Sei sulla pagina 1di 309

JULES VERNE

La Jangada
(Ottocento leghe sul Rio delle Amazzoni)

Disegni di Leon Benett
incisi da F.L. Maulle, A. Bellenger,
Th. Delangle e Th. Hildibrand
Copertina di Bruno Faganello

Traduzione integrale dal francese di
VINCENZO BIANCHI

Titolo originale dellopera
LA J ANGADA HUIT CENTS LIEUES SUR LAMAZONE
(1881)



Propriet letteraria e artistica riservata - Printed in Italy
Copyright 1970 U. MURSIA &C.
1053/AC - U. MURSIA & C. - Milano - Via Tadino 29
Indice
PRESENTAZIONE ________________________________________6
PARTE PRIMA _______________________________________ 11
Capitolo I _______________________________________________11
UN CAPITANO DEI BOSCHI __________________________________ 11
Capitolo II_______________________________________________18
LADRO E DERUBATO _______________________________________ 18
Capitolo III ______________________________________________28
LA FAMIGLIA GARRAL______________________________________ 28
Capitolo IV ______________________________________________37
INCERTEZZE _______________________________________________ 37
Capitolo V_______________________________________________44
IL RIO DELLE AMAZZONI ___________________________________ 44
Capitolo VI ______________________________________________51
UNINTERA FORESTA ABBATTUTA __________________________ 51
Capitolo VII _____________________________________________58
SEGUENDO UNA LIANA _____________________________________ 58
Capitolo VIII ____________________________________________71
LA JANGADA_______________________________________________ 71
Capitolo IX ______________________________________________80
LA SERA DEL 5 GIUGNO_____________________________________ 80
Capitolo X_______________________________________________88
DA IQUITOS A PEVAS _______________________________________ 88
Capitolo XI ______________________________________________96
DA PEVAS ALLA FRONTIERA ________________________________ 96
Capitolo XII ____________________________________________106
FRAGOSO AL LAVORO_____________________________________ 106
Capitolo XIII ___________________________________________116
TORRES___________________________________________________ 116
Capitolo XIV____________________________________________122
SCENDENDO ANCORA _____________________________________ 122
Capitolo XV ____________________________________________128
CONTINUANDO A SCENDERE_______________________________ 128
Capitolo XVI____________________________________________136
EGA ______________________________________________________ 136
Capitolo XVII ___________________________________________145
UN ASSALTO______________________________________________ 145
Capitolo XVIII __________________________________________154
IL PRANZO ALLARRIVO ___________________________________ 154
Capitolo XIX____________________________________________161
VECCHIA STORIA__________________________________________ 161
Capitolo XX ____________________________________________166
A QUATTROCCHI _________________________________________ 166
PARTE SECONDA ___________________________________ 176
Capitolo I ______________________________________________176
MANAO___________________________________________________ 176
Capitolo II______________________________________________180
I PRIMI MOMENTI _________________________________________ 180
Capitolo III _____________________________________________187
UN PASSO INDIETRO_______________________________________ 187
Capitolo IV _____________________________________________193
TORTURE MORALI _________________________________________ 193
Capitolo V______________________________________________200
PROVE MATERIALI ________________________________________ 200
Capitolo VI _____________________________________________205
IL COLPO DI GRAZIA_______________________________________ 205
Capitolo VII ____________________________________________214
DECISIONI ________________________________________________ 214
Capitolo VIII ___________________________________________219
PRIME RICERCHE__________________________________________ 219
Capitolo IX _____________________________________________225
RICERCHE SUCCESSIVE____________________________________ 225
Capitolo X______________________________________________229
UN COLPO DI CANNONE ___________________________________ 229
Capitolo XI _____________________________________________237
IL CONTENUTO DELLASTUCCIO ___________________________ 237
Capitolo XII ____________________________________________242
IL DOCUMENTO___________________________________________ 242
Capitolo XIII ___________________________________________252
DOVE SI PARLA DI NUMERI ________________________________ 252
Capitolo XIV____________________________________________260
A CASACCIO! _____________________________________________ 260
Capitolo XV ____________________________________________268
ULTIMI SFORZI ____________________________________________ 268
Capitolo XVI____________________________________________274
DISPOSIZIONI PRESE_______________________________________ 274
Capitolo XVII ___________________________________________282
LULTIMA NOTTE__________________________________________ 282
Capitolo XVIII __________________________________________289
FRAGOSO_________________________________________________ 289
Capitolo XIX____________________________________________296
IL DELITTO DI TIJUCO _____________________________________ 296
Capitolo XX ____________________________________________303
IL BASSO AMAZZONE______________________________________ 303

PRESENTAZIONE
La Jangada una zattera enorme, unisola galleggiante. Per
costruirla, sotto la sapiente direzione di Joam Garral, stato
necessario abbattere un largo tratto della foresta. Travi enormi,
saldamente connesse tra loro con travicelli di legno duro,
costituiscono la piattaforma di galleggiamento. Su di essa sorgono
case con verande, magazzini per i viveri, e c persino una chiesetta
con la campana. E non si tratta di rozze costruzioni, ma di edifici in
legno fatti a regola darte, comodi e riposanti, abbelliti allesterno
da rampicanti tropicali, e arredati allinterno con grazia persino
civettuola.
Costruita sul greto del fiume nientemeno che il Rio delle
Amazzoni -la Jangada viene varata in modo del tutto naturale,
senza sforzo. Con la piena, il fiume straripa, e le acque sollevano
dolcemente la grande isola di legno. Non resta che tagliare gli
ormeggi e imprimerle la giusta direzione, puntando sul fond le
lunghe pertiche. Docile ai comandi, limmensa zattera si sposta
lentamente, entra nella corrente del fiume e inizia il suo lungo
viaggio, sospesa tra acqua e cielo, lungo le verdi muraglie della
lussureggiante foresta amazzonica.
Tutto grandioso. Il fiume, la foresta, la zattera.
Solo luomo, in questa prospettiva, sembra piccolo. Eppure lui
che ha costruito la zattera, lui che domina il fiume, lui che vince
le misteriose insidie della foresta. sempre lui il protagonista.
Ancora una volta, con questo romanzo, Verne ha scritto un
viaggio straordinario su misura delluomo. Ma rispetto a tanti
altri suoi libri in cui linvenzione tocca gli ardimenti della
fantascienza, esplora gli spazi interplanetari, discende nella
profondit degli oceani, tenta persino di raggiungere il centro della
Terra, questo romanzo ha il tono di una narrazione pi tranquilla, il
ritmo lento e solenne del grande fiume. E in questo consiste appunto
la novit del libro: nel darci con mezzi narrativi normali
limpressione delleccezionale, trascinandoci su una grande
imbarcazione di legno in un mondo straordinario, cos imponente da
sembrare favoloso, cos reale da sembrare fantastico.
Naturalmente non manca nel libro lelemento romanzesco. Anzi,
ad apertura di pagina, ci si imbatte subito in un crittogramma, in
uno di quei rompicapo tanto cari allo scrittore e che costituiscono la
chiave di volta dellintera narrazione. N mancano, come al solito,
gli intenti divulgativi di carattere storico, geografico e scientifico. Di
fronte ad un ambiente insolito e caratteristico come quello del
bacino del Rio delle Amazzoni, lo scrittore si trova perfettamente a
suo agio nellillustrare il corso del fiume, estremamente vario nel
suo paesaggio, ricco di affluenti e popolato da innumeri isolotti, cos
come nel descrivere limmensa foresta, la fauna dacqua e di terra,
gli usi e i costumi delle popolazioni indigene. Ma tutti questi aspetti,
pur tanto precisi e puntuali, vengono come posti in sordina nel
disegno generale del romanzo, o meglio, non sono che momenti
particolari, da cui risulta un tutto organico, che restituisce al lettore
limpressione della vita primitiva, a contatto con una natura
selvaggia e meravigliosa.
In questo scenario, la presenza delluomo sembra assumere a un
tratto un rilievo tutto particolare, e le sue vicende, di volta in volta
divertenti o patetiche o drammatiche, costituiscono un vivace
contrappunto a quelle dellambiente.
La trama del romanzo particolarmente lineare.
Una famiglia di fazenderi, che abita nellinterno del paese, deve
raggiungere la capitale della provincia del Vara, Blem, dove
verranno celebrate le nozze di Minha con un giovane medico. Il
padre della fanciulla, Joam Garral, approfitta del viaggio per poter
affrontare un processo nel quale dovrebbe ottenere la riabilitazione
da una accusa infamante, di cui i suoi cari sono alloscuro. Per
compiere un cos lungo viaggio non c che la via dellacqua per cui
indispensabile affidarsi a una jangada. Le jangade sono mezzi di
trasporto assai comuni lungo il Rio delle Amazzoni, ma quella
descritta da Verne eccezionale. Com eccezionale il viaggio che
compie. Quattro mesi di navigazione, quattro mesi di continue
avventure. E, alla fine, il colpo di scena che risolve il nodo centrale
del romanzo.
Se la trama semplicissima, in compenso piuttosto
movimentata. Su di essa, infatti, si innestano avvenimenti e situazioni
sempre nuove, che danno alla narrazione vivacit e colorito e che
creano talvolta quella atmosfera di suspense che caratterizza quasi
tutti i romanzi di Verne.
Fra gli episodi pi caratteristici ricordiamo ad esempio lodioso
baratto che Torres, lex capitano dei boschi, cerca di fare con il
fazendero, e la sua triste, meritata morte violenta; il salvataggio
dellallegro Fragoso, il parrucchiere volante; il momento
dellarresto di Joam Garral; laffannosa ricerca della chiave per
decifrare il crittogramma che contiene la prova della sua innocenza.
Tutti episodi significativi, resi ancora pi avvincenti dal contesto
narrativo in cui li colloca lo scrittore, che ancora una volta si rivela
abilissimo non solo nella ricostruzione dellambiente e dei
personaggi ma anche nel dosaggio degli ingredienti che la fantasia e
la realt gli mettono a disposizione.
Come sempre, attorno ai personaggi principali, ruota una folla di
figure minori che animano ulteriormente la narrazione con le loro
particolari avventure. Ma qui, su questa specie di isola galleggiante,
lavventura di ciascuno automaticamente lavventura di tutti, per
cui il romanzo acquista anche un carattere corale del tutto nuovo ed
evidente. Ed questo, alla fine, che maggiormente colpisce. Il
rischio di ciascuno il rischio di tutti e la solidariet umana non
solo una virt, ma una necessit. Come sempre avviene quando
luomo sfida la forza selvaggia della natura.


J ULES VERNE nacque a Nantes, l8 febbraio 1828. A undici anni,
tentato dallo spirito davventura, cerc di imbarcarsi
clandestinamente sulla nave La Coralie, ma fu scoperto per tempo e
ricondotto dal padre. A ventanni si trasfer a Parigi per studiare
legge, e nella capitale entr in contatto con il miglior mondo
intellettuale dellepoca. Frequent soprattutto la casa di Dumas
padre, dal quale venne incoraggiato nei suoi primi tentativi letterari.
Intraprese dapprima la carriera teatrale, scrivendo commedie e
libretti dopera; ma lo scarso successo lo costrinse nel 1856 a cercare
unoccupazione pi redditizia presso un agente di cambio a Parigi.
Un anno dopo sposava Honorine Morel. Nel frattempo entrava in
contatto con leditore Hetzel di Parigi e, nel 1863, pubblicava il
romanzo Cinque settimane in pallone.
La fama e il successo giunsero fulminei. Lasciato limpiego, si
dedic esclusivamente alla letteratura e un anno dopo laltro - in base
a un contratto stipulato con leditore Hetzel - venne via via
pubblicando i romanzi che compongono limponente collana dei
Viaggi straordinari - I mondi conosciuti e sconosciuti e che
costituiscono il filone pi avventuroso della sua narrativa. Viaggio al
centro della Terra, Dalla Terra alla Luna, Ventimila leghe sotto i
mari, Lisola misteriosa, Il giro del mondo in 80 giorni, Michele
Strogoff sono i titoli di alcuni fra i suoi libri pi famosi. La sua opera
completa comprende unottantina di romanzi o racconti lunghi, e
numerose altre opere di divulgazione storica e scientifica.
Con il successo era giunta anche lagiatezza economica, e Verne,
nel 1872, si stabil definitivamente ad Amiens, dove continu il suo
lavoro di scrittore, conducendo, nonostante la celebrit acquistata,
una vita semplice e metodica. La sua produzione letteraria ebbe
termine solo poco prima della morte, sopravvenuta a settantasette
anni, il 24 marzo 1905.


PARTE PRIMA
CAPITOLO I
UN CAPITANO DEI BOSCHI
Phyjlyddqfdzxgasgzzqqehxgkfndrxujugiocytdxvksbxhhuypohdvyr
ymhuhpuydkjoxphtozsletnpmvffovpdpajxbyynojyggaymeqynfuqlnmvl
yfgsuzmqizflbqgyugsqeubvnrcredgruzblrmxyuhqhpzdrrgcrohepqxufiv
vrplphonthvddqfhqsntzhhhnfepmqkyuuexktogzgkyuutnfvijdqdpzjqsykr
plxhxqrymvklohbhotozvdksppsuvjh.d.

Luomo, che aveva in mano il documento di cui questa strana
successione di lettere formava lultimo periodo, rimase alquanto
pensoso dopo averlo riletto con attenzione.
Il documento conteneva un centinaio di queste righe, che non
erano neppure divise per parole. Sembrava che fosse stato scritto da
molti anni, e sul foglio di carta ruvida coperto di quei geroglifici il
tempo aveva gi steso la sua patina giallognola.
Ma secondo quale criterio le lettere dovevano essere riunite? Solo
questuomo avrebbe potuto dirlo. Infatti, questi linguaggi cifrati
assomigliano alle serrature delle casseforti moderne: si difendono nel
medesimo modo. Le combinazioni che presentano si contano a
miliardi e la vita di un calcolatore non basterebbe a enunciarle.
Occorre la cifra per leggere crittogrammi di tal fatta, come bisogna
sapere la parola per aprire le casseforti; per, come si vedr,
questo scritto avrebbe resistito ai tentativi pi ingegnosi, e ci in
circostanze assai gravi.
Luomo che aveva riletto il documento non era che un semplice
capitano dei boschi.
In Brasile, con lappellativo di capitas do mato, vengono indicati
gli agenti impiegati nella ricerca dei negri fuggiaschi. una
istituzione che risale al 1722. A quel tempo, le idee contrarie alla
schiavit non si erano fatte strada se non nello spirito di pochi
filantropi; doveva passare ancora pi di un secolo prima che i popoli
civili le riconoscessero e le applicassero. Sembra, nondimeno, che sia
un diritto, il primo dei diritti naturali delluomo, quello di essere
libero, di appartenere a se stesso, eppure passarono moltissimi anni
prima che venisse a qualche nazione il generoso pensiero di
proclamarlo.
Nel 1852 - anno in cui si svolge il racconto - vi erano ancora degli
schiavi in Brasile, e, di conseguenza, vi erano dei capitani dei boschi
con lincarico di dar loro la caccia. Certi motivi di economia politica
avevano ritardato il momento dellemancipazione generale; ma gi il
negro aveva il diritto di riscattarsi, gi i suoi figli erano liberi. Non
era dunque molto lontano il giorno in cui quel magnifico paese,
ampio quanto i tre quarti dellEuropa, non avrebbe contato pi un
solo schiavo fra i suoi dieci milioni di abitanti.
In realt, la professione di capitano dei boschi era destinata a
scomparire in breve tempo, e, in quellepoca, i benefici derivati dalla
cattura degli schiavi fuggiaschi erano assai diminuiti. Ora, se nel
lungo periodo in cui i profitti di tale mestiere furono abbastanza
cospicui, i capitani dei boschi formavano una compagnia di
avventurieri, per lo pi composta di schiavi affrancati, di disertori,
degni di poca stima, si capisce che, al tempo del nostro racconto, i
cacciatori di schiavi non erano che dei rifiuti della societ, e con ogni
probabilit luomo del documento non faceva torto alla poco
raccomandabile schiera dei capitas do mato.
Questo Torres - cos si chiamava - non era n un meticcio, n un
indiano, n un negro, come la maggior parte dei suoi colleghi: era un
bianco di origine brasiliana, che aveva ricevuto un po pi
distruzione di quanto comportasse la sua presente condizione.
Infatti, non bisognava vedere in lui se non uno di quegli spostati che
sincontrano tanto spesso nelle lontane regioni del Nuovo Mondo, e
in un tempo in cui la legge brasiliana escludeva ancora da certi
impieghi i mulatti e gli altri meticci; se quellesclusione lo avesse
colpito, non sarebbe stato per la sua origine, bens per la sua
indegnit personale.
In quel momento del resto, Torres non si trovava pi in Brasile.
Aveva di recente valicato la frontiera, e da alcuni giorni vagava nelle
foreste del Per in mezzo alle quali si snoda il corso dellAlto
Amazzone.
1

Torres era un uomo sulla trentina, di costituzione assai robusta,
sul quale le fatiche di unesistenza piuttosto problematica non
sembravano aver lasciato alcun segno, grazie al temperamento
eccezionale e a una salute di ferro.
Di statura media, largo di spalle, con i lineamenti regolari, il passo
sicuro, la faccia bruciata dallaria ardente dei tropici, portava una
fitta barba nera. I suoi occhi, nascosti da sopracciglia molto
ravvicinate, avevano unespressione vivace, ma asciutta, propria
degli sfacciati. Anche nel tempo in cui il clima non laveva ancora
abbronzato, il suo volto, anzich arrossire, si contraeva con pi
facilit sotto limpulso di perverse passioni.
Torres era vestito in modo molto rudimentale come gli scorridori
dei boschi. I suoi abiti erano assai sdruciti; portava un cappello di
cuoio a larghe falde, calzato di traverso; i calzoni di grossa lana, che
si perdevano dentro certi stivaloni, che formavano la parte pi
consistente del suo vestiario; sopra ogni cosa, un puncho scolorito,
giallognolo, che non lasciava vedere n labito, n il panciotto, che
gli copriva il petto.
Ma, se Torres era un capitano dei boschi, evidentemente non
esercitava pi tale mestiere, almeno nelle condizioni in cui allora si
trovava. Lo si deduceva dallinsufficienza dei suoi mezzi di difesa e
di offesa, indispensabili per linseguimento dei negri. Non aveva
armi da fuoco: n fucile n revolver; alla cintola portava soltanto una
di quelle armi che assomigliano pi a una sciabola che non a un
coltello da caccia, e che si chiamano manchetta. Inoltre, Torres
portava una enchada, specie di marra per lo pi usata per inseguire
gli armadilli e gli aguti che abbondano nelle foreste dellAlto
Amazzone, dove le belve sono generalmente poco feroci.

1
Con questo termine si indica la parte alta del Rio delle Amazzoni e le zone
immediatamente circostanti il fiume. (N.d.T.)
A ogni modo, quel giorno, 4 maggio 1852, bisognava che
lavventuriero fosse in modo particolare assorto nella lettura del
documento su cui i suoi occhi erano fissi, oppure che, abituato a
vagare nei boschi dellAmerica Meridionale, fosse assai indifferente
al loro splendore. Infatti, nulla poteva distrarlo dalla sua
occupazione: n il grido prolungato delle scimmie urlatrici, che
Saint-Hilaire ha paragonato al rumore della scure di un legnaiolo, che
colpisca rami di un albero, n il tintinnio secco degli anelli del
crotalo, serpente poco aggressivo, s, ma velenosissimo, n la voce
stridula del rospo cornuto, cui spetta la palma dellorridezza nella
classe dei rettili, e neppure il gracidare a un tempo sonoro e grave
della rana toro, che, se non pu pretendere di superare il bue in mole,
lo uguaglia almeno nellintensit dei muggiti.
Torres non udiva nulla di quel fracasso, che pu considerarsi
come la voce polifonica delle foreste del Nuovo Mondo. Sdraiato ai
piedi di un magnifico albero, non era neppure in grado di ammirare
gli alti rami di quel pao ferro o legno di ferro, dalla scura corteccia,
duro come il metallo che sostituisce nelle armi o negli utensili degli
indiani selvaggi. No! perso dietro i propri pensieri, il capitano dei
boschi girava e rigirava fra le dita lo strano documento. Con il
numero di cui conosceva il segreto, restituiva a ogni lettera il suo
vero valore; leggeva, appurava il senso di quelle righe
incomprensibili per tutti gli altri ma non per lui, e allora sorrideva
con malignit.
Poi mormor sottovoce queste poche frasi che nessuno poteva
udire in quel luogo deserto della foresta peruviana, e che, del resto,
nessuno avrebbe potuto comprendere.
S, disse ecco un centinaio di righe scritte chiaramente,
che hanno, per qualcuno di mia conoscenza, unimportanza di cui
non pu dubitare! Questo qualcuno ricco! questione di vita o di
morte per lui, e ci si paga caro dappertutto!
E lanciando al documento uno sguardo avido:
Pagando un conto di reis soltanto per ognuna delle parole di
questultima frase, si otterrebbe una bella sommetta!
2
Questa frase ha

2
Mille reis valgono circa tre franchi in moneta francese, e un conto di reis vale
tremila franchi. (N.d.A.)
un bel valore, del resto! Compendia tutto il documento! D i nomi
esatti ai veri personaggi! Ma prima di cercare di comprenderla,
bisognerebbe trovare il numero delle parole contenute, e
quandanche lo si avesse fatto, il suo vero significato sfuggirebbe
ancora!
E cos dicendo, Torres si mise a contare mentalmente.
Vi sono cinquantotto parole disse il che farebbe
cinquantotto contos! Con questa somma si potrebbe vivere in Brasile,
in America, dove si vuole, e anche vivere senza far nulla. E che
sarebbe mai se tutte le parole del documento mi fossero pagate a tale
prezzo? Bisognerebbe allora contare centinaia di contos! Ah! per
mille diavoli! Ho qui una vera fortuna, se non sono lultimo degli
sciocchi!
Sembrava che le mani di Torres, palpando la considerevole
somma, si chiudessero gi sopra dei rotoli doro.
Improvvisamente il suo pensiero prese un nuovo corso.
Finalmente! esclam. Sono arrivato alla mta, e non mi
lagner certo delle fatiche di questo viaggio, che mi ha condotto dalle
sponde dellAtlantico al corso dellAlto Amazzone! Questuomo
poteva aver lasciato lAmerica, poteva essere al di l del mare, e
allora, come avrei potuto raggiungerlo? Ma no, egli l, e salendo
sulla cima di uno di questi alberi, potrei scoprire il tetto
dellabitazione in cui vive con tutta la famiglia!
Poi, afferrando il foglio di carta e agitandolo con un gesto
febbrile, disse: Prima di domani sar certamente da lui! Prima di
domani sapr che il suo onore, la sua vita sono racchiusi in queste
righe! E quando vorr conoscere il numero che gli permetter di
decifrarle, ebbene, pagher questo numero! Lo pagher, se io voglio,
con tutto il suo sangue! Ah! per mille diavoli! Il degno collega della
milizia che mi ha consegnato questo prezioso documento,
mettendomi a parte del suo segreto, che mi ha detto dove avrei potuto
trovare il suo antico collega e il nome sotto cui si nasconde da tanti
anni, quel bravo compagno non simmaginava neppure di fare la mia
fortuna!
Torres guard unultima volta il foglio di carta ingiallita, e, dopo
averlo piegato con cura, lo chiuse in un solido astuccio di rame, che
gli serviva anche come portamonete.
In realt, se tutto il patrimonio di Torres era chiuso in
quellastuccio, grande quanto un portasigari, in nessun paese del
mondo sarebbe passato per ricco. Cerano l dentro, vero, vari tipi
di monete doro degli Stati circostanti: due doppi condor degli Stati
Uniti di Colombia, del valore di circa cento lire ciascuno, dei bolivar
venezuelani per un valore uguale, dei soles peruviani per il doppio,
alcuni scudi cileni per cinquanta lire e pi, e altre monete spicciole;
ma, tutti insieme, non assommavano che a cinquecento lire, che
Torres sarebbe stato assai imbarazzato a dire dove e come le aveva
raggranellate.
Una sola cosa era certa: che da alcuni mesi, dopo aver lasciato
bruscamente quel mestiere di capitano dei boschi, che esercitava
nella provincia del Para, Torres aveva risalito il bacino del Rio delle
Amazzoni e passato la frontiera per entrare nel territorio peruviano.
Del resto, ben poco a quellavventuriero era necessario per vivere.
Quali spese gli erano necessarie? Nessuna per il proprio alloggio,
nessuna per il vestiario. La foresta gli offriva il nutrimento che egli
stesso preparava senza spese, come fanno gli scorridori dei boschi.
Gli bastavano alcuni reis per il tabacco che acquistava nelle missioni
o nei villaggi, e per lacquavite della sua fiaschetta. Con poco poteva
andare lontano.
Quando il foglio fu riposto nellastuccio di metallo, dal coperchio
chiuso ermeticamente, Torres, invece di rimetterselo nella tasca del
camiciotto coperto dal suo puncho, credette di usare maggior
precauzione, deponendolo presso di s, in un cavo della radice
dellalbero al piede del quale era sdraiato.
Fu unimprudenza che, per poco, non gli cost cara!
Faceva molto caldo, laria era pesante; se la chiesa del borgo pi
vicino avesse posseduto un orologio, quellorologio avrebbe suonato
allora le due del pomeriggio, e con il vento che soffiava, Torres lo
avrebbe sentito, perch non si trovava a pi di due miglia.
Ma lora gli importava ben poco, senza dubbio. Abituato a
regolarsi sullaltezza, pi o meno ben calcolata, del sole sopra
lorizzonte, un avventuriero non pu dare ai diversi atti della sua
esistenza unesattezza militare. Egli fa colazione o pranza quando
vuole o quando pu; dorme quando il sonno lo prende. Se la mensa
non sempre imbandita, il letto sempre pronto al piede di un
albero, nel fitto della macchia, in mezzo alla foresta.
Torres non era molto schizzinoso in fatto di comodit. Del resto,
se aveva camminato una buona parte della mattina, aveva mangiato
alquanto, e il bisogno di dormire si faceva sentire; due o tre ore di
riposo gli erano sufficienti a metterlo in grado di riprendere il
cammino. Si coric perci sullerba il pi comodamente possibile,
aspettando il sonno.
Tuttavia, Torres non era di quelli che si addormentano senza
prima prepararsi a ci con certi preliminari. Aveva labitudine,
innanzitutto, di trangugiare qualche sorso di un liquore forte, poi, di
fumare la pipa. Lacquavite eccita il cervello, e il fumo del tabacco si
mescola bene con il fumo dei sogni; questo, almeno, era il suo
pensiero.
Torres cominci dunque appoggiando le labbra alla fiaschetta che
portava al fianco. Essa conteneva quel liquido conosciuto
generalmente sotto il nome di chica nel Per, e pi particolarmente
con quello di caysuma sullAlto Amazzone. il prodotto di una
leggera distillazione della radice della manioca dolce, fatta
fermentare, e al quale il capitano dei boschi, da uomo il cui palato era
ormai bruciato, credeva di dover aggiungere una buona dose di tafia.
Quando Torres ebbe bevuto alcuni sorsi di quel liquore, agit la
fiaschetta, e not, non senza rammarico, che era quasi vuota.
Da riempire! disse semplicemente.
Poi, togliendo di tasca una corta pipa di radica, la riemp di quel
tabacco acre e ordinario del Brasile, le cui foglie appartenevano a
quellantico petun portato in Francia da Nicot, al quale si deve la
volgarizzazione della pi produttiva e della pi diffusa delle
solanacee.
Quel tabacco non aveva nulla in comune con il tabacco trinciato di
prima qualit che producono le manifatture francesi, ma Torres non
era pi difficile su questo punto come non lo era su altri. Egli batt
lacciarino, accese un po di quella sostanza vischiosa, conosciuta
sotto il nome di esca di formiche, che secernono certi imenotteri, e
accese la pipa.
Alla decima aspirazione, i suoi occhi si chiudevano, la pipa gli
sfuggiva dalle dita, ed egli si addormentava, o meglio cadeva in una
specie di torpore, che non era vero sonno.



CAPITOLO II
LADRO E DERUBATO
TORRES dormiva da circa mezzora, quando si ud un rumore sotto
gli alberi. Era un rumore di passi leggeri, come se qualche visitatore
avesse camminato a piedi nudi, prendendo certe precauzioni per non
essere udito. Mettersi in guardia contro ogni rumore sospetto sarebbe
stata la prima preoccupazione dellavventuriero, se i suoi occhi
fossero stati aperti in quel momento. Ma il rumore non era tale da
svegliarlo, e colui che avanzava pot giungere in sua presenza, a
dieci passi dallalbero, senza essere stato visto.
Non era un uomo, era un guarita.
Di tutte quelle scimmie a coda prensile che vivono nelle foreste
dellAlto Amazzone, i sabuis dalle forme graziose, i sajous cornuti, i
monos dal pelo grigio, i sagouins che hanno laria di portare una
maschera sulla faccia smorfiosa, il guariba senza dubbio il pi
originale. Di indole socievole, poco feroce, assai diverso in ci dal
mucura feroce e puzzolente, ama la compagnia e cammina per lo pi
a gruppi. La sua presenza viene segnalata da lontano da un concerto
di voci monotone, che assomiglia alle preghiere salmodiate dai
cantori. Ma se la natura non lha creato cattivo, non bisogna per
assalirlo senza prendere le dovute precauzioni. In ogni caso, come si
vedr, un viaggiatore addormentato sempre in pericolo, quando un
guariba lo sorprende in quello stato e non in grado di potersi
difendere.
Questa scimmia, che in Brasile porta anche il nome di barbado,
era di alta statura. Lagilit e il vigore delle sue membra la rendevano
un animale robusto, atto sia a lottare a terra sia a balzare di ramo in
ramo sulla cima dei giganteschi alberi della foresta.
Ma, in quel momento, la scimmia avanzava a piccoli passi, quasi
con prudenza. Lanciava occhiate a destra e a sinistra, agitando
rapidamente la coda. A questi rappresentanti della razza scimmiesca,
la natura non si accontentata di dare quattro mani - il che ne fa dei
quadrumani - si mostrata ancor pi generosa, e in verit hanno
cinque mani, poich lestremit della loro appendice caudale
possiede una perfetta capacit prensile.
Il guariba si avvicin senza far rumore, brandendo un solido
bastone che, maneggiato dal suo braccio robusto, poteva trasformarsi
in unarma pericolosa. Da alcuni minuti doveva aver scorto luomo
sdraiato ai piedi dellalbero, ma limmobilit del dormiente lo
indusse, senza dubbio, a venirlo a esaminare pi da vicino. Avanz
dunque non senza esitazione, e si ferm a tre passi da lui.
Sulla sua faccia barbuta si abbozz una smorfia che gli scopr i
denti aguzzi, di una bianchezza eburnea, e il suo bastone si agit in
modo poco rassicurante per il capitano dei boschi.
Certamente, la vista di Torres non ispirava a quel guariba delle
idee benevole. Aveva dunque delle ragioni tutte sue per voler male a
quellesemplare della razza umana che il caso gli metteva dinanzi
inerme? Forse! noto quanto certi animali conservino il ricordo dei
cattivi trattamenti ricevuti, e poteva darsi che questo avesse qualche
antico rancore verso gli scorridori dei boschi.
Infatti, soprattutto per gli indiani, la scimmia un tipo di
selvaggina da tenere in gran conto e, a qualsiasi specie appartenga, le
danno la caccia con tutto lardore di un Nemrod, non soltanto per il
piacere della caccia, ma anche per il gusto di mangiarla.
A ogni modo, se il guariba non parve disposto questa volta a
invertire le parti, se non arriv a dimenticare che la natura ha fatto di
lui un semplice erbivoro pensando a divorare il capitano dei boschi,
sembr almeno alquanto deciso ad annientare uno dei suoi nemici
naturali.
Quindi, dopo averlo guardato per alcuni istanti, il guariba
cominci a girare intorno allalbero. Camminava lentamente,
trattenendo il respiro, ma avvicinandosi sempre pi. Il suo
atteggiamento era minaccioso, la sua espressione feroce. Uccidere
con un colpo solo quelluomo immobile doveva essere per lui cosa
facilissima, e in quel momento la vita di Torres non era attaccata che
a un filo.
Infatti, il guariba si ferm una seconda volta vicinissimo
allalbero, si pose di fianco, in modo da dominare la testa del
dormiente, e alz il bastone per colpirlo.
Ma, se Torres era stato imprudente deponendo accanto a s, nel
cavo di una radice, lastuccio che conteneva il suo documento e la
sua fortuna, fu per altro questa imprudenza che gli salv la vita.
Un raggio di sole, cacciandosi fra i rami, colp lastuccio, il cui
metallo lucido risplendette come uno specchio. La scimmia, con la
frivolezza propria della sua specie, si distrasse immediatamente. I
suoi pensieri ammesso che un animale possa avere dei pensieri
seguirono subito un altro corso. Si abbass, prese lastuccio,
indietreggi di alcuni passi, e portandolo allaltezza degli occhi, lo
guard non senza stupore, facendolo scintillare. Forse, fu ancora pi
stupita quando ud risuonare le monete doro contenute in
quellastuccio. Questa musica la mand in estasi; fu come un balocco
nelle mani di un fanciullo. Poi se lo port alla bocca, ma i suoi denti
stridettero sul metallo, senza riuscire a intaccarlo.
Senza dubbio, il guariba credette di aver trovato qualche frutto di
una nuova specie, una nuova mandorla enorme tutta lucente, con un
nocciolo che si muovesse liberamente nel guscio. Ma se comprese
subito il proprio errore, non pens che fosse quella una ragione per
gettar via lastuccio; al contrario, lo strinse pi forte nella mano
sinistra, e lasci cadere il bastone, che, nella caduta, spezz un ramo
secco.
A questo rumore, Torres si svegli e, con la rapidit delle persone
sempre allerta, nelle quali il passaggio dallo stato di sonno allo stato
di veglia avviene senza transizione, fu subito in piedi.
Fu un baleno: Torres riconobbe con chi aveva a che fare.
Un guariba! esclam.
E brandendo la manchetta che aveva deposto presso di s si pose
sulla difensiva. La scimmia, spaventata, aveva subito indietreggiato,
e meno coraggiosa di fronte a un uomo sveglio che non dinanzi a un
uomo addormentato, con un rapido balzo si cacci sotto gli alberi.
Era ora! esclam Torres. Il furfante mi avrebbe ucciso
senza tanti complimenti.
A un tratto, fra le mani della scimmia, che si era fermata a una
ventina di passi e lo guardava facendo molte smorfie, come se avesse
voluto beffeggiarlo, vide il suo prezioso astuccio.
Furfante! esclam ancora. Se non mi ha ucciso, ha forse
fatto di peggio: mi ha derubato!
Il pensiero che lastuccio conteneva il suo denaro non lo
preoccup in un primo momento minimamente; ma quello che gli
fece dare un balzo fu il pensiero che lastuccio racchiudeva il
documento, la cui perdita, irreparabile per lui, avrebbe portato con s
la rovina di tutte le sue speranze.
Per mille diavoli! esclam.
E questa volta, volendo a ogni costo riprendere lastuccio, Torres
si lanci dietro il guariba.
Egli non si nascondeva che raggiungere quellagile animale non
era impresa facile. A terra, sarebbe fuggito troppo velocemente; fra i
rami, sarebbe fuggito troppo alto. Soltanto una schioppettata ben
diretta avrebbe potuto arrestarlo nella sua corsa o nel suo volo; ma
Torres non aveva armi da fuoco. La sua sciabola-pugnale e la sua
scure non avrebbero avuto la meglio sul guariba se non a patto di
colpirlo.
Divenne subito evidente che non avrebbe potuto raggiungere la
scimmia se non d sorpresa; di qui dunque la necessit per Torres di
gareggiare in astuzia con il furbo animale. Arrestarsi, nascondersi
dietro qualche tronco dalbero, scomparire in una macchia, eccitare il
guariba, sia a fermarsi, sia a tornare indietro: non cera altra via
duscita. quanto fece Torres, e linseguimento incominci in queste
condizioni; ma quando il capitano dei boschi scompariva, la scimmia
aspettava pazientemente che ricomparisse, e in questo modo Torres si
affaticava senza alcun risultato.
Maledetto guariba! esclam poco dopo. Non riuscir
mai a farcela, e pu ricondurmi in questo modo fino alla frontiera
brasiliana! Se almeno lasciasse andare il suo astuccio! Ma no! Il
tintinnio delle monete doro lo diverte! Ah, ladro! se riesco ad
acciuffarti!
E Torres riprendeva il suo inseguimento, e la scimmia se la
svignava con rinnovato ardore.
Trascorse unora in queste condizioni, senza raggiungere alcun
risultato. Torres ci metteva unostinazione pi che naturale; come
avrebbe infatti potuto batter moneta senza quel documento?
La collera si impadron di Torres. Bestemmiava, picchiava il
terreno con il piede, minacciava il guariba, ma il beffardo animale
non rispondeva se non con un ghigno che lo faceva uscire di s.
Allora, Torres ricominciava linseguimento. Correva a perdifiato,
inciampando in quelle alte erbe, in quei fitti cespugli, in quelle liane
intrecciate, attraverso le quali il guariba passava come un corridore.
Grosse radici, nascoste sotto le erbe, sbarravano talvolta i sentieri.
Inciampava, cadeva, si rialzava, e finalmente si mise a gridare:
Dalli, dalli! al ladro! come se avesse potuto farsi sentire.
Poco dopo, sfinito, con il fiato mozzo, fu costretto a fermarsi.
Per mille diavoli! disse. Quando inseguivo i negri
fuggiaschi attraverso le macchie, faticavo meno! Ma la raggiunger,
quella scimmia maledetta! Camminer, si!, camminer finch le
gambe potranno portarmi, e la vedremo!
Il guariba era rimasto immobile, vedendo che lavventuriero
aveva cessato linseguimento. Riposava esso pure, bench fosse
lontano dallessere giunto a quel grado di sfinimento che impediva
ogni movimento a Torres.
Rimase cos per dieci minuti rosicchiando due o tre radici che
aveva raccolto a fior di terra, e faceva, ogni tanto, tintinnare
lastuccio vicino al proprio orecchio.
Torres, esasperato, gli gett dei sassi, che lo colpirono, ma senza
recargli gran danno a quella distanza.
Bisognava, per altro, prendere una decisione. Da una parte,
continuare a inseguire la scimmia, con cos poche possibilit di
poterla raggiungere, era insensato; dallaltra, accettare come
definitiva questa risposta della sorte a tutti i suoi progetti, essere non
soltanto vinto, ma deluso e gabbato da uno sciocco animale, era
tragico.
Tuttavia, Torres doveva ammetterlo, una volta calate le tenebre, il
ladro sarebbe scomparso senza fatica, e lui, il derubato, si sarebbe
trovato per di pi nei guai per ritrovare la strada in quella fitta
foresta. Infatti, linseguimento lo aveva condotto a molte miglia dalle
sponde del fiume, ed era per lui cosa gi difficile ritornarvi.
Torres esit, cerc di radunare le proprie idee con freddezza, e,
finalmente, dopo essere uscito in unultima imprecazione, stava per
abbandonare la speranza di rientrare in possesso del suo astuccio
quando, pensando ancora, suo malgrado, a quel documento, a tutto
quellavvenire fondato sulluso che contava di farne, pens che
doveva fare un ultimo tentativo.
Quindi si rialz, e altrettanto fece il guariba.
Avanz di alcuni passi. La scimmia indietreggi in ugual misura;
ma questa volta, invece di cacciarsi pi profondamente nella foresta,
si ferm ai piedi di un enorme fico, albero le cui varie specie sono
numerose in tutto il bacino dellAlto Amazzone.
Afferrare il tronco con le quattro mani, arrampicarsi con
lincredibile agilit di un clown, aggrapparsi con la coda prensile ai
primi rami stesi orizzontalmente a quaranta piedi da terra, poi issarsi
sulla vetta dellalbero, fino al punto in cui gli ultimi rami si
piegavano sotto il suo peso, non fu che un gioco per lagile guariba,
e cosa di pochi istanti.
L, seduto a suo agio, continu il pasto interrotto, cogliendo i
frutti che si trovavano a portata delle sue mani. Certamente, anche
Torres avrebbe avuto gran bisogno di bere e di mangiare, ma era
impossibile! La sua bisaccia era vuota, e la sua fiaschetta pure!
Invece di ritornare indietro, si diresse verso lalbero, bench la
posizione presa dalla scimmia fosse per lui ancor pi sfavorevole.
Non poteva pensare minimamente di arrampicarsi sui rami di quel
fico che il suo ladro avrebbe immediatamente abbandonato per un
altro.
E linafferrabile astuccio continuava a risuonare al suo orecchio!
Nel suo furore, nella sua follia, Torres arriv addirittura ad
apostrofare il guariba. impossibile riferire di quali invettive
gratific la scimmia. La chiam, non solo meticcio, che gi una
grave ingiuria in bocca a un brasiliano di razza bianca, ma anche
curiboca, cio meticcio di negro e dindiano! Ora, di tutti gli insulti
che un uomo pu rivolgere a un altro, non ve n certamente uno pi
crudele sotto quella latitudine equatoriale.
Ma la scimmia, che non era che un semplice quadrumane, si
faceva beffe di tutto quanto avrebbe fatto infuriare un rappresentante
della specie umana.
Allora, Torres ricominci a gettare sassi, pezzi di radici, tutto
quello che gli poteva servire come proiettile. Sperava forse di ferire
in modo grave la scimmia? No! Non sapeva pi quel che si facesse.
A dire il vero, la rabbia per la propria impotenza gli impediva di
ragionare. Forse, sper per un istante che, in un movimento del
guariba per passare da un ramo allaltro, lastuccio gli sfuggisse
oppure che, per non mostrarsi da meno del suo aggressore, gli
venisse in mente di gettarglielo sulla testa! Ma no! La scimmia ci
teneva a conservare lastuccio, e mentre lo stringeva con una mano,
gliene rimanevano ancora tre per muoversi.
Torres, disperato, stava per abbandonare definitivamente la partita
e ritornare verso il Rio delle Amazzoni, quando si udirono delle voci.
S! alcune voci umane.
Parlavano a una ventina di passi dal luogo in cui si era fermato il
capitano dei boschi.
Prima cura di Torres fu di nascondersi in una fitta macchia. Da
uomo prudente, non voleva mostrarsi senza sapere almeno con chi
avesse a che fare. Palpitante, assai impacciato, con lorecchio teso,
aspettava, quando, improvvisamente, echeggi uno sparo di arma da
fuoco.
Poi si ud un grido, e la scimmia, mortalmente colpita, cadde a
terra, tenendo sempre in mano lastuccio di Torres.
Diavolo! esclam. Ecco una palla che giunta in tempo!
E questa volta, senza darsi pensiero di essere visto, usc dalla
macchia, quando due giovani apparvero sotto gli alberi.
Erano brasiliani, vestiti da cacciatori, con stivali di cuoio, cappello
leggero di fibra di palma, abito, o meglio camiciotto stretto alla
cintola, e pi comodo del puncho nazionale. Dai loro lineamenti e dal
loro colore, si sarebbe riconosciuto facilmente che appartenevano
alla razza portoghese.
Ognuno di loro era armato di uno di quei fucili a canna lunga di
marca spagnola, che ricordano un po le armi arabe, fucili a lunga
portata, di notevole precisione, che i frequentatori delle foreste
dellAlto Amazzone maneggiano con grande facilit.
Quanto era accaduto ne era una prova. A una distanza in
diagonale di pi di ottanta passi, il quadrumane era stato colpito da
una palla nel mezzo della fronte.
Inoltre, i due giovani portavano alla cintola una specie di coltello-
pugnale, che si chiama in Brasile foca, e di cui i cacciatori non
esitano a servirsi per assalire la onga e altre belve che, se non
ferocissime, almeno sono alquanto numerose in quelle foreste.
Evidentemente, Torres non aveva nulla da temere da
quellincontro, e continu a correre verso il corpo della scimmia. Ma
i giovani, che avanzavano nella medesima direzione, avevano meno
strada da percorrere, ed essendosi avvicinati di alcuni passi, si
trovarono quasi subito di fronte a Torres.
Questi aveva ritrovato la sua presenza di spirito.
Grazie! signori disse loro allegramente sollevando la falda
del cappello. Mi avete reso un servizio ammazzando questo brutto
animale!
I cacciatori si scambiarono unocchiata, non comprendendo il
perch di quei ringraziamenti.
Torres, in poche parole, li inform della situazione.
Credete di non aver ucciso che una scimmia disse loro e
in verit avete ucciso un ladro.
Se vi siamo stati utili rispose il pi giovane dei due
certamente, lo siamo stati senza saperlo; ma non siamo per questo
meno contenti di avervi agevolato in qualche cosa.
E, dopo essere indietreggiato di alcuni passi, si curv sul guariba,
poi, non senza un certo sforzo, strapp lastuccio dalla sua mano
ancora chiusa.
Ecco, senza dubbio, disse ci che vi appartiene, signore!
Appunto, rispose Torres, che prese con prontezza lastuccio,
e non pot trattenere un enorme sospiro di sollievo. Chi devo
ringraziare, signori, aggiunse del servizio che mi stato reso?
Il mio amico Manoel, aiutante maggiore medico nellesercito
brasiliano rispose il giovane.
Sono io che ho sparato contro questa scimmia, fece
osservare Manoel ma sei tu che me lhai indicata, mio caro
Benito.
In questo caso, signori, soggiunse Torres devo questo
servizio a entrambi, tanto al signor Manoel quanto al signor?
Benito Garral rispose Manoel.
Il capitano dei boschi ebbe bisogno di una grande forza danimo
per non sussultare nelludire questo nome, soprattutto quando il
giovane aggiunse cortesemente:
La fattoria di mio padre, J oam Garral, non che a tre miglia da
qui.
3
Se volete, signor
Torres rispose lavventuriero.
Se volete venirci, signor Torres, vi sarete accolto con ospitalit.
Non so se posso! rispose Torres che, stupito di
quellincontro inaspettato, esitava a prendere una decisione. Temo
davvero di non poter accettare la vostra offerta! Lincidente che vi
ho narrato mi ha fatto perdere tempo! Bisogna che ritorni subito
verso il Rio delle Amazzoni che conto di scendere fino a Para
Ebbene, signor Torres, soggiunse Benito probabilmente
ci rivedremo sul suo corso perch fra un mese, mio padre e tutta la
famiglia prenderanno la vostra stessa strada.
Ah! disse vivamente Torres vostro padre pensa di
ripassare la frontiera brasiliana?
S, per un viaggio di alcuni mesi rispose Benito. Almeno
speriamo dindurvelo. Non vero, Manoel?
Manoel accenn di si con il capo.
Ebbene, signori, rispose Torres possibile, infatti, che ci
ritroveremo per strada. Ma non posso, con mio rammarico, accettare
il vostro invito in questo momento. Ve ne ringrazio lo stesso, e mi
considero doppiamente obbligato verso di voi.
Ci detto, Torres salut i giovani che, ricambiato il saluto,
ripresero la strada verso la fattoria. .

3
Le misure itinerarie, in Brasile, sono il piccolo miglio, che vale duemilasessanta
metri, e la lega comune o grande miglio, che vale seimilacentottanta metri. (N.d.A.)
Quanto a lui, li guard allontanarsi, poi, quando li ebbe perduti di
vista, disse con voce sorda: Ah! egli ripasser la frontiera! La
ripassi dunque, e sar maggiormente in mio potere. Buon viaggio,
J oam Garral!
E, pronunciate queste parole, il capitano dei boschi, dirigendosi
verso sud, in modo da giungere alla riva sinistra del fiume per la via
pi corta, scomparve nella fitta foresta.
CAPITOLO III
LA FAMIGLIA GARRAL
IL VILLAGGIO di Iquitos posto presso la riva sinistra del Rio delle
Amazzoni, pressa poco sul 74 meridiano, in quella parte del grande
fiume che porta ancora il nome di Maranon, e il cui letto separa il
Per dalla Repubblica dellEcuador, a cinquantacinque leghe a ovest
della frontiera brasiliana.
Iquitos stato fondato dai missionari, come tutti quegli
agglomerati di case, di casolari e di piccole borgate, che sincontrano
lungo il bacino del Rio delle Amazzoni. Fino al 1817 circa, gli
indiani Iquitos, che ne formarono per poco tempo lunica
popolazione, si erano portati nellinterno della provincia, piuttosto
lontano dal fiume. Ma un giorno le sorgenti del loro territorio
inaridirono per uneruzione vulcanica, ed essi furono costretti a
spostarsi sulla sinistra del Maranon. La razza in breve tempo perse la
sua purezza, a causa dei matrimoni contratti con gli indiani
rivieraschi, Ticunas od Omaguas, e oggi Iquitos non conta pi che
una popolazione mista, alla quale bisogna aggiungere alcuni spagnoli
e due o tre famiglie di meticci.
Una quarantina di capanne, alquanto misere, che solo per il loro
tetto di paglia possono considerarsi tali: ecco tutto il villaggio,
disposto in modo molto pittoresco, del resto, sopra una spianata che
domina da una sessantina di piedi le rive del fiume. Vi si accede con
una scala di tronchi trasversali, e il paese si nasconde agli occhi del
viaggiatore, fino a che questi non labbia salita perch gli manca la
possibilit di vederlo da una certa distanza. Ma, giunti in cima, ci si
trova dinanzi a un recinto poco solido formato di arbusti di varie
specie e di piante arboree unite da cordoni di liane, su cui si ergono
qua e l palme e banani delle specie pi eleganti.
A quel tempo - e senza dubbio la moda tarder ancora un pezzo a
modificare il loro costume primitivo - gli indiani di Iquitos andavano
quasi nudi. Soltanto gli spagnoli e i meticci, che disprezzavano i loro
concittadini indigeni, indossavano una semplice camicia, leggeri
calzoni di cotone, e portavano sul capo un cappello di paglia. Tutti
vivevano assai miseramente in quel villaggio; del resto legavano
poco fra loro, e se talvolta si riunivano, questo avveniva solo nelle
ore in cui la campana della Missione li chiamava nella capanna
malandata che serviva da chiesa.
Ma, se lesistenza era quasi primitiva nel villaggio di Iquitos,
come nella maggior parte dei casolari dellAlto Amazzone, sarebbe
bastato percorrere una lega, scendendo il fiume, per incontrare sulla
medesima riva una ricca costruzione, dove si trovavano tutti i
comfort per una vita piacevole.
Era la fattoria di J oam Garral, verso la quale ritornavano i due
giovani, dopo il loro incontro con il capitano dei boschi.
L, sopra un gomito del fiume, nel punto di confluenza con il Rio
Nanay, largo cinquecento piedi, era stata costruita, molti anni prima,
quella fattoria, quella cascina, o per usare lespressione del paese,
quella fazenda, allora in piena prosperit. Il Nanay la limitava a nord
con la sua riva destra per circa un piccolo miglio, e per uguale
lunghezza; a est, seguiva la riva del grande fiume; a ovest, dei piccoli
corsi dacqua, tributari del Nanay e alcune lagune di media
estensione la separavano dalla savana e dalle praterie, riservate al
pascolo del bestiame.
Era l che J oam Garral, nel 1826, - ventisei anni prima dellepoca
in cui comincia questa storia - fu accolto dal proprietario della
fazenda.
Quel portoghese, chiamato Magalhas, non esercitava altra attivit
se non quella di sfruttare i boschi del paese, e la sua propriet,
costruita da poco tempo, non occupava allora che mezzo miglio sulla
riva del fiume.
Nella fazenda, Magalhas, ospitale come tutti i portoghesi della
vecchia razza, viveva con sua figlia Yaquita, che, dopo la morte di
sua madre, aveva preso la direzione della casa. Magalhas era un
buon lavoratore, infaticabile, ma ignorante. Se era abile nel guidare
nel lavoro i pochi schiavi che possedeva e la dozzina di indiani che
assumeva a giornata, non era per nulla capace di condurre in porto le
diverse operazioni del suo commercio. Perci, proprio per questa sua
incapacit, lazienda di Iquitos non prosperava, e gli affari del
negoziante portoghese erano alquanto compromessi.
Fu in questo particolare frangente che J oam Garral, che aveva
ventidue anni, conobbe Magalhas. Era giunto nel paese sfinito e
privo di mezzi. Magalhas lo aveva trovato mezzo morto di fame e di
stanchezza nella vicina foresta. Quel portoghese era di una generosit
illimitata. Non domand allo sconosciuto donde venisse, gli chiese
solo che cosa gli occorresse. Laspetto nobile e fiero di J oam Garral,
nonostante il suo sfinimento, lo aveva commosso. Lo raccolse, lo
cur, e gli offr per qualche giorno quellospitalit che in seguito
doveva durare per tutta la sua vita.
Ecco in quali circostanze J oam Garral venne accolto nella fattoria
di Iquitos.
Brasiliano di nascita, J oam Garral era senza famiglia, privo di
ricchezze. Alcuni dispiaceri, diceva lui, lo avevano costretto a
espatriare abbandonando ogni idea di ritorno. Chiese al suo ospite il
permesso di non dare ulteriori spiegazioni sulle sue sciagure passate -
sciagure gravi quanto immeritate. Ci che egli cercava, ci che egli
voleva, era una vita nuova, una vita di lavoro. Si era messo in
viaggio senza meta, con la sola intenzione di stabilirsi in qualche
fazenda dellinterno. Era istruito, intelligente, e il suo aspetto serio e
dignitoso rivelava in lui lindole delluomo sincero, il cui animo
limpido e retto. Magalhas, completamente affascinato, gli offr di
rimanere alla fattoria, dove egli poteva portare ci che mancava
allonesto proprietario.
J oam Garral accett senza esitazioni. Pensava in un primo
momento di entrare in un seringal, stabilimento per la lavorazione
del caucci, dove un capace operaio guadagnava a quel tempo cinque
o sei piastre
4
il giorno, e poteva sperare di diventare proprietario se la
fortuna lo avesse aiutato un poco; ma Magalhas gli fece giustamente
osservare che, se la paga era buona, non si trovava lavoro nei
seringal se non nel periodo della raccolta, cio per pochi mesi
soltanto, la qual cosa non poteva essergli di aiuto al conseguimento

4
Circa trenta franchi, paga che ascendeva un tempo a cento franchi. (N.d.A.)
di quella stabile posizione che desiderava raggiungere.
Il portoghese aveva ragione. J oam Garral lo comprese, ed entr
risolutamente al servizio della fazenda, deciso a dedicarle ogni suo
sforzo.
Magalhas non ebbe da pentirsi della sua retta decisione. Gli affari
si rinfrancarono, il commercio di legname che, lungo il Rio delle
Amazzoni, si estendeva fino a Para, ebbe in breve, sotto limpulso di
J oam Garral, un grande sviluppo. La fazenda non tard a ingrandirsi
e si estese sulla riva del fiume fino alla foce del Nanay. Ledificio,
adibito ad abitazione, venne trasformato in una graziosa casa rialzata
di un piano e circondata da una veranda seminascosta sotto begli
alberi: mimose, fichi sicomori, bauhinie, paullinie, il cui tronco
scompariva sotto una fitta siepe di bromelie dai fiori scarlatti e di
liane intrecciate.
A una certa distanza, dietro cespugli giganteschi, sotto gruppi di
alberi, si nascondeva tutto linsieme delle costruzioni in cui abitava il
personale della fazenda, le rimesse, le capanne dei negri e degli
indiani. Perci dalla riva del fiume, coperta di canne e di piante
acquatiche, non si vedeva che la casa padronale.
Unampia prateria, accuratamente dissodata lungo le lagune,
offriva degli ottimi pascoli. Il bestiame vi abbond, e costitu un
nuovo cespite di notevoli guadagni in quelle ricche regioni, dove un
gregge si raddoppia in quattro anni, dando il dieci per cento
dinteresse soltanto con la vendita della carne e delle pelli degli
animali macellati per il fabbisogno degli allevatori. Alcuni sitios, o
piantagioni di manioca e di caff, furono iniziati nelle parti della
foresta gi disboscate. La coltivazione della canna da zucchero
richiese in breve tempo la costruzione di un molino per la
macinazione dei fusti saccariferi, destinati alla fabbricazione della
melassa, del tafia e del rum. Insomma, dieci anni dopo larrivo di
J oam Garral alla fattoria di Iquitos, la fazenda era diventata uno dei
pi ricchi centri produttivi dellAlto Amazzone, e, grazie alloculata
cura che il giovane poneva nel dirigere i lavori interni e gli affari, la
sua prosperit aumentava ogni giorno.
Non trascorse molto tempo e il portoghese riconobbe che la nuova
prosperit era dovuta a J oam Garral e, per ricompensarlo equamente,
dapprima gli concesse uninteressenza sui proventi del suo
commercio, poi, quattro anni dopo il suo arrivo, lo associ alla pari.
Ma i suoi desideri erano altri. Yaquita, sua figlia, aveva saputo
cogliere come lui in quel giovanotto silenzioso, comprensivo con gli
altri, intransigente con se stesso, delle positive qualit di cuore e di
animo. Ella lo amava; ma bench, da parte sua, J oam non fosse
rimasto insensibile alle doti e alla bellezza di quella gentile fanciulla,
sia per fierezza, sia per riservatezza, non sembrava intenzionato a
chiederla in sposa.
Un grave incidente fece precipitare le cose.
Magalhas, un giorno, mentre stava sovraintendendo a un taglio,
fu mortalmente ferito dalla caduta di un albero. Fu riportato quasi
immobile alla fattoria e, sentendosi venir meno le forze, rialz
Yaquita che piangeva al suo fianco, le prese la mano e la mise in
quella di J oam Garral, facendogli giurare di sposarla.
Tu hai ripristinato il mio patrimonio disse e io non morr
tranquillo se non quando, grazie a questa unione, sapr che il futuro
di mia figlia assicurato!
Posso rimanere suo servitore devoto, suo fratello, suo
protettore, senza essere suo marito, aveva risposto dapprima J oam
Garral. Vi debbo tutto, Magalhas, non lo dimenticher mai; e la
ricompensa con cui volete premiare i miei sforzi superiore al loro
merito!
Il vecchio non si era dato per vinto. La morte non gli permetteva
di attendere, egli volle una promessa, che gli venne fatta.
Yaquita aveva allora ventidue anni, J oam ne aveva ventisei;
entrambi si amavano, e si sposarono alcune ore prima che Magalhas
spirasse, il quale ebbe ancora la forza di benedire la loro unione.
Fu in seguito a queste circostanze che nel 1830 J oam Garral
divenne il nuovo fazendero di Iquitos, con grande soddisfazione di
tutto il personale della fattoria.
La prosperit dellazienda non poteva che aumentare grazie a quei
due spiriti riuniti in una sola persona.
Un anno dopo il matrimonio, Yaquita diede alla luce un figlio, e
due anni dopo, una figlia. Benito e Minha, i nipoti del vecchio
portoghese, dovevano essere degni del nonno, veri figli di J oam e di
Yaquita.
La giovinetta si fece graziosa. Ella non lasci la fazenda. Fu
allevata in quel luogo salubre sotto tutti gli aspetti, in mezzo a quella
lussureggiante natura delle regioni tropicali, e leducazione che le
impart sua madre, e listruzione che ricevette da suo padre le
bastarono.
Che cosa avrebbe imparato di pi in un convento di Manao o di
Blem? Dove avrebbe trovato esempi migliori di tutte le virt
familiari? Il suo animo e il suo cuore si sarebbero forse formati pi
delicatamente lontano dalla casa paterna? Se il destino non le
riservava di succedere a sua madre nellamministrazione della
fazenda, ella sarebbe stata nel futuro allaltezza di qualsiasi
condizione.
Quanto a Benito le cose andarono diversamente. Suo padre volle,
con ragione, che ricevesse uneducazione accurata e completa, quale
si impartiva allora nelle grandi citt del Brasile. Del resto il ricco
fazendero non poteva rifiutare nulla a suo figlio. Benito possedeva
delle buone inclinazioni naturali, un cervello aperto, unintelligenza
viva, delle qualit di cuore uguali a quelle del suo animo. Allet di
dodici anni fu mandato a Para, a Blem, e l, sotto la direzione di
capaci professori, egli trov gli elementi di uneducazione che
doveva fare di lui, pi tardi, un uomo distinto. Nulla gli rimase
ignoto di quanto riguardava le lettere, le scienze e le arti. Si istru
come se la ricchezza di suo padre non gli permettesse di rimanere
ozioso. Non apparteneva alla schiera di coloro che immaginano che
la ricchezza dispensi dal lavoro, ma era di quegli spiriti validi, saldi e
retti, che credono che nessuno debba sottrarsi a questo naturale
dovere, se vuol essere degno del nome di uomo.
Durante i primi anni del suo soggiorno a Blem, Benito aveva
conosciuto Manoel Valdez. Questo giovane, figlio di un negoziante
di Para, studiava nel medesimo istituto di Benito. La identit dei loro
caratteri e dei loro gusti non tard a unirli in una stretta amicizia, e
divennero cos due inseparabili amici.
Manoel, nato nel 1832, era maggiore di un anno di Benito. Non
aveva al mondo che sua madre, la quale viveva del modesto
patrimonio che le aveva lasciato il marito. Cos Manoel, dopo che
ebbe portato a termine gli studi medi, si iscrisse ai corsi di medicina.
Aveva una grande inclinazione per questa nobile professione, ed era
suo disegno entrare nellesercito, verso cui si sentiva attratto.
Nel tempo in cui lo abbiamo incontrato in compagnia di Benito,
Manoel Valdez aveva gi ottenuto la sua prima nomina, ed era
venuto a passare alcuni mesi di congedo alla fazenda, dove aveva
labitudine di trascorrere le vacanze. Quel giovanotto di bellaspetto,
dai tratti distinti e fieri che gli donavano, era considerato come un
figlio da J oam e da Yaquita. Ma se lessere considerato come un
figlio faceva di lui il fratello di Benito, questa qualifica gli era
insufficiente nei confronti di Minha, verso la quale il giovane si sent
presto attratto da un sentimento pi profondo di quello che unisce un
fratello a una sorella.
Nel 1852 - di cui quattro mesi erano gi trascorsi dallinizio di
questa storia - J oam Garral aveva quarantotto anni. Sotto un clima
torrido che logora assai presto, egli aveva saputo, con la sobriet, con
la parsimonia dei gusti, con il suo modo di vita, tutto di lavoro,
resistere l dove gli altri si arrendevano anzi tempo. I capelli corti, la
barba intera, cominciavano ormai a incanutire, e gli conferivano
laspetto di un puritano. Lonest proverbiale dei negozianti e dei
fazenderi brasiliani era dipinta sul suo volto, di cui la rettitudine era
la caratteristica peculiare. Bench di temperamento tranquillo, si
intuiva in lui una specie di focosit che la volont sapeva dominare.
La limpidezza del suo sguardo indicava una forza vivace, cui egli
non doveva mai rivolgersi invano quando si trattava di dar prova di
valore.
Eppure, in questuomo tranquillo, dal sistema nervoso saldo, cui
tutto sembrava riuscire nella vita, si poteva notare un fondo di
tristezza che i teneri sentimenti della stessa Yaquita non avevano
saputo annullare.
Perch questuomo giusto, rispettato da tutti, posto in tutte le
condizioni che dovrebbero assicurare la felicit, non la palesava
apertamente? Perch mai sembrava che non potesse essere felice se
non di riflesso negli altri? Bisognava attribuire tale stato danimo a
un segreto dolore? Era questo un motivo di costante inquietudine per
sua moglie.
Yaquita aveva allora quarantaquattro anni. In quel paese tropicale,
dove le donne sono vecchie a trentanni, ella aveva saputo resistere
alle influenze logoranti di quel clima. I suoi lineamenti, un po
induriti ma ancora belli, conservavano quel fiero tratto del tipo
portoghese, nel quale la nobilt del viso si unisce cos naturalmente
alla dignit dellanima.
Benito e Minha contraccambiavano con un affetto senza limiti e in
ogni momento lamore dei loro genitori.
Benito aveva allora ventun anni; vivace, coraggioso, simpatico,
espansivo, si differenziava in ci dal suo amico Manoel, pi grave,
pi pensoso. Era stata una immensa gioia per Benito, dopo tutto un
anno trascorso a Blem, cos lontano dalla fazenda, essere ritornato
con il suo giovane amico nella casa paterna, aver riveduto suo padre,
sua madre, sua sorella, essersi ritrovato, da cacciatore accanito che
era, in mezzo a quelle stupende foreste dellAlto Amazzone di cui
luomo, per lunghi secoli ancora, non riuscir a penetrare tutti i
segreti.
Minha aveva allora ventanni. Era una graziosa fanciulla, bruna,
con grandi occhi azzurri, di quegli occhi che rispecchiano lanima. Di
media statura, ben fatta, una grazia vivente, ella ricordava le perfette
fattezze di Yaquita. Un po pi seria di suo fratello, buona,
caritatevole, benevola, era amata da tutti. A questo proposito si
potevano interrogare senza timore i pi umili servi della fazenda.
Per, non bisognava chiedere allamico di suo fratello, a Manoel
Valdez, che cosa gliene sembrasse: era troppo interessato nella
questione e non avrebbe risposto con imparzialit.
La descrizione della famiglia Garral non sarebbe completa, le
mancherebbero alcuni particolari, se non si parlasse del numeroso
personale della fazenda.
Prima di tutti, doveroso parlare di una vecchia negra di
sessantanni, Cibele, libera per la volont del padrone, schiava per
laffetto che portava a lui e ai suoi, e che era stata la nutrice di
Yaquita. Ella era di famiglia, dava del tu alla figlia e alla madre.
Tutta la vita di quella buona creatura era trascorsa in quei campi, in
mezzo a quelle foreste, su quella riva del fiume, che limitavano
lorizzonte della fattoria. Venuta fanciulla a Iquitos, nel tempo in cui
la tratta dei negri era ancora in atto, ella non aveva mai lasciato quel
villaggio, vi si era maritata e, rimasta vedova assai giovane, avendo
perduto lunico figlio, era rimasta al servizio di Magalhas. Del Rio
delle Amazzoni, non conosceva se non il tratto che passava dinanzi ai
suoi occhi.
Con lei, e addetta in modo particolare alle cure di Minha, cera
una graziosa e allegra mulatta, coetanea della giovinetta, e che le era
molto affezionata. Si chiamava Lina. Era una di quelle gentili
creature, un po viziate, cui si accorda una grande familiarit, ma
che, in compenso, adorano le loro padrone. Vivace, irrequieta,
affettuosa, furba, in casa le era permesso tutto.
Quanto ai servi, se ne contavano di due specie: gli indiani, circa
un centinaio, stipendiati per i lavori della fazenda, e i negri, circa il
doppio, che non erano ancora liberi, ma i cui figli non nascevano pi
schiavi. J oam Garral aveva preceduto su questa via il governo
brasiliano.
In quel paese, del resto, pi che in ogni altro, i negri venuti dal
Benguela, dal Congo, dalla Costa dOro, furono sempre trattati con
umanit, e non certo alla fazenda di Iquitos si sarebbero dovuti
cercare quei tristi esempi di crudelt cos frequenti nelle piantagioni
straniere.
CAPITOLO IV
INCERTEZZE
MANOEL amava la sorella del suo amico Benito, e la giovinetta
ricambiava il suo affetto. Entrambi avevano potuto apprezzarsi;
erano veramente degni luno dellaltra.
Quando cap di non ingannarsi circa la natura dei sentimenti che
provava per Minha, Manoel ne aveva prima di tutto parlato a Benito.
Amico Manoel, aveva subito risposto il focoso giovanotto
hai proprio ragione di voler sposare mia sorella! Lasciami fare!
Comincer col parlarne a mia madre, e credo di poterti promettere
che il suo consenso non si far aspettare!
Mezzora dopo era fatto. Benito non aveva avuto nulla da rivelare
a sua madre: la buona Yaquita aveva letto prima di loro nel cuore dei
due giovani.
Dieci minuti dopo, Benito era di fronte a Minha. Bisogna
ammettere che anche in quelloccasione non ebbe bisogno di fare
grande sfoggio di eloquenza. Alle prime parole, la testa della
graziosa fanciulla si curv sulla spalla del fratello, e le usc dal cuore
questa confessione: Quanto sono contenta!
La risposta precedeva quasi la domanda, ed era chiara. Benito non
domand altro.
Quanto al consenso di J oam Garral, non potevano esservi dubbi.
Ma se Yaquita e i suoi figli non gli parlarono subito di questo
progetto di nozze, perch, con il problema del matrimonio,
volevano trattare una questione che poteva essere pi difficile da
risolvere: era quella del luogo in cui il matrimonio sarebbe stato
celebrato.
Infatti, dove lo si sarebbe celebrato? In quella modesta capanna
del villaggio che serviva da chiesa? Perch no? poich l J oam
Garral e Yaquita avevano ricevuto la benedizione nuziale da padre
Passanha che allora era il curato della parrocchia di Iquitos. In quel
tempo, come ai nostri giorni, in Brasile latto civile aveva lo stesso
valore dellatto religioso, e i registri della Missione erano sufficienti
per rilevare la regolarit di una situazione che nessun ufficiale dello
stato civile era stato incaricato di accertare.
J oam Garral avrebbe probabilmente desiderato che il matrimonio
si celebrasse nel villaggio di Iquitos, con grande sfarzo, con il
concorso di tutto il personale della fazenda; ma se tale era il suo
pensiero, doveva subire a questo proposito un vigoroso assalto.
Manoel aveva detto la giovinetta al fidanzato se dovessi
venir consultata, non sarebbe qui, ma a Para che ci sposeremmo. La
signora Valdez sofferente, non pu venire a Iquitos, e non vorrei
diventare sua figlia senza essere da lei conosciuta e senza conoscerla.
Mia madre la pensa come me, per vorremmo convincere mio padre
a condurci a Blem, da colei la cui casa deve essere fra poco la mia!
Siete del mio stesso parere?
A questa proposta, Manoel aveva risposto stringendo la mano a
Minha. Anchegli desiderava grandemente che sua madre assistesse
alla cerimonia nuziale. Benito aveva approvato quel progetto senza
riserve, e non rimaneva che convincere J oam Garral.
E se, quel giorno, i due giovani erano andati a caccia nella foresta,
era per lasciare Yaquita sola con il marito.
Entrambi, nel pomeriggio, si trovavano dunque nel salone.
J oam Garral, da poco rientrato in casa, era semisdraiato sopra un
divano-di bamb finemente intrecciati, quando Yaquita, un po
commossa, venne a sedersi accanto a lui.
Manifestare a J oam quali fossero i sentimenti di Manoel per sua
figlia non la turbava. La felicit di Minha non poteva che essere
assicurata con quel matrimonio; e J oam sarebbe stato felice di aprire
le braccia a quel nuovo figlio, di cui conosceva e apprezzava le
qualit positive. Ma indurre suo marito a lasciare la fazenda, Yaquita
sapeva bene che doveva essere unimpresa alquanto difficile.
Infatti, da quando J oam Garral, ancora giovane, era giunto nel
paese, non se ne era mai allontanato, nemmeno un giorno. Bench la
vista del Rio delle Amazzoni con le sue acque scorrenti dolcemente
verso est lo invitasse a seguire il suo corso, bench J oam mandasse
ogni anno dei traini di buoi a Manao, a Blem, al litorale del Para,
bench avesse visto, tutti gli anni, Benito partire, dopo le vacanze,
per ritornare ai suoi studi, non sembrava essergli mai venuto in
mente di accompagnarlo.
I prodotti della fattoria, quelli della foresta e dei campi, il
fazendero li vendeva sul posto. Avreste detto che lorizzonte che
limitava quelleden nel quale si concentrava la sua vita, egli non
volesse valicarlo, n con il pensiero n con lo sguardo.
Ne seguiva che, se da venticinque anni J oam Garral non aveva
mai valicato la frontiera del Brasile, sua moglie e sua figlia non
avevano mai messo piede in terra brasiliana. Eppure, nutrivano un
vivo desiderio di conoscere un po quel bel paese, di cui Benito
parlava spesso! Due o tre volte Yaquita aveva interrogato suo marito
in proposito, ma aveva visto che il pensiero di lasciare la fazenda,
non fosse che per poche settimane, imprimeva sulla fronte di lui una
maggiore tristezza. I suoi occhi allora si velavano, e con accento di
dolce rimprovero:
Perch lasciare la nostra casa? Non siamo forse felici qui?
rispondeva.
E Yaquita, dinanzi a quelluomo, la cui bont, la cui inalterabile
tenerezza la rendevano felice, non osava insistere.
Questa volta, nondimeno, vi era una ragione seria da far valere. Il
matrimonio di Minha era unoccasione naturalissima di condurre la
giovinetta a Blem, dove doveva abitare con suo marito.
L, ella avrebbe visto, avrebbe imparato ad amare la madre di
Manoel Valdez. Come mai J oam Garral avrebbe potuto esitare
dinanzi a un desiderio cos legittimo? Come mai, daltra parte, non
avrebbe compreso il suo stesso desiderio di conoscere la donna che
doveva essere una seconda madre per sua figlia, e come mai non lo
avrebbe condiviso pure lui?
Yaquita aveva preso la mano di suo marito, e con quella voce
affettuosa che era stata lunica musica della vita di quel rude
lavoratore:
J oam, disse ti devo parlare di un progetto di cui
desideriamo ardentemente la realizzazione e che ti render felice
quanto noi Io siamo, i nostri figli e io.
Di che si tratta, Yaquita? domand J oam.
Manoel ama nostra figlia, ne riamato, e in questo matrimonio
essi troveranno la felicit
Alle prime parole di Yaquita, J oam Garral si era alzato, senza aver
potuto evitare quel brusco movimento. Poi, i suoi occhi si erano
abbassati, ed egli sembrava voler evitare lo sguardo di sua moglie.
Che coshai, J oam? domand.
Minha? maritarsi mormorava J oam.
Mio caro, soggiunse Yaquita con una stretta al cuore hai
forse qualche obiezione da fare a questo matrimonio? Gi da un
pezzo non avevi notato i sentimenti di Manoel per nostra figlia?
S! Da un anno!
Poi, J oam si era seduto di nuovo senza finire il suo pensiero. Con
uno sforzo di volont era ridiventato padrone di se stesso.
Linspiegabile espressione che era apparsa in lui si era cancellata; a
poco a poco i suoi occhi ritornarono a cercare quelli di Yaquita, e
rimase pensieroso, guardandola.
Yaquita gli prese la mano.
Caro J oam, disse mi sarei dunque ingannata? Non
pensavi tu che questo matrimonio si sarebbe fatto un giorno, e che
avrebbe assicurato a nostra figlia tutta la felicit?
S rispose J oam tutta! Certamente! Eppure,
Yaquita, questo matrimonio questo matrimonio, nel vostro
pensiero quando si celebrerebbe? Fra poco?
Quando vorrai, J oam.
E si celebrer qui a Iquitos?
Questa domanda doveva condurre Yaquita a trattare la seconda
questione che le stava a cuore. Non lo fece, tuttavia, senza una certa
esitazione.
J oam, disse dopo un momento di silenzio ascoltami
bene. Sullargomento della celebrazione di questo matrimonio devo
farti una proposta che tu approverai, spero. Gi due o tre volte, in
venti anni, ti ho pregato di condurci, me e tua figlia, fino a quelle
province del Basso Amazzone e del Para che non abbiamo mai
visitato. Gli affari della fazenda, i lavori che reclamano la tua
presenza qui non ti hanno permesso di soddisfare il nostro desiderio.
Allontanarti, fosse anche stato per pochi giorni, poteva, allora,
nuocere ai tuoi affari. Ma ora che essi proseguono nel migliore dei
modi, oltre tutti i nostri sogni, se lora del riposo non ancora venuta
per te, potresti almeno rubare qualche settimana ai tuoi affari!
J oam Garral non rispose; ma Yaquita sent la mano di lui fremere
nella propria, come sotto lurto di una impressione dolorosa.
Tuttavia, un sorriso si disegn sulle labbra di suo marito; era come
un invito silenzioso a sua moglie di finire quello che aveva da dirgli.
J oam, riprese ecco unoccasione che non si presenter
pi in tutta la nostra vita. Minha sta per maritarsi lontano da noi, sta
per lasciarci! il primo dolore che nostra figlia ci avr causato, e il
mio cuore si stringe al solo pensiero di questa separazione cos
vicina. Ebbene, io sarei contenta di poterla accompagnare fino a
Blem! Non ti sembra conveniente, dal-
tra parte, conoscere la madre di suo marito, la donna che deve
sostituirmi presso di lei, colei cui noi laffideremo? Aggiungo che
Minha non vorrebbe dare alla signora Valdez il dolore di maritarsi
lontano da lei. Al tempo del nostro matrimonio, mio caro J oam, se
tua madre fosse vissuta, non ti sarebbe piaciuto sposarti sotto i suoi
occhi?
J oam Garral, a queste parole di Yaquita, fece ancora un
movimento che non riusc a reprimere.
Mio caro, soggiunse Yaquita con Minha, con i nostri due
figli, Benito e Manoel, con te, ah! quanto mi piacerebbe vedere il
nostro Brasile, scendere questo bel fiume fino a quelle ultime
province del litorale che attraversa! Mi pare che, laggi, la
separazione sarebbe poi meno crudele! Al ritorno, potrei vedere con
il pensiero mia figlia nella casa dove laspetta la sua seconda madre!
Non la cercherei nellignoto! Mi sembrerebbe di essere meno
estranea alla sua vita!
Questa volta, J oam fiss gli occhi su sua moglie, e la guard a
lungo, senza rispondere ancora.
Che cosa accadeva in lui? Perch quellesitazione a soddisfare una
richiesta cos giusta, a dire un si che sembrava dover fare tanto
piacere a tutti i suoi? La cura dei suoi affari non poteva pi essere
una ragione sufficiente! Alcune settimane di assenza non li avrebbero
compromessi minimamente; il suo intendente avrebbe potuto, infatti,
sostituirlo senza inconvenienti nella fazenda. Eppure esitava sempre!
Yaquita aveva preso nelle proprie la mano di suo marito, e la
stringeva pi teneramente.
Caro J oam, disse non a un capriccio che io ti prego di
cedere. No! Ho riflettuto lungamente alla proposta che ti ho fatto, e
se vi acconsenti, sar la realizzazione del mio pi caro desiderio. I
nostri figli sono informati del passo che sto facendo presso di te in
questo momento; Minha, Benito, Manoel ti chiedono questa felicit,
che li accompagnamo tutti e due. Aggiungo che vorremmo celebrare
questo matrimonio a Blem, piuttosto che a Iquitos; sarebbe cosa
utile a nostra figlia, alla posizione che dovr occupare a Blem,
vederla giungere con i suoi, e sembrerebbe meno straniera in quella
citt in cui deve trascorrere la maggior parte della sua vita!
J oam Garral aveva appoggiato i gomiti alla tavola. Egli nascose
un momento la faccia fra le mani, come chi sente il bisogno di
raccogliere i propri pensieri prima di rispondere. Cera
evidentemente in lui una esitazione contro la quale voleva reagire, un
turbamento che sua moglie intuiva bene, ma che non poteva spiegare.
Una lotta segreta avveniva sotto quella fronte corrugata; Yaquita,
inquieta, si rimproverava quasi di aver intavolato quel discorso. In
ogni caso si sarebbe rassegnata a ci che J oam Garral avesse deciso.
Se quella partenza gli fosse costata troppo, ella avrebbe fatto tacere i
propri desideri, non avrebbe parlato mai pi di lasciare la fazenda,
non gli avrebbe chiesto la ragione di quel rifiuto inspiegabile.
Passarono alcuni minuti; J oam Garral si era alzato, ed era andato,
senza voltarsi, fino alla porta. L, sembr gettare un ultimo sguardo
su quella bella natura, su quellangolo di mondo dove aveva saputo
chiudere da ventanni tutta la felicit della propria vita.
Poi, ritorn a passi lenti verso sua moglie. La sua fisionomia
aveva unaltra espressione, quella di un uomo che ha preso una
decisione, e le cui irresolutezze sono cessate.
Hai ragione! disse con voce ferma a Yaquita. Questo
viaggio necessario! Quando vuoi che partiamo?
Ah! J oam, caro J oam! esclam Yaquita allapice della
felicit. Grazie per me! Grazie per loro!
E le vennero agli occhi lacrime di tenerezza, mentre suo marito se
la stringeva al cuore.
In quel momento si udirono fuori della porta delle voci gioiose.
Manoel e Benito, un istante dopo, comparivano sulla soglia, quasi
contemporaneamente a Minha, che aveva lasciato la sua camera.
Vostro padre acconsente, figli miei, esclam Yaquita.
Partiremo tutti per Blem!
J oam Garral, grave, senza dire una parola, ricevette le carezze di
suo figlio, i baci di sua figlia.
E quando, padre mio, domand Benito volete che si
celebri il matrimonio?
Quando? rispose J oam quando? Vedremo! lo
fisseremo a Blem.
Come sono contenta! Come sono contenta! ripeteva Minha
come il giorno in cui aveva conosciuto la domanda di Manoel.
Vedremo dunque il Rio delle Amazzoni in tutta la sua magnificenza,
soprattutto il suo corso attraverso le province brasiliane! Ah! babbo,
grazie!
E la giovane entusiasta, la cui immaginazione pigliava gi il volo,
rivolgendosi a suo fratello e a Manoel, disse:
Andiamo in biblioteca! Prendiamo tutti i libri, tutte le carte che
possono farci conoscere questo magnifico bacino! Non bisogna
viaggiare alla cieca! Voglio vedere tutto, sapere ogni cosa di questo
re dei fiumi della terra!
CAPITOLO V
IL RIO DELLE AMAZZONI
IL PI grande fiume di tutto il mondo!
5
diceva il giorno
seguente Benito a Manoel Valdez.
E in quel momento, entrambi, seduti sullargine, al limite
meridionale della fazenda, guardavano passare lentamente quelle
molecole liquide che, partite dallimponente cordigliera delle Ande,
andavano a perdersi ottocento leghe pi lontano nellOceano
Atlantico!
E il fiume che porta al mare il maggior volume dacqua!
rispose Manoel.
Tanto grande disse Benito che ne raddolcisce le acque a
grande distanza dalla foce, e, a ottanta leghe dalla costa, fa ancora
andare alla deriva le navi!
Un fiume, il cui corso si svolge per pi di trenta gradi di
latitudine! E in un bacino che, da sud a nord, non comprende meno di
venticinque gradi!
Un bacino! esclam Benito. Ma forse un bacino
questampia pianura attraverso la quale corre il Rio delle Amazzoni,
questa savana che si estende a perdita docchio, senza una collina per
mantenerne il declivio, senza una montagna per limitarne
lorizzonte?
E sopra tutta la sua estensione soggiunse Manoel come
mille tentacoli di un gigantesco polipo, duecento affluenti, che
vengono da nord e da sud, alimentati a loro volta da subaffluenti
innumerevoli, e in confronto ai quali i grandi fiumi dEuropa non

