Sei sulla pagina 1di 347

Jules Verne

IL VULCANO DORO

TITOLO ORIGINALE
LE VOLCAN D'OR
(1906)

Traduzione di Pierluigi Pelimi Note di Olivier Dumas
ARNOLDO MONDADORI EDITORE

1989 Societ Jules Verne
1995 Les ditions internationales Alain Stank
1995L'Archipel
I edizione Oscar leggere i classici maggio 1997
Jules Verne
ISBN 88-04-42717-5





Questo volume stato stampato presso Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.
Stabilimento Nuova Stampa Cles (TN) Stampato in Italia Printed in Italy
Indice
La vita ___________________________________________________5
Le opere__________________________________________________8
La fortuna_______________________________________________13
Bibliografia ______________________________________________16
Il vulcano d'oro _______________________________________ 18
I _______________________________________________________18
Il lascito di uno zio____________________________________________ 18
II ______________________________________________________28
I due cugini__________________________________________________ 28
III______________________________________________________40
Da Montreal a Vancouver ______________________________________ 40
IV______________________________________________________53
Vancouver __________________________________________________ 53
V_______________________________________________________63
A bordo del Foot-Ball__________________________________________ 63
VI ______________________________________________________74
Skagway____________________________________________________ 74
VII _____________________________________________________84
Il chilkoot___________________________________________________ 84
VIII ____________________________________________________95
Sul lago Lindeman____________________________________________ 95
IX_____________________________________________________105
Dal lago Benett a Dawson City _________________________________ 105
X______________________________________________________120
Il klondike _________________________________________________ 120
XI _____________________________________________________129
A dawson city_______________________________________________ 129
XII ____________________________________________________141
Da Dawson City alla frontiera__________________________________ 141
XIII ___________________________________________________151
Il claim 129_________________________________________________ 151
XIV ___________________________________________________162
Sfruttamento________________________________________________ 162
XV ____________________________________________________171
La notte tra il 5 e il 6 agosto____________________________________ 171
Seconda parte________________________________________ 183
I ______________________________________________________183
Un inverno nel Klondike ______________________________________ 183
II _____________________________________________________196
La storia del moribondo_______________________________________ 196
III_____________________________________________________207
Le conseguenze di una rivelazione_______________________________ 207
IV_____________________________________________________220
Circle city__________________________________________________ 220
V______________________________________________________231
Alla scoperta________________________________________________ 231
VI _____________________________________________________241
Fort macpherson_____________________________________________ 241
VII ____________________________________________________251
Golden mount_______________________________________________ 251
VIII ___________________________________________________262
Audace idea di un ingegnere ___________________________________ 262
IX_____________________________________________________274
Caccia allorignal ____________________________________________ 274
X______________________________________________________289
Inquietudini mortali __________________________________________ 289
XI _____________________________________________________301
Sulla difensiva ______________________________________________ 301
XII ____________________________________________________315
Attacco e difesa _____________________________________________ 315
XIII ___________________________________________________326
L'eruzione__________________________________________________ 326
XIV ___________________________________________________337
Da Dawson City a Montreal ____________________________________ 337
LA VITA
J ean J ules Verne nasce l8 febbraio 1828 a Nantes, primo dei
cinque figli del procuratore legale Pierre. Nel 1839, a soli undici anni,
cerca di imbarcarsi come mozzo sulla nave La Coralie, in partenza alla
volta dell'India; fermato e ricondotto a casa, si rassegna a frequentare il
Collegio Reale di Nantes fino a conseguire il baccalaurat.
In perenne contrasto con il padre, che vuole per lui la carriera di
avvocato, nel 1847 Jules Verne lascia la provincia natale per Parigi,
dove porta a termine gli studi legali, ma, soprattutto, pu dedicarsi alla
sua prima grande passione, quella per il teatro, da cui si dichiara
divorato. Entrato in contatto con Alexandre Dumas padre, ne diventa
segretario quando questi riapre il suo Thtre Historique: nel 1850 Verne
gli consegna Les pailles rompues, un atto unico che sar portato in scena
ben tredici volte. Nel 1852, dopo avere abbandonato la carriera giuridica
rifiutando di occuparsi dello studio paterno, ottiene, non stipendiato,
l'impiego di segretario del Thtre Lyrique. Stimolato anche dalle
nuove amicizie strette con i fratelli Arago, Jacques, esploratore, e
Franois, fisico (assieme a loro fonder il misogino club degli Undici-
senza-donne), si dedica con interesse sempre crescente allo studio
approfondito di questioni tecniche e scientifiche.
Nel 1856, pressato da esigenze economiche, Verne trova lavoro presso
un agente di cambio parigino, di cui diventer poi socio; l'anno successivo
sposa Honorine de Viane, vedova e con due figli. Tra il 1859 e il 1861,
inaugurando una lunga serie di viaggi, visita la Scozia, l'Inghilterra, la
Norvegia e la Scandinavia.

Nel 1863 assieme all'amico Nadar, il celebre fotografo che sta
lavorando al progetto di un pallone aerostatico per le sue foto aeree,
fonda la Societ d'incoraggiamento della locomozione aerea con
apparecchi pi pesanti dell'aria. Nel gennaio dello stesso anno
pubblica il romanzo Cinq semaines en ballon, che apre la
monumentale serie dei Voyages extraordinaires (in ottobre J ules
Verne e Nadar effettueranno realmente un'ascensione col pallone di
quest'ultimo, Le Gant).
Il clamoroso successo del volume, che lo libera da qualsiasi
preoccupazione economica, consentendogli di abbandonare l'impiego
di agente di cambio, segna l'inizio di una collaborazione vitalizia con
l'editore Hetzel, cui Verne si impegna a consegnare tre volumi ogni
anno.
Trasferitosi nel 1866 a Le Crotoy, Verne acquista lo yacht Saint-
Michel, un vero e proprio rifugio mobile che gli permetter sia di
lavorare in piena tranquillit, sia di compiere continui viaggi di
evasione, che lo porteranno fino all'America del Nord.
Nel 1870, grazie all'intervento di Hetzel, gli viene conferita, per
meriti letterari, la Legion d'onore. L'anno successivo, trasferitosi
definitivamente ad Amiens dopo la morte del padre, Verne condanna
pubblicamente l'esperienza della Comune parigina. Una lettera della
moglie lo descrive, nonostante la celebrit, come un uomo cupo e
malinconico. Sull'onda dello straordinario successo commerciale del
romanzo Michele Strogoff, nel 1876 acquista una terza barca, il
sontuoso yacht Saint-Michel III, e intraprende una frenetica serie di
viaggi che lo portano a toccare prima i porti del Mediterraneo, poi le
coste dell'Irlanda, della Scozia e della Norvegia dove, nel 1880, viene
speronato e rischia il naufragio, nel 1884 Verne si imbarca
nuovamente, in compagnia della moglie: al culmine della fama,
accolto ovunque da feste e ricevimenti; fa numerose tappe in Italia,
dove compie un'escursione sull'Etna e ottiene udienza dal papa Leone
XIII.
Il 1886 per Verne un anno drammatico: ferito al piede con un
colpo di pistola, per ragioni misteriose, dal nipote Gaston, rimane
invalido ed costretto a disfarsi dello yacht. Nello stesso anno
muoiono l'editore Hetzel, cui Verne era legato da un rapporto quasi
filiale, e M.me Duchesse, segretamente amata dallo scrittore.
Accolto nella Societ de Gographie, vive ormai ritirato ad
Amiens, dove viene eletto per due volte presidente dellAcadmie des
Sciences, des Lettres et des Arts e dove dirige, in pieno periodo di
nazionalismo revanchista, un club di esperantisti.
Si diffonde in questi anni la leggenda secondo cui J ules Verne non
sarebbe altro che un nome fittizio, un paravento dietro cui si
celerebbe una societ di scrittori; nell'ottobre del 1895 Edmondo De
Amicis si reca ad Amiens per verificare di persona l'esistenza
dell'autore.
Dopo un sempre pi radicale avvicinamento alla sinistra, nel 1888
Verne viene eletto alle elezioni comunali nelle liste radical-socialiste
ed esercita il suo mandato fino al 1903.
Nel 1897 muore il fratello gemello Paul; ritiratosi in una dimora
pi piccola, quasi cieco per la cataratta e sofferente di diabete, J ules
Verne muore, colpito da paralisi, il 24 marzo 1905.
Nel 1914, nove anni dopo la morte dello scrittore, Hetzel cede
all'editore Hachette i diritti di esclusiva sui Voyages extraordinaires.
LE OPERE
La fama di J ules Verne legata esclusivamente alla produzione
romanzesca, ma il suo esordio come scrittore avviene con una
commedia, Le paglie rotte (Le pailles rompues), atto unico
rappresentato con successo nel 1850 e seguito da pi di una ventina
tra pices e libretti di opere comiche. La passione per il teatro
accompagna tutta la carriera di Verne, tanto che egli stesso, tra il
1874 e il 1880, adatta per le scene Il giro del mondo in ottanta giorni,
I figli del capitano Grant e Michele Strogoff, testi tra i pi celebri del
ciclo dei Viaggi straordinari.
Sotto il titolo complessivo di Viaggi straordinari (Voyages
extraordinares) sono raccolti sessantadue romanzi e diciassette
racconti pubblicati, dopo una prima apparizione a puntate sul
Magasin d'ducation et de rcration, dall'editore-amico Hetzel. I
volumi si distribuiscono lungo un arco cronologico che va dal 1863,
anno di uscita di Cinque settimane in pallone (Cinq semaines en
ballon), al 1919, data di stampa del romanzo postumo La strabiliante
avventura della missione Barsac (L'tonnante aventure de la mission
Barsac), unico titolo edito da Hachette.
Secondo il progetto d Hetzel, lo scopo dell'opera doveva essere
quello di riassumere tutte le conoscenze geografiche, geologiche, fisiche
e astronomiche ammassate dalla scienza moderna e di riscrivere, in
modo attraente e pittoresco [], la storia dell'universo. L'intento
didascalico-divulgativo, cos come la destinazione a un pubblico
infantile, non consentono per di cogliere che un aspetto dei Viaggi
straordinari, la cui variet obbedisce alla fantasiosa rielaborazione di
poche costanti tematiche pi che alle norme di un genere letterario.
Il viaggio assieme struttura portante e scenario irrinunciabile della
narrativa di Verne, i cui personaggi si muovono incessantemente
attraverso i mondi conosciuti e sconosciuti (Les mondes connus et
inconnus il sottotitolo dell'intero ciclo) per spingersi fino allo spazio
extraterrestre e al mondo sotterraneo e sottomarino.
Affrontato da Verne con grande variet di ispirazione, il tema del
viaggio d vita a romanzi tra loro diversissimi. Nelle Avventure del
capitano Hatteras (Aventures du capitarne Hatteras, 1866), che rievocano
le spedizioni polari, il tono della narrazione sospeso e rarefatto, quasi a
rendere i silenzi delle distese ghiacciate, e il finale drammatico. Il
capitano, impazzito e quasi attratto da una forza misteriosa, si perde in
una marcia senza ritorno verso il Nord. Il piacere del racconto e una vena
umoristica e caricaturale predominano al contrario ne Il giro del mondo in
ottanta giorni (Le tour du monde en quatre-vingt jours, 1872). Attorno alla
vittoriosa scommessa del miliardario inglese Phileas Fogg e del suo
servitore Passepartout si dispiega il classico armamentario di un romanzo
d'avventura, ricco di colpi di scena, fughe, inseguimenti e concluso dal
tradizionale lieto fine.
Anche dove il viaggio non il soggetto principale della narrazione,
ogni spunto valido per mettere in moto i protagonisti: la ricerca del
padre, vittima di un naufragio, conduce I figli del capitano Grant (Les
enfants du capitaine Grant, 1866-1868) dall'America del Sud
all'Australia all'Oceano Pacifico; il desiderio di vedere un particolare
effetto ottico al tramonto del sole o il caparbio rifiuto di pagare un
pedaggio sono l'occasione per le peregrinazioni dei personaggi nei pi
tardi Il raggio verde (Le rayon vert, 1882) o in Kraban il testardo
(Kraban le ttu, 1883).
L'interesse geografico occupa un ruolo di rilievo nei romanzi di
Verne. Le lunghe descrizioni paesaggistiche condotte, reali o fittizie che
siano, con minuziosit e con il supporto di una ricca documentazione,
hanno reso familiari ai lettori dell'epoca terre poco note, quali l'Oceania
di Mistress Branican (1891 ) e de L'isola a elica (L'ile a hlice, 1895) o
l'Amazzonia di Jangada (1881). Lo scrupolo di Verne giunge al punto di
corredare i testi di carte topografiche, spesso tracciate di suo pugno, che
consentono di seguire gli itinerari dei personaggi. Non a caso tra la
restante produzione dell'autore, accolto tra i membri della Societ de
Gographie, si trovano una Gographie illustre de la France, apparsa
nel 1867, e una imponente trilogia sui viaggi di esplorazione, Dcouverte
de la Terre (1878), Les grands navigateurs du XVIII
e
siecle (1879) e Les
voyageurs du XlX
e
siecle (1880).
In Ventimila leghe sotto i mari (Vingt mille lieues sous les mers, 1869-70)
il paesaggio descritto quello affascinante e misterioso degli abissi: al di
l degli obl del Nautilus, il sottomarino progettato dal Capitano
Nemo per isolarsi dal mondo, sfilano la misteriosa citt di Atlantide,
antiche navi sommerse, strani e fantastici animali marini. Le profondit
terrestri sono invece lo scenario del Viaggio al centro della Terra (Voyage
au centre de la Terre, 1864). L'avventura del professor Lidenbrock,
entrato dalla bocca di un vulcano in Islanda e uscito dal cratere di
Stromboli, diviene una sorta di viaggio a ritroso nel tempo, alla
riscoperta del passato della Terra e degli organismi viventi.
La tecnica il secondo motivo ispiratore dei romanzi di Verne. Oltre
che nello spazio geografico, il viaggio si svolge nello spazio del sapere:
quasi sempre il viaggiatore guidato da uno scienziato, ingegnere,
chimico, geologo, o scienziato egli stesso. La tecnologia presente
per soprattutto nei macchinari di ogni genere, nella maggior parte dei
casi mezzi di locomozione, che affollano i romanzi dei Viaggi. Si va da
scoperte recentissime, quali la mongolfiera Vittoria delle Cinque settimane
in pallone (nello stesso anno Verne aveva partecipato all'ascensione sul
pallone aerostatico dell'amico Nadar); a realizzazioni gi conosciute
all'epoca, di cui Verne si fa cantore e prevede il futuro sviluppo, come
il treno del Claudius Bombamac (1862); ai mezzi puramente fantastici,
quali l'elefante meccanico de La casa a vapore (La Maison vapeur,
1879-1880) o lEpouvante, l'aeronave dell'ingegner Robur in Robur il
conquistatore (Robur le conqurant, 1886), che si muove
indifferentemente nell'acqua, sulla terra o in aria.
Nel celebre Dalla Terra alla Luna (De la Terre la Lune, 1865) la
narrazione di Verne sfiora l'anticipazione scientifica. I viaggiatori
lasciano la terra a bordo di un enorme proiettile sparato dai dintorni
dell'attuale Cape Canaveral e ricadono nell'oceano a pochi chilometri
dal luogo di ammaraggio dell'Apollo; grazie all'espediente dell'incontro
con un bolide che ne devia la traiettoria, Verne evita persino di far
allunare i suoi personaggi, intuendo come il proiettile non avrebbe
avuto forza sufficiente per allontanarsi dal suolo lunare.
Verne non per uno scrittore di fantascienza; autore, all'inizio di
carriera, di alcuni articoli divulgativi e attento lettore di pubblicazioni
specialistiche, egli fonda perlopi i suoi macchinari sull'attendibile,
basandosi su invenzioni gi esistenti, anche se poco note, o su tecniche
facilmente prevedibili, non disdegnando l'aiuto di scienziati: i calcoli
per il viaggio lunare, per esempio, sono opera di un amico
matematico.
A partire all'incirca dall'inizio degli anni Ottanta, nella narrativa di
Verne appaiono alcuni elementi di novit. La riflessione sui problemi
delle insurrezioni nazionali, una geografia umana e in un certo senso
politica si sostituiscono, in molti romanzi, alla geografia puramente
fisica, mentre le avventure dei personaggi si collocano in un contesto
storico ben preciso. La lotta per l'indipendenza greca fa da sfondo a
larcipelago in fiamme (Larchipel en feu, 1884); il Mathias Sandorf
(1885) narra le vicende di un ribelle alla tirannia austro-ungarica; Nord
contro Sud (Nord contre Sud, 1887), in cui Verne prende posizione contro
lo schiavismo, quello della guerra di Secessione.
Parallelamente, la visione di Verne si fa pi cupa e pessimistica,
mentre negli ultimi romanzi compare il tema della perversione della
scienza e dei suoi pericoli. Gli scienziati non sono pi personaggi
positivi, ma ridicoli, asociali, a volte al limite della pazzia. Robur,
lingegnere protagonista di Robur il conquistatore, diviene ne Il padrone
del mondo (Maitre du monde, 1904) un misantropo inacidito, in guerra
con l'umanit e braccato dalla polizia, destinato a morire fulminato
durante un temporale.
Dopo la morte di Verne le opere rimaste inedite furono pubblicate
dal figlio Michel, in versione profondamente rimaneggiata; solo a
partire dal 1985, grazie alle edizioni curate dalla Societ Jules Verne,
possibile leggere alcuni di questi romanzi Il segreto di Wilhelm
Storitz (Le secret de Wilhelm Storitz), La caccia alla meteora (La chasse au
metore), En Magellanie, precedentemente stampato col titolo I naufraghi
del Jonathan, Parigi nel XX secolo (Paris au XX
e
siecle) nelle
redazioni originali.
Anche il Vulcano d'oro un romanzo postumo. Verne non ha potuto
correggere il manoscritto, che presenta varie lacune, numerose
ripetizioni e non poche sciatterie stilistiche. Il figlio, naturalmente,
pens bene di riscriverlo. In realt, nonostante le comprensibili
incongruenze (alcune delle quali sanate dal pi recente, e rigoroso,
editore francese, Olivier Dumas), il fascino dell'originale verniano
senza dubbio superiore a qualsiasi riscrittura. Per questo la presente
traduzione evita di emendare o integrare il testo: conserva il ritmo di
una prosa che a volte tradisce il non-finito della prima stesura, cos
come le inverosimiglianze delle vicende (alcune segnalate in nota).
Sono stati conservati anche i numerosi termini inglesi, le poche
parole gergali franco-canadesi (che assicurano il colore locale del
testo), e alcune imprecisioni nella grafia dei toponimi. Insomma, una
traduzione molto fedele, che d l'idea del work in progress, dello
straordinario laboratorio narrativo di Jules Verne. Il romanzo la
storia di due cugini, Ben Raddle e Summy Skim, che ricevono
un'inaspettata eredit: un lotto aurifero in una remota regione del
Canada nord-occidentale, ai confini del Circolo Polare Artico. Ben
Raddle, ingegnere, spirito pratico, avventuroso e ambizioso, trascina il
riluttante cugino in un lunghissimo viaggio, prima allo scopo di
vendere il lotto ereditato, poi di sfruttarlo, infine di organizzare una
spedizione alla ricerca del mitico Golden Mount, appunto il Vulcano
d'oro. Alla trama avventurosa si intreccia una descrizione vivace della
vita piena di stenti e delle passioni distruttrici dei cercatori d'oro; ma il
tema principale, e tipicamente verniano, del libro probabilmente la
lotta dell'uomo, dell'esploratore, dell'ingegnere, contro le forze
tremende di una natura avversa: la febbre dell'oro deve fare i conti con
bufere di neve, alluvioni, eruzioni vulcaniche. E, alla fine, i tesori del
Golden Mount saranno inghiottiti dagli abissi dell'Oceano Artico.
LA FORTUNA
Jules Verne, uno tra gli autori pi popolari e pi tradotti del panorama
mondiale, stato a lungo ignorato dalla critica tradizionale in quanto
autore per l'infanzia o di fantascienza, e quindi ai margini della letteratura
vera e propria. Anche per questa ragione alla fortuna editoriale dei Viaggi
straordinari si sovrapposta, spesso col risultato di banalizzarne
l'immagine, una serie di iniziative extraletterarie e commerciali.
A Torino, tra il 1875 e i primi anni del secolo, sulla scia del grande
successo ottenuto dalla messa in scena di alcuni romanzi
nell'adattamento dell'autore e di Adolphe Dennery, la compagnia di
marionette Lupi port per esempio sulle scene una decina di opere di
Verne, con testi in italiano e piemontese e con l'aggiunta di alcune
maschere dialettali, prima tra tutte quella di Gianduia.
Anche il cinema si impadron con fortuna della produzione di
Verne, a partire dal celeberrimo film di Georges Mlis Le voyage dans
la Lune, prodotto nel 1902 assemblando episodi di Dalla Terra alla Luna
e del romanzo di H.G. Wells I primi uomini nella Luna, fino alla serie di
cortometraggi Les Films Jules Verne, prodotti dal figlio Michel
proprietario della casa clair-Films.
La popolarit dei Viaggi straordinari venne sfruttata anche a scopi
promozionali, trasformando i personaggi del ciclo in figurine
pubblicitarie, in puzzles o in giocattoli; la manifattura francese Creil et
Montereau mise in commercio dodici piatti decorati con altrettanti
episodi del Giro del mondo in ottanta giorni.
Solo a partire dalla Seconda guerra mondiale l'opera di Verne stata
oggetto di una serie di interpretazioni critiche che, non senza
schematismi e semplificazioni eccessive, hanno sostituito alla figura
monolitica di un narratore minore quella di un autore complesso e
misterioso, per certi tratti persino insondabile.
Anticipati dalle voci isolate di alcuni ammiratori celebri, quali
Cocteau, Claudel e Saint-Exupry, gli articoli di Butor e di Carrouges
apparsi nel 1949 sulla rivista francese Arts/Lettres inaugurano la
moderna lettura critica dell'opera di Verne.
Lo studio di Michel Butor, riproposto in volume nel I960, individua nei
Viaggi la presenza di alcune figure ricorrenti, in particolare quelle di un
punto supremo da conseguire e di un fuoco centrale, in cui sarebbero
precorse tematiche surrealiste; surrealiste ante litteram sarebbero anche,
da un punto di vista stilistico, le descrizioni degli animali sottomarini
visti attraverso gli obl del Nautilus o delle tempeste magnetiche del cielo
polare.
Michel Carrouges, interpretando secondo un'ottica psicoanalitica
alcuni miti verniani, riconosce nel trauma della nascita il motivo
unificante dell'opera di Verne. Dietro a immagini apparentemente
semplici quali l'isola, il campo del tesoro, l'esplosione, sarebbero
adombrati i temi dell'ineludibile presenza del padre congiunto alla madre
natura, la compulsione del figlio a trattenersi in uno spazio intra-uterino,
l'espulsione finale.
L'analisi di Carrouges in parte proseguita da due saggi di Marcel
Mor usciti nel 1960 e nel 1963; Mor interpreta i Viaggi come un unico
crittogramma in cui Verne avrebbe celato alcuni nodi problematici della
propria vita. Tema predominante sarebbe quello del conflitto
padre/figlio che, attraverso la negazione del padre naturale, condurrebbe
alla ricerca di una figura paterna ideale (riflettendo in parte l'incontro
con Hetzel). Nel motivo del doppio, della gemellarit, si
rispecchierebbe invece il profondo legame con il fratello Paul.
In una trattazione monografica pubblicata nel 1973 Simone Vierne
individua nello schema dinamico dell'iniziazione l'elemento ispiratore
dell'immaginario di Verne. Pur con differenti realizzazioni, in tutte le
opere del romanziere sarebbe presente un immutabile rituale iniziatico,
scandito nei tre momenti della preparazione, della morte (divisa nelle
fasi del rituale di morte, ritorno allo stato embrionale e discesa agli
inferi o salita al cielo) e della rinascita dell'eroe.
Per Michel Serres, in un saggio stampato nel 1974, Verne si
servirebbe dell'immaginario scientifico come di una metafora per
recuperare alla coscienza i grandi miti: discesa alle Madri, Eterno
Ritorno, immersione nel mondo dei simboli (acqua, fuoco, isola,
specchio, circonferenza).
Una lettura in chiave politica della narrativa di Verne invece
proposta da J ean Chesneaux in una serie di contributi, raccolti in
volume agli inizi degli anni Settanta. Soggetto della produzione
letteraria dello scrittore sarebbero i grandi problemi politici e sociali
di fine Ottocento (l'avvenire dei popoli coloniali, il conflitto tra
nazionalismo e internazionalismo, il ruolo della potenza finanziaria,
la minacciosa presenza degli Stati Uniti), filtrati attraverso tre chiavi
interpretative: la tradizione quarantottarda, l'eco del socialismo
utopico e l'individualismo libertario e anarchico. Le opere di Verne,
che a una lettura superficiale appaiono come un inno al progresso,
sono in realt popolate da eroi solitari e misantropi, scoraggiati e
inutilmente in rivolta, e riflettono le profonde contraddizioni
dell'autore e del suo tempo.
Secondo Pierre Macherey, infine, il progetto ideologico d
Verne sarebbe stato quello di fornire un'analisi politica del rapporto
tra societ e natura, descritto attraverso le tappe dal viaggio di
scoperta, dell'invenzione scientifica e della colonizzazione. Nello
scarto tra questo progetto ideologico, progressista, e la sua
realizzazione, regressiva, si rifletterebbe la contraddizione insita nella
nostra epoca.
BIBLIOGRAFIA
Prima edizione rimaneggiata da Michel Verne:
J. Verne, Le Volcan d'or, Hetzel, Paris, 1906. (2 voll.)

Prima traduzione italiana del testo rimaneggiato da Michel Verne:
J. Verne, vulcano d'oro, Cioffi, Milano, 1921.

Prime edizioni filologicamente corrette:
J. Verne, Le Volcan d'or, Socit Jules Verne, 1989 (edizione a
tiratura limitata). J. Verne, Le Volcan d'or, Version originale, Edition
prsente et annote par O. Dumas, L'Archipel, Paris, 1995 (da cui qui
si traduce, per la prima volta in italiano, il resto originale).

Scritti su Jules Verne accessibili in italiano:
R. Barthes, Nautilus et Bateau ivre, in Mythologies, Seuil, Paris, 1957
(trad. it. Miti d'oggi, Einaudi, Torino, 1974).
M- Buror, Le Poinc suprme et l'Age d'or travers quelques oeuvres de
Jules Verne, in Repertoire, ditions de Minuit, Paris, 1960 (trad. it. Il
Punto supremo e l'Et dell'oro attraverso alcune opere di Jules Verne, in
Repertorio, Il Saggiatore, Milano, 1961).
G. Cacciavillani, Jules Verne. L'isola misteriosa, Lindau, Torino,
1990.
J. Chesneaux, Une lecture politique de Jules Verne, Maspero, Paris,
1971 (trad. it. Una lettura politica di Jules Verne, Moizzi, Milano, 1976).
L Chini Velan, Giulio Verne, Le Monnier, Firenze, 1954.
L. Erba, Introduzione a Viaggio al centro della Terra, Theoria, Roma,
1983.
A. Gramsci, Jules Verne e il romanzo geografico-scientifico, in
Letteratura e vita nazionale, Einaudi, Torino, 1950.
I. Hobana, Ventimila pagine alla ricerca di Jules Verne, Editrice Nord,
Milano, 1981.
Viaggi straordinari attorno a Jules Verne, a cura di F. Pollini, L.
Righetti [Atti del Convegno di Cesena del 1988], Mursia, Milano,
1991 (si segnalano in particolare: S. Vierne, Jules Verne: mito della
tecnica e tecnica del mito; L. Erba, Figure significative nel romanzo
verniano; R. Pourvoyeur, Jules Verne e la scienza; G. Cusatelli, Jules
Verne: la zattera, il transatlantico; E. Guagnini, Alcuni aspetti
dell'influenza di Verne sulla cultura letteraria italiana e il caso
Yambo; B. Pompili, Prima di Jules Verne: problemi della fantascienza;
M. Del Pizzo, Dopo Jules Verne: problemi della fantascienza; P.
Gondolo della Riva, Fortuna e sfortuna d Jules Verne).
M. Serres, Jouvences sur Jules Verne, Editions de Minuit, Paris,
1974 (trad. it. Jules Verne, Sellerio, Palermo 1979).
B. Traversetti, Introduzione a Verne, Laterza, Roma-Bari, 1995.
P. Zanotti, Capriccio di rajah Poesia d'ingegnere, in AA.VV.,
Strade ferrate. La tematica del treno e della ferrovia nei testi di Jules
Verne, Gabriele d'Annunzio, Gabriel Garda Mrquez e parecchi altri
scrittori, Nistri-Lischi, Pisa, 1995, pp. 173-207.
Principali studi francesi:
M. Carrouges, Le Mythe de Volcan chez Jules Verne,
Arts/Lettres, 15,
1949, pp. 32-58. O. Dumas, Jules Verne, Editions de la
Manufacture, Lyon 1988. M. More, Le Trs curieux Jules Verne. Le
problme du pre dans les Voyages extxaordinares, Gallimard,
Paris, 1960. Id., nouvelles explorations de Jules Verne, Gallimard,
Paris, 1963. M. Soriano, Jules Verne (le cas Verne), J ulliard, Paris,
1978. S. Vierne, Jules Verne et le roman hinitiatique. Contribution
l'tude de l'imaginaire, Editions du Sirac, Paris, 1973.
Riviste e numeri speciali
Bulletin de la Societ J ules Verne, rivista trimestrale. Europe,
Jules Verne, 112-13,1955 e 595-96,1978. L'Herne, 25,1974.

Il vulcano d'oro
I
IL LASCITO DI UNO ZIO
Il 18 marzo del terzultimo anno di questo secolo scorso, il postino che
prestava servizio in rue Jacques Carrier a Montreal, recapit al n. 29 una
lettera indirizzata al signor Summy Skim. La lettera diceva:
IL notaio Snubbin porge i suoi omaggi al signor Summy Skime Io prega di
passare senza indugio dal suo studio per una questione che lo riguarda.
Per quale motivo il notaio desiderava incontrare Summy Skim?
Costui lo conosceva come tutti a Montreal. Era un'ottima persona, un
consigliere affidabile e prudente. Canadese d nascita, dirigeva il
migliore studio della citt, lo stesso che sessantanni prima aveva per
titolare il celebre notaio Nick, il cui vero nome era Nicolas Sagamore,
di origine urone, coinvolto in maniera tanto patriottica nel terribile caso
Morgaz che ebbe notevole risonanza intorno al 1837.
1

Il signor Summy Skim si mostr alquanto sorpreso ricevendo la
lettera del notaio Snubbin, dato che non aveva nessuna pratica in corso
nel suo studio. Ad ogni modo si rec all'invito che gli veniva fatto.
Mezz'ora dopo arrivava nella piazza del mercato Bonsecours ed era
introdotto nello studio dove il notaio Snubbin l'aspettava:
Buongiorno disse il notaio alzandosi e consentitemi di
porgervi i miei rispetti
E a me di porgervi i miei rispose Summy Skim sedendosi vicino
alla scrivania.
Siete il primo arrivato, signor Skim
Il primo, signor notaio? Siamo convocati in molti nel vo-stro
studio?

1
Il racconto di questo dramma commovente l'argomento del romanzo Famiglia senza
nome, nella serie dei Viaggi straordinari. (N.d. A.)
In due rispose il notaio,il signor Ben Raddle, vostro cugino,
deve aver ricevuto come voi una lettera che l'invita a venire
Allora non bisogna dire: deve aver ricevuto, ma ricever
dichiar Summy Skim, dato che il signor Ben Raddle non a
Montreal adesso.
Torner presto? chiese il notaio Snubbin.
Fra tre o quattro giorni.
Questa non ci voleva.
Dunque la notizia che dovevate comunicarci urgente?
In un certo senso s rispose il notaio. Ma, dopo tutto, tanto vale
informare voi; al suo ritorno avrete la bont di comunicare al signor
Raddle quanto sono incaricato di dirvi.
Il notaio inforc gli occhiali, frug fra le carte sparse sulla
scrivania, estrasse una lettera da una busta e, prima di leggerne il
contenuto, disse:
Voi e il signor Raddle, signor Skim, siete i nipoti del signor
J osias Lacoste
In effetti, mia madre e la madre del signor Raddle erano sue
sorelle. Ma dalla loro morte, sette o otto anni fa, abbiamo perso ogni
rapporto con nostro zio. Aveva lasciato il Canada per andare in
Europa Delle questioni d'interesse ci avevano diviso. Da allora non
ha mai dato notizie, e non sappiamo che ne stato di lui
Ebbene rispose il notaio Snubbin, ho appena ricevuto la notizia
del suo decesso, datata 25 febbraio scorso.
Bench i rapporti fossero stati rotti da tempo tra J osias Lacoste e
la sua famiglia, quest'informazione turb profondamente Summy
Skim. Lui e suo cugino Ben Raddle erano rimasti senza padre n
madre: a tutti e due, figli unici, non rimaneva che questo legame di
cuginanza, rafforzato da una profonda amicizia. Summy Skim aveva
abbassato la testa con gli occhi umidi, pensando che di tutta la
famiglia non rimanevano che lui e Ben Raddle. Certo a pi riprese
avevano cercato di avere notizie del loro zio, dispiaciuti che avesse
rotto tutti i legami con loro. Forse anzi speravano che l'avvenire
concedesse loro di rivedersi; ed ecco che la morte aveva distrutto
questa speranza.
D'altra parte, J osias Lacoste era sempre stato poco comunicativo
per natura, e allo stesso tempo di carattere amante dell'avventura. La
sua partenza dal Canada per fare fortuna girando il mondo risaliva
ormai a una ventina di anni prima. Era celibe, e in possesso di un
modesto patrimonio che sperava di aumentare lanciandosi nella
speculazione. La speranza si era realizzata? O non si era piuttosto
rovinato con il suo ben noto carattere che lo conduceva a rischiare il
tutto per tutto? Ai suoi nipoti, i soli eredi, sarebbe rimasta qualche
briciola della sua eredit? doveroso dire che Summy Skim e Ben
Raddle non ci avevano mai pensato, e ora che era morto non
sembrava che ci dovessero pensare di pi, presi dal dolore che
avrebbe loro provocato la perdita del loro ultimo parente.
Il notaio Snubbin lasci il suo cliente alle sue riflessioni,
aspettando che gli ponesse qualche domanda cui era pronto a
rispondere. Del resto non era all'oscuro della situazione di quella
famiglia molto stimata a Montreal, n del fatto che Summy Skim e
Ben Raddle ne erano gli ultimi membri dopo la morte di J osias
Lacoste. Poich dunque il governatore del Klondike aveva notificato
proprio a lui il decesso del prospettore
2
cui apparteneva il claim
129
3
del Forty Miles Creek, aveva invitato i due cugini a presentarsi
nel suo studio per prendere conoscenza dei diritti che avevano
ereditato dal defunto.
Signor notaio chiese Summy Skim, la morte di nostro zio
avvenuta il 17 febbraio?
Il 17 febbraio, signor Skim.
Sono gi passati ventinove giorni?
Ventinove, in effetti, non ci voluto di meno perch la notizia mi
arrivasse.
Dunque nostro zio era in Europa all'estremit dell'Europa in
qualche regione lontana? riprese Summy Skim, convinto con ci che
J osias Lacoste non avesse mai rimesso piede in America.
Niente affatto rispose il notaio. Ed esib una lettera i cui
francobolli recavano l'effigie canadese.
Cos riprese Summy Skim, si trovava in Canada senza che noi
l'avessimo saputo?

2
Prospettore: era il nome tecnico con cui si indicavano i cercatori d

oro.
3
Claim: lotto.
S, in Canada, ma nella zona pi remota del Dominion,
4
quasi alla
frontiera che divide il nostro paese dall'Alaska americana e con cui le
comunicazioni sono lente quanto difficili
Il Klondike, suppongo, signor notaio?
S, il Klondike, dove vostro zio si era stabilito da circa dieci mesi.
Dieci mesi ripet Summy Skim e attraversando l'America per
recarsi in quella regione mineraria, non ha nemmeno pensato di venire a
Montreal a stringere la mano ai suoi nipoti l'ultima volta che
avremmo avuto la possibilit di vederlo!
Questo turb profondamente Summy Skim.
Che volete farci rispose il notaio. Il signor Josias Lacoste aveva
certamente fretta di arrivare in Klondike, come tante migliaia di suoi
simili dei malati in preda a quella febbre dell'oro che ha gi fatto e
far ancora tante vittime! Dai quattro angoli del mondo c' stata
un'invasione verso i nuovi giacimenti! Dopo l'Australia la California,
dopo la California il Transvaal, dopo il Transvaal il Klondike, dopo il
Klondike altri territori auriferi e sar cos fino alla fine del mondo o
meglio fino alla fine dei giacimenti!
5

Allora il notaio Snubbin rese note le informazioni contenute nella
lettera del governatore. Appunto verso l'inizio del 1897 Josias Lacoste
si era stabilito a Dawson City, capitale del Klondike, con l'attrezzatura
indispensabile del prospettore. Dal luglio del 1896, dopo la scoperta
dell'oro nel Gold Bottom, un affluente dello Hunter, il distretto del
Klondike aveva attirato l'attenzione. L'anno successivo, Josias Lacoste
era arrivato a quei giacimenti dove gi affluivano tanti minatori. Voleva
impiegare il poco di denaro che gli restava nell'acquisto di un claim, non
dubitando di farvi la sua fortuna. Dopo aver preso informazioni,
divent proprietario del claim 129, situato sul Forty Miles Creek, un
fiume tributario dello Yukon, la grande arteria dell'Alaska e del
Canada.
Poi, il notaio Snubbin aggiunse:
D'altra parte, sembra che quel claim non abbia ancora dato tutto il
guadagno che il signor J osias Lacoste se ne aspettava.

4
Dominion il nome del Canada. N.d.A.)
5
L'originale ha un gioco di parole intraducibile tra jugetnent demier,giudizio
universale, e gisement dernier, ultimo giacimento.
Tuttavia pare che non sia esaurito, e forse vostro zio ne avrebbe tratto
i profitti che sperava. Ma a quali rischi si espongono quei poveri
emigranti in quella regione lontana, i terribili freddi invernali, le
malattie endemiche, gli stenti cui tanti disgraziati soccombono, e
quanti ne tornano pi poveri di come ci sono andati!
Sarebbe dunque la miseria ad avere ucciso nostro zio? domand
Summy Skim.
No, rispose il notaio la lettera non suggerisce affatto che si sia
ridotto in quello stato. morto di tifo, che cos temibile in quel clima
e fa tante vittime. Colpito dai primi sintomi della malattia, il signor
Lacoste ha lasciato il claim, ritornato a Dawson City, e laggi morto.
Poich lo si sapeva originario di Montreal, sono stato io ad essere
informato del suo decesso per comunicarlo alla famiglia.
Summy Skim era assorto. Pensava a quale poteva essere stata la
situazione del suo parente nel corso di un'impresa che non doveva
essere stata fruttuosa. Non vi aveva impiegato le sue ultime risorse dopo
aver acquistato quel claim a un prezzo esorbitante, come facevano troppi
incauti prospettori? Non era forse addirittura morto insolvibile,
indebitato con gli operai che aveva assunto? Dopo queste riflessioni
Summy Skim si rivolse al notaio:
Signor notaio, possibile che nostro zio abbia lasciato una
situazione finanziaria disastrata Ebbene e mi faccio garante per mio
cugino Raddle, che non mi sconfesser non lasceremo mai il nome dei
Lacoste, il nome che hanno portato le nostre madri, in un affare in
sospeso; se ci sono sacrifici da fare, li faremo senza esitazione Perci
bisogner quanto prima stabilire con un inventario
Bene! Vi interrompo, caro signore rispose il notaio; conoscendovi,
questi sentimenti non mi meravigliano affatto da parte vostra. Ma non
penso che occorra prevedere i sacrifici d cui parlate. probabile che
vostro zio sia morto senza ricchezze. Non dimentichiamo per che era
proprietario di quel claim del Forty Miles Creek, e tale propriet ha un
valore che permette di far fronte a tutte le necessit. Ora, questa
propriet diventata vostra, in comune con vostro cugino Ben Raddle,
essendo voi i soli parenti abbastanza prossimi per godere del diritto di
successione del signor J osias Lacoste.
Comunque, il notaio Snubbin fu d'accordo che si sarebbe dovuto
agire con una certa prudenza. Questa successione doveva essere
accettata soltanto con beneficio d'inventario. Sarebbero stati stabiliti
l'attivo e il passivo, e a quel punto gli eredi avrebbero preso una
decisione circa l'eredit.
Mi occuper della faccenda, signor Skim aggiunse, e prender
le informazioni pi sicure Dopo tutto, chi lo sa? Un claim un
claim Anche se non ha dato nulla o quasi nulla finora, ancora non
lo sappiamo! Basta un buon colpo di piccone a riempire le tasche,
come dicono i prospettori
Siamo intesi, signor notaio rispose Summy Skim, e se il claim
di nostro zio ha qualche valore, ci affretteremo a disfarcene alle
migliori condizioni
Sicuramente rispose il notaio, ma su questo punto bisogna che
vostro cugino sia d'accordo
Ne sono certo replic Summy Skim, e non penso che a lui
possa mai venire l'idea di mettersi a sfruttare in proprio
E chi lo sa, signor Skim? Il signor Ben Raddle un ingegnere.
Pu essere attratto Se per esempio venisse a sapere che il claim di
vostro zio situato su un buon filone
Ma vi assicuro, signor notaio, che non andr certo a controllare.
In ogni caso deve tornare a Montreal entro due o tre giorni Ci
consulteremo al riguardo, e vi pregheremo di prendere le misure
necessarie, per vendere il claim del Forty Miles Creek al migliore
offerente o, come possibile e come temo, per onorare gli impegni di
nostro zio nel caso si fosse indebitato in quest'impresa.
Terminata la conversazione Summy Skim si conged dal notaio,
impegnandosi a fargli nuovamente visita due o tre giorni dopo, e
torn alla casa in rue J acques Cartier, dove lui e suo cugino abitavano
insieme.
Il padre di Summy Skim era di origine anglosassone, e la madre di
origine franco-canadese. Quest'antica famiglia del paese risaliva
all'epoca della conquista del 1759. Stabilitasi nel basso Canada, nel
distretto di Montreal, vi possedeva una tenuta, boschi, terre e praterie,
sua ricchezza principale.
All'et di trentadue anni, di statura superiore alla media, con una
fisionomia gradevole, la costituzione robusta di un uomo abituato
all'aria aperta dei campi, gli occhi d'un azzurro profondo, la barba
bionda, Summy Skim era un esempio del tipo franco-canadese, cos
originale e simpatico, che aveva preso da sua madre. Viveva della sua
propriet senza preoccupazioni, senza ambizione, conducendo
l'esistenza invidiabile del gentleman-farmer
6
al centro di quel
distretto privilegiato del Dominion. La sua ricchezza, pur non
essendo considerevole, gli consentiva di soddisfare i suoi gusti
peraltro poco dispendiosi, e non avrebbe mai provato il desiderio o il
bisogno di accrescerla. Amava la caccia, e poteva dedicarvisi in piena
libert in mezzo alle vaste pianure del distretto e ai boschi ricchi di
selvaggina che ne occupavano la maggior parte. Amava la pesca, e
aveva a disposizione tutta la rete idrografica dei tributari e sotto-
tributari del San Lorenzo, per non parlare degli ampi laghi tanto
numerosi alle latitudini settentrionali dell'America.
La casa dei due cugini, non lussuosa ma confortevole, si trovava in
uno dei quartieri pi tranquilli di Montreal, al di fuori del centro
industriale e commerciale. L tutti e due trascorrevano, aspettando
con impazienza il ritorno della bella stagione, quegli inverni canadesi
che sono tanto duri, bench il paese si trovi sullo stesso parallelo
dell'Europa meridionale. Ma i venti terribili che non sono arrestati da
nessuna montagna, le tempeste cariche del gelo della regione artica,
vi si scatenano senza ostacoli con una violenza straordinaria.
Montreal, sede del governo dal 1843, avrebbe potuto offrire a
Summy Skim l'occasione di occuparsi degli affari pubblici; ma
poich era di carattere indipendente e frequentava poco l'alta societ
dei funzionari di Stato, nutriva un sacro orrore per la politica. E poi
accettava di buon grado la sovranit della Gran Bretagna, pi
apparente che effettiva. Non aveva mai preso posizione tra i partiti
che dividono il Dominion. Insomma, poich disdegnava gli ambienti
ufficiali, amava lasciarsi vivere da filosofo, senza alcun tipo di
ambizione.
Secondo lui, ogni modificazione che sopraggiungesse nella sua
esistenza avrebbe potuto portare solo noie, preoccupazioni e
diminuzione del suo benessere.

6
Gentleman-farmer: proprietario terriero che vive sulle proprie terre e si occupa
della loro coltivazione.
Sar quindi comprensibile che questo filosofo non avesse mai pensato
al matrimonio e anzi non gli passasse nemmeno per la testa, nonostante
avesse ormai trentadue anni sulle spalle. Forse, se non avesse perduto
sua madre si sa quanto le madri ci tengano a perpetuarsi nei loro
nipotini forse le avrebbe dato la soddisfazione di avere una nuora. Ma
in tal caso, senza alcun dubbio, la moglie di Summy Skim avrebbe
condiviso i suoi gusti. Tra le numerose famiglie del Canada dove spesso i
figli superano le due dozzine, o in citt o in campagna gli si sarebbe
trovata l'ereditiera che facesse al caso suo e, a queste condizioni,
l'unione sarebbe stata felice. Ma la signora Skim era morta da cinque
anni, tre anni dopo suo marito, e se da tempo lei pensava a qualche
partito per suo figlio, lui non ci pensava affatto, e con ogni
verosimiglianza, ora che sua madre non c'era pi, mai un'eventualit
matrimoniale gli sarebbe venuta in mente.
Appena la temperatura di quel clima ruvido si faceva pi mite,
quando il sole, pi mattiniero, annunciava l'imminente ritorno della
bella stagione, Summy Skim si preparava a lasciare la casa di rue
Jacques Cartier, senza avere ancora convinto suo cugino a ritornare cos
presto alla vita rurale. In quel periodo si recava alla fattoria di Green
Valley, a una ventina di miglia a nord nel distretto di Montreal, sulla
riva sinistra del San Lorenzo. L ritrovava la vita di campagna, interrotta
dai rigori dell'inverno, che ghiaccia tutti i corsi d'acqua e ricopre tutte le
pianure di uno spesso tappeto di neve. Si rivedeva l, in mezzo ai suoi
coloni, brava gente al servizio della famiglia da mezzo secolo. E come
non provare un affetto sincero e un'assoluta fedelt per quel padrone
buono, servizievole, che amava essere di aiuto anche se doveva pagare di
persona? Perci non gli lesinavano manifestazioni di gioia al suo arrivo,
e di rammarico all'ora della partenza.
La propriet di Green Valley produceva anno pi anno meno
ventimila franchi, che venivano divisi tra i due cugini, poich la tenuta
era rimasta in comune fra loro come la casa a Montreal. La
coltivazione si praticava su ampia scala, dato che il suolo era molto
fertile in foraggio e cereali, i cui proventi si aggiungevano a quelli dei
magnifici boschi che coprono ancora in gran parte i territori del
Dominion, soprattutto nelle sue regioni orientali. La fattoria
comprendeva un complesso di edifici bene organizzati e ben tenuti,
scuderie, granai, stalle, cortile, capannoni, e disponeva di attrezzature
molto complete e moderne, come esigono le attuali necessit
dell'agricoltura. Quanto alla casa del padrone, era un padiglione
all'ingresso di un'ampia zona recintata, tappezzata di prati, ombreggiata
di alberi, dove la semplicit non escludeva la comodit.
Tale era la dimora dove Summy Skim e Ben Raddle passavano la
bella stagione, e che il primo, almeno, non avrebbe voluto cambiare con
il pi bel castello signorile degli opulenti Americani. Per quanto fosse
modesta, gli bastava e non sognava n ingrandimenti n abbellimenti,
soddisfatto di quelli fatti a sole spese della natura. L trascorrevano le
sue giornate, occupate dagli esercizi venatori, e le sue notti sempre
allietate da un buon sonno.
chiaro, e conviene insisterci, che Summy Skim si riteneva
abbastanza ricco grazie alla rendita delle sue terre. Le faceva fruttare
con altrettanto metodo che intelligenza. Ma se non intendeva lasciare
andare in rovina i suoi beni, non si preoccupava in alcun modo di
accrescerli, e per niente al mondo si sarebbe lanciato negli affari cos
numerosi in America, nelle speculazioni commerciali e industriali,
ferrovie, banche, miniere, societ marittime o altro. No! Questo saggio
aveva orrore di tutto quel che presenta dei rischi o semplicemente delle
incognite. Sforzarsi di valutare le buone o le cattive occasioni sentirsi
alla merc di evenienze che non si possono n impedire n prevedere,
svegliarsi la mattina con questo pensiero: sono pi ricco o pi povero
di ieri?, tutto ci gli sarebbe sembrato orribile Avrebbe preferito non
addormentarsi mai o non svegliarsi pi.
Riguardava questo punto il contrasto nettissimo tra i due cugini, che
avevano la stessa origine franco-canadese. Che entrambi fossero nati
da due sorelle e che avessero nelle vene sangue francese, nessun dubbio.
Ma se il padre di Summy Skim era di nazionalit anglosassone, il padre
di Ben Raddle era di nazionalit americana, ed certo che esiste una
differenza tra l'inglese e lo yankee,
7
differenza che si approfondisce con il
tempo. Jonathan e J ohn Bull,
8
se sono parenti, lo sono solo di grado
lontano, tanto da non potersi nemmeno trasmettere un'eredit, e questa

7
Yankee: soprannome inglese (familiare, a volte denigratorio) per gli Statunitensi.
8
J ohnatan e J ohn Bull: espressioni inglesi per designare gli Statunitensi e("J ohn il
toro") gli Inglesi stessi.
parentela, a quanto pare, finir col cancellarsi interamente.
Si pu dunque osservare che i due cugini, peraltro molto uniti, pur
non immaginando che qualcosa avrebbe potuto separarli in futuro, non
avevano n gli stessi gusti n lo stesso carattere. Ben Raddle, di statura
pi piccola, bruno di capelli e di barba, di due anni pi anziano di Skim,
non guardava alla vita dallo stesso punto d vista del cugino. Mentre
l'uno si accontentava di vivere da buon proprietario e di sorvegliare i
raccolti, l'altro si appassionava al progresso scientifico e industriale del
suo tempo. Aveva studiato da ingegnere e aveva gi partecipato a
qualcuna delle imprese prodigiose in cui gli Americani cercano di avere la
meglio grazie alla novit delle concezioni e all'audacia dell'esecuzione.
Allo stesso tempo, ambiva a essere ricco, molto ricco, approfittando
delle occasioni cos straordinarie ma cos aleatorie che non sono rare
nell'America del nord, soprattutto lo sfruttamento delle ricchezze
minerarie del suolo. Le favolose fortune dei Gould, degli Astor, dei
Vanderbildt,
9
dei Rockefeller e di tanti altri arrivati al miliardo,
sovreccitavano il suo cervello. Cos, mentre Summy Skim si spostava
solo per delle frequenti escursioni a Green Valley, Ben Raddle aveva
percorso gli Stati Uniti, attraversato l'Atlantico, visitato parte
dell'Europa, senza aver mai potuto persuadere suo cugino ad
accompagnarlo. Da poco era tornato da un viaggio abbastanza lungo
oltremare e, dopo il suo ritorno a Montreal, era in attesa di qualche
occasione, o meglio di qualche affare enorme cui avrebbe dato il
proprio apporto. Summy Skim poteva dunque temere che suo cugino
fosse coinvolto in qualcuna di quelle speculazioni che a lui facevano
orrore.
E d'altra parte sarebbe stato un grande dolore se Summy Skim e
Ben Raddle fossero stati costretti a separarsi, perch si volevano bene
come fratelli, e se a Ben Raddle dispiaceva che Summy Skim non
volesse lanciarsi con lui in qualche affare d'industria, a Summy Skim
non dispiaceva di meno che Ben Raddle non limitasse la propria
ambizione a far fruttare la tenuta di Green Valley, visto che assicurava
loro l'indipendenza e, con l'indipendenza, la libert.


9
Questa la grafia di Verne per Vanderbilt.
II
I DUE CUGINI
Rientrato a casa, Summy Skim si occup di prendere alcune
disposizioni che gli imponeva la morte di Josias Lacoste, del biglietto di
partecipazione che si doveva inviare agli amici di famiglia, e del lutto
che era doveroso portare. Non dimentic di ordinare una funzione
religiosa alla chiesa della sua parrocchia. Tale funzione sarebbe stata
celebrata per il riposo dell'anima del defunto, ma solo quando Ben
Raddle sarebbe tornato dal suo viaggio, poich sarebbe stato suo
desiderio assistervi.
Quanto al regolamento degli affari personali di suo zio, al
momento di accettare l'eredit che pareva proprio ridursi alla propriet
del claim del Forty Miles Creek, avrebbero avuto occasione di parlarne
molto seriamente con il notaio Snubbin, quando i due cugini si fossero
accordati in proposito. Il notaio prese soltanto la precauzione di inviare
al governatore del Klondike, a Dawson City, un telegramma con cui
l'informava che gli eredi di Josias Lacoste avrebbero prossimamente
fatto sapere a quali condizioni avrebbero accettato la successione, e
dopo che un inventario avesse stabilito qual era la situazione finanziaria
del loro zio.
Ben Raddle rientr a Montreal solo cinque giorni dopo, la mattina
del 21 marzo, dopo un soggiorno di un mese a New York. L aveva
studiato con altri ingegneri il progetto gigantesco di gettare un ponte
sull'Hudson tra la metropoli e il New Jersey, gemello dell'altro che
collega New York e Brooklyn.
Si ammetter volentieri che lo studio di quell'impresa era tale da
appassionare un ingegnere. Ben Raddle vi si era perci dedicato di tutto
cuore, e si era anche offerto di entrare al servizio della compagnia
Hudson Bridge. Non sembrava per che la costruzione del ponte dovesse
essere intrapresa entro breve tempo. Se ne parlava molto sui giornali, la
si studiava altrettanto sulla carta. L'inverno non era finito, e a quella
latitudine degli Stati Uniti si prolungava fino alla met d aprile. Chi
poteva dire se l'estate avrebbe visto l'inizio dei lavori? Cos Ben Raddle
si decise a tornare.
La sua assenza era parsa molto lunga a Summy Skim, e anche molto
dolorosa. Quanto gli dispiaceva di non poter convertire il cugino alle sue
idee, di non potergli fare condividere la sua vita tranquilla. E invece,
questa grande impresa dello Hudson Bridge non finiva di causargli vive
inquietudini. Se Ben Raddle vi avesse partecipato, questa non l'avrebbe
trattenuto a lungo, forse per anni, a New York? E allora Summy Skim
sarebbe stato solo nella casa comune, solo alla fattoria di Green Valley.
Ma invano aveva cercato di trattenere Ben Raddle. La diversit di
carattere tra i due cugini era tale che l'uno aveva ben poca influenza
sull'altro.
Appena l'ingegnere fu di ritorno, suo cugino gli diede la notizia della
morte del loro zio Josias Lacoste. Se non l'aveva informato a New York
per lettera o per telegramma, era perch l'aspettava a giorni.
La notizia addolor sinceramente Ben Raddle, poich lo zio Lacoste
era il solo che rimanesse di tutta la loro famiglia. Approv provvedimenti
presi dal cugino per quanto riguardava la cerimonia funebre, e l'indomani
del suo arrivo tutti e due assistettero alla funzione che fu celebrata nella
chiesa della parrocchia.
Solo quel giorno Ben Raddle fu messo al corrente degli affari di suo
zio. Venne cos a sapere che Josias Lacoste era deceduto a Dawson City,
lasciando come solo patrimonio il claim 129 del Forty Miles Creek, nel
territorio del Klondike.
Questo nome, allora sulla bocca di tutti, non poteva non eccitare gli
istinti di un ingegnere. Di certo essere erede di un giacimento aurifero
non avrebbe lasciato Ben Raddle indifferente come Summy Skim, e
forse vi intravide un affare tutt'altro che da liquidare, ma da continuare,
contrariamente all'opinione del cugino.
Ma per il momento Ben Raddle non volle dire nulla. Con la sua
abitudine di studiare seriamente le cose, desiderava riflettere prima di
pronunciarsi. Pare d'altronde che ventiquattro ore gli bastarono a pesare
il pro e il contro della situazione, poich l'indomani, pranzando con
Summy Skim, che lo trovava stranamente assorto, gli disse:
Se parlassimo un po' del Klondike?
Dal momento che si tratta solo di parlarne un po', mio caro Ben,
parliamone
Un po' a meno che non sia molto, Summy.
Di' quel che hai da dire, Ben.
Il notaio non ti ha dato in visione i titoli di propriet di questo
claim 129?
No rispose Summy Skim, nonostante li abbia ricevuti, non ho
pensato che fosse utile prenderne conoscenza
Qui ti riconosco proprio, Summy replic Ben Raddle. Tuttavia,
io non guardo alla questione con tanta indifferenza, e il mio parere che
merita un'attenzione seria, uno studio approfondito
Dapprima, Summy Skim non rispose nulla a questo prologo, ma dopo
che suo cugino si fu spinto oltre: Mio caro Ben disse, mi sembra che
la nostra situazione sia molto semplice o quest'eredit ha qualche
valore, e noi la liquideremo nel modo migliore per i nostri interessi,
oppure non ne ha nessuno, com' assolutamente probabile, visto che
nostro zio non era certo uomo da arricchirsi, e non l'accetteremo.
Questo sar ragionevole, in effetti, dichiar Ben Raddle. Ma non
sar il caso di avere fretta Con questi giacimenti, ci sono tante
incognite Li credi poveri, li credi esauriti, e un colpo di piccone
pu fare una fortuna
Ebbene, mio caro Ben, precisamente quanto deve sapere chi s'
imbarcato nell'impresa, la gente che sfrutta in questo momento i
famosi giacimenti del Klondike. Se il claim del Forty Miles Creek vale
qualcosa, cercheremo di disfarcene al prezzo pi vantaggioso Ma,
ripeto, c' da temere che nostro zio si sia lanciato in qualche cattivo
affare di cui forse sopporteremo le conseguenze. Non ha proprio fatto
fortuna nella vita e immagino che non abbia lasciato questo mondo al
momento di diventare milionario
E quel che resta da appurare rispose Ben Raddle. Il mestiere di
prospettore pieno d sorprese del genere. Si sempre sul punto di
scoprire una vena fortunata, e con la parola vena non intendo la
fortuna, ma il filone aurifero dove abbondano le pepite. Insomma, ci
sono dei cercatori d'oro che non hanno proprio avuto da
lamentarsi
S rispose Summy Skim, uno su cento, e a prezzo di quali
preoccupazioni, di quali fatiche, e si pu aggiungere: di quali disgrazie!
Insomma continu Ben Raddle, non intendo fermarmi a delle
ipotesi, ma a delle constatazioni serie, prima di prendere una
decisione
Summy Skim vide bene dove suo cugino voleva arrivare, e per
quanto ne fosse afflitto non poteva affatto mostrarsene stupito. Perci si
tenne stretto all'argomento che gli era familiare e disse: Amico mio, la
ricchezza che ci hanno lasciato i nostri genitori non sufficiente? Il
nostro patrimonio non ci assicura l'indipendenza e il benessere?.,. Se ti
parlo in questo modo, perch mi accorgo che tu dai a quest'affare pi
importanza di quanta gliene ho data io, di quanta non ne meriti a mio
parere, e chi sa le delusioni che ci riserver? Insomma, non siamo
abbastanza ricchi?.
Non lo si mai abbastanza, quando si pu esserlo ancora di pi
A meno che non lo si sia troppo, Ben, come certi miliardari che
hanno tante noie quanti milioni, e penano pi a conservarli di quanto
hanno fatto per guadagnarli
Via, via, rispose Ben Raddle una bella cosa la filosofia, ma non
si deve spingerla all'eccesso, e non farmi dire quello che non dico affatto.
Io non mi aspetto di trovare tonnellate d'oro nel claim di nostro zio
Josias, ma ripeto che ragionevole informarsi.
Ci informeremo, beninteso, mio caro Ben, e voglia il cielo che,
avute le notizie, non ci troviamo davanti a una situazione finanziaria
difficile, che dovremmo fronteggiare per rispetto alla nostra famiglia.
Chiss se laggi, nello sfruttamento di quel claim 129, le spese di
acquisto, d'insediamento, di sfruttamento, non hanno superato i mezzi di
nostro zio. In tal caso, ho assicurato il notaio Snubbin
E hai fatto bene, Summy, e io ti approvo rispose senza esitazione
Ben Raddle. Ma questo lo sapremo quando avremo una conoscenza
approfondita della questione. Non conosco quei giacimenti del
Klondike per sentito dire. Ho letto tutto quel che stato pubblicato
sulle ricchezze di quei territori, bench il loro sfruttamento risalga a
non pi di due anni. Dopo l'Australia, dopo la California, dopo il Sud
Africa, si sarebbe potuto credere che gli ultimi giacimenti del nostro
pianeta fossero stati esauriti E per l'appunto, ecco che in quella zona
del Nord America, ai confini dell'Alaska e del Dominion, il caso ne ha
fatti scoprire di nuovi Inoltre pare che queste regioni settentrionali
dell'America siano privilegiate sotto quest'aspetto E non solo
esistono delle miniere d'oro nel Klondike, ma se ne sono scoperte
nell'Ontario, nel Michipicoten, nella Columbia inglese, come la War
Eagle, la Standard, la Group, lAlhabarca, la Fern, la Syndicate, la
Sans-Poel, la Cariboo, la Deer Trail, la Georgie Reed, e tante altre le
cui azioni sono aumentate di valore, per non parlare delle miniere di
argento, d rame, di manganese, di ferro, di carbone! Ma per quanto
riguarda il Klondike, pensa, Summy, pensa all'estensione di quella
regione aurifera! Duecentocinquanta leghe di lunghezza per
quaranta circa di larghezza, e non menziono i giacimenti dell'Alaska,
solo quelli sul territorio del Dominion! Che immenso terreno di
esplorazione Forse il pi vasto che sia stato riconosciuto sulla
superficie della Terra! E chiss se non in milioni, ma in miliardi un
giorno saranno calcolati i prodotti di quella regione!
Ben Raddle avrebbe potuto parlare a lungo sull'argomento, e Summy
Skin vide che lo conosceva a fondo. Si limit a dire: Andiamo Ben,
troppo evidente, tu hai la febbre.
Come ho la febbre
Si, la febbre dell'oro, come tanti altri, e non la si guarisce con il
solfato di chinino, perch non affatto intermittente
Tranquillizzati, mio caro Summy rispose Ben Raddle ridendo, il
mio polso non batte pi veloce del solito Non vorrei esporti al
contatto di un febbricitante
Oh, per me! Io sono vaccinato rispose sullo stesso tono Summy
Skim, e non ho niente da temere. Ma ti vedrei con dispiacere
lanciarti
Amico mio, non si tratta di lanciarsi, si tratta semplicemente di
studiare un affare, e tutto considerato di ricavarne un profitto se il
caso. Tu dici che nostro zio non stato per nulla fortunato nelle sue
speculazioni Lo credo, in effetti, e molto probabilmente quel claim
del Forty Miles Creek gli avr fruttato pi fango che pepite E
possibile.., ma forse non aveva le risorse necessarie per sfruttarlo
forse non agiva con esperienza e metodo, come avrebbe potuto
fare
Un ingegnere, non vero Ben?
Sicuro, un ingegnere
Tu per esempio ?
Io certo, rispose Ben Raddle. In ogni caso non di questo
che ora si tratta Prima di cercare di disfarsi del claim che ci spetta
in eredit, ammetterai che sar opportuno domandare qualche
informazione nel Klondike
In effetti ragionevole rispose Summy Skim, nonostante io
non mi faccia nessuna illusione sul valore di questo 129
quello che sapremo dopo aver preso le informazioni replic
Ben Raddle. E possibile che tu abbia ragione come possibile che
tu abbia torto. Per concludere, ci recheremo allo studio del notaio
Snubbin, lo incaricheremo di tutte le pratiche, lui far arrivare le
informazioni da Dawson City per lettera, o piuttosto per telegramma,
e quando sapremo come stanno le cose per il valore del claim,
vedremo quel che bisogner fare.
Cos fin la conversazione, e tutto sommato Summy Skim non
poteva obiettare nulla alle proposte d suo cugino. Era naturale
informarsi prima d prendere una decisione. Che Ben Raddle fosse un
uomo serio, intelligente, pratico, tutto ci non poteva essere messo in
dubbio da Summy Skim. Ma non per questo era meno addolorato e
inquieto nel vedere con quale ardore suo cugino guardava al futuro,
con quale specie di avidit si gettava su quella preda offerta in modo
cos inatteso alla sua ambizione, E sarebbe riuscito a trattenerlo?
Sicuramente Summy Skim non si sarebbe separato da Ben Raddle. I
loro interessi sarebbero rimasti comuni in quell'affare! Continuava a
credere che sarebbe stato risolto presto, ed arrivava a desiderare che
le informazioni domandate a Dawson City fossero tali che non
sarebbe stato il caso di procedere. Ma poi che idea, e che cattiva idea
aveva avuto lo zio J osias di andare a cercar fortuna nel Klondike,
dove aveva trovato forse solo la miseria e di sicuro la morte!
Nel pomeriggio Ben Raddle si rec allo studio del notaio, dove
prese conoscenza della documentazione inviata da Dawson City.
Questa stabiliva categoricamente la situazione del claim 129,
propriet d J osias Lacoste, attualmente deceduto. Il claim occupava
un'area della riva destra del Forty Miles Creek nel distretto del
Klondike. Quel corso d'acqua sfocia nella riva sinistra del grande
fiume, lo Yukon, che attraversa tutta l'Alaska dopo aver bagnato i
territori occidentali del Dominion. Le sue acque, inglesi nella parte
alta del suo corso, sono diventate americane a valle, da quando quella
vasta regione dell'Alaska stata ceduta dai russi agli Stati Uniti.
Una mappa permetteva di rilevare con esattezza la posizione del
claim 129. Si trovava a []
10
chilometri da Fort Cudahy, una borgata
fondata sulla riva sinistra dello Yukon dalla Compagnia della Baia di
Hudson.
Durante quell'incontro, il notaio Snubbin non ebbe difficolt a
capire che l'ingegnere considerava la questione in tutt'altro modo che
il suo coerede. Ben Raddle studi i titoli di propriet con la massima
attenzione. Non poteva distogliere lo sguardo dalla carta a grande
scala spiegata davanti ai suoi occhi, che comprendeva il distretto del
Klondike e la parte confinante dell'Alaska. Risaliva col pensiero quel
Forty Miles Creek che attraversava il centoquarantesimo
11
meridiano,
scelto come linea di demarcazione tra i due Stati. Si fermava l,
vicino a quella frontiera, precisamente nel luogo dove erano indicati
gli estremi del claim di J osias Lacoste. Contava gli altri claims
collocati sulle due rive del creek
12
la cui fonte era nascosta in una
delle regioni aurifere dell'Alaska. Perch non sarebbero stati
privilegiati come quelli del Klondike River, del suo affluente
Bonanza, dei suoi subaffluenti, il Victoria, l'Eldorado, e di altri rios,
13

allora tanto produttivi, tanto ricercati dai minatori! Divorava con lo
sguardo quella regione meravigliosa, la cui rete idrografica trascina a
profusione il prezioso metallo, che ai tassi di Dawson City valeva due
milioni trecentoquarantaduemila franchi la tonnellata
E quando il notaio Snubbin lo vide cos assorto nelle sue
riflessioni che non pronunciava pi una parola, si credette in dovere
di dirgli: Signor Raddle, posso chiedervi se sarebbe vostra
intenzione tenere e sfruttare il giacimento del defunto Josias Lacoste?.
Forse rispose Ben Raddle. Tuttavia, il signor Skim
Summy non deve ancora pronunciarsi, e anch'io mi riservo di

10
Lacuna nel manoscritto.
11
In seguito sempre centoquarantunesimo meridiano.
12
Creek: torrente.
13
Rios: rio, in spagnolo, significa fiume.
esprimere la mia opinione quando avr verificato se queste
informazioni sono esatte e avr visto con i miei occhi
Perci state pensando di intraprendere un lungo viaggio nel
Klondike? chiese il notaio Snubbin scuotendo la testa.
Perch no? E qualunque cosa ne possa pensare Summy, laffare,
secondo me, vale la pena di disturbarsi Una volta a Dawson City, si
prenderebbe una decisione Fosse solo per vendere il claim, per
stimarne il valore, voi ne converrete, signor notaio, la cosa migliore
averlo visitato proprio necessario? osserv il notaio Snubbin.
Indispensabile afferm Ben Raddle. E d'altronde non basta voler
vendere, bisogna anche trovare un acquirente.
Se il problema solo questo, rispose il notaio, potete evitare le
fatiche di un simile viaggio, signor Raddle E perch?
Guardate, ecco il telegramma che ho appena ricevuto appena un'ora
fa; stavo per mandarvelo, quando mi avete fatto l'onore di passare dal
mio studio.
Cos dicendo, il notaio Snubbin diede a Ben Raddle un telegramma,
con la data di otto giorni prima, che dopo essere stato portato da
Dawson City a Vancouver, era stato trasmesso a Montreal dal servizio
telegrafico del Dominion.
C'era una societ americana, gi proprietaria di otto claims nel
Klondike, il cui sfruttamento era diretto dal capitano Healy dell'Anglo-
American Transportation and Trading Co. (Chicago e Dawson).
Tale societ proponeva per l'acquisto del claim 129 del Forty Miles
Creek un'offerta definitiva di cinquemila dollari, che sarebbero stati
inviati a Montreal appena ricevuto il telegramma di accettazione.
Ben Raddle aveva preso il telegramma, e lo leggeva con la stessa
attenzione con cui aveva appena studiato i titoli di propriet.
Ecco, signor Raddle fece osservare il notaio, quel che vi
risparmier il viaggio
Non saprei rispose l'ingegnere. Il prezzo offerto
sufficiente? Cinquemila dollari, un claim del Klondike!
Su questo non posso rispondervi
Vedete, signor Snubbin, se questa societ offre cinquemila dollari
per il 129, vuol dire che vale dieci volte di pi ad acquistarlo, e forse
cento volte di pi, se si vuole continuare lo sfruttamento
In base a un tal prezzo, sembra che questo non sia riuscito a vostro
zio, signor Raddle. Il punto sapere se invece di lanciarsi in questo genere
di affari cos aleatori, non sarebbe preferibile risparmiarsi ogni
preoccupazione e incassare i cinquemila dollari
Non questo il mio parere, signor Snubbin.
Lo vedo, ma forse sar quello del signor Summy Skim?
No, quando avr preso conoscenza di questo telegramma, far
valere con lui le mie ragioni, ed troppo intelligente per non capirle
Poi, quando l'avr convinto della necessit di intraprendere questo
viaggio, si persuader ad accompagnarmi
Lui? esclam il notaio Snubbin, l'uomo pi felice, il pi
indipendente che mai notaio abbia incontrato nell'esercizio della sua
professione
S, quest'uomo felice quest'uomo indipendente, di cui intendo
raddoppiare la felicit e l'indipendenza. Dopo tutto che cosa rischiamo,
dal momento che avremo sempre la possibilit di accettare il prezzo
offerto da questa societ?
Poco importa, signor Raddle, e dovrete fare un gran dispendio di
eloquenza.
No, solo di buon senso. Datemi quel telegramma, signor Snubbin.
Vado a farlo vedere a Summy, e la giornata non finir senza che sia
stata presa una decisione
Conforme al vostro desiderio?
Conforme, signor Snubbin, e ci sar modo di metterla in atto nel pi
breve tempo possibile.
Come si vede, la decisione era formalmente presa, e checch ne
potesse pensare il notaio, Ben Raddle non dubitava di convertire
Summy a quel progetto di viaggio.
Lasciato lo studio, prese la via pi breve, torn alla casa di rue
Jacques Carrier e sal subito in camera di suo cugino.
Allora gli domand questi, sei appena stato dal notaio Snubbin.
C' qualcosa di nuovo?
S, Summy, qualcosa di nuovo, e anche delle notizie
Buone?
Eccellenti.
Hai preso conoscenza dei titoli di propriet?
Sono in regola, si capisce. In qualit di eredi di nostro zio, siamo
proprietari del claim del Forty Miles Creek.
Questo s che aumenter di molto la nostra ricchezza! rispose
ridendo Summy Skim.
E probabile dichiar l'ingegnere, e senza dubbio assai pi di
quanto tu non pensi.
Ah! Allora che hai saputo di tanto nuovo in materia di notizie, per
parlare in questo modo?
Semplicemente quello che dice questo telegramma, arrivato
stamattina allo studio del notaio Snubbin, e che contiene un'offerta
d'acquisto del claim 129.
E Summy Skim venne a sapere in che cosa consisteva la proposta
fatta dall'Anglo-American Transportation and Trading Company.
Davvero perfetto rispose, e non c' pi da pensarci. Vendiamo il
nostro claim a questa cortese societ, e il pi in fretta possibile
Perch cedere al prezzo di cinquemila dollari ci che deve valerne
molti di pi?
Eppure, mio caro Ben
Ebbene, il tuo caro Ben ti risponde che non si trattano cos gli
affari, e non c' niente come avere visto coi propri occhi
Ci pensi ancora?
Pi che mai! Insomma rifletti, Summy. Se ci fanno questa
proposta d'acquisto, il fatto che conoscono il valore del claim, e che
questo valore infinitamente pi considerevole Ci sono altri
giacimenti lungo i rios o nelle montagne del Klondike. Che ne sai tu?
Lo so, Summy, e se una societ che gi ne possiede vuole acquistare
proprio quel 129, significa che ha non cinquemila ragioni per offrire
cinquemila dollari, ma diecimila, centomila
Davvero, Ben, tu giochi con i numeri
Ma i numeri sono la vita, mio caro, e io trovo che tu non calcoli
abbastanza
Non sono affatto portato per la matematica, Ben.,.
Non si tratta per niente di matematica, Summy! Devi credermi, sto
parlando molto seriamente, e dopo aver riflettuto a lungo Forse avrei
esitato a partire per Dawson City, ma dopo l'arrivo di questo telegramma
sono deciso a portare la mia risposta di persona
Cosa? Vuoi andare in Klondike?
E indispensabile
E senza avere altre informazioni?
Voglio informarmi sul posto.
E mi lascerai di nuovo solo?
No tu verrai con me
Io?
Tu!
Questo mai!
S, perch l'affare ci riguarda tutti e due
Ti dar tutti i poteri
No,.. ti porto con me
Ma un viaggio di duemila leghe
Facciamo cinquecento di pi
E durer ?
Quanto sar necessario se abbiamo interesse non a vendere il
nostro claim, ma a sfruttarlo
Come sfruttarlo? esclam Summy Skim. Ma allora un
anno intero
Due, se sar necessario!
Due anni! Due anni! ripeteva Summy Skim.
E ci stiamo a pensare dichiar Ben Raddle, quando ogni mese
aumenter la nostra ricchezza?
No!No! esclamava Summy Skim, rannicchiandosi,
sprofondandosi nella sua poltrona come un uomo ben deciso a non
separarsene mai.
Allora Ben Raddle fece un ultimo sforzo per convincerlo. Riconsider
l'affare in tutti i suoi aspetti. Gli prov con le ragioni pi impellenti che
la loro presenza al claim del Forty Miles Creek era indispensabile, che
non era consentito esitare, e concluse aggiungendo:
Per quanto mi riguarda, Summy, sono deciso ad andare a Dawson
City, e non posso credere che tu rifiuti di accompagnarmi!
Allora, Summy Slam si mise a sostenere le sue intenzioni insistendo
sullo scompiglio che quel viaggio avrebbe gettato nella loro vita. Di l a
meno di due mesi, avrebbero dovuto andar via da Montreal per
stabilirsi a Green Valley per riprendervi le campagne di pesca e di
caccia.
Va bene! replic Ben Raddle. La selvaggina e i pesci non
mancano affatto nelle pianure e nei rios del Klondike; pescherai e
caccerai in un paese nuovo che ti riserver delle sorprese! Ma i nostri
coloni i nostri bravi coloni che ci aspettano Avranno forse
motivo di dispiacersi della nostra assenza, quando saremo tornati
abbastanza ricchi da costruire loro altre fattorie e comprare tutto il
distretto! E poi, Summy, sei stato troppo sedentario fino a ora! Bisogna
un po' girare il mondo Oh fece Summy Skim, avrei ben altre
regioni da visitare, in America e in Europa, se ne avessi voglia, e
sicuramente non comincerei con lo sprofondarmi fino al centro di
quell'abominevole Klondike
Che ti sembrer affascinante, Summy, quando avrai constatato tu
stesso che seminato di polvere d'oro e lastricato di pepite
Ben, mio caro Ben riprese Summy Skim, tu mi fai paura! S, mi
fai paura! Vuoi imbarcarti in un affare dove troverai solo disagi e
delusioni!
Disagi forse! Delusioni mai!
A cominciare da quel maledetto claim che di certo non vale quanto
un quadrato di terra di Green Valley coltivato a cavoli o a patate!
Allora perch quella compagnia offrirebbe senz'altro parecchie
migliaia di dollari?
E quando penso che bisogna andarlo a cercare in un paese dove la
temperatura precipita a cinquanta gradi sotto zero!
Ottimo, il freddo! Conserva!
E alla fine, dopo mille risposte Summy Skim dovette dichiararsi
vinto. No! Non avrebbe lasciato suo cugino partire da solo per il
Klondike L'avrebbe accompagnato, non fosse altro che per riportarlo
indietro prima
Cos, quel giorno, un telegramma con l'annuncio della prossima
partenza dei signori Ben Raddle e Summy Skim fu spedito al capitano
Healy, direttore della societ anglo-americana Transportation and
Trading Co., Dawson City, Klondike.
III
DA MONTREAL A VANCOUVER
Prendendo la Canadian Pacific Railway,
14
turisti, commercianti,
emigranti e cercatori d'oro possono viaggiare direttamente, senza
cambiare linea, senza lasciare il Dominion o la Columbia britannica, da
Montreal a Vancouver. Arrivati nel capoluogo della Columbia
britannica, non hanno che da scegliere tra diverse vie di
comunicazione, terrestri, fluviali o marittime, e tra diversi mezzi di
trasporto, battelli, cavalli, carrozze e anche a piedi per la maggior
parte del percorso.
Ora che la partenza era decisa, Summy Skim si sarebbe potuto
affidare, per tutti i dettagli del viaggio, l'acquisto dell'attrezzatura, la
scelta degli itinerari, a suo cugino Ben Raddle: se ne sarebbe occupato
quell'ambizioso ma intelligente ingegnere, unico promotore
dell'impresa, che aveva e accettava tutte le responsabilit.
E, in primo luogo, Ben Raddle osserv molto giustamente che la
partenza non avrebbe potuto essere rimandata di pi d quindici giorni.
Era importante che gli eredi di Josias Lacoste si recassero in Klondike
prima che tornasse l'estate, un'estate, beninteso, che riscalda solo per
quattro mesi quella regione iperborea, situata quasi al limite del circolo
polare artico.
In effetti, quando consult il Codice delle leggi minerarie canadesi,
sotto la cui giurisdizione si trovava il distretto dello Yukon, vi lesse
un certo articolo 9 cos concepito:
Ritorner al demanio ogni claim sul quale non siano effettuati scavi per
settantadue ore durante la bella stagione (definita dal commissario), salvo un
permesso speciale di quest'ultimo.
Ora, l'inizio della bella stagione, se precoce anche di poco, cade
nella seconda met di maggio. Perci in quel periodo, se lo sfruttamento
del claim 129 fosse interrotto per pi di tre giorni, la propriet di Josias

14
Railway: ferrovia.
Lacoste sarebbe tornata al Dominion e, verosimilmente, la societ
americana non avrebbe trascurato di acquistarla dallo Stato a un
prezzo probabilmente pi vantaggioso di quello offerto ai due eredi.
Capisci allora, Summy, che non dobbiamo farci precedere, e che
bisogna mettersi in cammino con urgenza dichiar Ben Raddle.
Capisco tutto quello che tu vuoi che io capisca, mio caro amico
rispose Summy Skim.
E che del resto perfettamente sensato aggiunse l'ingegnere.
Non ne dubito, Ben, e non mi oppongo a lasciare Montreal il pi
presto possibile, se questo ci permette anche di tornare il pi presto
possibile.
Non resteremo nel Klondike oltre il necessario, Summy
Siamo intesi, Ben. A quando la partenza?
Il due del mese prossimo rispose Ben Raddle, cio fra quindici
giorni!
Summy Skim, con le braccia incrociate e il capo chino, ebbe gran
voglia di esclamare: Come? Cos presto?. Ma rest in silenzio,
poich non sarebbe servito a niente. Dopo avere accettato, aveva giurato
a se stesso che non gli sarebbe sfuggita nessuna recriminazione durante
il viaggio, qualsiasi cosa potesse accadere.
Del resto Ben Raddle agiva saggiamente fissando il due aprile come
data ultima per la partenza e, con l'itinerario sotto gli occhi, si lanci in
una serie di osservazioni, irte di cifre che maneggiava con
un'indiscutibile competenza.
Per il momento, Summy disse, non dobbiamo scegliere tra due
vie per recarci nel Klondike, dato che ce n' una sola. Forse un giorno
per lo Yukon si prender la via di Edmonton, di Fort Saint John, di
Peace River, che attraversa il nord-est della Columbia, passando per il
distretto del Cassiar
Una regione ricca di selvaggina quant'altre mai, ho sentito dire
osserv Summy Skim abbandonandosi ai suoi sogni venatori. E
insomma, perch non prendere quel cammino?
Perch ci obbligherebbe, lasciando Vancouver, a un percorso di
quattrocento chilometri per terra, dopo averne fatti ottocento per
acqua rispose Ben Raddle.
Allora quale direzione conti di seguire, Ben?
Decideremo al nostro arrivo a Vancouver, e secondo i vantaggi che
saremo in grado di valutare sul posto. In ogni caso, eccoti le cifre
esattissime che ti diranno tutto sulla lunghezza dell'itinerario: da
Montreal a Vancouver, si contano quattromilaseicentosettantacinque
chilometri, e da Vancouver a Dawson City,
duemilaquattrocentottantanove.
Cio in totale disse Summy Skim, eseguendo l'operazione: cinque
pi nove quattordici col riporto di uno; otto pi otto sedici col riporto
di uno; sette pi quattro undici col riporto di uno; cinque pi due sette,
cio settemilacentosessantaquattro chilometri.
Esatto, Summy!
Ebbene, Ben, se riportiamo tanti chili d'oro quanti sono i
chilometri che avremo fatto
Facendo il conto, al tasso attuale di duemilatrecentoquaran-ta franchi
al chilo, avremo sedici milioni settecentosessantatre-milasettecento
franchi
Perfetto rispose Summy Skim, e saremo ben rimborsati delle
spese!
E perch no rispose Ben Raddle, visto che il geografo John
Muir ha dichiarato che l'Alaska avrebbe prodotto pi oro che la
California, il cui rendimento ben stato di quattrocentocinque milioni
solo nell'anno 1861, e perch il Klondike non aggiungerebbe la sua
bella parte ai venticinque miliardi di franchi che compongono il
patrimonio aurifero del nostro pianeta?
Hai una risposta a tutto, Ben
E il futuro confermer le mie risposte! Del che Summy Skim s
guard bene dal dubitare, Del resto aggiunse non bisogna ritornare
su quel che stato convenuto
Infatti rispose Ben Raddle, ed come essere gi partiti.,
Preferirei, Ben, che fosse come essere gi tornati Bisogna pur
cominciare ad andare, Summy rispose prontamente Ben Raddle,
prima di tornare
Una logica perfetta, Ben. E ora pensiamo ai preparativi Non si
va laggi, in quella regione inverosimile, con una camicia di ricambio e
due paia di calzini
Non preoccuparti di niente, Summy. M'incarico di tutto e tu non
dovrai far altro che salire sul treno a Montreal per scendere a
Vancouver. Quanto ai nostri preparativi, non saranno quelli
dell'emigrante che parte all'avventura per una terra lontana e che porta
con s attrezzi in gran quantit! I nostri sono gi tutti arrivati. Li
troveremo nel claim dello zio Josias, quelli che gli servivano allo
sfruttamento del 129 del Forty Miles Creek. Perci dovremo occuparci
solo del trasporto delle nostre persone
E dici poco rispose Summy Skim: mi pare che meritino qualche
precauzione soprattutto contro il freddo! Brrr! Mi sento gi gelare
fino alla punta delle unghie.
Ma via, Summy, quando arriveremo a Dawson City, saremo in piena
bella stagione
E potessimo almeno tornare prima dell'inverno
Tranquillizzati! rispose Ben Raddle. Anche in inverno non ti
mancher nulla. Buoni vestiti, buona alimentazione. Tornerai pi
florido che alla partenza.
Ah no! Non chiedo tanto rispose Summy Skim che aveva fatto
buon viso a cattivo gioco, e ti avverto che se devo ingrassare solo di
dieci libbre, resto qui!
Scherza, Summy, scherza finch vuoi ma fidati S
chiaro, la fiducia d'obbligo! Il due aprile, giusto? ci metteremo in
cammino in qualit di eldoradores.
15

S, il due aprile, il tempo mi baster per tutti i preparativi. Allora,
Ben, dato che ho una quindicina di giorni a disposizione, li passer in
campagna
Come vuoi rispose Ben Raddle, ma non fa ancora bello a Green
Valley.
Summy Skim avrebbe potuto rispondere che comunque quel clima
non sarebbe stato peggio di quello del Klondike. D'altra parte, bench
l'inverno non fosse ancora finito, gli avrebbe dato un gran piacere
ritrovarsi per qualche giorno in mezzo ai suoi coloni, rivedere i suoi
campi anche bianchi di neve, le belle foreste tutte cariche di brina, i rios
dei dintorni corazzati di ghiaccio, e la massa solidificata dei blocchi di
ghiaccio tra le rive del San Lorenzo. E poi, nei grandi freddi, al
cacciatore non manca affatto l'occasione di abbattere qualche splendido

15
Eldoradores, neologismo: "esploratori dell'Eldorado", il mitico paese dell'oro.
animale, col pelo o piumato, senza parlare delle belve, orsi, puma e altre,
che vagano nei dintorni. Era come un addio che Summy Skim voleva
dare a tutti gli abitanti della regione Partiva per un viaggio che forse
sarebbe durato a lungo! Chi poteva dire quale sarebbe stato il tempo
del suo ritorno?
Dovresti accompagnarmi, Ben disse. Te l'immagini? rispose
l'ingegnere. E chi si occuperebbe dei preparativi per la partenza?
Di conseguenza, gi il giorno dopo, Summy Skim prese la ferrovia,
trov alla stazione di Green Valley uno stage
16
ben attaccato, e nel
pomeriggio scese alla fattoria.
Come si pu immaginare, i coloni furono alquanto sorpresi del suo
arrivo, non meno sorpresi che soddisfatti, potete crederlo. Come al solito
Summy Skim si mostr molto sensibile all'accoglienza affettuosa che
ricevette. Ma quando i coloni appresero la causa di una visita cos in
anticipo, quando appresero che l'estate sarebbe trascorsa senza che il
loro padrone fosse con loro, non nascosero affatto il dolore che dava
loro quella notizia.
S, amici miei disse Summy Skim, Ben Raddle e io andiamo nel
Klondike, un posto a casa del diavolo e che il diavolo tiene sotto la sua
onnipotenza, e cos lontano che non ci vogliono meno di quattro mesi
solo per andarci e altrettanti per ritornarci
E tutto questo per raccogliere delle pepite! disse uno dei
contadini alzando le spalle.
Quando se ne raccolgono aggiunse un vecchio saggio che scuoteva
la testa con un'aria poco incoraggiante.
E poi bisogna fare attenzione a non cadere disse Summy Skim,
perch non sempre ci si rialza. Che volete, amici miei, come una
febbre, o meglio un'epidemia, che di tanto in tanto attraversa il
mondo, e ne fa di vittime!
Ma perch andarsene laggi, signor padrone? chiese la donna
pi anziana della fattoria.
E allora Summy Skim si mise a spiegare come lui e suo cugino
avevano ereditato da poco un claim dopo la morte di loro zio Josias
Lacoste, e per quali ragioni Ben Raddle riteneva che la loro presenza nel
Klondike fosse necessaria.

