi a
quel litorale o il continuare il nostro cammino, non so che cosa
avremmo preferito.
Ne parlavo con il capitano Len Guy e il secondo, allorch Jem
West mi interruppe dicendo:
Vi domando a che scopo discutere questa eventualit, signor
Jeorling
Certo, a che scopo, dal momento che non possiamo intervenire
in nessun modo aggiunse il capitano Len Guy. possibile che
l'iceberg vada a finire contro quella costa, ma anche possibile che le
giri intorno, se si mantiene nella corrente.
Giusto ripresi ma non per questo la mia domanda viene a
cadere. Il nostro vantaggio sar di sbarcare o di rimanere?
Di rimanere rispose Jem West.
Infatti se la lancia avesse potuto condurci tutti, con le provviste
per una navigazione di cinque o sei settimane, non avremmo esitato a
salirvi, per spingerci, grazie al vento del Sud, attraverso il mare
libero. Ma, dato che essa era sufficiente per undici o dodici uomini al
massimo, sarebbe stato necessario estrarli a sorte. E quelli che essa
non avrebbe portato con s non sarebbero stati condannati a morire di
freddo, se non di fame, su quella terra che l'inverno non avrebbe
tardato a coprire dei suoi rigori e dei suoi ghiacci?
Ora, se l'iceberg continuava a derivare in quella direzione, si
sarebbe coperta, dopo tutto, gran parte della nostra rotta in condizioni
accettabili. Il nostro veicolo di ghiaccio, vero, poteva venirci a
mancare, incagliarsi di nuovo, capovolgersi anche o cadere in
qualche controcorrente che avrebbe potuto gettarlo fuori
dell'itinerario, mentre la barca stringendo il vento, quando questo
fosse divenuto contrario, ci avrebbe potuto condurre alla meta se le
tempeste non l'avessero assalita e se la banchisa le avesse presentato
un passaggio
Ma come aveva detto Jem West, c'era motivo per discutere di
quella possibilit?
Dopo il pranzo l'equipaggio si rec verso il blocco pi alto su cui
si trovava Dirk Peters. Al nostro avvicinarsi il meticcio discese per il
pendio opposto e quando arrivai alla cima non potei vederlo.
Ci trovavamo tutti lass, tutti meno Endicott, che non intendeva
abbandonare il suo fornello.
La terra avvistata a nord disegnava su un decimo dell'orizzonte il
suo litorale frastagliato da spiagge, rotto da baie, dentellato da punte,
i suoi sfondi delimitati dal profilo piuttosto accidentato di colline alte
e poco lontane. L, c'era dunque un continente, o almeno un'isola, la
cui estensione doveva essere considerevole.
Dalla parte est quella terra si prolungava a perdita d'occhio, e
sembrava che da quella parte non avesse fine.
Verso ovest essa terminava in una punta piuttosto aguzza,
sormontata da un'altura il cui profilo rappresentava un'enorme testa
di foca. Al di l pareva che ci fosse una grande distesa di mare.
Tutti ci rendemmo conto della situazione. Accostarsi a quella terra
dipendeva dalla corrente, solo da essa: o avrebbe spinto l'iceberg
verso un gorgo che a sua volta Io avrebbe buttato in costa, o avrebbe
continuato a trascinarlo verso il Nord.
Qual era l'ipotesi pi ammissibile?
Il capitano Len Guy, il secondo, il nostromo ed io avevamo
ripreso a parlarne, mentre l'equipaggio, in gruppi, scambiava le sue
idee in proposito. In fin dei conti la corrente tendeva piuttosto a
portare verso il Nord-Est di quella terra.
Dopotutto ci disse il capitano Len Guy se abitabile
durante i mesi d'estate, non sembra per possedere abitanti poich
non si scorge nessun essere umano sul litorale.
Consideriamo, capitano risposi che l'iceberg non pu
richiamare l'attenzione come lo avrebbe fatto la nostra goletta!
Evidentemente, signor Jeorling, e lHalbrane avrebbe gi
attirato degli indigeni se ve ne fossero!
Capitano, non bisogna concludere dal fatto che non ne
vediamo
Certo, signor Jeorling replic il capitano. Len Guy. Per
converrete che l'aspetto di questa terra non quello dell'isola Tsalal
all'epoca in cui la Jane vi approd. Allora vi si notavano colline
verdeggianti, folte foreste, alberi in piena fioritura, vasti pascoli e
qui, a prima vista, non vi che desolazione e sterilit!
D'accordo, tutta questa terra non che sterilit e
desolazione! Ci nonostante, vi chieder: avete intenzione di
sbarcarvi, capitano?
Con la barca?
Con la barca, qualora la corrente allontanasse da essa il nostro
iceberg.
Non abbiamo un'ora da perdere signor Jeorling e qualche
giorno di sosta potrebbe condannarci a un duro svernamento se
arriviamo troppo tardi per varcare i passaggi della banchisa
E, data la sua lontananza, non siamo affatto in anticipo fece
osservare Jem West.
D'accordo risposi insistendo. Ma allontanarci da questa
terra senza avervi messo piede, senza esserci accertati che essa non
abbia conservato le tracce d'un accampamento, se vostro fratello,
capitano i suoi compagni
Il capitano Len Guy, ascoltandomi, scuoteva la testa. Non era
l'apparizione di quella costa arida, di quei lunghi pianori sterili, di
quelle colline scheletrite, di quel litorale profilato da rocce nerastre a
potergli rendere la speranza Come avrebbero dei naufraghi trovato
da vivervi per qualche mese?
D'altra parte, avevamo innalzato la bandiera britannica, che la
brezza spiegava alla sommit dell'iceberg. Se William Guy avesse
potuto vederla, si sarebbe gi precipitato verso la riva.
Nessuno Nessuno!
In quel momento Jem West, che aveva rilevato alcuni punti di
riscontro, disse:
Pazientiamo prima di prendere una decisione. In meno di
un'ora avremo una risposta precisa in proposito. Il nostro cammino
mi pare essersi rallentato, ed possibile che un risucchio ci porti
obliquamente verso la costa
Lo credo anch'io dichiar il nostromo e se il nostro
veicolo galleggiante non si ancora fermato ci manca poco! Si
direbbe che giri su se stesso
Jem West e Hurliguerly non si sbagliavano. Per una ragione o per
un'altra, l'iceberg tendeva uscire dalla corrente che aveva
costantemente seguito. Un moto di rotazione era successo al
movimento di deriva, grazie all'azione di un risucchio che portava
verso il litorale.
Inoltre, alcune montagne di ghiaccio davanti a noi si erano
appunto incagliate sui bassi fondali della riva.
Dunque, era inutile discutere se fosse il caso o meno di mettere la
barca in mare.
A mano a mano che ci avvicinavamo, la desolazione di quella
terra si andava accentuando, e la prospettiva di passarvi sei mesi di
svernamento avrebbe terrorizzato gli spiriti pi decisi.
In breve, verso le cinque del pomeriggio l'iceberg penetr in una
profonda spaccatura della costa terminata sulla destra da una lunga
punta contro la quale esso non tard a fermarsi.
A terra! A terra!
Questo grido sfugg da tutte le bocche.
L'equipaggio stava gi precipitandosi gi per i fianchi dell'iceberg,
quando Jem West ordin:
Aspettate l'ordine!
Ci fu qualche esitazione, soprattutto da parte di Hearne e di
diversi suoi compagni. Poi l'istinto della disciplina la vinse e
finalmente tutti vennero a schierarsi intorno al capitano Len Guy.
Non fu necessario mettere la barca in mare, dal momento che
l'iceberg era in contatto con la punta.
Il capitano Len Guy, il nostromo e io, precedendo gli altri, fummo
i primi a lasciare l'accampamento e il nostro piede calpest quella
nuova terra, vergine senza dubbio di qualunque orma umana
Il suolo vulcanico era disseminato di resti pietrosi, di pezzi di
lava, di ossidiane, di pietre pomici, di scorie. Al di l della cintura
sabbiosa della spiaggia, andava salendo verso la base di alte ed aspre
colline che fungevano da sfondo a un mezzo miglio circa dal litorale.
Ci parve opportuno raggiungere una di quelle colline alte circa
120 piedi. Dalla sua cima lo sguardo poteva abbracciare un largo
spazio in tutte le direzioni sia di terra, sia di mare.
Fu necessario camminare per una ventina di minuti su un terreno
accidentato e tormentato, privo di vegetazione. Niente rammentava le
fertili praterie dell'isola Tsalal, prima che il terremoto l'avesse
sconvolta, n le foreste fitte di cui parla Arthur Pym, n i ruscelli
dalle acque strane, n le scarpate di terra saponosa, n gli
agglomerati di steatite, dove veniva scavato il labirinto geroglificato.
Dappertutto rocce di origine ignea, lave indurite, scorie polverose,
ceneri grigiastre e nemmeno quella terra vegetale che sarebbe stata
necessaria alle piante rustiche meno esigenti.
Non fu senza difficolt e senza rischi che il capitano Len Guy, il
nostromo e io arrivammo a scalare la collina, il che ci prese un'ora
buona. Bench fosse scesa la sera, essa non portava con s nessuna
oscurit, poich il sole non scompariva dietro l'orizzonte
dell'Antartide.
Dalla sommit della collina la vista si stendeva fino a trenta-
trentacinque miglia, ed ecco ci che apparve ai nostri occhi.
Lontano, in fondo, si stendeva il mare libero, sul quale
galleggiavano numerosi iceberg: alcuni di questi, venutisi ad
ammassare di recente sul litorale, rendevano la costa quasi
inavvicinabile.
A ovest si vedeva una terra molto accidentata, che sembrava
estendersi all'infinito e che era bagnata a est da un mare sconfinato.
Sarebbe stato impossibile stabilire se ci trovavamo su una grande
isola o sul continente antartico.
vero che il capitano Len Guy, scrutando verso est con maggiore
attenzione mediante il suo cannocchiale da marina, credette di
scorgere qualche vago contorno che sfumava tra le leggere nebbie del
largo.
Guardate disse.
Il nostromo ed io prendemmo a nostra volta lo strumento e
guardammo con cura.
Mi sembra proprio disse Hurliguerly che l vi sia
un'apparenza di costa
Pare anche a me risposi.
dunque proprio uno stretto quello attraverso il quale ci ha
portato la deriva concluse il capitano Len Guy.
Uno stretto aggiunse il nostromo che la corrente percorre
da nord a sud e poi da sud a nord.
Allora questo stretto taglierebbe in due il continente polare?
domandai.
Nessun dubbio in proposito rispose il capitano Len Guy.
Ah, se avessimo la nostra Halbrane! esclam Hurliguerly.
S a bordo della goletta (e anche su quell'iceberg ora incagliato in
costa come una nave disalberata) avremmo potuto risalire ancora
qualche centinaio di miglia forse fino alla banchisa forse fino al
circolo antartico forse fino alle terre limitrofe! Ma possedevamo
solo una fragile imbarcazione in grado di contenere appena una
dozzina d'uomini e noi eravamo ventitr!
Non rimaneva che da ridiscendere verso la riva, raggiungere il
nostro accampamento, trasportare le tende sul litorale, prendere tutte
le precauzioni imposteci dalle circostanze in vista di uno
svernamento.
Naturalmente il terreno non portava impronte di passi umani, n
indizi di essere abitato. Potevamo ormai affermare che i superstiti
della Jane non avevano messo piede su quella terra, su quella
regione inesplorata come la qualificavano le carte pi moderne.
Aggiunger: n essi, n alcun altro, e non era certo su quella costa
che Dirk Peters avrebbe ritrovato le tracce di Arthur Pym!
E ci appariva anche dalla tranquillit che dimostravano i soli
esseri viventi di quella regione che non erano affatto spaventati dalla
nostra presenza. Le foche e i trichechi non si tuffavano sott'acqua, le
procellarie e i cormorani non fuggivano ad ali spiegate, i pinguini se
ne rimanevano in file immobili, vedendo in noi senza dubbio dei
volatili di una specie particolare. S! era proprio la prima volta che
l'uomo appariva ai loro sguardi, e ci provava che essi non
abbandonavano mai quella terra per avventurarsi a latitudini pi
basse.