5
L'affermazione di Benito, vera a quel tempo, in cui non erano ancora state fatte le
nuove scoperte, oggi non pu pi essere considerata esatta. Il Nilo e il Missouri-
Mississippi, secondo gli ultimi rilievi, sembrano avere un corso superiore in
estensione a quello del Rio delle Amazzoni. (N.d.A.)
sono che semplici ruscelli!
E un corso sul quale cinquecentosessanta isole, senza contare
gli isolotti, fissi o in deriva, formano una specie di arcipelago e
formano da sole un piccolo regno.
E sopra le sue coste, canali, lagune, laghetti, laghi, come non se
ne trovano in tutta la Svizzera, la Lombardia, la Scozia e il Canada
riuniti!
Un fiume che, ingrossato dai suoi mille tributari, non getta
nellOceano Atlantico meno di duecentocinquanta milioni di metri
cubi dacqua ogni ora!
Un fiume, il cui corso serve da frontiera a due repubbliche e
attraversa maestosamente il pi grande regno dellAmerica
Meridionale, come se, realmente, fosse lOceano Pacifico stesso che,
per mezzo del suo canale, si versasse nellAtlantico!
E per quale foce! Un braccio di mare nel quale unisola,
Marajo, ha un perimetro di pi di cinquecento leghe!
E di cui lOceano non riesce a respingere le acque se non
sollevando, in una lotta titanica, una paroroca, al cui confronto i
riflussi degli altri fiumi non sono che piccole rughe sollevate dalla
brezza!
Un fiume che tre nomi bastano appena a indicare, e che le navi
di grosso tonnellaggio possono risalire fino a cinquemila chilometri
dal suo estuario, senza minimamente alleggerirsi del loro carico!
Un fiume che, sia per se stesso, sia per i suoi affluenti e
subaffluenti, apre una via commerciale e fluviale attraverso tutta
lAmerica Settentrionale, passante dalla Magdalena allOrtequaza,
dallOrtequaza al Caqueta, dal Caqueta al Putumayo, dal Putumayo
al Rio delle Amazzoni! Quattromila miglia di vie fluviali, che non
richiederebbero che pochi canali, perch la rete navigabile fosse
completa!
Infine, il pi meraviglioso e il pi grande sistema idrografico
che esista al mondo!
Quei due giovani parlavano di quellincomparabile fiume con una
specie di furia. Erano proprio i figli di quel Rio delle Amazzoni, i cui
affluenti, degni di lui, formano delle strade che camminano
attraverso la Bolivia, il Per, lEcuador, la Nuova Granata, il
Venezuela, le quattro Guyane, inglese, francese, olandese e
brasiliana!
Quanti popoli, quante razze hanno unorigine che si perde nella
notte dei tempi! Ebbene, cos anche per i grandi fiumi del mondo!
La loro vera sorgente non ancora stata scoperta. Molti Stati
reclamano lonore della loro paternit! Il Rio delle Amazzoni non
poteva sfuggire a questa legge: il Per, lEcuador, la Colombia si
sono disputati lungamente questa gloriosa paternit.
Oggi, per altro, sembra cosa certa che il Rio delle Amazzoni nasca
in Per, nel distretto di Huaraco, intendenza di Tarma, e che esca dal
lago Lauricocha, posto pressa poco fra l11 e il 12 di latitudine sud.
Coloro che vogliono farlo nascere in Bolivia e scendere dalle
montagne di Titicaca, dovrebbero essere obbligati a provare che il
vero Rio delle Amazzoni lUcayali, formato dal congiungimento
del Paro e dellApurimac; ma questa tesi deve essere ormai respinta.
Alluscire dal lago Lauricocha, il fiume appena formato scorre
verso nord-est per un tratto di cinquecentosessanta miglia, e non si
dirige direttamente verso est se non dopo avere ricevuto un
importante tributario, il Pante. Questo si chiama Maranon in
territorio colombiano e peruviano, fino alla frontiera brasiliana, o
meglio Maranhao, perch Maranon non che il nome portoghese
francesizzato. Dalla frontiera del Brasile a Manao, dove lo stupendo
Rio Negro unisce con lui il suo corso, prende il nome di Solimas o
Solimoens, dal nome della trib indiana Solimao, di cui si trova
ancora qualche traccia nelle province rivierasche. E finalmente, da
Manao al mare, lAmasenas o Rio delle Amazzoni, nome dato dagli
spagnoli, discendenti di quellavventuroso Orellana, i cui racconti, di
contenuto non sempre attendibile ma esaltante, indussero a credere
che esistesse una trib di donne guerriere, stabilite sul Rio
Nhamunda, uno degli affluenti di media importanza del grande
fiume.
Fin dalla sorgente, si pu gi capire che il Rio delle Amazzoni
diverr un imponente corso dacqua. Non ci sono sbarramenti, n
ostacoli di nessuna natura dalla sua sorgente fino al luogo in cui il
suo corso, un po ristretto, si svolge fra due pittoresche catene
disuguali. Le cascate non cominciano a romperne la corrente se non
nel punto in cui piega verso est, mentre attraversa la Cordigliera
intermedia delle Ande. L ci sono alcuni dislivelli, senza i quali
sarebbe certamente navigabile dalla foce fino alle sorgenti. A ogni
modo, come ha fatto osservare Humboldt, corre in piano per i cinque
sesti del suo percorso.
E, fin dal primo tratto, i tributari, alimentati anchessi da un
grande numero di subaffluenti, non gli mancano. il Chinchip, che
viene da nordovest, a sinistra; a destra il Chachapuyas, che viene da
sud-est; a sinistra il Marona e il Pastuca, e a destra il Guallaga, che vi
si perde presso la Missione della Laguna. Da sinistra giungono
ancora il Chambyra e il Tigre, provenienti da nord-est; a destra
lHuallaga, che si getta a duemilaottocento miglia dallAtlantico, e di
cui i battelli possono risalire ancora il corso per un tratto di oltre
duecento miglia per inoltrarsi fino nel cuore del Per. A destra,
infine, presso le Missioni di San-J oachim-dOmaguas, dopo aver
svolto maestosamente le sue acque attraverso la pampa di
Sacramento, compare lo stupendo Ucayali, l dove finisce il bacino
superiore del Rio delle Amazzoni, grande arteria ingrossata da
numerosi corsi dacqua che il lago Chucuito invia in direzione nord-
est di Arica.
Questi sono i principali affluenti al di sopra del villaggio di
Iquitos. A valle, i tributari sono tanto importanti che i letti di molti
fiumi europei sarebbero certamente troppo angusti per contenerli. Ma
di quegli affluenti, J oam Garral e i suoi avrebbero visto le foci
durante la loro discesa del Rio delle Amazzoni.
Alle bellezze di quel fiume senza rivali, che bagna il pi bel paese
della terra, tenendosi quasi continuamente a pochi gradi sotto la linea
equatoriale, bisogna aggiungere ancora una qualit che non
posseggono n il Nilo, n il Mississippi, n il Livingstone, questo
antico Congo-Zaire-Loualaba, ed che, qualunque cosa abbiano
potuto dire dei viaggiatori evidentemente male informati, il Rio delle
Amazzoni scorre attraverso tutta una parte salubre dellAmerica
Meridionale. Il suo bacino spazzato di continuo dai venti costanti
provenienti da ovest. Il suo corso non si snoda in una valle incassata
fra alte montagne, ma in unampia pianura che misura
trecentocinquanta leghe da nord a sud, appena ondulata da qualche
collina, e che le correnti atmosferiche possono percorrere
liberamente.
Il professor Agassiz combatte con ragione la pretesa insalubrit
del clima di un paese destinato, senza dubbio, a diventare il centro
pi attivo della produzione commerciale. Secondo lui un soffio
leggero e dolce si fa sentire di continuo, e produce unevaporazione,
grazie alla quale la temperatura si abbassa e il suolo non si riscalda in
modo completo. La costanza di questo soffio rinfrescante rende il
clima del Rio delle Amazzoni piacevole e anche delizioso.
Pure, labate Durand, vecchio missionario in Brasile, ha potuto
accertare che, se la temperatura non scende al di sotto dei venticinque
gradi centigradi, non si eleva quasi mai al di sopra dei trentatr, il che
d, per tutto lanno, una media da ventotto a ventinove, con una
escursione termica di otto gradi soltanto.
Dopo tali accertamenti, si pu quindi affermare che il bacino del
Rio delle Amazzoni non ha il clima torrido delle regioni dellAsia e
dellAfrica attraversate dai medesimi paralleli.
Lampia pianura, che gli serve da valle, tutta quanta accessibile
alle larghe brezze provenienti dallOceano Atlantico.
Anche le province, alle quali il fiume ha dato il suo nome, hanno
lincontestabile diritto di definirsi le pi salubri di un paese che gi
uno dei pi belli della terra.
E non si creda che il sistema idrografico del Rio delle Amazzoni
non sia conosciuto!
Fino al secolo XVI, Orellana, ufficiale di uno dei fratelli Pizarro,
scendeva il Rio Negro, sboccava nel grande fiume nel 1540, si
avventurava senza guida attraverso quelle regioni, e dopo diciotto
mesi di navigazione, di cui ci ha lasciato un racconto meraviglioso,
giungeva alla sua foce.
Nel 1636 e nel 1637, il portoghese Pedro Texeira risaliva il corso
del Rio delle Amazzoni fino al Napo con una flottiglia di
quarantasette piroghe.
Nel 1743, La Condamine, dopo aver misurato larco di meridiano
allEquatore, si separava dai suoi compagni, Bouguer e Godin des
Odonais, si metteva in navigazione sul Chinchip, lo scendeva fino al
suo confluente con il Maranon, giungeva alla foce del Napo, il 31
luglio, in tempo per osservare unemersione del primo satellite di
Giove - il che permise a quellHumboldt del secolo XVIII di
determinare esattamente la longitudine e la latitudine di quel punto -,
visitava i villaggi delle due rive, e il 6 settembre giungeva dinanzi al
forte di Para. Questo immenso viaggio doveva avere dei risultati
notevoli: non solo il corso del Rio delle Amazzoni era stato accertato
in modo scientifico, ma sembrava quasi vero che questo comunicasse
con lOrinoco.
Cinquantacinque anni dopo, Humboldt e Bonpland completarono i
preziosi lavori di La Condamine, disegnando la carta del corso del
Maranon fino al Rio Napo.
Ebbene, da quel tempo, il corso del Rio delle Amazzoni e tutti i
suoi principali affluenti sono stati mete di spedizioni.
Nel 1827 Lister-Maw, nel 1834 e 1835 linglese Smyth, nel 1844
il tenente francese comandante la Boulonnaise, il brasiliano Valdez
nel 1840, il francese Paul Marcoy dal 1848 al 1860, il troppo
fantastico pittore Biard nel 1859, il professor Agassiz dal 1865 al
1866, nel 1867 lingegnere brasiliano Franz Keller-Linzenger, e
infine, nel 1879, il dottor Crevaux, hanno esplorato il corso del
fiume, risalito diversi dei suoi affluenti e riconosciuto la navigabilit
dei principali tributari.
Ma il fatto pi notevole, che fa onore al governo brasiliano, il
seguente.
Il 31 luglio 1857, dopo molte contestazioni di frontiera tra la
Francia e il Brasile sul confine della Guyana, il corso del Rio delle
Amazzoni, dichiarato libero, fu aperto a tutte le bandiere, e per
mettere in pratica ci che era stato deciso in teoria, il Brasile tratt
con i paesi limitrofi per lo sfruttamento di tutte le vie fluviali nel
bacino del Rio delle Amazzoni.
Oggi, alcune linee di piroscafi forniti di tutti i comfort, che hanno
coincidenza diretta con Liverpool, servono il bacino del fiume dalla
sua foce fino a Manao: altre risalgono fino a Iquitos; altre, infine,
passando per il Tapajoz, il Madeira, il Rio Negro, il Purus, penetrano
nel cuore del Per e della Bolivia.
E facile immaginare lo sviluppo che avr un giorno il commercio
in tutto quellimmenso e ricco bacino, che non ha rivali al mondo.
Ma ogni moneta ha il suo rovescio: il progresso non si compie se
non a scapito delle razze indigene.
S, sullAlto Amazzone, molte razze dindiani sono gi
scomparse, fra cui i Curicicurus e i Sorimaos. Sul Putumayo,
sincontra ancora qualche Yuris, gli Yahuas lhanno abbandonato per
rifugiarsi verso affluenti lontani, e i Maoos hanno lasciato le sue rive
per vagare oggi, in esiguo numero, nelle foreste dello J apura!
S, il fiume dei Tunantins pressa poco spopolato, e non vi sono
pi che poche famiglie nomadi dindiani alla foce dello J urua. Il
Teff quasi abbandonato, e non rimangono pi che pochi avanzi
della grande trib Umaa, presso le sorgenti dello J apura. Il Coari
deserto; pochi indiani Muras rimangono sulle rive del Purus. Degli
antichi Manaos non si incontrano che poche famiglie nomadi. Sulle
sponde del Rio Negro, non si notano che dei meticci di portoghesi e
dindigeni, l dove si contavano perfino ventiquattro trib differenti.
il prezzo del progresso. Gli indiani scompaiono. Di fronte alla
razza anglosassone, australiani e tasmaniani sono scomparsi: di
fronte ai conquistatori del Far West scompaiono gli indiani
dellAmerica Settentrionale. Un giorno forse gli arabi saranno
distrutti dalla colonizzazione francese.
Ma bisogna ritornare a quel tempo, nel 1852. Allora i mezzi di
comunicazione, oggi cos numerosi, non esistevano, e il viaggio di
J oam Garral non doveva esigere meno di quattro mesi, soprattutto
nelle condizioni in cui doveva essere compiuto.
Di qui la riflessione di Benito, mentre i due amici guardavano le
acque del fiume scorrere lentamente ai loro piedi:
Caro Manoel, poich il nostro viaggio a Blem non preceder
che di poco il momento della nostra separazione, ti sembrer molto
breve!
S, Benito, rispose Manoel ma anche molto lungo,
perch Minha non sar mia moglie se non al termine del viaggio.
CAPITOLO VI
UNINTERA FORESTA ABBATTUTA
LA FAMIGLIA di J oam Garral era dunque felice. Quel magnifico
viaggio sul Rio delle Amazzoni si sarebbe compiuto in condizioni
deliziose. Non solo il fazendero e i suoi partivano per un viaggio di
qualche mese, ma dovevano, come si vedr, essere accompagnati da
una parte del personale della fattoria.
Senza dubbio, vedendo tutti felici intorno a s, J oam Garral
dimentic le preoccupazioni che sembravano turbare la sua vita. Da
quel giorno, essendo la sua decisione risolutamente ferma, fu un
altruomo, e quando dovette occuparsi dei preparativi del viaggio,
riprese la sua attivit di un tempo. Fu una vera soddisfazione per i
suoi rivederlo allopera. Lo spirito reag contro il corpo, e J oam
Garral ridivenne quello che era nei suoi primi anni, robusto, forte.
Ridivenne luomo che ha sempre vissuto allaria aperta, in
quellatmosfera vivificante delle foreste, dei campi, delle acque
correnti.
Inoltre, le poche settimane che dovevano precedere la partenza
dovevano essere impiegate bene.
Come gi stato detto pi sopra, in quellepoca il corso del Rio
delle Amazzoni non era ancora solcato da quei numerosi battelli a
vapore, che le compagnie pensavano gi di varare sul fiume e sui
suoi principali affluenti. Il servizio fluviale non era espletato che dai
privati, per loro conto, e, il pi delle volte, non si adoperavano le
barche se non per il servizio delle aziende litoranee.
Quelle imbarcazioni erano ubas, specie di piroghe fatte di un
tronco dalbero scavato con il fuoco e con laccetta, appuntite e
leggere a prora, pesanti e arrotondate a poppa, che potevano portare
da uno a dodici rematori e trasportare fino a tre o quattro tonnellate
di merce; gariteas grossolanamente costruite, coperte in parte, nel
mezzo, da un tetto di foghe, che lascia libera una corsia su cui
prendono posto i rematori; jangadas, specie di zattere senza una
precisa forma, spinte da una vela triangolare, e che portavano una
capanna che serve da casa galleggiante allindiano e alla sua
famiglia.
Queste tre specie dimbarcazioni formano la piccola flottiglia del
Rio delle Amazzoni, e non possono servire se non a un mediocre
trasporto di persone e di merce.
Ne esistono anche di pi grandi, delle vigilindas, che stazzano da
otto a dieci tonnellate, sormontate da tre alberi, attrezzate di vele
rosse, e che sono spinte, in tempo di calma, da quattro lunghe pagaie
pesanti da manovrare contro la corrente; delle cobertas che stazzano
fino a venti tonnellate, specie di giunche, con una tuga a poppa, una
cabina interna, due alberi a vele quadrate e disuguali, e che
suppliscono al vento insufficiente o contrario con luso di dieci
lunghi remi che gli indiani maneggiano dallalto di un castello a
prora.
Ma questi diversi mezzi di trasporto non erano adatti per J oam
Garral. Dal momento che aveva deciso di scendere il Rio delle
Amazzoni, aveva pensato di utilizzare quel viaggio per il trasporto di
un enorme carico di merce da vendere a Para. Sotto questo punto di
vista, poco importava che la discesa del fiume si compisse in breve
tempo. Ecco dunque la decisione che egli prese, decisione che
avrebbe ottenuto ladesione di tutti, salvo forse quella di Manoel. Il
giovanotto avrebbe preferito senza dubbio qualche rapido steam-
boat, e aveva le sue buone ragioni.
Ma per quanto rudimentale, per quanto primitivo fosse il mezzo di
trasporto immaginato da J oam Garral, doveva permettere di condurre
con s un numeroso personale, e di abbandonarsi alla corrente del
fiume in condizioni eccezionali di comodit e di sicurezza. Questo
sarebbe stato, infatti, come una parte della fazenda di Iquitos che si
staccasse dalla riva e scendesse il Rio delle Amazzoni, con tutto ci
che costituisce una famiglia di un fazendero, padroni e servi, nelle
loro abitazioni, nelle loro capanne, nelle loro case.
Lazienda di Iquitos comprendeva, nellinsieme del suo
commercio, alcune magnifiche foreste, che sono, per cos dire,
inesauribili in quella parte centrale dellAmerica Meridionale.
J oam Garral era praticissimo nella cura di quei boschi, ricchi delle
essenze pi preziose e pi varie, perfettamente adatte ai lavori di
falegnameria, di ebanisteria, di costruzioni navali, e ne ricavava ogni
anno dei grandi guadagni.
Infatti, non vi era forse il fiume per trasportare i prodotti delle
foreste dellAmazzonia, in modo pi sicuro ed economico di quanto
avrebbe potuto fare un railway? Cos, ogni anno, J oam Garral,
atterrando alcune centinaia di alberi di sua propriet, formava uno di
quegli immensi traini di legname galleggianti fatti di travi, di
travicelli e di tronchi appena squadrati, che se ne andava a Para sotto
la guida di abili piloti, i quali conoscevano benissimo il fiume e la
direzione della corrente.
Quellanno, J oam Garral doveva dunque comportarsi come gli
anni precedenti; solamente, messo insieme il traino di legname,
contava di lasciare a Benito tutti i particolari di quellimportante
affare commerciale. Ma non cera tempo da perdere. Infatti, linizio
di giugno era il periodo favorevole per la partenza, poich le acque,
aumentate dalle piogge dellalto bacino, dovevano diminuire a poco a
poco fino al mese di ottobre.
I primi lavori dovevano essere intrapresi senza indugio, perch il
traino doveva avere proporzioni inusitate. Si trattava, questa volta, di
atterrare mezzo miglio quadrato di foresta, situato al punto di
confluenza del Nanay con il Rio delle Amazzoni, cio tutto un
angolo del litorale della fazenda, di formarne un enorme traino, cio
una di quelle jangade o zattere fluviali, cui sarebbero state date le
dimensioni di un isolotto.
Ora, appunto sopra questa jangada, pi sicura di qualsiasi altra
imbarcazione del paese, pi ampia di cento gariteas o vigilindas
accoppiate, J oam Garral si proponeva dimbarcarsi con la sua
famiglia, il suo personale e il suo carico.
Eccellente idea! aveva esclamato Minha battendo le mani,
quando aveva conosciuto il progetto di suo padre.
S rispose Yaquita e in queste condizioni giungeremo a
Blem senza pericoli n stanchezza!
E durante le fermate, potremo andare a caccia nelle foreste
sulle rive aggiunse Benito.
Sar forse un po lungo! fece osservare Manoel. Non
converrebbe forse scegliere qualche mezzo di trasporto pi rapido
per scendere il Rio delle Amazzoni?
Doveva essere cosa lunga, evidentemente; ma la rimostranza
interessata del giovane medico non fu accolta da nessuno.
J oam Garral chiam quindi un indiano, che era il principale
intendente della fazenda.
Fra un mese gli disse bisogna che la jangada sia pronta
per andare alla deriva.
Oggi stesso, signor Garral, ci metteremo al lavoro rispose
lintendente.
Fu una dura fatica. Erano l un centinaio dindiani e di negri che,
in quella prima quindicina del mese di maggio, fecero veramente
miracoli. Forse certi galantuomini poco avvezzi a questi grandi
disboscamenti, si sarebbero sentiti stringere il cuore vedendo dei
giganti vecchi di molti secoli cadere, in due o tre ore, sotto laccetta
dei boscaioli; ma ce nerano cos tanti, sulle rive del fiume, a monte,
sulle isole, a valle, fino ai confini pi lontani dellorizzonte delle due
sponde, che il disboscamento di quel mezzo miglio di foresta non
doveva lasciare un vuoto notevole.
Lintendente e i suoi uomini, dopo aver ricevuto le istruzioni di
J oam Garral, avevano anzitutto liberato il suolo dalle liane, dagli
arbusti, dalle erbe, dalle piante che lostruivano. Prima di prendere la
sega o laccetta, si erano armati del coltello da boscaiolo,
indispensabile utensile per chiunque voglia cacciarsi nelle foreste
amazzoniane: sono larghe lame, un po curve, piatte, lunghe due o tre
piedi, saldamente piantate nel manico, e che gli indigeni maneggiano
con molta abilit. In poche ore, con laiuto di questo utensile, essi
sgombrano il terreno, abbattono i cespugli e aprono larghi varchi nel
fitto degli alberi dalto fusto.
Cos fu fatto. Il suolo fu liberato dinanzi ai boscaioli della fattoria;
i vecchi tronchi furono ripuliti dalle liane, dai cactus, dalle felci, dai
muschi, dalle bromelie; la loro corteccia fu messa a nudo, in attesa di
essere a sua volta ripulita.
Poi, tutto quel gruppo di lavoratori, dinanzi ai quali fuggivano
innumerevoli gruppi di scimmie che non li superavano in agilit, si
arrampic fra i rami superiori, segando le grosse forcelle, sfrondando
lalta cima, che doveva essere usata sul posto. In breve non rimase
della foresta condannata altro che lunghi fusti privati della loro cima,
e, con laria, il sole penetr a fiotti fino a quel terreno umido che
forse non aveva mai accarezzato.
Non vera uno di quegli alberi che non si potesse usare come
robusto sostegno, struttura o grossa falegnameria. In quel luogo
crescevano, come colonne di avorio cerchiate di bruno, alcune palme
da cera, alte centoventi piedi, larghe quattro alla base, e che
forniscono un legno compatto; castagni dallalburno resistente, che
producono le noci tricorni; murichis, ricercati per le costruzioni,
barrigudos, che misurano due tese nel punto di maggior
rigonfiamento del loro fusto a pochi piedi sopra il suolo, alberi dalla
scorza rossiccia, lucente, coperta di tubercoli grigi, la cui cima
aguzza regge un ombrello orizzontale; bombax dal tronco bianco,
liscio e dritto, di imponente altezza. Accanto a quei magnifici
campioni della flora amazzoniana, cadevano anche quatibos, la cui
cupola rosea dominava tutti gli alberi vicini, che produce frutti simili
a piccoli vasi, dove sono disposte delle file di castagne, e il cui legno,
di un color violetto chiaro, particolarmente ricercato per le
costruzioni navali. Vi erano inoltre ebani, e specialmente Vibiriratea
di una polpa quasi nera, di grana cos fitta che gli indiani lo usano per
la fabbricazione delle loro accette da combattimento, jacarandas, pi
preziosi del mogano, coesalpinas, la cui specie non si trova che in
fondo a quelle antiche foreste che sono sfuggite al braccio dei
boscaioli, sapucaias, alti centocinquanta piedi, e adorni di archi
naturali, che, usciti a tre metri dalla loro base, si uniscono a trenta
piedi, si arrotolano attorno al loro tronco, come le filettature di una
colonna a tortiglione, e la cui chiusura si schiude in un fuoco
artificiale di vegetali, che le piante parassite colorano di giallo, di
porpora e di bianco.
Tre settimane dopo linizio dei lavori, di quegli alberi che
rendevano irto langolo del Nanay e del Rio delle Amazzoni, non ne
rimaneva uno in piedi. Il disboscamento era stato compiuto. J oam
Garral non aveva nemmeno dovuto preoccuparsi di una foresta che
venti o trentanni sarebbero stati sufficienti a rinfoltire. Non una
matricina di giovane o vecchio albero fu risparmiata per stabilire i
punti base di un futuro taglio, non uno di quegli alberi-riferimento
che segnano il limite del disboscamento; era un taglio completo,
essendo stati segati tutti gli alberi rasente terra, in attesa del giorno in
cui si sarebbero estirpate le radici, sulle quali la primavera seguente
avrebbe fatto spuntare ancora i suoi germogli verdeggianti.
No, quel miglio quadrato, bagnato dalle acque del fiume e del suo
affluente, era destinato a essere dissodato, coltivato, piantato,
seminato, e lanno successivo, campi di manioca, di caff, di Marne,
di canna da zucchero, darrow-root, di granturco, di arachidi,
avrebbero coperto il suolo, fino a quel tempo ombreggiato dalla folta
vegetazione della foresta.
Lultima settimana del mese di maggio non era ancora giunta, e
tutti i tronchi, separati secondo la loro specie e il loro grado di
galleggiabilit, erano stati disposti simmetricamente sulla sponda del
Rio delle Amazzoni. Era l che doveva essere costruita limmensa
jangada, che, con le diverse abitazioni necessarie allalloggio degli
uomini di manovra, sarebbe diventata un vero villaggio galleggiante.
Poi, allora prefissa, le acque del fiume, gonfiate dalla piena,
lavrebbero sollevata e lavrebbero trascinata per centinaia di leghe
fino al litorale dellAtlantico.
Per tutta la durata dei lavori, J oam Garral vi si era dedicato
completamente. Li aveva diretti di persona, prima sul luogo di
dissodamento, poi sul lembo della fazenda, formato da un largo
greto, sul quale furono disposte le parti della zattera.
Yaquita si occupava, con Cibele, dei preparativi della partenza,
sebbene la vecchia negra non comprendesse perch si andasse via di
l, dove si stava cos bene.
Ma tu vedrai cose che. non hai mai visto! le ripeteva di
continuo Yaquita.
Varranno quanto quelle che siamo abituati a vedere?
rispondeva invariabilmente Cibele.
Dal canto loro, Minha e la sua cameriera personale pensavano a
ci che le toccava pi da vicino. Non si trattava per loro di un
semplice viaggio: era una partenza definitiva, erano i mille particolari
di metter su casa in altro paese, dove la giovane mulatta doveva
continuare a vivere presso colei cui era cos teneramente affezionata.
Minha aveva il cuore un po grosso, ma lallegra Lina non si
preoccupava per il fatto di abbandonare Iquitos. Con Minha Valdez,
ella sarebbe ci che era stata con Minha Garral; per farla cessare di
ridere sarebbe stato necessario separarla dalla padrona, cosa di cui
non si era mai parlato.
Benito, da parte sua, aveva secondato operosamente suo padre nei
lavori che erano stati portati a termine. Egli faceva cos il noviziato
di quel mestiere di fazendero che sarebbe stato forse il suo un giorno,
come sarebbe andato a fare quello di negoziante scendendo il fiume.
Quanto a Manoel, trascorreva il suo tempo fra labitazione, dove
Yaquita e sua figlia non perdevano unora, e il campo di
dissodamento, sul quale Benito voleva trascinarlo pi del necessario.
Ma, in realt, la suddivisione del suo tempo fu molto disuguale, e ci
comprensibile.
CAPITOLO VII
SEGUENDO UNA LIANA
UNA DOMENICA, tuttavia, il 26 maggio, i giovani decisero di
distrarsi un poco. Il tempo era magnifico, laria simpregnava delle
fresche brezze provenienti dalla Cordigliera, che raddolcivano la
temperatura. Tutto invitava a fare unescursione in montagna.
Benito e Manoel offrirono dunque alla giovinetta di
accompagnarla attraverso i fitti boschi che si trovavano sulla sponda
destra del Rio delle Amazzoni, di fronte alla fazenda.
Era un modo come un altro di accomiatarsi dai dintorni di Iquitos,
che sono veramente stupendi. I due giovani sarebbero andati in
tenuta da cacciatori, ma non come cacciatori che lascerebbero le loro
compagne per correr dietro alla selvaggina, e per ci si poteva fare
affidamento su Manoel e le giovinette, poich Lina non poteva
separarsi dalla sua padrona, sarebbero andate semplicemente a
spasso, per nulla spaventate di unescursione d due o tre leghe.
N J oam Garral n Yaquita avevano tempo di tener loro
compagnia. Da una parte, il disegno della jangada non era ancora
portato a termine e non bisognava che la sua costruzione subisse il
ben che minimo ritardo. Dallaltra, Yaquita e Cibele, bench aiutate
da tutto il personale femminile della fazenda, non avevano unora da
perdere.
Minha accett lofferta con grande piacere. Cos quel giorno,
verso le undici, dopo la colazione, i due giovani e le due fanciulle si
recarono sullargine, allangolo di confluenza dei due corsi dacqua.
Uno dei negri li accompagnava. Tutti simbarcarono su una delle
ubas destinate al servizio della fattoria, e dopo essere passati fra le
isole Iquitos e Parianta, giunsero sulla riva destra del Rio delle
Amazzoni.
Limbarcazione si accost a un bers di superbe felci arboree, che
sincoronavano, a unaltezza di trenta piedi, di una specie di aureola
di leggeri, rami di velluto verde dalle foglie festonate di un fine
merletto vegetale.
E ora, Manoel, disse la giovinetta tocca a me farvi gli
onori della foresta, perch voi non siete che uno straniero in queste
regioni dellAlto-Amazzone. Qui, siamo in casa nostra, e mi lascerete
compiere i miei doveri di padrona di casa.
Cara Minha rispose il giovanotto non sarete meno
padrona di. casa nella nostra citt di Blem di quanto lo siate alla
fazenda di Iquitos, e laggi, come qui
Ah, vediamo! Manoel, e tu, sorella mia, esclam Benito
non siete mica venuti per dirvi paroline tenere, immagino!
Dimenticate per qualche ora di essere fidanzati!
Nemmeno unora! Nemmeno un minuto! ribatt Manoel.
Anche se Minha te lo ordiner?
Minha non me lo ordiner!
Chiss! disse Lina ridendo.
Lina ha ragione rispose Minha, porgendo la mano a Manoel.
Cerchiamo di dimenticare! Dimentichiamo! Mio fratello lo
vuole! Tutto rotto! tutto! Finch durer questa passeggiata, non
saremo fidanzati! Io non sono pi la sorella di Benito! Voi non siete
pi il suo amico!
Oh, questa poi! esclam Benito.
Bene! bene! Non vi sono che degli estranei qui! ribatt la
giovane mulatta battendo le mani.
Degli estranei che si vedono per la prima volta aggiunse la
giovinetta che sincontrano, si salutano
Signorina disse Manoel inchinandosi davanti a Minha.
A chi ho lonore di parlare, signore? domand la fanciulla
con grande seriet.
A Manoel Valdez, che sarebbe lieto se il vostro signor fratello
volesse presentarlo
Ah! al diavolo questi maledetti complimenti! esclam
Benito. Ho avuto una cattiva idea! Siate fidanzati, amici miei!
Siatelo quanto vi pare e piace. Siatelo sempre!
Sempre! disse Minha, cui questa parola sfugg in modo cos
naturale che gli scoppi di risa di Lina raddoppiarono.
Uno sguardo riconoscente di Manoel ricompens la giovinetta per
la sua imprudente uscita.
Se camminassimo, parleremmo meno! In marcia! grid
Benito, per togliere dimpiccio sua sorella.
Ma Minha non aveva fretta.
Un momento, fratello! disse. Hai visto, stavo per
obbedirti! Volevi costringermi a dimenticare noi stessi, Manoel e io,
per non guastare la tua passeggiata! Ebbene, ho anchio un sacrificio
da chiederti per non guastare la mia! Se ti piace, e anche se non ti
piace, tu, Benito, tu in persona, mi prometterai di dimenticare
Di dimenticare
Di dimenticare che sei cacciatore, mio signor fratello!
Come! Tu mi proibisci?
Ti proibisco duccidere tutti quei meravigliosi uccelli, quei
pappagalli, quelle cocorite, quei cacicchi, quei curucu che volano
cos allegramente attraverso la foresta! La stessa proibizione vale per
la piccola selvaggina, di cui oggi non sappiamo che fare! Se qualche
onga, qualche giaguaro o altro si avvicinasse troppo a noi, spara
pure!
Ma! osserv Benito.
Altrimenti, prendo il braccio di Manoel, e fuggiremo, ci
perderemo, e tu sarai obbligato a correrci dietro!
Che? hai una voglia matta che io rifiuti! esclam Benito
guardando lamico suo Manoel.
Lo credo bene! rispose il giovanotto.
Ebbene, no! esclam Benito. Non rifiuto! Obbedir per
farti dispetto! In marcia!
Ed eccoli tutti e quattro, seguiti dal negro, cacciarsi sotto quei
bassi alberi, il cui alto fogliame impediva ai raggi del sole di
giungere fino a terra.
Nulla di pi magnifico di quella parte della sponda destra del Rio
delle Amazzoni. L, in pittoresca confusione, si elevano tanti alberi
diversi che, sullo spazio di un quarto di lega quadrato, si sono potute
contare fino a cento variet di quelle meraviglie del regno vegetale.
Inoltre si sarebbe facilmente riconosciuto che mai un boscaiolo vi
aveva usato la sua scure, poich anche dopo molti secoli dal
dissodamento, il taglio sarebbe stato visibile. Anche se i nuovi alberi
avessero avuto centanni di vita, laspetto generale non sarebbe pi
stato quello di prima, grazie, soprattutto, al fatto curioso, che le
specie delle liane e delle altre piante parassite si sarebbero
modificate. una nota curiosa, circa la quale un indigeno non
potrebbe ingannarsi.
Lallegra compagnia si cacciava dunque nelle alte erbe, attraverso
le macchie, sotto i cespugli di alberi, chiacchierando e ridendo.
Dinanzi a loro, il negro, maneggiando il coltello, apriva la strada
quando i cespugli erano troppo fitti, e metteva in fuga migliaia di
uccelli.
Minha aveva avuto ragione dintercedere per tutto quel piccolo
mondo alato che svolazzava nellalto fogliame, dove si mostravano i
pi bei rappresentanti dellornitologia tropicale. I pappagalli verdi, le
cocorite stridule sembravano i frutti naturali di quegli alberi
giganteschi. I colibr e tutte le loro variet, barbe azzurre, rubino e
topazio, tisauras dalle lunghe code forcute, erano come tanti fiori
staccati che il vento portava da un ramo allaltro. Merli dalle penne
arancione con un orlo bruno, beccafichi dorati, sabias neri come
corvi si riunivano in un assordante concerto di fischi. Il lungo becco
del tucano lacerava i grappoli dorati dei guirirs; i picchi verdi del
Brasile scuotevano la loro testina moscata di punti porporini. Era un
incantesimo per gli occhi.
Ma tutti quegli uccelli tacevano nascondendosi quando sulla cima
degli alberi strideva la banderuola arrugginita dellalma de gato,
lanima del gatto, specie di sparviero fulvo chiaro. Se questo si
librava superbamente spiegando le lunghe penne bianche della coda,
a sua volta fuggiva per vigliaccamente, nel momento in cui appariva
nelle zone superiori il gavia, grande aquila dalla testa color neve,
che lo spauracchio di tutta la popolazione alata delle foreste.
Minha faceva ammirare a Manoel quelle meraviglie naturali che
egli non avrebbe ritrovato nella loro primitiva semplicit nelle
province pi progredite dellEst. Manoel ascoltava la giovinetta pi
con gli occhi che con le orecchie; del resto, i gridi, i canti di quelle
migliaia di uccelli erano talvolta cos penetranti che egli non avrebbe
potuto udirla. Soltanto le risate sonore di Lina erano cos acute da
poter dominare con la loro nota allegra gli ululati, i fischi, i
gorgheggi di ogni specie.
Dopo unora, non avevano percorso pi di un miglio.
Allontanandosi dalla riva, gli alberi assumevano un altro aspetto. La
vita animale non si manifestava pi rasente terra, ma a sessanta od
ottanta piedi pi in alto, con il passaggio di gruppi di scimmie, che si
inseguivano attraverso gli alti rami. Qua e l, alcuni fasci di raggi di
sole passavano fino al sottobosco. In verit, la luce, in quelle foreste
tropicali, non sembrava pi un elemento indispensabile alla loro
esistenza. Laria necessaria allo sviluppo di quei vegetali, grandi o
piccini, alberi o piante, e tutto il calore indispensabile allespansione
della loro linfa, lo traggono, non dallatmosfera ambiente, ma dal
terreno stesso, dove si raccoglie come in un immenso calorifero.
E sui rami delle bromelie, delle serpentine, delle orchidee, dei
cactus, di tutta infine quella vegetazione parassita che formava una
piccola foresta sotto la grande, quanti meravigliosi insetti si era
tentati di cogliere, come se fossero stati veri fiori, nestori dalle ali
azzurre, fatte di raso cangiante; farfalle lelus dai riflessi dorati,
strisciate di frange verdi; falene agrippine lunghe dieci pollici, con
delle foglie per ali, api maribundas, specie di smeraldi viventi
rivestiti di unarmatura doro; poi una schiera di coleotteri lampiri o
pirofori, dei valagumi dal corsaletto di bronzo, dalle elitre verdi,
proiettanti una luce giallognola dagli occhi, e che, scesa la notte,
dovevano illuminare la foresta con i loro multicolori scintillii.
Quante meraviglie! ripeteva la giovinetta con entusiasmo.
Sei in casa tua, Minha, almeno cos hai detto esclam
Benito ed ecco come parli delle tue ricchezze!
Prendimi in giro, fratello mio! rispose Minha. Mi pure
permesso di lodare tante belle cose, non vero, Manoel? Vengono
dalla mano di Dio e appartengono a tutti!
Lasciamo ridere Benito! disse Manoel. Egli lo nasconde
ma ha i suoi momenti di poeta, e ammira come noi tutte queste
bellezze naturali! Solamente, quando ha un fucile sotto il braccio,
addio poesia!
Sei dunque poeta, fratello! rispose la giovinetta.
Sono poeta! ribatt Benito. O natura incantevole e via
dicendo. Bisogna ammettere che Minha, proibendo a suo fratello di
usare il fucile da caccia, gli aveva imposto un vero sacrificio. La
selvaggina non mancava nella foresta, ed egli ebbe veramente
ragione di rimpiangere qualche bel tiro.
Infatti, nelle parti meno boschive, dove si aprivano larghe radure,
apparivano alcune coppie di struzzi, della specie dei nand, alti
quattro o cinque piedi. Essi erano accompagnati dai loro inseparabili
seriemas, specie di tacchini certamente pi commestibili dei grandi
volatili che scortano.
Ecco cosa mi costa la mia maledetta promessa! esclam
Benito rimettendo sotto il braccio, a un gesto di sua sorella, il fucile
che aveva istintivamente puntato.
Bisogna rispettare questi seriemas, rispose Manoel
perch sono grandi divoratori di serpenti.
Come bisogna rispettare i serpenti ribatt Benito perch
mangiano gli insetti nocivi, e questi perch vivono di pidocchi che
sono ancor pi nocivi! Di questo passo bisognerebbe rispettare tutto!
Ma il giovane cacciatore doveva essere sottoposto a una prova pi
dura. La foresta diventava sempre pi ricca di selvaggina; agili cervi,
eleganti caprioli fuggivano sotto il bosco, e certamente una palla ben
diretta li avrebbe arrestati nella fuga. Poi, qua e l, apparivano
tacchini dalle piume color caffellatte, pecari, specie di porci selvatici,
apprezzatissimi dagli amatori di selvaggina, degli aguti, che
corrispondono ai conigli e alle lepri nellAmerica Meridionale, tatuse
dal guscio scaglioso, disegnato a mosaico, che appartengono
allordine degli sdentati.
E in verit, Benito non mostrava forse, pi che virt, vero
eroismo, quando intravedeva qualche tapiro, di quelli chiamati antas
in Brasile, elefanti in miniatura, gi quasi scomparsi sulle sponde
dellAlto Amazzone e dei suoi affluenti, pachidermi tanto ricercati
dai cacciatori per la loro rarit, assai apprezzati dai buongustai per la,
loro carne, migliore di quella del bue, e soprattutto per la
protuberanza della loro testa, che un boccone da re?
S! il fucile gli scottava le dita; ma, fedele alla parola data, lo
lasciava in riposo.
Ah! ma - egli ne avvert sua sorella - il colpo sarebbe partito suo
malgrado se si fosse trovato a tiro di un tamandoa assa, specie di
grosso formichiere curiosissimo, che pu essere considerato un colpo
da maestro negli annali cinegetici.
Ma, fortunatamente, il grosso formichiere non apparve, come non
si videro le pantere, i leopardi, i giaguari, i coguari, i ghepardi,
indifferentemente designati sotto il nome di ongas nellAmerica del
Sud, e che non bisogna lasciare avvicinar troppo.
Insomma disse Benito arrestandosi un istante
passeggiare una bella cosa; ma passeggiare senza scopo
Senza scopo! esclam la giovinetta. Ma il nostro scopo
di vedere, di ammirare, di visitare unultima volta queste foreste
dellAmerica Centrale, che non ritroveremo pi a Para, di dar loro
un ultimo addio!
Ah! Unidea!
Era Lina che stava parlando.
Unidea di Lina non pu essere che unidea pazza ribatt
Benito crollando il capo.
Fai male, fratello mio, disse la giovinetta a beffarti di
Lina quando ella cerca di dare alla nostra passeggiata lo scopo che tu
rimpiangi che non abbia.
Tanto pi, signor Benito, che la mia idea vi piacer, ne sono
sicura rispose la giovane mulatta.
Qual la tua idea? domand Minha.
Vedete quella liana?
E Lina mostrava una di quelle liane della specie dei cipos
avvinghiata intorno a una gigantesca mimosa sensitiva, le cui foglie,
leggere come piume, si chiudevano al minimo rumore.
Ebbene? disse Benito.
Propongo rispose Lina di metterci tutti a seguire quella
liana fino alla sua estremit!
unidea, uno scopo, infatti! esclam Benito. Seguire
quella liana, quali siano gli ostacoli, macchie, boschi, rupi, ruscelli,
torrenti, non lasciarsi arrestare da nulla, passare anche quando
Avevi veramente ragione, fratello mio! disse ridendo
Minha. Lina un po pazza!
Suvvia! ribatt suo fratello. Tu dici che Lina pazza per
non dire che Benito pazzo, poich lapprova!
Infatti, siamo pazzi, se questo ci diverte! rispose Minha.
Seguiamo la liana!
Voi non temete fece osservare Manoel.
Ancora delle obiezioni! esclam Benito. Ah! Manoel, tu
non parleresti cos e saresti gi in cammino, se Minha ti aspettasse
alla meta!
Non parlo pi rispose Manoel. Non dico pi nulla,
obbedisco! Seguiamo la liana!
Ed eccoli in marcia, allegri come scolari in vacanza!
Poteva condurli lontano, quel filamento vegetale, se si ostinavano
a seguirlo fino alla sua estremit come un filo dArianna, con la sola
differenza che il filo dellerede di Minosse aiutava a uscire dal
labirinto, mentre questo non poteva che spingerli nella foresta pi
profondamente.
Era infatti una liana della famiglia delle salse, uno dei cipos
conosciuti sotto il nome di japicanga rossa, e la cui lunghezza
talvolta di parecchie leghe. Ma, dopo tutto, non era in gioco lonore.
Il cipo passava da un albero allaltro senza soluzione di continuit,
ora avvolto ai tronchi, ora inghirlandato ai rami, qui saltando da una
dracena a un palissandro, l da un gigantesco castagno, il bertholletia
excelsa, a qualcuna di quelle palme da vino, quelle baccabas, i cui
rami vennero giustamente paragonati da Agassiz a lunghe bacchette
di corallo macchiettate di verde. Poi, cerano dei tucumas, fichi
capricciosamente contornati, come olivi centenari, di cui non si
contano meno di quarantatre variet in Brasile; cerano quelle specie
deuforbiacee che producono il caucci, delle gualtes, belle palme
dal tronco liscio, fine, elegante, degli alberi del cacao che crescono
spontaneamente sulle rive del Rio delle Amazzoni e dei suoi
affluenti; cerano melastome variate, le une dai fiori rosati, le altre
sormontate da pannocchie di bacche biancastre.
Ma quante fermate, quante grida di delusione, quando lallegra
compagnia credeva di aver perduto il filo conduttore! Bisognava
allora ritrovarlo, dipanarlo in mezzo alle piante parassite.
L! l! diceva Lina. La vedo!
Tinganni, rispondeva Minha non pi la stessa, una
liana di unaltra specie!
Ma no! Lina ha ragione diceva Benito.
No, Lina ha torto rispondeva naturalmente Manoel.
Di qui discussioni molto vivaci e interminabili, nelle quali
nessuno voleva cedere.
Allora, il negro da una parte, Benito dallaltra, si lanciavano sugli
alberi, si arrampicavano sui rami allacciati dal cipo, per conoscerne
la vera direzione.
Ora, nulla era meno facile, certamente, in quel miscuglio di rami,
fra i quali serpeggiava la liana, in mezzo alle bromelie karatas,
armate delle loro spine aguzze, alle orchidee dai fiori rosati e dalle
foglie violette, larghe come un guanto, agli oncidiums pi
aggrovigliati di una matassa di lana fra le zampe di un gattino!
E poi, quando la liana ridiscendeva verso il suolo, quante
difficolt per ritrovarla sotto i mucchi di licopodi, di eliconie dalle
grandi foglie, delle calliandre a pennacchi rosei, dei sarmenti che
lavvolgevano come larmatura di un filo di rocchetto elettrico, fra i
nodi delle grandi ipomee bianche, sotto gli steli carnosi delle
vaniglie, in mezzo a tutti i ramoscelli e i viticci!
E quando veniva ritrovato il cipo, che grida di gioia, e con quale
entusiasmo veniva ripresa la passeggiata interrotta per un momento!
Gi da unora, i giovani e le giovinette camminavano in quel
modo, e nulla faceva prevedere che fossero vicini a raggiungere la
loro famosa meta. Scuotevano vigorosamente la liana, ma essa non
cedeva, e gli uccelli volavano via a centinaia, e le scimmie fuggivano
da un albero allaltro, come per mostrare la strada.
Una macchia sbarrava la strada? Il coltello apriva un varco, e tutta
la compagnia vi entrava. Oppure era unalta rupe ricoperta di erba,
sulla quale la liana si svolgeva come un serpente, e allora si
arrampicavano e passavano la rupe.
Una larga radura apparve poco dopo. L, in quellaria pi libera,
che gli necessaria come la luce del sole, lalbero dei tropici per
eccellenza, quello che, stando allosservazione di Humboldt, ha
accompagnato luomo nellinfanzia della sua civilt, la grande
nutrice dellabitante delle zone torride, un banano, si mostrava
isolato. Il lungo festone del cipo, avvolto nei suoi rami, passava cos
da unestremit allaltra della radura, e si cacciava di nuovo nella
foresta.
Ci fermiamo, finalmente? domand Manoel.
No, mille volte no! esclam Benito. Non prima di aver
raggiunto lestremit della liana!
Eppure fece osservare Minha sarebbe ora di pensare al
ritorno!
Oh! cara padrona, ancora! ancora! rispose Lina.
Sempre! sempre! aggiunse Benito.
E quegli sventati si cacciarono pi profondamente nella foresta,
che, allora meno intricata, permetteva di continuare il cammino.
Inoltre, il cipo piegava verso nord e tendeva a ritornare al fiume.
Cerano dunque meno inconvenienti a seguirlo, poich si avvicinava
alla riva destra, che doveva essere poi facile risalire.
Un quarto dora pi tardi, in fondo a un burrone, dinanzi a un
piccolo affluente del Rio delle Amazzoni, tutti si fermarono. Ma un
ponte di liane, fatto di bejucos, collegati fra di loro da un intrico di
rami, attraversava quel rigagnolo. Il cipo, dividendosi in filamenti,
serviva da ringhiera e passava cos da un argine allaltro.
Benito, sempre davanti, si era gi slanciato su quel ponticello
vegetale vacillante.
Manoel volle trattenere la giovinetta.
Rimanete, rimanete, Minha disse. Benito andr pi
lontano se gli piace, ma noi laspetteremo qui!
No! Venite, venite, cara padrona, venite! esclam Lina.
Non abbiate paura! La liana si assottiglia! Avremo la meglio su di
lei, e scopriremo la sua estremit!
E senza esitare, la giovane mulatta si avventurava arditamente
dietro Benito.
Sono ragazzi! rispose Minha. Venite, mio caro Manoel!
Bisogna pure seguirli!
Ed eccoli valicare tutti il ponte, che oscillava sopra il burrone
come unaltalena, e cacciarsi di nuovo sotto la cupola dei grandi
alberi.
Ma non avevano camminato da dieci minuti seguendo
linterminabile cipo nella direzione del fiume, quando tutti si
arrestarono, e, questa volta, non senza ragione.
Siamo dunque allestremit di questa liana? domand la
giovinetta.
No, rispose Benito ma faremo bene a non avanzare se
non con prudenza! Guardate!
E Benito mostrava il cipo che, perduto fra i rami di un alto fico,
era agitato da violente scosse.
Chi mai le produce? domand Manoel.
Forse qualche animale, cui non bisogna avvicinarsi se non con
precauzione!
E Benito, caricando il fucile, fece cenno di sparare, e si port dieci
passi avanti.
Manoel, le due giovinette e il negro erano rimasti immobili nello
stesso posto.
Allimprovviso Benito lanci un grido, e lo si pot vedere
slanciarsi verso un albero. Tutti si precipitarono verso quella parte.
Spettacolo inatteso e poco piacevole a vedersi!
Un uomo, impiccato, si dibatteva allestremit di quella liana,
flessibile come una corda, alla quale egli aveva fatto un nodo
scorsoio; le scosse derivavano dai sussulti che lo agitavano ancora
nelle ultime convulsioni dellagonia.
Ma Benito si era gettato sul disgraziato, e con un colpo di coltello
da caccia aveva reciso il cipo. Limpiccato scivol a terra. Manoel gli
si avvicin per curarlo e per richiamarlo in vita, se non era troppo
tardi.
Poveruomo! mormor Minha.
Signor Manoel, signor Manoel, esclam Lina respira
ancora! Il suo cuore batte! Bisogna salvarlo!
vero, in fede mia rispose Manoel credo proprio che
siamo arrivati appena in tempo!
Limpiccato era un uomo sulla trentina, un bianco, vestito
malamente, molto magro, e che sembrava aver sofferto molto.
Ai suoi piedi cerano una fiaschetta vuota, buttata a terra, e un
bilboquet di legno di palma, la cui palla, fatta con una testa di
tartaruga, era attaccata a una corda di fibra.
Impiccarsi, impiccarsi, ripeteva Lina e giovane ancora!
Che cosa mai ha potuto spingervelo?
Ma le cure di Manoel non tardarono a rianimare il povero diavolo,
che apr gli occhi e mand un uhm! vigoroso, cos inatteso che
Lina, spaventata, rispose al suo grido con un altro.
Chi siete, amico mio? gli domand Benito.
Un ex impiccato, mi pare!
Ma, il vostro nome?
Aspettate un po che me lo ricordi disse passandosi la mano
sulla fronte. Ah! mi chiamo Fragoso, per servirvi, se ne sono
ancora capace, per pettinarvi, radervi, accomodarvi secondo tutte le
regole della mia arte! Sono barbiere, o, per dir meglio, il pi
disperato dei Figari!
E come mai avete potuto pensare?
Eh! che cosa volete, mio caro signore! rispose sorridendo
Fragoso. Un momento di disperazione che avrei rimpianto assai,
se si pu rimpiangere qualche cosa allaltro mondo! Ma ottocento
leghe da percorrere ancora, e senza un quattrino in tasca, non cosa
che conforti! Mi ero perso di coraggio, evidentemente!
Quel Fragoso aveva, in fondo, un aspetto onesto e piacevole. Man
mano che riprendeva le forze, appariva che il suo temperamento
doveva essere allegro. Era uno di quei barbieri nomadi che
percorrono le rive dellAlto Amazzone, andando di villaggio in
villaggio, e mettendo la loro professione al servizio dei negri, delle
negre, degli indiani e delle indiane, che li tengono in grande
considerazione.
Ma il povero Figaro, abbandonato, senza quattrini, non aveva
mangiato da quarantotto ore; smarritosi in quella foresta, aveva perso
per un istante la testa e il resto noto.
Amico mio, gli disse Benito ritornerete con noi alla
fazenda di Iquitos.
Davvero! ma con piacere! rispose Fragoso. Mi avete
tolto il cappio, vi appartengo! Non bisognava salvarmi!
Eh, cara padrona, abbiamo fatto bene a continuare la nostra
passeggiata! disse Lina.
Lo credo! rispose la giovinetta.
Non importa disse Benito non avrei mai creduto di dover
trovare un uomo allestremit del nostro cipo!
E soprattutto un barbiere nei guai, che stava impiccandosi!
ribatt Fragoso.
Il povero diavolo, ridiventato allegro, fu messo al corrente
dellaccaduto. Egli ringrazi calorosamente Lina della buona idea
che aveva avuto di seguire quella liana, e tutti ripresero il cammino
verso la fazenda, dove Fragoso fu accolto in modo da non aver pi n
voglia, n bisogno di ritentare il suo triste gesto!
CAPITOLO VIII
LA JANGADA
IL MEZZO MIGLIO quadrato di foresta era abbattuto. Era compito
ora dei carpentieri di disporre sotto forma di zattera gli alberi spesso
secolari che giacevano sullargine.
Facile impresa davvero! Sotto la direzione di J oam Garral, gli
indiani addetti alla fazenda dovevano dar prova della loro valentia,
che incomparabile. Si tratti di una costruzione marittima o di un
edificio, senza alcun dubbio, quegli indigeni sono veramente
meravigliosi operai. Essi non hanno che unaccetta e una sega,
lavorano sopra legni talmente duri che il filo dei loro arnesi si
smussa, eppure, tronchi che bisogna squadrare, travi che bisogna
sbarazzare da quegli enormi rami, tavole a panconcelli da preparare
senza laiuto di una sega meccanica, tutto ci viene compiuto
facilmente dalla loro mano abile, paziente, dotata di una prodigiosa
naturale valentia.
I tronchi degli alberi non erano stati posti di proposito nel letto del
Rio delle Amazzoni. J oam Garral aveva labitudine di procedere in
altro modo, perci tutto quellammasso di tronchi era stato
simmetricamente disposto sopra un largo greto pianeggiante che egli
aveva fatto ancora abbassare, nel punto di confluenza del Nanay e del
grande fiume. Era l che la jangada doveva essere costruita, era l
che il Rio delle Amazzoni si sarebbe incaricato di farla galleggiare,
quando fosse venuto il momento di condurla a destinazione.
Una parola di spiegazione sulla disposizione geografica di questo
immenso corso dacqua, unico fra tutti, e a proposito di un curioso
fenomeno, che gli abitanti delle sponde avevano potuto accertare de
visu.
I due fiumi, che sono forse pi estesi della grande arteria
brasiliana, il Nilo e il Missouri-Mississippi, scorrono, uno da sud a
nord sul continente africano, laltro da nord a sud attraverso
lAmerica Settentrionale. Essi attraversano dunque territori di
latitudini molto varie, e di conseguenza sono sottoposti a climi molto
differenti.
II Rio delle Amazzoni, al contrario, compreso tutto quanto,
almeno dopo il punto in cui piega decisamente a est sulla frontiera
dellEcuador e del Per, fra il quarto e il secondo parallelo sud.
Quindi questo immenso bacino sotto linfluenza delle stesse
condizioni climatiche in tutta lestensione del suo corso.
Da ci derivano due stagioni distinte, durante le quali le piogge
cadono a un intervallo di sei mesi. Nella parte settentrionale del
Brasile in settembre si ha il periodo piovoso; in quella meridionale,
al contrario, in marzo. Per conseguenza gli affluenti di destra e quelli
di sinistra non vedono ingrossare le loro acque se non a intervalli di
sei mesi. Da questo alternarsi risulta che il livello del Rio delle
Amazzoni, dopo aver raggiunto il suo massimo in giugno, decresce
successivamente fino a ottobre.
quanto J oam Garral sapeva per esperienza, ed questo
fenomeno che intendeva sfruttare per mettere in acqua la jangada,
dopo averla comodamente costruita sulla riva del fiume. Infatti, sotto
e sopra il livello medio del Rio delle Amazzoni, il massimo pu
salire fino a quaranta piedi, e il minimo scendere fino a trenta. Una
tale differenza offriva dunque al fazendero ogni facilit di azione.
La costruzione fu iniziata senza indugi. Sullampio greto i tronchi
vennero disposti in ordine di grossezza, tenendo conto anche del loro
grado di galleggiabilit. Infatti, fra i legni pesanti e duri, ve nerano
di quelli il cui peso specifico pressappoco uguale a quello
dellacqua.
Tutto il primo strato non doveva essere costruito di tronchi
affiancati: un piccolo spazio era stato lasciato fra di loro, e furono
congiunti da travicelli trasversali che assicuravano la solidit
dellinsieme. Cavi di piagaba li legavano saldamente luno allaltro
come avrebbe potuto fare una corda di canapa. La piagaba, che
fatta di ramoscelli di una certa palma, abbondantissima sulle rive del
fiume, di uso generale nel paese. Galleggia, non si deteriora
nellacqua, si fabbrica a buon mercato, tutte ragioni che ne hanno
fatto una merce preziosa, gi entrata anche nel commercio con il
vecchio mondo.
Sopra questo strato di tronchi e di travicelli, vennero disposte le
travi e le assi che dovevano formare il pavimento della jangada,
elevato trenta pollici sopra il livello della linea di galleggiamento. Ce
nera per una somma considerevole, e lo si ammetter facilmente se
si tiene conto che il treno di legname misurava mille piedi di
lunghezza e sessanta di larghezza, ossia una superficie di
sessantamila piedi quadrati. In verit, si trattava dunque di una intera
foresta che doveva essere affidata alla corrente del Rio delle
Amazzoni.
Questi lavori di costruzione erano stati compiuti in modo
particolare sotto la direzione di J oam Garral, ma quando furono
terminati, il problema della sistemazione, messo allordine del
giorno, fu sottoposto alla discussione di tutti, alla quale si invit
anche il buon Fragoso.
Poche parole per dire quale fosse la nuova condizione di Fragoso
alla fazenda.
Dal giorno in cui laveva raccolto lospitale famiglia, il barbiere
non era mai stato cos felice. J oam Garral gli aveva offerto di
condurlo a Para, verso cui si dirigeva quando quella liana lo aveva
afferrato per il collo, diceva lui, e fermato improvvisamente!.
Fragoso aveva accettato e ringraziato di tutto cuore, e da quel giorno,
per riconoscenza, cercava di rendersi utile in mille modi. Era, del
resto, un giovanotto intelligentissimo, quello che si potrebbe dire un
ambidestro, cio sapeva far di tutto, e sapeva far bene ogni cosa.
Ilare quanto Lina, sempre cantando, fecondo di risposte allegre, non
aveva tardato a farsi amare da tutti.
Ma era verso la giovane mulatta che egli pensava di aver contratto
il debito pi grosso.
Avete avuto una magnifica idea, signorina Lina, ripeteva di
continuo di giocare alla liana guida!. Ah! proprio un bel
gioco, bench, certamente, non si trovi sempre un povero diavolo di
barbiere allestremit!
stato il caso, signor Fragoso rispondeva Lina ridendo e
vi assicuro che non mi dovete nulla.
Come, nulla? ma vi devo la vita, e chiedo che mi venga
prolungata di un centinaio di anni ancora, affinch la mia
riconoscenza duri pi a lungo. Vedete, non era mia intenzione
dimpiccarmi! E se ho cercato di farlo, stato per necessit! Ma, a
conti fatti, preferisco questo che morir di fame e servire, prima di
essere morto del tutto, di pasto alle belve! Perci questa liana un
legame fra noi, e avete un bel dire
La conversazione, generalmente, continuava in tono scherzoso,
ma, in fondo, Fragoso era assai riconoscente verso la giovane mulatta
di aver avuto liniziativa di salvarlo, e Lina non era insensibile ai
segni di gratitudine di quel bravo ragazzo, aperto, schietto, di
bellaspetto, molto simile a lei. La loro amicizia provocava anzi
qualche scherzo da parte di Benito, della vecchia Cibele e di molti
altri.
Dunque, per ritornare alla jangada, dopo lunghe discussioni fu
deciso che la sua disposizione fosse la pi comoda possibile, poich
il viaggio doveva durare parecchi mesi. La famiglia Garral
comprendeva il padre, la madre, la giovinetta, Benito, Manoel, pi le
loro serve, Cibele e Lina, che dovevano occupare unabitazione
separata. A questi bisognava aggiungere quaranta indiani, quaranta
negri, Fragoso e il pilota, al quale sarebbe stata affidata la rotta della
jangada.
Un personale cos numeroso era appena sufficiente per il servizio
di bordo. Infatti, si trattava di navigare in mezzo ai meandri del
fiume, fra centinaia di isole e di isolotti che ingombrano il suo letto.
Se la corrente del Rio delle Amazzoni forniva il moto, non
imprimeva la direzione. Di qui, la necessit di quelle centosessanta
braccia alla manovra dei lunghi ganci destinati a mantenere il treno
di legname a uguale distanza dalle due rive.
Anzitutto ci si preoccup di costruire la casa padronale a poppa
della jangada. Essa fu disposta in modo da contenere cinque camere e
unampia sala da pranzo. Una di quelle camere doveva essere
comune a J oam Garral e a sua moglie, unaltra a Lina e a Cibele,
accanto alle loro padrone, una terza a Benito e a Manoel. Minha
avrebbe occupato una camera a parte, che non sarebbe stata
certamente la meno comoda.
Labitazione principale fu accuratamente costruita con tavole
embricate, ben impregnate di resina bollente, il che doveva renderle
impermeabili e a tenuta stagna. Finestre laterali e frontali le davano
molta luce; sulla facciata si apriva la porta dingresso, che immetteva
nella sala comune. Una leggera veranda, che proteggeva la parte
anteriore contro lazione diretta dei raggi solari, poggiava sopra
sottili bamb. Il tutto era dipinto di un vivace colore ocra, che
rifletteva il calore invece di assorbirlo, e assicurava allinterno una
temperatura media.
Ma, quando il grosso della fatica, come si dice, fu compiuto
secondo i progetti di J oam Garral, Minha intervenne.
Babbo, disse ora che siamo chiusi e coperti secondo i
tuoi piani, ci permetterai di arredare la casa come piace a noi.
Lesterno ti appartiene, ma linterno spetta a noi. Mia madre e io
vogliamo che sia come se la nostra casa della fazenda ci
accompagnasse nel viaggio, affinch tu possa credere di non aver
lasciato Iquitos!
Fa come vuoi, Minha, rispose J oam Garral sorridendo con
quel triste sorriso che egli qualche volta ritrovava.
Sar una bella cosa!
Mi affido al tuo buon gusto, mia cara figlia!
E si far onore, babbo! rispose Minha. necessario, per
questo bel paese che dobbiamo attraversare, questo paese che il
nostro, e nel quale ritornerai dopo tanti anni di assenza.
S! Minha, s! rispose J oam Garral. quasi come se
tornassimo dallesilio un esilio volontario! Fa dunque del tuo
meglio, figlia mia! Approvo fin dora tutto quello che farai!
Alla giovinetta, a Lina, alle quali doveva unirsi volentieri Manoel
da una parte, Fragoso dallaltra, spettava la cura di arredare
labitazione. Con un po dimmaginazione e di senso artistico,
dovevano riuscire benissimo in questa impresa.
Allinterno, anzitutto, i mobili pi belli della fazenda trovarono
naturalmente il loro posto. Sarebbe bastato poi rimandarli, dopo
larrivo a Para, per mezzo di qualche igaratea del Rio delle
Amazzoni: tavole, poltrone di bamb, canap di canne, credenze di
legno scolpito, tutto quello che forma lallegro arredamento di una
casa della zona tropicale fu disposto con gusto nella casa
galleggiante. Si capiva bene che, salvo la collaborazione dei due
giovanotti, mani femminili avevano realizzato la sistemazione. Non
bisogna pensare che le pareti rimanessero nude! No! esse
scomparivano sotto tende assai leggiadre. Se non che queste tende,
fatte di preziose cortecce di alberi, erano tuturis che ricadono in
grosse pieghe come il broccato e il damasco delle pi morbide e delle
pi ricche stoffe dellarredamento moderno. Sul pavimento delle
camere, pelli di giaguaro chiazzate, fitte pellicce di scimmia
offrivano al piede i loro morbidi velli. Alcune leggere tendine di
quella seta rossiccia, che viene prodotta dal suma-uma, pendevano
dalle finestre. Quanto ai letti, avvolti nelle loro zanzariere, guanciali,
materassi, cuscini, erano pieni di quella sostanza elastica e fresca che
d il bombax nellalto bacino del Rio delle Amazzoni.
Poi, dappertutto, sulle credenze, sulle mensole, bei soprammobili,
portati da Rio de J aneiro o da Blem, tanto pi preziosi per la
giovinetta in quanto le erano stati regalati da Manoel. Che cosa c di
pi piacevole agli occhi di quei soprammobili, dono di una mano
amica, che parlano senza dire nulla?
In pochi giorni linterno fu portato a termine, cos che ci si poteva
credere nella casa medesima della fazenda. Non se ne sarebbe potuta
desiderare una migliore per abitarvi, sotto qualche bel gruppo di
alberi, sulla sponda di un corso di acqua corrente. Mentre la jangada
sarebbe scesa fra le rive del grande fiume, non avrebbe rovinato certo
laspetto pittoresco dei luoghi che si fuggivano via ai suoi lati.
Bisogna aggiungere ancora che quellabitazione era graziosa
esternamente non meno che internamente.
Infatti, allesterno, i giovani avevano gareggiato in gusto e in
immaginazione.
La casa era letteralmente coperta di foglie dallo zoccolo fino agli
ultimi motivi decorativi del tetto. Era un viluppo di orchidee, di
bromelie, di piante rampicanti, tutte fiorite, trapiantate in casse di
buona terra vegetale, nascoste sotto uno spesso tappeto di erba. Il
tronco di una mimosa o di un ficus non sarebbe stato ammantato di
una veste pi tropicalmente splendida! Quante capricciose frasche,
quanti pampini dorati, grappoli multicolori, sarmenti aggrovigliati sui
peducci che sorreggevano lestremit del soffitto, sugli archi del
tetto, sulle sporgenze delle porte! Era stato sufficiente raccogliere a
piene mani nelle foreste vicine alla fazenda. Una liana gigantesca
congiungeva fra di loro tutte quelle piante parassite; faceva molte
volte il giro della casa, si aggrappava a tutti gli angoli,
singhirlandava a tutte le sporgenze, si biforcava, cresceva a ciuffi,
gettava per dritto e per traverso i suoi capricciosi ramicelli, non
lasciava vedere pi nulla della costruzione, che sembrava sepolta
sotto un enorme cespuglio fiorito.
Attenzione delicata e di cui si riconoscer facilmente lautore,
lestremit di quel cipo andava a fiorire alla finestra della fanciulla.
Lo avreste detto un mazzolino di fiori sempre freschi che quel lungo
braccio le porgesse attraverso la persiana.
Insomma, tutto ci era leggiadro. Che Yaquita, sua figlia e Lina
fossero contente, inutile dirlo.
Per poco che vogliate disse Benito pianteremo degli
alberi sulla jangada.
Oh! degli alberi! rispose Minha.
Perch no? soggiunse Manoel. Trasportati con buona
terra su questa solida piattaforma, sono certo che prospererebbero,
tanto pi che non c cambiamento di clima da temere per loro,
poich il Rio delle Amazzoni scorre sempre sotto il medesimo
parallelo!
Daltra parte, ribatt Benito forse che il fiume non
trasporta ogni giorno degli isolotti di erba, strappati agli argini delle
isole e del fiume? Non passano forse con i loro alberi, i loro
boschetti, i loro cespugli, le loro rupi, le loro praterie, per andare, a
ottocento leghe da qui, a perdersi nellAtlantico? Perch dunque la
nostra jangada non potrebbe trasformarsi in un giardino galleggiante?
Volete una foresta, signorina Lina? disse Fragoso, che non
dubitava di nulla.
S! una foresta! esclam la giovane mulatta. Una foresta
con i suoi uccelli, le sue scimmie!
I suoi serpenti, i suoi giaguari! ribatt Benito.
I suoi indiani, le sue trib nomadi! disse Manoel.
E anche i suoi antropofago.
Ma dove andate, Fragoso? esclam Minha vedendo lagile
barbiere risalire largine.
A cercare la foresta! rispose Fragoso.
inutile, amico mio, disse Minha sorridendo. Manoel mi
ha offerto un mazzolino, e mi basta! vero aggiunse mostrando
labitazione sepolta sotto i fiori vero che ha nascosto la nostra
casa nel suo mazzolino di nozze!