16
Stage: diligenza.
S riprese il vecchio, abbiamo sentito parlare di quello che
succede alla frontiera del Dominion, e soprattutto delle disgrazie che
capitano a tanta povera gente. Insomma, signor Skim, non proprio il
caso che voi restiate in quel paese, e quando avrete venduto il vostro
mucchio di fango tornerete Ma certo, amici miei, per, anche
ammettendo che tutto vada liscio, passeranno cinque o sei mesi prima del
nostro ritorno, e la bella stagione sar alla fine !.., Perder un'estate intera
!
Estate perduta, inverno ancora pi triste! aggiunse una vecchia
che si segn e disse: Dio vi protegga, signor padrone!. Dopo una
settimana a Green Valley, Summy Skim pens che era tempo di
raggiungere Ben Raddle. Aveva qualche preparativo da fare di persona.
Non senza emozione, un'emozione condivisa da tutti, prese congedo da
quella brava gente. E pensare che tra qualche settimana il sole d'aprile si
sarebbe levato sull'orizzonte di Green Valley, che da tutta quella neve
sarebbe spuntato il primo verde della primavera, che senza quel
maledetto viaggio sarebbe tornato, come faceva ogni anno, a stabilirsi
in quel padiglione fino ai primi freddi invernali! Non aveva potuto fare a
meno di sperare che una lettera di Ben Raddle sarebbe arrivata a Green
Valley e gli avrebbe comunicato che non c'era pi motivo per dare
seguito ai loro progetti Ma la lettera non era arrivata Non era
cambiato niente La partenza si sarebbe effettuata il giorno fissato
Cos Summy Skim dovette farsi portare alla stazione, e il 31 marzo, in
mattinata, si ritrovava a Montreal di fronte al suo terribile cugino.
Piantato davanti a lui come un punto interrogativo: Nulla di nuovo?
chiese.
Nulla, Summy, eccetto che i nostri preparativi sono ultimati.
Cos ti sei procurato
Tutto, eccetto i viveri che troveremo a Vancouver rispose Ben
Raddle. Mi sono occupato solo dei vestiti. Quanto alle armi, tu hai le
tue e io le mie; sono eccellenti e vi siamo abituati Due buoni fucili e
l'equipaggiamento completo del cacciatore Ma dato che laggi non
possibile rinnovare il proprio guardaroba e che gli empori non sono
ancora stati costruiti nella capitale del Klondike, ecco i vari capi
d'abbigliamento che ciascuno di noi porta per prudenza: quattro
camicie di flanella, due magliette e mutande di lana, un jersey
17
in maglia
spessa, un vestito di velluto rigato, due paia di pantaloni di panno
grosso, due paia di brache in tela, un abito di tela blu, una giacca di
cuoio con pelliccia interna e cappuccio, un vestito impermeabile da
marinaio con copricapo come sopra, un cappotto impermeabile, sei paia
di calzini su misura e sei paia di un numero pi grandi, un paio di mezzi
guanti di pelliccia e di guanti di cuoio, un paio di stivali da caccia
chiodati, due paia di mocassini a gambale, un paio di racchette, una
dozzina di fazzoletti, di asciugamani
Eh, esclam Summy Skim alzando le mani al cielo, ce n' per dieci
anni
No: soltanto due!
Soltanto, Ben! Soltanto E semplicemente spaventoso! Ma
dico, si tratta solo di andare a Dawson City, di vendere il claim 129 e di
tornare a Montreal.
Senza dubbio, Summy, se per il claim 129 ci danno quel che vale
E se non ce lo danno?
Ci penseremo, Summy!
Nell'impossibilit di ottenere altra risposta, Summy Skim non
insistette e, durante i due giorni che precedettero la partenza, vag come
un'anima in pena dalla casa di rue Jacques Carrier allo studio del notaio
Snubbin.
Alla fine, il 2 aprile, al mattino, i due cugini si trovavano alla stazione
di Montreal, dove erano stati trasportati i loro bagagli.
Complessivamente, non erano molto ingombranti; sarebbero davvero
diventati un fastidioso impedimentum
18
solo dopo essere stati
completati a Vancouver.
Prima di partire da Montreal, se si fossero rivolti alla compagnia
Canadian Pacific, i viaggiatori avrebbero potuto prendere dei biglietti
di steamer
19
per Skagway. Ma Ben Raddle non aveva ancora preso
una decisione circa l'itinerario da seguire per rag-giungere Dawson
City: o quello che risale lo Yukon dalla foce fino alla capitale del
Klondike, oppure quello che, al di l di Skagway, si snoda attraverso

17
Specie di biancheria intima in lana.
18
Impedimentum (e impedimenta): i bagagli al seguito di una truppa in marcia.
19
Steamer: battello a vapore.
le montagne, le pianure e i laghi della Columbia britannica.
Alla fine i due cugini erano dunque partiti, l'uno trascinando
l'altro, questi rassegnato, quegli pieno di fiducia. D'altra parte
avrebbero viaggiato nelle migliori condizioni. Occupavano una
carrozza di prima classe delle pi comode, e voler avere tutte le
comodit il minimo, quando si tratta di un viaggio di
quattromilasettecento chilometri, la cui durata di sei giorni tra
Montreal e Vancouver.
Nella prima parte del tragitto il treno attravers le regioni del
Dominion che comprendono i distretti tanto variegati dell'est e del
centro. Solo dopo aver superato la regione dei Grandi Laghi sarebbe
entrato in quella zona meno popolosa e a volte deserta, soprattutto
avvicinandosi alla Columbia. Era del resto la prima volta che Summy
Skim e lo stesso Ben Raddle avrebbero visitato quella parte del Nord
America.
Il tempo era bello, l'aria frizzante, il cielo velato da una leggera
foschia. La colonna del termometro oscillava intorno allo zero, con
un'aria secca e tagliente quando era al di sopra, e con delle piccole
nevicate quando era al di sotto.
A perdita d'occhio si stendevano te pianure tutte bianche, che tra
poche settimane sarebbero tornate verdeggianti, e i cui innumerevoli
rios sarebbero stati liberi dai ghiacci. Parecchi stormi di uccelli,
precedendo il treno, si dirigevano verso ovest e passavano battendo
maestosamente le ali. Ai due lati del binario, sullo strato di neve, si
potevano scorgere impronte di animali, bestie feroci o altri, che si
disegnavano fino alle foreste all'orizzonte. Vere e proprie piste che
sarebbe stato agevole seguire e che avrebbero portato un cacciatore a
qualche bel colpo! Vi potete immaginare l'impazienza e il rammarico
di Summy Skim, imprigionato in quella vettura e senza poter
soddisfare i suoi istinti venatori!
Ma al momento era proprio il caso di pensare alla caccia! Se
c'erano cacciatori in quel treno in cammino per Vancouver, erano
soltanto cacciatori di pepite, e i cani che li accompagnavano non
erano certo destinati a fiutare le pernici o le lepri n a inseguire i
daini o gli orsi! No! I loro padroni, che li avevano comprati a
Montreal, non avevano altra intenzione che di impiegarli per il tiro
delle slitte, quando si sarebbe trattato di attraversare la superficie
solidificata dei laghi e dei corsi d'acqua in tutta quella parte della
Columbia compresa tra Skagway e il distretto del Klondike.
Tra i viaggiatori saliti a Montreal o raccolti alle varie stazioni della
Canadian Pacific Railroad, si trovavano dunque emigranti,
campagnoli, cittadini, che sfidando i pi terribili stenti, il freddo, le
malattie, andavano a cercar fortuna nel fango dei giacimenti dello
Yukon?
S, la febbre dell'oro era solo agli inizi. Arrivavano senza
interruzione notizie che annunciavano la scoperta di numerosi
giacimenti sull'Eldorado, il Bonanza, lo Hunter,
20
il Bear, il Gold
Bottom, tutti gli affluenti del Klondike River, il cui corso non
inferiore a duecentoquaranta chilometri; si parlava di claims dove il
prospettore setacciava fino a millecinquecento franchi d'oro al
piatto
21
Cos l'afflusso degli emigranti non smetteva di crescere; si
gettavano sul Klondike come si erano gettati sull'Australia, la
California, il Transvaal, e le compagnie di trasporto non erano pi
sufficienti. Del resto, gli uomini trasportati da quel treno non erano
certo rappresentanti di quelle compagnie, di quelle societ
organizzate con l'appoggio delle grandi banche americane o europee,
i quali, provvisti di un'ottima attrezzatura, possono non avere alcun
timore dell'avvenire, essendo riforniti senza sosta di vestiti e di viveri
da servizi speciali. No, l non c'erano che poveracci in bala di tutte le
disgrazie della vita, scacciati dalla miseria dai loro paesi, con il
cervello sconvolto (occorre ammetterlo) dalla speranza di un colpo di
fortuna. E d'altra parte, se non hanno i mezzi per lavorare in proprio,
potranno affittare le loro braccia ai proprietari dei claims spesso
bloccati per mancanza di operai. Certo, i salari sono estremamente
elevati, raggiungono anche i settanta e gli ottanta franchi al giorno.
Ma se cos, perch la vita ha un prezzo esorbitante nei territori del
Klondike, e gli articoli di prima necessit si pagano venti volte di pi di
quel che valgono altrove! A dire il vero, ci si pu arricchire rapidamente
solo grazie all'intervento del caso.

20
In seguito, pi correttamente, Hunker.
21
Piatto: una specie di scodella usata in un sistema elementare di estrazione
dell'oro tramite lavaggio delle sabbie fluviali.
Intanto, il treno della Transcontinental Route correva a tutto
vapore. Summy Skim e Ben Raddle non avrebbero potuto lamentarsi
della mancanza di comodit durante quel lungo viaggio: avevano a loro
disposizione una draiwing-room
22
durante il giorno, una bed-room
23
per
passarvi la notte, una smoking-room
24
dove potevano fumare a piacimento
come nei migliori caff di Montreal, una dining-room
25
dove la qualit
delle portate e il servizio non lasciavano affatto a desiderare, una
vettura-bagno se volevano fare il bagno in viaggio. Eppure tutto ci non
impediva a Summy Skim di rimpiangere il suo padiglione di Green
Valley.
In quattro ore, il treno raggiunse Ottawa, la capitale del Dominion,
che, dall'alto di una collina, domina la regione circostante, la superba
citt chief lumbering,
26
che ha la pretesa pi o meno giustificata di essere
al centro del mondo.
Pi oltre, vicino a Carlton Jonction, si sarebbe potuta vedere
Toronto, la sua rivale, che fu capitale del Dominion. C' da credere che
le diverse metropoli canadesi saranno capitali a turno. Correndo
direttamente verso ovest, il treno raggiunse la stazione di Sudbury,
dove la linea si divide in due tronconi, in una regione arricchita dallo
sfruttamento delle miniere di nichel. Fu seguito il troncone nord per
girare intorno al Lago Superiore e arrivare a Port Arthur, vicino a Fort
William. A tutte le stazioni del grande lago, Heron Bay, Schreiber, la
fermata era stata abbastanza lunga perch i due cugini potessero
rendersi conto della loro importanza marittima; poi passando per
Bonheur, Ignace, Eagle River, Rab Portage, attraverso una regione la cui
ricchezza costituita dalle risorse minerarie, arrivarono all'importante
citt di Winnipeg.
Proprio l una sosta di qualche ora soltanto parve troppo breve a
Summy Skim, tanto desideroso di serbare almeno qualche ricordo di
quel viaggio. S, avrebbe dedicato volentieri un giorno o due a visitare
quella citt di quarantamila abitanti, e le belle fattorie vicine del Western

22
Draiwing-room: salotto.
23
Bed-Room: stanza da letto.
24
Smoking-Room: sala per fumatori.
25
Dining-room: sala da pranzo.
26
Chief lumbering: capitale del legno (allusione all'industria della lavorazione del
legno, tipica di Ottawa).
Canada Ma non si transige con gli orari delle railroads.
27
Il treno
riprese a bordo i suoi viaggiatori, che in gran parte non viaggiavano per
viaggiare ma per recarsi a destinazione nel modo pi rapido e per la via
pi corta. Poco importava loro che quella regione dove la linea
ferroviaria collega parecchie cittadine, Portage la Prairie, Brandon,
Ebrehorn, Broadview, fosse coltivata molto bene e che possedesse
immensi hunting grounds,
28
dove i bufali si incontravano a migliaia. E di
certo Summy Skim avrebbe preferito passare l sei mesi piuttosto che
sei settimane nel Klondike.
Beh, se non ci sono bufali nei dintorni di Dawson City gli ripeteva
Ben Raddle, ti rifarai con gli orignals.
29

Del resto, altri animali apparvero quando il treno, dopo aver superato
Regina City, si diresse verso il Crow New Pass delle Montagne
Rocciose e oltrepass il confine della Columbia britannica ancora una
regione ricca di giacimenti carboniferi -dopo avere stazionato qualche
ora a Calgary City.
Da questa citt parte un itinerario che gli emigranti prendevano a
volte per recarsi nel Klondike. Summy Skim avrebbe preferito
seguire quella pista di cacciatori, che percorre il distretto del Cassiar,
cos famoso dal punto di vista dell'arte venatoria. Passando per
Edmonton, Fort Saint J ohn, Peace River, Dease, Francis, Pelly,
collega il nord-est della Columbia allo Yukon. Tuttavia, essendo
difficile e lunga, obbliga il viaggiatore a rifornirsi di frequente, su un
percorso che supera i duemila chilometri. E vero, questa regione
particolarmente aurifera; si pu setacciare in quasi tutti i suoi corsi
d'acqua; ma priva di risorse e diventer praticabile solo quando il
governo canadese vi avr installato delle stazioni di posta ogni quindici
leghe.
Durante l'attraversamento delle Montagne Rocciose, i viaggiatori
poterono intravedere, nei tornanti della railroad che saliva, il monte
Stephen, Cathedra! Peak, dei luoghi maestosi, e soprattutto i titani di
Selkirk, perennemente incappucciati dalla loro calotta di neve, di
ghiacciai a perdita d'occhio. E nel mezzo di quelle solitudini regnava il

27
Railroads: ferrovie.
28
Hunting grounds: terreni di caccia.
29
Orignal: alce canadese.
silence of all life,
30
rotto soltanto dagli sbuffi della locomotiva.
Prima di partire da Montreal, Summy Skim si era munito di quel
guide-book
31
, lo Short, che pubblicato a cura della compagnia della
Canadian Pacific Railway. Se non poteva visitare tutti i luoghi famosi
segnalati in quel libro, almeno ne leggeva le descrizioni. Si rimetteva
inoltre al redattore del guide-book per la scelta degli alberghi nelle varie
stazioni dove il treno si fermava. Non era affatto raro che questi fossero
di prim'ordine, con tutte le comodit e ottima cucina, il che variava un
po' il menu abituale del dining-wagon
32
ad esempio quelli di Skyte house
alla stazione di Field, e quello di Glacier house, da cui la vista si stende
magnifica sul complesso di Selkirk.
Del resto, via via che il treno avanzava verso ovest, nuove regioni gli
si aprivano davanti: non certo le ricche terre fertili cui il lavoro assicura
i bei rendimenti di un suolo non ancora esaurito dalla produzione. No!
Erano quei territori di Kootaway, quei Gold Fields del Caribou, dove
l'oro fu trovato e si trova ancora in abbondanza, tutta quella rete
idrografica che trascina pagliuzze del prezioso metallo. Ci si poteva anzi
chiedere come mai i prospettori non frequentassero con pi assiduit
un paese che era facile da raggiungere, invece di affrontare i disagi di un
lungo viaggio nel Klondike, per non parlare delle spese esorbitanti che
esso richiede.
E Summy Skim continuava a dirsi e a ripetersi, mentre il treno lo
portava sempre pi lontano da Montreal e da Green Valley: Davvero,
proprio in questo Caribou che lo zio J osias avrebbe dovuto venire a
tentare la fortuna! Ora ci saremmo arrivati! Ci che se ne
potrebbe ricavare adesso lo sapremmo! L'avremmo trasformato in
denaro in ventiquattr'ore, e la nostra assenza non sarebbe durata pi di
una settimana!.
In effetti era cos, ma doveva essere scritto sul grande libro del
destino che Summy Skim si sarebbe avventurato fino a quella terrificante
regione del Klondike, e avrebbe sguazzato nel fango del Forty Miles
Creek.
Il treno continu dunque verso il confine litoraneo della Columbia,

30
Silence of all life: silenzio di ogni essere vivente.
31
Guide-book: guida.
32
Dining-wagon; carrozza-ristorante.
piegando verso sud-ovest. Nessun avvenimento notevole si verific
durante quell'ultima parte del viaggio di
quattromilaseicentosettantacinque chilometri e, dopo sei giorni, i due
cugini lasciavano la vettura della Canadian Pacific Railroad e infine
mettevano piede a Vancouver.
IV
VANCOUVER
La citt di Vancouver non si trova affatto sulla grande isola che porta
questo nome, situata al largo della costa della Columbia britannica.
Essa occupa un punto della lingua di terra che si stacca dal continente
ed soltanto una metropoli. La capitale della Columbia britannica, che
ha una popolazione di sedicimila abitanti e si chiama Victoria, costruita
esattamente sulla costa di sud-est dell'isola, dove si trova anche New
Westminster, una citt di seimila anime.
Vancouver situata all'estremit di una rada aperta sul sinuoso stretto
di J uan de la Fuca, che si allunga verso nord-ovest. Dietro la rada, il
campanile di una cappella svetta tra il fogliame spesso di pini e di cedri,
che basterebbe a nascondere le alte torri di una cattedrale.
Dopo aver seguito il passaggio meridionale dell'isola, che port all'inizio
il nome dei suoi due primi occupanti, lo spagnolo Quadra e l'inglese
Vancouver nel 1786 e nel 1789, quel canale gira intorno alle coste orientali
e settentrionali, ed chiamato Georgia a est e Johnstone e Regina Carlotta
a nord. Come si vede, il porto d i Vancouver facilmente accessibile alle
imbarcazioni provenienti dal Pacifico, sia che scendano lungo le coste
canadesi, sia che risalgano lungo le coste degli Stati Uniti d'America.
I fondatori di Vancouver avevano aspettative troppo rosee per
l'avvenire? Non facile rispondere a questa domanda, sebbene la
scoperta dei giacimenti auriferi del Klondike dia attualmente alla citt
un'animazione davvero esuberante. Quel che certo, che la citt
basterebbe a una popolazione di centomila abitanti, e il traffico sarebbe
agevole attraverso la scacchiera delle sue strade che si tagliano ad
angolo retto. Vancouver ha chiese, banche, alberghi; illuminata dal
gas e dall'elettricit; si disseta alle fonti situate a nord del Burardi Inlet,
33

servita da ponti che attraversano l'estuario di False Bay, e gode di un

33
Burrard Inlet, secondo la grafia attuale.
parco della superficie di trecentottanta ettari, allestito sulla penisola di
nord-ovest.
Lasciando la stazione, Summy Skim e Ben Raddle, seguendo il
consiglio del guide-book, si erano fatti portare al Westminster Hotel,
dove dovevano rimanere fino al giorno in cui sarebbe stato possibile
partire per il Klondike.
IL problema fu appunto trovare una camera in quell'albergo, dato il
sovraffollamento. C'era una grande affluenza di viaggiatori, in quel
periodo in cui i treni e i battelli versavano fino a milleduecento
emigranti ogni ventiquattr'ore. Si potr facilmente immaginare il
profitto che ne ricavava la citt, e specialmente quella classe di cittadini
che si data la missione di alloggiare e di nutrire i forestieri
imponendo loro prezzi inverosimili. Certo quei forestieri vi si
trattenevano il meno possibile, tanta era la loro fretta di arrivare nei
territori il cui oro li attirava come la calamita attira il ferro. Bisognava
per poter partire, e mancavano i posti sui numerosi battelli a vapore che
risalivano verso nord dopo aver fatto scalo nei vari porti del Messico e
degli Stati Uniti.
Ve ne sono anche molti che attraverso il Pacifico raggiungono la foce
dello Yukon, a Saint Michel, sulla costa occidentale dell'Alaska, e
risalgono il suo corso fino a Dawson City, la capitale del Klondike.
Tuttavia la maggior parte ha per destinazione Victoria e Vancouver, da
dove, seguendo la costa americana, raggiungono Dyea o Skagway.
Quale di questi due itinerari avrebbe preso Ben Raddle? Ecco la
questione che l'ingegnere aveva appena risolto. Ma nell'attesa lui e
Summy Skim dovettero stabilirsi alla meno peggio in una camera del
Vancouver Hotel, dove almeno non avrebbero avuto da lamentarsi n
del servizio n dei pasti.
Tuttavia, appena presero possesso di questa camera, la prima
domanda di Summy Skim fu: E quanto durer il nostro soggiorno a
Vancouver, mio caro Ben?.
Durer all'incirca quattro giorni rispose Ben Raddle perch per
quella data deve arrivare il Foot-Ball
Vada per il Foot-Ball rispose Summy. E che cos' questo Foot-
Ball?
Uno steamer della Canadian Pacific che ci porter a Skagway, e
sul quale prenoter due posti fin da oggi.
Cos, Ben, hai fatto la tua scelta tra i diversi itinerari che portano
nel Klondike?
La scelta era bell'e indicata, Summy, dal momento in cui
decidevo di non arrivare alla foce dello Yukon, una traversata di
quindicimilacinquecento chilometri. Perci prenderemo l'itinerario di
solito pi praticato, e, costeggiando il litorale della Columbia al riparo
delle isole, raggiungeremo Skagway senza fatica. In questo periodo
dell'anno, il letto dello Yukon ancora invaso dai ghiacci, e non raro
che le navi vi rimangano imprigionate fino al disgelo, che potrebbe
anche avvenire nel mese di luglio. Al contrario, il Foot-Ball non ci
metter pi di una settimana per arrivare o a Skagway, o anche fino a
Dyea. vero che, una volta sbarcati, dovremo superare le pendenze
alquanto ripide del Chilkoot o del White Pass. Ma dopo, met via
terra, met attraverso i laghi, arriveremo allo Yukon, che ci porter a
Dawson City. Penso insomma che saremo arrivati a destinazione
all'inizio di giugno, vale a dire nel periodo favorevole, e dobbiamo solo
avere pazienza aspettando il Foot-Ball.
E da dove viene questo piroscafo dal nome sportivo? chiese Summy
Skim.
Per l'appunto da Skagway, dal momento che assegnato a un
servizio regolare tra Vancouver e quella citt. E atteso al pi tardi per il
14 di questo mese.
Allora, Ben, dato che quello che desideri, vorrei essere gi a bordo
del Foot-Ball.
Il mio progetto ha la tua approvazione, Skim?
Totale, e poich il nostro destino di andare nel Klondike, mi
rimetto a te per arrivarci nelle migliori condizioni.
Quanto al resto, due cugini non sarebbero stati molto impegnati
durante il soggiorno a Vancouver. Il loro equipaggiamento non
richiedeva di essere completato. D'altra parte, non c'era bisogno di
acquistare l'attrezzatura necessaria allo sfruttamento di un claim, visto
che quella dello zio Josias rimaneva a loro disposizione. Durante la
traversata del Foot-Ball, avrebbero ritrovato a bordo dello steamer le
comodit di cui avevano goduto sul treno della Transcontinental
Pacific. Sarebbe stato soprattutto a Skagway che Ben Raddle avrebbe
dovuto preparare i mezzi d trasporto per raggiungere Dawson City,
procurarsi un battello smontabile per la navigazione dei laghi, fornirsi di
una muta di cani per il tiro delle slitte sulle pianure ghiacciate. Avrebbe
verificato, d'altra parte, se non sarebbe stato pi opportuno trattare con
un capo-carovana che si sarebbe incaricato di condurli a Dawson City,
portando con loro i viveri necessari per un viaggio di alcune settimane,
nell'eventualit che fosse difficile procurarsene in strada.
Evidentemente, questa soluzione sarebbe stata molto costosa, ma non
sarebbero bastate una o due belle pepite per rifarsi ampiamente delle
spese?
Avrebbero anche dovuto mettersi in regola con la dogana canadese,
che alquanto esigente, per non dire seccante.
E poi era tale l'animazione della citt, tale l'affluenza dei
viaggiatori, che Summy Skim non si annoi un istante. Niente di cos
curioso come l'arrivo dei treni, quelli provenienti dall'est del Dominion
come quelli provenienti dagli Stati dell'Unione. Niente di cos
interessante come lo sbarco delle migliaia di passeggeri che gli steamers
depositavano a Vancouver. Quanta gente, nell'attesa di partire verso
Skagway o Saint Michel, che vagabondava lungo le strade, la maggior
parte ridotta a rannicchiarsi in tutti gli angoli del porto o sotto i panconi
delle banchine inondate di luce elettrica.
Alla polizia non mancavano affatto le occupazioni, ordine pubblico
e sorveglianza, in mezzo a quell'affollamento di avventurieri di ogni tipo
senza arte n parte, attirati dalle dicerie che facevano propaganda al
Klondike. A ogni passo si incontravano quegli agenti, vestiti con una
cupa uniforme color foglia morta, pronti a intervenire in molti litigi che
minacciavano di finire nel sangue, perch il minatore ha il coltello
facile. Di sicuro quegli agenti eseguivano il loro compito, spesso
pericoloso, spesso difficile, con tutto lo zelo e il coraggio richiesti da
queste funzioni cos importanti in mezzo a tutti quegli emigranti, dove si
scontrano tutte le classi sociali e forse in particolare quella dei declassati.
Ma pu anche darsi che quei policemen
34
pensassero che ci sarebbe pi
guadagno e meno rischio a lavare il fango degli affluenti dello Yukon. E
come potrebbero dimenticare che cinque agenti di polizia canadesi,
quasi all'inizio dello sfruttamento del Klondike, ritornarono al loro paese

34
Policemen: agenti di polizia.
con duecentomila dollari di profitti? Hanno dunque bisogno di una
grande forza d'animo per non perdere la testa come tanti altri.
Pi volte, consultando il suo guide-book, Summy Skim era rimasto
piuttosto impressionato leggendo che durante l'inverno la temperatura
scendeva a cinquanta gradi centigradi sotto zero. Senza dubbio, pensava,
doveva esserci un po' di esagerazione, per quanto Dawson City sia quasi
attraversata dal circolo polare artico. E per, gli diede da pensare il fatto
di vedere, da un ottico in una strada di Vancouver, numerosi termometri
graduati fino a novanta gradi sotto zero.
E evidente, si disse, che qui si esagera! Gli abitanti del Klondike
vanno fieri dei loro freddi e mettono una certa civetteria nel farli
notare.
Summy Skim entr dall'ottico e lo preg di mostrargli alcuni
termometri tra i quali voleva scegliere.
Il commerciante prese diversi modelli di quello strumento dalla
vetrina, e glieli offr. Erano tutti graduati, non secondo la scala
Fahrenheit, ancora in uso nel Regno Unito, ma in base alla scala
centigrada che era in particolare adottata nel Dominion, ancora
imbevuto degli usi francesi.
Questi termometri sono regolati con precisione? domand Summy
Skim.
Certo signore rispose l'ottico, e credo che sarete soddisfatto.
Certo non il giorno in cui segneranno settanta o ottanta gradi!
dichiar Summy Skim con il tono pi serio.
Beh replic il commerciante, l'importante che segnino giusto.
Proprio cos, signore, e succede che la colonna scenda a una
settantina di gradi sotto zero?
Spesso, signore, e anche di pi!
Ma via disse Summy Skim, difficile ammettere che, sia pure nel
Klondike, un termometro possa scendere cos in basso
E perch no, rispose il commerciante con un po' di orgoglio, e se il
signore desidera uno strumento che sia graduato fin l?
Grazie, grazie rispose Summy Skim, mi accontenter di questo
qui che arriva solo fino alla sessantina
E dopo tutto a che serviva quell'acquisto, avrebbe dovuto dirsi:
quando gli occhi sono screpolati sotto le palpebre arrossate dalla
violenta tramontana del nord, quando il fiato ricade in neve intorno a s,
quando il sangue mezzo ghiacciato sul punto di solidificarsi nelle
vene, quando non si pu toccare un oggetto metallico senza lasciarvi la
pelle delle dita, quando si gela davanti ai focolari pi ardenti come se
anche il fuoco avesse perduto il proprio calore, non poi cos
interessante sapere se la temperatura a sessanta o a ottanta gradi
sotto zero, e non c' bisogno di termometro per constatarlo.
Nel frattempo i giorni passavano, e Ben Raddle, che aveva
terminato i suoi preparativi, non nascondeva l'impazienza aspettando
l'arrivo del Foot-Ball. Quello steamer aveva avuto dei ritardi in mare? Si
sapeva che aveva lasciato Skagway in data 10 aprile. Ebbene, la
traversata non durava pi di sei giorni, e avrebbe gi dovuto essere in
vista di Vancouver.
Comunque la sosta che avrebbe fatto sarebbe stata molto breve, il
tempo di raccogliere i passeggeri, qualche centinaia, che vi avevano
prenotato i loro posti. Non ci sarebbe stato nessun carico da sbarcare o
da imbarcare. Quel piroscafo non faceva il trasporto merci, solo quello
degli emigranti e dei loro bagagli. Doveva solo pulire le caldaie,
riempire di carbone i suoi serbatoi, rifornirsi d'acqua dolce. Questione
di ventiquattr'ore, trentasei ore al massimo, e non c'erano da temere le
lungaggini di una traversata che si effettuava lungo la costa, e quasi
sempre al riparo delle isole.
Quanto all'approvvigionamento di Dawson City, era assicurato da
battelli-merci, che trasportavano farina, bevande, carni in conserva,
verdure secche fino a Skagway, senza caricare passeggeri. Del resto,
dopo il Foot-Ball erano attesi altri battelli che avrebbero imbarcato
varie migliaia di emigranti diretti nel Klondike. Gli alberghi e le
locande di Vancouver non potevano bastare ad accoglierli, e intere
famiglie dormivano all'addiaccio. Si giudichi dalle sofferenze attuali
quelle che riservava loro il futuro, quando sarebbero stati senza riparo e
per di pi con una temperatura tanto rigida!
La maggior parte di quella povera gente, peraltro, non si sarebbe
sistemata pi comodamente a bordo dei battelli che la trasportavano da
Vancouver a Skagway; e poi, che interminabile, che spaventoso viaggio
da Skagway a Dawson City! A bordo, le cabine di poppa e di prua erano
appena sufficienti per i passeggeri che erano disposti a pagarne il prezzo.
L'interponte dava riparo a famiglie che vi si ammassavano per i sei o sette
giorni della traversata durante i quali dovevano provvedere ai loro
bisogni. Ce n'erano anche che accettavano di essere rinchiusi nella stiva
come animali, e questo era ancora meglio che essere esposti sul ponte a
tutte le intemperie, alle folate gelide, alle bufere di neve, cos frequenti in
quelle zone che risalgono verso il circolo polare.
In quel periodo Vancouver non era invasa soltanto dagli emigranti
che accorrevano dagli estremi del Vecchio e del Nuovo Mondo.
Bisognava contare anche le centinaia di minatori che non intendevano
passare la stagione fredda nelle ghiacciaie di Dawson City. Durante
l'inverno impossibile continuare lo sfruttamento dei claims; tutti i
lavori sono per forza sospesi quando il suolo ricoperto da dieci o
dodici piedi di neve, e quando quegli strati spessi, gelati da una
temperatura di quaranta o cinquanta gradi sotto zero, duri come il
granito, spezzano il piccone e la pala.
Perci, quei prospettori che possono farlo, quelli che la fortuna ha
favorito in una qualche misura, preferiscono tornare nelle principali
citt della Columbia. Hanno oro da spendere, e lo spendono con una
prodigalit noncurante di cui non sarebbe facile farsi un'idea. Hanno la
convinzione che la fortuna non li abbandoner la prossima stagione
sar fruttuosa nuovi giacimenti sono stati scoperti lungo gli affluenti
dello Yukon e del Klondike, e metteranno nelle loro mani mucchi di
pepite. Alla fine di aprile o all'inizio di maggio sar tempo di tornare su
quei giacimenti e di ricominciare gli scavi. Sono loro che hanno le
camere migliori negli alberghi per passare i sei o sette mesi invernali,
come avranno le cabine migliori sui battelli per ritornare a Skagway a
riprendere le rotte del nord.
Summy Skim constat ben presto che proprio di questa categoria di
minatori faceva parte la gente pi violenta, la pi volgare, la pi
chiassosa, quelli che si abbandonavano a tutti gli eccessi nelle case da
gioco, nei casin dove, denaro alla mano, parlavano da padroni.
Ed ecco in quali circostanze Summy Skim fece la conoscenza di
uno di questi prospettori dalla reputazione deplorevole. E
disgraziatamente le relazioni che ebbero inizio in quell'occasione non
dovevano concludersi l, come mostrer l'avvenire.
Il 15 aprile, durante la mattinata, Summy Skim e Ben Raddle
passeggiavano sul molo, quando si sentirono dei fischi a vapore.
Finalmente il Foot-Ball? disse il pi impaziente dei due
cugini.
Penso di no rispose l'altro, perch questi fischi vengono da
sud, e il Foot-Ball deve arrivare da nord.
Era infatti uno steamer che raggiungeva il porto di Vancouver
risalendo lo stretto di J uan de la Fuca, e di conseguenza non poteva
provenire da Skagway.
Tuttavia, Ben Raddle e Summy Skim si diressero verso l'estremit
del molo in mezzo al pubblico numeroso che l'arrivo di
un'imbarcazione attirava ogni volta. Erano d'altra parte molte
centinaia i passeggeri che stavano per sbarcare, in attesa di poter
prendere posto su uno degli steamers diretti al nord.
Quel battello era lo Smyth, un bastimento di duemilacinquecento
tonnellate, che aveva fatto tutti gli scali della costa americana a
partire dal porto messicano di Acapulco, Dopo avere scaricato i
passeggeri a Vancouver, doveva tornare al suo porto
d'immatricolazione, essendo assegnato specificamente al servizio sul
litorale. I suoi passeggeri venivano perci a ingrandire la folla di
quelli che a Vancouver dovevano scegliere l'itinerario di Skagway o
l'itinerario di Saint Michel per raggiungere il Klondike. Di certo il
Foot-Ball non sarebbe bastato per trasportare tutta quella gente, e, per
la maggior parte, gli emigranti diretti a Dawson City sarebbero stati
costretti ad aspettare l'arrivo degli altri steamers.
Senza dubbio, Ben Raddle e Summy Skim avrebbero preferito che
la sirena, i cui fischi diventavano pi forti all'ingresso della rada
avesse annunciato il Foot-Ball. Ma anche se si trattava dello Smyth, li
incurios assistere allo sbarco.
Quando il battello si fu accostato al pontile, si vide uno dei
passeggeri dimenarsi furiosamente per essere tra i primi al barcarizzo.
Aveva certamente fretta di andare a prenotare il suo posto a bordo del
Foot-Ball. Era un uomo di alta statura, brutale e vigoroso, con la
barba nera e folta, il colorito abbronzato degli uomini del Sud, lo
sguardo duro, la fisionomia minacciosa, i modi sgradevoli.
L'accompagnava un altro passeggero, della stessa nazionalit, a
giudicare dal suo aspetto, e che non sembrava n pi paziente n pi
socievole di lui.
Ce n'erano senz'altro altri che avevano altrettanta fretta di sbarcare
di quel passeggero autoritario e rumoroso. Ma sarebbe stato difficile
passargli avanti, mentre sgomitava dirigendosi verso il pontile, senza
tenere il minimo conto delle ingiunzioni degli ufficiali e del capitano,
respingendo i suoi vicini, insultandoli con una voce rauca che
accentuava ulteriormente la durezza delle sue ingiurie, proferite met
in inglese met in spagnolo.
Ehi! esclam Summy Skim, ecco quel che si pu definire un
gradevole compagno di viaggio, e se deve prendere posto a bordo del
Foot-Ball
Solo pochi giorni di traversata rispose Ben Raddle, e durante i
quali sapremo bene tenerci o tenerlo alla larga
In quel momento, un curioso che si trovava vicino ai due cugini
esclam: Ma guarda! E quel dannato Hunter. Allora ci sar
confusione stasera nelle bische, se non lascia Vancouver oggi
stesso!.
Summy Skim cap che questo Hunter era ben noto, e che la sua
fama non era proprio positiva. Doveva essere uno di quegli
avventurieri che, dopo aver passato la bella stagione nel Klondike,
tornavano al loro paese aspettando il periodo favorevole per
cominciare dei nuovi scavi.
E infatti Hunter, un tipo di quelli violenti, con sangue americano
mescolato a sangue spagnolo, tornava dal Texas, sua terra di origine.
Quel mondo cos variegato dei cercatori d'oro gli dava proprio
l'ambiente adatto ai suoi istinti da masnadiero, alle sue abitudini
rivoltanti, alle sue passioni brutali, al suo gusto per una vita irregolare
dove tutto affidato al caso. Se arrivava in quel giorno a Vancouver
con il suo compagno, era effettivamente per aspettarvi il Foot-Ball.
Ma venendo a sapere che il battello non sarebbe certamente arrivato
prima di trentasei o quarantott'ore, si fece portare al Westminster
Hotel, dove Ben Raddle e Summy Skim avevano preso alloggio da
sei giorni.
35

Sicuramente, non avevano motivo di rallegrarsi che fosse loro

35
L'autore dimentica che, per mancanza di spazio, i protagonisti sono scesi al
Vancouver Hotel.
imposta la compagnia di un uomo del genere. Ma si sarebbero dati da
fare per evitarlo sia durante il suo soggiorno in albergo, che durante
la traversata da Vancouver a Skagway.
Solo, quando Summy Skim domand che tipo era questo Hunter:
Ah! Chi non lo conosce! gli fu risposto, a Vancouver come a
Dawson City!
proprietario di un claim?
S un claim che sfrutta da solo.
E dov' situato questo claim?
Sul Forty Miles.
E ha il numero?
Centoventisette!
Ma guarda! esclam Summy Skim, e noi abbiamo il numero
129! Siamo i vicini di quell'abominevole texano!
Due giorni dopo, l'arrivo del Foot-Ball fu segnalato all'uscita dello
stretto della Regina Carlotta e, dopo ventiquattr'ore di sosta, la
mattina del 17 aprile, riprese il mare.
V
A BORDO DEL FOOT-BALL
Il vaporetto Foot-Ball aveva una stazza di milleduecento
tonnellate, e se non contava pi passeggeri che tonnellate era perch
l'ispettore alla navigazione non aveva autorizzato l'imbarco di un
numero maggiore. Peraltro, gi la linea di galleggiamento, indicata
dallo zero sbarrato dipinto sullo scafo, si trovava al di sotto del livello
normale. In ventiquattr'ore, le gru del molo avevano messo a bordo
delle attrezzature pesanti, un centinaio di buoi, di cavalli e di asini,
una cinquantina di renne, parecchie centinaia di cani destinati al tiro
delle slitte attraverso la regione dei ghiacci.
Va notato di passaggio che questi cani erano di razza sanbernardo
ed eschimese. Vengono acquistati per la maggior parte nei mercati
delle citt canadesi, dove i prezzi sono meno alti, anche
aggiungendovi il costo del trasporto, cio quarantacinque franchi per
railway da Montreal a Vancouver, che poi lo stesso prezzo che si
paga tra Vancouver e Skagway.
Quanto ai passeggeri del Foot-Ball, erano di tutte le nazionalit:
inglesi, canadesi, francesi, norvegesi, svedesi, tedeschi, australiani,
americani del sud e del nord, alcuni con la famiglia, altri senza. Si
capisce che se la separazione dei due sessi era possibile nelle cabine
di prima e di seconda, non c'era nessun modo per evitare la
promiscuit sul ponte. Anzi, per quanto riguarda le cabine, era gi
stato raddoppiato il numero delle cuccette, quattro invece di due. Il
corridoio poi aveva l'aspetto di un lungo dormitorio con una serie di
cavalletti eretti a murata,
36
tra i quali erano tese delle brande. Quanto
al ponte, la circolazione vi era molto difficile, e la povera gente stava
ammassata in gran numero lungo le tughe e le impavesate;
37
il prezzo

36
A murata: sul fianco.
37
Tuga: struttura abitabile, innalzata sopra un ponte coperto; impavesata: parapetto
di una cabina infatti di trentacinque dollari. Certo, a condizione di
potersi riparare contro il gelo delle raffiche di vento, i passeggeri
possono ancora cavarsela e da Vancouver a Skagway, con la
protezione delle isole, non c' da temere il mare in tempesta.
Ben Raddle aveva potuto prenotare due posti in una delle cabine di
poppa. Il terzo era occupato da un norvegese, di nome Boyen, che
possedeva un claim sul Bonanza, uno degli affluenti del Klondike
River, Era un uomo pacifico e tranquillo, coraggioso e prudente allo
stesso tempo, di quella razza scandinava cui si devono gli Audrec e i
Nansen.
38
Originario di Cristiania,
39
dopo aver rivisto la sua citt
natale durante l'inverno, tornava a Dawson City. Insomma, un
compagno di viaggio poco fastidioso e poco comunicativo: Summy
Skim pot scambiare con lui solo qualche frase di cortesia.
Era per una fortuna per i due cugini non dover condividere
durante il viaggio la cabina del texano. Hunter e il suo compagno ne
avevano prenotato una di quattro posti bench fossero solo in due.
Anzi, numerosi passeggeri che non avevano trovato cabine
disponibili a bordo avevano pregato invano quegli individui volgari
di lasciare loro i due posti liberi. Fatica sprecata: come tutta risposta
alla loro richiesta avevano ottenuto un rifiuto brutale.
Come si vede, quei tali Hunter e Malone cos si chiamava l'altro
non badavano al prezzo. Se guadagnavano molto nello sfruttamento del
loro claim, erano gente che spendeva tutto, da giocatori spendaccioni e
da dissoluti quali erano, clienti fissi di quelle bische il cui numero era
gi in aumento nell'ambiente equivoco di Dawson City. Poich il Foot-
Ball disponeva di una sala per []
40
e per il poker, naturalmente
passavano l moltissimo tempo. Del resto la maggior parte dei passeggeri
non sentiva alcun desiderio di frequentarli, e loro non cercavano di
frequentare nessuno.
Dalle sei di mattina, dopo essere uscito dal porto e dalla baia di
Vancouver, il Foot-Ball si era diretto attraverso il canale per

disposto intorno al ponte scoperto, in cui si trovavano, in appositi cassoni, delle
brande.
38
Fridtjof Nansen (1861-1930), esploratore, filantropo e scienziato norvegese.; non
stato possibile reperire alcuna notizia su Audrec.
39
Cristiania: Oslo.
40
Lacuna nel manoscritto.
raggiungere l'estremit settentrionale dell'isola. A partire da quel
punto, quasi sempre riparato dalle isole della Regina Carlotta e del
Principe di Galles, avrebbe dovuto solo risalire il continente
americano, a poca distanza dalla costa.
I passeggeri di poppa non potevano lasciare il casseretto
41
loro
riservato. Il ponte era ingombro dei baraccamenti che rinchiudevano
gli animali, buoi, cavalli, asini, renne, che non si potevano lasciare
senza rischio in libert. La turba dei cani, invece, si aggirava urlando in
mezzo ai gruppi della seconda classe, uomini ancora giovani ma segnati
dalle stigmate della miseria, donne gi sfatte, circondate di bambini
malaticci. Quella gente non emigrava certo per sfruttare in proprio
qualche giacimento, ma per mettere le proprie braccia al servizio delle
societ di cui si contendevano le paghe.
Insomma disse Summy Skim l'hai voluto tu, Ben, e questa volta
eccoci davvero in rotta per l'Eldorado. Dopo tutto, dal momento che
abbiamo dovuto fare questo viaggio, quel che ho visto fin qui e quel che
vedr in seguito sicuramente degno di interesse. Avr l'occasione di
studiare questo ambiente dei cercatori d'oro, che non sembra essere
proprio dei pi raccomandabili!
Sarebbe difficile che fosse diversamente, mio caro Summy rispose
Ben Raddle, e bisogna prenderlo cos com'.
Per a condizione, Ben, di non appartenergli affatto; noi non ne
facciamo parte e non ne faremo parte mai! Tu ed io siamo due signori che
abbiamo ereditato un claim farcito di pepite, voglio crederlo, ma di cui
non ci terremo la minima porzione
chiaro rispose Ben Raddle con un impercettbile movimento di
spalle che non rassicurava per nulla Summy Skim.
Ed egli riprese: Andiamo nel Klondike per vendere il claim di nostro
zio J osias, per quanto sarebbe stato facile effettuare questa vendita
senza fare il viaggio Signore Dio! Solo al pensiero che avrei potuto
condividere gli istinti, le passioni, le voglie di questa turba di
avventurieri.
Fa' attenzione, Summy disse Ben Raddle, finirai per citarmi lauri
sacra fames
42


41
Casseretto: struttura sopraelevata destinata all'alloggio dei passeggeri.
42
Auri sacra fames: la maledetta sete di oro (Virgilio, Eneide III, 57).
E a ragione, Ben riprese Summy Skim. Ma s, questa maledetta
sete d'oro, di cui ho un sacro terrore, questo desiderio sfrenato di
ricchezza che fa sfidare tante sofferenze! Questo non un lavoro, un
gioco d'azzardo! E una corsa al primo premio della lotteria, alla grande
pepita. E quando penso che invece di navigare a bordo di questo steamer
in rotta verso regioni inverosimili, dovrei essere a Montreal a fare i
preparativi per passare la bella stagione tra le delizie di Green
Valley!
Mi avevi promesso di non recriminare, Summy,.;
Ho finito, Ben, l'ultima volta, e penso soltanto a
Ad arrivare a Dawson City? domand Ben Raddle non senza un
po' di ironia.
A ritornarne, Ben, a ritornarne! rispose schiettamente Summy
Skim.
Finch il Foot-Ball aveva dovuto compiere evoluzioni nello stretto
della Regina Carlotta senza raggiungere la massima velocit, i passeggeri
non soffrirono il mare. Il rollio si sentiva appena. Ma quando il piroscafo
ebbe oltrepassato la punta estrema dell'isola di Vancouver, fu esposto
all'onda lunga che proveniva dal largo.
Era il percorso pi lungo che avrebbe dovuto fare in quelle
condizioni fino all'altezza dell'isola della Regina Carlotta, cio per una
distanza di circa []
43
miglia. Certo, si sarebbe ritrovato ancora in alto
mare tra quell'isola e quella del Principe d Galles, attraversando la
Dixon Entrance, ma solo per [] miglia. Dopo sarebbe stato al riparo
fino al porto di Skagway.
Il tempo era freddo, la brezza pungente, il cielo nuvoloso a causa
del vento dell'ovest. Un'onda lunga e piuttosto forte batteva le coste
della Columbia britannica. Si levavano violente raffiche miste di
pioggia e neve, Si pu immaginare quel che dovevano soffrire gli
emigranti che non potevano trovare riparo n nel casseretto, n nel
corridoio. La maggior parte erano prostrati dal mal di mare, dato che
alle oscillazioni del rollio si erano aggiunte le scosse del beccheggio,
e sarebbe stato impossibile andare da prua a poppa senza afferrarsi ai
sostegni. Gli animali erano altrettanto provati e, attraverso il sibilo
delle raffiche, si sentivano muggiti, nitriti, ragli, un concerto

43
Qui, e poche righe pi sotto, il manoscritto lacunoso.
spaventoso di cui non s pu avere idea. E allora lungo le tughe
correvano e si rotolavano i cani che era impossibile rinchiudere o
tenere legati. Alcuni, divenuti furiosi, si lanciavano sui passeggeri,
saltavano loro alla gola, cercavano di morderli. Il nostromo dovette
addirittura abbatterne qualcuno a colpi di rivoltella. Il che provoc un
gran disordine che il capitano e i suoi ufficiali riuscirono a calmare a
fatica.
Va da s che Summy Skim, da osservatore deciso, sfidava il brutto
tempo e rientrava in cabina solo all'ora del riposo.
Del resto, n lui n suo cugino furono colpiti dal mal di mare, e
nemmeno il loro compagno di viaggio, l'impassibile norvegese
Boyen, il quale peraltro non sembrava toccato da niente di quel che
succedeva a bordo.
Lo stesso valeva per il texano Hunter e il suo amico Malone. Fin
dal primo giorno, riuscirono a radunare una banda di giocatori e si
stabilirono intorno a un tavolo di monte e di faro,
44
da cui giorno e
notte uscivano schiamazzi e provocazioni in tutta la loro selvaggia
brutalit.
Tra i passeggeri che l'ultimo treno da Montreal aveva portato a
Vancouver, due avevano attirato l'attenzione di Summy Skim.
Erano due suore arrivate a Vancouver il giorno prima della
partenza, e per le quali i posti a bordo del Foot-Ball erano stati
prenotati in anticipo. L'una di trentadue anni, l'altra di venti,
francocanadesi di nascita, appartenevano alla congregazione delle
sorelle della Misericordia, che le inviava all'ospedale di Dawson City,
la cui superiora chiedeva un aumento del personale.
Summy Skim non pot trattenersi dal provare una vera emozione
vedendo quelle due suore che, appena ricevuto l'ordine dal loro
convento a Montreal, si erano subito messe in viaggio, e sicuramente
senza un'osservazione, senza un'esitazione. E a quale viaggio
rischioso si esponevano; a quale ambiente abominevole di
avventurieri di ogni genere, di disgraziati di ogni origine andavano a
mescolarsi! Quali patimenti avrebbero dovuto sopportare durante

44
Monte: gioco d'azzardo spagnolo e ispano-americano, giocato con un mazzo di 45
carte; faro: gioco d'azzardo in cui i giocatori scommettono sulla successione in cui
appariranno alcune carte estratte dalla cima del mazzo.
quel lungo percorso, e quali sofferenze le attendevano nel Klondike,
da dove forse non sarebbero mai tornate! Ma lo spirito di carit le
sosteneva, e lo spirito di devozione le inebriava. La loro missione era
di soccorrere gli infelici e non vi avrebbero mancato.
E gi a bordo di quel piroscafo che le portava lontano, si
preoccupavano di soccorrere la povera gente senza fare distinzioni,
prestavano le loro cure alle donne, ai bambini, facendo anche sacrifici
per dare loro un po' di benessere.
Fu solo al quarto giorno che il Foot-Ball si ritrov al riparo
dell'isola della Principessa Carlotta.
45
La navigazione si svolse allora
in condizioni meno difficili, su un mare che non era pi agitato dalle
onde lunghe del largo. Dalla parte della costa alta si susseguivano dei
fiordi paragonabili a quelli della Norvegia, che dovevano evocare
molti ricordi del paese d'origine al compagno di cabina di Summy
Skim e Ben Raddle. Intorno a quei fiordi si ergevano delle alte
scogliere, quasi tutte boscose, tra le quali apparivano, se non villaggi,
almeno gruppi di case di pescatori, e pi spesso qualche casetta
isolata i cui abitanti di origine indiana vivevano di caccia e di pesca.
Al passaggio del Foot-Ball venivano a vendere i loro prodotti che
trovavano facilmente acquirenti.
Se dietro alle scogliere, a una distanza alquanto remota, si
stagliavano attraverso la nebbia le creste innevate delle montagne,
dalla parte dell'isola della Principessa Carlotta lo sguardo abbracciava
soltanto delle ampie pianure o delle fitte foreste tutte imbiancate di
brina. Qua e l si mostravano anche degli agglomerati di casupole ai
bordi di strette baie dove le barche da pesca attendevano un vento
favorevole.
Dopo avere oltrepassato la punta settentrionale dell'isola della
Principessa Carlotta, il Foot-Ball si ritrov in alto mare durante la
traversata della Dixon Entrance, chiusa a nord dall'isola del Principe
di Galles. La traversata dur ventiquattr'ore, ma poich la brezza
soffiava da nord-est e veniva dalla terraferma, le scosse del
beccheggio e del rollio furono meno violente. E poi, a partire dall'isola
del Principe d Galles, il piroscafo sarebbe stato sempre riparato da una
corona di isolotti e dalla penisola di Sitka fino al suo arrivo al porto di

45
In precedenza (correttamente): Regina Carlotta,
Skagway. La navigazione da marittima, per cos dire, sarebbe diventata
fluviale.
Il nome di Principe di Galles viene dato in effetti a un intero
arcipelago abbastanza variegato, le cui estremit a nord si perdono in un
intrico di isolotti. L'isola principale ha come capitale il porto di Shakan,
situato sulla costa occidentale, in cui le imbarcazioni possono trovare
riparo dalle tempeste del largo.
Pi in l si estende l'isola Baranof, dove i Russi hanno fondato il forte
di Nuova Arcangelo, e la cui citt principale, Sitka, anche la capitale
di tutta la provincia dell'Alaska. E in effetti, quando l'Alaska fu ceduta
dall'impero moscovita agli Stati Uniti, Sitka non torn al Dominion, n
alla Columbia britannica, e dopo il trattato del 1867 rimasta
americana.
Il primo porto canadese di cui il Foot-Ball pass in vista fu Port
Simpson, sulla costa della Columbia britannica in fondo alla Dixon
Entrance; ma non fece scalo l e nemmeno in quello di Jackson, aperto
sull'isola pi meridionale dell'arcipelago del Principe di Galles.
Del resto, se il quarantanovesimo parallelo segna il confine dei due
possedimenti un po' al di sotto di Vancouver, la longitudine che deve
separare l'Alaska dal Dominion ben lontana dall'essere determinata
con precisione attraverso quei territori auriferi del nord. E chi sa se, in
un futuro pi o meno lontano, non sorger un contenzioso a questo
proposito tra la bandiera della Gran Bretagna e la bandiera a
cinquantuno stelle degli Stati Uniti d'America?
Il 24 aprile, in mattinata, il Foot-Ball fece scalo nel porto di Wrangel,
alla foce della Stikeen.
46
A quel tempo la citt contava solo una
quarantina di case e qualche segheria in attivit, un albergo, un casin, e
delle case da gioco che non restano certo inattive durante la bella
stagione.
A Wrangel sbarcano i minatori che vogliono recarsi nel Klondike
per la via del Telegraph Creek, invece di seguire quella dei laghi oltre
Skagway. Ma essa lunga non meno di quattrocentotrenta chilometri,
da attraversare nelle pi dure condizioni; tuttavia, meno costosa.
Cos, una cinquantina di emigranti scesero a terra, risoluti a sfidare i
pericoli e gli stenti attraverso le pianure sterminate della Columbia

46
La grafia corretta Stikine.
settentrionale. A partire da Wrangel, i passaggi divennero pi stretti, i
giri pi irregolari, un vero labirinto di isolotti tra quali si insinuava lo
steamer. Un olandese avrebbe potuto credersi in mezzo ai dedali della
Zeelandia, ma si sarebbe presto convinto della dura verit sentendosi
fischiare intorno i venti gelidi provenienti dalle regioni polari,
vedendo tutto quell'arcipelago ancora sepolto sotto la spessa coltre di
neve, ascoltando il tuono delle valanghe che si precipitano nei fiordi
dall'alto delle scogliere lungo la costa. Un russo si sarebbe illuso meno
facilmente, perch l si sarebbe trovato sul parallelo di San Pietroburgo.
In vista di Mary's Island, in prossimit di Fort Simpson, il Foot-Ball
si era lasciato alle spalle l'ultima dogana americana. A Wrangel, il
piroscafo si era ritrovato nelle acque canadesi. Come detto, un certo
numero di passeggeri aveva deciso di sbarcare, anche se erano stati
avvertiti che la pista delle slitte era ancora impraticabile.
Quanto al piroscafo, risal verso Skagway attraverso passaggi sempre
pi stretti, costeggiando il continente che diveniva sempre pi
montagnoso. E, dopo la foce del fiume Taker, fece scalo per qualche ora
a J uneau.
Era ancora un villaggio, ma sul punto di diventare una borgata, poi
una citt.
Al nome di Juneau, il suo fondatore verso il 1882, occorre aggiungere
quello di Richard Harris, poich due anni prima essi scoprirono i
giacimenti del Silver Slow Bassin, dai quali qualche mese dopo
guadagnarono sessantamila franchi d'oro in pepite.
A quell'epoca risalgono la prima invasione di minatori, attirati
dall'eco della scoperta, e lo sfruttamento dei territori auriferi a nord di
Telegraph Creek, che precedette quello del Klondike. E da quel
giorno la miniera di Treadwille, sfruttata da duecentoquaranta
piloni,
47
frantum fino a millecinquecento tonnellate di quarzo ogni
ventiquattr'ore, e rese due milioni e cinquecentomila franchi ed
una miniera che cent'anni di sfruttamento non esauriranno.
E quando Ben Raddle inform Summy Skim dei successi riportati su
quel territorio: Allora rispose, peccato che il claim di nostro zio Josias
invece di trovarsi sul Forty Miles Creek non sia sul Taku River E

47
Pilone (o pillone): maglio azionato meccanicamente per la macinazione di
sostanze solide.
perch?
Perch non avremmo bisogno di andare fino a Skagway! In realt,
bisogna dire che se si fosse trattato solo di raggiungere Skagway, non
ci sarebbe stato motivo di lamentarsi. Il Foot-Ball vi sarebbe arrivato
l'indomani. Ma l sarebbero cominciate le vere difficolt, e molto
probabilmente dei disagi enormi, quando si sarebbero dovuti valicare i
passi del Chilkoot e raggiungere la riva sinistra dello Yukon per la pista
dei laghi.
Eppure tutti quei passeggeri non vedevano l'ora di lasciare il Foot-
Ball per avventurarsi nella regione bagnata dalla grande arteria
dell'Alaska. Se pensavano solo al futuro, non era per vederne gli stenti,
i rischi, i pericoli, le disillusioni, ma tutti quei miraggi che faceva
balenare.
Finalmente, dopo Juneau, il piroscafo risal il canale di Lynn, che
termina a Skagway per le navi d un certo tonnellaggio, e che i battelli a
fondo piatto possono seguire oltre, per due leghe, fino alla borgata di
Dyea. Verso nord-ovest risplendeva il ghiacciaio di Mur, alto
duecentoquaranta piedi, dal quale il Pacifico riceve senza sosta
fragorose valanghe. Alcune barche, guidate dagli indigeni, scortavano in
quel tratto il Foot-Ball, che ne rimorchi anche qualcuna.
Durante quell'ultima serata che avrebbero passato a bordo, nella sala
da gioco si disput una partita formidabile in cui molti di coloro che
avevano frequentato quel luogo durante la traversata dovevano perdere
tutto, fino all'ultimo dollaro. Nessuna meraviglia che i due texani Hunter
e Malone fossero stati tra i pi assidui e soprattutto fra i pi violenti.
Del resto gli altri, di qualsiasi nazionalit fossero, non erano tipi pi
raccomandabili. Facevano parte della stessa categoria di avventurieri che
avevano l'abitudine di ritrovarsi nelle bische di Vancouver, di Wrangel,
di Skagway e di Dawson City.
Pareva che fino ad allora la sorte non fosse stata sfavorevole ai due
texani. Da quando il Foot-Ball li aveva imbarcati nel porto di Acapulco,
avevano intascato parecchie migliaia di piastre o di dollari grazie alla
vena favorevole nel faro e nel monte. E di certo speravano che la buona
sorte sarebbe rimasta fedele durante l'ultima serata che dovevano
passare a bordo.
Le cose per non andarono cos, e dal rumore che proveniva dal
salone dei giocatori, si poteva star certi che vi stavano succedendo delle
scene deplorevoli. Risuonavano urla, si distinguevano insulti volgari, e
forse il capitano del Foot-Ball sarebbe stato costretto a intervenire per
ristabilire l'ordine. Ma da uomo prudente e che sapeva regolarsi con quel
tipo di ambiente, lo avrebbe fatto solo se si fosse arrivati agli estremi. Se era
necessario, all'arrivo avrebbe avvertito la polizia di Skagway, la quale
avrebbe messo d'accordo gli avversari arrestandoli, se ce ne fosse stato
motivo.
Erano le nove, quando Summy Skim e Ben Raddle pensarono di
rientrare in cabina. Mentre scendevano si trovarono vicino alla sala da
gioco nella parte posteriore della tuga dell'imbarcazione.
All'improvviso la porta di quella sala si apr rumorosamente e una
dozzina di passeggeri si lanci sul ponte.
Tra loro c'era Hunter, in preda a una rabbia estrema, che faceva a
botte con uno dei giocatori, vomitando un torrente di ingiurie. Una
discussione su un colpo di monte aveva causato quella scena
vergognosa che rischiava di coinvolgere tutti quei forsennati.
Del resto, Hunter non sembrava avere la maggioranza dalla sua,
poich era travolto da minacce cui rispondeva con le invettive pi
orribili. E forse, alla fine, le detonazioni delle rivoltelle si sarebbero
mescolate a quelle urla furiose.
In quel momento, con una mossa vigorosa Hunter si stacc dal
gruppo che lo circondava e con un balzo si lanci in avanti.
Le due suore che stavano raggiungendo il casseretto erano sulla sua
strada, e una di loro, la pi anziana, fu investita e cadde sul ponte.
Summy Skim, indignato, si precipit su Hunter, mentre Ben Raddle
aiutava la suora a rialzarsi.
Miserabile! esclam Summy Skim, meritereste
Hunter si era fermato, e stava mettendo mano alla cintura per
estrarne il knife
48
che portava in una guaina, quando, cambiando idea,
disse a Summy Skim: Ah! siete voi, il canadese Ci ritroveremo
laggi e non ci perdete niente ad aspettare!.
E allora, mentre ritornava nella cabina con il suo amico Malone, la
suora venne verso Summy Skim: Vi ringrazio, signore disse ma
quell'uomo non sapeva quello che faceva e bisogna perdonarlo, come

48
Knife: coltello.
lo perdono io!.
VI
SKAGWAY
Skagway, come tutti i punti di tappa isolati in mezzo a una regione
dove mancano le strade, dove non ci sono mezzi di trasporto, all'inizio
non fu che un accampamento dove si fermarono primi cercatori d'oro.
Ma in poco tempo a quel guazzabuglio d capanne si sostitu un gruppo di
baracche costruite pi regolarmente e poi delle casupole, costruite su quel
terreno il cui prezzo aumentava senza sosta. E chi sa se in avvenire
queste citt create per le necessit del momento non saranno
abbandonate, se questa regione non ridiventer deserta quando i suoi
giacimenti saranno esauriti?
Non si possono infatti paragonare questi territori con quelli
dell'Australia, della California o del Transval. In quei paesi, anche in
seguito allo sfruttamento dei giacimenti, i villaggi sono potuti diventare
delle citt, perfino delle metropoli. Intorno a loro la regione era
abitabile, il suolo produttivo, le attivit commerciali o industriali
potevano assumere una reale importanza, e dopo avere dato fondo ai
suoi tesori metallici la terra bastava ancora a remunerare il lavoro.
Ma qui, in questa parte del Dominion, alla frontiera dell'Alaska, quasi
al limite del Circolo polare, in questo clima glaciale, durante un inverno
che dura otto mesi, che cosa si potr aspettare, e anzi che cosa si potr
fare quando le ultime pepite saranno state estratte, in questa regione senza
risorse, gi mezza esaurita dai mercanti di pellicce?
E perci ben possibile che queste citt fondate cos rapidamente,
Skagway, Dyea, Dawson City, dove attualmente non manca n
l'animazione degli affari n il movimento dei viaggiatori, decadano a
poco a poco quando le miniere del Klondike saranno vuote, anche se si
formano delle societ finanziarie per stabilire delle comunicazioni pi
agevoli e si parla di costruire una ferrovia da Wrangel fino a Dawson
City.
In quel periodo, Skagway rigurgitava di emigranti: quelli che vi
sbarcavano provenienti dai piroscafi dall'oceano Pacifico, e quelli che vi
erano portati dalle railways canadesi o dalle rail-roads degli Stati Uniti,
tutti con destinazione i territori del Klondike.
Una parte di quei viaggiatori si faceva trasportare fino a Dyea, una
borgata posta all'estremit del canale del Lynn. Ma non erano gli
steamers a portare loro e i loro attrezzi, dato che la profondit del canale
ne impediva la navigazione a monte d Skagway. Si imbarcavano su
dei battelli a fondo piatto costruiti in modo da poter percorrere le
cinque miglia che separano le due citt l'una dall'altra, il che
abbreviava di altrettanto il difficile percorso via terra.
D'altra parte era a Skagway che cominciavano le vere difficolt del
viaggio, dopo quel trasporto relativamente facile a bordo dei piroscafi
che fanno il servizio sulla costa.
In primo luogo si dovettero fare i conti con le angherie
insopportabili causate dalla dogana americana.
Oltre Skagway, che appartiene al Dominion, c' infatti una striscia
di terra lunga trentadue chilometri che un possedimento americano.
Cos gli americani, per impedire commerci illeciti durante
l'attraversamento di quella striscia, obbligano i viaggiatori a farsi
scortare fino alla frontiera, e le spese di scorta, richieste e percepite con
molta ostinazione, ammontano a un buon numero di dollari.
I due cugini avevano scelto un albergo, ed era una scelta da fare, visto
che Skagway ne possedeva gi diversi. Furono alloggiati in una sola
camera a un prezzo ancora pi alto che a Vancouver, e avrebbero fatto di
tutto per lasciarla il pi presto possibile.
Va da s che quell'albergo brulicava di viaggiatori in attesa di partire
per il Klondike. Tutte le nazionalit stavano gomito a gomito nel dining-
saloon.
49
Il cibo era appena passabile; ma avevano forse il diritto di
mostrarsi schizzinosi tutti quegli emigranti che per parecchi mesi
sarebbero stati esposti a tante privazioni?
Comunque, durante il soggiorno a Skagway, Summy Skim e Ben
Raddle non avrebbero avuto alcuna occasione di incontrare i due
texani di cui avevano evitato la compagnia a bordo del Foot-Ball.
Hunter e Malone erano ripartiti per il Klondike appena arrivati.

49
Dining-saloon: sala ristorante.
Poich ritornavano nel posto da cui erano venuti via sei mesi prima, i
loro mezzi di trasporto erano assicurati in anticipo, e avevano dovuto
solo mettersi in cammino con le loro guide, senza essere impicciati
dall'attrezzatura, che si trovava gi sul luogo di sfruttamento del
Forty Miles Creek.
Accidenti! disse Summy Skim. una bella fortuna non avere
pi quei tangheri come compagni di viaggio! E compiango quelli che
faranno la strada con loro a meno che non siano dei tipi uguali a
loro, il che assai probabile in quest'ambiente delizioso dei cercatori
d'oro.
Cerco, rispose Ben Raddle ma i suddetti tangheri hanno la
fortuna di non essere bloccati a Skagway, mentre a noi occorrer
qualche giorno
Oh, arriveremo, Ben, arriveremo! esclam Summy Skim, e
anzi, una volta arrivati abbiamo la prospettiva di ritrovare quei due
delinquenti sul claim 127 confinante col 129! Una piacevole
coincidenza Tanto pi avremo fretta di vendere il nostro al miglior
prezzo e di prendere la strada del ritorno!
Se Summy Skim non doveva pi preoccuparsi dei due texani, le
cose andarono diversamente con le due suore sbarcate dal Foot-Ball.
Ben Raddle e lui non potevano fare a meno di commuoversi e di
provare compassione pensando ai pericoli e alle fatiche cui stavano
per esporsi quelle sante donne. E quale sostegno, quale soccorso
avrebbero potuto mai trovare, se ce ne fosse stato bisogno, in mezzo a
quella folla di emigranti in cui l'invidia, l'avidit, la passione dell'oro
spegnevano ogni sentimento di giustizia e di onore? Eppure erano
partite senza esitazione, per imboccare quella lunga pista del
Klondike gi disseminata di cadaveri a centinaia, e non
indietreggiavano davanti a pericoli che l'uomo pi risoluto avrebbe
avuto ragione di temere.
Il giorno dopo Summy Skim e Ben Raddle ebbero l'occasione di
incontrare quelle due suore della Misericordia, che cercavano di
unirsi a una carovana, i cui preparativi per la partenza sarebbero
terminati entro pochi giorni. La carovana era interamente composta
da gente miserabile, ignorante e volgare: una bella compagnia per le
due suore durante quel viaggio attraverso la regione dei laghi su un
percorso di []
50
chilometri tra Skagway e Dawson City!
Appena le videro, i due cugini si diressero verso d loro con la
speranza di poter essere utili. Esse avevano passato la notte in un
piccolo convento di Skagway.
Dunque, Summy Skim si avvicin, e molto rispettosamente
domand loro se, dopo le fatiche della traversata, non contavano di
riposarsi un po'.
Non possiamo rispose suor Marta, la pi anziana delle due.
Vi recate nel Klondike? chiese Summy Skim.
S, signore rispose suor Marta. A Dawson City malati sono
molto numerosi. La superiora dell'ospedale ci aspetta, e purtroppo
siamo ancora lontano
Da dove venite? riprese Ben Raddle.
Dal Quebec rispose la pi giovane, suor Maddalena.
Dove ritornerete di certo quando i vostri servizi non saranno pi
necessari?
Lo ignoriamo, signore rispose suor Marta. Siamo partite
perch la nostra superiora ci ha fatto partire, e torneremo quando
piacer a Dio.
Parlavano con tanta rassegnazione, o piuttosto con tanta fiducia
nella bont divina, che Summy Skim e Ben Raddle si sentirono
profondamente commossi. Poi parlarono di quella lontana Dawson
City, delle lunghe tappe attraverso la regione dei laghi e i territori
dello Yukon, delle difficolt del trasporto, d quel disagevole
percorso in slitta sulla neve indurita delle pia-nure, sulla superficie
ghiacciata dei laghi. Quando le suore fossero arrivate a destinazione,
ogni ostacolo, ogni difficolt sarebbero scomparsi. E vero, laggi le
epidemie erano temibili, e loro due avrebbero dovuto curare giorno e
notte le malattie pi pericolose, quella era la loro missione, e
avrebbero avuto la soddisfazione di compiere il proprio dovere. La
loro vita apparteneva agli infelici, agli afflitti, a tutti quelli che
soffrono E quelli, bisognava raggiungerli nell'ospedale di Dawson
City per il quale la superiora richiedeva altre suore del suo ordine. Ed
ecco perch suor Marta e suor Maddalena cercavano di assicurarsi dei
mezzi di trasporto compatibili con le scarse risorse di cui dispo-

50
Lacuna nel manoscritto.
nevano.
Siete canadesi, sorelle? domand Summy Skim.
Franco-canadesi rispose suor Marta, ma non abbiamo pi
famiglia, o piuttosto non abbiamo pi che la grande famiglia degli
afflitti
Conosciamo le suore della Misericordia dichiar Raddle, e
sappiamo quali servizi hanno reso e rendono senza sosta nel mondo
intero
Cos aggiunse Summy Skim, le nostre compatriote possono
disporre di noi, e se potremo avere il piacere di rendervi servizio
Vi ringraziamo, signore, rispose suor Maddalena ma spero che
potremo unirci a questa carovana che si prepara a partire per il
Klondike.
Voi vi recate a Dawson City, signori? chiese suor Marta.
Precisamente rispose Summy Skim, e perch saremmo venuti
fino a Skagway se non per risalire fino a Dawson City?
Contate di soggiornarvi tutta la stagione? chiese suor
Maddalena.
Oh no! esclam Summy Skim, solo il tempo di liquidare
l'affare che ci chiama laggi, il che si pu fare in qualche giorno. Ma
comunque, sorelle, poich prenderemo la strada del Klondike, nel
caso in cui non vi mettiate d'accordo con questa carovana, siamo a
vostra disposizione
Vi ringraziamo, signori rispose suor Marta. Comunque vadano
le cose vi ritroveremo a Dawson City, dove la nostra superiora sar
lieta di rivedere dei compatrioti.
Fin dal suo arrivo a Skagway, Ben Raddle si era preoccupato di
organizzare il suo trasporto nella capitale del Klondike. Seguendo il
consiglio che gli era stato dato a Montreal, si era informato di un
certo Bill Stell, sul quale aveva ricevuto garanzie e con cui contava di
mettersi in contatto.
In quel momento Bill Stell si trovava appunto a Skagway. Era un
vecchio frequentatore delle praterie, di origine canadese. Per qualche
anno Bill Stell aveva esercitato, con grande soddisfazione dei suoi
superiori, la funzione di Scout, o esploratore, nelle truppe del
Dominion e partecipato alle lunghe lotte che queste dovettero
sostenere contro gli Indiani. Era ritenuto un uomo di grande coraggio,
di grande sangue freddo e di grande energia.
Lo Scout faceva in quel periodo il mestiere di agente di scorta per
gli emigranti che il ritorno della bella stagione chiamava o
richiamava nel Klondike. Non era solo una guida, era anche a capo di
un equipaggio e possedeva le attrezzature necessarie per quel viaggio
difficile, gli uomini per il servizio dei battelli nella traversata dei
laghi, i cani per il tiro delle slitte sulla superficie delle pianure
ghiacciate che si estendono oltre i passi del Chilkoot, e allo stesso
tempo assicurava il cibo alla carovana da lui organizzata.
Proprio perch contava di utilizzare i servizi di Bill Stell, Ben
Raddle, lasciando Montreal, non si era caricato di bagagli
ingombranti. Sapeva che lo Scout gli avrebbe fornito tutto il
necessario per arrivare nel Klondike, ed era certo di mettersi
d'accordo su un prezzo ragionevole per l'andata e il ritorno.
Il giorno dopo il suo arrivo a Skagway, quando Ben Raddle si rec
a casa di Bill Stell, gli fu risposto che lo Scout non c'era. Era andato a
guidare una carovana attraverso il White Pass fino all'estremit del
lago Benett; ma poich era partito gi da una decina di giorni, non
doveva tardare a ritornare. Se non aveva avuto ritardi sul percorso, o
se non era stato richiesto di nuovo da altri viaggiatori all'uscita del
passo, poteva essere a Skagway gi dall'indomani.
Cos avvenne, e l'indomani Ben Raddle, ritornato a casa di Bill
Stell, Pot prendere contatto con lui.
Lo Scout era un uomo di cinquant'anni, di statura media, con un
fisico di ferro, una barba brizzolata sulle guance, capelli rasati, ispidi
e spessi, sguardo fermo e penetrante. Sulla sua fisionomia simpatica
si leggeva una perfetta onest. Esercitando il suo mestiere di
esploratore nell'esercito canadese, aveva acquisito le pi rare qualit
di circospezione, di vigilanza e d prudenza. Non sarebbe stato facile
ingannarlo, riflessivo, metodico e pieno di risorse com'era. Con tutto
ci, era a suo modo filosofo, e della vita sapeva prendere i lati
positivi, che non mancano mai non forse vero? Molto soddisfatto
del suo mestiere, non gli era mai venuta quell'ambizione di imitare
coloro che guidava nei territori auriferi: non sapeva forse che la maggior
parte morivano di stenti o tornavano da quelle dure campagne pi
miserabili di prima?
Ben Raddle comunic dunque allo Scout il suo progetto di partire
per Dawson City nel pi breve tempo possibile. Se si rivolgeva a lui, era
perch a Montreal gli era stato detto che non avrebbe potuto scegliere
una guida migliore a Skagway.
Bene, signore rispose lo Scout, voi mi chiedete di portarvi a
Dawson City. il mio mestiere di guidare i viaggiatori, e ho
l'equipaggio e l'attrezzatura indispensabili per questo viaggio.
Lo so, Scout rispose Ben Raddle, e so anche che si pu fare
affidamento su di voi.
Contate di restare solo qualche settimana a Dawson City? chiese
Bill Stell.
piuttosto probabile.
Allora non si tratta di sfruttare un claim?
No, quello che possediamo, io e mio cugino, ci venuto da
un'eredit. Ci stata fatta una proposta di acquisto; ma prima di
accettarla abbiamo voluto renderci conto del valore del claim.
una cosa sensata, signor Raddle, perch in questo genere d affari
non c' trucco che non s'impieghi per ingannare la gente, e non bisogna
fidarsi
questo che ci ha persuasi a intraprendere questo viaggio nel
Klondike.
E quando avrete venduto il vostro claim, tornerete a Montreal?
la nostra intenzione, e dopo averci guidato all'andata, Scout, vi
chiederemo di guidarci al ritorno.
Su questo punto potremo intenderci rispose Bill Stell, e siccome
non ho l'abitudine di esagerare coi prezzi, ecco a quali condizioni
tratter con voi, signor Raddle.
Si trattava, in sostanza, di un viaggio che sarebbe durato da trenta a
trentacinque giorni, e per il quale lo Scout avrebbe dovuto fornire i cavalli
o i muli, le mute di cani, le slitte, i battelli, le tende da campo. D'altra
parte Summy Skim e Ben Raddle non erano carichi dell'attrezzatura
della quale i prospettori devono munirsi per lo sfruttamento dei claims.
Inoltre Bill Stell si sarebbe occupato di provvedere al sostentamento della
carovana: c'era da fare affidamento su d lui, perch meglio di chiunque
altro conosceva i bisogni e le esigenze di quel lungo percorso attraverso
territori privi di risorse soprattutto durante l'inverno.
In totale il prezzo del viaggio fu fissato alla somma d milletrecento
franchi da Skagway a Dawson City, e alla stessa somma per il ritorno da
Dawson City a Skagway.
Ben Raddle sapeva con chi aveva a che fare, e sarebbe stato
inopportuno discutere le condizioni con un uomo tanto coscienzioso e
onesto come lo Scout.
Del resto, in quel periodo i prezzi del trasporto, solo per superare i
valichi fino alla regione dei laghi, erano abbastanza alti a causa delle
difficolt delle due piste: da quattro a cinque soldi per libbra di
bagaglio per l'una, da sei a sette soldi per l'altra. Conseguentemente, le
richieste di Bill Stell erano decisamente ragionevoli.
Siamo d'accordo disse Ben Raddle, e non dimenticate che
desideriamo partire quanto prima!
Quarantott'ore, non mi occorre di pi rispose lo Scout.
necessario andare a Dyea in battello? chiese Ben Raddle.
inutile, visto che non portate con voi delle attrezzature. Mi pare
preferibile restare a Skagway fino all'ora della partenza ed evitare questo
spostamento di cinque o sei miglia.
Bisognava ora decidere quale cammino avrebbe preso la carovana per
attraversare quella zona montuosa che precede la regione di laghi, dove
si accumulano le maggiori difficolt.
Alle domande che Ben Raddle gli rivolse in merito, Bill Stell rispose:
Esistono due strade, o meglio due piste, il White Pass e il passo del
Chilkoot. Una volta superati questi due passi, le carovane devono solo
scendere verso il lago Benett o il lago Lindeman.
E quale delle due contate di seguire, Scout!
Quella del Chilkoot, che mi permette di arrivare direttamente
all'estremit del lago Lindeman, dopo aver fatto tappa al Sheep Camp
che si trova laggi e dove si pu alloggiare e fare rifornimenti. E poi sul
lago Lindeman mi aspetta la mia attrezzatura, il che mi evita di
riportarla a Skagway e mi risparmia il passaggio per la montagna.
Ripeto disse Ben Raddle, ci affidiamo alla vostra esperienza, e
quello che farete sar ben fatto. Per quel che ci riguarda, noi siamo
pronti a partire appena ci darete il segnale della partenza.
Tra due giorni, come vi ho detto rispose Bill Stell, il tempo
che mi occorre per i miei ultimi preparativi, signor Raddle. Partendo di
primo mattino, non impossibile percorrere le quattro leghe che
separano Skagway dalla cima del Chilkoot.
51

A quale altezza questa cima?
A circa tremila piedi rispose lo Scout, ma il passo stretto,
tortuoso, e quello che ne rende pi difficile l'attraversamento il fatto
che in questo periodo ingombrato dalla folla di minatori, dei veicoli,
delle bestie da tiro, per non parlare delle nevi che a volte lo
ostruiscono.
E tuttavia lo preferite all'altro osserv Ben Raddle.
S, perch sul versante nord del Chilkoot devo solo scendere per
arrivare al lago Lindeman.
Poich tutto era a posto con Bill Stell, Ben Raddle doveva solo
avvertire Summy Skim di tenersi pronto a lasciare Skagway entro
quarantott'ore.
Lo fece il giorno stesso, dichiarando che per loro era una bella fortuna
avere trattato con lo Scout, che gli ispirava piena fiducia, e si incaricava
di tutto quello che era necessario per un viaggio fatto in quelle
condizioni davvero disagevoli. Quanto al prezzo richiesto e accettato,
non aveva niente di eccessivo, dato che la distanza tra Skagway e
Dawson City non poteva essere superata in meno di cinque settimane.
Summy Skim non pot che approvare quanto aveva fatto suo cugino,
e si limit a dire: Vedo che le cose andranno per il meglio, mio caro
Ben. Ma mi viene un'idea che tu troverai eccellente, spero, e che non
pu procurarci alcun fastidio.
Quale, Summy?
Ecco riprese Summy Skim, si tratta delle due suore che sono
sbarcate insieme a noi a Skagway. Le ho riviste, e le ho trovate in una
situazione da compatire. Non sono riuscite a mettersi d'accordo con
quella carovana, che d'altronde non era molto adatta a loro, e non
sanno pi come recarsi nel Klondike. Allora perch non offrire loro di
partire con noi sotto la guida dello Scout?
E un'ottima idea rispose senza esitazioni Ben Raddle.
Certo, Ben; ci saranno delle spese supplementari di viaggio e di
cibo

51
Il seguito dimostra che questa previsione del tutto inverosimile.
Saranno a nostro carico, Summy, ovvio. Soltanto, pensi che
quelle suore accetteranno di
Come no, Ben, delle canadesi che viaggeranno con dei canadesi:
non ti sembra una cosa perfettamente in regola?
Intesi; contatta suor Marta e suor Maddalena, Summy, e che si
tengano
Quelle anime buone, Ben! Se anche si partisse fra un'ora, loro
sarebbero pronte!
Di certo per le due suore era una circostanza molto favorevole
viaggiare sotto la protezione dei loro compatrioti. Non sarebbero state
esposte alla promiscuit delle carovane formate da tanti sbandati,
venuti dai quattro angoli del mondo. Non avrebbero mancato di nessun
riguardo, di nessun soccorso se fosse stato necessario su quel lungo
cammino.
Cos, il giorno stesso Summy Skim e Ben Raddle si recarono dalle
due suore che cercavano invano d trovare dei mezzi di trasporto fino al
Klondike. Con profonda emozione suor Marta e suor Maddalena
accettarono la proposta che veniva loro fatta, e poich volevano
esprimere tutta la loro gratitudine: Non siete voi che dovete
ringraziarci, sorelle! disse Summy Skim. Toccherebbe semmai ai
poveri malati che vi aspettano laggi e che hanno tanto bisogno delle
vostre cure!
VII
IL CHILKOOT
Bill Stell aveva ragione di preferire il passo del Chilkoot al White
Pass. Quest'ultimo, vero, si pu imboccare uscendo da Skagway,
mentre il primo comincia solo a Dyea. Bisogna perci recarsi in questa
borgata che gli emigranti, carichi di un'attrezzatura pesante,
raggiungono facilmente con battelli a fondo piatto adatti a risalire fino
in fondo il canale di Lynn.
Ecco poi quello che i viaggiatori devono fare dopo aver raggiunto il
punto pi elevato dei passi: se hanno preso il White Pass, restano circa
otto leghe da fare in pessime condizioni per arrivare al lago Benett. Se
hanno preso il passo del Chilkoot, restano solo quattro leghe da percorrere
per arrivare al lago Lindeman. Questo lago misura solo ventitre
chilometri, e dalla sua estremit superiore lungo il fiume Carib si
contano solo tre chilometri fino all'estremit inferiore del lago Bennett.
vero che la salita del passo del Chilkoot pi difficile di quella del
White Pass, e bisogna superare un pendio quasi verticale di mille piedi. Ma
questo molto gravoso solo per gli emigranti che trascinano con s un
pesante impedimentum e, come sappiamo, non era questo il caso dei due
Canadesi guidati dallo Scout. Oltre il Chilkoot avrebbero trovato una
pista tenuta in condizioni accettabili che termina al lago Lindeman. Se
avessero dovuto trasportare un'attrezzatura da minatore, probabilmente
Bill Stell avrebbe consigliato loro di prendere il White Pass. Perci la
prima parte dei viaggio attraverso la barriera montuosa avrebbe forse
presentato dei grandi disagi, ma non delle grandi difficolt.
Quanto al numero di emigranti che si dirigevano verso la regione dei
laghi, era altrettanto alto su un passo quanto sull'altro. Erano migliaia
quelli che rischiavano tali sforzi per raggiungere il Klondike all'inizio
della campagna di sfruttamento.
La mattina del 2 maggio Bill Stell diede il segnale della partenza.
Suor Marta e suor Maddalena, Summy Skim e Ben Raddle, lo Scout e i
sei uomini al suo servizio, presero la pista del Chilkoot lasciando
Skagway. Due slitte, tirate da muli, dovevano bastare per la parte di
viaggio che terminava all'estremit sud del lago Lindeman, dove Bill
Stell aveva stabilito la sua base principale. Quel percorso poteva essere
effettuato in non meno di tre o quattro giorni nelle condizioni pi
favorevoli.
Una delle slitte era destinata alle due suore, che vi avevano preso
posto, ben avvolte in coperte e pellicce che le riparavano da una brezza
assai pungente. Di certo non avevano mai immaginato che il loro
viaggio si sarebbe svolto in quel modo, e rinnovavano i loro
ringraziamenti che Summy Skim si ostinava a non voler sentire. Lui e
Ben Raddle erano cos felici di essere loro utili facilitando lo
svolgimento della loro missione, e avevano voluto prendere a loro
carico le spese supplementari che s sarebbero dovute pagare a Bill
Stell.
Del resto quel brav'uomo non nascondeva la soddisfazione che provava
perch le suore avevano accettato le offerte dei loro compatrioti. Non
era anche lui di origine canadese come loro?
Del resto lo Scout non aveva nascosto a suor Marta e a suor
Maddalena con quale impazienza erano attese a Dawson City. La
superiora non poteva provvedere da sola alle esigenze del servizio e
parecchie suore erano state contagiate curando i malati che diverse
epidemie ammassavano nell'ospedale.
In effetti, la febbre tifoidea, in particolare, affliggeva a quel tempo la
capitale del Klondike. Le vittime si contavano a centinaia. Quei poveri
emigranti, che avevano lasciato tanti dei loro compagni sulle piste da
Skagway a Dawson City: ecco la preda delle epidemie che vi regnano
senza interruzione!
Proprio un paese affascinante si diceva Summy Skim, e noi
almeno ci passeremo soltanto! Ma queste due sante donne, che senza
esitazione vanno a sfidare tali pericoli e che forse non torneranno pi
!
Non era parso necessario portare dei viveri per l'attraversamento del
Chilkoot, le cui pendici sono cos ripide. Lo Scout conosceva, se non
alberghi, almeno dei lodgers, locande delle pi rudimentali dove si
trovava di che nutrirsi e anche dove alloggiare per una notte. E vero
che si paga mezzo dollaro la panca che serve da letto, e un dollaro il
pasto che si compone invariabilmente di lardo e pane a malapena
lievitato. Comunque la carovana di Bill Stell non sarebbe pi stata
ridotta a quella dieta quando avrebbe oltrepassato la regione dei laghi.
Il tempo era freddo, e la temperatura si manteneva a dieci gradi
centigradi sotto zero, con una tramontana gelata. Ma almeno, una volta
entrate nella pista, le slitte avrebbero potuto agevolmente scivolare
sulla neve dura, non senza grande incomodo per le bestie da tiro, perch
la salita era ripida. Cos muli, cani, cavalli, buoi, renne, muoiono in
gran quantit, e il passo del Chilkoot, come il White Pass, sono il pi
delle volte ostruiti dai loro cadaveri.
Lasciando Skagway, lo Scout si era diretto verso Dyea, lungo la riva
orientale del canale di Lynn. Le sue slitte, meno cariche di tante altre
che risalivano verso il massiccio, avrebbero potuto comodamente
sorpassarle. Ma l'ingorgo era gi spaventoso, la strada bloccata dai
ritardatari, veicoli di tutti i tipi gettati per traverso o anche rovesciati,
bestie che si rifiutavano di proseguire malgrado i colpi di frusta e le
grida, violenti sforzi degli uni per farsi strada, violenta resistenza degli
altri per opporvisi, attrezzatura che bisognava scaricare e poi ricaricare
sui veicoli richiesti a Skagway, litigi e risse dove si scambiavano insulti
e botte, cui si mescolavano a volte colpi di rivoltella. Capitava anche
che dei tiri di cani si impastoiassero, e i conducenti ci mettevano un
sacco di tempo per scioglierli in mezzo agli urli di quegli animali
semiselvaggi! E tutto questo in mezzo alle raffiche che infuriano
attraverso le strette gole del Chilkoot e del White Pass, in mezzo a
turbini di neve che in pochi istanti forma uno strato spesso diversi
piedi!
La distanza che separa Skagway da Dyea di solito percorsa in
mezz'ora dai battelli del canale di Lynn. Perci via terra, malgrado le
difficolt della strada, pu essere superata in qualche ora. Cos prima di
mezzogiorno la carovana dello Scout era entrata a Dyea.
Non era ancora altro che un agglomerato di tende, con solo alcune
case o capanne disperse all'estremit del canale, dove si effettua lo
scarico dell'attrezzatura che il minatore deve trasportare oltre il
massiccio.
In quel momento si sarebbero potuti stimare a meno di
millecinquecento i viaggiatori che si affrettavano in quell'embrione di
citt, all'imboccatura del passo del Chilkoot.
Bill Stell, a ragione, non intendeva prolungare la sosta a Dyea,
volendo approfittare del tempo freddo ma secco che facilitava il tiro delle
slitte. La cosa migliore, dopo essersi ristorati, era avviarsi attraverso il
passo in modo da passare la notte seguente al campo di Sheep Camp.
A mezzogiorno, lo Scout e i suoi compagni si rimisero in viaggio; le
suore avevano ripreso posto nella loro slitta, Ben Raddle e Summy Skim
andavano a piedi. Sarebbe stato difficile per loro non ammirare gli scenari
selvaggi e grandiosi che si presentavano a ogni svolta della gola, i
massicci di pini e betulle, coperti di brina, che si elevavano fino alla
cresta del pendio, i torrenti che il freddo non aveva potuto
imprigionare, e che precipitavano tumultuosamente fino al fondo
degli abissi la cui profondit sfuggiva allo sguardo.
Sheep Camp distava da Dyea soltanto quattro leghe; qualche ora
doveva perci permettere di percorrerle. Tuttavia il passo si sviluppava in
rampe molto ripide; gli animali da tiro, che procedevano al passo, si
fermavano spesso, e solo a fatica il conducente riusciva a obbligarli a
rimettersi in cammino.
Mentre camminavano, Ben Raddle e Summy Skim conversavano con
lo Scout, il quale, a una domanda che gli fu rivolta, rispose: Conto di
arrivare a Sheep Camp verso le cinque o le sei, e l ci stabiliremo fino al
mattino.
Troveremo una locanda dove le nostre due compagne potranno
riposarsi un poco? chiese Summy Skim.
Ce ne sono rispose Bill Stell, perch Sheep Camp un punto di
tappa per gli emigranti.
Ma riprese Ben Raddle, non c' pericolo che sia sovraffollato?
Non c' dubbio dichiar lo Scout, e poi le sue locande non sono
invitanti. Forse sar preferibile montare le tende e passarci la notte.
Signori disse suor Marta, che dalla sua slitta aveva ascoltato questa
conversazione, non vogliamo proprio procurarvi disturbo.
Disturbo, sorella! rispose Summy Skim. Come potreste
disturbarci? Non abbiamo due tende? Una sar riservata a voi
noi occuperemo l'altra
E con le nostre due piccole stufe che bruceranno fino a giorno
aggiunse Bill Stell, non ci sar niente da temere dal freddo, anche se in
questo momento intenso.
Grazie, signori, disse suor Maddalena, ma quando vi occorrer
viaggiare di notte, la nostra presenza non deve impedirvelo.
State tranquilla, sorella dichiar Summy Skim ridendo, e tenete
per certo che non vi risparmieremo n fastidi n fatiche.
La carovana raggiunse Sheep Camp verso le sei. All'arrivo le bestie
erano spossate. Ci si affrett a staccarle dai tiri e gli uomini dello Scout si
occuparono del loro nutrimento.
Bill Stell aveva avuto ragione a dire che le locande di quel villaggio
erano prive di ogni comodit. Valevano appena quanto quei []
52
dove
la povera gente alloggia la notte. E del resto non vi si sarebbe trovato
posto. Lo Scout fece perci montare le tende al riparo degli alberi, un poco
fuori da Sheep Camp, in modo da non essere infastiditi dal tumulto
spaventoso della folla.
Appena le tende furono montate, vi furono trasportate le coperte e le
pellicce delle slitte. Poi furono accesi i fornelli. Si accontentarono di
carne fredda, ma almeno non mancarono bevande calde, t e caff.
Alla fine suor Marta e suor Maddalena, lasciate sole, si avvolsero nelle
loro coperte l'una vicino all'altra, non prima di aver pregato per i loro
soccorrevoli e generosi compatrioti.
Nell'altra tenda la veglia si prolung di pi in mezzo al fumo delle
pipe. Fecero bene a spingere il fuoco delle stufe fino al rosso vivo, perch
quella notte la temperatura scese a diciassette gradi centigradi sotto
zero.
Si pensi alle sofferenze che dovettero sopportare quegli emigranti
forse parecchie centinaia che non avevano potuto trovare un riparo
nel villaggio di Sheep Camp; donne, bambini, e molti di loro gi
spossati all'inizio di quel viaggio del quale non avrebbero visto la
fine!
L'indomani, Bill Stell, di primo mattino, fece ripiegare le tende. Era
meglio partire sul far del giorno, per precedere la folla al passo del
Chilkoot.
Sempre lo stesso tempo secco e freddo; anche se la temperatura

52
Lacuna nel manoscritto.
avesse dovuto abbassarsi ancora, era di certo preferibile alle raffiche
dense, ai turbini di neve, ai violenti blizzards
53
cos temuti nelle regioni
montuose del Nord America.
Suor Marta e suor Maddalena erano state le prime a lasciare la tenda,
e trasportarono il loro piccolo bagaglio sulla slitta. Dopo un primo pasto,
o meglio qualche tazza di caff o di t ben caldo, ciascuno riprese il
proprio posto sulle slitte, e i muli si rimisero in cammino sotto la frusta
dei conducenti.
L'andatura non era pi veloce che il giorno prima. Il pendio si
accentuava via via che la pista del passo si avvicinava alla cima del
massiccio. Lo Scout aveva perci fatto bene a utilizzare un tiro di muli
invece di una muta di cani. Quest'ultima riservata piuttosto alla
discesa delle slitte quando si dirigono verso valle sul versante opposto
per arrivare ai laghi. Quei muli robusti non erano eccessivi per tirare i
veicoli su quel suolo accidentato, sassoso, scavato da solchi, e che
sarebbe stato ancora pi impraticabile se fosse diventato pi cedevole in
seguito a un aumento della temperatura.
Come il giorno prima, Ben Raddle e suo cugino preferirono
percorrere una parte del cammino a piedi, e pi volte le suore, intirizzite
dal freddo, pensarono bene seguirne l'esempio.
Sempre la stessa folla brulicante e rumorosa, sempre gli stessi ostacoli
che rendono cos difficoltosa quella pista del Chilkoot, sempre delle
soste forzate, talvolta lunghe, quando un groviglio di slitte e di animali
da tiro bloccava la strada. A pi riprese lo Scout e i suoi uomini
dovettero venire alle mani per farsi strada.
Poi, triste spettacolo, non erano solo cadaveri di animali quelli che
si vedevano buttati qua e l sul fondo delle scarpate. Non era raro
vedere qualche povero emigrante, ucciso dal freddo e dalla fatica,
abbandonato sotto gli alberi, nel fondo dei burroni, e che non avrebbe
avuto nemmeno una tomba! Spesso sul terreno ghiacciato giacevano
anche famiglie, uomini, bambini, incapaci di continuare, e nessuno
cercava di rialzarli. Allora suor Marta e suor Maddalena, con l'aiuto
dei loro compagni di viaggio, si sforzavano di soccorrere quei disgraziati
e di rianimarli con un po' di acquavite, di cui nella loro slitta c'era una