Tornati alla riva il nostromo scopr, non senza una certa
soddisfazione, parecchie caverne spaziose scavate nelle scogliere
granitiche, alcune grandi abbastanza per alloggiarci tutti, altre per
ospitare il carico dellHalbrane . Qualunque fosse la decisione che
avremmo preso in seguito, per il momento la cosa migliore da fare
era immagazzinarvi il nostro materiale e procedere a una prima
istallazione.
Dopo aver risalito i fianchi dell'iceberg fino all'accampamento, il
capitano Len Guy ordin ai suoi uomini di riunirsi. Neppure uno
manc, tranne Dirk Peters che aveva rotto decisamente ogni rapporto
con l'equipaggio. Per quanto lo riguardava, ad ogni modo, non c'era
da avere alcun timore n sul suo stato mentale, n sul suo
atteggiamento in caso di ribellione: sarebbe stato tra i fedeli contro i
rivoltosi e in qualunque circostanza avremmo potuto contare su di
lui.
Allorch il cerchio fu formato, il capitano Len Guy parl, senza
lasciar vedere nessun sintomo di scoraggiamento. Rivolgendosi ai
suoi compagni espose loro la situazione fino all'ultima virgola, si
pu dire. Parl della necessit, che s'imponeva prima di tutto, di
portare il carico a terra, e di sistemare una delle caverne del litorale.
Riguardo al problema del nutrimento dichiar che i viveri, farina,
carne conservata, legumi secchi, sarebbero bastati per tutta la durata
dell'inverno, per quanto lungo e rigido esso avesse potuto essere.
Circa il problema del combustibile, dichiar che il carbone non
sarebbe mancato, a condizione di non sciuparlo, e risparmiarlo
sarebbe stato possibile poich sotto il tappeto di neve e di ghiaccio
gli svernatori possono sfidare i grandi freddi della zona polare.
Su tali due problemi il capitano Len Guy diede dunque delle
risposte che bandirono ogni preoccupazione. La sua sicurezza era
forse fittizia? Non lo credetti, tanto pi che Jem West approv
quelle affermazioni.
Restava un terzo problema, e grosso, di pro e contro, fatto apposta
per provocare il dissenso e le ire dell'equipaggio, problema che fu
sollevato dal capobarca.
Si trattava, infatti, di decidere in che modo sarebbe stata utilizzata
l'unica imbarcazione di cui potevamo disporre. Conveniva
conservarla per i bisogni dello svernamento, o servirsene per
ritornare verso la banchisa?
Il capitano Len Guy non volle pronunciarsi. Domand solo che la
decisione fosse rimandata di ventiquattro o quarantotto ore. Non
bisognava dimenticare che la barca, carica delle provviste necessarie
per una traversata abbastanza lunga, non poteva contenere che undici
o dodici uomini. Bisognava dunque procedere all'installazione di
quelli che sarebbero rimasti su quella costa, se si fosse effettuata la
partenza della barca, e in tal caso i suoi passeggeri sarebbero stati
estratti a sorte.
Il capitano Len Guy allora dichiar che n Jem West, n il
nostromo, n io, n lui avremmo preteso un trattamento di privilegio
e che avremmo accettato la legge comune. I due mastri
dell'Halbrane, Martin Holt e Hardie, erano perfettamente capaci,
tanto l'uno che l'altro, di condurre la barca fino alle zone di pesca,
che i pescatori di balene forse non avevano ancora lasciato.
Del resto, quelli che fossero partiti non avrebbero dimenticato
quelli che lasciavano a svernare all'86 parallelo e al ritorno della
stagione estiva avrebbero mandato una nave a raccogliere i
compagni
Tutto questo fu detto, lo ripeto, in tono calmo e fermo. Devo
rendergli giustizia: il capitano Len Guy si trasformava davanti alla
gravit delle circostanze.
Quando ebbe terminato (senza essere stato interrotto nemmeno da
Hearne) nessuno fece udire la minima osservazione. E a che
proposito se ne sarebbero fatte, poich, se ne fosse stato il caso, ci si
sarebbe rimessi alla sorte in condizioni di perfetta uguaglianza?
Venuta l'ora del riposo, ognuno rientr nell'accampamento, prese
la sua parte di cena preparata da Endicott e si addorment per
l'ultima notte sotto le tende.
Dirk Peters non era ricomparso e invano tentai di raggiungerlo.
L'indomani, 7 febbraio, ci rimettemmo coraggiosamente al lavoro.
Il tempo era bello, la brezza leggera, il cielo un po' nebbioso, la
temperatura sopportabile, 46 (7, 78 C sopra zero).
Prima di tutto la barca venne calata ai piedi dell'iceberg con tutte
le precauzioni che l'operazione esigeva. Poi gli uomini la alarono in
secca su una piccola spiaggia sabbiosa al riparo dalla risacca. Poich
essa era in ottime condizioni si poteva star certi che avrebbe svolto
uh buon servizio.
Quindi il nostromo si occup del carico e del materiale
proveniente dallHalbrane : mobili, letti, vele, vestiti, strumenti,
utensili. In una caverna tali oggetti non sarebbero pi stati esposti a
un capovolgimento o al frantumamento dell'iceberg. Le casse di
carne conservata, i sacchi di farina e di legumi, i fusti di vino, di
whisky, di gin e di birra, calati mediante paranchi dal lato della punta
dell'iceberg che si prolungava a oriente della baia, furono trasportati
sul litorale.
Io, come il capitano Len Guy e il secondo, ci eravamo messi a
nostra volta al lavoro, poich queste operazioni erano importanti e
non ammettevano alcun ritardo.
Devo notare che Dirk Peters quel giorno venne a dare il proprio
aiuto, ma non rivolse la parola a nessuno.
Aveva rinunciato o no alla speranza di ritrovare Arthur Pym?
Non sapevo che cosa pensare.
L'8, il 9 e il 10 febbraio ci occupammo dell'installazione che fu
completata nel pomeriggio di quell'ultimo giorno. Il carico era stato
sistemato all'interno d'una larga grotta alla quale si accedeva per una
stretta apertura. Essa confinava con quella che noi dovevamo abitare,
e nella quale, dietro consiglio del nostromo, Endicott pose la cucina.
In quella maniera avremmo approfittato del calore del fornello che
sarebbe servito alla cottura degli alimenti e a riscaldare la caverna
durante le lunghe giornate o piuttosto la lunga notte dell'inverno
australe.
Gi fin dalla sera dell'8 avevamo preso possesso di quella caverna
dalle pareti secche, dal tappeto di sabbia sottile, rischiarata
sufficientemente dal suo ingresso.
Situata vicino a una sorgente, l dove la punta si univa al litorale,
la sua posizione doveva ripararla dalle terribili bufere, dalle tormente
di neve della brutta stagione. Di capacit maggiore che non quella
offerta dai locali della tuga e del posto equipaggio della goletta,
aveva potuto accogliere, oltre ai letti, diversi mobili: tavole, armadi,
seggiole, tutto il mobilio necessario per alcuni mesi di svernamento.
Mentre si lavorava a quell'installazione non sorpresi nulla di
sospetto nell'atteggiamento di Hearne e dei falklandesi. Tutti diedero
prova di disciplina e dimostrarono una lodevole attivit. Ci
nonostante, si continu a lasciare il meticcio a guardia della barca, di
cui sarebbe stato facile impadronirsi sulla spiaggia.
Hurliguerly, che sorvegliava in modo particolare il capobarca e i
suoi compagni, pareva pi rassicurato circa i loro attuali propositi.
In ogni caso non bisognava tardare a prendere una decisione circa
la partenza (se questa doveva aver luogo) di coloro che sarebbero
stati designati dalla sorte. Infatti, eravamo al 10 febbraio. Ancora un
mese o al massimo sei settimane e la stagione della pesca sarebbe
terminata nei mari vicini al circolo antartico. Ora dunque, se non
avesse incontrato le baleniere, anche ammettendo che avesse
felicemente superato la banchisa e il circolo polare, la nostra barca
non avrebbe certo potuto affrontare il Pacifico fino alle coste
dell'Australia o della Nuova Zelanda.
Quella sera, dopo aver riunito tutti gli uomini, il capitano Len Guy
dichiar che la questione sarebbe stata discussa l'indomani,
aggiungendo che se fosse stata decisa in maniera affermativa, si
sarebbe fatta immediatamente l'estrazione a sorte.
La proposta non ebbe alcuna risposta, e a parer mio vi sarebbero
state serie discussioni solo per decidere se la partenza si sarebbe
effettuata o no.
Era tardi. Una semioscurit regnava fuori, poich a quell'epoca il
sole era ormai basso sulla linea dell'orizzonte, sotto il quale sarebbe
ben presto scomparso.
Mi ero gettato interamente vestito sulla mia cuccetta e dormivo da
parecchie ore quando fui destato da alcune grida scoppiate a poca
distanza.
Mi alzai d'un balzo e mi slanciai fuori della caverna
contemporaneamente al secondo e al capitano Len Guy, svegliati
anch'essi dal loro sonno.
La barca la barca! esclam a un tratto Jem West.
La barca non era pi al suo posto, nel luogo dove la custodiva
Dirk Peters.
Dopo averla messa in mare, tre uomini vi si erano imbarcati con
alcuni fusti e alcune casse, mentre altri dieci cercavano di sopraffare
il meticcio.
Fra quelli c'era Hearne e anche Martin Holt che, a quanto mi
sembr, non cercava di intervenire.
Cos dunque quei miserabili volevano impadronirsi
dell'imbarcazione, e partire prima dell'estrazione a sorte! Volevano
abbandonarci!
Infatti erano riusciti a sorprendere Dirk Peters e lo avrebbero
ucciso, se egli non avesse difeso la sua vita in una lotta terribile.
Davanti a quella rivolta, conoscendo la nostra inferiorit di
numero, non sapendo se poteva contare su tutti gli anziani di bordo,
il capitano Len Guy e il secondo rientrarono nella caverna per
prendervi delle armi al fine di ridurre all'impotenza Hearne e i suoi
complici che erano armati.
Stavo per fare come loro, quando alcune parole m'inchiodarono di
colpo al mio posto.
Il meticcio, vinto dal numero, era stato infine gettato a terra. Ma in
quel momento, mentre Martin Holt, per riconoscenza verso l'uomo
che gli aveva salvato la vita, si slanciava al suo soccorso, Hearne gli
grid:
Lascialo dunque e vieni con noi! Il mastro velaio parve
esitare.
S lascialo riprese Hearne lascia Dirk Peters che
l'assassino di tuo fratello Ned!
L'assassino di mio fratello! esclam Martin Holt.
Tuo fratello ucciso a bordo del Grampus.
Ucciso da Dirk Peters!
S! Ucciso e mangiato mangiato mangiato!
ripet Hearne che urlava, pi che pronunciare, quelle orribili parole.
E ad un suo segno due dei suoi compagni s'impadronirono di
Martin Holt e lo trasportarono nell'imbarcazione pronta a partire.
Hearne vi si precipit dopo di lui, con tutti coloro che aveva
chiamato con s in quell'abominevole azione.
In quel momento Dirk Peters si rialz di scatto, si slanci su uno
dei falklandesi nel momento in cui quello stava per scavalcare il capo
di banda della barca, lo sollev a forza di braccia e facendoselo
roteare sopra la testa, gli spezz il cranio contro una roccia
Risuon un colpo di pistola Il meticcio, colpito alla spalla dal
proiettile di Hearne, cadde sulla spiaggia, mentre l'imbarcazione
veniva vigorosamente spinta al largo.