CAPITOLO IX
LA SERA DEL 5 GIUGNO
DURANTE la costruzione della casa padronale, J oam Garral si era
occupato anche della disposizione dei servizi, che comprendevano
la cucina e le dispense, in cui provviste di ogni sorta dovevano essere
raccolte.
Prima di tutto vi era un importante deposito di radici di
quellarbusto, alto sei o sette piedi, che produce la manioca, che per
gli abitanti delle regioni intertropicali costituisce il loro principale
cibo. Questa radice, simile a una lunga radica nera, cresce a ciuffi,
come le patate. Se non tossica nelle regioni africane, certo che,
nellAmerica del Sud, contiene un succo dei pi nocivi, che bisogna
anzitutto estrarre con la spremitura. Fatto ci, si riducono quelle
radici in una farina che viene utilizzata in modi diversi, e anche in
forma di tapioca, secondo il capriccio degli indigeni.
Cos, a bordo della jangada cera una grande provvista di questo
utile prodotto, riservato allalimentazione di tutti.
Quanto alle provviste di carne, senza dimenticare un intero gregge
di montoni nutriti in una speciale stalla, costruita a prora,
consistevano specialmente in una certa quantit di quei prosciutti
presuntos locali, che sono eccellenti; ma si faceva assegnamento
anche sul fucile dei giovanotti e di alcuni indiani, buoni cacciatori, ai
quali la selvaggina non sarebbe mancata sopra le isole o nelle foreste
delle sponde del Rio delle Amazzoni.
Il fiume, del resto, doveva provvedere abbondantemente ai pasti
giornalieri con certi granchiolini che si potrebbero chiamare gamberi,
con tambagus, i migliori pesci di tutto quel bacino, di gusto pi fine
del salmone, al quale vengono talvolta paragonati; con piracurus,
dalle scaglie rosse, grandi come storioni, che salati, si spediscono in
grande quantit in tutto il Brasile; con candirus, pericolosi da
pescare, ma commestibili; con piranhas o pesci diavoli, rigati di
strisce rosse e lunghi trenta pollici; con tartarughe grosse o piccine,
che si contano a migliaia e occupano un posto preminente nel cibo
degli indigeni. Tutti questi prodotti del fiume dovevano figurare
successivamente sulla mensa dei padroni e dei servi.
Dunque, ogni giorno, se possibile, caccia e pesca avrebbero
dovuto essere praticate con regolarit.
Quanto alle diverse bevande, cera una buona provvista di quanto
il paese produceva di meglio: caysuma o machachera dellAlto e del
Basso Amazzone, liquore piacevole, di sapore acidulo, distillato dalla
radice bollita della manioca dolce; beiju del Brasile, specie di
acquavite nazionale; chica del Per; quel mazato dellUcayali che si
estrae dai frutti bolliti, spremuti e fermentati del banano; guaran,
specie di pasta fatta con la doppia mandorla del paullinia-sorbitis,
una vera tavoletta color cioccolato, che viene ridotta in polvere fine,
e che, aggiungendovi dellacqua, d una bevanda eccellente.
E non era tutto. C, in quelle regioni, una specie di vino color
violetto scuro che si ricava dal succo delle palme assais, e di cui i
brasiliani apprezzano il gusto aromatico. Cos, a bordo si trovava un
numero rispettabile di frasche
6
che sarebbero state vuote senza
dubbio allarrivo a Para.
Inoltre, la cantina speciale della jangada faceva onore a Benito, di
cui si era autonominato capo responsabile. Alcune centinaia di
bottiglie di Xeres, di Stubal, di Porto, rammentavano nomi cari ai
primi conquistatori dellAmerica del Sud. Di pi, il giovane
cantiniere si era procurato alcune damigiane
7
di quelleccellente
tafia, che una acquavite di zucchero un po pi piccante del beiju
nazionale.
Quanto al tabacco, non era quella pianta di poco valore di cui si
accontentano di solito gli indigeni del bacino del Rio delle
Amazzoni; veniva direttamente da Villa-Bella da Imperatriz, cio
dalla regione in cui si raccoglie il tabacco pi pregiato di tutta
lAmerica Centrale.
Cos dunque era disposta, a poppa della jangada, labitazione

6
La frasca portoghese contiene circa due litri. (N.d.A.)
7
Il contenuto di una damigiana varia da quindici a venticinque litri. (N.d.A.)
principale con i suoi servizi, cucina, dispense, cantina; il tutto era
riservato alla famiglia Garral e ai suoi servi personali.
Verso la parte centrale erano stati costruiti gli alloggi per gli
indiani e i negri. Questo personale doveva trovarsi nelle medesime
condizioni di quando era nella fazenda di Iquitos, e in modo da poter
sempre manovrare sotto la direzione del pilota.
Ma, per alloggiare tutto quel personale, occorreva un certo
numero di abitazioni, che dovevano dare alla jangada laspetto di un
piccolo villaggio alla deriva; in verit avrebbe avuto pi costruzioni e
pi abitanti di parecchi villaggi dellAlto Amazzone.
Agli indiani, J oam Garral aveva riservato dei veri carbets, specie
di capanne senza pareti, il cui tetto di fogliame era sostenuto da
leggeri travicelli. Laria circolava liberamente attraverso quelle
costruzioni aperte, e faceva dondolare le amache sospese
nellinterno. L, quegli indigeni, fra cui si contavano tre o quattro
famiglie complete, con donne e fanciulli, sarebbero stati alloggiati
come a terra.
I negri avevano ritrovato sul traino galleggiante le loro solite
ajoupas, che differivano dai carbets perch erano ermeticamente
chiuse sui quattro lati, uno solo dei quali dava accesso alla casa. Gli
indiani, abituati a vivere allaria aperta, in piena libert, non
avrebbero potuto abituarsi a quella specie dimprigionamento della
ajoupa, che si adattava meglio alla vita dei negri.
In fine, a prora, sinnalzavano veri magazzini contenenti le merci
che J oam Garral trasportava a Blem insieme con il prodotto delle
sue foreste.
In quegli ampi magazzini, sotto la direzione di Benito, il ricco
carico aveva trovato posto con tanto ordine quanto se fosse stato
stivato con grande cura su una nave.
Anzitutto settemila arrobe
8
di caucci componevano la parte pi
preziosa di quel carico, poich una libbra di quel prodotto valeva
allora da tre a quattro franchi. La jangada portava anche cinquanta
quintali di salsapariglia, smilacea che forma una branca importante
del commercio di esportazione in tutto il bacino del Rio delle

8
L'arrobe spagnolo pesa circa venticinque libbre; l'arrobe portoghese pesa un po'
di pi, cio trentadue libbre. (N.d.A.)
Amazzoni, che si fa sempre pi rara sulle rive del fiume perch gli
indigeni hanno poca cura di rispettarne i fusti quando la raccolgono.
Fave tonkins, conosciute in Brasile sotto il nome di cumarus, e che
servono a fare certe essenze oleose; sassofrasso, da cui si estrae un
prezioso balsamo per le ferite; balle di piante tintorie; casse di
diverse gomme, e una certa quantit di legno prezioso completavano
quel carico, di smercio lucroso e facile nelle province del Para.
Forse ci si stupir che il numero degli indiani e dei negri imbarcati
fosse stato limitato solo in rapporto alle esigenze della manovra della
jangada. Non vi era forse ragione di condurre un maggior numero di
uomini in previsione di un possibile attacco da parte delle trib
rivierasche del Rio delle Amazzoni?
Sarebbe stato inutile. Quegli indigeni dellAmerica Centrale non
si devono temere, e non sono ormai pi i tempi in cui bisognava sul
serio premunirsi contro le loro aggressioni. Gli indiani delle rive
appartengono a trib tranquille, e i pi feroci si sono ritirati di fronte
allavanzata della civilt che si diffonde a poco a poco lungo il fiume
e i suoi affluenti. I negri fuggiaschi, gli evasi dalle colonie
penitenziarie del Brasile, dellInghilterra, dellOlanda o della
Francia, sono i soli che si devono temere. Ma questi fuggitivi non
sono che in numero esiguo, non vagano che in gruppi isolati
attraverso le foreste o le savane, e la jangada era in grado di
respingere qualsiasi assalto da parte di quegli scorridori dei boschi.
Inoltre, sul Rio delle Amazzoni vi sono molte stazioni di posta,
villaggi, Missioni in gran numero. Non pi un deserto quello che
limmenso corso dacqua attraversa, un bacino che si colonizza
ogni giorno di pi. Non bisognava dunque tener conto di quella
specie di pericoli: non era prevedibile alcuna aggressione.
Per completare la descrizione della jangada, non rimane che
parlare di due o tre costruzioni di natura molto diversa, che finivano
per conferirle un aspetto pittoresco.
A prora sorgeva la capanna del pilota. Abbiamo detto a prora, e
non a poppa, posto consueto del timoniere. Infatti, in quelle
condizioni di navigazione, non si doveva far uso di un timone. Dei
lunghi remi non avrebbero avuto alcuna azione sopra un traino di
quelle dimensioni, quandanche fossero stati manovrati da cento
robuste braccia. Per mezzo di lunghi ganci appoggiati al fondo del
letto, la jangada si manteneva lateralmente nella corrente, o si
raddrizzava la sua rotta quando se ne allontanava. A questo modo
essa poteva avvicinarsi a una riva e allaltra, quando si doveva
fermare per qualsiasi motivo. Tre o quattro ubas, due piroghe con i
loro attrezzi erano a bordo e permettevano di comunicare facilmente
con le sponde. Il lavoro del pilota era limitato dunque a riconoscere i
passi del fiume, le deviazioni della corrente, i risucchi che bisognava
evitare, i seni e le anse che presentavano un ancoraggio favorevole, e,
per far questo, il suo posto era e doveva essere a prora.
Se il pilota era il direttore materiale di quellimmensa macchina -
non si pu forse usare giustamente questespressione? - un altro
personaggio ne doveva essere il direttore spirituale: era il padre
Passanha, che serviva la Missione di Iquitos.
Una famiglia religiosa come quella di J oam Garral aveva sfruttato
con sollecitudine loccasione di condurre con s un vecchio prete che
teneva in grande considerazione.
Padre Passanha, che aveva allora settantanni, era un uomo
dabbene, pieno di fervore evangelico, creatura caritatevole e buona; e
in mezzo a quelle regioni, dove i rappresentanti della religione non
danno sempre esempio di virt, egli appariva come il tipo perfetto di
quei missionari che hanno fatto tanto per la civilt in mezzo alle
regioni pi selvagge del mondo.
Da cinquantanni, padre Passanha viveva a Iquitos nella Missione
di cui era il responsabile. Era amato da tutti, e meritava di esserlo. La
famiglia Garral lo teneva in grande considerazione. Era lui che aveva
celebrato le nozze tra la figlia del fazendero Magalhas e il giovane
raccolto alla fazenda; aveva visto nascere i loro figli, li aveva
battezzati, istruiti, e sperava di dare anche a loro la benedizione
nuziale.
Let di padre Passanha non gli permetteva pi di esercitare il suo
faticoso ministero: lora del riposo era suonata per lui. Era stato
sostituito a Iquitos da un missionario pi giovane, e si disponeva a
ritornare a Para per finirvi i suoi giorni in uno di quei conventi che
sono riservati ai vecchi servi di Dio.
Quale migliore occasione gli si poteva offrire di scendere il fiume
e con quella famiglia che era quasi la sua? Glielo avevano proposto,
ed egli aveva accettato, e, giunti a Blem, a lui era riservato il
compito, di unire quella giovane coppia, Minha e Manoel.
Ma se padre Passanha, durante il viaggio, doveva assidersi alla
mensa della famiglia, J oam Garral aveva voluto fargli costruire una
casa a parte, e Dio sa con quanta cura Yaquita e sua figlia si erano
ingegnate a renderla confortevole! Certamente, il buon vecchio
sacerdote non era mai stato alloggiato cos bene nel suo modesto
presbiterio.
Tuttavia, il presbiterio non poteva bastare a padre Passanha; ci
voleva anche la cappella.
La cappella era dunque stata edificata nella parte centrale della
jangada, e la sormontava un piccolo campanile.
Era molto angusta, senza dubbio, e non avrebbe potuto contenere
tutto il personale di bordo, ma era riccamente adorna, e se J oam
Garral ritrovava la propria casa su quel traino galleggiante, nemmeno
padre Passanha doveva rimpiangere la sua povera chiesa di Iquitos.
Tale era dunque quel meraviglioso apparato che doveva scendere
tutto il corso del Rio delle Amazzoni. Esso era l, sul greto,
aspettando che il fiume venisse a sollevarlo. Ora, stando ai calcoli e
alle osservazioni sulla piena, la cosa non poteva pi tardare.
Il 5 giugno tutto era pronto.
Il pilota, giunto la vigilia, era un uomo sulla cinquantina, molto
pratico del suo mestiere, ma troppo amante del bere. A ogni modo,
J oam Garral lo teneva in grande conto, e molte volte gli aveva
affidato il trasporto dei traini di legname a Blem, senza mai essersi
pentito.
Bisogna aggiungere, del resto, che Araujo - tale era il suo nome -
non ci vedeva mai bene come quando alcuni bicchieri di quella forte
tafia, che si estrae dalla canna da zucchero, gli rischiaravano la vista.
Cos egli non navigava senza una damigiana di quel liquore, alla
quale faceva una corte assidua.
La piena del fiume si era gi manifestata sensibilmente da molti
giorni. Di momento in momento il livello del fiume si elevava, e
nelle quarantotto ore che precedettero il massimo, le acque si
alzarono abbastanza per coprire il greto della fazenda, ma non ancora
tanto da sollevare il traino di legname.
Bench il movimento fosse assicurato e non vi fosse errore
possibile sullaltezza che la piena doveva raggiungere, quellora non
doveva mancare di causare una certa commozione in tutti gli
interessati. Infatti, se, per una causa inspiegabile le acque del Rio
delle Amazzoni non si fossero elevate tanto da produrre il
galleggiamento della jangada, tutto quellenorme lavoro sarebbe stato
inutile. E poich la diminuzione della piena si sarebbe svolta
rapidamente, ci sarebbero voluti lunghi mesi per ritrovarsi in
condizioni simili.
Dunque, il 5 giugno, verso sera, i futuri passeggeri della jangada
erano riuniti sopra una spianata, che dominava il greto da un
centinaio di piedi, e tutti aspettavano lora con una certa ansiet
facile a comprendersi.
L si trovavano Yaquita, sua figlia, Manoel Valdez, padre
Passanha, Benito, Lina, Fragoso, Cibele e alcuni dei servi indiani o
negri della fazenda.
Fragoso non poteva star fermo; andava, veniva, scendeva
sullargine, risaliva sulla spianata, notava dei punti di riferimento, e
mandava degli evviva quando lacqua, crescendo, veniva a toccarli.
Gallegger, gallegger esclamava il traino che deve
portarci a Blem! Gallegger, quando tutte le cateratte del cielo si
apriranno per gonfiare il Rio delle Amazzoni!
J oam Garral era sulla zattera con il pilota e un numeroso
equipaggio. Spettava a lui prendere tutte le misure necessarie al
momento delloperazione. La jangada, del resto, era ben ormeggiata
alla riva con solide gomene e non poteva venir trascinata dalla
corrente, al momento del galleggiamento.
Tutta una trib di centocinquanta o duecento indiani dei dintorni
di Iquitos, senza contare la popolazione del villaggio, era venuta ad
assistere a quellinteressante spettacolo. Quella folla stupita guardava
ed era quasi in profondo silenzio.
Verso le cinque di sera, lacqua aveva raggiunto un livello
superiore a quello della vigilia - pi di un piede - e il greto
scompariva completamente sotto lacqua.
Un certo fremito si propag attraverso lenorme costruzione, ma
mancavano ancora alcuni pollici perch fosse interamente sollevata e
staccata dal fondo.
Nel giro di unora, quei fremiti crebbero. Le tavole
scricchiolavano da tutte le parti; era iniziato un lavorio che strappava
a poco a poco i tronchi dal loro letto di sabbia.
Verso le sei e mezzo scoppiarono grida di gioia. La jangada
galleggiava finalmente, e la corrente la trascinava verso il centro del
fiume; ma trattenuta dai suoi ormeggi, venne a collocarsi
tranquillamente lungo la riva, nellistante in cui padre Passanha la
benediceva, come avrebbe benedetto una nave, i cui destini sono fra
le mani di Dio!
CAPITOLO X
DA IQUITOS A PEVAS
LINDOMANI, 6 giugno, J oam Garral e i suoi si accomiatavano
dallintendente e dal personale indiano o negro che rimaneva alla
fazenda. Alle sei del mattino la jangada riceveva tutti i suoi
passeggeri - sarebbe pi esatto chiamarli i suoi abitanti - e ognuno
prendeva possesso della propria cabina o, per meglio dire, della
propria casa.
Era venuto il momento di partire. Il pilota Araujo and a mettersi
a prora, e lequipaggio, armato di lunghi ganci, si tenne al posto di
manovra.
J oam Garral, aiutato da Benito e da Manoel, sorvegliava
loperazione dello sciogliere gli ormeggi.
Al comando del pilota le gomene furono allentate, i ganci si
appoggiarono allargine per spingere la jangada nella corrente, che
non tard ad afferrarla, e seguendo la riva sinistra del fiume, lasci
alla destra le isole Iquitos e Parianta.
Il viaggio era incominciato. Dove sarebbe finito? A Para, a Blem,
a ottocento leghe da quel piccolo villaggio peruviano, se nulla avesse
modificato litinerario prestabilito! Come sarebbe finito? Era un
segreto del futuro.
Il tempo era magnifico; il fresco pampero addolciva lardore del
sole. Era uno di quei venti di giugno e di luglio che vengono dalla
Cordigliera, ad alcune centinaia di leghe di l, dopo aver sfiorato la
superficie dellimmensa pianura di Sacramento. Se la jangada fosse
stata fornita di alberi e di vele, avrebbe sentito gli effetti della brezza,
e la sua velocit sarebbe aumentata; ma con le sinuosit del fiume,
con le sue brusche curve, bisognava rinunciare ai benefici di una
simile forza motrice.
In un bacino cos piano come quello del Rio delle Amazzoni, che
non , a dire il vero, se non una pianura sterminata, il declivio del
letto del fiume non pu essere che poco accentuato. Cos fu calcolato
che, fra Tabatinga, alla frontiera brasiliana, e la sorgente di questo
grande corso dacqua, la differenza di livello non supera un
decimetro per lega. Non ci sono dunque altre arterie fluviali al
mondo la cui inclinazione sia cos bassa.
Ne deriva che la rapidit della corrente del Rio delle Amazzoni, a
media profondit, non deve essere valutata pi di due leghe ogni
ventiquattro ore, e talvolta questa velocit ancora eccessiva nel
tempo della siccit. Tuttavia, nel periodo delle piene, la velocit
aumenta fino a trenta-quaranta chilometri.
Fortunatamente era in queste condizioni che la jangada doveva
navigare; ma, pesante nei movimenti, essa non poteva avere la
velocit della corrente, pi spedita di lei. In tal modo, tenendo conto
dei ritardi causati dalle sinuosit del fiume, delle numerose isole che
si dovevano aggirare, dei bassi fondi che bisognava evitare, delle ore
di fermata che sarebbero state necessariamente perdute, quando la
notte troppo buia non permetteva di navigare con sicurezza, non si
dovevano calcolare pi di venticinque chilometri di strada percorsa
ogni ventiquattro ore.
La superficie delle acque del fiume, del resto, tuttaltro che
libera. Alberi ancora verdi, avanzi di vegetazione, isolotti di erbe
strappati di continuo alle rive formano tutta una flottiglia di rottami
che la corrente trascina, e sono altrettanti ostacoli a una rapida
navigazione.
La foce del Nanay fu presto passata, e si perdette dietro una punta
della riva sinistra, con il suo tappeto di graminacee rossicce, riarse
dal sole, che formavano un primo piano caldo alle verdeggianti
foreste dellorizzonte.
La jangada non tard a prendere il filo della corrente, fra le
numerose e pittoresche isole, delle quali se ne conta una dozzina da
Iquitos a Pucalpa.
Araujo, che non dimenticava di rischiararsi la vista e la memoria
attingendo alla damigiana, manovr assai abilmente in mezzo a
quellarcipelago. Al suo ordine, cinquanta ganci si levavano
simultaneamente da ogni parte del treno di legname, e ricadevano
nellacqua con un movimento automatico. Era uno spettacolo curioso
da vedersi.
Frattanto Yaquita, aiutata da Lina e da Cibele, finiva di mettere in
ordine ogni cosa, mentre la cuoca indiana si occupava della
colazione.
Quanto ai due giovani e a Minha, passeggiavano in compagnia di
padre Passanha, e ogni tanto la giovinetta si fermava per innaffiare le
piante collocate alla base dellabitazione.
Ebbene, padre, disse Benito conoscete una maniera pi
piacevole di viaggiare?
No, mio caro figliolo! rispose padre Passanha. Questo
veramente si chiama viaggiare rimanendo in casa propria.
E senza alcuna fatica! aggiunse Manoel. Si farebbero in
questo modo centinaia di miglia!
Dunque, riprese Minha non vi pentirete di esservi
imbarcato con noi! Non vi sembra di essere sopra unisola, e che
lisola, staccata dal letto del fiume, con le sue praterie, con i suoi
alberi, se ne vada tranquillamente alla deriva? Solamente
Solamente? ripete padre Passanha.
Questisola, padre, labbiamo fatta noi con le nostre mani, ci
appartiene, e io la preferisco a tutte le isole del Rio delle Amazzoni!
Ho il diritto di esserne fiera!
S, mia cara figliola, rispose padre Passanha e ti assolvo
per il tuo sentimento di superbia! Daltra parte, non mi permetterei di
sgridarti dinanzi a Manoel.
Ma s, al contrario! rispose allegramente la giovinetta.
Bisogna insegnare a Manoel a sgridarmi quando lo merito! Egli
troppo indulgente nei miei confronti, e si che ho pure i miei difetti!
Allora, mia cara Minha, disse Manoel approfitter del
permesso per ricordarvi
Che cosa?
Che siete stata molto assidua nella biblioteca della fazenda, e
che mi avevate promesso di rendermi alquanto edotto su tutto ci che
riguarda il vostro Alto Amazzone. Non lo conosciamo che
imperfettamente a Para, ed ecco molte isole che la jangada supera,
senza che voi vi sognate di dirmene il nome!
E chi lo potrebbe? esclam la giovinetta.
S! chi lo potrebbe? ripete Benito. Chi potrebbe ricordare
le centinaia di nomi in dialetto tupi che hanno tutte queste isole? Non
ci si pu raccapezzare! Gli americani sono pi pratici per quanto
riguarda le isole del loro Mississippi, le numerano
Come numerano i viali e le vie delle loro citt! rispose
Manoel. In verit, non mi piace molto questo sistema numerico!
Non dice nulla alla fantasia dire lisola sessantaquattro, lisola
sessantacinque, come pure la sesta via del terzo viale! Non siete del
mio parere, mia cara Minha?
S, Manoel, qualsiasi cosa possa pensare mio fratello
rispose la giovinetta. Ma bench non ne conosciamo i nomi, le
isole del nostro grande fiume sono veramente belle! Guardatele
svolgersi sotto lombra di quelle gigantesche palme con le loro foglie
che ricadono! E quella cintura di canneti che le circonda, in mezzo ai
quali una stretta piroga potrebbe appena aprirsi un passaggio! E quei
manghi, le cui radici fantastiche si aggrappano alle rive come le
zampe di alcuni granchi mostruosi! S, queste isole sono belle, ma
per belle che siano, non possono muoversi come la nostra!
La mia piccola Minha alquanto esuberante oggi! fece
osservare padre Passanha.
Ah! padre, esclam la giovinetta sono cos contenta di
sentire tutti felici intorno a me!
In quel momento si ud la voce di Yaquita che chiamava Minha
nellinterno dellabitazione.
La giovinetta se ne and correndo e sorridendo.
Avrete unamabile compagna, Manoel! disse padre
Passanha al giovane. tutta la gioia della famiglia che se ne andr
con voi, amico mio!
Cara sorellina! disse Benito. La rimpiangeremo assai, e il
padre ha ragione! Vediamo, se tu non la sposassi, Manoel! sei
ancora in tempo! Ella rimarrebbe con noi!
Vi rimarr, Benito, rispose Manoel. Credimi, il futuro,
ne ho il presentimento, ci riunir tutti!
Quella prima giornata trascorse bene. Colazione, desinare, siesta,
passeggiate, tutto si comp come se J oam Garral e i suoi fossero stati
ancora nella comoda fazenda di Iquitos.
Durante quelle ventiquattro ore, le foci dei Rios Bacali, Chochio,
Pucalppa, sulla sinistra del fiume, quelle dei Rios Itinicari, Maniti,
Moyoc, Tuyuca, e le isole omonime, a destra, furono superate senza
incidenti. La notte, illuminata dalla luna, permise di risparmiare una
fermata, e la lunga zattera scivol tranquillamente sulla superficie del
Rio delle Amazzoni.
Lindomani, 7 giugno, la jangada rasent gli argini del villaggio di
Pucalppa, chiamato anche Nuovo Oran. Il Vecchio Oran, che posto
a quindici leghe a valle, sulla stessa riva sinistra del fiume, ormai
abbandonato per il nuovo, la cui popolazione si compone dindiani
appartenenti alle trib Mayorunas e Orejones. Nulla di pi pittoresco
di questo villaggio con i suoi argini, che direste dipinti, con la sua
chiesa incompiuta, le sue case, delle quali alcune alte palme
ombreggiano i tetti di stoppia, e le due o tre ubas semiarenate sulle
sue rive.
Per tutto il 7 giugno, la jangada continu a seguire la riva sinistra
del fiume, passando dinanzi ad alcuni tributari senza nome e senza
importanza. Ci fu un momento in cui corse il rischio di arenarsi nella
punta a monte dellisola Sinicuro; ma il pilota, ben secondato dal suo
equipaggio, riusc a schivare il pericolo, e si mantenne nel filo della
corrente.
La sera si giunse lungo unisola pi estesa, lisola Napo, dal nome
del fiume che, in quel luogo, si dirige verso nord-nord-ovest, e viene
a mescolare le sue acque a quelle del Rio delle Amazzoni con una
foce larga ottocento metri circa, dopo aver bagnato alcuni territori
degli indiani Cotos della trib degli Orejones.
Al mattino dell8 giugno la jangada si trov di fronte allisolotto
Mango, che costringe il Napo a dividersi in due bracci prima di
gettarsi nel Rio delle Amazzoni.
Alcuni anni pi tardi, un viaggiatore francese, Paul Marcoy,
avrebbe riconosciuto il colore delle acque di questo affluente, che
egli paragona giustamente alla sfumatura color assenzio caratteristica
dellopale verde. Contemporaneamente egli rettificava alcune misure
indicate da La Condamine. Ma in quel tempo la foce del Napo era
sensibilmente allargata dalla piena, ed era con una certa rapidit che
il suo corso, uscito dai declivi orientali del Cotopaxi, veniva a
mescolarsi ribollendo al corso giallognolo del Rio delle Amazzoni.
Alcuni indiani vagavano alla foce di questo corso dacqua. Essi
avevano il corpo robusto, la statura alta, la capigliatura abbondante,
la narice trapassata da una bacchetta di palma, il lobo dellorecchio
allungato fino alla spalla dal peso di grossi anelli di legno prezioso.
Alcune donne li accompagnavano; nessuno di loro manifest
lintenzione di venire a bordo.
Si sostiene che questi indigeni possano essere antropofago ma ci
si dice di tante trib rivierasche del fiume che, se il fatto fosse vero,
di queste abitudini di cannibalismo si avrebbero delle testimonianze
che mancano ancora.
Alcune ore pi tardi, il villaggio di Bella-Vista, posto sopra una
riva un po bassa, mostr i suoi ciuffi di begli alberi, che dominavano
alcune capanne coperte di paglia, sulle quali dei banani di media
altezza lasciavano ricadere le loro larghe foglie come le acque di una
vasca troppo piena.
Poi, il pilota, per seguire una corrente migliore che doveva
allontanarlo dagli argini, diresse il traino verso la riva destra del
fiume, cui non si era ancora avvicinato. La manovra non fu fatta
senza certe difficolt, che furono superate felicemente dopo alcuni
abbracci prolungati alla damigiana.
Ci permise di scorgere, passando, alcune di quelle numerose
lagune dalle acque scure, che sono disseminate lungo il corso del Rio
delle Amazzoni, e spesso non hanno alcuno sbocco nel fiume. Una di
esse, che porta il nome di laguna di Oran, era di mediocre estensione,
e riceveva le acque da una larga apertura. In mezzo al suo letto si
delineavano molte isole e due o tre isolotti curiosamente raggruppati
e, sulla riva opposta, Benito individu il bacino dellantico Oran, di
cui non si scorgevano pi che tracce incerte.
Per due giorni, secondo le esigenze della corrente, la jangada and
ora sulla riva destra, ora sulla sinistra, senza che la sua ossatura
subisse il ben che minimo contatto sospetto.
I passeggeri si erano gi abituati a questa nuova esistenza. J oam
Garral, lasciando a suo figlio la cura di tutto ci che riguardava il lato
commerciale della spedizione, rimaneva per lo pi nella propria
camera, meditando e scrivendo. Di ci che egli scriveva, non diceva
nulla, nemmeno a Yaquita, eppure la cosa assumeva gi limportanza
di vere memorie.
Benito che badava a tutto, chiacchierava con il pilota e rilevava la
direzione. Yaquita, sua figlia e Manoel formavano quasi sempre un
gruppo a s, sia che discutessero dei progetti per il futuro, sia che
passeggiassero come avrebbero fatto nel parco della fazenda. Era
veramente la stessa vita; Benito trovava perfino il tempo di dedicarsi
al piacere della caccia. Se le foreste di Iquitos gli mancavano con le
loro belve, i loro aguti, i loro pecari, i loro cabiai, gli uccelli
volavano a stormi sulle rive, e non temevano nemmeno di venirsi a
posare sulla jangada. Quando potevano far buona figura sulla mensa,
come selvaggina, Benito dava loro la caccia, e in quelle occasioni sua
sorella non cercava di opporsi, perch era nellinteresse di tutti; ma
se si trattava di quegli aironi grigi o gialli, di quegli ibis rosati o
bianchi che popolano gli argini, venivano risparmiati per far piacere
a Minha. Una sola specie di smergo, bench non sia commestibile,
non era risparmiata dal giovane commerciante: era quel caiarara
altrettanto abile a tuffarsi quanto a nuotare e a volare, uccello dal
grido sgradevole, ma la cui peluria molto apprezzata sui diversi
mercati del bacino del Rio delle Amazzoni.
Infine, dopo aver passato il villaggio dOmaguas e la foce
dellAmbiacu, la jangada giunse a Pevas, la sera dell11 giugno, e
gett gli ormeggi alla riva.
Poich rimanevano ancora alcune ore prima della notte, Benito
sbarc conducendo con s il sempre pronto Fragoso, e i due
cacciatori andarono a battere le macchie nei dintorni della piccola
borgata. Un aguti e un cabiai, senza parlare di una dozzina di pernici,
vennero ad arricchire la dispensa dopo quella fortunata escursione.
A Pevas, dove si conta una popolazione di duecentosessanta
abitanti, Benito avrebbe potuto fare alcuni baratti con i fratelli laici
della Missione, che sono nel contempo negozianti allingrosso; ma
essi avevano spedito poco prima delle balle di salsapariglia e un certo
numero di arrobes di caucci verso il Basso Amazzone, e il loro
magazzino era vuoto.
La jangada riparti dunque allo spuntare del sole e si cacci in quel
piccolo arcipelago che formano le isole Iatio e Cochiquinas, dopo
aver lasciato a destra il villaggio omonimo. Diverse foci di piccoli
affluenti senza nome furono notate sulla destra del fiume, fra i canali
che separano le isole.
Alcuni indigeni dalla testa rasa, tatuati sulle guance e sulla fronte,
che portavano, alle pinne del naso e al di sotto del labbro inferiore,
dei dischi di metallo, apparvero un istante sulle rive. Erano armati di
frecce e di cerbottane, ma non ne fecero uso, e non cercarono
neppure di entrare in comunicazione con la jangada.
CAPITOLO XI
DA PEVAS ALLA FRONTIERA
NEI POCHI giorni che seguirono, la navigazione non offr alcun
incidente. Le notti erano cos belle che il lungo traino di legname si
lasciava andare alla corrente, senza nemmeno fermarsi. Le due rive
pittoresche del fiume sembravano svolgersi, lateralmente, come le
scene teatrali da una quinta allaltra. Per una specie di illusione
ottica, alla quale gli occhi si abituano senza accorgersene, sembrava
che la jangada fosse immobile fra le due basse rive che si
muovevano.
Benito non pot dunque andare a caccia sugli argini, poich non
fu effettuata alcuna fermata, ma la selvaggina era vantaggiosamente
sostituita dai frutti della pesca.
Infatti fu presa una grande variet di pesci eccellenti, pacos,
surubis, gamitanas dalla carne squisita, e alcune di quelle larghe
razze, chiamate duridaris, rosate sul ventre, nere sul dorso, che sono
armate di dardi velenosissimi. Furono raccolti anche migliaia di
candirus, specie di piccoli siluri, alcuni dei quali sono microscopici,
e che si attaccano ai polpacci del bagnante che si avventura
imprudentemente nei loro paraggi.
Le ricche acque del Rio delle Amazzoni erano frequentate anche
da molti altri animali acquatici, che scortavano la jangada sul fiume
per ore intere.
Erano i giganteschi piracurus, lunghi da dieci a dodici piedi,
corazzati da larghe scaglie dallorlo scarlatto, ma la cui carne non
veramente apprezzata che dagli indigeni, per cui non si cercava di
catturarli, come non si cercava di catturare i graziosi delfini che
venivano a giocherellare a centinaia a prora e a poppa, battendo con
le code i panconcelli del traino di legname, animando le acque di
riflessi e di zampilli che la luce mutava in altrettanti arcobaleni.
Il 16 giugno, la jangada, dopo aver felicemente evitato certi bassi
fondi avvicinandosi agli argini, giunse presso la grande isola di San-
Pablo, e la sera seguente si fermava al villaggio di Moromoros, che
posto sulla riva sinistra del Rio delle Amazzoni. Ventiquattro ore
dopo, oltrepassando le foci dellAtacoari e del Cocha, poi il canale
che comunica con il lago di Cabello-Cocha, sulla riva destra, si
fermava allaltezza della Missione di Cocha.
Era quello il paese degli indiani Marahuas, dai lunghi capelli
svolazzanti, la cui bocca si apre in mezzo a una specie di ventaglio di
spine di palme, lunghe sei pollici, il che conferisce loro un aspetto
felino, e ci - secondo losservazione di Paul Marcoy - con
lintenzione di assomigliare alla tigre, di cui ammirano soprattutto
laudacia, la forza e lastuzia. Alcune donne vennero con quei
Marahuas, fumando sigari, di cui tenevano lestremit accesa fra i
denti. Tutti, come il re delle foreste amazzoniane, erano pressa poco
nudi.
La Missione di Cocha era allora diretta da un monaco
francescano, che volle far visita a padre Passanha.
J oam Garral fece unottima accoglienza al religioso, e gli offr
anzi di sedersi alla mensa della famiglia. Cera per lappunto quel
giorno un desinare che faceva onore alla cuoca indiana.
Brodo tradizionale con erbe aromatiche, pasticcio, destinato per lo
pi a sostituire il pane in Brasile, che fatto di farina di manioca
bene impregnata di sugo di carne e di pomodoro, pollo con riso,
nuotante in una salsa piccante fatta di aceto e di malagueta, piatto di
erbaggi pimentati, pasticcio freddo cosparso di cannella - tanto
insomma da tentare un povero monaco ridotto al magro pasto della
parrocchia. Si insistette dunque per trattenerlo; Yaquita e sua figlia
fecero di tutto per riuscirvi, ma il francescano doveva visitare la sera
stessa un indiano malato a Cocha. Ringrazi dunque lospitale
famiglia e parti, non senza portar con s alcuni doni, che dovevano
esser accolti benissimo dai neofiti della Missione.
Nei due giorni seguenti, il pilota Araujo ebbe molto da fare. Il
letto del fiume si allargava a poco a poco; ma le isole erano pi
numerose, e anche la corrente, impacciata da quegli ostacoli,
aumentava. Bisogn prendere grandi precauzioni per passare fra le
isole Caballo-Cocha, Tarapote, Cacao, fare frequenti fermate, e molte
volte furono costretti a liberare la jangada che minacciava di arenarsi.
Tutti prendevano parte allora alla manovra, e fu in quelle condizioni
difficili che, la sera del 20 giugno, si giunse in vista di Nuestra-
Seora-de-Loreto.
Loreto lultima citt peruviana sulla riva sinistra del fiume,
prima di giungere alla frontiera con il Brasile. Non che un semplice
villaggio, composto di una ventina di case, raggruppate sopra un
argine leggermente accidentato, le cui elevazioni sono di terra di ocra
e di argilla.
Questa Missione fu fondata nel 1770 da gesuiti. Gli indiani
Ticumas, che abitano questi territori a nord del fiume, sono indigeni
dalla pelle rossiccia, dai capelli folti, ornati di disegni come la lacca
di una tavola cinese; sono vestiti semplicemente, uomini e donne, di
strisce di cotone che stringono loro il petto e i fianchi. Non se ne
contano pi di duecento, ormai, sulle rive dellAtacoari, ultimo
residuo di una nazione, che fu un tempo potente sotto la guida di
grandi capi.
A Loreto vivevano anche alcuni soldati peruviani e due o tre
commercianti portoghesi, che si dedicavano al traffico delle stoffe di
cotone, del pesce salato e della salsapariglia.
Benito sbarc per comperare, possibilmente, alcune balle di
questa smilacea, che molto richiesta sui mercati del Rio delle
Amazzoni. J oam Garral, sempre occupatissimo in un lavoro che
assorbiva tutto il suo tempo, non mise piede a terra. Yaquita e sua
figlia rimasero anchesse a bordo della jangada con Manoel. Le
zanzare di Loreto hanno la fama di allontanare i visitatori che non
vogliono lasciare un po del loro sangue a quei formidabili ditteri.
Manoel aveva detto qualche cosa a proposito di questi insetti, e
non erano tali da invogliare ad affrontare le loro punture.
Si dice aggiunse che le nove specie, che infestano le rive
del Rio delle Amazzoni, si siano date appuntamento nel villaggio di
Loreto. Ci credo senza accertarlo. L, mia cara Minha, voi avreste la
scelta fra la zanzara grigia, la pelosa, la zampa bianca, la nana, la
suonatrice di fanfara, il piccolo pirrero, lurtiquis, larlecchino, il
grande negro e il rosso dei boschi, o meglio, tutte vi sceglierebbero
come bersaglio, e ritornereste qui irriconoscibile! Credo, davvero,
che questi accaniti ditteri facciano la guardia alla frontiera brasiliana
meglio di quei poveri diavoli di soldati, magri e sparuti, che vediamo
sulla riva!
Ma se tutto serve nella natura, domand la giovinetta a
che cosa servono le zanzare?
A fare la felicit degli entomologi rispose Manoel e non
saprei darvi una spiegazione migliore!
Ci che diceva Manoel delle zanzare di Loreto era vero. Quando
dunque Benito, terminati i suoi acquisti, ritorn a bordo, aveva la
faccia e le mani tatuate da un migliaio di punti rossi, senza parlare
delle pulci, che, nonostante il cuoio delle scarpe, si erano introdotte
sotto i suoi piedi.
Partiamo, partiamo immediatamente! esclam Benito.
Altrimenti queste maledette legioni dinsetti invaderanno la jangada,
che diventer inabitabile!
E li porteremmo a Para rispose Manoel che ne ha gi fin
troppo per il suo consumo!
Dunque, per non passare la notte su quelle rive, la jangada,
staccatasi dallargine, riprese il filo della corrente.
Dopo Loreto, il Rio delle Amazzoni piega un po verso sud-est,
fra le isole Arava, Cuyari, Urucutea. La jangada scivolava in quel
momento sulle acque scure del Cajaru, miste alle acque chiare del
Rio delle Amazzoni. Passato questo affluente della riva sinistra, la
sera del 23 giugno, essa andava tranquillamente alla deriva lungo la
grande isola di J ahuma.
Il tramonto, sopra un orizzonte privo della ben che minima
foschia, annunziava una di quelle belle notti dei tropici che le zone
temperate non possono conoscere. Una leggera brezza rinfrescava
laria. La luna stava per sorgere sullo sfondo stellato del cielo, e
sostituire, per alcune ore, il crepuscolo sconosciuto a quelle basse
latitudini. Ma in quel lasso di tempo ancora buio, le stelle brillavano
con una limpidezza impareggiabile. Limmensa pianura del bacino
sembrava prolungarsi allinfinito, come un mare, e, allestremit di
quellasse, che misura pi di duecentomila miliardi di leghe,
apparivano, a nord, lunico diamante della Stella Polare, a sud, i
quattro brillanti della Croce del Sud.
Gli alberi della riva sinistra e dellisola J ahuma, appena sfumati,
spiccavano neri. Non si potevano riconoscere che dal loro profilo
incerto, quei tronchi, o meglio quei fusti di colonne di copaive, che
terminano a foggia di ombrello, quei gruppi di sandis da cui si pu
estrarre un latte denso e dolce che, a quanto si dice, produce
lebbrezza del vino, quei vignaticos, alti ottanta piedi, la cui cima
ondeggiava al passaggio delle leggere correnti daria. Fu detto
giustamente: Che bel sermone, le foreste del Rio delle Amazzoni!.
S! e si potrebbe aggiungere: Che inno superbo, le notti dei
tropici!.
Gli uccelli gorgheggiavano le loro ultime note della sera; bentivis
che sospendono i nidi alle canne della riva; niambus, specie di
pernici, il cui canto si compone delle quattro note dellaccordo
fondamentale e che venivano ripetute dagli imitatori dei volatili;
kamichis dalla melopea lamentosa; martin pescatori, il cui grido
risponde, come un segnale, agli ultimi gridi dei loro congeneri;
caninds, dalla tromba sonora, e aras rossi, che ripiegavano le ali nel
fogliame degli jaquetibas, di cui la notte veniva a spegnere gli
splendidi colori.
Sulla jangada, tutto il personale era al suo posto, e riposava. Solo
il pilota, ritto a prora, lasciava vedere lalta statura, disegnata appena
nelle prime ombre. La guardia di turno, con il suo lungo gancio sulla
spalla, richiamava alla memoria un accampamento di cavalieri tartari.
La bandiera brasiliana pendeva allestremit dellasta, a prora del
traino, e la brezza non aveva ormai pi la forza di farla sventolare.
Alle otto, i primi tre squilli dellAngelus partirono dalla campana
della cappelletta. I tre squilli del secondo e del terzo versetto
suonarono a loro volta, e il saluto termin nella serie di colpi pi
affrettati della campanella.
Tuttavia tutta la famiglia, dopo quella giornata di giugno, era
rimasta seduta sotto la veranda, per respirare laria pi fresca fuori.
Ogni sera era la stessa cosa, e mentre J oam Garral, sempre
silenzioso, si limitava ad ascoltare, i giovani chiacchieravano
allegramente fino allora di coricarsi.
Ah! il nostro bel fiume! il nostro magnifico Rio delle
Amazzoni! esclam la giovinetta, il cui entusiasmo per quel
grande corso dacqua americano non diminuiva mai.
Fiume impareggiabile davvero! rispose Manoel. E
comprendo tutte le sue superbe bellezze! Noi lo scendiamo, ora,
come Orellana, come La Condamine alcuni secoli fa, e non mi
stupisco pi che essi ne abbiano fatto descrizioni cos meravigliose!
Un po favolose! ribatt Benito.
Fratello mio, soggiunse gravemente la giovinetta non dir
male del nostro Rio delle Amazzoni!
Non dirne male, sorellina, ricordare che esso ha le sue
leggende!
S, vero, ne ha, e sono meravigliose! rispose Minha.
Quali leggende? domand Manoel. Confesso che non
sono ancora giunte a Para, o almeno, per conto mio, non le conosco!
Ma allora, che cosa vinsegnano nei collegi di Blem?
rispose ridendo la giovinetta.
Incomincio ad accorgermi che non cinsegnano nulla!
rispose Manoel.
Come! signore, soggiunse Minha con una seriet
piacevolissima voi ignorate, fra le altre favole, che un enorme
rettile, chiamato Minhocao, viene talvolta a visitare il Rio delle
Amazzoni, e che le acque del fiume crescono o decrescono secondo
che questo serpente vi simmerga o ne esca, tanto gigantesco?
Ma lavete visto qualche volta questo favoloso Minhocao?
domand Manoel.
Ohim! no rispose Lina.
Che peccato! credette di dover aggiungere Fragoso.
E la Mae dAgua soggiunse la giovinetta, questa superba
e formidabile donna, il cui sguardo affascina e trascina sotto le acque
del fiume gli imprudenti che la contemplano?
Oh! quanto alla Mae dAgua, esiste! esclam lingenua
Lina. Si dice anzi che passeggi ancora sulle rive, ma che
scompaia, come unondina, appena qualcuno le si avvicina!
Ebbene Lina rispose Benito la prima volta che la vedrai,
vieni ad avvertirmi.
Perch vi afferri e vi trascini in fondo al fiume? No!
Ci crede! esclam Minha.
Vi molta gente che crede al tronco di Manao! disse allora
Fragoso, sempre pronto a intervenire in favore di Lina.
Il tronco di Manao? domand Manoel. Che cos il
tronco di Manao?
Signor Manoel rispose Fragoso con una gravit comica
sembra che ci sia, o meglio che ci fosse un tempo, un tronco di
turuma il quale, ogni anno, nella stessa stagione, scendeva il Rio
Negro, si fermava per alcuni giorni a Manao, e se ne andava poi a
Para, fermandosi in tutti i porti, dove gli indigeni lo ornavano
devotamente di banderuole. Giunto a Blem, si fermava, si voltava,
risaliva il Rio delle Amazzoni, poi il Rio Negro e ritornava alla
foresta da cui era misteriosamente partito. Un giorno si volle tirarlo a
terra, ma il fiume corrucciato si gonfi, e fu necessario rinunciare a
impadronirsene. Unaltra volta, il capitano di una nave lo afferr con
il rampone e cerc di rimorchiarlo. Di nuovo il fiume incollerito
ruppe gli ormeggi, e il tronco scamp miracolosamente!
E che cosa ne avvenne? domand la giovane mulatta.
Pare che nel suo ultimo viaggio, signorina Lina rispose
Fragoso invece di risalire il Rio Negro, sbagliasse strada e
risalisse il Rio delle Amazzoni, perch non fu pi rivisto!
Oh! se potessimo incontrarlo! esclam Lina.
Se lo incontreremo rispose Benito ti ci metteremo sopra,
Lina; esso ti porter nella sua foresta misteriosa, e passerai tu pure
allo stato di naiade leggendaria!
Perch no? ribatt la pazzerella.
Ecco molte leggende disse allora Manoel e confesso che
il vostro fiume ne degno. Ma esso ha pure delle storie che valgono
quanto le leggende; io ne so una, e se non temessi di rattristarvi,
poich veramente mesta, ve la racconterei.
Oh! raccontate, signor Manoel! esclam Lina. Mi
piacciono tanto le storie che fanno piangere!
Tu piangi, Lina? disse Benito.
S, signor Benito, ma piango ridendo.
Ebbene, racconta la storia, Manoel.
la storia di una donna francese, le cui disgrazie hanno reso
famose queste rive nel secolo XVIII.
Vi ascoltiamo, disse Minha.
Dunque, soggiunse Manoel nel 1741, nel tempo della
spedizione dei due dotti francesi, Bourguer e La Condamine, che
furono mandati per misurare un grado terrestre sotto lEquatore, fu
loro aggiunto un valente astronomo, chiamato Godin des Odonais.
Godin des Odonais parti, ma non solo, per il Nuovo Mondo:
conduceva con s la giovane moglie, i figli, suo suocero e suo
cognato.
Tutti i viaggiatori giunsero a Quito in buona salute. L
incominci per la signora des Odonais una serie di sventure, perch
in pochi mesi perdette alcuni figli.
Quando Godin des Odonais ebbe terminato il suo lavoro, verso la
fine del 1759, dovette lasciare Quito e partire per Cayenna. Giunto in
questa citt, volle farvi venire la sua famiglia; ma era stata dichiarata
la guerra, ed egli dovette chiedere al governo portoghese un
permesso che lasciasse libera la strada alla signora des Odonais e ai
suoi.
Lo credereste? Passarono parecchi anni senza che quel permesso
potesse essere accordato.
Nel 1765, Godin des Odonais, disperato per tanti ritardi, decise
di risalire il Rio delle Amazzoni per ritornare a prendere sua moglie a
Quito; ma nel momento in cui stava per partire, unimprovvisa
malattia lo arrest, ed egli non pot mettere in atto il proprio disegno.
Daltra parte le pratiche non erano state inutili; e la signora des
Odonais apprese finalmente che il re del Portogallo, accordandole il
permesso necessario, faceva preparare unimbarcazione, perch ella
potesse scendere il fiume e raggiungere suo marito. Nello stesso
tempo, una scorta aveva ordine di aspettarla nelle Missioni dellAlto
Amazzone.
La signora des Odonais era una donna coraggiosa, lo vedrete fra
poco. Cos non esit, e, nonostante i pericoli di un simile viaggio
attraverso tutto il continente, parti.
Era il suo dovere di sposa, Manoel, disse Yaquita io
avrei fatto altrettanto!
La signora des Odonais continu Manoel si rec a Rio-
Bamba, a sud di Quito, conducendo con s il cognato, i figli e un
medico francese.
Si trattava di giungere alle Missioni della frontiera brasiliana,
dove dovevano trovarsi limbarcazione e la scorta.
Il viaggio, allinizio felice, fu fatto sul corso degli affluenti del
Rio delle Amazzoni, che vennero scesi in canotto. Per altro, le
difficolt crebbero a poco a poco con i pericoli e con le fatiche, in un
paese decimato dal vaiolo. Delle poche guide che vennero ad offrire i
loro servigi, la maggior parte scomparve pochi giorni dopo, e una di
loro, lultima che fosse rimasta fedele ai viaggiatori, anneg nel
Bobonasa nellintento di portare aiuto al medico francese.
Ben presto il canotto, semi sfasciato dalle rocce e dai tronchi che
andavano alla deriva, risult inservibile. Bisogn allora scendere a
terra, e l, sul limitare di una foresta impenetrabile, furono costretti a
costruire alcune capanne di stoppie. Il medico si offr di andare
avanti con un negro che non aveva mai voluto lasciare la signora des
Odonais. Partirono entrambi; vennero attesi per alcuni giorni ma
invano! Non ritornarono pi!
Nel frattempo i viveri si esaurirono. I dispersi tentarono
inutilmente di scendere il Bobonasa sopra una zattera. Furono
costretti a rientrare nella foresta, e si trovarono costretti a percorrere
la strada a piedi, in mezzo a quelle macchie quasi impraticabili.
Era troppa fatica per quei poveretti! Caddero a uno a uno,
nonostante le cure della valorosa francese. Dopo alcuni giorni, figli,
parenti, servitori, morirono tutti!
Oh! disgraziata donna! disse Lina.
La signora des Odonais, rimasta ormai sola, soggiunse
Manoel si trov ancora a mille leghe dallOceano, che doveva
raggiungere! Non era pi la madre che continuava a camminare verso
il fiume! La madre aveva perduto i suoi figli, li aveva sepolti con
le proprie mani! Era la moglie che voleva rivedere suo marito!
Ella cammin notte e giorno, ritrov finalmente il corso del
Bobonas! In quel luogo ella venne raccolta da generosi indiani, che la
condussero alle Missioni, dove laspettava la scorta!
Ma ella vi giunse sola, e dietro di lei, le tappe della sua via erano
seminate di tombe!
La signora des Odonais giunse a Loreto, dove eravamo pochi
giorni or sono. Da quel villaggio peruviano, scese il Rio delle
Amazzoni, come facciamo noi in questo momento, e finalmente
ritrov suo marito, dopo diciannove anni di separazione!
Povera donna! disse la giovinetta.
Povera madre, soprattutto! soggiunse Yaquita.
In quel momento il pilota Araujo venne a poppa e disse:
J oam Garral, eccoci dinanzi allisolotto della Ronde! Stiamo
per varcare la frontiera!
La frontiera! rispose J oam Garral.
And a mettersi sulla sponda della jangada, e guard lungamente
lisolotto della Ronde, contro il quale si rompeva la corrente del
fiume. Poi port la mano alla fronte come per cacciare un ricordo.
La frontiera! mormor abbassando la testa con un
movimento involontario. Ma un istante dopo, la sua testa si era
rialzata, e la sua faccia era quella di un uomo risoluto a fare il proprio
dovere fino in fondo.
CAPITOLO XII
FRAGOSO AL LAVORO
BRAZA, brace, una parola che si trova nella lingua spagnola
fin dal secolo XII. Da essa derivata la parola brazil con la quale si
indicano certi legni da cui si ricava una tintura rossa; di qui il nome
di Brasile dato a quellampia estensione dellAmerica del Sud che
attraversata dalla linea equinoziale, e nella quale questo legno si
trova in abbondanza. Esso fu del resto, e fin da principio, oggetto di
un grande commercio con i normanni. Bench si chiami ibirapitunga
sul luogo di produzione, il nome di brazil gli rimasto, ed divenuto
quello del paese, che appare come unimmensa brace, infiammata dai
raggi di un sole tropicale.
I portoghesi furono i primi conquistatori. Fin dallinizio del secolo
XVI, la conquista fu opera del pilota Alvarez Cabrai. Se, pi tardi, la
Francia e lOlanda vi si stabilirono parzialmente, esso per rimasto
portoghese, e possiede tutte le caratteristiche che distinguono questo
piccolo popolo valoroso. Ormai uno dei pi grandi Stati
dellAmerica Meridionale, e ha alla sua guida lintelligente e artista
re don Pedro.
Qual il tuo diritto nella trib? domandava Montaigne a un
indiano che incontrava a Le Havre.
il diritto di camminare per primo in guerra! rispose
semplicemente lindiano.
La guerra, noto, fu per molto tempo il pi sicuro e il pi rapido
mezzo di diffusione della civilt; cos i brasiliani fecero ci che
faceva quellindiano: lottarono, difesero la propria conquista, la
estesero, ed in prima fila che si vedono camminare nella via della
civilt.
Fu nel 1824, sedici anni dopo la fondazione dellimpero luso-
brasiliano, che il Brasile proclam la propria indipendenza per opera
di don J uan, che gli eserciti francesi avevano cacciato dal Portogallo.
Restava da definire la questione di frontiera fra il nuovo impero e
il Per, suo vicino.
Non era facile cosa.
Se il Brasile voleva estendersi fino al Rio Napo, verso ovest, il
Per pretendeva di allargarsi fino al lago di Ega, cio a otto gradi pi
a ovest.
Ma, nel contempo, il Brasile dovette intervenire per impedire
lemigrazione degli indiani del Rio delle Amazzoni, emigrazione che
si faceva a profitto delle Missioni ispano-brasiliane. Non trov
mezzo migliore, per impedire questa specie di tratta, che fortificare
lisolotto della Ronde, sopra Tabatinga, e stabilirvi un posto.
Fu una soluzione, e da quel tempo la frontiera dei due paesi passa
attraverso questisolotto.
Nel tratto superiore il fiume peruviano e si chiama Maranon,
come abbiamo detto; nel tratto inferiore brasiliano e prende il nome
di Rio delle Amazzoni.
Il 25 giugno, sera, la jangada si ferm dinanzi a Tabatinga, la
prima citt brasiliana, posta sulla riva sinistra, alla sorgente del fiume
di cui porta il nome, e che dipende dalla parrocchia di San Paolo,
posta a valle sulla riva destra.
J oam Garral aveva deciso di passare in quel luogo trentasei ore,
per dare un po di riposo al suo personale. La partenza non doveva
dunque avvenire che la mattina del 27.
Questa volta, Yaquita e i suoi figli, meno minacciati forse che non
a Loreto di servire da pasto alle zanzare locali, avevano manifestata
lintenzione di scendere a terra e di visitare la borgata.
Attualmente la popolazione di Tabatinga di quattrocento
abitanti, quasi tutti indiani, compresi, senza dubbio, quei nomadi che
vagano, e non si stabiliscono mai sulle sponde del Rio delle
Amazzoni e dei suoi piccoli affluenti.
Il posto dellisolotto della Ronde era stato abbandonato da pochi
anni e trasportato a Tabatinga. Si pu dunque dire che una citt con
guarnigione; ma, in sostanza, la guarnigione non composta che di
nove soldati, quasi tutti indiani, e di un sergente, che il vero
comandante della piazza.
Un argine alto una trentina di piedi, nel quale sono tagliati dei
gradini di una scala poco solida, forma in questo luogo la muraglia
della spianata che porta al fortino. La casa del comandante
comprende due capanne disposte a squadra, e i soldati occupano una
costruzione oblunga che sorge a cento passi al di l di un grande
albero.
Questo insieme di capanne assomiglierebbe perfettamente a tutti i
villaggi o casolari che sono disseminati sulle rive del fiume, se
unasta con una bandiera, con i colori brasiliani, non si innalzasse
sopra una garitta, sempre priva di sentinelle, e se quattro piccole
petriere di bronzo non fossero l per bombardare in caso di necessit
qualsiasi imbarcazione che avanzasse senza permesso.
Quanto al villaggio propriamente detto, situato al di l della
spianata. Una strada, che non se non una forra ombreggiata da fichi
e da miritis, vi ci porta in pochi minuti. L, sopra una scogliera di
fango tutta crepacci, sorgono una dozzina di case coperte di foglie di
palma boiassu, disposte intorno a una piazza centrale.
Tutto ci non molto curioso, ma i dintorni di Tabatinga sono
incantevoli, specialmente alla foce dello J avary, che abbastanza
ampia da contenere larcipelago delle isole Aramasa. In quel luogo si
raggruppano dei begli alberi, e, fra di loro, un grande numero di
quelle palme, le cui fibre flessibili, usate nella fabbricazione delle
amache e delle reti da pesca, formano oggetto di un certo commercio.
Insomma, quel luogo uno dei pi pittoreschi dellAlto Amazzone.
Tabatinga, del resto, destinata a diventare fra poco una stazione
abbastanza importante, e si svilupper, senza dubbio, rapidamente.
L, infatti, dovranno arrestarsi i piroscafi brasiliani che risaliranno il
fiume, e i piroscafi peruviani che lo scenderanno; l si far lo
scambio del carico e dei passeggeri. Non occorrerebbe tanto a un
villaggio inglese o americano per diventare, in pochi anni, il centro di
un movimento commerciale dei pi notevoli.
Il fiume bellissimo in quella parte del suo corso. Evidentemente,
leffetto delle solite maree non si fa sentire a Tabatinga, che posta a
pi di seicento leghe dallAtlantico; ma non la stessa cosa della
pororoca, specie di riflusso che, per tre giorni, nei grandi flussi
sizigiali alza le acque del Rio delle Amazzoni e le respinge con una
velocit di diciassette chilometri allora. Si ritiene, infatti, che quella
corrente si propaghi fino alla frontiera brasiliana.
Lindomani, 26 giugno, prima di colazione, la famiglia Garral si
prepar a sbarcare per visitare la citt.
Se J oam, Benito e Manoel avevano gi visitato pi di una citt
dellimpero brasiliano, altrettanto non poteva dirsi di Yaquita e di sua
figlia. Per loro dunque sarebbe stata come una presa di possesso.
Si comprende perci come Yaquita e Minha dovessero dare molta
importanza a questa visita.
Se, daltra parte, Fragoso, nella sua qualit di barbiere nomade,
aveva gi percorso le diverse province dellAmerica Centrale, Lina,
come la sua padrona, non aveva mai messo piede sul suolo
brasiliano.
Ma prima di lasciare la jangada, Fragoso era venuto a trovare
J oam Garral, e aveva avuto con lui la seguente conversazione.
Signor Garral gli disse dal giorno in cui mi avete accolto
nella fazenda di Iquitos, alloggiato, vestito, nutrito, in una parola
accolto cos ospitalmente, vi devo
Non mi dovete assolutamente nulla, amico mio, rispose
J oam Garral. Dunque, non insistete
Oh! rassicuratevi, esclam Fragoso non sono in grado di
sdebitarmi verso di voi! Aggiungo che mi avete preso a bordo della
jangada e offerto il modo di scendere il fiume. Ma eccoci ormai in
territorio brasiliano, che, con ogni probabilit, non dovevo pi
rivedere! Senza quella liana
a Lina, a Lina soltanto che dovete la vostra riconoscenza
disse J oam Garral.
Lo so, rispose Fragoso e non dimenticher mai n quello
che devo a lei, n quello che devo a voi.
Si direbbe, Fragoso, soggiunse J oam che veniate a dirmi
addio! forse vostra intenzione rimanere a Tabatinga?
Niente affatto, signor Garral, poich voi mi avete permesso di
accompagnarvi fino a Blem, dove potr, almeno spero, riprendere il
mio antico mestiere.
Ebbene, allora, se questa la vostra intenzione, che cosa venite
a chiedermi, amico mio?
Vengo a domandarvi se non vedete nessun inconveniente che
mi impedisca di esercitarlo per strada, questo mestiere. Non bisogna
che la mia mano si disabitui, e daltra parte, qualche manciata di reis
non farebbe male in fondo alle mie tasche, specialmente se me li
fossi guadagnati. Voi lo sapete, signor Garral, un barbiere, che
nello stesso tempo parrucchiere, non oso dire un po medico per
rispetto al signor Manoel, trova sempre clienti nei villaggi dellAlto
Amazzone.
Specialmente fra i brasiliani rispose J oam Garral perch
per gli indigeni
Vi chiedo scusa, rispose Fragoso specialmente fra gli
indigeni! Ah! Non ci sono barbe da radere, poich la natura si
mostrata molto avara con loro per quanto riguarda questo ornamento,
ma c sempre qualche capigliatura da acconciare secondo lultima
moda. Ne vanno pazzi,
questi selvaggi, uomini e donne! Non sar da dieci minuti sulla
piazza di Tabatinga, con il mio bilboquet in mano - il bilboquet che
li attira da principio, e io me ne servo molto bene - che un cerchio
dindiani e dindiane si sar formato intorno a me. Si disputano i miei
favori! Se io rimanessi qui un mese, tutta la trib dei Ticunas si
farebbe acconciare da me! Non si tarderebbe a sapere che il ferro
che fa i riccioli - cos che mi chiamano - ritornato a Tabatinga!
Ci sono gi passato due volte, e le mie cesoie e il mio pettine hanno
fatto miracoli! Ah! per esempio, non bisognerebbe ritornare troppo
spesso sulla medesima piazza! Le donne indiane non si fanno
acconciare tutti i giorni, come le nostre clienti delle citt brasiliane!
No, quando fatto, ce n per un anno, e per un anno usano la
massima cura per non compromettere la pettinatura che ho fatto, con
certo talento, lo confesso! Ora, quasi un anno che io non vengo a
Tabatinga. Trover dunque tutti i miei monumenti rovinati, e se la
cosa non vi dispiace, signor Garral, vorrei rendermi unaltra volta
degno della reputazione che ho acquisita in questo paese. Questione
di reis, anzitutto, e non damor proprio, credetemi pure!
Fate pure, amico mio, rispose J oam Garral sorridendo
ma fate presto! Non dobbiamo rimanere che un giorno a Tabatinga e
ripartiremo domani allalba.
Non perder un minuto rispose Fragoso. Il tempo di
prendere gli utensili della mia professione, e sbarco!
Andate, Fragoso! rispose J oam Garral. Possano i reis
piovere nelle vostre tasche!
Benefica pioggia che non mai caduta a diluvio sul vostro
devotissimo servitore!
Detto questo, Fragoso se ne and rapidamente.
Un istante dopo, la famiglia, eccetto J oam Garral, scese a terra. La
jangada aveva potuto avvicinarsi abbastanza allargine affinch si
sbarcasse senza fatica. Una scala in pessimo stato, tagliata nella
costa, permise ai visitatori di giungere in cima alla piattaforma.
Yaquita e i suoi furono ricevuti dal comandante del forte, un
povero diavolo, che, per altro, conosceva le leggi dellospitalit, e li
invit a colazione in casa sua. Qua e l andavano e venivano i pochi
soldati del posto, mentre, sulla soglia della caserma, apparivano, con
le loro mogli, che sono di razza ticuna, alcuni fanciulli, incrocio
mediocre di quellinsieme di razze.
Invece di accettare la colazione del sergente, Yaquita invit a
colazione il comandante e sua moglie a bordo della jangada.
Il comandante non se lo fece ripetere due volte, e si diedero
appuntamento per le undici.
Nel frattempo, Yaquita, sua figlia e la giovane mulatta,
accompagnate da Manoel, andarono a passeggiare nei dintorni del
posto, lasciando che Benito si mettesse in regola con il comandante
per il pagamento dei diritti di pedaggio, poich quel sergente era a un
tempo capo di dogana e capo militare.
Ci fatto, Benito, secondo la sua abitudine, and a caccia nelle
macchie vicine. Questa volta, Manoel aveva rifiutato di seguirlo.
Intanto, Fragoso, dal canto suo, aveva lasciato la jangada; ma
invece di salire al posto, si diresse verso il villaggio, attraversando la
forra che si apriva sulla destra, allaltezza dellargine. Egli faceva
maggior assegnamento, con ragione, sulla clientela indigena di
Tabatinga che non su quella della guarnigione. Senza dubbio, le
mogli dei soldati non avrebbero chiesto di meglio che mettersi nelle
sue abili mani; ma i mariti non se la sentivano affatto di spendere
alcuni reis per soddisfare i capricci delle loro civettuole consorti.
Presso gli indigeni era ben altra cosa. Sposi e spose, lallegro
barbiere lo sapeva bene, gli avrebbero fatto una migliore accoglienza.
Ecco dunque Fragoso per strada, risalire la forra ombreggiata da
bei fichi, e dirigersi nel quartiere centrale di Tabatinga.
Appena giunto sulla piazza, il celebre parrucchiere fu segnalato,
riconosciuto, circondato.
Fragoso non aveva n grancassa, n tamburo, n tromba per
attirare i clienti; non aveva nemmeno la splendida carrozza con belle
lanterne e con sportelli ornati di specchi, n ombrello gigantesco,
nulla insomma che potesse dar luogo allaffollamento del pubblico
come succede nelle fiere! No! ma Fragoso aveva il suo bilboquet, e
come lo manovrava con le sue agili dita! Con quanta abilit egli
riceveva la testa di tartaruga, che serviva da palla, sulla punta aguzza
del manico! Con quanta grazia faceva descrivere a questa palla quella
perfetta curva di cui i matematici non hanno forse ancora calcolato il
valore, essi che hanno determinato, per altro, la famosa curva del
cane che segue il padrone!.
Tutti gli indigeni erano l, uomini, donne, vecchi, fanciulli, nel
loro costume un po primitivo, guardando con tanto docchi,
ascoltando con tanto dorecchi. Il cortese parrucchiere, un po in
lingua portoghese, un po in lingua ticuna, spacciava loro il
discorsetto di prammatica con la consueta allegria.
Egli diceva ci che dicono tutti i ciarlatani che mettono i propri
servizi a disposizione del pubblico, siano essi figari spagnoli o
parrucchieri francesi. In fondo, il medesimo sussiego, la stessa
conoscenza delle debolezze umane, lo stesso genere di vecchi
scherzi, lidentica destrezza divertente, e da parte di quegli indigeni,
il medesimo stupore, la stessa credulit che hanno tutti gli ingenui
del mondo civilizzato.
Ne segu dunque che, dopo dieci minuti, il pubblico si affollava
intorno a Fragoso, installato in una loja della piazza, specie di
bottega che serve da spaccio di liquori.
Questa loja apparteneva a un brasiliano domiciliato a Tabatinga.
L, per pochi vatems, che sono le monete del paese e valgono venti
reis,
9
gli indigeni possono procurarsi le bevande locali, e

9
Circa sei centesimi. (N.d.A.)
specialmente lassai, liquore fra il solido e il liquido, prodotto con i
frutti di una palma, che si beve in un coui, o mezza zucca, di cui si fa
un largo uso nel bacino del Rio delle Amazzoni.
E allora, uomini e donne i primi con non minor sollecitudine
delle seconde - presero posto sullo sgabello del barbiere. Le forbici
di Fragoso dovevano oziare senza dubbio, poich non si trattava di
tagliare quelle folte capigliature, quasi tutte notevoli per la loro
finezza e la loro qualit; ma che uso doveva fare del pettine e dei
ferri, che arroventavano in un cantuccio sopra un braciere!
E bisognava sentire gli incoraggiamenti dellartista alla folla!
Guardate, guardate diceva quanto durer, amici miei, se
non vi ci coricherete sopra! Ne avrete per un anno, e queste mode
sono le pi recenti di Blem e di Rio de J aneiro! Le dame donore
della regina non sono acconciate meglio, e noterete che non
risparmio la pomata!
No! non la risparmiava! Non era, vero, che un po di grasso, cui
mescolava il succo di qualche fiore, ma impiastricciava come se
fosse cemento!
Cos, si avrebbe potuto dare il nome di edifici capelluti a quei
monumenti eretti dalla mano di Fragoso, e che comportavano tutti i
generi di architettura! Ciocche, anelli, riccioli, catenelle,
increspature, diavolini, tutto vi trovava posto. Nulla di falso, per
altro, n trecce, n crocchie, n altri ornamenti posticci. Quelle
capigliature indigene non erano boschetti indeboliti dai tagli,
dimagriti dalle cadute, erano foreste in tutta la loro verginit!
Fragoso, poi, non disdegnava di aggiungervi qualche fiore naturale,
due o tre lunghe spine di pesce, degli ornamenti di osso o di rame,
che le eleganti del luogo gli portavano. Certamente, le bellissime
del Direttorio avrebbero invidiato quelle acconciature fantastiche, a
tre o quattro piani, e il grande Lonard in persona si sarebbe
inchinato dinanzi al suo rivale doltre mare!
E allora i vatems, le manciate di reis - sola moneta con la quale gli
indigeni del Rio delle Amazzoni barattano le loro mercanzie -
piovvero nella tasca di Fragoso, che incassava con evidente
soddisfazione. Ma, certamente, si sarebbe fatto sera prima che egli
potesse soddisfare le richieste di una clientela che si rinnovava di
continuo. Non era solo la popolazione di Tabatinga che si affollava
alla porta della loja. La notizia dellarrivo di Fragoso non aveva
tardato a diffondersi. Di indigeni, ne venivano da ogni parte: Ticunas
della riva sinistra del fiume, Mayorunas della riva destra, tanto quelli
che abitavano le sponde del Cajuru, quanto gli altri che risiedevano
nei villaggi dello J avary.
Quindi una lunga schiera di impazienti si disegnava sulla piazza
centrale. I fortunati e le fortunate, uscendo dalle mani di Fragoso,
andando superbamente da una casa allaltra, si pavoneggiavano senza
osare muoversi troppo, da quei bambinoni che erano.
Ne deriv dunque che, quando suon mezzogiorno,
loccupatissimo parrucchiere non aveva ancora avuto tempo di
ritornare a bordo a far colazione; dovette cos accontentarsi di un po
di assai, di farina di manioca e di uova di tartaruga che ingoi
rapidamente.
Anche il venditore di liquori fece un ottimo incasso, poich tutte
quelle operazioni non si compivano senza un grande consumo di
liquori, che provenivano dalla cantina della loja. In verit, era un
grande avvenimento per la citt di Tabatinga il passaggio del celebre
Fragoso, parrucchiere ordinario e straordinario delle trib dellAlto
Amazzone!