53
Blizzards: fortissime tempeste di neve che infuriano d'inverno, anche a ciel
sereno.
certa riserva. Ma che cosa potevano fare di pi? Quegli sfortunati non
avevano potuto fare altrimenti che a piedi l'ascesa del Chilkoot, oppure
gli animali che li tiravano erano dispersi sul cammino, dove morivano
di stanchezza e di fame. E non c' da stupirsi, trattandosi di cavalli, di
muli, di renne, cui bisogna dare la loro razione consueta di cibo. Tra
Skagway e la regione dei laghi il foraggio saliva a un prezzo esorbitante,
quattrocento dollari per mille chili di fieno, trecento dollari per una
tonnellata di avena. Per fortuna sotto questo aspetto gli animali da tiro
dello Scout erano riforniti a sufficienza, e non c'era da temere che
venissero a mancare di cibo prima dell'arrivo sul fianco settentrionale
del massiccio.
In realt, di tutte quelle bestie da tiro, erano i cani ad avere il
nutrimento pi facilmente assicurato. Almeno potevano soddisfare la
fame divorando i cadaveri di cavalli e di muli di cui era disseminato il
passo, e se li contendevano abbaiando fino agli ultimi resti.
La salita continuava, lenta e spossante. Due o tre volte ogni quarto
d'ora bisognava fermarsi perch era impossibile aprirsi un varco tra la
folla. In certi punti, sui tornanti, il passo era cos stretto che non si
riusciva a far passare le attrezzature. In particolare, le parti pi grosse
dei battelli smontabili trasportati dagli emigranti superavano la larghezza
del sentiero. Era perci necessario scaricarle dalla slitta e farle trainare
con la corda una ad una dal mulo e dal cavallo. Ne conseguiva una
perdita di tempo considerevole, e un ingorgo dei tiri che seguivano.
C'erano inoltre dei punti dove il pendio era cos scosceso (la
pendenza superava i quarantacinque gradi), che gli animali si rifiutavano
di salire. Eppure erano ferrati per il ghiaccio; ma gli uncini dei loro ferri
lasciavano profonde impronte sulla neve, macchiate di goccioline di
sangue.
Verso le cinque della sera, lo Scout fece fermare la carovana. Le sue
bestie estenuate non avrebbero potuto fare un passo in pi, nonostante il
loro carico fosse leggero rispetto a tanti altri. Sulla destra del passo si
apriva una sorta di conca dove gli alberi resinosi crescevano in gran
quantit. Sotto le loro chiome le tende avrebbero trovato un riparo che
forse avrebbe permesso loro di resistere alle burrasche annunciate
dall'aumento della temperatura.
Bill Stell conosceva quel luogo, dove aveva gi pi di una volta
passato la notte, e l'accampamento fu allestito in condizioni normali.
Temete qualche raffica di vento? gli domand Ben Raddle.
S la notte sar brutta rispose lo Scout, e non saranno mai
troppe le precauzioni contro le tempeste di neve che s addensano qui
come in un imbuto.
Ma fece osservare Summy Skim, saremo un po' al riparo, grazie
all'orientamento di questa conca
per questo che ho scelto questo punto rispose Bill Stell.
I fatti gli diedero ragione. La bufera, che cominci verso le sette
della sera e continu fino alle cinque del mattino, fu terribile. Era
accompagnata da turbini di neve che non avrebbero permesso di
vederci a cinque passi. Fecero molta fatica a mantenere le stufe in
attivit, perch la forza del vento respingeva il fumo all'interno, e non
era facile rinnovare le provviste di legna in mezzo alle raffiche. Tuttavia
le tende resistettero, ma Summy Skim e Ben Raddle dovettero restate
svegli parte della notte, nel timore che la tenda in cui si riparavano le
suore fosse trascinata via da un momento all'altro.
E appunto quel che successe alla maggior parte delle tende che
erano state piantate al di fuori della conca, lungo le scarpate; quando fu
di nuovo giorno si pot valutare la portata del disastro: la maggior parte
delle bestie avevano spezzato le pastoie e si erano disperse in tutte le
direzioni, le slitte si erano rovesciate, alcune erano finite in fondo ai
precipizi che costeggiavano la strada e nei quali muggivano i torrenti; si
vedevano attrezzature che non sarebbe pi stato possibile utilizzare,
famiglie in lacrime, supplicanti, che domandavano un aiuto e
un'assistenza che nessuno avrebbe potuto dare loro.
Povera gente, povera gente! mormoravano le suore. Che sar di
loro?
Ma lo Scout aveva fretta di lasciare quel posto e di prolungare la tappa
successiva fino alla cima del Chilkoot. Ordin la partenza, e la carovana
riprese il cammino in salita a piccoli passi.
Nel frattempo, dall'alba la burrasca era cessata. Con uno d quei
cambiamenti bruschi che il termometro registra in quelle regioni
montuose, poich il vento soffiava ora da nord-est, la temperatura si
era riabbassata a dodici gradi sotto zero.
Il suolo, ricoperto da uno spesso strato di neve, divent subito di
un'estrema durezza. Il che doveva facilitare lo scivolamento delle slitte, a
condizione che le rampe non fossero troppo ripide, e Bill Stell rassicur
i suoi compagni al riguardo.
Anche l'aspetto della regione era mutato. Per tre o quattro leghe i
boschi sarebbero scomparsi del tutto. Di l dalle scarpate si estendevano
degli altopiani imbiancati il cui riverbero feriva gli occhi: sarebbe andata
anche peggio se la neve fosse stata sul punto di sciogliersi il che rende
molto frequenti i casi di oftalmia Cos, in quelle occasioni, i
viaggiatori che se ne sono muniti, inforcano gli occhiali blu. Quelli che
non ne hanno sono ridotti a imbrattarsi le ciglia e le palpebre con polvere
di carbone.
Cos fecero Ben Raddle e Summy Skim su consiglio dello Scout.
Quanto alle suore, se abbassavano il velo, erano al riparo dagli effetti
del riverbero. D'altra parte, avendo ripreso posto nella slitta, non
dovettero fare uso degli occhi e restarono rannicchiate sotto le coperte.
Le due suore, pi abituate a prestare le loro cure che a riceverne, si
mostravano sempre molto commosse dalle attenzioni dei loro
compatrioti. Ma Summy Skim rispondeva sempre che non per loro, ma
per i malati di Dawson City, desideravano che arrivassero alla capitale
del Klondike in buone condizioni.
D'altra parte, se sar necessario ripeteva, Ben o io ci rivolgeremo
senz'altro al vostro ospedale, e saremo sicuri di essere ben curati Ci
comportiamo da veri egoisti!
La sera del 4 maggio, la carovana si ferm in cima al passo del
Chilkoot, e lo Scout vi stabil il suo accampamento. L'indomani
avrebbero preso le misure necessarie per effettuare la discesa sul lato
settentrionale del massiccio.
L'altopiano in quel luogo era situato alla quota di []
54
piedi,
altitudine inferiore a quella del White Pass, stimata in [] piedi. Si pu
immaginare quale doveva essere il sovraffollamento in quel punto
interamente scoperto ed esposto a tutti i rigori di quel clima. Pi di
duemila emigranti lo occupavano in quel momento. L costruivano le
caches,
55
dove mettevano al riparo una parte dell'attrezzatura. In effetti

54
Lacune nel manoscritto.
55
Caches, franco-canadese: luogo segreto e precisamente collocato in cui un
esploratore lascia le proprie scorte in previsione del nutrimento dei membri della
la discesa presentava enormi difficolt, e s poteva procedere solo con
piccoli carichi per evitare incidenti disastrosi. Allora tutta quella gente,
cui la vista dei claims auriferi del Klondike dava un'energia e una
tenacia soprannaturali, dopo essere discesa ai piedi della montagna
tornava in cima, riprendeva una seconda parte dell'attrezzatura, la
portava gi e risaliva ancora, il tutto quindici o venti volte se era
necessario, per giorni interminabili. Su quel percorso le mute di cani
rendevano servizi inestimabili nel tiro delle slitte; ma la maggior parte
delle slitte erano sostitute da pelli di bue che scivolavano pi
facilmente sulla neve indurita dei pendii. In quel momento i venti del
nord infuriavano a tutta forza su quel versante del Chilkoot: che
spaventosa sofferenza quella discesa!
Ma tutti quei disgraziati vedevano aperte davanti ai loro passi le
pianure del Klondike. Si dicevano che quei territori [] ricchezza
[] delusioni.
56

Bill Stell e la sua carovana non avevano bisogno di prolungare la loro
permanenza su quella cima n di costruirvi dei nascondigli, poich
avevano soltanto i loro bagagli e, dopo aver raggiunto la base del
massiccio, non avrebbero dovuto risalire il passo. Una volta messo
piede sulla pianura, avrebbero dovuto percorrere soltanto una distanza di
alcune leghe per raggiungere finalmente la punta del lago Lindeman.
Cos, fin dall'indomani, 6 maggio, lo Scout avrebbe levato
l'accampamento e sostituito ai muli delle due slitte la muta di cani che
uno dei suoi uomini teneva pronta sull'altopiano.
Tutto fu preparato come al solito. Ma quell'ultima notte fu una delle
peggiori. La temperatura era bruscamente risalita, e la bufera riprese con
rinnovata violenza. Stavolta le tende non erano pi riparate da una conca
come il giorno prima. N Summy Skim n Ben Raddle n le suore
poterono entrarvi. A pi riprese le raffiche le strapparono dai loro paletti, e
alla fine fu necessario ripiegarle, altrimenti sarebbero state trascinate via in
mezzo ai turbini di neve. Non c'era altro da fare che avvolgersi nelle
coperte, e aspettare filosoficamente il ritorno dell'alba.
E a dire il vero, pensava Summy Skim, non sarebbe stata d'avanzo

sua spedizione.
56
L'autore lascia in bianco due righe in cui contava di descrivere la speranza delle
ricchezze e la realt delle delusioni.
tutta la filosofia di tutti i filosofi antichi e moderni per accettare gli orrori
di un simile viaggio, soprattutto quando non c'era nessuna necessit di
farlo!
In effetti, durante le rare calme, in mezzo a un'oscurit profonda
(non c'era neanche un fuoco: sarebbe stato impossibile tenerlo acceso),
si levarono grida di dolore e di terrore, imprecazioni orrende. Ai gemiti
dei feriti che le folate di vento facevano rotolare per terra, si
mescolavano per tutto l'altopiano gli abbaiamenti, i nitriti, i muggiti
delle bestie spaventate.
Si rifece giorno. Bill Stell diede il segnale della partenza. I cani furono
attaccati alle slitte, su cui, del resto, per precauzione nessuno prese
posto. Soltanto, su consiglio dello Scout e seguendo il suo esempio, i due
cugini, dopo essersi messi tre paia di calzini l'uno sopra l'altro, avevano
calzato una specie di mocassini che facilitavano la marcia; e avrebbero
anche accelerato l'andatura se non avessero voluto restare vicino alle
due suore, che non avrebbero potuto seguirli. Vicinanza tanto pi
necessaria in quanto difficile prevenire le cadute su quei pendii
ghiacciati.
Nel frattempo, grazie alle precauzioni adottate e grazie anche
all'esperienza dello Scout, la discesa fu effettuata senza incidenti, se non
senza fatica, e le due slitte raggiunsero felicemente la pianura allo
sbocco del passo del Chilkoot. Il tempo era stato pi favorevole, il
vento meno pungente, dopo essersi spostato a est, e il termometro
risaliva ma senza provocare un inizio di disgelo, che avrebbe reso la
marcia pi difficile.
Uscendo dal passo, numerosi emigranti erano riuniti in un
accampamento nell'attesa che la loro attrezzatura li raggiungesse. La
zona era ampia e l'ingombro meno grande che sull'altopiano superiore.
Ma intorno si stendevano dei boschi, e le tende potevano essere
montate senza pericoli.
La carovana pass l la notte. All'indomani si rimetteva in
cammino seguendo una pista tenuta in condizioni piuttosto buone e,
dopo aver superato la distanza di quattro leghe, arrivava per
mezzogiorno vicino all'estremit meridionale del lago Lindeman.
VIII
SUL LAGO LINDEMAN
Il pomeriggio di quel giorno fu dedicato al riposo. Bisognava d'altra
parte fare qualche preparativo in vista della navigazione attraverso i
laghi, e lo Scout se ne occup senza indugi.
In verit Summy Skim e Ben Raddle non potevano che felicitarsi,
per se stessi e per le loro compagne di viaggio, di aver preso accordi
con quell'uomo cos prudente ed esperto.
All'estremit del lago Lindeman, in un accampamento gi occupato
da un migliaio di viaggiatori, si trovava l'attrezzatura di Bill Stell. Egli
aveva l, dietro una collina, la sua base principale. La costruzione
comprendeva una casetta di legno divisa in varie camere ben isolate,
con accanto le rimesse che rinchiudevano le slitte e gli altri mezzi di
trasporto. Sul retro erano disposte le stalle per gli animali da tiro e i canili
per le mute necessarie alla discesa del Chilkoot.
Questo passo cominciava gi ad essere pi frequentato del White
Pass, bench quest'ultimo sboccasse direttamente al Iago Benett,
evitando la traversata del lago Lindeman. Su questo lago, sia che fosse
solidificato dal gelo, sia che le sue acque fossero libere dai ghiacci, il
trasporto delle persone e dell'attrezzatura dei minatori si effettuava in
condizioni migliori che sulle lunghe pianure e attraverso i massicci
imponenti tra l'estremit del White Pass e la riva sud del lago Benett.
Di conseguenza, quell'accampamento scelto dallo Scout diventava
sempre pi importante. Cos, praticando quel tipo di trasporto da
Skagway a Dawson City, faceva buoni affari, di certo pi sicuri dello
sfruttamento dei giacimenti del Klondike.
Peraltro Bill Stell non era il solo a fare quel mestiere redditizio. Altri
lo esercitavano, sia in quell'accampamento del lago Lindeman, sia
all'accampamento del lago Benett. Si pu dire anzi che quelle guide di
origine canadese o americana non bastavano pi, poich in quel
periodo dell'anno gli emigranti affluivano a migliaia, avendo fretta di
essere a Dawson City all'inizio del periodo di sfruttamento, che di
solito inizia nelle prime settimane del mese di maggio.
E vero, molti di quegli emigranti non si rivolgevano n allo Scout
n ai suoi colleghi, per risparmiare. Ma allora erano costretti a portare
con s l'attrezzatura fin da Skagway, a caricare sulle loro slitte dei
battelli smontabili in legno, o anche in lamiera, e si visto che
difficolt si incontravano ad attraversare con questi pesanti
impedimento, la catena del Chilkoot. Le difficolt non erano minori
attraverso il White Pass, e tanto sull'uno quanto sull'altro percorso una
buona parte di quell'attrezzatura rimaneva danneggiata.
C' per chi, per evitare sia le difficolt che la spesa, ricorre a un altro
mezzo. Anzich portare i propri battelli fino alla riva del lago,
preferisce farli costruire sul posto, o costruirli da solo. In quella regione
boscosa la materia prima non manca certo.
Ma bisognava mettere in conto un notevole ritardo: c' bisogno di
tempo per abbattere gli alberi, per tagliare ossature e tavole,
57
per
unirle solidamente, dato che saranno esposte a urti assai frequenti e
forti, sia contro i blocchi di ghiaccio, sia contro le rocce. Comunque
gi stato allestito qualche cantiere intorno all'accampamento, alcune
segherie sono in funzione e la costruzione dei battelli diventa pi
veloce.
All'arrivo della carovana, Bill Stell fu accolto dal suo capomastro,
che abitava la casetta insieme ad alcuni uomini, canadesi come lui. Di
solito essi trovavano impiego come piloti per guidare i battelli di lago
in lago fino al corso dello Yukon. Si poteva fare affidamento sulla
loro abilit; conoscevano le necessit di quella navigazione, difficile
anche a disgelo avvenuto.
Poich l'aria era molto fredda, Summy Skim, Ben Raddle e le
suore furono molto contenti di alloggiare nella casa dello Scout, le cui
camere migliori erano a loro disposizione. Tra l'interno e l'esterno la
differenza di temperatura era superiore ai venti gradi centigradi. La
sosta sarebbe durata solo ventiquattr'ore. I battelli erano pronti a
portare i bagagli, e quanto alle provviste, si sarebbero fatte in

57
Ossature e tavole: nella costruzione navale rispettivamente, le strutture
portanti e quelle di riempimento delle imbarcazioni.
condizioni pi favorevoli all'accampamento del lago Benett.
Suor Marta e suor Maddalena si ritirarono subito nella loro
cameretta riscaldata da una stufa, e accompagnandole Summy Skim
assicur loro che di quel viaggio da Skagway e Dawson City il pi
era fatto.
Tuttavia, quando egli torn nel soggiorno, lo Scout, che aveva
sentito, si sent in dovere di avvisarlo:
S, il pi fatto per la fatica, ma non per il tempo, e restano
ancora parecchie centinaia di leghe da percorrere per arrivare in
Klondike.
Lo so, mio buon Bill rispose Summy Skim, ma ho qualche
motivo di pensare che questa seconda parte del viaggio si effettuer
senza pericoli n disagi.
E avete torto, signor Skim rispose lo Scout.
Eppure non dovremo far altro che affidarci alla corrente dei laghi
e dei fiumi
Certo, ma la stagione invernale non affatto finita. Quando
arriver il disgelo, il nostro battello sar molto esposto in mezzo ai
blocchi di ghiaccio alla deriva, e pi di una volta saremo costretti a
dei portages
58
molto faticosi.
Decisamente riprese Summy Skim, c' ancora molto da fare
perch il turista possa viaggiare comodamente attraverso questi
territori del Dominion! Penso anzi che non ci si riuscir mai
E perch no? replic Ben Raddle, dato che si parla di
costruirvi una ferrovia. Non stanno forse per cominciare i lavori della
linea ferroviaria da Skagway al lago Benett, che dovr essere
prolungata fino a Fort Selkirk? Un tragitto di cinque ore fino al
lago, con tre treni al giorno, il biglietto a cinquanta franchi, e trenta
per ogni tonnellata di carico Per questi lavori duemila uomini
saranno impiegati dall'ingegner Hawkins, con una paga di un franco e
cinquanta all'ora
Bene bene! esclam Summy Skim, lo so che sei sempre
esattamente informato, mio caro Ben. Ma dimentichi una cosa, e lo
dimenticano anche gli ingegneri: il Klondike sar svuotato di tutto il

58
Portage (franco-canadese): trasporto sulla schiena d materiali e imbarcazioni nei
punti in cui la navigazione impossibile.
suo oro prima che la ferrovia sia completata, e finiti i giacimenti,
finiti i prospettori, finita la circolazione il paese sar
abbandonato
Ma via! ribatt Ben Raddle. La pensate cos anche voi, Bill
Stell?
Lo Scout si limit a scuotere la testa senza dare altra risposta.
In seguito a un'altra domanda rivoltagli da Ben Raddle, egli
mostr una carta piuttosto rozzamente disegnata di tutto il territorio
bagnato dallo Yukon dalla regione dei laghi fino alla frontiera
dell'Alaska oltre il Klondike.
Ecco innanzitutto disse il lago Lindeman che si distende ai
piedi del Chilkoot, e che dovremo attraversare in tutta la sua
lunghezza.
Che ? chiese Summy Skim.
Di sole due leghe rispose lo Scout, perci occorre poco tempo
quando la superficie uniformemente ghiacciata o quando
completamente libera dai ghiacci.
E dopo? disse Ben Raddle.
Dopo avremo un portage di una mezza lega per trasportare il
battello e i bagagli fino all'accampamento del lago Benett. Anche l la
durata del percorso dipende dalla temperatura, e avete gi visto come
questa pu cambiare da un giorno all'altro
Infatti conferm Ben Raddle, ci sono differenze da quindici a
venti gradi a seconda che il vento soffi da nord o da sud.
Tutto sommato aggiunse Bill Stell, preferibile un freddo secco
che solidifica la neve al suolo, perch vi si pu far scivolare il battello
come una slitta, e una buona muta di cani sufficiente.
Insomma disse Summy Skim, eccoci arrivati sul lago Benett
S rispose lo Scout. Da nord a sud lungo una dozzina d leghe.
Ma bisogna contare non meno di tre giorni per la sua traversata, a causa
delle fermate necessarie, e poi le sue acque non sono ancora libere.
Oltre il lago disse Summy Skim consultando la carta c' un altro
portage?
No, il rio del Carib, lungo una lega, mette il lago Benett in
comunicazione con il lago Tagish, che si estende per sette o otto leghe, e
d accesso al lago Marsh, che ha pi o meno la stessa lunghezza. Per
lasciando questo lago bisogna seguire le anse di un fiume per una dozzina
di leghe, ed su questo percorso che si trovano le rapide di White Horse,
che per una lega sono molto difficili e a volte molto pericolose da
superare. Poi si raggiunge la confluenza con il fiume Tahkeena, che
porta alla testata del lago Labarge. Durante questo percorso possono
realizzarsi i maggiori ritardi, perch si tratta di avventurarsi attraverso le
rapide del White Horse. Mi sono gi visto pi volte bloccato per
un'intera settimana a monte del lago Labarge.
E quel lago domand Ben Raddle, non navigabile?
Perfettamente lungo tutte le sue tredici leghe rispose Bill Stell.
Ma sarebbe un disastro essere sorpresi dal disgelo, perch un miracolo
che un battello non finisca schiacciato tra i blocchi di ghiaccio alla
deriva verso il fiume Lewis. Perci preferibile trainare il battello da
riva sulla superficie ghiacciata del lago, finch il freddo persiste
molto pi lungo fece osservare Summy Skim.
E molto pi sicuro replic lo Scout, e parlo per esperienza, perch
pi di una volta sono stato sorpreso in mezzo al disgelo, e ho creduto che
nessuno ne sarebbe uscito vivo.
Quando saremo arrivati al lago Labarge, vedremo quel che sar
opportuno fare dichiar Ben Raddle.
Oh, non credo che avremo l'imbarazzo della scelta rispose Bill
Stell. La bella stagione non sembra essere precoce quest'anno
E da che cosa lo vedete? chiese Summy Skim.
Dall'assenza della selvaggina di piuma, delle pernici delle paludi,
delle starne e di altri uccelli
Ed un vero peccato rispose Summy Skim, perch avrei avuto
l'occasione di sparare qualche colpo di fucile.
Ogni cosa a suo tempo rispose lo Scout, pensiamo prima a uscire
dalla regione dei laghi! Dopo averla oltrepassata, quando il nostro
battello scender tra le rive del Lewis e dello Yukon, se la selvaggina si
far vedere, signor Skim, potrete sparare a vostro piacere
E non mancher di farlo, Bill, non fosse altro che per rinnovare le
nostre provviste!
Scout chiese allora Ben Raddle, eccetto che durante qualche
portage, il nostro battello ci condurr fino a Dawson City?
Direttamente, signor Ben Raddle e, tutto sommato, il viaggio pi
facile rimane quello per via d'acqua.
E navigando sul fiume Lewis e sullo Yukon chiese Ben Raddle,
qual la distanza che separa il lago Labarge dal Klondike?
di centocinquanta leghe circa, tenendo conto delle anse.
Vedo dichiar Summy Skim, che non siamo ancora arrivati
Certamente no rispose lo Scout, e quando avremo raggiunto il
Lewis all'estremit nord del lago, non saremo ancora a met strada,
come mostra questa carta.
Ma ho motivo di credere fece osservare Ben Raddle, che non
incontreremo pi difficolt cos grosse come sul passo del Chilkoot
E si pu anzi affermare dichiar Bill Stell, che fra cinque o sei
settimane, quando i corsi d'acqua saranno liberi, il viaggio si far senza
fatica. Ma all'inizio di maggio, poich la stagione non abbastanza
avanti, la sua durata aumenter di molto
Potete calcolarla, almeno in circostanze favorevoli? chiese
Summy Skim.
No, nemmeno con quindici giorni di approssimazione rispose lo
Scout. Ho visto dei viaggiatori andare da Skagway a Dawson City in
tre settimane, e altri che non ci hanno messo meno di due mesi.
Ripeto, dipende dal periodo in cui ci si mette in cammino.
Spero bene disse Ben Raddle, che saremo arrivati nel Klondike
nella prima settimana di giugno
Lo spero anch'io rispose Bill Stell, ma senza volerlo dar per
certo.
Ebbene replic Summy Skim, in previsione di questo lungo
viaggio, mettiamoci in forze, e poich abbiamo l'occasione di passare
una buona notte all'accampamento del lago Lindeman, andiamo a
dormire!
E, in effetti, quella fu una delle migliori notti che i due cugini
avessero trascorso dalla loro partenza da Vancouver. Le stufe,
abbondantemente alimentate, mantenevano una temperatura elevata
in quella piccola casa ben protetta e ben isolata.
L'indomani, 8 maggio, suor Marta e suor Maddalena furono le
prime a comparire nel soggiorno. Si misero a preparare il caff di cui
Summy Skim e Ben Raddle avrebbero trovato due tazze ben calde
sulla tavola. Sarebbe stato l'unico pasto prima dell'imbarco dello
Scout e dei suoi compagni per la traversata del lago Lindeman. Del
resto, la partenza non doveva effettuarsi prima delle nove. Bill Stell
prevedeva che una mezza giornata sarebbe stata sufficiente per
raggiungere l'estremit del lago, poi l'accampamento del lago Benett,
dove si sarebbe trascorsa la notte successiva in condizioni press'a
poco simili.
Del resto, era meglio rimettersi a lui per tutto ci che riguardava
quel viaggio di cui era esperto, e avendolo gi visto all'opera, i due
cugini avevano tutta l'intenzione di lasciarlo fare a suo modo.
Se all'interno della casa la temperatura superava sette gradi sopra
zero, il termometro all'esterno ne indicava quindici al di sotto. Tale
differenza esigeva che si prendessero alcune precauzioni
indispensabili.
Cos Summy Skim, mentre divideva con le suore la prima
colazione, le invit a coprirsi con cura sul battello che la muta dei
cani avrebbe trainato sulla superficie del lago.
Le coperte non ci mancano disse, e il freddo non risparmia le
suore della Misericordia pi degli altri viaggiatori. Che la regola del
vostro ordine lo permetta o no, avrete la bont di ricoprirvi dalla testa
ai piedi.
Non affatto proibito rispose sorridendo suor Maddalena. Va
bene rispose Summy Skim, ma proibito rischiare inutilmente la
pelle, sorelle mie, e ci auguriamo che a Dawson City prenderete tutte
le precauzioni che richiede questo clima abominevole, dove il freddo
arriva a cinquanta gradi sotto zero. D'inverno fece osservare
Ben Raddle. S, d'inverno ribatt Summy Skim. Ci
mancherebbe solo che succedesse d'estate! E adesso, suor Marta, e
voi suor Maddalena, imbacuccatevi; e in marcia!
Erano le nove quando fu dato il segnale della partenza. Gli uomini
che avevano accompagnato lo Scout da Skagway dovevano seguirlo
fino nel Klondike. I loro servizi sarebbero stati molto utili per la
guida del battello trasformato in slitta, aspettando di poter navigare
sui laghi e scendere lungo il corso del Lewis o dello Yukon.
Quanto ai cani, appartenevano a una razza perfettamente abituata
al clima della regione. Privi di pelo sulle zampe, sono tanto pi adatti
a correre sulla neve, senza rischiare di rimanerci impigliati. Ma, se
erano acclimatati, non per questo non erano rimasti selvaggi. A dire il
vero sembrava che lo fossero quanto i lupi o le volpi. Perci non
esattamente con le carezze e gli zuccherini che i loro conducenti
riescono a farsi obbedire.
Da quel momento nell'equipaggio di Bill Stell c'era un pilota cui
sarebbe stata affidata la direzione del battello durante la navigazione.
Era un indiano del Klondike, di nome Neluto, che conosceva bene
il suo mestiere, e anche le difficolt di ogni genere che presenta la
traversata dei laghi, delle rapide e dei fiumi. Era al servizio dello
Scout in qualit di pilota da nove anni, e ci si poteva fidare della sua
abilit.
Neluto, sui quarant'anni, forte, dotato di grande abilit manuale,
camminatore infaticabile, faceva contrasto con gli indiani di quei
territori, come osserv Summy Skim.
In effetti, gli indigeni della Columbia settentrionale come quelli
dell'Alaska sono di solito brutti, deboli di fisico, con le spalle strette, la
corporatura gracile, una razza che tende a scomparire. Non sono affatto
eschimesi, bench abbiano il colorito molto scuro di quelle trib
iperboree, e quel che contribuisce a renderli somiglianti a loro i
capelli unti di olio, lunghi e sciolti, che ricadono sulle spalle.
Senza alcun dubbio Neluto aveva tratto molto profitto dal suo
mestiere, che lo teneva continuamente in contatto con gli stranieri,
sebbene questi evidentemente non siano degli stinchi di santo, visto
che il Klondike stato invaso da emigranti di ogni provenienza.
Peraltro, prima di essere assunto nell'equipaggio dello Scout, era stato al
servizio della Compagnia della Baia di Hudson, e aveva fatto da guida ai
cacciatori di pellicce attraverso quei vasti territori. Conosceva
perfettamente la regione, poich l'aveva percorsa in tutte le direzioni, e
persino una parte del territorio oltre Dawson City, discendendo il
corso dello Yukon fino al limite del Circolo polare.
Neluto, tutto sommato poco comunicativo, conosceva abbastanza
l'inglese per capire ed essere capito. Peraltro, al di fuori delle questioni
del suo mestiere, non parlava mai, e come si dice bisognava cavargli le
parole di bocca. Da lui Summy Skim e Ben Raddle non avrebbero
certo appreso granch sullo sfruttamento dei claims nella regione
aurifera.
Tuttavia quell'uomo molto abituato al clima del Klondike poteva
essere interrogato con profitto su un tale argomento. Perci Ben
Raddle gli aveva chiesto subito che cosa pensava del tempo e se credeva
che il disgelo dei laghi fosse prossimo.
Poich non si decideva a rispondere, certo perch era interrogato da
uno sconosciuto, Bill Stell intervenne e gli ripet la domanda.
Neluto allora dichiar che secondo lui la fine dei grandi freddi non
avrebbe tardato pi di una quindicina di giorni, e che prima non si
poteva prevedere n lo scioglimento delle nevi n la rottura dei ghiacci.
Da questa affermazione era necessario concludere che il battello non
avrebbe potuto incontrare acque libere all'inizio del viaggio, a meno
che non si fosse verificato un brusco cambiamento della situazione
atmosferica, fatto non raro a quelle latitudini elevate.
Ad ogni modo, non sarebbe stata una navigazione ma un traino
quello che stava per iniziare sulla superficie del lago Lindeman. Le suore
avrebbero potuto ugualmente trovare posto nel battello che sarebbe
scivolato su un fianco, e gli uomini lo avrebbero seguito a piedi.
La carovana part, ma non prima che la muta dei cani fosse stata
incitata con la voce e la frusta, dato che non pareva affatto disposta a
mettersi in marcia. Del resto, il lago era animato dal va e vieni della
folla, parecchie centinaia di emigranti, che scortavano veicoli di ogni
tipo.'
Poich il ghiaccio presentava una superficie abbastanza uniforme,
Ben Raddle e Summy Skim si erano messi i loro mocassini, e se non
avessero dovuto restare vicini al battello avrebbero potuto attraversare il
lago in mezz'ora. Ma era meglio che la carovana non si sparpagliasse e
restasse sempre sotto il comando dello Scout.
Il tempo era calmo; la brezza pungente del giorno prima si era
indebolita e tendeva a ricadere verso sud. Tuttavia il freddo rimaneva
intenso (una dozzina di gradi sotto zero), circostanza favorevole, tutto
considerato, molto propizia alla marcia, resa tanto gravosa dalle bufere
di neve.
Ciononostante l'avanzata non fu rapida, e inoltre le suore
preferirono percorrere una parte del tragitto a piedi. In certi punti il
ghiaccio diventava tanto accidentato, e il battello riceveva dei tali
scossoni, che diventava difficile rimanervi e rischiava di rovesciarsi.
Insomma, gli otto chilometri del lago Lindeman non poterono essere
percorsi prima delle undici del mattino. La distanza che lo separa dal
lago Benett, essendo solo di una mezza lega, richiede ancora un'ora circa.
Perci a mezzogiorno lo Scout e la sua carovana arrivarono a fare
tappa all'accampamento sull'estremit meridionale del lago.
IX
DAL LAGO BENETT A DAWSON CITY
Il lago Benett, uno dei pi ampi di quella regione, si estende su una
lunghezza d dieci leghe da sud a nord.
Se degli steamboats
59
si parla di attivare questo servizio -
trasportassero gli emigranti fino alle rapide del White Horse, se dopo un
portage oltre quelle rapide altri steamboats li depositassero all'estremit
settentrionale del lago Labarge, quante fatiche, quanti stenti e
sofferenze sarebbero loro risparmiati prima di raggiungere il fiume
Lewis, che diventa lo Yukon a Fort Selkirk. E vero, questi trasporti
potrebbero effettuarsi soltanto dopo il disgelo, quando laghi e fiumi
fossero sgombri dalla flottiglia di blocchi di ghiaccio che a volte continua
a scendere verso valle fino agli ultimi giorni di maggio. Resterebbe poi
da coprire il tratto fino a Dawson City, un tratto ancora lungo, poich
viene stimato a non meno di centotrenta leghe.
In ogni caso, allora il servizio degli steamboats non esisteva sui laghi
e nemmeno sul Lewis. Era solo in fase di progetto, come pure la ferrovia
che deve partire da Skagway, e gli emigranti devono rassegnarsi a un
viaggio dei pi duri.
Evidentemente, quando il Klondike sar stato perlustrato e svuotato
fino ai suoi giacimenti pi lontani, questa folla di minatori lascer il
paese per non ritornarvi mai pi. Ma forse passer mezzo secolo prima
che il piccone abbia strappato l'ultima pepita.
Nell'accampamento del lago Benett l'affollamento era grande come
al Sheep Camp del passo del Chilkoot e a quello del lago Lindeman. Era
occupato da parecchie migliaia di emigranti che aspettavano l'occasione
per proseguire la loro strada. Dappertutto erano montate delle tende,
che capanne e case non avrebbero tardato a sostituire, se l'esodo verso il
Klondike fosse continuato per alcuni anni ancora.

59
Steamboat: battello a vapore.
In quel villaggio in embrione che sarebbe divenuto una borgata e una
citt, gi si trovavano delle locande che sarebbero diventate degli
alberghi. E non lo sono gi per i prezzi eccessivi richiesti per l'alloggio e
il vitto, malgrado la totale mancanza di comodit? Inoltre,
l'accampamento provvisto di un posto d polizia, e quanto alle rive del
lago, molto boscose, le segherie e i cantieri ne occupano diversi punti, e
la costruzione dei battelli in piena attivit.
E opportuno aggiungere che i policemen non sono unicamente
incaricati del servizio all'accampamento. Il governatore del Dominion
li distribuisce su tutto il territorio. Le loro funzioni sono talvolta
pericolose in mezzo a quegli avventurieri a piede libero in tutta la
regione, ed gi molto se riescono ad assicurare l'ordine e la sicurezza
sulle piste del Klondike.
L'indiano Neluto non si era ingannato nelle sue previsioni del
tempo. Nel pomeriggio si verific un brusco cambiamento della
situazione atmosferica. Poich il vento aveva preso a soffiare da sud, il
termometro risal a zero gradi centigradi sintomi che non potevano
essere male interpretati. C'era motivo di credere che la stagione fredda
stesse per finire, che il disgelo definitivo avrebbe provocato un rapido
scioglimento dei ghiacci e avrebbe reso libera la navigazione sulla
superficie dei corsi d'acqua e dei laghi.
Per di pi, durante quella prima settimana di maggio, il Iago Benett
non era pi ghiacciato in tutta la sua estensione. Tra gli ice fields, o
campi di ghiaccio, si insinuavano dei passaggi che un battello avrebbe
potuto percorrere, e a condizione di allungare il suo percorso sarebbe
riuscito a tenere una buona rotta. Di certo i quaranta chilometri che il
lago misura nella sua lunghezza massima sarebbero stati raddoppiati;
ma si sarebbe anche evitato il traino, si sarebbe anzi guadagnato tempo,
sia che la navigazione si effettuasse a remi, sia a vela. In ogni caso la
traversata avrebbe causato meno disagi.
Durante il pomeriggio, la temperatura sal ancora; il disgelo si
intensific; alcuni blocchi di ghiaccio cominciarono ad andare alla
deriva verso nord. Perci, a meno di una forte ripresa del freddo
durante la notte successiva, lo Scout avrebbe raggiunto l'estremit
settentrionale del lago senza difficolt.
Summy Skim, Ben Raddle e le suore della Misericordia poterono
trovare riparo fino all'indomani in una delle baracche. Non vi furono
alloggiati comodamente quanto il giorno prima nella casetta dello
Scout, ma almeno non dovettero subire la promiscuit
dell'accampamento.
Il termometro non scese durante la notte, e allo spuntare del
giorno, il 9 maggio, Bill Stell constat che la navigazione avrebbe
potuto svolgersi in condizioni abbastanza favorevoli. Il vento soffiava
da sud e non sembrava intenzionato a farsi pi freddo; le nuvole
rimanevano immobili nelle zone alte del cielo, e la brezza, se durava,
avrebbe consentito di usare la vela col vento in poppa.
Fin dall'alba lo Scout si era occupato di mettere il battello in stato
di navigare, di imbarcarvi i bagagli e le provviste. Fu aiutato in
questo lavoro da Neluto e dai quattro canadesi che formavano il suo
equipaggio fisso quando trasportava viaggiatori da Skagway a
Dawson City.
Quando i due cugini l'ebbero raggiunto sulla riva, Summy Skim
domand allo Scout:
Ebbene, che cosa pensate del tempo? L'abbiamo fatta finita con i
freddi dell'inverno del Klondike?
Non vorrei pronunciarmi in modo definitivo rispose, ma mi
pare proprio che i laghi e i fiumi non tarderanno a liberarsi. Del resto,
seguendo i passaggi, anche se dovessimo metterci pi tempo, il
nostro battello
Non dovr abbandonare il suo elemento naturale termin
Summy Skim; tanto meglio
E che cosa pensa Neluto? domand a sua volta Ben Raddle.
E del mio parere rispose lo Scout.
Ma non bisogna temere i blocchi di ghiaccio alla deriva?
11 nostro pilota abile, e prender tutte le precauzioni per
evitarli rispose Bill Stell. Del resto il battello solido, ha gi dato
ottime prove navigando in mezzo al disgelo, e in caso di pericolo si
trova facilmente rifugio sulle rive del lago
Sarebbe sempre una grossa fatica se si dovesse sbarcare osserv
Summy Skim, e c' da augurarsi che possiamo risparmiarla alle
nostre compagne di viaggio
Faremo tutto il possibile, signor Skim rispose lo Scout, e dopo
tutto meglio non dover trainare da riva il battello per una decina di
leghe, il che richiederebbe almeno una settimana.
E poi, chiamando Neluto che era appena sceso sulla riva, gli
chiese:
Neluto, che cosa pensi del disgelo?
E da due giorni che i primi ghiacci sono alla deriva rispose il
pilota, prova che la parte alta del lago deve essere libera.
E la brezza?
Si alzata due ore prima del giorno e ci favorevole.
Ma durer?
Neluto si volt e percorse con lo sguardo l'orizzonte a sud chiuso a
una lega di distanza dal massiccio del Chilkoot. Le nuvole si
spostavano ben poco da quel lato, e una leggera foschia scivolava sul
fianco della montagna.
Dopo aver teso la mano in quella direzione, il pilota rispose:
Credo che la brezza durer fino a sera.
Ma domani? chiese Ben Raddle.
Domani si vedr! disse semplicemente Neluto.
Imbarchiamoci! ordin Bill Stell, raggiunto un istante dopo
dalle suore.
Il battello dello Scout era una specie di scialuppa o piuttosto di
chiatta lunga trentacinque piedi. La parte posteriore era occupata da
una tenda sotto cui potevano ripararsi due o tre persone, o di notte, o
di giorno, durante le burrasche di neve e le raffiche di pioggia.
Quest'imbarcazione a fondo piatto, e che di conseguenza aveva un
pescaggio minimo, era larga sei piedi, il che le permetteva di portare
una vela abbastanza grande. Tagliata come la vela di trinchetto
60

delle scialuppe da pesca, veniva spiegata a prua, e si issava
sull'estremit di un alberetto alto una quindicina di piedi. In caso di
cattivo tempo, lalberetto si staccava facilmente dalla sua scassa,
61
lo
si metteva disteso sui banchi, e il battello procedeva a remi.
Data la disposizione della vela e la forma dello scafo,
quell'imbarcazione non avrebbe potuto stringere il vento,
62
qualora

60
Vela di trinchetto: qui genericamente vela di prua.
61
Scassa: l'incastro dove va a piantarsi il piede dell'albero.
62
Stringere il vento: diminuire il pi possibile l'angolo d'incidenza del vento sulle
fosse stato contrario. Ma anche con il vento lasco,
63
riusciva ancora a
guadagnare terreno. Ora, a causa delle sinuosit dei passaggi tra i
campi di ghiaccio, succedeva molto spesso che il pilota trovasse
vento contrario. Allora, dopo avere serrato la vela e ammainato
l'albero, faceva mettere i remi, che governati dalle braccia robuste dei
quattro canadesi, permettevano di raggiungere un'andatura pi
favorevole.
Del resto, la superficie del lago Benett non molto estesa, niente a
che vedere con i vasti mari interni del Nord America, dove le tempeste
si scatenano con una violenza incomparabile. Quelle regioni
settentrionali del Dominion e dell'Alaska, come quelle della Baia di
Hudson, non sono affatto riparate dalle montagne contro le correnti
polari, e talvolta sono sconvolte da bufere che sollevano le acque dei
laghi in ondate spaventose. S capisce quindi che un'imbarcazione poco
adatta al mare non vi pu resistere e rischia di affondare se non ha il
tempo per raggiungere un luogo riparato.
Alle otto, i preparativi e i bagagli erano terminati. Lo Scout portava
una certa riserva di viveri, carne conservata, gallette, t, caff, un
barile di acquavite a bordo, una scorta di carbone per il fornello
collocato a prua. D'altra parte, si contava sulla pesca, dato che il pesce
abbonda in quelle acque, e anche sulla selvaggina, pernici o starne, che
frequenta le rive del lago.
Lo Scout era in regola con la dogana, che molto esigente e non pu
fare a meno di molestare un po' i viaggiatori. Pot dunque levare l'ancora
sul momento, e il battello, con la vela issata, si stacc dalla riva.
Il pilota Neluto s era messo alla barra dietro la tenda, davanti alla
quale avevano preso posto le suore. Summy Skim e Ben Raddle si
erano accostati a murata vicino a Bill Stell. I quattro uomini, passati a
prua, allontanavano i blocchi di ghiaccio con i loro arpioni. Il battello
seguiva un passaggio abbastanza largo, il cui orientamento lo lasci
procedere col vento in poppa per circa una mezza lega. Ma in seguito fu
necessario orientare la vela al gran lasco piegando verso ovest, e tutto
sommato l'andatura era poco rapida.
La preoccupazione principale del pilota era evitare i blocchi di

vele.
63
Lasco: molle, tale che non arriva a tendere le vele.
ghiaccio alla deriva verso valle, il cui urto avrebbe potuto causare
delle avarie. Non era sempre facile, poich un gran numero
d'imbarcazioni si avventuravano nei passaggi. Parecchie centinaia di
persone, approfittando del disgelo e del vento favorevole, avevano
lasciato fin dall'alba l'accampamento sul lago Benett. In mezzo a quella
flottiglia, era spesso difficile evitare gli abbordaggi. E quando si
verificavano questi urti, quali clamori, quali insulti, quali minacce si
levavano da tutte le parti, per non parlare dei colpi di pistola scambiati
da un battello all'altro.
Ben Raddle e Summy Skim osservavano con curiosit la riva destra
del lago, cui si avvicinavano. Sulla spiaggia crescevano macchie
giallastre d abeti e dietro si infittivano foreste imbiancate di una neve
che la brezza non faceva cadere. Anche l erano in attivit delle segherie
meccaniche, il cui vapore s'innalzava sopra le tettoie di corteccia, e da
esse uscivano cigolii metallici.
A volte si vedevano anche delle capanne sparse sulle rive, piccoli
villaggi di tende di indiani dediti alla pesca, le cui canoe, tirate sulla
sabbia, aspettavano che sul lago la navigazione ridiventasse libera.
Sullo sfondo, all'estremo dell'orizzonte, si stagliavano alcune alture
spoglie che non proteggevano a sufficienza la regione contro le
correnti gelide del nord.
La foschia accumulatasi fin dal mattino verso sud non s era dissolta
sotto l'effetto del vento, che del resto tendeva piuttosto a calare. Il sole
non aveva potuto penetrarla, e si poteva temere che quella nebbia si
abbassasse fino alla superficie delle acque. Ora, navigare in quelle
condizioni in mezzo al ghiaccio alla deriva, sarebbe stato quasi
impossibile. In tal caso la cosa migliore che si pu fare accostarsi da
qualche parte alla riva e sostarvi fino al successivo cambiamento di
tempo.
Nel pomeriggio il battello incroci un'imbarcazione della polizia che
circolava tra i passaggi e doveva intervenire anche troppo spesso per
sedare le risse.
Lo Scout conosceva il capo di quell'imbarcazione, e scambiarono
queste parole: Sempre emigranti che ci arrivano da Skagway per il
Klondike.
S rispose il canadese, e pi di quanti ne occorrano
E pi di quanti ne torneranno
Questo certo! Quanti calcolate che hanno attraversato il lago
Benett?
Circa quindicimila.
E non finita?
Tutt'altro.
Si sa se a valle c' il disgelo?
Cos dicono.
Allora si pu arrivare allo Yukon navigando
S, se non ritorna il freddo.
Possiamo sperarlo?
Direi di s.
Grazie.
Buon viaggio!
Nel frattempo, poich c'era bonaccia, anche se Bill Stell non ebbe
grandi difficolt sul lago Benett, la rotta non fu rapida, e dopo avere
fatto tappa durante due notti, approd all'estremit del lago solo il
pomeriggio del 10 maggio.
In quel punto nasceva il piccolo fiume o meglio il canale del
Carib, che a meno di una lega da l va a sboccare nel lago Tagish.
Si sarebbe dovuti partire solo l'indomani dopo la sosta notturna.
Non ci fu bisogno di accamparsi; il battello sarebbe bastato allo Scout
e ai suoi passeggeri.
Summy Skim volle approfittare delle ultime ore di luce, e and nei
campi vicini a caccia di pernici delle paludi e di starne dal piumaggio
verde pallido. Ne riport parecchie paia, oltre a un certo numero di
anatre. Queste pullulano in tali regioni lacustri, e si sarebbe potuta
fare una provvista per tutto il viaggio. Se Summy Skim era un buon
cacciatore, Bill Stell, che era andato con lui, non si mostr meno
abile. Fu acceso un fuoco di legna secca sulla riva, e la selvaggina,
arrostita su una fiamma scoppiettante, fu giudicata ottima.
Il lago Tagish, lungo sette leghe e mezza, collegato al lago
Marsh da uno stretto che il disgelo aveva ostruito durante la notte.
Piuttosto che aspettare che si liberasse, lo Scout prefer trainare il
battello per una mezza lega, dopo aver affittato un tiro di muli. In
quel modo pot riprendere in giornata la navigazione sul lago Marsh
attraverso i passaggi.
Arrivati a quel punto, e bench avessero lasciato Skagway da una
dozzina di giorni, Bill Stell e i. suoi compagni avevano percorso solo
centosessantadue chilometri.
Avrebbero impiegato almeno quarantott'ore per attraversare il lago
Marsh in tutta la sua lunghezza, sebbene questa non superi le sette-
otto leghe. In effetti il vento aveva preso a soffiare da nord, e pur non
essendo molto forte, sarebbe stato contrario. Usare la vela sarebbe
diventato impossibile, e con i remi non si poteva contare su
un'andatura veloce.
Nel corso di tale navigazione, le rive est ed ovest del lago
rimangono sempre visbili, dato che la sua larghezza di soli tre
chilometri. Il lago incorniciato da colline abbastanza elevate,
dall'aspetto pittoresco e completamente imbiancate da brina e neve.
La flottiglia dei battelli sembrava meno numerosa che sul lago
Benett, perch alcune imbarcazioni che avevano avuto dei problemi
erano rimaste indietro.
Nel pomeriggio del 13 maggio fecero tappa all'estremit del lago
Marsh, e dopo aver consultato la carta Ben Raddle chiese allo Scout:
Non ci resta che un lago da attraversare, l'ultimo della regione?.
S signor Raddle rispose Bill Stell, il lago Labarge. Ma in
quella parte del viaggio che le difficolt diventano maggiori
Eppure, Scout, non ci sar bisogno di trainare da riva il nostro
battello sul Lewis, che riunisce i due laghi e si dirige oltre verso
nord?
Sul fiume no, ma a terra s rispose Bill Stell, se non possibile
superare le rapide d White Horse senza portage. E sempre un
passaggio molto pericoloso, dove pi di un'imbarcazione si perduta
armi e bagagli.
Quelle rapide costituiscono infatti il pericolo pi serio per la
navigazione tra Skagway e Dawson City. Occupano tre chilometri e
mezzo degli ottantacinque che separano il lago Marsh dal lago
Labarge, e su quella breve distanza il dislivello delle acque del fiume
non inferiore a trentadue piedi. Inoltre, il corso ingombrato da
scogli contro i quali un canotto si infrange inevitabilmente, se la
corrente ve lo getta.
Allora non possiamo seguire le sponde? domand Summy
Skim.
Sono impraticabili rispose lo Scout. Ma stanno lavorando a
costruire un tramway
64
che trasporter i battelli con tutto il loro
carico a valle delle rapide.
E visto che stanno lavorando per costruire questo tramway
riprese Summy Skim, vuol dire che non ancora finito, Scout
No, anche se ci lavorano centinaia di operai.
E vedrete, mio buon Bill, che non sar terminato nemmeno al
nostro ritorno
A meno che non restiate nel Klondike pi di quanto non pensiate
rispose Bill Stell. Si sa bene quando si va, ma non si sa mai quando si
torna
Lo senti, Ben disse Summy Skim rivolgendosi a suo cugino. D'altra
parte quest'ultimo non tent affatto di rispondere.
Nel pomeriggio del giorno dopo, 15 maggio, il battello, scendendo
lungo il fiume, raggiunse le rapide di White Horse. Non era il solo ad
avventurarsi in quel passaggio rischioso. Altre imbarcazioni lo
seguivano, e quante di quelle che comparivano a monte non si
sarebbero riviste a valle!
E perci comprensibile che i piloti impiegati alle rapide di White
Horse esigano un prezzo alto per superare quei tre chilometri. Poich
quel prezzo di centocinquanta franchi, guadagnano bene, e non
pensano certo ad abbandonare questo mestiere redditizio per quello
del prospettore.
Spesso necessario, prima di lanciare i battelli nella corrente,
scaricarli di una parte del carico, che viene ripresa in seguito. Le
imbarcazioni, cos alleggerite, possono essere guidate pi facilmente in
mezzo agli scogli.
Ma lo Scout, il cui battello non era appesantito da un'attrezzatura
ingombrante, non ritenne indispensabile tale precauzione, e Neluto fu
d'accordo. Tutti e due del resto conoscevano perfettamente il
passaggio.
Non abbiate paura raccomand lo Scout alle suore.
Abbiamo fiducia in voi rispose suor Marta.

64
Tramway: ferrovia a rotaie piatte, dove spesso la trazione avveniva con i cavalli.
In quel punto la velocit della corrente di cinque leghe all'ora.
Occorrerebbe perci un tempo molto breve per scendere lungo i tre
chilometri delle rapide. Ma necessario effettuare tanti giri tortuosi fra
le rocce di basalto disseminate cos capricciosamente tra le due rive per
evitare i blocchi di ghiaccio, che sono altrettanti scogli mobili il cui
urto manderebbe in pezzi l'imbarcazione pi solida, che la durata del
tragitto risulta estremamente allungata. Pi volte il battello, a forza di
remi, dovette virare su se stesso, minacciato da un abbordaggio con un
blocco di ghiaccio o con un canotto, e l'abilit di Neluto lo salv da
molti pericoli.
Attenzione attenzione! grid lo Scout quando il battello aveva
superato i tre quarti del passaggio.
In effetti era importante tenersi bene ai banchi per non essere gettati
fuori bordo. L'ultimo salto di quelle rapide il pi temibile, ed l che
avvengono molti disastri. Ma Neluto aveva l'occhio esperto, la mano
sicura, un sangue freddo imperturbabile, e lo Scout sapeva che poteva
fidarsi di lui.
Non Pot evitare alcune ondate in mezzo al tumulto furioso di
quella rapida, ma gli uomini svuotarono velocemente il battello di quel
sovraccarico: dopo il salto si ritrov in buone condizioni.
I due cugini non avevano potuto non provare una certa emozione,
quando l'imbarcazione salt in picchiata, per cos dire, nel vuoto.
Quanto alle suore, si erano segnate con mano tremante chiudendo gli
occhi.
E adesso esclam Summy Skim, il pi fatto, Bill?
Non c' dubbio! aggiunse Ben Raddle.
In effetti, signori dichiar Io Scout, avremo soltanto da
attraversare il lago Labarge, e da seguire il Lewis per circa centosessanta
leghe. A parte uno o due passaggi un po' difficili che non si possono
per paragonare alle rapide di White Horse.
Insomma, sorelle riprese ridendo Summy Skim, pi di
centosessanta leghe, vale a dire che siamo arrivati, e che non avrete
pi niente da temere.
S per voi, signori rispose suor Maddalena, poich al vostro
ritorno dovrete risalire queste rapide, e sar forse pi pericoloso
ancora
Avete ragione, sorella replic Summy Skim, e decisamente
faremmo meglio a non ritornare affatto!
A meno che il tramway non sia in funzione fece osservare Ben
Raddle.
Giusto, Ben, e se solo aspettiamo un anno o due
E quel che sarebbe stato ancora pi vantaggioso, quel che avrebbe
reso pi facile il viaggio, sarebbe stato il railway che si progettava di
costruire da Skagway alle rapide di White Horse e dalle rapide di White
Horse a Dawson City. Da quel momento non ci sarebbe stata pi
navigazione sui laghi, n portages in nessun punto del percorso. Si
sarebbero impiegati meno giorni di quante settimane occorrono
attualmente per andare dal Chilkoot al Klondike. Ma quando sarebbero
stati eseguiti quei progetti, e chi sa anzi se sarebbero mai stati realizzati?
La carovana dello Scowt si trovava a trecentocinque chilometri da
Skagway, quando raggiunse la punta inferiore del lago Labarge la sera
del 16 maggio.
Bill Stell, dopo averne parlato con Neluto, decise di fare una sosta di
ventiquattrore in quell'accampamento. Il vento soffiava con violenza da
nord. Il pilota non ci teneva a tentare la traversata del lago in quelle
condizioni, temendo di essere assalito da una violenta tempesta. D'altra
parte il battello avrebbe potuto a stento raggiungere il largo, anche a
forza di remi, tanto pi che la deriva dei blocchi di ghiaccio era arrestata
dalle raffiche e che questi risalivano verso l'estremit sud del lago.
Poteva anche darsi che si riformasse uno strato di ghiaccio, poich la
temperatura si abbassava, e il termometro segnava due gradi sotto zero.
Quell'accampamento, creato sullo stesso modello e per gli stessi
bisogni di quelli dei laghi Lindeman e Benett, comprendeva gi un
centinaio di case e di capanne. Una di queste case si fregiava del nome
di albergo, a prezzi eccessivi (non c' bisogno di dirlo) e senza la
minima comodit. Ma Summy Skim, Ben Raddle e le suore poterono
trovarvi delle camere libere.
La sera, i due cugini e Bill Stell, riuniti nella sala d'ingresso
dell'albergo, s'intrattennero a parlare della probabile durata del viaggio.
Dopo la traversata del lago Labarge, scendendo il Lewis disse lo
Scout, non possiamo fare pi di quattro o cinque leghe al giorno. Ora,
visto che siamo ancora a centosessanta leghe da Dawson City, conto di
arrivarci al pi presto nella prima settimana di giugno.
Dunque non navigheremo di notte? domand Ben Raddle.
Sarebbe imprudente, perch il Lewis ingombro di blocchi di
ghiaccio rispose Bill Stell, e Neluto non vorrebbe arrischiarsi
Allora fece osservare Summy Skim, accosteremo sull'una o
sull'altra riva?
S, signor Skim, e se c' selvaggina nei dintorni, avrete tutto il
tempo per andare a caccia
Non mancher di assestare qualche buon colpo di fucile, Scout.
E non mancherete il bersaglio, ne sono certo.
Ma osserv Ben Raddle, arrivare solo la prima settimana di
giugno in Klondike, non gi troppo tardi per lo sfruttamento dei
claims?
No, signor Raddle rispose lo Scout. Pensate alle migliaia di
emigranti che sono ancora indietro e arriveranno molto dopo di noi! Lo
sfruttamento dei giacimenti possibile solo a met giugno, quando il
suolo interamente disgelato.
Poco importa del resto aggiunse Summy Skim. Non andiamo
laggi per fare i prospettori sul claim 129, ma per venderlo al miglior
prezzo. E anche ammesso che l'affare ci trattenga fino in luglio, avremo il
tempo di ritornare a Montreal entro l'inverno.
Il lago Labarge, lungo circa cinquanta chilometri, composto di due
parti, collegate da un'ansa a gomito proprio nel punto da cui esce il fiume
Lewis per dirigersi verso nord. Salpato la mattina del 18 maggio, il
battello dovette impiegare quarantott'ore per attraversare la prima
parte del lago.
Perci nel pomeriggio del 20 maggio, verso le cinque, lo Scout e i
suoi compagni, dopo aver subito molte raffiche di vento, raggiunsero il
corso del Lewis, che piega a nord-est dirigendosi verso Fort Selkirk. A
partire dal giorno dopo, il battello si infil in mezzo ai ghiacci del
disgelo, tenendosi quanto pi possibile al centro del fiume, dove la
corrente lasciava il passaggio libero.
La sera, alle cinque, lo Scout diede l'ordine di accostare alla riva
destra, presso la quale contava di passare la notte. Summy Skim sbarc
immediatamente. Poco dopo, risuonarono parecchie detonazioni, e un
paio di anatre e di starne permisero, per la cena, di risparmiare sulle
provviste. Del resto, quelle soste notturne imposte da Bill Stell, se le
imponevano anche le altre imbarcazioni che discendevano il corso del
Lewis, e un gran numero di fuochi da campo si accendevano sulle rive.
A partire da quel giorno, il problema del disgelo parve essere
completamente risolto. Il termometro rimaneva a cinque o sei gradi
sopra zero sotto l'influenza dei venti del sud. Non c'era perci pi
pericolo che il fiume gelasse. Gli emigranti non dovevano pi
preoccuparsi n d traini n di portages. Verosimilmente i laghi
Lindeman, Benett, Tagish, Marsh, Labarge, erano liberi, e la corrente
trascinava rapidamente verso valle i blocchi di ghiaccio.
Durante quegli accampamenti notturni, non c'era da temere alcun
attacco di bestie feroci. Nei dintorni del Lewis non era segnalata la
presenza di orsi. Summy Skim non ebbe dunque [occasione]
65
di
abbattere uno dei terribili plantigradi (probabilmente gli dispiaceva
molto). Ma in compenso bisognava difendersi dalle zanzare, che
invadevano le rive a miriadi, e a stento si riusciva a evitare le loro
punture dolorose quanto fastidiose tenendo acceso il fuoco tutta la
notte.
Dopo aver disceso il Lewis per una cinquantina di chilometri, lo Scout
e i suoi compagni videro nel pomeriggio del 23 la confluenza con il rio
Hootalinga, poi l'indomani quella del Big Salomon, due tributari del
Lewis. Poterono notare quanto le acque blu del fiume si alterassero
mescolandosi ai suoi affluenti. Il giorno dopo, il battello passava
davanti alla foce del rio Walsh, ora abbandonato dai minatori, sebbene
in passato avesse prodotto dieci soldi a scodella, si diceva che era stato
svuotato fino al suo ultimo meandro. Poi fu la volta del Cassiar, banco
di sabbia che emerge quando l'acqua bassa, su cui alcuni prospettori
raccolsero in un mese trentamila franchi in oro, e dove si raccoglie
ancora qualche granello della preziosa polvere.
Il viaggio continu alternando il buono e il cattivo tempo, senza
per che si soffrisse troppo il freddo. Il battello procedeva talvolta a remi,
talvolta a vela, e in alcuni passaggi molto sinuosi gli uomini dovettero
anche tirarlo da riva con il cavo da rimorchio. Ma bisognava fare
attenzione camminando sulle rive orlate di alte scogliere da cui a volte si
staccano enormi valanghe.

65
La parola in parentesi, integrata dall'editore francese, manca nel manoscritto.
Il 30 maggio, la maggior parte del Lewis, che sarebbe presto diventato
lo Yukon, era stata discesa in condizioni abbastanza favorevoli. La
carovana si trovava allora a una sessantina di leghe dal lago Labarge.
Bisogn superare le rapide di Five Fingers. Incontrarono qualche
difficolt. In quel punto il fiume ingombrato da cinque isole, che
producono ampi risucchi e anche dei salti di livello cui un pilota deve fare
attenzione. Su suggerimento di Neluto, sembr prudente sbarcare, perch
il livello elevato delle acque rendeva la corrente quasi torrenziale. Ma
dopo aver oltrepassato quelle rapide e, qualche chilometro a valle, quelle
del Rink, passeggeri e passeggere ripresero posto nel battello, che non
avrebbe pi incontrato seri ostacoli prima del suo arrivo a Fort Selkirk,
lontano ancora una ventina di leghe.
Il 31 maggio lo Scout fece tappa all'accampamento di Turenne, che
occupa un promontorio scoglioso tutto coperto dai primi fiori, anemoni,
crochi e ginepri profumati. Numerosi emigranti vi avevano montato le
loro tende. Poich il battello necessitava di alcune riparazioni, vi
rest ventiquattr'ore. L Summy Skim Pot dedicarsi al suo esercizio
preferito. La selvaggina abbondava, soprattutto i tordi, e avrebbe potuto
cacciare tutta la notte, poich a quella latitudine e in quel periodo
dell'anno dal tramonto all'alba l'oscurit non pi completa.
Durante i due giorni successivi, grazie a una corrente di tre leghe
all'ora, il battello discese rapidamente il fiume. Il 2 giugno, in
mattinata, dopo avere oltrepassato il labirinto delle isole Myersall, si
riaccost alla riva sinistra e ormeggi ai piedi di Fort Selkirk.
Il forte fu costruito nel 1848 per servire agli agenti della Baia di
Hudson; ma gli indiani lo demolirono nel 1852, e ora quel che fu un
forte solo un emporio abbastanza ben fornito. Circondato da capanne
indiane, da tende di emigranti, si trova su un altopiano della grande
arteria che, a partire da l, riprende pi precisamente il nome di Yukon,
dopo essere stata ingrossata dalle acque del Pelly, il suo principale
affluente di destra.
A Fort Selkirk lo Scout ebbe la possibilit di fare rifornimenti, e trov
tutto ci che gli serviva, a prezzi eccessivi, vero, poich nella peggiore
delle locande si pagano tre dollari per un pasto dei pi frugali.
Dopo una sosta di ventiquattr'ore, la mattina del 3 giugno il battello
si abbandon nuovamente alla corrente dello Yukon. Tempo molto
incerto, con piogge e schiarite di sole; ma non si dovevano pi temere i
grandi freddi, e la temperatura si avvicinava ai dieci gradi sopra zero.
Lo Scout pass senza fermarsi davanti alla confluenza con il fiume
Stewart, che cominciava ad attirare un certo numero di cercatori d'oro,
e ben presto i claims pulluleranno sul suo corso di trecento chilometri
proveniente da est. Poi, il battello sost per mezza giornata a Ogilvie
sulla riva destra dello Yukon,
A valle, il fiume presentava gi un'ampiezza notevole, e le
imbarcazioni potevano circolare senza difficolt in mezzo ai numerosi
blocchi di ghiaccio alla deriva in direzione nord.
Dopo essersi lasciati alle spalle le foci dellIndian River e del Sixty
Miles River, che si aprono una di fronte all'altra, a quarantotto
chilometri da Dawson City, e dopo aver superato sulla destra quella del
Baker Creek, lo Scout e i suoi compagni, nel pomeriggio del 6 giugno,
sbarcarono finalmente nella capitale del Klondike.
X
IL KLONDIKE
La parte del Nord America denominata Alaska una vasta regione,
bagnata allo stesso tempo dalle acque di due oceani, l'Artico e il Pacifico.
Non sono meno di centocinquantamila i chilometri quadrati di questo
territorio che l'Impero russo cedette agli americani, a quanto si dice, canto
per simpatia nei confronti dell'Unione quanto per antipatia verso la Gran
Bretagna. In ogni caso sarebbe stato difficile che questa terra non
diventasse americana e andasse invece a ingrandire il Dominion e la
Columbia britannica. E d'altra parte l'avvenire non giustificher forse il
celebre principio di Monroe: tutta l'America agli americani?
A parte i giacimenti auriferi che possiede, che ci sar mai da ricavare
da questo territorio mezzo canadese e mezzo alaskano bagnato dallo
Yukon, situato in parte al di l del Circolo polare, il cui suolo inadatto a
qualsiasi tipo di attivit agricola? Probabilmente niente.
Non bisogna dimenticare, tuttavia, che includendovi le isole Baranof,
Ammiragliato, Principe di Galles che appartengono all'Alaska cos
come l'arcipelago delle Aleutine, questa regione presenta uno sviluppo
costiero di tredicimila chilometri, con un gran numero di porti che
permettono alle imbarcazioni di sostare e di ripararsi in quelle zone
tempestose: da Sitka, la capitale dell'Alaska, fino a Saint Michel, alla
foce dello Yukon, uno dei pi grandi fiumi del nuovo mondo.
Dopo essere stata scoperta dai russi nel 1730, poi esplorata nel 1741,
quando la sua popolazione complessiva non superava i trentatremila
abitanti, la maggior parte di origine indiana, la regione attualmente
invasa dalla folla degli emigranti e dei prospettori attirata da qualche
anno nel Klondike dalla scoperta delle miniere d'oro.
Il centoquarantunesimo meridiano, che parte dal monte Sant'Elia,
alto cinquemilaottocentoventidue metri, e arriva all'oceano artico,
stato scelto per stabilire la linea di demarcazione tra l'Alaska e lo Stato
del Dominion. Ma forse non si stati altrettanto precisi nel fissare il
confine meridionale, che devia e si ricurva in modo da comprendere le
isole della costa.
Gettando lo sguardo su una carta dell'Alaska, si nota che il terreno
piatto nella maggior parte della sua estensione. Il sistema orografico
rilevato solo a sud. L comincia la catena montuosa che continua
attraverso la Columbia e la California con il nome di Cascade Range.
Colpisce in particolare il corso dello Yukon. Dopo aver bagnato il
Dominion dirigendosi verso nord fino a Fort Cudahy, dopo averlo
solcato con i suoi affluenti e subaffluenti, (un immenso bacino
idrografico dove si incrociano il Pelly, il Big Salmon, lo Hootalinga, lo
Stewart, il Sixty Miles River, il Forty Miles Creek, lIndian River, il
Klondike River), quel magnifico fiume descrive un'ansa fino a Fort
Yukon, per ridiscendere verso sud-est, e versare le sue acque a Saint
Michel nel bacino del mare di Bering.
Insomma Io Yukon il fiume dell'oro per eccellenza. Con i suoi
tributari, solca i giacimenti pi ricchi dell'Alaska e del Dominion, e
quante pepite galleggerebbero sulla sua superficie, se potessero
galleggiare!
Lo Yukon superiore al Padre delle Acque, al Mississippi in persona.
Trasporta non meno di ventitremila metri cubi d'acqua al secondo, e il
suo corso si stende su duemiladuecentonovanta chilometri, attraverso
un bacino la cui superficie comprenderebbe un milione di chilometri
quadrati.
66

Se i territori che percorre non sono coltivabili, l'area forestale di
grande valore. Si tratta soprattutto di boschi impenetrabili di cedri
gialli, dove il mondo intero potr rifornirsi se le sue foreste si
esaurissero. Quanto alla fauna, rappresentata dall'orso nero,
dall'orignal, dal carib, dal tebai, o capra di montagna, dal camoscio
dal lungo pelo bianco; e la selvaggina piumata vi cresce in quantit,
starne, beccaccini, tordi, pernici delle nevi, anatre, cos numerosa che
sarebbe bastata al nutrimento della popolazione indigena all'epoca
della scoperta.
Le acque che bagnano quest'immenso perimetro di costa non sono
meno ricche di mammiferi marini e di pesci di ogni specie. Ce n'

66
Due volte la superficie della Francia. (N.d.A.)
uno, lo harlatan, che merita di essere segnalato per l'uso che se ne
pu fare. talmente impregnato d'olio, che basta dargli fuoco per
farsi luce come con una candela, da cui il nome di candle fish
67
che
gli hanno dato gli americani.
Ma le ricchezze aurifere di questa regione sono ancora superiori
alle altre, ed possibile che il loro rendimento superi quello
dell'Australia, della California, e delle miniere dell'Africa del sud.
nel 1864 che furono segnalati i primi giacimenti del Klondike.
A quell'epoca il reverendo MacDonald trov oro da raccogliere a
cucchiaiate in un piccolo fiume vicino a Fort Yukon.
Nel 1882 un gruppo di ex minatori della California, fra cui i
fratelli Boswell, si avventurano attraverso le piste del Chilkoot e
sfruttano regolarmente i primi giacimenti.
Nel 1885 dei cercatori di pagliuzze d'oro del Lewis-Yukon
scoprono i giacimenti del Forty Miles Creek, un poco a valle dell'area
che sarebbe stata occupata da Dawson City, sulla linea convenzionale
che separa l'Alaska dal Dominion. Due anni dopo, essi hanno estratto
oro per pi di seicentomila franchi; contemporaneamente, il governo
canadese procede alla delimitazione della frontiera.
Nel 1892, la North American Trading and Transportation Co. di
Chicago fonda la borgata di Fort Cudahy vicino al luogo dove il
Forty Miles Creek si immette nello Yukon, che sarebbe stato presto
difeso dal forte di Constantine costruito due anni pi tardi. E pur
continuando a fare il loro lavoro, tredici agenti di polizia, quattro
sottoufficiali e tre ufficiali non raccolgono meno di un milione e
mezzo di franchi nei claims del Sixty Miles River poco a monte di
Dawson City.
Lo slancio dato, i prospettori accorrono da ogni parte. Nel 1895
non sono meno di mille i canadesi, soprattutto francesi, che valicano
il Chilkoot e si distribuiscono intorno alle rive del fiume.
Ma nel 1896 che si diffonde la notizia clamorosa: stato
scoperto l'Eldorado, un affluente del Bonanza, che un affluente del
Klondike River, che un affluente dello Yukon. I cercatori d'oro si
precipitano su quei territori in folla. A Dawson City, i lotti che si
vendevano a venticinque franchi ne valsero ben presto

67
Candle fish: pesce candela.
centocinquantamila, e il governo di Ottawa riconobbe questa citt
capitale nel giugno 1898.
La regione che ha pi specificamente il nome di Klondike non
altro che un distretto del Dominion. Appartiene perci a quella vasta
colonia inglese che il Canada, come parte della Columbia
britannica. Il centoquarantunesimo grado di longitudine, che traccia
la linea di frontiera tra l'Alaska diventata americana e i possedimenti
della Gran Bretagna, costituisce il confine occidentale del distretto.
A nord, il Klondike River, affluente dello Yukon, con un corso di
centoquaranta chilometri, proveniente da est, segna il suo confine e
va a confluire nella stessa citt di Dawson City, che divide in due
parti disuguali.
A ovest, il confine segnato dal meridiano convenzionale che lo
Yukon taglia a []
68
chilometri da l, un po' a nord-ovest della
capitale, dopo aver ricevuto dalla riva destra lo Stewart River,
l'Indian River, Baker Creek, e quel famoso Bonanza dove si getta
l'Eldorado.
A est, il distretto confina con le zone del Dominion su cui
appaiono le prime ramificazioni delle Montagne Rocciose, sui
territori che il Mackensie
69
attraversa da sud a nord.
Al centro del distretto si trovano delle alte colline, di cui la
principale, il Dme, fu scoperta nel giugno 1897. Sono gli unici
rilievi di un suolo generalmente piatto, dove si sviluppa la rete
idrografica che si collega al bacino dello Yukon. Se ne comprender
l'importanza solo dal numero dei suoi affluenti diretti: il Klondike
River, alimentato dal Too Much Gold, lo Hunker, che ha le sue fonti
nelle viscere del Dme, il Bear, Pawigley, il Bonanza, il Bryant, lo
Swadish, il Montana, il Baker Creek, il Westfield, il Geneenee, il
Montecristo, l'Insley, il Sixty Miles River, l'Indian River, corsi
d'acqua che trasportano oro in quantit, e sui quali centinaia di lotti
sono gi in fase di sfruttamento.
Ma il territorio aurifero per eccellenza ancora quello bagnato dal
Bonanza, uscito dalle colline di Cormack's, e dai suoi molteplici
affluenti, l'Eldorado, il Queen, il Boulder, l'American, il Pure Gold, il

68
Lacuna nel manoscritto.
69
Questa, qui e altrove, la grafa di Verne: in realt, Mackenzie.
Cripple, il Tail ecc.
Si capisce quindi come su un territorio dove si moltiplicano i
creeks e i rios, completamente liberi dai ghiacci durante i tre o
quattro mesi della bella stagione, su quei giacimenti cos numerosi e
relativamente facili da sfruttare, i prospettori si siano precipitati in
folla. Occorre anzi osservare che il loro numero aumenta ogni anno,
malgrado le difficolt, gli stenti, le disillusioni della parte di viaggio
compresa tra Skagway e la capitale del Klondike.
Proprio nel punto in cui il fiume omonimo si getta nello Yukon,
qualche anno fa non esisteva altro che una palude spesso sommersa
nel periodo delle piene. C'era solo qualche capanna di indiani, delle
isbe costruite secondo la tecnica russa, dove le famiglie di indigeni
vivevano miseramente. Proprio l fu fondata Dawson City, che conta
gi diciottomila abitanti.
Quel Leduc, canadese di origine, che il fondatore della citt, la
divise all'inizio in lotti per i quali non chiedeva pi d venticinque
franchi, e che ora trovano acquirenti a prezzi che variano tra i
cinquantamila e i duecentomila franchi.
E se i primi giacimenti del Klondike non sono destinati a un
prossimo esaurimento, se altri ne verranno scoperti nel bacino del
grande fiume, se un giorno i claims si conteranno a migliaia, non
lecito pensare che Dawson City diventer una metropoli come
Vancouver nella Columbia britannica o Sacramento nella California
americana?
Fin dagli inizi la nuova citt rischi di scomparire sotto le
inondazioni, come accadeva alla palude di cui occupava il posto. Il
Klondike la divide in due quartieri posti sulla riva destra dello
Yukon, e nel periodo del disgelo l'abbondanza delle acque tale che
bisogna temere i peggiori disastri.
Fu dunque necessario costruire solide dighe per proteggersi dalle
inondazioni, che del resto si verificavano solo per un breve periodo.
In effetti, durante l'estate, il livello delle acque del Klondike si
abbassa al punto da permettere di passare a piedi e all'asciutto da un
quartiere all'altro.
Come si vede, gli inizi della nuova citt furono difficili, il che non
imped al numero dei suoi abitanti di crescere in proporzione
notevole.
Del resto Ben Raddle, come sappiamo, conosceva a fondo la storia
del distretto; gi da alcuni anni, si teneva al corrente di tutte le
scoperte. Sapeva quale era stata la progressione costante del
rendimento dei giacimenti e quali colpi di fortuna vi si erano
verificati. Che fosse venuto nel Klondike solo per prendere possesso
del claim sul Forty Miles Creek, per stimarne il valore, per venderlo
ricavandone il miglior prezzo, sicuro. Ma Summy Skim sentiva
chiaramente che Ben Raddle, via via che si avvicinava a Dawson
City, s'interessava pi di quanto non avrebbe voluto ai lavori dei
minatori, e temeva sempre che fosse tentato di prendervi parte. Di
certo, lui si sarebbe opposto, non avrebbe lasciato che suo cugino
entrasse in simili imprese, non gli avrebbe permesso di stabilirsi in
quella terra dell'oro e della miseria!
In quell'epoca il distretto contava non meno di ottomila lotti,
numerati a partire dalla foce degli affluenti e dei subaffluenti dello
Yukon, fino alle loro fonti. I claims avevano una superficie di
cinquecento piedi, o di duecentocinquanta, secondo la modifica
apportata dalla legge del 1896.
Bisogna dirlo, l'entusiasmo dei prospettori, la preferenza delle
societ andavano sempre ai giacimenti del Bonanza, dei suoi
affluenti, e anche delle montagne non troppo alte sulla riva sinistra.
Non forse su quel suolo privilegiato che Georgie Mac-Cormack
vendette numerosi claims di ventiquattro piedi d lunghezza su
quattordici di larghezza, dai quali furono ricavate pepite per un valore
di ottomila dollari, cio quarantamila franchi, in meno di tre mesi?
La ricchezza dei giacimenti dell'Eldorado non tale che, secondo
l'ufficiale del catasto Ogilvie, la media di ciascun piatto compresa tra i
venticinque e i trentacinque franchi? Da qui la logica conclusione che
se, come tutto induce a credere, la vena larga trenta piedi, lunga
cinquecento, spessa cinque, produrr fino a venti milioni di franchi.
Cos, fin da quel periodo, le societ cercavano di acquistare quei lotti
e se li disputavano ai prezzi pi alti. Era anche difficile prevedere di
quanto sarebbero salite le aste, visto che si trattava di giacimenti dove i
piatti raccoglievano da millecinquecento a quattromila franchi in un oro
molto puro, che sul mercato di Dawson City valeva quindici o sedici
dollari l'oncia.
Era davvero una sfortuna questo almeno doveva dirsi Ben Raddle,
mentre Summy Skim non ci pensava affatto che l'eredit dello zio
Josias non fosse stata uno di quei claims del Bonanza invece di
appartenere alla regione del Forty Miles Creek, dall'altro lato dello
Yukon. Sia che si fosse deciso di sfruttarlo, sia che lo si volesse vendere,
il profitto sarebbe stato ben pi notevole. Si pu anzi supporre che le
offerte fatte agli eredi sarebbero state tali che Ben Raddle si sarebbe
risparmiato il viaggio in Klondike. Summy Skim sarebbe stato allora in
villeggiatura nella sua fattoria di Green Valley invece di inzaccherarsi
per le strade di quella capitale, dove il fango forse racchiudeva particelle
del prezioso metallo.
vero, c'erano pur sempre le proposte fatte da quella compagnia per il
129 di Forty Miles Creek, a meno che in mancanza di risposta non
fossero decadute.
Dopo tutto Ben Raddle era venuto per vedere, e avrebbe visto. Anche
se il 129 non aveva mai prodotto delle pepite di tremila franchi e la pi
grossa che fu scoperta nel Klondike raggiungeva tale valore non
doveva essere esaurito, se erano state fatte delle offerte di acquisto. Le
societ americane o inglesi non trattavano questo genere di affari a
occhi chiusi. E in ogni caso, anche nel peggiore dei casi, i due cugini ne
avrebbero ricavato abbondantemente il prezzo del loro viaggio.
E poi, come Ben Raddle sapeva, si parlava gi di nuove scoperte sullo
Hunker, un affluente del Klondike River, che ha la foce a ventitr
chilometri da Dawson City, un corso d'acqua di sette leghe tra
montagne alte millecinquecento piedi, ricche di giacimenti di un oro pi
puro di quello dell'Eldorado. Si parlava anche di un affluente del Gold
Bottom, dove, secondo il rapporto di Ogilvie, sarebbe esistito un filone
di quarzo aurifero, che rendeva fino a mille dollari per tonnellata.
I giornali richiamavano inoltre l'attenzione sul Bear, un affluente
del Klondike River, a sole quattro leghe da Dawson City. Era diviso
in una sessantina di lotti su un corso di undici chilometri, e il loro
sfruttamento durante l'ultima campagna di scavi avrebbe prodotto
guadagni eccellenti. Girava anche la voce che quei claims erano
preferibili a quelli del Bonanza perch, essendo disposti in un ordine pi
regolare, si sfruttavano con pi facilit.
E certo Ben Raddle si diceva che ci si sarebbe dovuti rivolgere in
quella direzione, se non c'era nulla da fare con il 129
Quanto a Summy Skim, a volte si ripeteva: Tutto ci va benissimo.
Bene il Bonanza, l'Eldorado, il Bear, lo Hunker, il Gold Bottom! Ma a noi
interessa il Forty Miles Creek, e io non sento proprio parlare di questo
Forty Miles Creek: come se non esistesse!.
Eppure esisteva, e la carta di Bill Stell lo indicava esattamente come
un affluente dello Yukon a valle di Dawson City. Sarebbe stato davvero
un gran peccato se quel Forty Miles Creek non avesse fornito la sua
percentuale al rendimento aurifero del Klondike, il quale, secondo il
rapporto di MacDonald, aveva prodotto non meno di cento milioni di
franchi durante la campagna di scavi compresa tra il maggio e il
settembre dell'anno 1898.
E come avrebbe potuto Ben Raddle, se non Summy Skim, dubitare
della ricchezza di quel distretto, la cui reputazione non poteva essere
esagerata, e che provoc, non senza ragione e malgrado i disagi del
viaggio, un esodo sempre pi massiccio dei minatori dal mondo intero?
Non aveva forse reso nel 1896 sette milioni e cinquecentomila franchi
di pepite, nel 1897 dodici milioni e cinquecentomila franchi? Il
rendimento del 1898 non doveva forse ammontare a trenta milioni? E in
sintesi, per quanto numerosi fossero gli emigranti, non avrebbero avuto
da spartirsi i duecentocinquanta milioni di franchi in cui Ogilvie
valutava la ricchezza del Klondike? Certo, i milionari sarebbero stati un
numero ridotto, molto ridotto, ma ciononostante torrenti d'oro
sarebbero fuoriusciti dalle viscere di quel suolo!
Va anche notato che il territorio del Klondike non il solo della
regione a essere solcato dalle vene aurifere. Gi si sapeva che ne
esistevano altri, non soltanto sul territorio del Dominion, ma dall'altro
lato dello Yukon, sull'immensa superficie dell'Alaska, dove alcune
regioni non sono ancora sufficientemente esplorate. E anche sulla riva
destra del grande fiume, nella parte canadese, sulla frontiera meridionale
del Klondike, non si parla forse dell'lndian River, i cui giacimenti fanno
concorrenza a quelli del distretto? I minatori non lavorano gi allo
sfruttamento dei trecento claims fino alla congiunzione del Sulphor e
del Dominion, i creeks che formano quel fiume? Non sono forse
attualmente pi di duemilacinquecento a lavare laggi piatti da trecento
o da quattrocento franchi?
Infine, non sono solo gli affluenti della riva destra dello Yukon a
trasportare le pagliuzze e a far rotolare le pepite. I prospettori si
precipitano adesso su quelli della riva sinistra. Si stanno numerando i
claims sul Sixty Miles River, sul Geneenee, sul Westfield, sullo Swadish,
che possiedono non meno di sei-centottanta lotti, e infine sul Forty Miles
Creek, poich esso esiste checch ne possa pensare Summy Skim, e il
claim dello zio Josias davvero al numero 129, proprio come l'aveva
indicato il telegramma al notaio Snubbin di Montreal!
Inoltre, anche nella parte del Klondike compresa tra l'Indian River e
l'Inoley, altro affluente dello Yukon, si trova una superficie ancora
inesplorata dove i minatori non tarderanno a scoprire nuove ricchezze.
Per di pi, basta gettare uno sguardo su una carta del Dominion per
notare che le regioni aurifere, oltre il Klondike, sono gi indicate:
come quelle in prossimit del massiccio del Chilkoot, bagnate dal
corso del Pelly prima che si getti nello Yukon, o quella del monte
Cassiar a nord del Telegraph Creek, e a sud dell'accampamento
minerario di Centreville.
Ma si pu anche constatare che queste regioni sono ancora pi
numerose sul territorio alaskano, e si pu star certi che gli Americani, i
nuovi possessori dell'Alaska, non le lasceranno improduttive: ad
esempio, a sud del grande fiume, quelle di Circle City, di Rampart City,
dei monti Tanana e, a nord, quella di Fort Yukon, e infine, di l dal
Circolo polare, un'intera vasta regione bagnata dal Nootok, il Colville,
e che si insinua con la punta Hope sull'oceano artico.
E quando Ben Raddle faceva balenare quei futuri tesori davanti agli
occhi di Summy Skim, costui si contentava di rispondere sorridendo:
Decisamente una regione privilegiata dagli dei, quella attraversata
dallo Yukon! E dire che noi ne possediamo solo un pezzettino! e che
la mia sola preoccupazione di sbarazzarmi finalmente dell'eredit di
nostro zio Josias!.
XI
A DAWSON CITY
Un agglomerato di capanne, di isbe, di tende, una specie di
accampamento, innalzato sulla superficie d una palude, perennemente
minacciato dalle piene dello Yukon e del Klondike, strade tanto
irregolari quanto fangose, pozzanghere a ogni passo, non certo una
citt, ma qualcosa come un grande canile buono tutt'al pi per essere
abitato dalle migliaia di cani che si sentono abbaiare giorno e notte,
ecco quel che voi credevate che fosse Dawson City, signor Skim! Ma
la citt si trasformata a vista d'occhio, grazie agli incendi che hanno
fatto piazza pulita. Gi ha le sue chiese, cattoliche e protestanti, ha le
sue banche e i suoi alberghi, avr il suo Teatro Mascott, avr presto il
suo teatro dell'Opera dove potranno trovare posto duemiladuecento
dawsoniani, et caetera, e voi non immaginate cosa sottintende questo et
caetera!
Cos parlava il dottor Pilcox, un anglo-canadese sulla quarantina
dalla corporatura tondeggiante, robusto, attivo, pieno di risorse, con una
salute di ferro, una costituzione su cui nessuna malattia faceva presa, e
che sembrava godere di immunit incredibili. Era venuto da un anno a
stabilirsi in quella citt cos favorevole all'esercizio della sua
professione, poich sembrava che le epidemie vi si fossero date
appuntamento, per non parlare della febbre endemica dell'oro, contro
la quale del resto era vaccinato non meno dello stesso Summy Skim!
Oltre che medico il dottor Pilcox era chirurgo, farmacista, dentista.
Cos, poich sapeva che era bravo e anche disponibile, la gente
veniva in massa nella sua casa abbastanza confortevole di Front
Street, una delle strade principali di Dawson City.
E il caso di segnalare poi che il dottor Pilcox era stato nominato
primario dell'ospedale la cui superiora attendeva l'arrivo delle due
suore della Misericordia.
Bill Stell conosceva il dottor Pilcox da molto tempo, avendo avuto
contatti con lui quando prestava servizio come esploratore
nell'esercito canadese. Gli aveva sempre raccomandato le famiglie di
emigranti che portava da Skagway nel Klondike. Perci niente di pi
naturale dell'idea di far conoscere a Ben Raddle e a Summy Skim un
personaggio cos stimato da tutti, il cui zelo uguagliava la filantropia.
Dove avrebbero incontrato qualcuno pi informato del dottore,
confidente di tante fortune e di tante disgrazie, su quanto avveniva
nel paese? Se c'era qualcuno in grado di dare un buon consiglio oltre
che una buona consultazione o una buona medicina, era proprio
quell'uomo eccellente. D'altra parte, in mezzo a quella spaventosa
sovreccitazione della citt, quando arrivava la notizia di qualche
scoperta, sempre conservava il suo sangue freddo, restando fedele al
suo mestiere, e senza mai avere l'ambizione di fare il prospettore per
proprio conto.
Il dottor Pilcox era orgoglioso della sua citt, e non lo nascose fin
dalla prima visita che gli fece Summy Skim.
S ripeteva, gi degna del nome di capitale del Klondike che
il governo del Dominion le ha conferito.
Ma mi pare che a mala pena costruita, dottore fece osservare
Summy Skim.
Se non lo ancora del tutto, lo sar tra poco, dato che il numero
degli abitanti aumenta ogni giorno
E quanti ne conta attualmente? domand Summy Skim.
Pi di ventimila, signor Skim!
Che forse sono soltanto di passaggio
Scusate, che vi si sono stabiliti con le loro famiglie e non
pensano a lasciarla pi di me
Tuttavia fece osservare Summy Skim, che si divertiva a
punzecchiare l'eccellente dottore, a Dawson City non vedo quel che
di solito caratterizza una capitale.
Come! esclam il dottor Pilcox gonfiandosi d'orgoglio (il che lo
faceva sembrare ancora pi rotondo): ma la residenza del
Commissario generale dei territori dello Yukon, il maggiore J ames
Walsh, e di tutta una gerarchia di funzionari statali come non ne
trovereste nelle metropoli della Columbia e del Dominion!
Quali, dottore?
Un giudice della Corte Suprema, il signor MacGuire, un
commissario per i giacimenti auriferi, il signor Th. Faucett, esquire,
70

un commissario delle Terre della Corona, il signor Wade, esquire, un
console degli Stati Uniti d'America, un agente consolare di
Francia
In effetti rispose Summy Skim, sono dei pezzi grossi
dell'amministrazione Ma insomma, quanto al commercio
Possediamo gi due banche rispose il dottore, The Canadian
Bank of Commerce di Toronto diretta dal signor H. T. Wills, e the
Bank of British North America
E le chiese?
Dawson City ne ha tre, signor Skim, una chiesa cattolica retta dal
padre gesuita J udge e dall'oblato Desmarais, una chiesa della
religione riformata, e una chiesa protestante inglese
Va benissimo, dottore, per quel che riguarda la salvezza
spirituale degli abitanti. Ma per quel che riguarda la loro sicurezza
pubblica
E che ne dite, signor Skim, di un comandante in capo della
polizia a cavallo, il capitano Stearns, canadese di origine francese, e
del capitano Harper, alla testa del servizio postale, tutti e due con una
sessantina d uomini al loro comando?
Mi pare, dottore, che questo drappello di polizia probabilmente
insufficiente, dato che la popolazione della citt aumenta ogni
giorno rispose Summy Skim.
Allora aumenteremo anche quello, e secondo i bisogni. Il
governo del Dominion non trascurer nulla per garantire la sicurezza
degli abitanti della capitale del Klondike!
Avreste dovuto sentire il buon dottore mentre pronunciava quelle
parole: capitale del Klondike!
E Summy Skim che ricominciava: Dopo tutto, pare proprio che
Dawson City sia destinata a scomparire, quando i giacimen-ti del
distretto saranno esauriti.