Il capitano Len Guy e Jem West, usciti allora dalla caverna (tutta
la scena era durata s e no quaranta secondi), accorsero sulla punta
insieme con il nostromo, mastro Hardie e i marinai Francis e Stern.
La barca, trascinata dalla corrente, era gi a una lunghezza di
cavo, favorita dalla marea che calava rapidamente.
Jem West imbracci il fucile, fece fuoco e uno dei marinai cadde
sul fondo dell'imbarcazione.
Un secondo colpo, tirato dal capitano Len Guy, sfior il petto del
capobarca e il proiettile and a perdersi contro i blocchi, nel
momento in cui la barca spariva dietro l'iceberg.
Non rimaneva che da precipitarsi sull'altro lato della punta, al
quale la corrente avrebbe avvicinato quei miserabili prima di
trascinarli verso il Nord Se fossero passati a portata di fucile, se
una seconda fucilata avesse colpito il capobarca una volta, che egli
fosse morto o ferito, forse i suoi compagni avrebbero deciso di
ritornare
Pass un quarto d'ora
Allorch l'imbarcazione si mostr dall'altra parte della punta, era a
una tale distanza che le nostre armi non avrebbero potuto
raggiungerla.
Hearne aveva gi fatto issare la vela e la barca, spinta dalla
corrente e dalla brezza, fu ben presto un punto bianco che non tard a
scomparire.
CAPITOLO XIII
DIRK PETERS IN MARE
IL PROBLEMA dello svernamento era ormai risolto. Dei trentatr
uomini imbarcati sullHalbrane alla sua partenza dalle Falkland, su
quella terra ne erano arrivati ventitr, e di costoro tredici erano
fuggiti per raggiungere le zone di pesca al di l della banchisa E
non era la sorte che li aveva scelti! No! Per sfuggire agli orrori
di uno svernamento essi avevano, vilmente disertato!
Disgraziatamente Hearne non aveva trascinato con s solo i suoi
compagni. Due dei nostri, il marinaio Burry e il mastro velaio Martin
Holt si erano uniti a lui, anche se Martin Holt probabilmente non si
era reso conto di quello che faceva, sotto il colpo della spaventosa
rivelazione che il capobarca gli aveva fatto!
Insomma la situazione non era cambiata per quelli che la sorte non
avrebbe destinato a partire. Ormai eravamo solo nove: il capitano
Len Guy, il secondo Jem West, il nostromo Hurliguerly, il mastro
calafato Hardie, il cuoco Endicott, i due marinai Francis e Stern, Dirk
Peters e io. Quali prove ci doveva riservare quello svernamento, dato
che lo spaventoso inverno polare stava avvicinandosi! Che terribili
freddi avremmo dovuto sopportare, pi rigidi che in qualsiasi altro
punto del globo terrestre, avvolti da una notte perenne di sei mesi!
Non si poteva pensare senza spavento all'energia morale e fisica che
sarebbe stata necessaria per resistere in quelle condizioni tanto al di
sopra dell'umana sopportazione!
Eppure, tutto considerato, le condizioni di quelli che ci avevano
abbandonato erano forse migliori? Essi avrebbero trovato il mare
libero fino alla banchisa? Avrebbero raggiunto il circolo polare
antartico? E al di l di esso, avrebbero incontrato le ultime navi
della stagione? Le provviste sarebbero loro bastate nel corso di
una traversata di un migliaio di miglia? Che cosa avevano potuto
caricare in quell'imbarcazione gi fin troppo ingombra di tredici
persone? S quali erano i pi in pericolo, loro o noi?
Domanda alla quale solo il futuro poteva rispondere!
Quando l'imbarcazione fu scomparsa, il capitano Len Guy e i suoi
compagni risalirono la punta e ritornarono verso la caverna. Avvolti
dall'interminabile notte, era l che noi dovevamo passare il tempo
durante il quale ci sarebbe stato impedito di mettere piede fuori!
Pensai per prima cosa a Dirk Peters, rimasto indietro dopo il colpo
di pistola tirato da Hearne, mentre noi ci affrettavamo a raggiungere
l'altra parte della punta.
Ritornato alla caverna, non vidi il meticcio. Era dunque stato
ferito gravemente? Avremmo dovuto piangere la morte di
quell'uomo che ci era fedele come lo era al suo povero Pym?
Speravo, tutti speravamo, che la sua ferita non fosse grave. Ma era
necessario curarla e Dirk Peters era scomparso.
Mettiamoci a cercarlo, signor Jeorling esclam il
nostromo
Andiamo risposi.
Andremo insieme disse il capitano Len Guy. Dirk Peters
era dei nostri Egli non ci avrebbe mai abbandonati e noi non lo
abbandoneremo!
Quel disgraziato vorr tornare feci osservare ora che
noto ci che io credevo sapessimo solo lui ed io?
Rivelai ai miei compagni perch nel racconto di Arthur Pym il
nome di Ned Holt fosse stato cambiato in quello di Parker, e in quali
circostanze il meticcio me ne avesse informato. E, del resto, feci
notare tutto quello che era a sua discolpa.
Hearne dichiarai ha detto che Dirk Peters aveva colpito
Ned Holt! S! vero! Ned Holt era imbarcato sul Grampus e
suo fratello Martin Holt ha potuto credere che egli fosse perito o
nella rivolta o nel naufragio. Ebbene no! Ned Holt era
sopravvissuto con Augustus Barnard, Arthur Pym, il meticcio, e ben
presto furono tutti e quattro in preda alle torture della fame
Bisognava sacrificare uno di loro quello che la sorte avrebbe
deciso Si tir a sorte Ned Holt ebbe la fortuna avversa e
cadde sotto il coltello di Dirk Peters Ma se fosse stato il meticcio
ad essere designato dalla sorte, sarebbe stato lui che avrebbe servito
di pasto agli altri!
Il capitano Len Guy fece allora questa osservazione:
Dirk Peters aveva confidato questo segreto solo a voi, signor
Jeorling?
Solo a me, capitano
E voi l'avete serbato?
Assolutamente.
Non mi spiego allora come Hearne abbia potuto saperlo.
Dapprima avevo pensato risposi che Dirk Peters avesse
potuto parlare nel sonno, e che il capobarca avesse appreso per caso
tale segreto. Per, dopo averci ripensato, mi sono ricordato di questo
fatto: quando il meticcio mi raccont la scena del Grampus, quando
mi rivel che Parker non era altri che Ned Holt, si trovava nella mia
cabina, il cui finestrino laterale era aperto Ora, ho motivo di
credere che la nostra conversazione sia stata sorpresa dall'uomo che
si trovava allora al timone E quell'uomo era appunto Hearne, che
certo per intendere meglio aveva lasciato la ruota, tanto che
lHalbrane fece quell'alambardata
Mi ricordo disse Jem West ho ripreso severamente quel
miserabile e l'ho fatto rinchiudere nella stiva.
Ebbene, capitano ripresi fu da quel giorno che Hearne si
leg di pi con Martin Holt. Hurliguerly me l'aveva fatto osservare
Proprio cos rispose il nostromo poich Hearne, non
essendo capace di dirigere la barca di cui pensava di impadronirsi,
aveva bisogno di un mastro come Martin Holt
Perci ripresi non cessava di istigare Martin Holt a
interrogare il meticcio sulla sorte di suo fratello, e ora sapete bene
come lo inform di quello spaventoso segreto Martin Holt dovette
rimanere impietrito da quella rivelazione Gli altri lo
trascinarono ed ora egli con loro!
Tutti riconobbero che le cose dovevano essersi svolte in quel
modo. Per concludere, visto che la verit era nota, non c'era da
temere che Dirk Peters, nella disposizione d'animo in cui si trovava,
avesse voluto sottrarsi ai nostri occhi? Avrebbe accettato di
riprendere il suo posto in mezzo a noi?
Tutti lasciammo immediatamente la caverna e, dopo un'ora,
raggiungemmo il meticcio.
Come ci vide, il suo primo movimento fu quello di fuggire. Alla
fine Hurliguerly e Francis riuscirono ad avvicinarglisi ed egli non
oppose alcuna resistenza. Io gli parlai gli altri mi imitarono il
capitano Len Guy gli tese la mano Dapprima egli esit a stringerla.
Poi, senza una parola, ritorn verso la spiaggia.
Da quel giorno tra lui e noi non si parl pi di quello che era
accaduto a bordo del Grampus.
Quanto alla ferita di Dirk Peters, non ci fu di che preoccuparsi. Il
proiettile si era limitato a penetrare nella parte superiore del braccio
sinistro e, con la sola pressione della mano, egli era riuscito a farlo
uscire. Applicato sulla ferita un pezzo di tela da vele, egli indoss il
suo giubbotto e sin dall'indomani, senza che ne avesse alcun fastidio
apparente, pot riprendere le sue occupazioni consuete.
L'installazione fu organizzata in vista di un lungo svernamento.
L'inverno minacciava e da qualche giorno il sole si vedeva appena
attraverso le nebbie La temperatura scese a 36 (2, 22 C sopra
zero) e non doveva pi rialzarsi. I raggi solari, allungando
smisuratamente le ombre al suolo, non davano, per cos dire, alcun
calore. Il capitano Len Guy ci aveva fatto indossare abiti caldi di lana
senza attendere che il freddo si facesse pi rigido.
Intanto, gli iceberg, i pack, gli stream, i drift venivano da Sud in
sempre maggior numero. Qualcuno di essi veniva spinto sul litorale
gi ingombro di ghiacci, ma la maggior parte sparivano in direzione
nord-est.
Tutti quei pezzi mi disse il nostromo sono tanto
materiale che va a consolidare la banchisa. Se la barca di quel
vigliacco di Hearne non li supera, penso che lui e i suoi troveranno la
porta chiusa, e non avendo la chiave per aprirla
Cos, Hurliguerly - domandai voi credete che corriamo
meno pericolo a svernare su questa costa che se avessimo preso posto
nell'imbarcazione?
Lo credo e l'ho sempre creduto, signor Jeorling! rispose il
nostromo. E poi, sapete una cosa? aggiunse servendosi del
suo solito modo di dire.
Dite, Hurliguerly.
Ebbene, quelli che si trovano sulla barca si sentiranno pi in
imbarazzo di quelli che non vi si trovano, e, ve lo ripeto, se la sorte
mi avesse designato, avrei ceduto il mio posto a un altro! Vedete,
sentirsi della terra solida sotto i piedi gi qualche cosa! Dopo
tutto, bench siamo stati vigliaccamente abbandonati, io non voglio
la morte di nessuno Ma se Hearne e gli altri non giungono in
tempo a superare la banchisa, se sono condannati a passare l'inverno
in mezzo ai ghiacci, ridotti a quei viveri che basteranno loro solo per
qualche settimana, sapete bene che sorte li attende!
S peggiore della nostra! risposi.
E aggiungo disse il nostromo che raggiungere il circolo
polare antartico non basta e, se le baleniere hanno gi lasciato le zone
di pesca, non un'imbarcazione carica e stracarica che potr
attraversare il mare fino in vista delle terre australiane!
Era anche il mio parere, come lo era del capitano Len Guy e di
Jem West. Aiutata da una navigazione favorevole, portando solo
quello che poteva portare, con provviste per parecchi mesi, infine con
le migliori condizioni favorevoli, forse la barca sarebbe stata in
condizioni di effettuare quel viaggio Ma le cose stavano cos?
No di certo.
Nei giorni seguenti, dal 14 al 17 febbraio, si termin
l'installazione del personale e del materiale.
Furono fatte alcune escursioni all'interno del territorio. Il suolo
presentava dappertutto la stessa aridit e produceva solo quelle erbe
spinose che crescono nella sabbia e di cui le spiagge rano
abbondantemente provviste.
Se il capitano Len Guy aveva conservato un'ultima speranza circa
suo fratello e i marinai della Jane, se si era detto che dopo aver
potuto lasciare l'isola Tsalal con un'imbarcazione le correnti li
avevano condotti fino a quella costa, dovette ora riconoscere che non
vi era alcuna traccia di sbarco.