CAPITOLO XIII
TORRES
ALLE CINQUE di sera, Fragoso era ancora l; non ne poteva pi, e
si chiedeva se non sarebbe stato costretto a vegliare tutta notte per
soddisfare la folla che stava aspettando.
In quel momento, uno straniero giunse sulla piazza, e vedendo
tutto quellassembramento di indigeni, avanz verso la locanda.
Per alcuni istanti lo straniero guard Fragoso attentamente con
una certa circospezione. Senza dubbio, lesame lo soddisfece, perch
entr nella loja.
Era un uomo sui trentacinque anni. Portava un abito da viaggio
piuttosto elegante, che metteva in evidenza la sua prestanza. Ma la
lunga barba nera, che le cesoie non avevano toccato da un pezzo, e i
capelli, un po lunghi, reclamavano imperiosamente le cure di un
parrucchiere.
Buon giorno, amico, buon giorno! disse battendo
leggermente la spalla di Fragoso.
Fragoso si volt quando ud quelle poche parole pronunciate in
perfetto brasiliano, e non nella lingua degli indigeni.
Un compatriota? domand, senza cessare di attorcigliare la
ciocca ribelle di una testa mayorunassa.
S, rispose lo straniero un compatriota che avrebbe
bisogno della vostra opera.
Come! ma subito disse Fragoso. Appena avr finito la
signora!
E ci fu fatto con due colpi di ferro.
Bench lultimo venuto non avesse diritto al posto vacante,
nonostante ci sedette sullo sgabello, senza che nessuno degli
indigeni, il cui turno veniva ritardato, reclamasse.
Fragoso lasci i ferri per le forbici del parrucchiere, e secondo
labitudine dei suoi colleghi:
Che cosa desidera, signore? domand.
Barba e capelli rispose lo straniero.
Al vostro servizio! disse Fragoso introducendo il pettine
nella fitta capigliatura del suo cliente.
E subito le forbici incominciarono il loro lavoro.
Venite da lontano? domand Fragoso, che non poteva
lavorare senza parlare continuamente.
Vengo dai dintorni di Iquitos!
To! come me! esclam Fragoso. Ho sceso il Rio delle
Amazzoni da Iquitos a Tabatinga! E posso chiedere il vostro nome?
Senzaltro, rispose lo straniero. Mi chiamo Torres.
Quando i capelli del suo cliente furono tagliati allultima moda,
Fragoso cominci a radergli la barba; ma in quel momento,
guardandolo bene in volto, si ferm, riprese il suo lavoro, poi,
finalmente:
Eh! signor Torres disse forse che? Mi pare di
riconoscervi! Forse non ci siamo gi visti da qualche parte?
Non credo! rispose vivamente Torres.
Allora minganno! rispose Fragoso.
E si accinse a portare a termine il suo lavoro.
Un istante dopo, Torres riprese la conversazione che la domanda
di Fragoso aveva interrotto.
Come siete venuto da Iquitos? disse.
Da Iquitos a Tabatinga?
S.
A bordo di un treno di legname, sul quale mi ha offerto il
passaggio un onesto fazendero, che scende il Rio delle Amazzoni con
tutta la sua famiglia.
Ah! davvero, amico! rispose Torres. una fortuna, e se
il vostro fazendero volesse prendere anche me
Avete dunque anche voi lintenzione di scendere il fiume?
Esattamente.
Fino a Para?
No, solamente fino a Manao, dove ho da fare.
Ebbene, il mio ospite un uomo cortese, e credo che vi farebbe
volentieri questo favore.
Lo credete?
Anzi, direi che ne sono certo.
E come si chiama questo fazendero? domand
indifferentemente Torres.
J oam Garral rispose Fragoso.
In quel momento, egli mormorava fra s: Eppure ho visto questa
faccia da qualche parte!.
Torres non era uomo da lasciar cadere una conversazione che
sembrava interessarlo.
Dunque, disse credete che J oam Garral acconsentirebbe
a darmi passaggio?
Vi ripeto che non ne dubito rispose Fragoso. Quello che
ha fatto per un povero diavolo come me, non rifiuter di farlo per
voi, un compatriota!
solo a bordo di quella jangada?
No rispose Fragoso. Vi ho detto poco fa che viaggia con
tutta la sua famiglia - una famiglia di brava gente, ve lassicuro - ed
accompagnato da un equipaggio di indiani e di negri, che fanno parte
del personale della fazenda.
ricco, questo fazendero?
Certamente, replic Fragoso ricchissimo. Soltanto i
legnami galleggianti che formano la jangada e il carico che essa
trasporta sono un patrimonio.
Dunque, J oam Garral ha varcato la frontiera brasiliana con
tutta la sua famiglia? soggiunse Torres.
S rispose Fragoso sua moglie, suo figlio, sua figlia e il
fidanzato della signorina Minha.
Ah! ha una figlia! disse Torres.
Una figlia graziosa.
E sta per sposarsi?
S, con un bravo giovane rispose Fragoso un medico in
servizio nella guarnigione a Blem, e che la sposer appena saremo
giunti alla fine del viaggio.
Bene! disse ridendo Torres. Allora si potrebbe chiamare
un viaggio di nozze!
Un viaggio di nozze, di piacere e di affari! ribatt Fragoso.
La signora Yaquita e sua figlia non hanno mai messo piede sul
territorio brasiliano, e quanto a J oam Garral, la prima volta che
varca la frontiera, da quando entrato nella fattoria del vecchio
Magalhas.
Suppongo domand Torres che la famiglia sar
accompagnata da alcuni fedeli servi.
Certamente, rispose Fragoso la vecchia Cibele, che da
cinquant'anni nella fattoria, e una graziosa mulatta, la signorina Lina,
che pi amica che accompagnatrice della giovane padrona. Ah, che
amabile carattere! Che cuore, e che occhi! E che idee ha su ogni
cosa, particolarmente sulle liane
Fragoso, messo su questa via, non avrebbe, senza dubbio, potuto
arrestarsi, e Lina sarebbe stata loggetto delle sue dichiarazioni
entusiastiche, se Torres non avesse lasciato lo sgabello per far posto
a un altro cliente.
Quanto vi devo? domand al barbiere.
Nulla rispose Fragoso. Fra compatrioti che sincontrano
alla frontiera, non si bada al denaro!
Eppure rispose Torres vorrei
Ebbene, faremo i conti pi tardi, a bordo della jangada.
Ma non so replic Torres se oser chiedere a J oam
Garral di permettermi
Non esitate! esclam Fragoso. Gliene parler io, se lo
preferite, e sar contentissimo di potervi essere utile.
In quel momento, Manoel e Benito, che erano venuti in citt, dopo
pranzo, si mostrarono alla porta della loja, desiderosi di vedere
Fragoso nellesercizio delle sue funzioni.
Torres si era voltato verso di loro, e allimprovviso:
Eh! ecco due giovanotti che conosco, o meglio che riconosco!
esclam.
Li riconoscete? domand Fragoso stupito.
S, senza dubbio! Un mese fa, nella foresta di Iquitos, mi hanno
cavato da un grave impiccio!
Ma sono precisamente Benito Garral e Manoel Valdez.
Lo so! Mi hanno detto i loro nomi, ma non mi aspettavo di
ritrovarli qui!
Torres, avanzando allora verso i due giovani, che lo guardavano
senza riconoscerlo:
Non mi riconoscete, signori? domand loro.
Aspettate un po rispose Benito. Il signor Torres, se ho
buona memoria; siete voi che, nella foresta di Iquitos, avevate
qualche difficolt con un guariba?
In persona, signori! ribatt Torres. Da sei settimane
scendo il Rio delle Amazzoni, e ho passato la frontiera anchio.
Felicissimo di rivedervi, disse Benito ma non avete
dimenticato che vi avevo proposto di venire alla fazenda di mio
padre?
Non lho dimenticato rispose Torres.
E avreste fatto bene ad accettare la mia offerta, signore! Ci vi
avrebbe permesso di aspettare, riposandovi, la nostra partenza, poi di
scendere il fiume con noi fino alla frontiera! Quante giornate di
cammino avreste risparmiato!
vero rispose Torres.
Il nostro compatriota non si ferma alla frontiera disse allora
Fragoso. Va fino a Manao.
Ebbene replic Benito se volete venire a bordo della
jangada, vi sarete ben accolto, e sono certo che mio padre sar
contento di prendervi a bordo.
Volentieri! rispose Torres e permettetemi di ringraziarvi
fin dora!
Manoel non aveva preso parte alla conversazione. Egli lasciava
che il cortese Benito facesse il suo invito, e osservava con attenzione
Torres, il cui aspetto non gli andava affatto a genio. Cera, infatti,
mancanza assoluta di schiettezza negli occhi di quelluomo, il cui
sguardo fuggiva sempre, come se avesse temuto di fissarsi su qualche
cosa; ma Manoel tenne per s quellimpressione, non volendo
nuocere a un compatriota cui si voleva fare un favore.
Signori, disse Torres se volete, sono pronto a seguirvi
fino al porto.
Venite! rispose Benito.
Un quarto dora dopo, Torres era a bordo della jangada. Benito lo
presentava a J oam Garral, spiegandogli le circostanze nelle quali si
erano conosciuti e gli chiese un passaggio per Torres fino a Manao.
Sono felice, signore, di potervi fare un favore rispose J oam
Garral.
Vi ringrazio, disse Torres che al momento di stendere la
mano al suo ospite, la trattenne suo malgrado.
Partiamo domattina allalba disse J oam Garral. Potete
dunque accomodarvi a bordo
Oh! non sar cosa lunga! replic Torres. La mia persona
e nulla pi.
Siete in casa vostra disse J oam Garral.
La sera stessa, Torres prendeva possesso di una cabina vicina a
quella del barbiere.
Alle otto soltanto, questi, di ritorno alla jangada, faceva alla
giovane mulatta la narrazione delle proprie gesta, e le ripeteva, non
senza un po damor proprio, che la fama dellillustre Fragoso era
cresciuta nel bacino dellAlto Amazzone.
CAPITOLO XIV
SCENDENDO ANCORA
LINDOMANI, 27 giugno, venivano allentati gli ormeggi, e la
jangada continuava ad andare alla deriva seguendo la corrente del
fiume.
Cera a bordo un personaggio di pi. In verit, da dove veniva
quel Torres? Non lo si sapeva in modo preciso. Dove andava? A
Manao, aveva detto. Torres, del resto, si era guardato bene dal lasciar
sospettare alcunch della sua vita passata, n della professione che
esercitava ancora due mesi prima, e nessuno poteva dubitare che la
jangada desse asilo a un antico capitano dei boschi. J oam Garral non
aveva voluto guastare con domande troppo precise il favore che gli
faceva.
Ospitandolo sul traino, il fazendero aveva obbedito a un
sentimento di umanit. In mezzo a quegli ampi deserti amazzoniani,
soprattutto in quei tempo in cui i battelli a vapore non solcavano
ancora il corso del fiume, era difficilissimo trovare dei mezzi di
trasporto sicuri e rapidi. Le imbarcazioni non facevano un servizio
regolare, e, per lo pi, il viaggiatore era costretto a camminare
attraverso le foreste. Cos aveva fatto, e avrebbe dovuto continuare a
fare Torres, ed era per lui una fortuna insperata esser potuto salire a
bordo della jangada.
Dopo che Benito aveva narrato in quali condizioni aveva
incontrato Torres, la presentazione era stata fatta, e questi poteva
considerarsi come un passeggero a bordo di un transatlantico, libero
di prendere parte alla vita comune, se gli piaceva, libero di tenersi in
disparte nel caso fosse di natura poco socievole.
Fu evidente, almeno durante i primi giorni, che Torres non
cercava di entrare nellintimit della famiglia Garral. Era molto
riservato, rispondeva solo quando gli si rivolgeva la parola, ma non
prendeva mai liniziativa di un discorso.
Se sembrava, di preferenza, pi espansivo con qualcuno, era con
Fragoso. Non doveva a quellallegro compagno lidea dimbarcarsi
sulla jangada? Talvolta gli faceva delle domande sulle condizioni
della famiglia Garral a Iquitos, sui sentimenti della giovinetta per
Manoel Valdez, ma non lo faceva senza una certa discrezione. Per lo
pi, quando non passeggiava solo a prora della jangada, rimaneva
nella sua cabina.
Quanto alla colazione e al pranzo, li divideva con J oam Garral e i
suoi, ma prendeva raramente parte alla conversazione, e si ritirava
appena finito il pasto.
Nella mattina, la jangada avanz attraverso il pittoresco gruppo di
isole situate nellampio estuario dello J avary. Questo importante
tributario del Rio delle Amazzoni, spinge, in direzione sud-ovest, un
corso che, dalla sorgente alla foce, non sembra ingombro da alcun
isolotto n da alcuna rapida. Il suo estuario largo circa tremila
piedi, e si apre a poche miglia sopra larea occupata un tempo dalla
citt omonima, di cui gli spagnoli e i portoghesi si disputarono a
lungo il possesso.
Fino alla mattina del 30 giugno nulla di speciale fu segnalato
durante il viaggio. Talvolta sincontravano imbarcazioni, che
scivolavano lungo le rive, legate le une alle altre, in modo che un
solo indigeno bastava a guidarle tutte. Navigar de bubina, come
dice la gente del paese per indicare questo genere di navigazione,
cio navigare con fiducia.
Poco dopo furono oltrepassate le isole Araria, larcipelago delle
isole Calderon, lisola Capiatu, e molte altre, i cui nomi sono ancora
sconosciuti ai geografi. Il 30 giugno, il pilota segnalava sulla destra
del fiume il piccolo villaggio di J urupari-Tapera, dove si effettu una
fermata di due o tre ore.
Manoel e Benito andarono a caccia nei dintorni e riportarono della
piccola selvaggina che fu bene accolta nella dispensa. Nello stesso
tempo i due giovani avevano catturato un animale che un naturalista
avrebbe tenuto in maggior conto che non la cuoca della jangada.
Era un quadrupede di color fulvo, che rassomigliava un po a un
grosso cane di Terranova.
Un formichiere gigante! esclam Benito, gettandolo sul
ponte della jangada.
un magnifico esemplare, che non farebbe cattiva figura nella
collezione di un museo! aggiunse Manoel.
Avete faticato a impadronirvi di questo curioso animale?
domand Minha.
Ma s, sorellina, rispose Benito e tu non eri l per
chiedere la sua grazia! Ah! hanno la vita dura, questi cani, e ci son
volute non meno di tre palle per abbatterlo!
Quel formichiere gigante era un esemplare stupendo, con la lunga
coda mista di crini grigiastri, con il muso aguzzo che caccia nei
formicai, i cui insetti costituiscono il suo principale nutrimento, con
le lunghe zampe magre, armate di unghie, lunghe cinque pollici e che
pu chiudere come le dita di una mano. Ma che mano, quella del
formichiere gigante! Quando afferra qualche cosa, bisogna mozzarla
per farla allentare, tanto che il viaggiatore Emile Carrey ha potuto
dire giustamente che la stessa tigre morirebbe in quella stretta.
La mattina del 2 luglio, la jangada giungeva sotto San-Pablo-
dOlivenca, dopo essere passata in mezzo a molte isole che, in ogni
stagione, sono coperte di erba, ombreggiate da alberi magnifici, e le
principali delle quali si chiamano J urupari, Rita, Maracanatena e
Cururu-Sapo. Essa aveva dovuto seguire molte volte anche le
aperture di alcuni iguaraps o piccoli affluenti dalle acque scure.
La colorazione di queste acque un fenomeno curioso, ed
proprio di un certo numero di tributari del Rio delle Amazzoni,
qualunque sia la loro importanza.
Manoel fece notare quanto fosse intenso quel colore, poich si
distingueva nettamente sulla superficie delle acque biancastre del
fiume.
Si tentato di spiegare questa colorazione in diversi modi
disse e non credo che i pi dotti siano riusciti a farlo in modo
soddisfacente.
Queste acque sono davvero nere, con un magnifico riflesso
dorato rispose la giovinetta, mostrando una leggera onda che
sfiorava la jangada.
S, rispose Manoel e Humboldt aveva gi osservato,
come voi, mia cara Minha, questo riflesso curioso. Ma guardando pi
attentamente, si vede che piuttosto il color seppia che domina.
Bene! esclam Benito. Un altro fenomeno sul quale i
dotti non sono daccordo!
Forse si potrebbe chiedere in proposito il parere dei caimani, o
dei delfini e dei lamantini fece osservare Fragoso poich sono
certamente le acque scure che scelgono di preferenza per le loro
evoluzioni.
certo che esse attirano in modo speciale questi animali
rispose Manoel. Ma perch? Si sarebbe molto impicciati a dirlo!
Infatti, questa colorazione dovuta a ci che le acque contengono in
soluzioni di idrogeno carbonato, oppure sono cos perch scorrono
sopra letti di torba, attraverso strati di carbone e di antracite? Oppure
conviene attribuirla allenorme quantit di minuscole piante che
trascinano con s? Non vi nulla di certo in proposito.
10
In ogni
caso, eccellenti da bere, di una freschezza invidiabile sotto questo
clima, sono insapori e sono assolutamente innocue. Prendete un po
di questacqua, cara Minha, bevetela, potete farlo senza paura.
Lacqua, infatti, era limpida e fresca, e avrebbe potuto sostituire
facilmente le acque da tavola che si bevono in Europa. Ne vennero
raccolti alcuni recipienti per il fabbisogno della dispensa.
Abbiamo detto che nel mattino del 2 luglio la jangada era giunta a
San-Pablo-dOlivenca, dove si fabbricano a migliaia quelle lunghe
corone i cui grani sono formati dai baccelli del coco de piassaba, e
che sono oggetto di un considerevole commercio. Forse sembrer
singolare che gli antichi dominatori del paese, i Tupinambas, i
Tupiniquis si siano ridotti a fare della produzione di questi oggetti
del culto cattolico la loro principale attivit. Ma, dopo tutto, perch
no? Questi indiani non sono pi quelli di un tempo. Invece di essere
abbigliati del costume nazionale, con frontale di piume di ara, arco e
cerbottana, non hanno essi adottato labito americano, i calzoni
bianchi, il puncbo di cotone tessuto dalle loro donne, che sono
diventate abilissime in questa fabbricazione?
San-Pablo-dOlivenca, citt piuttosto importante, non conta meno

10
Molte osservazioni fatte dai viaggiatori moderni sono discordi da quelle di
Humboldt. (N.d.A.)
di duemila abitanti, presi a prestito dalle trib vicine. Capitale ormai
dellAlto Amazzone, essa sorse come una semplice Missione,
fondata da carmelitani portoghesi verso il 1692, e ripresa da
missionari gesuiti.
Da principio era il paese degli Omaguas, il cui nome significava
teste piatte. Questo appellativo derivava loro dalla barbara usanza
che avevano le madri indigene di premere fra due assicelle la testa
dei loro neonati, in modo da foggiar loro un cranio oblungo, molto di
moda. Ma come tutte le mode, anche questa scomparsa; le teste
hanno ripreso la loro forma naturale, e non si troverebbe pi traccia
dellantica deformit nel cranio di quei fabbricanti di corone.
Tutta la famiglia, salvo J oam Garral, scese a terra. Anche Torres
prefer rimanere a bordo, e non manifest alcun desiderio di vedere
San-Pablo-dOlivenca che, per altro, non sembrava conoscere.
Decisamente, se quellavventuriero era taciturno, conviene
confessare che non era curioso.
Benito pot effettuare facilmente dei baratti, in modo da
completare il carico della jangada. La sua famiglia e lui ricevettero
unottima accoglienza dalle principali autorit cittadine, il
comandante della piazza e il capo della dogana, a cui le loro funzioni
non impedivano minimamente di darsi al commercio. Essi affidarono
anzi al giovane negoziante diversi prodotti del paese, destinati a
essere venduti per conto loro, sia a Manao, sia a Blem.
La citt era formata da una sessantina di case, disposte sopra una
piattaforma che coronava largine del fiume in quel punto. Alcune
capanne erano coperte di tegole, cosa rara in quelle terre; ma in
compenso, la modesta chiesa, dedicata a san Pietro e a san Paolo, non
era riparata che da un tetto di paglia, che sarebbe stato pi adatto alla
stalla di Betlemme che non a un edificio consacrato al culto in uno
dei paesi pi cattolici del mondo.
Il comandante, il tenente e il capo di polizia accettarono linvito a
pranzo della famiglia, e furono ricevuti da J oam Garral con i riguardi
dovuti al loro grado.
Durante il desinare, Torres si mostr pi ciarliero del solito. Narr
alcune sue escursioni nellinterno del Brasile, da uomo che sembrava
conoscere il paese.
Ma parlando dei suoi viaggi, Torres non trascur di domandare al
comandante se conoscesse Manao, se il suo collega vi si trovasse in
quel momento, se il giudice, il primo magistrato della provincia,
avesse labitudine di allontanarsi in quella stagione calda. Sembrava
che, facendo tutte queste domande, Torres guardasse sottocchio
J oam Garral. Fu anzi cosa abbastanza evidente perch Benito
losserv non senza stupirsene, e not che suo padre ascoltava con
una particolare attenzione le domande piuttosto strane di Torres.
Il comandante di San-Pablo-dOlivenca assicur lavventuriero
che le autorit non erano assenti da Manao in quel momento, e
incaric anzi J oam Garral di presentar loro i suoi saluti.
Probabilmente la jangada sarebbe giunta dinanzi a questa citt entro
sette settimane al pi tardi, dal 20 al 25 agosto.
Gli ospiti del fazendero si congedarono dalla famiglia Garral
verso sera, e il mattino seguente, 3 luglio, la jangada ricominciava a
scendere il corso del fiume.
A mezzogiorno, lasciava a sinistra la foce dello Yacurupa. Questo
tributario in realt non che un canale, poich versa le proprie acque
nellIa, che a sua volta un affluente di sinistra del Rio delle
Amazzoni. Una particolarit di questo fiume che, in certi luoghi,
alimenta i propri affluenti.
Verso le tre del pomeriggio la jangada pass la foce dello
J andiatuba, che porta da sud-ovest le sue magnifiche acque scure, e
le getta nella grande arteria attraverso una foce di quattrocento metri,
dopo aver bagnato i territori degli indiani Culinos.
Furono oltrepassate molte isole, Pimaticaira, Caturia, Chico,
Motachina; le une abitate, le altre deserte, ma tutte coperte da una
vegetazione superba, che forma come una ghirlanda di verde
ininterrotta da unestremit allaltra del Rio delle Amazzoni.
CAPITOLO XV
CONTINUANDO A SCENDERE
5 LUGLIO, sera. Laria, pi pesante della vigilia, era foriera di un
imminente uragano. Dei grandi pipistrelli color rossiccio rasentavano
con larghi colpi dala la corrente del Rio delle Amazzoni. Fra di loro
si distinguevano alcuni perros voladors di color bruno scuro, pi
chiaro sul ventre, per i quali Minha e specialmente la giovane mulatta
provavano unistintiva repulsione.
Appartenevano, infatti, alla specie di quegli orribili vampiri che
succhiano il sangue del bestiame, e che si attaccano perfino alluomo
che si addormenti imprudentemente nei campi.
Oh! che brutte bestie! esclam Lina coprendosi gli occhi.
Mi fanno orrore.
E sono, inoltre, pericolosi! aggiunse la giovinetta. Non
vero, Manoel?
Pericolosi, davvero rispose il giovanotto. Questi vampiri
hanno un istinto particolare che li porta a succhiarvi il sangue nei
luoghi in cui questo scorre pi facilmente, e in particolar modo dietro
lorecchio. Durante loperazione, continuano a batter le ali, e
producono cos una gradevole frescura, che rende il sonno del
dormiente pi profondo. Si dice che alcune persone, sottoposte in
stato di incoscienza a questa emorragia per molte ore, non si siano
neppur svegliate!
Non continuate a narrare simili cose, Manoel, disse Yaquita,
se no Minha e Lina non oseranno addormentarsi questa notte!
Non temete nulla rispose Manoel. Se occorre,
veglieremo sul loro sonno!
Silenzio! esclam Benito.
Che cosa c? domand Manoel.
Non sentite un rumore strano da questa parte? soggiunse
Benito mostrando la riva destra.
vero rispose Yaquita.
Da dove proviene questo rumore? domand la giovinetta.
Si direbbero ciottoli che rotolano sulla spiaggia delle isole!
Bene! so cos! replic Benito. Domani, allalba, ci sar
festino per coloro cui piacciono le uova di tartaruga e le piccole
tartarughe fresche!
Non si ingannava. Quel rumore era prodotto da innumerevoli
tartarughe di tutte le moli che la deposizione delle uova attirava sulle
isole.
Nella sabbia dei greti questi anfibi vengono a scegliere il luogo
adatto per deporre le uova. Loperazione, che incomincia al
tramonto, allalba terminata.
In quel preciso momento la tartaruga capo aveva lasciato il letto
del fiume per cercare un luogo adatto. Le altre, radunate a migliaia,
erano occupate a scavare con le zampe anteriori una trincea lunga
seicento piedi, larga dodici e profonda sei; dopo avervi deposto le
uova, non avrebbero avuto altro da fare che ricoprirle con uno strato
di sabbia, che avrebbero battuto con i loro gusci per rassodarla.
Per gli indiani delle rive del Rio delle Amazzoni e dei suoi
affluenti, questa operazione importantissima. Essi spiano larrivo
dei chelonii, procedono allestrazione delle uova accompagnata dal
suono del tamburo, e della raccolta, che viene divisa in tre parti, una
appartiene ai vegliatori, laltra agli indiani, la terza allo Stato
rappresentato dai capitani di spiaggia, che si occupano, insieme con
la polizia, della riscossione delle imposte. Ad alcune spiagge, che il
decrescimento delle acque lascia scoperte, e che hanno il privilegio
di attirare il pi grande numero di tartarughe, fu dato il nome di
spiagge reali. Quando la raccolta terminata, festa per gli
indiani, che si abbandonano al gioco, alla danza, alle libagioni -
festa anche per i caimani del fiume, che fanno delle scorpacciate
degli avanzi di questi anfibi.
Tartarughe e uova di tartaruga formano dunque oggetto dun
importante commercio in tutto il bacino del Rio delle Amazzoni.
Alcuni di questi chelonii vengono girati, cio voltati sul dorso,
quando ritornano dallaver deposto le uova, e si conservano vivi,
legandoli a dei pioli con una corda abbastanza lunga da permettere
loro di andare o di venire sulla terra o sotto lacqua. In questo modo
si pu sempre avere la carne fresca di questi animali.
Si procede diversamente con le piccole tartarughe appena nate.
Non c bisogno di rinchiuderle n di legarle; il loro guscio ancora
molle, la loro carne tenerissima, e si mangiano precisamente come
le ostriche, dopo averle fatte cuocere. Sotto questa forma, se ne
consuma una grande quantit.
Tuttavia, non questo luso pi largo che si fa delle uova dei
chelonii nelle province del Rio delle Amazzoni e del Para. La
produzione della manteigna de tartaruga, cio del burro di tartaruga,
che si pu paragonare ai migliori prodotti della Normandia e della
Bretagna, consuma, ogni anno, non meno di duecentocinquanta o
trecento milioni di uova. Ma le tartarughe sono innumerevoli nei
corsi dacqua di questo bacino, e depongono le loro uova in quantit
incalcolabile sotto la sabbia dei greti.
Pure, a causa del consumo che ne fanno, non solo gli indigeni, ma
anche i trampolieri della costa, gli urubus dellaria, i caimani del
fiume, il loro numero diminuito tanto che oggi una piccola
tartaruga si paga una patacca
11
brasiliana.
Lindomani allalba, Benito, Fragoso, e alcuni indiani presero una
piroga e si recarono sulla spiaggia di una delle grandi isole che
avevano costeggiato durante la notte. Non era necessario che la
jangada si fermasse; avrebbero saputo raggiungerla facilmente.
Sulla spiaggia si vedevano piccoli gonfiori che indicavano il luogo
in cui quella stessa notte ogni mucchio di uova era stato deposto
nella fossa in gruppi. Non si trattava di estrarre quelle, ma, essendone
state deposte altre due mesi prima, si erano schiuse sotto lazione del
calore accumulato nelle sabbie, e gi qualche migliaio di piccole
tartarughe correvano sul greto.
I cacciatori fecero dunque buona caccia. La piroga fu riempita di
quegli interessanti anfibi, che giunsero molto a proposito per lora
della colazione. Il bottino fu consumato dai passeggeri e dal
personale della jangada, e per il pasto della sera non ne rimase che
una piccola parte.

11
La patacca vale circa un franco. (N.d.A.)
La mattina del 7 luglio si giunse dinanzi a San-J os-de-Matura,
borgo posto presso un piccolo rio ingombro di lunghe erbe, e sulle
cui sponde la leggenda riferisce che siano esistiti gli indiani con la
coda.
La mattina dell8 luglio fu visto il villaggio di San-Antonio, due o
tre piccole case perdute fra gli alberi, poi la foce dellIa, o
Putumayo, che misura novecento metri di larghezza.
Il Putumayo uno dei pi importanti tributari del Rio delle
Amazzoni. In quel luogo, nel secolo XVI, furono fondate in un primo
tempo dagli spagnoli alcune Missioni inglesi, poi furono distrutte dai
portoghesi, e oggi non ne rimane alcuna traccia. Quello che vi si
trova ancora, sono dei rappresentanti di diverse trib di indiani che
facile riconoscere dalla diversit dei loro tatuaggi.
LIa un corso dacqua che scende verso est dalle montagne di
Pasto, a nord-est di Quito, attraverso le pi belle foreste di alberi di
cacao selvatici.
Navigabile per ben centoquaranta leghe per i battelli a vapore che
non stazzino pi di sei piedi, sar un giorno una delle principali vie
fluviali dellOvest americano.
Intanto il tempo si era messo al brutto. Non con piogge continue,
ma con frequenti uragani che turbavano latmosfera. Questi non
potevano intralciare minimamente lavanzare della jangada, che non
offriva presa al vento; la sua grande lunghezza la rendeva anzi
insensibile allondata del Rio delle Amazzoni; ma durante quelle
piogge torrenziali, la famiglia Garral era costretta a rientrare
nellabitazione. Bisognava pur occupare quelle ore di ozio; si
chiacchierava, ci si scambiavano le osservazioni, e le lingue non
oziavano mai.
Fu in queste condizioni che Torres cominci, a poco a poco, a
prendere pi attivamente parte alla conversazione. I particolari dei
suoi diversi viaggi in tutta la parte settentrionale del Brasile gli
fornivano molti argomenti di conversazione. Quelluomo aveva
certamente visto molte cose, ma le sue osservazioni erano quelle di
uno scettico, e per lo pi egli offendeva la brava gente che lo
ascoltava. Conviene dire anche che egli si mostrava pi premuroso
con Minha. Ma queste assiduit, bench spiacessero a Manoel, non
erano abbastanza accentuate perch il giovane credesse di dover
intervenire. Daltra parte, la giovinetta sentiva per Torres una
repulsione istintiva, che non cercava di nascondere.
Il 9 luglio, la foce del Tunantins apparve sulla riva sinistra del
fiume, formando un estuario di quattrocento piedi, attraverso il quale
questo affluente versava le sue acque scure, provenienti da ovest-
nord-ovest, dopo aver bagnato i territori degli indiani Cacenas.
In quel luogo il corso del Rio delle Amazzoni si mostrava sotto un
aspetto veramente grandioso, ma il suo letto era ingombro pi che
mai di isole e di isolotti. Ci volle tutta labilit del pilota per dirigersi
attraverso quellarcipelago, andando da una riva allaltra, evitando i
bassi fondi, fuggendo i risucchi, mantenendo la propria direzione.
Forse, avrebbe potuto scendere lAhuaty-Parana, specie di canale
naturale che si stacca dal fiume un po al di sotto della foce del
Tunantins, e permette di rientrare nel corso dacqua principale,
centoventi miglia pi lontano, seguendo il Rio J apura; ma se la parte
pi larga di questo furo misura centocinquanta piedi, la pi stretta
non ne ha che sessanta, e la jangada avrebbe stentato a passarvi.
Insomma, dopo aver toccato, il 13 luglio, lisola Capuro, dopo
aver passato la foce dello J utahy, che, proveniente da est-sud-ovest,
getta le sue acque scure attraverso unapertura di millecinquecento
piedi, dopo aver ammirato legioni di leggiadre scimmie di color
bianco zolfo, dalla faccia color rosso cinabro, che sono insaziabili
divoratrici di quelle noci che producono le palme cui il fiume deve il
suo nome, i viaggiatori giunsero, il 18 luglio, dinanzi alla piccola
citt di Fonteboa.
In quel luogo la jangada fece una fermata di dodici ore, che serv
di riposo allequipaggio.
Fonteboa, come la maggior parte di quei villaggi-missioni del Rio
delle Amazzoni, non sfuggito a quella legge capricciosa che li
trasporta, durante un lungo periodo di tempo, da un luogo a un altro.
per probabile che quella piccola borgata abbia terminato
lesistenza nomade, e che sia definitivamente sedentaria. Tanto
meglio per lei, perch graziosa con la sua trentina di case, coperte
di fogliame, e con la sua chiesa dedicata a Notre-Dame de
Guadalupe, Vergine Nera del Messico. Fonteboa conta un migliaio di
abitanti, gli indigeni delle due rive, che allevano molto bestiame
nelle opulenti campagne dei dintorni. La loro occupazione non si
limita a questo; sono pure intrepidi cacciatori, o, se lo si preferisce,
intrepidi pescatori di lamantini.
Cos, la sera stessa del loro arrivo, i giovani poterono assistere a
una interessantissima spedizione di tal genere.
Due di questi cetacei erbivori erano stati segnalati nelle acque
scure del Rio Cayaratu, che sbocca a Fonteboa. Si vedevano sei punti
bruni muoversi alla loro superficie: erano i due musi appuntiti e le
quattro pinne dei lamantini.
Dei pescatori poco esperti avrebbero preso da principio quei punti
mobili per rottami in deriva, ma gli indigeni di Fonteboa non
potevano ingannarsi. Poco dopo, del resto, soffi rumorosi indicarono
che animali a sfiatatoio espellevano con forza laria diventata
inadatta alla loro respirazione.
Due ubas, ognuna delle quali portava tre pescatori, si staccarono
dalla riva e si avvicinarono ai lamantini, che subito fuggirono. I punti
neri tracciarono prima un lungo solco sulla superficie dellacqua, poi
scomparvero tutti insieme.
I pescatori continuarono ad avanzare con prudenza. Uno di loro,
armato di una fiocina alquanto primitiva - un lungo chiodo in cima a
un bastone - stava ritto sulla piroga, mentre gli altri due remavano
senza far rumore. Aspettavano che la necessit di respirare
riconducesse a tiro i lamantini. Avrebbero atteso tuttal pi dieci
minuti, e quegli animali sarebbero ricomparsi certamente in unarea
pi o meno stretta.
Infatti, era trascorso pressa poco questo lasso di tempo, quando i
punti neri emersero a poca distanza, e due getti di aria misti a vapore
zampillarono rumorosamente.
Le ubas si avvicinarono, le fiocine furono lanciate nello stesso
tempo; una fall, ma laltra colp uno dei cetacei allaltezza della
vertebra caudale.
Non ci vuole di pi per stordire lanimale, che poco abile a
difendersi quando colpito dal ferro di una fiocina. La corda lo
ricondusse a poco a poco accanto alluba, e fu rimorchiato fino al
greto, vicino al villaggio.
Non era che un lamantino di piccola mole, poich misurava
appena tre piedi di lunghezza. Questi poveri cetacei sono stati cos
cacciati che cominciano a farsi rari nelle acque del Rio delle
Amazzoni e dei suoi affluenti, e si lascia loro cos poco tempo di
ingrossare che i giganti della specie non superano ormai i sette piedi.
Cosa sono mai paragonati a quei lamantini di dodici e di quindici
piedi, che abbondano ancora nei fiumi e nei laghi dellAfrica?
Ma sarebbe difficilissimo impedire questa caccia indiscriminata.
Infatti la carne del lamantino eccllente, superiore anzi a quella del
maiale, e lolio, che fornisce il suo grasso di tre pollici, un prodotto
di molto valore. Questa carne, quando affumicata, si conserva a
lungo e d un alimento sano. Se si aggiunge che lanimale si cattura
con una relativa facilit, nessuno si meraviglier che la sua specie
tenda alla completa scomparsa.
Oggi, un lamantino adulto che produceva un tempo due vasi di
olio del peso di centottanta libbre, non ne d che quattro arrobes
spagnoli, equivalenti a un quintale.
Il 19 luglio, allalba, la jangada lasciava Fonteboa, e si lasciava
andare alla deriva fra le due sponde del fiume, completamente
deserte, lungo isole ombreggiate da foreste di alberi di cacao di
grande effetto. Il cielo era sempre grevemente carico di grossi cumuli
elettrici, che facevano presentire imminenti uragani.
Il Rio J urua, venuto da sud-est, si svolse poco dopo dagli argini di
sinistra. Risalendolo, una barca potrebbe spingersi fino in Per, senza
incontrare nessun ostacolo insuperabile, attraverso le sue acque
chiare che alimentano un grande numero di subaffluenti.
forse su questi territori disse Manoel che bisognerebbe
cercare i discendenti di quelle donne guerriere, che hanno fatto
stupire tanto Orellana. Ma bisogna dire che, a esempio delle loro
antenate, non formino nessuna trib particolare. Sono semplicemente
delle spose che accompagnano i loro mariti nei combattimenti, e, fra
gli J uruas, hanno grande fama di coraggio.
La jangada continuava a scendere; ma che dedalo presentava
allora il Rio delle Amazzoni! Il Rio J apura, la cui foce doveva aprirsi
ottanta miglia pi lontano, e che uno dei suoi maggiori affluenti,
correva quasi parallelamente al fiume.
Fra di loro cerano dei canali, degli iguaraps, delle lagune, dei
laghi periodici, un inestricabile labirinto, che rende difficilissima
lidrografia di quella regione.
Ma, se Araujo non aveva carte nautiche, la sua esperienza lo
aiutava con grande sicurezza, ed era meraviglioso vederlo cavarsi da
quel viluppo senza smarrire mai il grande fiume.
Insomma, fece tanto che, il 25 luglio, nel pomeriggio, dopo essere
passata dinanzi al villaggio di Parani-Tapera, la jangada pot
ancorarsi allentrata del lago dEga o Teff, nel quale era inutile
immettersi, poich sarebbe stato necessario uscirne per riprendere il
corso del Rio delle Amazzoni.
Ma la citt di Ega molto importante, e meritava che si facesse
una fermata per visitarla. Fu dunque convenuto che la jangada
sarebbe rimasta in quel luogo fino al 27 luglio, e che lindomani, 28,
la grande piroga avrebbe trasportato tutta la famiglia a Ega.
Ci avrebbe permesso un riposo meritato al laborioso equipaggio
del traino di legname.
La notte pass sugli ormeggi, in vicinanza di una costa piuttosto
elevata, e nulla ne turb la tranquillit. Alcuni lampi di calore
infiammarono lorizzonte, ma venivano da un uragano lontano, che
non scoppi allentrata del lago.
CAPITOLO XVI
EGA
IL 28 LUGLIO, alle 6 del mattino, Yaquita, Minha, Lina e i due
giovani si preparavano a lasciare la jangada.
J oam Garral, che non aveva manifestato lintenzione di scendere a
terra, si decise, questa volta, in seguito alle insistenze di sua moglie e
di sua figlia, di tralasciare la sua attivit quotidiana per
accompagnarle nella loro gita.
Torres non si era mostrato desideroso di visitare Ega, con grande
soddisfazione di Manoel, che aveva preso quelluomo in avversione
e non aspettava se non loccasione per dimostrarglielo.
Quanto a Fragoso, non poteva avere, per andare a Ega, le stesse
ragioni dinteresse che lo avevano condotto a Tabatinga, piccola
borgata di poca importanza in confronto a questa piccola citt.
Ega un capoluogo di millecinquecento abitanti, in cui risiedono
tutte le autorit che comporta lamministrazione di una citt cos
importante - importante per il paese - cio un comandante militare,
un capo di polizia, un giudice di pace, un giudice di diritto, un
maestro elementare, e una milizia, sotto gli ordini di ogni grado.
Ora, quando tanti funzionari, con le loro mogli e i loro figli,
abitano una citt, si pu supporre che i barbieri-parrucchieri non
manchino. Era infatti cos, e Fragoso non avrebbe ricavato le sue
spese.
Senza dubbio il cortese giovanotto, bench non avesse nulla da
fare a Ega, si proponeva di far parte della comitiva, poich Lina
accompagnava la padroncina; ma, al momento di lasciare la jangada,
si rassegn a rimanere a casa, dietro richiesta della stessa Lina.
Signor Fragoso? disse la giovane mulatta dopo averlo preso
in disparte.
Signorina Lina? rispose Fragoso.
Non credo che il vostro amico Torres abbia intenzione di
accompagnarci a Ega.
Infatti, egli rimane a bordo, signorina Lina; ma vi sarei grato se
non lo chiamaste mio amico!
Non siete forse voi che lo avete indotto a chiederci
dimbarcarlo, prima che egli ne avesse manifestato lintenzione?
S, e quel giorno, se devo dirvi la verit, temo di aver
commesso una sciocchezza!
Ebbene, se devo esprimervi il mio giudizio, questuomo non
mi piace affatto, signor Fragoso.
Nemmeno a me piace, signorina Lina, e mi sembra sempre di
averlo gi visto da qualche parte. Ma il ricordo troppo vago che mi
ha lasciato non preciso che su un punto: che limpressione era
tuttaltro che buona!
In che luogo, e quando avreste incontrato questo Torres? Non
potete ricordarvelo? Sarebbe forse utile sapere chi , e
particolarmente chi stato!
No Cerco un pezzo? In che luogo, in quali
circostanze? Non ricordo!
Signor Fragoso?
Signorina Lina?
Dovreste rimanere a bordo, per sorvegliare Torres durante la
nostra assenza!
Come! esclam Fragoso. Non posso accompagnarvi a
Ega e dovrei rimanere tutta una giornata senza vedervi!
Ve lo chiedo!
un ordine?
una preghiera!
Rimarr.
Signor Fragoso?
Signorina Lina?
Vi ringrazio!
Ringraziatemi con una buona stretta di mano rispose
Fragoso. Me la merito!
Lina porse la mano a quel bravo giovane, il quale la trattenne
alcuni istanti, guardando il grazioso viso della giovinetta. Ecco
perch Fragoso non prese posto nella piroga, e divenne, senza averne
laria, il sorvegliante di Torres. Si accorgeva questi del sentimento di
repulsione che ispirava a tutti? Forse; ma, senza dubbio, aveva le sue
buone ragioni per non tenerne conto.
Una distanza di quattro leghe separava il luogo in cui era ancorata
la jangada dalla citt di Ega. Otto leghe fra landata e il ritorno, in
una piroga con sei passeggeri, pi due negri per remare, costituivano
un viaggio di alcune ore, senza parlare della stanchezza causata da
quellalta temperatura, bench il cielo fosse velato da leggere
nuvolette.
Ma, fortunatamente, una brezzolina soffiava da nord-ovest, vale a
dire che, se fosse durata da quella parte, sarebbe stata favorevole alla
navigazione sul lago Teff. Si poteva andare a Ega e ritornare
rapidamente, senza neppure bordeggiare.
La vela latina fu dunque spiegata allalbero della piroga, Benito
prese il timone e si trasbord, dopo che un ultimo cenno di Lina ebbe
raccomandato a Fragoso di fare buona guardia.
Bastava seguire il litorale meridionale del lago per giungere a Ega.
Due ore dopo la piroga giungeva nel porto di questa antica Missione,
fondata un tempo dai carmelitani, che divenne citt nel 1759 e dal
generale Gama fu definitivamente incamerata nel dominio brasiliano.
I passeggeri sbarcarono sopra un greto pianeggiante, vicino al
quale venivano a schierarsi non solo le imbarcazioni del paese, ma
anche alcune di quelle piccole golette che fanno il cabotaggio lungo
il litorale dellAtlantico.
Le due giovani, quando entrarono in Ega, non nascosero il loro
stupore.
Ah! che grande citt! esclam Minha.
Quante case, quanta gente! rispondeva Lina sbarrando tanto
docchi per veder meglio.
Lo credo bene, rispose Benito ridendo pi di
millecinquecento abitanti, per lo meno duecento case, alcune delle
quali hanno un piano, e due o tre strade, vere strade, che le separano!
Mio caro Manoel, disse Minha difendeteci da mio
fratello! Egli si burla di noi perch ha gi visto delle citt pi belle
nelle province del Rio delle Amazzoni e del Para!
Ebbene, egli si burler anche di sua madre soggiunse
Yaquita perch confesso che non avevo mai visto nulla di simile!
Allora, badate bene, madre e sorella mia, riprese Benito
poich andrete in estasi quando sarete a Manao, e svenirete arrivando
a Blem!
Non temete rispose sorridendo Manoel. Queste signore si
saranno preparate a poco a poco a queste grandi emozioni, visitando
le prime citt dellAlto Amazzone.
Come, anche voi, Manoel, disse Minha parlate come mio
fratello? Vi burlate di noi?
No, Minha! vi giuro
Lasciamo ridere questi signori rispose Lina e facciamo in
modo che non sfugga nulla al nostro sguardo, mia cara signora,
poich lo spettacolo bellissimo.
Era davvero stupendo! Un agglomerato di case, costruite di terra o
imbiancate a calce, e per lo pi coperte di stoppia o di foglie di
palma; alcune per erano costruite di pietra o di legno, con verande,
porte e imposte di un verde cupo in mezzo a un piccolo giardino
pieno di aranci in fiore. Ma vi erano due o tre edifici civili, una
caserma e una chiesa, dedicata a santa Teresa, che era una cattedrale
in confronto alla modesta cappella di Iquitos.
Poi, volgendosi verso il lago, allo sguardo si offriva un bel
panorama incorniciato da unorlatura di cocchi e di assai, che
terminava alle prime acque, e al di l, a tre leghe dallaltra costa, il
pittoresco villaggio di Nogueira mostrava alcune piccole case
sperdute nel fitto dei vecchi olivi del suo greto.
Ma per quelle due giovinette vi fu un altro motivo di stupore,
stupore del resto tutto femminile; e fu la moda delle donne eleganti
di Ega, non gi labbigliamento abbastanza primitivo delle indigene
Omaas o Muras convertite, ma il costume delle brasiliane vere. S, le
donne, le figlie dei funzionari o dei principali negozianti della citt
portavano pretenziosamente delle acconciature parigine piuttosto
fuori moda, e ci a cinquanta leghe da Para, che a molte migliaia di
miglia da Parigi.
Ma vedete un po, guardate dunque, signora, queste belle
signore ben vestite!
Lina ne impazzir! esclam Benito.
Queste acconciature, se fossero ben portate, rispose Minha
non sarebbero forse cos ridicole!
Mia cara Minha disse Manoel con il vostro semplice
abito di percallina, con il vostro cappello di paglia, credetemi, siete
pi elegante di tutte queste brasiliane, con i loro enormi cappelli e
con le loro sottane a balze, che non rispecchiano n le usanze del loro
paese, n della loro razza.
Se io vi piaccio cos rispose la giovinetta non ho nulla da
invidiare a nessuno!
Ma, infine, erano sbarcati a Ega per visitare la citt. Passeggiarono
dunque per le vie che contavano pi spacci di liquori che botteghe;
gironzolarono sulla piazza, convegno degli eleganti di ambo i sessi,
che soffocavano sotto le loro vesti europee: fecero anche colazione in
un albergo che era a mala pena una bettola, la cui cucina fece molto
rimpiangere lo squisito vitto della jangada.
Dopo il pranzo, composto unicamente di carne di tartaruga,
cucinata in diversi modi, la famiglia Garral venne unultima volta ad
ammirare la riva del lago che il sole, tramontando, indorava con i
suoi raggi; poi torn alla piroga, un po disillusa, forse, delle
meraviglie di una citt che si sarebbe potuto visitare in unora, un po
affaticata anche dalla sua passeggiata attraverso quelle strade
assolate, che non valevano i sentieri ombrosi di Iquitos; perfino la
curiosa Lina era alquanto meno entusiasta del mattino.
Ognuno riprese il suo posto nella piroga. Il vento si era mantenuto
in direzione nord-ovest e soffiava pi freddo con lavvicinarsi della
notte. Fu issata la vela. Si rifece la via del mattino su quel lago
alimentato dal Rio Teff dalle acque nere che secondo gli indiani
sarebbe navigabile verso sud-ovest per quaranta giorni di cammino.
Alle otto di sera era giunta nel luogo di ancoraggio e accostava alla
jangada.
Appena Lina pot prendere in disparte Fragoso gli domand:
Avete notato qualche cosa di sospetto, signor Fragoso?
Nulla, signorina Lina! rispose Fragoso. Torres non
uscito dalla sua cabina dove ha letto e scritto.
Non entrato nella casa, nella sala da pranzo, come temevo?
No, per tutto il tempo che stato fuori della sua cabina ha
passeggiato a prora della jangada.
E che cosa faceva?
Teneva in mano un vecchio pezzo di carta che sembrava
consultare con attenzione, e mormorava non so quali parole
incomprensibili.
Tutto ci non forse cos indifferente come voi credete, signor
Fragoso! Queste letture, queste scritture, queste vecchie carte,
possono avere il loro interesse. Non n un professore, n un uomo
di legge questo lettore e questo scrittore!
Avete ragione!
Stiamo ben attenti ancora, signor Fragoso.
Stiamo sempre attenti, signorina Lina, rispose Fragoso.
Lindomani, 29 luglio, allalba, Benito dava al pilota il segnale della
partenza.
Attraverso i due gruppi di isole che emergono dalla baia di
Arenapo, la foce dello J apura, larga seimilaseicento piedi, fu visibile
per un attimo. Quel grande affluente si versa attraverso otto bocche
nel Rio delle Amazzoni, come se si gettasse in qualche oceano o in
qualche golfo. Ma le sue acque venivano di lontano ed erano le
montagne della repubblica dellEcuador che le inviavano in un corso
che le cascate non arrestano se non a duecentodieci leghe dal suo
confluente.
Tutta la giornata fu spesa nello scendere fino allisola J apura,
dopo la quale il fiume, meno ingombro, rendeva pi facile la deriva.
La corrente poco rapida permetteva del resto di evitare abbastanza
facilmente gli isolotti e non vi furono mai n urti n arenamenti.
Lindomani la jangada costeggi ampi greti, formati di alte dune
molto accidentate, che servono di chiuse a pascoli immensi, nei quali
si potrebbe allevare e nutrire il bestiame di tutta lEuropa. Quei greti
sono considerati come i pi ricchi di tartarughe che si trovino nel
bacino dellAlto Amazzone.
La sera del 30 luglio si gett lancora allisola di Catua, per
passarvi la notte, che minacciava di essere molto buia.
Su quellisola, fino a che il sole rimase sullorizzonte, apparve una
frotta di indiani Muras, superstiti di quellantica e potente trib che,
fra il Teff e il Medeira, occupava un tempo pi di cento leghe lungo
il fiume.
Quegli indigeni, andando e venendo, osservarono il treno
galleggiante ora immobile. Erano un centinaio, armati di cerbottane
formate di una canna propria di quei luoghi e rinforzate internamente
da un astuccio fatto con il fusto di una palma nana da cui si tolto il
midollo.
J oam Garral lasci un istante il lavoro che occupava tutto il suo
tempo per raccomandare di fare attenzione a non provocare quegli
indigeni. Infatti la partita non sarebbe stata uguale. I Muras hanno
una. singolare abilit nel lanciare fino alla distanza di trecento passi,
con le loro cerbottane, frecce che producono ferite inguaribili.
Quelle frecce, fatte con una foglia di palma coucourite, lunghe da
nove a dieci pollici, aguzze come un ago, sono avvelenate con il
curaro.
Il curaro o wourah, liquore che uccide sommessamente, dicono
gli indiani, preparato con il succo di una specie di euforbiacea e con
il succo di uno strychnos bulboso, senza contare la pasta di formiche
velenose e i denti di serpenti, pure velenosi, che vi vengono
mescolati.
davvero un terribile veleno disse Manoel. Esso attacca
direttamente nel sistema nervoso quei nervi dai quali dipendono i
movimenti sottoposti alla volont. Ma il cuore non colpito e non
cessa di battere fino a che non siano estinte le funzioni vitali. Eppure
contro tale avvelenamento, che comincia con lintirizzimento delle
membra, non si conoscono antidoti!
Fortunatamente quei Muras non fecero dimostrazioni ostili,
bench nutrano per i bianchi un odio profondo. Essi non hanno per
il coraggio dei loro antenati.
Al cadere della notte un flauto a cinque buchi fece sentire
sommessamente dietro gli alberi dellisola alcuni canti. Un altro
flauto gli rispose. Questo scambio di frasi musicali dur due o tre
minuti, e i Muras disparvero.
Fragoso, in un momento di buon umore, aveva tentato di
rispondere loro con una canzone di sua creazione, ma Lina si era
trovata l molto opportunamente per mettergli la mano sulla bocca e
impedirgli di sfoggiare i suoi talenti canori che egli prodigava
volentieri.
Il 2 agosto, alle tre di sera, la jangada arrivava a venti leghe pi
avanti, allentrata del lago Apoara, che alimenta con le sue acque
nere il rio omonimo, e due giorni dopo verso le cinque si arrestava
allentrata del lago Coary.
Quel lago uno dei pi grandi che siano in comunicazione con il
Rio delle Amazzoni e serve di serbatoio a diversi Rios. Cinque o sei
affluenti vi si gettano, vi si uniscono, si confondono, e uno stretto
furo li versa nellarteria principale.
Dopo aver intravisto le alture del villaggio di Tahua-Miri, piantato
sopra le sue palafitte, come sui trampoli per difendersi
dallinondazione delle piene che invadono spesso quei bassi greti, la
jangada gett gli ormeggi per passare la notte.
La fermata avvenne in vista del villaggio di Coary, una dozzina di
case alquanto diroccate, costruite fra macchie fitte di aranci e di
zucche. Nulla di pi notevole che laspetto di quel villaggio, secondo
che, in seguito allelevarsi o allabbassarsi delle acque, il lago
presenta unampia estensione liquida, o si riduce a uno stretto canale
che non ha neppure abbastanza profondit per comunicare con il Rio
delle Amazzoni.
Lindomani mattina, 5 agosto, si riparti allalba, si pass davanti
al canale di Yucura, che appartiene a quel sistema cos aggrovigliato
di laghi e di furo del Rio Zapura, e la mattina del 6 agosto si giunse
allimbocco del lago di Miana.
Nessun nuovo incidente era seguito nella vita di bordo, che
continuava con una regolarit quasi metodica.
Fragoso, sempre spinto da Lina, non cessava di sorvegliare
Torres. Molte volte cerc di farlo parlare sulla sua vita passata; ma
lavventuriero eludeva ogni conversazione su questo argomento, e
fin con il mostrarsi riservato anche con il barbiere.
Quanto ai suoi rapporti con la famiglia Garral, erano sempre i
medesimi.
Se egli parlava poco a J oam, si rivolgeva pi volentieri a Yaquita
o a sua figlia, senza mostrare di avvedersi dellevidente freddezza
con cui lo accoglievano. Tutte e due pensavano del resto che, dopo
larrivo della jangada a Manao, Torres le avrebbe lasciate e non si
sarebbe udito pi parlare di lui. In ci Yaquita seguiva i consigli di
padre Passanha, che la esortava ad aver pazienza; ma il buon padre
stentava un po di pi con Manoel, dispostissimo a mettere
seriamente a posto lintruso cos malauguratamente imbarcato sulla
jangada.
Il solo fatto che avvenne quella sera fu il seguente.
Una piroga, che scendeva il fiume, accost la jangada dopo un
invito che le fu rivolto da J oam Garral.
Vai a Manao? domand allindiano che montava e dirigeva
la piroga.
S rispose lindiano.
E vi arrivi quando?
Fra otto giorni.
Allora arriverai molto prima di noi. Vuoi incaricarti di
consegnare una lettera?
Volentieri.
Prendi dunque questa lettera, amico mio, e portala a Manao.
Lindiano prese la lettera che gli porgeva J oam Garral, e una
manciata di reis fu il prezzo del favore che egli si disponeva a fare.
Nessun membro della famiglia, in quel momento ritirata
nellabitazione, fu a conoscenza di quel fatto. Solo Torres ne fu
testimone. Egli ud anche le poche parole scambiate fra J oam Garral
e lindiano, e dalloscurarsi del suo volto era facile capire che linvio
di quella lettera lo stupiva molto.
CAPITOLO XVII
UN ASSALTO
TUTTAVIA, se Manoel non diceva nulla, per non provocare
qualche scena violenta a bordo, lindomani ebbe il pensiero di
spiegarsi con Benito in proposito di Torres.
Benito, gli disse, dopo averlo condotto a prora della
jangada, devo parlarti.
Benito, di solito cos sorridente, si arrest guardando Manoel, e si
oscur in viso.
So il perch, disse. Si tratta di Torres?
S, Benito!
Ebbene, anchio devo parlarti di lui, Manoel.
Tu hai dunque notato la sua assiduit presso Minha? disse
Manoel impallidendo.
Ah! non che un sentimento di gelosia che ti anima contro un
simile uomo? disse vivamente Benito.
No, certo! rispose Manoel. Dio mi guardi dal fare una
simile ingiuria alla giovinetta che sta per diventare mia moglie! No,
Benito! Ella ha orrore di questo avventuriero. Non si tratta dunque di
nulla di simile, ma mi ripugna vedere questo avventuriero imporsi
continuamente con la sua presenza, con la sua insistenza a tua madre
e a tua sorella e cercare dintro-dursi nellintimit della tua famiglia
che gi la mia!
Manoel, rispose gravemente Benito condivido la tua
repulsione per questo individuo sospetto, e se non avessi interrogato
me stesso, avrei gi cacciato Torres dalla jangada! Ma non ho
osato
Non hai osato? replic Manoel, stringendo le mani del suo
amico. Non hai osato!
Ascoltami, Manoel, riprese Benito. Tu hai osservato
bene Torres, non vero? Tu hai notato la sua premura nei confronti
di mia sorella! Nulla di pi vero. Ma, mentre tu vedevi ci, non
vedevi che questo uomo poco rassicurante non perde di vista mio
padre n da lontano n da vicino e che sembra nutrire un segreto odio
quando lo guarda con unostinazione inspiegabile!
Che dici tu, Benito? Hai delle ragioni per credere che Torres
odi J oam Garral?
Nessuna Io non penso nulla! rispose Benito. Non che
un presentimento. Ma osserva bene Torres, studia attentamente la sua
fisionomia, e vedrai che brutto sorriso ha quando mio padre gli passa
vicino!
Ebbene! esclam Manoel. Se cos, ragione di pi per
cacciarlo!
Ragione di pi o ragione di meno soggiunse il
giovanotto. Manoel io temo Che cosa? Non so. Ma
obbligare mio padre a congedare Torres forse unimprudenza! Te
lo ripeto io ho paura, senza che alcun fatto positivo mi permetta di
spiegare a me stesso questa paura!
Una specie di fremito agitava Benito mentre parlava cos.
Allora, disse Manoel tu credi che bisogna aspettare?
S! aspettare, prima di prendere una decisione, ma
soprattutto stare attenti.
Infine, rispose Manoel fra una ventina di giorni saremo
arrivati a Manao. l che deve fermarsi Torres. dunque l che ci
lascer e noi ci saremo per sempre sbarazzati della sua presenza!
Fino allora teniamogli gli occhi addosso.
Tu mi comprendi, Manoel, rispose Benito.
Ti comprendo, amico mio, fratello mio! riprese Manoel.
Bench non condivida e non possa condividere tutte le tue paure.
Che legame potrebbe esistere fra tuo padre e questo avventuriero?
Evidentemente tuo padre non lha mai visto!
Io non dico che mio padre conosca Torres, rispose Benito
ma s mi sembra che Torres conosca mio padre! Che faceva
questuomo nei dintorni della fazenda quando labbiamo incontrato
nella foresta di Iquitos? Perch rifiut allora lospitalit che noi gli
avevamo offerto per preparare il terreno poi in modo da diventare
quasi per forza nostro compagno di viaggio? Noi arriviamo a
Tabatinga ed egli vi si trova come se ci aspettasse! Entra il caso in
tutti questi incontri o sarebbe ci la conseguenza di un piano
prestabilito? Innanzi allo sguardo a un tempo fuggente e ostinato di
Torres, tutto ci mi torna alla mente! Io non so mi perdo in
queste cose inspiegabili! Ah! perch ho avuto lidea di offrirgli di
imbarcarsi sulla nostra jangada!
Calmati, Benito te ne prego.
Manoel! esclam Benito, che sembrava non potersi pi
contenere. Credi che se non si trattasse che di me, quelluomo,
che non ci ispira che ripugnanza e disgusto, non avrei esitato a
gettarlo in acqua! Ma se davvero di mio padre che si tratta, temo,
cedendo alle mie impressioni, di andare contro il mio intento!
Qualche cosa mi dice che con questo essere untuoso vi pu essere
pericolo ad agire prima che un fatto ce ne dia diritto il diritto e il
dovere! Insomma, sulla jangada noi labbiamo sotto mano e
facendo entrambi buona guardia intorno a mio padre, non possiamo,
per quanto egli sia sicuro del suo gioco, non costringerlo a
smascherarsi, a tradirsi. Dunque, aspettiamo ancora!
Larrivo di Torres sulla prora della jangada interruppe la
conversazione dei due giovani. Torres li guard sottocchio, ma non
rivolse loro la parola.
Benito non singannava quando diceva che gli occhi
dellavventuriero erano fissi sulla persona di J oam Garral, ogni volta
che non si credeva osservato.
No, non singannava nellaffermare che lespressione del volto di
Torres diventava sinistra quando guardava suo padre!
Per quale misterioso legame uno di questi due uomini, che era la
nobilt in persona, poteva - senza saperlo, ci era chiaro - essere
legato allaltro?
Data la situazione, era certo difficile che Torres, ora osservato a
un tempo dai due giovani, da Fragoso e da Lina, potesse fare un
movimento che non fosse subito notato. Forse egli lo comprese. A
ogni modo non lo lasci vedere e nulla mut nel suo modo di vivere.
Soddisfatti di essersi spiegati, Manoel e Benito si promisero di
guardarlo a vista, senza far nulla che potesse destare la sua
attenzione.
Nei giorni seguenti la jangada pass limboccatura dei furo
Camera, Aru, Yuripari della riva destra, le cui acque invece di
versarsi nel Rio delle Amazzoni si dirigono verso sud ad alimentare
il Rio dei Purus e ritornano attraverso questo stesso rio al grande
fiume. Il 10 agosto, alle cinque di sera, ci si ferm allisola dei
Cocchi.
L si trovava una fabbrica di gomma elastica. Questo nome
quello del fabbricante di caucci, e deriva da seringueira, albero il
cui nome scientifico siphonia elastica.
Si dice che per negligenza o per cattivo metodo di sfruttamento il
numero di questi alberi diminuisca nel bacino del Rio delle
Amazzoni, ma le foreste di seringueiras sono ancora considerevoli
sulle sponde del Medeira, del Purus e di altri affluenti del fiume.
L si trovavano una ventina di indiani, che raccoglievano e
manipolavano il caucci, operazione che si compie in modo
particolare nei mesi di maggio, di giugno e di luglio.
Dopo aver osservato che gli alberi, ben preparati dalle piene del
fiume, che avevano bagnato i loro fusti fino allaltezza di quattro
piedi circa, si trovavano in buone condizioni per la raccolta, gli
indiani si erano messi al lavoro.
Fatte delle incisioni nellalbero dei seringueiras, avevano legato
sotto ogni incisione alcuni vasetti che nel giro di ventiquattro ore
sarebbero stati ricolmi di succo lattiginoso che si pu anche
raccogliere per mezzo di un bamb cavo e di un recipiente posto ai
piedi dellalbero.
Raccolto questo succo, per impedire lisolamento delle particelle
resinose, gli indiani lo sottopongono a una fumigazione sopra un
fuoco di noci di palma assai. Stendendo il succo sopra una pala di
legno che si agita nel fumo, se ne produce quasi istantaneamente la
coagulazione; esso si riveste di una tinta grigio giallastra e si
solidifica. Gli strati che si formano successivamente sono allora
staccati dalla pala, vengono esposti al sole, e si induriscono di nuovo
prendendo il color bruno che noi conosciamo. A questo punto la
fabbricazione compiuta.
Benito, trovando ottima loccasione, comper da quegli indiani
tutto il caucci raccolto nelle loro capanne che sono erette su
palafitte. Il prezzo loro pagato era sufficientemente alto ed essi se ne
mostrarono molto soddisfatti.
Quattro giorni pi tardi, il 14 agosto, la jangada passava davanti
alle bocche del Purus.
Il Purus ancora uno dei grandi tributari di destra del Rio delle
Amazzoni e sembra offrire pi di cinquecento leghe di corso
navigabile anche a grossi bastimenti. Esso si spinge in direzione sud-
ovest e misura quasi quattromila piedi alla foce. Dopo essere scorso
sotto lombra dei ficus, dei tahuaus, delle palme nipas, delle
cecropie, si getta nel Rio delle Amazzoni per cinque bracci.
12

In quel luogo il pilota Araujo era agevolato nella manovra. Il letto
del fiume era meno ostruito dalle isole, e inoltre la sua larghezza da
una riva allaltra poteva essere valutata a due leghe almeno.
La corrente trascinava in modo pi uniforme la jangada che, il 18
agosto, si arrestava dinanzi al villaggio di Pesquero, per trascorrervi
la notte.
Il sole era gi bassissimo sullorizzonte e, con quella rapidit
propria delle basse latitudini, doveva tramontare quasi a perpendicolo
come un enorme bolide. La notte doveva succedere al giorno quasi
senza crepuscolo, come quelle notti delle scene teatrali che si
riproducono con labbassare bruscamente le luci del palcoscenico.
J oam Garral e sua moglie, Lina e la vecchia Cibele si trovavano
dinanzi allabitazione.
Torres, dopo aver girato un istante intorno a J oam Garral, come se
avesse voluto parlargli a quattrocchi, impacciato forse dallarrivo di
padre Passanha, che veniva ad augurare la buona sera alla famiglia,
era finalmente rientrato nella sua cabina.
Gli indiani e i negri, sdraiati lungo il bordo, erano al loro posto di
manovra. Araujo, seduto a prora, studiava la corrente, il cui filo si
allungava in direzione rettilinea.
Manoel e Benito, con occhio attento, ma chiacchierando e
fumando con aria indifferente, passeggiavano sulla parte centrale
della jangada, aspettando lora del riposo.