70
Esquire: in origine, gentiluomo, titolo di un grado della nobilt inglese,poi
appellativo (corrispondente all'incirca a "egregio signor..."), usato nello stile
formale e nelle formule d cortesia.
Esauriti i giacimenti del Klondike! esclam il dottor Pilcox.
Ma sono inesauribili, signor Skim!.. Ma ogni giorno si scoprono
nuovi giacimenti lungo i creeks! Ma ogni giorno si sfruttano dei nuovi
claims! E io non so se al mondo esiste una citt cui una lunga esistenza
sia pi assicurata che alla capitale del Klondike!
Summy Skim non volle proseguire una discussione tutto sommato
perfettamente inutile. Che Dawson City dovesse vivere due anni o
duemila, cosa importava a lui che doveva restarci solo due settimane!
Tuttavia, per quanto, a detta del dottore, quel suolo fosse inesauribile,
avrebbe finito per esaurirsi, e che la citt dovesse sopravvivere a tale
esaurimento quando non avrebbe avuto pi nessuna ragione di esistere, e
in quelle condizioni ambientali cos detestabili, al confine del Circolo
polare, non era proprio ammissibile. Ma se il dottore le prometteva una
vitalit maggiore che a qualsiasi altra citt del Dominion, Quebec,
Ottawa o Montreal, non c'era da contraddirlo. L'importante per Ben
Raddle e Summy Skim era che Dawson City possedesse un albergo.
Ce n'erano almeno tre, lo Yukon Hotel, il Klondike Hotel, il Northern
Hotel, e in quest'ultimo i due cugini poterono ottenere una camera.
Del resto, se i minatori continuano ad affluire a Dawson City ancora
un po', i proprietari di quegli alberghi non possono non fare fortuna. La
camera costa sette dollari al giorno; i pasti costano tre dollari l'uno; il
servizio costa un dollaro al giorno; un taglio di barba costa un dollaro, e
un taglio di capelli un dollaro e mezzo.
Per fortuna fece osservare Summy Skim, non abbiamo
l'abitudine di farci fare la barba E quanto ai capelli, per farceli tagliare
aspetteremo il nostro ritorno a Montreal!
Perci non far meraviglia, in base alle cifre citate, che tutto abbia
prezzi esorbitanti nella capitale del Klondike. Chi non vi si arricchisce
rapidamente grazie a un colpo di fortuna, press'a poco sicuro di
rovinarvisi in poco tempo. Basti vedere i seguenti prezzi, rilevati sui
listini del mercato di Dawson City: lo zucchero costa da un franco e
cinquanta a due franchi la libbra; il lardo salato costa un franco e
venticinque; la carne in conserva costa due franchi la scatola; un
bicchiere di latte costa due franchi e cinquanta; la farina di mais e di
avena costa un franco e venticinque; il riso, i fagiolini, le mele costano
un franco e venticinque; le patate secche costano tre franchi; le cipolle
costano tre franchi e settantacinque; il burro costa cinque franchi; le
uova costano dodici franchi e cinquanta la dozzina; il miele costa tre
franchi e cinquanta; il caff e il t costano da cinque a dodici franchi; il
sale costa un franco; il pepe costa cinque franchi; il tabacco costa dodici
franchi e cinquanta; le arance costano tre franchi cinque e i limoni
costano venticinque franchi la dozzina; il manzo costa sei franchi e
cinquanta, l'agnello cinque franchi, lorignal cinque franchi, il pesce due
franchi e cinquanta, e i bagni russi
71
centosessanta franchi. Summy Skim
si sarebbe perci accontentato di bagni normali.
In quell'epoca Dawson City si estendeva su una lunghezza di due
chilometri, lungo la riva destra dello Yukon. Da questa riva alle colline
pi vicine la distanza era di milleduecento metri. La superficie della
citt comprendeva ottantotto ettari. Era divisa in due quartieri, separati
dal corso del Klondike River che l sbocca nel grande fiume. Aveva
sette viali e cinque strade che si intersecavano ad angolo retto; la pi
vicina al fiume era Front Street. Le strade avevano dei marciapiedi di
legno, e quando non erano solcate dalle slitte durante i lunghi mesi
invernali, grosse vetture e carri pesanti con ruote piene le
percorrevano con gran fracasso in mezzo alla turba dei cani.
Intorno a Dawson City c'erano numerosi orti nei quali crescevano
rape, cavoli, barbabietole, lattughe, pastinache,
72
ma non sarebbero
bastati ai bisogni degli abitanti, ed era necessario ricorrere alle verdure
che provenivano dal Dominion, dalla Columbia britannica o dagli Stati
Uniti. Quanto alla carne conservata, carne di allevamento e di
selvaggina, la trasportavano dopo il disgelo i battelli frigorifero,
risalendo lo Yukon da Saint Michel fino a Dawson City su un percorso di
[]
73
. Dalla prima settimana di giugno, gli yukoners
74
apparivano a
valle, e il molo echeggiava dei fischi delle loro sirene.
Va da s che il giorno del loro arrivo a Dawson City, le due suore
erano state condotte all'ospedale che dipende dalla Chiesa cattolica.
Furono ricevute premurosamente dalla superiora, che non risparmi i

71
Bagni russi: una sorta di sauna.
72
Pastinache: radici bianco-giallognole d sapore dolciastro, non molto diverse dalle
carote.
73
Lacuna nel manoscritto.
74
Yukoners: abitanti dello Yukon; ma Verne usa il sostantivo per i piroscafi in
servizio nel distretto.
suoi ringraziamenti a Summy Skim, a Ben Raddle e allo Scout per
l'aiuto e le cure che avevano dato a suor Marta e a suor Maddalena.
L'accoglienza che fece loro il dottor Pilcox non fu meno commovente,
e a dire il vero la loro presenza era proprio necessaria, perch il personale
dell'ospizio non poteva pi bastare.
In effetti, in seguito a quel rigido inverno, le sale erano
completamente piene, e sarebbe impossibile immaginare in che stato la
stanchezza, il freddo e la miseria avevano ridotto quella povera gente
venuta da cos lontano! In quel momento a Dawson City c'erano
epidemie di scorbuto, di diarrea, di meningite, di febbre tifoidea. La
statistica dei decessi aumentava di giorno in giorno, e per le strade si
doveva far largo in continuazione a cortei funebri trainati da cani, che
conducevano al cimitero tanti disgraziati destinati alla fossa comune,
scavata nelle viscere di quel suolo aurifero.
E tuttavia, a dispetto di quel misero spettacolo, i dawsoniani, o
almeno i minatori di passaggio, si abbandonavano senza interruzione a
piaceri sfrenati. Si mescolavano nei casin, nelle sale da gioco, quelli
che si recavano per la prima volta ai giacimenti e quelli che ne tornavano
per rifarsi il gruzzolo divorato in qualche mese. Nel vedere la folla
ammassarsi nei ristoranti e nei saloons, nessuno avrebbe pensato che
un'epidemia decimava la citt, n che accanto a qualche centinaio di
gaudenti, di giocatori, di avventurieri dalla costituzione robusta, ci
fossero tanti miserabili senza fissa dimora, intere famiglie, uomini,
donne, bambini, bloccati dalla malattia alle soglie della citt, e che non
potevano proseguire oltre!
Cos tutta quella gente, avida di piaceri violenti, di continue
emozioni, la si vedeva frequentare le Foles Bergre, i Monte Carlo, i
Dominion, gli Eldorado, non si potrebbe dire dalla sera al mattino,
poich in quel periodo dell'anno, intorno al solstizio, non c'era pi n
mattino n sera. L erano in funzione tavoli da poker e da monte, e la
roulette. L, sul tappeto verde, si rischiavano non pi le ghinee o le
piastre, ma le pepite e la polvere d'oro, in mezzo al tumulto delle grida,
delle provocazioni, delle aggressioni e qualche volta dei colpi di
rivoltella; insomma delle scene abominevoli che la polizia non riusciva a
reprimere e nelle quali tipi del genere di Hunter e Malone la facevano
da padroni!
E poi, i ristoranti sono aperti tutta la notte; vi si cena a tutte le ore; i
polli sono serviti a venti dollari l'uno, gli ananas a dieci dollari, le uova a
quindici dollari la dozzina; si beve del vino a venti dollari alla bottiglia,
del whisky che costato [];
75
e si fumano dei sigari a tre franchi e
cinquanta. Tre o quattro volte alla settimana, i prospettori tornano dai
claims vicini, e rischiano in quelle case da gioco tutto quello che
hanno lavato nel fango del Bonanza e dei suoi affluenti.
E uno spettacolo triste, desolante, dove s mostrano i vizi pi infami
della natura umana, e quel poco che Summy Skim osserv dal suo
arrivo a Dawson City non Pot che accrescere il suo disgusto per quel
mondo di avventurieri. Ma probabilmente non avrebbe avuto l'occasione
di studiarlo pi a fondo. Era sempre sicuro che il loro soggiorno in
Klondike sarebbe stato di breve durata, e d'altra parte Ben Raddle non
era uomo da perdere il suo tempo.
Innanzitutto il nostro affare disse, e dato che una societ ci ha
offerto di comprare il claim 129 del Forty Miles Creek, per prima cosa
andiamo a visitarlo.
Quando vuoi rispose Summy Skim.
Il Forty Miles Creek lontano da Dawson City? domand Ben
Raddle a Bill Stell.
Non ci sono mai andato rispose Io Scout. Ma in base alla carta
quel creek si getta nello Yukon a Fort Reliance, a nordovest di
Dawson City.
Allora in base al numero che porta fece osservare Summy Skim,
non penso che il claim dello zio Josias sia lontano.
Non pu esserlo pi di una trentina di leghe rispose lo Scout,
perch a quella distanza tracciata la frontiera tra l'Alaska e il
Dominion, e il 129 in territorio canadese.
Partiremo domani stesso! dichiar Ben Raddle. Intesi, rispose suo
cugino ma prima di farci un'idea del valore del 129, non converrebbe
sapere se la societ che ci ha offerto di comprarlo mantiene la sua offerta?
disse Summy Skim.
Va bene, rispose Ben Raddle entro un'ora potremo avere una
risposta
Proprio cos aggiunse Bill Stell, e vi indicher gli uffici del

75
Lacuna nel manoscritto.
capitano Healy dell'Anglo-American Transportation and Trading Co.,
che si trovano in Front Street.
In seguito a questa decisione i due cugini lasciarono il Northern
Hotel nel pomeriggio, condotti dallo Scout, e si diressero verso l'edificio
occupato dalla societ di Chicago.
C'era una gran folla nel quartiere. Lo steamer dello Yukon aveva da
poco sbarcato un gran numero di emigranti. Aspettando il momento di
distribuirsi sui diversi affluenti del fiume, gli uni per sfruttare i
giacimenti di loro propriet, gli altri per affittare le proprie braccia a
prezzi altissimi, formicolavano nella citt. Front Street era pi affollata
di qualunque altra strada, perch l avevano sede le agenzie principali. E
allo stesso tempo alla folla umana si mescolava la folla canina. A ogni
passo ci si trovava alle prese con questi animali, proprio per nulla
domestici, i cui urli laceravano le orecchie.
Ma una citt di cani, questa Dawson! ripeteva Summy Skim, e
il suo primo magistrato dovrebbe essere un mastino! Intanto, non senza
inciampi, urti, rimproveri e insulti, Ben Raddle e Summy Skim
riuscirono a risalire Front Street fino agli uffici della societ; lo Scout, che
avrebbero ritrovato al Northern Hotel, li lasci davanti alla porta.
Furono ricevuti dal vicedirettore, il signor William Broli, cui resero
noto l'oggetto della loro visita.
Ah, benissimo! rispose Broli. Voi siete i signori Raddle e Skim di
Montreal? Lieto di vedervi.
Altrettanto lieto rispose Summy Skim. Gli eredi di J osias
Lacoste, proprietario del claim 129 del Forty Miles Creek?
Precisamente dichiar Ben Raddle.
E da quando siamo partiti per questo viaggio interminabile,
domand Summy Skim c' motivo di credere che questo claim non
sia scomparso?
No signori rispose il signor William Broli, e state pur certi che al
posto che gli assegna l'ufficiale del catasto, al confine tra i due Stati, che
non ancora definito con esattezza
Che cosa significava questa frase alquanto inattesa? Sotto quale
aspetto la linea di confine che separava l'Alaska dal Dominion poteva
riguardare il claim 129? Il signor Josias Lacoste non ne era il legittimo
proprietario in vita, e questa propriet non era altrettanto
legittimamente passata ai suoi eredi naturali, anche se ci fosse stata una
contestazione riguardo alla suddetta frontiera?
Signor Broli riprese allora Ben Raddle, a Montreal siamo stati
informati che la societ di cui il capitano Healy direttore proponeva di
acquistare il claim 129 del Forty Miles Creek
E cos, signor Raddle.
Perci siamo venuti, io e il mio coerede, per accertare il valore di
quel claim e desideriamo sapere se le offerte della societ sono ancora
valide
S e no rispose William Broli.
S e no! esclam Summy Skim.
Vi pregherei di indicarci, signor Broli riprese Ben Raddle, il
perch di questo s e di questo no
E semplicissimo, signori rispose il vicedirettore. E s, se la
posizione del lotto viene definita in un certo modo, e no, se viene
definita in un altro modo.
Decisamente c'era qualcosa da spiegare, ma senza attendere
spiegazioni Summy Skim esclam:
In ogni caso, il signor Josias Lacoste non era forse il proprietario di
quel claim, e noi non lo siamo in sua vece, poich la sua eredit ci spetta
di diritto? E, in appoggio a questa dichiarazione, Ben Raddle trasse dal
suo portafoglio i titoli che attestavano i loro diritti a entrare in possesso
del 129 del Forty Miles Creek.
Signori riprese il vicedirettore, questi titoli di propriet sono in
regola, non ho motivo di dubitarne, ma, ve lo ripeto, non questo il
punto. La nostra societ vi ha fatto pervenire delle proposte relative
all'acquisto del claim del signor Josias Lacoste, e alla domanda che voi
mi fate sulla validit di queste offerte, non posso rispondervi altro
che
Vale a dire senza rispondere replic Summy Skim che
cominciava ad alterarsi, soprattutto osservando l'atteggiamento un po'
sornione del signor Broli che proprio non gli piaceva.
Signor vicedirettore riprese Ben Raddle, il vostro telegramma
che offriva di acquistare il claim del signor J osias Lacoste arrivato a
Montreal il 22 marzo Oggi il 7 giugno. Sono trascorsi pi di due
mesi, e vorrei sapere che cosa successo in quest'intervallo che vi
impedisce di darci una risposta definitiva.
Voi parlate di quel claim come se la sua posizione non fosse
esattamente definita aggiunse Summy Skim. Vorrei sperare che
ancora dove sempre stato?
Certamente, signori rispose Broli, ma occupa sul Forty Miles
Creek un punto della frontiera proprio tra il Dominion che
britannico e l'Alaska che americana
sul lato canadese replic vivacemente Ben Raddle.
S, se il confine dei due stati ben definito dichiar il
vicedirettore, no se non lo . Ora, poich la societ, che canadese,
pu sfruttare soltanto giacimenti di origine canadese, non ho potuto
darvi una risposta affermativa!
Cos, c' un contenzioso in corso circa quella frontiera tra gli
Stati Uniti e la Gran Bretagna? domand Ben Raddle.
Per l'appunto, signori! replic Broli.
Credevo che fosse stato scelto il centoquarantunesimo meridiano
come linea di separazione disse Ben Raddle.
In effetti stato scelto, signori, e a ragione, e dal 1867, data in
cui la Russia ha ceduto l'Alaska agli Stati Uniti d'America, si
sempre stati d'accordo che quel meridiano avrebbe costituito la
frontiera.
Ebbene, penso che nemmeno nel Nuovo Mondo i meridiani
cambiano posto, e che il centoquarantunesimo non indietreggiato n
a est n a ovest riprese Summy Skim.
No, ma a quanto pare non dove dovrebbe essere replic
William Broli, perch da due mesi si aperto un serio contenzioso
su quest'argomento, e potrebbe darsi che il meridiano debba essere
riportato un po' pi a ovest.
Di alcune leghe? domand Summy Skim.
No, di qualche centinaio di metri soltanto dichiar il vice
direttore.
E si discute per cos poco! esclam Summy Skim.
E a ragione, signore replic il vicedirettore. Quel che
americano deve essere americano, e quel che canadese deve restare
canadese.
E quale dei due Stati ha reclamato? domand Ben Raddle.
L'America rispose Broli, che rivendica una striscia di terra
verso est che il Dominion rivendica da parte sua verso ovest.
E che importa a noi di questa discussione? esclam Summy
Skim.
Vi importa rispose il vicedirettore, perch se l'America la
spunta, una parte dei claims del Forty Miles Creek diventer
americana
E il 129 sar fra questi?
Precisamente rispose, e in quel caso la societ ritirerebbe la
sua offerta di acquisto.
Questa volta la risposta era chiara e definitiva.
Ma almeno domand Ben Raddle, hanno cominciato lavori
per questa rettifica della frontiera?
S signori, e la triangolazione condotta con notevole
precisione
Tutto considerato si trattava solo di una striscia d terreno piuttosto
stretta lungo il centoquarantunesimo grado di longitudine, e se i
reclami si facevano insistenti da parte dei due Stati, era perch il
territorio oggetto del contenzioso era aurifero, e chi poteva sapere se
attraverso quella lunga striscia dal monte Elia a sud all'oceano artico
a nord, non correva qualche ricca vena da cui la Repubblica federale
avrebbe saputo trarre profitto non meno del Dominion!
Insomma per concludere, signor Broli domand Ben Raddle,
se il claim 129 resta a est della frontiera, la societ manterr la sua
offerta?
Esattamente
E se al contrario verr a trovarsi a ovest, dovremo rinunciare a
trattare con voi?
Esattamente!
Ebbene dichiar Summy Skim, ci rivolgeremo ad altri, se il
nostro claim passa in territorio americano, lo scambieremo con dei
dollari invece di scambiarlo con delle bancnotes!
76

L'incontro fin su questa risposta di Summy Skim, e i due cugini
tornarono al Northern Hotel.
Vi ritrovarono lo Scout e lo informarono. In ogni caso li

76
Banknotes: biglietti di banca, moneta cartacea inglese nell'Ottocento.
consigli, fareste bene a recarvi al Forty Miles Creek il pi presto
possibile..,
E quel che pensavo di fare, e partiremo domani stesso disse
Ben Radile.
Po, aggiunse ridendo Summy Skim, pare che siano cominciati i
lavori di rettifica della frontiera, e sono curioso di vedere se riusciranno
a portarli a termine. Deve essere pesante da spostare, un meridiano
S, lo vedrete replic Bill Stell, ma vedrete anche che il claim
127 vicino al claim 129 ha per proprietario un privato cui bisogner fare
attenzione!
S quel texano, Hunter disse Summy Skim.
Lui e il suo compagno Malone riprese lo Scout, sfruttano questo
127 che di loro propriet, ma poich non cercano affatto di venderlo, a
loro importa poco che sia situato sul territorio dell'Alaska o su quello
del Dominion
Spero che non avremo niente a che fare con quei rozzi
personaggi aggiunse Ben Raddle.
E sar tanto meglio afferm lo Scout.
E voi, Bill, che cosa farete? domand Summy Skim.
Ripartir per Skagway per guidare un'altra carovana a Dawson
City,
E quanto starete via?
Circa due mesi.
Contiamo su di voi per il ritorno.
Intesi, signori, ma da parte vostra non perdete tempo, se volete
lasciare il Klondike prima dell'inverno.
XII
DA DAWSON CITY ALLA FRONTIERA
In realt, Ben Raddle e Summy Skim non avevano un giorno da
perdere per terminare il loro affare. I freddi artici arrivano presto a quelle
alte latitudini. Stava iniziando la seconda settimana di giugno. Prima
della fine di agosto, arriva il periodo in cui i ghiacci ingombrano di nuovo
laghi e creeks, e l'aria piena di neve e di burrasche. Due mesi e mezzo, la
bella stagione non dura di pi in quella regione del Klondike e anzi, per
quel che riguardava i due cugini, bisognava sottrarre il tempo necessario
per ritornare da Dawson City a Skagway attraverso la regione lacustre,
oppure, se decidevano di cambiare itinerario, di recarsi da Dawson City a
Saint Michel, discendendo lo Yukon fino alla foce.
Fin dal giorno dopo il loro arrivo, Ben Raddle e Summy Skim avevano
terminato i loro preparativi per il caso in cui il loro soggiorno al claim 129
dovesse prolungarsi, e a Fort Reliance non avessero potuto procurarsi ci
d cui avrebbero avuto bisogno.
Del resto non si trattava n di acquistare n di portare un'attrezzatura,
dato che quella di Josias Lacoste si trovava sul posto, n di impiegare del
personale, dato che non si parlava di sfruttare il claim del Forty Miles
Creek.
Tuttavia, parve opportuno prendere una guida che conoscesse bene il
paese. Ora, poich lo Scout aveva ritrovato a Dawson City un altro dei
suoi piloti, che stava per ritornare al lago Lindeman, offr di mettere
Neluto a disposizione di Ben Raddle nell'attesa del suo ritorno.
L'indiano era d'accordo, lo avevano visto all'opera, sapevano quel che
valeva, bench non fosse diventato pi comunicativo. Sarebbe stato
difficile fare una scelta migliore per quel viaggio e due cugini non
poterono che ringraziare Bill Stell per la sua disponibilit.
Perci non rimaneva che munirsi di viveri, senza far caso al prezzo
che fu naturalmente altissimo. Ma il rifornimento di carne congelata o
salata, maiale, lardo, farina, verdure secche, t, caff, gin e whisky, si
effettu senza troppi problemi in previsione di un'assenza di quindici
giorni.
Quanto al mezzo di trasporto, Ben Raddle scelse la carretta
preferendola alla slitta, che i cani hanno l'abitudine di trainare anche
quando ghiaccio e neve sono scomparsi. D'altra parte, quegli animali
erano cos cari in quel momento che si pagavano fino a
millecinquecento-duemila franchi a testa.
Prima di lasciare Dawson City, lo Scout si era quindi incaricato di
procurare una carretta in cui avrebbero potuto trovare posto tre persone,
e che sarebbe bastata al trasporto delle provviste.
Questa carretta a due ruote, provvista di una cappotta di cuoio
rialzabile o abbassabile, costruita abbastanza solidamente da resistere
agli scossoni e agli urti, fu acquistata per milletrecentocinquanta
franchi, e il cavallo, una bestia robusta che doveva tirarla, ne cost
settecento. Non avrebbero dovuto preoccuparsi del suo nutrimento,
perch in quella stagione i pascoli si susseguivano lungo le strade, e in
quelle condizioni un tiro di cavalli trova da nutrirsi pi facilmente di un
tiro di cani.
Quanto agli attrezzi, Neluto indic quelli che era indispensabile
portare, e Ben Raddle Pot essere certo che niente gli sarebbe mancato
per il viaggio.
Nel frattempo, Summy Skim si divertiva ad andare a zonzo con aria
distaccata per le strade di Dawson City, esaminando i negozi,
rendendosi conto dei prezzi dei beni di consumo o dei manufatti. Di
certo era ben contento che lui e suo cugino si fossero riforniti dai
commercianti di Montreal.
Ecco infatti quel che disse a Ben Raddle:
Lo sai, Ben, quanto costa un paio di scarpe nella capitale del
Klondike?
No, Summy.
Da cinquanta a novanta franchi. E un paio di calze?
Nemmeno.
Dieci franchi. E dei calzini d lana?
Diciamo venti franchi.
No, venticinque! E delle bretelle?
Possiamo farne a meno, Summy.
E facciamo bene. Diciotto franchi.
Ne faremo a meno.
E delle giarrettiere da donna?
Non so che farmene, Summy.
Quaranta franchi, e novecento franchi una gonna tagliata da una
sarta di qualit. Decisamente in questo paese inverosimile abbiamo tutto
l'interesse a restare celibi.
Lo resteremo rispose Ben Raddle, a meno che tu non abbia
l'intenzione di sposare qualche ricca ereditiera
E non ne mancano certo, Ben, e nemmeno le avventuriere che
possiedono ricchi claims sul Bonanza e sull'Eldorado. Ma insomma, sono
partito scapolo da Montreal e ci torner scapolo! Ah! Montreal
Montreal! Siamo cos lontani, Ben!
Che vuoi farci, Summy rispose Ben Raddle non senza una certa
ironia, la distanza che separa Montreal da Dawson City esattamente
la stessa che separa Dawson City da Montreal
Lo immaginavo, sai replic Summy Skim ma questo non vuol
dire che sia breve!
Va da s che Summy Skim non trascurava di far visita all'ospedale.
Le suore gli riservavano sempre un'accoglienza riconoscente e, da parte
sua, egli provava un sentimento di ammirazione vedendole compiere
la loro opera.
Il dottor Pilcox, poi, conversava volentieri con Summy Skim, e
non finiva di dargli degli incoraggiamenti e allo stesso tempo dei
consigli, vantandogli senza sosta le bellezze di quel meraviglioso
Klondike.
Vi piacer vi piacer! E se solo aveste la possibilit d vederlo in
inverno ripeteva.
Spero bene di non avere questa fortuna, dottore!
Non si sa mai Non si sa mai!
Risposta che Summy Skim non prendeva, e non poteva prendere, sul
serio.
Dalle cinque del mattino, il 9 di giugno, la carretta in assetto da
viaggio si trovava davanti alla porta del Northern Hotel. Le provviste
erano state caricate in precedenza, come anche la piccola attrezzatura per
l'accampamento. Doveva guidarla Neluto, che ne occupava gi il
sedile.
Non dimentichiamo nulla disse Ben Raddle al momento di
partire.
E soprattutto che entro due mesi dobbiamo essere d ritorno a
Montreal.
La distanza tra Dawson City e la frontiera, cos come era definita
allora, misurava centoquarantasei chilometri. Ora, poich il claim 129
del Forty Miles Creek era attiguo a quella frontiera, ci sarebbero
voluti non meno di tre giorni per raggiungerlo, calcolando di
percorrere una dozzina di leghe ogni ventiquattr'ore.
Ecco come Neluto intendeva organizzare le tappe in modo da non
sovraffaticare il cavallo. Ce ne sarebbero state due al giorno: la prima
dalle sei del mattino alle undici, seguita da una sosta di due ore; la
seconda dall'una alle sei, dopo di che si sarebbe allestito
l'accampamento per la notte. Non si poteva esigere di pi su quel
terreno sconnesso lungo il corso del creek.
Quanto all'accampamento, non avrebbe richiesto altra cura che di
montare la tenda al riparo degli alberi, se Ben Raddle e suo cugino
non trovavano una camera in qualche loge pied
77
sul percorso tra
Dawson City e Fort Reliance, poi tra Fort Reliance e la frontiera.
Le due prime tappe furono effettuate in condizioni favorevoli, con
un tempo abbastanza bello, una temperatura di una decina di gradi
sopra zero, una brezza leggera che soffiava da est, e nuvole alte che
non minacciavano pioggia, Il territorio era accidentato, tagliato da
rios che affluivano verso lo Yukon o si gettavano nei suoi affluenti di
sinistra, gli uni scorrendo a nord verso il Forty Miles Creek, gli altri
scendendo a sud verso il Sixty Miles River. Le colline che
incorniciavano il corso del rio non superavano i mille piedi di
altezza; anemoni, crochi, ginepri in piena fioritura primaverile si
moltiplicavano nelle praterie vicine e sui pendii delle scarpate.
Quanto agli alberi, abeti, pioppi, betulle, pini crescevano raggruppati
in folte boscaglie.
Avevano ben detto a Summy Skim che strada facendo non sarebbe
mancata la selvaggina, e anche che gli orsi frequentavano volentieri

77
Loge pied: locanda per viaggiatori a piedi, albergo improvvisato,
quella parte del Klondike. Ben Raddle e lui non avevano quindi
trascurato di portare i loro fucili da caccia. Ma non ebbero occasione
di servirsene contro i plantigradi.
D'altronde la regione non era deserta. Vi si incontravano centinaia
di minatori impiegati nei claims di montagna, la cui superficie si
riduce a duecento piedi. Quei claims sono spesso molto produttivi,
come quelli del Bonanza, che producono fino a mille franchi per
giorno e per uomo.
Nel pomeriggio la carretta raggiunse Fort Reliance, una borgata
molto animata in quel periodo, posta sulla riva destra dello Yukon,
nel punto in cui fa un gomito per dirigersi verso nordovest.
Fort Reliance, come Fort Selkirk, Fort Norman, Fort Simpson,
Fort Providence, Fort Rsolution, Fort Good Hope, Fort Macpherson,
Fort Chipewyan, Fort Vermillon, Fort Wrangel sul territorio
canadese, Fort Yukon, Fort Hamlin, Fort Kenay, Fort Morton, Fort
Get There sul territorio dell'Alaska sono stati fondati dalla
Compagnia della Baia di Hudson, per lo sfruttamento di quella terra
ricca di pellicce e la sua difesa contro le trib indiane. Ma la maggior
parte, fra cui Fort Selkirk e Fort Yukon, non hanno pi la
destinazione di un tempo. Dopo la scoperta delle miniere d'oro del
Klondike, essi sono diventati dei magazzini di rifornimento. Ma Ben
Raddle aveva fatto bene a rifornirsi a Dawson City, perch a Fort
Reliance l'acquisto dei beni di consumo e dei manufatti gli sarebbe
costato una somma molto superiore.
A Fort Reliance i due cugini fecero la conoscenza del commissario
generale dei territori dello Yukon, che era l in viaggio d'ispezione. Si
presentarono a lui con lettere di raccomandazione di personaggi
pubblici di Montreal: in quella regione dove pullulano gli stranieri
tali referenze sono pi utili che in qualunque altra. L'accoglienza che
ricevettero dal maggiore J ames Walsh fu estremamente cordiale ed
essi si mostrarono molto grati.
Era un uomo sulla cinquantina, ottimo amministratore, assegnato a
quel distretto da due anni. Il governatore del Dominion lo aveva
inviato l nel periodo in cui i giacimenti auriferi furono presi
d'assedio dalle migliaia di emigranti il cui esodo non sembrava dover
finire tanto presto.
Il compito era arduo. Ogni giorno sorgevano difficolt di tutti i
generi per le concessioni da accordare sia ai privati che alle societ,
per la lottizzazione dei claims, per la riscossione dei canoni, per il
mantenimento dell'ordine in quella regione che gli indiani non erano
disposti a lasciare invadere senza protestare, e talvolta senza fare
resistenza.
Ai problemi causati dalla scoperta di nuovi giacimenti si
aggiungeva il contenzioso relativo al centoquarantunesimo
meridiano, che esigeva un nuovo lavoro di triangolazione. Era
appunto tale questione che motivava la presenza del maggiore James
Walsh in quella parte occidentale del Klondike.
A sentir lui, la rettifica presentava comunque alcune difficolt,
sebbene la sua soluzione fosse una soluzione matematica, vale a dire
quanto di pi esatto si possa immaginare. Il centoquarantunesimo
meridiano poteva stare solo dove doveva stare. Ma domand Ben
Raddle, chi ha sollevato la questione, signor Walsh?
Sono stati gli americani rispose il commissario. Pretendono che
l'operazione, fatta all'epoca in cui l'Alaska apparteneva ancora alla
Russia, non sia stata condotta con tutta l'esattezza necessaria. Secondo
loro, la frontiera rappresentata dal cento-quarantunesimo grado doveva
spostarsi pi ad est, il che darebbe agli Stati Uniti la maggior parte dei
claims collocati sugli affluenti della riva sinistra dello Yukon.
E tra gli altri, il 129 che abbiamo ereditato da nostro zio Josias
Lacoste aggiunse Summy Skim. Precisamente, signori.
Perci disse Ben Raddle, la societ che ci aveva fatto una
proposta di acquisto rifiuta di darvi corso finch la questione non sar
regolata.
Lo so, signori rispose il commissario, e capisco che avrete qualche
noia.
Ma, signor Walsh riprese Summy Skim, ci sapete dire se il lavoro
di rettifica sar presto concluso?
Tutto quello che posso rispondervi dichiar Walsh, che la
commissione nominata ad hoc si messa all'opera da molte settimane,
e speriamo proprio che la frontiera tra i due Stati sar definitivamente
stabilita entro l'inverno.
E a vostro parere, signor Walsh domand Ben Raddle, c' motivo
di pensare che sia stato commesso un errore e che fosse necessario
procedere a questa rettifica?
No, signori, in base alle informazioni che mi sono pervenute; e mi
sembra tutto un pretesto di alcune societ americane per avere un
contenzioso con il Dominion.
E forse ci toccher prolungare il nostro soggiorno nel Klondike pi
di quanto non contavamo di fare.,. aggiunse Summy Skim.
Oh rispose Walsh, far tutto ci che in mio potere per
accelerare i lavori della commissione. Ma bisogna ammettere che esso
a volte ostacolato dalla cattiva volont di certi proprietari dei claims
attigui alla frontiera. Soprattutto, c' quello del 127
Vicino al nostro! esclam Summy Skim.
Gi.
Un texano di nome Hunter
Precisamente. Ne avete sentito parlare?
Ancora meglio, signor commissario, l'abbiamo sentito parlare,
quell'individuo volgare, al suo sbarco a Vancouver
Vedo che lo conoscete. E un individuo violento e brutale,
accompagnato da un certo Malone, della stessa origine, e che a quanto
si dice non meglio di lui.
E questo Hunter uno di quelli che hanno fatto la voce grossa per
ottenere la rettifica della frontiera, signor Walsh? domand Ben
Raddle.
Questo certo, signor Raddle, e per sottrarsi all'autorit del
Dominion ci tiene che il suo claim. sia in territorio americano. Per
questo ha sobillato tutti i proprietari dei giacimenti compresi tra la riva
sinistra dello Yukon e la frontiera attuale. Spostandola alla riva del
fiume, tutta la striscia di terra apparterrebbe all'Unione, e un abitante
del Texas si troverebbe perci nel suo paese. Ma, ve lo ripeto, ho i miei
dubbi che gli Americani vincano la causa, e questo Hunter avr sprecato
i suoi sforzi. Tuttavia vi consiglio, se possibile, di non avere nessuna
relazione con quegli avventurieri della peggior specie, con cui la mia
polizia ha gi avuto a che fare
Per questo, niente paura, signor commissario rispose Summy
Skim. Non siamo venuti nel Klondike per lavare il fango del 129, ma
per venderlo, e non appena sar fatto, riprenderemo la strada del
Chilkoot e poi la ferrovia da Vancouver a Montreal
Allora, signori rispose il commissario, non mi resta che augurarvi
buon viaggio fino al Forty Miles Creek, e se posso esservi utile potete
contare su di me.
Vi ringraziamo, signor Walsh disse Ben Raddle.
E se potete affrettare la questione del centoquarantunesimo per
telegrafo aggiunse Summy Skim.
Sfortunatamente, questo non dipende da me! rispose Walsh.
Poi i due cugini si congedarono dal commissario, che doveva tornare a
Dawson City, mentre loro si dirigevano verso ovest.
Il giorno dopo la carretta si rimise in cammino. Neluto costeggi
quasi sempre la riva sinistra dello Yukon, dopo aver attraversato il
fiume su una chiatta.
Il cielo era meno bello del giorno prima. Con il vento da nord-
ovest si abbatterono alcune raffiche violente. Ma, riparati dalla cappotta,
i due cugini non ebbero a soffrirne troppo.
Neluto non avrebbe potuto esigere dal cavallo un'andatura rapida,
perch ci teneva, e non senza ragione, a non affaticarlo troppo. Il terreno
diventava assai accidentato. Le carreggiate, svuotate del ghiaccio che le
riempiva da molti mesi, provocarono degli urti difficili da evitare, e forse
c'era da temere pi per il veicolo che per l'animale da tiro.
La regione era boscosa, sempre pini, betulle, pioppi e tremole. Ai
minatori il legno non mancher per lungo tempo, sia per il loro uso
personale che per lo sfruttamento dei claims. D'altra parte, il suolo di
questa zona del distretto, se racchiude dell'oro, racchiude anche del
carbone. A sei chilometri a valle di Fort Cudahy, sul Coalcreek, poi a
tredici chilometri da l, sul Cliffecreek, poi diciannove chilometri pi
oltre, sul Flatecreek, sono stati scoperti giacimenti di ottimo carbon
fossile, che non d un residuo di cenere superiore al cinque per cento. Se
ne era gi trovato in precedenza nel bacino del Five Fingers, e questo
carbon fossile sostituir vantaggiosamente la legna che gli steamers, anche
quelli di media potenza, bruciano al ritmo di una tonnellata all'ora. Forse
si tratta perci di una nuova possibilit di sviluppo per il distretto: dopo
aver offerto tutte le sue vene di oro, attira i minatori per lo sfruttamento
delle sue miniere di carbone.
La sera di quel giorno, alla fine della seconda tappa che era stata
molto faticosa, Neluto e i suoi compagni raggiunsero Fort Cudahy sulla
riva sinistra dello Yukon, dove si proponevano di passare la notte in
qualche locanda, se l'avessero trovata pi comoda della loro tenda.
Fort Cudahy fu fondato nel 1892 dalla North American Trading and
Transportation Co. di Chicago, che voleva sottrarre alla compagnia
Alaska Commercial i guadagni provenienti dal rifornimento dei territori
auriferi dello Yukon. Questa borgata, la cui difesa, come gi detto,
doveva essere assicurata dal forte Constantine, fu eretta proprio alla foce
del Forty Miles Creek.
Nello stesso tempo si scopriva che i giacimenti della regione erano
molto produttivi: cos quelli del Morse, del Davis, piccoli tributari del
Forty Miles Creek sul territorio americano, e del Miller Creek, un
affluente del Sixty Miles River. Alcuni potevano essere paragonati, per
il rendimento, a quelli del Bonanza nel suo corso inferiore.
Erano le sei di sera quando la carretta termin la seconda tappa a
Fort Cudahy, e i due cugini si misero in cerca di un giaciglio per la
notte.
Venne loro indicata, se non raccomandata, una specie di locanda dal
capo del distaccamento della polizia a cavallo. Risiede di solito in quella
borgata, e la sua giurisdizione si estende sulla parte del territorio
compresa tra la frontiera e la riva sinistra del grande fiume.
Ben Raddle e Summy Skim, desiderosi di prendersi qualche ora di
riposo in un letto qualsiasi, non dovevano mostrarsi difficili n sulle
comodit n sui prezzi, e la notte trascorse alla meno peggio.
Uscendo da Fort Cudahy, lo Yukon continua a risalire verso nord-
ovest, fino al punto in cui taglia il centoquarantunesimo meridiano,
quale era allora tracciato sulle carte. Quanto al Forty Miles Creek, lungo
quaranta miglia, come indica il suo nome, piega a monte verso sud-
ovest, con un corso molto sinuoso, attraverso una regione dove si
susseguono boschi e colline. Fino alla frontiera la sua lunghezza di
circa settanta chilometri, di cui trenta sul territorio britannico e quaranta
sul territorio americano. Tagliano perci il meridiano a quel tempo
oggetto di contestazione, come lo Yukon, il Sixty Miles River ed altri
creeks che confluiscono nel fiume da sinistra.
Partendo al mattino presto, Neluto contava di raggiungere in serata la
zona occupata dal claim di J osias Lacoste. Aveva fatto dare un
foraggio buono e abbondante al cavallo, che non sembrava essersi
stancato troppo nei due giorni di marcia. Se ci fosse stato bisogno di
uno sforzo, lo avrebbero ottenuto, e poi il robusto animale si sarebbe
riposato per tutto il tempo che i due cugini avrebbero passato sul
claim 129.
Ben Raddle e Summy Skim lasciarono l'albergo alle tre del
mattino, e gi il sole era abbastanza alto. Una decina di giorni dopo
sarebbe stato il momento del solstizio, e sarebbe scomparso appena
pochi istanti sotto l'orizzonte del nord.
La carretta seguiva la riva sinistra del Forty Miles Creek, riva
molto sinuosa e a volte incassata fra colline separate da profonde
gole. La regione era tutt'altro che deserta. Dappertutto erano in
attivit i claims dei rios e i claims di montagna. A ogni insenatura
delle rive, dove si aprivano dei valloni, erano piantati i pali che
segnavano il limite dei giacimenti, il cui numero era marcato a grosse
cifre. L'attrezzatura non era affatto complicata: poche macchine,
mosse a braccia o con la corrente dell'acqua derivata da un qualche
creek. La maggior parte dei prospettori, da soli o con i loro operai,
estraevano il fango dai pozzi scavati sul claim e lavoravano con il
piatto o con la scodella. Tutto ci si sarebbe fatto quasi in silenzio, se
non ci fossero state le manifestazioni rumorose, le urla di gioia
sfuggite ai minatori raccogliendo una pepita di valore.
La prima sosta dur dalle dieci a mezzogiorno, perch tanto fu
necessario per far riposare il cavallo un po' sovraffaticato, che fu
lasciato libero di pascolare nella prateria vicina. Ben Raddle e
Summy Skim poterono fumare le loro pipe dopo un pranzo di
conserve e gallette concluso da qualche tazza di caff.
Neluto si rimise in cammino poco dopo mezzogiorno, e tanto
pungol il cavallo da tiro che la carretta, verso le sette di sera,
raggiunse il claim 129.
1 suoi nuovi proprietari avevano lasciato Montreal il 2 aprile,
erano arrivati l'undici giugno, in meno di due mesi e mezzo, al
termine del loro viaggio.
XIII
IL CLAIM 129
In quel punto, il Forty Miles Creek si curvava leggermente in
modo da presentare la sua parte convessa verso est. Su tale curvatura,
lunga circa quattrocento metri, si susseguivano un certo numero di
claims delimitati da pali, secondo le regole della legge mineraria del
distretto, redatta nei termini seguenti:

Chiunque, al di sopra dei diciotto anni, portatore di permesso
speciale di caccia, pesca e attivit mineraria, valido per un anno dietro
pagamento di dieci dollari, ha il diritto di occupare un giacimento-claim
di duecentocinquanta piedi lungo il torrente; la larghezza del
parallelogrammo non pu superare mille piedi da una riva all'altra,
tracciando una linea orizzontale tre piedi al di sopra del livello
dell'acqua.

Il claim 129, propriet di J osias Lacoste, il pi a monte del Forty
Miles Creek sul territorio del Klondike, era definito conformemente a
questa legge. Confinava con la frontiera alasko-canadese, tra due pali
di cui uno recava il suo numero e l'altro la data della concessione.
Il claim si estendeva soltanto sulla riva destra del creek, come tutti
quelli che sono compresi sotto la denominazione di giacimento-claim
di fiume.
Come s vede, il limite occidentale del 129 era formato dalla
frontiera, e se i commissari avessero deciso di arretrarla verso est,
non sarebbe pi appartenuto al territorio del Dominion. Era perci
importante che il lavoro di rettifica fosse terminato, fissando in modo
definitivo la posizione del centoquarantunesimo meridiano. Il
problema non riguardava solo il claim di J osias Lacoste, ma tutti
quelli che confinavano con la frontiera del Klondike.
Di l dal claim 129, verso nord, in mezzo a due colline abbastanza
elevate, si stendeva una verdeggiante prateria attorniata da ogni lato
da macchie di betulle e di tremole. Del resto, le acque del Forty Miles
Creek in quel periodo di livello medio scorrevano abbastanza veloci,
attraverso una valle incorniciata di rilievi. In pi di un luogo
apparivano le piccole abitazioni, baracche o capanne dei prospettori, e su
uno spazio di due o tre chilometri si contavano parecchie centinaia di
lavoratori.
Dall'altro lato della frontiera, in territorio americano, si ritrovavano
insediamenti simili. Per la valle si allargava a monte. Cos, oltre ai
claims di fiume, si vedevano numerosi claims di montagna, la cui
concessione comporta un'ampiezza che pu superare
duecentocinquanta piedi senza andare oltre i mille.
Come ben sapevano Ben Raddle e Summy Skim, il 129 confinava
con il 127, ed erano separati dal meridiano del quale i due paesi
avevano richiesto la rettifica. Il 127 era propriet del texano Hunter, che
lo sfruttava da un anno, e aveva appena cominciato la sua seconda
campagna. Che avesse avuto contestazioni con il suo vicino Josias
Lacoste, i due cugini non potevano dubitarne, ora che lo conoscevano.
Quanto alla propriet del 129, superfluo dire che era stata
regolarmente accertata quando J osias Lacoste ne ricevette la
concessione, in conformit alle leggi in vigore. Fu fatta dichiarazione
della scoperta, accettata dallo Stato e registrata entro le scadenze
richieste presso l'ufficio del commissario delle miniere del Dominion,
dietro pagamento di una somma annuale di settantacinque franchi.
Inoltre, doveva essere percepita una tassa del dieci per cento sull'oro
estratto, pena l'espropriazione in caso di frode sul rendimento del
giacimento. Infine Josias Lacoste non era mai incorso nelle sanzioni
della legge in base alla quale ogni claim che non sia stato sfruttato
durante settantadue ore nella bella stagione torna al demanio. I lavori
erano stati interrotti solo alla sua morte, nell'attesa che i suoi eredi
avessero preso possesso dell'eredit.
Lo sfruttamento cominciato da Josias Lacoste era durato diciotto
mesi, e tutto sommato non aveva dato grandi profitti. Le spese della
prima installazione, ingaggio del personale, trasporti, ecc., furono
alquanto elevate. Ci fu anche un'improvvisa inondazione del Forty
Miles Creek che provoc danni notevoli, interrompendo i lavori.
Insomma, il proprietario del 129 aveva appena pareggiato le spese
quando la morte lo colse.
Ma, si sa, in questi affari cos aleatori, qual il prospettore che
perde mai la speranza, che non si crede sempre sul punto d trovare una
vena ricca, di scoprire qualche pepita di grande valore, di setacciare
piatti da mille o da quattromila franchi?
Tutto considerato, Josias Lacoste forse avrebbe avuto successo,
sebbene avesse a sua disposizione un'attrezzatura molto limitata. Non
impiegava il sistema dei rockers
78
e si limitava a scavare dei pozzi che
misuravano da quindici a venti piedi di profondit, in uno strato
aurifero che poteva misurare tra i cinque e i sei piedi di spessore
medio.
Tutte le informazioni relative allo sfruttamento del claim furono
fornite dal capomastro al servizio di Josias Lacoste. Dopo la cessazione
dei lavori e il licenziamento del personale, era rimasto a far da custode,
nell'attesa che riprendesse lo sfruttamento, per conto degli eredi o di
un nuovo acquirente.
Il capomastro si chiamava Lorique. Era un canadese di origine
francese, sulla quarantina. Molto esperto nel mestiere di prospettore,
aveva lavorato per parecchi anni nei giacimenti auriferi della California e
della Columbia britannica, prima di trasferirsi sul territorio dello Yukon.
Nessuno meglio di lui avrebbe potuto fornire a Ben Raddle dati pi esatti
sullo stato attuale del 129, sui guadagni realizzati o da realizzare, sul suo
valore reale.
In primo luogo Lorique s'incaric di alloggiare il meglio possibile Ben
Raddle e Summy Skim, che avrebbero dovuto verosimilmente passare
parecchi giorni sul Forty Miles Creek. Piuttosto che accamparsi in
tenda, accettarono una camera delle pi modeste, ma almeno pulita,
nella baracca che J osias Lacoste aveva fatto costruire per s e per il
suo capomastro. Edificata all'imboccatura del vallone, in mezzo a una
macchia di betulle e di tremole, offriva un riparo sufficiente in quel
periodo dell'anno in cui il peggior brutto tempo era ormai passato.
D'altra parte durante l'inverno, cio sette o otto mesi su dodici, era
chiusa-Poi, congedato il personale, Josias Lacoste e Lorique tornavano a

78
Rocker: letteralmente, culla.
Dawson City dove aspettavano che si potessero riprendere lavori.
Attualmente, d'altra parte, mentre negli altri claims i prospettori e i
loro operai lavoravano, si pu dire, giorno e notte, il 129 era
abbandonato da quattro mesi, data cui risaliva la morte del suo
proprietario.
Per quel che riguardava il cibo, il capomastro non avrebbe avuto
alcuna difficolt a soddisfare i bisogni degli ospiti. In quella zona,
come in tutto il Klondike, esistevano delle societ di vettovagliamento.
Organizzate a Dawson City, dove erano rifornite dagli Yukoners del
grande fiume, servivano successivamente i giacimenti, non senza lauti
guadagni, dato il prezzo dei diversi beni di consumo e il numero degli
operai impiegati nel distretto.
All'indomani del loro arrivo sul Forty Miles Creek, Ben Raddle e
Summy Skim, guidati da Lorique, visitarono l'area del claim, fermandosi
davanti ai pozzi liberi dai ghiacci invernali, e nel cui fondo si
ammassava il prezioso fango.
Lorique raccont loro quali erano stati gli inizi dello sfruttamento,
dopo che il loro zio, sbrigate le formalit e pagate le tasse, era entrato in
possesso del 129.
Il signor Lacoste disse, all'inizio non impieg il suo personale, che
era formato da una cinquantina di operai, per scavare dei pozzi sulla
riva del creek. Si content d procedere alla raschiatura superficiale
richiesta dalla legge, come i tre mesi di residenza all'anno sul
giacimento. Solo verso la fine della prima campagna furono scavati
pozzi nello strato metallico.
E quanti ne avete scavati in quel periodo? domand Ben Raddle.
Quattordici rispose il capomastro. Ciascuno aveva una bocca di
nove piedi quadrati, come potete vedere. Sono rimasti nello stesso stato,
e basterebbe attingere per riprendere lo sfruttamento
Ma domand a sua volta Summy Skim, prima di scavare questi
pozzi, che guadagno aveva dato la raschiatura del suolo, e il rendimento
copriva le spese?
Sicuramente no, signore rispose Lorique, ed cos per quasi
tutti i giacimenti, quando uno si limita a setacciare la ghiaia e i
ciottoli auriferi.
Lavorate solo col piatto e la scodella osserv Ben Raddle.
Unicamente, signori, e raramente abbiamo ricavato dei piatti da
quindici franchi
Mentre si dice che nei claims del Bonanza se ne ottengano da due a
tremila esclam Summy Skim.
State sicuri che si tratta di un'eccezione dichiar il capomastro, e
se la media un centinaio di franchi uno si ritiene soddisfatto! Quanto
al 129, non ha mai superato i sei-sette franchi di media, e poich le paghe
degli operai salivano fino a sette franchi e cinquanta all'ora
Triste risultato! disse Summy Skim.
Ma in quel momento Ben Raddle rivolse la domanda seguente:
Perch aspettare tanto prima di forare i pozzi?.
Perch necessario che l'acqua, di cui si riempiono poco a poco
rispose Lorique, si congeli. L'acqua forma una specie di blindaggio
79

solido che mantiene le pareti e permette di scavare altri pozzi senza
provocare una frana.
Cos disse Ben Raddle, stato necessario far passare l'inverno per
utilizzarli.
quello che abbiamo fatto, signor Raddle rispose il capo-mastro.
E che profondit hanno?
Da dieci a quindici piedi, cio fino allo strato dove generalmente si
trovano i depositi auriferi.
E qual di solito lo spessore d questo strato?
Circa sei piedi.
E quanti piatti d un piede cubo di materia estratta?
Circa dieci, e un buon operaio capace di lavarne un centinaio al
giorno.
Cos i vostri pozzi non sono ancora entrati in funzione? domand
Ben Raddle.
Tutto era pronto quando il signor Josias Lacoste morto, e il lavoro
ha dovuto essere sospeso.
Quelle informazioni interessavano molto Ben Raddle, ma era chiaro
che anche suo cugino mostrava un certo interesse. Era importante
conoscere pi esattamente possibile il valore del 129, e ci si poteva
fondare soltanto sul suo rendimento durante la prima campagna. La
domanda fu girata al capomastro.

79
Blindaggio: corazzatura, rivestimento a protezione o rinforzo.
Abbiamo estratto oro per circa trentamila franchi rispose, e le
spese hanno press'a poco assorbito questa somma. Ma sono sicuro che la
vena del Forty Miles Creek buona, e sui claims vicini, quando i pozzi
hanno funzionato, il rendimento stato notevole,
Bene, Lorique disse Ben Raddle, voi sapete certo che una societ
di Chicago ci ha fatto un'offerta di acquisto
Lo so, signore, e i suoi agenti sono venuti a visitare il giacimento tre
mesi fa.
Perci vi chiedo riprese Ben Raddle, quale pu essere a vostro
parere il valore del 129?
Basandomi sui risultati ottenuti sugli altri claims del Forty Mles
Creek, lo stimo a non meno di duecentomila franchi.
E quanto stato pagato?
Cinquantamila dal signor Josias Lacoste.
Duecentomila franchi disse Summy Skim, una bella cifra,
accidenti se lo , e non dovremmo rimpiangere il nostro viaggio se ne
ricavassimo quel prezzo. Ma la societ non vuole mantenere la sua
offerta, finch la questione della frontiera non sar risolta
definitivamente.
E che importa rispose il capomastro, che il 129 sia sul territorio
canadese o sul territorio alaskano, non per questo ha un valore
minore
Niente di pi giusto dichiar Ben Raddle, ma altrettanto vero
che la proposta stata ritirata, bench questo non si spieghi.
Lorique, pensate che questa rettifica sar effettuata in breve
tempo? domand Summy Skim al capomastro.
Posso rispondervi solo una cosa, signori dichiar Lorique, e cio
che la commissione ha cominciato i suoi lavori- Quando saranno
terminati, penso che nessuno dei commissari potrebbe dirlo. D'altra
parte sono aiutati da uno degli ufficiali del catasto pi rinomati del
Klondike, un uomo di grande esperienza, il signor Ogilvie, che ha
rilevato accuratamente la situazione catastale del distretto
E che cosa pensate del risultato dell'operazione? domand Ben
Raddle.
Che finir a scorno degli americani rispose il capomastro, e se la
frontiera non dove deve stare, bisogner piuttosto riportarla verso
ovest.
E in questo caso il 129 avrebbe sempre la certezza di figurare sul
territorio del Dominion concluse Summy Skim. Esattamente
afferm Lorique.
Ben Raddle fu allora indotto a interrogare il capomastro sui rapporti
che Josias Lacoste aveva avuto con il proprietario del claim confinante,
il 127.
Quel texano e il suo compagno replic il capomastro, Hunter e
Malone?
Precisamente.
Vi assicuro, signori, sono stati molto sgradevoli, ve lo dico in tutta
franchezza. Quegli americani sono due furfanti. A ogni occasione
hanno cercato di attaccar lite con noi, e sono tipi che tirano fuori
volentieri il coltello! Perci negli ultimi tempi abbiamo lavorato,
sempre con la rivoltella nella fondina. Gli agenti sono dovuti intervenire
pi volte per rimetterli a posto.
E proprio quel che ci ha detto il capo della polizia a cavallo, che
abbiamo incontrato a Fort Cudahy dichiar Ben Raddle.
E aggiunse Lorique, penso che avr ancora pi di una volta
l'occasione di intervenire. Vedete, signori, non avremo pace finch quei
due banditi non saranno espulsi
E come potrebbero esserlo? domand Summy Skim.
Niente di pi facile, e state certi che succeder, signori, se la
frontiera sar riportata pi a ovest. Il 127 sar allora sul territorio
canadese, e Hunter dovr sottomettersi a tutte le esigenze
dell'amministrazione canadese!
E naturalmente, fece osservare Summy Skim, di quelli che
pretendono che il centoquarantunesimo meridiano debba essere
riportato verso est?
Naturalmente rispose il capomastro, e ha sobillato tutti gli
americani della frontiera, quelli del Forty Miles Creek come quelli del
Sixty Miles River. Pi di una volta hanno minacciato di invadere il
nostro territorio e di impadronirsi dei nostri lotti. Sono Hunter e Malone
che li spingono a questi estremi. Le autorit di Ottawa hanno fatto
pervenire le loro proteste a Washington, ma non sembra che il governo
dell'Unione abbia fretta di esaminarle!
Di sicuro aspetta disse Ben Raddle, che la questione della
frontiera sia risolta una volta per tutte.
E probabile, signor Raddle, e nell'attesa di cedere il 129, dovrete
stare in guardia. Quando Hunter sapr che i nuovi proprietari sono
arrivati sul Forty Miles Creek, chi sa se non tenter di farvi qualche
brutto tiro!
Siamo avvisati, Lorique rispose Summy Skim, e sapremo
trattare quei furfanti come meritano!
Del resto, percorrendo l'area del giacimento, dopo essere risaliti
fino al suo confine verso nord, i due cugini e il capomastro erano
ridiscesi fino alla riva sinistra del creek. L si erano fermati vicino al
palo che indicava la separazione dei due claims. Se il 129 era deserto,
il 127 appariva in piena attivit. Il personale di Hunter lavorava ai
pozzi scavati a monte, e dopo essere stato lavato, il fango, trascinato
dall'acqua dei rivoli, si disperdeva nella corrente del Forty Miles
Creek. Si vedeva anche qualche imbarcazione discendere il fiume,
non senza aver pagato le imposte dovute alla frontiera, dove la
dogana esercitava una sorveglianza molto severa.
Ben Raddle e Summy Skim cercarono invano di riconoscere in
mezzo agli operai del 127 Hunter o Malone. Non li videro, e Lorique
pensava che, dopo avere passato qualche giorno sul giacimento,
dovevano essersi recati pi a ovest, nella zona dell'Alaska dove erano
stati segnalati nuovi territori auriferi.
Quando la visita del claim fu terminata, i due cugini e il
capomastro tornarono alla baracca dove li aspettava il pranzo. Non
dovevano occuparsi di Neluto. All'Indiano bastava la carretta ed al
cavallo non sarebbero certo mancate le cure.
Terminato il pranzo, Summy Skim domand a Ben Raddle che
cosa contava di fare e se era sua intenzione prolungare il soggiorno al
129.
Ora lo conosci disse, sai in che stato si trova e qual il suo
valore. Restando qui, immagino che tu non ne possa venire a sapere
di pi.
Non sono d'accordo rispose Ben Raddle. Devo parlare a lungo
con il capomastro, esaminare i conti di nostro zio J osias, e non penso
che sia troppo rimanere quarantott'ore sul nostro giacimento
Vada per quarantott'ore disse Summy Skim, ma mentre tu
verificherai la contabilit, spero di avere il permesso di cacciare nei
dintorni.
S, a condizione di non perderti e di non rischiare qualche brutto
incontro
Sta' tranquillo, Ben, mi far accompagnare dal buon Neluto, che
conosce la regione.
Fa' come vuoi, perch, ti ripeto, mi pare indispensabile
accamparci qui per alcuni giorni
Toh fece Summy Skim sorridendo, ecco che le quarantott'ore
di cui parlavi sono gi diventate alcuni giorni
Ma certo riprese Ben Raddle, e se anzi avessi potuto vedere
gli operai lavorare lavare qualche piatto in mia presenza
Ehi! attenzione, Ben! esclam Summy Skim. Non siamo
venuti sul 129 come prospettori, ma soltanto per renderci conto di
quanto vale,..
D'accordo, Summy, d'accordo. Non dimenticare per che non
possiamo trattare la vendita del nostro lotto in questo momento.
Bisogna che la commissione di rettifica finisca i suoi lavori, che
l'ufficiale del catasto faccia il suo rapporto e nel frattempo non
vedo perch Lorique non dovrebbe riprendere lo sfruttamento.
Insomma disse Summy Skim, eccoci condannati a mettere
radici qui finch quel maledetto meridiano non sar stato fissato al
posto giusto.
D'altra parte dove potremmo passare questo tempo, Summy?
A Dawson City, Ben
Staremmo meglio l?
Summy Skim non rispose. Si rendeva ben conto che in suo cugino
l'ingegnere tornava ad avere la meglio, che Ben Raddle ardeva dalla
voglia di mettere le mani in pasta o meglio nel fango E una volta
che ci avesse preso gusto, non sarebbe stato tentato di continuare
l'opera dello zio J osias?
Ah, no! Questa poi no! si disse Summy Skim, e con le buone o
con le cattive sapr impedirglielo io!
Poi prese il suo fucile, chiam Neluto, e tutti e due, uscendo dalla
baracca, risalirono il pendio verso nord.
Del resto, Summy Skim non si ingannava affatto, e poich si
presentava l'occasione, Ben Raddle era deciso a studiare lo
sfruttamento di un giacimento, e soprattutto di un giacimento
diventato sua propriet. Sicuramente, partendo da Montreal,
l'ingegnere non aveva altro pensiero che di cedere il 129 dopo averne
appurato il valore. Ma ecco che una circostanza inaspettata lo avrebbe
obbligato a prolungare il suo soggiorno sul Forty Miles Creek per
qualche settimana, forse Come avrebbe potuto resistere alla
tentazione di utilizzare i pozzi gi predisposti, di verificare il loro
rendimento? E poi, lo zio Josias aveva fatto tutto il necessario per
ottenere buoni risultati? Non si era forse accontentato di seguire il
vecchio metodo dei cercatori di pagliuzze d'oro, evidentemente troppo
rudimentale? Lui, un ingegnere, non avrebbe forse trovato un nuovo
procedimento pi rapido, pi produttivo? E insomma, se nelle
viscere di quel suolo che gli apparteneva c'erano da estrarre centinaia
di migliaia di franchi, centinaia di milioni, era ragionevole darli a
quella societ a un prezzo irrisorio?
S, tali erano le idee che si agitavano nella mente di Ben Raddle. E
non gli dispiaceva tanto che la questione della frontiera e il rinvio
delle proposte della societ Anglo-American Transportation and
Trading Co. l'obbligassero ad attendere. Avrebbe saputo lui far
pazientare Summy Skim, e arrivava fino a dirsi che suo cugino avrebbe
finito col prenderci gusto
Cos, dopo essersi immerso nei conti dello zio Josias, quando il
capomastro gli ebbe fornito tutti i documenti in grado d informarlo,
chiese: Se adesso doveste reclutare del personale, sarebbe ancora
possibile, Lorique?.
Non c' dubbio signor Raddle! rispose il capomastro. Migliaia di
emigranti sparsi nel distretto cercano lavoro e non ne trovano Ne
arrivano tutti i giorni sui giacimenti del Forty Miles Creek. Penso
anzi che visto il numero non potrebbero pretendere salari molto
alti
Vi occorrerebbe solo una cinquantina di minatori?
Una cinquantina, anche il signor Josias Lacoste non ne impiegava
di pi
E in quanto tempo potreste raccogliere questo personale?
domand Ben Raddle.
In ventiquattr'ore rispose il capomastro.
Poi, dopo un istante credette di poter aggiungere: Sareste
intenzionato a fare il prospettore per conto vostro, signor Raddle?.
Forse, finch non avremo ceduto il 129 al suo giusto prezzo.
In effetti, potreste cos valutare meglio il suo valore, ed essere pi
esigente con le societ che vi proporrebbero di acquistarlo.
Del resto disse Ben Raddle, che fare qui fino al giorno in cui la
questione della frontiera sar regolata in un modo o nell'altro?
E giusto rispose il capomastro, e tutto sommato, che sia
americano o canadese, il 129 vale nondimeno quel che vale, e sono
sempre stato convinto che tutti i lotti degli affluenti di sinistra dello
Yukon non sono affatto inferiori a quelli della riva destra. Vedete,
signor Raddle, sul Sixty Miles River o sul Forty Miles Creek la gente
far fortuna velocemente come sul Bonanza o sull'Eldorado
Questa me la segno, Lorique rispose Ben Raddle, molto
soddisfatto di quelle risposte che si accordavano con i suoi desideri.
E come se avesse capito che poteva ancora presentarsi un'ultima
eventualit alla mente dell'ingegnere, Lorique aggiunse: S, signor
Raddle, qualunque sia il risultato ottenuto dalla commissione per la
rettifica, il 129 rester sempre quel che . Insomma io vi garantisco
che non dovete avere la pi piccola preoccupazione! Il vostro claim
canadese, quanto di pi canadese ci sia, e canadese rester!.
Mi auguro che sia cos rispose Ben Raddle. Perci consulter mio
cugino Skim e gli proporr di riprendere lo sfruttamento di nostro zio.
Quel che Ben Raddle intendeva per consultare suo cugino era
metterlo al corrente dei suoi progetti, senza lasciarglieli discutere
troppo, come al solito. Per cui, quando Summy Skim torn dalla
caccia con Neluto, riportando una filza di pernici e di beccaccini, si
accontent di dirgli: Ci ho pensato bene, Summy, e dato che siamo
trattenuti qui per alcuni mesi, il meglio che possiamo fare riprendere
lo sfruttamento del 129.
Farci prospettori! esclam Summy Skim.
S nell'attesa di poter vendere il nostro claim!
XIV
SFRUTTAMENTO
Fu cos che i timori che Summy aveva sempre pi o meno provato si
rivelarono giustificati. Nell'attesa di poter vendere il 129, Ben Raddle
stava per rimetterlo in attivit. E chi sa anzi se avrebbe mai acconsentito
di disfarsene! Vero che, se anche lo sfruttamento fosse stato poco
redditizio, forse ci sarebbe stato motivo di rimpiangerlo
Doveva succedere si ripeteva il saggio Summy Skim, e sono tentato
di maledire lo zio Josias! E colpa sua se siamo di-ventati dei minatori,
dei cercatori di pagliuzze d'oro, dei prospettori, qualunque nome si
voglia affibbiare ai cercatori d'oro che io chiamo cercatori di gua! S!
Avrei dovuto oppormi fin dall'inizio d quest'avventura, e se avessi
rifiutato di lasciare Montreal, di accompagnare Ben in questo
spaventoso paese, Ben di certo non sarebbe partito, e non ci saremmo
lanciati in questo maledetto affare. E se anche ci fossero dei milioni
nella melma del 129, non odioso dirsi che faremo in mezzo al fango un
mestiere da spazzini! E poi, se si infila un dito in quest'ingranaggio,
quello vi stritola il corpo tutto intero, e arriver il prossimo inverno
prima che ci siamo potuti rimettere in cammino per Montreal! Un
inverno nel Klondike Con dei freddi di cinquanta gradi per cui hanno
dovuto fabbricare dei simpatici termometri graduati sotto zero quanto
gli altri lo sono sopra! Che prospettiva! Ah, zio Josias, zio Josias,
avrete fatto la disgrazia dei vostri nipoti!
Cos ragionava Summy Skim. Ma, poich in fondo era filosofo,
sapeva rassegnarsi. Quanto al suo rimpianto di non essersi opposto a quel
viaggio nel Klondike, era vero, ma in fondo sapeva bene che non avrebbe
potuto impedire a Ben di partire, anche rifiutandosi di seguirlo, e che
dopo tutto avrebbe finito per accompagnarlo.
La stagione per i giacimenti auriferi dello Yukon cominciava appena
con quella prima settimana di giugno. Era tutt'al pi da quindici giorni
che il disgelo del suolo e lo scioglimento del ghiaccio dei creeks li
avevano resi praticabili Se la terra, indurita dai grandi freddi, offriva
ancora qualche resistenza alla picozza e al piccone, si riusciva per a
cominciare a scavarla. Attraverso i pozzi, diventava abbastanza facile
raggiungere il filone senza temere che le loro pareti solidificate
dall'inverno crollassero. Sarebbe bastato collegarli tramite dei fossati
perch il lavoro potesse svolgersi regolarmente.
D'altra parte era evidente che, in mancanza di un'attrezzatura pi
perfezionata e di macchine che avrebbe saputo impiegare con gran
profitto, Ben Raddle sarebbe stato ridotto a usare la scodella o il piatto
il pan, come viene definito nel gergo dei minatori. Ma quegli attrezzi
rudimentali sarebbero bastati a lavare il fango nella zona intorno al
Forty Miles Creek. Tutto considerato, sono i claims di quarzo, non i
claims di fiume, che richiedono di essere lavorati industrialmente, e
gi sui giacimenti del Klondike venivano installate le macchine a
pilone per sgretolare il quarzo, come quelle che funzionavano nelle altre
regioni minerarie del Canada e della Columbia inglese.
Del resto, Ben Raddle non avrebbe potuto trovare un secondo pi
prezioso del capomastro Lorique. Non aveva che da lasciar fare a
quell'uomo espertissimo, molto competente in quel genere d lavori, che
aveva gi diretto sfruttamenti di quel tipo nella Columbia britannica, e
che d'altra parte era perfettamente in grado di applicare le migliorie che
l'ingegnere avrebbe potuto proporgli.
Bisogna anche notare che un abbandono troppo prolungato del claim
129 avrebbe potuto provocare delle lamentele da parte dell'autorit
superiore. Molto avida delle imposte che prelevava sul rendimento dei
giacimenti, essa avrebbe dichiarato la decadenza di quelli che non
funzionavano per un periodo relativamente breve.
La prima questione d cui il capomastro si occup fu trovare il
personale. Incontr pi difficolt di quanto immaginasse. Erano stati
segnalati numerosi giacimenti nella zona del distretto dominata dai
Dmes, e i minatori erano accorsi in gran numero, poich la manodopera
prometteva di essere molto cara laggi. Certamente, le carovane non
cessavano di arrivare a Dawson City, dato che la traversata dei laghi e
la discesa dello Yukon erano pi facili nella bella stagione. Ma in quel
periodo in cui l'impiego delle macchine non si era generalizzato, le
braccia dei lavoratori erano reclamate dappertutto.
Lorique riusc ciononostante a reclutare una trentina di emigranti
invece dei cinquanta di Josias Lacoste. Ma fu necessario assegnare loro dei
salari molto alti, tra i cinque e i sei franchi all'ora.
Erano del resto i prezzi che avevano corso allora nella regione del
Bonanza. Numerosi operai guadagnavano da settantacinque a ottanta
franchi al giorno, e quanti, in fondo, si sarebbero arricchiti, se non
avessero speso quel denaro con la stessa facilit con cui lo
guadagnavano.
Non bisogna meravigliarsi se i salari aumentavano senza sosta, poich
sui giacimenti del Sookum, tra gli altri, si lavavano fino a cento dollari
per operaio all'ora. In realt essi ne prelevavano solo la centesima parte.
Come detto, l'attrezzatura del 129 era delle pi rudimentali, quella
che i prospettori impiegavano quando furono scoperti i primi
giacimenti, un piatto e una scodella. Senza dubbio, Josias Lacoste
intendeva completare quell'attrezzatura troppo primitiva, e quel che non
aveva fatto lui, cerc di farlo suo nipote.
Accadde quindi che, grazie al capomastro e pagandoli bene, due
rockers furono aggiunti all'attrezzatura del 129.
Il rocker non altro che una cassa lunga tre piedi e larga due, una
sorta di bara montata su un bilanciere. All'interno collocato un
setaccio munito di un tessuto quadrato di lana, che trattiene la polvere
d'oro lasciando filtrare l'acqua e la sabbia. All'estremit inferiore di
quest'apparecchio, cui il bilanciere consente di imprimere scosse
regolari, disposta una certa quantit di mercurio con il quale si
amalgama il metallo quando la sua sottigliezza impedisce di trattenerlo
con le mani.
Piuttosto che un rocker, Ben Raddle avrebbe preferito installare uno
sluice, e poich non aveva potuto procurarsene uno, pensava di
costruirlo. Si tratta di un canale di legno solcato da scanalature
trasversali ogni sei pollici. Quando ci si fa passare una corrente di fango
liquido, il terreno e la ghiaia vengono trascinati via, mentre le
scanalature trattengono l'oro a causa della sua pesantezza.
Questi due procedimenti abbastanza efficaci danno buoni risultati,
ma richiedono l'installazione di una pompa per portare l'acqua fino
all'estremit superiore dello sluice o del rocker, ed questa la parte pi
costosa dell'apparecchio. Quando si tratta di claims di montagna si
possono talvolta utilizzare delle cascate naturali; ma sui claims di fiume,
necessario ricorrere a un mezzo meccanico che richiede una spesa
alquanto elevata.
Cos lo sfruttamento del 129 ricominci in condizioni migliori.
Mentre svolgeva i suoi ragionamenti un po' da filosofo, Summy Skim
non si stancava di osservare con quale ardore e quale passione Ben
Raddle si dedicava a quel lavoro.
Decisamente si diceva, Ben non sfuggito all'epidemia
dominante, e voglia il cielo che non ne sia contagiato pure io! Che
febbre questa febbre dell'oro, e non affatto intermittente, e non si pu
abbatterla con un qualsiasi chinino! Vedo che non se ne guarisce,
neanche dopo aver fatto una fortuna, e che non sufficiente avere
abbastanza oro! No! Bisogna averne troppo, e forse troppo non ancora
abbastanza!
Del resto, i proprietari del 129, gli eredi dello zio Josias, non erano
ancora arrivati a quel punto, e ancora ce ne voleva. Anche se il
giacimento era ricco, come sosteneva il capomastro, di sicuro non
concedeva generosamente le sue ricchezze. C'erano difficolt per
raggiungere la vena aurifera che correva nel suolo risalendo verso ovest,
seguendo il corso del Forty Miles Creek. Ben Raddle dovette ammettere
che i pozzi non avevano una profondit sufficiente, e che sarebbe stato
necessario scavarli ulteriormente. Compito duro, poich la temperatura
non produceva pi la solidificazione delle pareti che si ottiene
naturalmente in tempo di gelo.
Ma sarebbe davvero stato saggio lanciarsi in quei lavori costosi, o
non bisognava lasciarli alle societ o ai privati che avrebbero
acquistato il lotto? Ben Raddle non doveva limitarsi al rendimento del
pan e del cocker? Era prudente avventurarsi in spese che non avrebbero
certo accresciuto il valore del 129?
Era pur vero che i piatti raggiungevano appena un quarto di dollaro.
Con il prezzo che si pagava per il personale, il profitto era magro, e le
previsioni del capomastro poggiavano su fondamenti seri? Era
legittimo chiederselo.
Nel mese di giugno il tempo fu abbastanza bello. Scoppiarono
parecchie tempeste, talvolta assai violente, ma passavano presto. I
lavori interrotti venivano subito ripresi su tutto il Forty Miles Creek.
Si era a luglio. La bella stagione sarebbe durata ancora solo due
mesi. Il sole che tramontava alle dieci e mezzo riappariva prima
dell'una sull'orizzonte. E per di pi, tra il tramonto e l'alba regnava un
crepuscolo che lasciava appena intravedere le costellazioni circumpolari.
Con una seconda squadra di operai che sostituisse la prima, i prospettori
avrebbero potuto continuare il lavoro. Ed cos che si faceva sui
giacimenti posti al di l del confine tra i due Stati, dove gli americani
davano prova di un'operosit incredibile.
Non dester stupore, dato il suo temperamento, che Ben Raddle
avesse voluto prendere direttamente parte al lavoro. Non disdegnava
affatto di unirsi ai suoi operai, pur continuando a sorvegliarli e, con il
piatto in mano, lavava il fango del 129. Inoltre si occupava dell'uso dei
rockers, e Lorique lo assecondava come se avesse lavorato per conto
proprio. E pi di una volta chiese a suo cugino: E allora, Skim, non
provi?.
No, non mi sento la vocazione rispondeva invariabilmente
Summy Skim.
Eppure non difficile, un piatto che si agita, in cui filtra la ghiaia e
in fondo al quale restano le particelle d'oro.
No, Ben, quand'anche mi pagassero due dollari l'ora!
Sono sicuro che avresti la mano felice!
Un giorno Ben Raddle, tendendogli un piatto, gli disse: Prova, per
favore!.
Per non farti torto, Ben!
E allora Summy Skim prese docilmente il piatto, lo riemp con un
po' di terra che era stata appena estratta da uno dei pozzi e, dopo averla
trasformata in fanghiglia liquida, la fece scorrere poco a poco. Se avesse
contenuto delle particelle d'oro, queste sarebbero rimaste sul fondo del
piatto.
Neanche l'ombra del metallo che Summy Skim non si stancava di
maledire!
Vedi disse, nemmeno di che pagarmi il tabacco per una pipa!
Forse un'altra volta sarai pi fortunato insinu Ben Raddle che non
voleva demordere.
Comunque la caccia mi riesce meglio rispose Summy Skim, e
posso rifarmi con la selvaggina. E chiamando Neluto, prese il fucile e
part per tutto il pomeriggio.
D'altra parte era raro che ritornasse a mani vuote, non solo grazie al
suo talento di cacciatore, ma perch la selvaggina di pelo e di piuma
abbondava nelle pianure e nelle gole vicine. Gli orignals, i carib si
incontrano di frequente nei boschi, risalendo verso nord sulla curva
formata dallo Yukon quando si dirige a ovest. Quanto ai beccaccini,
alle pernici bianche, alle anatre, pullulavano sulla superficie delle
paludi sulle due sponde del Forty Miles Creek. Perci Summy Skim si
consolava del suo soggiorno prolungato, non senza rimpiangere la
campagna ricca di selvaggina di Green Valley.
Bisogna notare che, nella prima met del mese di luglio, sul 129 il
lavaggio diede migliori risultati. Il capomastro era finalmente incappato
nel vero filone aurifero che diventava pi ricco avvicinandosi alla
frontiera. I piatti e i rockers producevano una somma considerevole in
grani d'oro. Bench non fosse stata raccolta alcuna pepita di grande
valore, il rendimento di quelle due settimane non fu inferiore a
diciassettemila franchi. Proprio quel che ci voleva per dar ragione ai
pareri di Lorique e per sovreccitare l'ambizione di Ben Raddle.
D'altronde, il miglioramento si verificava anche sul claim 127,
nella misura in cui lo sfruttamento avanzava verso est. Senza dubbio
si trattava dello stesso filone che, passando rasente alla riva sinistra del
Forty Miles Creek, attraversava i due claitns, americano a monte,
canadese a valle.
Di conseguenza il personale di Hunter e Malone e il personale di Ben
Raddle e Summy Skim avanzavano l'uno verso l'altro. Non avrebbe
tardato il giorno in cui si sarebbero incontrati sul tracciato attuale della
frontiera contestata dai due Stati.
Gli uomini assunti dai texani, una trentina, erano tutti di origine
americana. Sarebbe stato difficile riunire una banda pi abietta di
avventurieri e di facce poco rassicuranti, specie di selvaggi pronti a tutto,
violenti, brutali e rissosi, in una parola ben degni di quei texani cos
malauguratamente conosciuti nella regione del Klondike. Quasi tutti
avevano gi lavorato sul 127 l'anno precedente, poich Hunter e
Malone avevano acquistato il loro claim fin dalle prime scoperte fatte
dopo la cessione dell'Alaska da parte della Russia.
D'altra parte c'era una certa differenza tra gli americani e i
canadesi impiegati sui giacimenti. Questi si mostravano generalmente
pi obbedienti, pi tranquilli, pi disciplinati. Le compagnie perci li
preferivano. D'altra parte solo un piccolo numero tra loro si
impiegava al servizio delle societ americane. Queste cercavano
piuttosto dei compatrioti, malgrado la loro turbolenza, la loro
tendenza alla ribellione, la loro violenza nelle risse pressoch
quotidiane, quando erano sovreccitati dai liquori forti, e soprattutto
dal cocktail, che ha effetti disastrosi nei territori auriferi. Di rado
trascorreva un giorno senza che la polizia non dovesse intervenire su
un claim o su un altro. Si scambiavano colpi di coltello e colpi di
rivoltella. Talvolta ci furono dei morti, e quanto ai feriti, occorreva
trasportarli nell'ospedale di Dawson City, gi affollato dei malati
spediti l senza interruzione dalle epidemie permanenti.
Certo sarebbe sembrato pi indicato che gli americani fossero
portati a Sitka, dato che Sitka la capitale dell'Alaska. Ma quella
citt molto lontana dal Klondike, si sarebbe dovuto riprendere
l'itinerario lungo e difficoltoso della regione dei laghi, poi superare il
passo del Chilkoot, e non era il caso di pensarci. E poi tutti
ritornavano a Dawson City, per trovare le cure di cui avevano
bisogno o i piaceri di ogni genere dei quali tutti apparivano avidi.
Nella terza settimana di luglio, lo sfruttamento continu a essere
abbastanza redditizio, senza che n Ben Raddle n Lorique n i loro
uomini avessero mai raccolto una di quelle pepite che hanno fatto la
fortuna del Bonanza e dell'Eldorado. Ma in ogni modo i profitti erano
molto superiori alle spese, e non era impossibile che la campagna
fruttasse un centinaio d migliaia di franchi di guadagno. Cos si
sarebbe potuto tenere alto il prezzo del 129, quando si sarebbero
presentati gli acquirenti.
Summy Skim non aveva quindi motivi seri per lamentarsi, e tutto
sommato non si sarebbe lamentato se Ben Raddle e lui avessero
potuto lasciare il Klondike prima dell'arrivo dell'inverno. Per, e
questo gli faceva rabbia, la partenza non dipendeva solo dalla loro
volont. Non potevano abbandonare il distretto senza effettuare la
vendita del 129, e prima avrebbe dovuto essere risolta la questione
della frontiera. Invece passavano giorni, settimane, e non sembrava
che l'operazione arrivasse al suo termine in modo da mettere
d'accordo i commissari.
Allora a Summy Skim capitava di dire, non senza qualche
apparenza di ragione: Ma Ben, io non vedo perch saremmo
obbligati a restare qui finch non saremo sicuri della posizione del
cen-toquarantunesimo meridiano, che il diavolo se lo porti!.
Perch rispose Ben Raddle potremo trattare con la societ
dell'Anglo-American Transportation and Trading Co. o con
qualunque altra solo dopo la fine del lavoro di rettifica.
Va bene, Ben, ma possiamo farlo altrettanto bene per
corrispondenza, a Montreal, nello studio del notaio Snubbin; non c'
bisogno di essere a Dawson City negli uffici di Front Street.
Non otterremmo condizioni altrettanto favorevoli rispose Ben
Raddle.
Perch no, se ora abbiamo informazioni sicure sul valore del
nostro lotto?
Tra un mese o sei settimane ne avremo di ben pi sicure
dichiar l'ingegnere, e non ci offriranno pi duecentomila franchi
per il 129, ma quattro o cinquecentomila
E che ce ne faremo di tutti quei soldi? domand Summy Skim.
Buon uso, stanne certo afferm Ben Raddle. Non vedi che il
filone diventa sempre pi ricco man mano che avanza verso ovest?
Eh! a forza di avanzare finir per incontrare quello del 127 fece
osservare Summy Skim, e quando i nostri uomini saranno a contatto
con gli uomini di quell'orribile Hunter, non so bene quel che
succeder
C'era effettivamente motivo di temere che in quel momento si
sarebbe scatenato uno scontro tra gli operai dei due lotti, che si
avvicinavano ogni giorno di pi al confine che divideva i due
giacimenti. Anzi erano gi stati scambiati degli insulti, si minacciava
di usar la violenza. Il capomastro Lorique aveva avuto il suo da fare
con il capomastro americano, una specie di energumeno brutale e
incivile, e chi sa se quegli insulti non sarebbero degenerati in vie di
fatto, quando Hunter e Malone sarebbero tornati a sorvegliare lo
sfruttamento- La posizione del palo che indicava il confine dei due
giacimenti sarebbe stata contestata, e pi di una volta erano state
lanciate delle pietre da un claim all'altro non senza assicurarsi
peraltro che non contenessero un solo granello di polvere d'oro.
Sicuramente, in quelle circostanze Lorique faceva tutto ci che era
in suo potere per trattenere i suoi operai, e Ben Raddle gli veniva in aiuto.
Al contrario il capomastro americano non cessava di incitare i suoi, e non
si lasciava palesemente sfuggire nessuna occasione di attaccar lite con
Lorique. Inoltre egli non era cos fortunato nel risultato del suo lavoro.
Attualmente il 127 non valeva quanto il 129. Sembrava anzi che il
filone su cui in quel momento Lorique eseguiva prospezioni tendesse a
svoltare verso nord allontanandosi dalla riva sinistra del Forty Miles
Creek e non si prolungasse attraverso il suolo del claim limitrofo.
Insomma, al momento le due squadre si trovavano a non pi di
venticinque passi l'una dall'altra, e non sarebbero trascorse tre
settimane prima che si fossero incontrate sulla linea di divisione.
Summy Skim non aveva perci torto a prevedere e temere qualche
scontro.
Ebbene, precisamente in data 27 luglio, un fatto venne ad aggravare
la situazione, ed era proprio quel che poteva creare qualche
pericolosa complicazione.
Hunter e Malone erano ricomparsi sul 127.
XV
LA NOTTE TRA IL 5 E IL 6 AGOSTO
Come detto, il territorio del Dominion non il solo a possedere delle
regioni aurifere. Altre ne esistono sulla superficie dell'immensa area
dell'America del Nord compresa tra l'Atlantico e il Pacifico, e molto
probabilmente non tarderanno a essere scoperti numerosi, giacimenti.
Si potuto affermare che dal Kootaway, a sud della Columbia inglese,
fino all'oceano artico, tutta una distesa di giacimenti di oro e di altri
metalli. La natura si mostrata prodiga dei suoi tesori nei confronti di
quella zona cui rifiuta le ricchezze agricole.
I giacimenti che appartengono al territorio dell'Alaska sono in
particolare situati nell'ampia curva che lo Yukon descrive tra il Klondike
e Saint Michel, alla sua foce, dopo essere risalito fino al forte che porta il
suo nome sul confine del Circolo polare.
Una di tali regioni quella intorno a Circle City, una borgata
costruita sulla riva sinistra del grande fiume a trecentosettanta
chilometri a valle di Dawson City. L ha la sua sorgente il Birch
Creek, un affluente di sinistra, che sbocca appunto a Fort Yukon.
Alla fine dell'ultima campagna, s era sparsa la voce che giacimenti di
Circle City valessero quanto quelli del Bonanza, e sarebbe bastato anche
meno per spingere i minatori ad accorrervi in massa.
Per questo motivo, dopo il loro arrivo a Dawson City, come ebbero
ripreso lo sfruttamento del 127, Hunter e Malone s imbarcarono su uno
degli steamboats che collegano gli scali dello Yukon, sbarcarono a
Circle City, visitarono la regione bagnata dal Birch Creek, e certo non
giudicarono opportuno soggiornarvi per tutta la stagione, dato che erano
appena tornati sul 127.
D'altra parte, la prova che il risultato del loro viaggio doveva essere
stato un niente di fatto, era che i due texani si erano fermati sul Forty
Miles Creek e prendevano provvedimenti per soggiornarvi fino alla
fine della campagna. Ora, se avessero fatto buona raccolta di pepite e di
polvere d'oro sui giacimenti del Birch Creek, avrebbero avuto fretta di
ritornare a Dawson City, dove le case da gioco e i casin offrivano loro
tante occasioni d scialacquare il loro guadagno. Era la loro abitudine, e
non avevano alcuna ragione di non seguirla. Ed anzi quello che
avrebbero fatto se dopo la ripresa dei lavori il 127 avesse prodotto
qualche guadagno.
Questo quanto Lorique disse a Ben Raddle e a Summy Skim,
quando li inform dell'arrivo dei due texani. Poi aggiunse: Non sar
certo la presenza di Hunter a riportare la calma sui claims di frontiera,
e soprattutto su quelli del Forty Miles Creek.
Bene rispose Summy Skim, staremo in guardia
Sar prudente, signori dichiar il capomastro, e io racco-mander
ai nostri uomini di non incontrare quei furfanti
La polizia non sar avvertita del ritorno dei due texani? domand
Ben Raddle.
Probabilmente s rispose Lorique, e comunque invieremo un
espresso a Fort Cudahy per prevenire qualunque aggressione.
Va bene dichiar Summy Skim, ma mi permetterete di credere
che non c' tanto da spaventarsi di quell'individuo, e se gli viene la
voglia di abbandonarsi alle sue solite violenze contro di noi, mi trover
pronto a rispondergli.
Va bene anche questo, Summy dichiar a sua volta Ben Raddle,
ma non voglio che tu abbia niente a che fare con quell'uomo
Abbiamo un vecchio conto da regolare tra noi, Ben, e ci tengo a
pagarlo
Tu non hai niente da pagare rispose Ben Raddle, che a nessun costo
voleva che suo cugino fosse coinvolto in qualche brutta faccenda.
Niente di pi naturale che a Vancouver
80
tu abbia preso le difese delle
due suore e abbia rimesso a posto quell'Hunter, e io avrei fatto come te.
Ma qui, quando il personale di un lotto viene minacciato dal personale
di un altro lotto, un affare che riguarda la polizia.
E se questa non c'? insistette Summy Skim, che non intendeva
cedere.
Se questa non c', signor Skim, ci difenderemo, e i nostri uomini

80
In realt, a Skagway.
non indietreggeranno davanti a quei texani disse il capomastro.
Insomma, concluse Ben Raddle, non siamo venuti qui per
sbarazzare il Forty Miles Creek dai miserabili che lo infestano, ma
per
Per vendere il nostro lotto replic Summy Skim, che tornava
sempre al suo obiettivo, e cominciava un po' a scaldarsi. Ditemi un po',
Lorique, non potremmo informarci di quel che fa la commissione della
frontiera, se il suo lavoro di rettifica procede, e quando avr fine?
Cercher di saperlo, signor Skim rispose il capomastro.
E dove diavolo si trovano i commissari in questo momento?
Molto a sud, secondo le ultime notizie da Dawson City
Allora andr a stanarli esclam Summy Skim.
Credi a me, Summy, non fare nulla e abbi pazienza rispose Ben
Raddle che voleva calmare suo cugino.
E poi il viaggio sarebbe un po' lungo, perch i commissari e il signor
Ogilvie sono scesi fino, alla base del monte Elia, e a meno di ripassare per
Dyea, ci sarebbe un'intera regione deserta da attraversare fece
osservare Lorique.
Maledetto paese!url Summy Skim.
Su, Summyrispose Ben Raddle dandogli una pacca sulla spalla,
hai bisogno di calmarti. Va' a caccia, prendi con te Neluto che non
chiede di meglio, e portateci un po' di selvaggina di prima scelta per
questa sera. Nel frattempo noi andiamo a scuotere i nostri rockers, e
speriamo di poter fare un buon lavoro.
E il capomastro aggiunse: Perch non potrebbe succedere a noi
quello che successo nell'ottobre del 1897 al colonnello Earvay a
Grippie Creek?.
E che cosa successo al vostro colonnello? domand Summy
Skim in un tono alquanto sprezzante.
Che ha trovato nel suo lotto, a una profondit di sette piedi soltanto,
un lingotto d'oro che valeva centomila dollari.
Puah! fece Summy Skim, cinquecentomila miserabili
franchi
Prendi il tuo fucile, Summy rispose Ben Raddle, va' a caccia fino a
sera, e fa' attenzione agli orsi!
Summy Skim cap che non aveva nulla di meglio da fare. Neluto e lui
risalirono il pendio, e un quarto d'ora dopo si sentivano risuonare i loro
primi spari.
Da parte sua, Ben Raddle si rimise al lavoro, non senza aver
comandato ai suoi operai di non rispondere alle provocazioni che
avrebbero potuto arrivare loro dal 127.
Del resto, quel giorno non si verific alcun incidente tale da
provocare uno scontro fra il personale dei due claims.
In assenza di Summy Skim, che forse non si sarebbe trattenuto, Ben
Raddle ebbe l'occasione di avvistare Hunter e Malone. La baracca
abitata dai due texani faceva il paio con l'abitazione d Lorique ai piedi
del pendio opposto. La linea d frontiera, nell'attesa di essere spostata
o meno, seguiva precisamente il thalweg
81
della valle, risalendo verso
nord. Cos dalla sua stanza Ben Raddle Pot osservare Hunter e il suo
compagno durante la loro visita al 127, dove gli operai lavoravano sotto
la direzione del capomastro americano.
Tutti e due attraversarono in obliquo il claim scendendo per il sentiero
praticato tra i pozzi In quel momento un rocker e uno sluice erano in
funzione, e lo strepito dei bilancieri e il frastuono dell'acqua che scorreva
verso il creek producevano un rumore assordante.
Ben Raddle fece finta di non voler prestare alcuna attenzione a quel
che succedeva sul 127; ma, senza cercare affatto di nascondersi, rest
appoggiato al davanzale della finestra che si apriva al piano terra
della baracca.
Hunter e Malone avanzarono fino al palo divisorio e si fermarono.
Discutevano con animazione. Sembrava che ce l'avessero con i loro
uomini, dato che pi di uno fu redarguito brutalmente, e perfino il
capomastro ebbe la sua parte di rimproveri.
Dopo aver volto lo sguardo verso il creek e osservato i claims della
riva destra, designati dai numeri pari, fecero qualche passo dalla parte del
pendio. Erano evidentemente di pessimo umore, per il fatto che
dall'inizio della campagna il rendimento del 127, molto mediocre, non
copriva le spese. E dovevano essere tanto pi irritati, poich non
potevano ignorare che le ultime settimane avevano fruttato al claim
Lacoste dei guadagni abbastanza notevoli.