Una delle nostre escursioni ci condusse a circa quattro miglia, alla
base di una montagna di non difficile scalata, grazie al pendio dolce
dei suoi fianchi, e la cui altezza si aggirava fra le sei e le settecento
tese.
Da quell'escursione, che facemmo io, il capitano Len Guy, il
secondo e il marinaio Francis, non risult alcuna scoperta. Verso il
Nord e verso l'Ovest si sviluppava la medesima sequenza di colline
brulle, frastagliate capricciosamente alla sommit: una volta
scomparse sotto l'immenso tappeto di neve. sarebbe stato impossibile
distinguerle dagli iceberg immobilizzati dal freddo alla superficie del
mare.
Frattanto, per quel che riguarda quelle che avevamo preso per
parvenza di terra a est, dovemmo constatare che in quella direzione si
stendeva una costa le cui elevazioni, rischiarate dal sole del
pomeriggio, apparvero abbastanza chiaramente nell'obiettivo del
cannocchiale da marina.
Era un continente che costituiva l'altra costa dello stretto, o solo
un'isola? In ogni caso, l'uno o l'altra dovevano essere sterili come
la terra dell'Ovest e, come quella, disabitati, inabitabili.
E quando i miei pensieri tornavano all'isola Tsalal, il cui suolo
possedeva una forza di vegetazione cos straordinaria, quando
ripensavo alle descrizioni di Arthur Pym, non sapevo che cosa
immaginare. Chiaramente quella desolazione, da cui erano afflitti i
nostri sguardi, rendeva meglio l'idea normale delle regioni australi.
Eppure, l'arcipelago tsalalese, situato quasi alla stessa latitudine, era
fertile e popolato, prima che il terremoto l'avesse distrutto quasi
totalmente.
Quel giorno il capitano Len Guy propose di dare delle
denominazioni geografiche alla regione su cui ci aveva gettato
l'iceberg. La terra fu chiamata Halbrane-Land a ricordo della nostra
goletta. Nello stesso tempo, per associare entrambe le navi in un
medesimo ricordo fu dato il nome di Jane-Sund allo stretto che
separava le due parti del continente polare.
Ci dedicammo allora alla caccia dei pinguini che pullulavano sulle
rocce e anche alla cattura di un certo numero di anfibi che si
trastullavano lungo la riva. Il bisogno di carne fresca si faceva
sentire. Preparata da Endicott la carne di foca e di tricheco ci sembr
pi che accettabile. Inoltre il grasso di quegli animali poteva, a
rigore, servire a riscaldare la caverna e alla cottura dei cibi. Non
bisognava dimenticare che il nostro pi temibile nemico sarebbe
stato il freddo e tutti i mezzi adatti a combatterlo dovevano essere
utilizzati. Restava da vedere se, con l'avvicinarsi dell'inverno, gli
anfibi non sarebbero andati a cercare in latitudini pi basse un clima
meno rigido
Per fortuna, vi erano ancora centinaia di altri animali che
avrebbero salvato il nostro piccolo gruppo dalla fame e all'occorrenza
anche dalla sete. Sulla spiaggia arrancavano parecchie di quelle
tartarughe galapagos, alle quali stato dato il nome di un arcipelago
dell'Oceano equinoziale. Erano come quelle di cui parla Arthur Pym
e che servivano al nutrimento degli isolani, come quelle che Dirk
Peters e lui trovarono dentro il canotto indigeno, al momento della
loro fuga dall'isola Tsalal.
Quei chelonidi sono enormi: hanno il passo misurato, pesante,
lento, il collo sottile lungo due piedi, la testa triangolare di serpente e
possono stare degli anni senza mangiare. Qui, del resto, in mancanza
di sedano, di prezzemolo e di porcellana,
13
mangiavano quelle erbe
spinose che crescevano tra i ciottoli del litorale.
Se Arthur Pym si permesso di paragonare ai dromedari le
tartarughe antartiche, perch, come quei ruminanti, esse hanno alla
base del collo una sacca piena di acqua fresca dolce capace di due o
tre galloni.
14
Dal suo racconto, prima della scena dell'estrazione a
sorte, era per merito di una di quelle tartarughe che i naufraghi del
Grampus non erano morti di fame e di sete. Secondo lui, alcune di
quelle tartarughe di terra o di mare pesano 1.200 o 1.500 libbre.
Quelle di Halbrane-Land non superavano le sette o ottocento ma non
per questo la loro carne sarebbe stata meno saporita o nutriente.
Dunque, e bench fossimo alla vigilia di svernare a meno di
cinque gradi dal polo, la situazione, per rigido che avesse dovuto
essere il freddo, non era tale da far disperare degli animi forti e
coraggiosi. Il solo problema, di cui non nego la gravit, era quello del
ritorno, una volta che fosse passata la cattiva stagione. Perch questo
problema fosse risolto bisognava: 1, che i nostri compagni partiti
con la barca fossero riusciti a rimpatriare; 2, che il loro primo

13
Pianta infestante, il cui nome botanico Portulaca oleracea e che si pu
mangiare in insalata. (N.d.T.)
14
Misura di capacit inglese, pati a l 5,54. (N.d.T.)
pensiero fosse quello di mandare una nave alla nostra ricerca. E su
questo punto, quand'anche gli altri non avessero voluto, potevamo
sperare che, Martin Holt non ci avrebbe dimenticati. Ma lui e i suoi
compagni sarebbero riusciti a raggiungere le terre del Pacifico a
bordo d'una baleniera? E poi, la prossima stagione estiva sarebbe
stata propizia a una navigazione cos avanzata attraverso i mari
dell'Antartide?
Parlavamo molto spesso di queste buone e cattive probabilit. Fra
tutti il nostromo era quello che continuava a mostrarsi fiducioso,
grazie al suo buon carattere ed alla sua pazienza. Il cuoco Endicott
condivideva la sua fiducia o almeno non si preoccupava delle
eventualit future, e cucinava come se fosse stato davanti ai fornelli
del Cormorano Verde. I marinai Stern e Francis ascoltavano senza
parlare e chiss se non rimpiangevano di non avere accompagnato
Hearne e i suoi compagni! Quanto al mastro calafato Hardie,
aspettava gli avvenimenti senza cercare di indovinare che piega
avrebbero preso fra cinque o sei mesi.
Il capitano Len Guy e il secondo, come il solito, avevano i
medesimi pensieri, le stesse risoluzioni. Tutto quello che si sarebbe
potuto tentare per il bene comune lo avrebbero tentato. Poco
fiduciosi circa la sorte riservata alla barca, forse pensavano di tentare
un viaggio verso il Nord attraversando a piedi gli icefield e non uno
di noi avrebbe esitato a seguirli. Tuttavia l'ora di un simile tentativo
non era ancora arrivata e ci sarebbe stato tempo per decidere, quando
il mare si fosse solidificato fino al circolo polare antartico.
Ecco dunque la situazione e niente sembrava dovesse modificarla,
quando il 19 febbraio accadde un incidente, incidente provvidenziale,
dir, per quelli che ammettono l'intervento della Provvidenza nelle
cose umane.
Erano le otto del mattino. Il tempo era calmo, il cielo abbastanza
chiaro, il termometro a 32 gradi Fahrenheit (zero C).
Riuniti nella caverna, meno il nostromo, stavamo per sederci a
tavola aspettando la colazione che ci preparava Endicott, quando una
voce chiam dal difuori.
Non poteva essere che la voce di Hurliguerly, e siccome le sue
chiamate si rinnovavano, uscimmo in gran fretta.
Come ci vide:
Venite venite dunque! esclam.
In piedi su una roccia, alla base della montagnola dove terminava
Halbrane-Land al di l della punta, ci indicava il mare.
Che cosa c'? domand il capitano Len Guy.
Un'imbarcazione.
Un'imbarcazione? esclamai.
Forse la barca dell'Halbrane che ritorna? domand il
capitano Len Guy.
No non quella rispose Jem West.
Infatti, un'imbarcazione, che la forma e le dimensioni non
permettevano confondere con la barca della goletta, andava alla
deriva senza remi n pagaie.
Sembrava che fosse abbandonata alla corrente
Avemmo tutti una stessa idea: impadronirci in ogni modo di
quell'imbarcazione che forse ci avrebbe assicurato la salvezza Ma
come raggiungerla, come portarla alla punta di Halbrane-Land?
Il canotto distava ancora un miglio, ma in meno di venti minuti
sarebbe arrivato al traverso della montagnola, poi la avrebbe
oltrepassata poich nessuna controcorrente arrivava fino al largo, e in
altri venti minuti sarebbe stata fuori di vista
Ce ne stavamo l, a guardare l'imbarcazione che continuava a
derivare senza accostarsi al litorale. Anzi la corrente tendeva ad
allontanarla.
A un tratto uno schizzo d'acqua si alz ai piedi della montagnola,
come se un corpo fosse caduto in mare.
Era Dirk Peters che, sbarazzatosi degli abiti, si era tuffato dall'alto
di una roccia: quando lo scorgemmo era gi distante dieci braccia e
nuotava in direzione del canotto.
Un urr sfugg dai nostri petti!
Il meticcio volse un istante la testa, e con una bracciata poderosa
balz ( la parola) sopra le onde, come avrebbe fatto un delfino,
animale di cui egli possedeva la forza e la velocit. Non avevo visto
mai nulla di simile; ma che cosa non ci si doveva aspettare dal vigore
di quell'uomo?
Dirk Peters sarebbe riuscito a raggiungere l'imbarcazione prima
che la corrente l'avesse trasportata verso nord-est?
E, raggiungendola, sarebbe riuscito a portarla senza remi verso la
costa dalla quale si allontanava, come facevano, passando, la
maggior parte degli iceberg?
Dopo i nostri urr, una specie d'incoraggiamento lanciato al
meticcio, eravamo rimasti immobili, mentre i nostri cuori battevano
all'impazzata. Solo il nostromo esclamava ogni tanto:
Va' Dirk va'!
In pochi minuti il meticcio ebbe superato parecchie lunghezze di
cavo in diagonale verso il canotto. La sua testa appariva ormai
soltanto come un punto nero alla superficie delle lunghe ondate.
Niente dimostrava che la fatica cominciasse a impossessarsi di lui.
Le due braccia e le due gambe respingevano l'acqua metodicamente
ed egli manteneva la velocit sotto l'azione regolare di quei quattro
potenti propulsori.
S! non c'era pi da dubitarne. Dirk Peters avrebbe raggiunto
l'imbarcazione Ma, poi, non sarebbe stato trascinato con essa, a
meno che tanto era prodigiosa la sua forza! non avesse potuto,
nuotando, rimorchiarla fino alla riva?
Del resto perch non potrebbero esservi dei remi in quel
canotto? fece osservare il nostromo.
Lo avremmo visto quando Dirk Peters fosse stato a bordo; e
bisognava che egli vi arrivasse entro pochi minuti poich il canotto
non avrebbe tardato ad oltrepassarlo.
In ogni caso disse allora Jem West portiamoci in basso
Se l'imbarcazione prende terra, non sar che molto pi gi della
montagnola.
Ce l'ha fatta ce l'ha fatta! Urr Dirk urr url il
nostromo incapace di trattenersi, e alle sue grida Endicott aggiunse la
sua formidabile eco.
Infatti il meticcio, raggiunta l'imbarcazione, si era portato fino a
met scafo. La sua enorme mano l'afferr, e a rischio di farla
capovolgere egli si iss sul capo di banda, lo scavalc e infine si
sedette per riprendere fiato.
Quasi subito un grido poderoso mandato da Dirk Peters giunse
sino a noi.
Che cosa aveva trovato dunque in quell'imbarcazione? Delle
pagaie, poich lo si vide sistemarsi a prua, e, puntando in direzione
della riva, vogare con rinnovata energia per uscire dalla corrente.
Venite! disse il capitano Len Guy.