12
stato studiato recentemente per seicento leghe dal signor Bates, dotto geografo
inglese. (N.d.A.)
A un tratto Manoel arrest Benito con la mano e gli disse:
Che odore strano! Che minganni? Non lo senti? Si
direbbe
Si direbbe odore di musco riscaldato rispose Benito. Vi
devono essere dei caimani addormentati sul greto vicino!
Ebbene! La natura ha agito in modo saggio permettendo che
cos si tradiscano!
S disse Benito questa una fortuna poich sono animali
molto pericolosi.
Il pi delle volte, al tramonto, questi sauriani amano allungarsi
lungo le spiagge, dove si accomodano per passare la notte. L,
rannicchiati allapertura del foro nel quale sono entrati allindietro,
dormono con la bocca aperta e con la mascella superiore drizzata
verticalmente, a meno che non attendano o spiino una preda.
Precipitarsi per raggiungerla, sia nuotando sottacqua con la loro
coda come unico motore, sia correndo sui greti con una rapidit che
luomo non pu uguagliare, non che un gioco per questi anfibi.
l, su quegli ampi greti, che i caimani nascono, vivono e
muoiono, non senza aver dato esempi di una straordinaria longevit.
Non solo i vecchi, i centenari, si riconoscono dal musco verdastro
che tappezza la loro corazza e dalle verruche di cui sparsa, ma
anche dalla loro naturale ferocia che aumenta con let. Come aveva
detto Benito, questi animali possono essere pericolosi e bisogna
tenersi allerta contro i loro assalti.
A un tratto, si udirono queste grida provenire da prora:
I caimani! i caimani!
Manoel e Benito si drizzarono e guardarono.
Tre grossi sauriani, lunghi da quindici a venti piedi, erano riusciti
ad arrampicarsi sulla piattaforma della jangada.
I fucili! i fucili! grid Benito, facendo cenno agli indiani e
ai negri di ritornare a poppa.
Alla casa rispose Manoel. pi importante!
Infatti, poich non bisognava tentare di affrontarli direttamente, la
miglior cosa da farsi era mettersi prima al riparo.
Ci fu fatto in un istante. La famiglia Garral si era rifugiata nella
casa dove i due giovani la raggiunsero. Gli indiani e i negri avevano
riguadagnato le loro piccole capanne e le loro case.
Al momento di chiudere la porta della casa:
E Minha? disse Manoel.
Non c rispose Lina, che era corsa nella camera della sua
padrona.
Gran Dio! Dov? esclam sua madre. E tutti a chiamare
insieme:
Minha! Minha! Nessuna risposta.
dunque a prora della jangada? disse Benito.
Minha! grid Manoel.
I due giovani, Fragoso, J oam Garral, non pensando pi al
pericolo, si gettarono fuori della casa con i fucili in mano.
Erano appena usciti che due dei caimani facendo un mezzo giro
corsero loro addosso.
Una fucilata nella testa vicino allorecchio, sparata da Benito,
arrest uno di quei mostri che, colpito mortalmente, si dibatt in
violente convulsioni e ricadde sul fianco.
Ma gi il secondo era l, si gettava innanzi e non vera pi modo
di evitarlo.
Infatti, lenorme caimano si era precipitato addosso a J oam Garral,
e dopo averlo fatto cadere con un colpo di coda, ritornava su di lui
con le mascelle spalancate.
In quel momento, Torres, slanciandosi fuori della cabina con
unaccetta in mano, assest un colpo cos fortunato che il taglio entr
nella mascella del caimano e vi rest conficcato senza che questo
potesse sbarazzarsene. Accecato dal sangue, lanimale si gett da una
parte e volontariamente o no ricadde e si perdette nel fiume.
Minha! Minha! gridava sempre Manoel smarrito, che aveva
raggiunto la prora della jangada.
A un tratto la giovinetta apparve. Si era dapprima rifugiata nella
capanna di Araujo, ma essa era stata rovesciata dagli urti poderosi del
terzo caimano, e ora Minha fuggiva verso poppa, inseguita da quel
mostro, che non era pi che a sei piedi da lei.
Minha cadde.
Un secondo proiettile sparato da Benito non pot arrestare il
caimano. Esso non colp che la corazza dellanimale, le cui scaglie
volarono in schegge,
senza ferirlo.
Manoel si slanci verso la giovinetta per rialzarla, trasportarla,
strapparla alla morte! Un colpo di coda, dato lateralmente
dallanimale, lo rovesci a sua volta.
Minha, svenuta, era perduta, e gi la bocca del caimano si apriva
per stritolarla!
Fu allora che Fragoso, piombando sullanimale, gli cacci un
coltello fino in fondo alla gola, a rischio di avere mozzato il braccio
dalle due mascelle, se si fossero chiuse bruscamente.
Fragoso pot ritirare in tempo il braccio; ma non pot evitare
lurto del caimano, e fu trascinato nel fiume, le cui acque si
arrossarono per un ampio tratto.
Fragoso! Fragoso! aveva gridato Lina, che si era
inginocchiata sul bordo della jangada.
Un istante dopo, Fragoso riappariva sano e salvo alla superficie
del Rio delle Amazzoni.
Ma con sprezzo della propria vita egli aveva salvato la giovinetta
che ritornava in s, e poich di tutte quelle mani che gli porgevano
Manoel, Yaquita, Minha, Lina, Fragoso non sapeva quale stringere,
fin con il prendere quella della giovane mulatta.
Pure se Fragoso aveva salvato Minha, era certamente
allintervento di Torres che J oam Garral doveva la salvezza.
Non era dunque la vita del fazendero che voleva
quellavventuriero. Dinanzi a quel fatto evidente bisognava pure
ammetterlo.
Manoel interpell a bassa voce Benito.
vero, rispose Benito imbarazzato hai ragione e in
questo senso un crudele pensiero di meno! Eppure, Manoel, i miei
sospetti perdurano! Si pu essere il peggiore nemico di un uomo,
senza volerne la morte.
Intanto J oam Garral si era avvicinato a Torres.
Grazie, Torres, disse porgendogli la mano. Lavventuriero
indietreggi un poco senza rispondere.
Torres, riprese J oam Garral mi dispiace che giungiate al
termine del vostro viaggio, e che dobbiamo separarci fra pochi
giorni! Io vi devo
J oam Garral, rispose Torres voi non mi dovete nulla! La
vostra vita mi preziosa quantaltra mai! Ma, se lo permettete ho
pensato invece di fermarmi a Manao, scender fino a Blem.
Volete condurmici?
J oam Garral rispose affermativamente.
Udendo questa domanda, Benito con un atto irriflessivo fu sul
punto dintervenire; ma Manoel lo trattenne; il giovanotto non disse
nulla, non senza un grande sforzo.
CAPITOLO XVIII
IL PRANZO ALLARRIVO
IL GIORNO SEGUENTE, dopo una notte che era stata appena
sufficiente a calmare tante emozioni, si lasci quella spiaggia dei
caimani e si ripart. Prima di cinque giorni, se nulla avesse ostacolato
la navigazione, la jangada avrebbe toccato il porto di Manao.
La giovinetta si era completamente rimessa dalla paura; i suoi
occhi e il suo sorriso ringraziavano a un tempo tutti coloro che
avevano rischiato la vita per lei.
Quanto a Lina, sembrava che fosse pi riconoscente verso il
coraggioso Fragoso, come se fosse stata salvata lei stessa.
Vi compenser presto o tardi, signor Fragoso! disse
sorridendogli.
E come, signorina Lina?
Oh! lo sapete bene!
Allora, se lo so, sia presto e non tardi rispose il gentile
giovanotto.
E da quel giorno fu chiaro che la graziosa Lina era la fidanzata di
Fragoso, che il loro matrimonio sarebbe stato celebrato
contemporaneamente a quello di Minha e di Manoel, e che la nuova
coppia sarebbe rimasta a Blem presso i giovani sposi.
Questo ben fatto, ripeteva di continuo Fragoso ma io
non avrei mai creduto che Para fosse cos lontano!
Quanto a Manoel e Benito, avevano avuto una lunga
conversazione a proposito dellaccaduto. Non poteva pi essere il
caso di ottenere da J oam Garral il congedo del suo salvatore.
La vostra vita mi preziosa quantaltra mai, aveva detto Torres.
Quella risposta a un tempo iperbolica ed enigmatica, che era
sfuggita allavventuriero, Benito laveva udita e tenuta a mente.
Intanto i due giovani non potevano far nulla. Pi che mai erano
costretti ad aspettare, ad aspettare non pi quattro o cinque giorni, ma
sette od otto settimane ancora, cio tutto il tempo che sarebbe stato
necessario alla jangada per scendere fino a Blem.
Vi dunque in tutto ci non so quale mistero che non posso
comprendere! disse Benito.
S, ma noi siamo rassicurati sopra un punto rispose Manoel.
ben certo, Benito, che Torres non vuole la vita di tuo padre. E
poi noi veglieremo ancora!
Del resto, sembr che da quel giorno Torres volesse mostrarsi pi
riservato. Egli non cerc minimamente di imporsi alla famiglia e fu
anche meno assiduo con Minha. La situazione dunque si fece meno
tesa, sebbene tutti, tranne forse J oam Garral, ne sentissero la gravit.
La sera di quello stesso giorno si lasci, a destra del fiume, lisola
Baroso, formata dal furo omonimo, e il lago Manaoari, che
alimentato da unintricata serie di piccoli tributari.
La notte pass senza incidenti, ma J oam Garral aveva
raccomandato di vegliare con grande cura.
Lindomani, 20 agosto, il pilota che voleva seguire molto da
vicino la riva destra a causa dei capricciosi gorghi di sinistra, si
cacci fra largine e le isole.
Al di l di quellargine, il territorio era seminato di laghi grandi e
piccini come il Calderon, lHuarandeina, e alcuni altri laghetti dalle
acque scure. Quel sistema idrografico segnava la vicinanza del Rio
Negro, il pi importante di tutti gli affluenti del Rio delle Amazzoni.
In realt era ancora il nome di Solimoes che portava il grande fiume;
ma dopo la foce del Rio Negro, doveva assumere quello che lha reso
celebre fra tutti i corsi dacqua del mondo.
Per tutto quel giorno, la jangada navig in condizioni molto
curiose.
Il braccio, seguito dal pilota fra lisola Calderon e la terra, era
molto stretto, bench sembrasse abbastanza lungo. Ci dipendeva dal
fatto che una grande parte dellisola, poco elevata al di sopra del
livello medio, era ancora ricoperta dalle alte acque della piena.
Da ogni parte si affollavano foreste di alberi giganteschi, le cui
cime si schieravano a cinquanta piedi sopra il suolo e si
raggiungevano da una riva allaltra formando unimmensa volta.
A sinistra, nulla di pi pittoresco di quella foresta inondata, che
sembrava essere stata piantata in mezzo al lago. I fusti degli alberi
uscivano da unacqua tranquilla e pura, nella quale tutto lintreccio
dei loro rami si rifletteva con incomparabile purezza. Avrebbero
potuto essere eretti sopra un immenso specchio, come quegli alberelli
in miniatura di certi centri di tavola, che la loro immagine riflessa
non avrebbe potuto essere pi perfetta. La differenza fra limmagine
e la realt non avrebbe potuto essere stabilita. Doppi di grandezza,
terminati in alto come in basso da un ampio ombrello di verde,
sembravano formare due emisferi, di cui la jangada seguisse uno dei
grandi circoli allinterno.
Era stato necessario, infatti, lasciare che il traino di legna si
avventurasse sotto quegli archi ai cui piedi si rompeva la leggera
corrente del fiume. Impossibile tornare indietro. Di qui la necessit di
manovrare con grande precisione per evitare gli urti a destra e a
sinistra.
In ci si dimostr tutta labilit del pilota Araujo, che fu del resto
perfettamente assecondata dal suo equipaggio. Gli alberi della foresta
forniscono dei solidi punti di appoggio alle lunghe gaffe e la
direzione si pot cos mantenere. Il pi piccolo urto, che avesse fatto
andare la jangada per traverso, avrebbe sconquassato completamente
lenorme ossatura e causato la perdita, se non del personale, almeno
del carico che essa portava.
davvero una cosa bellissima, disse Minha e sarebbe
molto piacevole viaggiare sempre cos, su questacqua tranquilla
sotto i raggi del sole!
Sarebbe a un tempo piacevole e pericoloso, cara Minha,
rispose Manoel. Senza dubbio, in una piroga, non vi sarebbe nulla
da temere navigando cos, ma, sopra un lungo traino di legna, di
gran lunga migliore il corso libero e sgombro di un fiume.
Fra due ore avremo interamente attraversato questa foresta
disse il pilota.
Guardiamo bene allora! esclam Lina. Tutte queste belle
cose passano tanto presto. Ah, cara padrona, vedete quelle frotte di
scimmie che si divertono sugli alti rami degli alberi, e gli uccelli che
si specchiano in questacqua pura!
E i fiori che si aprono alla superficie, rispose Minha e
che la corrente culla come una brezza.
E quelle lunghe liane che sono capricciosamente tese da un
albero allaltro! aggiunse la giovane mulatta.
E che non hanno Fragoso a una estremit! disse il fidanzato
di Lina. Era tuttavia un bel fiore quello che avete colto nella
foresta di Iquitos!
Guardatelo questo fiore unico al mondo! rispose Lina
scherzando. Ah, padrona, guardate quelle magnifiche piante!
E Lina mostrava delle ninfee dalle foglie enormi, i cui fiori
portavano dei bottoni grossi come noci di cocco. Poi vi erano, nel
punto in cui si disegnavano le rive sommerse, dei fasci di quelle rose
mucumus a larghe foglie, i cui steli elastici possono scostarsi per
lasciar passare una piroga e richiudersi dietro di essa. Vi era l tanto
da tentare un cacciatore, poich tutta una folla di uccelli acquatici
svolazzava fra le alte macchie agitate dalla corrente.
Ibis, posati in atteggiamento statuario su qualche vecchio tronco
mezzo rovesciato, aironi grigi, immobili, ritti sopra una gamba, gravi
fenicotteri rosa che da lontano sembravano ombrelli rossi aperti nel
fogliame e molti altri fenicotteri di tutti i colori animavano
quellacquitrino.
Passavano pure a fior dacqua lunghe e rapide bisce, forse alcuni
di quei pericolosi gimnoti, le cui scariche elettriche ripetute
celermente paralizzano luomo o lanimale pi robusto e finiscono
con lucciderlo.
Bisognava guardarsene, e pi ancora, forse, da quei serpenti
sucurijus, che, attaccati allo stipite di qualche albero, si svolgono, si
distendono, afferrano la preda, la stringono nei loro anelli che hanno
tanta forza da schiacciare un bue. Furono incontrati nelle foreste del
Rio delle Amazzoni di questi rettili lunghi da trenta a trentacinque
piedi, e anche, secondo il signor Carrey, ne esistono di quelli la cui
lunghezza raggiunge i quarantasette piedi e che sono grossi come un
barile!
In realt uno di questi sucurijus, salito sulla jangada, sarebbe stato
pericoloso quanto un caimano!
Fortunatamente i passeggeri non dovettero lottare n contro i
gimnoti, n contro i serpenti, e il passaggio attraverso la foresta
inondata, che dur due ore circa, si comp senza incidenti.
Passarono tre giorni. Si era ormai vicini a Manao. Ventiquattro
ore ancora e la jangada sarebbe arrivata alla foce del Rio Negro,
davanti alla capitale della provincia del Rio delle Amazzoni.
Infatti il 23 agosto, alle cinque di sera, essa si arrestava in
prossimit della punta settentrionale dellisola Muras, sulla riva
destra del fiume. Non vi era pi che da attraversarlo obliquamente
per una distanza di alcune miglia per entrare nel porto.
Ma il pilota Araujo non volle arrischiarsi quel giorno, perch si
avvicinava la notte. Le tre miglia che restavano da percorrere
richiedevano tre ore di navigazione, e per tagliare il corso del fiume
era necessario anzitutto vederci bene.
Quella sera il pranzo, che doveva essere lultimo della prima parte
del viaggio, non fu servito senza qualche cerimonia. Portato a
termine met del percorso del Rio delle Amazzoni in quelle
condizioni, valeva bene la pena che si consumasse un allegro pasto.
Fu stabilito di bere, alla salute del Rio delle Amazzoni, alcuni
bicchieri di quel generoso liquore che viene distillato sui colli di
Porto o di Setubal.
Inoltre, sarebbe stato come il pranzo di fidanzamento di Fragoso e
della graziosa Lina. Quello di Manoel e di Minha era stato fatto alla
fazenda di Iquitos poche settimane prima. Dopo il giovane padrone e
la giovane padrona, era la volta di quella fedele coppia cui erano
stretti da tanti legami di riconoscenza.
Cos, in mezzo a quellonesta famiglia, Lina che doveva restare al
servizio della sua padrona, Fragoso, che sarebbe entrato al servizio di
Manoel Valdez, si sedettero alla mensa comune, anzi al posto
donore che fu loro riservato.
Torres assisteva naturalmente a questo pranzo degno della
dispensa e della cucina della jangada.
Lavventuriero, seduto di fronte a J oam Garral, sempre taciturno,
ascolt quanto si diceva, senza prendere eccessivamente parte alla
conversazione. Benito, senza averne laria, losservava attentamente.
Lo sguardo di Torres, sempre fisso su suo padre, aveva una luce
singolare. Lo avreste detto quello di una belva che cercasse di
affascinare la preda, prima di assalirla.
Manoel chiacchierava il pi delle volte con la giovinetta. Di tanto
in tanto i suoi occhi si posavano anche su Torres; ma in sostanza,
meglio di Benito, aveva preso la sua decisione in una situazione che
se non avesse giovato a Manao avrebbe giovato a Blem.
Il pranzo fu abbastanza allegro. Lina anim con il suo buon
umore, Fragoso con i suoi allegri ritornelli. Padre Passanha guardava
allegramente tutta quella gente che gli era cara e quelle due giovani
coppie che la sua mano doveva presto benedire sulle acque del Para.
Buon appetito, padre, disse Benito che fin per partecipare
alla conversazione generale fate onore a questo pranzo di
fidanzamento! Avete bisogno di forza per celebrare tanti matrimoni
in una volta sola!
Eh! mio caro ragazzo, rispose padre Passanha trovati una
bella e buona ragazza che ti voglia, e vedrai se non sapr sposare
anche voi altri due.
Ben detto, padre! esclam Manoel. Beviamo al prossimo
matrimonio di Benito!
Gliela cercheremo a Blem una giovane e bella sposa, disse
Minha bisogner pure che faccia come tutti gli altri!
Al matrimonio del signor Benito! disse Fragoso, che
avrebbe voluto che tutti pigliassero moglie con lui.
Hanno ragione, figlio mio, disse Yaquita. Io pure bevo al
tuo matrimonio, e possa tu essere felice come saranno Minha e
Manoel, come sono stata io con tuo padre.
Come lo sarete sempre, bisogna sperarlo disse allora Torres
bevendo un bicchiere di Porto. Ognuno qui ha la sua felicit nelle
proprie mani!
Non si saprebbe dire perch, ma questo augurio pronunciato
dallavventuriero fece unimpressione disgustosa.
Manoel lo sent, e volendo reagire contro tale sentimento:
Vediamo, padre, fra quanti siamo non vi sarebbe qualche altra
coppia da fidanzare sulla jangada?
Non credo rispose padre Passanha salvo che Torres
Non siete ammogliato, vero?
No, sono e sono sempre stato scapolo!
Benito e Manoel credettero di scorgere che mentre pronunciava
quelle parole Torres con lo sguardo cercasse quello della giovinetta.
E chi vi impedirebbe di ammogliarvi? riprese padre
Passanha. A Blem, potreste trovare una donna, la cui et fosse
adeguata alla vostra, e vi sarebbe forse possibile vivere in quella
citt. Ci varrebbe meglio della vita errabonda da cui non avete tratto
finora grande vantaggio!
Avete ragione, padre, rispose Torres non dico di no! Del
resto lesempio contagioso. Vedendo tutti questi giovani sposi, vien
voglia di sposarsi. Ma io non conosco affatto la citt di Blem e,
eccetto qualche circostanza singolare, ci pu rendere pi difficili le
mie nozze.
Di dove siete, dunque? domand Fragoso che era sempre
convinto di aver gi incontrato Torres in qualche posto.
Della provincia di Minas Geraes.
E dove siete nato?
Nella capitale stessa del distretto dei diamanti, a Tijuco.
Chi avesse guardato J oam Garral in quel momento, sarebbe stato
spaventato dalla fissit del suo sguardo, mentre incrociava quello di
Torres.
CAPITOLO XIX
VECCHIA STORIA
MA LA conversazione doveva proseguire con Fragoso, che riprese
quasi subito a dire:
Come! voi siete di Tijuco, la capitale del distretto dei
diamanti?
S disse Torres. Forse che anche voi siete originario di
quella provincia?
No, io sono delle province del litorale dellAtlantico, nel nord
del Brasile rispose Fragoso.
Non conoscete questo paese dei diamanti, signor Manoel?
domand Torres.
Un cenno negativo del giovanotto fu lunica sua risposta.
E voi, signor Benito, riprese Torres rivolgendosi al giovane
Garral che voleva evidentemente attirare nella conversazione non
avete mai avuto la curiosit di andare a visitare il distretto dei
diamanti?
Mai rispose in tono asciutto Benito.
Ah, mi sarebbe piaciuto vedere quel paese esclam Fragoso,
che senza saperlo faceva il gioco di Torres. Sono convinto che
finirei con il trovarvi qualche diamante di grande valore!
E che cosa ne avreste fatto di questo diamante di grande valore,
Fragoso? domand Lina.
Lavrei venduto!
Perci sareste ricco ora.
Molto ricco!
Ebbene, se foste stato ricco, soltanto tre mesi fa, non avreste
mai avuto lidea di quella liana
E se non lavessi avuta esclam Fragoso non sarebbe
venuta una bella ragazza che Andiamo, Dio solo fa bene quello
che fa.
Voi lo vedete, Fragoso, rispose Minha poich egli vi fa
ammogliare con la mia Lina. Diamante per diamante, non avete
perduto nel cambio!
Che ne dite, signorina Minha, esclam galantemente
Fragoso ma io ci guadagno!
Torres senza dubbio non voleva lasciar cadere quellargomento di
conversazione, poich riprese la parola:
Davvero, disse vi sono state a Tijuco delle fortune
improvvise, che hanno fatto girare molte teste! Non avete mai sentito
parlare di quel famoso diamante di Abaete, che stato valutato pi di
due milioni di contos di reis?
13
Ebbene sono le miniere del Brasile
che hanno prodotto quel ciottolo che pesava unoncia! E furono tre
condannati - s tre condannati allesilio perpetuo - che lo trovarono
per caso nella miniera di Abaete, a novanta leghe dal Serro do Frio.
Di colpo fece la loro fortuna? domand Fragoso.
Eh, no! rispose Torres. Il diamante fu consegnato al
governatore generale delle miniere. Essendo stato riconosciuto il
valore della pietra, re Giovanni VI del Portogallo lo fece bucare e lo
portava al collo nelle grandi cerimonie. Quanto ai condannati, essi
ottennero la grazia; ma questo fu tutto; gente pi abile avrebbe
saputo ricavarne di meglio.
Voi certamente? disse assai seccamente Benito.
S io! Perch no? rispose Torres. Forse che non
avete mai visitato il distretto dei diamanti? soggiunse rivolgendosi
questa volta a J oam Garral.
Mai rispose J oam, guardando Torres.
Mi spiace riprese e dovreste fare un giorno questo
viaggio. molto curioso, ve lo assicuro! Il distretto dei diamanti
unisola nellampio impero del Brasile, qualcosa come un parco di
dodici leghe di circonferenza, e che, per la natura del suolo, la
vegetazione, i terreni sabbiosi chiusi in un cerchio di alte montagne,
assai differente dalla provincia che lo circonda. Ma, come vi ho
detto, il posto pi ricco del mondo, poich, dal 1807 al 1817, la

13
Sette miliardi e cinquecento milioni di franchi, secondo il calcolo, senza dubbio
assai esagerato, di Rome de l'Isle. (N.d.A.)
produzione annua stata di diciottomila carati circa.
14
Ah! vi erano
dei bei colpi da fare, non solo per coloro che cercavano la pietra
preziosa fino sulla cima delle montagne, ma anche per i
contrabbandieri che fraudolentemente la passavano. Ora la cosa
meno facile, e i duemila negri impiegati nel lavoro delle miniere dal
Governo, sono costretti a sviare i corsi dacqua per estrarre la sabbia
diamantina. Un tempo era pi comodo!
Infatti rispose Fragoso i bei tempi sono passati!
Ma ci che rimasto facile il procurarsi il diamante alla
maniera dei malfattori, cio con il furto. Per esempio, verso il 1826 -
avevo otto anni allora - accadde nella stessa Tijuco un dramma
terribile, che mostra che i colpevoli non indietreggiano di fronte a
nulla quando vogliono guadagnare un patrimonio con un colpo
audace! Ma ci non vi interessa certamente
Al contrario, Torres, continuate rispose J oam Garral con
voce singolarmente pacata.
Sia riprese Torres. Si trattava quella volta di rubare dei
diamanti, e una manciata di quei bei gioielli vuol dire un milione,
talvolta due!
E Torres, la cui faccia esprimeva i pi bassi sentimenti di
cupidigia, fece quasi inconsciamente il gesto di aprire e chiudere la
mano.
Ecco come and la cosa, prosegu. A Tijuco c luso di
spedire in una sola volta i diamanti raccolti nellanno. Vengono
divisi in due gruppi, secondo la loro grossezza, dopo averli separati
per mezzo di dodici stacci forati con fori di differente larghezza.
Quei gruppi sono chiusi in sacchi e mandati a Rio de J aneiro. Ma,
poich hanno un valore di molti milioni, potete ben immaginare che
essi sono accompagnati da una scorta. Un impiegato scelto
dallintendente, quattro soldati a cavallo del reggimento della
provincia e dieci uomini a piedi formano il convoglio. Essi si recano
prima a Villa-Rica, dove il generale comandante pone il suo sigillo
sui sacchi, e il convoglio riprende la strada verso Rio de J aneiro.
Bisogna aggiungere che per maggior precauzione la partenza
sempre tenuta segreta. Ora, nel 1826, un giovane impiegato di nome

14
Il carato equivale a quattro grani o duecentododici milligrammi. (N.d.A.)
Dacosta, dellet di ventidue o ventitr anni circa, che da alcuni anni
lavorava a Tijuco negli uffici del governatore generale, ide il colpo.
Si mise daccordo con un gruppo di contrabbandieri e comunic loro
il giorno della partenza del convoglio. Furono prese delle precauzioni
da quei malfattori che erano numerosi e ben armati. Al di l di Villa-
Rica, la notte del 22 gennaio, il gruppo piomb allimprovviso sui
soldati che scortavano i diamanti. Questi si difesero
coraggiosamente, ma furono trucidati, salvo uno solo, che,
gravemente ferito, pot sfuggire e portare la notizia dellorribile
attentato. Limpiegato che li accompagnava non era stato risparmiato
come i soldati della scorta. Caduto sotto i colpi dei malfattori, era
stato trascinato e gettato in qualche precipizio, poich il suo corpo
non fu mai ritrovato.
E quel Dacosta? domand J oam Garral.
Ah! il suo delitto non gli arrec alcun vantaggio. Per diverse
circostanze i sospetti caddero presto su di lui. Fu accusato di aver
preparato da solo il colpo. Invano dichiar di essere innocente. Per la
sua posizione egli era in grado di conoscere il giorno in cui doveva
avvenire la partenza del convoglio. Lui solo aveva potuto avvertire i
malfattori. Egli fu accusato, arrestato, giudicato, condannato a morte.
Ora una simile condanna portava per conseguenza lesecuzione nel
giro di ventiquattro ore.
Quel disgraziato fu dunque giustiziato? domand Fragoso.
No rispose Torres. Lavevano chiuso nel carcere di
Villa-Rica, e nella notte, alcune ore prima del supplizio, sia che abbia
agito solo, o che sia stato aiutato dai suoi complici, riusc a fuggire.
Dallora in poi non si mai sentito parlare di quelluomo?
domand J oam Garral.
Mai! rispose Torres. Avr lasciato il Brasile, e ora, senza
dubbio, conduce una vita allegra in un paese lontano con il frutto del
furto.
Possa egli aver vissuto miseramente, invece! rispose J oam
Garral.
E possa Dio avergli dato il rimorso del suo delitto!
soggiunse padre Passanha.
In quel momento i commensali si erano alzati da tavola, e,
terminato il pranzo, uscirono tutti per andare a respirare laria della
sera. Il sole scendeva sullorizzonte, ma doveva passare ancora
unora prima che fosse notte.
Queste storie non sono allegre disse Fragoso e il nostro
pranzo di fidanzamento era cominciato cos bene!
Ma colpa vostra, signor Fragoso rispose Lina.
Come, colpa mia?
S, siete voi che avete continuato a parlare di quel distretto e di
quei diamanti, con cui non abbiamo nulla a che fare.
vero! rispose Fragoso. Ma io non pensavo che dovesse
finire in quel modo!
Siete dunque voi il primo colpevole!
E il primo punito, signorina, poich non vi ho udito ridere alla
frutta! Tutta la famiglia stava dirigendosi verso la prora della
jangada. Manoel Benito camminavano luno vicino allaltro senza
parlare. Yaquita e sua figlia li seguivano, in silenzio, e tutti sentivano
uninspiegabile tristezza, come se prevedessero qualche grave
evento.
Torres stava vicino a J oam Garral, che a capo basso sembrava
profondamente immerso nelle sue riflessioni. E in quel momento,
mettendogli la mano sulla spalla, gli disse:
J oam Garral, potrei avere con voi un quarto dora di colloquio?
J oam Garral guard Torres.
Qui? rispose.
No, a quattrocchi.
Venite.
Tutti e due tornarono verso la casa, rientrarono e la porta si
richiuse dietro di loro.
Sarebbe difficile descrivere ci che ognuno prov quando J oam
Garral e Torres si ritirarono. Che vi poteva essere di comune fra
quellavventuriero e lonesto fazendero di Iquitos? Aleggiava come
la minaccia di una spaventosa disgrazia sospesa su tutta la famiglia, e
nessuno osava fare domande.
Manoel, disse Benito, prendendo per il braccio lamico e
trascinandolo via qualsiasi cosa accada, quelluomo sbarcher
domani a Manao!
S! necessario! rispose Manoel.
E se per opera sua si! per opera sua, accadr qualche
disgrazia a mio padre lo uccider!



CAPITOLO XX
A QUATTROCCHI
DOPO UN ISTANTE, soli in quella camera in cui nessuno poteva n
udirli n vederli, J oam Garral e Torres si guardavano senza proferire
parola.
Lavventuriero esitava forse a parlare? Comprendeva forse che
J oam Garral non avrebbe risposto se non con il silenzio sdegnoso alle
domande che gli sarebbero state rivolte?
S, senza dubbio! Per Torres non fece domande. Al principio di
quella conversazione, egli fu affermativo, fece la parte
dellaccusatore.
J oam disse voi non vi chiamate Garral, vi chiamate
Dacosta.
A quel nome delittuoso che gli dava Torres, J oam Garral non pot
trattenere un leggero fremito, ma non rispose nulla.
Voi siete J oam Dacosta, soggiunse Torres impiegato
ventitr anni
15
or sono negli uffici del governatore generale di
Tijuco, e siete voi il condannato per furto e per assassinio.
Nessuna risposta da parte di J oam Garral, la cui strana calma
aveva sorpreso lavventuriero. Si ingannava dunque accusando il suo
ospite? No! poich J oam Garral non fece un balzo dinanzi a quelle
terribili accuse. Senza dubbio, si domandava dove volesse giungere
Torres.

15
Lapsus dell'Autore: in effetti gli anni sono ventisei. (N.d.T.)
J oam Dacosta riprese a dire questi lo ripeto, siete voi che
foste arrestato per il furto dei diamanti, accusato di assassinio,
condannato a morte, e siete voi che fuggiste dalle prigioni di Villa-
Rica alcune ore prima dellesecuzione! Risponderete ora?
Un lungo silenzio segu a quella domanda diretta. J oam Garral,
sempre calmo, era andato a sedersi. Il suo gomito era appoggiato a
una piccola tavola, ed egli guardava fissamente laccusatore senza
abbassare il capo.
Risponderete ora? ripete Torres.
Quale risposta vi aspettate da me? disse semplicemente
J oam Garral.
Una risposta soggiunse lentamente Torres che mi
impedisca di andare dal capo della polizia di Manao e di dirgli: C
l un uomo, la cui identit sar facile accertare, che sar riconosciuto,
anche dopo ventitr anni di assenza, e quelluomo lideatore del
furto dei diamanti di Tijuco, il complice degli assassini dei soldati
della scorta, il condannato che si sottrasse allesecuzione, J oam
Garral, il cui vero nome J oam Dacosta.
Dunque disse J oam Garral io non avrei nulla da temere
da voi, Torres, se vi dessi la risposta che vi aspettate?
Nulla, poich allora, n voi, n io avremmo interesse a parlare
di questo affare.
N voi, n io? rispose J oam Garral. Non dunque con il
denaro che io devo comperare il vostro silenzio?
- No, qualunque sia la somma che mi offriate.
Che cosa volete allora?
J oam Garral rispose Torres ecco la mia proposta. Non vi
affrettate a rispondere con un rifiuto formale, e ricordatevi che siete
in mio potere.
Qual questa proposta? domand J oam Garral.
Torres si raccolse un istante. Latteggiamento di quel colpevole, di
cui teneva in pugno la vita, era tale da sorprenderlo. Si aspettava
qualche violento contrasto, delle preghiere, delle lacrime Aveva
dinanzi a s un uomo colpevole dei pi efferati delitti, e quelluomo
non tremava. Infine incrociando le braccia:
Voi avete una figliola, disse. Quella ragazza mi piace e
voglio sposarla.
Senza dubbio, J oam Garral si aspettava tutto da un simile
individuo, e quella domanda non gli fece perdere minimamente la
calma.
Dunque disse lonorato Torres vuole entrare nella
famiglia dun assassino e dun ladro?
Io sono il solo giudice di quanto mi convenga fare rispose
Torres. Voglio essere il genero di J oam Garral, e lo sar.
Voi non ignorate, Torres, che mia figlia deve sposare Manoel
Valdez.
Vi scioglierete dalla parola data a Manoel Valdez.
E se mia figlia rifiutasse?
Le direte tutto e, io la conosco, acconsentir, rispose
sfacciatamente Torres.
Tutto?
Tutto, se necessario. Fra i propri sentimenti e lonore della
sua famiglia, la vita di suo padre, ella non esiter.
Voi siete un grande miserabile, Torres! disse
tranquillamente J oam Garral, il cui sangue freddo non
labbandonava.
Un miserabile e un assassino sono fatti per intendersi.
A quelle parole, J oam Garral si alz e and incontro
allavventuriero guardandolo bene in faccia.
Torres disse se voi chiedete di entrare nella famiglia di
J oam Dacosta, significa che sapete che J oam Dacosta innocente del
delitto per il quale stato condannato.
Davvero?
E aggiungo continu J oam Garral che voi avete la prova
della sua innocenza e che questa innocenza vi riservate di
proclamarla il giorno in cui avrete sposato sua figlia!
Giochiamo a carte scoperte, J oam Garral rispose Torres,
abbassando la voce e quando mi avrete capito, vedremo se oserete
rifiutarmi la mano di vostra figlia!
Vi ascolto, Torres.
Ebbene, s, disse lavventuriero trattenendo a met le parole
come se gli dolesse lasciarle sfuggire dalle labbra s, voi siete
innocente! Lo so, perch io conosco il vero colpevole e sono in grado
di provare la vostra innocenza!
E il miserabile che ha commesso il delitto?
morto.
Morto?
Morto, rispose Torres ma quelluomo che io ho
conosciuto molto a fondo dopo il delitto, e senza sapere che egli
fosse il colpevole, aveva scritto di sua mano il racconto di quella
faccenda dei diamanti, per conservarne anche i minimi particolari.
Sentendo prossima la morte, fu preso dai rimorsi. Sapeva dove si era
rifugiato J oam Dacosta, sotto quale nome linnocente si era rifatto
una nuova vita. Sapeva che era ricco, in mezzo a una famiglia felice,
ma sapeva pure che doveva mancargli la serenit! Ebbene, egli volle
rendergli quella felicit con la riabilitazione alla quale aveva
diritto Ma veniva la morte, ed egli incaric me, suo compagno, di
fare quanto non avrebbe potuto pi fare. Mi consegn le prove
dellinnocenza di J oam Dacosta per fargliele pervenire, e mor.
Il nome di quelluomo? esclam J oam Garral con un
accento che non pot trattenere.
Lo saprete quando io apparterr alla vostra famiglia!
E lo scritto?
J oam Garral fu per avventarsi su Torres e frugargli in tasca, per
strappargli la prova della sua innocenza.
Lo scritto in luogo sicuro, rispose Torres e voi non
lavrete se non quando vostra figlia sar diventata mia moglie. Ora
me la rifiutate, amico?
S rispose J oam Garral. Ma in cambio di quello scritto vi
dono met del mio patrimonio.
Met del vostro patrimonio! esclam Torres. Io laccetto
a patto che Minha me lo porti in dote.
Ed cos che rispettate la volont di un morente, di un
colpevole toccato dal rimorso, e che vi ha incaricato di rimediare, per
quanto era in lui, al male fatto!
cos.
Torres esclam J oam Garral voi siete il pi miserabile
degli uomini!
Va bene.
E poich non sono un colpevole, io, noi non siamo fatti per
intenderci!
Dunque rifiutate?
Rifiuto.
la vostra rovina, allora, J oam Garral. Tutto vi accusa
nellistruttoria gi fatta! Voi siete stato condannato a morte, e, lo
sapete, nelle condanne per questi delitti, il governo si perfino tolto
il diritto di commutare la pena. Denunciato, voi sarete catturato:
catturato, sarete giustiziato, e sar io a denunciarvi.
Per quanto fosse padrone di se stesso, J oam Garral non poteva pi
trattenersi; stava per lanciarsi su Torres.
Un gesto di quel miserabile fece cadere la sua collera.
Badate bene disse Torres. Vostra moglie non sa dessere
la moglie di J oam Dacosta, i vostri figli non sanno dessere i figli di
J oam Dacosta e voi state per farglielo sapere.
J oam Garral si arrest, riprese tutta la padronanza di se stesso e i
suoi lineamenti ricuperarono la loro calma consueta.
Questa discussione durata troppo disse camminando verso
la porta e io so quanto mi rimane da fare!
Badate bene, J oam Garral! disse unultima volta Torres, il
quale non sapeva capacitarsi che il suo ignobile tentativo fosse
fallito.
J oam Garral non gli rispose. Egli respinse la porta che si apriva
sotto la veranda, accenn a Torres di seguirlo ed entrambi
avanzarono verso il centro della jangada, in cui la famiglia era
riunita.
Benito, Manoel, tutti sotto limpressione di unansiet profonda, si
erano alzati. Essi potevano vedere che latteggiamento di Torres era
ancora minaccioso e che la collera brillava nei suoi occhi.
Per uno strano contrasto J oam Garral era padrone di s, quasi
sorridente.
Entrambi si arrestarono dinanzi a Yaquita e ai suoi. Nessuno
osava rivolgere loro la parola.
Fu Torres che con voce sorda e con la sua impudenza consueta
ruppe quel penoso silenzio.
Per lultima volta, J oam Garral, disse vi chiedo
unultima risposta.
La mia risposta, eccola. E volgendosi a sua moglie:
Yaquita disse circostanze particolari mi obbligano a
mutare ci che noi avevamo deciso per il matrimonio di Minha e di
Manoel.
Finalmente! esclam Torres.
J oam Garral, senza rispondergli, lasci cadere sullavventuriero
unocchiata carica del pi profondo disprezzo.
Ma a quelle parole Manoel aveva sentito il cuore battere forte. La
giovinetta si era alzata in piedi, pallida, come se avesse cercato un
appoggio dalla parte di sua madre. Yaquita le apr le braccia per
proteggerla e per difenderla.
Padre mio! esclam Benito che era andato a mettersi fra
J oam Garral e Torres. Che cosa volete dire?
Voglio dire rispose J oam Garral alzando la voce che
aspettare il nostro arrivo a Para per sposare Minha e Manoel,
aspettare troppo. Il matrimonio si far qui domani stesso, sulla
jangada, per opera di padre Passanha, se dopo una conversazione che
avr con Manoel, converr a lui come conviene a me di non differire
pi oltre!
Ah! padre mio, padre mio! esclam il giovanotto.
Aspetta ancora per chiamarmi cos, Manoel, rispose J oam
Garral con accento di indicibile dolore.
In quel momento, Torres, che aveva incrociato le braccia, girava
su tutta la famiglia uno sguardo carico di insolenza.
Dunque, la vostra ultima parola? disse stendendo la mano
verso J oam Garral.
No, non la mia ultima parola.
Qual dunque?
Eccola, Torres. Io sono il padrone qui! Voi lascerete allistante
la jangada per amore o per forza!
S, allistante, esclam Benito altrimenti vi getto
nellacqua. Torres si strinse nelle spalle.
Non minacciate, inutile! disse. A me pure conviene
sbarcare e senza ritardo. Ma vi ricorderete di me, J oam Garral. Non
staremo un pezzo senza vederci.
Se non dipende che da me rispose J oam Garral ci
rivedremo e forse pi presto di quanto vorreste. Io andr domani dal
giudice Ribeiro, il primo magistrato della provincia, che ho avvertito
del mio arrivo a Manao. Se osate, venite a trovarmi l.
Dal giudice Ribeiro! rispose Torres evidentemente
sconcertato.
Dal giudice Ribeiro, rispose J oam Garral.
Mostrando allora la piroga a Torres con un gesto di profondo
disprezzo, J oam Garral incaric quattro dei suoi uomini di sbarcarlo
subito sul punto pi vicino dellisola.
Il miserabile finalmente scomparve.
La famiglia, ancora fremente, rispettava il silenzio del suo capo.
Ma Fragoso, non rendendosi completamente conto della gravit della
situazione e trasportato dal suo brio abituale, si era avvicinato a J oam
Garral.
Se il matrimonio della signorina Minha e del signor Manoel si
far domani sulla jangada
Il vostro si far contemporaneamente, amico, rispose con
dolcezza J oam Garral.
E, facendo un cenno a Manoel, si ritir nella propria camera con
lui.
Il colloquio di J oam Garral e di Manoel durava da una mezzora,
che era sembrata un secolo alla famiglia, quando la porta
dellabitazione si apr finalmente.
Manoel ne usc solo.
I suoi occhi brillavano di una generosa decisione.
Andando da Yaquita, le disse: Madre mia! a Minha disse:
Moglie mia! a Benito disse: Fratello mio! e rivolgendosi
a Lina e Fragoso disse a tutti: A domani!
Egli sapeva quanto era avvenuto fra J oam Garral e Torres. Sapeva
che, facendo assegnamento sullappoggio del giudice Ribeiro grazie
a una corrispondenza che aveva avuto con lui da un anno, senza
parlarne ai suoi, J oam Garral era finalmente riuscito a illuminarlo e a
convincerlo della propria innocenza. Sapeva che J oam Garral aveva
risolutamente intrapreso quel viaggio con il solo scopo di far riaprire
lodioso processo di cui era stato vittima e di non lasciare pesare sul
genero e sulla figlia lonta della terribile situazione che egli aveva
potuto e dovuto accettare troppo a lungo per se stesso.
Si, Manoel sapeva tutto ci, ma egli sapeva pure che J oam Garral,
o meglio J oam Dacosta, era innocente, che la sua stessa disgrazia
glielo aveva reso pi caro e pi sacro.
Ci che non sapeva era che la prova materiale dellinnocenza del
fazendero esisteva e che questa prova era nelle mani di Torres. J oam
Garral aveva voluto riservare per il giudice luso di quella prova che
doveva dichiararlo innocente se lavventuriero aveva detto la verit.
Manoel si limit dunque ad annunciare che andava da padre
Passanha a pregarlo di preparare tutto per i due matrimoni.
Lindomani, 24 agosto, unora appena prima di quella in cui
doveva compiersi la cerimonia, una grande piroga, che si era staccata
dalla riva sinistra del fiume, si accostava alla jangada.
Una dozzina di rematori lavevano rapidamente condotta da
Manao e con alcuni agenti essa portava il capo della polizia, che si
fece riconoscere e sal a bordo.
In quel momento, J oam Garral e i suoi, gi vestiti per la festa,
uscivano dallabitazione.
J oam Garral chiam il capo della polizia.
Eccomi rispose J oam Garral.
J oam Garral rispose il capo della polizia voi siete stato
anche J oam Dacosta! Questi due nomi furono portati da uno stesso
uomo. Siete in arresto.
A quelle parole Yaquita e Minha, colpite da stupore, si erano
fermate senza poter fare un movimento.
Mio padre un assassino! esclam Benito, che stava per
lanciarsi verso J oam Garral.
Con un gesto, suo padre gli impose silenzio.
Io non mi permetter che una sola domanda disse J oam
Garral con voce ferma, rivolgendosi al capo della polizia. Il
mandato in virt del quale voi mi arrestate stato emesso contro di
me dal giudice di Manao, cio dal giudice Ribeiro?
No rispose il capo della polizia esso mi stato dato con
lordine di eseguirlo subito dal suo sostituto. Il giudice Ribeiro,
colpito dapoplessia ieri sera, morto questa notte stessa senza aver
ripreso i sensi.
Morto! esclam J oam Garral, un istante atterrito da questa
notizia. Morto! morto!
Ma subito rialzando la testa si rivolse a sua moglie e ai suoi figli:
Solo il giudice Ribeiro disse sapeva che io sono
innocente, miei cari. La morte di questo giudice pu essermi fatale,
ma non una ragione per disperare!
E rivolgendosi a Manoel:
Sia fatta la volont di Dio, gli disse. Ora si tratta di
vedere se la verit pu ridiscendere dal cielo sulla terra.
Il capo della polizia aveva fatto cenno agli agenti che si
avanzavano per impadronirsi di J oam Garral.
Ma parlate dunque, padre mio, esclam Benito pazzo di
disperazione. Dite una parola e noi avremo ragione, fosse anche
con la forza, dellorribile errore di cui siete vittima!
Qui non vi errore, figlio mio, rispose J oam Garral.
J oam Dacosta e J oam Garral sono la stessa persona. Io sono infatti
J oam Dacosta. Io sono lonesto uomo che un errore giudiziario ha
condannato ingiustamente a morte, ventitr anni or sono, invece del
vero colpevole. Della mia piena innocenza, figli miei, una volta per
tutte, giuro innanzi a Dio, sul vostro capo e su quello di vostra
madre!
Ogni comunicazione con i vostri vi vietata, disse allora il
capo della polizia. Voi siete mio prigioniero, J oam Garral, ed
eseguir il mio mandato in tutto il suo rigore.
J oam Garral, trattenendo con il gesto i suoi figli e i suoi servi
costernati:
Lasciate fare la giustizia degli uomini, disse aspettando
la giustizia di Dio!
E a testa alta, si imbarc nella piroga.
Sembrava davvero che, di tutti i presenti, J oam Garral fosse il solo
che la spaventosa folgore caduta inopinatamente sul suo capo non
avesse schiacciato!

PARTE SECONDA
CAPITOLO I
MANAO
LA CITT di Manao situata a 3 8 4" di latitudine australe e 67
27 di longitudine ovest dal meridiano di Parigi. Quattrocentoventi
leghe chilometriche la separano da Blem, a dieci chilometri soltanto
dalla foce del Rio Negro.
Manao non costruita sulla sponda del Rio delle Amazzoni. Sulla
riva sinistra del Rio Negro, il pi importante, il pi considerevole dei
tributari della grande arteria brasiliana, sorge la capitale della
provincia, dominando la campagna circostante con il pittoresco
insieme delle sue case e dei suoi edifici pubblici.
Il Rio Negro, scoperto nel 1645 dallo spagnolo Favella, ha la sua
sorgente sul versante delle montagne situate a nord-ovest, fra il
Brasile e la Nuova Granata, proprio nel cuore della provincia di
Popayan, ed messo in comunicazione con lOrinoco, cio con le
Guyane, da due dei suoi affluenti, il Pimichim e il Cassiquaire.
Dopo un magnifico corso di millesettecento chilometri il Rio
Negro viene, attraverso una foce di millecento tese, a gettare le sue
acque nere nel Rio delle Amazzoni, ma senza che queste si
confondano per uno spazio di molte miglia, tanto potente il loro
impeto. In quel luogo le punte delle sue due rive si aprono e formano
un ampio seno profondo quindici leghe, che si estende fino alle isole
Anavilhanas.
in una di quelle strette indentazioni che si apre il porto di
Manao. Vi si incontrano numerose imbarcazioni, le une lambite dalla
corrente del fiume in attesa del vento favorevole, le altre in
riparazione nei numerosi iguaraps o canali, che solcano
capricciosamente la citt e le conferiscono un aspetto quasi olandese.
Con lo scalo dei battelli a vapore che non tarder a installarsi
vicino al punto di confluenza dei due fiumi, il commercio di Manao
si svilupper sensibilmente. Infatti legni da costruzione e di
ebanisteria, cacao, caucci, caff, salsapariglia, canna da zucchero,
indaco, noce moscata, pesce salato, burro di tartaruga, questi diversi
prodotti trovano l numerosi corsi dacqua per trasportarli in ogni
direzione: il Rio Negro a nord e a ovest, la Madeira a sud e a ovest, il
Rio delle Amazzoni finalmente che si svolge verso est fino al litorale
dellAtlantico. La posizione di quella citt dunque la pi fortunata e
contribuisce grandemente alla sua prosperit.
Manao, o Manaos, si chiamava un tempo Moura, poi si chiam
Barra di Rio-Negro. Dal 1757 al 1804 essa fece solo parte della
capitaneria che portava il nome del grande affluente di cui occupa la
foce. Ma dal 1826, diventata capitale dellampia provincia del Rio
delle Amazzoni, ha preso il suo nuovo nome da una trib di quegli
indiani che abitavano gi i territori dellAmerica Centrale.
Molte volte alcuni viaggiatori male informati hanno confuso
questa citt con la famosa Manoa, specie di citt fantastica, eretta, si
dice, presso il lago leggendario di Parima, che sembra non essere che
il Branco Superiore, cio un semplice affluente del Rio Negro. L era
quellimpero dellEl Dorado, dove ogni mattina, se si deve credere
alle leggende locali, il sovrano si faceva coprire di polvere doro,
tanto questo prezioso metallo, che si raccoglieva con la pala,
abbondava su quei terreni privilegiati. Ma, accertata la cosa, si
dovette ridurre tutta questa pretesa ricchezza aurifera alla presenza di
numerosi micacei senza valore, che avevano ingannato gli avidi
sguardi dei cercatori doro.
Insomma, Manao non ha nulla degli splendori favolosi della
mitologica capitale dellEl Dorado. Non che una citt di cinquemila
abitanti circa, fra i quali si contano almeno tremila impiegati. Di qui
un certo numero di palazzi pubblici a uso di quei funzionari: camera
legislativa, palazzo della presidenza, tesoreria generale, ufficio
postale, dogana, senza contare un collegio che fu fondato nel 1848 e
un ospedale eretto nel 1851. Vi si aggiunga un cimitero, che occupa
il versante orientale della collina dove fu eretta, nel 1669, contro i
pirati del Rio delle Amazzoni, una fortezza ora distrutta, e ci si
render conto dellimportanza degli edifici pubblici della citt.
Quanto agli edifici religiosi, sarebbe difficile nominarne pi di
due, la piccola chiesa della Conception e la cappella di Notre-Dame-
des-Remdes, costruita quasi in aperta campagna sopra una collina
che domina Manao.
poca cosa per una citt di origine spagnola. A quei due
monumenti conviene aggiungere ancora un convento di Carmelitani,
incendiato nel 1850, e di cui non restano che le rovine.
La popolazione di Manao non supera la cifra di cui si detto pi
sopra; e, oltre ai funzionari, agli impiegati e ai soldati, formata in
modo particolare da negozianti portoghesi e da indiani che
appartengono alle diverse trib del Rio Negro.
Tre vie principali, abbastanza irregolari, servono la citt: esse
portano dei nomi significativi nel paese e che sono caratteristici:
sono la via Dio Padre, la via Dio Figlio e la via Dio Spirito Santo.
Inoltre verso ovest si allunga un magnifico viale di aranci secolari,
che furono rispettati religiosamente dagli architetti quando sullantica
citt venne eretta la nuova.
Attorno a queste vie principali si incrocia una rete di viuzze non
lastricate, tagliate successivamente da quattro canali muniti di
ponticelli di legno. In certi posti, questi canali fanno scorrere le loro
acque scure in mezzo a numerosi terreni incolti ricoperti di
graminacee e di fiori dai colori splendidi: sono altrettanti giardinetti
naturali, ombreggiati da alberi magnifici fra i quali domina il
sumaumeira, gigantesco vegetale rivestito di una corteccia bianca e
la cui larga cupola si apre a ombrello sopra i rami nodosi.
Quanto alle diverse abitazioni private, bisogna cercarle in mezzo a
qualche centinaio di case molto rudimentali, le une coperte di tegole,
le altre coperte di foglie di palma sovrapposte, con la sporgenza dei
loro miradors e il corpo in avanti delle loro botteghe, che sono per la
maggior parte di propriet dei negozianti portoghesi.
E che specie di gente si vede uscire nelle ore del passeggio tanto
dagli edifici pubblici quanto dalle abitazioni private? Uomini dalta
statura, con giubba nera, cappello di seta, scarpe di vernice, guanti di
color chiaro, diamanti al nodo della cravatta; donne coperte di abiti
chiassosi, vesti con falbalas, cappelli allultima moda; indiani,
insomma, che si stanno europeizzando, in modo da distruggere tutto
quanto poteva restare loro del colore locale in quella parte centrale
del bacino del Rio delle Amazzoni.
Questa Manao, che bisognava sommariamente far conoscere al
lettore per necessit di narrazione. L, il viaggio della jangada era
stato tragicamente interrotto: l, dovevano svolgersi in poco tempo le
peripezie di una misteriosa vicenda.
CAPITOLO II
I PRIMI MOMENTI
APPENA la piroga che conduceva J oam Garral o meglio J oam
Dacosta - bisogna restituirgli il suo nome - fu scomparsa, Benito si
era portato di fronte a Manoel.
Che cosa sai? gli chiese.
So che tuo padre innocente. S, innocente! ripet Manoel.
E so che una condanna capitale lo ha colpito ventitr anni or sono
per un delitto che non ha commesso.
Ti ha detto tutto, Manoel?
Tutto, Benito, rispose il giovanotto. Tuo padre voleva
che nulla del suo passato fosse nascosto a chi stava per diventare suo
secondo figlio.
E la prova della sua innocenza, mio padre pu presentarla
finalmente in piena luce?
La prova, Benito, sta tutta nellatto di J oam Dacosta che veniva
a dire alla giustizia: Eccomi! Io non voglio pi questa falsa
esistenza! Io non voglio pi nascondermi sotto un nome falso! Voi
avete condannato un innocente! Riabilitatelo!.
E quando mio padre ti parlava cos, tu non hai esitato un istante
a credergli? esclam Benito.
Nemmeno un istante, fratello rispose Manoel.
Le mani dei due giovani si confusero in una medesima e cordiale
stretta. Poi Benito, andando incontro a padre Passanha:
Padre, gli disse conducete mia madre e mia sorella nelle
loro camere! Non le lasciate sole in tutta la giornata. Nessuno qui
dubita dellinnocenza di mio padre, nessuno voi lo sapete! Domani
mia madre e io andremo a trovare il capo della polizia. Non ci sar
rifiutato il permesso di entrare nella prigione. No! sarebbe troppo
crudele! Rivedremo mio padre, e decideremo il da farsi per la sua
riabilitazione!
Yaquita era quasi priva di forze; ma quella donna sempre padrona
di s, se in un primo tempo era abbattuta a quellinaspettata notizia,
si riebbe subito. Yaquita Dacosta sarebbe stata ci che era stata
Yaquita Garral. Ella non dubitava dellinnocenza di suo marito: non
le veniva nemmeno il pensiero che J oam Dacosta fosse da biasimare
per averla sposata sotto falso nome. Ella pensava solo a tutta quella
vita felice che le aveva dato lonesto uomo ingiustamente colpito! S,
lindomani ella sarebbe andata alla porta della prigione, e non
lavrebbe lasciata se non le fosse stata aperta!
Padre Passanha la condusse da sua figlia, che non poteva
trattenere le lacrime, e tutti e tre si chiusero nellabitazione.
I due giovani rimasero soli.
Manoel, bisogna che ora disse Benito io sappia tutto ci
che ti ha detto mio padre.
Non ho nulla da nasconderti, Benito.
Cosa era venuto a fare Torres a bordo della jangada?
A vendere a J oam Dacosta il segreto del suo passato.
Dunque quando noi abbiamo incontrato Torres nella foresta di
Iquitos egli aveva gi deciso di mettersi a contatto con mio padre?
Non vi dubbio rispose Manoel. Il miserabile si dirigeva
allora verso la fazenda, con il pensiero di fare un ignobile ricatto
preparato da lungo tempo.
E quando noi gli abbiamo detto continu Benito che
mio padre e tutta la sua famiglia si preparavano a ripassare la
frontiera ha bruscamente cambiato il suo piano dazione?
S, Benito, perch J oam Dacosta, una volta sul territorio
brasiliano, doveva essere maggiormente alla sua merc che non al di
l della frontiera peruviana. Ecco perch noi abbiamo ritrovato
Torres a Tabatinga, dove ci aspettava, dove spiava il nostro arrivo.
E io gli offersi dimbarcarsi sulla jangada! esclam Benito
con un gesto di disperazione.
Fratello, gli disse Manoel non rimproverarti nulla!
Torres ci avrebbe raggiunti o presto o tardi; non era uomo da
abbandonare una simile impresa! Se ci avesse perduti a Tabatinga ci
avrebbe ritrovati a Manao.
S, Manoel, hai ragione. Ma non si tratta pi del passato ora, si
tratta del presente! Niente recriminazioni inutili! Vediamo!
E, cos parlando, Benito si passava la mano sulla fronte, cercando
di afferrare tutti i particolari di quella triste situazione.
Vediamo domand egli come mai Torres ha potuto
sapere che mio padre era stato condannato ventitr anni or sono per
quellefferato delitto di Tijuco?
Lo ignoro rispose Manoel e tutto mi fa credere che tuo
padre non lo sappia neppure lui.
Nondimeno, Torres conosceva il nome di Garral sotto il quale
si nascondeva J oam Dacosta?
Evidentemente.
E sapeva che era in Per, a Iquitos, che da tanti anni si
rifugiava mio padre?
Lo sapeva rispose Manoel. Ma come labbia saputo io
non posso comprenderlo!
Unultima domanda disse Benito. Che proposta ha fatto
Torres a mio padre in quel breve colloquio che ha preceduto la sua
cacciata?
Egli lha minacciato di denunciare J oam Garral come J oam
Dacosta, se si rifiutava di comperare il suo silenzio.
E a quale prezzo?
Al prezzo della mano di sua figlia! rispose Manoel senza
esitare, ma pallido di collera.
Quel miserabile avrebbe osato? esclam Benito.
A quellinfame domanda, Benito, tu hai visto quale risposta ha
dato tuo padre.
S, Manoel, si! ha risposto come un onesto uomo indignato!
Ha cacciato Torres! Ma non basta che lo abbia cacciato! No, non mi
basta! per la denuncia di Torres che vennero ad arrestare mio
padre, non vero?
S, dietro la sua denuncia!
Ebbene, esclam Benito, il cui braccio minaccioso si
rivolgeva verso la riva sinistra del fiume, bisogna che io ritrovi
Torres! Bisogna che egli mi dica se ha saputo il segreto dal vero
autore del delitto! Egli parler e se rifiuta di parlare so che cosa
mi rimane da fare.
Quello che rester da fare a me come a te! soggiunse pi
freddamente, ma non meno risolutamente Manoel.
No, Manoel, no, a me solo!
Noi siamo fratelli, Benito, rispose Manoel e la vendetta
appartiene a entrambi.
Benito non rispose. A questo proposito, evidentemente la sua
decisione era inesorabilmente presa.
In quel momento, il pilota Araujo, che aveva osservato lo stato del
fiume, si avvicin ai due giovani.
Avete deciso domand se la jangada debba restare
ancorata allisola Muras o andare nel porto di Manao?
Era un problema da risolvere prima di notte, e doveva essere
esaminato subito.
Infatti, la notizia dellarresto di J oam Dacosta doveva essersi gi
sparsa nella citt. Che fosse di tale natura da eccitare la curiosit
della popolazione di Manao, non cera dubbio. Ma non poteva forse
provocare pi che la curiosit contro il condannato, contro lautore
principale di quel delitto di Tijuco che aveva gi fatto un tempo si
grande chiasso? Non si poteva temere qualche sommossa popolare
per quellattentato che non era stato nemmeno espiato? Di fronte a
tale ipotesi non era meglio lasciare la jangada ancorata vicino
allisola Muras sulla riva destra del fiume, a qualche miglio da
Manao?
Il pro e il contro del problema furono dibattuti. No! esclam
Benito. Rimanere qui sarebbe come abbandonare mio padre e
dubitare della sua innocenza! Sarebbe come temere di far causa
comune con lui. Bisogna andare a Manao e senza indugio.
Hai ragione, Benito, rispose Manoel. Partiamo!
Araujo, approvando con la testa, prese le sue precauzioni per
lasciare lisola. La manovra richiedeva molta attenzione. Si trattava
di prendere obliquamente la corrente del Rio delle Amazzoni,
raddoppiata da quella del Rio Negro, e di dirigersi verso la foce di
quellaffluente, che si apriva dodici miglia pi sotto sulla riva
sinistra.
Gli ormeggi, staccati dallisola, furono allentati. La jangada,
respinta nel letto del fiume, cominci ad andare alla deriva
diagonalmente. Araujo, approfittando abilmente delle curve della
corrente rotta dalle punte dellargine, pot spingere limmensa
imbarcazione nella direzione voluta, aiutandosi con le lunghe gaffe
del suo equipaggio.
Due ore dopo la jangada si trovava sullaltra riva del Rio delle
Amazzoni un po al di sopra della foce del Rio Negro, e fu la
corrente che si incaric di condurla alla riva inferiore dellampia baia
aperta nella riva sinistra dellaffluente.
Finalmente, alle cinque di sera, la jangada era accuratamente
ormeggiata lungo quella riva, non gi nel porto di Manao, in cui non
avrebbe potuto giungere senza risalire una corrente abbastanza
rapida, ma a meno di un miglio circa al di sotto.
Il treno di legname riposava sul Rio Negro, vicino a un argine
abbastanza alto, irto di cecropie dai germogli bruni, e ricoperto di
siepi di quelle canne dai fusti rigidi, chiamate froxas, che per gli
indiani costituiscono armi di offesa.
Pochi cittadini passeggiavano su quellargine. Era senza dubbio
un sentimento di curiosit che li conduceva fino allancoraggio della
jangada. La notizia dellarresto di J oam Dacosta non aveva tardato a
spargersi; ma la curiosit degli abitanti di Manao non giunse
allindiscrezione, ed essi si mostrarono riservati.
Era intenzione di Benito scendere a terra la sera stessa. Manoel lo
dissuase.
Aspetta domani gli disse. Sta per scendere la notte e noi
non dobbiamo abbandonare la jangada.
Sta bene! a domani! rispose Benito.
In quel momento, Yaquita, seguita da sua figlia e da padre
Passanha, usciva dallabitazione. Se Minha era ancora in lacrime, la
faccia di sua madre era asciutta, tutta la sua persona si mostrava
energica e risoluta. Si sentiva che la donna era pronta a tutto, a fare il
suo dovere come a valersi del suo diritto.
Yaquita avanz lentamente verso Manoel.
Manoel, disse ascoltate quanto devo dirvi, poich io vi
voglio parlare come la mia coscienza mi ordina di fare.
Vi ascolto! rispose Manoel. Yaquita lo guard bene in
faccia.
Ieri disse dopo il colloquio che avete avuto con J oam
Dacosta, mio marito, siete venuto da me e mi avete chiamata: madre
mia! Avete preso la mano di Minha e le avete detto: moglie mia!
Sapevate tutto allora, e il passato di J oam Dacosta vi era noto?
S rispose Manoel e Dio mi punisca se da parte mia vi fu
un momento di esitazione!
Sta bene, Manoel, riprese Yaquita; ma in quel momento
J oam Dacosta non era stato ancora arrestato. Ora la situazione non
pi la stessa. Sebbene innocente, mio marito in mano della
giustizia: il suo passato di dominio pubblico; Minha la figlia di un
condannato a morte
Minha Dacosta o Minha Garral, che mimporta! esclam
Manoel, non potendo trattenersi pi a lungo.
Manoel mormor la giovinetta.
Ed ella sarebbe certamente caduta se le braccia di Lina non
fossero state pronte a sorreggerla.
Madre mia, se non volete ucciderla disse Manoel
chiamatemi figlio!
Figlio mio, figlio mio!
Fu quanto pot rispondere Yaquita, e le lacrime che tratteneva con
tanta fatica le sgorgarono dagli occhi.
Tutti rientrarono nellabitazione.. Ma non unora di sonno doveva
accorciare la lunga notte per quellonesta famiglia cos crudelmente
colpita.