81
Thalweg (o talweg): la direzione media o l'asse della valle, prescindendo dai
serpeggiamenti del fiume.
Hunter e Malone continuarono a risalire verso il pendio, e si
fermarono press'a poco all'altezza dell'abitazione di Lorique. Da l si
accorsero di Ben Raddle, col gomito appoggiato al davanzale della
finestra, e che non parve fare loro attenzione. Ma vide bene che lo
indicavano con la mano, e che i loro gesti violenti e le loro voci
infuriate cercavano di provocarlo.
Molto saggiamente Ben Raddle non ci fece caso, e quando i due
texani si furono ritirati, and a riprendere il lavoro al rocker con
Lorique.
Li avete visti, signor Raddle disse allora costui.
S, Lorique rispose Ben Raddle, e le loro provocazioni non mi
faranno abbandonare la mia indifferenza
Ma il signor Skim non sembra essere di umore cos paziente
Dovr calmarsi, e non dobbiamo nemmeno avere l'aria di
conoscere quella gente dichiar Ben Raddle.
I giorni successivi trascorsero senza incidenti. Summy Skim partiva
fin dal mattino per la caccia con l'indiano (e suo cugino lo incitava a
farlo), e ritornava solo nel tardo pomeriggio. Dunque di incontri con
Hunter non ce ne furono. Era per sempre pi difficile impedire agli
operai americani e canadesi di venire a contatto. I loro lavori sul filone li
avvicinavano ogni giorno al palo di confine dei due claims. Sarebbe
certamente arrivato il momento in cui, per usare un'espressione del
capomastro, sarebbero stati picozza a picozza e piccone a piccone!. La
pi piccola contestazione avrebbe potuto provocare una discussione, la
discussione un conflitto, il conflitto una mischia, che sarebbe presto
degenerata in battaglia. Quando quegli uomini si sarebbero lanciati gli
uni contro gli altri, chi avrebbe potuto fermarli? Hunter e Malone non
avrebbero tentato di provocare la rivolta su tutti i giacimenti dei loro
compatrioti contro quelli del Dominion vicini alla frontiera? Con dei
simili avventurieri bisognava temere di tutto. La polizia di Fort
Cudahy e di Dawson City sarebbe stata incapace di ristabilire l'ordine.
Per quarantott'ore i due texani non si fecero vedere, e forse era
proprio in vista di un'agitazione che avevano percorso i giacimenti del
Forty Miles Creek che occupavano il territorio alaskano.
Durante la loro assenza si verificarono comunque alcuni alterchi tra
gli operai. Ci fu anche un episodio che mise Lorique alle prese con il
capomastro del 127. Forse i minatori furono sul punto di prendere le
difese dei loro capi; ma la situazione non degener.
Poich il tempo pareva abbastanza incerto, con un forte vento da
nord, Summy Skim non era partito per la caccia. Ma Ben Raddle aveva
saputo impedirgli di intervenire, ma certo non vi sarebbe riuscito se
Hunter e Malone fossero stati presenti.
Per altri tre giorni gli fu impossibile dedicarsi al suo piacere preferito.
Inoltre, la pioggia a volte cadeva a torrenti, e bisognava restare al riparo
nella baracca. Il lavaggio della ghiaia diventava molto difficile in
quelle condizioni; i pozzi si riempivano fino alla bocca, e l'acqua in
sovrappi si spandeva sulla superficie del claim e la trasformava in
una melma densa dove si affondava fino al ginocchio.
Di conseguenza il lavoro dovette essere sospeso dalle due parti, e
Pot riprendere solo il 3 agosto nel pomeriggio. Dopo una mattinata
piovosa, il cielo si rasseren sotto l'influsso del vento di sud-est. Ma
c'era pericolo che questo portasse delle tempeste, che spesso sono
terribili in quel periodo dell'anno e a volte causano autentici disastri.
Il giorno prima, i due texani erano rientrati nel 127 e solo
l'indomani lasciarono la baracca del loro capomastro.
Quanto a Summy Skim, aveva approfittato della schiarita per
tornare a caccia. Erano stati appena segnalati degli orsi della specie
grizzly a valle del Forty Miles Creek, e non desiderava nient'altro che
incontrare uno di quei temibili plantigradi. D'altra parte non sarebbe
stato al suo primo tentativo: gi pi di uno era caduto sotto le sue
pallottole nelle foreste di Green Valley.
Preferisco diceva fra s Ben Raddle, vederlo alle prese con un
orso piuttosto che con quell Hunter!
Durante la giornata del 4, Lorique mand a segno un colpo di
piccone molto fortunato. Scavando un buco quasi all'estremit del
filone, sul confine del claim, scopr una pepita il cui valore non
doveva essere inferiore a quattrocento dollari, vale a dire duemila
franchi.
Il capomastro non Pot contenere la sua gioia, e grid a pieni
polmoni: Venite a vedere venite a vedere!.
I suoi operai accorsero, e Ben Raddle li raggiunse subito.
La pepita, della grandezza di una noce, era per cos dire
incastonata in un frammento di quarzo.
Nel 127 capirono senza difficolt qual era la causa di quelle urla,
Perci ci fu un'esplosione di collera gelosa, dopo tutto giustificata,
dato che da qualche tempo gli operai non avevano potuto imbattersi
in un filone e lo sfruttamento diventava sempre pi oneroso.
Allora si ud una voce: era la voce di Hunter che ripeteva:
Insomma, ce n' solo per quei cani delle praterie del Far West!.
Cos definiva i canadesi nel suo linguaggio volgare.
Ben Raddle, che aveva sentito l'insulto, impallid; poi il sangue gli
sal alla testa, e fu sul punto di slanciarsi.
Lorique lo trattenne per il braccio, e alzando le spalle in segno di
disprezzo, volse la schiena:
Ehi! fece allora Hunter, per voi che parlo, signore di
Montreal.
Siete un insolente e non voglio avere niente a che fare con un
individuo della vostra specie! replic Ben Raddle.
E invece avrete a che farci ribatt il texano, e non so che cosa
mi trattiene
Stava per oltrepassare il limite indicato dal palo e gettarsi su Ben
Raddle. Ma Malone lo costrinse a fermarsi. Gli operai dei giacimenti
erano pronti a precipitarsi gli uni sugli altri, e non sarebbe pi stato
possibile interporsi tra loro.
La sera, quando Summy Skim rientr, contentissimo di avere
abbattuto un orso non senza qualche pericolo, raccont nei dettagli le
sue gesta venatorie. Ben Raddle non volle parlargli dell'incidente
della giornata, e dopo cena tutti e due andarono nella loro stanza dove
Summy Skim dorm il sonno riposante del cacciatore.
C'era motivo di credere che la faccenda avrebbe avuto un
seguito? Hunter e Malone, ancora pi sovreccitati, avrebbero
cercato di attaccar lite con Ben Raddle? Probabilmente avrebbero
spinto gli uomini del 127 contro gli uomini del 129, poich il giorno
dopo picozze e picconi si sarebbero incontrati sul confine tra i due
claims.
Ora, proprio quel giorno, con gran dispiacere di suo cugino,
Summy Skim non and a caccia. Il cielo era gravido di pioggia, a
sud-est si levavano grosse nuvole. La giornata non sarebbe trascorsa
senza tempeste, ed era meglio non farsi sorprendere lontano
dall'abitazione.
Tutta la mattina fu impiegata nel lavaggio dei pozzi gi in
funzione, mentre una squadra sotto la direzione di Lorique scavava
sulla linea di demarcazione, quasi ai piedi del palo la cui tavoletta
recava da un lato il numero 127 e dall'altro il numero 129.
Gli operai di Hunter si trovavano in quel momento proprio lungo il
limite; ma durante la mattinata non sopravvenne alcuna
complicazione. Alcune parole grosse, pronunciate dagli americani,
provocarono a dire il vero alcune risposte pi o meno vivaci da parte
dei canadesi. Ma si limitarono alle parole, ai gesti, e i capomastri non
dovettero intervenire.
Purtroppo le cose non andarono altrettanto bene quando il lavoro
fu ripreso nel pomeriggio. Per colmo di sfortuna, Hunter e Malone
andavano e venivano sul loro giacimento, e poich Summy Skim
faceva lo stesso sul suo, Ben Raddle lo raggiunse, chiedendosi se i
due texani avrebbero ripetuto le minacce del giorno prima.
Toh disse Summy Skim a Ben Raddle, sono di ritorno, quei
furfanti Non li avevo ancora visti E tu, Ben?
S ieri rispose evasivamente Ben Raddle, ma fa' come me,
non occuparti di loro
Eppure, Ben, ci guardano in un modo che non affatto di mio
gradimento
Non badarci, Summy!
I texani si erano avvicinati un poco. Tuttavia se lanciarono degli
sguardi insultanti ai due cugini, non li accompagnarono con le loro
solite invettive.
Summy Skim prese perci la saggia decisione di non occuparsi di
loro, riservandosi di rispondere, se fosse stato il caso.
Intanto gli operai dei due claims continuavano a lavorare sul
limite, rivoltando il terreno, raccogliendo il fango per portarlo ai
rockers e agli sluices. Erano separati gli uni dagli altri solo da una
tesa, e i loro picconi rischiavano, volontariamente o no, di cozzare a
ogni istante, e a volte alcune pietre rotolavano di l dalla linea di
separazione.
Tuttavia fino a quel momento nessuno se n'era curato, quando,
verso le cinque, una di quelle pietre, sotto i colpi di piccone di uno
degli uomini di Lorique, strappata bruscamente dal suolo, ricadde ai
piedi del capomastro americano.
Era un pezzo di quarzo, che pesava quattro o cinque libbre: aveva
l'aspetto di quelli che racchiudono particelle d'oro, ed era possibile
che contenesse qualche pepita di valore.
Ci fu reclamo da parte di Lorique reclamo legittimo, tutto
considerato, e che ottenne solo un rifiuto espresso in maniera brutale.
C'era stato solo uno scambio di parole. Ma Lorique, volendosi
riprendere quello che gli apparteneva, oltrepass il palo.
Tre o quattro americani si gettarono su di lui per fermarlo, e
parecchi dei suoi compatrioti si gettarono per venirgli in aiuto.
Nacque una mischia, fra il baccano del trambusto e delle urla che
misero in agitazione anche i claims delle vicinanze, e c'era pericolo
che la battaglia tra americani e canadesi diventasse generale.
Intanto Lorique, essendo riuscito a liberarsi di quelli che lo
trattenevano, corse verso il luogo dove era rotolato il frammento di
quarzo.
In quel momento si trov di fronte Hunter, che lo respinse indietro
prepotentemente e lo rovesci al suolo.
Summy Skim, vedendo quella scena di violenza, si precipit in
soccorso al capomastro, che il texano tratteneva a terra.
Ben Raddle lo segu subito e blocc Malone che veniva in aiuto
del suo compagno.
Allora fu una mischia generale. Le picozze e i picconi servivano
come armi, armi terribili in quelle mani robuste, ben presto si sarebbe
versato sangue, ci sarebbero stati dei feriti, forse dei morti, se la
milizia, in ispezione su quella zona del Forty Miles Creek, non fosse
accorsa sul luogo.
Grazie a quella cinquantina di uomini ben comandati, i disordini
furono sedati in pochi istanti.
Ben Raddle, Summy Skim e i due texani erano in quel momento
faccia a faccia. Fu Ben Raddle che per primo si rivolse a Hunter, cui
il furore impediva di parlare.
Con quale diritto gli disse, avete voluto impedirci di riprendere
la nostra propriet?
La tua propriet sbott Hunter dandogli volgarmente del tu, la
tua propriet che era sul mio terreno, e mi apparteneva!
Miserabile! esclam Summy Skim avanzando fino a dare uno
spintone a Hunter.
Ah! fece costui, ecco il difensore delle donne!
Delle donne che voi maltrattavate, mascalzone che non siete
altro; ma davanti a un uomo sareste l'ultimo dei vigliacchi!
Vigliacco! ripet Hunter.
E stava per lanciarsi su Summy Slam, quando Malone glielo imped.
S ripet Summy Skim, che non s controllava pi, e troppo
vigliacco per rendere conto dei suoi insulti
Te la faccio vedere io, ti aspetto domani esclam Hunter.
Domani mattina replic Summy Skim.
Domani! disse Hunter.
Poi i minatori rientrarono sui loro giacimenti, senza che Lorique
potesse riprendersi il pezzo di quarzo. Uno degli americani, piuttosto che
restituirlo, l'aveva gettato nelle acque del Forty Miles Creek.
Ben Raddle e Summy Skim ritornarono nell'abitazione, e il primo
impieg tutti i suoi sforzi per dissuadere l'altro a dare seguito a quella
faccenda.
Summy, non puoi batterti con quel furfante! ripeteva.
E invece lo far, Ben!
No, Summy, no!
Ti dico che lo far, e se arrivo a piantargli una pallottola in testa,
sar la migliore caccia che abbia mai fatto, una caccia alla bestia
puzzolente !
82
E malgrado tutto quello che Pot dirgli, Ben Raddle si rese
conto che non avrebbe potuto impedire il duello.
Un disastro del tutto inatteso avrebbe reso impossibile, o almeno
avrebbe ritardato, la conclusione di quella faccenda.
Nel corso della giornata il tempo si era fatto sempre pi pesante.
Verso le cinque di sera il cielo, saturo di elettricit, fu solcato di lampi, e i
tuoni brontolarono a sud-est. L'oscurit dovuta all'ammassamento delle
nubi divenne profonda, sebbene il sole fosse ancora sopra l'orizzonte.

82
In francese le bestie puzzolenti sono gli animali selvatici predatori che
diffondono un odore sgradevole, in particolare volpi, cinghiali, tassi, furetti e
puzzole.
Durante il pomeriggio, sui diversi claims del Forty Miles Creek
erano stati constatati alcuni sintomi che destavano qualche
preoccupazione. Sordi sussulti percorrevano il suolo, accompagnati da
brontolii prolungati; le acque del creek a volte schiumavano; getti di gas
sulfurei fuoriuscivano dai pozzi. Sicuramente [erano in azione]
83
delle
forze eruttive.
Summy Skim, Ben Raddle e il capomastro stavano per coricarsi
verso le dieci e mezzo, quando si sentirono delle scosse violente.
Un terremoto! grid Lorique.
E aveva appena pronunciato queste parole che l'abitazione si
rovesciava di colpo, come se le fondamenta le fossero mancate
all'improvviso. I due cugini e il capomastro poterono uscire dalle macerie
non senza difficolt, ma per fortuna non erano feriti. Ma all'esterno, che
spettacolo poterono vedere alla luce del cielo in fiamme! Tutto il
suolo del claim era scomparso sotto un'alluvione torrenziale. Una
parte del creek era straripata e scorreva attraverso i giacimenti,
aprendosi tra loro un nuovo letto.
Da tutte le parti si levavano grida di disperazione e di dolore. 1
minatori, sorpresi nelle loro capanne sulle due rive del creek, cercavano
di sfuggire all'alluvione che li raggiungeva, e la sua violenza era tale
che le convulsioni del suolo dovevano essere state terribili. Gli alberi
vicini, sradicati o spezzati alla base del tronco, venivano trascinati sul
Forty Miles Creek e sulle acque debordate con la rapidit di un
improvviso scioglimento dei ghiacci.
Scappiamo scappiamo! url Lorique appena raggiunto da
Neluto o saremo trascinati via dal torrente!
In effetti, l'acqua stava gi per raggiungere il punto dove giaceva
l'abitazione abbattuta dal terremoto. Si sentiva ancora il terreno
tremare sotto i piedi come se fosse stato in bala del mare grosso.
In quel momento un tronco di betulla, spezzato poco sopra le radici e
trascinato dalla corrente, fu lanciato contro le macerie.
Disgraziatamente, colp Ben Raddle e lo rovesci: sarebbe morto nel
vortice se Summy Skim e Lorique non fossero riusciti ad afferrarlo.
Ben Raddle non avrebbe potuto camminare; l'urto era stato cos
violento che la gamba destra era rotta sotto il ginocchio

83
Lacuna nel manoscritto, integrata dall'editore francese.
Quanto ai claims, sconvolti dal terremoto o sommersi dall'alluvione,
erano per la maggior parte distrutti su una superficie di mezza lega, sui
due lati della frontiera.
Seconda parte
I
UN INVERNO NEL KLONDIKE
Un terremoto, sebbene molto circoscritto, aveva sconvolto la
regione del Klondike compresa tra la frontiera e lo Yukon, attraversata
dal medio corso del Forty Miles Creek. Era stato avvertito fino a una
mezza lega a monte dall'altro lato della frontiera.
Del resto, anche se il Klondike non interessato da scosse sismiche
frequenti, le sue viscere racchiudono aggregati quarzosi e rocce eruttive
che testimoniano che in tempi remoti erano attive forze sotterranee; tali
forze, solo assopite, a volte si risvegliano con una violenza non
comune. Inoltre, in tutta la regione delle Montagne Rocciose, le cui
prime ramificazioni nascono in vicinanza del Circolo polare artico,
sorgono parecchi vulcani la cui estinzione completa non sicura.
In ogni caso, se l'eventualit di terremoti o eruzioni non un vero
pericolo nel distretto, lo stesso non pu dirsi delle alluvioni dovute alle
piene improvvise dei suoi creeks nel periodo dello scioglimento delle
nevi.
In effetti, Dawson City non stata risparmiata e, se non lo Yukon,
almeno il suo affluente, il Klondike River, che separa la citt dai suoi
sobborghi, spesso straripato e ha trascinato via il ponte che collega
l'una agli altri.
Quanto al territorio del Forty Miles Creek, esso aveva subito un
duplice disastro. Lo sconvolgimento completo del suolo causava la
distruzione dei claims per un'estensione di numerosi chilometri sui due
lati della frontiera. L'alluvione aveva provocato una ramificazione del rio
che si era scavata un nuovo letto attraverso il vallone a nord del 127 e del
129. Sembrava anzi probabile che qualsiasi sfruttamento sarebbe ormai
stato impossibile.
Quanto a quel disastro, sarebbe stato difficile valutarne subito
l'importanza. Durante la notte, bench il sole fosse scomparso solo due
ore e mezzo dietro l'orizzonte, una profonda oscurit avvolse la zona. Se
le piccole abitazioni, le baracche, le capanne dei minatori erano state
distrutte, se la maggior parte ora erano senza riparo, se il numero dei
feriti, il numero dei morti, gli uni schiacciati sotto le macerie, gli altri
annegati nel nuovo letto del creek, era elevato, lo si sarebbe saputo solo
il giorno dopo. Se l'intera popolazione di emigranti sparsa sui giacimenti
era obbligata ad abbandonare quella regione, il cui sfruttamento non
avrebbe potuto essere proseguito, lo s sarebbe saputo solo dopo aver
valutato le proporzioni della catastrofe.
In realt, quel che pareva aver provocato un disastro assolutamente
irreparabile era la tracimazione di una parte delle acque del Forty Miles
Creek sui giacimenti vicini alle due rive. Il fondo del suo letto, sotto la
spinta delle forze sotterranee, doveva essersi sollevato al livello delle due
rive. C'era perci motivo di pensare che l'alluvione non era affatto
passeggera. In quelle condizioni, come riprendere gli scavi su un suolo
sommerso da cinque-sei piedi di un'acqua corrente che sarebbe stato
impossibile deviare? Il nuovo no avrebbe continuato a scorrere verso
sud fino al punto in cui sarebbe divenuto tributario di un altro creek.
Quale notte d terrore e di angosce dovette passare la povera gente
colpita da quella catastrofe improvvisa! Avevano dovuto raggiungere le
alture per non essere travolti dalla piena. Non avevano alcun riparo, e
la tempesta dur fino alle cinque del mattino. I fulmini colpirono pi
volte i boschi di betulle e di tremole dove le famiglie si erano rifugiate.
Allo stesso tempo, una pioggia torrenziale, mescolata a chicchi di
grandine, cadde senza interruzione. Se Lorique non avesse indicato una
grotta scavata nella scarpata di destra risalendo il vallone, e dove lui e
Summy Skim trasportarono Ben Raddle, non avrebbero trovato rifugio
da nessuna parte.
Si pu facilmente immaginare a quali pensieri dovevano
abbandonarsi! Cos, era per essere vittime d quel disastro che i due cugini
non si erano tirati indietro di fronte a un tale viaggio nel Klondike! Tutti
i loro sforzi sarebbero finiti in pura perdita! Non avrebbero potuto
ricavare pi nulla dall'eredit di loro zio, nemmeno quel che lo
sfruttamento aveva prodotto in sei settimane. Delle pepite, della polvere
d'oro raccolta dalla ripresa dei lavori sotto la direzione dell'ingegnere,
non restava pi nulla. La baracca di Lorique, dopo essere crollata, era stata
travolta dall'alluvione. Non era stato possibile salvarne alcun oggetto, e al
momento i suoi resti andavano alla deriva nella corrente del rio.
Del resto, quando la tempesta fin, Summy Skim e il capomastro,
lasciando la grotta per pochi istanti, poich non volevano lasciare da
solo Ben Raddle, poterono constatare la portata del disastro. Il 127,
come il 129, era scomparso sotto le acque. Quanto a Hunter e Malone,
Summy Skim non si preoccupava per nulla di quel che era loro successo.
In ogni caso, e per parlare solo di ci che li concerneva, la questione della
frontiera pareva essere risolta. Che il centoquarantunesimo meridiano
fosse riportato pi a est o pi ad ovest, poco importava per i due claims.
Che il territorio fosse canadese o alaskano, non cambiava niente. Un
nuovo creek scorreva sulla sua superficie, ecco tutto.
Quanto alle vittime del terremoto, se il loro numero fosse elevato
si sarebbe saputo solo dopo un'inchiesta. Sicuramente delle famiglie
dovevano essere state sorprese, sia dalle scosse del suolo sia
dall'alluvione, nelle loro baracche o nelle loro capanne, e c'era da temere
che la maggior parte fosse morta senza aver avuto il tempo di scappare.
Ben Raddle, Summy Skim e Lorique erano sfuggiti per miracolo, e per di
pi l'ingegnere non ne era uscito sano e salvo.
Ormai a Summy Skim non restava altro da fare che tornare a Dawson
City, e preoccuparsi dei mezzi per trasportarvi Ben Raddle nel pi
breve tempo possibile.
ovvio che della faccenda Hunter-Skim non si parlava pi.
L'appuntamento per il duello del giorno dopo cadeva da s. Altri
impegni tenevano occupati i due avversari, che forse non si sarebbero
mai pi ritrovati l'uno di fronte all'altro.
E poi quando il sole illumin il teatro di quel disastro, nessuno dei
due texani fu avvistato. Della casa che occupavano all'imboccatura
del vallone, attraverso cui scorreva adesso il nuovo ramo del Forty
Miles Creek, non restava pi nulla. Quanto al claim 127, era sommerso
dall'alluvione, come il 129 e tutti quelli circostanti sulla destra del
creek. Dell'attrezzatura piantata sulla loro superficie, rockers, sluices o
pompe, non rimaneva traccia. La corrente scendeva tanto pi
rapidamente in quanto la tempesta del giorno prima aveva ingrossato le
acque, e la fuoriuscita d'acqua sulla riva destra non ne abbassava molto il
livello. E probabile che, senza quella circostanza, il fiume sarebbe
straripato anche sulla riva sinistra, e i danni sarebbero stati notevolmente
superiori.
Quanto ai due texani, avevano potuto uscirne indenni o erano rimasti
vittime dell'alluvione? Non si sapeva niente, nemmeno del loro
personale. E d'altra parte, ripetiamo, Summy Skim non se ne
preoccupava per nulla. Il suo solo pensiero era di riportare Ben Raddle
a Dawson City, dove non gli sarebbero mancate le cure, di aspettare l
che si ristabilisse e, se era ancora tempo, di rimettersi in cammino per
Skagway, per Vancouver, per Montreal. Lui e Ben Raddle non avevano
pi nessun motivo di prolungare il loro soggiorno in Klondike. Il 129
non avrebbe pi avuto acquirenti, dal momento che giaceva sotto sette
o otto piedi di acqua. La cosa migliore sarebbe stata dunque lasciare al
pi presto possibile quell'abominevole paese, dove diceva Summy
Skim non senza qualche ragione, della gente sana di mente e di corpo
non avrebbe mai dovuto mettere piede.
Ma al centro delle sue riflessioni pi penose, c'era la paura, molto
naturale, che la guarigione di Ben Raddle esigesse parecchie settimane.
La prima met del mese di agosto stava infatti per finire. La seconda
non sarebbe terminata senza che l'inverno, cos precoce a quell'alta
latitudine, fosse arrivato, e avesse reso impraticabile la traversata delle
regioni lacustri e il valico del Chilkoot. Lo Yukon stesso non avrebbe
tardato a diventare non navigabile, e gli ultimi steamboats sarebbero
partiti per discenderlo fino alla foce.
Ora, la prospettiva di restare sette o otto mesi seppelliti sotto le nevi
del Klondike, con freddi di cinquanta o sessanta gradi sotto zero, tutto
era fuorch piacevole. Perci, senza perdere un giorno, bisognava
rientrare a Dawson City, affidare Ben Raddle alle cure del dottor Pilcox,
metterlo nelle mani di suor Marta e suor Maddalena, facendo di tutto
per permettergli di ristabilirsi nel pi breve tempo possibile.
E, in primo luogo, dovette preoccuparsi dei mezzi di trasporto. Per
fortuna Neluto ritrov la sua carretta intatta, poich l'aveva messa al
riparo su un rilievo fuori dalla portata delle acque. Quanto al cavallo,
che pascolava in libert, preso dallo spavento, aveva ridisceso il
pendio del vallone, ritornando cos dal suo padrone.
Allora partiamo, partiamo subito ripeteva Summy Skim..
S rispose Ben Raddle, e sono molto pentito di averti coinvolto
in questa triste vicenda
Non si tratta di me, ma di te replic Summy Skim. Ti fasceremo la
gamba il meglio possibile, ti distenderemo nella carretta su un buono
strato di erba secca. Salir con Neluto, e Lorique ci raggiunger a
Dawson City come potr. Terremo un'andatura tanto veloce no,
voglio dire tanto lenta quanto sar necessario per evitare i sobbalzi. Una
volta entrato nell'ospedale non avrai pi niente da temere. Il dottor Pilcox
ti rimetter in piedi, e voglia il cielo che possiamo ripartire prima
dell'inverno.
Mio caro Summy disse allora Ben Raddle, possibile che la mia
guarigione richieda parecchi mesi, e capisco quale fretta tu debba avere
di tornare a Montreal Perch non dovresti partire?
Questo mai replic Summy Skim. Piuttosto mi farei rompere
una gamba, cos il dottor Pilcox ne avrebbe due da aggiustarne invece
di una!
Quel giorno stesso, attraverso le strade ingombre di gente che andava
a cercare lavoro su altri giacimenti, la carretta che trasportava Ben
Raddle si mise in cammino per Fort Cudahy. Seguiva la riva destra del
Forty Miles Creek, a valle del punto da cui partiva la ramificazione
verso sud. Lungo il fiume erano in funzionamento i claims che non
erano stati colpiti dall'alluvione. Alcuni tuttavia, anche se non erano
stati invasi dalle acque, non erano pi sfruttabili in quel momento.
Sconvolti dal terremoto che si era fatto sentire fino a cinque o sei
chilometri dalla frontiera, avevano un aspetto pietoso, con l'attrezzatura
in pezzi, i pozzi riempiti, i pali abbattuti, le baracche distrutte. Ma
insomma non era la rovina completa, e i lavori avrebbero potuto
essere ripresi senza lunghe interruzioni.
La carretta non procedeva velocemente, perch i sobbalzi su quelle
strade dissestate causavano forti sofferenze al ferito. Peraltro non fu
difficile procurarsi rifornimenti, pagandoli cari per i giacimenti
erano stati da poco provvisti di viveri dalle societ del Klondike.
Due giorni dopo il veicolo si ferm a Fort Cudahy.
Summy Skim non risparmiava certo nessuna cura al ferito, ma non
sarebbe stato in grado di ridurre la frattura alla gamba. D'altra parte,
Ben Raddle, nonostante le sue sofferenze fossero acute, le sopportava
senza lamentarsi.
Purtroppo, non c'era nessun medico a Fort Cudahy, cos come a
Fort Reliance, dove la carretta arriv quarantott'ore dopo.
Summy Skim si preoccupava a ragione, temendo che la situazione
di suo cugino peggiorasse col tempo e la mancanza di medicazione.
Vedeva bene che Ben Raddle, per non allarmarlo inutilmente, si
tratteneva; ma a volte gli sfuggivano delle urla di dolore, e di certo
era in preda a violenti accessi di febbre.
Fu perci necessario rimettersi in cammino e risalire la riva destra
dello Yukon, che conduceva pi direttamente alla capitale del
Klondike. Solo l Ben Raddle avrebbe potuto essere curato
nell'ospedale di Dawson City. Dopo altri due giorni di cammino, fu
finalmente ricoverato nel pomeriggio del 16 agosto.
Ci si pu immaginare il dolore che provarono suor Marta e suor
Maddalena, quando videro il loro compatriota in quello stato. Egli le
riconobbe appena, dato che una febbre ardente gli causava il delirio.
In poche parole Summy Skim inform loro e la superiora di quel che
era successo. Il malato fu collocato in una stanzetta appartata, e
venne chiamato in fretta il dottor Pilcox.
E Summy Skim ripeteva alle due suore: Vedete, sorelle, che,
quando vi portavamo a Dawson City, avevo ragione a dire che
avremmo avuto un interesse personale!.
Signor Skim rispose suor Marta, vostro cugino sar trattato
come il pi caro dei nostri malati, e guarito quando piacer a
Dio
Allora, sorella, piaccia a Dio che sia il pi presto possibile, e
prima che l'inverno ci impedisca di ripartire!
Il dottor Pilcox, mandato immediatamente a chiamare all'ospedale,
si present un'ora dopo l'arrivo di Ben Raddle.
La notizia del terremoto in quella regione del Forty Miles Creek
era arrivata da qualche giorno a Dawson City, e si sapeva che una
trentina di persone ne erano rimaste vittime. Ma il dottor Pilcox non
poteva pensare che una di queste fosse l'ingegnere.
Come! esclam con la sua consueta loquacit Siete voi, signor
Raddle con una gamba rotta!
S dottore, e il mio povero Ben soffre spaventosamente
rispose Summy Skim.
Vediamo vediamo non sar nulla riprese il dottore: gli
rimetteremo a posto la gamba! Ha pi bisogno di un chirurgo che
di un medico anzi di un conciaossa! State tranquillo, gliela
rimetteremo in sesto! e per benino!.
Il dottore esamin Ben Raddle. Disteso sul letto, aveva ripreso
completamente conoscenza, ma soffriva molto. Fu constatato che
aveva solo una frattura semplice sotto al ginocchio frattura che il
dottore ridusse con molta abilit; poi la gamba fu collocata in un
apparecchio che ne assicur la completa immobilit, e il dottore
disse: Mio caro cliente, sarete ancora pi solido di prima, e avrete
delle gambe di cervo o di orignal una almeno.
Ma quando? domand Summy Skim.
Fra un mese o sei settimane Capite, signor Skim, delle ossa
non si saldano come due pezzi di ferro scaldati al calor bianco!
No! Ci vuole tempo, come in ogni cosa
Il tempo! il tempo! mormorava Summy Skim.
Che volete farci replic il dottor Pilcox, la natura che opera,
e come sapete non ha mai fretta, la natura! E proprio per questo che
ha inventato la pazienza
E la rassegnazione aggiunse suor Maddalena.
Rassegnarsi, ecco la cosa migliore che avrebbe potuto fare Summy
Skim! E vedeva bene che l'inverno sarebbe arrivato prima che Ben
Raddle fosse stato rimesso in piedi! E poi ci si pu fare un'idea di un
paese dove l'inverno comincia dalle prime settimane di settembre, e
che inverno, con le sue nevi e i suoi ghiacci che rendono
impraticabile tutta la regione! E in che modo Ben Raddle, a meno di
non essere completamente guarito, avrebbe potuto affrontare le
fatiche di un simile viaggio, per di pi con le basse temperature del
Klondike, valicare il passo del Chilkoot per andare a imbarcarsi a
Skagway sugli steamboais per Vancouver?. .. Quanto a quelli che
discendono lo Yukon fino a Saint Michel, l'ultimo sarebbe partito una
quindicina di giorni dopo, lasciandosi alle spalle i primi ghiacci in
formazione!
Appunto il 20 di quel mese, lo Scout, dopo varie guide effettuate
durante quella campagna, ritorn a Dawson City.
La prima cosa che fece Bill Stell fu informarsi se i signori Ben
Raddle e Summy Skim avevano terminato l'affare relativo al claim
129, se ne avevano ceduto la propriet, e se si preparavano a
rimettersi in cammino per Montreal.
Non poteva far meglio che rivolgersi alle due suore, e si rec
all'ospedale.
Quale fu la sua sorpresa, quando apprese che Ben Raddle era in
cura e si sarebbe ristabilito solo sei settimane dopo.
E quando si trov di fronte a Summy Skim: S Bill gli disse
questi, ecco come siamo ridotti! Non solo non abbiamo venduto il
129, ma non c' pi un 129! E non solo non c' pi un 129, ma
impossibile lasciare quest'orribile Klondike per rientrare in un paese
abitabile!
Lo Scout apprese allora, poich non ne sapeva nulla, della
catastrofe di cui la regione del Forty Miles Creek era stata teatro, e
come in quella circostanza Ben Raddle fosse rimasto gravemente
ferito.
Ed questa la cosa peggiore afferm Summy Skim, perch
dopo tutto avremmo tranquillamente portato il nostro lutto per il 129,
non ci tenevo proprio al 129, e che idea ha avuto lo zio J osias di
acquistare quel 129 e di morire per lasciarci quel 129!
Bisognava sentire Summy Skim mentre pronunciava quel numero,
quell'uno seguito da un due e da un nove, che aveva preso in
orrore!
Ah! Bill esclam, se il povero Ben non ne fosse stato vittima,
come avrei benedetto quel terremoto! Ci avrebbe sbarazzato di
un'eredit ingombrante! Niente claims, niente sfruttamento, e mio
cugino sarebbe stato finalmente costretto a rinunciare a farsi
prospettore e anche a trattare con qualsiasi societ!
Ma allora chiese lo Scout, passerete tutto l'inverno a Dawson
City?
Vale a dire al Polo Nord! replic Summy Skim.
Sicch io riprese Bill Stell, che venivo con i miei uomini a
riprendervi
Non ci riprenderete, Bill, e ripartirete da solo
Con Neluto, almeno?
No, perch quel buon indiano mi ha promesso di restare con
noi
Va bene disse lo Scout, ma non posso aspettare oltre il primo
settembre per mettermi in cammino, se voglio tornare a Skagway
Quindi ripartirete, mio caro Bill disse Summy Skim, con un
accento rassegnato che sapeva di disperazione.
Cos avvenne a quella data, dopo che lo Scout ebbe preso congedo
dai due canadesi promettendo di venire a riprenderli al ritorno della
primavera.
S fra otto mesi! aveva mormorato l'indispettito Summy
Skim.
Nel frattempo, la cura di Ben Raddle seguiva il suo corso regolare.
Non era sopraggiunta alcuna complicazione. 11 dottor Pilcox si
dichiarava pi soddisfatto che mai. La gamba del suo cliente sarebbe
stata solo pi solida, e da sola gli sarebbe valsa per due, ripeteva.
Del resto, Ben Raddle, ben assistito dalle due suore, sopportava la
situazione con pazienza. Mentre suo cugino andava a caccia con il
fedele Neluto, quando il tempo lo permetteva, si teneva informato
degli affari di Dawson City e delle nuove scoperte nelle regioni
aurifere. E come non avrebbe potuto essere ben informato con
giornali come Il sole dello Yukon, Il sole di mezzanotte, La pepita del
Klondike? Dal fatto che il 129 non esistesse pi conseguiva che non
ci fosse pi nulla da fare in quel paese? Non ci sarebbe stato qualche
altro claim da acquistare e poi da sfruttare? Con il suo istinto
d'ingegnere, aveva preso gusto ai lavori sul Forty Miles Creek Ma
si guardava bene dal parlarne a Summy Skim, che questa volta non
avrebbe potuto frenare la sua troppo giusta indignazione.
Insomma, come si vede, se la febbre provocata dalla ferita era
scomparsa, la febbre dell'oro quella febbre endemica che faceva tante
vittime non aveva affatto lasciato Ben Raddle, che non sembrava
vicino a guarigione. Non aspirava tanto al possesso del prezioso metallo
quanto al piacere di eseguire prospezioni su quei ricchi giacimenti!
E come avrebbe fatto la sua immaginazione a non essere eccitata dalle
notizie diffuse quotidianamente dai giornali a proposito dei claims di
montagna del Bonanza, dell'Eldorado, del Little Skookum! Qui si
lavavano fino a cento dollari per operaio e per ora! L si ricavavano
ottomila dollari da un buco lungo ventiquattro piedi e largo quattordici!
Una societ di Londra aveva appena acquistato due claims sul Bear e sul
Dominion al prezzo di un milione settecentocinquantamila franchi! Il
26 sull'Eldorado si cedeva per due milioni, e gli operai vi raccoglievano
ciascuno e ogni giorno fino a sessantamila franchi! Sul Dme, sullo
spartiacque tra il Klondike Rver e l'Indian River, il signor Ogilvie non
assicurava, con la sua grande competenza, che si sarebbero ricavati
centocinquanta milioni di franchi?
E tuttavia, a dispetto di questo miraggio, bisognava forse dimenticare
quanto il curato di Dawson City ripeteva a un francese, il signor Arnis
Semir, uno dei viaggiatori che hanno studiato meglio quelle regioni
aurifere?
Se voi, anche voi, prendete la febbre dell'oro nel corso del vostro
viaggio, dovete assicurarvi un letto nel mio ospedale. Vi affaticherete
troppo, soprattutto se trovate anche solo un po' d'oro, e ce n'
dappertutto nella regione. Naturalmente prenderete lo scorbuto. Per
duecentocinquanta franchi all'anno, vendo abbonamenti che danno
diritto a un letto e alle cure gratuite del medico. Me lo comprano tutti.
Ecco il vostro biglietto!
Quanto alle cure, a Ben Raddle, in ospedale, non erano certo
mancate. Ma la sua irresistibile passione non lo avrebbe trascinato
lontano da Dawson City, nelle nuove regioni dove venivano scoperti dei
giacimenti? Non vi avrebbe condiviso le sciagure di tanta gente che
moriva senza aver potuto fare ritorno? S, i giornali non facevano che
ripeterlo: il Klondike ha prodotto sette milioni e cinquecentomila
franchi, nel 1896, dodici milioni e cinquecentomila franchi nel 1897, e
questa somma non sar inferiore a trenta milioni di franchi nel 1898!
Nel frattempo, Summy Skim si era informato presso le autorit se i
texani Hunter e Malone erano stati rivisti dopo la catastrofe del Forty
Miles Creek.
Di certo n l'uno n l'altro erano tornati a Dawson City, dove la loro
presenza si sarebbe fatta notare come al solito con mille disordini. Li
si sarebbe incontrati nei casin, nelle case da gioco, in tutti i luoghi di
piacere dove occupavano il primo posto. Non era quello il periodo
dell'anno in cui coloro che restavano nella capitale del Klondike, invece
di tornare nel loro paese dopo aver fatto fortuna, preferivano aspettarvi
la prossima campagna? E l, in sette o otto mesi, essi lasciavano, in spese
eccessive di ogni genere, in enormi perdite ai vari giochi, il meglio dei
loro guadagni! Cos aveva gi fatto Hunter, cos avrebbe fatto ancora, se
fosse stato l. Ma nessuna notizia! Nessuno sapeva che cosa ne era stato
di lui e del suo compagno. Era possibile che fossero morti nel terremoto
del Forty Miles Creek, trascinati nei vortici del nuovo rio. Tuttavia,
poich nessuno degli americani che lavoravano sul 127 era stato
ritrovato, poich non era pensabile che fossero stati tutti vittime del
disastro, si poteva dedurre che Hunter e Malone fossero ripartiti con il
loro personale verso i giacimenti di Circle City e del Birch Creek, dove
avevano cominciato la loro campagna.
Alla met di ottobre, Ben Raddle Pot lasciare il letto, e il dottor
Pilcox non si stancava di mostrarsi orgoglioso di quella guarigione.
Certo le sue cure vi avevano contribuito, ma non pi di quelle di suor
Marta e di suor Maddalena. E tuttavia quelle suore piene di zelo non
avevano cessato di prodigarsi per gli altri malati che affollavano
l'ospedale e dei quali la maggior parte ne usciva solo per andare al
cimitero nel carro funebre tirato dai cani. Occorre peraltro dire che
anche se Ben Raddle era in piedi, doveva ancora prendere alcune
precauzioni, e non avrebbe potuto arrischiarsi nel viaggio da Dawson
City a Skagway. In ogni caso era troppo tardi. Le prime nevi invernali
cadevano abbondanti, i corsi d'acqua cominciavano a gelare, la
navigazione non sarebbe pi stata praticabile n sullo Yukon n sui
laghi.
Summy Skim sapeva bene che era condannato a passare nel
Klondike quell'intero inverno di sette o otto mesi. Fin da allora la media
della temperatura arrivava a quindici grad sotto zero, nell'attesa che
cadesse a cinquanta o sessanta.
I due cugini avevano perci scelto una camera in un albergo di Front
Street, e pranzavano al French Royal Restaurant, a prezzi esorbitanti, senza
peraltro concedersi dei polli a centocinquanta franchi al paio.
E quando Summy Skim diceva a volte scuotendo la testa: La cosa pi
seccante che non abbiamo potuto lasciare Dawson City prima
dell'inverno!.
Ben Raddle si contentava di rispondere: La cosa pi seccante non
aver venduto il nostro claim prima della catastrofe e, cosa forse ancora
pi seccante, non poter continuarne lo sfruttamento!.
A quel punto, per non incominciare una discussione perfettamente
inutile, Summy Skim prendeva il fucile, chiamava Neluto e partiva per
la caccia nei dintorni della citt.
Occorre segnalare che anche Lorique era tornato a Dawson City
qualche giorno dopo l'arrivo di Ben Raddle, che insieme si
abbandonavano a lunghe conversazioni, e si indovina facilmente di che
cosa dovevano parlare l'ingegnere e il capomastro, che andavano
perfettamente d'accordo sull'unica questione all'ordine del giorno.
Trascorse un altro mese. Le oscillazioni della colonna del termometro
erano davvero straordinarie. Scendeva a trenta o quaranta gradi e risaliva
a quindici o dieci sotto zero secondo la direzione del vento. Il [freddo]
84

seguiva alle bufere di neve.
Tutte le volte che il tempo lo consentiva, Summy Skim andava a
caccia con Neluto, ed ebbe l'occasione di abbattere parecchi orsi che il
freddo cacciava dalle montagne verso la citt.
Un giorno, il 17 novembre, Neluto e lui si trovavano a circa una lega
a nord di Dawson City, Avevano fatto buona caccia e si preparavano a
ritornare, quando l'indiano si ferm, e indicando un albero a una
cinquantina di passi da un rio, disse:
Un uomo laggi
Un uomo? fece Summy Skim.
E in effetti, ai piedi d una betulla, un uomo era disteso sulla neve.
Non faceva alcun movimento. Poteva essere morto, morto di freddo,
perch la temperatura era molto bassa.
Summy Skim e Neluto corsero verso di lui. Era un uomo di una
quarantina d'anni, con la barba lunga, gli occhi chiusi, il cui viso recava
segni di grande sofferenza. Tuttavia, respirava ancora, ma cos
debolmente che forse era arrivato all'ultimo respiro.
Summy Skim aveva scostato il cappotto di pelliccia di cui
quell'uomo era vestito, e in una delle tasche, trov un portafogli di cuoio
che conteneva numerose lettere. L'indirizzo recava: signor J acques
Laurier, con il timbro di Parigi.

84
Il manoscritto lacunoso. Si adotta l'integrazione, non sicura, dell'editore
francese.
Un francese! esclam Summy Skim.
Un istante dopo, l'uomo era sistemato nella carretta che si dirigeva
a tutta velocit verso la capitale del Klondike.
II
LA STORIA DEL MORIBONDO
Quel giorno, nel pomeriggio, la carretta di Summy Skim si ferm
davanti alla porta dell'ospedale. L'uomo che trasportava fu introdotto in
una delle sale con una trentina di letti, e deposto nella stanzetta attigua,
che Ben Raddle aveva occupato fino alla guarigione.
In quella stanza, il malato non avrebbe dovuto soffrire della
vicinanza degli altri ricoverati. Summy Skim era intervenuto, dicendo
alla superiora: E un francese, quasi un compatriota! Quello che avete
fatto per Ben, vi chiedo di farlo per lui, e spero che il dottor Pilcox lo
guarir come ha guarito mio cugino!.
Suor Marta e suor Maddalena si erano fatte tramite della richiesta, e
Jacques Laurier riposava ora su un letto presso il quale il dottore non
tard a recarsi.
Ben Raddle, avvertito da Neluto, si era affrettato a venire, e fu
presente alla prima visita del dottore.
Il francese non aveva ripreso conoscenza, e i suoi occhi restavano
chiusi. Il dottor Pilcox constat che il polso era molto debole, la
respirazione appena avvertibile. Non osserv nessuna ferita su quel
corpo spaventosamente dimagrito dalle privazioni, gli stenti, la debolezza.
Nessun dubbio che il disgraziato fosse caduto dallo sfinimento vicino
all'albero ai cui piedi Summy Skim l'aveva incontrato, nessun dubbio
nemmeno che fosse stato colpito da congestione per il freddo, per aver
passato la notte senza riparo e senza soccorso.
Quest'uomo mezzo congelato disse il dottor Pilcox.
Fu avvolto in coperte, gli fecero prendere delle bevande calde, venne
sottoposto a delle frizioni per ristabilire la circolazione. Tutto quello che
c'era da fare fu fatto. Vani sforzi che non poterono farlo uscire dallo
stato di prostrazione in cui si trovava n fargli riprendere conoscenza.
Eppure Summy Skim non aveva portato un cadavere; ma il
disgraziato si sarebbe rimesso? Su questo punto il dottor Pilcox
rifiutava di pronunciarsi.
J acques Laurier, come si detto, era il nome del francese scritto
sull'indirizzo delle lettere trovate nel suo portafogli. La pi recente
recava gi la data di cinque mesi prima, ed era arrivata da Nantes. La
madre scriveva a suo figlio, Dawson City, Klondike, aspettava una
risposta che forse non era stata data
Le lettere furono lette da Summy Skim e Ben Raddle. Fornivano
alcune indicazioni sul destinatario, e se lui fosse morto, non avrebbero
forse dovuto scrivere alla sua povera madre che non lo avrebbe pi
rivisto?
Quel che si Pot stabilire da quelle lettere, in tutto quattro, che
Jacques Laurier aveva lasciato l'Europa gi da due anni. Ma non si era
recato direttamente in Klondike per esercitarci il mestiere di prospettore.
Alcuni indirizzi mostravano che aveva dovuto cercare fortuna in un
primo momento sui giacimenti auriferi dell'Ontario e della Columbia
britannica. Poi, certo attirato dalle prodigiose notizie dei giornali di
Dawson City, si era unito alla folla dei minatori. Del resto, non
sembrava che fosse stato proprietario di un claim, dato che il suo
portafogli non conteneva alcun titolo di propriet. Tuttavia, insieme a
quelle poche lettere si trovava un foglio che attir in particolare
l'attenzione di Ben Raddle.
Era lo schizzo a matita di una mappa, dove le linee, tracciate
abbastanza irregolarmente, disegnavano un corso d'acqua in cui si
gettavano alcuni tributari, e che si dirigeva verso ovest. Cos si poteva
pensare, almeno, dato l'orientamento normale di quella mappa. Tuttavia
non sembrava che quel corso d'acqua potesse essere lo Yukon o il suo
affluente Klondike River. Un numero, posto sull'angolo dello schizzo,
rilevava una latitudine pi elevata, al di sopra del Circolo polare
artico. Se perci quella mappa s riferiva a una delle regioni del
Dominion, quella regione era attraversata dal sessantottesimo
meridiano. Mancava per l'indicazione della longitudine. Di qui
l'impossibilit di sapere in quale parte del Nord America doveva essere
situata.
Era dunque verso quella zona che si dirigeva Jacques Laurier, o ne
ritornava, quando Summy Skim l'aveva incontrato nelle vicinanze di
Dawson City? Non lo si sarebbe mai saputo, se la morte avesse portato
via quel povero francese prima che avesse ripreso conoscenza.
Del resto, senza dubbio apparteneva a una famiglia di un certo rango
sociale. Le lettere della madre, scritte in buono stile, ne erano una
testimonianza certa. Non era affatto un operaio, ma per quali
vicissitudini, per quali disgrazie era passato per arrivare a quella miseria,
a quella sofferenza che sarebbe certo finita su quel letto d'ospedale?
Trascorsero alcuni giorni, e malgrado le medicine del dottor Pilcox,
malgrado le cure delle suore, Jacques Laurier poteva appena rispondere
alle domande che gli rivolgeva Ben Raddle. Ci si chiedeva anzi se fosse
ancora in possesso di tutte le sue facolt mentali, e chi sa se la ragione
aveva resistito alle prove d quell'esistenza avventurosa che fa tante
vittime nell'ambiente dei cercatori d'oro!
E quando al dottor Pilcox fu rivolta una domanda su quest'argomento:
C' pericolo rispose, che la mente del nostro malato sia stata
fortemente scossa Quando suoi occhi si aprono un poco, colgo uno
sguardo perso che mi spaventa!
Ma le sue condizioni fisiche domand Summy Skim, non
migliorano?
No, fino ad ora dichiar il dottore, e mi sembrano gravi come
le condizioni mentali.
Eppure lo salverete, quel povero francese! ripeterono suor
Marta e suor Maddalena.
Mi ci metter d'impegnorispose il dottore, ma ho poca
speranza.
E se il dottor Pilcox, cos fiducioso di solito, teneva un tale
linguaggio, voleva dire che non giudicava possibile la guarigione di
J acques Laurier.
Tuttavia Ben Raddle non voleva disperare. A sentire lui, col tempo
si sarebbe verificata una reazione. Anche se J acques Laurier non
avesse dovuto ritornare sano, avrebbe ritrovato almeno le sue facolt
mentali, avrebbe parlato, avrebbe risposto Avrebbero saputo da lui
dove andava, da dove veniva Avrebbero scritto a sua madre Se
doveva morire, avrebbe dettato le sue ultime volont e, morendo,
avrebbe avuto la consolazione di dirsi che queste sarebbero state
fedelmente eseguite. Avrebbe saputo che degli amici, quasi dei
compatrioti, avrebbero vegliato al suo capezzale!
In effetti, si sarebbe quasi potuto pensare che il dottor Pilcox
aveva dubitato troppo dell'efficacia delle sue cure. Due giorni dopo,
sembr che la reazione attesa con tanta impazienza da Ben Raddle
cominciasse a verificarsi. Lo stato di prostrazione in cui si trovava
J acques Laurier parve meno completo. I suoi occhi rimanevano aperti
pi a lungo. Guardava con uno sguardo pi fisso. S! Di certo i suoi
occhi interrogavano, esprimendo sorpresa a vedere quella camera, le
persone riunite intorno al letto, il dottore, Ben Raddle e Summy
Skim, le due suore Parevano dire: Dove sono? Chi siete?.
Ma si avvertiva che si sarebbero richiusi molto presto che si
trattava solo di un barlume, di una delle ultime reazioni della vita
contro un annullamento prossimo che quello sfortunato era alle
soglie della morte
Il dottore scuoteva perci la testa, da uomo che non poteva
ingannarsi. Se la coscienza si riaccendeva, era proprio un istante
prima di spegnersi.
Suor Marta si era chinata sul capezzale, e a voce molto bassa,
interrotta da sospiri e appena avvertibile, J acques Laurier mormor
qualche parola, cui fu risposto: Siete in una stanza d'ospedale.
Dove? continu il malato tentando di rialzarsi.
Ben Raddle allora lo sostenne, e disse: A Dawson City Sei
giorni fa vi abbiamo trovato sulla strada disteso senza
conoscenza e vi abbiamo portato qui.
Le palpebre di J acques Laurier si abbassarono per alcuni minuti.
Sembrava che quello sforzo l'avesse sfinito. Il dottore gli fece
prendere parecchie gocce di un cordiale, che riport il sangue alle sue
guance scolorite, e la parola alle sue labbra.
Chi siete? domand.
Dei franco-canadesi rispose Summy Skim, degli amici della
Francia Abbiate fiducia le nostre cure vi salveranno!
Una specie di sorriso si disegn sulla bocca del malato e si ud
qualche debole grazie. Poi ricadde sul suo cuscino, e secondo le
istruzioni del dottore, non gli furono rivolte altre domande. Era
meglio lasciarlo riposare. Avrebbero vegliato al suo capezzale,
sarebbero stati pronti a rispondergli appena avesse ripreso forze
sufficienti per parlare. Ma forse sentiva che la sua fine era vicina,
perch alcune lacrime gli bagnavano gli occhi.
Seguirono due giorni senza aggravamento n miglioramento nelle
condizioni di J acques Laurier. La sua debolezza era sempre la stessa,
e si poteva temere che gli fosse impossibile reagire. Tuttavia, a lunghi
intervalli, raccogliendo i suoi sforzi, Pot parlare di nuovo,
rispondere a domande che sembrava sollecitare. Si sentiva che aveva
molte cose da dire e che voleva dirle.
Ben Raddle non lo lasciava pi. Si tratteneva sempre l, pronto ad
ascoltarlo. E in questo modo riusc a conoscere la storia di quel
francese, sia da quel che gli raccont J acques Laurier, che da quel che
colse nei momenti di delirio. Pareva tuttavia che ci fossero alcune
circostanze sulle quali esitava a spiegarsi, che avesse un segreto che
non avrebbe rivelato, finch avesse creduto di avere qualche
possibilit di sfuggire alla morte.
Ed ecco, tralasciando i dettagli, qual era stato il suo passato.
J acques Laurier aveva quarantadue anni, una costituzione robusta,
e doveva aver subito delle prove spaventose per essere ridotto a quel
punto.
Era bretone, nato a Nantes, dove abitava ancora sua madre, che
viveva della magra pensione di vedova ereditata alla morte del marito,
un ufficiale di fanteria che non aveva mai superato il grado di capitano.
Jacques Laurier aveva una passione per il mestiere di marinaio. Una
grave malattia, nel periodo in cui avrebbe dovuto sostenere gli esami per
entrare alla scuola navale, lo blocc ai primi passi di questa carriera.
Avendo superato l'et regolamentare, dovette impiegarsi come allievo
pilota a bordo di una nave mercantile, e dopo due viaggi in Australia a
Melbourne, e in California a San Francisco, fu promosso capitano di
lungo corso. A questo titolo entr come sottotenente ausiliario di
vascello nella marina, con la speranza di ottenere il grado di sottotenente
di vascello.
Il suo servizio dur tre anni. Ma era in ritardo sui suoi compagni usciti
dal Borda.
85
Cap che, a meno che gli capitasse una di quelle occasioni
rare in cui pu distinguersi un marinaio, sarebbe rimasto sempre

85
Cos si chiam, fra il 1840 e il 1913, la Scuola Navale Francese (da Charles de Borda,
matematico e marinaio, 1733-1799).
indietro. Diede le dimissioni, e cerc di farsi una posizione nel
commercio su una delle navi che facevano base nel porto di Nantes.
Era difficile ottenere un comando, e dovette accontentarsi del
grado di secondo su un veliero a destinazione dei mari del Sud.
Trascorsero quattro anni. Aveva allora ventinove anni. Suo padre
era appena morto, lasciando, come detto, la signora Laurier in
condizioni alquanto precarie. Jacques Laurier tent invano di passare da
secondo a capitano della marina mercantile. Non possedeva i fondi
necessari per avere una quota di partecipazione nella nave di cui
chiedeva il comando, come si fa solitamente. Restando secondo, quale
avvenire mediocre gli si apriva davanti, e come sarebbe arrivato a quella
condizione agiata, per quanto modesta, che sognava per sua madre?!
S soprattutto per lei!
I suoi viaggi di lungo corso l'avevano portato in quelle regioni
dell'Australia e della California dove i giacimenti auriferi attirarono tanti
emigranti. Come sempre, un numero molto ridotto si arricch, la
maggior parte and incontro solo a rovina e sofferenze. E tuttavia
Jacques Laurier, abbagliato come tanti altri, decise di fare fortuna sulla
strada tanto pericolosa dei cercatori d'oro.
Proprio in quel periodo, l'attenzione del mondo intero era stata
attirata sulle miniere del Dominion, anche prima che le sue ricchezze
metalliche si fossero accresciute in maniera cos impressionante in
seguito alle scoperte del Klondike. In altre regioni meno lontane, pi
facilmente accessibili, il Canada possedeva territori auriferi dove lo
sfruttamento veniva effettuato in condizioni migliori, senza essere
interrotto dai terribili inverni della regione dello Yukon: cos nelle
zone dell'Ontario e della Columbia inglese. Una di quelle miniere, forse
la pi importante, Le Roi, acquistata nel 1890 al prezzo irrisorio di tre
soldi per azione, produceva in due anni quattro milioni e
cinquecentomila franchi di dividendi, ed ancor oggi distribuisce
cinquecentomila franchi di utili mensili.
J acques Laurier entr appunto al servizio di quella societ. Ma chi
d in affitto il proprio lavoro intellettuale o manuale, di solito non si
arricchisce. Bisogna avere una partecipazione nell'affare, bisogna
figurare nella divisione degli utili. Ma non s diventa azionista senza
comprare azioni, e il denaro mancava a quel francese coraggioso e
forse troppo imprudente. Quel che sognava era una ricchezza ottenuta
rapidamente con un buon colpo di fortuna e come arrivarci
rimanendo uno degli impiegati, anzi degli operai, della Le Roi?
Si parlava allora delle nuove scoperte fatte sui territori bagnati dallo
Yukon. Il nome del Klondike seduceva come avevano fatto i nomi della
California, dell'Australia o del Transvaal. La folla dei minatori vi si
recava, e Jacques Laurier segu la folla.
Mentre lavorava sui giacimenti dell'Ontario, aveva conosciuto un
canadese di origine inglese, Harry Brown. Entrambi erano spinti dalla
stessa ambizione, divorati dalla stessa fame di successo. Fu anzi quel tale
Harry Brown a influenzare pi fortemente Jacques Laurier. Lo persuase
a lasciare la sua posizione per lanciarsi nell'ignoto quell'ignoto che in
generale riserva pi delusioni che vantaggi. Entrambi, con i pochi
risparmi di cui potevano disporre, si recarono a Dawson City.
Questa volta erano decisi a lavorare per proprio conto. Ma, s capisce,
sui giacimenti del Bonanza, dell'Eldorado, del Sixty Miles River o del
Forty Miles Creek, quand'anche questi non fossero saliti a prezzi
esorbitanti, non avrebbero trovato un posto libero. I claims erano gi
contesi a migliaia e migliaia di dollari. Bisognava andare pi lontano,
nel nord dell'Alaska o del Dominion, molto oltre il grande fiume,
dove alcuni coraggiosi prospettori segnalavano delle regioni aurifere.
Bisognava andare dove nessuno era ancora andato. Bisognava
scoprire qualche nuovo giacimento, la cui propriet sarebbe
appartenuta al primo occupante, e chi sa se non sarebbero stati
ricompensati da uno sfruttamento tanto redditizio quanto rapido?
Era appunto quel che si dicevano J acques Laurier e Harry Brown.
Senza attrezzatura, senza personale, dopo essersi assicurati con il
denaro che rimaneva loro diciotto mesi di sopravvivenza, lasciarono
Dawson City e, vivendo dei prodotti della loro caccia, si
avventurarono a nord dello Yukon attraverso la regione che si estende
oltre il Circolo polare artico.
L'estate era allora all'inizio, erano le prime settimane di giugno-
precisamente sei mesi prima del giorno in cui, in pieno inverno del
1897-98, J acques Laurier era stato ritrovato moribondo nei dintorni di
Dawson City. Fin dove la loro ricerca aveva condotto i due
avventurieri? Si erano spinti ai limiti del continente, sulle rive
dell'oceano glaciale? Qualche scoperta di giacimenti li aveva ripagati
di tanti sforzi uniti a tanti disagi? Non sembrava proprio, dato lo stato
di sfinimento e di miseria in cui fu ritrovato uno di loro! Ed era
solo Nessuna notizia del suo compagno? Harry Brown era morto
in quelle regioni lontane, visto che non era tornato con J acques
Laurier? S, ma se aveva trovato la morte ritornando verso Dawson
City, perch lui e il suo compagno erano stati attaccati lungo il
cammino dagli indiani erano stati derubati di una pepita di grande
valore che avevano trovato dove? J acques Laurier non lo
diceva
Fu l'ultima informazione che Ben Raddle Pot ottenere da lui. E
inoltre, tutta quella dolorosa storia, aveva potuto ricostruirla solo per
frammenti, quando un po' di lucidit tornava al malato, la cui
debolezza, come aveva previsto il dottor Pilcox, si aggravava di
giorno in giorno.
Quanto al risultato di quel tentativo, se era stato importante o
nullo, quanto alla regione raggiunta da J acques Laurier e Harry
Brown e da cui essi tornavano con la pepita rubata dagli indiani,
l'ingegnere non ne sapeva ancora niente, e forse non ne avrebbe mai
saputo di pi, perch il segreto rischiava di essere seppellito in una
tomba del cimitero di Dawson City, in cui il povero francese non
avrebbe tardato ad essere disteso!
E tuttavia, esisteva un documento anche se incompleto che
certo sarebbe stato completato dalla fine di quella storia. Era quello
schizzo trovato nel portafogli di J acques Laurier, di sicuro la mappa
della zona in cui lui e il suo compagno avevano passato la stagione
precedente. Che zona era? Dove correva quel creek la cui linea
sinuosa si disegnava da est a ovest? Era un affluente dello Yukon o
del Porcupine ? Occupava una parte dei territori della Compagnia
della Baia di Hudson che circondavano Fort Macpherson, verso la
foce del Mackensie, il grande fiume che va a gettarsi nel mare
artico? Quando Ben Raddle gli metteva sotto gli occhi quella
mappa probabilmente tracciata da lui, lo sguardo di J acques Laurier
si animava un momento; la riconosceva sembrava dire: S! l
proprio l!. E n Ben Raddle n il capomastro volevano dubitare
che in quel luogo egli avesse fatto qualche scoperta importante. Anzi
sembrava loro che, se anche avesse avuto la forza di parlare, il malato
non avrebbe voluto dire tutto quel che sapeva al riguardo. ..
S, in fondo a quell'anima pronta a lasciare il corpo sfinito, forse
restava ancora una speranza di tornare alla vita? Forse quel
disgraziato si diceva che non avrebbe perduto la ricompensa di tante
sofferenze, e che avrebbe rivisto sua madre cui avrebbe garantito
l'agiatezza per i giorni della sua vecchiaia? Forse pensava a
riprendere la campagna dopo l'inverno, appena fosse guarito?
Trascorsero parecchi giorni. Si era allora in pieno inverno. Pi
volte la temperatura si abbass fino a cinquanta gradi centigradi sotto
zero: un freddo secco. Era impossibile sfidarlo all'esterno. Le ore che
non dedicavano all'ospedale, i due cugini le passavano nella loro
stanza d'albergo. Talvolta, dopo essersi imbacuccati di pellicce fino
alla testa, si recavano in qualche casin o casa da gioco; ma non
giocavano. D'altra parte quei luoghi non erano molto frequentati,
poich la maggior parte dei minatori aveva raggiunto prima dei
grandi freddi, quando le strade erano ancora praticabili, Dyea,
Skagway o Vancouver. l che si giocava a faro e a monte con un
furore inconcepibile.
Forse anche Hunter e Malone si erano stabiliti per l'inverno in una
d quelle citt. Quel che certo che dopo la catastrofe del Forty
Miles Creek nessuno li aveva rivisti a Dawson City. Non sembrava,
d'altra parte, che fossero stati tra le vittime del terremoto, l'identit
delle quali fu accertata dalla polizia canadese e americana.
Va da s che durante quei giorni, spesso agitati da tempeste di
neve, Summy Skim e Neluto non potevano andare a caccia, con loro
vivo rimpianto, perch gli orsi venivano ad aggirarsi fino nei dintorni
di Dawson City.
Quanto alle malattie che si sviluppavano per influsso di quello
straordinario abbassamento della temperatura, decimavano
incessantemente la citt. L'ospedale non era pi sufficiente ad
accogliere i malati, immediatamente rimpiazzati non appena la morte
li aveva mandati al cimitero e il posto non avrebbe tardato a
liberarsi nella camera occupata da J acques Laurier.
Sicuramente non gli erano mancate le cure. Era oggetto di una
sollecitudine tutta particolare. Le suore si prodigavano per lui, il
dottor Pilcox impiegava tutti i mezzi per ridare le forze a quel povero
corpo sfinito. Ben Raddle e Summy Skim lo trattavano come un
compatriota. Ma egli non poteva pi sopportare alcun nutrimento, ed
era evidente che la sua vita se ne andava di giorno in giorno, si
sarebbe potuto dire di ora in ora.
IL 27 novembre, nella mattinata, J acques Laurier fu in preda a una
crisi violenta. Credettero che non ne sarebbe uscito. Si dibatteva e,
per quanto fosse debole, si dovettero prendere delle precauzioni per
trattenerlo sul letto. Dalla sua bocca uscivano quasi senza
interruzione queste parole:
L l il vulcano l'eruzione l'oro della lava d'oro!
Poi, come un'invocazione disperata, gridava: Madre mia madre
mia! E per te solo per te!.
Dopo un lungo affanno, l'agitazione si calm, e il disgraziato
cadde in uno stato di prostrazione. Solo un respiro leggero lasciava
intendere che era ancora in vita. Ma non sembrava che fosse entrato
in agonia. Certo, secondo il dottore, non avrebbe potuto sopportare
una seconda crisi di quel genere: si sarebbe conclusa nel suo ultimo
respiro.
Durante il pomeriggio, Ben Raddle era venuto a sedersi al
capezzale del malato. Non solo lo trov pi calmo, ma sembrava aver
ripreso interamente conoscenza. Si era verificato una specie di
miglioramento, come succede a volte all'avvicinarsi della morte.
J acques Laurier aveva riaperto gli occhi, e il suo sguardo, di una
singolare fissit, si diresse su Ben Raddle; Ben Raddle cui aveva
raccontato la sua esistenza avventurosa, Ben Raddle che gli aveva
spesso detto: Potete considerarci dei buoni amici degli amici che
non vi abbandoneranno Tutto quello che potremo fare per voi
per vostra madre lo faremo!.
E allora, dopo aver cercato con la sua mano la mano di Ben
Raddle, gli disse: Ascoltatemi bene sto per morire la mia vita
se ne sta andando lo sento.,..
No amico mio no! rispose l'ingegnere, le vostre forze si
ristabiliranno
Sto per morire ripet J acques Laurier. Avvicinatevi, signor
Raddle, ascoltate e ricordate bene quello che sto per dirvi!
E, con una voce che si indeboliva gradualmente, ma chiara la
voce di un uomo che non aveva la ragione alterata, che era in
possesso di tutte le sue facolt ecco quanto confid a Ben Raddle:
Quella mappa che mi avete trovato addosso che mi avete
mostrato mostratemela ancora una volta.
Ben Raddle acconsent a quella richiesta.
Questa mappa riprese J acques Laurier, quella della zona da
cui torno,.. L ci sono i giacimenti pi ricchi del mondo intero Non
si dovr neanche smuovere la terra per estrarre l'oro. Sar la terra
stessa che lo vomiter dalle sue viscere! S! L ho scoperto
una montagna, un vulcano che racchiude una immensa quantit
d'oro S! Un vulcano d'oro il Golden Mount
Un vulcano d'oro? rispose Ben Raddle, con un tono in cui
traspariva una certa incredulit.
Dovete credermi esclam J acques Laurier quasi con violenza, e
tentando di rialzarsi sul suo letto, dovete credermi, e se non per
voi, che sia per mia madre un'eredit che dividerete con lei! Sono
salito su quel monte. Sono sceso nel suo cratere spento pieno di
quarzo aurifero, di pepite Non c' che da raccoglierle
Dopo quello sforzo, il malato ricadde in una prostrazione da cui si
riebbe dopo qualche minuto. Il suo primo sguardo fu per l'ingegnere.
Bene mormor, siete qui sempre qui vicino a me voi mi
credete e voi andrete laggi laggi al Golden Mount!
La sua voce si abbassava sempre di pi, e Ben Raddle, che egli
tirava verso di s con la mano, si era chinato sul capezzale.
l nel punto segnato con una X sulla mappa nella zona, ..
vicino a quel creek, il Rubber, che si stacca dal ramo sinistro del
Mackensie proprio nel nord del Klondike un vulcano la cui
prossima eruzione lancer pepite le cui scorie sono di polvere d'oro
l l
E Jacques Laurier, alzato a met fra le braccia di Ben Raddle, tendeva
la sua mano tremante verso nord
Poi dalle sue labbra livide sfuggirono queste ultime parole: Per mia
madre ! Per mia madre !.
Una suprema convulsione l'agit, e ricadde sul letto.
Era morto.
III
LE CONSEGUENZE DI UNA RIVELAZIONE
Il funerale di quel povero francese si svolse l'indomani. Ben
Raddle e Summy Skim lo seguirono fino al cimitero, che gi accoglieva
tante vittime dell'emigrazione nei giacimenti del Klondike. Una croce di
legno con il nome di Jacques Laurier fu piantata sulla tomba, dopo le
ultime preghiere recitate da uno dei preti della chiesa di Dawson City.
Al ritorno, in conformit alle promesse che aveva fatto al
moribondo, Ben Raddle scrisse a Nantes, Bretagna, Francia, Europa, a
quella madre infelice che non doveva mai pi rivedete suo figlio.
Nessuno si stupir che il segreto del Golden Mount fosse tale da
mettere particolarmente in agitazione Ben Raddle. Neanche per un
attimo gli venne il dubbio che le rivelazioni di Jacques Laurier non si
fondassero su una base sicura. Non metteva in dubbio che sulle rive del
Rubber Creek, l'affluente del Mackensie, sorgesse una montagna
scoperta dal francese e dal suo compagno, nel nord del territorio
canadese. Ne avevano scoperto la conformazione geologica. Era come
un'enorme sacca d'oro, che un giorno o l'altro si sarebbe svuotata da
sola. Milioni di pepite sarebbero stati lanciati da un'eruzione, se questa
fosse avvenuta, e se non fosse avvenuta, se il vulcano era
definitivamente spento, non ci sarebbe stato altro da fare che
raccoglierle nel cratere del Golden Mount.
D'altra parte, a quanto pareva, nelle regioni bagnate dal Mackensie
e dai suoi affluenti esistevano ricchi giacimenti. Gli indiani, che
frequentavano quei territori vicini all'oceano artico, se non avevano
parlato della montagna che figurava sulla mappa di Jacques Laurier,
raccontavano per che da quelle parti i corsi d'acqua trasportavano oro
in quantit. Perci le societ progettavano di estendere le loro ricerche
fino alla parte del Dominion compresa tra il mare glaciale e il Circolo
polare. Alcuni prospettori meditavano gi di recarvisi per la prossima
campagna, e i primi arrivati sarebbero stati i privilegiati. E chi sa se
non sarebbero arrivati ai piedi di quel vulcano di cui Ben Raddle, grazie
alle confidenze di Jacques Laurier, era senza dubbio il solo a conoscere
l'esistenza.
Perci, come si pu immaginare, l'ingegnere voleva tenersi
informato su tutte le notizie che circolavano, e il capomastro Lorique
si interessava non meno di lui, non potendo rassegnarsi alla perdita del
claim del Forty Miles Creek. Perci molto spesso i due discutevano di
quell'argomento. Ma Ben Raddle era ancora indeciso se rivelare al
capomastro il segreto del Vulcano d'oro, e non ne avrebbe parlato
nemmeno a Summy Skim, se non dopo matura riflessione. Dopo tutto,
non c'era fretta. Erano trascorsi solo tre mesi, degli otto che dura la
stagione invernale nel Klondike,
Nel frattempo, la commissione rese noti i risultati dei lavori relativi
alla modifica della frontiera. In base ai suoi studi, svolti con grande
accuratezza, concludeva che i reclami non erano accettabili n da parte
degli Inglesi n da parte degli americani. Nessun errore era stato
commesso nel segnare la linea che doveva essere occupata dal
centoquarantunesimo meridiano a ovest di Greenwich. La frontiera tra
l'Alaska e il Dominion, tracciata con esattezza, non doveva essere
spostata n a ovest, a vantaggio dei canadesi, n a est a loro detrimento,
e i claims limitrofi non sarebbero stati soggetti ad alcuna modifica dal
punto di vista della loro nazionalit.
Abbiamo fatto un bel passo avanti! disse Summy Skim il giorno in
cui seppe la notizia. Poco importa che il 129 sia in territorio
americano o in territorio inglese, dal momento che non esiste pi
Esiste sotto il rio nato dal Forty Miles Creek rispose il capomastro
che non voleva rinunciare a tutte le speranze.
Bene Lorique, allora andate a sfruttarlo a cinque o sei piedi
sott'acqua. A meno che un secondo terremoto non venga a rimettere le
cose a posto!
Cos dicendo, e alzando le spalle, Summy Skim aggiunse: Del
resto, se Plutone e Nettuno devono ancora collaborare in Klondike, che
sia per farla finita una buona volta con questo paese spaventoso e per
sconvolgerlo e sommergerlo in modo che non vi si possa pi raccogliere
una sola pepita!.
Oh! signor Skim! fece il capomastro.
Fai male a parlare in tal modo, Summy! disse allora Ben Raddle.
No ho ragione, e il mondo non andrebbe avanti peggio se gli
venissero a mancare i milioni del Klondike!
Eh! replic Ben Raddle con l'aria di chi si trattiene dal dire pi di
quel che non vuole, in Canada non ci sono giacimenti solo nel
Klondike!
Allora ribatt Summy Skim scaldandosi un po', non escludo
dalla mia catastrofe quelli che si trovano altrove, in Alaska come nel
Dominion e per essere franco, nel mondo intero
Ma, signor Skim riprese il capomastro, l'oro l'oro
No, Lorique, non niente, e serve solo a imbrogliare la povera
gente mettendo in disordine i cervelli e facendo vittime a migliaia!
La conversazione avrebbe potuto continuare a lungo di questo passo,
senza alcun profitto per coloro che vi partecipavano. In ogni caso
Summy Skim la termin concludendo: Dopo tutto io mi occupo solo di
ci che ci riguarda e mi basta che il centoventinove sia sparito
cosicch non ci resta che rimetterci in cammino per Montreal.
E Summy Skim non immaginava che quel progetto potesse essere
ostacolato quando sarebbe venuto il momento di metterlo in pratica.
Ed era ancora lontano, quel momento, o piuttosto il periodo in cui i
due cugini avrebbero potuto intraprendere il viaggio di ritorno, sia
seguendo l'itinerario dei laghi fino a Vancouver, sia volendo scendere lo
Yukon fino alla sua foce. L'anno era appena finito. Mai Summy Skim
avrebbe dimenticato quella settimana di Natale. Sebbene il freddo fosse
costante sui venti gradi sotto zero, non per questo fu meno
insopportabile. Forse sarebbe stato meglio un abbassamento
considerevole di temperatura, con venti da nord intensi e secchi.
Durante quell'ultima settimana, le strade di Dawson City furono quasi
deserte. Nessuna illuminazione avrebbe potuto resistere allo
scatenamento delle bufere che ne rendevano inaccessibili tutte le vie, e
la neve vi si ammass per pi di sei piedi. Scendere in strada era
dunque impossibile per i veicoli e le bestie da tiro, e se il freddo avesse
ripreso la sua intensit consueta, picozza e piccone non sarebbero riusciti
a fare breccia in quelle masse accumulate: si sarebbe dovuto far ricorso
alle mine. In alcuni quartieri, quelli che costeggiavano le rive dello
Yukon e del Klondike River, molte case, bloccate fino al primo piano,
erano accessibili solo dalle finestre. Fortunatamente, quelle di Front
Street non furono raggiunte da questa morsa di ghiaccio, e i due cugini
avrebbero potuto uscire dall'albergo se la circolazione non fosse stata
assolutamente proibita. Ad avanzare di qualche passo all'esterno, si
sarebbe sprofondati nella neve fino al collo. Tali tempeste, conosciute
con il nome di blizzards, sono in effetti molto frequenti d'inverno in
tutto il Nord-America, ma non arrivano alla violenza che hanno nel
distretto dell'Alaska e dell'alto Dominion.
In quel periodo dell'anno, inoltre, il giorno durava solo poche ore.
Era gi tanto se il sole si mostrava appena fra mattina e pomeriggio, che
erano l'alba e il tramonto sulle colline che incorniciano la citt. Anche
quando sarebbero finite quelle burrasche, i suoi raggi non sarebbero
arrivati all'interno di Dawson City. La bufera lanciava dei fiocchi cos
fitti e spessi che la luce elettrica non avrebbe potuto penetrarli. La citt
era perci immersa in un'oscurit profonda per venti ore su
ventiquattro.
Le comunicazioni erano diventate impossibili, Summy Skim e Ben
Raddle restavano perci confinati nelle loro stanze. Il ca-pomastro e
Neluto, che si erano stabiliti insieme in una modesta locanda di uno
dei quartieri bassi, non poterono andarli a trovare come facevano di
consueto. Quanto a recarsi in ospedale, dove il dottor Pilcox aveva
dovuto stabilirsi fortunatamente per il servizio quotidiano i due
cugini non lo vedevano pi. Una volta Summy Skim tent di uscire
sfidando le raffiche, rischiando di rimanere seppellito sotto la neve, e
solo a fatica il personale del Northern Hotel riusc a tirarlo fuori sano e
salvo. Lo riportarono nella sua stanza, gli fecero delle frizioni, e quando
riprese conoscenza si mise a gridare: Tanto varrebbe aver passato
l'inverno al novantesimo grado d latitudine! Avremmo avuto almeno
la gloria di aver messo piede al polo Nord!.
Ovviamente i vari servizi non funzionavano pi nel Klondike. Le
lettere non arrivavano, i giornali non erano distribuiti, e certamente i
telegrammi gelavano correndo lungo i fili del telegrafo. Ci fu anche il
timore molto serio che la popolazione venisse a mancare di nutrimento.
Senza le scorte accumulate negli alberghi e nelle case dei privati, in
previsione di simili temibili eventualit, Dawson City avrebbe rischiato
di morire di fame. Inutile dire che i casin e le case da gioco erano
senza clienti. Mai la citt si era trovata in una situazione cos
allarmante, e le autorit non potevano farci niente. La residenza del
governatore era irraggiungibile, e tanto in territorio canadese quanto
in territorio americano era cessata ogni comunicazione
amministrativa. Quanto alle vittime che le epidemie mietevano ogni
giorno, non si poteva neppure condurle alla loro ultima dimora, ma il
freddo non bastava a preservarle dalla putrefazione. Se si fosse scatenata
la peste, presto Dawson City non avrebbe pi contato un solo abitante.
Il primo giorno dell'anno 1899 fa proprio spaventoso. Nella notte
precedente e per tutta la giornata la neve cadde in quantit tale che
minacciava di accumularsi fino al primo piano delle case. Sulla riva
destra del Klondike River, di alcune emergeva ormai soltanto il tetto.
C'era da credere che l'intera citt fosse sul punto di scomparire sotto gli
strati bianchi di quel blizzard come erano scomparse Pompei o
Ercolano sotto le ceneri del Vesuvio. E se un freddo di quaranta o
cinquanta gradi fosse seguito a quella bufera, quelle masse si sarebbero
solidificate, e la citt, la cui intera popolazione sarebbe morta, sarebbe
riapparsa solo il giorno in cui si sarebbero sciolti i ghiacci, sotto i primi
raggi di aprile o di maggio.
Il 2 gennaio, si verific un brusco cambiamento delle condizioni
atmosferiche. Sotto l'influsso di un rapido spostamento di vento, il
termometro risal rapidamente fino allo zero. Scomparve ogni paura di
vedere gli ammassi di neve solidificarsi. Si sciolsero in qualche ora e,
come si dice, bisognava vedere per credere. Ma ne risult una vera e
propria alluvione che non manc di provocare gravi danni. Le strade si
trasformarono in torrenti, e le acque cariche di detriti di ogni genere si
precipitarono verso i letti dello Yukon e del Klondike River, correndo
fragorosamente sulla superficie ghiacciata. Alcune valanghe si
precipitarono dall'alto delle colline intorno a Dawson City.
Quell'alluvione colp tutto il distretto. Il Forty Miles Creek si gonfi a
dismisura e ricopr i claims a valle. Fu un nuovo disastro, e se Ben
Raddle aveva conservato qualche speranza d rientrare in possesso del
129, dovette abbandonarla definitivamente.
Appena le strade furono praticabili, il capomastro e Neluto si
presentarono al Northern Hotel, ansiosi di avere notizie dei due cugini
quanto questi lo erano di averne di loro.
Poi, Summy Skim e Ben Raddle si recarono all'ospedale, dove suor
Marta e suor Maddalena li accolsero premurosamente. Il dottor Pilcox
non aveva perduto niente del suo consueto buon umore.
E allora, siete sempre orgoglioso del vostro paese di adozione? gli
domand Summy Skim.
Ma come, signor Skim rispose il dottore. Stupefacente, questo
Klondike, stupefacente! Anche se ha rischiato di sparire sotto la neve,
alla fine ha avuto partita vinta, e ora star meglio di prima! Ma non
credo che a memoria d'uomo se ne sia vista cadere una tale quantit.
Ecco un avvenimento che di sicuro trover posto nei vostri ricordi di
viaggio, signor Skim!
Ve lo garantisco, dottore!
Per esempio, se i grandi freddi fossero tornati prima del disgelo,
saremmo stati tutti mummificati. Beh! che bel fatto di cronaca per i
giornali del vecchio e del nuovo continente!
La prendete cos, dottore?
S, signor Skim, ed cos che bisogna prenderla! Questa
filosofia.
S, filosofia a cinquanta gradi sotto zero! dichiar Summy Skim.
La citt ebbe presto il suo aspetto consueto, e anche le sue
abitudini, ma nei giorni seguenti quante vittime dell'epidemia, che non
si erano potute seppellire, furono trasportate al cimitero di Dawson
City!
Tuttavia, nel mese di gennaio, si lontani dal veder la fine dei freddi
del Klondike. Durante la seconda met del mese, questi furono
straordinari. Ma tutto sommato, a condizione di prendere alcune
precauzioni, si poteva circolare. La temperatura si abbass di nuovo
fino a cinquanta gradi, il che non imped a Summy Skim di dedicarsi a
qualche partita di caccia in compagnia di Neluto.
Ben Raddle, il dottore e le suore non avevano potuto dissuaderlo da
quelle spedizioni nei dintorni della citt. Il tempo gli pareva cos lungo,
a lui che non era tentato n dalle emozioni del gioco n dalle distrazioni
dei casin. E un giorno che insistevano troppo con lui, rispose con la
massima seriet: Ebbene non caccer pi, ve lo prometto, ma solo
quando.
Quando? volle sapere il dottor Pilcox.
Quando far talmente freddo che la polvere non potr pi prendere
fuoco!
Tutto quel mese trascorse in condizioni migliori, nel senso che i
blizzards furono meno frequenti e non si scatenarono con grande
violenza. Gli abitanti del Klondike ebbero a soffrire piuttosto degli
abbassamenti della temperatura. Quando l'aria era calma, i freddi erano
ancora sopportabili, ma quando il vento, che veniva da nord, dopo aver
attraversato le regioni del polo artico, soffiava con una forte brezza,
tagliava il viso alle persone, il cui fiato ricadeva in neve, ed era perci
prudente restare nella propria stanza.
Ben Raddle e Lorique si incontravano spesso all'albergo, e non
passava giorno senza che l'uno andasse a trovare l'altro. La maggior
parte delle volte, quando Summy Skim rientrava dalla caccia con
Neluto, li trovava insieme. Niente di pi naturale che la loro
conversazione si soffermasse sul disastro di cui era stato teatro il clami
sul Forty Miles Creek, Ma a sperare che questo dovesse mai essere
restituito allo sfruttamento, si sarebbe andati incontro a una delusione
sicura.
Perci, Summy Skim si domandava con una certa inquietudine se suo
cugino e il capomastro non discutessero di un altro affare, il che lo
avrebbe preoccupato non poco.
Insomma di cosa parlano? si ripeteva. Che Ben non ne abbia
abbastanza che non ne abbia anche troppo di questo orrendo paese?
Che voglia tentare di far fortuna su qualche nuovo giacimento? Che si
lasci trascinare da Lorique?.., Che voglia fare prospezioni durante la
prossima stagione? Ah, ma no! E dovessi usare la forza, sapr
costringerlo a partire come d'accordo, appena lo Scout sar di ritorno per
guidarci a Skagway! Se il mese di maggio mi trova ancora in
quest'orrbile citt, vorr dire che quell'ottimo Pilcox mi avr amputato
tutte e due le gambe, e dovessi anche fare la strada storpiato
Summy Skim continuava a ignorare le confidenze che il francese
Jacques Laurier aveva fatto a Ben Raddle. Ma quel che suo cugino non
gli aveva detto, era noto al capomastro. Precisamente dalla catastrofe
del Forty Miles Creek, il capomastro incitava senza sosta l'ingegnere a
intraprendere una nuova campagna. Dato che aveva fatto tanto da
venire in Klondike, perch non avrebbe dovuto cercare di acquistare
un altro claim. Lo sfruttamento del Bonanza, dell'Eldorado,
continuava a dare risultati magnifici Spingendosi pi a monte, si
sarebbero scoperti dei giacimenti nuovi che non sarebbero stati certo
meno buoni del 129 Dalla parte dei Domes si estendeva una vasta
regione aurifera che non era stata ancora esplorata dai minatori. I suoi
giacimenti sarebbero appartenuti al primo occupante. Il capomastro si
incaricava di reclutare il personale e, senza parlare dei claims di
fiume, non esistevano forse dei claims di montagna dal rendimento
spesso pi fruttuoso?
Come si immaginer facilmente, l'ingegnere prestava un orecchio
compiacente a questi discorsi, e cos si era deciso a rivelare a Lorique
il segreto del Golden Mount.
L'effetto che quella rivelazione produsse sul capomastro fu quello
prevedibile. Non mise in dubbio per un attimo la realt e l'importanza
di quella scoperta un claim, pi di un claim, una montagna che nei
suoi fianchi rinchiudeva milioni di pepite, un vulcano che consegnava
da solo i suoi tesori, e non avrebbero dovuto fare altro sforzo che
raccoglierli Quell'occasione, non dovevano lasciarsela sfuggire
Non dovevano lasciare ad altri i guadagni di un simile sfruttamento
I cercatori d'oro cominciavano a dirigersi verso le regioni
settentrionali del Klondike Dopo J acques Laurier, degli americani,
dei canadesi sarebbero risaliti verso il Mackensie e i suoi affluenti
Sarebbero arrivati fino alla montagna! Sarebbe bastata qualche
settimana per raccoglierci pi pepite di quante non ne avevano fornite
da due anni tutti gli affluenti dello Yukon No! Non c'era tempo da
perdere. Meno di tre mesi, e le strade del nord sarebbero state
praticabili, e che risultato per gli audaci, o meglio per gli astuti e
previdenti che sarebbero stati i primi a seguirle!
E allora Ben Raddle e il capomastro passavano delle ore a studiare
lo schizzo tracciato dalla mano del francese. Lo avevano riportato
sulla carta generale del Klondike. Dalla sua latitudine e dalla sua
longitudine avevano identificato la distanza che separava il Vulcano
d'oro da Dawson City, e tale distanza non superava le duecentottanta
miglia, cio circa centoventicinque leghe
Signor Raddle ripeteva Lorique, con un buon carro e un buon,
tiro, possiamo risalire fino alla foce del Mackensie in una decina d
giorni, e fin dalla seconda settimana di maggio
E mentre il capomastro spingeva l'ingegnere a fare quella
campagna, Summy Skim dal canto suo si ripeteva senza dire niente:
Ma insomma, che cosa stanno a macchinare quei due?.
E pur non essendo informato, si rendeva conto che quei dialoghi
cos frequenti dovevano avere per oggetto qualche nuova spedizione,
ed era risoluto ad opporsi con tutti i mezzi. Se Ben Raddle non fosse
rimasto ferito nel terremoto, tutti e due sarebbero stati di ritorno a
Montreal da tre mesi Ora, la partenza era decisa, e poich non
avevano potuto effettuarla nel mese di settembre dell'anno
precedente, l'avrebbero effettuata almeno nel mese di maggio di
quell'anno.
Marzo arriv, e lo si avvert per dai forti abbassamenti della
temperatura. Ci furono due giorni durante i quali il termometro segn
sessanta gradi centigradi sotto zero. Summy Skim lo fece constatare a
suo cugino su quello che aveva comprato a Vancouver, aggiungendo
che se continuava cos la sua gradazione sarebbe stata
insufficiente.
Ben Raddle all'inizio non rispose niente, e fin per dire: E un
freddo intenso, ma siccome non c' vento, lo si sopporta meglio di
quanto pensassi.
S, Ben s effettivamente molto sano e voglio sperare che
ammazzi i microbi a miriadi
E direi anche disse Ben Raddle, che non mi sembra che debba
durare, in base a certe osservazioni fatte dalla gente del paese. Anzi si
spera, a quanto ho saputo da Lorique, che il periodo invernale non
sar molto lungo quest'anno, e che i lavori potranno essere ripresi fin
dall'inizio di maggio
I lavori che ce ne importa? dichiar Summy Skim.
Approfitteremo di questa precocit per metterci in cammino Lo
Scout sar tornato per quel periodo
Tuttavia fece osservare l'ingegnere, che dovette credere arrivata
l'ora delle confidenze, potremmo forse, prima di partire, fare una
visita al 129
Ben, il 129 adesso assomiglia a una vecchia carcassa di nave
inghiottita in fondo al mare, e non dobbiamo pi occuparcene
Eppure sono milioni perduti
Dei milioni non so niente, Ben, ma che siano perduti, e
assolutamente perduti non affatto contestabile. Non capisco perci
la necessit di rivedere il Forty Miles Creek, che ti fareb-be tornare dei
brutti ricordi!
Oh, sono guarito, e ben guarito, Summy!
Forse non quanto lo pensi, Ben, e mi sembra che la febbre la
maledetta febbre lo sai la febbre dell'oro, se non farai attenzione,
potrebbe tornarti
Ben Raddle guard suo cugino, poi volse la testa, poi, da uomo che
ha preso la sua decisione, gli disse:
Ascoltami Summy, e non infuriarti dalle prime parole
Proprio per niente, mi infurier esclam Summy Skm, e niente
potr trattenermi se farai un'allusione qualsiasi a un progetto o a
un ritardo
Ascolta, ti dico, devo confidarti un segreto
Un segreto e da parte di chi?
Da parte di quel francese che hai trovato mezzo morto e hai portato
a Dawson City
Jacques Laurier ti ha confidato un segreto, Ben?
S Summy
E tu non me ne hai ancora parlato?
No perch mi aveva fatto venire in mente un progetto che
meritava una riflessione
Sentiamo innanzitutto il segreto, e poi discuteremo del progetto
rispose Summy Skm, sentendo bene che sarebbe stato su quel punto che
avrebbe dovuto combattere.
Ben Raddle gli rese allora nota l'esistenza di una montagna chiamata il
Golden Mount, di cui Jacques Laurier aveva rilevato esattamente la
posizione vicino alla foce del Mackensie e alle rive dell'oceano artico.
Summy Skim dovette osservare lo schizzo, poi la mappa dove quella
montagna era stata riportata dall'ingegnere. La distanza con Dawson
City era rilevabile anche secondo una direzione nord-nord-est, quasi sul
centotrentaseiesimo meridiano. Alla fine gli fece sapere che questa
montagna era un vulcano un vulcano il cui cratere conteneva masse di
quarzo aurifero, e che rinchiudeva nelle sue viscere migliaia e migliaia di
pepite.
E tu credi a questo vulcano da Mille e una notte? domand Summy
Skim in un tono alquanto ironico.
Da Mille e una notte, Summy, per non dire da mille e un milione
rispose Ben Raddle, che pareva deciso a non ammettere discussione su
quel punto.
Ebbene riprese Summy Skim, ammetto il vulcano ma che ce
ne pu importare?
Che ce ne pu importare? replic Ben Raddle animandosi. Come,
ci sarebbe stato rivelato un tale segreto, e non dovremmo farne uso e
dovremmo lasciare ad altri il compito di approfittarne?
Summy Skim, controllandosi per conservare il suo sangue freddo,
si limit a rispondere: Cos, Ben, intendi approfittare della
rivelazione di J acques Laurier?.
Si potrebbe mai esitare, Summy?
Ma tornando dal suo viaggio, l'abbiamo trovato sulla strada, ed
morto in seguito ai disagi e alle privazioni!
Perch stato sorpreso dall'inverno
Ma per andare a sfruttare quella montagna, dovremmo risalire di un
centinaio di leghe verso nord
Di un centinaio di leghe, proprio cos.
Ma la nostra partenza per Montreal fissata ai primi giorni di
maggio
Ebbene, sar rimandata di qualche mese, ecco tutto.
Ma allora sar troppo tardi per mettersi in cammino.
Se sar troppo tardi, sverneremo una seconda volta a Dawson
City!
Questo mai! esclam Summy Skim in un tono cos risoluto
che Ben Raddle ritenne di dover terminare l quella conversazione
troppo importante.
Del resto, contava di riprenderla in seguito, e la riprese, malgrado
tutto ci che Pot dirgli suo cugino. Non gli mancavano gli argomenti
e, come si pu facilmente immaginare, trov un rinforzo non meno
determinato di lui nel capomastro. Avrebbero effettuato quel viaggio
senza difficolt, dopo il disgelo In due mesi, avrebbero potuto
raggiungere il Golden Mount, arricchirsi di qualche milione e ritornare
a Dawson City Sarebbe stato ancora tempo per rimettersi in
cammino per Montreal, e almeno quella campagna nel Klondike non si
sarebbe risolta in pura perdita
E poi Ben Raddle diede ancora un'ultima ragione. Se Jacques Laurier
gli aveva fatto quella rivelazione, non era solo per lui, Ben Raddle il
francese aveva lasciato laggi, in Europa, una madre che amava tanto,..
una povera donna infelice per la quale aveva voluto fare fortuna, e la cui
vecchiaia sarebbe stata agiata e tranquilla, se gli ultimi desideri di suo figlio
si fossero realizzati,
Summy Skim aveva lasciato parlare Ben Raddle senza interromperlo,
domandandosi se era lui o suo cugino a essere pazzo Ben, perch
diceva delle simili enormit, lui, perch acconsentiva ad ascoltarle! E
alla fine, quando il racconto termin e suo cugino domand che cosa
ne pensasse:
Questo penso, Ben dichiar Summy Skim, che non si tratteneva
pi, che tu mi farai rimpiangere di aver soccorso quel povero francese,
e di non avergli lasciato portare con s il suo segreto nella tomba!
Va da s che, parecchie volte ancora, ci furono parecchie discussioni
tra i due cugini, cui il capomastro partecip spesso. E non era il meno
infervorato dall'idea di dare corso al progetto di risalire fino al Golden
Mount. Invano Summy Skim cercava di difendersi, di resistere facendo
valere i migliori argomenti, rammentando le promesse fatte, sostenendo
anche che le rivelazioni di Jacques Laurier non si fondavano su nulla di
serio No! Sarebbe stata una nuova delusione aggiunta a tante altre,
senza parlare dei nuovi rischi da correre gettandosi in tal modo
nell'ignoto Dopo il disastro del Forty Miles Creek, dopo la distruzione
del 129, dovevano solo scappare da quel maledetto Klondike, appena
la stagione lo avrebbe permesso, e poich a quanto pareva sarebbe stata
precoce, ne avrebbero approfittato per abbandonare prima quel paese
mostruoso.
Ma Ben Raddle teneva duro. Summy Skim si rendeva conto
chiaramente che era deciso ad andare fino in fondo in quell'avventura.
Non sarebbe riuscito a fargli cambiare idea Allora si sarebbe deciso a
lasciare che si avventurasse da solo in quella seconda campagna?
Sarebbe tornato a Montreal senza di lui? E allora in quali
preoccupazioni, in quali angosce sarebbe vissuto?
Il dottor Pilcox (non far meraviglia) aveva dovuto essere
informato di quelle discussioni cos frequenti e interminabili. Se non
sapeva che si trattava di un vulcano d'oro, sapeva almeno che J acques
Laurier, in punto di morte, aveva rivelato a Ben Raddle il segreto di
un'importante scoperta, un giacimento di una ricchezza prodigiosa
situato nel nord del Dominion.
E quando Summy Skim gli dichiar un giorno che, decisamente,
sarebbe stato ben capace di impedire a suo cugino di avventurarsi fino
alle regioni iperboree: No, non potrete impedirglielo! rispose il
dottor Pilcox.
Io non lo accompagner di certo, in ogni caso.
S lo accompagnerete, mio caro Skim. Siete anche venuto vostro
malgrado da Montreal a Dawson City, e andrete vostro malgrado da
Dawson City al fondo del Klondike, e anche, se Ben Raddle lo vuole,
fino al polo Nord!
E forse aveva ragione di parlare a quel modo, l'eccellente dottor
Pilcox!
IV
CIRCLE CITY
Com' noto, le ricchezze del Dominion del Nord e dell'Alaska non si
limitano ai giacimenti auriferi del Klondike. Questi non avrebbero
tardato a essere oggetto di uno sfruttamento intensivo. I prezzi delle
concessioni sulla parte del distretto bagnata dal Bonanza e dai suoi
affluenti diventavano gi inaccessibili. Le societ americane e inglesi
se li contendevano a colpi di dollari e di banknotes. Quelle concessioni
erano tutt'altro che esaurite, ma presto sarebbe diventato impossibile,
salvo che alle compagnie potenti, acquistare nuovi claims, sia di fiume
che di montagna, anche nella regione dei Dmes e nei territori solcati
dagli affluenti dell'alto Yukon. I prospettori, a gruppi o da soli, sarebbero
stati costretti ad estendere le loro ricerche fino alle regioni del nord,
discendendo il corso del Mackensie e del Porcupine. Si pu essere certi,
d'altra parte, che non sarebbero indietreggiati davanti ad alcun disagio e
ad alcun pericolo. L'avidit umana non conosce ostacoli.
E poi bisogna aggiungere che dicerie di ogni genere alimentavano
senza sosta le ambizioni dei minatori. Su quelle regioni lontane, pi
ignote di quanto lo erano l'Australia, la California, il Transvaal all'epoca
in cui inizi lo sfruttamento, rimaneva ancora via libera per le
ambizioni e anche per le delusioni. Arrivavano notizie recate da non
si sa chi, venute da non si sa dove. Circolavano soprattutto grazie alle
trib indiane che percorrono le vaste solitudini del nord ai confini
dell'oceano artico. Incapaci di utilizzare i giacimenti per proprio conto,
quegli indigeni tentavano di mettersi al servizio degli emigranti, sia come
guide, sia come operai, attirandoli verso la regione settentrionale. A
dar retta a loro, i creeks auriferi si moltiplicavano nella parte del Nord-
America che si sviluppa oltre il Circolo polare. Quegli indiani a volte
esibivano campioni di pepite che avevano raccolto nei dintorni di
Dawson City, e che pretendevano di aver raccolto sui territori situati
oltre il sessantatreesimo parallelo. Si capir che per i minatori, troppo
spesso delusi nelle loro speranze, doveva essere grande la voglia di
prendere quelle notizie per buone, e altrettanto grande, irresistibile, la
tentazione di avventurarsi su quei giacimenti ancora inesplorati.
Bisogna anche dire che all'esistenza di un vulcano aurifero si era gi
dato credito in Klondike, quasi fin dai primi anni in cui l'ufficiale del
catasto Ogilvie e i suoi compagni scoprirono i primi giacimenti nei
dintorni di Dawson City. Poteva darsi quindi che quelle voci avessero
spinto il francese Jacques Laurier a determinare la sua esatta posizione,
poi a sfruttarlo personalmente, come poteva anche darsi che egli non
fosse l'unico possessore di quel segreto, sebbene avesse serie ragioni di
crederlo. Da quando aveva lasciato l'estuario del Mackensie, perch mai
altri avventurieri non avrebbero potuto rilevare la posizione del Golden
Mount? In ogni caso, per il momento pareva proprio che al di fuori di
Ben Raddle e dei suoi amici, nessuno ancora progettasse di lanciarsi
sulle tracce di Jacques Laurier. Ma, ripetiamo, la leggenda del Vulcano
d'oro continuava ad avere dei sostenitori, e poich alcuni minatoti s
preparavano a cercare fortuna nelle regioni settentrionali del Dominion,
forse quel che era solo allo stato di ipotesi sarebbe presto diventato una
realt.
Si capisce allora che l'ingegnere nutriva il timore di essere
preceduto nei suoi progetti di risalire fino alle coste del mare artico, ed
era impaziente di mettersi in cammino, qualsiasi cosa potesse fare
Summy Skim per distoglierlo.
Si sa che alcuni emigranti avevano gi cercato di scoprire nuovi
claims lungo lo Yukon, a valle di Dawson City, poich il 127, il 129 e
alcuni altri del Forty Miles Creek, in quel momento distrutti,
occupavano le rive del corso inferiore. Molti anzi, soprattutto
americani, si erano spinti in direzione di Circle City, e tra gli altri
occorre ricordare i due texani, Hunter e Malone.
All'inizio di quella campagna, come visto, i texani avevano lavorato
sui giacimenti alaskani di Circle City, lungo le rive del Birch Creek,
affluente di sinistra dello Yukon. Dato che quello sfruttamento aveva
dato solo risultati mediocri, erano tornati nel claim 127, la cui
concessione apparteneva loro da un anno. Sopraggiunse la catastrofe
del Forty Miles Creek, il terremoto che provoc l'alluvione che
sommerse i claims sotto i flutti del nuovo rio e port alla distruzione
completa dei giacimenti vicini alla frontiera.
N Hunter n Malone, n alcuno dei loro uomini furono
personalmente vittime del disastro, e se la loro propriet fu annientata,
almeno loro ne uscirono sani e salvi. Si Pot credere che erano periti in
quel cataclisma perch si erano decisi a tornare immediatamente a
Circle City, dopo aver verificato che la disgrazia era irreparabile.
Si immaginer facilmente che, in tali circostanze, Hunter non
pensasse a quella faccenda del duello con Summy Skim, pi di quanto
non ci pensasse Summy Skim dal canto suo; e la faccenda, a quanto
pareva, non avrebbe avuto seguito.
Quando i texani furono tornati sui giacimenti di Circle City, la bella
stagione doveva durare ancora due mesi, e sarebbe finita solo all'inizio di
settembre.
86
Ripresero perci, insieme al loro personale, lo sfruttamento
interrotto. Non avevano avuto mano felice nell'acquistare quel
giacimento. I guadagni non superavano le spese, e se Hunter non avesse
avuto risorse provenienti dal gioco, i suoi compagni sarebbero stati certo
in gravi imbarazzi nel prossimo inverno, cio negli otto mesi da passare
nel Klondike.
Una circostanza particolare il che non sorprender nessuno, visti i
tipi li avrebbe presto liberati da ogni preoccupazione al riguardo.
Quegli uomini violenti, dovunque si erano trovati a contatto con i
loro simili, americani o altri, avevano provocato discussioni e litigi. Con
la pretesa insolente di imporre la loro volont a chiunque, di non
rispettare i diritti di nessuno, di considerarsi dovunque in territorio di
conquista, si andavano a cercare continuamente dei brutti affari. Si
visto quale piega prendevano le cose sui claims del Forty Miles Creek.
Prima del loro arrivo, il personale del 127 aveva gi attaccato lite con il
personale del 129, e la presenza di Hunter e Malone non aveva fatto che
avvelenare la situazione.
Ora, sul claim del Birch Creek successe la stessa cosa. Non se la
presero con degli stranieri, ma furono dei compatrioti a dover subire la
loro malafede e le loro violenze.
Cos accadde che il governatore dell'Alaska dovette intervenire, e
intervenire contro di loro. Se ne occuparono la polizia e poi la giustizia.