E aggirata la base della montagnola, eccoci correre lungo la
spiaggia fra le pietre nerastre di cui era disseminata.
A tre o quattrocento tese il secondo ci fece fermare.
Infatti il canotto aveva trovato il riparo di una piccola sporgenza
che si proiettava nel mare in quel punto e fu evidente che sarebbe
venuto da solo a prendere terra proprio l.
Esso non era pi che a cinque o sei lunghezze di cavo e la
controcorrente lo avvicinava, quando Dirk Peters, abbandonate le
pagaie, si abbass verso poppa, poi si rialz sorreggendo un corpo
inerte.
Si ud un grido straziante!
Mio fratello mio fratello!
Nel corpo sollevato dal meticcio Len Guy aveva riconosciuto
William Guy.
Vivo vivo! url Dirk Peters.
Un attimo dopo il canotto aveva preso terra e il capitano Len Guy
stringeva il fratello tra le braccia.
Tre dei suoi compagni giacevano svenuti nell'imbarcazione
E quei quattro uomini erano tutto ci che rimaneva
dell'equipaggio della Jane!
CAPITOLO XIV
UNDICI ANNI IN POCHE PAGINE
IL TITOLO dato a questo capitolo indica che le avventure di
William Guy e dei suoi compagni, dopo la distruzione della goletta
inglese, i particolari della loro esistenza sull'isola Tsalal dopo la
partenza di Arthur Pym e di Dirk Peters, saranno raccontati molto
succintamente.
William Guy e i tre marinai, Trinkle, Roberts, Covin erano stati
trasportati fino alla caverna ed era stato possibile farli rinvenire. In
realt era la fame, nient'altro che la fame, che aveva ridotto quei
disgraziati a uno stato di debolezza prossimo alla morte.
Un po' di cibo preso con moderazione e qualche tazza di t
bollente, mischiato con un po' di whisky resero loro quasi subito le
forze.
Non mi soffermer troppo sulla scena di tenerezza, che ci
commosse fino in fondo all'anima, quando William riconobbe suo
fratello Len. I nostri occhi si gonfiarono di lacrime, mentre i
ringraziamenti alla Provvidenza sgorgavano dalle nostre labbra. Tutti
presi dalla gioia del momento non pensavamo a ci che ci riserbava
l'avvenire, e chiss che la nostra situazione non sarebbe cambiata,
grazie all'arrivo di quell'imbarcazione sulla costa di Halbrane-Land
Devo dire che William Guy, prima di cominciare la sua storia, fu
messo al corrente delle nostre avventure. In poche parole egli apprese
ci che aveva fretta di conoscere: l'incontro con il cadavere di
Patterson, il viaggio della nostra goletta fino all'isola Tsalal, la sua
partenza per latitudini pi elevate, il suo naufragio ai piedi
dell'iceberg, infine il tradimento di una parte dell'equipaggio che ci
aveva abbandonato su quella terra.
Egli venne anche informato di ci che Dirk Peters sapeva di
Arthur Pym, e anche su quali ipotesi poco fondate riposasse la
speranza del meticcio di ritrovare il suo compagno, della cui morte
non c'era pi da dubitare per William Guy, cos come era certa quella
degli altri marinai della Jane schiacciati sotto le colline di Klock-
Klock.
A quel racconto William Guy rispose riassumendo gli undici anni
che egli aveva trascorso all'isola Tsalal.
Non lo si certo dimenticato, l'8 febbraio 1828 l'equipaggio della
Jane, non supponendo in alcun modo la malafede della popolazione
tsalalese e del suo capo Too-Wit, sbarc per recarsi al villaggio di
Klock-Klock, non senza aver prima messo in stato di difesa la
goletta, a bordo della quale erano rimasti sei uomini.
L'equipaggio, contando il capitano William, il secondo Patterson,
Arthur Pym e Dirk Peters, formava un gruppo di trentadue uomini
armati di fucili, di pistole e di coltelli. Il cane Tiger li accompagnava.
La piccola truppa, arrivata alla stretta gola che conduceva al
villaggio, preceduta e seguita dai numerosi guerrieri di Too-Wit, si
divise. Arthur Pym, Dirk Peters e il marinaio Allen si infilarono in
una spaccatura della collina. Da quel momento i loro compagni non
dovevano pi rivederli.
Infatti dopo poco tempo una scossa si fece sentire. La collina
opposta precipit tutta intera, seppellendo William Guy e i suoi
ventotto compagni.
Di quegli infelici, ventidue rimasero schiacciati, e i loro cadaveri
non furono mai ritrovati sotto quella massa di terra.
Miracolosamente sette erano sopravvissuti, avendo trovato rifugio
in fondo a una grande spaccatura della collina. Erano William Guy,
Patterson, Roberts, Covin, Trinkle, pi Forbes e Lexton morti in
seguito. Quanto a Tiger essi ignoravano se fosse morto sotto la frana
o fosse riuscito a fuggire.
Ad ogni modo, William Guy e i suoi non potevano restare in quel
luogo stretto e buio, dove l'aria respirabile non avrebbe tardato a
mancare. Cos come aveva pensato fin da principio Arthur Pym, essi
si erano creduti vittime d'un terremoto. Ma, come lui, dovevano ben
presto rendersi conto che se la gola era colmata dai resti caotici di pi
di un milione di tonnellate di terra e di pietra, ci era dovuto al fatto
che la frana era stata preparata artificialmente da Too-Wit e dagli
isolani di Tsalal. Come Arthur Pym, essi furono costretti a cercare di
sfuggire il pi presto possibile all'oscurit delle tenebre, alla
mancanza d'aria, alle soffocanti esalazioni della terra umida, quando
(per usare le espressioni del racconto) si trovarono di l dai pi
remoti limiti della speranza e si resero conto che tale il destino
dei morti.
Proprio come nella collina di sinistra, anche in quella di destra
esistevano intricati labirinti e fu arrampicandosi lungo quegli oscuri
corridoi che William Guy, Patterson e gli altri arrivarono in una
cavit dove la luce e l'aria penetravano in abbondanza.
Di l videro anch'essi l'attacco alla Jane da parte di una sessantina
di piroghe, la difesa dei sei uomini rimasti a bordo, le petriere che
vomitavano proiettili ricoperti di rame e mitraglia, l'invasione della
goletta da parte dei selvaggi, e infine l'esplosione finale che provoc
la morte di un migliaio di indigeni e nello stesso tempo la completa
distruzione della nave.
Too-Wit e i tsalalesi furono dapprima spaventati dagli effetti di
quella esplosione, ma forse ancor pi delusi. Il loro istinto di
saccheggio non avrebbe potuto essere soddisfatto poich dello scafo,
dell'attrezzatura, del carico, non rimanevano che pochi relitti privi di
valore.
Poich dovevano ritenere che anche l'equipaggio fosse perito nella
frana della collina, non era loro venuto in mente che qualcuno dicessi
fosse sopravvissuto. Fu cos che Arthur Pym e Dirk Peters da una
parte, William Guy e i suoi compagni dall'altra, poterono vivere in
fondo ai labirinti di Klock-Klock senza essere disturbati nutrendosi
della carne di quei tarabusi di cui era facile impadronirsi con le mani
e dei frutti dei numerosi noccioli che crescevano sui fianchi della
collina. Quanto al fuoco, se lo procurarono sfregando dei pezzi di
legno tenero contro pezzi di legno duro di cui vi era gran quantit
intorno a loro.
Infine, dopo sette giorni in quel nascondiglio, Arthur Pym e il
meticcio, come si sa, si decisero a lasciarlo, a scendere sulla riva, a
impadronirsi di una imbarcazione e ad abbandonare l'isola Tsalal.
William Guy, Patterson e i cinque marinai non avevano ancora
trovato l'occasione per fuggire.
Dopo ventuno giorni il capitano della Jane e i suoi, sempre
rinchiusi nel labirinto, vedevano avvicinarsi il momento in cui
sarebbero loro mancati gli uccelli di cui si nutrivano. Per sfuggire
alla fame, se non alla sete, poich una sorgente interna procurava
loro acqua limpida, c'era un solo mezzo: raggiungere il litorale ed
avventurarsi al largo in un'imbarcazione indigena Gi, ma dove
sarebbero andati i fuggitivi e che cosa sarebbe accaduto di loro, privi
com'erano di provviste? Ci nonostante non avrebbero esitato a
tentare l'avventura se avessero potuto approfittare di qualche ora di
buio. Ora, a quell'epoca, il sole non tramontava ancora dietro
l'orizzonte dell'84 parallelo.
dunque probabile che la morte sarebbe giunta a porre termine a
tante miserie, se la situazione non fosse cambiata nelle circostanze
seguenti.
Una mattina era il 22 febbraio William Guy e Patterson,
divorati dall'inquietudine, parlavano davanti all'apertura della cavit
che dava sulla campagna. Non sapevano pi come provvedere ai
bisogni di sette persone, ridotte allora a nutrirsi unicamente di
nocciole, il che dava loro violenti dolori di testa e di intestino.
Scorgevano si grosse tartarughe che arrancavano sulla riva; ma come
si sarebbero azzardati a raggiungerle mentre centinaia di tsalalesi
occupavano le spiagge, andando e venendo, intenti ai loro lavori,
emettendo il loro eterno Tkli-li?
A un tratto quella folla parve in preda a una straordinaria
agitazione. Uomini, donne, bambini, si dispersero da tutte le parti.
Alcuni selvaggi si gettarono nelle loro canoe, come se un terribile
pericolo li minacciasse
Che cosa accadeva?
William Guy e i suoi compagni ebbero ben presto la spiegazione
del tumulto che avveniva in quella parte del litorale dell'isola.
Un animale, un quadrupede, era comparso e, precipitandosi in
mezzo agli isolani, li mordeva, balzava loro alla gola, mentre dalle
sue fauci schiumanti uscivano rauchi urli.
Eppure quel quadrupede era solo e si sarebbe potuto colpirlo con
pietre o frecce Perch dunque centinaia di selvaggi manifestavano
un simile spavento, perch fuggivano, perch non cercavano di
difendersi contro l'animale che si slanciava su di loro?
L'animale aveva il pelo bianco, e la sua comparsa produceva il
fenomeno gi osservato, quell'inesplicabile orrore del bianco,
comune a tutti gli indigeni di Tsalal No! non si potrebbe
immaginare con quale terrore essi emettevano, con il loro Tkli-li, le
grida di Anamoo-moo e di Lama-Lama!
E quale non fu la sorpresa di William Guy e dei suoi compagni
quando riconobbero il cane Tiger
S! Tiger che, sfuggito alla frana della collina, era fuggito
nell'interno dell'isola E dopo aver girato per qualche giorno nei
dintorni di Klock-Klock, eccolo tornato a seminare lo spavento in
mezzo ai selvaggi
Si ricorder che il povero animale aveva gi provato alcuni
sintomi dell'idrofobia nella stiva del Grampus Ebbene, questa volta
era idrofobo s, idrofobo, e minacciava con i suoi morsi tutta
quella popolazione terrorizzata
Ecco perch la maggior parte dei tsalalesi aveva preso la fuga e
con essi il loro capo Too-Wit, e i Wampos che erano le principali
autorit di Klock-Klock! Fu in quelle straordinarie circostanze che
essi abbandonarono non solamente il villaggio ma anche l'isola dove
nessuna forza li avrebbe potuti trattenere e dove non avrebbero
dovuto pi rimettere piede!
Tuttavia, se le canoe furono sufficienti a trasportarli in gran
numero sulle isole vicine, molte centinaia d'indigeni erano dovuti
rimanere a Tsalal per mancanza di mezzi di fuga. E poich alcuni di
essi erano stati morsicati da Tiger, dopo un breve periodo
d'incubazione si verificarono molti casi di rabbia. Allora, spettacolo
di cui impossibile descrivere l'orrore, essi si erano precipitati gli uni
sugli altri, si erano lacerati a morsi E le ossa che avevamo trovato
nei dintorni di Klock-Klock, erano quelle di quei selvaggi che da
undici anni si calcificavano l!