CAPITOLO III
UN PASSO INDIETRO
ERA UNA fatalit la morte del giudice Ribeiro, sul quale J oam
Dacosta sapeva di poter sicuramente contare!
Prima di essere giudice di diritto a Manao, cio il primo
magistrato della provincia, Ribeiro aveva conosciuto J oam Dacosta,
al tempo in cui il giovane impiegato fu accusato del delitto del
distretto dei diamanti. Ribeiro era allora avvocato a Villa-Rica. Fu lui
che si incaric di difendere laccusato davanti alla Corte di Assise.
Egli si prese a cuore quella causa e la fece sua. Dallesame degli atti
del processo, dai particolari dellistruttoria, egli acquist non una
semplice convinzione di ufficio, ma la certezza che il suo cliente era
accusato a torto, che non centrava per nulla nellassassinio dei
soldati della scorta e nel furto dei diamanti, che listruttoria aveva
sbagliato strada, in una parola che J oam Dacosta era innocente.
Eppure, quella convinzione lavvocato Ribeiro, per quanto
ingegno e zelo spendesse, non riusc mai a trasmetterla nello spirito
del giur. Su chi poteva fermare il sospetto del delitto? Se non era
J oam Dacosta che si trovava in tutte le condizioni volute per
informare i malfattori della partenza segreta del convoglio, chi era
mai? Limpiegato, che accompagnava la scorta, era morto con la
maggior parte dei soldati, e i sospetti non potevano cadere su lui.
Tutto concorreva dunque a fare di J oam Dacosta lunico e vero
autore del delitto.
Ribeiro lo difese con un calore estremo; egli vi mise tutto il suo
cuore, ma non riusc a salvarlo. Il verdetto del giur fu affermativo su
tutte le domande. J oam Dacosta, accusato di omicidio con
laggravante della premeditazione, non ottenne nemmeno il beneficio
delle circostanze attenuanti e venne condannato a morte.
Nessuna speranza poteva rimanere allaccusato. Nessuna
commutazione di pena era possibile, perch si trattava di un delitto
relativo ai diamanti. Il condannato era perduto Ma nella notte che
precedette lesecuzione, quando il patibolo era gi stato innalzato,
J oam Dacosta riusc a fuggire dalla prigione di Villa-Rica Il resto
noto.
Venti anni pi tardi, lavvocato Ribeiro fu nominato giudice di
diritto a Manao. Dal suo lontano eremo, il fazendero di Iquitos
apprese la notizia di quella nomina e vide in ci una fortunata
circostanza che poteva portare alla revisione del suo processo con
qualche speranza di riuscita. Egli sapeva che le antiche convinzioni
dellavvocato a suo riguardo dovevano essere ancora intatte nello
spirito del giudice. Egli dunque decise di tentare ogni cosa per
riuscire a riabilitarsi. Se Ribeiro non fosse stato nominato magistrato
supremo nella provincia del Rio delle Amazzoni, forse avrebbe
esitato, poich non aveva nessuna nuova prova materiale della
propria innocenza. Forse, sebbene quellonesto uomo soffrisse
terribilmente a doversi nascondere nellesilio di Iquitos, avrebbe
chiesto al tempo di lenire il ricordo di quellorribile faccenda, ma una
circostanza lo incit ad agire senza frapporre ulteriori indugi.
Infatti, molto prima che Yaquita gliene avesse parlato, J oam
Dacosta aveva compreso che Manoel amava sua figlia. Il matrimonio
del giovane aiutante maggiore medico con la giovinetta gli conveniva
sotto tutti i punti di vista. Era evidente che una domanda di
matrimonio sarebbe stata fatta un giorno o laltro, e J oam Dacosta
non volle essere preso alla sprovvista.
Ma il pensiero di dover maritare sua figlia sotto un nome che non
le apparteneva, che Manoel Valdez, credendo di entrare nella
famiglia Garral, sarebbe entrato nella famiglia Dacosta, il cui capo
non era che un fuggiasco sempre sotto il peso di una condanna
capitale, quel pensiero gli fu intollerabile. No! il matrimonio non
sarebbe stato celebrato nelle condizioni in cui era stato fatto il suo!
No! mai!
necessario ricordare ci che era avvenuto a quel tempo. Quattro
anni dopo che il giovane impiegato, gi diventato socio di
Magalhas, era arrivato alla fazenda di Iquitos, il vecchio portoghese
era stato riportato nellazienda ferito a morte. Gli rimanevano
soltanto pochi giorni di vita. Si spavent al pensiero che sua figlia
dovesse rimaner sola, senza appoggio; ma, sapendo che J oam e
Yaquita si amavano, volle che la loro unione si facesse senza indugi.
J oam dapprima rifiut. Egli offr di rimanere il protettore, il
servitore di Yaquita senza diventare suo marito. Le insistenze di
Magalhas morente furono tali che resistere divenne impossibile.
Yaquita mise la propria nella mano di J oam e J oam non la ritrasse.
Si, quello era un fatto grave! S, J oam Dacosta avrebbe dovuto o
confessare tutto o fuggire per sempre da quella casa, nella quale era
stato cos ospitalmente ricevuto, da quello stabilimento di cui curava
la prosperit. S, dir tutto piuttosto che dare alla figlia del suo
benefattore un nome che non era il proprio, il nome di un condannato
a morte per un delitto di assassinio, anche se era innocente dinanzi a
Dio!
Ma le circostanze non ammettevano indugi, il vecchio fazendero
stava per morire, le sue mani si tesero verso i due giovani! J oam
tacque, il matrimonio si comp e tutta la vita del giovane direttore
dello stabilimento fu consacrata alla felicit di colei che era diventata
sua moglie.
Il giorno in cui le confesser tutto, pensava J oam Yaquita mi
perdoner. Ella non dubiter di me per un istante. Ma se fui costretto
a ingannarla, non inganner lonesto uomo che vorr entrare nella
nostra famiglia, sposando Minha! No, meglio consegnarmi alla
giustizia e farla finita con questa esistenza!
Cento volte, senza dubbio, J oam Dacosta fu sul punto di dire a sua
moglie che cosa era stato il suo passato! S! la confessione era sulle
sue labbra, soprattutto quando ella lo pregava di condurla in Brasile,
di far scendere a sua figlia e a lei il bel Rio delle Amazzoni! Egli
conosceva abbastanza Yaquita da essere sicuro che ella non avrebbe
sentito diminuire in s laffetto che nutriva per lui! Gli manc il
coraggio!
Chi non avrebbe compreso questo, di fronte a tanta felicit
familiare che sbocciava intorno a lui, che era opera sua e che egli
poteva forse spezzare per sempre?
Tale fu la sua vita per lunghi anni, tale fu la fonte inesauribile
delle orribili sofferenze di cui tenne il segreto, tale fu infine la vita di
un uomo che non aveva nulla da nascondere e che una grande
ingiustizia lo obbligava a nascondersi.
Ma infine il giorno in cui egli non pot pi dubitare dellamore di
Manoel per Minha, in cui pot calcolare che non sarebbe passato un
anno prima che gli fosse necessario dare il consenso al matrimonio,
non esit pi e si pose in condizioni di agire con sollecitudine.
Una sua lettera, indirizzata al giudice Ribeiro, fece conoscere a
questo magistrato il segreto dellesistenza di J oam Dacosta, il nome
sotto il quale egli si nascondeva, il luogo in cui viveva con la
famiglia, e nel contempo la sua ferma intenzione di venire a mettersi
nelle mani della giustizia del suo paese per ottenere la revisione di un
processo da cui sarebbe uscita per lui o la riabilitazione o
lesecuzione delliniqua sentenza pronunciata a Villa-Rica.
Quali furono i sentimenti che affiorarono nel cuore dellonesto
magistrato? facile indovinarli. Non era pi allavvocato che si
rivolgeva laccusato, era al giudice supremo della provincia che un
condannato faceva appello. J oam Dacosta si abbandonava
interamente a lui e non gli chiedeva nemmeno il segreto.
Il giudice Ribeiro, dapprima turbato da quella rivelazione inattesa,
in breve si riprese ed esamin scrupolosamente i doveri che gli
imponeva la sua condizione. Era a lui che incombeva lincarico di
accusare i colpevoli, ed ecco che un reo si metteva nelle sue mani.
Questo reo, vero, egli lo aveva difeso; non dubitava che fosse stato
condannato ingiustamente; la sua gioia era stata grande nel vederlo
sottrarsi con la fuga allultimo supplizio; in caso di necessit, ne
avrebbe provocato lui, ne avrebbe facilitato lui la fuga! Ma ci che
lavvocato avrebbe fatto altre volte, il magistrato poteva farlo oggi?
Ebbene, si! pens il giudice. La mia coscienza mi ordina di
non abbandonare questo uomo onesto. Ci che egli fa oggi una
nuova prova della sua innocenza, una prova morale, poich egli non
pu darne altre, ma forse la pi convincente di tutte. No, io non
labbandoner.
Da quel giorno il magistrato e J oam Dacosta si tennero
segretamente in contatto epistolare. Ribeiro esort dapprima il suo
cliente a non compromettersi con un atto imprudente. Egli voleva
riprendere il tutto dallinizio, rivedere il processo e listruttoria.
Bisognava sapere se nulla di nuovo era accaduto nel distretto dei
diamanti che riguardasse quella causa cos grave. Di quei complici
del delitto, di quei contrabbandieri che avevano assalito il convoglio,
non era stato arrestato qualcuno dopo lattentato? Non erano seguite
delle confessioni o mezze confessioni? J oam Dacosta, lui, era sempre
costretto a dichiarare solo la propria innocenza! Ma ci non bastava,
e il giudice Ribeiro voleva trovare negli elementi stessi del processo
chi era veramente il colpevole.
J oam Dacosta doveva dunque essere prudente. Egli promise di
esserlo. Ma fu una consolazione immensa, in mezzo ai suoi dolori,
ritrovare nellantico avvocato, divenuto il giudice supremo, quella
ferma convinzione che egli non era colpevole. S! J oam Dacosta,
nonostante la sua condanna, era una vittima, un martire, un uomo
onesto, cui la societ doveva una riparazione solenne. E quando il
magistrato conobbe il passato del fazendero di Iquitos dopo la sua
condanna, la condizione della sua famiglia, tutta quella vita di
devozione, di lavoro, spesa senza sosta ad assicurare la felicit dei
suoi cari, fu non gi pi convinto, ma pi commosso, e giur a se
stesso di far di tutto per riuscire a riabilitare il condannato di Tijuco.
Per sei mesi vi fu uno scambio di lettere fra quei due uomini.
Un giorno, finalmente, stringendo le circostanze, J oam Dacosta
scrisse al giudice Ribeiro:
Fra due mesi sar presso di voi, a disposizione del primo
magistrato della provincia!.
Venite dunque! rispose Ribeiro.
La jangada era pronta a scendere il fiume. J oam Dacosta vi si
imbarc con tutti i suoi, donne, figli, servi. Durante il viaggio, con
grande stupore di sua moglie e dei suoi figli, si sa, egli non sbarc
che raramente. Il pi sovente restava chiuso nella sua camera,
scrivendo, lavorando, non gi a far conti di commercio, ma, senza dir
nulla, in quella specie di autobiografia che chiamava Storia della
mia vita, e che doveva servire alla revisione del processo.
Otto giorni prima del suo nuovo arresto, eseguito dietro denuncia
di Torres, che doveva precedere e forse distruggere i suoi piani, egli
affid a un indiano del Rio delle Amazzoni una lettera con cui
avvertiva il giudice Ribeiro del suo prossimo arrivo.
Quella lettera fu consegnata al suo recapito, e il magistrato non
aspettava che J oam Dacosta per riaprire il processo che aveva
speranza di condurre a buon fine.
Nella notte, che precedette larrivo della jangada a Manao, un
attacco di apoplessia colp il giudice Ribeiro. Ma la denuncia di
Torres, il cui progetto era fallito di fronte al nobile sdegno della sua
vittima, aveva avuto il suo effetto. J oam Dacosta era stato arrestato in
mezzo ai suoi, e il suo vecchio avvocato non era pi l per
difenderlo!
S! davvero, era stato un colpo terribile! A ogni modo, il dado era
stato gettato, non vi era pi possibilit per indietreggiare.
J oam Dacosta si riebbe sotto quel colpo che lo coglieva cos
improvvisamente. Non pi il suo onore soltanto era in gioco, ma
lonore di tutti i suoi cari.
CAPITOLO IV
TORTURE MORALI
IL MANDATO di cattura spiccato contro J oam Dacosta, detto J oam
Garral, era stato spiccato dal sostituto del giudice Ribeiro, che
doveva fare le veci di quel magistrato nella provincia del Rio delle
Amazzoni finch non fosse stato nominato il suo successore.
Quel sostituto si chiamava Vicente J arriquez. Era un ometto molto
burbero, che quarant'anni di servizio e di procedura penale non
avevano contribuito a rendere molto caro agli accusati. Egli aveva
istruito tanti processi di quel genere, giudicato e condannato tanti
malfattori, che linnocenza di un accusato, qualunque fosse, gli
sembrava a priori inammissibile. Certamente, egli non giudicava
contro la propria coscienza, ma la propria coscienza fortemente
corazzata non si lasciava facilmente intaccare dai nuovi fatti che
scaturivano dallinterrogatorio o dagli argomenti della difesa. Come
presidente della Corte di Assise egli reagiva volentieri contro
lindulgenza del giur, e quando, dopo essere passato attraverso il
torchio delle inchieste, degli interrogatori, dellistruttoria, un
accusato giungeva dinanzi a lui, erano tutte presunzioni, ai suoi
occhi, perch quellaccusato fosse dieci volte colpevole.
Non era affatto un uomo cattivo, per, J arriquez. Tutto nervi,
irrequieto, loquace, intelligente, penetrante, aveva un aspetto curioso,
con la sua grossa testa sul suo corpiciattolo, con la sua capigliatura
scarmigliata, che la parrucca dei magistrati dei tempi andati non
avrebbe potuto rovinare, con i suoi occhi forati con il succhiello, il
cui sguardo era di una stupefacente acutezza, con il suo naso
prominente, con cui avrebbe potuto certamente gesticolare per poco
che fosse stato mobile, con le orecchie a sventola per meglio
afferrare tutto quello che si diceva anche fuori della normale portata
di un complesso auditivo, con dita che tamburellavano in
continuazione sul banco del tribunale, come quelle di un pianista che
si eserciti silenziosamente, con il busto troppo lungo per le gambe
troppo corte e i piedi che incrociava e disincrociava incessantemente
quando troneggiava sulla sua poltrona di magistrato.
Nella vita privata, il giudice J arriquez, scapolo impenitente, non
lasciava i suoi libri di diritto penale, se non per la tavola che non
sdegnava, il whist che apprezzava molto, gli scacchi in cui era
considerato come un maestro, e soprattutto per i rompicapo cinesi,
enigmi, sciarade, rebus, anagrammi, logogrifi e simili, di cui, come
pi di un magistrato europeo, - vere sfingi per gusto e per professione
- faceva il suo passatempo preferito.
Era un originale, come si vede, e si vede pure quanto J oam
Dacosta avesse perduto con la morte del giudice Ribeiro, poich la
sua causa sarebbe stata discussa di fronte a questo magistrato poco
trattabile.
In quel caso, del resto, il compito di J arriquez era molto semplice.
Non vi era da fare n inchiesta, n istruttoria; non occorreva dirigere
dibattiti, n richiedere un verdetto, n applicare articoli del Codice
penale, n infine pronunciare una sentenza. Disgraziatamente per il
fazendero di Iquitos tante formalit non erano pi necessarie. J oam
Dacosta era stato arrestato, giudicato, condannato ventitr anni
prima, per il delitto di Tijuco, la prescrizione non aveva ancora
coperto la sua condanna, nessuna domanda di commutazione di pena
poteva essere ammessa, nessuna grazia poteva essere concessa. Non
si trattava, insomma, che di stabilire la sua identit, e, sullordine di
esecuzione che sarebbe venuto da Rio de J aneiro, la giustizia non
avrebbe avuto da fare altro che seguire il suo corso.
Ma, senza dubbio, J oam Dacosta avrebbe protestato la sua
innocenza, avrebbe detto di essere stato condannato ingiustamente. Il
dovere di magistrato, qualunque opinione egli avesse al riguardo,
sarebbe stato di ascoltarlo. Tutta la questione stava nel sapere quali
prove il condannato avrebbe potuto dare alle sue asserzioni. E se non
aveva potuto presentarle alla sua comparizione davanti ai primi
giudici, era ora in grado di farlo?
In ci stava tutto linteresse dellinterrogatorio.
Per altro, bisogna pure confessarlo, il fatto di un contumace felice
e al sicuro allestero, che lascia ogni cosa per affrontare la giustizia
che il suo passato doveva avergli insegnato a temere, era un caso
curioso, raro, tale da interessare anche un magistrato ormai abituato a
tutte le peripezie di un processo giudiziario. Era da parte del
condannato di Tijuco stanchezza della vita, sfrontata sciocchezza o
slancio di una coscienza che vuole a ogni costo aver ragione di una
ingiustizia? Il problema era singolare, bisogna convenirne.
Il giorno dopo larresto di J oam Dacosta, il giudice J arriquez and
dunque alla prigione della via di Dio Figlio, dove era stato chiuso
larrestato.
Quel carcere era un antico convento di missionari eretto sulla
sponda di uno dei principali iguaraps della citt. Ai detenuti
volontari di un tempo erano succeduti in quelledificio, poco adatto
al suo nuovo scopo, i prigionieri per forza di oggi. La camera,
occupata da J oam Dacosta, non era quindi una di quelle tristi celle
che comporta il sistema penitenziario moderno. Unantica camera da
monaco, con una finestra senza veneziana, ma con la grata, che si
apriva sopra un terreno incolto, una panca in un angolo, una specie di
sgabello nellaltro, pochi utensili grezzi, nulla di pi.
Fu da questa camera che quel giorno, 25 agosto, J oam Dacosta
venne fatto uscire verso le undici del mattino, e condotto nel locale
degli interrogatori, nellantica sala comune del convento.
Il giudice J arriquez era l, davanti alla sua scrivania, accovacciato
nella sua alta seggiola, con la schiena rivolta alla finestra, affinch la
sua faccia rimanesse nellombra, mentre quella del sopraggiunto si
trovasse in piena luce. Il suo segretario aveva preso posto a un capo
del tavolo, con la penna allorecchio, con lindifferenza caratteristica
dei funzionari del tribunale, pronto a trascrivere le domande e le
risposte.
J oam Dacosta fu introdotto nella stanza, e, a un cenno del
magistrato, le guardie che lavevano condotto si ritirarono.
Il giudice J arriquez guard a lungo laccusato. Questi si era
inchinato dinanzi a lui e manteneva un atteggiamento conveniente, n
insolente, n umile, aspettando con dignit che gli fossero rivolte le
domande per rispondere.
Il vostro nome? disse il giudice J arriquez.
J oam Dacosta.
La vostra et?
Cinquantadue anni.
Dove abitavate?
In Per, nel villaggio di Iquitos.
Sotto quale nome?
Sotto il nome di Garral, che quello di mia madre.
E perch portavate questo nome?
Perch per ventitr anni ho voluto sottrarmi alle persecuzioni
della giustizia brasiliana.
Le risposte erano cos precise, sembravano indicare cos bene che
J oam Dacosta era deciso a confessare tutto il suo passato e il suo
presente, che il giudice J arriquez, poco abituato a tali modi, drizz il
naso pi verticalmente del consueto.
E perch riprese la giustizia brasiliana poteva
perseguitarvi?
Perch ero stato condannato alla pena capitale nel 1826 nel
processo dei diamanti di Tijuco.
Confessate dunque che siete J oam Dacosta?
Sono J oam Dacosta.
Tutto ci veniva risposto con grande calma, con la maggior
semplicit del mondo. Cos gli occhietti del giudice J arriquez,
nascondendosi sotto le palpebre, sembravano dire: Ecco una
faccenda che andr per le spicce!.
Si stava avvicinando solo il momento in cui si doveva porre
linvariabile domanda che portava allinvariabile risposta degli
accusati di ogni specie, cio la protesta della loro innocenza.
Le dita del giudice J arriquez cominciarono a tamburellare con un
leggero ritmo sul tavolo.
J oam Dacosta chiese che cosa fate a Iquitos?
Sono fazendero e dirigo unazienda agricola importante.
Prospera?
Prosperissima.
E da quanto tempo avete lasciato la fazenda?
Da nove settimane circa.
Perch?
Al mio viaggio, signore, rispose J oam Dacosta ho dato
un pretesto, ma in realt aveva un motivo.
Quale stato il pretesto?
Condurre a Para tutto un treno galleggiante, e un carico dei
diversi prodotti del Rio delle Amazzoni.
Ah! fece il giudice J arriquez. E quale sarebbe il vero
motivo della vostra partenza?
Ponendo quella domanda, egli pensava: Finalmente entriamo
nella via delle negazioni e delle menzogne!.
Il vero motivo rispose con voce ferma J oam Dacosta era
la decisione che avevo preso di venire a consegnarmi alla giustizia
del mio paese!
Consegnarvi alla giustizia! esclam il giudice rialzandosi
sul seggiolone. Consegnarvi voi stesso?
Io stesso!
E perch?
Perch ne avevo abbastanza, perch ne avevo di troppo di
unesistenza di menzogne, di essere obbligato a vivere sotto un falso
nome, dellimpossibilit di restituire a mia moglie, ai miei figli
quello che loro appartiene; infine, signore, perch
Perch?
Sono innocente!
Ecco quello che mi aspettavo! disse fra s il giudice J arriquez.
E mentre le sue dita battevano un tempo pi veloce, fece un cenno
con il capo a J oam Dacosta come se dicesse chiaramente:
Continuate pure, narrate la vostra storia! Io la conosco, ma non
voglio impedirvi di raccontarmela come vi piace!.
J oam Dacosta, non ingannandosi a quella poco incoraggiante
disposizione di spirito del magistrato, finse di non avvedersene.
Espose dunque la storia di tutta la sua vita, parl con sobriet, senza
venir meno alla calma che si era imposta, senza omettere nessuna
delle circostanze che avevano preceduto o seguito la sua condanna.
Non insistette su quellesistenza onorata che aveva condotto dopo la
sua fuga, n sui suoi doveri di capo famiglia, di sposo, di padre, che
aveva cos degnamente adempiuti. Egli non si sofferm che sopra
una sola circostanza, quella che lo aveva condotto a Manao per
ottenere la revisione del processo, la sua riabilitazione e ci senza
che nulla ve lo obbligasse.
Il giudice J arriquez, naturalmente prevenuto contro ogni accusato,
non linterruppe. Si limitava a chiudere e ad aprire successivamente
gli occhi come un uomo che sente raccontare la medesima storia per
la centesima volta; e, quando J oam Dacosta depose sulla scrivania
lautobiografia che aveva redatto, non fece alcun movimento per
prenderla.
Avete finito? disse.
S, signore.
E persistete nel sostenere che non avete lasciato Iquitos che per
venire a reclamare la revisione del vostro giudizio?
Non ho altro motivo.
E chi lo prova? Chi prova che senza la denuncia che ha
prodotto il vostro arresto, voi vi sareste consegnato?
Questi fogli prima di tutto rispose J oam Dacosta.
Questi fogli erano in mano vostra, e nulla attesta che se non
foste stato arrestato ne avreste fatto luso che voi dite.
Vi , fra laltro, signore, un documento che non pi nelle mie
mani, e la cui autenticit non pu essere messa in dubbio.
Quale?
La lettera che ho scritto al vostro predecessore, il giudice
Ribeiro, lettera che lo avvertiva del mio prossimo arrivo.
Ah! voi avete scritto?
S, e questa lettera, che deve essere arrivata al suo recapito, non
pu tardare a esservi consegnata!
Davvero! rispose il giudice J arriquez con accento incredulo.
Voi avete scritto al giudice Ribeiro?
Prima di essere il giudice supremo di questa provincia
rispose J oam Dacosta il giudice Ribeiro era avvocato a Villa-Rica.
lui che mi ha difeso nel processo penale di Tijuco. Non dubitava
della bont della mia causa. Ha fatto di tutto per salvarmi. Venti anni
dopo, quando divent il capo della giustizia a Manao, gli feci sapere
chi ero, dove ero, e che cosa volevo intraprendere. La sua
convinzione nei miei confronti non si era mutata ed per suo
consiglio che ho lasciato la fazenda, per venire di persona a ottenere
la mia riabilitazione. Ma la morte lo ha colpito, e forse io sono
perduto, signore, se nel giudice J arriquez non ritrovo il giudice
Ribeiro! Il magistrato, direttamente interpellato, fu per dare un balzo,
contro ogni abitudine della magistratura, ma riusc a trattenersi e si
limit a mormorare queste parole:
Bene immaginato, davvero, bene immaginato.
Il giudice J arriquez aveva evidentemente delle buone corazze al
cuore; egli era al sicuro da ogni sorpresa.
In quel momento, una guardia entr nella stanza e consegn un
plico sigillato diretto al magistrato.
Questi ruppe il sigillo e trasse dalla busta una lettera; lapr, la
lesse, non senza contrarre le sopracciglia, e disse:
Non ho alcun motivo, J oam Dacosta, per nascondervi che
questa la lettera di cui parlavate, diretta da voi al giudice Ribeiro, e
che mi viene ora consegnata. Non vi pi dunque alcuna ragione di
dubitare di quanto avete detto a questo proposito.
Non a questo proposito soltanto rispose J oam Dacosta
ma a proposito di tutte le circostanze della mia vita che vi ho fatto
conoscere, e di cui non permesso dubitare.
Eh, J oam Dacosta, rispose vivacemente il giudice J arriquez
voi protestate di essere innocente, ma tutti gli accusati fanno
altrettanto! Infine voi non presentate che delle prove morali! Avete
ora una prova materiale?
Forse, signore, rispose J oam Dacosta.
A quelle parole, il giudice J arriquez lasci il suo seggiolone. Fu
pi forte di lui e gli fu necessario fare due o tre giri nella stanza per
rimettersi.
CAPITOLO V
PROVE MATERIALI
QUANDO il magistrato ebbe ripreso il suo posto, da uomo che
credeva di essere ridiventato perfettamente padrone di se stesso, si
rovesci sul seggiolone, con la testa rialzata, lo sguardo fisso al
soffitto e, con un accento assai indifferente, senza nemmeno guardare
laccusato, disse:
Parlate.
J oam Dacosta si raccolse un istante, come se avesse esitato a
entrare in questordine di idee, e rispose cos:
Finora, signore, non vi ho dato della mia innocenza che delle
prove morali, fondate sulla dignit, sulla convenienza, sullonest di
tutta la mia vita. Avevo creduto che queste prove fossero le pi
degne di essere portate di fronte alla giustizia
Il giudice J arriquez non pot trattenere unalzata di spalle, che
indicava che non era del suo avviso.
Poich non bastano, ecco quali sono le prove materiali che
forse sono in grado di presentare riprese J oam Dacosta. Dico
forse, poich non so ancora quale fiducia dar loro. Cos, signore, non
ne ho parlato n a mia moglie, n ai miei figli, non volendo dar loro
una speranza che potrebbe fallire.
Veniamo al fatto rispose il giudice J arriquez.
Ho tutte le ragioni per credere, signore, che il mio arresto, alla
vigilia dellarrivo della jangada a Manao, sia stato motivato da una
denuncia diretta al capo della polizia.
Non vi ingannate, J oam Dacosta, ma devo dirvi che questa
denuncia anonima.
Poco importa, poich so che non ha potuto venire che da un
miserabile chiamato Torres.
E con quale diritto, chiese il giudice J arriquez trattate
cos questo denunciatore?
Un miserabile, s, signore! rispose vivamente J oam Dacosta.
Questuomo, che avevo accolto ospitalmente, non era venuto a me
se non per propormi di comperare il suo silenzio, per offrirmi un
mercato odioso che non mi rammarico mai di aver rifiutato,
qualunque siano le conseguenze della sua denuncia!
Sempre questo sistema! pens il giudice J arriquez. Accusare
gli altri per scaricare se stessi.
Ma, a ogni modo, ascolt con la massima attenzione il racconto
che gli fece J oam Dacosta delle sue relazioni con lavventuriero fino
al momento in cui Torres venne a comunicargli che conosceva e che
era in grado di rivelare il nome del vero autore dellattentato di
Tijuco.
E qual il nome del colpevole? chiese il giudice J arriquez,
scosso nella sua indifferenza.
Lo ignoro rispose J oam Dacosta. Torres non lo ha
nominato.
E questo colpevole vive?
morto.
Le dita del giudice J arriquez tamburellarono pi rapidamente, e
non pot trattenersi dal rispondere:
Luomo che potrebbe provare linnocenza di un accusato
sempre morto!
Se il vero colpevole morto, signore, rispose J oam Dacosta
Torres almeno vivo e questa prova, autografa del vero autore del
delitto, egli mi ha detto di averla nelle mani, e mi ha offerto di
vendermela!
Eh! J oam Dacosta, rispose il giudice J arriquez non
sarebbe troppo caro pagarla tutto il vostro patrimonio.
Se Torres non mi avesse domandato che il mio patrimonio,
glielo avrei dato e non uno dei miei avrebbe protestato! S, voi avete
ragione, signore, non si pu pagare troppo caro il riscatto del proprio
onore! Ma quel miserabile, sapendomi alla sua merc, esigeva pi
che la mia ricchezza!
Cosa dunque?
La mano di mia figlia doveva essere il prezzo di questo
mercato. Io ho rifiutato, egli mi ha denunziato, ed ecco perch ora
sono dinanzi a voi.
E se Torres non vi avesse denunciato chiese il giudice
J arriquez se Torres non si fosse incontrato sul vostro passaggio,
cosa avreste fatto apprendendo, al vostro arrivo qui, la morte del
giudice Ribeiro? Sareste venuto ad abbandonarvi alla giustizia?
Senza esitare minimamente, signore, rispose J oam Dacosta
con voce ferma poich, ve lo ripeto, non avevo altro scopo
lasciando Iquitos per venire a Manao.
Quelle parole furono pronunciate con tale accento di sincerit che
il giudice J arriquez sent una specie di commozione penetrargli nel
cuore; ma non si arrese ancora.
Non bisogna meravigliarsene. Il magistrato, procedendo
allinterrogatorio, non sapeva nulla di quanto sanno coloro che hanno
seguito Torres dallinizio di questo racconto. Costoro non possono
dubitare che Torres, avesse nelle mani la prova materiale
dellinnocenza di J oam Dacosta. Essi hanno la certezza che il
documento esiste, che contiene questa attestazione, e forse saranno
indotti a credere che il giudice J arriquez mostrava uninesorabile
incredulit. Ma essi devono pensare che il giudice J arriquez non era
nelle loro condizioni: egli era abituato alle invariabili proteste degli
accusati che la giustizia gli mandava; quel documento, invocato da
J oam Dacosta, non gli veniva presentato; egli non sapeva neppure se
esistesse realmente, e, in fine dei conti, egli si trovava in presenza di
un uomo la cui colpevolezza aveva per lui la forza di cosa giudicata.
Tuttavia volle, forse per curiosit, spingere J oam Dacosta fino alle
ultime difese.
Dunque, gli disse ogni vostra speranza riposa ora sulla
dichiarazione che vi ha fatto Torres?
S, signore, rispose J oam Dacosta se tutta la mia vita non
mi difende.
Dove credete che sia Torres ora?
Credo che sia a Manao.
E sperate che egli parler, che acconsentir a consegnarvi con
le buone il documento che voi avete rifiutato di pagargli con il prezzo
che vi chiedeva?
Lo spero, signore, rispose J oam Dacosta. La situazione,
ora, non pi la stessa per Torres. Egli mi ha denunciato e di
conseguenza non pu pi avere una qualsiasi speranza di riprendere a
mercanteggiare nelle condizioni in cui voleva concludere il suo
affare. Ma questo documento pu ancora valere per lui un patrimonio
che, se io sar liberato o condannato, gli sfuggir per sempre. Ora,
poich suo interesse vendermi questo documento, senza che ci
possa nuocergli in alcun modo, credo che egli agir secondo ci che
pi gli conviene.
Il ragionamento di J oam Dacosta non ammetteva replica. Il
giudice J arriquez lo sent bene e non fece che la sola opposizione
possibile.
Sta bene, disse senza dubbio interesse di Torres
vendervi il documento se questo documento esiste.
Se non esiste, signore, rispose J oam Dacosta con voce
penetrante non mi rimarr che appellarmi alla giustizia degli
uomini, in attesa della giustizia di Dio!
A quelle parole il giudice J arriquez si alz, e con accento meno
indifferente, disse:
J oam Dacosta, interrogandovi qui, lasciandovi narrare i
particolari della vostra vita e proclamare la vostra innocenza, io sono
andato pi oltre di quello che richiedesse il mio mandato. Un
dibattito si gi svolto e voi siete comparso dinanzi al giur di Villa-
Rica, il cui verdetto fu emanato allunanimit di voti, senza
riconoscimento di circostanze attenuanti. Voi siete stato condannato
per istigazione e complicit nellassassinio dei soldati e nel furto dei
diamanti di Tijuco, la pena capitale stata pronunciata contro di voi
ed solo con la fuga che avete potuto sfuggire alla condanna. Ma
siate venuto o no a consegnarvi alla giustizia dopo ventitr anni, siete
a ogni modo un condannato. Unultima volta, riconoscete che siete
proprio J oam Dacosta, il condannato nel processo del distretto dei
diamanti?
Sono J oam Dacosta.
Siete pronto a sottoscrivere questa dichiarazione?
Sono pronto.
E con mano che non tremava, J oam Dacosta pose la propria firma
in calce al processo verbale e al rapporto che il giudice J arriquez
aveva fatto redigere dal suo segretario.
Il rapporto diretto al ministero di giustizia partir per Rio de
J aneiro disse il magistrato. Molti giorni passeranno prima di
ricevere lordine di fare eseguire la sentenza che vi condanna. Se
dunque, come voi dite, questo Torres in possesso della prova della
vostra innocenza, fate voi stesso con laiuto dei vostri cari tutto
quanto possibile perch egli la presenti in tempo utile! Venuto
lordine, nessun indugio sarebbe possibile, e la giustizia seguirebbe il
suo corso.
J oam Dacosta sinchin.
Mi sar permesso ora di vedere mia moglie, i miei figli?
chiese.
Fin da oggi, se volete, rispose il giudice J arriquez. Voi
non siete pi in segregazione ed essi saranno introdotti presso di voi
appena si presenteranno.
Il magistrato suon il campanello. Nella stanza entrarono delle
guardie e condussero via J oam Dacosta.
Il giudice J arriquez lo guard partire scrollando il capo.
Eh! eh! la cosa davvero pi strana di quanto pensassi!
mormor.
CAPITOLO VI
IL COLPO DI GRAZIA
MENTRE J oam Dacosta subiva linterrogatorio, Yaquita, dietro i
passi fatti da Manoel, veniva a sapere che a lei e ai suoi figli sarebbe
stato permesso di vedere il prigioniero quello stesso giorno verso le
quattro del pomeriggio.
Dalla vigilia, Yaquita non aveva pi lasciato la sua camera. Minha
e Lina stavano presso di lei aspettando il momento in cui le sarebbe
stato permesso di rivedere suo marito. Yaquita Garral o Yaquita
Dacosta, egli avrebbe ritrovato in lei la moglie affezionata, la moglie
fedele di tutta la sua vita.
Quel giorno, verso le undici, Benito raggiunse Manoel e Fragoso
che chiacchieravano sulla prora della jangada.
Manoel, disse ti devo chiedere un favore.
Quale?
A voi pure, Fragoso.
Sono ai vostri ordini, signor Benito, rispose il barbiere.
Di che si tratta? chiese Manoel, osservando il suo amico, il
cui atteggiamento era quello di un uomo che ha preso una ferma
decisione.
Voi credete sempre nellinnocenza di mio padre, non vero?
disse Benito.
Ah! esclam Fragoso. Piuttosto crederei di averlo
commesso io stesso, il delitto!
Ebbene, bisogna oggi stesso mettere in esecuzione il progetto
che avevo fatto ieri.
Ritrovare Torres? domand Manoel.
S, e sapere da lui come abbia scoperto leremo di mio padre!
Vi sono delle cose inspiegabili in tutto ci. Lha conosciuto altre
volte? non posso saperlo, poich mio padre non ha lasciato Iquitos da
pi di ventanni e quel miserabile ne ha trenta appena! Ma non finir
la giornata prima che io lo sappia, o guai a Torres!
La decisione di Benito non ammetteva alcuna discussione. Cos n
Manoel, n Fragoso, pensarono di distoglierlo dal suo progetto.
Io, dunque, vi domando riprese Benito di
accompagnarmi entrambi. Noi partiremo subito. Non bisogna
aspettare che Torres abbia lasciato Manao. Egli ora non ha pi da
vendere il suo silenzio e lidea pu venirgli. Andiamo!
Tutti e tre sbarcarono sullargine del Rio Negro e si diressero
verso la citt.
Manao non era cos grande che non potesse essere frugata in
poche ore. Erano disposti ad andare di casa in casa se fosse stato
necessario, per cercare Torres, ma meglio sarebbe stato rivolgersi
prima ai proprietari delle taverne o delle lojas, dove lavventuriero
poteva essersi rifugiato. Senza dubbio, lex capitano dei boschi non
avrebbe dato il suo nome, e aveva forse delle ragioni personali per
evitare ogni rapporto con la giustizia. Tuttavia, se non aveva lasciato
Manao, era impossibile che sfuggisse alle ricerche dei giovani. A
ogni modo non era il caso di rivolgersi alla polizia, poich era molto
probabile - cos era infatti, come si sa - che la sua denuncia fosse
stata anonima.
Per unora Benito, Manoel e Fragoso percorsero le vie principali
della citt, interrogando i mercanti nelle loro botteghe, gli osti nelle
loro lojas, e perfino i passanti senza che nessuno potesse riconoscere
la persona di cui essi davano i connotati con precisione.
Torres aveva dunque lasciato Manao? Bisognava perdere ogni
speranza di raggiungerlo?
Manoel cercava inutilmente di calmare Benito, la cui testa era in
fiamme. A ogni costo voleva ritrovare Torres.
Il caso doveva aiutarlo, e fu Fragoso che venne finalmente messo
sulle vere tracce.
In una locanda della via Dio Spirito Santo, alle domande che fece
sullavventuriero, fu risposto che la persona di cui si trattava era
scesa il giorno prima nella loja.
Ha dormito alla locanda? chiese Fragoso.
S rispose il locandiere.
E vi in questo momento?
No, uscito.
Ma ha pagato il conto come chi ha intenzione di partire?
Niente affatto; ha lasciato la sua camera da unora, e rientrer
senza dubbio per la cena.
Sapete che strada abbia preso uscendo?
stato visto dirigersi verso il Rio delle Amazzoni,
discendendo per la citt bassa, ed probabile che lo incontrerete da
quella parte.
Fragoso non aveva altro da domandare. Pochi istanti dopo,
ritrovava i due giovani e diceva loro:
Sono sulle tracce di Torres.
qui? domand Benito.
No, uscito, stato visto dirigersi attraverso la campagna,
dalla parte del Rio delle Amazzoni.
Andiamo! rispose Benito.
Bisognava ridiscendere verso il fiume, e la via pi breve fu quella
di percorrere la riva sinistra del Rio Negro fino alla sua foce.
Benito e i suoi compagni lasciarono presto dietro di s le ultime
case della citt e seguirono largine, ma facendo un giro per non
passare davanti alla jangada.
La pianura era deserta a quellora. Lo sguardo poteva spingersi
lontano attraverso quella campagna in cui i terreni coltivati avevano
sostituito le foreste dei tempi antichi.
Benito non parlava: non avrebbe potuto pronunciare una parola.
Manoel e Fragoso rispettavano il suo silenzio. Camminavano cos
tutti e tre, guardavano, percorrevano il tratto della riva del Rio Negro,
fino alla riva del Rio delle Amazzoni. Tre quarti dora dopo aver
lasciato Manao non avevano ancora visto nulla.
Una o due volte incontrarono degli indiani che lavoravano la terra;
Manoel li interrog, e uno di loro gli disse finalmente che un uomo
somigliante a quello che gli veniva descritto era passato di l,
dirigendosi verso il punto di confluenza dei due fiumi.
Senza chiedere di pi, Benito, con uno scatto, si spinse innanzi e i
suoi due compagni dovettero affrettarsi per non lasciarlo solo.
La riva sinistra del Rio delle Amazzoni appariva in quel punto a
meno di un quarto di miglio. Una specie di riva si delineava,
nascondendo una parte dellorizzonte, e limitava la portata dello
sguardo a un raggio di poche centinaia di passi.
Benito, affrettando il passo, scomparve presto dietro uno di quei
rialzi sabbiosi.
Pi presto, pi presto! disse Manoel a Fragoso. Non
bisogna lasciarlo solo un istante!
E tutti e due correvano in quella direzione quando si ud un grido.
Benito aveva scorto Torres? Costui laveva visto? Benito e Torres
si erano gi raggiunti?
Manoel e Fragoso, cinquanta passi pi lontano, dopo aver
rapidamente fatto il giro di uno dei promontori dellargine, videro
due uomini fermi uno in faccia allaltro.
Erano Torres e Benito.
In un istante, Manoel e Fragoso furono accanto a loro.
Si sarebbe potuto credere che nello stato di esaltazione in cui si
trovava Benito, doveva riuscirgli impossibile contenersi, nel
momento in cui si sarebbe trovato a faccia a faccia con
lavventuriero.
Niente affatto.
Appena il giovanotto si vide di fronte Torres, quando ebbe la
certezza che questi non poteva pi sfuggirgli, avvenne un mutamento
completo nei suoi modi, respir liberamente, ritrov il suo sangue
freddo, ridivenne padrone di se stesso.
Quei due uomini da alcuni istanti si guardavano senza proferire
parola.
Fu Torres che per primo ruppe il silenzio con quel tono di
sfrontatezza che gli era naturale.
Ah! disse. Il signor Benito Garral?
No! Benito Dacosta! rispose il giovanotto.
vero, soggiunse Torres il signor Benito Dacosta
accompagnato dal signor Manoel Valdez e dal mio amico Fragoso!
A questo oltraggioso titolo che gli dava lavventuriero, Fragoso
dispostissimo a fargli una partaccia, stava per lanciarsi, quando
Benito sempre impassibile lo trattenne.
Che cosa mai vi piglia, mio caro? esclam Torres
indietreggiando alcuni passi. Eh! credo che far bene a stare in
guardia!
E cos dicendo trasse dal puncho una manchette, arma difensiva
od offensiva, a scelta, che un brasiliano non lascia mai. Poi
semicurvo aspett a pie fermo.
Sono venuto a cercarvi, Torres, disse allora Benito, che non
si era mosso di fronte a quellatteggiamento provocatore.
A cercarmi? rispose lavventuriero. Non difficile
incontrarmi! E perch mi cercavate?
Per sapere dalla vostra bocca tutto quello di cui voi sembrate
essere a conoscenza circa il passato di mio padre.
Davvero!
S! aspetto che voi mi diciate come lavete riconosciuto, perch
gironzolavate intorno alla nostra fazenda nella foresta di Iquitos,
perch laspettavate a Tabatinga
Ebbene, mi sembra che non vi sia nulla di pi chiaro!
rispose Torres sogghignando. Lho aspettato per imbarcarmi sulla
sua jangada e mi sono imbarcato con lintenzione di fargli una
proposta molto semplice e che ha forse avuto torto di respingere!
A quelle parole, Manoel non pot trattenersi. Con la faccia pallida,
lo sguardo fiammeggiante, si avvent su Torres.
Benito, volendo usare tutti i mezzi di conciliazione, si interpose
fra lavventuriero e lamico.
Trattieniti, Manoel, gli disse mi trattengo anchio. Poi
soggiunse:
Infatti, Torres, so quali sono le ragioni che vi hanno indotto a
imbarcarvi sulla jangada. Poich eravate in possesso di un segreto
che vi era stato affidato, senza dubbio, voi avete voluto servirvene
per un ricatto. Ma non di questo che si tratta ora.
E di che?
Io voglio sapere come avete potuto riconoscere J oam Dacosta
nel fazendero di Iquitos.
Come ho potuto riconoscerlo! rispose Torres. Questi
sono affari miei e non vedo la necessit di narrarveli. Limportante
che io non mi sia ingannato quando ho denunciato in lui il vero
autore del delitto di Tijuco!
Voi me lo direte! esclam Benito che cominciava a
perdere il controllo di se stesso.
Io non dir nulla! ribatt Torres. Ah! J oam Dacosta ha
rifiutato la mia proposta! Ha rifiutato di accettarmi nella sua
famiglia. Ebbene, ora che il suo segreto conosciuto, che egli
arrestato, sono io che rifiuter di entrare nella sua famiglia, la
famiglia di un ladro, di un assassino, di un condannato che la forca
aspetta!
Miserabile! esclam Benito, che a sua volta trasse una
manchetta dalla cintura, e si mise sulloffensiva.
Manoel e Fragoso, con un identico movimento, avevano
rapidamente impugnato le armi.
Tre contro uno! disse Torres.
No! Uno contro uno! rispose Benito.
Davvero! Avrei piuttosto creduto a un assassinio da parte del
figlio di un assassino.
Torres! esclam Benito difenditi, o io ti ammazzo come
un cane rabbioso!
Rabbioso, sia! rispose Torres. Ma io mordo, Benito
Dacosta e bada bene ai morsi!
Poi, brandendo la manchetta, si pose in guardia, pronto a lanciarsi
sul suo avversario.
Benito aveva indietreggiato di alcuni passi.
Torres disse ritrovando tutta la sua freddezza perduta per -
un momento voi eravate lospite di mio padre, voi lavete
minacciato, voi lavete tradito, lavete denunciato, avete accusato un
innocente, e con laiuto di Dio vi ammazzer!
Il pi insolente sorriso si disegn sulle labbra di Torres. Forse il
miserabile ebbe, in quel momento, il pensiero dimpedire il
combattimento fra Benito e lui, e lo poteva. Infatti, egli aveva
compreso che J oam Dacosta non aveva detto nulla di quel
documento che conteneva la prova materiale della sua innocenza.
Ora, rivelando a Benito che lui possedeva tale prova, lavrebbe
disarmato in un istante. Ma, oltre che voler aspettare fino allultimo
momento, senza dubbio per trarre un maggior vantaggio da quel
documento, il ricordo delle parole insultanti del giovanotto e lodio
che portava a tutti i suoi, gli fecero dimenticare persino il proprio
interesse.
Daltra parte, oltre a essere abituato alluso della manchetta, di cui
aveva avuto spesso occasione di servirsi, lavventuriero era robusto,
agile, e destro.
Perci, contro un avversario, di appena venti anni, che non poteva
avere n la sua forza n la sua destrezza, le sorti erano a lui
favorevoli.
Per Manoel, con un ultimo sforzo, volle insistere per battersi al
posto di Benito.
No, Manoel, rispose freddamente il giovanotto tocca a
me solo vendicare mio padre; e poich bisogna che tutto qui proceda
regolarmente, tu sarai il mio padrino!
Benito!
Quanto a voi, Fragoso, non rifiuterete, se vi prego, di fare da
padrino a questuomo?
Sia pure, rispose Fragoso sebbene non vi sia alcun onore
in ci. Io, senza tante cerimonie, soggiunse lavrei
semplicemente ammazzato come una belva!
Il luogo in cui il duello stava per avvenire era un argine piatto, che
misurava circa quaranta passi di larghezza, e dominava il Rio delle
Amazzoni da una quindicina di piedi. Esso era tagliato a picco e di
conseguenza molto scosceso. Nella parte inferiore il fiume scorreva
lentamente, bagnando fasci di canne che rendevano irta la sua base.
Non vi era dunque che poco spazio nel senso della larghezza di
questo argine, e quello dei due avversari che avesse ceduto, sarebbe
stato presto con le spalle allabisso.
Al segnale dato da Manoel, Torres e Benito mossero luno contro
laltro.
Benito allora era interamente padrone di s. Paladino di una santa
causa, la sua freddezza vinceva di molto quella di Torres, la cui
coscienza, per quanto indurita, doveva in quel momento sentirsi
turbata.
Quando entrambi furono vicini, il primo colpo fu dato da Benito.
Torres lo par. I due avversari allora indietreggiarono, ma quasi
subito ritornarono luno addosso allaltro, e si afferrarono con la
mano sinistra alle spalle Non dovevano lasciarsi pi.
Torres, pi vigoroso, diede lateralmente un colpo con la sua
manchetta che Benito non pot schivare del tutto. Il suo fianco destro
fu colpito e la stoffa del suo puncho si arross di sangue. Ma egli
ribatt vivamente e fer leggermente Torres alla mano.
Parecchi colpi furono allora scambiati senza che nessuno fosse
decisivo. Lo sguardo di Benito, sempre silenzioso, era fisso negli
occhi di Torres, come una lama che si addentra fino nel cuore.
Evidentemente il miserabile cominciava a sentirsi smontato. Egli
indietreggi dunque a poco a poco, spinto da quellimplacabile
giustiziere che era pi deciso a prendere la vita del denunciatore di
suo padre che a difendere la propria. Colpire era tutto quanto voleva
Benito, quando laltro non cercava pi che di parare i colpi.
In breve Torres si vide giunto sullorlo dellargine, in un luogo in
cui, leggermente scavato, esso strapiombava sul fiume. Egli
comprese il pericolo, e volle riprendere loffensiva e riguadagnare il
terreno perduto Il suo turbamento aumentava, il suo sguardo livido
si spegneva sotto le palpebre In fine egli dovette curvarsi sotto il
braccio che lo minacciava.
Muori dunque! esclam Benito.
Il colpo fu dato in pieno petto, ma la punta della manchetta si
ruppe contro un corpo duro, nascosto sotto il puncho di Torres.
Benito raddoppi il suo assalto. Torres, la cui risposta non aveva
colpito lavversario, si sent perduto. Fu ancora obbligato a
indietreggiare. Allora volle gridare gridare che la vita di J oam
Dacosta era attaccata alla sua! Non ne ebbe tempo.
Un secondo colpo della manchetta penetr questa volta fino al
cuore dellavventuriero. Cadde allindietro e, mancandogli
allimprovviso il terreno, precipit fuori dellargine. Unultima volta
le sue mani si aggrapparono convulsamente a un ciuffo di canne, ma
esse non poterono trattenerlo Scomparve sotto le acque del fiume.
Benito era appoggiato alla spalla di Manoel, Fragoso gli stringeva
le mani. Non volle nemmeno dare ai compagni il tempo di fasciare la
sua ferita che era leggera.
Alla jangada! disse. Alla jangada!
Manoel e Fragoso, vinti da una commozione profonda, lo
seguirono senza aggiungere parola.
Un quarto dora dopo, tutti e tre arrivavano allargine presso il
quale la jangada era ancorata. Benito e Manoel si precipitavano nella
camera di Yaquita e di Minha e le informavano di quanto era
avvenuto.
Figlio mio! fratello mio!
Queste grida erano state profferite contemporaneamente.
Alla prigione! disse Benito.
S! vieni vieni! rispose Yaquita.
Benito, seguito da Manoel, trascin sua madre. Tutti e tre
sbarcarono, si diressero verso Manao e mezzora pi tardi arrivarono
davanti alla prigione della citt.
In seguito allordine che era stato dato in precedenza dal giudice
J arriquez, furono introdotti immediatamente e condotti alla cella
occupata dal prigioniero.
La porta si apr.
Ah! J oam, mio J oam! esclam Yaquita.
Yaquita, moglie mia! figli miei! rispose il prigioniero, che
apr loro le braccia e li strinse al cuore.
Mio J oam innocente!
Innocente e vendicato! esclam Benito.
Vendicato! che vuoi dire?
Torres morto, padre mio, e morto per mia mano!
Morto! Torres! morto! esclam J oam Dacosta. -
Ah! figlio mio tu mi hai perduto!
CAPITOLO VII
DECISIONI
ALCUNE ore pi tardi, tutta la famiglia, ritornata alla jangada, era
riunita nella sala comune. Tutti erano l, tranne quel giusto che era
stato colpito da quellultima disgrazia.
Benito, atterrito, si accusava di aver perduto suo padre. Senza le
preghiere di Yaquita, di sua sorella, di padre Passanha, di Manoel, il
disgraziato giovane si sarebbe forse spinto, nei primi momenti della
disperazione, a qualche gesto estremo contro se stesso. Ma non era
stato perso di vista e non lavevano lasciato solo. Eppure quale pi
nobile condotta della sua! Non era forse una legittima vendetta che
egli aveva fatto contro il denunciatore di suo padre?
Ah! perch J oam Dacosta non aveva detto tutto prima di lasciare
la jangada! Perch aveva voluto riservarsi di non parlare che al
giudice di quella prova materiale della sua innocenza! Perch nel suo
colloquio con Manoel, dopo la cacciata di Torres, aveva taciuto su
quel documento che lavventuriero diceva di avere nelle sue mani!
Ma, in fin dei conti, quale fiducia si doveva prestare a quanto aveva
detto Torres? Poteva egli essere certo che un tale documento fosse in
possesso di quel miserabile?
A ogni modo, la famiglia sapeva tutto ora, e dalle stesse labbra di
J oam Dacosta. Essa sapeva che, secondo le parole di Torres, la prova
dellinnocenza del condannato di Tijuco esisteva veramente; che quel
documento era stato scritto dalla mano stessa dellautore del delitto;
che quel colpevole preso dai rimorsi al momento di morire laveva
affidato al suo compagno Torres, e che costui, invece di compiere la
volont del morente, aveva fatto della consegna del documento un
ricatto. Ma essa sapeva anche che Torres era morto in quel duello,
che il suo corpo era stato inghiottito dalle acque del Rio delle
Amazzoni e che era scomparso senza nemmeno aver pronunciato il
nome del vero colpevole.
Se non fosse avvenuto un miracolo, J oam Dacosta, ora, doveva
essere considerato come irrimediabilmente perduto. La morte del
giudice Ribeiro, da una parte, la morte di Torres dallaltra, erano un
doppio colpo da cui non avrebbe potuto riaversi.
Bisogna dire qui che lopinione pubblica a Manao, ingiustamente
appassionata come sempre, era tutta contro il prigioniero. Larresto
improvviso di J oam Dacosta faceva riaffiorare nella mente
quellorribile delitto di Tijuco, dimenticato da ventitr anni. Il
processo del giovane impiegato delle miniere del distretto dei
diamanti, la sua condanna alla pena capitale, la sua fuga alcune ore
prima dellesecuzione, tutto fu ripreso, frugato, commentato. Un
articolo apparso nellO Diario do Grand Para, il pi diffuso dei
giornali di quella regione, dopo avere riferito tutte le circostanze del
delitto, era manifestamente ostile al prigioniero. Perch si sarebbe
dovuto credere allinnocenza di J oam Dacosta, quando si ignorava
tutto quanto sapevano i suoi, ci che essi erano i soli a sapere!
Quindi la popolazione di Manao fu istantaneamente sovreccitata.
Una massa di indiani e di negri, travolta da una pazzia cieca, non
tard ad affluire intorno al carcere, mandando grida di morte. In quel
paese delle due Americhe, in cui si vede troppo spesso applicata
lodiosa legge di Lynch, la folla si abbandona facilmente ai suoi
istinti crudeli e si poteva temere che in quelloccasione volesse far
giustizia da s.
Quale triste notte per i passeggeri della fazenda! Padroni e servi
erano stati colpiti a un tempo. Tutte le persone della fazenda non
erano membri forse di una stessa famiglia? Tutti, del resto, vollero
vegliare per la sicurezza di Yaquita e dei suoi. Vi era sulla riva del
Rio Negro un incessante andirivieni di indigeni, evidentemente
eccitati dallarresto di J oam Dacosta, e chi sa a quali eccessi poteva
lasciarsi andare quella folla incivile!
La notte pass, tuttavia, senza che nessuna dimostrazione fosse
stata perpetrata nei confronti della jangada.
Lindomani, 26 agosto, al levare del sole, Manoel e Fragoso, che
non avevano lasciato Benito un istante in quella notte angosciosa,
tentarono di strapparlo alla sua disperazione. Dopo averlo tratto in
disparte, gli fecero capire che non vi era pi un momento da perdere,
che bisognava decidersi ad agire.
Benito disse Manoel ritorna in te stesso, ridiventa uomo,
ridiventa figlio!
Padre mio! esclam Benito. Lho ucciso io!
No, rispose Manoel e con laiuto del cielo possibile che
non sia ancora tutto perduto!
Ascoltateci, signor Benito, disse Fragoso.
Il giovanotto, passandosi la mano sugli occhi, fece uno sforzo.
Benito, riprese Manoel Torres non ha mai detto nulla che
ci possa mettere sulla traccia del suo passato. Noi non possiamo
dunque sapere chi lautore del delitto di Tijuco, n in quali
condizioni egli lha commesso. Cercare da questa parte sarebbe
perdere il nostro tempo.
E il tempo stringe! soggiunse Fragoso.
Daltra parte, disse Manoel quando anche noi
riuscissimo a scoprire chi fu questo compagno di Torres, egli morto
e non potrebbe testimoniare dellinnocenza di J oam Dacosta. Ma non
meno certo che la prova di questa innocenza esista, e non vi
dubbio sullesistenza di quel documento, poich Torres ne aveva
fatto loggetto di un ricatto. Laveva detto lui stesso. Quel
documento una confessione autografa del colpevole, che riferisce
lattentato minutamente e che riabilita nostro padre! S! cento volte
si! Quel documento esiste!
Ma Torres non esiste pi! esclam Benito. E il
documento scomparso con quel miserabile!
Aspetta e non disperare ancora! rispose Manoel. Ti
ricordi in quali circostanze abbiamo conosciuto Torres? Era in mezzo
alle foreste di Iquitos. Inseguiva una scimmia che gli aveva rubato un
astuccio di metallo, che egli aveva molto caro, e la caccia durava gi
da due ore, quando quella scimmia cadde sotto i nostri proiettili.
Ebbene, puoi tu credere che fosse per le poche monete doro chiuse
nellastuccio che Torres aveva messo tanto accanimento nel riaverlo,
e non ti ricordi della smisurata gioia che lasci scorgere quando tu gli
consegnasti quellastuccio strappato dalla zampa della scimmia?
S! si! rispose Benito. lastuccio che ho avuto in
pugno e che gli ho restituito! E forse conteneva il!
pi che probabile! quasi certo! rispose Manoel.
E aggiungo questo disse Fragoso poich quel fatto mi
ritorna in mente. Durante la visita che voi avete fatto a Ega, io sono
rimasto a bordo, su consiglio di Lina, per sorvegliare Torres; ebbene,
io lho visto s lho visto leggere e rileggere una vecchia carta
tutta ingiallita, mormorando delle parole che non potevo
comprendere!
Era il documento esclam Benito, aggrappandosi a questa
speranza, la sola che gli rimanesse! Ma quel documento non
lavr egli deposto in luogo sicuro?
No, rispose Manoel no! Era troppo prezioso; Torres
non poteva pensare a separarsene. Doveva portarlo sempre indosso e
senza dubbio in quellastuccio!
Aspetta aspetta Manoel esclam Benito. Mi ricordo,
s, mi ricordo! Durante il duello, al primo colpo che ho dato a Torres
in pieno petto, la mia manchetta incontr sotto il suo puncho un
corpo duro come una lastra di metallo
Era lastuccio! esclam Fragoso.
S rispose Manoel. Non vi pi alcun dubbio!
Quellastuccio era in tasca della sua casacca!
Ma il cadavere di Torres?
Lo ritroveremo.
Ma quella carta! Lacqua lavr toccata, forse distrutta, resa
indecifrabile!
Perch rispose Manoel se quellastuccio di metallo che la
conteneva era ermeticamente chiuso?
Manoel, rispose Benito, aggrappandosi a questultima
speranza hai ragione! Bisogna ritrovare il cadavere di Torres! Noi
frugheremo tutta quella parte del fiume, se necessario, ma lo
ritroveremo!
Il pilota Araujo fu subito chiamato e informato di quanto si stava
per intraprendere.
Bene, rispose Araujo. Io conosco i risucchi e le correnti
nel punto di confluenza del Rio Negro con il Rio delle Amazzoni e
possiamo riuscire a trovare il corpo di Torres. Prendiamo due
piroghe, due ubas, una dozzina dei nostri indiani e imbarchiamoci.
Padre Passanha usciva in quel momento dalla camera di Yaquita.
Benito and da lui e lo inform in poche parole su ci che essi
volevano tentare per ricuperare il documento.
Non dite ancora nulla n a mia madre n a mia sorella!
aggiunse. Questultima speranza, se venisse a mancare, le
ucciderebbe!
Va, figlio mio, va rispose padre Passanha e Dio vi
assista nelle vostre ricerche!
Cinque minuti dopo, le quattro barche si staccavano dalla jangada;
dopo aver disceso il Rio Negro, giungevano vicino allargine del Rio
delle Amazzoni, sullo stesso luogo in cui Torres, colpito a morte, era
scomparso nelle acque del fiume.
CAPITOLO VIII
PRIME RICERCHE
LE RICERCHE dovevano essere eseguite senza indugi e ci per due
ragioni gravi.
La prima - questione di vita o di morte - era che la prova
dellinnocenza di J oam Dacosta importava che fosse presentata prima
dellarrivo dellordine da Rio de J aneiro. Infatti, quellordine, data
lidentit del condannato, non poteva essere che un ordine di
esecuzione.
La seconda era che bisognava che il corpo di Torres non
rimanesse nellacqua se non il minor tempo possibile, per ritrovare
intatto lastuccio e ci che poteva contenere.
Araujo diede prova, in quelloccasione, non solo di zelo e di
intelligenza, ma anche di una perfetta conoscenza dello stato del
fiume al punto di confluenza con il Rio Negro.
Se Torres disse ai due giovani stato dapprima
trascinato dalla corrente, bisogner scandagliare il fiume per un
lungo spazio, perch aspettare che il suo corpo riappaia alla
superficie per effetto della decomposizione richiederebbe molti
giorni.
Non ce lo possiamo permettere, rispose Manoel e
bisogna riuscire oggi stesso.
Se, al contrario, soggiunse il pilota quel corpo rimasto
imprigionato fra le erbe e le canne, ai piedi dellargine, non
stenteremo unora a ritrovarlo.
Allopera, dunque! rispose Benito.
Non vi era altra soluzione. Le barche si avvicinarono allargine, e
gli indiani, muniti di lunghe gaffe, cominciarono a scandagliare ogni
parte del fiume, a pie della riva, il cui piano aveva servito da luogo
di combattimento.
Il luogo, del resto, aveva potuto essere facilmente riconosciuto.
Una striscia di sangue macchiava la scarpa nella sua parte formata di
creta, che si abbassava perpendicolarmente fino alla superficie delle
acque. L, numerose goccioline sparse sulle canne, indicavano il
luogo stesso dove il cadavere era scomparso.
Un punto della riva che si delineava a cinquanta piedi pi gi
tratteneva le acque immobili, come in un largo bacino. Nessuna
corrente vi era al piede del greto, e le canne rimanevano ritte in una
immobilit completa. Si poteva dunque sperare che il corpo di Torres
non fosse stato trascinato nel mezzo del fiume. Del resto, nel caso
che il letto del fiume avesse avuto un declivio sufficiente, tuttal pi
il cadavere avrebbe potuto scivolare a poche tese dalla scarpa, e l
ancora nessun filo di corrente si faceva sentire.
Le ubas e le piroghe, dividendosi il lavoro, limitarono dunque il
campo delle ricerche allestremo perimetro del risucchio, e dalla
circonferenza al centro, le lunghe gaffe dellequipaggio non
lasciarono un solo punto inesplorato.
Ma nessuno scandaglio permise di trovare il corpo
dellavventuriero, n nel viluppo delle canne, n nel fondo del letto,
il cui pendio fu allora studiato con cura.
Due ore dopo linizio di quel lavoro, fu necessario ammettere che
il corpo, avendo senza dubbio urtato sulla scarpa, aveva dovuto
cadere obliquamente e rotolare fuori dei limiti di quel risucchio, dove
la corrente cominciava a far sentire i suoi effetti.
Non bisogna disperare disse Manoel e tanto meno
rinunciare alle ricerche!
Bisogner, dunque, esclam Benito frugare il fiume in
tutta la sua lunghezza e in tutta la sua larghezza?
In tutta la sua larghezza, forse s, rispose Araujo. In tutta
la sua lunghezza no, per fortuna.
E perch? domand Manoel.
Perch il Rio delle Amazzoni, a un miglio a valle del suo punto
di confluenza con il Rio Negro, fa un gomito nello stesso punto in
cui il fondo del suo letto risale rapidamente. Vi dunque una specie
di sbarramento naturale, ben conosciuto dai marinai sotto il nome di
sbarramento di Frias, che possono valicare solo gli oggetti
galleggianti alla superficie. Ma se si tratta di quelli che la corrente fa
rotolare fra le due acque, loro impossibile passare la scarpa di
questa depressione!
Era, bisogna convenirne, una circostanza fortunata, se Araujo non
singannava. E in sostanza ci si doveva fidare di quel vecchio pratico
del Rio delle Amazzoni. Da trentanni faceva il mestiere di pilota, il
passo dello sbarramento di Frias, dove la corrente si accentuava a
causa del suo stringimento, gli aveva dato spesso da fare. La
strettezza del canale, laltezza del fondo, rendevano quel passo molto
difficile e pi di un treno di legname vi si era trovato in pericolo.
Dunque Araujo aveva ragione di dire che, se il corpo di Torres era
ancora mantenuto dal suo peso specifico sul fondo sabbioso del letto,
non poteva essere stato trascinato oltre lo sbarramento. vero che
pi tardi, quando per lespansione dei gas sarebbe risalito alla
superficie, preso dal filo della corrente, sarebbe andato
irrimediabilmente a perdersi a valle fuori del passo. Ma quelleffetto,
puramente fisico, non doveva verificarsi prima di alcuni giorni.
Non ci si poteva affidare a un uomo pi abile e che meglio del
pilota Araujo conoscesse quei paraggi. Ora, poich egli affermava
che il corpo di Torres non poteva essere stato trascinato oltre lo
stretto canale per lo spazio di un miglio al pi, frugando quella parte
del fiume, necessariamente si doveva ritrovarlo.
Nessuna isola, del resto, nessun isolotto rompeva in quel luogo il
corso del Rio delle Amazzoni. Ne conseguiva che, quando la base dei
due argini del fiume fosse stata esplorata fino allo sbarramento,
sarebbe stato necessario procedere alla pi minuziosa perlustrazione
del letto stesso, largo circa cinquecento piedi.
Cos fu fatto. Le barche, tenendo la destra e la sinistra del Rio
delle Amazzoni, seguivano i due argini. Le canne e le erbe furono
frugate a colpi di gaffe. Delle sporgenze delle rive, alle quali un
corpo avrebbe potuto aggrapparsi, non un punto sfugg alle ricerche
di Araujo e degli indiani.
Ma tutto quel lavoro non diede alcun risultato, e la met della
giornata era gi trascorsa, senza che lirreperibile corpo avesse potuto
essere ricondotto alla superficie del fiume.
Unora di riposo fu accordata agli indiani, che la usarono per
rifocillarsi; poi si rimisero al lavoro.
Questa volta le quattro barche, dirette ciascuna dal pilota, da
Benito, da Fragoso e da Manoel, si divisero in quattro zone tutto lo
spazio compreso fra limboccatura del Rio Negro e lo sbarramento di
Frias, poich si doveva esplorare il letto del fiume. Per in certi punti
la manovra delle gaffe non parve sufficiente per scandagliare bene il
fondo. Ed perci che certe lunghe draghe o meglio certi erpici, fatti
di pietre e di ferro, chiusi in una salda rete furono installati a bordo e,
mentre le barche venivano spinte perpendicolarmente alle rive, si
immersero quei rastrelli che dovevano raschiare il fondo in tutti i
versi.
Fu a tale difficile lavoro che Benito e i suoi compagni lavorarono
fino a sera. Le ubas e le piroghe, manovrate con la pagaia, giravano
alla superficie del fiume in tutto il bacino che terminava a valle dello
sbarramento di Frias.
Vi furono anche degli istanti di commozione, durante quei lavori,
quando gli erpici, aggrappati a qualche oggetto del fondo, facevano
resistenza. Allora si faceva forza, ma invece del corpo avidamente
cercato non si tiravano su che poche pietre pesanti e dei mucchi di
erbe strappati al letto di sabbia.
Tuttavia nessuno pensava ad abbandonare lesplorazione
intrapresa.
Tutti dimenticavano se stessi per quellopera di salvezza. Benito,
Manoel, Araujo non avevano bisogno di incitare gli indiani n di
incoraggiarli. Quegli onesti uomini sapevano che stavano lavorando
per il fazendero di Iquitos, per luomo che essi amavano, per il capo
di quella grande famiglia che comprendeva alla pari i padroni e i
servi!
Si, se fosse stato necessario, senza pensare alla fatica si sarebbe
passata la notte a scandagliare il fondo di quel bacino. Tutti sapevano
bene quanto valeva ogni minuto perduto.
Per, un po prima che il sole scomparisse, Araujo, vedendo che
era inutile continuare quelloperazione nelloscurit, diede il segnale
alle barche di radunarsi, ed esse tornarono al punto di confluenza del
Rio Negro, in modo da raggiungere la jangada.
La ricerca, per quanto condotta minuziosamente e
intelligentemente, non era approdata a nulla!
Manoel e Fragoso, ritornando, non osavano parlare dellesito
negativo dellimpresa di fronte a Benito. Non dovevano essi temere
che lo scoraggiamento lo spingesse a qualche atto disperato?
Ma, n il coraggio, n la calma dovevano pi abbandonare quel
giovane. Egli era deciso ad andare fino agli estremi in questa lotta
per salvare lonore e la vita di suo padre, e fu lui che parl ai suoi
compagni dicendo:
A domani! Noi ricominceremo e in migliori condizioni, se
possibile!
S, rispose Manoel hai ragione, Benito. C di meglio da
fare. Noi non possiamo credere di aver interamente esplorato questo
bacino al piede delle rive e su tutta lestensione del fondo!
No, non possiamo crederlo, rispose Araujo e io sostengo
quanto ho gi detto, cio che il corpo di Torres l, ed l perch
non ha potuto essere trascinato, perch non ha potuto passare lo
sbarramento di Frias, e perch occorrono molti giorni prima che
risalga alla superficie e possa essere trasportato a valle! S! vi , e
non si accosti mai pi alle mie labbra una damigiana di acquavite se
non lo trovo!
Quellaffermazione, sulle labbra del pilota, aveva grande valore,
ed era tale da ridonare la speranza a tutti.
Pure Benito, che non voleva pi credere alle parole e preferiva
vedere le cose quali erano, credette di dover rispondere:
S, Araujo, il corpo di Torres ancora in questo bacino, e noi
lo ritroveremo se
Se? fece il pilota.
Se non divenuto preda dei caimani!
Manoel e Fragoso aspettavano, non senza commozione, la risposta
che Araujo stava per dare.
Il pilota tacque per alcuni istanti. Si intuiva che voleva riflettere
prima di rispondere.
Signor Benito, disse finalmente io non ho labitudine di
parlare con leggerezza. Ho avuto lo stesso vostro pensiero, ma
ascoltate bene. In queste dieci ore di ricerche che sono passate, avete
visto un solo caimano nelle acque del fiume?
Neppure uno rispose Fragoso.
Se non ne avete visti soggiunse il pilota significa che non
ve ne sono, e se non ve ne sono vuol dire che quegli animali non
hanno alcun interesse ad avventurarsi nelle acque chiare quando a un
quarto di miglio da qui trovano larghe estensioni di acque scure che
essi preferiscono! Quando la jangada fu assalita da quegli animali fu
perch in quel luogo non cera nessun affluente del Rio delle
Amazzoni in cui essi potessero rifugiarsi. Qui ben altra cosa.
Andate sul Rio Negro, e l voi troverete caimani a dozzine. Se il
corpo di Torres fosse caduto in quellaffluente, forse non ci sarebbe
pi alcuna speranza di ritrovarlo mai! Ma nel Rio delle Amazzoni
che caduto e il Rio delle Amazzoni ce lo restituir!
Benito, sollevato da questo timore, prese la mano del pilota e la
strinse, limitandosi a rispondere:
A domani, amici miei!
Dieci minuti dopo tutti erano a bordo della jangada.
In quel giorno Yaquita aveva passato alcune ore accanto a suo
marito. Ma prima di partire, quando non vide pi n il pilota, n
Manoel, n Benito, n le barche, comprese a quale specie di ricerche
si erano dedicati. Tuttavia non volle dir nulla a J oam Dacosta,
sperando che lindomani potesse comunicargli lesito positivo delle
ricerche.
Ma appena Benito ebbe messo il piede sulla jangada comprese che
quelle ricerche erano state vane.
Tuttavia avanz verso di lui.
Nulla? disse ella.
Nulla rispose Benito ma domani ci sar favorevole!
Ogni membro della famiglia si ritir nella sua camera, e non si
parl pi di quanto era accaduto.
Manoel volle obbligare Benito a coricarsi per prendere almeno
unora o due di riposo.
A che serve? rispose Benito. Potrei forse dormire?
CAPITOLO IX
RICERCHE SUCCESSIVE
LINDOMANI, 27 agosto, prima dellalba, Benito prese Manoel in
disparte e gli disse:
Le ricerche che abbiamo fatto ieri sono state infruttuose. Se
ricominciamo oggi nelle medesime condizioni, non saremo pi
fortunati!
Ma necessario rispose Manoel.
S, soggiunse Benito ma se il corpo di Torres non sar
ritrovato, puoi tu dirmi quanto tempo sar necessario perch ritorni
alla superficie del fiume?
Se Torres rispose Manoel fosse caduto vivo nellacqua, e
non in seguito a morte violenta, bisognerebbe aspettare cinque o sei
giorni. Ma poich non scomparso che dopo essere stato colpito a
morte, forse due o tre giorni basteranno a farlo riapparire.
La risposta di Manoel, che assolutamente giusta, richiede
qualche spiegazione.
Quando un essere umano cade nellacqua, atto a galleggiare, a
condizione che lequilibrio possa stabilirsi fra la densit del suo
corpo e quella dellelemento liquido. Si deve trattare, ben inteso, di
una persona che non sappia nuotare. In queste condizioni, se si lascia
sommergere, non tenendo che la bocca e il naso fuori dellacqua,
gallegger. Ma il pi delle volte non succede cos. Il primo
movimento di un uomo che sta annegando di cercare di tenere
quanto pi pu della sua persona fuori dellacqua; raddrizza la testa,
alza le braccia, e queste parti del suo corpo non essendo pi sostenute
dal liquido non perdono la quantit di peso che perderebbero se
fossero completamente sommerse. Di qui un eccesso di peso, e poi
una immersione completa. Infatti lacqua penetra attraverso la bocca
nei polmoni, occupa il posto dellaria che li riempiva e il corpo cola a
picco.
Se invece luomo caduto nellacqua gi morto, in condizioni
molto differenti e pi favorevoli per galleggiare, poich non in
grado di compiere quei movimenti di cui si parlato pi sopra, e se
affonda, poich il liquido non penetrato cos abbondantemente nei
suoi polmoni, per il fatto che non ha cercato di respirare, con
maggiore rapidit riaffiorer alla superficie dellacqua.
Manoel aveva dunque ragione di fare una distinzione fra il caso di
un uomo ancora vivo e il caso di un uomo gi morto che cade
nellacqua.
Nel primo caso il ritorno alla superficie necessariamente pi
lungo che nel secondo.
Quanto alla riapparizione di un corpo dopo unimmersione pi o
meno prolungata, essa unicamente determinata dalla
decomposizione che generano i gas, i quali producono la distensione
dei suoi tessuti cellulari; il suo volume aumenta senza che il suo peso
cresca, e allora, meno pesante dellacqua che sposta, risale e si trova
nelle condizioni richieste di galleggiamento.
Cos soggiunse Manoel bench le circostanze siano
favorevoli, poich Torres non viveva pi quando caduto nel fiume,
a meno che la decomposizione non sia modificata da circostanze che
non si possono prevedere, non pu riapparire che fra tre giorni.
Noi non abbiamo tre giorni a nostra disposizione! rispose
Benito. Non possiamo aspettare, lo sai. Bisogna dunque procedere
a nuove ricerche, ma in modo diverso.
Che cosa conti di fare? chiese Manoel.
Tuffarmi io stesso fino sul fondo del fiume rispose Benito.
Cercare con i miei occhi, cercare con le mie mani
Tuffarsi cento volte, mille volte! esclam Manoel. Sta
bene! Io credo come te che oggi bisogna procedere con una ricerca
diretta e non agire pi alla cieca con draghe e gaffe, che non lavorano
se non a spanne. Io credo pure che non possiamo aspettare nemmeno
tre giorni. Ma tuffarsi, risalire, ridiscendere, tutto ci non d che
brevi periodi di esplorazione. No! insufficiente, ci sarebbe inutile
e noi rischieremmo di fallire unaltra volta!
Hai dunque unaltra soluzione da propormi, Manoel?
domand Benito che sembrava divorare con gli occhi lamico.
Ascoltami. Vi una circostanza per cos dire provvidenziale
che pu venirci in aiuto.
Parla! parla!
Ieri, attraversando Manao, ho visto che si lavorava a riparare
una delle sue rive, sulla sponda del Rio Negro. Ora, quei lavori
sottacqua venivano eseguiti per mezzo di uno scafandro. Pigliamo a
prestito, noleggiamo, comperiamo a qualsiasi prezzo questo
apparecchio e sar possibile riprendere le nostre ricerche in
condizioni pi favorevoli!
Avverti Araujo, Fragoso, gli uomini e partiamo! rispose
immediatamente Benito.
Il pilota e il barbiere furono informati delle decisioni prese
secondo il progetto di Manoel. Fu stabilito che entrambi sarebbero
andati con gli indiani e le quattro barche al bacino di Frias e
avrebbero aspettato l i due giovani.
Manoel e Benito sbarcarono senza perdere un istante e si recarono
alla riva di Manao. L essi offrirono una tale somma allimprenditore
dei lavori che costui si affrett a mettere il suo apparecchio a loro
disposizione per tutta la giornata.
Volete uno dei miei uomini chiese limprenditore che
possa aiutarvi?
Datemi il vostro secondo nostromo e alcuni suoi compagni per
manovrare la pompa ad aria rispose Manoel.
Ma chi indosser lo scafandro?
Io rispose Benito.
Tu, Benito? esclam Manoel.
S!
Sarebbe stato inutile insistere.
Unora dopo, la zattera che portava la pompa e tutti gli strumenti
necessari alla manovra, era andata alla deriva fino al piede
dellargine dove erano in attesa le barche.
Si sa in che cosa consista lapparecchio dello scafandro, che
permette di discendere sotto le acque, e di rimanervi un certo tempo,
senza che le funzioni dei polmoni siano minimamente intaccate.
Colui che si tuffa indossa una tuta impermeabile di caucci, le cui
estremit inferiori terminano con suole di piombo che assicurano la
verticalit della sua posizione nel mezzo liquido. Al collo della tuta,
allaltezza del collo, adattato un collare di rame; su questo si avvita
una boccia in cui chiusa la testa del tuffatore ed essa vi si pu
muovere a suo agio. Alla boccia sono attaccati due tubi: uno serve
per luscita dellaria respirata che nociva al funzionamento dei
polmoni, laltro in comunicazione con una pompa manovrata sulla
zattera, che immette aria pura per la respirazione. Quando colui che
si tuffa deve lavorare sul posto, la zattera rimane immobile sopra di
lui; se invece egli deve andare e venire sul fondo del letto, la zattera
ne segue i movimenti, o egli segue quelli della zattera, secondo
quanto stato convenuto fra lui e lequipaggio.
Gli scafandri moderni, molto perfezionati, offrono maggiori
probabilit di riuscita di quelli di un tempo. Luomo tuffato
nellacqua si abitua facilmente alleccesso di pressione che deve
sopportare. Nel caso che si dovesse temere un pericolo, questo
sarebbe dovuto allincontro di qualche caimano nella profondit del
fiume. Ma, come aveva fatto osservare Araujo, non uno di quegli
anfibi era stato segnalato la vigilia, e si sa che essi cercano di
preferenza le acque scure degli affluenti del Rio delle Amazzoni. Del
resto, nel caso di un pericolo qualsiasi, il palombaro ha sempre a sua
disposizione il cordone di un campanello posto sulla zattera e al
minimo tintinnio si pu tirarlo rapidamente alla superficie.
Benito era molto calmo, quando, presa la sua decisione, rivesti lo
scafandro; la sua testa sparve nella sfera metallica; la sua mano prese
una specie di spiedo di ferro, adatta a frugare le erbe o i detriti
accumulatisi nel letto del bacino, e a un suo cenno fu lasciato andare
a fondo.
Gli uomini della zattera, pratici di quel lavoro, cominciarono
subito a manovrare la pompa ad aria, mentre quattro indiani della
jangada, sotto gli ordini di Araujo, la spingevano lentamente con le
loro lunghe gaffe nella direzione voluta.
Le due piroghe, montate, una da Fragoso, laltra da Manoel, pi due
rematori, scortavano la zattera e si tenevano pronti a portarsi
rapidamente avanti o indietro, se Benito, ritrovato finalmente il corpo
di Torres, lo avesse ricondotto alla superficie del Rio delle
Amazzoni.