86
Evidente incongruenza: il terremoto si era verificato nella notte del 6 agosto.
Dopo uno scontro tra i poliziotti e gli uomini di Hunter, tutti quanti
padroni e operai furono messi in stato d'arresto, condannati a dieci
mesi di carcere e rinchiusi nella prigione di Circle City.
In quelle condizioni, dato che i texani e i loro compagni non
dovevano pi preoccuparsi del loro alloggio per l'inverno, la questione
del cibo non doveva dare loro nessuna preoccupazione. Le autorit
ritennero anche inutile trasportarli a Sitka, la capitale dell'Alaska:
avrebbero scontato la pena a Circle City.
Hunter e Malone dovettero cos rinunciare ai piaceri di ogni tipo che
si trovano durante l'inverno a Vancouver, a Skagway o a Dawson City, e
la presenza di quei due tanto onorevoli texani non sarebbe stata
segnalata nei casin di quelle tre citt.
Mentre erano incarcerati, Hunter e Malone ebbero tutto il tempo di
pensare al futuro. Che avrebbero fatto del loro personale, e che
avrebbero fatto loro stessi quando sarebbero usciti di prigione? Non
potevano sperare di poter mai riprendere lo sfruttamento del claim sul
Forty Miles Creek. Quello del giacimento di Circle City dava risultati
insufficienti. Le loro risorse si sarebbero presto esaurite se non si fossero
imbattuti in un buon affare, e senza scrupoli, senza pregiudizi, senza
nessun senso morale com'erano, non dovevano mostrarsi schizzinosi. I
loro compagni avrebbero fatto tutto quello che avrebbero voluto, li
avrebbero seguiti ovunque avessero proposto d guidarli, fosse anche
nelle regioni pi remote dell'Alaska o del Dominion, piuttosto che
tornare al loro paese di origine, che avevano probabilmente lasciato
sotto la minaccia di una condanna penale.
S, Hunter e Malone erano sicuri della fedelt di quella banda di
avventurieri che avevano reclutato gi da molti anni. Certo, stavolta
avevano avuto una maledetta sfortuna. Non avevano trovato la polizia
dell'Alaska pi tollerante della polizia canadese. Erano stati sconfitti, e
una condanna aveva sbarazzato il paese dalla loro presenza per qualche
tempo.
Ma la pena doveva terminare al ritorno dell'estate successiva, e cosa
avrebbero fatto una volta liberi? Si sarebbe presentata un'occasione da
cui avrebbero cercato di tirar profitto?
L'occasione si present, ed ecco in che modo.
Tra i prigionieri con cui i texani condividevano la vita comune nella
prigione, Hunter aveva notato un indiano, di nome Krasak, che, da parte
sua, sembrava osservare in modo assai particolare Hunter. Fu una di
quelle simpatie assai naturali tra furfanti che si trovano di reciproco
gradimento. Quei due erano fatti per capirsi, e ben presto tra loro si
stabil una certa intimit.
Krasak aveva una quarantina d'anni, tarchiato, robusto, lo sguardo
crudele, la fisionomia feroce, insomma un'indole che non poteva non
piacere a Hunter come a Malone.
Quell'indiano era stato condannato per furto, e la sua pena doveva
durare ancora molti anni. Era originario dell'Alaska, e conosceva bene
quelle regioni, che percorreva fin dalla sua giovent. Sarebbe stato
sicuramente un'ottima guida, e ci si sarebbe potuti affidare alla sua
intelligenza se tutta la sua persona non avesse ispirato una giustificata
diffidenza. I minatori al cui servizio era entrato, avevano sempre avuto di
che lamentarsi di lui, e in seguito a un grave furto, per la precisione
durante lo sfruttamento del Birch Creek, fu incarcerato nella prigione di
Circle City.
Durante il primo mese Hunter e l'indiano osservarono un certo
riserbo l'uno nei confronti dell'altro. Si studiavano con insistenza.
Hunter aveva creduto di capire che Krasak voleva fargli qualche
confidenza, e l'aspettava. Non si ingannava, del resto, pensando che
quell'indiano, per avere frequentato per tanto tempo i territori dell'alta
Alaska e dell'alto Dominion, avrebbe potuto essergli utile, e gli avrebbe
fornito informazioni su quelle zone.
E infatti un giorno l'indiano gli parl delle sue peregrinazioni
attraverso quella parte quasi sconosciuta del Nord-America, quando
lavorava come guida per gli agenti della Baia di Hudson. Si trattava per la
precisione della regione bagnata dal Porcupine compresa tra Fort Yukon,
Fort Macpherson e il mare artico.
Quel che doveva interessare Hunter era soprattutto sapere se si
trovavano giacimenti oltre il Circolo polare. Era venuto a conoscenza
dei racconti degli indiani, e forse Krasak gli avrebbe dato informazioni
esatte.
Quell'indiano aveva appunto concepito un progetto per la cui
esecuzione sarebbe divenuto necessario l'intervento dei texani. Hunter
e i suoi compagni sarebbero stati liberi qualche mese dopo, mentre lui
non lo sarebbe stato che dopo qualche anno. Voleva perci che il
texano avesse interesse a dargli aiuto, quando avrebbe lasciato la
prigione, per farlo uscire favorendo la sua evasione. Da solo, gli sarebbe
stato difficile scappare. Con un aiuto venuto dall'esterno, il tentativo
avrebbe avuto la possibilit di riuscire.
Di conseguenza, Krasak disse solo quel che occorreva per eccitare le
ambizioni di Hunter. Si esprimeva, d'altra parte, in un inglese
abbastanza comprensibile, a causa dei rapporti che aveva avuto al servizio
della Compagnia della Baia di Hudson.
S disse un giorno, a nord e vicino all'oceano che si trova l'oro
in abbondanza, e tra un po' i minatori sulla costa dell'oceano si
conteranno a migliaia.
Allora rispose Hunter, c' solo una cosa da fare: precederli
Certo replic Krasak, ma bisogna anche conoscere la posizione
dei giacimenti
E tu ne conosci?
Ne conosco pi di uno, ma la regione pericolosa ci si pu
smarrire per mesi, e passare vicino ai claims senza vederli.., Ah! Se fossi
libero
Hunter lo guard attentamente in faccia.
E che faresti se lo fossi? domand.
Andrei dove stavo andando quando sono stato catturato rispose
Krasak.
Per qualche povera pepita che ti avr fatto gola attraversando un
claim, e che ti sarai presa
Le pepite sono di tutti dichiar l'indiano.
Senza dubbio replic Hunter, che voleva incalzare il suo uomo,
ma quando non sono state ancora scoperte
Non vero afferm Krasak, che evidentemente aveva idee molto
personali sul diritto di propriet. Ma il risultato che sono stato
rinchiuso qui! Ah, se fossi in libert! ripet tendendo il pugno in
direzione nord!
Ma insomma dove andavi, quando la polizia ti ha messo le mani
addosso?
L l'oro s raccoglie a carriolate rispose l'indiano.
Ma inutilmente Hunter lo sollecit con ripetute domande, Krasak
non and oltre.
Hunter non era all'oscuro della leggenda del Golden Mount. Ma
seguendo l'esempio quasi unanime dei minatori, non ci credeva affatto.
Forse pensava che l'indiano vi facesse allusione, il che a suo parere
voleva dire farsi illusioni. Tuttavia, mai Krasak pronunci una parola che
riguardasse quella montagna, tanto illustre nei fasti del Klondike quanto
era inverosimile la sua esistenza. Era per ignoranza o per prudenza, e
insomma conosceva il segreto della scoperta di cui Jacques Laurier
credeva di essere l'unico possessore? Nessuno avrebbe potuto dirlo.
Ma quel che sembrava certo a Hunter come a Malone, che fu
informato, che Krasak conosceva diversi giacimenti che si trovavano
nelle vicinanze del mare polare, e tutti e due ebbero lo stesso pensiero,
che bisognava tirare fuori all'indiano tutto quello che sapeva, in vista di
una campagna da effettuare appena loro e i loro compagni fossero usciti
di prigione.
Ne derivarono dialoghi interminabili durante quelle lunghe ore
inattive. E tuttavia l'indiano, pur rimanendo sempre altrettanto esplicito
per quel che riguardava l'esistenza dei giacimenti, osserv sempre un
silenzio assoluto sulla loro posizione vicino al mare polare.
Aprile era arrivato alle sue ultime settimane, portando la fine di un
inverno che a Circle City fu altrettanto duro che nel Klondike, con i
suoi blizzards spaventosi e i suoi freddi straordinari. I prigionieri avevano
molto sofferto. Hunter e i suoi compagni avevano una grande fretta di
essere rimessi in libert, ben decisi a effettuare una spedizione verso le
regioni settentrionali del continente americano.
Non pareva loro di avere avuto una detenzione molto lunga, anzi,
sarebbero stati liberati abbastanza in fretta, entro qualche settimana; non
cos sarebbe avvenuto per Krasak che sarebbe rimasto ancora molti anni
nella prigione di Circle City se non fosse riuscito a evadere. E poich
per riuscire gli occorreva la collaborazione di Hunter, gliela domand,
promettendogli di entrare al suo servizio e di guidarlo ai giacimenti che
conosceva nel nord del Klondike.
In effetti, la fuga era possibile solo aprendosi un passaggio sotto uno
dei muri del cortile che delimitava da quel lato la prigione e la citt.
Ora, dall'interno non si poteva praticare quell'apertura senza attrezzi, e
senza attirare l'attenzione delle guardie. Ma dall'esterno, di notte,
prendendo certe precauzioni, pareva proprio che quel lavoro sarebbe
stato possibile.
Cos il patto fu concluso. Il 13 maggio la condanna di Hunter e della sua
banda arriv alla fine,
87
ed essi si separarono da Krasak.
L'indiano quindi dovette solo restare sul chi vive. Poich non era
rinchiuso in una cella, gli sarebbe stato facile lasciare il dormitorio
comune e passare di nascosto attraverso il cortile senza essere notato.
E quanto fece la notte seguente e, disteso ai piedi del muro, aspett.
Dovette mettere alla prova la sua pazienza, perch nessun rumore giunse
al suo orecchio tra il tramonto e l'alba.
Hunter e Malone non avevano ancora potuto agire. Forse la polizia,
meravigliandosi di non vederli lasciare immediatamente Circle City,
avrebbe voluto tenerli sotto sorveglianza. Perci dovevano prendere
alcune precauzioni per aiutare la fuga dell'indiano. Quanto agli
attrezzi, essi non ne mancavano, poich erano muniti delle picozze e
dei picconi della loro ultima campagna, che ritrovarono alla locanda
dove avevano alloggiato e dove ripresero domicilio all'uscita di prigione.
Del resto quella piccola borgata mostrava gi una certa animazione. I
prospettori dei giacimenti alaskani del basso corso dello Yukon
cominciavano ad arrivare in gran numero in quella seconda met del
mese di maggio, gi propizia grazie alla precocit della bella stagione.
La notte successiva, dalle dieci di sera Krasak Pot riprendere la sua
postazione ai piedi del muro. Cominciava a fare buio, e una brezza
abbastanza forte soffiava da nord.
Verso le undici, appoggiando l'orecchio al suolo, l'indiano credette
di sentire un rumore alla base del muro.
Non si ingannava. Hunter e Malone si erano messi all'opera. Con il
piccone stavano scavando una galleria, in modo da passare sotto la base
del muro senza bisogno di spostarne le pietre.
Da parte sua, aiutandosi con le mani, Krasak scav il suolo appena
ebbe bene individuato il punto scelto. I texani dovettero sentirlo
lavorare come lui sentiva loro.
Non ci fu alcun allarme. Le guardie non furono attirate nel cortile, e
nemmeno uno degli altri prigionieri, che avevano il permesso di

87
Il calcolo dei giorni non torna: una delle tante incongruenze inevitabili in un
manoscritto incompiuto.
andarci durante la notte: il vento forte e freddo li tratteneva all'interno
della sala da cui Krasak era potuto uscire senza essere notato.
Finalmente, poco prima di mezzanotte, il passaggio era scavato, e
abbastanza largo perch un uomo dalla corporatura media potesse
introdursi.
Vieni disse una voce che era quella di Hunter.
Nessuno fuori? domand.
Nessuno.
Pochi istanti dopo, Krasak era passato attraverso l'apertura,
finalmente libero.
Da quella parte si stendeva una vasta pianura ancora cosparsa delle
ultime macchie di neve, oltre il gomito tracciato dallo Yukon, di cui
Circle City occupa la riva sinistra.
Il disgelo si era gi verificato, e il fiume trasportava blocchi di
ghiaccio. Una barca non avrebbe potuto navigarlo senza rischio, e
d'altra parte Hunter non avrebbe potuto procurarsi un'imbarcazione
senza il rischio di suscitare sospetti.
Comunque l'indiano non era uomo da lasciarsi intimorire per cos
poco. Avrebbe certo saputo slanciarsi su un blocco di ghiaccio alla deriva
vicino alla sponda e, se necessario, saltare dall'uno all'altro per
arrivare alla riva destra. A quel punto, tutta la campagna si apriva
davanti a lui, una campagna deserta che egli conosceva bene, e sarebbe
stato lontano quando la sua fuga sarebbe stata scoperta dalle guardie.
Ma era importante che il fuggitivo fosse fuori portata prima
dell'alba, e non aveva un attimo da perdere.
Hunter gli chiese: Siamo intesi su tutto?.
Intesi rispose Krasak.
Dove ci ritroviamo?
Come abbiamo detto, a dieci miglia da Fort Yukon, sulla riva del
Porcupine.
Cos, in effetti, avevano stabilito. Due o tre giorni dopo Hunter e i
suoi compagni sarebbero usciti da Circle City, e si sarebbero diretti
verso Fort Yukon, situata a valle a nord-ovest, a []
88
leghe. Poi, da l
avrebbero risalito il corso del Porcupine verso nord-est, fino al punto in
cui l'indiano li avrebbe attesi. Quanto a lui, dopo aver attraversato il

88
Manoscritto lacunoso.
grande fiume, si sarebbe diretto a nord, in linea retta verso il suo
affluente.
Ma Krasak non poteva partire senza denaro, e Hunter gli consegn una
ventina di dollari. Non poteva nemmeno avventurarsi su quei territori
senza essere in grado di difendersi sia contro i predoni che contro le bestie
feroci, e Hunter gli consegn un fucile, una rivoltella, e una giberna
rifornita a sufficienza.
Poi, al momento di separarsi: Siamo d'accordo su tutto? ripet.
Su tutto.
E tu ci guiderai.. disse Malone.
dritto ai giacimenti e aggiunse: E chi sa? Forse al
Golden Mount!.
Era la prima volta che parlava del Vulcano d'oro. Dunque credeva
alla sua esistenza o addirittura la conosceva?
Si scambiarono delle strette di mano. Poi Krasak si slanci su un
blocco di ghiaccio che, uscendo da un mulinello, fu immediatamente
preso dalla corrente. Malgrado l'oscurit, Hunter e Malone poterono
vederlo passare da un blocco di ghiaccio all'altro e finalmente mettere
piede sulla riva destra del fiume.
Tornarono alla loro locanda, e dal giorno dopo cominciarono i
preparativi per la nuova campagna.
Ovviamente l'evasione dell'indiano fu nota fin dal mattino. Ma
invano la polizia fece ricerche per ritrovare le sue tracce, e inoltre non
ebbe mai e non poteva avere il sospetto che i texani avessero favorito
quell'evasione.
Tre giorni dopo, Hunter e i suoi compagni, una trentina d'uomini in
tutto, si imbarcarono con un'attrezzatura molto ridotta su una chiatta
che discendeva il fiume fino a Fort Yukon, una specie di grossa barca
fatta per resistere agli urti del disgelo. Era press'a poco la distanza che
separa Fort Selkirk da Dawson City, vale a dire [.. ,]
89
leghe, ed essi la
coprirono in quarantott'ore.
Il 22, dopo essersi di nuovo rifornita a Fort Yukon, con la slitta carica
di provviste e tirata da una robusta muta di cani, la carovana risal lungo
la riva sinistra del Porcupine in direzione nord-est. Se l'indiano era
puntuale all'appuntamento, lo avrebbero incontrato la sera stessa.

89
Manoscritto lacunoso.
Purch ci sia disse Malone.
Ci sar aveva risposto Hunter, nessuno mantiene le promesse
meglio della brava gente di quella specie!
L'Indiano era l dove doveva trovarsi e, sotto la sua guida, la banda
continu a costeggiare la riva sinistra di quell'importante affluente dello
Yukon.
V
ALLA SCOPERTA
Era insomma scritto nel libro indistruttibile del destino che
Summy Skim, dopo aver accompagnato Ben Raddle nel Klondike, lo
avrebbe accompagnato fino alle regioni pi lontane dell'America del
Nord. Tutti gli argomenti contro quella nuova campagna li aveva messi
in campo, e anche tutte le recriminazioni le aveva esposte. Niente
aveva potuto modificare i progetti dell'ingegnere, e a meno di
aspettarlo a Dawson City e Skim non avrebbe avuto la pazienza per
farlo o di rimettersi in cammino per Montreal e Skim non avrebbe
saputo decidersi ne risultava che avrebbe seguito suo cugino alla
conquista del Golden Mount.
Cedere una prima volta si ripeteva, vuol dire rischiare di
cedere una seconda, e chi sa se non bisogner farlo una terza! Posso
prendermela solo con me stesso! Ah! Green Valley! Green Valley,
come sei lontana, e quanto sarai pi lontana ancora tra alcune
settimane!
Bisogna dire che, grazie alla precocit della stagione, lo Scout fu
di ritorno a Dawson City fin dai primi giorni di maggio. Il passaggio
del Chilkoot, la navigazione attraverso i laghi e sul Lewis River,
avevano potuto essere effettuate prima e in condizioni favorevoli.
Conformemente agli accordi presi, Bill Stell veniva a mettersi a
disposizione dei due cugini per ricondurli a Skagway, da dove il
vaporetto li avrebbe riportati a Vancouver.
Bill Stell non si mostr troppo sorpreso apprendendo i progetti di
Ben Raddle. Sapeva anche troppo bene che chiunque metta piede sul
suolo del Klondike rischia di mettervi radici, e se l'ingegnere non era
ancora proprio a quel punto, almeno non sembrava vicino a fare le
valige per Montreal
Cos disse lo Scout a Summy Skim.
S cos, mio buon Bill!
E fu tutto quel che Bill Stell ottenne per risposta.
Ma Summy Skim fu molto soddisfatto quando seppe che Bill Stell
aveva accettato di effettuare quella nuova campagna.
Infatti ed era una buona idea Ben Raddle non aveva ritenuto di
dover nascondere allo Scout, che aveva tutta la sua fiducia, qual era
lo scopo di quella spedizione. Quel che aveva tenuto nascosto agli
altri, anche al dottor Pilcox il segreto di J acques Laurier lo
confid a Bill Stell senza esitare.
In un primo momento costui rifiut di credere all'esistenza del
Golden Mount. Conosceva quella leggenda, e non ammetteva che le
si potesse dare il minimo credito. Tuttavia, quando Ben Raddle gli
ebbe comunicato tutte le informazioni che aveva avuto da J acques
Lauriet, quando gli ebbe mostrato la mappa dove figurava con
precisione il Vulcano d'oro, lo Scout cominci a prestare attenzione, e
l'ingegnere era cos sicuro di quel che diceva, che arriv a
convincerlo.
Ebbene gli disse Ben Raddle, poich l ci sono delle ricchezze
incalcolabili, perch non dovreste prenderne la vostra parte?
Mi state proponendo di accompagnarvi al Golden Mount?
replic Bill Stell.
Meglio che accompagnarci, Scout, di guidarci, visto che avete gi
percorso quei territori del nord. Voi avete l'attrezzatura necessaria a
questa campagna, animali da tiro, mezzi di trasporto Se non
riusciamo, pagher largamente i vostri servizi. Se riusciamo, perch
non dovreste anche voi attingere a piene mani a quella cassaforte
vulcanica?
E, accidenti, per quanto fosse filosofo, il buon Scout si sent
turbato. Davvero, mai gli si era offerta una simile occasione, a
prendere sul serio le rivelazioni del francese.
Tuttavia, quel che poteva spaventarlo era la lunghezza del viaggio.
Dopo essersi reso conto che il migliore itinerario sarebbe stato quello
che passa per Fort Macpherson, che aveva gi visitato, dichiar che
quella distanza non doveva essere inferiore a duecentoventi leghe.
Bene, press'a poco quella che separa Skagway da Dawson City,
e non avete mai avuto problemi a percorrerla replic l'ingegnere.
Certo, signor Raddle, e aggiunger che tra Dawson City e Fort
Macpherson la regione meno pericolosa. Ma oltre, per raggiungere
le foci del Mackensie
Ci sono al massimo un centinaio di leghe dichiar Ben Raddle.
In tutto, almeno trecentocinquanta disse Bill Stell.
Che possiamo percorrere in cinque o sei settimane afferm
l'ingegnere, e saremo di ritorno a Dawson City prima dell'inverno.
S, era tutto possibile, a condizione che non sopraggiungesse
alcuna delle fastidiose complicazioni cos frequenti a latitudini cos
alte.
Bisogna dire che alle insistenze di Ben Raddle si unirono quelle
del capomastro Lorique e di Neluto, che aveva rivisto con piacere il
suo capo Bill Stell. E perch non confessare che Summy Skim peror
la stessa causa, e quanto fu persuasivo! Dal momento che il viaggio
era deciso, la partecipazione dello Scout diventava preziosissima e ne
accresceva le possibilit di riuscita.
Quanto a Neluto, la prospettiva di quella spedizione lo attraeva.
Che bei terreni di caccia si sarebbero offerti a lui e a Summy Skim in
quelle zone a malapena esplorate fino ad allora.
Rimane da sapere per chi osserv Summy Skim.
Ma per noi rispose Neluto, un po' stupito d quella risposta.
A meno che non siamo noi ad essere cacciati, perch probabile
che quella regione non sia molto sicura, e che sia frequentata da
malfattori di ogni sorta!
In effetti, le regioni settentrionali, durante la bella stagione, sono
percorse da bande di indiani da cui non c' niente di buono da
aspettarsi, e gli agenti della Compagnia della Baia di Hudson hanno
spesso dovuto difendersi dai loro attacchi.
I preparativi furono effettuati rapidamente. Lo Scout e i suoi
uomini erano pronti a partire per il nord tanto quanto per il sud con la
loro attrezzatura, carrette, canotto portatile, tende, muli da tiro assai
preferibili alle mute di cani, poich su quelle pianure verdeggianti il
loro nutrimento assicurato. Quanto ai viveri, a parte quel che
avrebbe dato la caccia o la pesca, fu facile procurarsene in carne e in
verdure conservate, t, caff, farina, zucchero, acquavite, per molti
mesi. Dawson City era appena stata rifornita dalle societ che
servivano i giacimenti del Klondike, appena furono ristabilite le
comunicazioni tra quella citt e Skagway o Vancouver. Nemmeno le
munizioni sarebbero mancate, e se ci fosse stato motivo d ricorrere
alle carabine, queste non sarebbero rimaste disarmate.
La carovana, sotto la guida dello Scout, avrebbe compreso i due
cugini, il capomastro Lorique, Neluto con la sua carretta e il suo
cavallo, sei canadesi che avevano lavorato sul 129, nove canadesi al
servizio di Bill Stell: in totale sedici persone che sarebbero bastate
per lo sfruttamento del Golden Mount. In base alle informazioni
fornite da J acques Laurier, tutto il lavoro si sarebbe ridotto a
raccogliere le pepite ammassate nel cratere del vulcano.
La preparazione di quella campagna, d cui Ben Raddle, Summy
Skim, lo Scout e Lorique erano i soli a conoscere l'obiettivo, fu fatta
tanto rapidamente, che la partenza Pot essere fissata per il 6 maggio.
Non meraviglier che Ben Raddle, prima di lasciare Dawson City
per quella nuova spedizione, volle indagare un'ultima volta sulla
situazione dei claims del Forty Miles Creek. Ordin al capomastro e a
Neluto di recarsi sul luogo dove nasceva la derivazione che scorreva
verso nord.
La situazione era la stessa. Il 129 come il 127 e altri lungo la
frontiera erano interamente sommersi. Il nuovo rio seguiva un corso
regolare nel letto scavato dal terremoto. Deviarlo sarebbe stata
un'impresa cos difficile, cos costosa, che non valeva la pena di
tentarla, e nessuno ci pensava. Lorique ritorn perci con la certezza
che ogni speranza di sfruttare mai quei giacimenti doveva essere
abbandonata.
I preparativi terminarono nel pomeriggio del 5 maggio. In
quell'ultima serata, quella degli addii, Summy Skim e Ben Raddle
andarono all'ospedale per congedarsi dalla superiora e dalle due
suore. Suor Marta e suor Maddalena erano seriamente preoccupate a
vedere i loro compatrioti avventurarsi attraverso quei territori del
nord dove il francese J acques Laurier e Harry Brown avevano
provato tante sofferenze, cui non erano sopravvissuti.
Ben Raddle rassicur le due suore meglio che Pot, e Summy
Skim volle mostrarsi fiducioso quanto suo cugino. Del resto, prima
della fine della bella stagione la carovana sarebbe stata di ritorno a
Dawson City, in buono stato, e se fosse arrivata schiacciata,
sarebbe stato, a quanto pareva, sotto il peso delle pepite!
Quanto al dottor Pilcox, ecco semplicemente quel che disse:
Per me sono molto lieto di vedervi diretti a nord. Se aveste
preso la via del sud sarebbe stato per tornare a Montreal, e non vi
avremmo mai rivisti nel Klondike. Almeno, al vostro ritorno, vi
rivedremo
Dio lo voglia! mormor suor Maddalena.
Che Egli vi guidi e vi riporti! aggiunse suor Marta.
Cos sia! disse la superiora.
Il giorno dopo, alle cinque del mattino, la carovana usciva da
Dawson City attraverso il quartiere alto sulla riva destra del Klondike
River, e si dirigeva a nord-est.
Il tempo era quanto di meglio si potesse desiderare, il cielo limpido,
la brezza debole, la temperatura di una dozzina di gradi soltanto sotto
zero. La neve si era sciolta in gran parte e lasciava solo qualche macchia
di candore abbagliante sul suolo erboso.
quasi superfluo dire che l'itinerario era stato stabilito con
precisione. Ben Raddle, Lorique e lo Scout avevano accuratamente
riportato sulla mappa generale della regione le indicazioni date dallo
schizzo di Jacques Laurier. D'altra parte, non va dimenticato, lo Scout
aveva gi fatto il viaggio da Dawson City a Fort Macpherson, e si
poteva fare affidamento sulla fedelt dei suoi ricordi per le
duecentoventicinque leghe che separano quei due luoghi.
Era tutto sommato un territorio abbastanza pianeggiante, percorso
da qualche rio, dapprima affluenti o subaffluenti dello Yukon e del
Klondike River, poi di l dal Circolo polare artico, affluenti o
subaffluenti del Peel River, che costeggia la base delle Montagne
Rocciose prima di gettarsi nel Mackensie.
Quindi, durante quella prima parte di viaggio tra Dawson City e Fort
Macpherson, il percorso non avrebbe presentato grandi difficolt. Dopo
lo scioglimento delle ultime nevi, i rios sarebbero discesi al loro livello pi
basso, sarebbe stato agevole guadarli, e avrebbero conservato sempre
acqua a sufficienza per i bisogni della piccola truppa. Quando avrebbero
raggiunto il Peel River, un centinaio di leghe prima di Fort Macpherson,
avrebbero deciso con che mezzi si sarebbe svolta la seconda met del
viaggio.
Perch non ammetterlo? Tutti, ad eccezione forse di Summy Skim,
poco fiducioso e con tutte le ragioni per non esserlo, tutti partivano pieni
di speranza. E questo sentimento non forse cos umano da non poter
destare stupore? Ben Raddle, Lorique, Neluto, lo stesso Bill Stell che
non aveva mai creduto all'esistenza del Golden Mount, adesso
l'ammettevano in base alle affermazioni sicure e alle indicazioni precise
del francese Jacques Laurier. Pi di chiunque altro, non per avidit ma
per curiosit, lo Scout ardeva dal desiderio di scoprire quel famoso
vulcano, e non avrebbe trascurato niente per raggiungerlo.
All'uscita da Dawson City, la carretta guidata da Neluto, in cui i
due cugini presero posto, procedette a un'andatura rapida. Ma dovette
rallentarla, perch gli animali da tiro, molto carichi, non avrebbero
potuto seguirla. Tuttavia fu possibile allungare le prime tappe senza
affaticare troppo gli animali e gli uomini. La vasta pianura, assai
uniforme, non presentava ostacoli, e il vento, che soffiava da sud-ovest,
non frenava l'avanzamento. Spesso anzi, lo Scout e i suoi compagni, per far
riposare i muli, percorrevano una parte della tappa a piedi. Allora Ben
Raddle, Lorique e lo Scout conversavano dell'argomento che occupava i
loro pensieri. Summy Skim e Neluto battevano la campagna a destra e a
sinistra, e dato che la selvaggina abbondava, anatre, starne, non
sprecavano la loro polvere da sparo. Tutte conserve risparmiate per i
pasti consumati alla sosta di mezzogiorno e alla sosta della sera. Poi,
anche prima che si fosse fatta notte, dato che scendeva gi tardi in quel
periodo dell'anno e a quella latitudine, si organizzava l'accampamento
fino al giorno dopo.
La direzione seguita verso nord-est allontanava la carovana dal
territorio bagnato dalle prime acque del Porcupine. Il fiume curvava
facendo una larga svolta verso nord, che lo riportava al grande fiume
vicino a Fort Yukon. Non c'era dunque pericolo che Ben Raddle e i suoi
compagni si incontrassero con la banda di Hunter, che si era spostata di
l dal Porcupine solo molto a valle. Essi del resto ignoravano che i
texani avevano intrapreso una campagna sotto la guida dell'indiano
Krasak verso i territori vicini al mare artico. Dopo il disastro del Forty
Miles Creek, era dapprima corsa la voce che fossero tra le vittime. Ma
dopo la faccenda di Circle City, il loro scontro con la polizia, la loro
condanna, si sapeva che erano usciti sani e salvi da quel cataclisma.
Tuttavia, che la loro condanna fosse allora finita, che avessero riavuto la
libert, Ben Raddle e Summy Skim l'ignoravano, e del resto non
pensavano affatto ai vecchi proprietari del 127.
In data 29 maggio, ventitr giorni dopo la sua partenza da Dawson
City, la carovana super il Circolo polare, un po' oltre il sessantaseiesimo
parallelo. Nessun episodio di rilievo aveva segnato quella prima parte di
percorso per circa centoventicinque leghe. Non avevano nemmeno
incontrato quelle bande di indiani che gli agenti della Compagnia della
Baia di Hudson inseguono ancora attraverso quei territori
ricacciandole verso ovest.
Il tempo era generalmente bello, le condizioni di salute erano
buone. Quell'equipaggio robusto, rotto alle fatiche, non avrebbe per
niente sofferto di un viaggio effettuato in quelle condizioni, in quel
periodo dell'anno, anche a quelle latitudini gi alte. Gli animali da
tiro trovavano facilmente di che nutrirsi in mezzo a quelle praterie
verdeggianti. Quanto agli accampamenti notturni, essi trovavano
sempre dove stabilirli vicino a un rio limpido, ai bordi di quei boschi
di betulle, di tremole e di pini che si susseguono a perdita d'occhio in
direzione nord-est.
D'altra parte, l'aspetto della regione cominciava a modificarsi.
All'orizzonte orientale si profilava la dorsale delle Montagne
Rocciose. In quella parte del Nord-America la catena fa sorgere le
sue prime ramificazioni, per prolungarsi poi su quasi tutta la
lunghezza del nuovo continente.
L nasceva uno degli affluenti del Porcupine, che lo Scout non
dovette discendere, poich la sua direzione lo avrebbe portato troppo
lontano verso ovest. Ma siccome il terreno diventava pi accidentato,
sia a causa della rete dei creeks sia delle ondulazioni in vicinanza
delle montagne, si diresse senza indugi verso i passi della catena
montuosa, poco elevata al suo inizio in quella parte dell'alto
Dominion, in modo da raggiungere il corso del Peel River, che passa
ai piedi di Fort Macpherson e del quale forse ci sarebbe stato modo di
approfittare.
Del resto, su quel confine del Circolo polare, Bill Stell e i suoi
compagni si trovavano ancora a un centinaio di leghe dal forte,
situato all'incirca dove nasce la catena montuosa. La marcia divent
abbastanza difficoltosa, e senza l'attenzione estrema di Neluto, l'asse
o le ruote della carretta si sarebbero rotti pi volte. Se lo aspettavano
che non ci fosse una strada tracciata e che i carriaggi della
Compagnia della Baia di Hudson non avessero spianato il terreno, e
Bill Stell sapeva come regolarsi.
Ma dichiar un giorno, mentre la carovana percorreva un passo
stretto, la strada non mi era sembrata cos cattiva, quando l'ho
percorsa circa vent'anni fa
Eppure non deve essere cambiata da allora fece osservare
Summy Skim,
Forse il rigore dell'ultimo inverno disse l'ingegnere.
Penso proprio di s, signor Ben rispose lo Scout, i freddi sono
stati cos straordinari che le gelate hanno scavato solchi profondi nel
terreno.
Bisogna anche fare attenzione alle valanghe raccomand
Lorique, e le rocce potrebbero facilmente staccarsi dalle pareti di
questa gola.
Ed infatti quel che si verific due o tre volte. Enormi blocchi di
quarzo e di granito, privati del loro sostegno dall'erosione, rotolavano
rimbalzando sui pendii, schiantando, facendo a pezzi gli alberi che si
trovavano sul loro passaggio. Anzi, poco ci manc che uno dei carri e
il suo animale da tiro non fossero distrutti da una di quelle masse
pesanti.
Per due giorni le tappe furono molto faticose, il cammino percorso
non si mantenne sulla sua media consueta. Di qui nacquero dei ritardi
contro i quali imprecavano Ben Raddle e il capomastro, e che Summy
Skim accoglieva con filosofica calma.
Il Golden Mount, se esiste diceva, sar l tanto tra quindici
giorni quanto fra otto, e d'altra parte spero bene che ci prenderemo un
meritato riposo a Fort Macpherson. Dopo una simile trottata, sar
permesso stendersi in un buon letto di locanda!
Se ci sono locande a Fort Macpherson! rispose Ben Raddle, che
non era arrivato ancora a lamentarsi di dormire all'aperto da tre
settimane.
Ma ci sono delle locande? domand Lorique allo Scout.
No rispose Bill Stell. Fort Macpherson solo una base per gli
agenti della Compagnia, una base fortificata contro gli indiani, ma ci
sono delle camere.
E dato che ci sono delle camere, ci sono dei letti replic Summy
Skim, e non mi dispiacer allungare le gambe per due o tre buone
notti
Cominciamo ad arrivarci rispose Ben Raddle, e non
attardiamoci in soste inutili.
La carovana procedeva dunque rapidamente quanto lo
permettevano le sinuosit e gli ostacoli dei passi. Ma avrebbe ripreso
un'andatura pi spedita di l dall'estremit della catena montuosa che
circondava la valle del Peel River.
Tuttavia, prima di raggiungerla, lo Scout dovette affrontare un
cattivo incontro, sebbene Summy Skrrn forse fosse portato a definirlo
in tutt'altro modo.
All'uscita del passo, lo Scout aveva deciso di fermarsi ai bordi del
Peel River, sotto il fogliame dei grandi pini marittimi raggruppati
sulla riva sinistra.
In un primo momento si era presentata la questione d decidere se
avrebbero costruito una zattera per discendere quel fiume fino a Fort
Macpherson. Ma Bill Stell s rese conto che il suo corso non era
navigabile. Gli ultimi blocchi di ghiaccio del disgelo lo
ingombravano ancora. Costruire una zattera sufficiente a contenere
l'equipaggio e l'attrezzatura della carovana avrebbe richiesto un certo
tempo, dirigerla in mezzo ai ghiacci alla deriva sarebbe stato difficile.
Cos la trentina di leghe che restavano sarebbero state percorse lungo
il Peel River, le cui rive non avrebbero presentato grandi difficolt.
Soltanto disse Bill Stell a Ben Raddle, aiutandoci con quei
blocchi di ghiaccio, passeremo sulla riva destra, e sar tanto di
guadagnato, visto che Fort Macpherson sulla riva destra.
La questione era cos risolta, la tenda fu montata, e ci si prepar
per il riposo serale, sempre atteso con impazienza dopo la seconda
tappa della giornata.
Ma non appena tutti ebbero preso posto sotto gli alberi, Lorique,
che era sceso un po' a valle, riapparve correndo e, arrivato a portata di
voce, grid:
Allarme Allarme!
Summy Skim, da cacciatore esperto, si rialz subito e afferr la
carabina, pronto a fare fuoco.
Indiani? grid.
No rispose il capomastro, orsi
Fa lo stesso! replic Bill Stell.
In un momento tutti furono ai margini del bosco, mentre i muli
scalciavano e sbuffavano e il cane Stop
90
abbaiava furiosamente.
Infatti un terzetto di orsi, dopo aver risalito la riva sinistra, era
appena arrivato al limite dell'accampamento. L si fermarono e si
alzarono sulle zampe. Erano animali di grande corporatura,
dall'aspetto imponente, appartenenti alla specie dei grizzlies, che
frequenta di solito le gole delle Montagne Rocciose.
Quegli orsi erano spinti dalla fame? Si preparavano ad attaccare la
carovana? Era probabile, perch emisero dei ruggiti terribili che
ebbero l'effetto di spaventare le bestie da tiro.
Ma Summy Skim e Neluto si erano slanciati in avanti. Esplosero
due colpi di fuoco, che abbatterono uno dei tre orsi. Colpito al petto e
alla testa, cadde pesantemente sul suolo per non rialzarsi pi.
Fu l'unico episodio notevole di quell'aggressione. Gli altri due orsi
se la batterono all'istante, e anche se furono salutati da alcune
pallottole non ne furono raggiunti, perch se la diedero a gambe a
tutta velocit lungo la riva sinistra. Ma fu deciso che uno degli
uomini avrebbe vegliato per tutta la notte, per timore di un ritorno
offensivo delle bestie feroci.
L'animale abbattuto era magnifico. La sua carne, ottima nelle parti
adatte, cadeva a puntino per aumentare le riserve commestibili.
Quanto alla sua splendida pelliccia, Neluto si incaric di scuoiarlo.
Poich non ne ha pi bisogno per l'inverno disse Summy Skim,
non lasciamola perdere. Con una simile veste da camera si
potrebbero sfidare i freddi di sessanta gradi sotto zero, come se ne
verificano in questo beato Klondike!

90
Apparizione di questo cane da caccia di cui lautore dimentica di segnalare la
presenza.
VI
FORT MACPHERSON
Fort Macpherson era a quel tempo la base pi settentrionale che la
Compagnia della Baia di Hudson possedeva nel Nord-America, a
centotrentacinque gradi di longitudine ovest e sessantasette gradi di
latitudine nord. Era a capo di tutta la parte del territorio bagnata dai
numerosi bracci che si ramificano all'estuario del Mackensie sul mare
polare artico. L i cacciatori di pellicce trovavano di che rifornirsi e
anche di che difendersi contro le bande di indiani che vagavano
attraverso le pianure dell'alto Dominion.
Quel forte, innalzato sulla riva destra del Peel River, si teneva il
pi possibile in comunicazione con Fort Good Hope, a []
91
leghe a
monte sul corso del fiume. 1 carichi di pellicce risalivano dall'uno
all'altro per essere poi trasportati sotto buona scorta nel deposito
centrale della Compagnia.
Fort Macpherson comprendeva solo un ampio magazzino al di
sopra del quale si susseguivano la camera dell'agente capo, la
postazione dei suoi uomini, e una sala munita di letti da campo che
poteva contenere una ventina di persone. Vicino al magazzino, in
basso, si trovavano delle scuderie dove venivano sistemati i tiri di
cavalli e di muli. Le foreste vicine fornivano il combustibile
necessario per combattere i grandi freddi della stagione glaciale.
Fortunatamente, da diversi anni la legna non era mancata e non
sarebbe mancata per numerosi anni ancora. Quanto al nutrimento, era
assicurato regolarmente dai rifornitoti della Compagnia, all'inizio
dell'estate, e inoltre la caccia e la pesca alimentavano largamente le
scorte.
Fort Macpherson era comandato da un agente capo, con ai suoi
ordini una ventina di uomini, originari del Canada e della Columbia

91
Lacuna nel manoscritto.
britannica, insomma dei soldati sottomessi a una severa disciplina
Una vita ben dura la loro, dati i rigori del clima, e senza parlare del
pericolo continuo d attacchi da parte delle bande vaganti. Cos la
rastrelliera per le armi era sempre munita di carabine e di rivoltelle, e
la Compagnia non tardava a rinnovare le munizioni, in modo che la
base fosse sempre rifornita.
Le precauzioni non sarebbero mai state troppe e, infatti, qualche
giorno prima, l'agente capo e i suoi uomini avevano avuto un allarme.
Fu nella mattina del 4 giugno. L'uomo di guardia aveva appena
segnalato l'avvicinamento di un gruppo di uomini, che scendeva
lungo la riva destra del Peel River. Quel gruppo sembrava composto
da una cinquantina di indiani e stranieri, e l'accompagnavano
parecchi carri con i loro animali da tiro.
Come si faceva in simili circostanze, per una precauzione molto
giustificata, la porta di Fort Macpherson fu solidamente chiusa, e a
meno di scalare il muro non si sarebbe potuto penetrare nel recinto.
Quando uno degli stranieri, che pareva il capo di quel gruppo,
arriv davanti alla porta, domand che gli fosse aperta.
L'agente in capo allora apparve in cima al muro, e certo
quell'arrivo gli sembr sospetto, perch la risposta fu che nessuno
avrebbe oltrepassato la porta.
Aveva ragione, l'agente capo, perch immediatamente partirono
minacce ed insulti. Si rese conto che gli stranieri che facevano parte
della banda erano della razza sudamericana, sempre incline alla
violenza estrema. La Compagnia della Baia di Hudson aveva gi
avuto dei problemi con loro, soprattutto dall'epoca in cui l'Alaska fu
ceduta dal governo russo agli Stati Uniti, ed era stato dato l'ordine di
proibire loro l'ingresso nei vari forti della regione dell'alto Dominion.
Ma allora quegli avventurieri non si limitarono alle parole,
passarono alle azioni. Per una ragione o per un'altra, o che volessero
rifornirsi, o che intendessero impadronirsi di Fort Macpherson, punto
d'appoggio molto importante che dominava la foce del Mackensie,
americani e indiani tentarono di forzare la porta. Questa per
resistette, e dopo una scarica che ne fer qualcuno, batterono in
ritirata. Ma non senza far uso delle loro carabine contro gli agenti che
comparivano in cima al muro di recinzione, e dei quali nessuno fu
colpito, per fortuna.
La banda decise allora di ritirarsi dopo quel tentativo infruttuoso.
Tuttavia, invece di discendere la riva destra del Peel River, prese la
direzione nord-ovest spingendosi verso la zona montuosa.
Non c'era dubbio che gli agenti di Fort Macpherson avessero fatto
bene a non fidarsi, e poich potevano temere un ritorno offensivo, si
tennero giorno e notte sul chi vive.
E dovettero essere molto lieti di aver fatto buona guardia, quando
cinque giorni dopo, il 9 giugno, fu segnalato un altro gruppo che si
dirigeva anch'esso verso il forte e discendeva la riva destra del corso
d'acqua.
Grande perci fu la sorpresa della carovana dello Scout perch si
trattava di quella quando vide comparire sulla cortina
92
una dozzina
di agenti pronti a servirsi delle armi, e che gli intimarono l'ordine di
allontanarsi.
Tuttavia, quando in seguito a spiegazioni l'agente capo si rese conto
che erano dei canadesi, consent ad avviare le trattative. E, circostanza
delle pi felici, si scopr che lui e Bill Stell erano vecchie conoscenze,
poich avevano servito tutti e due nella milizia del Dominion.
La porta di Fort Macpherson si apr immediatamente, e la carovana
entr nel cortile interno, dove ricevette una buona accoglienza.
L'agente capo diede allora alcune spiegazioni relative al suo
comportamento all'avvicinarsi di un gruppo di sconosciuti. La sua
prudenza, e anzi la sua diffidenza non erano giustificate, dopo quello che
era successo qualche giorno prima? Raccont che una banda di
americani e di indiani si era comportata in modo ostile, e che aveva
tentato di entrare nel forte con la violenza, che era stato necessario
respingerla a colpi di carabina. Che cosa volevano quei vagabondi, quei
predoni? Forse rifornirsi a spese del forte, perch non era ammissibile
che avessero l'intenzione di stabilirvisi. La Compagnia della Baia di
Hudson non avrebbe tardato a sloggiarli.
E questa banda, che ne stato? domand lo Scout.
Poich ha fallito il colpo rispose l'agente capo, ha continuato per
la sua strada
In quale direzione?

92
Cortina: la parte di una fortificazione compresa fra due bastioni.
In direzione nord-ovest.
Allora concluse Ben Raddle, dato che noi andremo verso nord,
probabile che non li incontreremo.
Ve lo auguro rispose l'agente capo, perch la compagnia mi
sembrata un'accozzaglia di gente della peggior specie.
Ma dove vanno in quel modo? domand Summy Skim.
Senza dubbio alla ricerca di nuovi giacimenti, dato che avevano
un'attrezzatura da prospettori.
Dunque avete sentito dire che ce ne sono in questa parte del
Dominion? domand Ben Raddle.
Ne esistono di sicuro rispose l'agente capo, e non mi stupisce che
vogliano intraprenderne lo sfruttamento.
Ma non ne sapeva di pi, quell'agente. Parlava in base ai racconti dei
cacciatori della Compagnia della Baia di Hudson che percorrono il delta
del Mackensie e le rive del mare artico. Non fece neanche allusione a
quel Golden Mount che, pure, doveva essere lontano solo un centinaio
di leghe a nord di Fort Macpherson.
Certo, Ben Raddle preferiva che il segreto di Jacques Laurier non
fosse noto a nessuno; ma ci meravigliava sempre un po' Summy
Skim, che continuava a dubitare dell'esistenza del Vulcano d'oro.
E quando domand all'agente capo se c'erano vulcani in quella
direzione, costui rispose che non ne aveva mai sentito parlare.
Lo Scout si limit a dire all'agente capo che la carovana andava
appunto alla ricerca di territori auriferi verso la foce del Mackensie.
Dopo aver lasciato Dawson City da sei settimane, chiedevano di
riposarsi per due o tre giorni a Fort Macpherson, e se l'agente capo avesse
avuto la cortesia di concedere ospitalit, Bill Stell e i suoi compagni
gliene sarebbero stati molto grati.
Gli accordi furono presi senza difficolt. Tanto pi che in quel
momento il forte conteneva solo la sua piccola guarnigione
regolamentare. I cacciatori non dovevano arrivarci prima di un mese. Il
posto era dunque libero, e la carovana avrebbe potuto alloggiare con suo
comodo senza provocare alcun disturbo. Era ampiamente rifornita, e non
avrebbe dovuto ricorrere alle riserve del forte, che sarebbero state
rinnovate nel periodo consueto dai rifornitori della Compagnia.
Ben Raddle ringrazi molto calorosamente l'agente capo di quella
buona accoglienza, e in meno di un'ora l'installazione dell'equipaggio
e dell'attrezzatura era terminata, con piena soddisfazione di tutti.
Quei tre giorni passarono in un riposo assoluto, eccetto che per
Summy Skim e Neluto, che non resistettero ai loro istinti venatori.
Fecero buona caccia nei dintorni. La selvaggina abbondava e, durante
la bella stagione, la guarnigione ne faceva il suo nutrimento principale,
senza timore di esaurirla: pernici, anatre, e altri rappresentanti delle
specie volatili. C'erano anche degli orignals, a dire il vero in piccolo
numero, e difficili da avvicinare. Summy Skim ne avvist e, con suo
vivo rimpianto, dovette rinunciare a inseguirli, perch avrebbe rischiato
di essere trascinato troppo lontano. Ciononostante, fu cos soddisfatto
che, il secondo giorno, rientrando, disse a suo cugino:
Vedi, Ben, ancora ancora preferirei passare la bella stagione a Fort
Macpherson che a Dawson City Almeno, non siamo pi mischiati
con quell'abominevole mondo di prospettori
Di cui facciamo parte, Summy.
Di cui facciamo parte, se vuoi. Ma qui, in piena campagna, dove non
si sentono n il cigolio dei rockers n i colpi della picozza e del piccone,
come una villeggiatura, e mi sembra di essere meno lontano da Green
Valley che del resto rivedremo prima del prossimo inverno.
E di certo, sebbene avesse gi dovuto fare i conti con qualche
disillusione, Summy Skim non dubitava di essere di ritorno a Montreal
entro quattro mesi.
Nessun fatto di rilievo accadde durante il soggiorno della carovana a
Fort Macpherson, e quando arriv l'ora della partenza, tutti quanti, ben
riposati, erano pronti a rimettersi in cammino.
Cos, la mattina del 12 giugno, il gruppetto si ricostitu sotto il
comando dello Scout. Presero congedo dall'agente capo e dai suoi
commilitoni, non senza ringraziamenti sinceri quanto meritati, con la
speranza di rivederli al ritorno. Poi la porta si apr, si richiuse, e la
carovana, a un'andatura rapida, discese la riva destra del Peel River.
Ben Raddle e Summy Skim avevano ripreso posto nella carretta
guidata da Neluto, e gli altri tiri seguivano sotto il comando dello Scout.
Questi, come sappiamo, non conosceva il territorio che si stendeva a
nord di Fort Macpherson. Non aveva mai oltrepassato quella base. In
realt, adesso era opportuno attenersi alle indicazioni dell'ingegnere. La
sua mappa gli dava con una certa esattezza la posizione del Golden
Mount, secondo i rilevamenti effettuati dal francese J acques Laurier.
Quella montagna doveva essere situata a sessantotto gradi di latitudine
nord e centotrentasei di longitudine ovest. Per cui, l'itinerario a partire
da Fort Macpherson avrebbe leggermente deviato verso nord-ovest,
sulla sinistra del Peel River, che a una sessantina di leghe di l veniva a
perdersi nelle numerose foci dell'estuario del Mackensie.
A mezzogiorno, fecero la tappa vicino a un rio ai limiti di un bosco di
abeti. Gli animali furono lasciati al pascolo in una prateria vicina. Il
tempo era rinfrescato da una leggera brezza da nord-est, ed il cielo era
velato da qualche nuvola.
Erano su una pianura, e a levante lo sguardo s fermava solo al
confine dei primi rigonfiamenti della catena delle Montagne Rocciose.
In base alla mappa, la distanza da percorrere fino al Golden Mount
doveva essere solo di settantacinque od ottanta leghe, e non avrebbe
richiesto pi di otto giorni, se non si fosse verificato alcun ritardo.
Mentre conversava durante la sosta, Bill Stell arriv a dire: Dopo
tutto, signor Skim, qualunque cosa succeda, saremo arrivati alla fine del
viaggio, e dovremo pensare solo al ritorno.
Amico mio rispose Summy Skim, un viaggio davvero
terminato soltanto quando si ritornati a casa, e questo qui lo creder
definitivamente finito solo il giorno in cui la porta della nostra casa di
rue Jacques Carrier si chiuder dietro di noi!
E chi avrebbe potuto biasimarlo di questa prudente cautela?
Alla carovana occorsero ben quattro giorni per raggiungere la
confluenza del Peel River con il Mackensie. Dunque vi arriv solo nel
pomeriggio del 16 giugno.
Niente turb quelle lunghe tappe effettuate senza troppa fatica su
quel terreno pianeggiante ai bordi del letto del fiume. La zona era
deserta, ed tanto se si imbatterono in qualche gruppo di indiani, di
quelli che vivono di pesca sul delta del grande fiume. Cos non
incontrarono la banda segnalata dall'agente capo di Fort Macpherson, e
bisogna dire che lo Scout, ben conoscendo quel genere di avventurieri
che la componeva, ci teneva molto a evitare ogni contatto.
Arriviamo da soli al Golden Mount ripeteva, torniamone soli e
tutto andr per il meglio!
Ma dopo tutto ci difenderemo rispose il capomastro Lorique.
E preferibile non doversi difendere affatto dichiarava Bill Stell.
E non essere seguiti da nessuno dove stiamo andando! dichiar
Ben Raddle.
Perci durante le tappe lo Scout prendeva tutte le precauzioni. Due
dei suoi uomini andavano continuamente in ricognizione davanti e sui
lati della carovana. Poi, durante le soste, i dintorni dell'accampamento
erano sorvegliati con cura, in modo da premunirsi contro ogni sorpresa.
Insomma, fino ad allora non avevano fatto alcun brutto incontro.
Non trovarono nemmeno tracce della banda sospetta, e si poteva
credere che in quel momento percorresse la parte montuosa del
territorio, che si sviluppa a est del Mackensie.
La foce di questo grande fiume costituisce un'importante rete
idrogafica che forse non ha pari in qualsiasi regione del Nuovo e del
Vecchio Mondo. I suoi rami si dispiegano come aste di un ventaglio.
Sono intercomunicanti attraverso una moltitudine di bracci secondari, di
canali sinuosi, di cui i grandi freddi fanno in inverno un'unica enorme
superficie gelata. In quel periodo dell'anno, gli ultimi residui del
disgelo si erano appena sciolti nelle acque del mare artico, e il Peel
River non trasportava pi un solo blocco di ghiaccio.
Nel vedere la disposizione cos complicata dell'estuario del
Mackensie, ci si potrebbe anche domandare se il suo ramo ovest non
formato dal Peel River stesso, che sarebbe unito al ramo principale,
quello a est, dalla rete di canali che si stende tra loro.
Del resto, poco importa: quel che importava era che la carovana
potesse ripassare sulla riva sinistra di quel ramo ovest, poich il
giacimento del Golden Mount, la mappa lo collocava a poca distanza
da quella riva, quasi al confine con l'oceano glaciale artico.
Il passaggio si svolse non senza difficolt durante la sosta del 16. Per
fortuna il livello delle acque non era elevato, e dopo una minuziosa
ricerca lo Scout scopr un guado che gli uomini e le bestie avrebbero
potuto oltrepassare, e anche i mezzi di trasporto, prendendo la
precauzione di scaricarli.
Quell'operazione occup tutto il pomeriggio, e quando scese la sera,
Bill Stell e i suoi compagni si erano accampati sull'altra riva. Grandi
macchie di alberi fornirono loro un riparo, e se in quel momento risuon
qualche colpo d'arma da fuoco, non era per difendere l'accampamento da
bipedi nemici, bens contro dei quadrupedi della famiglia dei plantigradi.
Tre o quattro orsi, vedendosi cos male accolti, se la diedero a gambe,
senza lasciare questa volta una seconda pelliccia che avrebbe completato
il paio.
L'indomani, 17 giugno, gi alle tre del mattino, allo spuntare del
giorno, Bill Stell diede il segnale della partenza, e i tiri procedettero
rapidi lungo la riva sinistra.
Secondo le stime dello Scout, tre giorni dovevano bastare per
raggiungere il litorale vicino al delta del Mackensie. La carovana sarebbe
dunque arrivata in vista del Golden Mount, se le indicazioni della mappa
erano date con qualche precisione. Anche ammettendo che la
longitudine e la latitudine rilevate da Jacques Laurier non fossero
completamente esatte, la montagna sarebbe stata certamente visibile,
poich doveva dominare la regione.
Le tappe lungo il ramo occidentale del grande fiume si svolsero
dunque senza ostacoli. Solo il tempo era meno favorevole. Alcune nuvole,
venute da nord, trascorrevano a gran velocit, e a volte la pioggia cadde
violenta. La marcia fu perci ritardata. Fu necessario in certe ore cercare
riparo sotto le foreste lungo la riva, e le soste notturne furono assai
disagevoli. Ma tutte queste seccature erano sopportabili, dato che
l'obiettivo non era lontano.
D'altra parte, era gi una bella fortuna il fatto che la carovana non
fosse stata costretta ad attraversare la rete idrografica del delta. Lo Scout
si domandava, non senza motivo, come avrebbe fatto a cavarsela. Tanti
rios da attraversare, se non erano guadabili, avrebbero provocato le pi
serie difficolt. Si sarebbe dovuta lasciare indietro una parte
dell'attrezzatura, per venirla a riprendere in seguito. Poteva anche
succedere, se i temporali avessero scaricato piogge abbondanti, che il
delta fosse inondato su tutta la sua superficie, e non offrisse pi un
passaggio n agli uomini a piedi n agli animali da tiro dei carri e della
carretta.
Ma non si verific alcuna eventualit rischiosa, tale da ritardare
anche solo di ventiquattr'ore l'arrivo dello Scout e dei suoi compagni
sul litorale del mare artico. Nel pomeriggio del 19 giugno, erano solo a
cinque o sei leghe, quando si accamparono vicino al ramo occidentale. Il
giorno dopo, senza alcun dubbio, si sarebbero fermati sulle prime sabbie
della costa.
Alle cinque, il sole era ancora abbastanza alto sull'orizzonte. Ma
purtroppo la foschia si accumulava verso nord.
Si capisce che tutti gli sguardi erano fissi in quella direzione, nella
speranza di avvistare la cima del Golden Mount. Ammettendo anche che
la sua altezza non fosse che di cinque o seicento piedi, doveva essere
visibile a quella distanza, e senza alcun dubbio lo sarebbe stato durante la
notte, se il suo cratere si fosse coronato di qualche fiamma.
Non apparve nulla a quegli occhi impazienti, e sembrava che
l'orizzonte fosse chiuso unicamente da una linea circolare, come se il
cielo e l'acqua si fossero riuniti sul suo perimetro.
Si pu concepire a quale grado di nervosismo erano arrivati Ben
Raddle e, non meno di lui, il capomastro, che condivideva tutte le sue
speranze e tutte le sue illusioni. Non potevano star fermi. Se lo Scout e
Summy Skim non li avessero trattenuti, avrebbero ripreso il cammino in
mezzo all'oscurit per fermarsi solo laddove sarebbe loro venuta a
mancare la terraferma, vale a dire sul confine del Dominion bagnato dalle
acque dell'oceano polare.
Col cannocchiale agli occhi, non smettevano di osservare a nord, a
est, a ovest, la regione che la notte avrebbe avvolto solo a ora tarda, e
non vedevano nulla in mezzo alle brume leggere sospese
nell'atmosfera.
Ma calmati, calmati, Ben! ripeteva Summy Skim, e aspetta con
pazienza fino a domani. Se il Golden Mount l, lo troverai al posto
suo ed inutile lasciare l'accampamento per essere sicuri qualche ora
prima!
Saggio consiglio, che fu sostenuto da Bill Stell, e cui Ben Raddle e
Lorique dovettero arrendersi. C'erano sempre alcune precauzioni da
prendere contro i possibili incontri con gli indiani e, chi lo sa?, con la
banda di avventurieri che si era allontanata da Fort Macpherson.
La notte trascorse in quella situazione, e quando il giorno
riapparve, i vapori non si erano ancora del tutto dissipati e, a due o tre
leghe, il Golden Mount non sarebbe stato visibile.
E Summy Skim si diceva sempre, non senza qualche apparenza di
ragione: D'altra parte, se questo Golden Mount non esiste,
quand'anche il tempo fosse limpido, non lo vedremmo meglio!.
Evidentemente, gli rimaneva qualche dubbio riguardo alla scoperta
del francese Jacques Laurier, e forse Bill Stell non era lontano dal
condividere quei dubbi.
Quanto a Ben Raddle, con i lineamenti contratti, la fronte incupita,
l'inquietudine dipinta sul viso, non poteva contenersi.
L'accampamento fu tolto alle quattro del mattino. Era giorno fatto, e
il sole era gi alcuni gradi sopra l'orizzonte. Lo si sentiva dietro la foschia
che i suoi raggi non avevano ancora dissipato.
La carovana si rimise in cammino. Alle undici non doveva essere a
pi di due leghe dal litorale, e da nessuna parte si vedeva il Golden
Mount.
Summy Skim Pot domandarsi se suo cugino non stava per
impazzire. Tanti disagi patiti, e tanti pericoli corsi per arrivare solo a
una disillusione! Ma prima di mezzogiorno, a nord, ci fu una schiarita. 1
vapori si dissiparono, e si sent Neluto gridare:
L l del fumo!
E allo stesso tempo apparve la montagna, il Vulcano d'oro il cui
cratere emetteva qualche vapore fuligginoso.
VII
GOLDEN MOUNT
Lo Scout e i suoi compagni non impiegarono pi d due ore a scoprire
la distanza che li separava dal Golden Mount. Pareva che fossero attratti
da quella montagna come se fosse stata un'enorme calamita e loro
fossero stati di ferro.
E in effetti non lo siamo forse e non bisogna forse esserlo per
sopportare tutto quello che abbiamo sopportato fin qui? Tale fu la
risposta con cui Summy Skim ritenne di dover completare la suddetta
similitudine, enunciata dal capomastro.
Insomma, non erano ancora le cinque, quando la carovana si ferm ai
piedi del vulcano, la cui base a ovest seguiva un rio, il Rubber Creek,
indicato da Jacques Laurier, che scorreva verso l'oceano. Gli ultimi
rilievi del Golden Mount, sul lato nord, erano anch'essi bagnati dalle
acque del mare artico.
Una regione assolutamente deserta. N oltre la montagna n dal lato
delle foci del Mackensie appariva un villaggio indigeno, non si vedevano
neppure quegli indiani che percorrono il litorale. Al largo, non una sola
imbarcazione, non una vela di baleniera, non il fumo di uno steamer.
Eppure era il periodo in cui quei mari settentrionali sono frequentati dai
pescatori di cetacei o dai cacciatori di foche. No, in quella regione
remota, nessuno aveva preceduto Ben Raddle e i suoi compagni. Forse
Jacques Laurier e Harry Brown erano i soli che avessero spinto le loro
ricerche fino alla foce del Mackensie e constatato l'esistenza del Golden
Mount? Ai piedi del fianco orientale, separato dal Rubber Creek da un
bosco di betulle e di tremole, lo Scout stabil l'accampamento, a meno
di una mezza lega dalla costa. L'acqua dolce non sarebbe mancata, n la
legna di cui la carovana avrebbe potuto aver bisogno. Pi in l si
sviluppavano a ovest e a sud delle vaste pianure, allora verdeggianti,
disseminate di boschetti, e che, secondo Summy Skim, dovevano
essere abbastanza ricche di selvaggina. Del resto, anche durante il
cammino, egli aveva constatato che gli animali di pelo e di piuma non
sarebbero mancati, e unendo i prodotti della caccia a quelli della pesca, il
nutrimento, senza parlare delle scorte, era assicurato all'accampamento
del Golden Mount. Quel giacimento apparteneva di certo
all'ingegnere, in qualit di primo occupante. Nessuno ne aveva preso
possesso fino ad allora, nessuno avrebbe avuto il diritto di intervenire.
Poich nessun palo limitava quel giacimento, nessun canone sarebbe
finito nelle casse dell'amministrazione canadese.
L'accampamento fu organizzato rapidamente sotto il comando di Bill
Stell. Due tende furono montate ai margini del boschetto. La carretta e
i carri trovarono posto in una radura sulla sponda del rio. I muli staccati
avrebbero potuto pascolare in libert sulle praterie vicine. Va da s che,
per non abbandonare le misure precauzionali, i dintorni
dell'accampamento sarebbero stati sorvegliati giorno e notte, bench
sembrasse che non ci fosse da temere nessun pericolo, se non forse da
parte degli orsi, ospiti abituali di quei territori dell'alto Dominion.
Del resto nessuno dubitava che lo sfruttamento del Golden Mount
dovesse essere di breve durata. Il tempo di attingere a quel tesoro
ammassato nel cratere e di caricarne i carri. Non si sarebbero dovuti
usare n la picozza n il piccone, non ci sarebbe stato nessun lavaggio da
fare. In base alle informazioni di Jacques Laurier, si trattava di oro sotto
forma di polvere o di pepite. Tutto il lavoro era stato fatto, e da molto
tempo, dalle forze eruttive del Golden Mount.
Peraltro Ben Raddle avrebbe potuto essere sicuro al riguardo solo
dopo aver effettuato l'ascensione della montagna, quando avrebbe
osservato la struttura del cratere, dove era facile scendere, secondo
Jacques Laurier. Tuttavia era sopraggiunta una circostanza che poteva
creare alcune difficolt, e per l'appunto quella sera, il capomastro ne
discusse con l'ingegnere.
Signor Ben disse, quando il francese vi ha rivelato l'esistenza del
Golden Mount, non vi ha parlato di un vulcano spento?
Spento s o almeno, nel periodo in cui lo visit, non emetteva
n fumo n fiamme.
Aveva potuto arrampicarsi fino alla cima, se non mi sbaglio?
E anche introdursi nel cratere aggiunse Ben Raddle.
Jacques Laurier non pensava che ci fosse da aspettarsi a breve
termine un'eruzione?
No Dal cratere non usciva alcun vapore Ma da allora sono
passati pi di sei mesi, e nel frattempo le forze eruttive possono essere
rientrate in attivit.
Possiamo esserne certi rispose il capomastro, dato che in cima alla
montagna si alzano delle volute di fumo, e mi domando come potremo
scendere nel cratere
Va da s che Ben Raddle aveva da parte sua riflettuto a
quell'eventualit fin dall'ultima sosta. Non si trattava pi di un vulcano
spento, ma solo addormentato, e si risvegliava. Ma, nel caso fosse
impossibile penetrare nel cratere, l'ingegnere si era detto, e ripet a
Lorique: Perch un'eruzione non dovrebbe risparmiarci ogni lavoro,
svuotando il Golden Mount delle pepite che racchiude? Non ci
resterebbe che raccoglierle ai piedi della montagna, e sarebbe una grossa
fatica evitata In ogni caso aspettiamo, e domani, quando saremo saliti
in cima, agiremo secondo le circostanze.
Alla fine della serata, le condizioni atmosferiche erano molto buone.
La brezza era caduta gi prima del tramonto. Il cielo, limpidissimo,
s'illumin di stelle, e la stella polare risplendeva quasi allo zenit, al di
sopra dell'orizzonte, a nord.
La sorveglianza dell'accampamento fu organizzata dallo Scout, e la
notte fu disturbata solo da qualche brontolio lontano di orsi, che non si
avventurarono fino al Golden Mount.
Gi alle cinque tutti erano in piedi.
Solleticato dall'immaginazione, Summy Skim aveva contemplato non
senza qualche interesse quel benedetto Golden Mount. E chi sa anzi se
non cedeva, anche lui, alla tentazione di attingere a piene mani a
quell'enorme tesoro?
Mah! si diceva. Se nostro zio Josias avesse fatto una simile
scoperta, probabile che gli sarebbero bastate poche settimane per
raccogliere milioni di milioni, e invece di morire nel Klondike,
sarebbe tornato nel suo paese a spassarsela con i miliardari del Nuovo
Mondo! Il destino non ha voluto cos, e questa fortuna tocca ai suoi
nipoti, dei quali uno, almeno, non ha mai spinto l'ambizione fin l
nemmeno in sogno! Alla fine, poich abbiamo fatto tanto per visitare
le coste del mare artico, cerchiamo dunque di tornare con la borsa
piena, e per borsa intendo i nostri carri e la nostra carretta carichi d'oro
da spaccarsi! Eppure, a dire il vero, ho un bell'esaminare questa
montagna sotto tutti i suoi aspetti e ripetermi che rinchiude quantit
del prezioso metallo da umiliare l'Australia, la California e l'Africa, non
le trovo un'aria abbastanza da cassaforte!
Ma a quella stregua, per soddisfarlo, sarebbe stato necessario che il
Golden Mount assomigliasse alle casse della banca d'Inghilterra o della
banca d'America. Avrebbe dovuto essere un parallelepipedo dai lati
perpendicolari con una porta aperta sulla sua facciata principale, e
siccome Ben Raddle non ne conosceva la combinazione, come avrebbe
potuto aprirlo?
No, il Golden Mount era semplicemente un monte ignivomo, un
cono irregolare che dominava quella parte del litorale. Misurava
novecento o mille piedi di altezza, e per quanto se ne poteva giudicare, la
sua circonferenza alla base non doveva essere inferiore a cinquemila.
Perci un cono, o meglio un tronco di cono, che terminava con un
altopiano invece di sagomarsi in pan di zucchero.
Quel che si Pot constatare in primo luogo, fu che l'angolo dei suoi
fianchi, molto ampio, si apriva almeno a settanta gradi con la verticale
e, in quelle condizioni, sicuramente la salita avrebbe presentato pesanti
difficolt. Ma dopotutto non doveva essere impossibile, se Jacques
Laurier e il suo compagno avevano potuto salire fino al cratere del
vulcano.
Il fianco pi ripido, quasi perpendicolare, era quello nord, rivolto
verso il largo. Non c'era da pensare di tentare l'ascensione da quel lato, e
del resto di l la base del monte terminava in mare. Ai suoi piedi non
emergeva nessuna roccia, e si sarebbe potuto definirla una scogliera, se
fosse stata composta di materia porosa o biancastra invece di
presentarsi nel colore nerastro di cui si rivestono le sostanze eruttive.
Ben Raddle e Lorique s preoccuparono quindi di decidere da quale
lato del Golden Mount avrebbero tentato di salire fino alla sua cima,
poich Jacques Laurier non aveva indicato da che parte aveva potuto
arrivare fino al cratere. Avrebbero dovuto fare solo qualche centinaio
di passi per arrivare alla base, dato che l'accampamento era stato
stabilito appunto nell'angolo formato dal Rubber Creek e dal fianco
orientale.
Quanto ai pendii, parevano ricoperti di un'erbetta stenta,
disseminata di qualche cespuglio legnoso che avrebbe potuto servire
da punto d'appoggio per gli scalatori. Ma nella parte superiore, l'erba
cedeva il posto a una specie di humus scuro, forse uno strato di cenere e
scorie. D'altra parte, sembrava che non ci fosse stata un'eruzione di
recente. Questo spiegava il fatto che Jacques Laurier avesse creduto il
Golden Mount estinto gi da lungo tempo.
Quando Ben Raddle e Lorique rientrarono all'accampamento, resero
noti i risultati delle loro rilevazioni. Sarebbe stato opportuno effettuare
la scalata dal fianco occidentale, la cui pendenza era meno ripida.
Va bene rispose lo Scout, ma mettiamoci in forze, e mangiamo
subito.
Saggio provvedimento aggiunse Summy Skim perch forse ci
vorranno due o tre buone ore per arrivare al cratere, e se anche ne
passiamo altrettanto poche sulla cima, saremo di ritorno solo nel
pomeriggio.
La colazione fu preparata immediatamente. La selvaggina uccisa il
giorno prima durante la marcia della carovana fu messa da parte. Ben
Raddle, Summy Skim e i loro compagni si accontentarono di carne in
conserva, prosciutto e altro, di gallette, di t, e, in meno di quaranta
minuti avevano soddisfatto il loro appetito.
D'altra parte, su consiglio di Bill Stell, decisero di portare qualche
provvista, nel caso che gli scalatori ne avessero bisogno, e le borracce
sarebbero state riempite d gin e di whisky mescolati con acqua in
proporzione opportuna. Avrebbero portato con s anche una picozza,
dei picchetti e delle corde che forse sarebbero servite sulle pendenze
troppo ripide.
Del resto, il tempo pareva favorevole a quel tentativo. Si annunciava
una bella giornata, e il sole non sarebbe stato troppo caldo sopra le
nuvole spinte da una leggera brezza dal nord.
Neluto non doveva prendere parte a quella prima scalata. Avrebbe
sorvegliato l'accampamento con il personale, e non avrebbe dovuto
allontanarsi per alcun motivo. Sembrava che non ci fossero pericoli,
poich la zona era deserta. Tuttavia era importante non rinunciare a una
severa sorveglianza.
Ben Raddle, Summy Skim, Lorique e lo Scout partirono dunque verso
le otto, e costeggiarono la base meridionale del monte, per raggiungere
il fianco occidentale.
Quel che sembrava alquanto singolare, era che lungo quella base non
si trovavano tracce di materie eruttive, nemmeno sotto la vegetazione.
Dell'ultima eruzione e a quale periodo risaliva? non si incontrava
alcun indizio; e niente che assomigliasse a della polvere d'oro.
Bisognava indurne che quelle sostanze erano state lanciate dal lato del
mare e giacevano sotto le acque profonde del litorale?
Poco importa, in ogni caso! rispose Ben Raddle al capomastro che
gli faceva quell'osservazione. probabile, anzi certo che non c' stata
un'eruzione da quando Jacques Laurier ha visitato questo vulcano,
appena otto mesi fa, e le pepite che ha visto nel cratere, le vedremo
anche noi!
Erano le otto e mezzo, quando Ben Raddle e i suoi compagni si
fermarono alla base del fianco rivolto verso ovest che si prolungava fino
alla costa.
Dopo un attento esame, fu osservato che quel fianco presentava una
pendenza minore nella parte che volgeva verso nord. Perci sarebbe
stato opportuno spostarsi verso quella direzione, all'inizio, per poi
cambiarla se necessario.
Lo Scout si mise alla testa e gli altri vennero dietro. All'inizio il
pendio non era troppo ripido, non superando quaranta gradi. Le erbe
davano al piede un appoggio abbastanza solido, e non fu necessario usare
picchetti e le corde. E poi Bill Stell, avendo gi effettuato molte
esplorazioni nelle Montagne Rocciose, era una guida esperta. Un istinto
sicuro lo dirigeva, ed era cos robusto, cos abituato agli esercizi di quel
genere, che i suoi compagni facevano fatica a non essere distanziati.
Ecco che cosa vuol dire diceva Summy Skim, avere attraversato
venti volte il valico del Chilkoot! Ti d delle gambe di camoscio!
Tuttavia dopo il primo terzo della scalata, forse anche un vero
camoscio sarebbe stato un po' in difficolt. Ci sarebbero volute le ali di
un avvoltoio o di un'aquila,
La pendenza era tale che divent necessario aiutarsi con le ginocchia, i
piedi e le mani, aggrappandosi ai cespugli di magri arbusti. Presto l'uso
dei picchetti e delle corde divenne indispensabile. Allora lo Scout si
portava avanti, piantava un picchetto tra l'erba, e lanciava la corda che vi
era attaccata, e gli altri si issavano verso di lui. Agivano con estrema
prudenza, perch ogni caduta fino alla base del monte sarebbe stata
mortale.
Verso le nove, Ben Raddle, Summy Skim e il capomastro avevano
raggiunto Bill Stell a mezzo fianco. L tutti fecero una tappa per
riprendere fiato. Bevvero qualche sorso alle borracce e si rimisero in
cammino, o meglio ad arrampicarsi lungo la scarpata.
Dovettero osservare che, nonostante il vulcano fosse coperto da un
pennacchio di fumo sulla sua cima, prova che le forze sotterranee erano
in attivit, non si sentiva nessun rombo, nessuna scossa si avvertiva sulla
superficie della parete. Da quel lato il suo spessore era certo troppo
notevole, e il camino del cratere si apriva piuttosto o nella parte
settentrionale o in quella orientale del vulcano.
La scalata prosegu, sempre pi difficile e anche pericolosa, ma
almeno non c'era pericolo che l'altopiano del cono non potesse essere
raggiunto da quel lato. Quel che i due francesi

avevano fatto qualche
mese prima, non era ammissibile che lo Scout e i suoi compagni non
riuscissero a farlo
Tuttavia a un certo punto Summy Skim si trov in grave pericolo. Si
stava issando dietro allo Scout su uno dei pendii pi ripidi, quando il
picchetto che reggeva la corda lungo cui si tirava venne a mancare.
Che grido di terrore emise Ben Raddle! Vide suo cugino rotolare sulla
scarpata, rischiando di essere trascinato fino ai piedi del monte, dove
avrebbero recuperato solo un cadavere. Fortunatamente Lorique, che
chiudeva il gruppo, Pot aggrapparsi a un solido cespuglio di arbusti e,
nel momento in cui Summy Skim capitombolava vicino a lui, lo
afferr vigorosamente con un braccio e lo trattenne mentre passava.
Anche il cespuglio per buona sorte resist alla scossa, e l'incidente non
ebbe conseguenze.
Ah! povero amico mio esclam Ben Raddle scendendo fino a lui.
S, Ben, l'ho scampata bella!
Non sei ferito?
No Qualche graffio che non rende necessaria la presenza del buon
dottor Pilcox n le cure delle nostre buone suore Marta e Maddalena!
Sai che cosa mi sono detto mentre rotolavo?
Che cosa?
Che era il vulcano che mi vomitava come una volgare pepita!
Ancora una mezz'ora, e saremo lass disse Bill Stell.
In cammino allora! rispose Summy Skim.
Una distanza di duecento piedi, tutt'al pi, separava gli scalatori dalla
cima del Golden Mount, ma fu difficile da superare. La vegetazione era
rara; poich i cespugli di arbusti mancavano a quella quota, e la
superficie rocciosa non presentava alcun punto d'appoggio, si
dovettero prendere delle grandi precauzioni. Tuttavia, i picchetti
conficcati negli interstizi non cedettero e, con l'aiuto delle corde e
deviando a destra e a sinistra, lo Scout e i suoi compagni continuarono
a salire, non senza riposarsi per riprendere fiato. D'altra parte non erano
disturbati dai fumi del cratere, che si piegavano nella direzione opposta.
L'orologio di Ben Raddle segnava esattamente le dieci e tredici,
quando gli scalatori si trovarono tutti riuniti sulla parte del tronco di
cono che formava l'altopiano del monte.
Tutti quanti, pi o meno sfiniti, si sedettero sulle ultime rocce di
quarzo che circondavano quell'altopiano, che doveva misurare trecento
o quattrocento piedi di circonferenza. Press'a poco al suo centro si
apriva il cratere, da cui fuoriuscivano vapori fuligginosi e fumarole
giallastre.
Prima di dirigersi verso quel camino ignivoro che non lanciava n
ceneri n lapilli, e da cui non scorreva lava alcuna, Ben Raddle e i
suoi compagni, riprendendo fiato, osservavano l'ampio panorama che
si stendeva davanti ai loro occhi. Da quell'altezza, la vista spaziava per
un raggio di cinque o sei leghe fino al limite estremo dell'orizzonte.
Spostandosi verso sud, Io sguardo percorreva le pianure verdeggianti
che la carovana aveva attraversato lasciandosi alle spalle la confluenza
con il Peel River per scendere lungo la sua riva sinistra. Si fermava sulle
lontane ondulazioni del terreno dietro le quali Fort Macpherson
dominava la regione circostante.
Verso ovest, il litorale dell'oceano artico si disegnava a nordovest in
forma di sponde sabbiose, tagliate dall'estremit settentrionale del
centoquarantunesimo meridiano, tra l'Alaska americana e il Dominion
britannico. Dietro, appariva la massa di un'estesa foresta, distante circa
una lega e mezzo.
A est, ai piedi del Golden Mount si intricava la rete idrografica
dell'estuario del Mackensie, i cui molteplici bracci sfociavano in
un'ampia baia protetta da un arcipelago di isolotti aridi e di scogli
nerastri.
Poi, la costa si rialzava proprio a nord, terminata da un promontorio,
una specie di collina gigantesca che delimitava l'orizzonte da quel Iato.
Quanto alla regione che si stendeva oltre il delta, ampie pianure la
ricoprivano, bagnate da qualche torrente; ma era meno piatta. Alcune
ondulazioni, tra i boschetti, indicavano un certo rilievo del suolo e,
oltre, l'occhio poteva seguire le prime ramificazioni che si ricollegavano
al sistema delle Montagne Rocciose.
A nord del Golden Mount, a partire dalla scogliera verticale la cui
base scompariva sotto le acque, il mare [non aveva]
93
altro confine
che la linea perimetrale del cielo.
L'aria, purificata, pulita dalla brezza, dissolti i suoi vapori sotto i
raggi del sole, era in quel momento d una limpidezza perfetta. Il
mare scintillava a chiazze man mano che il sole saliva verso il
meridiano. Nessun ostacolo fermava lo sguardo su quel settore la cui
estensione misurava non meno di []
94
leghe. D'altra parte, avrebbe
potuto arrivare a una distanza dieci volte maggiore senza incontrare il
litorale di un continente. Solo la banchisa dei mari artici avrebbe
potuto fermarlo.
In estate quell'immenso oceano continuamente frequentato dai
pescatori di balene, mentre i pescatori di foche e d trichechi ne
frequentano le coste e le isole.
Di questi ultimi, Ben Raddle e i suoi compagni non ne videro e,
per tutta l'estensione del loro campo visivo, le baie, le cale, le anse,
gli isolotti parevano deserti. N stranieri n indigeni apparivano,
eppure le foci del Mackensie sono ricche di mammiferi marini, di
anfibi di varie specie.
Non cos al largo, e con l'aiuto del cannocchiale, lo Scout Pot
segnalare qualche vela e del fumo, che si stagliavano sull'orizzonte
settentrionale.
Sono delle baleniere disse, che dopo avere oltrepassato lo