Quanto al disgraziato cane, esso era andato a morire in un angolo
di quel litorale, dove Dirk Peters aveva ritrovato il suo scheletro, che
aveva ancora un collare su cui era impresso il nome di Arthur Pym
Cos l'abbandono definitivo di Tsalal (e la grande genialit di un
Edgar Poe era certo capace di immaginarlo) si dovette a tale
catastrofe. Gli indigeni, rifugiati nell'arcipelago di sud-ovest,
avevano lasciato per sempre quell'isola, in cui l'animale bianco
aveva portato lo spavento e la morte
Poi, dopo che i rimanenti erano morti fino all'ultimo a causa
dell'epidemia di rabbia, William Guy, Patterson, Trinkle, Covin,
Roberts, Forbes, Lexton si azzardarono a uscire dal labirinto, dove
erano sul punto di morire dalla fame.
Durante gli anni seguenti quale fu l'esistenza dei sette superstiti di
quella spedizione?
Nel complesso, essa era stata meno penosa di quello che si
sarebbe potuto credere. La vita era loro assicurata dai prodotti
naturali di un suolo estremamente fertile e dalla presenza di un certo
numero di animali domestici. Non mancavano loro che i mezzi per
abbandonare Tsalal, per ritornare verso la banchisa, per superare il
circolo polare antartico di cui la Jane aveva forzato il passaggio fra
mille pericoli, minacciata dall'infuriare delle tempeste, dagli urti dei
ghiacci, dalle bufere di grandine e di neve!
Quanto a costruire una imbarcazione in grado di affrontare un
viaggio cos lungo e pericoloso, come avrebbero potuto farlo
William Guy e i suoi compagni, dato che mancavano loro gli utensili
necessari e dal momento che erano ridotti alle sole armi, fucili,
pistole e coltelli?
Dunque non c'era che da pensare a installarsi il meglio possibile,
aspettando un'occasione per lasciare l'isola. Ma da dove essa poteva
venire, se non da uno di quei casi che provengono dalla sola
Provvidenza?
Cos, in primo luogo, dietro parere del capitano e del secondo, si
decise di porre un accampamento sulla costa di nord-ovest. Dal
villaggio di Klock-Klock non si vedeva il mare. Ora era essenziale
rimanere costantemente in vista di esso, nel caso ahim
improbabile! che qualche bastimento apparisse nei paraggi di
Tsalal!
Il capitano William Guy, Patterson e i loro cinque compagni
ridiscesero quindi attraverso il burrone, semiriempito dal materiale
franato della collina, in mezzo alle scorie sminuzzate, ai blocchi di
granito nero e di marna granulare in cui scintillavano punti di
metallo. Cos era apparso agli occhi di Arthur Pym l'aspetto di quelle
lugubri regioni che somigliavano, secondo lui, a quelle ove un
tempo sorgeva la corrotta Babilonia.
Prima di lasciare quella gola, William Guy pens di esplorare la
faglia di destra, dove erano scomparsi Arthur Pym, Dirk Peters e
Allen. Ma poich essa era ostruita, gli fu impossibile penetrare
nell'interno della collina. Perci egli non conobbe mai l'esistenza di
quel labirinto naturale o artificiale, uguale a quello che egli aveva
lasciato, e che forse comunicava con esso sotto il letto disseccato del
torrente.
Dopo aver superato la barriera caotica che chiudeva la strada
verso nord, la piccola truppa si diresse in tutta fretta a nord-ovest.
L sul litorale, a circa tre miglia da Klock-Klock, si procedette ad
un'installazione definitiva in fondo ad una grotta molto simile a
quella che occupavamo ora sulla costa di Halbrane-Land.
E fu in quel luogo che, per lunghi e disperati anni, vissero i sette
superstiti della Jane, cos come stavamo per fare anche noi, ma in
migliori condizioni di noi, poich la fertilit del suolo di Tsalal
offriva risorse che mancavano ad Halbrane-Land. In realt, noi
saremmo stati condannati a morire quando le nostre provviste fossero
finite, mentre essi non lo erano stati. Potevano aspettare
indefinitamente ed aspettarono
Essi non dubitavano che Arthur Pym, Dirk Peters ed Allen fossero
periti nella frana, cosa che era fin troppo vera per quest'ultimo. In
realt, avrebbero mai potuto supporre che Arthur Pym e il meticcio,
dopo essersi impadroniti di una canoa, erano riusciti a prendere il
mare?
Come William Guy ci raccont, nessun incidente era venuto a
rompere la monotonia di quell'esistenza di undici anni; nessuno,
nemmeno l'apparizione degli isolani, ai quali lo spavento proibiva di
avvicinarsi all'isola Tsalal. Nessun pericolo li aveva minacciati
durante quel periodo. D'altra parte, a mano a mano che esso si
prolungava, perdevano sempre pi la speranza di venire ritrovati.
All'inizio, col ritorno della bella stagione, quando il mare ritornava
libero, essi si dicevano che una nave sarebbe stata mandata alla
ricerca della Jane. Ma quando furono passati quattro o cinque anni
perdettero ogni speranza
Oltre ai prodotti del suolo, fra cui quelle preziose piante
antiscorbutiche come la coclearia e il sedano bruno, che
abbondavano nei dintorni della caverna, William Guy aveva portato
dal villaggio una certa quantit di volatili, polli, anitre di una qualit
ottima, e anche numerosi maiali neri, molto diffusi sull'isola. Inoltre,
senza aver bisogno di ricorrere alle armi da fuoco, fu facile abbattere
dei tarabusi dalle penne d'un nero di giada. A queste varie risorse
alimentari bisognava aggiungere le centinaia d'uova di albatri e di
tartarughe galapagos, nascoste sotto la sabbia delle spiagge; e se non
altro, quelle stesse tartarughe dalle enormi dimensioni, dalla carne
sana e nutriente sarebbero bastate agli svernatori dell'Antartide.
Restavano ancora le inestinguibili riserve del mare, di quello Jane-
Sund, dove abbondavano tutti i tipi di pesci nelle varie baie e baiette:
salmoni, merluzzi, razze, alici, sogliole, triglie grandi e piccole,
rombi, scari e anche, per non parlare dei molluschi, quelle saporite
lumache di mare, di cui la goletta inglese contava di fare un carico
per venderlo sui mercati del Celeste Impero.
Non necessario diffondersi sul periodo che va dall'anno 1828
fino all'anno 1839. Certo, gli inverni furono molto duri. Infatti se
l'estate faceva sentire gustosamente la sua benefica influenza sulle
isole tsalalesi, la cattiva stagione col suo seguito di nevi, di piogge, di
bufere, di tormente, non risparmiava loro certo i suoi rigori. Il freddo
terribile regnava da padrone sulle terre antartiche. Il mare ingombro
di ghiacci galleggianti si solidificava per sei o sette mesi. Bisognava
aspettare la riapparizione del sole prima di ritrovare quelle acque
libere come le aveva vedute Arthur Pym e come le avevamo
incontrate noi a partire dalla banchisa.
Insomma, l'esistenza nell'isola di Tsalal era stata relativamente
facile. Lo sarebbe stata anche su quell'arido litorale di Halbrane-Land
che noi occupavamo? Le provviste, per abbondanti che fossero,
sarebbero finite e, venuto l'inverno, le tartarughe non sarebbero forse
tornate a latitudini pi basse?
Il certo era che sette mesi prima il capitano William Guy non
aveva ancora perduto uno solo di coloro che erano usciti sani e salvi
dal tranello di Klock-Klock e questo grazie alla loro robusta
costituzione, alla loro notevole forza di sopportazione, alla loro
grande forza di carattere Ma ahim! la sventura doveva ben presto
colpirli.
Venuto il mese di maggio, che in quelle regioni corrisponde al
mese di novembre dell'emisfero settentrionale, i ghiacci al largo di
Tsalal cominciarono a derivare e la corrente li portava verso il Nord.
Un giorno uno dei sette uomini non rientr nella caverna. Lo
chiamarono, lo aspettarono, si misero alla sua ricerca Invano
Vittima di qualche incidente, annegato senza dubbio, egli non
ricomparve e non doveva pi ricomparire.
Era Patterson, il secondo della Jane, il fedele compagno di
William Guy.
Quale dolore fu per quella brava gente la sparizione di uno dei
loro, di uno dei migliori! E non era forse il presagio di prossime
catastrofi?
Ora quello che William Guy ignorava, e che noi gli rivelammo,
che Patterson, non si sapr mai in che modo, era stato trascinato via
sopra un banco di ghiaccio sul quale doveva morire di fame. E fu su
quel banco giunto all'altezza dell'isola Principe Edoardo, corroso
dalle acque pi calde e sul punto di disciogliersi, che il nostromo
aveva scoperto il cadavere del secondo della Jane
Quando il capitano Len Guy ebbe raccontato come, grazie agli
appunti trovati nella tasca del suo infelice compagno, lHalbrane si
era diretta verso i mari antartici, suo fratello non pot trattenere le
lacrime
Dietro quella prima disgrazia ne erano venute altre.
I sette superstiti della Jane erano ormai solo sei e ben presto essi
dovevano rimanere solo quattro, dopo essere stati costretti a cercare
salvezza nella fuga.
Infatti non erano passati cinque mesi dalla scomparsa di Patterson,
quando, verso la met di ottobre, un terremoto venne a sconvolgere
l'isola Tsalal da cima a fondo, mentre nello stesso tempo annientava
quasi interamente l'arcipelago di sud-ovest.
Non si potrebbe immaginare con quale violenza si comp quello
sconvolgimento. Noi avevamo potuto constatarlo quando la barca
della nostra goletta aveva accostato la scogliera rocciosa indicata da
Arthur Pym. Certamente William Guy ed i suoi cinque compagni non
avrebbero tardato a morire se non avessero avuto un mezzo per
fuggire da quell'isola che ora si rifiutava di dar loro il nutrimento.
Due giorni dopo, a qualche centinaia di tese dalla loro caverna, la
corrente port un canotto che era stato trascinato al largo
dall'arcipelago di sud-ovest.
Caricare quell'imbarcazione di tutte le provviste che poteva
contenere, imbarcarvisi per abbandonare l'isola divenuta ormai
inabitabile, era quello che William Guy, Roberts, Covin, Trinkle,
Forbes e Lexton fecero senza aspettare nemmeno ventiquattr'ore.
Disgraziatamente spirava allora un vento di estrema violenza,
dovuto ai fenomeni sismici che avevano turbato le profondit del
suolo come le profondit del cielo. Resistere a quel vento non fu
possibile ed esso spinse l'imbarcazione verso il Sud, alla merc di
quella corrente alla quale aveva obbedito il nostro iceberg, mentre
andava alla deriva fino al litorale di Halbrane-Land.
Per due mesi e mezzo i disgraziati vagarono cos per il mare
libero, senza riuscire a modificare la rotta. Fu solamente il 2 gennaio
del presente anno 1840 che avvistarono una terra, precisamente
quella che era bagnata a est dallo Jane-Sund.
Ora, e noi lo sapevamo gi, quella terra non distava pi di
cinquanta miglia da Halbrane-Land. S! Questa era la distanza,
relativamente piccola, che ci separava da quelli che avevamo cercato
cos lontano attraverso le regioni antartiche, e che non speravamo pi
di rivedere!
L'imbarcazione di William Guy aveva preso terra molto pi a sud-
est rispetto a noi. Ma l, che differenza con l'isola Tsalal, o piuttosto
che somiglianza con Halbrane-Land! Un suolo non adatto alle
colture, solo sabbia e rocce, senza alberi, n arbusti, n piante di
nessuna specie! Perci William Guy e i suoi compagni, avendo quasi
terminate le loro provviste, furono ben presto ridotti alla fame
estrema, e due perirono: Forbes e Lexton
Gli altri quattro, cio William Guy, Roberts, Covin e Trinkle non
vollero restare un giorno di pi su quella costa dove erano condannati
a morire di fame. Con i pochi viveri che rimanevano loro
s'imbarcarono sul canotto, e si misero ancora una volta in balia della
corrente senza neppure aver potuto, per mancanza di strumenti,
rilevare la loro posizione.