CAPITOLO X
UN COLPO DI CANNONE
BENITO era dunque sceso sotto quellampio velo dacqua che gli
nascondeva ancora il cadavere dellavventuriero. Ah! se avesse avuto
il potere di sviarle, di evaporarle, di asciugarle quelle acque del
grande fiume, se avesse potuto mettere a secco tutto quel bacino di
Frias, dallo sbarramento a valle fino al punto di confluenza del Rio
Negro, senza dubbio quellastuccio nascosto negli abiti di Torres
sarebbe gi stato nelle sue mani! Linnocenza di suo padre sarebbe
stata riconosciuta! J oam Dacosta, ridonato alla libert, avrebbe
ripreso con i suoi cari la discesa del fiume, e che terribili prove
avrebbero potuto essere evitate!
Benito aveva posto il piede sul fondo. Le sue pesanti suole
facevano scricchiolare la sabbia del letto. Egli si trovava allora da
dieci a quindici piedi dacqua circa, a piombo dellargine, pressoch
nello stesso luogo in cui Torres era scomparso.
L si ammucchiava uninestricabile rete di canne, di radici e di
piante acquatiche, e certamente nelle ricerche della vigilia, in quel
luogo le gaffe dovevano essere state impotenti a frugare tutto
quellinviluppo. Era dunque possibile che il corpo, trattenuto da quei
cespugli acquatici, fosse ancora nello stesso luogo in cui era caduto.
In quel punto, grazie al risucchio prodotto dallallungarsi di una
delle sporgenze della riva, la corrente era assolutamente nulla. Benito
obbediva dunque unicamente ai movimenti della zattera che le gaffe
degli indiani spostavano sopra il suo capo.
La luce penetrava allora abbastanza profondamente in quelle
acque chiare, sulle quali un magnifico sole, risplendente in un cielo
senza nubi, dardeggiava quasi verticalmente i suoi raggi. Nelle
condizioni normali di visibilit sotto uno strato liquido, una
profondit di venti piedi basta perch la vista sia estremamente
limitata; ma qui le acque sembravano come impregnate di luce e
Benito poteva discendere ancora pi sotto senza che le tenebre gli
nascondessero il fondo del fiume.
Il giovane segu piano piano largine. Il suo bastone ferrato ne
frug le erbe e i detriti accumulatisi alla sua base. Dei voli di
pesci, se cos ci si pu esprimere, fuggivano come frotte di uccelli
fuori di un fitto cespuglio. Li avreste detti migliaia di pezzi di uno
specchio in frantumi, che guizzassero attraverso le acque. Nel
medesimo tempo alcune centinaia di crostacei apparvero sulla sabbia
giallastra, simili a grosse formiche cacciate dal loro formicaio.
Tuttavia, bench Benito non lasciasse un solo punto della riva
inesplorato, loggetto delle sue ricerche non si vedeva ancora. Egli
osserv allora che il declivio del letto era abbastanza considerevole e
ne dedusse che il corpo di Torres aveva potuto rotolare al di l del
risucchio verso la parte centrale del fiume. Se cos era avvenuto,
forse sarebbe stato ritrovato, perch la corrente non aveva potuto
strapparlo da una cos grande profondit e che doveva sensibilmente
aumentare.
Benito decise dunque di esplorare da quella parte, una volta
terminato lo scandaglio della macchia delle erbacce. E perci
continu ad avanzare in quella direzione che la zattera doveva
seguire per un quarto dora, secondo quanto era stato stabilito in
precedenza.
Un quarto dora dopo Benito non aveva ancora trovato niente.
Sent allora bisogno di risalire alla superficie per trovarsi in
condizione di poter riprendere di nuovo forza. In alcuni luoghi, in cui
la profondit del fiume era maggiore, aveva dovuto discendere fino a
trenta piedi circa. Aveva dunque dovuto sopportare una pressione
quasi equivalente a quella di unatmosfera, causa di fatica fisica e di
turbamento morale per chi non abituato a questo genere di lavoro.
Benito tir dunque il cordone del campanello. Gli uomini della
zattera cominciarono a tirarlo su; ma essi operavano lentamente,
impiegando un minuto a sollevarlo di due o tre piedi, per non
produrre nei suoi organi i deleteri effetti della decompressione.
Appena il giovane ebbe messo piede sulla zattera, e la sfera
metallica dello scafandro gli fu tolta, respir a lungo e sedette per
riposare un poco.
Le piroghe si erano subito avvicinate. Manoel, Fragoso, Araujo
erano l, vicino a lui, aspettando che potesse parlare.
Ebbene? chiese Manoel.
Ancora nulla! nulla!
Non hai visto nessuna traccia?
No.
Vuoi che cerchi io?
No, Manoel, ho cominciato rispose Benito e so dove
voglio andare, lasciami fare!
Benito spieg allora al pilota che era sua intenzione visitare la
parte inferiore dellargine fino allo sbarramento di Frias, l dove il
risollevamento del suolo aveva potuto arrestare il corpo di Torres,
soprattutto se quel corpo, ondeggiando fra le due acque, aveva
subito, anche minimamente, lazione della corrente; ma prima di
tutto voleva scostarsi lateralmente dallargine ed esplorare con cura
quella specie di depressione formata dal declivio del letto fino al
fondo nel quale le gaffe non avevano potuto evidentemente
penetrare.
Araujo approv quel progetto e si dispose a prendere le misure
necessarie.
Manoel credette allora di dover dare qualche consiglio a Benito.
. Poich vuoi proseguire le ricerche da questa parte disse
la zattera piegher obliquamente verso questa direzione, ma bisogna
essere prudenti, Benito. Si tratta di scendere pi profondamente di
quanto tu non abbia fatto, forse a cinquanta o sessanta piedi, e l
dovrai sopportare una pressione di due atmosfere. Non avventurarti
dunque se non con estrema lentezza, o la presenza di spirito potrebbe
mancarti. Tu non sapresti pi n dove sei, n cosa devi fare. Se senti
la testa come stretta in una morsa, se le tue orecchie ronzano
continuamente, non esitare a dare il segnale e noi ti riporteremo alla
superficie; poi ricomincerai, se sar necessario; ma almeno ti sarai un
poco abituato a muoverti in quelle profonde zone del fiume.
Benito promise a Manoel di far tesoro delle sue raccomandazioni,
di cui comprendeva limportanza. Egli era colpito soprattutto dal
dubbio che potesse mancargli la freddezza danimo nel momento in
cui gli sarebbe forse stata pi necessaria.
Benito strinse la mano di Manoel; la sfera dello scafandro fu di
nuovo avvitata al suo collo, poi la pompa incominci a funzionare e
il palombaro scomparve rapidamente sotto le acque.
La zattera si era allora allontanata di una quarantina di piedi dalla
riva sinistra; ma a mano a mano che avanzava verso la parte centrale
del fiume, poich la corrente poteva farla andare alla deriva pi
velocemente di quanto non fosse necessario, le ubas vi si
ormeggiarono e i rematori le sostennero contro la deriva, in modo da
non lasciarle muovere se non con estrema lentezza.
Benito fu calato molto dolcemente e ritrov il fondo del fiume.
Quando sent sotto i piedi la sabbia del letto, pot giudicare dalla
lunghezza della corda di sicurezza che si trovava a una profondit di
settantacinque o settantasei piedi. Vi era dunque l una depressione
considerevole scavata molto al di sotto del livello normale.
Lacqua era allora pi scura, ma la sua limpidezza lasciava
penetrare ancora tanta luce da permettere a Benito di individuare
sufficientemente gli oggetti sparsi sul fondo del fiume e di dirigersi
con sicurezza. Del resto la sabbia seminata di mica sembrava formare
una specie di riflettore e si sarebbero potuti contare i grani che
splendevano come polvere luminosa.
Benito camminava, guardava, scandagliava ogni minima cavit
con il suo spiedo. Continuava ad affondare lentamente. Gli si
lasciava calare della corda quando la chiedeva, e poich i tubi che
servivano allaspirazione e allespirazione dellaria non erano mai
irrigiditi, la pompa poteva funzionare in buone condizioni.
Benito si scost cos in modo da raggiungere la parte centrale del
letto del Rio delle Amazzoni, l dove si trovava la maggiore
depressione.
Alcune volte si faceva una profonda oscurit intorno a lui, ed egli
allora non poteva pi vedere nulla, nemmeno in unarea molto
ristretta. Fenomeno puramente passeggero; era la zattera che,
spostandosi sopra la sua testa, intercettava completamente i raggi del
sole trasformando a quella profondit il giorno in notte. Ma un
istante dopo, la grande ombra si dissipava e la riflessione della sabbia
riprendeva tutta la sua densit.
Benito discendeva sempre. Lo avvertiva soprattutto dallaumento
della pressione che imponeva al suo corpo la massa liquida. La sua
respirazione era meno facile, la retrattilit dei suoi organi non si
compiva pi secondo la sua volont, con altrettanta agevolezza come
in un mezzo atmosferico convenientemente equilibrato. In quelle
condizioni si trovava sotto lazione di effetti fisiologici a cui non era
abituato. Il ronzio cresceva nelle sue orecchie, ma poich la sua
mente era sempre lucida, poich sentiva il ragionamento farsi nel suo
cervello con una perfetta limpidezza, anche se un po straordinaria,
non volle dare il segnale di essere tirato su e continu a discendere
pi profondamente.
Un istante, nella penombra in cui si trovava, una massa confusa
attir la sua attenzione. Sembrava avere la forma di un corpo cacciato
sotto un mucchio di erbe acquatiche.
Una viva commozione si impadron di lui. Avanz in quella
direzione, e con il bastone rimosse quel mucchio.
Non era che il cadavere di un enorme caimano, gi ridotto allo
stato di scheletro, e che le correnti del Rio Negro avevano trascinato
fino nel letto del Rio delle Amazzoni.
Benito indietreggi e, nonostante le asserzioni del pilota, gli venne
in mente che qualche caimano vivente avrebbe potuto essersi
cacciato nei profondi strati del bacino di Frias!
Ma respinse quellidea e continu il suo cammino in modo da
raggiungere il fondo stesso della depressione.
Doveva trovarsi a una profondit di novanta o cento piedi e, di
conseguenza, sopportava una pressione di tre atmosfere. Se dunque
quella depressione fosse aumentata ancora, sarebbe presto stato
obbligato ad arrestare le sue ricerche.
Le esperienze hanno dimostrato infatti che nelle profondit
inferiori a centoventi o centotrenta piedi si trova lestremo limite che
pericoloso valicare in escursioni sottomarine: non solo lorganismo
umano non si presta a funzionare convenientemente sotto tali
pressioni, ma gli apparecchi non forniscono pi aria respirabile con
sufficiente regolarit.
Tuttavia Benito era deciso ad andare fino a tanto che la forza
morale e la vigoria fisica non gli fossero venute a mancare. Per un
inspiegabile presentimento, si sentiva attratto verso quellabisso; gli
sembrava che il corpo avesse dovuto rotolare fino al fondo di quella
cavit, che forse Torres si fosse appesantito con oggetti di una certa
mole, come una cintura contenente del denaro, delloro o delle armi,
e avesse potuto rimanere a quelle grandi profondit.
A un tratto, in una cavit scura, vide un cadavere! si! un cadavere,
vestito ancora, disteso come se fosse stato un uomo addormentato,
con le braccia piegate sotto il capo!
Era Torres? Nelloscurit allora molto opaca, era pi difficile
riconoscerlo; ma era proprio un corpo umano che giaceva l, a meno
di dieci passi, nella pi assoluta immobilit!
A un tratto una scossa, tanto violenta quanto inattesa, fece vibrare
tutta la sua persona. Una lunga correggia gli percoteva il corpo, e
nonostante il pesante equipaggiamento dello scafandro, sentiva
quelle staffilate a colpi raddoppiati.
Un gimnoto! disse.
Quella fu la sola parola che pot proferire.
E, infatti, era un puraqu, nome che i brasiliani danno al gimnoto
o serpente elettrico che si era lanciato su di lui.
Nessuno ignora che cosa siano queste specie di anguille dalla
pelle nerastra e viscida, munite lungo il dorso e la coda di un
apparecchio, composto di lamine congiunte da piccole lamelle
verticali, che messo in azione da nervi di una grandissima potenza.
Questo apparecchio, dotato di singolari propriet elettriche, atto a
produrre delle scosse formidabili. Di questi gimnoti, alcuni hanno
appena la grandezza di un serpentello; altri misurano fino a dieci
piedi di lunghezza; altri ancora, pi rari, superano i quindici e i venti
piedi con una larghezza di otto o dieci pollici.
I gimnoti sono piuttosto numerosi, tanto nel Rio delle Amazzoni
quanto nei suoi affluenti ed era appunto uno di questi rocchetti
viventi, lungo dieci piedi circa, che, dopo essersi teso come un arco,
si era lanciato sul palombaro.
Benito comprese tutto ci che doveva temere dallassalto di
quellanimale temibile. Il suo equipaggiamento era inadeguato a
proteggerlo. Le scariche del gimnoto, dapprima poco forti, divennero
sempre pi violente, e doveva continuare cos fino al momento in
cui, sfinito dalla perdita del fluido, fosse ridotto allimpotenza.
Benito, non potendo resistere a tali scosse, era caduto sulla sabbia.
I suoi arti si paralizzavano a poco a poco sotto le scariche elettriche
del gimnoto che si fregava lentamente sul suo corpo e lo allacciava
con le sue spire. Le sue braccia non potevano pi sollevarsi. Presto il
bastone gli sfugg e la sua mano non ebbe la forza di afferrare il
cordone del campanello per dare il segnale.
Benito si sent perduto. N Manoel n i suoi compagni potevano
immaginare quale orribile combattimento avvenisse sotto di loro fra
un pericoloso puraqu e il disgraziato palombaro, che si dibatteva a
mala pena senza potersi difendere.
E ci nel momento in cui un corpo - il corpo di Torres senza
dubbio - gli era apparso!
Per un ultimo istinto di conservazione Benito voleva chiamare!
La sua voce echeggiava in quella scatola metallica che non poteva
lasciar sfuggire alcun suono!
In quel momento, il puraqu raddoppi i suoi attacchi; lanciava
delle scariche che facevano sussultare Benito sulla sabbia come i
monconi di un verme tagliato, e i suoi muscoli si torcevano sotto la
sferza dellanimale.
Benito sent che i sensi lo abbandonavano. I suoi occhi si
oscurarono a poco a poco, i suoi arti si irrigidirono!
Ma, prima di perdere la capacit visiva, la capacit di ragionare,
un fenomeno inaspettato, inspiegabile, strano, si produsse dinanzi ai
suoi occhi.
Una detonazione sorda si propagava attraverso gli strati liquidi. Fu
come un colpo di tuono, il cui rullio corse negli strati sottomarini,
turbati dalle scosse del gimnoto. Benito si sent immerso in una
specie di rumore formidabile che trovava uneco fino nelle ultime
profondit del fiume.
E, a un tratto, un ultimo grido gli sfugg! Una orribile visione
spettrale apparve ai suoi occhi.
Il corpo dellannegato, fino allora disteso sul suolo, si stava
alzando! Le ondulazioni delle acque muovevano le sue braccia
come se egli le avesse agitate in una vita particolare! Sussulti di
convulsione ridonavano il movimento a quel terribile cadavere!
Era proprio quello di Torres! Un raggio di sole era giunto fino a
quel corpo attraverso la massa liquida, e Benito riconobbe la faccia
gonfia e verdastra del miserabile, colpito dalla sua mano, il cui
ultimo sospiro era stato soffocato sotto quelle acque!
E, mentre Benito non poteva pi imprimere un solo movimento ai
suoi arti paralizzati, mentre le sue pesanti scarpe lo trattenevano
come se fosse inchiodato al letto di sabbia, il cadavere si raddrizz, la
sua testa si agit dallalto al basso e uscendo dalla buca nella quale
era trattenuto da un cespuglio di erbe acquatiche, si innalz diritto,
spaventoso a vedersi, fino nelle alte zone del Rio delle Amazzoni.
CAPITOLO XI
IL CONTENUTO DELLASTUCCIO
CHE COSA era accaduto? Un fenomeno puramente fisico, di cui
ecco la spiegazione.
La cannoniera dello Stato, Santa-Ana, con destinazione Manao,
che risaliva il corso del Rio delle Amazzoni, aveva superato lo
sbarramento di Frias. Un po prima di arrivare alla foce del Rio
Negro, aveva inalberati i suoi colori e salutato con un colpo di
cannone la bandiera brasiliana. A quello sparo era seguito un effetto
di vibrazioni alla superficie delle acque, e quelle vibrazioni,
propagandosi fino al fondo del fiume, erano bastate a risollevare il
corpo di Torres gi alleggerito da un principio di decomposizione,
facilitando la distensione del suo sistema cellulare. Il corpo
dellannegato risaliva di conseguenza alla superficie del Rio delle
Amazzoni.
Questo fenomeno, ben conosciuto, spiegava la riapparizione del
cadavere, ma, bisogna convenirne, vi era stata una coincidenza
fortunata nellarrivo della Santa-Ana sul teatro delle ricerche.
A un grido di Manoel, ripetuto dai suoi compagni, una delle
piroghe si era diretta immediatamente verso il corpo, mentre si
cominci a far risalire il palombaro.
Ma, nello stesso tempo, quale fu lindescrivibile emozione di
Manoel, quando Benito, tratto sulla zattera, vi fu deposto in uno stato
di completa inerzia, e senza che la vita si manifestasse in lui con
nessun movimento esterno.
Non era un secondo cadavere che restituivano le acque del Rio
delle Amazzoni?
Il palombaro fu il pi rapidamente possibile spogliato
dellequipaggiamento dello scafandro.
Benito aveva interamente perso i sensi sotto la violenza delle
scariche del gimnoto.
Manoel, smarrito, chiamandolo, praticandogli la respirazione
artificiale, cerc di sentire i battiti del suo cuore.
Batte, batte! esclam.
Si, il cuore di Benito batteva ancora, e in pochi minuti le cure di
Manoel lo richiamarono in vita.
Il corpo, il corpo!
Quelle furono le prime parole, le sole che sfuggirono dalle labbra
di Benito.
Eccolo! rispose Fragoso, mostrando la piroga che ritornava
alla zattera con il cadavere di Torres.
Ma a te, Benito, che cosa accaduto? chiese Manoel.
Mancanza daria?
No disse Benito. Un puraqu mi si gettato addosso!
Ma quel rumore? quello sparo?
Una cannonata! rispose Manoel. una cannonata che ha
ricondotto il cadavere alla superficie del fiume!
In quel momento, la piroga si era accostata alla zattera. Il corpo di
Torres, raccolto dagli indiani, giaceva sul fondo. La sua permanenza
nellacqua non laveva ancora sfigurato. Era facilmente riconoscibile.
Per questo nessun dubbio era possibile.
Fragoso, inginocchiato nella piroga, aveva gi incominciato a
lacerare gli abiti dellannegato che se ne andavano a brandelli.
In quellistante il braccio destro di Torres, messo a nudo, attrasse
lattenzione di Fragoso. Infatti su quel braccio appariva distintamente
la cicatrice di unantica ferita che aveva dovuto essere prodotta da
una coltellata.
Questa cicatrice! esclam Fragoso. Ma proprio
questa! Me ne ricordo ora
Che cosa? chiese Manoel.
Un litigio! S! un litigio di cui fui testimone nella provincia
di Madeira tre anni or sono. Come ho potuto dimenticarmene!
Questo Torres apparteneva allora alla milizia dei capitani dei boschi!
Ah! sapevo bene di averlo gi visto, questo miserabile!
Che ce ne importa ora? esclam Benito. Lastuccio,
lastuccio! Lha ancora?
E Benito stava per lacerare gli ultimi effetti del cadavere e
frugarli Manoel lo trattenne.
Un istante, Benito disse.
Poi, rivolgendosi agli uomini della zattera che non appartenevano
al personale della jangada, e la cui testimonianza non avrebbe potuto
essere pi tardi messa in dubbio:
Prendete atto, amici miei, disse loro di tutto quanto
facciamo qui, affinch possiate ripetere dinanzi ai magistrati come
sono andate le cose.
Gli uomini si avvicinarono alla piroga.
Fragoso sciolse allora la cintura che stringeva il corpo di Torres
sotto il puncho a brandelli e tastando nella tasca della casacca:
Lastuccio! esclam.
Un grido di gioia sfugg a Benito. Voleva prendere lastuccio per
aprirlo, e vedere ci che conteneva.
No, disse ancora Manoel, che non perdeva mai la
padronanza di s. Bisogna che non vi siano dubbi nellanimo dei
magistrati. Bisogna che testimoni disinteressati possano affermare
che questo astuccio si trovava proprio sul corpo di Torres!
Hai ragione rispose Benito.
Amico mio, rispose Manoel rivolgendosi al secondo
nostromo della zattera frugate voi stesso nella tasca di questa
casacca.
Il secondo nostromo obbed. Estrasse un astuccio di metallo, il cui
coperchio era ermeticamente chiuso, e che non sembrava rovinato
per essere rimasto nellacqua.
La carta la carta ancora dentro? esclam Benito che non
poteva contenersi.
Spetta al magistrato aprire questo astuccio! rispose Manoel.
A lui solo spetta verificare se vi si trova un documento.
S, s, hai ancora ragione, Manoel! rispose Benito. A
Manao, amici miei, a Manao.
Benito, Manoel, Fragoso e il secondo nostromo, che teneva
lastuccio, simbarcarono subito su una piroga e stavano per
allontanarsi quando Fragoso disse:
E il corpo di Torres?
La piroga si ferm. Infatti, gli indiani avevano gi rigettato
nellacqua il cadavere dellavventuriero, che se ne stava andando
lentamente alla deriva alla superficie del fiume.
Torres non era che un miserabile disse Benito. Se io ho
lealmente arrischiato la mia vita contro la sua, Dio lha colpito per
mia mano, ma non bisogna che il suo corpo rimanga senza sepoltura!
Fu dunque dato ordine alla seconda piroga di andare a ripescare il
cadavere di Torres per trasportarlo sulla riva e seppellirlo.
Ma in quel momento una frotta di uccelli di rapina che
svolazzavano sopra il fiume si precipit su quel corpo galleggiante.
Erano urubus, specie di piccoli avvoltoi, dal collo pelato, dalle zampe
lunghe e nere come i corvi chiamati gallinazos nellAmerica
Meridionale e che sono di una voracit senza pari. Il corpo lacerato
dai loro becchi lasci sfuggire i gas che lo gonfiavano; aumentando il
suo peso si immerse a poco a poco, e per lultima volta ci che
restava di Torres sparve sotto le acque del Rio delle Amazzoni.
Dieci minuti dopo la piroga, spinta rapidamente, giungeva al porto
di Manao. Benito e i suoi compagni misero piede a terra e si
lanciarono attraverso le vie della citt.
In pochi istanti giunsero alla casa del giudice J arriquez, e gli
fecero chiedere da uno dei suoi servitori di volerli ricevere
immediatamente.
Il magistrato diede ordine di introdurli nel suo ufficio.
L, Manoel fece il racconto di tutto quanto era accaduto dal
momento in cui Torres era stato ferito mortalmente da Benito in uno
scontro leale, fino al momento in cui lastuccio era stato ritrovato sul
cadavere e tolto dalla tasca della casacca dal secondo nostromo.
Bench il racconto fosse tale da convalidare quanto aveva detto
J oam Dacosta a proposito di Torres e del baratto che questi gli aveva
offerto, il giudice J arriquez non pot trattenere un sorriso di
incredulit.
Ecco lastuccio, signore, disse Manoel. Non stato un
solo istante nelle nostre mani, e luomo che ve lo presenta lo stesso
che lha trovato sul corpo di Torres!
Il magistrato prese lastuccio, lo esamin con cura, voltandolo e
rivoltandolo come avrebbe fatto con un oggetto prezioso. Poi lo
agit, e le monete che vi erano dentro mandarono un suono
metallico.
Quellastuccio non conteneva dunque il documento tanto cercato,
la carta scritta dalla mano del vero autore del delitto, e che Torres
aveva voluto vendere a un prezzo indegno a J oam Dacosta? Quella
prova materiale dellinnocenza del condannato era forse
irrimediabilmente perduta?
Si comprende facilmente a quale violenta emozione erano in preda
gli spettatori di quella scena. Benito poteva appena proferire una
parola, si sentiva stringere il cuore.
Aprite dunque, signore, aprite questo astuccio! esclam
finalmente con voce rotta.
Il giudice J arriquez cominci a svitare il coperchio; poi, quando il
coperchio fu tolto, rovesci lastuccio, da cui sfuggirono rotolando
sulla tavola alcune monete doro.
Ma la carta! la carta! esclam Benito che si aggrappava
al tavolo per non cadere.
Il magistrato introdusse le dita nellastuccio e ne estrasse non
senza qualche difficolt un pezzo di carta ingiallita, piegato con cura
e che lacqua sembrava aver risparmiato.
Il documento! il documento! esclam Fragoso. S,
proprio questa carta che ho visto fra le mani di Torres!
Il giudice J arriquez spieg quella carta, e vi gett gli occhi, poi la
volt in modo da esaminarne ogni parte, che era coperta da una
grossa scrittura.
Un documento, infatti, disse. Non c da dubitarne.
proprio un documento.
S rispose Benito e attesta linnocenza di mio padre!
Io non ne so nulla rispose il giudice J arriquez e temo che
sia difficile saperlo.
Perch? chiese Benito facendosi pallido come un morto.
Perch questo documento scritto in un linguaggio
crittografico rispose il giudice J arriquez e di questo
linguaggio
Ebbene?
Non abbiamo la chiave!
CAPITOLO XII
IL DOCUMENTO
ERA QUELLA una grave circostanza che n J oam Dacosta, n i suoi
avevano potuto prevedere. Infatti - coloro che ricordano la prima
scena di questa storia lo sanno - il documento era scritto in una forma
indecifrabile tolta da uno dei molti sistemi usati nella crittografia. Ma
quale?
Per scoprirlo infatti doveva essere usata tutta lingegnosit di cui
pu dar prova un cervello umano.
Prima di congedare Benito e i suoi compagni, il giudice J arriquez
fece fare una copia esatta del documento di cui voleva tenere
loriginale, e consegn la copia debitamente collazionata ai due
giovani perch potessero farla avere al prigioniero.
Poi, preso appuntamento per il giorno seguente, i giovani si
ritirarono e, non volendo tardare un istante a rivedere J oam Dacosta,
si recarono subito al carcere.
L, in un rapido colloquio con il prigioniero, gli fecero conoscere
tutto quanto era accaduto.
J oam Dacosta prese il documento, lo esamin con attenzione, poi
scrollando il capo lo rese a suo figlio.
Forse disse c in questo scritto la prova che io non ho
mai potuto presentare! Ma se questa prova mi sfugge, se tutta
lonest della mia vita passata non mi difende, non devo aspettare pi
nulla dalla giustizia degli uomini e la mia sorte nelle mani di Dio.
Tutti lo sapevano bene. Se quel documento restava indecifrabile,
la situazione del condannato rimaneva immutata!
Noi riusciremo, padre mio! esclam Benito. Non vi
documento di questa specie che possa resistere allesame! Abbiate
fiducia, si! fiducia! Il cielo ci ha miracolosamente reso questo
documento che quasi vi giustifica, e dopo aver guidato la nostra
mano per ritrovarlo non si rifiuter di guidare la nostra mente per
leggerlo!
J oam Dacosta strinse la mano di Benito e di Manoel; poi i due
giovani, molto commossi, si ritirarono per tornare direttamente alla
jangada, dove Yaquita li aspettava.
L, Yaquita fu subito informata dei nuovi fatti accaduti dal giorno
precedente, della riapparizione del corpo di Torres, della scoperta del
documento e della strana forma nella quale il vero colpevole
dellattentato, il compagno dellavventuriero, aveva creduto di
doverlo scrivere - senza dubbio per non comprometterlo caso mai
fosse caduto in mano di estranei.
Naturalmente Lina fu pure informata di quellinattesa
complicazione e della scoperta fatta da Fragoso che Torres era stato
un capitano dei boschi, appartenente a quella milizia che operava nei
territori dei dintorni della foce della Madeira.
Ma in quali circostanze dunque lavete incontrato? chiese la
giovane mulatta.
Fu in una delle mie peregrinazioni attraverso la provincia del
Rio delle Amazzoni rispose Fragoso quando andavo di
villaggio in villaggio per esercitare la mia professione.
E quella cicatrice?
Ecco cosera accaduto: un giorno io arrivavo alla Missione
degli Aranas nel momento in cui questo Torres, che io non avevo mai
visto, aveva litigato con uno dei suoi compagni (gente di pochi
scrupoli era quella!) e il litigio era terminato con una coltellata che
attravers il braccio del capitano dei boschi. Fui incaricato di
fasciarlo in mancanza di un medico, ed ecco come ho fatto la sua
conoscenza!
Che importa, in fin dei conti rispose la giovinetta che si
sappia chi stato Torres! Non lui lautore del delitto e ci non pu
fare progredire molto le cose!
No, senza dubbio, rispose Fragoso ma si finir bene per
leggere quel documento, che diavolo!, e linnocenza di J oam Dacosta
apparir allora agli occhi di tutti!
Questa era anche la speranza di Yaquita, di Benito, di Manoel e di
Minha. Per tutti e tre, chiusi nella sala comune dellabitazione,
passarono lunghe ore a cercare di decifrare lo scritto.
Ma se quella era la loro speranza - bisogna insistere su questo
punto - era pure quella del giudice J arriquez.
Dopo aver compilato il rapporto che in seguito al suo
interrogatorio stabiliva lidentit di J oam Dacosta, il magistrato lo
aveva spedito alla cancelleria, e aveva ragione di credere che la sua
parte in quella faccenda fosse finita. Cos non doveva essere.
Infatti bisogna dire che, dopo la scoperta del documento, il
giudice J arriquez si trovava a un tratto trasportato sul suo terreno.
Lui, il cercatore di combinazioni numeriche, lo scioglitore di
problemi piacevoli, il solutore di sciarade, rebus, logogrifi e simili,
era evidentemente nel suo vero elemento.
Ora, al pensiero che quel documento racchiudeva, forse, la
giustificazione di J oam Dacosta, egli sent risvegliare in s tutti i suoi
istinti di analista. Ecco dunque che egli aveva davanti agli occhi un
crittogramma! Cos non pens pi che a spiegarne il senso.
Bisognerebbe non averlo conosciuto per dubitare che non vi
lavorasse fino a non prendere pi n cibo n bevande.
Dopo la partenza dei giovani, il giudice J arriquez si era
accomodato nel suo ufficio. Aveva vietato lingresso a tutti, e ci gli
assicurava alcune ore di perfetta solitudine. I suoi occhiali erano sul
suo naso, la sua tabacchiera sul suo tavolo. Fiut una buona presa per
sviluppare meglio la finezza e la sagacit del suo cervello, prese il
documento e si immerse in una meditazione, che doveva presto
concretarsi sotto la forma di monologo. Il degno magistrato era uno
di quegli strani uomini che pensano pi volentieri ad alta voce che
sottovoce.
Procediamo con metodo, disse a se stesso. Senza
metodo, nessuna logica. Senza logica, nessuna possibilit di
successo.
Poi, prendendo il documento, lo scorse, senza comprendere nulla,
da un capo allaltro.
Quel documento comprendeva un centinaio di righe divise in sei
paragrafi.
Uhm! fece il giudice J arriquez, dopo aver riflettuto.
Volermi tormentare su ogni paragrafo, uno dopo laltro, sarebbe
perdere inutilmente del tempo prezioso. Invece bisogna scegliere uno
solo di questi capoversi, e scegliere quello pi interessante. Ora,
quale si trova in queste condizioni, se non lultimo in cui deve
necessariamente compendiarsi il racconto di tutta la faccenda? I nomi
propri possono mettermi sulla via giusta, fra gli altri quello di J oam
Dacosta, e se esso si trova in qualche parte del documento, non pu
evidentemente mancare nellultimo paragrafo.
Il ragionamento del magistrato non faceva una grinza. Certamente
egli aveva ragione di voler dapprima esercitare tutte le risorse del suo
spirito di crittografo sullultimo paragrafo.
Eccolo, quel paragrafo, poich necessario metterlo sotto gli
occhi del lettore per mostrare come un analista si serva delle proprie
facolt nella scoperta del vero:
Phyjslyddqfdzxgasgzzqqehxgkfndrxujugiocytdxvksbxhhuypohdvy
rymhuhpuydkjoxphtozsletnpmvffovpdpajxhyynojyggaymeqynfuqlnm
vlyfgsuzmqztlbqgyugsqeubvnrcredgruzblrmxyuhqhpzdrrgcrohepqxuf
ivvrplphonthvddqfhqsntzhhhnfepmqkyuuexktogzgkyuumfvijdqdpzjtfsy
krplxhxqrymvklohbhotozvdksppsuvjh.d..
Dapprima il giudice J arriquez osserv che le righe del documento
non erano state divise n per parole, n per frasi, e che la
punteggiatura mancava totalmente. Quella circostanza non poteva
che rendere molto pi difficile la lettura.
Vediamo, quindi, disse se qualche unione di lettere
sembra formare delle parole, intendo di quelle parole, di cui, il
numero delle consonanti rispetto alle vocali permette la pronuncia!
E prima di tutto vedo la parola phy pi oltre la parola gas To!
ujugi Non si direbbe il nome di quella citt africana sulla sponda
del Tanganika? Che centra questa citt in tutto ci? Pi oltre, ecco
la parola ypo. dunque greco? Poi, c rym puy jox phetoz
jyggay suz gruz E, pi avanti, red let Bene! ecco due
parole inglesi! Poi, ohe syk Andiamo! Ancora una volta la
parola rym poi, la parola oto!
Il giudice J arriquez lasci cadere il documento e cominci a
riflettere per alcuni istanti.
Tutte le parole che io osservo in questa lettura fatta per sommi
capi sono bizzarre! disse. In verit, nulla indica la loro
provenienza. Le une hanno unaria greca, le altre un aspetto
olandese, queste una forma inglese, quelle non hanno alcuna
provenienza, senza contare che vi sono delle serie di consonanti che
sfuggono a ogni pronuncia umana! Assolutamente non sar facile
trovare la chiave di questo crittogramma!
Le dita del magistrato cominciarono a tamburellare sulla scrivania
una specie di diana, come se avesse voluto risvegliare le sue facolt
assopite.
Vediamo prima di tutto, disse quante lettere si trovano in
questo paragrafo.
Le cont con la matita in mano.
Duecentosettantasei! disse. Ebbene, ora si tratta di
determinare in quali proporzioni queste diverse lettere si trovano
riunite le une rispetto alle altre.
Quel conto fu un po pi lungo. Il giudice J arriquez aveva ripreso
il documento; poi, con la matita in mano, annot successivamente
ogni lettera secondo lordine alfabetico. Un quarto dora dopo, aveva
ottenuto il seguente schema:

a = 3 volte Riporto 120 volte
b = 4 n = 9
c = 3 o = 12
d = 16 p = 16
e = 9 q = 16
f = 10 r = 12
g = 13 s =10
h = 23 t = 8
i

= 4 u =17
j = 8 v = 13
k = 9 x = 12
l = 9 y =19
m = 9 z = 12

Da riportarsi 120 volte Totale 276 volte

Ah! ah! fece il giudice J arriquez una prima osservazione
mi colpisce: ed che soltanto in questo paragrafo tutte le lettere
dellalfabeto sono state usate! molto strano! Infatti, si prendano a
caso in un libro le righe necessarie per aver duecentosettantasei
lettere: e sar molto raro trovarvi ogni segno dellalfabeto! In fin dei
conti questo forse un effetto del caso. Poi, passando a un altro
ordine di idee:
Pi importante disse vedere se le vocali stanno rispetto
alle consonanti nella proporzione normale.
Il magistrato riprese la matita, fece il conto delle vocali e ottenne
il calcolo seguente:

a = 3 volte
e = 9
i = 4
o = 12
u = 17
y =19

Totale 64 vocali.

Dunque disse vi sono in questo capoverso, fatta la
sottrazione, sessantaquattro vocali contro duecentododici consonanti!
Ebbene, proprio la proporzione normale, cio un quinto circa, come
nellalfabeto, in cui si contano sei vocali su venticinque lettere.
dunque possibile che questo documento sia stato scritto nella lingua
del nostro paese, ma che il significato di ogni lettera sia stato
solamente mutato. Ora, se stato modificato regolarmente, se una b
sempre stata rappresentata da una l, per esempio, una o da una v, una
g da una k, una u da una r, ecc., voglio perdere il mio posto di
giudice a Manao se non riesco a leggere questo documento! Eh! che
cosa devo fare se non procedere secondo il metodo di quel grande
genio analitico, che si chiama Edgar Poe?
Il giudice J arriquez, cos parlando, alludeva a una novella del
celebre romanziere americano, che un capolavoro. Chi non ha letto
Lo Scarabeo doro?
In quella novella, un crittogramma, composto di segni, di lettere,
di segni algebrici, di asterischi, di punti e virgole, sottoposto a un
metodo veramente matematico e riesce a essere decifrato in
condizioni straordinarie che gli ammiratori di questo strano scrittore
non possono aver dimenticato.
vero, dalla lettura del documento americano non dipende che la
scoperta di un tesoro, mentre qui si tratta della vita e dellonore di un
uomo! Il problema di decifrare le lettere doveva essere dunque ben
altrimenti interessante.
Il magistrato, che aveva spesso letto e riletto il suo Scarabeo
doro, conosceva bene i processi di analisi adoperati da Edgar Poe, e
decise di servirsene in quelloccasione. Utilizzandoli era certo, come
aveva detto, che se il valore o il significato di ogni lettera fosse
restato costante, sarebbe riuscito in un tempo pi o meno lungo a
decifrare il documento relativo a J oam Dacosta.
Che cosa ha fatto Edgar Poe? si chiese. Prima di tutto ha
cominciato a cercare qual era il segno qui non vi sono che lettere
diciamo dunque la lettera, che riprodotta pi spesso nel
crittogramma. Ora vedo che nel mio caso la lettera h, poich
sincontra ventitr volte. Solo questa proporzione enorme basta a far
comprendere a priori che h non significa h, ma che, al contrario, h
deve rappresentare la lettera che sincontra pi frequentemente nella
nostra lingua, poich devo supporre che il documento sia scritto in
portoghese. In inglese, in francese, sarebbe e senza dubbio; in
italiano sarebbe i o a; in portoghese sar a od o. Dunque
ammettiamo, salvo ulteriori ripensamenti, che h significhi a od o.
Ci fatto, il giudice J arriquez ricerc la lettera che dopo lh
figurava il maggior numero di volte nel documento. Egli cos redasse
il seguente specchio:
h =23 volte
y = 19
u = 17
dpq =16
gp = 13
orxz =12
fs =10
eklmn = 9
jt = 8
bi = 4
ac = 3

Dunque la lettera a vi si trova tre volte soltanto, esclam il
magistrato essa che dovrebbe incontrarvisi pi spesso. Ah! ecco
ci che prova abbondantemente che il suo significato fu mutato. E
ora, dopo a od o, quali sono le lettere che figurano pi di frequente
nella nostra lingua? Cerchiamo.
E il giudice J arriquez, con una sagacia che dimostrava in lui uno
spirito attentissimo, si inoltr in quella nuova ricerca. In ci non
faceva che imitare il romanziere americano, che, per semplice
induzione o analogia, da quel grande analista che era, aveva potuto
ricostruire un alfabeto corrispondente ai segni del crittogramma ed
era riuscito poi a leggerlo correntemente.
Cos fece il magistrato, e si pu affermare che non fu affatto
inferiore al suo illustre maestro. Per aver lavorato ai logogrifi, alle
parole quadrate, alle parole rettangolari e ad altri enigmi che
poggiano unicamente sopra una disposizione arbitraria delle lettere,
ed essersi abituato, sia mentalmente, sia con la penna in mano, a
trovarne la soluzione, egli era gi esperto in questi giochi di
intelligenza.
In quelloccasione, egli non stent dunque a stabilire lordine nel
quale le lettere vere comparivano pi spesso, prima le vocali, poi le
consonanti. Tre ore dopo aver cominciato il suo lavoro, aveva sotto
gli occhi un alfabeto che, se il suo procedimento era stato giusto,
doveva dargli il vero significato delle lettere usate nel documento.
Bastava dunque applicare successivamente le lettere di
quellalfabeto a quelle del documento.
Ma prima di fare ci, il giudice J arriquez fu preso da un po di
commozione. Era tutto immerso allora in quel godimento
intellettuale - molto maggiore che non si creda delluomo, che
dopo molte ore di lavoro ostinato sta per veder apparire il senso cos
impazientemente cercato di un crittogramma.
Proviamo dunque disse. Sarei davvero molto stupito se
non avessi la chiave dellenigma!
Il giudice J arriquez si lev gli occhiali, ne pul le lenti, appannate
dal vapore degli occhi, li rimise sul naso, poi si curv di nuovo sul
tavolo.
Con il suo alfabeto speciale da una parte e il documento dallaltra,
cominci a scrivere sotto la prima linea del paragrafo le lettere vere,
che, secondo lui, dovevano corrispondere esattamente a ogni lettera
crittografica.
Dopo la prima riga, fece altrettanto per la seconda, poi per la
terza, e giunse sino alla fine del capoverso.
Che uomo bizzarro! Non aveva voluto nemmeno permettersi di
vedere, scrivendo, se quellinsieme di lettere formava delle parole
comprensibili. No, durante quel primo lavoro, la sua mente si era
rifiutata di eseguire verifiche di questo genere. Voleva procurarsi il
piacere di leggere tutto dun tratto.
Ci fatto, esclam:
Leggiamo! E lesse.
Quale cacofonia, cielo! Le linee che aveva formato con le lettere
del suo alfabeto non avevano pi senso di quelle del documento! Era
unaltra serie di lettere, ecco tutto, ma non formavano alcuna parola,
non avevano alcun valore! Insomma era ancora un geroglifico!
Per mille diavoli! esclam il giudice J arriquez.

CAPITOLO XIII
DOVE SI PARLA DI NUMERI
ERANO le sette di sera. Il giudice J arriquez, sempre assorto in quel
rompicapo, senza esser andato molto innanzi, aveva assolutamente
dimenticato lora del pasto e lora del riposo, quando fu bussato
alluscio del suo ufficio.
Finalmente. Unora di pi e tutta la materia grigia dellindispettito
magistrato si sarebbe certamente liquefatta sotto il calore intenso che
si sprigionava dalla sua testa!
Allordine di entrare impartito con voce impaziente, luscio si apr
e apparve Manoel.
Il giovane medico aveva lasciato i suoi amici a bordo della
jangada, alle prese con quellindecifrabile documento, ed era venuto
a rivedere il giudice J arriquez. Voleva sapere se fosse stato pi
fortunato nelle ricerche e veniva a domandargli se avesse finalmente
scoperto il sistema sul quale si fondava il crittogramma.
Il magistrato non fu dispiaciuto di vedere arrivare Manoel. Era a
quel grado di sovreccitazione cerebrale che la solitudine esaspera.
Qualcuno cui parlare, ecco ci che gli era necessario, soprattutto se il
suo interlocutore si mostrava tanto desideroso quanto lui di penetrare
quel mistero. Manoel era dunque il suo uomo.
Signore gli disse Manoel entrando una prima domanda.
Siete riuscito meglio di noi?
Prima di tutto sedete, esclam il giudice J arriquez, che
invece si lev in piedi e si mise a camminare su e gi per la camera.
Sedete! Se stessimo in piedi entrambi, voi camminereste in un
verso, io nellaltro, e il mio ufficio sarebbe troppo stretto per
contenerci!
Manoel sedette e ripete la domanda.
No! non sono stato pi fortunato! rispose il magistrato.
Non so ancora nulla. Non posso dirvi nulla, se non che ho
acquisito una certezza!
Quale, signore, quale?
che il documento fondato, non sopra segni convenzionali,
ma sopra ci che si chiama cifra in crittologia, o, per meglio dire,
sopra un numero!
Ebbene, signore, rispose Manoel non si pu decifrare un
documento di questo genere?
S disse il giudice J arriquez s, quando una lettera
invariabilmente rappresentata dalla medesima lettera, quando una a,
per esempio, sempre una p, quando una p sempre una x
altrimenti no!
E in quel documento?
In quel documento, il valore delle lettere muta secondo il
numero, preso arbitrariamente, che le comanda. Cos una b, che sar
stata rappresentata da una k, diverr pi tardi una z, pi tardi una m, o
una n, o una f o qualsiasi altra lettera!
E in questo caso?
In questo caso, mi spiace dovervi dire che il crittogramma
assolutamente indecifrabile!
Indecifrabile! esclam Manoel. No! signore, noi
finiremo per trovare la chiave del documento, dal quale dipende la
vita di un uomo!
Manoel si era alzato in piedi, in preda a una eccitazione che non
poteva dominare. La risposta ricevuta era cos scoraggiante che
rifiutava di accettarla come definitiva.
Tuttavia, a un cenno del magistrato, sedette ancora e con voce pi
pacata:
Prima di tutto, signore, chiese che cosa pu farvi credere
che la chiave di quel documento sia una cifra, o, come dicevate, un
numero?
Ascoltatemi, giovanotto, rispose il giudice J arriquez e
sarete obbligato ad arrendervi allevidenza!
Il magistrato prese il documento e lo pose sotto gli occhi di
Manoel, a fronte del lavoro che aveva fatto.
Ho cominciato disse ad esaminare questo documento
come dovevo fare, cio con logica, non concedendo nulla al caso, e
cio con lapplicazione di un alfabeto basato sulla proporzionalit
delle lettere pi usate della nostra lingua, ho cercato di ottenerne la
lettura, secondo i precetti del nostro immortale analista Edgar Poe!
Ebbene, ci che a lui era riuscito, a me non servito a nulla!
A nulla! esclam Manoel.
S, giovanotto, e avrei dovuto accorgermi subito che la
soluzione, cercata in questo modo, non era possibile! In verit, uno
pi esperto di me non si sarebbe ingannato!
Ma, in nome di Dio! esclam Manoel. Vorrei
comprendere, e non ci riesco
Prendete il documento, riprese il giudice J arriquez e
limitatevi a osservare la disposizione delle lettere, e rileggetelo tutto.
Manoel obbed.
Non vedete nulla nellinsieme di certe lettere che vi sembri
bizzarro? chiese il magistrato.
Io non vedo nulla, rispose Manoel, dopo aver, forse per la
centesima volta, scorso le righe del documento.
Ebbene, accontentatevi di studiare lultimo paragrafo. Qui,
come potete immaginare, deve essere il riassunto di tutto quanto il
documento. Non vedete nulla di anormale?
Nulla.
Eppure c un particolare che prova in modo inequivocabile
che il documento sottoposto alla legge di un numero.
Ed ? chiese Manoel.
, o meglio sono quelle tre h che noi vediamo unite in due
posti diversi!
Ci che diceva il giudice J arriquez era vero e tale da attirare
lattenzione. Da una parte la duecentoquattresima,
duecentocinquesima, e duecentoseiesima lettera del paragrafo,
dallaltra la duecentocinquantottesima, duecentocinquantanovesima e
duecentosessantesima lettera erano h disposte consecutivamente. Di
qui le particolarit che prima il magistrato non aveva osservato.
E ci prova? chiese Manoel senza indovinare che cosa si
dovesse arguire da quellinsieme di lettere.
Ci prova semplicemente, giovanotto, che il documento si
fonda sulla legge di un numero, e dimostra a priori che ogni lettera
modificata in virt delle cifre di questo numero e secondo il posto
che esse occupano.
E perch dunque?
Perch in nessuna lingua vi sono parole che abbiano ripetuto
per tre volte di seguito la stessa lettera!
Manoel fu colpito dallargomentazione, e non trov nulla da
rispondere.
E se io avessi osservato ci subito riprese il magistrato
mi sarei risparmiato molta noia, e un principio di emicrania che mi
prende dal sincipite fino alloccipite!
Ma infine, signore, chiese Manoel, che si sentiva venir
meno quella poca speranza alla quale aveva cercato di attaccarsi
ancora che cosa intendete voi per cifra?
Diciamo un numero.
Un numero, se volete.
Ecco, un esempio ve lo far comprendere meglio di qualsiasi
spiegazione.
Il giudice J arriquez sedette al tavolino, prese un foglio di carta,
una matita e disse:
Signor Manoel, scegliamo una frase, a caso, la prima che
capita, questa per esempio:

Le juge Jarriquez est dou dun esprit trs ingnieux.
16


Io scrivo questa frase in modo da lasciare dello spazio fra le
lettere e ottengo questa linea:

L e j u g e J a r r i q u e z e s t d o u d u n e s p r i t t r s
i n g n i e u x.

Ci fatto, il magistrato - cui senza dubbio questa frase sembrava
contenere una di quelle proposizioni che sono incontestabili - guard
in faccia Manoel, dicendo:
Supponiamo ora che io prenda un numero a caso, per dare a

16
Il giudice J arriquez dotato di uno spirito molto ingegnoso. (N.d.T.)
questa successione naturale di parole una forma crittografica.
Supponiamo ancora che questo numero sia composto di tre cifre, e
che queste cifre siano 4, 2 e 3. Io dispongo il numero dato 423 sotto
la riga ripetendolo tante volte quanto sar necessario per giungere
alla fine della frase, e in modo che ogni cifra sia collocata sotto ogni
lettera. Ecco che cosa ne risulta:

Le juge Jarriquez est dou dun esprit trs ingnieux.
42 3423 423423423 423 4234 234 234234 2342 342342342

Ebbene, signor Manoel, sostituendo ogni lettera con la lettera che
occupa nellordine alfabetico, discendendo secondo il valore
numerico, io ottengo questo:

l meno 4 uguale p
e 2 g
j 3 m
u 4 z
g 2 i
e 3 h

e cos di seguito.
Se per il valore delle cifre che compongono il numero in
questione giungo alla fine dellalfabeto, senza avere abbastanza
lettere complementari da dedurre, riprendo dallinizio. ci che
accade per lultima lettera del mio nome, la z, sotto la quale posta la
cifra 3. Ora, poich dopo la z, lalfabeto non mi d pi lettere,
ricomincio a contare riprendendo dalla, e in questo caso:

z meno 3 uguale c.

Ci detto, quando ho condotto a termine questo sistema
crittografico, ordinato dal numero 423 - che stato scelto
arbitrariamente, non lo dimenticate - la frase che voi conoscete
allora sostituita da questa:

Pg mzih ncuvktzgc iux hqyi fyr gvttly vuiu lrihrkhzz.

Ora, giovanotto, esaminate bene questa frase, non ha veramente
laspetto di quella del documento in questione? Ebbene, che cosa ne
deriva? Che il significato della lettera essendo dato dal numero che il
caso pone sotto, la lettera crittografica che si riferisce alla lettera vera
non pu sempre essere la stessa. Cos, in questa frase la prima e
rappresentata da una g, ma la seconda da una h, la terza da una g, la
quarta da una i; una m corrisponde alla prima l e una n alla seconda;
delle due r del mio nome, una rappresentata da una u, la seconda da
una v; la t della parola est diventa una x e la t della parola esprit
diventa una y, mentre quella della parola trs una v. Voi vedete
dunque che se non conoscete il numero 423, non giungerete mai a
leggere queste righe, e che, di conseguenza, poich il numero che la
chiave del documento ci sfugge, esso rimarr indecifrabile!.
Udendo il magistrato ragionare con una logica cos serrata,
Manoel dapprima si abbatt; ma, rialzando la testa:
No esclam no, signore! Io non rinuncer alla speranza
di scoprire questo numero!
Si potrebbe, forse rispose il giudice J arriquez se le righe
del documento fossero state divise in parole.
E perch?
Ecco il mio ragionamento, giovanotto. Si pu affermare con
sicurezza che questultimo paragrafo del documento deve riassumere
tutto quanto stato scritto nei paragrafi precedenti. Dunque certo
per me che vi si trova il nome di J oam Dacosta. Ebbene, se le righe
fossero state divise in parole, esperimentando ogni parola una dopo
laltra voglio dire le parole composte di sette lettere come il nome
di Dacosta - non sarebbe impossibile ricostruire il numero che la
chiave del documento.
Vogliate spiegarmi il procedimento, signore, disse Manoel,
che forse vedeva balenare in ci unultima speranza.
Nulla di pi semplice rispose il giudice J arriquez.
Prendiamo, per esempio, una delle parole della frase che ho scritto, il
mio nome, se volete. Esso rappresentato nel crittogramma da
questa bizzarra successione di lettere: ncuvktzgc. Ebbene, disponendo
queste lettere in colonna verticale, poi mettendo di fronte le lettere
del mio nome, e risalendo dalluna allaltra nellordine alfabetico, io
avr la seguente formula:
Fra n e j si contano 4 lettere
c a 2
u r 3
v r 4
k i 2
t q 3
z u 4
g e 2
e z 3
Ora, come composta la colonna delle cifre prodotte da questa
semplicissima operazione? Voi lo vedete! dalle cifre 423423423, ecc.
cio dal numero 423 ripetuto pi volte.
S, cos! rispose Manoel.
Comprendete dunque che con questo mezzo, risalendo
nellordine alfabetico dalla falsa lettera alla lettera vera, invece di
discendere dalla vera alla falsa, io sono riuscito facilmente a
ricostruire il numero, e che questo numero cercato effettivamente il
423 che io avevo scelto come chiave del mio crittogramma!
Ebbene, signore, esclam Manoel se, come deve essere,
il nome di Dacosta si trova nellultimo paragrafo, prendendo
successivamente ogni lettera di queste righe per la prima delle sei
lettere che devono comporre questo nome, noi dovremmo riuscire
Ci sarebbe possibile infatti rispose il giudice J arriquez
ma a una condizione!
Quale?
Che la prima cifra del numero venga precisamente a cadere
sotto la prima lettera della parola Dacosta, e voi mi concederete che
ci non niente affatto probabile!
Infatti! rispose Manoel, che dinanzi a questa probabilit
sentiva venir meno lultima speranza.
Dunque, bisognerebbe rimettersi al solo caso soggiunse il
giudice J arriquez che scroll il capo e il caso non deve intervenire
nelle ricerche di questo genere.
Ma infine rispose Manoel il caso non potrebbe darci
questo numero?
Questo numero! esclam il magistrato. Questo numero!
Ma di quante cifre si compone? Di due, di tre, di quattro, di nove, di
dieci? fatto di cifre differenti, questo numero, o di cifre molte volte
ripetute? Sapete voi, giovanotto, che, con le dieci cifre della
numerazione, adoperandole tutte senza alcuna ripetizione, si possono
fare tre milioniduecentosessantottomilaottocento numeri differenti, e
che se molte stesse cifre vi si trovano, questi milioni di combinazioni
aumentano ancora? E sapete che impiegando uno solo dei
cinquecentoventicinquemilaseicento minuti di cui si compone lanno
per esperimentare ogni numero, vi sarebbero necessari pi di sei
anni, e che voi impieghereste pi di tre secoli, se ogni operazione
esigesse unora? No! voi domandate limpossibile!
Limpossibile, signore, rispose Manoel che un giusto
sia condannato, che J oam Dacosta perda la vita e lonore quando
voi avete fra le mani la prova materiale della sua innocenza! Ecco
cos impossibile!
Ah! giovanotto, esclam il giudice J arriquez chi vi dice,
dopotutto, che quel Torres non abbia mentito, che abbia realmente
avuto nelle mani un documento scritto dallautore del delitto, che
questa carta sia questo documento, e che esso si riferisca a J oam
Dacosta?
Chi lo dice! ripet Manoel. E lasci cadere la testa fra le
mani.
Infatti, nulla provava in modo certo che il documento concernesse
la faccenda dellarrayal diamantino. Nulla anzi diceva che esso non
fosse privo di senso e che non fosse stato immaginato da Torres in
persona, capace di voler vendere una moneta falsa per vera!
Non importa, signor Manoel, soggiunse il giudice J arriquez
alzandosi non importa. Qualunque sia laffare cui si riferisce
questo documento, non rinuncio a scoprirne la chiave. In fin dei conti
esso vai bene un logogrifo o un rebus!
Dopo queste parole, Manoel si alz, salut il magistrato e ritorn
alla jangada pi disperato di quanto non fosse al momento della
partenza.
CAPITOLO XIV
A CASACCIO!
NEL FRATTEMPO si era verificato un capovolgimento nellopinione
pubblica a proposito di J oam Dacosta. Alla collera era subentrata la
commiserazione. La popolazione non andava pi al carcere di Manao
a proferire grida di morte contro il prigioniero. Tuttaltro! i pi
accaniti, che lo avevano accusato di essere lautore principale del
delitto di Tijuco, proclamavano ora che non era lui il colpevole e ne
reclamavano la liberazione immediata: cos fanno le folle, passano da
un eccesso allaltro.
Ci era comprensibile.
Infatti, gli avvenimenti seguiti in quei due ultimi giorni, il duello
di Benito e di Torres, la ricerca del cadavere riapparso in circostanze
cos straordinarie, il ricupero del documento, lindecifrabilit, se
cos ci si pu esprimere, delle righe che esso conteneva, la certezza
che si aveva, o che si voleva avere, che quel documento racchiudesse
la prova materiale della non colpevolezza di J oam Dacosta, poich
esso proveniva dal vero colpevole, tutto aveva contribuito a produrre
quel cambiamento nellopinione pubblica. Ci che si voleva, ci che
si domandava impazientemente da quarantotto ore, adesso si temeva:
larrivo degli ordini inviati da Rio de J aneiro.
Questi per non potevano tardare.
Infatti, J oam Dacosta era stato arrestato il 24 agosto e interrogato
lindomani. Il rapporto del giudice era partito il 26. Si era al 28. In tre
o quattro giorni al pi il ministro avrebbe preso una decisione
riguardo al condannato, ed era troppo certo che la giustizia avrebbe
seguito il suo corso!
Si, nessuno dubitava che non sarebbe stato cos.
Eppure, che la certezza dellinnocenza di J oam Dacosta risultasse
dal documento non era messa in dubbio da nessuno, n per la sua
famiglia, n per tutta la volubile popolazione di Manao, che seguiva
appassionatamente le fasi di quel drammatico processo.
Ma, al di fuori, agli occhi degli osservatori disinteressati o
indifferenti che non erano sotto limpressione degli avvenimenti,
quale valore poteva mai avere quel documento, e come asserire che
esso si riferiva allattentato dellarrayal diamantino? Ora esisteva,
ci era incontestabile. Lo si era trovato sul cadavere di Torres. Nulla
di pi certo. Si poteva anche controllare, confrontandolo con la
lettera di Torres che denunciava J oam Dacosta, che il documento non
era stato scritto dalla mano dellavventuriero. Eppure, come aveva
detto il giudice J arriquez, perch quel miserabile non lavrebbe fatto
redigere a scopo di ricatto? E tanto pi poteva essere cos, in quanto
Torres non pretendeva di sbarazzarsene se non dopo il matrimonio
con la figlia di J oam Dacosta, cio quando non sarebbe pi stato
possibile rimediare al fatto compiuto.
Tutte quelle tesi potevano essere sostenute da una parte e
dallaltra, e si comprende che quella faccenda doveva appassionare in
modo sommo. In ogni caso la situazione di J oam Dacosta era molto
compromessa. Fin tanto che il documento non fosse stato decifrato,
era come se non esistesse, e se il suo segreto crittografico non veniva
miracolosamente indovinato o rivelato prima di tre giorni,
lespiazione suprema avrebbe irreparabilmente colpito il condannato
di Tijuco.
Ebbene, quel miracolo, un uomo pretendeva di farlo! Quelluomo
era il giudice J arriquez, e ora egli lavorava pi ancora nellinteresse
di J oam Dacosta che per la soddisfazione delle sue facolt analitiche.
S! un mutamento era avvenuto nel suo animo. Quelluomo che
aveva volontariamente lasciato il suo eremo di Iquitos, che era
venuto, a rischio della vita, a chiedere la propria riabilitazione alla
giustizia brasiliana, non era forse un enigma morale che valeva tanti
altri enigmi? Cos quel documento, il magistrato non lo avrebbe
abbandonato fino a che non ne avesse scoperta la chiave. Come se la
prendeva! Non mangiava pi, non dormiva pi; passava tutto il suo
tempo a combinare numeri, a fabbricare una chiave per forzare quella
serratura!
Alla fine del primo giorno, quellidea fissa era divenuta
ossessione nella mente del giudice J arriquez. Una collera a stento
trattenuta ribolliva in lui, e vi durava in modo permanente. I suoi
domestici, negri o bianchi, non osavano pi avvicinarsi.
Fortunatamente era scapolo, altrimenti la signora J arriquez avrebbe
passato qualche brutto quarto dora.
Nessun problema aveva mai appassionato a tal punto
quelloriginale, ed egli era fermamente deciso a continuarne lo studio
fino a che la sua testa non fosse scoppiata come una caldaia troppo
surriscaldata, sotto la tensione dei vapori.
Era ormai entrato nella mente dellonesto magistrato che la chiave
del documento fosse un numero, composto di due o tre cifre; ma
sembrava impossibile ottenere quel numero con qualsiasi induzione.
Fu nondimeno con vero furore che il giudice J arriquez vi si dedic
e fu a quel lavoro sovrumano che, nella giornata del 28 agosto, egli
applic tutte le sue facolt mentali.
Cercare quel numero a caso era, come egli aveva detto, voler
perdersi in milioni di combinazioni, che avrebbero occupato pi della
vita di un calcolatore di primo ordine. Ma se non si doveva
minimamente contare sul caso, era forse impossibile procedere con il
ragionamento? No, senza dubbio, e fu a ragionare fino a sragionare
che il giudice J arriquez si consacr anima e corpo, dopo avere invano
cercato il riposo in poche ore di sonno.
Chi avesse potuto penetrare fino a lui in quel momento, dopo aver
sfidato le proibizioni che dovevano proteggere la sua solitudine,
lavrebbe trovato, come la vigilia, nel suo ufficio, davanti alla
scrivania, con il documento sotto gli occhi, le cui migliaia di lettere
imbrogliate gli sembravano volteggiare intorno alla testa.
Ah! esclamava. Perch quel miserabile che lha scritto,
chiunque egli sia, non ha separato le parole di questo paragrafo! Si
potrebbe si tenterebbe! Ma no! Eppure, se veramente si tratta in
questo documento di quellaffare dellassassinio e del furto, non
possibile che certe parole non vi si trovino, delle parole come
arrayal, diamanti, Tijuco, Dacosta e altre, che so io!, e mettendole di
fronte ai loro equivalenti crittografici si riuscirebbe a ricostruire il
numero! Ma niente! Non una sola divisione. Una parola, nulla!
Almeno una di queste duecentosettantasei lettere! Ah! sia
duecentosettantasei volte maledetto quel mariuolo che ha cos
disgraziatamente complicato il suo sistema! Solo per questo egli
meriterebbe duecentosettantasei volte la forca!
E un violento pugno dato sul documento venne ad avvalorare quel
poco caritatevole augurio.
Ma infine soggiunse il magistrato se non posso andare a
cercare una di queste parole in tutto il corpo del documento, non
posso almeno tentare di scoprirla, sia allinizio, sia alla fine di ogni
paragrafo? Forse vi l una speranza che non bisogna trascurare.
E cacciandosi in quel sentiero di deduzioni, il giudice J arriquez
esperiment successivamente se le lettere che cominciavano o
finivano i diversi capoversi del documento potevano corrispondere a
quelle che formavano la parola pi importante, quella che doveva
necessariamente trovarsi in qualche parte: la parola Dacosta.
Niente da fare.
Infatti, per non parlare che dellultimo capoverso e delle sette
lettere con le quali cominciava, la formula fu:
P =D
h =a
y =c
j =o
s =s
l =t
y =a
Ora, fino dalla prima lettera, il giudice J arriquez si ferm nei suoi
calcoli, poich la distanza fra p e d nellordine alfabetico dava non
gi un numero, ma due, ossia 12, e in questa specie di crittogrammi
una lettera non pu evidentemente essere modificata che da una sola.
Fu lo stesso per le sette ultime lettere del paragrafo p s u v j h d la
cui serie cominciava pure con una p, che non poteva in alcun modo
rappresentare la d di Dacosta, poich essa ne era pure separata da
dodici lettere.
Dunque quel nome non figurava in quel posto.
La stessa osservazione fu fatta per le parole arrayal e Tijuco, che
furono successivamente esperimentate e la cui costruzione non
corrispondeva meglio alla serie delle lettere crittografiche.
Dopo quel lavoro, il giudice J arriquez, con la testa rotta, si alz,
passeggi per il suo ufficio, prese una boccata daria alla finestra,
mand una specie di ruggito, il cui rumore fece levare uno stormo di
uccelli mosca che ronzavano nel fogliame di una mimosa, e torn al
documento.
Briccone, cencioso! borbottava il giudice J arriquez.
Finir con il farmi diventar pazzo! Ma alto l! Nervi a posto! Non
perdiamoci danimo. Non il momento!
Poi, dopo essere andato a rinfrescarsi la testa con una buona
doccia di acqua fredda, disse:
Tentiamo unaltra cosa, e poich mi trovo nellimpossibilit di
dedurre un numero dalla disposizione di queste dannate lettere,
vediamo quale numero ha potuto scegliere lautore del documento,
ammettendo che egli sia anche lautore del delitto di Tijuco.
Era un altro metodo di deduzione, nel quale il magistrato stava per
gettarsi, e forse aveva ragione, perch quel metodo non mancava di
una certa logica.
E prima di tutto esperimentiamo un millesimo! disse.
Perch quel malfattore non avrebbe scelto il millesimo dellanno che
ha visto nascere J oam Dacosta - linnocente che egli lasciava
condannare in sua vece - non fosse che per non dimenticare questo
numero, cos importante per lui? Ora J oam Dacosta nato nel 1804.
Vediamo cosa d 1804 preso come numero crittografico!
E il giudice J arriquez, scrivendo le prime lettere del paragrafo e
sovrapponendovi il numero 1804, che ripet tre volte, ottenne questa
nuova formula:

1804 1804 1804
phyj siyd dqfd

Poi, risalendo nellordine alfabetico di tante lettere quante
comportava il valore della cifra, ottenne la serie seguente:

o . y f r d y . c i f .

il che non significava nulla! E inoltre gli mancavano tre lettere che
egli aveva dovuto sostituire con dei punti, perch le cifre 8, 4 e 4 che
comandavano le tre lettere h, d e d, non davano lettere corrispondenti
risalendo la serie alfabetica.
Non ancora questo! esclam il giudice J arriquez.
Cerchiamo un altro numero!
E si domand se invece di quel primo millesimo lautore del
documento non avesse piuttosto scelto il millesimo dellanno nel
quale il delitto era stato commesso.
Ora, quel delitto era avvenuto nel 1826.
Dunque, procedendo come prima, egli ottenne la formula:

1826 1826 1826
phyj slyd dqfd

la qual cosa diede al giudice come risultato:

o . v d r d v . c i d .

Altra serie insignificante che non aveva nessun senso e parecchie
lettere sempre mancanti come nella formula precedente, e per ragioni
simili.
Numero del diavolo! esclam il magistrato. Bisogna
rinunciare anche a questo! A un altro! Quel pezzente avrebbe mai
scelto il numero dei contos rappresentante il prodotto del furto?
Ora il valore dei diamanti rubati era stato valutato a
ottocentotrentaquattro contos.
17

La formula fu dunque stabilita cos:

834 834 834 834
phy jsi ydd qf

che diede un risultato poco soddisfacente quanto gli altri:

h e t b p h p a . i c .


17
Circa 2.500.000 franchi. (N.d.A.)
Al diavolo il documento e chi lha inventato! esclam il
giudice J arriquez, buttando via la carta che vol fino allaltra
estremit della camera. Un santo perderebbe la pazienza e si
dannerebbe!
Ma passato quel momento di collera, il magistrato, che non voleva
affatto darsi per vinto, riprese il documento. Ci che aveva fatto per
le prime lettere dei diversi paragrafi, lo rifece per le ultime,
inutilmente. Poi, tutto ci che gli forn la sua immaginazione
sovreccitata, lo tent. Furono successivamente sperimentati i numeri
che rappresentavano let di J oam Dacosta, che doveva pure essere
ben nota allautore del delitto, la data dellarresto, della condanna
pronunciata dalla Corte di Assise di Villa-Rica, la data stabilita per
lesecuzione, ecc. ecc., fino al numero delle vittime dellattentato di
Tijuco!
Nulla, sempre nulla!
Il giudice J arriquez era in uno stato di esasperazione che poteva
davvero far temere per lequilibrio delle sue facolt mentali. Egli si
dimenava, si dibatteva, lottava come se fosse in un combattimento a
corpo a corpo! Poi a un tratto esclam:
Al caso, e il cielo mi aiuti, poich la logica impotente!
La sua mano afferr il cordone di un campanello sospeso vicino al
suo tavolo di lavoro. Il campanello suon violentemente e il
magistrato avanz sino alluscio che apr:
Bobo! grid. Passarono alcuni istanti.
Bobo, un negro affrancato, che era il domestico favorito del
giudice J arriquez, non appariva. Era evidente che Bobo non osava
entrare nella stanza del suo padrone.
Nuova scampanellata! Nuova chiamata di Bobo che, nel suo
interesse, credette di dover fare il sordo in quelloccasione.
Finalmente, terza scampanellata che guast il campanello e
strapp il cordone. Questa volta Bobo apparve.
Che cosa vuole il mio padrone? chiese Bobo, tenendosi
prudentemente sulla soglia delluscio.
Fatti avanti, senza pronunciare una parola rispose il
magistrato, il cui sguardo infiammato fece tremare il negro.
Bobo avanz.
Bobo disse il giudice J arriquez fa bene attenzione alla
domanda che ti far e rispondi immediatamente, senza prendere
nemmeno il tempo di riflettere, altrimenti
Bobo, sbalordito, con gli occhi fissi, la bocca aperta, accost i
piedi nella posizione del soldato senzarmi e aspett.
Ci sei? gli chiese il padrone.
Ci sono.
Attenzione! Dimmi, senza cercare, capisci bene, il primo
numero che ti passa per la testa!
Settantaseimiladuecentoventitr rispose Bobo tutto di un
fiato. Bobo, senza dubbio, aveva pensato di compiacere al suo
padrone rispondendogli con un numero cos grosso.
Il giudice J arriquez era corso al suo tavolino, e con la matita in
mano aveva stabilito la sua formula sul numero indicato da Bobo, il
quale Bobo non era che linterprete del caso in quella circostanza.
Sarebbe stato troppo inverosimile che quel numero 76223 fosse
precisamente quello che serviva come chiave al documento.
Esso non produsse dunque altro risultato che di far scaturire sulle
labbra del giudice J arriquez una bestemmia tanto enorme che Bobo si
affrett a svignarsela in fretta.
CAPITOLO XV
ULTIMI SFORZI
NEL FRATTEMPO il magistrato non era stato il solo a consumarsi in
inutili sforzi. Benito, Manoel, Minha avevano unito anchessi i loro
sforzi per tentare di strappare al documento quel segreto, dal quale
dipendevano la vita e lonore del loro padre. Dal canto suo, Fragoso,
aiutato da Lina, non aveva voluto essere da meno; ma ogni loro
tentativo era risultato inutile e il numero sfuggiva sempre!
Trovatelo dunque, Fragoso! gli ripeteva di continuo la
giovane mulatta, trovatelo dunque!
Lo trover! rispondeva Fragoso. E non trovava niente!
Bisogna dire per altro che Fragoso aveva lidea di mettere in
esecuzione un certo progetto di cui non voleva parlare nemmeno a
Lina, progetto che era pure passato nel suo cervello allo stato di
ossessione: era di andare alla ricerca di quella milizia alla quale
aveva appartenuto lex capitano dei boschi, e di scoprire quale avesse
potuto essere lautore del documento cifrato, che si era confessato
colpevole dellattentato di Tijuco. Ora, la parte della provincia del
Rio delle Amazzoni, nella quale operava quella milizia, lo stesso
luogo in cui Fragoso laveva incontrata alcuni anni prima, la
circoscrizione alla quale essa apparteneva, non erano molto lontani
da Manao. Bastava discendere il fiume per una cinquantina di miglia,
verso la foce della Madeira, affluente della sua riva destra, e l senza
dubbio avrebbe incontrato il capo di quei capitas do mato che aveva
contato Torres fra i suoi compagni. In due giorni o tre al massimo
Fragoso poteva mettersi in contatto con gli antichi compagni
dellavventuriero.
S, senza dubbio, posso fare ci pensava, ma e poi? Cosa
risulter da questo passo, ammettendo che esso riesca? Quando noi
avremo la certezza che uno dei compagni di Torres morto di
recente, ci prover forse che egli lautore del delitto? Ci
dimostrer che fu da lui consegnato a Torres un documento nel quale
egli confessa il suo crimine e ne discolpa J oam Dacosta? Ci dar
finalmente la chiave del documento? No! due uomini soltanto ne
conoscevano il numero! Il colpevole e Torres! E questi due uomini
sono morti!
Cos ragionava Fragoso. Era troppo evidente che quel sistema non
avrebbe approdato a nulla. Eppure quel pensiero era pi forte di lui.
Una forza irresistibile lo spingeva a partire, bench non fosse
nemmeno sicuro di ritrovare la milizia della Madeira! Infatti essa
poteva essere a caccia in qualche altra parte della provincia, e allora
per raggiungerla ci sarebbe voluto maggior tempo di quello di cui
Fragoso poteva disporre. E per arrivare a che cosa, a quale risultato?
Non meno vero che lindomani, 29 agosto, prima dellalba,
Fragoso, senza avvertire alcuno, lasciava furtivamente la jangada,
giungeva a Manao e simbarcava sopra una di quelle numerose
garitas che discendono giornalmente il Rio delle Amazzoni.
E quando non lo si vide pi a bordo, quando non riapparve pi in
tutto quel giorno, fu uno stupore generale. Nessuno, neppure la
giovane mulatta, poteva spiegarsi in circostanze tanto gravi lassenza
di quel servo cos affezionato!
Alcuni giunsero fino a domandarsi, non senza qualche ragione, se
il povero giovane, desolato di aver personalmente contribuito,
quando lincontr alla frontiera, a portare Torres sulla jangada, non si
fosse abbandonato a qualche atto disperato!
Ma se Fragoso poteva rivolgersi un simile rimprovero, cosa
doveva dunque dire a se stesso Benito? Una prima volta, a Iquitos,
egli aveva invitato Torres a visitare la fazenda. Una seconda volta, a
Tabatinga, egli laveva condotto a bordo della jangada per
imbarcarvisi. Una terza volta, provocandolo e uccidendolo, aveva
distrutto il solo uomo, la cui testimonianza poteva intervenire in
favore del condannato.
E allora Benito si accusava di tutto, dellarresto di suo padre e dei
terribili eventi che ne sarebbero conseguiti.
Infatti, se Torres fosse ancora vissuto, Benito non poteva pensare
che, in un modo o nellaltro, per compassione o per interesse,
lavventuriero avrebbe finito con il cedere il documento? Con il
denaro, Torres, che nulla poteva compromettere, non sarebbe stato
indotto a parlare? La prova tanto cercata non sarebbe stata finalmente
messa sotto gli occhi dei magistrati? S, senza dubbio! E il solo
uomo che avrebbe potuto fornire quella testimonianza, quelluomo
era morto per mano di Benito!
Ecco ci che il disgraziato giovane ripeteva a sua madre, a
Manoel, a se stesso! Ecco quali erano le crudeli responsabilit che
turbavano enormemente la sua coscienza!
Tuttavia, fra suo marito, presso il quale ella passava tutte le ore
che le erano concesse, e suo figlio in preda a una disperazione che
faceva tremare per la sua ragione, la coraggiosa Yaquita non perdeva
nulla della sua forza morale.
Si ritrovava in lei la valorosa figlia di Magalhas, la degna
compagna del fazendero di Iquitos.
Latteggiamento di J oam Dacosta, del resto, era tale da
sorreggerla in quella prova. Quelluomo di cuore, quel rigido
puritano, quellaustero lavoratore, la cui vita intera non era stata che
una lotta, non aveva ancora mostrato un istante di debolezza.
Il colpo pi terribile che gli fosse toccato senza abbatterlo era stata
la morte del giudice Ribeiro, nella cui mente la sua innocenza non
lasciava nessun dubbio. Non era con laiuto del suo antico difensore
che egli aveva avuto la speranza di lottare per la propria
riabilitazione? Lintervento di Torres in tutta quella faccenda non lo
considerava che come una cosa secondaria. E, daltra parte, non
conosceva lesistenza di quel documento quando aveva deciso di
lasciare Iquitos per venire a consegnarsi alla giustizia del suo paese.
Non portava altra testimonianza che delle prove morali. Se una prova
materiale si fosse inopinatamente presentata nel corso del processo,
prima o dopo il suo arresto, non era certo uomo da sdegnarla; ma se,
per cause spiacevoli, quella prova fosse scomparsa, egli si ritrovava
nella condizione in cui si trovava al momento di passare la frontiera
del Brasile, la condizione di un uomo che veniva a dire: Ecco il mio
passato, ecco il mio presente, ecco tutta unonesta esistenza di lavoro
e di devozione che vi porto! Voi avete emesso una prima sentenza
ingiusta! Dopo ventitr anni desilio vengo a voi! Eccomi!
Giudicatemi!.
La morte di Torres, limpossibilit di decifrare il documento
trovatogli addosso, non avevano dunque potuto produrre su J oam
Dacosta unimpressione tanto viva quanto nei suoi figli, amici, servi,
su tutti quelli che sinteressavano di lui.
Io ho fede nella mia innocenza ripeteva a Yaquita come
ho fede in Dio! Se Egli crede che la mia vita sia ancora utile ai miei
cari e che sia necessario un miracolo per salvarla, lo far questo
miracolo, altrimenti morr! Egli solo il giudice!
Nella citt di Manao la commozione aumentava con il trascorrere
del tempo. Quella faccenda era commentata con una passione senza
pari. In mezzo a quellimpulso dellopinione pubblica, provocato da
tutto ci che misterioso, il documento era lunico oggetto delle
conversazioni. Nessuno, alla fine del quarto giorno, dubitava pi che
esso contenesse la prova dellinnocenza del condannato.
Bisogna dire, daltra parte, che ognuno era stato messo in grado di
tentare di decifrare lincomprensibile contenuto. Infatti nel Diario
do Grand Para era stato riprodotto un fac-simile. Delle copie
autografe erano state diffuse in grande numero, e ci dietro istanza di
Manoel, che non voleva trascurare nulla di quanto potesse portare
alla penetrazione di quel mistero, neppure il caso, il nome di
guerra, come si disse, che assume qualche volta la provvidenza.
Inoltre, una ricompensa di cento contos
18
fu promessa a chiunque
avesse scoperto il numero invano cercato, permettendo cos di
leggere il documento. Era una vera fortuna. Cos uomini di ogni
classe sociale tralasciarono di bere, di mangiare, di dormire, per
esaminare linintelligibile crittogramma.
Fino allora, tuttavia, tutto era stato inutile, ed probabile che i pi
ingegnosi analisti del mondo vi avrebbero invano consumato le loro
veglie. Il pubblico era stato avvisato, del resto, che qualsiasi
soluzione doveva essere mandata senza indugio al giudice J arriquez,
nella sua casa in via Dio Figlio; ma il 29 agosto, alla sera, nulla
ancora era arrivato e nulla doveva arrivare senza dubbio!
In verit, fra tutti coloro che si danno allo studio di questi
rompicapo, il giudice J arriquez era da compiangere. A causa di