93
Manoscritto lacunoso. L'integrazione dell'editore francese.
94
Lacuna nel manoscritto.
stretto di Bering hanno raggiunto questi paraggi dell'oceano artico.
Tra due mesi riprenderanno la rotta dello stretto. Alcune
approderanno a Saint Michel alla foce dello Yukon, gli altri a
Petropolawsk nel Kamchatka sulla costa dell'Asia, poi andranno a
vendere nei porti del Pacifico i prodotti della loro pesca.
Non ce ne sono che vanno ad approdare a Vancouver? domand
Summy Skim.
S rispose Bill Stell, ma fanno male, molto male, perch
molto difficile trattenere gli equipaggi, e la maggior parte dei marinai
disertano per recarsi in Klondike.
Era proprio vero; la febbre dell'oro li assaliva, quei marinai che
pure venivano da una campagna molto faticosa in quei paraggi
remoti. Perci, per salvarli dall'epidemia, i capitani delle baleniere
evitavano quanto potevano di approdare nei porti della Columbia
inglese, e preferivano quelli del continente asiatico.
Dopo una sosta di mezz'ora, di cui avevano un gran bisogno,
Ben Raddle e gli altri si rialzarono per visitare l'altopiano del
Golden Mount.
Il cratere non si apriva al suo centro, ma nella parte a est. La bocca
del camino misurava settantacinque od ottanta piedi di circonferenza.
Vapori e fumarole ne fuoriuscivano con una certa violenza. Ma,
avvicinandosi il pi possibile, Ben Raddle Pot constatare con
Lorique che, come sapeva da J acques Laurier, s poteva scendere
all'interno. Era quel che aveva fatto il francese, nel momento in cui
non si verificava nessuna eruzione. E aveva anzi potuto considerarlo
spento. Era in quel cratere che aveva rilevato la presenza del quarzo
aurifero, delle pepite e della polvere d'oro che formava come la
fuliggine di quel camino. Ma quel che aveva fatto, Ben Raddle
doveva rinunciare a farlo, perch avrebbe significato correre il rischio
di essere asfissiato dai gas vulcanici.
Quanto alla polvere d'oro, se ne vedeva ai bordi del cratere,
mescolata allo strato di ceneri laviche. Ma dopo tutto quello che
potevano raccoglierne, come disse Lorique, che cos'era in confronto a
quel prodigioso ammasso di pepite rinchiuse all'interno del Golden
Mount?
E, mentre faceva quell'osservazione, Ben Raddle aggiunse:
Perci proprio nel cratere che dovremo attingere. Se questo
movimento eruttivo si calma, e i vapori si dissipano, scenderemo
come sceso J acques Laurier!.
E se non si dissipano domand Summy Skim, se impossibile
qualsiasi discesa?
Aspetteremo, Summy
E che cosa aspetteremo, Ben?
Che l'eruzione faccia quel che non avremo potuto fare noi e che
emetta le materie contenute nelle viscere del Golden Mount.
Era evidente che sarebbe stata l'unica decisione da prendere. Per
degli uomini che non avessero dovuto contare n i giorni n le ore,
che avessero potuto stabilirsi alle foci del Mackensie come tanti altri
a Dawson City, che avessero potuto affrontare la terribile stagione
invernale a quella latitudine in condizioni sopportabili, s, quella
decisione sarebbe stata del tutto appropriata. Ma se l'eruzione
tardava, se prima di due mesi il vulcano non avesse vuotato da solo il
suo tesoro di pepite, Ben Raddle e Summy Skim non sarebbero stati
costretti a lasciare il loro accampamento, a riprendere la strada di
Dawson City e, se non avessero ripreso quella di Montreal, a passare
ancora sei o sette mesi nella capitale del Klondike?
A questo pensiero, che fu comune a tutti, Summy Skim rispose
senz'altro dicendo:
E se tarder, quest'eruzione, Ben e se non sar avvenuta prima
dell'arrivo dell'inverno?
Ben Raddle volse il capo, e Summy Skim non volle insistere. Si
rendeva conto chiaramente che le circostanze sarebbero state pi forti
della volont, della tenacia di Ben Raddle!
Dopo una sosta di due ore sull'altopiano del cono, gli scalatori
cominciarono a scendere lungo i fianchi del Golden Mount. Anche se
la discesa present grandi rischi di cadute e richiese delle serie
precauzioni, almeno si svolse nella met del tempo rispetto
all'ascensione.
Un'ora dopo, lo Scout e i suoi compagni, piuttosto stanchi, ma sani
e salvi, erano di ritorno al loro accampamento.
VIII
AUDACE IDEA DI UN INGEGNERE
Il meglio che si potesse fare era lasciare allo Scout
l'organizzazione dell'accampamento in previsione di una durata di
qualche settimana. Quando Ben Raddle si era lanciato in quella
nuova campagna non metteva in dubbio, in base alle informazioni di
J acques Laurier del resto esatte, che sarebbe bastato recarsi al Golden
Mount, attingervi le pepite direttamente nel cratere, caricarne i carri,
e rimettersi in cammino per Dawson City. Otto giorni al massimo
dovevano bastare a questo facile compito, e il viaggio, andata e
ritorno, non sarebbe durato pi di tre mesi. Dopo aver lasciato il 7
maggio la capitale del Klondike, la carovana sarebbe rientrata nei
primi giorni di agosto. Perci non sarebbe mancato il tempo per
arrivare a Skagway prima dei grandi freddi sotto la guida di Bill Stell,
poi a Vancouver, da dove la ferrovia avrebbe riportato Ben Raddle e
Summy Skim a Montreal.
E che treno diceva Summy Skim scherzando, che treno ci
vorr per trasportare noi e i milioni del Golden Mount, e che
eccedenza di bagagli!
Ma se i milioni erano proprio nel luogo indicato nel cratere, ecco
che non si poteva tirarli fuori.
Lo Scout, da uomo che se ne intendeva, prese perci i suoi
provvedimenti per assicurare la sopravvivenza dei suoi compagni e il
nutrimento degli animali da tiro fino al giorno in cui sarebbe stato
assolutamente indispensabile abbandonare l'accampamento. Tentare
di passarvi l'inverno sarebbe stato impossibile. Cos, qualsiasi cosa
accadesse, che la campagna fosse riuscita o no, avrebbero dovuto
lasciarlo al massimo verso la met del mese di agosto. Passato questo
termine, il percorso sarebbe diventato impraticabile, attraverso quella
regione situata di l dal Circolo artico e devastata dalle burrasche e
dalle tempeste di neve.
E, come faceva osservare Summy Skim: Non abbiamo forse
l'esempio di quei due disgraziati francesi, colpiti mortalmente sulla
loro strada dai freddi di novembre?.
Del resto, quella permanerla sarebbe passata nell'attesa, e ci
sarebbe voluta una buona dose di pazienza per sopportarla. Certo, ci
sarebbe stato modo di osservare il comportamento del vulcano, di
rendersi conto se l'attivit vulcanica si accentuava, e si sarebbero rese
necessarie molte altre scalate. N Ben Raddle n il capomastro, in
particolare, sarebbero indietreggiati davanti alla fatica, e avrebbero
seguito di giorno in giorno l'evolversi del fenomeno.
Summy Skim, da parte sua, avrebbe saputo impiegare quelle
lunghe ore andando a caccia, sia attraverso le pianure a sud e a est,
sia attraverso i pantani del delta del Mackensie. La selvaggina di
palude, fra cui le anatre, non erano meno numerose della selvaggina
di pelo o di piuma sulle praterie o nei boschi. E forse sarebbero stati
proprio lui e Neluto ad annoiarsi di meno. Avrebbero fatto attenzione,
tuttavia, a non allontanarsi troppo.
Durante la bella stagione, alcune trib di indiani frequentano il
litorale dell'oceano polare, ed prudente evitare di incontrarli.
Quanto all'equipaggio della carovana, se avessero voluto dedicarsi
ai piaceri della pesca, ne avrebbero avuto tutto l'agio. Il pesce
abbondava in quel labirinto di rios che si moltiplicavano tra i due
rami orientale e occidentale del fiume. Sarebbe bastato da solo a
garantire il nutrimento per tutti fino alla formazione dei primi
ghiacci.
Passarono parecchi giorni senza alcun cambiamento della
situazione. Pi volte Ben Raddle, se pure non not che l'attivit
vulcanica avesse una tendenza ad aumentare, Pot almeno acquisire
la certezza che il camino vulcanico era proprio scavato nel fianco est
del monte. Ci spiegava del resto l'allungamento del profilo ad ovest,
attraverso il quale si poteva effettuare la scalata. Dall'accampamento
stabilito quasi ai piedi del Golden Mount e che era dominato dal suo
versante orientale, si sentiva abbastanza distintamente il sordo
tumulto dell'attivit eruttiva. La localizzazione del camino era
confermata anche dalla posizione del cratere sull'altopiano.
L'ingegnere ne concludeva che lo spessore di quel fianco, molto
ripido fino alle pareti del camino, non doveva essere molto notevole.
Il capomastro Lorique era della stessa opinione. Ma, anche
ammettendo che fosse possibile scavare una galleria fino a quella
parete, non avrebbe consentito di introdursi nel camino pi
facilmente che attraverso la sua apertura superiore, poich il fumo e
forse le fiamme dovevano riempirlo. Soltanto, poich quei rumori
interni si propagavano da quel Iato fino all'esterno, sarebbe stato
agevole rendersi conto se i sintomi di un'eruzione vicina
aumentavano, senza che fosse necessario andare fino in cima al
vulcano.
Purtroppo, durante quella prima settimana, nessuna fiamma,
nessun getto di materia eruttiva fuoriusc dalla bocca del Golden
Mount, avvolta solo da spirali di vapore fuligginoso.
Arriv il primo giorno di luglio. Sar facilmente immaginabile in
quale stato di impazienza vivevano Ben Raddle e i suoi compagni.
L'impossibilit di tentare qualunque cosa per modificare la situazione
li innervosiva, sia pure in misura diversa, tutti quanti. Dopo essersi
accampati, lo Scout e i suoi uomini non avevano nulla da fare dal
mattino alla sera. Cos, alcuni passavano il tempo a pescare, sia nel
Rubber Creek che nel ramo principale del delta, gli altri andavano a
tendere le loro reti fino alla costa, in modo tale che avevano in
abbondanza sia pesce d'acqua dolce sia pesce di mare. 11 che non
impediva alle giornate di sembrare interminabili.
Pi volte Summy Skim propose a Ben Raddle di accompagnarlo a
caccia, ma l'ingegnere si rifiut sempre; il capomastro, lo Scout e lui,
o restavano nell'accampamento oppure vagavano ai piedi della
montagna chiacchierando, discutendo, osservando, senza poter
prendere alcuna decisione. Fecero due nuove scalate, e ritrovarono le
cose nello stesso stato: volute di fumo, a volte getti pi violenti di
vapori, ma mai una qualsiasi espulsione di materiale.
E allora non potremmo provocarla, quest'eruzione disse un
giorno lo Scout, oppure non potremmo sventrare questa montagna a
colpi di mine?
Ben Raddle guard Bill Stell, scosse la testa, e non pronunci una
parola.
Fu Lorique a rispondere: Tutta la nostra provvista d polvere non
basterebbe, e d'altra parte, ammettendo che potessimo praticare una
breccia, che cosa ne uscirebbe?.
Forse, un torrente di pepite disse Bill Stell.
No, Scout dichiar Lorique, soltanto dei vapori! Uscirebbero
da l invece di uscire dal camino, e non avremmo fatto nessun
progresso. Quel che certo che il Golden Mount era addormentato
da molto tempo, ed cos che si sveglia! Se fossimo arrivati qualche
mese fa, probabile che avremmo potuto scendere nel cratere. Ma la
cattiva sorte si messa contro di noi, e di sicuro ci vorr tempo prima
che si verifichi l'eruzione. Insomma la cosa pi saggia armarsi di
pazienza
Fra meno di due mesi saremo all'inizio dell'inverno dichiar Bill
Stell.
Lo so, Scout!
E se l'eruzione non si verificata dovremo a ogni modo
partire
So anche questo ripet il capomastro. Allora partiremo
rientreremo a Dawson City, e ritorneremo con le prime belle
giornate
Credete che il signor Skim consentir a passare un secondo inverno
nel Klondike?
Summy potr tornare a Montreal, se crede disse allora l'ingegnere,
intervenendo nella conversazione. Quanto a me, soggiorner a Dawson
City, e dovr solo raggiungermi, se vuole, nel mese di maggio prossimo.
Presto o tardi, il vulcano sar in piena eruzione, e io voglio esserci
Come si vede, i progetti dell'ingegnere, dopo essere stati ben
meditati, erano ben fissati e che cosa avrebbe fatto Summy Skim?
Cos lo Scout si limit a dire, per terminare la conversazione: S
presto o tardi, il Golden Mount lancer le sue pepite e le sue polveri
d'oro Ma sarebbe meglio che fosse presto.
E non potremmo provocarla, quest'eruzione? anche Lorique
chiese per la seconda volta.
E, per la seconda volta, Ben Raddle si limit a guardarlo senza
rispondere.
Nei giorni seguenti il tempo fu piuttosto brutto. Violente tempeste
salirono da sud, e sembr che sotto l'azione di quei turbamenti
atmosferici il vulcano mostrasse una maggiore attivit. Qualche fiamma
apparve in mezzo ai vapori, ma senza trascinare le sostanze contenute
nel cratere.
D'altra parte, quelle tempeste non durarono e furono seguite da
piogge torrenziali. Ci fu un'alluvione parziale dell'estuario del
Mackensie, e le acque strariparono tra i due rami principali del fiume.
Inutile dire che, durante quel periodo di brutto tempo, Summy
Skim non Pot continuare le sue cacce quotidiane, e che le giornate gli
sembrarono lunghe. D'altra parte, lo Scout aveva ritenuto di doverlo
informare delle intenzioni di Ben Raddle: tornare, se era necessario,
restare l'inverno a Dawson City lasciando a suo cugino tutta la libert
di andare a Montreal, per poi tornare a riprendere la campagna la
prossima primavera
Il primo impulso di Summy Skim fu quello di ribellarsi; ma si
contenne, e disse solamente: Ne ero sicuro!.
E poich Ben Raddle non si confid con lui, egli tenne lo stesso
riserbo, aspettando il momento in cui sarebbe stata necessaria una
spiegazione definitiva.
Il 5 luglio, nel pomeriggio, Summy Skim, il capomastro e lo Scout
furono pregati da Ben Raddle di seguirlo sotto la tenda. Appena seduti,
l'ingegnere, dopo avere riflettuto un'ultima volta sul progetto che
meditava da qualche tempo, si espresse in questi termini:
Amici miei, ascoltate quel che ho da dirvi.
Il suo volto aveva un'espressione grave. Le rughe sulla sua fronte
testimoniavano l'ossessione che lo dominava, e, data la sincera
amicizia che provava per lui, Summy Skim si sent profondamente
turbato. Ben Raddle aveva dunque preso la decisione di abbandonare
quella campagna, di rinunciare a lottare contro la natura che si rifiutava
di assecondarlo? Summy Skim ne sarebbe stato tanto felice quanto
Lorique ne sarebbe stato costernato. Stava finalmente per dichiarare la
sua intenzione di tornare a Montreal, se la situazione non fosse cambiata
prima dell'inverno, prima di sei settimane?
Amici miei continu, non consentito nessun dubbio
sull'esistenza del Golden Mount e sul valore delle materie che
contiene. Jacques Laurier non si sbagliato abbiamo potuto
constatarlo coi nostri occhi Disgraziatamente, le prime manifestazioni
di una nuova eruzione ci hanno impedito di penetrare nel cratere del
Golden Mount. Se avessimo potuto scendervi, la nostra campagna
sarebbe gi finita, e saremmo in cammino per il Klondike
Quest'eruzione si verificher disse allora il capomastro in tono
deciso, e forse, dobbiamo sperarlo, prima dell'arrivo dell'inverno!
Se cos, tanto meglio dichiar Bill Stell.
Al pi tardi fra sei settimane fece osservare Summy Skim.
Ci fu qualche istante di silenzio. Ciascuno, secondo il proprio punto
di vista, aveva detto quel che aveva da dire. Ma sicuramente
l'ingegnere aveva una proposta da fare, e sembr che esitasse a
presentarla ai compagni.
Dopo essersi passato la mano sulla fronte, come uno che si
domanda se ha davvero previsto tutte le conseguenze di un progetto
lungamente meditato, riprese:
Amici miei, qualche tempo fa ho lasciato senza risposta una proposta
del nostro capomastro Lorique. possibile che in quel momento egli
l'abbia fatta sotto l'effetto della rabbia causatagli dall'impossibilit in
cui siamo di portare la nostra impresa a buon fine. Da allora ho
profondamente riflettuto, ho cercato dei mezzi di esecuzione credo di
averli trovati E quando Lorique, davanti a quest'eruzione che non
vuole mettersi in moto, ha esclamato: Perch non provocarla?, adesso
sono io che vi dico a mia volta: s! perch no?
Il capomastro si era alzato bruscamente, impaziente che Ben Raddle
completasse la sua spiegazione, poich davvero, quando si era espresso
in quel modo, era proprio la rabbia che l'aveva ispirato.
Summy Skim e lo Scout, dal canto loro, si guardavano, e parevano
domandarsi se l'ingegnere fosse ancora in possesso d tutte le sue
facolt mentali, se tante delusioni e tante inquietudini non le avessero
scosse
No, e stava per continuare con la lucidit di un uomo perfettamente
padrone di se stesso, quando lo Scout gli chiese: Provocare l'eruzione
del Golden Mount? Ma come?.
Ascoltatemi bene riprese Ben Raddle. Come sapete, si pu
affermare che i vulcani sono tutti situati ai bordi del mare, o nelle
vicinanze delle coste il Vesuvio, l'Etna, il monte Ecla, il Chimborazo,
[]
95
tanto quelli del nuovo continente quanto quelli del vecchio.
Naturalmente se ne conclude che devono essere in comunicazione
sotterranea con gli oceani Le acque si infiltrano, si introducono
bruscamente o lentamente, a seconda della struttura del suolo
penetrano fino ai focolari vulcanici si riscaldano, si trasformano in
vapori, e quando questo vapore, rinchiuso nelle viscere del pianeta, ha
acquisito un'energia elevata, provoca lo sconvolgimento interno,
tende a fuoriuscire, trascina le scorie, le ceneri, le rocce attraverso il
camino del vulcano, in mezzo a turbini di fumo e di fiamme. E questa,
non si pu dubitarne, la causa delle eruzioni, e senza dubbio anche dei
terremoti. Ebbene, quello che fa la natura, perch non potrebbero
farlo gli uomini?
Si pu dire che in quel momento tutti divorarono con lo sguardo
l'ingegnere. La spiegazione che aveva appena dato dei fenomeni eruttivi
era sicuramente quella vera. Era altrettanto sicuro che il Golden Mount
doveva ricevere nelle sue viscere le infiltrazioni dell'oceano artico. E, se
per un tempo pi o meno lungo, dopo l'ultima eruzione, i collegamenti
si erano ostruiti, attualmente non lo erano pi, perch sotto la
pressione delle acque trasformate in gas il vulcano cominciava a
emettere dei turbini di vapore.
Ma era dunque possibile arrivare a quei collegamenti sotterranei,
introdurre in abbondanza le acque del mare nel focolare centrale?
L'ingegnere aveva spinto l'audacia fino a voler tentare una simile
impresa fino a crederla realizzabile?
I suoi compagni non volevano crederci, e Bill Stell gli rivolse una
domanda su quest'argomento.
Ed ecco quel che rispose Ben Raddle.
No, amici miei, non si tratta di un lavoro simile, che sarebbe al di
sopra delle mie forze. Non abbiamo bisogno di andare a cercare a
profondit che possono essere notevoli il collegamento tra il vulcano e il
mare! Il modo in cui procederemo sar dei pi semplici.
Si ammetter senza sforzo che la curiosit di Lorique e dello Scout
fosse sovreccitata all'estremo, e si pu affermare che Summy Skim la
condivideva, ben sapendo che Ben Raddle era un uomo troppo pratico
per non aver fondato il suo progetto su basi solide.

95
Lacuna nel manoscritto.
Voi avete osservato come me riprese l'ingegnere, quando eravamo
sulla cima del Golden Mount, che il cratere spostato verso il fianco
orientale del monte, l dove sbocca l'apertura del camino. Inoltre, il
rumore dell'attivit eruttiva si fa sentire soprattutto da questo lato, e in
questo stesso momento, i brontolii interni sono molto ben percepibili.
In effetti, come per dar ragione all'ingegnere, quei brontolii si
propagavano all'esterno con una particolare intensit.
Perci continu Ben Raddle, dobbiamo tenere per certo che il
camino che va dalle viscere del vulcano al suo cratere scavato nel
fianco laterale vicino al nostro accampamento Ora, se arriviamo,
attraverso questo fianco, a scavare un canale che sbocchi nel camino,
ci sarebbe facile introdurre acqua in abbondanza
Quale intervenne Lorique, quella del mare?
No rispose l'ingegnere, e non sar necessario cercarla tanto
lontano. Non abbiamo forse a disposizione il Rubber Creek, un rio
che si stacca da uno dei rami del Mackensie ramo inesauribile, che
in caso di bisogno sarebbe alimentato da tutta la rete del delta, e che
noi faremo precipitare nel focolare del Golden Mount?
L'ingegnere non aveva forse detto: che noi faremo precipitare,
come se il suo piano fosse gi in fase di esecuzione, come se il canale
si immergesse attraverso il massiccio, come se ci fosse da dare solo
un ultimo colpo di piccone per introdurre le acque del Rubber Creek?
Ben Raddle aveva reso noto il suo progetto. Per quanto audace
questo fosse, nessuno dei suoi compagni, nemmeno Summy Skim,
ebbe il pensiero di formulare una qualsiasi obiezione. Nel caso fosse
fallito, e cio l'eruzione provocata non si fosse verificata, la questione
sarebbe stata risolta, e non sarebbe rimasto che abbandonare ogni
idea di sfruttare il Golden Mount. Se fosse riuscito, se il vulcano
avesse eruttato le sue ricchezze, la questione sarebbe stata ugualmente
risolta, e i carri carichi avrebbero ripreso la via del Klondike. Certo,
lanciare quelle masse liquide nel focolare vulcanico, non avrebbe
forse provocato degli effetti violenti che non avrebbero pi potuto
essere controllati? Sostituendosi alla natura, non si correva verso
qualche catastrofe? Non c'era forse pericolo di causare qualcosa di
pi di un'eruzione, un terremoto che avrebbe sconvolto la regione e
avrebbe annientato l'accampamento con quelli che lo occupavano?
Ma, di questi pericoli, nessuno voleva vedere niente, e dalla
mattina del 6 luglio si misero all'opera.
L'ingegnere assunse la direzione dei lavori, e stim non senza
ragione che occorreva innanzitutto attaccare il fianco del Golden
Mount. In effetti, se la picozza avesse incontrato una roccia troppo
dura per essere scavata, se non si fosse potuta aprire una galleria fino
al camino del cratere, sarebbe stato inutile scavare un canale per la
derivazione del rio, dato che l'acqua non sarebbe comunque arrivata
nelle vscere del vulcano.
L'apertura della galleria fu stabilita a una decina di piedi al di sotto
del livello del rio, in modo da favorire lo scorrimento. Per una felice
circostanza, gli attrezzi non dovettero lavorare su materia resistente,
almeno nella prima met della galleria. Quella materia era composta
di terreno friabile, di lapilli, di frammenti di lava induriti, da molto
tempo amalgamati nel terreno, di pezzi d quarzo, senza dubbio
frammentati in seguito a qualche scossa precedente.
L'equipaggio della carovana lavorava senza interruzione giorno e
notte dandosi il cambio. Non c'era un'ora da perdere. Quale sarebbe
stato lo spessore del fianco da scavare, Ben Raddle non aveva potuto
stabilirlo in base ad alcun calcolo, e poteva darsi che la galleria
dovesse essere pi lunga di quanto non avesse pensato. Sicuramente i
rumori erano abbastanza percepibili da quel lato e, via via che il
lavoro procedeva, diventavano sempre pi forti. Ma quando si
sarebbe avuta la certezza che quella galleria sarebbe stata sul punto di
raggiungere la parete del camino?
Summy Skim e Neluto avevano sospeso le loro cacce.
Sull'esempio dello Scout e di Lorique, prendevano parte al lavoro,
proprio come l'ingegnere stesso, e ogni giorno lo scavo avanzava di
cinque o sei piedi.
Purtroppo, dopo una decina di giorni, ci si imbatt nel quarzo,
contro il quale il piccone e la picozza si spuntarono. Non si trattava
pi di frammenti conficcati nel terreno, ma di un blocco di un'estrema
durezza. C'era anzi da temere che si prolungasse fino alle pareti del
cratere, e quanto ci sarebbe voluto per perforarlo?
Ben Raddle non ebbe esitazioni. Decise di usare la mina per
sfondare quel quarzo. C'era una certa quantit di polvere nelle scorte
della carovana, e a costo di privarne Summy Skim, venne utilizzata
sotto forma di cartucce. Peraltro quella polvere non costituiva solo le
munizioni per la caccia, ma anche per la difesa. Tuttavia non
sembrava che lo Scout e i suoi compagni corressero qualche pericolo,
la regione era sempre deserta, e da quasi cinque settimane nessun
gruppo di indigeni o altro era stato segnalato nelle vicinanze
dell'accampamento.
L'impiego della mina diede dei risultati abbastanza buoni, e anche
se la media dell'avanzamento si abbass parecchio, almeno non erano
bloccati. Non occorreva neanche pi proteggersi con una palizzata
dallo sprofondamento del terreno, e la galleria penetrava attraverso
quella sostanza dura senza provocare nessuna frana. Del resto
l'ingegnere prendeva tutte le precauzioni allo scopo di evitare una
catastrofe.
In data 27 luglio, dopo ventun giorni di lavoro, la galleria parve
sufficientemente lunga. In quel momento misurava dieci tese di
profondit per quattro piedi di diametro, abbastanza larga per il
passaggio di una massa d'acqua imponente. I brontolii, i rimbombi
nel camino vulcanico si facevano sentire con una tale forza che lo
spessore della parete non doveva superare tre piedi. Perci bastava
qualche colpo di piccone o qualche carica di mina a sventrare quella
parete, e lo scavo della galleria sarebbe terminato.
Per il momento c'era la certezza che il progetto di Ben Raddle non
sarebbe stato bloccato da un ostacolo insuperabile. Il canale a cielo
aperto attraverso cui sarebbero state deviate le acque del Rubber
Creek sarebbe stato eseguito senza fatica in quel suolo composto
unicamente di terra e di sabbia, e sebbene dovesse misurare circa
trecento piedi, Ben Raddle contava che sarebbe stato costruito in una
decina di giorni.
Il pi difficile fatto disse allora Bill Stell.
E anche il pi lungo aggiunse Lorique.
Da domani rispose Ben Raddle, cominceremo a scavare il
canale a sei piedi dalla riva sinistra del Rubber Creefe.
Allora disse Summy Skim, dato che abbiamo una giornata di
riposo, io propongo di usarla
Per la caccia, signor Summy? domand lo Scout ridendo.
No, Bill rispose Summy Skim, ma per salire un'ultima volta in
cima al Golden Mount, a vedere che succede lass
Hai ragione, Summy dichiar Ben Raddle, sembra proprio che
l'attivit vulcanica tenda ad aumentare, ed opportuno verificare con
i nostri occhi.
In effetti la proposta era saggia; venne adottata, e fu deciso che il
pomeriggio sarebbe stato impiegato per la scalata del Golden Mount,
alla quale avrebbero preso parte, come la prima volta, i due cugini, lo
Scout e il capomastro.
Tutti e quattro costeggiarono la base meridionale del cono su un
percorso di circa tre quarti di lega, e raggiunsero l'estremit allungata
del pendio su cui avevano gi effettuato la scalata. Non avevano
trascurato di munirsi dei picchetti e delle corde per issarsi sul fianco
superiore, estremamente ripido.
Lo Scout si mise alla testa, i suoi compagni lo seguirono, e questa
volta, conoscendo la direzione, impiegarono solo un'ora e mezzo per
salire fino al cratere.
All'inizio si avvicinarono il pi possibile, ma meno della prima
volta. 1 vapori, vomitati dal camino, si elevavano a un'altezza doppia,
pi spessi e pi fuligginosi. Adesso vi si mescolavano delle fiamme,
ma n lava n scorie venivano scagliate all'esterno.
Decisamente fece osservare Summy Skim, non generoso,
questo Golden Mount, e custodisce gelosamente le sue pepite!
Gliele prenderemo con la forza, dato che non vuole darcele con le
buone! rispose Lorique.
In ogni caso, quel che si Pot constatare fu che ora il fenomeno si
manifestava con una maggiore energia. I brontolii interni ricordavano
quelli di una caldaia gi sottoposta a una certa pressione, e le cui
lamiere rombano sotto l'azione del fuoco. Si stava preparando
un'eruzione, ma forse sarebbero trascorse delle settimane, dei mesi,
prima che le sostanze ammassate nelle viscere del vulcano fossero
lanciate in aria.
Cos Ben Raddle, dopo avere osservato la situazione attuale del
cratere, non pens minimamente a interrompere i lavori cominciati,
che dovevano accelerare il fenomeno o addirittura provocare
l'esplosione.
Prima di ridiscendere, gli scalatori osservarono il panorama
tutt'intorno. La regione e il mare parevano deserti. Nessun fumo di
accampamento si elevava sulla pianura, nessuna vela si profilava
all'orizzonte. Da questo punto di vista, Ben Raddle e i suoi compagni
avevano tutte le ragioni di credersi completamente al sicuro.
Nemmeno gli indiani erano apparsi sull'estuario del Mackensie. Il
segreto del Golden Mount non doveva essere conosciuto nel
Klondike.
La discesa fu effettuata senza difficolt. Il pomeriggio di quel
giorno era stato bello come la mattinata. C'era anzi un calore
inconsueto a quelle alte latitudini, e ci si sarebbe creduti in piena
estate nelle regioni meridionali del Dominion. Ma insomma, se
faceva caldo come a Green Valley, come si diceva Summy Skm,
Green Valley era lontana, e se anche il Golden Mount fosse stato
dieci volte, cento volte, mille volte pi alto, non si sarebbe potuto
scorgere Montreal a cinquecento leghe verso est, nemmeno con uno
d quei cannocchiali che mettono la luna a portata di mano!
Ma Summy Skim non disse niente. Ci si stava avvicinando alla
fine di quella campagna, qualunque cosa dovesse succedere, e
sicuramente prima della met di settembre la carovana sarebbe stata
di ritorno nel Klondike.
Verso le cinque, Ben Raddle e i suoi compagni rientrarono
all'accampamento, dove il giorno dopo sarebbero ripresi i lavori.
La cena fu molto piacevole, poich Neluto aveva potuto abbattere
alcuni bei capi di selvaggina durante l'assenza di Summy Skim.
Tuttavia, prima di andare a riposarsi sotto la tenda, a Summy Skim
venne di fare questa riflessione: Ma, mio caro Ben, con la tua
inondazione, se spegnessimo il vulcano.
Spegnerlo! rispose Ben Raddle. No, e tutte le acque del
Mackensie non basterebbero
Del resto aggiunse Lorique, se si spegnesse, potremmo
scendere nel cratere
E sgravarlo delle pepite, evidentemente replic Summy Skim,
e decisamente c' sempre una risposta a tutto!
IX
CACCIA ALLORIGNAL
La riva sinistra del Rubber Creek descriveva un gomito abbastanza
pronunciato a circa cinquanta tese dal punto in cui si apriva la galleria
sotterranea che arrivava al camino del cratere. Proprio nell'angolo
formato da quel gomito sarebbe stata praticata la derivazione. Si
trattava perci d scavare su quella lunghezza di trecento piedi il
canale che avrebbe portato l'acqua alla galleria. Il tracciato fu
stabilito dall'ingegnere, e dalla mattina del 28 luglio tutti si misero al
lavoro.
Era stato accertato che lo scavo del canale non avrebbe causato
notevoli difficolt, e non avrebbe richiesto grandi sforzi. Il suolo era
composto solo da terra abbastanza friabile fino a sette piedi, dove si
incontrava la roccia. Appunto una tale profondit sarebbe stata del
tutto sufficiente con una larghezza press'a poco uguale. Perci il
piccone e la picozza sarebbero bastati per quel lavoro, e non sarebbe
stato necessario ricorrere alle mine, il che avrebbe potuto esaurire la
scorta di polvere. Ora, se non durante la permanenza
nell'accampamento, era opportuno essere provvisti di munizioni
almeno sulla strada per Dawson City, dato che indiani e avventurieri
la frequentano volentieri verso la fine della campagna di sfruttamento
dei giacimenti auriferi.
Tutto il personale della carovana lavor con grande alacrit, e
nessuno dei coraggiosi canadesi dubitava del successo. Sapevano che
Ben Raddle tentava di provocare l'eruzione del Golden Mount, come
sapevano che quell'eruzione avrebbe vomitato pepite e insieme una
lava d'oro. Ce ne sarebbe stato perci per tutti, e mai nessun claim del
Klondike avrebbe prodotto un tale risultato. E, bisogna ammetterlo,
lo scettico Summy Skim arrivava a dire: In fondo perch no?.
Lo scavo del canale era effettuato quindi rapidamente, senza che la
temperatura fosse troppo alta. Del resto, nel mese di agosto, a quelle
alte latitudini del Dominion, il sole non sale a pi di []
96
al di sopra
dell'orizzonte. Gli uomini si davano il cambio e, approfittando dei
lunghi crepuscoli, lavoravano una parte della notte. Avevano cura di
osservare se il tracciato di quel canale non fosse attraversato da
qualche filone; ma non trovarono nessuna vena aurifera.
Sicuramente osserv il capomastro, questo rio non vale quanto
l'Eldorado o il Bonanza, e le sue acque non trasportano pepite; ma ci
procureranno quelle del Golden Mount, e sar tutta un'altra cosa!
Trascorsero tredici giorni e, in data 9 agosto, il canale era aperto
su due terzi della sua lunghezza. Ma, avvicinandosi alla montagna, il
suolo diventava sassoso, la terra era meno friabile. Tuttavia gli
attrezzi bastavano, e non fu fatto ricorso alle mine.
Ben Raddle allora stimava che sarebbero occorsi sei o sette giorni
perch l'operazione giungesse a termine. Si sarebbe solo dovuto
scavare da un lato la sponda del rio su una larghezza di cinque o sei
piedi, dall'altro la parete che sussisteva ancora tra il fondo della
galleria e il camino. Poi, le acque sarebbero andate da sole a
riversarsi nelle viscere del vulcano.
Adesso la cosa incerta era quanto tempo ci sarebbe voluto perch
l'eruzione, provocata dall'accumulazione dei vapori, si verificasse.
Ma l'ingegnere l'aveva osservato, i suoi sintomi erano aumentati ogni
giorno. Il fumo diventava pi denso al di sopra del cono, le fiamme si
innalzavano a un'altezza maggiore e, durante le poche ore di oscurit,
illuminavano la regione circostante per un'ampia estensione. C'era
perci motivo di sperare che il torrente delle acque vaporizzate nel
focolare centrale avrebbe provocato l'espulsione delle materie
eruttive.
Quel giorno, nel pomeriggio, Neluto, rientrando
all'accampamento, and a cercare Summy Skim e, con una voce resa
affannata da una corsa veloce: Signor Skim signor Skim.
Che c', Neluto?
Ci sono ci sono degli orignals
Degli orignals! esclam Summy Skim.
S una mezza dozzina in branco che ho appena

96
Manoscritto lacunoso.
avvistato
Lontano?
A una buona lega di l
E l'Indiano indicava la pianura a ovest del Golden Mount.
Lo sappiamo, uno dei desideri pi forti di quel cacciatore
appassionato era incontrare degli orignak e abbatterne un paio.
Questo desiderio, non aveva ancora potuto soddisfarlo dal suo arrivo
nel Klondike, ed era tanto se ne erano stati segnalati due o tre nei
dintorni di Dawson City o sul territorio del Forty Miles Creek. Ci si
pu immaginare che la notizia recata da Neluto era fatta apposta per
sovreccitare i suoi istinti venatori, almeno quanto quelli del suo
compagno di caccia.
Vieni! disse all'Indiano.
Tutti e due lasciarono l'accampamento e costeggiarono per
qualche centinaio di passi la base del Golden Mount. Si fermarono, e
Summy Skim Pot avvistare coi suoi occhi il branco di orignak che
risaliva tranquillamente verso nord-ovest attraverso la grande
pianura.
Certo, ebbe una gran voglia di dare loro immediatamente la
caccia. Ma era gi tardi e rimand il suo progetto all'indomani. La
cosa pi importante era che quei ruminanti fossero comparsi nei
dintorni, e di sicuro avrebbero saputo ritrovarli.
Dopo aver raggiunto Ben Raddle, Summy Skim gli rese noto il
suo disegno. Poich non mancavano braccia per la costruzione del
canale, l'ingegnere non vide alcun inconveniente nel privarsi di
Neluto per una giornata. Fu cos stabilito che i due cacciatori
sarebbero partiti alle cinque del mattino per ritrovare le tracce degli
orignals.
Ma osserv Ben Raddle, Summy, promettimi di non
allontanarti troppo
agli orignals che dovresti fare questa raccomandazione
rispose Summy Skim ridendo.
No, Summy, proprio a te che la faccio. Non devi smarrirti a
qualche lega dall'accampamento Non dobbiamo essere costretti ad
interrompere i lavori per metterci alla tua ricerca E poi, c' sempre
da temere qualche brutto incontro
No, Ben, il territorio sicuro, proprio perch deserto
Va bene, Summy, ma promettimi di essere di ritorno nel
pomeriggio
Diciamo in serata, Ben.
Le serate durano met della notte a questa latitudine disse
l'ingegnere. No, Summy, e se non sei tornato prima delle sei mi
preoccuper
Intesi, Ben, intesi rispose Summy Skim, alle sei se mi concedi
un quarto d'ora in pi
A condizione che il tuo quarto d'ora non duri pi di quindici
minuti!
Tutto considerato Ben Raddle poteva sempre temere che suo
cugino, messosi a caccia all'inseguimento del branco di orignah, si
lasciasse trascinare pi lontano del dovuto. Si poteva essere contenti
che fino a quel momento nessun gruppo di indiani o di altra gente
fosse comparso alle foci del Mackensie. Ma dopo tutto
quest'eventualit poteva verificarsi da un giorno all'altro. Cos,
terminata la campagna, e felicemente terminata, l'ingegnere si
sarebbe affrettato a riprendere il cammino del Klondike.
Il giorno dopo, prima delle cinque, Summy Skim e Neluto,
ciascuno armato di una carabina da caccia di lunga portata, muniti di
provviste per due pasti, accompagnati dal loro cane Stop che
salterellava abbaiando, partirono dall'accampamento.
Il tempo era bello, anzi un po' fresco, bench il sole avesse gi
cominciato a tracciare la sua lunga curva sopra l'orizzonte.
Ogni cacciatore capir l'ambizione cos naturale, provata da
Summy Skim, di ritrovare gli orignals intravisti il giorno prima e di
abbattere almeno uno di quei magnifici ruminanti. Dopo tutto, i suoi
giri nei dintorni di Dawson City o nelle vicinanze del Forty Miles
Creek gli avevano procurato soltanto della selvaggina ordinaria, la
piccola selvaggina, come tordi, galli cedroni e pernici. Quanto alla
grossa selvaggina, sicuramente indietreggiata di qualche decina di
leghe davanti all'invasione dei minatori, e il Klondike non offre, sotto
quest'aspetto, le risorse delle foreste del Cassiar o delle rive del Pelly.
Summy Skim aveva incontrato parecchi orsi, tra gli altri il Silver
tip dalla gola bianca, l'orso bruno, l'orso nero, il grizzly, e anche
quello che comunemente chiamato il vecchio minatore. Ma non
aveva mai potuto spedire una pallottola sui mufloni, i selvaggi
quadrupedi che abitano pi volentieri il territorio delle Montagne
Rocciose. Era stato pi fortunato con i carib dei boschi, una specie
di cervo che si distingue per la sua statura da quelli che aveva gi
cacciato nelle foreste del Dominion, e questi non erano una novit per
lui. Al contrario, ripetiamo, dal suo arrivo in Klondike mai aveva
potuto inseguire un solo orignak.
Lorignal un alce con delle magnifiche corna, e bench fosse
comune nella regione bagnata dallo Yukon e dai suoi affluenti,
questo ruminante scomparso dalla zona dopo la scoperta dei claims
del Klondike.
La conseguenza di tale situazione che l'orignak, che di natura
abbastanza socievole, tende a diventare pi selvaggio. difficile da
avvicinare, e lo si abbatte solo in circostanze molto favorevoli:
peccato, perch la sua pelle preziosa, la sua carne ottima, stimata
quanto la carne d manzo, ed venduta anche a cinque franchi alla
libbra sul mercato di Dawson City,
Summy Skim non ignorava con quanta facilit si provoca la
diffidenza dell'orignal. Quest'animale dotato di un udito e di un
olfatto straordinari. Al minimo allarme, fugge con una velocit tale
che ogni inseguimento diventa inutile, in barba al suo peso che pu
raggiungere novecento o anche mille libbre, I due cacciatori
dovettero perci prendere le pi minuziose precauzioni per arrivare a
portata di fucile del branco.
Questo si era fermato in quel momento sul limite della foresta a
una lega e mezzo dal Golden Mount. Qua e l si ergevano alcune
macchie di alberi, e sarebbe stato necessario camminare pian piano, o
per meglio dire strisciare dall'una all'altra per timore di essere
avvistati o sentiti, o soltanto avvertiti. Certo nelle vicinanze del bosco
tale manovra sarebbe diventata inutile, e i cacciatori non avrebbero
potuto fare un passo senza tradire la loro presenza. Gli orignals allora
se la sarebbero data a gambe, e non sarebbe pi stato possibile
ritrovarne le tracce.
Dopo aver tenuto consiglio, Summy Skim e Neluto decisero allora
di scendere pi a sud, per raggiungere l'angolo meridionale della
foresta. Di l, andando di albero in albero, forse sarebbero riusciti a
raggiungere il branco senza destare la sua attenzione. Soltanto, era
importante trattenere il loro cane, che dava segni di una viva
impazienza.
Tre quarti d'ora pi tardi, dopo aver preso tutte le precauzioni
immaginabili, Summy Skim e l'Indiano si fermavano all'estremit del
bosco. Gli orignals erano sempre a riposare ai suoi bordi, e risalendo
per un migliaio di tese, sarebbero arrivati in prossimit del loro luogo
di sosta.
Seguiamo il limitare della macchia, ma dall'interno, disse Summy
Skim, e tieni buono Stop, Neluto, perch non corra avanti a dare
l'allarme
Intesi, signor Skim rispose l'Indiano, ma a vostra volta
tenetemi bene, perch anche io ho bisogno di qualcuno che mi
trattenga!
Summy Skim non Pot impedirsi di sorridere a questa riflessione
di Neluto: lo capiva, e avrebbe avuto abbastanza difficolt a
trattenere se stesso.
Cominciarono ad avanzare, non senza difficolt. Le tremole, le
betulle e i pini della foresta si serravano gli uni accanto agli altri, e dei
folti cespugli ostacolavano il cammino. Bisognava evitare di far
scricchiolare con i piedi i rami morti che erano disseminati sul
terreno. Il rumore sarebbe stato avvertito tanto pi facilmente in quanto
non c'era un alito di vento. Il sole, diventato pi ardente, inondava di
luce le chiome immobili. Nessun cinguettio di uccelli arrivava
all'orecchio, e nessun rumore veniva dalle profondit del bosco.
Summy Skim ignorava se quella foresta si estendeva su una grande
superficie nella regione bagnata dal Porcupine o dai suoi affluenti
come l'Old Crow nel suo corso meridionale; del resto, non aveva
intenzione di allontanarsi dai bordi della macchia.
Insomma, erano quasi le nove, quando i due cacciatori si fermarono
all'entrata di una piccola radura, a meno di trecento piedi dal luogo
occupato dagli orignals. Gli animali non mostravano alcuna
inquietudine. Alcuni pascolavano e si dissetavano a un rio che usciva
dal bosco, gli altri erano distesi sull'erba, probabilmente addormentati.
Ma, non c'era dubbio, il minimo allarme li avrebbe messi in fuga, e
molto probabilmente in direzione sud, verso i territori del Porcupine.
Summy Skim e Neluto non erano tipi che si riposano, bench ne
avessero bisogno, e poich si presentava l'occasione di fare un bel colpo
prima di consumare il loro primo pasto, di certo non se la sarebbero
lasciata scappare.
Perci eccoli, con la carabina carica, che si infilano tra i cespugli,
strisciando lungo il limitare della macchia. Come confess pi tardi, mai
Summy Skim aveva provato una simile emozione emozione priva di
qualsiasi timore, beninteso, dato che non aveva a che fare con delle
bestie feroci. Ma tale era l'attesa di poter finalmente soddisfare uno dei
suoi pi grandi desideri di cacciatore, che il suo cuore batteva con
pulsazioni accelerate, gli tremava la mano, ed aveva paura di non tirare
con precisione. No davvero, se avesse mancato un'occasione simile di
abbattere lorignal tanto agognato, non gli sarebbe rimasto che morire
di vergogna!
Summy Skim e Neluto si avvicinavano, non facendo pi rumore di
un serpente nell'erba, uno dietro all'altro, l'Indiano in coda. Qualche
minuto di quel sordo strisciamento li port a tiro, a meno di sessanta
passi dal luogo in cui si riposavano i ruminanti. Stop, trattenuto da
Neluto, fiutava la preda ma non abbaiava.
Gli orignals sembravano non aver fiutato l'avvicinarsi dei due
cacciatori. Quelli che erano distesi sul suolo non si rialzarono, mentre
gli altri continuavano a brucare.
Tuttavia uno di loro, una bestia magnifica, le cui corna si
ramificavano come la chioma di un giovane albero, in quel momento
alz la testa e si volt dalla parte del bosco. Le sue orecchie si agitarono,
e il suo muso si tese, come se avesse voluto odorare l'aria che veniva
dalla foresta.
La bestia aveva dunque fiutato il pericolo, e sarebbe scappata,
trascinando le altre al suo seguito?
Summy Skim ne ebbe come il presentimento, e il sangue gli si
rimescol. Ma riprendendosi, disse a bassa voce:
Fuoco, Neluto, e tutti e due sullo stesso, per essere sicuri di non
mancarlo
In quell'istante sentirono abbaiare, e Stop, che Neluto aveva lasciato
libero per imbracciare la carabina, si slanci in mezzo al branco.
Ah! non pass proprio molto tempo, e Summy Skim e l'Indiano non
ebbero nemmeno il tempo di mirare e tirare. Uno stormo d pernici
non vola via pi velocemente di quanto non se la batterono gli
orignals.
Summy Skim si era alzato, sconcertato.
Maledetto cane! imprec.
Avrei dovuto tenerlo per la gola! aggiunse l'Indiano.
Anzi, strangolarlo! rispose Summy Skim, davvero furioso, e se
l'animale fosse stato l, non se la sarebbe cavata a buon mercato.
Ma Stop era gi lontano, a pi di cento tese, quando i due cacciatori
oltrepassarono l'estremit del bosco. Si era lanciato all'inseguimento
degli orignals, e sarebbe stato inutile richiamarlo, perch non sarebbe
tornato al richiamo del suo padrone, anche ammesso che potesse
sentirlo.
Il branco si dirigeva verso nord con una rapidit che superava quella
del cane, che pure era un animale molto robusto e molto veloce. Gli
orignals sarebbero rientrati nella foresta, o sarebbero fuggiti attraverso
la pianura avanzando a est? Sarebbe stata l'eventualit pi fortunata,
perch gli orignals si sarebbero avvicinati al Golden Mount, il cui fumo
vorticava a una lega e mezzo da l. Ma poteva anche darsi che il branco
prendesse una direzione obliqua verso sud-est dalla parte del Peel
River, e andasse a cercare rifugio nelle prime gole delle Montagne
Rocciose. In tal caso si sarebbe dovuto rinunciare per sempre a
raggiungerli.
Seguimi grid Skim all'Indiano, e cerchiamo di non perderli di
vista!
Tutti e due, correndo lungo il limitare della foresta, si misero
all'inseguimento degli orignals, distanti allora quattrocento o
cinquecento tese.
Che cosa speravano dunque? Avrebbero avuto seri problemi a
rispondere a questa domanda. Ma li trascinava una passione irresistibile,
simile a quella cui obbediva il loro cane Stop, che non permetteva loro
di ragionare.
Un quarto d'ora dopo, Summy Skim prov una viva emozione. Gli
orignals si erano finalmente fermati. Tutta la questione stava l: non
potevano continuare a fuggire verso nord, verso il litorale, perch
sarebbero stati costretti a tornare indietro. Sarebbero allora ridiscesi
verso sud-est? In tal caso Summy Skim e Neluto avrebbero dovuto
abbandonare la partita. O non avrebbero piuttosto deciso di rientrare
nel bosco e di perdersi nelle sue profondit?
Ed appunto quello che fecero dopo qualche momento di
esitazione. Il capo del branco oltrepass il limitare della foresta con un
balzo, e gli altri lo seguirono.
il meglio che potesse capitarci! grid Summy Skim. In pianura
non avremmo potuto avvicinarci a portata di fucile Nella foresta
sar impossibile per loro battersela con la stessa velocit, e forse
potremo raggiungerli, questa volta
Che questo ragionamento fosse giusto o no, avrebbe avuto
comunque il risultato di trascinare i due cacciatori molto pi a ovest di
quanto avrebbero dovuto, e attraverso una foresta di cui non
conoscevano l'estensione, e da cui forse avrebbero avuto grande
difficolt a uscire!
Del resto, Stop aveva fatto come loro, naturalmente. Si era lanciato
in mezzo agli alberi, e anche se Io sentivano ancora abbaiare, gi non lo
vedevano pi.
Eccoli dunque entrambi addentrarsi sotto le chiome folte degli alberi,
guidati unicamente dal latrato del cane. Sicuramente gli orignals non
erano pi in grado di allontanarsi rapidamente, le loro lunghe corna
dovevano ostacolarli nel superare le sterpaglie e i cespugli. In quelle
condizioni, il cane avrebbe avuto il vantaggio di passare l dove per loro
sarebbe stato difficile o impossibile passare. Li avrebbe raggiunti, e i
cacciatori avrebbero solo dovuto dirigersi dalla parte in cui lo sentivano
abbaiare.
E appunto quel che fecero, e per due ore, ma senza aver potuto
raggiungere il branco. Perci andavano proprio all'avventura, trascinati
da una passione che non sentiva ragioni. Ma, quel che pi grave, si
spinsero verso ovest, e come avrebbero ritrovato la strada quando si
sarebbe trattato di ritornare?
Intanto Summy Skim, mentre avanzava, Pot constatare che la
foresta era sempre meno spessa via via che si addentravano. Sempre gli
stessi alberi, betulle, tremole e pini, ma pi radi, e un suolo meno
ingombro di radici e cespugli.
Ciononostante, anche se non avvistavano gli orignals, Stop non
aveva perso la loro pista. Continuava ad abbaiare, e doveva essere a non
pi di mezzo quarto di lega dal suo padrone.
Neluto e Summy Skim si avventuravano sempre pi avanti nel
cuore della foresta. Ma poco dopo mezzogiorno, il verso del cane non
arriv pi alle loro orecchie.
In quel momento si trovavano su una radura in cui penetravano i
raggi del sole. Summy Skim poteva rendersi conto solo in base al tempo
trascorso di quale distanza li separava dal limitare del bosco, e calcolava
di aver percorso circa una lega. Avrebbe perci avuto tutto il tempo di
ritornare all'accampamento, dopo una sosta di cui tutti e due avevano un
gran bisogno. Erano sfiniti, affamati, e si sedettero ai piedi di un albero.
Tirarono fuori le provviste dai carnieri, e si pu affermare senza
esitazione che mangiarono con un appetito formidabile. E vero, il
pranzo sarebbe sembrato infinitamente migliore se nel suo men ci fosse
stato dell'origliai! alla griglia.
E adesso, che cosa comandava la saggezza, se non la prudenza? Non
era forse il caso di riprendere la via dell'accampamento, anche con il
dispiacere di ritornare a mani vuote? Questa volta fu la saggezza che
sembr doverla spuntare. Tuttavia, se era spiacevole non riportare uno
degli orignals, lo era ancora di pi non riportare il cane. Ma Stop non
era ricomparso.
Dove pu essere? chiese Summy Skim.
All' inseguimento delle bestie rispose l'Indiano.
Immagino di s, Neluto. Ma allora dove sono le bestie?
Forse meno lontano di quel che possiamo pensare, signor Skim.
Questa risposta non indicava forse che l'Indiano era meno deciso di
Summy Skim a essere prudente abbandonando la partita? In effetti, non
riusciva a consolarsi di aver corso un'intera mattinata senza alcun
successo.
D'altra parte, di sicuro a Summy Skim non dispiaceva sentirlo parlare
a quel modo. Ritenne per opportuno fare questa riflessione: Se gli
orignak non fossero lontano nella foresta, sentiremmo Stop
abbaiare.
Ed ecco che in quel momento i latrati di un cane echeggiarono a
meno di trecento tese, giudicando a orecchio. Immediatamente i due
cacciatori, senza aver scambiato parola, come se fossero stati spinti
dalla stessa molla, si alzarono, ripresero il carniere e il fucile e si
precipitarono dalla parte in cui si sentiva abbaiare.
Questa volta n la saggezza n la prudenza avevano la speranza di
essere ascoltate, il che avrebbe potuto portare molto lontano quei due
temerari che non volevano pi ascoltare i loro consigli.
In effetti, la direzione che seguirono allora non fu pi a nord o a est.
Il branco di orignak si era spostato verso sud-ovest, e senza dubbio in
quella direzione la foresta si prolungava su una superficie di molte
leghe, addirittura fino ai primi affluenti del Porcupine. Summy Skim e
Neluto si sarebbero perci allontanati ulteriormente dal Golden
Mount. Dopo tutto, il sole cominciava solo allora a calare verso
l'orizzonte occidentale. Se i cacciatori non fossero rientrati
all'accampamento per le sei, secondo la loro promessa, ebbene vi
sarebbero arrivati per le sette o le otto, quando ci sarebbe stata ancora
piena luce. E del resto si pu essere certi che non indugiarono in
quelle riflessioni. Sentivano la voce di Stop, correvano dietro di lui, non
dubitando affatto di non correre dietro agli orignals tanto agognati.
Sicuramente quegli animali non erano molto distanti, e i due
cacciatori si trovavano ora sulle loro tracce. Attraverso la foresta meno
intricata, avrebbero avuto campo pi libero. Avrebbero potuto battersela
con maggiore velocit. Summy Skim e Neluto li inseguivano perci il
pi rapidamente che potevano. Non pensavano nemmeno a richiamare
il cane, che senza dubbio non sarebbe ritornato, essendo smanioso
quanto il padrone nel suo ardore venatorio. Del tempo trascorso, Summy
Skim e Neluto non tenevano pi conto. Andavano sempre in direzione
sud-ovest, e niente indicava che dovessero presto raggiungere il limite
occidentale di quella vasta foresta. Correvano con le gambe in spalla,
e camminavano solo per riprendere fiato, senza fermarsi. Non sentivano
la stanchezza. Summy Skim dimenticava che era sui territori vicini al
Klondike, come se avesse cacciato sui territori nei dintorni di
Montreal. Solo che, mentre non aveva mai avuto difficolt a ritornare
alla fattoria di Green Valley, sarebbe stato lo stesso quando avrebbe
dovuto ritornare all'accampamento del Golden Mount?
Una o due volte Neluto e lui si credettero sul punto di raggiungere
l'obiettivo. Alcune corna ramose erano comparse al di sopra dei cespugli, e
gli orignals erano a meno di cento passi da loro. Ma gli agili animali non
tardavano a sparire e non si present l'occasione di inviare loro un colpo
di fucile a buona portata.
Insomma, trascorsero parecchie ore senza che quegli imprudenti se
ne fossero nemmeno accorti. Ma allora l'abbaiare di Stop, che si
indeboliva gradualmente, prov che gli orignals guadagnavano terreno.
Perci sarebbe stato impossibile raggiungerli. Alla fine quei latrati
cessarono, sia che Stop fosse troppo distante, sia che lui stesso,
spolmonato da una corsa cos lunga e veloce, non fosse pi in grado di
chiamare il padrone.
Summy Skim e Neluto si fermarono, a corto di forze, e caddero al
suolo come macigni, senza sapere se sarebbero stati capaci di rialzarsi.
Erano in quel momento le quattro del pomeriggio, come videro
sull'orologio di Summy Skim.
Finito! disse, appena le parole poterono uscirgli dalle labbra. E
questa volta Neluto scosse la testa in segno di assenso e di delusione.
Dove siamo? riprese Summy Skim.
S! Era appunto il problema che si poneva, e non sarebbe stato facile
risolverlo.
Una radura alquanto estesa si apriva in quella parte della foresta,
attraversata da un piccolo rio che certo andava a raggiungere uno degli
affluenti del Porcupine a sud-ovest. Il sole lo illuminava su tutto un lato,
e sull'altra riva gli alberi sembravano pi vicini tra loro, serrandosi gli
uni contro gli altri come nelle vicinanze del limite orientale del bosco.
Dobbiamo rimetterci in cammino disse Summy Skim.
Per andare dove? domand l'Indiano.
All'accampamento, perbacco! replic Summy Skim alzando le
spalle.
E da che parte l'accampamento?
Di l, Neluto! replic il suo compagno voltando la schiena al sole
che si abbassava verso occidente.
Non possiamo ripartire senza aver mangiato, signor Skim!
Questo era pi che evidente, e i due cacciatori non avrebbero potuto
fare cinquecento passi senza cadere a terra sfiniti.
Perci furono aperti i carnieri. Cenarono come avevano pranzato
al mattino, e anzi cos abbondantemente che delle provviste non rest
pi nulla. Ora, poich la selvaggina non abbondava nella foresta,
sarebbe stato difficile rinnovarle, a meno di imbattersi in qualche radice
commestibile che avrebbero cotto su un fuoco di brace.
E sembrava che proprio questo fosse gi stato fatto in quel luogo,
perch, seguendo i margini della radura, Neluto si ferm davanti a un
mucchietto di ceneri. Chiam Summy Skim, e gli disse: Venite a
vedere, signor Skim!.
Qui hanno acceso un fuoco, Neluto,..
Senza dubbio
Quindi ci sono degli indiani o altra gente in questa foresta?
Sicuramente ci sono arrivati rispose Nelutoma molto tempo
fa.
In effetti, quelle ceneri bianche, gi fangose, per cos dire cementale
dall'umidit., provavano che quel focolare risaliva gi a un periodo
abbastanza lontano. Erano trascorsi dei mesi, forse anni, da quando in
quel luogo era stato acceso un fuoco. Non c'era motivo di
meravigliarsene, n d temere la presenza d qualche gruppo nelle
vicinanze del Golden Mount.
Tuttavia quasi subito un fatto nuovo procur a Summy Skim, questa
volta, delle preoccupazioni abbastanza serie.
A una decina di passi dal focolare spento, il suo sguardo cadde su un
oggetto che brillava in mezzo all'erba. Si diresse da quella parte, si
abbass, raccolse l'oggetto, e non Pot trattenere un grido di sorpresa.
Era un pugnale, con la lama infilata in un'impugnatura d cuoio.
Guarda un po', Neluto! disse Summy Skim mostrando il pugnale
al suo compagno.
Che, dopo averlo esaminato, disse: Il focolare gi vecchio, ma
questo pugnale stato perduto da poco.
S s rispose Summy Skim, la lama tutta brillante non
ha nessuna traccia di ruggine E caduta qui sull'erba molto di
recente!
IL fatto non era contestabile.
Quanto all'arma, dopo averla girata, rigirata, esaminata da vicino,
Summy Skim riconobbe che era di fabbricazione spagnola. Sul
manico era anche incisa l'iniziale M e sulla lama il nome di Austin, la
capitale del Texas.
Cos concluse Summy Skim, qualche giorno fa, qualche ora
forse, degli stranieri si sono accampati in questa radura! Che non
abbiano acceso quel fuoco, lo credo Ma uno di loro ha perso questo
pugnale
E non sono degli indiani, perch gli indiani non hanno armi di
questo tipo osserv Neluto.
E chi sa aggiunse Summy Skim, se attraversando questa foresta,
non si dirigevano verso il Golden Mount!
L'ipotesi era ammissibile, e se l'uomo cui apparteneva quel pugnale
faceva parte di un gruppo numeroso, chi sa se qualche grave pericolo
non minacciava Ben Raddle e i suoi compagni, se anzi, in quel
momento, quel gruppo non si aggirava nei dintorni dell'estuario del
Mackensie.
Andiamo! disse Summy Skim.
Immediatamente rispose Neluto.
E il nostro cane? disse Summy Skim.
L'Indiano chiam con voce possente, voltandosi ovunque in tutte le
direzioni. Ma il suo richiamo non fu ascoltato, e Stop non ricomparve.
Ora non si trattava pi di caccia agli orignals. Bisognava tornare al
pi presto all'accampamento, per mettere in guardia, e forse sulla
difensiva, la carovana dello Scout. Ma il modo per arrivarci al pi presto
era prendere la via pi breve, e la pi breve era la linea retta.
Perci era molto importante orientarsi con tutta l'esattezza
possibile, e Summy Skim non aveva la bussola. Ma aveva un orologio,
ed ecco il procedimento che impieg, procedimento di cui si era servito
pi di una volta durante le sue cacce sui territori di Montreal.
Il sole, come detto, proiettava i suoi raggi sulla radura, e per la
precisione l'ombra del tronco di un abete molto diritto si proiettava sul
suolo. Quella linea d'ombra sarebbe stata utilizzata da Summy Skim per
orientarsi. Si posizion sulla linea, volgendo la schiena al sole, ed
estrasse il suo orologio.
Erano le sei, sarebbe bastato mettere la lancetta delle ore
direttamente al di sopra della linea per avere il nord. Ma poich
quell'orologio era diviso in dodici ore, per ottenere lo stesso risultato fu
necessario riportare quella lancetta sulle tre. Poi, quando fu parallela
alla linea d'ombra, il nord si trov esattamente indicato dal
mezzogiorno dell'orologio.
Summy Skim, assicuratosi della sua posizione, tese subito la mano
verso la direzione da seguire verso est.
In cammino! disse.
Proprio in quel momento sentirono la detonazione di un colpo di
fucile che era stato sparato a non pi di trecento passi dalla radura.
X
INQUIETUDINI MORTALI
Dopo la partenza di Summy Skim e di Neluto per la caccia agli
orignals, Ben Raddle era andato a verificare lo stato dei lavori. Se non ci
fosse stato alcun ritardo, qualche eventualit impossibile da prevedere, il
canale sarebbe stato terminato in due o tre giorni. Sarebbe rimasto solo
da aprire il condotto sulla riva sinistra del Rubber Creek, dare gli ultimi
colpi di piccone alle pareti del camino del cratere, e un torrente d'acqua
si sarebbe precipitato nelle viscere del Golden Mount.
L'eruzione avrebbe tardato a verificarsi? L'ingegnere pensava di no, e
del resto non dubitava del risultato finale. Quelle enormi masse liquide,
trasformate in vapore dal fuoco centrale, avrebbero presto determinato
una violenta spinta eruttiva, che avrebbe lanciato all'esterno le materie
vulcaniche. Senza dubbio, si sarebbe trattato in gran parte di lava, scorie
e altre sostanze vulcaniche, ma insieme ci sarebbero stati anche le pepite,
i quarzi auriferi, e sarebbe bastato raccoglierli senza aver fatto la fatica
di estrarli. Evidentemente bisognava prevedere che come minimo il
fumo dell'eruzione avrebbe invaso la galleria che collegava il camino al
canale. Perci, se fosse stato necessario, l'accampamento sarebbe stato
stabilito a monte del Rubber Creek.
Inoltre, l'azione delle forze sotterranee tendeva sempre pi ad
accrescersi. I ribollimenti interni indicavano la loro violenza. C'era da
domandarsi se l'introduzione delle acque nel cratere sarebbe stata
necessaria.
Vedremo rispose Ben Raddle allo Scout che lo aveva appena
raggiunto e gli faceva quest'osservazione. Non dobbiamo dimenticare
che abbiamo il tempo contato Ben presto saremo alla met di
agosto
E sarebbe imprudente aggiunse Bill Stell, attardarsi pi di quindici
giorni alla foce del Mackensie. Calcoliamo tre settimane per ritornare
nel Klondike, soprattutto se i nostri carri avranno un carico pesante.
Di questo non dovete dubitare, Scout!
E in tal caso, signor Raddle, la stagione sar gi avanzata quando la
nostra carovana rientrer a Dawson City. Se l'inverno fosse precoce,
potremmo avere grosse difficolt ad attraversare la zona dei laghi per
arrivare a Skagway, e voi non trovereste pi battelli con destinazione
Vancouver.
Parole d'oro, mio caro Scout rispose l'ingegnere scherzosamente,
ed proprio il caso, visto che siamo accampati ai piedi del Golden
Mount. Ma state tranquillo, non mi stupirei se fra otto giorni i nostri tiri
avessero ripreso la via del Klondike!
Si vede con quale convinzione si esprimeva Ben Raddle, e non c'era
Summy Skim che poteva contraddirlo su quell'argomento.
La giornata trascorse nelle condizioni consuete, e giunta la sera
sarebbero rimaste solo cinque o sei tese di canale da scavare. Il tempo era
stato bello, con alternanze di ombra e di luce. I due cacciatori non
avrebbero avuto di che lamentarsi.
Tuttavia, verso le cinque del pomeriggio, nessuno dei due era stato
segnalato sulla pianura a ovest. Comunque Summy Skim aveva ancora il
tempo di tornare senza mancare alla sua promessa. Pi volte lo Scout,
avanzando di qualche centinaio di passi, and a vedere se lo avvistava.
Nessuno. Il profilo dei due cacciatori non si disegnava all'orizzonte.
Un'ora dopo, Ben Raddle cominci a spazientirsi, e si ripromise di
fare qualche rimostranza a suo cugino.
Quando suonarono le sette, poich Summy Skim e Neluto non
comparivano, l'impazienza di Ben Raddle divent inquietudine, che
raddoppi quando, un'ora dopo, gli assenti non erano ancora di ritorno.
Si sono lasciati trascinare! ripeteva. Con quel diavolo di Skim,
quando ha un animale davanti e un fucile in mano, non c' promessa
che tenga Va va, e non si ferma per nessuna ragione
E quando si all'inseguimento di un orignal dichiar Bill Stell,
non si sa mai dove vi porter l'animale
Non avrei dovuto lasciarlo partire aggiunse Ben Raddle.
Prima delle dieci non far notte aggiunse lo Scout, e non c'
pericolo che il signor Skim possa smarrirsi. Il Golden Mount si vede da
lontano, e al buio le sue fiamme servirebbero di guida.
Quell'osservazione non era senza valore. Anche se i cacciatori fossero
stati a tre leghe dall'accampamento, avrebbero scorto i bagliori del
Golden Mount, e l'ipotesi che potessero essersi smarriti non era
ammissibile. Ma se fosse accaduto qualche incidente se si trovassero
nell'impossibilit di rimettersi in cammino. .. E giunta la notte, se non
fossero rientrati, che cosa si sarebbe dovuto fare?
Passarono due ore, e ci si pu immaginare in che stato dovesse essere
Ben Raddle. Non riusciva a star fermo. Lo Scout e i suoi compagni non
nascondevano la loro preoccupazione. Il sole stava per scendere sotto
l'orizzonte e l'aria sarebbe stata illuminata solo dal lungo crepuscolo
delle alte latitudini del mare artico. E se Summy Skim e Neluto non
fossero tornati prima di notte,.. e se non fossero tornati prima
dell'alba?
Poco dopo le dieci, Ben Raddle e lo Scout, sempre pi inquieti,
lasciato l'accampamento, costeggiavano la base della montagna, nel
momento in cui il sole scompariva dietro le brume del tramonto.
L'ultimo sguardo che avevano gettato sulla pianura aveva confermato
che questa era deserta. Immobili, in ascolto, con l'orecchio teso in quella
direzione, non potevano forse sperare che Summy Skim, visto che
tornava cos tardi, avrebbe annunciato il suo arrivo con qualche colpo di
fucile? Neluto e lui non dovevano anzi aspettarsi che l'ingegnere, lo
Scout, fossero venuti loro incontro, e avrebbero trascurato di avvertirli,
non fosse che per risparmiare cinque o sei minuti di ansia?
Invano Ben Raddle e Bill Stell attesero una detonazione. La pianura
rimase silenziosa e deserta.
Si sono smarriti! disse lo Scout.
Smarrirsi replic l'ingegnere scuotendo la testa smarrirsi in
questa zona, quando il Golden Mount visibile da tutte le part e per
una distanza di molte leghe
Allora che dobbiamo supporre, signor Raddle? La caccia agli
orignals non una caccia pericolosa, e a meno che il signor Skim e
Neluto non siano stati alle prese con degli orsi
Degli orsi o dei predoni, degli avventurieri, indiani o altri, Bill
S ! ho il presentimento che sia successa una disgrazia
In quel momento, verso le dieci e mezzo, echeggiarono i latrati di un
cane.
Ecco Stop!esclam Ben Raddle.
Non sono lontani! rispose lo Scout.
Si sentirono ancora i latrati, ma vi si mescolavano dei lamenti, come se
il cane fosse stato ferito e facesse molta fatica a tornare.
Ben Raddle e il suo compagno corsero verso Stop, e non avevano
fatto duecento passi che si trovarono davanti al povero animale.
Il cane tornava da solo, e le sue zampe posteriori erano rosse dal
sangue, che perdeva da una ferita al dorso. Sembrava proprio che non
avesse pi la forza di camminare, e che non gli sarebbe stato possibile
raggiungere l'accampamento.
Ferito Ferito e solo! ripeteva Ben Raddle mentre il cuore gli
batteva con violenza, al pensiero, e anzi quasi alla certezza, che Summy
Skim e Neluto erano stati vittime di una catastrofe, a causa degli uomini
o a causa delle belve
Tuttavia lo Scout fece questa riflessione:
Forse Stop stato ferito involontariamente dal suo padrone o da
Neluto? Qualche pallottola vagante che l'avr colpito
E perch non sarebbe rimasto con Skim, se Skim avesse potuto
prestargli delle cure e riportarlo con lui? rispose Ben Raddle.
In ogni caso disse Bill Stell riportiamo il cane all'accampamento.
Fasciamo la sua ferita, e se leggera, forse potr seguirci e metterci
sulle tracce del signor Skim
S aggiunse l'ingegnere, perch non voglio aspettare il giorno
Partiremo in buon numero, bene armati e come avete detto voi,
Scout, se Stop pu guidarci
Lo Scout prese l'animale tra le braccia, e dieci minuti dopo Ben
Raddle e lui rientravano all'accampamento.
Il cane fu trasportato sotto la tenda. Esaminarono la ferita. Non
sembrava tropo grave: aveva intaccato solo la carne, senza interessare
alcun organo.
Era una pallottola ad averlo ferito, e lo Scout, molto esperto in quel
genere di operazione, riusc anche ad estrarla.
Ben Raddle prese quella pallottola e l'esamin attentamente alla
luce. Poi, pallido in volto, con la mano tremante, esclam: Non una
pallottola del calibro di quelle che usa Summy! pi grossa e non
viene da una carabina da caccia!.
Era la verit, e Bill Stell, dopo avere a sua volta guardato la
pallottola, dovette riconoscerlo.
Si sono imbattuti in alcuni avventurieri, dei malfattori! esclam
l'ingegnere Si sono dovuti difendere da un'aggressione a colpi di
fucile! Durante l'attacco Stop stato colpito e se non rimasto
con il suo padrone, perch il suo padrone stato portato via
oppure caduto con Neluto! Ah! mio povero Summy, mio povero
Summy!
E Ben Raddle non Pot trattenere i singhiozzi. D'altra parte, che cosa
avrebbe potuto rispondere Bill Stell? Quella pallot-tola che non era
stata sparata dai due cacciatori quel cane che era ritornato da solo,
tutto ci non dava forse ragione all'ingegnere, e si poteva forse dubitare
che fosse successa una disgrazia? O Summy Skim e il suo compagno
erano morti difendendosi, oppure erano nelle mani dei loro aggressori,
dato che non erano ancora ricomparsi.
Le undici, e n Summy Skim n Neluto erano di ritorno
all'accampamento. Le nuvole avevano coperto l'orizzonte al tramonto, e
il crepuscolo sarebbe stato scuro.
Decisero che Ben Raddle, lo Scout e i loro compagni sarebbero andati
alla ricerca degli assenti. Fecero immediatamente preparativi per la
partenza. Inutile prendere dei viveri, dato che la carovana non si
sarebbe allontanata dal Golden Mount, almeno durante le prime
ricerche. Ma tutto l'equipaggio sarebbe stato armato, nel caso fosse
stato attaccato in cammino, o nel caso avesse dovuto liberare con la
forza i due prigionieri.
Stop era stato fasciato con cura. Estratta la pallottola, fasciata la
ferita, ben rifocillato, perch era soprattutto sfinito dalla fame e dalla
sete, manifestava il desiderio di andare alla ricerca del suo padrone.
Lo porteremo con noi disse lo Scout, lo trasporteremo se troppo
stanco, e forse ritrover le tracce del signor Skim!
Se durante la notte le ricerche fossero state vane, se non fossero
approdate a niente su una superficie di una o due leghe a ovest, lo Scout era
del parere di tornare al Golden Mount. Avrebbero levato l'accampamento,
la carovana avrebbe ripreso le sue ricerche attraverso l'immensa pianura,
avrebbero setacciato tutta la regione tra l'oceano polare e il corso del
Porcupine. Al Golden Mount non si sarebbe pi pensato finch Ben
Raddle non avesse ritrovato Summy Skim, finch non avesse
conosciuto la sua sorte, e chi sa se avrebbe mai potuto conoscerla!
Lo Scout e i suoi compagni partirono dopo aver preso delle
precauzioni perch gli animali da tiro non potessero abbandonare
l'accampamento. Costeggiarono la base della montagna i cui sordi
rimbombi facevano tremare il terreno. Sulla cima impennacchiata di
vapori si stagliavano delle lingue di fuoco, ben visibili nella
semioscurit del crepuscolo. Peraltro non c'era nessun lancio di
materie eruttive.
Ben Raddle camminava vicino a Bill Stell, con il cane al loro
fianco. Gli altri seguivano, con le armi cariche. Quando il gruppo
raggiunse l'estremit della base, nel punto in cui era stata effettuata la
scalata del vulcano, si ferm.
Quale direzione avrebbero dovuto prendere? Non erano ridotti
ad avventurarsi a caso? Comunque l'unica soluzione pratica era
affidarsi all'istinto del cane. L'intelligente animale capiva quel che si
aspettavano da lui e faceva sentire dei latrati mezzo soffocati. Di
certo, se si fosse imbattuto nelle tracce del suo padrone, non si
sarebbero sbagliati!
Dopo qualche istante di esitazione, Stop prese la direzione nord
ovest, che non era quella seguita da Summy Skim e Neluto quando si
erano allontanati dal Golden Mount.
Andiamo dove va lui disse lo Scout, e dopo tutto era il meglio
che si potesse fare.
Per un'ora il gruppetto percorse la pianura in quel senso.
Raggiunse cos il limite della foresta che i due cacciatori avevano
oltrepassato circa una lega pi in basso.
Che decisione prendere allora? Bisognava addentrarsi nel bosco
in mezzo all'oscurit profonda degli alberi? Oppure non era il caso
di ritornare all'accampamento, dato che non era stata ritrovata
nessuna traccia, e riprendere di giorno una campagna di ricerche
definitiva?
Ben Raddle, lo Scout e Lorique tennero consiglio. L'ingegnere non
poteva persuadersi a tornare sui suoi passi, bench si rendesse conto
di quanto era imprudente addentrarsi attraverso quella foresta. Bill
Stell, pi padrone di s, giudicando meglio la situazione, insisteva per
un ritorno immediato. Pareva del resto che Stop esitasse. Restava
immobile vicino al limite del bosco, senza far pi sentire i suoi sordi
latrati, come se il suo istinto avesse perduto la pista.
All'improvviso fece un balzo. Di certo non sentiva pi la sua
ferita, correva tra gli alberi, abbaiando forte in quel momento, e di
certo era sulle tracce vanamente cercate fino ad allora.
Seguiamolo seguiamolo! esclam Ben Raddle.
E tutti stavano per precipitarsi attraverso la foresta, quando i latrati
si avvicinarono.
Aspettate ordin Bill Stell, fermando i suoi compagni.
Quasi nello stesso istante, apparvero due uomini, e un momento
dopo Summy Skim era tra le braccia dell'ingegnere.
Ma le sue prime parole furono: All'accampamento,..
all'accampamento!.
Che successo? domand Ben Raddle.
Quel che successo ve lo dir laggi rispose Summy Skim,
ma occupiamoci solo di quel che pu succedere
All'accampamento, vi dico, all'accampamento!
E tutti quanti, guidandosi con le fiamme del Golden Mount, si
misero rapidamente in marcia. Un'ora dopo, avevano raggiunto il
Rubber Creek. Era mezzanotte passata.
Prima di riunirsi sotto la tenda con Ben Raddle, Lorique e lo
Scout, Summy Skim si era fermato. Aveva voluto un'ultima volta
osservare le vicinanze del Golden Mount. L'ingegnere e Bill Stell
avevano seguito il suo esempio. Sapevano di essere minacciati, ed era
la sola informazione che avessero potuto ottenere da Summy Skim
durante quella rapida marcia dalla foresta alla montagna.
Quando furono soli, Summy Skim raccont brevemente i fatti che
erano accaduti tra le sei del mattino e le cinque del pomeriggio,
l'arrivo dei cacciatori al limite del bosco, l'inseguimento degli
orignals, l'inutile caccia protratta fino a mezzogiorno, la pausa, la
ripresa quando sentirono i latrati di Stop e infine, vinti dalla
stanchezza, la sosta ai bordi della radura, dove avevano trovato le
ceneri di un focolare spento da molto tempo.
Era evidente che degli uomini, indigeni o altri, si erano
accampati in quel luogo, il che non aveva niente di strano. Del resto,
in base allo stato delle ceneri, quel focolare era gi vecchio, e non
avevamo di che preoccuparci
E cos dichiar lo Scout, e anzi succede che gli equipaggi delle
baleniere sbarchino sul litorale dell'oceano artico, per non parlare
degli indiani che lo frequentano durante la bella stagione
Ma riprese Summy Skim, nel momento in cui stavamo per
riprendere la via del Golden Mount, Neluto trov tra l'erba
quest'arma.
Ben Raddle e lo Scout esaminarono il pugnale e, come aveva fatto
Summy Skim, riconobbero che era di fabbricazione spagnola. E
capirono anche che quel pugnale era stato perduto recentemente in quel
luogo, dato che la lama non presentava alcuna traccia di ruggine.
Quanto a questa lettera M incisa sul manico fece osservare Bill
Stell, non poteva dirvi niente, signor Skim
No, Bill, ma so lo stesso davanti a quale nome bisogna metterla.
E quale? domand Ben Raddle.
Quello di Malone il texano
Malone il texano!
S, Ben.
Il compagno di quell'Hunter? aggiunse Bill Stell.
Proprio lui!
Erano l qualche giorno fa? riprese l'ingegnere.
E ci sono ancora rispose Summy Skim.
Li avete visti? domand Lorique.
Ascoltate la fine del mio racconto e saprete tutto!
E Summy Skim prosegu in questi termini: Stavamo per partire, io e
Neluto, quando poco lontano echeggi un colpo di facile. Ci
fermammo, e il nostro primo pensiero fa di prendere la precauzione di
non essere visti.
Era evidente che nella foresta c'erano dei cacciatori, e
probabilmente degli stranieri, perch gli indiani non si servono d anni
da fuoco. Ma chiunque essi fossero, la cosa pi prudente era stare in
guardia.
Ora, quel colpo di fucile era stato tirato su uno degli orignak cui
Neluto e io avevamo dato la caccia; cos almeno ho creduto fino al
momento in cui mi avete raccontato quel che era successo al mio
povero Stop, che non pensavo di rivedere mai pi,.. S L'avevano
tirato su di lui, quel colpo
E disse allora Ben Raddle, quando l'abbiamo visto tornare senza di
te, ferito da una pallottola sconosciuta, non vostra, che si trascinava a
stento, pensa a quel che successo dentro di me! Ero gi in preda a
inquietudini spaventose non vedendoti ricomparire, ed erano gi le
dieci di sera! Che cosa potevo credere, se non che tu e Neluto eravate
stati attaccati e che durante l'attacco il tuo cane aveva ricevuto quella
ferita! Ah! Summy Summy Come dimenticare che ero stato io
a trascinarti
Parlando in quel modo, Ben Raddle era sotto l'effetto di
un'emozione che non cercava neanche di dissimulare. Summy Skim
comprese chiaramente tutto quel che accadeva nell'animo di suo
cugino, consapevole della responsabilit che pesava su di lui, che si era
lanciato in tali avventure!
Cos gli prese le mani dicendo: Ben mio caro Ben, quel ch'
fatto fatto! Non rimproverarti niente, e anche se la situazione si
aggravata, non disperata, e ce la caveremo, spero!.
Dopo una calorosa stretta di mano con lo Scout, Summy Skim riprese
il suo racconto: Appena sentimmo quel colpo che veniva da est, cio
dalla direzione che stavamo per prendere per tornare all'accampamento,
ordinai a Neluto di seguirmi, e ci affrettammo a lasciare quella radura,
dove avremmo potuto essere visti.
D'altra parte si sentivano delle voci, delle voci numerose, e fa
evidente che un gruppo di uomini stava avanzando da quella parte.
Ma se non volevamo essere visti, volevamo sapere che razza di
gruppo fosse, e tu capisci, Ben, l'interesse che avevamo! Che cosa
venivano a fare quegli uomini? Si trovavano a un'ora di cammino
dal Golden Mount Conoscevano dunque l'esistenza del vulcano? Si
dirigevano l? Dovevamo temere qualche brutto incontro, e magari
con gente pi numerosa e meglio armata di noi?
Presto avrebbe fatto buio dentro la foresta. E d'altra parte per
evitare di cadere nelle mani di quegli avventurieri, ritenni prudente
aspettare che la sera fosse pi inoltrata prima di rimetterci in
cammino Una volta al limite della foresta, avremmo saputo
orientarci con le fiamme del vulcano Del resto, non avevamo tempo
da perdere a riflettere. Il gruppo si stava avvicinando Sarebbe senza
dubbio venuto, su quella radura, vicino al rio che l'attraversava. In un
istante raggiungemmo un cespuglio folto, a una decina di passi a lato.
Rannicchiati in mezzo alle erbe alte e ai cespugli, non correvamo il
rischio di essere scoperti e, cosa essenziale, avremmo potuto allo
stesso tempo vedere e ascoltare.
Il gruppo apparve quasi subito. Era formato da una cinquantina di
uomini, di cui una trentina che credetti di riconoscere come americani,
e una ventina di indigeni. Non mi ero sbagliato. Venivano ad accamparsi
in quel posto per la notte, e cominciarono ad accendere fuochi che
sarebbero serviti a preparare il loro pasto.
Di quegli uomini, non conoscevo nessuno, e nemmeno Neluto.
Erano armati di carabine e di rivoltelle, che misero sotto gli alberi. Non
parlavano tra loro, o lo facevano a voce cos bassa che non potevo
sentirli.
Ma Hunter Malone? chiese Ben Raddle.
Arrivarono un quarto d'ora dopo riprese Summy Skim, in
compagnia di un indiano e del capomastro che dirigeva lo sfruttamento
del 127.
Ah, li riconoscemmo bene, io e Neluto, S! Quei furfanti erano
arrivati nelle vicinanze del Golden Mount, e un'intera banda di
avventurieri della loro specie, non c'era da dubitarne, li
accompagnava
Ma che cosa vengono a fare? domand lo Scout. Conoscono
l'esistenza del Golden Mount? Sanno che una carovana di minatori si
recata fin qua?
Sono appunto le domande che mi sono posto, mio buon Bill
rispose Summy Skim, e ho finito per avere una risposta a tutto.
In quel momento, lo Scout fece segno a Summy Skim di tacere. Gli era
sembrato di sentire qualche rumore fuori e, uscendo dalla tenda, and a
osservare i dintorni dell'accampamento.
Il rumore l'aveva fatto uno dei suoi compagni attraversando il
canale. Gi apparivano i primi bagliori dell'alba, cos mattiniera a
quella latitudine.
La vasta pianura era deserta. Nessun gruppo si avvicinava alla
montagna, di cui il rombo, solo, turbava il silenzio della notte, D'altra
parte il cane non dava nessun segno d'inquietudine e rimaneva disteso
in un angolo della tenda.
Lo Scout perci rientr e Pot rassicurare Ben Raddle e suo cugino.
Summy Skim continu cos:
I due texani vennero a sedersi proprio al bordo della radura, a dieci
passi dal cespuglio dietro cui eravamo nascosti. Potevo sentire quel che
dicevano e, all'inizio, parlarono di un cane che avevano incontrato, ma
senza dire che gli avevano sparato addosso. E uno strano incontro!
disse Hunter. S! Strano in mezzo a questa foresta! Non
possibile che ci sia venuto da solo a una simile distanza da Dawson
City Ci sono dei cacciatori da queste parti! rispose Malone, non
c' dubbio! Ma dove sono? Il cane ha potuto raggiungerli? Scappava
in questa direzione. E, dicendo questo, Malone tendeva la mano
verso ovest
Eh! esclam allora Hunter, chi ci dice che sono dei cacciatori,
coloro cui appartiene quel cane? Non ci si avventura cos lontano
all'inseguimento dei ruminanti o delle belve!
Sono d'accordo con te, Hunter dichiar Malone. Da queste parti
ci sono dei minatori alla ricerca di nuovi giacimenti Non corre forse
voce che se ne trovano nell'alto Dominion?
S rispose Hunter, ricchi giacimenti che quei maledetti canadesi
pretendono di sfruttare da soli! Ma aspetta che ci mettiamo su le
mani, e vedranno che cosa gliene rester!
Nemmeno di che riempire un piatto o una scodella! replic Malone
mescolando alle risate le sue orribili imprecazioni
E hanno fatto allusione al Golden Mount? domand Ben Raddle.
S rispose Summy Skim, perch Hunter ha aggiunto poco dopo:
D'altra parte, il Golden Mount, di cui gli indiani parlano spesso e che la
nostra guida Krasak conosce, non pu essere lontano da qui, ai bordi del
mare polare, e quand'anche dovessimo percorrere la costa dalla punta
Barrow fino alla baia di Hudson, finiremo bene per scoprirlo!.
L'ingegnere restava pensieroso. Quel che temeva si era verificato. Il
francese Jacques Laurier non era il solo a conoscere l'esistenza del
Golden Mount Un indiano, quel tale Krasak, doveva averla rivelata
ai texani, e questi non avrebbero tardato a individuare la sua posizione
senza aver bisogno di percorrere tutto quel litorale dell'oceano
artico! Avrebbero avvistato il vulcano appena avessero messo piede
fuori dalla foresta in cui si erano accampati! Avrebbero visto il fumo
e le fiamme che vorticavano sopra il suo cratere In un'ora, avrebbero
raggiunto la base del Golden Mount, e quando sarebbero arrivati vicino
all'accampamento occupato dai loro vecchi vicini del 127 del Forty
Miles Creek, che cosa sarebbe accaduto?
E, rivolgendosi a Summy Skim: Hai osservato che Hunter era
accompagnato da un gruppo numeroso?.
Una cinquantina di uomini armati, e il mio parere che non deve
averli reclutati tra la poca gente onesta che c' nel Klondike! rispose
Summy Skim.
probabile, anzi sicuro afferm lo Scout, e, da tutto ci, risulta
che la nostra situazione grave!
Il dialogo fin con questa dichiarazione d Bill Stell. Furono allora
prese delle precauzioni per la guardia dell'accampamento durante la
notte, e non accadde alcun fatto nuovo fino allo spuntare del giorno.
XI
SULLA DIFENSIVA
Come aveva detto lo Scout, la situazione era grave. Infatti si poteva
forse sperare che il Golden Mount non sarebbe stato scoperto dalla
banda dei texani, almeno immediatamente, dal momento che Hunter
l'avrebbe avvistato appena oltrepassata l'estremit orientale della
foresta? E poi non era guidato da quel Krasak di cui Summy Skim li
aveva sentiti pronunciare il nome? Non avrebbero dovuto costeggiare
il litorale dell'oceano polare, poich dovevano essere venuti da quella
parte dopo aver superato le sorgenti del Porcupine. In effetti, se avessero
seguito l'itinerario scelto dallo Scout per andare da Dawson City alla
foce del Mackensie, sarebbero stati visti da lontano, sarebbero stati
segnalati da ventiquattr'ore, e si sarebbero diretti subito verso il Golden
Mount. Perci dovevano essere arrivati da ovest, venendo da Fort
Yukon, situato sulla riva destra del grande fiume.
Ora, la banda contava una cinquantina di uomini, e Ben Raddle e i
suoi compagni erano solo in venti. Ne risultava un'inferiorit numerica
che il loro coraggio non avrebbe potuto compensare, bench fossero
decisi a difendersi fino alla morte.
Perci bisognava solo attendere gli eventi, e l'attesa non sarebbe
stata lunga. Tutt'al pi entro quarantott'ore, forse fin da quel giorno
stesso, Hunter si sarebbe diretto verso il Golden Mount. Quanto ad
abbandonare l'accampamento del Mackensie, riprendere la via del
Klondike, ritirarsi davanti ai texani, non ci pensavano neppure. Lo Scout
non l'avrebbe proposto ai suoi compagni: avrebbero sicuramente
rifiutato. Non si consideravano forse, in qualit di primi occupanti, i
legittimi proprietari di quel giacimento vulcanico? Perci non se lo
sarebbero lasciato portar via senza lottare. Lo stesso Summy Skim, il
saggio Summy Skim, non avrebbe consentito ad arretrare arretrare
davanti a quell'Hunter, di cui non aveva dimenticato il comportamento
da cafone quando si erano incontrati, dapprima allo sbarco del battello da
Vancouver, poi sul confine dei claitns 129 e 127 del Forty Miles Creek.
Aveva un conto aperto con lui, e poich se ne presentava l'occasione,
l'avrebbe sistemato di persona.
E adesso, quando i texani sarebbero arrivati ai piedi della
montagna, che sarebbe accaduto? Ecco quel che pensava Bill Stell, ed
ecco quel che disse Ben Raddle, quando l'indomani ripresero la
conversazione del giorno prima.
Immagino che fra qualche ora vedremo la banda dirigersi verso il
Golden Mount. Quando l'avr raggiunto, Hunter si fermer per montare
il suo accampamento, o preferir seguire la base del vulcano per
accamparsi sulla sponda del Mackensie, facendo quello che abbiamo
fatto anche noi?
Io credo, Bill, che per prima cosa i texani vorranno salire in cima al
Golden Mount, la cosa pi ovvia Vorranno constatare, come
abbiamo voluto fare noi, se sulla cima si trovano il quarzo aurifero e le
pepite! rispose l'ingegnere.
Senza dubbio rispose lo Scout. Ma, dopo avere osservato il cratere e
constatato l'impossibilit di penetrarvi in mezzo ai vapori e alle fiamme,
ridiscenderanno, e allora si pone il problema: o vorranno aspettare che si
verifichi l'eruzione, oppure vorranno aspettare che sia finita. In
entrambi i casi, saranno costretti ad accamparsi.
A meno che non se ne vadano da dove e come sono venuti!
esclam Summy Skim che venne a prender parte alla conversazione.
Da parte loro sarebbe la decisione pi saggia
Che non prenderanno, puoi starne sicuro dichiar Ben Raddle.
E lo sono, Ben. Per a quei furfanti non verr l'idea di provocare
l'eruzione del Golden Mount come cerchiamo d fare noi
E vero, Summy, ma aspetteranno
E nell'attesa, si accamperanno nelle vicinanze aggiunse lo Scout, e
del resto, non dimentichiamolo, la presenza di un cane nella foresta li ha
messi in sospetto Vorranno vedere se qualche compagnia di minatori
non li ha preceduti alle foci del Mackensie, e spingeranno le loro
ricerche fino all'estuario
Dobbiamo contarci rispose Summy Skim, e ben presto avranno
scoperto il nostro accampamento, e tenteranno di scacciarci, e io mi
ritrover faccia a faccia con quell'Hunter! Ebbene, se un buon duello,
alla francese o all'americana gli lascer la scelta potesse mettere fine a
questa faccenda e sbarazzarci della banda, dopo averci sbarazzati del suo
capo?
Una tale evenienza non si sarebbe verificata, evidentemente, e
poich i texani erano in vantaggio numerico, avrebbero saputo
approfittarne e distruggere la carovana dello Scout o almeno metterla in
fuga e restare gli unici padroni del Golden Mount.
Bisognava perci tenersi pronti a respingere il loro attacco e,
prevedendo un'aggressione imminente, furono prese tutte le misure.
Innanzitutto Bill Stell fece entrare i carri nel gomito tra il Rubber
Creek e la montagna. Quanto agli animali, furono tolti dai pascoli che
erano allo scoperto, e furono condotti oltre il canale sotto gli alberi
distanti centocinquanta passi, dove per qualche giorno l'erba sarebbe
bastata al loro nutrimento. Bisognava ad ogni costo mettere in salvo gli
animali da tiro per assicurarsi il ritorno nel Klondike prima dell'inizio
dell'inverno. Inoltre, le tende furono smontate, per essere poi
rimontate d notte, oltre il canale. Quel canale avrebbe formato poi
una linea di difesa che gli assediami avrebbero superato solo a stento
sotto il fuoco delle carabine, quando le acque del rio vi sarebbero scorse
fino all'orlo.
In effetti, se fosse stato necessario per impedire che l'accampamento
fosse invaso, Ben Raddle avrebbe fatto dare gli ultimi colpi di piccone
alla sponda del Rubber Creek. Tuttavia avrebbe aspettato, non avendo
interesse a provocare l'eruzione finch Hunter fosse rimasto ai piedi del
Golden Mount.
Quanto alle armi, furono preparate per la difesa. Dei venti uomini della
carovana, ce n'erano dodici muniti di fucili, di rivoltelle e di coltelli da
caccia, senza parlare delle carabine di Ben Raddle, di Summy Skim, di
Lorique, di Bill Stell e di Neluto.
Va da s che a partire da quel momento i cacciatori avrebbero
rinunciato alla caccia, mentre i pescatori non rinunciavano alla pesca,
sia nel rio che nelle cale della costa, allo scopo di risparmiare sulle
provviste della carovana.
Inutile dire che i lavori del canale non furono interrotti. Sarebbero
stati proseguiti dalla parte della montagna. L'importante era poterlo
riempire per tutta la sua lunghezza, tra il rio e l'apertura della galleria
scavata nel fianco del monte. Ma l'ingegnere non avrebbe pi impiegato le
mine, le cui esplosioni avrebbero potuto essere sentite. Le cartucce
sarebbero state impiegate solo nel momento in cui sarebbe stato
necessario far saltare la parete che separava ancora la galleria dal camino
del cratere.
Del resto non sembrava che i sintomi eruttivi fossero aumentati. N i
rumori interni crescevano in intensit, n le fiamme e i vapori salivano
in altezza e in consistenza. Sarebbero potute passare delle settimane,
dei mesi, prima che il Golden Mount fosse in piena eruzione.
Per tutto quel giorno Io Scout e i suoi si tennero sul chi vive. Gli
uomini restavano nella parte pi remota dell'accampamento. Per
scorgerli, si sarebbe dovuto avanzare fino alla riva sinistra del Rubber
Creek, anzi fino al ramo occidentale che seguiva il limite del delta del
Mackensie.
Tuttavia, a pi riprese Ben Raddle e Summy Skim, Bill Stell e
Lorique andarono a osservare un'estensione maggiore di pianura.
Poich non videro niente di sospetto nelle vicinanze, avanzarono fino
all'estremit della base, a est. Di l, lo sguardo era limitato solo dalla
prima fila degli alberi della foresta che chiudeva l'orizzonte, a una
lega e mezza: la pianura era deserta. Non vi si vedeva alcun gruppo di
uomini, n carovane. Nessuno anche dalla parte del litorale, da dove
la banda avrebbe potuto passare seguendo le coste.
Di sicuro, i texani non hanno ancora lasciato la foresta! disse lo
Scout,
S aggiunse Summy Skim, si sono diretti verso ovest
Non posso crederlo rispose l'ingegnere, La loro guida conosce
la posizione del Golden Mount, e devono averlo avvistato dal limitare
del bosco. E probabile che siano ancora accampati in quella radura
dove li hai visti tu, Summy
Ma allora se la prenderebbero proprio comoda, Ben!
Forse, prevedendo che dei minatori li abbiano preceduti,
vogliono rendersi conto della situazione prima di rischiare, e si
spingeranno fino al Golden Mount solo questa notte?
E probabile dichiar Ben Raddle, perch non possibile che
non l'abbiano avvistato,..
Perci, ci guarderemo da ogni sorpresa! disse Bill Stell.
Ben Raddle, Summy Skim, lo Scout e Lorique, dopo aver
constatato un'ultima volta che la pianura era deserta, ritornarono
all'accampamento, e quando venne la sera, Bill Stell aveva preso tutte
le precauzioni per la notte.
La quale trascorse indisturbata. Ma, se Summy Skim dorm senza
interruzione come suo solito, a mala pena Ben Raddle Pot godere di
qualche ora di sonno. La preoccupazione e la rabbia si mescolavano
nella sua mente. La rabbia, s, perch proprio nel momento in cui
stava per raggiungere il suo scopo la sfortuna gli si metteva contro.
La preoccupazione, perch non poteva mettere in dubbio che il
Golden Mount gli sarebbe stato conteso a caro prezzo, e avrebbe
potuto resistere alla banda di Hunter? E quale grande responsabilit,
di cui in quel momento sentiva tutto il peso, si sarebbe assunto?
Non era stato solo lui a voler organizzare quella spedizione alla
foce del Mackensie?,.. Non era stato lui l'anima di quella campagna
che minacciava di finire cos disgraziatamente? Non aveva
costretto, per cos dire, Summy Skim a passare un secondo anno in
quelle regioni sperdute del Dominion? Che dopo la morte dello zio
J osias avesse voluto venire nel Klondike a prendere possesso della
sua eredit, era ammissibile, e che fosse naturale che Summy Skim lo
accompagnasse, anche questo si poteva concedere. Arrivato sui
territori del Forty Miles Creek, che non avesse resistito al desiderio di
sfruttare il claim 129 e di ricavarne tutto il guadagno possibile, s,
tutto sommato anche questo era comprensibile in una certa misura, e
si poteva capire che non avesse tenuto conto delle obiezioni che
allora gli fece il saggio Skim! Ma dopo il terremoto e l'alluvione,
dopo la distruzione dei claims in quell'intera zona del Klondike
vicina alla frontiera, che cosa imponeva la saggezza? Di abbandonare
per sempre quel mestiere di prospettore e, trascorso l'inverno, dopo la
piena guarigione, lasciare immediatamente Dawson City, non per
risalire verso le latitudini dell'oceano polare, ma per riprendere la
strada di Montreal!
Era perci una vera sciagura che lui, Ben Raddle, fosse entrato in
relazione con il francese J acques Laurier, che costui gli avesse
rivelato l'esistenza del Golden Mount! Ma era una decisione non
meno sciagurata quella d voler mettere a frutto quella scoperta di cui
ora non era pi il solo ad avere il segreto, e che una banda di
avventurieri stava per strappargli con la forza.
Ecco quel che si disse Ben Raddle durante quelle lunghe ore
d'insonnia, aspettandosi qualche allarme dato dagli uomini di guardia.
Perci, due o tre volte era venuto a osservare i dintorni
dell'accampamento.
Sicuramente un pericolo gravissimo minacciava la carovana. Se
fosse stata attaccata da Hunter, non avrebbe potuto resistere con
successo, poich gli assalitori erano due contro uno. E allora non
sarebbe stato prudente cedergli il posto prima di esserne scacciati?
Quella notte stessa, dato che i texani non erano ancora comparsi,
sarebbe stato facile levare l'accampamento, spingere le bestie da tiro
sulla strada di Dawson City, e la carovana sarebbe stata fuori dalla portata
di Hunter prima del giorno!.,. Ma rinunciare ai guadagni di quella
spedizione, tanti sforzi vani, tante fatiche sopportate inutilmente, e
proprio quand'era sul punto di raggiungere il suo scopo, no! Mai Ben
Raddle avrebbe potuto risolversi a dare l'ordine di partenza, e senza
dubbio, come detto, i suoi compagni non sarebbero mai stati capaci di
obbedirgli!
Fin dalle cinque del mattino, senza andare fino al fianco occidentale
del Golden Mount, Ben Raddle e lo Scout si portarono a un centinaio di
tese oltre il canale. Ritornarono senza aver notato niente di nuovo.
Il tempo pareva essersi stabilito sul seren, e il barometro restava al
di sopra della media. Quanto alla temperatura, piuttosto alta, un vento
fresco proveniente dal largo ne mitigava il fastidio. Sotto l'effetto di
quella fresca brezza, i vapori del cratere deviavano verso sud. Ma
l'ingegnere e Bill Stell osservarono che erano meno fitti del giorno
prima, e anche meno fuligginosi.
L'azione vulcanica tende forse a diminuire? disse Ben Raddle.
Accidenti rispose lo Scout, se il cratere si spegnesse, questo s che
semplificherebbe il nostro lavoro
E anche quello di Hunter replic l'ingegnere. In ogni caso, non
interrompiamo il nostro lavoro e terminiamo il canale.
Sar terminato oggi, signor Raddle.
S, Bill, e bisogner solo sfondare la sponda del rio e la parete in
fondo alla galleria. Quando sar opportuno farlo, lo faremo, dipender
dalle circostanze.
L'equipaggio della carovana si rimise dunque all'opera, e gli
bastarono solo alcune ore per dare l'ultimo colpo di piccone e buttare
fuori l'ultima palata di terra. In quel momento, attraverso trecento piedi
di canale, e sessanta di galleria, le acque del rio avrebbero potuto gettarsi
nel camino del Golden Mount.
Finito il pranzo, consentirono di prendere un po' di riposo, senza
trascurare la sorveglianza dei dintorni dell'accampamento.
Nel pomeriggio, Neluto fece una sortita dalla parte della pianura. Lo
accompagnava Stop, che non soffriva quasi pi per la ferita. In assenza
di tutta la banda, se uno degli uomini di Hunter si fosse avventurato
fino ai piedi del monte, l'intelligente animale avrebbe saputo mettersi
sulle sue tracce.
Verso le tre, Ben Raddle e Summy Skim erano occupati a osservare la
sponda del rio, vicino al punto in cui doveva essere scavato il canale,
quando all'improvviso furono messi in allarme.
Dei latrati brevi e ravvicinati echeggiavano nella direzione dove
l'Indiano e Stop erano andati in ricognizione.
Che c'? esclam lo Scout.
Sicuramente selvaggina che il nostro cane deve aver fatto
scappare disse Ben Raddle.
No rispose Summy Slrim, non abbaierebbe in quel modo
Vieni! ingiunse l'ingegnere.
Avevano fatto meno di cento passi quando videro Neluto che
ritornava di corsa.
Alcuni istanti dopo, l'Indiano gridava a squarciagola:
Allarme Allarme!
Quando ebbe raggiunto Ben Raddle, lo Scout e Summy Skim, disse:
Eccoli che arrivano!.
Tutti? domand Bill Stell.
Tutti! rispose l'Indiano.
E a che distanza sono? interrog l'ingegnere.
A sette o ottocento passi dal vulcano, signor Ben.
Non ti hanno visto? chiese Summy Skim.
Penso di no rispose Neluto, ma io li ho visti bene
Avanzavano in massa, con i loro cavalli e i loro carri
E dove si dirigono? riprese lo Scout.
Verso il rio!
Allora hanno sentito il cane abbaiare? domand Summy Skim.
No non possibile Erano ancora troppo distanti
All'accampamento ordin Ben Raddle, e mettiamoci sulla
difensiva!
Qualche minuto dopo, tutti e quattro avevano raggiunto il canale,
che oltrepassarono sulla sponda del rio, e andarono a ripararsi sotto gli
alberi.
Hunter, Malone e la banda s sarebbero fermati quando avrebbero
raggiunto l'angolo del Golden Mount? Si sarebbero stabiliti in quel
punto o avrebbero proseguito la loro marcia verso l'estuario del
Mackensie?
Quest'ultima ipotesi era sicuramente la pi probabile. Nella
necessit in cui si trovavano, anche loro, di accamparsi per qualche
giorno, avrebbero cercato un posto dove non sarebbe mancata l'acqua
dolce. Ora, come sappiamo, nessun creek bagnava la pianura a ovest
del Golden Mount, e Hunter non poteva ignorare che il grande fiume
si gettava nell'oceano a breve distanza. Perci ci si doveva aspettare
di vederlo dirigersi verso l'estuario. A quel punto, i lavori del canale
come avrebbero fatto a non attirare la sua attenzione, e come sperare
che non avrebbe scoperto l'accampamento sotto gli alberi?
Ben Raddle e i suoi compagni erano perci esposti a un attacco
imminente e presero le loro disposizioni per respingerlo.
Tuttavia, il pomeriggio pass senza che l'aggressione si fosse
verificata. N i texani n alcuno dei loro uomini si videro nei dintorni
del Rubber Creek.
Si doveva allora concludere che Hunter aveva scelto di fare tappa
ai piedi del Golden Mount da quella parte? Eppure, quella zona
non era favorevole a una permanenza di una certa durata.
Ma possibile fece osservare lo Scout, che Hunter abbia
voluto scalare il vulcano prima di stabilirsi alla sua base
In effetti possibile rispose Summy Skim. Non deve osservare
il cratere accertarsi se contiene delle pepite, e allo stesso tempo
vedere a che punto l'eruzione?
L'osservazione era giusta, e Ben Raddle l'approv con un cenno
del capo.
Ad ogni modo la giornata termin senza che l'accampamento
avesse ricevuto la visita dei texani. Sarebbero dunque venuti a
stabilirsi in prossimit del Mackensie solo il giorno dopo, e solo dopo
aver effettuato la scalata del Golden Mount? C'era motivo di crederlo.
Tuttavia, per essere pronti a ogni eventualit, lo Scout e i suoi
compagni decisero di restare svegli tutta la notte, in stato di all'erta.
Attraversarono a turno il canale dalla sponda del rio e andarono ad
appostarsi ai piedi della montagna, in modo da poterne osservare tutta
la base.
Fino alle undici e mezzo il crepuscolo diede abbastanza luce da
permettere di avvistare degli uomini che si fossero diretti verso il rio
e, dalle due, riapparvero le prime luci dell'alba.
Durante quella breve notte, non accadde alcun fatto nuovo, e al
sorgere del sole la situazione era identica a quella del giorno prima.
Quel che avrebbero voluto sapere era se nel corso di quella
giornata Hunter e Malone sarebbero saliti sulla cima del vulcano. E
sarebbe stato possibile vederli senza essere visti da loro?
Non si poteva pensare ad appostarsi in osservazione scendendo
verso sud. Da quella parte, la pianura non offriva nemmeno una
macchia di alberi in cui ci si sarebbe potuti riparare. Indietreggiando
verso il punto in cui il Rubber Creek si staccava dal ramo principale,
era altrettanto impossibile trovare un riparo qualunque, e di
conseguenza sfuggire agli sguardi d Hunter e di Malone quando
avrebbero raggiunto l'altopiano del Golden Mount.
C'era un unico luogo dove potevano appostarsi: l avrebbero
avvistati senza essere visti quando avrebbero fatto il giro del cratere.
Era un gruppo di vecchie betulle, situato a duecento passi
dall'accampamento sulla sponda sinistra del rio, a valle del punto in
cui doveva essere scavata la derivazione. Tra l'accampamento e
quella macchia, una siepe di arbusti avrebbe permesso di spostarsi
dall'uno all'altra, a condizione di strisciarvi dietro.
D buon'ora, Ben Raddle e Bill Stell andarono ad accertarsi che da
l chiunque si sarebbe avvicinato dal bordo dell'altopiano sarebbe
stato perfettamente visibile. Il crinale, come avevano notato fin dalla
loro prima scalata, era formato da blocchi di quarzo, di lava indurita
su cui era possibile passare. Sotto, il fianco era tagliato verticalmente
come un muro di cortina, e il versante che si affacciava sul largo
aveva la stessa forma.
Il posto va bene disse lo Scout. Non saremo visti n andando
n tornando. Se Hunter salir sull'altopiano, vorr sicuramente
osservare da questo lato del crinale l'estuario del Mackensie
Perci rispose Ben Raddle, terremo sempre uno dei nostri
uomini appostato l.
Direi anche, signor Ben, che dall'alto il nostro accampamento
non pu essere visto Adesso riparato dagli alberi Faremo
attenzione che tutti i fuochi siano spenti e che non possa uscire del
fumo A queste condizioni mi pare proprio che la banda di Hunter
non potr scoprirlo
Speriamo rispose l'ingegnere, e speriamo anche che quei
texani, dopo aver constatato l'impossibilit di scendere nel cratere,
abbandonino i loro progetti e tornino da dove sono venuti
E che il diavolo se li porti! esclam lo Scout.
Poi aggiunse: Se volete, signor Ben, dato che ci sono, rester qui
mentre voi rientrerete all'accampamento.
No, Bill, preferisco che mi lasciate qui in osservazione. Andate
voi ad assicurarvi che tutte le nostre precauzioni siano prese per bene,
e state attento che nessuna delle nostre bestie possa allontanarsi
D'accordo rispose lo Scout, e dir al signor Skim di venire a
sostituirvi tra due ore
S tra due ore rispose Ben Raddle, stendendosi ai piedi di una
betulla, da dove non avrebbe perso di vista il bordo dell'altopiano
vulcanico.
Cos Bill Stell torn da solo al boschetto a raggiungere i suoi
compagni. Fin dal mattino le tende erano state smontate, e nulla
poteva tradire la presenza di una carovana in quell'angolo che il
Rubber Creek faceva con il fianco del Golden Mount.
Verso le nove, su invito dello Scout, Summy Skim, insinuandosi
attraverso le rocce, col suo fucile a tracolla come se fosse andato a
caccia, and a raggiungere l'ingegnere. Si stese subito vicino a lui, e
la sua prima domanda fu naturalmente questa: Niente di nuovo,
Ben?.
Niente, Summy
Non venuto nessuno di quegli uccellacci del Texas ad
appollaiarsi lass su quelle rocce?
Nessuno.
E che mi farebbe piacere buttarne gi uno o due riprese
Summy Skim mostrando la sua carabina carica di due pallottole.
A questa distanza, Summy? osserv l'ingegnere.
E vero hai ragione un po' alto e un po' lontano.
E poi, Summy, non si tratta di essere abili, ma di essere prudenti.
Un uomo in meno nella banda non la renderebbe meno pericolosa per
noi, e se non saremo scoperti, spero ancora che Hunter e i suoi
compagni ci sbarazzeranno della loro presenza dopo essersi resi
conto che non c' niente da fare.
Era sempre la speranza di Ben Raddle, ma quante ragioni, e troppo
plausibili, perch non dovesse realizzarsi!
Dopo aver chiacchierato per qualche minuto erano le nove Ben
Raddle si alz per tornare all'accampamento.
Fa' buona guardia, Summy, disse e se avvisti i texani
sull'altopiano, vieni ad avvertirci immediatamente facendo attenzione
a non farti vedere
D'accordo, Ben.
Lo Scout verr a prendere il tuo posto, cos potrai venire a
pranzo
Bill Stell o Neluto replic Summy Skim, perch possiamo
avere piena fiducia in quel compagno coraggioso che ha due oc* chi
d'aquila occhi d'Indiano, ho detto tutto!
Ben Raddle stava per raggiungere il passaggio tra le rocce che
portava all'accampamento, quando Summy Skim gli afferr con forza
il braccio:
Aspetta! disse.
Che succede?
Lass guarda!
L'ingegnere alz gli occhi verso l'altopiano del vulcano. Un uomo,
poi un altro, comparvero sul bordo del crinale.
Sono loro sono loro! ripet Summy Skim tendendo il braccio.
S Hunter e Malone! rispose Ben Raddle, che s rimise subito
al riparo nel boschetto.
Erano proprio i due texani, e certo qualcuno dei loro si trovava in
quel momento sull'altopiano. Molto probabilmente, dopo essersi resi
conto della situazione del cratere, avevano fatto il giro con
l'intenzione di osservare la zona dal lato est, e precisamente tutta la
vasta rete idrografica che costituiva il delta del Mackensie.
Sicuramente sarebbe venuta loro l'idea di trasferirvi il loro
accampamento, se avessero deciso di aspettare l'eruzione fino al
giorno in cui i primi freddi li avrebbero costretti a partire.
Ah! mormorava Summy Skim, i due furfanti! E dire che avrei
due pallottole proprio per loro, se potessero arrivare fin lass! Per di
pi, tra quell'Hunter e me c' una questione d'onore s! D'onore, e
senza l'alluvione del Forty Miles Creek, sarebbe finita a mio
vantaggio, spero bene!
Di certo non era di quelle cose che Summy Skim avrebbe dovuto
preoccuparsi in quel momento, e senza dubbio Ben Raddle non
pensava affatto, in quel particolare frangente, a tutto quel che era
successo l'anno prima sui claims 127 e 129. Non aveva occhi che per
quei due uomini venuti l per contendergli il Golden Mount. E tutto
sommato, sebbene fosse per un altro motivo, l'odio che gli ispiravano
Hunter e Malone era pari a quello di Summy Skim.
Per circa mezz'ora, Pot vedere i due texani andare e venire sul
bordo dell'altopiano. Era evidente che essi osservavano la zona con
estrema attenzione, a volte sporgendosi, per vedere la base del
vulcano dalla parte dell'estuario.
Se tutti e due avessero scoperto l'accampamento ai piedi della
montagna, se fossero stati sicuri che una carovana li aveva preceduti
alla foce del Mackensie, lo si sarebbe visto anche solo dal loro
atteggiamento. Tuttavia era sicuro che Hunter e Malone osservavano
con insistenza quel rio che scorreva alla base, ed era ancor pi sicuro
che l vedevano un posto perfettamente indicato per un insediamento
di qualche settimana
In quel momento, due uomini li raggiunsero. Uno era il
capomastro del 127, che Ben Raddle e Summy Skim riconobbero.
L'altro era un indiano, che non conoscevano.
Deve essere la guida che li ha portati fin qui disse l'ingegnere.
E proprio quello che ho visto nella radura! rispose Summy
Skim.
Vedendoli sul bordo dell'altopiano, gli venne da pensare che se
avessero perso l'equilibrio, se fossero caduti da otto o novecento
piedi, la situazione si sarebbe certo semplificata, forse si sarebbe
risolta. Dopo la morte dei suoi capi, la banda avrebbe certo potuto
abbandonare la campagna
Non furono i texani che precipitarono dall'alto del vulcano, ma un
blocco di quarzo abbastanza grosso che si stacc dal bordo. Loro
riuscirono a indietreggiare in tutta fretta per non essere trascinati
insieme.
Quel blocco di roccia, nella sua caduta, urt in una sporgenza della
parete, contro cui si infranse in vari pezzi, e questi pezzi caddero in
mezzo agli alberi che riparavano l'accampamento.
Summy Skim non Pot trattenere un grido che Ben Raddle blocc
mettendogli una mano sulla bocca.
Zitto, Summy, zitto!
Purch uno dei nostri compagni non sia stato schiacciato!
Dovevano sperare che non fosse successo nulla. Successe invece
che la caduta di quel blocco spavent uno dei cavalli della carovana.
L'animale, dopo aver rotto la correggia che lo tratteneva, si slanci
fuori dal boschetto, e risalendo verso il canale, lo super con un balzo
dirigendosi verso la pianura.
Si sentirono delle urla, per quanto deboli a causa della distanza, e
venivano dall'alto del Golden Mount.
Erano Hunter e Malone ad averle lanciate, chiamando i loro
compagni.
Cinque o sei accorsero subito sul bordo, e non fu difficile
indovinare dai loro gesti che Hunter adesso non aveva pi dubbi sulla
presenza di una carovana alle foci del Mackensie. Quel cavallo
poteva essere scappato solo da un accampamento, e
quell'accampamento era l, sotto i loro piedi.
Vieni! disse Ben Raddle a Summy Skim.
Tutti e due, lasciando la macchia e strisciando tra le rocce, si
diressero verso il bosco, dove li attendevano, molto preoccupati, lo
Scout, Neluto, Lorique e i loro compagni.
XII
ATTACCO E DIFESA
Bill Stell e gli altri non sapevano ancora se l'accampamento fosse
stato scoperto. Dal punto che occupavano ai piedi del Golden Mount,
non potevano scorgere il bordo dell'altopiano. Non sapevano
nemmeno che Hunter e alcuni della sua banda avevano effettuato la
scalata, n che il cavallo scappato era stato visto. Ma poich avrebbe
potuto essere visto mentre correva attraverso la pianura, Neluto si era
lanciato all'inseguimento, e non tard a riportarlo.
Tutti furono allora informati, e furono sicuri di dover respingere
entro brevissimo tempo un'aggressione.
Ci difenderemo, dichiar lo Scout, e non cederemo il posto a quei
pezzenti di americani!
Un urr unanime accolse quelle parole.
L'aggressione sarebbe avvenuta il giorno stesso? Era probabile.
Hunter aveva interesse a far precipitare le cose. Certo non avrebbe
agito senza un po' di prudenza, poich ignorava quali forze avrebbe
dovuto affrontare. Avrebbe evidentemente cercato di saperlo prima di
passare alle vie di fatto. Anzi, forse avrebbe voluto parlamentare e
ottenere via libera nel caso avesse avuto dalla sua parte la superiorit
numerica. In ogni caso, Malone e lui non sapevano ancora di avere a
che fare con i loro vecchi vicini, i proprietari del claim 129 del Forty
Miles Creek, con i quali avevano gi avuto scontri estremamente
violenti. E quando Hunter si sarebbe ritrovato di fronte al suo
avversario, Summy Skim, la cosa non avrebbe reso pi facile la
situazione.
Lo Scout si occup dunque delle ultime misure difensive, in
previsione del fatto che la banda di Hunter contava il doppio di uomini,
stando a quanto dicevano Summy Skim e Neluto in base a quel che
avevano visto nella foresta.
Ed ecco quel che l'ingegnere propose a Bill Stell, dopo aver discusso
la questione: Il nostro accampamento attualmente riparato, e di
conseguenza inaccessibile, da un lato dal fianco del Golden Mount,
dall'altro dal Rubber Creek, che Hunter e i suoi non potranno
attraversare senza esporsi al fuoco delle nostre carabine
E vero, signor Raddle rispose lo Scout, ma davanti siamo difesi
solo dal canale tra il rio e la montagna, e non sar certo un fossato largo
sette o otto piedi, e con una profondit uguale, a fermare gli
assalitori
No, finch quel fossato all'asciutto, sono d'accordo, dichiar
l'ingegnere, ma se sar riempito d'acqua fino all'orlo sar pi difficile
attraversarlo
Sono d'accordo anch'io, signor Raddle, e allora pensereste a
inondarlo scavando la sponda del rio!
Ci penso, Bill rispose Ben Raddle, l'acqua riempirebbe
interamente il canale.
Ma, se pi tardi vogliamo far saltare la parete che separa ancora la
galleria dal camino del cratere, come faremo quando la galleria sar
piena fino in fondo? fece osservare lo Scout.
Non si riempir, dato che la sua apertura ancora chiusa da uno
stretto sbarramento che ora lasceremo intatto, e che qualche colpo di
piccone baster a distruggere quando sar venuto il momento
Bene, signor Raddle disse allora lo Scout, proprio quel che
bisogna fare, e farlo subito Abbiamo qualche ora prima che la banda
abbia il tempo di ridiscendere e di comparire in vista del nostro
accampamento Al lavoro!
Bill Stell chiam i suoi uomini e li inform di quel che era stato
deciso. Muniti dei loro attrezzi, si recarono sulla sponda, e scavarono
nel punto in cui cominciava il canale.
Bast una mezz'ora a praticare l'apertura, che le acque ingrandirono
gettandovisi dentro. Ma bloccate dallo sbarramento all'ingresso della
galleria, si fermarono appena raggiunto l'equilibrio al livello di quelle
del rio.
Ora ogni accesso era perci tagliato davanti a quel triangolo in cui si
ammassavano gli alberi che proteggevano l'accampamento.
Mentre veniva eseguito quel lavoro, Summy Skim e Lorique, aiutati
da Neluto, erano occupati ad approntare le armi, carabine, fucili,
rivoltelle, e anche i coltelli da caccia, nel caso bisognasse lottare corpo
a corpo. Restava ancora una scorta sufficiente di polvere e di
pallottole, come pure di cartucce gi pronte.
Per quei furfanti, abbiamo colpi quanti se ne meritano, e non li
risparmieremo disse Summy Skim.
La mia idea che se verranno accolti da una buona fucilata, se ne
andranno come sono venuti disse Lorique.
possibile, Lorique, e siccome noi siamo al coperto dietro gli
alberi, e loro no, dall'altra parte del canale, questo compenser lo
svantaggio di essere solo uno contro due. Se c' un'occasione di mirare
bene e di non perdere un colpo proprio questa! Non dimenticarlo,
Neluto!
Contate su di me, signor Skim rispose l'Indiano.
I preparativi di difesa furono rapidamente terminati, e non rest
pi che aspettare, sorvegliando i dintorni. Perci furono collocati
degli uomini oltre il canale, in modo da poter osservare tutta la base
meridionale del Golden Mount.
D'altra parte, non c'era nessuno nella carovana che non si rendesse
conto della posizione. Questa non offriva altra via di uscita che la
diga non ancora abbattuta all'ingresso della galleria, larga appena
quanto bastava perch i carri potessero passare. Se fosse stato
necessario battere in ritirata, cedere il posto ai texani, avrebbero
potuto uscire solo attraverso quello stretto passaggio per raggiungere
la pianura risalendo la riva sinistra del Rubber Creek. Ma tutti erano
fiduciosi, e sicuramente Hunter non sarebbe riuscito a oltrepassare il
canale. Quanto al passaggio in questione, fu facile barricarlo,
lasciando solo un'apertura che sarebbe stata chiusa al momento
dell'attacco.
Mentre alcuni uomini restavano di sentinella all'esterno, gli altri,
aspettando il loro turno per sostituirli, pranzarono sotto gli alberi. Ben
Raddle, Summy Skim e lo Scout pranzarono insieme. La pesca era
stata abbondante nei giorni precedenti, e le conserve erano ancora
quasi intatte. Era stato acceso un fuoco, cosa che non presentava pi
nessun inconveniente dato che l'accampamento era stato scoperto, e il
fumo fuoriusc liberamente tra le chiome degli alberi.
Il pranzo non fu disturbato da nulla, e quando tornarono gli uomini
di guardia per essere sostituiti, non dovettero segnalare
l'avvicinamento della banda.
Forse disse Summy Skim, quei furfanti preferiranno assalirci
di notte?
La notte dura a mala pena due ore rispose Ben Raddle, e non
possono sperare di sorprenderci
Perch no, Ben? Non possono credere che ignoriamo la loro
presenza sul Golden Mount? Non sanno che li abbiamo visti
quando erano sul bordo dell'altopiano
E possibile dichiar lo Scout, ma hanno visto il cavallo che
scappato. Prima un cane nella foresta, poi un cavallo che attraversa la
pianura, pi di quanto occorre per avere la certezza che una
carovana accampata qui. Perci, o nel pomeriggio oppure questa
notte, aspettiamoci di vederli!
Verso l'una, Bill Stell attravers lo sbarramento e raggiunse gli
uomini che osservavano i dintorni.
Durante la sua assenza, Ben Raddle ritorn con Lorique al
boschetto da dove aveva avvistato Hunter e Malone sulla dorsale
dell'altopiano. Da l, si poteva vedere il fumo del vulcano, che si
innalzava a una cinquantina di piedi al di sopra del cratere,
vorticando con forza. A volte perfino qualche fiamma si slanciava a
quell'altezza. L'intensit delle combustioni interne si manifestava con
maggiore violenza. G'era motivo di pensare che l'eruzione non
avrebbe tardato, che forse si sarebbe verificata pochi giorni dopo?
Sarebbe stato un vero peccato, una iattura per i progetti
dell'ingegnere. In effetti, il vulcano avrebbe scagliato con la sua lava
e le sue scorie anche le materie aurifere, pepite e polvere d'oro, e i
texani non avrebbero dovuto fare altro sforzo che raccoglierle.
L'eruzione sarebbe avvenuta a beneficio di Hunter, e come avrebbe
potuto Ben Raddle contendergliene il possesso? L'impresa sarebbe
irrevocabilmente fallita. All'accampamento, la carovana aveva
qualche possibilit di successo. In aperta campagna, le sarebbe stato
impossibile lottare ad armi pari.
L'ingegnere torn, molto inquieto, ma capiva bene che contro
quell'eventualit non c'era niente da fare!
Nel momento in cui arriv, Summy Skim gli indic Io Scout che
ritornava in tutta fretta, e i due cugini gli andarono incontro fino allo
sbarramento.
Arrivano! grid Bill Stell
Sono ancora lontani? domand l'ingegnere.
A circa una mezza lega rispose lo Scout.
Abbiamo il tempo di andare in ricognizione? domand Lorique.
S rispose Bill Stell.
E all'istante, tutti e quattro, oltrepassando il canale, raggiunsero
rapidamente il luogo in cui alcuni uomini stavano di sentinella. Era
facile abbracciare con lo sguardo, senza mostrarsi, la parte di pianura
delimitata dalla base del Golden Mount.
Lungo quella base avanzava un gruppo compatto. Doveva esserci tutta
la banda. Si vedevano brillare le canne dei fucili. A parte questo, n
cavalli, n carri. Tutta l'attrezzatura era stata lasciata nel posto dove i
texani si erano accampati da due giorni.
Hunter, Malone e il capomastro camminavano in testa.
Avanzavano con una certa prudenza, fermandosi di tanto in tanto, e
deviando anche di varie centinaia di passi per osservare la cima del
Golden Mount.
Prima di un'ora, saranno qui annunci Lorique.
E evidente che sanno del nostro accampamento rispose Summy
Skim.
E che vengono ad attaccarlo aggiunse lo Scout.
Se aspettassi qui che Hunter fosse a tiro esclam Summy Skim,
lo saluterei con un colpo di fucile, e a cento passi vi garantisco che lo
abbatterei come un'anatra
No rientriamoordin Ben Raddle.
Tutto considerato era la decisione pi saggia, giacch la morte del
texano non avrebbe impedito agli altri di attaccare.
Perci Ben Raddle, Summy Skim, lo Scout e Lorique, seguiti dai loro
uomini, tornarono al canale. Appena ebbero oltrepassato uno a uno lo
sbarramento, l'apertura lasciata nella barricata fu chiusa con le pietre
appositamente preparate. Non rimase pi nessun collegamento tra le due
sponde del canale.
Tutti si ritirarono allora a sessanta passi dietro i primi alberi dove
sarebbero stati al riparo se si fosse arrivati a una sparatoria, il che pareva
quanto di pi probabile. Le armi erano cariche, e gli uomini in attesa.
D'altra parte, come aveva suggerito lo Scout, bisognava lasciar
avvicinare la banda fino al canale, e intervenire solo nel momento in
cui avrebbe cercato di oltrepassarlo.
Mezz'ora dopo, Hunter, Malone e i loro compagni spuntavano dietro
l'angolo del monte. Alcuni, a piccoli passi, camminarono lungo la base
del vulcano, altri avanzarono fino al rio, di cui discesero la riva sinistra,
con le armi pronte per essere imbracciate, le rivoltelle infilate nella
cintura rossa ai fianchi.
La maggior parte di quegli uomini erano i minatori che Ben Raddle,
Summy Skim, Lorique e Neluto avevano visto al lavoro sul claim 127
del Forty Miles Creek, cio una trentina, oltre a una ventina d'Indiani,
che Hunter aveva ingaggiato a Circle City e a Fort Yukon per quella
campagna sulle coste del mare polare.
Quando fu arrivata alla sponda, davanti alla quale Hunter e Malone
si fermarono, tutta la banda si riun.
Tutti e due, insieme al capomastro, avviarono una discussione che
doveva essere molto vivace, a giudicare dalla violenza dei loro gesti.
Non potevano dubitare che dietro quegli alberi fosse installato un
accampamento, e le loro mani si tendevano in quella direzione. Ma quel
che sembrava lasciarli sconcertati, era quel canale che opponeva loro un
ostacolo alquanto difficile da superare, se una raffica di fucilate fosse
esplosa a sessanta passi da l.
Del resto, si erano subito accorti che quel canale era stato scavato
di recente, vedendo la terra smossa di fresco e le impronte rimaste sul
suolo. Ma a quale scopo, non avrebbero potuto indovinarlo. Quanto
all'ingresso della galleria, un intrico di ramaglie lo rendeva invisibile, e
d'altra parte si sarebbero mai potuti immaginare che quella galleria era
destinata a versare le acque del rio nelle viscere del Golden Mount?
Intanto, Hunter e Malone andavano e venivano sulla sponda,
domandandosi certo in che modo sarebbero passati. Dovevano senz'altro
avanzare fino al boschetto, o per prendere contatto con quelli che lo
occupavano, o per assicurarsi che essi se n'erano andati, cosa che
credevano possibile, dopo tutto.
In quel momento il capomastro li raggiunse, e indic la striscia di
terra che sbarrava il canale: unico passaggio che permetteva di
oltrepassare il canale all'asciutto, ma una barricata lo ostruiva.
Tutti e tre si diressero da quella parte. Vedendo quella barricata che
non presentava aperture, dovettero dirsi che il bosco era certamente
occupato, e che abbattendo quella barricata sarebbero arrivati
all'accampamento.
Ben Raddle e i suoi compagni, dietro gli alberi, seguivano tutti i
movimenti della banda. Compresero che Hunter stava per aprirsi un
passaggio spostando le pietre ammucchiate sullo sbarramento. Era
venuto il momento di impedirglielo.
Non so disse Summy a bassa voce, che cosa mi trattiene dallo
spaccargli la testa ! Lo tengo nel mirino del mio fucile
No non sparare, Summy rispose Ben Raddle abbassandogli
l'arma. Morto il loro capo non si fermeranno, e forse meglio provare
a parlamentare, prima di passare alle vie di fatto Che ne pensate,
Scout?
Penso che si pu sempre provare replic Bill Stell. La situazione
non peggiorer Se non ci si intender, vedremo
In ogni caso osserv Lorique, non facciamoci vedere tutti
Hunter non deve poter contare quanti siamo.
Giusto rispose l'ingegnere, solo io
E io aggiunse Summy Skim, che non avrebbe mai accettato di
non accompagnare Ben Raddle incontro ai due texani.
Cos, proprio nel momento in cui alcuni uomini di Hunter si
facevano avanti per demolire la barricata, Ben Raddle e Summy Skim
comparvero ai margini del boschetto.
Appena Hunter si accorse di loro, fece segno ai suoi uomini di
tornare indietro, e tutta la banda rimase sulla difensiva a circa dieci
passi dalla sponda del canale.
Da soli, Hunter e Malone si avvicinarono, col fucile in mano.
Ben Raddle e Summy Skim avevano ciascuno la sua carabina, che
abbassarono mettendo il calcio a terra.
I due texani seguirono il loro esempio, e il primo che fece sentire la
sua voce, non senza un certo accento di sorpresa, fu Hunter.
Ah, siete voi, quelli del 129?
Siamo noi rispose Summy Skim.
Proprio non mi aspettavo di trovarvi alle foci del Mackensie
riprese il texano.
Neanche noi ci aspettavamo di vedervi arrivare qui sulle nostre
tracce replic Summy Skim.
Certo tra noi due c' un vecchio affare da regolare
E possiamo farlo qui altrettanto bene che sui claims del Forty
Miles Creek!
E poich Hunter, in cui alla sorpresa era subentrata la rabbia di
vedersi faccia a faccia con Summy Skim, rialzava il suo fucile, Summy
Skim fece altrettanto.
Si produsse una reazione in tutta la banda reazione che Hunter
blocc con un gesto- Quel che avrebbe voluto sapere prima di dare
inizio allo scontro, era di quanti uomini disponeva Ben Raddle, e invano
il suo sguardo cercava di perlustrare l'interno del boschetto. Nessuno
degli uomini della carovana si faceva vedere tra gli alberi.
Ben Raddle ritenne giunto il momento di intervenire, e avanz fino
alla sponda del canale. Una distanza di dodici passi li separava, Hunter e
lui, mentre Malone era rimasto indietro.
Che volete? domand Ben Raddle con voce forte.
Vogliamo sapere che cosa siete venuti a fare sul Golden
Mount
E con quale diritto volete saperlo?
Non questione di diritto rispose Hunter, ma d fatto, e il fatto
che voi siete qui a [ottantasette]
97
miglia da Dawson City.
Ci siamo venuti perch ci andava di venirci ribatt Summy Skim
che cominciava a non controllarsi pi.
E se non ci va di trovarvi? riprese Hunter, la cui voce lasciava
trasparire un furore trattenuto a fatica.
Che vi vada o no, ci siamo, e abbiamo fatto a meno del vostro
permesso per venirci replic Summy Skim, e ne faremo ancora a
meno per restarci!
Ancora una volta riprese il texano, che cosa siete venuti a fare al
Golden Mount?
Quello che venite a fare pure voi rispose Ben Raddle.
Il vostro scopo di sfruttare questo giacimento?