Ora, poich navigarono venticinque giorni in quelle condizioni, le
loro risorse finirono ed essi stavano per soccombere, non avendo
mangiato da quarantott'ore, allorch l'imbarcazione, nella quale
giacevano inanimati, comparve in vista di Halbrane-Land.
Fu allora che il nostromo la scorse, che Dirk Peters si era gettato
in mare per raggiungerla ed era riuscito a condurla verso la riva.
Nel momento in cui metteva piede nel canotto, il meticcio aveva
riconosciuto il capitano della Jane e i marinai Roberts, Trinkle,
Covin. Dopo essersi assicurato che respiravano ancora, prese le
pagaie, vog verso terra, e quando non fu che a una lunghezza di
cavo, sollevando la testa di William Guy, aveva urlato con voce tanto
potente da arrivare sino a noi: Vivo vivo!
E ora i due fratelli erano finalmente riuniti in quell'angolo perduto
di Halbrane-Land.
CAPITOLO XV
LA SFINGE DEI GHIACCI
DUE GIORNI dopo, su quel punto del litorale antartico, non restava
pi un solo superstite delle due golette.
Fu il 21 febbraio, alle sei del mattino che l'imbarcazione, nella
quale eravamo in tredici, lasci la piccola baia e scapol la punta di
Halbrane-Land.
Sino dall'antivigilia avevamo discusso il problema della partenza.
Se esso doveva essere risolto affermativamente, era necessario non
differire di un giorno il prendere il largo. Per un mese ancora, un
mese al massimo, la navigazione sarebbe stata possibile su quella
parte di mare, compresa tra l'86 e il 70 parallelo, cio fino alle
latitudini ordinariamente sbarrate dalla banchisa. Poi al di l, se
arrivavamo a liberarci, avremmo avuto la fortuna d'incontrare
qualche baleniera, alla fine della stagione di pesca, o chiss!, un
bastimento inglese, francese o americano alla conclusione di una
spedizione di esplorazioni sui limiti dell'Oceano Australe? Passata
la met di marzo quei paraggi sarebbero stati abbandonati tanto dai
navigatori, quanto dai pescatori, e ogni speranza di essere raccolti
avrebbe dovuto essere abbandonata.
Ci si era dapprima chiesti se non sarebbe stato meglio svernare l,
dove saremmo stati costretti a rimanere prima dell'arrivo di William
Guy, ad installarci per i sette o otto mesi dell'inverno di questa
regione che le lunghe tenebre e i freddi eccessivi non avrebbero
tardato a invadere. All'inizio dell'estate seguente, quando il mare
fosse ritornato libero, l'imbarcazione si sarebbe diretta verso l'Oceano
Pacifico e noi avremmo avuto maggior tempo per superare quel
migliaio di miglia che ce ne separava. Non sarebbe stato un atto di
prudenza e di saggezza?
Ci nonostante, per rassegnati che fossimo, come non spaventarsi
al pensiero di uno svernamento su quella costa, bench la caverna ci
offrisse un riparo sufficiente, bench le condizioni di vita vi fossero
assicurate, almeno per ci che riguarda il nutrimento? S,
rassegnati lo si quando la rassegnazione voluta dalle
circostanze Ma adesso che si presentava l'occasione di partire,
come non fare un ultimo sforzo in vista d'un futuro rimpatrio, come
non tentare quello che avevano tentato Hearne e i suoi compagni e in
condizioni infinitamente pi favorevoli?
Il pro e il contro del problema furono esaminati a lungo. Dopo
aver domandato ad ognuno il parere, si fece osservare che, a rigore,
se qualche ostacolo avesse arrestato la navigazione, l'imbarcazione
avrebbe potuto sempre tornare verso questa parte di costa di cui
conoscevamo la posizione esatta. Il capitano della Jane si mostr
molto favorevole a una partenza immediata, di cui Len Guy e Jem
West non temevano le conseguenze. Io mi schierai volentieri dalla
loro parte, e la medesima decisione venne condivisa anche dai nostri
compagni.
Solo Hurliguerly oppose qualche resistenza. Gli sembrava
imprudente lasciare il certo per l'incerto Tre o quattro settimane
solamente sarebbero state sufficienti per varcare la distanza compresa
fra Halbrane-Land e il circolo polare antartico? E, se fosse stato
necessario, come ritornare contro la corrente che procedeva verso il
Nord? Insomma il nostromo fece valere alcuni argomenti che
meritavano di essere presi in considerazione. Con tutto ci, devo
dirlo, vi fu solo Endicott che si schier dalla sua parte, per l'abitudine
che aveva di vedere le cose sotto lo stesso punto di vista di lui.
D'altronde, tutto discusso e ben considerato, Hurliguerly si dichiar
pronto a partire, visto che noi eravamo tutti di tale parere.
I preparativi furono terminati in breve tempo, ed perci che il 21
alle sette del mattino, grazie alla duplice azione della corrente e del
vento, la punta di Halbrane-Land era cinque miglia dietro di noi. Nel
pomeriggio scomparvero gradatamente le alture che dominavano
quella parte del litorale, la pi elevata delle quali ci aveva permesso
di scoprire la terra sulla riva occidentale dello Jane-Sund.
Il nostro canotto era una di quelle imbarcazioni che sono in uso
nell'arcipelago tsalalese per mantenere i contatti fra le isole.
Sapevamo dal racconto di Arthur Pym che quei canotti
assomigliavano gli uni a zattere o a barche a fondo piatto, gli altri a
piroghe a bilanciere, la maggior parte molto solidi. Alla seconda
categoria apparteneva quello a bordo del quale ci trovavamo, lungo
una quarantina di piedi, largo sei, con la prua e la poppa della stessa
forma rialzata (cosa che permetteva di evitare le virate) ed era
sospinto da parecchie paia di pagaie.
Ci che devo far osservare soprattutto che nella costruzione di
quel canotto non entrava un solo pezzo di ferro, n chiodi n caviglie
n piastre, n alla ruota di prua n a quella di poppa, dato che quel
metallo era assolutamente sconosciuto agli indigeni. Alcune legature
fatte con una specie di liana, che aveva la resistenza di un filo di
rame, assicuravano l'aderenza delle assi del fasciame con la stessa
solidit della pi fitta ribaditura. La stoppa era stata sostituita da
musco sul quale si applicava un catrame gommoso, che prendeva una
durezza metallica al contatto dell'acqua.
Ecco dunque l'imbarcazione, che battezzammo Paracuta, nome di
un pesce di quei paraggi, molto grossolanamente scolpito sul capo di
banda.
Il Paracuta era stato caricato di tutti gli oggetti che poteva
contenere, senza dare troppo disturbo ai passeggeri che dovevano
prendervi posto; vestiti, coperte, camicie, giubbotti, mutande,
pantaloni di lana grossa e incerate, qualche vela, qualche antenna,
grappino, remi, gaffe, poi apparecchi per prendere i rilievi, armi e
munizioni di cui avremmo forse occasione di servirci: fucili, pistole,
carabine, polvere, piombo e pallottole. Il carico si componeva di
parecchi barili d'acqua dolce, di whisky e di gin, di casse di farina, di
carne al mezzo sale, legumi secchi ed anche una buona riserva di
caff e di t. Vi si erano aggiunti un piccolo fornello e parecchi
sacchi di carbone per alimentarlo per qualche settimana. vero che
se non fossimo riusciti a superare la banchisa, se fosse stato
necessario svernare in mezzo agli icefield, allorch quelle risorse
fossero finite, tutti i nostri sforzi avrebbero dovuto tendere allora a
ricondurci verso Halbrane-Land, dove il carico della goletta doveva
assicurarci l'esistenza per lunghi mesi ancora.
Ebbene, anche se non vi fossimo riusciti, vi sarebbe stato motivo
di perdere ogni speranza? No, ed proprio della natura umana
attaccarsi alla minima luce. Ben ricordo ci che Edgar Poe dice
dell'angelo della bizzarria, quel genio che presiede ai contrattempi
della vita, il cui incarico di condurre quegli accidenti che possono
stupire, ma che sono prodotti dalla logica dei fatti. Perch non
avremmo veduto anche noi apparire quell'angelo nell'ora suprema?
naturale che la maggior parte del carico dell'Halbrane fosse
stata lasciata nella caverna, al riparo dalle intemperie dell'inverno, a
disposizione dei naufraghi, se mai ne fossero capitati su quella costa.
Un'antenna, che il nostromo aveva eretto sulla montagnola, non
avrebbe mancato di attirare la loro attenzione. D'altra parte, dopo le
nostre due golette, quale altra nave avrebbe mai osato portarsi fino a
tali latitudini?
Ecco quali erano le persone imbarcate sul Paracuta: il capitano
Len Guy, il secondo Jem West, il nostromo Hurliguerly, il mastro
calafato Hardie, i marinai Francis e Sterri, il cuoco Endicott, il
meticcio Dirk Peters e io, tutti dell'Halbrane; poi il capitano William
Guy e i marinai Roberts, Covin, Trinkle della Jane. In totale eravamo
in tredici, numero fatidico.
Prima di partire, Jem West e il nostromo avevano avuto cura di
alzare un albero a un terzo circa della lunghezza della nostra
imbarcazione. Quest'albero, fermato da uno straglio e dalle sartie,
poteva portare una grande vela di trinchetto, che fu tagliata fuori
dalla vela di gabbia della goletta. Poich il Paracuta misurava sei
piedi di larghezza al baglio maggiore, si era potuto dare un po' di
curvatura a quella vela di fortuna.
Senza dubbio quell'attrezzatura non avrebbe permesso di. navigare
con gran velocit. Ma dal vento in poppa fino al gran lasco, quella
vela ci avrebbe dato una velocit sufficiente per superare in cinque
settimane, con una media di trenta miglia ogni ventiquattro ore, il
migliaio di miglia che ci separava dalla banchisa. Il contare su quella
velocit non era eccessivo, se la corrente e il vento continuavano a
spingere il Paracuta verso nord-est. Inoltre le pagaie ci sarebbero
state utili quando il vento si fosse rifiutato di soffiare, e quattro paia
di esse manovrate da otto uomini avrebbero assicurato ancora una
certa velocit all'imbarcazione.
Non ho nulla di particolare da notare nella settimana che segu la
partenza. La brezza continu a soffiare dal Sud; nessuna
controcorrente sfavorevole si manifest tra le rive dello Jane-Sund.
Finch era possibile e finch la costa di Halbrane-Land non si
fosse allontanata troppo verso ovest, i due capitani intendevano
costeggiarla tenendosene a una o due lunghezze di cavo. Essa ci
avrebbe offerto un rifugio in caso che un accidente avesse messo
fuori uso la nostra barca. Certo, su quella terra arida, al principio
dell'inverno, che cosa sarebbe avvenuto di noi? Secondo me, era
meglio non pensarvi.
Durante quei primi otto giorni, pagaiando quando la brezza
cessava, il Paracuta non aveva perduto niente della velocit media
indispensabile per raggiungere l'Oceano Pacifico in quel ridotto lasso
di tempo.
L'aspetto della terra non cambiava, sempre lo stesso suolo sterile,
blocchi nerastri, greti sabbiosi cosparsi di poche erbe spinose, alture
dirupate e spoglie sullo sfondo. Quanto alle acque dello stretto, esse
trascinavano gi dei pezzi di ghiaccio, drift galleggianti, pack lunghi
da centocinquanta a duecento piedi, gli uni di forma oblunga, gli altri
tondeggianti; si vedevano anche degli iceberg che la nostra
imbarcazione oltrepassava senza fatica. Ci che dava poca sicurezza
era che quei massi si dirigevano verso la banchisa: non ne avrebbero
chiuso i passaggi che dovevano essere ancora liberi a quell'epoca?