18
300.000 franchi. (N.d.A.)
unassociazione di idee affatto naturale, egli condivideva ora
lopinione di tutti che il documento si riferisse allaffare di Tijuco,
che fosse stato scritto dalla mano stessa del colpevole e che
discolpasse J oam Dacosta. Tuttavia non metteva che maggior ardore
nel cercarne la chiave. Non era pi unicamente larte per larte che lo
guidava, era un sentimento di giustizia, di piet verso un uomo
colpito da uningiusta condanna. Se vero che si fa un certo
consumo di fosforo organico nel lavoro del cervello umano, non si
potrebbe dire quanti milligrammi il magistrato ne avesse consumati
per mettere sotto pressione le sue meningi e, in fin dei conti, per non
trovar nulla, proprio nulla!
Eppure il giudice J arriquez non pensava di abbandonare il suo
lavoro. Se ora non contava pi che sul caso, bisognava, voleva che il
caso gli venisse in aiuto! Egli cercava di provocarlo con tutti i mezzi
possibili e immaginabili. In lui ci era diventato frenesia, rabbia, e,
ci che peggio, rabbia impotente!
I numeri differenti che speriment in quellultima parte della
giornata, numeri sempre presi arbitrariamente, sono inconcepibili!
Ah! se ne avesse avuto il tempo, non avrebbe esitato a cacciarsi in
quei milioni di combinazioni che i dieci segni della numerazione
possono formare! Vi avrebbe consacrato tutta la vita a rischio di
diventare pazzo prima di un anno. Pazzo! eh! non lo era forse gi!
Ebbe allora il pensiero che il documento dovesse essere letto al
rovescio. Perci volgendolo ed esponendolo alla luce lo riprese a
questa maniera. Nulla! I numeri gi immaginati e che speriment
sotto questa nuova forma non diedero alcun risultato!
Forse bisognava prendere il documento sottosopra e ricostruirlo
andando dallultima lettera alla prima ci che il suo autore poteva
aver combinato per renderne la lettura ancor pi difficile!
Nulla! questa nuova combinazione non forn che una serie di
lettere completamente illeggibili.
Alle 8 di sera il giudice J arriquez, con la testa fra le mani, stanco,
sfinito moralmente e fisicamente, non aveva pi la forza di muoversi,
di parlare, di pensare, di associare unidea a unaltra.
Ma a un tratto un rumore si fece sentire allesterno. Quasi subito,
nonostante i suoi ordini formali, luscio del suo ufficio si apr
bruscamente.
Benito e Manoel erano dinanzi a lui, Benito spaventoso a vedersi,
Manoel lo sorreggeva perch il disgraziato giovane non aveva la
forza di stare in piedi.
Il magistrato si era alzato vivamente.
Che c, signori, cosa volete? domand.
Il numero il numero! esclam Benito pazzo di dolore.
Il numero del documento.
Lo conoscete voi dunque? esclam il giudice J arriquez.
No, signore rispose Manoel. Ma voi?
Nulla, nulla!
Nulla! fece Benito.
E, nel parossismo della disperazione, togliendo unarma dalla sua
cintura, voleva spararsi al petto.
Il magistrato e Manoel gli furono addosso, e riuscirono non senza
fatica a disarmarlo.
Benito disse il giudice J arriquez con voce che voleva
mantenere calma poich vostro padre ora non pu pi sfuggire
allespiazione di un delitto che non suo, voi avete di meglio da fare
che uccidervi!
Che cosa? esclam Benito.
Dovete tentare di salvargli la vita!
E come?
Tocca a voi indovinarlo rispose il magistrato non a me
dirvelo!
CAPITOLO XVI
DISPOSIZIONI PRESE
LINDOMANI, 30 agosto, Benito e Manoel si consultarono.
Avevano compreso il pensiero che il giudice non aveva voluto
esprimere in loro presenza. Ora cercavano i mezzi per far fuggire il
condannato che era minacciato dallesecuzione.
Non cera altro da fare.
Infatti, era troppo certo che, per le autorit di Rio de J aneiro, il
documento indecifrabile non avrebbe avuto alcun valore, che sarebbe
stato lettera morta, che il primo giudizio che aveva dichiarato J oam
Dacosta colpevole dellattentato di Tijuco non sarebbe stato
modificato e che lordine di esecuzione sarebbe arrivato
inevitabilmente, poich, nel nostro caso, nessuna commutazione di
pena era possibile.
Dunque J oam Dacosta non doveva esitare a sottrarsi di nuovo con
la fuga al decreto che lo colpiva ingiustamente.
Fra i due giovani fu dapprima convenuto che il segreto di ci che
stavano per fare sarebbe stato assolutamente mantenuto; che n
Yaquita, n Minha sarebbero state informate dei loro tentativi.
Sarebbe forse stato come dar loro unultima speranza che non
sarebbe stata portata a termine. Chi sa se in seguito a circostanze
impreviste quel tentativo di evasione non sarebbe fallito
miseramente!
La presenza di Fragoso sarebbe stata preziosa, senza dubbio, in
quel momento.
Quel giovanotto accorto e discreto sarebbe venuto molto utilmente
in aiuto ai due giovani; ma Fragoso non era riapparso. Lina,
interrogata in proposito, non aveva potuto dire che cosa fosse di lui,
n perch avesse lasciato la jangada senza nemmeno avvisarla.
E certamente, se Fragoso avesse potuto prevedere che le cose
sarebbero arrivate a quel punto, non avrebbe abbandonato la famiglia
Dacosta per tentare unimpresa che non sembrava poter dare alcun
risultato serio. S! meglio sarebbe stato agevolare levasione del
condannato, che mettersi alla ricerca degli antichi compagni di
Torres!
Ma Fragoso non era l, e bisognava per forza far a meno del suo
aiuto.
Benito e Manoel, allalba, lasciarono dunque la jangada e si
diressero verso Manao. Arrivarono rapidamente in citt e si
cacciarono nelle strette vie a quellora ancora deserte. In pochi
minuti entrambi si trovavano dinanzi al carcere, e percorrevano in
ogni verso quei terreni aperti, sui quali sorgeva lantico convento che
serviva da carcere.
Era la disposizione dei luoghi che bisognava studiare con molta
cura.
In un angolo delledificio si apriva, a venticinque piedi sopra il
suolo, la finestra della cella nella quale era chiuso J oam Dacosta.
Quella finestra era munita di una grata di ferro abbastanza in cattivo
stato, che doveva esser facile togliere o segare se si poteva sollevarsi
alla sua altezza. Le pietre del muro mal congiunte, tolte in molti
luoghi, costituivano numerose sporgenze che dovevano offrire al
piede un appoggio solido, se fosse stato possibile innalzarsi per
mezzo di una corda. Ora la corda, se lanciata con destrezza, si
sarebbe potuto forse attaccarla a una delle sbarre della grata che era
gi staccata dal muro e formava un uncino allesterno. Ci fatto, tolte
un paio di sbarre, in modo da poter lasciar passare un uomo, Benito e
Manoel avrebbero cos potuto introdursi nella cella del prigioniero, e
la fuga sarebbe avvenuta senza grandi difficolt per mezzo della
corda attaccata allarmatura di ferro. Durante la notte, che le
condizioni atmosferiche dovevano rendere molto buia, nessuna di
quelle manovre sarebbe stata vista, e J oam Dacosta prima del giorno
sarebbe stato al sicuro.
Per unora, Manoel e Benito, andando e venendo in modo da non
attirare lattenzione, presero i rilievi necessari con la massima
precisione, tanto sulla situazione della finestra e la disposizione
dellarmatura quanto sul luogo adatto per gettare la corda.
Sta bene; disse allora Manoel. Ma bisogner avvisare
J oam Dacosta?
No, Manoel! Non comunichiamo neppure a lui, come abbiamo
fatto con mia madre, il segreto di un tentativo che pu fallire!
Riusciremo, Benito! rispose Manoel. necessario per
prevedere tutto, e se mai lattenzione del capo guardiano del carcere
sia attirata nel momento dellevasione
Avremo tutto loro necessario per comperare quelluomo!
rispose Benito.
Bene rispose Manoel. Ma una volta che nostro padre sia
fuori del carcere, egli non pu rimanere nascosto nella citt n sulla
jangada. Dove cercare rifugio?
Era il secondo problema da risolvere, problema molto grave, di
cui ecco la soluzione.
A cento passi dal carcere, il terreno aperto era attraversato da uno
di quei canali che si versano, sotto la citt, nel Rio Negro. Quel
canale offriva dunque una via facile per giungere al fiume, a patto
che una piroga venisse ad aspettare il fuggitivo. Dal piede della
muraglia al canale, vi sarebbero stati cento passi appena da
percorrere.
Benito e Manoel decisero dunque che una delle piroghe della
jangada si sarebbe staccata verso le otto di sera sotto il comando del
pilota Araujo e di due valenti rematori. Essa avrebbe risalito il Rio
Negro, si sarebbe spinta nel canale, avrebbe strisciato attraverso il
terreno aperto e l, nascosta sotto le alte erbe della riva, si sarebbe
tenuta tutta notte a disposizione del prigioniero.
Ma una volta imbarcato, dove sarebbe stato conveniente che J oam
Dacosta avesse cercato rifugio?
Fu questo loggetto di unultima decisione che venne presa dai
due giovani, dopo molte discussioni.
Ritornare a Iquitos significava percorrere una via difficile, piena
di pericoli. In ogni caso sarebbe stata cosa lunga, sia che il fuggitivo
si fosse gettato attraverso la campagna, sia che avesse risalito o
disceso il corso del Rio delle Amazzoni. N cavalli, n piroghe
potevano metterlo abbastanza rapidamente al sicuro. La fazenda, del
resto, non gli offriva pi un rifugio sicuro. Rientrandovi, egli non
sarebbe stato pi il fazendero J oam Garral, ma sarebbe stato il
condannato J oam Dacosta, sempre sotto una minaccia di
estradizione, ed egli non doveva pi pensare a riprendervi la vita
come nel passato.
Per fuggirsene dal Rio Negro fino al nord della provincia, oppure
fuori dei possedimenti brasiliani, era necessario pi tempo di quello
di cui poteva disporre J oam Dacosta, prima cura del quale doveva
essere il sottrarsi alle persecuzioni immediate.
Ridiscendere il Rio delle Amazzoni? Ma le poste, i villaggi, le
citt abbondavano sulle due rive del fiume. I connotati del
condannato sarebbero stati mandati a tutti i capi di polizia. Egli
correva dunque il rischio di essere arrestato molto prima di giungere
al litorale dellAtlantico. Se vi fosse anche giunto, dove e come
nascondersi aspettando unoccasione dimbarcarsi per mettere tutto
un mare fra la giustizia e lui?
Esaminati questi diversi progetti, Benito e Manoel riconobbero
che n gli uni n gli altri erano possibili. Uno solo offriva qualche
speranza di salvezza.
Ed era il seguente. Usciti dal carcere, dovevano imbarcarsi sulla
piroga, seguire il canale fino al Rio Negro, discendere questo
affluente sotto la guida del pilota, giungere al punto di confluenza dei
due corsi dacqua, poi abbandonarsi alla corrente del Rio delle
Amazzoni, seguendo la sua riva destra per una sessantina di miglia,
navigando di notte, fermandosi di giorno, e guadagnare cos la foce
della Madeira.
Quel tributario, che discende dal versante della Cordigliera,
ingrossato da un centinaio di affluenti secondari, una vera via
fluviale aperta fino nel cuore stesso della Bolivia. Una piroga poteva
dunque avventurarvisi, senza lasciare alcuna traccia del suo
passaggio, e rifugiarsi in qualche luogo, borgata o villaggio posto di
l dalla frontiera brasiliana.
L, J oam Dacosta sarebbe stato relativamente al sicuro; l avrebbe
potuto per molti mesi, se fosse stato necessario, aspettare loccasione
per riguadagnare il litorale del Pacifico e per imbarcarsi sopra una
nave in partenza in uno dei porti della costa. Se quella nave lo avesse
condotto in uno degli Stati Uniti dellAmerica del Nord, egli sarebbe
stato salvo. In seguito avrebbe esaminato la possibilit di trasformare
tutto il suo patrimonio in denaro, di espatriare definitivamente e di
andare a cercare di l dai mari nel vecchio mondo un ultimo eremo
dove terminare quellesistenza cos crudelmente e ingiustamente
agitata.
La sua famiglia lo avrebbe seguito senza esitare, senza rammarico,
dovunque egli sarebbe andato, e nella sua famiglia era indispensabile
comprendere Manoel, che sarebbe stato legato a lui da nodi
indissolubili. Era quello un problema che non bisognava neppure
discutere.
Partiamo disse Benito. Bisogna che tutto sia pronto
prima di notte, e non abbiamo un istante da perdere.
I due giovani ritornarono a bordo, seguendo largine del canale
fino al Rio Negro. Essi si assicurarono cos che il passaggio della
piroga era perfettamente libero, che nessuno ostacolo, nessuno
sbarramento dischiusa, o nave in riparazione, potessero arrestarla.
Poi discendendo la riva sinistra dellaffluente, evitando le vie pi
frequentate della citt, giunsero allancoraggio della jangada.
Prima preoccupazione di Benito fu di vedere sua madre. Si sentiva
abbastanza padrone di se stesso da non lasciar scorgere le
inquietudini che lo tormentavano. Voleva rassicurarla, dirle che ogni
speranza non era perduta, che il mistero del documento stava per
esser chiarito, che in ogni caso lopinione pubblica era favorevole a
J oam Dacosta e che dinanzi a questo mutamento che era in suo
favore, la giustizia avrebbe accordato tutto il tempo necessario
perch la prova materiale della sua innocenza fosse finalmente
fornita.
S! madre mia, s ! soggiunse. Prima di domani senza
dubbio non avremo pi nulla da temere per nostro padre!
Dio ti ascolti, figlio mio! rispose Yaquita, i cui occhi
avevano una espressione cos interrogativa che Benito pot appena
sostenerne lo sguardo.
Dal canto suo, e per comune accordo, Manoel aveva tentato di
rassicurare Minha, ripetendole che il giudice J arriquez, convinto
dellinnocenza di J oam Dacosta, avrebbe cercato di salvarlo con tutti
i mezzi che erano in suo potere.
Io voglio credervi, Manoel, aveva risposto la giovinetta non
potendo trattenere le lacrime.
E Manoel aveva bruscamente lasciato Minha. Le lacrime
cominciavano a sgorgare dai suoi occhi e a protestare contro quelle
parole di speranza che aveva pronunciato!
Daltra parte, era venuto il momento di andar a fare al prigioniero
la visita quotidiana, e Yaquita, accompagnata da sua figlia, si diresse
rapidamente verso Manao.
Per unora, i due giovani si trattennero con il pilota Araujo. Gli
fecero conoscere in tutti i particolari il progetto che avevano fatto e
lo consultarono sia a proposito del progetto di evasione, sia sulle
misure che si dovevano prendere dopo per assicurare la salvezza del
fuggitivo.
Araujo approv tutto. Egli sincaric, venuta la notte, senza
destare alcun sospetto, di condurre la piroga attraverso il canale, di
cui conosceva perfettamente litinerario fino al luogo in cui doveva
aspettare larrivo di J oam Dacosta. Non ci sarebbe stata poi nessuna
difficolt a riguadagnare la foce del Rio Negro, e la piroga sarebbe
passata inosservata in mezzo ai velieri che ne discendevano
incessantemente il corso.
Sul progetto di seguire il Rio delle Amazzoni fino al punto di
confluenza con la Madeira, Araujo non sollev alcuna obiezione. Era
anchegli dellavviso che non si poteva prendere una migliore
decisione.
Il corso della Madeira gli era noto per pi di cento miglia. In
mezzo a quelle province poco frequentate, se, per assurdo,
linseguimento fosse stato diretto in quella direzione, si sarebbe
potuto eludere facilmente, a costo di cacciarsi nel centro della
Bolivia, e per poco che J oam Dacosta persistesse a voler espatriare,
avrebbe potuto imbarcarsi con minore pericolo sul litorale del
Pacifico che su quello dellAtlantico.
Lapprovazione di Araujo era tale da rassicurare i due giovani.
Essi avevano, e non senza ragione, fiducia nel buon senso pratico del
pilota. Quanto alla devozione di quel bravuomo, nessun dubbio era
possibile. Egli avrebbe certamente arrischiato la libert o la vita per
salvare il fazendero di Iquitos.
Araujo si occup immediatamente, ma nella massima segretezza,
dei preparativi che gli incombevano in quel tentativo di fuga. Una
grossa somma in oro gli fu consegnata da Benito per provvedere a
tutti gli eventi durante il viaggio sulla Madeira. Fece poi preparare la
piroga annunciando la sua intenzione di andare alla ricerca di
Fragoso, che non era riapparso e sulla sorte del quale tutti i suoi
compagni avevano ragione di essere molto preoccupati.
Poi, egli stesso dispose nellimbarcazione delle provviste per
molti giorni e le corde e gli utensili che i due giovani dovevano
venire a prendere, quando essa fosse giunta allestremit del canale,
allora e al luogo convenuti.
Questi preparativi non attirarono per nulla lattenzione del
personale della jangada. I due robusti negri che il pilota scelse per
rematori non furono neppure essi informati del segreto tentativo.
Tuttavia si poteva in modo certo contare su di loro. Quando essi
avrebbero appreso a quale opera di salvezza dovevano cooperare,
quando J oam Dacosta, finalmente libero, sarebbe stato affidato alle
loro cure, Araujo sapeva bene che essi erano uomini da osare tutto,
anche da rischiare la vita, per salvare il loro padrone.
Nel pomeriggio tutto era pronto per la partenza. Non rimaneva che
aspettare la notte.
Ma, prima di agire, Manoel volle rivedere unultima volta il
giudice J arriquez. Forse il magistrato avrebbe avuto qualche cosa di
nuovo da comunicargli sul documento.
Benito prefer rimanere sulla jangada, per aspettare il ritorno di
sua madre e di sua sorella. Manoel si rec dunque solo alla casa del
giudice J arriquez e fu ricevuto immediatamente.
Il magistrato, nel suo ufficio che non lasciava pi, era sempre in
preda alla pi profonda eccitazione.
Il documento gualcito dalle sue dita impazienti era sempre l, sul
suo tavolino, sotto i suoi occhi.
Signore gli disse Manoel, la cui voce tremava facendo
quella domanda avete ricevuto da Rio de J aneiro?
No rispose il giudice J arriquez lordine non ancora
arrivato ma da un momento allaltro
E il documento?
Nulla! esclam il giudice J arriquez. Tutto ci che la mia
immaginazione ha potuto suggerirmi, io lho tentato e nulla!
Nulla!
Pure, io ho visto chiaramente una parola in questo
documento una sola.
E questa parola? esclam Manoel. Signore qual
questa parola?
Fuggire!
Manoel, senza rispondere, strinse la mano che gli porgeva il
giudice J arriquez e ritorn alla jangada per aspettarvi il momento di
agire.
CAPITOLO XVII
LULTIMA NOTTE
LA VISITA di Yaquita, accompagnata da sua figlia, non era stata
dissimile dalle altre, durante quelle poche ore che i due sposi
passavano luno accanto allaltro. In presenza di questi due esseri
cos teneramente amati, il cuore di J oam Dacosta stentava a non
traboccare. Ma il marito, il padre, si conteneva. Era lui che infondeva
coraggio a quelle due povere donne, era lui che restituiva loro un
poco di quella speranza che non rimaneva a se stesso. Tutte e due
venivano con lintenzione di rianimare lo spirito del prigioniero.
Ohim! esse pi di lui avevano bisogno di essere rianimate; ma
vedendolo cos pensoso, a capo eretto in mezzo a tante angosce, esse
ricominciavano a sperare.
Anche quel giorno J oam .aveva rivolto loro espressioni
incoraggianti. Quellindomabile vigoria, egli la trovava non solo nel
sentimento della sua innocenza, ma anche nella fede, in quel Dio che
ha messo una parte della sua giustizia nel cuore degli uomini. No!
J oam Dacosta non poteva essere punito per il delitto di Tijuco.
Quasi mai, del resto, egli parlava del documento. Che fosse
apocrifo o no, che fosse di mano di Torres o scritto dal vero autore
dellattentato, che contenesse o non contenesse la prova tanto
cercata, non era gi su quella dubbiosa ipotesi che J oam Dacosta
pretendeva dappoggiarsi. No! egli si considerava come il miglior
argomento della propria causa, ed era a tutta la sua vita di lavoro e di
onest che aveva voluto affidare il compito di patrocinare per lui.
Quella sera dunque, madre e figlia, rinfrancate dalle virili parole
che penetravano fino nel pi profondo del loro cuore, si erano ritirate
pi fiduciose di quanto non fossero state dopo larresto. Il prigioniero
le aveva unultima volta strette al cuore, con una tenerezza
raddoppiata. Sembrava che egli avesse il presentimento che la
soluzione di quella faccenda, qualunque fosse, dovesse essere vicino.
J oam Dacosta, rimasto solo, stette un pezzo immobile. Le sue
braccia erano appoggiate sopra un tavolino, e sorreggevano la testa.
Che avveniva in lui? Era ormai convinto che la giustizia umana,
dopo aver fallito una prima volta, avrebbe pronunciato finalmente la
sua assoluzione?
S! egli Io sperava ancora! Con il rapporto del giudice J arriquez
che stabiliva la sua identit, sapeva che quelle pagine di diario, da lui
scritte con tanta convinzione, dovevano essere a Rio de J aneiro nelle
mani del capo supremo della giustizia.
Si sa che quelle pagine erano la storia della sua vita, dal suo
ingresso negli uffici dellarrayal diamantino fino al momento in cui
la jangada si era arrestata alle porte di Manao.
J oam Dacosta ripassava allora mentalmente tutta la sua esistenza;
riviveva nel passato, dal tempo in cui, orfano, era giunto a Tijuco.
L, con lo zelo, si era innalzato nella gerarchia degli uffici del
governatore generale, in cui era stato ammesso ancor giovanissimo.
Lavvenire gli sorrideva, egli doveva giungere a qualche alto
incarico! Poi, tutto a un tratto, la catastrofe! lassalto al convoglio
dei diamanti, la strage dei soldati della scorta, i sospetti caduti su di
lui come sullunico impiegato che avesse potuto divulgare il segreto
della partenza, il suo arresto, la sua comparsa dinanzi al giur, la sua
condanna, nonostante gli sforzi del suo avvocato, le ultime ore
passate nella cella dei condannati a morte del carcere di Villa-Rica, la
sua evasione compiuta in condizioni che denotavano un coraggio
sovrumano; la sua fuga attraverso le province del Nord, il suo arrivo
alla frontiera peruviana, poi laccoglienza fatta al fuggitivo, privo di
ogni mezzo e morente di fame, dallospitale fazendero Magalhas!
Il prigioniero rivedeva tutti gli avvenimenti che avevano cos
brutalmente infranta la sua vita! E allora, astratto nei suoi pensieri,
perduto nei ricordi, non udiva un rumore insolito che veniva prodotto
sul muro esterno del vecchio convento, n le scosse di una corda
uncinata alle sbarre della sua finestra, n lo stridio dellacciaio che
mordeva il ferro, che avrebbero attirato lattenzione di un uomo
meno immerso nei suoi pensieri.
No, J oam Dacosta continuava a rivivere gli anni della sua
giovinezza, dopo il suo arrivo nella provincia peruviana. Si rivedeva
alla fazenda, dipendente, poi socio del vecchio portoghese intento a
incrementare la prosperit dellazienda di Iquitos.
Ah! perch, fin dallinizio, non aveva detto tutto al suo
benefattore! Magalhas non avrebbe certo dubitato di lui! Era la sola
colpa che avesse da rimproverarsi! Perch non aveva confessato n
da dove veniva, n chi era, soprattutto nel momento in cui Magalhas
aveva messo nella sua mano la mano della figlia, la quale non
avrebbe mai voluto vedere in lui lautore di quellesecrando delitto!
In quel momento il rumore allesterno fu abbastanza forte da
attirare lattenzione del prigioniero.
J oam Dacosta rialz un istante la testa. I suoi occhi si volsero
verso la finestra, ma con quello sguardo vago che come inconscio,
e un momento dopo la sua fronte ricadde nelle sue mani. Il pensiero
lo aveva ricondotto ancora a Iquitos.
L il vecchio fazendero era morente. Prima di morire egli voleva
che lavvenire di sua figlia fosse assicurato, che il suo socio fosse
lunico padrone di quellazienda diventata prospera sotto la sua
direzione. J oam Dacosta doveva parlare allora? Forse! Non
os Rivide quel tempo felice passato vicino a Yaquita, la nascita
dei suoi figli, tutta la felicit di quellesistenza che era turbata
solamente dai ricordi di Tijuco e dal rimorso di non aver confessato
il suo terribile segreto!
Il concatenamento di quei fatti si riproduceva cos nel cervello di
J oam Dacosta con limpidezza e vivacit sorprendenti.
Egli si ritrovava ora al momento in cui il matrimonio di sua figlia
Minha con Manoel stava per essere deciso! Poteva egli lasciare
celebrare quel matrimonio sotto un falso nome, senza far conoscere a
quel giovane il mistero della sua vita? No! Cos si era deciso, dietro
linvito del giudice Ribeiro, di venire a reclamare la revisione del suo
processo, a provocare la riabilitazione che gli era dovuta. Era partito
con tutti i suoi, e qui seguiva lintervento di Torres, lodioso baratto
proposto da quel miserabile, il rifiuto sdegnoso del padre di cedere la
figlia per salvare il proprio onore e la propria vita, poi la denuncia, in
fine larresto.
In quel momento la grata della finestra, spinta violentemente dal
di fuori, si apr bruscamente. J oam Dacosta si drizz, i ricordi del suo
passato svanirono come ombre.
Benito era saltato nella camera, era di fronte a suo padre e un
istante dopo Manoel, valicando il vano lasciato aperto dalle sbarre,
appariva accanto a lui.
J oam Dacosta stava per gettare un grido di sorpresa; Benito non
gliene lasci il tempo.
Padre mio, disse ecco questa finestra la cui grata
rotta! Una corda pende fino al suolo Una piroga aspetta nel
canale, a cento passi da qui! Araujo l per condurla lontano da
Manao sullaltra riva del Rio delle Amazzoni, dove le vostre tracce
non potranno essere ritrovate! Padre mio, bisogna fuggire subito! Il
giudice stesso ce lo ha consigliato!
necessario! soggiunse Manoel.
Fuggire! io! Fuggire una seconda volta! Fuggire
ancora!
E con le braccia incrociate, il capo eretto, J oam Dacosta
indietreggi lentamente fino al fondo della camera.
Mai! disse, con voce cos ferma che Benito e Manoel
rimasero sgomenti.
I due giovani non si aspettavano quella resistenza. Non avrebbero
mai potuto pensare che gli ostacoli a quellevasione fossero venuti
dallo stesso prigioniero.
Benito avanz verso suo padre, e guardandolo bene in faccia, gli
prese le mani, non per trascinarlo, ma perch lo udisse e si lasciasse
convincere.
Mai, avete detto, padre mio?
Mai.
Padre mio, disse allora Manoel io pure ho il diritto di
chiamarvi cos, padre mio, ascoltateci. Se vi diciamo che bisogna
fuggire senza perdere un solo istante, perch, se rimaneste, sareste
colpevole verso voi stesso!
Rimanere soggiunse Benito aspettare la morte, padre
mio. Lordine di esecuzione pu arrivare da un momento allaltro. Se
voi credete che la giustizia degli uomini muter una sentenza iniqua,
se voi pensate che essa riabiliter colui che essa ha condannato venti
anni or sono, vi ingannate! Non c pi speranza! Bisogna fuggire!
Fuggire!
Con un gesto improvviso, Benito aveva preso suo padre e lo
trascinava verso la finestra. J oam Dacosta si sciolse dalla stretta di
suo figlio, e indietreggi una seconda volta.
Fuggire! rispose con laccento di un uomo la cui risoluzione
ferma. Ma questo disonorarmi e disonorare voi con me!
Sarebbe come confessare la mia colpa. Poich io sono liberamente
venuto a mettermi a disposizione dei giudici del mio paese, devo
attendere la loro decisione, qualunque essa sia, e laspetter!
Ma le supposizioni sulle quali voi vi appoggiate non possono
bastare soggiunse Manoel e la prova materiale della vostra
innocenza vi manca finora! Se noi vi ripetiamo che bisogna fuggire,
significa che il giudice J arriquez in persona ce lo ha suggerito! A voi
ora non rimane che la speranza di sfuggire alla morte!
Morir! rispose J oam Dacosta con voce calma. Morir
protestando contro la sentenza che mi condanna! Una prima volta,
poche ore prima dellesecuzione, sono fuggito. S! ero giovane
allora, avevo tutta una vita dinanzi a me per combattere lingiustizia
degli uomini. Ma fuggire ora, ricominciare la miserabile esistenza di
un colpevole che si nasconde sotto un falso nome, i cui sforzi sono
tutti consacrati a sviare le persecuzioni della polizia; riprendere la
vita di ansiet che ho condotto per ventitr anni, obbligandovi a
dividerla con me; aspettare ogni giorno una denuncia che prima o poi
potrebbe giungere e una domanda di estradizione che potrebbe
raggiungermi anche in un paese straniero! E questo sarebbe vivere?
No! Mai!
Padre mio, riprese Benito che credeva dimpazzire dinanzi a
quellostinazione voi fuggirete! Io lo voglio!
E aveva preso J oam Dacosta, e cercava a forza di trascinarlo verso
la finestra.
No! no!
Volete dunque farmi impazzire!
Figlio mio, esclam J oam Dacosta lasciami! Gi una
volta sono fuggito dal carcere di Villa-Rica, e si dovuto credere che
io fuggissi una sentenza meritata! S! si dovuto crederlo! Ebbene,
per lonore del nome che voi portate, non lo far unaltra volta.
Benito era caduto in ginocchio di fronte a suo padre! Gli porgeva
le mani lo supplicava
Ma questo ordine, padre mio, ripeteva questo ordine pu
giungere oggi allistante e conterr la sentenza di morte!
Quando lordine sar giunto, la mia determinazione non
muter! No, figlio mio! J oam Dacosta colpevole potrebbe fuggire!
J oam Dacosta innocente non fuggir!
La scena che segu quelle parole fu straziante. Benito lottava
contro suo padre. Manoel, smarrito, si teneva vicino alla finestra,
pronto a sollevare il prigioniero, quando la porta della cella si apr.
Sulla soglia, apparve il capo della polizia, accompagnato dal capo
guardiano del carcere e da alcuni soldati.
Il capo della polizia comprese che un tentativo di evasione era
stato fatto, ma comprese pure dallattitudine del prigioniero che era
lui che non aveva voluto fuggire. Non disse nulla. La pi profonda
piet si dipinse sul suo volto. Senza dubbio egli pure, come il giudice
J arriquez, avrebbe voluto che J oam Dacosta fosse fuggito da quel
carcere.
Era troppo tardi!
Il capo della polizia, che aveva una carta in mano, avanz verso il
prigioniero.
Prima di tutto, gli disse J oam Dacosta lasciate che vi
affermi, signore, che dipendeva soltanto da me di fuggire, ma che
non ho voluto!
Il capo della polizia abbass un istante la testa; poi con voce che
cerc inutilmente di rendere ferma:
J oam Dacosta, disse venuto in questo istante lordine
del capo supremo della giustizia di Rio de J aneiro.
Ah, padre mio! esclamarono Manoel e Benito.
Questo ordine, chiese J oam Dacosta che aveva incrociate le
braccia sul petto questo ordine porta lesecuzione della sentenza?
S!
E sar?
Per domani!
Benito si era gettato su suo padre. Egli voleva ancora una volta
trascinarlo fuori della cella. Bisogn che i soldati venissero a
strappare il prigioniero da questa ultima stretta.
Poi, a un cenno del capo della polizia, Benito e Manoel furono
condotti fuori. Bisognava mettere fine a quella scena dolorosa, che
era durata fin troppo.
Signore, disse allora il condannato domani mattina,
prima dellora dellesecuzione, potr passare alcuni istanti con padre
Passanha che vi prego di avvertire?
Sar avvertito.
Mi sar permesso di vedere la mia famiglia, di abbracciare
unultima volta mia moglie e i miei figli?
Li vedrete.
Vi ringrazio, signore, rispose J oam Dacosta. E ora fate
custodire questa finestra; bisogna che non mi strappino di qui contro
la mia volont!
Ci detto, il capo della polizia, dopo essersi inchinato, si ritir con
il guardiano e con i soldati.
Il condannato, cui non rimanevano pi che poche ore di vita,
rimase solo.
CAPITOLO XVIII
FRAGOSO
DUNQUE lordine era arrivato, e, come prevedeva il giudice
J arriquez, portava lesecuzione immediata della sentenza pronunciata
contro J oam Dacosta. Nessuna prova aveva potuto essere presentata.
La giustizia doveva avere il suo corso.
Lindomani stesso, 31 agosto, alle nove del mattino, il condannato
doveva morire sulla forca. La pena di morte in Brasile
generalmente commutata, salvo che si tratti di applicarla ai negri; ma
questa volta essa doveva colpire un bianco.
Tali sono le disposizioni penali in materia di delitti relativi
allarrayal diamantino, per i quali, nellinteresse pubblico, la legge
non ha voluto ammettere nessun ricorso di grazia.
Nulla poteva dunque pi salvare J oam Dacosta. Era non solo la
vita, ma anche lonore che egli stava per perdere.
Ora quello stesso 31 agosto, fin dal mattino, un uomo correva
verso Marno a cavallo, e tale era la rapidit della sua corsa che, a
mezzo miglio dalla citt, il coraggioso animale cadeva, incapace di
andare pi innanzi.
Il cavaliere non cerc nemmeno di rialzare la sua cavalcatura.
Evidentemente le aveva chiesto e aveva ottenuto da essa
limpossibile, e nonostante lo sfinimento in cui si trovava egli stesso,
si lanci nella direzione della citt.
Quelluomo veniva dalle province dellEst seguendo la riva
sinistra del fiume. Tutte le sue economie erano state spese
nellacquisto di quel cavallo, che, pi rapido che non sarebbe stata
una piroga costretta a risalire la corrente del Rio delle Amazzoni,
laveva ricondotto a Manao.
Era Fragoso.
Il coraggioso giovane era dunque riuscito in quellimpresa di cui
non aveva parlato a nessuno? Aveva ritrovato la milizia alla quale
apparteneva Torres? Aveva scoperto qualche segreto che potesse
ancora salvare J oam Dacosta?
Non lo sapeva bene nemmeno lui; ma a ogni modo aveva una
grande fretta di comunicare al giudice J arriquez ci che egli aveva
appreso in quella breve escursione. Ecco quanto era accaduto.
Fragoso non si era affatto ingannato quando aveva riconosciuto in
Torres uno dei capitani di quella milizia che operava nelle province
delle rive della Madeira.
Egli dunque parti, e giungendo alla foce di quellaffluente,
apprese che il capo di quei capitaes do maio si trovava allora nei
dintorni. Fragoso, senza perdere unora, si mise alla sua ricerca e non
senza stento riusc a raggiungerlo.
Alle domande che Fragoso gli fece, il capo della milizia non esit
a rispondere. A proposito della domanda semplicissima che gli fu
fatta egli non aveva, del resto, nessun interesse a tacere.
E infatti le tre sole domande di Fragoso furono queste.
Il capitano dei boschi Torres apparteneva alcuni mesi or sono
alla vostra milizia?
S rispose il capo.
A quel tempo non aveva per amico intimo uno dei vostri
compagni che morto recentemente?
S.
E quelluomo si chiamava?
Ortega.
Ecco tutto quanto aveva appreso Fragoso. Quelle notizie erano tali
da mutare la situazione di J oam Dacosta? Non lo si poteva veramente
supporre.
Fragoso lo comprendeva bene; insist dunque presso il capo della
milizia per sapere se egli avesse conosciuto quellOrtega, se potesse
dirgli da dove era venuto e dargli alcune informazioni sul suo
passato. Ci aveva una certa importanza, perch quellOrtega,
secondo quanto aveva detto Torres, era il vero autore del delitto di
Tijuco.
Ma disgraziatamente il capo della milizia non pot dare alcuna
notizia in proposito.
Una cosa era certa: che Ortega apparteneva da molti anni alla
milizia, che una stretta amicizia era nata fra Torres e lui, che si
vedevano sempre insieme e che Torres lo vegliava al capezzale
quando rese lultimo respiro. Ecco quanto sapeva il capo della
milizia, che non ne poteva dire di pi.
Fragoso dovette dunque accontentarsi di quegli insignificanti
particolari, e riparti subito.
Ma se laffezionato giovane non portava la prova che Ortega fosse
lautore del delitto di Tijuco, dalla ricerca da lui fatta risultava
almeno che Torres aveva detto la verit quando asseriva che uno dei
suoi compagni era morto e che egli lo aveva assistito negli ultimi
momenti.
Quanto allipotesi che Ortega stesso avesse consegnato il
documento in questione, diventava ora molto ammissibile. Nulla di
pi probabile anche che quel documento si riferisse allattentato, di
cui Ortega era veramente autore, e che contenesse la confessione
della sua colpevolezza, accompagnata da circostanze che non
permettessero di metterla in dubbio.
Cos dunque, se quel documento avesse potuto essere letto, se se
ne fosse trovata la chiave, se il numero sul quale si fondava il suo
sistema fosse stato conosciuto, senza dubbio la verit sarebbe venuta
a galla!
Ma, quel numero, Fragoso non lo sapeva. Poche supposizioni in
pi, la quasi certezza che lavventuriero non aveva inventato nulla,
certe circostanze che tendevano a provare che il segreto di
quellaffare era chiuso nel documento, ecco quanto il bravo giovane
portava dalla sua visita al capo della milizia cui Torres aveva
appartenuto.
Eppure, per poco che fosse, egli aveva fretta di narrare tutto al
giudice J arriquez. Sapeva che non aveva unora da perdere, ed ecco
perch quel mattino, verso le otto, giungeva, rotto dalla stanchezza, a
mezzo miglio da Manao.
Fragoso super in pochi minuti la distanza che lo separava ancora
dalla citt. Una specie di presentimento lo spingeva innanzi, ed era
quasi arrivato a credere che la salvezza di J oam Dacosta si trovasse
nelle sue mani.
A un tratto Fragoso si arrest, come se i suoi piedi avessero
irresistibilmente messo radici nel suolo.
Si trovava allingresso della piccola piazza sulla quale si apriva
una delle porte della citt.
L, in mezzo a una folla gi compatta, dominandola da una
ventina di piedi, si ergeva il palco della forca, dalla quale pendeva
una corda.
Fragoso sent che le ultime forze lo abbandonavano. Cadde; i suoi
occhi si erano involontariamente chiusi. Egli non voleva vedere e gli
sfuggirono queste parole:
Troppo tardi! troppo tardi!
Ma, con uno sforzo sovrumano, si rialz. No! non era troppo tardi.
Il corpo di J oam Dacosta non dondolava ancora allestremit di
quella corda!
Il giudice J arriquez! il giudice J arriquez! grid Fragoso.
E, ansante, smarrito, si lanciava verso la porta della citt, risaliva
la via principale di Manao e cadeva semisvenuto sulla soglia della
casa del magistrato.
Luscio era chiuso. Fragoso ebbe ancora la forza di picchiare alla
porta.
Uno dei servi del magistrato venne ad aprire. Il suo padrone non
voleva ricevere nessuno.
Nonostante quel divieto, Fragoso respinse luomo che gli vietava
lingresso nella casa, e con un balzo si lanci fino allufficio del
giudice.
Torno dalla provincia in cui Torres ha fatto il mestiere del
capitano dei boschi! esclam. Signor giudice, Torres ha detto il
vero! Sospendete sospendete lesecuzione!
Avete ritrovata quella milizia?
S.
E mi portate la chiave del documento? Fragoso non rispose.
Allora, lasciatemi! lasciatemi! esclam il giudice J arriquez,
che in preda a un accesso di rabbia prese il documento per
stracciarlo.
Fragoso gli afferr la mano e lo trattenne.
La verit l! disse.
Lo so, rispose il giudice J arriquez ma una verit che
non pu essere chiarita!
Essa si chiarir! necessario! necessario!
Ancora una volta, avete il numero?
No, rispose Fragoso ma, ve lo ripeto, Torres non ha
mentito! Uno dei suoi compagni, con il quale era strettamente
legato, morto alcuni mesi or sono, e non vi dubbio che
quelluomo gli abbia consegnato il documento che veniva a vendere
a J oam Dacosta!
No, disse il giudice J arriquez no, ci non dubbio per
noi; ma ci non sembrato certo a quelli che dispongono della vita
del condannato. Lasciatemi!
Fragoso, respinto, non voleva andarsene; a sua volta egli si
trascinava ai piedi del magistrato.
J oam Dacosta innocente! esclam. Voi non potete
lasciarlo morire. Non lui che ha commesso il delitto di Tijuco! il
compagno di Torres, lautore del documento! Ortega!
A quel nome il giudice J arriquez sobbalz. Poi, quando un poco di
calma succedette nel suo animo alla burrasca che vi si era scatenata,
riprese il documento che aveva gualcito, lo stese sulla tavola, si pose
a sedere e, passando la mano sugli occhi, disse:
Questo nome! Ortega! Proviamo!
Ed eccolo procedere con quel nuovo nome riferito da Fragoso,
come aveva gi fatto con gli altri nomi propri invano da lui
esperimentati. Dopo averlo disposto sopra le prime sei lettere del
paragrafo, ottenne la seguente formula:
O r t e g a
P h y j s l
Nulla disse questo non d nulla!
E, infatti la h posta sotto la r non poteva esprimersi con un
numero, poich nellordine alfabetico quella lettera occupa un posto
anteriore a quello della lettera r.
La p, la y, la j, disposte sotto le lettere o, t, e, si numerano soltanto
cos: 1, 4, 5.
Quanto alla s e alla j, poste in fine di quella parola, lintervallo che
le separa dalla g e dalla a essendo di dodici lettere, era impossibile
esprimerle con un solo numero. Dunque esse non corrispondevano n
alla g n alla a.
In quel momento, grida terribili, disperate, si alzavano dalla via.
Fragoso si precipit a una delle finestre che apr, prima che il
magistrato avesse potuto impedirglielo.
La folla ingombrava la via. Era venuta lora in cui il condannato
doveva uscire dal carcere, e un riflusso di quella folla irrompeva
nella direzione della piazza in cui si ergeva la forca.
Il giudice J arriquez, con unespressione spaventosa dipinta sul
volto, tanto il suo sguardo era fisso, divorava le righe del documento.
Le ultime lettere! mormor. Proviamo le ultime lettere!
Era lultima speranza.
E allora, con una mano il cui tremito gli impediva quasi di
scrivere, dispose il nome di Ortega sopra le ultime sei lettere del
paragrafo, come aveva fatto per le prime sei.
Un primo grido gli sfugg. Aveva visto a bella prima che quelle
ultime sei lettere erano inferiori, nellordine alfabetico, a quelle che
componevano il nome di Ortega e che, di conseguenza, potevano
tutte cifrarsi e comporre un numero.
E infatti, quando ebbe ridotta la formula, risalendo dalla lettera
inferiore del documento alla lettera superiore della parola, ottenne:
O r t e g a
4 3 2 5 1 3
S u v j h d
Il numero cos composto, era 432513.
Ma quel numero era finalmente quello che era servito per la
compilazione del documento? Non sarebbe stato falso come quelli
che aveva precedentemente provati?
In quellistante le grida raddoppiarono, grida di piet, che
tradivano la benevola solidariet di tutta quella folla. Pochi minuti di
vita rimanevano al condannato.
Fragoso, pazzo di dolore, si slanci fuori della camera! Voleva
rivedere unultima volta il proprio benefattore che stava per morire!
Voleva gettarsi davanti al corteo funebre, arrestarlo gridando: Non
uccidete questo giusto, non lo uccidete!.
Ma gi il giudice J arriquez aveva disposto il numero ottenuto
sopra le prime lettere del paragrafo, ripetendole tante volte quante era
necessario, come segue:

4 3 2 5 1 3 4 3 2 5 1 3 4 3 2 5 1 3 4 3 2 5 1 3
P h y j s l y d d q f d z x g a s g z z q q e h

Poi, ricostituendo le lettere vere, risalendo nellordine alfabetico,
lesse:

Le vritable auteur du vol de

Un urlo di gioia gli sfugg! Il 432513 era il numero tanto cercato!
Il nome di Ortega gli aveva permesso di rifarlo! Aveva finalmente la
chiave del documento che doveva incontrastabilmente dimostrare
linnocenza di J oam Dacosta e, senza leggere di pi, si precipit fuori
del suo ufficio, poi nella via, gridando:
Fermate! fermate!
Fendere la folla che si apriva dinanzi ai suoi passi, correre al
carcere che il condannato lasciava in quel momento, mentre sua
moglie e i suoi figli si attaccavano a lui con la violenza della
disperazione, non fu che impresa di pochi minuti per il giudice
J arriquez.
Arrivato dinanzi a J oam Dacosta, non poteva pi parlare, ma la
sua mano agitava il documento, e alla fine la parola gli usc dalle
labbra:
Innocente! innocente!
CAPITOLO XIX
IL DELITTO DI TIJUCO
ALLARRIVO del giudice J arriquez, il funebre corteo si era fermato.
Unimmensa eco aveva ripetuto dopo di lui, e ripeteva ancora, il
grido che sfuggiva da tutti i petti:
Innocente! innocente!
Poi, si fece un grande silenzio. Non si voleva perdere una sola
delle parole che stavano per essere pronunciate.
Il giudice J arriquez si era seduto sopra una panca di pietre, e l,
mentre Minha, Benito, Manoel e Fragoso lo circondavano, mentre
J oam Dacosta teneva Yaquita sul suo cuore, egli ricostituiva
dapprima lultimo paragrafo del documento per mezzo del numero, e
a mano a mano che le parole uscivano nettamente sotto il numero che
sostituiva la vera lettera alla lettera crittografica, egli le separava, le
punteggiava e le leggeva ad alta voce.
Ed ecco ci che egli lesse in mezzo a quel profondo silenzio:

Le vritable auteur d u voi d e s diamante
43 251343251 343251 34 325 134 32513432
P h yjslyddqf dzxgas g z zqq e h x gkfndrxu

et de lassassinat d e s s o l d a t s qui e s e o r
51 34 32 513432513 432 5134325 134 32513
ju gi ocytdxvksbx hhu ypohdvy rym huhpu-

t a i e n t le e o n v o i, e o m m i s d a n s la n u i t
432513 43 251343 251343 2513 43 2513
ydkjox ph e t o z s l e t n p mv f f o v p d p a j x

d u vingt-deux j a n v e r m il h u i t cent v i n g t
43 25134 3251 3432513 432 5134 3251 34325
hy ynojy ggay meqynfu qln mvly fgsu zmqz

s i x, ne s t dono p a s Joam Dacosta, i n j u s t e
134 3251 3432 513 4325 1343251 3432513
tlb qgyu gs q e ubv nrer edgruzb Irmxyuh

ment condamn m o r t; e e s t m o i, le m i
4325 13432513 4 3251 3432 513 43 25
q h p z drrgcroh e p q xu f i v v r pl ph o n

s r a b l e e m p l o y de ladministration d u
1343251 3432513 43 2 5 13 4 3 2 5 13 4 3 2 5 1 34
t h v d d q f h q s n t z h h h nfepmqkyuuexkto g z

districi diamantin; o u i, m o i s e u l, qui
32513432 513432513 432 513 4325 134
g k yuumf v i j d q d p z j q s y k r p l x h x q rym

s i g n e de m o n v r a i n o m, Ortega
19

32513 43 251 3432 513 432513
v k l o h h h o t o z v d k s p p s u v j h d.

Quella lettura venne terminata fra interminabili evviva.
Che cosa cera, infatti, di pi concludente di quellultimo
paragrafo, che riassumeva tutto il documento e che proclamava
linnocenza del fazendero strappando alla forca la vittima di uno
spaventoso errore giudiziario?
J oam Dacosta, circondato da sua moglie, dai suoi figli, dai suoi
amici, non poteva bastare a stringere le mani che si tendevano verso
di lui. Per quanta fosse lenergia del suo carattere, la reazione

19
Il vero autore del furto dei diamanti e del massacro dei soldati che scortavano il
convoglio, avvenuti nella notte del 22 gennaio 1826, non dunque J oam Dacosta,
ingiustamente condannato a morte; sono io, il miserabile impiegato
dell'amministrazione del distretto diamantifero; s, io solo, che firmo con il mio
vero nome, Ortega. (N.d.T.)
avveniva: lacrime di gioia sfuggivano dai suoi occhi, e nel medesimo
tempo il suo cuore riconoscente sinnalzava verso quella
Provvidenza che lo aveva salvato con un miracolo nel momento in
cui stava per subire lestremo supplizio, verso quel Dio che non
aveva voluto lasciar compiere il peggiore dei delitti, la morte di un
giusto!
S, la giustificazione di J oam Dacosta non poteva pi ammettere
alcun dubbio! Il vero autore dellattentato di Tijuco confessava egli
stesso il suo delitto ed egli denunciava tutte le circostanze nelle quali
esso si era compiuto! Infatti il giudice J arriquez per mezzo del
numero aveva ricostituito tutto il documento crittografico.
Ora ecco quanto confessava Ortega.
Quel miserabile era il collega di J oam Dacosta, impiegato come
lui a Tijuco negli uffici del governatore dellarrayol diamantino. Il
giovane funzionario destinato ad accompagnare il convoglio a Rio de
J aneiro era lui. Non indietreggiando dinanzi allorribile idea di
arricchirsi con lassassinio e con il furto, aveva indicato ai
contrabbandieri il giorno esatto in cui il convoglio doveva lasciare
Tijuco.
Durante lassalto dei malfattori, che aspettavano in una imboscata
il convoglio da Villa-Rica, finse di difendersi con i soldati della
scorta; poi, essendosi gettato fra i morti, fu portato via dai suoi
complici, ed cos che il solo sopravvissuto a quelleccidio pot
affermare che Ortega era morto nella lotta.
Ma il furto non doveva portar fortuna al delinquente, e poco
tempo dopo egli era a sua volta spogliato da coloro che lavevano
aiutato nel delitto.
Rimasto senza un soldo, non potendo pi tornare a Tijuco, Ortega
era fuggito nelle province settentrionali del Brasile, verso quei
distretti dellAlto Amazzone in cui si trovava la milizia dei capitas
do mato. Bisognava vivere. Ortega chiese di entrare in quel poco
onorevole esercito. L non si domandava n chi si fosse n da dove si
venisse. Ortega si fece dunque capitano dei boschi e per lunghi anni
esercit il mestiere di cacciatore di uomini.
In quelle circostanze Torres, lavventuriero, sprovvisto di ogni
mezzo di esistenza, divenne suo compagno. Ortega e lui si unirono in
stretta amicizia. Ma, come aveva detto Torres, il rimorso venne a
poco a poco a turbare la vita del miserabile. Il ricordo del suo delitto
gli fece orrore. Sapeva che un altro era stato condannato in vece sua!
Sapeva che quellaltro era il suo collega J oam Dacosta; sapeva infine
che se quellinnocente aveva potuto sfuggire allesecuzione non
cessava di trovarsi sotto il peso di una condanna capitale.
Ora, il caso fece si che, in una spedizione della milizia, intrapresa
pochi mesi prima di l dalla frontiera peruviana, Ortega giunse nei
dintorni di Iquitos e che in J oam Garral, il quale non lo riconobbe,
ritrovasse J oam Dacosta.
Fu allora che decise di riparare, per quanto fosse possibile,
allingiustizia di cui il suo antico collega era vittima. Egli confess
per iscritto tutti i fatti relativi allattentato di Tijuco, ma lo fece sotto
la forma misteriosa che si sa, avendo intenzione di far pervenire il
documento al fazendero di Iquitos con il numero che permetteva di
leggerlo.
La morte non gli lasci compiere lopera di riparazione. Ferito
gravemente in uno scontro con i negri della Madeira, Ortega si sent
perduto. Il suo compagno Torres era allora vicino a lui. Egli credette
di poter confidare allamico il segreto che aveva tanto pesato su tutta
la sua vita. E gli consegn il documento scritto tutto di sua mano,
facendogli giurare di farlo pervenire a J oam Dacosta, di cui gli diede
il nome e il recapito, e dalle sue labbra usc con lultimo sospiro quel
numero 432513, senza il quale il documento doveva rimanere
assolutamente indecifrabile.
Morto Ortega, si sa come lindegno Torres port a termine la sua
missione, come decise di utilizzare a suo profitto il segreto di cui era
in possesso, e come tent di farne oggetto di un odioso ricatto.
Torres doveva morire violentemente prima di aver compiuta la sua
opera, e portare con s il segreto. Ma quel nome di Ortega, riferito da
Fragoso e che era come la firma del documento, quel nome aveva
finalmente permesso di ricostruirlo, grazie alla sagacit del giudice
J arriquez.
S! era quella la prova materiale tanto cercata, era quella
lincontrastabile testimonianza dellinnocenza di J oam Dacosta,
restituito alla vita, restituito allonore!
Gli evviva raddoppiarono quando lonesto magistrato ebbe ad alta
voce ricavato dal documento la terribile storia.
E da quel momento il giudice J arriquez, possessore
dellindubitabile prova, daccordo con il capo della polizia, non volle
che J oam Dacosta, aspettando le nuove istruzioni che si dovevano
chiedere a Rio de J aneiro, avesse altro carcere che la propria
abitazione.
Ci non poteva comportare difficolt, e fu in mezzo al concorso
della popolazione di Manao che J oam Dacosta, accompagnato da
tutti i suoi, si vide portato, pi che condotto, fino alla casa del
magistrato come un trionfatore.
In quel momento, lonesto fazendero di Iquitos era ben
ricompensato di tutto quanto aveva sofferto per cos lunghi anni di
esilio, e se egli ne era felice per la sua famiglia pi ancora che per s,
non era meno superbo per il suo paese che quella grande ingiustizia
non fosse stata definitivamente portata a termine.
E che cosa ne era, di Fragoso?
Il bravo giovanotto era colmato di carezze da Benito, Manoel,
Minha, e Lina non gliene risparmiava! Non sapeva a chi dar retta, e
si difendeva come meglio poteva. Non meritava tanto! Il caso solo
aveva fatto tutto. Gli si doveva anche dire grazie perch aveva
riconosciuto in Torres un capitano dei boschi? No, certamente.
Quanto allidea che aveva avuto di andare a cercare la milizia alla
quale Torres aveva appartenuto, non sembrava che avrebbe potuto
migliorare la situazione, e quanto al nome di Ortega, egli non ne
conosceva nemmeno il valore!
Bravo Fragoso! Volesse o no, aveva salvato J oam Dacosta!
Ma in ci quale meravigliosa successione di avvenimenti diversi
che avevano tutti teso allo stesso scopo! Il salvamento di Fragoso,
nel momento in cui stava per morire impiccato nella foresta di
Iquitos, laccoglienza ospitale che aveva ricevuto alla fazenda,
lincontro di Torres alla frontiera brasiliana, il suo imbarco sulla
jangada, e infine la circostanza per la quale Fragoso laveva gi visto
in qualche luogo!
Ebbene, si! fin con lesclamare Fragoso. Ma non a me
che bisogna attribuire la fortuna, a Lina!
A me? disse la giovane mulatta.
Certamente! Senza la liana, senza lidea della liana, forse avrei
potuto fare tanto bene?
Se Fragoso e Lina furono festeggiati, accarezzati da tutta quella
onesta famiglia, dai nuovi amici che avevano dato loro tante prove a
Manao, inutile dirlo.
Ma il giudice J arriquez non aveva avuto egli pure la sua parte
nella riabilitazione dellinnocente? Se, nonostante tutta lacutezza del
suo talento di analista, non avesse potuto leggere quel documento,
assolutamente indecifrabile per chiunque non ne possedesse la
chiave, non aveva forse riconosciuto su quale sistema crittografico
era fondato? Senza di lui, chi avrebbe potuto, con il solo nome di
Ortega, ricostruire il numero che lautore del delitto e Torres, morti
entrambi, soli conoscevano? Cos i ringraziamenti non gli
mancarono.
inutile dire che quello stesso giorno partiva per Rio de J aneiro
un rapporto particolareggiato su tutto quel processo, cui era unito il
documento originale con il numero che permetteva di leggerlo.
Bisognava aspettare che nuove istruzioni fossero mandate dal
ministero al giudice di diritto, e non vi era alcun dubbio che esse
avrebbero ordinato limmediata liberazione del prigioniero.
Bisognava trascorrere ancora alcuni giorni a Manao; poi J oam
Dacosta e i suoi, liberi da ogni impaccio, privi di qualsiasi
inquietudine, avrebbero preso congedo dal loro ospite, imbarcandosi
di nuovo, e continuando a discendere il Rio delle Amazzoni fino a
Para, dove il viaggio doveva terminare con il duplice matrimonio di
Minha e di Manoel, di Lina e di Fragoso, come era stato stabilito
prima della partenza.
Quattro giorni dopo, il 4 settembre, giungeva lordine di
scarcerazione. Il documento era stato riconosciuto autentico. La
scrittura era precisamente quella di Ortega, lantico impiegato del
distretto dei diamanti, e non vi era dubbio che la confessione del suo
delitto, con i pi minuziosi particolari che egli ne dava, fosse stata
interamente scritta di sua mano.
Linnocenza del condannato di Villa-Rica era finalmente
riconosciuta, cos come lo era la riabilitazione di J oam Dacosta.
Quello stesso giorno, il giudice J arriquez pranzava con la famiglia
a bordo della jangada, e, venuta la sera, tutte le mani stringevano le
sue. Gli addii furono commoventi; ma essi comprendevano
limpegno di rivedersi a Manao, nel ritorno, e pi tardi alla fazenda
di Iquitos.
Lindomani mattina, 5 settembre, allalba, fu dato il segnale della
partenza. J oam Dacosta, Yaquita, la loro figlia, i loro figli, tutti erano
sul ponte dellenorme treno di legname. La jangada, levati gli
ormeggi, cominci a seguire la corrente, e quando disparve alla curva
del Rio Negro, gli evviva di tutta la popolazione accalcata sulla riva
echeggiavano ancora.
CAPITOLO XX
IL BASSO AMAZZONE
CHE DIRE ora della seconda parte del viaggio che si doveva
compiere sul corso del grande fiume? Non fu che un susseguirsi di
giorni felici per lonesta famiglia. J oam Dacosta riviveva di una vita
nuova che si irradiava su tutti i suoi.
La jangada and alla deriva pi rapidamente su quelle acque
ancora gonfie dalla piena. Essa lasci a sinistra il piccolo villaggio di
Don J ose de Maturi, e alla destra la foce della Madeira che deve il
suo nome alla flottiglia di vegetali, a quei treni di tronchi nudi e
verdeggianti che essa trascina dal cuore della Bolivia. Essa pass in
mezzo allarcipelago Caniny, i cui isolotti sono vere casse di palme,
dinanzi al villaggio di Serpa, che, trasportato successivamente da una
riva allaltra, ha definitivamente stabilito sulla sinistra del fiume le
sue piccole case, il cui suolo poggia sul tappeto giallo del greto.
Il villaggio di Silves, che sorge sulla sinistra del Rio delle
Amazzoni, la borgata di Villa-Bella, che il pi importante mercato
di guaran di tutta la provincia, furono presto lasciati indietro dal
lungo traino di legname. Lo stesso avvenne per il villaggio di Faro e
per la sua celebre riviera di Nhamundas, sulla quale nel 1539
Orellana pretese di essere stato assalito da donne guerriere che non
furono mai pi viste, leggenda questa che sufficiente per
giustificare il nome immortale del Rio delle Amazzoni.
L termina lampia provincia del Rio Negro, e comincia la
giurisdizione del Para, e quello stesso giorno, 22 settembre, la
famiglia, stupita dalle bellezze di una vallata senza pari, entrava in
quella parte dellimpero brasiliano, che non ha altro confine a est
allinfuori dellAtlantico.
magnifico! diceva di continuo la giovinetta.
Come lungo! mormorava Manoel.
Come bello! ripeteva Lina.
Quando arriveremo dunque? mormorava Fragoso.
Come ci si poteva intendere con un tale disaccordo di idee! Ma, a
ogni modo, il tempo passava allegramente, e Benito, n paziente, n
impaziente, aveva ricuperato tutto il suo buon umore di un tempo.
Ben presto la jangada pass fra interminabili piantagioni di cacao
di un verde scuro, sul quale spiccava il giallo delle stoppie o il rosso
delle tegole, che coprivano le capanne dei mercanti delle due rive, da
Obidos fino alla borgata di Monte-Alegre.
Poi si apr la foce del Rio Trombetas, che bagna con le sue acque
scure le case di Obidos, una vera piccola citt con larghe vie
fiancheggiate di graziose abitazioni, importante deposito del prodotto
degli alberi di cacao, che non si trova pi che a centottanta grandi
miglia da Blem.
Si vide allora il punto di confluenza di Tapajoz, dalle acque di un
verde grigio, provenienti da sud-ovest; poi Santarem, ricca borgata
dove non si contano meno di cinquemila abitanti, indiani per la
maggior parte, e di cui le prime case si trovano su ampi greti di
sabbia bianca.
Dopo la partenza da Manao, la jangada discendendo il fiume
meno ingombro del Rio delle Amazzoni non si arrest pi. Essa
andava alla deriva giorno e notte sotto locchio vigile dellabile
pilota. Non pi fermate, n per divertimento dei passeggeri, n per
necessit di commercio. Si andava sempre e la meta si avvicinava
rapidamente.
A partire dAlemquer, posta sulla riva sinistra, un nuovo orizzonte
si offr agli occhi. Invece delle cortine di foreste che lavevano
chiuso fino allora, si videro davanti colline di cui locchio poteva
seguire le ondulazioni, e di dietro la cima non ben delineata di vere
montagne che si vedevano svettare sullo sfondo lontano dal cielo.
N Yaquita, n sua figlia, n Lina, n la vecchia Cibele avevano
mai visto nulla di simile. Ma, in quella giurisdizione del Para,
Manoel era in casa sua. Egli poteva dare un nome a quella doppia
catena, che restringeva a poco a poco la vallata del grande fiume.
A destra, disse la Sierra di Paruacarta, che si incurva a
semicerchio verso sud. A sinistra, la Sierra di Curuva, di cui avremo
presto passati gli ultimi contrafforti!
Allora ci avviciniamo? ripeteva Fragoso.
Ci avviciniamo! rispondeva Manoel.
E i due promessi sposi si comprendevano senza dubbio, perch un
contemporaneo crollare del capo accompagnava la domanda e la
risposta.
Infine, nonostante le maree che, dopo Obidos, cominciavano a
farsi sentire e ritardavano un poco la deriva della jangada, la borgata
di Monte-Alegre fu passata, poi quella di Praynha de Onteiro, poi la
foce dello Xingu, abitata da quegli indiani Yurumas, la cui principale
occupazione consiste nel preparare la testa dei loro nemici per i
gabinetti di storia naturale.
Con quale superba larghezza si sviluppava allora il Rio delle
Amazzoni, e come si presentiva gi che quel re dei fiumi si sarebbe
esteso presto come un mare! Erbe alte da otto a dieci piedi rendevano
irte le sue spiagge, orlandole con una foresta di canne. Porto de Mos,
Boa-Vista, Gurupa, la cui prosperit in decadenza, non furono
presto che punti lasciati indietro.
L il fiume si divideva in due bracci importanti, che si
estendevano verso lAtlantico; luno correva a nord-est, laltro si
cacciava verso est e fra loro si trovava la grande isola di Marajo.
Quellisola costituisce una sola provincia. Non misura meno di
centottanta leghe di circonferenza. Frastagliata da paludi e da fiumi,
sebbene a est sia tutta una vasta prateria, e tutta foreste a ovest, offre
dei veri vantaggi per lallevamento del bestiame che conta migliaia di
capi.
Quellimmensa barriera di Marajo lostacolo naturale che ha
costretto il Rio delle Amazzoni a dividersi prima di inviare i suoi
torrenti dacqua nel mare. Se avesse seguito il braccio superiore, la
jangada, dopo aver superato le isole Caviana e Mexiana, avrebbe
trovato una foce larga cinquanta leghe, ma essa avrebbe anche
incontrato lo sbarramento di prororoca, terribile riflusso che nei tre
giorni precedenti la luna nuova o la luna piena non impiega che due
minuti invece di sei ore a far salire il fiume da dodici a quindici piedi
sopra il suo livello.
dunque una vera marea, temibile pi dogni altra. Molto
fortunatamente, il braccio inferiore, conosciuto sotto il nome di
canale dei Brves, che il braccio naturale del Para, non soggetto a
quel terribile fenomeno, bens a maree di andamento pi regolare. Il
pilota Araujo lo sapeva benissimo. Egli dunque vi entr, in mezzo a
foreste magnifiche, seguendo alcune isole coperte di grosse palme, e
il tempo era cos bello che non cera da temere i colpi di uragano che
talvolta spazzano tutto il canale.
La jangada pass alcuni giorni dopo dinanzi al villaggio omonimo
che, bench si trovi su terreni inondati per molti mesi dellanno,
diventato, dopo il 1845, unimportante citt di cento case. In mezzo a
quella contrada frequentata dai Tapuyas, gli indiani del Basso
Amazzone si confondono sempre pi con le popolazioni bianche, e la
loro razza finir con lestinguersi.
Nel contempo la jangada discendeva sempre. Ora strisciava a
rischio di aggrapparsi a quei rami di mangli, le cui radici si
stendevano sulle acque come le zampe di giganteschi crostacei; ora il
tronco liscio di altre piante serviva di punto dappoggio alle lunghe
gaffe dellequipaggio che la rimettevano a filo della corrente.
Poi fu la foce del Tocantins, le cui acque, dovute ai diversi rios
della provincia di Goyaz, si mescolano a quelle del Rio delle
Amazzoni attraverso una larga foce; poi il Moju, in fine la borgata di
Santa-Ana.
Tutto quel panorama di due rive si muoveva maestosamente,
senza un attimo di sosta, come se qualche ingegnoso meccanismo
lavesse obbligato a scorrere da valle a monte.
Gi numerose imbarcazioni che scendevano il fiume, ubas,
garitas, vigilindas, piroghe di ogni forma, barche da cabotaggio,
piccole e medie, del bacino del Basso Amazzone e del litorale
dellAtlantico, accompagnavano la jangada, simili a lance di qualche
mostruosa nave da guerra.
Finalmente apparve sulla sinistra Santa-Maria de Blem do Para,
la citt, come si diceva in paese, con le pittoresche schiere delle
sue case bianche a pi piani, i suoi conventi nascosti sotto le palme, i
campanili della sua cattedrale e di Nostra-Seora de Merced, la
flottiglia di golette, brigantini e corvette che lunivano
commercialmente con lantico mondo.
Il cuore dei passeggeri della jangada batteva forte. Essi erano
finalmente al termine di quel viaggio che avevano creduto non
dovesse mai finire. Quando larresto di J oam Dacosta li tratteneva
ancora a Manao, cio a mezza strada del loro viaggio, potevano mai
sperare di vedere la capitale della provincia del Para?
Il 15 ottobre - quattro mesi e mezzo dopo aver lasciato la fazenda
di Iquitos - Blem apparve loro a una brusca curva del fiume.
Larrivo della jangada era stato segnalato da pi giorni. Tutta la
citt conosceva la storia di J oam Dacosta. Lo aspettavano,
quellonesto uomo! A lui e ai suoi era stata preparata la pi simpatica
accoglienza.
Cos centinaia di imbarcazioni vennero incontro al fazendero, e
presto la jangada fu invasa da tutti coloro che volevano festeggiare il
ritorno del loro compatriota dopo un cos lungo esilio. Migliaia di
curiosi - sarebbe pi esatto dire migliaia di amici - si pigiavano sul
villaggio galleggiante molto prima che esso giungesse al luogo di
ancoraggio; ma esso era abbastanza ampio e solido da portare tutta
una popolazione.
Fra quelli che si accalcavano cos, una delle prime piroghe aveva
portato la signora Valdez. La madre di Manoel poteva finalmente
stringere fra le sue braccia la nuova figlia che suo figlio le aveva
scelto. Se la buona signora non aveva potuto andare a Iquitos non era
forse un pezzo della fazenda che il Rio delle Amazzoni le portava
con la sua nuova famiglia?
Prima di sera il pilota Araujo aveva saldamente ormeggiata la
jangada al fondo di un seno dietro la punta dellarsenale. Quello
doveva essere il suo ultimo luogo di ancoraggio, la sua ultima
fermata, dopo ottocento leghe di deriva sulla grande arteria
brasiliana. L le capanne degli indiani, le case dei negri, i magazzini
che racchiudevano un carico prezioso, sarebbero stati a poco a poco
demoliti: poi labitazione principale, nascosta sotto la verdeggiante
tappezzeria di foglie e di fiori, sarebbe sparita a sua volta; e in fine la
piccola cappella la cui modesta campana rispondeva alle rumorose
campane delle chiese di Blem.
Ma prima si doveva celebrare una cerimonia sulla jangada stessa:
il matrimonio di Manoel e di Minha, di Lina e di Fragoso. Spettava a
padre Passanha celebrare quel doppio matrimonio che prometteva di
essere tanto fortunato. Gli sposi avrebbero ricevuto dalle sue mani la
benedizione nuziale nella piccola cappella.
Se, essendo troppo stretta, non poteva contenere che i soli membri
della famiglia Dacosta, limmensa jangada non era forse l per
ricevere tutti coloro che volevano assistere alla cerimonia, e se questa
non bastava ancora, tanto laffluenza doveva essere massiccia, il
fiume non offriva forse i gradini del suo immenso argine a quella
folla simpatica, desiderosa di festeggiare colui che una grande
riparazione aveva fatto leroe del giorno?
Lindomani, 16 ottobre, i due matrimoni furono celebrati con
grande pompa. Fin dalle dieci del mattino, con una giornata
magnifica, la jangada riceveva la folla degli astanti. Sulla riva si
poteva vedere quasi tutta la popolazione di Blem che affluiva
agghindata nei suoi abiti migliori. Alla superficie del fiume, le
imbarcazioni, cariche di visitatori, si tenevano vicine allenorme
treno di legname, e le acque del Rio delle Amazzoni sparivano
letteralmente sotto quella flottiglia fino alla riva sinistra del fiume.
Quando la campana della cappella diffuse il suo primo rintocco, fu
come un segnale di gioia per le orecchie e per gli occhi. In un istante
le chiese di Blem risposero alla campanella della jangada. I
bastimenti del porto si coprirono di bandiere fino alla cima degli
alberi, e i colori brasiliani furono salutati dalle bandiere nazionali
degli altri Paesi. I colpi di fucile echeggiarono da tutte le parti, e a
stento queste allegre detonazioni potevano gareggiare con gli evviva
che uscivano da migliaia di bocche!
La famiglia Dacosta usc allora dallabitazione e si diresse
attraverso la folla verso la piccola cappella.
J oam Dacosta fu accolto da applausi frenetici. Egli dava il braccio
alla signora Valdez. Yaquita era condotta dal governatore di Blem,
che, accompagnato dai colleghi del giovane aiutante maggiore
medico, aveva voluto onorare con la sua presenza la cerimonia dello
sposalizio. Lui, Manoel, camminava al fianco di Minha, leggiadra
nella sua fresca acconciatura da sposa; poi veniva Fragoso che teneva
per mano Lina raggiante; seguivano infine Benito, la vecchia Cibele,
i servi dellonesta famiglia, in mezzo alla doppia schiera del
personale della jangada.
Padre Passanha attendeva le due coppie allingresso della
cappella. La cerimonia si comp semplicemente, e le stesse mani che
avevano gi benedetto J oam e Yaquita diedero la benedizione nuziale
anche ai loro figli.
Tanta felicit non doveva essere turbata dal rammarico di lunghe
separazioni.
Infatti, Manoel Valdez non doveva tardare a dare le sue dimissioni
per raggiungere tutta la famiglia a Iquitos, dove avrebbe trovato da
esercitare utilmente la sua professione come medico civile.
Naturalmente, la coppia Fragoso non poteva esitare a seguire
coloro che erano per lei pi amici che padroni.
La signora Valdez non aveva voluto separare tutta quella gente
onesta, ma aveva posto un patto: ed era di andare spesso a visitarla a
Blem.
Nulla di pi facile. Il grande fiume non era forse una via di
comunicazione che non doveva rompersi fra Iquitos e Blem? Infatti,
dopo pochi giorni, il primo battello a vapore doveva cominciare il
suo servizio regolare e rapido, e non avrebbe impiegato che una
settimana a risalire quel Rio delle Amazzoni che la jangada aveva
impiegato tanti mesi per scendere.
Limportante operazione commerciale, ben condotta da Benito, fu
portata a termine nelle migliori condizioni, e presto di ci che era
stato la jangada - cio un treno di legname - formato da tutta una
foresta di Iquitos, non sarebbe rimasto pi nulla.
Poi, un mese dopo, il fazendero, sua moglie, suo figlio, Manoel e
Minha Valdez, Lina e Fragoso ripartirono con uno dei battelli a
vapore per ritornare allampia azienda di Iquitos di cui Benito doveva
prendere la direzione.
J oam Dacosta vi entr a testa alta, quella volta, e fu tutta una
famiglia felice che egli ricondusse di l dalla frontiera brasiliana!
Quanto a Fragoso, venti volte al giorno lo si sentiva ripetere:
Eh! Se non fosse stata la liana!
E fin anzi con il dare tale grazioso nome alla giovane mulatta, che
lo giustificava benissimo con la sua tenerezza per il bravo ragazzo.
Tranne una lettera diceva Lina o Liana non quasi la
stessa cosa?
FINE

Interessi correlati