97
Integrazione dell'editore francese; il manoscritto lascia in bianco.
Che canadese, non americano rispose l'ingegnere, dato che si
trova sul territorio del Dominion!
Come si pu immaginare, non sarebbe stata quella questione di
nazionalit a fermare i texani. Cos Hunter rispose, indicando con la
mano il vulcano.
Quel Golden Mount non appartiene n ai canadesi n agli
americani. E di tutti.
D'accordo rispose Ben Raddle, ma se non altro del primo
occupante.
Non si tratta di averlo occupato, anche se per primo dichiar
Hunter, che a poco a poco perdeva il suo sangue freddo.
E di che si tratta allora? domand l'ingegnere.
Di essere in grado di difendersi ribatt Hunter con un gesto
minaccioso.
E contro chi?
Contro quelli che pretendono di essere i soli a sfruttarlo.
E chi sono ?
Siamo noi! esclam Hunter.
Provateci, allora! rispose Ben Raddle.
A un segno di Malone, partirono parecchi spari. Ma nessuno
raggiunse Ben Raddle o Summy Skim. Tutti e due ripararono verso il
boschetto e, appena al riparo, Summy Skim, voltatosi, imbracci
rapidamente la carabina e spar su Hunter.
Il texano, che si butt di lato, riusc a evitare la pallottola, che and
a colpire al petto, mortalmente, uno dei suoi uomini.
Allora ci fu una sparatoria da entrambe le parti. Ma i compagni dello
Scout, riparati dietro gli alberi, furono colpiti molto meno degli uomini
di Hunter. Mentre tra i primi ci fu qualche ferito, tra i secondi ci furono
dei morti.
Hunter allora si rese conto che rischiava di far decimare la sua
banda, se non fosse riuscito a oltrepassare il canale per mettere alle strette
la carovana dello Scout, e a cacciarla di l grazie alla superiorit
numerica che riteneva di avere il che del resto era vero.
Perci Malone e altri due o tre si precipitarono verso lo sbarramento
per forzare la barricata. Curvandosi dietro i blocchi di roccia e le pietre
accumulate, tentarono di aprire un passaggio praticabile.
Tutta l'attenzione della difesa si concentr dunque su quel punto. Se
il passaggio fosse stato forzato, se la banda fosse arrivata fino al limitare
del bosco, se avesse invaso l'accampamento, la resistenza avrebbe finito
per diventare impossibile, e la vittoria sarebbe andata ai pi numerosi.
Hunter, dal canto suo, cap che non poteva lasciare i suoi uomini
esposti a una fitta scarica di fucilate, e ordin loro di gettarsi a terra. Il
terreno ammucchiato sulle sponde del canale formava una specie di
parapetto, che permetteva di essere al riparo, a condizione di restare
distesi. Da l, praticando delle piccole feritoie, sarebbero stati in grado
di dirigere il fuoco contro il bosco, sebbene nessuno si mostrasse in
posizione tale da poter essere preso di mira direttamente. Perci i due o
tre compagni dello Scout che erano rimasti feriti, erano stati colpiti da
pallottole tirate a caso.
A quel punto, Malone e due dei suoi, strisciando sul suolo, si
diressero verso lo sbarramento. Riuscirono a raggiungerlo e, riparati
dietro le rocce della barricata, cominciarono a togliere a poco a poco le
pietre, che ricadevano nel canale.
Dal boschetto partirono numerosi colpi senza colpirli. Cos Bill Stell,
che voleva a tutti i costi impedire loro di oltrepassare lo sbarramento, era
deciso ad attaccarli in un corpo a corpo.
Il che avrebbe significato esporsi pericolosamente su quello spazio
scoperto di una sessantina di passi che separava il bosco dal canale. Ora,
anche Hunter e i suoi avrebbero corso questo pericolo, dopo aver
superato la barricata, quando si sarebbero precipitati verso
l'accampamento.
Allora Ben Raddle consigli allo Scout di aspettare ancora prima di
uscire dal bosco. Poteva darsi che Malone e gli altri, occupati a
demolire la barricata, fossero messi fuori combattimento, e che altri
ancora subissero la stessa sorte. In tal caso, niente di strano se Hunter
avesse rinunciato al combattimento, per timore di sacrificare
inutilmente i suoi uomini fino all'ultimo. Ma era necessario dirigere un
fuoco incessante contro lo sbarramento, pur continuando a rispondere ai
numerosi colpi di fucile che partivano dal parapetto del canale.
In quelle condizioni trascorsero una decina di minuti. Non era stato
ferito nessuno di quelli che si occupavano della barricata, ma quando
l'apertura fu ingrandita, le pallottole cominciarono a colpire nel segno.
Uno degli indiani fu abbattuto e, dopo che fu portato via, un altro lo
sostitu vicino a Malone.
In quel momento, Neluto spar un colpo assai felice. Era riuscito a
mirare a Malone e a colpirlo in pieno petto.
Il texano cadde, e la sua caduta provoc un grido terribile in tutta la
banda.
Bene, bene disse Summy Skim a Neluto appostato vicino a lui. Bel
colpo, accidenti! Ma lasciami Hunter! E una faccenda tra di noi, e
ci penso io!
Ma allora, dopo che Malone fu rialzato e messo al riparo pi indietro,
Hunter parve rinunciare a continuare l'attacco. Decisamente, non
avrebbe potuto vincere in quelle condizioni, e gli assalitori avrebbero
finito per farsi uccidere fino all'ultimo. Perci, non volendo esporre
ulteriormente i suoi uomini, lanci un grido che si sent in mezzo alle
detonazioni che continuavano da una parte e dall'altra.
Fu il segnale della ritirata, e la banda, portando i suoi feriti sotto la
scarica che salut la sua fuga, risalendo la riva sinistra del Rubber
Creek, riprese la strada della pianura e spar dietro l'angolo del Golden
Mount.
XIII
L'ERUZIONE
Cos era finito quel primo attacco di Hunter contro l'accampamento.
Gli costava un certo numero di feriti, tra i quali Malone, mentre due o
tre compagni dello Scout erano stati solo leggermente sfiorati da
pallottole vaganti.
Quel tentativo sarebbe stato ripetuto, e in condizioni pi favorevoli?
Dato il suo carattere incline all'odio e vendicativo, spinto dal
desiderio feroce di restare padrone del Golden Mount, Hunter non
avrebbe cercato di impadronirsi dell'accampamento, se fosse riuscito a
sapere che aveva il vantaggio numerico dalla sua quasi due contro
uno ?
In ogni caso, quei furfanti hanno battuto in ritirata dichiar lo
Scout, e non ricominceranno di certo oggi!
No, ma forse stanotte rispose Summy Skim.
Bene, staremo in guardia propose Ben Raddle, e anche durante
le due o tre ore di buio Hunter farebbe altrettanta fatica a passare il
canale Direi quasi che non oser, perch sa bene che staremo in
guardia.
Ma importante ricostruire la barricata sulla diga fece
osservare Lorique.
quel che sto per fare rispose Bill Stell, chiamando qualcuno dei
suoi uomini per aiutarlo in quel lavoro.
Prima, vediamo se la banda ritorna al suo accampamento
laggi disse Summy Skim.
Vediamo rispose lo Scout.
Ben Raddle, Summy Skim, Lorique, Bill Stell e Neluto, con le
carabine in mano, passarono sulla diga e si portarono fino all'angolo
sud-est della montagna. Da l il loro sguardo avrebbe spaziato, seguendo
la base del vulcano, fino al luogo di sosta dei texani, e allo stesso tempo
su tutta quella parte della pianura.
Erano appena le sei, e c'era ancora piena luce.
Arrivati all'angolo, Ben Raddle vide che non sarebbe stato
necessario andare oltre.
Hunter e i suoi compagni non erano a pi di cinque o sei tiri di
fucile. Camminavano lentamente, bench potessero aver paura di
essere inseguiti. Anzi, lo Scout si era domandato se non sarebbe stato
opportuno lanciarsi tutti al loro inseguimento. Ma d'altra parte era
meglio che i texani non venissero a sapere che la carovana era composta
solo da una ventina di uomini. Del resto, checch ne potesse pensare
Summy Skim, non era impossibile che avessero rinunciato a ogni
tentativo contro l'accampamento.
La banda avanzava a piccoli passi perch trasportava suoi feriti.
Sembrava proprio che la maggior parte, fra cui probabilmente Malone,
non avrebbero potuto camminare.
Per circa un'ora, lo Scout e i suoi compagni rimasero a osservare
quella ritirata. Videro Hunter girare dietro l'estremit della base del
Golden Mount, e siccome non si diresse attraverso la pianura dal lato
della foresta, doveva essere rientrato al suo accampamento.
Verso le otto, lo Scout fin di rimettere a posto la barricata sulla
diga. Due uomini si rimisero l di guardia, e gli altri tornarono al
boschetto per il pasto serale.
Parlarono degli avvenimenti della giornata. Dopo l'attacco, la
ritirata di Hunter non poteva essere considerata risolutoria. Sarebbe
stata definitiva solo se la banda avesse lasciato il Golden Mount. Se i
texani continuavano a restare nelle vicinanze, quali incidenti si sarebbero
dovuti aspettare? Se l'eruzione si fosse verificata da sola, avrebbero
finito per contendersi a colpi di fucile le pepite scagliate dal vulcano?
D'altra parte, finch i texani sarebbero rimasti l, Ben Raddle avrebbe
dovuto mettere in atto il suo progetto di provocare l'eruzione
precipitando le acque del rio nel cratere?
E tuttavia, qualche settimana dopo sarebbe cominciato l'inverno
con le sue bufere, i suoi blizzards e le sue nevi. Era assolutamente
necessario che la carovana rientrasse prima di allora a Dawson City.
Ma in tal caso l'ingegnere avrebbe deciso di passare un secondo
inverno nel Klondike, di rimandare all'estate successiva lo
sfruttamento del Golden Mount? E perch allora non avrebbe dovuto
tornarci anche Hunter, e per cacciarlo si sarebbe dovuto reclutare un
gruppo di canadesi e di indiani pi numeroso del suo?
E poi, Ben Raddle avrebbe potuto ottenere da suo cugino che
rimandasse di un altro anno il ritorno a Montreal? Probabilmente
Summy Skim non aveva mai considerato una simile evenienza, al di
fuori di ogni previsione. Che la campagna fosse riuscita o no, dava
per scontato che entro due mesi Ben Raddle e lui avrebbero lasciato il
Klondike.
Nulla disturb quella serata. Ma solo dopo aver preso tutte le
misure di sicurezza si pens a prendere un po' di riposo. Lo Scout,
Lorique e Neluto avevano proposto di darsi il cambio a guardia dello
sbarramento, e si poteva contare sulla loro vigilanza.
Allora furono montate le tende cosa che non presentava pi
alcun inconveniente e ciascuno, secondo il suo carattere, dorm un
sonno pi o meno tranquillo. Ma, fra tutti i suoi compagni, Ben
Raddle fu quello che l'insonnia tenne sveglio pi a lungo, tanto la sua
mente era ossessionata da progetti e inquietudini.
Il giorno dopo, molto presto, lo Scout e Ben Raddle, dopo avere
oltrepassato il canale, andarono a osservare la pianura. Era deserta.
Nessun gruppo in cammino dal lato della foresta. Hunter non si era
risolto a una partenza definitiva, e in fondo nessuno lo sperava.
Accidenti al fatto che non possiamo scalare il Golden Mount dal
lato dell'accampamento disse allora Bill Stell. Li avremmo visti
appostandoci sull'altro bordo dell'altopiano!
impossibile, Bill rispose Ben Raddle, ed un peccato
Non c' pericolo, penso riprese lo Scout, se ci allontaniamo di
qualche centinaio di passi dal monte,..
Nessuno, Bill, dato che non c' nessuno in vista, e quand'anche
fossimo avvistati, avremmo il tempo di tornare al canale e d
rinchiudere la barricata.
Allora venite, signor Ben, a vedere il fumo del vulcano. Forse
pi denso Forse il cratere comincia a espellere della lava?
Entrambi si allontanarono d un mezzo quarto di lega, poi si
fermarono. Non si era verificato alcun cambiamento sull'apertura del
cratere. I vapori fuoriuscivano in vortici impetuosi, mescolati a
fiamme che il vento del sud deviava verso il mare.
Non sar ancora per oggi not lo Scout.
No rispose l'ingegnere, e adesso mi sono ridotto a sperare che
l'eruzione non ci sia prima che Hunter sia andato via se andr via!
In quel momento, Bill segnal del fumo ai piedi dell'ultimo
contrafforte del Golden Mount.
S disse, sono sempre l come a casa loro! E dato che non
tentiamo di farli sloggiare, si diranno e avranno ragione di dirsi che
non siamo abbastanza forti!
Ragionamento giusto, che non poteva certo rassicurare Ben
Raddle.
Tutti e due, dopo avere ancora una volta percorso la pianura con lo
sguardo, tornarono verso il canale, e rientrarono all'accampamento.
Era il 15 agosto, e Ben Raddle, con una stretta al cuore, vedeva i
giorni passare senza portare alcun risultato. Alla fine di quel mese,
come faceva osservare lo Scout, sarebbe gi stato tardi per riprendere
la via del Klondike, dove la carovana sarebbe arrivata non prima del
15 settembre. Ora, a quella data i minatori che vanno a passare
l'inverno a Vancouver hanno gi lasciato Dawson City, e gli ultimi
piroscafi discendono il corso dello Yukon, che i primi ghiacci non
avrebbero tardato a bloccare. Qualsiasi cosa accadesse, la partenza
non avrebbe potuto essere rimandata di pi di due settimane. E, in
effetti, se l'inverno fosse stato precoce, anche di poco, Bill Stell
avrebbe avuto grosse difficolt ad attraversare la regione dei laghi, a
superare i passi del Chilkoot e a tornare a Skagway.
Spesso Summy Skim discuteva con lui di quel problema, e proprio
di questo parlarono dopo il pranzo, mentre Ben Raddle passeggiava
lungo il bordo del canale.
Questi, dopo aver esaminato il punto in cui sarebbe stata praticata la
derivazione del rio, and a mettersi sullo sbarramento. Togliendo le
ramaglie che ne nascondevano l'apertura, penetr nella galleria e si
insinu fino alla parete che la separava dal camino del vulcano.
Ben Raddle voleva rendersi conto di persona se tutto era pronto. Si
accert della posizione dei fori, praticati in sei punti di quella parete,
nei quali sarebbero state collocate le cartucce di mina sufficienti a
sfondare la roccia appena si sarebbero fatte esplodere. Poi, quando la
diga fosse stata demolita con qualche colpo di piccone, il torrente si
sarebbe lanciato nelle viscere del monte.
E davvero, senza la presenza dei texani, chi sa se Ben Raddle non
avrebbe provocato l'eruzione quel giorno stesso? Perch avrebbe
dovuto aspettare ancora, dal momento che il tempo stringeva, e non
sembrava che l'eruzione dovesse verificarsi da sola?
S L'ingegnere avrebbe solo dovuto dare fuoco lui stesso a quella
mina, le cui micce duravano qualche minuto, e poi, dopo l'esplosione,
distruggere lo sbarramento. E finalmente, dopo una mezza giornata, dopo
due ore, un'ora forse, la pressione dei vapori accumulati nelle sue
viscere avrebbe rimesso il vulcano in piena attivit.
Ben Raddle rimaneva pensieroso davanti a quella parete, maledicendo
l'impotenza in cui si trovava di fare quell'ultimo tentativo quel giorno
stesso, di portare a termine il suo audace piano. I texani sarebbero stati i
primi e certo gli unici a ricavarne beneficio. Perci era necessario
aspettare, ancora aspettare e se la banda non se ne fosse andata, se
Hunter avesse lasciato la sua posizione solo nel momento in cui non
sarebbe pi stata difendibile, se avesse ritardato quanto pi poteva la sua
partenza, se invece di ritornare a Vancouver la sua intenzione fosse
stata di passare il periodo invernale o a Circle City o a Dawson City, per
riprendere la sua campagna fin dalle prime belle giornate d
primavera? E allora dove sarebbe stato lui, Ben Raddle? A
centinaia e centinaia di leghe da l nel suo paese, dopo aver visto
tutti i suoi sforzi fallire miseramente, sul Forty Miles Creek come sul
Golden Mount!
Tali pensieri si affollavano nella mente dell'ingegnere, pi
preoccupato del presente che del passato e dell'avvenire. S! Fosse
stato libero di agire, non avrebbe avuto esitazioni: avrebbe quel giorno
stesso giocato la sua ultima carta, se lecito usare quest'espressione
molto francese. E se il suo progetto fosse riuscito, se il vulcano avesse
eruttato le ricchezze ammassate nei suoi fianchi, sarebbero bastate
ventiquattr'ore per caricare carri delle preziose pepite, e la carovana si
sarebbe rimessa in cammino per il Klondike.
Ben Raddle, continuando a riflettere, ascoltava i rumori che si
producevano nel camino centrale. Il suo rombo gli parve pi intenso.
Credeva anzi di sentire come un rimescolio di pietre, d blocchi sollevati
dai vapori che poi ricadevano. Erano i sintomi di un'eruzione
imminente?
In quel momento echeggiarono delle grida dall'esterno. A Ben
Raddle sembr anzi che lo stessero chiamando. Subito dopo, la voce
dello Scout penetrava attraverso l'apertura della galleria, e ripeteva:
Signor Raddle signor Raddle !
Che c' adesso? domand l'ingegnere.
Venite venite! rispose Bill Stell.
Ben Raddle dovette pensare che era stato lanciato un nuovo attacco
contro l'accampamento, e strisciando attraverso la galleria, ricomparve
sullo sbarramento.
L trov Summy Skim, che aveva appena raggiunto Bill Stell.
I texani sono tornati? domand volgendosi verso suo cugino.
S, i pezzenti! rispose Summy Skim. Ma n di fronte n da dietro:
dall'alto! E tese la mano verso l'altopiano del Golden Mount.
Guardate, signor Ben aggiunse lo Scout.
In effetti, poich il giorno prima non avevano potuto forzare il
passaggio del canale, Hunter e i suoi avevano rinunciato a quel
tentativo di aggressione diretta scegliendone un altro, il cui risultato
sarebbe stato, come minimo, di costringere la carovana ad abbandonare
l'accampamento.
Dopo avere scalato di nuovo il vulcano, avevano girato intorno al
cratere per arrivare sul bordo dell'altopiano, fuori dalla portata dei
vapori che fuoriuscivano con violenza. In quel punto i picconi e le leve
avevano permesso di attaccare quella dorsale composta di blocchi
erratici e di lava, di pietre enormi ammassate a centinaia. Quei blocchi,
spinti fino all'orlo, cominciarono a cadere come una valanga, spaccando
gli alberi, abbattendoli, facendo buchi enormi nel suolo. Alcune pietre
anzi rotolavano fino al canale, facendone debordare l'acqua dalle sponde.
Lo vedi esclam Summy Skim, lo vedi non hanno potuto
scacciarci, e cercano di schiacciarci!
Ben Raddle non rispondeva. I suoi compagni e lui avevano dovuto
stringersi contro il fianco del monte, per evitare di essere lapidati sotto
quella grandine. Nel boschetto la posizione non era pi difendibile, e
quei blocchi rocciosi piovevano a centinaia sull'accampamento.
Perci l'equipaggio aveva dovuto abbandonarlo e cercare rifugio sulla
riva sinistra del rio, troppo distante per essere raggiunta dalle schegge di
quella valanga. Ma due carri erano stati fatti a pezzi. Tre uomini, colpiti
all'inizio, erano feriti abbastanza gravemente, ed era stato necessario
trasportarli molto pi indietro.
Quanto all'attrezzatura, restavano solo dei rottami. Le tende
abbattute e lacerate, gli attrezzi distrutti: era un disastro. Allo stesso
tempo, due dei muli giacevano al suolo, e gli altri, spaventati, sconvolti,
oltrepassavano con un balzo il canale, disperdendosi attraverso la
pianura.
E lass si sentivano le grida feroci, le urla terribili della banda che
gioiva d quella spaventosa distruzione. E le rocce continuavano a
cadere, urtandosi a volte durante la caduta e coprendo con le loro
schegge la parte dell'angolo compresa tra il rio e il Golden Mount.
Ma insomma ci getteranno tutta la montagna sulla testa! esclam
allora Summy Skim,
Che facciamo? chiese Lorique.
Quel che si deve fare non lo so rispose Summy Skim, ma so bene
quel che si doveva fere ieri! Spedire una palla in petto a quell'Hunter
prima di parlamentare con lui!
Ed sicuro che se il giorno prima si fossero sbarazzati del texano,
la situazione non sarebbe stata quella, decisamente brutta, perch
quell'idea di schiacciare l'accampamento doveva essere stata sua.
Allora lo Scout disse: Presto non ci rester pi niente della nostra
attrezzatura se non salviamo almeno quel che resta Andiamo a tirare
i nostri carri fino alla riva del rio dove saranno al sicuro!.
S e dopo? domand Lorique.
Dopo? rispose Bill Stell, dopo andremo, tutti armati,
all'accampamento di quei banditi mentre sono lass! Li aspetteremo
l spareremo su di loro quando saranno a tiro mentre scenderanno, e
i loro carri sostituiranno quelli che abbiamo perduto!
Il progetto era rischioso, ma poteva riuscire. Di sicuro Hunter e suoi
compagni se la sarebbero vista brutta sotto il fuoco di una ventina di
carabine, quando si sarebbero calati con la corda lungo i pendii del
Golden Mount. Erano ancora occupati a staccare le rocce dalla dorsale, e
avrebbero lasciato quella postazione solo quando non avrebbero avuto
pi pietre.
Lo Scout e i suoi uomini avrebbero perci avuto il tempo, e senza
essere visti, andando lungo la base, di arrivare all'altra estremit. Se
qualcuno della banda si fosse trovato all'accampamento, ne avrebbero
facilmente avuto ragione, aspettando il ritorno di Hunter e degli altri,
che avrebbero ucciso durante la discesa, come camosci e stambecchi.
Va bene! dichiar Summy Skim. Chiamiamo i nostri uomini, la
maggior parte hanno le loro armi e noi abbiamo le nostre.
Attraversiamo lo sbarramento. In una mezz'ora saremo arrivati, mentre
a quei furfanti ci vogliono almeno due ore per scendere.
Sebbene Ben Raddle non fosse stato direttamente interrogato,
toccava a lui rispondere, e dire se approvava quel progetto l'unico, in
verit, che potesse essere messo in opera, l'unico dal quale avevano
diritto di sperare qualche successo.
Ma Ben Raddle rimaneva muto, come se non avesse sentito niente
di quel che avevano appena detto. A che cosa pensava dunque?
Ma l'ingegnere aveva ascoltato bene i suoi compagni, e nel
momento in cui facevano segno ai loro uomini di raggiungerli:
No no ripet.
Allora che cosa vuoi, Ben? domand Summy Skim.
Rispondere alla banda di Hunter come si deve risponderle!
E come?
Provocando l'eruzione, che forse li distrugger fino all'ultimo! E
sarebbe stato certamente cos se fosse stata improvvisa, se li avesse
sorpresi sull'orlo del cratere.
Ben Raddle fece un movimento verso l'ingresso della galleria.
Che volete fare, signor Ben? chiese lo Scout.
Far saltare la parete e gettare il rio nel camino vulcanico.
Come sappiamo, la mina era pronta, e bisognava solo darle
fuoco
Ma nel momento in cui l'ingegnere stava per introdursi nella
galleria: Lasciatemi gli disse Lorique, che voleva prendere il suo
posto.
No rispose Ben Raddle.
E scomparve subito nell'apertura mascherata dalle ramaglie.
Strisciando, raggiunse la parete di fondo, non dovette fare altro che
accendere le micce delle cartucce collocate nei fori. Poi, fatto questo,
ritorn in tutta fretta.
Pochi minuti dopo, la mina scoppiava con un fragore sordo, e
sembr che il monte tremasse sulla sua base.
La parete era stata sventrata dall'esplosione, non c'era bisogno di
dirlo. Quasi subito si sent un ribollio nella galleria in cui di sicuro
colava la prima lava, e allo stesso tempo un getto di spessi vapori
fuligginosi fuoriusc dall'apertura.
Al lavoro! esclam Ben Raddle.
Adesso si trattava di abbattere la diga, per stabilire il collegamento
tra il rio e il camino del cratere.
Tutti si misero all'opera, demolendo la diga a colpi di piccone e
gettando palate di terra sulle sponde. Non occorse pi di un quarto
d'ora per terminare quel lavoro, perch le acque lo completarono
quando era ancora a met.
La pendenza del canale e della galleria, alimentata dall'inesauribile
Rubber Creek, rivers un vero e proprio torrente sotto il fianco del
Golden Mount. Quel torrente avrebbe sopraffatto la spinta dei vapori
e della lava attraverso la galleria? Era l'ultimo problema, che stava
per essere risolto all'istante.
L'ingegnere e i suoi compagni, ansiosi, aspettavano, tenendosi
fuori dalla portata dei blocchi che cadevano senza interruzione
dall'altopiano superiore.
Pass mezz'ora, un'ora. L'acqua scorreva sempre torrenziale e
s'inabissava attraverso l'apertura della galleria e, respingendo i
vapori, si gettava tumultuosamente nei fianchi della montagna.
All'improvviso rimbomb una terribile esplosione, Le fiamme e il
fumo che fuoriuscivano dal vulcano salirono a cinque o seicento piedi
verso il cielo. Erano accompagnati da migliaia di pietre, di frammenti
di lava indurita, di scorie, di ceneri, e vorticavano con enorme
fragore. Lass si era certamente prodotto un grande sprofondamento
dell'altopiano superiore. Forse sotto la spinta delle materie eruttive
l'altopiano era stato sventrato in tutta la sua ampiezza? Forse il
cratere si era ingrandito per permettere il passaggio di quelle masse
infuocate vomitate sotto l'a2ione del fuoco centrale?
Ma in quel momento tutta quella massa eruttiva si gett in
direzione nord. Rocce accumulate, lava, ceneri, trascinate da quella
parte, ricadevano nei flutti del mare!
S! il Golden Mount si svuotava tutto quanto nell'oceano artico!
Ah! grid Summy Skim che non Pot trattenere
quell'esclamazione, e le nostre pepite!
E se Ben Raddle, se Lorique, se lo stesso Bill Stell, non l'avevano
lanciata prima di lui, era perch non erano in grado di pronunciare
una parola! Lo stupore li soffocava. Non pensavano affatto ai texani
in quel momento, ma a quelle ricchezze del pi favoloso giacimento
dell'America settentrionale, che si perdevano negli abissi del mar
glaciale.
Come si vede, insomma, Ben Raddle non si era sbagliato.
Introducendo le acque nel camino vulcanico, aveva provocato
l'eruzione in un'ora. Il suolo tremava come se minacciasse di
spalancarsi Il crepitio delle fiamme, i sibili dei vapori turbavano
l'atmosfera. Una nuvola spessa coronava l'altopiano del cono per
parecchie centinaia di piedi. Alcuni dei blocchi scagliati a quell'altezza
esplodevano come bombe, e si sbriciolavano in polvere d'oro.
Le nostre pepite che esplodono! ripeteva Summy Skim. Tutti
guardavano, disperati, quello spettacolo terrificante. L'ingegnere
aveva potuto affrettare l'eruzione del Golden Mount, ma non aveva
potuto dirigerla, e la sua campagna si concludeva con un disastro.
Almeno, la carovana non aveva pi nulla da temere dalla banda dei
texani. Fin dall'inizio Hunter e i suoi compagni avevano dovuto essere
sorpresi dallo scoppio improvviso del fenomeno, e non ebbero tempo
per ripararsi. Forse l'altopiano era sprofondato sotto i loro piedi?
Forse erano stati inghiottiti nel cratere? Forse erano stati scagliati in
aria, bruciati, mutilati, e adesso giacevano nelle profondit dell'oceano
polare? Venite venite! url lo Scout.
Poich avevano avuto la precauzione di restare oltre il cana-le,
riuscirono facilmente a raggiungere la pianura e seguire la base del
Golden Mount. Correndo a tutta velocit, si diressero verso
l'accampamento dei texani. Non ci misero pi di venti minuti per
arrivarci.
Allora si fermarono. Gi alcuni uomini di Hunter che erano rimasti
nell'accampamento una decina fuggivano verso la foresta, mentre i
loro cavalli si disperdevano nella pianura, spaventati dal fragore
dell'eruzione.
Quando lo Scout e i suoi compagni erano arrivati, l'accampamento era
deserto. Ma in quel momento, cinque o sei della banda, che erano riusciti
a scappare dall'altopiano, scendevano lungo il versante del Golden
Mount, lasciandosi trascinare dalla pendenza, a rischio di rompersi
braccia e gambe.
Tra loro videro Hunter, certo ferito gravemente, che si trascinava a
fatica a un centinaio di passi di distanza. Si aggrappava ai cespugli di
arbusti, cadeva, si rialzava, rimaneva indietro agli altri che, arrivati ai
piedi della montagna, si diedero alla fuga.
In quel momento, echeggi una detonazione. Era Neluto, che aveva
fatto fuoco prima che avessero potuto impedirglielo
Hunter, colpito al petto, fece un balzo, rotol di roccia in roccia, e
and a sfracellarsi ai piedi del Golden Mount.
XIV
DA DAWSON CITY A MONTREAL
Quella campagna doveva terminare in quel modo tanto inatteso! Che
conclusione, invece di quella su cui Ben Raddle e i suoi compagni
potevano contare, almeno in una certa misura, e che li avrebbe messi
in possesso dei tesori incalcolabili del vulcano! Certo, le manovre dei
texani avevano ostacolato i piani di Ben Raddle. Per difendere la
carovana, l'ingegnere aveva dovuto accelerare la conclusione
provocando l'eruzione. Ma dopotutto, quand'anche l'avesse fatto a tempo
debito, l'oro rinchiuso nel cratere non sarebbe stato meno perduto per lui,
poich era dalla parte del mare artico che il vulcano lanciava le sue
materie eruttive.
Tutti i guai disse lo Scout, vengono dal fatto che il vulcano si era
gi svegliato quando siamo arrivati alle foci del Mackensie
cos rispose Summy Skim: Jacques Laurier aveva creduto che
fosse spento, mentre era solo addormentato, e si risvegliato qualche
settimana troppo presto!.
Era vero, la sfortuna aveva fatto perdere a Ben Raddle tutti
guadagni della sua campagna, e qualsiasi cosa avessero potuto dirgli,
non se ne sarebbe mai consolato!
Diavolo, mio povero Ben disse Summy Skim, un po' d filosofia,
anzi di saggezza! Non ci resta che tornare al nostro caro paese, da cui
siamo tanto lontani da diciotto mesi!
Ben Raddle, per tutta risposta, riprese la strada dell'accampamento.
Tuttavia, dato che quello di Hunter era abbandonato e i sopravvissuti
della banda erano spariti, Bill Stell ritenne opportuno prendere due dei
loro carri per sostituire quelli che erano stati sepolti sotto le pietre.
D'altra parte, i suoi compagni riuscirono a riportare due o tre dei cavalli
che erano scappati attraverso la pianura. Vennero attaccati ai carri, e
tutti tornarono verso il Rubber Creek.
La partenza fu fissata per il giorno dopo, e come ripeteva lo Scout,
non c'era tempo da perdere se Ben Raddle e Summy Skim volevano
essere di ritorno a Dawson City in tempo per riprendere la strada di
Vancouver prima che le burrasche di neve l'avessero resa
impraticabile, e i primi freddi avessero interrotto la navigazione dei
fiumi e dei laghi.
Perci l'accampamento fu rimontato alla meno peggio per
quell'ultima notte.
Quanto al canale derivato dal rio, continuava a scorrere, e chi sa se
tutte le acque del grande estuario non l'avrebbero alimentato per
settimane e mesi?
Chi sa anzi disse lo Scout a Summy Skim, se
quest'inondazione non finir per spegnere il vulcano?
E ben possibile, Bill, ma non diciamo niente a Ben! Sarebbe
capace d voler aspettare! E, d'altra parte, non ci sarebbe pi nulla da
prendere nel cratere. Adesso il claim del Golden Mount non vale pi
del 129 del Forty Miles Creek, e se uno sommerso sotto
un'alluvione, l'altro si svuotato in fondo al mare!
Quell'ultima notte fu tranquilla. Non fu nemmeno necessario
sorvegliare i dintorni. Ma, durante le poche ore di buio, che bello fu
lo spettacolo di quell'eruzione in tutta la sua potenza, quelle fiamme
che si innalzavano fino alle nuvole, quei fasci di fuochi d'artificio
lanciati con una potenza straordinaria, quella cenere d'oro le cui
volute s'inanellavano sopra il Golden Mount!
L'indomani, a partire dalle cinque, la carovana dello Scout fece gli
ultimi preparativi. Prima che fosse dato il segnale della partenza, Ben
Raddle e Lorique esplorarono per un quarto di lega la base del
vulcano. L'eruzione aveva lanciato da quella parte qualche blocco di
quarzo aurifero, qualche pepita? Ecco quel che vollero sapere al
momento di abbandonare certo per sempre quelle regioni dell'alto
Dominion.
No, niente! L'eruzione non aveva deviato e tutte le sostanze
scagliate verso nord, pietre, scorie, lava, ceneri, continuavano a
ricadere in mare, e talvolta anche a una distanza di sette o ottocento
tese. Dalla parte della pianura, niente. Quanto all'intensit del
fenomeno, era di una violenza estrema, e sarebbe stato impossibile
salire fino al cratere. Se Ben Raddle aveva avuto l'intenzione di
scalare per l'ultima volta il Golden Mount, dovette rinunciarvi. E poi,
a che scopo?
Cos la carovana si form, l'ingegnere e Summy Skim in testa
nella carretta, guidata da Neluto. Seguivano t carri e gli animali da
tiro, sotto la guida dello Scout, piuttosto poco carichi, con soltanto
l'attrezzatura dell'accampamento. Cos gli uomini, canadesi e indiani,
avevano potuto prendervi posto, il che avrebbe reso la marcia pi
rapida. Come all'andata, sarebbe stata interrotta solo dalla sosta di
mezzogiorno per due ore, e per otto ore di notte.
Il cibo era assicurato per una quindicina di giorni, dato che la
caccia e la pesca avevano permesso di risparmiare le conserve
durante le settimane passate al Golden Mount. E poi, anche strada
facendo, ai cacciatori non sarebbero mancate n le pernici n le
anatre, n la selvaggina grossa. Se Summy Skim fosse riuscito
finalmente ad abbattere uno di quei famosi orignals, si pu arrivare a
dire perfino che non avrebbe rimpianto quel lungo viaggio e quella
lunga assenza?
Il tempo era incerto, la bella stagione stava quasi per finire. Si
poteva sperare tuttavia che sarebbero arrivati nella capitale del
Klondike prima dell'equinozio di settembre. La temperatura si
raffreddava, perch la traiettoria diurna del sole si abbassava di
giorno in giorno. Avrebbero sofferto il freddo della notte durante le
soste successive, spesso senza riparo, attraverso quella regione
spoglia di alberi bagnata dal Mackensie e dai suoi affluenti.
Quando la carovana si ferm per il pranzo degli uomini e il
pascolo degli animali, il Golden Mount era ancora visibile
all'orizzonte. Ben Raddle si era voltato indietro, non poteva staccare
il suo sguardo da quei preziosi vortici che si innalzavano sulla sua
cima!
Via, Ben gli disse Summy Skim, se ne va tutto in fumo come
tante cose quaggi sulla terra, ma ormai pensiamo solo che siamo
ancora a [duemlaottocentocinquanta]
98
leghe dalla nostra casa di me
J acques Cartier a Montreal!
La carovana procedeva dunque il pi rapidamente possibile

98
Il manoscritto, lacunoso, stato integrato dall'editore francese.
dirigendosi verso Fort Macpherson. Seguiva la riva sinistra del Peel
River di cui, come sappiamo, quella base della Compagnia della Baia
di Hudson occupa la riva destra. Il cattivo tempo si faceva gi sentire
con piogge e burrasche che rendevano la marcia assai faticosa. Cos,
quando la carovana raggiunse il forte nel pomeriggio del 22 agosto,
dovette fermarsi per ventiquattr'ore.
Gli uomini dello Scout non nascosero il loro rammarico per la
delusione che avevano subito. Anche loro contavano sulle ricchezze
del Vulcano d'oro, ricchezze di cui avrebbero avuto la loro parte, e
tornavano a mani vuote.
Si rimisero in cammino nella mattinata del 24 agosto. Il tempo era
diventato pessimo, soffiavano raffiche di neve di cui Bill Stell pareva
molto preoccupato.
A partire da Fort Macpherson, la carovana aveva abbandonato il
corso del Peel River, che piegava verso sud-est attraverso la regione
delimitata dall'enorme catena delle Montagne Rocciose. La direzione
fu quella di sud-ovest, in modo da prendere la via pi breve tra Fort
Macpherson e Dawson City. Oltrepassarono il Circolo polare artico
press'a poco nello stesso punto che nel viaggio di andata, lasciando
alla loro destra le fonti del Porcupine.
Allora i disagi furono grandi, contro un vento freddo e violento
che soffiava da sud. Gli animali da tiro avanzavano a fatica. D'altra
parte, Summy Skim e Neluto non facevano cacce fruttuose, perch la
selvaggina si dirigeva gi verso le zone pi meridionali. Erano ridotti
a cacciare le anatre, che d'altra parte ben presto sarebbero venute a
mancare.
Per fortuna, le condizioni di salute generali si mantenevano in uno
stato abbastanza soddisfacente. Quei robusti indiani e canadesi, rotti a
quelle fatiche, restavano nonostante tutto resistenti e forti.
Finalmente il 3 settembre apparvero le alture che incorniciano a
est la capitale del Klondike, e nel pomeriggio la carovana si fermava
davanti al Northern Hotel di Front Street.
Non c' da stupirsi, l'arrivo della carovana dello Scout fu
immediatamente noto a tutta la citt. Non avrebbero tardato ad
apprendere che cosa era andato a fare l'ingegnere in quelle regioni
settentrionali dell'oceano artico.
Il primo che accorse all'Hotel fu il dottor Pilcox, sempre
premuroso, sempre gioviale, e che prodig ai due cugini le
testimonianze della pi profonda amicizia.
E in primo luogo: State bene? domand.
Stiamo bene rispose Summy Skim.
Non troppo stanchi?
No non troppo, dottore!
E soddisfatti?
Soddisfatti di essere tornati replic Summy Skim.
Allora il dottor Pilcox fu informato; apprese tutte le delusioni di
quella spedizione infruttuosa, i vari avvenimenti che l'avevano
segnata, l'incontro con la banda dei texani, gli attacchi d cui
l'accampamento era stato oggetto, come l'eruzione del vulcano aveva
dovuto essere provocata dall'ingegnere e in che modo, come Ben
Raddle e i suoi compagni si erano liberati di quei malfattori, e anche
come tanti sforzi furono inutili, poich le pepite del Golden Mount
adesso giacevano nelle profondit del mare polare.
Guardate un po' esclam il dottore, guardate un po', quel
vulcano che non ha saputo nemmeno vomitare dalla parte giusta
Davvero, era proprio il caso di somministrargli un emetico!
E per emetico il dottore intendeva quella derivazione del Rubber
Creek che aveva precipitato torrenti d'acqua nello stomaco del
Golden Mount!
E, per tutta consolazione, Pot solo ripetere a Ben Raddle quel che
gli ripeteva Summy Skim, con qualche variante: Siate filosofo! La
filosofia quel che c' di pi igienico al mondo. Se fossimo davvero
filosofi.
Ma non seppero mai dal dottor Pilcox quali sarebbero state le
conseguenze di quel se dottorale.
Quel giorno stesso i due cugini si presentarono con lui
all'ospedale. Suor Marta e suor Maddalena furono naturalmente felici
di rivedere i loro vecchi compagni di viaggio. E Summy Skim ritrov
le due suore come le aveva lasciate, tutte dedite alla loro missione
con la loro instancabile abnegazione. Perci il dottore gli disse:
Con simili rinforzi, il lavoro va avanti da solo, e saremmo in
grado di curare le trecentoquindici specie di malattie che affliggono il
genere umano!
Durante la serata che pass in compagnia dei suoi compatrioti, si
parl della partenza.
E non avete tempo da perdere dichiar il dottore, a meno che
non vi vada di gustare un secondo inverno in quest'adorabile
Klondike.. .
Adorabile, va bene, ma preferisco riservare la mia adorazione a
Montreal rispose Summy Skim.
Va bene anche questo, signor Skim, ma che citt questa gio-vane
Dawson City, e che prosperit le riserva l'avvenire!
Nella conversazione, a Ben Raddle venne in mente di chiedere del
129 sul Forty Miles Creek.
Eh, signor Ben disse il dottore, sempre sotto le acque del
nuovo rio, e il cielo voglia che quel rio non si prosciughi
E perch? domand Summy Skim.
Perch gli hanno dato il mio nome rispose il dottore: il rio
Pilcox, e sono un po' orgoglioso di figurare nella nomenclatura
geografica di questo bel paese del Klondike.
No! Non c'era pericolo di una simile disgrazia, e il 129, come il
127, era proprio sommerso per sempre sotto le acque del rio Pilcox!
Del resto, dato che Ben Raddle e Summy Skim erano decisi a
partire, era importante che si mettessero in cammino al pi presto.
L'inverno prometteva di essere precoce come lo era stata quell'anno
la bella stagione, e i minatori che dovevano risiedere a Skagway o a
Vancouver fino alla primavera successiva avevano lasciato Dawson
City gi da una quindicina di giorni.
A conti fatti, la campagna era stata buona. Si erano costruite delle
fortune sui territori bagnati dagli affluenti dello Yukon, soprattutto i
tributari del Bonanza, dell'Eldorado, claims di montagna, claims di
fiume. Le previsioni dell'ufficiale del catasto Ogilvie continuavano a
realizzarsi, e le miniere del Klondike avrebbero finito per dare tanti
miliardi quanti i milioni che avevano dato i giacimenti dell'Africa,
dell'America e dell'Oceania.
Il giorno dopo il loro arrivo, Ben Raddle e Summy Skim tennero
consiglio con lo Scout per prendere una decisione definitiva sulla
partenza. Contavano sui servizi di quel canadese affezionato e
intelligente per essere ricondotti a Skagway. Ma ecco quel che disse
Bill Stell, dopo mature riflessioni:
Signori, sarei stato felice di continuare a fare con voi il mio
mestiere di guida. Ma non posso nascondere che troppo tardi per
intraprendere un viaggio attraverso le pianure del Pelly. Fra una
quindicina di giorni, i fiumi e i laghi saranno gelati, la navigazione
diventer impossibile e saremmo costretti a tornare a Dawson City.
Forse questa prospettiva non avrebbe particolarmente turbato Ben
Raddle; ma non espresse quest'opinione, che avrebbe fatto fare a
Summy Skim un salto da camoscio.
D'altra parte continu Bill Stell, il tempo si fa sempre pi
freddo, e anche ammettendo che avessimo potuto attraversare i laghi,
troveremmo di sicuro chiusi i passi del Chilkoot, e vi sarebbe
impossibile raggiungere Skagway.
Allora che dobbiamo fare?domand Summy Skim, che per
l'impazienza non riusciva a star fermo.
Quel che dovete fare rispose lo Scout, raggiungere Saint
Michel alla foce dello Yukon, dove troverete gli steamboats in
servizio per Vancouver.
Ma per discendere lo Yukon? disse Ben Raddle.
L'ultimo piroscafo lascer Dawson City tra due giorni, e arriver
certamente a Saint Michel prima che le gelate abbiano interrotto la
navigazione su tutto il corso del fiume.
Era un consiglio saggio, dato che veniva da un uomo esperto come
lo Scout, e non dovevano avere esitazioni a seguirlo.
Ma voi?domand Summy Skim.
Io passer l'inverno a Dawson City, cosa che ho gi fatto pi
volte, e aspetter il periodo in cui sar possibile tornare sul lago
Benett rispose Bill Stell,
Quando quel progetto fu comunicato al dottor Pilcox, costui lo
approv, tanto pi che anche lui credeva che i grandi freddi fossero
assai vicini, e ci si poteva fidare della sua esperienza. Del resto, non
era tipo da spaventarsi per cinquanta o sessanta gradi sotto lo zero del
termometro, e anche il centinaio non gli avrebbe fatto paura.
La partenza sarebbe avvenuta meno di ventiquattr'ore dopo, e i
preparativi non sarebbero stati n lunghi n difficili.
Quando Ben Raddle propose a Lorique di accompagnarli, questi
rispose: Vi ringrazio, signor Ben, ma preferisco rimanere a Dawson
City. La prossima stagione riuscir a farmi assumere in qualche
concessione, e il lavoro non mi mancher E poi, siete sempre
proprietario del 129, e checch ne dicano, chi sa se un giorno il rio
Pilcox non vi restituir la vostra propriet
E quel giorno, Lorique rispose Ben Raddle mentre suo cugino
non poteva sentirlo, un telegramma
S un telegramma al signor ingegnere Ben Raddle, Rue
J acques Carrier, Montreal, Dominion! rispose Lorique.
Decisamente l'ingegnere e il capomastro erano fatti per intendersi!
Ma se Lorique non aveva accettato la proposta di Ben Raddle,
Neluto fece altrimenti, quando Summy Skim, che apprezzava la
fedelt e la generosit di quei coraggioso indiano, gli disse: Neluto,
conti di restare in questo paese che per otto mesi in bala dei venti e
delle nevi?.
Dove potrei andare, signor Skim?
Perch non vieni con me a Montreal?
Se vi facesse piacere, signor Skim
Ti alloggerei a Green Valley, e a primavera andremmo tutti e due
a caccia. E siccome gli orignals ben presto scapperanno da
quest'abominevole Klondike, buono tutt'al pi per degli Hunter e dei
Malone, finiremo per abbatterne qualcuno
Signor Skim, sono pronto a partire rispose Neluto con gli occhi
che brillavano di gioia.
Non rest che regolare con lo Scout le spese della spedizione al
Golden Mount, il che fu fatto generosamente. Per cui si scav un bel
buco nella borsa dei due cugini, e che rabbia per l'ingegnere, a
pensare che tutte quelle spese avrebbero dovuto essere pagate
innanzitutto dai guadagni del 129, e poi dai guadagni del Vulcano
d'oro!
Nella mattinata del 17 settembre, arriv l'ora degli ultimi addii.
Suor Marta, suor Maddalena e il dottor Pilcox accompagnarono Ben
Raddle e Summy Skim allo yukoner dove avevano prenotato due
posti per loro e uno per Neluto. Il capomastro Lorique li aspettava l.
Le suore avevano gli occhi umidi e Summy Skim provava una
forte stretta al cuore pensando a quelle due sante ragazze che senza
dubbio non avrebbe mai pi rivisto
IL dottore non nascondeva la sua commozione, quando strinse la
mano ai suoi compatrioti, e le ultime parole di Ben Raddle
all'orecchio di Lorique furono queste:
Non dimenticate un telegramma! Poi il piroscafo salp e poco
dopo spar dietro un'ansa del fiume.
La distanza tra Dawson City e Saint Michel lungo lo Yukon di
circa seicento leghe. Lo yukoner, lungo duecento piedi, largo
sessanta, mosso dalla sua potente ruota posteriore, discendeva
rapidamente lungo la corrente del fiume, che cominciava a trasportare
qualche blocco di ghiaccio. Pass, a sei leghe da Dawson City, tra il
picco del Vecchio a babordo, e la punta della Vecchia a tribordo.
Dopo aver sostato alcune ore a Cudahy, e passata la frontiera a
trentasei leghe dalla capitale del Klondike, raggiunse Circle City, il
villaggio di una cinquantina di isbe da dove Hunter era partito per il
Golden Mount. Poi la navigazione prosegu attraverso quella
pittoresca regione tra centinaia d isole ricoperte di abeti, di betulle,
di tremole, dove il battello faceva echeggiare i suoi fischi sulle alture
lungo la costa. Poi stazion una mezza giornata a Fort Yukon, che fu
un tempo la capitale del Klondike, situata a centoventi leghe a valle
di Dawson City, in mezzo a una zona probabilmente ricchissima di
giacimenti auriferi.
A partire da quel luogo, dove il Porcupine si unisce al grande
fiume, il punto pi alto di latitudine che raggiunge, lo Yukon fa una
curva verso sud-ovest per gettarsi nella baia di Norton.
Ben Raddle e Summy Skim non si stancavano insomma di
interessarsi agli episodi di quella navigazione, che ebbe come tappe
successive Fort Hamlin, semplice deposito di approvvigionamento,
Rampart City, alla foce del Munook Creek, allora occupato da un
migliaio di minatori, e oltre il quale le ricerche non erano ancora state
proseguite. E quanti avidi desideri ispirati in quelle centinaia di
passeggeri dello yukoner, che per la maggior parte se ne tornavano a
mani vuote dopo una campagna infruttuosa!
Il tempo era incerto, piovoso, anzi nevoso. Il freddo s faceva
sentire, e a valle s sarebbero incontrati pi blocchi di ghiaccio del
previsto. Il fiume iniziava gi a essere ostruito dal ghiaccio, e
l'avanzata del battello, che fra l'altro si interrompeva tutte le notti, fu
notevolmente ritardata. La durata del viaggio raddoppi, e invece di
effettuarsi in sei o sette giorni, ne richiese una dozzina. Dopo aver
sostato successivamente ai monti Tanana, a Novikakat, a Nulato, di
fronte a Volassatuk, a Kaltag, a Fort Get There, a Anvik dove stata
fondata una missione molto frequentata dagli indiani, tutti semplici
accampamenti di trib piuttosto che villaggi, lo yukoner arriv a
Starivilipak, il punto pi meridionale del fiume, che di l svolta verso
nord-ovest per gettarsi a Kullik nel mare d Bering.
A quel punto, la navigazione di trentadue leghe fino a Saint
Michel richiese solo una mezza giornata, poich l'avanzata non era
pi ostacolata dai ghiacci.
Di quel porto, dove si sono stabilite le compagnie di navigazione
dello Yukon, Arnis Semir dice che piove sempre, pi di set piedi
d'acqua all'anno. Perci fu sotto un diluvio che Ben Raddle, Summy
Skim e Neluto sbarcarono nel pomeriggio del 29 settembre, dopo una
traversata di quattordici giorni.
Per una felice coincidenza, poterono prendere posto fin dal giorno
dopo sul Kadiak, che era in partenza con destinazione Vancouver.
Ancora millecentocinquanta leghe li separavano da quella citt, da
cui avrebbero raggiunto direttamente Montreal per railway. Ma il
Kadiak incontr delle violente tempeste, soprattutto costeggiando la
grande penisola dell'Alaska, e anzi dovette ripararsi per quarantott'ore
sotto le isole Pribylof.
In complesso, quel viaggio di ritorno fu meno lungo e soprattutto
meno faticoso che se fosse stato fatto attraverso le regioni lacustri
fino al Chilkoot, e lo Scout aveva consigliato saggiamente Ben
Raddle e Summy Skim spingendoli a discendere il corso dello
Yukon.
Per farla breve, era gi il 17 di ottobre quando il Kadiak fece il suo
ingresso nel porto di Vancouver.
Quattro giorni dopo, Ben Raddle e Summy Skim, seguiti da
Neluto, rientravano a Montreal nella loro casa di rue J acques Cartier,
dopo diciotto mesi di assenza.
Ma quanti profondi rimpianti, quanti desideri inappagati
nell'animo dell'ingegnere! Il suo carattere ne aveva risentito, e pareva
che a ogni momento fosse sul punto di prorompere in recriminazioni
contro la cattiva sorte.
E allora Summy Skim diceva volentieri: S il mio povero Ben
sempre sul punto di eruttare! Dopo tutto, quando uno ha avuto un
vulcano nella sua vita, gliene rimane sempre qualcosa!.


Questo capolavoro poco conosciuto di Jules Verne racconta la
storia di due cugini, Ben Raddle e Summy Skim, che ricevono
un'inaspettata eredit: un lotto aurifero in una remota regione del
Canada nord-occidentale, ai confini del Circolo Polare Artico. Ben
Raddle, ingegnere, spirito pratico, avventuroso e ambizioso, trascina
il riluttante cugino in un lunghissimo viaggio, prima allo scopo di
vendere il lotto ereditato, poi di sfruttarlo, infine di organizzare una
spedizione alla ricerca del mitico Golden Mount, appunto il vulcano
d'oro. Alla trama avventurosa si intreccia una descrizione vivace della
vita piena di stenti e delle passioni distruttrici dei cercatori d'oro; ma
il tema principale, e tipicamente verniano, del libro probabilmente
la lotta dell'uomo, dell'esploratore, dell'ingegnere, contro le forze
tremende di una natura avversa: la febbre dell'oro deve fare i conti
con bufere di neve, alluvioni, eruzioni vulcaniche.

Un classico un libro
che non ha mai finito di dire
quel che ha da dire.
Italo Calvino