Inutile notare che l'accordo era perfetto fra i tredici passeggieri del
Paracuta. Non dovevamo pi temere la ribellione di un Hearne. E, a
questo proposito, ci domandavamo se la sorte avesse o no favorito i
miserabili trascinati dal capobarca. A bordo della loro lancia
sovraccarica, che il minimo colpo di mare avrebbe posto in pericolo,
come si era svolta quella navigazione cos difficile? E chiss
invece se Hearne non sarebbe riuscito, mentre noi forse avremmo
fallito per essere partiti dieci giorni dopo di lui?
Noter, di passaggio, che Dirk Peters, a mano a mano che si
allontanava da quei luoghi dove non aveva trovato alcuna traccia del
suo povero Pym, era pi taciturno che mai (cosa che non avrei
creduto possibile) e non mi rispondeva nemmeno pi, quando gli
rivolgevo la parola.
Poich l'anno 1840 era bisestile dovetti segnare nei miei appunti la
data 29 febbraio. Ora, proprio in tale data ricorreva l'anniversario
della nascita di Hurliguerly, cos il nostromo chiese che essa venisse
in qualche modo festeggiata a bordo.
il meno che si possa fare disse ridendo dal momento
che ci avviene una volta ogni quattro anni.
Cos si brind alla salute di quel brav'uomo, un po' troppo
chiacchierone, ma il pi fiducioso, il pi paziente di tutti, e che ci
ridava coraggio col suo inalterabile buon umore.
Quel giorno l'osservazione diede 7917' di latitudine, e 118 37' di
longitudine.
Come si vede le due rive dello Jane-Sund correvano tra il 118 e il
119 meridiano, e il Paracuta aveva ormai solo una dozzina di gradi
da superare per arrivare al circolo polare.
Dopo tale rilevamento, molto difficile da ottenere a causa della
scarsa elevazione del sole sull'orizzonte, i due fratelli avevano
spiegato su un banco la carta, allora tanto incompleta, delle regioni
antartiche. Io la studiavo con loro, e cercavamo di determinare
approssimativamente quali terre conosciute giacevano in quella
direzione.
Da quando il nostro iceberg aveva oltrepassato il polo sud, non
bisogna dimenticare che eravamo entrati nella zona delle longitudini
orientali, che si calcolano dallo zero di Greenwich al 180". Dunque si
doveva abbandonare ogni speranza sia di tornare alle Falkland, sia di
trovare delle baleniere nei paraggi delle Sandwich, delle South
Orkney, o della Georgia del Sud.
Ecco insomma ci che ci era permesso di dedurre, circa la nostra
attuale posizione.
naturale che il capitano William Guy non potesse sapere niente
dei viaggi antartici intrapresi dopo la partenza della Jane. Egli
conosceva solo quelli di Cook, di Krusenstern, di Weddell, di
Bellingshausen, di Morrell, e non poteva essere al corrente delle
ulteriori spedizioni, la seconda di Morrell e quella di Kemp, che
avevano un po' aumentato le cognizioni geografiche di quelle lontane
regioni. In seguito a ci che gli disse suo fratello seppe che, dopo le
nostre scoperte, si doveva considerare certo che un largo braccio di
mare, lo Jane-Sund, divideva la regione australe in due vasti
continenti.
Un'osservazione che fece quel giorno il capitano Len Guy, fu che,
se lo stretto si prolungava tra il 118 e il 119 meridiano, il Paracuta
sarebbe passato vicino alla posizione attribuita al polo magnetico.
in quel punto, non lo si ignora certo, che si riuniscono i meridiani
magnetici, punto situato pressappoco agli antipodi di quello dei
paraggi artici e sul quale l'ago della bussola prende una direzione
verticale. Devo dire che a quell'epoca il rilevamento di quel polo non
era stato fatto con la precisione con cui stato rilevato pi tardi.
15

Ci d'altronde non aveva importanza, e quella constatazione
geografica non poteva avere alcun interesse per noi. Quello che
doveva preoccuparci di pi era che lo Jane-Sund si restringeva
sensibilmente e si riduceva a dieci o dodici miglia di larghezza.
Grazie a questa configurazione dello stretto, si scorgeva
distintamente la terra dalle due parti.
Eh! fece osservare il nostromo speriamo che resti
abbastanza spazio per la nostra imbarcazione! Se questo stretto
fosse cieco
Non c' da temerlo rispose il capitano Len Guy. Dal
momento che la corrente si propaga in questa direzione, ci significa
che essa trova una uscita verso il Nord e, a mio parere, non dobbiamo
fare altro che seguirla.
Era pi che chiaro. Il Paracuta non poteva avere migliore guida
che quella corrente. Se per disgrazia l'avessimo avuta contro, sarebbe
stato impossibile risalirla senza l'aiuto di una forte brezza.
Ci nonostante, qualche grado pi lontano, data la conformazione
delle coste, tale corrente avrebbe piegato verso est o verso ovest? Ad

15
I calcoli eseguiti da Hansteen pongono il polo magnetico australe a 12830' di
longitudine e 6917' di latitudine. In base a quanto calcolato invece da Vincendon
Dumoulin e Goupvent Desbois in occasione del viaggio di Dumont d'Urville a
bordo dell'Astrolabe e della Zle, Duperrey d 13615' per la longitudine e 7630'
per la latitudine. Ad ogni modo, molto recentemente, dei nuovi calcoli hanno
stabilito che questo punto debba trovarsi a 10616' di longitudine est e 7220' di
latitudine sud. Come si vede, gli idrografi non hanno ancora trovato accordo su
questo punto, e la stessa cosa si pu dire per il polo magnetico boreale. (Nota di
Jules Verne)
ogni modo a nord della banchisa, tutto lasciava credere che quella
parte del Pacifico bagnasse le terre dell'Australia, della Tasmania o
della Nuova Zelanda. Poco importava, se ne convenga, che,
trattandosi di essere rimpatriati, il rimpatrio avvenisse qui o l
La nostra navigazione continu in quelle condizioni per una
decina di giorni. L'imbarcazione teneva bene l'andatura al gran lasco.
I due capitani e Jem West avevano ormai completa fiducia nella sua
solidit, bench, lo ripeto, nessun pezzo di ferro fosse stato impiegato
nella sua costruzione. Non una sola volta era stato necessario
accomodare i suoi comenti, perfettamente stagni. vero che
avevamo il mare bello, appena lievemente increspato alla superficie
delle sue lunghe onde.
Il 10 marzo, con la stessa longitudine, l'osservazione diede 76 13'
di latitudine.
Il Paracuta, avendo coperto circa seicento miglia dalla sua
partenza da Halbrane-Land e avendo fatto questo percorso in venti
giorni, aveva tenuto una velocit di trenta miglia ogni ventiquattr'ore.
Se tale media non fosse diminuita per tre settimane, vi sarebbero
state tutte le probabilit perch i passaggi non fossero chiusi, o che la
banchisa potesse essere aggirata, ed anche che le navi non avessero
abbandonato le zone di pesca.
Al momento il sole si trascinava quasi sulla linea dell'orizzonte, e
si avvicinava l'epoca in cui tutta la regione dell'Antartide sarebbe
stata avvolta dalle tenebre della notte polare. Fortunatamente,
elevandoci verso il Nord ci avvicinavamo a paraggi dai quali la luce
non era ancora scomparsa.
Fummo allora testimoni di un fenomeno straordinario sul tipo di
quelli di cui pieno il racconto di Arthur Pym. Per tre o quattro ore
dalle nostre dita, dai capelli, dai peli della barba sfuggirono piccole
scintille accompagnate da un rumore stridente. Era una tempesta di
neve elettrica, dai grossi fiocchi un po' radi, il cui contatto produceva
pennacchi luminosi. Il Paracuta fu pi volte sul punto di essere
inghiottito tanto il mare frangeva con furore ma riuscimmo a
cavarcela sani e salvi.
Intanto lo spazio non si rischiarava gi pi che in modo
imperfetto. Frequenti nebbie riducevano la vista a una portata
massima di poche lunghezze di cavo. Si dovettero perci fissare dei
rigidi turni di guardia in modo da evitare qualunque urto coi ghiacci
galleggianti, la cui velocit di spostamento era inferiore a quella del
Paracuta. Bisogna anche notare che dalla parte del Sud il cielo
s'illuminava spesso di grandi bagliori dovuti all'irradiazione delle
aurore polari.
La temperatura si abbassava piuttosto sensibilmente, e non era pi
di 23 (5 C sotto zero).
Questo abbassamento causava serie preoccupazioni. Se esso non
poteva influenzare le correnti la cui direzione restava favorevole,
tendeva per a modificare lo stato atmosferico. Disgraziatamente per
poco che il vento fosse cessato con l'accentuarsi del freddo, la corsa
dell'imbarcazione sarebbe diminuita della met. Ora, un ritardo di
due settimane sarebbe bastato per compromettere la nostra salvezza,
obbligandoci a svernare alla base della banchisa. In quel caso, come
ho gi detto, sarebbe stato meglio cercare di far ritorno
all'accampamento di Halbrane-Land. Avremmo per ritrovato libero
quello Jane-Sund che il Paracuta aveva risalito tanto felicemente?
Hearne e i suoi compagni, pi fortunati di noi precedendoci di una
decina di giorni, non avevano forse gi superato la barriera dei
ghiacci?
Quarantotto ore dopo il capitano Len Guy e suo fratello vollero
fissare la nostra posizione con una osservazione che il cielo, libero di
nebbie, rendeva possibile. vero che il sole emergeva appena
dall'orizzonte meridionale e che l'operazione presentava serie
difficolt. Ci nonostante arrivammo a prendere l'altezza con una
certa approssimazione ed i calcoli diedero i seguenti risultati:

Latitudine: 75 17' sud
Longitudine: 118 3' est.

Dunque al 12 marzo il Paracuta non distava che quattrocento
miglia dai paraggi del circolo polare antartico.
Si osserv allora che lo stretto, rinserratosi di molto all'altezza del
70 parallelo, tornava ad allargarsi a mano a mano che procedeva
verso il Nord.
Anche con i cannocchiali non si vedeva pi nulla delle terre a est.
Era una circostanza spiacevole, poich la corrente essendo meno
costretta fra le due coste non avrebbe tardato a diminuire di velocit e
avrebbe finito col cessare del tutto.
Durante la notte dal 12 al 13 marzo si alz una nebbia piuttosto
fitta dopo una calma della brezza. Era un guaio poich ci accresceva
i pericoli di collisione coi ghiacci galleggianti. Certo, per, che
l'apparizione delle nebbie in quei paraggi non doveva stupirci.
Tuttavia ci che ci sorprese fu che la velocit del canotto, invece di
diminuire, aument gradatamente bench il vento fosse calato.
Sicuramente quella accelerazione non era dovuta alla corrente poich
lo sciacquio delle onde contro la ruota di prua provava che stavamo
procedendo pi velocemente di essa.
Questo stato di cose dur fino al mattino, senza che potessimo
renderci conto di ci che accadeva, quando verso le dieci la nebbia
cominci a diradarsi nelle zone basse. Il litorale occidentale
ricomparve, un litorale di rocce senza alcuno sfondo di montagne,
che il Paracuta ora costeggiava.
Fu allora che, a un quarto di miglio, si profil una massa che
dominava la pianura di una cinquantina di tese, su una circonferenza
di due o trecento. Quella massa, per la sua forma strana, somigliava a
un'enorme sfinge, con il torso eretto, le zampe stese in avanti,
accoccolata nell'attitudine del mostro alato che la mitologia greca ha
posto sulla via di Tebe.
Era un animale vivo, un mostro gigantesco, un mastodonte di
dimensioni mille volte superiori a quegli enormi elefanti delle re